COMUNE DI PORTO SANT'ELPIDIO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA LOCALIZZAZIONE di STAZIONI di TELEFONIA MOBILE e APPARATI DI TELECOMUNICAZIONI IN GENERALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI PORTO SANT'ELPIDIO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA LOCALIZZAZIONE di STAZIONI di TELEFONIA MOBILE e APPARATI DI TELECOMUNICAZIONI IN GENERALE"

Transcript

1 ARTICOLO 1 CRITERI E PRINCIPI GENERALI 1) Il presente regolamento comunale per l installazione di impianti di teleradiocomunicazione viene redatto, unitamente ad altra documentazione integrativa, allo scopo di istituire il piano comunale per la localizzazione degli impianti per la telefonia mobile e di teleradiodiffusione (c.d. Piano delle Antenne). Tale strumento disciplina il corretto insediamento urbanistico e territoriale degli impianti originanti campi elettromagnetici (CEM). 2) Concordemente alla normativa sopraordinata, i principi direttori di redazione del regolamento sono quelli volti a: a) razionalizzare ed ottimizzare la distribuzione delle Stazioni Radio Base (SRB) nel territorio, garantendo un adeguato livello del servizio di telefonia mobile, in quanto di pubblico interesse e di pubblica utilità; al contempo si richiede ai Gestori che la tecnologia utilizzata sia tale da recepire tutte quelle misure concretamente realizzabili ed attuabili per dar luogo ai più bassi livelli di campo elettromagnetico possibile; b) equanime fruizione del servizio. Gli oneri di locazione dei Gestori si riducono e si tramutano in risorse da cui la cittadinanza tutta può trarre beneficio. 3) Il Comune di Porto Sant'Elpidio s impegna, in virtù dell eventuale sviluppo della tecnologia e di eventuali nuove norme sopraordinate di futura emanazione, ad aggiornare la propria regolamentazione.

2 ARTICOLO 2 AMBITO DI APPLICAZIONE E RIFERIMENTI NORMATIVI In ottemperanza all'art.5 della Legge Regionale n. 25, il presente regolamento si applica a tutti gli impianti di teleradiocomunicazione operanti nell'intervallo di frequenza compresa tra 100 KHz e 300 GHz, compresi gli impianti a microcelle, gli impianti mobili su base carrata e gli impianti provvisori, nonché gli impianti di ponti radio installati nel territorio del Comune di Porto Sant'Elpidio, distinguendoli in: - impianti per la telefonia mobile (reti cellulari o gli impianti per la diffusione di dati digitali); - impianti di radiodiffusione (impianti di telecomunicazione non cellulari per la generazione e trasmissione dei segnali radiotelevisivi, inclusi i ponti radio). Sono esclusi dall'applicazione delle presenti norme regolamentari gli apparati di radioamatori e gli impianti di cui al comma 4 dell 'art. 2 della legge regionale n.25.

3 ARTICOLO 3 DEFINIZIONI Ai fini del presente regolamento si assumono le seguenti definizioni: a) Gestore: licenziatario munito del titolo abilitativo all esercizio di telecomunicazione; b) stazione radiobase: stazione radio di terra a servizio di uno o più Gestori, destinata al collegamento radio dei terminali mobili con la rete del servizio di telefonia cellulare; c) antenna radiobase: elemento di ricezione o di trasmissione facente parte di una stazione radio base (SRB), a servizio di un singolo Gestore; d) impianto radiobase: insieme di una o più antenne di un singolo Gestore e di tutti i sistemi tecnologici, di alimentazione e di sicurezza, necessari al suo funzionamento e prescritti a norma di legge; e) macrostazione: insieme costituito da traliccio o struttura di sostegno e da uno o più impianti di antenne radiobase; f) limiti di esposizione: valori di campo elettrico, magnetico e di densità di potenza che non devono essere superati in alcuna condizione di esposizione secondo quanto previsto dal DPCM 8/7/2003; g) valori di attenzione: a titolo di misura di cautela per la protezione da possibili effetti a lungo termine, eventualmente connessi con le esposizioni ai campi generati alle frequenze comprese tra 0,1 MHz e 300 GHz in corrispondenza di luoghi adibiti a permanenze non inferiori a quattro ore, ivi incluse le pertinenze esterne che siano fruibili come ambienti abitativi quali balconi, terrazzi, logge -aperte e non-, verde privato, giardini e cortili, esclusi i lastrici solari, i valori di attenzione sono assunti uguali a quelli di cui alla tabella 2 dell'allegato B del DPCM 8/7/2003; h) obiettivi di qualità: la minimizzazione dell impatto urbanistico-ambientale e dell esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici secondo quanto previsto all art.3 comma 1 lettera d della legge 22 febbraio 2001 n.36 e dal DPCM 08/07/03. i) aree vincolate, o sensibili: asili, scuole, ospedali e/o case di cura, o luoghi ad essi assimilabili per analogia, residenze socio sanitarie, ospizi, ecc., ovvero aree di interesse storico-artistico e paesaggistico-ambientale, meglio definite all art. 7 della L.R. n. 25/2001. l) reti cellulari: sistema di copertura radio in base alla quale il territorio viene suddiviso in celle servite ciascuna da una stazione ricetrasmittente, avente a disposizione un certo numero di canali radio, che consente il riuso intensivo dei canali messi a disposizione del sistema (tipico nelle reti di telefonia mobile). m) impianti di telecomunicazione non-cellulari: sistema per la distribuzione di segnali radio di tipo diffusivo (tipico delle reti radio e televisive). n) Microcella: Stazione Radio Base che eroga al connettore d antenna una potenza massima di 5 Watt. o) Titolare: soggetto in possesso del permesso di costruire e che realizza la struttura edilizia; p) Locatario: Gestore che utilizza la struttura realizzata dal soggetto Titolare a seguito di stipula di contratto di locazione con il Comune.

4 ARTICOLO 4 ATTO AUTORIZZATIVO 1) L'installazione, le modifiche e lo smantellamento dei sistemi di cui all'art.3, lettere b), c), d), e), m), ed n) sono disciplinati dall'art.87 del D.Lgs. 01/08/2003 n ) Fino all'approvazione del Piano, ai sensi della L.R. 14/04/2004 n. 7 modificata dalla L.R. 12/06/2007 n.6- ad oggetto "Disciplina della procedura di valutazione di impatto ambientale", la installazione di impianti radioelettrici, con esclusione per gli impianti provvisori di telefonia mobile, è assoggettata a procedura di verifica come indicato all'art. 6 della stessa L.R. 7/2004, e, a seconda dell'esito della procedura di verifica, se del caso, alla procedura di VIA (Valutazione di Impatto Ambientale) e delle relative Linee Guida Regionali di attuazione di cui alla deliberazione di Giunta Regionale n del 21/12/2004, nonché del relativo Regolamento. Pertanto, il rilascio dell'autorizzazione è subordinato all acquisizione agli atti, dell'esito positivo della procedura di verifica e, ove necessaria, della VIA. 3) Conformemente all'art. 87, comma 4 del D.Lgs. 259/03, il competente sportello comunale provvede a pubblicizzare l'istanza, pur senza diffondere i dati caratteristici dell'impianto.

5 ARTICOLO 5 LIMITI DI ESPOSIZIONE, VALORI DI ATTENZIONE E OBIETTIVI DI QUALITA 1) I limiti di esposizione e i valori di attenzione per la prevenzione rispettivamente degli effetti acuti e dei possibili effetti a lungo termine nella popolazione, dovuti alla esposizione ai campi elettromagnetici, sono quelli prescritti dal D.P.C.M pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 199 del all'art. 3. Tabella 1 Intensità di campo elettrico E (V/m) Intensità di campo magnetico H (A/m) Densità di Potenza D (W/m²) Limiti di esposizione 0,1< f 3 Mhz 3 < f 3000 MHz 3 < f 300 GHz ,2 0,05 0, Tabella 2 Intensità di campo elettrico E (V/m) Intensità di campo magnetico H (A/m) Densità di Potenza D (W/m²) Valori di attenzione 0,1 Mhz < f 300 GHz 6 0,016 0,10 (3MHz-300GHz) 2) Gli obiettivi di qualità per la progressiva minimizzazione della esposizione ai campi elettromagnetici sono fissati dall'art. 4 del D.P.C.M. 08/7/2003. Tabella 3 Intensità di campo elettrico E (V/m) Intensità di campo magnetico H (A/m) Densità di Potenza D (W/m²) Obiettivi di qualità 0,1 Mhz < f 300 GHz 6 0,016 0,10 (3MHz-300GHz) 3) Gli stessi limiti e valori si intenderanno variati automaticamente ove norme emanate da Enti sopraordinati intervengano con disposizioni diverse. 4) Fermi restando i limiti di cui al presente articolo, la progettazione, la realizzazione, nonché la modifica degli impianti, di cui all'art. 2 del presente regolamento, devono avvenire utilizzando le migliori tecnologie disponibili in modo da produrre i valori di campo elettromagnetico più bassi possibile, al fine di minimizzare l'esposizione della popolazione. 5) Nel caso di esposizioni multiple generate da più impianti valgono le disposizioni contenute nell'art. 5 e nell'allegato C del D.P.C.M. 08/07/2003. [Nel caso di esposizioni multiple generate da più impianti, la somma dei relativi contributi normalizzati dovrà essere minore di uno. In caso contrario si dovrà applicare la riduzione a conformità]

6 ARTICOLO 6 UBICAZIONE DELLE STAZIONI RADIO BASE PER TELEFONIA CELLULARE Il Piano Comunale per l'insediamento degli impianti di teleradiocomunicazione, di cui il presente Regolamento è parte integrante, comprende gli elaborati grafici nei quali sono riportati i siti in cui è stata accertata le presenza degli impianti di cui all'art.2 alla data di approvazione del presente regolamento e i siti individuati dal piano, per il corretto insediamento urbanistico e territoriale degli impianti stessi. Alcuni siti esistenti coincidono con i siti individuati dal piano. Per quelli esistenti che invece non coincidono è previsto lo spostamento nel sito più vicino individuato dal piano, che quindi non può essere utilizzato come sito aggiuntivo per lo stesso gestore dell impianto da spostare. Tale spostamento può avvenire nel caso in cui il titolo contrattuale che ha consentito l installazione sull immobile privato abbia esaurito la propria efficacia, ovvero anche anticipatamente qualora il gestore lo ritenga opportuno, tenuto conto anche dell incentivo di cui al successivo art. 14. ARTICOLO 7 IMPIANTI PROVVISORI DI TELEFONIA MOBILE L'installazione di impianti provvisori di telefonia mobile segue la procedura indicata dal D.Lgs. 259/2003 e le disposizioni dell art. 4 della L.R. n.25/2001. ARTICOLO 8 UBICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI RADIODIFFUSIONE L art. 7 comma 1. della L.R. n.25/2001 stabilisce che: 1) E' vietata l'installazione dei sistemi radianti relativi agli impianti di radiodiffusione: a) sugli edifici destinati ad abitazioni, a luoghi di lavoro o ad attività diverse da quelle specificatamente connesse all esercizio degli impianti stessi; b) su ospedali, case di cura e di riposo, edifici adibiti al culto, scuole ed asili nido, parchi pubblici, parchi gioco, aree verdi attrezzate ed impianti sportivi; c) in zone classificate dagli strumenti urbanistici come zone di interesse paesaggistico-ambientale, storico-architettonico, monumentale-archeologico. L installazione di impianti di radiodiffusione, ad esclusione dei ponti radio, potrà essere possibile solo dopo l'avvenuto espletamento da parte della Regione Marche della procedura indicata dall'art. articolo 13 della L.R. 13/11/2001 n. 25. Qualora, alla data della eventuale richiesta presentata da un Gestore, la Regione non avesse proceduto all'espletamento delle procedure suddette, potrà essere autorizzata l'installazione in via provvisoria dell'impianto, previo atto di impegno per l'adeguamento alle eventuali prescrizioni che venissero impartite dalla Regione medesima, compresa la delocalizzazione dello stesso.

7 ARTICOLO 9 ARMONIZZAZIONE TRA IL PIANO DELLE ANTENNE ED IL PIANO REGOLATORE GENERALE 1) Il Piano delle Antenne costituisce modifica degli strumenti esistenti di programmazione urbanistica del Comune di Porto Sant'Elpidio (art.5 comma 1 L.R. 25/2001), nonchè adeguamento a norme ad essi sopravvenute e sopraordinate. La modifica degli strumenti di programmazione urbanistica di che trattasi è intesa come integrazione delle norme esistenti. In particolare, il Piano Regolatore Generale non viene modificato. 2) Gli immobili vincolati ai sensi del D.Lgs. Del 22 gennaio 2004 n.42, o individuati dal Comune come edifici di pregio storico-architettonico di cui all'art.7, comma 2 lettera a) della L.R. n. 25/2001, unitamente alle loro pertinenze, sono in questa sede integralmente richiamati e considerati siti in cui l'installazione di impianti di telefonia mobile è consentita subordinatamente al preventivo atto di assenso della Soprintendenza. A tal fine si fa riferimento alla Tavola del Piano Regolatore Generale denominata Vincoli Storico- Ambientali e Manufatti Storici Extraurbani, nonchè all'art. 5 delle Norme di Attuazione dello stesso P.R.G. 3) Ad integrazione delle suddette norme e degli elaborati di P.R.G., sono redatte le tavv. C5-1 e C5-2, in cui vengono individuati siti e loro pertinenze in ottemperanza a quanto disposto dall'art. 7, comma 2 lettera b) della L.R.n.25/ ) Oltre all'art. 5 delle Norme di Attuazione del P.R.G., il Piano delle Antenne rende vincolanti, ai fini dell'individuazione dei siti, gli elaborati grafici C5-1 e C5-2, in scala 1:5000. Essi costituiscono ottemperanza all'art.7, comma 1 della L.R. n.25/2001 (tavole con i siti di pregio storico-architettonico e di tutela ambientale). In tali elaborati, nelle porzioni di aree con destinazione a Verde pubblico, l'uso U5/6 (attrezzature per il verde) è escluso ove si autorizzi l'installazione degli impianti. ARTICOLO 10 ARMONIZZAZIONE TRA IL PIANO DELLE ANTENNE ED IL REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE 1) Gli involucri e le strutture di protezione delle apparecchiature e della strumentazione, necessarie per il corretto funzionamento di impianti radio base e di impianti di tele-radio diffusione, sono considerati volumi tecnici di cui all'art.13, comma 1 lettera c) del Regolamento Edilizio Comunale. Tali involucri e strutture devono avere dimensioni strettamente necessarie a contenere le suddette apparecchiature e strumentazione in condizioni di sicurezza e corretto funzionamento. 2) Al fine di mitigare l'impatto visivo, nei siti individuati nella cartografia in cui è prevista l'installazione a seguito di delocalizzazione o di nuova installazione, è da preferire, la soluzione che preveda la maggiore aliquota di porzione interrata degli involucri e delle strutture di cui al comma 1), ovvero una perimetrazione con piantumazione con essenze di medio o alto fusto, siepi, piante rampicanti, ecc. 3) Tipologia delle strutture di sostegno delle antenne nei nuovi siti. Solo a titolo esemplificativo si indica che le antenne relative alle SRB andranno di norma installate su pali metallici singoli, a sezione circolare o poligonale variabile al crescere della quota rispetto alla sezione a terra. Sono escluse le strutture strallate. La tinteggiatura dei pali è ammessa con colori appartenenti alla scala delle terre o del verde. Altre soluzioni possono essere sottoposte alla valutazione del Comune. In ogni caso la struttura dovrà comprendere i manufatti edilizi a terra necessari ad accogliere l impiantistica dei Gestori, essere idonea all installazione di almeno quattro impianti radio base e di un eventuale impianto di pubblica illuminazione.

8 ARTICOLO 11 COMUNICAZIONE DI ENTRATA IN ESERCIZIO L art. 3 comma 10. della L.R. n.25/2001 stabilisce che per ciascun impianto il Gestore dovrà dare entro 15 giorni dall'attivazione apposita comunicazione di entrata in esercizio. La comunicazione è inviata all'arpam e al Comune di Porto Sant'Elpidio, che ha rilasciato l'atto autorizzativo. ARTICOLO 12 CONTROLLO E VIGILANZA DEGLI IMPIANTI Il Comune esercita le funzioni di controllo e di vigilanza per l'attuazione del presente regolamento. L art. 16 della L.R. n.25/2001 stabilisce che: 1) Il Comune esercita le funzioni di controllo e di vigilanza sanitaria e ambientale per l'attuazione della legge regionale con il supporto tecnico dell'arpam, anche su richiesta dell'arpam medesima. 2) Per il controllo all'interno degli impianti fissi o mobili destinati alle attività istituzionali delle Forze armate, delle Forze di polizia e dei Vigili del fuoco, si applica la disposizione prevista dall'articolo 14, comma 3, della legge 36/ ) Il personale incaricato dei controlli può accedere agli impianti previsti dall'articolo 2, anche ai fini della verifica delle modalità di funzionamento degli stessi ed ha inoltre facoltà di verificarne il funzionamento nelle condizioni di massima potenza immessa in antenna. Può richiedere i dati, le informazioni e i documenti necessari per l'espletamento delle proprie funzioni. Tale personale è munito di documento di riconoscimento rilasciato dall'arpam. 4) I Gestori degli impianti di cui all'articolo 2 debbono monitorare gli stessi attraverso un programma annuale di autocontrollo. Il programma annuale, contenente l'individuazione degli impianti irradianti campi elettromagnetici, il numero, il giorno e l'orario delle misurazioni dei valori dei parametri previsti dal D.P.C.M e dalla legge regionale deve essere ufficialmente comunicato, contestualmente all'attivazione degli impianti al Comune e all'arpam avendolo preventivamente con quest'ultima concordato. l risultati delle misurazioni di controllo devono essere comunicati di volta in volta sia all'arpam che al Comune che, su richiesta, li mette a disposizione dei cittadini interessati. ARTICOLO 13 SANZIONI In tutti i casi di inosservanza delle prescrizioni di cui al presente regolamento si applicano le sanzioni previste dalla normativa nazionale e regionale. In particolare le sanzioni applicabili sono quelle riportate all'art. 15 della Legge 22 febbraio 2001, n. 36 e all art. 17 della L.R. n. 25/2001.

9 ARTICOLO 14 INTROITI 1) A ciascun impianto installato su siti di proprietà comunale o gestiti dal Comune o dei quali il Comune sia Titolare ai sensi del presente Regolamento, individuati nella relativa cartografia del Piano delle Antenne, dovrà corrispondere un canone che il Gestore o i Gestori verseranno al Comune con le modalità che l'ente stesso stabilirà con atti specifici. In tali atti saranno stabiliti anche i relativi importi, in ottemperanza ed in conformità all'ultimo periodo del comma 6 dell'art. 88 del D.Lgs. 259/03. 2) Un'aliquota del compendio degli introiti, da stabilire con apposita Delibera di Giunta Comunale di volta in volta, può annualmente essere impiegata per informazione e formazione, in particolare nelle scuole cittadine in materie inerenti i rischi da inquinamento elettromagnetico. 3) Criterio di determinazione del canone di cui al punto 1): a) Il diritto di realizzare la struttura è riservato al Titolare che quindi non necessariamente risulta anche Gestore. In tal caso non verrà corrisposto alcun canone al Comune, in quanto quest ultimo potrà utilizzare gratuitamente la struttura come sostegno per pubblica illuminazione, essendo a tale scopo idoneo come previsto dall art. 10 comma 5. Dovrà essere allegata alla domanda di rilascio del permesso di costruire una stima asseverata del costo della struttura che farà da riferimento per la regolazione dei contratti di subentro dei vari Gestori non titolari, e rimarrà a disposizione degli aventi diritto, ai sensi della L. 241/90, all accesso agli atti amministrativi. b) Il diritto di installare attrezzature, apparecchiature e/o impianti SRB è riservata ai Gestori muniti di concessione ministeriale, previa stipula di contratto di locazione con il Comune. c) Tale diritto di installare attrezzature ed apparecchiature, ad esclusione della gestione delle reti di telefonia cellulare, è esteso a Società che esercitino le corrispondenti attività economiche. d) Per ciascun sito, inteso come singolo sostegno per l'installazione delle antenne ricetrasmittenti per le reti di telefonia cellulare, il canone da corrispondere al Comune in regime di locazione, sarà pari al 60% della media del canone annuo corrisposto dal Gestore stesso ai proprietari privati del territorio comunale per la conduzione degli immobili in regime di locazione. Ove non esistenti verranno considerati i contratti in essere nei comuni vicini. e) Per quanto segue, tale canone viene considerato come l'unità di riferimento (100%) e versato al momento della stipula del contratto di locazione del primo Gestore. E' previsto annualmente l'adeguamento ISTAT in base all indice nazionale dei prezzi al consumo per famiglie di operai e impiegati-variazione percentuale rispetto all anno precedente. f) A seguito della richiesta del Gestore e all autorizzazione del Comune si procede alla stipula del contratto di locazione. Il Titolare è obbligato a consentire l installazione di almeno quattro impianti radio base ai Gestori-Locatari alle condizioni previste nel successivo art. 15. g) Qualora lo stesso sostegno venisse utilizzato da due Gestori di reti, i soggetti Locatari dovranno versare al Comune complessivamente il 130% del canone di cui alla precedente lettera d). h) Qualora lo stesso sostegno venisse utilizzato da tre o più Gestori di reti, i soggetti Locatari dovranno versare al Comune complessivamente il 150% del canone di cui alla precedente lettera d). i) Il canone degli anni successivi a quello della stipula del contratto, eventualmente adeguato a seguito della presenza di più Gestori, è versato all'inizio dell'anno. Esso va

10 considerato interamente se, in un anno, si riferisce ad almeno 6 mesi. Per un tempo inferiore si applica un canone forfettario intermedio. La data di riferimento è quella del mese di rilascio dell'atto autorizzativo. Esempio: canone da versare dal Locatario, per un impianto il cui atto autorizzativo è rilasciato al secondo Gestore di una rete, nel mese di ottobre. Canone intero per il primo Gestore: 100% dell unità di riferimento; canone intero per la presenza del secondo Gestore: 130%. Canone transitorio virtuale fino alla fine dell'anno: 115%. L'anno successivo il canone sarà pari a 145%: 130% per i due Gestori di rete per tutto l'anno corrente e 15% per la porzione dell'anno precedente in cui sono stati presenti due Gestori. Non sono previsti rimborsi al Locatario per periodi inferiori ad un anno, nel caso che il numero di Gestori di rete diminuisca. La determinazione della percentuale di ripartizione del canone può essere individuata graficamente anche attraverso i diagrammi di cui all'allegato A. Gestori canone totale al Comune n Gestori A B C D 100% / / / 100% 1 65% 65% / / 130% 2 50% 50% 50% / 150% 3 37,5% 37,5% 37,5% 37,5% 150% 4 l) Per incentivare il gestore allo spostamento nei siti previsti dal piano degli impianti esistenti, l Amministrazione comunale in accordo con il gestore stesso, con apposito atto potrà prevedere forme di agevolazione sul canone di locazione di cui al presente articolo.

11 ARTICOLO 15 RAPPORTI TRA TITOLARE E GESTORI-LOCATARI Sulla base di quanto previsto all art. 14 punto 3) lettera f), l installazione dell impianto radio base da parte di Gestore diverso dal Titolare, autorizzata dal Comune e, nel caso ricada su area comunale, regolarizzata a seguito della stipula del contratto di locazione con il Comune stesso, è regolata nei rapporti con il soggetto Titolare come segue. Il Titolare è tenuto a contrattualizzare il Gestore regolarmente autorizzato e/o Locatario del Comune, nei tempi tecnici strettamente necessari a far data dalla richiesta del Gestore di utilizzo della struttura, al fine di consentirgli l attivazione del servizio nel minor tempo possibile, restando responsabile di comportamenti che possano arrecare danni al Gestore. Il canone complessivo massimo annuo che il Titolare potrà richiedere ai Gestori-Locatari, è stabilito nel rapporto tra: la stima di cui all art. 14 punto 3) lettera a) raddoppiata, in virtù delle seguenti maggiorazioni: 30% in considerazione forfettaria degli oneri finanziari; 40% per spese di manutenzione ordinaria e straordinaria; 20% a titolo di utile d impresa e spese generali per la gestione; la durata operativa della struttura che si stima in via meramente contabile e presunta pari a 10 anni, tenendo conto non tanto della vita utile della struttura edilizia, sicuramente maggiore, ma della valutazione prudenziale della durata del servizio da gestire in conseguenza del rapido sviluppo tecnologico del settore degli impianti di radiodiffusione e delle normative. con le seguenti maggiorazioni: numero dei Gestori: maggiorazione del 30% in caso di presenza di due Gestori e del 50% nel caso di presente di più di due Gestori; Pertanto il canone complessivo massimo annuo che il Titolare potrà richiedere ai Gestori- Locatari, si ricava con la seguente formula: canone annuo max= costo stimato x 2 10 Il valore ottenuto deve essere moltiplicato per 1,3 nel caso di presenza di n 2 Gestori, oppure per 1,5 nel caso della presenza di n 3 o pi ù Gestori.(x 1.30 se due Gestori o x 1.50 oltre) tale canone va ripartito per il numero di Gestori: quota annuale singolo Gestore = canone annuo max n Gestori

12 il tutto come riepilogato nella tabella seguente: Gestori canone totale al Titolare n Gestori A B C D 100% / / / 100% 1 65% 65% / / 130% 2 50% 50% 50% / 150% 3 37,5% 37,5% 37,5% 37,5% 150% 4 E' consentito annualmente l'adeguamento ISTAT in base all indice nazionale dei prezzi al consumo per famiglie di operai e impiegati-variazione percentuale rispetto all anno precedente, da applicare alla stima di cui all art. 14 punto 3) lettera a). Il contratto dovrà prevedere la revisione del canone in funzione del subentro e recesso di altri Gestori-Locatari, nonché il rispetto delle norme previste nel presente regolamento ed eventualmente la revisione ISTAT. Il Titolare è tenuto a depositare copia del contratto presso il Comune, ufficio Ambiente, per la verifica del rispetto del regolamento e per i controlli sul Gestore di competenza dell Ente. Il Titolare è obbligato a comunicare ai Gestori-Locatari con esso già contrattualizzati il subentro ed il recesso di nuovi Gestori-Locatari, ai fini dell aggiornamento automatico delle rispettive quote sulla base delle norme del presente Regolamento. Il canone va considerato interamente se, in un anno, si riferisce ad almeno 6 mesi. Per un tempo inferiore si applica un canone forfettario intermedio. La data di riferimento è quella del mese di stipula. Esempio: canone da versare dal Gestore, per un impianto il cui atto autorizzativo è rilasciato al secondo Gestore di una rete, nel mese di ottobre. Canone intero per il primo Gestore: 100% dell unità di riferimento; canone intero per la presenza del secondo Gestore: 130%. Canone transitorio virtuale fino alla fine dell'anno: 115%. L'anno successivo il canone sarà pari a 145%: 130% per i due Gestori di rete per tutto l'anno corrente e 15% per la porzione dell'anno precedente in cui sono stati presenti due Gestori. Non sono previsti rimborsi al Gestore per periodi inferiori ad un anno, nel caso che il numero di Gestori di rete diminuisca. La determinazione della percentuale di ripartizione del canone può essere individuata graficamente anche attraverso i diagrammi di cui all'allegato A. In caso di inosservanza da parte del Titolare di quanto stabilito nel presente articolo, segnalata e documentata dal Gestore-Locatario, il Comune provvederà a diffidare il Titolare a ottemperare entro 30 gg. In caso di recidiva il Comune provvederà all incasso da parte del Gestore che deve subentrare di quanto dovuto al Titolare sulla base del presente regolamento; all emissione di una ordinanza dirigenziale di autorizzazione all accesso ed all utilizzo della struttura a favore del Gestore e di concessione di ulteriore termine al Titolare per il perfezionamento del rapporto contrattuale tra Titolare e Gestore. La somma incassata dal Comune verrà tenuta in deposito per la eventuale restituzione al Titolare a seguito dell avvenuto perfezionamento del rapporto contrattuale, senza interessi ed al netto delle spese sostenute dal Comune per il comportamento inadempiente del Titolare. trascorso inutilmente anche il secondo termine stabilito con la suddetta ordinanza il Comune provvederà alla regolarizzazione della posizione contrattuale del Gestore stipulando con esso un regolare contratto per un anno in sostituzione del Titolare, alle stesse condizioni.

13 il canone resterà acquisito al Comune e non potrà essere richiesto per nessun motivo dal Titolare; alla scadenza del contratto, previa richiesta scritta del Titolare al Comune entro un mese dalla scadenza, questo potrà stipulare un nuovo contratto con il Gestore in vece del Comune ripristinando il regime previsto dal presente regolamento; diversamente il contratto stipulato dal Comune continuerà ad essere rinnovato annualmente, continuando a incamerarne il canone, sino al verificarsi della condizione suddetta. della avvenuta stipula di un contratto da parte del Comune in sostituzione al Titolare verrò data informazione agli altri Gestori già contrattualizzati dal Titolare, al fine di autorizzarne la richiesta al Titolare di aggiornamento del canone stabilita dal presente regolamento. ARTICOLO 16 ENTRATA IN VIGORE DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento entra in vigore con l esecutività della deliberazione Consiliare di approvazione dello stesso. Nella fase transitoria tra la deliberazione del Consiglio Comunale per l'adozione e l'approvazione definitiva del Piano delle Antenne, valgono le norme di salvaguardi. Per quanto non previsto dal presente regolamento si rimanda alle disposizioni vigenti in materia. ARTICOLO 17 DURATA E VARIAZIONI Il presente regolamento resta valido fino all abrogazione della norma che lo rende obbligatorio e fino ad eventuali variazioni che il Comune riterrà necessario apportare, da approvare con lo stesso iter adottato per la fase di approvazione originaria.

14 ALLEGATO A monogrammi per la determinazione del canone di locazione dei siti

COMUNE DI OSIMO Provincia di Ancona

COMUNE DI OSIMO Provincia di Ancona COMUNE DI OSIMO Provincia di Ancona DIPARTIMENTO DEL TERRITORIO Settore Ufficio Tecnico Servizio Ambiente REGOLAMENTO COMUNALE PER IL CONTROLLO DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI ARTICOLO 1 CAMPO DI APPLICAZIONE-ATTO

Dettagli

COMUNE DI SANTA MARIA NUOVA PROVINCIA DI ANCONA

COMUNE DI SANTA MARIA NUOVA PROVINCIA DI ANCONA REGOLAMENTO COMUNALE PER IL CORRETTO INSEDIAMENTO DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE E PIANO DI LOCALIZZAZIONE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n.59 del 05/10/2012 Il Segretario Comunale Il

Dettagli

Settore Tecnico (Servizio Pianificazione, Urbanistica ed Edilizia) REGOLAMENTO COMUNALE

Settore Tecnico (Servizio Pianificazione, Urbanistica ed Edilizia) REGOLAMENTO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONE A TECNOLOGIA CELLULARE QUALI STAZIONI RADIO-BASE PER SERVIZI DI TELEFONIA MOBILE, DIGITALI MOBILI E SIMILARI Approvato

Dettagli

Regolamento Approvato con delibera C.C. n. 35/91/190 del 29/03/2004

Regolamento Approvato con delibera C.C. n. 35/91/190 del 29/03/2004 Regolamento Comunale per l installazione e l esercizio degli impianti radiobase per telefonia mobile e per teleradiocomunicazioni per la diffusione di segnali radio e televisivi. Regolamento Approvato

Dettagli

COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO Ufficio Tecnico c.a.p. 31010 Piazza Municipio, 13 tel. 0438/498834 c.f.: 82006050262 fax 0438/492190

COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO Ufficio Tecnico c.a.p. 31010 Piazza Municipio, 13 tel. 0438/498834 c.f.: 82006050262 fax 0438/492190 Allegato sub A alla delibera di C.C. n 64 del 23/12/2008 COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO Ufficio Tecnico c.a.p. 31010 Piazza Municipio, 13 tel. 0438/498834 c.f.: 82006050262 fax 0438/492190

Dettagli

COMUNE DI ANDRIA --o0o--

COMUNE DI ANDRIA --o0o-- COMUNE DI ANDRIA --o0o-- Regolamento per l installazione la modifica e l adeguamento delle stazioni radio base per la telefonia cellulare e servizi similari. Antenne emittenti radiotelevisive Art. 1 Applicazione

Dettagli

COMUNE DI PUTIGNANO - Provincia di Bari - www.comune.putignano.ba.it

COMUNE DI PUTIGNANO - Provincia di Bari - www.comune.putignano.ba.it REGOLAMENTO COMUNALE PER LA LOCALIZZAZIONE E INSTALLAZIONE DI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE E PER L EMITTENZA RADIO TELEVISIVA E MINIMIZZAZIONE DELL ESPOSIZIONE DELLA POPOLAZIONE AI CAMPI ELETTROMAGNETICI

Dettagli

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L'INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 INDICE CAPO I -

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE. Approvato con delibera C.C. n. 47 dell 11.6.2002

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE. Approvato con delibera C.C. n. 47 dell 11.6.2002 REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE Approvato con delibera C.C. n. 47 dell 11.6.2002 Art. 1 FINALITA E OBIETTIVI DEL REGOLAMENTO. 1. Con il presente regolamento, con riferimento

Dettagli

C O M U N E DI T I R I O L O Provincia di Catanzaro

C O M U N E DI T I R I O L O Provincia di Catanzaro C O M U N E DI T I R I O L O Provincia di Catanzaro Regolamento per l installazione, la modifica e l adeguamento delle stazioni radio base per la telefonia cellulare e servizi similari. Antenne emittenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'INSTALLAZIONE, LA MODIFICA E L ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI PER TELERADIOCOMUNICAZIONI (Dal sito del Comune)

REGOLAMENTO PER L'INSTALLAZIONE, LA MODIFICA E L ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI PER TELERADIOCOMUNICAZIONI (Dal sito del Comune) REGOLAMENTO PER L'INSTALLAZIONE, LA MODIFICA E L ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI PER TELERADIOCOMUNICAZIONI (Dal sito del Comune) Approvato con deliberazione del C.C. n. 53 del 12.4.2000 ultimo aggiornamento

Dettagli

COMUNE DI VEDELAGO PROVINCIA DI TREVISO SETTORE URBANISTICA

COMUNE DI VEDELAGO PROVINCIA DI TREVISO SETTORE URBANISTICA COMUNE DI VEDELAGO PROVINCIA DI TREVISO SETTORE URBANISTICA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale N 24 in data

Dettagli

Regolamento comunale per l installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti per la telefonia mobile cellulare

Regolamento comunale per l installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti per la telefonia mobile cellulare Regolamento comunale per l installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti per la telefonia mobile cellulare CAPO 1 PREMESSA Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento

Dettagli

COMUNE DI MONZA SETTORE AMBIENTE E QUALITÀ URBANA Ufficio Ecologia

COMUNE DI MONZA SETTORE AMBIENTE E QUALITÀ URBANA Ufficio Ecologia COMUNE DI MONZA SETTORE AMBIENTE E QUALITÀ URBANA Ufficio Ecologia REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DI IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONE A TECNOLOGIA CELLULARE E PER LA RADIODIFFUSIONE

Dettagli

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE Premessa Il presente schema di Regolamento verrà sottoposto all approvazione del Consiglio Comunale,

Dettagli

ALLEGATO 1. variante adottata con delibera Consiglio Comunale n. 6 del 25.02.2005

ALLEGATO 1. variante adottata con delibera Consiglio Comunale n. 6 del 25.02.2005 ALLEGATO 1 variante adottata con delibera Consiglio Comunale n. 6 del 25.02.2005 DATA : 10.06.2005 COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO PER LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI

Dettagli

Presentazione Regolamento Comunale per l installazione di impianti di telefonia cellulare e radioelettrici

Presentazione Regolamento Comunale per l installazione di impianti di telefonia cellulare e radioelettrici CITTA DI GIAVENO Presentazione Regolamento Comunale per l installazione di impianti di telefonia cellulare e radioelettrici Anno 2006 1 CAPPELLO La Città di Giaveno ha partecipato ad un protocollo d intesa

Dettagli

ALLEGATO 1. FINALITÀ E CAMPO DI APPLICAZIONE.

ALLEGATO 1. FINALITÀ E CAMPO DI APPLICAZIONE. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 5 settembre 2005, n.16-757 Legge regionale n. 19 del 3 agosto 2004 Nuova disciplina regionale sulla protezione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici.

Dettagli

COMUNE DI POLIGNANO A MARE 70044 PROVINCIA Di BARI ****************************************

COMUNE DI POLIGNANO A MARE 70044 PROVINCIA Di BARI **************************************** COMUNE DI POLIGNANO A MARE 70044 PROVINCIA Di BARI ASSESSORATO ALL URBANISTICA ASSESSORATO ALL AMBIENTE ******** **************************************** ********************************************************************************

Dettagli

GRUPPO CONSILIARE MOVIMENTO 5 STELLE MONTEGRANARO

GRUPPO CONSILIARE MOVIMENTO 5 STELLE MONTEGRANARO GRUPPO CONSILIARE MOVIMENTO 5 STELLE MONTEGRANARO All Ill.mo Sig. Sindaco della Città di Montegranaro All Ill.mo Sig. Presidente del Consiglio Comunale di Montegranaro e, p.c. Ai Capigruppo Consiliari

Dettagli

CRITERI di LOCALIZZAZIONE degli IMPIANTI

CRITERI di LOCALIZZAZIONE degli IMPIANTI COMUNE DI VIAREGGIO Area Assetto e Gestione del Territorio Ufficio Urbanistica - Ambiente Programma Comunale degli impianti (art. 9 della L.R. 49/11) CRITERI di LOCALIZZAZIONE degli IMPIANTI Viareggio,

Dettagli

Regolamento comunale per l installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti per la telefonia mobile cellulare

Regolamento comunale per l installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti per la telefonia mobile cellulare Regolamento comunale per l installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti per la telefonia mobile cellulare CAPO 1 PREMESSA Art. 1 Oggetto 1) Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNE DI CANDIANA PER L INSTALLAZIONE, LA MODIFICA E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI FISSI E MOBILI PER LE RADIO TELECOMUNICAZIONI CELLULARI

REGOLAMENTO COMUNE DI CANDIANA PER L INSTALLAZIONE, LA MODIFICA E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI FISSI E MOBILI PER LE RADIO TELECOMUNICAZIONI CELLULARI COMUNE DI CANDIANA Provincia di Padova REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE, LA MODIFICA E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI FISSI E MOBILI PER LE RADIO TELECOMUNICAZIONI CELLULARI in applicazione dell art. 8, comma

Dettagli

CITTÀ DI MORBEGNO (Prov. di Sondrio) Via S. Pietro, 22-23017 MORBEGNO (SO)

CITTÀ DI MORBEGNO (Prov. di Sondrio) Via S. Pietro, 22-23017 MORBEGNO (SO) CITTÀ DI MORBEGNO (Prov. di Sondrio) Via S. Pietro, 22-23017 MORBEGNO (SO) REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE E LA MINIMIZZAZIONE DELL ESPOSIZIONE AI CAMPI ELETTROMAGNETICI

Dettagli

COMUNE DI ALTOPASCIO

COMUNE DI ALTOPASCIO COMUNE DI ALTOPASCIO REGOLAMENTO COMUNALE PER L AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE E ALL ESERCIZIO DI IMPIANTI PER RADIOTELECOMUNICAZIONE CON PARTICOLARE RIGUARDO ALLE ANTENNE E APPARATI ANNESSI PER TELEFONIA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI INFRASTRUTTURE E IMPIANTI RADIOELETTRICI PER LA TELEFONIA MOBILE, PER LA RADIOTELEDIFFUSIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI INFRASTRUTTURE E IMPIANTI RADIOELETTRICI PER LA TELEFONIA MOBILE, PER LA RADIOTELEDIFFUSIONE Comune di Como REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI INFRASTRUTTURE E IMPIANTI RADIOELETTRICI PER LA TELEFONIA MOBILE, PER LA RADIOTELEDIFFUSIONE E PER LA MINIMIZZAZIONE DELL ESPOSIZIONE DELLA POPOLAZIONE AI

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALLA LOCALIZAZZIONE PER GLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE E DI TELECOMUNICAZIONI RADIO TELEVISIVE, NONCHE

REGOLAMENTO RELATIVO ALLA LOCALIZAZZIONE PER GLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE E DI TELECOMUNICAZIONI RADIO TELEVISIVE, NONCHE REGOLAMENTO RELATIVO ALLA LOCALIZAZZIONE PER GLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE E DI TELECOMUNICAZIONI RADIO TELEVISIVE, NONCHE INSTALLAZIONE ED ADEGUAMENTO DELLE STAZIONI RADIO BASE Pag. 1 di 10 Approvato

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. n. DEL REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA E VIDEOFONIA MOBILE

ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. n. DEL REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA E VIDEOFONIA MOBILE ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. n. DEL REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA E VIDEOFONIA MOBILE INDICE CAPO I - FINALITÀ E CAMPO APPLICATIVO... 3 ART. 01.

Dettagli

NORMATIVA REGIONALE IN MATERIA DI PREVENZIONE DELL'INQUINAMENTO DA CAMPI ELETTROMAGNETICI

NORMATIVA REGIONALE IN MATERIA DI PREVENZIONE DELL'INQUINAMENTO DA CAMPI ELETTROMAGNETICI LEGGE REGIONALE N. 30 DEL 05-04-2000 REGIONE BASILICATA NORMATIVA REGIONALE IN MATERIA DI PREVENZIONE DELL'INQUINAMENTO DA CAMPI ELETTROMAGNETICI Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE COMUNE DI PORDENONE SETTORE 7 PIANIFICAZIONE EDILIZIA PRIVATA ATTIVITÀ ECONOMICHE DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE Regolamento

Dettagli

CITTA DI GIAVENO. Guida iter autorizzativo impianti radioelettrici

CITTA DI GIAVENO. Guida iter autorizzativo impianti radioelettrici CITTA DI GIAVENO Guida iter autorizzativo impianti radioelettrici Anno 2006 Guida iter autorizzativo impianti radioelettrici Elaborazione Per l Ufficio Urbanistica ed Edilizia Privata della Città di Giaveno

Dettagli

Comune di Costa Masnaga Provincia di Lecco

Comune di Costa Masnaga Provincia di Lecco REGOLAMENTO COMUNALE PER L AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE E ALL ESERCIZIO DI IMPIANTI PER RADIOTELECOMUNICAZIONE 2011 Comune di Costa Masnaga Provincia di Lecco Dicembre 2011 INDICE Art.1 Finalità del

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE COMUNE DI RAGALNA (Provincia di Catania) REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE Approvato con delibera C.C. n. 35 del 29.5.2013 1 CAPO I DISPOSIZIONI

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO 66 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA URBANISTICO/TERRITORIALE E LA MINIMIZZAZIONE DELL ESPOSIZIONE DELLA POPOLAZIONE AI CAMPI ELETTROMAGNETICI NELLA LOCALIZZAZIONE DI INFRASTRUTTURE E IMPIANTI RADIOELETTRICI,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI INFRASTRUTTURE PER IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE. Indice :

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI INFRASTRUTTURE PER IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE. Indice : REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI INFRASTRUTTURE PER IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE Indice : titolo I Art. 1 Art. 2 titolo II Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 titolo III Art. 7 Art. 8 Art. 9 Art. 10 Art. 11

Dettagli

APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE NR. 35 IL 14 OTTOBRE

APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE NR. 35 IL 14 OTTOBRE COMUNE DI CORI REGOLAMENTO COMUNALE PER L AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE E ALL ESERCIZIO DI IMPIANTI PER RADIOTELECOMUNICAZIONE CON PARTICOLARE RIGUARDO ALLE ANTENNE E APPARATI ANNESSI PER TELEFONIA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PROGETTAZIONE E LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONE.

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PROGETTAZIONE E LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONE. REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PROGETTAZIONE E LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONE. La Responsabile per il Servizio Urbanistica arch. Maria Grazia La Porta Il Responsabile per lo Sportello Unico

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE E PER LE TRASMISSIONI IN STANDARD DVB-H

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE E PER LE TRASMISSIONI IN STANDARD DVB-H REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE E PER LE TRASMISSIONI IN STANDARD DVB-H Testo approvato con delibera C.C. n. 109 del 30.07.2007 (in vigore

Dettagli

CITTÀ DI SIRACUSA SETTORE PIANIFICAZIONE ED EDILIZIA PRIVATA Servizio Decoro Urbano

CITTÀ DI SIRACUSA SETTORE PIANIFICAZIONE ED EDILIZIA PRIVATA Servizio Decoro Urbano S. P. CITTÀ DI SIRACUSA SETTORE PIANIFICAZIONE ED EDILIZIA PRIVATA Servizio Decoro Urbano Q. S. AGGIORNAMENTO DEL PIANO ATTUATIVO PER LA LOCALIZZAZIONE DELLE SRB PER LA TELEFONIA MOBILE E DEGLI IMPIANTI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA LOCALIZZAZIONE E L INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI RADIOELETTRICI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA LOCALIZZAZIONE E L INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI RADIOELETTRICI PROVINCIA DI TORINO Settore Urbanistica e Ambiente REGOLAMENTO COMUNALE PER LA LOCALIZZAZIONE E L INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI RADIOELETTRICI (TELEFONIA MOBILE, TRASMISSIONE DATI E DIFFUSIONE RADIOTELEVISIVA)

Dettagli

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore RETE DI MONITORAGGIO DEI LIVELLI DI INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO DEL COMUNE DI JESI RAPPORTO ANNO 2011 Servizio Radiazioni/Rumore Dipartimento Provinciale ARPAM di Ancona La rete di monitoraggio Il Comune

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI RADIOELETTRICI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI RADIOELETTRICI CITTÀ di AVIGLIANA Provincia di Torino Piazza Conte Rosso n.7 Cap. 10051 P.IVA 01655950010 AREA TECNICA URBANISTICA EDILIZIA PRIVATA Tel. 011.97.69.017 Fax 011.97.69.109 e-mail urbedi.avigliana@reteunitaria.piemonte.it

Dettagli

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno REGOLAMENTO COMUNALE TELEFONIA MOBILE

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno REGOLAMENTO COMUNALE TELEFONIA MOBILE COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE Sportello Unico Attività Produttive Polo di Rosignano Marittimo

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE NORME SULL INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE PER TELEFONIA

REGOLAMENTO RECANTE NORME SULL INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE PER TELEFONIA REGOLAMENTO RECANTE NORME SULL INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE PER TELEFONIA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 27 del 31/03/2003. 50058 SIGNA (FI) - Piazza della Repubblica,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE E PER LE TRASMISSIONI IN STANDARD DVB-H

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE E PER LE TRASMISSIONI IN STANDARD DVB-H Comune di Padova REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE E PER LE TRASMISSIONI IN STANDARD DVB-H Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Regolamento comunale per la telefonia mobile

Regolamento comunale per la telefonia mobile COMUNE DI UDINE Regolamento comunale per la telefonia mobile Approvato con Delibera consiliare n. 74 d ord. del 4 novembre 2013 Capo I Capo I...3 ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE...3 ART. 2 FINALITÀ E OBIETTIVI

Dettagli

COMUNE DI SERDIANA REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI SERDIANA REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI SERDIANA - Provincia di Cagliari REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSEDIAMENTO URBANISTICO E TERRITORIALE DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE PER TELECOMUNICAZIONI RADIOTELEVISIVE E MINIMIZZAZIONE DELL

Dettagli

Approvato con D.C.C. n. del. Pagina 1 di 30

Approvato con D.C.C. n. del. Pagina 1 di 30 REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO REGOLAMENTO PER LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE, TELECOMUNICAZIONE, RADIODIFFUSIONE SONORA AI SENSI DELLA L.R. 19/2004 e d.g.r. 16-757 del 5/9/2005

Dettagli

P ROPOSTA DI LEGGE d ìnìzìativa del Consìglìere SEBASTIANI

P ROPOSTA DI LEGGE d ìnìzìativa del Consìglìere SEBASTIANI .REGIUNE DEL~ t&fwia Consiglio Regionale VII LEGISLATURA ATTO N. 520 P ROPOSTA DI LEGGE d ìnìzìativa del Consìglìere SEBASTIANI Norme per la prevenzione e la tutela sanìtarìa dall%@namento elettromagnetico

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE N. 30/2000 SULL INQUINAMENTO ELETROMAGNETICO. SOMMARIO

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE N. 30/2000 SULL INQUINAMENTO ELETROMAGNETICO. SOMMARIO 2 RUE ALLEGATO 6 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE N. 30/2000 SULL INQUINAMENTO ELETROMAGNETICO. SOMMARIO Parte I - FINALITA... 4 Art. 1 - Obiettivi 4 Parte II MODALITA DI RILASCIO DELLE

Dettagli

"NORME PER LA TUTELA DELLA SALUTE E LA SALVAGUARDIA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO"

NORME PER LA TUTELA DELLA SALUTE E LA SALVAGUARDIA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO "NORME PER LA TUTELA DELLA SALUTE E LA SALVAGUARDIA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO" CAPO I FINALITA' Art. 1 Finalità 1. La Regione Emilia-Romagna in attuazione del Decreto del Ministero

Dettagli

COMUNE DI CARTOCETO Provincia di Pesaro e Urbino

COMUNE DI CARTOCETO Provincia di Pesaro e Urbino COMUNE DI CARTOCETO Provincia di Pesaro e Urbino REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE Approvato con delibera di C.C. n 31 del 03.06.2013 Redazione a cura del

Dettagli

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore RETE DI MONITORAGGIO DEI LIVELLI DI INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO DEL COMUNE DI JESI RAPPORTO ANNO 2009 Servizio Radiazioni/Rumore Dipartimento

Dettagli

C O M U N E DI O D E R Z O Città Archeologica (Provincia di Treviso)

C O M U N E DI O D E R Z O Città Archeologica (Provincia di Treviso) C O M U N E DI O D E R Z O Città Archeologica (Provincia di Treviso) Proposta di Deliberazione del Consiglio Comunale N 59_PropC/2015 del 25/11/2015 Oggetto: INSTALLAZIONE DI NUOVO IMPIANTO DI RADIOTELECOMUNICAZIONE

Dettagli

COMUNE DI MIRABELLO SANNITICO. Provincia di Campobasso. Regolamento comunale. mobile e impianti di. radiodiffusione

COMUNE DI MIRABELLO SANNITICO. Provincia di Campobasso. Regolamento comunale. mobile e impianti di. radiodiffusione COMUNE DI MIRABELLO SANNITICO Provincia di Campobasso Regolamento comunale Per l installazione e l esercizio degli impianti di telefonia mobile e impianti di radiodiffusione REGOLAMENTO COMUNALE PER L

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE INSTALLAZIONE, MODIFICA ED ADEGUAMENTO STAZIONI RADIOBASE TELEFONIA CELLULARE E RADIOTELEVISIVE 7-150 WATT.

REGOLAMENTO COMUNALE INSTALLAZIONE, MODIFICA ED ADEGUAMENTO STAZIONI RADIOBASE TELEFONIA CELLULARE E RADIOTELEVISIVE 7-150 WATT. COMUNE DI SPRESIANO (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO COMUNALE INSTALLAZIONE, MODIFICA ED ADEGUAMENTO STAZIONI RADIOBASE TELEFONIA CELLULARE E RADIOTELEVISIVE 7-150 WATT. - Delibera C.C. n 2 del 08.03.2001:

Dettagli

APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 19 del 19.03.2002

APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 19 del 19.03.2002 REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE, LA MODIFICA, L ADEGUAMENTO DELLE STAZIONI RADIO BASE PER LA TELEFONIA CELLULARE E DEGLI IMPIANTI DI RADIOTRASMISSIONE IN GENERE. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI NOVARA REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONE.

COMUNE DI NOVARA REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONE. COMUNE DI NOVARA REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONE. PREMESSA...2 Capo I...3 ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE...3 ART. 2 - FINALITÀ E OBIETTIVI DEL REGOLAMENTO...3 Capo II...4

Dettagli

ART.1- - OGGETTO. Sono oggetto delle presenti norme le stazioni radio-base per telefonia mobile.

ART.1- - OGGETTO. Sono oggetto delle presenti norme le stazioni radio-base per telefonia mobile. Regolamento per l installazione e il controllo delle stazioni radio-base per telefonia mobile (Approvato con deliberazione n.47/cc del 8.05.2002 Adeguamento alla deliberazione del Consiglio Regionale n.12

Dettagli

proposta di legge n. 105

proposta di legge n. 105 REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE proposta di legge n. 105 a iniziativa dei Consiglieri Procaccini, Martoni presentata in data 31 gennaio 2002 TUTELA DELLA SALUTE E SALVAGUARDIA DELL AMBIENTE DALL INQUINAMENTO

Dettagli

ART.1-OGGETTO Sono oggetto del presente Regolamento gli impianti per telefonia mobile.

ART.1-OGGETTO Sono oggetto del presente Regolamento gli impianti per telefonia mobile. REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE E LA MINIMIZZAZIONE DELL ESPOSIZIONE AI CAMPI ELETTROMAGNATICI SUL TERRITORIO COMUNALE ART.1-OGGETTO Sono oggetto del presente Regolamento

Dettagli

Riferimenti normativi

Riferimenti normativi Provincia di Novara Schema di regolamento comunale per gli impianti di telefonia mobile e telecomunicazioni: i criteri e i possibili contenuti Marzo 2006 INDICE Riferimenti normativi... 3 Articolo 1 -

Dettagli

COMUNE DI SPEZZANO ALBANESE PROVINCIA DI COSENZA

COMUNE DI SPEZZANO ALBANESE PROVINCIA DI COSENZA COMUNE DI SPEZZANO ALBANESE PROVINCIA DI COSENZA REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSEDIAMENTO E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONE E RADIOTELEVISIVI. APPROVATO CON DEL. CONS. N. 8 del 20/03/2002

Dettagli

COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE PROVINCIA DI VICENZA

COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE PROVINCIA DI VICENZA COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE, IL MONITORAGGIO E LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE CELLULARE E PER LA TUTELA DAI CAMPI

Dettagli

Regolamento Comunale per l installazione e l esercizio degli Impianti di Telecomunicazione per Telefonia Mobile

Regolamento Comunale per l installazione e l esercizio degli Impianti di Telecomunicazione per Telefonia Mobile Regolamento Comunale per l installazione e l esercizio degli Impianti di Telecomunicazione per Telefonia Mobile (Art. 8, comma 6, legge quadro n. 36/2001) Ferrara, 8 ottobre 2013 1 Capo I Disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI CASIER (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con deliberazione di

Dettagli

Subject: REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE, LA MODIFICA E L ADEGUAMENTO

Subject: REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE, LA MODIFICA E L ADEGUAMENTO COMITATO TUTELA AMBIENTE C/o Casulli - Via V. De Gama,109/3-24045 Fara Gera D Adda Telefono: 0363 399968 Fax: 035 4542646 Indirizzo e-mail : comitato_ambiente@inwind.it - Sito web: www.ambientefara.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTENZA DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DI DEPURAZIONE

REGOLAMENTO PER L UTENZA DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DI DEPURAZIONE REGOLAMENTO PER L UTENZA DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DI DEPURAZIONE (APPROVATO DALL ASSEMBLEA CONSORZIALE CON ATTO N. 34 DEL 12/07/1987) 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

PIANO DI LOCALIZZAZIONE DEI SITI PER IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE REGOLAMENTO

PIANO DI LOCALIZZAZIONE DEI SITI PER IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE REGOLAMENTO COMUNE DI CADONEGHE (Provincia di Padova) PIANO DI LOCALIZZAZIONE DEI SITI PER IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE REGOLAMENTO ADOTTATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 39 DEL 20.10.2003 APPROVATO CON

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE Allegato 1 alla deliberazione di C.C. n. 38 del 21 maggio 2008 CITTA DI LONIGO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE Maggio 2008 1 Capo I ART. 1 AMBITO

Dettagli

I L D I R E T T O R E

I L D I R E T T O R E Comune di Siena DIREZIONE RISORSE FINANZIARIE SEZIONE TRIBUTI DIVERSI E CONTENZIOSO ATTO DIRIGENZIALE SA N /2876-10/10/2006 OGGETTO: Individuazione delle procedure per l'erogazione di incentivi per l'acquisto

Dettagli

L.R. n.27 del 28. 12.2006 Legge finanziaria regionale per l esercizio 2007 (estratto degli articoli riguardanti l Edilizia Residenziale Pubblica)

L.R. n.27 del 28. 12.2006 Legge finanziaria regionale per l esercizio 2007 (estratto degli articoli riguardanti l Edilizia Residenziale Pubblica) L.R. n.27 del 28. 12.2006 Legge finanziaria regionale per l esercizio 2007 (estratto degli articoli riguardanti l Edilizia Residenziale Pubblica) CAPO III Edilizia residenziale pubblica Art. 48 (Alienazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELLA RETE DI TELEFONIA MOBILE LINEE GUIDA TESTO IN BOZZA PRESENTATO AL TAVOLO

PROGRAMMAZIONE DELLA RETE DI TELEFONIA MOBILE LINEE GUIDA TESTO IN BOZZA PRESENTATO AL TAVOLO . COMUNE DI BOLOGNA PROGRAMMAZIONE DELLA RETE DI TELEFONIA MOBILE LINEE GUIDA TESTO IN BOZZA PRESENTATO AL TAVOLO DI PROGRAMMAZIONE PARTECIPATA Pagina 1 Capo 1 : lineamenti generali Art. 1. - Obiettivi

Dettagli

ASSESSORATO ALL'AMBIENTE. XIII^ Direzione Ecologia Ambiente Nettezza Urbana

ASSESSORATO ALL'AMBIENTE. XIII^ Direzione Ecologia Ambiente Nettezza Urbana ASSESSORATO ALL'AMBIENTE XIII^ Direzione Ecologia Ambiente Nettezza Urbana REGOLAMENTO RECANTE NORME PER IL CONTROLLO DELLE ATTIVITA CHE PRODUCONO INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO come modificato con delibera

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 31 ottobre 2000, n. 30 #LR-ER-2000-30# NORME PER LA TUTELA DELLA SALUTE E LA SALVAGUARDIA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO Testo coordinato con le modifiche apportate

Dettagli

COMUNE DI ARESE Provincia di Milano

COMUNE DI ARESE Provincia di Milano COMUNE DI ARESE Provincia di Milano 2010 REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI FINANZIAMENTI AI PRIVATI PER IL RIFACIMENTO DELLE COPERTURE IN ETERNIT DEGLI EDIFICI E L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI

Dettagli

CONEGLIANO COMUNE DI. Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 211 del 10.04.2006. Data entrata in vigore: 27 aprile 2006.

CONEGLIANO COMUNE DI. Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 211 del 10.04.2006. Data entrata in vigore: 27 aprile 2006. COMUNE DI Provincia di CONEGLIANO Treviso REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE E LA RIPARTIZIONE DELLA SOMMA INCENTIVANTE DI CUI ALL ARTICOLO 18 DELLA LEGGE 11 FEBBRAIO 1994, N. 109 e successive modifiche

Dettagli

Programma annuale delle installazioni fisse di telefonia mobile in Emilia Romagna ai sensi della L.R. 30/2000

Programma annuale delle installazioni fisse di telefonia mobile in Emilia Romagna ai sensi della L.R. 30/2000 Programma annuale delle installazioni fisse di telefonia mobile in Emilia Romagna ai sensi della L.R. 30/2000 Bozzoni, F., Chiovaro, S., Piro, L., Violanti, S. Arpa Emilia Romagna Sezione di Piacenza,

Dettagli

PROVINCIA DI PISA AVVISO DI PROCEDURA APERTA AD EVIDENZA PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DI AREE DEL DEMANIO IDRICO IN CONCESSIONE CAPITOLATO LOTTO 8

PROVINCIA DI PISA AVVISO DI PROCEDURA APERTA AD EVIDENZA PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DI AREE DEL DEMANIO IDRICO IN CONCESSIONE CAPITOLATO LOTTO 8 Allegato D8 PROVINCIA DI PISA AVVISO DI PROCEDURA APERTA AD EVIDENZA PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DI AREE DEL DEMANIO IDRICO IN CONCESSIONE CAPITOLATO LOTTO 8 La Provincia di Pisa intende affidare in concessione

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L'ESTENSIONE DEI SERVIZI PER BAMBINI DA 0 A 3 ANNI NELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA - ANNO 2012

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L'ESTENSIONE DEI SERVIZI PER BAMBINI DA 0 A 3 ANNI NELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA - ANNO 2012 AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L'ESTENSIONE DEI SERVIZI PER BAMBINI DA 0 A 3 ANNI NELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA - ANNO 2012 ANNO 2012 (ai sensi della L.R. 1/2000 e successive modificazioni)

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISTITUZIONE DI CANONI PATRIMONIALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISTITUZIONE DI CANONI PATRIMONIALI REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISTITUZIONE DI CANONI PATRIMONIALI ENTRATE PATRIMONIALI CAPO I CANONE PATRIMONIALE NON RICOGNITORIO Art. 1 - Canone di Concessione non ricognitorio Le seguenti tipologie di concessioni

Dettagli

ELETTRODOTTI E DI IMPIANTI RADIOELETTRICI...8

ELETTRODOTTI E DI IMPIANTI RADIOELETTRICI...8 1. SOMMARIO 1. SOMMARIO...2 2. INTRODUZIONE...3 3. RIFERIMENTI NORMATIVI...3 4. INDIVIDUAZIONE DELLE AREE SENSIBILI...4 4.1 APPROCCIO METODOLOGICO...4 4.2 AREE SENSIBILI INDIVIDUATE...5 5. AREE SENSIBILI

Dettagli

nonché al D.lvo n.490 del 1999, qualora le opere interessino aree e beni vincolati sotto il profilo paesaggistico o archeologico; CONSIDERA TO che: -

nonché al D.lvo n.490 del 1999, qualora le opere interessino aree e beni vincolati sotto il profilo paesaggistico o archeologico; CONSIDERA TO che: - ACCORDO PROCEDIMENTALE, TRA I GESTORI DELLA TELEFONIA MOBILE ED IL COMUNE DI IMPRUNETA, PER L'INSTALLAZIONE, IL MONITORAGGIO, IL CONTROLLO E LA RAZIONALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE

Dettagli

COMUNE DI FORIO. Provincia di Napoli

COMUNE DI FORIO. Provincia di Napoli COMUNE DI FORIO Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSEDIAMENTO URBANISTICO E TERRITORIALE DEGLI IMPIANTI PER TELEFONIA MOBILE E TELECOMUNICAZIONI RADIOTELEVISIVE E PER LA MINIMIZZAZIONE DELL

Dettagli

MUNICIPIO DELLA CITTA' DI NARO (Provincia di Agrigento)

MUNICIPIO DELLA CITTA' DI NARO (Provincia di Agrigento) MUNICIPIO DELLA CITTA' DI NARO (Provincia di Agrigento) C.A.P. 92028 Tel. 0922-953011 Fax 0922-957324 Regolamento per la pianificazione e la gestione degli impianti di telefonia mobile, telecomunicazione

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Concessione del diritto d uso di aree d immobili comunali da destinare alla installazione di impianti fotovoltaici

AVVISO PUBBLICO Concessione del diritto d uso di aree d immobili comunali da destinare alla installazione di impianti fotovoltaici SETTORE URBANISTICA AVVISO PUBBLICO Concessione del diritto d uso di aree d immobili comunali da destinare alla installazione di impianti fotovoltaici Premesso: - che è intendimento del comune di Francofonte

Dettagli

COMUNE DI ARESE Provincia di Milano

COMUNE DI ARESE Provincia di Milano COMUNE DI ARESE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI FINANZIAMENTI AI PRIVATI PER IL RIFACIMENTO DELLE COPERTURE IN ETERNIT DEGLI EDIFICI E L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI REGOLAMENTO

Dettagli

C O M U N E DI V I G O N O V O

C O M U N E DI V I G O N O V O C O M U N E DI V I G O N O V O Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI INFRASTRUTTURE PER IMPIANTI RADIOELETTRICI E PER LA MODIFICA DELLE LORO CARATTERISTICHE LEGENDA: normale : testo del

Dettagli

N. del APPROVAZIONE PIANO DI LOCALIZZAZIONE DELLE STAZIONI RADIO BASE PER LA TELEFONIA CELLULARE E DELLE STAZIONI RADIOTELEVISIVE - ANNO 2013.

N. del APPROVAZIONE PIANO DI LOCALIZZAZIONE DELLE STAZIONI RADIO BASE PER LA TELEFONIA CELLULARE E DELLE STAZIONI RADIOTELEVISIVE - ANNO 2013. N. del OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO DI LOCALIZZAZIONE DELLE STAZIONI RADIO BASE PER LA TELEFONIA CELLULARE E DELLE STAZIONI RADIOTELEVISIVE - ANNO 2013. PROPOSTA DI DELIBERA Premesso: - che la Legge 28

Dettagli

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE d'intesa con IL MINISTRO DELLA SANITA' e IL MINISTRO DELLE COMUNICAZIONI

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE d'intesa con IL MINISTRO DELLA SANITA' e IL MINISTRO DELLE COMUNICAZIONI Decreto Ministeriale n. 381 del 10/09/1998 Regolamento recante norme per la determinazione dei tetti di radiofrequenza compatibili con la salute umana. (Gazzetta Ufficiale n. 257 del 3/11/1998) IL MINISTRO

Dettagli

ART. 1 OGGETTO E AMBITO DI APPLICAZIONE... 2 ART. 2 AVVIO DELLA PROCEDURA DI CONCESSIONE DEI SERVIZI E DEI LOCALI/DEGLI SPAZI... 2

ART. 1 OGGETTO E AMBITO DI APPLICAZIONE... 2 ART. 2 AVVIO DELLA PROCEDURA DI CONCESSIONE DEI SERVIZI E DEI LOCALI/DEGLI SPAZI... 2 Regolamento per la concessione di locali e spazi per servizi bar e/o distribuzione automatica di generi alimentari all interno degli Istituti Scolastici di pertinenza dell Amministrazione Provinciale ART.

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERA

IL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERA ESTRATTO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 13 DEL 05.05.1999 COME MODIFICATA DALLA D.C.C. N. 73 DEL 30.09.2010 E DALLA D.C.C. N. 5 DEL 15.03.2013 A IN RIFERIMENTO AL D.P.G.R. N. 373/98 IL CONSIGLIO

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE COMUNE DI MONTESPERTOLI (PROVINCIA DI FIRENZE) REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE STRADE VICINALI DI USO PUBBLICO Approvato con deliberazione C.C. n. 36 del 21.05.2012 Pagina 1 di 8 PREMESSA Il presente

Dettagli

Scheda 5.3 - Elettrodotti, impianti radioelettrici, impianti per telefonia mobile, radar, stazioni radio-base e impianti di tele-radiocomunicazioni

Scheda 5.3 - Elettrodotti, impianti radioelettrici, impianti per telefonia mobile, radar, stazioni radio-base e impianti di tele-radiocomunicazioni Scheda 5.3 - Elettrodotti, impianti radioelettrici, impianti per telefonia mobile, radar, stazioni radio-base e impianti di tele-radiocomunicazioni AMBITO DI APPLICAZIONE La L. 36/01 1 ha per oggetto gli

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 1 di 5 27/05/2015 18:52 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 19 maggio 2015 Approvazione del modello unico per la realizzazione, la connessione e l'esercizio di piccoli impianti fotovoltaici integrati

Dettagli

COMUNE DI REANO (Provincia di Torino)

COMUNE DI REANO (Provincia di Torino) COMUNE DI REANO (Provincia di Torino) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI PER LE RETI DI TELEFONIA MOBILE E TELECOMUNICAZIONE E DI RADIODIFFUSIONE SONORA E TELEVISIVA Approvato con

Dettagli

LEGGE N. 13 del 9 GENNAIO 1989

LEGGE N. 13 del 9 GENNAIO 1989 CHE LAVORI FINANZIA LEGGE N. 13 del 9 GENNAIO 1989 Tutti i montascale, le piattaforme elevatrici, le vasche con porta apribile e quant altro dedicato in esclusiva alla disabilità rientrano nei finanziamenti

Dettagli

Legge 09-01-1989, n. 13 Disposizioni per favorire il superamento e l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati

Legge 09-01-1989, n. 13 Disposizioni per favorire il superamento e l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati Legge 09-01-1989, n. 13 Disposizioni per favorire il superamento e l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Finalità 1. La regione del Veneto promuove

Dettagli

SCHEDA DISTRIBUZIONE GAS NEL TERRITORIO DELLA CAPITALE

SCHEDA DISTRIBUZIONE GAS NEL TERRITORIO DELLA CAPITALE SCHEDA Roma Capitale, Dipartimento Sviluppo Infrastrutture e Manutenzione Urbana, il 10 settembre 2012, un anno dopo la pubblicazione del bando di gara, ha assegnato il contratto di concessione del servizio

Dettagli