Crema. Cremona. Casalmaggiore. Treno diretto Crema-Milano In viaggio verso la modernità. Genesi di un progetto per lo sviluppo del territorio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Crema. Cremona. Casalmaggiore. Treno diretto Crema-Milano In viaggio verso la modernità. Genesi di un progetto per lo sviluppo del territorio"

Transcript

1 Crema Cremona Casalmaggiore Treno diretto Crema-Milano In viaggio verso la modernità Genesi di un progetto per lo sviluppo del territorio

2

3 Treno diretto Crema-Milano In viaggio verso la modernità Genesi di un progetto per lo sviluppo del territorio coordinamento editoriale di Paolo Loda

4

5 Sommario Collegamento veloce e mobilità sostenibile Treno diretto Crema-Milano. Il ruolo della politica 1 Milano chiama Crema, la ferrovia strumento per migliorare il territorio 7 Crema, una città di qualità alle porte del Milanese 9 Collegamento veloce su rotaia la vera autostrada verso la metropoli 13 Un progetto per lo sviluppo della città Treno veloce per Milano ecco perché ora si può 17 La mobilità in Lombardia: analisi di un sistema in evoluzione 23 Il treno alternativa alla Paullese e alle sue lunghe code 29 Il rilancio delle stazioni lombarde una necessità assoluta 35 Dal patto per il trasporto pubblico all integrazione tariffaria 41 Biglietteria unica, a Crema il progetto pilota 47 Servizio a chiamata, la nuova frontiera del trasporto pubblico su gomma 51 La rinascita dell area Nord-Est obiettivo primario per la città 55 Appendice Quando mobilità sostenibile fa rima con qualità della vita 63 Treno diretto Crema-Milano. Il progetto in sintesi 73 Glossario 87 Il censimento delle stazioni lombarde. Indagine dei consiglieri del Pd 91 Il viaggio in immagini 99 Treno diretto Crema-Milano Sommario I

6 Lo scorso 29 aprile il nostro gruppo regionale ha incontrato a Cremona le categorie economiche provinciali, nell ambito di una tre giorni dedicata al territorio. Un tema che i rappresentanti degli imprenditori ci hanno sollecitato con forza è quello dell isolamento infrastrutturale della provincia di Cremona, che passa dalla perdita del servizio di alta velocità ferroviaria (il Pendolino), dall insufficienza della rete autostradale e dall incertezza che ancora offusca il futuro del polo intermodale presso l area industriale di Tencara. Altri due nodi, aggiungiamo, riguardano l incompleta riqualificazione della Paullese e un trasporto ferroviario insufficiente, inadeguato e spesso frustrante. Di tutti questi temi ci siamo occupati nella nostra attività di consiglieri, incalzando e chiedendo conto al governo regionale delle scelte compiute e dello stato dell arte. In un caso, quello dei collegamenti ferroviari tra la città di Crema, con il suo circondario, e la metropoli milanese abbiamo sperimentato uno strumento nuovo, che bene descrive la nostra propensione a cercare la soluzione dei problemi e non solo ad evidenziarli. Manca a tutt oggi un collegamento diretto, ragionevolmente veloce e senza cambi, tra le due città. Abbiamo costruito una proposta, dandole il peso di uno studio effettuato da professionisti, che possiamo oggi offrire alla cittadinanza e alle sue istituzioni perché si possa insieme dare una risposta strategica a un esigenza molto sentita per il futuro di quest area. Se questo progetto andrà a buon fine, come ci auguriamo, la politica potrà dire di aver fatto bene il proprio dovere. Luca Gaffuri Capogruppo Pd in Regione Lombardia

7 Un treno diretto Crema-Milano Il ruolo della politica di Agostino Alloni N ell immaginario collettivo troppo spesso la politica si identifica con i politici e con il potere pubblico. Ed i politici, si dice, cercano giustappunto il potere ed agiscono in favore della propria parte (sono partigiani) o persino in gloria della propria ambizione personale (questione morale). Eppure questa lettura delle cose a me pare riduttiva e così provo a domandarmi e a domandarvi: che cosa è mai invece e che cosa dovrebbe essere mai la politica in un regime democratico? È ricerca di consenso o è ricetta per la soluzione dei problemi comuni? È raccolta di voti (fine a se stessa) o è capacità personale di gestire le amministrazioni pubbliche? O forse è entrambe le cose? Ebbene, se si formulassero gli interrogativi nei termini che ho proposto, temo che la risposta prevalente che riceverei sarebbe: nella realtà del nostro sistema politico prevale di gran lunga il primo aspetto (ricerca di consenso) a totale discapito del secondo (competenza e volontà di affrontare fino in fondo i problemi pubblici). Sintomo di tale percezione e convinzione pessimistica è la corrente antipolitica che, più o meno torrentizia, nei vari momenti della storia del nostro Paese è però sempre stata forte e profonda. Dunque? Non c è rimedio? Dovremo convivere con questo sentire comune ed accettarlo passivamente? Io credo di no. Treno diretto Crema-Milano Collegamento veloce e mobilità sostenibile 1

8 Io credo sia compito di noi politici, sia compito mio, contrastarlo con le parole e con i fatti, con il richiamo ai valori ed anche con la testimonianza personale. Ad esempio io credo si debba mettere in gioco sempre il massimo delle competenze, la fatica di studiare la soluzione migliore dei problemi e solo a valle di questo compito tecnico, solo su questa base di merito, si debba cercare il consenso pubblico. Io credo insomma che si debbano conciliare fino in fondo merito e ricerca di consenso, competenza e adesione politica. Nel mio piccolo, è questo che ho cercato di fare in passato (studio per il teatro a Crema, una rete ciclabile cremasca, uno studio sulle potenzialità del paesaggio, indagine sul sistema bancario cremonese ecc.) e che cerco di fare anche ora. Questo stesso studio che vi sto presentando è il frutto di tale interpretazione del mio dovere pubblico e politico. Mobilità inadeguata Il punto di partenza è stata la forte consapevolezza dell esistenza di un grave problema del nostro territorio: l inadeguatezza del sistema viabilistico e della mobilità con il resto della Lombardia e principalmente con Milano, a fronte di migliaia di persone, studenti, lavoratori e semplici cittadini, che tutti i giorni devono andare e tornare dal capoluogo lombardo. Un problema che mi è sempre stato chiaro come cittadino cremasco e che ho cominciato ad affrontare, dapprima come assessore a Crema, poi come responsabile della mobilità della Provincia e infine come consigliere regionale, che quasi tutti i giorni fa il pendolare ed è costretto ad usare il treno. Il treno all interno di un grande progetto urbanistico In questo libro affrontiamo il tema del collegamento ferroviario Crema-Milano presentando il progetto che lo studio Transplan Srl ha elaborato su nostro incarico; ma la questione della mobilità è molto più complessa e riguarda aspetti di carattere culturale, urbanistici, economici e riguarda scelte che toccano i modelli di sviluppo che una società, o più semplicemente una comunità, decidono di adottare. Ecco perché bisogna partire da Crema e dalla cosiddetta area Nord-Est. Sto parlando del progetto di riqualificazione delle aree dismesse della Ferriera, della Everest, della Baldini, della Olivetti e un pezzo della Sipre, dentro le quali una parte fondamentale tocca lo scalo merci Fs (dismesso) e l intera stazione dei treni. Il progetto, elaborato da Cesare Macchi Cassia tra il 2004 e il 2005, non si limitava a dire sottopasso o sovrappasso ma, partendo da concetti di sviluppo cosiddetti sostenibili (stop al cemento sui prati, sviluppo del treno, integrazione con la gomma, facilitazione per i parcheggi, case ad alta volumetria e spazi pubblici allargati ), cercava di trovare una soluzione di qualità all annoso problema del passaggio a livello di S. Maria della Croce. 2 Treno diretto Crema-Milano Collegamento veloce e mobilità sostenibile

9 Dentro ci stava anche la valorizzazione del viale e dell intero abitato attorno alla Basilica con un tornaconto economico per tutti gli abitanti, una qualità della vita al rialzo e traffico destinato a ridursi drasticamente. In questo senso va letta la decisione della giunta Ceravolo (ed io ho fatto pesantemente la mia parte) di finanziare per oltre 6 miliardi di vecchie lire la circonvallazione Pianengo- Ricengo-Offanengo-Ca delle Mosche. Il sottopasso stava quindi dentro un disegno che già immaginava il potenziamento del treno per Milano e che, grazie agli operatori privati coinvolti nella riqualificazione delle aree, copriva più della metà dei costi di realizzazione. Un Piano Integrato di Intervento di grande spessore culturale e urbanistico che ha anche ricevuto un premio nell ambito delle manifestazioni fieristiche del Real Estate di Milano, considerato uno stralcio esecutivo di quanto il Prg Benevolo del 2004 disegnava. Il dialogo tra ferro e gomma Da assessore provinciale ai trasporti e alla programmazione del territorio acquisisco la consapevolezza che quello della mobilità è uno dei temi principali da affrontare, specie in un territorio debole come il nostro e in particolare nelle relazioni con l area metropolitana. Ecco nascere il servizio a chiamata (o cosiddetto flessibile) degli autobus che, all interno delle gare svolte nel 2004 per l assegnazione del servizio pubblico su gomma, andrà a coinvolgere più di 40 comuni cremonesi e cremaschi; verranno sostituiti quasi 2/3 dei bus, definita la carta dei diritti degli utenti e create le condizioni perché il treno dialoghi sempre più con il trasporto su gomma. Parte nel 2008 il servizio col cadenzamento ferroviario su Milano (un treno ogni ora). La Provincia firma con la Regione, Trenitalia e Comuni, importanti accordi per sistemare le stazioni Fs e attrezzare le aree esterne per parcheggi di interscambio. In questo ambito matura la convenzione con la società di trasporto Autoguidovie-Adda Trasporti di presenziare la stazione di Crema e sostituirsi a Fs nella gestione della biglietteria. Il bus navetta È di quegli anni l idea, resa concreta da studi e sperimentazioni sul campo, di rivoluzionare il sistema di collegamento su Milano: il progetto si chiama bus navetta e prevede di ridurre gli autobus lungo la ex Ss Paullese e la Rivoltana, di spostarli dal territorio cremasco fino alle stazioni Fs di Lodi e Treviglio e da qui (con un treno ogni 15 minuti che già esiste) fino a Milano. Questo tipo di intermodalità ha bisogno di una integrazione tariffaria e di un unico biglietto d area. Così facendo si liberano le risorse per potenziare i servizi a chiamata in tutti i Comuni e portare più viaggiatori possibili a Crema, naturalmente con gli Treno diretto Crema-Milano Collegamento veloce e mobilità sostenibile 3

10 autobus. Per poter diventare azione quotidiana il progetto del bus navetta ha bisogno della condivisione della Regione e l inserimento dei nuovi percorsi nei contratti di servizio tra Provincia e aziende interessate. Ebbene, dal 2008 ad oggi non è mai arrivata una risposta dall assessore regionale alla mobilità nonostante le richieste formali della Provincia, dei Sindaci coinvolti e le sollecitazioni sottoforma di ordini del giorno approvati all unanimità dai consigli comunali e regionali. Lascio ogni commento alla valutazione del lettore. Un nuovo modello di sviluppo Da oltre un anno sono stato eletto in Consiglio Regionale. I temi della pianificazione, del risparmio del suolo, della mobilità e delle infrastrutture sono diventati la mia passione e quindi mi sono imposto nelle commissioni che si occupano di queste materie, diventando uno dei riferimenti del Pd a livello lombardo. La visione, man mano che si allontana dai singoli territori, assume una dimensione ottimale e le risposte da dare, fuori dal localismo, vengono traguardate in una prospettiva che disegna un modello di sviluppo alternativo a quello formigoniano. La mobilità, al pari dei temi che riguardano la salute, il lavoro, le imprese e la difficoltà delle famiglie ad arrivare a fine mese, è per la Lombardia una priorità. Arrivare al lavoro o a scuola, spostarsi da una città all altra non è più solo una questione di efficienza, di dignità per gli utenti e qualità della vita per i cittadini, Parcheggi e servizi per facilitare l intermodalità 4 Treno diretto Crema-Milano Collegamento veloce e mobilità sostenibile

11 ma diventa sempre più una questione di civiltà, di competitività dei singoli territori e quindi una questione legata allo sviluppo e al rilancio economico. Ecco perché da oltre un anno, da quando siedo al Pirellone, mi sto battendo principalmente su queste tematiche. Tantissime sono le iniziative messe in campo e che hanno conseguito qualche risultato, a partire dal giro delle stazioni fatto insieme ai miei colleghi del Pd in più di 300 stazioni ferroviarie. Qui abbiamo toccato con mano cosa bisogna ancora fare per migliorare il trasporto pubblico e misurato da vicino il grado di insoddisfazione dei pendolari. Da circa un anno sono diventato io stesso pendolare e questa mia nuova condizione sociale mi ha definitivamente convinto che Regione Lombardia deve, insieme a Trenord, Province, Comuni e aziende del trasporto su gomma, creare le condizioni perché il servizio del trasporto pubblico diventi sempre più uno degli elementi che contraddistingue una società che vuole definirsi civile. Ecco da dove nasce l idea di sostenere, anche economicamente, come gruppo consiliare lombardo del Pd, il progetto del treno diretto Crema-Milano. Ecco il progetto Il progetto che più avanti vi presentiamo fa parte di uno studio più complesso che il gruppo regionale del Pd ha commissionato ad una società specializzata ed è stato condotto dagli ingegneri Aldo Molinari e Diego D Elia. L idea è semplice: sulla base dell orario e del numero dei treni del 2011 (18 coppie di treni, dalle ore 5.30 alle ore 21.30) riorganizzare il servizio da e per Crema con un collegamento diretto per Milano ad orario cadenzato. Sostanzialmente un treno che va e torna ogni ora, sempre allo stesso minuto, e che non deve essere cambiato a Treviglio. Sono state studiate due soluzioni: utilizzare i treni suburbani S spostandoli fino a Crema; sfruttare il servizio regionale Milano-Treviglio-Crema-Cremona. Questa seconda ipotesi si è dimostrata più fattibile e praticamente a costo zero. Qualcuno dirà che è stata scoperta l acqua calda, ma così non è. In passato, sia Fs che Regione hanno sempre scartato l ipotesi del treno diretto perché irrealizzabile dal punto di vista tecnico, supponendo che l attuale traccia ferroviaria e il vincolo del binario unico non potessero garantire tale soluzione. Ebbene, lo studio ne ha dimostrata invece la possibilità. Certo, occorrerà che la Regione inserisca la proposta all interno del nuovo orario che andrà a concordare col gestore regionale Trenord; ma intanto sia la Provincia che il Comune di Crema hanno sostenuto tale progetto con decisioni formali dei propri organi amministrativi. E questo è un primo passo importante. L obiettivo è quello di migliorare i collegamenti tra il nostro territorio e l area metropolita- Treno diretto Crema-Milano Collegamento veloce e mobilità sostenibile 5

12 na, togliendo il disagio dell interscambio a Treviglio, riducendo i tempi di percorrenza, stabilizzando il cadenzamento orario dei treni. Di fatto immaginiamo un aumento di pendolari e utenti che contiamo possano abbandonare il mezzo privato in favore di una mobilità sostenibile. Il progetto vuole anche candidare Crema quale Polo Est dell area metropolitana milanese in forza delle migliorate condizioni di accessibilità. Questo dovrebbe facilitare non solo le relazioni dei cremaschi verso Milano ma anche quelle opposte. E allora mi piace immaginare, e bisognerà lavorare in questa direzione, che tanti milanesi potranno approfittarne per visitare Crema (negozi, ristoranti, teatro, cinema ) o per venirci ad abitare e insediare nuove attività imprenditoriali, contribuendo in questo modo a rendere il nostro territorio più solido e competitivo dal punto di vista economico. Certo, occorrerà che i treni consentano di viaggiare in orario e con dignità; sarà necessario un dialogo più forte tra gomma e ferro; servirà un solo biglietto d area ed una integrazione tariffaria. In ogni modo, il treno diretto è un eccellente punto di partenza. Agostino Alloni, consigliere regionale del Partito Democratico, in passato ha ricoperto gli incarichi di vicepresidente della Provincia di Cremona e assessore all urbanistica del Comune di Crema. 6 Treno diretto Crema-Milano Collegamento veloce e mobilità sostenibile

13 Milano chiama Crema, la ferrovia strumento per migliorare il territorio di Marco Vitale I n tutto il mondo è in atto un forte recupero del trasporto ferroviario, sia in tratte di media lunghezza (grazie ai treni ad alta velocità) che soprattutto nelle reti locali suburbane. Sono ritornato da un viaggio di lavoro in Cina, nel quale ho preso quattro volte i magnifici treni veloci. Essi non servono solo medie tratte, ma anche lunghe tratte (proprio allora è stata annunciata l attivazione del treno alta velocità Shanghai-Pechino). Ma io ho preso il treno ad alta velocità Pechino- Tianjin (circa 100 chilometri) per fermarmi ad una fermata intermedia di una cittadina industriale a 70 chilometri (tempo di percorrenza 30 minuti; tempo di fermata ad ogni stazione 3 minuti). Questo è il mondo con il quale ci dobbiamo confrontare. Quando alcuni anni fa guidai un gruppo di lavoro per sviluppare indirizzi strategici per il Cremasco, nel capitolo sulla mobilità dedicammo ampio spazio all esigenza di rafforzare i collegamenti ferroviari, anche se la scelta fra le varie soluzioni richiedeva approfondimenti specifici. L utilità di questo indirizzo è del tutto evidente per il Cremasco. Ma oggi vorrei sviluppare la mia riflessione non più dal punto di vista del Cremasco, ma da quello del Milanese. Se i milanesi, sia pure a fatica riescono, per ora, a sopravvivere all invasione di automobili che, ogni mattina, si riversano in città dal circondario, ciò è dovuto al fatto che i nostri Treno diretto Crema-Milano Collegamento veloce e mobilità sostenibile 7

14 bisnonni hanno creato una rete ferroviaria abbastanza capillare nella zona Nord di Milano che riesce, in parte, a contenere questa invasione. Ma a Est, a Sud, a Ovest non c è niente o quasi niente di simile. Se Milano vuole diventare una città moderna è indispensabile che il mezzo ferroviario allarghi la sua rete a Est, a Sud, a Ovest, dando vita ad una ragnatela completa di linee locali destinate allo scambio di persone e cose tra il centro della metropoli e i territori ad esso connessi. Non si potrà fare tutto insieme, ma pezzo dopo pezzo, e certamente incominciando da un miglior utilizzo delle strutture esistenti, come è nell ipotesi identificata per il potenziamento delle relazioni ferroviarie con il territorio cremasco. La Lombardia deve ritornare ad investire in strutture che aumentano la produttività, migliorano l abitabilità del territorio, rafforzano la salute dei suoi residenti. La frase tipica: non ci sono soldi, è un imbroglio. In nessuna parte del mondo ci sono i soldi per finanziare opere strutturali. Quando c è l affidabilità e quando l opera aumenta la produttività del sistema, le opere si finanziano sempre o con la finanza pubblica o, meglio ancora, con strumenti di mercato. La finanza serve a questo: a permetterne la realizzazione, anticipando i fondi che verranno rimborsati con l incremento di produttività del sistema generato dalle opere stesse. Ma perché queste caratteristiche si ritrovino nel progetto in esame è, tra l altro, indispensabile: assicurare orari in linea con i bisogni degli utenti e con i loro movimenti; garantire una assoluta puntualità del servizio; realizzare tempi veloci di percorrenza; riferirsi ad un area la più ampia possibile, curando e facilitando gli interscambi (parcheggi per automobili, motocicli, biciclette; coordinamento con le linee su gomma che portano alle stazioni); rispettare la dignità degli utenti, con carrozze pulite, ben tenute, refrigerate o riscaldate in misura appropriata. Né bisogna fermarsi di fronte ai calcoli degli esperti trasportistici che sostengono che non c è sufficiente utenza. Non c è nella situazione attuale ma se l offerta cambia qualitativamente, è, in questi casi, l offerta che crea la domanda. Marco Vitale, economista d impresa, è stato docente presso l Università di Pavia e la Bocconi di Milano. Editorialista del Sole 24 Ore. 8 Treno diretto Crema-Milano Collegamento veloce e mobilità sostenibile

15 Crema, una città di qualità alle porte del Milanese di Cesare Macchi Cassia Parlare di qualità urbana oggi è difficile, ma assai stimolante, a causa della condizione di complessità conquistata dalla città a partire dalla innovata dimensione culturale ancor prima che fisica. Gli abitanti di Crema un buon esempio dell Italia delle cento città possono pensare di essere in parte immuni da questa complessità, ma quando la loro città avrà ottenuto un risultato per il quale si batte da anni, cioè più facili collegamenti con la vicina capitale regionale, essi si troveranno di fronte a mutamenti del loro ambiente di vita paragonabili a quelli vissuti da altri settori del territorio milanese. Un cremasco contemporaneo, Beppe Severgnini, ha scritto alcuni anni fa: solo i milanesi ci capiscono e ci vogliono bene ( ) A loro, e a tutti quelli che intendono conoscerci meglio, possiamo offrire una campagna poetica, una nebbia doc, un centro incantevole e le nostre facce antiche. 1 Quando i nuovi collegamenti ferroviari saranno realtà, le specificità di cui parla 1 Corriere della Sera, 24 novembre 2001: Facce antiche e matriarcato. Treno diretto Crema-Milano Collegamento veloce e mobilità sostenibile 9

16 Severgnini saranno lette da una società più ampia, come parte di un sistema urbano che fa sì riferimento alla capitale, ma è composto da una fitta rete di luoghi, paesaggi e comunità. E la città si farà più complessa, e più interessante. Le potenzialità per i cittadini, per i giovani soprattutto, saranno più ampie, e se ne presenteranno di nuove che andranno a saldarsi a quelle antiche. La città avrà aggiunto nuovi significati civili a quelli raggiunti in altri momenti della sua storia, innovandoli nella contemporaneità. La città tradizionale, somma della città storica e della città moderna, era una realtà dura, continua e riconoscibile, che dialogava con il territorio agricolo. La città contemporanea è fatta di quella stessa realtà con ruoli in parte modificati: basta pensare alle nuove tipologie commerciali nel centro storico, offerte proprio a una cittadinanza che non è più solo quella della città tradizionale, ma più ampia e diffusa sul territorio urbano. Ma è fatta anche di parti soft, di uso più cangiante: sono forse proprio queste che ne costituiscono la qualità precipua. Esse illustrano una maggiore libertà e democrazia nell uso e nella costruzione della città, anche se non ancora accompagnate da una qualità di forma e di stile, cioè di struttura e di paesaggio. Ciò che è avvenuto sconta infatti una situazione di limitata crescita culturale, frammentazione dei poteri, democrazia non sedimentata, tipologia primitiva dello sviluppo economico. Ma soprattutto soffre della carenza di riferimenti offerti dalle classi sociali più alte e dagli intellettuali: una carenza di tipo etico. Ciò che è avvenuto ha quindi visto la difficoltà a intendersi su ruoli, responsabi- Il treno come strumento di relazione 10 Treno diretto Crema-Milano Collegamento veloce e mobilità sostenibile

17 lità e diritti, e quindi la debolezza di una espressione stilistica che può derivare solo da un consenso sufficientemente generalizzato sulle scelte. Possiamo dire che la dimensione urbana contemporanea è quindi ancora una dimensione di potenzialità. Saranno le indicazioni morfologiche a essa offerte che parleranno della cultura dei nostri anni, del suo grado di sviluppo, della volontà civile e politica che la sorregge e ne viene nutrita. ll contestualismo amabile della città, così come la sudditanza agli interessi dei pochi, rappresenta la negazione del valore culturale del progetto contemporaneo. La città è dei suoi abitanti, e solo il tempo è pittoresco: non può esserlo il nostro progetto. Esso deve dare forma alle necessità reali del suo tempo. Questo fa la ricerca progettuale qui presentata, sulla connessione diretta tra Crema e Milano via ferrovia. Il quadruplicamento della ferrovia tra Milano e Treviglio e l esistenza del Passante Ferroviario permetteranno molto di più di un veloce collegamento con la capitale regionale. In realtà verrà resa possibile la connessione diretta tra il centro di Crema e una serie di punti e funzioni centrali milanesi: porta Venezia, corso Buenos Aires, Garibaldi-Repubblica, Bovisa-Politecnico e, di conseguenza, l accesso all intero sistema della metropolitana milanese. A Crema, la zona della stazione assumerà il ruolo e l immagine del contatto con realtà vaste rese disponibili. La stazione verrà vista come una delle fermate di un unico sistema urbano e metropolitano. La stazione come cerniera Treno diretto Crema-Milano Collegamento veloce e mobilità sostenibile 11

18 Come in ogni città europea, a Crema la ferrovia è stata costruita a una certa distanza dai margini del centro urbano, e la stazione ha avuto il compito di segnalare il riferimento dell intera città con la modernità. Anche se ciò non ha portato qui alla creazione di un quartiere e di un asse urbano, il luogo e l affaccio della stazione sono divenuti un importante punto di riferimento per la città storica nelle vicinanze di Porta Serio. Sarà quindi lo stesso centro incantevole a divenire parte di una rete di centri sparsi su un medesimo territorio urbano. Alla scala locale, le scelte funzionali, architettoniche e urbanistiche che ne conseguiranno, vedranno conquistare dalla stazione ferroviaria tre obiettivi essenziali per Crema: cerniera tra due parti della stessa città, interscambio modale tra mezzi di trasporto, occasione di superamento delle storiche barriere della ferrovia e del Canale Vacchelli. La correttezza e la qualità con le quali tutto ciò verrà realizzato sono nelle mani dei cittadini e delle loro scelte di politica urbana: il rapporto tra etica ed estetica riguadagnerà il proprio ruolo nella società attraverso una personale e comune ricerca di verità. Cesare Macchi Cassia, professore ordinario di Progettazione Urbanistica presso la facoltà di Architettura del Politecnico di Milano. 12 Treno diretto Crema-Milano Collegamento veloce e mobilità sostenibile

19 Collegamento veloce su rotaia la vera autostrada verso la metropoli di Aldo Molinari e Diego D Elia I l bacino di traffico di Crema presenta un significativo potenziale di domanda di trasporto di oltre 84 mila abitanti e, in prospettiva, Crema stessa si candida, anche rispetto agli orientamenti espressi dal Piano di Governo del Territorio di recente adozione, quale polo est dell area metropolitana milanese in forza delle migliorate condizioni di accessibilità offerte dalla riqualificazione della Paullese e dal prolungamento della linea M3 e degli sviluppi insediativi, tra i quali l ambito di trasformazione urbana adiacente alla stazione ferroviaria. A parte lo scenario infrastrutturale ed urbanistico di breve-medio termine, tuttavia, Crema esprime da tempo un esigenza di miglioramento e potenziamento delle modalità di accesso al capoluogo milanese a vantaggio specifico della componente sistematica e, in generale, della mobilità delle persone. Nell ottica di assicurare al territorio cremasco soluzioni di mobilità sostenibile, la ferrovia si candida a rispondere a tale richiesta, in modo convincente ed efficace, a partire dalle scelte di pianificazione del Servizio Ferroviario Regionale e dalla struttura di orario vigente. La ferrovia è quindi chiamata ad assumere un ruolo basilare nello sviluppo territoriale del cremasco e nella ricerca di migliori e consapevoli formule di spostamento delle persone. Treno diretto Crema-Milano Collegamento veloce e mobilità sostenibile 13

20 Il bacino cremasco attualmente è connesso all area milanese grazie ad un offerta cadenzata sulla linea ferroviaria Cremona-Crema-Treviglio associata al nodo ferroviario di Treviglio al quale afferiscono le relazioni regionali (treni R, regionali e RV, regionali veloci) e suburbane (linee S5 e S6): relazioni dirette dal cremasco a Milano (e viceversa) sono per altro, previste negli intervalli di punta feriali. Il disagio dell interscambio a Treviglio (particolarmente sentito per i casi di trasporto avente origine del viaggio prossima alla stazione della cittadina bergamasca) e le problematiche di affidabilità del servizio suggeriscono tuttavia, di rivedere la proposta di offerta ferroviaria attuale, evidenziando da subito, come le opportunità ed i vantaggi del cadenzamento siano la base di assoluto riferimento per qualunque programmazione del trasporto pubblico, compreso il settore del Trasporto Pubblico Locale su gomma e il principio del cadenzamento sia una modalità strategica riconosciuta ed affermata in sede di pianificazione dei trasporti a livello regionale e nazionale. Le analisi condotte hanno permesso, in particolare, di delineare due proposte alternative di servizi ferroviari che presuppongono la totale salvaguardia della struttura di orario 2011, il che rafforza la credibilità del progetto dal punto di vista sia della fattibilità tecnica che della condivisione pianificatoria con Regione Lombardia e Trenitalia. Il prerequisito a questa come a qualunque proposta progettuale è tuttavia, che la qualità dell offerta ferroviaria sia un obiettivo rigorosamente perseguito e monitorato nelle sue diverse caratteristiche (affidabilità, comfort di viaggio, informazione all utenza, ecc.), con un ulteriore sottolineatura al rigoroso rispetto degli orari quale condizione primaria e imprescindibile di un moderno sistema di trasporto ferroviario. La non stabilità nell orario e la non affidabilità del servizio, ancor più che gli aspetti tariffari, sono infatti elementi di forte criticità e di negativa pubblicizzazione dell immagine del trasporto pubblico. Le due ipotesi di sviluppo individuate per il servizio ferroviario del Cremasco, con l approssimazione implicita derivata dalle imprecisioni nella pubblicazione degli orari, sono state identificate nel: prolungamento delle linee suburbane S da Treviglio a Crema oppure Cremona, avendo evidenziato per entrambi i poli il ruolo di interscambio per i rispettivi bacini di utenza; prolungamento veloce del servizio della linea Cremona-Treviglio fino a Milano, con un ventaglio possibile di attestamenti in ambito milanese (Lambrate/ Greco Pirelli, Rogoredo, San Cristoforo). Avendo come punti fermi nell individuazione delle proposte le infrastrutture ferroviarie esistenti (linee e stazioni/fermate) e la struttura di orario cadenzato 14 Treno diretto Crema-Milano Collegamento veloce e mobilità sostenibile

Guardando alla data odierna, Milano, ha già superato il bonus di pm 10 dei 35 giorni.

Guardando alla data odierna, Milano, ha già superato il bonus di pm 10 dei 35 giorni. 1 Prima di qualsiasi altra valutazione, vorrei soffermarmi su tre considerazioni, per me fondamentali per meglio definire il contesto in cui si sviluppa la nostra azione o le nostre pratiche sindacali,

Dettagli

Trasporto pubblico locale: efficienza e qualità in Lombardia

Trasporto pubblico locale: efficienza e qualità in Lombardia MCE 2010 Trasporto pubblico locale: efficienza e qualità in Lombardia 9 febbraio 2010 Giuliano Asperti, Vice Presidente di Assolombarda Saluto di apertura Premessa Nella giornata di apertura della Mobility

Dettagli

Empoli. Centrale. inquadramento ciclostazioni

Empoli. Centrale. inquadramento ciclostazioni Empoli Centrale numero di treni e passeggeri giornalieri feriali sabato domenica 198 189 124 6.961 4.580 3.315 Localizzazione La stazione di Empoli ha una posizione molto centrale, a poca distanza dal

Dettagli

REGIONE PIEMONTE QUADRANTE NORD-EST LINEA FERROVIARIA SANTHIA BIELLA NOVARA Nota metodologica per la riorganizzazione del servizio.

REGIONE PIEMONTE QUADRANTE NORD-EST LINEA FERROVIARIA SANTHIA BIELLA NOVARA Nota metodologica per la riorganizzazione del servizio. REGIONE PIEMONTE QUADRANTE NORD-EST LINEA FERROVIARIA SANTHIA BIELLA NOVARA Nota metodologica per la riorganizzazione del servizio Premessa E ormai opinione comune che il migliore modello di esercizio

Dettagli

Relazioni e opportunità comuni fra Milano e il Canton Ticino

Relazioni e opportunità comuni fra Milano e il Canton Ticino Relazioni e opportunità comuni fra Milano e il Canton Ticino Direttore Settore Attuazione Mobilità Trasporti Ambiente Corridoi Europei in Italia (Reti TEN) Milano: una posizione strategica rispetto alle

Dettagli

4. TRASPORTI E INFRASTRUTTURE

4. TRASPORTI E INFRASTRUTTURE Densità di autovetture circolanti nelle città metropolitane (fonte: Istat, 1998; auto circolanti per chilometri quadrati di territorio comunale) 4. TRASPORTI E INFRASTRUTTURE 4.1. LE AUTO SEMPRE PADRONE

Dettagli

S.F.M.R. SISTEMA FERROVIARIO METROPOLITANO REGIONALE

S.F.M.R. SISTEMA FERROVIARIO METROPOLITANO REGIONALE 1 SISTEMA INTEGRATO DI TRASPORTO PUBBLICO A SERVIZIO DELL AREA METROPOLITANA DIFFUSA CENTRALE VENETA CON OBIETTIVI DI: DECONGESTIONE DELLE RETI INFRASTRUTTURALI VIARIE RIEQUILIBRIO MODALE CON PASSAGGIO

Dettagli

Milano (MI) PII Montecity Rogoredo. Scala 1:20.000

Milano (MI) PII Montecity Rogoredo. Scala 1:20.000 Milano (MI) PII Montecity Rogoredo Scala 1:20.000 Inquadramento territoriale Il Programma Integrato d Intervento interessa un area di circa 1.100.000 mq, collocata nel settore sud est di Milano, attualmente

Dettagli

LE INFRASTRUTTURE MOBILI E DEL SISTEMA VIABILISTICO NELL AREA METROPOLITANA

LE INFRASTRUTTURE MOBILI E DEL SISTEMA VIABILISTICO NELL AREA METROPOLITANA Capitolo 1. Il programma delle infrastrutture mobili e del sistema viabilistico nell area metropolitana. Come già detto, nel documento Indirizzi di politica urbanistica, elaborato dall Assessorato all

Dettagli

SISTEMA DI RISALITA DEGLI ERZELLI OBIETTIVO DELL INTERVENTO

SISTEMA DI RISALITA DEGLI ERZELLI OBIETTIVO DELL INTERVENTO SISTEMA DI RISALITA DEGLI ERZELLI OBIETTIVO DELL INTERVENTO La collina degli Erzelli, occupata in precedenza da attività di deposito e movimentazione container, è interessata oggi da un progetto volto

Dettagli

Dossier rincari ferroviari

Dossier rincari ferroviari Nel 2007 i pendolari in Italia hanno superato i 13 milioni (pari al 22% della popolazione) con un incremento del 18% rispetto al 2005. La vita quotidiana è quindi sempre più caratterizzata dalla mobilità,

Dettagli

Provincia. 2 Ancona. Periodico d'informazione della Provincia di Ancona

Provincia. 2 Ancona. Periodico d'informazione della Provincia di Ancona 2 Ancona Provincia Periodico d'informazione della Provincia di Ancona Spedizione in abb. postale - 70% - Direzione commerciale Business Ancona Editore: Provincia di Ancona - Rivista trimestrale - Autorizzazione

Dettagli

Gli stili di mobilità degli italiani e le potenzialità di sviluppo del car sharing

Gli stili di mobilità degli italiani e le potenzialità di sviluppo del car sharing Gli stili di mobilità degli italiani e le potenzialità di sviluppo del car sharing Carlo Carminucci ccarminucci@isfort.it Roma 7 aprile 2009 La fonte dei dati: l indagine Audimob (Osservatorio Isfort Fondazione

Dettagli

alla scoperta del binario 9¾

alla scoperta del binario 9¾ campania onlus 2013 Metropolitana di Salerno alla scoperta del binario 9¾ al binario invisibile il viaggio della metro pronta, inaugurata, ma mai entrata in funzione marzo 2013 Il viaggio immaginifico

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI MILANO REGIONE LOMBARDIA E FERROVIE DELLO STATO ITALIANE

ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI MILANO REGIONE LOMBARDIA E FERROVIE DELLO STATO ITALIANE TRASFORMAZIONE URBANISTICA DELLE AREE FERROVIARIE DISMESSE E POTENZIAMENTO DEL SISTEMA FERROVIARIO DI MILANO Comune di Milano ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI MILANO REGIONE LOMBARDIA E FERROVIE DELLO

Dettagli

GIORNATA DI STUDIO POTENZIAMENTO TECNICO INFRASTRUTTURALE DELLA LINEA FERROVIARIA VIAREGGIO LUCCA FIRENZE. Lucca Palazzo Ducale 22 Febbraio 2001

GIORNATA DI STUDIO POTENZIAMENTO TECNICO INFRASTRUTTURALE DELLA LINEA FERROVIARIA VIAREGGIO LUCCA FIRENZE. Lucca Palazzo Ducale 22 Febbraio 2001 GIORNATA DI STUDIO POTENZIAMENTO TECNICO INFRASTRUTTURALE DELLA LINEA FERROVIARIA VIAREGGIO LUCCA FIRENZE Lucca Palazzo Ducale 22 Febbraio 2001 Intervento del Presidente della Provincia di Pistoia Gianfranco

Dettagli

Cremona2030: una nuova governance locale per costruire territorio e sviluppo sociale

Cremona2030: una nuova governance locale per costruire territorio e sviluppo sociale dalla PROVINCIA al nuovo ENTE di AREA VASTA Cremona2030: una nuova governance locale per costruire territorio e sviluppo sociale a cura della federazione del PD di Cremona La legge 56/2014: limiti, rischi

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA per il miglioramento della mobilità ferroviaria regionale del Lazio. tra

PROTOCOLLO D INTESA per il miglioramento della mobilità ferroviaria regionale del Lazio. tra PROTOCOLLO D INTESA per il miglioramento della mobilità ferroviaria regionale del Lazio tra Regione Lazio e Trenitalia S.p.A e Rete Ferroviaria Italiana S.p.A Roma, 1 L anno, il giorno del mese di in Roma,

Dettagli

OSSERVAZIONE AL PIANO URBANO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE DI MILANO

OSSERVAZIONE AL PIANO URBANO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE DI MILANO OSSERVAZIONE AL PIANO URBANO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE DI MILANO CIRCOLO ARCOBALENO LEGAMBIENTE 20/04/2015 OSSERVAZIONI AL PUMS DELLA CITTA DI MILANO Il Circolo Arcobaleno di Legambiente, con sede a Melegnano

Dettagli

Progetti e servizi per la mobilità regionale

Progetti e servizi per la mobilità regionale ECORailS Progetti e servizi per la mobilità regionale in Regione Lombardia Elena Foresti, Giorgio Stagni Brescia, 14.04.2011 1 Il trasporto regionale in Lombardia 1.920 km di linee con oltre 400 stazioni

Dettagli

Il nodo di bologna come esempio di integrazione nell ambito del sistema ferroviario

Il nodo di bologna come esempio di integrazione nell ambito del sistema ferroviario 1 La riqualificazione delle grandi infrastrutture Il nodo di bologna come esempio di integrazione nell ambito del sistema ferroviario ing. Vincenzo Conforti 1 Scelte economiche e tecniche nel Nodo di Bologna

Dettagli

Provincia dell Aquila. 23 Febbraio 2009. Piano Provinciale per la Mobilità Sostenibile 1

Provincia dell Aquila. 23 Febbraio 2009. Piano Provinciale per la Mobilità Sostenibile 1 23 Febbraio 2009 Piano Provinciale per la Mobilità Sostenibile 1 Nelle linee guida definite dal Piano Regionale Integrato dei Trasporti della Regione Abruzzo, su richiesta della Provincia dell Aquila,

Dettagli

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 1) IL PIANO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE: IL CONTESTO. 2) LA MOBILITA A MILANO: TRASPORTI E INQUINAMENTO. 3) LA COLLABORAZIONE CON ISTITUZIONI E

Dettagli

Advisory Board Liberalizzazione e competizione: lo sviluppo delle infrastrutture e dei servizi ferroviari in Europa e in Italia

Advisory Board Liberalizzazione e competizione: lo sviluppo delle infrastrutture e dei servizi ferroviari in Europa e in Italia Advisory Board Liberalizzazione e competizione: lo sviluppo delle infrastrutture e dei servizi ferroviari in Europa e in Italia I 10 punti chiave del rapporto I 10 PUNTI CHIAVE DEL RAPPORTO 1. L Europa,

Dettagli

Numero di spostamenti: oltre 400.000 al giorno, tendenza di crescita di circa 2,5 % all anno

Numero di spostamenti: oltre 400.000 al giorno, tendenza di crescita di circa 2,5 % all anno Mobilità sostenibile Mariano Pedrelli La dinamica degli spostamenti A Parma la mobilità complessiva, intesa come numero di spostamenti, è in continua crescita. Questo è soprattutto il segno di una società

Dettagli

Le infrastrutture ferroviarie del Nord Est

Le infrastrutture ferroviarie del Nord Est Le infrastrutture ferroviarie del Nord Est Grazie agli interventi di potenziamento infrastrutturale e di ammodernamento tecnologico delle linee ferroviarie del Nord Est portati a termine negli ultimi anni

Dettagli

Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano

Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano Venezia, 10-20 novembre 2004 Catalogo della Mostra Comune di Bolzano Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano L ambito della trasformazione Il tema dell area ferroviaria di Bolzano

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente della Regione Emilia-Romagna

Relazione sullo Stato dell Ambiente della Regione Emilia-Romagna Trasporti Infrastrutture e logistica La mobilità rappresenta un settore particolarmente rilevante per lo sviluppo sostenibile. Lo sviluppo sostenibile richiede sempre di più la partecipazione e la corresponsabilizzazione

Dettagli

Strade extraurbane e interramento Rho Monza pag. 31. Riqualificazione delle metrotranvie (Milano Seregno e Milano. Limbiate) pag.

Strade extraurbane e interramento Rho Monza pag. 31. Riqualificazione delle metrotranvie (Milano Seregno e Milano. Limbiate) pag. Una visione di città, per essere completa, non può tralasciare tutto ciò che riguarda il tema dei trasporti. Gli spostamenti, infatti, sono alla base della moderna vita sociale e di relazione, ci spostiamo

Dettagli

Rete Ferroviaria Italiana Gianpiero Strisciuglio, Direttore Commerciale ed Esercizio Rete

Rete Ferroviaria Italiana Gianpiero Strisciuglio, Direttore Commerciale ed Esercizio Rete Rete Ferroviaria Italiana Gianpiero Strisciuglio, Direttore Commerciale ed Esercizio Rete 1 Overview Brescia e l Europa: i corridoi della Rete TEN-T Nodo di Brescia: infrastruttura e servizi Il Piano TPL

Dettagli

Giornata Nazionale dell Economia

Giornata Nazionale dell Economia Giornata Nazionale dell Economia Logistica e Infrastrutture al servizio del Territorio 15 Maggio 2008 1 ALCUNE RIFLESSIONI DI CONTESTO IL VALORE AGGIUNTO DELLA LOGISTICA LA PROVINCIA DI LATINA 2 A PROPOSITO

Dettagli

La sicurezza stradale negli. Il trasporto pubblico locale e la. di miglioramento della sicurezza

La sicurezza stradale negli. Il trasporto pubblico locale e la. di miglioramento della sicurezza Aldo Vittorio MOLINARI Ingegnere in Milano La sicurezza stradale negli spostamenti sul lavoro e casa-lavoro. Il trasporto pubblico locale e la disciplina del traffico nelle strategie di miglioramento della

Dettagli

PO-FESR 2007-2013 GRANDE PROGETTO. Asse: 5 - Reti e collegamenti per la mobilità

PO-FESR 2007-2013 GRANDE PROGETTO. Asse: 5 - Reti e collegamenti per la mobilità PO-FESR 2007-2013 GRANDE PROGETTO Asse: 5 - Reti e collegamenti per la mobilità Linea d intervento: 5.4 - Adeguamento e potenziamento delle ferrovie locali Titolo intervento: Adeguamento ferroviario dell

Dettagli

QUARRATA SARÀ VERSO IL REGOLAMENTO URBANISTICO

QUARRATA SARÀ VERSO IL REGOLAMENTO URBANISTICO QUARRATA SARÀ VERSO IL REGOLAMENTO URBANISTICO 2 incontro: 19 gennaio 2006 MOBILITÀ Viviamo l epoca dell accelerazione. Tutto intorno a noi è un richiamo alla celerità. Le cose vanno sempre più veloci.

Dettagli

DALLA PROGRAMMAZIONE ALLA GESTIONE DELLE STRUTTURE PER LA SOSTA: L ESPERIENZA DI TORINO

DALLA PROGRAMMAZIONE ALLA GESTIONE DELLE STRUTTURE PER LA SOSTA: L ESPERIENZA DI TORINO DALLA PROGRAMMAZIONE ALLA GESTIONE DELLE STRUTTURE PER LA SOSTA: 1 INTRODUZIONE In tutte le grandi città italiane e del mondo il problema della circolazione degli autoveicoli e tutti i disagi ad esso connessi,

Dettagli

Prof. Ing. Ennio Cascetta

Prof. Ing. Ennio Cascetta Prof. Ing. Ennio Cascetta Professore Ordinario Università di Napoli Federico II Presidente delle Società Italiana di Politica dei Trasporti (S.I.Po.Tra) Roma, Centro Congressi Cavour, 30 aprile 2015 1

Dettagli

Approva l Accordo a Latere sottoscritto dal Comune con R.F.I. S.p.A. e FS Sistemi Urbani;

Approva l Accordo a Latere sottoscritto dal Comune con R.F.I. S.p.A. e FS Sistemi Urbani; PROGETTO PEOPLE MOVER 16 luglio 2011 A cura di Comune di Pisa, SAT e PISAMO Contenuti della delibera del 14 luglio 2011 Contenuti Prende atto dell Accordo di Programma siglato in data 13 aprile 2011 da

Dettagli

Assessorato Mobilità e Trasporti. regionale a mobilità e trasporti Alfredo Peri - e di coinvolgere il traffico Intercity nella programmazione

Assessorato Mobilità e Trasporti. regionale a mobilità e trasporti Alfredo Peri - e di coinvolgere il traffico Intercity nella programmazione settimanale della regione emilia-romagna - assessorato mobilità e trasporti - direttore: roberto franchini 18 novembre 2005 Speciale NUOVO ORARIO MILANO - BOLOGNA - ANCONA FIRMATO L ACCORDO TRA REGIONE

Dettagli

Una Piattaforma Logistica per Il Nord-Ovest

Una Piattaforma Logistica per Il Nord-Ovest Comitato Regionale Giovani Imprenditori Confindustria Liguria Comitato Regionale Giovani Imprenditori Confindustria Lombardia Federazione Regionale Gruppi Giovani Imprenditori Confindustria Piemonte Una

Dettagli

V.le Castro Pretorio, 116 (00185) Roma. Il caso Roma. Ugo Surace

V.le Castro Pretorio, 116 (00185) Roma. Il caso Roma. Ugo Surace DIMENSIONE TRASPORTI Studi e Ricerche sui Trasporti V.le Castro Pretorio, 116 (00185) Roma TRASPORTO URBANO Il caso Roma Ugo Surace MOBILITA URBANA Il caso Roma Roma 10 marzo 2005 INTRODUZIONE La mobilità

Dettagli

L infrastruttura a supporto del cicloturismo

L infrastruttura a supporto del cicloturismo L infrastruttura a supporto del cicloturismo fare sistema tra rete ferroviaria e piste ciclabili La crisi del turismo in Italia 1 Il cicloturismo Cicloturisti e altri 2 Le strutture Le strutture La rete

Dettagli

Abstract Documento di Monitoraggio del PRIIM (oggetto della GR del 23 marzo 2015)

Abstract Documento di Monitoraggio del PRIIM (oggetto della GR del 23 marzo 2015) Abstract Documento di Monitoraggio del PRIIM (oggetto della GR del 23 marzo 2015) Grandi opere Le Autostrade. Proseguono i lavori di progettazione e realizzazione delle terze corsie dell Autostrada del

Dettagli

c o m u n i c a t o s t a m p a

c o m u n i c a t o s t a m p a c o m u n i c a t o s t a m p a Infrastrutture ritardo incolmabile. Presentato il primo Rapporto Uniontrasporti sulle grandi opere Roma, 14 aprile 2011 Quarant anni fa, l Italia aveva una dotazione complessiva

Dettagli

ANALISI COSTI BENEFICI

ANALISI COSTI BENEFICI Comune di Pisa Realizzazione di un sistema di collegamento (People Mover) tra l Aeroporto Galileo Galilei e la Stazione ferroviaria di Pisa Centrale, parcheggi scambiatori e viabilità di connessione ANALISI

Dettagli

INDICE pag. 01. 1.1.) Le infrastrutture pag. 02. 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03

INDICE pag. 01. 1.1.) Le infrastrutture pag. 02. 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03 INDICE pag. 01 1.) Le infrastrutture e le previsioni del P.R.G. pag. 02 1.1.) Le infrastrutture pag. 02 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03 2.) Gli effetti delle previsioni della Variante al P.R.G.

Dettagli

C.RE.M.A 2020 C.rescita RE.sponsabile M.obilità A.mbiente

C.RE.M.A 2020 C.rescita RE.sponsabile M.obilità A.mbiente C.RE.M.A 2020 C.rescita RE.sponsabile M.obilità A.mbiente UN PROGETTO PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE E SMART PREMESSE Road Map verso uno spazio unico europeo dei trasporti Per una politica dei trasporti

Dettagli

La Gronda di Genova. DIBATTITO PUBBLICO 1 febbraio - 30 aprile 2009. Quaderno degli attori

La Gronda di Genova. DIBATTITO PUBBLICO 1 febbraio - 30 aprile 2009. Quaderno degli attori La Gronda di Genova DIBATTITO PUBBLICO 1 febbraio - 30 aprile 2009 Quaderno degli attori Presentato da 17 marzo 2009 La Cisl di Genova, ritiene non più rinviabile l adeguamento e la costruzione di opere

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

Claudio Masi Direttore Agenzia Milanese Mobilità Ambiente

Claudio Masi Direttore Agenzia Milanese Mobilità Ambiente Intervento Claudio Masi Direttore Agenzia Milanese Mobilità Ambiente Convegno LA GESTIONE DELLA MOBILITA NELLA CITTA METROPOLITANA: PROPOSTE, PROGETTI E RISORSE PER MILANO Sala Conferenze Camera di Commercio

Dettagli

ENRICO LEVIZZANI Curriculum vitae

ENRICO LEVIZZANI Curriculum vitae ENRICO LEVIZZANI Curriculum vitae DATI PERSONALI Nato a Carpi (MO) Residente a Carpi (MO) ISTRUZIONE Diploma di maturità scientifica conseguito presso il Liceo Manfredo Fanti di Carpi nell anno scolastico

Dettagli

LA GESTIONE DELLA MOBILITÀ A SAN DONATO MILANESE

LA GESTIONE DELLA MOBILITÀ A SAN DONATO MILANESE COMUNE DI SAN DONATO MILANESE LA GESTIONE DELLA MOBILITÀ A SAN DONATO MILANESE San Donato Milanese Novembre 2008 AGENDA 1. IL TERRITORIO COMUNALE 2. IL TRASPORTO PUBBLICO 3. IL TRASPORTO AZIENDALE 4. UN

Dettagli

APPALTI e CONCESSIONI

APPALTI e CONCESSIONI DOTAZIONE INFRASTRUTTURE: DATI UE E NAZIONALI L ISPO (Istituto per gli studi sulla Pubblica opinione) ha reso noti i dati di una ricerca comparata sulle infrastrutture, sia a livello comunitazio che nazionnale.

Dettagli

Quadrante EST Incontro 19 maggio 2014

Quadrante EST Incontro 19 maggio 2014 A seguire i brevi verbali di riunioni del 19 e 20 maggio 2014 alle quali il CPB ha partecipato, la consueta riunione di Quadrante in occasione del cambio orario e una riunione straordinaria indetta da

Dettagli

Coordinamento Provinciale Pendolari Pavesi

Coordinamento Provinciale Pendolari Pavesi Coordinamento Provinciale Pendolari Pavesi www.coordinamentopendolari.it A SETTEMBRE 2009 NASCE DALL UTENZA PENDOLARE ATTIVA LA PRIMA RETE PROVINCIALE PAVESE di PENDOLARI e COMITATI PENDOLARI del trasporto

Dettagli

SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico

SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico Ottimizzare o disperdere risorse? La mobilità e il trasporto pubblico della città metropolitana Venerdì

Dettagli

Velocità Napoli - Roma. Dario Gentile

Velocità Napoli - Roma. Dario Gentile Indagine sugli effetti della linea Alta Velocità Napoli - Roma 1 Dario Gentile Introduzione Analisi dei flussi di traffico passeggeri in auto e treno sulla relazione Napoli - Roma Risultati dell indagine

Dettagli

Divisione Infrastrutture e Mobilità

Divisione Infrastrutture e Mobilità Divisione Infrastrutture e Mobilità Piano Urbano del Traffico e della mobilità delle persone (PUT 2001) Programma Urbano dei Parcheggi (PUP 2001) (Approvato con Del. C.C. 00155/006 del 19/06/2002) Il Piano

Dettagli

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE Per una città più sostenibile NUMERI E CRITICITA Congestione: 135 milioni di ore perse = - 1,5 miliardi di euro/anno Sicurezza stradale: 15.782 incidenti 20.670 feriti 154 morti circa 1,3 miliardi di euro/anno

Dettagli

Un servizio ferroviario di qualità sulla linea Bologna-Vignola: obiettivo (im)possibile?

Un servizio ferroviario di qualità sulla linea Bologna-Vignola: obiettivo (im)possibile? Un servizio ferroviario di qualità sulla linea Bologna-Vignola: obiettivo (im)possibile? Una delle costanti che dal 2003 (anno della riattivazione) ad oggi ha caratterizzato la linea ferroviaria Bologna-Vignola

Dettagli

CARGO DI TRENITALIA DOCUMENTO DI INDIRIZZO DEL CONSIGLIO FEDERATIVO DI ORSA FERROVIE

CARGO DI TRENITALIA DOCUMENTO DI INDIRIZZO DEL CONSIGLIO FEDERATIVO DI ORSA FERROVIE CARGO DI TRENITALIA DOCUMENTO DI INDIRIZZO DEL CONSIGLIO FEDERATIVO DI ORSA FERROVIE Il Consiglio Federativo di OR.S.A. Ferrovie, riunito in data 9 luglio 2015 per analizzare la situazione economico/produttiva

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA Allegato A COMUNE DI TREVISO PROTOCOLLO DI INTESA tra Comune di Treviso e Ferrovie dello Stato Italiane S.p.A., Rete Ferroviaria Italiana S.p.A., Trenitalia S.p.A., FS Logistica S.p.A., FS Sistemi Urbani

Dettagli

Una nuova Agorà per il Mediterraneo

Una nuova Agorà per il Mediterraneo REGIONE SICILIANA DIPARTIMENTO DI TRASPORTI E COMUNICAZIONI STUDIO DI FATTIBILITÀ E PROCEDURE ATTUATIVE PER IL RIASSETTO COMPLESSIVO DELLE MODALITÀ DI TRASPORTO NELLA REGIONE SICILIANA Fase A maggio 2004

Dettagli

LA STAZIONE E LA RETE NUOVE INFRASTRUTTURE MEDIO PADANE

LA STAZIONE E LA RETE NUOVE INFRASTRUTTURE MEDIO PADANE LA STAZIONE E LA RETE NUOVE INFRASTRUTTURE MEDIO PADANE Le proposte di UNINDUSTRIA REGGIO EMILIA, CONFINDUSTRIA MANTOVA, CONFINDUSTRIA MODENA per una nuova governance infrastrutturale 1 CAIRE - Urbanistica

Dettagli

ENTE FIERE INTERNAZIONALI DI BOLOGNA

ENTE FIERE INTERNAZIONALI DI BOLOGNA ACCORDO TERRITORIALE PER IL POTENZIAMENTO DEL QUARTIERE FIERISTICO FRA PROVINCIA DI BOLOGNA, COMUNE DI BOLOGNA E FIERE INTERNAZIONALI DI BOLOGNA, AI SENSI DELL'ART. 15 L.R. 20/2000. 1. La PROVINCIA DI

Dettagli

Dati aggiornati a ottobre 2008. 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 2

Dati aggiornati a ottobre 2008. 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 2 Dati aggiornati a ottobre 2008 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 2 Quante auto in circolazione? Il parco veicoli In Europa circolano 210 milioni di autovetture, corrispondenti ad un terzo

Dettagli

ANALISI PSCL EXECUTIVE SUMMARY

ANALISI PSCL EXECUTIVE SUMMARY ANALISI PSCL EXECUTIVE SUMMARY Sedi di C.so Marche, Caselle Nord, Caselle Sud Torino, Dicembre 2008 MVRS_ALENIA_174_08 AGENDA OBIETTIVI AZIONI QUESTIONARIO PSCL ANALISI DEGLI SPOSTAMENTI: QUADRO GENERALE

Dettagli

Note su incontro del 3 dicembre 2014 con il consigliere comunale Maurizio Policastro su PGTU

Note su incontro del 3 dicembre 2014 con il consigliere comunale Maurizio Policastro su PGTU Note su incontro del 3 dicembre 2014 con il consigliere comunale Maurizio Policastro su PGTU (redatto il 4 dicembre 2014) 1 SINTESI... 1 2 IL PGTU... 1 2.1 IL PGTU IN BREVE... 2 2.2 LE 6 AREE DI ROMA...

Dettagli

PIT Progetto Integrato Territoriale Stazione accessibile. Integrazione delle politiche di riqualificazione del centro urbano di Terni

PIT Progetto Integrato Territoriale Stazione accessibile. Integrazione delle politiche di riqualificazione del centro urbano di Terni PIT Progetto Integrato Territoriale Stazione accessibile. Integrazione delle politiche di riqualificazione del centro urbano di Terni IL PIT Il Progetto Integrato Territoriale ed il POR-FESR 2007-13 Il

Dettagli

Le strategie per il trasporto pubblico di Brescia. Stefano Sbardella Responsabile Settore Mobilità e TPL - Comune di Brescia

Le strategie per il trasporto pubblico di Brescia. Stefano Sbardella Responsabile Settore Mobilità e TPL - Comune di Brescia Le strategie per il trasporto pubblico di Brescia Stefano Sbardella Responsabile Settore Mobilità e TPL - Comune di Brescia LA MOBILITA DI BRESCIA IN NUMERI PRIORITA e CRITERI di PIANIFICAZIONE P.U.M.S.

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

4. IL TRACCIATO PROPOSTO

4. IL TRACCIATO PROPOSTO 4. IL TRACCIATO PROPOSTO 4.1 ESIGENZE DEL SERVIZIO OFFERTO Tenendo presente il quadro della domanda nel territorio della Provincia di Cremona, i servizi sulla nuova Crema - Milano dovrebbero essere impostati

Dettagli

GOVERNANCE DEL PROGETTO DA PARTE DELL OSSERVATORIO ATTIVITÀ DI PROPOSTA E DI INTERAZIONE

GOVERNANCE DEL PROGETTO DA PARTE DELL OSSERVATORIO ATTIVITÀ DI PROPOSTA E DI INTERAZIONE . GOVERNANCE DEL PROGETTO DA PARTE DELL OSSERVATORIO ATTIVITÀ DI PROPOSTA E DI INTERAZIONE PROPOSTE PROVENIENTI DAL TERRITORIO RELATIVAMENTE ALLA TRATTA FUNZIONALE GRONDA MERCI (SETTORE NORD OVEST) ED

Dettagli

I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada. Ilaria Bramezza

I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada. Ilaria Bramezza I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada Ilaria Bramezza 1. Il project financing Il project financing è una tecnica per la realizzazione di

Dettagli

Sfide e progetti per il sistema di trasporto pubblico e la gestione del trasporto in Ancona. I tipi spaziali di mobilità

Sfide e progetti per il sistema di trasporto pubblico e la gestione del trasporto in Ancona. I tipi spaziali di mobilità Sfide e progetti per il sistema di trasporto pubblico e la gestione del trasporto in Ancona. Ancona, capoluogo delle Marche, ha un estensione territoriale di 125,60 Kmq. con 102.816 abitanti. La sua parte

Dettagli

PROPOSTA DEL COMITATO PENDOLARI PINEROLO - VAL PELLICE SUL FUTURO DELLA FERROVIA NEL PINEROLESE ED IN VAL PELLICE

PROPOSTA DEL COMITATO PENDOLARI PINEROLO - VAL PELLICE SUL FUTURO DELLA FERROVIA NEL PINEROLESE ED IN VAL PELLICE PROPOSTA DEL COMITATO PENDOLARI PINEROLO - VAL PELLICE SUL FUTURO DELLA FERROVIA NEL PINEROLESE ED IN VAL PELLICE 1 Premessa Il Comitato Pendolari Torino Pinerolo - Val Pellice, costituitosi ai sensi dell

Dettagli

LA PAROLA AI TURISTI. Dipartimento di Scienze Aziendali INDAGINE SULLA DESTINAZIONE TURISTICA: MONSUMMANO TERME INTERVISTE. Comune di Monsummano Terme

LA PAROLA AI TURISTI. Dipartimento di Scienze Aziendali INDAGINE SULLA DESTINAZIONE TURISTICA: MONSUMMANO TERME INTERVISTE. Comune di Monsummano Terme Dipartimento di Scienze Aziendali Comune di Monsummano Terme LA PAROLA AI TURISTI INDAGINE SULLA DESTINAZIONE TURISTICA: MONSUMMANO TERME INTERVISTE Marzo 2012 dott.ssa Ilaria Ferrati dott.ssa Eva Accardo

Dettagli

P r o v i n c e d i M o d e n a e R e g g i o E m i l i a

P r o v i n c e d i M o d e n a e R e g g i o E m i l i a P r o v i n c e d i M o d e n a e R e g g i o E m i l i a Comuni di: Campogalliano, Correggio, Modena, Reggio Emilia, Rubiera, San Martino in Rio Consorzio di Gestione del Parco Fluviale del Secchia V

Dettagli

ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA ACCESSIBILITA A EXPO 2015

ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA ACCESSIBILITA A EXPO 2015 ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA ACCESSIBILITA A EXPO 2015 Dicembre 2008 1. Inquadramento territoriale e programmatico L esposizione universale che si realizzerà a Milano

Dettagli

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue Rassegna Stampa del 3 aprile 2015 Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue E' QUANTO EMERGE DALL ANALISI CONDOTTA A LIVELLO MONDIALE DALLA SOCIETÀ GLOBALE DI CONSULENZA

Dettagli

III CONVEGNO TRAM MEMORIA AREA TEMATICA N.1 RUOLO DELLE TRAMVIE NEI MODERNI SISTEMI DI TRASPORTO URBANO E SUBURBANO

III CONVEGNO TRAM MEMORIA AREA TEMATICA N.1 RUOLO DELLE TRAMVIE NEI MODERNI SISTEMI DI TRASPORTO URBANO E SUBURBANO Con il Patrocinio di Organizzato da III CONVEGNO TRAM MEMORIA AREA TEMATICA N.1 RUOLO DELLE TRAMVIE NEI MODERNI SISTEMI DI TRASPORTO URBANO E SUBURBANO RUOLO DELLA TRAMVIA PRATESE NELL AREA METROPOLITANA

Dettagli

La Ferrovia Trento - Borgo Valsugana - Bassano e l esperienza della Provincia Autonoma di Trento

La Ferrovia Trento - Borgo Valsugana - Bassano e l esperienza della Provincia Autonoma di Trento Allegato n.1 La Ferrovia Trento - Borgo Valsugana - Bassano e l esperienza della Provincia Autonoma di Trento L infrastruttura La ferrovia Trento Bassano del Grappa o ferrovia della Valsugana è una linea

Dettagli

Manifesto dei Giovani a confronto sulla riforma delle autonomie in Lombardia

Manifesto dei Giovani a confronto sulla riforma delle autonomie in Lombardia Manifesto dei Giovani a confronto sulla riforma delle autonomie in Lombardia Lo scenario Il contesto istituzionale, in seguito alla Legge Del Rio ed alla revisione Costituzionale e in forte mutamento.

Dettagli

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro 4 agosto 2014 L Istat diffonde i dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni relativi agli spostamenti pendolari

Dettagli

LA METROPOLITANA DI ORLY

LA METROPOLITANA DI ORLY LA METROPOLITANA DI ORLY Il secondo scalo della capitale francese si presenta come un esempio di aeroporto collegato al centro urbano mediante una linea metropolitana, anche se con i limiti di un percorso

Dettagli

EXPO 2015 Infrastrutture e sistema della mobilità per l Expo l. MOBILITY CONFERENCE Milano, 10 febbraio 2009

EXPO 2015 Infrastrutture e sistema della mobilità per l Expo l. MOBILITY CONFERENCE Milano, 10 febbraio 2009 EXPO 2015 Infrastrutture e sistema della mobilità per l Expo l 2015 MOBILITY CONFERENCE Milano, 10 febbraio 2009 LE OPERE ESSENZIALI (FONDI STATALI EXPO) PRIVATI PREVISTI COMUNI PROVINCIA REGIONE INTERVENTI

Dettagli

Agenda 21 Locale Il Piano d Azioned

Agenda 21 Locale Il Piano d Azioned Agenda 21 Locale Il Piano d Azioned Comunità Montana della Valle Trompia Comuni di: Gardone V.T., Sarezzo, Marcheno, Vila Carcina, Concesio AUTOVEICOLI CIRCOLANTI OGNI 1.000 ABITANTI Numero di automobili

Dettagli

La Città di Palermo laboratorio di mobilità sostenibile 2009 2020

La Città di Palermo laboratorio di mobilità sostenibile 2009 2020 La Città di Palermo laboratorio di mobilità sostenibile 2009 2020 CESARE LAPIANA Assessore all Ambiente del Comune di Palermo La mobilità nella Città di Palermo 1. MANCANZA DI FLESSIBILITÀ NEL COMPLESSO

Dettagli

4.2 METROPOLITANA DI GENOVA

4.2 METROPOLITANA DI GENOVA 4.2 METROPOLITANA DI GENOVA OBIETTIVO DELL INTERVENTO DESCRIZIONE DELL INTERVENTO Questo intervento comprende la prosecuzione dei lavori per la metropolitana di Genova. Ad oggi sono operativi 5,2 chilometri,

Dettagli

Servizio Ferroviario Metropolitano Bolognese. Collegamento tra la Stazione Centrale di Bologna e la Fiera SFM 6. Elementi di fattibilità.

Servizio Ferroviario Metropolitano Bolognese. Collegamento tra la Stazione Centrale di Bologna e la Fiera SFM 6. Elementi di fattibilità. Servizio Ferroviario Metropolitano Bolognese Collegamento tra la Stazione Centrale di Bologna e la Fiera SFM 6 Elementi di fattibilità Ottobre 2011 Collegamento tra la Stazione Centrale di Bologna e la

Dettagli

Mobilità, trasporti e vettore idrogeno

Mobilità, trasporti e vettore idrogeno Mobilità, trasporti e vettore idrogeno Angelo Tartaglia 21-2-2009 Centro Studi Sereno Regis 1 Fabbisogno energetico crescente + 1,95% all anno in 25 anni 21-2-2009 Centro Studi Sereno Regis 2 Mobilità:

Dettagli

area tematica: MOBILITÀ TRASPORTI SISTEMA INFRASTRUTTURALE

area tematica: MOBILITÀ TRASPORTI SISTEMA INFRASTRUTTURALE Tabella A. area tematica: MOBILITÀ TRASPORTI SISTEMA INFRASTRUTTURALE sottotemi Analisi delle dinamiche e delle criticità Consistente pendolarismo caratterizzato da uno scarso uso del mezzo pubblico (gli

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA. FS SISTEMI URBANI S.r.l. RETE FERROVIARIA ITALIANA S.p.A. COMUNE DI SALERNO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO

PROTOCOLLO D INTESA TRA. FS SISTEMI URBANI S.r.l. RETE FERROVIARIA ITALIANA S.p.A. COMUNE DI SALERNO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO PROTOCOLLO D INTESA TRA FS SISTEMI URBANI S.r.l. RETE FERROVIARIA ITALIANA S.p.A. COMUNE DI SALERNO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO PER LA RIQUALIFICAZIONE DELL AREA DELLA STAZIONE FERROVIARIA E DELLO

Dettagli

Fa stato il discorso orale. Egregi signori, Gentili signore,

Fa stato il discorso orale. Egregi signori, Gentili signore, Discorso pronunciato dal Consigliere di Stato Michele Barra in occasione dell inaugurazione del Convegno Sfide e opportunità della grande mobilità organizzato da Lions Regio Insubrica Mendrisio, 5 ottobre

Dettagli

Grandi opere a Modena

Grandi opere a Modena Dossier Modena MOLTI LAVORI PER UNA CITTÀ MEDIA CHE VUOLE RESTARE TALE Grandi opere a Modena FABRIZIO BONOMO FERROVIE DELLO STATO Veduta dell interconnessione ovest di Modena 121 strade & costruzioni Modena

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

Convegno Infrastructura L innovazione nelle infrastrutture di trasporto IV Sessione Le esigenze delle utenze e le modalità di utilizzo

Convegno Infrastructura L innovazione nelle infrastrutture di trasporto IV Sessione Le esigenze delle utenze e le modalità di utilizzo Assessorato ai Trasporti Convegno Infrastructura L innovazione nelle infrastrutture di trasporto IV Sessione Le esigenze delle utenze e le modalità di utilizzo La mobilità delle persone in ambito urbano

Dettagli

L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse

L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse di Giancarlo Dosi L utilità dei dispositivi di sicurezza L utilità del casco e delle cinture di sicurezza è ormai fuori discussione.

Dettagli

1.I servizi di trasporto pubblico a Berlino

1.I servizi di trasporto pubblico a Berlino 1.I servizi di trasporto pubblico a Berlino BVG, che esercisce i servizi di mobilità collettiva nella città di Berlino, è la principale azienda di trasporto pubblico in Germania: trasporta 937 milioni

Dettagli

SOMMARIO 1 PREMESSA... 3 1.1 CAMPAGNA D INDAGINE MARZO 2010... 6

SOMMARIO 1 PREMESSA... 3 1.1 CAMPAGNA D INDAGINE MARZO 2010... 6 SOMMARIO 1 PREMESSA... 3 1.1 CAMPAGNA D INDAGINE MARZO 21... 6 1.1.1 Sezione 1 Via Milanese... 7 1.1.2 Sezione 2 Via Carducci... 8 1.1.3 Sezione 3 Via Marelli nord... 9 1.1.4 Sezione 4 Via Fiume... 1 1.1.5

Dettagli