Le soluzioni di clustering sotto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le soluzioni di clustering sotto"

Transcript

1

2 LVS: Linux Virtual Server Project Presentiamo la soluzione OpenSource più utilizzata per la scalabilità dei servizi di rete e la realizzazione di cluster per alta disponibilità e affidabilità. Le soluzioni di clustering sotto Linux hanno in questi ultimi tempi caratterizzato l offerta commerciale delle grandi case costruttrici, che offrono sovente soluzioni in stack di sistemi in bundle con soluzioni precostituite di clustering di vario tipo. Il mercato del cluster business si è ormai caratterizzato in tre segmenti tecnologici principali, che possono essere così riassunti: HPC cluster, ovvero il calcolo tecnico ad alte prestazioni, con l obbiettivo di incrementare la scalabilità delle applicazioni parallele; Network Load Balancing cluster, mirato al supporto di ambienti di servizio con necessità di gestire grossi carichi di traffico di rete; Commercial HA cluster, ovvero soluzioni di alta disponibilità a supporto di applicazioni mission critical. L offerta commerciale, tuttavia, non sempre è così semplificativa o, quantomeno, non chiarisce i limiti e l applicabilità delle soluzioni proposte. Nella maggior parte dei casi, il termine cluster viene utilizzato nell accezione di cluster per ridondanza di servizi (si veda l articolo sui cluster del numero 14 di Linux&C.) con componenti di bilanciamento di carico e affidabilità, ovvero il Network Load Balancing cluster. Il cluster HA, ovvero l alta disponibilità, è spesso offerto come soluzione aggiuntiva, tecnicamente legata, oltre alle classiche richieste di ridondanza, a scelte di particolari soluzioni architetturali per lo storage e ad un supporto application-oriented che necessariamente comporta un investimento diverso, commisurato appunto al tipo di soluzione tecnica richiesta per il raggiungimento degli obbiettivi dell HA. Analogamente, il cluster per applicazioni tecnico-scientifiche, laddove sia richiesto un ambiente di produzione per codici paralleli, è spesso considerato come soluzione integrabile ma che comporta una specializzazione hardware e software abbastanza estranea all offerta di base. Quindi, le grandi case (sia produttrici di hardware ma anche di software) hanno realizzato che il business per Linux è identificabile con il clustering di servizi. E noi, nel nostro piccolo, non possiamo che dargli ragione! Ora, analizzando anche superficialmente le varie offerte di software layer dei prodotti di questo tipo, salta agli occhi che la quasi totalità delle soluzioni si basano su una componente comune: l OpenSource project LVS, ovvero Linux Virtual Server Project. LVS è integrato nelle soluzioni commerciali di RedHat (Piranha o, come attualmente denominato in RedHat Advanced Server, Cluster Manager), di Steeling Eye (LifeKeeper), di Alinka (Alinka Orange), di VA Linux (UltraMonkey), di PoliServe (Local Cluster), di TurboLinux (TurboCluster) solo per citarne alcune fra le più famose e che, in alcuni casi, vengono offerte in bundle da IBM, HP e Compaq (o ComHPaq), ad esempio. Da qui la decisione di cercare di far conoscere un po più da vicino la natura di questo progetto, i suoi scopi e i campi di utilizzabilità, ma con una avvertenza generale: la complessità generale dell argomento potrebbe scoraggiare il lettore e certe tematiche richiedono una riflessione approfondita ed in effetti una conoscienza tecnica elevata. Nell ottica di un articolo divulgativo, cercheremo di mantenerci su una linea soft, a beneficio delle comprensibilità e della scorrevolezza della lettura. Daltronde, questa è la linea che consigliano anche gli stessi sviluppatori dell LVS a chi voglia cimentarsi nell installazione e nel test di un cluster LVS; a tale scopo, a fronte di un LVS-HOWTO (per così dire, la documentazione tecnica completa) di circa 400 pagine, hanno approntato un LVS-mini-HOWTO di circa 16 pagine che permette di installare un cluster di test di note sull autore Italo Lisi Laureato in Informatica all Università di Pisa, ha una esperienza circa quindicennale quale sistemista in ambito Unix. Ha lavorato su sistemi a parallelismo massivo e su architetture a cluster sia orientati al calcolo scientifico che alla realizzazione di servizi di rete. Membro auditore della Linux Standard Base (LSB), ha affrontato fin dal 1995 le tematiche di sviluppo di cluster basati su Linux; nell ambito di diverse associazioni tecnologiche, ha collaborato, per le problematiche computazionali, con progetti di ricerca in diversi settori, dall astrofisica alla fisica delle alte energie. Ha rivestito per 10 anni il ruolo di Responsabile tecnico per il Calcolo Scientifico presso il CED della Scuola Normale Superiore di Pisa. Attualmente è Responsabile del Centro Servizi Informatici presso la Scuola Superiore Sant Anna di Pisa 38 avanzato

3 tre macchine con configurazione minimale, secondo la filosofia prima faccio, poi imparo. E secondo noi, in questo caso hanno ragione. Ma andiamo per ordine. Che cos è LVS Il Linux Virtual Server for Scalable Network Services (LVS per gli amici), è un software tool in grado di fornire un bilanciamento di carico per un insieme di nodi che forniscono servizi di rete. LVS è la soluzione OpenSource per servizi di rete che meglio di qualunque altra sia in grado di rispondere alle richieste di: scalabilità di servizio; disponibilità; manutenibilità; ottimizzazione del rapporto costoprestazioni. LVS è una soluzione basata su architettura a cluster. Laddove non sia ovvio il motivo per percorrere una soluzione cluster-oriented rispetto ad una soluzione single-server, basti dire che la richiesta architetturale minimale per attivare un servizio LVS comporta due macchine Intel-based dotate di una singola scheda di rete; la scalabilità del servizio può essere ottenuta semplicemente con l aggiunta di nodi server, di qualsiasi classe e con qualsiasi sistema operativo ospite. La configurazione del servizio LVS è demandata ad un semplice file di configurazione ed ad operazioni abbastanza elementari sui nodi di servizio, operazioni che non giustificano di per sé scelte di costose architetture single system image. Le prestazioni globali del sistema sono, infine, vincolate dalle prestazioni dei protocolli su IP e dall infrastruttura di rete. Pensate, quindi, ad una soluzione di produzione per il vostro e-commerce web site supportato da un costosissimo server MPP con 12 processori, confrontatelo con un cluster etereogeneo composto da 6 PC dual-processor e traete da soli le conclusioni! Proprio quello delle Web server farms (vedi figura 1) è un tipico esempio di utilizzo dell architettura di un cluster LVS, dove i load balancer sono a monte della frontiera di servizio composta da una moltitudine di nodi Web server, i quali utilizzano i core service tipo ASP, DB server e File Server a loro volta configurati in cluster (magari in alta disponibilità). Teoria e Principi del Bilanciamento di Carico Prima di addentrarsi nei meandri operativi del funzionamento di LVS, forse è meglio fermarsi un attimo e guardarsi intorno. Il gioco si chiama Bilanciamento di Carico, ed ha diversi concorrenti. In un ambiente di produzione il bilanciamento del carico ha due scopi distinti: 1) prevenire il sovraccarico di un sistema di servizio, a causa delle eccessive richieste che deve servire. 2) Fornire ridondanza e protezione da interruzioni di servizio, facendo sì che se un sistema cade o viene spento, il suo carico di lavoro può da quel Una tipica applicazione di LVS riguarda le server farms di molti computer dedicate all offerta di servizi di web serving. momento in poi essere spostato su qualsiasi altro computer del cluster senza che l utente si accorga né di interruzioni di servizio né di degrado prestazionale nella risposta. Esistono diversi tipi di soluzioni di load balancing; proviamo ad esplorarne alcune sfruttando come esempio applicativo un ambiente di servizi web: 1) Bilanciamento via schedulazione Round Robin delle risposte del DNS (servizio di naming): quando un client richiede l accesso al sito viene contattato il DNS che convertirà la stringa nell indirizzo di rete numerico. Se al nome il DNS server fa corrispondere diversi indirizzi, effettivamente le risposte saranno scelte con una scansione sequenziale e ciclica di tale lista, fornendo quindi all utenza esterna una risposta sempre differente che corrisponde a server web diversi. 2) Bilanciamento via Bilanciatore: il load balancer, posto davanti ai server di servizio, intercetta le richieste dei client e decide quale webserver utilizzare per onorarle. La modalità con cui questa 1 avanzato 39

4 Un breve glossario dei termini più utilizzati Nel Bestiario del Cluster, alcuni termini sono ricorrenti. Molto spesso si tratta di sigle, acronimi, come se in questa società ce ne fosse ancora bisogno. Insomma, il solito linguaggio iniziatico che aleggia di tecno-misticismo, a scapito di chiarezza e comprensibilità. Avendo, tuttavia, i nostri lettori guadagnato (per la pazienza con la quale ci sopportano) il diritto alla elevazione, il Gran Maestro del Bilanciato Affidabile e Disponibile Gran Sistema Distribuito ha deciso di divulgare una parziale interpretazione di questo linguaggio iniziatico, pur ammettendo versioni apostate. Cominciamo col chiarire alcuni dei termini che descrivono le diverse tipologie di cluster. Cluster: insieme di computer interconnessi che appaiono all utilizzatore come una singola risorsa computazionale, i cui elementi sono risorse dedicate al funzionamento dell intera struttura. High Performance Computing cluster: software di clustering per la costruzione di sistemi di calcolo parallelo e batch dotato di caratteristiche di bilanciamento di carico, bassa latenza nella comunicazione e, possibilmente, singola immagine di sistema. Le soluzioni software sono spesso accompagnate da particolare hardware per la comunicazione di rete (Myrinet e SCI le più utilizzate). Le tipiche soluzioni HPC provenienti dai più importanti progetti, solitamente si presentano con versioni proprie del kernel (ovvero con un elevato numero di estensioni al kernel), unitamente a diverse componenti prese da vari progetti OpenSource quali installatori, schedulatori, strumenti di monitoraggio etc. I problemi di scalabilità affrontati dai maggiori progetti riguardano ordini di grandezza di migliaia di nodi. Fra i progetti HPC cluster citiamo Bewoulf (Scyld, Scalable Cluster Environment), Single Sistem Image Cluster, openmosix. High Availability cluster: combinazione hardware e software che permette di ottenere una soluzione ridondata composta da due o più nodi che condividono dispositivi di memorizzazione, in grado di operare con continuità di servizio anche in presenza di guasti hardware o malfunzionamenti software. Rispondendo alla domanda di affidabilità e continuità di servizio, dal punto di vista tecnico e dal punto di vista di richiesta di investimenti questa tipologia di cluster è la più complessa, e necessita di storage particolare (shared storage, sia realizzato con tradizionali SCSI Raid multicanale o attraverso Storage Attached Network, tipicamente realizzate con FiberChannel). La scalabilità richiesta per questi tipi di cluster arriva a pochi nodi (da due fino a circa una decina). I progetti OpenSource in campo HA Cluster sono essenzialmente due: Kimberlite (soluzione completa) e High Availability Linux Project (che mette a disposizione componenti di base utilizzati da diversi altri progetti). Una corretta interpretazione della problematica dell alta disponibilità non può prescindere dalle caratteristiche del servizio che deve essere posto in HA cluster; in alcuni casi, assicurare la ripartenza del servizio sul nodo secondario potrebbe non essere sufficiente a garantire l integrità del flusso dati di servizio, abbia esso un impostazione client-server, connectionoriented o connection-less. Load Balancing cluster: spesso confusa con HA cluster, è una soluzione che risponde alla domanda di ridondanza di servizio, e che può essere adottata come soluzione di alta disponibilità per determinate tipologie di servizio (webserver, dns server, smtp server etc.). In sistemi di produzione viene spesso utilizzato unitamente a HA Cluster. Lo schema di funzionamento prevede uno o più load balancer che intercettano le richieste di servizio da parte dei client e le dirigono su server di backend, secondo criteri di bilanciamento di vario tipo. La scalabilità può raggiungere decine o centinaia di nodi. Le soluzioni open più conosciute derivano per la maggior parte da Linux Virtual Server Project; un progetto funzionalmente simile è quello dello Zeus Load Balancer. scelta viene fatta, differenzia i tipi di soluzioni disponibili sul mercato: Casuale semplice: nessuna garanzia di effettivo bilanciamento di carico. Dovrebbe includere la possibilità di riconoscere e trattare la situazione in cui un web server diventa indisponibile, migliorando nettamente l approccio DNS Round Robin; Casuale ponderata: il criterio di scelta dovrebbe prevedere la possibilità di associare ai nodi di servizio un peso discriminante che permetta di tener conto delle diversità di configurazione, oppure tener conto del numero di connessioni IP effettuate fino a quel momento a ciascun nodo di servizio in modo da distribuire più uniformemente possibile le richieste di connessione fra tutti i nodi di servizio; Basata su effettivo carico dei server: il bilanciatore mantiene un monitoraggio costante dell effettivo carico di lavoro o del tempo di risposta dei server ed indirizza il traffico verso il sistema al momento più scarico; Basata sull analisi del contenuto del pacchetto: permette di valutare dall analisi del contenuto del pacchetto che tipo di applicazione è richiesta e quindi discriminare in base alla richiesta fra i diversi server. Ad esempio, alcuni nodi potrebbero fornire servizio di transmissione di video stream, altri potrebbero essere ottimizzati (o avere prodotti licenziati) per altri tipi di servizi. Il livello di analisi effettuato solitamente viene rapportato ai livelli dello stack ISO OSI, partendo dal livello 3 (Rete) o 4 (Trasporto) per arrivare fino a livello 7 (Applicativo). La soluzione scelta deve comunque tener conto della problematica generale del tracciamento delle sessioni, che è di fondamentale importanza in applicazioni in cui sia necessario mantenere lo stato del client; nel caso di una web farm, questo significa che se un client inizia la sua sessione di e-commerce sul server X, non deve essere spostato da quel server per tutta la durata della sessione, per non inficiare né il meccanismo di mantenimento di stato (ovviamente stiamo parlando di cookies), né l eventuale scambio di chiavi a supporto dei meccanismi di criptazione. Ma come avremo modo di vedere nelle prossime puntate a proposito della soluzione LVS, le considerazioni che ruotano intorno a questa tematica delle cosidette connessioni persistenti (o affini) non sono solo di natura squisitamente tecnica. 40 avanzato

5 Approcci Pratici 2 Diversi prodotti di mercato propongono La Soluzione al problema del bilanciamento dei servizi di rete, adottando una specifica linea (od un mix) fra i predetti approcci. Riconosciamo le seguenti categorie: Round Robin DNS: è un approccio largamente utilizzato, ma che non garantisce alcun controllo. Se un server selezionato dal DNS è indisponibile, il client vede semplicemente che il sito non risponde, e quindi passa a navigare altrove. Inoltre, il sistema di cache distribuita del DNS fa sì che l aggiunta di un nodo non venga reso immediatamente disponibile attraverso il DNS. Il progetto LVS permette di ottenere un cluster in cui le richieste di servizi dei client vengono distribuite un maniera bilanciata sui nodi. Zeus Load Balancer è un prodotto commerciale che offre un distributore di traffico TCP/IP e combina una gestione contestuale del traffico TCP ed un sistema di monitoraggio e recupero da fail-over. In effetti si tratta di un bilanciatore che opera a livello applicativo ed è specializzato per l ottimizzazione del traffico HTTP. Bilanciatori di carico in Hardware: nomi famosi come Alteon, Cisco, Jupiter o Foundry Networks forniscono switch con integrate capacità di load balancing. Solitamente questi bilanciatori sono noti come layer 3 o layer 4 switch, ovvero analizzano i pacchetti per determinare il campo IP di destinazione oppure la porta TCP/UDP, rispettivamente. I criteri di bilanciamento sono limitati e prescindono dall effettiva analisi del carico dei server. Bilanciatori di carico in software: le caratteristiche e le prestazioni di tali oggetti variano, ma essenzialmente si individuano due grosse categorie, quella dei bilanciatori IP (come LVS) e quella dei bilanciatori di protocollo (come Zeus Load Balancer, ad esempio, che viene venduto come bilanciatore per HTTP). La maggior parte di queste soluzioni sono o possono essere integrate con soluzioni per la gestione della tolleranza ed affidabilità di servizio, sia sui nodi di servizio che sui bilanciatori di carico. La realizzazione di queste soluzioni (a parte quella basata esclusivamente su DNS) solitamente opera una scelta che vede da un lato privilegiate le prestazioni globali per il traffico di rete e dall altro la specializzazione applicativa. LVS di nuovo si pone in una posizione interessante che, pur privilegiando le prestazioni (la schedulazione del bilanciatore avviene a livello kernel), mantiene caratteristiche marcate di flessibilità, integrabilità e altissima configurabilità. Che cosa fa LVS Nel suo insieme, LVS è un cluster di nodi che risponde come un unico server ad un client esterno che compia una richiesta di servizio. Questo singolo nodo apparente viene chiamato virtual server. I nodi individuali di servizio, chiamati realserver, sono sotto controllo di un bilanciatore di carico, chiamato director. Lo schema generale di funzionamento del cluster LVS è mostrato in figura 2. Mentre i realserver possono essere qualsiasi tipo di sistema che offra un servizio IP-based (TCP o UDP), il director deve essere un sistema Linux. Infatti il nodo di load balancing deve ospitare un Linux Kernel con incluso una patch contenente il codice ipvs, essenziale al funzionamento di LVS. Naturalmente, il client può essere di qualsiasi tipo. Gli sviluppatori di LVS, fra cui citiamo Wensong Zhang, Julian Anastasov, Joseph Mack, Peter Kese, Horms, Roberto Nibali, sono più volte stati categorici su un punto: LVS è e sarà solo per Kernel Linux. Il director fornisce ai client un IP address chiamato Virtual IP (VIP). Quando un client si collega al VIP, il director redirige i pacchetti che giungono dal client ad un particolare realserver, per l intera durata della connessione del client all LVS. I realserver forniscono servizi (ad es. ftp, http, dns, telnet etc.) e, tuttavia, le connessioni ad essi vengono gestite tramite director attraverso il virtual IP address. Il VIP diventa così l indirizzo su cui vogliamo compiere bilanciamento di carico, ad esempio l indirizzo del nostro Web Site. Il VIP è un indirizzo associato ad un servizio e non ad un particolare sistema del cluster che offra quel tipo di servizio. Quindi, solitamente, il VIP è un alias (ad esempio, eth0:1) rispetto alla configurazione di interfacce presenti sul director o sui realserver. avanzato 41

6 Site linux.com sourceforge.net themes.org wwwcache.ja.net TuxFamily.org valinux.com com map.net anandtech.com Undergraduate Computer Cluster datingfaces.com perso.infonie.fr serve.com yescall.com astro.com The Linux Portal Description The largest OpenSource development site The largest interface/themes site for the X Window System UK National JANET Web Cache Service The leading OpenSource web application server Free hosting for free software like savannah Largest web site community of people who care about the environment VA Linux Systems, Inc. Real Networks, Inc. A full service Internet Access and Presence Provider Leading manufacturer of air movement and control equipment An ICP that allows you to explore the Internet in the same way you explore a map a big hardware review site The rd largest Portal Site in Austria with more than, visits per day An virtual community website in United Kingdom and Germany mybiz provides customer service and marketing tools that enable small businesses to build stronger and more profitable customer relationships. Undergraduate Students in the Electronics and Computer Science Department at the University of Southampton (England) use it for compilation, and running software remotely Online dating site Tiscali Group's massive web hosting services Large shared hosting environment One of the largest yellowpage site in Korea Astrodienst Homepage LVS Notes LVS (load balancing HTTP, HTTPS, FTP, SSH, CVS) Squid cache servers in three LVS clusters, ~ GB content shipped/day. web cluster using LVS/heartbeat ( load balancers failover and real servers) for all the hosting services + web servers and a single load balancer LVS media cluster (> nodes) LVS web hosting cluster ( node). ( nodes) by Brian Edmonds two primary-backup load balancers and eleven web servers, more information LVS cluster handling just about every public service, mainly web, plus back-end clusters for in-house daemons. It consists of dual processor real servers and balances telnet and ssh connections. A LVS cluster with directors (VS/DR) and real servers handles about. - million hits per day. LVS directors: for chez.com (+ for fail over) and for the other domains (+ for fail over), load balancing ~ + Mb/s of HTTP and FTP with live fail-over director/load balancer(single Pentium SuseLinux. ) and + FreeBSD.X web server cover about mil. hits/day static HTTP traffic by Direct Routing. LVS director running in VS/NAT mode with four real servers. Questo ricorso ad alias fa si anche che se il director cade, sia sempre possibile trasferire il VIP su un altro director. Questa gestione ridondata dei director risulta molto importante nei sistemi di produzione, eliminando in questo modo il punto di forte criticità dell intero sistema, il director. LVS integra la gestione fault-tolerance (o per meglio dire, ridondata) dei director, facendo ricorso a tool di monitoraggio tipo heartbeat e mon. Quando il beat non risponde, o quando il monitoraggio risponde con parametri oltre le soglie di tolleranza, il VIP viene trasferito su un altro director, anche se questo fosse dotato di un unica interfaccia di rete, grazie ad una semplice ifconfig di un alias ip. Ogni director può ospitare diversi VIP, ognuno dei quali è associato ad uno o più servizi. Ad esempio, un VIP potrebbe essere destinato al servizio HTTP/HTTPS bilanciato, un altro VIP potrebbe invece servire il servizio TELNET bilanciato, e le chiamate a questi VIPs potrebbero essere onorate da un unico realserver, oppure finire su realserver distinti. In quanto detto finora c era un assunzione implicita: ovvero che ogni connessione di rete fosse indipendente dalle altre. Tuttavia, può accadere che almeno due connessioni da parte dello stesso client debbano essere associate allo stesso realserver. Un esempio di tale situazione è la gestione del protocollo FTP: esso utilizza due porte sul server, la 20 e la 21, rispettivamente per il trasferimento dati e per l interscambio di informazioni di stato e comandi. Mentre per l active FTP è il client a dire al server la porta sulla quale vuole aprire la connessione dati, nel modello passive FTP è invece il server, a dire su quale porta il client deve aprire la connessione. Come vedremo, esistono determinate situazioni in cui il director non interviene in entrambe le direzioni della comunicazione fra client e realserver, e questo di fatto comprometterebbe l utilizzo di LVS per un servizio quale passive FTP. In alcune situazioni si presenta quindi la 42 avanzato

7 necessità di raggruppare insieme alcune porte associate ad un unico servizio, per le quali sia necessario stabilire delle condizioni o parametrizzazioni sulle caratteristiche della connessione client/server. Questo ricorso ai raggruppamenti di VIPS e/o porte è reso possibile tramite ricorso a meccanismi di firewall marking, fwmark. Inoltre è possibile gestire particolari situazioni in cui sia necessario assicurare persistenza della connessione, ovvero ove sia importante assicurare che la connessione avvenga sempre sul medesimo realserver in maniera tale che le informazioni di stato della connessione stessa restino coerenti per tutta la sua durata. È questo il caso, ad esempio, delle connessioni http con cookie oppure https, oppure di servizi multiporta come ad esempio il già citato ftp. Perchè utilizzare LVS Alla domanda in quali situazioni posso utilizzare LVS? non c è una risposta definitiva. Ognuno può inventarsi un campo di applicabilità in cui LVS risulti utile. Qualche esempio nel seguito servirà a fornire degli spunti di riflessione. Rimandiamo, comunque, alla documentazione tecnica di progetto per avere un quadro più ampio di applicabilità. È quindi meglio capire a quali esigenze di servizio LVS è in grado di dare una risposta concreta e affidabile: 3 Il sito del Linux Virtual Server Project, software utilizzabile per la creazione di cluster scalabili, per l alta affidabilità. incremento prestazionale: il costo dell incremento di prestazioni globali (throughput) del servizio è lineare, ovvero è rappresentato dal costo di ogni nodo aggiuntivo. Inversamente, il costo per incremento di prestazioni di un single-server per passare ad un sistema più potente è più che lineare. garanzia di ridondanza: in un LVS cluster, ogni singolo nodo può essere soggetto a crash o essere spento per manutenzione senza interrompere il servizio. Le macchine possono essere spostate o aggiunte a piacere senza interruzione del servizio al client, grazie alla possibilità di configurare dinamicamente il pool di macchine di servizio. adattabilità: a volte la richiesta di prestazioni può avere dei picchi limitati nel tempo e che comunque non giustificano grossi investimenti di scalabilità prestazionale. In questo caso la configurazione del cluster può essere incrementata o diminuita a piacimento ed in maniera del tutto trasparente. Analogamente, un nuovo servizio deve poter scalare gradualmente a seconda delle necessità, senza dover ricorrere a difficili previsioni di utilizzo su cui pianificare la giusta configurazione di una soluzione single-server. Un cluster LVS rappresenta una soluzione economica, prestazionale, scalabile ed affidabile. A queste caratteristiche ne vanno aggiunte altre, che avremo modo di vedere insieme, quali ad esempio un grande configurabilità, una integrazione lineare con componenti ad alta disponibilità ed il supporto per la maggior parte dei servizi basati su TCP e UDP senza apportare alcuna modifica sia al lato server che al lato client. La base di installazioni LVS è vasta ed importante, e tende sempre più a crescere. Confrontato con altri prodotti commerciali analoghi, LVS può offrire prestazioni globali quantomeno comparabili con il vantaggio di essere a costo zero. Adimostrazione di quanto affermato vi proponiamo nella tabella a pagina 42 una lista di siti che utilizzano in produzione cluster LVS per varie tipologie di servizi. Pensiamo che questo sia sufficiente per invogliare il lettore ad entrare più nello specifico, seguendoci nel seguito dentro i meandri tecnici della soluzione LVS. Per chi fosse impaziente, il sito da consultare è la cui attuale struttura è mostrata in figura 3. Oltre ad una completa documentazione di progetto, alla pagina di download sia per la linea stabile che di sviluppo di prodotto sia per i kernel attuali (2.4 o 2.2) che vecchi, il sito offre un buon numero di links a componenti software, integrabili in LVS, che fanno parte di progetti autonomi o derivati dal lavoro originario di Wensong Zhang. È inoltre possibile iscriversi alla mailing list: Per continuare Nel seguito vedremo come partire con una configurazione tipo Plug and Play di un cluster LVS, e gradualmente forniremo degli approfondimenti per capire un po meglio il funzionamento di LVS e le tematiche sottese. Nell attesa, buon bilanciato divertimento. avanzato 43

Soluzioni Cluster per l alta disponibilità dei servizi

Soluzioni Cluster per l alta disponibilità dei servizi Soluzioni Cluster per l alta disponibilità dei servizi Gorizia,, 1 dicembre 2001 Overview Il problema della High Availability, o RAS Soluzioni basate su Linux Chi vi parla: Docente di Sistemi Operativi

Dettagli

Siamo, infine, giunti alla conclusione

Siamo, infine, giunti alla conclusione LVS: Linux Virtual Server project Concludiamo la panoramica su LVS approfondendo la trattazione con una visione sugli strumenti di monitoraggio ed accennando a problematiche di sicurezza. Siamo, infine,

Dettagli

VoipNet. La soluzione per la comunicazione aziendale

VoipNet. La soluzione per la comunicazione aziendale VoipNet La soluzione per la comunicazione aziendale grave crisi economica fase recessiva mercati instabili terremoto finanziario difficoltà di crescita per le aziende Il mercato La nuova sfida per le aziende:

Dettagli

Apache e Mysql cluster

Apache e Mysql cluster Apache e Mysql cluster Index Affrontare il clustering da 4 a 400 nodi con strumenti open-source di livello enterprise (o meglio :>). Deploy di ambienti clusterizzati (Load Balancing e High Availability).

Dettagli

Cluster per architetture a componenti

Cluster per architetture a componenti Luca Cabibbo Architetture Software Cluster per architetture a componenti Dispensa ASW 442 ottobre 2014 Un buon progetto produce benefici in più aree. Trudy Benjamin 1 -Fonti [IBM] Clustering Solutions

Dettagli

Linux nel calcolo distribuito

Linux nel calcolo distribuito openmosix Linux nel calcolo distribuito Dino Del Favero, Micky Del Favero dino@delfavero.it, micky@delfavero.it BLUG - Belluno Linux User Group Linux Day 2004 - Belluno 27 novembre openmosix p. 1 Cos è

Dettagli

Multi-layer switch commutazione hardware a vari livelli. Mario Baldi. Politecnico di Torino. http://staff.polito.it/mario.baldi

Multi-layer switch commutazione hardware a vari livelli. Mario Baldi. Politecnico di Torino. http://staff.polito.it/mario.baldi Multi-layer switch commutazione hardware a vari livelli Mario Baldi Politecnico di Torino http://staff.polito.it/mario.baldi Basato sul capitolo 10 di: M. Baldi, P. Nicoletti, Switched LAN, McGraw-Hill,

Dettagli

SISTEMI E RETI. Crittografia. Sistemi distribuiti e configurazione architetturale delle applicazioni WEB.

SISTEMI E RETI. Crittografia. Sistemi distribuiti e configurazione architetturale delle applicazioni WEB. SISTEMI E RETI Crittografia. Sistemi distribuiti e configurazione architetturale delle applicazioni WEB. CRITTOGRAFIA La crittografia è una tecnica che si occupa della scrittura segreta in codice o cifrata

Dettagli

10_MLSwitching. ! Normalmente server web! Portali. ! Yahoo, Netscape. ! Notizie in tempo reale. ! CNN, La Stampa. ! Reperimento software. !

10_MLSwitching. ! Normalmente server web! Portali. ! Yahoo, Netscape. ! Notizie in tempo reale. ! CNN, La Stampa. ! Reperimento software. ! Nota di Copyright Multi-layer switch commutazione hardware a vari livelli Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi@polito.it staff.polito.it/mario.baldi Basato sul capitolo 10 di: M. Baldi, P. Nicoletti,

Dettagli

Sistemi Distribuiti. Informatica B. Informatica B

Sistemi Distribuiti. Informatica B. Informatica B Sistemi Distribuiti Introduzione Che cos è un sistema distribuito? Un sistema distribuito è una collezione di computer indipendenti che appare all utente come un solo sistema coerente Da notare: le macchine

Dettagli

"Shared Hosting Vs Cloud" SETTEMBRE 2014. di seeweb. Quando e perchè scegliere uno Shared Hosting o un Cloud Server?

Shared Hosting Vs Cloud SETTEMBRE 2014. di seeweb. Quando e perchè scegliere uno Shared Hosting o un Cloud Server? Seeweb srl Mail: info@seeweb.com Sito: www.seeweb.com "Shared Hosting Vs Cloud" di seeweb SETTEMBRE 2014 Quando e perchè scegliere uno Shared Hosting o un Cloud Server? Seeweb SHARED HOSTING Vs CLOUD [

Dettagli

Reti di calcolatori: Introduzione

Reti di calcolatori: Introduzione Reti di calcolatori: Introduzione Vittorio Maniezzo Università di Bologna Reti di computer e Internet Rete: sistema di collegamento di più computer mediante una singola tecnologia di trasmissione Internet:

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

INTERNET INTRANET EXTRANET

INTERNET INTRANET EXTRANET LEZIONE DEL 17/10/08 Prof.ssa Antonella LONGO In un sistema WEB possono esserci tre configurazioni possibili: internet, intranet ed extranet. La differenza viene fatta dalla presenza o meno di firewall

Dettagli

Sistemi Distribuiti. Libri di Testo

Sistemi Distribuiti. Libri di Testo Sistemi Distribuiti Rocco Aversa Tel. 0815010268 rocco.aversa@unina2.it it Ricevimento: Martedì 14:16 Giovedì 14:16 1 Libri di Testo Testo Principale A.S. Tanenbaum, M. van Steen, Distributed Systems (2

Dettagli

Continuando nel nostro excursus

Continuando nel nostro excursus LVS: Linux Virtual Server Project Continuiamo l analisi del progetto LVS focalizzando l attenzione sulle tecniche di forwarding dal director verso i realserver. Continuando nel nostro excursus su LVS,

Dettagli

ELEMENTI DI PROGETTAZIONE SOFTWARE

ELEMENTI DI PROGETTAZIONE SOFTWARE ELEMENTI DI PROGETTAZIONE SOFTWARE Massimiliano Redolfi Architetture Architetture logiche e fisiche Stand Alone tipico applicativo anni 1980 nessun problema di concorrenza spesso nessuna scomposizione

Dettagli

Infrastrutture tecnologiche in ambienti mission critical

Infrastrutture tecnologiche in ambienti mission critical Infrastrutture tecnologiche in ambienti mission critical Come, quando e perché? Antonio Baldassarra Seeweb S.r.l. Smau e-academy - Milano, 17 ottobre 2007 Un utile premessa.. sul

Dettagli

Finalità delle Reti di calcolatori. Le Reti Informatiche. Una definizione di Rete di calcolatori. Schema di una Rete

Finalità delle Reti di calcolatori. Le Reti Informatiche. Una definizione di Rete di calcolatori. Schema di una Rete Finalità delle Reti di calcolatori Le Reti Informatiche Un calcolatore isolato, anche se multiutente ha a disposizione solo le risorse locali potrà elaborare unicamente i dati dei propri utenti 2 / 44

Dettagli

Architetture dei WIS. Definizione di WIS. Benefici dei WIS. Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012

Architetture dei WIS. Definizione di WIS. Benefici dei WIS. Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Architetture dei WIS Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Definizione di WIS Un WIS può essere definito come un insieme di applicazioni in grado di reperire, cooperare e fornire informazioni utilizzando

Dettagli

Il clustering. Sistemi Distribuiti 2002/2003

Il clustering. Sistemi Distribuiti 2002/2003 Il clustering Sistemi Distribuiti 2002/2003 Introduzione In termini generali, un cluster è un gruppo di sistemi indipendenti che funzionano come un sistema unico Un client interagisce con un cluster come

Dettagli

Infrastrutture tecnologiche Open Source Based in ambienti mission critical

Infrastrutture tecnologiche Open Source Based in ambienti mission critical Infrastrutture tecnologiche Open Source Based in ambienti mission critical Come, quando e perché? Antonio Baldassarra Seeweb S.r.l. Open Source Expo - Rovigo, 28 settembre 2007 Perchè

Dettagli

Server e Storage, le pietre angolari dell IT per l ufficio tecnico di Massimo Fucci

Server e Storage, le pietre angolari dell IT per l ufficio tecnico di Massimo Fucci Server e Storage, le pietre angolari dell IT per l ufficio tecnico di Massimo Fucci Le applicazioni IT in un ambiente collaborativo debbono essere fruibili in modo sicuro e con tempi di risposta adeguati

Dettagli

Progetto M.A.Y.H.E.M.

Progetto M.A.Y.H.E.M. Progetto M.A.Y.H.E.M. In informatica un computer cluster, o più semplicemente un cluster (dall'inglese 'grappolo'), è un insieme di computer connessi tra loro tramite una rete telematica. Lo scopo di un

Dettagli

Enterprise Hosting Solutions

Enterprise Hosting Solutions 2 3 INDICE COPERTINA...1 INDICE...2-3 AZIENDA...4 MISSION...4-5 CHI SIAMO...4 PARTNERS...6-7...8 ALTRI SERVIZI...9 INDICE DATACENTER...10-11 CONTATTI... 12 4 5 FlameNetworks è un team di persone altamente

Dettagli

Materiali per il Modulo 1 E.C.D.L.

Materiali per il Modulo 1 E.C.D.L. Materiali per il Modulo 1 E.C.D.L. Queste due sigle indicano LAN Local Area Network Si tratta di un certo numero di Computer (decine centinaia) o periferici connessi fra loro mediante cavi UTP, coassiali

Dettagli

STRATEGIES FOR ACHIEVING DEPENDABILITY IN PARALLEL FILE SYSTEMS

STRATEGIES FOR ACHIEVING DEPENDABILITY IN PARALLEL FILE SYSTEMS UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Dottorato di Ricerca in Ingegneria Informatica ed Automatica STRATEGIES FOR ACHIEVING DEPENDABILITY IN PARALLEL FILE SYSTEMS XIX Ciclo Tesi di Dottorato di

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

NetCrunch 6. Server per il controllo della rete aziendale. Controlla

NetCrunch 6. Server per il controllo della rete aziendale. Controlla AdRem NetCrunch 6 Server per il controllo della rete aziendale Con NetCrunch puoi tenere sotto controllo ogni applicazione, servizio, server e apparato critico della tua azienda. Documenta Esplora la topologia

Dettagli

Progetto Vserver- HighAvailability

Progetto Vserver- HighAvailability Progetto Vserver- HighAvailability 16.12.2003 Alberto Cammozzo - Dipartimento di Scienze Statistiche - Università di Padova mmzz@stat.unipd.it Nell'ambito dell'aggiornamento dei servizi in corso si propone

Dettagli

Valter Dardanello CEO, Technical Manager v.dardanello@kinetikon.com. Piero Trono Marketing & Project Manager p.trono@kinetikon.com

Valter Dardanello CEO, Technical Manager v.dardanello@kinetikon.com. Piero Trono Marketing & Project Manager p.trono@kinetikon.com Valter Dardanello CEO, Technical Manager v.dardanello@kinetikon.com Piero Trono Marketing & Project Manager p.trono@kinetikon.com Milano 17 maggio 2007 - Roma 22 maggio 2007 Chi è KINETIKON System Integrator

Dettagli

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows *

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Guida GESTIONE SISTEMI www.novell.com Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft Windows Indice: 2..... Benvenuti

Dettagli

Improve your management productivity

Improve your management productivity lob Balancing Power Improve your management productivity In molti ambienti aziendali la scalabilità, l'affidabilità e la ridondanza dei servizi informatici sono i punti chiave per fornire una soluzione

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO BOOKINGSHOW

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO BOOKINGSHOW Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO BOOKINGSHOW Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II Cap.9 Far evolvere

Dettagli

IT ARCHITECTURE: COME PREPARARSI AL CLOUD

IT ARCHITECTURE: COME PREPARARSI AL CLOUD IT ARCHITECTURE: COME PREPARARSI AL CLOUD Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it L ICT come Commodity L emergere del Cloud Computing e i nuovi modelli di delivery Trend n. 1 - ICT Commoditization

Dettagli

Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET)

Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET) Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET) Ipotesi di partenza: concetti di base del networking Le ipotesi di partenza indispensabili per poter parlare di tecniche di accesso

Dettagli

IBM iseries Soluzioni integrate per xseries

IBM iseries Soluzioni integrate per xseries Soluzioni innovative per l integrazione dei server Intel IBM iseries Soluzioni integrate per xseries La famiglia iseries, il cui modello più recente è l _` i5, offre due soluzioni che forniscono alternative

Dettagli

Il clustering HA con Linux: Kimberlite

Il clustering HA con Linux: Kimberlite Il clustering HA con Linux: Kimberlite Simone Piccardi: piccardi@firenze.linux.it February 4, 2002 Perché un cluster Un cluster è un insieme di computer in grado di eseguire insieme una certa serie di

Dettagli

Conoscere la terminologia di base attraverso la presentazione delle principali componenti hardware di un computer.

Conoscere la terminologia di base attraverso la presentazione delle principali componenti hardware di un computer. Classe 3^ Istituto Istruzione Superiore di Baronissi ind. tecnico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI Sistemi e Reti Articolazione: Informatica Anno scolastico 2012-2013 MODULI CONTENUTI OBIETTIVI METODOLOGIE

Dettagli

I nostri servizi Dynamic Data Centre Infrastructure-as-a-Service.

I nostri servizi Dynamic Data Centre Infrastructure-as-a-Service. I nostri servizi Infrastructure-as-a-Service. 02 / TelecityGroup Cos è? (DDC) è la proposta di TelecityGroup nell ambito Infrastructure-as-a-Service (IaaS), uno dei cardini del cloud computing. Attraverso

Dettagli

Virtualizzazione. Orazio Battaglia

Virtualizzazione. Orazio Battaglia Virtualizzazione Orazio Battaglia Definizione di virtualizzazione In informatica il termine virtualizzazione si riferisce alla possibilità di astrarre le componenti hardware, cioè fisiche, degli elaboratori

Dettagli

Per organizzazioni di medie dimensioni. Oracle Product Brief Real Application Clusters (RAC)

Per organizzazioni di medie dimensioni. Oracle Product Brief Real Application Clusters (RAC) Per organizzazioni di medie dimensioni Oracle Product Brief Real Application Clusters (RAC) PERCHÉ UN ORGANIZZAZIONE NECESSITA DI UNA FUNZIONALITÀ DI CLUSTERING? La continuità operativa è fondamentale

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO PRIMA INDUSTRIES

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO PRIMA INDUSTRIES Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO PRIMA INDUSTRIES Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE I Cap.8

Dettagli

Sistemi Web Tolleranti ai Guasti

Sistemi Web Tolleranti ai Guasti Sistemi Web Tolleranti ai Guasti Candidato: Paolo Romano Relatore: Prof. Salvatore Tucci Correlatore: Prof. Bruno Ciciani Sommario Il problema: garantire semantica exactly once alle transazioni Web. Sistema

Dettagli

Le reti di calcolatori

Le reti di calcolatori Le reti di calcolatori 1 La storia Computer grandi e costosi Gli utenti potevano accerdervi tramite telescriventi per i telex o i telegrammi usando le normali linee telefoniche Successivamente le macchine

Dettagli

Web replication. Giuliano. Casale 06/06/2005. casale@elet.polimi.it

Web replication. Giuliano. Casale 06/06/2005. casale@elet.polimi.it Web replication 06/06/2005 Giuliano Casale casale@elet.polimi.it Web replication Soluzione server-side per permettere la scalabilitá Web: il sito Web è replicato su più server, eventualmente dislocati

Dettagli

Corso di Informatica per la Gestione Aziendale

Corso di Informatica per la Gestione Aziendale Corso di Informatica per la Gestione Aziendale Anno Accademico: 2008/2009 DOCENTI: Prof.ssa Cecilia Rossignoli Dott. Gianluca Geremia Università degli Studi di Verona Dipartimento di Economia Aziendale

Dettagli

C) supponendo che la scuola voglia collegarsi in modo sicuro con una sede remota, valutare le possibili soluzioni (non risolto)

C) supponendo che la scuola voglia collegarsi in modo sicuro con una sede remota, valutare le possibili soluzioni (non risolto) PROGETTO DI UNA SEMPLICE RETE Testo In una scuola media si vuole realizzare un laboratorio informatico con 12 stazioni di lavoro. Per tale scopo si decide di creare un unica rete locale che colleghi fra

Dettagli

FAMIGLIA EMC VPLEX. Continuous availability e data mobility all'interno e tra i data center

FAMIGLIA EMC VPLEX. Continuous availability e data mobility all'interno e tra i data center FAMIGLIA EMC VPLEX Continuous availability e data mobility all'interno e tra i data center CONTINUOUS AVAILABILITY E DATA MOBILITY PER APPLICAZIONI MISSION- CRITICAL L'infrastruttura di storage è in evoluzione

Dettagli

2 DESCRIZIONE DEI SERVIZI

2 DESCRIZIONE DEI SERVIZI Premessa In generale i servizi di un Full Service Provider sono più o meno paragonabili. Qui di seguito viene descritto il servizio di Firewalling specifico di un fornitore ma di contenuto assolutamente

Dettagli

Come Funziona. Virtualizzare con VMware

Come Funziona. Virtualizzare con VMware Virtualize IT Il Server? Virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente

Dettagli

IBM PowerHA SystemMirror for IBM i

IBM PowerHA SystemMirror for IBM i IBM PowerHA SystemMirror for IBM i Eliminazione dei tempi di fermo Punti di forza Soluzione hardware IBM per alta disponibilità e disaster recover (DR) Facilità d uso, operazioni automatiche di HA e DR

Dettagli

Manuale Servizi di Virtualizzazione e Porta di Accesso Virtualizzata

Manuale Servizi di Virtualizzazione e Porta di Accesso Virtualizzata Manuale Servizi di Virtualizzazione e Porta di Accesso Virtualizzata COD. PROD. D.6.3 1 Indice Considerazioni sulla virtualizzazione... 3 Vantaggi della virtualizzazione:... 3 Piattaforma di virtualizzazione...

Dettagli

Architettura dei sistemi di database

Architettura dei sistemi di database 2 Architettura dei sistemi di database 1 Introduzione Come si potrà ben capire, l architettura perfetta non esiste, così come non è sensato credere che esista una sola architettura in grado di risolvere

Dettagli

CLOUD COMPUTING. Che cos è il Cloud

CLOUD COMPUTING. Che cos è il Cloud CLOUD COMPUTING Che cos è il Cloud Durante la rivoluzione industriale, le imprese che si affacciavano per la prima volta alla produzione dovevano costruirsi in casa l energia che, generata da grandi macchine

Dettagli

Firewall applicativo per la protezione di portali intranet/extranet

Firewall applicativo per la protezione di portali intranet/extranet Firewall applicativo per la protezione di portali intranet/extranet Descrizione Soluzione Milano Hacking Team S.r.l. http://www.hackingteam.it Via della Moscova, 13 info@hackingteam.it 20121 MILANO (MI)

Dettagli

U N CASE DI SUCCESSO NEL SETTORE ASSICURATIVO

U N CASE DI SUCCESSO NEL SETTORE ASSICURATIVO U N CASE DI SUCCESSO NEL SETTORE ASSICURATIVO Aditinet Consulting SpA Sede Legale: viale Odone Belluzzi, 57 00128 Roma tel. 06.45439252, fax 06.45439253 Partita IVA e Codice Fiscale: 04137280964 Capitale

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Reti locati e reti globali. Tecnologie: Reti e Protocolli. Topologia reti. Server e client di rete. Server hardware e server software.

Reti locati e reti globali. Tecnologie: Reti e Protocolli. Topologia reti. Server e client di rete. Server hardware e server software. Reti locati e reti globali Tecnologie: Reti e Protocolli Reti locali (LAN, Local Area Networks) Nodi su aree limitate (ufficio, piano, dipartimento) Reti globali (reti metropolitane, reti geografiche,

Dettagli

Tecnologie per il web e lo sviluppo multimediale. Reti di Calcolatori e Internet

Tecnologie per il web e lo sviluppo multimediale. Reti di Calcolatori e Internet Tecnologie per il web e lo sviluppo multimediale Reti di Calcolatori e Internet Luca Pulina Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Università degli Studi di Sassari A.A. 2015/2016 Luca Pulina (UNISS)

Dettagli

Allegato 1 CIG 58703795FF PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO

Allegato 1 CIG 58703795FF PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO SOMMARIO 1 Oggetto della Fornitura... 3 2 Composizione della Fornitura... 3 2.1 Piattaforma

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARREDO3

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARREDO3 Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO ARREDO3 Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II Cap.9 Far evolvere

Dettagli

COD.35_09 Capitolato tecnico per Upgrade infrastruttura di storage a corredo del cluster computazionale dedicato per processamento parallelo dei dati

COD.35_09 Capitolato tecnico per Upgrade infrastruttura di storage a corredo del cluster computazionale dedicato per processamento parallelo dei dati COD.35_09 Capitolato tecnico per Upgrade infrastruttura di storage a corredo del cluster computazionale dedicato per processamento parallelo dei dati di sequenziamento Premessa Il presente Capitolato definisce

Dettagli

i5/os per processi di business efficienti e flessibili

i5/os per processi di business efficienti e flessibili L ambiente operativo integrato leader nel settore i5/os per processi di business efficienti e flessibili Caratteristiche principali Middleware integrato per processi di business efficienti. Funzioni integrate

Dettagli

Sicurezza: esperienze sostenibili e di successo. Accesso unificato e sicuro via web alle risorse ed alle informazioni aziendali: l esperienza FERPLAST

Sicurezza: esperienze sostenibili e di successo. Accesso unificato e sicuro via web alle risorse ed alle informazioni aziendali: l esperienza FERPLAST Sicurezza: esperienze sostenibili e di successo Accesso unificato e sicuro via web alle risorse ed alle informazioni aziendali: l esperienza FERPLAST Dott. Sergio Rizzato (Ferplast SpA) Dott. Maurizio

Dettagli

In estrema sintesi, NEMO VirtualFarm vuol dire:

In estrema sintesi, NEMO VirtualFarm vuol dire: VIRTUAL FARM La server consolidation è un processo che rappresenta ormai il trend principale nel design e re-styling di un sistema ICT. L ottimizzazione delle risorse macchina, degli spazi, il risparmio

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI E FILE SYSTEM DISTRIBUITI 12.1 Sistemi Distribuiti Sistemi operativi di rete Sistemi operativi distribuiti Robustezza File system distribuiti Naming e Trasparenza Caching

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II Lezione 1 Giovedì 5-03-2015 TESTO DI RIFERIMENTO RETI DI CALCOLATORI E INTERNET un

Dettagli

Le reti In informatica, la rete è un sistema di connessione tra più computer, che consente la condivisione di informazioni e servizi.

Le reti In informatica, la rete è un sistema di connessione tra più computer, che consente la condivisione di informazioni e servizi. Le reti In informatica, la rete è un sistema di connessione tra più computer, che consente la condivisione di informazioni e servizi. TIPI DI RETE telematica (per dimensione) LAN Local Area Network MAN

Dettagli

Descrizione della piattaforma software MPS Monitor

Descrizione della piattaforma software MPS Monitor Descrizione della piattaforma software MPS Monitor MPS Monitor è il più completo sistema di monitoraggio remoto e di gestione integrata ed automatizzata dei dati e degli allarmi relativi ai dispositivi

Dettagli

Concetti di base della Tecnologia dell'informazione

Concetti di base della Tecnologia dell'informazione Corso ECDL Concetti di base della Tecnologia dell'informazione Modulo 1 Le reti informatiche 1 Le parole della rete I termini legati all utilizzo delle reti sono molti: diventa sempre più importante comprenderne

Dettagli

Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore)

Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore) Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore) 1. L hardware del PC (3 Lezioni - 9 ore) 2. Troubleshooting (1 Lezione - 3 ore) 3. Ambiente Operativo (5 Lezioni - 15 ore) 4.

Dettagli

Lezione 4. Le Reti ed i Protocolli

Lezione 4. Le Reti ed i Protocolli Lezione 4 Le Reti ed i Protocolli Come nasce internet I computer, attraverso i software applicativi, consentono di eseguire moltissime attività. Nel corso degli anni è emersa la necessità di scambiare

Dettagli

Siti web centrati sui dati (Data-centric web applications)

Siti web centrati sui dati (Data-centric web applications) Siti web centrati sui dati (Data-centric web applications) 1 A L B E R T O B E L U S S I A N N O A C C A D E M I C O 2 0 1 2 / 2 0 1 3 WEB La tecnologia del World Wide Web (WWW) costituisce attualmente

Dettagli

Griglie computazionali LEZIONE N. 10. Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno

Griglie computazionali LEZIONE N. 10. Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno Griglie computazionali Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno LEZIONE N. 10 Tecnologie di Storage; DAS, NAS, SAN Esempio di SRM: StoRM 1 Introduzione

Dettagli

Protocolli di Sessione TCP/IP: una panoramica

Protocolli di Sessione TCP/IP: una panoramica Protocolli di Sessione TCP/IP: una panoramica Carlo Perassi carlo@linux.it Un breve documento, utile per la presentazione dei principali protocolli di livello Sessione dello stack TCP/IP e dei principali

Dettagli

Applicazioni web centrati sui dati (Data-centric web applications)

Applicazioni web centrati sui dati (Data-centric web applications) Applicazioni web centrati sui dati (Data-centric web applications) 1 ALBERTO BELUSSI ANNO ACCADEMICO 2009/2010 WEB La tecnologia del World Wide Web (WWW) costituisce attualmente lo strumento di riferimento

Dettagli

I Sistemi Centrali Server consolidation, TCO, TCA. Sistemi Centrali Copyright IBM Corp., 2008. All rights reserved.

I Sistemi Centrali Server consolidation, TCO, TCA. Sistemi Centrali Copyright IBM Corp., 2008. All rights reserved. I Server consolidation, TCO, TCA Infrastruttura Informatica Eterogenea I Problemi Nel modello Client Server in genere : Un Server = Una Funzione, Il Modello Client Server una proliferazione incontrollata

Dettagli

BACKUP OnLine. Servizi di backup e archiviazione remota. SCHEDA PRODOTTO Versione 1.7

BACKUP OnLine. Servizi di backup e archiviazione remota. SCHEDA PRODOTTO Versione 1.7 BACKUP OnLine Servizi di backup e archiviazione remota SCHEDA PRODOTTO Versione 1.7 1 1. INTRODUZIONE Il servizio Backup OnLine mette a disposizione un sistema di backup e archiviazione a lungo termine

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI E LE TECNOLOGIE INFORMATICHE

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI E LE TECNOLOGIE INFORMATICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI E LE TECNOLOGIE INFORMATICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

www.lug-govonis.net LINUX e le reti

www.lug-govonis.net LINUX e le reti LINUX e le reti Ci troviamo di fronte ad una rete quando 2 o più computer sono in grado di comunicare tra di loro; esistono molti tipi di connessioni di rete divisi per protocollo di trasporto e per tipo

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA SICUREZZA: IL FIREWALL

INTRODUZIONE ALLA SICUREZZA: IL FIREWALL INTRODUZIONE ALLA SICUREZZA: IL FIREWALL Fino a qualche anno fa la comunicazione attraverso le reti di computer era un privilegio ed una necessità di enti governativi e strutture universitarie. La sua

Dettagli

TECHNOLOGY SOLUTIONS

TECHNOLOGY SOLUTIONS TECHNOLOGY SOLUTIONS DA PIÙ DI 25 ANNI OL3 GARANTISCE AFFIDABILITÀ E INNOVAZIONE AI CLIENTI CHE HANNO SCELTO DI AFFIDARSI AD UN PARTNER TECNOLOGICO PER LA GESTIONE E LA CRESCITA DEL COMPARTO ICT DELLA

Dettagli

Firewall. Alfredo De Santis. Maggio 2014. Dipartimento di Informatica Università di Salerno. ads@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.

Firewall. Alfredo De Santis. Maggio 2014. Dipartimento di Informatica Università di Salerno. ads@dia.unisa.it http://www.dia.unisa. Firewall Alfredo De Santis Dipartimento di Informatica Università di Salerno ads@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/ads Maggio 2014 Pacchetti I messaggi sono divisi in pacchetti I pacchetti

Dettagli

Indice. Indice V INTRODUZIONE... XIII PARTE PRIMA... 1

Indice. Indice V INTRODUZIONE... XIII PARTE PRIMA... 1 Indice V Indice INTRODUZIONE................................................ XIII PARTE PRIMA...................................................... 1 1 Il business delle reti di computer.........................................

Dettagli

Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL ADSL2+ Browser Un browser Client Un client

Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL ADSL2+ Browser Un browser Client Un client Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL è una tecnica di trasmissione dati che permette l accesso a Internet fino a 8 Mbps in downstream ed 1 Mbps

Dettagli

A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti. e.visciotti@gmail.com

A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti. e.visciotti@gmail.com A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti e.visciotti@gmail.com Il termine generico rete (network) definisce un insieme di entità (oggetti, persone, ecc.) interconnesse le une alle altre. Una rete permette

Dettagli

Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore)

Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore) Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore) 1. L hardware del PC (3 Lezioni - 9 ore) 2. Troubleshooting (1 Lezione - 3 ore) 3. Ambiente Operativo (5 Lezioni - 15 ore) 4.

Dettagli

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Classe V sez. E ITC Pacioli Catanzaro lido 1 Stack TCP/IP Modello TCP/IP e modello OSI Il livello internet corrisponde al livello rete del modello OSI, il suo

Dettagli

: solution architects, engineers, e project. managers

: solution architects, engineers, e project. managers 1 Familiarità con HP P4000 (Lefthand) Background tecnico su Vmware vsphere in particolare funzionalità di HA e FT Concetti di business-critical applications e soluzioni di Disaster Recovery Buona conoscenza

Dettagli

Panoramica delle funzionalita

Panoramica delle funzionalita Panoramica delle funzionalita Edizioni vsphere 4 Gestione su larga scala di applicazioni di produzione critiche DRS / DPM Storage vmotion Host Profiles Distributed Switch DRS / DPM Storage vmotion Prodotti

Dettagli

Capire le priorità tramite la Real User Experience

Capire le priorità tramite la Real User Experience Capire le priorità tramite la Real User Experience Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix IT Service Management secondo ITIL Il valore aggiunto dell Open Source Servizi IT Hanno lo scopo di offrire

Dettagli

A passo sicuro nel mondo IT

A passo sicuro nel mondo IT A passo sicuro nel mondo IT A passo sicuro nel mondo IT Le scelte effettuate, le esperienze acquisite e la capacità di applicarle nella realizzazione dei progetti hanno fatto sì che, nel corso degli anni,

Dettagli

L Informatica al Vostro Servizio

L Informatica al Vostro Servizio L Informatica al Vostro Servizio Faticoni S.p.A. è Certificata UNI ENI ISO 9001:2008 N. CERT-02228-97-AQ-MILSINCERT per Progettazione, Realizzazione, Manutenzione di soluzioni Hardware e Software Soluzioni

Dettagli

Specialista della rete - Un team di specialisti della rete

Specialista della rete - Un team di specialisti della rete Allied Telesis - creare qualità sociale Allied Telesis è da sempre impegnata nella realizzazione di un azienda prospera, dove le persone possano avere un accesso facile e sicuro alle informazioni, ovunque

Dettagli

PARTE 1 richiami. SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

PARTE 1 richiami. SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 1 richiami SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 1 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

CLOUD AWS. #cloudaws. Community - Cloud AWS su Google+ Amazon Web Services. Amazon EC2 - Utilizzo del servizio

CLOUD AWS. #cloudaws. Community - Cloud AWS su Google+ Amazon Web Services. Amazon EC2 - Utilizzo del servizio Community - Cloud AWS su Google+ Web Services EC2 - Utilizzo del servizio Caratteristiche generali del servizio di EC2 per la creazione di risorse computazionali in cloud. Hangout 32 del 17.11.2014 Davide

Dettagli

Lo scenario: la definizione di Internet

Lo scenario: la definizione di Internet 1 Lo scenario: la definizione di Internet INTERNET E UN INSIEME DI RETI DI COMPUTER INTERCONNESSE TRA LORO SIA FISICAMENTE (LINEE DI COMUNICAZIONE) SIA LOGICAMENTE (PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE SPECIALIZZATI)

Dettagli