IL MOVIMENTO DEGLI ANZIANI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL MOVIMENTO DEGLI ANZIANI"

Transcript

1 IL MOVIMENTO DEGLI ANZIANI

2 Cursus est certus aetatis L età procede con passo costante (Catone il Vecchio, De Senectute X, 33) 2

3 Contesto La popolazione anziana è una parte importante della popolazione in Lombardia e in particolare nella provincia di Milano. Stanno entrando in questa fascia d età persone con abitudini di mobilità e di socialità diverse da quelle che stereotipi consolidati attribuiscono agli anziani. Si pensi per esempio all abitudine a viaggiare, utilizzare l automobile, o fare spese in centri commerciali fuori dai centri abitati. Gli anziani di oggi sono anche mediamente più istruiti e più attivi. È indispensabile che le scelte in tema di trasporti tengano conto di questo fenomeno per come si presenta oggi e per come lo farà in futuro, perché: gli anziani hanno esigenze in termini di mobilità che sono diverse da quelle della media della popolazione attiva (orari e destinazioni); hanno esigenze particolari in termini di accessibilità dei mezzi pubblici e di fruizione delle strade. Una maggiore attenzione alla mobilità degli anziani risponde anche agli interessi della società nel suo complesso, perché: con maggiori possibilità di mobilità gli anziani potranno essere attivi e indipendenti più a lungo; gli anziani rappresentano un gruppo economicamente attivo e la loro capacità di accedere a beni e servizi ha un valore economico per l intera società. 3

4 Obiettivi Con questo progetto lo SPI si posto l obiettivo di realizzare un progetto per fornire ai decisori pubblici dell area metropolitana di Milano elementi utili per un piano d azione rivolto alla mobilità degli anziani. Il progetto ha: analizzato la realtà del territorio; identificato le particolari esigenze degli anziani; valutato l impatto che la loro presenza avrà (probabilmente) sulle caratteristiche della mobilità nei decenni a venire (orizzonte 2030); avanzato proposte generali (applicabili in genere nelle aree metropolitane) e specifiche (caratteristiche del nostro territorio). 4

5 Metodologia Il progetto si è articolato in: risposte a un articolato questionario distribuito presso 10 Leghe SPI nell area metropolitana milanese; tre incontri (Focus Group) con rappresentanti delle Leghe; confronto con risultati di alcuni studi sul tema della mobilità degli anziani; confronto con programmi e indicazioni prodotti da enti di programmazione (es: OCSE, Ministero dei Trasporti Tedesco, Ministero dei Trasporti USA, ecc.); ricerche in letteratura sulle innovazioni in termini di servizio e tecnologiche a favore degli anziani. 5

6 La mobilità degli anziani nell area metropolitana di Milano In una realtà come quella dell area metropolitana milanese, caratterizzata da una buona offerta generale di mobilità, i problemi espressi dagli anziani sono quelli tipici, legati a: una generale fatica (ad esempio: camminare, fare le scale, salire sui mezzi, stare in piedi sui mezzi); una difficoltà ad accedere ai sistemi informativi moderni (ad esempio: rimando a informazioni su internet, strumento a cui molti anziani non hanno accesso); una generale fragilità che genera insicurezza, legata sia alla microcriminalità sia alla circolazione su strade (sia come automobilisti, sia come pedoni) e marciapiedi (ostacoli, selciati dissestati, circolazione di ciclisti e motociclisti). Sono tutti punti ben conosciuti, di cui però non si tiene sufficientemente conto quando si lavora alle soluzioni tecniche. 6

7 I risultati del questionario in sintesi 239 Persone intervistate 49% 51% 122 Donne 117 Uomini 53% 47% 102 residenti a Milano 137 residenti nell'hinterland 7

8 Socialità Oltre un terzo delle persone che hanno risposto vivono sole. Fortissima differenza di genere: la solitudine è soprattutto femminile. Quasi tutti sono soddisfatti dei loro rapporti sociali che sono un importante fattore di stimolo alla mobilità. La maggior parte delle persone va a trovare parenti e amici. Oltre l 80% è soddisfatto dei mezzi a disposizione e non uscirebbe di più di casa nel caso ne avesse di migliori. Si sente limitato il 18% delle persone: in particolare le persone oltre i 75 anni, le donne e chi abita fuori Milano. La scelta del modo di trasporto è molto differenziata per genere, età e luogo di residenza. - donne e persone oltre i 75 anni usano mezzi pubblici e piedi - gli uomini e le persone sotto i 75 l automobile - fuori Milano l uso dei mezzi pubblici è (quasi) marginale. Le condizioni fisiche limitano la mobilità di oltre il 45% delle persone più anziane. Fare le scale e camminare a lungo sono gli esercizi considerati più difficili. 8

9 Mezzi privati Oltre il 70% delle persone intervistate ha almeno un mezzo privato a disposizione (auto, bici e, in misura trascurabile, moto), ma quasi la metà non è dotato di auto e patente. Le donne in particolar modo ne sono prive, con conseguente evidente limitazione delle possibilità di mobilità. Circa un quarto in città e 1 su 10 nell Hinterland ritengono di non avere buone possibilità di parcheggio dell automobile. Il 60% usa l auto frequentemente, il 15% tutti i giorni. Uomini, persone che abitano fuori Milano e persone con meno di 75 anni sono i più assidui. Chi ha l auto la usa, a prescindere dall offerta di mezzi pubblici. Problemi per l uso dell auto: gli uomini hanno problemi fisici, le donne soffrono il traffico e la sua pericolosità. 9

10 Mezzi pubblici Quasi tutti coloro che abitano in città o in comuni serviti dalla metropolitana ritengono la loro zona ben servita dai mezzi pubblici. Un po meno soddisfatti coloro che abitano nell hinterland e non sono serviti da metropolitana o ferrovia. Quasi uno su quattro possiede un abbonamento dei mezzi pubblici: i milanesi soprattutto. Oltre il 70% dei milanesi utilizza i mezzi pubblici da una a più volte la settimana. Le persone oltre i 75 anni risultano essere gli utilizzatori più affezionati. La difficoltà a salire sui mezzi resta il principale problema denunciato da tutte le categorie e in particolare dalle persone oltre 75 anni e dalle donne. 10

11 Sicurezza Si dichiarano non sicuri quasi il 30% delle donne e il 15% degli uomini. L attraversamento (anche su strisce) è percepito come pericoloso da più una persona su 5 (più di 1 donna su 4). Gli ultra 75 enni si sentono insicuri mentre camminano sui marciapiedi, anche a causa delle biciclette. 11

12 Stare in casa e attività fuori casa 6 su 10 nell hinterland e 4 su 10 a Milano passano molto tempo in casa. Motivi per uscire sono le visite a parenti e amici, le attività fisiche e l impegno sociale. A cui si aggiunge, soprattutto per gli uomini e chi abita nell hinterland, il bar e altre attività sedentarie. Meno del 10% svolgerebbe attività diverse se fossero più accessibili. 12

13 Fare la spesa, andare dal medico La spesa viene risolta per lo più con l automobile. In alcuni casi l auto viene usata quasi solo per questo motivo. Un ricorso marginale alla consegna a domicilio della spesa, ma che comincia ad attrarre soprattutto le donne milanesi più avanti negli anni. In primo luogo la spesa viene trasportata con l auto ma, soprattutto per i milanesi, anche il carrello può bastare. L 87% delle persone sotto i 75 anni e il 65% di quelli più anziani sono completamente autonomi per l accesso alla sanità. 13

14 I risultati dei focus group: differenze I tre incontri con i rappresentanti delle Leghe hanno avuto luogo: a Milano il 27 gennaio 2015 a Paderno Dugnano il 13 febbraio 2015 a Gorgonzola il 4 marzo 2015 Nel corso dei focus group sono state sottolineate la differenze che ci sono fra gli anziani: fra chi ha una qualche forma di disabilità e gli altri; fra chi è protetto (e magari anche un po soffocato) dalla famiglia e chi invece è solo; fra chi ricerca la socialità e chi invece è chiuso in casa (e spesso escluso anche dalla rete di informazioni). 14

15 I risultati dei focus group: esigenze Gli elementi fondamentali che sono emersi, oltre a una generale richiesta di maggiore attenzione alle esigenzedi mobilità degli anziani, sono: tariffe dei mezzi pubblici che tengano conto dei modelli di mobilità degli anziani (bassa frequenza, percorsi brevi spesso in periodi di morbida); rete dei mezzi pubblici che riduca al minimo la necessità di compiere percorsi a piedi; disponibilità di parcheggi per i residenti o in prossimità delle destinazioni per gli anziani; verifica delle possibilità di accesso alla distribuzione (capillarità o almeno mezzi di collegamento); protezione dei pedoni sui marciapiedi o in attraversamento; riduzione al minimo della necessità di raggiungere gli uffici pubblici (semplificazione) e loro capillarità, tenendo conto del fatto che molti anziani non hanno accesso a internet (anche a causa dei costi); informazione agli anziani sulle opportunità di tariffa e di trasporto. Per quanto riguarda quello che gli anziani possono fare per aiutare se stessi, le indicazioni principali emerse sono: maggiore socialità e consapevolezza di gruppo; capacità di essere propositivi e attivi nella rivendicazione delle proprie esigenze. Quest ultimo punto è stato presentato come particolarmente importante. 15

16 Che fare? Suggerimenti da altri Paesi e l aiuto della tecnologia È stata fatta una piccola ricerca su come il tema della mobilità degli anziani è affrontata in altri Paesi. Sono stati esaminate ricerche e programmi di: OCSE, (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico) ha affrontato a più riprese il tema della mobilità degli anziani, visto anche come sfida per i sistemi dei trasporti per i Paesi membri dell Unione Europea. L OCSE ha condotto anche un originale studio sugli automobilisti anziani, volto a sfatare una serie di miti e a dare indicazioni su come il tema può essere affrontato. La Germania, Paese dove i servizi pubblici locali sono generalmente ben organizzati e abbastanza accessibili agli anziani (anche con disabilità), affronta ora il tema degli anziani come forti guidatori che richiedono servizi di assistenza (automatizzazione, informatizzazione). La Svizzera vede l aumento del numero degli anziani come un tema da governare, ovvero da affrontare con politiche mirate. Gli Stati Uniti, Paese dove i servizi pubblici sono piuttosto deboli (fuori dalle grandi città della Costa Est), cominciano a porsi il problema della prospettiva di aumento del numero di anziani e quindi di persone che possono essere disabili alla guida. 16

17 Politiche e metodi Alcune delle politiche e dei metodi suggeriti, che possono essere attuali anche nell area metropolitana milanese: Offerta di sistemi di trasporto che possano essere una reale alternativa all automobile privata (OCSE) tenendo anche conto delle difficoltà degli anziani a compiere lunghi percorsi a piedi e allungando i tempi di interscambio mezzi pubblici (Svizzera). Ridurre la complessità del sistema di trasporto, caratterizzato da velocità troppo elevate, sulle strade e come interscambio fra mezzi pubblici (Svizzera). Supporto per consentire alle persone anziane di continuare a guidare in sicurezza. In particolar modo si sottolinea (OCSE) che gli anziani sono un gruppo eterogeneo che solo per piccola quota rappresenta un rischio per la sicurezza. Si propongono anche corsi formativi per gli anziani affinché prendano coscienza delle mutate abilità e assumano stili di mobilità e di guida adatti. (OCSE, Svizzera). Veicoli più sicuri per persone più anziane. In particolare in Germania, dove in questo ambito viene collocato il supporto alla ricerca per la guida assistita e -per gradi- automatizzata. Strade e infrastrutture di trasporto più adatte e sicure (OCSE) con protezione dei marciapiedi, tempi di verde più lunghi per pedoni (Svizzera). Pianificazione territoriale e urbanistica che tengano conto degli anziani. In Svizzera, in particolar modo, dove si suggerisce che le localizzazioni di centri di aggregazione siano vicino a mezzi pubblici. Coinvolgimento delle persone anziane nell elaborazione di politiche della mobilità (OCSE, USA). 17

18 Strumenti tecnologici È stata inoltre fatta una breve analisi degli strumenti tecnologici in grado di aiutare la mobilità degli anziani, dai più sofisticati e avveniristici (guida automatizzata), ai più semplici. Sono tecnologie non necessariamente dirette ai soli anziani, ma che possono dare un contributo alla soluzione dei loro problemi di mobilità. Il sostegno alla ricerca in questo ambito dovrebbe essere parte di una politica della mobilità che tenga nel dovuto conto la prospettiva dell aumento del numero di anziani. Le tecnologie descritte sono le seguenti: L automatizzazione delle automobili Il traffico stradale intelligente I semafori temporizzati I servizi autobus a chiamata Gli scooter elettrici Deambulatori e carrelli 18

19 Il PUMS e gli anziani Il Comune di Milano ha recentemente (febbraio 2015) adottato il Piano Urbano per la Mobilità Sostenibile. Il Piano rappresenta uno sforzo non indifferente di pianificazione integrata di tutto il sistema della mobilità. Riguarda tutte le modalità di trasporto e si estende a tutta l area metropolitana e riconosce il peso sempre maggiore che gli anziani (persone oltre i 65 anni) hanno e avranno in Milano e nell area metropolitana. Nel decennio il numero di anziani è cresciuto in maniera significativa. Sono oggi circa un quarto dei Milanesi e circa un quinto dei Lombardi. Il Piano valuta il loro apporto alla mobilità, ben differenziato rispetto alle altre categorie di cittadini. Gli anziani infatti si spostano mediamente meno: compiono in media 1,58 spostamenti al giorno contro gli oltre 2,3 delle altre categorie; solo il 59% degli anziani compie almeno uno spostamento al giorno contro il 93% dei giovani e l 85% degli altri adulti. Il Piano evidenzia come il contributo degli anziani al vistoso tasso di motorizzazione della città sia contenuto: ben il 60% delle famiglie monocomponente, che sono per la maggior parte costituite da anziani, non ha automobile. Le persone di questa categoria di età hanno dunque a loro disposizione mediamente meno possibilità di trasporto delle altre. 19

20 Il PUMS e gli anziani: punti favorevoli Fra gli obiettivi alcuni sono favorevoli agli anziani: L equità e l inclusione sociale (compresa la riduzione all esposizione a inquinanti e a rumore). La mobilità sostenibile soprattutto laddove comporta l incentivazione ai comportamenti corretti. Per quanto riguarda la strategia del piano, articolata in 10 ambiti tematici, sono in particolare utili agli anziani: Sicurezza, pedonalità e isole ambientali. Città senza barriere (diritto alla mobilità per tutti). Entrando nel merito dei provvedimenti, i punti certamente positivi sono : La riduzione di velocità dei mezzi e la progettazione dell arredo urbano per la sicurezza dei pedoni aumentano la sensazione di sicurezza degli anziani automobilisti, pedoni o utilizzatori di mezzi pubblici). Controllo della sosta per favorire i residenti: per gli anziani la possibilità di ridurre al minimo i percorsi a piedi è fondamentale. Attenzione al servizio taxi, soprattutto laddove si intende assicurare la certezza del costo della corsa e dove si intende studiare la possibilità di sovvenzione per categorie specifiche. Città senza barriere, con maggiore diffusione di ascensori, pianali ribassati ecc. tutti provvedimenti specificamente per disabili ma che sono molto utili anche per la massa della popolazione anziana. Protezione e incentivo della mobilità ciclabile con l obiettivo di estenderla anche agli anziani. Estensione delle metropolitane e delle tranvie all area metropolitana: è un elemento molto importante di inclusione degli anziani che abitano fuori Milano. 20

21 Il PUMS e gli anziani: punti di attenzione I punti che secondo noi meriterebbero maggiore attenzione sono i seguenti: Circolazione pedonale: il piano la incentiva, anche riducendo molto il transito dei tram in centro. Per gli anziani i percorsi a piedi sono faticosi, a volte proibitivi. Interscambio fra mezzi: l attestamento di tram e bus alle metropolitane, fondamentale per la razionalizzazione della rete, sono punti di fatica per gli anziani. Vanno studiati riducendo al minimo i percorsi pedonali. Circolazione ciclabile: il piano la incentiva molto ma sta diventando un problema per gli anziani che vedono la loro sensazione di sicurezza (anche sui marciapiedi) ridotta in maniera significativa. La licenza di circolazione sui marciapiedi e sulle strisce pedonali va regolamentata nel rispetto delle persone meno agili. Leggibilità della rete: uno dei capisaldi della possibilità di fruire la rete dei mezzi pubblici è la sua stabilità nel tempo. Le continue modifiche alla rete creano confusione e disagio, soprattutto per gli anziani. Regolazione della sosta: la proposta di ridurre i posti per i residenti (riduzione a un solo permesso per famiglia, toglierli nelle zone del loisir notturno) è penalizzante per gli anziani. Inquinamento da rumore, in particolare delle moto: si prevede che le moto continueranno nella stessa quantità. Se non c è un limite, la qualità della vita in città diminuisce. 21

22 Le proposte dello SPI Oltre alle osservazioni e ai suggerimenti in merito al PUMS, per l area milanese i suggerimenti sono i seguenti: Diffondere meglio le informazioni sul servizio ferroviario regionale e il Passante. Per gli anziani, che non sono pendolari, è difficile capire le effettive possibilità di mobilità offerte dal nuovo sistema. Curare i servizi di carattere urbano anche dei piccoli centri. Sono resi sempre più necessari anche per via del nuovo modello di distribuzione basata sui supermercati e i centri commerciali. Possono essere anche con passaggi ad orario, ma devono garantire la possibilità di accesso anche in termini di tariffa (rapporto fra tariffa e lunghezza del percorso). Possibilità di accordo anche con la grande distribuzione. E in generale: Aiutare a mantenere le modalità di mobilità a cui gli anziani sono abituati. La volontà di mantenere le proprie abitudini il più a lungo possibile, oltre a essere naturale, è testimoniata sia dagli anziani intervistati (questionario e focus group) sia dal contenuto degli studi e delle raccomandazioni stranieri. Per aiutare gli anziani a mantenere le loro abitudini, occorre tener conto della loro presenza sia quando si progetta sia durante la gestione delle infrastrutture e dei mezzi di trasporto. 22

23 Le proposte dello SPI: a piedi Continuare ad andare a piedi: Marciapiedi liberi e curati: marciapiedi dissestati rendono difficile il passaggio, mentre il parcheggio delle moto e delle bici riduce l area di passaggio (sta diventando un grosso problema in città). Marciapiedi sicuri: contenimento delle biciclette e dei pattini (e rigorosa sanzione delle moto) e della velocità ammessa sui marciapiedi e nelle aree pedonali. Attraversamenti pedonali protetti con semafori temporizzati (incroci importanti), rialzi, illuminazione. Limiti di velocità nelle strade vicinali (il PUMS li prevede per Milano). 23

24 Le proposte dello SPI: con i mezzi Continuare a utilizzare i mezzi pubblici: Pianali ribassati. Campagne per invitare a far sedere gli anziani. Sedili alle fermate più importanti. Maggiore diffusione della segnaletica che indica i tempi di attesa. Informazioni più accurate (gli anziani non sono pendolari) non rimandate sempre a internet (molti anziani non vi hanno accesso). Abbonamenti dedicati a chi viaggia mediamente poco e per brevi distanze (molto sentito è il tema degli abbonamenti anziani a Milano, che è passato da 16 a 30 euro al mese). Laddove la domanda è scarsa e non si può mantenere un servizio convenzionale, considerare le esigenze degli anziani per istituzione servizi a chiamata o a orari ridotti (ad esempio,solo orari di accesso ospedale). 24

25 Le proposte dello SPI: in auto Continuare ad andare in automobile: Revisione della patente: verificare che non sia punitiva. Diffusione dell informazione sulla reale (ridotta) pericolosità degli anziani al volante. Aumento della sicurezza stradale. Ricerca e la diffusione delle tecnologie di guida assistita. Cura delle interfaccia nelle automobili, affinché siano comprensibili anche ai non addetti ai lavori. 25

26 Le proposte dello SPI: passaggi di mobilità Favorire o introdurre sistemi alternativi, aiutare a passare da un sistema di mobilità a un altro: Carrozzine elettriche: il codice della strada le deve normare meglio. In ragione della loro diffusione, i Comuni devono prevedere la possibilità della loro circolazione sulle piste ciclabili. Passaggio da guida a mezzi pubblici: accompagnamento ai mezzi che per l anziano possono essere nuovi. Corsi di informazione su tariffe, reti, orari, ecc. Passaggio da mezzi pubblici a guida: soprattutto per chi ha la patente ma non ha mai (o quasi mai) guidato, corsi soft di recupero delle capacità. 26

27 Il movimento degli anziani Progetto di ricerca e analisi dei risultati Luisa Velardi Hanno collaborato le Leghe Spi Cgil di Milano Bovisa, Milano Centro Storico, Milano Crescenzago, Milano Giambellino, Milano Sempione, Gorgonzola, Paderno Dugnano, San Donato Milanese, Sesto San Giovanni, Settimo Milanese, Trezzo d Adda Un grazie particolare a Simona Lupaccini 27

il Movimento degli Anziani

il Movimento degli Anziani Cursus est certus aetatis L età procede con passo costante Catone il Vecchio, De Senectute X, 33 il Movimento degli Anziani Un analisi e alcune proposte per l area milanese. 2 il movimento degli anziani

Dettagli

Indagine sulla mobilità ciclabile nell Area Metropolitana di Cagliari Dipendenti della Regione Sardegna. Rapporto di sintesi

Indagine sulla mobilità ciclabile nell Area Metropolitana di Cagliari Dipendenti della Regione Sardegna. Rapporto di sintesi Indagine sulla mobilità ciclabile nell Area Metropolitana di Cagliari Dipendenti della Regione Sardegna Rapporto di sintesi L indagine e l analisi dei risultati, di cui questo report rappresenta una sintesi,

Dettagli

Questionario sulla sicurezza stradale a Lanciano

Questionario sulla sicurezza stradale a Lanciano Questionario sulla sicurezza stradale a Lanciano Comune di Lanciano Assessorato urbanistica settore IV programmazione urbanistica Progetto messa in sicurezza SP82 VIA per Treglio, incrocio Quartiere S.Rita

Dettagli

Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici

Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici Premessa Monitoraggio degli spostamenti casa scuola, a. s. 2014-15 LUSERNA SAN GIOVANNI Il monitoraggio degli spostamenti casa

Dettagli

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France 27 Novembre 2012 Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France Laurence Debrincat, STIF Workshop sui Piani Urbani della Mobilità Sostenibile - Milano 2 Sommario Il contesto delle politiche

Dettagli

LE SCELTE DI MOBILITÀ IN UNA CITTÀ SENZA TRAFFICO

LE SCELTE DI MOBILITÀ IN UNA CITTÀ SENZA TRAFFICO LE SCELTE DI MOBILITÀ IN UNA CITTÀ SENZA TRAFFICO AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Ottobre 2010 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 12 Tutti in autobus,

Dettagli

QUESTIONARIO SULLA MOBILITÀ SCOLASTICA

QUESTIONARIO SULLA MOBILITÀ SCOLASTICA QUESTIONARIO SULLA MOBILITÀ SCOLASTICA Scuola Classe Età Sesso. 1. Dove abiti? 2. Come sei venuto oggi a scuola? A piedi In bicicletta In autobus (urbano) In automobile In autobus (extraurbano) Altro.

Dettagli

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE Per una città più sostenibile NUMERI E CRITICITA Congestione: 135 milioni di ore perse = - 1,5 miliardi di euro/anno Sicurezza stradale: 15.782 incidenti 20.670 feriti 154 morti circa 1,3 miliardi di euro/anno

Dettagli

Indagine sugli spostamenti casa lavoro dei dipendenti della Cgil di Rimini effettuata nel periodo maggio giugno 2012

Indagine sugli spostamenti casa lavoro dei dipendenti della Cgil di Rimini effettuata nel periodo maggio giugno 2012 effettuata nel periodo maggio giugno 2012 Una prima valutazione su quanto emerso dalle risposte al questionario. L iniziativa,vuole mettere la CGIL di Rimini nella condizione di dare l esempio (pensata,

Dettagli

MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI

MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI Scheda tecnica MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI Redazione a cura di Contesto Oramai in molte realtà urbane è diventato difficoltoso riuscire a percorrere il tragitto che separa la

Dettagli

Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva

Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva Premessa Entro il 2050, la percentuale di cittadini europei residenti nelle aree urbane arriverà all 82%. La migrazione dalle città

Dettagli

Guardando alla data odierna, Milano, ha già superato il bonus di pm 10 dei 35 giorni.

Guardando alla data odierna, Milano, ha già superato il bonus di pm 10 dei 35 giorni. 1 Prima di qualsiasi altra valutazione, vorrei soffermarmi su tre considerazioni, per me fondamentali per meglio definire il contesto in cui si sviluppa la nostra azione o le nostre pratiche sindacali,

Dettagli

Progetto formativo e di orientamento per attività di tirocinio relativo alla convenzione sottoscritta tra il Politecnico di Torino

Progetto formativo e di orientamento per attività di tirocinio relativo alla convenzione sottoscritta tra il Politecnico di Torino Progetto formativo e di orientamento per attività di tirocinio relativo alla convenzione sottoscritta tra il Politecnico di Torino e l'azienda PROVINCIA DI TORINO Monitoraggio degli spostamenti casa scuola

Dettagli

STUDENTI DELL UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-UNIVERSITA 1

STUDENTI DELL UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-UNIVERSITA 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali STUDENTI DELL UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-UNIVERSITA 1 Sabrina Spaghi Università

Dettagli

Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada

Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Agenzia per la Mobilità EDUCAZIONE STRADALE TRA SCUOLA E FAMIGLIA L educazione

Dettagli

Informazioni per comitati scolastici, autorità, associazioni regionali/nazionali su mobilità ed educazione

Informazioni per comitati scolastici, autorità, associazioni regionali/nazionali su mobilità ed educazione Informazioni per comitati scolastici, autorità, associazioni regionali/nazionali su mobilità ed educazione Scheda informativa 2 MISURE PER IL MOBILITY MANAGEMENT NELLE SCUOLE Annibale, il serpente sostenibile

Dettagli

Il disegno di legge per una mobilità nuova

Il disegno di legge per una mobilità nuova Il disegno di legge per una mobilità nuova Dopo l incredibile giornata di sabato 4 Maggio, che ha visto le strade di Milano invase da decine di migliaia di persone a piedi e in bici, oggi vi presentiamo

Dettagli

Nella Mia Città si Respira!

Nella Mia Città si Respira! Nella Mia Città si Respira! Un Programma Scolastico per le Scuole Medie Superiori della Provincia di Torino Unità didattica 11 La Pianificazione della Mobilità in città: misure di sostegno alla mobilità

Dettagli

PIANO DEGLI SPOSTAMENTI CASA SCUOLA LICEO SCIENTIFICO E ARTISTICO A. SERPIERI ISTITUTO PROFESSIONALE L.EINAUDI

PIANO DEGLI SPOSTAMENTI CASA SCUOLA LICEO SCIENTIFICO E ARTISTICO A. SERPIERI ISTITUTO PROFESSIONALE L.EINAUDI Il Progetto Il progetto nasce dalla necessità di riflettere e stimolare la coscienza dei ragazzi più giovani, sulle problematiche ambientali: l ambiente naturale e materiale (cioè modificato dai bisogni

Dettagli

È ALLARME NAZIONALE!!

È ALLARME NAZIONALE!! Il contesto La sicurezza delle persone, nella circolazione stradale, rientra tra le finalità primarie di ordine sociale ed economico perseguite dallo Stato. Questo è quanto afferma l articolo n.1 del Codice

Dettagli

Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici

Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici Premessa Monitoraggio degli spostamenti casa scuola, a. s. 2014-15 CHIVASSO Il monitoraggio degli spostamenti casa scuola è

Dettagli

DIPENDENTI UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO 1

DIPENDENTI UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali DIPENDENTI UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO 1 Sabrina Spaghi Università di Pavia,

Dettagli

Progetto TI MUOVI. Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE

Progetto TI MUOVI. Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE Progetto TI MUOVI Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE LA BUONA STRADA A cura della I A (anno scolastico 2009-2010) Scuola secondaria di primo grado CARLO LEVI - I.C. King GRUGLIASCO IL NOSTRO PERCORSO

Dettagli

Stato della sicurezza stradale in Italia: priorità. utenti deboli

Stato della sicurezza stradale in Italia: priorità. utenti deboli Stato della sicurezza stradale in Italia: priorità delle politiche nazionali e protezione degli utenti deboli LE DIMENSIONI QUANTITATIVE In Italia, nel 2011, si sono registrati 205.638 incidenti stradali.

Dettagli

Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno

Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno 1. Premessa ed obiettivi Nel mese di marzo 2007 con il Piano d Azione Una politica energetica per l Europa, l Unione

Dettagli

Agenda 21 Locale Il Piano d Azioned

Agenda 21 Locale Il Piano d Azioned Agenda 21 Locale Il Piano d Azioned Comunità Montana della Valle Trompia Comuni di: Gardone V.T., Sarezzo, Marcheno, Vila Carcina, Concesio AUTOVEICOLI CIRCOLANTI OGNI 1.000 ABITANTI Numero di automobili

Dettagli

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI 1. La rilevazione La rilevazione presso le famiglie con bambini da zero a 3 anni, residenti nei comuni dell Ambito territoriale dei servizi sociali

Dettagli

Sintesi risultati tavoli tematici e prossimi passi. Incontro plenario 14 giugno 2005

Sintesi risultati tavoli tematici e prossimi passi. Incontro plenario 14 giugno 2005 Sintesi risultati tavoli tematici e prossimi passi Incontro plenario 14 giugno 2005 Il percorso partecipativo di questo secondo ciclo del Forum di Agenda 21 locale è stato articolato in tre differenti

Dettagli

La Salute in tutte le Politiche Forum tematico

La Salute in tutte le Politiche Forum tematico La Salute in tutte le Politiche Forum tematico VOTA PER LA TUA CITTA Report dei risultati dell indagine svolta tra i cittadini Leccesi per l estensione della zona a traffico limitato Promossa da: Forum

Dettagli

«Our streets, our choice» Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2014

«Our streets, our choice» Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2014 «Our streets, our choice» Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2014 Our streets, our choice Ovvero «Le nostre strade, la nostra scelta»: lo slogan scelto quest'anno per la Settimana della Mobilità

Dettagli

Premesso che: tenuto conto che:

Premesso che: tenuto conto che: Premesso che: Interrogazione In 13 a Commissione Al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti Al Ministro dello sviluppo economico

Dettagli

CONGESTION CHARGE: LE RAGIONI DI UN DISSENSO

CONGESTION CHARGE: LE RAGIONI DI UN DISSENSO CONGESTION CHARGE: LE RAGIONI DI UN DISSENSO 1. Premessa Nei mesi scorsi Assolombarda ha espresso all Amministrazione Comunale la propria contrarietà alla congestion charge, ritenendola un provvedimento

Dettagli

PROGRAMMI DI FORMAZIONE PER ADULTI DEDICATI ALLA MOBILITÀ CICLISTICA

PROGRAMMI DI FORMAZIONE PER ADULTI DEDICATI ALLA MOBILITÀ CICLISTICA Promozione Give Cycling a Push PROMOZIONE / FORMAZIONE e PROGRAMMI PROGRAMMI DI FORMAZIONE PER ADULTI DEDICATI ALLA MOBILITÀ CICLISTICA Visione d insieme Molti adulti accoglierebbero l'opportunità di muoversi

Dettagli

Trasporto pubblico locale: efficienza e qualità in Lombardia

Trasporto pubblico locale: efficienza e qualità in Lombardia MCE 2010 Trasporto pubblico locale: efficienza e qualità in Lombardia 9 febbraio 2010 Giuliano Asperti, Vice Presidente di Assolombarda Saluto di apertura Premessa Nella giornata di apertura della Mobility

Dettagli

COMUNE DI RAVENNA Area Infrastrutture Civili Servizio Pianifi cazione Mobilità NORME E CONSIGLI PER I CICLISTI

COMUNE DI RAVENNA Area Infrastrutture Civili Servizio Pianifi cazione Mobilità NORME E CONSIGLI PER I CICLISTI COMUNE DI RAVENNA Area Infrastrutture Civili Servizio Pianifi cazione Mobilità NORME E CONSIGLI PER I CICLISTI MARZO 2012 La situazione attuale del traffico cittadino, risultato del predominio dei mezzi

Dettagli

Breve descrizione del sistema di gestione della qualità ISEMOA

Breve descrizione del sistema di gestione della qualità ISEMOA Breve descrizione del sistema di gestione della qualità ISEMOA www.isemoa.eu Il progetto ISEMOA è iniziato nel Maggio 2010 e durerà fino al Maggio 2013. ISEMOA è cofinanziato dall Unione Europea con il

Dettagli

Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT

Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT 1 Piano d Azione per l Energia Sostenibile Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT Mobility Managment La Commissione mondiale sull ambiente e lo sviluppo (Rapporto Brundtland, 1987), ha definito lo sviluppo

Dettagli

4. TRASPORTI E INFRASTRUTTURE

4. TRASPORTI E INFRASTRUTTURE Densità di autovetture circolanti nelle città metropolitane (fonte: Istat, 1998; auto circolanti per chilometri quadrati di territorio comunale) 4. TRASPORTI E INFRASTRUTTURE 4.1. LE AUTO SEMPRE PADRONE

Dettagli

I FIORENTINI E LA TRANVIA Indagine conoscitiva sull utilizzo della linea 1 della tranvia

I FIORENTINI E LA TRANVIA Indagine conoscitiva sull utilizzo della linea 1 della tranvia I FIORENTINI E LA TRANVIA Indagine conoscitiva sull utilizzo della linea 1 della tranvia Introduzione 1. Obiettivi e caratteristiche dell indagine L indagine è progettata dal Settore Pianificazione Integrata

Dettagli

Andiamo in bici. ...per migliorare l ambiente in città! Progetto cofinanziato dall Unione Europea

Andiamo in bici. ...per migliorare l ambiente in città! Progetto cofinanziato dall Unione Europea Progetto cofinanziato dall Unione Europea Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto Andiamo in bici...per migliorare l ambiente in città! ARPAV Agenzia Regionale per la Prevenzione

Dettagli

IL PIANO URBANO DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE (PUMS) LINEE DI INDIRIZZO

IL PIANO URBANO DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE (PUMS) LINEE DI INDIRIZZO IL PIANO URBANO DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE (PUMS) LINEE DI INDIRIZZO Popolazione/Inhabitants 1,800,000 1,700,000 1,600,000 1,500,000 1,400,000 1,300,000 1,200,000 1,100,000 1,000,000 Residenti a Milano

Dettagli

European Mobility Week. Palermo 16/22 settembre. Mobilità sostenibile a Palermo

European Mobility Week. Palermo 16/22 settembre. Mobilità sostenibile a Palermo European Mobility Week Palermo 16/22 settembre Mobilità sostenibile a Palermo A A sampler (of benzene level) in a central street: Via Roma Zone a traffico limitato ZTL A = auto Euro 3 and Euro 4 e mezzi

Dettagli

Trasporti pubblici. Indagine sulla soddisfazione degli utenti. Anno 2009

Trasporti pubblici. Indagine sulla soddisfazione degli utenti. Anno 2009 Trasporti pubblici Indagine sulla soddisfazione degli utenti Anno 2009 a cura di Mirko Dancelli Osservatorio del Nord Ovest, Università di Torino 115 SOMMARIO 2.1. Se dovesse esprimere il Suo livello di

Dettagli

Concrete alternative all auto? Incoraggiare mezzi pubblici e bici!!

Concrete alternative all auto? Incoraggiare mezzi pubblici e bici!! Concrete alternative all auto? Incoraggiare mezzi pubblici e bici!! Una fermata Audimob, di approfondimento su incentivi e investimenti pubblici per politiche di sostegno finalizzate a trovare soluzioni

Dettagli

METODOLOGIA E MODALITA DI ATTUAZIONE

METODOLOGIA E MODALITA DI ATTUAZIONE UN PROGETTO PARTECIPATO PER LA MOBILITA SOSTENIBILE Ecosistema bambino 2009 dati comunali anni 2006-2007 - 2008 2 parte METODOLOGIA E MODALITA DI ATTUAZIONE Il ogni anno propone il progetto agli Istituti

Dettagli

LA VISIONE DELLA MOBILITÀ NUOVA

LA VISIONE DELLA MOBILITÀ NUOVA Verso la «Mobilità Nuova» TROPPE AUTOMOBILI IN CIRCOLAZIONE 1 Verso la «Mobilità Nuova» Verso la «Mobilità Nuova» TROPPE AUTOMOBILI IN CIRCOLAZIONE 2 Verso la «Mobilità Nuova» Secondo una ricerca condotta

Dettagli

Oggetto: verso una città sostenibile dei bambini e delle bambine strade per bambini, strade per tutti

Oggetto: verso una città sostenibile dei bambini e delle bambine strade per bambini, strade per tutti Alla cortese attenzione - del Sindaco, la d.ssa Annamaria Morelli - dell Assessore alla cultura e pubblica istruzione, la d.ssa Perlita Serra - e.p.c. al dirigente scolastico, la d.ssa Daniela Carminati

Dettagli

Convegno Infrastructura L innovazione nelle infrastrutture di trasporto IV Sessione Le esigenze delle utenze e le modalità di utilizzo

Convegno Infrastructura L innovazione nelle infrastrutture di trasporto IV Sessione Le esigenze delle utenze e le modalità di utilizzo Assessorato ai Trasporti Convegno Infrastructura L innovazione nelle infrastrutture di trasporto IV Sessione Le esigenze delle utenze e le modalità di utilizzo La mobilità delle persone in ambito urbano

Dettagli

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O Q U E S T I O N A R I O C O N O S C I T I V O P A R T E C I P A Z I O N E

Dettagli

LA MOBILITA' A SAN GIOVANNI VALDARNO

LA MOBILITA' A SAN GIOVANNI VALDARNO LA MOBILITA' A SAN GIOVANNI VALDARNO Il presente questionario ha lo scopo di stimare parametri di mobilità caratteristici delle famiglie residenti nelle aree del Comune di San Giovanni Valdarno nell'ambito

Dettagli

Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km

Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km 1. CARATTERISTICHE DELLA LINEA Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km 2. IL RUOLO DELLE GREENWAYS

Dettagli

Zone 30 e isole ambientali

Zone 30 e isole ambientali Zone 30 e isole ambientali Esempi e vantaggi L importanza della Comunicazione Comunicazione ing. Marco Passigato Verona progettista e mobility manager Università di Verona www://marco.passigato.free.fr

Dettagli

INDICE. Mappa dell accessibilità urbana

INDICE. Mappa dell accessibilità urbana INDICE Considerazioni di base e concetti introduttivi Riferimenti normativi Obiettivi Metodologia di lavoro Elenco dei beni censiti Schedatura degli immobili pubblici o di tipo pubblico Cenni sulle problematicità

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA PER L'ATTUAZIONE DEI PROGETTI PERCORSI SICURI CASA-SCUOLA E PEDIBUS PREMESSO CHE:

PROTOCOLLO D'INTESA PER L'ATTUAZIONE DEI PROGETTI PERCORSI SICURI CASA-SCUOLA E PEDIBUS PREMESSO CHE: Allegato A PROTOCOLLO D'INTESA PER L'ATTUAZIONE DEI PROGETTI PERCORSI SICURI CASA-SCUOLA E PEDIBUS PREMESSO CHE: - l Amministrazione Comunale di Carbonera da alcuni mesi sta collaborando con l'istituto

Dettagli

LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI

LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati riguarda un approfondimento sui comportamenti in mobilità dei giovani. UN SEGMENTO FORTE DELLA DOMANDA DI TRASPORTO?

Dettagli

MILANO IN RETE ITINERARI CICLISTICI: INTERVENTI PROGRAMMATI

MILANO IN RETE ITINERARI CICLISTICI: INTERVENTI PROGRAMMATI MOBILITA CICLISTICA A MILANO MILANO IN RETE ITINERARI CICLISTICI: INTERVENTI PROGRAMMATI BICICLETTA elaborato: presentazione codifica: 120100013_00 data: 17/05/2012 redatto: Veronica Gaiani verificato:

Dettagli

IL QUESTIONARIO PER UNA CITTA' AMICA DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI. - Risultati - A cura di: Gruppo di lavoro Bambinfestival Bambini, tempi e spazi amici

IL QUESTIONARIO PER UNA CITTA' AMICA DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI. - Risultati - A cura di: Gruppo di lavoro Bambinfestival Bambini, tempi e spazi amici IL QUESTIONARIO PER UNA CITTA' AMICA DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI - Risultati - A cura di: Gruppo di lavoro Bambinfestival Bambini, tempi e spazi amici Costruzione questionario a cura del gruppo di lavoro

Dettagli

VADEMECUM. per la sperimentazione del Piedibus per insegnanti a cura di Piera Ciceri e Monica Vercesi

VADEMECUM. per la sperimentazione del Piedibus per insegnanti a cura di Piera Ciceri e Monica Vercesi Comune di Caronno Pertusella PIÙ TEMPO ALLE DONNE E MOBILITÀ SOSTENIBILE PER UNA CITTÀ IN ARMONIA VADEMECUM per la sperimentazione del Piedibus per insegnanti a cura di Piera Ciceri e Monica Vercesi L

Dettagli

- coinvolgimento dei genitori con somministrazione di un questionario sulla percezione dei pericoli della strada;

- coinvolgimento dei genitori con somministrazione di un questionario sulla percezione dei pericoli della strada; Percorso educativo Scuola Primaria BERSANI a.s. 2010-2011 Il VII Circolo Didattico di Forlì, di cui fa parte la scuola primaria Bersani, da almeno 5 anni lavora sulla tematica della mobilità sostenibile,

Dettagli

Risultati dell Analisi degli Spostamenti Casa-Lavoro

Risultati dell Analisi degli Spostamenti Casa-Lavoro ENGIM Ente Nazionale Giuseppini del Murialdo Piano per la mobilità sostenibile Novembre 2009 1 Introduzione L'ENGIM, Ente Nazionale Giuseppini del Murialdo, è un'associazione senza fine di lucro finalizzata

Dettagli

ABITARE ESPERIENZE DI GREVE IN CHIANTI, SCANDICCI, FIRENZE

ABITARE ESPERIENZE DI GREVE IN CHIANTI, SCANDICCI, FIRENZE ABITARE ESPERIENZE DI GREVE IN CHIANTI, SCANDICCI, FIRENZE Parliamo di abitare, non solo di casa Il diritto all abitare è un diritto di cittadinanza e pertanto da praticare in tutto l arco della vita.

Dettagli

una mobilità dedicata alla famiglia ancora troppo... in auto!!

una mobilità dedicata alla famiglia ancora troppo... in auto!! una mobilità dedicata alla famiglia ancora troppo... in auto!! In questa fermata si propone un approfondimento su uno spaccato della domanda di mobilità che comprende circa un terzo degli spostamenti:

Dettagli

6 - Interventi e indicatori di risposta

6 - Interventi e indicatori di risposta 6 - Interventi e indicatori di risposta 6.1 Gli adempimenti previsti dalla legislazione Tra le azioni attuate dal Comune di Padova in risposta a precise disposizioni di legge in materia di inquinamento

Dettagli

Piano degli spostamenti casa-lavoro dipendenti Maserati SpA

Piano degli spostamenti casa-lavoro dipendenti Maserati SpA Piano degli spostamenti casa-lavoro dipendenti Maserati SpA NORMATIVA DI RIFERIMENTO La funzione di Mobility Manager istituita dal Decreto del Ministero dell Ambiente del 27 marzo 1998 sulla mobilità sostenibile

Dettagli

Un nuovo futuro per Desio

Un nuovo futuro per Desio VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA del PGT e del PGTU del Comune di Desio Mobilità sostenibile: ciclabilità paolo.pileri@polimi.it luca.tomolo@gmail.com Paolo Pileri Diana Giudici Luca Tomasini dianagiudici@gmail.com

Dettagli

CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE

CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE 28 February 2006 - Sala del Silenzio, Sede Quartiere San Vitale, Bologna PARKING MANAGEMENT AND MOBILITY IN BOLOGNA: THE NEW URBAN TRAFFIC PLAN Mr. Paolo Ferrecchi

Dettagli

SMOG IN Val Padana. 25 febbraio 2010

SMOG IN Val Padana. 25 febbraio 2010 SMOG IN Val Padana 25 febbraio 2010 Risultati dell'indagine realizzata da Cittalia e SWG su un campione di 1000 cittadini, rappresentativo della popolazione maggiorenne residente nelle regioni del Nord

Dettagli

Attività dell Urban Center

Attività dell Urban Center Attività dell Urban Center Report dell incontro con i rappresentanti di associazioni e cooperative 14 giugno 2012 www.rosignanofacentro.it info@rosignanofacentro.it Percorso di partecipazione promosso

Dettagli

Dom. c) Per muoversi in città quale mezzo utilizza principalmente? L auto La moto/ il motorino I mezzi pubblici La bici Va a piedi Altro

Dom. c) Per muoversi in città quale mezzo utilizza principalmente? L auto La moto/ il motorino I mezzi pubblici La bici Va a piedi Altro Dom. a) L area in cui risiede è: Nel centro storico In centro città ma non nel centro storico In altri quartieri Dom. b) Nell area in cui risiede, attualmente: C'è una ZTL (zona a traffico limitato) Non

Dettagli

Come si spostano le donne e gli uomini bolognesi

Come si spostano le donne e gli uomini bolognesi Comune di Bologna Settore Programmazione, Controlli e Statistica Come si spostano le donne e gli uomini bolognesi Analisi di alcuni indicatori statistici relativi alla mobilità Marzo 2008 Direttore Gianluigi

Dettagli

Perché finanziare una mobilità urbana alternativa. Eleonora Pieralice

Perché finanziare una mobilità urbana alternativa. Eleonora Pieralice Perché finanziare una mobilità urbana alternativa Eleonora Pieralice Mobilità urbana sostenibile: lo squilibrio modale Il sistema dei trasporti italiano è dominato dalla crescita della domanda di mobilità

Dettagli

Assessorato alle Politiche dei Disabili

Assessorato alle Politiche dei Disabili Assessorato alle Politiche dei Disabili Con la collaborazione di Ambito distrettuale di Trieste, L.R. 41/1996 domanda-offerta di trasporto per cittadini disabili da Indagine conoscitiva 2012 proposte In

Dettagli

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 1) IL PIANO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE: IL CONTESTO. 2) LA MOBILITA A MILANO: TRASPORTI E INQUINAMENTO. 3) LA COLLABORAZIONE CON ISTITUZIONI E

Dettagli

ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI

ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI Roma, 31 ottobre 2012 ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI (-3,5%) Obiettivo UE 2010 (-50% morti sulle strade): Italia non raggiunge target nemmeno nel 2011 ma fa meglio della

Dettagli

Agenda 21 Scuola A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008

Agenda 21 Scuola A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008 Agenda 21 Scuola Un percorso didattico su Agenda 21 e idee per la progettazione partecipata A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008 Agenda

Dettagli

L ESPERIENZA ECOPASS

L ESPERIENZA ECOPASS L ESPERIENZA ECOPASS Monza, 16 Febbraio 2011 Ing. Stefano Riazzola Direttore Comune di Milano Milano e l area urbana Abitanti Milano: ~ 1.3M Abitanti Area Metropolitana : ~ 3.3M Abitanti Regione Lombardia:

Dettagli

STUDIO PER IL RIASSETTO DEL SISTEMA DELLA MOBILITÀ URBANA DEL COMUNE DI CUNEO

STUDIO PER IL RIASSETTO DEL SISTEMA DELLA MOBILITÀ URBANA DEL COMUNE DI CUNEO STUDIO PER IL RIASSETTO DEL SISTEMA DELLA MOBILITÀ URBANA DEL COMUNE DI CUNEO PARTECIPAZIONE: interviste in profondità Studio per il riassetto del sistema della mobilità urbana del Comune di Cuneo - 05/03/2013

Dettagli

Indagine sugli spostamenti casa lavoro dei dipendenti della Cgil di Rimini

Indagine sugli spostamenti casa lavoro dei dipendenti della Cgil di Rimini Indagine sugli spostamenti casa lavoro dei dipendenti della Cgil di Rimini Analisi delle risposte date dai dipendenti della sede di Rimini. 1. 48 questionari compilati su una popolazione di 76 dipendenti:

Dettagli

GLI INDICATORI. 1. I dati del comune di Casal di Principe. Processo di Attivazione Agenda 21 Locale Casal di Principe

GLI INDICATORI. 1. I dati del comune di Casal di Principe. Processo di Attivazione Agenda 21 Locale Casal di Principe GLI INDICATORI 1. I dati del comune di Casal di Principe Il comune di Casal di Principe ha prodotto i dati necessari per l elaborazione dei seguenti Indicatori Comuni Europei: 1, 3, 4 e 6, per i quali

Dettagli

La mobilità sostenibile nel contesto urbano LE OPPORTUNITA DA COGLIERE Letizia Rigato

La mobilità sostenibile nel contesto urbano LE OPPORTUNITA DA COGLIERE Letizia Rigato La mobilità sostenibile nel contesto urbano LE OPPORTUNITA DA COGLIERE Letizia Rigato Convegno Direzione Futuro Mobilità Elettrica e Autoriparazione 18 maggio 2013 ore 15.00 CROWNE PLAZA, via Po 197 -

Dettagli

Progettare una nuova mobilità per città (e territori) capaci di futuro

Progettare una nuova mobilità per città (e territori) capaci di futuro European Mobility Week Problematiche e misure per una mobilità urbana sostenibile Palermo 20 settembre 2007 Progettare una nuova mobilità per città (e territori) capaci di futuro Maria Rosa Vittadini Università

Dettagli

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI 1 AREA TECNICA Direttore Ing. Carlo Faccin Titolo Raccomandazioni ad indirizzo dell attività degli

Dettagli

L'utente car sharing: persona esperta in multimodalità. Roberta Villa

L'utente car sharing: persona esperta in multimodalità. Roberta Villa L'utente car sharing: persona esperta in multimodalità Roberta Villa Il percorso 1. spunti teorici in tema di mobilità urbana e multimodalità 2. CS e modal-split: la situazione nazionale ed internazionale.

Dettagli

WORKSHOP MOBILITA SOSTENIBILE E SICURA IN AMBITO URBANO

WORKSHOP MOBILITA SOSTENIBILE E SICURA IN AMBITO URBANO WORKSHOP MOBILITA SOSTENIBILE E SICURA IN AMBITO URBANO SALA BIBLIOTECA st. 130, 1 p. Dipartimento di Prevenzione ASS1 via Paolo de Ralli, 3 (TS) 21 maggio 2012 il dipartimento di prevenzione Art 7 del

Dettagli

LA MOBILITA SOSTENIBILE A ROMA TRE ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA

LA MOBILITA SOSTENIBILE A ROMA TRE ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA LA MOBILITA SOSTENIBILE A ROMA TRE ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA DECRETO 27 MARZO 1998 A seguito dell emanazione del Decreto 27 marzo 1998 del Ministero dell Ambiente, l Università

Dettagli

LA CRISI ECONOMICA E L AUMENTO DEL COSTO DELLA BENZINA L HANNO PORTATA A PENSARE DI

LA CRISI ECONOMICA E L AUMENTO DEL COSTO DELLA BENZINA L HANNO PORTATA A PENSARE DI M In questa fermata Audimob, l analisi dei dati riguarda un approfondimento su scelte e possibili cambiamenti per la domanda di mobilità dei cittadini in questa fase di congiuntura economica non favorevole

Dettagli

Consulta Tempi e orari della città

Consulta Tempi e orari della città Urban Center Progetto Tempi Consulta Tempi e orari della città OSSERVATORIO TEMPI della CITTÀ OSSERVATORIO TEMPI della CITTÀ gruppo tecnico promosso e gestito dall ufficio Tempi del, che sta lavorando

Dettagli

INNOVARE LA PIANIFICAZIONE DELLA MOBILITÀ E DELLA SICUREZZA STRADALE

INNOVARE LA PIANIFICAZIONE DELLA MOBILITÀ E DELLA SICUREZZA STRADALE Seminario Politiche, prospettive e strategie in tema di mobilità sostenibile e sicurezza stradale INNOVARE LA PIANIFICAZIONE DELLA MOBILITÀ E DELLA SICUREZZA STRADALE 24 maggio 2010 Salone d onore del

Dettagli

ACCESS Questionario titolari d azienda

ACCESS Questionario titolari d azienda ACCESS Questionario titolari d azienda ACCESS è un progetto finanziato dalla Comunità Europea nell ambito del Programma Spazio Alpino e ha come obiettivo primario il miglioramento della competitività e

Dettagli

1. Quali dei seguenti interventi può rendere concorrenziale l uso dell autobus rispetto all auto privata?

1. Quali dei seguenti interventi può rendere concorrenziale l uso dell autobus rispetto all auto privata? 1. Quali dei seguenti interventi può rendere concorrenziale l uso dell autobus rispetto all auto privata? Due risposte possibili - Votanti: 115+188=33 3 25 2 22 Valori assoluti 15 1 5 72 13 58 84 142 43

Dettagli

AGGREGAZIONE COMUNI PROVINCIA DI AVELLINO CAPOFILA COMUNE DI FRIGENTO

AGGREGAZIONE COMUNI PROVINCIA DI AVELLINO CAPOFILA COMUNE DI FRIGENTO Stradale. Procedura concorsuale per l'assegnazione di contributi finanziari ai Regione Campania Decreto Dirigenziale 54 del 25/03/2013 COMUNI AZIONI PER LA SICUREZZA STRADALE PREMESSA...3 SETTORE A...3

Dettagli

IL PROGETTO MUSA E I PIANI URBANI DELLA MOBILITA

IL PROGETTO MUSA E I PIANI URBANI DELLA MOBILITA IL PROGETTO MUSA E I PIANI URBANI DELLA MOBILITA Carlo Carminucci, Isfort Bari, 13 Aprile 2012 La carta di identità del Progetto MUSA Nome: MUSA - Mobilità Urbana Sostenibile e Attrattori culturali Soggetto

Dettagli

TIDE a Milano - Il successo del road pricing con Area C. Linee di sviluppo e tecnologie innovative per il sistema della sosta

TIDE a Milano - Il successo del road pricing con Area C. Linee di sviluppo e tecnologie innovative per il sistema della sosta TIDE National Event Roma, 21 Settembre 2015 TIDE a Milano - Il successo del road pricing con Area C. Linee di sviluppo e tecnologie innovative per il sistema della sosta Maria Berrini, CEO Agenzia Mobilità

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro 4 agosto 2014 L Istat diffonde i dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni relativi agli spostamenti pendolari

Dettagli

Rispetto degli spazi riservati alla sosta dei veicoli a servizio di persone con difficoltà motorie.

Rispetto degli spazi riservati alla sosta dei veicoli a servizio di persone con difficoltà motorie. ATTIVITÁ E CONTENUTI GENITORI INCONTRO UNICO Incontro - dibattito tra le Istituzioni e i genitori finalizzato a sensibilizzare questi ultimi a comportamenti corretti e al rispetto delle norme del C.d.S..

Dettagli

Divisione Infrastrutture e Mobilità

Divisione Infrastrutture e Mobilità Divisione Infrastrutture e Mobilità Piano Urbano del Traffico e della mobilità delle persone (PUT 2001) Programma Urbano dei Parcheggi (PUP 2001) (Approvato con Del. C.C. 00155/006 del 19/06/2002) Il Piano

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 465 DEL 5/12/2001

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 465 DEL 5/12/2001 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 465 DEL 5/12/2001 Adozione del nuovo Piano Urbano del Traffico contenente riferimenti al Piano Integrato della Mobilità e degli Orari e Programma Urbano dei Parcheggi.

Dettagli

Indicazioni fornite sulle ragioni dello scarso utilizzo del servizio di trasporto pubblico locale (interviste telefoniche)

Indicazioni fornite sulle ragioni dello scarso utilizzo del servizio di trasporto pubblico locale (interviste telefoniche) è caro è invalida Indicazioni fornite sulle ragioni dello scarso utilizzo del servizio di trasporto pubblico locale (interviste telefoniche) è sulla sedia a rotelle fa fatica a portare 3 bambini sull'

Dettagli

Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo

Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo Rapporto di ricerca Luglio 2010 (Rif. 1215v110) Indice 2 Capitolo I - L andamento dell economia e del credito al consumo oggi pag. 3 Capitolo

Dettagli