FIPED FEDERAZIONE ITALIANA PEDAGOGISTI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FIPED FEDERAZIONE ITALIANA PEDAGOGISTI"

Transcript

1 FIPED FEDERAZIONE ITALIANA PEDAGOGISTI REGOLAMENTO DELLA ISTITUZIONE E DELLE NORME DI ACCESSO AGLI ALBI/REGISTRI PROFESSIONALI NAZIONALI DELLA FIPED 1. ALBO PROFESSIONALE NAZIONALE DEI PEDAGOGISTI DELLA FIPED. 2. ALBO PROFESSIONALE NAZIONALE DEI DOTTORI IN AMBITO PEDAGOGICO. 3. REGISTRO NAZIONALE DEGLI EDUCATORI MOTORI CERTIFICATI DALLA FIPED. VISTO l art. 17 dello Statuto della FIPED. VISTA la delibera punto 4 del Consiglio Nazionale della FIPED in data VISTE le delibere punti 14 e 17 del Consiglio nazionale della FIPED del VISTO il REGOLAMENTO di istituzione e di ammissione all APN approvato in data e successive modifiche. VISTO il punto 1 del verbale del Consiglio nazionale della FIPED del VISTI i vigenti orientamenti in ambito nazionale e comunitario relativi alle professioni non regolamentate. VISTA la delibera n. 5 del del Consiglio nazionale FIPED... in attesa di azioni normative nazionali o regionali di regolamentazione della materia, la FIPED istituisce, organizza e gestisce i seguenti Albi o registri professionali interni a- Albo professionale Nazionale dei Pedagogisti della FIPED, riservato ai laureati in Pedagogia, Scienze dell Educazione, altre lauree specialistiche espressamente pedagogiche. Conferisce la certificazione di Pedagogista. b- Albo Professionale Nazionale dei Dottori in Ambito Pedagogico, riservato alle lauree affini a quelle pedagogiche (Scienze della Formazione primaria, Scienze motorie, Filosofia, Lettere, ecc.) quadriennali o specialistiche. c- Registro Nazionale degli Educatori Motori certificati dalla FIPED, riservato ai diplomati ISEF o laureati in Scienze Motorie specialistica/quinquennale.. Gli Albi ed i Registri sopra indicati comprendono una Fascia A riservata alle lauree specialistiche/magistrali o del vecchio ordinamento e una Fascia B riservata alle lauree triennali o di primo livello. Gli Albi e Registri interni della FIPED sono tenuti dalla Presidenza ed aggiornati in appositi Registri, a cura del Presidente. Art. 1 Sono istituiti i seguenti Albi e Registri professionali nazionali interni secondo le relative indicazioni espresse nel presente articolo: 1

2 1. Albo professionale Nazionale dei Pedagogisti della FIPED, riservato ai laureati in Pedagogia, Scienze dell Educazione, altre lauree specialistiche espressamente pedagogiche. Conferisce la certificazione di Pedagogista. 2. Albo Professionale Nazionale dei Dottori in Ambito Pedagogico, riservato alle lauree affini a quelle pedagogiche (Scienze della Formazione primaria, Scienze motorie, Filosofia, Lettere, ecc.) specialistiche. 3. Registro Nazionale degli Educatori Motori certificati dalla FIPED, riservato ai diplomati ISEF o laureati in Scienze Motorie specialistica/quinquennale. Art. 2 Aventi diritto Possono essere iscritti agli Albi/Registri nazionali, previa domanda e nel rispetto dei requisiti e delle prove di esame di seguito indicati, i laureati in Pedagogia, in Scienze dell Educazione, o in lauree specialistiche, regolarmente iscritti alla FIPED, o soci onorari. L iscrizione all Albo ha valore annuale in corrispondenza dell anno solare di regolare iscrizione alla FIPED. Art. 3 - Esclusioni Sono esclusi dall iscrizione all APN coloro che hanno subito condanne penali che comportino l interdizione dalla professione. Art. 4 L Albo è tenuto ed aggiornato dal Presidente della FIPED, il quale provvede anche a bandire le sessioni di valutazione dei titoli e delle prove di esame culturale e professionale per l accesso, indicando data, sede, modalità e quota di tassa di segreteria per il candidato. Art. 5 Requisiti Possono chiedere l ammissione all Albo Professionale Nazionale dei Pedagogisti della FIPED, all Albo Professionale Nazionale dei Dottori in Ambito Pedagogico ed al Registro Nazionale degli Educatori Motori Certificati dalla FIPED i soci in possesso di uno dei seguenti requisiti: a- Servizio di ruolo o non di ruolo, in qualità di Pedagogista, o Educatore Professionale, Coordinatore di servizi educativi, Educatore Motorio laureato presso Enti, Istituzioni pubbliche e/o private per almeno un anno, con adeguata documentazione; b- Tirocinio professionale, o volontariato, svolto con supervisione e guida di un Pedagogista iscritto all'albo Profess. Nazionale FIPED o di Associazione similare, presso Univ., Enti, Istituzioni pubbliche/private, Studi privati, ecc. per almeno 400 ore o un anno; Nel caso di istituzioni private o studi privati, il tirocinante è tenuto a dare preventiva comunicazione dell inizio del tirocinio, al Presidente regionale o, in sua mancanza, al Presidente nazionale, il quale rilascia la relativa autorizzazione e può disporre ispezioni e verifiche per accertare l effettivo esercizio del tirocinio. Gli studi/istituzioni privati sono tenuti a tenere un registro di presenza per i tirocinanti. c- Servizio di almeno un anno, in possesso di laurea, in uffici, servizi, agenzie o enti con compiti specifici inerenti la formazione, soci FIPED. d- Ricercatori di ruolo presso le Università, da almeno 2 anni, soci FIPED e- Consulenza od attività libero-professionale in qualità di Pedagogista o Dottore in ambito pedagogico, per almeno un anno, previa documentazione giuridica e fiscale dell avvenuto esercizio della professione. f- Insegnanti di scuole statali con almeno 5 anni di ruolo, Dirigenti ed Ispettori scolastici. g- Diploma di Specializzazione Biennale per le attività di sostegno (Corsi biennale polivalenti di specializzazione, per insegnanti di sostegno). 2

3 h- Laureati in altre discipline in servizio come Pedagogisti presso Enti pubblici o privati da almeno 3 anni e con Diploma di Corso post-lauream, almeno biennale, riconosciuto dalla FIPED o altra associazione professionale di pedagogisti per l accesso agli albi professionali. i- Docenti e direttivi delle scuole non statali legalmente riconosciute, docenti non di ruolo delle scuole statali, con servizio annuale documentato di almeno 5 anni, e corsi di formazione/aggiornamento svolti presso una Scuola di Formazione riconosciuta dalla FIPED o Associazioni professionali di Pedagogisti, per almeno 80 ore. 2- Studiosi e ricercatori di chiara fama, soci FIPED. 3- Docenti di prima e seconda fascia delle Università, soci FIPED. 4- Soci onorari della FIPED. 5- Iscritti ad Albi Professionali Interni di Associazioni similari, soci FIPED. 6- Diploma di Corso bi o triennale di Specializzazione in Pedagogia Clinica in Scuola di Formazione riconosciuta dalla FIPED o da altre Associazioni professionali di Pedagogisti. I candidati devono formulare apposita domanda al Presidente nazionale della FIPED, allegando: - la documentazione relativa ai requisiti necessari; - un personale curriculum professionale e scientifico; - copia della Relazione scritta; - ricevuta dei versamenti per le spese di segreteria e di organizzazione. Tutti i periodi indicati nel presente articolo, sono ridotti del 50% per i possessori di laurea specialistica quinquennale. Art. 6 - Prove di esame culturale e professionale L esame culturale e professionale per l accesso agli Albi/Registri professionali nazionali consta di due prove da sostenere nella stessa giornata o in giorni contigui, nella sede indicata dall atto di indizione della selezione e dietro esibizione di valido documento di riconoscimento. a- Prova scritta - questionario generale sulle nozioni di: pedagogia scientifica, pedagogia clinica, pedagogia speciale, funzioni del pedagogista, relazioni disciplinari e professionali, mediazione, educazione, diagnosi pedagogica, counseling, servizi educativi, orientamento, ecc. b- Prova orale - colloquio su una Relazione di almeno 80 pagine su uno degli argomenti scelti tra quelli riportati nel bando e con le modalità di seguito indicate. La relazione deve recare l indicazione e la firma di accettazione di un tutor che sia appartenente ad un Albo professionale della FIPED. AMBITI TEMATICI per il COLLOQUIO SELETTIVO per l'accesso all'albo PROFESSIONALE NAZIONALE dei PEDAGOGISTI della FIPED 1. La questione epistemologica nella pedagogia scientifica e clinica. 2. Ruoli e funzioni del pedagogista. 3. Il trattamento educativo e le sue forme. 4. La diagnostica pedagogica. 5. Le patologie dello sviluppo: diagnosi e trattamento. 6. I disturbi dell'apprendimento: diagnosi e trattamento. 7. Patologie, disabilità, devianza, disagio: diagnosi e trattamento. 8. Gli screenings diagnostici in età scolare. 9. La formazione motoria e sportiva. 10. La riabilitazione fisio-motoria. 11. I problemi della coppia e della famiglia: diagnosi e trattamento. 12. La mediazione familiare. 13. La preparazione al matrimonio. 3

4 14. I servizi per gli anziani: progettazione, gestione e sistema di qualità. 15. I nidi d'infanzia: progettazione, gestione e sistema di qualità. 16. I servizi per l'infanzia e l'adolescenza: progettazione, gestione e sistema di qualità. 17. I servizi alla persona ed il sistema di qualità. 18. Il parent training. 19. Il colloquio clinico in pedagogia. 20. La progettazione educativa a scuola. 21. L'organizzazione scolastica: tempi, spazi, interventi, assessment, documentazione, ecc. 22. L'orientamento scolastico e professionale. 23. La valutazione scolastica. 24. La ricerca didattica. 25. Il potenziamento dell'apprendimento. 26. I servizi culturali: progettazione, gestione e sistema di qualità. 27. La formazione professionale di educatori, insegnanti, terapisti, animatori, trainer, ecc. 28. La letteratura per ragazzi. 29. Tossicodipendenza e servizi educativi. 30. Adozione ed affido: l'aiuto educativo. 31. Deontologia professionale del pedagogista. 32. Il Pedagogista nei Servizi di Salute Mentale. 33. Altri ambiti accettati dalla Commissione d esame. La Relazione, di almeno 80 pagine, deve comporsi almeno delle seguenti parti: a- Frontespizio completo. b- Sommario. c- Presentazione. d- Inquadramento teorico. e- Argomentazione tematica. f- Funzioni del Pedagogista. g- Strategie e strumenti. h- Considerazioni conclusive. i- Bibliografia. j- Valutazione personale del servizio/tirocinio prestato. k- Bilancio delle competenze professionali personali. l- Documentazione. m- Curriculum personale. La relazione è seguita e presentata da un relatore/tutor tra i Pedagogisti già iscritti all Albo. Art. 7 - Permanenza negli Albi/Registri Al Regolamento di cui sopra, si aggiunge inoltre che per il mantenimento dell iscrizione all Albo Professionale, si richiede la frequenza di attività di formazione/ aggiornamento, di carattere specificamente professionale, per almeno 100 ore ogni tre anni, presso istituti pubblici o privati o le scuole di formazione riconosciute dalla FIPED, o dall Università. Sono esonerati dall obbligo di tale attività formativa, i professori di prima e seconda fascia delle Università, studiosi e ricercatori di chiara fama ed i soci onorari associati alla FIPED. Art. 8 - Commissioni esaminatrici Le commissioni esaminatrici della documentazione e delle prove di esame, sono costituite da n. 3 soci FIPED certificati, nominati dal presidente della FIPED, di cui uno funge da Presidente dlela commissione. 4

5 Art. 9 - Certificazione Il socio FIPED iscritto agli Albi o Registri Professionali Nazionali della FIPED è dichiarato Pedagogista certificato, o Dottore in ambito pedagogico certificato o Educatore Motorio certificato. Art. 10 Elenchi speciali All interno dell Albo si possono realizzare elenchi speciali tematici. Art. 11 Vengono depennati dagli Albi/Registri Professionali Nazionali coloro che non rinnovano l iscrizione alla FIPED, che vengono depennati dalla FIPED o che non ottemperano alla formazione come indicato all art. 7 del presente Regolamento. Art. 12 Assicurazione Il Socio FIPED iscritto all Albo Professionale Nazionale che esercita la professione di Pedagogista o similare o Educatore Motorio, è tenuto a stipulare una Polizza Assicurativa per i rischi connessi all esercizio della professione. Art. 13 Contenzioso Il contenzioso interpretativo e le eventuali modifiche al presente regolamento saranno risolti in sede di Consiglio Nazionale. Art. 14 In relazione al presente Regolamento, il presidente della FIPED è delegato ad indire singole sessioni di valutazione per l accesso all APN, indicando la sede, la data, la tassa di segreteria ed i termini di scadenza per la presentazione delle domande. Approvato dal Consiglio Nazionale della FIPED nella seduta del 15 giugno Integrato dal Consiglio nazionale della FIPED nella seduta del Il Presidente Prof. Piero Crispiani 5

ART. 1 Oggetto del Regolamento

ART. 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN DIDATTICA DELL ITALIANO COME LINGUA STRANIERA ART. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento disciplina, ai sensi dell articolo 1 comma 3 del Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO INDICE. Art.1 Scopo e ambito di applicazione dell associazione..pag.2. Art.2 Formazione e aggiornamento pag.2

REGOLAMENTO INDICE. Art.1 Scopo e ambito di applicazione dell associazione..pag.2. Art.2 Formazione e aggiornamento pag.2 IL REGOLAMENTO REGOLAMENTO INDICE Art.1 Scopo e ambito di applicazione dell associazione..pag.2 Art.2 Formazione e aggiornamento pag.2 Art.3 Requisiti formatori.pag.5 Art.4 Requisiti di accesso per gli

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento disciplina,

Dettagli

Presidio di riabilitazione funzionale ex art. 26 L. 833/78 Struttura Privata Accreditata e Convenzionata con il S.S.R.

Presidio di riabilitazione funzionale ex art. 26 L. 833/78 Struttura Privata Accreditata e Convenzionata con il S.S.R. Presidio di riabilitazione funzionale ex art. 26 L. 833/78 Struttura Privata Accreditata e Convenzionata con il S.S.R. Regolamento Art. 1 - Finalità del Corso Il Corso di Specializzazione in Psicoterapia

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE INIZIALE DEGLI INSEGNANTI

REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE INIZIALE DEGLI INSEGNANTI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE INIZIALE DEGLI INSEGNANTI * SCHEDE * LA STRUTTURA DEI NUOVI PERCORSI FORMATIVI L avvio dei nuovi percorsi è previsto per l anno accademico 2011/2012. I PERCORSI DI STUDIO PER

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO per GLI ESAMI DI STATO

LINEE DI INDIRIZZO per GLI ESAMI DI STATO LINEE DI INDIRIZZO per GLI ESAMI DI STATO Definizione e significato degli esami di stato L Esame di Stato per l abilitazione alla professione di assistente sociale e di assistente sociale specialista consiste

Dettagli

Indicazioni per laureati non abilitati (e per gli iscritti alle lauree quinquennali e lauree specialistiche che permettono l accesso all insegnamento)

Indicazioni per laureati non abilitati (e per gli iscritti alle lauree quinquennali e lauree specialistiche che permettono l accesso all insegnamento) Indicazioni per laureati non abilitati (e per gli iscritti alle lauree quinquennali e lauree specialistiche che permettono l accesso all insegnamento) DECRETO 10 settembre 2010, n. 249 Regolamento concernente:

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA REGOLAMENTO DELLA SCUOLA Questo regolamento è il risultato di riflessioni e aggiornamenti avvenuti a partire dal 1989, anno in cui il Centro di Psicologia e Analisi Transazionale di Milano ha avviato la

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE (integrato con modifiche apportate dal Senato Accademico con delibera n 994

Dettagli

LA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE

LA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE LA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE STRUTTURA GENERALE DEI CORSI DI LAUREA E SISTEMA DEI "CREDITI" In base alla riforma universitaria (D.M. 3.11.99 n. 09) l impegno dello studente (frequenza dei corsi

Dettagli

Allegato al D.R. n.13653 del 3 agosto 2006

Allegato al D.R. n.13653 del 3 agosto 2006 Allegato al D.R. n.13653 del 3 agosto 2006 Procedura di valutazione della preparazione di base finalizzata all iscrizione ai corsi speciali di cui all art. 2, comma 1-c bis e comma 1 ter della Legge 143/2004,

Dettagli

DECRETA. ART. 1 (Posti a concorso) ART. 2 (Compiti e funzione dei distaccati)

DECRETA. ART. 1 (Posti a concorso) ART. 2 (Compiti e funzione dei distaccati) c) BANDO DI CONCORSO PER IL RECLUTAMENTO DI N. 6 DOCENTI IN POSIZIONE DI SEMIESONERO, DI CUI DUE UNITA IN SERVIZIO PRESSO LA SCUOLA MATERNA E QUATTRO UNITA IN SERVIZIO PRESSO LA SCUOLA ELEMENTARE, DA UTILIZZARE

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1

REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1 REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1 Art. 1. FINALITA Presso la Facoltà di Giurisprudenza dell Università di Trieste è istituito il Master Universitario

Dettagli

TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO

TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO 2. TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO Il Tirocinio Formativo Attivo (TFA) è un corso abilitante all insegnamento istituito dalle università. Esso ha durata annuale e attribuisce, tramite un esame finale sostenuto

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE

PROVINCIA DI CROTONE PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEGLI ESAMI DI IDONEITA PER DIRETTORE TECNICO DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (approvato con delibera consiliare N nella seduta del, ) La Provincia di

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL AQUILA Amministrazione centrale Area uffici didattica Settore master DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL AQUILA Amministrazione centrale Area uffici didattica Settore master DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL AQUILA Amministrazione centrale Area uffici didattica Settore master Rep. n. 189-013 - Prot. n. 31 del 19/09/013 Allegati / Anno 013 tit. III cl. 5 fasc.9 DIPARTIMENTO DI SCIENZE

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN PROGRAMMAZIONE E GESTIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI E FORMATIVI (classe n.

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN PROGRAMMAZIONE E GESTIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI E FORMATIVI (classe n. 1 REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN PROGRAMMAZIONE E GESTIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI E FORMATIVI (classe n. 56/S) Art. 1 - Denominazione del Corso di Studio (CdS) e classe di appartenenza

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE ISCRIZIONI

REGOLAMENTO SULLE ISCRIZIONI REGOLAMENTO SULLE ISCRIZIONI ART. 1 Istituzione Elenco Iscritti Si istituisce l Elenco degli Iscritti all Associazione Professionale ANIPED (Associazione Italiana Pedagogisti), tra i quali figurano: In

Dettagli

Organizzazione didattica: Il corso sarà organizzato in tre macro-aree tematiche:

Organizzazione didattica: Il corso sarà organizzato in tre macro-aree tematiche: BANDO DI CONCORSO PER L AMMISSIONE AL CORSO DI AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE PROFESSIONALE IN IL CURRICOLO DELLA PHILOSOPHY FOR CHILDREN COME PROGETTO EDUCATIVO. ASPETTI TEORICI E METODOLOGICI PER L A.A.

Dettagli

CONVENZIONE. premesso

CONVENZIONE. premesso CONVENZIONE TRA L UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI FARMACIA E L ORDINE DEI FARMACISTI DELLA PROVINCIA DI MASSA CARRARA PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO PROFESSIONALE E DI ATTIVITA DIDATTICHE L Ordine dei

Dettagli

BANDO N. 23/2015 Procedura comparativa per il conferimento di n. 1 incarico individuale con contratto di collaborazione coordinata e continuativa.

BANDO N. 23/2015 Procedura comparativa per il conferimento di n. 1 incarico individuale con contratto di collaborazione coordinata e continuativa. Prot. n. 436 del 05.08.2015 Class. VII/16 BANDO N. 23/2015 Procedura comparativa per il conferimento di n. 1 incarico individuale con contratto di collaborazione coordinata e continuativa. IL DIRETTORE

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE DI N. 3 INGEGNERI ISCRITTI ALL ALBO PER LA PARTECIPAZIONE PRESSO IL CERN

AVVISO DI SELEZIONE DI N. 3 INGEGNERI ISCRITTI ALL ALBO PER LA PARTECIPAZIONE PRESSO IL CERN AVVISO DI SELEZIONE DI N. 3 INGEGNERI ISCRITTI ALL ALBO PER LA PARTECIPAZIONE PRESSO IL CERN di Ginevra ALLE LEZIONI DI PROVA DEL TRAINING PROGRAMME 2016 (programma di alta formazione per ingegneri che

Dettagli

Centro Studi Itard. MASTER SEMESTRALE di SPECIALIZZAZIONE IN PEDAGOGIA GIURIDICA Anno 2008 Macerata Domus San Giuliano Via Cincinelli, 4

Centro Studi Itard. MASTER SEMESTRALE di SPECIALIZZAZIONE IN PEDAGOGIA GIURIDICA Anno 2008 Macerata Domus San Giuliano Via Cincinelli, 4 Centro Studi Itard MASTER SEMESTRALE di SPECIALIZZAZIONE IN PEDAGOGIA GIURIDICA Anno 2008 Macerata Domus San Giuliano Via Cincinelli, 4 DIREZIONE - RESPONSABILE SCIENTIFICO Dott.ssa Angela Fiorillo INIZIO

Dettagli

CONVENZIONE TRA AGENZIA DELLE ENTRATE - DIREZIONE REGIONALE DEL LAZIO E UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA DI VITERBO

CONVENZIONE TRA AGENZIA DELLE ENTRATE - DIREZIONE REGIONALE DEL LAZIO E UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA DI VITERBO DIREZIONE Viterbo, REGIONALE LAZIO CONVENZIONE TRA AGENZIA DELLE ENTRATE - DIREZIONE REGIONALE DEL LAZIO E UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA DI VITERBO PER : TIROCINIO FORMATIVO STUDENTI ; RICONOSCIMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO TIROCINIO CURRICULARE CORSI DI LAUREA IN: SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA

REGOLAMENTO TIROCINIO CURRICULARE CORSI DI LAUREA IN: SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA REGOLAMENTO TIROCINIO CURRICULARE CORSI DI LAUREA IN: SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA Il Piano di studi dei Corsi di Laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche (Classe L

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA D.R. 7675 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA IL RETTORE - Vista la Legge del 19 novembre 1990, n.341 e in particolare gli articoli 6 e 7, concernenti la riforma degli ordinamenti didattici universitari;

Dettagli

C.d.L. Triennale in Scienze motorie C.d.L. Magistrale in Scienze e Tecniche delle Attività motorie preventive e adattate

C.d.L. Triennale in Scienze motorie C.d.L. Magistrale in Scienze e Tecniche delle Attività motorie preventive e adattate C.d.L. Triennale in Scienze motorie C.d.L. Magistrale in Scienze e Tecniche delle Attività motorie preventive e adattate REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA DI TIROCINIO FORMATIVO E DI STAGE Il presente Regolamento

Dettagli

Direzione Generale delle Politiche Sociali Servizio Programmazione e Integrazione Sociale AVVISO PUBBLICO

Direzione Generale delle Politiche Sociali Servizio Programmazione e Integrazione Sociale AVVISO PUBBLICO Direzione Generale delle Politiche Sociali Servizio Programmazione e Integrazione Sociale AVVISO PUBBLICO Di procedura comparativa per titoli e colloquio per l attribuzione di n.1 incarico di collaborazione

Dettagli

(1) Dopo il comma 9 dell articolo 11 della legge provinciale 12 dicembre 1996, n. 24, e successive modifiche, sono aggiunti i seguenti commi 10 e 11:

(1) Dopo il comma 9 dell articolo 11 della legge provinciale 12 dicembre 1996, n. 24, e successive modifiche, sono aggiunti i seguenti commi 10 e 11: q) Legge provinciale 26 gennaio 2015, n. 1 1) Modifiche di leggi provinciali in materia di istruzione, di stato giuridico del personale insegnante e di apprendistato 1) Pubblicato nel supplemento n. 1,

Dettagli

COMUNICAZIONE,TECNOLOGIE EDUCATIVO/DIDATTICHE E CULTURA DELL INTEGRAZIONE SCOLASTICA. SECONDA EDIZIONE a.a. 2013/2014-2014/2015 (PERF05)

COMUNICAZIONE,TECNOLOGIE EDUCATIVO/DIDATTICHE E CULTURA DELL INTEGRAZIONE SCOLASTICA. SECONDA EDIZIONE a.a. 2013/2014-2014/2015 (PERF05) CORSO BIENNALE DI SPECIALIZZAZIONE COMUNICAZIONE,TECNOLOGIE EDUCATIVO/DIDATTICHE E CULTURA DELL INTEGRAZIONE SCOLASTICA SECONDA EDIZIONE a.a. 2013/2014-2014/2015 (PERF05) Attivazione Il Centro Servizi

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Decreto N. 5669 IL MINISTRO VISTO VISTA VISTO VISTA VISTA l articolo 34 della Costituzione; la Legge 8 ottobre 2010, n. 170, recante Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito

Dettagli

UNISU UNIVERSITÀ TELEMATICA DELLE SCIENZE UMANE ISTITUITA CON D.M. 10/05/06 G.U. n. 140 SUPPL.ORD. n. 151 DEL 19/06/2006

UNISU UNIVERSITÀ TELEMATICA DELLE SCIENZE UMANE ISTITUITA CON D.M. 10/05/06 G.U. n. 140 SUPPL.ORD. n. 151 DEL 19/06/2006 UNISU UNIVERSITÀ TELEMATICA DELLE SCIENZE UMANE ISTITUITA CON D.M. /05/06 G.U. n. 140 SUPPL.ORD. n. 151 DEL 19/06/2006 Corso biennale di perfezionamento in "Uso delle tecnologie informatiche a supporto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica Sezione Formativa di Ravenna Forlì Cotignola REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Premessa L'attività formativa

Dettagli

18ª EDIZIONE Sede di Castellanza

18ª EDIZIONE Sede di Castellanza REGOLAMENTO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELL AREA DELLE PROFESSIONI INFERMIERISTICHE/DELLA PROFESSIONE OSTETRICA/DELLE PROFESSIONI RIABILITATIVE/DELLE PROFESSIONI

Dettagli

IL RETTORE. UPD Dec.n. 263

IL RETTORE. UPD Dec.n. 263 IL RETTORE UPD Dec.n. 263 Vista la convenzione Regione Campania- Università degli Studi della Campania stipulata il 27/3/2001, attraverso la quale si è inteso attivare, nell ambito del POR Campania 2000-2006,

Dettagli

TITOLO I CONTRATTI PER ATTIVITA DI INSEGNAMENTO

TITOLO I CONTRATTI PER ATTIVITA DI INSEGNAMENTO REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA STIPULA DI CONTRATTI PER ATTIVITA DI INSEGNAMENTO A TITOLO ONEROSO O GRATUITO E DI ATTIVITA INTEGRATIVE AI SENSI DELL ART. 23 DELLA LEGGE 240/2010 Emanato con DR. 11460/I/003

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DIDATTICA ED IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO NEI CORSI DI LAUREA, LAUREA MAGISTRALE E DI SPECIALIZZAZIONE Capo I

Dettagli

FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE

FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE UNIVERSITÀ DEL SALENTO FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN TRADUZIONE LETTERARIA E TRADUZIONE TECNICO-SCIENTIFICA Classe 104/S La laurea

Dettagli

In convenzione con DELLA TOSCANA $ $ 5 ( *2 / $ 0(172

In convenzione con DELLA TOSCANA $ $ 5 ( *2 / $ 0(172 81,9(56,7 '(*/,678',',6,(1$ ',3$57,0(172',',5,772'(// (&2120,$ )$&2/7 ',(&2120,$³5,&+$5'0*22':,1 In convenzione con UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PISA DIPARTIMENTO DI DIRITTO PUBBLICO AGENZIA DELLE ENTRATE

Dettagli

PROT. 4447/C14 LAVELLO,5 DICEMBRE 2015

PROT. 4447/C14 LAVELLO,5 DICEMBRE 2015 ISTITUTO ISTRUZIONE Secondaria Superiore G.Solimene LAVELLO Via Aldo Moro, 1-85024 Lavello (PZ) Tel.-Fax-0972 85396 - E-mail: pzis01100t@istruzione.it Posta certificata pzis01100t@pec.istruzione.it C.F.

Dettagli

ALBO DELLE RISORSE PROFESSIONALI per l Agenzia per l inclusione sociale del Patto Territoriale Nord Barese Ofantino REGOLAMENTO

ALBO DELLE RISORSE PROFESSIONALI per l Agenzia per l inclusione sociale del Patto Territoriale Nord Barese Ofantino REGOLAMENTO ALBO DELLE RISORSE PROFESSIONALI per l Agenzia per l inclusione sociale del Patto Territoriale Nord Barese Ofantino REGOLAMENTO 1) ISTITUZIONE E FINALITA L Agenzia per l inclusione sociale, s.r.l. del

Dettagli

Università degli studi di Napoli Parthenope

Università degli studi di Napoli Parthenope REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DIDATTICI AI SENSI DEL D.M. 8 LUGLIO 2008 Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina il conferimento di incarichi di docenza, non rientranti negli obblighi

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL Art.1 Ambito di applicazione 1.Il presente regolamento, emanato

Dettagli

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA Articolo 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA 1. Il presente Regolamento disciplina le modalità di nomina dei Cultori della materia e le loro attività. Articolo 2 Funzioni 1.

Dettagli

B3 Regolamento per l effettuazione delle selezioni per l assunzione dei docenti a tempo determinato e indeterminato

B3 Regolamento per l effettuazione delle selezioni per l assunzione dei docenti a tempo determinato e indeterminato B3 Regolamento per l effettuazione delle selezioni per l assunzione dei docenti a tempo determinato e indeterminato Art. 1 Modalità assunzione personale docente 1. L assunzione del personale docente a

Dettagli

E INDETTA. Articolo 1 Oggetto della procedura comparativa

E INDETTA. Articolo 1 Oggetto della procedura comparativa AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI PRESTAZIONE PROFESSIONALE DA ATTIVARE PER LE ESIGENZE DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA - DIPARTIMENTO INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE,

Dettagli

CONVENZIONE PER LE ATTIVITA DIDATTICHE E PER LO SVOLGIMENTO DEI TIROCINI tra l'università degli studi di Roma Sapienza (d ora in avanti denominata Sapienza), rappresentata dal Rettore pro tempore prof.

Dettagli

FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO

FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 CONSIGLIO DI FACOLTÀ 1. Il Consiglio di Facoltà ha il compito di programmare, coordinare e gestire tutte le attività didattiche che fanno capo alla Facoltà.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI SECONDO LIVELLO IN CFO- DIREZIONE AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO DI GESTIONE Seconda Edizione

REGOLAMENTO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI SECONDO LIVELLO IN CFO- DIREZIONE AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO DI GESTIONE Seconda Edizione REGOLAMENTO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI SECONDO LIVELLO IN CFO- DIREZIONE AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO DI GESTIONE Seconda Edizione Articolo 1 «E istituito presso l Università Carlo Cattaneo -

Dettagli

(omissis) Tale deliberazione è quindi posta ai voti per alzata di mano ed approvata all unanimità dei 35 Consiglieri presenti nel seguente testo:

(omissis) Tale deliberazione è quindi posta ai voti per alzata di mano ed approvata all unanimità dei 35 Consiglieri presenti nel seguente testo: Deliberazione C.R. del 19 gennaio 1988, n. 693-532 Educatori professionali. Attivazione corsi di riqualificazione. Integrazione della deliberazione del Consiglio Regionale n. 392-2437 del 20 febbraio 1987.

Dettagli

ANNO ACCADEMICO 2014/2015. (Art.2, comma 2, del bando) Dichiarazione sostitutiva di certificazione ex art. 46 D.P.R. 445/2000

ANNO ACCADEMICO 2014/2015. (Art.2, comma 2, del bando) Dichiarazione sostitutiva di certificazione ex art. 46 D.P.R. 445/2000 Modello A Modulo di autocertificazione del titolo di abilitazione all insegnamento per il grado di scuola per il quale si intende conseguire la specializzazione per le attività di sostegno ANNO ACCADEMICO

Dettagli

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato. Art.1 Ambito di applicazione

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato. Art.1 Ambito di applicazione Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato Art.1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina il reclutamento di personale addetto allo svolgimento

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA STATALE P. VETRI RAGUSA

DIREZIONE DIDATTICA STATALE P. VETRI RAGUSA DIREZIONE DIDATTICA STATALE P. VETRI RAGUSA Via delle Palme, 13 97100 RAGUSA tel./fax 0932/228158 Cod. Mecc.RGEE011005 C.F. 92020890882 e-mail:rgee011005@istruzione.it - pec: rgee011005@pec.istruzione.it

Dettagli

I MASTER ITARD. L Istituto Itard, Scuola di formazione riconosciuta dalla FIPED Federazione Italiana Pedagogisti promuove azioni specialistiche per

I MASTER ITARD. L Istituto Itard, Scuola di formazione riconosciuta dalla FIPED Federazione Italiana Pedagogisti promuove azioni specialistiche per I MASTER ITARD L Istituto Itard, Scuola di formazione riconosciuta dalla FIPED Federazione Italiana Pedagogisti promuove azioni specialistiche per FORMAZIONE ORIENTAMENTO PROFESSIONALE VALUTAZIONE DELLE

Dettagli

I.S.I.A. - ISTITUTO SUPERIORE PER LE INDUSTRIE ARTISTICHE (DISEGNO INDUSTRIALE)

I.S.I.A. - ISTITUTO SUPERIORE PER LE INDUSTRIE ARTISTICHE (DISEGNO INDUSTRIALE) I.S.I.A. - ISTITUTO SUPERIORE PER LE INDUSTRIE ARTISTICHE (DISEGNO INDUSTRIALE) MINISTERO ISTRUZIONE, UNIVERSITA E RICERCA ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE piazza della Maddalena, 53 00186 Roma tel.

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA. Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA. Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale 1. Il presente regolamento disciplina i criteri e le modalità della formazione continua,

Dettagli

IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO

IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO Disposto N. 84/ APO IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO - Vista la delibera del Consiglio della Facoltà di Giurisprudenza n. 932 del 18.2.2009 con la quale si proponevano i master da attivare, per l anno accademico

Dettagli

Regolamento recante la disciplina dei professori a contratto

Regolamento recante la disciplina dei professori a contratto Regolamento recante la disciplina dei professori a contratto IL COMITATO TECNICO ORGANIZZATIVO Visto il D.P.R. 11.7.1980, n. 382; Vista la legge 9.5.1989 n. 168, concernente l istituzione del Ministero

Dettagli

DITALS di II livello

DITALS di II livello UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA CERTIFICAZIONE DI COMPETENZA IN DIDATTICA DELL ITALIANO A STRANIERI DITALS di II livello Proposta di adesione all esame nella sessione del (data) che si svolgerà presso

Dettagli

OGGETTO: Bando di reclutamento Esperti madrelingua INGLESE/ SPAGNOLO PON C-1-FSE-2014-43 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

OGGETTO: Bando di reclutamento Esperti madrelingua INGLESE/ SPAGNOLO PON C-1-FSE-2014-43 IL DIRIGENTE SCOLASTICO LICEI TOMMASO CAMPANELLA DI BELVEDERE MARITTIMO Via Annunziata, 4 87021 Belvedere Marittimo (CS) Tel/fax: 0985 82409 sito: www.liceobelvedere.gov.it e-mail :cspm070003@istruzione.it pec:cspm070003@pec.istruzione.it

Dettagli

Istituto Comprensivo Don Carlo Gnocchi

Istituto Comprensivo Don Carlo Gnocchi Istituto Comprensivo Don Carlo Gnocchi 73020 CASTRIGNANO DEI GRECI (LE) - Via A. De Mitri, 9 www.iccastrignanogreci.it ; e.mail: leic845004@istruzione.it ; posta certificata : leic845004@pec.istruzione.it

Dettagli

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art.

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art. Regolamento per l istituzione e la gestione dei Master universitari di I e di II livello, dei Corsi di aggiornamento, perfezionamento e di formazione professionale SEZIONE I- Disposizioni generali SEZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI DI INSEGNAMENTO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI DI INSEGNAMENTO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI DI INSEGNAMENTO Emanato con D.R. n. 128 del 06/05/2013 Modificato con D.R. n. 107 del 28/02/2014. TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN Scienze per la formazione

Dettagli

MEDIAZIONE DEI CONFLITTI in ambito psico-pedagogico, familiare, comunitario, aziendale, socio-sanitario e delle attività formative

MEDIAZIONE DEI CONFLITTI in ambito psico-pedagogico, familiare, comunitario, aziendale, socio-sanitario e delle attività formative UNIVERSITA DEGLI STUDI DI URBINO CARLO BO FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE MASTER DI II LIVELLO in MEDIAZIONE DEI CONFLITTI in ambito psico-pedagogico, familiare, comunitario, aziendale, socio-sanitario

Dettagli

IL RESPONSABILE DEL SETTORE FINANZIARIO

IL RESPONSABILE DEL SETTORE FINANZIARIO AVVISO DI MOBILITA ESTERNA VOLONTARIA EX ART. 30 COMMA 2 BIS DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 165/2001, PER LA COPERTURA DEL POSTO DI PROFESSIONISTA TECNICO, CATEGORIA GIURIDICA D3, A TEMPO INDETERMINATO E PARZIALE

Dettagli

AREA AFFARI GENERALI SERVIZIO POLITICHE SOCIALI

AREA AFFARI GENERALI SERVIZIO POLITICHE SOCIALI COMUNE DI CASAVATORE Provincia di Napoli AREA AFFARI GENERALI SERVIZIO POLITICHE SOCIALI AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER TITOLI E COLLOQUIO PER IL REPERIMENTO DI FIGURE PROFESSIONALI DA IMPIEGARE NEL

Dettagli

Avviso per la selezione del Coordinatore regionale di Educazione Motoria, Fisica e Sportiva presso l USR Veneto IL DIRETTORE GENERALE

Avviso per la selezione del Coordinatore regionale di Educazione Motoria, Fisica e Sportiva presso l USR Veneto IL DIRETTORE GENERALE Ministero dell istruzione, dell università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto DIREZIONE GENERALE Riva de Biasio S. Croce 1299-30135 VENEZIA MIURAOODRVEUff.2/n.9974 Venezia, 13 agosto

Dettagli

PER PROCEDURA VALUTAZIONE COMPARATIVA PER AFFIDAMENTO A TERZI ESTRANEI ALL UNIVERSITA

PER PROCEDURA VALUTAZIONE COMPARATIVA PER AFFIDAMENTO A TERZI ESTRANEI ALL UNIVERSITA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE DIPARTIMENTO GIURIDICO AVVISO PUBBLICO PER PROCEDURA VALUTAZIONE COMPARATIVA PER AFFIDAMENTO A TERZI ESTRANEI ALL UNIVERSITA DI UN INCARICO DI COLLABORAZIONE

Dettagli

FORMATORI DELLA SALUTE E SICUREZZA

FORMATORI DELLA SALUTE E SICUREZZA Pagina 2 di 5 1. PROFILO E COMPETENZE 1.1. PROFILO 1.2. COMPETENZE 2. ISTRUZIONE E FORMAZIONE 2.1. ISTRUZIONE 2.2. FORMAZIONE Il Formatore della salute e sicurezza è un professionista in possesso di competenze

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MASTER UNIVERSITARIO BIENNALE DI SECONDO LIVELLO IN CRIMINOLOGIA FORENSE MA.CRI.F.

REGOLAMENTO DEL MASTER UNIVERSITARIO BIENNALE DI SECONDO LIVELLO IN CRIMINOLOGIA FORENSE MA.CRI.F. REGOLAMENTO DEL MASTER UNIVERSITARIO BIENNALE DI SECONDO LIVELLO IN CRIMINOLOGIA FORENSE MA.CRI.F. Art. 1 - Istituzione del Master in Criminologia Forense MA.CRI.F. E istituito presso l Università Carlo

Dettagli

BANDO DI CANDIDATURA RISERVATO AI LAUREATI IN SCIENZE MOTORIE PER IL PROGETTO REGIONALE SPORT E SCUOLA COMPAGNI DI BANCO

BANDO DI CANDIDATURA RISERVATO AI LAUREATI IN SCIENZE MOTORIE PER IL PROGETTO REGIONALE SPORT E SCUOLA COMPAGNI DI BANCO BANDO DI CANDIDATURA RISERVATO AI LAUREATI IN SCIENZE MOTORIE PER IL PROGETTO REGIONALE SPORT E SCUOLA COMPAGNI DI BANCO Premessa Il progetto Sport e Scuola compagni di banco, inserito all interno della

Dettagli

Il tirocinio post laurea in Psicologia

Il tirocinio post laurea in Psicologia Il tirocinio post laurea in Psicologia a cura della Commissione Paritetica Ordine degli Psicologi della Puglia Università degli Studi di Bari «A. Moro» Riferimenti normativi Legge 18 febbraio 1989 n. 56,

Dettagli

Articolo 1 Riferimento normativo e obiettivi formativi

Articolo 1 Riferimento normativo e obiettivi formativi Prot. n. 1002 /D1 Bando per l ammissione al corso biennale di Diploma Accademico di secondo livello in DESIGN DEI SISTEMI Anno Accademico 2011/2012 (Delibera n. 217 del Consiglio Accademico del 30.06.11)

Dettagli

Avviso pubblico per il reclutamento di docenti per corsi di recupero estivi A. S. 2014/15

Avviso pubblico per il reclutamento di docenti per corsi di recupero estivi A. S. 2014/15 prot. n. 6347/C12 del 15/06/2015 Istituto di Istruzione Secondaria Superiore U. Mursia Carini Avviso pubblico per il reclutamento di docenti per corsi di recupero estivi A. S. 2014/15 Ai docenti All'albo

Dettagli

Regolamenti ISIA Firenze

Regolamenti ISIA Firenze Regolamenti ISIA Firenze Regolamento di transizione dei corsi accademici di secondo livello di indirizzo specialistico Il Consiglio Accademico dell ISIA di Firenze VISTA la legge 21 dicembre 1999, n. 508,

Dettagli

PEDAGOGSITI ED EDUCATORI ITALIANI ASSOCIATI. Articolo 1 L Associazione

PEDAGOGSITI ED EDUCATORI ITALIANI ASSOCIATI. Articolo 1 L Associazione PEDAGOGSITI ED EDUCATORI ITALIANI ASSOCIATI Articolo 1 L Associazione E costituita l Associazione Professionale di Categoria, denominata Pedagogisti ed Educatori Italiani Associati (P.ED.I.AS.), di seguito

Dettagli

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA DIPARTIMENTO DIIES Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/ 1 Premessa L offerta formativa del DIIES dell Università degli Studi

Dettagli

Master di I livello in. Disturbi del linguaggio e della comunicazione da lesioni cerebrali: assesment e riabiltazione STATUTO

Master di I livello in. Disturbi del linguaggio e della comunicazione da lesioni cerebrali: assesment e riabiltazione STATUTO PROPOSTA DI ATTIVAZIONE Master di I livello in Disturbi del linguaggio e della comunicazione da lesioni cerebrali: assesment e riabiltazione Art. 1 Attivazione del Master STATUTO L Università degli Studi

Dettagli

CONVENZIONE TRA VISTO

CONVENZIONE TRA VISTO CONVENZIONE TRA L Università Telematica Guglielmo Marconi (di seguito denominata UTGM), istituita con D.M. 1 marzo 2004, (G.U. n. 65 del 18 marzo 2004) con sede in Roma, Via Fabio Massimo, 88, rappresentata

Dettagli

Scuola di Lettere e Beni culturali

Scuola di Lettere e Beni culturali Scuola di Lettere e Beni culturali Titolo: DAMS - DISCIPLINE DELLE ARTI, DELLA MUSICA E DELLO SPETTACOLO Testo: LAUREA IN DAMS Discipline delle arti, della musica e dello spettacolo CLASSE L- 3 REGOLAMENTO

Dettagli

8477 - EDUCAZIONE PROFESSIONALE (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI EDUCATORE PROFESSIONALE) (L)

8477 - EDUCAZIONE PROFESSIONALE (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI EDUCATORE PROFESSIONALE) (L) Page 1 of 6 Facoltà: Corso: Ordinamento: DM270 MEDICINA E CHIRURGIA 8477 - EDUCAZIONE PROFESSIONALE (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI EDUCATORE PROFESSIONALE) (L) Titolo: EDUCAZIONE PROFESSIONALE

Dettagli

L UNIVERSITA DEGLI STUDI GIUSTINO FORTUNATO TELEMATICA

L UNIVERSITA DEGLI STUDI GIUSTINO FORTUNATO TELEMATICA L UNIVERSITA DEGLI STUDI GIUSTINO FORTUNATO TELEMATICA in CONVENZIONE CON L IPSEF SRL Ente accreditato al MIUR per la formazione al personale della scuola istituisce ed attiva il Corso di Perfezionamento

Dettagli

LETTERA D INVITO PER LA SELEZIONE ED IL RECLUTAMENTO DI 3 DOCENTI MADRELINGUA INGLESE A.S. 2015/2016 Cig: Z4B167A1A4 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

LETTERA D INVITO PER LA SELEZIONE ED IL RECLUTAMENTO DI 3 DOCENTI MADRELINGUA INGLESE A.S. 2015/2016 Cig: Z4B167A1A4 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Ministero dell Istruzione, dell Università, della Ricerca U.S.R. per la Campania Direzione Generale Prot. n. 3320/C23 Scuola Secondaria Statale di Primo Grado MASSIMO D AZEGLIO Via Piave, 51-80016 Marano

Dettagli

Allegato 2 FUNZIONI/ATTIVITÀ

Allegato 2 FUNZIONI/ATTIVITÀ SERVIZI ALLA FORMAZIONE Allegato 2 FUNZIONI/ATTIVITÀ FORMATORE Area di attività Analisi dei fabbisogni formativi; Progettazione interventi formativi; Erogazione azioni formative; Valutazione esiti apprendimento;

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE INDIVIDUAZIONE E NOMINA DI N 2 EDUCATORI PROFESSIONALI PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2009/2010

BANDO DI SELEZIONE INDIVIDUAZIONE E NOMINA DI N 2 EDUCATORI PROFESSIONALI PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2009/2010 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE V. VIVALDI VIA CROTONE, 57 88100 CATANZARO Tel. 0961/31056 Fax 0961/391908 www.scuolavivaldi.it czic86700c@istruzione.it Cod. Mecc. CZIC86700C Distretto n. 1 Catanzaro Codice

Dettagli

ART. 1. Il numero massimo degli iscrivibili per ciascuna scuola è determinato dalla normativa specifica. ART. 2

ART. 1. Il numero massimo degli iscrivibili per ciascuna scuola è determinato dalla normativa specifica. ART. 2 DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 Sono ammessi alle scuole dirette a fini speciali i diplomati degli Istituti di istruzione secondaria di secondo grado in conformità con le disposizioni vigenti per l ammissione

Dettagli

Prot. 21182 Palermo, 27/09/2010

Prot. 21182 Palermo, 27/09/2010 Via Fattori, 60-90146 Palermo - Tel. 091/6909111 - Fax n. 091/518136 direzione-sicilia@istruzione.it Prot. 21182 Palermo, 27/09/2010 Bando per la selezione di un docente cui affidare le funzioni di Coordinatore

Dettagli

visto il Protocollo d Intesa tra Regione Campania e Università degli Studi di Napoli

visto il Protocollo d Intesa tra Regione Campania e Università degli Studi di Napoli UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SCUOLA DI MEDICINA E CHIRURGIA BANDO DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DIDATTICI NEI CORSI DI LAUREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE PER L ANNO ACCADEMICO

Dettagli

Diritto di Famiglia e tutela dei Minori

Diritto di Famiglia e tutela dei Minori Master biennale di II livello Diritto di Famiglia e tutela dei Minori (In sigla PLMA03) (1500 ore 60 CFU) Anno Accademico 2013/2014 2014/2015 1 Titolo DIRITTO DI FAMIGLIA E TUTELA DEI MINORI Direttore

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MILANO

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MILANO Confronto tra i Principi di fondo irrinunciabili per l Avvocatura italiana individuati il 17 ottobre 2009 e il testo approvato dal Senato nel novembre 2010: 1) La specialità dell ordinamento professionale

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE DELLE RELAZIONI INTERPERSONALI E DELLE ORGANIZZAZIONI SOCIALI

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE DELLE RELAZIONI INTERPERSONALI E DELLE ORGANIZZAZIONI SOCIALI 1 REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE DELLE RELAZIONI INTERPERSONALI E DELLE ORGANIZZAZIONI SOCIALI TITOLO PRIMO DISPOSIZIONI GENERALI E COMUNI Art. 1 Denominazione

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO RECLUTAMENTO FORMATORE INTERNO

AVVISO PUBBLICO BANDO RECLUTAMENTO FORMATORE INTERNO Istituto Statale d Istruzione Superiore Pitagora - B. Croce NAPC036017 Liceo Classico - NAPS03601A Liceo Scientifico - Liceo Linguistico Liceo Scientifico Sportivo Via Tagliamonte, 13-80058 Torre Annunziata

Dettagli

NORMATIVA CONFERIMENTO INSEGNAMENTI A.A. 2011/12 1. CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ DI DIDATTICA UFFICIALE

NORMATIVA CONFERIMENTO INSEGNAMENTI A.A. 2011/12 1. CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ DI DIDATTICA UFFICIALE ALL. 2 NORMATIVA CONFERIMENTO INSEGNAMENTI A.A. 2011/12 Secondo le previsioni dello Statuto e del regolamento didattico di Ateneo la presente normativa disciplina il conferimento delle attività di didattica

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE. (Master PrevComp)

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE. (Master PrevComp) BANDO DI AMMISSIONE AL MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE (Master PrevComp) Università degli Studi della Tuscia DEIM Anno Accademico 2014-2015 Indicazioni

Dettagli

IL RETTORE RIP.II UPDR Dec.n. 312

IL RETTORE RIP.II UPDR Dec.n. 312 IL RETTORE RIP.II UPDR Dec.n. 312 Vista la legge 15/3/97 n. 127 ed in particolare l'art. 17 comma 96; il D.M. 21/5/98 n. 242, recante il regolamento per la disciplina dei professori a contratto, ed in

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Istituto Comprensivo Siderno Agnana Scuole dell Infanzia, Primaria e Secondaria di Primo Grado Largo

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO

REGOLAMENTO DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO REGOLAMENTO DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO Art. 1 Corsi per master universitario 1. L Università promuove, secondo la normativa vigente corsi di alta formazione per il conseguimento di diplomi di master

Dettagli