Venezia, 19 Aprile Venezia, 19 Aprile 2007

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Venezia, 19 Aprile 2007. Venezia, 19 Aprile 2007"

Transcript

1 Venezia, 19 Aprile 2007 Venezia, 19 Aprile

2 Indice Sezione 1 Sezione 2 Sezione 3 Sezione 4 Sezione 5 Profilo Societario Gestione Aeroportuale (SBU1) Gestione Infrastrutture di Mobilità (SBU2) Food & Beverage e Retail (SBU3) Dati Finanziari 2

3 Sezione 1 Profilo Societario 3

4 Profilo Societario Il Gruppo SAVE è quotato nel mercato Telematico Azionario di Borsa italiana con una capitalizzazione* pari a 689 mln Mission Essere leader nel settore dei servizi ai viaggiatori attraverso la gestione di tre principali aree di business: gestione aeroportuale gestione infrastrutture di mobilità food & beverage e retail Operare in modo integrato nelle tre aree di business al fine di rendere piacevole l esperienza di viaggio negli aeroporti e nelle altre infrastrutture di mobilità ; Svolgere la propria attività in modo innovativo con senso di responsabilità e integrità morale e con l obiettivo di contribuire al processo di sviluppo del territorio. Vision Diventare un mobility player di riferimento offrendo servizi di elevato livello qualitativo. La catena del valore di SAVE ha come punto focale il passeggero: Traveller Mobility Value L obiettivo è quello di valorizzare per il viaggiatore il tempo dedicato al passaggio/permanenza negli aeroporti e nelle infrastrutture di Mobilità: Piacevole esperienza di viaggio 4 * Valore calcolato sulla base del prezzo del titolo SAVE al 31 Dicembre 2006

5 Profilo Societario Le strategie del Gruppo Save Accrescere la propria posizione competitiva nell ambito della gestione aeroportuale; Sviluppare ed ampliare l offerta di prodotti e servizi legati alla movimentazione di persone e merci nell ambito delle infrastrutture di mobilità valorizzando il know-how e le competenze maturate in ambito aeroportuale; Sviluppare l attività di gestione anche in infrastrutture di mobilità diverse da quelle aeroportuali (quali stazioni ferroviarie, porti e autostrade). La crescita del Gruppo SAVE è possibile attraverso La massimizzazione del potenziale delle attuali opportunità di Business; Lo sviluppo ed l ampliamento dell offerta di prodotti e servizi legati alla movimentazione di persone e merci nell ambito delle infrastrutture di mobilità valorizzando il know-how e le competenze maturate in ambito aeroportuale; Lo sviluppo l attività di gestione anche in infrastrutture di mobilità diverse da quelle aeroportuali (quali stazioni ferroviarie, porti e autostrade). 5

6 Profilo Societario La storia recente del Gruppo Save IL GRUPPO SAVE SVILUPPA NUOVE STRATEGIE: Il Gruppo SAVE esce dalla gestione delle attività di handling aeroportuale presso l Aeroporto di Venezia; Il Gruppo SAVE inaugura e avvia l operatività della nuova aerostazione e del nuovo fabbricato cargo presso l Aeroporto di Venezia; Il Gruppo SAVE entra nel settore food & beverage e retail attraverso la nuova Società controllata Airport Elite. Il Gruppo SAVE si aggiudica la gara indetta da Ferrovie dello Stato per la ricerca di un partner a cui affidare la gestione integrata e lo sfruttamento commerciale dei complessi immobiliari di 103 stazioni ferroviarie di medie dimensioni. IL GRUPPO SAVE E QUOTATO NEL MERCATO TELEMATICO AZIONARIO DI BORSA ITALIANA 2005 SAVE è quotata nel Mercato Telematico Azionario di Borsa Italiana ( MTA ) attraverso un aumento di capitale pari a 160 milioni; Il Gruppo SAVE acquisisce più del 10% del Capitale di Gemina Spa, una Società italiana che detiene il 51% del Capitale di ADR (Aeroporti di Roma). IL GRUPPO SAVE ACQUISISCE IL 100% DEL CAPITALE DI AIREST E RISTOP 2006 Il Gruppo SAVE acquisisce da Austrian Airlines il 100% del Capitale di AIREST; Il Gruppo SAVE acquisisce da Autostrada Brescia Padova il 100% del Capitale di RISTOP; Il Gruppo SAVE procede nei lavori di costruzione di un nuovo Terminal presso l Aeroporto di Treviso. LO SVILUPPO CONTINUA 1Q2007 Il Gruppo SAVE inaugura presso l Aeroporto di Treviso il nuovo terminal passeggeri (21 febbraio 2007); Il Gruppo SAVE cede la divisione Airline Catering, Business Catering and Event Catering di Airest a DO. & CO.(1 marzo 2007) 6

7 Profilo Societario Evoluzione del Gruppo SAVE milioni CAGR Ricavi Op e altri ricavi consolidati 155,3 166,0 225,2 20% Gestione Aeroportuale* 95,4 98,2 103,4 4% Infrastrutture* 21,5 24,8 26,4 11% F&B e Retail* 44,0 49,0 102,5 53% * Inclusi i Risultati Intercompany. Evoluzione del Gruppo SAVE milioni CAGR EBITDA Consolidato 47,0 47,5 53,7 6,9% Gestione Aeroportuale* 41,1 40,1 40,6-0,6% Infrastrutture* 2,3 2,9 4,7 43,6% F&B e Retail* 3,6 4,4 8,4 52,9% SAVE SpA Gestione Aeroportuale Gestione Infrastrutture di mobilità Food & Beverage e Retail 7

8 Profilo Societario Dati Finanziari milioni Var% 06/05 Ricavi Operativi e altri proventi 155,3 166,0 225,2 35,6% EBITDA 47,0 47,5 53,7 13,2% 300,0 250,0 200,0 EBIT 18,4 24,3 30,5 25,4% Utile Netto di Gruppo 4,9 11,0 16,6 50,9% mln 150,0 100,0 50,0 0,0 Ricavi Operativi e altri proventi EBITDA EBIT Utile Netto di Gruppo Capitale Investito Netto 226,5 331,2 442,2 33,5% Posizione Finanziaria Netta 135,9 87,4 125,3 43,3% Patrimonio Netto* 90,7 243,8 316,9 30,0% * Incluso il Capitale di Terzi Breakdown dei Ricavi per SBU FY06 EBITDA Breakdown per SBU FY06 F&B e Retail 15,7% F&B e Retail 44,1% Gestione Aeroportuale 44,5% Gestione Infrastrutture 8,7% Infrastrutture 11,4% Gestione Aeroportuale 75,6% 8

9 Profilo Societario Un business con una crescita dinamica e due attività correlate, caratterizzate da elevati tassi di sviluppo Gestione Aeroportuale (SBU1) 7.7 milioni di passeggeri nel 2006 (+7,8% rispetto al 2005); 2041 è la data di scadenza della concessione dell Aeroporto di Venezia; 2012 è la data di scadenza della concessione dell Aeroporto di Treviso; attualmente è in corso la procedura amministrativa e tecnica per l ottenimento della concessione quarantennale; Altre attività svolte: parking, airport security, engineering etc. Infrastrutture (SBU2) Gestione commerciale e immobiliare, in esclusiva dei complessi di 103 medie stazioni italiane; 2042 è la scadenza dell attuale concessione quarantennale; Elevati margini realizzabili a seguito di limitati interventi di ristrutturazione e valorizzazione commerciale. Food & Beverage e Retail (SBU3) 128 punti vendita in gestione diretta al Aprile 2007; Aeroporti, Stazioni Ferroviarie, Autostrade rappresentano il target principale per l offerta di servizi di Food & Beverage e Retail; Significativi piani di sviluppo sono già previsti all interno delle 103 medie stazioni italiane; Le due acquisizioni di AIREST e RISTOP qualificano il Gruppo SAVE tra i più grandi gruppi italiani operanti nel settore F&B e Retail in concessione. 9

10 Sezione 2 Gestione Aeroportuale (SBU1) 10

11 Gestione Aeroportuale mln 150,0 100,0 50,0 Dati Finanziari SBU1* milioni 2004 % 2005 % 2006 % Var% 06/05 Ricavi Operativi e altri proventi 95,4 100% 98,2 100% 103,4 100% 5,2% EBITDA 41,1 43,1% 40,1 40,8% 40,6 39,3% 1,3% 0,0 Ricavi Operativi e altri proventi EBITDA EBIT EBIT 16,7 17,5% 21,4 21,8% 24,6 23,8% 15,1% * Inclusi i Risultati Intercompany L EBITDA margin 2006 (39,3%) risulta in crescita rispetto al 2005 al netto dei proventi straordinari. Esclusi i proventi straordinari, nel 2005 i Ricavi sono stati pari a 95,3 milioni (in linea con il 2004 nonostante una leggera riduzione dei passeggeri) e l EBITDA è stato pari a 37,2 milioni. La leggera riduzione della marginalità del 2005 e 2006 rispetto al 2004 riflette un incremento di costi per azioni commerciali legate allo sviluppo del traffico passeggeri il cui beneficio sarà visibile nel medio periodo. Breakdown Ricavi SBU1 FY05 Breakdown Ricavi SBU1 FY06 Ricavi Aviation 37% Ricavi Aviation 35% Ricavi non Aviation 63% Ricavi Non Aviation 65% 11

12 Gestione Aeroportuale: Sistema Aeroportuale di Venezia* Key figures Aviation (Aeroporto di Venezia) 12,8% crescita media del traffico passeggeri nel periodo nel Sistema Aeroportuale di Venezia; 138 città collegate 62 voli di linea: 76 voli charters; 148 destinazioni totali; 44 paesi collegati; 9 ricavo medio aviation per passeggero FY06; 30 ATM per ora (movimenti orari) è la capacità di movimenti sulle piste autorizzata presso l Aeroporto di Venezia; 60% coefficiente di utilizzo della capacità dell Aeroporto di Venezia nei momenti di picco del traffico. Ricavi per pax: Aeroporto di Venezia milioni Var % 06/05 Ricavi Aviation per pax 9,0 9,0 0,0% Ricavi Non Aviation per pax 5,4 5,4 0,0% Totale Ricavi per pax 14,4 14,4 0,0% Ricavi per pax: Aeroporto di Treviso milioni Var % 06/05 Ricavi Aviation per pax 7,6 7,5-1,8% Ricavi Non Aviation per pax 1,1 1,6 46,7% Totale Ricavi per pax 8,7 9,0 4,2% Ricavi per pax: Sistema Aeroportuale Venezia milioni Var % 06/05 Ricavi Aviation per pax 8,7 8,7 0,0% Ricavi Non Aviation per pax 4,6 4,7 2,1% Totale Ricavi per pax 13,8 13,5-2,4% Key Figures Non Aviation (Aeroporto di Venezia) 5,4 ricavo medio non aviation per passeggero FY06 ( 5,4 in FY05) di cui 1,45 ricavo medio per passeggero relativo all attività di parcheggio nel FY06* ( 1,49 nel FY05) 5,9 spesa media per passeggero relativa alle attività commerciali operanti presso l Aeroporto di Venezia al FY06 ( 5,7 nel FY05); parcheggi attualmente disponibili (dati aggiornati al 31 Dicembre 2006). *Sistema Aeroporti di Venezia: Aeroporto di Venezia + Aeroporto di Treviso ** Risultato condizionato dall attività di ristrutturazione del parcheggio multipiano da aprile ad agosto 2006 che ha ridotto temporaneamente la capacità disponibile. 12

13 Gestione Aeroportuale: Sistema Aeroportuale di Venezia Il terzo sistema aeroportuale italiano nel 2006 con oltre 7,7 milioni di passeggeri. Oltre 8,4 milioni di passeggeri sono previsti nel 2007 Passeggeri (1) (milioni) Movimenti Aeromobili (1) (migliaia) 10,0 8,0 6,0 4,0 2,0 4,8 0,5 4,2 6,0 0,7 5,3 CAGR: + 12,8% 6,8 7,1 0,9 1,3 5,9 5,8 7,7 1,4 6,3 120,0 100,0 80,0 60,0 40,0 77,2 11,4 65,8 CAGR: + 6,5% 92,3 96,3 96,4 99,3 15,4 16,3 17,6 17,2 76,9 80,0 78,8 82,2 0, ,0 0, Venezia Treviso (1) Sistema Aeroportuale di Venezia: Aeroporto di Venezia + Aeroporto di Treviso PAX Aeroporto di Venezia trend passeggeri (milioni) Passengers (1) (in mln) (novembre 2004) Cessazione dell attività di Volare 13 mesi (11 settembre 2001) Attentato alle Twin towers 18 mesi

14 Gestione Aeroportuale: Stato dell Arte del sistema tariffario aeroportuale italiano Stato dell Arte La normativa sui Requisiti di Sistema (Legge 248/2005 del 2 dicembre 2005), in assenza dei decreti attuativi, ha trovato ad oggi solo una parziale applicazione. Inoltre, il Gruppo Save in accordo con altri aeroporti italiani, ha contestato tale normativa inoltrando un ricorso al TAR del Lazio e predisponendo un reclamo alla Comunità Europea e un esposto all Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato. Nel breve termine è attesa l approvazione di una nuova delibera CIPE (Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica) finalizzata al riordino dell intero sistema tariffario aeroportuale italiano. E presumibile prevedere che per alcuni aeroporti l approvazione del Contratto di Programma possa avvenire prima della fine del 2007 con entrata in vigore dal 1 gennaio

15 Gestione Aeroportuale: Aeroporto di Venezia Aeroporto di Venezia Traffico di linea Destinazione Pax 2006 % Var '06/'05 Destinazione Pax 2006 % Var '06/'05 NUOVE DESTINAZIONI DI LINEA 2007 Rome FCO ,1% Philadelphia ,6% Paris CDG ,8% Lyon ,9% Frankfurt ,5% Hanover ,4% London LGW ,2% Budapest ,6% Barcelona ,6% Copenhagen ,4% Catania ,4% Bucharest BBU ,1% Madrid ,3% Timisoara ,4% Milan MXP ,3% Lamezia Terme ,9% Munich ,0% Stuttgart ,3% Amsterdam ,7% Moscow ,0% Naples ,3% Prague ,9% Palermo ,4% Atlanta ,0% Zurich ,7% Hamburg ,5% New York JFK ,1% Athens ,9% Paris ORY ,3% Düsseldorf ,0% Brussels ,0% Leeds Bradford ,6% East Midlands ,0% Brindisi ,8% Cagliari ,3% Bucharest OTP ,2% Cologne ,6% Reggio Calabria ,3% Bari ,5% Tirana ,0% Vienna ,4% Warsaw ,6% Bristol ,4% Istanbul ,0% London LHR ,0% Geneva ,1% Berlin TXL ,3% Trapani ,7% Dublin ,0% Alghero ,1% Olbia ,4% Oslo ,0% Lisbon ,5% Helsinki ,6% Others ,9% TOTALE ,3% DESTINAZIONI Berlino Bourdeaux Casablanca Casablanca Dubai Lille Lipsia Madrid Malta Manchester Manchester Marrakech Marsiglia Munster-Osnabruk Nancy Metz Sofia VETTORI EASYJET MYAIR ROYAL AIR MAROC MYAIR EMIRATES AIRLINES MYAIR HPAG LLOYD EXPRESS VUELING AIR MALTA JET2.COM THOMSONFLY MYAIR MYAIR HPAG LLOYD EXPRES MYAIR MYAIR Fonte: SAVE database 15

16 Gestione Aeroportuale Azioni L obiettivo principale di SAVE è quello di incrementare i volumi di traffico passeggeri Incrementare le destinazioni point-to-point disponibili dall Aeroporto Marco Polo e dall Aeroporto Canova di Treviso, rafforzando in particolar modo i collegamenti con il bacino del Mediterraneo; Incrementare il numero di collegamenti tra Venezia e i più importanti hub Europei; Incrementare il numero di collegamenti intercontinentali (il 1 luglio 2007 verrà avviato un nuovo volo di linea per Dubai con il vettore Emirates) con particolare attenzione alle destinazioni del Sud Est asiatico; Sviluppare nuove rotte nazionali in particolar modo nelle direttrici da est a ovest e da nord a sud; Incrementare il numero di passeggeri in transito, attraverso il consolidamento della posizione dell Aeroporto Marco Polo come hub nazionale alternativo per i passeggeri provenienti dal sud Italia ; Acquisire altre Società di gestione aeroportuale operanti in Italia e all estero (in particolare nell Europa Centrale, nell Europa dell Est e nei paesi che si affacciano sul Mediterraneo) Punti di forza e opportunità Ottimo track-record in termini di crescita percentuale del traffico e significative prospettive di crescita future (senza alcun vincolo ambientale); Rilevante catchment area ; Tipologia di traffico ben diversificata (per tipologia di vettore, per destinazione, per motivazione di viaggio, etc); Basso livello di investimenti necessari nel medio termine; 16

17 Sezione 3 Gestione delle infrastrutture di mobilità (SBU2) 17

18 Gestione delle Infrastrutture di mobilità mln 40,0 30,0 20,0 10,0 Dati Finanziari SBU2* milioni 2004 % 2005 % 2006 % Var% 06/05 Ricavi operativi e altri proventi 21,5 100% 24,8 100% 26,4 100% 6,5% EBITDA 2,3 10,6% 2,9 11,9% 4,7 17,7% 58,8% 0,0 Ricavi operativi e altri proventi EBITDA EBIT EBIT -0,4-1,9% 0,2 0,8% 1,5 5,5% 617,0% * Inclusi i risultati Intercompany Breakdown dei Ricavi SBU2 FY05 Altri Ricavi 9% Engineering 5% Attività Commerciali 41% Breakdown dei Ricavi SBU2 FY06 Altri Ricavi 10% Engineering 4% Attività Commerciali 44% Facility Management 45% Facility Management 42% 18

19 Gestione delle Infrastrutture di mobilità Centostazioni: Struttura della Proprietà Partner Pubblico 60% 40% Società di Gestione 60% Archimede 1 Partner Privato 40% Altri Key figures 21 stazioni ristrutturate (dati aggiornati al 31 Dicembre 2006); Attualmente, sono in corso attività di ristrutturazione presso ulteriori 29 stazioni (dati aggiornati al 31 Dicembre 2006); mq totali ad oggi a reddito; mq totali (fabbricati di stazione) a reddito al termine delle attività di ristrutturazione; 188,9 milioni di investimenti totali previsti (dei quali 59,8 milioni dovranno essere effettuati da parte di Centostazioni); 83,6 milioni investimenti effettuati fino ad oggi (dei quali 37,8 milioni effettuati da parte di Centostazioni dati aggiornati al 31 Dicembre 2006) Struttura di Conto Economico Ricavi Costi Gestione Commerciale Facility management Engineering Riaddebito dei costi + 6% 10% fee su investimenti Affitti; Fees; Royalties di mark up gestiti 40% Ricavi retrocessi a Costi di Facility Costo del Lavoro etc.. RFI Management Costi di Struttura Rimborso dei costi, fees, tariffe professionali Contratti di Affitto Modello di Business Partners Commerciali e Altri Partners 40% degli affitti Royalties e Affitti 19

20 Gestione delle Infrastrutture di mobilità Metri quadri adibiti ad attività commerciale Revenues per Square meters mq CAGR: +25,7% CAGR: +22.6% I ricavi al mq si sono incrementati dai 190 nel 2004 ai 233 nel 2006 Il valore dei ricavi è cresciuto grazie a: Una migliore attrattività delle stazioni; La massimizzazione nell utilizzo delle aree commerciali disponibili; Primi risultati del modello di Value Creation Example of 9 refurbished railway station Total 9 Station* Before Refurbishment After Refurbishment Delta % Commercial Square metres 3,967 7,435 87% No. Of Shops % Revenues % La crescita in termini di efficienza e profittabilità di una stazione ferroviaria, dopo la sua ristrutturazione, viene evidenziata dal rilevante incremento di: - ricavi - ricavi al mq Revenues per sqm % * Brescia, Milano Lambrate, Roma Ostiense, Roma Trastevere, Treviso, Modena, Parma, Reggio Emilia, Udine 20

21 Gestione delle Infrastrutture di mobilità L obiettivo è quello di trasformare la stazione ferroviaria in un luogo di aggregazione qualificato, aumentando il numero dei frequentatori, viaggiatori e visitatori attraverso lo sviluppo e la ristrutturazione delle aree commerciali sulla base di progetti predisposti da parte dei migliori architetti internazionali Azioni Acquisire nuove posizioni competitive anche nell ambito della gestione di altre infrastrutture di mobilità quali i complessi autostradali; Aumentare la presenza di SAVE in Archimede 1 (attualmente detiene il 40% del Capitale Sociale di Centostazioni); Rilevare la quota di partecipazione di FS Holding (Gruppo Ferrovie dello Stato) in Centostazioni; Punti di forza e opportunità Concessione esclusiva quarantennale (scadenza 2042); Localizzazione privilegiata dei complessi immobiliari nelle principali città italiane; Basso livello di rischio del business; Elevati margini realizzabili a seguito di limitati interventi di ristrutturazione e valorizzazione commerciale; Reale opportunità di incremenare in futuro la quota di partecipazione in Centostazioni; 21

22 Sezione 4 Food & Beverage e Retail (SBU3) 22

23 Food & Beverage e Retail mln 150,0 100,0 50,0 Dati Finanziari SBU3* milioni 2004 % 2005 % 2006 % Var% 06/05 Ricavi operativi e altri proventi 44,0 100% 49,0 100% 102,5 100% 109,4% EBITDA 3,6 8,2% 4,4 9,0% 8,4 8,2% 90,4% 0,0 Ricavi operativi e altri proventi EBITDA EBIT EBIT 2,1 4,8% 2,7 5,5% 4,4 4,3% 62,6% Inclusi i risultati Intercompany. Il Gruppo Airest è stato consolidato a partire dal 2Q2006. Ristop è stata consolidata a partire dal 4Q : ACQUISIZIONI Il Gruppo SAVE ha acquisito: il 100% di AIREST da Austrian Airlines e il 100% di RISTOP dalla Società Autostrada Brescia - Padova Un business in crescita che nel 2006, a seguito dell acquisizione di AIREST, ha oltrepassato i confini nazionali. 23

24 Nuove Acquisizioni 24

25 Food & Beverage e Retail Airest informazioni sull acquisizione 7 Aprile 2006: Il Gruppo SAVE ha acquisito da Austrian Airlines il 100% del Capitale Sociale di Airest Prezzo di acquisto: 25,7 milioni (100% del Capitale Sociale di Airest) Struttura finanziaria dell acquisizione: 14 milioni, debito bancario della SPV austriaca utilizzata per l acquisizione 1,12 D/E ratio della SPV austriaca utilizzata per l acquisizione 1 Marzo 2006: Il Gruppo SAVE cede al Gruppo DO.&CO. (quotato alla Borsa di Vienna), il ramo d azienda di Airest relativo alle attività di Airline Catering, Business Catering, e Event Catering. L operazione è avvenuta mediante la cessione del 100% di Airest e il contestuale riacquisto del ramo d azienda relativo al Terminal Catering e Retail e pari a 11,5 milioni di. Il prezzo pagato da DO. & CO. per il 100% di Airest è pari a circa 33,8 milioni di, mentre il prezzo di riacquisto del ramo d azienda relativo al Terminal Catering e Retail è pari a 11,5 milioni di. Ristop informazioni sull acquisizione 9 Maggio 2006: Il Gruppo SAVE ha acquisto il 100% dalla Società Autostrada Brescia Padova il 100% del Capitale Sociale di Ristop Prezzo di acquisto: 50% del Capitale Sociale di Ristop al valore complessivo di 21 milioni 50% del Capitale Sociale di Ristop attraverso un aumento di capitale di Airport Elite riservato agli attuali azionisti di Ristop, rappresentati dalla Società Autostrada Brescia-Padova Spa A seguito dell acquisizione, la Società Autostrada Brescia-Padova Spa, detiene il 13,5% del Capitale Sociale di Airport Elite. Struttura dell Acquisizione: il 50% del Capitale Sociale di Ristop è finanziato attraverso un debito bancario Pari a 21 milioni 25

26 Food & Beverage e Retail Distribuzione dei punti vendita nel mondo Shanghai Italia 6 Aeroporti (Venezia, Treviso, Catania, Olbia, Bari, Verona); 11 Stazioni Ferroviarie (Termini, Milano Rogoredo, Milano Lambrate, Milano P.ta Garibaldi (2),Pescara, Cremona, Brescia, Novara, Catania, Trieste); 1 Porto (Genova); Autostrade; Centri Commerciali, centri direzionali e di intrattenimento (Milano, Verona, Brescia, Mantova, Padova, Ferrara). Austria 5 Aeroporti (Vienna, Linz, Graz, Salzburg, Klagenfurt) Slovakia 1 Aeroporto (Bratislava) Slovenia 1 Aeroporto (Ljubljana) Italy Austria Slovenia - Slovacchia Resto d Europa SBU 3: Punti Vendita per canale Canali Aeroporti 77 Autostrade 21 Centri Commerciali e Centri Direzionali 14 Punti Vendita Rep. Popolare Cinese 1 Stazione Ferroviaria (Shanghai) Porti 3 Stazioni Ferroviarie 13 Totale 128 Dati aggiornati al 5 aprile

27 Food & Beverage e Retail Il Gruppo Save intende sviluppare l attività nel settore F&B e Retail intensificando la sua presenza presso nuove infrastrutture di mobilità e rafforzandola in quelle attualmente gestite Azioni Apertura di nuovi punti vendita presso le stazioni ferroviarie; Partecipazione a gare per l aggiudicazione delle concessioni presso la rete autostradale; Acquisizione di piccole medie imprese attive nel settore del food and beverage e retail presso infrastrutture di mobilità. Punti di forza Eccellente esperienza nella gestione dei punti vendita dell Aeroporto di Venezia; Significative opportunità di sviluppo presso le infrastrutture di mobilità gestite dal Gruppo SAVE; Il Gruppo SAVE è diventato un attore di riferimento nell ambito delle aree di business gestite; I modelli di business applicati richiedono un basso livello di investimenti e generano elevate economie di scala. 27

28 Sezione 5 Dati finanziari 28

29 Dati finanziari Conto Economico (consolidato) milioni Ricavi operativi e altri proventi 155,3 166,0 225,2 crescita (%) 6,9% 35,6% EBITDA 47,0 47,5 53,7 EBITDA (%) 30,3% 28,6% 23,9% EBIT 18,4 24,3 30,5 EBIT (%) 11,8% 14,6% 13,5% Tax rate 65,0% 51,9% 52,9% Utile netto di Gruppo 4,9 11,0 16,6 Utile netto di Gruppo (%) 3,2% 6,6% 7,4% Stato Patrimoniale (consolidato) milioni Capitale Circolante Netto 18,6 5,9 (4,0) Immobilizzazioni Nette 227,5 345,9 463,5 TFR, Fondo Rischi, rinn. Beni grat. E imposte diff. (19,5) (20,6) (31,1) Attività e Passività non finanziarie nette cessate/destinate a essere cedute 13,7 Capitale Investito Netto 226,5 331,2 442,2 Patrimonio Netto 90,7 243,8 316,9 Posizione Finanziaria Netta 135,9 87,4 125,3 D / E 1,50 0,36 0,40 29

30 Dati finanziari: Conto Economico per SBU Conto Economico (SBU1) milioni Totale Ricavi operativi e altri proventi 95,4 98,2 103,4 crescita (%) 3,0% 5,2% EBITDA 41,1 40,1 40,6 EBITDA (%) 43,1% 40,8% 39,3% Conto Economico (SBU2) milioni Totale Ricavi operativi e altri proventi 21,5 24,8 26,4 crescita (%) 15,6% 6,5% EBITDA 2,3 2,9 4,7 EBITDA (%) 10,6% 11,9% 17,7% Conto Economico (SBU3) milioni Totale Ricavi operativi e altri proventi 44,0 49,0 102,5 crescita (%) 11,4% 109,4% EBITDA 3,6 4,4 8,4 EBITDA (%) 8,2% 9,0% 8,2% 30

31 Dati Finanziari: Breakdown Breakdown dei Ricavi per SBU milioni Breakdown EBITDA per SBU milioni 150,0 100,0 98,2 103,4 102,5 50,0 40,0 30,0 40,1 40,6 50,0 24,8 26,4 49,0 20,0 10,0 2,9 4,7 4,4 8,4 0,0 Gestione Aeroportuale Infrastrutture F&B e Retail 0,0 Gestione Aeroportuale Infrastrutture F&B e Retail Cash Flow e Posizione Finanziaria Netta: FY2006 Euro mln 0 Cash Flow Consolidato al 31 Dicembre 2006 ( /mln) 42,4 Gross Cash Flow + D nwc Investimenti (63,2) (9,9) Dividendi Azioni Proprie +Altro (7,1) (37,8) (+) Posizione Finanziaria Netta Euro mln 0 PFN Consolidata al 31 Dicembre 2006 ( /mln) 87,4 PFN ,9 Rimborso debiti finanziari 8,5 Delta Cassa (Aumento/Riduzione) (2,5) Attività/passivi tà fin. Nette Cessate destinate a essere cedute 125,3 PFN

32 Disclaimer Questo documento (il Documento ) è stato predisposto dall Aeroporto di Venezia Marco Polo S.p.a. - SAVE ("SAVE") e non può essere riprodotto e distribuito direttamente o indirettamente ad altri soggetti per scopi differenti. Il Documento non costituisce un offerta e/o un invito all acquisto ed alla sottoscrizione di azioni SAVE. Le informazioni contenute nel Documento non sono state oggetto di verifica indipendente. Nonostante il Documento sia stato predisposto adottando tutte le necessarie cautele per una corretta rappresentazione dei dati, SAVE, i suoi amministratori, dipendenti e collaboratori non prestano alcuna garanzia, esplicita o implicita circa la veridicità, l accuratezza e la completezza delle informazioni ivi contenute, declinando espressamente ogni responsabilità al riguardo. Il Documento contiene indicazioni sulle prospettive future dell azienda che riflettono le attuali opinioni e previsioni del Management. Qualsiasi indicazione sul futuro dell azienda è da considerarsi quale stima e previsione, ed è stata elaborata sulla base delle informazioni disponibili, delle più affidabili stime attuali e/o di assunzioni considerate ragionevoli. I suddetti dati, stime, previsioni ed assunzioni possono rivelarsi incompleti e/o errati e incorporano numerosi elementi di rischio e incertezza che sono al di fuori del controllo di SAVE. Questo Documento e ogni parte o copia di esso non possono essere trasmessi o distribuiti negli Stati Uniti ed a soggetti che sono US Person secondo la definizione contenuta nella Regulation S del Securities Act, come successivamente modificato. Il Documento e ogni parte o copia di esso non possono inoltre essere trasmessi o distribuiti in Canada, Giappone e Australia ed ai soggetti ivi residenti. Qualsiasi omissione può costituire una violazione delle leggi dei paesi indicati e SAVE non potrà essere ritenuta responsabile. La trasmissione e distribuzione del Documento in altre giurisdizioni diverse da quelle sopra indicate potrebbe essere soggetta a delle limitazioni e si ritiene che i soggetti che ne venissero in possesso ne siano perfettamente consapevoli. In caso di tali violazioni, SAVE non potrà essere ritenuta responsabile. Prendendo visione del Documento, ciascun soggetto accetta quanto sopra menzionato. 32

33 SAVE Spa Aeroporto M. Polo di Venezia Per ulteriori informazioni: Investor Relations Gruppo SAVE Tel: ; Fax:

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN **

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN ** Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. approva il Bilancio Consolidato Intermedio al 31 marzo 2015: Traffico passeggeri in crescita del 4,5% nel primo trimestre

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo del Trasporto Ferroviario e dell Alta Velocità in Italia Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo della mobilità in treno: i grandi corridoi europei La rete TEN (Trans European Network) gioca un ruolo

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY)

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) 15.11.2013 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti finanziari

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario 9 Signori azionisti, il 2005 è stato per Manutencoop Facility Management S.p.A. un anno di particolare impegno: il completamento delle

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

Compensazione dei crediti nei confronti della Pubblica Amministrazione con debiti tributari definiti in fase contenziosa o precontenziosa

Compensazione dei crediti nei confronti della Pubblica Amministrazione con debiti tributari definiti in fase contenziosa o precontenziosa CMS_LawTax_CMYK_28-100.eps Newsletter Compensazione dei crediti nei confronti della Pubblica Amministrazione con debiti tributari definiti in fase contenziosa o precontenziosa 3 aprile 2014 INDICE Premessa

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

APPENDICE A. DATI CLIMATICI

APPENDICE A. DATI CLIMATICI APPENDICE A. DATI CLIMATICI A.1 Temperature esterne invernali di progetto UNI 5364 Torino -8 Reggio Emilia -5 Alessandria -8 Ancona -2 Asti -8 Ascoli Piceno -2 Cuneo -10 Macerata -2 Alta valle cuneese

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

al 31.12.2013 al 31.12.2013 Consiglio di Amministrazione Collegio Sindacale Giada GRANDI Bruno FILETTI Luca MANTECCHINI Fabio RANGONI

al 31.12.2013 al 31.12.2013 Consiglio di Amministrazione Collegio Sindacale Giada GRANDI Bruno FILETTI Luca MANTECCHINI Fabio RANGONI 2 Consiglio di Amministrazione al 31.12.2013 Giada GRANDI Presidente Bruno FILETTI Luca MANTECCHINI Fabio RANGONI Giorgio TABELLINI Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere Collegio Sindacale al

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Vorrei un inform@zione

Vorrei un inform@zione Touring Club Italiano Vorrei un inform@zione Come rispondono gli uffici informazioni delle destinazioni turistiche italiane e straniere Dossier a cura del Centro Studi TCI Giugno 2007 SOMMARIO Alcune premesse

Dettagli

Relazione finanziaria annuale 2013

Relazione finanziaria annuale 2013 Relazione finanziaria annuale 2013 (Pagina lasciata bianca intenzionalmente) 1 2 (Pagina lasciata bianca intenzionalmente) Indice 1. Introduzione... 5 Principali dati economico-finanziari consolidati...

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

ALLAN LAPORTE Staff - Tax Compliance. certified public accountants tax & financial advisors. allan.laporte @funaro.com. www.funaro.

ALLAN LAPORTE Staff - Tax Compliance. certified public accountants tax & financial advisors. allan.laporte @funaro.com. www.funaro. certified public accountants tax & financial advisors www.funaro.com certified public accountants tax & financial advisors CHI SIAMO Funaro & Co. è uno studio di Certified Public Accountants e Dottori

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Primo Rapporto Annuale al Parlamento

Primo Rapporto Annuale al Parlamento Primo Rapporto Annuale al Parlamento Camera dei Deputati 16 luglio 2014 Indice Generale Premessa 3 Capitolo primo - Dati economici e problemi regolatori 4 Capitolo secondo - L attività dell Autorità 123

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania)

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Business Plan KIG RE - DIOMA Valore acquisizioni immobiliari, gestione, sviluppo e ricollocazione assets immobiliari della società veicolo di investimento

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION The Italian Think Tank UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION Vision propone un nuovo modello di ranking multi-dimensionale che mette a confronto le università italiane sulla base di cinque parametri

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A.

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. Decorrenza 3 Gennaio 2011 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. 1. Obiettivo Nel rispetto della direttiva 2004/39/CE

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO Informazioni Societarie Fondazione Prada Largo Isarco 2 20139 Milano, Italia P.IVA e codice fiscale 08963760965 telefono +39.02.56662611 fax +39.02.56662601 email: amministrazione@fondazioneprada.org TERMINI

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Avvocati nella stanza dei bottoni

Avvocati nella stanza dei bottoni Maggio 2007 Avvocati nella stanza dei bottoni L evoluzione del ruolo del General Counsel nelle principali società italiane 2 Avvocati nella stanza dei bottoni spencer stuart Fondata nel 1956, SpencerStuart

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

La Real Solving Group nasce dall esperienza internazionale nel settore del problem solving con particolare propensione al facility menagement.

La Real Solving Group nasce dall esperienza internazionale nel settore del problem solving con particolare propensione al facility menagement. La Real Solving Group nasce dall esperienza internazionale nel settore del problem solving con particolare propensione al facility menagement. Alla base del progetto vi è l offerta alla necessità delle

Dettagli

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 La spesa complessiva

Dettagli

Una holding per sviluppare sinergie Pag. 1. Il Gruppo e le sue attività Pag. 2. La filosofia della holding Pag. 4

Una holding per sviluppare sinergie Pag. 1. Il Gruppo e le sue attività Pag. 2. La filosofia della holding Pag. 4 DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA Una holding per sviluppare sinergie Pag. 1 Il Gruppo e le sue attività Pag. 2 La filosofia della holding Pag. 4 Contact: Barabino & Partners Claudio Cosetti c.cosetti@barabino.it

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PROROGATE LE OFFERTE VINCOLANTI DI GALA HOLDING S.R.L. AD EEMS ITALIA S.P.A. E DI GALA S.P.A. A SOLSONICA S.P.A.

COMUNICATO STAMPA PROROGATE LE OFFERTE VINCOLANTI DI GALA HOLDING S.R.L. AD EEMS ITALIA S.P.A. E DI GALA S.P.A. A SOLSONICA S.P.A. COMUNICATO STAMPA PROROGATE LE OFFERTE VINCOLANTI DI GALA HOLDING S.R.L. AD EEMS ITALIA S.P.A. E DI GALA S.P.A. A SOLSONICA S.P.A. Le offerte sono parte del più ampio progetto d integrazione tra il Gruppo

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity Con il patrocinio di: Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity O.M.Baione, V.Conca, V. Riccardi 5 luglio 2012 Sponsor: Tipologia d indagine Interviste dirette e questionari inviati

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

IRAQ Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2015

IRAQ Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2015 IRAQ Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2015 1 INDICE : 1. Analisi del quadro socio-economico 1.a Principali indicatori economici 1.b Principali indicatori sociali e demografici 2. Analisi del

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

20 novembre 2013. Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione

20 novembre 2013. Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione 20 novembre 2013 Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione PRINCIPALI INTERVENTI SU GOMMA PREVISTI NELLA REGIONE URBANA MILANESE La rete in gestione:

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

PROGETTO PEOPLE MOVER BOLOGNA RELAZIONE AL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO

PROGETTO PEOPLE MOVER BOLOGNA RELAZIONE AL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO PROGETTO PEOPLE MOVER BOLOGNA RELAZIONE AL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO 1. IL PROGETTO... 4 2. PIANO ECONOMICO FINANZIARIO... 4 2.1 Introduzione... 4 2.2 Assunzioni Generali... 5 2.3 Piano Finanziario...

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 documento redatto sulla base del questionario CIO Candidature Acceptance Procedure Games of the XXXI Olympiad 2016 PREMESSA ESTRATTO

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

PRESENTAZIONE Small Cap Conference 20 Novembre 2014. @MailUp @MailUp_US www.mailup.com

PRESENTAZIONE Small Cap Conference 20 Novembre 2014. @MailUp @MailUp_US www.mailup.com PRESENTAZIONE Small Cap Conference 20 Novembre 2014 @MailUp @MailUp_US www.mailup.com CHE COSA FA MAILUP MailUp è una società tecnologica che ha sviluppato una piattaforma digitale di cloud computing (Software

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA Enel Produzione SpA Concorso nazionale Le buone pratiche sulla manutnzione sicura Campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri 2010-2011 Napoli, 27 Ottobre 2011 Villa Colonna Bandini Stefano Di Pietro Responsabile

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

INTELLIGENT TRANSPORT SYSTEMS IN SOUTH EAST EUROPE

INTELLIGENT TRANSPORT SYSTEMS IN SOUTH EAST EUROPE Progetto SEE-ITS in breve SEE-ITS è un progetto transnazionale che mira a stimolare la cooperazione, l'armonizzazione e l'interoperabilità tra Sistemi di Trasporto Intelligenti (ITS) nel Sud-Est Europa.

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BORSA

INTRODUZIONE ALLA BORSA INTRODUZIONE ALLA BORSA Informazioni guida per gli insegnanti delle scuole superiori CHE COSA È LA BORSA? Una piazza, dove avviene la compravvendita di titoli. La determinazione delle quotazioni è di solito

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE PER L ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 2015

PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE PER L ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 2015 PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALEE PER L ESERCI IZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 20155 PAGINA BIANCA PAGINA BIANCA RATTI S.p.A. Sede in Guanzate (Como) Via Madonna, 30 Capitale Sociale

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (IN VIGORE DAL 1 DICEMBRE 2014) INDICE POLITICA... 1 1 DISPOSIZIONI

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

Visti gli articoli 1, 4, comma 4, e 6 della legge 15 marzo 1997, n. 59, come modificati dall'articolo 7 della legge 15 maggio 1997, n.

Visti gli articoli 1, 4, comma 4, e 6 della legge 15 marzo 1997, n. 59, come modificati dall'articolo 7 della legge 15 maggio 1997, n. Decreto legislativo 19 novembre 1997, n.422 Conferimento alle regioni ed agli enti locali di funzioni e compiti in materia di trasporto pubblico locale, a norma dell'articolo 4, comma 4, della legge 15

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli