Idroponica per tutti. HydroScope. Dello stesso autore. Hydroponics for Everybody, All about Home Horticulture

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Idroponica per tutti. HydroScope. Dello stesso autore. Hydroponics for Everybody, All about Home Horticulture"

Transcript

1 Dello stesso autore Hydroponics for Everybody, All about Home Horticulture (English Edition, Mama Editions, 2013, 2014, 2015) L Hydroponie pour tous, Tout sur l horticulture à la maison (French Edition, Mama Editions, 2013, 2014, 2015) Idroponica per tutti HydroScope Hydroponik leicht gemacht, Alles über Pflanzenanbau im Haus (German Edition, Mama Editions, 2013, 2014, 2015) Hidroponía para todos, Todo sobre la horticultura en casa (Spanish Edition, Mama Editions, 2013, 2015) Гидропоника для всех, Всё о Cадоводство на дому, (Russian Edition, Mama Editions, 2013, 2015) Hydroponie pro každého, Vše o domácím zahradnictví (Czech Edition, Mama Editions, 2013, 2015) Hydrocultuur voor iedereen, Alles over thuiskweken (Dutch Edition, Mama Editions, 2015)

2 WILLIAM TEXIER Idroponica per tutti TUTTO SULL ORTICOLTURA DOMESTICA Traduzione: Alessia Fisichella Illustrazioni: Loriel Verlomme Copyright Mama Editions (2015) Tutti i diritti riservati per tutti i paesi ISBN HydroScope: ideato e prodotto da Tigrane Hadengue Mama Editions, 7 rue Pétion, Paris (France) Mama editions

3 L idroponica è un metodo di coltivazione artificiale ma non innaturale, basato sugli stessi principi che la natura ha stabilito per la vita. William F. Gericke Fondatore dell idroponica moderna

4 Ringraziamenti Desidero ringraziare tutti quelli che mi hanno aiutato a scrivere questo libro, con la revisione e la correzione del mio inglese un po strano, Hilaria, Lani e Cal, Fred e Alix. Un ringraziamento speciale a Noucetta, mia moglie, amica e complice da tanto tempo. E naturalmente non posso dimenticare i miei cari amici Lawrence Brooke, con il quale l avventura è iniziata e continua, e Cal Herrmann, che mi ha insegnato quel poco di chimica che so. Voglio dedicare questo libro anche a tutti voi che coltivate e amate le piante.

5 William texier Idroponica per tutti Sommario Introduzione 15 Cenni storici I vantaggi: perché scegliere l idroponica...22 I limiti dell idroponica Capitolo 1 I diversi sistemi idroponici 33 Sistemi passivi...33 Flood and Drain...36 Nutrient Film Technique (NFT) Deep Flow Technique (DFT)...44 Sistemi a gocciolamento...44 Aero-idroponica Pompe ad aria Pompe a immersione Vortex...52 Aeroponica...55 Coltivazioni verticali...56 Deep Water Cultivation (DWC)...58 L idroponica del futuro Quale scegliere?...62 Capitolo 2 Substrati idroponici 67 Caratteristiche comuni...67 Substrati inorganici...70 Lana di roccia e lana di vetro...70 Pietre laviche Pomice Perlite...72 Vermiculite...72 Ghiaia...72 Sabbia...74 Argilla espansa...74 Substrati organici...76 Torba...76 Fibra di cocco...76 Segatura...78 Altri tipi di substrato Mix per colture senza suolo Acqua Capitolo 3 La soluzione nutritiva: l acqua, i nutrienti e la filtrazione 85 L acqua...85 ph Alcalinità Durezza Salinità Filtrazione e trattamenti...91 Osmosi inversa...92 Filtri UV...94 Filtri a sabbia...94 Filtri biologici...94 Filtri al carbone attivo...95 Filtri in ceramica...95 I nutrienti...95 Tabella: il ruolo di ogni elemento Capitolo 4 Gestire la soluzione nutritiva 103 Temperatura ph Tabella relativa all assorbimento Conducibilità elettrica Tabella relativa alla conducibilità elettrica espressa in ms/cm Sostituire la soluzione Qualche consiglio di base Capitolo 5 Tutte le fasi della coltivazione idroponica 115 Semina Piante madri Talee Fase vegetativa Fioritura e fruttificazione Raccolta Coltivare per raccogliere i semi Coltivazioni outdoor Capitolo 6 La grow room 127 Ambiente Umidità Aerazione CO Ioduri metallici (MH) Sodio ad alta pressione (HPS) LED (diodo a emissione luminosa) Lampade al plasma Odori Capitolo 7 Carenze, infestazioni e altro 149 Carenze Tabella degli elementi mobili, immobili e semimobili Tabella dei sintomi di carenze/eccessi Infestazioni nelle coltivazioni indoor Parassiti della parte aerea Tetranichidi Afidi Tisanotteri Mosche bianche Muffe Funghi Parassiti dell apparato radicale Afidi delle radici Nematodi Moscerini dei funghi Muffe Funghi Capitolo 8 Additivi: più vigore all idroponica 167 Silice Umati Stimolanti a base di estratti vegetali Ormoni Estratti di alghe Funghi e batteri Estratto di vermicompost Perossido di idrogeno Pastiglie di CO Enzimi Micorriza Capitolo 9 L idroponica può essere biologica? La bioponia 183 Conducibilità elettrica ph Filtrazione Conclusione 191 Allegato 1 Galleria fotografica 195 Allegato 2 Normative ed etichette 209 Obblighi di legge Concimi minerali Concimi organo-minerali Concimi organici Il marchio Ecolabel Informazioni al consumatore Quello che l etichetta ci dice Quello che l etichetta non ci dice Quello che si legge in realtà sull etichetta In breve Allegato 3 Conversione unità di misura 213 Allegato 4 Bibliografia 215 Indice Analitico 219 HydroScope

6

7 Idroponica per tutti Introduzione Sul dizionario Webster la parola idroponica viene definita in modo molto sintetico come Tecnica di coltivazione delle piante fuori terra, in una soluzione a base di acqua e sostanze nutritive : in poche parole, l idroponica consiste proprio in questo. Se la pratichiamo nel modo giusto, con questo tipo di coltivazione possiamo ottenere frutti, erbe e ortaggi più buoni e più nutrienti, riducendo inoltre l impatto ambientale rispetto alle tradizionali coltivazioni in suolo. Con questo libro vorrei aiutarvi a imparare come si fa, condividendo con voi molte delle informazioni che ho raccolto nel corso della mia vita praticando la coltivazione idroponica. Più cose apprenderete, migliori saranno i risultati che potrete ottenere. Io cercherò di fare del mio meglio e vi spiegherò man mano tutti i termini e i concetti nuovi, insegnandovi come applicarli. Esistono due sistemi per coltivare le piante in acqua: uno prevede l immersione delle radici in una soluzione nutritiva; l altro si basa sull uso di un substrato inerte, senza fare uso di terra. In alcune lingue il termine idroponica si riferisce solo alla coltivazione in soluzione acquosa, mentre la coltivazione in substrato inerte viene detta senza suolo. Più avanti tratteremo entrambi i metodi. I principi fondamentali dell idroponica sono molto semplici, direi quasi elementari: bisogna mantenere la soluzione nutritiva a una temperatura opportuna e ossigenarla, fornendo alla pianta tutti i nutrienti di cui ha bisogno. L ossigenazione è la fase più importante di tutto il procedimento: affinché il sistema idroponico funzioni, l acqua deve mantenersi costantemente satura di ossigeno. Quando sarete riusciti a ricordare questa regola, potrete quasi sbarazzarvi di questo libro! È un punto estremamente importante e torneremo più volte sull argomento. La parola idroponica deriva dal greco: è composta da idros, che significa acqua e da ponos, che significa lavoro. Possiamo tradurla come acqua che lavora, lavorare con l acqua o lavoro dell acqua, ma in ogni caso il concetto espresso è piuttosto chiaro. Idroponica non si riferisce a una sola tecnica ma comprende tecniche diverse che verranno illustrate in seguito. Purtroppo bisogna dire che in questa categoria sono incluse anche tecniche mediocri, capaci di danneggiare gravemente l ambiente, fare spreco di acqua e produrre alimenti di bassa qualità, sia in termini di sapore che di valore nutrizionale. Forse i prodotti idroponici che avete trovato al supermercato erano pomodori privi di sapore e rose senza alcun profumo, e potreste avere concluso che si tratti di tecniche innaturali e inquinanti, che servono esclusivamente a ottenere quantità industriali di cose a stento commestibili. Se così fosse, non sarebbe certo colpa vostra. Anzi, purtroppo avreste anche ragione. I processi che portano ad avere prodotti di quel genere creano anche una quantità gigantesca di rifiuti, vecchi teli pacciamanti di plastica, blocchi di lana di roccia consumata e molti altri materiali indesiderati, nessuno dei quali è biodegradabile. 15

8 William texier Idroponica per tutti Fortunatamente l idroponica può offrire molto di più. Cercherò di guidarvi per tenervi lontani da certe pratiche grossolane. Prima di tutto cominciamo a distinguere tra sistemi a ciclo aperto e a ciclo chiuso. La maggior parte degli impianti commerciali si basa su semplici sistemi a ciclo aperto, in cui le piante crescono su lastre di lana di roccia e vengono irrorate con una soluzione nutritiva messa in circolo più volte al giorno (la frequenza delle erogazioni dipenderà dalla temperatura dell ambiente). Il 25 o 30% della soluzione erogata sarà drenato e disperso nell ambiente dopo ogni irrigazione, per evitare accumuli salini nel substrato. Questa tecnica, sebbene sia seriamente dannosa per l ecosistema e abbia contribuito alla cattiva reputazione dell idroponica, è ancora molto usata perché particolarmente economica. Molti coltivatori la usano in ambito commerciale per contenere i costi di produzione e proporre prezzi competitivi sul mercato. Le disposizioni più recenti comunque obbligano a smaltire correttamente le acque di scarico o a trattarle in modo che possano essere rimesse in circolo. Nei sistemi a ciclo chiuso si fa circolare la soluzione nutritiva dal serbatoio alle colture e poi nuovamente verso il serbatoio. Poiché l acqua in circolo viene interamente assorbita ed emessa per traspirazione dalla pianta, il consumo d acqua è più efficiente; inoltre con il ricircolo si evita il rischio di inquinamento del suolo e delle falde acquifere per colpa dei nutrienti che, diversamente, verrebbero liberati negli scarichi. Questi sono i sistemi che molto probabilmente troverete presso i rivenditori specializzati (i grow shop) perché, essendo quelli che meglio si adattano a grow room di diverse dimensioni, sono i più richiesti sul mercato. I sistemi a ciclo chiuso permettono di risolvere il problema dello spreco di acqua ma non sono comunque esenti da problemi. La qualità delle colture può risultare scadente anche in un sistema a ciclo chiuso. Dobbiamo considerare inoltre il problema della nutrizione della pianta; nelle produzioni di tipo commerciale capita spesso che i coltivatori non provvedano correttamente alla nutrizione per motivi di tipo economico. Tuttavia, per ottenere prodotti ricchi di sapore, è necessario fornire alle piante tutti gli elementi nutritivi di cui hanno bisogno, in una forma assimilabile dalle radici. Di questo parleremo in uno dei prossimi capitoli. Un altra causa della bassa qualità dei prodotti idroponici in commercio è la scelta delle varietà di piante coltivate su larga scala, scelta che di solito privilegia l aspetto esteriore e la possibilità di maneggiare facilmente i prodotti. Per esempio, le cultivar di pomodoro vengono selezionate in modo che i frutti siano omogenei fra loro sia per colore che per dimensioni e che, quando vengono messi in vendita, sia facile manipolarli senza inconvenienti. Nessuno di questi criteri riguarda il sapore e il valore nutrizionale. Eppure, se scegliete una varietà buona quanto la migliore pianta di pomodori che avete in giardino, la inserite in un sistema idroponico e la nutrite in modo adeguato, potrete avere risultati sorprendenti: i pomodori saranno deliziosi, la crescita sarà più veloce e la produttività sarà maggiore rispetto a una coltura in suolo. Grazie alla mia esperienza posso assicurarvi che i risultati saranno simili con quasi tutte le piante. Cosa distingue ciò che possiamo chiamare idroponica da ciò che non lo è? Talvolta il confine è molto sottile. Affinché un sistema di coltivazione possa essere definito idroponico, deve possedere due requisiti: primo, le radici devono ricevere i nutrienti attraverso l acqua di irrigazione; secondo, il substrato, se presente, deve essere inerte e fungere solo da supporto fisico. Può essere eventualmente dotato di capacità di scambio cationico (come nel caso della fibra di cocco) ma non deve mai essere fonte di nutrimento per la pianta. Immaginate di avere sul tavolo delle piante in vaso e di nutrirle singolarmente, irrorandole mediante un gocciolatore collocato in ciascuno dei vasi: se i vasi sono riempiti di substrato inerte e non di terra, avete davanti un esempio di idroponica. Si parla invece di fertirrigazione quando, in suolo, si aggiungono elementi nutritivi all acqua di irrigazione attraverso iniettori e linee erogatrici. Cenni storici 2000 a.c. circa: La prima pianta in vaso, in Egitto, di cui si abbia traccia. Non ha nulla a che vedere con l idroponica ma mi piace ricordare questa data perché, in un certo senso, questo fu l inizio della storia di ciò che ci interessa: per la prima volta l uomo estrasse una pianta dal suolo, la mise in un vaso riempito di terra e la portò nella propria casa. 600 a.c.: I famosi giardini pensili di Babilonia, spesso citati come primo uso dell idroponica nella storia. (1) Purtroppo, però, questa antica e leggendaria vegetazione non si basava esattamente sulla coltivazione idroponica così come oggi è definita perché, sebbene le radici fossero irrorate da un flusso d acqua continuo, le piante crescevano dentro canalette riempite di terra. Tra l altro questi giardini non erano neanche pensili : questa convinzione nacque dalla traduzione errata di una parola greca che significava sporgente. Ciò nonostante rimangono il più antico e vasto sistema di irrigazione integrato in un palazzo. 1100: Le tribù indigene dell America del Sud e del Messico (come gli Aztechi) ampliavano le aree coltivabili costruendo sull acqua del lago delle specie di zattere, isole galleggianti chiamate chinampas, fatte di canne e giunchi intrecciati. Questa struttura veniva ricoperta di fango vulcanico, molto fertile, e veniva usata per coltivare. Le piante ricavavano nutrimento dal fango e dal lago sottostante, che accoglieva le radici in un acqua ricca di sali minerali, fresca e bene ossigenata. Questa tecnica veniva usata anche in altre parti del mondo, come per esempio in Cina, dove nel 1275 Marco Polo vide dei giardini galleggianti. Non sappiamo con certezza dove e quando i giardini galleggianti siano stati costruiti per la prima volta ma rappresentano sicuramente la prima vera applicazione della tecnologia idroponica. 1699: Il naturalista inglese John Woodward, che si occupava anche di botanica ed era membro della Royal Society, dimostrò per la prima volta che le piante traggono nutrimento dal suolo per mezzo dell acqua. Non sappiamo bene quali fossero allora le conoscenze sull argomento nel resto del mondo ma è certo che in Occidente, prima del 1699, le nozioni sulla crescita delle piante fossero molto limitate. Con quello che divenne il primo esperimento di coltivazione idroponica, Woodward dimostrò che le piante crescevano meglio se immerse nell acqua del fiume invece che in acqua distillata. Ciò significava che le piante estraevano dall acqua il nutrimento necessario. Inoltre, aggiungendo all acqua diverse quantità di terra, egli dimostrò che le piante crescevano meglio quando si aggiungeva una quantità maggiore di terra, con la conseguenza che quest ultima doveva contenere qualcosa di essenziale. Dopo questo esperimento, le conoscenze nel campo della fisiologia vegetale aumentarono lentamente. Passò un altro centinaio di anni prima che un altro scienziato britannico, Joseph Priestley, dimostrasse che le piante modificavano la composizione dell aria circo

9 Idroponica per tutti stante. Successivamente egli scoprì anche l ossigeno e mise in evidenza che le piante lo assorbivano, emettendo biossido di carbonio. Nel 1779 Ian Ingenhousz scoprì che la luce era fondamentale per lo svolgimento della fotosintesi. Dunque all inizio del XIX secolo si sapeva ormai molto sui meccanismi coinvolti nella crescita delle piante, anche se ancora non si conoscevano esattamente tutti gli elementi necessari a questa crescita. 1860: Lo scienziato tedesco Julius Von Sachs pubblicò la formula di una soluzione nutritiva che poteva essere disciolta in acqua e usata per coltivare le piante. Von Sachs e il chimico agrario Knop gettarono così le basi della coltivazione in acqua. Non sono riuscito a ricostruire la formula di Von Sachs con precisione ma, considerando che a quel tempo la disponibilità di sali minerali era limitata, doveva trattarsi di una formula piuttosto primitiva che non avrebbe permesso di coltivare le piante per periodi molto lunghi. A partire da queste prime coltivazioni in acqua però, sperimentando e modificando la formula originaria, gli scienziati riuscirono a stabilire quali elementi erano necessari alla crescita delle piante e quali no : Il dr. William F. Gericke viene considerato il fondatore dell idroponica moderna, soprattutto nel mondo anglosassone. A lui si devono due innovazioni importanti: con lui la coltivazione in acqua cessò di essere solo un esperimento da laboratorio e divenne per la prima volta un operazione commerciale; inoltre fu proprio Gericke a coniare la parola idroponica. La sua attività ebbe grande risonanza in una società che, grazie all intenso progresso scientifico, era in rapida evoluzione. Alcuni autori arrivarono al punto di dichiarare che quello delle terre coltivabili era ormai un problema del passato. Tutto questo clamore però si rivelò prematuro e dannoso, poiché questa tecnica era solo agli inizi e ancora serviva l intervento di uno scienziato come Gericke per riuscire a ottenere delle colture di qualità. Si susseguirono quindi numerosi insuccessi e molte iniziative commerciali intraprese con grande ottimismo ebbero esiti disastrosi. Ci fu tuttavia anche un risvolto positivo: tutta questa pubblicità portò a un incremento della ricerca scientifica sia pubblica che privata. Il libro di Gericke Complete Guide to Soilless Gardening (Guida completa alla coltivazione fuori suolo) è stato ristampato nel 2008 ed è disponibile ancora oggi. Mentre Gericke perfezionava quello che potremmo definire hardware dell idroponica, ovvero i sistemi fisici, Dennis R. Hoagland si occupava invece del software, cioè dei nutrienti. Nel 1933 fu pubblicata la formula della celebre soluzione di Hoagland, che negli anni seguenti subì delle lievi modifiche (soprattutto con l introduzione del chelato di ferro) ma che sostanzialmente viene usata ancora oggi per gli esperimenti di routine in molti laboratori di ricerca sulle piante. Francamente io mi chiedo perché si faccia ancora uso di una formula così datata. In ambito commerciale la usano quei coltivatori che non hanno voglia di spendere soldi per una formula migliore; forse anche voi vi sarete prima o poi ritrovati ad acquistare la soluzione di Hoagland. Negli ultimi tempi sono nate molte aziende che si occupano di distribuire i nutrienti in questo settore: di solito chi cerca guadagni sicuri sceglie la formula di Hoagland perché è facile da trovare (il Web è pieno di siti che la vendono) e produrla costa poco. (1) : Prima applicazione dell idroponica su larga scala, purtroppo durante una guerra. Sulle isole del Pacifico l esercito statunitense si trovò alle prese con il grave problema dell alimentazione dei soldati, poiché i cibi freschi non potevano essere spediti e non era facile coltivare un terreno così roccioso e salino, dove non c erano neanche riserve d acqua sufficienti. Fu così che gli americani fecero ricorso all idroponica ed ebbero modo di apprezzarla. La tecnica fu portata avanti anche dopo la guerra e negli anni 50 si utilizzò 19

10 William texier un sistema idroponico con substrato di ghiaia, elaborato da Robert e Alice Withrow della Purdue University, chiamato Nutriculture System. Questo impianto fu la base di quello che poi sarebbe diventato il sistema noto come Flood and Drain o Ebb and Flow (niente a che vedere con il marchio Nutriculture che conosciamo oggi). Era un grande sistema di vasi riempiti di ghiaia che, a cicli ripetuti più volte al giorno, venivano inondati con la soluzione nutritiva e poi sottoposti a un lento drenaggio. (2) (2) Per un po non ci furono grossi sviluppi, un po perché intraprendere una nuova operazione era costoso e un po perché la tecnologia andava ancora perfezionata. Uno dei problemi era che i substrati a base di ghiaia e di sabbia usati all epoca risultavano troppo pesanti e compatti. Inoltre non si riusciva ancora a stabilizzare il ferro in soluzione. In quegli anni furono avviati diversi progetti in aree desertiche del pianeta ma nella maggior parte dei casi fallirono o comunque evidenziarono la crisi di questa tecnologia, crisi che si protrasse per alcuni anni : Alcuni progressi contribuirono in questi anni alla rinascita dell idroponica. Si cominciò infatti a fare uso della lana di roccia, un materiale usato principalmente come isolante nell edilizia. Apportando qualche modifica, la lana di roccia fu impiegata come substrato per la coltivazione. Vennero inoltre prodotti chelati sintetici per migliorare la resa dei micronutrienti in soluzione. Comparvero sul mercato alcuni sali complessi, come il fosfato monoammonico (MAP), che ampliarono la scelta delle fonti di fosforo solubile. Allo stesso tempo, con l espansione dell industria della plastica, furono realizzati nuovi prodotti per l agricoltura in serra. Le coperture di vetro delle serre furono sostituite gradualmente da quelle di plastica, così come i vasi in cemento furono sostituiti da canalette, vassoi e teli in plastica. Ci si avvicinava sempre di più alla tecnica moderna. 1970: Il dr. Allen Cooper introdusse un sistema noto come NFT o Nutrient Film Technique, tecnica del film nutritivo. Nel 1979 fu pubblicato il suo libro ABC of NFT, un testo che si legge spesso ancora oggi. L NFT fu adottato presto in varie parti del mondo per colture a ciclo breve destinate alla distribuzione commerciale, come per esempio le verdure da insalata : In questo periodo furono adottate in varie parti del mondo diverse forme di tecnologia idroponica: sebbene le colture di questo tipo andassero aumentando, ciò non garantiva sempre un risultato positivo. Contemporaneamente prendeva piede il fenomeno delle coltivazioni in ambiente domestico. Nel 1978 Lawrence Brooke fondò la General Hydroponics. Il suo obiettivo era modificare e migliorare gli impianti idroponici industriali in modo che le loro dimensioni non superassero quelli di una camera di coltivazione (grow room) urbana. Il sistema funzionava con una delle migliori soluzioni nutritive del tempo, una formula elaborata insieme al dr. Cal Herrmann del NASA Ames Research Center. Per la prima volta, la tecnologia idroponica veniva messa a disposizione dei piccoli coltivatori urbani. All inizio il mercato stentò a svilupparsi ma poi esplose all improvviso, intorno alla metà degli anni 80, quando in molti cominciarono a dedicarsi alle coltivazioni domestiche. Nel 1986 il dr. Hillel Soffer dell Università della California di Davis mise a punto il Vortex, che ancora oggi rimane il più efficiente sistema idroponico presente sul mercato. La ricerca da lui condotta evidenziò una correlazione tra la crescita della pianta e il livello di ossigeno disciolto nella soluzione nutritiva: regolando il livello di ossigeno riuscì a modificare la velocità di crescita del Ficus benjamina. L operato di Soffer gettò le basi dell aero-idroponica, un ramo importante dell idroponica moderna. 20

11 William texier Più o meno nello stesso periodo fecero la loro comparsa sul mercato molte delle aziende statunitensi e canadesi tuttora attive in questo settore. A partire dalla metà degli anni 80 l idroponica si è divisa in due rami ben distinti: il ramo commerciale delle coltivazioni su larga scala e quello dei piccoli coltivatori domestici. Molti di questi ultimi sono appassionati di piante tropicali e medicinali, oppure collezionisti di specifiche varietà di piante. Nel frattempo, in Europa, l unico paese in cui si facevano passi avanti era l Olanda, dove si praticava un tipo speciale di coltivazione indoor che riguardava soprattutto fiori coltivati in serre molto estese. Agli olandesi possiamo riconoscere il merito di avere introdotto il metodo Sea of Green (Mare verde), che consiste nel coltivare molte piante piccole invece di poche piante grandi oggi: Per quanto riguarda il ramo commerciale, l industria idroponica è in rapido sviluppo e sta cambiando per adattarsi ai nuovi tempi. Alcuni sistemi più sofisticati ed ecologici si sono rivelati particolarmente convenienti per le colture a ciclo breve, come lattuga ed erbe aromatiche. Quanto al ramo delle piccole coltivazioni indoor, nel 1995 la General Hydroponics ha aperto una consociata europea. Nello stesso periodo la britannica Nutriculture ha iniziato a distribuire i propri prodotti in Europa. Presto si sono aggiunte molte altre aziende che hanno sede in Europa o che esportano i materiali dal Nord America. La tecnologia idroponica ha gradualmente preso piede e nuovi grow shop sono stati aperti in tutti i paesi. I primi ad adottare l idroponica indoor sono stati i paesi del Nord Europa, seguiti da Francia, Spagna, Italia e Portogallo, tutti spinti dalla gratificazione e dal compiacimento che procura consumare ciò che si è prodotto da soli. Adesso è il turno dei paesi dell Est. L introduzione dell idroponica a fini non commerciali ha permesso l ampia diffusione di questa tecnica per usi domestici, dalle colture fai-da-te di erbe, sia aromatiche che medicinali, alle colture floreali. In tempi più recenti ha iniziato ad affermarsi anche una nuova tendenza piuttosto affascinante: l integrazione dell idroponica nel mondo dell architettura e del design al fine di ottenere elementi decorativi per interni ed esterni. Per esempio, la vegetazione che cresce sulle facciate e sui tetti delle case funge sia da ottimo isolante termico che da bacino di assorbimento del biossido di carbonio (CO 2 ). Coltivare le piante all interno delle case permette invece di purificare l aria, arricchendo contemporaneamente lo spazio interno di bellissime forme e colori. Il desiderio di spazi verdi che sente chi abita in città fa sì che questo fenomeno sia oggi in rapida espansione. (3) A ciascuno dei rami dell idroponica che ho menzionato potrebbe essere dedicato un intero libro. Tuttavia nei prossimi capitoli mi concentrerò prevalentemente sul secondo, quello domestico. I vantaggi: perché scegliere l idroponica Voi stessi potreste farvi questa legittima domanda: perché mai spendere soldi in sistemi idroponici quando potremmo continuare a coltivare le piante nei vasi con la terra, in modo economico? In realtà io credo che questo modo di ragionare sia sbagliato e che esistano migliaia di buone ragioni per usare le tecniche idroponiche. Vediamo quindi quali sono i vantaggi che l idroponica ci può dare, prima nel mondo e poi nel nostro ambiente domestico. (3) 22

12 William texier Idroponica per tutti Controllo sulla nutrizione Il primo e importantissimo vantaggio è che potrete avere il totale controllo sulla nutrizione della pianta. Alle radici arriveranno solo gli elementi nutritivi che voi metterete nell acqua, nelle quantità da voi stabilite. In ogni momento potrete controllare sia la qualità che la quantità dei nutrienti disciolti. Non dimenticate che è merito dell idroponica se negli ultimi 200 anni la botanica ha fatto grandi passi avanti, soprattutto per quanto riguarda la nutrizione delle piante. Oggi l idroponica è coinvolta nella maggior parte delle ricerche sui vegetali e, sebbene in modo controverso, nella ricerca genetica, in particolare quella che si concentra sul trasferimento genico. Risparmio di acqua Non fraintendiamo: per crescere sana, la pianta ha bisogno di perdere una certa quantità di acqua mediante la traspirazione. La crescita veloce e ricca tipica delle colture idroponiche comporta inevitabilmente un consumo d acqua significativo. Tuttavia sarà solo la traspirazione della pianta a consumare acqua. In assenza di sprechi dovuti alla dispersione nel terreno e all evaporazione, il risparmio di acqua rispetto alla coltivazione in suolo è notevole. I recenti miglioramenti apportati ai sistemi di irrigazione, dall irrigazione a pioggia alla somministrazione localizzata di acqua alla base delle piante, hanno ridotto sensibilmente il consumo di acqua in orticoltura ma sotto questo aspetto i sistemi idroponici sono ancora, di gran lunga, i più efficienti. Risparmio di concime Allo stesso modo, la pianta assorbe per intero i nutrienti somministrati. Non essendoci alcuna dispersione nel suolo, si scongiura il rischio di contaminazione delle falde acquifere e di alterazione della vita microbica. La crescita più sana e più veloce riduce il bisogno di pesticidi Il termine pesticida in realtà è inappropriato: queste sostanze dovrebbero chiamarsi biocidi, dato che uccidono qualunque forma di vita (tranne quella di chi li compra!). Molta gente è convinta che i pesticidi uccidano solo gli organismi nocivi, mentre in realtà non sono selettivi, quindi uccidono anche quelli benefici; per questo non si dovrebbe mai farne uso se non in pochi casi eccezionali. La crescita di una pianta coltivata in idroponica sarà rapida e sana, e permetterà alla pianta di svilupparsi libera da organismi infestanti, o almeno di essere abbastanza forte da resistere al loro attacco. Non voglio dire che con l idroponica non avrete mai bisogno di combattere i parassiti. Intendo solo che ciò accadrà più raramente e che, in quei casi, potrete adottare soluzioni più dolci invece di sterminare tutte le forme di vita che gravitano intorno alla vostra pianta. Questo vale soprattutto per le piante annuali mentre non è così immediato con quelle perenni, anche se la resistenza delle piante coltivate in idroponica può rivelarsi un vantaggio anche in questo caso. Non c è bisogno di diserbanti Il motivo è abbastanza chiaro: nei vasi e nelle canalette di plastica non c è spazio per erbe infestanti. Non usando diserbanti e offrendo la possibilità di liberarsi dei parassiti con metodi meno aggressivi, l idroponica si presenta come una tecnologia ecologica. Le piante avviate in idroponica sono più forti Coltivando e clonando la pianta madre in idroponica, le piante figlie, trapiantate successivamente in suolo, saranno più forti di quelle provenienti da una pianta madre che è stata coltivata in modo convenzionale. Ho eseguito personalmente questo esperimento più volte e la differenza tra i due metodi si è sempre dimostrata significativa. Si ottimizza lo sfruttamento del potenziale genetico Il processo di coltivazione si può rappresentare come una catena la cui resistenza è determinata dall anello più debole. Ogni coltivazione ha infatti un punto critico: può essere la luce, oppure il biossido di carbonio, l umidità, la carenza di alcuni nutrienti o altro. L idroponica permette di eliminare quasi tutti gli anelli deboli della catena, soprattutto quelli legati a problemi del suolo di varia natura, garantendo così alla pianta le condizioni ottimali per la piena espressione del proprio potenziale genetico. Anche la genetica però può diventare l anello debole quando si sceglie una varietà sbagliata. Negli anni abbiamo prodotto in serra vegetali mai visti in natura: non facciamo certo miracoli ma ci limitiamo semplicemente a rafforzare gli anelli deboli della catena. Quando nella vostra grow room avrete creato le condizioni ideali in termini di nutrimento, intensità della luce, temperatura e umidità, allora l anello debole sarà il biossido di carbonio. Elevata qualità e quantità del raccolto È ovvio che, se la pianta gode di buona salute, allora ciò che produce sarà migliore. I prodotti coltivati in idroponica sono più grandi di quelli coltivati in suolo: il pomodoro ciliegino smetterà di somigliare davvero a una ciliegia! Inoltre, dal punto di vista nutrizionale, le analisi dimostrano che i prodotti idroponici sono più ricchi di vitamine e sali minerali. Ciò vale anche per i principi attivi delle piante medicinali. Le radici sono accessibili È molto utile poter controllare le condizioni delle radici in qualunque momento. Nelle colture idroponiche le radici non affondano nel terreno, quindi è molto più semplice verificarne regolarmente lo stato. I controlli frequenti consentono di individuare precocemente gli agenti patogeni e di intervenire tempestivamente con maggiore efficacia. Esaminare le radici vi darà informazioni importanti sulla salute e sul probabile futuro della vostra pianta. Nella maggior parte dei sistemi idroponici si accede facilmente alle radici; con l esperienza imparerete a scartare le talee che hanno un apparato radicale sano ma non abbastanza saldo intorno al fusto. Io ci ho fatto così tanto l abitudine che mi sembrerebbe strano coltivare una pianta senza vederne le radici. Disporre di un impianto idroponico è particolarmente vantaggioso quando l apparato radicale costituisce la parte più importante del raccolto, come nelle piante medicinali, i cui principi attivi si concentrano di solito nelle radici. Talvolta le differenze tra i principi attivi delle radici e quelli contenuti nella parte aerea della pianta sono notevoli. Raccogliendole si finisce per distruggere l intera pianta, tanto che alcune varietà medicinali sono andate scomparendo in natura per colpa della raccolta incontrollata. Nei sistemi idroponici a ciclo chiuso, invece, le radici rimangono scoperte e immerse nel flusso della soluzione nutritiva, quindi possono essere raccolte periodicamente senza arrecare danni alla pianta. Naturalmente per mantenere un certo equilibrio bisognerà tagliare anche un po della parte aerea. La biomassa vegetale di scarto può essere impiegata come ulteriore 24 25

13 William texier Idroponica per tutti fonte di principi attivi o semplicemente destinata al compostaggio. Le radici raccolte con questo sistema si mantengono pulite e non richiedono lavaggi prima di essere lavorate per estrarre i principi attivi. La concentrazione di queste sostanze può essere aumentata ulteriormente regolando il nutrimento della pianta in funzione delle molecole che si vogliono ottenere; inoltre la crescita delle radici può essere stimolata agendo sul livello di ossigeno disciolto nella soluzione nutritiva. Come in tutto il settore agricolo, anche in questo caso prima di avviare le colture bisogna ritagliarsi uno spazio sul mercato e organizzare la commercializzazione dei prodotti. Comunque, trattandosi di radici, questa pianificazione è meno urgente rispetto a quando si vendono frutta e ortaggi, poiché le radici essiccate possono essere conservate a lungo. Si aprono così nuove prospettive per la serricoltura su scala commerciale. Ampia disponibilità di biomassa vegetale Grazie all elevata percentuale di nitrato presente nella soluzione nutritiva, la coltivazione idroponica favorisce lo sviluppo abbondante della pianta in fase vegetativa, cosa particolarmente utile quando si ha bisogno di una biomassa vegetale abbondante. Per esempio, usando le vasche idroponiche per depurare acque gravemente inquinate, si otterrebbe come risultato secondario una vasta massa vegetale che potrebbe essere convertita in combustibile. Fra i vari esperimenti che lo hanno messo in evidenza, ricordiamo quello condotto in Portogallo presso un allevamento di suini: gli effluenti di allevamento, in condizioni che potete immaginare, sono stati sottoposti a depurazione e riutilizzati per colture produttive. Non capisco davvero perché questo metodo non venga usato più spesso. Si può coltivare anche in condizioni estreme La prima ricerca autorevole nel campo della tecnologia idroponica moderna è stata condotta dalla NASA, la nota agenzia spaziale statunitense, tra la fine degli anni 60 e i primi anni 70. Dato che l uomo non può sopravvivere a lungo nello spazio senza produrre alimenti freschi, la NASA ha sperimentato la coltivazione in assenza di gravità, impresa tutt altro che semplice. Tornando al nostro pianeta, nelle stazioni di ricerca sperdute in Antartide, al Polo Nord e in altre zone remote e inospitali del mondo, si fa uso dell idroponica per integrare l alimentazione. Un impianto idroponico che ricordo bene è quello che abbiamo installato per una missione in Antartide. Nella camera di coltivazione a forma di igloo c erano anche alcune amache, in modo che i membri della squadra potessero andare lì a rilassarsi, a riscaldarsi e a prendere un po di luce. Ovviamente lo scopo principale era quello di produrre gli alimenti di base, essenziali nel caso di una spedizione così lunga. Le condizioni ambientali non devono essere necessariamente così estreme. Le tecniche idroponiche possono essere d aiuto anche in località turistiche, come ad esempio le isole caraibiche, dove la terra è troppo arida e salina. Per provvedere all alimentazione dei numerosi turisti, gli alimenti freschi vengono importati dall estero o prodotti in loco con impianti idroponici. Sono stati effettuati anche alcuni esperimenti riguardanti l integrazione di moduli idroponici nei rifugi di emergenza usati in caso di terremoto o di uragano. Come dimostrato da alcuni esperimenti condotti in Sud America, una famiglia riuscirebbe a ricostruire una parte del proprio orto in poco più di un mese. L Institute of Simplified Hydroponics (http://www.carbon.org/index.html) si dedica all elaborazione di una tecnologia idroponica semplificata, destinata ai paesi in via di sviluppo. I loro progetti sono già stati avviati in diversi continenti. Vediamo adesso quali sono i vantaggi delle coltivazioni idroponiche praticate in una grow room: Ottimizzazione dello spazio L estensione dell apparato radicale è inferiore rispetto alla coltivazione in suolo. Poiché le piante non devono competere per le risorse e ricevono tutto il nutrimento di cui hanno bisogno in uno spazio ridotto, possono essere coltivate a poca distanza l una dall altra. Questo permette di applicare il metodo del Sea of Green, con cui le piante raggiungono una densità elevatissima: si può arrivare ad avere 60 o 70 piante per metro quadrato. Noi non ci spingeremo fino a tanto ma, come vedremo più avanti, l idroponica si presta comunque di più alla coltivazione di molte piante piccole che di poche grandi. Niente più sacchi pesanti di terriccio Io lo trovo un grande vantaggio. Anzi, a dire il vero, questa è stata proprio la prima ragione che in passato mi ha portato a scegliere l idroponica. Volevo avviare una coltivazione indoor ma non avevo alcuna voglia di trasportare avanti e indietro quei sacchi di terriccio così pesanti. Forse quando si ha lo spazio adatto in una casa indipendente non è un grosso problema, ma quando si abita in appartamento è davvero poco pratico e può rivelarsi troppo complicato. La tecnologia idroponica produce pochi scarti e non richiede grosse sostituzioni tra un raccolto e l altro, quindi è particolarmente adatta agli spazi ridotti. Ho iniziato a dedicarmi alle coltivazioni in acqua per pigrizia e da allora non ho più smesso; non me ne sono mai pentito e non tornerei mai alle coltivazioni in suolo: sono invece più interessato a come ricostruire in acqua i vantaggi del terreno. Controllo sulla nutrizione Lo ripropongo sotto un altro aspetto. A differenza di piante come il pomodoro e il peperone, che crescono e si riproducono nella stessa fase, altre piante attraversano una fase vegetativa ben distinta da quella della fioritura e della maturazione dei frutti. In questi casi, le due fasi richiedono una nutrizione completamente diversa che, se la pianta è coltivata in suolo, va somministrata irrorandola ripetutamente, cosa che determina un certo spreco di acqua. Con le colture in acqua invece basta svuotare il serbatoio e riempirlo nuovamente, riutilizzando l acqua residua della fase vegetativa per le altre piante che si hanno in casa, limitando così gli sprechi. Credo che modificare improvvisamente la composizione della soluzione nutritiva sia uno degli elementi chiave che accelerano la fioritura e la maturazione dei frutti: la pianta riceve il segnale che è tempo di fiorire, insieme a tutti gli elementi nutritivi di cui ha bisogno in questa fase. Pratico la coltivazione idroponica da tanti anni ma ancora trovo stupefacente che un piccolissimo cambiamento nell equilibrio dei nutrienti sia capace di influenzare così tanto il modo in cui la pianta cresce, sia dal punto di vista strutturale che da quello del gusto e del valore nutrizionale dei frutti. Possiamo concludere che la composizione della soluzione nutritiva è il fattore che più di tutti influisce sul prodotto finale

14 William texier Idroponica per tutti Crescita vegetativa della pianta madre Coltivando una pianta in un sistema idroponico con una nutrizione ricca di azoto, questa si svilupperà in un modo così rigoglioso che talvolta potrebbe sembrare persino eccessivo. Questo tipo di crescita è ideale quando si ha l esigenza di ottenere una grande quantità di talee da una pianta madre, come per esempio nell orticoltura di tipo industriale, che richiede la propagazione di numerose specie vegetali su larga scala. I cloni possono poi essere coltivati in idroponica oppure trapiantati in suolo dove, come abbiamo detto prima, si manterranno resistenti ma richiederanno più spazio. Ora voi starete pensando che tutto questo è troppo bello per essere vero, quindi è arrivato il momento di parlare degli svantaggi. I limiti dell idroponica Il primo e più importante svantaggio dell idroponica è che le piante sono meno salvaguardate dai vostri errori. Il suolo esercita un effetto tampone e dà stabilità all area che circonda l apparato radicale: quando il suolo è in condizioni ottimali, i parametri fisici e biologici sono in equilibrio; quando alle piante si somministra troppo concime, una miscela sbagliata o qualcosa che ha un ph inadeguato, i microrganismi presenti negli strati più superficiali del suolo intervengono e, insieme alle proprietà chimiche da esso possedute, contribuiscono a ristabilire l equilibrio della pianta. Questo accade anche nei sistemi idroponici ma in misura minore. La soluzione nutritiva ha un effetto tampone che riguarda soprattutto il ph ma che certo non è paragonabile a quella del suolo; un banale errore di regolazione del ph può avere conseguenze disastrose, arrivando a distruggervi l intera coltura in un solo giorno. Nelle coltivazioni idroponiche tutto avviene molto velocemente. Un paragone che mi piace fare è quello tra una macchina da corsa e un utilitaria: quando si guida una macchina da corsa si va più veloci, però allo stesso tempo si rischiano incidenti più gravi; analogamente, con l idroponica le piante crescono a vista d occhio ma, se sbagliate qualcosa, rischiate di ritrovarvele tutte morte nel giro di un ora. Un altro limite è rappresentato dalla temperatura, che nella zona radicale è ottimale quando è compresa tra i 18 e i 22 C. La temperatura tollerata si spinge fino ai 26 C, oltre i quali la crescita della pianta inizia a rallentare. Intorno ai 35 C si verifica una carenza di ossigeno che uccide le radici e quindi la pianta. Per contrastare il calore esistono delle soluzioni, che vedremo più avanti, ma quello della temperatura rimane un problema non trascurabile soprattutto nelle regioni tropicali e nelle coltivazioni indoor, a causa del grande calore prodotto dalle lampade. Uno svantaggio è anche che non tutte le colture sono compatibili con la tecnologia idroponica. Per quelle che normalmente vengono estratte da sotto terra, come radici e tuberi (patate e carote, per fare un esempio), ci vogliono sistemi specifici. Se da un lato è vero che i costi dell idroponica possono essere alti, dall altro le coltivazioni indoor permettono di recuperare rapidamente le spese iniziali. Infatti, l energia elettrica è costosa e quindi, coltivando le piante sotto le lampade e dovendo climatizzare l ambiente, si cerca di effettuare il raccolto prima possibile per contenere i costi di produzione. L idroponica aiuta a risparmiare tempo e, in questo caso più che mai, il tempo è denaro. Per quanto riguarda l accusa di essere una tecnica innaturale, io la trovo discutibile. Che cosa può essere definito veramente naturale? Piantare un solo tipo di pianta in un intero campo è naturale? La natura è varietà. Pensateci: per quanto possa suonare strano, tutte le tecniche agricole potrebbero essere considerate innaturali. Quando l umanità viveva ancora di caccia e raccolta, il nostro impatto sul pianeta era praticamente nullo. Ci procacciavamo il cibo raccogliendolo dall ambiente come tutti gli altri esseri viventi e il nostro impatto ambientale era molto limitato. I problemi sono cominciati quando, con lo sviluppo dell agricoltura, abbiamo imparato a piantare e a coltivare i vegetali, dando inizio alla trasformazione della società da nomade a stanziale. Gradualmente i villaggi si sono trasformati in città e le città in Stati, in lotta tra loro per la conquista del territorio, fino ad arrivare alla società in cui noi oggi viviamo. Ecco, le cause di tutti i nostri problemi risalgono al primo uomo che ha coltivato un campo. A prima vista l idroponica, con i suoi tubi di plastica e i sali minerali, potrebbe sembrare una cosa strana mentre in realtà, se ci pensate bene, non è né più né meno naturale dell agricoltura tradizionale. Non capisco il perché ma certe persone non si preoccupano quando nutrono con i sali minerali le proprie piante coltivate in suolo, rischiando che quelli finiscano negli scarichi fognari e inquinino le falde acquifere. Si preoccupano invece quando si tratta di usare quegli stessi minerali, ma in forma ancora più pura, in una canaletta di plastica isolata e sicura. Sarebbero disposte a praticare la concimazione fogliare, cosa che non mi sembra sia molto usuale in natura, ma considerano innaturale tenere le radici immerse in una soluzione nutritiva. Esistono isole dove la terra non riesce a produrre cibo sufficiente per i numerosi turisti; aree tropicali dove il suolo è infestato dai parassiti; luoghi dove la terra è stata così maltrattata che si è inaridita; zone prive di terreni coltivabili. Ovunque l agricoltura biologica non sia praticabile, l idroponica può essere una valida soluzione per fornire cibo senza distruggere l ambiente. Dato che questa tecnologia permette di ottenere medicine e prodotti alimentari sia nutrienti che squisiti in assenza di alternative valide, il fatto che sia più o meno naturale mi sembra irrilevante. Detto questo, esaminiamo questa tecnologia nei dettagli. Per cominciare vi descriverò i diversi sistemi che vengono definiti idroponici, con particolare attenzione a quelli maggiormente reperibili sul mercato. Parleremo inoltre delle tecniche idroponiche più adatte alle diverse fasi della crescita delle piante coltivate nella grow room. Da considerare è anche l aspetto economico: una pianta come il grano può crescere bene in idroponica ma sarebbe poco conveniente. La scelta delle colture andrà fatta in base alla zona geografica e al mercato locale. Fra le varie critiche all idroponica che mi capita di sentire, c è che i costi iniziali sono troppo alti. Un altra, invece, è che non è naturale. Ho persino sentito definire l idroponica come fare le flebo alle piante! 28 29

15

16 Idroponica per tutti Capitolo 1 I diversi sistemi idroponici Quando si installa un sistema idroponico, la prima cosa che bisogna tenere in mente è la semplicità. Molti insuccessi derivano proprio dall avere perso di vista questo principio fondamentale. In fin dei conti tutti i sistemi idroponici sono composti più o meno dalle stesse parti: un serbatoio, una pompa, una struttura che ospiti e dia sostegno alle piante, tubi per l erogazione e il ritorno della soluzione nutritiva, una vasca di coltivazione costituita da una canaletta o da un vassoio. Ciò non toglie che le varie parti possano essere progettate e organizzate in modi differenti, cosa che dà origine alle diverse categorie e sottocategorie dei sistemi idroponici, distinti tra loro per obiettivi ed efficienza. La disamina dei vari sistemi può essere forse un po noiosa perché si tratta più o meno della stessa cosa fatta in modi diversi, ma conoscerli è molto importante quando si deve decidere quale sistema acquistare. Quando andrete in negozio, dovrete essere capaci di capire se chi vi serve è competente oppure no; con tutti i negozi specializzati in coltivazione indoor che aprono e chiudono continuamente, non tutti i venditori possono conoscere davvero bene i prodotti che trattano. Quella che all inizio potrebbe sembrarvi solo una piccola differenza di progettazione, in un secondo momento potrebbe rivelarsi determinante in termini di risultati e facilità di manutenzione del sistema che avrete scelto. I sistemi idroponici possono essere classificati in base al tipo di pompa (ad aria o a immersione) e alla presenza o meno del substrato. Io però preferisco elencarli in ordine cronologico, dal più vecchio al più recente. Sistemi passivi Prima di tutto affrontiamo l argomento di quella che viene definita idroponica passiva, basata su sistemi a stoppino (wick systems) e nota anche come idrocoltura. Si definisce passiva perché il sistema non si avvale di una pompa: la soluzione nutritiva contenuta nel serbatoio raggiunge la zona radicale per capillarità, per mezzo di stoppini. Vivaisti e floricoltori usano tecniche simili da anni ma per tradizionali colture in vaso. Sono tecniche usate spesso per le piante da appartamento, in primo luogo perché le piante ornamentali da foglia, a crescita molto lenta, sono le uniche che riescono a sopravvivere in questo modo per un po di tempo. Quando si coltiva in suolo, si sfrutta l azione capillare di uno 33 BIOPONIA ADDITIVI CARENZE GROW ROOM COLTIVAZIONE GESTIONE NUTRIENTI SUBSTRATI SISTEMI

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

ΕΡΓ. ΓΕΩΡΓΙΚΗΣ ΜΗΧΑΝΟΛΟΓΙΑΣ TEL.: (+30210)5294040 FAX: (+301)5294032 ΚΑΘ. Ν. ΣΥΓΡΙΜΗΣ email:ns@aua.gr, www.aua.gr/ns

ΕΡΓ. ΓΕΩΡΓΙΚΗΣ ΜΗΧΑΝΟΛΟΓΙΑΣ TEL.: (+30210)5294040 FAX: (+301)5294032 ΚΑΘ. Ν. ΣΥΓΡΙΜΗΣ email:ns@aua.gr, www.aua.gr/ns ORTICOLE IN SERRA Preparazione del terreno Trapianto Post-Trapianto Inizio accrescimento vegetativo Accrescimento vegetativo Fioritura Allegagione Ingrossamento bacche frutti Invaiatura Maturazione Obiettivo/Problema

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Società Agricola: Emon Agri

Società Agricola: Emon Agri Società Agricola: Emon Agri INTERVISTA AD UN AGRICOLTORE DELLA SOCIETA' AGRICOLA: Sul vostro logo c'è scritto che attuate una coltivazione virtuosa, ci può dire cosa si intende? Ci spiega: Per coltivazione

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento Che cos è il compost Il compost è il terriccio (humus) che si forma dai rifiuti organici (erba, foglie, avanzi di frutta e verdura, ecc) grazie all azione del sole, dell aria e dei microrganismi presenti

Dettagli

Basilico, per ogni destinazione il sistema di coltivazione giusto

Basilico, per ogni destinazione il sistema di coltivazione giusto Basilico, per ogni destinazione il sistema di coltivazione giusto Floating system per la produzione di mazzetti e il tappettino subirrigante per le piantine. Due innovazioni adottate dall azienda Ricci

Dettagli

Sono nati per l autoconsumo,

Sono nati per l autoconsumo, Il prodotto bio è fai da te Consumatori Li considerano troppo cari e con una tracciabilità inadeguata. Eppure gli shopper apprezzano sempre di più le referenze biologiche. Così decidono di coltivarle in

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Al Rawdatain. ZHUJIANG BEER. Al Rawdatain in breve

Al Rawdatain. ZHUJIANG BEER. Al Rawdatain in breve ZHUJIANG BEER Al Rawdatain. Al Rawdatain in breve SETTORE ACQUA & CSD Al-Rawdatain Al-Rawdatain Water Bottling Co. Safat, Kuwait >> cartonatrice SMI WP 300 >> fardellatrice SMI SK 350 T >> manigliatrice

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO Studio di tecniche innovative per la razionalizzazione dell uso di fertilizzanti abbinato alla razionalizzazione della risorsa idrica PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ

Dettagli

Gli organismi viventi

Gli organismi viventi Gli organismi viventi Gli organismi viventi Quali caratteristiche contraddistinguono i viventi? È facile distinguere un organismo vivente da un oggetto non vivente? Gli organismi viventi Tutti gli organismi

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Solo il meglio sotto ogni profilo!

Solo il meglio sotto ogni profilo! Solo il meglio sotto ogni profilo! Perfetto isolamento termico per finestre in alluminio, porte e facciate continue Approfittate degli esperti delle materie plastiche Voi siete specialisti nella produzione

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Via Fanin,, 48 40127 Bologna Tel. 051 4200324 luigi.petta petta@envis.itit

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

CRISTALLIZAZIONE SENSIBILE

CRISTALLIZAZIONE SENSIBILE L analisi chimica delle sostanze presenti all interno di un composto organico fornisce informazioni sulla loro natura e sulla loro quantità, ma non è in grado di definirne la vitalità. Se infatti consideriamo

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane Agrofarmaco biologico per la prevenzione delle malattie fungine del terreno TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane NOVITà TELLUS: la nuova risorsa per una crescita vigorosa TELLUS

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione Andrea Mariani Pulizia delle vasche volano e di prima pioggia LE ACQUE PIOVANE: Contengono SEDIMENTI - DEPOSITI in vasca; - Riduzione

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

PULIZIA IN-SITU PULIZIA DIFFUSORI MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA ESTRAZIONE PERMEATO PER ASPIRAZIONE ESTRAZIONE PERMEATO PER GRAVITÀ

PULIZIA IN-SITU PULIZIA DIFFUSORI MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA ESTRAZIONE PERMEATO PER ASPIRAZIONE ESTRAZIONE PERMEATO PER GRAVITÀ MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA Il modulo a membrana piana Kubota utilizza la tecnologia di microfiltrazione detta cross flow. Insufflando aria sul fondo del modulo, si crea un flusso ascensionale

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

DIAMO VOCE ALLE SEMENTI!

DIAMO VOCE ALLE SEMENTI! DIAMO VOCE ALLE SEMENTI! POTRA L EUROPA RINUNCIARE ALL INNOVAZIONE VARIETALE? LA NOSTRA VISIONE L innovazione legata alle sementi deve essere alla base della filiera alimentare, per stimolare lo sviluppo

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

1. Quando si devono potare le rose? 2. Come disporre i rami delle rose rampicanti? 3. Qual è il periodo migliore per piantare una rosa?

1. Quando si devono potare le rose? 2. Come disporre i rami delle rose rampicanti? 3. Qual è il periodo migliore per piantare una rosa? 1. Quando si devono potare le rose? a) I Rosai rampicanti e arbustivi: non si potano in quanto fioriscono sui rami (sarmenti) dell anno precedente; se potiamo, la produzione di fiori viene ridotta a circa

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Vademecum operativo Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge 11 agosto 2014, n. 116 che converte il Dl 91/2014,

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI

RIFERIMENTI NORMATIVI RIFERIMENTI NORMATIVI Produzione e vendita di compost: Legge n. 748/1984 sui fertilizzanti modificata dal D. L. 217 del 29.04.06 e successive modifiche Allegato IIA del Reg. CE 2092/91 (per chi pratica

Dettagli

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4 Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura melo, pero, kiwi schede colturali - volume 4 I prodotti che AGM fabbrica con destinazione speciale per frutteti, sono stati testati

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

"IMPARIAMO A RICICLARE"

IMPARIAMO A RICICLARE COLLEGIO ARCIVESCOVILE Castelli PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE "IMPARIAMO A RICICLARE" (progetto di durata annuale) Anno scolastico 2008/2009 Classi terze e quarte - Scuola primaria FINALITA' Il Progetto

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Bollette più leggere. Bollette più leggere..aria più pulita.aria più pulita Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Ostellato 28 maggio 2004 A scuola di ecologia

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali Guida alle attività è un attività da usare con studenti dagli 11 ai 14 anni o con più di 16 anni. Consiste in un set di carte riguardanti le conoscenze basilari sulle cellule staminali e sulle loro applicazioni

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Alessandra Cimatti*, Paolo Saibene Marketing Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Nelle fasi iniziali del processo d acquisto, oggigiorno, i compratori sono dei fai da te e - sempre

Dettagli

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007 20.7.2007 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 189/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

Facciamoci due conti

Facciamoci due conti Facciamoci due conti Ma alla fine quanto si guadagna a coltivare canapa? la domanda sorge spontanea ed è più che legittima, specie considerando il panorama deprimente dell agricoltura in Italia ai giorni

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Relazione sull incontro con Massimo Volante Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Il ciclo della vita di una stella (1) Protostella (2b) Nana bruna (2a) Stella (3) Gigante rossa Sono esaurite le

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli