IL PASSANTE DI MILANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL PASSANTE DI MILANO"

Transcript

1 MILANO FERROVIE IL PASSANTE DI MILANO Il collegamento ferroviario passante di Milano, al suo completamento, grazie a una linea di 10,4 chilometri in gran parte in galleria, e a sette stazioni, consentirà l integrazione tra le reti delle Ferrovie dello Stato e delle Ferrovie Nord Milano, con la possibilità di realizzare collegamenti regionali passanti e l interconnessione diretta con la rete di metropolitane e la necessità di un sistema di trasporto pubblico che possa offrire un servizio L importanza adeguato alle esigenze di mobilità nell area regionale più densamente popolata è all origine dell idea di un Servizio Ferroviario Regionale (Sfr), di cui il passante ferroviario di Milano è l elemento infrastrutturale fondamentale. La validità di questa impostazione risulta ampiamente confermata dalle scelte operate dalle principali metropoli europee e soprattutto dai risultati ottenuti in realtà dove ormai da decenni le reti tipo S-Bahn sono operative: basti pensare a Monaco, Parigi, Oslo, Zurigo. Il sistema ferroviario può infatti garantire un efficace rete di collegamenti locali, in un area di raggio chilometri, integrando la funzionalità della rete metropolitana milanese e garantendo nel contempo le connessioni con i servizi ferroviari a lunga percorrenza e con il sistema aeroportuale. Elementi necessari a livello infrastrutturale per realizzare un modello di esercizio che risponda ai suddetti obbiettivi sono: - la disponibilità di linee dedicate al servizio regionale, indispensabili più ci si avvicina al nodo; - materiale rotabile con adeguate caratteristiche prestazionali e di confort; - fermate opportunamente localizzate e dotate di parcheggi di corrispondenza e interscambi; - un sistema di controllo del traffico che garantisca regolarità di servizio, elevate frequenze, informazioni al pubblico tempestive. Il piano binari della stazione Repubblica del Passante di Milano. 21

2 FERROVIE PASSANTE DI MILANO COMMITTENZA Comune di Milano PROGETTO MM Metropolitana Milanese spa CARATTERISTICHE Stazioni: 7. Capacità massima di trasporto: 33 mila passeggeri/ora/direzione. Velocità massima dei treni: 60 km/h. Intervallo minimi fra treni: 3 minuti. Lunghezza della linea: 10,4 chilometri, di cui: metri per la tratta Certosa FS-Lancetti; per la tratta Bovisa FNM-Lancetti; metri per la tratta Lancetti-Vittoria; metri per tratta Vittoria-Rogoredo; metri per la tratta Vittoria-Bivio Lambro (Pioltello). In questo contesto nasce l idea del collegamento ferroviario passante, che grazie 10,4 chilometri di linea, in gran parte in galleria e a sette stazioni consentirà: l integrazione tra le reti FS e FNM, con il collegamento nella parte ovest, dal bivio di Lancetti, verso le stazioni di Bovisa FNM e Certosa FS; la possibilità di realizzare collegamenti non più attestati, ma per l appunto passanti, con i conseguenti vantaggi in termini sia di funzionalità di esercizio, che di qualità dell offerta; l interconnessione diretta con la rete di forza urbana, costituita in primo luogo dalle tre linee metropolitane in esercizio; l accesso diretto ad aree di Milano sia centrali, sia destinate a importanti insediamenti; l interscambio con i treni della futura rete AV nelle cosiddette stazioni porta di Certosa e Rogoredo. IL PROGETTO PASSANTE PER MILANO Con questi obbiettivi nel 1983 fu stipulata la Convenzione Generale tra Regione Lombardia, comune di Milano, Ferrovie dello Stato e Ferrovie Nord Milano, convenzione successivamente integrata da tre appendici che hanno portato all attuale definizione progettuale, con sette stazioni in luogo delle quattro originariamente previste e una serie di opere connesse anche di notevole importanza. È stata inoltre ridefinita la ripartizione dei costi e delle competenze: Ferrovie dello Stato realizza a propria cura e spese le tratte di connessione esterne (da Villapizzone a Certosa e da Vittoria a Bivio Lambro e a Rogoredo), oltre alla parte tecnologica per tutta la linea, ossia impianti di alimentazione, linea di contatto, segnalamento e controllo traffico. A carico di comune di Milano e Regione Lombardia, in misura paritetica, è invece la realizzazione delle opere civili di stazione e galleria, degli impianti e dell armamento della tratta urbana; con la convenzione stipulata nel 1984 i due Enti hanno affidato alla Metropolitana Milanese la concessione per la realizzazione delle opere di propria competenza, che ha pertanto sviluppato la progettazione a tutti i livelli, attivato gli appalti, fornito la direzione lavori e prestato tutte le attività necessarie per il completamento dell opera, curando anche espropri, collaudi, coordinamento dei lavori. IL TRACCIATO Come già accennato il collegamento ferroviario Passante attraversa la città di Milano da nord/ovest a est, con una galleria a doppio binario a sagoma ferroviaria; dal lato ovest i due allacciamenti alle reti Fnm e FS partano rispettivamente dalle stazioni di Bovisa e di Certosa; nella stazione di Bovisa Fnm, costituita da otto binari, quelli destinati al passante sono le due coppie più esterne, a loro METROPOLITANA MILANESE Profilo longitudinale del Passante di Milano, con le diramazioni verso Bovisa, a nord e, a sud-ovest, oltre la stazione di Vittoria. 22

3 PASSANTE DI MILANO FERROVIE Certosa; nel primo tratto affianca a raso prima i due binari della linea Certosa-Garibaldi e successivamente anche la coppia di binari della linea di cintura merci che da bivio Musocco si dirige allo scalo Farini. Poco prima dell inizio della trincea di imbocco alla galleria che parte al salto di montone sopra descritto è situata la stazione di Villapizzone. A valle della stazione Lancetti i quattro binari si raccordano due a due e imboccano due gallerie a singolo binario, che sottopassando lo scalo Farini e il fascio binari della stazione Garibaldi raggiungono l omonima fermata, realizzata con banchina centrale. Le gallerie, dal diametro interno di 6,90 metri, sono reavolta facenti capo alle linee per Saronno (direttrici Varese/Como/Malpensa-Novara) e per Seveso-Asso. La coppia dei binari più a ovest (linea Saronno) sottopassa i binari diretti a Cadorna e poco prima del cavalcavia Bacula entra in galleria congiungendosi a raso, in un camerone sotterraneo di bivio, con l altra coppia di binari (linea Seveso); da qui la linea prosegue sino al bivio con le linee FS, realizzato con un manufatto di scavalco sotterraneo, al fine di consentire l indipendenza delle due linee FS e Fnm sino alla stazione di Lancetti; il manufatto Aprica è stato realizzato in parte a cielo aperto in parte a foro cieco. Il raccordo con la rete FS arriva invece dalla stazione di In alto, schema generale del Passante, con indicati i tratti in progetto, in costruzione e già in esercizio. 23

4 FERROVIE PASSANTE DI MILANO lizzate a foro cieco utilizzando uno scudo fresante, per un estensione di circa 4 chilometri e a una profondità tra i 18 e i 20 metri; questo metodo ha consentito avanzamenti, a regime, sino a circa 470 metri al mese. Dopo la stazione Garibaldi la galleria procede a doppio binario sino a Vittoria, ed è stata realizzata interamente a foro cieco con metodo tradizionale: consolidamento, cunicolo di preavanzamento, completamento dello scavo, sottopassando, a una profondità variabile tra i 18 e i 21 metri, importanti arterie cittadine e le tre linee della metropolitana. La quota del piano del ferro risulta prevalentemente sotto il livello dell aves: questo fatto ha creato non pochi problemi in fase costruttiva, in particolare nella realizzazione della stazione Dateo. La tratta finale di galleria, prima della stazione Vittoria, realizzata a cielo aperto con metodo Milano, prevede un allargamento per il passaggio da due a quattro binari; dopo la stazione le linee riprendono quota prima in galleria poi in trincea, svincolandosi a cielo aperto con un salto di montone nelle due direzioni: a nord/est verso bivio Lambro, dove si innestano nella linea per Pioltello- Treviglio; a sud/est per Rogoredo, verso le direttrici di Piacenza e Pavia. LE STAZIONI I manufatti delle stazioni rappresentano tutti delle opere non indifferenti, sia dal punto di vista dimensionale che da quello costruttivo. La lunghezza di banchina di 250 metri, imposta dal dimensionamento in massima composizione dei rotabili previsti per l Sfr e la presenza di corrispondenze importanti hanno comportato volumi sotterranei fino a cinque volte quelli delle stazioni di metropolitana. Come già accennato le quattro stazioni più centrali costituiscono corrispondenze con la rete di forza urbana: Garibaldi con la linea metropolitana 2 e la futura M5, Repubblica con la M3, Venezia con la M1 e Dateo con la futura M4. Le stazioni di Lancetti e Vittoria, ambedue a quattro binari, costituiscono le stazioni-porta della tratta urbana: situate in zone di sviluppo urbanistico costituiranno un elemento di attrazione per futuri insediamenti; in particolare Lancetti è situata nell area dello scalo Farini, per il quale è previsto nel giro di 2/3 anni la dismissione e la relativa valorizzazione; la stazione Vittoria occupa invece parte dell area della precedente stazione di superficie, area che sarà interessata da una riqualificazione totale, sia da parte del Comune di Milano, che vi prevede l insediamento della nuova biblioteca a aree a verde, che da parte di FS, con la realizzazione di edifici con varie destinazioni. Date le dimensioni notevoli, dovute sia ai quattro binari che alle tratte di interconnesione degli stessi, le due stazioni sono realizzate interamente a cielo aperto, f a t t o resosi METROPOLITANA MILANESE In alto, particolare della fresa che ha effettuato lo scavo delle gallerie di linea del passante di Milano. Sezione longitudinale del settore occidentale della stazione Repubblica e dell uscita sulla testata ovest. 24

5 METROPOLITANA MILANESE praticabile occupando aree al di fuori della viabilità urbana e degli insediamenti esistenti. Per le stazioni di Garibaldi, Repubblica, Dateo e Venezia, inserite in pieno nel tessuto urbano, si è adottata la costruzione in parte a cielo aperto in parte a foro cieco per le prime tre, totalmente a foro cieco per Venezia, per la quale è stato adottato il sistema dell arco cellulare, che ha consentito di realizzare una galleria di diametro interno 22,8 metri comprendente il piano binari con le due banchine e il piano mezzanino sospeso alla volta a mezzo di tiranti. Altrettanto notevoli gli aspetti legati alla costruzione della stazione Repubblica, sia per l interscambio con la linea 3 che per la presenza in fregio alla stazione del grattacielo di Milano ; si sono infatti dovute adottare particolari precauzioni in fase costruttiva per contenere il più possibile i cedimenti del terreno, accompagnate da un attento monitoraggio durante gli scavi. Per quanto riguarda infine la stazione di Villapizzone, pur essendo l unica a raso di tutta la linea, presenta una serie di difficoltà costruttive in quanto il piano atrio e i locali tecnologici sono interamente in sotterraneo, così come banchine e pensiline, e vengono realizzati per fasi sotto sei binari tutti in esercizio. A differenza delle stazioni della metropolitana quelle del passante ferroviario presentano caratteristiche architettoniche molto differenti una dall altra; inoltre ai piani intermedi sono disponibili ampi spazi per l inserimento di attività commerciali. I vari livelli di ogni stazione e il piano stradale esterno sono collegati sia con scale mobili che con ascensori, al fine di garantire la massima accessibilità; le sistemazioni degli accessi superficiali hanno portato, come in piazza Sezione trasversale della parte intermedia della stazione Garibaldi, presso l interconnessione con la metropolitana 2. 25

6 FERROVIE PASSANTE DI MILANO METROPOLITANA MILANESE Santa Francesca Romana, a nuove configurazioni nell arredo urbano. Infine vanno citati, tra le opere di sistemazione viaria connesse al passante, due interventi particolarmente significativi: il primo è il cavalcavia di via Palizzi, che ha sostituito il precedente vetusto ponte sulla ferrovia con un viadotto stradale a due carreggiate e un ponte strallato riservato alla linea tranviaria. Il secondo, a lato della stazione Villapizzone, è il sottovia Lambruschini, pure a due carreggiate, realizzato con spingitubo sotto i quattro binari FS in sostituzione del preesistente passaggio a livello; questo collegamento unitamente alla stazione di Villapizzone, servirà efficacemente l area di Bovisa, dove è previsto l insediamento della nuova sede del Politecnico. TECNOLOGIE E MATERIALE ROTABILE Dal punto di vista degli impianti civili ed elettroferroviari va menzionato in particolare l armamento, di tipo antivibrante, le cui caratteristiche sono state definite da MM spa dopo una serie di sperimentazioni, per attenuare al meglio le vibrazioni e i rumori prodotti dai convogli in transito. Per quanto riguarda la sicurezza MM spa ha sviluppato e realizzato il progetto degli impianti antincendio, sia per la parte rivelazione fumi e controllo temperature in galleria che per la parte ventilazione, così da garantire l evacuazione in sicurezza dei passeggeri. Da parte FS è stato curato il sistema di alimentazione dei treni a 3kV da catenaria, collegato alle due nuove sottostazioni elettriche localizzate a Certosa e a Vittoria, ciascuna dotata di tre gruppi di conversione da 3,6 MW. L impianto di segnalamento previsto a regime per il In alto, veduta delle uscite principali della stazione Repubblica, al centro delle lunghe banchine. 26

7 PASSANTE DI MILANO FERROVIE Passante prevede un sistema di blocco con sezioni limitate a 450 m, così da permettere in funzione della velocità massima di 60 chilometri/ora un distanziamento minimo tale da garantire le elevate frequenze richiesta dal programma di esercizio, pari a 16 treni/ora per direzione nell orario di punta. L assistenza al pubblico è realizzata con impianti teleindicatori e monitor opportunamente dislocati nelle stazioni e di impianti di diffusione sonora, il tutto collegato e un sistema centrale di supervisione. Infine, il materiale rotabile: FS e Fnm hanno recentemente acquistato, sulla base di un capitolato tecnico comune, i cosiddetti Taf (treni ad alta frequentazione), convogli costituiti da due motrici e due rimorchiate a due piani, Sezione longitudinale del settore centrale della stazione Repubblica, dove si trovano le uscite principali. Sopra, particolare della sezione trasversale della stazione Repubblica, in corrispondenza con le uscite principali. 27

8 FERROVIE PASSANTE che offrono una capienza di 874 posti, di cui 476 a sedere, su una lunghezza di 103 metri; elementi fondamentali sono la facilità di incarrozzamento, il confort sia in termini di ambientazione e di tipo di sedili che di climatizzazione grazie all impianto di condizionamento, le prestazioni in accelerazione. COSTI E FINANZIAMENTI La previsione di spesa, per la parte di competenza del Comune di Milano e della Regione Lombardia, è pari a miliardi, totalmente finanziati; questo importo è stato già in buona parte utilizzato e, mancando ormai solo poche opera da appaltare, può essere ragionevolmente considerato come definitivo; in esso sono compresi circa miliardi per le opere di linea e di stazione (manufat- Sopra, schemi con le diverse fasi di scavo e costruzione della stazione Venezia. Sezione longitudinale della testata orientale della stazione Repubblica. 28

9 PASSANTE DI MILANO FERROVIE ti, gallerie, impianti, armamento), 40 miliardi per opere complementari (sistemazioni superficiali, cavalcavia, sottopassi), 48 miliardi per espropri, sistemazioni di sottoservizi, prove e indagini, collaudi, la restante quota per le attività di project management, progettazione, direzione lavori, collaudi e infine 99 miliardi di Iva. Va rilevato che ancora nel 1989 la stima di costo era indicata in 1848 miliardi, importo che non comprendeva né le stazioni di Villapizzone e Vittoria, né il cavalcaferrovia Palizzi, ed era calcolato con l Iva al 4 per cento. Successivi risparmi negli appalti hanno consentito non solo di ridurre il costo generale, ma anche di inserire le opere sopra ricordate, realizzando tra l altro la stazione Vittoria in sotterraneo anziché in superficie come originariamente previsto. L elemento negativo nell evoluzione dell opera è stata la lunghezza dei tempi di costruzione; un fattore decisivo ha giocato l irregolarità dei finanziamenti, e rispetto alle decisioni si sono verificati ritardi in più riprese e di notevole entità: basti ricordare i quasi due anni dei 485 miliardi previsti dalla Finanziaria 1988 o i quattro anni per i 634 miliardi della Finanziaria 1990, poi ridottosi a 488, per finire con i 145 miliardi della Finanziaria 1997, il cui ritardo ha provocato l annullamento della gara per le opere al rustico della stazione Vittoria. L irregolarità del Sopra, sezione trasversale tipo della stazione Venezia. In alto, particolare dell inserimento dei tubi che compongono l arco cellulare della stazione Venezia. Sopra, particolare del piano atrio della stazione Venezia. 29

10 FERROVIE PASSANTE DI MILANO METROPOLITANA MILANESE flusso finanziario ha comportato inoltre il frazionamento dei lavori secondo criteri di esigenze finanziarie più che per motivazioni tecniche, impedendo l adozione estesa di tecnologie quali lo scudo meccanizzato; va infine ricordato il complesso iter di approvazioni da parte dei vari Enti interessati, iter che non avendo spesso vincoli di termini ha aumentato l indeterminatezza della tempistica generale. FASI DI ATTIVAZIONE E PROGRAMMA D ESERCIZIO Dal 1983, data di sottoscrizione della Convenzione tra Comune di Milano, Regione Lombardia, Ferrovie dello Stato e Ferrovie Nord Milano, sono trascorsi 14 anni per giungere all inaugurazione della prima tratta, da Bovisa Fnm a Venezia, avvenuta nel dicembre 1997; è stato comunque un primo segnale visibile anche al pubblico della potenzialità tecnica di questa infrastruttura e del Sezione della parte centrale della stazione Dateo. Sezione trasversale della stazione Vittoria. 30

11 PASSANTE DI MILANO FERROVIE livello di servizio che sarà in grado di offrire a regime. Dal maggio 1999 è stato attivato il collegamento con la rete FS lato Certosa, con l apertura all esercizio della tratta Lancetti-Certosa di circa 3,7 chilometri, con esclusione della stazione intermedia di Villapizzone che potrà essere attivata nel 2002; questo ha permesso il passaggio dall iniziale servizio navetta tra Bovisa Fnm e Venezia (sei treni/ora per direzione) a due treni/ora da/per Saronno, Seveso e Gallarate/Varese, integrati nella fascia di punta da ulteriori due treni in servizio navetta, per un totale di otto treni/ora per direzione; con questa fase è stato inoltre esteso a buona parte dei treni l utilizzo del nuovo materiale rotabile a due piani Taf. Sui 9,3 chilometri di binario che separano le stazioni di Bovisa Fnm e Certosa FS da Venezia, passando per Lancetti, Garibaldi e Repubblica, oggi transita nella fascia di punta un treno per direzione ogni 7-8 minuti circa, trasportando mediamente ogni giorno 37 mila passeggeri, che trovano corrispondenza con tutte e tre le linee metropolitane. Il servizio si svolge dalle 6.30 alle e offre nuove opportunità di mobilità sulla direttrice est-ovest, connet- tendo importanti insediamenti (area Bovisa-Politecnico) e zone precedentemente servite dal mezzo pubblico con un più basso livello qualitativo (Lancetti). Attualmente sono aperti diversi cantieri: in particolare sono in corso lavori di finiture, impianti e armamento della tratta Venezia-Dateo, così da consentire per il 2001 l apertura all esercizio di un ulteriore stazione, avanzando il capolinea a Dateo, altra zona cui verrà offerto un livello di servizio più elevato dell attuale. I lavori per le opere al rustico di galleria oltre Dateo e della stazione Vittoria sono stati appaltati da MM spa nel 1999; l ultimazione è prevista per inizio In tale data verrà anche aperto il collegamento lato Pioltello, e il Passante risulterà finalmente passante ; la messa in servizio del ramo lato Rogoredo, per difficoltà legate anche allo spostamento dello scalo merci, avverrà solo nel Al 2005 l ipotesi di Servizio ferroviario regionale prevede il transito nel passante a regime di 442 treni/giorno, riportati su cinque linee: Novara-Lodi, Gallarate- Codogno, Malpensa-Bergamo, Saronno-Treviglio e Seveso-Pavia, rinforzate da corse barrate tra le stazioni di porta; questo livello di servizio rivoluzionerà, unitamente alla realizzazione dei collegamenti AV su Milano, la gestione della circolazione dei treni nel nodo. Gli standard di servizio che ci si propone di offrire saranno realizzabili solo se contestualmente verranno completate una serie di opere sulle linee afferenti al nodo (quadruplicamenti lato Piacenza, Treviglio, Novara) e che permetteranno ai traffici merci di aggirare Milano. Il tempo trascorso tra l ideazione del Passante e il suo totale completamento (più di 20 anni) dovuto in parte a motivi tecnici, ma principalmente a discontinuità nella disponibilità dei finanziamenti evidenzia l urgenza di pianificare fin d ora con anticipo e lungimiranza le infrastrutture che dovranno rinforzare la rete di forza dell area metropolitana milanese nel nuovo secolo. Marco Broglia Sopra, vista del piano atrio della stazione Dateo, in fase di completamento. Veduta dei lavori di scavo della stazione Vittoria. 31

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA Intervista all Ing. Mercatali di RFI Metrogenova.com ha recentemente incontrato l ingegner Gianfranco Mercatali, Direttore Compartimentale Infrastruttura di

Dettagli

20 novembre 2013. Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione

20 novembre 2013. Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione 20 novembre 2013 Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione PRINCIPALI INTERVENTI SU GOMMA PREVISTI NELLA REGIONE URBANA MILANESE La rete in gestione:

Dettagli

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali,

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali, Messaggio municipale 7/2012 accompagnante la richiesta di un credito di fr. 700'000 per la progettazione definitiva della tappa prioritaria della rete tram Signor Presidente, signore Consigliere comunali,

Dettagli

Antonello Aurigemma Assessore alle Politiche della Mobilità di Roma Capitale

Antonello Aurigemma Assessore alle Politiche della Mobilità di Roma Capitale Antonello Aurigemma Assessore alle Politiche della Mobilità di Roma Capitale La principale sfida che ci siamo trovati di fronte nel 2008, anno di insediamento della nuova Amministrazione Capitolina, è

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA

VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA Responsabile del procedimento arch. Sergio Manto SCR Piemonte S.p.A. Referenti del R.U.P. ing. Claudio Trincianti - arch. Massimo Morello Progettisti Sina S.p.A.

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

Codifica: RFI DMO TVM LG SVI 001 A I.1 SCOPO I.2 CAMPO DI APPLICAZIONE I.3 DOCUMENTI CORRELATI I.4 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI

Codifica: RFI DMO TVM LG SVI 001 A I.1 SCOPO I.2 CAMPO DI APPLICAZIONE I.3 DOCUMENTI CORRELATI I.4 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI 1 di 29 PROGETTAZIONE DI PICCOLE STAZIONI E PARTE I PARTE TITOLO I.1 SCOPO I.2 CAMPO DI APPLICAZIONE I.3 DOCUMENTI CORRELATI I.4 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI PARTE II II.1 METODOLOGIA PER IL DIMENSIONAMENTO

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

CAPITOLO 3 CARATTERISTICHE DELL INFRASTRUTTURA

CAPITOLO 3 CARATTERISTICHE DELL INFRASTRUTTURA CAPITOLO 3 CARATTERISTICHE DELL INFRASTRUTTURA 3.1 INTRODUZIONE (aggiornamento dicembre 2013) Il capitolo descrive le principali caratteristiche delle linee e degli impianti che costituiscono l infrastruttura

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale COMUNE DI VENEZIA Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale N. 87 DEL 14 MAGGIO 2015 E presente il COMMISSARIO STRAORDINARIO: VITTORIO

Dettagli

La linea Genova-Ventimiglia IL RADDOPPIO DEL TRATTO ANDORA-SAN LORENZO LE NUOVE STAZIONI DI IMPERIA, DIANO E ANDORA

La linea Genova-Ventimiglia IL RADDOPPIO DEL TRATTO ANDORA-SAN LORENZO LE NUOVE STAZIONI DI IMPERIA, DIANO E ANDORA La linea Genova-Ventimiglia IL RADDOPPIO DEL TRATTO ANDORA-SAN LORENZO LE NUOVE STAZIONI DI IMPERIA, DIANO E ANDORA La linea Genova-Ventimiglia IL RADDOPPIO DEL TRATTO ANDORA-SAN LORENZO LE NUOVE STAZIONI

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7 Oggetto: Aiuto di Stato N 540/2009 - Francia Proroga dell aiuto NN 155/2003 Realizzazione di un servizio sperimentale di autostrada ferroviaria e Aiuto

Dettagli

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo del Trasporto Ferroviario e dell Alta Velocità in Italia Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo della mobilità in treno: i grandi corridoi europei La rete TEN (Trans European Network) gioca un ruolo

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Bisi & Merkus Studio Associato Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Comune di castelnovo ne monti \ Progettista

Dettagli

AVVISO AGLI UTENTI. Autolinea z150 Cantù Milano (Comasina M3) Transito dalla stazione di Camnago - Lentate

AVVISO AGLI UTENTI. Autolinea z150 Cantù Milano (Comasina M3) Transito dalla stazione di Camnago - Lentate AP AU nr. 11/2015 AVVISO AGLI UTENTI Data emissione 21 Gennaio 2015 Autolinea z150 Cantù Milano (Comasina M3) Transito dalla stazione di Camnago - Lentate Si informa la Gentile Clientela che a partire

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

Il Piano di sviluppo del teleriscaldamento nell area metropolitana torinese

Il Piano di sviluppo del teleriscaldamento nell area metropolitana torinese Il Piano di sviluppo del teleriscaldamento nell area metropolitana torinese Alberto Cucatto Provincia di Torino Servizio Qualità dell aria e Risorse Energetiche Giugno 2006 Analisi delle possibilità di

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE Alcuni criteri di pianificazione delle rotatorie Cenni alla manualistica della Regione Piemonte, della Regione Lombardia e di altri Paesi europei Torino, 14 DICEMBRE

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

Le prossime 6 domande fanno riferimento alla seguente tavola di orario ferroviario

Le prossime 6 domande fanno riferimento alla seguente tavola di orario ferroviario Esercizi lezioni 00_05 Pag.1 Esercizi relativi alle lezioni dalla 0 alla 5. 1. Qual è il fattore di conversione da miglia a chilometri? 2. Un tempo si correva in Italia una famosa gara automobilistica:

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

Documento di posizione AISCAT su:

Documento di posizione AISCAT su: Documento di posizione AISCAT su: Consultazione UE sul Rapporto del Gruppo ad Alto Livello in merito all estensione dei principali assi delle Reti transeuropee ai paesi vicini dell UE Roma, gennaio 2006

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

FPA PROGETTI. presentazione SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971

FPA PROGETTI. presentazione SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971 presentazione FPA PROGETTI SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971 1 1. DATI SOCIETÀ FPA PROGETTI SRL SEDE IN MILANO VIA PALMANOVA 24 20132 TEL.02/2360126 02/26681716

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

Capitolato prestazionale di progetto OPERE STRADALI

Capitolato prestazionale di progetto OPERE STRADALI Capitolato prestazionale di progetto OPERE STRADALI Layout Giulio Andreolli Studio Massimo Zuani Grafica digitale Pierluigi Moschini Stampa Tipoffset Moschini Ordine degli Ingegneri della Provincia di

Dettagli

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 documento redatto sulla base del questionario CIO Candidature Acceptance Procedure Games of the XXXI Olympiad 2016 PREMESSA ESTRATTO

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC Riferimento al linguaggio di programmazione STANDARD ISO 6983 con integrazioni specifiche per il Controllo FANUC M21. RG - Settembre 2008

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta PREMESSA L itinerario lungo il corso del fiume Brenta è motivato dalla presenza di un area di notevole interesse ambientale che merita una sua specifica valorizzazione anche a livello di turismo minore

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

Correnti Vaganti 29/10/2007 9.18. GRIFONE\Road Show Presentation\New Road Show Presentation\19 Road-Show presentation (No Pansa).ppt 1.

Correnti Vaganti 29/10/2007 9.18. GRIFONE\Road Show Presentation\New Road Show Presentation\19 Road-Show presentation (No Pansa).ppt 1. Correnti Vaganti Introduzione Correnti Vaganti Una struttura metallica in un mezzo avente conducibilità ionica, quale ad esempio acqua, terreno o calcestruzzo, nel quale sia presente un campo elettrico

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

LA MOTRICE TRANVIARIA T.I.P. N 3

LA MOTRICE TRANVIARIA T.I.P. N 3 LA MOTRICE TRANVIARIA T.I.P. N 3 La Storia 1827 Oltre ai trasporti fluviali, Milano instaura regolari trasporti terrestri a mezzo diligenze, con veicoli leggeri, i cosiddetti Velociferi, per i collegamenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE COMUNE DI FAENZA SETTORE LAVORI PUBBLICI REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI LAVORI DI SCAVO SU SUOLO PUBBLICO Regolamento approvato con atto C.C. verbale n. 275 del 15/11/2010 - prot. n. 44926 del 19/11/2010

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

PARTENARIATO PUBBLICO PRIVATO

PARTENARIATO PUBBLICO PRIVATO 10 ANNI DI PARTENARIATO PUBBLICO PRIVATO IN ITALIA INDICE DEI CONTENUTI 1 INDICE Introduzione Definizioni e procedure di PPP PARTE PRIMA 1. IL MERCATO DELLE OPERE PUBBLICHE 2. IL MERCATO DEL PARTENARIATO

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

ALLEGATO N. 1 ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI

ALLEGATO N. 1 ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI ALLEGATO N. 1 (aggiornato G.U.R.I. N. 96 26/04/2014) ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI (Barrare la categoria di specializzazione SOA) Categorie opere generali (ex D.P.R.

Dettagli

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Il calcolo elettrico delle linee a corrente continua ha come scopo quello di determinare la sezione di rame della linea stessa e la distanza tra le sottostazioni,

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO. AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.EU Tra le giornate di martedì 7 e venerdì 10 Settembre 2010, il Veneto è stato interessato

Dettagli

ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO

ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO Istruzioni per la compilazione delle schede versione 1.0 La definizione di CLE Si definisce come Condizione Limite per l

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Nuovi ascensori per edifici preesistenti. ThyssenKrupp Elevator Italia

Nuovi ascensori per edifici preesistenti. ThyssenKrupp Elevator Italia Nuovi ascensori per edifici preesistenti ThyssenKrupp Elevator Italia Chiedete il meglio Tecnologia Design Servizio Qualità ThyssenKrupp Elevator Italia offre il proprio know-how tecnico al servizio di

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 La spesa complessiva

Dettagli

RETE DI TRASPORTO. guida per i passeggeri con disabilità

RETE DI TRASPORTO. guida per i passeggeri con disabilità ATM RETE DI TRASPORTO guida per i passeggeri con disabilità PREMESSA Nel corso degli anni gli investimenti per l abbattimento delle barriere architettoniche legate al trasporto pubblico cittadino sono

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

Classificazione e analisi delle tratte stradali a maggior rischio

Classificazione e analisi delle tratte stradali a maggior rischio AIPCR - Comitato Tecnico Nazionale C. Infrastrutture Stradali più Sicure 008-0 WORKSHOP La DIRETTIVA 008/96/CE Roma, 9 luglio 009 Classificazione e analisi delle tratte stradali a maggior rischio Davide

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9 La precedenza ed io Sommario Pagina Regole fondamentali 3 Prudenza con i pedoni 5 I mezzi di trasporto pubblici 7 La precedenza da destra 9 Segnali stradali 10 Segnali luminosi 12 Il traffico in senso

Dettagli

ATM PER I GIOVANI E PER GLI STUDENTI

ATM PER I GIOVANI E PER GLI STUDENTI ATM PER I GIOVANI E PER GLI STUDENTI EDIZIONE MARZO 015 ABBONARSI AI MEZZI ATM 1 ATM, per rispondere alle diverse esigenze di mobilità, offre ai giovani e agli studenti una serie di agevolazioni sull acquisto

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN **

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN ** Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. approva il Bilancio Consolidato Intermedio al 31 marzo 2015: Traffico passeggeri in crescita del 4,5% nel primo trimestre

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO Gli impianti idroelettrici Iren Energia è la società del Gruppo Iren che opera nei settori della produzione e distribuzione di energia

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria

Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria Ing. Antonino Oscar Di Tommaso Università degli Studi di Palermo DIEET (Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Elettronica e delle Telecomunicazioni) Ing.

Dettagli

PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica

PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica ALLEGATO F PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica Appalto n. 1649 - S.P. n. 29 del Colle di Cadibona. Lavori di adeguamento del tracciato stradale

Dettagli

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee Quale governance per le Aree metropolitane europee? Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee METREX Nye Bevan House 2 20

Dettagli

MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C.

MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C. 1 MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C. Marino prof. Mazzoni Evoluzione delle macchine utensili Quantità di pezzi 10 10 10 10 6 5 4 3 10 2 1 2 1-MACCHINE SPECIALIZZATE 2-MACCHINE TRANSFERT 3-SISTEMI FLESSIBILI

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli