European Computer Driving Licence

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "European Computer Driving Licence"

Transcript

1 Presentazione

2 European Computer Driving Licence Attestato riconosciuto a livello internazionale Certifica che chi l ha conseguito è in grado di lavorare con un PC, autonomo o in rete, nell ambito di un attività professionale o in una struttura aziendale 2

3 Enti certificatori CEPIS Council of European Professional Informatics Societies: riunisce associazioni di diciassette paesi AICA Associazione Italiana per l Informatica e il Calcolo Automatico 3

4 Riconoscimenti Il programma è sostenuto dall Unione Europea tra i progetti comunitari finalizzati alla realizzazione della Società dell Informazione 4

5 Conseguimento della patente Concetti teorici di base Gestione dei documenti Elaborazione di testi Fogli elettronici Basi di dati Presentazioni Reti informatiche 5

6 Conseguimento della patente Il primo modulo è basato su domande e risposte, gli altri sei sono prove pratiche al computer. 6

7 SKILLS CARD 7

8 Syllabus versione 5 Testo integrale del Syllabus 8

9 Sedi d'esame Sedi d'esame in Lombardia 9

10 Fare l'esame Tutorial Atlas SimulAtlas 10

11 Modulo 1 Concetti teorici di base

12 Algoritmi Algoritmo secondo Wikipedia 12

13 Rappresentare algoritmi Diagrammi di flusso 13

14 Rappresentare i dati Base 10 Base 2 - Leibniz - Boole - Shannon Acceso Spento combinazioni possibili 14

15 Codice ASCII Tabella ASCII ASCII esteso e Tabella 15

16 Rappresentazione di immagini Pixel Colore = Bpp (bit per pixel) 16

17 Suoni Campionamento Frequenza di campionamento (sample rate) quante volte al secondo misuro il suono - espressa in hertz (Hz) Risoluzione di campionamento (sample resolution) quanti bit occupo per esprimere il suono misurato 17

18 File audio non compressi WAV (wavetable, tabella delle onde) AIFF (audio interchange file format) AU (audio) 18

19 File audio compressi Compressione MP3 - OGG 19

20 Qualità CD musicale Campionamento: frequenza Hz risoluzione 16 bit per canale Stereo (canale destro e canale sinistro) Spazio necessario: un secondo: byte (~172 Kb) un minuto: (~10 Mb) 74 minuti: (~747 Mb) 20

21 Qualità linea telefonica Campionamento: frequenza Hz risoluzione 8 bit Mono Spazio necessario: un secondo: byte (~8 Kb) un minuto: (~468 Kb) 21

22 Linguaggio macchina Il linguaggio macchina è basato sui simboli 0 e 1 Con essi si formano parole e frasi chiamate istruzioni Le istruzioni sono organizzate per mezzo dei connettivi logici dell'algebra di Boole 22

23 Connettivi logici I più importanti sono AND, OR, NOT 23

24 Linguaggi simbolici Sono i linguaggi di programmazione e servono a mediare tra il linguaggio umano ed il linguaggio macchina Esempi: C, C++, Visual Basic, Java ed il vecchio qbasic 24

25 Information Technology 25 Information Technology: si occupa dell archiviazione dell elaborazione della trasformazione della rappresentazione delle informazioni con l aiuto del computer e delle tecnologie ad esso connesse.

26 Vantaggi dell IT Aumento dell efficienza (diminuzione tempi e costi) Aumento e miglioramento dei servizi Sviluppo nuovi settori economici 26

27 Svantaggi dell IT Saldo negativo dei posti di lavoro Stress generato dai ritmi crescenti Riduzione dell attività fisica Affaticamento (importanza dell ergonomia) Riduzione dei contatti interpersonali Necessità di aggiornamento tecnico continuo Incremento delle informazioni da gestire Problemi privacy e sicurezza 27

28 Hardware È costituito dalle componenti fisiche, elettroniche o meccaniche del computer (chip, schede, monitor, mouse, ecc.) tutto ciò che si può vedere, toccare, danneggiare fisicamente. 28

29 Progressi dell Hardware 29 Primi computer a metà degli anni 40. ENIAC (Electronical Numerical Integrator And Calculator) era il più potente: poteva svolgere alcune migliaia di addizioni al secondo Tecnologia a valvole termoioniche, 30 t, 160 m 2. Oggi: miniaturizzazione, riduzione prezzi, aumento potenza (milioni di operazioni per secondo)

30 Pregi del Computer Rapidità Precisione Capacità di esecuzione di lavori ripetitivi Capacità di gestione di grandi quantità di dati Capacità di integrare dati di fonti diverse Capacità di memorizzare per lunghi periodi Versatilità 30

31 Limiti del Computer Mancanza di intelligenza autonoma Mancanza di creatività Difficoltà ad affrontare problemi nuovi Difficoltà nei lavori non ripetitivi Difficoltà con informazioni non strutturate Difficoltà nell interpretare un discorso Possibilità di guasti 31

32 Software Sono le istruzioni che consentono al computer di funzionare e di svolgere il proprio lavoro Tra i vari tipi di software possiamo distinguere i sistemi operativi, i programmi applicativi e quelli di utilità. 32

33 Esempi di problemi software Y2K o Millennium Bug Passaggio dalla lira all euro 33

34 Tipi di computer Classe Prestazioni Costo Impiego n utenti 34 Mainframe Elevate Elevato Sistema aziendale Elevato Minicomputer Medie Medio Sistema dipartimentale Medio o per medie aziende Network Basse Basso Sistema individuale in Uno computer collegamento con altri computer PC Basse Basso Sistema individuale Uno Notebook, Laptop (meno di 5 Kg), Tablet PC Supercomputer Basse Molto elevate Basso Alto (rispetto alle prestazioni) Molto Elevato Sistema individuale portatile Grandi imprese (es. NASA) Uno Elevato

35 Dispositivi portatili Palmari Telefoni cellulari Smartphone Lettori multimediali 35

36 Mainframe Sono i grandi sistemi di elaborazione aziendali, ai quali viene affidato il compito di gestire il sistema informativo e le grandi banche dati di un azienda; sono caratterizzati da elevate prestazioni e costi elevati; necessitano di personale specializzato per il loro funzionamento, 36

37 Minicomputer Sono caratterizzati da prestazioni e costi più contenuti rispetto ai Mainframe e svolgono il ruolo di sistema aziendale nelle piccole aziende o di sistema dipartimentale nelle grandi aziende; necessitano per il loro funzionamento di personale più ridotto e con una minore specializzazione. 37

38 Network computer Sono computer con prestazioni e costi contenuti, dedicati al singolo utente e specializzati per i collegamenti a computer di maggiori dimensioni, ai quali devono essere interconnessi per il loro funzionamento. Si tratta di terminali di rete intelligenti, senza memorie di massa. 38

39 Personal computer Sono computer con prestazioni e costi contenuti, dedicati al singolo utente; sono dotati di capacità elaborative autonome, ma possono essere collegati ad altri computer. 39

40 Notebook e Laptop computer Sono PC portatili, caratterizzati da ingombro ridotto ed alimentabili tramite batterie. Prendono il nome di laptop quando pesano complessivamente meno di cinque chilogrammi. 40

41 Tablet PC Possibilità di scrivere direttamente sullo schermo con apposita penna 41

42 Supercomputer Grandi sistemi con elaboratori paralleli, grandi dimensioni e costi molto elevati 42

43 Palmare Sistemi tascabili per prendere appunti, gestire rubrica e agenda, eseguire elaborazioni semplici. 43

44 Confronto Laptop - PC Vantaggi: 1. È trasportabile 2. È meno ingombrante 3. Funziona anche a batteria Svantaggi: 1. Schermo meno leggibile 2. Tastiera e mouse meno comodi 3. Costo maggiore 4. Minor collegabilità a periferiche 44

45 Sistemi condivisi Necessitano di terminali, ossia unità specializzate per la comunicazione a distanza 45

46 Tipi di terminale Una classe molto diffusa è quella dei terminali conversazionali, che consentono un colloquio diretto tra l utente e il sistema di elaborazione mediante una tastiera, uno schermo ed eventualmente una stampante 46

47 Tipi di terminale Intelligenti: se sono dotati di una capacità di elaborazione autonoma (es. PC collegati ad altro elaboratore) Stupidi: se non hanno capacità elaborative proprie e dipendono totalmente dal computer al quale sono collegati. 47

48 Tipi di terminale i Self-service Bancomat Certificazione comunale Sportello segreterie studenti universitarie 48

49 Utilizzabilità dei self-service Interfaccia semplice e chiara Menu Pochi dati per pagina Touch screen Tastiera ridotta alla parte essenziale Funzioni di aiuto in linea 49

50 Componenti base di un PC Memoria Unità di input Unità di output UCE 50 Schema di von Neumann metà anni 40

51 UCE

52 Unità Centrale di Elaborazione UCE o CPU (Central Processing Unit): raggruppa le funzioni di calcolo, di controllo e di supervisione dell elaboratore. È costituita da un microprocessore installato sulla motherboard. È composta dalla ALU e dall Unità di controllo. 52

53 ALU Arithmetic Logic Unit: esegue le istruzioni di calcolo e di confronto tra i dati. 53

54 Unità di controllo Attiva e controlla le operazioni di ingresso ed uscita dei dati 54

55 Attività della CPU L UCE, o CPU, durante l elaborazione preleva ad una ad una le istruzioni, le trasferisce nei propri circuiti, le esegue e passa a quelle successive fino al completamento del programma 55

56 Istruzioni Le istruzioni che l UCE è in grado di interpretare ed eseguire sono formate da: un codice operativo, che indica l operazione da eseguire uno o più operandi che forniscono gli indirizzi (posizioni) della memoria in cui sono memorizzati i dati e l indirizzo in cui registrare il risultato. 56

57 Istruzioni In funzione dei vari codici operativi sono disponibili: Istruzioni aritmetiche Istruzioni di ingresso e uscita dei dati Istruzioni di analisi e di trasferimento di controllo (se allora) Istruzione di trasferimento di dati in memoria 57

58 Velocità dell UCE Le prestazioni dell elaboratore dipendono in modo significativo dalla velocità con cui la CPU esegue le istruzioni Tale velocità si misura in MIPS (Milioni di istruzioni al secondo). 58

59 Potenza di calcolo La potenza di calcolo ella CPU dipende: Dalla sua architettura interna (386, 486, Pentium, Pentium II, ecc.) Dalla velocità del clock, l orologio interno che compie milioni di battiti al secondo. Ad ogni battito corrisponde l esecuzione di un istruzione. 59

60 Hertz e Megahertz La velocità di funzionamento si misura in hertz. 1 hertz (Hz) = un battito al secondo 1 megahertz (MHz) = un milione di battiti al secondo 1 gigahertz (GHz) = un miliardo di battiti al secondo 60

61 Dispositivi di input

62 Tastiera Nei PC sono disponibili diversi tipi di tastiere, caratterizzate da diverse disposizioni dei tasti, secondo le esigenze delle diverse lingue 62

63 QWERTY La tastiera più diffusa in Italia è la QWERTY, il cui nome deriva dalle prime sei lettere. Riproduce la tastiera di una macchina da scrivere. 63

64 Tasti Normalmente ad ogni tasto sono associati due caratteri (per le lettere il maiuscolo), uno dei quali può essere selezionato tenendo premuto il tasto shift. 64

65 Tasti Se si vuole immettere in maiuscolo una sequenza di caratteri si può premere il tasto con l immagine del lucchetto. Così l introduzione delle maiuscole rimane impostata e si accende la spia relativa sulla parte destra della tastiera. Per togliere l impostazione occorre premere nuovamente il tasto di controllo. 65

66 Caps Lock 66

67 Tasti Quando sul tasto sono presenti tre simboli, quello inferiore a destra viene selezionato premendo contemporaneamente il tasto Alt Gr 67

68 Tasti L invio dei dati avviene mediante i tasti Invio 68

69 Mouse Il mouse (topo) prende il nome dalla sua forma È un dispositivo di input costituito da un sistema che permette di spostare un puntatore sullo schermo e da due o tre tasti che permettono di associare al puntamento funzioni predefinite. 69

70 Mouse L importanza del mouse è associata allo sviluppo delle interfacce dei programmi, cioè dalla possibilità di interagire con il software selezionando funzioni evidenziate sullo schermo. Il mouse consente inoltre di utilizzare la tecnica del drag and drop 70

71 Trackball Spesso usata nei laptop consente di spostare il puntatore facendo ruotare una sfera incastrata in posizione fissa. 71

72 Touch pad Tipico dei laptop. Lo spostamento del puntatore avviene facendo scorrere il polpastrello di un dito sopra una superficie piana presente sulla tastiera 72

73 Joystick Utilizzato per i giochi grazie alla sua levata manovrabilità 73

74 Scanner Il lettore ottico o scanner è un dispositivo in grado di acquisire immagini. L utilizzo dello scanner può essere associato a programmi di riconoscimento dei caratteri OCR (Optical Character Recognition), che permettono di trasformare l immagine di un testo (ad esempio una pagina di libro) in un documento scritto modificabile con il programma di scrittura in uso sul PC. 74

75 Scanner Lo scanner può essere piano (simile ad una piccola fotocopiatrice), ad alimentazione a fogli (simile ad un fax) o manuale. 75

76 Lettore ottico di codici a barre 76 È un dispositivo in grado di leggere i codici a barre presenti sulla maggioranza delle merci in vendita nei negozi e nei grandi magazzini. La lettura avviene mediante un raggio laser. Può avere la forma di una penna (per esempio nelle farmacie), di uno scanner manuale oppure essere una superficie piana come nelle casse dei supermercati.

77 Il lettore di caratteri magnetici È un dispositivo che permette la lettura di strisce magnetiche su carte di riconoscimento come quelle utilizzate nei self-service bancari. 77

78 Fotocamera e video camera 78

79 Microfono 79

80 Dispositivi di output

81 Monitor È la principale unità di output. 81

82 Caratteristiche qualificanti dimensione (misurata in pollici) risoluzione, misurata come quantità di punti (pixel, picture element) rappresentabili nella matrice in cui può essere suddiviso lo schermo da 640x480 a... gamma dei colori rappresentabili (milioni) frequenza di scansione o refresh (quante volte in un secondo lo schermo viene rinnovato stabilità si evita lo sfarfallio) 82

83 Caratteristiche qualificanti Si distingue il monitor interlacciato da quello non interlacciato. Interlacciato quando l immagine viene completata in due tempi, non interlacciato quando l immagine viene completata in un solo passaggio (evita fenomeni di distorsione). La qualità è importante dal punto di vista dell'ergonomia 83

84 Tecnologia dei Monitor Tecnologia analogica (tubo catodico CRT Cathode Ray Tube) Tecnologia digitale (cristalli liquidi, LCD Liquid Crystal Display) 84

85 Dimensione Monitor La dimensione è valutata considerando la diagonale dello schermo ed è misurata in pollici. 85

86 Stampante 86 Senza contatto A getto d inchiostro: caratteristica nelle stampanti a basso costo dei PC laser: per le stampanti di migliore qualità e di elevate prestazioni. Ad impatto o a contatto (ad aghi): utilizzate principalmente per applicazioni che richiedono di produrre stampati in copie a ricalco.

87 Stampanti Tutte le stampanti hanno possibilità grafiche possono essere in bianco e nero o anche a colori. Usualmente le laser meno costose non offrono la possibilità del colore e le stampanti ad impatto sono quasi esclusivamente in bianco e nero. 87

88 Stampanti Oltre alla disponibilità del colore, le caratteristiche tecniche che qualificano una stampante sono: la velocità di stampa la risoluzione (numero di punti per pollice) alimentazione e trascinamento della carta 88

89 Plotter Il Plotter è, in pratica, tavolo da disegno comandato dall elaboratore 89

90 Casse acustiche e cuffie Per l output sonoro delle applicazioni multimediali 90

91 interfacce analogiche e digitali Per il collegamento di strumentazione 91

92 Sintetizzatori vocali sintetizzatori vocali sono unità di uscita di elaboratori elettronici in grado di comunicare all'utente i risultati dell'elaborazione sotto forma di voce umana. 92

93 Altre periferiche Registratori di tessere magnetiche Registratori di microfilm 93

94 Periferiche di input/output

95 Touchscreen Schermo tattile 95

96 Modem 96

97 Dispositivi di memoria

98 Memoria veloce L UCE è in grado di utilizzare i dati in un processo di elaborazione soltanto quando si trovano nella memoria centrale, detta anche memoria veloce (RAM, ROM, Cache). Per le memorie si sono adottati circuiti elettronici in grado di conservare un doppio stato: magnetizzato - non magnetizzato, acceso - spento (passa - non passa corrente) 98

99 RAM Random Access Memory: usata per la registrazione dei dati e delle istruzioni del programma al momento della sua esecuzione - deve avere i seguenti requisiti: i dati devono poter essere registrati devono poter essere localizzati devono poter essere letti devono poter essere modificati soltanto mediante opportuni comandi 99

100 ROM Read Only Memory: è una memoria il cui contenuto non può essere modificato con le normali procedure. Viene utilizzata per la registrazione di un programma particolare (Firmware), che permette l esecuzione delle funzioni di base del computer, quali l avvio del software di base (BIOS, Basic Input Output System). 100

101 RAM e ROM Sia la RAM che la ROM sono costituite da chip inseriti in appositi spazi sulla motherboard. La RAM è veloce e costosa ed ha, di conseguenza, capacità limitata. È volatile La ROM non è volatile 101

102 Cache È una memoria utilizzata per trasferire dati tra dispositivi che hanno velocità diverse. È una memoria di limitata capacità ed è più veloce della RAM. I PC hanno, solitamente 256 o 512 Kb di cache. 102

103 Memoria di massa Sono unità periferiche di input ed output in cui possono essere registrati in modo non volatile i dati. Possono essere: Dischi (accesso random) Nastri magnetici (accesso sequenziale) 103

104 Hard disk È il principale sistema di memorizzazione di massa. È costituito da una pila di piatti registrati su entrambe le superfici. Nei PC è normalmente inserito nella scatola (case) che contiene il sistema centrale, ma può essere un unità esterna. Centinaia di Gb. 104

105 Disco di rete Esterno e raggiungibile attraverso la rete 105

106 Floppy disk Era il principale sistema di trasferimento di dati da un PC ad un altro. È costituito da un solo piatto ed ha una capacità di memorizzazione limitata (di solito 1,44 Mbyte). Il piatto è racchiuso da una custodia quadrata, di plastica, con uno sportello scorrevole che viene aperto quando il dischetto viene inserito nell unità di lettura e scrittura. 106

107 Floppy La custodia ha due perforazioni. Quella di sinistra è dotata di uno sportellino scorrevole Sportello chiuso: il disco può essere anche scritto Sportello aperto può essere soltanto letto L altra perforazione indica che il disco ha la massima capacità (1,44 Mb) 107

108 CD ROM Compact Disk Read Only Memory È un disco a registrazione ottica, mobile e con una buona capacità di memorizzazione. Usato solo in lettura 108

109 CD scrivibile Ha le stesse caratteristiche del CD ROM, ma può essere scritto una sola volta mediante un apposita periferica: il masterizzatore. 109

110 CD RW È un CD riscrivibile più volte mediante un masterizzatore. Con apposito software può essere usato come un hard disk consentendo di scrivere e cancellare anche un solo file per volta. 110

111 DVD Digital Versatile Disk: è un disco, usualmente di sola lettura (ne esistono anche di scrivibili con un apposito masterizzatore), con grande capacità di memorizzazione, usato per giochi, musica, film digitalizzati. 111

112 Zip Disk È un disco mobile come il floppy, ma con una buona capacità di registrazione ( Mb) 112

113 Pendrive Contiene una memoria flash 113

114 Memory Card Contiene una memoria flash (per fotocamere, palmari, lettori MP3, cellulari 114

115 Data cartridge Dotate di nastro magnetico ed utilizzate per fare delle copie di backup dei dischi Detto DAT (Digital Audio Tape) fino a 40 Gb 115

116 BUS Le varie componenti hardware sono collegate tra loro e comunicano seguendo regole codificate, chiamate protocolli, per mezzo di una struttura detta a BUS. Questa struttura si comporta come una rete autostradale su cui viaggiano le informazioni che devono passare attraverso i vari dispositivi per essere elaborate. 116

117 BUS 117

118 Capacità della memoria

119 Sistema binario Quale che sia la soluzione tecnica adottata o il supporto utilizzato, la memorizzazione è realizzata con il sistema binario. La registrazione non è altro che una sequenza di elementi elettronici, ottici o magnetici, capaci di assumere due stati, che matematicamente corrispondono a 0 e 1. Tali elementi prendono il nome di bit da binary digit, cifra binaria). 119

120 bit Il singolo bit è in grado di rappresentare soltanto due possibilità. Per poter rappresentare le dieci cifre arabe sono necessari 4 bit (16 combinazioni) Per rappresentare anche l alfabeto sono necessari 6 bit (64 combinazioni). Nei sistemi elettronici, per rappresentare un maggior numero di combinazioni possibili, sono utilizzati raggruppamenti di 8 bit. 120

121 byte Un raggruppamento di 8 bit prende il nome di byte. Il byte è l unità minima che può essere indirizzata nelle memorie dell elaboratore. La dimensione di una memoria viene, pertanto espressa in byte. Le varie unità di misura sono sempre, ovviamente, potenze di

122 Unità di misura della memoria Byte = 8 bit Kbyte = 1024 byte (2 10 ) Mbyte = 1024 Kbyte = byte Gbyte = 1024 Mbyte = Kbyte Tbyte = 1024 Gbyte = Mbyte 122

123 indirizzi Nella memoria centrale ognuno dei byte può contenere un carattere e quindi tutte le operazioni devono fare riferimento a stringhe di byte È dunque indispensabile poter identificare i byte in memoria, cioè conoscerne l indirizzo. Un dato di memoria sarà individuato dall indirizzo del primo byte che lo rappresenta e dalla lunghezza della stringa di caratteri, ossia dal numero di byte che formano la rappresentazione del dato. 123

124 indirizzi Anche nelle memorie di massa occorre trovare i dati da elaborare È dunque indispensabile che i dati siano espressi in una forma standardizzata, sempre riconoscibile 124

125 campo Ogni dato può essere visto come una sequenza di caratteri alfanumerici. Questa rappresentazione del dato su supporto elaborabile prende il nome di campo. Esempi di campo possono essere il cognome di un alunno, una data di nascita, il nome di una scuola. 125

126 record L insieme di campi che riguardano un unica informazione completa, per un processo elaborativo, prende il nome di record. Es. record di una procedura di gestione degli ordini: cliente ordinante, prodotto ordinato, quantità ordinata, data dell ordine. 126

127 record Il record non è caratterizzato solo dalla presenza di determinati campi, ma anche dal loro ordine 127

128 Tabella o file Si chiama tabella o file l archivio costituito da un insieme di record omogenei Es. Nella procedura di evasione degli ordini da un magazzino interverranno due file: il file ordini e il file magazzino con i dati relativi alla situazione di magazzino 128

129 Data base Un insieme di tabelle, opportunamente correlate, costituisce un data base 129

130 Quadro d insieme Elemento Carattere Insieme di Dimensioni 1 byte 130 Campo Caratteri Da uno a poche decine di byte Record Campi Da poche decine a qualche migliaia di byte Tabella file Record Elemento Da poche centinaia a molte migliaia di byte Insieme di Dimensioni

131 Prestazioni del computer Le prestazioni del computer dipendono da una serie di fattori

132 Velocità UCE Numero di istruzioni per secondo 132

133 Dimensioni RAM Se la memoria centrale è di dimensioni sufficienti a registrare l intero programma, l UCE vi trova sempre i dati e le istruzioni; altrimenti una parte delle istruzioni deve, al momento opportuno, essere prelevata dalle memorie di massa, con una conseguente perdita di tempo 133

134 Velocità memorie di massa Influisce sulle prestazioni sia quando la memoria centrale è insufficiente, sia quando il programma deve leggere o scrivere dati sulle memorie esterne. 134

135 Dispositivi particolari Acceleratori grafici Acceleratori per il calcolo scientifico Ecc. 135

136 Utilizzo contemporaneo di più programmi Rallenta ovviamente l esecuzione 136

137 Disposizione dei file Se i file da utilizzare sono troppo dispersi sull hard disk, questo rallenta le operazioni Conviene allora eseguire il programma di deframmentazione che ricompatta i file consentendo di lavorare in condizioni ottimali 137

138 Struttura del PC Il cuore del PC è costituito da una scatola (case) in cui sono alloggiati i diversi componenti.

139 PC 139

140 Struttura del PC 140 Motherboard: la scheda elettronica di basse sulla quale vengono fissati, o alla quale vengono collegati, gli altri componenti UCE o CPU Memoria centrale Floppy Hard disk Lettore CD Porte

141 Porte native Porte native (attacchi per tastiera, monitor, mouse) 141

142 Porte parallele Porte parallele (LPT1 ed eventualmente LPT2) usate abitualmente per le stampanti (LPT significa Line PrinTer), ma anche per periferiche esterne (masterizzatori, hard disk, lettori di CD ROM, scanner, ecc.). Il connettore è formato da 25 piccoli fori. Il trasferimento dei dati avviene 8 bit alla volta 142

143 Porte seriali COM1, COM2, COM COM sta per COMmunication e il numero identifica la porta, dato che di solito ce ne sono almeno due. Il connettore può essere a 25 o a 9 pin Sono dette seriali perché la trasmissione dei dati avviene un bit alla volta 143

144 Porta SCSI Quando c è, supporta fino a sette periferiche, collegate in cascata, che richiedono alta velocità di trasferimento (può essere a 8,16,32 bit) 144

145 Porta USB 145 Universal Serial Bus. Permette una velocità di 12 milioni di bit per secondo. Fornisce anche l alimentazione. Le periferiche USB possono essere collegate in cascata fino a 127 elementi evitando numerosi cavi di alimentazione. Le periferiche USB possono essere collegate e scollegate anche a Computer acceso, senza causare danni. Il connettore è piccolo ed utilizzabile anche per i portatili.

146 Porta IrDA Infrared Data Association: consente di collegare le periferiche evitando l uso di cavi, con trasmissioni di tipo seriale, mediante raggi infrarossi 146

147 Porta HSSB High Speed Serial Bus: è un altro collegamento di tipo seriale che consente di collegare fino a 63 dispositivi. È usato per collegare periferiche particolarmente sofisticate. 147

148 Struttura del PC - Altre eventuali unità Masterizzatore: serve per scrivere su appositi supporti CD da utilizzare come CD ROM Schede di rete Modem interno: per il collegamento alla rete telefonica Processori aggiuntivi (per la grafica, il calcolo scientifico, ecc.) 148

149 Periferiche esterne al case Il mouse La tastiera Il monitor La stampante Il modem esterno 149

150 Software O programma

151 Tipi di software Software di sistema: ha il compito di garantire l esecuzione delle funzioni di base del PC. È normalmente fornito come corredo dell hardware Software applicativo: ha il compito di risolvere problemi specifici dell utente e può essere eventualmente sviluppato in funzione di particolari esigenze. 151

152 Sistema operativo Include tutti i programmi indispensabili per il funzionamento del sistema e fornisce l interfaccia verso l utente. È costituito da un insieme di programmi quali:

153 Supervisore Il supervisore: garantisce la corretta gestione dei componenti del sistema (memoria, UCE, periferiche, ), interpreta ed esegue i comandi dell utente, sovrintende al caricamento e all esecuzione degli altri programmi, gestisce le periferiche e le memorie. 153

154 Spool Lo Spool: permette di gestire le operazioni di stampa contemporaneamente all esecuzione di altri programmi. 154

155 Programmi di gestione delle librerie Assicurano di poter memorizzare programmi e dati sulle memorie di massa, secondo strutture organizzate per facilitarne la successiva ricerca 155

156 Altre componenti del Sistema operativo I programmi di diagnosi dei malfunzionamenti e di correzione degli errori I programmi di definizione della configurazione hardware del sistema 156

157 Esempi di sistema operativo Il primo sistema operativo usato sui PC IBM compatibili fu il DOS (Disk Operating System), caratterizzato da un interfaccia a comandi, di non facile utilizzo Tra i sistemi attuali ricordiamo: Windows (95, 98, NT, 2000, xp), UNIX, Linux, OS/2, Mac Operating System 157

158 Rapporto Sistema operativo potenza del PC È evidente che sistemi operativi complessi e ricchi di funzioni possono operare soltanto su elaboratori potenti. È bene pertanto assicurarsi, prima di installare un nuovo sistema operativo, di avere una macchina con i requisiti necessari. 158

159 GUI Nei sistemi operativi moderni l interfaccia per la comunicazione tra l utente e il PC è di tipo grafico, GUI (Graphic User Interface). Es. per cancellare un file non è più necessario scrivere il comando ed il percorso dello stesso (per ipotesi del C:\doc\lettera.txt ), ma è sufficiente l operazione intuitiva di trascinare con il mouse l icona (immagine) del file fino all icona del cestino. 159

160 Software applicativo La gamma dei programmi applicativi è molto vasta

161 Programmi specifici Alcuni programmi sono progettati per risolvere problemi specifici: Tenere la contabilità Compilare le pagelle degli alunni Fatturare Gestire l anagrafe comunale Prenotare le visite mediche 161

162 General purpose Sono programmi in grado di affrontare vaste gamme di tematiche, ma per il loro impiego devono essere personalizzati per la soluzione del caso specifico. Es.: Gestione di testi Foglio di calcolo Gestore di Data base Gestore di presentazioni Desktop publishing Database Grafica Giochi 162

163 Multimedialità Tra i programmi applicativi hanno un ruolo importante quelli multimediali che consentono l uso integrato di testi, immagini, animazioni, filmati, suoni. Vengono utilizzati per l insegnamento, l autoistruzione, l intrattenimento, le enciclopedie elettroniche, i libri elettronici, le presentazione, il supporto alle vendite, 163

164 Sviluppo del software Le fasi che, partendo dall individuazione di una esigenza, consentono di sviluppare un programma che lo risolva sono: 164

165 Studio di fattibilità Si valuta la possibilità di creare un nuovo prodotto o di adattare un software già disponibile. Si valuta se i sistemi informatici consentano di gestire il problema meglio di una procedura manuale. È necessaria l interazione tra committente e progettista per definire con chiarezza che cosa si vuole realizzare. 165

166 L analisi L analisi del problema con la determinazione dei dati di input e di output, dei passi logici e dei calcoli che su tali dati devono essere effettuati. In questa fase è importante individuare tutte le possibilità e le combinazioni caratteristiche del problema da affrontare 166

167 Rappresentazione simbolica La soluzione va esplicitata, normalmente in modo grafico, mediante una rappresentazione simbolica. ES. Diagramma di flusso 167

168 Programmazione Dalla descrizione logica si passa alla programmazione, cioè alla scrittura del programma in una sequenza di istruzioni, descritte secondo la sintassi e le regole di un linguaggio di programmazione. 168

Test di verifica 1.2 per il Modulo 1 della Patente Europea

Test di verifica 1.2 per il Modulo 1 della Patente Europea Test di verifica 1.2 per il Modulo 1 della Patente Europea Esiste una sola risposta corretta per le domande che riportano il simbolo O mentre ci sono più risposte corrette per le domande con il simbolo

Dettagli

Test di verifica 1.2 per il Modulo 1 della Patente Europea

Test di verifica 1.2 per il Modulo 1 della Patente Europea Test di verifica 1.2 per il Modulo 1 della Patente Europea Esiste una sola risposta corretta per le domande che riportano il simbolo per le scelte, mentre ci sono più risposte corrette per le domande con

Dettagli

Conoscere il computer ed il software di base. Concetti base dell ICT TIPI DI COMPUTER. Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.it.

Conoscere il computer ed il software di base. Concetti base dell ICT TIPI DI COMPUTER. Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.it. Concetti base dell ICT Conoscere il computer ed il software di base Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.it Fase 1 Information technology Computer Tecnologia utilizzata per la realizzazione

Dettagli

Esercitazione per esame Ecdl - 1 modulo

Esercitazione per esame Ecdl - 1 modulo Esercitazione per esame Ecdl - 1 modulo Nome:... Cognome... Telefono... 1. Il millennium bug è: % Un problema hardware di tutti i computer al cambio del millennio % Un problema del software di tutti i

Dettagli

5. Quale tra le seguenti unità di input ha la stessa funzione del mouse? Scanner Plotter Trackball Touch screen

5. Quale tra le seguenti unità di input ha la stessa funzione del mouse? Scanner Plotter Trackball Touch screen Esiste una sola risposta corretta per le domande che riportano il simbolo per le scelte 1. Quale delle seguenti affermazioni è corretta? Nella trasmissione a commutazione di pacchetto: Sulla stessa linea

Dettagli

MODULO 1. Testo 1.02. 1. Quale tra le seguenti è una unità di output? % Touchpad % Track ball % Scanner % Sintetizzatore vocale

MODULO 1. Testo 1.02. 1. Quale tra le seguenti è una unità di output? % Touchpad % Track ball % Scanner % Sintetizzatore vocale MODULO 1 Testo 1.02 1. Quale tra le seguenti è una unità di output? % Touchpad % Track ball % Scanner % Sintetizzatore vocale 2. Come possono essere classificati in modo corretto i componenti fisici e

Dettagli

Reti informatiche 08/03/2005

Reti informatiche 08/03/2005 Reti informatiche LAN, WAN Le reti per la trasmissione dei dati RETI LOCALI LAN - LOCAL AREA NETWORK RETI GEOGRAFICHE WAN - WIDE AREA NETWORK MAN (Metropolitan Area Network) Le reti per la trasmissione

Dettagli

MODULO 1. Testo 1.01. 1. Quale tra le seguenti non è una periferica di input? % Scanner % Digitalizzatore vocale % Sintetizzatore vocale % Mouse

MODULO 1. Testo 1.01. 1. Quale tra le seguenti non è una periferica di input? % Scanner % Digitalizzatore vocale % Sintetizzatore vocale % Mouse 1 MODULO 1 Testo 1.01 1. Quale tra le seguenti non è una periferica di input? % Scanner % Digitalizzatore vocale % Sintetizzatore vocale % Mouse 2. L unità di input è: % Un dispositivo hardware per immettere

Dettagli

6. Quale è l unità che esegue le singole istruzioni e governa le varie parti del computer? % ALU % CPU % LAN % WAN

6. Quale è l unità che esegue le singole istruzioni e governa le varie parti del computer? % ALU % CPU % LAN % WAN MODULO 1 Testo 1.03 1. In una istruzione, un operando è: % Il dato su cui operare % L indirizzo di memoria di un dato su cui operare % Il tipo di operazione da eseguire % Il risultato di una istruzione

Dettagli

8. Quali delle seguenti affermazioni sono corrette? Il computer è: Preciso Veloce Intelligente Creativo

8. Quali delle seguenti affermazioni sono corrette? Il computer è: Preciso Veloce Intelligente Creativo Esiste una sola risposta corretta per le domande che riportano il simbolo per le scelte, mentre ci sono più risposte corrette per le domande con il simbolo 1. Quale tra le seguenti non è una periferica

Dettagli

Ferrante Patrizia Ghezzi Nuccia Pagano Salvatore Previtali Ferruccio Russo Francesco. Computer

Ferrante Patrizia Ghezzi Nuccia Pagano Salvatore Previtali Ferruccio Russo Francesco. Computer Computer Il computer, o elaboratore elettronico, è la macchina per la gestione automatica delle informazioni Componenti: Hardware (la parte fisica del computer) Software (la parte intangibile, insieme

Dettagli

INFORMATION TECNOLOGY. a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it

INFORMATION TECNOLOGY. a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it INFORMATION TECNOLOGY 1 a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it 1 IT, HARDWARE E SOFTWARE Information Tecnology (o Informazione automatica): tecnologia hadware e software utilizzata per la progettazione

Dettagli

Concetti di base delle tecnologie ICT

Concetti di base delle tecnologie ICT Concetti di base delle tecnologie ICT Parte 2 Reti Informatiche Servono a collegare in modo remoto, i terminali ai sistemi di elaborazione e alle banche dati Per dialogare fra loro (terminali e sistemi)

Dettagli

MODULO 01. Come è fatto un computer

MODULO 01. Come è fatto un computer MODULO 01 Come è fatto un computer MODULO 01 Unità didattica 03 Conosciamo i tipi di computer e le periferiche In questa lezione impareremo: a conoscere le periferiche di input e di output, cioè gli strumenti

Dettagli

INFORMATION TECNOLOGY. a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it

INFORMATION TECNOLOGY. a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it INFORMATION TECNOLOGY 2 a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it LE MEMORIE - 1 MEMORIA CENTRALE (O PRINCIPALE) Da questa memoria l unità centrale estrae i dati che servono per eseguire i programmi

Dettagli

MEMORIE DI MASSA E PERIFERICHE

MEMORIE DI MASSA E PERIFERICHE MEMORIE DI MASSA E PERIFERICHE Tecnologie Informatiche 1 Il computer» È una macchina elettronica con lo scopo di elaborare dati in modo automatico, veloce, sicuro ed efficiente.» E formato dall hardware

Dettagli

Le Reti (gli approfondimenti a lezione)

Le Reti (gli approfondimenti a lezione) Le Reti (gli approfondimenti a lezione) Per migliorare la produttività gli utenti collegano i computer tra di loro formando delle reti al fine di condividere risorse hardware e software. 1 Una rete di

Dettagli

Il sistema di elaborazione Hardware e software

Il sistema di elaborazione Hardware e software Il sistema di elaborazione Hardware e software A. Lorenzi M. Govoni TECNOLOGIE INFORMATICHE. Release 2.0 Atlas Hardware e software Un sistema di elaborazione è formato da: parti hardware: componenti fisiche

Dettagli

Insegnamento di Informatica CdS Scienze Giuridiche A.A. 2007/8. Strumenti di lavoro cooperativo: reti Internet posta elettronica

Insegnamento di Informatica CdS Scienze Giuridiche A.A. 2007/8. Strumenti di lavoro cooperativo: reti Internet posta elettronica Insegnamento di Informatica CdS Scienze Giuridiche A.A. 2007/8 Strumenti di lavoro cooperativo: reti Internet posta elettronica Lez11 del 30.11.06 Strumenti di comunicaione e di lavoro cooperativo 1 Reti

Dettagli

MONIA MONTANARI. Appunti di Trattamento Testi. Capitolo 1 Il Computer

MONIA MONTANARI. Appunti di Trattamento Testi. Capitolo 1 Il Computer MONIA MONTANARI Appunti di Trattamento Testi Capitolo 1 Il Computer 1. Introduzione La parola informatica indica la scienza che rileva ed elabora l informazione, infatti : Informatica Informazione Automatica

Dettagli

Università degli studi di Napoli Federico II

Università degli studi di Napoli Federico II Università degli studi di Napoli Federico II Facoltà di Sociologia Corso di Laurea in culture digitali e della comunicazione Corso di Elementi di informatica e web Test ingresso per il bilancio delle competenze

Dettagli

Termini che è necessario capire:

Termini che è necessario capire: Per iniziare 1........................................ Termini che è necessario capire: Hardware Software Information Technology (IT) Mainframe Laptop computer Unità centrale di elaborazione (CPU) Hard

Dettagli

MODULO 01. MODULO 01 Unità didattica 3. In questa lezione impareremo: Come è fatto un computer. Periferiche e tipi di computer

MODULO 01. MODULO 01 Unità didattica 3. In questa lezione impareremo: Come è fatto un computer. Periferiche e tipi di computer MODULO 01 Come è fatto un computer MODULO 01 Unità didattica 3 Periferiche e tipi di computer In questa lezione impareremo: a conoscere le periferiche di input e di output, cioè gli strumenti che permettono

Dettagli

LEZIONE 8. Strumenti di lavoro cooperativo: reti Internet posta elettronica

LEZIONE 8. Strumenti di lavoro cooperativo: reti Internet posta elettronica LEZIONE 8 Strumenti di lavoro cooperativo: reti Internet posta elettronica Proff. Giorgio Valle Raffaella Folgieri Lez8 Strumenti di comunicaione e di lavoro cooperativo 1 Reti e dati RETI Perchè: Risparmio

Dettagli

Il sistema di elaborazione

Il sistema di elaborazione Il sistema di elaborazione Hardware e software Hardware e software Un sistema di elaborazione è formato da: parti hardware: componenti fisiche parti software: componenti logiche i dati da trattare le correlazioni

Dettagli

Input Elaborazione Output. Output. Componenti di elaborazione. Periferiche di. Periferiche di Input

Input Elaborazione Output. Output. Componenti di elaborazione. Periferiche di. Periferiche di Input Hardware e Software Hardware: : Tutti i componenti fisici del sistema di elaborazione (tutto ciò che si può toccare) Software: : Tutti i programmi installati nel nostro sistema di elaborazione Fasi di

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base delle tecnologie ICT

Modulo 1 Concetti di base delle tecnologie ICT Modulo 1 Concetti di base delle tecnologie ICT Tipi di Personal Computer Mainframe Network Computer (Server) Personal Desktop/Portatili digital Assistant (PDA) 2/45 Confronto fra PC Classe Mainframe Server

Dettagli

Tecnologia dell Informazione

Tecnologia dell Informazione Tecnologia dell Informazione Concetti di base della tecnologia dell informazione Materiale Didattico a cura di Marco Musolesi Università degli Studi di Bologna Sede di Ravenna Facoltà di Giurisprudenza

Dettagli

Il Computer. Per capire che cosa è il computer, occorre partire dal concetto di:

Il Computer. Per capire che cosa è il computer, occorre partire dal concetto di: Il Computer Cos'è il computer? Per capire che cosa è il computer, occorre partire dal concetto di: INFORMATICA = INFORmazione automatica E' la scienza che si occupa del trattamento automatico delle informazioni.

Dettagli

INFORMATICA, IT e ICT

INFORMATICA, IT e ICT INFORMATICA, IT e ICT Informatica Informazione automatica IT Information Technology ICT Information and Communication Technology Computer Mini Computer Mainframe Super Computer Palmare Laptop o Portatile

Dettagli

3 Capitolo primo Informatica e calcolatori

3 Capitolo primo Informatica e calcolatori I n d i c e 3 Capitolo primo Informatica e calcolatori 7 Capitolo secondo La rappresentazione delle informazioni 11 2.1 La codifica dei caratteri 2.1.1 Il codice ASCII, p. 11-2.1.2 Codifiche universali,

Dettagli

Il termine informatica deriva dall unione di due parole: informazione e automatica. Il P.C.

Il termine informatica deriva dall unione di due parole: informazione e automatica. Il P.C. Il termine informatica deriva dall unione di due parole: informazione e automatica. Il P.C. Hardware: parte fisica, cioè l insieme di tutte le componenti fisiche, meccaniche, elettriche e ottiche, necessarie

Dettagli

POR Regione Campania 2000-2006 Misura 3.14 Promozione della partecipazione Femminile al Mercato del Lavoro

POR Regione Campania 2000-2006 Misura 3.14 Promozione della partecipazione Femminile al Mercato del Lavoro DISPENSA I.C.T. T POR Regione Campania 2000-2006 Misura 3.14 Promozione della partecipazione Femminile al Mercato del Lavoro Dispensa INFORMATION TECHNOLOGY INDICE DEFINIZIONE... 3 TIPOLOGIE DI COMPUTER...

Dettagli

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale MODULO 1 1.1 Il personal computer ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale 1.1 Il personal computer Il PC Hardware e software Classificazioni del software Relazione tra

Dettagli

Concetti di Base LA PATENTE EUROPEA ECDL. European Computer Driving License

Concetti di Base LA PATENTE EUROPEA ECDL. European Computer Driving License Concetti di Base Ing. Antonino Sacco Intellisystem technologies LA PATENTE EUROPEA ECDL European Computer Driving License I Modulo CONCETTI TEORICI DI BASE II Modulo GESTIONE DEI DOCUMENTI III Modulo ELABORAZIONE

Dettagli

Con questo termine si individuano tutti i componenti fisici dei sistemi informatici. Tutto quello che si può toccare è hardware.

Con questo termine si individuano tutti i componenti fisici dei sistemi informatici. Tutto quello che si può toccare è hardware. 2008-10-28 - pagina 1 di 7 Informatica (Informazione Automatica) memorizzare elaborazione trasmissione (telematica) Complessità operazione testo audio immagini video realtà virtuale memorizzare 1 10 100

Dettagli

INFORMATICA. Cosa intendiamo per INFORMAZIONE?

INFORMATICA. Cosa intendiamo per INFORMAZIONE? INFORMATICA Scienza che raccoglie, organizza, elabora e conserva le informazioni e le gestisce in modo automatico Nasce dalla fusione delle parole INFORmazione automatica Cosa intendiamo per INFORMAZIONE?

Dettagli

1) Una periferica di input è: A) il mouse B) il monitor C) la stampante

1) Una periferica di input è: A) il mouse B) il monitor C) la stampante CONOSCENZE DI INFORMATICA 1) Una periferica di input è: A) il mouse B) il monitor C) la stampante 2) Una memoria in sola lettura con la particolarità di essere cancellata in particolari condizioni è detta:

Dettagli

Concetti di base della Tecnologia dell Informazione Uso del computer e gestione dei file Elaborazione testi Fogli di Calcolo Reti informatiche

Concetti di base della Tecnologia dell Informazione Uso del computer e gestione dei file Elaborazione testi Fogli di Calcolo Reti informatiche Concetti di base della Tecnologia dell Informazione Uso del computer e gestione dei file Elaborazione testi Fogli di Calcolo Reti informatiche Laboratorio di Informatica - CLEF 7 Ci sono due modi per non

Dettagli

Esercitazioni per test a valutazione automatica

Esercitazioni per test a valutazione automatica Esercitazioni per test a valutazione automatica 307 Esercitazioni per test a valutazione automatica MODULO 1 Testo 1.01 1. Quale tra le seguenti non è una periferica di input? Scanner Digitalizzatore vocale

Dettagli

Francia dalla contrazione delle parole INFORmazione e automatica. Elaborazione e trattamento automatico delle informazioni INFORMATICA

Francia dalla contrazione delle parole INFORmazione e automatica. Elaborazione e trattamento automatico delle informazioni INFORMATICA INFORMATICA La parola INFORMATICA indica l insieme delle discipline e delle tecniche che permettono la trattazione automatica delle informazioni che sono alla base delle nostre conoscenze e delle loro

Dettagli

APPUNTI CONCETTI DI BASE

APPUNTI CONCETTI DI BASE www.informarsi.net APPUNTI CONCETTI DI BASE Struttura di un elaboratore Un computer è paragonabile a una grande scatola in cui sono immessi dei dati, i quali, una volta immagazzinati, elaborati e processati,

Dettagli

Il Computer (Sistema per l Elaborazione delle Informazioni o calcolatore elettronico) è un

Il Computer (Sistema per l Elaborazione delle Informazioni o calcolatore elettronico) è un Pagina 18 di 47 2. Analisi delle componenti hardware di un computer 2.1 L hardware 2.1.1 Componenti principali di un computer L Informatica (da Informazione + Automatica) è la disciplina che studia la

Dettagli

Modulo 1. Concetti di base della Tecnologia dell Informazione ( Parte 1.2)

Modulo 1. Concetti di base della Tecnologia dell Informazione ( Parte 1.2) Modulo 1 Concetti di base della Tecnologia dell Informazione ( Parte 1.2) Prof. Valerio Vaglio Gallipoli Rielaborazione: prof. Claudio Pellegrini - Sondrio LA CPU Central Processing Unit Detto anche processore,,

Dettagli

ECDL MODULO 1 Concetti di base della tecnologia dell informazione. Prof. Michele Barcellona

ECDL MODULO 1 Concetti di base della tecnologia dell informazione. Prof. Michele Barcellona ECDL MODULO 1 Concetti di base della tecnologia dell informazione Prof. Michele Barcellona Hardware Software e Information Technology Informatica INFOrmazione automatica La scienza che si propone di raccogliere,

Dettagli

Reti di Calcolatori. una rete di calcolatori è costituita da due o più calcolatori autonomi che possono interagire tra di loro una rete permette:

Reti di Calcolatori. una rete di calcolatori è costituita da due o più calcolatori autonomi che possono interagire tra di loro una rete permette: Reti di Calcolatori una rete di calcolatori è costituita da due o più calcolatori autonomi che possono interagire tra di loro una rete permette: condivisione di risorse (dati aziendali, stampanti, ) maggiore

Dettagli

Ingegneria Gestionale della logistica e produzione Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (J-Z) Dispositivi periferici

Ingegneria Gestionale della logistica e produzione Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (J-Z) Dispositivi periferici 2011-2012 Ingegneria Gestionale della logistica e produzione Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (J-Z) 11 Dispositivi periferici Lez. 11 1 Dispositivi periferici Tutte le apparecchiature che si

Dettagli

Concetti di base della Tecnologia dell'informazione

Concetti di base della Tecnologia dell'informazione Corso ECDL Concetti di base della Tecnologia dell'informazione Modulo 1 Le reti informatiche 1 Le parole della rete I termini legati all utilizzo delle reti sono molti: diventa sempre più importante comprenderne

Dettagli

CRIAD 1. Corso di Introduzione all Informatica v v v v. Contenuti del Modulo 1. Hardware e Software. Hardware

CRIAD 1. Corso di Introduzione all Informatica v v v v. Contenuti del Modulo 1. Hardware e Software. Hardware Corso di Introduzione all Informatica v v v v Contenuti del Modulo 1 Concetti generali Hardware Software Dispositivi di memoria CRIAD 1 CRIAD 2 Hardware e Software Hardware vil funzionamento di un computer,

Dettagli

Reti di elaboratori. Reti di elaboratori. Reti di elaboratori INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042)

Reti di elaboratori. Reti di elaboratori. Reti di elaboratori INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Reti di elaboratori Rete di calcolatori: insieme di dispositivi interconnessi Modello distribuito INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Funzioni delle reti: comunicazione condivisione di

Dettagli

CORSO EDA Informatica di base. Introduzione alle reti informatiche Internet e Web

CORSO EDA Informatica di base. Introduzione alle reti informatiche Internet e Web CORSO EDA Informatica di base Introduzione alle reti informatiche Internet e Web Rete di computer Una rete informatica è un insieme di computer e dispositivi periferici collegati tra di loro. Il collegamento

Dettagli

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti Locali Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti di Calcolatori una rete di calcolatori è costituita da due o più calcolatori autonomi

Dettagli

Born T Develop. VICOLO ANDREA GLORIA, 1 PADOVA 35132 TELEFONO: 049 2023938 EMAIL: info@borntodevelop.com

Born T Develop. VICOLO ANDREA GLORIA, 1 PADOVA 35132 TELEFONO: 049 2023938 EMAIL: info@borntodevelop.com Born T Develop VICOLO ANDREA GLORIA, 1 PADOVA 35132 TELEFONO: 049 2023938 EMAIL: info@borntodevelop.com ARGOMENTI TRATTATI Hardware Comprendere il termine hardware Comprendere cosa è un personal computer

Dettagli

COMPUTER ESSENTIAL 1.1. Esperto Emilia Desiderio

COMPUTER ESSENTIAL 1.1. Esperto Emilia Desiderio COMPUTER ESSENTIAL 1.1 Esperto Emilia Desiderio INFORMATICA Definizione: disciplinain continua evoluzione che cerca di riprodurre le capacità del cervello umano. lostudio sistemico di algoritmi che descrivono

Dettagli

I dispositivi di Input e Output

I dispositivi di Input e Output Input - Output I dispositivi di Input e Output La comunicazione tra il calcolatore e l ambiente in cui esso è immerso avviene attraverso dispositivi che traducono i dati digitali in segnali compatibili

Dettagli

Finalità delle Reti di calcolatori. Le Reti Informatiche. Una definizione di Rete di calcolatori. Schema di una Rete

Finalità delle Reti di calcolatori. Le Reti Informatiche. Una definizione di Rete di calcolatori. Schema di una Rete Finalità delle Reti di calcolatori Le Reti Informatiche Un calcolatore isolato, anche se multiutente ha a disposizione solo le risorse locali potrà elaborare unicamente i dati dei propri utenti 2 / 44

Dettagli

Modulo 1 Concetti teorici di base

Modulo 1 Concetti teorici di base Modulo 1 Concetti teorici di base 1 Quale delle seguenti frasi rappresenta il significato di ICT (Tecnologie per l informazione e la comunicazione)? La progettazione e l utilizzo dei computer Le scienze

Dettagli

Modulo 1. Sommario. Reti informatiche. Evoluzione delle reti. Evoluzione delle reti. LAN Local Area Network (1) LAN Local Area Network (2)

Modulo 1. Sommario. Reti informatiche. Evoluzione delle reti. Evoluzione delle reti. LAN Local Area Network (1) LAN Local Area Network (2) Concetti di base della Tecnologia dell Informazione Reti informatiche Concetti di base Hardware Dispositivi di memoria Software Reti informatiche Il computer nella vita di ogni giorno Information Technology

Dettagli

Componenti di base di un computer

Componenti di base di un computer Componenti di base di un computer Architettura Von Neumann, 1952 Unità di INPUT UNITA CENTRALE DI ELABORAZIONE (CPU) MEMORIA CENTRALE Unità di OUTPUT MEMORIE DI MASSA PERIFERICHE DI INPUT/OUTPUT (I/O)

Dettagli

Le Reti Telematiche. Informatica. Tipi di comunicazione. Reti telematiche. Modulazione di frequenza. Analogico - digitale.

Le Reti Telematiche. Informatica. Tipi di comunicazione. Reti telematiche. Modulazione di frequenza. Analogico - digitale. Informatica Lezione 5a e World Wide Web Insieme di cavi, protocolli, apparati di rete che collegano tra loro distinti i cavi trasportano fisicamente le informazioni opportunamente codificate dedicati/condivisi

Dettagli

Informatica. Nozioni di hardware. Componenti essenziali della struttura interna di un PC. docente: Ilaria Venturini. Disco rigido.

Informatica. Nozioni di hardware. Componenti essenziali della struttura interna di un PC. docente: Ilaria Venturini. Disco rigido. Informatica II Nozioni di hardware docente: Ilaria Venturini Componenti essenziali della struttura interna di un PC Porte Disco rigido CPU scheda video memorie scheda audio bus 1 Struttura hardware dell

Dettagli

Componenti del Sistema di Elaborazione

Componenti del Sistema di Elaborazione Componenti del Sistema di Elaborazione Il Sistema di Elaborazione Monitor Tastiera Processore Memoria Centrale (Programmi + Dati) Memorie di massa Altre periferiche Rete Rete a.a. 2002-03 L. Borrelli 2

Dettagli

Modulo 1. Concetti di base della Tecnologia dell Informazione ( Parte 1.4)

Modulo 1. Concetti di base della Tecnologia dell Informazione ( Parte 1.4) Modulo 1 Concetti di base della Tecnologia dell Informazione ( Parte 1.4) Prof. Valerio Vaglio Gallipoli Rielaborazione e integrazione: prof. Claudio Pellegrini - Sondrio Rete di computer E un insieme

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

Informatica. Ing. Pierpaolo Vittorini pierpaolo.vittorini@cc.univaq.it. Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Medicina e Chirurgia

Informatica. Ing. Pierpaolo Vittorini pierpaolo.vittorini@cc.univaq.it. Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Medicina e Chirurgia pierpaolo.vittorini@cc.univaq.it Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Medicina e Chirurgia 2 ottobre 2007 L architettura del calcolatore Concetti iniziali L architettura del calcolatore Con il

Dettagli

DISPOSITIVI DI INPUT

DISPOSITIVI DI INPUT LA TASTIERA (o keyboard) DISPOSITIVI DI INPUT Quando viene premuto un tasto si genera un codice corrispondente alla cifra alfanumerica selezionata che viene inviato alla CPU per essere elaborato. La tastiera

Dettagli

E.C.D.L. - Modulo 1 - Test di verifica 1

E.C.D.L. - Modulo 1 - Test di verifica 1 E.C.D.L. - Modulo 1 - Test di verifica 1 1. Cosa si intende con il termine hardware? L'insieme delle schede e dei circuiti elettronici che materialmente permettono al computer di mettersi in moto e funzionare

Dettagli

03 L architettura del computer e la CPU (parte 2) Dott.ssa Ramona Congiu

03 L architettura del computer e la CPU (parte 2) Dott.ssa Ramona Congiu 03 L architettura del computer e la CPU (parte 2) Dott.ssa Ramona Congiu 1 Anatomia del computer Dott.ssa Ramona Congiu 2 L Unità centrale 3 Anatomia del computer 4 La scheda madre All interno del computer

Dettagli

Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 1, Concetti di base dell ICT, e fornisce i fondamenti per il test di tipo teorico relativo a questo modulo.

Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 1, Concetti di base dell ICT, e fornisce i fondamenti per il test di tipo teorico relativo a questo modulo. 1 Concetti di base dell ICT Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 1, Concetti di base dell ICT, e fornisce i fondamenti per il test di tipo teorico relativo a questo modulo. Scopi del modulo Modulo

Dettagli

Insegnamento di Abilità Informatiche A.A. 2007/8. Lezione 1

Insegnamento di Abilità Informatiche A.A. 2007/8. Lezione 1 Insegnamento di Abilità Informatiche A.A. 2007/8 Lezione 1 Prof.ssa Raffaella Folgieri folgieri@dico.unimi.it folgieri@mtcube.com Link addestrativo interattivo: http://www.caspur.it/formazione/mais/ Informatica

Dettagli

Concetti fondamentali della Tecnologia Dell informazione Parte prima

Concetti fondamentali della Tecnologia Dell informazione Parte prima Concetti fondamentali della Tecnologia Dell informazione Parte prima 1 Concetti di base della tecnologia dell Informazione Nel corso degli ultimi anni la diffusione dell Information and Communication Technology

Dettagli

Materiali per il Modulo 1 E.C.D.L.

Materiali per il Modulo 1 E.C.D.L. Materiali per il Modulo 1 E.C.D.L. Queste due sigle indicano LAN Local Area Network Si tratta di un certo numero di Computer (decine centinaia) o periferici connessi fra loro mediante cavi UTP, coassiali

Dettagli

IL COMPUTER APPUNTI PER LEZIONI NELLE 3 CLASSI LA MACCHINA DELLA 3 RIVOLUZIONE INDUSTRIALE. A CURA DEL Prof. Giuseppe Capuano

IL COMPUTER APPUNTI PER LEZIONI NELLE 3 CLASSI LA MACCHINA DELLA 3 RIVOLUZIONE INDUSTRIALE. A CURA DEL Prof. Giuseppe Capuano IL COMPUTER LA MACCHINA DELLA 3 RIVOLUZIONE INDUSTRIALE APPUNTI PER LEZIONI NELLE 3 CLASSI A CURA DEL Prof. Giuseppe Capuano LA TRASMISSIONE IN BINARIO I computer hanno un loro modo di rappresentare i

Dettagli

Reti di Calcolatori. Corso di Informatica. Reti di Calcolatori. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali

Reti di Calcolatori. Corso di Informatica. Reti di Calcolatori. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali Corso di Laurea in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali Corso di Informatica Gianluca Torta Dipartimento di Informatica Tel: 011 670 6782 Mail: torta@di.unito.it Reti di Calcolatori una rete di

Dettagli

RETI E SISTEMI INFORMATIVI

RETI E SISTEMI INFORMATIVI RETI E SISTEMI INFORMATIVI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: mercoledì, 10.00-11.00. Studio 34, primo piano. Dip. Statistica 1 Modalità esame: scritto + tesina facoltativa

Dettagli

1.1.1 Hardware, Software, Tecnologia dell Informazione

1.1.1 Hardware, Software, Tecnologia dell Informazione 1.1.1 Hardware, Software, Tecnologia dell Informazione 1.1.1 Hardware, Software, Tecnologia dell Informazione [ 1.1.1.1 ] Società dell informazione, mercato globale, autostrade dell informazione sono diventati

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: Alla fine di ogni lezione Modalità esame: scritto 1 Hardware e Software Con HARDWARE si indicano tutte

Dettagli

Modello del Computer. Componenti del Computer. Architettura di Von Neumann. Prof.ssa E. Gentile. a.a. 2011-2012

Modello del Computer. Componenti del Computer. Architettura di Von Neumann. Prof.ssa E. Gentile. a.a. 2011-2012 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Informazione Editoriale, Pubblica e Sociale Modello del Computer Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Componenti del Computer Unità centrale di elaborazione Memoria

Dettagli

CHE COSA FAREMO INSIEME?

CHE COSA FAREMO INSIEME? CHE COSA FAREMO INSIEME? Impareremo a conoscere il computer per poter sfruttare al meglio alcune sue caratteristiche Raccoglieremo informazioni preziose perché non si può amare chi non si conosce IL COMPUTER

Dettagli

Patente Informatica Europea

Patente Informatica Europea Corso per il conseguimento della Patente Informatica Europea 1 modulo 4 a lezione Reti informatiche Evoluzione delle strutture informatiche I primi anni dell'informatica sono stati caratterizzati da strutture

Dettagli

Cosa è l informatica

Cosa è l informatica Cosa è l informatica Informazione + automatica Scienza del trattamento automatico delle informazioni Insieme dei processi e delle tecnologie che rendono possibile Elaborare (trasformare) l informazione

Dettagli

ARCHITETTURA DELL ELABORATORE

ARCHITETTURA DELL ELABORATORE 1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ANGIOY ARCHITETTURA DELL ELABORATORE Prof. G. Ciaschetti 1. Tipi di computer Nella vita di tutti giorni, abbiamo a che fare con tanti tipi di computer, da piccoli o piccolissimi

Dettagli

In ingegneria elettronica e informatica con il termine hardware si indica la parte fisica di un computer, ovvero tutte quelle parti elettroniche,

In ingegneria elettronica e informatica con il termine hardware si indica la parte fisica di un computer, ovvero tutte quelle parti elettroniche, In ingegneria elettronica e informatica con il termine hardware si indica la parte fisica di un computer, ovvero tutte quelle parti elettroniche, elettriche, meccaniche, magnetiche, ottiche che ne consentono

Dettagli

Foglio1 CAD. Case. Case. Dentro il case... Computer. Crittografia riguarda. Desktop publishing

Foglio1 CAD. Case. Case. Dentro il case... Computer. Crittografia riguarda. Desktop publishing CAD Case Case. Dentro il case... Computer Crittografia riguarda Desktop publishing Diritti d'autore sono dovuti Dispositivi di input Dispositivi di output DPI Le fasi dell'attività di Firmware Hardware

Dettagli

INFORMATICA. By CONVERTINI Francesco

INFORMATICA. By CONVERTINI Francesco INFORMATICA By CONVERTINI Francesco Informatica = informazione automatica È una scienza preesistente all elaboratore e consiste nella ricerca di METODI per elaborare automaticamente le informazioni ed

Dettagli

Modulo 1 Test di verifica. Concetti teorici di base delle T.I.C.

Modulo 1 Test di verifica. Concetti teorici di base delle T.I.C. Modulo 1 Test di verifica Concetti teorici di base delle T.I.C. Test n. 1 Quali tra le seguenti non sono memorie di massa? CDROM Hard disk RAM Floppy disk Cache Test n. 1 Quali tra le seguenti non sono

Dettagli

Liceo Scientifico G. Galilei Trebisacce Anno Scolastico 2011-2012

Liceo Scientifico G. Galilei Trebisacce Anno Scolastico 2011-2012 Liceo Scientifico G. Galilei Trebisacce Anno Scolastico 2011-2012 INFORMATICA: Hardware e Software Alunno: Classe: 1 C 08 novembre 2011 prof. Mimmo Corrado Effettua i seguenti calcoli nel sistema binario:

Dettagli

Modulo 1 ECDL Concetti di base delle tecnologie ICT

Modulo 1 ECDL Concetti di base delle tecnologie ICT Modulo 1 ECDL Concetti di base delle tecnologie ICT Syllabus 1.1 Concetti generali 1.1.1 Hardware/software/tecnologia dell informazione 1.1.2 Tipi di computer 1.1.3 Componenti principali di un P.C. 1.1.4

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO: ARCHITETTURA DEI COMPUTERS, PERIFERICHE, SOFTWARE APPLICATIVO, SISTEMI OPERATIVI, INTERNET E SERVIZI, WEB, RETI DI COMPUTER

PROGRAMMA FORMATIVO: ARCHITETTURA DEI COMPUTERS, PERIFERICHE, SOFTWARE APPLICATIVO, SISTEMI OPERATIVI, INTERNET E SERVIZI, WEB, RETI DI COMPUTER PROGRAMMA FORMATIVO: ARCHITETTURA DEI COMPUTERS, PERIFERICHE, SOFTWARE APPLICATIVO, SISTEMI OPERATIVI, INTERNET E SERVIZI, WEB, RETI DI COMPUTER Architettura dei calcolatori (hardware e software base )

Dettagli

Per definizione l hardware di un computer è l insieme dei pezzi materiali che lo compongono.

Per definizione l hardware di un computer è l insieme dei pezzi materiali che lo compongono. Lezione 3 Hardware Hardware Per definizione l hardware di un computer è l insieme dei pezzi materiali che lo compongono. Esistono vari tipi di computer: Notebook: sono i computer portatili. Mainframe:

Dettagli

La società dell informazione. La tecnologia dell informazione. Informatica

La società dell informazione. La tecnologia dell informazione. Informatica La società dell informazione Sapersi orientare nell eccesso di informazione Avere criteri, strumenti, modelli di interpretazione consapevole dei mass-media audiovisivi Adeguare la propria pratica comunicativa

Dettagli

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni Reti di computer Tecnologie ed applicazioni Da I.T a I.C.T Con I.T (Information Tecnology) si intende il trattamento delle informazioni attraverso il computer e le nuove apparecchiature tecnologiche ad

Dettagli

Il Personal Computer. Cos è Lo schema di massima Che cosa ci possiamo fare. www.vincenzocalabro.it 1

Il Personal Computer. Cos è Lo schema di massima Che cosa ci possiamo fare. www.vincenzocalabro.it 1 Il Personal Computer Cos è Lo schema di massima Che cosa ci possiamo fare www.vincenzocalabro.it 1 Cos è Il Personal Computer è un elaboratore di informazioni utilizzato da un singolo utente. Le informazioni

Dettagli

Linguaggio e Architettura

Linguaggio e Architettura Parte 1 Linguaggio e Architettura IL LINGUAGGIO DELL INFORMATICA 1.1 1 Importante imparare il linguaggio dell informatica L uso Lusodella terminologia giusta è basilare per imparare una nuova disciplina

Dettagli

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Programma del corso Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Architettura di Von Neumann Memorie secondarie Dette anche Memoria

Dettagli

Hardware, software e periferiche. Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre

Hardware, software e periferiche. Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre Hardware, software e periferiche Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre Riepilogo - Concetti di base dell informatica L'informatica è quel settore scientifico disciplinare

Dettagli

Concetti di base della Tecnologia dell informazione

Concetti di base della Tecnologia dell informazione Concetti di base della Tecnologia dell informazione Modulo 1 ECDL Syllabus 4 A cura di Pieralberto Boasso pieralberto.boasso@istruzione.it boasso@econ.unito.it Indice 1.1: Concetti generali 1.2: Hardware

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Reti di computer- Internet- Web Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti n n n Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello timesharing,

Dettagli

Un Sistema Operativo di Rete nasconde all utente finale la struttura del calcolatore locale e la struttura della rete stessa

Un Sistema Operativo di Rete nasconde all utente finale la struttura del calcolatore locale e la struttura della rete stessa LE RETI INFORMATICHE Un calcolatore singolo, isolato dagli altri anche se multiutente può avere accesso ed utilizzare solo le risorse locali interne al Computer o ad esso direttamente collegate ed elaborare

Dettagli