INDICE 1. PREMESSA OBIETTIVI GENERALI CRITICITA PER LO SVILUPPO E IL MANTENIMENTO DELLA RETE DI DISTRIBUZIONE...7

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE 1. PREMESSA...4 2. OBIETTIVI GENERALI...5 3. CRITICITA PER LO SVILUPPO E IL MANTENIMENTO DELLA RETE DI DISTRIBUZIONE...7"

Transcript

1

2 Foglio 2 di 28 INDICE 1. PREMESSA OBIETTIVI GENERALI CRITICITA PER LO SVILUPPO E IL MANTENIMENTO DELLA RETE DI DISTRIBUZIONE DATI DELLA RETE DI A2A RETI ELETTRICHE Area Milano Area Brescia 8 5. PIANO DI SVILUPPO DELLA RETE DI TRASMISSIONE NAZIONALE PREVISIONE DI SVILUPPO CARICHI Evoluzione della domanda di energia elettrica in Italia Analisi del fabbisogno di potenza sul territorio e proiezione per il futuro Area Milano Area Brescia Analisi delle correlazione tra le punte di potenza e le condizioni climatiche GENERAZIONE DISTRIBUITA Sviluppo atteso della produzione di energia elettrica Area Milano Area Brescia PIANIFICAZIONE DELLE NUOVE CABINE PRIMARIE Criteri generali di pianificazione Definizione delle nuove Cabine Primarie e potenziamento delle esistenti per l area Milano Definizione delle nuove Cabine Primarie e potenziamento delle esistenti per l area Brescia Definizione delle priorità di intervento PIANIFICAZIONE DELLA RETE DI DISTRIBUZIONE IN MEDIA TENSIONE Criteri generali di pianificazione per la rete di distribuzione Rete di distribuzione per l area Milano 25

3 Foglio 3 di Stato del neutro della rete MT Sviluppo della rete per riqualificazione urbanistiche Principali interventi pianificati sulla rete di distribuzione MT Rete di distribuzione per l area Brescia Stato del neutro della rete MT Principali interventi pianificati sulla rete di distribuzione MT Allegato 1 Allegato 2 Allegato 3 Allegato 4 Allegato 5 Allegato 6 Allegato 7 Allegato 8 Allegato 9 Allegato 10 Allegato 11 Allegato 12 Allegato 13 Allegato 14 Allegato 15 Allegato 16 Allegato 17 Allegato 18 Allegato 19 ELENCO DEGLI ALLEGATI Ubicazione degli impianti AT/MT - area Milano Ubicazione degli impianti AT/MT - area Brescia Densità di potenza per l anno area Milano Trend della punta di carico - area Milano Densità di potenza per l anno area Milano Trend della punta di carico - area Brescia Evoluzione del carico delle trasformazioni AT/MT al area Brescia Previsione dei margini di potenza nelle Cabine Primarie - area Milano Ubicazione delle future Cabine Primarie - area Milano Potenza disponibile dopo la realizzazione delle nuove Cabine Primarie - area Milano Carico previsto nelle Cabine Primarie al 2025 con gli interventi previsti - area Milano Potenze installate previste al area Milano Ubicazione degli interventi previsti - area Brescia Carico previsto nelle Cabine Primarie al 2025 con gli interventi previsti - area Brescia Priorità degli interventi - area Milano Priorità degli interventi - area Brescia Localizzazione degli interventi previsti sulla rete MT - area Milano Localizzazione degli interventi previsti sulla rete MT della città di Brescia - area Brescia Localizzazione degli interventi previsti sulla rete MT dell area di Salò - area Brescia

4 Foglio 4 di PREMESSA Il presente documento fissa le basi del Piano di sviluppo decennale della rete di distribuzione di a2a Reti Elettriche ed è lo strumento per poter definire il budget degli investimenti e le priorità di intervento. Vengono valutate le previsioni di carico in un arco temporale di 10/12 anni e le conseguenti necessità di sviluppo, integrazione ed ottimizzazione della rete elettrica di: Milano e Rozzano; Brescia e 45 comuni della provincia stessa: Agnosine, Anfo, Bagolino, Barghe, Bione, Botticino, Capovalle, Casto, Gardone Riviera, Gargnano, Gavardo, Idro, Lavenone, Limone del Garda, Magasa, Manerba del Garda, Mazzano, Mura, Muscoline, Nuvolera, Nuvolento, Odolo, Paitone, Pertica Alta, Pertica Bassa, Polpenazze del Garda, Preseglie, Prevalle, Provaglio Val Sabbia, Puegnago del Garda, Rezzato, Roè Volciano, Sabbio Chiese, Salò, San Felice del Benaco, Serle, Tignale, Toscolano Maderno, Tremosine, Treviso Bresciano, Vallio Terme, Valvestino, Vestone, Villanuova sul Clisi, Vobarno. L elettricità è notoriamente un vettore energetico estremamente versatile in relazione alle innumerevoli applicazioni che ha negli usi finali (illuminazione, climatizzazione, alimentazione di elettrodomestici e piani di cottura, apparecchiature elettroniche, apparecchiature di processi industriali, apparecchiature medicali, ecc.). E inoltre particolarmente adatto per essere impiegato in una grande città a supporto dello sviluppo delle attività economiche e residenziali, per la sua estrema sicurezza (con impianti progettati, realizzati e mantenuti secondo norme ormai consolidate) e la notevole compatibilità ambientale. Una volta realizzati gli impianti, l impatto visivo e elettromagnetico è praticamente nullo nel caso di linee in cavo interrato e problemi di rumore sono facilmente controllabili per Cabina Primarie e cabine secondarie. Per questi motivi risulta uno strumento fondamentale per il raggiungimento degli obiettivi presenti nei Piani di Governo del Territorio : favorire la funzione residenziale della Città; favorire lo sviluppo urbanistico; favorire la localizzazione delle attività di produzione di beni e servizi. Occorre quindi pianificare attentamente lo sviluppo delle infrastrutture necessarie alla distribuzione di elettricità al fine di assicurare il fabbisogno di energia e potenza richiesta in modo da non frenare i citati obiettivi. Deve essere tenuto in grande considerazione anche l aspetto della qualità del servizio fornito (continuità della fornitura, qualità della tensione di alimentazione, qualità commerciale) in quanto sono numerose le attività del terziario e industriali per le quali risultano elevati i costi dovuti alla mancata qualità nella fornitura di elettricità.

5 Foglio 5 di OBIETTIVI GENERALI Il presente documento definisce quindi le necessità di intervento a medio e lungo termine al fine di garantire la massima affidabilità nell esercizio della rete di a2a Reti Elettriche (nel seguito ARL). L attività di pianificazione ha lo scopo di raggiungere essenzialmente le finalità di: integrazione: vengono analizzate le necessità delle diverse funzioni in cui è articolata a2a Reti Elettriche e le specifiche richieste provenienti dagli utenti, al fine di organizzare e ottimizzare le proposte di realizzazione; definizione delle priorità: mediante valutazione delle possibili soluzioni progettuali, classificazione delle tipologie di investimento e associazione con gli indicatori di prestazione tecnica ed economica, vengono definite le più opportune priorità di intervento e valutate l efficacia e l efficienza degli interventi sia di investimento che di manutenzione; verifica dei risultati: la verifica dei risultati ottenuti rispetto a quelli ipotizzati rende disponibili indicatori che permettono di migliorare le scelte successive; gestione economica globale: tramite l analisi e la pianificazione, considerando gli aspetti tecnici, economici, tariffari, qualitativi, normativi, si identificano le soluzioni da adottare e le opportunità da cogliere, ottimizzando gli investimenti. Nella successiva Figura 1, è schematizzato sinteticamente il processo descritto. Verifica risultati Realizzazione Figura 1: Sintesi del processo di pianificazione

6 Foglio 6 di 28 Gli obiettivi principali del programma di sviluppo possono essere riassunti in pratica nei seguenti punti: individuare il numero e il dimensionamento dei nuovi impianti primari da realizzare e gli interventi di potenziamento degli impianti attuali per adeguare il sistema agli incrementi di carico previsti; determinare una struttura di rete razionale e funzionale che integri le reti elettriche preesistenti; eliminare la rete obsoleta unificando anche i livelli di tensione, per garantire maggiore efficienza, economicità di servizio e riduzione delle perdite di rete; eliminare gradualmente la dipendenza e le interconnessioni della rete di a2a Reti Elettriche con la rete MT di Enel Distribuzione; individuare le soluzioni volte a migliorare la qualità del servizio (come richiesto dalla regolamentazione dei livelli di continuità dell AEEGSI); ridurre i costi di esercizio e di manutenzione degli impianti; realizzare adeguamenti impiantistici richiesti dall evolversi delle normativa in materia di sicurezza e rispetto dell ambiente.

7 Foglio 7 di CRITICITA PER LO SVILUPPO E IL MANTENIMENTO DELLA RETE DI DISTRIBUZIONE I problemi operativi fondamentali che si incontrano nelle attività di sviluppo e mantenimento della rete di distribuzione sono essenzialmente i seguenti:! difficoltà autorizzative per la posa delle reti e non indifferente impatto dei relativi cantieri stradali (anche se normalmente la rete elettrica interessa prevalentemente le aree di marciapiede e solo limitatamente agli attraversamenti delle carreggiate);! individuazione degli spazi all interno dei fabbricati per la realizzazione delle cabine di trasformazione MT/BT;! individuazione degli spazi per la realizzazione delle Cabine Primarie di trasformazione AT/MT e tempi lunghi per la loro autorizzazione e realizzazione. Per poter contare su una rete di distribuzione di elettricità all altezza delle attese dell utenza in termini di qualità del servizio occorre quindi avanzare nelle sedi opportune, per esempio, proposte di:! semplificazione degli iter autorizzativi per gli scavi e razionalizzazione della posa dei servizi nel sottosuolo (per esempio con la realizzazione di Strutture Sotterranee Polifunzionali);! opportune prescrizioni nel regolamento edilizio per facilitare l individuazione dei necessari spazi per la collocazione degli impianti di distribuzione negli edifici;! procedure che consentano di essere tempestivamente coinvolti sin dalle prime fasi dei piani di sviluppo o riqualificazione urbanistica per evidenziare le necessità tecnologiche di realizzazione degli impianti di distribuzione.

8 Foglio 8 di DATI DELLA RETE DI A2A RETI ELETTRICHE La rete di distribuzione di a2a Reti Elettriche si sviluppa nelle province di Milano e Brescia ed è connessa alla Rete elettrica di Trasmissione Nazionale in alta tensione di Terna. Si riportano nella tabella che segue i dati principali della rete di distribuzione di a2a Reti Elettriche aggiornati alla data 31/12/2013. Descrizione Cabine Primarie Potenza AT/MT installata Cabine di distribuzione MT/BT Rete AT (incluso 40 kv) Rete MT Rete BT (solo dorsali BT) Potenza richiesta dall utenza Energia distribuita per anno Quantità 28 [n.] [MVA] [n.] 23,56 [km] [km] [km] [MW] [GWh] Tabella 1: Dati della rete di distribuzione di a2a Reti Elettriche 4.1. Area Milano Le alimentazioni delle città di Milano e Rozzano sono garantite dai nodi AT/MT indicati topograficamente nell Allegato 1. Le Cabine Primarie Musocco e Vigentina, sono inserite nella rete di alta tensione a 132 kv, mentre le restanti Cabine Primarie sono inserite nella Rete di Trasmissione Nazionale a 220 kv. La rete in media tensione di a2a Reti Elettriche è inoltre interconnessa agli impianti di Enel Distribuzione attraverso 58 linee (MT). La rete di distribuzione in media tensione è costituita prevalentemente da linee in cavo e sono presenti quattro differenti livelli di tensione (23 kv,15 kv, 9 kv e 6,4 kv) Area Brescia L alimentazione della città di Brescia e altri 45 comuni della provincia di competenza è garantita dai 19 nodi AT/MT indicati topograficamente nell Allegato 2. Tutte le stazioni e Cabine Primarie sono inserite nella Rete di Trasmissione Nazionale a 132 kv, tranne Tremosine alimentata a 40 kv; nella Ricevitrice Ovest è presente inoltre anche il livello di tensione 220 kv. La rete in media tensione di a2a Reti Elettriche è inoltre interconnessa agli impianti di Enel Distribuzione attraverso 45 punti di scambio (MT).

9 Foglio 9 di 28 La rete di distribuzione in media tensione è costituita da linee aeree ed in cavo e sono presenti due differenti livelli di tensione (23kV e 15kV). 5. PIANO DI SVILUPPO DELLA RETE DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nel presente documento non viene trattato lo sviluppo della rete AT di trasmissione nazionale. Tali interventi, anch essi di fondamentale importanza per lo sviluppo della rete di distribuzione e di rilevante impatto sul territorio, sono di competenza di Terna S.p.A. e sono trattati nel Piano di Sviluppo della stessa Terna. In virtù della cessione, quasi totale, delle linee e degli impianti AT di a2a Reti Elettriche a Terna, è stato istituito un tavolo presso il quale periodicamente esaminare e coordinare gli interventi di sviluppo necessari in modo da ottimizzare gli investimenti e gli impieghi del territorio.

10 Foglio 10 di PREVISIONE DI SVILUPPO CARICHI Per pianificare correttamente la rete di distribuzione e, di conseguenza, razionalizzare gli investimenti per la costruzione di nuove Cabine Primarie, definendo nel contempo i siti di costruzione, le taglie degli impianti e le date di entrata in servizio degli stessi, occorre stimare con sufficiente precisione l incremento di potenza distribuita prevista per i prossimi anni Evoluzione della domanda di energia elettrica in Italia Le previsioni della domanda di energia elettrica e di potenza in Italia sono effettuate da Terna S.p.A. e sono riportate nel documento Previsioni della domanda elettrica in Italia e del fabbisogno di potenza necessario per gli anni La previsione di medio e lungo termine della domanda di energia elettrica è ottenuta da Terna tenendo conto della previsione dell andamento del PIL. Figura 2: Domanda di energia elettrica e PIL nel corso degli ultimi anni (L andamento è espresso su una scala comune, dove sono posti pari a 100 i valori rispettivamente raggiunti nel 1980) Dal 2012 al 2018 Terna stima un evoluzione della domanda di energia elettrica in Italia con un tasso medio annuo di crescita del 0,4%. Il terziario si prevede essere anche nel prossimo decennio il settore più dinamico (+2,6% per anno). Nel 2023 il settore terziario dovrebbe raggiungere i 134 TWh circa, con una quota del 38% nella struttura dei consumi. Le previsioni della domanda di potenza alla punta sono elaborate partendo da quelle sulla domanda di energia elettrica.

11 Foglio 11 di 28 Figura 3: Andamento della domanda di potenza nazionale alla punta dal 1976 al 2013 La previsione della domanda di potenza sulla rete italiana fornita da Terna ipotizza il raggiungimento di MW nell anno 2023 (ipotesi alta), corrispondente ad una percentuale di incremento annuo della punta nazionale nel prossimo decennio di circa il 2,3% Analisi del fabbisogno di potenza sul territorio e proiezione per il futuro Il metodo utilizzato prevede:! per la zona di Milano la scomposizione preliminare dell intera area metropolitana in aree elementari, definite da quadrati di 1 km di lato e la determinazione per ciascuna area dell incremento di potenza distribuita prevista per i prossimi anni;! per la zona di Brescia, vista la differenza e non omogeneità del territorio, la determinazione per ciascuna area sottesa a ogni Cabina Primaria e sottostazione, l incremento di potenza distribuita prevista per i prossimi anni Area Milano Dai sistemi di gestione della rete e dai sistemi informatici della funzione commerciale si estraggono le informazioni necessarie per associare ad ogni zona (quadrato o area di CP) i seguenti dati: potenza massima richiesta dalla rete di distribuzione BT, ottenuta come somma delle punte di potenza rilevate nelle singole cabine MT/BT(ove disponibile); potenza disponibile per gli utenti alimentati in MT; potenza prevista per l alimentazione di aree in stato di riqualificazione (PRU). A partire dai dati relativi alla punta di potenza assorbita dalla rete di distribuzione, si ripartisce il carico di ogni cavo MT tra le cabine MT/BT da esso alimentate.

12 Foglio 12 di 28 La scomposizione dell area metropolitana in aree elementari di piccole dimensioni consente di valutare con buona approssimazione la collocazione topografica della densità di richiesta di potenza sul territorio. L Allegato 3 mostra, come risultato dell elaborazione per l area di Milano, la distribuzione della densità di carico per l anno La previsione di sviluppo dei carichi, tiene conto essenzialmente di due fattori: il trend di incremento della punta di carico sulla base di dati storici di a2a Reti Elettriche (Allegato 4); la richiesta di potenza localizzata per l alimentazione di aree in stato di riqualificazione o grossi utenti (potenze richieste o presunte maggiori di 3 MW). Risulta mediamente una percentuale di incremento annuo di carico alla punta pari a circa il 2,2%. Tale valore, può ritenersi corretto, in quanto in linea con i dati previsionali di Terna nel periodo di interesse. La previsione sull evoluzione dei carichi viene annualmente verificata ed aggiornata sia in relazione alle effettive punte di potenza registrate sia in riferimento alle migliori informazioni disponibili sullo sviluppo di aree in stato di riqualificazione (PRU). L Allegato 5 illustra la crescita prevista della densità di carico per km 2 all anno 2025 con il relativo dato di massima potenza richiesta dall utenza Area Brescia Dai sistemi di gestione della rete si estraggono i valori di massima potenza prelevata sulla rete MT da ogni Cabina Primaria. A tale valore viene aggiunto il valore di carico previsto per ognuna delle nuove utenze rilevanti e/o interventi di lottizzazione significativi (dell ordine di qualche MW). Si stima la potenza prevista per gli anni successivi valorizzando un tasso di incremento annuo del 2% (per il biennio è stato previsto un tasso ridotto allo 0,8 % a causa del perdurare della crisi economica). Se dalla verifica si riscontrano situazioni critiche, vengono definiti gli interventi necessari per riportare tutti i parametri nella norma; ciò può comportare la realizzazione di nuove Cabine Primarie, nuove trasformazioni AT/MT o potenziamento delle esistenti, nuove linee MT o potenziamento di tratti di linee esistenti. Nell Allegato 6 è illustrato il trend di crescita del carico della rete di Brescia, negli ultimi anni (in particolare 2012 e 2013) si osserva una sensibile riduzione del picco massimo ed uno spostamento del picco dall estate all inverno; si può ritenere questo fenomeno legato all impatto della elevata generazione distribuita connessa alla rete ed agli effetti della perdurante crisi economica. L Allegato 7 illustra la crescita prevista del carico all anno 2025 e la relativa percentuale di utilizzo della trasformazione.

13 Foglio 13 di Analisi delle correlazione tra le punte di potenza e le condizioni climatiche La crescita delle esigenze di benessere e della qualità della vita, sia in ambito domestico sia lavorativo, ha portato ad un aumento della domanda di energia elettrica, in particolare a Milano, nei periodi estivi particolarmente torridi, per l utilizzo di condizionatori e apparecchiature refrigeranti in genere. In un contesto urbano ad alta concentrazione di utenza, il contributo alla punta di carico delle suddette applicazioni risulta determinante. Nella città di Milano il valore di potenza massimo richiesto dalla rete di distribuzione si verifica da più di un decennio nel periodo estivo e non più invernale. Il Grafico 1 riporta gli andamenti delle punte di carico registrate a Milano tra il 2003 ed il 2013 dal 10 giugno al 31 luglio. Grafico 1: Carico massimo giornaliero tra il 10 Giugno e il 31 Luglio Il Grafico 2 Indice di calore riporta gli andamenti dell indicee Umidex della temperatura apparente (misurato in C) ricavato dai valori di temperatura massima e corrispondente umidità % registrate a Linate (MI) tra il 2003 ed il 2013 dal 10 giugno al 31 luglio.

14 Foglio 14 di 28 Grafico 2: Indice di calore tra il 10 Giugno e il 31 Luglio Ai nostri scopi tale indice ha consentito di correlare in modo univoco e significativo l andamento del carico della rete di distribuzione in funzione non della sola temperatura assoluta massima ma all insieme delle coppie di variabili temperatura massima e umidità. In sostanza tale indice si ritiene significativo del disagio percepito dagli utenti e quindi del corrispondente grado di ricorso all uso degli apparecchi di condizionamento. In particolare, l indice è significativo del grado di contemporaneità di utilizzo degli stessi che può determinare incrementi di carico elevati e non riscontrabili in passato quando tale tecnologia non era così diffusa. Il Grafico 3 rappresenta la correlazione lineare tra indice di calore e il corrispondente carico massimo giornaliero per gli anni dal 2007 al Le linee di tendenza del Grafico 3,, evidenziano, nonostante favorevoli condizioni climatiche, una tendenza all incremento della potenza assorbita a parità di indiceice di calore.

15 Foglio 15 di 28 Grafico 3: Correlazione indice di calore con il carico massimo nel periodo 10 Giugno - 15 Luglio per gli anni dal 2007 al 2013 L incremento del 5% annuo, osservato con questo metodo, sconta tutte le possibile cause considerate tradizionalmente nella pianificazione della rete (aumento fisiologico e nuovi carichi). Inoltre occorre considerare che si riferisce ad un incremento potenziale determinato solo dal fatto che si raggiungano determinati elevati Indici di Calore in giorni infrasettimanali del periodo che va tra la metà di giugno e la metà di luglio. Nel grafico nel quale viene indicata la previsione di incremento del carico nei prossimi anni viene quindi evidenziata una fascia di incertezza delimitata superiormente da valori corrispondenti all incremento del 5% annuo (cfr Allegato 8). 7. GENERAZIONE DISTRIBUITA Nel corso degli ultimi anni, la gestione tradizionale della rete elettrica di a2a Reti Elettriche sta modificandosi per il sopravvento sempre più marcato di utenti della rete MT e BT con siti di generazione dell energia elettrica. Ad alcuni grossi impianti di cogenerazione del gruppo a2a in Milano collegati alla rete di distribuzione MT, si sono aggiunti altri due grossi impianti cogenerativi con potenza nominale complessiva per singolo punto di connessione alla rete di distribuzione, superiore a 10 MVA. La generazione distribuita ha un impatto non più trascurabile sul servizio di distribuzione e sulla gestione dei relativi impianti. Infatti, nel corso dell ultimo triennio gli impiantii di generazione, in particolare da fonte rinnovabile, hanno avuto una crescita esponenziale.

16 Foglio 16 di 28 Ogni punto della rete con presenza di gruppi di produzione di energia elettrica (definito impianto attivo ), è disciplinato da un Regolamento di Esercizio tra l utente titolare della connessione e a2a Reti Elettriche. Nelle tabelle sottostanti viene indicata la potenza totale della generazione installata, collegata alla rete di distribuzione MT e BT delle Cabine Primarie di ARL. La potenza degli impianti di generazione è suddivisa per singola Cabina Primaria e raggruppata per tipologia di fonte primaria di generazione.!"#"$%&'(#" '#)*%++%*% ), $"*" -./ &'()*' +$),'$)' -%"'$. /%")0' 1)%,'22. 1)%3' $'8")0'!"#$%!"#$% 0,851 0,410 &"'()"*+ 1,794 35,273 ',-%..% 1,159 1,248 1,075 /%)# 4,272 1,248 78,764 %0+-* 1,291 8,772 -,# 3,239 1,248 30,248 0+/+1$" 0,268 2,440 0$!+/*$/" 1,006 0,420 3,290 0%&*" 0,717 1,554 *%*"&+ 14,597 0,000 3,744 0, ,826 Tabella 2: Potenza installata della generazione distribuita per la rete ARL-Milano

17 Foglio 17 di 28!"#"$%&'(#" '#)*%++%*% ), $"*" -./ &'()*' +$),'$)' -%"'$. /%")0' 1)%,'22. 1)%3' $'8")0'!"#$% ("!%&$/% 3,198 #%/+!"/$ 1,683!"0")#% 11,039 0,190 12,192 '"11"/% 4,320 0,100 /%#% -,# 6,059 /%11" 7,530 4,894 /,0%&+/*% 4,275 1,288 %#%&% 4,377 2%&2+/"11+ 2,098 1,824 )$.3 +-* 2,429 )$.3 /%)# 4,281 )$.3 %0+-* 9,505-3+,4+'$" 5,475 0,599 0,300 -"&%5 5,314 5,728 *%-.%&"/% 1,205 3,055 0,200 *)+'%-$/+ 0,085 0,190 6,650 0%(")/% 2,361 4, "789;< 0,594 1$1$%&" 1, ,265 *%*"&+ 77,760 0,000 0,979 38, ,689 Tabella 3: Potenza installata della generazione distribuita per la rete ARL-Brescia 7.1. Sviluppo atteso della produzione di energia elettrica Si riporta la somma delle potenze degli impianti di produzione di energia elettrica per le richieste di connessione in corso di validità suddivise per area e per Cabina Primaria. Si precisa che, sul sito di a2a Reti Elettriche, sono pubblicate ed aggiornate trimestralmente, indicazioni qualitative sulla disponibilità della capacità di rete ad accogliere nuove connessioni di impianti di produzione di energia elettrica.

18 Foglio 18 di Area Milano Si forniscono le informazioni degli impianti di produzione previsti per l area Milano. 4$"5"#*'5' "6"))' ), $"*" -./ &'()*' +$),'$)' -%"'$. /%")0' 1)%,'22. 1)%3' $'8")0'!"#$%!"#$% 0,030 0,000 0,000 0,000 0,000 &"'()"*+ 0,380 0,000 0,000 0,690 0,000 ',-%..% 0,844 0,000 0,000 0,000 1,000 /%)# 3,513 0,000 0,000 0,258 0,050 %0+-* 1,899 0,000 0,000 0,000 0,000 -,# 1,767 0,000 0,000 0,000 6,654 0+/+1$" 0,150 0,000 0,000 0,000 0,000 0$!+/*$/" 0,180 0,000 0,000 0,000 0,400 0%&*" 0,611 0,000 0,000 0,000 0,012 *%*"&+ 9,373 0,000 0,000 0,948 8,116 Tabella 4: Potenze complessive delle richieste di connessione degli impianti di generazione per ARL-Milano

19 Foglio 19 di Area Brescia Si forniscono le informazioni degli impianti di produzione previsti per l area Brescia. 4$"5"#*'5' "6"))' ), $"*" -./ )%,'22. &'()*' +$),'$)' -%"'$. /%")0' 1)%3'2 67$'8")0'!"#$% 4-5 ("!%&$/% 0,003 0,000 0,000 0,000 0,000 #%/+!"/$ 0,498 0,000 0,000 0,000 0,000!"0")#% 1,965 0,000 0,000 0,000 0,000 '"11"/% 1,024 0,000 0,000 0,000 0,000 /%#% -,# 0,348 0,000 0,000 0,000 0,000 /%11" 1,747 0,000 0,000 0,000 0,000 /,0%&+/*% 0,091 0,000 0,000 0,000 0,000 %#%&% 1,587 0,000 0,000 0,000 0,000 2%&2+/"11+ 0,015 0,000 0,000 0,000 0,000 )$.3 +-* 1,162 0,000 0,000 0,000 0,000 )$.3 /%)# 0,412 0,000 0,000 0,000 0,000 )$.3 %0+-* 0,315 0,000 0,000 0,000 0,000-3+,4+'$" 0,567 0,000 0,000 0,000 0,000 -"&%5 0,100 0,000 0,000 0,000 0,000 *%-.%&"/% 0,029 0,000 0,000 0,000 0,000 *)+'%-$/+ 0,119 0,000 0,000 0,000 0,000 0%(")/% 0,018 0,000 0,000 0,000 0, "789;< 0,006 0,000 0,000 0,000 0,000 1$1$%&" 0,000 0,000 0,000 0,000 0,000 10,006 0,000 0,000 0,000 0,000 Tabella 5: Potenze complessive delle richieste di connessione degli impianti di generazione per ARL-Brescia 8. PIANIFICAZIONE DELLE NUOVE CABINE PRIMARIE 8.1. Criteri generali di pianificazione Il monitoraggio della domanda di potenza alla punta è essenziale per una corretta pianificazione di rete, in quanto un valore di utilizzo complessivo dei trasformatori AT/MT troppo elevato in ciascuna Cabina Primaria, rivela una possibile criticità nella struttura di rete e, di conseguenza, la necessità di avviare studi di pianificazione per la realizzazione di nuove Cabine Primarie nelle aree interessate. Pertanto, considerando il fatto che gli iter autorizzativi per la costruzione di un impianto in alta tensione non sono mai brevi, risulta un aspetto di fondamentale importanza quello di individuare le aree più critiche e le tempistiche di intervento, al fine di riuscire a soddisfare sempre la richiesta dei carichi anche in condizioni di indisponibilità di elementi di rete.

20 Foglio 20 di 28 Gli standard che la rete primaria tensione è chiamata a soddisfare sono: a) esercizio della rete nella condizione di sicurezza N-1, cioè nessuna criticità si manifesta nel caso di perdita di un elemento di rete, attraverso un adeguato grado minimo di magliatura. Per situazione N si intende la normale configurazione della rete in cui tutti gli elementi della stessa sono in servizio, N-1 è la situazione che si viene a creare a seguito della perdita, per guasto o manutenzione, di uno degli elementi che costituiscono la rete e quindi: linea, sbarra o trasformatore; b) rispetto dei limiti di portata dei conduttori previsti nelle condizioni di normale funzionamento e di regime transitorio o perturbato; c) installazione di un adeguata potenza di trasformazione AT/MT, opportunamente distribuita nelle diverse CP sul territorio, in modo da permettere l alimentazione in media tensione del carico attuale sotteso e della crescita prevista, garantendo il dovuto livello di controalimentazione richiesto in caso di guasti, permettendo l effettuazione delle manutenzioni programmate; d) riduzione del numero e della durata delle interruzioni, di tempi di ripresa del servizio, anche con riferimento alla regolazione della qualità imposta Definizione delle nuove Cabine Primarie e potenziamento delle esistenti per l area Milano Una analisi sullo sviluppo della distribuzione geografica della densità di carico connesso alle criticità evidenziatesi nell esercizio della rete, permettono di fornire una più opportuna collocazione geografica e temporale ai nuovi impianti primari da realizzare. La dislocazione dei nuovi impianti in pratica deve necessariamente tener conto di effettive disponibilità di aree per la costruzione di Cabine AT in un contesto urbano quale è quello di Milano. L Allegato 9 mostra la collocazione delle nuove previste Cabine Primarie (Rogoredo, Rozzano, Marcello, Cristoforo, Comasina, Bovisa e Baggio). La cronologia degli interventi che consentono di disporre di una maggior potenza installata sono esposti nell Allegato 10. Si ipotizza che tutti in nuovi nodi in AT siano sul sistema a 220 kv, tranne che per la Cabina Primaria di Rogoredo, per la quali la connessione in AT è prevista a 132 kv. In relazione agli investimenti proposti e agli interventi che dovranno essere effettuati sulla rete di distribuzione nei tempi previsti dal presente documento, il carico sotteso ad ogni Cabina Primaria si prospetta modificarsi come si espone nell Allegato 11. Nell Allegato 12 si indica la potenza installata per Cabina Primaria prevista all anno Si riportano nel seguito i grossi progetti di ampliamento delle Cabine Primarie esistenti: Progetto Cabina Primaria Nord In CP Nord sono ora installati 4 trasformatori 220/23 kv da 73 MVA, 1 trasformatore da 100 MVA e 2 trasformatori 132/23 kv da 55 MVA (questi ultimi in fase di dismissione). E previsto nel corso del 2014 la sostituzione di un trasformatore 220/23 kv da 73 MVA con altro di potenza nominale pari a 100 MVA.

REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A.

REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A. REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A. Pagina 1 di 48 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 5 2. BASI PRINCIPALI E DEFINIZIONI...

Dettagli

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici.

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. 1250(&(, &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. &(, Legge 46/ 90 - Guida per la compilazione della dichiarazione di conformità e relativi allegati &(,9

Dettagli

Introduzione ai principi ed ai metodi di progettazione degli impianti elettrici di media e di bassa tensione...

Introduzione ai principi ed ai metodi di progettazione degli impianti elettrici di media e di bassa tensione... Introduzione ai principi ed ai metodi di progettazione degli impianti elettrici di media e di bassa tensione... Parte I Introduzione Capitolo 1 IMPIANTI ELETTRICI, DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E NORME TECNICHE

Dettagli

Allegato A TESTO INTEGRATO

Allegato A TESTO INTEGRATO TESTO INTEGRATO DELLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI TRASMISSIONE, DISTRIBUZIONE E MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA Periodo di regolazione 2008-2011

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA

TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA Allegato A alla deliberazione ARG/elt 99/08 - Versione integrata e modificata dalle deliberazioni ARG/elt 179/08, 205/08, 130/09 e 125/10 TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA

Dettagli

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA CONTATTI DIRETTI contatti con elementi attivi dell impianto elettrico che normalmente sono in tensione CONTATTI INDIRETTI contatti con masse che possono trovarsi

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente tel. 055.32061 - fax 055.5305615 PEC: arpat.protocollo@postacert.toscana.it p.iva 04686190481 Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente Guida pratica per le informazioni sulle fasce

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA RTC REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE IN BASSA TENSIONE DELL AZIENDA PUBBLISERVIZI BRUNICO INDICE 1. Scopo 3 2. Campo di applicazione

Dettagli

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2.1 RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2 ELEMENTI DELLA RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2.1 Condotte... 12 2.2.2 Allacciamenti... 12 2.2.3 Impianti di ricezione

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA

TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA Allegato A alla deliberazione ARG/elt 99/08 valido per le richieste di connessione presentate a partire dall 1 gennaio 2011 - Versione integrata e modificata dalle deliberazioni ARG/elt 79/08, ARG/elt

Dettagli

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO LA PROTEZIONE DELLE CONDUTTURE CONTRO LE SOVRACORRENTI DEFINIZIONI NORMA CEI 64-8/2 TIPOLOGIE DI SOVRACORRENTI + ESEMPI SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

P od o u d z u io i n o e n e d e d l e l l a l a c o c r o ren e t n e e a l a t l er e na n t a a alternatori. gruppi elettrogeni

P od o u d z u io i n o e n e d e d l e l l a l a c o c r o ren e t n e e a l a t l er e na n t a a alternatori. gruppi elettrogeni Produzione della corrente alternata La generazione di corrente alternata viene ottenuta con macchine elettriche dette alternatori. Per piccole potenze si usano i gruppi elettrogeni. Nelle centrali elettriche

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Stampare in modalità fronte-retro

Stampare in modalità fronte-retro CODICE DI RETE TIPO PER LA DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE ALLEGATO 2 DELIBERAZIONE 6 GIUGNO 2006, N. 108/06 COME MODIFICATO DALLE DELIBERAZIONI 2 OTTOBRE 2007, N. 247/07, 14 DI- CEMBRE 2007, N. 324/07,

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità

RISORSE ENERGETICHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità 25 Gennaio 2012, Roncegno Terme Workshop: la micro-cogenerazione con celle a combustibile SOF e i progetti in corso in Italia RISORSE ENERGETIHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità Omar

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO Relazione tecnica alla deliberazione 20 dicembre 2012, 570/2012/R/efr Mercato di incidenza:

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

QUALITÀ DELL ALIMENTAZIONE ELETTRICA NEGLI IMPIANTI INDUSTRIALI

QUALITÀ DELL ALIMENTAZIONE ELETTRICA NEGLI IMPIANTI INDUSTRIALI QUALITÀ DELL ALIMENTAZIONE ELETTRICA NEGLI IMPIANTI INDUSTRIALI QUALITÀ DELL ALIMENTAZIONE ELETTRICA NEGLI IMPIANTI INDUSTRIALI La Guida sulla Qualità dell'alimentazione Elettrica negli Impianti Industriali

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 26 DEL 27.10.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 26 DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

PROCEDURA DI COORDINAMENTO TRA GESTORI DI RETE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 34 E 35 DELL ALLEGATO A ALLA DELIBERA ARG/ELT 99/08 (TICA)

PROCEDURA DI COORDINAMENTO TRA GESTORI DI RETE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 34 E 35 DELL ALLEGATO A ALLA DELIBERA ARG/ELT 99/08 (TICA) PROCEDURA DI COORDINAMENTO TRA GESTORI DI RETE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 34 E 35 DELL ALLEGATO A ALLA DELIBERA ARG/ELT 99/08 (TICA) Il presente documento descrive le modalità di coordinamento tra gestori

Dettagli

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE 1) Inquadramento della variante In attuazione delle previsioni del Piano Regolatore Generale vigente dal 10 marzo 2005 il Consiglio Comunale di Ghisalba

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

Cabine MT/BT: teoria ed esempi di calcolo di cortocircuito

Cabine MT/BT: teoria ed esempi di calcolo di cortocircuito 2 Febbraio 28 Quaderni di Applicazione ecnica 1SDC7101G0902 Cabine M/B: teoria ed esempi di calcolo di cortocircuito Cabine M/B: teoria ed esempi di calcolo di cortocircuito Indice 1 Generalità sulle cabine

Dettagli

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA Codice ente Protocollo n. 10388 DELIBERAZIONE N. 33 in data: 28.10.2014 Soggetta invio capigruppo Trasmessa al C.R.C. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo Aggreko Process Services Soluzioni rapide per il miglioramento dei processi Aggreko può consentire rapidi miglioramenti dei processi

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE

STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE RELAZIONE 277/2014/I/EFR STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI Relazione sullo stato dei servizi 12 giugno 2014 1 1. QUADRO

Dettagli

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE Fattori di impatto ambientale Un sistema fotovoltaico non crea un impatto ambientale importante, visto che tale tecnologia è utilizzata per il risparmio energetico. I fattori

Dettagli

PARTECIPAZIONE ALLA REGOLAZIONE DI FREQUENZA E FREQUENZA-POTENZA

PARTECIPAZIONE ALLA REGOLAZIONE DI FREQUENZA E FREQUENZA-POTENZA PRESCRIZIONE TECNICA 1 di 26 PARTECIPAZIONE ALLA REGOLAZIONE DI FREQUENZA E Storia delle revisioni Rev.00 17-05-2000 Prima emissione Rev.01 20-07-2008 Seconda emissione sostituisce IN.S.T.X.1014 Rev.00

Dettagli

Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali

Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali Art. 1 Definizioni 1.1 Ai fini del presente provvedimento si applicano le seguenti definizioni:

Dettagli

4 - Dati generali e climatici

4 - Dati generali e climatici 4 - Dati generali e climatici 88 Sommario 4.1 Dati catasto energetico... 91 4.1.1 Edificio... 91 4.1.2 Proprietario e responsabile dell impianto... 92 4.2 Dati generali... 96 4.2.1 Richiesta... 96 4.2.2

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 12 DICEMBRE 2013 578/2013/R/EEL REGOLAZIONE DEI SERVIZI DI CONNESSIONE, MISURA, TRASMISSIONE, DISTRIBUZIONE, DISPACCIAMENTO E VENDITA NEL CASO DI SISTEMI SEMPLICI DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Edizione n.1 Marzo 2012 - 1 - INDICE GENERALE 1 Premessa... - 7-2 Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR)... - 8-2.1 Principi generali della... - 8 - Box:

Dettagli

20 novembre 2013. Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione

20 novembre 2013. Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione 20 novembre 2013 Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione PRINCIPALI INTERVENTI SU GOMMA PREVISTI NELLA REGIONE URBANA MILANESE La rete in gestione:

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

IMPIANTI ELETTTRICI parte II

IMPIANTI ELETTTRICI parte II IMPIANTI ELETTTRICI parte II di Delucca Ing. Diego PROTEZIONE DI UN IMPIANTO DAI SOVRACCARICHI E DAI CORTO CIRCUITI Una corrente I che passa in un cavo di sezione S, di portata IZ è chiamata di sovracorrente

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

Il Piano di sviluppo del teleriscaldamento nell area metropolitana torinese

Il Piano di sviluppo del teleriscaldamento nell area metropolitana torinese Il Piano di sviluppo del teleriscaldamento nell area metropolitana torinese Alberto Cucatto Provincia di Torino Servizio Qualità dell aria e Risorse Energetiche Giugno 2006 Analisi delle possibilità di

Dettagli

DOMANDA DI CONNESSIONE IMPIANTI DI PRODUZIONE 2 INDIRIZZI PER LA SPEDIZIONE DELLA DOMANDA DI CONNESSIONE 2

DOMANDA DI CONNESSIONE IMPIANTI DI PRODUZIONE 2 INDIRIZZI PER LA SPEDIZIONE DELLA DOMANDA DI CONNESSIONE 2 Ed. 4.0 - ALL1/33 ALLEGATO A: ALLEGATO B: DOMANDA DI CONNESSIONE IMPIANTI DI PRODUZIONE 2 INDIRIZZI PER LA SPEDIZIONE DELLA DOMANDA DI CONNESSIONE 2 ALLEGATO C: SCHEMA DI CONTRATTO DI FIDEIUSSIONE BANCARIA

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica

PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica ALLEGATO F PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica Appalto n. 1649 - S.P. n. 29 del Colle di Cadibona. Lavori di adeguamento del tracciato stradale

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA Intervista all Ing. Mercatali di RFI Metrogenova.com ha recentemente incontrato l ingegner Gianfranco Mercatali, Direttore Compartimentale Infrastruttura di

Dettagli

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA Nell ambito del processo di completa liberalizzazione del mercato dell energia elettrica

Dettagli

Art.5 Piani regionali.

Art.5 Piani regionali. Norme per l attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia (legge 9/1/1991 n 10) TITOLO I Norme

Dettagli

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i.

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i. Inquadramento generale e obiettivi delle modifiche La Variante specifica art. 17 comma 7 definita nei suoi obiettivi generali come anticipatoria di alcuni contenuti della variante Strutturale Qualità è

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Linee Guida su criteri e modalità applicative per la valutazione del valore di rimborso degli impianti di distribuzione del gas naturale 7 Aprile 2014 Indice Parte I

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli