PREVENIRE LE CADUTE DALL ALTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PREVENIRE LE CADUTE DALL ALTO"

Transcript

1 PREVENIRE LE CADUTE DALL ALTO Gemona del Friuli, 23 maggio 2012 Dott.ssa Francesca Piva Tecnico della Prevenzione A.S.S. n. 3 Alto Friuli

2 CLASSIFICAZIONE COPERTURE

3 CLASSIFICAZIONE COPERTURE TIPOLOGIA Fortemente inclinata ] ] Inclinata Orizzontale Fonte: Norma Europea UNI EN Sistemi temporanei di protezione dei bordi

4 CLASSIFICAZIONE COPERTURE TIPOLOGIA PROTETTA: copertura munita di uno o più sistemi di protezione oggettiva posti lungo il perimetro. PERCORRIBILE: copertura che, per caratteristiche proprie, consente la pedonalizzazione sicura.

5 MODALITÀ DI ACCESSO IN QUOTA INTERNO ESTERNO

6 MODALITÀ DI ACCESSO IN QUOTA ACCESSO INTERNO ABBAINO L accesso dev essere dimensionato in modo da garantire un agevole passaggio del lavoratore e delle attrezzature. LUCERNARIO

7 MODALITÀ DI ACCESSO IN QUOTA ACCESSO ESTERNO PONTEGGIO SCALA TRABATTELLO PIATTAFORMA DI LAVORO ELEVABILE (P.L.E.) Art. 111 del D.Lgs. 81/2008 Scelta del sistema di accesso più idoneo in base a: -frequenza di circolazione; -dislivello; -durata d impiego; -evacuazione in caso di pericolo; -passaggio da sistema di accesso in quota a piano di lavoro senza ulteriori rischi di caduta.

8 MODALITÀ DI ACCESSO IN QUOTA ACCESSO ESTERNO PONTEGGIO Art. 125, comma 4 D. Lgs. 81/2008: dalla parte interna dei montanti devono essere applicati correnti e tavola fermapiede a protezione esclusivamente dei lavoratori che operano sull ultimo impalcato. Ponteggio valido come protezione dei lavoratori che operano su una copertura inclinata solo se corredato da apposito calcolo di ingegnere o architetto abilitato. Fonte: Circolare n. 29 del 27/08/2010

9 MODALITÀ DI ACCESSO IN QUOTA ACCESSO ESTERNO

10 MODALITÀ DI ACCESSO IN QUOTA ACCESSO ESTERNO PIATTAFORME DI LAVORO ELEVABILI (P.L.E.) attrezzatura destinata a spostare persone in posizioni di lavoro in quota, dalle quali i lavoratori svolgono mansioni esclusivamente dalla piattaforma stessa Fonte: norma UNI EN 280

11 LA PREVENZIONE DEL RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO TIPOLOGIA DI COPERTURA: 1. orizzontale o inclinata? 2. protetta o non protetta? 3. percorribile o non percorribile?

12 LA PREVENZIONE DEL RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO COPERTURA PROTETTA E PERCORRIBILE - prevedere un idoneo sistema di accesso in quota; - prevedere un idoneo sistema di sollevamento/discesa dei materiali in quota; - inizio lavori.

13 LA PREVENZIONE DEL RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO COPERTURA PROTETTA MA NON PERCORRIBILE 1. caduta verso l interno dell edificio per sfondamento della copertura non portante; 2. caduta verso l interno dell edificio attraverso aperture non protette; 3. caduta verso l interno dell edificio attraverso lucernari non portanti.

14 COPERTURA PROTETTA MA NON PERCORRIBILE Caduta verso l interno dell edificio per sfondamento della copertura non portante: SOTTOPONTE DI SICUREZZA - assicura una distanza inferiore ai 2 metri tra il piano di lavoro (copertura) e il piano del soppalco; - utile per lavori di lunga durata; - idoneo qualora siano presenti strutture o impianti sottostanti amovibili.

15 COPERTURA PROTETTA MA NON PERCORRIBILE Caduta verso l interno dell edificio per sfondamento della copertura non portante: RETE DI SICUREZZA Vantaggiose per lavori con evoluzione veloce che possono essere eseguiti a lotti. -dev essere installata quanto più vicino possibile al piano di lavoro; -lo spazio sotto la rete dev essere libero da ostacoli, considerato la deformazione della stessa in caso di caduta dell operatore; -devono essere presenti idonei punti di ancoraggio perimetrali in funzione di quanto previsto dal fabbricante. Fonte: UNI EN Reti di sicurezza Requisiti di sicurezza, metodi di prova

16 COPERTURA PROTETTA MA NON PERCORRIBILE Caduta verso l interno dell edificio per sfondamento della copertura non portante Art. 148, comma 2 del D. Lgs. 81/2008 Nel caso in cui sia dubbia tale resistenza (quella della copertura n.d.r), devono essere adottati i necessari apprestamenti atti a garantire la incolumità delle persone addette, disponendo, a seconda dei casi, tavole sopra le orditure, sottopalchi (omissis).

17 COPERTURA PROTETTA MA NON PERCORRIBILE Caduta verso l interno dell edificio attraverso aperture non protette o attraverso lucernari non portanti ASSITI DI CHIUSURA DEI LUCERNARI E/O DELLE APERTURE PARAPETTI SUL PERIMETRO DELLE APERTURE

18 COPERTURA PERCORRIBILE MA NON PROTETTA Parapetti o impalcature con parapetto lungo tutti i lati verso il vuoto. -valutazione della struttura architettonica complessiva del fabbricato; -valutazione dei rischi durante la realizzazione dell opera provvisionale; -verifica dell eventuale interferenza dei parapetti o dei ponteggi con altri elementi; -definizione di procedure che indichino le modalità di realizzazione dell opera provvisionale e lo standard di qualità da garantire; -definizione delle conoscenze tecniche, formazione e addestramento necessari al personale addetto all installazione delle opere provvisionali.

19 MISURE DI PROTEZIONE COLLETTIVA PARAPETTI PROVVISORI 1. INCLINAZIONE COPERTURA 2. ALTEZZA DI CADUTA

20 MISURE DI PROTEZIONE COLLETTIVA PARAPETTI PROVVISORI CLASSE A: fornisce resistenza solo ai carichi statici. -sostiene il lavoratore che si appoggia alla protezione; -fornisce una presa quando il lavoratore vi cammina a fianco; -trattiene il lavoratore che cammina o cade in direzione della protezione. CLASSE B: fornisce resistenza a forze dinamiche basse. -sostiene il lavoratore che si appoggia alla protezione; -fornisce una presa quando il lavoratore vi cammina a fianco; -trattiene il lavoratore che cammina o cade in direzione della protezione; -trattiene la caduta del lavoratore che scivola da una superficie inclinata. CLASSE C: fornisce resistenza a forze dinamiche elevate. -trattiene la caduta del lavoratore che scivola da una superficie fortemente inclinata. Fonte: Norma Europea UNI EN Sistemi temporanei di protezione dei bordi

21 MISURE DI PROTEZIONE COLLETTIVA PARAPETTI PROVVISORI CLASSE A pendenza copertura α < 10 SPECIFICHE l inclinazione parapetto non deve scostarsi dalla verticale di più di millimetri x Fonte: Norma Europea UNI EN Sistemi temporanei di protezione dei bordi

22 MISURE DI PROTEZIONE COLLETTIVA PARAPETTI PROVVISORI CLASSE B pendenza copertura 10 < α < 30 pendenza copertura 10 < α < 60 altezza di caduta < 2 metri Distanza verticale fra il punto in cui il lavoratore sta in piedi e il punto più basso della protezione prevista per arrestare la caduta. Fonte: Norma Europea UNI EN Sistemi temporanei di protezione dei bordi

23 MISURE DI PROTEZIONE COLLETTIVA PARAPETTI PROVVISORI SPECIFICHE CLASSE B pendenza copertura 10 < α < 30 pendenza copertura 10 < α < 60 altezza di caduta < 2 metri -l inclinazione parapetto non deve scostarsi dalla verticale di più di 15 ; -tutte le aperture devono avere dimensioni massime di 25 centimetri. Fonte: Norma Europea UNI EN Sistemi temporanei di protezione dei bordi

24 MISURE DI PROTEZIONE COLLETTIVA PARAPETTI PROVVISORI CLASSE C pendenza copertura 30 < α < 45 pendenza copertura 45 < α < 60 altezza di caduta < 5 metri SPECIFICHE -l inclinazione del parapetto deve essere compresa tra la verticale e la perpendicolare alla superficie Fonte: Norma Europea UNI EN Sistemi temporanei di protezione dei bordi

25 MISURE DI PROTEZIONE COLLETTIVA PARAPETTI PROVVISORI CLASSE C pendenza copertura 30 < α < 45 pendenza copertura 45 < α < 60 altezza di caduta < 5 metri SPECIFICHE -l inclinazione del parapetto deve essere compresa tra la verticale e la perpendicolare alla superficie; -tutte le aperture devono avere dimensioni massime di 10 centimetri. Fonte: Norma Europea UNI EN Sistemi temporanei di protezione dei bordi

26 MISURE DI PROTEZIONE COLLETTIVA PARAPETTI PROVVISORI PENDENZA E ALTEZZA DI CADUTA α < 10 CLASSE PARAPETTO PROVVISORIO A 10 < α < 30 B 10 < α < 60 e altezza di caduta < 2m B 30 < α < 45 C 45 < α < 60 e altezza di caduta < 5m C Fonte: Norma Europea UNI EN Sistemi temporanei di protezione dei bordi

27 MISURE DI PROTEZIONE COLLETTIVA PARAPETTI PROVVISORI I DPC non possono essere marcati CE, in quanto per essi non esiste alcuna direttiva alla quale devono rispondere per poter liberamente circolare nel mercato europeo. Ad essi è applicabile il D. Lgs. 06/09/2005 n. 206 (Codice del consumo).

28 MISURE DI PROTEZIONE COLLETTIVA PARAPETTI PROVVISORI D. Lgs. 06/09/2005 n. 206 Parte IV Titolo I Sicurezza dei prodotti Obbligo del fabbricante di immettere sul mercato solo prodotti sicuri. Prodotto sicuro: in condizioni d uso normali o ragionevolmente prevedibili non presenti alcun rischio, oppure presenti unicamente rischi minimi, compatibili con l impiego del prodotto e considerati accettabili nell osservanza di un livello elevato di tutela della salute e della sicurezza delle persone.

29 MISURE DI PROTEZIONE COLLETTIVA PARAPETTI PROVVISORI D. Lgs. 06/09/2005 n. 206 Articolo 105 In mancanza di specifiche disposizioni comunitarie che disciplinano gli aspetti di sicurezza, un prodotto si presume sicuro quando è conforme alla legislazione vigente nello stato membro in cui il prodotto stesso è commercializzato (D. Lgs. 81/2008). UNI EN Sistemi temporanei di protezione dei bordi

30 MISURE DI PROTEZIONE COLLETTIVA PARAPETTI PROVVISORI E se α > 60 oppure α > 45 e l altezza di caduta è maggiore di 5 metri? I PARAPETTI PROVVISORI NON SONO UNA PROTEZIONE ADEGUATA!!!

31 Decreto Legislativo 81/2008 e s.m.i. Art. 111 Obblighi del datore di lavoro nell uso di attrezzature per lavori in quota Il datore di lavoro, nei casi in cui i lavori temporanei in quota non possono essere eseguiti in condizioni di sicurezza e in condizioni ergonomiche adeguate a partire da un luogo adatto allo scopo, sceglie le attrezzature di lavoro più idonee a garantire e mantenere condizioni di lavoro sicure, in conformità ai seguenti criteri: a)priorità alle misure di protezione collettiva rispetto alle misure di protezione individuale; b)

32 Decreto Legislativo 81/2008 e s.m.i. Art. 75 Obblighi di uso I D.P.I. devono essere impiegati quando i rischi non possono essere evitati o sufficientemente ridotti da misure tecniche di prevenzione, da mezzi di protezione collettiva, da misure, metodi o procedimenti di riorganizzazione del lavoro.

33 Decreto Legislativo 81/2008 e s.m.i. Art. 115 Sistemi di protezione contro le cadute dall alto Nei lavori in quota qualora non siano state attuate misure di protezione collettiva come previsto dall articolo 111 comma 1 lettera a) è necessario che i lavoratori utilizzino idonei sistemi di protezione idonei per l uso specifico composti da diversi elementi, non necessariamente presenti contemporaneamente conformi alle norme tecniche, quali i seguenti: a)assorbitori di energia; b)connettori; c)dispositivo di ancoraggio; d)cordini; e)dispositivi retrattili; f)guide o linee vita flessibili; g)guide o linee vita rigide; h)imbracature.

34 MISURE DI PROTEZIONE INDIVIDUALE D.P.I. ANTICADUTA I D.P.I. contro la caduta dall alto, essendo considerati di progettazione complessa e destinati a salvaguardare dal rischio di morte o di lesioni gravi a carattere permanente, vengono classificati dal D. Lgs. 475/1992 come D.P.I. di 3 categoria. Questo implica che il Datore di Lavoro sottoponga i lavoratori al programma di formazione e addestramento previsti dagli articoli 77, comma 5, lettera a) e 78, comma 1 del D. Lgs. 81/2008.

35 MISURE DI PROTEZIONE INDIVIDUALE D.P.I. ANTICADUTA TIPOLOGIE DI RISCHIO NEI LAVORI IN QUOTA: 1. rischio di caduta dall alto; 2. rischio susseguente alla caduta; 3. rischio connesso al D.P.I. anticaduta; 4. rischio innescante la caduta; 5. rischio specifico dell attività lavorativa; 6. rischio di natura atmosferica.

36 MISURE DI PROTEZIONE INDIVIDUALE D.P.I. ANTICADUTA TIPOLOGIE DI CADUTA DALL ALTO CADUTA LIBERA CADUTA LIBERA LIMITATA CADUTA CONTENUTA CADUTA TOTALMENTE PREVENUTA Fonte: Linee guida I.N.A.I.L. (ex I.S.P.E.S.L.)

37 MISURE DI PROTEZIONE INDIVIDUALE D.P.I. ANTICADUTA DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE PER LA PROTEZIONE E LA PREVENZIONE DELLE CADUTE DALL ALTO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE PER IL IL POSIZIONAMENTO SUL LAVORO E LA PREVENZIONE DELLE CADUTE DALL ALTO SISTEMI DI POSIZIONAMENTO SUL LAVORO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO SISTEMI DI ARRESTO CADUTA DISPOSITIVI DI DISCESA SISTEMA DI ARRESTO CADUTA CON DISPOSITIVO ANTICADUTA DI TIPO RETRATTILE SISTEMA DI ARRESTO CADUTA CON DISPOSITIVO ANTICADUTA DI TIPO GUIDATO SU UNA LINEA DI DI ANCORAGGIO RIGIDA SISTEMA DI ARRESTO CADUTA CON DISPOSITIVO ANTICADUTA DI TIPO GUIDATO SU UNA LINEA DI DI ANCORAGGIO FLESSIBILE SISTEMA DI ARRESTO CADUTA CON ASSORBIMENTO DI DI ENERGIA

38 MISURE DI PROTEZIONE INDIVIDUALE D.P.I. ANTICADUTA SISTEMA DI ARRESTO CADUTA DI TIPO RETRATTILE VINCOLATO AD UN PUNTO DI ANCORAGGIO FISSO La lunghezza del cordino può essere superiore a 2 metri. Fonte: UNI EN 360

39 MISURE DI PROTEZIONE INDIVIDUALE D.P.I. ANTICADUTA SISTEMA DI ARRESTO CADUTA CON DISPOSITIVO ANTICADUTA DI TIPO GUIDATO COMPRENDENTE UNA LINEA DI ANCORAGGIO RIGIDA. Fonte: UNI EN 353-1

40 MISURE DI PROTEZIONE INDIVIDUALE D.P.I. ANTICADUTA SISTEMA DI ARRESTO CADUTA CON DISPOSITIVO ANTICADUTA DI TIPO GUIDATO COMPRENDENTE UNA LINEA DI ANCORAGGIO FLESSIBILE. La lunghezza del cordino, compreso il connettore e l elemento di dissipazione di energia, non deve essere maggiore di 1 metro! Fonte: UNI EN 353-2

41 MISURE DI PROTEZIONE INDIVIDUALE D.P.I. ANTICADUTA SISTEMA DI ARRESTO CADUTA CON ASSORBIMENTO DI ENERGIA

42 MISURE DI PROTEZIONE INDIVIDUALE D.P.I. ANTICADUTA CONSEGUENZE DI UNA POSSIBILE CADUTA - impatto con il suolo; - impatto con ostacoli sotto il piano di lavoro; - imbracatura, come risultato dell arresto della caduta; - impatto con componenti costituenti il sistema di arresto caduta; - effetto pendolo.

43 MISURE DI PROTEZIONE INDIVIDUALE D.P.I. ANTICADUTA SPAZIO LIBERO DI CADUTA IN SICUREZZA Spazio necessario a consentire al lavoratore una caduta senza che egli urti contro il suolo o altri ostacoli analoghi. FATTORI DI CUI SI DEVE TENERE CONTO NEL CALCOLO DELLO SPAZIO LIBERO DI CADUTA -flessione degli ancoraggi; -lunghezza statica del cordino e suo allungamento sotto carico; -posizione di partenza del dispositivo anticaduta; -spostamento verticale o allungamento del dispositivo anticaduta; -altezza dell utilizzatore; -scostamento laterale del punto di ancoraggio.

44 MISURE DI PROTEZIONE INDIVIDUALE D.P.I. ANTICADUTA DISPOSITIVO ANTICADUTA CON PUNTO FISSO DI ANCORAGGIO + CORDINO + ASSORBITORE DI ENERGIA 1. Distanza di partenza 3. Lunghezza del cordino 2. Allungamento dell assorbitore di energia 4. Altezza dell attacco dell imbracatura rispetto al piede della persona 5. Spazio libero residuo

45 MISURE DI PROTEZIONE INDIVIDUALE D.P.I. ANTICADUTA DISPOSITIVO RETRATTILE 1. Distanza di partenza più bassa per il disassamento laterale del punto di ancoraggio 2. Estensione del dispositivo di tipo retrattile 3. Altezza dell attacco dell imbracatura rispetto al piede della persona 4. Spazio libero residuo

46 MISURE DI PROTEZIONE INDIVIDUALE D.P.I. ANTICADUTA DISPOSITIVO ANTICADUTA CON LINEA DI ANCORAGGIO ORIZZONTALE + CORDINO + ASSORBITORE DI ENERGIA 6. Flessione dell ancoraggio 1. Distanza di partenza 3. Lunghezza del cordino 2. Allungamento dell assorbitore di energia 4. Altezza dell attacco dell imbracatura rispetto al piede della persona 5. Spazio libero residuo

47 MISURE DI PROTEZIONE INDIVIDUALE ANCORAGGI CLASSE A CLASSE A1 CLASSE A2 -coperture di medio-piccole dimensioni; -modesti interventi di manutenzione. NON POSSONO ESSERE UTILIZZATI PER COSTRUIRE UNA LINEA VITA! Fonte: norma UNI EN 795:2002 Protezioni contro le cadute dall alto Dispositivi di ancoraggio Requisiti e prove

48 MISURE DI PROTEZIONE INDIVIDUALE ANCORAGGI CLASSE B Fonte: norma UNI EN 795:2002 Protezioni contro le cadute dall alto Dispositivi di ancoraggio Requisiti e prove

49 MISURE DI PROTEZIONE INDIVIDUALE ANCORAGGI CLASSE C Fonte: norma UNI EN 795:2002 Protezioni contro le cadute dall alto Dispositivi di ancoraggio Requisiti e prove

50 MISURE DI PROTEZIONE INDIVIDUALE ANCORAGGI CLASSE C LINEA VITA: coperture di medio-grandi dimensioni. -conforme alla normativa UNI EN 795:2002 (tutti i dispositivi dovranno essere corredati di certificazione rilasciata da ente notificato); -ogni quanto posizionare il rompi tratta; -quali D.P.I. utilizzare; -quanti operatori possono contemporaneamente essere collegati alla linea vita; -fissaggi dimensionati come da manuale di posa redatto dal produttore e accompagnati dalla relativa relazione di calcolo per supporti dei quali non si conoscano le resistenze meccaniche.

51 MISURE DI PROTEZIONE INDIVIDUALE ANCORAGGI CLASSE D Fonte: norma UNI EN 795:2002 Protezioni contro le cadute dall alto Dispositivi di ancoraggio Requisiti e prove

52 MISURE DI PROTEZIONE INDIVIDUALE ANCORAGGI CLASSE E Fonte: norma UNI EN 795:2002 Protezioni contro le cadute dall alto Dispositivi di ancoraggio Requisiti e prove

53 MISURE DI PROTEZIONE INDIVIDUALE ANCORAGGI PREDISPOSIZIONE DEL SISTEMA DI ANCORAGGIO 1. scelta della modalità d accesso 2. scelta e definizione della dislocazione dei dispositivi di ancoraggio; 3. modalità di fissaggio dei dispositivi alla copertura.

54 MISURE DI PROTEZIONE INDIVIDUALE ANCORAGGI Scelta della modalità d accesso disposizione del sistema di ancoraggio in prossimità del punto di accesso del lavoratore alla copertura; percorso di ancoraggi che permetta al lavoratore di spostarsi dal punto di accesso al colmo (installati ogni 1,50/2metri).

55 MISURE DI PROTEZIONE INDIVIDUALE ANCORAGGI

56 MISURE DI PROTEZIONE INDIVIDUALE D.P.I. ANTICADUTA FATTORE DI CADUTA Rapporto tra l altezza della caduta e la lunghezza della corda disponibile per ripartire la forza di arresto della caduta

57 MISURE DI PROTEZIONE INDIVIDUALE D.P.I. ANTICADUTA FORZA DI IMPATTO IN FUNZIONE DELL ALTEZZA DI CADUTA

58 MISURE DI PROTEZIONE INDIVIDUALE D.P.I. ANTICADUTA EFFETTO PENDOLO Disporre dispositivi di ancoraggio di tipo A in prossimità degli angoli dell edificio (da usare come punto di ancoraggio per un secondo cordino)

Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi

Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi Martedì 22 luglio2014, dalle ore 15.00 alle ore 17.00 presso la sede CPT, Viale Milano 56/60 Lodi Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi ing. Massimiliano Colletta I LAVORI

Dettagli

Le problematiche di sicurezza per l allestimento del cantiere per l installazione degli impianti fotovoltaici

Le problematiche di sicurezza per l allestimento del cantiere per l installazione degli impianti fotovoltaici Seminario Tecnico GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Aggiornamenti legislativi, Problematiche tecniche, Problematiche di installazione, Rapporti con gli enti Le problematiche di sicurezza per l allestimento del

Dettagli

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione. Foto di Charles Ebbets

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione. Foto di Charles Ebbets IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione Foto di Charles Ebbets Tutte le attività svolte su coperture in funzione dell altezza, della tipologia

Dettagli

Linee Vita. Progettazione ed Posa in Opera D.Lgs.81/08 e s.m.i. L.R.5/2010. M.EN.S. Engineering. Dott. Ing. Corrado Giromini

Linee Vita. Progettazione ed Posa in Opera D.Lgs.81/08 e s.m.i. L.R.5/2010. M.EN.S. Engineering. Dott. Ing. Corrado Giromini M.EN.S. Engineering Dott. Ing. Corrado Giromini Sistemi Anticaduta dall Alto Linee Vita Progettazione ed Posa in Opera D.Lgs.81/08 e s.m.i. L.R.5/2010 M.EN.S. Engineering Sommario Normativa D.Lgs.81/08

Dettagli

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Misure di prevenzione e protezione collettive e individuali in riferimento al rischio di caduta dall alto nei cantieri edili A cura dei Tec. Prev. Mara Italia, Marco

Dettagli

RISCHIO CADUTA DALL ALTO. Ing. Caterina Lapietra

RISCHIO CADUTA DALL ALTO. Ing. Caterina Lapietra RISCHIO CADUTA DALL ALTO Ing. Caterina Lapietra il rischio insito nel ponteggio, la sua percezione e gli accessori che producono sicurezza passiva La percezione del rischio è un fattore soggettivo, legato

Dettagli

LAVORO IN QUOTA: DEFINZIONE

LAVORO IN QUOTA: DEFINZIONE LAVORI IN ALTEZZA - NORME DI RIFERIMENTO D.Lgs 81/2008 e s.m.i. In particolare Titolo IV Cantieri temporanei o mobili Capo II Norme per la prevenzione sul lavoro nelle costruzioni e nei lavori in quota

Dettagli

Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.)

Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) MASTER SICUREZZA Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) Alessandro Cauduro Creazzo 1 luglio 2010 DPI Anticaduta Generalità I dispositivi di protezione individuale (DPI) sono:

Dettagli

LAVORI SPECIALI. (Articolo 148 D.Lgs 81/08)

LAVORI SPECIALI. (Articolo 148 D.Lgs 81/08) 146 LAVORI SPECIALI (Articolo 148 D.Lgs 81/08) Prima di procedere alla esecuzione di lavori su lucernari, tetti, coperture e simili, fermo restando l obbligo di predisporre misure di protezione collettiva,

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

RAGGIUNGIBILITA PRIMARIO SISTEMA ANTICADUTA: Dall accesso deve potersi trovare un ancoraggio in grado di garantire all operatore la sicurezza prima

RAGGIUNGIBILITA PRIMARIO SISTEMA ANTICADUTA: Dall accesso deve potersi trovare un ancoraggio in grado di garantire all operatore la sicurezza prima AREA RAGGIUNGIBILE IN SICUREZZA DISTANZA E POSIZIONAMENTO ANCORAGGI RAGGIUNGIBILITA PRIMARIO SISTEMA ANTICADUTA: Dall accesso deve potersi trovare un ancoraggio in grado di garantire all operatore la sicurezza

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg Regolamento tecnico per la prevenzione dei rischi di infortunio a seguito di cadute dall'alto nei lavori di manutenzione ordinaria

Dettagli

La norma UNI EN 795 e le linee vita come sistema di protezione.

La norma UNI EN 795 e le linee vita come sistema di protezione. Convegno Nazionale Professione Geometra: esperto in sicurezza 9 novembre 2012 La norma UNI EN 795 e le linee vita come sistema di protezione. Dott. Michele MONTRANO LAVORI IN QUOTA Lavoro in quota: attività

Dettagli

Kit Linea Vita. Scheda progettisti. Kit Linea Vita. Verifica del fissaggio Disegno piastre base Calcolo dell altezza minima d installazione

Kit Linea Vita. Scheda progettisti. Kit Linea Vita. Verifica del fissaggio Disegno piastre base Calcolo dell altezza minima d installazione Scheda progettisti Kit Linea Vita Verifica del fissaggio Disegno piastre base Calcolo dell altezza minima d installazione 0505 Manutenzione 4 1/anno C certificato UNI EN 795:2002 Distanza max tra i pali

Dettagli

LAVORI IN QUOTA Lavori in sospensione con funi DPI specifici e sistemi anticaduta

LAVORI IN QUOTA Lavori in sospensione con funi DPI specifici e sistemi anticaduta LAVORI IN QUOTA Lavori in sospensione con funi DPI specifici e sistemi anticaduta Lucca 1-06 - 2010 Stefano Cesari Amorini Srl - Perugia Lavoro in quota: le variabili per individuare il metodo di accesso

Dettagli

La scelta delle attrezzature nella gestione del rischio di caduta dall alto. ing. PASTA NICOLA

La scelta delle attrezzature nella gestione del rischio di caduta dall alto. ing. PASTA NICOLA La scelta delle attrezzature nella gestione del rischio di caduta dall alto ing. PASTA NICOLA Quale approccio alla gestione del rischio di caduta dall alto alto D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. - Art. 15 Le misure

Dettagli

CHE COSA E UNA CADUTA? UN SALTO UNA CADUTA. Anche da una piccola altezza una caduta può avere conseguenze drammatiche!! È volontario.

CHE COSA E UNA CADUTA? UN SALTO UNA CADUTA. Anche da una piccola altezza una caduta può avere conseguenze drammatiche!! È volontario. Sistemi anticaduta CHE COSA E UNA CADUTA? UN SALTO È volontario UNA CADUTA È involontaria E quindi è ammortizzato E quindi non è ammortizzata Buon assorbimento d energia IMPATTO DEBOLE Minimo assorbimento

Dettagli

I FONDAMENTALI DI UN CORRETTO IMPIANTO DI ANCORAGGIO

I FONDAMENTALI DI UN CORRETTO IMPIANTO DI ANCORAGGIO Federico Genovesi Pierfrancesco Miniati I FONDAMENTALI DI UN CORRETTO IMPIANTO DI ANCORAGGIO I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento totale o parziale,

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Prevenzione e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro La progettazione degli edifici e della sicurezza integrazione del regolamento locale di igiene OBIETTIVO: introdurre

Dettagli

LAVORO SULLE COPERTURE

LAVORO SULLE COPERTURE 1 LAVORO SULLE COPERTURE UNI EN 8088 2 Lavori inerenti le coperture dei fabbricati (definizioni) [UNI 8088] Tipi di coperture [UNI 8088] MANTO DI COPERTURA Per manto di copertura si intende l insieme degli

Dettagli

Descrizione Copertura:

Descrizione Copertura: Soluzioni Progettuali Scheda: SP09 Rev: 09/07/2009 9.47.00 Pagina 1/8 Descrizione Copertura: STATO DI FATTO COPERTURA CON PIANTA AD L E PADIGLIONE Nuova Esistente Praticabile Non Praticabile Si tratta

Dettagli

L USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO IN QUOTA OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO

L USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO IN QUOTA OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO L USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO IN QUOTA OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO COSA PREVEDE LA NORMATIVA SUI D.P.R. 164/1956 Art. 16 Ponteggi e opere provvisionali Nei lavori che sono eseguiti ad un altezza

Dettagli

Argomenti: Normative sulle cadute legate al D.L. 81. Obbligatorietà. Normative di riferimento linee vita. Adempimenti linee vita

Argomenti: Normative sulle cadute legate al D.L. 81. Obbligatorietà. Normative di riferimento linee vita. Adempimenti linee vita Normalmente i sistemi fotovoltaici vengono posizionati sui tetti. Se non sono presenti sistemi di protezione collettiva, sia durante l installazione l che nelle successive periodiche manutenzioni, il lavoro

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

(DGRV 2774/09 così come modificato dalla DGRV 97/2012)

(DGRV 2774/09 così come modificato dalla DGRV 97/2012) ISTRUZIONI TECNICHE PER LA PREDISPOSIZIONE DELLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA (DGRV 2774/09 così

Dettagli

I dispositivi di protezione ed il TU

I dispositivi di protezione ed il TU Seminario La sicurezza nel cantiere edile alla luce del DLgs 81/08 I dispositivi di protezione ed il TU Luca Rossi Bari, 24 aprile 2009 Sala Convegni Confindustria Programma Introduzione Definizioni Metodologia

Dettagli

3 Linee Guida ISPESL Linea Guida: Montaggio Smontaggio Trasformazione Ponteggi

3 Linee Guida ISPESL Linea Guida: Montaggio Smontaggio Trasformazione Ponteggi Dipartimento di Sanità Pubblica Ente Scuola Edile di Piacenza Comitato Paritetico Territoriale SICUREZZA IN EDILIZIA - Il lavoro in quota 3 Linee Guida ISPESL Linea Guida: Montaggio Smontaggio Trasformazione

Dettagli

Sistemi di protezione individuale dalle cadute

Sistemi di protezione individuale dalle cadute Sistemi di protezione individuale dalle cadute Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili Edizione 2014 Pubblicazione realizzata da INAIL Dipartimento innovazioni tecnologiche e sicurezza degli

Dettagli

Seminario su linee vita: normative, tecniche e procedure

Seminario su linee vita: normative, tecniche e procedure Seminario su linee vita: normative, tecniche e procedure Fascicolo dell opera (D.Lgs. 81/08 art.91 All. XVI) elaborato tecnico e grafico della copertura relazione tecnica illustrativa fascicolo del sistema

Dettagli

CRITERI DI SCELTA E USO DEI DPI: IMBRACATURE, ELMETTI

CRITERI DI SCELTA E USO DEI DPI: IMBRACATURE, ELMETTI Normativa nazionale D.L. del 9 aprile 2008 n 81 (TESTO UNICO) D.L. del 03. agosto 2009 n 106 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 09. aprile 2008, n. 81, in materia di tutela della

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA art. 5 del DPGR del 23.11.2005 n.62/r

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA art. 5 del DPGR del 23.11.2005 n.62/r ALLEGATO alla seguente pratica: Denuncia inizio attività Richiesta Permesso di costruire Variante con sospensione lavori Variante senza sospensione lavori (art.142 L.R. 01/05) Istanza di sanatoria (art.140

Dettagli

SEMINARIO TECNICO IL RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO: LA STRAGE CONTINUA?

SEMINARIO TECNICO IL RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO: LA STRAGE CONTINUA? Presenta SEMINARIO TECNICO IL RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO: LA STRAGE CONTINUA? Con il patrocinio di: Città di GROSSETO Grosseto 4 marzo 2011 1 perché oggi parliamo di linee vita : Le cadute dall alto sono

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA Legge Regionale 3 gennaio 2005, n. 1 - articolo 82, comma 16 Decreto del Presidente della Giunta Regionale 18 dicembre 2013, n. 75/R Regolamento di attuazione dell articolo

Dettagli

Cadute dall alto, alto, Linee Vita e Ancoraggi per la manutenzione in copertura

Cadute dall alto, alto, Linee Vita e Ancoraggi per la manutenzione in copertura L Ordine degli Ingegnere della Provincia di ROMA presenta il Seminario Tecnico: Cadute dall alto, alto, Linee Vita e Ancoraggi per la manutenzione in copertura Relatore Geom Giampiero Morandi In collaborazione

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA - RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA -

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA - RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA - ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA - RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA - Identificazione dell edificio e dei soggetti coinvolti nella realizzazione dell opera: Edificio sito in: Via O. Bravin 151/B 30023 Comune

Dettagli

LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO l dilucarossi, Ricercatore, Dipartimento Tecnologie di Sicurezza, ex-ispesl Osservatorio a cura dell Ufficio Relazioni con il Pubblico

Dettagli

FORMAZIONE COORDINATORI SICUREZZA. I Lavori in Quota. Elaborato Utilizzato per Corso AGGIORNAMENTO COORDINATORI (40 ore) 2011 Seravezza Querceta

FORMAZIONE COORDINATORI SICUREZZA. I Lavori in Quota. Elaborato Utilizzato per Corso AGGIORNAMENTO COORDINATORI (40 ore) 2011 Seravezza Querceta FORMAZIONE COORDINATORI SICUREZZA I Lavori in Quota Elaborato Utilizzato per Corso AGGIORNAMENTO COORDINATORI (40 ore) 2011 Seravezza Querceta Rischio cadute dall alto Normative Nazionali e Regionali (su

Dettagli

Sistemi di arresto caduta, UNI EN 517 E UNI EN 795

Sistemi di arresto caduta, UNI EN 517 E UNI EN 795 Sistemi di arresto caduta, UNI EN 517 E UNI EN 795 363 Sistemi di arresto caduta (2002) 517 Ganci di sicurezza da tetto (1998) 795 Dispositivi di ancoraggio (2002) Sistema di arresto caduta UNI EN 363

Dettagli

Sistema Edile Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

Sistema Edile Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro Associazione professionale Italiana Ambiente e Sicurezza Sede provinciale di Catanzaro Sistema Edile Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro 29 aprile 2014 - ore 15,00 Parco commerciale Le Fontane Via

Dettagli

LA SICUREZZA in COPERTURA

LA SICUREZZA in COPERTURA INCONTRI TECNICI Progettazione, tecniche e materiali 08 giugno 2011 LA SICUREZZA in COPERTURA INQUADRAMENTO NORMATIVO Relatori: Ing. Cosimo Chines Ing. Stefano Camoni In collaborazione con Studio Tecnico

Dettagli

RACCOLTA NORME UNI. su sistemi e dispositivi anticaduta

RACCOLTA NORME UNI. su sistemi e dispositivi anticaduta RACCOLTA NORME UNI su sistemi e dispositivi anticaduta UNI 8088 Lavori inerenti le coperture dei fabbricati: Criteri di sicurezza Nella norma sono stabilite le caratteristiche essenziali degli apprestamenti

Dettagli

RACCOLTA NORME UNI. su sistemi e dispositivi anticaduta

RACCOLTA NORME UNI. su sistemi e dispositivi anticaduta RACCOLTA NORME UNI su sistemi e dispositivi anticaduta UNI 8088 Lavori inerenti le coperture dei fabbricati: Criteri di sicurezza Nella norma sono stabilite le caratteristiche essenziali degli apprestamenti

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA DPGR Toscana 23 novembre 2005, n. 62/R -Art. 5 comma 4 4. L elaborato tecnico della copertura, in relazione alle diverse fattispecie di cui all articolo 6, deve avere

Dettagli

Soluzioni Progettuali Scheda: SP34 Rev: 05/01/2011 Pagina 1/6 STATO DI FATTO

Soluzioni Progettuali Scheda: SP34 Rev: 05/01/2011 Pagina 1/6 STATO DI FATTO Soluzioni Progettuali Scheda: SP34 Rev: 05/01/2011 Pagina 1/6 Descrizione Copertura: STATO DI FATTO COPERTURA A FALDA UNICA Nuova Esistente Praticabile Non Praticabile Copertura composta da una falda a

Dettagli

Parapetti provvisori. Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili

Parapetti provvisori. Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili Parapetti provvisori Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili Edizione 2014 Pubblicazione realizzata da INAIL Dipartimento innovazioni tecnologiche e sicurezza degli impianti, prodotti e insediamenti

Dettagli

Descrizione Copertura:

Descrizione Copertura: Soluzioni Progettuali Scheda: SP02 Rev: 22/10/2009 17.58.00 Pagina 1/1 Descrizione Copertura: STATO DI FATTO COPERTURA A CAPANNA A FALDE SOVRAPPOSTE Nuova Esistente Praticabile Non Praticabile Il fabbricato

Dettagli

2.1 Ai fini di quanto disciplinato nel presente atto di indirizzo e coordinamento si intende per:

2.1 Ai fini di quanto disciplinato nel presente atto di indirizzo e coordinamento si intende per: Allegato 1) Atto di indirizzo e coordinamento per la prevenzione delle cadute dall alto nei lavori in quota nei cantieri edili e di ingegneria civile ai sensi dell art. 6 della legge regionale 2 marzo

Dettagli

LAVORI SU COPERTURE Sistema di protezione dei bordi

LAVORI SU COPERTURE Sistema di protezione dei bordi LAVORI SU COPERTURE Tratto dal Documento predisposto dal Gruppo Interregionale Edilizia e licenziato dal Comitato Interregionale PISLL nella seduta del 29 novembre 2011 11 maggio 2012 Negrello obiettivi

Dettagli

Lavori in quota. Lavori in quota. frareg.com 1/22

Lavori in quota. Lavori in quota. frareg.com 1/22 Lavori in quota 1/22 D.Lgs 81/08 e s.m.i., art. 111 1. Il datore di lavoro, nei casi in cui i lavori temporanei in quota non possono essere eseguiti in condizioni di sicurezza e in condizioni ergonomiche

Dettagli

Sistemi di ancoraggio permanenti per dispositivi di protezione individuale contro le cadute

Sistemi di ancoraggio permanenti per dispositivi di protezione individuale contro le cadute Sistemi di ancoraggio permanenti per dispositivi di protezione individuale contro le cadute Atto di indirizzo e coordinamento per la prevenzione delle cadute dall alto nei lavori in quota della Regione

Dettagli

LAVORI IN QUOTA Soluzioni progettuali rispetto alla normativa regionale

LAVORI IN QUOTA Soluzioni progettuali rispetto alla normativa regionale LAVORI IN QUOTA Soluzioni progettuali rispetto alla normativa regionale VILLA BORROMEO Sarmeola di Rubano - Padova 25 novembre 2010 Relatore: Ing. Andrea Rossi ARGOMENTI DEFINIZIONI NORMATIVA NAZIONALE,

Dettagli

SCHEDA di RILEVAZIONE per il RISCHIO di CADUTA DALL ALTO

SCHEDA di RILEVAZIONE per il RISCHIO di CADUTA DALL ALTO SCHEDA di RILEVAZIONE per il RISCHIO di CADUTA DALL ALTO La scheda di rilevazione dei rischi di caduta dall alto è stata pensata come strumento di analisi sia per gli addetti del settore che per i funzionari

Dettagli

Metodologia per una corretta progettazione Dott. Alfredo Terreni

Metodologia per una corretta progettazione Dott. Alfredo Terreni Metodologia per una corretta progettazione Dott. Alfredo Terreni 1/35 Criteri di Progettazione Il corretto approccio alla progettazione di una copertura sicura èfinalizzato all eliminazione e/o riduzione

Dettagli

Argomenti. Verbali di consegna e verifiche periodiche e straordinarie. Uso dei sistemi anticaduta durante il montaggio/trasformazione/smontaggio

Argomenti. Verbali di consegna e verifiche periodiche e straordinarie. Uso dei sistemi anticaduta durante il montaggio/trasformazione/smontaggio Argomenti verbale di consegna I CRITERI DI GESTIONE DEL PONTEGGIO Lodi, 28 Ottobre 2014 ing. Marco Antonio Fusco Verbali di consegna e verifiche periodiche e straordinarie Uso dei sistemi anticaduta durante

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI NEI LAVORI IN ALTEZZA INDIVIDUAZIONE DELLE PROCEDURE GENERALI PER LAVORARE IN SICUREZZA IN TALI ATTIVITA

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI NEI LAVORI IN ALTEZZA INDIVIDUAZIONE DELLE PROCEDURE GENERALI PER LAVORARE IN SICUREZZA IN TALI ATTIVITA ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI INTERVENTI DI: ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI NEI LAVORI IN ALTEZZA RISCHI CADUTE DALL ALTO NEI LAVORI DI COSTRUZIONE, MANUTENZIONE, MODIFICA STRUTTURE TRADIZIONALI

Dettagli

ing. Maurizio De Napoli SPISAL ULSS 9

ing. Maurizio De Napoli SPISAL ULSS 9 CRITERI DI SCELTA E USO DEI DPI: IMBRACATURE E ELMETTI Treviso, 11 Marzo 2015 ing. Maurizio De Napoli SPISAL ULSS 9 www.ulss.tv.it INTRODUZIONE Per prima cosa è necessario valutare se sia possibile eliminare

Dettagli

Le scelte progettuaii, i documenti necessari e gli apprestamenti di difesa.

Le scelte progettuaii, i documenti necessari e gli apprestamenti di difesa. Firenze, 26 giugno 2006 CONVEGNO Sicurezza nei cantieri mobili e temporanei: i lavori in altezza Le scelte progettuaii, i documenti necessari e gli apprestamenti di difesa. Regolamento di attuazione dell

Dettagli

Seminario Tecnico. Le cadute dall'alto: una priorità per la sicurezza

Seminario Tecnico. Le cadute dall'alto: una priorità per la sicurezza Seminario Tecnico Le cadute dall'alto: una priorità per la sicurezza 27 febbraio 2014 Confindustria Marche Sala Tacconi Via Filonzi 11 Ancona In collaborazione con: 2 Seminario Tecnico Le cadute dall'alto:

Dettagli

Elementi di giudizio. Cadute dall alto. Lavoratori esposti al rischio di caduta da una altezza superiore a circa tre. Estesa carenza di protezioni

Elementi di giudizio. Cadute dall alto. Lavoratori esposti al rischio di caduta da una altezza superiore a circa tre. Estesa carenza di protezioni SPISAL Asl 20 Asl 21 Asl 22 Direzione Provinciale del Lavoro Comitato Paritetico Territoriale Polizia Municipale Campagna Cantieri Sicuri 2007 Elementi di giudizio Cantieri sotto il Minimo Etico Cadute

Dettagli

NORME DI LEGGE E DI BUONA TECNICA LEGATE ALL UTILIZZO DI PARAPETTI E RETI ANTICADUTA CORSO AGGIORNAMENTO COORDINATORI

NORME DI LEGGE E DI BUONA TECNICA LEGATE ALL UTILIZZO DI PARAPETTI E RETI ANTICADUTA CORSO AGGIORNAMENTO COORDINATORI NORME DI LEGGE E DI BUONA TECNICA LEGATE ALL UTILIZZO DI PARAPETTI E RETI ANTICADUTA CORSO AGGIORNAMENTO COORDINATORI Per. Ind. Michele Luongo - C.P.T. LUCCA INTRODUZIONE Nelle costruzioni vengono utilizzate

Dettagli

Soluzioni Progettuali Scheda: SP15 Rev: 28/09/2009 16.17.00 Pagina 1/6

Soluzioni Progettuali Scheda: SP15 Rev: 28/09/2009 16.17.00 Pagina 1/6 Soluzioni Progettuali Scheda: SP15 Rev: 28/09/2009 16.17.00 Pagina 1/6 Descrizione Copertura: STATO DI FATTO COPERTURA A FALDE INCLINATE A GRONDA COSTANTE PIANTA RETTANGOLARE Nuova Esistente Praticabile

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

Descrizione Copertura:

Descrizione Copertura: Soluzioni Progettuali Scheda: SP18 Rev: 20/10/2009 12.33.00 Pagina 1/1 Descrizione Copertura: STATO DI FATTO COPERTURA A VOLTA a bassa pendenza (inferiore a 15 ) con annesso a copertura PIANA Nuova Esistente

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA L.R. n. 1 del 03/01/2005 - art. 82 commi 14 e 16 D.P.G.R. n. 62/R del 23/11/2005

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA L.R. n. 1 del 03/01/2005 - art. 82 commi 14 e 16 D.P.G.R. n. 62/R del 23/11/2005 Al Comune di PRATO Servizio Gestione attività edilizia Via Arcivescovo Martini n. 60 59100 PRATO ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA L.R. n. 1 del 03/01/2005 - art. 82 commi 14 e 16 D.P.G.R. n. 62/R del

Dettagli

COPERTURE: LUOGHI DI LAVORO?

COPERTURE: LUOGHI DI LAVORO? COPERTURE: LUOGHI DI LAVORO? FASE DI LAVORO: MANUTENZIONE IMPIANTI EDIFICI e COPERTURE ELEMENTI CONDIZIONANTI EDIFICI e COPERTURE ELEMENTI CONDIZIONANTI OBIETTIVO MANUTENZIONI IN SICUREZZA ELABORATO TECNICO

Dettagli

IO NON CI ASCO. terza edizione

IO NON CI ASCO. terza edizione IO NON CI ASCO terza edizione IO NON CI CASCO Manuale operativo per chi lavora in altezza Terza edizione Regione Veneto-Azienda U.L.S.S. 15 Alta Padovana Dipartimento di Prevenzione - Servizio Prevenzione

Dettagli

(FAQ) ANTICADUTA. Catalogo on-line www.iapir.it DA OLTRE 40 ANNI LA SICUREZZA IN ITALIA

(FAQ) ANTICADUTA. Catalogo on-line www.iapir.it DA OLTRE 40 ANNI LA SICUREZZA IN ITALIA (FAQ) ANTICADUTA Che cos è un impatto d urto? All'arresto di una caduta l'operatore subisce un impatto d'urto che può provocare delle lesioni. 400 dan : comparsa di postumi cervicali 600 dan : soglia accettabile

Dettagli

PIATTAFORMA DI LAVORO MOBILE ELEVABILE (piattaforma elevabile) e PONTE MOBILE SVILUPPABILE SU CARRO AD AZIONAMENTO MOTORIZZATO (cestello)

PIATTAFORMA DI LAVORO MOBILE ELEVABILE (piattaforma elevabile) e PONTE MOBILE SVILUPPABILE SU CARRO AD AZIONAMENTO MOTORIZZATO (cestello) PERCORSI VERTICALI Scheda: P005 Rev: 06/06/2009 10.48.00 Pagina 1/5 PIATTAFORMA DI LAVORO MOBILE ELEVABILE (piattaforma elevabile) e PONTE MOBILE SVILUPPABILE SU CARRO AD AZIONAMENTO MOTORIZZATO (cestello)

Dettagli

SCALE FISSE CON INCLINAZIONE >75

SCALE FISSE CON INCLINAZIONE >75 PERCORSI VERTICALI Scheda: P003 Rev: 11/06/2009 19.55.00 Pagina 1/1 SCALE FISSE CON INCLINAZIONE >75 D.P.G.R. Toscana 62/R 05, Artt.3, 8 Dispositivo Interno Esterno Permanente Non Permanente Fig 1 Fig

Dettagli

Prevenzione delle cadute dall alto

Prevenzione delle cadute dall alto approfondimenti s Prevenzione delle cadute dall alto Relatore: p.i. Paolo Casali, formatore erogatore EQF 5 Padova 12 novembre 2015 Evoluzione ed approfondimenti su normative e revisioni sommario Presentazione

Dettagli

PROGETTISTI ASSOCIATI P.B. 11.03.2013 ARCH. A. EUGENIO BACCHILEGA ARCH. PAOLO GIAROLA

PROGETTISTI ASSOCIATI P.B. 11.03.2013 ARCH. A. EUGENIO BACCHILEGA ARCH. PAOLO GIAROLA LA COMMITTENZA IL TECNICO PROGETTISTI ASSOCIATI ARCH. A. EUGENIO BACCHILEGA ARCH. PAOLO GIAROLA PROGETTO Corso della Vittoria 36-37045 - Legnago (VR) Tel. +39.0442.600726 - Fax +39.0442.626682 proass@progettistiassociati1.191.it

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE ISPESL ISTITUTO SUPERIORE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA DEL LAVORO Dipartimento Tecnologie di Sicurezza Dipartimento

MINISTERO DELLA SALUTE ISPESL ISTITUTO SUPERIORE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA DEL LAVORO Dipartimento Tecnologie di Sicurezza Dipartimento MINISTERO DELLA SALUTE ISPESL ISTITUTO SUPERIORE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA DEL LAVORO Dipartimento Tecnologie di Sicurezza Dipartimento Relazioni Esterne Ufficio Relazioni con il Pubblico 1 PRESENTAZIONE

Dettagli

Classificazione delle coperture

Classificazione delle coperture Linee guida per l individuazione dei sistemi anticaduta per i lavori sulle coperture Arch. Ferdinando Izzo Classificazione delle coperture La classificazione delle coperture investe un complesso di fattori,

Dettagli

Descrizione Copertura:

Descrizione Copertura: Attività: 1 b Step:5 SP33.doc Soluzioni Progettuali Pagina 1/6 Descrizione Copertura: COPERTURA A TRE FALDE STATO DI FATTO Nuova Esistente Praticabile Non Praticabile Il fabbricato presenta copertura a

Dettagli

scheda n. 75 Tessera di riconoscimento per i soggetti di cui all art. 21

scheda n. 75 Tessera di riconoscimento per i soggetti di cui all art. 21 scheda n. 75 Tessera di riconoscimento per i soggetti di cui all art. 21 Titolo I art. 60 componenti dell impresa familiare; lavoratori autonomi; coltivatori diretti del fondo; soci delle società operanti

Dettagli

A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA

A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA I CONTENUTI DELLA VIGILANZA NEI CANTIERE A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA B) DOCUMENTAZIONE DEL CANTIERE C) CONTROLLO ADOZIONE MISURE DI SICUREZZA PER LE LAVORAZIONI CORSO D) LA GESTIONE DEL CANTIERE

Dettagli

SISTEMI DI ARRESTO CADUTA UN SISTEMA DI ARRESTO CADUTA È SEMPRE COMPOSTO DA TRE ELEMENTI BASILARI: - ANCORAGGIO - COLLEGAMENTO - IMBRACATURA

SISTEMI DI ARRESTO CADUTA UN SISTEMA DI ARRESTO CADUTA È SEMPRE COMPOSTO DA TRE ELEMENTI BASILARI: - ANCORAGGIO - COLLEGAMENTO - IMBRACATURA SISTEMI DI ARRESTO CADUTA UN SISTEMA DI ARRESTO CADUTA È SEMPRE COMPOSTO DA TRE ELEMENTI BASILARI: - ANCORAGGIO - COLLEGAMENTO - IMBRACATURA Prima dell uso occorre predisporre una procedura per il recupero

Dettagli

PROGETTAZIONE DELLA PREVENZIONE CONTRO LA CADUTA LIBERA VERSO IL VUOTO. Consulta di Mantova - Relatore Pier Luigi Ghisi

PROGETTAZIONE DELLA PREVENZIONE CONTRO LA CADUTA LIBERA VERSO IL VUOTO. Consulta di Mantova - Relatore Pier Luigi Ghisi PROGETTAZIONE DELLA PREVENZIONE CONTRO LA CADUTA LIBERA VERSO IL VUOTO OBBIETTIVI PRINCIPALI Sviluppare nei progettisti la cultura della sicurezza Formarli alla previsione progettuale di attrezzature di

Dettagli

Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro nei lavori in quota nelle costruzioni.

Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro nei lavori in quota nelle costruzioni. Arezzo, 23 settembre 2011 Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro nei lavori in quota nelle costruzioni. Analisi delle novità legislative. Esperienze e modalità di applicazione. ATLAS è azienda

Dettagli

MANUALE OPERATIVO PER CHI LAVORA IN ALTEZZA

MANUALE OPERATIVO PER CHI LAVORA IN ALTEZZA Regione del Veneto DIREZIONE PER LA PREVENZIONE Azienda U.L.S.S. 15 Alta Padovana Regione del Veneto MANUALE OPERATIVO PER CHI LAVORA IN ALTEZZA Piano Regionale Amianto del Veneto IO NON CI CASCO Manuale

Dettagli

LAVORI SULLE COPERTURE Utilizzo di parapetti provvisori e ponteggi

LAVORI SULLE COPERTURE Utilizzo di parapetti provvisori e ponteggi Servizio Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro Prevenzione e vigilanza per sicurezza del lavoro nei cantieri edili LAVORI SULLE COPERTURE Utilizzo di parapetti provvisori e ponteggi Settimo Torinese

Dettagli

PUNTI DI ANCORAGGIO PROVVISORI

PUNTI DI ANCORAGGIO PROVVISORI DISPOSITIVI TEMPORANEI PUNTI DI ANCORAGGIO PROVVISORI NORMA DI RIFERIMENTO UNI EN 795:2012 DEFINIZIONE TIPO B Dispositivo di ancoraggio con uno o più punti di aggancio / ancoraggio fissi, senza la necessità

Dettagli

SCALE. SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08)

SCALE. SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08) SCALE SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08) E riconosciuta la conformità delle scale portatili, alle seguenti condizioni: a) le scale portatili siano costruite conformemente alla norma tecnica UNI EN 131

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA DPGR Toscana 23 novembre 2005, n. 62/R -Art. 5 comma 4" lett. b COMMITTENTE: Comune di Signa con sede in via Piazza Repubblica n 1 Comune

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione. Corso di aggiornamento per Coordinatori della sicurezza da 40 ore Modulo 2

Dipartimento di Prevenzione. Corso di aggiornamento per Coordinatori della sicurezza da 40 ore Modulo 2 Dipartimento di Prevenzione Struttura Complessa P.S.A.L. Via Collodi 13-17100 Savona Direttore dott. Angelo SERGI Corso di aggiornamento per Coordinatori della sicurezza da 40 ore Modulo 2 la figura del

Dettagli

PALAZZINA B. COMMITTENTE: Sig. Di Quinzio Gabriele - Ranieri Lauretta Strada Monte Calvo 18030 Poggio (IM)

PALAZZINA B. COMMITTENTE: Sig. Di Quinzio Gabriele - Ranieri Lauretta Strada Monte Calvo 18030 Poggio (IM) COMMITTENTE: Sig. Di Quinzio Gabriele - Ranieri Lauretta Strada Monte Calvo 18030 Poggio (IM) OGGETTO: Norme per la prevenzione delle cadute dall'alto nei cantieri edili. Progettazione preliminare di un

Dettagli

Il programma. I lavori in quota

Il programma. I lavori in quota Il programma I lavori in quota Definizioni Obblighi del datore di lavoro Scale a pioli Scale fisse a gradini Scale fisse a pioli Scale semplici portatili Definizione D.Lgs. 9 Aprile 2008 n.81 Titolo IV,

Dettagli

FAC SIMILE - FASCICOLO TECNICO DELL OPERA INTERVENTI DI MANUTENZIONE SULLE COPERTURE

FAC SIMILE - FASCICOLO TECNICO DELL OPERA INTERVENTI DI MANUTENZIONE SULLE COPERTURE FAC SIMILE - FASCICOLO TECNICO DELL OPERA INTERVENTI DI MANUTENZIONE SULLE COPERTURE Proprietario dell immobile Progettista del sistema di COGNOME NOME COGNOME NOME Indirizzo dell immobile Tipologia d

Dettagli

Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene

Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene Allegato alla Delibera n. 850 del 17.12.2004 Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene Articolo 3.2.11: Disposizioni concernenti la prevenzione dei rischi di caduta dall alto Le seguenti disposizioni

Dettagli

Regolamento tecnico per la prevenzione dei rischi di infortunio a seguito di cadute dall alto nei lavori di manutenzione ordinaria sulle coperture

Regolamento tecnico per la prevenzione dei rischi di infortunio a seguito di cadute dall alto nei lavori di manutenzione ordinaria sulle coperture Regolamento tecnico per la prevenzione dei rischi di infortunio a seguito di cadute dall alto nei lavori di manutenzione ordinaria sulle coperture per l espressione del parere di competenza della terza

Dettagli

IO NON CI ASCO. terza edizione

IO NON CI ASCO. terza edizione IO NON CI ASCO terza edizione IO NON CI CASCO Manuale operativo per chi lavora in altezza Terza edizione Regione Veneto-Azienda U.L.S.S. 15 Alta Padovana Dipartimento di Prevenzione - Servizio Prevenzione

Dettagli

Dispositivi iti NON rmanenti PROVVISORI

Dispositivi iti NON rmanenti PROVVISORI Dispositivi NON permanenti PROVVISORI PIATTAFORME AEREE: dispositivo per il lavoro in quota efficace e di immediato impiego, non richiede attività preparatoria a terra o sulla facciata (a parte la delimitazione

Dettagli

LA SICUREZZA NEI LAVORI SUI PREFABBRICATI

LA SICUREZZA NEI LAVORI SUI PREFABBRICATI INCONTRI CON LE IMPRESE Lodi, 21 Luglio 2015 LA SICUREZZA NEI LAVORI SUI PREFABBRICATI ing. Marco Antonio Fusco CPT Milano, Lodi, Monza Brianza Principali fasi di lavorazione nella prefabbricazione 1.

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA REGIONE VENETO Delibera della Giunta Regionale n. 2774 del 22 settembre 2009 Istruzioni tecniche sulle misure preventive e protettive da predisporre negli edifici per l accesso,

Dettagli

Ente Scuola Edile Taranto LAVORI IN QUOTA

Ente Scuola Edile Taranto LAVORI IN QUOTA Ente Scuola Edile Taranto LAVORI IN QUOTA LAVORI IN QUOTA Attività lavorativa che espone il lavoratore al rischio di caduta da una quota posta ad altezza superiore a 2 m rispetto ad un piano stabile. (art.107

Dettagli

Cantieri temporanei o mobili. dott. ing. Giuseppe SEMERARO

Cantieri temporanei o mobili. dott. ing. Giuseppe SEMERARO Cantieri temporanei o mobili Titolo IV DLgs. 81/2008 1 Capo che sostituisce DPR 164/56, parte del DLgs. 626/94 ad altri provvedimenti minori abrogatiindirettamente indirettamente CAPO II NORME PER LA PREVENZIONE

Dettagli

LAVORI SU COPERTURE CON SISTEMI TEMPORANEI DI PROTEZIONE DEI BORDI

LAVORI SU COPERTURE CON SISTEMI TEMPORANEI DI PROTEZIONE DEI BORDI COORDINAMENTOTECNICO INTERREGIONALE DELLA PREVENZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO LAVORI SU COPERTURE CON SISTEMI TEMPORANEI DI PROTEZIONE DEI BORDI Introduzione Scopo del presente documento è fornire indicazioni

Dettagli

Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro COPERTURE NON PRATICABILI

Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro COPERTURE NON PRATICABILI Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro COPERTURE NON PRATICABILI Come intervenire in sicurezza Infortuni mortali in Regione Lombardia per caduta dall alto (24% totale inf. mortali) Periodo

Dettagli

Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano

Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano N. 2/2015 LINEE VITA: MODULISTICA E NORMATIVA Disposizione tecnico organizzativa (DTO 2/2015) 1 (ai sensi dell articolo 7/III

Dettagli

Ponteggi, opere provvisionali e lavori in quota

Ponteggi, opere provvisionali e lavori in quota Ponteggi, opere provvisionali e lavori in quota Parte 2/2 PONTEGGI ED OPERE PROVVISIONALI Criticità, buone prassi ed esempi applicativi alla luce del D.Lgs. 81/08 e ss. mm. Le norme per la prevenzione

Dettagli