INDICE 1. PREMESSA OBIETTIVI GENERALI CRITICITA PER LO SVILUPPO E IL MANTENIMENTO DELLA RETE DI DISTRIBUZIONE...7

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE 1. PREMESSA...4 2. OBIETTIVI GENERALI...5 3. CRITICITA PER LO SVILUPPO E IL MANTENIMENTO DELLA RETE DI DISTRIBUZIONE...7"

Transcript

1

2 Foglio 2 di 28 INDICE 1. PREMESSA OBIETTIVI GENERALI CRITICITA PER LO SVILUPPO E IL MANTENIMENTO DELLA RETE DI DISTRIBUZIONE DATI DELLA RETE DI A2A RETI ELETTRICHE Area Milano Area Brescia 8 5. PIANO DI SVILUPPO DELLA RETE DI TRASMISSIONE NAZIONALE PREVISIONE DI SVILUPPO CARICHI Evoluzione della domanda di energia elettrica in Italia Analisi del fabbisogno di potenza sul territorio e proiezione per il futuro Area Milano Area Brescia Analisi delle correlazione tra le punte di potenza e le condizioni climatiche GENERAZIONE DISTRIBUITA Sviluppo atteso della produzione di energia elettrica Area Milano Area Brescia PIANIFICAZIONE DELLE NUOVE CABINE PRIMARIE Criteri generali di pianificazione Definizione delle nuove Cabine Primarie e potenziamento delle esistenti per l area Milano Definizione delle nuove Cabine Primarie e potenziamento delle esistenti per l area Brescia Definizione delle priorità di intervento PIANIFICAZIONE DELLA RETE DI DISTRIBUZIONE IN MEDIA TENSIONE Criteri generali di pianificazione per la rete di distribuzione Rete di distribuzione per l area Milano 25

3 Foglio 3 di Stato del neutro della rete MT Sviluppo della rete per riqualificazione urbanistiche Principali interventi pianificati sulla rete di distribuzione MT Rete di distribuzione per l area Brescia Stato del neutro della rete MT Principali interventi pianificati sulla rete di distribuzione MT Allegato 1 Allegato 2 Allegato 3 Allegato 4 Allegato 5 Allegato 6 Allegato 7 Allegato 8 Allegato 9 Allegato 10 Allegato 11 Allegato 12 Allegato 13 Allegato 14 Allegato 15 Allegato 16 Allegato 17 Allegato 18 Allegato 19 ELENCO DEGLI ALLEGATI Ubicazione degli impianti AT/MT - area Milano Ubicazione degli impianti AT/MT - area Brescia Densità di potenza per l anno area Milano Trend della punta di carico - area Milano Densità di potenza per l anno area Milano Trend della punta di carico - area Brescia Evoluzione del carico delle trasformazioni AT/MT al area Brescia Previsione dei margini di potenza nelle Cabine Primarie - area Milano Ubicazione delle future Cabine Primarie - area Milano Potenza disponibile dopo la realizzazione delle nuove Cabine Primarie - area Milano Carico previsto nelle Cabine Primarie al 2025 con gli interventi previsti - area Milano Potenze installate previste al area Milano Ubicazione degli interventi previsti - area Brescia Carico previsto nelle Cabine Primarie al 2025 con gli interventi previsti - area Brescia Priorità degli interventi - area Milano Priorità degli interventi - area Brescia Localizzazione degli interventi previsti sulla rete MT - area Milano Localizzazione degli interventi previsti sulla rete MT della città di Brescia - area Brescia Localizzazione degli interventi previsti sulla rete MT dell area di Salò - area Brescia

4 Foglio 4 di PREMESSA Il presente documento fissa le basi del Piano di sviluppo decennale della rete di distribuzione di a2a Reti Elettriche ed è lo strumento per poter definire il budget degli investimenti e le priorità di intervento. Vengono valutate le previsioni di carico in un arco temporale di 10/12 anni e le conseguenti necessità di sviluppo, integrazione ed ottimizzazione della rete elettrica di: Milano e Rozzano; Brescia e 45 comuni della provincia stessa: Agnosine, Anfo, Bagolino, Barghe, Bione, Botticino, Capovalle, Casto, Gardone Riviera, Gargnano, Gavardo, Idro, Lavenone, Limone del Garda, Magasa, Manerba del Garda, Mazzano, Mura, Muscoline, Nuvolera, Nuvolento, Odolo, Paitone, Pertica Alta, Pertica Bassa, Polpenazze del Garda, Preseglie, Prevalle, Provaglio Val Sabbia, Puegnago del Garda, Rezzato, Roè Volciano, Sabbio Chiese, Salò, San Felice del Benaco, Serle, Tignale, Toscolano Maderno, Tremosine, Treviso Bresciano, Vallio Terme, Valvestino, Vestone, Villanuova sul Clisi, Vobarno. L elettricità è notoriamente un vettore energetico estremamente versatile in relazione alle innumerevoli applicazioni che ha negli usi finali (illuminazione, climatizzazione, alimentazione di elettrodomestici e piani di cottura, apparecchiature elettroniche, apparecchiature di processi industriali, apparecchiature medicali, ecc.). E inoltre particolarmente adatto per essere impiegato in una grande città a supporto dello sviluppo delle attività economiche e residenziali, per la sua estrema sicurezza (con impianti progettati, realizzati e mantenuti secondo norme ormai consolidate) e la notevole compatibilità ambientale. Una volta realizzati gli impianti, l impatto visivo e elettromagnetico è praticamente nullo nel caso di linee in cavo interrato e problemi di rumore sono facilmente controllabili per Cabina Primarie e cabine secondarie. Per questi motivi risulta uno strumento fondamentale per il raggiungimento degli obiettivi presenti nei Piani di Governo del Territorio : favorire la funzione residenziale della Città; favorire lo sviluppo urbanistico; favorire la localizzazione delle attività di produzione di beni e servizi. Occorre quindi pianificare attentamente lo sviluppo delle infrastrutture necessarie alla distribuzione di elettricità al fine di assicurare il fabbisogno di energia e potenza richiesta in modo da non frenare i citati obiettivi. Deve essere tenuto in grande considerazione anche l aspetto della qualità del servizio fornito (continuità della fornitura, qualità della tensione di alimentazione, qualità commerciale) in quanto sono numerose le attività del terziario e industriali per le quali risultano elevati i costi dovuti alla mancata qualità nella fornitura di elettricità.

5 Foglio 5 di OBIETTIVI GENERALI Il presente documento definisce quindi le necessità di intervento a medio e lungo termine al fine di garantire la massima affidabilità nell esercizio della rete di a2a Reti Elettriche (nel seguito ARL). L attività di pianificazione ha lo scopo di raggiungere essenzialmente le finalità di: integrazione: vengono analizzate le necessità delle diverse funzioni in cui è articolata a2a Reti Elettriche e le specifiche richieste provenienti dagli utenti, al fine di organizzare e ottimizzare le proposte di realizzazione; definizione delle priorità: mediante valutazione delle possibili soluzioni progettuali, classificazione delle tipologie di investimento e associazione con gli indicatori di prestazione tecnica ed economica, vengono definite le più opportune priorità di intervento e valutate l efficacia e l efficienza degli interventi sia di investimento che di manutenzione; verifica dei risultati: la verifica dei risultati ottenuti rispetto a quelli ipotizzati rende disponibili indicatori che permettono di migliorare le scelte successive; gestione economica globale: tramite l analisi e la pianificazione, considerando gli aspetti tecnici, economici, tariffari, qualitativi, normativi, si identificano le soluzioni da adottare e le opportunità da cogliere, ottimizzando gli investimenti. Nella successiva Figura 1, è schematizzato sinteticamente il processo descritto. Verifica risultati Realizzazione Figura 1: Sintesi del processo di pianificazione

6 Foglio 6 di 28 Gli obiettivi principali del programma di sviluppo possono essere riassunti in pratica nei seguenti punti: individuare il numero e il dimensionamento dei nuovi impianti primari da realizzare e gli interventi di potenziamento degli impianti attuali per adeguare il sistema agli incrementi di carico previsti; determinare una struttura di rete razionale e funzionale che integri le reti elettriche preesistenti; eliminare la rete obsoleta unificando anche i livelli di tensione, per garantire maggiore efficienza, economicità di servizio e riduzione delle perdite di rete; eliminare gradualmente la dipendenza e le interconnessioni della rete di a2a Reti Elettriche con la rete MT di Enel Distribuzione; individuare le soluzioni volte a migliorare la qualità del servizio (come richiesto dalla regolamentazione dei livelli di continuità dell AEEGSI); ridurre i costi di esercizio e di manutenzione degli impianti; realizzare adeguamenti impiantistici richiesti dall evolversi delle normativa in materia di sicurezza e rispetto dell ambiente.

7 Foglio 7 di CRITICITA PER LO SVILUPPO E IL MANTENIMENTO DELLA RETE DI DISTRIBUZIONE I problemi operativi fondamentali che si incontrano nelle attività di sviluppo e mantenimento della rete di distribuzione sono essenzialmente i seguenti:! difficoltà autorizzative per la posa delle reti e non indifferente impatto dei relativi cantieri stradali (anche se normalmente la rete elettrica interessa prevalentemente le aree di marciapiede e solo limitatamente agli attraversamenti delle carreggiate);! individuazione degli spazi all interno dei fabbricati per la realizzazione delle cabine di trasformazione MT/BT;! individuazione degli spazi per la realizzazione delle Cabine Primarie di trasformazione AT/MT e tempi lunghi per la loro autorizzazione e realizzazione. Per poter contare su una rete di distribuzione di elettricità all altezza delle attese dell utenza in termini di qualità del servizio occorre quindi avanzare nelle sedi opportune, per esempio, proposte di:! semplificazione degli iter autorizzativi per gli scavi e razionalizzazione della posa dei servizi nel sottosuolo (per esempio con la realizzazione di Strutture Sotterranee Polifunzionali);! opportune prescrizioni nel regolamento edilizio per facilitare l individuazione dei necessari spazi per la collocazione degli impianti di distribuzione negli edifici;! procedure che consentano di essere tempestivamente coinvolti sin dalle prime fasi dei piani di sviluppo o riqualificazione urbanistica per evidenziare le necessità tecnologiche di realizzazione degli impianti di distribuzione.

8 Foglio 8 di DATI DELLA RETE DI A2A RETI ELETTRICHE La rete di distribuzione di a2a Reti Elettriche si sviluppa nelle province di Milano e Brescia ed è connessa alla Rete elettrica di Trasmissione Nazionale in alta tensione di Terna. Si riportano nella tabella che segue i dati principali della rete di distribuzione di a2a Reti Elettriche aggiornati alla data 31/12/2013. Descrizione Cabine Primarie Potenza AT/MT installata Cabine di distribuzione MT/BT Rete AT (incluso 40 kv) Rete MT Rete BT (solo dorsali BT) Potenza richiesta dall utenza Energia distribuita per anno Quantità 28 [n.] [MVA] [n.] 23,56 [km] [km] [km] [MW] [GWh] Tabella 1: Dati della rete di distribuzione di a2a Reti Elettriche 4.1. Area Milano Le alimentazioni delle città di Milano e Rozzano sono garantite dai nodi AT/MT indicati topograficamente nell Allegato 1. Le Cabine Primarie Musocco e Vigentina, sono inserite nella rete di alta tensione a 132 kv, mentre le restanti Cabine Primarie sono inserite nella Rete di Trasmissione Nazionale a 220 kv. La rete in media tensione di a2a Reti Elettriche è inoltre interconnessa agli impianti di Enel Distribuzione attraverso 58 linee (MT). La rete di distribuzione in media tensione è costituita prevalentemente da linee in cavo e sono presenti quattro differenti livelli di tensione (23 kv,15 kv, 9 kv e 6,4 kv) Area Brescia L alimentazione della città di Brescia e altri 45 comuni della provincia di competenza è garantita dai 19 nodi AT/MT indicati topograficamente nell Allegato 2. Tutte le stazioni e Cabine Primarie sono inserite nella Rete di Trasmissione Nazionale a 132 kv, tranne Tremosine alimentata a 40 kv; nella Ricevitrice Ovest è presente inoltre anche il livello di tensione 220 kv. La rete in media tensione di a2a Reti Elettriche è inoltre interconnessa agli impianti di Enel Distribuzione attraverso 45 punti di scambio (MT).

9 Foglio 9 di 28 La rete di distribuzione in media tensione è costituita da linee aeree ed in cavo e sono presenti due differenti livelli di tensione (23kV e 15kV). 5. PIANO DI SVILUPPO DELLA RETE DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nel presente documento non viene trattato lo sviluppo della rete AT di trasmissione nazionale. Tali interventi, anch essi di fondamentale importanza per lo sviluppo della rete di distribuzione e di rilevante impatto sul territorio, sono di competenza di Terna S.p.A. e sono trattati nel Piano di Sviluppo della stessa Terna. In virtù della cessione, quasi totale, delle linee e degli impianti AT di a2a Reti Elettriche a Terna, è stato istituito un tavolo presso il quale periodicamente esaminare e coordinare gli interventi di sviluppo necessari in modo da ottimizzare gli investimenti e gli impieghi del territorio.

10 Foglio 10 di PREVISIONE DI SVILUPPO CARICHI Per pianificare correttamente la rete di distribuzione e, di conseguenza, razionalizzare gli investimenti per la costruzione di nuove Cabine Primarie, definendo nel contempo i siti di costruzione, le taglie degli impianti e le date di entrata in servizio degli stessi, occorre stimare con sufficiente precisione l incremento di potenza distribuita prevista per i prossimi anni Evoluzione della domanda di energia elettrica in Italia Le previsioni della domanda di energia elettrica e di potenza in Italia sono effettuate da Terna S.p.A. e sono riportate nel documento Previsioni della domanda elettrica in Italia e del fabbisogno di potenza necessario per gli anni La previsione di medio e lungo termine della domanda di energia elettrica è ottenuta da Terna tenendo conto della previsione dell andamento del PIL. Figura 2: Domanda di energia elettrica e PIL nel corso degli ultimi anni (L andamento è espresso su una scala comune, dove sono posti pari a 100 i valori rispettivamente raggiunti nel 1980) Dal 2012 al 2018 Terna stima un evoluzione della domanda di energia elettrica in Italia con un tasso medio annuo di crescita del 0,4%. Il terziario si prevede essere anche nel prossimo decennio il settore più dinamico (+2,6% per anno). Nel 2023 il settore terziario dovrebbe raggiungere i 134 TWh circa, con una quota del 38% nella struttura dei consumi. Le previsioni della domanda di potenza alla punta sono elaborate partendo da quelle sulla domanda di energia elettrica.

11 Foglio 11 di 28 Figura 3: Andamento della domanda di potenza nazionale alla punta dal 1976 al 2013 La previsione della domanda di potenza sulla rete italiana fornita da Terna ipotizza il raggiungimento di MW nell anno 2023 (ipotesi alta), corrispondente ad una percentuale di incremento annuo della punta nazionale nel prossimo decennio di circa il 2,3% Analisi del fabbisogno di potenza sul territorio e proiezione per il futuro Il metodo utilizzato prevede:! per la zona di Milano la scomposizione preliminare dell intera area metropolitana in aree elementari, definite da quadrati di 1 km di lato e la determinazione per ciascuna area dell incremento di potenza distribuita prevista per i prossimi anni;! per la zona di Brescia, vista la differenza e non omogeneità del territorio, la determinazione per ciascuna area sottesa a ogni Cabina Primaria e sottostazione, l incremento di potenza distribuita prevista per i prossimi anni Area Milano Dai sistemi di gestione della rete e dai sistemi informatici della funzione commerciale si estraggono le informazioni necessarie per associare ad ogni zona (quadrato o area di CP) i seguenti dati: potenza massima richiesta dalla rete di distribuzione BT, ottenuta come somma delle punte di potenza rilevate nelle singole cabine MT/BT(ove disponibile); potenza disponibile per gli utenti alimentati in MT; potenza prevista per l alimentazione di aree in stato di riqualificazione (PRU). A partire dai dati relativi alla punta di potenza assorbita dalla rete di distribuzione, si ripartisce il carico di ogni cavo MT tra le cabine MT/BT da esso alimentate.

12 Foglio 12 di 28 La scomposizione dell area metropolitana in aree elementari di piccole dimensioni consente di valutare con buona approssimazione la collocazione topografica della densità di richiesta di potenza sul territorio. L Allegato 3 mostra, come risultato dell elaborazione per l area di Milano, la distribuzione della densità di carico per l anno La previsione di sviluppo dei carichi, tiene conto essenzialmente di due fattori: il trend di incremento della punta di carico sulla base di dati storici di a2a Reti Elettriche (Allegato 4); la richiesta di potenza localizzata per l alimentazione di aree in stato di riqualificazione o grossi utenti (potenze richieste o presunte maggiori di 3 MW). Risulta mediamente una percentuale di incremento annuo di carico alla punta pari a circa il 2,2%. Tale valore, può ritenersi corretto, in quanto in linea con i dati previsionali di Terna nel periodo di interesse. La previsione sull evoluzione dei carichi viene annualmente verificata ed aggiornata sia in relazione alle effettive punte di potenza registrate sia in riferimento alle migliori informazioni disponibili sullo sviluppo di aree in stato di riqualificazione (PRU). L Allegato 5 illustra la crescita prevista della densità di carico per km 2 all anno 2025 con il relativo dato di massima potenza richiesta dall utenza Area Brescia Dai sistemi di gestione della rete si estraggono i valori di massima potenza prelevata sulla rete MT da ogni Cabina Primaria. A tale valore viene aggiunto il valore di carico previsto per ognuna delle nuove utenze rilevanti e/o interventi di lottizzazione significativi (dell ordine di qualche MW). Si stima la potenza prevista per gli anni successivi valorizzando un tasso di incremento annuo del 2% (per il biennio è stato previsto un tasso ridotto allo 0,8 % a causa del perdurare della crisi economica). Se dalla verifica si riscontrano situazioni critiche, vengono definiti gli interventi necessari per riportare tutti i parametri nella norma; ciò può comportare la realizzazione di nuove Cabine Primarie, nuove trasformazioni AT/MT o potenziamento delle esistenti, nuove linee MT o potenziamento di tratti di linee esistenti. Nell Allegato 6 è illustrato il trend di crescita del carico della rete di Brescia, negli ultimi anni (in particolare 2012 e 2013) si osserva una sensibile riduzione del picco massimo ed uno spostamento del picco dall estate all inverno; si può ritenere questo fenomeno legato all impatto della elevata generazione distribuita connessa alla rete ed agli effetti della perdurante crisi economica. L Allegato 7 illustra la crescita prevista del carico all anno 2025 e la relativa percentuale di utilizzo della trasformazione.

13 Foglio 13 di Analisi delle correlazione tra le punte di potenza e le condizioni climatiche La crescita delle esigenze di benessere e della qualità della vita, sia in ambito domestico sia lavorativo, ha portato ad un aumento della domanda di energia elettrica, in particolare a Milano, nei periodi estivi particolarmente torridi, per l utilizzo di condizionatori e apparecchiature refrigeranti in genere. In un contesto urbano ad alta concentrazione di utenza, il contributo alla punta di carico delle suddette applicazioni risulta determinante. Nella città di Milano il valore di potenza massimo richiesto dalla rete di distribuzione si verifica da più di un decennio nel periodo estivo e non più invernale. Il Grafico 1 riporta gli andamenti delle punte di carico registrate a Milano tra il 2003 ed il 2013 dal 10 giugno al 31 luglio. Grafico 1: Carico massimo giornaliero tra il 10 Giugno e il 31 Luglio Il Grafico 2 Indice di calore riporta gli andamenti dell indicee Umidex della temperatura apparente (misurato in C) ricavato dai valori di temperatura massima e corrispondente umidità % registrate a Linate (MI) tra il 2003 ed il 2013 dal 10 giugno al 31 luglio.

14 Foglio 14 di 28 Grafico 2: Indice di calore tra il 10 Giugno e il 31 Luglio Ai nostri scopi tale indice ha consentito di correlare in modo univoco e significativo l andamento del carico della rete di distribuzione in funzione non della sola temperatura assoluta massima ma all insieme delle coppie di variabili temperatura massima e umidità. In sostanza tale indice si ritiene significativo del disagio percepito dagli utenti e quindi del corrispondente grado di ricorso all uso degli apparecchi di condizionamento. In particolare, l indice è significativo del grado di contemporaneità di utilizzo degli stessi che può determinare incrementi di carico elevati e non riscontrabili in passato quando tale tecnologia non era così diffusa. Il Grafico 3 rappresenta la correlazione lineare tra indice di calore e il corrispondente carico massimo giornaliero per gli anni dal 2007 al Le linee di tendenza del Grafico 3,, evidenziano, nonostante favorevoli condizioni climatiche, una tendenza all incremento della potenza assorbita a parità di indiceice di calore.

15 Foglio 15 di 28 Grafico 3: Correlazione indice di calore con il carico massimo nel periodo 10 Giugno - 15 Luglio per gli anni dal 2007 al 2013 L incremento del 5% annuo, osservato con questo metodo, sconta tutte le possibile cause considerate tradizionalmente nella pianificazione della rete (aumento fisiologico e nuovi carichi). Inoltre occorre considerare che si riferisce ad un incremento potenziale determinato solo dal fatto che si raggiungano determinati elevati Indici di Calore in giorni infrasettimanali del periodo che va tra la metà di giugno e la metà di luglio. Nel grafico nel quale viene indicata la previsione di incremento del carico nei prossimi anni viene quindi evidenziata una fascia di incertezza delimitata superiormente da valori corrispondenti all incremento del 5% annuo (cfr Allegato 8). 7. GENERAZIONE DISTRIBUITA Nel corso degli ultimi anni, la gestione tradizionale della rete elettrica di a2a Reti Elettriche sta modificandosi per il sopravvento sempre più marcato di utenti della rete MT e BT con siti di generazione dell energia elettrica. Ad alcuni grossi impianti di cogenerazione del gruppo a2a in Milano collegati alla rete di distribuzione MT, si sono aggiunti altri due grossi impianti cogenerativi con potenza nominale complessiva per singolo punto di connessione alla rete di distribuzione, superiore a 10 MVA. La generazione distribuita ha un impatto non più trascurabile sul servizio di distribuzione e sulla gestione dei relativi impianti. Infatti, nel corso dell ultimo triennio gli impiantii di generazione, in particolare da fonte rinnovabile, hanno avuto una crescita esponenziale.

16 Foglio 16 di 28 Ogni punto della rete con presenza di gruppi di produzione di energia elettrica (definito impianto attivo ), è disciplinato da un Regolamento di Esercizio tra l utente titolare della connessione e a2a Reti Elettriche. Nelle tabelle sottostanti viene indicata la potenza totale della generazione installata, collegata alla rete di distribuzione MT e BT delle Cabine Primarie di ARL. La potenza degli impianti di generazione è suddivisa per singola Cabina Primaria e raggruppata per tipologia di fonte primaria di generazione.!"#"$%&'(#" '#)*%++%*% ), $"*" -./ &'()*' +$),'$)' -%"'$. /%")0' 1)%,'22. 1)%3' $'8")0'!"#$%!"#$% 0,851 0,410 &"'()"*+ 1,794 35,273 ',-%..% 1,159 1,248 1,075 /%)# 4,272 1,248 78,764 %0+-* 1,291 8,772 -,# 3,239 1,248 30,248 0+/+1$" 0,268 2,440 0$!+/*$/" 1,006 0,420 3,290 0%&*" 0,717 1,554 *%*"&+ 14,597 0,000 3,744 0, ,826 Tabella 2: Potenza installata della generazione distribuita per la rete ARL-Milano

17 Foglio 17 di 28!"#"$%&'(#" '#)*%++%*% ), $"*" -./ &'()*' +$),'$)' -%"'$. /%")0' 1)%,'22. 1)%3' $'8")0'!"#$% ("!%&$/% 3,198 #%/+!"/$ 1,683!"0")#% 11,039 0,190 12,192 '"11"/% 4,320 0,100 /%#% -,# 6,059 /%11" 7,530 4,894 /,0%&+/*% 4,275 1,288 %#%&% 4,377 2%&2+/"11+ 2,098 1,824 )$.3 +-* 2,429 )$.3 /%)# 4,281 )$.3 %0+-* 9,505-3+,4+'$" 5,475 0,599 0,300 -"&%5 5,314 5,728 *%-.%&"/% 1,205 3,055 0,200 *)+'%-$/+ 0,085 0,190 6,650 0%(")/% 2,361 4, "789;< 0,594 1$1$%&" 1, ,265 *%*"&+ 77,760 0,000 0,979 38, ,689 Tabella 3: Potenza installata della generazione distribuita per la rete ARL-Brescia 7.1. Sviluppo atteso della produzione di energia elettrica Si riporta la somma delle potenze degli impianti di produzione di energia elettrica per le richieste di connessione in corso di validità suddivise per area e per Cabina Primaria. Si precisa che, sul sito di a2a Reti Elettriche, sono pubblicate ed aggiornate trimestralmente, indicazioni qualitative sulla disponibilità della capacità di rete ad accogliere nuove connessioni di impianti di produzione di energia elettrica.

18 Foglio 18 di Area Milano Si forniscono le informazioni degli impianti di produzione previsti per l area Milano. 4$"5"#*'5' "6"))' ), $"*" -./ &'()*' +$),'$)' -%"'$. /%")0' 1)%,'22. 1)%3' $'8")0'!"#$%!"#$% 0,030 0,000 0,000 0,000 0,000 &"'()"*+ 0,380 0,000 0,000 0,690 0,000 ',-%..% 0,844 0,000 0,000 0,000 1,000 /%)# 3,513 0,000 0,000 0,258 0,050 %0+-* 1,899 0,000 0,000 0,000 0,000 -,# 1,767 0,000 0,000 0,000 6,654 0+/+1$" 0,150 0,000 0,000 0,000 0,000 0$!+/*$/" 0,180 0,000 0,000 0,000 0,400 0%&*" 0,611 0,000 0,000 0,000 0,012 *%*"&+ 9,373 0,000 0,000 0,948 8,116 Tabella 4: Potenze complessive delle richieste di connessione degli impianti di generazione per ARL-Milano

19 Foglio 19 di Area Brescia Si forniscono le informazioni degli impianti di produzione previsti per l area Brescia. 4$"5"#*'5' "6"))' ), $"*" -./ )%,'22. &'()*' +$),'$)' -%"'$. /%")0' 1)%3'2 67$'8")0'!"#$% 4-5 ("!%&$/% 0,003 0,000 0,000 0,000 0,000 #%/+!"/$ 0,498 0,000 0,000 0,000 0,000!"0")#% 1,965 0,000 0,000 0,000 0,000 '"11"/% 1,024 0,000 0,000 0,000 0,000 /%#% -,# 0,348 0,000 0,000 0,000 0,000 /%11" 1,747 0,000 0,000 0,000 0,000 /,0%&+/*% 0,091 0,000 0,000 0,000 0,000 %#%&% 1,587 0,000 0,000 0,000 0,000 2%&2+/"11+ 0,015 0,000 0,000 0,000 0,000 )$.3 +-* 1,162 0,000 0,000 0,000 0,000 )$.3 /%)# 0,412 0,000 0,000 0,000 0,000 )$.3 %0+-* 0,315 0,000 0,000 0,000 0,000-3+,4+'$" 0,567 0,000 0,000 0,000 0,000 -"&%5 0,100 0,000 0,000 0,000 0,000 *%-.%&"/% 0,029 0,000 0,000 0,000 0,000 *)+'%-$/+ 0,119 0,000 0,000 0,000 0,000 0%(")/% 0,018 0,000 0,000 0,000 0, "789;< 0,006 0,000 0,000 0,000 0,000 1$1$%&" 0,000 0,000 0,000 0,000 0,000 10,006 0,000 0,000 0,000 0,000 Tabella 5: Potenze complessive delle richieste di connessione degli impianti di generazione per ARL-Brescia 8. PIANIFICAZIONE DELLE NUOVE CABINE PRIMARIE 8.1. Criteri generali di pianificazione Il monitoraggio della domanda di potenza alla punta è essenziale per una corretta pianificazione di rete, in quanto un valore di utilizzo complessivo dei trasformatori AT/MT troppo elevato in ciascuna Cabina Primaria, rivela una possibile criticità nella struttura di rete e, di conseguenza, la necessità di avviare studi di pianificazione per la realizzazione di nuove Cabine Primarie nelle aree interessate. Pertanto, considerando il fatto che gli iter autorizzativi per la costruzione di un impianto in alta tensione non sono mai brevi, risulta un aspetto di fondamentale importanza quello di individuare le aree più critiche e le tempistiche di intervento, al fine di riuscire a soddisfare sempre la richiesta dei carichi anche in condizioni di indisponibilità di elementi di rete.

20 Foglio 20 di 28 Gli standard che la rete primaria tensione è chiamata a soddisfare sono: a) esercizio della rete nella condizione di sicurezza N-1, cioè nessuna criticità si manifesta nel caso di perdita di un elemento di rete, attraverso un adeguato grado minimo di magliatura. Per situazione N si intende la normale configurazione della rete in cui tutti gli elementi della stessa sono in servizio, N-1 è la situazione che si viene a creare a seguito della perdita, per guasto o manutenzione, di uno degli elementi che costituiscono la rete e quindi: linea, sbarra o trasformatore; b) rispetto dei limiti di portata dei conduttori previsti nelle condizioni di normale funzionamento e di regime transitorio o perturbato; c) installazione di un adeguata potenza di trasformazione AT/MT, opportunamente distribuita nelle diverse CP sul territorio, in modo da permettere l alimentazione in media tensione del carico attuale sotteso e della crescita prevista, garantendo il dovuto livello di controalimentazione richiesto in caso di guasti, permettendo l effettuazione delle manutenzioni programmate; d) riduzione del numero e della durata delle interruzioni, di tempi di ripresa del servizio, anche con riferimento alla regolazione della qualità imposta Definizione delle nuove Cabine Primarie e potenziamento delle esistenti per l area Milano Una analisi sullo sviluppo della distribuzione geografica della densità di carico connesso alle criticità evidenziatesi nell esercizio della rete, permettono di fornire una più opportuna collocazione geografica e temporale ai nuovi impianti primari da realizzare. La dislocazione dei nuovi impianti in pratica deve necessariamente tener conto di effettive disponibilità di aree per la costruzione di Cabine AT in un contesto urbano quale è quello di Milano. L Allegato 9 mostra la collocazione delle nuove previste Cabine Primarie (Rogoredo, Rozzano, Marcello, Cristoforo, Comasina, Bovisa e Baggio). La cronologia degli interventi che consentono di disporre di una maggior potenza installata sono esposti nell Allegato 10. Si ipotizza che tutti in nuovi nodi in AT siano sul sistema a 220 kv, tranne che per la Cabina Primaria di Rogoredo, per la quali la connessione in AT è prevista a 132 kv. In relazione agli investimenti proposti e agli interventi che dovranno essere effettuati sulla rete di distribuzione nei tempi previsti dal presente documento, il carico sotteso ad ogni Cabina Primaria si prospetta modificarsi come si espone nell Allegato 11. Nell Allegato 12 si indica la potenza installata per Cabina Primaria prevista all anno Si riportano nel seguito i grossi progetti di ampliamento delle Cabine Primarie esistenti: Progetto Cabina Primaria Nord In CP Nord sono ora installati 4 trasformatori 220/23 kv da 73 MVA, 1 trasformatore da 100 MVA e 2 trasformatori 132/23 kv da 55 MVA (questi ultimi in fase di dismissione). E previsto nel corso del 2014 la sostituzione di un trasformatore 220/23 kv da 73 MVA con altro di potenza nominale pari a 100 MVA.

Piano di Sviluppo triennale delle nfrastrutture di Deval S.p.A. a s.u.

Piano di Sviluppo triennale delle nfrastrutture di Deval S.p.A. a s.u. Piano di Sviluppo triennale delle Infrastrutture nfrastrutture di Deval S.p.A. a s.u. Aosta 30/03/2015 Aosta, 1 1 Il Piano di Sviluppo triennale delle Infrastrutture di Deval S.p.A. a s.u. Le attività

Dettagli

CODICE PRO_MCC_EE REVISIONE: 5 DATA PRIMA EMISSIONE: 24.12.2010 DATA AGGIORNAMENTO: 23.11.2015

CODICE PRO_MCC_EE REVISIONE: 5 DATA PRIMA EMISSIONE: 24.12.2010 DATA AGGIORNAMENTO: 23.11.2015 ALLEGATO 1 SOLUZIONI TECNICHE STANDARD E COSTI MEDI RELATIVI ALLA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI RETE PER LA CONNESSIONE IN BASSA E MEDIA TENSIONE ALLE RETI DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE SPA Pagina 29 di

Dettagli

Stazione Elettrica. Val d Adige

Stazione Elettrica. Val d Adige Stazione Elettrica Val d Adige Stazione Elettrica Val d Adige La storia Già alla fine degli anni 90 Azienda Energetica prendeva atto della necessità di sostituire l esistente Cabina Primaria di Vilpiano

Dettagli

SEZIONE I TEMPI E COSTI MEDI DI REALIZZAZIONE 2

SEZIONE I TEMPI E COSTI MEDI DI REALIZZAZIONE 2 Ed. 4.0 - I1/10 SEZIONE I TEMPI E COSTI MEDI DI REALIZZAZIONE 2 I.1 TEMPI MEDI DI ESECUZIONE DELLE FASI REALIZZATIVE DELLA SOLUZIONE DI CONNESSIONE IN ALTA TENSIONE 2 I.2 COSTI UNITARI PER TIPOLOGIA DI

Dettagli

Università degli Studi di Teramo Facoltà di Agraria - Mosciano Sant Angelo. 10 Marzo 2009. Energia elettrica

Università degli Studi di Teramo Facoltà di Agraria - Mosciano Sant Angelo. 10 Marzo 2009. Energia elettrica Università degli Studi di Teramo Facoltà di Agraria - Mosciano Sant Angelo 10 Marzo 2009 Energia elettrica Ripianificare la rete elettrica di trasporto per lo sviluppo regionale Pietro Pastorelli Confindustria

Dettagli

Il Sistema di Distribuzione dell Energia Elettrica Roberto Faranda Dipartimento di Energia, Via La Masa, 34 (Bovisa) +39.02.2399.

Il Sistema di Distribuzione dell Energia Elettrica Roberto Faranda Dipartimento di Energia, Via La Masa, 34 (Bovisa) +39.02.2399. Il Sistema di Distribuzione dell Energia Elettrica Roberto Faranda Dipartimento di Energia, Via La Masa, 34 (Bovisa) +39.02.2399.3793 Caratteristiche dell energia elettrica 2 Perché l uso dell Energia

Dettagli

Struttura Sistema Elettrico Reti elettriche di distribuzione e archittettura della rete AT/MT

Struttura Sistema Elettrico Reti elettriche di distribuzione e archittettura della rete AT/MT Marzio Grassi Distribution Automation. March 2014 Struttura Sistema Elettrico Reti elettriche di distribuzione e archittettura della rete AT/MT June 3, 2014 Slide 1 Quanto è importante il Sistema Elettrico?

Dettagli

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia 1 Riferimenti: Legge 9/10 del 1991: Norme per l'attuazione del Piano energetico

Dettagli

L ESPERIENZA DI MILANO E BRESCIA

L ESPERIENZA DI MILANO E BRESCIA SVILUPPO DELLA GENERAZIONE DIFFUSA IN ITALIA L ESPERIENZA DI MILANO E BRESCIA Luca Gaia Salvatore Pugliese Milano, 30 aprile 2009 Milano - Struttura della rete di distribuzione 220 kv Cabine di trasformazione

Dettagli

La Generazione Distribuita: evoluzione e prospettive. Torna al programma

La Generazione Distribuita: evoluzione e prospettive. Torna al programma La Generazione Distribuita: evoluzione e prospettive Torna al programma 1 La presentazione al Convegno ATI/AEI di questa memoria si inquadra nell attività che il Gruppo Distribuzione Pubblica dell A.E.I.

Dettagli

QUADRO NORMATIVO PER LE RETI

QUADRO NORMATIVO PER LE RETI 1 QUADRO NORMATIVO PER LE RETI ELETTRICHE DI DISTRIBUZIONE GESTITE DA ENEL DISTRIBUZIONE S.P.A. 1.1 INTRODUZIONE Nel presente capitolo verrà illustrato per grandi linee il quadro normativo Italiano che

Dettagli

la qualità del servizio elettrico e le iniziative per migliorarla

la qualità del servizio elettrico e le iniziative per migliorarla Uso: aziendale la qualità del servizio elettrico e le iniziative per migliorarla Giovanni Valtorta Enel Distribuzione Organizzazione Enel Distribuzione Continuità del Servizio Innovazione Articolazione

Dettagli

IL SISTEMA SPERIMENTALE DI MONITORAGGIO PER LE RETI DI DISTRIBUZIONE IN MEDIA TENSIONE

IL SISTEMA SPERIMENTALE DI MONITORAGGIO PER LE RETI DI DISTRIBUZIONE IN MEDIA TENSIONE IL SISTEMA SPERIMENTALE DI MONITORAGGIO PER LE RETI DI DISTRIBUZIONE IN MEDIA TENSIONE R. Chiumeo, L. Garbero, I. Mastandrea, O. Ornago, A. Porrino CESI RICERCA SpA, via Rubattino 54 Milano E. De Berardinis,

Dettagli

GUIDA PER LE CONNESSIONI ALLA RETE ELETTRICA DI DEVAL

GUIDA PER LE CONNESSIONI ALLA RETE ELETTRICA DI DEVAL Pag. 1 di 8 SEZIONE I TEMPI E COSTI MEDI DI REALIZZAZIONE I.1 TEMPI MEDI DI ESECUZIONE DELLE FASI REALIZZATIVE DELLA SOLUZIONE DI CONNESSIONE IN ALTA TENSIONE... 2 I.2 COSTI UNITARI PER TIPOLOGIA DI IMPIANTO...

Dettagli

Richiamiamo di seguito le principali ipotesi assunte, rimandando alla Tab. 4-6 il dettaglio dei valori numerici.

Richiamiamo di seguito le principali ipotesi assunte, rimandando alla Tab. 4-6 il dettaglio dei valori numerici. 5773/2207; DGR-8745/2008) riguardanti le prestazioni energetiche degli edifici e degli impianti, sia nuovi (autorizzati successivamente al 1 gennaio 2010) che quelli oggetto di ristrutturazioni significative.

Dettagli

Deliberazione di Giunta Comunale n. 80 del 02 dicembre 2010

Deliberazione di Giunta Comunale n. 80 del 02 dicembre 2010 Deliberazione di Giunta Comunale n. 80 del 02 dicembre 2010 OGGETTO: APPROVAZIONE DELLA BOZZA DI ACCORDO IN MERITO ALLA VALUTAZIONE DEGLI IMPIANTI E DEI BENI CONCESSI CON LA GESTIONE DEL SISTEMA DI DISTRIBUZIONE

Dettagli

Potenza efficiente Produzione lorda di lorda energia elettrica. Figura 1: situazione degli impianti di cogenerazione nel 2005 (fonti GSE e Terna).

Potenza efficiente Produzione lorda di lorda energia elettrica. Figura 1: situazione degli impianti di cogenerazione nel 2005 (fonti GSE e Terna). Scheda D Analisi e valutazioni relative al decreto legislativo 8 febbraio 2007, n. 20 di attuazione della Direttiva 2004/8/CE del Parlamento europeo e del Consiglio e altre norme in materia di cogenerazione

Dettagli

RELAZIONE DI SINTESI

RELAZIONE DI SINTESI Progetto Sergan INTERREG III A SARDEGNA / CORSICA / TOSCANA Progetto SERGAN Reti locali del gas RELAZIONE DI SINTESI Studio sulle reti locali del gas Domanda prevedibile di gas nei prossimi dieci anni

Dettagli

Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions

Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions Indice EXECUTIVE SUMMARY... 4 1. IL CONTESTO... 7 1.1 QUADRO INTERNAZIONALE DI RIFERIMENTO... 7 1.2 CONSIDERAZIONI SULLA TRANSIZIONE VERSO

Dettagli

DISTRIBUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA

DISTRIBUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA DELLA PROVINCIA DI RIMINI INFRASTRUTTURE PER LA DISTRIBUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA (Settembre ) C:\Documents and Settings\capacci\Impostazioni locali\temporary Internet Files\Content.IE5\SJQZMNOD\PTCP

Dettagli

I sistemi elettrici: lezione introduttiva. Prof.ssa Maria Dicorato

I sistemi elettrici: lezione introduttiva. Prof.ssa Maria Dicorato I sistemi elettrici: lezione introduttiva Prof.ssa Maria Dicorato La produzione di energia elettrica L insieme dei mezzi di produzione, denominato centrali elettriche, nei quali avviene la trasformazione

Dettagli

Requisiti tecnici degli impianti dei clienti MT e condizioni per avere diritto all indennizzo

Requisiti tecnici degli impianti dei clienti MT e condizioni per avere diritto all indennizzo Comunicazione all utenza MT ai sensi della Deliberazione dell Autorità per l Energia Elettrica e il Gas n. 333/07, articolo 35.4. Gentile Cliente, La informiamo che l Autorità per l energia elettrica e

Dettagli

Sistemi fotovoltaici

Sistemi fotovoltaici Sistemi fotovoltaici e connessione in rete Roberto Caldon Università degli Studi di Padova Contrastanti esigenze della GD e della rete Da parte dei Produttori: Poter collegare senza formalità aggiuntive

Dettagli

L ALLACCIAMENTO ALLA RETE ELETTRICA

L ALLACCIAMENTO ALLA RETE ELETTRICA SISTEMI AGRO-ENERGETICI E ADATTAMENTI LOCALI Udine, 29-30 novembre 2007 L ALLACCIAMENTO ALLA RETE ELETTRICA Massimo Vignuda Energy Division Green Energy Solution 1 Premessa La rete di distribuzione nasce

Dettagli

CONFRONTO TRA ELETTRODOTTO IN CAVO ED AEREO.

CONFRONTO TRA ELETTRODOTTO IN CAVO ED AEREO. CONFRONTO TRA ELETTRODOTTO IN CAVO ED AEREO. E luogo comune sostenere che un elettrodotto in cavo sia preferibile ad uno aereo: non è sempre vero. Parametro determinante a tal fine è la tensione nominale

Dettagli

GUIDA TECNICA. A.8 CORRENTI DI CORTO CIRCUITO E TEMPO DI ELIMINAZIONE DEI GUASTI NEGLI IMPIANTI DELLE RETI A TENSIONE UGUALE O SUPERIORE A 120 kv

GUIDA TECNICA. A.8 CORRENTI DI CORTO CIRCUITO E TEMPO DI ELIMINAZIONE DEI GUASTI NEGLI IMPIANTI DELLE RETI A TENSIONE UGUALE O SUPERIORE A 120 kv GUIDA TECNICA Allegato A.8 1 di 23 A.8 DI ELIMINAZIONE DEI GUASTI NEGLI Storia delle revisioni Rev.00 25/05/2001 Prima emissione Rev.01 26/04/2005 Rev.02 01/09/2010 Modifiche al paragrafo 5.2.2 (Correnti

Dettagli

TELERISCALDAMENTO E COGENERAZIONE DISTRIBUITA NAPOLI 9 MARZO 2007

TELERISCALDAMENTO E COGENERAZIONE DISTRIBUITA NAPOLI 9 MARZO 2007 TELERISCALDAMENTO E COGENERAZIONE DISTRIBUITA NAPOLI 9 MARZO 2007 TELERISCALDAMENTO LA RETE DI TORINO SITUAZIONE ATTUALE E NUOVI PROGETTI AES TORINO Reti di distribuzione di gas naturale e di teleriscaldamento

Dettagli

PROGETTO DI DERIVAZIONE D ACQUA AD USO IDROELETTRICO DAL F. STURA DI DEMONTE A MEZZO DEL CANALE IRRIGUO LA ROVERE - BOSCHETTI

PROGETTO DI DERIVAZIONE D ACQUA AD USO IDROELETTRICO DAL F. STURA DI DEMONTE A MEZZO DEL CANALE IRRIGUO LA ROVERE - BOSCHETTI PROGETTO DI NUOVA DERIVAZIONE D ACQUA DAL TORRENTE MONGIA AD USO ENERGETICO - RELAZIONE DI COMPATIBILITÀ IDRAULICA AI SENSI DEL R.D. 523/1904 - REGIONE PIEMONTE COMUNE DI FOSSANO PROVINCIA DI CUNEO PROGETTO

Dettagli

IMPEL SYSTEMS Srl. Introduzione

IMPEL SYSTEMS Srl. Introduzione REGOLAZIONE DELLA QUALITA DEI SERVIZI DI DISTRIBUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA: SISTEMA SCADA PER LA GESTIONE AUTOMATICA SECONDO I DETTAMI DELL AUTORITA PER L ENERGIA IMPEL SYSTEMS Srl I piccoli gestori

Dettagli

LE SFIDE ENERGETICHE DELLA SANITA IN FRIULI VENEZIA GIULIA

LE SFIDE ENERGETICHE DELLA SANITA IN FRIULI VENEZIA GIULIA LE SFIDE ENERGETICHE DELLA SANITA IN FRIULI VENEZIA GIULIA La centrale tecnologica trigenerativa del Nuovo Ospedale di Udine Paolo Maltese Siram SpA Direttore Parternariato Pubblico Privato 1 L OPERA E

Dettagli

Politiche energetiche ed ambientali. Previsioni sull energia prodotta da rinnovabili

Politiche energetiche ed ambientali. Previsioni sull energia prodotta da rinnovabili Generazione Diffusa: Impatto sulla Rete Elettrica di Trasmissione Nazionale Sviluppo della generazione diffusa in Italia MILANO, 30 APRILE 2009 Pianificazione e Sviluppo Rete / Pianificazione Rete 1 La

Dettagli

QUALITÀ DELLA TENSIONE SULLA RETE AT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.P.A. PIANO PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI MONITORAGGIO

QUALITÀ DELLA TENSIONE SULLA RETE AT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.P.A. PIANO PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI MONITORAGGIO QUALITÀ DELLA TENSIONE SULLA RETE AT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.P.A. PIANO PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI MONITORAGGIO (ai sensi della Delibera 210/05 dell Autorità per l Energia Elettrica e il

Dettagli

Impianti elettrici. Impianti Meccanici 1

Impianti elettrici. Impianti Meccanici 1 Impianti Meccanici 1 Gli impianti sono soggetti ad una ampia normativa nazionale. Tali norme sono in continua evoluzione anche al fine di unificare internazionalmente le regole della buona tecnica e dell

Dettagli

9 IL PIANO DEGLI INVESTIMENTI PER I SERVIZI DI FOGNATURA E DEPURAZIONE. 9.1 I costi utilizzati per i servizi di fognatura e depurazione

9 IL PIANO DEGLI INVESTIMENTI PER I SERVIZI DI FOGNATURA E DEPURAZIONE. 9.1 I costi utilizzati per i servizi di fognatura e depurazione 9 IL PIANO DEGLI INVESTIMENTI PER I SERVIZI DI FOGNATURA E DEPURAZIONE 9.1 I costi utilizzati per i servizi di fognatura e depurazione 9.1.1 Costi di costruzione, ricostruzione e ripristino Di seguito

Dettagli

Distribuire l energia: la rete tra presente e futuro. ASSOLOMBARDA Milano, 9 marzo 2009

Distribuire l energia: la rete tra presente e futuro. ASSOLOMBARDA Milano, 9 marzo 2009 Distribuire l energia: la rete tra presente e futuro ASSOLOMBARDA Milano, 9 marzo 2009 gli albori: prime applicazioni locali e industriali dell energia elettrica cenni sulla distribuzione di energia elettrica

Dettagli

COMUNE DI GAVARDO Provincia di Brescia

COMUNE DI GAVARDO Provincia di Brescia COMUNE DI GAVARDO Provincia di Brescia VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Originale N 19 del 04/02/2011 OGGETTO: GESTIONE ASSOCIATA DELLA PROCEDURA DI GARA E DEL RELATIVO AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO

Dettagli

QUALITÀ DELLA TENSIONE SULLA RETE AT DI AGSM Verona S.p.A.

QUALITÀ DELLA TENSIONE SULLA RETE AT DI AGSM Verona S.p.A. QUALITÀ DELLA TENSIONE SULLA RETE AT DI AGSM Verona S.p.A. PIANO PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI MONITORAGGIO (ai sensi della Delibera 210/05 dell Autorità per l Energia Elettrica e il Gas) Verona,

Dettagli

Soluzioni tecniche standard e costi medi di riferimento per la realizzazione delle soluzioni convenzionali per la connessione BT e MT

Soluzioni tecniche standard e costi medi di riferimento per la realizzazione delle soluzioni convenzionali per la connessione BT e MT Soluzioni tecniche standard e costi medi di riferimento per la realizzazione delle soluzioni convenzionali per la BT e MT SOLUZIONI TECNICHE STANDARD 1. CONNESSIONE ALLE RETI BT 1.1 derivazione rigida

Dettagli

LE NUOVE TARIFFE ELETTRICHE: una spinta verso la climatizzazione a gas?

LE NUOVE TARIFFE ELETTRICHE: una spinta verso la climatizzazione a gas? LE NUOVE TARIFFE ELETTRICHE: una spinta verso la climatizzazione a gas? Le modifiche della tariffazione elettrica che sono in atto in questo periodo da parte dell Autorità per l Energia Elettrica e il

Dettagli

GENERALITA SUI SISTEMI ELETTRICI

GENERALITA SUI SISTEMI ELETTRICI GENERALITA SUI SISTEMI ELETTRICI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università degli

Dettagli

SEZIONE A GENERALITA 2

SEZIONE A GENERALITA 2 Ed. 4.0 - A1/6 SEZIONE A GENERALITA 2 A.1 OGGETTO 2 A.2 AMBITO DI APPLICAZIONE 2 A.3 RIFERIMENTI 2 A.4 DEFINIZIONI 5 Ed. 4.0 - A2/6 SEZIONE A GENERALITA A.1 OGGETTO Il presente documento costituisce la

Dettagli

ANALISI PER VETTORE ENERGETICO

ANALISI PER VETTORE ENERGETICO ANALISI PER VETTORE ENERGETICO Nel 2007 il gas naturale con 2.011,9 ktep risulta essere il vettore energetico più impiegato (44,4%) negli usi finali, seguito dall insieme dei prodotti petroliferi con 1.437,9

Dettagli

QUALITA TECNICA DEL SERVIZIO ELETTRICO REGISTRAZIONE E SINTESI INTERRUZIONI

QUALITA TECNICA DEL SERVIZIO ELETTRICO REGISTRAZIONE E SINTESI INTERRUZIONI QUALITA TECNICA DEL SERVIZIO ELETTRICO REGISTRAZIONE E SINTESI INTERRUZIONI L esperienza di SET Distribuzione nella gestione della rete elettrica e nella qualità tecnica Presentazione a cura del p.i. Saverio

Dettagli

Giorgio Di Lembo - ENEL Distribuzione S.p.A. Franco Corti SIEMENS S.p.A. (Italia)

Giorgio Di Lembo - ENEL Distribuzione S.p.A. Franco Corti SIEMENS S.p.A. (Italia) Nuove funzioni di Smart Grid nel Sistema di Telecontrollo degli impianti di trasformazione e distribuzione dell energia elettrica di ENEL Distribuzione Giorgio Di Lembo - ENEL Distribuzione S.p.A. Responsabile

Dettagli

CONDIZIONI PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI CONNESSIONE ALLE RETI ELETTRICHE CON TENSIONE SUPERIORE A 1 kv

CONDIZIONI PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI CONNESSIONE ALLE RETI ELETTRICHE CON TENSIONE SUPERIORE A 1 kv CONDIZIONI PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI CONNESSIONE ALLE RETI ELETTRICHE CON TENSIONE SUPERIORE A 1 kv Gennaio 2007 1. MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1.1 Informazioni relative alla domanda

Dettagli

Gli interventi dell'autorità per l'energia elettrica e il gas in materia di piccola cogenerazione

Gli interventi dell'autorità per l'energia elettrica e il gas in materia di piccola cogenerazione Gli interventi dell'autorità per l'energia elettrica e il gas in materia di piccola cogenerazione Convegno POLYGEN: COGENERAZIONE DIFFUSA E TRIGENERAZIONE Verona, Solarexpo, 16 maggio 2008 Andrea Galliani

Dettagli

LO SVILUPPO DELLE SMART GRID E IL FUTURO DISPACCIAMENTO DELLA GD

LO SVILUPPO DELLE SMART GRID E IL FUTURO DISPACCIAMENTO DELLA GD LO SVILUPPO DELLE SMART GRID E IL FUTURO DISPACCIAMENTO DELLA GD M. Delfanti, G. Monfredini, V. Olivieri Politecnico di Milano Introduzione Le smart grid, basate su strutture e modalità operative fortemente

Dettagli

Data 21.7. 11. il Dirigente del settore Patrimonio, Ambiente Valorizzazione Risorse Culturali Arch. Marco Terenghi

Data 21.7. 11. il Dirigente del settore Patrimonio, Ambiente Valorizzazione Risorse Culturali Arch. Marco Terenghi Relazione di stima del valore del complesso immobiliare sito in fregio alle vie G. Matteotti, N. Sauro, Como, in Lissone distinto al catasto al Fg. 15 Mapp. 23 Data 21.7. 11 il Dirigente del settore Patrimonio,

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI MILANO REGIONE LOMBARDIA E FERROVIE DELLO STATO ITALIANE

ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI MILANO REGIONE LOMBARDIA E FERROVIE DELLO STATO ITALIANE TRASFORMAZIONE URBANISTICA DELLE AREE FERROVIARIE DISMESSE E POTENZIAMENTO DEL SISTEMA FERROVIARIO DI MILANO Comune di Milano ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI MILANO REGIONE LOMBARDIA E FERROVIE DELLO

Dettagli

PROBLEMI DI ALLACCIAMENTO DEGLI IMPIANTI DI GENERAZIONE DISTRIBUITA

PROBLEMI DI ALLACCIAMENTO DEGLI IMPIANTI DI GENERAZIONE DISTRIBUITA Centrali di produzione energia: l interazione processo-sistema elettrico PROBLEMI DI ALLACCIAMENTO DEGLI IMPIANTI DI GENERAZIONE DISTRIBUITA Antonio Livrieri Nicola Ostellino Torna al programma Premessa

Dettagli

Allegato A TESTO INTEGRATO

Allegato A TESTO INTEGRATO Allegato A TESTO INTEGRATO DELLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS IN MATERIA DI QUALITA DEI SERVIZI DI DISTRIBUZIONE, MISURA E VENDITA DELL ENERGIA ELETTRICA Periodo di regolazione

Dettagli

SNAM-GAS. Budget di preventivo: 400.000,00 (a stima)

SNAM-GAS. Budget di preventivo: 400.000,00 (a stima) SNAM-GAS Dati Fornitura Gas Si richiede una fornitura gas presso il polo tecnologico con le seguenti caratteristiche: - Consumi di picco: 3.400 mc/ora così suddivisi: 2.500 mc per centrale termica e 900mc

Dettagli

Capitolo 8 Documenti di progetto

Capitolo 8 Documenti di progetto Capitolo 8 Documenti di progetto (8.1) Guida CEI 0-2 In questo capitolo è riportata la descrizione dei documenti richiesti dalla Guida CEI 0-2 (Guida per la definizione della documentazione di progetto

Dettagli

Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4

Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4 Relazione di calcolo illuminotecnico Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4 PREMESSA Oggetto del seguente lavoro è il calcolo illuminotecnico da effettuarsi nel

Dettagli

Emergenza neve Febbraio 2015

Emergenza neve Febbraio 2015 Emergenza neve Febbraio 2015 Audizione presso Commissione III Territorio Ambiente Mobilità Consiglio Regione Emilia Romagna Bologna, 16 febbraio 2015 Enel Distribuzione Rete 31,6 milioni di Clienti 1.130.000

Dettagli

Gli interventi dell'autorità per l'energia elettrica e il gas in materia di piccola cogenerazione

Gli interventi dell'autorità per l'energia elettrica e il gas in materia di piccola cogenerazione Gli interventi dell'autorità per l'energia elettrica e il gas in materia di piccola cogenerazione Convegno FIRE La professione dell energy manager: esempi e opportunità Milano, 4 dicembre 2007 Andrea Galliani

Dettagli

Scheda informativa: avamprogetto per la procedura di consultazione Strategia Reti elettriche

Scheda informativa: avamprogetto per la procedura di consultazione Strategia Reti elettriche Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni (DATEC) Ufficio federale dell energia 28 novembre 2014 Scheda informativa: avamprogetto per la procedura di consultazione

Dettagli

Scatti al 30 giugno 2014

Scatti al 30 giugno 2014 Scatti al 30 giugno 2014 1 Il mercato dell energia elettrica in Italia 2013 Bilancio anno 2013-4,4% Previsione anno 2014 Domanda Energia Elettrica 298 TWh (totale) 233 TWh al mercato non domestico www.consulenzaenergetica.it

Dettagli

QUALITA DEL SERVIZIO DI TRASMISSIONE LIVELLI ATTESI DELLA QUALITÀ DELLA TENSIONE PER L ANNO 2011

QUALITA DEL SERVIZIO DI TRASMISSIONE LIVELLI ATTESI DELLA QUALITÀ DELLA TENSIONE PER L ANNO 2011 QUALITA DEL SERVIZIO DI TRASMISSIONE LIVELLI ATTESI DELLA QUALITÀ DELLA TENSIONE PER L ANNO 2011 (artt. 31.2 32.4-33.5 della delibera dell Autorità per l energia elettrica e il gas n. 250/04) 1 INDICE

Dettagli

DATI STATISTICI 2009

DATI STATISTICI 2009 DATI STATISTICI 2009 2/20 3/20 4/20 5/20 6/20 7/20 8/20 ALLEGATO 2 - PROGETTO 'SICUREZZA' 9/20 1.1 PREMESSA Per una struttura di servizio come il Centro Residenziale, la soddisfazione dell utenza costituisce

Dettagli

I progetti POI di ENEL Distribuzione Interventi sulla rete elettrica della Campania

I progetti POI di ENEL Distribuzione Interventi sulla rete elettrica della Campania I progetti POI di ENEL Distribuzione Interventi sulla rete elettrica della Campania Ing. Diego Pirolo Enel Distribuzione Responsabile Sviluppo Rete Campania POI Energia 2007-2013 Il Programma Operativo

Dettagli

Il Piano di Sviluppo della RTN per l utilizzo e

Il Piano di Sviluppo della RTN per l utilizzo e Il Piano di Sviluppo della RTN per l utilizzo e lo sviluppo dell energiaenergia rinnovabile Terna - Rete Elettrica Nazionale Domodossola, 28 Ottobre 2011 1 Il sistema elettrico nazionale La Rete elettrica

Dettagli

RELAZIONE VCEM: VALUTAZIONE COMPATIBILITA' ELETTROMAGNETICA DELLA CABINA ELETTRICA DI TRASFORMAZIONE VA.I.04 - GENNAIO 2014...

RELAZIONE VCEM: VALUTAZIONE COMPATIBILITA' ELETTROMAGNETICA DELLA CABINA ELETTRICA DI TRASFORMAZIONE VA.I.04 - GENNAIO 2014... RELAZIONE VCEM: VALUTAZIONE COMPATIBILITA' ELETTROMAGNETICA DELLA CABINA ELETTRICA DI TRAFORMAZIONE VA.I.04 - GENNAIO 2014... I N D I C E 1. OGGETTO... 2 1.1. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 1.2. DEFINIZIONI...

Dettagli

Le telecomunicazioni nel controllo e protezione della GD: il progetto Milano Wi-Power

Le telecomunicazioni nel controllo e protezione della GD: il progetto Milano Wi-Power Le telecomunicazioni nel controllo e protezione della GD: il progetto Milano Wi-Power M. Delfanti, D. Falabretti, M. Merlo, V. Olivieri - Dipartimento di Energia Politecnico di Milano M. Ambroggi - Thytronics

Dettagli

Servizio per la gestione del calore e l adeguamento tecnologico e alle norme di sicurezza degli impianti di riscaldamento degli edifici comunali

Servizio per la gestione del calore e l adeguamento tecnologico e alle norme di sicurezza degli impianti di riscaldamento degli edifici comunali Servizio per la gestione del calore e l adeguamento tecnologico e alle norme di sicurezza degli impianti di riscaldamento degli edifici comunali Sintesi motivazione scelte progettuali e descrizione soluzioni

Dettagli

PROCEDURA PER LA DETERMINAZIONE DEI SERVIZI DI MITIGAZIONE RESI DALLE IMPRESE DISTRIBUTRICI

PROCEDURA PER LA DETERMINAZIONE DEI SERVIZI DI MITIGAZIONE RESI DALLE IMPRESE DISTRIBUTRICI 1 di 40 PROCEDURA PER LA DETERMINAZIONE DEI SERVIZI DI MITIGAZIONE RESI DALLE IMPRESE DISTRIBUTRICI Storia delle revisioni Rev.00 Rev.01 Rev.02 Rev 03 Prima stesura Revisione completa del documento a seguito

Dettagli

Convenzione di privativa

Convenzione di privativa Convenzione di privativa per la distribuzione di energia elettrica fra il Comune di Verdabbio e la Azienda elettrica del comune di Cama in seguito denominata Azienda elettrica comunale Cama abbreviato:

Dettagli

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE Comune di Brugherio VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE Sintesi non tecnica Marzo 2010 Il percorso di valutazione ambientale (VAS) della Variante Semplificata al P.R.G.

Dettagli

POSIZIONE DI AiCARR SUL REGIME TARIFFARIO PER LE POMPE DI CALORE ELETTRICHE

POSIZIONE DI AiCARR SUL REGIME TARIFFARIO PER LE POMPE DI CALORE ELETTRICHE POSIZIONE DI AiCARR SUL REGIME TARIFFARIO PER LE POMPE DI CALORE ELETTRICHE I POSITION PAPER DI AiCARR AiCARR, associazione culturale senza scopo di lucro, crea e promuove cultura e tecnica per il benessere

Dettagli

PIANO ENERGETICO AMBIENTALE DEL COMUNE DI POTENZA Linee guida

PIANO ENERGETICO AMBIENTALE DEL COMUNE DI POTENZA Linee guida PIANO ENERGETICO AMBIENTALE DEL COMUNE DI POTENZA Linee guida P.I. Gino D Angelo Tecnico Responsabile per la Conservazione e l Uso dell Energia del Comune di Potenza Introduzione Il Tecnico Responsabile

Dettagli

Sistemi di distribuzione a MT e BT

Sistemi di distribuzione a MT e BT Sistemi di distribuzione a MT e BT La posizione ottima in cui porre la cabina di trasformazione coincide con il baricentro elettrico, che il punto in cui si pu supporre concentrata la potenza assorbita

Dettagli

4. Il trasporto e la distribuzione di energia elettrica e gas naturale

4. Il trasporto e la distribuzione di energia elettrica e gas naturale 4. Il trasporto e la distribuzione di energia elettrica e gas naturale Nell ambito del servizio elettrico, la gestione della fase della trasmissione o del trasporto dell energia elettrica sulla Rete di

Dettagli

Piano di Sviluppo della RTN

Piano di Sviluppo della RTN Piano di Sviluppo della RTN Consultazione pubblica edizioni 2015 del PdS (D.Lgs. 93/2011 - Art. 36, comma 13) Le analisi di costo per i Piani di Sviluppo Milano, 20 gennaio 2016 1 1. Criteri di pianificazione

Dettagli

RIDURRE I COSTI ENERGETICI!

RIDURRE I COSTI ENERGETICI! Otto sono le azioni indipendenti per raggiungere un unico obiettivo: RIDURRE I COSTI ENERGETICI! www.consulenzaenergetica.it 1 Controllo fatture Per gli utenti che sono o meno nel mercato libero il controllo

Dettagli

Contesto di riferimento. Descrizione

Contesto di riferimento. Descrizione EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI CONTENUTI: Contesto di riferimento. Descrizione delle tecnologie. Interventi sull involucro. Interventi sui dispositivi di illuminazione.

Dettagli

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento Indice 1. Inquadramento...2 2. Consistenza degli edifici esistenti...4 3. Regole urbanistiche e ambientali...4 4. Assetto planivolumetrico...6 5. Ubicazione e descrizione dell'area...6 6. Opere di urbanizzazione

Dettagli

6 - Interventi e indicatori di risposta

6 - Interventi e indicatori di risposta 6 - Interventi e indicatori di risposta 6.1 Gli adempimenti previsti dalla legislazione Tra le azioni attuate dal Comune di Padova in risposta a precise disposizioni di legge in materia di inquinamento

Dettagli

PRESCRIZIONI PER LA VERIFICA DELLE PRESTAZIONI DELLE UNITÀ DI PRODUZIONE PER LA RIACCENSIONE DEL SISTEMA ELETTRICO

PRESCRIZIONI PER LA VERIFICA DELLE PRESTAZIONI DELLE UNITÀ DI PRODUZIONE PER LA RIACCENSIONE DEL SISTEMA ELETTRICO GUIDA TECNICA Rev. 00 1 di 12 PRESTAZIONI DELLE UNITÀ DI PRODUZIONE PER LA RIACCENSIONE DEL SISTEMA ELETTRICO Storia delle revisioni Rev. Descrizione della revisione Autore Data Rev. 00 A.CARRANO 19-07-2004

Dettagli

CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI CLIENTI ALLA RETE MT DELLA DISTRIBUZIONE-DK5600. Relatore GUIZZO P.I. GASTONE. Università di Padova 26 giugno 2004

CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI CLIENTI ALLA RETE MT DELLA DISTRIBUZIONE-DK5600. Relatore GUIZZO P.I. GASTONE. Università di Padova 26 giugno 2004 CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI CLIENTI ALLA RETE MT DELLA DISTRIBUZIONE-DK5600 Relatore GUIZZO P.I. GASTONE Università di Padova 26 giugno 2004 L Autorità per l Energia Elettrica e il Gas (AEEG) con delibera

Dettagli

futuro giardino botanico/forestale

futuro giardino botanico/forestale GLI OBIETTIVI : Si tratta di immaginare il futuro, ma con il respiro e l ambizione necessaria perché un manufatto di tale mole ed importanza - storica, architettonica, ambientale- non venga svilito, bensì

Dettagli

Le ricadute dell auto elettrica sulla domanda elettrica e sul sistema di generazione

Le ricadute dell auto elettrica sulla domanda elettrica e sul sistema di generazione Le ricadute dell auto elettrica sulla domanda elettrica e sul sistema di generazione Edgardo Curcio Presidente AIEE Roma, 26 ottobre 2010 Nell ambito di uno studio condotto per Assoelettrica lo scorso

Dettagli

CHI SIAMO ESTRA CLIMA S.R.L.

CHI SIAMO ESTRA CLIMA S.R.L. CHI SIAMO ESTRA CLIMA S.R.L. È LA SOCIETÀ DEL GRUPPO ESTRA CHE DA ANNI OPERA NEL SETTORE DEL RISPARMIO ENERGETICO, VANTANDO UNA LUNGA ESPERIENZA E NUMEROSE COMMITTENZE PUBBLICHE E PRIVATE. Il core business

Dettagli

Distribuzione elettrica Smart per contesti urbani. Il ruolo delle Utilities nella Ricerca e nell Innovazione Tecnologica Forlì, 13 aprile 2012

Distribuzione elettrica Smart per contesti urbani. Il ruolo delle Utilities nella Ricerca e nell Innovazione Tecnologica Forlì, 13 aprile 2012 Distribuzione elettrica Smart per contesti urbani Il ruolo delle Utilities nella Ricerca e nell Innovazione Tecnologica Forlì, 13 aprile 2012 Agenda La Realtà di A2A Reti Elettriche I Progetti Smart Grid

Dettagli

Autorità per l 'energia elettrica il gas

Autorità per l 'energia elettrica il gas - 9 - Autorità per l 'energia elettrica il gas SEi'.!,\.:,\1 e il sistema idrico GAf ~ l. r:::-=--":-~- ~~~-~~~~..,.-~~-.! SENATO DELLA RFPl TBBLICA Segretariatr> Gcneraif ~~~--.: P:oi. i c :-J~.. 00177

Dettagli

PROGETTO CLIMARE SAN BENIGNO Dimensionamento tecnico-economico complessivo Relazione di sintesi Aggiornamento al 28/02/2014

PROGETTO CLIMARE SAN BENIGNO Dimensionamento tecnico-economico complessivo Relazione di sintesi Aggiornamento al 28/02/2014 PROGETTO CLIMARE SAN BENIGNO Dimensionamento tecnico-economico complessivo Relazione di sintesi Aggiornamento al 28/02/2014 Premessa Il Progetto per la realizzazione di una infrastruttura di servizio di

Dettagli

Scheda tecnica Progetto infrastrutturale

Scheda tecnica Progetto infrastrutturale Scheda tecnica Progetto infrastrutturale ALLEGATO I SEZIONE I: identificazione dell intervento Patto Territoriale: DELLA CORSETTERIA Responsabile Unico/Soggetto Responsabile: PROVINCIA DI POTENZA 1. Nome

Dettagli

COMUNE DI PADERNO D ADDA PROVINCIA DI LECCO

COMUNE DI PADERNO D ADDA PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI PADERNO D ADDA PROVINCIA DI LECCO Appendice A ALLEGATO ENERGETICO AMBIENTALE APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 3 DEL 01.02.2013 RIFERIMENTI NORMATIVI ------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Le specificità delle aree urbane e l automazione avanzata della rete di distribuzione

Le specificità delle aree urbane e l automazione avanzata della rete di distribuzione Le specificità delle aree urbane e l automazione avanzata della rete di distribuzione Smart Distribution System Milano, 28 settembre 2015 Agenda Premessa Gli sviluppi della rete elettrica e gli ambiti

Dettagli

IL PROGRAMMA DI MANUTENZIONE

IL PROGRAMMA DI MANUTENZIONE IL PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA E DELLE SUE PARTI La normativa vigente riconosce l importanza della conservazione della qualità edilizia nel tempo attraverso l introduzione del piano di manutenzione

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas L allacciamento alla rete elettrica per le utenze in bassa e media tensione Allacciamento e attivazione Altre prestazioni L allacciamento è la connessione dell impianto di utenza alla rete di distribuzione

Dettagli

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici.

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. 1250(&(, &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. &(, Legge 46/ 90 - Guida per la compilazione della dichiarazione di conformità e relativi allegati &(,9

Dettagli

Sistemi di accumulo energia

Sistemi di accumulo energia Sistemi di accumulo energia Progetti ed iniziative in corso Dott. Enrico Senatore Responsabile Battery Storage Terna Plus Rimini, 09.11.2012 1 Il Gruppo Terna Quotata nella Borsa Italiana dal 2004, ha

Dettagli

SISTEMA ELETTRICO, NORMATIVA E LEGISLAZIONE

SISTEMA ELETTRICO, NORMATIVA E LEGISLAZIONE SISTEMA ELETTRICO, NORMATIVA E LEGISLAZIONE INDICE Generalità sulla produzione, il trasporto e la distribuzione dell energia elettrica. Normativa, unificazione, certificazione e controllo sugli impianti

Dettagli

Per lo sviluppo del teleriscaldamento: l acqua di falda come fonte energetica.

Per lo sviluppo del teleriscaldamento: l acqua di falda come fonte energetica. 1 Per lo sviluppo del teleriscaldamento: l acqua di falda come fonte energetica. A2A Calore & Servizi, società del gruppo A2A attiva nella gestione del teleriscaldamento nelle città di Milano, Brescia

Dettagli

Deliberazione 15 giugno 2000

Deliberazione 15 giugno 2000 Deliberazione 15 giugno 2000 Adozione del regolamento di cui all articolo 3 della deliberazione dell Autorità per l'energia elettrica e il gas 18 febbraio 1999, n. 13/99, e integrazione della medesima

Dettagli

Provincia di Rimini CONTO ENERGIA Quali prospettive per la riviera solare

Provincia di Rimini CONTO ENERGIA Quali prospettive per la riviera solare Provincia di Rimini CONTO ENERGIA Quali prospettive per la riviera solare Nuove opportunità per l utilizzo razionale dell energia attraverso le ESCO Rimini 22 settembre 2005 ING. RICCARDO TENTI A&B-Ambientebenessere

Dettagli

La gestione dell energia in fieramilano

La gestione dell energia in fieramilano La gestione dell energia in fieramilano Dall analisi dei consumi agli interventi per un utilizzo responsabile ed efficiente delle risorse energetiche Osservatorio Energy Management 13 giugno Milano Gruppo

Dettagli

LE FASI DELL AUDIT ENERGETICO

LE FASI DELL AUDIT ENERGETICO LE FASI DELL AUDIT ENERGETICO 1. FASE PRELIMINARE L auditor incaricato provvederà a raccogliere una serie di informazioni preliminari riguardanti il tipo di attività dell azienda, gli edifici del sito

Dettagli

SISTEMI DI PRELIEVO DELLA ENERGIA ELETTRICA DALLE RETI DI DISTRIBUZIONE

SISTEMI DI PRELIEVO DELLA ENERGIA ELETTRICA DALLE RETI DI DISTRIBUZIONE Prof. Dott. Ing. Sergio Rosati SISTEMI DI PRELIEVO DELLA ENERGIA ELETTRICA DALLE RETI DI DISTRIBUZIONE Roma, aprile 2012. PREMESSA Una buona conoscenza delle modalità di allaccio di installazioni, civili

Dettagli

Tali impianti elettrici saranno ubicati nella scuola elementare e materna di Marliana, in Via Goraiolo, Marliana (PT).

Tali impianti elettrici saranno ubicati nella scuola elementare e materna di Marliana, in Via Goraiolo, Marliana (PT). ndividuazione degli impianti Gli impianti oggetto del progetto sono previsti all interno di una struttura scolastica. Gli impianti esistenti sono sprovvisti di Dichiarazione di Conformità, pertanto saranno

Dettagli