SISTEMI ANTICADUTA EN 795 MANUALE D INSTALLAZIONE TIRANTE SOTTOTEGOLA SU TETTI INCLINATI CT.CA.06.A2

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SISTEMI ANTICADUTA EN 795 MANUALE D INSTALLAZIONE TIRANTE SOTTOTEGOLA SU TETTI INCLINATI CT.CA.06.A2"

Transcript

1 SISTEMI ANTICADUTA EN 795 MANUALE D INSTALLAZIONE TIRANTE SOTTOTEGOLA SU TETTI INCLINATI CT.CA.06.A2 Cividate al Piano (BG) - Gennaio 2013

2 INDICE: 1 IDENTIFICAZIONE DEL PRODUTTORE IMMAGINE TIRANTE SOTTOTEGOLA CT.CA.06.A2 (CLASSE A2) INSTALLAZIONE TIRANTE SOTTOTEGOLA CT.CA.06.A2 (CLASSE A2) DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE CARTELLO IDENTIFICATIVO FISSAGGI FISSAGGIO A STRUTTURE IN CALCESTRUZZO FISSAGGIO A STRUTTURE IN LATEROCEMENTO FISSAGGIO A STRUTTURE IN LEGNO CALCOLI DI PROGETTO TEST E COLLAUDI DICHIARAZIONE INSTALLATORE DISPOSIZIONI TECNICHE PER L UTILIZZO DEI SISTEMI ANTICADUTA...15 CTSAFE s.r.l. Il presente documento è protetto dalla legge sul copyright e costituisce proprietà di CTSAFE s.r.l. Nessuna parte di questo manuale può essere riprodotta o trasmessa in qualsiasi forma e con qualsiasi mezzo, elettronico o cartaceo, senza espressa autorizzazione, in forma scritta, rilasciata da CTSAFE s.r.l. Nessuna modifica può essere apportata al presente manuale senza l espressa autorizzazione da parte di CTSAFE s.r.l. Nessuna parte del presente manuale può essere utilizzata contro l interesse di CTSAFE s.r.l. Responsabile del contenuto CTSAFE s.r.l. CTSAFE s.r.l. si riserva la facoltà di modificare informazioni, illustrazioni e dati tecnici contenute nel presente fascicolo. CTSAFE s.r.l. Sede legale: Vicolo Silvio Pellico, Cividate al Piano (BG) Italy Sede operativa: Via Balilla, Romano di Lombardia (BG) Italy Tel Fax: P.I. e C.F.: Reg. Imprese di Bergamo R.E.A. N BG Cap. Soc.: euro ,00 i.v

3 PROCEDURA DI SICUREZZA PER FASI DI MONTAGGIO SISTEMI ANTICADUTA UNI EN-795, PRODOTTI CTSAFE S.R.L. Sin dall accesso alla copertura, l installatore di sistemi anticaduta (linee vita, punti di ancoraggio, ecc..), deve essere in condizioni di sicurezza. A tale proposito la CTSAFE s.r.l. ha previsto una procedura, nella quale vengono date delle indicazioni fondamentali su come effettuare i lavori di fissaggio degli elementi alle diverse tipologie di strutture. Da precisare, l installatore dovrà essere dotato dei D.P.I. (dispositivi di protezione individuale); nello specifico dispositivi di 3 categoria per le cadute dall alto, ai quali deve essere accompagnato obbligatoriamente un attestato di informazione, formazione e addestramento all uso di tali dispositivi (si intende che chi sale in quota, sia l installatore di linee vita che l utilizzatore devono aver superato un corso per montaggio di ponteggi o un corso di D.P.I di 3 categoria con rischi di caduta dall alto secondo quanto previsto dalla normativa vigente in materia di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro D.Lgs 81/08 e s.m.i.). Qui di seguito vengono individuate le fasi che permettono all installatore di poter procedere nelle sue lavorazioni di fissaggio in sicurezza: 1. In base al tipo di accesso alla copertura (lucernario, balcone esterno, piattaforma di sollevamento, scala alla marinara, ecc ) dovrò avere in dotazione di un idonea imbracatura e un cordino doppio di lunghezza non superiore al mt 1,50 dotato di assorbitore di energia, in modo tale che, già in sicurezza posso fissare il primo ancoraggio (gancio, staffa, palo, piastra, ecc..) che mi permetta di agganciarmi correttamente e di salire in copertura. 2. Una volta salito in copertura, in base al progetto del percorso in sicurezza da predisporre, posizionerò il secondo punto d ancoraggio (tirante, gancio, staffa, palo, piastra ecc..), in modo tale che con il doppio cordino, rimanendo sempre agganciato al primo punto mi aggancerò al secondo e successivamente mi sgancerò dal primo. 3. Eseguo la procedura di fissaggio elemento (tirante, gancio, staffa, palo, piastra, ecc..), aggancio il moschettone e mi sgancio dal precedente punto fissato, il numero di volte che viene previsto dal progetto del sistema anticaduta definito dalla CTSAFE s.r.l. 4. Finito il fissaggio degli elementi portanti, sulla copertura, predispongo gli eventuali accessori di collegamento degli elementi (rinvii ad angolo, ancoraggi intermedi, ancoraggi terminali, molla, tenditore di cavo, cavo in acciaio, ecc ), in modo tale da completare il sistema di fissaggio, sempre rimanendo agganciati ad un punto fisso con un cordino dotato di assorbitore d energia. 3

4 1 - IDENTIFICAZIONE DEL PRODUTTORE Ragione sociale: Indirizzo: CTSAFE s.r.l. Sede legale: Vicolo Silvio Pellico, Cividate al Piano (BG) Italy Telefono: Fax: Sede operativa: Via Balilla, Romano di Lombardia (BG) Italy P. Iva. e Cod.Fisc.: Reg. Imp. BG Cap. Soc.: R.E.A. N BG euro ,00 i.v. 2 - IMMAGINE TIRANTE SOTTOTEGOLA CT.CA.06.A2 (CLASSE A2) IMMAGINE RAFFIGURANTE UN TIRANTE SOTTOTEGOLA CT.CA.06.A2 4

5 3 - INSTALLAZIONE TIRANTE SOTTOTEGOLA CT.CA.06.A2 (CLASSE A2) Il tirante sottotegola CT.CA.06.A2 è progettato per essere installato, in modo permanente, sulle coperture di costruzioni civili e industriali al fine di prevenire la possibile caduta dall alto delle persone che, nello svolgimento di attività di manutenzione o di ispezione della copertura medesima o di elementi installati sulla stessa, possono risultare esposte a tali rischi. CTSAFE s.r.l. pertanto raccomanda di: - Leggere attentamente le istruzioni: un mancato rispetto di quanto riportato potrebbe comportare rischi elevati per se stessi e verso terzi. - Contattare il produttore in caso di dubbi sul contenuto del presente manuale o sulle modalità d installazione. - In caso di mancata comprensione delle istruzioni o dei dati è fatto divieto di installazione e di utilizzo del tirante sottotegola CT.CA.06.A2 in qualsiasi circostanza. - Non utilizzare i dispositivi di ancoraggio di classe A2, come il tirante sottotegola CT.CA.06.A2, per costituire dispositivi di classe C (linea vita). - Adottare tutti gli accorgimenti per la protezione del prodotto nel caso di stoccaggio del tirante sottotegola CT.CA.06.A2 prima dell installazione. I componenti devono essere conservati in luogo asciutto e al riparo da ambienti aggressivi che potrebbero alterarne le caratteristiche e di conseguenza compromettere la sicurezza degli operatori. - Porre particolare attenzione a non deformare il tirante sottotegola CT.CA.06.A2 e a non sottoporlo a sollecitazioni, urti e qualsiasi evento che possa alterarne le caratteristiche di sicurezza durante le fasi di installazione. - Verificare accuratamente lo stato di integrità del prodotto prima di procedere alle operazioni di installazione. - Non utilizzare dispositivi non nuovi, salvo espressa autorizzazione, da parte di soggetto autorizzato, all impiego dei medesimi previa verifica della loro idoneità. - Sostituire i componenti qualora si rilevino delle deformazioni o dei difetti anche lievi durante l installazione. - Porre particolare attenzione al fatto che l area sottostante sia sgombra da persone, cose e animali durante tutte le fasi dell installazione. - Adottare tutti gli accorgimenti necessari per effettuare l installazione del tirante sottotegola CT.CA.06.A2 in sicurezza (barriere, utilizzo di gru con cestello, dispositivi di protezione collettiva, ecc...) in quanto l operatore può trovarsi in una condizione non protetta. L installazione del tirante sottotegola CT.CA.06.A2 è SEVERAMENTE VIETATA in strutture che, a discrezione dell installatore e previa consulenza di ingegnere qualificato, presentino uno stato di conservazione e/o una consistenza inadeguate. È dunque NECESSARIO fare le dovute verifiche del luogo prima di procedere con qualsiasi operazione di installazione, eventualmente anche acquisendo il parere di un tecnico qualificato in caso di dubbio. In particolare, per il fissaggio del tirante sottotegola CT.CA.06.A2 su strutture d acciaio, di legno o di altri materiali è OBBLGATORIO che la progettazione e l installazione vengano verificate mediante calcoli di resistenza effettuati da un ingegnere qualificato al fine di stabilire se la struttura sia in grado di sostenere le forze che si potrebbero sviluppare nelle fasi di arresto di una caduta. I dispositivi di Classe A (UNI-EN 795), come il tirante sottotegola CT.CA.06.A2 DEVONO essere installati a distanza compresa tra 1,50 e 2,00 metri per consentire all utilizzatore di restare costantemente agganciato ad almeno un dispositivo ed effettuare in sicurezza la progressione sulle coperture di medio piccole dimensioni. 5

6 Nelle operazioni di installazione: - Il tirante sottotegola CT.CA.06.A2 DEVE essere posizionato nei punti a rischio di caduta dall alto, compatibilmente con la necessità di spostamento richiesta dall attività e in modo tale da realizzare la minima altezza di caduta libera. - L accesso alla copertura DEVE sempre essere sicuro. - Il posizionamento del tirante sottotegola CT.CA.06.A2 DEVE essere progettato in modo che l utilizzatore possa accedervi in sicurezza e che il cordino anticaduta, o dispositivo anticaduta di tipo retrattile, possano essere collegati agli stessi prima che l utilizzatore si trovi in una posizione a rischio di caduta dall alto. - In caso contrario DEVE essere previsto un accesso alternativo in sicurezza, per esempio utilizzando altri dispositivi anticaduta. - È essenziale per la sicurezza che il punto di ancoraggio sia sempre posizionato in maniera tale da rendere minimo sia il rischio di caduta dall alto, sia la potenziale distanza di caduta. - È necessario procedere ad un esame approfondito dell area in cui si intende installare il tirante sottotegola CT.CA.06.A2, in particolare va tenuto presente che il tirante dovrebbe essere installato in modo da risultare più alto rispetto al punto di attacco del cordino sull imbracatura dell utilizzatore. - L installatore prima di iniziare le operazioni di fissaggio DEVE verificare quale sia il materiale di cui è composta la zona della copertura al fine di stabilire che tipo di fissaggio dovrà effettuare e quali accessori saranno necessari (si veda il punto 6 del presente manuale). - Per poter effettuare questa verifica è necessario individuare l onda bassa della copertura in prossimità del punto dove si vuole installare il tirante sottotegola CT.CA.06.A2, (si ricorda di rispettare scrupolosamente le massime distanze tra i punti di ancoraggio), sollevarla e osservare la struttura della copertura. - In particolare, si RACCOMANDA di seguire scrupolosamente le indicazioni del produttore della resina se si effettua il fissaggio del tirante sottotegola CT.CA.06.A2, mediante barra filettata e resina, in particolare per quanto riguarda il tipo di materiale per cui la resina è destinata. - Inoltre va sempre verificata la presenza di vuoti nel materiale dopo l esecuzione del foro; qualora si verificasse una situazione di vuoto si raccomanda l utilizzo di apposite calze per l inserimento della resina. Per il fissaggio su strutture in legno è indispensabile verificare lo stato di conservazione dei travetti e che gli stessi siano fissati in modo sicuro alla struttura portante (sono da evitare situazioni di travetti inchiodati o reggiati alle travi). CTSAFE s.r.l. declina ogni sua responsabilità per eventuali danni ovvero malfunzionamenti derivanti da installazioni scorrette dei dispositivi, effettuate senza previa consultazione del produttore. 6

7 4 - DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE Il tirante sottotegola CT.CA.06.A2 della CTSAFE s.r.l. è: - Conforme alla norma EN-795 del Dicembre 2002 Dispositivi di ancoraggio e classificato come ancoraggio di classe A2. - Progettato in modo da accettare il dispositivo di protezione individuale e garantire che lo stesso, correttamente applicato, non possa staccarsi involontariamente. - Costruito con acciaio inox AISI 304, materiale che garantisce un ottima resistenza agli agenti atmosferici nel tempo. - Costruito senza bave, spigoli vivi e/o sporgenze che possano costituire un rischio aggiuntivo per l utilizzatore. - Costruito con materiale atossico ed innocuo al contatto con la pelle. Per poter utilizzare i dispositivi di ancoraggio CT.CA.06.A2 in modo da garantire la propria sicurezza e la sicurezza di terzi si raccomanda di leggere attentamente le istruzioni riportate nel presente manuale. Per maggior comprensione dei termini utilizzati nel presente manuale si riportano di seguito alcune definizioni come da norma UNI-EN 795:2002. Dispositivo di ancoraggio: elemento o serie di elementi o componenti contenente uno o più punti di ancoraggio. Elemento: parte di un componente o di un sottosistema. Corde, cinghie, elementi di attacco, accessori e linee di ancoraggio sono esempi di elementi. Componente: parte di un sistema venduto dal fabbricante e fornito con imballaggio, marcatura e istruzioni per l uso. Supporti per il corpo e cordini sono esempi di componenti di un sistema. Punto di ancoraggio: elemento a cui il dispositivo di protezione individuale può essere applicato dopo l installazione del dispositivo di ancoraggio. Ancoraggio strutturale: elemento o elementi fissati in modo permanente a una struttura, a cui si può applicare un dispositivo di ancoraggio o un dispositivo di protezione individuale. Collegamento: cordino, assorbitore di energia o altro dispositivo applicato al punto di ancoraggio mobile di una linea di ancoraggio flessibile e conforme alle specifiche del fabbricante. La classificazione dei dispositivi di ancoraggio secondo la norma UNI EN 795:2002 è la seguente: - La classe A1 comprende ancoraggi strutturali progettati per essere fissati a superfici verticali, orizzontali ed inclinate, per esempio pareti, colonne, architravi. - La classe A2 comprende ancoraggi strutturali progettati per essere fissati a tetti inclinati. - La classe B comprende dispositivi di ancoraggio provvisori portatili. - La classe C comprende dispositivi di ancoraggio che utilizzano linee di ancoraggio flessibili orizzontali. Ai fini della norma di riferimento per linea orizzontale si intende una linea che devia dall orizzontale per non più di La classe D comprende dispositivi di ancoraggio che utilizzano rotaie di ancoraggio rigide orizzontali. - La classe E comprende ancoraggi a corpo morto da utilizzare su superfici orizzontali. Una superficie si intende orizzontale se devia dall orizzontale per non più di 5. 7

8 5 - CARTELLO IDENTIFICATIVO Immagine di un cartello identificativo da affiggere in cantiere. Il cartello identificativo deve essere affisso ad ogni ingresso nella zona resa sicura da una linea vita CTSAFE s.r.l. La targhetta con i dati precisa: - La classe della linea vita secondo la norma UNI-EN 795; - Il numero di serie della linea vita; - Il numero massimo dei lavoratori che possono collegarsi alla linea vita contemporaneamente; - La data di installazione della linea vita; - L obbligo di indossare un dispositivo di protezione individuale; - Il nome del costruttore e distributore; - Il nome dell installatore; - Il nome del rivenditore. 8

9 6 - FISSAGGI Nel presente paragrafo vengono descritte le corrette modalità di fissaggio sulle tipologie di materiali più utilizzate per la realizzazione delle coperture. Considerando la vasta gamma di materiali presenti nel settore delle costruzioni e considerando il veloce evolversi delle tecniche costruttive si raccomanda di agire sempre secondo il buon senso, prudenza e perizia riservandosi, in caso di dubbi o di perplessità, di non interpretare liberamente ma contattare il produttore al fine di verificare quale sia la modalità di fissaggio che possa garantire la resistenza agli sforzi necessaria per arrestare una caduta FISSAGGIO A STRUTTURE DI CALCESTRUZZO Per il fissaggio del tirante sottotegola CT.CA.06.A2 su strutture di calcestruzzo è necessario verificare che il supporto sia almeno di classe C20/25. Accertarsi che la barra filettata e la resina siano indicate per il fissaggio su calcestruzzo e che abbiano le seguenti caratteristiche di resistenza a taglio R 1000 Kg (10 KN) e a trazione R 1000 Kg (10 KN). Per questa tipologia di fissaggio si possono seguire tre differenti modalità di seguito riportate: 1. Mediante l utilizzo di n 1 barra filettata M12 di lunghezza L 140mm e di resina epossidica prevedendo le seguenti fasi: a. Eseguire un foro Ø 16 con profondità 140mm; b. Eliminare la polvere (tramite getto d aria); c. Spazzolare con uno scovolo metallico; d. Introdurre la resina; e. Introdurre la barra filettata; f. Attendere la polimerizzazione completa (in funzione della temperatura e del prodotto, si veda la scheda tecnica della resina utilizzata); g. Posizionare il tirante; h. Serrare il bullone in base alla coppia raccomandata dal costruttore. In presenza di spessori maggiori (tetti ventilati, ecc.) fissare sempre in corrispondenza dell elemento portante con barra filettata e resina per c.a. che abbia una lunghezza tale da consentire una profondità di infissione di almeno 90 mm. 1 tipo TIRANTE SOTTOTEGOLA CT.CA.06.A2 ANCORAGGIO BARRA FILETTATA STRUTTURA CALCESTRUZZO 9

10 2. Mediante l utilizzo di n 1 barra filettata passante e n 1 contropiastra. L installatore è TENUTO a consultare il produttore per il dimensionamento di tali pezzi. Tale metodologia prevede le seguenti fasi: a - Eseguire un foro passante del diametro pari alla barra filettata; b - Posizionare il tirante ed infilare la barra corredata da un bullone e una rondella; c - Spostarsi nel sottotetto inserire la contropiastra e serrare con un bullone corredato da rondella in base alla coppia raccomandata dal costruttore. 2 tipo TIRANTE SOTTOTEGOLA CT.CA.06.A2 ANCORAGGIO CONTROPIASTRA STRUTTURA CALCESTRUZZO 3. Mediante l utilizzo di n 1 tassello Ø 12x70 prevedendo le seguenti fasi: a. Eseguire un foro Ø 12 con profondità 70mm; b. Inserire il tassello nel foro; c. Posizionare il tirante e serrare il tassello. 3 tipo TIRANTE SOTTOTEGOLA CT.CA.06.A2 ANCORAGGIO A TASSELLO - STRUTTURA CALCESTRUZZO 10

11 6.2 - FISSAGGIO A STRUTTURE IN LATEROCEMENTO Per il fissaggio del tirante sottotegola CT.CA.06.A2 su strutture di laterocemento è necessario verificare che il supporto sia almeno di classe C20/25. Accertarsi che la barra filettata e la resina con la calza siano indicate per il fissaggio su laterocemento e che abbiano le seguenti caratteristiche di resistenza a taglio R 1000 Kg (10 KN) e a trazione R 1000 Kg (10 KN). Per questa tipologia di fissaggio si può seguire la modalità di seguito riportata: 1. Mediante l utilizzo di n 1 barra filettata M12 di lunghezza L 100mm, di resina epossidica e di una calza prevedendo le seguenti fasi: a - Eseguire un foro Ø 16 con profondità 100mm; b - Eliminare la polvere (tramite getto d aria); c - Spazzolare con uno scovolo metallico; d - Inserire la calza; e - Introdurre la resina; f - Introdurre la barra filettata; g - Attendere la polimerizzazione completa (in funzione della temperatura e del prodotto, si veda la scheda tecnica della resina utilizzata); h - Posizionare il tirante; i - Serrare il bullone base alla coppia raccomandata dal costruttore. 1 tipo TIRANTE SOTTOTEGOLA CT.CA.06.A2 ANCORAGGIO BARRA FILETTATA - STRUTTURA LATEROCEMENTO 11

12 6.3 - FISSAGGIO A STRUTTURE IN LEGNO Per il fissaggio in strutture di legno è necessario verificare lo stato di conservazione ed il tipo di fissaggio del travetto nel quale andranno inserite le viti. Il travetto dovrà avere le seguenti caratteristiche di resistenza a taglio R 1000 Kg (10 KN) (in direzione parallela alle fibre) e a trazione R 1000 Kg (10 KN) (estrazione delle viti che determinano flessione sul travetto). Per questa tipologia di fissaggio si può seguire la modalità di seguito riporta: 1. Mediante l utilizzo di un tirafondo (vite autofilettante): a - L installazione prevede l esecuzione di un foro Ø 8; b - L inserimento di n 1 tirafondo (vite autofilettante) M12 mm, L 120 mm corredato da apposita rondella; c - Il tirafondo va inserito nell apposito alloggiamento presente nel tirante. 1 tipo TIRANTE SOTTOTEGOLA CT.CA.06.A2 ANCORAGGIO TIRAFONDO - STRUTTURA LEGNO 12

13 7 - CALCOLI DI PROGETTO Il tirante sottotegola CT.CA.06.A2 è stato progettato e costruito secondo quanto previsto dalla norma UNI-EN 795:2002 e si è provveduto al dimensionamento in modo che sia garantita la resistenza meccanica richiesta. Nella fase di progettazione si è fatto riferimento alle normative in vigore, prendendo in considerazione tutti gli aspetti legati alla Sicurezza. In allegato al presente fascicolo si riporta il certificato di conformità del prodotto rilasciato dalla CTSAFE s.r.l. 8 - TEST E COLLAUDI Il collaudo del tirante sottotegola CT.CA.06.A2 DEVE essere effettuato da un installatore autorizzato. CTSAFE s.r.l. sconsiglia la realizzazione di collaudi sul proprio tirante sottotegola CT.CA.06.A2 poiché confermerebbero le prove e le simulazioni effettuate in fase di costruzione. 13

14 9 - MODELLO DICHIARAZIONE INSTALLATORE DICHIARAZIONE (art punto 6 Reg. Locale di Igiene) Il sottoscritto Legale rappresentante della Ditta Con sede in via Comune di Esercente attività di Iscritto alla C.C.I.A.A. di n In merito ai lavori di posa di dispositivi di ancoraggio sull immobile sito in via nel Comune di Dichiara quanto segue: I dispositivi di ancoraggio di classe (UNI-EN 795) A1 A2 C D altro modello (specificare il modello e la casa costruttrice) sono stati messi in opera secondo le indicazioni del costruttore e la norma UNI-EN 795 appendice A; sono stati posizionati sulla copertura come da planimetria allegata. Le caratteristiche dei dispositivi di ancoraggio e le istruzioni sul loro corretto utilizzo sono depositate presso: il proprietario dell immobile; l amministratore; esposte in prossimità dell accesso alla copertura. Sono allegate alla presente dichiarazione: le certificazioni del costruttore relative ai dispositivi installati; calcoli dell ingegnere (per dispositivi di tipo C). ATTENZIONE Sarà cura del proprietario dell immobile mantenere le attrezzature installate in buono stato al fine del mantenimento nel tempo delle necessarie caratteristiche di solidità e resistenza. La manutenzione deve essere affidata a personale qualificato ed eseguita con le modalità e la periodicità indicata del costruttore (da indicare) Firma dell installatore firma del proprietario dell immobile 14

15 10 - DISPOSIZIONI TECNICHE PER L UTILIZZO DEI SISTEMI ANTICADUTA 1 - Laddove non siano previste opere provvisionali (ponteggi) i lavori sul tetto devono essere effettuati con l utilizzo di idonei dispositivi di protezione individuali. 2 - Sul tetto sono installati dispositivi di ancoraggio di tipo UNI-EN 795 di classe A1 A2 C D altro posizionati come da planimetria allegata e contrassegnati con (specificare). 3 - Il numero massimo di utilizzatori per ciascun punto di ancoraggio è di n. 4 - In caso di dispositivo di ancoraggio di tipo C, il numero di utilizzatori contemporanei è di n. 5 - Il dispositivo di ancoraggio deve essere utilizzato con: imbracatura; fune e assorbitore d energia (obbligatorio per classe C); fune e dispositivo di recupero cavo; altro. 6 - Prima di utilizzare il dispositivo di ancoraggio classe A1 e A2 sollecitare lo stesso per verificarne la resistenza. 7 - Attenersi alle indicazioni del costruttore circa la verifica del buono stato del dispositivo di classe C prima dell utilizzo. 15

manuale di utilizzo e manutenzione

manuale di utilizzo e manutenzione Dispositivo classe A2 su tetti inclinati manuale di utilizzo e manutenzione CONFORME ALLA NORMA UNI EN 795-2005 CLASSE A2 Dispositivo classe A2 su tetti inclinati Indice 1. NOTE GENERALI DI SICUREZZA pag.

Dettagli

PROGRAMMA LINEE VITA

PROGRAMMA LINEE VITA PROGRAMMA LINEE VITA Cosa sono le linee vita Pighi I DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO CHE SALVANO LA VITA Cosa sono i dispositivi di sicurezza Un dispositivo di ancoraggio permette a qualunque operatore di operare

Dettagli

Manuale ANCORAGGIO STRUTTURALE PALO INCLINATO Ø80 ZINCATO/INOX ART. 68050/68051

Manuale ANCORAGGIO STRUTTURALE PALO INCLINATO Ø80 ZINCATO/INOX ART. 68050/68051 Manuale ANCORAGGIO STRUTTURALE PALO INCLINATO Ø80 ZINCATO/INOX ART. 68050/68051 2 EDIZIONE GIUGNO 2012 Indice SOMMARIO ELEMENTO DI ANCORAGGIO STRUTTURALE Descrizione del prodotto Modalità d uso e limite

Dettagli

SINTESI NORMA UNI EN 795:2002 DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO ANTICADUTA DALL ALTO PER LE COPERTURE

SINTESI NORMA UNI EN 795:2002 DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO ANTICADUTA DALL ALTO PER LE COPERTURE SINTESI NORMA UNI EN 795:2002 DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO ANTICADUTA DALL ALTO PER LE COPERTURE I DISPOSITIVI ANTICADUTA DALLE COPERTURE SONO SOTTOPOSTI ALLA NORMA UNI EN 795:2002 La norma UNI EN 795:2002

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Prevenzione e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro La progettazione degli edifici e della sicurezza integrazione del regolamento locale di igiene OBIETTIVO: introdurre

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA Legge Regionale 3 gennaio 2005, n. 1 - articolo 82, comma 16 Decreto del Presidente della Giunta Regionale 18 dicembre 2013, n. 75/R Regolamento di attuazione dell articolo

Dettagli

Linee Vita. Progettazione ed Posa in Opera D.Lgs.81/08 e s.m.i. L.R.5/2010. M.EN.S. Engineering. Dott. Ing. Corrado Giromini

Linee Vita. Progettazione ed Posa in Opera D.Lgs.81/08 e s.m.i. L.R.5/2010. M.EN.S. Engineering. Dott. Ing. Corrado Giromini M.EN.S. Engineering Dott. Ing. Corrado Giromini Sistemi Anticaduta dall Alto Linee Vita Progettazione ed Posa in Opera D.Lgs.81/08 e s.m.i. L.R.5/2010 M.EN.S. Engineering Sommario Normativa D.Lgs.81/08

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA DPGR Toscana 23 novembre 2005, n. 62/R -Art. 5 comma 4 4. L elaborato tecnico della copertura, in relazione alle diverse fattispecie di cui all articolo 6, deve avere

Dettagli

Le scelte progettuaii, i documenti necessari e gli apprestamenti di difesa.

Le scelte progettuaii, i documenti necessari e gli apprestamenti di difesa. Firenze, 26 giugno 2006 CONVEGNO Sicurezza nei cantieri mobili e temporanei: i lavori in altezza Le scelte progettuaii, i documenti necessari e gli apprestamenti di difesa. Regolamento di attuazione dell

Dettagli

SISTEMI ANTICADUTA EN 795

SISTEMI ANTICADUTA EN 795 SISTEMI ANTICADUTA EN 795 MANUALE D INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE Cividate al Piano (BG) - Febbraio 2013 INDICE: 1 IDENTIFICAZIONE DEL PRODUTTORE...4 2 CONTENUTO DEL KIT SAFETREE...4 3 RACCOMANDAZIONI

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA art. 5 del DPGR del 23.11.2005 n.62/r

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA art. 5 del DPGR del 23.11.2005 n.62/r ALLEGATO alla seguente pratica: Denuncia inizio attività Richiesta Permesso di costruire Variante con sospensione lavori Variante senza sospensione lavori (art.142 L.R. 01/05) Istanza di sanatoria (art.140

Dettagli

SOMMARIO DELLA PRESENTAZIONE

SOMMARIO DELLA PRESENTAZIONE LINEE VITA: LA PROGETTAZIONE E L INSTALLAZIONE ing. Massimiliano Granata Coordinatore tecnico area edilizia Romeo Safety Italia srl 1 SOMMARIO DELLA PRESENTAZIONE A. LA NORMATIVA B. LA PROGETTAZIONE C.

Dettagli

SICUREZZA IN CANTIERE PER I LAVORATORI CHE OPERANO IN QUOTA

SICUREZZA IN CANTIERE PER I LAVORATORI CHE OPERANO IN QUOTA SICUREZZA IN CANTIERE PER I LAVORATORI CHE OPERANO IN QUOTA Sistemi di protezione collettivi ed individuali con riferimento alle normative europee UNI EN 13374 e UNI EN 795. I lavori in quota possono esporre

Dettagli

Accessori funzionali Linea VITA

Accessori funzionali Linea VITA Accessori funzionali Linea VITA La linea vita o linee vita (secondo la norma UNI EN 795) è un insieme di ancoraggi posti in quota sulle coperture alla quale si deve agganciare chiunque acceda alla copertura.

Dettagli

LAVORI SPECIALI. (Articolo 148 D.Lgs 81/08)

LAVORI SPECIALI. (Articolo 148 D.Lgs 81/08) 146 LAVORI SPECIALI (Articolo 148 D.Lgs 81/08) Prima di procedere alla esecuzione di lavori su lucernari, tetti, coperture e simili, fermo restando l obbligo di predisporre misure di protezione collettiva,

Dettagli

Prevenzione delle cadute dall alto

Prevenzione delle cadute dall alto approfondimenti s Prevenzione delle cadute dall alto Relatore: p.i. Paolo Casali, formatore erogatore EQF 5 Padova 12 novembre 2015 Evoluzione ed approfondimenti su normative e revisioni sommario Presentazione

Dettagli

SCS Eurotetti. Di Sara Lanzoni. Azienda specializzata nei sistemi anticaduta

SCS Eurotetti. Di Sara Lanzoni. Azienda specializzata nei sistemi anticaduta SCS Eurotetti Di Sara Lanzoni Azienda specializzata nei sistemi anticaduta Linee vita, parapetti, binari, passerelle, scale di sicurezza e dispositivi di protezione individuale Per una completa sicurezza.

Dettagli

SINTESI DELLA NORMATIVA EUROPEA EN 1263-1 RELATIVA AL MONTAGGIO DELLA RETE ANTICADUTA PER APPLICAZIONI ORIZZONTALI E PER APPLICAZIONI VERTICALI.

SINTESI DELLA NORMATIVA EUROPEA EN 1263-1 RELATIVA AL MONTAGGIO DELLA RETE ANTICADUTA PER APPLICAZIONI ORIZZONTALI E PER APPLICAZIONI VERTICALI. SINTESI DELLA NORMATIVA EUROPEA EN 1263-1 RELATIVA AL MONTAGGIO DELLA RETE ANTICADUTA PER APPLICAZIONI ORIZZONTALI E PER APPLICAZIONI VERTICALI. 1. RETE ANTICADUTA CERTIFICATA EN 1263-1, PER APPLICAZIONI

Dettagli

AT-100 DISPOSITIVO DI ANCORAGGIO A NORMA UNI EN 795 A2

AT-100 DISPOSITIVO DI ANCORAGGIO A NORMA UNI EN 795 A2 A NORMA UNI EN 795 A2 Uso e manutenzione Dichiarazione di conformità Relazione di calcolo degli elementi di fissaggio Istruzioni di montaggio Anticaduta Mistral Srl Corso Marconi 25-10125 TORINO tel: 011.6509102

Dettagli

PRODOTTI. SOSTEGNI GENERICI... pag. 4. PALI TELESCOPICI... pag. 5. PALI CON PIASTRA GIREVOLE CLASSE A1... pag. 5. PIASTRA A PARETE... pag.

PRODOTTI. SOSTEGNI GENERICI... pag. 4. PALI TELESCOPICI... pag. 5. PALI CON PIASTRA GIREVOLE CLASSE A1... pag. 5. PIASTRA A PARETE... pag. PRODOTTI SOSTEGNI GENERICI... pag. 4 PALI TELESCOPICI... pag. 5 PALI CON PIASTRA GIREVOLE CLASSE A1... pag. 5 PIASTRA A PARETE... pag. 5 DOPPIA PIASTRA REGOLABILE... pag. 8 GANCIO ANTIPENDOLO E ANCORAGGIO...

Dettagli

Soluzioni per la messa in sicurezza delle coperture

Soluzioni per la messa in sicurezza delle coperture Convegno Busto Arsizio LAVORI IN QUOTA E RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO Relatore: Soluzioni per la messa in sicurezza delle coperture ing. Alberto Pincigher A norma di legge il presente elaborato non può

Dettagli

PUNTI DI ANCORAGGIO LINEE VITA

PUNTI DI ANCORAGGIO LINEE VITA AVVERTENZE Verificare sempre che il marchio ATLAS sia presente su ogni prodotto a garanzia della qualità Rifornirsi solo presso la rete dei RIVENDITORI AUTORIZZATI ATLAS, sapranno consigliarvi e risolvere

Dettagli

Argomenti: Normative sulle cadute legate al D.L. 81. Obbligatorietà. Normative di riferimento linee vita. Adempimenti linee vita

Argomenti: Normative sulle cadute legate al D.L. 81. Obbligatorietà. Normative di riferimento linee vita. Adempimenti linee vita Normalmente i sistemi fotovoltaici vengono posizionati sui tetti. Se non sono presenti sistemi di protezione collettiva, sia durante l installazione l che nelle successive periodiche manutenzioni, il lavoro

Dettagli

CHE COSA E UNA CADUTA? UN SALTO UNA CADUTA. Anche da una piccola altezza una caduta può avere conseguenze drammatiche!! È volontario.

CHE COSA E UNA CADUTA? UN SALTO UNA CADUTA. Anche da una piccola altezza una caduta può avere conseguenze drammatiche!! È volontario. Sistemi anticaduta CHE COSA E UNA CADUTA? UN SALTO È volontario UNA CADUTA È involontaria E quindi è ammortizzato E quindi non è ammortizzata Buon assorbimento d energia IMPATTO DEBOLE Minimo assorbimento

Dettagli

Presentazione della Società

Presentazione della Società Presentazione della Società Sistemi Anticaduta ha un'esperienza decennale nel progettare, produrre, installare, collaudare e certificare dispositivi di ancoraggio a norma UNI EN 795. Produciamo dispositivi

Dettagli

(DGRV 2774/09 così come modificato dalla DGRV 97/2012)

(DGRV 2774/09 così come modificato dalla DGRV 97/2012) ISTRUZIONI TECNICHE PER LA PREDISPOSIZIONE DELLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA (DGRV 2774/09 così

Dettagli

Art. 91 DL 81.08 come modificato dal DL 106.09

Art. 91 DL 81.08 come modificato dal DL 106.09 ARCH. NICOLA BELLENTANI nicolabellentani@alice.it Art. 91 DL 81.08 come modificato dal DL 106.09 Allegato XVI DPI ASSORBITORI CONNETTORI CORDINI DISPOSITIVI RETRATTILI IMBRACATURE SISTEMI ANTICADUTA DISPOSITIVI

Dettagli

UNI EN 795: Protezione contro le cadute dall alto. Requisiti e prove dei dispositivi di ancoraggio

UNI EN 795: Protezione contro le cadute dall alto. Requisiti e prove dei dispositivi di ancoraggio UNI EN 795: Protezione contro le cadute dall alto. Requisiti e prove dei dispositivi di ancoraggio Ing. Salvatore LEANZA 22 Giugno 2012 - Fondazione Ordine degli Ingegneri - Catania UNI EN 795:2002 TITOLO

Dettagli

7.2 Controlli e prove

7.2 Controlli e prove 7.2 Controlli e prove Lo scopo dei controlli e delle verifiche è quello di: assicurare che l ascensore sia stato installato in modo corretto e che il suo utilizzo avvenga in modo sicuro; tenere sotto controllo

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE DI VALLECAMONICA-SEBINO

AZIENDA SANITARIA LOCALE DI VALLECAMONICA-SEBINO AZIENDA SANITARIA LOCALE DI VALLECAMONICA-SEBINO Sede Legale: Via Nissolina, 2-25043 - Breno (BS) - Tel. 0364/329.1 - Fax 0364/329310 www.aslvallecamonicasebino.it DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio

Dettagli

LINEE VITA Ancoraggi e linee di ancoraggio flessibili orizzontali

LINEE VITA Ancoraggi e linee di ancoraggio flessibili orizzontali Fin Group LINEE VITA Ancoraggi e linee di ancoraggio flessibili orizzontali Prodotti Conformi a UNI EN 795 FIN GROUP S.R.L. Divisione Commerciale Via Sentieri 44 24050 Cividate al Piano (BG) Tel. +39 0363

Dettagli

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione. Foto di Charles Ebbets

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione. Foto di Charles Ebbets IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione Foto di Charles Ebbets Tutte le attività svolte su coperture in funzione dell altezza, della tipologia

Dettagli

SAIE 2011 Quartiere fieristico Bologna 07 OTTOBRE 2011

SAIE 2011 Quartiere fieristico Bologna 07 OTTOBRE 2011 SAIE 2011 Quartiere fieristico Bologna 07 OTTOBRE 2011 Dipartimento Tecnologie di Sicurezza ex ISPESL Dispositivi di ancoraggio e punti di ancoraggio Arch. Davide Geoffrey Svampa Ing. Francesca Maria Fabiani

Dettagli

Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene

Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene Allegato alla Delibera n. 850 del 17.12.2004 Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene Articolo 3.2.11: Disposizioni concernenti la prevenzione dei rischi di caduta dall alto Le seguenti disposizioni

Dettagli

DISPOSITIVI ANTICADUTA

DISPOSITIVI ANTICADUTA DISPOSITIVI 3 Normative EN Anticaduta La base di un sistema individuale di protezione anticaduta Punto di ancoraggio e connettore Punto di ancoraggio: punto in cui il sistema di protezione anticaduta è

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA - RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA -

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA - RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA - ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA - RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA - Identificazione dell edificio e dei soggetti coinvolti nella realizzazione dell opera: Edificio sito in: Via O. Bravin 151/B 30023 Comune

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA DPGR Toscana 23 novembre 2005, n. 62/R -Art. 5 comma 4" lett. b COMMITTENTE: Comune di Signa con sede in via Piazza Repubblica n 1 Comune

Dettagli

RAGGIUNGIBILITA PRIMARIO SISTEMA ANTICADUTA: Dall accesso deve potersi trovare un ancoraggio in grado di garantire all operatore la sicurezza prima

RAGGIUNGIBILITA PRIMARIO SISTEMA ANTICADUTA: Dall accesso deve potersi trovare un ancoraggio in grado di garantire all operatore la sicurezza prima AREA RAGGIUNGIBILE IN SICUREZZA DISTANZA E POSIZIONAMENTO ANCORAGGI RAGGIUNGIBILITA PRIMARIO SISTEMA ANTICADUTA: Dall accesso deve potersi trovare un ancoraggio in grado di garantire all operatore la sicurezza

Dettagli

PALI E GANCI INOX ANCORAGGIO STRUTTURALE PER LINEE VITA Conforme alla normativa UNI EN 795:2002

PALI E GANCI INOX ANCORAGGIO STRUTTURALE PER LINEE VITA Conforme alla normativa UNI EN 795:2002 PALI E GANCI INOX ANCORAGGIO STRUTTURALE PER LINEE VITA Conforme alla normativa UNI EN 795:2002 Mibos srl Via Molveno, 10 35035 MESTRINO (PD) Tel 049 9070191 Fax 049 9070191 www.mibos.it info@mibos.it

Dettagli

Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.)

Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) MASTER SICUREZZA Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) Alessandro Cauduro Creazzo 1 luglio 2010 DPI Anticaduta Generalità I dispositivi di protezione individuale (DPI) sono:

Dettagli

I FONDAMENTALI DI UN CORRETTO IMPIANTO DI ANCORAGGIO

I FONDAMENTALI DI UN CORRETTO IMPIANTO DI ANCORAGGIO Federico Genovesi Pierfrancesco Miniati I FONDAMENTALI DI UN CORRETTO IMPIANTO DI ANCORAGGIO I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento totale o parziale,

Dettagli

26 GIUGNO 2012 AULA MAGNA DELLA SCUOLA EDILE CPIPE - VIA BASILICATA, 10/12 LOCALITÀ CAMIN PADOVA

26 GIUGNO 2012 AULA MAGNA DELLA SCUOLA EDILE CPIPE - VIA BASILICATA, 10/12 LOCALITÀ CAMIN PADOVA 26 GIUGNO 2012 AULA MAGNA DELLA SCUOLA EDILE CPIPE - VIA BASILICATA, 10/12 LOCALITÀ CAMIN PADOVA 26 GIUGNO 2012 Intervento ing. Donato Chiffi Progettazione costruttiva dei dispositivi di ancoraggio e verifica

Dettagli

LINEA 795 ROBUST SISTEMI DI PROTEZIONE ANTICADUTA

LINEA 795 ROBUST SISTEMI DI PROTEZIONE ANTICADUTA LINE 795 ROUST SISTEMI DI PROTEZIONE NTICDUT CONTROPISTRE ccessori per prodotti della linea 795 Robust 1 2 4 3 in acciaio inox 2 (ISI 304) per il fi ssaggio di punti di ancoraggio tramite sistema ad incravattatura

Dettagli

LA SICUREZZA in COPERTURA

LA SICUREZZA in COPERTURA INCONTRI TECNICI Progettazione, tecniche e materiali 08 giugno 2011 LA SICUREZZA in COPERTURA INQUADRAMENTO NORMATIVO Relatori: Ing. Cosimo Chines Ing. Stefano Camoni In collaborazione con Studio Tecnico

Dettagli

Le Leggi Regionali per la prevenzione delle cadute dall alto durante gli interventi sulle coperture degli edifici Roma 4 Aprile 2012

Le Leggi Regionali per la prevenzione delle cadute dall alto durante gli interventi sulle coperture degli edifici Roma 4 Aprile 2012 Le Leggi Regionali per la prevenzione delle cadute dall alto durante gli interventi sulle coperture degli edifici Roma 4 Aprile 2012 Ing. Irene Chirizzi REGIONE TOSCANA Direzione Generale Diritti di cittadinanza

Dettagli

UNITH TM FIX. Libretto d istruzioni e montaggio. Contiene Certificato. Dispositivo Classe A1 UNI EN 795/02

UNITH TM FIX. Libretto d istruzioni e montaggio. Contiene Certificato. Dispositivo Classe A1 UNI EN 795/02 Libretto d istruzioni e montaggio Contiene Certificato FIX Dispositivo Classe A1 UNI EN 795/02 Documento originale da conservare a cura del proprietario amministratore dell immobile UNITH TM Indice 1.0

Dettagli

PUNTI DI ANCORAGGIO PROVVISORI

PUNTI DI ANCORAGGIO PROVVISORI DISPOSITIVI TEMPORANEI PUNTI DI ANCORAGGIO PROVVISORI NORMA DI RIFERIMENTO UNI EN 795:2012 DEFINIZIONE TIPO B Dispositivo di ancoraggio con uno o più punti di aggancio / ancoraggio fissi, senza la necessità

Dettagli

MANUALE D ISTRUZIONI PER MONTAGGIO, USO E MANUTENZIONE PER DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO PER LINEE VITA SICURPAL

MANUALE D ISTRUZIONI PER MONTAGGIO, USO E MANUTENZIONE PER DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO PER LINEE VITA SICURPAL MANUALE D ISTRUZIONI PER MONTAGGIO, USO E MANUTENZIONE PER DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO PER LINEE VITA SICURPAL Edizione Settembre 2013 Sicurpal S.r.l. Via Caduti in Guerra, 10/C Villavara di Bomporto (MO)

Dettagli

RISCHIO CADUTA DALL ALTO. Ing. Caterina Lapietra

RISCHIO CADUTA DALL ALTO. Ing. Caterina Lapietra RISCHIO CADUTA DALL ALTO Ing. Caterina Lapietra il rischio insito nel ponteggio, la sua percezione e gli accessori che producono sicurezza passiva La percezione del rischio è un fattore soggettivo, legato

Dettagli

VOCI DI CAPITOLATO DISPOSITIVI ANTICADUTA HBSecurity

VOCI DI CAPITOLATO DISPOSITIVI ANTICADUTA HBSecurity VOCI DI CAPITOLATO DISPOSITIVI ANTICADUTA HBSecurity INDICE LINEA VITA HBSecurity 2 LINEA VITA HBCap 3 LINEA VITA A BINARIO HBSecurity 4 PALO GIREVOLE HBSecurity 5 HBFlex HBSecurity 6 PUNTO GOLFARE HBSecurity

Dettagli

Marcatura CE conforme alla norma UNI-EN 795-2002.

Marcatura CE conforme alla norma UNI-EN 795-2002. 100246 REV. 0 OTTOBRE 2010 www.tipografia.com 01234 Tutti i dispositivi di ancoraggio della linea Pro.Tetto sono stati progettati nel rispetto della norma UNI EN 795:2002 e testati dal Laboratorio Sigma,

Dettagli

Sistemi Anticaduta UNI EN 795. Linea Vita per Tetti Aggraffati

Sistemi Anticaduta UNI EN 795. Linea Vita per Tetti Aggraffati Sistemi Anticaduta UNI EN 795 Linea Vita per Tetti Aggraffati KIT SA-SIANK FALZ LINE C Distanza tra gli ancoraggi terminali massimo 60 metri Distanza tra ancoraggi terminali o intermedie (campata) massimo

Dettagli

PROGETTISTI ASSOCIATI P.B. 11.03.2013 ARCH. A. EUGENIO BACCHILEGA ARCH. PAOLO GIAROLA

PROGETTISTI ASSOCIATI P.B. 11.03.2013 ARCH. A. EUGENIO BACCHILEGA ARCH. PAOLO GIAROLA LA COMMITTENZA IL TECNICO PROGETTISTI ASSOCIATI ARCH. A. EUGENIO BACCHILEGA ARCH. PAOLO GIAROLA PROGETTO Corso della Vittoria 36-37045 - Legnago (VR) Tel. +39.0442.600726 - Fax +39.0442.626682 proass@progettistiassociati1.191.it

Dettagli

Soluzioni Progettuali Scheda: SP34 Rev: 05/01/2011 Pagina 1/6 STATO DI FATTO

Soluzioni Progettuali Scheda: SP34 Rev: 05/01/2011 Pagina 1/6 STATO DI FATTO Soluzioni Progettuali Scheda: SP34 Rev: 05/01/2011 Pagina 1/6 Descrizione Copertura: STATO DI FATTO COPERTURA A FALDA UNICA Nuova Esistente Praticabile Non Praticabile Copertura composta da una falda a

Dettagli

FAC SIMILE - FASCICOLO TECNICO DELL OPERA INTERVENTI DI MANUTENZIONE SULLE COPERTURE

FAC SIMILE - FASCICOLO TECNICO DELL OPERA INTERVENTI DI MANUTENZIONE SULLE COPERTURE FAC SIMILE - FASCICOLO TECNICO DELL OPERA INTERVENTI DI MANUTENZIONE SULLE COPERTURE Proprietario dell immobile Progettista del sistema di COGNOME NOME COGNOME NOME Indirizzo dell immobile Tipologia d

Dettagli

TSafe D A T I G E N E R A L I : Linea vita SCHEDA TECNICA. Certificazione UNI EN 795:2012 tipo C e UNI CEN/TS 16415:2013 Marcatura CE

TSafe D A T I G E N E R A L I : Linea vita SCHEDA TECNICA. Certificazione UNI EN 795:2012 tipo C e UNI CEN/TS 16415:2013 Marcatura CE D A T I G E N E R A L I : Certificazione UNI EN 795:2012 tipo C e UNI CEN/TS 16415:2013 Marcatura CE Garanzia prodotto Numero massimo utilizzatori Materiale Dispositivo Lunghezza linea Cavo Assorbitore

Dettagli

D.P.I. D.P.I. Corde - UNI EN 1891

D.P.I. D.P.I. Corde - UNI EN 1891 D.P.I. Corde - UNI EN 1891 SUL MERCATO SONO DISPONIBILI DUE TIPOLOGIE DI CORDE: DINAMICHE - Norma di riferimento EN 892 SEMI STATICHE - Norma di riferimento EN 1891 La norma UNI EN 353-2 (linee vita fless.)

Dettagli

La norma UNI EN 795 e le linee vita come sistema di protezione.

La norma UNI EN 795 e le linee vita come sistema di protezione. Convegno Nazionale Professione Geometra: esperto in sicurezza 9 novembre 2012 La norma UNI EN 795 e le linee vita come sistema di protezione. Dott. Michele MONTRANO LAVORI IN QUOTA Lavoro in quota: attività

Dettagli

VILLA BORROMEO Sarmeola di Rubano Padova 25 novembre 2010. Relatore: Ing. Carlo Calisse

VILLA BORROMEO Sarmeola di Rubano Padova 25 novembre 2010. Relatore: Ing. Carlo Calisse LE RETI ANTICADUTA DALLE NORME UNI EN 1263-1 1 e 2 ALLE NUOVE LINEE GUIDA AIPAA VILLA BORROMEO Sarmeola di Rubano Padova 25 novembre 2010 Relatore: Ing. Carlo Calisse INTRODUZIONE ALLE NORME UNI EN 1263-1:

Dettagli

INDICE DISPOSITIVI ANTICADUTA

INDICE DISPOSITIVI ANTICADUTA INDICE DISPOSITIVI ANTICADUTA CINTURE DI POSIZIONAMENTO Pag. 37 IMBRAGATURA ANTICADUTA Pag. 38 CORDINO DI ANCORAGGIO E ACCESSORI Pag. 323 ASSORBITORI DI ENERGIA E ANTICADUTA Pag. 324 FUNE ANTICADUTA Pag.

Dettagli

Sistemi di arresto caduta, UNI EN 517 E UNI EN 795

Sistemi di arresto caduta, UNI EN 517 E UNI EN 795 Sistemi di arresto caduta, UNI EN 517 E UNI EN 795 363 Sistemi di arresto caduta (2002) 517 Ganci di sicurezza da tetto (1998) 795 Dispositivi di ancoraggio (2002) Sistema di arresto caduta UNI EN 363

Dettagli

PROGETTAZIONE DELLA PREVENZIONE CONTRO LA CADUTA LIBERA VERSO IL VUOTO. Consulta di Mantova - Relatore Pier Luigi Ghisi

PROGETTAZIONE DELLA PREVENZIONE CONTRO LA CADUTA LIBERA VERSO IL VUOTO. Consulta di Mantova - Relatore Pier Luigi Ghisi PROGETTAZIONE DELLA PREVENZIONE CONTRO LA CADUTA LIBERA VERSO IL VUOTO OBBIETTIVI PRINCIPALI Sviluppare nei progettisti la cultura della sicurezza Formarli alla previsione progettuale di attrezzature di

Dettagli

PIATTAFORMA DI LAVORO MOBILE ELEVABILE (piattaforma elevabile) e PONTE MOBILE SVILUPPABILE SU CARRO AD AZIONAMENTO MOTORIZZATO (cestello)

PIATTAFORMA DI LAVORO MOBILE ELEVABILE (piattaforma elevabile) e PONTE MOBILE SVILUPPABILE SU CARRO AD AZIONAMENTO MOTORIZZATO (cestello) PERCORSI VERTICALI Scheda: P005 Rev: 06/06/2009 10.48.00 Pagina 1/5 PIATTAFORMA DI LAVORO MOBILE ELEVABILE (piattaforma elevabile) e PONTE MOBILE SVILUPPABILE SU CARRO AD AZIONAMENTO MOTORIZZATO (cestello)

Dettagli

ESPERIENZE DI ELABORAZIONI FASCICOLI TECNICI DI MANUTENZIONE AI FINE DELLA SICUREZZA CON PARTICOLARE ATTENZIONE ALL ELABORATO DELLA COPERTURA (E.T.C.

ESPERIENZE DI ELABORAZIONI FASCICOLI TECNICI DI MANUTENZIONE AI FINE DELLA SICUREZZA CON PARTICOLARE ATTENZIONE ALL ELABORATO DELLA COPERTURA (E.T.C. ESPERIENZE DI ELABORAZIONI FASCICOLI TECNICI DI MANUTENZIONE AI FINE DELLA SICUREZZA CON PARTICOLARE ATTENZIONE ALL ELABORATO DELLA COPERTURA (E.T.C.) ESEMPLIFICAZIONE DI E.T.C. SU PROGETTI REALMENTE ESEGUITI,

Dettagli

SEMINARIO TECNICO IL RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO: LA STRAGE CONTINUA?

SEMINARIO TECNICO IL RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO: LA STRAGE CONTINUA? Presenta SEMINARIO TECNICO IL RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO: LA STRAGE CONTINUA? Con il patrocinio di: Città di GROSSETO Grosseto 4 marzo 2011 1 perché oggi parliamo di linee vita : Le cadute dall alto sono

Dettagli

FIM LINEE VITA dalla produzione al montaggio

FIM LINEE VITA dalla produzione al montaggio FIM LINEE VITA dalla produzione al montaggio LA SOCIETA Negli ultimi anni, vista la forte incidenza di infortuni per le cadute in quota, è stato introdotto l obbligo di installare sulle coperture adeguati

Dettagli

Convertitore RS232 / fibra ottica

Convertitore RS232 / fibra ottica Caratteristiche tecniche e collegamenti Cod.: Rev.: Ediz.: C5844E0027ITA 00 16/05/2008 Modulo SOI Convertitore RS232 / fibra ottica Via del Lavoro 13-48011 Alfonsine (RA) - Italy Tel.: +39-054484277 Fax:

Dettagli

Sistemi di ancoraggio permanenti per dispositivi di protezione individuale contro le cadute

Sistemi di ancoraggio permanenti per dispositivi di protezione individuale contro le cadute Sistemi di ancoraggio permanenti per dispositivi di protezione individuale contro le cadute Atto di indirizzo e coordinamento per la prevenzione delle cadute dall alto nei lavori in quota della Regione

Dettagli

Linea vita temporanea orizzontale SOIT402/HLLW1 Manuale d Utilizzo e Manutenzione rev.00

Linea vita temporanea orizzontale SOIT402/HLLW1 Manuale d Utilizzo e Manutenzione rev.00 (immagine puramente indicativa per identificare il prodotto) Introduzione Linea vita orizzontale temporanea SOIT402/HLLW1 La linea vita orizzontale temporanea SOIT402/HLLW1 è un sistema di protezione provvisorio

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA Protocollo Pratica Edilizia n... /... ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA L.R. 10.11.2014 n.65, art. 141 c. 13, 14 e 15 D.P.G.R. del 18.12.2013 n 75/R RICHIEDENTE / COMMITTENTE: nome Cognome Residente/con

Dettagli

Giuseppe Bertussi I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE ANTICADUTA SECONDO LE NORME UNI EN

Giuseppe Bertussi I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE ANTICADUTA SECONDO LE NORME UNI EN Giuseppe Bertussi I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE ANTICADUTA SECONDO LE NORME UNI EN La normativa italiana in tema di sicurezza e salute sul lavoro riporta, al decreto legislativo 3 agosto 2009,

Dettagli

AB01 AB05 AB02 AB03 EN 361 EN 358 EN 361 EN 358 EN 361

AB01 AB05 AB02 AB03 EN 361 EN 358 EN 361 EN 358 EN 361 ANTICADUTA 168 AB01 AB05 Cintura di posizionamento in poliammide 45 mm con schienalino termoformato 2 ancoraggi laterali a "D" in acciaio saldato Munita di 2 anelli di servizio con passante scorrevole

Dettagli

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!!" "

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!! Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Procedure di sicurezza per l installazione e la manutenzione di pannelli fotovoltaici Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Realizzazione

Dettagli

SanMarco Safe Line: Dispositivi anticaduta conformi alla Normativa UNI EN 795/2002 SANMARCO SAFE LINE

SanMarco Safe Line: Dispositivi anticaduta conformi alla Normativa UNI EN 795/2002 SANMARCO SAFE LINE SanMarco Safe Line: Dispositivi anticaduta conformi alla Normativa UNI EN 795/2002 > SANMARCO SAFE LINE SanMarco Safe Line. Una scelta di vita. 1 Sicurezza - Indispensabile per lavorare sul tetto con tranquillità

Dettagli

COMUNE DI PIANCASTAGNAIO

COMUNE DI PIANCASTAGNAIO COMUNE DI PIANCASTAGNAIO MANUTENZIONE STRAORDIANRIA DELL EDIFICIO DENOMINATO RIPARAZIONE LOCOMOTORI/SILOS ALL INTERNO DELLA EX. MINIERA DI MERCURIO DEL SIELE COMUNE DI PIANCASTAGNAIO COMMITTENTE COMUNE

Dettagli

Kit Linea Vita. Scheda progettisti. Kit Linea Vita. Verifica del fissaggio Disegno piastre base Calcolo dell altezza minima d installazione

Kit Linea Vita. Scheda progettisti. Kit Linea Vita. Verifica del fissaggio Disegno piastre base Calcolo dell altezza minima d installazione Scheda progettisti Kit Linea Vita Verifica del fissaggio Disegno piastre base Calcolo dell altezza minima d installazione 0505 Manutenzione 4 1/anno C certificato UNI EN 795:2002 Distanza max tra i pali

Dettagli

safeladder scale Scala SAFELADDER con binario integrato a norma EN 353/1 SAL004 RHF014 SAL009

safeladder scale Scala SAFELADDER con binario integrato a norma EN 353/1 SAL004 RHF014 SAL009 safeladder scale Scala SAFELADDER con binario integrato a norma EN 353/1 La scala Safeladder è un sistema di protezione contro le cadute che integra ai montanti verticali della scala un binario e garantisce

Dettagli

QUALITÀ ED AFFIDABILITÀ

QUALITÀ ED AFFIDABILITÀ QUALITÀ ED AFFIDABILITÀ Ogni prodotto BREBE viene realizzato in conformità alle normative vigenti in materia di prevenzione dalle cadute dall alto rispettando in oltre tutti i più alti standard di qualità.

Dettagli

Piano di Recupero ai sensi degli art. 12.3 e 15.8 delle NTA per la realizzazione di

Piano di Recupero ai sensi degli art. 12.3 e 15.8 delle NTA per la realizzazione di Piano di Recupero ai sensi degli art. 12.3 e 15.8 delle NTA per la realizzazione di FABBRICATO RESIDENZIALE FORMATO DA QUATTRO U.I. previa demolizione del fabbricato esistente scheda A7 allegato A delle

Dettagli

SISTEMI ANTICADUTA. Assistenza alla posa in opera

SISTEMI ANTICADUTA. Assistenza alla posa in opera SISTEMI ANTICADUTA Progettazione e realizzazione di pali, piastre, ganci in acciaio a catalogo e/o specifici Assistenza alla posa in opera Dimensionamento e verifica dei fissaggi Progettazione dello schema

Dettagli

Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro COPERTURE NON PRATICABILI

Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro COPERTURE NON PRATICABILI Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro COPERTURE NON PRATICABILI Come intervenire in sicurezza Infortuni mortali in Regione Lombardia per caduta dall alto (24% totale inf. mortali) Periodo

Dettagli

CRITERI DI SCELTA E USO DEI DPI: IMBRACATURE, ELMETTI

CRITERI DI SCELTA E USO DEI DPI: IMBRACATURE, ELMETTI Normativa nazionale D.L. del 9 aprile 2008 n 81 (TESTO UNICO) D.L. del 03. agosto 2009 n 106 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 09. aprile 2008, n. 81, in materia di tutela della

Dettagli

LAVORI IN QUOTA Soluzioni progettuali rispetto alla normativa regionale

LAVORI IN QUOTA Soluzioni progettuali rispetto alla normativa regionale LAVORI IN QUOTA Soluzioni progettuali rispetto alla normativa regionale VILLA BORROMEO Sarmeola di Rubano - Padova 25 novembre 2010 Relatore: Ing. Andrea Rossi ARGOMENTI DEFINIZIONI NORMATIVA NAZIONALE,

Dettagli

Nieuw! Nuovo! Neu! Söll. Studiato per adattarsi alla maggior parte dei tetti di edifici industriali e commerciali.

Nieuw! Nuovo! Neu! Söll. Studiato per adattarsi alla maggior parte dei tetti di edifici industriali e commerciali. DISTRIBUTORE AUTORIZZATO Nieuw! Nuovo! Neu! Neu! Söll Sistema anticaduta linea vita orizzontale Studiato per adattarsi alla maggior parte dei tetti di edifici industriali e commerciali. Söll Sistema anticaduta

Dettagli

Manuale d uso e manutenzione. Cotto San Michele: più che una copertura, una copertura completa.

Manuale d uso e manutenzione. Cotto San Michele: più che una copertura, una copertura completa. Manuale d uso e manutenzione. Cotto San Michele: più che una copertura, una copertura completa. Indice 1. Linea flessibile orizzontale Dispositivi di ancoraggio in classe C pag. 4 2. Punti di ancoraggio

Dettagli

Modello: linea vita temporanea 2 operatori. Norma: EN 795 B CODICE: 0840112

Modello: linea vita temporanea 2 operatori. Norma: EN 795 B CODICE: 0840112 UNI EN 795:2012 Dispositivo di ancoraggio con uno o più punti di aggancio / ancoraggio fissi, senza la necessità di un ancoraggio strutturale o elemento di fissaggio per essere solidale alla struttura

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg Regolamento tecnico per la prevenzione dei rischi di infortunio a seguito di cadute dall'alto nei lavori di manutenzione ordinaria

Dettagli

Descrizione Copertura:

Descrizione Copertura: Attività: 1 b Step:5 SP33.doc Soluzioni Progettuali Pagina 1/6 Descrizione Copertura: COPERTURA A TRE FALDE STATO DI FATTO Nuova Esistente Praticabile Non Praticabile Il fabbricato presenta copertura a

Dettagli

La sicurezza nella realizzazione di costruzioni in legno. Arch. Ferdinando Izzo

La sicurezza nella realizzazione di costruzioni in legno. Arch. Ferdinando Izzo La sicurezza nella realizzazione di costruzioni in legno La sicurezza nella realizzazione di costruzioni in legno Arch. Ferdinando Izzo Caratteristiche delle costruzioni prefabbricate in legno In merito

Dettagli

Cava Halbfabrikate AG CH-Ilanz +41 (0)81 925 28 72 www.cava-ag.ch

Cava Halbfabrikate AG CH-Ilanz +41 (0)81 925 28 72 www.cava-ag.ch Cava Halbfabrikate AG CH-Ilanz +41 (0)81 925 28 72 www.cava-ag.ch Sicurezza a tutti i livelli. Gamma di prodotti. Safe Post II Safe Post II, utilizzabile come punto di ancoraggio singolo o integrato in

Dettagli

PREVENIRE LE CADUTE DALL ALTO

PREVENIRE LE CADUTE DALL ALTO PREVENIRE LE CADUTE DALL ALTO Gemona del Friuli, 23 maggio 2012 Dott.ssa Francesca Piva Tecnico della Prevenzione A.S.S. n. 3 Alto Friuli CLASSIFICAZIONE COPERTURE CLASSIFICAZIONE COPERTURE TIPOLOGIA Fortemente

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE. PiMUS. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE. PiMUS. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E CUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE PiMUS prof. ing. Pietro Capone 1 Piano di montaggio, uso e smontaggio (PiMUS) Già D.lgs. n 235 del 08/07/2003 Il montaggio, lo smontaggio

Dettagli

Manuale d uso e manutenzione TETTI VENTILATI

Manuale d uso e manutenzione TETTI VENTILATI Manuale d uso e manutenzione TETTI VENTILATI TETTI VENTILATI Indice 1. Linea flessibile orizzontale Dispositivi di ancoraggio in classe C pag. 4 2. Punti di ancoraggio per superfici verticali, orizzontali,

Dettagli

LINEA 795 ROBUST SISTEMI DI PROTEZIONE ANTICADUTA

LINEA 795 ROBUST SISTEMI DI PROTEZIONE ANTICADUTA LINE 795 ROUST SISTEMI DI PROTEZIONE NTICDUT PUNTO DI NCORGGIO WCGRE Componente di classe C secondo norma UNI EN 795:2002 Certificati: Certificazione secondo UNI EN 795:2002 Numero operatori: Modello di

Dettagli

LIBRETTO VERIFICHE GRU A PONTE E MACCHINE DI SOLLEVAMENTO (Registro di controllo)

LIBRETTO VERIFICHE GRU A PONTE E MACCHINE DI SOLLEVAMENTO (Registro di controllo) MACCHINA NUMERO DI FABBRICA LIBRETTO VERIFICHE GRU A PONTE E MACCHINE DI SOLLEVAMENTO (Registro di controllo) Costruttore/Mandatario: CIOFETTI SOLLEVAMENTO INDUSTRIALE SRL S. S. Tiberina Nord, 26/T - 06134

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Dgr Veneto n. 2774 del 22 settembre 2009 Istruzioni tecniche sulle misure preventive e protettive da predisporre negli edifici per l accesso, il transito e l esecuzione dei

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA (art. 6, comma 4 del DPGR 23 novembre 2005, n. 62/R)

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA (art. 6, comma 4 del DPGR 23 novembre 2005, n. 62/R) COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE (Provincia di Pistoia) C.F. - P.I. 00185430477 U.O. URBANISTICA Tel. 0573 917228 Fax 0573 917310 Via Castruccio Castracani, 7 51030 Serravalle Pistoiese e-mail: urbanistica@comune.serravalle-pistoiese.pt.it

Dettagli

LINEA D ANCORAGGIO IN CLASSE C UNI EN 795:2002

LINEA D ANCORAGGIO IN CLASSE C UNI EN 795:2002 LINEA D ANCORAGGIO IN CLASSE C UNI EN 795:2002 LIBRETTO DI ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE, USO, MANUTENZIONE E ISPEZIONE PERIODICA. Manuale di Istruzioni 0MANUAL6003/rev.00 Page 1 di 58 DATI DELL IMMOBILE

Dettagli

LAVORO SULLE COPERTURE

LAVORO SULLE COPERTURE 1 LAVORO SULLE COPERTURE UNI EN 8088 2 Lavori inerenti le coperture dei fabbricati (definizioni) [UNI 8088] Tipi di coperture [UNI 8088] MANTO DI COPERTURA Per manto di copertura si intende l insieme degli

Dettagli