Roma, 6 maggio Piani di sviluppo e programma investimenti infrastrutturali di FS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Roma, 6 maggio 2008. Piani di sviluppo e programma investimenti infrastrutturali di FS"

Transcript

1 Roma, 6 maggio 2008 Piani di sviluppo e programma investimenti infrastrutturali di FS

2 La Legge Finanziaria La riduzione dei trasferimenti finanziari previsti nella Legge Finanziaria ha comportato: l attuazione di azioni di contrazione della spesa per contenere il budget dei Progetti avviati 2

3 La Legge Finanziaria La riduzione dei trasferimenti finanziari ha imposto di procedere classificando gli investimenti secondo priorità (richiamate nel DPEF ): RANKING CRITERI Priorità massima Manutenzione Straordinaria Sicurezza e Obblighi di legge AV/AC in corso di realizzazione (Torino-Milano-Napoli) Priorità media Tecnologie per la gestione Sviluppo Rete Convezionale Progetti già avviati Priorità minima Ulteriori Progetti di sviluppo da avviare 3

4 Il documento di programmazione: Il Contratto di Programma (sottoscritto il 31 ottobre 2007) Gestore Infrastruttura Ministero delle Infrastrutture Regolamenta i reciproci impegni per la realizzazione degli investimenti di potenziamento, sviluppo e mantenimento in efficienza dell infrastruttura ferroviaria 4

5 Il volume degli Investimenti del CdP Mld Euro Progetti ultimati Sviluppo infrastrutturale Rete Convenzionale 40 Mld Euro Sviluppo infrastrutturale Rete Alta Capacità 86 Mld Euro 189 Mld Euro C.d.P Tecnologie per la sicurezza, la circolazione e l'efficientamento 11 Mld Euro Manutenzione Straordinaria e Upgrading 20 Mld Euro Rete AV/AC TO-MI-NA 32 Mld Euro 5

6 Articolazione per Tabelle del CdP

7 Obblighi del Gestore nel CdP Attuare i piani di Attuare i piani di potenziamento e sviluppo potenziamento e sviluppo dell infrastruttura ferroviaria e dell infrastruttura ferroviaria e sviluppare sistemi di gestione sviluppare sistemi di gestione e tecnologie innovative e tecnologie innovative Adottare le misure più Adottare le misure più appropriate per conseguire la appropriate per conseguire la maggiore riduzione dei tempi maggiore riduzione dei tempi e dei costi nell esecuzione e dei costi nell esecuzione esecuzione delle attività oggetto del CdP delle attività oggetto del CdP Assicurare un flusso Assicurare un flusso continuo di dati ai Ministeri e continuo di dati ai Ministeri e al CIPE al CIPE Elaborare analisi e stime dei Elaborare analisi e stime dei costi di investimento costi di investimento Gestore Infrastruttura Agevolare il Ministero Agevolare il Ministero nell espletazione delle nell espletazione espletazione delle verifiche verifiche Comunicare tempestivamente Comunicare tempestivamente eventuali criticità eventuali criticità nell attuazione degli nell attuazione degli interventi programmati interventi programmati Elaborare il Piano di Impresa tenendo conto degli investimenti contenuti nel CdP Elaborare il Piano di Impresa tenendo conto degli investimenti contenuti nel CdP 7

8 Gli appuntamenti previsti dal CdP Anno n-esimo gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov Recepimento degli effetti della Legge Finanziaria nelle tabelle del CdP Comunicazione sugli scostamenti del valore della produzione annua, di tempi e costi dei progetti di investimento (penali) Invio elementi informativi al Min. Infrastruttura per DPEF e per legge finanziaria Relazione sullo stato di attuazione degli investimenti (anno n-1 ) Modifica delle tabelle del CdP soggetta: a verifiche delle coperture finanziarie degli investimenti in Tab.A Parere CIPE e Commissioni parlamentari competenti dic Comunicare al Ministero per appalti >25Mln : nomina commissioni di gara, incarichi di collaudo tecnico-amministrativo amministrativo, contenziosi 8

9 Indicatori di misurazione di risultato (penali) nel CdP Costi Costi a Vita Vita Intera Interae Tempi Tempi di di Ultimazione Ultimazione dei dei progetti progetti campione campione (come rappresentati nei Dossier di (come rappresentati nei Dossier di Valutazione Valutazione approvati approvati dal dal Ministero) Ministero) Produzione Produzione annua annuae Attivazioni Attivazioni in in esercizio esercizio dei dei progetti progetti campione campione (come (come pianificato pianificato a a Budget Budget di di RFI) RFI) Determinazione dello scostamento medio PENALITA PENALITA scostamento scostamento registrato registrato penale penale = = % valore valore della della produzione produzione s 10% s 10% 1% 1% 10% 10% < < s 20% s 20% 2% 2% s s > > 20% 20% 5% 5% 9

10 Aggiornamento CdP : 2011: nuovi interventi inseriti in tab. A del CdP Bolzano Trento Accessibilità a Malpensa da Sud Nodo di Novara passante ferroviario merci Focus Progettazioni Preliminari Potenziamento linea Foligno Perugia Terontola Quadruplicamento Pavia Milano (Rogoredo) Potenziamento Battipaglia Reggio Calabria: variante Ogliastro Sapri Raddoppio Cesano Bracciano Nuovo collegamento Palermo Catania 10

11 Quadruplicamento linea Tortona Voghera Cintura di Torino e connessione al collegamento Torino Lione (studi ed indagini) Completamento raddoppio Genova Ventimiglia: tratta Andora Finale Raddoppio Berceto Chiesaccia e Parma Fornovo Aggiornamento CdP : 2011: nuovi interventi inseriti in tab. A del CdP Focus Progettazioni Definitive Trieste Divaca Nuova linea AV/AC Venezia Trieste (tratta Ronchi Trieste) Quadruplicamento Fortezza Verona (prime 4 fasi prioritarie) Potenziamento tratta Bergamo Seregno) Potenziamento linea Pistoia Lucca Viareggio Pisa Quadruplicamento linea Chiasso Monza Gronde merci di Roma Centro Intermodale del Tevere Itinerario Messina Catania: completamento del raddoppio (tratta Giampilieri Fiumefreddo Quadruplicamento Salerno Battipaglia 11

12 Aggiornamento CdP : 2011: nuovi interventi inseriti in tab. A del CdP Arcisate - Stabio Nuovo collegamento transfrontaliero Raddoppio Lunghezza- Guidonia PRG e ACEI Ciampino Variante Cancello-Napoli per integrazione con linea AV/AC Nuova stazione Vesuvio est (linea a monte del Vesuvio) Battipaglia-Reggio Calabria Adeguamento infrastrutturale e tecnologico Focus Realizzazioni Adeguamento a sagoma gabarit C galleria Cattolica Nodo di Falconara Raddoppio Castelplanio-Montecarotto Raddoppio Termoli-Lesina Nodo di Bari Interramento adriatica tra Palese e S.Spirito e variante della linea a sud di Bari (fase) Velocizzazione linea Catania-Siracusa 12

13 Evoluzione del portafoglio Investimenti contrattualizzato. Costo a Vita Intera Importi in miliardi 188,47 + 0,10 188,57 Rete AV/AC: TO-MI-NA 32,00 Rete AV/AC: TO-MI-NA 32,00 Tab. A: RC/AC 39,27 + 3,45 Tab. A: RC/AC 42,73 Opere in corso (Tabella A) Rete Convenzionale Tab. B 33,69 Tab. C 37,52-1,27-1,98 Tab. B 32,42 Tab. C 35,54 Opere prioritarie da avviare (Tabella B) Altre opere da realizzare (Tabella C) Tab. D 45,99-0,10 Tab. D 45,89 Opere previste a completamento del Piano (Tabella D). Tab. E 10,63 Tab. E 10,63 Progetti ultimati (Tabella E). CdP ottobre 2007 Agg. gennaio

14 Aggiornamento CdP : 2011: il volume degli Investimenti 11 Mld Euro Progetti ultimati Sviluppo infrastrutturale Rete Convenzionale 38 Mld Euro Sviluppo infrastrutturale Rete Alta Capacità 88 Mld Euro 189 Mld Euro C.d.P Tecnologie per la sicurezza, la circolazione e l'efficientamento 11 Mld Euro Manutenzione Straordinaria e Upgrading 19 Mld Euro Rete AV/AC TO-MI-NA 32 Mld Euro 14

15 Aggiornamento CdP : 2011: gli investimenti di Tabella A Lavori in corso Manutenzione Straordinaria e Upgrading 12,7 Mld Euro Tecnologie per la sicurezza, la circolazione e l'efficientamento 9.2 Mld Euro Sviluppo infrastrutturale Rete Convenzionale 13.5 Mld Euro 75 Mld Euro Sviluppo infrastrutturale Rete Alta Capacità 7.4 Mld Euro Rete AV/AC TO-MI-NA 32 Mld Euro 15

16 I principali investimenti: : la rete Alta Velocità/Alta Capacità (AV/AC) Sviluppo infrastrutturale Rete Convenzionale 38 Mld Euro Sviluppo infrastrutturale Rete Alta Capacità 88 Mld Euro Tecnologie per la sicurezza, la circolazione e l'efficientamento 11 Mld Euro Lecce Manutenzione Straordinaria e Upgrading 19 Mld Euro Rete AV/AC TO-MI-NA 32 Mld Euro 16

17 I principali investimenti: la rete AV/AC Progetto prioritario n 6 Asse ferroviario Lione/Genova-BasleDuisburgRotterdam/Antwerp Progetto prioritario n 24 Progetto prioritario n 1 Asse ferroviario Berlino-VeronaMilano-BolognaNapoli-MessinaPalermo Asse ferroviario LioneTrieste-Divaca/KoperLjubijana-Budapest-Ucraina 17

18 I principali investimenti: : la rete AV/AC LA RETE AV/AC IN ITALIA: Nuove linee e potenziamento delle linee esistenti lungo gli assi ferroviari più congestionati : - asse Milano-Bologna-Firenze- Roma-Napoli- Palermo - asse Torino-Milano-Verona- Venezia-Trieste - asse Milano-Genova 18

19 La rete AV/AC Le principalip attivazioni all anno anno 2007 Quadruplicamento Pioltello-Treviglio Quadruplicamento Padova-Mestre Nuova linea AV/AC Torino-Novara Nodo AV/AC di Bologna: Passante in superficie (via S.Viola) Nuova linea AV/AC Roma-Napoli sino alla stazione di Gricignano Lecce Nuova linea AV/AC Napoli-Salerno 19

20 La rete AV/AC I principali investimenti al Centro/Nord In esercizio Nodo AV/AC di Bologna: Passante in superficie (via S.Viola) Il Progetto Prioritario n. 1 in Italia Nel breve termine Raddoppio Bologna-Verona Nuovo valico del Brennero e Quadruplicamento Fortezza-Verona Nuova linea AV/AC Milano-Bologna e Nodo AV/AC di Bologna Nuova linea AV/AC Bologna-Firenze e Nodo AV/AC di Firenze Nuova linea AV/AC MI-BO e nodo BO Raddoppio Bologna-Verona Adeguamento DD Roma-Firenze e Nodo AV/AC di Roma Passante sott.. e stazione AV/AC Firenze Nuova linea AV/AC BO-FI e nodo FI Nel medio/lungo termine Adeguamento DD FI-RM e nodo AV/AC di RM Nuovo valico del Brennero e quadruplicamento Fortezza-Verona Passante in sotterraneo e stazione AV/AC di Firenze 20

21 La rete AV/AC I principali investimenti al Sud In esercizio Il Progetto Prioritario n. 1 in Italia Nuova linea AV/AC Roma-Napoli sino alla stazione di Gricignano Nuova linea AV/AC Napoli-Salerno Nel breve termine Itinerario Napoli-Bari: raddoppio Bovino-Cervaro Completamento linea AV/AC Roma-Napoli e Nodo di Napoli Completamento nuova linea AV/AC Roma-Napoli Nodo AV/AC di Napoli Raddoppio tratta Catania O. Catania C.le Linea Palermo-Messina: raddoppio tratte Messina-Patti e Fiumetorto-Ogliastrillo Itinerario Napoli-Bari: raddoppio Bovino-Cervaro Quadruplicamento Salerno-Battipaglia e Potenziamento Battipaglia-Reggio Calabria Itinerario Napoli-Bari: Nel medio/lungo termine raddoppio Cancello-Benevento, Apice-Orsara e Orsara-Bovino Itinerario Napoli Bari: raddoppio CancelloBenevento, Apice-Orsara e Orsara-Bovino Quadruplicamento Salerno-Battipaglia e potenziamento Battipaglia-Reggio Calabria (variante Ogliastro-Sapri) Linea Messina-Catania: raddoppio tratta Giampilieri-Fiumefreddo Nuovo collegamento Palermo-Catania Raddoppio tratte Messina-Patti e Fiumetorto-Ogliastrillo Raddoppio tratta GiampilieriFiumefreddo Nuova linea Palermo-Catania Raddoppio tratta Catania O.-Catania C.le 21

22 La rete AV/AC I principali investimenti In esercizio Nuova linea AV/AC Torino-Novara Quadruplicamento Pioltello- Treviglio Quadruplicamento Padova-Mestre Il Progetto Prioritario n. 6 in Italia Nel breve termine Nuova linea AV/AC Novara-Milano Quadruplicamento Torino P.Susa-Stura Monaco/Berlino Lötschberg Gottardo MILANO Nuova linea AV/AC Treviglio-Brescia Potenziamento tratta Bergamo- Seregno BOLOGNA Nuova Linea AV/AC Venezia-Trieste Nuova linea AV/AC Novara-Milano e nodi di Torino e Milano Nuova linea AV/AC Treviglio-Brescia Quadruplicamento Torino Porta Susa Stura Nel medio/lungo termine Nuova linea AV/AC Brescia-Verona-Padova Cintura di Torino Potenziamento tratta Bergamo-Seregno Nuova linea AV/AC Venezia-Trieste Cintura di Torino GENOVA Nuova Linea AV/AC Brescia-Verona-Padova Nuovi collegamenti trasfontalieri verso Francia e Slovenia 22

23 La rete AV/AC I principali investimenti Potenziamento linee di accesso sud al Valico del Sempione Potenziamento linee di accesso sud al Valico del S.Gottardo Transito di Luino: adeguamento a modulo e collegamento con Malpensa Il Progetto Prioritario n. 24 in Italia Nel breve termine Transito di Luino: allungamento a modulo e collegamento con Malpensa Nodo di Novara Passante ferroviario merci Nuova linea AV/AC Terzo Valico dei Giovi Nel medio/lungo termine Nodo di Novara passante ferroviario merci Potenziamento linee di accesso sud al Valico del Sempione: raddoppio Vignale- Oleggio-Arona Potenziamento linee di accesso sud al Valico del S.Gottardo:quadruplicamento Chiasso-Monza Nuova linea AV/AC Terzo Valico dei Giovi 23

24 FOCUS sulle nuove linee AV/AC in costruzione: la linea Torino-Milano Milano-Napoli: Gli investimenti Asse Torino-Milano-Napoli Investimento per opere mln Euro Asse Torino-Milano-Napoli : (situazione a dicembre 2007) Lavori contabilizzati mln Euro (77%) Lavori in corso mln Euro (20%) Lavori da avviare mln Euro (3%) 24

25 FOCUS sulle nuove linee AV/AC in costruzione: la linea FOCUS sulle nuove linee AV/AC in costruzione: la linea Torino-Milano Milano-Napoli Napoli: Il fabbisogno finanziario IMPIEGHI Mld Importo per opere 32,0 Oneri accessori 0,2 INVESTIMENTO COMPLESSIVO 32,2 FONTI Mld Finanziamento pubblico Capitale Sociale 5,1 ContributI c/ Impianti (L. Finanziarie, accollo debito ex ISPA, fonti comunitarie, ecc..) 19,2 Debiti pregressi 3,0 TOTALE FONTI 27,3 FABBISOGNO RESIDUO 4,9 DEBITO DA ATTIVARE E inoltre necessario far ricorso ad altre due linee di finanziamento: - debito IVA (max esposizione 1,1 mld) - liquidity facility (per coprire gli squilibri di cassa - max esposizione 0,3 mld) 25

26 FOCUS sulle nuove linee AV/AC in costruzione: la linea FOCUS sulle nuove linee AV/AC in costruzione: la linea Torino-Milano Milano-Napoli Napoli: Le caratteristiche tecniche 26

27 FOCUS sulle nuove linee AV/AC in costruzione: la linea FOCUS sulle nuove linee AV/AC in costruzione: la linea Torino-Milano Milano-Napoli Napoli: Le tecnologie per il distanziamento dei treni ERTMS/ETCS Km di linea attrezzati con ERTMS al 31 marzo 2008: 302 km 27

28 FOCUS sulle nuove linee AV/AC in costruzione: la linea FOCUS sulle nuove linee AV/AC in costruzione: la linea Torino-Milano Milano-Napoli Napoli: Avanzamento dei lavori al 31/12/07 Tratta AV/AC Novara -Milano Nuova stazione di Rho Tratta AV/AC Milano-Bologna Viadotto Modena Tratta AV/AC Torino-Novara Viadotto Dora 39 km di linea 2 km di gallerie 6 km di viadotti 76 % avanzamento lavori 2009 attivazione 86 km di linea 3 km di gallerie 15 km di viadotti 100 % avanzamento lavori 2006 attivazione Tratta AV/AC Bologna-Firenze Galleria Vaglia 78 km di linea 72 km di gallerie 1 km di viadotti 88 % avanzamento lavori 2009 attivazione 182 km di linea 4 km di gallerie 32 km di viadotti Lecce 89 % avanzamento lavori 2008 attivazione Tratta AV/AC Roma-Napoli Interconnessione di Cassino 205 km di linea 37 km di gallerie 38 km di viadotti 100 % avanzamento lavori 1 Lotto 2005 attivazione 1 Lotto 81 % avanzamento lavori 2 Lotto 2009 attivazione 2 Lotto 28

29 FOCUS sulle nuove linee AV/AC in costruzione: la linea FOCUS sulle nuove linee AV/AC in costruzione: la linea Torino-Milano Milano-Napoli Napoli: Previsione di attivazione dicembre 2009 In esercizio da febbraio 2006 dicembre 2009 giugno 2010 scavalchi giu 2014 Passante sott.. e stazione dicembre 2008 In eserc. dic 2007 Pass.superficie dic 2011 Passante sott.. e stazione set 2008 bin.pari colleg.. Tiburtina giu 2009 bin.dispari colleg. Tiburt. Lecce in esercizio da dicembre 2005 dicembre 2009 completamento Obiettivo 1 Obiettivo 2 29

30 I Principali investimenti: : la rete Convenzionale Sviluppo infrastrutturale Rete Convenzionale 38 Mld Euro Sviluppo infrastrutturale Rete Alta Capacità 88 Mld Euro Tecnologie per la sicurezza, la circolazione e l'efficientamento 11 Mld Euro Manutenzione Straordinaria e Upgrading 19 Mld Euro Rete AV/AC TO-MI-NA 32 Mld Euro 30

31 La rete Convenzionale Le principalip attivazioni nell anno 2007 MILANO-LECCO LECCO Raddoppio Carnate-Cernusco Cernusco BOLOGNA-VERONA Raddoppio Crevalcore-S.Felice sul Panaro Nodo di BOLOGNA PRG e ACS di Lavino Nodo di ROMA Raddoppio Prenestina-Lunghezza e Nuove fermate linea FR2 ROMA FORMIA BAB Roma Casilina-Campoleone Campoleone e ACEI Pomezia PESCARA BARI Raddoppio Apricena-S.Severo BARI TARANTO Raddoppio Palagiano-Massafra -Bellavista (senza variante -Palagianello) RETE SARDA Raddoppio Decimomannu-S.Gavino (escluse le stazioni) Nodo di NAPOLI SCC tratta Napoli-Salerno Itenerari merci Potenziamento infrastrutturale Gioia Tauro-Taranto Taranto Nodo di REGGIO CALABRIA Elettrificazione e tecnologie sulla linea raddoppiata Reggio C.- Mellito P.S. 31

32 La rete Convenzionale Le principalip attivazioni previste nell arco di Piano ^ semestre 2008 Nodo di MILANO Passante di Milano tratta P.Vittoria-Rogoredo ADRIATICA Adeguamento a sagoma gabarit C galleria Castellano Nodo di NAPOLI Costruzione IDP Nodo di ROMA Dispositivi di attestamento a Lunghezza PALERMO-MESSINA MESSINA Raddoppio Villafranca-Rometta BARI-TARANTO Variante di Palagianello LAMEZIA-CATANZARO Variante di tracciato Catanzaro Lido-Settingiano Nodo di PALERMO ACEI e BAB tratta Palermo-Fiumetorto 32

33 La rete Convenzionale Le principalip attivazioni previste nell arco di Piano MILANO-LECCO LECCO Raddoppio Olgiate-Airuno TORINO-MODANE Gabarit B plus della linea Nodo di MILANO PRG di Milano Rogoredo MILANO 2^ semestre 2008 BOLOGNA-VERONA Raddoppio S.Felice-Poggio Rusco e Poggio Rusco-Nogara LIVORNO-PISA 1^ macrofase dell ACC e PRG Pisa C.le RETE SARDA Completamento raddoppio Decimomannu-S.Gavino PALERMO-AGRIGENTO AGRIGENTO Velocizzazione linea (ulteriore fase) Nodo di ROMA PRG Tiburtina (fase) Nodo di NAPOLI Innesto nel passsante Villa Literno-Gianturco della linea di Cancello Nodo di BARI Collegamento diretto merci nord- sud Bari S.Andrea Bari Parco Nord Nodo di MESSINA Realizzazione metroferrovia 33

34 La rete Convenzionale Le principalip attivazioni previste nell arco di Piano Nodo di MILANO Realizzazione fermata Rho-Fiera Milano Anno 2009 Nodo di MILANO Collegamento Milano C.le-Malpensa Linea Milano-Mortara Mortara: : raddoppio Milano S.Cristoforo- Albairate/Vermezzo LIVORNO-PISA Completamento PRG e ACC di Pisa Nodo di VENEZIA PRG e ACC di Venezia Mestre PALERMO-MESSINA MESSINA Raddoppio Pace del Mella-Rometta BARI-TARANTO Collegamento nord-sud Cagioni-Bellavista 34

35 La rete Convenzionale Le principalip attivazioni previste nell arco di Piano Linea Pontremolese Raddoppio Solignano-Osteriazza Nodo di TORINO Nuovo Fabbricato Viaggiatori Di Torino Porta Susa GENOVA VENTIMIGLIA Raddoppio S.Lorenzo-Andora Nodo di MILANO Collegamento indipendente linea Bergamo-Treviglio con quadruplic. Milano-Treviglio MILANO-Bologna Scalo di Marzaglia (1^ fase) ORTE-FALCONARA Raddoppio Campello-Spoleto Raddoppio Fabriano-PM 228 Anno

36 I Principali investimenti: : le tecnologie Sviluppo infrastrutturale Rete Convenzionale 38 Mld Euro Sviluppo infrastrutturale Rete Alta Capacità 88 Mld Euro Tecnologie per la sicurezza, la circolazione e l'efficientamento 11 Mld Euro Manutenzione Straordinaria e Upgrading 19 Mld Euro Rete AV/AC TO-MI-NA 32 Mld Euro SCC 5.85 mld SCMT 1.95 mld ssc GSM-R Altre tecnologie 0.25 mld 0.95 mld 2.00 mld 36

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo del Trasporto Ferroviario e dell Alta Velocità in Italia Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo della mobilità in treno: i grandi corridoi europei La rete TEN (Trans European Network) gioca un ruolo

Dettagli

APPENDICE A. DATI CLIMATICI

APPENDICE A. DATI CLIMATICI APPENDICE A. DATI CLIMATICI A.1 Temperature esterne invernali di progetto UNI 5364 Torino -8 Reggio Emilia -5 Alessandria -8 Ancona -2 Asti -8 Ascoli Piceno -2 Cuneo -10 Macerata -2 Alta valle cuneese

Dettagli

CAPITOLO 3 CARATTERISTICHE DELL INFRASTRUTTURA

CAPITOLO 3 CARATTERISTICHE DELL INFRASTRUTTURA CAPITOLO 3 CARATTERISTICHE DELL INFRASTRUTTURA 3.1 INTRODUZIONE (aggiornamento dicembre 2013) Il capitolo descrive le principali caratteristiche delle linee e degli impianti che costituiscono l infrastruttura

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION The Italian Think Tank UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION Vision propone un nuovo modello di ranking multi-dimensionale che mette a confronto le università italiane sulla base di cinque parametri

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

La linea Genova-Ventimiglia IL RADDOPPIO DEL TRATTO ANDORA-SAN LORENZO LE NUOVE STAZIONI DI IMPERIA, DIANO E ANDORA

La linea Genova-Ventimiglia IL RADDOPPIO DEL TRATTO ANDORA-SAN LORENZO LE NUOVE STAZIONI DI IMPERIA, DIANO E ANDORA La linea Genova-Ventimiglia IL RADDOPPIO DEL TRATTO ANDORA-SAN LORENZO LE NUOVE STAZIONI DI IMPERIA, DIANO E ANDORA La linea Genova-Ventimiglia IL RADDOPPIO DEL TRATTO ANDORA-SAN LORENZO LE NUOVE STAZIONI

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Programma Infrastrutture Strategiche. 9 Allegato Infrastrutture. Programmare il Territorio le Infrastrutture le Risorse.

Programma Infrastrutture Strategiche. 9 Allegato Infrastrutture. Programmare il Territorio le Infrastrutture le Risorse. Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Programma Infrastrutture Strategiche 9 Allegato Infrastrutture Programmare il Territorio le Infrastrutture le Risorse Le strategie Aprile 2011 2 PREMESSA7

Dettagli

c è un Italia che pedala. in 20 città performance di ciclabilità di livello europeo

c è un Italia che pedala. in 20 città performance di ciclabilità di livello europeo Roma, aprile 2015 c è un Italia che pedala. in 20 città performance di ciclabilità di livello europeo Bolzano, Pesaro, Ferrara e Treviso capitali della bici, almeno un quarto degli abitanti in bici tutti

Dettagli

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Abruzzo Azienda per il diritto agli studi universitari (Adsu) Viale dell Unità d Italia, 32 66013 Chieti scalo Tel. +39

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza AN001 Centro di Ateneo di Documentazione - Polo Villarey - Facoltà

Dettagli

ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA. CORRIDOIO 5 Transpadano

ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA. CORRIDOIO 5 Transpadano ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA CORRIDOIO 5 Transpadano Dicembre 2008 1. Inquadramento territoriale e programmatico a) Rete TEN-T europea asse prioritario n 6 Lione - Lubiana

Dettagli

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA Intervista all Ing. Mercatali di RFI Metrogenova.com ha recentemente incontrato l ingegner Gianfranco Mercatali, Direttore Compartimentale Infrastruttura di

Dettagli

RFI RETE FERROVIARIA ITALIANA Piazza della Croce Rossa, 1 00161 Roma

RFI RETE FERROVIARIA ITALIANA Piazza della Croce Rossa, 1 00161 Roma RFI RETE FERROVIARIA ITALIANA Piazza della Croce Rossa, 1 00161 Roma DIREZIONE COMUNICAZIONE DI MERCATO Telefono 06.44104402 Fax 06.44103726 www.rfi.it dircomu@rfi.it Stampa GRAFICA ROMANA srl - ROMA 12/2004-3.000

Dettagli

TEST INGEGNERIA 2014

TEST INGEGNERIA 2014 scienze www.cisiaonline.it TEST INGEGNERIA 2014 Ing. Giuseppe Forte Direttore Tecnico CISIA Roma, 1 ottobre 2014, Assemblea CopI DATI CISIA - MARZO, SETTEMBRE 2014 test erogati al 15 settmebre CARTACEI

Dettagli

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA DELF DALF Le certificazioni ufficii della lingua francese ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO www.testecertificazioni.it IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

I servizi per gli studenti: le opinioni dei laureati su università, città e diritto allo studio 1

I servizi per gli studenti: le opinioni dei laureati su università, città e diritto allo studio 1 I servizi per gli studenti: le opinioni dei laureati su università, città e diritto allo studio 1 di Andrea Cammelli, Serena Cesetti e Davide Cristofori 1. Aspetti introduttivi Dal 1998 AlmaLaurea, attraverso

Dettagli

Individuazione delle aree a maggior rischio di incidenti stradali

Individuazione delle aree a maggior rischio di incidenti stradali Convegno PREVENZIONE E SALUTE UN BINOMIO INSCINDIBILE SANIT Roma, 25 giugno 2009 Individuazione delle aree a maggior rischio di incidenti stradali I Ciaramella SISP - ASL RM B In collaborazione con D D

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 La sicurezza nelle stazioni. L impegno di RFI nel consolidamento della rete territoriale. Roma 27 giugno 2006 Disagio sociale 1. L altro ed il diverso 2. Aree di disagio sociale

Dettagli

20 novembre 2013. Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione

20 novembre 2013. Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione 20 novembre 2013 Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione PRINCIPALI INTERVENTI SU GOMMA PREVISTI NELLA REGIONE URBANA MILANESE La rete in gestione:

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

Occorre che l'europa investa:

Occorre che l'europa investa: 33 A tal fine, è opportuno individuare e potenziare le infrastrutture prioritarie per la sicurezza dell approvvigionamento (compresi i gasdotti, gli oleodotti e i terminal Gas Naturale Liquefatto) e delle

Dettagli

Corriamo. 5 EDIZIONE i percorsi le associazioni le attività a favore di sport & ambiente. per l ambiente!

Corriamo. 5 EDIZIONE i percorsi le associazioni le attività a favore di sport & ambiente. per l ambiente! Corriamo 5 EDIZIONE i percorsi le associazioni le attività a favore di sport & ambiente per l ambiente! E la più grande corsa a tappe a favore dell e dello ambiente sport E una manifestazione non competitiva,

Dettagli

Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011

Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011 www.autotrasportionline.com Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011 01/set/2009-30/set/2011 Rispetto a: Sito Visualizzazioni di pagina uniche 30.000 30.000 15.000 15.000 0 0 1

Dettagli

Pianificazione di massima delle attività ed organizzazione delle pulizie di presidio

Pianificazione di massima delle attività ed organizzazione delle pulizie di presidio Allegato n. 2 al CT Pianificazione di massima delle attività ed organizzazione delle pulizie di presidio SERVIZIO AMBIENTALE INTEGRATO DEI COMPLESSI IMMOBILIARI DELLE GRANDI STAZIONI Allegato n. 2 al CAPITOLATO

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali,

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali, Messaggio municipale 7/2012 accompagnante la richiesta di un credito di fr. 700'000 per la progettazione definitiva della tappa prioritaria della rete tram Signor Presidente, signore Consigliere comunali,

Dettagli

GLI ALUNNI STRANIERI NEL SISTEMA SCOLASTICO ITALIANO A.S. 2013/2014. (Ottobre 2014)

GLI ALUNNI STRANIERI NEL SISTEMA SCOLASTICO ITALIANO A.S. 2013/2014. (Ottobre 2014) GLI ALUNNI STRANIERI NEL SISTEMA SCOLASTICO ITALIANO A.S. 2013/2014 (Ottobre 2014) I dati presenti in questa pubblicazione fanno riferimento agli studenti con cittadinanza non italiana dell anno scolastico

Dettagli

OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO 18/01/2014 Rapporto morti bianche triennio 2011/12/13

OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO 18/01/2014 Rapporto morti bianche triennio 2011/12/13 OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO 18/01/2014 Rapporto morti bianche triennio 2011/12/13 ANALISI COMPARATIVA DATI 2011-2012-2013 ANALISI DATI AGGREGATI 2011-2012- 2013 ANDAMENTO INFORTUNI NEL QUADRIENNIO

Dettagli

VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA

VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA Responsabile del procedimento arch. Sergio Manto SCR Piemonte S.p.A. Referenti del R.U.P. ing. Claudio Trincianti - arch. Massimo Morello Progettisti Sina S.p.A.

Dettagli

2. Le scuole con elevate percentuali di studenti stranieri

2. Le scuole con elevate percentuali di studenti stranieri 2. Le scuole con elevate percentuali di studenti stranieri 2.1 La concentrazione degli alunni con cittadinanza non italiana in specifiche scuole e nei differenti ordini e gradi scolastici Dall analisi

Dettagli

Rapporto statistico sulla falsificazione dell euro

Rapporto statistico sulla falsificazione dell euro Rapporto statistico sulla falsificazione dell euro 2013 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V, Ufficio VI (UCAMP) Ufficio Centrale

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

0.414.994.541. Accordo

0.414.994.541. Accordo Testo originale 0.414.994.541 Accordo tra il Consiglio Federale Svizzero ed il Governo della Repubblica Italiana sul reciproco riconoscimento delle equivalenze nel settore universitario Concluso il 7 dicembre

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI DIREZIONE GENERALE PER flash 29 L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI Roma, 1 settembre 2014 Il punto di partenza:

Dettagli

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI PIEMONTE - VALLE D'AOSTA LIGURIA UNIONE COMMERCIO E TURISMO PROVINCIA DI 1 PF1335_PR418_av214_1 SAVONA ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI DELLA 2 PF1085_PR313_av214_1 PROVINCIA DI ALESSANDRIA ASCOM-BRA ASSOCIAZIONE

Dettagli

Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria

Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria Ing. Antonino Oscar Di Tommaso Università degli Studi di Palermo DIEET (Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Elettronica e delle Telecomunicazioni) Ing.

Dettagli

Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini:

Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini: Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini: Tabaccai Convenzionati con Banca ITB; Bennet S.p.A; Esselunga S.p.A; Carrefour; Conad Adriatico Soc. Coop; Tigros S.p.A;

Dettagli

Regioni, province e grandi comuni

Regioni, province e grandi comuni SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 4 Settore Popolazione Tavole di mortalità della popolazione italiana Regioni, province e grandi comuni Anno 2000 Informazioni n. 28-2004

Dettagli

Elenco enti, istituti e aziende per il diritto allo studio universitario

Elenco enti, istituti e aziende per il diritto allo studio universitario Elenco enti, istituti e aziende per il diritto allo studio universitario Ancona Ente regionale per il diritto allo studio universitario (Ersu), Vicolo della Serpe 1, 60121 Ancona, tel. 071-227411 (centr.),

Dettagli

Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23)

Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23) Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23) Indicatori congiunturali di settore e previsioni Business Analysis Aprile 2015 Indicatori congiunturali Indice della

Dettagli

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 La spesa complessiva

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

PROGETTO PEOPLE MOVER BOLOGNA RELAZIONE AL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO

PROGETTO PEOPLE MOVER BOLOGNA RELAZIONE AL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO PROGETTO PEOPLE MOVER BOLOGNA RELAZIONE AL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO 1. IL PROGETTO... 4 2. PIANO ECONOMICO FINANZIARIO... 4 2.1 Introduzione... 4 2.2 Assunzioni Generali... 5 2.3 Piano Finanziario...

Dettagli

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale La risorsa idrica sotterranea tra pressione Marco Petitta Società Geologica Italiana Dipartimento di Scienze della Terra Università di Roma La Sapienza Compiti del geologo (idrogeologo) sul tema acqua

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

GUIDA AL VIAGGIATORE. Il nuovo stile di viaggiare

GUIDA AL VIAGGIATORE. Il nuovo stile di viaggiare 1 GUIDA AL VIAGGIATORE Il nuovo stile di viaggiare 2 Ti presento Italo Tre ambienti, cinque modi di viaggiare...4 I servizi di Italo a bordo e in stazione...8 Le offerte commerciali...18 Chi ben si informa

Dettagli

L ITALIA NELL ERA CREATIVA

L ITALIA NELL ERA CREATIVA CREATIVITYGROUPEUROPE presenta L ITALIA NELL ERA CREATIVA Irene Tinagli Richard Florida Luglio 00 Copyright 00 Creativity Group Europe L Italia nell Era Creativa fa parte del Progetto CITTÀ CREATIVE Promosso

Dettagli

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 A cura dell Avv. Laura Lunghi *** Nel corso del 2009, il Governo italiano ha continuato ad agire nell ambito di un azione concertata

Dettagli

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 RAPPORTI DI LAVORO ATTIVATI (1) NEI MESI GENNAIO-MARZO DEGLI ANNI 2013, 2014 E 2015 A. NUOVI RAPPORTI DI LAVORO A1. Assunzioni a tempo indeterminato gen-mar

Dettagli

Trenitalia si affida ai tedeschi per le pulizie

Trenitalia si affida ai tedeschi per le pulizie 21/08/2009 Corriere della Sera Pag. 31 In Campania e Molise Trenitalia si affida ai tedeschi per le pulizie MILANO - Sarà una società tedesca a gestire le pulizie dei treni regionali in Campania e in Molise.

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Dati climatici G.DE GIORGIO

Dati climatici G.DE GIORGIO Dati climatici G.DE GIORGIO Introduzione Nella progettazione dei sistemi di conversione e utilizzazione dell energia solare, sia attivi che passivi, così come nella valutazione energetica del sistema edificio

Dettagli

Regolamento del Concorso a premio denominato: LO HOBBIT: LA DESOLAZIONE DI SMAUG

Regolamento del Concorso a premio denominato: LO HOBBIT: LA DESOLAZIONE DI SMAUG Regolamento del Concorso a premio denominato: LO HOBBIT: LA DESOLAZIONE DI SMAUG 1. SOGGETTO PROMOTORE: Gruppo Coin SpA con socio unico, capitale sociale 18.081.484,30 I.V - Via Terraglio, 17-30174 Mestre

Dettagli

Consigli per una guida in sicurezza

Consigli per una guida in sicurezza Consigli per una guida in sicurezza cosa fare prima di mettersi in viaggio cosa fare durante il viaggio Stagione invernale 2014-2015 In caso di neve INDICE Prima di mettersi in viaggio 1 2 3 4 5 PAG 4-

Dettagli

Endivie 2013-2014. Qualità e innovazione Tante novità, da condividere

Endivie 2013-2014. Qualità e innovazione Tante novità, da condividere Endivie 2013-2014 Qualità e innovazione Tante novità, da condividere Tutto il meglio dell endivia Negli ultimi anni Rijk Zwaan ha realizzato un importante programma di ricerca dedicato all endivia. Si

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Il Postino Telematico

Il Postino Telematico 1 Il Postino Telematico Incontro con le Organizzazioni Sincali 17 NOVEMBRE 29 Vincent Nicola Santacroce Servizi Postali Gestione del Fabbisogno Informatico Descrizione del progetto 2 Il progetto postino

Dettagli

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI Nome TARZIA SALVATORE Telefono 0961 857310 Fax 0961 857279 E mail s.tarzia@regcal.it Nazionalità Luogo di Nascita Data di

Dettagli

LO 'SBLOCCA ITALIA' IN PILLOLE. Queste alcune delle principali misure previste dal provvedimento:

LO 'SBLOCCA ITALIA' IN PILLOLE. Queste alcune delle principali misure previste dal provvedimento: LO 'SBLOCCA ITALIA' IN PILLOLE Queste alcune delle principali misure previste dal provvedimento: AFFITTI: Per chi acquista una casa (dal primo gennaio 2014 al 31 dicembre 2017) e l'affitta per otto anni

Dettagli

Vorrei un inform@zione

Vorrei un inform@zione Touring Club Italiano Vorrei un inform@zione Come rispondono gli uffici informazioni delle destinazioni turistiche italiane e straniere Dossier a cura del Centro Studi TCI Giugno 2007 SOMMARIO Alcune premesse

Dettagli

Dr. Maurizio Apicella

Dr. Maurizio Apicella Dr. Maurizio Apicella Nato a Campagna (SA) il 2.2.1962 Residente in Roma Coniugato con 2 figli FORMAZIONE 1985 Laurea in Giurisprudenza, Università di Salerno 1987 Master Formez per Consulenti di Direzione

Dettagli

Piano Industriale 2014-2017

Piano Industriale 2014-2017 Piano Industriale 2014-2017 Disclaimer Il seguente documento è stata preparato da Ferrovie dello Stato Italiane SpA ( Ferrovie dello Stato Italiane e, unitamente alle sue controllate, il Gruppo Ferrovie

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI Dott. Nicola ZERBONI Dottore Commercialista in Milano Finanziamenti europei 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi nei fondi Diretta

Dettagli

COMUNE DI SASSARI SETTORE CONTRATTI E PATRIMONIO ESITO PROVVISORIO OPERAZIONI DI GARA D APPALTO

COMUNE DI SASSARI SETTORE CONTRATTI E PATRIMONIO ESITO PROVVISORIO OPERAZIONI DI GARA D APPALTO COMUNE DI SASSARI SETTORE CONTRATTI E PATRIMONIO ESITO PROVVISORIO OPERAZIONI DI GARA D APPALTO Si informa che in data 30.4.2010 si è svolta la seduta pubblica per l'apertura delle buste contenenti le

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1)

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1) Strutture Strutture e Unioni DD cap.10 pp.379-391, 405-406 KP cap. 9 pp.361-379 Strutture Collezioni di variabili correlate (aggregati) sotto un unico nome Possono contenere variabili con diversi nomi

Dettagli

L ITALIA DA BERE (E DA MANGIARE) FIPE RACCONTA I CONSUMI ALIMENTARI FUORI CASA DELLO STIVALE

L ITALIA DA BERE (E DA MANGIARE) FIPE RACCONTA I CONSUMI ALIMENTARI FUORI CASA DELLO STIVALE Approfondimenti Milano, 15 ottobre 2013 L ITALIA DA BERE (E DA MANGIARE) FIPE RACCONTA I CONSUMI ALIMENTARI FUORI CASA DELLO STIVALE Abstract della ricerca P.E. 24h/La Cas@fuoricasa a cura dell Ufficio

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

Controllo e monitoraggio della qualità erogata dalle aziende di TPL

Controllo e monitoraggio della qualità erogata dalle aziende di TPL REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche della Mobilità e del Trasporto Pubblico Locale LAZIOSERVICE S.p.A. Progetto Trasporti Controllo e monitoraggio della qualità erogata dalle aziende di Obiettivi

Dettagli

Primo Rapporto Annuale al Parlamento

Primo Rapporto Annuale al Parlamento Primo Rapporto Annuale al Parlamento Camera dei Deputati 16 luglio 2014 Indice Generale Premessa 3 Capitolo primo - Dati economici e problemi regolatori 4 Capitolo secondo - L attività dell Autorità 123

Dettagli

Protagonista dello sviluppo locale

Protagonista dello sviluppo locale Bic Umbria Protagonista dello sviluppo locale Sviluppo Italia Bic Umbria promuove, accelera e diffonde lo sviluppo produttivo e imprenditoriale nella regione. È controllata da Sviluppo Italia, l Agenzia

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DECRETO n. 429 del 15 dicembre 2011 Direttive e calendario per le limitazioni alla circolazione stradale fuori dai centri abitati per l anno 2012 IL MINISTRO

Dettagli

2014 Indicazioni per il Rimborso. Insieme per una gestione più semplice.

2014 Indicazioni per il Rimborso. Insieme per una gestione più semplice. 2014 Indicazioni per il Rimborso. Insieme per una gestione più semplice. Ticket Restaurant City Time Ticket Restaurant Smart Ticket Restaurant Card BuonChef Standard BuonChef Club Ticket Restaurant Max

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

> MANGIARE E BERE IN ITALIA

> MANGIARE E BERE IN ITALIA Percorso 3 > MANGIARE E BERE IN ITALIA Guarda questi piatti della cucina italiana. Secondo te, di quali parti d Italia sono tipici? Ogni regione d Italia ha i suoi piatti tipici. Spesso quando pensiamo

Dettagli

Foglio Informativo n AF01 aggiornamento n 023 data ultimo aggiornamento 12.03.2015

Foglio Informativo n AF01 aggiornamento n 023 data ultimo aggiornamento 12.03.2015 Foglio Informativo n AF01 aggiornamento n 023 data ultimo aggiornamento 12.03.2015 Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari ai sensi degli artt. 115 e segg. T.U.B. FOGLIO

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

STANDARD DI COMPOSIZIONE INDIRIZZI

STANDARD DI COMPOSIZIONE INDIRIZZI STANDARD DI COMPOZIONE INDIRIZZI EDIZIONE APRILE 2009 La corretta scrittura dell indirizzo da apporre sugli oggetti postali contribuisce a garantire un recapito rapido e sicuro. Per le aziende l indirizzo

Dettagli

Documento di posizione AISCAT su:

Documento di posizione AISCAT su: Documento di posizione AISCAT su: Consultazione UE sul Rapporto del Gruppo ad Alto Livello in merito all estensione dei principali assi delle Reti transeuropee ai paesi vicini dell UE Roma, gennaio 2006

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA AREA COORDINAMENTO Ufficio Rapporti Finanziari Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2015.140 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 20 marzo 2015 Organismo Pagatore AGEA

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

PIANO NAZIONALE PER IL SUD LE PRIORITA PER LA STRATEGIA DI RIPRESA SVILUPPO DEL MEZZOGIORNO

PIANO NAZIONALE PER IL SUD LE PRIORITA PER LA STRATEGIA DI RIPRESA SVILUPPO DEL MEZZOGIORNO PIANO NAZIONALE PER IL SUD LE PRIORITA PER LA STRATEGIA DI RIPRESA SVILUPPO DEL MEZZOGIORNO 1. Il Piano Nazionale per il Sud e il futuro della politica di coesione Il Piano nazionale per il Sud interviene

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

POP ECONOMY Ovvero da dove allegramente vien la crisi e dove va

POP ECONOMY Ovvero da dove allegramente vien la crisi e dove va POP ECONOMY Ovvero da dove allegramente vien la crisi e dove va di Alberto Pagliarino e Nadia Lambiase Una produzione di Pop Economy Da dove allegramente vien la crisi e dove va Produzione Banca Popolare

Dettagli