CPS5 IT Administrator Modulo 3 LAN e servizi di rete

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CPS5 IT Administrator Modulo 3 LAN e servizi di rete"

Transcript

1 IT ADMINISTRATOR Modulo 3 - (Linux) Sommario 3.1 Reti: fondamenti Software: installazione Installazione e configurazione Gestione account: utenti e gruppi Condivisione di risorse e gestione autorizzazioni Gestione stampanti di rete Sicurezza e protezione dati Utilità Servizi Internet Connettività con internet Approfondimenti Il contesto Questo manuale si prefigge lo scopo di fornire all utente le principali nozioni riguardanti le reti locali di computer ed i servizi che esse sono in grado di erogare. I principali servizi analizzati, quali condivisione di risorse, strumenti di archiviazione e backup, mail server e web server, faranno riferimento a piattaforme di tipo UNIX/Linux. Saranno inoltre presentati i più comuni strumenti di analisi e diagnostica del traffico di rete. Infine sarà affrontato il problema della connettività con internet. Tutti gli argomenti trattati saranno volti al superamento dell esame EUCIP, pertanto faranno riferimento al relativo Syllabus 2.0. Come prerequisito è richiesta una conoscenza di base dell hardware e del suo funzionamento oltre che della installazione, configurazione ed utilizzo di sistemi operativi di tipo UNIX/Linux, argomenti trattati nel Modulo 1 di EUCIP IT Administrator Hardware del PC e nel Modulo 2 di EUCIP IT Administrator Sistemi Operativi. Inoltre, per una più agevole lettura del manuale, saranno fornite brevi note esplicative ed approfondimenti, quando ritenuto necessario. Il manuale è basato su SuSE Linux 9.2 anche se l intento è quello di rimanere, per quanto possibile, indipendente dalla distribuzione Linux e dall interfaccia grafica. Pagina 1 di 97

2 Componenti di rete Topologia Tipi di rete Vantaggi delle reti 3.1 RETI: FONDAMENTI Componenti di rete Una rete è un insieme di computer che condividono delle risorse di vario tipo, quali connessione ad Internet, stampanti e spazio su disco. Costituisce una condivisione di risorse anche la possibilità di accedere a servizi specifici: un programma eseguibile su un computer remoto, ad esempio, è una risorsa condivisa tra più utenti della rete. Tutto questo comporta un notevole risparmio economico oltre ad un incremento di produttività. Server e Client Un server è un applicazione che attende una richiesta di un servizio specifico da parte di un altra applicazione, detta client. Un servizio può essere richiesto sia dalla macchina stessa su cui è in esecuzione il server sia da un altra macchina della rete. Tuttavia ogni server può essere interrogato solamente da specifici client: per esempio un server Web può ricevere richieste da un browser, ma non da un client di posta elettronica. Client e server, anche se di produttori differenti, devono condividere un insieme di regole di interazione. Per estensione di linguaggio un server è anche una macchina su cui è in esecuzione un applicazione server. Allo stesso modo, un client è una macchina su cui è in esecuzione un applicazione client. Server di rete Un server di rete è un computer su cui sono in esecuzione applicazioni che offrono servizi specifici alle altre macchine della rete, come per esempio autenticazione degli utenti, controllo, distribuzione di criteri di amministrazione e simili. I computer che si avvalgono dei servizi di un server di rete vengono chiamati client, estendendo anche in questo caso il significato della parola che, più strettamente, sarebbe riferita alle applicazioni. Un server di rete, per poter assolvere ai suoi compiti, è generalmente una macchina ad alte prestazioni. In caso di piccole reti è utile non tanto un processore molto potente quanto una grande quantità di Pagina 2 di 97

3 RAM. Dal momento che un server non deve essere utilizzato per il lavoro ordinario degli utenti non sono necessarie particolari prestazioni grafiche. Sistemi operativi server e client Microsoft è solita distinguere nettamente i sistemi operativi producendo versioni server e versioni client. Fra i primi si devono annoverare Windows NT Server, Windows 2000 Server e Windows 2003 Server, ognuno dei quali prodotto in versioni specifiche per reti di varie dimensioni e diversi carichi di lavoro. Windows NT Workstation, Windows 2000 Professional, Windows XP Professional ed il nuovo Windows Vista sono esempi di sistemi operativi client. In ambiente GNU/Linux questa distinzione non è sempre così netta. Infatti sebbene alcune distribuzioni commerciali annoverino versioni del sistema operativo ottimizzate per il lavoro da server ed arricchite di applicazioni ad hoc, il comportamento di una macchina Linux dipende solamente dalle applicazioni che ha in esecuzione. Reti peer-to-peer Una rete priva di un server è detta peer-to-peer 1. In tale situazione ogni computer mette a disposizione delle risorse e accede a quelle condivise degli altri computer con un rapporto paritetico. Microsoft è solita indicare reti di questo tipo come Gruppi di Lavoro. Le reti peer-to-peer sono una soluzione accettabile a livello domestico o in piccoli uffici, con un numero limitato di computer. I vantaggi di questo tipo di reti si ravvisano nella facilità di configurazione, che spesso non richiede personale altamente specializzato, e nel basso impatto economico. D altro canto però, non consentono un amministrazione centralizzata delle risorse e dell accesso ad esse. Client di rete Un computer client viene solitamente utilizzato dagli utenti per lo svolgimento delle loro attività quotidiane. In linea teorica nulla vieta che possa eseguire anche applicazioni server. Le caratteristiche che si richiedono ad un client sono sostanzialmente legate, oltre ai requisiti minimi del sistema operativo, alle applicazioni che deve eseguire. Se ai server non vengono richieste particolari prestazioni grafiche (molti server Linux non hanno installata alcuna 1 Peer-to-peer (P2P): da pari a pari. Pagina 3 di 97

4 GUI 2 ), in un client la necessità di prestazioni grafiche elevate può essere particolarmente sentita. Un caso particolare è rappresentato dai thin client 3, computer particolarmente poveri, se non privi, di capacità logiche e di memorizzazione, che si appoggiano per ogni necessità ad un fat server. Tralasciando l ovvia connessione di rete, l unico requisito è la capacità grafica. La scheda di rete La scheda di rete è il dispositivo che consente la connessione del computer alla rete. Spesso ci si riferisce ad essa con l acronimo NIC (Network Interface Card, scheda di interfaccia di rete). La scelta della scheda appropriata dipende dall architettura del computer e dal tipo di rete: per un portatile potrebbe essere necessaria una scheda di tipo PCMCIA 4, mentre per un desktop solitamente si ricorre ad una scheda PCI. Inoltre ogni scheda è compatibile per una sola architettura di rete: una scheda Ethernet 5 non può essere utilizzata per connettersi ad una rete Token ring. Ad ogni scheda di rete è assegnato, al momento della produzione, un indirizzo fisico univoco, detto MAC address (Media Access Control). Per le architetture di rete più comuni, ogni MAC address è composto da sei byte, ognuno dei quali viene espresso come una coppia di numeri esadecimali 6 : i primi 3 byte fanno riferimento al produttore, i successivi 3 al numero di scheda. Un esempio di MAC address è 88-B2-3C-A7-FF GUI: Graphical User Interface, interfaccia grafica. 3 Thin significa magro, sottile e fa riferimento alle basse prestazioni di questo tipo di macchine, in contrapposizione a fat (grasso), riferito a server molto performanti. 4 PCMCIA e PCI sono standard di interfacce per il collegamento di periferiche ai computer. 5 Ethernet e Token ring sono architetture di rete: verranno approfondite nei paragrafi successivi. 6 Il sistema numerico esadecimale utilizza 16 simboli (i numeri da 0 a 9 e le lettere da A ad F) invece dei 10 (da 0 a 9) del sistema numerico decimale tradizionale. Pagina 4 di 97

5 Topologie di rete Topologia La topologia è il modo in cui i computer di una rete sono interconnessi tra di loro. Le più diffuse sono: bus in cui ogni computer è connesso solamente e direttamente ad un mezzo trasmissivo lineare, lungo il quale le trasmissioni di ogni singolo computer si propagano in entrambe le direzioni; stella dove tutti i computer sono connessi direttamente ad un nodo centrale, solitamente attraverso due connessioni punto a punto, una per la ricezione e una per la trasmissione dati; anello dove i computer formano una struttura ad anello chiuso, in cui ognuno riceve dati dal precedente e li ripete al successivo; i dati fluiscono solamente in senso orario o antiorario; albero è una estensione della rete a bus, solitamente utilizzata in reti con un numero piuttosto ampio di computer. Rete a bus lineare Rete a stella Rete ad anello Rete ad albero Pagina 5 di 97

6 Mezzi trasmissivi Le trasmissioni dei singoli computer si propagano nella rete attraverso un mezzo trasmissivo. Vengono comunemente utilizzati i seguenti mezzi trasmissivi: doppino in rame; doppino in rame binato; cavo coassiale; fibre ottiche; canali radio terrestri e satellitari. Per ogni mezzo trasmissivo esistono supporti, ciascuno con differenti proprietà, indicati per un utilizzo entro specifiche distanze o per un numero massimo di connessioni. Doppino in rame e doppino in rame binato Il doppino in rame è costituito da due fili di rame singolarmente isolati e intrecciati a spirale regolare. Per ridurre l interferenza con altri doppini nelle vicinanze, un doppino è protetto da una guaina esterna. Trova largo utilizzo nelle comunicazioni telefoniche, compresi i collegamenti ad Internet con modem tramite linea tradizionale. Agli estremi del cavo vengono utilizzati jack 7 di tipo RJ11. Il doppino di rame binato è costituito da due doppini di rame non schermati UTP (Unshield Twisted Pair) o schermati. Nelle LAN consente di raggiungere velocità di 10Mbit/s o 100Mbit/s. Nel primo caso possono essere utilizzati doppini di categoria 3, mentre la categoria 5, caratterizzata da un numero maggiore di avvolgimenti per centimetro e una guaina isolante in Teflon 8, viene utilizzata per le connessioni a 100Mbit/s. Il jack utilizzato è di tipo RJ45. 7 Per jack si intendono i connettori posti agli estremi dei cavi. 8 Il Teflon è una materia plastica liscia al tatto e resistente alle alte temperature (fino a 200 C e oltre), usata nell'industria per ricoprire superfici sottoposte ad alte temperature alle quali si richiede una "antiaderenza" e una buona inerzia chimica. Pagina 6 di 97

7 Cavo coassiale, fibre ottiche e canali radio I cavi coassiali consistono in due conduttori di rame concentrici, separati da un isolante e racchiusi da una guaina. Nelle LAN vengono utilizzati due tipi distinti di cavi coassiali: il cavo coassiale a banda base ha un impedenza di 50 ohm e un diametro di circa 1 cm; il cavo coassiale a banda larga ha invece un impedenza di 75 ohm ed è più spesso e costoso. Le fibre ottiche sono caratterizzate da elevate velocità e da una particolare resistenza alle interferenze. Ciò le rende il mezzo ideale per le lunghe distanze, anche centinaia di chilometri, giustificando, così, gli elevati costi che richiedono. I canali radio, che non richiedono la presenza di cablaggi, consentono trasmissioni sia entro l area locale sia a livello satellitare. Sussistono, ovviamente, profonde differenze nei due casi. Hub e switch Gli hub sono dispositivi di rete che funzionano da concentratori, ossia da nodi di smistamento: inoltrano su tutte le loro porte i segnali che ricevono da una porta qualsiasi. In una topologia di rete a stella spesso occupano la postazione centrale. Sono detti passivi, se si limitano a distribuire il segnale, attivi se, oltre a ciò, lo amplificano. Gli switch, sebbene lavorino ad un livello di rete differente 9, compiono la medesima funzione di inoltro degli hub, con la differenza che i segnali ricevuti vengono inoltrati solamente sulla porta ove è connesso il destinatario. 9 Si parla di livelli di rete diversi, perché mentre l hub si limita a ritrasmettere i segnali elettrici che riceve (livello 1, fisico), lo switch a analizza e smista il flusso di dati che lo attraversa (livello 2, datalink). L argomento viene trattato dettagliatamente nel capitolo 3.3. Pagina 7 di 97

8 Sia gli hub che gli switch sono ampiamente utilizzati nella LAN, in quanto consentono di superare le limitazioni dovute ad una struttura rigidamente lineare della rete. Inoltre gli switch consentono di ottimizzare lo sfruttamento della banda della rete su sue singole porzioni. Architetture di rete Le reti possono essere classificate secondo la loro architettura, vale a dire in base alle tecnologie utilizzate per collegare gli host 10. Fra le architetture più comuni bisogna ricordare: Ethernet Token ring FDDI Le differenze fra le varie architetture si manifestano sia a livello di gestione dei blocchi di dati (pacchettizzazione), sia nella modalità della loro trasmissione, come pure nei cavi e nelle interfacce di rete utilizzati. Da notare come alcune architetture, ad esempio Ethernet, possono utilizzare tipologie di cavi ed interfacce differenti di rete. Ethernet Il termine Ethernet indica un protocollo per reti locali. Si tratta di un insieme di tecnologie differenti che hanno in comune la struttura del pacchetto di dati (il cosiddetto data frame 11 ) e l utilizzo, come tecnologia di trasmissione, di un algoritmo di CSMA/CD 12 (Carrier Sense Multiple Access with Collision Detection). Inoltre l architettura della rete prevede che tutti i nodi siano collegati da un canale di broadcast 13. Le tecnologie Ethernet possono essere schematizzate come segue: Ethernet 10Base2 e 10Base5; Ethernet 10BaseT e 100BaseT; Ethernet 10BaseF e 100BaseFX; Gigabit Ethernet. 10 Ogni computer collegato ad una rete è definito host. 11 Per data frame si intende il modo in cui è strutturato ogni singolo pacchetto di dati trasferito nella rete. Nel caso di rete Ethernet viene definito di tipo DIX (da DEC, Intel, Xerox, le aziende che hanno contribuito a sviluppare il protocollo). 12 CSMA/CD (Carrier Sense Multiple Access with Collision Detection): accesso multiplo tramite rilevamento della portante con rilevamento delle collisioni. 13 Un pacchetto inviato all indirizzo di broadcast verrà diffuso a tutti gli host della rete. Pagina 8 di 97

9 Ethernet 10Base2 e 10Base5 Ethernet 10Base2 prevede l utilizzo di cavi coassiali del diametro di 5mm e impedenza 50 ohm, indicati con la sigla RG58 o RG59, mentre Ethernet 10Base5 utilizza cavi analoghi ma di diametro di 10mm, indicati con la sigla RG8. RG58 RG8 Entrambe sono basate su una topologia a bus lineare e consentono velocità pari a 10Mbps; le differenze riguardano le lunghezze dei segmenti di rete (tratti di cavo non interrotti da hub o switch) ed numero massimo di nodi utilizzabili. Una rete Ethernet 10Base2 è strutturata su segmenti lunghi sino a 185m (anche se nominalmente si parla di 200m) con al massimo 30 nodi, mentre una Ethernet 10Base5 consente l utilizzo di segmenti lunghi sino a 500m e un massimo di 100 nodi. Alle estremità di un cavo RG58, chiamato anche thin cable, vengono montati dei connettori di tipo BNC; ogni computer di una rete di tipo 10Base2 deve avere un connettore BNC, cui si collega un adattatore BNC a T. Questo consente di congiungere due cavi coassiali che costituiscono il bus lineare della rete. Ai nodi estremi su un lato del connettore a T viene posto un tappo, che termina correttamente il bus. I cavi RG8 (detti anche thick cable) sono spessi, pesanti, difficili da piegare e prevedono connettori di tipo N. In una rete Ethernet 10Base5 un dispositivo non può essere collegato direttamente alla portante: il mezzo di trasmissione è dotato di transceiver 14, detti anche MAU 15 (Multistation Access Unit), ai quali vengono collegate le schede Ethernet dei computer con connettori a 15 poli di tipo AUI (DB-15). Sia Ethernet 10Base5 che la più recente Ethernet 10Base2 sono ormai considerate obsolete e stanno scomparendo. 14 Transceiver (da transmitter e receiver ) è un dispositivo che permette di veicolare su un unico canale, i segnali in ingresso ed in uscita. 15 Multi-station Access Unit. Apparato che consente di collegare in rete più computer con protocollo Ethernet. Il dispositivo può essere interno al computer, sulla scheda di rete, oppure esterno. Il MAU provvede a gestire lo scambio di bit fra computer e rete, riconosce le collisioni di dati, e nel caso richiede la ritrasmissione dei dati persi. Da non confondere con un omonimo apparato MAU utilizzato nelle reti Token Ring. Pagina 9 di 97

10 Ethernet 10BaseT e 100BaseT Ethernet 10BaseT e 100BaseT utilizzano un cavo UTP 16, costituito da doppini intrecciati non schermati. Mentre per Ethernet 10BaseT si utilizzano cavi di categoria 3, per Ethernet 100BaseT si utilizzano cavi di categoria 5. Le specifiche di Ethernet 100BaseT4 consentono l uso di cavi di categoria 3. In tutti i casi la topologia è a stella, dove il concentratore è costituito da un hub o uno switch. La distanza massima tra un terminale e l hub è di 100m ma, utilizzando diversi hub in successione, la lunghezza totale della rete può essere anche molto superiore. Gli adattatori che vengono utilizzati sono di tipo RJ45. Le reti Ethernet 10BaseT, la cui velocità è di 10Mbps, lasciano ormai il posto a reti Ethernet 100BaseT, che possono arrivare a 100Mbps. Ethernet 10BaseF, 100BaseFX Ethernet 10BaseF e 100BaseFX operano rispettivamente a 10Mbps e 100Mbps e prevedono l utilizzo della fibra ottica. L utilizzo della fibra ottica presenta considerevoli vantaggi, come la possibilità di avere segmenti sino a 500m nell Ethernet 10BaseF, ma anche costi molto superiori. Gigabit Ethernet Attualmente le reti Ethernet più performanti hanno velocità di 1000Mbps e sono quindi dette Gigabit Ethernet. Possono essere utilizzati sia i cavi tradizionali che la fibra ottica. Le specifiche 1000BaseT utilizzano quattro paia di cavi UTP (categoria 5) e la lunghezza dei segmenti può arrivare al massimo a 100m. Le specifiche 1000BaseCX prevedono un doppino schermato (STP 17 ) apposito, chiamato copper, e ammettono segmenti lunghi sino a 25m. Sono basati su fibra ottica i sistemi 1000BaseSX, che utilizza onde corte ed ogni segmento può arrivare sino a 550m, e 1000BaseLX che utilizza onde lunghe ed ogni segmento può arrivare sino a 5KM. 16 UTP è l'acronimo di Unshielded Twisted Pair: doppini intrecciati non schermati. Si parla di categoria 3 quando sono intrecciati due doppini (4 cavi), di categoria 5 quando sono intrecciati quattro doppini (8 cavi). 17 STP è l'acronimo di Shielded Twisted Pair: doppino schermato intrecciato. Pagina 10 di 97

11 Token ring Le reti ad anello chiuso Token ring evitano il problema delle collisioni dei segnali, facendo sì che possa trasmettere un solo nodo alla volta: ogni nodo riceve da un segmento della rete e trasmette sul segmento successivo. In questo modo ogni nodo funziona da ripetitore e trasmette i propri dati insieme a quelli che riceve. Un particolare segnale, detto token, passa di nodo in nodo nell anello: il calcolatore che è in possesso del token è quello che ha il diritto di trasmettere. Una macchina che deve trasmettere dei dati attende il token, li accoda ad esso ed inoltra tutto al nodo successivo. Se nella rete non vi è nulla da trasmettere, il token viene comunque passato di nodo in nodo. Nelle reti Token ring vengono utilizzati cavi coassiali, doppini schermati o fibra ottica, ma ciò non influenza le velocità, che sono sempre 4Mbps, 8Mbps o 100Mbps. Viene, invece, influenzata la lunghezza massima dei segmenti. Poiché in una rete Token ring un PC spento interromperebbe l anello, solitamente ogni macchina viene collegata ad un MAU 18 (Media Access Unit), che permette di bypassare l interruzione. FDDI FDDI (Fiber Distributed Data Interface) è un particolare tipo di rete Token ring che utilizza la fibra ottica come mezzo trasmissivo. Consente di creare reti di grandi dimensioni, tipicamente sino a 500 nodi su una distanza di 100km, anche se i protocolli FDDI, a seconda della configurazione, possono supportare reti più vaste. La velocità massima supportata è di 100Mbps. Le reti FDDI sono organizzate in modo da formare uno o più anelli: in quest ultimo caso gli anelli sono controrotanti, nel senso che le informazioni vengono trasmesse in direzione opposta nei vari a- nelli. Ogni nodo è connesso a più anelli, in modo che in caso di danneggiamento di un segmento, è possibile congiungere due anelli dalle parti opposti dell interruzione, escludendo il tratto danneggiato. 18 Da non confondere col Multi-station Access Unit tipico delle reti Ethernet. Pagina 11 di 97

12 LAN e WAN Tipi di rete LAN è l acronimo di Local Area Network, rete locale di piccole dimensioni che si estende normalmente entro lo spazio di un ufficio o un edificio. Normalmente è composta da computer, stampanti, cavi di rete, switch e hub. Se necessario, può comunicare con reti esterne per mezzo di modem 19 o router 20. Una WAN, Wide Area Network, è una rete di grandi dimensioni geografiche, che si estende anche per centinaia di chilometri: Internet è un esempio di WAN pubblica. Intranet e Extranet Sia Intranet che Extranet sono reti che forniscono servizi analoghi a quelli offerti da Internet ai loro utenti: server Web, posta elettronica e simili. Queste reti, però, sono di natura privata e possono estendersi anche su grandi distanze, collegando ad esempio filiali e sezioni distaccate di una medesima azienda o istituzione. Per questo motivo possono essere considerate delle WAN private. Possono utilizzare delle connessioni proprie, ma anche affidare il trasporto delle comunicazioni alla stessa rete Internet. La differenza tra le due consiste sostanzialmente nel fatto che si ha accesso ad una Intranet solamente dal suo interno, mentre una E- xtranet consente l accesso anche dal suo esterno a soggetti selezionati (come fornitori, consulenti, collaboratori etc.), che devono identificarsi con nome utente e password o altro meccanismo di autenticazione. In ragione di ciò, una Extranet è una WAN privata sicura. 19 Il modem (MOdulatore DEModulatore) è il dispositivo che rende possibile la comunicazione di più sistemi di computer utilizzando come canale comune la linea telefonica. 20 Un router (instradatore) è un dispositivo di rete che si occupa di instradare pacchetti tra reti diverse ed eterogenee. Pagina 12 di 97

13 3.2 SOFTWARE: INSTALLAZIONE Installazione del Sistema Operativo Installazione e disinstallazione di applicazioni Installazione del Sistema Operativo Sistemi operativi di rete Una struttura client/server prevede che tra tutte le macchine della rete almeno una, dotata di adeguate risorse hardware, riceva delle richieste dai client e restituisca loro i risultati dopo aver effettuato l'elaborazione. Questo permette di concentrare su una macchina centrale (il server) le risorse di elaborazione, il software, la manutenzione, le informazioni critiche o sensibili, gli accorgimenti atti a garantire affidabilità (come i backup). I client, al contrario, possono essere anche macchine con risorse e affidabilità inferiori, che hanno l'unico compito di interagire con l'utente e che non contengono informazioni critiche o sensibili. Visto il ruolo delicato svolto dai server all interno delle reti, alcune case preferiscono sviluppare appositi sistemi operativi come Windows Server 2000/2003 di Microsoft. Se UNIX viene utilizzato essenzialmente su server e macchine ad alte prestazioni, quali mainframe 21, supercomputer 22 o cluster 23, in ambito Linux la distinzione non è così netta: una singola macchina può comportarsi sia da client che da server, a seconda delle esigenze. Windows Server 2000/2003 Sono sistemi operativi server, che differiscono dalle corrispondenti versioni client per la dotazione di software server, ad esempio: Active Directory il sistema integrato e distribuito di directory service, per la gestione dei servizi di rete e di dominio; Server DNS per la risoluzione dei nomi della rete; Server RRAS per il routing e l accesso remoto; 21 Viene definito mainframe un computer grande e dotato di elevata capacità di elaborazione, in grado di supportare l'utilizzo contemporaneo da parte di centinaia o addirittura migliaia di utenti il cui accesso avviene di solito mediante un terminale. 22 I supercomputer sono dei sistemi di elaborazione progettati per ottenere potenze di calcolo estremamente elevate, dedicati ad eseguire calcoli particolarmente onerosi. 23 Un computer cluster, o più semplicemente cluster (grappolo), è un insieme di computer connessi tramite una rete telematica. Lo scopo di un cluster è quello di distribuire una computazione molto complessa tra i vari computer che lo compongono. In sostanza un problema che richiede molte elaborazioni per essere risolto viene scomposto in sottoproblemi separati in modo da elaborare in parallelo ed aumentare la potenza di calcolo Pagina 13 di 97

14 Server DHCP per assegnare in maniera dinamica indirizzi agli host della rete; Funzionalità avanzate di gestione e controllo centralizzato. Alcune versioni di Windows Server, hanno la possibilità di lavorare in cluster (grappolo). In entrambi i casi (2000 e 2003) esistono differenti versioni che consentono di realizzare server adatti a reti di dimensioni diverse. Sono stati sviluppati sia per processori che utilizzano bus a 32 bit che a 64 bit. UNIX e GNU/Linux Punto di arrivo di un progetto iniziato alla fine degli anni 60 e perfezionato negli anni 80, il sistema operativo UNIX è basato sulle seguenti caratteristiche: Multiutenza: più utenti possono interagire contemporaneamente con il sistema, grazie all utilizzo di terminali virtuali, senza interferire tra loro. Ogni utente è individuato univocamente da un identificativo logico (username) ed appartiene ad uno o più gruppi che ne assegnano ed eventualmente limitano le risorse di sistema. L'amministratore di sistema (sempre nominato root ) non ha alcuna limitazione nell'accesso alle risorse del sistema. Multitasking: possono essere eseguiti contemporaneamente più processi, gestiti a divisione di tempo. Memoria virtuale: UNIX è in grado di utilizzare un'area di memoria di dimensioni superiori a quelle della memoria centrale effettivamente disponibile appoggiandosi alla memoria fisica (disco rigido). Portabilità: il sistema, grazie all'impiego del linguaggio C, è u- tilizzabile su una vastissima gamma di architetture diverse. Aperto: (soprattutto nelle versioni più recenti) UNIX rispetta lo standard POSIX. Inoltre, da UNIX derivano i più diffusi servizi e protocolli di comunicazione di rete, sia locale che globale (Internet). Ambiente di sviluppo per programmi in C: oltre all ambiente di sviluppo, UNIX implementa anche un compilatore (serve a produrre del codice leggibile dalla macchina). Storicamente Linux è figlio di UNIX, per cui le principali caratteristiche dei due sistemi operativi coincidono. Linux e UNIX differiscono sostanzialmente per il fatto che UNIX è destinato a macchine più potenti, come workstation, mainframe e simili, anche se ne esistono versioni, come FreeBSD ed OpenBSD, adattate per pc. Pagina 14 di 97

15 Caratteristica distintiva di Linux è il sistema di licenza GNU, con la sua particolare gestione dei diritti d autore, in quanto aderisce alla categoria del software libero, che permette l uso e lo sviluppo collettivo e naturale del software, al contrario di quanto avviene per i sistemi Microsoft o per lo stesso UNIX. Questo fa si che, al contrario di quanto avviene per Windows, Linux sia in continuo sviluppo e non abbia bisogno di service pack: ogni suo pezzo si evolve in maniera indipendente dagli altri ed ogni evoluzione è subito disponibile per gli utenti. E sufficiente installare l aggiornamento in questione, affinché risulti disponibile al successivo riavvio del sistema. Installazione di SuSE Linux Per questo manuale verrà utilizzato come sistema operativo di riferimento SuSE Linux 9.2, tenendo presente che procedimenti di installazione analoghi si utilizzano anche per altre distribuzioni, quale Red Hat o Ubuntu. Sono necessari i cinque CD o il DVD di SuSE che possono essere acquistati o scaricati da Internet come immagini ISO 24, quindi masterizzati. Il processo è relativamente semplice, basta inserire nel lettore il CD 1 o il DVD all avvio del pc per essere guidati dal programma di installazione YaST (Yet another Setup Tool) fino al completamento dell operazione. Sarà il programma di installazione a creare correttamente le partizioni ed a riconoscere eventuali sistemi operativi già presenti. E importante ricordare che per poter avviare il pc da CD è necessario aver configurato correttamente il BIOS. La schermata all avvio del CD chiede se utilizzare un sistema preinstallato (opzione evidenziata) o effettuare una nuova installazione di SuSE: deve essere selezionata questa seconda opzione con i tasti direzionali. A questo punto si avvia YaST che farà un analisi sia dell hardware che di altri sistemi operativi installati (Windows compreso). I risultati dell analisi saranno esposti nella schermata successiva che proporrà un setup di installazione. Verrà inoltre proposto un possibile partizionamento (inclusa un eventuale riduzione della partizione di Windows), oltre ad un opzione di installazione; è consigliato seguire tale proposta in caso di prima installazione. 24 Con immagine ISO si definiscono solitamente quei file che contengono un filesystem di tipo ISO9660 e sono l'immagine del contenuto di un intero CD/DVD o di quello che sarà contenuto in un CD/DVD. Pagina 15 di 97

16 A seguire, SuSE Linux produrrà le seguenti schermate: Modo selezionare Nuova installazione ; Layout della tastiera l assetto della tastiera viene impostato sulla base della lingua scelta; Mouse il sistema indica il tipo di mouse che è stato identificato; Partizionamento se, sul disco rigido, si trova Windows 9x/ME, con un file system FAT, il sistema proporrà anche di quanto esso debba essere ridotto; Software la configurazione standard prevede una completa fornitura di software da ufficio e per uso domestico, oltre che una completa fornitura di applicativi server; Avvio del sistema... decidete dove SuSE debba installare il bootmanager, cioè il software che gestisce l avvio del sistema. Il valore di default è il Master Boot Record (MBR) del primo disco rigido. E possibile scegliere anche il bootloader, cioè il software che gestisce la scelta e l avvio del SO, tra LILO e GRUB. Il primo è consigliato ai principianti, per la semplicità di utilizzo e configurazione, mentre il secondo è una piattaforma più potente e flessibile, ma complessa. Le nuove versioni di SuSE Linux utilizzano GRUB come bootloader di default; Fuso orario il fuso orario corrisponde di solito alla lingua; Lingua mostra la lingua impostata per il sistema. Una volta terminata questa procedura, se non sono emersi problemi nel rilevamento dell hardware, non resta che premere su Accetta per avviare il processo di installazione. E richiesta un ulteriore conferma, prima di avviare il processo, che durerà poco più di un quarto d ora. Al termine dell installazione verrà chiesto di inserire la password per l utente root, l amministratore di sistema: è necessario conservare gelosamente questa password, in quanto root è l unico utente che a- vrà facoltà di modificare la configurazione del sistema. SuSE chiederà se gli utenti devono essere autenticati localmente, ossia sulla macchina stessa, o se fare uso di un servizio di autenticazione centralizzato come NIS o LDAP: inizialmente è opportuno utilizzare utenti locali. Se il pc è collegato in rete, verrà chiesto di inserirne i relativi parametri; sarà inoltre effettuata una ricerca di periferiche quali modem, monitor, stampanti con eventuale configurazione automatica. Al termine del processo, verrà riavviato il sistema: SuSE Linux è pronto per essere utilizzato! Pagina 16 di 97

i nodi i concentratori le dorsali

i nodi i concentratori le dorsali RETI LOCALI Reti di computer collegati direttamente tra di loro in un ufficio, un azienda etc. sono dette LAN (Local Area Network). Gli utenti di una LAN possono condividere fra di loro le risorse quali

Dettagli

Reti locati e reti globali. Tecnologie: Reti e Protocolli. Topologia reti. Server e client di rete. Server hardware e server software.

Reti locati e reti globali. Tecnologie: Reti e Protocolli. Topologia reti. Server e client di rete. Server hardware e server software. Reti locati e reti globali Tecnologie: Reti e Protocolli Reti locali (LAN, Local Area Networks) Nodi su aree limitate (ufficio, piano, dipartimento) Reti globali (reti metropolitane, reti geografiche,

Dettagli

INFORMATICA LIVELLO BASE

INFORMATICA LIVELLO BASE INFORMATICA LIVELLO BASE INTRODUZIONE 3 Fase Che cos'è una rete? Quali sono i vantaggi di avere una Rete? I componenti di una Rete Cosa sono gi Gli Hub e gli Switch I Modem e i Router Che cos è un Firewall

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011. Paola Zamperlin. Internet. Parte prima

Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011. Paola Zamperlin. Internet. Parte prima Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011 Paola Zamperlin Internet. Parte prima 1 Definizioni-1 Una rete di calcolatori è costituita da computer e altri

Dettagli

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti Locali Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti di Calcolatori una rete di calcolatori è costituita da due o più calcolatori autonomi

Dettagli

Internet e protocollo TCP/IP

Internet e protocollo TCP/IP Internet e protocollo TCP/IP Internet Nata dalla fusione di reti di agenzie governative americane (ARPANET) e reti di università E una rete di reti, di scala planetaria, pubblica, a commutazione di pacchetto

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Introduzione alle Reti Informatiche

Introduzione alle Reti Informatiche WWW.ICTIME.ORG Introduzione alle Reti Informatiche Cimini Simonelli - Testa Sommario Breve storia delle reti... 3 Internet... 3 Gli standard... 4 Il modello ISO/OSI... 4 I sette livelli del modello ISO/OSI...

Dettagli

La classificazione delle reti

La classificazione delle reti La classificazione delle reti Introduzione Con il termine rete si intende un sistema che permette la condivisione di informazioni e risorse (sia hardware che software) tra diversi calcolatori. Il sistema

Dettagli

Dal protocollo IP ai livelli superiori

Dal protocollo IP ai livelli superiori Dal protocollo IP ai livelli superiori Prof. Enrico Terrone A. S: 2008/09 Protocollo IP Abbiamo visto che il protocollo IP opera al livello di rete definendo indirizzi a 32 bit detti indirizzi IP che permettono

Dettagli

Indice. Indice V INTRODUZIONE... XIII PARTE PRIMA... 1

Indice. Indice V INTRODUZIONE... XIII PARTE PRIMA... 1 Indice V Indice INTRODUZIONE................................................ XIII PARTE PRIMA...................................................... 1 1 Il business delle reti di computer.........................................

Dettagli

Reti standard. Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet

Reti standard. Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet Reti standard Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet Rete globale Internet è una rete globale di calcolatori Le connessioni fisiche (link) sono fatte in vari modi: Connessioni elettriche

Dettagli

I canali di comunicazione

I canali di comunicazione I canali di comunicazione tipo velocità min velocità max doppino telefonico 300bps 10 mbps micro onde 256kbps 100 mbps satellite 256kbps 100 mbps cavo coassiale 56 kbps 200 mbps fibra ottica 500 kbps 10

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Il funzionamento delle reti

Il funzionamento delle reti Il funzionamento delle reti La rete ci cambia la vita L Età dell Informazione ha prodotto profondi cambiamenti nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali stanno mutando l

Dettagli

I COMPONENTI DI UNA RETE

I COMPONENTI DI UNA RETE I COMPONENTI DI UNA RETE LE SCHEDE DI RETE (O INTERFACCE 'NIC') Tutti I PC, per poterli utilizzare in rete, devono essere dotati di schede di rete (NIC). Alcuni PC sono dotati di NIC preinstallate. Nello

Dettagli

Reti di Calcolatori: una LAN

Reti di Calcolatori: una LAN Reti di Calcolatori: LAN/WAN e modello client server Necessità di collegarsi remotamente: mediante i terminali, ai sistemi di elaborazione e alle banche dati. A tal scopo sono necessarie reti di comunicazione

Dettagli

EUCIP - IT Administrator. Modulo 3 - LAN e servizi di rete. Versione 2.0

EUCIP - IT Administrator. Modulo 3 - LAN e servizi di rete. Versione 2.0 EUCIP - IT Administrator Modulo 3 - LAN e servizi di rete Versione 2.0 Modulo 3: Obiettivi Modulo 3 Il modulo 3, LAN e servizi di rete, richiede al candidato di avere familiarità nell'installare, usare

Dettagli

Configurare una rete con PC Window s 98

Configurare una rete con PC Window s 98 Configurare una rete con PC Window s 98 In estrema sintesi, creare una rete di computer significa: realizzare un sistema di connessione tra i PC condividere qualcosa con gli altri utenti della rete. Anche

Dettagli

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni Reti di computer Tecnologie ed applicazioni Da I.T a I.C.T Con I.T (Information Tecnology) si intende il trattamento delle informazioni attraverso il computer e le nuove apparecchiature tecnologiche ad

Dettagli

Hardware delle reti LAN

Hardware delle reti LAN Hardware delle reti LAN Le reti LAN utilizzano una struttura basata su cavi e concentratori che permette il trasferimento di informazioni. In un ottica di questo tipo, i computer che prendono parte allo

Dettagli

Le reti di calcolatori

Le reti di calcolatori Le reti di calcolatori 1 La storia Computer grandi e costosi Gli utenti potevano accerdervi tramite telescriventi per i telex o i telegrammi usando le normali linee telefoniche Successivamente le macchine

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II Lezione 1 Giovedì 5-03-2015 TESTO DI RIFERIMENTO RETI DI CALCOLATORI E INTERNET un

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 1 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Intro: 1 Con il termine rete si indica in modo generico un collegamento fra 2 apparecchiature (sorgente - destinazione)

Dettagli

Linux User Group Cremona CORSO RETI

Linux User Group Cremona CORSO RETI Linux User Group Cremona CORSO RETI Cos'è una rete informatica Una rete di calcolatori, in informatica e telecomunicazioni, è un sistema o un particolare tipo di rete di telecomunicazioni che permette

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016. Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA

PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016. Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016 Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA Docenti: Gualdi (teoria), Travaglioni (laboratorio) Ore settimanali previste: 2 TEORIA +

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come:

Dettagli

Programmazione modulare 2014-2015

Programmazione modulare 2014-2015 Programmazione modulare 2014-2015 Indirizzo: Informatica Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: 5 A e 5 B Docente: Buscemi Letizia Ore settimanali previste: 4 ore (2 teoria + 2 laboratorio) Totale ore previste:

Dettagli

Reti di calcolatori protocolli

Reti di calcolatori protocolli Reti di calcolatori Reti di calcolatori Rete = sistema di collegamento tra vari calcolatori che consente lo scambio di dati e la cooperazione Ogni calcolatore e un nodo, con un suo indirizzo di rete, il

Dettagli

Reti di Calcolatori. una rete di calcolatori è costituita da due o più calcolatori autonomi che possono interagire tra di loro una rete permette:

Reti di Calcolatori. una rete di calcolatori è costituita da due o più calcolatori autonomi che possono interagire tra di loro una rete permette: Reti di Calcolatori una rete di calcolatori è costituita da due o più calcolatori autonomi che possono interagire tra di loro una rete permette: condivisione di risorse (dati aziendali, stampanti, ) maggiore

Dettagli

Reti LAN. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it

Reti LAN. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it Reti LAN IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it Le LAN Una LAN è un sistema di comunicazione che permette ad apparecchiature indipendenti di comunicare fra loro entro un area limitata

Dettagli

Finalità delle Reti di calcolatori. Le Reti Informatiche. Una definizione di Rete di calcolatori. Schema di una Rete

Finalità delle Reti di calcolatori. Le Reti Informatiche. Una definizione di Rete di calcolatori. Schema di una Rete Finalità delle Reti di calcolatori Le Reti Informatiche Un calcolatore isolato, anche se multiutente ha a disposizione solo le risorse locali potrà elaborare unicamente i dati dei propri utenti 2 / 44

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI CLASSIFICAZIONE DELLE RETI A seconda dei ruoli dei computer le reti si classificano in: Reti Client Server in cui sono presenti computer con ruoli diversi, alcuni funzionano da client e uno o più da server

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II Lezione 1 Martedì 4-03-2014 1 TESTO DI RIFERIMENTO RETI DI CALCOLATORI

Dettagli

Le Reti (gli approfondimenti a lezione)

Le Reti (gli approfondimenti a lezione) Le Reti (gli approfondimenti a lezione) Per migliorare la produttività gli utenti collegano i computer tra di loro formando delle reti al fine di condividere risorse hardware e software. 1 Una rete di

Dettagli

Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema. Dal livello A al livello B

Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema. Dal livello A al livello B Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema contenuto della comunicazione sistema per la gestione della comunicazione sottosistema C sottosistema B sottosistema A

Dettagli

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Classe V sez. E ITC Pacioli Catanzaro lido 1 Stack TCP/IP Modello TCP/IP e modello OSI Il livello internet corrisponde al livello rete del modello OSI, il suo

Dettagli

A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti. e.visciotti@gmail.com

A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti. e.visciotti@gmail.com A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti e.visciotti@gmail.com Il termine generico rete (network) definisce un insieme di entità (oggetti, persone, ecc.) interconnesse le une alle altre. Una rete permette

Dettagli

La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento Indice

La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento Indice Indice 1. Definizioni essenziali 2. Modelli di rete 3. Reti fisiche 4. Protocolli di rete 5. Modelli di riferimento 6. Raffronto tra modelli Architettura degli Elaboratori 2 - T. Vardanega Pagina 275 Definizioni

Dettagli

Reti, Protocolli e Indirizzi. DIMENSIONE della RETE. Arpanet e Internetworking. Topologia a Stella

Reti, Protocolli e Indirizzi. DIMENSIONE della RETE. Arpanet e Internetworking. Topologia a Stella Premessa breve Reti, Protocolli e Indirizzi Lo sviluppo delle telecomunicazioni ha avuto due fattori determinanti : L esistenza di una rete esistente (quella telefonica) La disponibilita di HW e SW adeguati

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica CL3 - Biotecnologie Orientarsi nel Web Prof. Mauro Giacomini Dott. Josiane Tcheuko Informatica - 2006-2007 1 Obiettivi Internet e WWW Usare ed impostare il browser Navigare in internet

Dettagli

Programmazione modulare 2015-2016

Programmazione modulare 2015-2016 Programmazione modulare 05-06 Indirizzo: Informatica Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: 4 B Docente: Buscemi Letizia Ore settimanali previste: 4 ore ( teoria + ) Totale ore previste: 4 ore per 33 settimane

Dettagli

FileMaker Pro 13. Utilizzo di una Connessione Desktop Remota con FileMaker Pro13

FileMaker Pro 13. Utilizzo di una Connessione Desktop Remota con FileMaker Pro13 FileMaker Pro 13 Utilizzo di una Connessione Desktop Remota con FileMaker Pro13 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054

Dettagli

LE RETI ARGOMENTI TRATTATI Definizione di rete Classificazione delle reti Apparecchiatura di rete Mezzi trasmissivi Indirizzi IP Http Html DEFINIZIONE DI RETE Una rete di computer è costituita da un insieme

Dettagli

Lo scenario: la definizione di Internet

Lo scenario: la definizione di Internet 1 Lo scenario: la definizione di Internet INTERNET E UN INSIEME DI RETI DI COMPUTER INTERCONNESSE TRA LORO SIA FISICAMENTE (LINEE DI COMUNICAZIONE) SIA LOGICAMENTE (PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE SPECIALIZZATI)

Dettagli

TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI

TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI Confronto tra ISO-OSI e TCP/IP, con approfondimento di quest ultimo e del livello di trasporto in cui agiscono i SOCKET. TCP/IP

Dettagli

TOPOLOGIA di una rete

TOPOLOGIA di una rete TOPOLOGIA di una rete Protocolli di rete un protocollo prevede la definizione di un linguaggio per far comunicare 2 o più dispositivi. Il protocollo è quindi costituito dai un insieme di convenzioni

Dettagli

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet Informatica Generale Andrea Corradini 10 - Le reti di calcolatori e Internet Cos è una rete di calcolatori? Rete : È un insieme di calcolatori e dispositivi collegati fra loro in modo tale da permettere

Dettagli

Reti di Calcolatori. Lezione 2

Reti di Calcolatori. Lezione 2 Reti di Calcolatori Lezione 2 Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come: UN INSIEME INTERCONNESSO DI CALCOLATORI AUTONOMI Tipi di Rete Le reti vengono classificate

Dettagli

Esame di INFORMATICA

Esame di INFORMATICA Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 6 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite cavi oppure

Dettagli

GLI APPARATI PER L INTERCONNESSIONE DI RETI LOCALI 1. Il Repeater 2. L Hub 2. Il Bridge 4. Lo Switch 4. Router 6

GLI APPARATI PER L INTERCONNESSIONE DI RETI LOCALI 1. Il Repeater 2. L Hub 2. Il Bridge 4. Lo Switch 4. Router 6 GLI APPARATI PER L INTERCONNESSIONE DI RETI LOCALI 1 Il Repeater 2 L Hub 2 Il Bridge 4 Lo Switch 4 Router 6 Gli apparati per l interconnessione di reti locali Distinguiamo i seguenti tipi di apparati:

Dettagli

Reti di Calcolatori. Corso di Informatica. Reti di Calcolatori. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali

Reti di Calcolatori. Corso di Informatica. Reti di Calcolatori. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali Corso di Laurea in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali Corso di Informatica Gianluca Torta Dipartimento di Informatica Tel: 011 670 6782 Mail: torta@di.unito.it Reti di Calcolatori una rete di

Dettagli

Si introdurranno poi le topologie delle reti di calcolatori per capire meglio come gli apparati vengono interconnessi e secondo quali standard.

Si introdurranno poi le topologie delle reti di calcolatori per capire meglio come gli apparati vengono interconnessi e secondo quali standard. Pagina 1 di 8 Installare e configurare componenti hardware di rete Topologie di rete In questo approfondimento si daranno alcune specifiche tecniche per l'installazione e la configurazione hardware dei

Dettagli

Conoscere la terminologia di base attraverso la presentazione delle principali componenti hardware di un computer.

Conoscere la terminologia di base attraverso la presentazione delle principali componenti hardware di un computer. Classe 3^ Istituto Istruzione Superiore di Baronissi ind. tecnico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI Sistemi e Reti Articolazione: Informatica Anno scolastico 2012-2013 MODULI CONTENUTI OBIETTIVI METODOLOGIE

Dettagli

Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET)

Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET) Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET) Ipotesi di partenza: concetti di base del networking Le ipotesi di partenza indispensabili per poter parlare di tecniche di accesso

Dettagli

CAPITOLO 1. Introduzione alle reti LAN

CAPITOLO 1. Introduzione alle reti LAN CAPITOLO 1 Introduzione alle reti LAN Anche se il termine rete ha molte accezioni, possiamo definirla come un gruppo di due o più computer collegati. Se i computer sono collegati in rete è possibile scambiarsi

Dettagli

NOTE TECNICHE DI CONFIGURAZIONE. Giugno 2009

NOTE TECNICHE DI CONFIGURAZIONE. Giugno 2009 NOTE TECNICHE DI CONFIGURAZIONE Giugno 2009 INDICE Configurazioni 3 Configurazioni Windows Firewall.. 3 Configurazioni Permessi DCOM. 4 Installazione Sql Server 2005 9 Prerequisiti Software 7 Installazione

Dettagli

Reti di Calcolatori. Il software

Reti di Calcolatori. Il software Reti di Calcolatori Il software Lo Stack Protocollare Application: supporta le applicazioni che usano la rete; Transport: trasferimento dati tra host; Network: instradamento (routing) di datagram dalla

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI SISTEMI Indirizzo: Informatica Progetto Abacus Anno scolastico 2013-2014

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI SISTEMI Indirizzo: Informatica Progetto Abacus Anno scolastico 2013-2014 Classe 5^ PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI SISTEMI Indirizzo: Informatica Progetto Abacus Anno scolastico 2013-2014 MODULI CONTENUTI OBIETTIVI METODOLOGIE DI LAVORO I primi elementi sulle reti e i mezzi di

Dettagli

Networking e Reti IP Multiservizio

Networking e Reti IP Multiservizio Networking e Reti IP Multiservizio Modulo 2: Introduzione alle reti per dati IEEE802.3 (Ethernet) Gabriele Di Stefano: gabriele@ing.univaq.it Argomenti già trattati: Lezioni: Concetti fondamentali Entità

Dettagli

Il File System. È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati

Il File System. È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati Il File System È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati Le operazioni supportate da un file system sono: eliminazione di dati modifica

Dettagli

1.2 CLASSIFICAZIONE DELLE RETI SULLA BASE DELL ESTENSIONE

1.2 CLASSIFICAZIONE DELLE RETI SULLA BASE DELL ESTENSIONE Reti di calcolatori 1.1 Definizione di rete di calcolatori Una rete di calcolatori è un'insieme di computer, collegati fra di loro mediante un opportuna infrastruttura, ed in grado di comunicare allo scopo

Dettagli

Connessioni e indirizzo IP

Connessioni e indirizzo IP Connessioni e indirizzo IP Questo argomento include le seguenti sezioni: "Installazione della stampante" a pagina 3-2 "Impostazione della connessione" a pagina 3-6 Installazione della stampante Le informazioni

Dettagli

Reti di computer ed Internet

Reti di computer ed Internet Reti di computer ed Internet La rete ci cambia la vita Lo sviluppo delle comunicazioni in rete ha prodotto profondi cambiamenti: nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali

Dettagli

La rete ci cambia la vita. Le persone sono interconnesse. Nessun luogo è remoto. Reti di computer ed Internet

La rete ci cambia la vita. Le persone sono interconnesse. Nessun luogo è remoto. Reti di computer ed Internet La rete ci cambia la vita Lo sviluppo delle comunicazioni in rete ha prodotto profondi cambiamenti: Reti di computer ed Internet nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali

Dettagli

Reti di calcolatori. Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti

Reti di calcolatori. Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello time-sharing, centri di calcolo Anni 80: reti di

Dettagli

www.lug-govonis.net LINUX e le reti

www.lug-govonis.net LINUX e le reti LINUX e le reti Ci troviamo di fronte ad una rete quando 2 o più computer sono in grado di comunicare tra di loro; esistono molti tipi di connessioni di rete divisi per protocollo di trasporto e per tipo

Dettagli

Le Reti di Computer. Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione. I.S.I.S.S. Sartor CASTELFRANCO V.TO. Prof. Mattia Amadori

Le Reti di Computer. Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione. I.S.I.S.S. Sartor CASTELFRANCO V.TO. Prof. Mattia Amadori I.S.I.S.S. Sartor CASTELFRANCO V.TO Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione Le Reti di Computer Prof. Mattia Amadori Anno Scolastico 2015/2016 COS È UNA RETE DI COMPUTER? Rete di computer è

Dettagli

MODELLI ISO/OSI e TCP/IP

MODELLI ISO/OSI e TCP/IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 1 Reti di Calcolatori MODELLI ISO/OSI e TCP/IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 2 Reti di Calcolatori Livelli e Servizi Il modello OSI Il modello TCP/IP Un confronto

Dettagli

Introduzione Il sistema operativo Linux è oggi una delle principali distribuzioni di Unix, in grado di portare in ogni PC tutta la potenza e la flessibilità di una workstation Unix e un set completo di

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Reti di Computer. A cura di Massimo Scolaro Mob.. 347 5821151 E-mail: : max@massimoscolaro.it

Reti di Computer. A cura di Massimo Scolaro Mob.. 347 5821151 E-mail: : max@massimoscolaro.it Reti di Computer A cura di Massimo Scolaro Mob.. 347 5821151 E-mail: : max@massimoscolaro.it Cosa. Concetti fondamentali di Rete Cos e una rete Perché creare una rete Classificazione e tipologie di rete

Dettagli

Installazione SQL Server 2005 Express Edition

Installazione SQL Server 2005 Express Edition Supporto On Line Allegato FAQ FAQ n.ro MAN-6S4ALG7637 Data ultima modifica 25/08/2010 Prodotto Tutti Modulo Tutti Oggetto Installazione SQL Server 2005 Express Edition In giallo sono evidenziate le modifiche/integrazioni

Dettagli

C) supponendo che la scuola voglia collegarsi in modo sicuro con una sede remota, valutare le possibili soluzioni (non risolto)

C) supponendo che la scuola voglia collegarsi in modo sicuro con una sede remota, valutare le possibili soluzioni (non risolto) PROGETTO DI UNA SEMPLICE RETE Testo In una scuola media si vuole realizzare un laboratorio informatico con 12 stazioni di lavoro. Per tale scopo si decide di creare un unica rete locale che colleghi fra

Dettagli

- 1 - LINUX E le Reti. Corso Linux 2014. di Giuseppe Zingone

- 1 - LINUX E le Reti. Corso Linux 2014. di Giuseppe Zingone - 1 - LINUX E le Reti Corso Linux 2014 di Giuseppe Zingone - 2 - Cenni sulle reti Introduzione Linux e le reti vanno mano nella mano. Il kernel di Linux ha il supporto per tutti i protocolli di rete comuni

Dettagli

Nelle reti di calcolatori, le porte (traduzione impropria del termine. port inglese, che in realtà significa porto) sono lo strumento

Nelle reti di calcolatori, le porte (traduzione impropria del termine. port inglese, che in realtà significa porto) sono lo strumento I protocolli del livello di applicazione Porte Nelle reti di calcolatori, le porte (traduzione impropria del termine port inglese, che in realtà significa porto) sono lo strumento utilizzato per permettere

Dettagli

Sistemi informatici in ambito radiologico

Sistemi informatici in ambito radiologico Sistemi informatici in ambito radiologico Dott. Ing. Andrea Badaloni A.A. 2015 2016 Reti di elaboratori, il modello a strati e i protocolli di comunicazione e di servizio Reti di elaboratori Definizioni

Dettagli

Laboratorio di Informatica. Le reti telematiche e Internet

Laboratorio di Informatica. Le reti telematiche e Internet Le reti telematiche e Internet Lezione 6 1 Insieme di cavi, protocolli, apparati di rete che collegano tra loro computer distinti i cavi trasportano fisicamente le informazioni opportunamente codificate

Dettagli

LAN. Coassiale Doppino Fibra ottica

LAN. Coassiale Doppino Fibra ottica LAN Il cablaggio Tralascio la stesa dei cavi, in quanto per tale operazione basta una conoscenza di base di elettricità e tanta pazienza. Passiamo invece al tipo di supporto da utilizzare per realizzare

Dettagli

RX3041. Guida all installazione rapida

RX3041. Guida all installazione rapida RX3041 Guida all installazione rapida 1 Introduzione Congratulazioni per l acquisto del Router ASUS RX3041. Questo router è un prodotto di routing Internet d alta qualità ed affidabile, che consente a

Dettagli

Tecnologie di Sviluppo per il Web

Tecnologie di Sviluppo per il Web Tecnologie di Sviluppo per il Web Introduzione alle Reti di Calcolatori versione 1.0 del 11/03/2003 G. Mecca mecca@unibas.it Università della Basilicata Reti >> Sommario Sommario dei Concetti Elab. Client-Server

Dettagli

La nascita di Internet

La nascita di Internet La nascita di Nel 1969 la DARPA (Defence Advanced Research Project Agency) studia e realizza la prima rete per la comunicazione tra computer (ARPAnet) fra 3 università americane ed 1 istituto di ricerca.

Dettagli

Il computer: primi elementi

Il computer: primi elementi Il computer: primi elementi Tommaso Motta T. Motta Il computer: primi elementi 1 Informazioni Computer = mezzo per memorizzare, elaborare, comunicare e trasmettere le informazioni Tutte le informazioni

Dettagli

Lavorare in Rete Esercitazione

Lavorare in Rete Esercitazione Alfonso Miola Lavorare in Rete Esercitazione Dispensa C-01-02-E Settembre 2005 1 2 Contenuti Reti di calcolatori I vantaggi della comunicazione lavorare in rete con Windows Internet indirizzi IP client/server

Dettagli

Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato. Traccia n 1

Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato. Traccia n 1 Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato Traccia n 1 La condivisione delle informazioni e lo sviluppo delle risorse informatiche tramite cui esse possono venire memorizzate e scambiate

Dettagli

Introduzione a Windows XP Professional Installazione di Windows XP Professional Configurazione e gestione di account utente

Introduzione a Windows XP Professional Installazione di Windows XP Professional Configurazione e gestione di account utente Programma Introduzione a Windows XP Professional Esplorazione delle nuove funzionalità e dei miglioramenti Risoluzione dei problemi mediante Guida in linea e supporto tecnico Gruppi di lavoro e domini

Dettagli

Reti di calcolatori. Reti di calcolatori

Reti di calcolatori. Reti di calcolatori Reti di calcolatori Reti di calcolatori Rete = sistema di collegamento tra vari calcolatori che consente lo scambio di dati e la cooperazione Ogni calcolatore e un nodo, con un suo indirizzo di rete Storia:

Dettagli

Corso GNU/Linux - Lezione 6. Davide Giunchi - davidegiunchi@libero.it

Corso GNU/Linux - Lezione 6. Davide Giunchi - davidegiunchi@libero.it Corso GNU/Linux - Lezione 6 Davide Giunchi - davidegiunchi@libero.it Riepilogo TCP/IP Ogni host nella rete deve avere un proprio indirizzo ip Due o piu computer nella stessa rete, per poter comunicare

Dettagli

Indirizzi Internet e. I livelli di trasporto delle informazioni. Comunicazione e naming in Internet

Indirizzi Internet e. I livelli di trasporto delle informazioni. Comunicazione e naming in Internet Indirizzi Internet e Protocolli I livelli di trasporto delle informazioni Comunicazione e naming in Internet Tre nuovi standard Sistema di indirizzamento delle risorse (URL) Linguaggio HTML Protocollo

Dettagli

Esame di INFORMATICA COS E UNA RETE. Lezione 6 COMPONENTI DI UNA RETE VANTAGGI DI UNA RETE

Esame di INFORMATICA COS E UNA RETE. Lezione 6 COMPONENTI DI UNA RETE VANTAGGI DI UNA RETE Università degli Studi di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA A.A. 2008/09 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite

Dettagli

Testo Esame di Stato 2003-2004 YABC ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE. CORSO SPERIMENTALE PROGETTO «ABACUS» Indirizzo: INFORMATICA

Testo Esame di Stato 2003-2004 YABC ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE. CORSO SPERIMENTALE PROGETTO «ABACUS» Indirizzo: INFORMATICA A.S. 2003-2004 Testo Esame di Stato 2003-2004 YABC ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE CORSO SPERIMENTALE PROGETTO «ABACUS» Indirizzo: INFORMATICA Tema di: SISTEMI DI ELABORAZIONE E TRASMISSIONE

Dettagli

PREMESSA GENERALE Abbiamo deciso di svolgere, per sommi capi, tutti gli argomenti che si potevano affrontare rispondendo alla traccia proposta.

PREMESSA GENERALE Abbiamo deciso di svolgere, per sommi capi, tutti gli argomenti che si potevano affrontare rispondendo alla traccia proposta. ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE CORSO SPERIMENTALE PROGETTO ABACUS INDIRIZZO INFORMATICA TEMA DI SISTEMI DI ELABORAZIONE E TRASMISSIONE DELLE INFORMAZIONI PREMESSA GENERALE Abbiamo deciso

Dettagli

Introduzione a Internet

Introduzione a Internet Contenuti Architettura di Internet Principi di interconnessione e trasmissione World Wide Web Posta elettronica Motori di ricerca Tecnologie delle reti di calcolatori Servizi Internet (come funzionano

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 21

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 21 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 21 Giovedì 15-05-2014 1 Protocolli a turno

Dettagli

Tecnologie per il web e lo sviluppo multimediale. Reti di Calcolatori e Internet

Tecnologie per il web e lo sviluppo multimediale. Reti di Calcolatori e Internet Tecnologie per il web e lo sviluppo multimediale Reti di Calcolatori e Internet Luca Pulina Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Università degli Studi di Sassari A.A. 2015/2016 Luca Pulina (UNISS)

Dettagli

Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti

Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti Indice Mezzi e tecniche di trasmissione dati Cavi in rame Fibre ottiche Onde radio e sistemi wireless Modulazione e demodulazione Reti di calcolatori

Dettagli

Informazioni Generali (1/2)

Informazioni Generali (1/2) Prima Esercitazione Informazioni Generali (1/2) Ricevimento su appuntamento (tramite e-mail). E-mail d.deguglielmo@iet.unipi.it specificare come oggetto Reti Informatiche 2 Informazioni Generali (2/2)

Dettagli