Progetto pilota europeo di sorveglianza sulla mortalitàdegli alveari

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto pilota europeo di sorveglianza sulla mortalitàdegli alveari"

Transcript

1 Progetto pilota europeo di sorveglianza sulla mortalitàdegli alveari Franco Mutinelli Centro di referenza nazionale per l apicoltura Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie Legnaro (PD)

2 A livello europeo: CdR europeo sulla sanità delle api Referenti A livello nazionale: Dr. Andrea Maroni Ponti (MS) Gruppo di coordinamento: Dr. Franco Mutinelli, Dr.ssa Barbara Voltini, Dr. Gianluigi Bressan, Dr. Antonio Lavazza, Dr. Giovanni Formato

3 Obiettivi del progetto pilota: 1. Verificare il tasso di mortalità (invernale e stagionale); 2. Verificare la prevalenza delle principali patologie delle api (varroaosi, AFB, EFB, nosemiasi, ABPV, DWV, (CBPV), SHB, Tropilaelaps spp.). Finalità del campionamento: I campioni vengono realizzati fondamentalmente per: 1) Valutare il tasso di infestazione delle api adulte da V. destructor; 2) confermare sospetti clinici di: V. destructor, AFB, EFB, nosemiasi, paralisi cronica, A. tumida e Tropilaelaps

4 NUMERO DI APIARI DA CAMPIONARE PER REGIONE/PROVINCIA AUTONOMA Superficie km² Apiari Numero di apiari coinvolti 1. Sicilia , Piemonte , Sardegna , Lombardia , Toscana , Em.-Romagna , Puglia , Veneto , Lazio , Calabria , Campania , Abruzzo , Basilicata 9.994, Marche 9.365, Umbria 8.456, Friuli-VG 7.858, Liguria 5.421, Molise 4.437, P.A. Trento 6.212, P.A. Bolzano 7 399, V. d Aosta 3.263, TOTALE 195

5 Numero delle colonie da campionare

6 Obiettivi specifici delle diverse visite in apiario 1. In autunno 2012: Determinazione del tasso di infestazione da varroa; determinazione dei livelli di infezione da ABPV e DWV. 2. Primavera 2013 (prima del nomadismo): Determinazione del tasso di mortalità invernale degli alveari. 3. Estate 2013 (durante la stagione attiva) : Determinazione del tasso di mortalità stagionale degli alveari.

7 La procedura in caso di malattie denunciabili Varroaosi: non scattano le misure previste dal Reg. Polizia Veterinaria e dall'ordinanza MS 17 febbraio Peste americana ed europea: per gli alveari infetti scatta la misura di distruzione nei soli casi con sintomi clinici e, dopo 14 giorni, in tutti i casi di insorgenza di nuove forme cliniche. Nosemiasi: scattano le misure previste dal Regolamento di Polizia Veterinaria per i soli casi conclamati di Nosema apis (non per il Nosema ceranae). Virosi (paralisi acuta, paralisi cronica, ali deformi): non è prevista alcuna misura di carattere sanitario.

8 Le buone pratiche di campionamento Corretto campionamento della matrice (sana o patologica); Corretta identificazione del campione; Appropriata conservazione del campione fino all arrivo al laboratorio IZS. Sarà importante anche avere un contatto diretto con il laboratorio (es. respingimenti, modalità e tempistica)

9 La matrice più idonea da campionare 1. Covata patologica, in caso di: Varroatosi Peste americana Peste europea 2. Api adulte patologiche, in caso di: Varroatosi Paralisi cronica Nosemiasi 3. Parassiti sospetti (soprattutto a carico della covata od all interno del nido) riconducibili a: Aethina tumida (Piccolo coleottero dell alveare) Tropilaelaps spp.

10 Identificazione dei campioni 1. Riportare il numero identificativo (es. codice aziendale) assegnato all apiario 2. Riportare il codice alla visita in apiario: A12 (Autunno 2012); P13; E Riportare il n dell alveare da cui si effettua il campione 4. Riportare in sigla la matrice campionata: Api = HB; Covata= BR; Parassita = PAR; Sistematico per tasso varroa (300 api) = SYS 5. Indicare il numero di matrici inviate al laboratorio prelevate da ciascun alveare (o dall intero apiario?) Numero dell apicoltore / A12 (Autunno 2012) / Numero della colonia / Matrice + Numero (= 1, 2,3 ) esempio: 0026IT327/A12/7/HB1

11 La procedura Una volta individuati gli apiari in cui realizzare il piano, selezionare in maniera casuale il numero di colonie previste secondo l entità dell apiario (con la prevalenza del 20%). Non scegliere alveari al collasso (che già si sa a priori che non arriveranno alla primavera successiva). Identificare gli alveari selezionati per il piano.

12 Visita esterna degli alveari Effettuare una ispezione visiva esterna prima di procedere all apertura degli alveari per la visita interna. A tal fine ci si pone davanti all alveare per verificare la presenza di: 1. api morte/moribonde/con segni di malattia (es. tremolanti, striscianti, malformate, con varroa, etc.) - a terra davanti all alveare; - sul predellino di volo; - sul tetto di lamiera dell alveare 2. segni di escrementi diarroici sull arnia o sul predellino di volo

13 Predellino di volo Verificare, anzitutto l attività di volo che caratterizza l alveare. Valutare quindi se sono presenti api morte/malformate/incapaci di volare, etc. o segni di diarrea

14 In estate è possibile ritrovare la c.d. «presenza di barba» (anche prima della sciamatura); in esterno pochissimo movimento di api. Espulsione di api morte (es. covata calcificata), o fuchi a fine estate. Micosi Barbe

15 Segni di paralisi cronica riconoscibili a livello del predellino di volo Espulsione/mancata accettazione Aggressività Tremolio Api annerite Api morte davanti l alveare

16 Valutazione della mortalità di api adulte a terra Quantificare il fenomeno

17 Mortalità di api adulte all interno dell alveare

18 Campionamento Campionamento di api morte - prelevare almeno 60 api morte - se presenti, prelevare anche api malate (20 api) - evitare il campionamento di api putrefatte secche o decomposte (morte da più di una settimana) Campionamento di api vive - prelevare api malate (20 api); - Separarle per sintomatologia; - prelevare api sane solo in caso di campionamento sistematico (tasso varroa) Non mescolare api vive malate con api morte

19 Modulo di campionamento api sintomatiche Api con sintomi di malattia Campioni sintomatici di api (20 api/ campione) Per ogni colonia, distinguere le api morte da quelle vive sintomatiche (specificare I sintomi. Es: «api nere», «api tremolanti»).

20 Visita interna degli alveari Osservare le api sui favi da nido; Estrarre ed osservare tutti i favi di covata: tirarli fuori dall alveare per ispezionarli e per rilevare la presenza di potenziali sintomi, sia a carico della covata che delle api adulte Compilare il modulo specifico Solo in presenza di sintomatologia: eseguire il campionamento previsto (in funzione del caso: api e/o covata e/o parassiti sospetti) Nota: le visite in apiario devono essere veloci (soprattutto se si aprono alveari in condizioni meteo disagiate) ma accurate.

21 Sintomi clinici/ anomalie Numerosità della colonia nel campione casuale Osservazioni esterne Api morte di fronte all alveare Api striscianti o appese a fili d erba Api tremolanti Api nere espulse dall arnia Predellino di volo occupato Barbiglio espulsione Aggressione Predellino di volo congestionato Osservazioni interne Covata a macchie Larve annodate Odore tipico dif AFB Larve accasciate Larve con colore giallo o marrone Tracces di diarrea Api con ali deformate o atrofizzate Varroa foretica Api morte nelle celle Cannibalismo su larve o pupe Coleotteri foretici, larve o uova inconsuete (strane) Cunicoli nei telai Distruzione di di covate e miele Acaro atipico sospetto Sintomi clinici dubbi (da specificare) Varroasi Peste americana Peste europea. Nosemosi Paralisi cronica Piccolo coleottero d alveare. Tropilaelaps spp

22 Il campionamento della covata malata per conferma di sospetto di patologia prelevare una porzione di covata di almeno 10 x10 cm con (almeno 15) larve/pupe malate

23 Campionamento del favo di covata

24 Campionamento di singole larve/pupe

25 Scheda di campionamento covata malata Covata sintomatica specificare per ogni campione la matrice (es. Larve, scaglie, pupe, etc.) e gli specifici sintomi: peste americana, europea od altro (es. covata a sacco SBV, larve con colore anomalo, etc.)

26 Campionamento di parassiti esotici (PAR) In caso di sospetto di parassiti esotici, prelevare campioni di: - coleotteri adulti, larve o uova sospette (per lo SHB) - acari diversi da Varroa destructor (per Tropilaelaps spp.)

27 Larva di SHB Coleottero adulto Larva di Galleria melonella (tarma della cera) Acari: a dx Varroa; a sx Tropilaelaps

28 Scheda di ispezione parassiti sospetti Parassiti sospetti (coleotteri dell alveare o acari diversi da Varroa) Raccogliere campioni ogni qualvolta se ne sospetta la presenza

29 Solo nella 1 a visita (autunno 2012) alla fine della visita di ogni alveare, dopo aver localizzato la regina, prelevare un campione di 300 api interne (c.d. «campionamento sistematico» - SYS). Tale campione servirà a valutare: Infestazione da varroa Infestazione da DWV e ABPV (studio caso-controllo) NB: prima di eseguire il campione, verificare, con l aiuto dell apicoltore, che sia presente la regina

30 Campionamento «sistematico» - SYS dopo aver controllato, anche con l apicoltore, l assenza della regina* Scuotere un telaino del nido in un contenitore (es. tetto di lamiera capovolto) Barattolo: riempire completamente il contenitore da 200 ml. Busta: segnare il volume corrispondente al quantitativo voluto. Nel caso della busta è possibile scrollare le api dal telaino già nella busta. Verificare che le api non possano uscire una volta chiusa. *Campionare per errore la regina in autunno comporterà il mancato superamento dell inverno dell alveare

31 Destino delle 300 api in laboratorio Conservare 60 api congelate per lo studio caso-controllo che potrà esser fatto (se necessario) in primavera Utilizzare le restanti api per calcolare il tasso di infestazione da Varroa 1)contare le api; 2)agitarle in una soluzione alcoolica in grado di staccare le varroe; 3)contare le varroe; 4)esprimere il livello di infestazione in valori % (n varroe su 100 api).

32 Grazie per l attenzione

Progetto pilota per la sorveglianza della mortalità delle colonie di api Italia 2012-2013 Protocollo di campionamento

Progetto pilota per la sorveglianza della mortalità delle colonie di api Italia 2012-2013 Protocollo di campionamento Progetto pilota per la sorveglianza della mortalità delle colonie di api Italia 2012-2013 Protocollo di campionamento Le buone pratiche di campionamento Il prelievo dei campioni: i campioni vengono effettuati

Dettagli

Progetto pilota di sorveglianza sulla mortalità degli alveari. Protocollo di campionamento

Progetto pilota di sorveglianza sulla mortalità degli alveari. Protocollo di campionamento Progetto pilota di sorveglianza sulla mortalità degli alveari Protocollo di campionamento Referenti A livello europeo: CdR europeo sulla sanità delle api eurl.bee@anses.fr A livello nazionale: Dr. Andrea

Dettagli

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna AGGIORNAMENTI SUL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELL APICOLTURA Brisighella (RA) 13 settembre 2013 Evoluzione del controllo dell apicoltura

Dettagli

Considerazioni sugli aspetti sanitari sulla nuova legge regionale in apicoltura DR. GIUSEPPE BUCCIARELLI

Considerazioni sugli aspetti sanitari sulla nuova legge regionale in apicoltura DR. GIUSEPPE BUCCIARELLI REGIONE ABRUZZO Direzione Politiche della Salute Servizio Sanità Veterinaria e Sicurezza Alimentare Considerazioni sugli aspetti sanitari sulla nuova legge regionale in apicoltura DR. GIUSEPPE BUCCIARELLI

Dettagli

SUPPORTO DIAGNOSTICO IN APICOLTURA, INDAGINI DI LABORATORIO PER LA DIAGNOSI DI VIROSI E NOSEMA SPP. -(DATI PRC 2010002)-

SUPPORTO DIAGNOSTICO IN APICOLTURA, INDAGINI DI LABORATORIO PER LA DIAGNOSI DI VIROSI E NOSEMA SPP. -(DATI PRC 2010002)- SUPPORTO DIAGNOSTICO IN APICOLTURA, INDAGINI DI LABORATORIO PER LA DIAGNOSI DI VIROSI E NOSEMA SPP. -(DATI PRC 2010002)- Brisighella, 13 settembre 2013 Frasnelli Dr. Matteo IZSLER Sezione di Ravenna VIROSI

Dettagli

La legislazione sui controlli relativi alla Varroa ed illustrazione sul sistema di monitoraggio per la morìa delle api

La legislazione sui controlli relativi alla Varroa ed illustrazione sul sistema di monitoraggio per la morìa delle api La legislazione sui controlli relativi alla Varroa ed illustrazione sul sistema di monitoraggio per la morìa delle api Dott Andrea Maroni Ponti Ufficio II Ministero della salute DGASAFV Malattie denunciabili

Dettagli

PREVENZIONE SANITARIA IN APICOLTURA conoscere le malattie dell alveare

PREVENZIONE SANITARIA IN APICOLTURA conoscere le malattie dell alveare - Azienda Sanitaria Trento - PREVENZIONE SANITARIA IN APICOLTURA conoscere le malattie dell alveare - dott. Franco Gatti - MORI 25 MARZO 2014 I fattori che causano direttamente le malattie delle api o

Dettagli

VERBALE DI CAMPIONAMENTO N..

VERBALE DI CAMPIONAMENTO N.. VERBALE DI CAMPIONAMENTO N.. Data... Servizio Veterinario dell USSL o ASL di. All IZS di Prelievo effettuato da Azienda apistica...in qualità di... codice aziendale sub codice Telefono Luogo del campionamento:

Dettagli

SANGUE ricerca anticorpi/antigeni su siero (immunofluorescenza indiretta/ sieroagglutinazione/sieroneutralizzazione/ tecniche immunoenzimatiche)

SANGUE ricerca anticorpi/antigeni su siero (immunofluorescenza indiretta/ sieroagglutinazione/sieroneutralizzazione/ tecniche immunoenzimatiche) PG ACC 003/2 rev. 11 pag. 1 di 5 INDICAZIONI PER IL PRELIEVO ED IL CONFERIMENTO DEI CAMPIONI SANITÀ ANIMALE Esame SANGUE ricerca anticorpi/antigeni su siero (immunofluorescenza indiretta/ sieroagglutinazione/sieroneutralizzazione/

Dettagli

Malattie esotiche delle api e controlli all importazione

Malattie esotiche delle api e controlli all importazione Corso di Aggiornamento per Medici Veterinari: RICONOSCERE E GESTIRE LE PATOLOGIE DELLE API NEL RISPETTO DELLA SICUREZZA DEI PRODOTTI DELL ALVEARE Malattie esotiche delle api e controlli all importazione

Dettagli

Regolamento di polizia veterinaria anagrafe apistica

Regolamento di polizia veterinaria anagrafe apistica GIORNATE DIVULGATIVE SULLA "NORMATIVA APISTICA" Regolamento di polizia veterinaria anagrafe apistica dott. Vanni Floris PROGRAMMA APISTICO REGIONALE Reg. (CE) N. 1234/2008 - AZIONE A4 Argomenti Gli articoli

Dettagli

L apicoltura in Trentino

L apicoltura in Trentino Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari L apicoltura in Trentino Caldonazzo 9 febbraio 2010 l apicoltura in Trentino I numeri L organizzazione I supporti normativi Le problematiche sanitarie Azienda

Dettagli

La Varroa. 23/05/2007 dr. Luca Allais 1

La Varroa. 23/05/2007 dr. Luca Allais 1 La Varroa 23/05/2007 dr. Luca Allais 1 VARROA DESTRUCTOR: CARTA D IDENTITA - ACARO PARASSITA PROVENIENTE DALL ESTREMO ORIENTE DOVE VIVE A SPESE DELL APIS CERANA - SI E DIFFUSA IN EUROPA VERSO LA FINE DEGLI

Dettagli

Gestione dell apiario: aspetti tecnici e sanitari. Montepulciano, 25/11/ 2011 Luciano Ricchiuti

Gestione dell apiario: aspetti tecnici e sanitari. Montepulciano, 25/11/ 2011 Luciano Ricchiuti Gestione dell apiario: aspetti tecnici e sanitari Montepulciano, 25/11/ 2011 Luciano Ricchiuti Introduzione Anche per gli apiari, come per tutte le aziende zootecniche, la corretta gestione dell allevamento

Dettagli

Apicoltura Biologica

Apicoltura Biologica Apicoltura Biologica Malattie delle Api e Cure Per APICOLTURA BIOLOGICA si intende l allevamento di famiglie d api, secondo regole ben precise, stabilite dalle normative emesse dalla Comunità Europea in

Dettagli

COMPETENZE ED AZIONI CORRETTO UTILIZZO DEL FARMACO IN APICOLTURA

COMPETENZE ED AZIONI CORRETTO UTILIZZO DEL FARMACO IN APICOLTURA COMPETENZE ED AZIONI CORRETTO UTILIZZO DEL FARMACO IN APICOLTURA Dr.ssa Giuliana Bondi ASL 7 Siena Tab. 1 - COMPETENZE ED AZIONI CORRETTO UTILIZZO DEL FARMACO FIGURA COMPETENTE di animali allevati per

Dettagli

QUESTIONARIO (Da compilare in caso di mortalità anomali o spopolamento di alveari) Cognome... Nome... Via...Cap... Località... Tel...

QUESTIONARIO (Da compilare in caso di mortalità anomali o spopolamento di alveari) Cognome... Nome... Via...Cap... Località... Tel... Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroambientali (DiSTA) (Area di Entomologia) Università degli Studi di Bologna Viale Giuseppe Fanin, 42 40127 BOLOGNA Istituto Nazionale di Apicoltura Via di Saliceto,

Dettagli

SCHEMA GENERALE DEL PROGRAMMA DI SELEZIONE. 1 Anno Riproduzione delle potenziali madri ed invio ai Centri di Valutazione

SCHEMA GENERALE DEL PROGRAMMA DI SELEZIONE. 1 Anno Riproduzione delle potenziali madri ed invio ai Centri di Valutazione SCHEMA GENERALE DEL PROGRAMMA DI SELEZIONE 1 Anno Riproduzione delle potenziali madri ed invio ai Centri di Valutazione 1. Gli allevatori scelgono, fra le regine valutate nell anno precedente, di cui possibilmente

Dettagli

AETHINA TUMIDA SHB Small hive beetle Piccolo coleottero dell alveare

AETHINA TUMIDA SHB Small hive beetle Piccolo coleottero dell alveare AETHINA TUMIDA SHB Small hive beetle Piccolo coleottero dell alveare Aethina tumida Murray (1867) (piccolo coleottero dell alveare) Phylum Arthropoda Classe Exapoda Ordine Coleoptera, Famiglia Nitidulidae

Dettagli

COMPOSIZIONE UTILE PER IL CONTROLLO BIOLOGICO DEL BENESSERE DELLE API

COMPOSIZIONE UTILE PER IL CONTROLLO BIOLOGICO DEL BENESSERE DELLE API COMPOSIZIONE UTILE PER IL CONTROLLO BIOLOGICO DEL BENESSERE DELLE API ProBee è una associazione di microrganismi la cui attività metabolica produce sostanze che inducono un effetto positivo sulle condizioni

Dettagli

Protocollo di campionamento

Protocollo di campionamento Progetto pilota per la sorveglianza della mortalità delle colonie di api Italia 2012-2013 Protocollo di campionamento Le buone pratiche di campionamento Il prelievo dei campioni: i campioni vengono effettuati

Dettagli

Risultati del primo semestre di attività dell indagine sul fenomeno della moria delle api all interno delle aree naturali protette

Risultati del primo semestre di attività dell indagine sul fenomeno della moria delle api all interno delle aree naturali protette Risultati del primo semestre di attività dell indagine sul fenomeno della moria delle api all interno delle aree naturali protette Valter Bellucci 1, Stefano Lucci 1, Francesco Campanelli 1, Roberto Sannino

Dettagli

PATOLOGIE E AVVERSITA DELLE API: tecniche diagnostiche e di campionamento. Dr. Emanuele Carpana

PATOLOGIE E AVVERSITA DELLE API: tecniche diagnostiche e di campionamento. Dr. Emanuele Carpana PATOLOGIE E AVVERSITA DELLE API: tecniche diagnostiche e di campionamento Dr. Emanuele Carpana Ispezioni diagnostiche nella profilassi delle malattie infettive e parassitarie delle api Diagnosticare in

Dettagli

A) DENUNCIA DEGLI APIARI E DEGLI ALVEARI: Banca dati provinciale

A) DENUNCIA DEGLI APIARI E DEGLI ALVEARI: Banca dati provinciale ALLEGATO A. Direttive per l'attuazione da parte dell'azienda provinciale per i servizi sanitari delle funzioni demandate dal legislatore provinciale in materia di denuncia degli apiari e degli alveari

Dettagli

Sanità e Igiene a tutela del settore apistico: il percorso dell Emilia Romagna

Sanità e Igiene a tutela del settore apistico: il percorso dell Emilia Romagna Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali della Regione Emilia Romagna U16 Sanità e Igiene a tutela del settore apistico: il percorso dell Emilia Romagna Brisighella 13 settembre 2013 1 Diapositiva

Dettagli

IL QUADRO ATTUALE DELLE IMPORTAZIONI UFFICIALI DI API REGINE PRESSO L AEROPORTO DI FIUMICINO DAL 2006 AL 2011

IL QUADRO ATTUALE DELLE IMPORTAZIONI UFFICIALI DI API REGINE PRESSO L AEROPORTO DI FIUMICINO DAL 2006 AL 2011 IL QUADRO ATTUALE DELLE IMPORTAZIONI UFFICIALI DI API REGINE PRESSO L AEROPORTO DI FIUMICINO DAL 2006 AL 2011 La aethiniosi e la tropilaelapsosi sono patologie esotiche, entrambe inserite nell elenco delle

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena TUTTO IL MATERIALE CHE È ENTRATO IN CONTATTO CON LE COLONIE AMMALATE DEVE ESSER DISTRUTTO

Dettagli

VIII Convegno del Centro Apistico Regionale EVOLUZIONE DAL 2015 AD OGGI DELLA BDA IN REGIONE PIEMONTE

VIII Convegno del Centro Apistico Regionale EVOLUZIONE DAL 2015 AD OGGI DELLA BDA IN REGIONE PIEMONTE VIII Convegno del Centro Apistico Regionale EVOLUZIONE DAL 2015 AD OGGI DELLA BDA IN REGIONE PIEMONTE Direzione Sanità Settore Prevenzione e Veterinaria Dr. Giovanni TEDDE Lunedì 16 ottobre 2017 I.Z.S.

Dettagli

IL CONTROLLO DELLA VARROA IN ARNIE TOP BAR PROPOSTE PER L ANNO 2015. PAOLO FONTANA Fondazione Edmund Mach Centro Trasferimento Tecnologico

IL CONTROLLO DELLA VARROA IN ARNIE TOP BAR PROPOSTE PER L ANNO 2015. PAOLO FONTANA Fondazione Edmund Mach Centro Trasferimento Tecnologico IL CONTROLLO DELLA VARROA IN ARNIE TOP BAR PROPOSTE PER L ANNO 2015 PAOLO FONTANA Fondazione Edmund Mach Centro Trasferimento Tecnologico LA VARROA: Varroa destructor CICLO BIOLOGICO DI VARROA DESTRUCTOR

Dettagli

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Obiettivi: - evitare o ridurre il fenomeno della sciamatura - conservare le api nell alveare o nell apiario (sciamatura temporanea) I metodi sono diversi

Dettagli

CORSO TEORICO E PRATICO DI INTRODUZIONE ALL APICOLTURA

CORSO TEORICO E PRATICO DI INTRODUZIONE ALL APICOLTURA CORSO TEORICO E PRATICO DI INTRODUZIONE ALL APICOLTURA (Aprile-Giugno 2015) L Associazione Regionale Apicoltori Pugliesi (A.R.A.P.) organizza un Corso teorico e pratico di introduzione all Apicoltura della

Dettagli

ALLEGATO. Modalità di attuazione del piano di sorveglianza per Aethina tumida sul territorio italiano

ALLEGATO. Modalità di attuazione del piano di sorveglianza per Aethina tumida sul territorio italiano ALLEGATO Modalità di attuazione del piano di sorveglianza per Aethina tumida sul territorio italiano Criteri per l esecuzione di un piano di sorveglianza negli apiari per la ricerca di Aethina tumida Il

Dettagli

BeeNet Apicoltura e ambiente in rete

BeeNet Apicoltura e ambiente in rete BeeNet Apicoltura e ambiente in rete Proposta di ampliamento e di ristrutturazione della rete nazionale di monitoraggio, del sistema delle segnalazioni e della Squadra di Pronto Intervento Apistico (SPIA)

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute 0020069-01/10/2014-DGSAF-COD_UO-P Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA ANIMALE E DEI FARMACI VETERINARI Ufficio II ex DGSA Sanità animale ed anagrafi: Viale Giorgio Ribotta, 5-00144 Roma

Dettagli

Aethina tumida. Il piccolo coleottero dell'alveare o Small hive beetle (SHB)

Aethina tumida. Il piccolo coleottero dell'alveare o Small hive beetle (SHB) Aethina tumida Il piccolo coleottero dell'alveare o Small hive beetle (SHB) U.O. Apicoltura Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e Toscana Aethina tumida Murray (1867) Classificazione Phylum:

Dettagli

VII Convegno del Centro Apistico Regionale RUOLO DELLA SANITA' IN APICOLTURA

VII Convegno del Centro Apistico Regionale RUOLO DELLA SANITA' IN APICOLTURA VII Convegno del Centro Apistico Regionale RUOLO DELLA SANITA' IN APICOLTURA Aggiornamento sullo stato sanitario e anagrafico dell apicoltura in Regione Piemonte Direzione Sanità Settore Prevenzione e

Dettagli

CONTROLLI PRESSO GLI ALLEVAMENTI APISTICI DEL LAZIO INDICE:

CONTROLLI PRESSO GLI ALLEVAMENTI APISTICI DEL LAZIO INDICE: ALLEGATO A/14/2B CONTROLLI PRESSO GLI ALLEVAMENTI APISTICI DEL LAZIO INDICE: 1. Materiale necessario 2. Verifica documentale 3. Verifica Conduzione dell apiario 4. Verifica stato sanitario 5. Campionamenti

Dettagli

Aspetti igienico-sanitari in apicoltura Terza edizione

Aspetti igienico-sanitari in apicoltura Terza edizione PROGRAMMA FINALIZZATO AL MIGLIORAMENTO DELLA PRODUZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI DELL APICOLTURA Annualità 2009-2010 Aspetti igienico-sanitari in apicoltura Terza edizione (Foto di Massimo Palazzetti)

Dettagli

Apicoltura oggi, interlocutori a confronto Asti IZS Piemonte Liguria e Valle d Aostad

Apicoltura oggi, interlocutori a confronto Asti IZS Piemonte Liguria e Valle d Aostad Apicoltura oggi, interlocutori a confronto Asti IZS Piemonte Liguria e Valle d Aostad aggiornamento sulle misure di controllo riguardanti le malattie delle api Dott Andrea Maroni Ponti Ufficio II DIREZIONE

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

Produzione Certificata: il Manuale di Corretta Prassi Operativa (Parte I)

Produzione Certificata: il Manuale di Corretta Prassi Operativa (Parte I) Produzione Certificata: il Manuale di Corretta Prassi Operativa (Parte I) Dr. Giovanni Formato Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana Il nuovo approccio per garantire la salubrità

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

Sondrio, Relazione perdita delle colonie produttive di api 2012

Sondrio, Relazione perdita delle colonie produttive di api 2012 Via Carlo Besta, 1 231 Sondrio (SO) Sondrio, Relazione perdita delle colonie produttive di api 212 Come ogni anno, la nostra Associazione ha eseguito un'indagine relativa alla mortalità degli alveari avvenuta

Dettagli

CRITICI LEGATI AL CONTROLLO DELLA DELLA PESTE AMERICANA

CRITICI LEGATI AL CONTROLLO DELLA DELLA PESTE AMERICANA Profilassi della peste americana: dal monitoraggio preventivo al risanamento Progetto di ricerca e sperimentazione nel contesto del Piano integrato igienico sanitario dell Emilia Romagna 1. PREMESSA Il

Dettagli

COME VALUTARE IL GRADO DI INFESTAZIONE DA VARROA NEGLI ALVEARI

COME VALUTARE IL GRADO DI INFESTAZIONE DA VARROA NEGLI ALVEARI IASMA Notizie Notiziario tecnico del Centro Trasferimento Tecnologico della Fondazione Edmund Mach - Istituto Agrario di S. Michele all Adige Stampato su carta certificata Ecolabel prodotta dalla cartiera

Dettagli

MORIE E SPOPOLAMENTI DEGLI ALVEARI: COMPORTAMENTI ISPETTIVI E GESTIONE

MORIE E SPOPOLAMENTI DEGLI ALVEARI: COMPORTAMENTI ISPETTIVI E GESTIONE Dr. Filippo Bosi - Veterinario Dipendente (AUSL Ravenna) - f.bosi@ausl.ra.it - filippo.bosi.bri@alice.it MORIE E SPOPOLAMENTI DEGLI ALVEARI: COMPORTAMENTI ISPETTIVI E GESTIONE Nottola di Montepulciano,

Dettagli

STANZIALI NOMADI TOTALE APIARI ALVEARI APIARI ALVEARI APIARI ALVEARI

STANZIALI NOMADI TOTALE APIARI ALVEARI APIARI ALVEARI APIARI ALVEARI Premessa Nel corso degli ultimi anni si sono manifestati rilevanti problemi di sopravvivenza delle famiglie di api in molte zone del mondo. In particolare, per quanto riguarda la Lombardia, dal confronto

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA' PUBBLICA VETERINARIA E DEGLI ALIMENTI UFFICI VIII Ordinanza del Ministro della Salute Misure

Dettagli

RETE RURALE NAZIONALE 1

RETE RURALE NAZIONALE 1 RETE RURALE NAZIONALE 1 Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Rete Rurale Nazionale BeeNet Apicoltura e ambiente in rete Bollettino Monitoraggio Apistico A cura del Coordinamento Nazionale:

Dettagli

NOSEMIASI. Malattia delle api adulte dovuta ad un microsporidio (inizialmente: classificato come. Classe: Microsporidi. Famiglia: Nosematidi

NOSEMIASI. Malattia delle api adulte dovuta ad un microsporidio (inizialmente: classificato come. Classe: Microsporidi. Famiglia: Nosematidi LA NOSEMIASI NOSEMIASI Malattia delle api adulte dovuta ad un microsporidio (inizialmente: classificato come protozoo), cioè un Fungo (Sina et al., 2005) unicellulare. Classe: Microsporidi Famiglia: Nosematidi

Dettagli

Incidenza della profilassi e controllo della varroasi sul costo di produzione del miele

Incidenza della profilassi e controllo della varroasi sul costo di produzione del miele Incidenza della profilassi e controllo della varroasi sul costo di produzione del miele Belletti PierAntonio, Università degli Studi di Udine Franco Rosa, Università Studi di Udine Andrea Chicco, Tecnico

Dettagli

LEGISLAZIONE SANITARIA IN APICOLTURA prima parte

LEGISLAZIONE SANITARIA IN APICOLTURA prima parte Dr. Filippo Bosi AUSL Ravenna, ASPV - f.bosi@ausl.ra.it Filippo.bosi.bri@alice.it LEGISLAZIONE SANITARIA IN APICOLTURA prima parte CRAAPI, BOLOGNA 23.03.2012 1 L apicoltura è una attività zootecnica minore,

Dettagli

VIA PANEBIANCO COSENZA

VIA PANEBIANCO COSENZA PROGETTO ESECUTIVO Corso di formazione Reg. CE 1234/07 Programma apistico 2015-16 SEDE ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL MEZZOGIORNO SEZIONE DIAGNOSTICA PROVINCIALE DI COSENZA VIA PANEBIANCO 301-87100

Dettagli

Le attività di ricerca in ambito virologico condotte nell apiario sperimentale

Le attività di ricerca in ambito virologico condotte nell apiario sperimentale DIPARTIMENTO DI MEDICINA VETERINARIA Sezione Sicurezza degli Alimenti Responsabile scientifico: Prof.ssa G. Tantillo Evento Formativo VARROATOSI: INNOVAZIONE, INTERAZIONE OSPITE/PARASSITA E AMBIENTE Venerdi,

Dettagli

Considerazioni all approccio veterinario sulla genetica delle api

Considerazioni all approccio veterinario sulla genetica delle api III Convegno del Centro Apistico Regionale UN ISTANTANEA SANITARIA DEL SETTORE APISTICO Asti, 23 ottobre 2012 Considerazioni all approccio veterinario sulla genetica delle api Dott.ssa Alessandra Giacomelli

Dettagli

CONVEGNO FAI L UNIVERSO APE IN PERICOLO. Resoconto preliminare

CONVEGNO FAI L UNIVERSO APE IN PERICOLO. Resoconto preliminare CONVEGNO FAI L UNIVERSO APE IN PERICOLO ---------------------------- Resoconto preliminare L importanza di una rete di monitoraggio Al fine di avere idee precise sulla natura e sull entità degli spopolamenti

Dettagli

LA NUTRIZIONE LA NUTRIZIONE è differente da alveare ad alveare a seconda delle caratteristiche genetiche della regina, della zona e del modo di

LA NUTRIZIONE LA NUTRIZIONE è differente da alveare ad alveare a seconda delle caratteristiche genetiche della regina, della zona e del modo di LA NUTRIZIONE LA NUTRIZIONE è differente da alveare ad alveare a seconda delle caratteristiche genetiche della regina, della zona e del modo di conduzione dell apiario. Dopo il confinamento delle regina,

Dettagli

PATOLOGIE DELLE API SCHEDA TECNICA SUL NOSEMA

PATOLOGIE DELLE API SCHEDA TECNICA SUL NOSEMA PATOLOGIE DELLE API SCHEDA TECNICA SUL NOSEMA Considerazioni preliminari Se c è in apicoltura una patologia dai tratti confusi, indefiniti, in una parola, sconosciuti ai più, è proprio il nosema. Fino

Dettagli

Indice. Introduzione... 23

Indice. Introduzione... 23 Progetto di ricerca corrente del Ministero della Salute IZS LT 11/07 RC Studio epidemiologico sulle malattie denunciabili delle api e valutazione del relativo quadro normativo Relazione finale Testo elaborato

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI

INFORMAZIONI PERSONALI C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Città e CAP Telefono Fax E-mail PEC P.IVA 02881870733 Dott. SILVESTRE FABIO Codice Fiscale SLVFBA80L15L049I Nazionalità Italiana Data

Dettagli

VARROA 2011.. CHE FARE???

VARROA 2011.. CHE FARE??? VARROA 2011.. CHE FARE??? Serena Rocchi- tecnico ALPA- Roma 6 aprile 2011 In mancanza della bacchetta VARROA rispolverando i libri di storia Acaro proveniente dall apis Cerana (Asia orientale), alla quale

Dettagli

LEGISLAZIONE SANITARIA IN APICOLTURA- seconda parte

LEGISLAZIONE SANITARIA IN APICOLTURA- seconda parte Dr. Filippo Bosi AUSL Ravenna, ASPV - f.bosi@ausl.ra.it Filippo.bosi.bri@alice.it LEGISLAZIONE SANITARIA IN APICOLTURA- seconda parte CRAAPI, BOLOGNA 23.03.2012 1 COMBUSTIONE DELLE FAMIGLIE AMMALATE, sotto

Dettagli

Corso UNAAPI: Lotta alla Varroasi

Corso UNAAPI: Lotta alla Varroasi Corso UNAAPI: Lotta alla Varroasi a cura di Barbara Leida Materiale didattico utilizzato per i moduli formativi organizzati dall UNAAPI. Ogni riproduzione ed uso è possibile solo se precedentemente concordata

Dettagli

L invernamento degli alveari (aggiornamento ottobre 2012) Belletti PierAntonio Giorgio Della Vedova Tecnici apistici Regione FVG

L invernamento degli alveari (aggiornamento ottobre 2012) Belletti PierAntonio Giorgio Della Vedova Tecnici apistici Regione FVG L invernamento degli alveari (aggiornamento ottobre 2012) Belletti PierAntonio Giorgio Della Vedova Tecnici apistici Regione FVG È una delle operazioni di tecnica apistica più importanti. Un buon invernamento

Dettagli

MA COME VIVE UN APE E QUALI SONO I SUOI COMPITI?

MA COME VIVE UN APE E QUALI SONO I SUOI COMPITI? MA COME VIVE UN APE E QUALI SONO I SUOI COMPITI? LE API VOLANDO DA UN FIORE ALL ALTRO RACCOLGONO IL NETTARE PRODOTTO DAI FIORI E LO UTILIZZANO PER FARE IL MIELE CHE SARA UNA PREZIOSA SCORTA DI CIBO PER

Dettagli

NOTIZIARIO N 1. (gennaio-marzo 2013)

NOTIZIARIO N 1. (gennaio-marzo 2013) Le Nostre Api Associazione Apicoltori Felsinei Sede Legale Via IV Novembre n 83 40056 Crespellano Bologna Cell 377 1802294-346 5790104 NOTIZIARIO N 1 (gennaio-marzo 2013) Gentilissime socie e gentilissimi

Dettagli

Indice delle tavole statistiche su cd-rom

Indice delle tavole statistiche su cd-rom Indice delle tavole statistiche su cd-rom Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e Tavola 2 Beneficiari

Dettagli

Indice delle tavole statistiche su cd-rom

Indice delle tavole statistiche su cd-rom Indice delle tavole statistiche su cd-rom Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e Tavola 2 Beneficiari

Dettagli

L attività di vigilanza, formazione e informazione per la sicurezza nei luoghi di lavoro delle Regioni

L attività di vigilanza, formazione e informazione per la sicurezza nei luoghi di lavoro delle Regioni L attività di vigilanza, formazione e informazione per la sicurezza nei luoghi di lavoro delle Regioni Verona, 28 gennaio 2011 3 Domande Perché siamo arrivati alla costruzione di un sistema informativo

Dettagli

Struttura Ex asl impegni prestazioni costo prestazioni Ticket Regione H , ,76 Basilicata H

Struttura Ex asl impegni prestazioni costo prestazioni Ticket Regione H , ,76 Basilicata H Struttura Ex asl impegni prestazioni costo prestazioni Ticket Regione H02 102 4.663 6.145 159.302,40 51.697,76 Basilicata H03 102 9.222 12.473 252.025,98 136.892,31 Basilicata H04 102 3.373 3.373 230.650,00

Dettagli

Programma Rete Rurale Nazionale 2007-2013

Programma Rete Rurale Nazionale 2007-2013 Programma Rete Rurale Nazionale 2007-2013 ATTIVITA 2014 SIN Luogo e data Roma, 22 settembre 2015 Servizi contrattualmente affidati alla SIN S.p.A. Codice contratto Attività e servizi contrattualmente affidati

Dettagli

LA RETE DEGLI ISTITUTI ZOOPROFILATTICI SPERIMENTALI PER LA SORVEGLIANZA SANITARIA DEI CETACEI SPIAGGIATI IN ITALIA

LA RETE DEGLI ISTITUTI ZOOPROFILATTICI SPERIMENTALI PER LA SORVEGLIANZA SANITARIA DEI CETACEI SPIAGGIATI IN ITALIA LA RETE DEGLI ISTITUTI ZOOPROFILATTICI SPERIMENTALI PER LA SORVEGLIANZA SANITARIA DEI CETACEI SPIAGGIATI IN ITALIA Alessandra Pautasso - IZS del Piemonte Distribuzione geografica spiaggiamenti Liguria

Dettagli

FluNews Rapporto Epidemiologico Settimanale

FluNews Rapporto Epidemiologico Settimanale Numero 12/215 FluNews Rapporto Epidemiologico Settimanale Il presente rapporto integra i risultati di differenti sistemi di sorveglianza delle sindromi influenzali: InfluNet il sistema di sorveglianza

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute 0003096-08/02/2016-DGSAF-COD_UO-P Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA ANIMALE E DEI FARMACI VETERINARI Ufficio II ex DGSA Sanità animale ed anagrafi: Viale Giorgio Ribotta, 5-00144 Roma

Dettagli

MAQS 68,2 g Strisce per alveare per api mellifere. Dott.ssa Ulrike Lampe 26 Settembre 2014

MAQS 68,2 g Strisce per alveare per api mellifere. Dott.ssa Ulrike Lampe 26 Settembre 2014 MAQS 68,2 g Strisce per alveare per api mellifere Dott.ssa Ulrike Lampe 26 Settembre 2014 Programma MAQS Strisce per Alveare NOD profilo aziendale Cos è MAQS? Come MAQS ferma la Varroatosi? Ricerca su

Dettagli

1953-2014: da oltre 60 anni al servizio dell Apicoltura italiana. Audizione presso la Commissione Agricoltura del Senato Roma, 21 Ottobre 2014

1953-2014: da oltre 60 anni al servizio dell Apicoltura italiana. Audizione presso la Commissione Agricoltura del Senato Roma, 21 Ottobre 2014 1953-2014: da oltre 60 anni al servizio dell Apicoltura italiana CRT- Centro di Riferimento Tecnico per l Apicoltura - A.4 Salvaguardia dell Ape Italiana Servizio di assistenza tecnica attivato con il

Dettagli

Struttura Ex asl impegni prestazioni costo Ticket Regione

Struttura Ex asl impegni prestazioni costo Ticket Regione Struttura Ex asl impegni prestazioni costo Ticket Regione H02 102 3.244 4.234 prestazioni 106.541,38 39.721,59 Basilicata H03 102 6.820 9.139 183.359,67 103.341,43 Basilicata H04 102 2.243 2.243 150.815,00

Dettagli

Prot. Pisa 05.05.10. ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA (D.L.vo 30.06.1993 n. 270)

Prot. Pisa 05.05.10. ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA (D.L.vo 30.06.1993 n. 270) ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA (D.L.vo 30.06.1993 n. 270) SEZIONE DI PISA S.S. dell Abetone e del Brennero, 4 56123 PISA Responsabile: dott. Riccardo Forletta email:

Dettagli

Tecniche di gestione dell alveare

Tecniche di gestione dell alveare Tecniche di gestione dell alveare Problematiche periodo postproduzione 2014 in FVG Scarsa o nulla produzione (trattamenti in ritardo) Pessimo andamento meteo 1. Poca efficacia evaporanti (timoli, formico)

Dettagli

La Psicologia in Lombardia: cornice normativa, attività e prospettive. G. De Isabella, U. Mazza, R. Telleschi

La Psicologia in Lombardia: cornice normativa, attività e prospettive. G. De Isabella, U. Mazza, R. Telleschi La Psicologia in Lombardia: cornice normativa, attività e prospettive G. De Isabella, U. Mazza, R. Telleschi Psicologia psicoterapia Piano Socio Sanitario Regionale (PSSR) 2002-2004 Psicologia Psichiatria

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Rapporto nazionale sull utilizzo

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico TABELLA "A" Dotazioni organiche regionali COMPLESSIVE - anno scolastico 2014-2015 a.s. 2011/12 a.s. 2012/13 a.s. 2014/15 rispetto a.s. 2011/12 a b c d e=d-a Abruzzo 5.195 5.124 5.119 5.118-77 Basilicata

Dettagli

Patologia Apistica. Andrea Besana andrebes@libero.it

Patologia Apistica. Andrea Besana andrebes@libero.it Patologia Apistica Andrea Besana andrebes@libero.it Avversità delle api Virus Protozoi Batteri Funghi Insetti Acari Uccelli Mammiferi DWV, APV, CPV, KBV. Malpighamoeba mallificae Peste Americana, peste

Dettagli

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali PRIMA INDAGINE NAZIONALE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELLE RETI ONCOLOGICHE REGIONALI (Dicembre 2014 - Febbraio 2015) Programma Azioni Centrali: DEFINIRE

Dettagli

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori 11/07/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 56

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori 11/07/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 56 Deliberazione 3 luglio 2013, n. 159 Disciplina igienico-sanitaria del Settore Apistico. Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Oggetto: Disciplina igienico-sanitaria del Settore Apistico.

Dettagli

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il campione 2 Chi è stato intervistato? Un campione di 100 soggetti maggiorenni che risiedono in Italia. Il campione

Dettagli

Situazione epidemiologica

Situazione epidemiologica IN ITALIA NEL 009 N. 4 0 febbraio 00 Situazione epidemiologica I focolai confermati ad oggi sono 6 di cui con sintomi clinici (Tabella e Figura ). I casi clinicamente manifesti negli equidi sono 7 con

Dettagli

Tutela delle sottospecie autoctone Risultati delle attività della UO Apicoltura IZSLT

Tutela delle sottospecie autoctone Risultati delle attività della UO Apicoltura IZSLT Corso per la rimonta aziendale riproduttori di api mellifere ligustiche autoctone IZSLT- Roma, 8 giugno 2012 PROGRAMMA FINALIZZATO AL MIGIORAMENTO DELLA PRODUZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE DEL MIELE Annualità

Dettagli

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Maggio 2008 Questa pubblicazione

Dettagli

Affitti Quota Latte - Periodo 2014/2015

Affitti Quota Latte - Periodo 2014/2015 Affitti Quota Latte - Periodo 2014/2015 PIEMONTE 603 1.127 87.148.771 13,0 144.525 VALLE D'AOSTA 80 88 1.490.121 0,2 18.627 LOMBARDIA 1.503 2.985 280.666.835 41,8 186.738 PROV. AUT. BOLZANO 1 1 31.970

Dettagli

Controllo della varroa in apicoltura biologica. Formiche e forbicine possono rimuovere gli acari dall inserto.

Controllo della varroa in apicoltura biologica. Formiche e forbicine possono rimuovere gli acari dall inserto. PROMEMORIA Controllo della varroa in apicoltura biologica In breve Mantenere la varroa sotto controllo continua a essere la principale sfida degli apicoltori. Il promemoria presenta due metodi diversi

Dettagli

Art. 2 (Finanziamento)

Art. 2 (Finanziamento) L.R. 21 Novembre 1988, n. 75 Norme per l' incremento ed il potenziamento dell' apicoltura laziale (1) Art. 1 (Obiettivi generali) 1. Ai fini di razionalizzare e potenziare l' attivita' apistica, nel quadro

Dettagli

Aethina tumida, questo nuovo sconosciuto (e poco studiato) nemico delle api

Aethina tumida, questo nuovo sconosciuto (e poco studiato) nemico delle api Aethina tumida, questo nuovo sconosciuto (e poco studiato) nemico delle api Il piccolo scarabeo dell alveare Aethina tumida (SHB 1 ) è un parassita invasivo degli alveari originario del sud del Sahara

Dettagli

RETE RURALE NAZIONALE

RETE RURALE NAZIONALE RETE RURALE NAZIONALE 1 Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Rete Rurale Nazionale BeeNet Apicoltura e ambiente in rete Bollettino Monitoraggio Apistico A cura del Coordinamento Nazionale:

Dettagli

Indice delle tavole statistiche

Indice delle tavole statistiche 1 Indice delle tavole statistiche Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e classe di importo Tavola

Dettagli

Assistenza tecnica in apicoltura nel Lazio

Assistenza tecnica in apicoltura nel Lazio gli speciali di apitalia gli speciali di apitalia gli speciali di apitalia gli spec Assistenza tecnica in apicoltura nel Lazio (I Parte) Nella Regione Lazio, per l anno 2010, l Assistenza tecnica in apicoltura

Dettagli

Aggiornamento sulla presenza di Aethina tumida in Italia

Aggiornamento sulla presenza di Aethina tumida in Italia Aggiornamento sulla presenza di Aethina tumida in Italia Franco Mutinelli Centro di referenza nazionale per l apicoltura Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie E-mail: fmutinelli@izsvenezie.it

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE PER LO SVILUPPO DELLA RETE PER LA VALUTAZIONE SISTEMATICA DELLE TECNOLOGIE SANITARIE - HTA (RIHTA)

ACCORDO DI COLLABORAZIONE PER LO SVILUPPO DELLA RETE PER LA VALUTAZIONE SISTEMATICA DELLE TECNOLOGIE SANITARIE - HTA (RIHTA) ACCORDO DI COLLABORAZIONE PER LO SVILUPPO DELLA RETE PER LA VALUTAZIONE SISTEMATICA DELLE TECNOLOGIE SANITARIE - HTA (RIHTA) 10/022/CR6d/C7 Accordo di collaborazione (ex art. 15 Legge 7 agosto 1990, n

Dettagli

FAC-SIMILE. (*) I corrispettivi sopra riportati si applicano ai quantitativi di Gas prelevati dal Cliente.

FAC-SIMILE. (*) I corrispettivi sopra riportati si applicano ai quantitativi di Gas prelevati dal Cliente. Modulo offerta economica validità dell offerta fino al 31/05/2013, prezzi fissi per 12 mesi della data di attivazione della fornitura. HOME ENERGY GAS WEB (*) I corrispettivi sopra riportati si applicano

Dettagli