1) L'imballaggio più il suo contenuto di materia pericolosa V. 2) Il prodotto finale dell'operazione d'imballaggio pronto per la spedizione V

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1) L'imballaggio più il suo contenuto di materia pericolosa V. 2) Il prodotto finale dell'operazione d'imballaggio pronto per la spedizione V"

Transcript

1 3001 Cosa s'intende per collo? 1) L'imballaggio più il suo contenuto di materia pericolosa 2) Il prodotto finale dell'operazione d'imballaggio pronto per la spedizione 3) L'imballaggio o recipiente pronto per essere riempito di merce pericolosa 4) Un recipiente, gli elementi di chiusura (tappi) e accessori (protezioni) che lo rendono sicuro 5) Un recipiente in vetro o porcellana o gres, più il suo contenuto, protetto dagli urti da un imballaggio esterno 6) Un fusto vuoto mai utilizzato 3002 Per collo s'intende: 1) Una tanica riempita di acetone della classe 3 2) Un sacco in plastica riempito con 25 kg di idrossido di sodio in scaglie della classe 8 3) Una bombola di 50 l, contenente gas metano della classe 2 4) Una cisterna di 1000 l, solidamente e permanentemente fissata al telaio di un autoveicolo 5) Un imballaggio composito costituito da un recipiente interno in plastica ed un imballaggio esterno in metallo 6) Un piccolo container avente un volume interno di 2 mc caricato con casse di legno contenenti naftalina raffinata della classe Cosa s' intende per imballaggio? 1) Un recipiente e gli elementi o accessori che gli permettono di contenere la merce 2) Un collo pronto per la spedizione 3) Un fusto metallico avente capacità superiore a 650 l 4) Un sacco in polietilene (plastica) adatto a contenere 25 kg di materia corrosiva in scaglie 5) Una tanica, fusto, cassa, botte in legno ecc. che possono contenere una massa netta massima di 400 kg 6) Una tanica, fusto, cassa, botte in legno ecc. tutti aventi volume superiore a 450 l 3006 Per imballaggio s' intende: 1) Una tanica, fusto, cassa, botte in legno ecc. che possono contenere una massa netta massima di 400 kg 2) Una tanica, fusto, cassa, botte in legno ecc. di capacità massima di 450 l o che contengono una massa netta massima di 400 kg

2 3) Un imballaggio composito costituito da un recipiente interno in plastica ed un imballaggio esterno in metallo 4) Una tanica, fusto, cassa, botte in legno ecc. che possono contenere una massa netta massima di 500 kg 5) Un grosso sacco in materiale tessile avente una capacità di 4000 l 6) Un imballaggio combinato insieme al suo contenuto 3011 I GR o IBC o GIR = grandi recipienti per sfusi: 1) Sono considerati imballaggi dall'adr 2) Quando sono riempiti possono essere chiamati colli 3) Hanno capacità massima di 3000 l 4) Hanno capacità superiore a 3000 l ma inferiore a 5000 l 5) Sono muniti di blocchi d'angolo come i container 6) Avendo capacità superiore a 1000 l, sono considerati cisterne 3013 I grandi recipienti per sfusi (IBC o GR o GIR): 1) Sono concepiti per una facile movimentazione meccanica a mezzo presa per forche con transpallet 2) Sono imballaggi rigidi, semirigidi o soffici che possono contenere materie pericolose solide o liquide 3) Durante il trasporto devono essere fissati all'interno del vano di carico per impedire movimenti laterali e longitudinali 4) Devono avere blocchi d'angolo solo nella parte inferiore 5) Possono essere caricati con gas liquefatti o disciolti della classe 2 6) Se hanno volume compreso tra 1 mc e 3 mc sono considerati piccoli container 3015 Il recipiente munito di presa per forche, avente capacità 3000 l, senza blocchi d'angolo, può essere: 1) Un grande imballaggio 2) Un GIR o GR o IBC 3) Un piccolo container 4) Un grande recipiente per sfusi 5) Un cassone

3 6) Un container cisterna 3051 Il produttore del collo o il caricatore o lo speditore: 1) Devono riempire gli imballaggi tenendo conto del vuoto minimo a seconda della materia 2) Devono lasciare un vuoto di sicurezza variabile dal 3 al 10% del volume totale dell'imballaggio, quando lo riempiono di materie liquide 3) Devono riempire gli imballaggi tenendo conto dello sbattimento del liquido ai fini della stabilità del veicolo 4) Non hanno l'obbligo di sistemare in modo corretto, un imballaggio interno in uno esterno 5) Possono riempire un imballaggio al 50% del suo volume totale 6) Possono riempire un imballaggio completamente (a tappo) di liquido pericoloso 3101 Condizioni generali degli imballaggi: 1) Devono essere ben costruiti e a perfetta tenuta 2) È ammesso che presentino piccoli sgocciolamenti del loro contenuto 3) In linea di massima possono essere chiusi con nastri o fili metallici 4) Le loro pareti esterne devono essere ben pulite 5) Possono essere spediti se presentano tracce di materia sulle pareti esterne 6) Devono sopportare l'umidità e le variazioni di pressione 3201 Un imballaggio cilindrico in legno naturale a pareti bombate, munito di cerchi è: 1) Una botte in legno 2) Una tanica 3) Un fusto 4) Un sacco 5) Un imballaggio composito in plastica 3203 Un imballaggio in metallo o in plastica, a sezione rettangolare o poligonale è: 1) Una cassa

4 2) Un fusto 3) Una tanica 4) Un sacco 3205 Un imballaggio a pareti piane in metallo, legno, cartone o plastica, senza fori o orifizi è: 1) Una cassa 2) Un fusto 3) Una tanica 4) Un sacco 5) Un imballaggio composito in vetro 3207 Un imballaggio cilindrico a fondo piatto o bombato, in acciaio o alluminio o cartone o plastica è: 1) Un fusto 2) Una botte di legno 3) Una tanica 4) Un imballaggio composito in plastica 5) Una cassa 3251 Gli imballaggi usuali per i gas della classe 2, sono: 1) I fusti aventi capacità fino a 450 l 2) Le bombole con capacità fino a 150 l 3) usti a pressione aventi capacità compresa tra 150 l e1000 l 4) Le bombolette aerosol (per insetticidi o cosmetici) aventi capacità fino a 1 l 5) I grandi serbatoi aventi capacità superiori a 1000 l 6) Le bombole aventi capacità superiore a 1000 l ma inferiore a 3000 l 3253 Le materie della classe 3 possono essere imballate in:

5 1) usti o taniche in acciaio, alluminio o plastica 2) In normali casse di legno 3) In casse in legno rivestite internamente con appropriati materiali impermeabili 4) In imballaggi compositi in plastica o vetro 5) In sacchi in tessuto 6) In fusti di cartone 3261 Quale figura mostra un fusto? 1) igura n 43 2) igura n 44 3) igura n 45 4) igura n Quale figura mostra una botte di legno? 1) igura n 40 2) igura n 43 3) igura n 44 4) igura n Quale figura mostra una tanica? 1) igura n 39 2) igura n 40 3) igura n 43 4) igura n Quale figura mostra una cassa? 1) igura n 44

6 2) igura n 45 3) igura n 46 4) igura n Quale figura mostra un sacco? 1) igura n 45 2) igura n 44 3) igura n 43 4) igura n Quale figura mostra una bombola? 1) igura n 46 2) igura n 45 3) igura n 44 4) igura n L'imballaggio rappresentato in figura n 43 è uno/una? 1) usto 2) Botte di legno 3) Cassa 4) Bombola 3283 L'imballaggio rappresentato in figura n 40 è uno/a: 1) Botte di legno 2) Imballaggio composito 3) Bombola 4) GR o IBC

7 3285 L'imballaggio rappresentato in figura n 39 è uno/a: 1) Tanica 2) Bombola 3) Sacco 4) Piccolo fusto 3287 L'imballaggio rappresentato in figura n 44 è uno/a: 1) Cassa 2) Piccolo fusto 3) Tanica 4) Imballaggio composito 3289 L'imballaggio rappresentato in figura n 45 è uno/a: 1) Sacco 2) Imballaggio composito 3) Imballaggio composito 4) Piccola cassa 3292 Cosa sono gli imballaggio di soccorso 1) si utilizzano per imballare i colli contenenti merce pericolosa che presentano perdite o difetti e devono esporre le etichette e la scritta "soccorso" 2) Si utilizzano per imballare i rifiuti e gli scarti ospedalieri derivanti dalle medicazioni di pronto soccorso 3) Si utilizzano per imballare i prodotti ospedalieri destinati al pronto soccorso 4) Si utilizzano come imballaggi di riserva che debbono obbligatoriamente trovarsi a bordo dell'unità di trasporto 3301 La marcatura sugli imballaggi utilizzati per le merci ADR (escluse le classi 2 e 7)... 1) È obbligatoria e deve essere durevole e ben visibile

8 2) Può in alcuni casi essere omessa 3) Serve anche per conoscere il loro anno di costruzione 4) Prevede un codice alfanumerico che tra l'altro indica il materiale, il tipo e gruppo d'imballaggio 5) Prevede anche la presenza di figure geometriche che indicano la loro forma 6) Non prevede le eventuali revisioni periodiche 7) Prevede le date dell'esame iniziale e di quelli periodici 3303 La marcatura sugli imballaggi per merci ADR (escluse le classi 2 e 7)... 1) Non inizia mai con i simboli "UN" oppure "ADR" oppure "RID/ADR" 2) Se non contiene i simboli "UN" o "ADR" o "RID/ADR" non è permesso il riempimento con merci pericolose 3) Quando contiene i simboli "UN" o ADR o RID/ADR attesta che è consentito caricarvi qualsiasi merce pericolosa 4) Quando contiene i simboli "UN" o ADR o RID/ADR attesta che è consentito caricarvi soltanto determinate merci pericolose 5) Se non contiene i simboli "UN" o "ADR" o "RID/ADR" è permesso il riempimento con merci pericolose 6) Deve comprendere (p.es. per i fusti metallici) le indicazioni relative al ricondizionamento (se effettuato) 3305 Nella marcatura degli imballaggi (eccetto le classi 2 e 7), si può trovare la lettera X, che significato ha? 1) Che l'imballaggio può contenere materie molto pericolose, pericolose e meno pericolose 2) Che l'imballaggio può contenere materie aventi ordinali con lettera a), b) o c) 3) Indica i gruppi di materie per le quali l'imballaggio è approvato 4) Che l'imballaggio può contenere solo materie di minor pericolo 5) Che l'imballaggio può contenere solo materie pericolose e di minor pericolo 6) Che l'imballaggio può contenere solo materie aventi ordinali con lettera b) o c) 3306 Nella marcatura degli imballaggi (eccetto le classi 2 e 7), si può trovare la lettera Y, che significato ha? 1) Che l'imballaggio può contenere materie pericolose o meno pericolose 2) Che l'imballaggio può contenere materie aventi ordinali con lettera b) o c) 3) Indica i gruppi di materie per le quali l'imballaggio è approvato

9 4) Che l'imballaggio può contenere materie molto pericolose, pericolose e meno pericolose 5) Che l'imballaggio può contenere solo materie di minor pericolo 6) Che l'imballaggio può contenere materie aventi ordinali con lettera a), b) o c) 3307 Nella marcatura degli imballaggi (eccetto le classi 2 e 7), si può trovare la lettera Z, che significato ha? 1) Che l'imballaggio può contenere solo materie meno pericolose 2) Che l'imballaggio può contenere solo materie aventi ordinali con lettera c) 3) Indica i gruppi di materie per le quali l'imballaggio è approvato 4) Che l'imballaggio può contenere materie molto pericolose, pericolose e meno pericolose 5) Che l'imballaggio può contenere solo materie pericolose e meno pericolose 6) Che l'imballaggio può contenere materie aventi ordinali con lettera b) o c) 3313 I recipienti che contengono gas sono costruiti per resistere: 1) Alla pressione a cui sono stati progettati 2) Alla pressione esercitata dai gas per cui sono autorizzati 3) Alla pressione dei gas per cui sono autorizzati, in qualsiasi condizioni di tempo atmosferico 4) All'aumento di pressione dovuto ad un incendio 5) A qualunque alta pressione si possa verificare 6) A cadute da grandi altezze 3315 I recipienti che contengono gas devono essere maneggiati: 1) Con cura e attenzione per non danneggiarli 2) Con cura e attenzione per non danneggiare i loro accessori (p.es. valvole) 3) Con cura e tenuti lontano da fonti di calore 4) In modo di non guastare il prodotto in esso contenuto 5) In modo che l'aria umida non possa entrarvi dentro 6) Dolcemente per non provocare cariche elettrostatiche

I contenitori per il trasporto in ADR

I contenitori per il trasporto in ADR I contenitori per il trasporto in ADR I contenitori per il trasporto in ADR COSA DOBBIAMO INTENDERE COL TERMINE «CONTENITORE»? Termine generico non presente nell ADR. Dobbiamo intendere ciò che contiene

Dettagli

1) I documenti di trasporto relativi alle merci pericolose trasportate V

1) I documenti di trasporto relativi alle merci pericolose trasportate V 5001 I documenti di bordo (obbligatori ai fini ADR) per un'unità di trasporto sono: 1) I documenti di trasporto relativi alle merci pericolose trasportate V 2) Le consegne o istruzioni di sicurezza relative

Dettagli

PARTE 4 UTILIZZAZIONE DEGLI IMBALLAGGI, GRANDI RECIPIENTI PER IL TRASPORTO ALLA RINFUSA (GIR), GRANDI IMBALLAGGI, CISTERNE MOBILI, CISTERNE

PARTE 4 UTILIZZAZIONE DEGLI IMBALLAGGI, GRANDI RECIPIENTI PER IL TRASPORTO ALLA RINFUSA (GIR), GRANDI IMBALLAGGI, CISTERNE MOBILI, CISTERNE PARTE 4 UTILIZZAZIONE DEGLI IMBALLAGGI, GRANDI RECIPIENTI PER IL TRASPORTO ALLA RINFUSA (GIR), GRANDI IMBALLAGGI, CISTERNE MOBILI, CISTERNE METALLICHE E CONTENITORI-CISTERNA IN MATERIA PLASTICA RINFORZATA

Dettagli

Definizioni su ADR. un dispositivo che deve essere considerato come un contenitore-cisterna;

Definizioni su ADR. un dispositivo che deve essere considerato come un contenitore-cisterna; Definizioni su ADR ADR Aerosol o Generatore di aerosol Cassa L ADR è un accordo elaborato dalla Commissione economica delle Nazioni Unite per l Europa a Ginevra mediante il quale la maggior parte degli

Dettagli

CONSULAMBIENTE S.A.S. DI FRACASSETTI LUCIANO & C. CONSULENZE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO, IGIENE INDUSTRIALE ED AMBIENTE NFORMATIVA NOVITA ADR 2015

CONSULAMBIENTE S.A.S. DI FRACASSETTI LUCIANO & C. CONSULENZE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO, IGIENE INDUSTRIALE ED AMBIENTE NFORMATIVA NOVITA ADR 2015 NFORMATIVA NOVITA ADR 2015 Settore: Sicurezza e Salute sul Lavoro / Ambiente Normativa di Settore collegata: ADR 2015 D.Lgs. 35/2010 e smi D.Lgs. 40/2000 e smi Destinatari: Servizio HSE - Consulenti Revisione

Dettagli

Commenti alle modifiche dell ADR 2015

Commenti alle modifiche dell ADR 2015 Commenti alle modifiche dell ADR 2015 Le proposte di modifica all ADR 2015 sono raccolte in un documento di oltre 150 pagine (cfr. documento 1.1 «Modifiche ADR 2015»). I commenti che seguono si riferiscono

Dettagli

STUDIO DI CASI MODALITA STRADALE UN AUTOCISTERNA CONTENENTE ISOPROPILAMMINA E TRASPORTATA CON MODALITA COMBINATA STRADA-FERROVIA

STUDIO DI CASI MODALITA STRADALE UN AUTOCISTERNA CONTENENTE ISOPROPILAMMINA E TRASPORTATA CON MODALITA COMBINATA STRADA-FERROVIA STUDIO DI CASI MODALITA STRADALE CASO 1 SV UN AUTOCISTERNA CONTENENTE ISOPROPILAMMINA E TRASPORTATA CON MODALITA COMBINATA STRADA-FERROVIA a) Indicare la classificazione della merce pericolosa secondo

Dettagli

2.11 IMBALLAGGI MULTIMODALI

2.11 IMBALLAGGI MULTIMODALI 2.11 IMBALLAGGI MULTIMODALI Dal momento che è sempre più frequente il trasporto intermodale, riteniamo utile ricordare che le diverse modalità di trasporto non sono ancora completamente armonizzate per

Dettagli

RID. ristrutturato in vigore dal 1 luglio 2001. Regolamento concernente il trasporto internazionale ferroviario di merci pericolose (RID)

RID. ristrutturato in vigore dal 1 luglio 2001. Regolamento concernente il trasporto internazionale ferroviario di merci pericolose (RID) RID ristrutturato in vigore dal 1 luglio 2001 Regolamento concernente il trasporto internazionale ferroviario di merci pericolose (RID) Traduzione italiana a cura dell ANPA Agenzia Nazionale per la Protezione

Dettagli

Quiz-2013-Addendum 1

Quiz-2013-Addendum 1 GA 057 GC-124 GC-125 GC-126 Le autorità competenti dei Paesi RID/ADR/ADN non possono mai derogare al RID/ADR/ADN possono, limitatamente al territorio nazionale, adottare deroghe al RID/ADR/ADN possono

Dettagli

Scheda del rifiuto classificato in ADR UN 3082

Scheda del rifiuto classificato in ADR UN 3082 Scheda del rifiuto classificato in ADR Modalità di Trasporto: in COLLI Data 26/03/2013 1. Classificazione ADR N. ONU: 3082 Denominazione: MATERIA PERICOLOSA PER L AMBIENTE, LIQUIDA, N.A.S. Classe ADR:

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI. DECRETO 23 settembre 2005

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI. DECRETO 23 settembre 2005 MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO 23 settembre 2005 Pubblicazione della traduzione in lingua italiana del testo consolidato della versione 2005 delle disposizioni degli allegati A

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI. DECRETO 23 settembre 2005

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI. DECRETO 23 settembre 2005 MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO 23 settembre 2005 Pubblicazione della traduzione in lingua italiana del testo consolidato della versione 2005 delle disposizioni degli allegati A

Dettagli

MANUALE PER L IMBALLO DELLE SPEDIZIONI

MANUALE PER L IMBALLO DELLE SPEDIZIONI MANUALE PER L IMBALLO DELLE SPEDIZIONI NORME GENERALI L imballaggio deve essere sufficientemente ROBUSTO. Il materiale utilizzato per l imballaggio deve essere scelto in base al tipo di merce che deve

Dettagli

ALLEGATO A - DISPOSIZIONI GENERALI E DISPOSIZIONI RELATIVE ALLE MATERIE E OGGETTI PERICOLOSI

ALLEGATO A - DISPOSIZIONI GENERALI E DISPOSIZIONI RELATIVE ALLE MATERIE E OGGETTI PERICOLOSI Pagina 1 di 43 Decreto Ministeriale del 23/09/2005 Pubblicazione della traduzione in lingua italiana del testo consolidato della versione 2005 delle disposizioni degli allegati A e B dell'accordo europeo

Dettagli

CAPITOLO 1.2 DEFINIZIONI E UNITÀ DI MISURA

CAPITOLO 1.2 DEFINIZIONI E UNITÀ DI MISURA CAPITOLO 1.2 DEFINIZIONI E UNITÀ DI MISURA 1.2.1 Definizioni NOTA: In questa sezione, figurano tutte le definizioni d ordine generale o specifico. Nell'ADR s'intende per: A "Acciaio di riferimento", un

Dettagli

Direttiva sul trasporto di merci pericolose

Direttiva sul trasporto di merci pericolose Direttiva sul trasporto di merci pericolose Merci pericolose a destinazione con la massima sicurezza. Valida dal 1 /05/2015 Indice 1. Premessa 2. Campo di applicazione della direttiva e condizioni 3. Merci

Dettagli

www.siam it net info@studio81 adr.it Dr.Stefano Manassero - - - - Formazione Verifica messa - - - - Consulente REACH/CLP Rev.

www.siam it net info@studio81 adr.it Dr.Stefano Manassero - - - - Formazione Verifica messa - - - - Consulente REACH/CLP Rev. NOVITA ADR 013 1 PARTE 1. DISPOSIZIONI GENERALI, DEFINIZIO ONI E FORMAZIONE 1.1. 5 : Quando è richiesta l applicazione di una norma e vi è un qualsiasi tipo di conflitto tra questa norma e le disposizioni

Dettagli

2009. Vietata la riproduzione anche parziale per usi commerciali PARTE 1 DISPOSIZIONI GENERALI

2009. Vietata la riproduzione anche parziale per usi commerciali PARTE 1 DISPOSIZIONI GENERALI PARTE 1 DISPOSIZIONI GENERALI 7 8 1.1.1 Struttura 2009. Vietata la riproduzione anche parziale per usi commerciali CAPITOLO 1.1 CAMPO D APPLICAZIONE E APPLICABILITÀ Gli allegati A e B dell ADR sono articolati

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

Gli operatori nel trasporto di merci pericolose e la sicurezza

Gli operatori nel trasporto di merci pericolose e la sicurezza Gli operatori nel trasporto di merci pericolose e la sicurezza Dott. Ing. Alfonso Simoni Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Direzione Generale per la Motorizzazione Il quadro legislativo nel

Dettagli

Sono state anche revisionate le esenzioni relative al trasporto dei carburanti liquidi (1.1.3.3), per le quali sono state aggiunte nuove condizioni:

Sono state anche revisionate le esenzioni relative al trasporto dei carburanti liquidi (1.1.3.3), per le quali sono state aggiunte nuove condizioni: Novità ADR 2015 ESENZIONI (CAP. 1.1.3) Le novità più rilevanti riguardano il campo dell applicazione della norma ed alcuni tipi di esenzione. Va evidenziata l introduzione di una specifica esenzione riguardante

Dettagli

Commento alle modifiche dell ADR

Commento alle modifiche dell ADR Commento alle modifiche dell ADR Il presente commento fa riferimento agli aspetti più importanti contenuti nel documento «Modifications de l ADR» (documento 1.1). Definizioni Nel capitolo vengono inserite

Dettagli

1 di 6 10/09/2013 10:33

1 di 6 10/09/2013 10:33 1 di 6 10/09/2013 10:33 D.M. 6 maggio 2005 (1) Recepimento della direttiva 2004/112/CE del 13 dicembre 2004 della Commissione, che adegua al progresso tecnico la direttiva 95/50/CE del Consiglio, sull'adozione

Dettagli

Un cordiale benvenuto

Un cordiale benvenuto Trasporto di merci pericolose ADR/SDR 29 marzo 2011 SSIC - Gordola Un cordiale benvenuto 11 MMV SA, 6925 Gentilino - 6370 Stans Markus Maria Vonlaufen Merci pericolose & Sostanze pericolose Le merci percolose

Dettagli

Istruzioni HPFS per l'imballaggio

Istruzioni HPFS per l'imballaggio Istruzioni HPFS per l'imballaggio Questo documento contiene le istruzioni per l'imballaggio delle apparecchiature IT Avvertenze relative alle istruzioni Le istruzioni di seguito illustrate sono state concepite

Dettagli

Il carico delle bombole: i casi aziendali

Il carico delle bombole: i casi aziendali Il carico delle bombole: i casi aziendali Davide Italia, Responsabile Sicurezza Trasporti e DGSA Settore bombole e liquidi - Air Liquide Italia S.p.A. Il trasporto di merci pericolose in Air Liquide Air

Dettagli

2009. Vietata la riproduzione anche parziale per usi commerciali PARTE 6

2009. Vietata la riproduzione anche parziale per usi commerciali PARTE 6 PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA COSTRUZIONE E ALLE PROVE DEGLI IMBALLAGGI, DEI CONTENITORI INTERMEDI PER IL TRASPORTO ALLA RINFUSA (IBC), DEI GRANDI IMBALLAGGI, DELLE CISTERNE E DEI CONTAINER PER IL TRASPORTO

Dettagli

Workshop: Gestire la Sicurezza di Processo

Workshop: Gestire la Sicurezza di Processo Workshop: Gestire la Sicurezza di Processo ing. Nicola Mazzei Laboratorio Infiammabilità ed Esplosioni Innovhub - Stazioni Sperimentali per l Industria Tel: 02-51604.256 Fax: 02-514286 mazzei@ssc.it 1

Dettagli

CAPITOLO 5.1 DISPOSIZIONI GENERALI

CAPITOLO 5.1 DISPOSIZIONI GENERALI 5.1.1 Applicazione e disposizioni generali CAPITOLO 5.1 DISPOSIZIONI GENERALI La presente parte contiene le disposizioni per la spedizione di merci pericolose relative alla marcatura, all etichettatura

Dettagli

Pannelli di segnalazione

Pannelli di segnalazione Pannelli di segnalazione Posizionamento di etichettatura e segnalazioni Se una cisterna a più scomparti trasporta sostanze con i numeri ONU1202 (gasolio), 1203 (benzina) e 1223 (cherosene), oppure 1268

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI RAMO TRASPORTI (D.P.R. 8.12.2007, n. 271) DIREZIONE GENERALE TERRITORIALE DEL Nord Ovest

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI RAMO TRASPORTI (D.P.R. 8.12.2007, n. 271) DIREZIONE GENERALE TERRITORIALE DEL Nord Ovest MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI RAMO TRASPORTI (D.P.R. 8.12.2007, n. 271) DIREZIONE GENERALE TERRITORIALE DEL Nord Ovest Si fa presente che i seguenti quiz sono utilizzati dalle Commissioni

Dettagli

Requisiti per i mezzi di trasporto degli alimenti

Requisiti per i mezzi di trasporto degli alimenti Requisiti per i mezzi di trasporto degli alimenti A. Requisiti degli automezzi non soggetti ad Autorizzazione sanitaria (art., D.P.R. n. 7/980) Il trasporto di qualsiasi sostanza alimentare avviene con

Dettagli

ADR 2015 Novità e tematiche emergenti inerenti il trasporto di merci pericolose Dott. Ing. Alfonso SIMONI Ministero dei Trasporti Direzione Generale per la Motorizzazione Milano 12_10_ 2015 Convegno ASSICC

Dettagli

PARTE 6 PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA COSTRUZIONE DI IMBALLAGGI, DI GRANDI RECIPIENTI PER IL TRASPORTO ALLA RINFUSA (GIR), DI GRANDI IMBALLAGGI, DI

PARTE 6 PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA COSTRUZIONE DI IMBALLAGGI, DI GRANDI RECIPIENTI PER IL TRASPORTO ALLA RINFUSA (GIR), DI GRANDI IMBALLAGGI, DI PARTE 6 PRESCRIZIONI RELATIVE ALLA COSTRUZIONE DI IMBALLAGGI, DI GRANDI RECIPIENTI PER IL TRASPORTO ALLA RINFUSA (GIR), DI GRANDI IMBALLAGGI, DI CISTERNE MOBILI, DI CISTERNE METALLICHE E DI CONTENITORI

Dettagli

PARTE 7 DISPOSIZIONI CONCERNENTI LE CONDIZIONI DI TRASPORTO, IL CARICO, LO SCARICO E LA MOVIMENTAZIONE

PARTE 7 DISPOSIZIONI CONCERNENTI LE CONDIZIONI DI TRASPORTO, IL CARICO, LO SCARICO E LA MOVIMENTAZIONE DISPOSIZIONI CONCERNENTI LE CONDIZIONI DI TRASPORTO, IL CARICO, LO SCARICO E LA MOVIMENTAZIONE 903 904 CAPITOLO 7.1 DISPOSIZIONI GENERALI 7.1.1 Il trasporto di merci pericolose è sottoposto all utilizzazione

Dettagli

DOCUMENTO DI TRASPORTO ADR

DOCUMENTO DI TRASPORTO ADR DOCUMENTO DI TRASPORTO ADR 5.4.1.1 Informazioni generali che devono figurare nel documento di trasporto 5.4.1.1.1 Il o i documenti di trasporto devono contenere le seguenti informazioni per ogni materia

Dettagli

MANUALE PER L IMBALLO DELLE SPEDIZIONI

MANUALE PER L IMBALLO DELLE SPEDIZIONI MANUALE PER L IMBALLO DELLE SPEDIZIONI INTRODUZIONE Sai che esistono delle regole per creare un imballaggio? Chiunque si trovi a scuotere un cartone che emette un rumore di vetri infranti si rende immediatamente

Dettagli

«IBC: la dissipazione delle cariche elettrostatiche»

«IBC: la dissipazione delle cariche elettrostatiche» 6 Workshop della Logistica Chimica: "Uno strumento di supporto alle Imprese per la scelta più idonea delle unità di confezionamento". «IBC: la dissipazione delle cariche elettrostatiche» Massimo Vitali

Dettagli

Specifiche tecniche. KeyKeg Slimline 20 e 30 litri. KeyKeg Baseline 20 e 30 litri

Specifiche tecniche. KeyKeg Slimline 20 e 30 litri. KeyKeg Baseline 20 e 30 litri Specifiche tecniche KeyKeg Slimline 20 e 30 litri e KeyKeg Baseline 20 e 30 litri 2 Indice Pagina Specifiche tecniche 3 KeyKeg Slimline e Baseline 3 Consigli per il trasporto e lo stoccaggio di KeyKeg

Dettagli

Colli: prove, condizionamenti e compatibilità. Piero Luigi Tagliabue 24 novembre 2015

Colli: prove, condizionamenti e compatibilità. Piero Luigi Tagliabue 24 novembre 2015 Colli: prove, condizionamenti e compatibilità Piero Luigi Tagliabue 24 novembre 2015 Le normative che disciplinano il trasporto di merci pericolose prevedono, per il trasporto di merci pericolose, l obbligo

Dettagli

Scheda Rifiuto UN 3077 MATERIA PERICOLOSA PER L AMBIENTE, SOLIDA, N.A.S., 9, III AGGIORNAMENTO: 10/8/2016 ADR 2015

Scheda Rifiuto UN 3077 MATERIA PERICOLOSA PER L AMBIENTE, SOLIDA, N.A.S., 9, III AGGIORNAMENTO: 10/8/2016 ADR 2015 Possibili codici CER : 12.01.14, 12.01.18, 15.02.02, 16.03.03, 16.03.05, 19.08.06 Classificazione ADR UN 3077 MATERIA PERICOLOSA PER L AMBIENTE, SOLIDA, N.A.S., 9, III Nome tecnico del rifiuto (da riportare

Dettagli

CAPITOLO 1.2 DEFINIZIONI E UNITÀ DI MISURA

CAPITOLO 1.2 DEFINIZIONI E UNITÀ DI MISURA 1.2.1 Definizioni CAPITOLO 1.2 DEFINIZIONI E UNITÀ DI MISURA NOTA: In questa sezione, figurano tutte le definizioni di ordine generale o specifico. Nell'ADR si intende per: A Acciaio di riferimento, un

Dettagli

Inserimento Prenotazione Booking On-Line. NUOVE INFORMAZIONI ADR 2015 SPECIFICA N. 1

Inserimento Prenotazione Booking On-Line. NUOVE INFORMAZIONI ADR 2015 SPECIFICA N. 1 Inserimento Prenotazione Booking On-Line. NUOVE INFORMAZIONI ADR 2015 Adeguamento alle Normative in vigore in materia di Trasporto di merci Pericolose e Rifiuti vigore dal 1/7/2015. Di seguito le novità

Dettagli

IL MINISTRO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE

IL MINISTRO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE D.M. 4 settembre 1996 - Attuazione della direttiva 94/55/CE del Consiglio concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative al trasporto di merci pericolose su strada. IL MINISTRO

Dettagli

ADR 2011 TRASPORTO DI GAS O DI OGGETTI CONTENTI GAS CIRCOLARE

ADR 2011 TRASPORTO DI GAS O DI OGGETTI CONTENTI GAS CIRCOLARE Associazione costruttori materiali antincendio Federazione delle Associazioni Nazionali dell'industria Meccanica Varia ed Affine ADR 2011 TRASPORTO DI GAS O DI OGGETTI CONTENTI GAS CIRCOLARE UMAN - Associazione

Dettagli

LISTA N 1 DEGLI ARTICOLI DI IMBALLAGGIO ESEMPLIFICATIVA E NON ESAUSTIVA (in ordine alfabetico da sinistra verso destra)

LISTA N 1 DEGLI ARTICOLI DI IMBALLAGGIO ESEMPLIFICATIVA E NON ESAUSTIVA (in ordine alfabetico da sinistra verso destra) Appendini - personalizzati e non - per scarpe, foulard, sciarpe, calzini, cravatte o borse Appendini in filo di ferro (generalmente usati dalle lavanderie/stirerie) Bancali - pallets palette Vedi procedura

Dettagli

Spedizioni di merci pericolose nel canale postale Factsheet

Spedizioni di merci pericolose nel canale postale Factsheet Spedizioni di merci pericolose nel canale postale Factsheet Ultimo adattamento: 01.01.2008 Principio: senza autorizzazione speciale => nessuna spedizione di merci pericolose all estero Tutte le sostanze

Dettagli

IL TRASPORTO DEI E L A.D.R. D.ssa Paola Siciliano Flashpoint s.r.l.

IL TRASPORTO DEI E L A.D.R. D.ssa Paola Siciliano Flashpoint s.r.l. IL TRASPORTO DEI RIFIUTI PERICOLOSI E L A.D.R. D.ssa Paola Siciliano Flashpoint s.r.l. ARGOMENTI TRATTATI Classificazione di un rifiuto ai fini della normativa A.D.R. Prescrizioni applicabili al trasporto

Dettagli

LISTA N 1 DEGLI ARTICOLI DI IMBALLAGGIO ESEMPLIFICATIVA E NON ESAUSTIVA (in ordine alfabetico da sinistra verso destra)

LISTA N 1 DEGLI ARTICOLI DI IMBALLAGGIO ESEMPLIFICATIVA E NON ESAUSTIVA (in ordine alfabetico da sinistra verso destra) Bancali - pallets palette Barattoli vasetti Barilotti "sorpresa" - Bussolotti per ovetti di cioccolato ed altri contenitori aventi la stessa funzione Bastoncino per caramelle tipo lollipop Big bags sacconi

Dettagli

Ridurre l impatto l ambientale nella scelta degli imballaggi: indicazioni operative e requisiti essenziali ambientali

Ridurre l impatto l ambientale nella scelta degli imballaggi: indicazioni operative e requisiti essenziali ambientali Ridurre l impatto l ambientale nella scelta degli imballaggi: indicazioni operative e requisiti essenziali ambientali Torino, 8 ottobre 2013 Francesca Ilgrande Quanti rifiuti da imballaggio in un anno?

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI SU SEV srl

INFORMAZIONI GENERALI SU SEV srl INFORMAZIONI GENERALI SU SEV srl Ragione Sociale Sede Legale Sedi Operative Legale rappresentante RSPP (Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione) RLS (Rappresentante dei Lavoratori per la

Dettagli

MARCHIO WASTE LESS Allegato tecnico per le modalità di esecuzione della raccolta differenziata

MARCHIO WASTE LESS Allegato tecnico per le modalità di esecuzione della raccolta differenziata MARCHIO WASTE LESS Allegato tecnico per le modalità di esecuzione della raccolta differenziata LIFE09 ENV/IT/000068 WASTELESS in CHIANTI Prevenzione e riduzione dei rifiuti nel territorio del Chianti INDICE

Dettagli

IL TRASPORTO E LA SPEDIZIONE IN SICUREZZA DI CAMPIONI BIOLOGICI

IL TRASPORTO E LA SPEDIZIONE IN SICUREZZA DI CAMPIONI BIOLOGICI IL TRASPORTO E LA SPEDIZIONE IN SICUREZZA DI CAMPIONI BIOLOGICI Con l'aumento di collaborazioni tra i laboratori, così come la tendenza verso la centralizzazione in un unico grande laboratorio per le analisi

Dettagli

articoli e macchine per l'imballaggio

articoli e macchine per l'imballaggio articoli e macchine per l'imballaggio Clipper 9,5mm vers. 1 adatta per essere fissata su legno 9.5 11mm vers. 0 adatta per essere fissata su cartone 542 547 30x28mm 27,5x31,3mm 548 549 26,8x28mm 28x31mm

Dettagli

LE AVVENTURE DELLA PATATINA

LE AVVENTURE DELLA PATATINA LE AVVENTURE DELLA PATATINA Relazione della procedura di lavoro utilizzata per il progetto dalla classe 2C della Scuola Secondaria di Primo Grado dell'istituto Comprensivo di Carnate (MB) Responsabile

Dettagli

Il trasporto delle bombole nei veicoli

Il trasporto delle bombole nei veicoli Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Sezione di Genova Servizio Prevenzione e Protezione Il trasporto delle bombole nei veicoli Il trasporto su strada delle merci pericolose, quindi anche dei gas, è regolato

Dettagli

UTILITIES. Armadi e accessori per la tutela dell'operatore e dell'ambiente. INDICE SICUR WOOD 61 SICUR 63 SICUR KEM 64 SICUR SHELF 65 PHYTOSAFETY 66

UTILITIES. Armadi e accessori per la tutela dell'operatore e dell'ambiente. INDICE SICUR WOOD 61 SICUR 63 SICUR KEM 64 SICUR SHELF 65 PHYTOSAFETY 66 Armadi e accessori per la tutela dell'operatore e dell'ambiente. INDICE SICUR WOOD 61 SICUR 63 SICUR KEM 64 SICUR SHELF 65 PHYTOSAFETY 66 VASCHE STOCCAGGIO FUSTI 67 PANNI ASSORBENTI 68 DOCCETTE LAVAOCCHI

Dettagli

Gestione dei rifiuti pericolosi:

Gestione dei rifiuti pericolosi: Gestione dei rifiuti pericolosi: dal deposito in azienda all'adr Cenni ADR per le merci pericolose Relatori: Dott. Giovanni Cadeddu Dott. Ing. Marcello Zucca, Ph.D. APINDUSTRIA Verona 31 Maggio 2012 CONTENUTI

Dettagli

Trasporto merci pericolose su strada ADR 2011 - Novità

Trasporto merci pericolose su strada ADR 2011 - Novità n 24 del 01 luglio 2011 circolare n 378 del 29 giugno 2011 referente BARCELLA/mr Trasporto merci pericolose su strada ADR 2011 - Novità L'edizione 2011 dell'adr si applica dall'1 gennaio 2011 con un periodo

Dettagli

Manipolatori industriali

Manipolatori industriali SCATOLE Manipolatori industriali Attrezzature realizzate per la presa e la movimentazione in assenza di peso di scatole di cartone confezionate, di casse di legno imballate, di manufatti rivestiti di film

Dettagli

Gli emendamenti ufficiali UNECE che costituiscono il complesso delle novità ADR 2013 sono:

Gli emendamenti ufficiali UNECE che costituiscono il complesso delle novità ADR 2013 sono: Il 1 gennaio 2013 è entrato in vigore l'aggiornamento 2013 del Regolamento internazionale sull'autotrasporto delle merci pericolose ADR 2013. Nella fase iniziale, l'applicazione delle nuove norme è obbligatoria

Dettagli

Come imballare le vostre spedizioni. Guida generale per l imballaggio delle spedizioni

Come imballare le vostre spedizioni. Guida generale per l imballaggio delle spedizioni Come imballare le vostre spedizioni p Guida generale per l imballaggio delle spedizioni A cosa serve l imballaggio? La funzione dell imballaggio è quella di fornire il livello di protezione necessario

Dettagli

Corso Base - Livello A1-01 per operatori volontari di Protezione Civile Edizione 20

Corso Base - Livello A1-01 per operatori volontari di Protezione Civile Edizione 20 Intro.. Estintori fasi di un incendio triangolo del fuoco . Estintori il più immediato dispositivo antincendio attivo.. permette di estinguere un incendio (o principio) eliminando un ʺlatoʺ del triangolo

Dettagli

ALLEGATO TECNICO A5 al Capitolato Speciale d Appalto

ALLEGATO TECNICO A5 al Capitolato Speciale d Appalto Procedura aperta per la fornitura di contenitori per la raccolta differenziata dei rifiuti. ALLEGATO TECNICO A5 al Capitolato Speciale d Appalto CONTENITORE 360 LITRI PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI

Dettagli

LISTA N 1 DEGLI ARTICOLI DI IMBALLAGGIO ESEMPLIFICATIVA E NON ESAUSTIVA (in ordine alfabetico da sinistra verso destra)

LISTA N 1 DEGLI ARTICOLI DI IMBALLAGGIO ESEMPLIFICATIVA E NON ESAUSTIVA (in ordine alfabetico da sinistra verso destra) Appendini - personalizzati e non - per scarpe, foulard, sciarpe, calzini, cravatte o borse Appendini in filo di ferro (generalmente usati dalle lavanderie/stirerie) Bancali - pallets palette Barattoli

Dettagli

TRASPORTO MERCI PERICOLOSE ADR 2013. POLIZIA MUNICIPALE Prov. BERGAMO 04 maggio 2013. Cav. Antonio Zanardo

TRASPORTO MERCI PERICOLOSE ADR 2013. POLIZIA MUNICIPALE Prov. BERGAMO 04 maggio 2013. Cav. Antonio Zanardo ADR 2013 POLIZIA MUNICIPALE Prov. BERGAMO 04 maggio 2013 Cav. Antonio Zanardo 1 2 SPEDITORE E/O PRODUTTORE TRASPORTATORE DESTINATARIO 3 LA TUA SICUREZZA PRIMA DI TUTTO 4 ? CHE DIFFERENZA 5 ATTIVITA LAVORATIVA

Dettagli

Convenzione del 4 gennaio 1960 istitutiva dell Associazione europea di libero scambio (AELS)

Convenzione del 4 gennaio 1960 istitutiva dell Associazione europea di libero scambio (AELS) Convenzione del 4 gennaio 1960 istitutiva dell Associazione europea di libero scambio (AELS) Decisione n. 6/2011 del Consiglio recante modifica dell Appendice 1 dell Allegato P (Trasporti terrestri) Adottata

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari. Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Chimica e dei Materiali IMPIANTI MECCANICI MATERIAL HANDLING

Università degli Studi di Cagliari. Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Chimica e dei Materiali IMPIANTI MECCANICI MATERIAL HANDLING Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Chimica e dei Materiali IMPIANTI MECCANICI MATERIAL HANDLING Ing. Pier Francesco Orrù Definizione Con il termine trasporti interni

Dettagli

Trasporto su strada di merci pericolose: la norma ADR

Trasporto su strada di merci pericolose: la norma ADR Trasporto su strada di merci pericolose: la norma ADR Francesco Gregorini Confindustria Rimini 28/02/2013 Azienda con sistema gestione qualità certificato UNI EN ISO 9001:2008 Nr 50 100 9099 Il trasporto

Dettagli

MACERATORI E POMPE DI SCARICO ACQUE NERE

MACERATORI E POMPE DI SCARICO ACQUE NERE MACERATORI E POMPE DI SCARICO ACQUE NERE Pompa maceratrice per lo scarico dei servizi igienici.incorpora una lama rotante che sminuzza i rifiuti prima che vengano pompati dentro o fuori dal serbatoio di

Dettagli

Prot. n. 174-MOT2/C Roma, 14 gennaio 2002

Prot. n. 174-MOT2/C Roma, 14 gennaio 2002 MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO DEI TRASPORTI TERRESTRI Unità di gestione motorizzazione e sicurezza del trasporto terrestre MOT 2 Prot. n. 174-MOT2/C Roma, 14 gennaio 2002

Dettagli

SERIE TA100 Con Indicatore AE402

SERIE TA100 Con Indicatore AE402 SERIE TA100 Con Indicatore AE402 (P.N. 3106610715, Revisione E, Aprile 2011) 81320477 Grazie per aver acquistato il transpallet TA100 di Cooperativa Bilanciai. Leggere le seguenti istruzioni con attenzione

Dettagli

Proposta di DIRETTIVA DEL CONSIGLIO

Proposta di DIRETTIVA DEL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 28.3.2012 COM(2012) 141 final 2012/0070 (NLE) Proposta di DIRETTIVA DEL CONSIGLIO che modifica l allegato I della direttiva 94/62/CE del Parlamento europeo e del Consiglio

Dettagli

--------------------------------------------------------------

-------------------------------------------------------------- D.M. 3 maggio 2001 Recepimento della direttiva 2000/61/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 10 ottobre 2000 che modifica la direttiva 94/55/CE del Consiglio concernente il ravvicinamento delle

Dettagli

Sistemi per il fissaggio

Sistemi per il fissaggio Sistemi per il fissaggio Garantire un ancoraggio del carico in conformità delle normative Sistemi per il fissaggio I Vostri vantaggi: Qualita testata con etichettatura GS Cinghie in materiale robusto Etichette

Dettagli

Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE

Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE Facoltà di Ingegneria Master in Sicurezza e Protezione Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE IMPIANTI DI RIVELAZIONE INCENDI Docente Fabio Garzia Ingegneria della Sicurezza w3.uniroma1.it/sicurezza

Dettagli

Direttiva sul trasporto di merci pericolose.

Direttiva sul trasporto di merci pericolose. Direttiva sul trasporto di merci pericolose. Merci pericolose a destinazione con la massima sicurezza. Indice. Direttiva sul trasporto di merci pericolose. 2 1. Premessa 3 1. Premessa 3 2. Campo di applicazione

Dettagli

Aspetti normativi e regolamentari sul ciclo di vita delle batterie

Aspetti normativi e regolamentari sul ciclo di vita delle batterie Aspetti normativi e regolamentari sul ciclo di vita delle batterie Dott. Marco Ottaviani Coordinatore Area Ambiente ANIE-CSI Convegno Mercoledì 6 maggio 2009 Palazzo delle Stelline, Milano, C.so Magenta

Dettagli

PONY EXPRESS ROMA. Condizioni generali di trasporto

PONY EXPRESS ROMA. Condizioni generali di trasporto PONY EXPRESS ROMA Condizioni generali di trasporto Le presenti Condizioni Generali (di seguito CGS ) che costituiscono attuazione delle condizioni generali per l espletamento del servizio postale universale

Dettagli

Art. 2 (legale/i rappresentante /i)

Art. 2 (legale/i rappresentante /i) Numero d iscrizione FI00150 Il Presidente della Sezione regionale della Toscana dell'albo Nazionale Gestori Ambientali Visto il decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e successive modificazioni e integrazioni

Dettagli

TABELLA 1 Codice CER Descrizione R13 R12 SC R12 EI/A/DR/RV R3 02.01.04 rifiuti plastici (ad esclusione degli imballaggi) 03.01.01 scarti di corteccia e sughero 03.01.05 04.01.08 segatura, trucioli, residui

Dettagli

2009. Vietata la riproduzione anche parziale per usi commerciali PARTE 5 PROCEDURE DI SPEDIZIONE

2009. Vietata la riproduzione anche parziale per usi commerciali PARTE 5 PROCEDURE DI SPEDIZIONE PARTE 5 PROCEDURE DI SPEDIZIONE 651 652 5.1.1 Applicazione e disposizioni generali 2009. Vietata la riproduzione anche parziale per usi commerciali CAPITOLO 5.1 DISPOSIZIONI GENERALI La presente parte

Dettagli

Indice Manuale per la Movimentazione merci pericolose. Carico, scarico,

Indice Manuale per la Movimentazione merci pericolose. Carico, scarico, Indice Manuale per la Movimentazione merci pericolose. Carico, scarico, facchinaggio di merci e materiali. Manuale sulla sicurezza destinato agli addetti al carico, scarico, facchinaggio di merci e materiali

Dettagli

1.1.3.6 Esenzioni relative alle quantità trasportate per unità di trasporto. 1.1.4.5 Trasporto inoltrato con modalità diversa dalla trazione su strada

1.1.3.6 Esenzioni relative alle quantità trasportate per unità di trasporto. 1.1.4.5 Trasporto inoltrato con modalità diversa dalla trazione su strada .1.1 Struttura Gli allegati A e B dell'adr sono articolati in 9 parti. L'allegato A è costituito dalle parti da 1 a 7 e l'allegato B dalle parti 8 e 9. Ogni parte è suddivisa in capitoli e ogni capitolo

Dettagli

SSIC Trasporto di merci pericolose secondo ADR-SDR. per le eccezioni, i trasporti accessori e i limiti liberi

SSIC Trasporto di merci pericolose secondo ADR-SDR. per le eccezioni, i trasporti accessori e i limiti liberi Flash SSIC N. 28 / Febbraio 2011 SSIC Trasporto di merci pericolose secondo ADR-SDR per le eccezioni, i trasporti accessori e i limiti liberi Indice 1. Introduzione 2. Merci pericolose: di cosa si tratta?

Dettagli

Istruzioni d'uso e di montaggio

Istruzioni d'uso e di montaggio Istruzioni d'uso e di montaggio Cassetto per accessori ESS 6210 it-ch Leggere assolutamente le istruzioni d'uso e di montaggio prima di posizionare, installare e usare il cassetto per evitare di infortunarsi

Dettagli

Pomeriggio informativo Presentazione sui rifiuti speciali Giubiasco, autunno 2013

Pomeriggio informativo Presentazione sui rifiuti speciali Giubiasco, autunno 2013 Pomeriggio informativo Presentazione sui rifiuti speciali Giubiasco, autunno 2013 Giornata informativa I rifiuti speciali da economie domestiche negli ecocentri comunali Presentata da: Paolo Arcioni, caposettore

Dettagli

Art. 2 (legale/i rappresentante /i)

Art. 2 (legale/i rappresentante /i) Numero d iscrizione VE00056 Il Presidente della Sezione regionale del Veneto dell'albo Nazionale Gestori Ambientali Visto il decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e successive modificazioni e integrazioni

Dettagli

CM100/ PF USER MANUAL

CM100/ PF USER MANUAL CM100/ PF USER MANUAL 1 Misure di sicurezza 1. L'utente deve leggere questo manuale perché solo in questo modo può essere garantito il procedimento d'uso sicuro di tutto il sistema. 2. Non immergere il

Dettagli

ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE

ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE MISURE PREVENTIVE PER TUTTI I LAVORATORI E vietato depositare e manipolare sostanze infiammabili in quantità superiori alla normale dotazione prevista.

Dettagli

Oggetto: Contratto per lo smaltimento di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi

Oggetto: Contratto per lo smaltimento di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi ALLEGATO B - SCHEMA - TIPO DI CONTRATTO DI SERVIZIO Oggetto: Contratto per lo smaltimento di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi Il produttore con sede in Via Comune di CAP Prov. Cod. Fisc P.IVA

Dettagli

Il destino dei RIFIUTI

Il destino dei RIFIUTI Comune di Padova Settore Ambiente Il destino dei RIFIUTI Osservatorio Ambientale sull inceneritore DEFINIZIONI RIFIUTO: Qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia

Dettagli

Pomeriggio informativo Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR

Pomeriggio informativo Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR Pomeriggio informativo Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR Giubiasco, autunno 2013 Giornata informativa Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR Presentata da: Pietro Casari, Consulente tecnico

Dettagli

CONVEGNO AIAS IL TRASPORTO DELLLE MERCI PERICOLOSE - AGGIORNAMENTI NORMATIVI Catanzaro 7 Aprile 2011

CONVEGNO AIAS IL TRASPORTO DELLLE MERCI PERICOLOSE - AGGIORNAMENTI NORMATIVI Catanzaro 7 Aprile 2011 CONVEGNO AIAS IL TRASPORTO DELLLE MERCI PERICOLOSE - AGGIORNAMENTI NORMATIVI Catanzaro 7 Aprile 2011 ing. Cesare Cosentino Coordinatore AIAS Calabria Consigliere Nazionale 1 CLASSIFICAZIONE DELLE MERCI

Dettagli

REGISTRO CONTROLLI ANTINCENDIO

REGISTRO CONTROLLI ANTINCENDIO REGISTRO CONTROLLI ANTINCENDIO.. Sede:.. (.) Data del Documento : Versione Documento : Rev.0 e-cons s.r.l. Via del Lavoro, 4-35040 Boara Pisani (PD) Tel: 0425485621 - Fax 0425019846 0425485245 e-mail:

Dettagli

Imballaggi protezione al 100% impiegando sempre meno materiale

Imballaggi protezione al 100% impiegando sempre meno materiale Imballaggi protezione al 100% impiegando sempre meno materiale La plastica: maestra nell arte dell imballaggio In Europa oltre il 50 % delle merci è imballato in materiali plastici, nonostante ciò, in

Dettagli

Corsi di Formazione DGSA-ffi : Sedi di MILANO PISA TERNI CALENDARIO E PROGRAMMA DELLE LEZIONI 2004/1

Corsi di Formazione DGSA-ffi : Sedi di MILANO PISA TERNI CALENDARIO E PROGRAMMA DELLE LEZIONI 2004/1 Corsi di Formazione : Sedi di MILANO PISA TERNI CALENDARIO E PROGRAMMA DELLE LEZIONI 2004/1 Codice Corso MI 02-04 PI 03-04 TR 04-04 SEDE del Corso FLASHPOINT S.r.l. (MILANO) www.flashpointsrl.com Via Pelizza

Dettagli

Università degli Studi di Genova Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Chimiche

Università degli Studi di Genova Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Chimiche Università degli Studi di Genova Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Chimiche FONDAMENTI DI TECNOLOGIE CHIMICHE PER L'INDUSTRIA E PER L'AMBIENTE (modulo

Dettagli

LABORATORI SULL ARIA E SULLA PRESSIONE ATMOSFERICA (ALL.

LABORATORI SULL ARIA E SULLA PRESSIONE ATMOSFERICA (ALL. L'ARIA L'aria è una cosa leggera che ricopre tutta la terra come copre la buccia la pera ma nessuno la vede o l'afferra E' una specie di fumo lucente e anche se non si vede con gli occhi, la respira col

Dettagli