Progetto InfoLAB ICORMA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto InfoLAB ICORMA"

Transcript

1 Progetto InfoLAB ICORMA Progetto di riqualificazione dell aula di informatica dell di Roma Preparato per: - Roma Preparato da: Gianluca Pietrangeli Revisione: novembre 2010 Gianluca Pietrangeli 1

2 Prefazione Perché le scuole dovrebbero adottare software libero? La prima cosa che la scuola dovrebbe insegnare ai propri studenti è uno stile di vita e comportamentale che consenta di portare beneficio all intera società. L importanza di promuovere ed utilizzare software libero nelle scuole non è meno importante di educare alla legalità, al riciclaggio e ad altri principi etico-sociali ed assume la stessa importanza di una lezione di educazione civica continua. L impiego di software proprietario nelle scuole (vedi Windows, MS-Office, AutoCAD, OrCAD ecc.) va ad incrementare il fenomeno della pirateria a causa del costo elevato se non proibitivo dello stesso. La pirateria è un fenomeno che oltre ad essere illegale, risulta eticamente scorretto e profondamente diseducativo per gli studenti. Il software libero educa alla legalità ed al rispetto delle licenze perché permette, sia all'insegnante che all'allievo, l'assoluta libertà di copia e distribuzione, fondamento dello scambio della conoscenza che di fatto va ad eliminare o quanto meno ridurre drasticamente il fenomeno della pirateria informatica. La scuola italiana, non ha accesso a risorse economiche infinite e certamente sempre di più ci sarà bisogno di ridurre i costi anche in vista della piena realizzazione dell autonomia. Facendo un calcolo approssimativo, ma comunque molto vicino alla realtà, possiamo quantificare i costi di una postazione di lavoro (Windows + MS-Office, + Programmi vari per le attività didattiche) in circa di software proprietario regolarmente licenziato. Moltiplicando tale costo per il numero di computer presenti nelle scuole italiane capirete che la spesa affrontata per l acquisto di licenze software che lo stato e le scuole devono affrontare sono davvero consistenti! Il fatto, per certi versi più aberrante nell attuale scenario scolastico, è che troppo spesso l informatizzazione della scuola e gli strumenti utilizzati per l insegnamento fanno capo ad una sola azienda, Microsoft, la quale ha pieno controllo (seppur in maniera indiretta) su cosa gli insegnanti e gli studenti possano o non possano fare ed utilizzare, il tutto governato da mere regole di mercato e di convenienza per l azienda che per di più non è nemmeno italiana! In una scuola che si basa sui principi dettati dalla Costituzione Italiana (art. 33, "L'arte e la scienza sono libere e libero ne è l'insegnamento") questo monopolio non ha senso di esistere e soprattutto deve cessare! Gianluca Pietrangeli 2

3 Attualmente alcune realtà scolastiche sono uscite da questa situazione di soggiogazione, ma purtroppo si tratta ancora di casi sporadici. Una delle realtà che con successo è riuscita ad uscire da questo circolo vizioso è stata la scuola della provincia di Bolzano grazie al progetto FUSS. Il progetto FUSS ha consentito alle scuole di lingua italiana di questa provincia di adottare il sistema operativo GNU/Linux e software libero per i suoi studenti, scelta che al di là delle ragioni economiche o tecniche, è stata portata avanti per motivi etici e politici. E stata infatti operata una scelta: La scelta di rifarsi, anche nell insegnamento, ai valori della libertà e della condivisione del sapere uniti all impiego di software efficiente, stabile e sicuro. La politica di soggezione a Microsoft implica seri danni, soprattutto di ordine didattico, sia per gli studenti che per gli insegnanti medesimi, in quanto entrambe le categorie vengono private dalle possibilità offerte dal software libero. Vengono meno la possibilità di utilizzare, copiare, ridistribuire, modificare e studiare il software: condizioni che non possono mancare all interno di un autentico laboratorio di ricerca e apprendimento come la scuola! Fonte: Istituto Avogadro di Torino, articolo su Linux, didattica e dintorni Gianluca Pietrangeli 3

4 Obiettivo Obiettivo di questo progetto e la riqualificazione dell aula di informatica dell attraverso una architettura di rete semplice sulla quale si appoggia un ambiente operativo ancora piu semplice ed efficace, utilizzando i PC gia presenti e implementandone di nuovi. Anche l aspetto economico concorre al raggiungimento dell obiettivo ed e per questo motivo che si e scelto Linux come sistema operativo e l ambiente Terminal Server come infrastruttura software di base. Unitamente a questi concetti base e stato scelto di implementare una serie di programmi appositamente improntati alla didattica al fine di utilizzare il laboratorio anche in modo trasversale sulle varie discipline di insegnamento, svincolandolo in tal modo dall unico ruolo infomatico Situazione attuale aula Attualmente l aula informatica e attrezzata con le seguenti macchine: 9 Pc IBM NETVISTA MTM Pentium IV MB RAM - HDD 40 GB - Lettore DVD - Monitor 17 CRT 5 Pc HP Vectra VL 420 DT - Pentium IV MB RAM - HDD 20 GB - Lettore DVD - 3 Monitor 17 /2 Monitor 15 CRT 1 Pc nobrand - Pentium D MB RAM - HDD 80 GB - Lettore DVD - Monitor 17 LCD 11 stampanti HP a getto d inchiostro 1 Proiettore EPSON 1 Scanner CANON 1 Panel Switch Rack mount da porte di cui 18 cablate 16 Cavi patch per Panel Switch Cavo di rete per uscita su rete FastWeb 18 Torrette di alimentazione/rete Considerazioni sull attuale configurazione La configurazione hardware attuale, dopo una breve ma esaustiva analisi, ha denunciato tutti i limiti per qualsiasi installazione di ambienti operativi commerciali (Microsoft Windows) anche solo in versione Pc standalone ( termine con il quale si identifica un Pc singolo in una rete di computer non dipendente da altri Pc). Per perseguire la strada del rimodernamento dell hardware per attuare una politica di installazioni Microsoft, la spesa da sostenere e ben superiore ai euro, dovendo aggiornare praticamente tutto ( CPU, RAM, DISCO, SCHEDA MADRE) A tale cifra va poi aggiunta quella per l acquisto dei sistemi operativi, programmi software base e didattici, licenze d uso. Pertanto si e deciso di andare verso un sistema operativo free, capace di utilizzare le risorse dei pc attuali e che offrisse anche un pacchetto di software didattico. La scelta e quindi caduta su LINUX Gianluca Pietrangeli 4

5 Perche LINUX Laboratorio Informatico Il sistema operativo Windows, i suoi programmi e i computer sui quali gira sono destinati, nel tempo, a diventare obsoleti. Questo invecchiamento, seppur fisiologico e commercialmente motivato, non sempre, anzi mai, rappresenta la realtà; infatti i computer vengono forzatamente dismessi, anche se perfettamente funzionanti, a causa appunto di questo fenomeno commerciale. Altro fattore che concorre all invecchiamento e al rapido decadimento di performance del computer e da attribuire all utilizzo stesso da parte degli studenti e degli insegnanti stessi. La semplice navigazione su internet e lo scaricare file porta inevitabilmente ad un rallentamento dei computer, a blocchi indesiderati del sistema e a infezioni da virus, spyware o trojan. L unica soluzione, arrivati a questo punto, per rende nuovamente fruibili i computer, e quella di formattarli allo stato iniziale. A questo si aggiungono tutti i problemi relativi al salvataggio e al recupero dei dati prima e dopo l operazione di formattazione. A volte e così complesso il lavoro che ci si deve affidare ad aziende specializzate con i relativi costi che ne conseguono. Tutto ciò rallenta l attività didattica, introduce costi per la scuola e concretizza la situazione tipica di molte scuole e cioè le aule di informatica rimangono chiuse a chiave. A salvare questa situazione così caotica e disastrosa fortunatamente ci pensa LINUX. GNU/LINUX e un sistema operativo libero (da licenze commerciali), aperto (cioè chiunque può modificarlo e a sua volta ridistribuirlo) e gratuito. Non conosce virus o spyware, e, in termini tecnici, leggero, flessibile e soprattutto permette di riciclare, riutilizzare o semplicemente usare vecchi computer altrimenti destinati al macero. Quale LINUX Negli ultimi anni il mondo del software libero ha dato molta importanza al mondo scolastico e all educazione. Sono infatti molte le distribuzioni (termine con il quale si definisce una raccolta di software e programmi che assieme costituiscono un sistema operativo) GNU/Linux dedicate all istruzione. Tra queste vale la pena di citare Eduknoppix, Edubuntu, Skolelinux (progetto norvegese in uso dai primi anni 90), Freeduc (progetto in collaborazione con l UNESCO), Itix (specifica degli Istituti Tecnici) e So.Di.Linux (Sviluppata dall Istituto delle tecnologie didattiche del CNR). Dopo un analisi ed alcuni test comparativi la scelta e ricaduta sulla distribuzione So.Di.Linux sviluppata dall Istituto delle Tecnologie Didattiche (ITD) del CNR. So.Di.Linux, pensato per i docenti L'Istituto delle Tecnologie Didattiche del Centro Nazionale Ricerche da tempo si occupa di catalogazione del software didattico attraverso il Servizio nazionale di Documentazione Didattica SD2.. Il servizio consiste nella ricognizione, valutazione ed analisi delle caratteristiche didattiche del software open source. I prodotti che superano i test sono descritti attraverso schede tecniche di facile consultazione fruibili attraverso un sito Internet. Recentemente tale lavoro di schedatura ha trovato un collante che lega tra loro i vari software, nella realizzazione da parte di ACME Solutions e frutto della collaborazione scientifica tra CNR-ITD ed AICA di una distribuzione live in cui sono presenti tali software pronti per essere utilizzati. La distribuzione prosegue il lavoro svolto per EduKnoppix ed è indirizzata al personale docente non particolarmente dotato di competenze tecniche specialistiche per un utilizzo nei laboratori didattici. La filosofia è sostanzialmente identica, ma l'itd inserisce il valore aggiunto derivante dalla catalogazione del software che contribuisce a rendere So.Di.Linux uno strumento di lavoro per il docente. Gianluca Pietrangeli 5

6 Il software didattico presente nella distribuzione (oltre 140 programmi) tratta di vari argomenti, orientato ai vari livelli di scuole (scuola dell'infanzia, primaria e secondaria di I grado), e più della metà sono in lingua italiana. Inoltre sono presenti applicativi non pensati per un utilizzo didattico, ma comunque utili allo scopo, e applicativi generici che possono trovare comunque posto nelle varie realtà scolastiche (giochi, strumenti tipici da ufficio, strumenti di grafica,...). Terminal Server e thin client Una volta determinato e scelto il sistema operativo, nel nostro caso So.Di.Linux, si e scelto di optare per una installazione di tipo Client/Server a discapito di quella tradizionale denominata Desktop. Per meglio comprendere si pensi che la Desktop prevede l installazione del sistema operativo su ogni pc che compone l aula, un po come avviene su di un pc di casa. Questo tipo d installazione pero e svantaggiosa dal punto di vista di gestione software, richiede una serie di pc completi nei loro componenti, per esempio hard disk e DVD ed inoltre ha un impatto molto alto in termini di manutenzione. Contrariamente la versione Client/Server ha bisogno dell installazione di un solo sistema operativo, sul Server; i Client (per noi i pc usati dagli alunni) privi di hard disk e dvd si limitano a lanciare il sistema operativo direttamente e concorrenzialmente dal Server. Tutti i programmi usati sui pc Client quindi gireranno nella realtà sul Server ma saranno visualizzati sul Client. La caratteristi principale di questo ambiente e che basta un solo pc potente mentre i Client potranno essere anche di vecchia, se non vecchissima, generazione. E appunto questo il fattore trainante che unitamente ai fondi economici non elevati ha portato alla scelta del progetto LTSP per l implementazione di un environment Client/Server Progetto LTSP - Introduzione Il progetto Ltsp fornisce un modo semplice per utilizzare dei computer a basso costo come terminali (THIN CLIENT), collegandoli a un server GNU/Linux. In una tipica situazione d'ufficio o in un laboratorio scolastico su ogni scrivania vengono normalmente utilizzati computer abbastanza potenti, basati su processori Intel o AMD, ognuno con molti gigabyte di spazio su disco fisso. Ciascun utente memorizza i propri dati sul disco rigido presente nel computer e molto raramente vengono effettuati dei backup. Con Ltsp, si possono usare anche computer piuttosto datati o comunque di scarse prestazioni, basta aggiungere a ogni terminale una scheda di rete con supporto per il boot da rete (PXE). Gianluca Pietrangeli 6

7 Cos'è un thin client? Ltsp è quindi una soluzione completa che permette di collegare diversi terminali poco potenti, chiamati thin client a un server Linux. Per l'utente, un thin client si comporta come un computer normale mentre per l'amministratore non ha alcun supporto di archiviazione proprio, è facile da gestire e può fornire all'utente un'esperienza di un desktop moderno, anche con hardware obsoleto. Come funziona un thin client? I thin client sono computer che caricano ed eseguono la maggior parte dei programmi da un server centrale, ma sono visualizzati sullo schermo del client. In termini più tecnici, il thin client può ottenere un kernel da un archivio locale oppure caricarlo dalla rete. Svantaggi Lo svantaggio più grande utilizzando il sistema Ltsp è che in caso di guasti al server, tutti i thin client connessi a esso sono inutilizzabili. È quindi buona norma implementare un sistema ridondante in modo che, se un server è fuori uso, l'altro può prendere il suo posto e permettere ai client di tornare al lavoro. Soluzione finale e configurazione La soluzione finale dell infrastruttura hardware e software, partendo da quanto attualmente presente nell aula e sulla base di quanto enunciato sinora, prevede quindi: Acquisto dei seguenti componenti o pc completi 1 PC Server CPU E RAM 4 Gigabyte - HDD 500 Gigabyte - Masterizzatore - 2 schede di Rete (una di tipo gigabit) - Monitor 17 LCD 2 PC Client CPU E RAM 1 Gigabyte - scheda di rete - Monitor 17 LCD 14 Monitor 17 LCD 14 Case midi Tower colore Blu 14 Tastiere tipo PS2 14 Mouse tipo PS2 1 Stampante Laser B/N A4 1 Switch di rete gigabit 2 Cavi patch (come reintegro degli attuali 16) Una volta ottenuto il materiale, i 14 Case di colore BLU andranno a sostituire i Case degli attuali 5 pc Hp e i 9 pc IBM, mantenendo di questi ultimi soltanto la scheda madre, la memoria e l alimentatore. Verranno sostituiti i video di tipo CRT (oramai vecchi e anche dannosi per la vista) con i più moderni ed ergonomici LCD. Stessa sorte spetta alle tastiere e ai mouse. Ai 14 pc così ristrutturati si Gianluca Pietrangeli 7

8 affiancheranno sia i 2 nuovi client acquistati che il pc nobrand (ex pc insegnanti) donando pertanto all aula un insieme di uniformità e professionalità. Verrà inoltre installato il pc Server, la stampante ad esso collegata, lo scanner e il proiettore. Infine e non ultimo di importanza lo Switch di rete per il collegamento di tutto l ambiente. E importante sottolineare che questa soluzione Client/Server, nello specifico l utilizzo di Thin Client, permette un sostanziale risparmio di energia elettrica e un notevole abbattimento dell inquinamento acustico essendo tutti i pc privi di hard disk e dvd. La configurazione finale e visibile nella figura seguente. Ultimo passo sarà costituito dall installazione dell ambiente operativo cui faranno seguito i test e i collaudi. Sviluppi futuri e note di contorno E possibile ed auspicabile portare il numero di postazioni dell aula da 18 a 25 ( o come il numero massimo di alunni per una sezione) più una postazione per l insegnante. Questa miglioria permette un miglioramento nell uso e nell apprendimento dell alunno e uno scarico di risorse del Server con l utilizzo da parte dell insegnante di un proprio pc. L ampliamento prevede ulteriori spese di acquisto per pc Client, Cavi di rete, cablatura elettrica e di rete, un secondo Switch di rete. Un controllo del carico elettrico dell aula, dello spazio vivibile e della sicurezza in generale e propedeutico per il punto precedente E possibile installare un ulteriore Server per il controllo in uscita ed in entrata (possibilità remota) del traffico internet e di rete. Gianluca Pietrangeli 8

9 E possibile ed auspicabile l installazione di un secondo Server da affiancare al primo per una totale fault tollerance ( tolleranza ai guasti ) così da evitare il blocco dell aula in caso di guasto al Server principale E possibile e didatticamente utile installare un Web Server per la produzione di siti interni. Lo sviluppo di un sito oltre che abituare ed insegnare all alunno l uso di uno strumento software e anche un momento di creatività e può essere anche esteso all insegnamento trasversale delle varie materie, creando di fatto dei siti a tema come fosse una ricerca, anche di gruppo. L aula al momento dell avvio sarà strutturata in modo tale da permettere al solo insegnante l utilizzo di Internet tramite il proprio pc e con l uso del proiettore. Di fatto quindi gli alunni non potranno in alcun modo accedere in modo indipendente a tale risorsa. Questo per loro tutela e per il buon svolgimento della didattica. E possibile in seguito eliminare il blocco di Internet ed inserire o un Server per il controllo del traffico o un software apposito (parental control o proxyweb) in modo da filtrare il traffico internet con contenuti adeguati alla didattica. L insegnante avrà la possibilità dal proprio pc di inibire l uso di uno, più o tutti i pc dell aula, tramite software apposito. Note e Considerazioni finali Software Libero Il sistema operativo Gnu/Linux è rinomato per essere versatile, affidabile ed economico. E' software libero, nato sotto la spinta degli ideali di collaborazione e di libera circolazione del sapere, ideali in sintonia con gli obiettivi educativi della scuola. E' software sviluppato senza fini di lucro, perciò in modo indipendente dalle richieste delle leggi del mercato, rispondendo anche alle esigenze ed alle richieste di chi non genera profitto, ad esempio del mondo della scuola. E' software a licenza gratuita, quindi senza oneri per la scuola. E' software che garantisce la libertà di copia. La scuola può quindi distribuire i programmi gratuitamente e legalmente alle famiglie degli alunni, in modo che gli alunni possano portare a casa insieme ai libri di testo, anche gli strumenti informatici che usano a scuola. Il Software Libero e la legge La pubblica amministrazione è tenuta a preferire sistemi informatici non dipendenti da un'unica tecnologia proprietaria e programmi informatici a sorgente aperto. Direttiva 19 dicembre 2003 "Sviluppo ed utilizzazione dei programmi informatici da parte delle pubbliche amministrazioni" - Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per l'innovazione e le tecnologie (Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 7 febbraio 2004, n.31) Per cogliere lo spirito della direttiva può essere utile leggere questa vecchia pagina (Settembre 2003) del Ministero della Pubblica Istruzione. Decreto Legislativo 7 marzo 2005, n. 82 "Codice dell'amministrazione digitale" (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 112 del 16 maggio Supplemento Ordinario n. 93), art. 68 e seguenti. Ribadisce l'obbligo di valutazione comparativa di tipo tecnico ed economico tra tutte le soluzioni disponibili sul mercato (open source espressamente compreso). Gianluca Pietrangeli 9

10 Legge regionale 14 novembre 2008, n. 19 (BUR n. 95/2008) - NORME IN MATERIA DI PLURALISMO INFORMATICO, DIFFUSIONE DEL RIUSO E ADOZIONE DI FORMATI PER DOCUMENTI DIGITALI APERTI E STANDARD NELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE DEL VENETO. Afferma tra l'altro come la Regione Veneto prediliga l uso di software libero, nel rispetto del principio costituzionale di buon andamento e del principio di economicità dell attività amministrativa. Il Software Libero ed il Ministero per le Riforme e le Innovazioni nella Pubblica Amministrazione Il Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione (CNIPA) valorizza il Software Libero attraverso l'osservatorio Open Source. Il Software Libero ed il Ministero della Pubblica Istruzione Il Ministero della Pubblica Istruzione sostiene Linux nella scuola attraverso il Servizio di osservatorio tecnologico per la scuola.per conoscere meglio quest'istituzione, si visiti la pagina di presentazione nel sito dell'osservatorio Tecnologico. Il Ministero della Pubblica Istruzione ha realizzato, in collaborazione con il Politecnico di Milano, il Progetto che si pone l'obiettivo di diffondere la conoscenza riguardo al mondo del Software Libero nella scuola con particolare riferimento al sistema operativo Linux. Consigliamo di visitare i link nella sezione "argomenti correlati" nel menù di destra nella pagina per fare interessanti approfondimenti. La presentazione del progetto è disponibile in formato PDF. Fonte: Associazione di Promozione Sociale Faber Libertatis Riferimenti siti - Sito di riferimento per la distribuzione SODILINUX - Osservatorio Tecnologico per la scuola (Min. Pubblica Istruzione) - Servizio Documentazione Software Didattico - Software libero nella scuola Gianluca Pietrangeli 10

Linux a Scuola. Rete LTSP (Linux Terminal Server Project) Relatore: Ross

Linux a Scuola. Rete LTSP (Linux Terminal Server Project) Relatore: Ross Linux a Scuola Rete LTSP (Linux Terminal Server Project) Relatore: Ross Obiettivi Progetto Dotare ogni classe di 1 pc e/o di un laboratorio Collegamento ad internet. Stampanti centralizzate. Accesso centralizzato

Dettagli

Linux per la Scuola. Linux Terminal Server Project. http://www.ltsp.org/ Relatore: Ross

Linux per la Scuola. Linux Terminal Server Project. http://www.ltsp.org/ Relatore: Ross Linux per la Scuola Linux Terminal Server Project http://www.ltsp.org/ Relatore: Ross Obiettivi Progetto Un laboratorio per ogni scuola e/o un PC per ogni classe. Collegamento ad internet. Stampanti centralizzate.

Dettagli

Linux a Scuola e non solo...

Linux a Scuola e non solo... Linux Day 2011 Casorate Sempione (VA) Linux a Scuola e non solo... www.linuxvar.it Rete LTSP (Linux Terminal Server Project) Relatore: Ross Obiettivi Progetto Dotare ogni classe di 1 pc. Collegamento ad

Dettagli

Presentazione di virtual desktop client + LTSP server

Presentazione di virtual desktop client + LTSP server + LTSP server + LTSP server Cos'è un virtual desktop? Come si usa? A cosa serve? Perchè non un classico pc? Cos'è un virtual desktop? Di solito è un mini-pc costruito per avere funzionalità di base per

Dettagli

Epoptes. Architetture di rete centralizzate Open Source. Claudio Cardinali e Giuseppe Maugeri, Architetture di rete centralizzate Open Source

Epoptes. Architetture di rete centralizzate Open Source. Claudio Cardinali e Giuseppe Maugeri, Architetture di rete centralizzate Open Source Architetture di rete centralizzate Open Source Epoptes 1 Edubuntu Sistema operativo Ubuntu con sorgenti ottimizzate per l uso in ambienti educativi: software Contiene software di tipo educativo (installabili

Dettagli

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale MODULO 1 1.1 Il personal computer ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale 1.1 Il personal computer Il PC Hardware e software Classificazioni del software Relazione tra

Dettagli

I CIRCOLO DIDATTICO S. G. BOSCO Piazza Garibaldi, 36 70054 Giovinazzo (Ba)

I CIRCOLO DIDATTICO S. G. BOSCO Piazza Garibaldi, 36 70054 Giovinazzo (Ba) I CIRCOLO DIDATTICO S. G. BOSCO Piazza Garibaldi, 36 70054 Giovinazzo (Ba) Allegato tecnico B per n. LABORATORIO LINGUISTICO PON FESR CODICE B-.B-FESR0_POR_PUGLIA-20-62 (Bando prot. n. 3657/B-8 del 4/0/20)

Dettagli

I.S.I.S. J.M.Keynes. Castel Maggiore (BO) Progetto TSERVER. Il software libero per il riutilizzo di hardware obsoleto. S cuol a8 20070516 Bologna

I.S.I.S. J.M.Keynes. Castel Maggiore (BO) Progetto TSERVER. Il software libero per il riutilizzo di hardware obsoleto. S cuol a8 20070516 Bologna I.S.I.S. J.M.Keynes Castel Maggiore (BO) Progetto TSERVER Il software libero per il riutilizzo di hardware obsoleto S cuol a8 20070516 Bologna Linux Terminal Server Project (http://ltsp.org) Consente di

Dettagli

LTSP e italc a scuola

LTSP e italc a scuola LTSP e italc a scuola I nt el l i gent Teachi ng And Lear ni ng wi t h Comput er s Perugia, 25 ottobre 2008 Danilo Mariotti I.T.C.G. G. Spagna Linux Terminal Server Project Reti a bassissimo costo per

Dettagli

organizzazioneinterna

organizzazioneinterna organizzazioneinterna organizzazione o r g a n i z z a z i o n e o r g a n i z z a z i o n e i n t e r n a La Jaka Congressi s.r.l. ha come scopo societario quello di organizzare e realizzare eventi formativi,

Dettagli

ICT a Manutenzione ZERO

ICT a Manutenzione ZERO ICT a Manutenzione ZERO Quante volte vi è capitato di accendere i computer e di riscontrare problemi o malfunzionamenti che mettono in pericolo la lezione? Le scuole che adottano la configurazione ICT

Dettagli

Via Emanuela Loi 1, 09010 Villaspeciosa (CA) P.IVA 03071740926 - Tel.+39 380 45 42 015 CF: CSCLSN78R17B354H *** @Mail: info@afnetsistemi.

Via Emanuela Loi 1, 09010 Villaspeciosa (CA) P.IVA 03071740926 - Tel.+39 380 45 42 015 CF: CSCLSN78R17B354H *** @Mail: info@afnetsistemi. Via Emanuela Loi 1, 09010 Villaspeciosa (CA) P.IVA 03071740926 - Tel.+39 380 45 42 015 CF: CSCLSN78R17B354H *** @Mail: info@afnetsistemi.it @Pec: info.afnet@pec.it Web: http://www.afnetsistemi.it E-Commerce:

Dettagli

Cablaggio Sistemi Hardware

Cablaggio Sistemi Hardware Cablaggio Sistemi Hardware Supponiamo di eseguire un cablaggio in una nuova infrastruttura di rete da zero. Dobbiamo installare nuovi pc e server, di conseguenza bisogna conoscere alcune nuove specifiche

Dettagli

Quaderni per l'uso di computer

Quaderni per l'uso di computer Quaderni per l'uso di computer con sistemi operativi Linux Ubuntu 0- INSTALLAZIONE a cura di Marco Marchetta Aprile 2013 1 HARDWARE MASTERIZZATORE CD - DVD (*) (*) Requisiti minimi richiesti da da Ubuntu

Dettagli

Due laboratori scolastici rimessi a nuovo

Due laboratori scolastici rimessi a nuovo I.S.I.S. J.M.Keynes Castel Maggiore (BO) Due laboratori scolastici rimessi a nuovo Il software libero per il riutilizzo di hardware obsoleto Li nuxday 20061028 Casalecchio di Reno (BO) Linux Terminal Server

Dettagli

Quaderni per l'uso di computer

Quaderni per l'uso di computer Quaderni per l'uso di computer con sistemi operativi Linux Ubuntu 0- a cura di Marco Marchetta Aprile 2014 1 HARDWARE MASTERIZZATORE CONNESSIONE INTERNET CD - DVD Chiavetta USB o Router ADSL (*) COMPONENTI

Dettagli

Scheda requisiti Hardware e Software per Arca Evolution ed Arca ego

Scheda requisiti Hardware e Software per Arca Evolution ed Arca ego Aggiornato ad Aprile 2015 Scheda requisiti Hardware e Software per Arca Evolution ed Arca ego Premessa Arca è un software gestionale con architettura Client/ sviluppato per i sistemi operativi Microsoft.

Dettagli

Progetto Virtualizzazione

Progetto Virtualizzazione Progetto Virtualizzazione Dipartimento e Facoltà di Scienze Statistiche Orazio Battaglia 25/11/2011 Dipartimento di Scienze Statiche «Paolo Fortunati», Università di Bologna, via Belle Arti 41 1 La nascita

Dettagli

Laboratorio di Informatica (a matematica)

Laboratorio di Informatica (a matematica) Laboratorio di Informatica (a matematica) schermo schermo stampante SERVER WMAT22 WMAT18 WMAT20 WMAT19 WMAT16 WMAT17 WMAT21 WMAT15 WMAT 10 WMAT9 WMAT8 WMAT7 WMAT6 WMAT?? WMAT13 WMAT14 WMAT12 server WMATT??

Dettagli

Il sistema di elaborazione

Il sistema di elaborazione Il sistema di elaborazione Hardware e software Hardware e software Un sistema di elaborazione è formato da: parti hardware: componenti fisiche parti software: componenti logiche i dati da trattare le correlazioni

Dettagli

Convegno Didattica Aperta Libero accesso a software e saperi nella Scuola e nell'università

Convegno Didattica Aperta Libero accesso a software e saperi nella Scuola e nell'università Didattica Aperta Laboratorio LTSP Convegno Didattica Aperta Libero accesso a software e saperi nella Scuola e nell'università L'aula informatica con terminal server: analisi di una soluzione tecnica Andrea

Dettagli

Hardware, software e dati

Hardware, software e dati Hardware, software e dati. Hardware il corpo del computer. Software i programmi del computer. Dati la memoria del computer ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale Diapositiva

Dettagli

ADATTATORE USB DISPLAY

ADATTATORE USB DISPLAY ADATTATORE USB DISPLAY Guida rapida d installazione 1. INSTALLAZIONE DEI DRIVER ATTENZIONE: NON collegare l adattatore al computer prima di aver installato correttamente i driver. Inserire il CD in dotazione

Dettagli

Il sistema di elaborazione Hardware e software

Il sistema di elaborazione Hardware e software Il sistema di elaborazione Hardware e software A. Lorenzi M. Govoni TECNOLOGIE INFORMATICHE. Release 2.0 Atlas Hardware e software Un sistema di elaborazione è formato da: parti hardware: componenti fisiche

Dettagli

Concetti base del computer

Concetti base del computer Concetti base del computer Test VERO o FALSO (se FALSO giustifica la risposta) 1) La memoria centrale è costituita dal disco fisso VERO/FALSO 2) Allo spegnimento del PC la RAM perde il suo contenuto VERO/FALSO

Dettagli

Piano Nazionale di Formazione degli Insegnanti sulle Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione. Percorso Formativo C1.

Piano Nazionale di Formazione degli Insegnanti sulle Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione. Percorso Formativo C1. Piano Nazionale di Formazione degli Insegnanti sulle Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione Percorso Formativo C1 Modulo 2 Computer hardware 1 OBIETTIVI Identificare, descrivere, installare

Dettagli

PROFILO DELL ANIMATORE DEL PNSD

PROFILO DELL ANIMATORE DEL PNSD PROFILO DELL ANIMATORE DEL PNSD FORMAZIONE INTERNA: stimolare la formazione interna alla scuola negli ambiti del PNSD, attraverso l organizzazione di laboratori formativi (senza essere necessariamente

Dettagli

Elementi hardware di un personal computer desktop 2012

Elementi hardware di un personal computer desktop 2012 IIS Bonfantini Novara -Laboratorio di informatica 2012 Pagina 1 PERSONAL COMPUTER I personal computer sono quelli usati per lavoro d'ufficio o in ambito domestico da un solo utente per volta. Un ulteriore

Dettagli

Perché Gnu/Linux. Breve excursus su quali sono i vantaggi dell'uso di un sistema operativo free e opensource come una distribuzione GNU/Linux

Perché Gnu/Linux. Breve excursus su quali sono i vantaggi dell'uso di un sistema operativo free e opensource come una distribuzione GNU/Linux Perché Gnu/Linux Breve excursus su quali sono i vantaggi dell'uso di un sistema operativo free e opensource come una distribuzione GNU/Linux Vantaggi dell'uso dei formati aperti e liberi per salvare i

Dettagli

COME E COMPOSTO IL PC - WWW.DADEPC.IT

COME E COMPOSTO IL PC - WWW.DADEPC.IT Il computer è composto essenzialmente da due componenti L' HARDWARE ed il SOFTWARE COME E COMPOSTO IL PC - WWW.DADEPC.IT FACCIAMO UN PARAGONE Se vogliamo fare una paragone, L' HARDWARE è una stanza o un

Dettagli

www.informaticalibera.info LTSP; ovvero, come realizzare laboratori didattici a basso costo

www.informaticalibera.info LTSP; ovvero, come realizzare laboratori didattici a basso costo www.informaticalibera.info LTSP; ovvero, come realizzare laboratori didattici a basso costo Scenario di riferimento molto spesso le scuole dispongono di hardware obsoleto (quasi) completamente inutilizzabile

Dettagli

nella Scuola: aspetti educativi e didattici

nella Scuola: aspetti educativi e didattici nella Scuola: aspetti educativi e didattici Aspetti educativi La scuola dovrebbe insegnare a chi studia stili di vita in grado di portare beneficio all'intera società. Dovrebbe promuovere l'uso del software

Dettagli

il software disponibile in CLOUD COMPUTING... un salto nel futuro, con i fatti.

il software disponibile in CLOUD COMPUTING... un salto nel futuro, con i fatti. il software disponibile in CLOUD COMPUTING... un salto nel futuro, con i fatti. DESCRIZIONE DEL SERVIZIO SHERPAWEB IN CLOUD COMPUTING Esakon per occuparsi al meglio di ICT (Information Communications Technology,

Dettagli

MONIA MONTANARI. Appunti di Trattamento Testi. Capitolo 1 Il Computer

MONIA MONTANARI. Appunti di Trattamento Testi. Capitolo 1 Il Computer MONIA MONTANARI Appunti di Trattamento Testi Capitolo 1 Il Computer 1. Introduzione La parola informatica indica la scienza che rileva ed elabora l informazione, infatti : Informatica Informazione Automatica

Dettagli

Corso base GNU/Linux 2014. Latina Linux Group. Sito web: www.llg.it. Mailing list:http://lists.linux.it/listinfo/latina

Corso base GNU/Linux 2014. Latina Linux Group. Sito web: www.llg.it. Mailing list:http://lists.linux.it/listinfo/latina Corso base GNU/Linux 2014 Latina Linux Group Sito web: www.llg.it Mailing list:http://lists.linux.it/listinfo/latina 1 / 34 Obiettivi di questo incontro Fornire delle informazioni di base sul funzionamento

Dettagli

Nota: E' necessario che il sistema possa fare il boot da CD per effettuare l'installazione.

Nota: E' necessario che il sistema possa fare il boot da CD per effettuare l'installazione. Questa guida mostra come convertire un normale PC in un server Untangle utilizzando un CD di installazione Untangle. Che cosa sa fare il Server Untangle? Il server Untangle offre un modo semplice per proteggere,

Dettagli

STRUTTURA DI UN COMPUTER

STRUTTURA DI UN COMPUTER STRUTTURA DI UN COMPUTER Il computer si serve di dati che vengono immessi da sistemi di INPUT (tastiera, mouse ecc.), vengono elaborati e restituiti da sistemi di OUTPUT (schermo, stampante ecc.). La parte

Dettagli

INFORMATICA DI BASE CLASSE PRIMA Prof. Eandi Danilo www.da80ea.altervista.org INFORMATICA DI BASE

INFORMATICA DI BASE CLASSE PRIMA Prof. Eandi Danilo www.da80ea.altervista.org INFORMATICA DI BASE INFORMATICA DI BASE CHE COSA È UN COMPUTER Un computer è un elaboratore elettronico, cioè una macchina elettronica programmabile in grado di eseguire automaticamente operazioni logico-aritmetiche sui dati

Dettagli

Corso di formazione CerTIC Tablet

Corso di formazione CerTIC Tablet Redattore prof. Corso di formazione CerTIC Tablet Dodicesima Dispensa Comitato Tecnico Scientifico: Gruppo Operativo di Progetto CerticAcademy Learning Center, patrocinato dall assessorato al lavoro e

Dettagli

IRRSAE EMILIA ROMAGNA ASSESSORATO FORMAZIONE PROFESSIONALE, LAVORO, SCUOLA E UNIVERSITÀ FONDO SOCIALE EUROPEO UNIVERSITÀ DI BOLOGNA

IRRSAE EMILIA ROMAGNA ASSESSORATO FORMAZIONE PROFESSIONALE, LAVORO, SCUOLA E UNIVERSITÀ FONDO SOCIALE EUROPEO UNIVERSITÀ DI BOLOGNA MODULO B pag. 1 IRRSAE EMILIA ROMAGNA ASSESSORATO FORMAZIONE PROFESSIONALE, LAVORO, SCUOLA E UNIVERSITÀ FONDO SOCIALE EUROPEO UNIVERSITÀ DI BOLOGNA Rilevazione statistica dell hardware, del software e

Dettagli

Linux nella scuola...proviamo!

Linux nella scuola...proviamo! Il software opensource per la didattica Linux nella scuola...proviamo! V. Candiani, G. Caruso, L. Ferlino, M. Ott, M. Tavella Il problema dei sw didattici protetti da copyright Alti costi per le licenze;

Dettagli

MODALITA DI DISTRIBUZIONE DELLE PROCEDURE PRAGMAWIN

MODALITA DI DISTRIBUZIONE DELLE PROCEDURE PRAGMAWIN MODALITA DI DISTRIBUZIONE DELLE PROCEDURE PRAGMAWIN A tutti gli utenti delle procedure Pragma, indipendentemente dalle procedure acquistate e utilizzate, viene distribuito il DVD PRAGMAwin, contenente

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

INDICE PROGRAMMA CORSO

INDICE PROGRAMMA CORSO INDICE PROGRAMMA CORSO PRIMA LEZIONE: Componenti di un computer: Hardware, Software e caratteristiche delle periferiche. SECONDA LEZIONE: Elementi principali dello schermo di Windows: Desktop, Icone, Mouse,

Dettagli

Regolamento. sulla gestione e l utilizzo delle reti informatiche e sulle strutture multimediali. dell Istituto Comprensivo di Capraia e Limite

Regolamento. sulla gestione e l utilizzo delle reti informatiche e sulle strutture multimediali. dell Istituto Comprensivo di Capraia e Limite 1 Regolamento sulla gestione e l utilizzo delle reti informatiche e sulle strutture multimediali dell Istituto Comprensivo di Capraia e Limite 2 Premessa: Il presente regolamento deve essere un punto di

Dettagli

Istituto Comprensivo

Istituto Comprensivo Istituto Comprensivo SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO 73052 Parabita - Via Roma, 20 Tel. 0833593305 Email: leic84600x@istruzione.it Prot. n. 5180/B17 Parabita, 18/10/2010 Spett.le

Dettagli

Aula Informatica a Costo Zero - rete LTSP fisica

Aula Informatica a Costo Zero - rete LTSP fisica Aula Informatica a Costo Zero - rete fisica guida passo-passo alla creazione di una rete (Linux Terminal Server Project) febbraio 2008 Obiettivo: creare una mini-rete composta da 1 server Linux + 1 terminale

Dettagli

REGOLAMENTO. di gestione e utilizzo delle reti informatiche e delle strutture multimediali. I.I.S. F.Orioli di Viterbo sede centrale via Villanova snc

REGOLAMENTO. di gestione e utilizzo delle reti informatiche e delle strutture multimediali. I.I.S. F.Orioli di Viterbo sede centrale via Villanova snc REGOLAMENTO di gestione e utilizzo delle reti informatiche e delle strutture multimediali I.I.S. F.Orioli di Viterbo sede centrale via Villanova snc I.I.S. F.Orioli di Viterbo sede Liceo Artistico via

Dettagli

51) Linux è: A) un sistema operativo B) una periferica C) un applicazione

51) Linux è: A) un sistema operativo B) una periferica C) un applicazione Conoscenze Informatiche 51) Linux è: A) un sistema operativo B) una periferica C) un applicazione 52) Un provider è: A) un ente che fornisce a terzi l accesso a Internet B) un protocollo di connessione

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA STATALE 2 CIRCOLO

DIREZIONE DIDATTICA STATALE 2 CIRCOLO Esigenze Didattiche DIREZIONE DIDATTICA STATALE CIRCOLO Cod. Fisc.: 900460845 Cod. Mecc. AGEE0400E - Tel. +390996830 Fax +39099658 CAPITOLATO TECNICO - ALLEGATO B PROGETTO: SCUOL@ONLINE Questo documento

Dettagli

Corso di Informatica Modulo L2 2-Installazione

Corso di Informatica Modulo L2 2-Installazione Corso di Informatica Modulo L2 2-Installazione 1 Prerequisiti Uso pratico elementare di un sistema operativo Concetto di macchina virtuale Scaricare e installare software 2 1 Introduzione Sebbene le istruzioni

Dettagli

Laboratorio MULTIMEDIALE scuola secondaria di I A POSTAZIONE MULTIMEDIALE POSTAZIONE ALUNNO

Laboratorio MULTIMEDIALE scuola secondaria di I A POSTAZIONE MULTIMEDIALE POSTAZIONE ALUNNO FESR Ambienti per l apprendimento (fondi nazionali e Fondo Europeo di Sviluppo Regionale) 2007 IT 05 1 PO 04 F.E.S.R Obiettivo A1 (Incrementare le dotazioni tecnologiche e le reti delle istituzioni scolastiche)

Dettagli

Corso: Informatica+ Andrea Cremonini. Lezione del 20/10/2014

Corso: Informatica+ Andrea Cremonini. Lezione del 20/10/2014 Corso: Informatica+ Andrea Cremonini Lezione del 20/10/2014 1 Cosa è un computer? Un elaboratore di dati e immagini Uno smartphone Il decoder di Sky Una console di gioco siamo circondati! andrea.cremon

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA I SERVIZI AL CITTADINO E ALLE IMPRESE Il Comune di CALTAVUTURO attraverso il presente progetto intende attivare e rafforzare i servizi offerti al cittadino, per dare maggiore

Dettagli

Ristrutturazione Aule didattiche del Dip. Di Matematica utilizzando la tecnologia Sun Ray Microsystem. Sun Ray

Ristrutturazione Aule didattiche del Dip. Di Matematica utilizzando la tecnologia Sun Ray Microsystem. Sun Ray Microsystem Ristrutturazione Aule didattiche del Dip. Di Matematica utilizzando la tecnologia Microsystem Situazione preesistente Aule didattiche Dip. Matematica Aula 8: nessun pc Aula 9: 7 pc (datati

Dettagli

Introduzione al Software Libero e a GNU/Linux

Introduzione al Software Libero e a GNU/Linux Introduzione al Software Libero e a GNU/Linux Enrico Albertini 1 Di cosa stiamo parlando? L'hardware è la parte del computer che possiamo toccare, ciò che è composto da atomi. Il software, invece, è una

Dettagli

Descrizione e caratteristiche dell impianto d informatizzazione reni e Reparto Dialisi Serramanna.

Descrizione e caratteristiche dell impianto d informatizzazione reni e Reparto Dialisi Serramanna. Descrizione e caratteristiche dell impianto d informatizzazione reni e Reparto Dialisi Serramanna. Si richiede la realizzazione, a completo carico della ditta aggiudicataria, di un sistema informatico

Dettagli

Città di Bassano del Grappa

Città di Bassano del Grappa PIANO TRIENNALE per l individuazione di misure finalizzate alla razionalizzazione dell utilizzo delle dotazioni strumentali Art 2 comma 594 e segg. L. 244/2007 Indice del documento 1. Premessa... 3 2.

Dettagli

Il termine informatica deriva dall unione di due parole: informazione e automatica. Il P.C.

Il termine informatica deriva dall unione di due parole: informazione e automatica. Il P.C. Il termine informatica deriva dall unione di due parole: informazione e automatica. Il P.C. Hardware: parte fisica, cioè l insieme di tutte le componenti fisiche, meccaniche, elettriche e ottiche, necessarie

Dettagli

REQUISITI DI UN TEST CENTER ECDL SPECIALISED LEVEL Appendice 1

REQUISITI DI UN TEST CENTER ECDL SPECIALISED LEVEL Appendice 1 Pag. 1 di 5 REVISIONI 1 22/04/2003 Prima emissione 2 25/04/2007 Prima revisione completa REVISIONE DATA MOTIVO DELLA REVISIONE REDATTA CONTROLLATA APPROVATA Funzione Responsabile della Funzione Qualità

Dettagli

Manuale Servizi di Virtualizzazione e Porta di Accesso Virtualizzata

Manuale Servizi di Virtualizzazione e Porta di Accesso Virtualizzata Manuale Servizi di Virtualizzazione e Porta di Accesso Virtualizzata COD. PROD. D.6.3 1 Indice Considerazioni sulla virtualizzazione... 3 Vantaggi della virtualizzazione:... 3 Piattaforma di virtualizzazione...

Dettagli

Installare un nuovo programma

Installare un nuovo programma Installare un nuovo programma ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale Diapositiva Introduzione Installare un nuovo programma sul computer installazione Quando acquistiamo

Dettagli

So.Di. LINUX: Software Didattico OpenSource per tutti

So.Di. LINUX: Software Didattico OpenSource per tutti So.Di. LINUX: Software Didattico OpenSource per tutti V. Candiani, G.P. Caruso, L. Ferlino, M. Ott, M. Tavella Istituto per le Tecnologie Didattiche ITD-CNR La scuola italiana non è ancora pronta per valutare

Dettagli

l'installazione del sistema operativo Ubuntu Linux

l'installazione del sistema operativo Ubuntu Linux corso introduttivo di informatica libera l'installazione del sistema operativo Ubuntu Linux Manuele Rampazzo Associazione di Promozione Sociale Faber Libertatis - http://faberlibertatis.org/

Dettagli

B) ELENCO ATTREZZATURE

B) ELENCO ATTREZZATURE B) ELENCO ATTREZZATURE Si riporta nella tabella seguente l elenco delle attrezzature da acquistare per la realizzazione del progetto PON FESR codice B-1-FESR-2008-1320. In tale elenco sono indicate le

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE

MANUALE DI INSTALLAZIONE MANUALE DI INSTALLAZIONE Pagina 1 Indice SPECIFICHE TECNICHE...3 TIPOLOGIE DI INSTALLAZIONE...4 INSTALLAZIONE MONO UTENZA (INSTALLAZIONE SEMPLICE)...5 INSTALLAZIONE DI RETE...17 Installazione lato SERVER...17

Dettagli

Informatica 1. 6 Sistemi operativi e software. ing. Luigi Puzone

Informatica 1. 6 Sistemi operativi e software. ing. Luigi Puzone Informatica 1 6 Sistemi operativi e software ing. Luigi Puzone Windows caratteristiche principali: Windows è un Sistema Operativo Con Interfaccia Grafica Multiutente Multitasking Multithreading Multiprocessing

Dettagli

18. Cercare, scaricare, organizzare e condividere le fotografie digitali

18. Cercare, scaricare, organizzare e condividere le fotografie digitali 18. Cercare, scaricare, organizzare e condividere le fotografie digitali 18. Cercare, scaricare, organizzare e condividere le fotografie digitali In questo capitolo impareremo a cercare immagini su Internet,

Dettagli

Back to MAINFRAME. Come ridurre il peso dell help desk e vivere felici. Ver 1.6 F. M. TAURINO/ E. M. V. FASANELLI

Back to MAINFRAME. Come ridurre il peso dell help desk e vivere felici. Ver 1.6 F. M. TAURINO/ E. M. V. FASANELLI Back to MAINFRAME Come ridurre il peso dell help desk e vivere felici Ver 1.6 F. M. TAURINO/ E. M. V. FASANELLI Prima di cominciare I servizi di calcolo hanno POCO PERSONALE ma DEVONO gestire di TUTTO

Dettagli

IL PERSONAL COMPUTER. Prof. Rosario Berardi. Tastiera

IL PERSONAL COMPUTER. Prof. Rosario Berardi. Tastiera . 1 IL PERSONAL COMPUTER Prof. Rosario Berardi 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. 9. 10. Monitor (lcd crt): Periferica di output principale. Motherboard (intel amd): Piastra di silicio e chip per tutti gli altri

Dettagli

Il computer: primi elementi

Il computer: primi elementi Il computer: primi elementi Tommaso Motta T. Motta Il computer: primi elementi 1 Informazioni Computer = mezzo per memorizzare, elaborare, comunicare e trasmettere le informazioni Tutte le informazioni

Dettagli

Idee emerse dalla sperimentazione condotta in collaborazione al Progetto Marconi dell'ufficio Scolastico Provinciale di Bologna

Idee emerse dalla sperimentazione condotta in collaborazione al Progetto Marconi dell'ufficio Scolastico Provinciale di Bologna Idee emerse dalla sperimentazione condotta in collaborazione al Progetto Marconi dell'ufficio Scolastico Provinciale di Bologna Claudio Laurita Beatrice Andalò Budrio (BO) Domanda di fondo Perché il laboratorio

Dettagli

TEST DI INGRESSO Corso Saper Utilizzare il PC

TEST DI INGRESSO Corso Saper Utilizzare il PC TEST DI INGRESSO Corso Saper Utilizzare il PC Pagina 1 1. Che cos'è il Case? A Unità di Peso dei Computer. B Microprocessore. C Scatola metallica che racchiude tutte le componenti fisiche di un computer

Dettagli

I.C. ALDO MORO - CAROSINO a.s. 2012-2013 REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEL LABORATORIO DI INFORMATICA

I.C. ALDO MORO - CAROSINO a.s. 2012-2013 REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEL LABORATORIO DI INFORMATICA I.C. ALDO MORO - CAROSINO a.s. 2012-2013 REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEL LABORATORIO DI INFORMATICA Norme di accesso: 1) l accesso al laboratorio di informatica è subordinato all accettazione del presente

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO: ARCHITETTURA DEI COMPUTERS, PERIFERICHE, SOFTWARE APPLICATIVO, SISTEMI OPERATIVI, INTERNET E SERVIZI, WEB, RETI DI COMPUTER

PROGRAMMA FORMATIVO: ARCHITETTURA DEI COMPUTERS, PERIFERICHE, SOFTWARE APPLICATIVO, SISTEMI OPERATIVI, INTERNET E SERVIZI, WEB, RETI DI COMPUTER PROGRAMMA FORMATIVO: ARCHITETTURA DEI COMPUTERS, PERIFERICHE, SOFTWARE APPLICATIVO, SISTEMI OPERATIVI, INTERNET E SERVIZI, WEB, RETI DI COMPUTER Architettura dei calcolatori (hardware e software base )

Dettagli

Allegato A. n. 1 PC postazione Server (riportare i prezzi iva inclusa)

Allegato A. n. 1 PC postazione Server (riportare i prezzi iva inclusa) Allegato A Caratteristiche tecniche del materiale richiesto. Esse costituiscono standard di riferimento base. La proposta di materiale con caratteristiche analoghe o superiori è naturalmente possibile:

Dettagli

ACQUISTARE LA WORKSTATION PERFETTA

ACQUISTARE LA WORKSTATION PERFETTA ACQUISTARE LA WORKSTATION PERFETTA UNA GUIDA ALL ACQUISTO PER OTTENERE IL MASSIME PRESTAZIONE E AFFIDABILITÀ CON IL CAD/CAM SOMMARIO Considerazioni sulle prestazioni... 2 1. CPU... 3 2. GPU... 3 3. RAM...

Dettagli

1) Introduzione ai sistemi operativi (O.S.=operative system)

1) Introduzione ai sistemi operativi (O.S.=operative system) 1) Introduzione ai sistemi operativi (O.S.=operative system) Sistema Operativo: è un componente del software di base di un computer che gestisce le risorse hardware e software, fornendo al tempo stesso

Dettagli

1.1 Installazione di ARCHLine.XP

1.1 Installazione di ARCHLine.XP 1.1 Installazione di ARCHLine.XP 1.1.1 Contenuto del pacchetto di ARCHLine.XP Controllare il contenuto del vostro pacchetto ARCHLine.XP : Manuale utente di ARCHLine.XP (se in formato elettronico è contenuto

Dettagli

Versione 2014. Installazione GSL. Copyright 2014 All Rights Reserved

Versione 2014. Installazione GSL. Copyright 2014 All Rights Reserved Versione 2014 Installazione GSL Copyright 2014 All Rights Reserved Indice Indice... 2 Installazione del programma... 3 Licenza d'uso del software... 3 Requisiti minimi postazione lavoro... 3 Requisiti

Dettagli

Virtualizzazione. Di tutti. Per tutti.

Virtualizzazione. Di tutti. Per tutti. Virtualizzazione. Di tutti. Per tutti. Autore: Claudio Cardinali Email: claudio@csolution.it 1 Agenda L.T.S.P. Linux Terminal Server Project Virtualizzazione K.V.M. Kernel Based Virtual Machine Deploy

Dettagli

Non sono supportate reti peer to peer, è necessario avere un server dedicato.

Non sono supportate reti peer to peer, è necessario avere un server dedicato. Il software gestionale per le Piccole e Medie Imprese Requisisti hardware e software Sistema operativo Server: NT Server Windows 2000/2003 Server e superiori Novell 3.12 o superiori con supporto nomi lunghi

Dettagli

Input Elaborazione Output. Output. Componenti di elaborazione. Periferiche di. Periferiche di Input

Input Elaborazione Output. Output. Componenti di elaborazione. Periferiche di. Periferiche di Input Hardware e Software Hardware: : Tutti i componenti fisici del sistema di elaborazione (tutto ciò che si può toccare) Software: : Tutti i programmi installati nel nostro sistema di elaborazione Fasi di

Dettagli

Organizzano CORSO D INFORMATICA LIVELLO BASE

Organizzano CORSO D INFORMATICA LIVELLO BASE Comune di Stienta Organizzano CORSO D INFORMATICA LIVELLO BASE PRESSO AULA MULTIMEDIALE SCUOLA MEDIA COMUNE DI STIENTA IL MOTORE DI RICERCA CHE TI CERCA VISITA IL SITO HTTP://cerca.gruppo-si.it Premessa:

Dettagli

Parte V. Sistemi Operativi & Reti. Sistemi Operativi. Sistemi Operativi

Parte V. Sistemi Operativi & Reti. Sistemi Operativi. Sistemi Operativi Parte V & Reti Sistema operativo: insieme di programmi che gestiscono l hardware Hardware: CPU Memoria RAM Memoria di massa (Hard Disk) Dispositivi di I/O Il sistema operativo rende disponibile anche il

Dettagli

MODELLO DI PROPOSTA DI STRATEGIA DIDATTICA

MODELLO DI PROPOSTA DI STRATEGIA DIDATTICA MODELLO DI PROPOSTA DI STRATEGIA DIDATTICA ( Scheda analitica dell idea progettuale 2.0 ) DATI ANAGRAFICI SCUOLA CODICE MECCANOGRAFICO DENOMINAZIONE ISTITUTO meic83503 ISTITUTO COMPRENSIVO DI FRANCAVILLA

Dettagli

Una delle cose che si apprezza maggiormente del prodotto è proprio la facilità di gestione e la pulizia dell interfaccia.

Una delle cose che si apprezza maggiormente del prodotto è proprio la facilità di gestione e la pulizia dell interfaccia. Nella breve presentazione che segue vedremo le caratteristiche salienti del prodotto Quick- EDD/Open. Innanzi tutto vediamo di definire ciò che non è: non si tratta di un prodotto per il continuos backup

Dettagli

Corso di Informatica. Riferimenti (temporanei) Orario lezioni. L esame 11/01/2008. Sono contattabile all indirizzo e-mail: dsguassero@units.

Corso di Informatica. Riferimenti (temporanei) Orario lezioni. L esame 11/01/2008. Sono contattabile all indirizzo e-mail: dsguassero@units. Corso di Informatica Ing. Dario Sguassero Riferimenti (temporanei) Sono contattabile all indirizzo e-mail: dsguassero@units.it Alcuni tutorial sono scaricabili da: http://www.units.it/~dsguassero Introduzione

Dettagli

GUIDA UTENTE INTERNET CAFE MANAGER (Vers. 5.2.0)

GUIDA UTENTE INTERNET CAFE MANAGER (Vers. 5.2.0) GUIDA UTENTE INTERNET CAFE MANAGER (Vers. 5.2.0) GUIDA UTENTE INTERNET CAFE MANAGER (Vers. 5.2.0)...1 Installazione e configurazione...2 Installazione ICM Server...3 Primo avvio e configurazione di ICM

Dettagli

Virtualizzazione Episodio 2. Il tempo dei desktop. Soluzioni Informatiche - Articolo di approfondimento

Virtualizzazione Episodio 2. Il tempo dei desktop. Soluzioni Informatiche - Articolo di approfondimento Soluzioni Informatiche - Articolo di approfondimento Virtualizzazione Episodio 2 Il tempo dei desktop L autore Roberto Müller, laureato al Politecnico di Milano in Ingegneria Informatica, svolge attività

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SARMEDE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SARMEDE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SARMEDE SCUOLA ELEMENTARE DI SARMEDE LABORATORIO D INFORMATICA Regolamento per l accesso e l uso DESTINAZIONE D USO ED UTENTI Il laboratorio d informatica è collocato in un aula

Dettagli

Corso base per l uso del computer. Corso organizzato da:

Corso base per l uso del computer. Corso organizzato da: Corso base per l uso del computer Corso organizzato da: S Programma del Corso Ing. Roberto Aiello www.robertoaiello.net info@robertoaiello.net +39 334.95.75.404 S S Informatica S Cos è un Computer Il personal

Dettagli

Virtualizzazione. Orazio Battaglia

Virtualizzazione. Orazio Battaglia Virtualizzazione Orazio Battaglia Definizione di virtualizzazione In informatica il termine virtualizzazione si riferisce alla possibilità di astrarre le componenti hardware, cioè fisiche, degli elaboratori

Dettagli

Termini che è necessario capire:

Termini che è necessario capire: Per iniziare 1........................................ Termini che è necessario capire: Hardware Software Information Technology (IT) Mainframe Laptop computer Unità centrale di elaborazione (CPU) Hard

Dettagli

INFORMATION TECNOLOGY. a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it

INFORMATION TECNOLOGY. a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it INFORMATION TECNOLOGY 1 a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it 1 IT, HARDWARE E SOFTWARE Information Tecnology (o Informazione automatica): tecnologia hadware e software utilizzata per la progettazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PADRE PIO AIROLA

ISTITUTO COMPRENSIVO PADRE PIO AIROLA ISTITUTO COMPRENSIVO PADRE PIO AIROLA PROGETTO INFORMATICA: UNPLUGGED ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA Come è noto, l insegnamento della tecnologia/informatica è entrata a far parte del normale curricolo

Dettagli

CONFIGURAZIONE MINIMA

CONFIGURAZIONE MINIMA Computer Server di NOTE DI INSTALLAZIONE SUITE IPSOA NOTE DI INSTALLAZIONE...1 SUITE IPSOA...1 CONFIGURAZIONE MINIMA...1 STAMPANTI...3 COMPONENTI SOFTWARE...3 TIPOLOGIE DI INSTALLAZIONE...6 INSTALLAZIONE

Dettagli

Regolamento Laboratori Multimediali

Regolamento Laboratori Multimediali M i n i s t e r o d e l l I s t r u z i o n e, d e l l U n i v e r s i t à e d e l l a R i c e r c a I s t i t u t o C o m p r e n s i v o di M o n t e c o m p a t r i P a o l o B o r s e l l i n o Via

Dettagli

Realizzato da: Ing. Francesco Cacozza

Realizzato da: Ing. Francesco Cacozza (ITALIANO) Software Gestionale Professionale Specifico per Comuni Realizzato da: Ing. Francesco Cacozza Indice Introduzione e requisiti tecnici 3 Installazione 5 Menu principale 6 Gestione 7 Dati Societari

Dettagli