Complesso industriale Redaelli a Rogoredo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Complesso industriale Redaelli a Rogoredo"

Transcript

1 45_49_CIL79_Rogoredo Griffini :53 Pagina 45 Claudio Camponogara Arte del costruire Testimonianza, attraverso le foto d epoca, di alcuni padiglioni di servizi (uffici, spogliatoi, laboratori, refettori) realizzati negli anni Venti presso un grande complesso industriale e attualmente demoliti o dismessi enrico agostino griffini Complesso industriale Redaelli a Rogoredo Refettorio operai. Particolare della terrazza d ingresso. G li edifici che illustriamo fanno parte di un complesso di opere assistenziali ed organizzative attuate dalla Società Giuseppe e F.llo Redaelli nelle proprie Ferriere. L architetto Enrico Agostino Griffini ha progettato cotesti edifici con un architettura che sanamente riflette il carattere industriale degli stabilimenti vicini: chiarezza e semplicità nell impostazione organica e volumetrica, modernità, essenzialità e schiettezza di linee, eleganza e gaiezza negli elementi decorativi, quali fontane piantagioni, sistemazioni esterne, che valgono a lenire la severità dell ambiente circostante. Così, nel 1942, la redazione della rivista Architettura presentava gli interventi di E.A. Griffini all interno del complesso industriale della Redaelli a Rogoredo. La Ferriera di Rogoredo era stata fondata nel 1886 dall imprenditore L. Riva ed in seguito era appartenuta ad A. Merati ed alla Società delle Ferriere Italiane. Intorno al 1895 viene messa all asta e la gara viene vinta dai Fratelli Redaelli di Dervio assieme a E.G. Falck. I fratelli Redaelli quindi, proprietari di una ferriera, originariamente impiantata nel lecchese, si trasferiscono a Milano Rogoredo già agli inizi del secolo alla ricerca di nuovi spazi. La Redaelli fin dal secolo scorso si occupava di lavorazione e trafilatura del ferro e dell acciaio. La scelta di stabilire l azienda a Rogoredo era dettata dalla esigenza di grandi quantità di acqua che qui poteva essere fornita da numerose rogge e canali. Inoltre un ruolo positivo veniva svolto dalla vicina linea ferroviaria che poteva consentire un facile scambio delle merci ed una agevole circolazione della forza-lavoro. La ferrovia permetteva, inoltre, un collegamento con il bacino carbonifero della Ruhr, con la zona sud della Francia e con i mercati urbani italiani e direttamente con Genova e il suo porto (negli anni 1986 e 1988 altre importanti imprese siderurgiche si stabiliranno attorno a Milano e al suo anello ferroviario). Dopo una prima fase di espansione legata alle grandi disponibilità di rottami che venivano reperiti dai lavori di sostituzione delle vecchie ferrovie (l industria si dedicava alla trasformazione del ferro già lavorato), si ebbe un momento di crisi tanto che nel 1892 si rese necessaria la chiusura degli impianti, che vennero riattivati solo nel 1895 al subentro dei nuovi proprietari, appunto Redaelli e Falck. Il sodalizio durò fino al 1905 quando si sciolse a seguito della decisione di Falck di aprire una nuova società a Sesto San Giovanni. Da quel momento l azienda restò di proprietà familiare fino al

2 45_49_CIL79_Rogoredo Griffini :53 Pagina 46 Refettorio operai rivestito in litoceramica rosso fiamma e intonaco Duralbo bianco. Refettorio impiegati. Vista dal giardino. quando divenne una holding. L azienda seguì le sorti più generali del comparto siderurgico italiano: ebbe un momento di particolare attività durante la prima guerra mondiale, a seguito della forte domanda di metalli da impiegare nella produzione di armi, cui seguì negli anni del dopoguerra la difficoltà della riconversione. Tuttavia dovette essere un problema affrontato con successo se negli anni Venti nuovi capannoni si rendono necessari in quanto sorgono i reparti per treno-lamiere e per la trafila, mentre il reparto laminazione deve essere ampliato il decennio successivo. Diviene quindi indispensabile la progettazione di nuovi edifici da adibire a servizi per il personale dei vari livelli. Nascono così l edificio del refettorio per operai e impiegati, lo spogliatoio lavatoio per gli Schema di distribuzione dell edificio del refettorio. operai del reparto Acciaierie, lo spogliatoio lavatoio per gli operai del lamianatoio, gli uffici di gestione e contabilità con il padiglione medagliere operai, il padiglione pesa e spogliatoio delle guardie. Vengono inoltre sistemati gli uffici di direzione. In ultimo viene realizzato un padiglione laboratorio sperimentale. Il primo edificio, il refettorio appunto, risale al Sorgeva in una zona della vasta area dello stabilimento appartata e sistemata a giardino. Era costituito da due corpi di fabbrica: il più alto comprendeva il refettorio per gli operai, mentre quello più basso era riservato ad impiegati ed operaie e conteneva i servizi generali. I due corpi erano separati da una terrazza coperta alla quale avevano accesso tramite grandi porte a libro che, aperte in determinate occasioni, creavano una vasta sala di circa sessanta metri di lunghezza. I fronti dell edificio erano in parte rivestiti di klinker rosso fiamma, in parte in intonaco Duralbo bianco levigato e diviso in campi da profonde scanalature. L effetto cromatico risultava decisamente ben armonizzato. Gli schemi distributivi proposti, la cura degli elementi compositivi e delle particolarità costruttive rientrano in una impostazione che concepisce la stessa progettazione in funzione del flusso produttivo: in questo caso l ottimazione delle risorse riguardava la di- Refettorio impiegati. Vista della sala d attesa. Lavatoio-spogliatoio Acciaieria. Spogliatoio operai del reparto trafila.

3 45_49_CIL79_Rogoredo Griffini :54 Pagina 47 Padiglioni di servizio. Portico d ingresso agli uffici della direzione. Padiglioni di servizio. Veduta del cortile degli uffici della direzione. stribuzione dei servizi (cibi, stoviglie ecc.) ed i percorsi riservati al personale che di questi servizi doveva fruire. Di fronte a questo tipo di esigenze, Griffini si pose anzitutto come ingegnere, cioè uomo concreto che ha oggettivamente in mano gli strumenti pratici e teorici per proporre delle soluzioni al problema. È questa d altronde una sua caratteristica costante: il cercare di dare delle risposte operative a problemi reali, a vere esigenze di persone, piuttosto che spendersi in pretestuosi dibattiti teorici. In questa scelta architettonica si ritrova la sua concezione del dinamismo che l introduzione della macchina avrebbe diffuso in tutte le sue forme della vita moderna. Tutto sarebbe cambiato: espressioni, pratiche, modalità, e ciò sarebbe stato determinato dallo slancio e dall attività febbrile nel realizzare forme corrispondenti al progresso della nostra epoca, dall auto al dirigibile, dal transatlantico all aereoplano. In seguito vengono progettati gli spogliatoi. Il primo edificio, in prossimità del capannone forni, comprendeva al piano terreno gli spogliatoi-lavatoi e gli uffici per il personale addetto alla trafilerie, al piano superiore quello al personale addetto al caricamento dei forni. Le facciate dell edificio erano interamente rivestite in mattoni di litoceramica bruno avana. Il secondo edificio, il lavatoio-spogliatoio Vergella, era invece situato in prossimità del capannone dei treni di laminazione. Esso era costituito da un solo piano ed era diviso in due sezioni riservate agli operai e ai capo reparti, con soffitto a volta rampante parabolica, così da permettere, attraverso l ampia finestratura, una conveniente illuminazione e favorire, inoltre, l espulsione del vapore acqueo dalle finestre di aerazione. I fronti erano completamente rivestiti in litoceramica rosso fiamma e le pareti delle campate, su cui si aprivano le porte d ingresso, erano costituite da diffusori Iperpan a camera d aria. Le linee semplificate, utilizzate da Griffini, tanto negli interni quanto negli esterni, imperniati sulla ripetizione di maglie a moduli rettangolari, ben si adeguano alla funzionalità operativa degli edifici. Pianta del lavatoio-spogliatoio Vergella. Lavatoio-spogliatoio Acciaieria. Veduta dall ingresso. Laboratorio-spogliatoio Vergella. Veduta del fronte dal viale interno. 47

4 45_49_CIL79_Rogoredo Griffini :54 Pagina 48 Padiglione uffici e medagliera operai. Veduta d insieme. Nella pagina a fianco: padiglione uffici. Sala degli sportelli. Laboratorio sperimentale. Veduta dell atrio d ingresso. Laboratorio sperimentale. Veduta dell ingresso. Padiglione uffici. Veduta dalla strada interna.

5 45_49_CIL79_Rogoredo Griffini :54 Pagina 49 Il padiglione nuova gestione della contabilità comprendeva una struttura lineare alla quale era accostato un arco di cerchio: la prima era adibita ad ufficio gestione, l altro ospitava uffici per il personale (paga, assistenza, ecc.). Questa forma planimetrica un po particolare era stata pensata per rispondere a due diverse esigenze: la costruzione doveva svilupparsi in un area limitata da edifici esistenti ed essere accessibile al personale dall esterno. Le facciate erano, nella parte lineare, in litoceramica grigio perla, in quella curva nello stesso materiale color rosso fiamma. L altra struttura ad andamento curvilineo era il laboratorio sperimentale. Si trattava di un edificio a pianta semicircolare sviluppato su due piani. Al piano terreno si trovava la sezione delle prove fisiche, che aveva al centro una grande sala per gli apparecchi di prova contornata dai vari laboratori dove si predisponevano i provini da sperimentare. Il piano superiore presentava una struttura analoga e la grande sala era destinata alle prove chimiche. Anche qui i fronti sono tutti in klinker rosso fiammato. I davanzali sono in marmo botticino. All interno predominavano pareti in vetrocemento a tutta altezza. Alla fine degli anni Ottanta la fabbrica è stata completamente dismessa e gli edifici in gran parte demoliti, tranne il laboratorio sperimentale attualmente sede di una società informatica. L attività dell architetto Griffini non si limitò soltanto alla progettazione e creazione di spazi legati alla vita produttiva dell azienda, ma si rivolse anche alla realizzazione di case per operai, agli spazi destinati alla ricreazione (Cral) ed infine alla colonia marina per i figli dei dipendenti a Cesenatico. Nota biografica Enrico Agostino Griffini nasce a Venezia il 19 agosto del Si laurea in Ingegneria Industriale presso il Politecnico di Milano nel 1910 e nel 1926 ottiene la laurea in Architettura. Appena laureato partecipa nel 1912 al concorso Gariboldi per una stazione di metropolitana e l anno successivo ai concorsi per l Orfanotrofio di Bergamo e per il Policlinico di Parma. Affianca da subito all attività professionale l attività didattica: nel 1914 viene assunto come assistente al corso di costruzioni di macchine al Politecnico di Milano e dal 1916, con l interruzione della guerra fino al 1933, è assistente alla cattedra di Disegno d Ornato; dal 1939 al 1949 tiene il corso di Architettura pratica, infine dal 1949 al 1952 è professore ordinario di Architettura tecnica alla Facoltà di Ingegneria di Pisa. Nell attività progettuale di Griffini si riflettono le tendenze architettoniche degli anni Venti e Trenta. Infatti ad opere di spiccata impronta Liberty (la palazzina Malteca del 1925), si affiancano opere in cui domina il linguaggio Novecento, come il quartiere alla Fontana (1928) realizzato in collaborazione con Manfredi, per approdare ad opere che segnano la definitiva transizione al razionalismo come la casa Operaia al Bissoncello (1929/30). Nel 1928 aderisce al Miar e il suo deciso orientamento verso il movimento razionalista si manifesta attraverso la partecipazione a mostre, conferenze e articoli. Conquistato dall idea di approfondire i problemi della casa in tutti i suoi aspetti, non tralascia occasione per affrontarne lo studio, viaggiando all estero, visitando le più significative realizzazioni di quartieri popolari, raffrontando indagini e ricerche. Nel 1931 infine esce il manuale La costruzione razionale della casa con cui in Italia vengono presentati i temi della casa collettiva a partire dalla impostazione di A. Klein. A ulteriore testimonianza dell interesse per il tema della casa razionale realizza con Bottoni alla V Triennale del 1933 il progetto di Elementi di case popolari ; l edificio condensava al suo interno varie parti di case popolari secondo diverse soluzioni di alloggi tipo. Nella prima metà degli anni Trenta partecipa, spesso in collaborazione, a numerosi concorsi di urbanistica: piano regolatore di Genova Centro (1932), di Verona (1932), di Gallarate (1933) e di Aprilia (1935), Nel 1939 in collaborazione con Magistretti, Muzio e Portaluppi vince il concorso per la sistemazione della Piazza del Duomo a Milano. Altre opere significative sono: il Padiglione Granelli al Policlinico di Milano, la casa nei Giardini Annunciata, la villa dell avvocato P. a San Colombasno al Lambro, e i padiglioni per opere assistenziali per la Soc. Redaelli a Rogoredo. 49

Comune di Orbetello- Storia ed evoluzione degli insediamenti importanti per la valenza storica e per l identità territoriale

Comune di Orbetello- Storia ed evoluzione degli insediamenti importanti per la valenza storica e per l identità territoriale Comune di Orbetello- Storia ed evoluzione degli insediamenti importanti per la valenza storica e per l identità territoriale Scheda N : 140 Oggetto: SIPE NOBEL modificata in seguito alle osservazioni Vincoli

Dettagli

ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI

ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI 1 1.1 Comune di Cismon, Cismon. Fabbrica ex Lancia. (ora in parte adibita a fungaia) ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI LUOGO. Cismon, OGGETTO. Fabbrica ex

Dettagli

Milano. Casa dello Studente Leonardo da Vinci Residenza G. Galilei

Milano. Casa dello Studente Leonardo da Vinci Residenza G. Galilei CAMPUS BOVISA 1 2 Casa dello Studente eonardo da Vinci Residenza G. Galilei 7 3 4 5 6 7 8 9 Residenza Archimede Residenza Dateo Residenza C.F. Gauss Residenza O. Khayyam Campus Certosa Residenza Martinitt

Dettagli

PROGETTAZIONE INTEGRATA ARCHITETTO ANDREA FERRARO

PROGETTAZIONE INTEGRATA ARCHITETTO ANDREA FERRARO PROGETTAZIONE INTEGRATA ARCHITETTO ANDREA FERRARO Via F. Baldinucci n. 3-20158 Milano - Italia Tel. (+39).02.56.81.43.93 r.a. - Fax (+39) 02.56.94.110 e-mail: architetto@andreaferraro.it www.architettoferraro.com

Dettagli

9 - scuola in via Monte Zebio 33-35

9 - scuola in via Monte Zebio 33-35 9 - scuola in via Monte Zebio 33-35 MATRICOLA EDIFICIO.. MUNICIPIO XVII ARCHIVIO CONSERVATORIA posizione 486 CATASTO foglio. part.. TIPO DI SCUOLA materna, elementare DENOMINAZIONE Ermenegildo Pistelli

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Nuovo Municipio di Camparada (Mi)

Nuovo Municipio di Camparada (Mi) Progetti Roberto Gamba La Brianza, da Monza, si prolunga verso le Prealpi del Comasco e del Lecchese. Il suo nome pare derivi dalle parole celtiche brig e anth, monte e passaggio. Oggi la regione è ricca

Dettagli

g.w. reinberg, edifici residenziali a salisburgo e vienna, austria

g.w. reinberg, edifici residenziali a salisburgo e vienna, austria g.w. reinberg, edifici residenziali a salisburgo e vienna, austria Possiamo considerare l architetto austriaco un pioniere dell architettura solare, avendo egli svolto da oltre venti anni attività di ricerca

Dettagli

VIA CAVOUR N.7/A - 10012 BOLLENGO (TO) Tel. +39 0125-57123 Fax +39 0125-577061 Mail INFO@GUERRASRL.INFO SOA N 1978/35/00 CAT OG1 - Classe II

VIA CAVOUR N.7/A - 10012 BOLLENGO (TO) Tel. +39 0125-57123 Fax +39 0125-577061 Mail INFO@GUERRASRL.INFO SOA N 1978/35/00 CAT OG1 - Classe II VIA CAVOUR N.7/A - 10012 BOLLENGO (TO) Tel. +39 0125-57123 Fax +39 0125-577061 Mail INFO@GUERRASRL.INFO SOA N 1978/35/00 CAT OG1 - Classe II GUERRA srl: La Storia L Impresa Edile nasce nel 1964 a Bollengo,

Dettagli

Università di Camerino Esame di Stato di Abilitazione ad Esercizio della Professione di Architetto Sessione Giugno 2009 (Laurea Specialistica 4/s)

Università di Camerino Esame di Stato di Abilitazione ad Esercizio della Professione di Architetto Sessione Giugno 2009 (Laurea Specialistica 4/s) Università di Camerino Esame di Stato di Abilitazione ad Esercizio della Professione di Architetto Sessione Giugno 2009 (Laurea Specialistica 4/s) Tema N.1 Il candidato imposti il progetto di un complesso

Dettagli

5. Fuori dall isolamento: la ferrovia in Valtellina

5. Fuori dall isolamento: la ferrovia in Valtellina 5. Fuori dall isolamento: la ferrovia in Valtellina Saveria Masa La strada ferrata in Valtellina (foto: M. Brigatti) Il 15 giugno 1885 venne inaugurata la prima linea ferroviaria valtellinese, la Colico-Sondrio.

Dettagli

MARC. Domino web agency Torino

MARC. Domino web agency Torino 182 MARC Domino web agency Torino INTERVENTO ristutturazione edilizia DESTINAZIONE direzionale AMBITO privato assonometria della hall A FRONTE area relax al piano interrato Una nota agenzia web trasferisce

Dettagli

10 - scuola in via Pietro Antonio Micheli 21, 29

10 - scuola in via Pietro Antonio Micheli 21, 29 10 - scuola in via Pietro Antonio Micheli 21, 29 MATRICOLA EDIFICIO 3040, 3041 MUNICIPIO II ARCHIVIO CONSERVATORIA posizione 1451 CATASTO foglio 546 part. 37 TIPO DI SCUOLA liceo ginnasio DENOMINAZIONE

Dettagli

Piazzetta Cardo Nord Est. mag. 14

Piazzetta Cardo Nord Est. mag. 14 Piazzetta Cardo Nord Est mag. 14 Il Sito Espositivo 935.595 mq di area totale 147 Paesi Partecipanti AREE TEMATICHE PARTECIPANTI UFFICIALI AREE DI SERVIZIO PARTECIPANTI NON UFFICIALI AREE EVENTI CLUSTER

Dettagli

Facoltà di Economia e Commercio progetto di ristrutturazione dell edificio ex I. R. VE.

Facoltà di Economia e Commercio progetto di ristrutturazione dell edificio ex I. R. VE. Facoltà di Economia e Commercio progetto di ristrutturazione dell edificio ex I. R. VE. LA STORIA DELL EDIFICIO GENERALE La nuova sede dell Ospizio di Carità (Regio Istituto di Riposo per la Vecchiaia),

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

NAVETTE E ALTA VELOCITÀ PER FRANCOFORTE

NAVETTE E ALTA VELOCITÀ PER FRANCOFORTE AEROPORTI & FRANCOFORTE NAVETTE E ALTA VELOCITÀ PER FRANCOFORTE Con la recente inaugurazione del nuovo terminal 2 il maggiore scalo tedesco guarda al futuro del trasporto aereo, affidandosi a un complesso

Dettagli

Roma - Viale Angelico, 84c - scala A - piano primo - int. 1

Roma - Viale Angelico, 84c - scala A - piano primo - int. 1 Roma - Viale Angelico, 84c - scala A - piano primo - int. 1 2. DESCRIZIONE E IDENTIFICAZIONE DELL UNITÀ IMMOBILIARE 2.1 Caratteristiche estrinseche dell edificio in cui è ubicata l unità immobiliare L

Dettagli

Comune di Arzignano (VI) PROGETTO DEFINITIVO

Comune di Arzignano (VI) PROGETTO DEFINITIVO Comune di Arzignano (VI) PIANO LOTTIZZAZIONE "VIA POZZETTI" (C2-8029) PROGETTO DEFINITIVO ALLEGATO Norme di attuazione N. B Commessa D13LG022 Codice Elaborato D13LG022-CAR-00B-R0 SCALA: File Z:\ANNO-2013\D13LG022\PROGETTO\DISEGNI\D13LG022-CAR-000-R1.DWG

Dettagli

ALLA SCOPERTA DELLA COMPANY TOWN DI DALMINE

ALLA SCOPERTA DELLA COMPANY TOWN DI DALMINE ALLA SCOPERTA DELLA COMPANY TOWN DI DALMINE Proposta di itinerario della 4^ A TURISTICO dell ISIS Einaudi di Dalmine A.S. 2011-2012 Da quando i fratelli Mannesmann nel 1908 decisero di insediare la loro

Dettagli

MASSALOMBAR SSALOMBARDARAV RDARAVENNA

MASSALOMBAR SSALOMBARDARAV RDARAVENNA MASSALOMBAR SSALOMBARDARAV RDARAVENNA UN ECCELLENTEOPPORTUNITÀDIRIQUALIFIC ECCELLENTEOPPORTUNITÀDIRIQUALIFICAZIONEIMMOBIL PPORTUNITÀDI RIQUALIFICAZIONEIMMOBILIAREUN ECCE ALIFICAZIONEIMMOBILIARE L EX ZUCCHERIFICIO

Dettagli

Proposta intitolazione parco interno residenze Parco Vittoria, Portello. Milano / 12 dicembre 2014

Proposta intitolazione parco interno residenze Parco Vittoria, Portello. Milano / 12 dicembre 2014 Proposta intitolazione parco interno residenze Parco Vittoria, Portello Milano / 12 dicembre 2014 INDICE 3 / TRE 4 / QUATTRO 6 / SEI 9 / NOVE 10 / DIECI 12 / DODICI 13 / TREDICI 14 / QUATTORDICI Storia

Dettagli

2 EDIFICIO in VALPERGA

2 EDIFICIO in VALPERGA 2 EDIFICIO in VALPERGA Per ulteriori approfondimenti e programmazione sopralluoghi (Tel. 011.861.2447-2494-2402-2620) UBICAZIONE Il complesso immobiliare dista 50 km da Torino ed è ubicato nel comparto

Dettagli

PETRARCA 20 LA MAGIA DI IERI INCONTRA LA TECNOLOGIA DI OGGI

PETRARCA 20 LA MAGIA DI IERI INCONTRA LA TECNOLOGIA DI OGGI P REATR R PET C AA2 R 0 CA 20 P PETRARCA 20 LA MAGIA DI IERI INCONTRA LA TECNOLOGIA DI OGGI IL PROGETTO Petrarca 20 nasce da un armoniosa unione tra classicità e design. Inizialmente opificio con abitazione

Dettagli

Guardaroba E previsto uno spazio nell atrio del Museo, accanto all ingresso (attualmente utilizzato per biglietteria e bookshop), di mq. 14,40.

Guardaroba E previsto uno spazio nell atrio del Museo, accanto all ingresso (attualmente utilizzato per biglietteria e bookshop), di mq. 14,40. Provincia: racusa Lotto: SR 1 Museo Archeologico Regionale Paolo Orsi Viale Teocrito 66. racusa Tel. 0931 464022 Relazione Biglietteria. Il locale biglietteria è in atto costituito da un ambiente indipendente,

Dettagli

DEPOSITO dei LOCOMOTORI DEPOSITO LOCOMOTORI BERZOLLA BERZOLLA

DEPOSITO dei LOCOMOTORI DEPOSITO LOCOMOTORI BERZOLLA BERZOLLA DEPOSITO DEPOSITO dei dei LOCOMOTORI LOCOMOTORI BERZOLLA BERZOLLA Vicino al parcheggio del Centro Commerciale Borgo Faxhall, tra Barriera Roma e la Stazione Ferroviaria di Piazzale Marconi, è presente

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALITA

RELAZIONE TECNICA GENERALITA RELAZIONE TECNICA GENERALITA L'Amministrazione del Comune di Gonnoscodina ha conferito all Ing. Elio Musa l'incarico della progettazione, direzione lavori, contabilità, per i lavori riguardanti MANUTENZIONE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA E DESCRITTIVA RICHIESTA PERMESSO DI COSTRUIRE

RELAZIONE TECNICA E DESCRITTIVA RICHIESTA PERMESSO DI COSTRUIRE RELAZIONE TECNICA E DESCRITTIVA RICHIESTA PERMESSO DI COSTRUIRE Committente: AUTOSTORE S.R.L. Via Fonderia n. 47/A Treviso Compilatore: Ing. Bonaldo Simone Via Riva IV Novembre n. 38 Cittadella (PD) Data

Dettagli

PROGETTO SAPERE. tel. +39 055 582401. fax www.and-architettura.it. info@and-architettura.it. www.progettosapere.it info@progettosapere.

PROGETTO SAPERE. tel. +39 055 582401. fax www.and-architettura.it. info@and-architettura.it. www.progettosapere.it info@progettosapere. AND Rivista di di architettura, architetture, città città e architetti e architetti PROGETTO SAPERE SAPERE Via degli Artisti, 18R via 50132 degli Firenze Artisti, -18R Italia 50132 T. +39 Firenze 055 582401

Dettagli

CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE

CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE MOTTO:LA NAVICELLA DELL INGEGNO 1 PRINCIPI GUIDA GENERALI Il progetto prevede la demolizione del fabbricato

Dettagli

Spazio espositivo a rotazione n.1 Cardo Nord Ovest. ago. 14

Spazio espositivo a rotazione n.1 Cardo Nord Ovest. ago. 14 Spazio espositivo a rotazione n.1 Cardo Nord Ovest ago. 14 Il Sito Espositivo 935.595 mq di area totale 147 Paesi Partecipanti AREE TEMATICHE PARTECIPANTI UFFICIALI AREE DI SERVIZIO PARTECIPANTI NON UFFICIALI

Dettagli

Casa unifamiliare a Morcote, Svizzera A. Paolella, WWF Ricerche e Progetti

Casa unifamiliare a Morcote, Svizzera A. Paolella, WWF Ricerche e Progetti Casa unifamiliare a Morcote, Svizzera A. Paolella, WWF Ricerche e Progetti Il laterizio costituisce il principale materiale da costruzione della casa. La scelta di adottare elementi naturali e sostenibili

Dettagli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli I progetti che oggi vi illustrerò (il V ampliamento del cimitero di Voghera e il concorso per l ampliamento del cimitero sull isola di San

Dettagli

DEMANIO MILITARE PROVINCIA OLBIA TEMPIO

DEMANIO MILITARE PROVINCIA OLBIA TEMPIO 1 DEMANIO MILITARE PROVINCIA OLBIA TEMPIO Redatto a cura del Geom. Pietro Nicola Unali 2 LEGENDA COMUNE DI ARZACHENA 01 Cala Battistoni deposito acqua COMUNE DI PALAU 02 Montiggia 02/A Faro di Punta Sardegna

Dettagli

Art. 101 Volume dell'edificio

Art. 101 Volume dell'edificio Comune di Padova Settore Edilizia Privata Settore Pianificazione Urbanistica Piano Regolatore Generale Nuovo Regolamento Edilizio Comunale Approvato con Deliberazione del C.C. n. 41 del 05/06/2006 In vigore

Dettagli

P.R.G. DI URBINO 1994 TERZA PARTE LINEE NORMATIVE 201.III.A5

P.R.G. DI URBINO 1994 TERZA PARTE LINEE NORMATIVE 201.III.A5 P.R.G. DI URBINO 1994 TERZA PARTE LINEE NORMATIVE 201.III.A5 Norme Tecniche di Attuazione ALLEGATO 4: Centro storico 1 L allegato 4 è costituito dalle presenti norme e dagli elaborati grafici di seguito

Dettagli

VIAGGIO NEL TEMPO. STRATIFICAZIONE. PERCEZIONE DI EPOCHE STORICHE DIVERSE.

VIAGGIO NEL TEMPO. STRATIFICAZIONE. PERCEZIONE DI EPOCHE STORICHE DIVERSE. CA BRUTA Primo edificio di Giovanni Muzio, nasce come edificio residenziale.mantiene ancora oggi la stessa destinazione d uso. MILANO STORICA VIAGGIO NEL TEMPO. STRATIFICAZIONE. PERCEZIONE DI EPOCHE STORICHE

Dettagli

Archivio capitolino Titolario generale postunitario (1871-1922) Titolo 51: Strade ferrate

Archivio capitolino Titolario generale postunitario (1871-1922) Titolo 51: Strade ferrate Archivio capitolino Titolario generale postunitario (1871-1922) Titolo 51: Strade ferrate Il titolo 51 del Titolario generale postunitario Strade ferrate si compone di 1017 fascicoli, contenuti in 26 buste,

Dettagli

consolidata e di completamento con destinazione residenziale (art. 23 N. T. A. di P. R. G.);

consolidata e di completamento con destinazione residenziale (art. 23 N. T. A. di P. R. G.); RELAZIONE TECNICA Il Piano di Recupero interessa un ambito che comprende l edificio ad uso residenziale di Via Catania n. 126 (foglio 25, mappali 112 e 198) di proprietà ALER, noto come casa di plastica

Dettagli

CURRICULUM VITAE FRANCESCO FORNAI. Titolo di studio. Esperienze di lavoro

CURRICULUM VITAE FRANCESCO FORNAI. Titolo di studio. Esperienze di lavoro CURRICULUM VITAE FRANCESCO FORNAI FRANCESCO FORNAI VIAREGGIO (LU) 3-12-1971 Via di Monte Pellegrino, 23 00060 Sacrofano - Roma Tel. : +39 069084059 Cell. :+39 3391330655 E-mail: fafornai@gmail.com web:

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 3 REPARTO INFRASTRUTTURE Ufficio Lavori Sezione Gestione Alloggi RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA COMUNE DI PAVIA VIA TASSO 2/A PALAZZINA DEMANIALE ALLOGGIO EPV0007 1 Indice 1. OGGETTO E SCOPO DELLA RELAZIONE

Dettagli

Relazione tecnica descrittiva

Relazione tecnica descrittiva Relazione tecnica descrittiva La presente relazione è stata redatta al fine di descrivere le verifiche affrontate e gli interventi che dovranno essere realizzati per la messa in sicurezza della Scuola

Dettagli

Cassa depositi e prestiti. Residenziale Immobiliare 2004 SpA

Cassa depositi e prestiti. Residenziale Immobiliare 2004 SpA Residenziale Immobiliare 2004 SpA Residenziale Immobiliare 2004 S.p.A. Ex Uffici delle Dogane Roma, Via dello Scalo di San Lorenzo, 10 Veicolo societario Residenziale Immobiliare 2004 SpA: (75% CDP Immobiliare

Dettagli

SCHEDA INTERVENTO n.10.1.1.1- Riqualificazione urbana e residenziale Edilizia sociale: Immobile di edilizia sociale in Via Barbaroux

SCHEDA INTERVENTO n.10.1.1.1- Riqualificazione urbana e residenziale Edilizia sociale: Immobile di edilizia sociale in Via Barbaroux SCHEDA INTERVENTO n.10.1.1.1- Riqualificazione urbana e residenziale Edilizia sociale: Immobile di edilizia sociale in Via Barbaroux QUADRO CONOSCITIVO Breve descrizione dell intervento Gli interventi

Dettagli

ATTI N 208/2014 I.R.E. - ISTITUZIONI DI RICOVERO E DI EDUCAZIONE S. Marco 4301 Venezia

ATTI N 208/2014 I.R.E. - ISTITUZIONI DI RICOVERO E DI EDUCAZIONE S. Marco 4301 Venezia ATTI N 208/2014 I.R.E. - ISTITUZIONI DI RICOVERO E DI EDUCAZIONE S. Marco 4301 Venezia SPORTELLO UNICO EDILIZIA RESIDENZIALE COMUNE DI VENEZIA Oggetto: RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE per frazionamento

Dettagli

PASSEGGIANDO LUNGO LE MURA DI COMO

PASSEGGIANDO LUNGO LE MURA DI COMO PASSEGGIANDO LUNGO LE MURA DI COMO mura, porte, torri e giardini quel che resta di visibile oggi La nostra passeggiata lungo il tracciato delle mura di Como ha inizio dove sorgeva la Porta Sala, allo sbocco

Dettagli

Le scale di accesso alle zone soppalcate sono tutte in metallo a giorno, gli infissi esterni ed interni sono in legno e, nella generalità, originari.

Le scale di accesso alle zone soppalcate sono tutte in metallo a giorno, gli infissi esterni ed interni sono in legno e, nella generalità, originari. UNITÀ IMMOBILIARE: Sita in Roma via Giacomo Venezian, 22, piano primo interno 1 con asservito posto auto via Gaetano Sacchi,19 - DESTINAZIONE D USO: abitazione Prezzo Appartamento più Garage: 870.000 Euro

Dettagli

Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto Temi Giugno 2014

Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto Temi Giugno 2014 Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto Temi Giugno 2014 Prova pratico-grafica (6 ore) Tema n.1 Consideriamo un edificio

Dettagli

www.residenzeprincipeeugenio.it

www.residenzeprincipeeugenio.it www.residenzeprincipeeugenio.it RESIDENZE PRINCIPE EUGENIO 12 IMMOBILI DI QUALITÀ. Nelle vicinanze di Corso Sempione, eleganza e tecnologia, si incontrano per dare vita ad una nuova realizzazione residenziale

Dettagli

I vincitori del Premio di architettura Città di Venezia. 1) Insediamenti residenziali, commerciali, direzionali, terziario, produttivo di scala urbana

I vincitori del Premio di architettura Città di Venezia. 1) Insediamenti residenziali, commerciali, direzionali, terziario, produttivo di scala urbana I vincitori del Premio di architettura Città di Venezia Il Bando prevedeva sei sezioni: 1) Insediamenti residenziali, commerciali, direzionali, terziario, produttivo di scala urbana 2) Restauro o recupero

Dettagli

Nuove tecnologie dell acciaio

Nuove tecnologie dell acciaio Nuove tecnologie dell acciaio applicazioni al campo dell Architettura e dell Ingegneria Edile a cura di Fabrizio Astrua, Vittorio Neirotti, Tommaso Tirelli Atti dei seminari tecnici organizzati da Politecnico

Dettagli

In buona parte distrutta al termine della II guerra mondiale dopo essere stata una dei centri più importanti per

In buona parte distrutta al termine della II guerra mondiale dopo essere stata una dei centri più importanti per Michele Stavagna STADTUMBAU BERLIN Rigenerazione urbana tra riqualificazione edilizia e memoria identitaria In buona parte distrutta al termine della II guerra mondiale dopo essere stata una dei centri

Dettagli

PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE. Istituto Figlie di S. Anna Provincia Eritrea

PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE. Istituto Figlie di S. Anna Provincia Eritrea Casa Rosa Gattorno - Asmara Comunità d accoglienza di bambine e fanciulle orfane PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE proposto da Istituto Figlie di S. Anna Provincia Eritrea Dicembre 2012 Introduzione Casa Rosa

Dettagli

crescere per servire abitare per saper vivere

crescere per servire abitare per saper vivere crescere per servire abitare per saper vivere Sono passati circa quattro anni da quando l Edilcasa Caccamo ha festeggiato i suoi primi 40 anni di attività, in quell occasione si è inaugurata la nuova sede

Dettagli

LA NUOVA ITALIA DEI NODI E DELLE STAZIONI

LA NUOVA ITALIA DEI NODI E DELLE STAZIONI PROGETTI STAZIONI ITALIANE LA NUOVA ITALIA DEI NODI E DELLE STAZIONI Dalla politica di valorizzazione del patrimonio immobiliare delle Ferrovie dello Stato nasce una strategia di riassetto globale delle

Dettagli

PROGETTO GERUSALEMME, PIETRE DELLA MEMORIA. PROPOSTA di intervento in tre case nella città Vecchia di Gerusalemme Novembre 2012

PROGETTO GERUSALEMME, PIETRE DELLA MEMORIA. PROPOSTA di intervento in tre case nella città Vecchia di Gerusalemme Novembre 2012 PROGETTO GERUSALEMME, PIETRE DELLA MEMORIA PROPOSTA di intervento in tre case nella città Vecchia di Gerusalemme Novembre 2012 SITUAZIONE GENERALE La Città Vecchia di Gerusalemme è considerata patrimonio

Dettagli

6 APPARTAMENTI VISTA LAGO

6 APPARTAMENTI VISTA LAGO 6 APPARTAMENTI VISTA LAGO w w w. v i l l a m e t a. c h il concetto EDIFICAZIONE DI 6 APPARTAMENTI SU 5 LIVELLI. La Residenza è ubicata in zona collinare, nel comune di Orselina, con una generosa apertura

Dettagli

Informazioni Stampa aprile 2009 L EDILIZIA SI RINNOVA

Informazioni Stampa aprile 2009 L EDILIZIA SI RINNOVA Informazioni Stampa aprile 2009 L EDILIZIA SI RINNOVA Le sfide energetiche nella ristrutturazione degli edifici per uno sviluppo più sostenibile Evento atteso da tutti gli operatori del settore edilizio,

Dettagli

A tale importo si ritiene di decurtare una percentuale del 4% considerato che. Sub. 15 (appartamento) e sub. 17 (posto auto)

A tale importo si ritiene di decurtare una percentuale del 4% considerato che. Sub. 15 (appartamento) e sub. 17 (posto auto) A tale importo si ritiene di decurtare una percentuale del 4% considerato che alcune rifiniture dell alloggio sono ancora da ultimare. Per cui: V. =. 409.080,00 4% =. 392.716,80 Sub. 15 (appartamento)

Dettagli

-Rilievo diretto Laboratori -Rilievo Aula 9 edificio A. Alessio Tirapelle Mirko Mondini Daniel Colombelli Irene Gregori

-Rilievo diretto Laboratori -Rilievo Aula 9 edificio A. Alessio Tirapelle Mirko Mondini Daniel Colombelli Irene Gregori -Rilievo diretto Laboratori -Rilievo Aula 9 edificio A Alessio Tirapelle Mirko Mondini Daniel Colombelli Irene Gregori Operazioni di misura a diretto contatto con l oggetto da rilevare; è possibile il

Dettagli

ESAME DELL IMPATTO PAESISTICO DEI PROGETTI

ESAME DELL IMPATTO PAESISTICO DEI PROGETTI Aggiornato 01.07.05 ESAME DELL IMPATTO PAESISTICO DEI PROGETTI Applicato in forma sperimentale agli interventi edilizi maggiori. (Approvato ai sensi dell art. 30 delle Norme di Attuazione del Piano Territoriale

Dettagli

Ristrutturazione di un edificio in via Zenale, Milano

Ristrutturazione di un edificio in via Zenale, Milano Progetti Roberto Gamba filippo taidelli Ristrutturazione di un edificio in via Zenale, Milano Sezione schematica dell intervento. Nella pagina a fianco: la facciata su strada, affiancata al volume sul

Dettagli

UNA COMETA SU MILANO

UNA COMETA SU MILANO UNA COMETA SU MILANO Domani, mercoledì 5 dicembre vede la luce la cometa progettata dall architetto Mario Bellini, che così ha voluto definire la sua creazione per il MiCo, il nuovo Centro congressi di

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

News Luglio 2014. IMMAGINE PUBBLICITÀ EDITORIA UFFICIO STAMPA Vicenza - Corso Palladio, 155 Tel 0444 327206 Fax 0444 809819

News Luglio 2014. IMMAGINE PUBBLICITÀ EDITORIA UFFICIO STAMPA Vicenza - Corso Palladio, 155 Tel 0444 327206 Fax 0444 809819 IMMAGINE PUBBLICITÀ EDITORIA UFFICIO STAMPA Vicenza - Corso Palladio, 155 Tel 0444 327206 Fax 0444 809819 News Luglio 2014 Palazzo Corte dei Conti Ex Caserma Montezemolo Via Baiamonti Quartiere Prati -

Dettagli

L INDUSTRIA E I SERVIZI

L INDUSTRIA E I SERVIZI VOLUME 2 CAPITOLO 3 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE L INDUSTRIA E I SERVIZI 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: economia... industria... fabbrica...

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Obiettivo didattico L obiettivo principale del corso di laurea è quello di formare

Dettagli

Il punto di partenza. www.habitoricerca.it. The Shard, Londra, Renzo Piano Silodam, Amsterdam, MVRDV, Mountain Dwellings, Copenhagen, BIG

Il punto di partenza. www.habitoricerca.it. The Shard, Londra, Renzo Piano Silodam, Amsterdam, MVRDV, Mountain Dwellings, Copenhagen, BIG Con la collaborazione di: Con il contributo e la partecipazione di: Triennale di Milano, 3 Luglio 2014 Il punto di partenza La constatazione che in Italia non è più possibile proporre nuovi modelli abitativi

Dettagli

Progetto di Riqualificazione Cromatica di Fortunago

Progetto di Riqualificazione Cromatica di Fortunago Progetto di Riqualificazione Cromatica di Fortunago Il Progetto di Riqualificazione Cromatica per il Comune di Fortunago vuole essere uno strumento attivo per conservare in maniera ottimale il centro storico

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO CONSULENZA TECNICA PER L EDILIZIA

ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO CONSULENZA TECNICA PER L EDILIZIA ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO CONSULENZA TECNICA PER L EDILIZIA SETTORE III COSTRUZIONI AD USO SANITARIO E ALTRI USI DIVERSI DAL DIREZIONALE PERIZIA DI STIMA RELATIVA

Dettagli

PARIGI 1850-1872 IL PIANO DELL HAUSSMANN

PARIGI 1850-1872 IL PIANO DELL HAUSSMANN PARIGI 1850-1872 IL PIANO DELL HAUSSMANN Eugène Hausmann (1809-91) Diviene Prefetto della Senna sotto l imperatore Napoleone III (1850) La legge (13.04.1850) gli consente di espropriare tutti gli immobili

Dettagli

La stima del valore delle aree

La stima del valore delle aree Corso di laurea specialistica in architettura Indirizzo architettura per la città Laboratorio integrato ClaMARCH 3 - Cattedra B Valutazione economica del progetto La stima del valore delle aree Docente:

Dettagli

Progr.: 1 COMUNE DI SPINEA - Provincia di Venezia Scheda B Rilievo dei beni storico-architettonici Scheda: 1

Progr.: 1 COMUNE DI SPINEA - Provincia di Venezia Scheda B Rilievo dei beni storico-architettonici Scheda: 1 Progr.: 1 COMUNE DI SPINEA - Provincia di Venezia Scheda B Rilievo dei beni storico-architettonici Scheda: 1 1.Codifica edificio Scheda: 1 2. Ubicazione indirizzo: ID edificio: 1 via/piazza: Rossignago

Dettagli

In edilizia l iva può essere applicata con l aliquota del 4, del 10 o del 21 per cento.

In edilizia l iva può essere applicata con l aliquota del 4, del 10 o del 21 per cento. In edilizia l iva può essere applicata con l aliquota del 4, del 10 o del 21 per cento. In edilizia l iva può essere applicata con l aliquota del 4, del 10 o del 21 per cento. Distinguendo a seconda che

Dettagli

Percorso progettuale Il progetto per la nuova piazza dei Martiri è iniziato con l analisi dello stato di fatto al fine di capire esattamente quali

Percorso progettuale Il progetto per la nuova piazza dei Martiri è iniziato con l analisi dello stato di fatto al fine di capire esattamente quali Introduzione Liston è una parola utilizzata in varie città del Veneto per indicare un particolare luogo della città, generalmente una piazza o parte di essa. Il termine liston indica le lunghe lastre di

Dettagli

REVISIONE PARZIALE DEI CLASSAMENTI NEL COMUNE DI MILANO RELAZIONE

REVISIONE PARZIALE DEI CLASSAMENTI NEL COMUNE DI MILANO RELAZIONE Ufficio Provinciale di Milano Estratto da COMMA 335 ART. 1 LEGGE 311/2004 REVISIONE PARZIALE DEI CLASSAMENTI NEL COMUNE DI MILANO RELAZIONE Microzona 14 V. Monti 307 Sempione 308 Microzona 1 Mascheroni

Dettagli

Milano Santa Giulia, un progetto innovativo. SLIDE 1 STORIA DELL AREA SLIDE 2

Milano Santa Giulia, un progetto innovativo. SLIDE 1 STORIA DELL AREA SLIDE 2 Milano Santa Giulia, un progetto innovativo. SLIDE 1 STORIA DELL AREA SLIDE 2 La storia di Milano Santa Giulia inizia con la chiusura dello stabilimento Montedison e delle Acciaierie Redaelli, nella zona

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fax 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice Via Ristori 52/2, GORIZIA 1 Indice 1. OGGETTO E

Dettagli

DENTRO IL CONVENTO DI S. MARCO

DENTRO IL CONVENTO DI S. MARCO Osserva Piazza della Signoria e imprimi nella memoria i suoi particolari Scrivi un breve testo che ti permetta di raccontare le tue impressioni e i tuoi ricordi del centro di Firenze e immortala con una

Dettagli

www.ferroviedellostato.it 00161 Roma Piazza della Croce Rossa, 1 Alta Velocità. Una storia di successi tutti italiani

www.ferroviedellostato.it 00161 Roma Piazza della Croce Rossa, 1 Alta Velocità. Una storia di successi tutti italiani Piazza della Croce Rossa, 1 00161 Roma www.ferroviedellostato.it Alta Velocità. Una storia di successi tutti italiani Alta Velocità. Una storia di successi tutti italiani La storia dell Alta Velocità inizia

Dettagli

EDIFICIO: Residenza LEONARDO proprietà : DOMUSMETRA srl

EDIFICIO: Residenza LEONARDO proprietà : DOMUSMETRA srl COMUNE DI VERONA PROVINCIA DI VERONA EDIFICIO RESIDENZIALE IN BIOEDILIZIA A BASSO CONSUMO ENERGETICO Piano di Lottizzazione loc. Bassone lotto B5 EDIFICIO: Residenza LEONARDO proprietà : DOMUSMETRA srl

Dettagli

TITOLO III Regole sul decoro, sull ornato e dipintura delle facciate edilizie

TITOLO III Regole sul decoro, sull ornato e dipintura delle facciate edilizie TITOLO III Regole sul decoro, sull ornato e dipintura delle facciate edilizie Art. 17 - Decoro degli edifici Le costruzioni devono rispettare nel loro aspetto esterno il decoro edilizio ed inserirsi armonicamente

Dettagli

UN ESEMPIO DI ANALISI TECNOLOGICA E TIPOLOGICA: LE STAZIONI FERROVIARIE

UN ESEMPIO DI ANALISI TECNOLOGICA E TIPOLOGICA: LE STAZIONI FERROVIARIE UN ESEMPIO DI ANALISI TECNOLOGICA E TIPOLOGICA: LE STAZIONI FERROVIARIE 1 di 2 1 1 UN ESEMPIO DI ANALISI TECNOLOGICA E TIPOLOGICA RAGIONI DI INTERESSE Nascita ed evoluzione di un nuovo tipo edilizio Lettura

Dettagli

D- Localizzazione La zona è vicina al centro storico di Schio, ed è situata tra la Fabbrica Alta e il torrente Leogra.

D- Localizzazione La zona è vicina al centro storico di Schio, ed è situata tra la Fabbrica Alta e il torrente Leogra. Il Quartiere operaio Nuova Schio di Schio ( Vicenza ) A- Indirizzo del sito Via Maraschin/ Torrente Leogra I-36015 SCHIO B- Contatto Arch. Farida Cavedon, Comune di Schio, Servizio Urbanistica Via Pasini

Dettagli

Prot. 11146 Bergamo, 18.06.2013

Prot. 11146 Bergamo, 18.06.2013 Prot. 11146 Bergamo, 18.06.2013 Al Comune di Azzano San Paolo Piazza IV Novembre Alla Autorità procedente Alla Autorità competente Cap. 24052 comuneazzanosanpaolo@pec.it Al Comune di Zanica Via Roma, 35

Dettagli

Il sanatorio Città di Milano di Garbagnate M.se

Il sanatorio Città di Milano di Garbagnate M.se Il sanatorio Città di Milano di Garbagnate M.se Il Comune di M ilano, antesignano in Italia per la lotta antitubercolare, nel 1911 delibera la costruzione di un grande Ospedale Sanatorio Vittorio Emanuele

Dettagli

TESSERETE RESIDENZA AL SOLE EDIFICIO D. Dati del terreno Descrizione del progetto Materiali da costruzione

TESSERETE RESIDENZA AL SOLE EDIFICIO D. Dati del terreno Descrizione del progetto Materiali da costruzione TESSERETE RESIDENZA AL SOLE EDIFICIO D Dati del terreno Descrizione del progetto Materiali da costruzione RELAZIONE TECNICA DATI DEL PROGETTO Mappale no. 214-216-429-430(vedi nuovo piano parcellare) Superficie

Dettagli

I palazzi cretesi e micenei e le loro differenze strutturali

I palazzi cretesi e micenei e le loro differenze strutturali I palazzi cretesi e micenei e le loro differenze strutturali I palazzi cretesi Gli scavi successivi condotti dallo stesso Evans a Cnosso e da altri archeologi a Festo, Haghià Triada, Mallia, Gurnià, Zacros

Dettagli

Terme di Montecatini OFFERTA DIDATTICA PER LE SCUOLE

Terme di Montecatini OFFERTA DIDATTICA PER LE SCUOLE Terme di Montecatini OFFERTA DIDATTICA PER LE SCUOLE Anno scolastico 2015-2016 I PERCORSI IL BAGNO DI UGOLINO --------------------------------------- SCUOLA DELL INFANZIA 3-5 ANNI LA FORESTA DEI COCCODRILLI

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO NORMATIVA DI RIFERIMENTO D.Lgs.81/08 Tiitolo II Capo I art. 62 67 Allegato IV Linee Guida Regione Piemonte per la notifica relativa alla costruzione ampliamento o adattamento di locali e ambienti di lavoro.

Dettagli

Lo stato attuale dei luoghi è illustrato nelle tavole dedicate e nella documentazione fotografica.

Lo stato attuale dei luoghi è illustrato nelle tavole dedicate e nella documentazione fotografica. RELAZIONE TECNICA Nel corso dei diversi sopralluoghi tecnici effettuati si sono riscontrate innumerevoli problematiche legate allo stato di conservazione degli edifici nel loro complesso e in particolar

Dettagli

Esami di Stato Prima Sessione Giugno 2010 PROVA PRATICA SCRITTA (Caratterizzante la classe) 16 Settembre 2010 Sez. A - Ingegneria CIVILE e AMBIENTALE

Esami di Stato Prima Sessione Giugno 2010 PROVA PRATICA SCRITTA (Caratterizzante la classe) 16 Settembre 2010 Sez. A - Ingegneria CIVILE e AMBIENTALE Esami di Stato Prima Sessione Giugno 2010 PROVA PRATICA SCRITTA (Caratterizzante la classe) 16 Settembre 2010 Sez. A - Ingegneria CIVILE e AMBIENTALE CLASSE 28/S Ing. CIVILE Tema n. 1 Redigere il progetto

Dettagli

RESIDENZA LA VIGNA Via Legobbe CH - 6710 Biasca

RESIDENZA LA VIGNA Via Legobbe CH - 6710 Biasca RESIDENZA LA VIGNA Via Legobbe CH - 6710 Biasca 9 APPARTAMENTI ECOLOGICI MINERGIE SU MISURA PER TE CONSEGNA PREVISTA FINE 2016 Appartamenti da 2 1/2 & 4 1/2 locali Gennaio 2015 LA VIGNA Progettazione,

Dettagli

Tecnologie edili per l ambiente. facciate continue serramenti - pareti mobili

Tecnologie edili per l ambiente. facciate continue serramenti - pareti mobili Certificato n. 4858 Tecnologie edili per l ambiente facciate continue serramenti - pareti mobili Progetto di ampliamento della sede Arnoldo Mondadori Editore con completa ristrutturazione della CASCINA

Dettagli

PROVE DI RIGENERAZIONE URBANA Tre temi e sei progetti per Baranzate Una mostra e un libro Novembre 2012

PROVE DI RIGENERAZIONE URBANA Tre temi e sei progetti per Baranzate Una mostra e un libro Novembre 2012 1 Programma dell iniziativa: PROVE DI RIGENERAZIONE URBANA Tre temi e sei progetti per Baranzate Una mostra e un libro Novembre 2012 L occasione L iniziativa nasce da un interlocuzione tra la Scuola di

Dettagli

LA CITTA DI TRANSIZIONE: ECOLOGIA E ABITARE SOSTENIBILE

LA CITTA DI TRANSIZIONE: ECOLOGIA E ABITARE SOSTENIBILE LA CITTA DI TRANSIZIONE: ECOLOGIA E ABITARE SOSTENIBILE IL PROGETTO PILOTA DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO PER LA RISOLUZIONE URBANISTICA DELLA MAGLIA 21 ESPANSIONE C2 SCOPRIAMO BARI: STRUMENTI

Dettagli

ITG A. POZZO LEZIONI DI ESTIMO. Tabelle millesimali di condominio. Classi 5^ LB-LC-SA Anno scolastico 2009/10. Prof. Romano Oss

ITG A. POZZO LEZIONI DI ESTIMO. Tabelle millesimali di condominio. Classi 5^ LB-LC-SA Anno scolastico 2009/10. Prof. Romano Oss ITG A. POZZO LEZIONI DI ESTIMO Tabelle millesimali di condominio Classi 5^ LB-LC-SA Anno scolastico 2009/0 Prof. Romano Oss Condominio: quando nello stesso fabbricato vi sono delle parti di proprietà individuale

Dettagli

FIRENZE FIRENZE SI RINNOVA

FIRENZE FIRENZE SI RINNOVA AEROPORTI FIRENZE FIRENZE SI RINNOVA L aeroporto del capoluogo toscano ha inaugurato nel dicembre scorso la nuova aerostazione passeggeri con la quale, in attesa del prolungamento della pista e del complessivo

Dettagli