BOLLETTINO UFFICIALE SOMMARIO REPUBBLICA ITALIANA. Serie Ordinaria - Venerdì 17 aprile 2015 C) GIUNTA REGIONALE E ASSESSORI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BOLLETTINO UFFICIALE SOMMARIO REPUBBLICA ITALIANA. Serie Ordinaria - Venerdì 17 aprile 2015 C) GIUNTA REGIONALE E ASSESSORI"

Transcript

1 Anno XLV N. 097 Iscritto nel registro Stampa del Tribunale di Milano (n. 656 del 21 dicembre 2010) Proprietario: Giunta Regionale della Lombardia Sede Direzione e redazione: p.zza Città di Lombardia, Milano Direttore resp.: Fabrizio De Vecchi Redazione: tel. 02/6765 int ; 16 Serie Ordinaria - Venerdì 17 aprile 2015 BOLLETTINO UFFICIALE REPUBBLICA ITALIANA SOMMARIO C) GIUNTA REGIONALE E ASSESSORI Delibera Giunta regionale 10 aprile n. X/3390 Affidamento a Trenord s.r.l. della gestione dei servizi ferroviari di interesse regionale e locale per gli anni Approvazione dello schema di contratto di servizio e dei relativi allegati.... 2

2 2 Bollettino Ufficiale C) GIUNTA REGIONALE E ASSESSORI D.g.r. 10 aprile n. X/3390 Affidamento a Trenord s.r.l. della gestione dei servizi ferroviari di interesse regionale e locale per gli anni Approvazione dello schema di contratto di servizio e dei relativi allegati LA GIUNTA REGIONALE Richiamato il d.lgs. 19 novembre 1997 n. 422 «Conferimento alle Regioni ed agli Enti Locali di funzioni e compiti in materia di trasporto pubblico locale, a norma dell art. 4, comma 4, della legge 15 marzo 1997, n. 59» e successive modificazioni ed integrazioni; Richiamato il Regolamento (CE) n. 1370/2007 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 23 ottobre 2007 relativo ai servizi pubblici di trasporto di passeggeri su strada e per ferrovia e che abroga i regolamenti del Consiglio (CEE) n. 1191/69 e (CEE) n. 1107/70; Richiamata la legge regionale del 4 aprile 2012 n. 6 recante la «Disciplina del settore dei trasporti»; Visti gli accordi sottoscritti il 3 agosto 2009 da Regione Lombardia, Governo Italiano, Ferrovie dello Stato s.p.a., Trenitalia s.p.a. ed FNM s.p.a. (di cui la Giunta regionale ha preso atto con d.g.r. n del 7 agosto 2009) con cui si è avviata la costituzione di un operatore ferroviario unico per il trasporto regionale lombardo, costituito il 4 agosto 2009 con il nome di Trenitalia - Le- NORD s.r.l. («TLN»), società partecipata pariteticamente da Trenitalia s.p.a. e da FNM s.p.a.; Preso atto che il 30 aprile 2011, la società LeNORD s.r.l. è stata fusa per incorporazione nella società Trenitalia - LeNORD s.r.l., la quale a sua volta ha modificato la propria denominazione sociale in Trenord s.r.l. («Trenord») con decorrenza 3 maggio 2011 e in pari data ha ricevuto in conferimento il ramo d azienda di Trenitalia dedicato al trasporto pubblico ferroviario in Lombardia. Di conseguenza, a partire da tale data, Trenord è subentrata in tutti i rapporti giuridici attivi e passivi facenti capo a LeNORD e a Trenitalia in Lombardia; Dato atto che in data 1 ottobre 2012, in continuità con i contratti precedenti con Trenitalia s.p.a. e LeNORD s.r.l., è stato sottoscritto tra Regione e Trenord il «Contratto di servizio per il trasporto pubblico ferroviario di interesse regionale e locale» relativo agli anni (d.g.r. n del 30 maggio 2012); Rilevato che la l.r. 6/2012 all art. 33 comma 4 prescrive che «in tutti i casi di successione nell esercizio del servizio ferroviario regionale, il gestore uscente è tenuto a proseguire il servizio sino all effettivo subentro del nuovo gestore» e che il Contratto contiene analoga disposizione all art. 3; Vista la nota S del 19 dicembre 2014 con cui Regione Lombardia si è avvalsa della disposizione sopra citata, confermando conseguentemente la prosecuzione del servizio ferroviario regionale in capo a Trenord fino alla sottoscrizione del nuovo contratto di servizio; Preso atto che, anche per effetto della sentenza 199 del 20 luglio 2012 della Corte Costituzionale, l affidamento diretto dei servizi di trasporto ferroviario regionale e locale è disciplinato: dal regolamento (CE) n. 1370/2007, art. 5 comma 6, che dispone che «a meno che non sia vietato dalla legislazione nazionale, le autorità competenti hanno facoltà di aggiudicare direttamente i contratti di servizio pubblico di trasporto per ferrovia»; dalla legge 33/2009, art. 7 comma 3-ter, che dispone che «i contratti di servizio relativi all esercizio dei servizi di trasporto pubblico ferroviario comunque affidati hanno durata minima non inferiore a sei anni rinnovabili di altri sei»; dalla legge 99/2009, art. 61 comma 1, che dispone che «le autorità competenti all aggiudicazione di contratti di servizio, anche in deroga alla disciplina di settore, possono avvalersi delle previsioni di cui all articolo 5, paragrafi 2, 4, 5 e 6, e all articolo 8, paragrafo 2, del regolamento (CE) n. 1370/2007 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 ottobre 2007»; Vista la d.g.r. n del 24 gennaio 2014 «Schema di Atto integrativo e modificativo al Contratto di servizio per il trasporto pubblico ferroviario di interesse regionale e locale tra Regione Lombardia e Trenord e determinazioni in merito al Contratto di servizio per il periodo 1 gennaio dicembre 2020» con cui si è provveduto a: approvare lo schema di «Atto integrativo e modificativo al Contratto di servizio per il trasporto pubblico ferroviario di interesse regionale e locale», poi sottoscritto il 29 gennaio 2014, che ha integrato il Contratto tra Regione e Trenord; impegnare la Giunta ad aggiudicare direttamente il Contratto di servizio per il trasporto pubblico ferroviario di interesse regionale e locale all impresa ferroviaria Trenord, sulla base delle condizioni previste dal Contratto (così come modificate dal citato Atto integrativo), per il periodo 1 gennaio dicembre 2020; disporre la pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell Unione europea delle informazioni sull aggiudicazione diretta del Contratto di servizio, come previsto dal Regolamento (CE) N. 1370/2007, art. 7 paragrafo 22014; Dato atto che la citata pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell Unione europea è avvenuta in data 29 gennaio 2014; Considerata l opportunità di affidare direttamente il servizio ferroviario regionale all impresa ferroviaria Trenord, al termine della scadenza del 31 dicembre 2014 del contratto precedente e fino al 31 dicembre 2020 in base alla citata legislazione vigente, al fine di poter proseguire le azioni messe in campo con la società per il miglioramento del servizio ed il completamento degli investimenti in materiale rotabile in corso; Rilevato che l affidamento a Trenord non preclude un eventuale futuro affidamento a differenti operatori, relativamente a specifiche direttrici o a servizi ferroviari di nuova istituzione, in linea con quanto previsto dalla legislazione europea e italiana; Ritenuto quindi di affidare a Trenord per il periodo i servizi ferroviari di trasporto regionale e locale; Vista la d.g.r. n del 9 gennaio 2015 «Assegnazione delle risorse per lo svolgimento dei servizi di trasporto pubblico a seguito della legge di stabilità regionale 2015» che ha disposto di: applicare, a decorrere dal 1 gennaio 2015, ai corrispettivi riconosciuti ai contratti di servizio ferroviari Trenord e Ferrovienord la riduzione complessiva di 25 milioni di euro, dando mandato alla Direzione Generale Infrastrutture e Mobilità di negoziare tale riduzione sulla base di un insieme di leve: efficientamento aziendale; riprogrammazione dei servizi; non applicazione, per l anno 2015, degli adeguamenti periodici previsti dei corrispettivi, in deroga a quanto stabilito dai contratti di servizio; incremento degli introiti conseguente all aumento tariffario; stabilire, in relazione all aumento delle tariffe del trasporto pubblico regionale, l aumento delle tariffe del sistema tariffario integrato regionale, ivi compresi i titoli «Io Viaggio», del 4%; Visto lo schema di «Contratto di servizio per il trasporto pubblico locale ferroviario di interesse regionale e locale per gli anni » («Contratto») negoziato tra le parti, che si compone dell articolato e di 17 allegati, che costituisce parte integrante e sostanziale del presente atto quale Allegato 1; Considerato che la legge n. 228 del 24 dicembre 2012 «Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge di stabilità 2013)» ha modificato l art. 16-bis del decreto-legge 6 luglio 2012, n. 95 convertito con modificazioni dalla l. 7 agosto 2012, n. 135, istituendo il Fondo Nazionale per il concorso finanziario dello Stato agli oneri del trasporto pubblico locale, anche ferroviario, nelle regioni a statuto ordinario («Fondo Nazionale») che costituisce la quota prevalente per garantire la copertura finanziaria dei servizi di trasporto pubblico locale nelle Regioni a statuto ordinario; Visti gli atti statali conseguenti all istituzione del Fondo Nazionale, e in particolare: il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 11 marzo 2013 con cui, tra l altro, è stata approvata la ripartizione del Fondo Nazionale, con l assegnazione a Regione Lombardia della quota corrispondente al 17,30% del Fondo; il decreto del Ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze prot del 12 novembre 2014 di erogazione del saldo del 40% del Fondo Nazionale 2014, con il quale tra l altro è stata ridefinita la ripartizione del Fondo stesso tra le Regioni, assegnando a Regione Lombardia la nuova quota del 17,36%; lo schema di decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze per l erogazione dell anticipazione del 60% del Fondo Nazionale 2015, dal quale si desume lo stanziamen-

3 Bollettino Ufficiale 3 to del Fondo Nazionale per l anno 2015 nello stato di previsione del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, pari a euro ,00, e con cui è stata confermata la quota del 17,36% spettante a Regione Lombardia, pari a euro ,93; Vista la l.r. 37 del 30 dicembre 2014 «Bilancio di previsione »; Vista la nota 5153 di Trenord del 1 aprile 2015 con cui la scrivente dà formale assenso al testo proposto nel citato Allegato 1; Dato atto che lo schema di Contratto rispetta le prescrizioni di cui all art. 2, comma 461 della l. 244/2007, che fissa le disposizioni che l Autorità competente è tenuta ad applicare in sede di stipula dei contratti di servizio per tutelare i diritti dei consumatori e degli utenti; Visto che, ai sensi degli art. 12 e 13 del Contratto, si prevede la quantificazione annuale del corrispettivo del Contratto di Servizio; Dato atto che, ai sensi del citato art. 13 del Contratto, tale corrispettivo è pari ad un importo di Iva esclusa, pari a Iva compresa, per l anno 2015 (orario attivato il 14 dicembre 2014) a cui si aggiungono ,00 di contributi relativi al Contratto Nazionale di Lavoro Autoferrotranvieri dei dipendenti di FNM s.p.a. operanti in service per Trenord, di cui all art. 14, e fino a un massimo di ,00 Iva esclusa ( Iva inclusa) per il progetto di car sharing, di cui all art. 10; Dato atto che l importo contrattuale così definito concorrerà, unitamente alle altre leve sopra richiamate, al rispetto degli obiettivi stabiliti dalla citata d.g.r. 3007/2015; Rilevato che, ai sensi dell art. 12 del Contratto, la quantificazione economica per l anno 2015 del corrispettivo viene aggiornata in conseguenza di servizi di nuova attivazione, successivi all orario del 14 dicembre 2014, e in particolare i servizi in esercizio a partire dal cambio orario straordinario connesso con Expo (26 aprile 2015); Ritenuto necessario definire la copertura finanziaria del Contratto in oggetto per ciascun anno di vigenza dello stesso a valere sul Bilancio Regionale e comunque subordinatamente alla definizione della quota di competenza di Regione Lombardia del Fondo Nazionale e che tale importo è stato stimato a invarianza del Fondo Nazionale e di detta quota; Considerato che la copertura finanziaria dell importo contrattuale risultante di ,00, Iva inclusa, per l anno 2015 è garantita dal Bilancio di previsione 2015 a valere sui seguenti capitoli: 4922 «Corrispettivo per i contratti di servizio ferroviari (Iva inclusa)», per ,71; 7617 «Corrispettivo per i servizi aggiuntivi dei contratti di servizio ferroviari di cui alla legge 388/2000», per ,00; 8897 «Fondo nazionale per il concorso finanziario dello Stato agli oneri del trasporto pubblico locale - corrispettivo per i contratti di servizio ferroviari», per ,45; 8899 «Fondo nazionale per il concorso finanziario dello Stato agli oneri del trasporto pubblico locale - corrispettivo per i contratti di servizio ferroviari (fuori patto di stabilità)», per ,84; «Fondo nazionale per il concorso finanziario dello Stato agli oneri del trasporto pubblico locale - interventi a copertura di parte dei costi da sostenere a seguito del rinnovo del contratto collettivo nazionale degli autoferrotranvieri - società controllate», per ,00; Considerato che la copertura finanziaria per l anno 2015 dell incremento del corrispettivo derivante dal cambio orario straordinario del 26 aprile 2015, di cui all art. 12 del Contratto, è garantita dalle disponibilità degli stanziamenti dei capitoli di cui al punto precedente nonché dal capitolo 7385 «Risorse derivanti dalle sanzioni applicate alle imprese ed ai gestori delle infrastrutture di cui ai contratti di servizio ferroviari» del Bilancio di previsione 2015; Considerato che la copertura finanziaria dell importo contrattuale per gli anni 2016 e 2017, che sarà aggiornato come previsto dagli art. 12 e 13 del contratto, sarà garantita compatibilmente con le disponibilità del Bilancio di previsione 2015 e pluriennale , per gli anni 2016 e 2017 dei seguenti capitoli: 4922 «Corrispettivo per i contratti di servizio ferroviari (Iva inclusa)»; 7385 «Risorse derivanti dalle sanzioni applicate alle imprese ed ai gestori delle infrastrutture di cui ai contratti di servizio ferroviari»; 7617 «Corrispettivo per i servizi aggiuntivi dei contratti di servizio ferroviari di cui alla legge 388/2000»; 8897 «Fondo nazionale per il concorso finanziario dello Stato agli oneri del trasporto pubblico locale - corrispettivo per i contratti di servizio ferroviari»; 8899 «Fondo nazionale per il concorso finanziario dello Stato agli oneri del trasporto pubblico locale - corrispettivo per i contratti di servizio ferroviari (fuori patto di stabilità)»; «Fondo nazionale per il concorso finanziario dello Stato agli oneri del trasporto pubblico locale - interventi a copertura di parte dei costi da sostenere a seguito del rinnovo del contratto collettivo nazionale degli autoferrotranvieri - società controllate»; Considerato che la copertura finanziaria dell importo contrattuale, aggiornato annualmente, per gli anni dal 2018 al 2020 sarà garantita compatibilmente con le disponibilità del Bilancio regionale per tali esercizi; Rilevato che in data 27 marzo 2015 i contenuti del Contratto sono stati presentati ai tre rappresentanti del Comitato Regionale Consumatori e degli Utenti (CRCU), di cui alla l.r. 6/2003, componenti della Conferenza Regionale del TPL di cui all art. 9 della l.r. n. 6/2012; Richiamato il regolamento regionale 10 giugno 2014, n. 4 «Sistema tariffario integrato regionale del trasporto pubblico (art. 44, l.r. 6/2012)» con particolare riguardo alle competenze della Giunta Regionale; Preso atto: delle vigenti Condizioni Generali di Trasporto (CGT) di Trenord e degli approfondimenti tecnici, giuridici e amministrativi svolti di concerto tra Regione Lombardia e Trenord per addivenire ad una proposta aggiornata e condivisa; che le CGT di cui all art. 31 del r.r. 4/2014 costituiscono l Allegato 14 dello schema di Contratto di servizio, con il quale sono state attuate anche le disposizioni del r.r. 4/2014 con riferimento alle competenze della Giunta Regionale; che nelle CGT è stabilito il periodo di validità temporale del biglietto ordinario del sistema tariffario integrato lineare, in ottemperanza a quanto disposto dall art. 16, c. 1, lett. a) del r.r. 4/2014; Considerati i tempi tecnici necessari a Trenord per informare il proprio personale addetto e il pubblico di quanto contenuto nel documento relativo alle CGT e ritenuto opportuno, di conseguenza, stabilire che le disposizioni delle CGT siano applicate a partire dal 1 luglio 2015; Vagliate e fatte proprie le predette motivazioni; All unanimità dei voti, espressi nelle forme di legge, DELIBERA 1. di affidare per gli anni a Trenord s.r.l. la gestione dei servizi ferroviari di trasporto regionale e locale e di approvare lo schema di «Contratto di servizio per il trasporto pubblico locale ferroviario di interesse regionale e locale» da sottoscriversi tra Regione Lombardia e Trenord s.r.l., che si compone dell articolato e di 17 allegati, che costituisce parte integrante e sostanziale del presente atto, quale Allegato 1; 2. di stabilire che la decorrenza delle Condizioni Generali di Trasporto (Allegato 14 allo schema di Contratto) sia fissata al 1 luglio 2015; 3. di stabilire che la copertura finanziaria dell importo contrattuale per l anno 2015 (orario attivato il 14 dicembre 2014) pari a ,00, Iva inclusa, è garantita dal bilancio di previsione 2015 a valere sui seguenti capitoli: 4922 «Corrispettivo per i contratti di servizio ferroviari (Iva inclusa)», per ,71; 7617 «Corrispettivo per i servizi aggiuntivi dei contratti di servizio ferroviari di cui alla legge 388/2000», per ,00; 8897 «Fondo nazionale per il concorso finanziario dello Stato agli oneri del trasporto pubblico locale - corrispettivo per i contratti di servizio ferroviari», per ,45; 8899 «Fondo nazionale per il concorso finanziario dello Stato agli oneri del trasporto pubblico locale - corrispettivo per i contratti di servizio ferroviari (fuori patto di stabilità)», per ,84;

4 4 Bollettino Ufficiale «Fondo nazionale per il concorso finanziario dello Stato agli oneri del trasporto pubblico locale - interventi a copertura di parte dei costi da sostenere a seguito del rinnovo del contratto collettivo nazionale degli autoferrotranvieri - società controllate», per ,00; 4. di stabilire che la copertura finanziaria per l anno 2015 dell incremento del corrispettivo derivante dal cambio orario straordinario del 26 aprile 2015, di cui all art. 12 del Contratto, è garantita dalle disponibilità degli stanziamenti dei capitoli di cui al punto precedente nonché dal capitolo 7385 «Risorse derivanti dalle sanzioni applicate alle imprese ed ai gestori delle infrastrutture di cui ai contratti di servizio ferroviari» del Bilancio di previsione 2015; 5. di stabilire che la copertura finanziaria dell importo contrattuale per gli anni 2016 e 2017 sarà garantita dal bilancio di previsione 2015 e dal bilancio pluriennale , compatibilmente con le disponibilità del Bilancio regionale, a valere sui seguenti capitoli: 4922 «Corrispettivo per i contratti di servizio ferroviari (Iva inclusa)»; 7385 «Risorse derivanti dalle sanzioni applicate alle imprese ed ai gestori delle infrastrutture di cui ai contratti di servizio ferroviari»; 7617 «Corrispettivo per i servizi aggiuntivi dei contratti di servizio ferroviari di cui alla legge 388/2000»; 8897 «Fondo nazionale per il concorso finanziario dello Stato agli oneri del trasporto pubblico locale - corrispettivo per i contratti di servizio ferroviari»; 8899 «Fondo nazionale per il concorso finanziario dello Stato agli oneri del trasporto pubblico locale - corrispettivo per i contratti di servizio ferroviari (fuori patto di stabilità)»; «Fondo nazionale per il concorso finanziario dello Stato agli oneri del trasporto pubblico locale - interventi a copertura di parte dei costi da sostenere a seguito del rinnovo del contratto collettivo nazionale degli autoferrotranvieri - società controllate»; 6. di stabilire che la copertura finanziaria dell importo contrattuale per gli anni dal 2018 al 2020 sarà garantita compatibilmente con le disponibilità del Bilancio regionale per tali esercizi; 7. di dare mandato al Direttore Generale della Direzione Infrastrutture e Mobilità alla sottoscrizione del contratto e alla Direzione Generale Infrastrutture e Mobilità per l esecuzione della presente deliberazione e l adozione di tutti gli atti conseguenti; 8. di pubblicare la presente deliberazione, comprensiva del relativo Allegato 1, sul BURL e sul sito istituzionale di Regione Lombardia. Il segretario: Fabrizio De Vecchi ALLEGATO 1 SCHEMA DI CONTRATTO DI SERVIZIO PER IL TRASPORTO PUBBLICO FERROVIARIO DI INTERESSE REGIONALE E LOCALE TRA REGIONE LOMBARDIA E TRENORD S.r.l. RELATIVO AGLI ANNI L anno 20 il giorno del mese di in Milano con la presente scrittura privata, da registrarsi solo in caso d uso tra la Regione LOMBARDIA (d ora in poi Regione), in qualità di titolare del servizio di trasporto pubblico ferroviario di interesse regionale e locale, con sede in Milano, Piazza Città di Lombardia 1, codice fiscale e partita IVA n , nella persona di, nato a il nella sua qualità di, presso la sede della Regione, in forza di e la Società Trenord S.r.l. (d ora in poi Trenord), con sede in Milano, Piazzale Cadorna 14, codice fiscale e partita IVA n , rappresentata da, nato a il, nella sua qualità di Amministratore Delegato, munito degli occorrenti poteri in forza della delibera del Consiglio di Amministrazione del.

5 Bollettino Ufficiale 5 PREMESSO che: 1. Il contesto normativo di riferimento relativamente al trasporto pubblico locale è definito nei seguenti provvedimenti legislativi: a. Legge 15 marzo 1997, n. 59 e decreto legislativo 19 novembre 1997, n. 422 in applicazione dell articolo 4, comma 4 della legge citata; b. Legge regionale 27 marzo 2012, n. 6 recante la Disciplina del settore dei trasporti ; c. Regolamento regionale 6 giugno 2014, n. 4 Sistema tariffario integrato regionale del trasporto pubblico (art. 44 l.r. 6/2012) d. Decreto Legislativo 8 Luglio 2003, n. 188 Attuazione delle direttive 2001/12 CE, 2001/13 CE, 2001/14 CE ; e. Regolamento (CE) n. 1370/2007 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 23 ottobre 2007 relativo ai servizi pubblici di trasporto di passeggeri su strada e per ferrovia e che abroga i regolamenti del Consiglio (CEE) n. 1191/69 e (CEE) n. 1107/70, con il quale tra l altro all art. 5 comma 6 si stabilisce che a meno che non sia vietato dalla legislazione nazionale, le autorità competenti hanno facoltà di aggiudicare direttamente i contratti di servizio pubblico di trasporto per ferrovia ; f. Regolamento (CE) n. 1371/2007 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 23 ottobre 2007 relativo ai diritti e agli obblighi dei passeggeri nel trasporto ferroviario; g. Legge 24 dicembre 2007, n. 244, che all art. 2, comma 461, fissa le disposizioni che l Autorità competente è tenuta ad applicare in sede di stipula dei contratti di servizio per tutelare i diritti dei consumatori e degli utenti; h. Decreto Legge 5/2009 convertito dalla Legge 9 aprile 2009, n. 33, che all art. 7, comma 3 ter, al fine di garantire l efficace pianificazione dei servizio, degli investimenti e del personale prevede per i contratti di servizio relativi all esercizio dei servizi di trasporto pubblico comunque affidati, una durata minima non inferiore a 6 anni, rinnovabili per altri 6; i. Legge 23 luglio 2009, n. 99 che all art. 61 precisa che le autorità competenti all aggiudicazione di contratti di servizio, anche in deroga alla disciplina di settore, possono avvalersi delle previsioni di cui all articolo 5, paragrafi 2, 4, 5 e 6, e all articolo 8, paragrafo 2, del Regolamento (CE) n. 1370/2007 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 ottobre 2007 ; 2. Il Ministero dei Trasporti e della Navigazione e la Regione Lombardia, il 2 marzo 2000, ai sensi di quanto previsto all art. 12 del citato D.Lgs. 422/97, hanno sottoscritto gli Accordi di Programma per il trasferimento alla Regione delle funzioni amministrative e programmatorie relative ai servizi in concessione a Ferrovie dello Stato S.p.A. e a Ferrovie Nord Milano Esercizio S.p.A. (FNME), e si è poi provveduto all attuazione di tali conferimenti e all attribuzione delle relative risorse con D.P.C.M. del 16/11/ Con decorrenza 31 dicembre 2003 si è conferito il ramo d azienda, composto dalla Divisione Trazione e dalla Divisione Passeggeri, da FNME a Ferrovie Nord Milano Trasporti S.r.l (FNMT), che, con decorrenza 15 maggio 2006, ha mutato la denominazione sociale in LeNORD S.r.l. 4. Con gli Accordi sottoscritti il 3 agosto 2009 da Regione Lombardia, Governo Italiano, Ferrovie dello Stato S.p.A., Trenitalia S.p.A. ed FNM S.p.A. (di cui la Giunta regionale ha preso atto con d.g.r. del 7/8/2009 n. VIII/10144) si è avviata la costituzione di un operatore ferroviario unico per il trasporto regionale lombardo, costituito il 4 agosto 2009 con il nome di Trenitalia - LeNORD S.r.l. ( TLN ), società partecipata pariteticamente da Trenitalia S.p.A. e da FNM S.p.A. 5. Il 30 aprile 2011, la società LeNORD s.r.l. è stata fusa per incorporazione nella società Trenitalia - LeNORD s.r.l., la quale a sua volta ha modificato la propria denominazione sociale in Trenord s.r.l. con decorrenza 3 maggio 2011 e in pari data ha ricevuto in conferimento il ramo d azienda di Trenitalia dedicato al trasporto pubblico ferroviario in Lombardia. Di conseguenza, a partire da tale data, Trenord subentra in tutti i rapporti giuridici attivi e passivi facenti capo a LeNORD e a Trenitalia in Lombardia. 6. Trenord è in possesso della Licenza Ferroviaria n 2 per il trasporto internazionale di viaggiatori e confermata dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti il 18/10/2011; della Licenza Ferroviaria n 2/N per il trasporto nazionale di viaggiatori, confermata e convertita per trasformazione dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti il 18/10/2011; dei Certificati di Sicurezza di parte A n IT e di parte B n IT , rilasciati da ANSF rispettivamente il 17/11/2011 e il 16/01/2015; dei Certificati di Sicurezza n 05/M/2013 e n 06/I/2013 rilasciati da FERROVIENORD il 14/10/2013; del Certificato di Sicurezza Parte B n CH rilasciato dall Ufficio Federale dei Trasporti UFT Svizzera il 13/02/ Trenord svolge servizi sulla rete ferroviaria nazionale seguendo la disciplina prevista nel Prospetto Informativo della Rete (PIR) elaborato da Rete Ferroviaria Italiana ai sensi dell art. 13 del DLgs 188/2003, alle condizioni contenute nel Contratto di accesso alla rete stipulato con RFI e alle disposizioni dell Autorità di Regolazione dei Trasporti. 8. Trenord ha in uso materiale rotabile proprio, materiale di proprietà di FNM S.p.A. e Trenitalia e da queste noleggiato, materiale rotabile di proprietà della Regione Lombardia a seguito dei trasferimenti disposti con l Accordo di Programma sottoscritto in data 2 marzo 2000 tra Regione e Ministero dei Trasporti e della Navigazione, ai sensi dell art. 8 del D.Lgs. 19 novembre 1997, n. 422 e successive modificazioni, nonché materiale rotabile acquistato da Ferrovienord S.p.A. in qualità di concessionaria della rete regionale e ceduto in comodato a Trenord ai sensi della Convenzione per acquisto e gestione di materiale rotabile per i servizi ferroviari regionali, sottoscritta il 18/1/2007 tra Ferrovienord e la Regione, e dei Decreti di immissione in servizio dei singoli treni. 9. Il decreto legislativo 422/1997 stabilisce la competenza della Regione in materia di tariffe, ivi comprese le condizioni di trasporto, nell ambito dei servizi ad essa conferiti, e gli art della l.r. n. 6/2012 e il regolamento regionale 4/2014 disegnano il sistema tariffario regionale prevedendo obblighi in materia di:

6 6 Bollettino Ufficiale a. titoli di viaggio obbligatori; b. livelli tariffari dei titoli obbligatori; c. modalità di adeguamenti tariffari; d. partecipazione delle imprese ferroviarie ai sistemi integrati di livello locale e regionale ricompresi nel Sistema Tariffario Integrato Regionale (STIR); e. condizioni tariffarie e di trasporto; f. indennizzo ai viaggiatori; g. contrasto all evasione tariffaria; h. tessere di riconoscimento; i. rete di vendita. Ai fini del presente Contratto si intende per tariffa ferroviaria regionale qualsiasi titolo di viaggio che dà accesso ai servizi ferroviari gestiti da Trenord, ai sensi delle disposizioni previste dal r.r. 4/2014; 10. Le dgr n del 1 agosto 2014 e n del 21 novembre 2014, disegnano il sistema delle agevolazioni regionali di trasporto pubblico previsto dal r.r. 4/ La dgr n del 29 dicembre 2010 e la dgr n del 29 dicembre 2011 hanno introdotto nuovi titoli di viaggio integrati e agevolati, complessivamente individuati con il nome di Io Viaggio. 12. Il 25 novembre 2011 è stata sottoscritta la Intesa tra la Regione Lombardia della Repubblica Italiana e la Repubblica e Cantone Ticino (Confederazione Svizzera) per la gestione coordinata della linea Mendrisio Varese, e lo sviluppo del servizio ferroviario nella Regione Insubrica di cui la Giunta ha preso atto con comunicazione del 30 novembre La dgr n. 983 del 15 dicembre 2010 approva il Piano d Azione Regionale per le politiche verso le persone con disabilità. 14. La dgr n. 833 del 25 ottobre 2013 approva il documento Obiettivi e indicatori per il trasporto pubblico locale anche ferroviario di cui al DPCM 11 marzo Attuazione dell art. 16 bis del D.L. 95/2012 convertito in L. 135/2012, corrispondente al Piano di riprogrammazione previsto dalla Legge di stabilità 2013 (L 228/2012). 15. La dgr n del 10 ottobre 2014 approva le Linee guida per la redazione dei programmi di bacino del trasporto pubblico locale. 16. La dgr n del 17 ottobre 2014 ( Istituzione del tavolo nodo ferroviario milanese per le attività connesse allo sviluppo del sistema ferroviario regionale e suburbano nell area metropolitana di Milano ) contiene il Quadro di riferimento per lo sviluppo del sistema ferroviario regionale e suburbano nell area metropolitana di Milano. 17. La dgr n. 778 dell 11 ottobre 2013 ( Avvio del procedimento di definizione del programma regionale della mobilità e dei trasporti (PRMT) art. 10 della l.r. 6/2012 e della relativa valutazione ambientale strategica VAS ) ha dato inizio al nuovo programma regionale della mobilità e dei trasporti, la cui proposta preliminare è stata approvata con la dgr 1993 del 20/06/ Sulla base di quanto previsto dagli originari Contratti Trenitalia e LeNORD , le parti hanno definito un unico testo contrattuale. Il nuovo Contratto è stato approvato con deliberazione della Giunta Regionale n del 30 maggio 2012 Affidamento a Trenord S.r.l. della gestione dei servizi ferroviari di interesse regionale e locale per gli anni ed approvazione del relativo schema di Contratto di Servizio e il Contratto è stato sottoscritto il 1 ottobre 2012 con validità dall 1/1/2012 al 31/12/2014, annullando e sostituendo i precedenti Contratti con Trenitalia e LeNORD, di cui ha mantenuto la scadenza. 19. Con la dgr n del 24 gennaio 2014 Schema di Atto integrativo e modificativo al Contratto di servizio per il trasporto pubblico ferroviario di interesse regionale e locale tra Regione Lombardia e Trenord e determinazioni in merito al Contratto di servizio per il periodo 1/1/ /12/2020 si è provveduto a: a. approvare lo schema di Atto integrativo e modificativo al Contratto di servizio per il trasporto pubblico ferroviario di interesse regionale e locale, poi sottoscritto il 29 gennaio 2014, che ha integrato il Contratto tra Regione e Trenord; b. impegnare la Giunta ad aggiudicare direttamente il Contratto di servizio per il trasporto pubblico ferroviario di interesse regionale e locale all impresa ferroviaria Trenord s.r.l., sulla base delle condizioni previste dal Contratto (così come modificate dal citato Atto integrativo), per il periodo 1/1/ /12/2020; c. pubblicare nella Gazzetta ufficiale dell Unione europea le informazioni sull aggiudicazione diretta del Contratto di servizio, come previsto dal Regolamento (CE) N. 1370/2007, art. 7 paragrafo Con la dgr n del 9 gennaio 2015 assegnazione delle risorse per lo svolgimento dei servizi di trasporto pubblico a seguito della legge di stabilità regionale 2015 si è disposto di: - applicare, a decorrere dal 1 gennaio 2015, ai corrispettivi riconosciuti ai contratti di servizio ferroviari Trenord e Ferrovienord la riduzione complessiva di 25 milioni di euro, dando mandato alla Direzione Generale Infrastrutture e Mobilità di negoziare tale riduzione sulla base di un insieme di leve: efficientamento aziendale; riprogrammazione dei servizi; non applicazione, per l anno 2015, degli adeguamenti periodici previsti dei corrispettivi, in deroga a quanto stabilito dai contratti di servizio; incremento degli introiti conseguente all aumento tariffario; - stabilire, in relazione all aumento delle tariffe del trasporto pubblico regionale, l aumento delle tariffe del sistema tariffario integrato regionale, ivi compresi i titoli Io Viaggio, del 4%.

7 Bollettino Ufficiale La nota di Trenord n del 4/3/2015 ha delineato il progetto di completamento dei servizi di car sharing, recepito nell Allegato 16 del presente Contratto. 22. La nota di Trenord n del 4/3/2015 ha individuato l andamento stimato degli oneri connessi con il noleggio, l ammortamento e la manutenzione del materiale rotabile, specificando in particolare il fabbisogno economico atteso per le manutenzioni cicliche, recepito nell Allegato 6 del presente Contratto. 23. La nota di FNM SpA n del 30/9/2014 ha quantificato il fabbisogno economico connesso con la valorizzazione, all interno del presente Contratto, degli oneri relativi al Contratto Nazionale di lavoro Autoferrotranvieri dei dipendenti di FNM SpA operanti in service per Trenord, recepito nell Art. 14 del presente Contratto. 24. Il testo contrattuale deve avere caratteristiche di certezza e copertura finanziaria e deve essere strutturato in modo da assicurare all impresa di trasporto la sostenibilità economico-finanziaria. 25. Il mantenimento dell equilibrio economico-finanziario del Contratto di servizio viene assicurato, in coerenza con le prescrizioni del citato Reg. 1370/2007, attraverso un corrispettivo determinato in modo da compensare i costi da sopportare per l erogazione del servizio e il finanziamento del materiale rotabile, tenuto conto del livello delle tariffe, del loro progressivo previsto incremento, nonché dell incidenza sui costi del fenomeno inflattivo. 26. La Regione si impegna ad assicurare a Trenord la certezza della corresponsione del corrispettivo ed, in particolare, la regolarità e la puntualità della liquidazione del medesimo 27. Trenord ha rappresentato la disponibilità ad articolare un offerta di servizi calibrata sull inderogabile principio del ristoro dei costi e di conseguenza le Parti hanno condiviso un programma di servizi di trasporto e di servizi connessi sulla base di un modello di calcolo del corrispettivo proposto da Trenord rivalutato annualmente sulla base dell adeguamento inflattivo. 28. Le Parti concordano che ove i fondi stanziati a copertura dello svolgimento dei servizi oggetto del presente Contratto, a causa di riduzioni o mancati adeguamenti, non fossero sufficienti ad assicurare il pagamento del corrispettivo pattuito dovrà essere predisposto un piano concordato di rimodulazione della tipologia e/o del perimetro dei servizi oggetto del Contratto, in modo da mantenere l equilibrio economico finanziario della gestione. Art. 1 (Oggetto) SI STIPULA E CONVIENE QUANTO SEGUE Sezione 1. Oggetto, prestazioni, corrispettivo 1. Il presente Contratto di servizio, di seguito chiamato per brevità Contratto, disciplina gli obblighi e le modalità di esecuzione delle prestazioni di trasporto ferroviario di persone di interesse regionale e locale effettuati da Trenord s.r.l. nell ambito delle direttrici oggetto di affidamento da parte della Regione Lombardia ai sensi della d.g.r. n. del. 2. Le premesse e gli allegati costituiscono parte integrante e sostanziale del presente Contratto di servizio. Art. 2 (Struttura del Contratto) Sezione 1. Oggetto, prestazioni, corrispettivo Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Struttura del Contratto) Art. 3 (Durata) Art. 4 (Affidamento dei servizi) Art. 5 (Prestazioni di Trenord) Art. 6 (Sviluppo di servizi regionali in Lombardia) Art. 7 (Comunicazione e condivisione dei servizi) Art. 8 (Passante ferroviario di Milano e linee suburbane) Art. 9 (Servizi di mercato, servizi aeroportuali e altri) Art. 10 (Servizi di mobilità sostenibile) Art. 11 (Servizi straordinari) Art. 12 (Catalogo dei servizi ferroviari) Art. 13 (Corrispettivo) Art. 14 (Norme finanziarie) Art. 15 (Canone di accesso all infrastruttura) Art. 16 (Materiale rotabile) Sezione 2. Modalità di prestazione dei servizi e standard di qualità Art. 17 (Obiettivi di qualità) Art. 18 (Modifiche del servizio programmato) Art. 19 (Sospensione del servizio per cause di forza maggiore o sciopero) Art. 20 (Soppressioni)

8 8 Bollettino Ufficiale Art. 21 Art. 22 Art. 23 Art. 24 Sezione 3. Art. 25 Art. 26 Art. 27 Art. 28 Art. 29 Sezione 4. Art. 30 Sezione 5. Art. 31 Art. 32 Art. 33 Art. 34 Art. 35 Sezione 6. Art. 36 Art. 37 Art. 38 Art. 39 Art. 40 Elenco allegati (Interruzione del servizio) (Composizione e affollamento) (Rete di vendita) (Fruibilità dei servizi di trasporto) Informazione e comunicazione (Informazione ai viaggiatori) (Reclami) (Infomobilità e altri servizi pubblici di informazione) (Cooperazione con le associazioni dei consumatori e dei pendolari) (Carta della qualità dei Servizi) Tariffe (Sistema tariffario regionale) Monitoraggio e verifica dell adempimento del Contratto (Monitoraggio) (Fornitura dei dati) (Verifiche ispettive) (Penali) (Bonus ai viaggiatori) Altre disposizioni (Aggiornamento del Contratto e revisione periodica) (Cessione del Contratto) (Controversie tra le parti e legge regolatrice) (Risoluzione del Contratto) (Oneri contrattuali e clausole fiscali) Art. 3 (Durata) 1. Il presente Contratto ha decorrenza dalla data di sottoscrizione ed ha scadenza il 31/12/2020. Il Contratto è rinnovabile per altri sei anni in coerenza con quanto disposto dalla citata L 33/2009. Le valutazioni economiche sono svolte sulla base del presente Contratto a partire dall 1/1/ Decorsa la scadenza contrattuale, trova applicazione quanto previsto dall art. 33 comma 4, l.r. n. 6/2012, relativamente alla prosecuzione del servizio fino all effettivo subentro del nuovo aggiudicatario, ovvero alla sottoscrizione di un nuovo contratto di servizio. Art. 4 (Affidamento dei servizi) 1. La Regione affida a Trenord i servizi sulle direttrici e linee elencate nell Allegato 1 nel rispetto di quanto disciplinato dal Regolamento 1370/2007 e in particolare in base alla facoltà di aggiudicare direttamente i contratti di servizio pubblico di trasporto per ferrovia, prevista dall Art. 5 paragrafo 6 del Regolamento stesso. 2. La Regione ha facoltà di assegnare specifiche direttrici e/o linee ad altre imprese ferroviarie nella misura massima del 15% della produzione complessiva annua del CdS, dandone preavviso minimo di dodici mesi. In conseguenza della riassegnazione di tali servizi, il corrispettivo del presente Contratto sarà diminuito dell importo corrispondente alle corse che non vi faranno più parte. 3. La Regione ha altresì facoltà di introdurre nuovi servizi, affidati ad altre imprese ferroviarie, su nuove direttrici/linee, differenti da quelle oggetto del presente affidamento ed elencate nell Allegato 1, senza variazione del corrispettivo contrattuale per Trenord. Art. 5 (Prestazioni di Trenord) 1. Trenord effettua i servizi di trasporto ferroviario previsti dal programma di esercizio definito nel dettaglio all Allegato 2, secondo le modalità e i requisiti di qualità definiti in particolare dall Allegato Il programma di esercizio viene progressivamente sviluppato, anche come conseguenza dei rilasci infrastrutturali sulla rete ferroviaria, secondo quanto previsto nell Art. 6 e con le specificazioni economiche di cui all Art Tutto il servizio previsto all Allegato 2 è considerarsi unitario e deve essere esercitato con la modalità ferroviaria, salvo quanto indicato al comma successivo. La sua mancata effettuazione con tale modalità dà luogo all applicazione delle penalità di cui all Art. 18 e della riduzione del corrispettivo, e per i casi più gravi delle sanzioni previste dall Art. 21. L effettuazione di servizi ferroviari a contratto da parte di impresa ferroviaria diversa da Trenord deve essere autorizzata dalla Regione. 4. E ammessa la prestazione di servizi con la modalità di trasporto automobilistico e tariffa ferroviaria regionale per: a) i servizi sostitutivi e integrativi dell offerta ferroviaria indicati nel programma di esercizio; b) i servizi sostitutivi di corse ferroviarie soppresse; c) i casi espressamente concordati tra le parti, con le modalità stabilite all Art. 18. Per tali servizi saranno individuati i percorsi e le fermate più appropriate per rendere il miglior servizio ai viaggiatori da trasportare. La percorrenza dei servizi sostitutivi e integrativi previsti dal programma di esercizio è calcolata utilizzando le distanze ferroviarie. 5. Ciascuna corsa ferroviaria o automobilistica è univocamente attribuita a una direttrice e una linea. I programmi di esercizio stabiliscono, per ogni corsa, almeno gli elementi previsti all Allegato 2, nonché il dettaglio delle fermate riportato nell Allegato Trenord è tenuta a rendere pubblici nelle forme previste dall Art. 25 i servizi previsti dal programma di esercizio. 7. Trenord è tenuta a eseguire in modo adeguato tutte le attività accessorie alla prestazione del servizio unitario previsto dal pro-

9 Bollettino Ufficiale 9 gramma di esercizio, garantendo tra l altro: a) la manutenzione straordinaria, ordinaria e le revisioni periodiche del materiale rotabile secondo le specifiche contenute nel Piano di Manutenzione vigente per ciascun tipo di rotabile; b) la pulizia del materiale rotabile secondo quanto previsto dall Allegato 13; c) le attività a supporto della commercializzazione e promozione del servizio, e in particolare il corretto funzionamento della rete di vendita secondo le modalità definite nell Allegato 8; d) la gestione delle relazioni con l utenza, con particolare riguardo agli aspetti dell informazione; e) la sicurezza dei mezzi di trasporto e di quella personale dei viaggiatori; f) il sistema di monitoraggio previsto dall art. 2, comma 461 della Legge 24 dicembre 2007, n Trenord farà rispettare ai Gestori dell infrastruttura, in qualità di fornitori, le clausole contrattuali previste dagli appositi contratti di accesso. Trenord si impegna inoltre a farsi parte attiva nei confronti dei Gestori dell infrastruttura per quanto attiene gli aspetti di pulizia delle stazioni e informazione al pubblico, coadiuvando la Regione nel raggiungimento di soddisfacenti standard di qualità. 9. Trenord si impegna a promuovere iniziative per una maggiore intermodalità dei viaggiatori e a sviluppare sistemi di interscambio tra differenti modalità di trasporto, d intesa con la Regione. 10. Trenord, per lo svolgimento di singole attività o specifici servizi attinenti al trasporto, può avvalersi di altre aziende o altri operatori, nel rispetto della normativa vigente in materia di contratti pubblici e ferma restando la sua responsabilità diretta nell assolvimento degli impegni contrattuali nei confronti della Regione. 11. Trenord si rende disponibile a valutare attività complementari all esercizio ferroviario che includono servizi di mobilità sostenibile, quali ad esempio la gestione di aree di parcheggio a supporto del servizio ferroviario. 12. Trenord si impegna, anche con il supporto della Regione e dei Gestori dell infrastruttura, a perseguire obiettivi di risparmio energetico, includendo tra l altro il monitoraggio dei consumi energetici, il miglioramento dell efficienza energetica e la riduzione delle emissioni. Art. 6 (Sviluppo di servizi regionali in Lombardia) 1. Trenord realizza il sistema d offerta ferroviaria così come definito negli atti di programmazione della Regione Lombardia elencati in premessa, in particolare secondo lo sviluppo previsto nel PRMT citato in premessa e le strutture concordate con RFI nello specifico Accordo Quadro ex DLgs 188/2003. In particolare condivide il processo di strutturazione dei servizi attraverso il progressivo intervento nei seguenti ambiti: - istituzione di collegamenti e fermate ad hoc per garantire l accessibilità a Expo Milano 2015; - sviluppo e consolidamento del Servizio Ferroviario Suburbano (Linee S): completamento dei cadenzamenti delle attuali linee che ancora non offrono sistemi completi; - potenziamento delle frequenza delle corse in base agli indici di affollamento e all andamento della domanda potenziale delle singole linee nel rispetto delle maglie cadenzate; - introduzione delle nuove linee suburbane di corto raggio ad integrazione delle frequenze e della capacità d offerta sulle tratte più prossime al nodo di Milano fino al raggiungimento della frequenza standard del Passante di Milano di 16 treni/h per direzione; - introduzione di sistemi a caratteristiche suburbane nelle aree: insubrica, bresciana e bergamasca; - garanzia delle soglie minime di frequenza e degli archi di servizio su tutta la rete definite da Regione Lombardia nel Programma Regionale della Mobilità e dei Trasporti come standard di base per ogni tipologia; - sviluppo dei servizi RE anche oltre i confini regionali secondo progetti condivisi dalla Lombardia con altre Regioni (es. Liguria- Brescia, Ferrarese, Trentino) o con i confinanti Cantoni Ticino e Grigioni; - completamento dei cadenzamenti dei servizi RE secondo frequenza oraria dei sistemi oggi ancora fuori standard ed eventuale introduzione di nuove relazioni RE su alcune direttrici. - ridefinizione strutturata degli attestamenti di sistema di ciascuna linea, in particolare a Milano, secondo i piani di programmazione in fase di elaborazione da parte di Regione Lombardia; - incremento delle relazioni regionali effettuate con servizi diretti anche attraverso l introduzione di sistemi di taglio di composizione lungo il percorso; - progressivo incremento della velocità commerciale in relazione ai potenziamenti dell infrastruttura, finalizzata al miglioramento degli standard qualitativi quali puntualità ed affidabilità; - realizzazione e mantenimento del cadenzamento dei servizi con orario simmetrico e nodi di corrispondenza. - mantenimento dei corridoi di frequenza intercalata a 15 o 10 tra le differenti linee suburbane sulle tratte in sovrapposizione; - valorizzazione dei nodi di interconnessione con i servizi di altri operatori. 2. Trenord si impegna a richiedere ai Gestori dell infrastruttura le tracce preventivamente concordate tra Regione Lombardia e i Gestori stessi, anche attraverso la stipula degli Accordi Quadro sulla capacità, nonché a conservare, in sede di contrattazione delle tracce con i Gestori, le maglie dei servizi già strutturati. 3. Trenord si fa garante nei confronti di Regione Lombardia della stabilità delle strutture d orario progressivamente impostate sulle direttrici nei successivi cambi orario. 4. Trenord applica la classificazione dei treni basata sulla differenziazione commerciale del servizio reso, coerentemente con i documenti di programmazione di Regione, identificando con RE (RegioExpress) i servizi diretti su medie distanze, con R (Regionali) i servizi regionali su medie distanze, con RL (RegioLink) i servizi regionali di connessione con le linee RE e R, con S (Suburbani) i servizi suburbani. 5. Le Parti si impegnano a cooperare affinché sia garantito il coordinamento dei servizi a Lunga Percorrenza con quelli regionali nelle stazioni porta. Le modifiche dei servizi regionali che riguardino più Regioni sono preventivamente condivise tra le Regioni interessate. 6. Trenord si impegna, in fase di gestione operativa del servizio, a non compromettere i sistemi di appuntamenti commercialmente definiti, invertendo o modificando l ordine di presentazione dei treni nei nodi e i tempi delle corrispondenze nei nodi stessi. 7. Le Parti individueranno le situazioni di ricorrenti gravi problemi di puntualità a causa delle tracce assegnate e concorderanno i

10 10 Bollettino Ufficiale possibili provvedimenti d orario ed i conseguenti adeguamenti ritenuti più opportuni. Le eventuali modifiche concordate dovranno essere apportate alle strutture cadenzate degli orari e non a singoli treni, e senza compromettere i sistemi di appuntamenti nei nodi. Regione si impegna altresì a comunicare entro il mese di luglio le variazioni alla programmazione che andrà a definire il piano di esercizio successivo, che sarà condiviso per tempo con i Gestori dell infrastruttura. 8. Allo scopo di garantire una migliore qualità del servizio unitario richiesto, Trenord valuta la possibilità di gestire ulteriori servizi regionali, al momento facenti capo ai contratti di altre Regioni. Le compensazioni economiche derivanti da tale gestione sono regolate autonomamente da Trenord, senza oneri aggiuntivi per il presente Contratto, a meno che non venga contestualmente disposta una variazione dei trasferimenti delle risorse statali per questi servizi, tra le Regioni interessate, a favore di Regione Lombardia. La programmazione d orario di tali relazioni sarà in ogni caso concordata con Regione Lombardia secondo quanto disposto nel presente Contratto. Art. 7 (Comunicazione e condivisione dei servizi) 1. Regione e Trenord si impegnano a elaborare congiuntamente e nel rispetto dei reciproci ruoli, azioni di comunicazione e informazione dei servizi di trasporto ferroviari per promuovere un sistema di mobilità integrato. I destinatari delle azioni sono gli Enti Locali, i cittadini, altri soggetti portatori di interessi. 2. Per garantire la corretta realizzazione dei programmi di sviluppo dei servizi, anche in considerazione della complessità del sistema ferroviario, le Parti sin da ora si impegnano ad attivare tutti i processi necessari nonché a coinvolgere le amministrazioni ed istituzioni interessate, il tavolo di competenza tra le Amministrazioni, i pendolari e gli utenti. 3. Nell Allegato 7 è riportato il piano di informazione, comunicazione e marketing elaborato dall azienda per garantire un livello qualitativo adeguato alle aspettative della clientela. 4. In occasione di variazioni di rilievo degli orari, le Parti si impegnano a presentare i progetti d orario al territorio (Enti locali, comitati e associazioni di utenti), favorendo la sottoscrizione di accordi di condivisione dei progetti. 5. Trenord si impegna a garantire a Regione Lombardia i tempi e gli strumenti necessari al confronto preventivo con il territorio, ad ogni modifica d orario concordemente definita tra le parti. 6. La Regione assicurerà la gestione dei rapporti con il territorio, relativamente alle problematiche eventualmente derivanti dall attuazione del programma d esercizio. Trenord, in stretta collaborazione con i Gestori dell infrastruttura, assumerà la massima diligenza nel supportare la Regione in ordine a tali problematiche. Art. 8 (Passante ferroviario di Milano e linee suburbane) 1. Regione e Trenord perseguono l obiettivo della valorizzazione del servizio suburbano, in particolare delle linee che accedono al Passante Ferroviario di Milano, e del Passante stesso. Trenord si impegna a definire con il Gestore dell infrastruttura, in accordo con la Regione Lombardia, la creazione di punti informativi nelle stazioni della tratta urbana, usufruendo anche degli spazi riservati alla Regione. Si impegna inoltre a collaborare con il gestore dei servizi urbani, per i medesimi obiettivi. 2. Trenord si impegna a commercializzare i servizi suburbani secondo gli standard di qualità delle linee S definiti dalla Regione e in coerenza con gli schemi di rete programmati. 3. In particolare, Trenord riporta sugli indicatori dei treni, nei dispositivi audio-video installati a bordo e nelle bacheche, nelle forme compatibili con il materiale rotabile utilizzato (ad esempio cartelli stampati o display luminosi) le indicazioni delle linee suburbane indicate nell Allegato 13. Art. 9 (Servizi di mercato, servizi aeroportuali e altri) A) Servizi di mercato 1. Trenord ha facoltà di introdurre nuovi servizi che non godono di corrispettivo pubblico, senza compromissione dell efficacia dei fattori produttivi del presente Contratto e del suo equilibrio economico, come disciplinato dall art. 59 della L 99/2009. Le Parti possono negoziare accordi commerciali per garantire l utilizzo di tali servizi anche ai viaggiatori in possesso di titoli di viaggio a tariffa regionale, allo scopo di assicurare una migliore efficienza complessiva del trasporto ferroviario. 2. I servizi di mercato sono programmati autonomamente da Trenord, che si impegna comunque a rendere pubblico il programma di esercizio in modi simili a quanto fatto per i servizi remunerati ai sensi del presente Contratto. Trenord si fa garante nei confronti di Regione Lombardia affinché i servizi di mercato siano tracciati secondo una struttura compatibile e possibilmente omogenea con le strutture dei servizi remunerati ai sensi del presente Contratto e i restanti servizi a scala nazionale. Trenord fornisce a Regione un insieme di dati di andamento dei servizi a mercato (puntualità, soppressioni, ecc.). 3. Qualora Trenord reputi indispensabile modificare i servizi oggetto del presente Contratto, a causa dell introduzione dei servizi di mercato, le eventuali modifiche devono essere preventivamente condivise tra le Parti secondo le procedure previste nel Contratto. B) Servizi aeroportuali 4. I collegamenti tra Milano e l aeroporto di Malpensa sono servizi di trasporto pubblico locale con tariffa specifica per l accesso all aeroporto. 5. Su tutti i servizi aeroportuali, le tariffe aeroportuali, vale a dire le tariffe per gli spostamenti occasionali che interessano l Aeroporto ( relazioni aeroportuali ), sono stabilite da Trenord, in relazione al mantenimento dell equilibrio economico dei servizi stessi. 6. I servizi aeroportuali sono utilizzabili anche da viaggiatori con origine o destinazione diversa dall Aeroporto, nonché da viaggiatori con destinazione Aeroporto in possesso di abbonamento. L accesso per questi viaggiatori è garantito con tariffa ferroviaria regionale per le relazioni non aeroportuali, e tariffa ferroviaria regionale di solo abbonamento per quelle aeroportuali. L utilizzo dei titoli di viaggio è dettagliato in apposita tabella nell Allegato Le Parti concordano che la facoltà di applicare su tutti i treni di collegamento a Malpensa le tariffe di cui al precedente comma 5 permette la definizione di un corrispettivo unitario specifico, indicato nell Allegato 5.2, che si applica a tutti i collegamenti tra Milano e l aeroporto di Malpensa e segue le regole di adeguamento inflattivo previste per il corrispettivo. I servizi automobilistici ricevono il corrispettivo unitario definito nell Allegato Su tutte le tratte urbane di Milano dei servizi aeroportuali si applica il sistema tariffario integrato urbano valido per i servizi di competenza regionale, in modo da garantire l efficienza degli interscambi e un corretto funzionamento delle stazioni porta. Analogamente i titoli di viaggio per relazioni aeroportuali con origine o destinazione Milano, sono validi anche per l utilizzo del treno in ambito urbano. 9. I servizi di collegamento aeroportuale previsti dall Intesa tra Regione e Cantone Ticino (Lugano-Malpensa) seguono le regole economiche dell Intesa stessa.

11 Bollettino Ufficiale 11 C) Altri servizi 10. Trenord ha facoltà di garantire la trazione e/o il personale di bordo per l effettuazione di servizi ferroviari gestiti commercialmente da altre imprese ferroviarie, anche estere (alla data di sottoscrizione del presente Contratto: servizi Eurocity DB-ÖBB attraverso i transiti di Brennero e Tarvisio), senza utilizzo di fattori produttivi e/o risorse umane gravanti sul presente Contratto. Trenord è in grado di elaborare i propri dati economici mantenendo la distinzione tra questi servizi e i servizi oggetto del Contratto. Art. 10 (Servizi di mobilità sostenibile) 1. Trenord si impegna ad implementare e perfezionare progetti anche sperimentali di mobilità sostenibile (come ad esempio progetti di bike-sharing, di car sharing, di intermodalità treno + bici, di promozione della mobilità elettrica) per lo sviluppo di un sistema di mobilità integrato ai servizi ferroviari che contribuisca a incrementare la flessibilità e l accessibilità dei servizi ed a promuovere l uso del mezzo ferroviario. A tale scopo Trenord si impegna altresì a ricercare forme di integrazione tariffaria tra i servizi di mobilità sostenibile e i servizi ferroviari medesimi. I progetti sono condivisi tra le Parti e riportano nel dettaglio le attività svolte, i costi e i ricavi relativi e le risorse necessarie alla loro implementazione. 2. Le Parti concordano sull implementazione del progetto di cui all Allegato 16 che, con lo scopo di incentivare la mobilità elettrica a basso impatto ambientale integrata con il servizio ferroviario, prevede il completamento dello sviluppo di servizi di car sharing ecologico con l attivazione di nuove postazioni ubicate nei Comuni capoluogo o interessate da punti attrattori di mobilità da integrarsi con la rete ferroviaria, con particolare riferimento al sistema aeroportuale. 3. Per lo sviluppo del progetto di cui al precedente comma, è previsto il riconoscimento a Trenord di un cofinanziamento, aggiuntivo rispetto al corrispettivo contrattuale disciplinato all Art. 13, quantificato sulla base dell Allegato 16 fino a un massimo di Euro ,00 per l anno 2015, a fronte della presentazione della documentazione comprovante i costi effettivamente sostenuti e i ricavi di gestione. L importo verrà riconosciuto trimestralmente a seguito di presentazione di fattura di Trenord. I tempi di pagamento delle fatture sono i medesimi di quelli previsti all Art. 14. Per gli anni successivi, è facoltà delle Parti definire l eventuale prosecuzione del progetto e il relativo ammontare del cofinanziamento. 4. Trenord si impegna, di intesa con Regione Lombardia, a ricercare forme alternative di finanziamento dei progetti nell ambito dei bandi o delle sperimentazioni che saranno attivati a livello nazionale ed europeo. Art. 11 (Servizi straordinari) 1. Trenord può effettuare, senza autorizzazione e dandone preventiva informativa alla Regione, corse di trasporto pubblico aggiuntive rispetto a quelle programmate, senza alcun onere per la Regione e senza che sia compromesso il servizio oggetto del Contratto. Qualora si rendessero necessarie modifiche ai servizi oggetto del presente Contratto, tali modifiche dovranno preventivamente essere autorizzate secondo quanto previsto dall Art Le corse di trasporto pubblico aggiuntive rispetto a quelle programmate, richieste a Trenord da parte dell Autorità Pubblica o Soggetti pubblici, ovvero a seguito di fattispecie riconducibile ad ordine pubblico o salute pubblica, qualora autorizzate dalla Regione, saranno scomputate dalle percorrenze non effettuate per cause imputabili a Trenord. 3. Le parti valutano congiuntamente la possibilità di inserire nel Contratto, alle condizioni economiche ivi previste, eventuali servizi aggiuntivi, realizzati da Trenord nell ambito di iniziative e manifestazioni anche a supporto della ferrovia e del suo utilizzo. Per tali servizi, nei limiti della disponibilità, può essere utilizzato il materiale rotabile storico o dedicato. Art. 12 (Catalogo dei servizi ferroviari) 1. Ai fini della definizione del corrispettivo di cui all Art. 13, le caratteristiche dei servizi ferroviari sono individuate attraverso lo strumento del Catalogo, come riportato nell Allegato I corrispettivi unitari indicati nel Catalogo sono utilizzati per fornire la quantificazione economica dei seguenti servizi: a. servizi in essere alla data di avvio del presente Contratto (orario del 14 dicembre 2014); b. variazione positive e negative alle percorrenze aggiuntive programmate, concordate dalle parti in occasione della messa a punto dei programmi di esercizio definitivi o per adeguamenti intermedi in corso d orario; c. servizi di nuova attivazione, successivi all orario del 14 dicembre 2014, ivi compresi i servizi in esercizio a partire dal cambio orario straordinario connesso con Expo (26 aprile 2015). 3. La quantificazione del corrispettivo è effettuata per ciascun anno solare, in base all orario entrato in vigore nel dicembre precedente (ad esempio applicando l orario del 14 dicembre 2014 dall 1 gennaio 2015 al 12 dicembre 2015) e con estensione all orario successivo per i restanti giorni dell anno (applicando l orario del 13 dicembre 2015 dal 13 al 31 dicembre 2015). 4. Per i nuovi servizi di volta in volta attivati viene riconosciuto un corrispettivo di compartecipazione all avviamento e al rischio commerciale iniziale, pari al 20% del corrispondente corrispettivo unitario, erogato per i primi 12 mesi di attivazione di ciascun servizio; tale corrispettivo aggiuntivo copre tra l altro le attività di promozione dei nuovi servizi che Trenord è tenuta ad effettuare per garantirne un adeguato utilizzo da parte dell utenza. Ai fini della determinazione del corrispettivo di compartecipazione, viene presa in considerazione la variazione complessiva della produzione del nuovo anno rispetto al programma di esercizio dell anno precedente, limitatamente alle corse (o parte delle stesse) di nuova attivazione. Le corse attivate con il cambio orario straordinario del 26 aprile 2015 per garantire l accessibilità a Expo non danno luogo al corrispettivo di compartecipazione all avviamento. 5. Per garantire l efficientamento dell utilizzo della flotta e delle relative risorse economiche impegnate, Regione propone annualmente un catalogo di posti massimi da mettere a disposizione sulle corse nelle ore e nelle giornate meno affollate. A tale richiesta Trenord dà seguito con una progettazione industriale del servizio volta a realizzare la migliore rispondenza dei posti offerti alla effettiva frequentazione dei treni e di conseguenza incentivare la sicurezza di viaggio degli utenti. Le Parti condividono la volontà di definire, sulla base di tale procedura, un numero massimo di posti offerti per corsa da recepire nel programma di esercizio e di calcolare la classe di posti del Catalogo in base a tale numero massimo. Lo sviluppo del progetto è svolto nel corso dell anno 2015 in tempo utile per trovare la prima applicazione con il programma di esercizio dell anno 2016 (orario del 13/12/2015). Art. 13 (Corrispettivo) 1. Il corrispettivo contrattuale totale per i servizi attivati con il cambio orario del 14 dicembre 2014 è pari a Euro al netto di IVA come per legge, per una produzione di km totali ( trenikm e buskm) ed è composto, a fronte dell unitaria prestazione, dalle seguenti voci: servizi di trasporto ( Catalogo ), canone di accesso (secondo le regole specificate all Art. 15 ), noleggi/ammortamenti (secondo le regole specificate all Art. 16 ), quota ex CCNL LeNORD, secondo il dettaglio economico contenuto nell Allegato 5.

12 12 Bollettino Ufficiale 2. Per il servizio S40 Chiasso-Como Albate il corrispettivo annuo di per trenikm viene erogato direttamente dal Cantone Ticino; i treni fanno comunque parte del programma di esercizio del presente Contratto. 3. Il costo sostenuto da Trenord per il servizio transfrontaliero Luino - Pino Tronzano, per trenikm annui, è incluso nel corrispettivo contrattuale; a tale servizio si applicano, per le relazioni interamente ricomprese nel territorio regionale, le tariffe ferroviarie regionali. 4. Per gli anni successivi, il corrispettivo unitario del singolo treno viene adeguato con cadenza e modalità disciplinate al successivo Art. 36. Le Parti convengono che il costo complessivo del servizio unitario prestato, con l esclusione della parte dello stesso relativa ai servizi acquistati da terzi fornitori, a parità di voci di catalogo, cresca solo sulla base dei meccanismi di adeguamento disciplinati da tale articolo. È pertanto esclusa la revisione del corrispettivo in corso di validità del Contratto di servizio, collegata a variazione di costi di produzione propri, per qualsivoglia causa non contemplata esplicitamente nel Contratto stesso. 5. Entro il mese di novembre dell anno precedente a quello di riferimento, Trenord comunica a Regione il programma di esercizio annuale definito al momento dell attivazione dell orario e il corrispettivo conseguente; Regione verifica il corrispettivo complessivo ed unitario composto da ciascuna delle voci dell Allegato 5.2, e il relativo totale. Tale valore è utilizzato per la fatturazione di tutte le rate previste nel corso dell anno. Il corrispettivo così definito è soggetto a conguaglio in eccesso o in difetto, alla fine del corrispondente anno, sulla base del programma di esercizio definito a consuntivo in funzione di tutte le variazioni programmate in corso d orario, e sulla base dell effettivo costo sostenuto per il canone di accesso all infrastruttura (Art. 15 ) e per gli oneri relativi al materiale rotabile (Art. 16 ). Sul corrispettivo così definito si applicano infine le eventuali detrazioni per servizi non resi e penali, disciplinate dal Contratto e si procede al conguaglio finale. 6. In caso di variazione della distribuzione della tipologia di produzione nelle classi di cui all Allegato 5 per una percentuale superiore al 20%, le Parti procederanno, se del caso, alla ridefinizione dei corrispettivi unitari delle classi stesse. 7. Il corrispettivo previsto dal presente Contratto sarà oggetto di ricontrattazione fra le Parti qualora: vengano introdotte unilateralmente modifiche normative, nuove agevolazioni o gratuità tariffarie rispetto a quelle di cui all Allegato 9; la Regione provveda alla variazione delle tariffe dei titoli di viaggio in misura diversa da quanto previsto dall art. 26 del r.r. 4/2014; la Regione emetta un provvedimento normativo che modifichi in diminuzione l importo delle sanzioni. 8. I parametri di calcolo del corrispettivo sono determinati in modo tale che la compensazione corrisposta non possa superare l importo necessario per coprire l effetto finanziario netto sui costi sostenuti e sui ricavi originati dall assolvimento dell obbligo di servizio pubblico, tenendo conto dei relativi ricavi trattenuti all operatore del servizio pubblico, nonché di un profitto ragionevole, secondo quanto disciplinato dall art. 3 del Reg. 1370/2007 e dal relativo Allegato. Alla fine di ciascun anno di vigenza, sulla base del conto economico di cui all Allegato 11 e delle variazioni registrate dagli introiti da tariffa, le parti verificano l adeguatezza della compensazione corrisposta, valutando la necessità di eventuali provvedimenti per garantire il rispetto del citato Regolamento. 9. Il corrispettivo di cui al presente articolo è stabilito senza compromissione dell equilibrio economico del presente Contratto, come disciplinato dall art. 59 della L 99/ Gli accordi commerciali siglati da Trenord con altre aziende di trasporto, ivi comprese le valorizzazioni delle carte di libera circolazione, non possono dar luogo a compensazioni a carico delle parti e non devono compromettere l equilibrio economico del Contratto. Art. 14 (Norme finanziarie) 1. Il corrispettivo è pagato dalla Regione in dodici rate mensili posticipate di medesima entità. 2. Le quote relative ai nuovi servizi, compresa la quota per le attività propedeutiche, sono stimate in base ai valori fissati dal programma di esercizio a inizio anno e sono soggette a conguaglio per eccesso o difetto una volta che i nuovi servizi siano stati effettivamente attivati. Il conguaglio si effettua con l ultima rata dell anno di attivazione. 3. Eventuali contributi di soggetti terzi, ricevuti da Trenord per il servizio unitario oggetto del Contratto, sono dedotti dal corrispettivo previsto dal presente articolo. 4. Le fatture sono emesse a decorrere dal primo giorno del mese successivo a quello di riferimento, accompagnate dalla certificazione relativa alle percorrenze realmente effettuate nel mese in oggetto, che deve pervenire contestualmente con la fattura. Regione provvede al pagamento entro 30 giorni dalla data di ricevimento della fattura (ovvero il primo giorno lavorativo ancora successivo se le date sono festive) e comunque coerentemente con la tempistica dei trasferimenti statali e con gli obblighi derivanti dal concorso di Regione al rispetto del patto di stabilità. In occasione del pagamento della dodicesima e ultima rata di ciascun anno, ove non fosse già definito l importo da applicare per penalità e servizi non resi, la Regione trattiene, fino alla definizione di tutte le pendenze in atto ed alla sottoscrizione della relazione di cui al comma seguente, il 30% dell ammontare dell ultima rata. 5. Entro il sesto mese successivo alla data di termine di ciascun anno di vigenza del Contratto, Regione e Trenord valutano contestualmente e sottoscrivono la Relazione di Chiusura che attesta a consuntivo le percorrenze effettuate, il corrispettivo dovuto, le penali applicate, nonché ogni altro elemento utile per rappresentare quello che è stato l andamento del servizio. Una volta sottoscritta la Relazione, Trenord provvede alla fatturazione del conguaglio finale del corrispettivo annuale. 6. I pagamenti previsti dal presente articolo sono effettuati dalla Regione a seguito di presentazione da parte di Trenord di regolare fattura che dovrà riportare le coordinate bancarie in base alle quali effettuare l accredito del pagamento. 7. In coerenza con quanto disposto dall art. 1, comma 301 della legge 244/2006, gli eventuali rinnovi dei contratti di lavoro del settore, successivi a tale legge, per il periodo di vigenza del presente Contratto sono a carico di Trenord, salvo esplicita differente norma stabilita a livello regionale o nazionale. 8. Gli oneri riconosciuti a titolo di contributo relativi al Contratto Nazionale di Lavoro Autoferrotranvieri dei dipendenti di FNM SpA operanti in service per Trenord, riconosciuti ai sensi delle leggi 296/2006, 58/2005 e 47/2004, sono stati quantificati in Euro ,10 annui, come indicato nella nota n citata in premessa, e vengono erogati da Regione nella misura di Euro ,00 annui (applicazione dell abbattimento sulle quote relative alla L 296/2006) secondo quanto disposto dall art. 67 della l.r. 6/2012, in aggiunta al corrispettivo di cui all Art Nel caso di ritardo nel pagamento del corrispettivo di cui all Art. 13, Trenord, previa intesa con la Regione da raggiungere entro sessanta giorni dalla specifica richiesta in tal senso di Trenord, potrà procedere anche in corso d orario alla riprogrammazione quantitativa e/o qualitativa dei singoli servizi forniti ai sensi del presente Contratto. Tale riprogrammazione, finalizzata a mantenere l originario equilibrio economico-finanziario del Contratto, potrà prevedere la sostituzione di servizi ferroviari con quelli automobilistici e/o la soppressione/rimodulazione di un quantitativo dei servizi tale da compensare integralmente la parte di corrispettivo

13 Bollettino Ufficiale 13 non erogata secondo le modalità di cui al presente articolo. 10. Indipendentemente dal mantenimento dell equilibrio economico-finanziario del presente Contratto, qualora l insufficienza di fondi non consenta alla Regione di corrispondere a Trenord, nei termini previsti dal presente articolo il corrispettivo complessivo, le Parti condividono la necessità di rivedere il piano degli investimenti di cui al successivo Art. 16. Art. 15 (Canone di accesso all infrastruttura) 1. L onere di utilizzo dell infrastruttura è calcolato secondo le modalità previste dal decreto di cui all art.1 comma 84 della L 147/2013 (costi standard dei servizi di trasporto pubblico locale e regionale) utilizzando il valore del canone di pedaggio attualmente applicato sull infrastruttura ferroviaria nazionale per ciascuna corsa compresa nel programma di esercizio. Tale onere è un elemento che compone il corrispettivo dell unitaria prestazione di cui all Art. 13. Il canone di accesso è al netto delle eventuali penali dovute all impresa ferroviaria in applicazione del sistema di controllo delle prestazioni del trasporto ferroviario previsto dall articolo 21 del D.Lgs. 188/ Trenord si impegna a consegnare un preventivo del canone di accesso per l anno di riferimento entro il mese di novembre dell anno precedente a quello di riferimento, e a presentare la documentazione a consuntivo, entro il mese di aprile dell anno successivo a quello di riferimento, comprovante la spesa effettivamente sostenuta, le eventuali penali dovute dal Gestore dell infrastruttura e le prestazioni erogate. 3. La Regione eroga nell anno di riferimento il 90% del valore a preventivo. Il saldo è erogato nell ambito della Relazione di Chiusura di cui all Art. 14, sulla base del valore a consuntivo. 4. In caso di introduzione di canoni di accesso all infrastruttura ferroviaria della rete regionale, le parti si impegnano a rivedere di conseguenza le condizioni economiche del presente Contratto. 5. Trenord si impegna a consegnare a Regione copia del Contratto di accesso stipulato tra Trenord e i Gestori dell infrastruttura. Art. 16 (Materiale rotabile) 1. Trenord ha effettuato una serie di investimenti in nuovo materiale rotabile, in base agli impegni dei precedenti Contratti di servizio (ex Trenitalia ed ex LeNORD) e e in base alle regole economiche in essi contenute. Le parti condividono di confermare tali regole anche per il periodo di vigenza del presente Contratto. Gli importi corrispondenti a ciascuna tipologia di rotabili, come dettagliato nei commi seguenti, sono elementi che compongono il corrispettivo di cui all Art. 13 a carico di Regione. 2. La quota di corrispettivo corrispondente al materiale rotabile noleggiato da Trenitalia (al netto di quanto indicato ai commi seguenti) è pari al canone di noleggio corrisposto da Trenord a Trenitalia e alla quota a copertura degli oneri di manutenzione ciclica evidenziati nella nota 3441 del 4/3/2015 citata in premessa. 3. La quota di corrispettivo corrispondente al materiale rotabile che segue è pari al canone di noleggio corrisposto da Trenord alla società noleggiatrice: - 26 treni TAF, acquisiti da FNM; - locomotive di riserva, manovra e soccorso, acquisite da FNM (limitatamente agli anni ed entro i valori massimi riportati nell Allegato 6); - 8 treni Alstom Coradia, acquisiti da FNM (2 lotto Coradia); - treni Flirt, acquisiti dalle Ferrovie Federali Svizzere (in numero da concordarsi annualmente con Regione). 4. La quota di corrispettivo corrispondente al materiale rotabile che segue è pari ad un ventiquattresimo del valore del cespite, a copertura di quota parte del canone di noleggio corrisposto da Trenord a FNM: - 10 treni Alstom Coradia a 5 casse (3 lotto Coradia) e successivamente portati a 6 casse, acquisiti da FNM; - 7 treni TSR a 6 casse, acquisiti da FNM. 5. La quota di corrispettivo corrispondente al materiale rotabile integralmente finanziato da Regione e in uso a Trenord, ai sensi della Convenzione del 18/1/2007 in essere tra Regione e Ferrovienord, è pari ai soli oneri di manutenzione ciclica di secondo livello. Alla data di sottoscrizione del presente Contratto il materiale rotabile oggetto della Convenzione (in parte in corso di acquisizione) include i seguenti 123 treni: - 85 treni TSR (di cui 2 in conto penali) - 24 treni GTW (16 ATR.125 e 8 ATR.115) - 2 treni ATR treni Flirt - 8 treni Coradia (6 a 5 casse, pari al 1 lotto, e 2 a 6 casse) 6. Non è prevista alcuna quota di corrispettivo per il materiale rotabile che segue, in quanto le Parti danno atto che ogni loro onere risulta già compreso nel corrispettivo vigente: - 5 treni Vivalto con relative locomotive E.464, di proprietà di Trenitalia; - 18 treni Alstom Coradia a 5 casse, di proprietà di Trenitalia; - 16 locomotive E.464, di proprietà di Regione; - materiale rotabile facente parte dei beni a suo tempo trasferiti dallo Stato alla Regione in base all Accordo di programma per l attuazione della delega prevista dall art. 8, comma 3 del D.lgs 422/97 e ai relativi verbali. La quota di corrispettivo per eventuali ulteriori rotabili, acquisiti successivamente in base alla citata Convenzione, segue le medesime regole. 7. I valori complessivi massimi ammissibili per ciascun anno, per i gruppi di rotabili di cui ai precedenti commi sono riportati nella tabella contenuta nell Allegato 6. E ammessa una motivata revisione di tali importi, d intesa tra le parti, a partire dal terzo anno di vigenza contrattuale, nei modi previsti all Art. 36 per la revisione periodica del Contratto. 8. Trenord ha facoltà di acquisire o noleggiare ulteriore materiale rotabile, per servizi viaggiatori e/o per usi interni (riserve, scorte, materiale per soccorso, ecc.) senza variazione del corrispettivo contrattuale. 9. Nel periodo di vigenza contrattuale , Trenord si impegna ad acquistare ovvero a noleggiare nuovo materiale rotabile per almeno 200 milioni di euro, come dettagliato nell Allegato 6 e a concordare con Regione le relative tipologie, inclusi gli allestimenti interni, le dotazioni per biciclette e la colorazione. Tali investimenti comportano una quota di corrispettivo pari ad un

14 14 Bollettino Ufficiale ventiquattresimo del valore del cespite; qualora gli investimenti siano oggetto di noleggio da parte di Trenord per il tramite di altra società, comportano una quota di corrispettivo a copertura della quota di ammortamento relativa al canone di noleggio sostenuto da Trenord, pari ad un ventiquattresimo del valore del cespite. 10. Trenord comunica annualmente a Regione l importo aggiornato del corrispettivo di cui al presente articolo, nel rispetto del valore massimo ammissibile di cui alla tabella precedente. Tale importo concorre a definire l importo a preventivo di cui all Art. 13 comma 5. L importo viene aggiornato a consuntivo, in base all effettiva entrata in servizio dei nuovi treni o all eventuale alienazione dei treni esistenti, nell ambito della Relazione di Chiusura prevista dall Art Investimenti che comportino un aumento del canone di noleggio o degli ammortamenti a carico di Regione, rispetto al valore alla sottoscrizione del Contratto e a quanto specificato nel presente articolo, sono soggetti ad approvazione regionale, previa comunicazione da parte di Trenord dell importo stimato e della sua decorrenza. 12. Regione Lombardia si impegna a prevedere quanto segue nei bandi relativi alle procedure ad evidenza pubblica che potranno essere indette alla scadenza del presente Contratto e che avranno ad oggetto l affidamento dei servizi oggetto del presente Contratto: l impegno in capo al nuovo aggiudicatario ad acquistare o noleggiare il materiale rotabile oggetto degli investimenti indicati al presente articolo, commi 3, 4, 6 e 9 previa corresponsione a Trenord dell ammortamento residuo, e di assumersi altresì tutti gli oneri finanziari relativi a tali investimenti; stringenti requisiti di affidabilità finanziaria, che dovranno essere posseduti dal nuovo aggiudicatario. L impegno non sussiste per il materiale rotabile di proprietà di Regione (comma 6) o integralmente finanziato da Regione (comma 5), la cui assegnazione all impresa ferroviaria resta disciplinata dalla Convenzione del 18/1/2007 in essere tra Regione e Ferrovienord. 13. Il materiale rotabile necessario per svolgere i servizi oggetto del Contratto è elencato nell Allegato 11.2 ed è utilizzato in ragione delle ulteriori disposizioni contenute nell Allegato 12. Sezione 2. Modalità di prestazione dei servizi e standard di qualità Art. 17 (Obiettivi di qualità) 1. Trenord si impegna, per ogni anno di vigenza contrattuale, a perseguire gli obiettivi di qualità riportati all Allegato 13, accettando le corrispondenti quantificazioni economiche, relativamente ai seguenti indicatori: a. puntualità media mensile ai cinque minuti nelle fasce di punta da lunedì a venerdì (intera rete); b. puntualità media mensile ai cinque minuti per l intera giornata (intera rete); c. Ritardo Medio Ponderato d. numero medio di soppressioni/giorno 2. Nell ottica di migliorare sensibilmente la qualità del servizio, Trenord oltre alle iniziative riguardanti il materiale rotabile, si impegna ad intraprendere un percorso su due livelli: una prima serie di progetti riguarderà l informazione e la comunicazione alla clientela; in particolare saranno previsti piani di miglioramento e di evoluzione dei sistemi di informazione a bordo e a terra sviluppando prevalentemente progetti digitali. Un secondo livello di progettualità sarà rivolto alla sensibilizzazione del personale interno. In particolare realizzerà diversi progetti volti ad aumentare la consapevolezza del compito importante che in particolare il personale a contatto con i clienti riveste. Da questo punto di vista saranno articolati in più fasi e in diversi periodi nel corso dei prossimi anni momenti di formazione strutturata rivolta a tutto il personale a contatto con la clientela; saranno previsti momenti di condivisione e dialogo sui temi più delicati e le problematiche più ricorrenti nel rapporto con i clienti; verranno lanciate iniziative premianti rivolte ai migliori progetti e migliori performances relative alla qualità del servizio erogata, con un attenzione particolare alla puntualità, primo obiettivo del progetto nel corso del Art. 18 (Modifiche del servizio programmato) 1. Le modifiche del programma di esercizio, riguardanti orari, periodicità, fermate e variazione in riduzione del numero di posti offerti, sono ammesse nei limiti e con le procedure specificati nei commi seguenti e concordate in forma scritta tra le parti. 2. Le modifiche richieste da Trenord, anche su sollecitazione dei Gestori dell infrastruttura, sono approvate dalla Regione mediante il rilascio di un autorizzazione scritta, subordinata allo svolgimento di un istruttoria congiunta per verificarne le motivazioni tecniche e le eventuali conseguenze su altri servizi circolanti, ad eccezione di quanto disposto dal successivo Art. 19. I tempi del rilascio di tale autorizzazione dovranno essere compatibili con le esigenze di gestione delle modifiche. I tempi di comunicazione della richiesta da parte di Trenord dovranno essere compatibili con la necessità di Regione di gestire il necessario confronto con il territorio e sottoscrivere i relativi accordi, e comunque non inferiori ai 90 giorni. 3. Al fine di permettere la condivisione del programma di esercizio sostitutivo, Trenord comunica preventivamente alla Regione le variazioni temporanee del programma di esercizio in occasione di lavori programmati, non riguardanti la manutenzione ordinaria, sulle sedi fisse e sedi a binario, con un anticipo minimo di 60 giorni e prima di procedere alla comunicazione al pubblico. Le variazioni temporanee all offerta dovranno essere approvate dalla Regione e assicurare condizioni di viaggio quantitativamente e qualitativamente paragonabili all offerta base e comunque rimanere entro i seguenti limiti: a) in caso di agibilità degradata dell infrastruttura dovrà essere predisposto un programma di esercizio che preveda le opportune modifiche ai tempi di percorrenza dei treni transitanti nelle fasce orarie o nelle tratte interessate dai lavori, operando in modo da limitare il più possibile i disagi nelle ore e nelle giornate di maggior traffico; b) in caso di indisponibilità totale dell infrastruttura per interruzioni programmate dovrà essere predisposto un apposito programma di esercizio di sostituzione con bus dei treni soppressi. Dovrà essere perseguito l obiettivo di far corrispondere ad ogni treno soppresso una corsa effettuata con un numero di bus sufficienti a trasportare tutti i passeggeri statisticamente presenti sul treno stesso. Il servizio bus sostitutivo dovrà coprire tutte le fermate previste dal treno soppresso. In caso di soppressioni su lunghi percorsi, Trenord si impegna a verificare con la Regione la differenziazione del servizio sostitutivo organizzando corse bus di tipo diretto per le relazioni più lunghe, in modo da contenere l aumento del tempo di percorrenza rispetto al treno. Regione e Trenord verificheranno inoltre congiuntamente la possibilità di integrare tali servizi sostitutivi con i servizi già svolti da altri vettori di TPL operanti nell area, qualora tale soluzione consenta un minor costo e una maggiore integrazione di orari e tariffaria a vantaggio dell utente. 4. Il corrispettivo erogato da Regione durante l interruzione o variazione programmata corrisponde al servizio realmente effettuato, rispettivamente con treno o autobus sostitutivo.

15 Bollettino Ufficiale Le modifiche richieste dalla Regione Lombardia sono esaminate da Trenord attraverso un istruttoria congiunta, finalizzata a valutarne la fattibilità da parte dell azienda. Le istruttorie sono condotte dalle parti con la partecipazione di rappresentanti dei Gestori dell infrastruttura. Trenord si impegna a dare una risposta in merito alla fattibilità tecnica degli interventi puntuali richiesti entro 60 giorni dall inoltro della domanda ovvero secondo la tempistica contenuta nel Prospetto Informativo della Rete, ove applicabile. Regione Lombardia si impegna a dare una risposta in merito all autorizzazione delle modifiche richieste da Trenord entro 30 giorni dall inoltro della domanda e comunque entro 30 giorni dall avvio dei servizi, per garantire le attività necessarie alla messa a regime delle attivazioni richieste. 6. Per l accesso alla rete nazionale, le parti si impegnano ad applicare, per quanto di propria competenza, le disposizioni contenute nel Prospetto Informativo della Rete emanato dal Gestore dell infrastruttura ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. 188/ Ovunque possibile, le modifiche del programma di esercizio si applicano in occasione dei due cambi di orario programmati ogni anno (dicembre e giugno), allo scopo di agevolare l informazione ai viaggiatori. 8. Di tutte le modifiche disposte ai sensi del presente articolo, Trenord dà notizia ai cittadini prima della loro entrata in vigore, nei modi previsti dall Art. 25, e aggiorna gli Allegati contrattuali nei tempi previsti. 9. Qualora Trenord ponga in essere modifiche al programma di esercizio in violazione di quanto disposto dal presente articolo, viene applicata una penale, per ciascuna corsa modificata, di importo da un minimo pari a 0,5 volte ad un massimo pari a 1,5 volte il corrispettivo dovuto per l intero periodo non autorizzato fino alla regolarizzazione del servizio. 10. Trenord non può modificare treni oggetto del presente Contratto per realizzare servizi richiesti da altri Enti o servizi di mercato se non in seguito ad esplicita autorizzazione da parte di Regione Lombardia. Art. 19 (Sospensione del servizio per cause di forza maggiore o sciopero) 1. L esecuzione dei servizi oggetto del presente Contratto non può essere sospesa né interrotta da Trenord, salvo cause di forza maggiore, quali calamità naturali, terremoti, sommosse o a seguito di eventi non prevedibili e non imputabili a Trenord o ai Gestori dell infrastruttura e nei casi di sospensione del servizio disposti dalle Autorità di Pubblica Sicurezza. Nell Allegato 11 è riportato l elenco delle cause di forza maggiore concordate dalle parti, conformi alla classificazione adottata dai Gestori dell infrastruttura. Questi eventi non comportano riduzioni del corrispettivo a condizione che la circolazione sia ripristinata al più presto, ancorché in forma sostitutiva, e che Trenord assicuri un adeguata informazione alla clientela. Nel caso in cui la circolazione sia ripristinata in forma automobilistica sostitutiva la Regione è tenuta a pagare il corrispettivo previsto per il treno secondo il catalogo di cui all Art. 13. Gli impegni previsti dal Contratto riguardanti le modalità di prestazione del servizio, gli standard di qualità ed il monitoraggio si applicano al servizio sostitutivo. 2. Trenord garantisce, in caso di proclamato sciopero, almeno l erogazione dei servizi minimi riportati nell Allegato 4 e sull orario ufficiale, individuati con accordo, ritenuto idoneo dalla Commissione di Garanzia per l attuazione della legge sullo sciopero nei servizi essenziali, tra Trenord e le Organizzazioni Sindacali, secondo quanto disposto dalla legge 12/6/90 n. 146 e successive modifiche e integrazioni. Regione erogherà il corrispettivo relativo ai servizi regolarmente effettuati. Trenord ritiene importante garantire all utenza la piena fruizione del servizio durante l intero arco delle fasce di rispetto. Per tenere conto dei costi che l azienda deve sostenere per poter erogare il servizio secondo quanto sopra indicato, Regione riconosce un corrispettivo forfettario pari al 20% per i treni soppressi, purché nei giorni feriali vengano garantiti tutti i treni elencati nell Allegato 4. Qualora ciò non si verifichi, l ammontare di corrispettivo dovuto per i treni soppressi è ridotto in misura proporzionale al rapporto tra i treni realmente effettuati e quelli che dovevano essere effettuati. 3. In caso di mancata effettuazione dei servizi minimi garantiti si applicano le riduzioni di corrispettivo previste dall Art. 20 e una penale aggiuntiva di per ogni treno garantito non effettuato per cause imputabili a Trenord o ai Gestori dell infrastruttura. 4. Delle riduzioni o sospensioni del servizio disposte in applicazione del presente articolo è data comunicazione tempestiva da parte di Trenord alla Regione, a mezzo mail. Trenord, tenuto conto delle specificità degli eventi che possono provocare tali riduzioni o sospensioni, si impegna inoltre ad informare i cittadini con la massima sollecitudine e nei tempi previsti dalla legge, nei modi previsti dall Art. 25, in modo da metterli nelle condizione di poter modificare le proprie scelte di viaggio. 5. Le disposizioni contenute nel presente articolo hanno validità per i primi 10 giorni successivi al verificarsi degli eventi di forza maggiore previsti dal comma 1. Per le variazioni al servizio programmato che dovessero sussistere oltre tale termine, a partire dall 11 giorno si applica quanto disposto dall Art. 18, erogando il corrispettivo corrispondente al servizio realmente effettuato. Art. 20 (Soppressioni) 1. I servizi soppressi per cause imputabili a Trenord o ai Gestori dell infrastruttura non danno luogo a corrispettivo, con esclusione dei servizi non resi per cause di forza maggiore. Il corrispettivo da non erogare viene calcolato ai valori previsti all Art I servizi effettuati con modalità automobilistica, quando programmati in modalità ferroviaria, sono valorizzati al corrispettivo corrispondente, purché il servizio sostitutivo sia adeguato. Esso è adeguato se ne viene dato tempestivo annuncio nelle stazioni a tutti i viaggiatori interessati, avviene entro 30 minuti rispetto all orario programmato ed è effettuato con un numero di autobus proporzionato al numero di viaggiatori del treno. 3. La sostituzione con autobus è obbligatoria per l ultima corsa della sera di ciascuna relazione e per le situazioni di indisponibilità dell infrastruttura o del materiale rotabile che comportino la necessità di sopprimere più di una coppia di corse. Nei casi di soppressione di singole corse, la sostituzione è facoltativa, ed è ammessa purché sia adeguata come sopra indicato. 4. Per quanto attiene il corrispettivo, valgono le regole che seguono: a) quando viene effettuato un servizio autobus sostitutivo adeguato, viene erogato il corrispettivo previsto per i servizi di autobus; il corrispettivo è commisurato ai bus*km determinati convenzionalmente incrementando del 30% i km soppressi del corrispondente treno, tenendo conto di eventuali corse sostituite da più di un autobus fino alla concorrenza del corrispettivo che la Regione avrebbe pagato per l effettuazione del servizio a mezzo treno; b) quando viene effettuato un nuovo treno aggiuntivo (non programmato), entro 30 minuti dalla soppressione, e di cui sia stato dato tempestivo annuncio nelle stazioni a tutti i viaggiatori interessati, viene erogato il normale corrispettivo previsto per tale treno; c) per i treni che svolgono anche funzione di trasporto o distribuzione urbana interni al nodo di Milano (soppressioni parziali o totali di Linee S nella tratta Passante, lungo le tratta Garibaldi-Lambrate-Rogoredo, Garibaldi-Greco, Bovisa- Cadorna, Bovisa-Centrale e tratta urbana della linea S9), per non dare luogo a decurtazione del corrispettivo della tratta urbana, è altresì richiesto che i viaggiatori possano utilizzare il vettore urbano senza aggravio di costi, grazie ad apposita convenzione o altro atto sottoscritto da Trenord. 5. Trenord trasmette mensilmente alla Regione, unitamente all elenco delle corse soppresse, il dato sulle modalità ed i tempi con cui ciascuna corsa è stata sostituita, secondo lo schema previsto dall Allegato 11.

16 16 Bollettino Ufficiale 6. Qualora la stessa corsa venga soppressa totalmente per più di 3 volte in un mese, per cause imputabili al gestore del servizio o dell infrastruttura, Trenord, indipendentemente dal pagamento dei servizi sostitutivi, è soggetta ad una penale di per ogni ulteriore soppressione eccedente la terza. Le soppressioni per sciopero non entrano nel computo ai fini della presente penale. Art. 21 (Interruzione del servizio) 1. Trenord non può interrompere né sospendere la prestazione dei servizi di trasporto ferroviario oggetto del programma di esercizio di cui all Allegato 2, con la sola eccezione di quanto previsto nell Art. 19 e nel caso di mancato pagamento da parte della Regione dell intero corrispettivo di cui all Art Per le finalità del presente articolo, sussiste la sospensione generalizzata del servizio ferroviario allorché Trenord sopprima totalmente per cause imputabili alla stessa Trenord, nell arco temporale di 14 giorni consecutivi, più del 50% delle corse, programmate con modalità ferroviaria, complessivamente previste per quell arco di tempo su una direttrice. 3. Al verificarsi dell ipotesi di cui al comma precedente, la Regione, previa diffida, procede all applicazione della penale di per ciascuna direttrice in cui si verifichi la sospensione generalizzata del servizio. Le soppressioni di cui al presente articolo non sono conteggiate ai fini dell applicazione delle penali sulle soppressioni (Art. 20 ), sulle modifiche al servizio programmato (Art. 18 ) e sull informazione (Art. 25 ). 4. Nel caso di reiterata e grave sospensione del servizio ferroviario oggetto del programma di esercizio di cui all Allegato 2, e previa diffida ad adempiere, la Regione Lombardia potrà procedere alla revoca dell affidamento del servizio con proprio atto unilaterale ed all affidamento dello stesso ad altra azienda idonea, salve le ulteriori azioni di rivalsa per le maggiori spese sostenute e per il risarcimento dell ulteriore danno nei confronti di Trenord. Art. 22 (Composizione e affollamento) 1. Per tutte le corse circolanti nei giorni feriali (dal lunedì al venerdì) in arrivo alle stazioni di destinazione tra le ore 7.00 e 9.30 ed in partenza dalle stazioni di origine dalle ore alle 19.30, Trenord ogni mese garantisce che il 95% delle giornate di servizio siano effettuate rispettando i posti minimi a sedere previsti dall azienda, accessibili ed utilizzabili dall utenza. Tali posti, indicati nell Allegato 2 (alla colonna posti minimi previsti dall azienda distinti per Orario Estivo/Invernale e mantenuti aggiornati in base alle eventuali variazioni dei turni programmati): coincidono con i posti totali programmati dall azienda qualora i dati feriali di frequentazione dei treni mostrino un carico massimo almeno pari al 90% dei posti totali, ovvero sono commisurati al carico massimo feriale, qualora i dati del giorno feriale mostrino una frequentazione inferiore. 2. Per i treni per cui Trenord non garantisca il rispetto mensile del numero di giornate di cui al comma precedente, la Regione provvederà ad applicare una penale mensile pari al valore del numero di posti in meno. Per tale valutazione, il valore di ogni posto offerto in meno è pari a 1,50 /posto. 3. In casi di particolare affollamento accertati successivamente alla stipula del presente Contratto, Trenord si impegna, a seguito di richiesta della Regione, a studiare una riprogrammazione dei posti, compatibilmente con il materiale rotabile disponibile e con la capacità massima ammessa dagli impianti. Per l individuazione dei casi di particolare affollamento la Regione terrà conto della durata del fenomeno, e dell indice di occupazione, che non dovrà superare, per i treni suburbani, il 120% verificato tra la prima e la seconda stazione esterna all area urbana. Per i treni regionali tale limite sarà verificato sulla tratta suburbana. Decorsi 30 giorni dalla richiesta, esclusi casi di motivata impossibilità, qualora Trenord non abbia provveduto ad adeguare il numero minimo di posti offerti, la Regione provvederà a ridurre il corrispettivo in misura proporzionale alla differenza tra i posti richiesti e quelli effettivamente resi disponibili. Il valore di ogni posto offerto in meno è pari a 1,50 /posto. Art. 23 (Rete di vendita) 1. Trenord organizza la propria rete di vendita, anche via web tramite PC o smartphone, in modo che tutti i punti di accesso al servizio, per tutta la durata dello stesso, garantiscano al viaggiatore la possibilità di usufruire del servizio ferroviario alla tariffa ferroviaria regionale per tutte le destinazioni in cui tale tariffa è valida. 2. In ogni stazione Trenord garantisce la disponibilità, per l intero arco di servizio, di un punto vendita, anche come rivendita o emettitrice automatica posti all interno, o rivendita posta a non più di 200 m da ogni stazione, nonché tramite PC o smartphone. In caso di assenza, chiusura anche temporanea, guasto o comunque inaccessibilità del punto vendita, o indisponibilità dei biglietti ordinari e giornalieri obbligatori ai sensi del r.r. 4/2014, Trenord consente l acquisto a bordo del treno, senza sovrapprezzo per il viaggiatore che ne fa spontanea richiesta. Analogamente, in caso di indisponibilità o guasto delle obliteratrici, Trenord consente l obliterazione a bordo del treno, senza sovrapprezzo per il viaggiatore che ne fa spontanea richiesta secondo quanto stabilito dalle Condizioni di Trasporto di cui all Allegato Trenord si impegna: a. entro settembre 2015 a consentire l acquisto tramite PC e smartphone dei titoli di viaggio validi solo in ambito ferroviario (biglietto ordinario, abbonamenti settimanali, mensili e annuali) per tutte le relazioni regionali; b. a fornire entro sei mesi dalla sottoscrizione del presente Contratto un piano volto a garantire, mediante individuazione delle relative scadenze e, comunque, non oltre il 2016, che in almeno un punto vendita di ogni stazione (biglietteria, rivendita interna o esterna o emettitrice), tramite PC o smartphone, ovvero a bordo del treno limitatamente alle situazioni disciplinate dal comma precedente, sia prevista l emissione dei titoli di viaggio dello STIR (Sistema Tariffario Integrato Regionale) per tutte le destinazioni in cui è valida la tariffa ferroviaria regionale, nonché gli altri titoli integrati con i servizi di trasporto pubblico e supplemento bici. 4. Nell Allegato 8 sono elencate le biglietterie con i relativi orari di apertura, le emettitrici automatiche, gli indirizzi dei punti vendita esterni, ove presenti. 5. Ove la vendita sia effettuata per mezzo di emettitrici automatiche, Trenord rileva e documenta ciascun guasto che si verifichi alle apparecchiature, inclusi i guasti ai sistemi POS. Il database dei guasti è consegnato alla Regione entro il secondo mese successivo a quello di riferimento. Il livello di servizio prevede i seguenti parametri obiettivo: a. rimessa in funzione delle emettitrici entro 2 giorni dal verificarsi di ciascun guasto che non consenta l emissione e/o il pagamento dei biglietti ordinari, b. rimessa in funzione delle emettitrici entro 15 giorni nel caso di guasti gravi, c. in caso di vandalizzazioni Trenord si impegna a ripristinare l emettitrice nel minor tempo possibile. 6. Trenord si impegna altresì a fornire mensilmente un report completo del funzionamento delle proprie apparecchiature di emis-

17 Bollettino Ufficiale 17 sione titoli. 7. Le eventuali modifiche alla rete di vendita di Trenord devono essere preventivamente comunicate all utenza e a Regione Lombardia. Eventuali chiusure definitive di biglietterie devono essere comunicate a Regione con almeno tre mesi di anticipo, precisando le modalità con le quali si garantiranno gli standard previsti per la rete di vendita a seguito della chiusura includendo nelle modalità di vendita alternative anche l acquisto tramite PC e smartphone. 8. Trenord garantisce inoltre: a. in concomitanza con l attivazione del nuovo sistema di bigliettazione elettronico (SBE) un progressivo incremento della vendita presso la propria rete di biglietti e abbonamenti aventi origine e destinazione su tutto il territorio nazionale; b. in concomitanza con l attivazione del nuovo sistema di bigliettazione elettronico (SBE), un piano di installazioni incrementali di emettitrici automatiche nelle principali stazioni; c. che nelle stazioni lombarde ove transitano servizi che si integrano con i servizi di competenza del Canton Ticino siano venduti i titoli di viaggio concordati ai sensi dell intesa Regione-Canton Ticino; Trenord si impegna altresì a integrare gradualmente, e comunque entro l attivazione di SBE, questa tariffa nella propria rete di vendita regionale; d. che la possibilità di acquisto con carta di credito e bancomat sia progressivamente estesa; e. la pubblicizzazione di rete di vendita, titoli di viaggio e tariffe secondo gli standard minimi previsti dalle norme regionali; f. la commercializzazione di tutti gli abbonamenti annuali previsti dal sistema tariffario integrato regionale tramite i canali dei Mobility Manager aziendali. 9. Nel caso in cui non siano rispettati i tempi di attuazione del piano di cui al comma 3 e gli altri impegni previsti dal presente Articolo, previa diffida ad adempiere entro un congruo termine da parte di Regione e analisi di eventuali controdeduzioni, in caso di persistente inadempimento, Trenord corrisponderà a Regione Lombardia una penale di 500 per ogni giorno di inadempimento. Nel caso in cui i servizi relativi agli orari di apertura delle biglietterie di cui all Allegato 8 siano prestati da Trenord in misura inferiore al 5% del valore complessivo definito nello stesso Allegato, Trenord corrisponderà a Regione Lombardia una penale di per ogni punto percentuale di scostamento, fino ad un massimo di Le Parti danno atto che l accesso ai treni Intercity, Frecciabianca e similari è regolato secondo quanto definito nell Allegato 9. Art. 24 (Fruibilità dei servizi di trasporto) 1. Trenord sviluppa, con la partecipazione dei Gestori dell infrastruttura e della Regione, un programma di azioni per consentire un agevole accesso e fruibilità del servizio da parte delle persone con disabilità e ridotta mobilità (PRM), con passeggini e con biciclette al seguito. 2. Tale programma comprende anche l inserimento di vetture idonee al trasporto di disabili in sedia a rotelle e con bicicletta al seguito nelle composizioni dei treni, garantendone la disponibilità in maniera uniforme sul territorio regionale. 3. Regione e Trenord si impegnano a migliorare progressivamente le condizioni di accessibilità e fruibilità del servizio da parte delle persone con disabilità e ridotta mobilità relativamente ai temi di cui all Allegato 15, attraverso il continuo confronto con il Gruppo di Approfondimento Tecnico (GAT) del Piano d Azione Regionale per le politiche per le persone con disabilità di cui alla dgr 983 del 15/12/2010 ed il coinvolgimento dei gestori delle stazioni. 4. Per monitorare l evoluzione della situazione, nel corso del primo anno di vigenza contrattuale, congiuntamente al GAT di cui al comma precedente, verranno definiti appositi indicatori di qualità PRM, con contestuale definizione delle modalità di rilevazione (ivi compresa la customer satisfaction), e relativa divulgazione. 5. Trenord attua politiche per favorire la sicurezza degli utenti, quali ad esempio la concentrazione dei viaggiatori nelle prime carrozze, in particolare nelle fasce orarie estreme del servizio. Sezione 3. Informazione e comunicazione Art. 25 (Informazione ai viaggiatori) 1. Trenord garantisce ai viaggiatori un adeguato ed articolato sistema di informazione sia a terra, sia a bordo treno, nonché sul sito internet aziendale, in grado di supportare ed orientare il viaggiatore sia in condizioni di normalità, sia in situazioni di difficoltà ed anormalità di circolazione. Le informazioni includono l orario, le variazioni al servizio, la rete e le stazioni, una mappa con l indicazione della fermata dei bus sostitutivi, un estratto delle Condizioni di trasporto (testo integrale aggiornato disponibile almeno sul sito internet), le tariffe e le modalità di acquisto dei biglietti, e sono esposte nei luoghi e con le modalità e la tempistica dettagliati nella tabella di cui all Allegato 13, anche con il concorso dei Gestori dell infrastruttura. 2. Le informazioni a bordo sono erogate per mezzo di dispositivi automatici di cui Trenord assicura l efficienza e la correttezza di funzionamento. In caso di guasto dei sistemi automatici, Trenord si impegna a supplire con informazioni manuali, nei limiti delle possibilità tecniche dei singoli rotabili. 3. Trenord si impegna ad evidenziare i treni ed i servizi offerti alle persona con disabilità e viaggiatori con bici al seguito nel proprio orario ufficiale. 4. Gli avvisi al pubblico nelle diverse forme previste dalla tabella di cui all Allegato 13 dovranno essere comunicati preventivamente alla Regione in forma scritta, con almeno 5 giorni di anticipo, fatte salve ragioni di somma urgenza in cui la preventiva informazione alla Regione sarà comunque garantita attraverso le vie brevi. 5. Le informazioni da apporre nelle stazioni e fermate, in forma cartacea o elettronica ove possibile, dovranno essere esposte solamente nelle stazioni direttamente interessate, essere opportunamente datate o comunque evidenziare la rispettiva successione temporale e il periodo di validità, al termine del quale dovranno essere rimosse. Trenord si impegna altresì ad affiggere tali informazioni in bacheche o spazi protetti, al fine di limitarne il deterioramento o il danneggiamento. Art. 26 (Reclami) 1. Trenord si impegna a fornire ai viaggiatori una risposta essenziale, corretta e non generica ad ogni richiesta di chiarimenti o reclamo ricevuti in forma scritta (lettera, fax o , form on-line), entro 30 giorni, inviando contestualmente copia alla Regione delle risposte per le richieste indirizzate anche alla Regione Lombardia. Nel caso di mancato rispetto del termine di 30 giorni, Trenord assicura la tracciabilità del reclamo al viaggiatore che ne faccia richiesta.

18 18 Bollettino Ufficiale 2. Per le segnalazioni dell utenza indirizzate e trattate direttamente dalla Regione, Trenord si impegna ad agevolare l istruzione delle pratiche fornendo i dati in suo possesso con la massima sollecitudine e comunque non oltre 5 giorni lavorativi dalla richiesta. 3. Trenord dovrà trasmettere, entro la prima settimana del secondo mese successivo, un report mensile sulla gestione dei reclami da cui si possa evincere la data in cui ciascun reclamo è pervenuto, la data della risposta e la causale oggetto del reclamo. Tale report dovrà essere coerente con i fattori di qualità previsti dal presente Contratto di Servizio e dalla Carta di cui all Art. 29. Dovrà, inoltre, essere strutturato conformemente a quanto previsto nell Allegato In caso di mancato rispetto degli impegni previsti dal presente articolo Trenord sarà soggetta al pagamento di una penale pari a 500 per ciascun inadempimento. Art. 27 (Infomobilità e altri servizi pubblici di informazione) 1. Trenord si impegna a reperire e verificare informazioni relative al servizio ferroviario regionale, con particolare riferimento al servizio programmato e alle notizie riguardanti variazioni al programmato (lavori di manutenzione o potenziamento delle infrastrutture, astensioni dal lavoro ed altri eventi di ordine pubblico, guasti agli impianti di linea e al materiale rotabile, altre cause di forza maggiore e ripristino del servizio ancorché di ordine sostitutivo) e a trasmetterle ai soggetti incaricati dalla Regione per la realizzazione di servizi pubblici di informazione al pubblico, in particolare per il progetto Muoversi in Lombardia, secondo modalità da concordare. 2. Trenord gestisce il servizio My-Link che fornisce all utenza informazioni in tempo reale sulla circolazione dei treni, attraverso una molteplicità di canali: web, numero telefonico. Art. 28 (Cooperazione con le associazioni dei consumatori e dei pendolari) 1. Per la valutazione dei servizi ferroviari resi ed il miglioramento qualitativo dell offerta dei servizi stessi, le parti si avvalgono anche del contributo degli utenti del servizio. Trenord ha l obbligo di consultare le associazioni dei consumatori e dei pendolari, ai sensi dell art. 2, comma 461 della Legge 24 dicembre 2007, n In particolare, Trenord assicura una partecipazione qualificata agli incontri di confronto convocati dalla Regione con eventuali comitati pendolari presenti sulle diverse direttrici, qualora se ne presenti la necessità, e comunque di massima non più di 2 volte all anno per ciascun quadrante geografico di riferimento. Trenord si impegna ad acquisire i dati necessari, nonché a fornire in quella sede tutti gli elementi e i chiarimenti che si rendessero necessari in merito ai disservizi verificatisi sulla direttrice oggetto di volta in volta degli incontri. Rientra tra gli scopi degli incontri il produrre liste di provvedimenti chiaramente identificabili e misurabili, con i quali l azienda conta di risolvere i problemi evidenziati. L esito dei provvedimenti sarà valutato negli incontri successivi. 3. Trenord verifica altresì, con la partecipazione delle associazioni dei consumatori, l adeguatezza dei parametri quantitativi e qualitativi del servizio erogato fissati nel presente Contratto alle esigenze dell utenza cui il servizio stesso si rivolge, ferma restando la possibilità per ogni singolo cittadino di presentare osservazioni e proposte in merito. 4. In occasione degli incontri di cui al comma 2, verranno definite le politiche di reinvestimento delle penali maturate. Le linee guida per il reinvestimento delle penali sono fissate dalla Regione, sentite le associazioni di pendolari e consumatori e hanno per finalità il potenziamento dei servizi e il miglioramento della qualità. 5. Trenord e la Regione si impegnano a condividere gli eventuali progetti di nuovi orari in corso di studio, in tempo utile per poter tenere in considerazioni le osservazioni e i suggerimenti degli utenti. 6. In aggiunta agli incontri di cui al comma 2, viene istituita una sessione annuale di verifica del funzionamento dei servizi, a cui partecipano la Regione, Trenord e le associazioni dei consumatori e degli utenti. In tale sessione si dà conto dei reclami, nonché delle osservazioni pervenute a ciascuno dei soggetti partecipanti, da parte dei cittadini, si analizzano i risultati forniti dal sistema di monitoraggio e si considerano le eventuali proposte di modifica o integrazione dei metodi di monitoraggio previsti dal Contratto. 7. Trenord si impegna a svolgere indagini di customer satisfaction e a divulgarne i risultati alla Regione e agli utenti. Art. 29 (Carta della qualità dei Servizi) 1. Trenord ha l obbligo di emanare una Carta della qualità dei servizi, ai sensi dell art. 2, comma 461 della Legge 24 dicembre 2007, n. 244 e in linea con quanto stabilito dalla Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 27 gennaio 1994 Principi sull erogazione dei servizi pubblici e alle direttive regionali. 2. La Carta reca gli standard di qualità e di quantità relativi alle prestazioni erogate così come determinati nel presente Contratto, nonché le modalità di accesso alle informazioni garantite, quelle per proporre reclamo e quelle per adire le vie conciliative e giudiziarie nonché le modalità di ristoro dell utenza, informa specifica o mediante restituzione totale o parziale del corrispettivo versato, in caso di inottemperanza. 3. La Carta ha di norma validità annuale e viene redatta e pubblicizzata in conformità a intese con le associazioni di tutela dei consumatori e dei pendolari e le associazioni imprenditoriali interessate. In particolare, Trenord si impegna a condividere il testo della Carta in corso di emanazione con almeno tre mesi di anticipo rispetto alla data di pubblicazione prevista, in modo che le citate associazioni possano esprimere le loro osservazioni al riguardo. Trenord aggiorna periodicamente la Regione riguardo all iter di approvazione della Carta e, in seguito, al rispetto degli obiettivi ivi stabiliti. Sezione 4. Tariffe Art. 30 (Sistema tariffario regionale) 1. La Regione ha competenza legislativa in materia di tariffe nell ambito dei servizi ad essa conferiti. 2. Le Condizioni di Trasporto sono riportate nell Allegato 14. In caso di successivo aggiornamento, Trenord trasmette copia delle nuove Condizioni di Trasporto alla Regione, unitamente ad una relazione esplicativa delle modifiche introdotte e degli impatti sull utenza, almeno 30 giorni prima della loro entrata in vigore; qualora Regione non richieda modifiche entro i 30 giorni successivi, Trenord potrà procedere all introduzione delle nuove Condizioni; dietro richiesta di Regione, formulata entro lo stesso termine di 30 giorni, sarà invece necessario procedere previa approvazione regionale. 3. Trenord adotta il sistema tariffario integrato regionale per i servizi ferroviari secondo i tempi e le modalità previste dal r.r. 4/2014, nonché quanto ulteriormente previsto e specificato nell Allegato 9. Il livello tariffario di tali titoli di viaggio è adeguato annualmente dagli Enti competenti sulla base di quanto previsto dall art. 26 del r.r. 4/ In riferimento a quanto previsto al comma 3, Trenord:

19 Bollettino Ufficiale 19 a. verifica con Regione le modalità di adesione e partecipazione, concordando i necessari interventi, soprattutto in relazione all effetto sugli introiti; b. si impegna a partecipare all attività degli organismi di gestione delle politiche tariffarie, nei modi e termini stabiliti dalle disposizioni regionali nonché dagli statuti degli organismi stessi; in particolare, salvo diverso accordo con le aziende si occupa della gestione dei titoli Io viaggio ovunque in Lombardia secondo le disposizioni del r.r. 4/2014 e delle deliberazioni attuative; 5. Trenord accompagna o ricarica i propri abbonamenti con una tessera elettronica il cui layout è unico e definito dalla Giunta regionale, come previsto dagli artt. 29 e 42 del r.r. 4/2014, senza oneri a carico di Regione e con eventuale addebito del costo marginale di rilascio a carico dell utente. 6. Trenord si impegna entro tre mesi dalla sottoscrizione del presente Contratto ad emettere a richiesta dell utente una tessera su supporto plastificato per l utilizzo dell agevolazione Io viaggio in famiglia spostamenti occasionali, così come previsto dalla d.g.r. 1204/ Trenord, al fine di aumentare gli introiti da tariffa tramite l aumento del numero di passeggeri, si impegna a introdurre in via sperimentale nell anno 2016, in accordo con Regione, forme di politiche commerciali di incentivo all utilizzo del trasporto pubblico regionale e locale a favore anche di minigruppi. 8. Trenord assicura, tramite appositi Accordi con Trenitalia e le eventuali altre aziende esercenti servizi di trasporto regionale per conto delle altre Regioni: - che all interno dell ambito di validità della tariffa ferroviaria lombarda su tutti i servizi ferroviari regionali siano riconosciuti validi i titoli di viaggio del sistema tariffario integrato regionale; - la disciplina, nel rispetto di quanto previsto dall Allegato 9, delle modalità di uso, vendita, rendicontazione e riparto degli introiti derivanti dall uso della Carta Plus Lombardia; - le modalità di applicazione, vendita, rendicontazione e riparto degli introiti derivanti dalla vendita di titoli di viaggio a tariffa sovraregionale, di cui all Allegato 9; - che per ogni compensazione economica dovuta a Trenitalia per le agevola zioni/integrazioni tariffarie applicate in Lombardia, il tramite dei rapporti con Regione sia Trenord. Tali accordi e le eventuali successive modifiche sono trasmessi a Regione. 9. Trenord si impegna a: a. svolgere almeno su base annuale campagne di rilevazione, dirette ad identificare intensità, localizzazione e caratteristiche dell evasione tariffaria; b. proporre annualmente progetti basati sui risultati dell indagine e volti a ridurre il fenomeno dell evasione tariffaria, con indicazione di misure puntualmente identificate, risorse impiegate, obiettivi e modalità di monitoraggio; I risultati delle campagne e i progetti antievasione sono comunicati a Regione entro il 31 dicembre di ogni anno. 10. Nel caso Trenord non rispetti le prescrizioni previste dal r.r. 4/2014, in relazione alla gravità dell inadempimento e previa diffida e fissazione di un congruo termine, Regione procede a: a. la sospensione dei corrispettivi nella misura del 10% nel caso di mancata applicazione per cause imputabili a Trenord delle disposizioni relative alle tariffe integrate regionali Io viaggio ovunque in Lombardia ; b. la sospensione degli adeguamenti tariffari sul Sistema Tariffario Integrato Lineare (STIL) fino alla piena attuazione degli obblighi relativi alle integrazioni con gli altri vettori nei tempi e modi previsti; c. l applicazione di specifiche penali contrattuali; in particolare: - in caso di mancata o incompleta integrazione nei Sistemi Tariffari Integrati dei Bacini di Mobilità (STIBM) nei modi e tempi previsti dal r.r. 4/2014 per cause imputabili a Trenord è applicata la penale di per ogni sistema tariffario e per ogni mese di inadempienza; - l applicazione di Condizioni di Trasporto, senza la condivisione con Regione prevista al comma 2, comporta l applicazione di una penale di per ogni mese di inadempienza; - la mancata o non corretta applicazione di altre disposizioni in materia tariffaria previste dal Contratto di servizio, dal r.r. 4/2014 o dai suoi provvedimenti applicativi, laddove non già normata dalle precedenti lettere, comporta l applicazione di una penale di per ogni mesi di inadempienza; - il mancato rispetto degli impegni di cui al comma 9 ovvero, a partire dal 3 anno di applicazione del Contratto, il mancato raggiungimento degli obiettivi previsti dai progetti antievasione comporta l applicazione di una penale di /anno. Sezione 5. Monitoraggio e verifica dell adempimento del Contratto Art. 31 (Monitoraggio) 1. Le prestazioni previste dal Contratto sono costantemente monitorate dalla Regione con le modalità indicate nell Art Il sistema di monitoraggio definito dal Contratto ottempera agli obblighi previsti dall art. 2, comma 461, lettera d) della Legge 24 dicembre 2007, n. 244 ed è svolto sotto la diretta responsabilità della Regione, con la partecipazione delle associazione dei consumatori e degli utenti. I singoli cittadini possono rivolgersi alla Regione e a Trenord per formulare osservazioni e proposte al riguardo. La copertura economica per le attività di monitoraggio è forfetariamente fissata nella misura di , riferita a ciascun anno di vigenza contrattuale ed è assicurata da adeguata quota parte del corrispettivo di cui all Art Trenord si impegna a collaborare con la Regione agevolando lo svolgimento del monitoraggio e fornendo sia i dati la cui rilevazione è posta a suo carico, nel rispetto della tempistica prevista, sia ogni altra informazione ritenuta necessaria da entrambe le parti, con particolare riferimento a: dati di vendita, anagrafica del materiale rotabile, dati di frequentazione di tutti i treni del trasporto regionale circolanti sul territorio lombardo, andamento della puntualità e delle soppressioni, posti offerti sui treni nelle fasce di punta dal lunedì al venerdì, ritardo medio ponderato per passeggero, servizi accessori e servizi al pubblico compresi nel pedaggio, conti economici, come dettagliato nell Allegato 11. La frequenza della fornitura dovrà essere consona ai dati stessi, di norma almeno mensile per le informazioni relative all andamento del servizio, e comunque come specificato nel citato Allegato 11. Trenord fornisce inoltre i report della Sala Operativa Trenord (sms e mail) e i report giornalieri, settimanali e mensili sull andamento del servizio. Tutti i dati sono trasmessi su supporto informatico con formato prestabilito e suscettibile a revisione periodica, qualora subentrino modifiche ai sistemi esterni che forniscono tali dati.

20 20 Bollettino Ufficiale 4. Per agevolare il monitoraggio continuo dell effettuazione e regolarità dei servizi, Trenord cura gli adempimenti presso i Gestori dell infrastruttura affinché la Regione sia abilitata alla consultazione via Internet dei sistemi informativi di circolazione dei Gestori stessi con il profilo di accesso di Committente/cliente di Impresa Ferroviaria o equivalente. Il costo di tale accesso è compreso nel corrispettivo di cui all Art Le parti condividono che un sottoinsieme significativo dei dati di monitoraggio possa essere pubblicato con regolarità, in modo da garantire la dovuta trasparenza nei confronti degli utenti, in attuazione di quanto disposto dalla citata Legge 244/2007. I dati oggetto di pubblicazione riguardano prioritariamente gli indici di puntualità per direttrice o linea, le soppressioni, il rispetto delle composizioni programmate, i risultati medi delle verifiche sulla pulizia e sull efficienza dei rotabili, il consuntivo statistico dei reclami presentati e la frequentazione dei treni. La pubblicazione è a cura della Regione. 6. Trenord si impegna a rendere costantemente disponibile un sottoinsieme significativo di dati di monitoraggio, aggiornati in tempo reale, anche attraverso un interfaccia web a cruscotto, a vari livelli di accesso: a. tutti i cittadini b. associazioni selezionate di consumatori e utenti c. Regione Il dettaglio delle informazioni è contenuto sul sito aziendale di Trenord. 7. Trenord si impegna a fornire i dati del venduto di tutti i suoi titoli di viaggio, anche nel rispetto di quanto previsto dalla dgr 2672 del 14/12/2011 ( Approvazione dei criteri per lo sviluppo di sistemi di bigliettazione tecnologicamente innovativi ed interoperabili in Regione Lombardia ); 8. Le parti, quando opportuno, valutano nell ambito di appositi incontri tecnici l andamento del servizio, la sua rispondenza alle esigenze dei viaggiatori ed il rispetto degli impegni contrattuali, e concordano le necessarie azioni di miglioramento. Nell ambito di tali incontri, la Regione può richiedere a Trenord di fornire specifici approfondimenti sui dati presentati dall azienda o rilevati dalla stessa Regione nell ambito delle verifiche condotte sulla base dell Art Trenord si impegna inoltre a fornire tutte le informazioni necessarie all attività dei Comitati di Verifica e Monitoraggio degli Accordi di Programma tra Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e Regione Lombardia per l attuazione della delega prevista dagli art. 8 e 9 del D.Lgs. 422/97, prendendo parte, quando necessario, alle relative sedute. Qualora richiesto dai citati Comitati, i dati dovranno essere forniti in maniera disaggregata rispettivamente ex art. 8 e 9, anche ricorrendo a attribuzioni formali da concordarsi tra le Parti. 10. Trenord si impegna a dar corso a tutte le richieste formulate dall Osservatorio Nazionale sulle Politiche per il Trasporto Pubblico Locale e a tenere costantemente informata la Regione sui dati forniti all Osservatorio stesso. 11. I dati coperti dal monitoraggio del Contratto, con particolare riferimento a quelli di puntualità, non possono essere diffusi al pubblico da Trenord prima che i dati stessi siano stati comunicati alla Regione, al fine di non generare incongruenze ed equivoci nella comunicazione. Trenord si impegna ad operare affinché l esigenza di unicità di comunicazione sia tenuta in debito conto anche dai Gestori dell infrastruttura. Art. 32 (Fornitura dei dati) 1. Trenord fornisce le rilevazioni interne riguardanti i dati oggetto di monitoraggio previsti dal Contratto secondo le tempistiche riepilogate nell Allegato Le parti riconoscono che i tempi e le modalità previsti per la consegna dei dati di monitoraggio debbano intendersi in termini tassativi. Il loro mancato rispetto, privando la Regione Lombardia degli elementi di valutazione del servizio funzionali al processo di monitoraggio previsto a livello nazionale, configurerà un sostanziale inadempimento degli obblighi contrattuali da parte di Trenord. Pertanto, la mancata o gravemente incompleta fornitura, da parte di Trenord, dei dati necessari al monitoraggio comporta l applicazione di una penale pari a 500,00 per ogni giorno lavorativo di ritardo rispetto alle scadenze previste. La Regione deve contestare la mancata fornitura dei dati entro 30 giorni e la fornitura gravemente incompleta entro 90 giorni. 3. Trenord si impegna a predisporre i conti economici preconsuntivo e consuntivo secondo gli schemi stabiliti nell Allegato 11 ed entro i termini ivi indicati. Tali conti economici potranno essere affinati progressivamente nel corso del periodo di vigenza del Contratto. Le definizioni dei dati e delle voci di costo e di ricavo utilizzate per il calcolo dei parametri gestionali sono contenute nell Allegato Insieme alle informazioni sul servizio dovranno essere forniti i dati dei viaggiatori saliti e discesi secondo quanto previsto nell Allegato 11 al presente Contratto. 5. I formati ed i termini per la fornitura dei dati di cui ai commi precedenti sono riportati nell Allegato La Regione si riserva la facoltà di chiedere per iscritto a Trenord chiarimenti sui disservizi, compresi dati significativi relativi a singole corse, entro 90 giorni dal loro verificarsi. Per tali richieste Trenord dovrà fornire i relativi elementi di valutazione entro 15 giorni lavorativi dalla data della richiesta pena l applicazione di una penale di per ogni risposta non fornita. Art. 33 (Verifiche ispettive) 1. Oltre all attività di monitoraggio di cui all Art. 31, la Regione effettua, con oneri a proprio carico, ispezioni e verifiche per controllare l adempimento del Contratto e l efficacia e la qualità del servizio offerto. 2. Per l effettuazione delle ispezioni di cui al comma precedente, la Direzione Generale Infrastrutture e Mobilità potrà autorizzare personale interno, dandone preventiva comunicazione a Trenord. Le ispezioni effettuate da tale personale non necessitano di contraddittorio per la loro effettuazione e le relative risultanze saranno utilizzate ai fini del calcolo delle penalità previste dal presente Contratto. 3. Per l effettuazione delle verifiche, la Regione potrà avvalersi anche di Aziende Terze cui sia stato conferito apposito incarico, previa comunicazione a Trenord dell identità degli incaricati e della durata delle relative verifiche. Tali verifiche sono effettuate secondo le metodologie e le procedure previste nell Allegato 13. Le parti si danno reciprocamente atto che, avendo previamente concordato e condiviso il suddetto Allegato, non sarà necessario, ai fini dello svolgimento delle verifiche, allorché condotte da Aziende Terze, la presenza in contraddittorio di personale Trenord. 4. Trenord, per l effettuazione delle verifiche di cui al comma 2 e per quelle ulteriormente concordabili con la Regione, provvederà, a seguito di comunicazione preventiva da parte della Regione, al rilascio di documenti autorizzativi per la circolazione sui treni e l accesso alle stazioni. Quando richiesto da Trenord, la Regione si impegna a rilasciare una liberatoria, ai sensi della normativa sulla sicurezza nei luoghi di lavoro, per il personale che effettua le ispezioni e le verifiche. Per le verifiche agli impianti non aperti al pubblico la Regione si impegna a comunicare a Trenord con un anticipo di almeno 3 giorni, salvo casi di eccezionale urgenza,

21 Bollettino Ufficiale 21 il luogo e la data della verifica, ai fini dell applicazione della normativa sulla sicurezza nei luoghi di lavoro. Art. 34 (Penali) 1. Le penali previste dal presente Contratto non potranno superare complessivamente il 5% del corrispettivo totale a consuntivo per ciascun anno di vigenza. 2. Gli importi erogati come bonus ai sensi dell Art. 35 rientrano nell ambito di applicazione del tetto di cui al comma precedente. Non vi rientrano la riduzione di corrispettivo in caso dei servizi non resi di cui all Art. 19 e Art. 20 e le sanzioni relative alla sospensione generalizzata del servizio ferroviario di cui all Art Le infrazioni possono essere accertate: a) sulla base dei dati di monitoraggio presentati da Trenord; b) mediante verbali degli ispettori regionali, Art. 33, comma 2; c) sulla base degli esiti delle verifiche, Art. 33, comma 3 e Allegato 13; 4. La Regione, al fine di poter comminare a Trenord le penali previste dal presente Contratto, dovrà contestare ogni infrazione entro i termini di seguito specificati: a) 60 giorni nel caso di contestazioni basate sulle verifiche condotte ai sensi dell Art. 33, comma 2 e 3 e delle segnalazioni dei viaggiatori. Nel caso delle rilevazioni effettuate tramite campagne di rilevazione, per esempio trimestrali, come descritto nell Allegato 13, i 60 giorni decorrono dalla fine di ciascuna campagna di rilevazione; b) 60 giorni nel caso di contestazioni basate sui dati di monitoraggio presentati da Trenord, decorrenti dal termine del periodo cui si riferisce ciascuna penale. In caso di fornitura incompleta, il termine decorre dall effettiva disponibilità di tutti i dati necessari. 5. Le penali previste dal presente articolo sono calcolate dalla Regione in via provvisoria al termine di ogni trimestre di applicazione del Contratto e in via definitiva a conclusione dell anno di vigenza contrattuale, come specificato all Art. 14 comma 5, e il loro importo è detratto dalla prima rata utile del corrispettivo. 6. Gli importi delle penali saranno destinati dalla Regione al miglioramento qualitativo e quantitativo del servizio ferroviario regionale, come previsto all Art. 28. Art. 35 (Bonus ai viaggiatori) 1. Il bonus costituisce un ipotesi di penale all Impresa ferroviaria, che matura a seguito del mancato raggiungimento dell obiettivo di affidabilità del servizio. Esso è disposto a favore degli utenti del Servizio Ferroviario Regionale, in caso di superamento del valore dell indice I a come specificato all Allegato 10 ed è riconosciuto ai viaggiatori di ciascuna direttrice ogni mese in cui avviene tale superamento, sotto forma di rimborso ovvero di sconto sull acquisto di un titolo di viaggio successivo. Il bonus lascia impregiudicata l applicazione dell indennizzo di cui al Reg. 1371/2007. Sezione 6. Altre disposizioni Art. 36 (Aggiornamento del Contratto e revisione periodica) 1. L aggiornamento del Contratto avviene: - per specifici contenuti, ove richiesto, - per recepimento di norme di legge, ove richiesto, - nella parte economica, per adeguamento inflattivo, su base annuale, - per variazione della produzione, su base annuale, come meglio specificato nei commi che seguono. 2. I contenuti del Contratto sono altresì aggiornati per adeguarli a quanto stabilito dalle disposizioni attuative del D.Lgs.188/2003 riguardanti le reti ferroviarie di competenza regionale, che devono essere emanate dal Governo e dalla Regione, o ad altre norme di legge in materia. 3. Il corrispettivo di cui all Art. 13 viene adeguato annualmente alla metà del tasso di inflazione programmato fissato dal Governo nei DPEF, salvo differenti disposizioni regionali applicabili al settore del Trasporto Pubblico Locale. 4. In caso di attivazione di nuovi servizi, il corrispettivo viene variato secondo le regole stabilite all Art In caso di variazione del piano investimenti programmato, le parti potranno verificare la modifica dei corrispettivi per garantire la copertura degli oneri derivanti dagli investimenti effettuati. 6. In caso di introduzione di canoni di accesso all infrastruttura ferroviaria regionale per treni oggetto del Contratto, le parti ridefiniscono di conseguenza le condizioni economiche, in modo da renderle coerenti con il nuovo regime dovuto a tali canoni. 7. L accordo tra le parti, per gli aspetti previsti dal presente articolo, viene ratificato sottoscrivendo un apposita appendice contrattuale, contenente le modifiche e le integrazioni al testo contrattuale. Gli aggiornamenti del corrispettivo si applicano dalla prima rata dell anno successivo. Art. 37 (Cessione del Contratto) 1. E fatto a Trenord espresso divieto di cedere a soggetti terzi il presente Contratto, ovvero di trasferire a terzi i diritti e gli obblighi da esso derivanti in qualunque modo (ivi incluso il trasferimento della titolarità del Contratto per effetto della stipula di atti di affitto di azienda o rami di azienda, di conferimenti di azienda o rami di azienda, di fusioni o di ogni altro atto che determini effetti sostanzialmente equivalenti) senza il preventivo consenso scritto della Regione. Art. 38 (Controversie tra le parti e legge regolatrice) 1. Al fine di facilitare la gestione del Contratto, nello spirito di cooperazione a cui le Parti si ispirano, è costituito il Comitato Tecnico di Gestione del Contratto, di seguito denominato per brevità Comitato composto da: a. tre rappresentanti della Regione; b. tre rappresentanti di Trenord.

22 22 Bollettino Ufficiale Il Comitato è presieduto da uno dei membri della Regione, che provvederà alle relative convocazioni, anche dietro richiesta di Trenord. 2. Il Comitato ha funzioni di assistenza alle parti nell interpretazione e nell applicazione del Contratto, con particolare riferimento all adempimento delle singole clausole contrattuali, alla prevenzione e soluzione delle controversie nonché all applicazione delle penali. 3. Le Parti convengono che, in caso di controversia in ordine all interpretazione, esecuzione e/o risoluzione del presente Contratto, verrà esperito un tentativo preliminare di conciliazione fra le Parti stesse, mediante attivazione del Comitato Tecnico di Gestione del Contratto, che si riunirà su istanza della parte più diligente ed avrà il compito di condurre le Parti ad un intesa che, se raggiunta, assumerà la forma di accordo contrattuale. 4. Non è ammesso il ricorso all arbitrato. Pertanto, qualora a seguito del predetto tentativo di conciliazione non venga raggiunto un accordo in merito alla controversia entro e non oltre trenta giorni dall attivazione del Comitato, essa sarà deferita, in via esclusiva, alla competenza del Foro di Milano. Il presente rapporto contrattuale è regolato dal diritto italiano. Art. 39 (Risoluzione del Contratto) 1. Fermo restando il diritto al risarcimento del maggior danno, in caso di gravi e reiterate inadempienze da parte di Trenord delle obbligazioni di cui all Art. 5, che si rivelino tali da pregiudicare in modo rilevante la gestione dei servizi oggetto del presente Contratto, sempre che ciò non sia dovuto a comprovate cause di forza maggiore ai sensi del precedente Art. 19, la Regione potrà comunicare a Trenord la propria intenzione di risolvere il Contratto per inadempimento, specificando le cause di inadempimento ed assegnando a Trenord un termine non inferiore a 30 giorni per porre rimedio a detto inadempimento. Decorso inutilmente tale termine, la Regione potrà risolvere il presente Contratto. 2. Fermo restando il diritto al risarcimento del maggior danno, in caso di gravi e reiterate inadempienze da parte della Regione delle obbligazioni di cui all Art. 13, Trenord potrà comunicare alla Regione la propria intenzione di risolvere il Contratto per inadempimento, specificando le cause di inadempimento ed assegnando alla Regione un termine non inferiore a 30 giorni per porre rimedio a detto inadempimento. Decorso inutilmente tale termine, Trenord potrà risolvere il presente Contratto. Art. 40 (Oneri contrattuali e clausole fiscali) 1. Tutti gli oneri derivanti dal presente Contratto, salvo dove non espressamente escluso, sono a carico di Trenord. 2. Ai sensi dell articolo 5 del DPR 26 aprile 1986, n. 131 il presente atto è esente da registrazione fino al caso d uso. 3. Tutti gli importi previsti nel presente Contratto sono espressi al netto dell imposta sul valore aggiunto (IVA), da applicarsi nei casi e secondo le modalità previste nel DPR 633/1972 e successive modificazioni. Allegato 1 Allegato 2 Allegato 3 Allegato 4 Allegato 5 Allegato 6 Allegato 7 Allegato 8 Allegato 9 Allegato 10 Allegato 11 Allegato 12 Allegato 13 Allegato 14 Allegato 15 Allegato 16 Allegato 17 Elenco allegati Elenco direttrici e linee Programma di esercizio (con modalità ferroviaria e automobilistica) Programma di esercizio: fermate e orari Servizi garantiti in caso di sciopero Catalogo e servizi acquistati Investimenti in materiale rotabile Piano informazione, comunicazione e marketing Rete di vendita Sistema tariffario ed agevolazioni Bonus ai viaggiatori Dati di esercizio, gestionali ed economici Utilizzo e manutenzione del materiale rotabile Standard qualitativi e penalità Condizioni di trasporto Accessibilità e fruibilità del servizio da parte delle persone con disabilità Progetti di mobilità sostenibile Termini di consegna dati Il presente atto è redatto in tre esemplari. Letto, confermato e sottoscritto. Milano, Per la Regione Lombardia Per Trenord S.r.l.

23 Bollettino Ufficiale 23 SCHEMA DI ALLEGATI AL CONTRATTO DI SERVIZIO PER IL TRASPORTO PUBBLICO FERROVIARIO DI INTERESSE REGIONALE E LOCALE TRA REGIONE LOMBARDIA E TRENORD S.r.l. RELATIVO AGLI ANNI

24 24 Bollettino Ufficiale Sommario ALLEGATO 1 Elenco direttrici e linee 1.1. Direttrici 1.2. Direttrici e linee 1.3. Aggiornamenti ALLEGATO 2 Programma di esercizio (con modalità ferroviaria e automobilistica) 2.1. Termini di consegna ALLEGATO 3 Programma di esercizio: fermate e orari 3.1. Termini di consegna ALLEGATO 4 Servizi garantiti in caso di sciopero 4.1. Termini di consegna ALLEGATO 5 Corrispettivo per servizi di trasporto ( Catalogo dei servizi acquistati ) e altre voci di corrispettivo 5.1. Catalogo: modello 5.2. Catalogo: corrispettivi unitari 5.3. Catalogo: distribuzione percorrenza per Cluster velocità commerciale e posti offerti 5.4. Corrispettivo: Catalogo dei servizi acquistati per Cluster velocità commerciale e posti offerti più altre voci di corrispettivo Catalogo: servizi acquistati 5.6. Termini di consegna ALLEGATO 6 Materiale rotabile 6.1. Elementi componenti il corrispettivo per il materiale rotabile 6.2. Nuovi investimenti in materiale rotabile ALLEGATO 7 Piano di informazione, comunicazione e marketing 7.1. Informazioni essenziali ai viaggiatori 7.2. Progetti cardine di informazione e fruibilità del servizio Nuovo sistema informativo a bordo treno Visibilità sul web dell'offerta Trenord Visibilità su prodotti cartacei dell'offerta Trenord 7.3. Dettaglio informazioni a bordo treno (tabella A) 7.4. Dettaglio informazione in stazione per canale (tabella B) 7.5. Altre modalità di informazione alla clientela Info pull Utenti profilati [Newsletter] APP Social 7.6. Sviluppo e miglioramento strumenti basilari Sito internet CRM (Customer relationship management) Store Revisione utilizzo DS (Digitale Signage) Revisione comunicazione avvisi cartacei ALLEGATO 8 Rete di vendita 8.1. Elenco delle biglietterie e relativi orari di apertura 8.2. Altri punti della rete di vendita 8.3. Piano sulla rete di vendita 8.4. Termini di consegna ALLEGATO 9 Sistema tariffario ed agevolazioni 9.1. Sistema tariffario regionale 9.2. Tariffa sovraregionale 9.3. Accesso ai treni Intercity, Frecciabianca e similari

25 Bollettino Ufficiale Offerte commerciali e agevolazioni tariffarie per particolari categorie di viaggiatori 9.5. Altre disposizioni in materia di tariffe 9.6. Tariffe applicate da Trenord in Lombardia 9.7. Termini di consegna ALLEGATO 10 Bonus ai viaggiatori L'indice di affidabilità del servizio Ambito di applicazione ed entità del bonus Formula per il calcolo dell'indice di affidabilità del servizio Cause di ritardo e cause di soppressione Rete RFI Rete FERROVIENORD Criteri per l assegnazione del bonus e piano di comunicazione Modalità di determinazione del bonus Individuazione della direttrice che dà diritto al bonus Modalità di riconoscimento del bonus: Procedure per l erogazione Tempi Piano di comunicazione ALLEGATO 11 Dati di esercizio, gestionali ed economici Dati per il monitoraggio del servizio reso in Lombardia Puntualità Affidabilità Soppressioni Ritardo medio ponderato Riserve e Accudienze Posti disponibili Interventi di pulizia del materiale rotabile Frequentazione Reclami Report giornaliero Report puntualità giornaliera per direttrice Customer Satisfaction Dati sulle stazioni Dati sui fattori di produzione dei servizi Parco rotabile Consistenza e costo del personale Turni del personale Turni del materiale rotabile Dati economici Conti economici (bilancio gestionale e civilistico) Dati di vendita Dati per il monitoraggio del contratto Scheda di chiusura Scheda servizi Rilevazioni dirette Impostazione del sistema di monitoraggio Soggetto deputato alla rilevazione Definizione del campione Oggetto della rilevazione Criteri per la rilevazione e restituzione dei risultati ALLEGATO 12 Utilizzo e manutenzione del materiale rotabile Materiale rotabile per il servizio ferroviario regionale Immissione in servizio del materiale rotabile acquistato da Trenitalia in proprio o per conto della Regione Lombardia Utilizzo del materiale rotabile oggetto della Convenzione Manutenzione del materiale rotabile oggetto della Convenzione

26 26 Bollettino Ufficiale Riconsegna del materiale rotabile di proprietà della Regione Piano di manutenzione del materiale rotabile Tabella riepilogativa dati manutentivi ALLEGATO 13 Standard qualitativi e penalità Standard qualitativi Pulizia dei treni Efficienza dei rotabili Informazione Pulizia delle stazioni (solo rete RFI) Informazioni al pubblico sui treni Sistema sanzionatorio Pulizia dei treni Efficienza dei rotabili Informazione Pulizia delle stazioni (solo rete RFI) Obiettivi di qualità ALLEGATO 14 Condizioni di trasporto ALLEGATO 15 Accessibilità e fruibilità del servizio da parte delle persone con disabilità ALLEGATO 16 Progetti di mobilità sostenibile Situazione attuale Obiettivi E-vai per Expo 2015 ALLEGATO 17 Termini di consegna dati

27 Bollettino Ufficiale 27 ALLEGATO 1 Elenco direttrici e linee 1.1. Direttrici Numero Nome direttrice 1 Novara - Milano - Treviglio 2 Saronno - Seregno - Milano - Albairate 3 Domodossola - Gallarate - Milano 4 Pto Ceresio - Varese - Gallarate - Milano 5 Luino - Gallarate - Malpensa 6 Chiasso - Como - Monza - Milano 7 Tirano - Sondrio - Lecco - Milano 8 Lecco - Molteno - Monza - Milano 9 Chiavenna - Colico 10 Lecco - Molteno - Como 11 Lecco - Bergamo - Brescia 12 Bergamo - Carnate - Milano 13 Seregno - Carnate 14 Bergamo-Treviglio 15 Bergamo - Pioltello - Milano 16 Cremona - Treviglio 17 Verona - Brescia - Treviglio - Milano 18 Brescia - Piadena - Parma 19 Brescia - Cremona 20 Mantova - Cremona - Lodi - Milano 21 Piacenza - Lodi - Milano 22 Alessandria - Pavia - Milano 23 Stradella - Pavia - Milano 24 Pavia - Codogno 25 Alessandria - Mortara - Milano 26 Mortara - Novara 27 Pavia - Torreberetti - Alessandria 28 Pavia - Mortara - Vercelli 29 Voghera - Piacenza 30 Laveno - Varese - Saronno - Milano 31 Como - Saronno - Milano 32 Novara - Saronno - Milano 33 Asso - Seveso - Milano 34 Brescia- Iseo - Edolo 35 Malpensa - Milano 36 Saronno - Milano - Lodi 37 Mariano/Camnago - Seveso - Milano 39 Lecco - Milano 40 Treviglio - Milano - Varese 41 Rho - Milano

28 28 Bollettino Ufficiale 1.2. Direttrici e linee Num. Dir. Num. Linea Nome linea Tipo linea Rete Quadrante Quadro orario 1 S6 S6 Novara - Milano Passante - Treviglio S RFI Ovest+Est 11 2 S9 S9 Saronno - Seregno - Milano S.Cristoforo - Albairate S FN/RFI Nord+Sud R23 Domodossola - Gallarate - Milano R RFI Ovest 40 3 R24 Arona - Gallarate R Ovest 40 Note Comprende anche i treni limitati (S6/) Comprende anche i treni limitati a Mi Porta Garibaldi (S9) Comprende anche treni limitati Arona-Gallarate-Milano (R23/) Comprende anche i treni prolungati a Busto Arsizio 3 RE_4 Domodossola - Milano RE RFI Ovest 40 4 R29 Porto Ceresio - Varese R RFI Ovest RE_5 Varese - Gallarate - Milano RE RFI Ovest R21 Luino - Gallarate - Malpensa R FN/RFI Ovest 160 Comprende anche treni limitati Luino-Gallarate (R21/) e Luino-Milano 6 RE_10 Bellinzona - Chiasso - Como - Milano RE Cle RFI Nord 27 6 S40 Albate - Chiasso - Bellinzona S RFI Nord 27 S11 Chiasso - Seregno - Milano Pta 6 S11 S RFI Nord 27 Garibaldi - Rho 7 R12 Sondrio - Tirano R RFI Nord 180 Comprende anche i treni limitati a Como (S11/) 7 R13 Lecco - Colico - Sondrio R RFI Nord 180 Comprende anche i treni Sondrio - Colico 7 RE_8 Tirano - Sondrio - Lecco - Milano Cle RE RFI Nord 180 Comprende anche i treni Chiavenna-Milano 8 S7 Lecco - Molteno - Monza - Milano R RFI Nord 171 Ex R19 9 R11 Colico - Chiavenna R RFI Nord R18 Como - Molteno - Lecco R RFI Nord R1 Bergamo - Brescia R RFI Nord+Est 186 Comprende anche i treni Bergamo-Fornovo 11 R7 Lecco - Bergamo R RFI Nord+Est 186 Comprende anche i treni Lecco-Verona 12 R14 Bergamo - Carnate - Milano R RFI Nord+Est 172 Comprende anche i treni Carnate-Bergamo (R14/) 13 R15 Seregno - Carnate R RFI Nord R2 Bergamo - Treviglio R RFI Est RE_2 Bergamo - Milano (via Treviglio) RE RFI Est R6 Cremona - Treviglio R RFI Est 190 Comprende anche le corse prolungate a Milano 17 R4 Brescia - Treviglio - Milano R RFI Est 12 Comprende anche i treni prolungati a Sesto S.Giovanni, i treni Bs - Vr e i bus Treviglio - Brescia 17 RE_6 Verona - Brescia - Milano RE RFI Est R8 Brescia - Parma R RFI Est+Sud 196 Comprende anche i treni prolungati a Mn; comprende anche i treni Piadena - Parma 19 R5 Brescia - Cremona R RFI Est+Sud R39 Codogno - Cremona R RFI Sud 155

29 Bollettino Ufficiale 29 Num. Dir. Num. Linea Nome linea Tipo linea Rete Quadrante Quadro orario 20 R40 Cremona - Mantova R RFI Sud 155 Comprende anche i treni Piadena Mantova 20 RE_11 Mantova - Cremona - Codogno - Milano RE RFI Sud 155 Comprende anche il treno Milano - Codogno Cremona Comprende anche i treni 21 R38 Piacenza - Lodi - Milano R RFI Sud 45 prolungati su Pr e Sesto S.Giovanni 22 R33 Pavia - Voghera R RFI Sud RE_13 Alessandria - Pavia - Milano RE RFI Sud 26 Comprende anche i treni prolungati su Arquata, Novi, Tortona oppure limitati a Voghera (RE_11/) 22 S13 S13 Pavia - Milano Passante - Milano Bovisa S FN/RFI Sud R34 Stradella - Pavia - Milano R RFI Sud R37 Pavia - Codogno R RFI Sud R31 Mortara - Milano R RFI Sud 140 Note Comprende anche i treni Milano Bovisa-Garbagnate Comprende anche i treni prolungati su Pc e i treni limitati Stradella-Bressana e Stradella-Pavia (R34/) Comprende anche i treni Belgioioso - PV e Cr-Pv Comprende anche i treni prolungati su AL 25 R32 Mortara - Alessandria R RFI Sud R25 Mortara - Novara R RFI Ovest+Sud 136 Comprende anche i servizi Laveno - Sesto C. 27 R35 Pavia - Torreberetti - Alessandria R RFI Sud R36 Pavia - Mortara - Vercelli R RFI Sud R41 Voghera - Piacenza R RFI Sud 142 Comprende anche i treni per AL e Casale M. e Voghera - Stradella 30 R22 Varese - Saronno - Milano R FN Ovest 166 Comprende anche i treni Mi- Saronno (estremi fasce), Milano-Laveno, Varese- Laveno 30 RE_1 Laveno - Varese - Saronno - Milano RE FN Ovest R17 Como - Saronno - Milano R FN Ovest 167 Comprende anche i treni Saronno-Como R16/ 31 RE_7 Como - Saronno - Milano RE FN Ovest R27 Novara - Saronno - Milano R FN Ovest 168 Comprende anche i treni Saronno-Novara R27/ 33 R16 Asso - Milano R FN Nord R3 Brescia - Iseo - Breno R FN Est 187 Comprende anche i treni Brescia-Iseo (R3/), Pisogne- Edolo e bus per Darfo 34 R9 Rovato - Bornato - Iseo R FN Est RE_3 Brescia - Iseo - Edolo RE FN Est R28 Malpensa - Saronno - Milano Cle R FN/RFI Ovest XP1 Malpensa - Milano Cadorna XP FN Ovest 168 Comprende anche i treni di sola 1a classe Mxp-Saronno- Cadorna 35 XP2 Malpensa - Milano Centrale XP FN/RFI Ovest S1 S1 Saronno - Milano Passante - Lodi S FN/RFI Ovest+Sud 45- M13 36 S3 S3 Saronno - Milano Cadorna S FN Ovest M13

30 30 Bollettino Ufficiale Num. Dir. 37 S2 Num. Linea Nome linea S2 Mariano Comense - Milano Passante - Milano Rogoredo Tipo linea Rete Quadrante Quadro orario S FN/RFI Nord S4 S4 Camnago Lentate - Milano Cadorna S FN Nord S8 S8 Lecco - Carnate - Milano Pta Garibaldi S RFI Nord S5 S5 Varese - Milano Passante - Treviglio S RFI Ovest+Est S14 S14 Rho - Milano Passante - Milano Rogoredo S RFI Ovest Note Comprende anche i treni Lodi- Seveso (S) e i treni Bovisa- Rogoredo (S2) Comprende i treni Carnate- Milano e i treni S8 con destinazione Milano Centrale Per i criteri relativi all attribuzione delle O/D alle direttrici si rimanda all Allegato 10 - Bonus ai viaggiatori 1.3. Aggiornamenti L elenco delle direttici di traffico e relative linee sarà oggetto di aggiornamento ogni qualvolta sarà istituita e/o soppressa una nuova linea e/o una nuova direttrice di traffico, come previsto dalla programmazione del servizio. Ad ogni cambio di orario si procederà all aggiornamento congiuntamente tra Regione e Trenord.

31 Bollettino Ufficiale 31 ALLEGATO 2 Programma di esercizio (con modalità ferroviaria e automobilistica) Il programma di esercizio prevede i seguenti campi. Nome campo Variazione VCO Descrizione VCO Valido da Valido a Ramo operativo Treno Modalità di effettuazione Rete Treno 2 Descrizione Si/No - Indica se il treno ha subito modifiche nel corso di validità dell orario Indicare il tipo di variazione con una lettera codificata, (esempio X=treno eliminato, N=nuovo treno, P=prolungamento, ecc.) Indicare sinteticamente il motivo della VCO alla base della modifica del treno (esempio VCO Giugno riorganizzazione linea Mortara ) Indica la data iniziale di validità Indica la data finale di validità Indicare TI, LN Codice numerico del treno o corsa bus T=treno, B=bus Rete a cui si riferisce il codice del treno Ulteriore codice del treno (ad esempio quando viaggia su due reti) Rete 2 Rete a cui si riferisce il codice del treno 2 Ex Treno Ex Codice numerico del treno Ex Treno 2 Ex Codice numerico del treno 2 Numero Direttrice Conforme ALLEGATO 1 Nome Direttrice Conforme ALLEGATO 1 Numero Linea Conforme ALLEGATO 1 Nome Linea Conforme ALLEGATO 1 Tipo Linea Conforme ALLEGATO 1 Codice Stazione Partenza Stazione Partenza Codice Stazione Arrivo Stazione Arrivo Ora Partenza Ora Arrivo Codice Stazione Inizio Stazione Inizio Codice Stazione Fine Stazione Fine Ora Inizio Ora Fine Durata totale Durata totale Lombardia Km Km Lombardia Codice Periodicità Periodicità Gruppo periodicità Periodicità breve Treno critico Treno garantito Fascia oraria Codice della stazione dove inizia la corsa Stazione dove inizia la corsa Codice della stazione dove termina la corsa Stazione dove termina la corsa Ora di partenza da Stazione Partenza Ora di arrivo a Stazione Arrivo Codice della stazione dove inizia la competenza di Regione Lombardia (ove applicabile) Stazione dove inizia la competenza di Regione Lombardia (ove applicabile) Codice della stazione dove termina la competenza di Regione Lombardia (ove applicabile) Stazione dove termina la competenza di Regione Lombardia (ove applicabile) Ora di partenza da Stazione Inizio Ora di arrivo a Stazione Fine Tempo di viaggio singola corsa Tempo di viaggio singola corsa di competenza di Regione Lombardia km singola corsa km singola corsa di competenza di Regione Lombardia Codice Descrizione testuale Raggruppamento ai fini del progetto periodicità Sì/No (sulla base della fascia oraria di effettuazione) Treno garantito in caso di sciopero. Sì/No 0=morbida; 1=punta Tipo materiale rotabile di norma utilizzato Secondo codifica da allegare al PDE Specifica del materiale utilizzato nei

32 32 Bollettino Ufficiale Nome campo Numero pezzi Posti programmati dall'azienda Di cui, posti 1^ classe Accessibilità persone con disabilità Accessibilità biciclette Posti minimi previsti dall azienda (fer) Posti massimi richiesti Gg_dic1 Gg_dic2 Gg_gen Gg_feb Gg_mar Gg_apr Gg_mag Gg_giu Gg_lug Gg_ago Gg_set Gg_ott Gg_nov Gg_dic1 Gg_dic2 Gg_anno Totale km Totale Minuti Totale km CdS Totale Minuti CdS Postikm Tipologia servizio Velocità commerciale Km RFI Km FN Descrizione Sì/No Sì/No giorni prevalenti Valido per giornate festive e fasce orarie a domanda minore Anno precedente Anno precedente (dal cambio orario a fine mese) Anno in corso Anno in corso (dal cambio del nuovo orario a fine mese) Somma gg. anno in corso (da Gg_gen a Gg_dic2) Somma trenikm anno in corso (km * Gg_anno) Somma minuti anno in corso (Durata totale * Gg_anno) Somma trenikm anno in corso (km Lombardia* Gg_anno) Somma minuti anno in corso (Durata totale Lombardia * Gg_anno) Somma trenikm per rispettivi posti offerti (da cambio orario a cambio orario) Descrivere la tipologia di servizio (MXP=treno Malpensa ; TPL= tutti i restanti servizi; B=Bus) Rapporto tra km associati e ore associate al treno (Totale KM / Totale Minuti / 60) Percorrenza su rete RFI Percorrenza su rete FERROVIENORD Estratto del programma di esercizio con i principali campi Treno Rete Treno 2 Rete 2 Tr/Bus Linea Dir. Stazione partenza Stazione arrivo Ora P Ora A 13 FN T R22 30 M n cadorna Laveno 6:36 8:22 15 FN T R3 34 Iseo Brescia 6:54 7:25 18 FN T R3 34 Brescia Breno 7:58 9:36 19 FN T R22 30 M n cadorna Laveno 7:49 9:22 20 FN T R22 30 Laveno M n cadorna 6:37 8:11 21 FN T R3 34 Breno Brescia 6:55 8:38 22 FN T RE_3 34 Brescia Edolo 9:07 11:07 25 FN T R22 30 M n cadorna Laveno 8:49 10:22 26 FN T R22 30 Laveno M n cadorna 7:37 9:11 27 FN T RE_3 34 Edolo Brescia 7:54 9:54 28 FN T R3 34 Brescia Breno 9:58 11:36 29 FN T R22 30 M n cadorna Laveno 9:36 11:22 30 FN T R22 30 Laveno M n cadorna 8:37 10:11 31 FN T R22 30 M n cadorna Laveno 10:36 12:22 33 FN T R3 34 Breno Brescia 9:25 11:03 34 FN T RE_3 34 Brescia Edolo 11:07 13:07 35 FN T R22 30 M n cadorna Laveno 11:36 13:22 36 FN T R22 30 Laveno M n cadorna 9:37 11:24

33 Bollettino Ufficiale 33 Treno Rete Treno 2 Rete 2 Tr/Bus Linea Dir. Stazione partenza Stazione arrivo Ora P Ora A 38 FN T R22 30 Laveno M n cadorna 10:37 12:11 39 FN T RE_3 34 Edolo Brescia 9:54 11:54 43 FN T R22 30 M n cadorna Laveno 12:49 14:22 44 FN T R22 30 Laveno M n cadorna 11:37 13:24 46 FN T R22 30 Laveno M n cadorna 12:37 14:24 47 FN T R22 30 M n cadorna Laveno 13:49 15:22 48 FN T RE_3 34 Brescia Edolo 13:07 15:07 50 FN T R22 30 Laveno M n cadorna 13:37 15:11 51 FN T RE_3 34 Edolo Brescia 11:54 13:54 52 FN T R3 34 Brescia Breno 13:58 15:36 54 FN T R22 30 Laveno M n cadorna 14:37 16:24 55 FN T R22 30 M n cadorna Laveno 15:36 17:22 57 FN T R3 34 Breno Brescia 13:25 15:03 58 FN T R22 30 Laveno M n cadorna 15:37 17:11 60 FN T RE_3 34 Brescia Edolo 15:07 17:07 61 FN T R22 30 M n cadorna Laveno 16:49 18:22 63 FN T RE_3 34 Edolo Brescia 13:54 15:54 66 FN T R22 30 Laveno M n cadorna 16:37 18:24 67 FN T R22 30 M n cadorna Laveno 17:49 19:22 70 FN T RE_3 34 Brescia Edolo 17:07 19:07 71 FN T RE_3 34 Edolo Brescia 15:54 17:54 72 FN T R22 30 Laveno M n cadorna 17:37 19:24 75 FN T R22 30 M n cadorna Laveno 18:49 20:22 76 FN T R22 30 Laveno M n cadorna 18:37 20:11 77 FN T R3 34 Breno Brescia 17:25 19:03 78 FN T RE_3 34 Brescia Edolo 19:07 21:07 81 FN T RE_3 34 Edolo Brescia 17:54 19:54 82 FN T R22 30 Laveno M n cadorna 19:37 21:24 84 FN T R22 30 Laveno M n cadorna 20:37 22:24 85 FN T R3 34 Breno Brescia 19:25 21:03 86 FN T R3 34 Brescia Iseo 20:41 21:13 88 FN T R3 34 Brescia Iseo 21:41 22:13 90 FN B R22 30 Laveno Saronno 22:18 23: FN B R17 31 Saronno Como nord lago 0:42 1: FN B R17 31 Como nord lago Saronno 5:06 5: FN T R16 31 Como nord lago M n cadorna 6:17 7: FN T R16 31 M n cadorna Como nord lago 7:40 8: FN T R16 31 Como nord lago M n cadorna 7:17 8: FN T R16 31 M n cadorna Como nord lago 8:40 9: FN T RE_7 31 M n cadorna Como nord lago 8:59 9: FN T R16 31 Como nord lago M n cadorna 8:17 9: FN T R16 31 M n cadorna Como nord lago 9:40 10: FN T R16 31 M n cadorna Como nord lago 10:40 11: FN T R16 31 Como nord lago M n cadorna 9:17 10: FN T R16 31 M n cadorna Como nord lago 11:40 12: FN T R16 31 Como nord lago M n cadorna 10:17 11: FN T R16 31 Como nord lago M n cadorna 11:17 12: FN T R16 31 M n cadorna Como nord lago 12:40 13: FN T R16 31 Como nord lago M n cadorna 12:17 13: FN T R16 31 M n cadorna Como nord lago 13:40 14: FN T R16 31 Como nord lago M n cadorna 13:17 14: FN T R16 31 M n cadorna Como nord lago 14:40 15: FN T R16 31 Como nord lago M n cadorna 14:17 15: FN T R16 31 Como nord lago M n cadorna 15:17 16: FN T R16 31 M n cadorna Como nord lago 15:40 16: FN T R16 31 M n cadorna Como nord lago 16:40 17: FN T R16 31 Como nord lago M n cadorna 16:17 17: FN T R16 31 M n cadorna Como nord lago 17:40 18: FN T R16 31 Como nord lago M n cadorna 17:17 18: FN T R16 31 Como nord lago M n cadorna 17:47 18: FN T R16 31 M n cadorna Como nord lago 18:10 19: FN T R16 31 Como nord lago M n cadorna 18:17 19: FN T R16 31 M n cadorna Como nord lago 18:40 19: FN T R16 31 Como nord lago M n cadorna 19:17 20: FN T R16 31 Como nord lago M n cadorna 19:47 20: FN T R16 31 M n cadorna Como nord lago 19:40 20: FN T R16 31 Como nord lago M n cadorna 20:17 21: FN T R16 31 M n cadorna Como nord lago 20:40 21: FN T R16 31 Como nord lago M n cadorna 21:17 22: FN T R16 31 M n cadorna Como nord lago 21:10 22: FN B R17 31 Como nord lago Saronno 22:31 23: FN B R17 31 Saronno Como nord lago 23:04 23:50

34 34 Bollettino Ufficiale Treno Rete Treno 2 Rete 2 Tr/Bus Linea Dir. Stazione partenza Stazione arrivo Ora P Ora A 201 FN B R27 32 Saronno Turbigo 0:42 1: FN T R9 34 Rovato borgo Bornato - calino 7:07 7: FN T R27 32 M n cadorna Novara nord 6:45 7: FN T R27 32 Novara nord M n cadorna 6:08 7: FN T R27 32 M n cadorna Novara nord 7:45 8: FN T R9 34 Rovato borgo Bornato - calino 8:07 8: FN T R9 34 Bornato - calino Rovato borgo 7:43 7: FN T R9 34 Rovato borgo Iseo 9:05 9: FN T R9 34 Bornato - calino Rovato borgo 8:43 8: FN T R27 32 Novara nord M n cadorna 7:08 8: FN T R27 32 M n cadorna Novara nord 8:45 9: FN T R27 32 Novara nord M n cadorna 8:08 9: FN T R27 32 M n cadorna Novara nord 9:45 10: FN T R27 32 M n cadorna Novara nord 10:45 11: FN T R27 32 Novara nord M n cadorna 9:08 10: FN T R27 32 M n cadorna Novara nord 11:45 12: FN T R27 32 Novara nord M n cadorna 10:08 11: FN T R27 32 Novara nord M n cadorna 11:08 12: FN T R27 32 M n cadorna Novara nord 12:45 13: FN T R27 32 Novara nord M n cadorna 12:08 13: FN T R27 32 M n cadorna Novara nord 13:45 14: FN T R27 32 Novara nord M n cadorna 13:08 14: FN T R9 34 Rovato borgo Iseo 13:05 13: FN T R27 32 M n cadorna Novara nord 14:45 15: FN T R27 32 Novara nord M n cadorna 14:08 15: FN T R27 32 Novara nord M n cadorna 15:08 16: FN T R27 32 M n cadorna Novara nord 15:45 16: FN T R27 32 M n cadorna Novara nord 16:45 17: FN T R27 32 Novara nord M n cadorna 16:08 17: FN T R27 32 M n cadorna Novara nord 17:45 18: FN T R27 32 Novara nord M n cadorna 17:08 18: FN T R9 34 Iseo Rovato borgo 16:16 16: FN T R9 34 Rovato borgo Bornato - calino 17:07 17: FN T R27 32 Novara nord M n cadorna 18:08 19: FN T R9 34 Bornato - calino Rovato borgo 17:43 17: FN T R9 34 Rovato borgo Bornato - calino 18:07 18: FN T R27 32 M n cadorna Novara nord 18:45 19: FN T R27 32 Novara nord M n cadorna 19:08 20: FN T R9 34 Bornato - calino Rovato borgo 18:43 18: FN T R9 34 Rovato borgo Iseo 19:05 19: FN T R27 32 M n cadorna Novara nord 19:45 20: FN B R27 32 Busto arsizio Novara nord 21:10 22: FN B R27 32 Novara nord Busto arsizio 20:55 21: FN B R27 32 Busto arsizio Novara nord 22:10 23: FN B R27 32 Novara nord Busto arsizio 21:55 22: FN B R27 32 Busto arsizio Novara nord 23:10 0: FN B R27 32 Novara nord Busto arsizio 22:55 23: FN B R27 32 Busto arsizio Turbigo 0:10 0: FN T XP1 35 M n cadorna Malpensa 4:28 5: FN T XP1 35 Malpensa M n cadorna 0:26 1: FN T XP1 35 M n cadorna Malpensa 4:58 5: FN B XP1 35 Malpensa Milano cadorna 1:30 2: FN T XP1 35 M n cadorna Malpensa 5:28 5: FN T XP1 35 M n cadorna Malpensa 5:58 6: FN T XP1 35 Malpensa M n cadorna 5:26 6: FN T XP1 35 M n cadorna Malpensa 6:28 6: FN T XP1 35 Malpensa M n cadorna 5:56 6: FN T XP1 35 M n cadorna Malpensa 6:58 7: FN T XP1 35 Malpensa M n cadorna 6:26 7: FN T XP1 35 M n cadorna Malpensa 7:28 7: FN T XP1 35 Malpensa M n cadorna 6:56 7: FN T XP1 35 Malpensa M n cadorna 7:26 8: FN T XP1 35 M n cadorna Malpensa 7:58 8: FN T XP1 35 M n cadorna Malpensa 8:28 9: FN T XP1 35 Malpensa M n cadorna 7:56 8: FN T XP1 35 M n cadorna Malpensa 8:58 9: FN T XP1 35 Malpensa M n cadorna 8:26 9: FN T XP1 35 M n cadorna Malpensa 9:28 9: FN T XP1 35 Malpensa M n cadorna 9:03 9: FN T XP1 35 M n cadorna Malpensa 9:58 10: FN T XP1 35 Malpensa M n cadorna 9:33 10: FN T XP1 35 M n cadorna Malpensa 10:28 10:57

35 Bollettino Ufficiale 35 Treno Rete Treno 2 Rete 2 Tr/Bus Linea Dir. Stazione partenza Stazione arrivo Ora P Ora A 332 FN T XP1 35 Malpensa M n cadorna 10:03 10: FN T XP1 35 M n cadorna Malpensa 10:58 11: FN T XP1 35 Malpensa M n cadorna 10:33 11: FN T XP1 35 M n cadorna Malpensa 11:28 11: FN T XP1 35 Malpensa M n cadorna 11:03 11: FN T XP1 35 M n cadorna Malpensa 11:58 12: FN T XP1 35 Malpensa M n cadorna 11:33 12: FN T XP1 35 M n cadorna Malpensa 12:28 12: FN T XP1 35 Malpensa M n cadorna 12:03 12: FN T XP1 35 Malpensa M n cadorna 12:33 13: FN T XP1 35 M n cadorna Malpensa 12:58 13: FN T XP1 35 Malpensa M n cadorna 13:03 13: FN T XP1 35 M n cadorna Malpensa 13:28 14: FN T XP1 35 Malpensa M n cadorna 13:26 14: FN T XP1 35 M n cadorna Malpensa 13:58 14: FN T XP1 35 Malpensa M n cadorna 14:03 14: FN T XP1 35 M n cadorna Malpensa 14:28 14: FN T XP1 35 Malpensa M n cadorna 14:26 15: FN T XP1 35 M n cadorna Malpensa 14:58 15: FN T XP1 35 Malpensa M n cadorna 15:03 15: FN T XP1 35 M n cadorna Malpensa 15:28 15: FN T XP1 35 Malpensa M n cadorna 15:33 16: FN T XP1 35 M n cadorna Malpensa 15:58 16: FN T XP1 35 Malpensa M n cadorna 16:03 16: FN T XP1 35 M n cadorna Malpensa 16:28 16: FN T XP1 35 Malpensa M n cadorna 16:33 17: FN T XP1 35 Malpensa M n cadorna 17:03 17: FN T XP1 35 M n cadorna Malpensa 16:58 17: FN T XP1 35 Malpensa M n cadorna 17:26 18: FN T XP1 35 M n cadorna Malpensa 17:28 18: FN T XP1 35 Malpensa M n cadorna 18:03 18: FN T XP1 35 M n cadorna Malpensa 17:58 18: FN T XP1 35 Malpensa M n cadorna 18:26 19: FN T XP1 35 M n cadorna Malpensa 18:28 19: FN T XP1 35 Malpensa M n cadorna 19:03 19: FN T XP1 35 Malpensa M n cadorna 19:26 20: FN T XP1 35 M n cadorna Malpensa 18:58 19: FN T XP1 35 M n cadorna Malpensa 19:28 20: FN T XP1 35 Malpensa M n cadorna 20:03 20: FN T XP1 35 M n cadorna Malpensa 19:58 20: FN T XP1 35 Malpensa M n cadorna 20:33 21: FN T XP1 35 Malpensa M n cadorna 21:03 21: FN T XP1 35 M n cadorna Malpensa 20:28 21: FN T XP1 35 Malpensa M n cadorna 21:26 22: FN T XP1 35 M n cadorna Malpensa 20:58 21: FN T XP1 35 Malpensa M n cadorna 21:56 22: FN T XP1 35 M n cadorna Malpensa 21:28 22: FN T XP1 35 Malpensa M n cadorna 22:26 23: FN T XP1 35 M n cadorna Malpensa 21:58 22: FN T XP1 35 Malpensa M n cadorna 22:56 23: FN T XP1 35 M n cadorna Malpensa 22:28 23: FN T XP1 35 Malpensa M n cadorna 23:26 0: FN T XP1 35 M n cadorna Malpensa 22:58 23: FN T XP1 35 Malpensa M n cadorna 23:56 0: FN T XP1 35 M n cadorna Malpensa 23:28 0: FN B R16 33 Seveso Asso 0:34 1: FN T R17 33 M n cadorna Asso 8:08 9: FN T R17 33 Asso M n cadorna 6:35 7: FN T R17 33 M n cadorna Asso 8:08 9: FN T R17 33 Asso M n cadorna 7:35 8: FN T R17 33 M n cadorna Asso 9:08 10: FN T R17 33 Asso M n cadorna 8:35 9: FN T R17 33 M n cadorna Asso 10:08 11: FN T R17 33 Asso M n cadorna 9:35 10: FN T R17 33 M n cadorna Asso 11:08 12: FN T R17 33 Asso M n cadorna 10:35 11: FN T R17 33 M n cadorna Asso 12:08 13: FN T R17 33 Asso M n cadorna 11:35 12: FN T R17 33 M n cadorna Asso 13:08 14: FN T R17 33 Asso M n cadorna 12:35 13: FN T R17 33 M n cadorna Asso 14:08 15: FN T R17 33 Asso M n cadorna 13:35 14:52

36 36 Bollettino Ufficiale Treno Rete Treno 2 Rete 2 Tr/Bus Linea Dir. Stazione partenza Stazione arrivo Ora P Ora A 651 FN T R17 33 M n cadorna Asso 15:08 16: FN T R17 33 Asso M n cadorna 14:35 15: FN T R17 33 Asso M n cadorna 15:35 16: FN T R17 33 M n cadorna Asso 16:08 17: FN T R17 33 Asso M n cadorna 16:35 17: FN T R17 33 M n cadorna Asso 17:08 18: FN T R17 33 Asso M n cadorna 17:35 18: FN T R17 33 M n cadorna Asso 18:08 19: FN T R17 33 Asso M n cadorna 18:35 19: FN T R17 33 M n cadorna Asso 19:08 20: FN T R17 33 Asso M n cadorna 19:35 20: FN T R17 33 M n cadorna Asso 20:08 21: FN B R16 33 Asso Seveso 20:28 21: FN B R16 33 Mariano comense Asso 21:50 22: FN B R16 33 Seveso Asso 22:34 23: FN B R16 33 Asso Seveso 21:58 22: FN B R16 33 Asso Seveso 22:58 23: FN B R16 33 Seveso Asso 23:34 0: FN T S4 37 M n cadorna Camnago lentate 6:23 7: FN T S4 37 Camnago lentate M n cadorna 6:24 7: FN T S4 37 M n cadorna Camnago lentate 6:53 7: FN T S4 37 Camnago lentate M n cadorna 6:54 7: FN T S4 37 M n cadorna Camnago lentate 7:23 8: FN T S4 37 M n cadorna Camnago lentate 7:53 8: FN T S4 37 M n cadorna Camnago lentate 8:23 9: FN T S4 37 Camnago lentate M n cadorna 7:54 8: FN T S4 37 M n cadorna Camnago lentate 8:53 9: FN T S4 37 Camnago lentate M n cadorna 8:24 9: FN T S4 37 M n cadorna Camnago lentate 9:23 10: FN T S4 37 Camnago lentate M n cadorna 8:54 9: FN T S4 37 M n cadorna Camnago lentate 9:53 10: FN T S4 37 Camnago lentate M n cadorna 9:24 10: FN T S4 37 M n cadorna Camnago lentate 10:23 11: FN T S4 37 Camnago lentate M n cadorna 9:54 10: FN T S4 37 M n cadorna Camnago lentate 10:53 11: FN T S4 37 Camnago lentate M n cadorna 10:24 11: FN T S4 37 M n cadorna Camnago lentate 11:23 12: FN T S4 37 Camnago lentate M n cadorna 10:54 11: FN T S4 37 M n cadorna Camnago lentate 11:53 12: FN T S4 37 Camnago lentate M n cadorna 11:24 12: FN T S4 37 M n cadorna Camnago lentate 12:23 13: FN T S4 37 Camnago lentate M n cadorna 11:54 12: FN T S4 37 Camnago lentate M n cadorna 12:24 13: FN T S4 37 M n cadorna Camnago lentate 12:53 13: FN T S4 37 Camnago lentate M n cadorna 12:54 13: FN T S4 37 M n cadorna Camnago lentate 13:23 14: FN T S4 37 Camnago lentate M n cadorna 13:24 14: FN T S4 37 M n cadorna Camnago lentate 13:53 14: FN T S4 37 Camnago lentate M n cadorna 13:54 14: FN T S4 37 M n cadorna Camnago lentate 14:23 15: FN T S4 37 Camnago lentate M n cadorna 14:24 15: FN T S4 37 M n cadorna Camnago lentate 14:53 15: FN T S4 37 Camnago lentate M n cadorna 14:54 15: FN T S4 37 Camnago lentate M n cadorna 15:24 16: FN T S4 37 M n cadorna Camnago lentate 15:23 16: FN T S4 37 Camnago lentate M n cadorna 15:54 16: FN T S4 37 M n cadorna Camnago lentate 15:53 16: FN T S4 37 Camnago lentate M n cadorna 16:24 17: FN T S4 37 M n cadorna Camnago lentate 16:23 17: FN T S4 37 Camnago lentate M n cadorna 16:54 17: FN T S4 37 M n cadorna Camnago lentate 16:53 17: FN T S4 37 Camnago lentate M n cadorna 17:24 18: FN T S4 37 M n cadorna Camnago lentate 17:23 18: FN T S4 37 Camnago lentate M n cadorna 17:54 18: FN T S4 37 M n cadorna Camnago lentate 17:53 18: FN T S4 37 Camnago lentate M n cadorna 18:24 19: FN T S4 37 M n cadorna Camnago lentate 18:23 19: FN T S4 37 Camnago lentate M n cadorna 18:54 19: FN T S4 37 Camnago lentate M n cadorna 19:24 20: FN T S4 37 M n cadorna Camnago lentate 18:53 19: FN T S4 37 M n cadorna Camnago lentate 19:23 20: FN T S4 37 Camnago lentate M n cadorna 19:54 20:37

37 Bollettino Ufficiale 37 Treno Rete Treno 2 Rete 2 Tr/Bus Linea Dir. Stazione partenza Stazione arrivo Ora P Ora A 780 FN T S4 37 Camnago lentate M n cadorna 20:24 21: FN T S4 37 M n cadorna Camnago lentate 19:53 20: FN T S4 37 Camnago lentate M n cadorna 20:54 21: FN T S4 37 M n cadorna Camnago lentate 20:23 21: FN T S4 37 Camnago lentate M n cadorna 21:24 22: FN T S4 37 M n cadorna Camnago lentate 20:53 21: FN T S4 37 Camnago lentate M n cadorna 21:54 22: FN T S4 37 M n cadorna Camnago lentate 21:23 22: FN T S4 37 Camnago lentate M n cadorna 22:24 23: FN T S4 37 M n cadorna Camnago lentate 21:53 22: FN T S4 37 Camnago lentate M n cadorna 22:54 23: FN T S4 37 M n cadorna Camnago lentate 22:23 23: FN T S4 37 Camnago lentate M n cadorna 23:24 0: FN T S4 37 M n cadorna Camnago lentate 22:53 23: FN T S4 37 M n cadorna Camnago lentate 23:23 0: FN T S4 37 M n cadorna Camnago lentate 23:53 0: FN T S3 36 M n cadorna Saronno 0:02 0: FN T S3 36 M n cadorna Saronno 0:32 1: FN B S3 36 Saronno Milano cadorna 4:35 5: FN T S3 36 Saronno M n cadorna 5:23 5: FN T S3 36 Saronno M n cadorna 5:53 6: FN T S3 36 M n cadorna Saronno 5:32 6: FN T S3 36 M n cadorna Saronno 6:02 6: FN T S3 36 Saronno M n cadorna 6:23 6: FN T S3 36 M n cadorna Saronno 6:32 7: FN T S3 36 Saronno M n cadorna 6:53 7: FN T S3 36 M n cadorna Saronno 7:02 7: FN T S3 36 M n cadorna Saronno 7:32 8: FN T S3 36 Saronno M n cadorna 7:23 7: FN T S3 36 M n cadorna Saronno 8:02 8: FN T S3 36 Saronno M n cadorna 7:53 8: FN T S3 36 M n cadorna Saronno 8:32 9: FN T S3 36 Saronno M n cadorna 8:23 8: FN T S3 36 M n cadorna Saronno 9:02 9: FN T S3 36 Saronno M n cadorna 8:53 9: FN T S3 36 M n cadorna Saronno 9:32 10: FN T S3 36 Saronno M n cadorna 9:23 9: FN T S3 36 M n cadorna Saronno 10:02 10: FN T S3 36 Saronno M n cadorna 9:53 10: FN T S3 36 M n cadorna Saronno 10:32 11: FN T S3 36 Saronno M n cadorna 10:23 10: FN T S3 36 M n cadorna Saronno 11:02 11: FN T S3 36 Saronno M n cadorna 10:53 11: FN T S3 36 M n cadorna Saronno 11:32 12: FN T S3 36 Saronno M n cadorna 11:23 11: FN T S3 36 M n cadorna Saronno 12:02 12: FN T S3 36 Saronno M n cadorna 11:53 12: FN T S3 36 M n cadorna Saronno 12:32 13: FN T S3 36 Saronno M n cadorna 12:23 12: FN T S3 36 M n cadorna Saronno 13:02 13: FN T S3 36 Saronno M n cadorna 12:53 13: FN T S3 36 Saronno M n cadorna 13:23 13: FN T S3 36 M n cadorna Saronno 13:32 14: FN T S3 36 Saronno M n cadorna 13:53 14: FN T S3 36 M n cadorna Saronno 14:02 14: FN T S3 36 Saronno M n cadorna 14:23 14: FN T S3 36 M n cadorna Saronno 14:32 15: FN T S3 36 Saronno M n cadorna 14:53 15: FN T S3 36 M n cadorna Saronno 15:02 15: FN T S3 36 Saronno M n cadorna 15:23 15: FN T S3 36 Saronno M n cadorna 15:53 16: FN T S3 36 M n cadorna Saronno 15:32 16: FN T S3 36 Saronno M n cadorna 16:23 16: FN T S3 36 M n cadorna Saronno 16:02 16: FN T S3 36 Saronno M n cadorna 16:53 17: FN T S3 36 M n cadorna Saronno 16:32 17: FN T S3 36 M n cadorna Saronno 17:02 17: FN T S3 36 Saronno M n cadorna 17:23 17: FN T S3 36 M n cadorna Saronno 17:32 18: FN T S3 36 Saronno M n cadorna 17:53 18: FN T S3 36 Saronno M n cadorna 18:23 18: FN T S3 36 M n cadorna Saronno 18:02 18:37

38 38 Bollettino Ufficiale Treno Rete Treno 2 Rete 2 Tr/Bus Linea Dir. Stazione partenza Stazione arrivo Ora P Ora A 871 FN T S3 36 M n cadorna Saronno 18:32 19: FN T S3 36 Saronno M n cadorna 18:53 19: FN T S3 36 Saronno M n cadorna 19:23 19: FN T S3 36 M n cadorna Saronno 19:02 19: FN T S3 36 Saronno M n cadorna 19:53 20: FN T S3 36 M n cadorna Saronno 19:32 20: FN T S3 36 Saronno M n cadorna 20:23 20: FN T S3 36 Saronno M n cadorna 20:53 21: FN T S3 36 M n cadorna Saronno 20:02 20: FN T S3 36 Saronno M n cadorna 21:23 21: FN T S3 36 M n cadorna Saronno 20:32 21: FN T S3 36 Saronno M n cadorna 21:53 22: FN T S3 36 M n cadorna Saronno 21:02 21: FN T S3 36 Saronno M n cadorna 22:23 22: FN T S3 36 M n cadorna Saronno 21:32 22: FN T S3 36 Saronno M n cadorna 22:53 23: FN T S3 36 M n cadorna Saronno 22:02 22: FN T S3 36 Saronno M n cadorna 23:23 23: FN T S3 36 Saronno M n cadorna 23:53 0: FN T S3 36 M n cadorna Saronno 22:32 23: FN T S3 36 M n cadorna Saronno 23:02 23: FN T S3 36 M n cadorna Saronno 23:32 0: FN T S4 37 M n cadorna Seveso 0:23 1: FN T S4 37 Seveso M n cadorna 6:01 6: FN B R22 30 Saronno Laveno 5:45 7: FN T R3 34 Iseo Edolo 5:35 7: FN T R3 34 Iseo Brescia 5:45 6: FN T R3 34 Brescia Edolo 5:55 8: FN T R22 30 M n cadorna Laveno 6:06 7: FN T R3 34 Pisogne Brescia 6:01 7: FN T R3 34 Breno Brescia 6:00 7: FN T R3 34 Brescia Iseo 7:18 7: FN T RE_3 34 Edolo Brescia 5:54 7: FN T R3 34 Brescia Iseo 8:41 9: FN T R3 34 Edolo Brescia 6:47 9: FN T R3 34 Iseo Brescia 9:48 10: FN T R3 34 Brescia Iseo 10:41 11: FN T R22 30 M n cadorna Laveno 12:06 13: FN T R3 34 Brescia Breno 11:58 13: FN T R3 34 Iseo Brescia 11:48 12: FN T R3 34 Brescia Iseo 12:41 13: FN T R3 34 Breno Brescia 11:25 13: FN T R22 30 Laveno M n cadorna 13:07 14: FN T R3 34 Brescia Pisogne 13:24 14: FN T R3 34 Iseo Brescia 13:48 14: FN T R3 34 Brescia Iseo 14:41 15: FN T R3 34 Brescia Breno 15:58 17: FN T R3 34 Iseo Brescia 15:48 16: FN T R3 34 Brescia Iseo 16:41 17: FN T R3 34 Breno Brescia 15:25 17: FN T R3 34 Brescia Breno 17:16 19: FN T R3 34 Iseo Brescia 18:00 18: FN T R3 34 Brescia Edolo 17:58 20: FN T R3 34 Brescia Iseo 18:41 19: FN T R3 34 Brescia Breno 19:16 21: FN T R16 31 M n cadorna Como nord lago 6:10 7: FN T R16 31 Como nord lago M n cadorna 5:47 6: FN T R16 31 M n cadorna Como nord lago 7:10 8: FN T R16 31 Como nord lago M n cadorna 6:47 7: FN T R16 31 Como nord lago M n cadorna 7:47 8: FN T RE_7 31 Como nord lago M n cadorna 8:36 9: FN T R16 31 M n cadorna Como nord lago 12:10 13: FN T R16 31 M n cadorna Como nord lago 13:10 14: FN T R16 31 Como nord lago M n cadorna 12:47 13: FN T R16 31 Como nord lago M n cadorna 13:47 14: FN T R16 31 M n cadorna Como nord lago 17:10 18: FN T R16 31 Como nord lago M n cadorna 18:47 19: FN T R16 31 M n cadorna Como nord lago 19:10 20: FN T R16 31 M n cadorna Como nord lago 20:10 21: FN T R9 34 Iseo Rovato borgo 5:32 5: FN B R27 32 Novara nord Saronno 4:39 5: FN T R9 34 Rovato borgo Bornato - calino 6:07 6:16

39 Bollettino Ufficiale 39 Treno Rete Treno 2 Rete 2 Tr/Bus Linea Dir. Stazione partenza Stazione arrivo Ora P Ora A 1211 FN T R27 32 Saronno Novara nord 6:36 7: FN T R9 34 Bornato - calino Rovato borgo 6:43 6: FN T R27 32 Novara nord M n cadorna 7:38 8: FN T R9 34 Bornato - calino Rovato borgo 12:43 12: FN T R27 32 M n cadorna Novara nord 17:15 18: FN T R27 32 Novara nord M n cadorna 20:08 21: FN B R16 33 Seveso Asso 6:34 7: FN T R17 33 M n cadorna Asso 6:38 7: FN T R17 33 Asso M n cadorna 6:05 7: FN B R16 33 Seveso Asso 8:04 9: FN T R17 33 Asso M n cadorna 7:05 8: FN T R17 33 M n cadorna Asso 12:38 13: FN T R17 33 M n cadorna Asso 13:38 14: FN T R17 33 Asso M n cadorna 13:05 14: FN T R17 33 Asso M n cadorna 14:05 15: FN T R17 33 M n cadorna Asso 17:38 18: FN T R17 33 M n cadorna Asso 18:38 19: RFI T RE_6 17 Verona porta nuova Milano centrale 6:40 8: RFI T R7 11 Lecco Verona porta nuova 7:42 10: RFI T R7 11 Verona porta nuova Lecco 19:26 21: RFI T RE_6 17 Milano centrale Verona porta nuova 9:25 11: RFI T RE_6 17 Verona porta nuova Milano centrale 18:10 20: FN T S4 37 M n cadorna Camnago lentate 5:53 6: RFI T RE_13 22 Milano porta garibaldi Ventimiglia 6:42 11: RFI T RE_13 22 Gallarate Albenga 7:16 11: RFI T RE_13 22 Monterosso Lecco 17:29 21: RFI T RE_13 22 Lecco Sestri levante 7:37 11: RFI T RE_13 22 Ventimiglia Milano porta garibaldi 17:37 22: RFI T RE_13 22 Albenga Gallarate 17:25 21: RFI T RE_13 22 Bergamo Ventimiglia 7:16 12: RFI T RE_13 22 Ventimiglia Bergamo 18:16 23: FN B S3 36 Saronno Milano cadorna 4:10 4: RFI T RE_8 07 Milano porta garibaldi Chiavenna 7:22 9: RFI T RE_8 07 Chiavenna Milano porta garibaldi 18:05 20: FN T R22 30 Laveno M n cadorna 5:37 7: FN T R22 30 M n cadorna Laveno 7:06 8: FN T R22 30 Laveno M n cadorna 6:07 7: FN T R22 30 Laveno M n cadorna 7:07 8: FN T R22 30 Laveno M n cadorna 8:07 9: FN T R22 30 M n cadorna Laveno 14:49 16: FN T R22 30 M n cadorna Laveno 16:06 17: FN T R22 30 M n cadorna Laveno 17:19 18: FN T R22 30 M n cadorna Laveno 18:19 19: FN T R22 30 Laveno M n cadorna 18:07 19: FN T R22 30 M n cadorna Laveno 19:19 20: FN T R22 30 M n cadorna Laveno 20:19 21: RFI T RE_6 17 Verona porta nuova Milano centrale 5:40 7: FN B R22 30 Varese nord Laveno 22:20 22: RFI T RE_6 17 Milano centrale Verona porta nuova 0:15 2: RFI T R4 17 Brescia Milano centrale 6:56 8: RFI T RE_6 17 Milano centrale Verona porta nuova 6:25 8: RFI T RE_6 17 Verona porta nuova Milano centrale 6:40 8: RFI T RE_6 17 Milano centrale Verona porta nuova 7:25 9: RFI T RE_6 17 Verona porta nuova Milano centrale 6:54 8: RFI T RE_6 17 Milano centrale Verona porta nuova 8:25 10: RFI T RE_6 17 Verona porta nuova Milano centrale 7:40 9: RFI T RE_6 17 Milano centrale Verona porta nuova 11:25 13: RFI T RE_6 17 Verona porta nuova Milano centrale 8:36 10: RFI T RE_6 17 Milano centrale Verona porta nuova 12:25 14: RFI T RE_6 17 Verona porta nuova Milano centrale 9:40 11: RFI T RE_6 17 Milano centrale Verona porta nuova 13:25 15: RFI T RE_6 17 Verona porta nuova Milano centrale 12:40 14: RFI T RE_6 17 Milano centrale Verona porta nuova 14:25 16: RFI T RE_6 17 Verona porta nuova Milano centrale 13:40 15: RFI T RE_6 17 Milano centrale Verona porta nuova 15:25 17: RFI T RE_6 17 Verona porta nuova Milano centrale 14:40 16: RFI T RE_6 17 Milano centrale Verona porta nuova 16:25 18: RFI T RE_6 17 Verona porta nuova Milano centrale 15:40 17: RFI T RE_6 17 Milano centrale Verona porta nuova 17:25 19: RFI T RE_6 17 Verona porta nuova Milano centrale 16:40 18: FN T R16 31 Saronno Como nord lago 6:04 6: RFI T R4 17 Milano centrale Brescia 18:15 19:17

40 40 Bollettino Ufficiale Treno Rete Treno 2 Rete 2 Tr/Bus Linea Dir. Stazione partenza Stazione arrivo Ora P Ora A 2108 RFI T RE_6 17 Verona porta nuova Milano centrale 17:40 19: RFI T RE_6 17 Milano centrale Verona porta nuova 18:25 20: RFI T RE_6 17 Verona porta nuova Milano centrale 18:40 20: RFI T RE_6 17 Milano centrale Verona porta nuova 19:25 21: RFI T RE_6 17 Verona porta nuova Milano centrale 19:40 21: FN T R16 31 M n cadorna Como nord lago 6:40 7: RFI T RE_6 17 Milano centrale Verona porta nuova 20:25 22: RFI T RE_6 17 Verona porta nuova Milano centrale 20:40 22: RFI T RE_6 17 Milano centrale Verona porta nuova 21:25 23: RFI T RE_6 17 Verona porta nuova Milano centrale 21:40 23: FN T RE_7 31 Como nord lago M n cadorna 6:36 7: RFI T RE_6 17 Milano centrale Verona porta nuova 22:25 0: FN T RE_7 31 M n cadorna Como nord lago 7:59 8: FN T RE_7 31 Como nord lago M n cadorna 7:36 8: FN T RE_7 31 Como nord lago M n cadorna 9:36 10: RFI T RE_4 03 Domodossola Milano centrale 4:54 6: RFI T RE_4 03 Milano centrale Domodossola 7:29 9: RFI T RE_4 03 Domodossola Milano centrale 5:54 7: RFI T RE_4 03 Milano centrale Domodossola 8:29 10: RFI T RE_4 03 Domodossola Milano centrale 6:51 8: RFI T RE_4 03 Milano centrale Domodossola 9:29 11: FN T R16 31 M n cadorna Como nord lago 14:10 15: RFI T RE_4 03 Domodossola Milano centrale 8:54 10: RFI T RE_4 03 Milano centrale Domodossola 13:29 15: RFI T RE_4 03 Domodossola Milano centrale 12:54 14: RFI T RE_4 03 Milano centrale Domodossola 15:29 17: RFI T RE_4 03 Domodossola Milano centrale 14:54 16: FN T R16 31 Como nord lago M n cadorna 14:47 15: RFI T RE_4 03 Milano centrale Domodossola 17:29 19: FN T R16 31 M n cadorna Como nord lago 15:10 16: RFI T RE_4 03 Domodossola Milano centrale 16:54 18: RFI T RE_4 03 Milano centrale Domodossola 18:29 20: RFI T RE_4 03 Domodossola Milano centrale 18:54 20: FN T R16 31 Como nord lago M n cadorna 15:47 16: RFI T RE_4 03 Milano centrale Domodossola 19:29 21: FN T R16 31 M n cadorna Como nord lago 16:10 17: RFI T RE_4 03 Domodossola Milano centrale 20:54 22: RFI T RE_4 03 Milano centrale Domodossola 21:29 23: RFI T RE_13 22 Arquata scrivia Milano centrale 6:07 7: RFI T RE_13 22 Milano centrale Novi ligure 16:30 18: FN T RE_7 31 M n cadorna Como nord lago 16:59 17: FN T R16 31 Como nord lago M n cadorna 16:47 17: RFI T RE_13 22 Arquata scrivia Milano certosa 6:25 8: RFI T RE_13 22 Milano porta garibaldi Arquata scrivia 17:12 19: RFI T RE_13 22 Novi ligure Milano centrale 7:56 9: RFI T RE_13 22 Milano centrale Arquata scrivia 18:10 19: RFI T RE_13 22 Tortona Milano centrale 20:18 21: RFI T RE_13 22 Milano centrale Novi ligure 19:30 21: FN T RE_7 31 M n cadorna Como nord lago 17:59 18: RFI T RE_4 03 Domodossola Milano centrale 8:30 10: FN T RE_7 31 M n cadorna Como nord lago 18:59 19: RFI T RE_13 22 Milano centrale Voghera 0:25 1: RFI T RE_13 22 Voghera Milano certosa 5:56 7: RFI T RE_13 22 Voghera Milano certosa 7:52 9: RFI T RE_13 22 Milano centrale Voghera 22:25 23: RFI T R1 11 Bergamo Pisa centrale 6:45 12: RFI T R1 11 Pisa centrale Bergamo 18:22 23: FN T R27 32 Novara nord M n cadorna 6:38 7: FN T R27 32 M n cadorna Novara nord 18:15 19: FN T R27 32 M n cadorna Novara nord 19:15 20: RFI T RE_8 07 Milano centrale Tirano 6:20 8: RFI T RE_8 07 Sondrio Milano centrale 4:32 6: RFI T RE_8 07 Milano centrale Tirano 7:20 9: RFI T RE_8 07 Sondrio Milano centrale 5:32 7: RFI T RE_8 07 Milano centrale Tirano 8:20 10: RFI T RE_8 07 Colico Milano centrale 6:10 8: RFI T RE_8 07 Milano centrale Tirano 9:20 12: RFI T RE_8 07 Tirano Milano centrale 6:10 8: RFI T RE_8 07 Milano centrale Tirano 10:20 12: RFI T RE_8 07 Lecco Milano centrale 8:28 9: RFI T RE_8 07 Milano centrale Tirano 12:20 14: RFI T RE_8 07 Tirano Milano centrale 7:10 9:40

41 Bollettino Ufficiale 41 Treno Rete Treno 2 Rete 2 Tr/Bus Linea Dir. Stazione partenza Stazione arrivo Ora P Ora A 2562 RFI T RE_8 07 Milano centrale Tirano 13:20 15: RFI T RE_8 07 Tirano Milano centrale 9:06 11: RFI T RE_8 07 Milano centrale Tirano 14:20 16: RFI T RE_8 07 Tirano Milano centrale 11:06 13: RFI T RE_8 07 Milano centrale Tirano 16:20 18: RFI T RE_8 07 Tirano Milano centrale 12:06 14: RFI T RE_8 07 Milano centrale Sondrio 17:20 19: RFI T RE_8 07 Tirano Milano centrale 13:10 15: RFI T RE_8 07 Milano centrale Lecco 17:50 18: RFI T RE_8 07 Tirano Milano centrale 15:06 17: RFI T RE_8 07 Milano centrale Tirano 18:20 20: RFI T RE_8 07 Tirano Milano centrale 16:06 18: RFI T RE_8 07 Milano centrale Lecco 18:52 19: RFI T RE_8 07 Tirano Milano centrale 17:10 19: RFI T RE_8 07 Milano centrale Tirano 19:20 21: RFI T RE_8 07 Tirano Milano centrale 18:06 20: RFI T RE_8 07 Milano centrale Sondrio 20:20 22: RFI T RE_8 07 Lecco Milano centrale 20:01 20: RFI T RE_8 07 Milano centrale Sondrio 21:20 23: RFI T RE_8 07 Tirano Milano centrale 19:10 21: RFI T RE_8 07 Tirano Milano centrale 20:06 22: RFI T RE_8 07 Milano centrale Lecco 18:43 19: RFI T RE_8 07 Sondrio Milano centrale 21:23 23: RFI T RE_2 15 Bergamo Milano centrale 5:02 5: RFI T RE_2 15 Milano centrale Bergamo 5:40 6: RFI T RE_2 15 Bergamo Milano centrale 6:02 6: RFI T RE_2 15 Milano centrale Bergamo 6:10 6: RFI T RE_2 15 Bergamo Milano centrale 7:02 7: RFI T RE_2 15 Milano centrale Bergamo 7:10 7: RFI T RE_2 15 Bergamo Milano centrale 7:32 8: RFI T RE_2 15 Milano centrale Bergamo 8:10 8: RFI T RE_2 15 Bergamo Milano centrale 8:02 8: RFI T RE_2 15 Milano centrale Bergamo 9:10 9: FN B R16 33 Asso Mariano comense 4:45 5: RFI T RE_2 15 Bergamo Milano centrale 9:02 9: RFI T RE_2 15 Milano centrale Bergamo 10:10 10: RFI T RE_2 15 Bergamo Milano centrale 9:57 10: RFI T RE_2 15 Milano centrale Bergamo 10:10 11: RFI T RE_2 15 Bergamo Milano centrale 10:02 10: RFI T RE_2 15 Milano centrale Bergamo 11:10 11: RFI T RE_2 15 Bergamo Milano centrale 10:57 11: RFI T RE_2 15 Milano centrale Bergamo 11:10 12: RFI T RE_2 15 Bergamo Milano centrale 11:02 11: RFI T RE_2 15 Milano centrale Bergamo 12:10 12: RFI T RE_2 15 Bergamo Milano centrale 12:02 12: RFI T RE_2 15 Milano centrale Bergamo 13:10 13: RFI T RE_2 15 Bergamo Milano centrale 13:02 13: RFI T RE_2 15 Milano centrale Bergamo 14:10 14: RFI T RE_2 15 Bergamo Milano centrale 14:02 14: RFI T RE_2 15 Milano centrale Bergamo 15:10 15: FN T R17 33 Asso M n cadorna 8:05 9: RFI T RE_2 15 Bergamo Milano centrale 15:02 15: RFI T RE_2 15 Milano centrale Bergamo 16:10 16: RFI T RE_2 15 Bergamo Milano centrale 16:02 16: RFI T RE_2 15 Milano centrale Bergamo 17:10 17: RFI T RE_2 15 Bergamo Milano centrale 17:02 17: RFI T RE_2 15 Milano centrale Bergamo 18:10 18: RFI T RE_2 15 Bergamo Milano centrale 18:02 18: RFI T RE_2 15 Milano centrale Bergamo 19:10 19: RFI T RE_2 15 Bergamo Milano centrale 19:02 19: RFI T RE_2 15 Milano centrale Bergamo 20:10 20: RFI T RE_2 15 Bergamo Milano centrale 20:02 20: RFI T RE_2 15 Milano centrale Bergamo 21:10 21: RFI T RE_2 15 Bergamo Milano centrale 21:02 21: RFI T RE_2 15 Milano centrale Bergamo 22:10 22: RFI T RE_2 15 Bergamo Milano centrale 22:02 22: RFI T RE_2 15 Milano centrale Bergamo 23:40 0: RFI T RE_2 15 Bergamo Milano centrale 23:02 23: RFI T RE_11 20 Mantova Milano centrale 5:18 7: RFI T RE_11 20 Milano centrale Mantova 6:20 8: RFI T RE_11 20 Mantova Milano centrale 6:10 8: FN T R17 33 M n cadorna Asso 14:38 15:58

42 42 Bollettino Ufficiale Treno Rete Treno 2 Rete 2 Tr/Bus Linea Dir. Stazione partenza Stazione arrivo Ora P Ora A 2649 RFI T RE_11 20 Milano centrale Mantova 8:20 10: RFI T RE_11 20 Mantova Milano centrale 6:41 8: RFI T RE_11 20 Milano centrale Mantova 10:20 12: RFI T RE_11 20 Mantova Milano centrale 8:50 10: RFI T RE_11 20 Milano centrale Mantova 12:20 14: RFI T RE_11 20 Mantova Milano centrale 10:50 12: RFI T RE_11 20 Milano centrale Mantova 14:20 16: RFI T RE_11 20 Mantova Milano centrale 12:50 14: RFI T RE_11 20 Milano centrale Mantova 16:20 18: RFI T RE_11 20 Mantova Milano centrale 14:50 16: FN T R17 33 M n cadorna Asso 16:38 17: RFI T RE_11 20 Milano centrale Mantova 17:15 19: RFI T RE_11 20 Mantova Milano centrale 16:50 18: RFI T RE_11 20 Milano centrale Mantova 18:20 20: RFI T RE_11 20 Mantova Milano centrale 18:50 20: RFI T RE_11 20 Milano centrale Mantova 19:15 21: RFI T RE_11 20 Mantova Milano centrale 20:50 22: RFI T RE_11 20 Milano centrale Mantova 20:20 22: FN T R17 33 M n cadorna Asso 19:38 20: FN T S4 37 Camnago lentate M n cadorna 7:26 8: FN T S4 37 Camnago lentate Seveso 23:24 23: FN T S4 37 M n cadorna M.n. Affori 23:23 23: FN B S4 37 Milano affori Camnago lentate 23:40 0: FN T S4 37 M n cadorna M.n. Affori 23:53 0: FN T S4 37 Seveso M n cadorna 5:31 6: RFI T R38 21 Parma Milano centrale 6:50 8: FN T RE_7 31 M n cadorna Como nord lago 13:59 14: FN T RE_7 31 Como nord lago M n cadorna 18:36 19: RFI T RE_13 22 Milano centrale Alessandria 8:25 9: RFI T RE_13 22 Milano centrale Voghera 11:25 12: RFI T RE_13 22 Milano centrale Alessandria 13:25 14: RFI T RE_13 22 Milano centrale Voghera 15:25 16: RFI T RE_13 22 Milano centrale Alessandria 17:25 18: RFI T RE_13 22 Milano centrale Alessandria 19:25 20: RFI T RE_13 22 Milano centrale Voghera 21:25 22: RFI T RE_13 22 Milano centrale Alessandria 23:25 0: RFI T RE_13 22 Alessandria Milano centrale 5:12 6: RFI T RE_13 22 Voghera Milano centrale 12:40 13: RFI T RE_13 22 Alessandria Milano centrale 13:12 14: RFI T RE_13 22 Alessandria Milano centrale 15:12 16: RFI T RE_13 22 Voghera Milano centrale 17:40 18: RFI T RE_13 22 Alessandria Milano centrale 19:12 20: RFI T RE_13 22 Alessandria Milano centrale 21:12 22: RFI T RE_13 22 Voghera Milano centrale 23:35 0: FN B R22 30 Saronno Laveno 6:29 7: FN B R22 30 Laveno Varese nord 5:37 6: FN T R22 30 Laveno M n cadorna 6:07 7: FN T R22 30 Laveno M n cadorna 7:07 8: FN T R22 30 M n cadorna Laveno 9:19 10: FN T R22 30 Laveno M n cadorna 10:37 12: FN T R22 30 M n cadorna Laveno 12:36 14: FN T R22 30 M n cadorna Laveno 14:36 16: FN T R22 30 Laveno M n cadorna 18:25 19: FN T R22 30 M n cadorna Laveno 19:36 21: FN T RE_9 30 Varese nord Laveno 21:45 22: FN T R16 31 M n cadorna Como nord lago 6:40 7: FN T RE_7 31 M n cadorna Como nord lago 9:59 10: FN T RE_7 31 Como nord lago M n cadorna 18:56 19: FN T R27 32 Novara nord M n cadorna 13:38 14: RFI T R35 27 Alessandria Pavia 5:40 6: RFI T R35 27 Pavia Alessandria 6:05 7: RFI T R35 27 Alessandria Pavia 6:00 7: RFI T R35 27 Pavia Alessandria 7:05 8: RFI T R35 27 Alessandria Pavia 6:40 7: RFI T R35 27 Pavia Alessandria 8:05 9: RFI T R35 27 Alessandria Pavia 7:40 8: RFI T R35 27 Pavia Alessandria 11:05 12: RFI T R35 27 Alessandria Pavia 11:40 12: RFI T R35 27 Pavia Alessandria 12:05 13: RFI T R35 27 Alessandria Pavia 12:40 13: RFI T R35 27 Pavia Alessandria 13:05 14: RFI T R35 27 Alessandria Pavia 13:40 14:55

43 Bollettino Ufficiale 43 Treno Rete Treno 2 Rete 2 Tr/Bus Linea Dir. Stazione partenza Stazione arrivo Ora P Ora A 4587 RFI T R35 27 Pavia Alessandria 14:05 15: RFI T R35 27 Alessandria Pavia 14:40 15: RFI T R35 27 Pavia Alessandria 15:05 16: RFI T R35 27 Alessandria Pavia 15:40 16: RFI T R35 27 Pavia Alessandria 16:05 17: RFI T R35 27 Alessandria Pavia 16:40 17: RFI T R35 27 Pavia Alessandria 17:05 18: RFI T R35 27 Alessandria Pavia 17:40 18: RFI T R35 27 Pavia Alessandria 18:05 19: RFI T R35 27 Alessandria Pavia 18:40 19: RFI T R35 27 Pavia Alessandria 19:05 20: RFI T R35 27 Alessandria Pavia 19:40 20: RFI T R35 27 Pavia Alessandria 20:05 21: FN B R16 33 Asso Seveso 0:53 1: FN B R16 33 Seveso Asso 0:34 1: FN T R17 33 M n cadorna Asso 6:08 7: FN B R16 33 Seveso Asso 7:04 8: FN T S4 37 Camnago lentate M n cadorna 7:24 8: FN T S4 37 Camnago lentate M n cadorna 23:24 0: FN T S4 37 M n cadorna Camnago lentate 23:23 0: FN B S4 33 Milano affori Camnago lentate 0:10 0: FN T S4 37 M n cadorna Camnago lentate 23:53 0: RFI T R36 28 Pavia Mortara 5:38 6: RFI T R36 28 Vercelli Pavia 5:00 6: RFI T R36 28 Mortara Vercelli 6:56 7: RFI T R36 28 Vercelli Pavia 6:00 7: RFI T R36 28 Pavia Vercelli 6:38 8: RFI T R36 28 Vercelli Pavia 7:00 8: RFI T R36 28 Pavia Vercelli 7:38 9: RFI T R36 28 Vercelli Pavia 8:00 9: RFI T R36 28 Pavia Vercelli 8:38 10: RFI T R36 28 Vercelli Pavia 9:00 10: RFI T R36 28 Pavia Vercelli 10:38 12: RFI T R36 28 Vercelli Pavia 12:00 13: RFI T R36 28 Pavia Vercelli 12:38 14: RFI T R36 28 Vercelli Pavia 13:00 14: RFI T R36 28 Pavia Vercelli 13:38 15: RFI T R36 28 Vercelli Pavia 14:00 15: RFI T R36 28 Pavia Vercelli 14:38 16: RFI T R36 28 Vercelli Mortara 14:29 15: RFI T R36 28 Pavia Vercelli 15:38 17: RFI T R36 28 Mortara Pavia 15:36 16: RFI T R36 28 Pavia Vercelli 16:38 18: RFI T R36 28 Vercelli Pavia 16:00 17: RFI T R36 28 Pavia Vercelli 17:38 19: RFI T R36 28 Vercelli Pavia 17:00 18: RFI T R36 28 Pavia Vercelli 18:38 20: RFI T R36 28 Vercelli Pavia 18:00 19: RFI T R36 28 Pavia Vercelli 19:38 21: RFI T R36 28 Vercelli Pavia 19:00 20: RFI T R36 28 Pavia Vercelli 20:38 22: RFI T R36 28 Vercelli Pavia 20:00 21: RFI T R1 11 Brescia Bergamo 5:03 5: FN T S4 37 M n cadorna Seveso 0:23 1: RFI T R1 11 Brescia Bergamo 5:24 6: RFI T R1 11 Bergamo Brescia 6:22 7: FN B S4 33 Milano affori Seveso 0:40 1: RFI T R1 11 Brescia Bergamo 6:00 6: RFI T R1 11 Bergamo Brescia 7:00 8: RFI T R1 11 Brescia Bergamo 6:15 7: RFI T R1 11 Bergamo Brescia 8:07 9: RFI T R1 11 Brescia Bergamo 6:50 7: RFI T R1 11 Bergamo Brescia 9:07 10: RFI T R1 11 Brescia Bergamo 8:00 8: RFI T R1 11 Brescia Bergamo 9:00 9: RFI T R1 11 Bergamo Brescia 12:07 13: RFI T R1 11 Brescia Bergamo 10:00 10: RFI T R1 11 Bergamo Brescia 13:07 14: RFI T R1 11 Bergamo Brescia 13:40 14: RFI T R1 11 Brescia Bergamo 13:00 13: RFI T R1 11 Bergamo Brescia 14:07 15: RFI T R1 11 Brescia Bergamo 14:00 14:55

44 44 Bollettino Ufficiale Treno Rete Treno 2 Rete 2 Tr/Bus Linea Dir. Stazione partenza Stazione arrivo Ora P Ora A 4921 RFI T R1 11 Bergamo Brescia 15:07 16: RFI T R1 11 Brescia Bergamo 15:00 15: RFI T R1 11 Bergamo Brescia 16:07 17: RFI T R1 11 Brescia Bergamo 16:00 16: RFI T R1 11 Bergamo Brescia 17:07 18: RFI T R1 11 Brescia Bergamo 17:00 17: RFI T R1 11 Bergamo Brescia 18:07 19: RFI T R1 11 Brescia Bergamo 18:00 18: RFI T R1 11 Bergamo Brescia 18:22 19: RFI T R1 11 Brescia Bergamo 18:31 19: RFI T R1 11 Bergamo Brescia 19:07 20: RFI T R1 11 Brescia Bergamo 19:00 20: RFI T R1 11 Bergamo Brescia 19:38 20: RFI T R1 11 Brescia Bergamo 20:00 20: RFI T R1 11 Bergamo Brescia 20:07 21: RFI T R1 11 Brescia Bergamo 21:00 22: RFI T R1 11 Bergamo Brescia 20:40 21: RFI T R1 11 Bergamo Brescia 21:16 22: RFI T R11 09 Chiavenna Colico 6:26 6: RFI T R11 09 Colico Chiavenna 5:48 6: RFI T R11 09 Chiavenna Colico 7:04 7: RFI T R11 09 Colico Chiavenna 7:06 7: RFI T R11 09 Chiavenna Colico 7:38 8: RFI T R11 09 Colico Chiavenna 7:06 7: RFI T R11 09 Chiavenna Colico 7:45 8: RFI T R11 09 Colico Chiavenna 8:10 8: RFI T R11 09 Chiavenna Colico 8:44 9: RFI T R11 09 Colico Chiavenna 8:10 8: RFI T R11 09 Chiavenna Colico 9:26 9: RFI T R11 09 Colico Chiavenna 8:45 9: RFI T R11 09 Chiavenna Colico 10:44 11: RFI T R11 09 Colico Chiavenna 10:04 10: RFI T R11 09 Chiavenna Colico 11:26 11: RFI T R11 09 Colico Chiavenna 10:45 11: RFI T R11 09 Chiavenna Colico 12:44 13: RFI T R11 09 Colico Chiavenna 12:04 12: RFI T R11 09 Chiavenna Colico 13:26 13: RFI T R11 09 Colico Chiavenna 12:45 13: RFI T R11 09 Chiavenna Colico 14:44 15: RFI T R11 09 Colico Chiavenna 14:04 14: RFI T R11 09 Chiavenna Colico 15:26 15: RFI T R11 09 Colico Chiavenna 14:45 15: RFI T R11 09 Chiavenna Colico 16:38 17: RFI T R11 09 Colico Chiavenna 15:30 15: RFI T R11 09 Chiavenna Colico 16:44 17: RFI T R11 09 Colico Chiavenna 16:04 16: RFI T R11 09 Chiavenna Colico 17:26 17: RFI T R11 09 Colico Chiavenna 16:45 17: RFI T R11 09 Chiavenna Colico 18:38 19: RFI T R11 09 Colico Chiavenna 17:30 17: RFI T R11 09 Chiavenna Colico 18:48 19: RFI T R11 09 Colico Chiavenna 18:04 18: RFI T R11 09 Chiavenna Colico 19:26 19: RFI T R11 09 Colico Chiavenna 18:52 19: RFI T R11 09 Chiavenna Colico 19:32 20: RFI T R11 09 Colico Chiavenna 20:04 20: RFI T R11 09 Chiavenna Colico 20:42 21: RFI T R11 09 Colico Chiavenna 21:14 21: RFI T R12 07 Sondrio Tirano 5:33 6: RFI T R12 07 Tirano Sondrio 7:21 8: RFI T R12 07 Sondrio Tirano 6:39 7: RFI T R13 07 Sondrio Tirano 13:14 13: RFI T R13 07 Tirano Sondrio 10:21 11: RFI T R13 07 Sondrio Tirano 17:14 17: RFI T R13 07 Tirano Sondrio 14:21 15: RFI T R12 07 Sondrio Tirano 19:14 19: RFI T R12 07 Tirano Sondrio 18:21 19: RFI T R15 13 Carnate usmate Seregno 6:06 6: RFI T R15 13 Seregno Carnate usmate 6:39 6: RFI T R15 13 Carnate usmate Seregno 7:06 7: RFI T R15 13 Seregno Carnate usmate 7:39 7: RFI T R15 13 Carnate usmate Seregno 8:06 8:21

45 Bollettino Ufficiale 45 Treno Rete Treno 2 Rete 2 Tr/Bus Linea Dir. Stazione partenza Stazione arrivo Ora P Ora A 5005 RFI T R15 13 Seregno Carnate usmate 8:39 8: RFI T R15 13 Carnate usmate Seregno 9:06 9: RFI T R15 13 Seregno Carnate usmate 9:39 9: RFI T R15 13 Carnate usmate Seregno 10:06 10: RFI T R15 13 Seregno Carnate usmate 10:39 10: RFI T R15 13 Carnate usmate Seregno 11:06 11: RFI T R15 13 Seregno Carnate usmate 11:39 11: RFI T R15 13 Carnate usmate Seregno 12:06 12: RFI T R15 13 Seregno Carnate usmate 12:39 12: RFI T R15 13 Carnate usmate Seregno 13:06 13: RFI T R15 13 Seregno Carnate usmate 13:39 13: RFI T R15 13 Carnate usmate Seregno 14:06 14: RFI T R15 13 Seregno Carnate usmate 14:39 14: RFI T R15 13 Carnate usmate Seregno 15:06 15: RFI T R15 13 Seregno Carnate usmate 15:39 15: RFI T R15 13 Carnate usmate Seregno 16:06 16: RFI T R15 13 Seregno Carnate usmate 16:39 16: RFI T R15 13 Carnate usmate Seregno 17:06 17: RFI T R15 13 Seregno Carnate usmate 17:39 17: RFI T R15 13 Carnate usmate Seregno 18:06 18: RFI T R15 13 Seregno Carnate usmate 18:39 18: RFI T R15 13 Carnate usmate Seregno 19:06 19: RFI T R15 13 Seregno Carnate usmate 19:39 19: RFI T R7 11 Bergamo Lecco 6:10 6: RFI T R7 11 Lecco Bergamo 6:30 7: RFI T R7 11 Bergamo Lecco 7:00 7: RFI T R7 11 Lecco Bergamo 7:02 7: RFI T R7 11 Bergamo Lecco 8:08 8: RFI T R7 11 Lecco Bergamo 8:12 8: RFI T R7 11 Bergamo Lecco 9:08 9: RFI T R7 11 Lecco Bergamo 9:12 9: RFI T R7 11 Bergamo Lecco 10:08 10: RFI T R7 11 Lecco Bergamo 10:12 10: RFI T R7 11 Bergamo Lecco 11:08 11: RFI T R7 11 Lecco Bergamo 11:12 11: RFI T R7 11 Bergamo Lecco 12:08 12: RFI T R7 11 Lecco Bergamo 12:12 12: RFI T R7 11 Bergamo Lecco 13:08 13: RFI T R7 11 Lecco Bergamo 13:12 13: RFI T R7 11 Bergamo Lecco 14:08 14: RFI T R7 11 Lecco Bergamo 14:12 14: RFI T R7 11 Bergamo Lecco 15:08 15: RFI T R7 11 Lecco Bergamo 15:12 15: RFI T R7 11 Bergamo Lecco 16:08 16: RFI T R7 11 Lecco Bergamo 16:12 16: RFI T R7 11 Bergamo Lecco 17:08 17: RFI T R7 11 Lecco Bergamo 17:12 17: RFI T R7 11 Bergamo Lecco 18:08 18: RFI T R7 11 Lecco Bergamo 18:12 18: RFI T R7 11 Bergamo Lecco 19:08 19: RFI T R7 11 Lecco Bergamo 19:12 19: RFI T R7 11 Bergamo Lecco 20:08 20: RFI T R7 11 Lecco Bergamo 20:12 20: RFI T R7 11 Bergamo Lecco 21:08 21: RFI T R7 11 Lecco Bergamo 21:12 21: RFI T R37 24 Belgioioso Codogno 6:50 7: RFI T R37 24 Cremona Pavia 5:11 6: RFI T R37 24 Pavia Codogno 6:53 8: RFI T R37 24 Codogno Pavia 6:24 7: RFI T R37 24 Pavia Codogno 8:08 9: RFI T R37 24 Codogno Pavia 6:42 7: RFI T R37 24 Pavia Codogno 9:08 10: RFI T R39 20 Cremona Pavia 7:05 8: RFI T R37 24 Pavia Codogno 12:08 13: RFI T R37 24 Codogno Pavia 8:42 9: RFI T R37 24 Pavia Codogno 13:08 14: RFI T R37 24 Codogno Pavia 11:46 12: RFI T R37 24 Pavia Codogno 13:30 14: RFI T R37 24 Codogno Pavia 13:42 14: RFI T R37 24 Pavia Codogno 14:08 15: RFI T R37 24 Codogno Pavia 14:42 15: RFI T R37 24 Pavia Codogno 15:08 16:18

46 46 Bollettino Ufficiale Treno Rete Treno 2 Rete 2 Tr/Bus Linea Dir. Stazione partenza Stazione arrivo Ora P Ora A 5088 RFI T R37 24 Codogno Pavia 15:42 16: RFI T R37 24 Pavia Codogno 16:08 17: RFI T R37 24 Codogno Pavia 16:42 17: RFI T R37 24 Pavia Codogno 17:08 18: RFI T R37 24 Codogno Pavia 17:42 18: RFI T R37 24 Pavia Codogno 18:08 19: RFI T R37 24 Codogno Pavia 18:42 19: RFI T R37 24 Pavia Cremona 19:08 20: RFI T R37 24 Codogno Pavia 19:42 20: RFI T R37 24 Pavia Codogno 20:08 21: RFI T R37 24 Codogno Pavia 20:42 21: RFI T R37 24 Pavia Cremona 21:08 22: RFI T S7 08 Monza Besana 7:07 7: RFI T S7 08 Besana Milano porta garibaldi 9:15 10: RFI T S7 08 Milano porta garibaldi Lecco 5:47 7: RFI T S7 08 Lecco Monza 5:16 6: RFI T S7 08 Monza Lecco 6:37 8: RFI T S7 08 Lecco Monza 5:48 6: RFI T S7 08 Milano porta garibaldi Lecco 7:14 8: RFI T S7 08 Lecco Milano porta garibaldi 6:07 7: RFI T S7 08 Milano porta garibaldi Lecco 8:14 9: RFI T S7 08 Lecco Milano porta garibaldi 6:40 8: RFI T S7 08 Milano porta garibaldi Lecco 9:14 10: RFI T S7 08 Lecco Milano porta garibaldi 6:55 8: RFI T S7 08 Milano porta garibaldi Lecco 10:14 11: RFI T S7 08 Lecco Milano porta garibaldi 7:34 9: RFI T S7 08 Milano porta garibaldi Lecco 11:14 12: RFI T S7 08 Lecco Milano porta garibaldi 8:07 9: RFI T S7 08 Milano porta garibaldi Lecco 12:14 13: RFI T S7 08 Lecco Milano porta garibaldi 9:07 10: RFI T S7 08 Milano porta garibaldi Lecco 13:14 14: RFI T S7 08 Lecco Milano porta garibaldi 10:07 11: RFI T S7 08 Milano porta garibaldi Besana 13:44 14: RFI T S7 08 Lecco Milano porta garibaldi 11:07 12: RFI T S7 08 Milano porta garibaldi Lecco 14:14 15: RFI T S7 08 Lecco Milano porta garibaldi 12:07 13: RFI T S7 08 Milano porta garibaldi Lecco 15:14 16: RFI T S7 08 Lecco Milano porta garibaldi 13:07 14: RFI T S7 08 Milano porta garibaldi Lecco 16:14 17: RFI T S7 08 Lecco Milano porta garibaldi 14:07 15: RFI T S7 08 Milano porta garibaldi Lecco 16:44 18: RFI T S7 08 Besana Milano porta garibaldi 15:15 16: RFI T S7 08 Milano porta garibaldi Lecco 17:14 18: RFI T S7 08 Lecco Milano porta garibaldi 15:07 16: RFI T S7 08 Milano porta garibaldi Lecco 17:44 19: RFI T S7 08 Lecco Milano porta garibaldi 16:07 17: RFI T S7 08 Milano porta garibaldi Lecco 18:14 19: RFI T S7 08 Lecco Milano porta garibaldi 17:07 18: RFI T S7 08 Milano porta garibaldi Lecco 18:44 20: RFI T S7 08 Lecco Milano porta garibaldi 18:07 19: RFI T S7 08 Milano porta garibaldi Lecco 19:14 20: RFI T S7 08 Lecco Milano porta garibaldi 19:07 20: RFI T S7 08 Milano porta garibaldi Lecco 20:14 21: RFI T R40 20 Piadena Cremona 6:51 7: RFI T R40 20 Piadena Cremona 8:51 9: RFI T R40 20 Cremona Mantova 5:58 7: RFI T R40 20 Mantova Piadena 8:26 9: RFI T R40 20 Cremona Mantova 7:40 8: RFI T R40 20 Piadena Cremona 10:10 10: RFI T R40 20 Cremona Mantova 9:37 10: RFI T R40 20 Mantova Cremona 10:14 11: RFI T R40 20 Cremona Mantova 11:37 12: RFI T R40 20 Mantova Cremona 12:14 13: RFI T R40 20 Cremona Mantova 12:09 13: RFI T R40 20 Mantova Cremona 13:30 14: RFI T R40 20 Cremona Mantova 14:15 15: RFI T R40 20 Mantova Cremona 14:19 15: RFI T R40 20 Cremona Mantova 15:37 16: RFI T R40 20 Mantova Cremona 16:14 17: RFI T R40 20 Cremona Mantova 16:09 17: RFI T R40 20 Piadena Cremona 18:51 19: RFI T R40 20 Cremona Piadena 17:37 18:05

47 Bollettino Ufficiale 47 Treno Rete Treno 2 Rete 2 Tr/Bus Linea Dir. Stazione partenza Stazione arrivo Ora P Ora A 5194 RFI T R40 20 Mantova Piadena 18:14 19: RFI T R40 20 Cremona Piadena 19:37 20: RFI T R40 20 Mantova Piadena 19:52 20: RFI T R40 20 Cremona Piadena 20:27 21: RFI T R40 20 Piadena Cremona 20:44 21: RFI T R18 10 Lecco Como s.giovanni 6:18 7: RFI T R18 10 Como s.giovanni Lecco 6:17 7: RFI T R18 10 Molteno Como s.giovanni 7:22 8: RFI T R18 10 Como s.giovanni Lecco 8:57 10: RFI T R18 10 Lecco Como s.giovanni 7:51 8: RFI T R18 10 Como s.giovanni Molteno 12:40 13: RFI T R18 10 Molteno Como s.giovanni 13:36 14: RFI T R18 10 Como s.giovanni Molteno 13:40 14: RFI T R18 10 Molteno Como s.giovanni 14:36 15: RFI T R18 10 Como s.giovanni Molteno 14:40 15: RFI T R18 10 Molteno Como s.giovanni 16:36 17: RFI T R18 10 Como s.giovanni Molteno 16:40 17: RFI T R18 10 Molteno Como s.giovanni 17:36 18: RFI T R18 10 Como s.giovanni Molteno 17:40 18: RFI T R18 10 Molteno Como s.giovanni 18:36 19: RFI T R18 10 Como s.giovanni Molteno 18:40 19: RFI T R18 10 Molteno Como s.giovanni 19:36 20: RFI T R18 10 Como s.giovanni Lecco 19:40 20: RFI T R5 19 Cremona Brescia 5:22 6: RFI T R5 19 Brescia Cremona 5:38 6: RFI T R5 19 Cremona Brescia 6:22 7: RFI T R5 19 Brescia Cremona 6:38 7: RFI T R5 19 Cremona Brescia 7:22 8: RFI T R5 19 Brescia Cremona 8:38 9: RFI T R5 19 Cremona Brescia 8:22 9: RFI T R5 19 Brescia Cremona 9:38 10: RFI T R5 19 Cremona Brescia 10:22 11: RFI T R5 19 Brescia Cremona 10:38 11: RFI T R5 19 Cremona Brescia 11:22 12: RFI T R5 19 Brescia Cremona 11:38 12: RFI T R5 19 Cremona Brescia 12:22 13: RFI T R5 19 Brescia Cremona 12:38 13: RFI T R5 19 Cremona Brescia 13:22 14: RFI T R5 19 Brescia Cremona 13:38 14: RFI T R5 19 Cremona Brescia 14:22 15: RFI T R5 19 Brescia Cremona 14:38 15: RFI T R5 19 Cremona Brescia 15:22 16: RFI T R5 19 Brescia Cremona 15:38 16: RFI T R5 19 Cremona Brescia 16:22 17: RFI T R5 19 Brescia Cremona 16:38 17: RFI T R5 19 Cremona Brescia 17:22 18: RFI T R5 19 Brescia Cremona 17:38 18: RFI T R5 19 Cremona Brescia 18:22 19: RFI T R5 19 Brescia Cremona 18:38 19: RFI T R5 19 Cremona Brescia 19:22 20: RFI T R5 19 Brescia Cremona 19:38 20: RFI T R5 19 Cremona Brescia 20:22 21: RFI T R5 19 Brescia Cremona 20:38 21: RFI T R5 19 Brescia Cremona 21:38 22: RFI T R13 07 Colico Sondrio 6:38 7: RFI T R13 07 Sondrio Lecco 5:49 7: RFI T R13 07 Lecco Sondrio 6:03 7: RFI T R13 07 Sondrio Lecco 6:49 8: RFI T R13 07 Lecco Sondrio 7:18 9: RFI T R13 07 Sondrio Lecco 7:44 9: RFI T R12 07 Sondrio Lecco 8:46 10: RFI T R13 07 Lecco Sondrio 9:15 11: RFI T R12 07 Sondrio Lecco 10:46 12: RFI T R13 07 Lecco Sondrio 10:15 12: RFI T R13 07 Sondrio Lecco 12:46 14: RFI T R13 07 Sondrio Colico 13:13 14: RFI T R13 07 Lecco Sondrio 12:15 14: RFI T R12 07 Colico Lecco 14:37 15: RFI T R12 07 Lecco Sondrio 13:15 15: RFI T R13 07 Sondrio Lecco 13:46 15: RFI T R13 07 Lecco Sondrio 14:15 16: RFI T R13 07 Sondrio Lecco 14:46 16:45

48 48 Bollettino Ufficiale Treno Rete Treno 2 Rete 2 Tr/Bus Linea Dir. Stazione partenza Stazione arrivo Ora P Ora A 5280 RFI T R13 07 Lecco Sondrio 15:15 17: RFI T R13 07 Sondrio Lecco 15:46 17: RFI T R13 07 Lecco Sondrio 16:15 18: RFI T R13 07 Sondrio Lecco 16:46 18: RFI T R13 07 Lecco Sondrio 17:15 19: RFI T R13 07 Sondrio Lecco 17:46 19: RFI T R13 07 Lecco Sondrio 18:15 20: RFI T R13 07 Sondrio Lecco 18:46 20: RFI T R13 07 Lecco Sondrio 19:15 21: RFI T R13 07 Sondrio Colico 19:46 20: RFI T R13 07 Lecco Sondrio 20:15 22: RFI T R13 07 Lecco Colico 21:17 22: RFI T RE_5 04 Milano porta garibaldi Varese 5:32 6: RFI T RE_5 04 Varese Milano porta garibaldi 5:36 6: RFI T RE_5 04 Milano porta garibaldi Varese 6:32 7: RFI T RE_5 04 Varese Milano porta garibaldi 6:36 7: RFI T RE_5 04 Milano porta garibaldi Varese 7:32 8: RFI T RE_5 04 Varese Milano porta garibaldi 7:36 8: RFI T RE_5 04 Milano porta garibaldi Varese 8:32 9: RFI T RE_5 04 Varese Milano porta garibaldi 8:06 8: RFI T RE_5 04 Milano porta garibaldi Varese 9:32 10: RFI T RE_5 04 Varese Milano porta garibaldi 8:36 9: RFI T RE_5 04 Milano porta garibaldi Varese 10:32 11: RFI T RE_5 04 Varese Milano porta garibaldi 9:36 10: RFI T RE_5 04 Milano porta garibaldi Varese 11:32 12: RFI T RE_5 04 Varese Milano porta garibaldi 10:36 11: RFI T RE_5 04 Milano porta garibaldi Varese 12:32 13: RFI T RE_5 04 Varese Milano porta garibaldi 11:36 12: RFI T RE_5 04 Milano porta garibaldi Varese 13:32 14: RFI T RE_5 04 Varese Milano porta garibaldi 12:36 13: RFI T RE_5 04 Milano porta garibaldi Varese 14:32 15: RFI T RE_5 04 Varese Milano porta garibaldi 13:36 14: RFI T RE_5 04 Milano porta garibaldi Varese 15:32 16: RFI T RE_5 04 Varese Milano porta garibaldi 14:36 15: RFI T RE_5 04 Milano porta garibaldi Varese 16:32 17: RFI T RE_5 04 Varese Milano porta garibaldi 15:36 16: RFI T RE_5 04 Milano porta garibaldi Varese 17:32 18: RFI T RE_5 04 Varese Milano porta garibaldi 16:36 17: RFI T RE_5 04 Milano porta garibaldi Varese 18:02 18: RFI T RE_5 04 Varese Milano porta garibaldi 17:36 18: RFI T RE_5 04 Milano porta garibaldi Varese 18:32 19: RFI T RE_5 04 Varese Milano porta garibaldi 18:36 19: RFI T RE_5 04 Milano porta garibaldi Varese 19:02 19: RFI T RE_5 04 Varese Milano porta garibaldi 19:36 20: RFI T RE_5 04 Milano porta garibaldi Varese 19:32 20: RFI T RE_5 04 Varese Milano porta garibaldi 20:36 21: RFI T RE_5 04 Milano porta garibaldi Varese 20:32 21: RFI T R39 20 Cremona Codogno 5:54 6: RFI T R39 20 Codogno Cremona 6:43 7: RFI T R39 20 Cremona Codogno 8:21 8: RFI T R39 20 Codogno Cremona 8:08 8: RFI T R39 20 Cremona Codogno 10:21 10: RFI T R39 20 Codogno Cremona 10:10 10: RFI T R39 20 Cremona Codogno 12:21 12: RFI T R39 20 Codogno Cremona 12:10 12: RFI T R39 20 Cremona Codogno 13:37 14: RFI T R39 20 Codogno Cremona 14:30 15: RFI T R39 20 Cremona Codogno 14:21 14: RFI T R39 20 Codogno Cremona 16:10 16: RFI T R39 20 Cremona Codogno 16:21 16: RFI T R39 20 Codogno Cremona 17:12 17: RFI T R39 20 Cremona Codogno 18:21 18: RFI T R39 20 Codogno Cremona 18:10 18: RFI T R39 20 Cremona Codogno 20:23 21: RFI T R39 20 Codogno Cremona 19:30 20: RFI T R4 17 Brescia Verona porta nuova 7:57 8: RFI T R4 17 Verona porta nuova Brescia 13:22 14: FN B R3 34 Iseo Darfo - corna 6:50 7: FN T RE_3 34 Brescia Edolo 7:07 9: FN B R3 34 Edolo Breno 6:10 6: FN T R3 34 Iseo Brescia 8:33 9: FN T R3 34 Brescia Breno 17:58 19:36

49 Bollettino Ufficiale 49 Treno Rete Treno 2 Rete 2 Tr/Bus Linea Dir. Stazione partenza Stazione arrivo Ora P Ora A 6080 FN T R3 34 Brescia Iseo 19:16 19: FN T RE_3 34 Edolo Brescia 19:54 22: FN T R9 34 Iseo Rovato borgo 6:32 6: FN T R9 34 Iseo Rovato borgo 12:32 12: FN T R22 30 M n cadorna Laveno 7:36 9: FN T R22 30 M n cadorna Laveno 13:36 15: FN T R22 30 Laveno M n cadorna 7:37 9: FN T R22 30 M n cadorna Laveno 16:36 18: FN T R22 30 Laveno M n cadorna 8:37 10: FN T R22 30 M n cadorna Laveno 18:36 20: FN T R22 30 Laveno M n cadorna 13:37 15: FN B R22 30 Saronno Varese nord 0:42 1: FN B R22 30 Milano cadorna Varese nord 1:13 2: FN B R22 30 Varese nord Saronno 4:53 5: FN T RE_9 30 Saronno M n cadorna 6:02 6: FN T RE_9 30 M n cadorna Varese nord 7:36 8: FN T RE_9 30 Varese nord M n cadorna 7:21 8: FN T RE_9 30 M n cadorna Varese nord 8:36 9: FN T RE_9 30 Varese nord M n cadorna 8:21 9: FN T RE_9 30 Varese nord M n cadorna 9:21 10: FN T RE_9 30 Varese nord M n cadorna 11:21 12: FN T RE_9 30 M n cadorna Varese nord 12:36 13: FN T RE_9 30 M n cadorna Varese nord 13:36 14: FN T RE_9 30 Varese nord M n cadorna 14:21 15: FN T RE_9 30 M n cadorna Varese nord 16:36 17: FN T RE_9 30 Varese nord M n cadorna 16:21 17: FN T RE_9 30 M n cadorna Varese nord 17:36 18: FN T RE_9 30 M n cadorna Varese nord 18:36 19: FN T RE_9 30 Varese nord M n cadorna 19:21 20: FN T RE_9 30 M n cadorna Varese nord 20:36 21: FN T RE_9 30 M n cadorna Varese nord 21:06 22: FN B R22 30 Saronno Varese nord 23:03 23: FN T RE_9 30 M n cadorna Saronno 22:36 22: RFI T R25 26 Mortara Novara 6:12 6: RFI T R25 26 Mortara Novara 7:05 7: RFI T R25 26 Mortara Alessandria 7:32 8: RFI T R25 26 Mortara Novara 7:28 7: RFI T R25 26 Alessandria Novara 6:45 7: RFI T R25 26 Mortara Novara 8:28 8: RFI T R25 26 Novara Mortara 12:08 12: RFI T R25 26 Novara Mortara 13:44 14: RFI T R25 26 Mortara Alessandria 15:32 16: RFI T R25 26 Novara Mortara 16:08 16: RFI T R25 26 Mortara Alessandria 17:32 18: RFI T R25 26 Novara Mortara 17:27 17: RFI T R25 26 Alessandria Novara 18:45 19: RFI T R25 26 Novara Mortara 18:27 18: RFI T R25 26 Novara Mortara 20:27 20: FN RFI T R28 35 Malpensa Milano centrale 5:43 6: FN RFI T R28 35 Malpensa Milano centrale 6:43 7: FN RFI T R28 35 Malpensa Milano centrale 7:43 8: FN RFI T R28 35 Malpensa Milano centrale 8:43 9: FN RFI T XP2 35 Malpensa Milano centrale 9:19 10: FN RFI T R28 35 Malpensa Milano centrale 9:43 10: FN RFI T XP2 35 Malpensa Milano centrale 10:19 11: FN RFI T R28 35 Malpensa Milano centrale 10:43 11: FN RFI T XP2 35 Malpensa Milano centrale 11:19 12: FN RFI T R28 35 Malpensa Milano centrale 11:43 12: FN RFI T R28 35 Malpensa Milano centrale 12:43 13: FN RFI T XP2 35 Malpensa Milano centrale 13:19 14: FN RFI T R28 35 Malpensa Milano centrale 13:43 14: FN RFI T XP2 35 Malpensa Milano centrale 14:19 15: FN RFI T R28 35 Malpensa Milano centrale 14:43 15: FN RFI T XP2 35 Malpensa Milano centrale 15:19 16: FN RFI T R28 35 Malpensa Milano centrale 15:43 16: FN RFI T XP2 35 Malpensa Milano centrale 16:19 17: FN RFI T R28 35 Malpensa Milano centrale 16:43 17: FN RFI T R28 35 Malpensa Milano centrale 17:43 18: FN RFI T R28 35 Malpensa Milano centrale 18:43 19: FN RFI T R28 35 Malpensa Milano centrale 19:43 20: FN RFI T R28 35 Malpensa Milano centrale 20:43 21: FN RFI T R28 35 Malpensa Milano centrale 21:43 22:35

50 50 Bollettino Ufficiale Treno Rete Treno 2 Rete 2 Tr/Bus Linea Dir. Stazione partenza Stazione arrivo Ora P Ora A FN RFI T R28 35 Malpensa Milano centrale 22:43 23: RFI T R23 03 Arona Milano porta garibaldi 6:06 7: RFI T R23 03 Milano porta garibaldi Domodossola 6:12 8: RFI T R23 03 Domodossola Milano porta garibaldi 5:58 8: RFI T R23 03 Milano porta garibaldi Arona 6:48 7: RFI T R23 03 Arona Milano porta garibaldi 7:03 8: RFI T R23 03 Milano porta garibaldi Domodossola 7:48 10: RFI T R23 03 Domodossola Milano porta garibaldi 7:20 9: RFI T R23 03 Milano porta garibaldi Arona 8:48 9: RFI T R23 03 Arona Milano porta garibaldi 9:06 10: RFI T R23 03 Milano porta garibaldi Domodossola 11:48 14: RFI T R23 03 Domodossola Milano porta garibaldi 7:58 10: RFI T R23 03 Milano porta garibaldi Arona 12:48 13: RFI T R23 03 Arona Milano porta garibaldi 10:06 11: RFI T R23 03 Milano porta garibaldi Domodossola 13:48 16: RFI T R23 03 Domodossola Milano porta garibaldi 9:58 12: RFI T R23 03 Milano porta garibaldi Arona 14:48 15: RFI T R23 03 Domodossola Milano porta garibaldi 11:58 14: RFI T R23 03 Milano porta garibaldi Domodossola 15:48 18: RFI T R23 03 Arona Milano porta garibaldi 14:06 15: RFI T R23 03 Milano porta garibaldi Arona 16:48 17: RFI T R23 03 Domodossola Milano porta garibaldi 13:58 16: RFI T R23 03 Milano porta garibaldi Domodossola 17:48 20: RFI T R23 03 Arona Milano porta garibaldi 16:06 17: RFI T R23 03 Milano porta garibaldi Arona 18:48 19: RFI T R23 03 Domodossola Milano porta garibaldi 15:58 18: RFI T R23 03 Milano porta garibaldi Domodossola 19:48 22: RFI T R23 03 Arona Milano porta garibaldi 18:06 19: RFI T R23 03 Milano porta garibaldi Arona 20:48 21: RFI T R23 03 Domodossola Milano porta garibaldi 17:58 20: RFI T R23 03 Milano porta garibaldi Arona 21:48 22: RFI T R23 03 Arona Milano porta garibaldi 20:06 21: RFI T R23 03 Milano porta garibaldi Arona 22:48 23: RFI T R23 03 Domodossola Milano porta garibaldi 19:58 22: RFI T R23 03 Arona Milano porta garibaldi 22:06 23: RFI T R23 03 Arona Milano porta garibaldi 8:52 9: RFI T R23 03 Domodossola Milano porta garibaldi 7:44 9: RFI T R23 03 Domodossola Milano porta garibaldi 9:54 12: RFI T R6 16 Cremona Milano porta garibaldi 5:02 6: RFI T R6 16 Treviglio Cremona 6:07 7: RFI T R6 16 Cremona Milano porta garibaldi 5:34 7: RFI T R6 16 Treviglio Cremona 7:07 8: RFI T R6 16 Cremona Treviglio 5:43 6: RFI T R6 16 Treviglio Cremona 8:07 9: RFI T R6 16 Cremona Milano certosa 6:06 8: RFI T R6 16 Treviglio Cremona 9:07 10: RFI T R6 16 Cremona Milano porta garibaldi 6:37 8: RFI T R6 16 Treviglio Cremona 10:07 11: RFI T R6 16 Cremona Treviglio 6:43 7: RFI T R6 16 Treviglio Cremona 11:07 12: RFI T R6 16 Cremona Treviglio 6:54 7: RFI T R6 16 Treviglio Cremona 12:07 13: RFI T R6 16 Cremona Treviglio 7:43 8: RFI T R6 16 Treviglio Cremona 13:07 14: RFI T R6 16 Cremona Treviglio 8:43 9: RFI T R6 16 Treviglio Cremona 14:07 15: RFI T R6 16 Cremona Treviglio 9:43 10: RFI T R6 16 Treviglio Cremona 15:07 16: RFI T R6 16 Cremona Treviglio 10:43 11: RFI T R6 16 Treviglio Cremona 16:07 17: RFI T R6 16 Cremona Treviglio 11:43 12: RFI T R6 16 Treviglio Cremona 17:07 18: RFI T R6 16 Cremona Treviglio 12:43 13: RFI T R6 16 Milano porta garibaldi Cremona 16:36 18: RFI T R6 16 Cremona Treviglio 13:43 14: RFI T R6 16 Treviglio Cremona 17:36 18: RFI T R6 16 Cremona Treviglio 14:43 15: RFI T R6 16 Treviglio Cremona 18:07 19: RFI T R6 16 Cremona Treviglio 15:43 16: RFI T R6 16 Milano porta garibaldi Cremona 17:36 19: RFI T R6 16 Cremona Treviglio 16:43 17: RFI T R6 16 Treviglio Cremona 18:36 19:56

51 Bollettino Ufficiale 51 Treno Rete Treno 2 Rete 2 Tr/Bus Linea Dir. Stazione partenza Stazione arrivo Ora P Ora A RFI T R6 16 Cremona Treviglio 17:43 18: RFI T R6 16 Treviglio Cremona 19:07 20: RFI T R6 16 Cremona Treviglio 18:43 19: RFI T R6 16 Milano porta garibaldi Cremona 18:36 20: RFI T R6 16 Cremona Treviglio 19:43 20: RFI T R6 16 Treviglio Cremona 20:07 21: RFI T R6 16 Treviglio Cremona 21:07 22: RFI T R31 25 Mortara Milano porta genova 5:34 6: RFI T R31 25 Milano porta genova Mortara 6:46 7: RFI T R31 25 Alessandria Milano porta genova 5:15 6: RFI T R31 25 Milano porta genova Mortara 6:42 7: RFI T R31 25 Mortara Milano porta genova 6:34 7: RFI T R31 25 Milano porta genova Mortara 7:48 8: RFI T R31 25 Alessandria Milano porta genova 6:09 7: RFI T R31 25 Milano porta genova Mortara 7:42 8: RFI T R31 25 Mortara Milano porta genova 7:22 8: RFI T R31 25 Milano porta genova Mortara 8:46 9: RFI T R31 25 Alessandria Milano porta genova 6:52 8: RFI T R31 25 Milano porta genova Mortara 8:42 9: RFI T R31 25 Mortara Milano porta genova 7:34 8: RFI T R31 25 Milano porta genova Mortara 9:42 10: RFI T R31 25 Alessandria Milano porta genova 7:28 8: RFI T R31 25 Milano porta genova Mortara 10:42 11: RFI T R31 25 Alessandria Milano porta genova 7:35 9: RFI T R31 25 Milano porta genova Mortara 11:42 12: RFI T R31 25 Mortara Milano porta genova 8:39 9: RFI T R31 25 Milano porta genova Mortara 12:42 13: RFI T R31 25 Mortara Milano porta genova 8:34 9: RFI T R31 25 Milano porta genova Mortara 13:08 14: RFI T R31 25 Mortara Milano porta genova 9:34 10: RFI T R31 25 Milano porta genova Mortara 13:42 14: RFI T R31 25 Mortara Milano porta genova 10:34 11: RFI T R31 25 Milano porta genova Mortara 14:42 15: RFI T R31 25 Mortara Milano porta genova 11:34 12: RFI T R31 25 Milano porta genova Mortara 15:42 16: RFI T R31 25 Mortara Milano porta genova 12:34 13: RFI T R31 25 Milano porta genova Mortara 16:42 17: RFI T R31 25 Mortara Milano porta genova 12:34 13: RFI T R31 25 Milano porta genova Alessandria 17:08 18: RFI T R31 25 Mortara Milano porta genova 13:34 14: RFI T R31 25 Milano porta genova Mortara 17:42 18: RFI T R31 25 Mortara Milano porta genova 14:05 14: RFI T R31 25 Milano porta genova Alessandria 17:53 19: RFI T R31 25 Mortara Milano porta genova 14:34 15: RFI T R31 25 Milano porta genova Alessandria 18:08 19: RFI T R31 25 Mortara Milano porta genova 15:34 16: RFI T R31 25 Milano porta genova Mortara 18:42 19: RFI T R31 25 Mortara Milano porta genova 16:34 17: RFI T R31 25 Milano porta genova Alessandria 19:08 20: RFI T R31 25 Mortara Milano porta genova 16:34 17: RFI T R31 25 Milano porta genova Mortara 19:42 20: RFI T R31 25 Mortara Milano porta genova 17:34 18: RFI T R31 25 Milano porta genova Alessandria 19:42 21: RFI T R31 25 Mortara Milano porta genova 17:34 18: RFI T R31 25 Milano porta genova Alessandria 20:08 21: RFI T R31 25 Mortara Milano porta genova 18:34 19: RFI T R31 25 Milano porta genova Mortara 20:42 21: RFI T R31 25 Mortara Milano porta genova 18:34 19: RFI T R31 25 Milano porta genova Alessandria 20:42 22: RFI T R31 25 Mortara Milano porta genova 19:34 20: RFI T R31 25 Milano porta genova Mortara 21:42 22: RFI T R31 25 Mortara Milano porta genova 19:34 20: RFI T R31 25 Milano porta genova Mortara 22:42 23: RFI T R31 25 Mortara Milano porta genova 20:34 21: RFI T R31 25 Mortara Milano porta genova 21:34 22: RFI T R34 23 Milano greco pirelli Stradella 6:33 7: RFI T R34 23 Milano greco pirelli Stradella 7:46 9: RFI T R34 23 Milano greco pirelli Stradella 8:46 10: RFI T R34 23 Stradella Milano greco pirelli 5:55 7: RFI T R34 23 Milano greco pirelli Stradella 11:46 13: RFI T R34 23 Stradella Milano greco pirelli 6:15 7: RFI T R34 23 Milano greco pirelli Stradella 12:46 14:05

52 52 Bollettino Ufficiale Treno Rete Treno 2 Rete 2 Tr/Bus Linea Dir. Stazione partenza Stazione arrivo Ora P Ora A RFI T R34 23 Piacenza Milano greco pirelli 6:20 8: RFI T R34 23 Milano greco pirelli Stradella 13:46 15: RFI T R34 23 Stradella Bressana bottarone 7:19 7: RFI T R34 23 Milano greco pirelli Stradella 14:46 16: RFI T R34 23 Piacenza Milano greco pirelli 7:28 9: RFI T R34 23 Milano greco pirelli Stradella 15:46 17: RFI T R34 23 Stradella Milano greco pirelli 8:55 10: RFI T R34 23 Milano greco pirelli Piacenza 16:46 18: RFI T R34 23 Stradella Milano greco pirelli 12:55 14: RFI T R34 23 Milano greco pirelli Stradella 16:46 18: RFI T R34 23 Stradella Milano greco pirelli 13:55 15: RFI T R34 23 Milano greco pirelli Piacenza 17:46 19: RFI T R34 23 Stradella Milano greco pirelli 14:55 16: RFI T R34 23 Milano greco pirelli Stradella 17:46 19: RFI T R34 23 Stradella Milano greco pirelli 15:55 17: RFI T R34 23 Pavia Stradella 18:47 19: RFI T R34 23 Stradella Milano greco pirelli 16:55 18: RFI T R34 23 Milano greco pirelli Stradella 18:46 20: RFI T R34 23 Stradella Milano greco pirelli 17:55 19: RFI T R34 23 Milano greco pirelli Piacenza 18:46 20: RFI T R34 23 Stradella Milano greco pirelli 18:55 20: RFI T R34 23 Milano greco pirelli Stradella 19:46 21: RFI T R34 23 Stradella Milano greco pirelli 19:55 21: RFI T R34 23 Milano greco pirelli Stradella 20:46 22: RFI T S6 01 Milano porta garibaldi Novara 6:17 7: FN B R16 33 Seveso Mariano comense 0:04 0: RFI T S6 01 Novara Milano porta garibaldi 5:18 6: RFI T S6 01 Milano porta garibaldi Novara 6:44 7: RFI T S6 01 Novara Treviglio 5:48 7: RFI T S6 01 Pioltello limito Novara 6:55 8: FN B R16 33 Milano cadorna Mariano comense 0:53 2: RFI T S6 01 Treviglio Novara 6:55 8: FN B R16 33 Milano cadorna Mariano comense 1:23 2: RFI T S6 01 Novara Treviglio 6:18 8: RFI T S6 01 Treviglio Novara 7:25 9: RFI T S6 01 Novara Treviglio 6:48 8: FN B R16 33 Meda Seveso 6:19 6: RFI T S6 01 Treviglio Novara 7:55 9: RFI T S6 01 Novara Treviglio 7:18 9: RFI T S6 01 Treviglio Novara 8:25 10: RFI T S6 01 Novara Pioltello limito 7:48 9: RFI T S6 01 Novara Pioltello limito 8:18 9: RFI T S6 01 Treviglio Novara 8:55 10: RFI T S6 01 Novara Pioltello limito 8:48 10: RFI T S6 01 Novara Pioltello limito 9:18 10: RFI T S6 01 Pioltello limito Novara 9:55 11: RFI T S6 01 Novara Pioltello limito 9:48 11: RFI T S6 01 Pioltello limito Novara 10:25 11: RFI T S6 01 Novara Pioltello limito 10:18 11: RFI T S6 01 Pioltello limito Novara 10:55 12: RFI T S6 01 Novara Pioltello limito 10:48 12: RFI T S6 01 Pioltello limito Novara 11:25 12: RFI T S6 01 Novara Pioltello limito 11:18 12: RFI T S6 01 Pioltello limito Novara 11:55 13: RFI T S6 01 Novara Pioltello limito 11:48 13: RFI T S6 01 Pioltello limito Novara 12:25 13: RFI T S6 01 Novara Pioltello limito 12:18 13: RFI T S6 01 Pioltello limito Novara 12:55 14: RFI T S6 01 Novara Pioltello limito 12:48 14: RFI T S6 01 Pioltello limito Novara 13:25 14: RFI T S6 01 Novara Pioltello limito 13:18 14: RFI T S6 01 Pioltello limito Novara 13:55 15: RFI T S6 01 Novara Pioltello limito 13:48 15: RFI T S6 01 Pioltello limito Novara 14:25 15: RFI T S6 01 Novara Pioltello limito 14:18 15: RFI T S6 01 Pioltello limito Novara 14:55 16: RFI T S6 01 Novara Pioltello limito 14:48 16: RFI T S6 01 Pioltello limito Novara 15:25 16: RFI T S6 01 Novara Pioltello limito 15:18 16: RFI T S6 01 Pioltello limito Novara 15:55 17: RFI T S6 01 Novara Pioltello limito 15:48 17: RFI T S6 01 Pioltello limito Novara 16:25 17:42

53 Bollettino Ufficiale 53 Treno Rete Treno 2 Rete 2 Tr/Bus Linea Dir. Stazione partenza Stazione arrivo Ora P Ora A RFI T S6 01 Novara Treviglio 16:18 18: RFI T S6 01 Pioltello limito Novara 16:55 18: RFI T S6 01 Pioltello limito Novara 17:25 18: RFI T S6 01 Novara Treviglio 16:48 18: RFI T S6 01 Pioltello limito Novara 17:55 19: FN B R16 33 Mariano comense Seveso 16:48 16: RFI T S6 01 Treviglio Novara 17:55 19: RFI T S6 01 Novara Treviglio 17:18 19: RFI T S6 01 Treviglio Novara 18:25 20: RFI T S6 01 Novara Treviglio 17:48 19: FN B R16 33 Mariano comense Seveso 17:48 17: RFI T S6 01 Treviglio Novara 18:55 20: RFI T S6 01 Novara Treviglio 18:18 20: FN B R16 33 Mariano comense Seveso 18:48 18: RFI T S6 01 Treviglio Novara 19:25 21: RFI T S6 01 Novara Treviglio 18:48 20: RFI T S6 01 Treviglio Novara 19:55 21: RFI T S6 01 Novara Treviglio 19:18 21: FN B R16 33 Mariano comense Seveso 19:48 19: RFI T S6 01 Treviglio Novara 20:25 22: RFI T S6 01 Novara Pioltello limito 19:48 21: RFI T S6 01 Novara Pioltello limito 20:18 21: RFI T S6 01 Pioltello limito Novara 21:25 22: FN T R17 33 M n cadorna Mariano comense 21:08 21: RFI T S6 01 Novara Pioltello limito 20:48 22: FN B R16 33 Mariano comense Seveso 21:48 21: RFI T S6 01 Pioltello limito Novara 21:55 23: RFI T S6 01 Novara Pioltello limito 21:18 22: FN B R16 33 Mariano comense Seveso 22:18 22: RFI T S6 01 Pioltello limito Novara 22:25 23: RFI T S6 01 Novara Pioltello limito 21:48 23: RFI T S6 01 Pioltello limito Novara 22:55 0: FN B R16 33 Seveso Mariano comense 23:04 23: RFI T S6 01 Novara Pioltello limito 22:18 23: RFI T S6 01 Pioltello limito Novara 23:25 0: RFI T S6 01 Novara Pioltello limito 22:48 0: RFI T S6 01 Pioltello limito Novara 23:55 1: RFI T S6 01 Novara Milano porta garibaldi 23:18 0: RFI T S6 01 Treviglio Milano certosa 8:25 9: RFI T S6 01 Treviglio Rho 8:55 10: RFI T S6 01 Pioltello limito Milano certosa 10:25 10: RFI T S6 01 Rho Pioltello limito 10:54 11: RFI T S6 01 Novara Pioltello limito 10:40 12: RFI T S6 01 Milano certosa Pioltello limito 12:03 12: RFI T S6 01 Milano certosa Pioltello limito 12:33 13: RFI T R14 12 Bergamo Milano porta garibaldi 4:56 5: RFI T R14 12 Milano porta garibaldi Bergamo 5:31 6: RFI T R14 12 Bergamo Milano porta garibaldi 5:53 6: RFI T R14 12 Milano porta garibaldi Bergamo 6:31 7: RFI T R14 12 Bergamo Milano porta garibaldi 6:23 7: RFI T R14 12 Milano porta garibaldi Bergamo 7:01 8: RFI T R14 12 Bergamo Milano porta garibaldi 6:39 7: RFI T R14 12 Milano porta garibaldi Bergamo 7:31 8: RFI T R14 12 Bergamo Milano porta garibaldi 6:53 7: RFI T R14 12 Milano porta garibaldi Bergamo 8:01 9: RFI T R14 12 Bergamo Milano porta garibaldi 7:23 8: RFI T R14 12 Milano porta garibaldi Bergamo 8:31 9: RFI T R14 12 Bergamo Milano porta garibaldi 7:53 8: RFI T R14 12 Milano porta garibaldi Bergamo 9:31 10: RFI T R14 12 Bergamo Milano porta garibaldi 8:23 9: RFI T R14 12 Milano porta garibaldi Bergamo 10:31 11: RFI T R14 12 Bergamo Milano porta garibaldi 8:53 9: RFI T R14 12 Milano porta garibaldi Bergamo 11:31 12: RFI T R14 12 Bergamo Milano porta garibaldi 9:23 10: RFI T R14 12 Milano porta garibaldi Bergamo 12:31 13: RFI T R14 12 Bergamo Milano porta garibaldi 10:23 11: RFI T R14 12 Milano porta garibaldi Bergamo 13:31 14: RFI T R14 12 Bergamo Milano porta garibaldi 11:23 12: RFI T R14 12 Milano porta garibaldi Bergamo 14:31 15: RFI T R14 12 Bergamo Milano porta garibaldi 12:23 13: RFI T R14 12 Milano porta garibaldi Bergamo 15:31 16: RFI T R14 12 Milano porta garibaldi Bergamo 16:01 17:03

54 54 Bollettino Ufficiale Treno Rete Treno 2 Rete 2 Tr/Bus Linea Dir. Stazione partenza Stazione arrivo Ora P Ora A RFI T R14 12 Bergamo Milano porta garibaldi 13:23 14: RFI T R14 12 Milano porta garibaldi Bergamo 16:31 17: RFI T R14 12 Bergamo Milano porta garibaldi 13:53 14: RFI T R14 12 Milano porta garibaldi Bergamo 17:01 18: RFI T R14 12 Bergamo Milano porta garibaldi 14:23 15: RFI T R14 12 Milano porta garibaldi Bergamo 17:31 18: RFI T R14 12 Bergamo Milano porta garibaldi 15:23 16: RFI T R14 12 Milano porta garibaldi Bergamo 18:01 19: RFI T R14 12 Bergamo Milano porta garibaldi 16:23 17: RFI T R14 12 Milano porta garibaldi Bergamo 18:31 19: RFI T R14 12 Bergamo Milano porta garibaldi 17:23 18: RFI T R14 12 Milano porta garibaldi Bergamo 19:01 20: RFI T R14 12 Bergamo Milano porta garibaldi 18:23 19: RFI T R14 12 Milano porta garibaldi Bergamo 19:31 20: RFI T R14 12 Bergamo Milano porta garibaldi 19:23 20: RFI T R14 12 Carnate usmate Bergamo 20:31 21: RFI T R14 12 Bergamo Milano porta garibaldi 20:23 21: RFI T R14 12 Milano porta garibaldi Bergamo 20:31 21: RFI T R14 12 Bergamo Milano porta garibaldi 21:23 22: RFI T R14 12 Milano porta garibaldi Bergamo 21:31 22: RFI T R14 12 Bergamo Milano porta garibaldi 22:23 23: RFI T R14 12 Milano porta garibaldi Bergamo 22:31 23: RFI T RE_2 15 Bergamo Milano porta garibaldi 6:32 7: RFI T RE_2 15 Milano porta garibaldi Bergamo 6:27 7: RFI T RE_2 15 Bergamo Milano porta garibaldi 7:16 8: RFI T RE_2 15 Milano porta garibaldi Bergamo 7:27 8: RFI T RE_2 15 Bergamo Milano greco pirelli 7:32 8: RFI T RE_2 15 Milano porta garibaldi Bergamo 8:27 9: RFI T RE_2 15 Bergamo Milano lambrate 8:32 9: RFI T RE_2 15 Milano porta garibaldi Bergamo 16:27 17: RFI T RE_2 15 Bergamo Milano porta garibaldi 16:32 17: RFI T RE_2 15 Milano porta garibaldi Bergamo 17:27 18: RFI T RE_2 15 Bergamo Milano porta garibaldi 17:32 18: FN RFI T S1 36 Saronno Lodi 6:08 7: RFI T RE_2 15 Milano porta garibaldi Bergamo 18:27 19: RFI T RE_2 15 Bergamo Milano porta garibaldi 18:32 19: FN RFI T S1 36 Saronno Lodi 6:38 8: RFI T RE_2 15 Milano porta garibaldi Bergamo 19:27 20: FN RFI T S1 36 Saronno Lodi 7:08 8: FN RFI T S1 36 Saronno Lodi 7:38 9: RFI T S8 39 Milano porta garibaldi Lecco 5:22 6: RFI T S8 39 Lecco Milano porta garibaldi 5:15 6: FN RFI T S1 36 Saronno Lodi 8:08 9: RFI T S8 39 Milano porta garibaldi Lecco 6:22 7: RFI T S8 39 Lecco Milano porta garibaldi 6:07 7: FN RFI T S1 36 Saronno Lodi 8:38 10: RFI T S8 39 Milano porta garibaldi Lecco 6:52 7: RFI T S8 39 Lecco Milano porta garibaldi 6:37 7: FN RFI T S1 36 Saronno Lodi 9:08 10: RFI T S8 39 Milano porta garibaldi Lecco 7:22 8: RFI T S8 39 Lecco Milano porta garibaldi 7:07 8: FN RFI T S1 36 Saronno Milano rogoredo 9:38 10: FN RFI T S1 36 Saronno Lodi 9:38 11: RFI T S8 39 Milano porta garibaldi Lecco 7:52 8: RFI T S8 39 Lecco Milano porta garibaldi 7:37 8: FN RFI T S1 36 Saronno Lodi 10:08 11: RFI T S8 39 Lecco Milano porta garibaldi 8:07 9: FN RFI T S1 36 Saronno Milano rogoredo 10:38 11: FN RFI T S1 36 Saronno Lodi 10:38 12: RFI T S8 39 Milano porta garibaldi Lecco 8:52 9: FN RFI T S1 36 Saronno Lodi 11:08 12: RFI T S8 39 Lecco Milano porta garibaldi 9:07 10: FN RFI T S1 36 Saronno Lodi 11:38 13: RFI T S8 39 Milano porta garibaldi Lecco 9:52 10: FN RFI T S1 36 Saronno Lodi 12:08 13: RFI T S8 39 Lecco Milano porta garibaldi 10:07 11: FN RFI T S1 36 Saronno Lodi 12:38 14: RFI T S8 39 Milano porta garibaldi Lecco 10:52 11: FN RFI T S1 36 Saronno Lodi 13:08 14: RFI T S8 39 Lecco Milano porta garibaldi 11:07 12: FN RFI T S1 36 Saronno Lodi 13:38 15: RFI T S8 39 Milano porta garibaldi Lecco 11:52 12:53

55 Bollettino Ufficiale 55 Treno Rete Treno 2 Rete 2 Tr/Bus Linea Dir. Stazione partenza Stazione arrivo Ora P Ora A FN RFI T S1 36 Saronno Lodi 14:08 15: RFI T S8 39 Milano porta garibaldi Lecco 12:22 13: RFI T S8 39 Lecco Milano porta garibaldi 12:07 13: FN RFI T S1 36 Saronno Lodi 14:38 16: RFI T S8 39 Milano porta garibaldi Lecco 12:52 13: FN RFI T S1 36 Saronno Lodi 15:08 16: RFI T S8 39 Milano porta garibaldi Lecco 13:22 14: RFI T S8 39 Lecco Milano porta garibaldi 13:07 14: FN RFI T S1 36 Saronno Lodi 15:38 17: RFI T S8 39 Milano porta garibaldi Lecco 13:52 14: RFI T S8 39 Lecco Milano porta garibaldi 13:37 14: FN RFI T S1 36 Saronno Lodi 16:08 17: RFI T S8 39 Milano porta garibaldi Lecco 14:22 15: RFI T S8 39 Lecco Milano porta garibaldi 14:07 15: FN RFI T S1 36 Saronno Lodi 16:38 18: RFI T S8 39 Milano porta garibaldi Lecco 14:52 15: RFI T S8 39 Lecco Milano porta garibaldi 14:37 15: FN RFI T S1 36 Saronno Lodi 17:08 18: RFI T S8 39 Milano porta garibaldi Lecco 15:22 16: RFI T S8 39 Lecco Milano porta garibaldi 15:07 16: FN RFI T S1 36 Saronno Lodi 17:38 19: RFI T S8 39 Milano porta garibaldi Lecco 15:52 16: RFI T S8 39 Lecco Milano porta garibaldi 15:37 16: RFI T S8 39 Milano porta garibaldi Lecco 16:22 17: RFI T S8 39 Lecco Milano porta garibaldi 16:07 17: FN RFI T S1 36 Saronno Lodi 18:08 19: RFI T S8 39 Milano porta garibaldi Lecco 16:52 17: RFI T S8 39 Lecco Milano porta garibaldi 16:37 17: FN RFI T S1 36 Saronno Lodi 18:38 20: RFI T S8 39 Milano porta garibaldi Lecco 17:22 18: RFI T S8 39 Lecco Milano porta garibaldi 17:07 18: RFI T S8 39 Milano porta garibaldi Lecco 17:52 18: RFI T S8 39 Lecco Milano porta garibaldi 17:37 18: FN RFI T S1 36 Saronno Lodi 19:08 20: RFI T S8 39 Milano porta garibaldi Lecco 18:22 19: RFI T S8 39 Lecco Milano porta garibaldi 18:07 19: FN RFI T S1 36 Saronno Lodi 19:38 21: RFI T S8 39 Milano porta garibaldi Lecco 18:52 19: RFI T S8 39 Lecco Milano porta garibaldi 18:37 19: RFI T S8 39 Milano porta garibaldi Lecco 19:22 20: RFI T S8 39 Lecco Milano porta garibaldi 19:07 20: FN RFI T S1 36 Saronno Lodi 20:08 21: RFI T S8 39 Milano porta garibaldi Lecco 19:52 20: RFI T S8 39 Lecco Milano porta garibaldi 19:37 20: FN RFI T S1 36 Saronno Lodi 20:38 22: RFI T S8 39 Milano porta garibaldi Lecco 20:22 21: RFI T S8 39 Lecco Milano porta garibaldi 20:07 21: FN RFI T S1 36 Saronno Lodi 21:08 22: RFI T S8 39 Milano porta garibaldi Lecco 20:52 21: RFI T S8 39 Lecco Milano porta garibaldi 20:37 21: RFI T S8 39 Milano porta garibaldi Lecco 21:22 22: RFI T S8 39 Lecco Milano porta garibaldi 21:07 22: RFI T S8 39 Milano porta garibaldi Lecco 21:52 22: RFI T S8 39 Lecco Milano porta garibaldi 21:37 22: RFI T S8 39 Lecco Milano porta garibaldi 22:07 23: RFI T S8 39 Milano centrale Lecco 22:52 23: RFI T S8 39 Milano centrale Lecco 23:52 0: RFI T S8 39 Milano porta garibaldi Carnate usmate 7:01 7: RFI T S8 39 Carnate usmate Milano porta garibaldi 7:56 8: RFI T R4 17 Brescia Sesto s.giovanni 4:32 6: RFI T R4 17 Milano greco pirelli Brescia 5:52 7: RFI T R4 17 Brescia Treviglio 5:44 6: RFI T R4 17 Sesto s.giovanni Brescia 6:46 8: RFI T R4 17 Brescia Sesto s.giovanni 6:06 7: RFI T R4 17 Sesto s.giovanni Brescia 7:46 9: RFI T R4 17 Brescia Sesto s.giovanni 6:40 8: RFI T R4 17 Milano centrale Brescia 8:50 10: RFI T R4 17 Brescia Milano greco pirelli 7:06 8: RFI T R4 17 Milano greco pirelli Brescia 11:52 13: RFI T R4 17 Brescia Sesto s.giovanni 7:44 9: RFI T R4 17 Sesto s.giovanni Brescia 13:46 15: RFI T R4 17 Brescia Milano greco pirelli 8:44 10:08

56 56 Bollettino Ufficiale Treno Rete Treno 2 Rete 2 Tr/Bus Linea Dir. Stazione partenza Stazione arrivo Ora P Ora A RFI T R4 17 Sesto s.giovanni Brescia 15:46 17: RFI T R4 17 Brescia Milano centrale 12:44 14: RFI T R4 17 Sesto s.giovanni Brescia 16:46 18: RFI T R4 17 Brescia Sesto s.giovanni 13:44 15: RFI T R4 17 Milano lambrate Brescia 17:43 18: RFI T R4 17 Brescia Sesto s.giovanni 14:44 16: RFI T R4 17 Sesto s.giovanni Brescia 17:46 19: RFI T R4 17 Brescia Sesto s.giovanni 15:44 17: RFI T R4 17 Milano greco pirelli Brescia 18:34 19: RFI T R4 17 Brescia Sesto s.giovanni 16:44 18: RFI T R4 17 Sesto s.giovanni Brescia 18:46 20: RFI T R4 17 Brescia Sesto s.giovanni 17:44 19: RFI T R4 17 Sesto s.giovanni Brescia 19:46 21: RFI T R4 17 Brescia Milano greco pirelli 18:44 20: RFI T R4 17 Milano greco pirelli Brescia 20:52 22: RFI T R4 17 Brescia Milano greco pirelli 19:44 21: RFI T R4 17 Milano greco pirelli Brescia 21:52 23: RFI T R4 17 Brescia Milano centrale 21:44 23: FN T RE_9 30 Varese nord M n cadorna 5:51 6: FN T RE_9 30 M n cadorna Varese nord 13:06 14: FN T RE_9 30 Varese nord M n cadorna 12:51 13: FN T RE_9 30 Varese nord M n cadorna 14:51 15: FN T RE_9 30 M n cadorna Varese nord 18:06 19: FN T RE_9 30 Varese nord M n cadorna 19:51 20: FN T RE_9 30 M n cadorna Varese nord 20:06 21: FN T RE_9 30 Varese nord M n cadorna 6:51 7: FN T RE_9 30 M n cadorna Varese nord 8:06 9: FN T RE_9 30 Varese nord M n cadorna 7:51 8: FN T RE_9 30 M n cadorna Varese nord 14:06 15: FN T RE_9 30 M n cadorna Varese nord 14:36 15: FN T RE_9 30 Varese nord M n cadorna 16:51 17: FN T RE_9 30 M n cadorna Varese nord 17:06 18: FN T RE_9 30 Varese nord M n cadorna 17:51 18: FN T RE_9 30 M n cadorna Varese nord 19:06 20: FN T RE_9 30 M n cadorna Varese nord 19:36 20: FN B S4 37 Mariano comense Seveso 5:10 5: FN T R17 33 Mariano comense M n cadorna 5:45 6: FN B S4 37 Mariano comense Milano affori 23:18 0: FN RFI T S13 22 Garbagnate m.se Pavia 7:38 8: FN RFI T S13 22 Garbagnate m.se Pavia 8:08 9: FN T S4 37 Palazzolo m.se M n cadorna 7:37 8: FN T RE_9 30 Varese nord M n cadorna 6:21 7: FN T RE_9 30 M n cadorna Varese nord 7:06 8: FN B R16 33 Seveso Mariano comense 0:04 0: FN B S4 37 Seveso Mariano comense 17:04 17: FN B S4 37 Seveso Mariano comense 18:04 18: FN B S4 37 Seveso Mariano comense 19:04 19: FN B S4 37 Seveso Mariano comense 20:04 20: FN B S4 37 Mariano comense Seveso 23:18 23: FN T S4 37 M n cadorna M.n. Affori 0:23 0: FN T S4 37 M.n. Affori M n cadorna 0:20 0: RFI FN T S2 37 Milano rogoredo Seveso 6:23 7: RFI T S2 37 Mi bovisa fnm Milano rogoredo 5:40 6: RFI FN T S2 37 Milano rogoredo Seveso 6:53 7: RFI T S2 37 Mi bovisa fnm Milano rogoredo 6:10 6: RFI FN T S2 37 Milano rogoredo Seveso 7:53 8: RFI FN T S2 37 Milano rogoredo Seveso 8:23 9: RFI FN T S2 37 Milano rogoredo Seveso 8:53 9: RFI FN T S2 37 Milano rogoredo Seveso 9:23 10: RFI T S2 37 Milano rogoredo Mi bovisa fnm 9:53 10: RFI T S2 37 Milano rogoredo Mi bovisa fnm 10:23 10: RFI T S2 37 Milano rogoredo Mi bovisa fnm 10:53 11: RFI FN T S2 37 Milano rogoredo Seveso 11:23 12: RFI FN T S2 37 Milano rogoredo Seveso 11:53 12: RFI FN T S2 37 Milano rogoredo Seveso 12:23 13: RFI T S2 37 Mi bovisa fnm Milano rogoredo 11:40 12: RFI FN T S2 37 Milano rogoredo Seveso 12:53 13: RFI T S2 37 Mi bovisa fnm Milano rogoredo 12:10 12: RFI FN T S2 37 Milano rogoredo Seveso 13:23 14: RFI T S2 37 Mi bovisa fnm Milano rogoredo 12:40 13: RFI FN T S2 37 Milano rogoredo Seveso 13:53 14: RFI FN T S2 37 Milano rogoredo Seveso 14:23 15:20

57 Bollettino Ufficiale 57 Treno Rete Treno 2 Rete 2 Tr/Bus Linea Dir. Stazione partenza Stazione arrivo Ora P Ora A RFI T S1 36 Lodi Mi bovisa fnm 9:23 10: RFI FN T S2 37 Milano rogoredo Seveso 14:53 15: RFI FN T S2 37 Milano rogoredo Seveso 15:23 16: RFI FN T S2 37 Milano rogoredo Seveso 15:53 16: RFI FN T S2 37 Milano rogoredo Seveso 16:23 17: RFI FN T S2 37 Milano rogoredo Seveso 16:53 17: RFI FN T S2 37 Milano rogoredo Seveso 17:23 18: RFI FN T S2 37 Milano rogoredo Seveso 17:53 18: RFI FN T S2 37 Milano rogoredo Seveso 18:23 19: RFI FN T S2 37 Milano rogoredo Seveso 18:53 19: RFI FN T S2 37 Milano rogoredo Seveso 19:23 20: RFI FN T S2 37 Milano rogoredo Seveso 19:53 20: RFI FN T S2 37 Milano rogoredo Seveso 20:23 21: RFI FN T S2 37 Milano rogoredo Seveso 20:53 21: RFI T S2 37 Milano rogoredo Mi bovisa fnm 21:23 21: RFI T S2 37 Milano rogoredo Mi bovisa fnm 21:53 22: RFI T S2 37 Milano rogoredo Mi bovisa fnm 22:23 22: RFI T R21 05 Gallarate Luino 6:08 7: RFI T R21 05 Luino Gallarate 5:00 5: RFI T R21 05 Gallarate Luino 7:19 8: RFI T R21 05 Luino Milano porta garibaldi 5:34 6: RFI T R21 05 Milano porta garibaldi Laveno mombello 8:06 9: RFI T R21 05 Luino Milano porta garibaldi 6:04 7: RFI T R21 05 Gallarate Luino 10:19 11: RFI T R21 05 Luino Milano porta garibaldi 6:20 7: RFI T R21 05 Luino Milano porta garibaldi 7:20 8: RFI T R21 05 Gallarate Luino 13:19 14: RFI T R21 05 Luino Gallarate 7:44 8: RFI T R21 05 Gallarate Luino 15:19 16: RFI T R21 05 Luino Gallarate 10:44 11: RFI T R21 05 Gallarate Luino 17:19 18: RFI FN T R21 05 Laveno mombello Malpensa 13:00 14: RFI T R21 05 Milano porta garibaldi Luino 18:06 19: RFI T R21 05 Luino Gallarate 13:44 14: RFI T R21 05 Gallarate Luino 19:19 20: RFI T R21 05 Luino Gallarate 15:44 16: RFI T R21 05 Milano porta garibaldi Luino 19:06 20: RFI T R21 05 Luino Gallarate 17:44 18: RFI T R21 05 Gallarate Luino 21:19 22: RFI T R21 05 Luino Gallarate 19:44 20: RFI T R21 05 Milano porta garibaldi Luino 22:36 23: RFI T R21 05 Luino Milano porta garibaldi 20:45 22: RFI T R21 05 Luino Gallarate 21:44 22: RFI T R8 18 Piadena Parma 5:28 6: RFI T R8 18 Parma Brescia 5:22 7: RFI T R8 18 Brescia Parma 5:54 7: RFI T R8 18 Parma Brescia 5:47 7: RFI T R8 18 Brescia Parma 6:54 8: RFI T R8 18 Mantova Parma 7:48 9: RFI T R8 18 Parma Brescia 6:22 8: RFI T R8 18 Brescia Parma 7:54 9: RFI T R8 18 Parma Brescia 8:22 10: RFI T R8 18 Brescia Parma 8:54 10: RFI T R8 18 Parma Brescia 10:22 12: RFI T R8 18 Brescia Parma 10:54 12: RFI T R8 18 Parma Brescia 12:22 14: RFI T R8 18 Piadena Parma 13:01 13: RFI T R8 18 Parma Brescia 13:22 15: RFI T R8 18 Brescia Parma 12:54 14: RFI T R8 18 Parma Brescia 14:22 16: RFI T R8 18 Brescia Parma 13:54 15: RFI T R8 18 Parma Brescia 16:22 18: RFI T R8 18 Brescia Parma 14:54 16: RFI T R8 18 Parma Mantova 17:04 18: RFI T R8 18 Parma Brescia 17:52 19: RFI T R8 18 Brescia Parma 16:54 18: RFI T R8 18 Parma Brescia 18:22 20: RFI T R8 18 Brescia Parma 17:54 19: RFI T R8 18 Parma Brescia 19:22 21: RFI T R8 18 Brescia Parma 18:54 20: RFI T R8 18 Parma Brescia 20:22 22: RFI T R8 18 Brescia Parma 20:54 22:44

58 58 Bollettino Ufficiale Treno Rete Treno 2 Rete 2 Tr/Bus Linea Dir. Stazione partenza Stazione arrivo Ora P Ora A RFI T R41 29 Voghera Piacenza 6:10 7: RFI T R41 29 Voghera Piacenza 8:27 9: RFI T R41 29 Voghera Piacenza 9:53 10: RFI T R41 29 Piacenza Voghera 6:03 7: RFI T R41 29 Voghera Piacenza 14:27 15: RFI T R41 29 Piacenza Voghera 12:35 13: RFI T R41 29 Piacenza Voghera 13:35 14: RFI T R41 29 Voghera Piacenza 16:27 17: RFI T R41 29 Piacenza Voghera 15:35 16: RFI T R41 29 Voghera Piacenza 17:27 18: RFI T R41 29 Voghera Stradella 17:45 18: RFI T R41 29 Piacenza Voghera 17:35 18: RFI T R41 29 Voghera Piacenza 19:27 20: RFI T R41 29 Piacenza Voghera 18:35 19: RFI T R41 29 Piacenza Voghera 20:35 21: RFI T RE_11 20 Milano porta garibaldi Cremona 22:00 23: RFI T R38 21 Piacenza Milano greco pirelli 5:09 6: RFI T R38 21 Milano greco pirelli Parma 5:40 7: RFI T R38 21 Piacenza Milano certosa 5:39 7: RFI T R38 21 Milano greco pirelli Piacenza 7:10 8: RFI T R38 21 Piacenza Milano greco pirelli 6:09 7: RFI T R38 21 Milano greco pirelli Piacenza 7:40 8: RFI T R38 21 Piacenza Milano greco pirelli 6:39 7: RFI T R38 21 Milano greco pirelli Piacenza 8:40 9: RFI T R38 21 Piacenza Milano certosa 6:53 7: RFI T R38 21 Milano greco pirelli Piacenza 11:40 12: RFI T R38 21 Piacenza Milano greco pirelli 7:09 8: RFI T R38 21 Milano greco pirelli Piacenza 12:40 13: RFI T R38 21 Codogno Milano greco pirelli 7:44 8: RFI T R38 21 Milano greco pirelli Piacenza 13:40 14: RFI T R38 21 Piacenza Milano greco pirelli 8:09 9: RFI T R38 21 Milano greco pirelli Piacenza 14:40 15: RFI T R38 21 Parma Milano greco pirelli 8:10 9: RFI T R38 21 Milano greco pirelli Piacenza 15:40 16: RFI T R38 21 Piacenza Milano greco pirelli 9:09 10: RFI T R38 21 Milano greco pirelli Piacenza 16:40 17: RFI T R38 21 Piacenza Milano greco pirelli 12:09 13: RFI T R38 21 Milano greco pirelli Piacenza 17:10 18: RFI T R38 21 Piacenza Milano greco pirelli 13:09 14: RFI T R38 21 Milano greco pirelli Piacenza 17:40 18: RFI T R38 21 Piacenza Milano greco pirelli 14:09 15: RFI T R38 21 Milano porta garibaldi Piacenza 17:44 19: RFI T R38 21 Piacenza Milano greco pirelli 15:09 16: RFI T R38 21 Milano greco pirelli Piacenza 18:10 19: RFI T R38 21 Piacenza Milano greco pirelli 16:09 17: RFI T R38 21 Milano greco pirelli Piacenza 18:40 19: RFI T R38 21 Piacenza Milano greco pirelli 17:09 18: RFI T R38 21 Milano greco pirelli Piacenza 19:10 20: RFI T R38 21 Piacenza Milano greco pirelli 18:09 19: RFI T R38 21 Milano greco pirelli Piacenza 19:40 20: RFI T R38 21 Piacenza Milano greco pirelli 19:09 20: RFI T R38 21 Milano greco pirelli Piacenza 20:10 21: RFI T R38 21 Piacenza Milano greco pirelli 21:09 22: RFI T R38 21 Milano greco pirelli Piacenza 21:10 22: RFI T R38 21 Piacenza Milano greco pirelli 22:09 23: RFI T R38 21 Milano greco pirelli Piacenza 23:10 0: FN RFI T S2 37 Seveso Milano rogoredo 6:41 7: FN RFI T S2 37 Seveso Milano rogoredo 7:11 8: FN T S2 37 Mi bovisa fnm Seveso 7:52 8: FN RFI T S2 37 Seveso Milano rogoredo 7:41 8: FN RFI T S2 37 Seveso Milano rogoredo 8:11 9: FN RFI T S2 37 Seveso Milano rogoredo 8:41 9: FN RFI T S2 37 Seveso Milano rogoredo 9:11 10: FN RFI T S2 37 Seveso Milano rogoredo 9:41 10: FN RFI T S2 37 Seveso Milano rogoredo 10:11 11: FN RFI T S2 37 Seveso Milano rogoredo 10:41 11: FN RFI T S2 37 Seveso Milano rogoredo 12:41 13: FN RFI T S2 37 Seveso Milano rogoredo 13:11 14: FN RFI T S2 37 Seveso Milano rogoredo 13:41 14: FN RFI T S2 37 Seveso Milano rogoredo 14:11 15: FN RFI T S2 37 Seveso Milano rogoredo 14:41 15: FN RFI T S2 37 Seveso Milano rogoredo 15:11 16:07

59 Bollettino Ufficiale 59 Treno Rete Treno 2 Rete 2 Tr/Bus Linea Dir. Stazione partenza Stazione arrivo Ora P Ora A FN RFI T S2 37 Seveso Milano rogoredo 15:41 16: FN RFI T S2 37 Seveso Milano rogoredo 16:11 17: FN RFI T S2 37 Seveso Milano rogoredo 16:41 17: FN RFI T S2 37 Seveso Milano rogoredo 17:11 18: FN RFI T S2 37 Seveso Milano rogoredo 17:41 18: FN RFI T S2 37 Seveso Milano rogoredo 18:11 19: FN RFI T S2 37 Seveso Milano rogoredo 18:41 19: FN RFI T S2 37 Seveso Milano rogoredo 19:11 20: FN RFI T S2 37 Seveso Milano rogoredo 19:41 20: FN RFI T S2 37 Seveso Milano rogoredo 20:11 21: FN RFI T S2 37 Seveso Milano rogoredo 20:41 21: FN RFI T S2 37 Seveso Milano rogoredo 21:11 22: RFI T S13 22 Pavia Mi bovisa fnm 5:39 6: RFI T S13 22 Mi bovisa fnm Pavia 5:25 6: RFI T S13 22 Pavia Mi bovisa fnm 6:09 7: RFI T S13 22 Mi bovisa fnm Pavia 5:55 6: RFI T S13 22 Pavia Mi bovisa fnm 6:39 7: RFI T S13 22 Mi bovisa fnm Pavia 6:25 7: RFI T S13 22 Pavia Mi bovisa fnm 7:09 8: RFI T S13 22 Mi bovisa fnm Pavia 6:55 7: RFI T S13 22 Pavia Mi bovisa fnm 7:39 8: RFI T S13 22 Mi bovisa fnm Pavia 7:25 8: RFI T S13 22 Pavia Mi bovisa fnm 8:09 9: RFI T S13 22 Mi bovisa fnm Pavia 7:55 8: RFI T S13 22 Pavia Mi bovisa fnm 8:39 9: RFI T S13 22 Mi bovisa fnm Pavia 8:25 9: RFI T S13 22 Pavia Mi bovisa fnm 9:09 10: RFI T S13 22 Mi bovisa fnm Pavia 8:55 9: RFI T S13 22 Pavia Mi bovisa fnm 9:39 10: RFI T S13 22 Mi bovisa fnm Pavia 9:25 10: RFI T S13 22 Pavia Mi bovisa fnm 10:09 11: RFI T S13 22 Mi bovisa fnm Milano rogoredo 9:55 10: RFI T S13 22 Milano rogoredo Mi bovisa fnm 10:38 11: RFI T S13 22 Mi bovisa fnm Pavia 9:55 10: RFI T S13 22 Pavia Mi bovisa fnm 10:39 11: RFI T S13 22 Mi bovisa fnm Pavia 10:25 11: RFI T S13 22 Pavia Mi bovisa fnm 11:09 12: RFI T S13 22 Mi bovisa fnm Milano rogoredo 10:55 11: RFI T S13 22 Milano rogoredo Mi bovisa fnm 11:38 12: RFI T S13 22 Mi bovisa fnm Pavia 10:55 11: RFI T S13 22 Pavia Mi bovisa fnm 11:39 12: RFI T S13 22 Mi bovisa fnm Pavia 11:25 12: RFI T S13 22 Pavia Mi bovisa fnm 12:09 13: RFI T S13 22 Mi bovisa fnm Pavia 11:55 12: RFI T S13 22 Pavia Mi bovisa fnm 12:39 13: RFI T S13 22 Mi bovisa fnm Pavia 12:25 13: RFI T S13 22 Pavia Mi bovisa fnm 13:09 14: RFI T S13 22 Mi bovisa fnm Pavia 12:55 13: RFI T S13 22 Pavia Mi bovisa fnm 13:39 14: RFI T S13 22 Mi bovisa fnm Pavia 13:25 14: RFI T S13 22 Pavia Mi bovisa fnm 14:09 15: RFI T S13 22 Mi bovisa fnm Pavia 13:55 14: RFI T S13 22 Pavia Mi bovisa fnm 14:39 15: RFI T S13 22 Mi bovisa fnm Pavia 14:25 15: RFI T S13 22 Pavia Mi bovisa fnm 15:09 16: RFI T S13 22 Mi bovisa fnm Pavia 14:55 15: RFI T S13 22 Pavia Mi bovisa fnm 15:39 16: RFI T S13 22 Mi bovisa fnm Pavia 15:25 16: RFI T S13 22 Pavia Mi bovisa fnm 16:09 17: RFI T S13 22 Mi bovisa fnm Pavia 15:55 16: RFI T S13 22 Pavia Mi bovisa fnm 16:39 17: RFI T S13 22 Mi bovisa fnm Pavia 16:25 17: RFI T S13 22 Pavia Mi bovisa fnm 17:09 18: RFI T S13 22 Mi bovisa fnm Pavia 16:55 17: RFI T S13 22 Pavia Mi bovisa fnm 17:39 18: RFI T S13 22 Mi bovisa fnm Pavia 17:25 18: RFI T S13 22 Pavia Mi bovisa fnm 18:09 19: RFI T S13 22 Mi bovisa fnm Pavia 17:55 18: RFI T S13 22 Pavia Mi bovisa fnm 18:39 19: RFI T S13 22 Mi bovisa fnm Pavia 18:25 19: RFI T S13 22 Pavia Mi bovisa fnm 19:09 20: RFI T S13 22 Mi bovisa fnm Pavia 18:55 19:51

60 60 Bollettino Ufficiale Treno Rete Treno 2 Rete 2 Tr/Bus Linea Dir. Stazione partenza Stazione arrivo Ora P Ora A RFI T S13 22 Pavia Mi bovisa fnm 19:39 20: RFI T S13 22 Mi bovisa fnm Pavia 19:25 20: RFI T S13 22 Pavia Mi bovisa fnm 20:09 21: RFI T S13 22 Mi bovisa fnm Pavia 19:55 20: RFI T S13 22 Pavia Mi bovisa fnm 20:39 21: RFI T S13 22 Mi bovisa fnm Pavia 20:25 21: RFI T S13 22 Pavia Mi bovisa fnm 21:09 22: RFI T S13 22 Mi bovisa fnm Pavia 20:55 21: RFI T S13 22 Pavia Mi bovisa fnm 21:39 22: RFI T S13 22 Mi bovisa fnm Pavia 21:25 22: RFI T S13 22 Pavia Mi bovisa fnm 22:09 23: RFI T S13 22 Mi bovisa fnm Pavia 21:55 22: RFI T S13 22 Pavia Mi bovisa fnm 22:39 23: RFI T S13 22 Mi bovisa fnm Pavia 22:25 23: RFI T S13 22 Pavia Mi bovisa fnm 23:09 0: RFI T S13 22 Mi bovisa fnm Pavia 23:25 0: RFI FN T S1 36 Lodi Saronno 5:53 7: RFI T S1 36 Milano rogoredo Lodi 5:35 6: RFI T S1 36 Lodi Mi bovisa fnm 5:53 6: RFI T S1 36 Mi bovisa fnm Lodi 5:36 6: RFI T S1 36 Milano rogoredo Mi bovisa fnm 5:57 6: RFI T S1 36 Mi bovisa fnm Lodi 6:06 7: RFI FN T S1 36 Milano rogoredo Saronno 5:57 6: RFI FN T S1 36 Lodi Saronno 6:23 7: RFI T S1 36 Mi bovisa fnm Lodi 6:36 7: RFI T S1 36 Lodi Mi bovisa fnm 6:23 7: RFI T S1 36 Lodi Mi bovisa fnm 6:53 7: RFI T S1 36 Mi bovisa fnm Lodi 7:06 8: RFI FN T S1 36 Lodi Saronno 6:53 8: RFI FN T S1 36 Lodi Saronno 7:23 8: RFI T S1 36 Mi bovisa fnm Lodi 7:36 8: RFI T S1 36 Lodi Mi bovisa fnm 7:23 8: RFI T S1 36 Lodi Mi bovisa fnm 7:53 8: RFI T S1 36 Mi bovisa fnm Lodi 8:06 9: RFI FN T S1 36 Lodi Saronno 7:53 9: RFI FN T S1 36 Lodi Saronno 8:23 9: RFI T S1 36 Mi bovisa fnm Lodi 8:36 9: RFI T S1 36 Lodi Mi bovisa fnm 8:23 9: RFI T S1 36 Lodi Mi bovisa fnm 8:53 9: RFI T S1 36 Mi bovisa fnm Lodi 9:06 10: RFI FN T S1 36 Lodi Saronno 8:53 10: RFI T S1 36 Lodi Mi bovisa fnm 9:23 10: RFI T S1 36 Mi bovisa fnm Lodi 9:36 10: RFI FN T S1 36 Lodi Saronno 9:23 10: RFI T S1 36 Lodi Mi bovisa fnm 9:53 10: RFI FN T S1 36 Lodi Saronno 9:53 11: RFI T S1 36 Mi bovisa fnm Milano rogoredo 10:06 10: RFI T S1 36 Lodi Mi bovisa fnm 10:23 11: RFI T S1 36 Mi bovisa fnm Lodi 10:06 11: RFI FN T S1 36 Lodi Saronno 10:23 11: RFI T S1 36 Lodi Mi bovisa fnm 10:53 11: RFI T S1 36 Mi bovisa fnm Lodi 10:36 11: RFI FN T S1 36 Lodi Saronno 10:53 12: RFI FN T S1 36 Lodi Saronno 11:23 12: RFI T S1 36 Lodi Mi bovisa fnm 11:23 12: RFI T S1 36 Mi bovisa fnm Milano rogoredo 11:06 11: RFI T S1 36 Milano rogoredo Mi bovisa fnm 11:27 11: RFI T S1 36 Mi bovisa fnm Lodi 11:06 12: RFI FN T S1 36 Milano rogoredo Saronno 11:27 12: RFI T S1 36 Lodi Mi bovisa fnm 11:53 12: RFI T S1 36 Mi bovisa fnm Lodi 11:36 12: RFI FN T S1 36 Lodi Saronno 11:53 13: RFI FN T S1 36 Lodi Saronno 12:23 13: RFI T S1 36 Mi bovisa fnm Lodi 12:06 13: RFI T S1 36 Lodi Mi bovisa fnm 12:23 13: RFI T S1 36 Milano rogoredo Mi bovisa fnm 12:27 12: RFI T S1 36 Mi bovisa fnm Lodi 12:36 13: RFI FN T S1 36 Milano rogoredo Saronno 12:27 13: RFI FN T S1 36 Lodi Saronno 12:53 14: RFI T S1 36 Mi bovisa fnm Lodi 13:06 14: RFI T S1 36 Lodi Mi bovisa fnm 12:53 13: RFI FN T S1 36 Lodi Saronno 13:23 14:52

61 Bollettino Ufficiale 61 Treno Rete Treno 2 Rete 2 Tr/Bus Linea Dir. Stazione partenza Stazione arrivo Ora P Ora A RFI T S1 36 Mi bovisa fnm Lodi 13:36 14: RFI T S1 36 Lodi Mi bovisa fnm 13:23 14: RFI T S1 36 Lodi Mi bovisa fnm 13:53 14: RFI T S1 36 Mi bovisa fnm Lodi 14:06 15: RFI FN T S1 36 Lodi Saronno 13:53 15: RFI FN T S1 36 Lodi Saronno 14:23 15: RFI T S1 36 Mi bovisa fnm Lodi 14:36 15: RFI T S1 36 Lodi Mi bovisa fnm 14:23 15: RFI FN T S1 36 Lodi Saronno 14:53 16: RFI T S1 36 Mi bovisa fnm Lodi 15:06 16: RFI T S1 36 Lodi Mi bovisa fnm 14:53 15: RFI FN T S1 36 Lodi Saronno 15:23 16: RFI T S1 36 Mi bovisa fnm Lodi 15:36 16: RFI T S1 36 Lodi Mi bovisa fnm 15:23 16: RFI T S1 36 Lodi Mi bovisa fnm 15:53 16: RFI T S1 36 Mi bovisa fnm Lodi 16:06 17: RFI FN T S1 36 Lodi Saronno 15:53 17: RFI FN T S1 36 Lodi Saronno 16:23 17: RFI T S1 36 Mi bovisa fnm Lodi 16:36 17: RFI T S1 36 Lodi Mi bovisa fnm 16:23 17: RFI FN T S1 36 Lodi Saronno 16:53 18: RFI T S1 36 Mi bovisa fnm Lodi 17:06 18: RFI T S1 36 Lodi Mi bovisa fnm 16:53 17: RFI T S1 36 Lodi Mi bovisa fnm 17:23 18: RFI T S1 36 Mi bovisa fnm Lodi 17:36 18: RFI FN T S1 36 Lodi Saronno 17:23 18: RFI FN T S1 36 Lodi Saronno 17:53 19: RFI T S1 36 Mi bovisa fnm Lodi 18:06 19: RFI T S1 36 Lodi Mi bovisa fnm 17:53 18: RFI T S1 36 Lodi Mi bovisa fnm 18:23 19: RFI T S1 36 Mi bovisa fnm Lodi 18:36 19: RFI FN T S1 36 Lodi Saronno 18:23 19: RFI T S1 36 Lodi Mi bovisa fnm 18:53 19: RFI T S1 36 Mi bovisa fnm Lodi 19:06 20: RFI FN T S1 36 Lodi Saronno 18:53 20: RFI FN T S1 36 Lodi Saronno 19:23 20: RFI T S1 36 Mi bovisa fnm Lodi 19:36 20: RFI T S1 36 Lodi Mi bovisa fnm 19:23 20: RFI T S1 36 Lodi Mi bovisa fnm 19:53 20: RFI T S1 36 Mi bovisa fnm Lodi 20:06 21: RFI FN T S1 36 Lodi Saronno 19:53 21: RFI T S1 36 Lodi Mi bovisa fnm 20:23 21: RFI T S1 36 Mi bovisa fnm Lodi 20:36 21: RFI FN T S1 36 Lodi Saronno 20:23 21: RFI T S1 36 Lodi Mi bovisa fnm 20:53 21: RFI T S1 36 Mi bovisa fnm Lodi 21:06 22: RFI T S1 36 Lodi Mi bovisa fnm 21:23 22: RFI T S1 36 Lodi Mi bovisa fnm 21:53 22: RFI T S1 36 Mi bovisa fnm Lodi 21:36 22: RFI T S1 36 Lodi Mi bovisa fnm 22:23 23: RFI T S1 36 Mi bovisa fnm Lodi 22:06 23: RFI T S1 36 Lodi Mi bovisa fnm 22:53 23: RFI T S1 36 Mi bovisa fnm Lodi 22:36 23: RFI T S1 36 Lodi Mi bovisa fnm 23:23 0: RFI T S1 36 Mi bovisa fnm Lodi 23:06 0: RFI T S1 36 Lodi Mi bovisa fnm 23:53 0: RFI T S1 36 Mi bovisa fnm Lodi 23:36 0: RFI FN T S9 02 Milano porta garibaldi Saronno 5:17 6: RFI T S9 02 Milano porta garibaldi Albairate-vermezzo 5:20 6: RFI FN T S9 02 Milano porta garibaldi Saronno 5:52 6: RFI T S9 02 Milano porta garibaldi Albairate-vermezzo 5:56 6: RFI FN T S9 02 Milano porta garibaldi Saronno 6:17 7: RFI T S9 02 Seregno Albairate-vermezzo 6:04 7: RFI FN T S9 02 Albairate-vermezzo Saronno 6:08 7: RFI FN T S9 02 Albairate-vermezzo Saronno 6:38 8: RFI FN T S9 02 Albairate-vermezzo Saronno 7:08 8: RFI FN T S9 02 Albairate-vermezzo Saronno 7:38 9: RFI FN T S9 02 Albairate-vermezzo Saronno 8:08 9: RFI FN T S9 02 Albairate-vermezzo Saronno 8:38 10: RFI FN T S9 02 Albairate-vermezzo Saronno 9:08 10: RFI FN T S9 02 Albairate-vermezzo Saronno 9:38 11: RFI FN T S9 02 Albairate-vermezzo Saronno 10:08 11:54

62 62 Bollettino Ufficiale Treno Rete Treno 2 Rete 2 Tr/Bus Linea Dir. Stazione partenza Stazione arrivo Ora P Ora A RFI FN T S9 02 Albairate-vermezzo Saronno 10:38 12: RFI FN T S9 02 Albairate-vermezzo Saronno 11:08 12: RFI FN T S9 02 Albairate-vermezzo Saronno 11:38 13: RFI FN T S9 02 Albairate-vermezzo Saronno 12:08 13: RFI FN T S9 02 Albairate-vermezzo Saronno 12:38 14: RFI FN T S9 02 Albairate-vermezzo Saronno 13:08 14: RFI FN T S9 02 Albairate-vermezzo Saronno 13:38 15: RFI FN T S9 02 Albairate-vermezzo Saronno 14:08 15: RFI FN T S9 02 Albairate-vermezzo Saronno 14:38 16: RFI FN T S9 02 Albairate-vermezzo Saronno 15:08 16: RFI FN T S9 02 Albairate-vermezzo Saronno 15:38 17: RFI FN T S9 02 Albairate-vermezzo Saronno 16:08 17: RFI FN T S9 02 Albairate-vermezzo Saronno 16:38 18: RFI FN T S9 02 Albairate-vermezzo Saronno 17:08 18: RFI FN T S9 02 Albairate-vermezzo Saronno 17:38 19: RFI FN T S9 02 Albairate-vermezzo Saronno 18:08 19: RFI FN T S9 02 Albairate-vermezzo Saronno 18:38 20: RFI FN T S9 02 Albairate-vermezzo Saronno 19:08 20: RFI FN T S9 02 Albairate-vermezzo Saronno 19:38 21: RFI FN T S9 02 Albairate-vermezzo Saronno 20:08 21: RFI FN T S9 02 Albairate-vermezzo Saronno 20:38 22: RFI FN T S9 02 Albairate-vermezzo Saronno 21:08 22: RFI T S9 02 Albairate-vermezzo Seregno 21:38 22: RFI T S9 02 Albairate-vermezzo Milano porta garibaldi 22:08 23: RFI T S9 02 Albairate-vermezzo Milano porta garibaldi 22:38 23: RFI T S9 02 Albairate-vermezzo Milano porta garibaldi 23:08 0: RFI FN T S9 02 Albairate-vermezzo Saronno 10:26 12: RFI T S9 02 Milano porta garibaldi Albairate-vermezzo 5:26 6: RFI T R33 22 Voghera Pavia 8:18 8: RFI T R33 22 Pavia Voghera 7:12 7: RFI T R33 22 Voghera Pavia 12:24 12: RFI T R33 22 Pavia Voghera 13:03 13: RFI T R33 22 Voghera Pavia 14:24 14: FN B R16 33 Seveso Mariano comense 0:23 0: RFI T R14 12 Bergamo Milano porta garibaldi 4:56 6: RFI T R14 12 Milano porta garibaldi Bergamo 6:23 7: RFI T R14 12 Bergamo Milano porta garibaldi 6:23 7: RFI T R14 12 Milano porta garibaldi Bergamo 6:53 8: RFI T R14 12 Bergamo Milano porta garibaldi 6:53 8: RFI T R14 12 Milano porta garibaldi Bergamo 7:53 9: RFI T R14 12 Bergamo Milano porta garibaldi 7:23 8: RFI T R14 12 Milano porta garibaldi Bergamo 8:23 9: RFI T R14 12 Bergamo Milano porta garibaldi 7:53 9: RFI T R14 12 Milano porta garibaldi Bergamo 9:23 10: RFI T R14 12 Bergamo Milano porta garibaldi 8:23 9: RFI T R14 12 Milano porta garibaldi Bergamo 10:23 11: RFI T R14 12 Bergamo Milano porta garibaldi 8:53 10: RFI T R14 12 Milano porta garibaldi Bergamo 11:23 12: RFI T R14 12 Bergamo Milano porta garibaldi 9:23 10: RFI T R14 12 Milano porta garibaldi Bergamo 12:23 13: RFI T R14 12 Bergamo Milano porta garibaldi 10:23 11: RFI T R14 12 Milano porta garibaldi Bergamo 13:25 14: RFI T R14 12 Bergamo Milano porta garibaldi 11:23 12: RFI T R14 12 Milano porta garibaldi Bergamo 14:23 15: RFI T R14 12 Bergamo Milano porta garibaldi 12:23 13: RFI T R14 12 Milano porta garibaldi Bergamo 15:23 16: RFI T R14 12 Milano porta garibaldi Bergamo 15:53 17: RFI T R14 12 Bergamo Milano porta garibaldi 13:23 14: RFI T R14 12 Milano porta garibaldi Bergamo 16:23 17: RFI T R14 12 Bergamo Milano porta garibaldi 13:53 15: RFI T R14 12 Milano porta garibaldi Bergamo 16:53 18: RFI T R14 12 Bergamo Milano porta garibaldi 14:23 15: RFI T R14 12 Milano porta garibaldi Bergamo 17:23 18: RFI T R14 12 Bergamo Milano porta garibaldi 15:23 16: RFI T R14 12 Milano porta garibaldi Bergamo 17:53 19: RFI T R14 12 Bergamo Milano porta garibaldi 16:23 17: RFI T R14 12 Milano porta garibaldi Bergamo 18:23 19: RFI T R14 12 Bergamo Milano porta garibaldi 17:23 18: RFI T R14 12 Milano porta garibaldi Bergamo 18:53 20: RFI T R14 12 Bergamo Milano porta garibaldi 18:23 19: RFI T R14 12 Milano porta garibaldi Bergamo 19:23 20: RFI T R14 12 Bergamo Milano porta garibaldi 19:23 20:37

63 Bollettino Ufficiale 63 Treno Rete Treno 2 Rete 2 Tr/Bus Linea Dir. Stazione partenza Stazione arrivo Ora P Ora A RFI T R14 12 Bergamo Milano porta garibaldi 20:23 21: RFI T R14 12 Milano porta garibaldi Bergamo 20:25 21: RFI T R14 12 Bergamo Milano porta garibaldi 21:23 22: RFI T R14 12 Milano porta garibaldi Bergamo 21:23 22: RFI T R14 12 Bergamo Milano porta garibaldi 22:23 23: RFI T R14 12 Milano porta garibaldi Bergamo 22:23 23: RFI T R2 14 Bergamo Treviglio 5:21 5: RFI T R2 14 Treviglio Bergamo 6:09 6: RFI T R2 14 Bergamo Treviglio 5:51 6: RFI T R2 14 Treviglio Bergamo 6:39 7: RFI T R2 14 Bergamo Treviglio 6:21 6: RFI T R2 14 Treviglio Bergamo 7:09 7: RFI T R2 14 Bergamo Treviglio 6:51 7: RFI T R2 14 Treviglio Bergamo 7:39 8: RFI T R2 14 Bergamo Treviglio 7:21 7: RFI T R2 14 Treviglio Bergamo 8:09 8: RFI T R2 14 Bergamo Treviglio 7:51 8: RFI T R2 14 Treviglio Bergamo 8:39 9: RFI T R2 14 Bergamo Treviglio 8:21 8: RFI T R2 14 Treviglio Bergamo 9:09 9: RFI T R2 14 Bergamo Treviglio 8:51 9: RFI T R2 14 Treviglio Bergamo 10:09 10: RFI T R2 14 Bergamo Treviglio 9:21 9: RFI T R2 14 Treviglio Bergamo 10:09 10: RFI T R2 14 Bergamo Treviglio 10:16 10: RFI T R2 14 Treviglio Bergamo 11:09 11: RFI T R2 14 Bergamo Treviglio 10:21 10: RFI T R2 14 Treviglio Bergamo 11:09 11: RFI T R2 14 Bergamo Treviglio 11:16 11: RFI T R2 14 Treviglio Bergamo 12:09 12: RFI T R2 14 Bergamo Treviglio 11:21 11: RFI T R2 14 Treviglio Bergamo 12:39 13: RFI T R2 14 Bergamo Treviglio 12:21 12: RFI T R2 14 Treviglio Bergamo 13:09 13: RFI T R2 14 Bergamo Treviglio 12:51 13: RFI T R2 14 Treviglio Bergamo 13:39 14: RFI T R2 14 Bergamo Treviglio 13:21 13: RFI T R2 14 Treviglio Bergamo 14:09 14: RFI T R2 14 Bergamo Treviglio 13:51 14: RFI T R2 14 Treviglio Bergamo 15:09 15: RFI T R2 14 Bergamo Treviglio 14:21 14: RFI T R2 14 Treviglio Bergamo 16:09 16: RFI T R2 14 Bergamo Treviglio 15:21 15: RFI T R2 14 Treviglio Bergamo 16:39 17: RFI T R2 14 Bergamo Treviglio 16:21 16: RFI T R2 14 Treviglio Bergamo 17:09 17: RFI T R2 14 Bergamo Treviglio 16:51 17: RFI T R2 14 Treviglio Bergamo 17:39 18: RFI T R2 14 Bergamo Treviglio 17:21 17: RFI T R2 14 Treviglio Bergamo 18:09 18: RFI T R2 14 Bergamo Treviglio 17:51 18: RFI T R2 14 Treviglio Bergamo 18:39 19: RFI T R2 14 Bergamo Treviglio 18:21 18: RFI T R2 14 Treviglio Bergamo 19:09 19: RFI T R2 14 Bergamo Treviglio 18:51 19: RFI T R2 14 Treviglio Bergamo 19:39 20: RFI T R2 14 Bergamo Treviglio 19:21 19: RFI T R2 14 Treviglio Bergamo 20:09 20: RFI T R2 14 Bergamo Treviglio 20:21 20: RFI T R2 14 Treviglio Bergamo 21:09 21: RFI T R2 14 Bergamo Treviglio 21:21 21: RFI T R2 14 Treviglio Bergamo 22:09 22: RFI FN T R28 35 Milano centrale Malpensa 5:25 6: RFI FN T R28 35 Milano centrale Malpensa 6:25 7: RFI FN T R28 35 Milano centrale Malpensa 7:25 8: RFI FN T R28 35 Milano centrale Malpensa 8:25 9: RFI FN T R28 35 Milano centrale Malpensa 9:25 10: RFI FN T XP2 35 Milano centrale Malpensa 9:55 10: RFI FN T R28 35 Milano centrale Malpensa 10:25 11: RFI FN T XP2 35 Milano centrale Malpensa 10:55 11: RFI FN T R28 35 Milano centrale Malpensa 11:25 12: RFI FN T XP2 35 Milano centrale Malpensa 11:55 12:41

64 64 Bollettino Ufficiale Treno Rete Treno 2 Rete 2 Tr/Bus Linea Dir. Stazione partenza Stazione arrivo Ora P Ora A RFI FN T R28 35 Milano centrale Malpensa 12:25 13: RFI FN T XP2 35 Milano centrale Malpensa 12:55 13: RFI FN T R28 35 Milano centrale Malpensa 13:25 14: RFI FN T XP2 35 Milano centrale Malpensa 13:55 14: RFI FN T R28 35 Milano centrale Malpensa 14:25 15: RFI FN T XP2 35 Milano centrale Malpensa 14:55 15: RFI FN T R28 35 Milano centrale Malpensa 15:25 16: RFI FN T R28 35 Milano centrale Malpensa 16:25 17: RFI FN T XP2 35 Milano centrale Malpensa 16:55 17: RFI FN T R28 35 Milano centrale Malpensa 17:25 18: RFI FN T R28 35 Milano centrale Malpensa 18:25 19: RFI FN T R28 35 Milano centrale Malpensa 19:25 20: RFI FN T R28 35 Milano centrale Malpensa 20:25 21: RFI FN T R28 35 Milano centrale Malpensa 21:25 22: RFI FN T R28 35 Milano centrale Malpensa 22:25 23: RFI FN T R28 35 Milano centrale Malpensa 23:25 0: RFI T S11 06 Milano porta garibaldi Chiasso 6:39 7: RFI T S11 06 Chiasso Milano porta garibaldi 5:16 6: RFI T S11 06 Milano porta garibaldi Chiasso 7:09 8: RFI T S11 06 Chiasso Milano porta garibaldi 6:16 7: RFI T S11 06 Milano porta garibaldi Chiasso 7:39 8: RFI T S11 06 Chiasso Milano porta garibaldi 6:46 7: RFI T S11 06 Milano porta garibaldi Chiasso 8:39 9: RFI T S11 06 Chiasso Milano porta garibaldi 7:16 8: RFI T S11 06 Milano porta garibaldi Chiasso 9:39 10: RFI T S11 06 Chiasso Milano porta garibaldi 7:46 8: RFI T S11 06 Milano porta garibaldi Chiasso 5:39 6: RFI T S11 06 Milano porta garibaldi Chiasso 6:09 7: RFI T S11 06 Milano porta garibaldi Chiasso 10:39 11: RFI T S11 06 Chiasso Milano porta garibaldi 8:16 9: RFI T S11 06 Milano porta garibaldi Chiasso 11:39 12: RFI T S11 06 Chiasso Milano porta garibaldi 8:46 9: RFI T S11 06 Milano porta garibaldi Chiasso 12:09 13: RFI T S11 06 Chiasso Milano porta garibaldi 9:16 10: RFI T RE_10 06 Como s.giovanni Milano centrale 6:36 7: RFI T RE_10 06 Milano centrale Chiasso 7:35 8: RFI T RE_10 06 Como s.giovanni Milano centrale 7:40 8: RFI T S11 06 Milano porta garibaldi Chiasso 12:39 13: RFI T S11 06 Chiasso Milano porta garibaldi 10:16 11: RFI T S11 06 Milano porta garibaldi Chiasso 13:09 14: RFI T S11 06 Chiasso Milano porta garibaldi 11:16 12: RFI T S11 06 Milano porta garibaldi Chiasso 13:39 14: RFI T S11 06 Chiasso Milano porta garibaldi 11:46 12: RFI T S11 06 Milano porta garibaldi Chiasso 14:09 15: RFI T S11 06 Chiasso Milano porta garibaldi 12:16 13: RFI T S11 06 Milano porta garibaldi Chiasso 14:39 15: RFI T S11 06 Chiasso Milano porta garibaldi 12:46 13: RFI T S11 06 Milano porta garibaldi Como s.giovanni 15:09 16: RFI T S11 06 Chiasso Milano porta garibaldi 13:16 14: RFI T S11 06 Milano porta garibaldi Chiasso 15:39 16: RFI T S11 06 Chiasso Milano porta garibaldi 13:46 14: RFI T S11 06 Milano porta garibaldi Chiasso 16:09 17: RFI T S11 06 Chiasso Milano porta garibaldi 14:16 15: RFI T S11 06 Milano porta garibaldi Chiasso 16:39 17: RFI T S11 06 Chiasso Milano porta garibaldi 15:16 16: RFI T S11 06 Milano porta garibaldi Como s.giovanni 17:09 18: RFI T S11 06 Chiasso Milano porta garibaldi 15:46 16: RFI T S11 06 Milano porta garibaldi Chiasso 17:39 18: RFI T S11 06 Chiasso Milano porta garibaldi 16:16 17: RFI T S11 06 Milano porta garibaldi Chiasso 18:09 19: RFI T S11 06 Como s.giovanni Milano porta garibaldi 16:52 17: RFI T S11 06 Milano porta garibaldi Chiasso 18:39 19: RFI T S11 06 Chiasso Milano porta garibaldi 17:16 18: RFI T S11 06 Milano porta garibaldi Chiasso 19:09 20: RFI T S11 06 Chiasso Milano porta garibaldi 17:46 18: RFI T S11 06 Milano porta garibaldi Chiasso 19:39 20: RFI T S11 06 Chiasso Milano porta garibaldi 18:16 19: RFI T S11 06 Milano porta garibaldi Como s.giovanni 20:09 21: RFI T S11 06 Como s.giovanni Milano porta garibaldi 18:52 19: RFI T S11 06 Milano porta garibaldi Chiasso 20:39 21: RFI T S11 06 Chiasso Milano porta garibaldi 19:16 20: RFI T S11 06 Milano porta garibaldi Como s.giovanni 21:09 22:09

65 Bollettino Ufficiale 65 Treno Rete Treno 2 Rete 2 Tr/Bus Linea Dir. Stazione partenza Stazione arrivo Ora P Ora A RFI T S11 06 Chiasso Milano porta garibaldi 19:46 20: RFI T S11 06 Milano porta garibaldi Chiasso 21:39 22: RFI T S11 06 Chiasso Milano porta garibaldi 20:16 21: RFI T S11 06 Milano porta garibaldi Chiasso 22:39 23: RFI T S11 06 Chiasso Milano porta garibaldi 21:16 22: RFI T S11 06 Chiasso Milano porta garibaldi 22:16 23: RFI T RE_10 06 Milano centrale Chiasso 7:10 7: RFI T RE_10 06 Milano centrale Chiasso 8:10 8: RFI T RE_10 06 Chiasso Milano centrale 7:08 7: RFI T RE_10 06 Chiasso Milano centrale 8:08 8: RFI T RE_10 06 Chiasso Milano centrale 9:08 9: RFI T RE_10 06 Milano centrale Chiasso 13:10 13: RFI T RE_10 06 Milano centrale Chiasso 14:10 14: RFI T RE_10 06 Chiasso Milano centrale 13:08 13: RFI T RE_10 06 Milano centrale Chiasso 16:10 16: RFI T RE_10 06 Milano centrale Chiasso 17:10 17: RFI T RE_10 06 Chiasso Milano centrale 16:08 16: RFI T RE_10 06 Milano centrale Chiasso 18:10 18: RFI T RE_10 06 Chiasso Milano centrale 17:08 17: RFI T RE_10 06 Milano centrale Chiasso 19:10 19: RFI T RE_10 06 Chiasso Milano centrale 18:08 18: RFI T RE_10 06 Milano centrale Chiasso 20:10 20: RFI T RE_10 06 Chiasso Milano centrale 19:08 19: RFI T S11 06 Monza Milano centrale 0:02 0: RFI T S11 06 Milano centrale Monza 0:39 0: RFI FN T R21 05 Pino confine Malpensa 6:25 8: RFI FN T R21 05 Pino confine Malpensa 8:25 10: RFI FN T R21 05 Pino confine Malpensa 14:25 16: RFI FN T R21 05 Pino confine Malpensa 16:25 18: RFI FN T R21 05 Pino confine Malpensa 18:25 20: RFI T S40 06 Albate camerlata Chiasso 5:07 5: RFI T S40 06 Albate camerlata Chiasso 6:07 6: RFI T S40 06 Albate camerlata Chiasso 7:07 7: RFI T S40 06 Como s.giovanni Chiasso 8:13 8: RFI T S40 06 Albate camerlata Chiasso 16:07 16: RFI T S40 06 Albate camerlata Chiasso 17:07 17: RFI T S40 06 Albate camerlata Chiasso 18:07 18: RFI T S40 06 Albate camerlata Chiasso 19:07 19: RFI T S40 06 Albate camerlata Chiasso 20:07 20: RFI T S40 06 Chiasso Albate camerlata 5:41 5: RFI T S40 06 Chiasso Albate camerlata 6:41 6: RFI T S40 06 Chiasso Como s.giovanni 7:41 7: RFI T S40 06 Chiasso Albate camerlata 8:41 8: RFI T S40 06 Chiasso Albate camerlata 15:41 15: RFI T S40 06 Chiasso Albate camerlata 16:41 16: RFI T S40 06 Chiasso Albate camerlata 17:41 17: RFI T S40 06 Chiasso Albate camerlata 18:41 18: RFI T S40 06 Chiasso Albate camerlata 19:41 19: FN B R21 05 Malpensa Busto arsizio rfi 6:46 7: FN B R21 05 Busto arsizio rfi Malpensa 8:39 9: FN RFI T R21 05 Malpensa Pino confine 7:50 9: FN B R21 05 Malpensa Busto arsizio rfi 8:46 9: FN B R21 05 Busto arsizio rfi Malpensa 10:39 11: FN B R21 05 Malpensa Busto arsizio rfi 9:46 10: FN B R21 05 Busto arsizio rfi Malpensa 11:39 12: FN B R21 05 Malpensa Busto arsizio rfi 10:46 11: FN B R21 05 Busto arsizio rfi Malpensa 12:39 13: FN RFI T R21 05 Malpensa Laveno mombello 11:50 12: FN B R21 05 Malpensa Busto arsizio rfi 12:46 13: FN RFI T R21 05 Malpensa Pino confine 13:50 15: FN B R21 05 Busto arsizio rfi Malpensa 14:39 15: FN B R21 05 Malpensa Busto arsizio rfi 14:46 15: FN RFI T R21 05 Malpensa Pino confine 15:50 17: FN B R21 05 Busto arsizio rfi Malpensa 16:39 17: FN B R21 05 Malpensa Busto arsizio rfi 16:46 17: FN RFI T R21 05 Malpensa Pino confine 17:50 19: FN B R21 05 Malpensa Busto arsizio rfi 18:46 19: FN B R21 05 Busto arsizio rfi Malpensa 18:39 19: FN RFI T R21 05 Malpensa Pino confine 19:50 21: FN B R21 05 Busto arsizio rfi Malpensa 20:39 21: FN RFI T S9 02 Saronno Albairate-vermezzo 6:05 7: FN RFI T S9 02 Saronno Albairate-vermezzo 6:35 8:22

66 66 Bollettino Ufficiale Treno Rete Treno 2 Rete 2 Tr/Bus Linea Dir. Stazione partenza Stazione arrivo Ora P Ora A FN RFI T S9 02 Saronno Albairate-vermezzo 7:05 8: FN RFI T S9 02 Saronno Albairate-vermezzo 7:35 9: FN RFI T S9 02 Saronno Albairate-vermezzo 8:05 9: FN RFI T S9 02 Saronno Albairate-vermezzo 8:35 10: FN RFI T S9 02 Saronno Albairate-vermezzo 9:05 10: FN T S9 02 Saronno Seregno 9:05 9: FN RFI T S9 02 Saronno Albairate-vermezzo 9:35 11: FN RFI T S9 02 Saronno Albairate-vermezzo 9:35 11: FN RFI T S9 02 Saronno Albairate-vermezzo 10:05 11: FN T S9 02 Saronno Seregno 10:05 10: FN RFI T S9 02 Saronno Albairate-vermezzo 10:35 12: FN T S9 02 Seregno Saronno 11:31 11: FN RFI T S9 02 Saronno Albairate-vermezzo 11:05 12: FN RFI T S9 02 Saronno Albairate-vermezzo 11:35 13: FN T S9 02 Seregno Saronno 12:31 12: FN RFI T S9 02 Saronno Albairate-vermezzo 12:05 13: FN RFI T S9 02 Saronno Albairate-vermezzo 12:35 14: FN RFI T S9 02 Saronno Albairate-vermezzo 13:05 14: FN RFI T S9 02 Saronno Albairate-vermezzo 13:35 15: FN RFI T S9 02 Saronno Albairate-vermezzo 14:05 15: FN RFI T S9 02 Saronno Albairate-vermezzo 14:35 16: FN RFI T S9 02 Saronno Albairate-vermezzo 15:05 16: FN RFI T S9 02 Saronno Albairate-vermezzo 15:35 17: FN RFI T S9 02 Saronno Albairate-vermezzo 16:05 17: FN RFI T S9 02 Saronno Albairate-vermezzo 16:35 18: FN RFI T S9 02 Saronno Albairate-vermezzo 17:05 18: FN RFI T S9 02 Saronno Albairate-vermezzo 17:35 19: FN RFI T S9 02 Saronno Albairate-vermezzo 18:05 19: FN RFI T S9 02 Saronno Albairate-vermezzo 18:35 20: FN RFI T S9 02 Saronno Albairate-vermezzo 19:05 20: FN RFI T S9 02 Saronno Albairate-vermezzo 19:35 21: FN RFI T S9 02 Saronno Albairate-vermezzo 20:05 21: FN RFI T S9 02 Saronno Albairate-vermezzo 20:35 22: FN RFI T S9 02 Saronno Albairate-vermezzo 21:05 22: FN RFI T S9 02 Saronno Milano porta garibaldi 21:35 22: FN RFI T S9 02 Saronno Milano porta garibaldi 22:05 23: FN RFI T S9 02 Saronno Milano porta garibaldi 22:35 23:43 MI020 RFI B R29 04 Varese Porto ceresio 5:25 5:59 MI021A RFI B R29 04 Porto ceresio Varese 5:51 6:25 MI021B RFI B R29 04 Porto ceresio Varese 5:51 6:25 MI022 RFI B R29 04 Varese Porto ceresio 6:35 7:09 MI023A RFI B R29 04 Porto ceresio Varese 6:47 7:25 MI023B RFI B R29 04 Porto ceresio Varese 6:47 7:25 MI024 RFI B R29 04 Varese Porto ceresio 7:35 8:25 MI025 RFI B R29 04 Induno olona Varese 7:07 7:25 MI026 RFI B R29 04 Varese Porto ceresio 8:35 9:25 MI027A RFI B R29 04 Bisuschio viggiu Varese 6:54 7:25 MI027B RFI B R29 04 Bisuschio viggiu Varese 6:54 7:25 MI027C RFI B R29 04 Bisuschio viggiu Varese 6:54 7:25 MI028 RFI B R29 04 Varese Porto ceresio 9:35 10:13 MI029 RFI B R29 04 Porto ceresio Varese 7:10 8:00 MI030 RFI B R29 04 Varese Porto ceresio 10:35 11:13 MI031A RFI B R29 04 Bisuschio viggiu Varese 7:19 8:00 MI031B RFI B R29 04 Bisuschio viggiu Varese 7:19 8:00 MI032 RFI B R29 04 Varese Porto ceresio 11:35 12:13 MI033 RFI B R29 04 Porto ceresio Varese 7:35 8:25 MI034 RFI B R29 04 Varese Porto ceresio 12:35 13:25 MI035 RFI B R29 04 Bisuschio viggiu Varese 7:44 8:25 MI036 RFI B R29 04 Varese Porto ceresio 13:05 13:55 MI037 RFI B R29 04 Porto ceresio Varese 8:35 9:25 MI038A RFI B R29 04 Varese Porto ceresio 13:35 14:25 MI038B RFI B R29 04 Varese Porto ceresio 13:35 14:25 MI039 RFI B R29 04 Porto ceresio Varese 9:47 10:25 MI040A RFI B R29 04 Varese Porto ceresio 14:05 14:55 MI040B RFI B R29 04 Varese Porto ceresio 14:05 14:55 MI041 RFI B R29 04 Porto ceresio Varese 10:47 11:25 MI042A RFI B R29 04 Varese Porto ceresio 14:35 15:25 MI042B RFI B R29 04 Varese Porto ceresio 14:35 15:25 MI043 RFI B R29 04 Porto ceresio Varese 11:47 12:25 MI044 RFI B R29 04 Varese Porto ceresio 15:35 16:13 MI045 RFI B R29 04 Porto ceresio Varese 12:35 13:25 MI046 RFI B R29 04 Varese Porto ceresio 16:35 17:13

67 Bollettino Ufficiale 67 Treno Rete Treno 2 Rete 2 Tr/Bus Linea Dir. Stazione partenza Stazione arrivo Ora P Ora A MI047 RFI B R29 04 Porto ceresio Varese 13:35 14:25 MI048A RFI B R29 04 Varese Porto ceresio 17:35 18:25 MI048B RFI B R29 04 Varese Porto ceresio 17:35 18:25 MI049 RFI B R29 04 Porto ceresio Varese 14:35 15:25 MI050 RFI B R29 04 Varese Porto ceresio 18:05 18:55 MI051 RFI B R29 04 Porto ceresio Varese 15:47 16:25 MI052 RFI B R29 04 Varese Porto ceresio 18:35 19:25 MI053 RFI B R29 04 Porto ceresio Varese 16:47 17:25 MI054 RFI B R29 04 Varese Porto ceresio 19:05 19:55 MI055 RFI B R29 04 Porto ceresio Varese 17:35 18:25 MI056A RFI B R29 04 Varese Porto ceresio 19:35 20:13 MI056B RFI B R29 04 Varese Porto ceresio 19:35 20:13 MI057 RFI B R29 04 Porto ceresio Varese 18:05 18:55 MI058 RFI B R29 04 Varese Porto ceresio 20:35 21:09 MI059 RFI B R29 04 Porto ceresio Varese 18:35 19:25 MI061 RFI B R29 04 Porto ceresio Varese 19:47 20:25 MI063 RFI B R29 04 Porto ceresio Varese 20:36 21:10 MI121 RFI B R21 05 Luino Gallarate 10:00 11:46 MI123 RFI B R21 05 Luino Laveno mombello 12:23 12:55 MI124 RFI B R21 05 Laveno mombello Luino 12:57 13:29 MI125 RFI B R21 05 Luino Gallarate 21:52 23:25 MI202 RFI B R12 07 Sondrio Tirano 22:25 23:07 MI203 RFI B R12 07 Tirano Sondrio 7:20 8:02 MI205 RFI B R13 07 Sondrio Colico 13:46 14:29 MI206 RFI B R12 07 Morbegno Tirano 13:10 14:23 MI212 RFI B R13 07 Abbadia lariana Colico 7:00 7:55 MI228 RFI B R19 08 Monza Besana 21:16 22:06 MI230 RFI B R19 08 Monza Besana 22:16 23:06 MI231 RFI B R18 10 Merone Oggiono 7:10 7:40 MI232 RFI B S11 06 Monza Chiasso 1:04 2:27 MI233 RFI B S11 06 Chiasso Milano porta garibaldi 23:20 1:05 MI234 RFI B R21 05 Laveno mombello Luino 9:26 9:58 MI236 RFI B S11 06 Milano porta garibaldi Chiasso 0:45 2:27 MI241 RFI B R11 09 Chiavenna Colico 5:12 5:48 MI242 RFI B R11 09 Colico Chiavenna 18:20 18:56 MI243 RFI B R11 09 Chiavenna Colico 5:50 6:26 MI246 RFI B R11 09 Colico Chiavenna 21:00 21:35 MI391 RFI B R25 26 Laveno mombello Sesto calende 6:15 6:52 MI393 RFI B R25 26 Laveno mombello Sesto calende 7:15 7:52 MI394 RFI B R25 26 Sesto calende Laveno mombello 6:58 7:35 MI396 RFI B R25 26 Sesto calende Laveno mombello 8:08 8:45 MI416 RFI B R25 26 Sesto calende Laveno mombello 18:28 19:05 MI417 RFI B R25 26 Laveno mombello Sesto calende 17:12 17:52 MI420 RFI B R25 26 Sesto calende Laveno mombello 20:28 21:05 MI421 RFI B R25 26 Laveno mombello Sesto calende 19:15 19:52 MI425 RFI B R36 28 Vercelli Mortara 13:27 14:08 MI481 RFI B R4 17 Treviglio Brescia 4:36 5:45 MI482 RFI B R4 17 Lonato Brescia 7:00 7:40 MI483 RFI B R4 17 Treviglio Brescia 5:31 6:40 MI485 RFI B R4 17 Brescia Lonato 13:50 14:30 MI487 RFI B R4 17 Brescia Lonato 14:50 15:30 MI493 RFI B R1 11 Palazzolo s/o. Brescia 5:50 6:30 MI494 RFI B R1 11 Brescia Bergamo 11:30 13:13 MI495 RFI B R1 11 Bergamo Palazzolo s/o. 20:45 21:46 MI496A RFI B R6 16 Cremona Crema 14:13 15:22 MI496B RFI B R6 16 Cremona Crema 14:13 15:22 MI497 RFI B R1 11 Bergamo Rovato 22:45 0:09 MI502 RFI B R8 18 Piadena Brescia 5:05 6:40 MI641 RFI B R31 25 Milano porta genova Mortara 5:50 7:10 MI642 RFI B R31 25 Mortara Milano porta genova 4:45 5:50 MI646 RFI B R31 25 Vigevano Milano porta genova 5:05 6:05 MI647 RFI B R31 25 Milano porta genova Mortara 23:20 0:40 MI648 RFI B R31 25 Mortara Torreberetti 13:45 14:44 MI651 RFI B R31 25 Milano porta genova Mortara 0:20 1:40 MI700 RFI B RE_13 22 Tortona Milano c.le 3:07 5:36 MI701 RFI B R33 22 Pavia Voghera 8:07 8:52 MI702 RFI B R33 22 Voghera Pavia 11:05 11:50 MI703 RFI B R33 22 Pavia Voghera 9:07 9:52 MI704 RFI B R33 22 Voghera Pavia 5:05 5:50 MI705 RFI B R33 22 Pavia Voghera 14:07 14:52 MI707 RFI B R33 22 Pavia Voghera 16:07 16:52 MI708 RFI B R33 22 Voghera Pavia 9:05 9:50

68 68 Bollettino Ufficiale Treno Rete Treno 2 Rete 2 Tr/Bus Linea Dir. Stazione partenza Stazione arrivo Ora P Ora A MI710 RFI B R33 22 Voghera Pavia 13:05 13:50 MI711 RFI B R33 22 Pavia Voghera 17:07 17:52 MI712 RFI B R33 22 Voghera Pavia 16:05 16:50 MI714 RFI B R33 22 Voghera Pavia 18:05 18:50 MI802 RFI B R37 24 Codogno Pavia 4:50 5:54 MI803 RFI B R37 24 Pavia Codogno 22:08 23:12 MI810 RFI B R40 20 Piadena Cremona 6:39 7:21 MI811 RFI B R40 20 Cremona Mantova 5:58 7:43 MI812 RFI B R40 20 Piadena Cremona 8:39 9:21 MI813 RFI B R40 20 Cremona Mantova 7:40 9:25 MI814 RFI B R40 20 Mantova Piadena 7:55 9:03 MI815 RFI B R40 20 Cremona Mantova 9:37 11:22 MI816 RFI B R40 20 Piadena Cremona 9:58 10:40 MI817 RFI B R40 20 Cremona Mantova 11:37 13:22 MI818 RFI B R40 20 Mantova Cremona 9:36 11:21 MI820 RFI B R40 20 Mantova Cremona 11:36 13:21 MI821 RFI B R40 20 Cremona Mantova 12:09 13:54 MI822 RFI B R40 20 Mantova Cremona 12:52 14:37 MI823 RFI B R40 20 Cremona Mantova 14:15 16:00 MI824 RFI B R40 20 Mantova Cremona 13:36 15:21 MI825 RFI B R40 20 Cremona Mantova 15:37 17:22 MI826 RFI B R40 20 Mantova Cremona 15:36 17:21 MI827 RFI B R40 20 Cremona Mantova 16:09 17:54 MI830 RFI B R40 20 Mantova Piadena 17:55 19:03 MI831 RFI B R39 20 Codogno Cremona 5:38 6:19 MI832 RFI B R40 20 Mantova Piadena 19:27 20:35 MI833 RFI B R40 20 Cremona Piadena 17:37 18:19 MI834 RFI B R39 20 Cremona Codogno 6:15 6:56 MI835 RFI B R40 20 Cremona Piadena 19:37 20:19 MI837 RFI B R40 20 Cremona Piadena 20:27 21:09 MI841 RFI B R40 20 Cremona Piadena 13:37 14:19 MI845 RFI B R40 20 Piadena Mantova 13:55 14:50 MI847 RFI B R40 20 Cremona Piadena 18:27 19:09 MI905 RFI B R35 27 Pavia Alessandria 17:35 19:10 MI960 RFI B R38 21 Piacenza Milano c.le 3:40 5:34 MI961 RFI B R38 21 Lodi Codogno 10:00 10:35 MI964 RFI B R38 21 Codogno Lodi 11:15 11:50 MI965 RFI B R38 21 Lodi Casalpusterlengo 14:52 15:16 MI971 RFI B R38 21 Lodi Codogno 0:46 1:20 MI974 RFI B R38 21 Casalpusterlengo Lodi 10:15 10:40 MI975 RFI B R38 21 Lodi Codogno 11:15 11:50 MI978 RFI B R38 21 Casalpusterlengo Lodi 20:15 20: Termini di consegna Trasmissione su file alla sottoscrizione e ad ogni cambio di orario; aggiornamento con invio alla Regione dei record modificati contestualmente a ogni variazione al programma di esercizio programmato. Formato Access o Excel.

69 Bollettino Ufficiale 69 ALLEGATO 3 Programma di esercizio: fermate e orari Elenco ordinato delle fermate e l ora di arrivo e partenza in ciascuna di esse, per tutte le corse elencate nel programma di esercizio, svolta sia con modalità ferroviaria, sia automobilistica. L elenco è contenuto in una tabella avente il seguente formato: Nome campo Descrizione N. Treno Codice Orario Ufficiale (coincidente con il codice PDE) Rete Rete a cui si riferisce il codice del treno Origine Denominazione stazione origine Destinazione Denominazione stazione destinazione Progr Numero progressivo identificativo della fermata TipoFermata P=partenza; F=fermata; A=arrivo Codice stazione Codice identificativo della stazione Stazione Denominazione OraArrivo OraPartenza Progressivo kilometrico Formato dei dati soggetto a possibili modifiche in funzione dei sistemi di gestione analisi di Trenord 3.1. Termini di consegna Trasmissione su file alla sottoscrizione e ad ogni cambio di orario; aggiornamento con invio alla Regione dei record modificati contestualmente a ogni variazione al programma di esercizio programmato. Formato Access o Excel (no orario tabellare) ALLEGATO 4 Servizi garantiti in caso di sciopero Elenco treni (suddivisi per direttrice e linea e fascia oraria) Si intendono garantiti i treni che partono dopo le ore 6 e arrivano a destinazione entro le ore 9 e partono dopo le ore 18 e arrivano a destinazione entro le ore 21. Riferimento: "Accordo sui servizi minimi essenziali del 23 novembre 1999, come modificato e integrato dagli accordi del 18 aprile 2001 e 29 ottobre 2001" della Commissione di Garanzia dell Attuazione della Legge sullo Sciopero nei Servizi Pubblici Essenziali, settore trasporto ferroviario. Tale disciplina è stata valutata idonea con Delibera n del 3/2/2000. Gli accordi del 18 aprile 2001 e 29 ottobre 2001 (pubblicato in G.U. n. 86 del 12/4/ Serie Generale), sono stati rispettivamente valutati idonei dalle Delibere n. 101 del 13/9/2001 e n. 149 del 29/11/2001. Treno Partenza Ora di Partenza Destinazione Ora di destinazione Direttrice Linea (eventuali differenze rispetto orario normale) Formato dei dati soggetto a possibili modifiche in funzione dei sistemi di gestione analisi di Trenord Note 4.1. Termini di consegna Trasmissione su file alla sottoscrizione, ad ogni variazione e ad ogni cambio di orario. Formato Access o Excel.

70 70 Bollettino Ufficiale ALLEGATO 5 Corrispettivo per servizi di trasporto ( Catalogo dei servizi acquistati ) e altre voci di corrispettivo 5.1. Catalogo: modello 1. Il corrispettivo dovuto a Trenord è calcolato annualmente, così come specificato all Art. 12 e viene determinato sulla base di: a. la modalità di effettuazione del servizio (treno o bus); b. il tipo di servizio offerto (solo per la modalità treno ) come specificato nei punti seguenti. 2. I servizi effettuati con bus sono valorizzati al costo di 2,06 a bus*km, IVA esclusa, da adeguare all'inflazione secondo quanto previsto dal Contratto. 3. Per i servizi effettuati con treno, a fronte degli obblighi e delle prestazioni poste a carico di Trenord con il presente contratto, Regione Lombardia riconosce un corrispettivo a /treno*km differenziato a seconda dei posti offerti e della velocità commerciale come sintetizzato all'allegato I corrispettivi a treno*km indicati all'allegato 5.2 vengono adeguati all'inflazione secondo quanto previsto dal Contratto Catalogo: corrispettivi unitari Cluster "velocità commerciale" Cluster Posti offerti Definizione del cluster Corrispettivo (IVA esclusa) /treno*km Grande Medio Piccolo Maggiore o uguale a 600 posti Compreso tra 300 e 599 posti Minore di 300 posti Veloce oltre 55 km/h 5,717 5,257 4,583 Medio tra 45 e 55 km/h 6,479 6,019 5,335 Lento < 45 km/h 7,358 6,909 6,225 Bus ,060 Aeroportuale , Catalogo: distribuzione percorrenza per Cluster velocità commerciale e posti offerti Trenikm Grande Medio Piccolo TOTALE Veloce Medio Lento Aeroportuale TOTALE Bus TOTALE CON BUS

71 Bollettino Ufficiale Corrispettivo: Catalogo dei servizi acquistati per Cluster velocità commerciale e posti offerti più altre voci di corrispettivo. Euro Grande Medio Piccolo TOTALE Veloce Medio Lento Aeroportuale TOTALE CATALOGO Bus TOTALE CATALOGO CON BUS TOTALE CATALOGO CON BUS (arrotondato) Compartecipazione nuovi servizi Pedaggio Noleggi/ammortamenti Ex CCNL Autoferrotranviari (1) TOTALE ALTRE VOCI DI CORRISPETTIVO TOTALE CORRISPETTIVO (1) corrispettivo annuo forfetario quale quota a corpo, in sostituzione del pari importo in origine previsto per i Contratti Nazionali di lavoro Autoferrotranvieri connessi all'ex ramo operativo LeNORD, allo scopo di mantenere l equilibrio economico-finanziario del Contratto di servizio e garantire la continuità dei servizi resi Catalogo: servizi acquistati Nome campo Descrizione Modalità di effettuazione Bus o treno Treno Codice numerico del treno Rete Rete a cui si riferisce il codice del treno Posti offerti N di posti offerti nei giorni feriali Velocità commerciale Tipologia servizio Sulla base dell ALLEGATO 1 Cluster posti offerti Sulla base dell ALLEGATO 5.2 Cluster velocità commerciale Sulla base dell ALLEGATO 5.2 Cluster trenikm Combinazione campi precedenti Produzione (treni-km) Produzione (h-treno) Corrispettivo unitario Espresso in /km, IVA esclusa Corrispettivo totale Espresso in, IVA esclusa 5.6. Termini di consegna Trasmissione su file alla sottoscrizione e ad ogni cambio di orario; aggiornamento con invio alla Regione dei record modificati contestualmente a ogni variazione al programma di esercizio programmato. Formato Access o Excel.

72 72 Bollettino Ufficiale ALLEGATO 6 Materiale rotabile 6.1. Elementi componenti il corrispettivo per il materiale rotabile La tabella elenca le quote di corrispettivo corrispondenti al materiale rotabile. Riferimento: commi dell'art. 16 del Contratto Milioni di Euro Materiale Trenitalia, noleggio (comma 2) 31,8 31,5 31,0 Materiale Trenitalia, manutenzione ciclica (comma 2) 7,5 15,4 21,0 52,3 52,3 52,3 Materiale FNM, TAF, Coradia (comma 3) 22,6 22,6 22,6 22,6 22,6 22,6 Materiale FNM, locomotive (comma 3) 3,0 2,0 1, Materiale SBB (comma 3) 2,7 2,7 2,7 2,7 2,7 2,7 Materiale 1/24 (comma 4) 2,3 6,7 7,4 7,4 7,4 7,4 Materiale FN (comma 5) 10,3 10,9 10,9 10,9 10,9 10,9 Materiale Trenitalia nuovo (comma 6) Materiale Regione (comma 7) Totale 80,2 91,8 96,6 95,9 95,9 95, Nuovi investimenti in materiale rotabile Regione e Trenord hanno condiviso nei precedenti Contratti di Servizio un piano di rinnovo di materiale rotabile, quale elemento indispensabile per migliorare la qualità complessiva del servizio ferroviario regionale lombardo. Il piano ha previsto di acquisire complessivamente, alla data di sottoscrizione del presente contratto, 173 nuovi treni (94 TSR, 5 Vivalto, 2 ATR.220, 14 CSA, 30 Coradia, 24 GTW, 4 Flirt) così articolati: - programma di acquisto : 110 treni - programma di acquisto : 63 treni (comprensivi dell'investimento straordinario per Expo) Questi treni hanno permesso di migliorare in maniera significativa la flotta a disposizione di Trenord abbassando l età media da 28 a 21 anni circa e garantendo la possibilità di affrontare adeguatamente le nuove relazioni di accessibilità al sito di Expo. Tuttavia, per assicurare il mantenimento dell età media della flotta con un adeguato tasso di rinnovo dei rotabili anche per il successivo periodo contrattuale , le Parti condividono la necessità di intraprendere ulteriori investimenti in materiale rotabile. Nell'ambito del Contratto di Servizio, in base a quanto previsto all'art. 16 comma 9, Trenord assicura un investimento minimo di 200 milioni di euro. Le Parti condividono che tale investimento sia finalizzato, alla fornitura di nuovo materiale rotabile all'interno del periodo di validità del Contratto, individuando quale necessità prioritaria il rinnovo ed il potenziamento della flotta sulle direttrici a più elevata frequentazione. Il nuovo materiale dovrà rispondere ai requisiti di accessibilità e informazione delineati agli Art. 24 e 25 del Contratto (Fruibilità dei servizi di trasporto e Informazione ai viaggiatori) e relativi Allegati. La colorazione dei rotabili verrà individuata d'intesa con Regione.

73 Bollettino Ufficiale 73 ALLEGATO 7 marketing Piano di informazione, comunicazione e 7.1. Informazioni essenziali ai viaggiatori INFORMAZIONI CANALI STATO DELL ARTE [31/12/2014] Orario [Singola corsa] In Stazione* - Sistemi diffusione sonora - monitor e/o teleindicatori di binario* A bordo treno A bordo treno/ct SÌ SÌ SÌ Sonoro e/o video all interno - laddove supportato Coradia, TSR - [anche in inglese]. All esterno indicatore frontale e laterale esterni di destinazione, interscambi, prossima fermata Contenuto: Treno in oggetto, fermate, orario, origine/destinazione. Tramite sistema Oboe Pis [Vedi dettaglio tabella A] Orario palmare: sì Obiettivi a medio e lungo periodo Azioni/canali medio e lungo periodo Integrazione orari bus sostituivi in sistemi IAP gestore infrastruttura Integrazione orari bus sostituivi in sistemi IAP gestore infrastruttura Nuove info (Ex Regolamento CE n.1371/2007): Principali coincidenze, ritardi. (Cfr. dettagli All ) Online [Desktop] SÌ Motore orario. Contenuto: dettaglio treno e info commerciali [anche in inglese] Evoluzione nuovo motore orario (obiettivo ) Nuove info (Ex Regolamento CE n.1371/2007): disponibilità orari per stazione situazione real time degli arrivi/partenze possibilità di soluzioni travel planner basate su: accessibilità bici, disabili, integrazione con TPL Disponibilità offerta completa Trenord su travel planner europeo Integrazione con servizi e015 (Cfr. dettagli All )

74 74 Bollettino Ufficiale INFORMAZIONI CANALI STATO DELL ARTE [31/12/2014] Mobile SÌ Motore orario. Contenuto: dettaglio treno e info commerciali. Obiettivi a medio e lungo periodo Azioni/canali medio e lungo periodo Smartphone Nuova versione Nuove info (Ex motore orario, Regolamento CE mutuato dall App n.1371/2007): [anche in inglese] disponibilità orari per Successive evoluzioni stazione nuovo motore orario situazione real time (obiettivo ) degli arrivi/partenze possibilità di soluzioni travel planner basate su: accessibilità bici, disabili, integrazione con TPL Disponibilità offerta completa Trenord su travel planner europeo Integrazione con servizi e015 (Cfr. dettagli All ) App 2015 Smartphone Android Motore orario, acquisti e ios + Tablet [anche in inglese]. Contenuto: dettaglio treno, info commerciali; quadri [arrivi/partenze in Stazione]. [anche in inglese] Nuove info (Ex Regolamento CE n.1371/2007): disponibilità orari per stazione situazione real time degli arrivi/partenze Successive evoluzioni possibilità di soluzioni nuovo motore orario (obiettivo ) travel planner basate su: accessibilità bici, disabili, integrazione con TPL Disponibilità offerta completa Trenord su travel planner europeo Integrazione con servizi e015 Social On demand [Twitter] 2015 Implementazione attività di Implemetazione Twitter, apertura altri canali con finalità Social care [Customer care, anche nei week care tramite canali end Social sia info sia gestione cliente] Numero telefonico Attivo numero nero Nuovo sistema su Crm Diminuzione tempi di attesa/chiamate perse Evoluzione sempre più orientata all attività di social care Orario Ufficiale Stampa Ogni cambio orario Digital su tutti gli strumenti di comunicazione (Cfr. dettagli All ) Online Variazioni al servizio Stazione* Reti Libretto orario scaricabile [.Pdf] Pdf più accessibile, indicizzato e consultabile. A partire dal 2015 (Cfr. dettagli All ) PDF (Cfr. dettagli All )

75 Bollettino Ufficiale 75 INFORMAZIONI CANALI STATO DELL ARTE [31/12/2014] Soppressione dei servizi (EX art 7 CE 1371), sospensione/deviazione di servizio, disponibilità di servizi sostitutivi, bici e PRM, indisponibilità biglietterie/ POS/ emettitrici /PVT, - Avvisi audio* SÌ - monitor e/o teleindicatori di binario - DS utilizzabile per avvisi TRENORD SÌ SÌ [se variazione programmata] % di stazioni dotate di sistema DS utilizzabile per avvisi TRENORD Obiettivi a medio e lungo periodo Progetto con i gestori dei DS entro fine Bacheche SÌ [se variazione Bacheche elettroniche programmata, tramite nelle principali Avvisi sulle bacheche Stazioni di stazione o in biglietteria] Bordo treno SÌ Messaggio tramite Sistema Oboe (60% della flotta) direttamente dalla sala operativa. Azioni/canali medio e lungo periodo Totem/Bacheche elettroniche Online [Desktop] SÌ Soppressione dei servizi, - Pagine direttrici; sospensione/deviazione - sezione avvisi. di servizio, disponibilità di servizi sostitutivi, bici e PRM, indisponibilità biglietterie/ POS/ emettitrici /PVT, Mobile SÌ Soppressione dei servizi, - Pagine direttrici; sospensione/deviazione - sezione avvisi. di servizio, disponibilità di servizi sostitutivi, bici e PRM, indisponibilità biglietterie/ POS/ emettitrici /PVT, 2015 Bacheca avvisi dedicata alla singola Stazione 2015 Bacheca avvisi dedicata alla singola Stazione ONLINE Integrazione soluzioni travel planner con variazioni real time Integrazione sistemi con real time bus sostituivi Integrazione con servizi e015 Cruscotto real time linee (vedi TFL) Implementazione avvisi in inglese MOBILE Integrazione soluzioni travel planner con variazioni real time Integrazione sistemi con real time bus sostituivi Integrazione con servizi e015 Cruscotto real time linee Cruscotto real time linee (vedi TFL) Implementazione avvisi in inglese

76 76 Bollettino Ufficiale INFORMAZIONI CANALI STATO DELL ARTE [31/12/2014] App SÌ Soppressione dei servizi, - Pagine direttrici; sospensione/deviazione - stazioni; di servizio, disponibilità di - avvisi. servizi sostitutivi, bici e PRM, indisponibilità biglietterie/ POS/ emettitrici /PVT, Social Twitter, account di direttrice Obiettivi a medio e lungo periodo Notifiche push [una selezione anche in inglese] 2015 Implementazione servizio, info e care La rete e le stazioni Stazione Infrastruttura - Bacheche Mappa rete dei servizi 2015 Mappa/elenco rivendite più vicine alle singole stazioni, servizi minimi [anche in inglese] Azioni/canali medio e lungo periodo Integrazione soluzioni travel planner con variazioni real time Integrazione sistemi con real time bus sostituivi Integrazione con servizi e015 Cruscotto real time linee (vedi TFL) Implementazione avvisi in inglese Social care Incremento arco di servizio (es: week end) Cartaceo Totem/Bacheche elettroniche Bacheche elettroniche nelle principali Stazioni Mappa con l'indicazione Bordo treno Stampa Online [Desktop] Mappa rete Libretto orario Mappe online, Pdf scaricabili. Elenco stazioni con direttrice di appartenenza, elenco e mappa biglietterie e rivendite autorizzate 2015 Anagrafica stazioni con servizi minimi e accessibilità, [anche in inglese] Altri servizi, presenza parcheggi, intermobilità Mobile 2015 Elenco stazioni con direttrice di appartenenza, elenco e mappa biglietterie e rivendite autorizzate, servizi, M53 [anche in inglese] App 2015 Elenco stazioni con direttrice di appartenenza, elenco e mappa biglietterie e rivendite autorizzate, servizi, M53 [anche in inglese] Stazione Online Smartphone Smartphone

77 Bollettino Ufficiale 77 INFORMAZIONI CANALI STATO DELL ARTE [31/12/2014] della fermata dei bus sostitutivi Obiettivi a medio e lungo periodo DS 2015 Indicazione, sui DS Istituzionali [anche inglese] - Bacheche Avviso 2015 Mappa con fermate limitrofe bus sostitutivi [anche in inglese] Azioni/canali medio e lungo periodo Video Digitale Avviso su bacheche elettroniche Totem/Bacheche elettroniche Estratto delle Condizioni di trasporto [anche inglese] Tariffe e modalità di acquisto dei biglietti Bordo treno No Cartaceo Libretto orario Online [Desktop] Mappa con geolocalizzazione delle fermate. + Pdf scaricabili Mobile Mappa con geolocalizzazione delle fermate [anche in inglese] App 2015 Mappa con geolocalizzazione delle fermate [anche in inglese] Integrazione con servizi e015 Mobile Integrazione con servizi e015 Smartphone Integrazione con servizi e015 Stazione - Bacheche Sintesi Bordo treno Sintesi Cartaceo Stampa per biglietterie Vademecum integrale e rivendite esterne Online [Desktop] Integrale [Pdf scaricabile] Mobile 2015 Consultabile e scaricabile App 2015 Sintesi consultabile Stazione - Bacheche SÌ 2015 Stazione o punto più vicino con biglietteria o emettitrice Totem/Bacheche elettroniche Avviso su bacheche elettroniche Biglietterie Sì Sì (Ex Regolamento CE n.1371/2007) Rivendite esterne Sì Sì (Ex Regolamento CE n.1371/2007) Emettitrici automatiche Sì Sì (Ex Regolamento CE n.1371/2007) Bordo treno Stampa Vademecum

78 78 Bollettino Ufficiale INFORMAZIONI CANALI STATO DELL ARTE [31/12/2014] Servizi offerti alle persona con disabilità e viaggiatori con bici al seguito Obiettivi a medio e lungo periodo Online [Desktop] Sezione tariffe + Vademecum scaricabile Mobile 2015 Sezione tariffe + Vademecum scaricabile Stazione - Avvisi audio A cura del gestore - Tabelloni infrastruttura - DS - Bacheche No Sì (Ex Regolamento CE n.1371/2007) Biglietterie Sì Sì (Ex Regolamento CE n.1371/2007) Rivendite No Sì (Ex Regolamento CE n.1371/2007) Bordo treno Indicazione posto riservato Indicazione posto prioritario Azioni/canali medio e lungo periodo Stampa Orario ufficiale Solo digital (Cfr. dettagli All ) Online [Desktop] Orario con indicazione treni accessibili [Pdf scaricabile]. Sezione con elenco stazioni accessibili Motore orario con indicazione treni accessibili PRM e bici [anche in inglese] 2015 Sezione con elenco stazioni accessibili a PRM e bici in inglese. (Cfr. dettagli All ) Mobile 2015 Motore orario con indicazione treni accessibili PRM e bici [anche in inglese] Sezione con elenco stazioni accessibili a PRM e bici in inglese (Cfr. dettagli All ) App 2015 Accessibilità stazioni PRM e bici [anche in inglese] Sezione con elenco stazioni accessibili a PRM e bici in inglese (Cfr. dettagli All ) smartphone

79 Bollettino Ufficiale 79 INFORMAZIONI CANALI STATO DELL ARTE [31/12/2014] Avvisi al pubblico (cartacei/digitali) Stazione - Avvisi audio SÌ [selezione] Nota: In inglese vengono - DS SÌ [selezione] prodotti gli avvisi di vasto interesse [cambio orario, - Bacheche SÌ scioperi] o relativi al Bordo treno Audio [Selezione] servizio Malpensa Express. Online [Desktop] SÌ Mobile SÌ App 2015 SÌ Diritti dei viaggiatori Reclami, rimborsi, assistenza [anche in inglese] Stazione Online [Desktop e App] Sì in bacheca e on line Obiettivi a medio e lungo periodo Pubblicazione Azioni/canali medio e lungo periodo * a cura dei Gestori della rete [cfr. dettaglio informazione in stazione per canale - Tabella B]

80 80 Bollettino Ufficiale 7.2. Progetti cardine di informazione e fruibilità del servizio Le parti condividono l'implementazione dei seguenti progetti ritenuti inderogabili per fornire un'informazione adeguata ai viaggiatori Nuovo sistema informativo a bordo treno Entro sei mesi dalla sottoscrizione del Contratto, le parti definiscono: le specifiche per un nuovo sistema informativo destinato a diventare, nell'arco di validità del Contratto, il sistema standard unificato per l'informazione a bordo treno (audio e video) su tutta la flotta Trenord. Il sistema potrà essere un'evoluzione dei sistemi attuali (Oboe e Pis) oppure una nuova realizzazione, purché sia in grado di fornire in modo unitario tutte le informazioni a bordo treno, visive e sonore, con un'interfaccia unica per il viaggiatore (anche dal punto di vista grafico). Il sistema dovrà essere in grado di indicare sia informazioni sul servizio programmato, sia informazioni in tempo reale in caso di perturbazioni o variazioni; un sistema di monitoraggio che misuri l evoluzione delle dotazioni e performance dei sistemi di informazione a bordo treno della flotta Trenord (a titolo esemplificativo: numero di convogli attrezzati, tipologia di informazioni fornite, corse/giorno con sistemi funzionanti ecc.) Visibilità sul web dell'offerta Trenord Entro sei mesi dalla sottoscrizione del Contratto, Trenord garantisce che: su tutti i principali siti di travel planner europei (inclusi in particolare quelli degli operatori ferroviari nazionali esteri) sia visibile l'offerta Trenord; l intera offerta regionale oggetto di Contratto di Servizio sia resa disponibile in formato open data e Google Transit Visibilità su prodotti cartacei dell'offerta Trenord Entro sei mesi dalla sottoscrizione del Contratto, le parti definiranno le specifiche per la divulgazione dell'offerta Trenord su supporti cartacei, inclusi a titolo d'esempio i fascicoli orario per linea, nonché le relative modalità di distribuzione (in stazione, PVT, altre reti di distribuzione, ecc.).

81 Bollettino Ufficiale Dettaglio informazioni a bordo treno (tabella A) Info generali Info ritardi Info cancellazione improvvisa Info gravi anormalità Info commerciali Apparati Oboe Apparati Pis Manuali dal CT Automatico alla registrazione del treno con sistema satellitare. Orari e fermate. Interscambi nelle fermate principali per treni RE. Italiano e inglese. Automatico con sistema satellitare di rilevazione del ritardo. Italiano e inglese. Impostato in real time direttamente da Sala Operativa. Solo in italiano. Impostato in real time direttamente da Sala Operativa. Solo in italiano. Diffusione sonora programmato direttamente dalla funzione Informazione e Relazioni con la Clientela. Solo in italiano. Appendini su richiesta della funzione Marketing. Italiano e inglese (se previsto). Preimpostato e legato al numero del treno. Orari e fermate. Interscambi nelle stazioni principali. Italiano e inglese. No. No. No. Diffusione sonora No. Appendini su richiesta della funzione Marketing. Italiano e inglese (se previsto). In caso di non funzionamento degli apparati Oboe e Pis. Prevalentemente in italiano. In caso di non funzionamento degli apparati Oboe e sempre per gli appartati Pis. Prevalentemente in italiano. In caso di non funzionamento degli apparati Oboe e sempre per gli appartati Pis. Prevalentemente in italiano. In caso di non funzionamento degli apparati Oboe e sempre per gli appartati Pis. Prevalentemente in italiano. No. Info variazioni programmate Diffusione sonora programmato direttamente dalla funzione Informazione e Relazioni con la Clientela. Solo in italiano. No. Su richiesta della funzione Informazione e Relazioni con la Clientela. Solo in italiano.

82 82 Bollettino Ufficiale 7.4. Dettaglio informazione in stazione per canale (tabella B) Info generali Info ritardi Info cancellazione improvvisa Info gravi anormalità Info commerciali Info variazioni programmate Annunci sonori Monitor Teleindicatori DS Preimpostati da GI secondo propri moduli comunicativi. Info su orari e destinazione. Prevalentemente in italiano, per servizi particolari (MXP) anche in inglese. Preimpostati da GI secondo propri moduli comunicativi. Prevalentemente in italiano, per servizi particolari (MXP) anche in inglese. Impostato in real time direttamente da Sala Operativa di GI secondo propria organizzazione. Prevalentemente in italiano, per servizi particolari (MXP) anche in inglese. Impostato in real time direttamente da Sala Operativa di GI secondo propria organizzazione. Prevalentemente in italiano, per servizi particolari (MXP) anche in inglese. A cura dei GI, su richiesta della funzione Informazioni e Relazioni con la Clientela, secondo moduli comunicativi previsti dal GI (sonori e cartacei in bacheca)e in assenza di gravi criticità al servizio ferroviario. A cura dei GI, su richiesta della funzione Informazioni e Relazioni con la Clientela, secondo moduli comunicativi previsti dal GI (sonori e cartacei in bacheca) e in assenza di gravi criticità al servizio ferroviario. Preimpostati da GI secondo propri moduli comunicativi. Info su orari e destinazione. Italiano. Preimpostati da GI secondo propri moduli comunicativi. Italiano. Preimpostati da GI secondo propri moduli comunicativi. Italiano. Preimpostati da GI secondo propri moduli comunicativi. Italiano. No. A cura dei GI, su richiesta della funzione Informazioni e Relazioni con la Clientela, secondo moduli comunicativi previsti dal GI e in assenza di gravi criticità al servizio ferroviario. No. No. No. Su richiesta della funzione Informazione e Relazioni con la Clientela (per tramite della funzione Comunicazione Digital e Social) solo in alcune stazioni del GI-FN Sì. Sì Altre modalità di informazione alla clientela Le attività e gli strumenti di informazione e relazione con la clientela nei prossimi anni evolveranno seguendo i cambiamenti progressivi e inarrestabili dei canoni e degli strumenti della comunicazione digitale. Molti di questi sono già in atto, altri saranno il frutto di molte componenti tra loro concatenate: la connettività sempre più spinta, le soluzioni adottate dal mercato e le abitudini che sapranno coinvolgere maggiormente il pubblico. Per un'azienda di servizio pubblico è fin d'ora assodato che saranno peculiari alcuni punti fermi, come la necessità di tenere informati i clienti puntualmente e nello specifico delle esigenze (ad esempio automatizzando le alternative di viaggio e le possibili coincidenze o rispondendo real time alle domande poste dalla clientela). Gli strumenti attualmente a disposizione di Trenord sono già orientati verso questi futuri orizzonti. Occorre tuttavia prevedere investimenti per la formazione continua di team dedicati (valutando

83 Bollettino Ufficiale 83 progressivamente le forze richieste dal mercato) e per l'adeguamento o la creazione di strumenti evoluti. Di seguito gli ambiti attivi e le possibili evoluzioni, per quanto possano essere oggi prevedibili Info pull Oggi: Tutte le informazioni sopraelencate vengono fornite ai clienti in forma [on demand] tramite: Contact Center [800 chiamate/giorno] reclami e domande [20mila/anno con relative risposte secondo CDS] Twitter [numero interazioni mensili] con numero 30mila follower e circa 6mila tweet/mese My Link Point Sviluppi Social Care E ipotizzabile, entro la prima metà del 2016, l approdo social dell attività di Contact center, con un rafforzamento dell interazione in rete con il cliente. Questa soluzione è incentivata anche dall utilizzo di un CRM che, di fatto è in grado di integrarsi ai percorsi social. Chat online Un servizio di Customer chat potrebbe essere un ulteriore sviluppo del servizio di assistenza al cliente, da pianificare nel Saranno presi in considerazione sia software in grado di rispondere o indirizzare il cliente in base alle domande ricevute, sia sistemi di assistenza live tramite chat, più friendly e meno macchinosi delle mail Utenti profilati [Newsletter] L'evoluzione del sistema di bigliettazione digitale consentirà di disporre di tali e tanti dati relativi ai singoli clienti, permettendo di raggiungerli in maniera personalizzata, per gruppi di interesse o di appartenenza specifica (linea, gruppi di età, territorio,...). Attualmente i clienti profilati sono 90mila e possono essere raggiunti in modo indistinto con notizie generali su promozioni, bonus, avvisi. Sviluppo Entro fine 2015 integrazione di un sistema evoluto di newsletter con il nuovo CRM che permetterà un informazione più puntuale in quanto maggiormente profilata al cliente [ad es. invio automatico di mail-promemoria per scadenza tessera].

84 84 Bollettino Ufficiale APP Nel 2015, l attività più importante legata all informazione al cliente sarà l App, che prevede notifiche push su treni, stazioni e linee preferite con relative informazioni real time e possibilità di acquisto. Sviluppo Come possibile sviluppo, in una seconda fase dell App, è prevista anche l interazione social con i clienti, connessa con attività di social care (cfr. punto seguente) Social Nel 2015 si prevede la ridefinizione del servizio social [Twitter] con sviluppo dell attività di Social Care. Sviluppo Approdo su specifici social network [Facebook, Google +, YouTube], mirati a determinati servizi [Malpensa Express, Promozioni FreeTime, All Expo con Trenord]. La presenza istituzionale è fondamentale per concentrare le criticità ovvero per mettersi allo stesso piano del cliente. La scelta di circoscrivere l ambito di intervento/interazione è in ragione di un analisi che non può prescindere dalla dimensione delle forze messe in campo. YouTube istituzionale può essere utilizzato per caricare video aziendali, tutorial, interviste, servizi, promozioni Sviluppo e miglioramento strumenti basilari Sito internet A fronte dell introduzione di altri strumenti di comunicazione [App, CRM, Store] il sito Internet richiede una profonda revisione con l introduzione di nuove informazioni a tutto vantaggio del Cliente. in particolare nel 2015 e nella prima metà del 2016: - verranno ridisegnate tutte le pagine di circolazione e saranno introdotte molte funzionalità sviluppate per l App [ad esempio il cerca treno o l M53]. - verranno inseriti nuovi servizi come un anagrafica Stazioni con tutte le informazioni utili al cliente sui servizi erogati in Stazione [il tutto in italiano e inglese]. - verrà modificato il flusso avvisi, e verrà implementata una categorizzazione degli avvisi in maniera da rendere più efficace - lato cliente - il reperimento dell informazione.

85 Bollettino Ufficiale CRM (Customer relationship management) La profilazione del cliente è essenziale per poter offrire un servizio più personalizzato. La scheda cliente a cui i nostri operatori potranno accedere riporterà la storia dei rapporti che il cliente ha intrattenuto con Trenord [i reclami che ha inviato, le richieste di rimborso, l utilizzo del servizio comitive o disabili]. Nel 2015, in una seconda fase, il CRM sarà collegato al flusso acquisti in maniera da poter visualizzare anche i rapporti commerciali intrattenuti, sia al fine di conoscere in dettaglio il nostro cliente sia al fine di proporre offerte commerciali mirate e, di conseguenza, più efficaci. In termini di servizio, la profilazione e l utilizzo di un CRM avanzato, metterà il cliente nella condizione di seguire in maniera più efficace e puntuale l iter delle proprie pratiche Store Pur essendo di fatto una modalità di acquisto, il portale vendite, per sua natura, si pone come un ulteriore mezzo di comunicazione. Numerose le interazioni con il servizio informazioni [ad esempio gli avvisi di sciopero o le nuove promozioni], perciò lo Store, anche per il fatto di basarsi sul SSO, riconosce il cliente e opportunamente configurato potrà fornire informazioni mirate Revisione utilizzo DS (Digitale Signage) Nel 2016 revisione totale [contenuti, visual layout, processo di creazione e pubblicazione] di parte degli schermi Digitale Signage [quelli Istituzionali, che godono di un palinsesto misto commerciale+istituzionale] collocati nelle Stazioni ramo Ferrovienord Revisione comunicazione avvisi cartacei Il cambiamento del linguaggio della comunicazione aziendale deve coinvolgere tutti gli ambiti e tutti gli strumenti, a tale proposito anche la comunicazione più tradizionale, come gli avvisi cartacei di stazione, posti nelle diverse bacheche, sarà rivista in termini di forma, layout e contenuti al fine di creare un unico linguaggio seppur declinato per i diversi supporti. Sviluppo Bacheche digitali in stazione per sostituire parte degli avvisi cartacei, assicurando al contempo velocità di aggiornamento e format di comunicazione.

86 86 Bollettino Ufficiale ALLEGATO 8 Rete di vendita 8.1. Elenco delle biglietterie e relativi orari di apertura Stazione Denominazion e ed eventuale codice identificativo della stazione e della biglietteria Numero di sportelli Sportelli di biglietteri a aperti (anche con orari diversi) nella stazione Giorni di apertura Giorni della settimana/period i dell anno Orario Ora di apertura ora di chiusura della biglietteri a (almeno 1 sportello) Gestore della biglietteria Trenord, altre (specificare ) N. emettitrici per tipologia Emettitrici automatich e installate nella stazione: PICO, DAB Altre (specificare ) Punto vendita in stazione Se presente, inserire il riferiment o progr. al punto vendita elencato nella tabella seguente Tipo canale di vendit a DSD2, ecc. Formato dei dati soggetto a possibili modifiche in funzione dei sistemi di gestione analisi di Trenord. Titoli di viaggio venduti Dettagliar e tipologia e modalità titoli di viaggio venduti (sportello e DAB) 8.2. Altri punti della rete di vendita Progr. Stazione più vicina Località Denominazione PVT Indirizzo Provincia Giorno chiusura Orario di Distanza apertura approssimati va dalla stazione Titoli di viaggio venduti Formato dei dati soggetto a possibili modifiche in funzione dei sistemi di gestione analisi di Trenord. La tabella include le biglietterie Trenitalia che sul territorio regionale emettono titoli di viaggio per conto di Trenord Piano sulla rete di vendita Da consegnare in base alle disposizioni dell'art. 23, comma 3, punto b del Contratto Termini di consegna Trasmissione su file alla sottoscrizione ed entro 15 giorni prima dell entrata in vigore di ogni variazione, per quanto riguarda l elenco delle biglietterie, e semestralmente, per quanto riguarda l elenco dei punti vendita. Formato Excel. Trasmissione entro sei mesi dalla sottoscrizione per il Piano sulla rete di vendita.

87 Bollettino Ufficiale 87 ALLEGATO 9 Sistema tariffario ed agevolazioni 9.1. Sistema tariffario regionale 1. Trenord adotta per il calcolo delle distanze tra le stazioni la tavola unificata delle polimetriche così come approvata da Regione con Decreto n 9838 del 5 novembre 2012 e suoi eventuali successivi aggiornamenti e modifiche. 2. Trenord riconosce validi sui propri servizi i titoli di viaggio che consentono la circolazione su tutti i servizi di trasporto regionale e locale della Lombardia, previsti dalle leggi l.r. n. 6/2012 dai relativi provvedimenti attuativi. 3. La Regione, attraverso accordi specifici, riconosce a Trenord forme di compensazione per i mancati introiti tariffari derivanti da ulteriori agevolazioni o titoli di gratuità stabiliti dalla Regione a seguito di nuove normative. 4. Sui servizi aeroportuali di cui all Art. 9 del Contratto sono validi i titoli di viaggio riportati nella seguente tabella, da aggiornare in modo concordato tra le Parti, in funzione dell evoluzione del servizio

88 88 Bollettino Ufficiale Relazione Origine o destinazione Aeroporto Malpensa Origine o destinazione Altre località (no Malpensa) Viaggi tra stazioni milanesi: Cadorna Centrale Bovisa Porta Garibaldi Tipo di servizio Biglietti e carnet 1 a classe 2 a classe Abbonamenti 1 a classe 2 a classe IVOL 1/2/3/7 giorni Cadorna No No Sì No No IVOL Mese, trimestre, anno Con Carta Plus Lombardia Titolo di viaggio IVOP Mese No Io viaggio TrenoCittà Milano Io viaggio in famiglia occasionale No Agevolazioni tariffarie Con Carta Plus Lombardia Centrale No No Sì Sì No Sì Sì No Sì Luino No No Sì Sì No Sì Sì No Sì Cadorna Sì No 1 Sì No 1 Sì Con Carta Plus Lombardia No Con Carta Sì (1ª classe) 1 Sì Plus Lombardia 1 Urbano Milano e cum SITAM Centrale Sì Sì Sì Sì Sì Sì Sì Sì Sì Sì Sì Luino Sì Sì Sì Sì Sì Sì Sì Sì Sì Cadorna e Centrale Sì Sì Sì Sì Sì Sì Sì Sì Sì Sì Sì Sì Sett area SITAM No LEGENDA: Cadorna Centrale Luino IVOL: IVOP: Agevolazioni tariffarie: Carta Plus Lombardia: Urbano Milano e cum SITAM: Sett area SITAM: Treno Cadorna-Malpensa; Treno Centrale-Malpensa; Treno (Bellinzona)-Luino-Malpensa; Io viaggio ovunque in Lombardia ; Io viaggio ovunque in Provincia ; Carta Regionale di Trasporto e Io viaggio ovunque in Lombardia agevolata; valida per la tratta Malpensa; titoli urbani di Milano e cumulativi Sitam (Sistema tariffario integrato area milanese) utilizzati in ambito urbano a Milano; settimanale d area SITAM; 1 Viene effettuato anche il servizio di 2 a classe negli orari in cui non presta servizio la linea R27 Novara - Saronno - Milano (primi due treni del mattino da Malpensa e tutti i treni in partenza dopo le ore da Cadorna e da Malpensa)

89 Bollettino Ufficiale Tariffa sovraregionale 1. Per viaggi tra due o più regioni sono rilasciati biglietti e abbonamenti a tariffa regionale con applicazione della tariffa sovraregionale di Trenitalia (39-40/AS) per chilometraggi fino a 600 km. Le stazioni da considerare come confine geografico delle aree regionali e il metodo di calcolo delle tariffe sono quelli approvati dalla Conferenza delle Regioni e Province Autonome. 2. Trenord si impegna a comunicare a Regione gli aggiornamenti della presente tariffa di competenza di Trenitalia, unitamente ai livelli tariffari applicati nelle altre Regioni. Trenord si fa parte attiva presso Trenitalia per garantire il puntuale adeguamento della tariffa sovraregionale, al variare delle tariffe regionali coinvolte Accesso ai treni Intercity, Frecciabianca e similari 1. Trenord tramite apposito accordo con Trenitalia disciplina gli aspetti amministrativi e contabili derivanti dall attuazione dei contenuti dell'"accordo tra Regione Lombardia e Trenitalia S.p.A. per l estensione ai treni regionali della validità degli abbonamenti mensili EsCity/IC, per l istituzione di una Carta Plus che estenda la validità dell abbonamento TrenoMilano e della Carta Regionale di Trasporto ai treni EsCity/IC", così come modificato e integrato in base a quanto di seguito riportato. 2. L Accordo tra Trenitalia e Trenord garantisce l accesso ai servizi lunga percorrenza agli utenti sistematici del trasporto ferroviario regionale e del trasporto urbano. Ai sensi dell accordo e di questo articolo, per servizi ESCity ed IC si intendono tutti i servizi gestiti dalla Divisione Passeggeri Nazionale/Internazionale di Trenitalia S.p.A. non classificati Eurostar/Frecciarossa/Frecciargento, cioè, a titolo esemplificativo non esaustivo, i servizi IC, ICN, EC (tratte nazionali), ESCity Frecciabianca e similari. 3. I possessori di abbonamenti mensili EsCity ed IC per poter viaggiare sui treni Regionali nell ambito dei confini tariffari (comprese le estensioni tariffarie) della Regione Lombardia, devono richiedere l abbonamento mensile EsCity ed IC con estensione regionale corrispondendo un incremento del 5% sul prezzo dell abbonamento stesso. 4. L offerta EsCity ed IC ed i relativi prezzi degli abbonamenti potranno essere autonomamente modificati da Trenitalia con un preavviso di mesi tre, nell ambito della propria politica dei servizi di mercato; su tali nuovi prezzi sarà sempre calcolato l incremento del 5% per l estensione ai treni regionali. Ai fini della compensazione, di cui al successivo comma 7, il costo utilizzato come riferimento per l'abbonamento mensile viene adeguato al termine di ogni orario, in coerenza con la data in cui Regione e Trenitalia possono recedere dal loro Accordo, ai sensi del successivo comma Gli abbonamenti mensili EsCity ed IC acquistati con estensione regionale permettono di utilizzare i treni regionali solo per la tratta origine destinazione dell abbonamento stesso. 6. Trenitalia commercializza per le relazioni comprese nei confini regionali una Carta Plus Lombardia, con l indicazione della tratta, nominativa e non rimborsabile, mensile e annuale, al prezzo forfetario di: - per distanze fino a 50 chilometri: Euro 200/anno o Euro 20/mese; - per distanze superiori a 50 chilometri e fino a 115 chilometri: Euro 300/anno o Euro 30/mese, - per distanze superiori a 115 chilometri: Euro 400/anno o Euro 40/mese; che consente di utilizzare i servizi EsCity ed IC di cui al comma 2.

90 90 Bollettino Ufficiale 7. Le tariffe di cui al comma 6 potranno essere aggiornate annualmente dalla Giunta regionale in considerazione della variazione delle tariffe dei servizi commerciali e del trasporto pubblico lombardo. 8. La Carta Plus Lombardia è acquistabile solo dai residenti in Lombardia. 9. La validità della Carta Plus Lombardia potrà essere estesa ai non residenti in Lombardia a seguito di accordo con le altre Regioni che garantiscano la relativa copertura economica. 10. La Carta Plus mensile è utilizzabile in abbinamento all abbonamento mensile Io viaggio ovunque in Lombardia mese (IVOL) nonché ai titoli Trenocittà; la Carta Plus annuale è utilizzabile in abbinamento alle agevolazioni tariffarie regionali di cui all art. 28 del r.r. 4/2014, nonché agli abbonamenti Io viaggio ovunque in Lombardia trimestrali ed annuali. 11. Trenord riconosce valida la Carta Plus Lombardia in abbinamento agli abbonamenti mensile, trimestrale ed annuale IVOL e alle agevolazioni tariffario regionali di cui all art. 28 del r.r. 4/2014 per garantire anche la libera circolazione sulla prima classe dei treni regionali e sui collegamenti aeroportuali; per le relazioni ove non viene commercializzata da parte di Trenitalia la Carta Plus Lombardia, Trenord garantisce l emissione di una carta di ammissione con le caratteristiche di cui al comma 6. che, in abbinamento ai titoli di viaggio di cui al comma 10, consente di utilizzare la prima classe sui treni regionali e sui collegamenti aeroportuali. 12. A compensazione dell emissione della Carta Plus Lombardia, Regione riconoscerà: - Carta Plus Lombardia in abbinamento a IVOL trimestrale ed annuale (ovvero per tutte le Carta Plus annuali): Regione verserà la differenza tra il costo dell abbonamento EsCity/IC per 11 mesi + 5% e la quota riconosciuta a Trenord per IVOL annuale incrementata del prezzo forfettario della Carta Plus annuale in base alla distanza chilometrica. Il costo degli abbonamenti EsCity sarà calcolato per le relazioni interessate da tale tipo di offerta. - Carta Plus Lombardia in abbinamento a Trenocittà (ovvero per le Carta Plus Lombardia mensili aventi come origine/destinazione un capoluogo di provincia lombardo): Regione verserà la differenza tra il costo dell abbonamento mensile EsCity/IC + 5% e la quota riconosciuta a Trenord per il titolo Trenocittà sulla relazione a cui si applica la Carta Plus Lombardia incrementato del prezzo forfettario della Carta Plus mensile in base alla distanza chilometrica. Il costo degli abbonamenti EsCity sarà calcolato per le relazioni interessate da tale tipo di offerta; - Carta Plus Lombardia in abbinamento a IVOL mese (ovvero per le Carta Plus Lombardia mensili aventi origine/destinazione differente da un capoluogo di provincia lombardo): Regione verserà la differenza tra il costo dell abbonamento EsCity/IC + 5% e la quota riconosciuta a Trenord per IVOL mensile incrementata del prezzo forfettario della Carta Plus mensile in base alla distanza chilometrica. Il costo degli abbonamenti EsCity sarà calcolato per le relazioni interessate da tale tipo di offerta; - per il solo utilizzo della prima classe sui treni regionali e sui collegamenti aeroportuali (relazioni per le quali non esiste un collegamento EsCity/IC) l agevolazione trova copertura coi maggiori introiti derivanti dalla manovra tariffaria straordinaria prevista dalla dgr 1204/ Trenord, in base ai dati forniti da Trenitalia, rendiconterà a Regione il numero di Carta Plus annuale/mensile emesse; Regione verserà la compensazione di cui al comma 12 a Trenord che successivamente riconoscerà a Trenitalia la quota di relativa competenza. 14. Tenuto conto che l'accordo si fonda su una valutazione di sostenibilità economica basata sui prevedibili flussi di utilizzo dei servizi in questione, Trenitalia e Regione Lombardia, con un preavviso di mesi due, potranno recedere senza alcun onere dal reciproco Accordo al termine di ogni orario, in caso di modifiche sostanziali della struttura di offerta dei servizi ferroviari con impatto sulla relazione considerata, come, ad esempio, nel caso di effettuazione di servizi analoghi da parte di altre imprese ferroviarie.

91 Bollettino Ufficiale Offerte commerciali e agevolazioni tariffarie per particolari categorie di viaggiatori 1. Trenord riconosce che i ragazzi che non hanno ancora compiuto i quattro anni siano trasportati gratuitamente purché non occupino un posto e viaggino insieme ad una persona adulta. I ragazzi che non hanno ancora compiuto i 14 anni hanno diritto ad una riduzione pari alla metà della tariffa spettante per gli adulti qualora viaggino da soli. Qualora gli stessi ragazzi viaggino accompagnati da un parente, sono trasportati gratuitamente secondo le regole previste per i titoli Io Viaggio In Famiglia (autocertificazione o rilascio tessera). 2. Trenord può proporre alla Regione l introduzione di nuove tipologie di documenti di viaggio, con caratteristiche tariffarie e commerciali volte a favorire l accesso ai servizi ferroviari da parte di specifici segmenti di clientela. Queste iniziative non dovranno essere configurate in modo da recare pregiudizio ad eventuali sistemi tariffari integrati in vigore o da istituire nelle stesse aree. La Regione autorizza l introduzione di questi nuovi titoli previa analisi dei suoi effetti e può subordinarla a determinate condizioni. L introduzione di questi documenti di viaggio non potrà dare origine ad alcuna compensazione a carico della Regione. 3. Gli accordi commerciali siglati da Trenord con altre aziende, ivi compresa la Divisione Passeggeri Nazionale/Internazionale di Trenitalia, che causino una riduzione degli introiti aziendali non possono dar luogo a compensazione a carico della Regione e comunque devono essere trasmessi alla Regione 10 giorni prima che producano i loro effetti. 4. Eventuali sconti e riduzioni concesse a seguito di adozione di convenzioni siglate con qualsiasi associazione rimangono a totale carico dell azienda e non potranno dare luogo ad alcuna compensazione a carico della Regione e vanno a tutti gli effetti considerate come offerte commerciali Altre disposizioni in materia di tariffe 1. Fino all entrata in vigore dei sistemi tariffari integrati dei bacini di mobilità di cui al r.r. 4/2014, Trenord si impegna a mantenere in vigore le integrazioni tariffarie esistenti con altri gestori di servizi ferroviari e automobilistici, senza alcun onere a carico della Regione. Inoltre, si impegna a fornire alla Regione la documentazione circa gli accordi che regolano le integrazioni oggi vigenti e il dettaglio annuale dei titoli venduti e degli introiti. 2. Trenord si impegna a quantificare, anche utilizzando algoritmi di calcolo da condividere con la Regione, i propri introiti tariffari Tariffe applicate da Trenord in Lombardia 1. Da allegare e tenere aggiornato, a cura di Trenord, tramite apposito applicativo regionale di monitoraggio. 2. Include sia la tariffa regionale della Lombardia, sia le eventuali altre tariffe commerciali applicate da Trenord sui treni oggetto del contratto.

92 92 Bollettino Ufficiale denominazione zona tipo tariffa periodo di validità area condizioni di vendita n corse consentite classe tariffaria prezzo di vendita classe tariffaria prezzo di vendita n viaggi convenzionali Formato dei dati soggetto a possibili modifiche in funzione dei sistemi di gestione analisi di Trenord Titoli di viaggio obbligatori Biglietto ordinario Carnet multi corsa 10 viaggi (fino a 160 km) Abbonamento settimanale Abbonamento mensile Abbonamento annuale Abbonamento Treno-Città Abbonamento settimanale d area SITAM Altri Titoli e sconti Io Viaggio Al presente elenco potranno essere aggiunti ulteriori titoli di viaggio la cui introduzione deriva dal r.r. 4/2014 o altri atti/accordi coinvolgenti Regione Lombardia. Altre tariffe commerciali applicate da Trenord sui treni oggetto del contratto. La descrizione delle tariffe applicate deve contenere le seguenti informazioni minime: denominazione; tipo di tariffa; periodo di validità; tempo di validità; numero di corse consentite; classe tariffaria; prezzo di vendita; eventuali accordi tariffari Termini di consegna 1. Descrizione delle tariffe applicate: trasmissione su file alla sottoscrizione, con aggiornamento al 31 dicembre di ogni anno e in caso di delibera regionale in funzione della comunicazione che Regione invierà a Trenord. Formato Excel o compatibile. 2. Elenco degli accordi commerciali, agevolazioni e integrazioni tariffarie esistenti al 31 dicembre di ogni anno con descrizione delle condizioni previste: trasmissione entro 1 mese dalla sottoscrizione e aggiornamento ogni 6 mesi.

93 Bollettino Ufficiale 93 ALLEGATO 10 Bonus ai viaggiatori L'indice di affidabilità del servizio 1. L affidabilità dei servizi oggetto del Contratto è verificata monitorando i ritardi superiori a 5 minuti e le corse soppresse totalmente e non sostituite con autobus entro il tempo di ripristino di 30 minuti. Hanno rilievo le cause di ritardo o di soppressione individuate come imputabili, secondo la classificazione contenuta nella colonna relativa all Attribuzione causa per Indice di Affidabilità di cui al punto e La valutazione dell affidabilità rispetto al programma di esercizio avviene mensilmente, per ciascuna delle direttrici elencate nell'allegato 1, calcolando l indice I a secondo la formula riportata al punto Tale indice, calcolato per ciascuna direttrice, rapporta la somma dei minuti di ritardo delle corse giunte a destinazione con ritardo superiore a cinque minuti per cause imputabili e la somma dei minuti relativi alle corse soppresse interamente per cause imputabili e non sostitute con autobus entro il tempo di ripristino di 30 minuti, con la somma dei minuti di servizio totali programmati, al netto della durata in minuti delle corse soppresse interamente per cause non imputabili così come specificato nella colonna relativa all Attribuzione causa per Indice di Affidabilità di cui al punto e Trenord si impegna a non superare per ciascun mese e ciascuna direttrice i seguenti valori, calcolati per tutte le corse programmate dell intera giornata: a. 4,00%, per le seguenti direttrici che si svolgono totalmente o prevalentemente su rete Ferrovienord: NUM. DIR. NOME DIRETTRICE STANDARD AFFIDABILITA 30 Laveno - Varese - Saronno - Milano 4,00% 31 Como - Saronno - Milano 4,00% Novara - Saronno - Milano Malpensa - Milano Asso - Seveso - Milano Mariano/Camnago - Seveso - Milano 4,00% 4,00% 34 Brescia - Iseo - Edolo 4,00% 36 Saronno - Milano - Lodi 4,00% MINIMO b. 5,00%, per le seguenti direttrici che si svolgono totalmente o prevalentemente su rete RFI. NUM. DIR. NOME DIRETTRICE STANDARD AFFIDABILITA 1 Novara - Milano - Treviglio 5,00% 2 Saronno - Seregno - Milano - Albairate 5,00% 3 Domodossola - Gallarate - Milano 5,00% 4 Pto Ceresio - Varese - Gallarate - Milano 5,00% 5 Luino - Gallarate - Malpensa 5,00% MINIMO

94 94 Bollettino Ufficiale NUM. DIR. NOME DIRETTRICE STANDARD AFFIDABILITA 6 Chiasso - Como - Monza - Milano 5,00% 7 Tirano - Sondrio - Lecco - Milano 5,00% 8 Lecco - Molteno - Monza - Milano 5,00% 9 Chiavenna - Colico 5,00% 10 Lecco - Molteno - Como 5,00% 11 Lecco - Bergamo - Brescia 5,00% 12 Bergamo - Carnate - Milano 5,00% 13 Seregno - Carnate 5,00% 14 Bergamo - Treviglio 5,00% 15 Bergamo - Pioltello - Milano 5,00% 16 Cremona - Treviglio 5,00% 17 Verona - Brescia - Treviglio - Milano 5,00% 18 Brescia - Piadena - Parma 5,00% 19 Brescia - Cremona 5,00% 20 Mantova - Cremona - Lodi - Milano 5,00% 21 Piacenza - Lodi - Milano 5,00% 22 Alessandria - Pavia - Milano 5,00% 23 Stradella - Pavia - Milano 5,00% 24 Pavia - Codogno 5,00% 25 Alessandria - Mortara - Milano 5,00% 26 Mortara - Novara 5,00% 27 Pavia - Torreberetti - Alessandria 5,00% 28 Pavia - Mortara - Vercelli 5,00% 29 Voghera - Piacenza 5,00% 39 Lecco - Carnate - Milano 5,00% 41 Rho - Milano 5,00% MINIMO 3. Tali valori sono unici per tutti i mesi dell'anno. In caso di superamento dell indice di affidabilità si applicano le penali stabilite dal punto E' facoltà delle parti ridefinire il valore della soglia dell'indice di affidabilità e l eventuale accorpamento funzionale di alcune direttrici all'interno della revisione periodica del contratto Ambito di applicazione ed entità del bonus 1. Il diritto all erogazione del bonus previsto dal presente articolo matura esclusivamente a favore degli acquirenti di abbonamento ferroviario mensile, abbonamento TrenoCittà e dei possessori di abbonamento annuale venduti alla Tariffa Ferroviaria Regionale, di cui al r.r. 4/ L erogazione del bonus è riconosciuta a tutti gli acquirenti di abbonamenti mensili validi per il terzo mese successivo a quello in cui l indice di affidabilità non è stato rispettato.

95 Bollettino Ufficiale Ciascuna relazione ferroviaria è attribuita ad un unica direttrice tra quelle elencate nell'allegato 1, applicando i criteri contenuti nel presente allegato. 4. Ai fini del calcolo dell'indice di affidabilità: - le direttrici n. 33 Asso - Seveso - Milano e n. 37 Mariano/Camnago Seveso Milano sono considerate congiuntamente; - le direttrici n. 32 Novara - Saronno - Milano e n. 35 Malpensa - Milano sono considerate congiuntamente. 5. A causa dell'elevata frequenza dei treni, è escluso il riconoscimento del bonus ai possessori di abbonamenti per viaggi tra le località situate sulle seguenti tratte: - Milano - Saronno; - Milano - Monza; - Milano - Rho; - Milano - Pioltello; - Servizio urbano all'interno di Milano. 6. Per gli abbonamenti mensili il riconoscimento del bonus, per un dato mese e direttrice dà diritto ad una riduzione, valida nel terzo mese successivo a quello di riferimento, e riconosciuta alla totalità dei viaggiatori all atto dell acquisto di un abbonamento corrispondente alla relazione per la quale è maturato il diritto al bonus. Più bonus non sono cumulabili per l acquisto di uno stesso abbonamento. La riduzione sulla Tariffa Ferroviaria Regionale è pari al 30%. Per gli abbonamenti annuali il riconoscimento del bonus, per una data direttrice, avviene in forma di rimborso di ammontare pari a 1/12 di 10% per ciascun mese in cui non è stata rispettata la soglia prevista per l indice I a, fino ad un importo massimo annuo del 10% del valore dell'abbonamento stesso. 7. L indice I a viene calcolato utilizzando i minuti di ritardo certificati dal Gestore dell infrastruttura, i minuti di soppressione risultanti dal monitoraggio mensile calcolato secondo quanto previsto al punto 10.3 ed i minuti di servizio programmato secondo il Programma di Esercizio, e successive modifiche, come comunicate da Trenord. Il calcolo viene effettuato da Trenord, trasmesso alla Regione entro il ventesimo giorno del mese successivo a quello di riferimento, validato dalla Regione entro i quindici giorni seguenti e pubblicato entro il ventiduesimo giorno del secondo mese successivo a quello di riferimento. Il risultato è arrotondato al secondo decimale. 8. Trenord si impegna a monitorare l andamento dell Indice di Affidabilità del servizio (I a ) anche per i soli giorni feriali da lunedì a venerdì nelle fasce orarie di punta, così come indicate al punto Gli esiti del monitoraggio saranno comunicati alla Regione con la stessa cadenza adottata per la comunicazione dell indice di affidabilità valido per la corresponsione del bonus agli utenti. 9. La Regione si avvale di Trenord per l erogazione materiale del bonus, demandando all azienda l attivazione di procedure che garantiscano facilità di erogazione, flessibilità d uso e diffusione sul territorio degli sportelli, con particolare riferimento ai periodi nei quali si concentra il maggior numero di richieste di rinnovo degli abbonamenti. La Regione vigila sull attuazione di quanto stabilito dal presente articolo, riservandosi di adottare, in caso di gravi disservizi, gli opportuni provvedimenti.

96 96 Bollettino Ufficiale 10. Per tutte le direttrici la penale per il superamento del valore dell indice di affidabilità I a stabilito al punto 10.1, è costituita dall attivazione del meccanismo del bonus per ogni mese in cui si verifica tale superamento. 11. L accertamento delle penali dovute avviene a seguito della trasmissione, da parte di Trenord, entro il secondo mese dall ultima data utile per la richiesta di ciascun bonus, di un resoconto mensile dei rimborsi effettuati a titolo di sconto sugli abbonamenti annuali e degli abbonamenti mensili scontati venduti. Il resoconto deve contenere il numero e valore dei titoli di viaggio venduti o rimborsati, raggruppati per mese e direttrice di competenza. Trenord riconosce alla Regione il diritto alla presa visione dei giustificativi sulla base dei quali è avvenuto il pagamento del bonus fatta eccezione per quelli applicati con modalità automatica. 12. In caso di superamento dei limiti di penale previsti dal Contratto e dell importo dei corrispettivi non dovuti dalla Regione per prestazioni non rese, Trenord è comunque tenuta a proseguire nel pagamento del bonus agli aventi diritto. Le parti in conseguenza di ciò sono tenute ad accertare l ulteriore fabbisogno e le modalità di copertura dello stesso tra le risorse a disposizione della Regione Formula per il calcolo dell'indice di affidabilità del servizio Nel dettaglio la formula utilizzata è la seguente: min RIT>5 + min SOP IMP I a = min PROG - min SOP NON IMP dove: min RIT>5 min tot SOP IMP min PROG min tot SOP NON IMP = somma dei minuti di ritardo registrati solo dai treni giunti a destino con ritardo superiore a cinque minuti per cause imputabili (come dettagliato nelle successive tabb e ). = somma dei minuti treno soppressi totalmente per cause imputabili (come dettagliato nelle successive tabb e ).e non sostituiti con bus entro il tempo di ripristino di 30 minuti; = somma dei minuti treno programmati; = somma dei minuti treno soppressi totalmente per cause non imputabili (come dettagliato nelle successive tabb e ). L indice di affidabilità viene calcolato ogni mese per ciascuna direttrice. I Gestori della rete - RFI e FERROVIENORD - rilevano e certificano i dati di puntualità per il calcolo dell'indice di affidabilità.

97 Bollettino Ufficiale Cause di ritardo e cause di soppressione Rete RFI (aggiornata in base alla COp 269 del 30/07/2010 di RFI) Responsabilità Codice macrocausa Macrocausa Codice microcausa Microcausa RFI 1 CIRCOLAZIONE 10 Programmazione orario Difformità dalle specifiche tecniche IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE RFI 1 CIRCOLAZIONE 11 Errata regolazione della Errata scelta di regolazione circolazione circolazione IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE RFI 1 CIRCOLAZIONE 11 Errata regolazione della Mancato rispetto rapporti fra treni in circolazione caso di conflitti di circolazione IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE RFI 1 CIRCOLAZIONE 12 Manovra conto Gestore Infrastruttura Difficoltà movimenti di manovra IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE RFI 1 CIRCOLAZIONE 12 Manovra conto Gestore Guasto/mancanza locomotiva di Infrastruttura manovra IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE RFI 1 CIRCOLAZIONE 12 Manovra conto Gestore Infrastruttura Regolarizzazioni varie IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE RFI 1 CIRCOLAZIONE 14 Errori d'esercizio Errato istradamento IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE RFI 1 CIRCOLAZIONE 14 Errori d'esercizio Errata manovra apparati IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE RFI 1 CIRCOLAZIONE 18 Personale Attesa personale circolazione IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE RFI 1 CIRCOLAZIONE 18 Personale Attesa consegna prescrizioni di movimento IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE RFI 1 CIRCOLAZIONE 18 Personale Attesa personale manovra conto gestore infrastruttura IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE RFI 1 CIRCOLAZIONE 18 Personale Disabilitazione impianto (non programmata) IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE RFI 1 CIRCOLAZIONE 19 Altre cause Circolazione Altre cause di ritardo del settore Circolazione non riconducibili alle IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE categorie presenti in elenco RFI 2 IMPIANTI 20 Guasto impianti sicurezza Segnali di stazione IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE RFI 2 IMPIANTI 20 Guasto impianti sicurezza Deviatoi IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE RFI 2 IMPIANTI 20 Guasto impianti sicurezza C.d.B di stazione (escluso rottura rotaia) IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE Descrizione causa Attribuzione causa per Indice di Puntualità Attribuzione causa per Indice di Affidabilità Attribuzione causa per Servizi Non Resi

98 98 Bollettino Ufficiale Responsabilità Codice macrocausa Macrocausa Codice microcausa Microcausa RFI 2 IMPIANTI 20 Guasto impianti sicurezza B.E.M. IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE RFI 2 IMPIANTI 20 Guasto impianti sicurezza B.C.A. IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE RFI 2 IMPIANTI 20 Guasto impianti sicurezza BA (escluso rottura rotaia) IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE RFI 2 IMPIANTI 20 Guasto impianti sicurezza Mancanza alimentazione apparati di stazione IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE RFI 2 IMPIANTI 20 Guasto impianti sicurezza Assenza codice in linea IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE RFI 2 IMPIANTI 21 Passaggi a livello Passaggi a livello (escluso tallonamento barriere) IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE RFI 2 IMPIANTI 22 Guasto telecomunicazioni Disconnessione telecomando (C.T.C., Punto-Punto, ecc.) IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE RFI 2 IMPIANTI 22 Guasto telecomunicazioni Guasto telecomunicazioni IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE RFI 2 IMPIANTI 22 Guasto telecomunicazioni Guasto RBC (Radio Block Center) IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE RFI 2 IMPIANTI 23 Guasto impianti di trazione elettrica Linea di contatto IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE RFI 2 IMPIANTI 23 Guasto impianti di trazione elettrica Alimentazione linee primarie o SSE IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE RFI 2 IMPIANTI 24 Guasto armamento e sede Difetti corpo stradale IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE RFI 2 IMPIANTI 24 Guasto armamento e sede Rottura rotaia IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE RFI 2 IMPIANTI 24 Guasto armamento e sede Slineamento binario IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE RFI 2 IMPIANTI 25 Opere d arte Difetti gallerie IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE RFI 2 IMPIANTI 25 Opere d arte Difetti ponti IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE RFI 2 IMPIANTI 26 Guasto RTB Indebita rilevazione elevata temperatura boccole per guasto ai IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE dispositivi di rilevamento RFI 2 IMPIANTI 28 Personale Attesa intervento personale manutenzione IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE RFI 2 IMPIANTI 29 Altre cause impianti Altre cause di ritardo del settore Impianti non riconducibili alle IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE categorie presenti in elenco RFI 3 PROGRAMMAZIONE LAVORI 30 Pianificazione lavori Supero aliquota rallentamenti (considerando anche abbattimenti NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE codice) RFI 3 PROGRAMMAZIONE LAVORI 30 Pianificazione lavori Provvedimenti di circolazione per interruzioni programmate (illegale, NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE incrocio, ecc.) non pubblicizzati RFI 3 PROGRAMMAZIONE LAVORI 30 Pianificazione lavori Ritardi per interruzioni programmate che eccedono quelli pubblicizzati NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE Descrizione causa Attribuzione causa per Indice di Puntualità Attribuzione causa per Indice di Affidabilità Attribuzione causa per Servizi Non Resi

99 Bollettino Ufficiale 99 Responsabilità Codice macrocausa Macrocausa Codice microcausa Microcausa RFI 3 PROGRAMMAZIONE LAVORI 31 Gestione lavori Tardata riattivazione NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE RFI 3 PROGRAMMAZIONE LAVORI 31 Gestione lavori Tardata riattivazione conto terzi NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE RFI 3 PROGRAMMAZIONE LAVORI 31 Gestione lavori Guasti/svii mezzi manutenzione in interruzione ed in invio NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE RFI 3 PROGRAMMAZIONE LAVORI 32 Limitazioni infrastrutturali Rallentamenti compresi in aliquota NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE RFI 3 PROGRAMMAZIONE LAVORI 32 Limitazioni infrastrutturali Effetto coda per rallentamenti NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE RFI 3 PROGRAMMAZIONE LAVORI 32 Limitazioni infrastrutturali Abbattimenti codice NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE RFI 3 PROGRAMMAZIONE LAVORI 38 Personale Attesa intervento personale lavori NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE RFI 3 PROGRAMMAZIONE LAVORI 39 TRENORD 5 COMMERCIALE 50 TRENORD 5 COMMERCIALE 50 TRENORD 5 COMMERCIALE 50 TRENORD 5 COMMERCIALE 50 Altre cause Programmazione Lavori Prolungamento sosta commerciale Prolungamento sosta commerciale Prolungamento sosta commerciale Prolungamento sosta commerciale Descrizione causa Altre cause di ritardo del settore Lavori non riconducibili alle categorie presenti in elenco Attribuzione causa per Indice di Puntualità Attribuzione causa per Indice di Affidabilità Attribuzione causa per Servizi Non Resi NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE Servizio viaggiatori IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE Richiesta di maggiore sosta IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE Assistenza viaggiatore disabile IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE Mancato rispetto del tempo di sosta in assenza di altre cause comunicate dall'if IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE TRENORD 5 COMMERCIALE 51 Fermata straordinaria Fermata straordinaria notificata IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE TRENORD 5 COMMERCIALE 51 Fermata straordinaria Fermata non prevista (fermata di servizio, ecc.) IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE TRENORD 5 COMMERCIALE 52 Servizi accessori Attesa rifornimenti, pulizia, pulizia vetri locomotore, ecc. IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE TRENORD 5 COMMERCIALE 52 Servizi accessori Carico/scarico bagagliai, postali, biciclette, ecc. IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE TRENORD 5 COMMERCIALE 53 Irregolarità Segnalazione porta aperta IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE TRENORD 5 COMMERCIALE 53 Irregolarità Irregolarità carico (carichi spostati, ecc.) IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE TRENORD 5 COMMERCIALE 54 Consegna treno Attesa documenti di scorta IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE TRENORD 5 COMMERCIALE 54 Consegna treno Attesa consegna trasporti merci IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE TRENORD 5 COMMERCIALE 54 Consegna treno Attesa nulla osta personale di scorta IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE TRENORD 5 COMMERCIALE 58 Personale Attesa personale di bordo per mancanza o per tardata IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE presentazione in servizio TRENORD 5 COMMERCIALE 58 Personale Attesa pronti IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE

100 100 Bollettino Ufficiale Responsabilità Codice macrocausa Macrocausa Codice microcausa Microcausa TRENORD 5 COMMERCIALE 58 Personale Attesa ricezione "Treno Pronto" (ove attivo) IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE TRENORD 5 COMMERCIALE 58 Personale Tardato azionamento RAR IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE TRENORD 5 COMMERCIALE 59 Altre cause Commerciale Altre cause di ritardo del settore Commerciale non riconducibili alle categorie presenti in elenco IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE TRENORD 6 MATERIALE ROTABILE 60 Composizione treni TRENORD 6 MATERIALE ROTABILE 60 Composizione treni TRENORD 6 MATERIALE ROTABILE 61 TRENORD 6 MATERIALE ROTABILE 61 Formazione treno e manovra Formazione treno e manovra Descrizione causa Variazione rispetto alla composizione programmata in orario Eccedenza peso / spinta non programmata Tardata messa a disposizione del materiale rotabile Movimento di manovra non previsto (anche in presenza di materiali sbloccati non previsti) Guasto/mancanza locomotiva di manovra Attribuzione causa per Indice di Puntualità Attribuzione causa per Indice di Affidabilità IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE TRENORD 6 MATERIALE ROTABILE 61 Formazione treno e manovra IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE TRENORD 6 MATERIALE ROTABILE 61 Formazione treno e manovra Rinforzi IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE TRENORD 6 MATERIALE ROTABILE 61 Formazione treno e manovra Regolarizzazioni varie IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE TRENORD 6 MATERIALE ROTABILE 62 Guasto veicoli viaggiatori Guasto porte IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE TRENORD 6 MATERIALE ROTABILE 62 Guasto veicoli viaggiatori Sfrenatura veicoli IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE TRENORD 6 MATERIALE ROTABILE 62 Guasto veicoli viaggiatori Guasto semipilota IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE TRENORD 6 MATERIALE ROTABILE 62 Guasto veicoli viaggiatori Spezzamenti IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE TRENORD 6 MATERIALE ROTABILE 62 Guasto veicoli viaggiatori Ricarica accumulatori IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE TRENORD 6 MATERIALE ROTABILE 62 Guasto veicoli viaggiatori Altre anomalie ai veicoli che determinano maggiore percorrenza IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE TRENORD 6 MATERIALE ROTABILE 63 Guasto veicoli merci Guasto portelloni IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE TRENORD 6 MATERIALE ROTABILE 63 Guasto veicoli merci Sfrenatura veicoli IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE TRENORD 6 MATERIALE ROTABILE 63 Guasto veicoli merci Spezzamenti IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE TRENORD 6 MATERIALE ROTABILE 63 Guasto veicoli merci Altre anomalie ai veicoli che determinano maggiore percorrenza IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE TRENORD 6 MATERIALE ROTABILE 64 Guasto o limitazioni mezzi di trazione Accudienza IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE TRENORD 6 MATERIALE ROTABILE 64 Guasto o limitazioni mezzi di trazione Guasto SSB IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE Attribuzione causa per Servizi Non Resi

101 Bollettino Ufficiale 101 Responsabilità Codice macrocausa Macrocausa TRENORD 6 MATERIALE ROTABILE 64 TRENORD 6 MATERIALE ROTABILE 64 TRENORD 6 MATERIALE ROTABILE 64 TRENORD 6 MATERIALE ROTABILE 64 TRENORD 6 MATERIALE ROTABILE 64 Codice microcausa Microcausa Guasto o limitazioni mezzi di trazione Guasto o limitazioni mezzi di trazione Guasto o limitazioni mezzi di trazione Guasto o limitazioni mezzi di trazione Guasto o limitazioni mezzi di trazione TRENORD 6 MATERIALE ROTABILE 65 Richieste di soccorso Descrizione causa Attribuzione causa per Indice di Puntualità Attribuzione causa per Indice di Affidabilità Guasto ripetizione segnali IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE Anormalità pantografo IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE Guasto assetto casse IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE Sfrenatura IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE Altre anomalie al mezzo di trazione che determinano maggiore percorrenza Richiesta di soccorso (indicare in nota tipo e n mezzo di trazione) IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE TRENORD 6 MATERIALE ROTABILE 66 Intervento RTB per riscaldo boccole IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE TRENORD 6 MATERIALE ROTABILE 68 Personale Attesa personale verifica IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE TRENORD 6 MATERIALE ROTABILE 68 Personale Attesa personale di macchina per mancanza o tardata presentazione in IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE servizio TRENORD 6 MATERIALE ROTABILE 68 Personale Refezione/termine presentazione lavorativa personale di macchina IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE TRENORD 6 MATERIALE ROTABILE 68 Personale Mancata fermata per servizio viaggiatori (d'orario o prescritta) IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE TRENORD 6 MATERIALE ROTABILE 68 Personale Supero segnali a via impedita (senza danni) IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE TRENORD 6 MATERIALE ROTABILE 68 Personale Ricovero incompleto del treno IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE TRENORD 6 MATERIALE ROTABILE 68 Personale Mancato rispetto dell'orario in assenza di degradi funzionali IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE comunicati dall'if TRENORD 6 MATERIALE ROTABILE 69 Altre cause di ritardo del settore Altre cause Materiale Materiale Rotabile non riconducibili Rotabile alle categorie presenti in elenco IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE (non ESTERNE 8 ESTERNE 80 Scioperi Sciopero generale NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE imputabile per conteggio soppressioni reiterate) ESTERNE 8 ESTERNE 80 Scioperi Sciopero personale infrastruttura NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE IMPUTABILE (non imputabile per conteggio soppressioni reiterate) Attribuzione causa per Servizi Non Resi

102 102 Bollettino Ufficiale Responsabilità Codice macrocausa Macrocausa ESTERNE 8 ESTERNE 80 Scioperi Codice microcausa Microcausa Descrizione causa Sciopero personale imprese di trasporto Attribuzione causa per Indice di Puntualità NON IMPUTABILE Attribuzione causa per Indice di Affidabilità NON IMPUTABILE Attribuzione causa per Servizi Non Resi IMPUTABILE (non imputabile per conteggio soppressioni reiterate) ESTERNE 8 ESTERNE 80 Scioperi Sciopero personale appalti NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE IMPUTABILE (non imputabile per conteggio soppressioni reiterate) ESTERNE 8 ESTERNE 81 Ritardi altre reti Ritardi per cause esterne avvenute in altre Reti (ex 81 ES) NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE ESTERNE 8 ESTERNE 811 Ritardi altre reti Gestore Infrastrutture successivo (ex 81 NI) IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE ESTERNE 8 ESTERNE 812 Ritardi altre reti Gestore Infrastrutture precedente (ex 81 PI) IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE ESTERNE 8 ESTERNE 813 Ritardi altre reti Impresa Ferroviaria successiva (ex 81 NR) NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE ESTERNE 8 ESTERNE 814 Ritardi altre reti Impresa Ferroviaria precedente (ex 81 PR) NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE ESTERNE 8 ESTERNE 815 Ritardi altre reti Ingresso rete nazionale (ex 81 XX) IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE ESTERNE 8 ESTERNE 82 Autorità Autorità di pubblica sicurezza NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE ESTERNE 8 ESTERNE 82 Autorità Polizia Frontiera/Dogana NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE ESTERNE 8 ESTERNE 83 Eventi accidentali Ostacoli lungo linea NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE ESTERNE 8 ESTERNE 83 Eventi accidentali Interventi Vigili del Fuoco/incendi NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE ESTERNE 8 ESTERNE 83 Eventi accidentali Segnalazioni allarmistiche/atti dolosi NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE ESTERNE 8 ESTERNE 83 Eventi accidentali Occupazione binari da parte estranei FS NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE ESTERNE 8 ESTERNE 83 Eventi accidentali Tallonamento barriere PL NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE ESTERNE 8 ESTERNE 83 Eventi accidentali Azionamento freno di emergenza NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE ESTERNE 8 ESTERNE 83 Eventi accidentali Malore viaggiatore NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE ESTERNE 8 ESTERNE 83 Eventi accidentali Caduta viaggiatore NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE ESTERNE 8 ESTERNE 83 Eventi accidentali Intemperanze viaggiatori NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE ESTERNE 8 ESTERNE 83 Eventi accidentali Lancio sassi/oggetti NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE ESTERNE 8 ESTERNE 83 Eventi accidentali Investimento automezzi, animali NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE ESTERNE 8 ESTERNE 83 Eventi accidentali Rimozione residuati bellici NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE ESTERNE 8 ESTERNE 84 Cause meteo, ambientali e naturali Neve o gelo NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE ESTERNE 8 ESTERNE 84 Cause meteo, ambientali e naturali Allagamenti NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE ESTERNE 8 ESTERNE 84 Cause meteo, ambientali e Frane o smottamenti NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE

103 Bollettino Ufficiale 103 Responsabilità Codice macrocausa Macrocausa ESTERNE 8 ESTERNE 84 ESTERNE 8 ESTERNE 84 ESTERNE 8 ESTERNE 84 ESTERNE 8 ESTERNE 84 Codice microcausa Microcausa naturali Cause meteo, ambientali e naturali Cause meteo, ambientali e naturali Cause meteo, ambientali e naturali Cause meteo, ambientali e naturali ESTERNE 8 ESTERNE 85 Ritardo pubblicizzato ESTERNE 8 ESTERNE 86 ESTERNE 8 ESTERNE 87 Furti / danneggiamenti da parte di estranei Investimenti persone / suicidi Descrizione causa Attribuzione causa per Indice di Puntualità Attribuzione causa per Indice di Affidabilità Attribuzione causa per Servizi Non Resi Mareggiate NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE Movimenti tellurici NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE Scariche atmosferiche / intense precipitazioni / fitta nebbia NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE Slittamento dovuto alla presenza di fogliame NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE Ritardo comunicato alle IF secondo le modalità previste per la successiva IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE informazione ai viaggiatori Furto / danneggiamento volontario ai danni di installazioni ferroviarie NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE Investimento persone / suicidi NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE ESTERNE 8 ESTERNE 88 Coincidenze programmate Ritardo per coincidenze comunicato alla clientela attraverso modalità NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE previste ESTERNE 8 ESTERNE 89 Altre cause Esterne Altre cause di ritardo del settore Esterne non riconducibili alle NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE categorie presenti in elenco 9 SECONDARIE 90 (#) Inconvenienti d esercizio Scontri IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE 9 SECONDARIE 90 (#) Inconvenienti d esercizio Svii treni IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE 9 SECONDARIE 90 (#) Inconvenienti d esercizio SPAD (in corso di accertamento) IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE 9 SECONDARIE 90 (#) Inconvenienti d esercizio Altro IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE 9 SECONDARIE 91 9 SECONDARIE 92 Perdita traccia con ritardo stesso treno Ritardo per perdita traccia altro treno 9 SECONDARIE 93 Corrispondenze Scostamenti a carico di un treno già in ritardo, conseguenti alla gestione di IMPUTABILE un conflitto di circolazione in IMPUTABILE IMPUTABILE coerenza con le regole di priorità Scostamenti conseguenti alla gestione di un conflitto di circolazione con un altro treno in ritardo in IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE coerenza con le regole di priorità Trasferimento di un ritardo in arrivo sul ritardo in partenza un altro treno a causa del riutilizzo (secondo il turno IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE programmato) del materiale, del

104 104 Bollettino Ufficiale Responsabilità Codice macrocausa Macrocausa Codice microcausa Microcausa personale, ecc. 9 SECONDARIE 94 Coincidenze non programmate Coincidenze non previste in orario IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE RFI 4 SOPPRESSIONI GI 40 (*) Soppressione per causa di forza maggiore IMPUTABILE IMPUTABILE RFI 4 SOPPRESSIONI GI 41 Soppressione per esigenze Gestore infrastruttura IMPUTABILE IMPUTABILE RFI 4 SOPPRESSIONI GI 43 (*) Soppressione per sciopero NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE IMPUTABILE TRENORD 7 SOPPRESSIONI IF 70 Soppressione formalizzata di traccia da parte di IF (solo per intera traccia) IMPUTABILE IMPUTABILE TRENORD 7 SOPPRESSIONI IF 71 Soppressione tracce da IF di fatto o parziale Descrizione causa Attribuzione causa per Indice di Puntualità Attribuzione causa per Indice di Affidabilità IMPUTABILE IMPUTABILE Attribuzione causa per Servizi Non Resi (#) non certificabile con questo codice a meno di formale disposizione da Sede Centrale (*) da considerare cause esterne Tale classificazione potrà essere modificata a seguito della revisione degli accordi contrattuali vigenti tra RFI e TRENORD. In caso di modifica TRENORD si impegna a comunicare a Regione Lombardia le nuove classificazioni.

105 Bollettino Ufficiale Rete FERROVIENORD (aggiornata in base alla nota n del 11/10/2013 di TRENORD) Coerentemente con la classificazione utilizzata da FERROVIENORD, le parti individuano in primo luogo le seguenti cause: Responsabilità Codice Descrizione Macroclasse Attribuzione causa per Indice di Puntualità Attribuzione causa per Indice di Affidabilità Attribuzione causa per Servizi Non Resi ESTERNE afe Azionamento freno emergenza Forza Maggiore NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE ESTERNE alv Astensione lavoro sciopero Forza Maggiore NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE IMPUTABILE (non imputabile per conteggio soppressioni reiterate) ESTERNE atv Atti vandalici Forza Maggiore NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE ESTERNE apc Azionamento pulsanti di comando Forza Maggiore NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE ESTERNE cri Pronto intervento sanitario Forza Maggiore NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE ESTERNE ctm Avverse condizioni atmosferiche Forza Maggiore NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE ESTERNE gpt Tallonamento P.L. Forza Maggiore NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE ESTERNE inv Investimento Forza Maggiore NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE ESTERNE ivg Infrazione viaggiatori Forza Maggiore NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE ESTERNE lav Lavori manutenzione programmati Forza Maggiore NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE ESTERNE lv-est Lavori esterni Forza Maggiore NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE ESTERNE mce Mancanza corrente ENEL Forza Maggiore NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE ESTERNE mvt Marcia a vista per telecamera guasta Forza Maggiore NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE ESTERNE oil Occupazione/impedimento linea Forza Maggiore NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE ESTERNE osb Ostacolo sui binari/linea Forza Maggiore NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE ESTERNE pps Pubblica sicurezza Forza Maggiore NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE ESTERNE ral Rallentamento Forza Maggiore NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE ESTERNE ral-es Rallentamento esterno Forza Maggiore NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE ESTERNE ral-ma Rallentamento cause manutenzione Forza Maggiore NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE ESTERNE rar Ritardo imputabile ad altra rete Forza Maggiore NON IMPUTABILE (*) NON IMPUTABILE (*) NON IMPUTABILE (*) ESTERNE sed Sede ferroviaria Forza Maggiore NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE ESTERNE vfe Incendio esterno Forza Maggiore NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON IMPUTABILE NON DETERMINABILE Bav Servizio Bus altro vettore Non dettagliabili NON DETERMINABILE NON DETERMINABILE NON DETERMINABILE NON DETERMINABILE Bus Servizio Bus Non dettagliabili NON DETERMINABILE NON DETERMINABILE NON DETERMINABILE NON DETERMINABILE Csm Carico scarico merci e bagagli Non dettagliabili NON DETERMINABILE NON DETERMINABILE NON DETERMINABILE NON DETERMINABILE Ecp Eccedenza peso Non dettagliabili NON DETERMINABILE NON DETERMINABILE NON DETERMINABILE NON DETERMINABILE Evs Evento speciale Non dettagliabili NON DETERMINABILE NON DETERMINABILE NON DETERMINABILE NON DETERMINABILE Inc Incidente ferroviario Non dettagliabili NON DETERMINABILE NON DETERMINABILE NON DETERMINABILE NON DETERMINABILE Mav Marcia a vista Non dettagliabili NON DETERMINABILE NON DETERMINABILE NON DETERMINABILE

106 106 Bollettino Ufficiale Responsabilità Codice Descrizione Macroclasse Attribuzione causa per Indice di Puntualità Attribuzione causa per Indice di Affidabilità Attribuzione causa per Servizi Non Resi NON DETERMINABILE Ndt Non dettagliato Non dettagliabili NON DETERMINABILE NON DETERMINABILE NON DETERMINABILE NON DETERMINABILE Pfe Prescrizione fermate Non dettagliabili NON DETERMINABILE NON DETERMINABILE NON DETERMINABILE NON DETERMINABILE Pre Prescrizioni Non dettagliabili NON DETERMINABILE NON DETERMINABILE NON DETERMINABILE NON DETERMINABILE Riv Riduzione velocità Non dettagliabili NON DETERMINABILE NON DETERMINABILE NON DETERMINABILE NON DETERMINABILE svi Svio Non dettagliabili NON DETERMINABILE NON DETERMINABILE NON DETERMINABILE FERROVIENORD ace Apparati segnalamento Guasti impianti di linea IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE FERROVIENORD apl Azionamento passaggio a livello Guasti impianti di linea IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE FERROVIENORD arm Armamento Guasti impianti di linea IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE FERROVIENORD ctc Guasto al sistema D.C.O. Guasti impianti di linea IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE FERROVIENORD cte Disservizio linea TE Guasti impianti di linea IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE FERROVIENORD gbl Guasto blocco Guasti impianti di linea IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE FERROVIENORD gpl Guasto P.L. Guasti impianti di linea IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE FERROVIENORD mcd Mancato controllo deviatoi Guasti impianti di linea IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE FERROVIENORD mtn Mancanza tensione rete FNME Guasti impianti di linea IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE FERROVIENORD lv-acs Lavori apparati centrali e segnalamento Lavori rete IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE FERROVIENORD lv-arm Lavori armamento Lavori rete IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE FERROVIENORD lv-cte Lavori conduttura e trazione elettrica Lavori rete IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE FERROVIENORD cit Coincidenza Circolazione IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE FERROVIENORD dtr Distanziamento treni Circolazione IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE FERROVIENORD ecl Eccedenza lunghezza treni Circolazione IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE FERROVIENORD err Errato ricevimento Circolazione IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE FERROVIENORD lec Lenta corsa Circolazione IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE FERROVIENORD par Segnale di partenza Circolazione IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE FERROVIENORD pba Sosta al PBA Circolazione IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE FERROVIENORD pro Segnale di protezione Circolazione IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE FERROVIENORD sgm Segnali a mano Circolazione IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE FERROVIENORD tdv Tallonamento deviatoio Circolazione IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE FERROVIENORD vgg Viaggiatori incarrozzamento e varie Circolazione IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE FERROVIENORD xpt Incrocio precedenza treni Circolazione IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE TRENORD asv Attacco stacco veicoli Guasto rotabile IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE TRENORD avv Avviamento Guasto rotabile IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE TRENORD frn Prova freno/freno difettoso Guasto rotabile IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE TRENORD gan Gancio Guasto rotabile IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE TRENORD gtr Guasto mezzo trazione Guasto rotabile IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE TRENORD pmt Preparazione materiale Guasto rotabile IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE

107 Bollettino Ufficiale 107 Responsabilità Codice Descrizione Macroclasse Attribuzione causa per Indice di Puntualità Attribuzione causa per Indice di Affidabilità Attribuzione causa per Servizi Non Resi TRENORD prt Porte Guasto rotabile IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE TRENORD pzz Piazzamento materiale Guasto rotabile IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE TRENORD sli Slittamento Guasto rotabile IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE TRENORD sus Sussidio soccorso Guasto rotabile IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE TRENORD vfi Incendio interno Guasto rotabile IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE TRENORD mam Mancanza materiale Mancanza materiale IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE TRENORD mcr Mancanza carri Mancanza materiale IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE TRENORD vim Vincolo materiale Mancanza materiale IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE TRENORD rpm Ritardo personale di macchina Mancanza personale IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE TRENORD rps Ritardo personale di scorta Mancanza personale IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE TRENORD rpv Ritardo personale viaggiante Mancanza personale IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE TRENORD vpm Vincolo personale macchina Mancanza personale IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE TRENORD vpv Vincolo personale viaggiante Mancanza personale IMPUTABILE IMPUTABILE IMPUTABILE (*) Entro l'1/1/2016 Trenord si impegna a rivedere con Ferrovienord la gestione delle attribuzioni per i ritardi imputabili ad altra rete in modo da renderne coerente la gestione con quanto già previsto per la rete RFI. Le cause identificate come NON DETERMINABILI non sono attribuibili in ogni caso alla classe di quelle non imputabili o a quella delle imputabili. Qualora dovessero verificarsi perturbazioni nella circolazione treni (ritardi e/o soppressioni) dovute a cause imputabili, in seguito ricondotte a cause non imputabili a Trenord (es. cavi elettrici tranciati da un camion), tali eventi dovranno essere adeguatamente documentati in un apposito report. Trenord si impegna a trasmettere alla Regione, contestualmente ai dati sui ritardi e sulle soppressioni, una nota contenente l attribuzione di ogni singola corsa ad una o all altra classe, con la motivazione. La correttezza o meno dell attribuzione effettuata sarà oggetto di opportuno esame tra le parti. La classificazione potrà subire delle variazioni a seguito di eventuali omogeneizzazioni derivanti dall integrazione e dall interoperabilità delle reti FERROVIENORD e RFI.

108 108 Bollettino Ufficiale Criteri per l assegnazione del bonus e piano di comunicazione Modalità di determinazione del bonus Il meccanismo di riconoscimento del bonus concordato con Trenord e i rappresentanti dei consumatori stabilisce che tale indennizzo spetta ai viaggiatori di ciascuna direttrice ogni mese in cui essa non raggiunge un prefissato livello di affidabilità del servizio, superando un determinato valore soglia Individuazione della direttrice che dà diritto al bonus Per verificare se si ha diritto al bonus è necessario conoscere la direttrice alla quale è attribuito l abbonamento di cui si è in possesso. Di tale attribuzione deve essere informato l acquirente dell abbonamento. Le regole per l attribuzione degli abbonamenti alle direttrici, riportate di seguito, sono univoche e predefinite. Quando l abbonamento è valido per viaggi tra due stazioni (Origine e Destinazione, di seguito abbreviate in O/D) situate sulla stessa direttrice, esso è ovviamente associato a detta direttrice. Quando invece le O/D si trovano su direttrici diverse, o sono possibili più istradamenti, l abbonamento, per evidenti ragioni di chiarezza gestionale, viene attribuito ad una sola di esse. Nell effettuare tale attribuzione Trenord applica i criteri che seguono: - gli abbonamenti validi per viaggi tra O/D che interessano in successione più direttrici sono attribuiti a quella sulla quale viene effettuato il percorso più lungo. Ad esempio, l abbonamento Voghera-Rho, che interessa le direttrici Milano-Voghera e Varese- Milano - Treviglio, è attribuito alla direttrice Milano-Voghera; - gli abbonamenti validi per viaggi che è possibile effettuare su più istradamenti alternativi, appartenenti ciascuno ad una diversa direttrice (ad esempio Milano-Bergamo via Treviglio e via Carnate) sono attribuiti alla direttrice sulla quale viene effettuato il percorso più lungo; - gli abbonamenti validi su relazioni con origine o destinazione in una stazione di attestamento di linea suburbana sono assegnati alla direttrice che presenta il minor tempo di percorrenza, secondo quanto specificato nelle tabelle 1, 2 e 3; - gli abbonamenti validi per viaggi effettuati su tratte comuni a più direttrici (ad esempio Carnate-Milano, che è servita sia da treni della direttrice Milano-Carnate-Bergamo, sia della Milano-Lecco-Sondrio-Tirano) sono attribuiti alle direttrici indicate nella tabella 1.

109 Bollettino Ufficiale 109 Tabella 1 - assegnazione alle direttrici per specifiche relazioni VIAGGI DALLE STAZIONI DA A DIRETTRICE ASSEGNATA Lecco/Carnate Usmate Monza/Milano 7 o 39 Tirano - Sondrio - Lecco Milano o Lecco Milano : v. tabella 3 Cassano a Vignate Milano/Rho 40 o 4 Treviglio - Milano Passante - Varese o Pto Ceresio - Varese - Gallarate - Milano : v. tabella 2 Treviglio (*) Milano 17 Verona-Brescia-Treviglio-Milano Varese Milano 40 o 4 Treviglio - Milano Passante - Varese o Pto Ceresio - Varese - Gallarate - Milano : v. tabella 2 Codogno a Secugnago Milano 21 Piacenza - Lodi - Milano Tavazzano a S. Donato Milanese Milano/Saronno 36 Saronno - Milano - Lodi Lodi (*) Milano 21 Piacenza-Lodi-Milano da Bressana Bottarone o Argine a Pavia 23 Stradella - Pavia - Milano Cava Manara da Bressana Bottarone o Argine a Milano 23 Stradella - Pavia - Milano Cava Manara Seregno a Lissone Milano 2 Seregno - Milano - Albairate Gaggiano a Corsico Milano 2 Seregno - Milano - Albairate Albairate (*) Milano 25 Alessandria - Mortara - Milano (*) le modifiche saranno operative dal mese di novembre Prima di tale data vale l'assegnazione alla riga precedente L attribuzione delle coppie O/D alle direttrici è pubblicizzata da Trenord nelle biglietterie e punti vendita e con altre modalità efficaci. Stazione di partenza Tabella 2 - assegnazione delle coppie O/D interessanti la linea S5 (Dir. 40) Stazione di arrivo Pto Ceresio, Bisuschio, Arcisate, Induno Varese Gazzada, Castronno, Albizzate, Cavaria Gallarate Busto FS, Legnano Canegrate, Parabiago, Vanzago Rho Milano Segrate, Pioltello Vignate, Melzo, Pozzuolo, Trecella, Cassano Pto Ceresio, Bisuschio, Dir 4 Dir 4 S5 Dir 4 Dir 4 S5 S5 Dir 4 S5 S5 S5 Arcisate, Induno Varese Dir 4 S5 Dir 4 Dir 4 S5 S5 Dir 4 S5 S5 S5 Gazzada, Castronno, Albizzate, S5 S5 S5 S5 S5 S5 S5 S5 S5 S5 S5 Cavaria Gallarate Dir 4 Dir 4 S5 S5 S5 S5 S5 S5 S5 S5 Busto FS, Legnano Dir 4 Dir 4 S5 S5 S5 S5 S5 S5 S5 S5 S5 Canegrate, Parabiago, S5 S5 S5 S5 S5 S5 S5 S5 S5 S5 S5 Vanzago Rho S5 S5 S5 S5 S5 S5 NO BONUS S5 S5 S5 Milano Dir 4 Dir 4 S5 S5 S5 S5 Segrate, Pioltello Vignate, Melzo, Pozzuolo, Trecella, Cassano Treviglio (*) NO BONUS S5 S5 S5 S5 S5 S5 S5 NO BONUS NO BONUS NO BONUS Treviglio (*) S5 Dir. 17 S5 S5 S5 S5 S5 S5 S5 S5 S5 S5 S5 S5 S5 S5 S5 S5 S5 S5 Dir. 17 S5 S5 (*) le modifiche saranno operative dal mese di novembre Prima di tale data vale l'assegnazione alla linea S5 S5 S5

110 110 Bollettino Ufficiale Tabella 3 - assegnazione delle coppie O/D interessanti la linea S8 (Dir. 39) Stazione di arrivo Lecco Maggianico, Vercurago S. Girolamo, Calolziocorte Olginate, Airuno, Olgiate Calco LECCO Brivio, Cernusco Merate, Osnago, Carnate Usmate, Arcore Monza MILANO Stazione di arrivo LECCO S8 DIR 7 DIR 7 Lecco Maggianico, Vercurago S. Girolamo, Calolziocorte Olginate, Airuno, Olgiate Calco Brivio, Cernusco Merate, Osnago, Carnate S8 S8 S8 Usmate, Arcore NO Monza DIR 7 S8 BONUS MILANO DIR 7 S8 NO BONUS Modalità di riconoscimento del bonus: Procedure per l erogazione Per quanto riguarda l erogazione del bonus, la Regione demanda alla responsabilità di Trenord l organizzazione di procedure semplici ed efficaci. Le modalità operative sono le seguenti. Abbonamento Mensile e TrenoCittà Lo sconto è riconosciuto automaticamente all atto dell acquisto dell abbonamento. Il viaggiatore non dovrà quindi dimostrare di aver acquistato un abbonamento valido per i mesi precedenti: è sufficiente specificare le stazioni di inizio e fine del viaggio e, nel caso la direttrice cui è assegnato l abbonamento rientra tra quelle a cui è stato riconosciuto il diritto all indennizzo, il bonus verrà applicato automaticamente. La riduzione di tariffa è riconosciuta a tutti gli acquirenti di abbonamenti mensili e TrenoCittà validi sulla direttrice interessata, unicamente per un mese. L abbonamento mensile scontato ha la stessa validità e modalità d uso di quelli a tariffa piena, ma non è rimborsabile. Gli abbonamenti a tariffa scontata non hanno scadenza di validità, se non sono obliterati. Sarà possibile acquistare gli abbonamenti mensili scontati presso tutte le biglietterie Trenord e Trenitalia e punti vendita autorizzati situati sul territorio lombardo, nonché nelle località al di fuori del territorio regionale elencate nell Allegato A del Decreto n 4903 del 30 maggio 2011, nelle quali sono venduti abbonamenti applicando le tariffe stabilite dalla Regione. Per offrire ai pendolari una maggiore flessibilità nella richiesta dell'indennizzo Trenord consente l'acquisto di abbonamenti mensili scontati a partire dal giorno 22 del secondo mese successivo a quello per il quale è maturato il diritto all'indennizzo e fino a tutto il terzo mese. Al di fuori delle eccezioni sopra esposte le norme che regolano l utilizzo dell abbonamento ridotto sono quelle previste dalle Condizioni e tariffe per il trasporto delle persone sulle Ferrovie dello Stato relativamente alla tariffa 40/10. Abbonamento annuale A partire dal ventiduesimo giorno del secondo mese dopo la scadenza della validità dell abbonamento, l abbonato avente diritto richiede, utilizzando uno specifico modulo fornito dalle biglietterie e sul sito internet di TRENORD, il rimborso per i mesi oggetto di indennizzo che è pari al 10% di tanti dodicesimi dell importo globale per quanti mesi ha diritto. Detto

111 Bollettino Ufficiale 111 modulo va riconsegnato esclusivamente presso una delle biglietterie situate sul territorio della Lombardia. La richiesta di rimborso può essere presentata al massimo entro tutto il quinto mese successivo alla scadenza. Verificati i presupposti per il rilascio del bonus, entro 2 mesi dalla richiesta Trenord erogherà il rimborso in denaro, comunicando la biglietteria dove recarsi per riscuotere la somma di denaro spettante Tempi L'erogazione del bonus avviene a partire dal secondo mese successivo rispetto a quello in cui è avvenuto il superamento della soglia, in corrispondenza della prima data utile per l acquisto degli abbonamenti riguardanti il mese successivo (il terzo dopo quello in cui è stata superata la soglia). I tempi sono stati definiti in relazione alle procedure consolidate per la certificazione della base dati mensile da parte di RFI e FERROVIENORD, da esigenze gestionali derivanti dall aggiornamento delle tabelle software residenti nel sistema di bigliettazione nonché per consentire la corretta e diffusa informazione ai viaggiatori le cui modalità sono descritte nel piano di comunicazione. Quindi, ad esempio, per una direttrice che non rispetti la soglia nel mese di gennaio, sarà possibile l acquisto degli abbonamenti scontati a partire dal 22 del mese di marzo per il mese di aprile. Il mese utile per usare tali abbonamenti, di conseguenza, sarà aprile. Le basi dati adeguatamente strutturate per il calcolo dell indice I a sono certificate da RFI e FERROVIENORD Piano di comunicazione Le informazioni all utenza riguardanti il bonus, concordate anticipatamente con la Regione Lombardia, dovranno essere diffuse per tempo attraverso comunicati ed avvisi esposti in tutte le stazioni e fermate ed inviate a tutti i punti vendita della Lombardia. Sul sito Internet di Trenord ed in tutte le biglietterie e punti vendita dovranno essere rese disponibili le istruzioni e la modulistica eventualmente necessaria per la richiesta dell'indennizzo e le informazioni per l attribuzione delle direttrici. Dopo che la Regione Lombardia ha trasmesso a Trenord la validazione dei dati, a partire dal giorno 16 e non oltre il giorno 22 di ciascun mese, Trenord pubblicizza sul sito Internet ed in tutte le stazioni e fermate ed invia a tutti i punti vendita i valori degli indici di affidabilità del servizio misurati nel secondo mese precedente per ciascuna direttrice, evidenziando le direttrici per le quali è maturato il diritto al bonus. Parallelamente la Regione Lombardia si impegna ad attivare tutti i propri canali comunicativi e a predisporre un link specifico all interno del proprio sito Internet.

112 112 Bollettino Ufficiale ALLEGATO 11 Dati di esercizio, gestionali ed economici Dati per il monitoraggio del servizio reso in Lombardia Puntualità Al fine di accertare il progressivo miglioramento della qualità del servizio, garantendo la confrontabilità dei dati con le serie storiche e con gli standard europei di settore, la puntualità dei treni è monitorata calcolando mensilmente, per ciascuna direttrice e per tutte le corse oggetto del Contratto, gli indici I 5 e I 15, coerentemente con la metodologia adottata dal Gestore dell infrastruttura. Tali indici confrontano il numero di corse giunte a destinazione rispettivamente con al massimo 5 e 15 minuti di ritardo con il numero totale di corse che hanno circolato. L indice I 5 è valutato per tutte le corse oggetto del Contratto sia per la fascia oraria di punta, sia per l intera giornata. Vengono inoltre monitorati anche gli indici per le fasce orarie di punta / dei soli giorni feriali da lunedì a venerdì. Gli indici sono calcolati in più versioni, sia considerando solo le cause di ritardo o di soppressione imputabili a Trenord o al gestore dell infrastruttura, secondo la classificazione contenuta nell'allegato 11.4, sia considerando tutte le cause di ritardo o di soppressione. Statistiche, per ogni corsa compresa nel programma di esercizio, degli arrivi entro le fasce indicate nella tabella sottostante, per i seguenti casi: per direttrice / linea, intera giornata (tutti i giorni della settimana); separatamente nei casi di esclusioni attive standard A ed inattive ; per direttrice / linea, fascia oraria di punta (tutti i giorni della settimana, nelle fasce orarie / ); separatamente nei casi di esclusioni attive standard A ed inattive ; per direttrice / linea, fascia oraria di punta (tutti i giorni della settimana da lunedì a venerdì, nelle fasce orarie / ); separatamente nei casi di esclusioni attive standard A ed inattive ; La struttura da seguire per la fornitura dei dati è riportata nella tabella. Mese N. treno Da PDE Codice direttrice Conforme All.1 Codice linea Conforme All.1 Fascia oraria Da PDE Corse programmate/mese Corse soppresse totalmente/mese Corse effettuate/mese Programmate soppresse Ritardo totale Somma dei minuti di ritardo maturati nel mese Ritardo medio Rapporto tra il ritardo totale e il numero di corse effettuate Ritardo totale superiore a 5 minuti Somma dei minuti di ritardo registrati con ritardo a destino superiore ai 5 minuti Numero corse/mese arrivate entro 3 minuti Numero corse/mese arrivate entro 5 minuti Numero corse/mese arrivate entro 10 minuti Numero corse/mese arrivate entro 15 minuti Numero corse/mese arrivate entro 30 minuti Numero corse/mese arrivate entro 60 minuti Numero corse/mese arrivate oltre 60 minuti Formato dei dati soggetto a possibili modifiche in funzione dei sistemi di gestione analisi di Trenord

113 Bollettino Ufficiale 113 Fonte e modalità di calcolo: Gli indici di puntualità per la verifica degli impegni contrattuali (detti esclusioni attive standard A ) sono calcolati applicando la formula RFI standard A : Indice di puntualità entro i 5 minuti: I 0-5 = (T T 6-x fme +T 6-x fml ) / (T tot - T tot sop ) Indice di puntualità entro i 15 minuti: I 0-15 = (T T 16-x fme +T 16-x fml ) / (T tot - T tot sop ) dove: T 0-5 = numero di corse circolanti giunte puntuali o con ritardo fino a 5 minuti, per qualunque causa; T 0-15 = numero di corse circolanti giunte puntuali o con ritardo fino a 15 minuti, per qualunque causa; T tot = numero di corse programmate; T tot sop = numero di corse soppresse totalmente; T 6-x fme, T 16-x fme = numero di corse giunte con ritardi maturati per cause esterne (codice macrocausa 8 come dettagliato nella tab , per la sola rete RFI, non imputabili a Trenord per la rete Ferrovienord) T 6-x fml, T 16-x fml = numero di corse giunte con ritardi maturati per lavori (codice macrocausa 3 come dettagliato nella tab , per la sola rete RFI, non imputabili a Trenord per la rete Ferrovienord) Per il monitoraggio della puntualità percepita dall utenza sono infine calcolati i seguenti indici (detti esclusioni inattive ) applicando la formula: Indice di puntualità entro i 5 minuti: I* 0-5 = (T 0-5 ) / (T tot - T tot sop ) Indice di puntualità entro i 15 minuti: I* 0-15 = (T 0-15 ) / (T tot - T tot sop ) dove: T 0-5 = numero di corse circolanti giunte puntuali o con ritardo fino a 5 minuti, per qualunque causa T 0-15 = numero di corse circolanti giunte puntuali o con ritardo fino a 15 minuti, per qualunque causa T tot = numero di corse programmate T tot sop = numero di corse soppresse totalmente Termini di consegna: Trasmissione entro il 20 giorno del mese successivo a quello di riferimento e comunque non oltre la fine del mese stesso, su file. Formato Excel o compatibile Affidabilità Statistiche, per ogni mese, dell indice di affidabilità per direttrice. Fonte, modalità di calcolo, formato e termini di consegna: Cfr. Allegato 10.5.

114 114 Bollettino Ufficiale Soppressioni Elenco mensile delle corse soppresse, con indicazione dei km e minuti soppressi, della causa di soppressione, del modo e dei tempi di sostituzione. La struttura da seguire per la fornitura dei dati è riportata nella tabella sottostante. N. treno Da PDE Data Giorno dell evento Codice direttrice Conforme All. 1 Codice linea Conforme All. 1 Km soppressi Minuti di soppressione Soppressione totale o parziale T o P Soppresso da Indicare la località da dove inizia la soppressione Soppresso fino a Indicare la località da dove termina la soppressione Codice microcausa Conforme all allegato 10.4 Microcausa Conforme all allegato 10.4 Descrizione causa Conforme all allegato 10.4 Attribuzione causa Conforme all allegato 10.4; Imputabile, non imputabile Tempo di ripristino Minuti trascorsi dall interruzione alla ripresa del servizio o all attivazione del servizio sostitutivo Informazioni ai viaggiatori Indicare se effettuato annuncio in tutte le stazioni interessati SÌ/NO Tipo soppressione Indicare se la soppressione è nota in anticipo o meno Tipo di sostituzione A = autobus; T = treno aggiuntivo non programmato(eventuale N. treno); NS = nessun intervento sostitutivo Numero di autobus sostitutivi Se la sostituzione avviene con bus indicare il numero di bus utilizzati Bus*km effettivi Bus*km da utilizzare per la determinazione del corrispettivo, per convenzione pari a 1,3 * km soppressi Formato dei dati soggetto a possibili modifiche in funzione dei sistemi di gestione analisi di Trenord Fonte e Modalità di calcolo: Trenord Termini di consegna: Trasmissione entro il 20 giorno del mese successivo a quello di riferimento e comunque non oltre la fine del mese stesso, su file. Formato Excel o compatibile Ritardo medio ponderato Viene inoltre raccolta la serie storica del Ritardo Medio Ponderato per viaggiatore (RMP). Questo indicatore viene calcolato, nel periodo in questione, pesando il ritardo medio di ciascun treno con il numero di passeggeri saliti totali previsti su quel treno (da rilevazione effettuata come da CdS e considerando la pesatura di sabato e domenica come da tabella a seguire) e dividendo poi per il numero di passeggeri totali. Vengono poi aggiunti dei ritardi equivalenti, nella formula di cui sopra e sempre con la suddetta pesatura, per tener conto delle soppressioni, secondo la convenzione adottata sempre nella tabella a seguire:

115 Bollettino Ufficiale 115 A. Ritardi Freq. Saliti Totali da sistema Utilizzata in RMP3 Esempi di calcolo C_Saliti Totali Fer Sab Fes Media Modalità di calcolo Per treno giornaliero (Fer x 5)+(Sab)+(Fes)/7 Per treno lavorativo sabato compreso (Fer x 5)+(Sab)/6 Per treno lavorativo no sabato uguale (Fer) Per treno sabato e festivo (Sab)+(Fes)/2 Per treno sabato uguale (Sab) Per treno festivo uguale (Fes) B. Attribuzione minuti di ritardo per soppressione in RMP3 Ad ogni soppressione, nel calcolo del RMP3, viene applicato un coefficiente in minuti di ritardo secondo la seguente tabella ed applicato un giorno di effettuazione a quelle complessive del treno: Tipo Soppressione FP Attribuzione minuti P Sì 15 T Sì 30 P No 30 T No 60 C. Formato dei dati Treno Dir Mese Giorni programmati Giorni effettuati Giorni con ritardo maggiore di zero * Minuti totali di ritardo effettuati * Corse soppresse totali * Corse soppresse parziali * Passeggeri medi saliti Ritardo medio ponderato per passeggero * Formato dei dati soggetto a possibili modifiche in funzione dei sistemi di gestione analisi di Trenord * Indicatori calcolati sia in Standard A, sia in Standard I ("percepito", senza escludere cause di ritardo o soppressione) Fonte e Modalità di calcolo: Trenord Termini di consegna: Trasmissione entro il 20 giorno del mese successivo a quello di riferimento e comunque non oltre la fine del mese stesso, su file. Formato Excel o compatibile Riserve e Accudienze Andamento delle riserve e accudienze giornaliere. La struttura da seguire per la fornitura dei dati è riportata nella tabella sottostante. Anno Mese Accudienze Treni con degradi Totale accudienze e degradi Riserve in linea Riserve in stazione Riserve con soppressione Totale riserve Formato dei dati soggetto a possibili modifiche in funzione dei sistemi di gestione analisi di Trenord

116 116 Bollettino Ufficiale Fonte e Modalità di calcolo: Trenord Termini di consegna: Report trimestrale Posti disponibili Elenco mensile delle composizioni e posti effettivamente disponibili per corsa, con indicazione della composizione, numero delle carrozze e posti effettivamente disponibili al pubblico e la differenza rispetto ai posti minimi previsti dall azienda, indicati. La struttura da seguire per la fornitura dei dati è riportata nella tabella sottostante. Campo Note Treno Da Programma di esercizio Codice Direttrice Conforme ALLEGATO 2 Codice linea Conforme ALLEGATO 2 Data Giorno-mese-anno Giorni Settimana Lun, mar, mer, gio, ven Critico Sì (in arrivo alla stazione di destinazione tra le ore 7.00 e 9.30 ed in partenza dalla stazione di origine dalle ore e Composizione materiale rotabile effettiva Posti totali effettivi Composizione materiale rotabile Conforme ALLEGATO 2 programmata dall'azienda Posti totali programmati dall'azienda Conforme ALLEGATO 2 Posti minimi previsti dall azienda Conforme ALLEGATO 2 Differenza posti Posti totali effettivi - Posti minimi offerti Formato dei dati soggetto a possibili modifiche in funzione dei sistemi di gestione analisi di Trenord Fonte e Modalità di calcolo: Trenord Termini di consegna: Trasmissione entro il 20 giorno del mese successivo a quello di riferimento e comunque non oltre la fine del mese stesso, su file. Formato Excel o compatibile Interventi di pulizia del materiale rotabile Ai fini del monitoraggio Trenord trasmette, entro un mese dalla conclusione di ciascun anno di vigenza del Contratto, un report annuale contenente i dati consuntivi sugli interventi di pulizia effettuati, con la verifica del rispetto degli standard minimi previsti dal presente Allegato. Nessun formato specifico predefinito. Fonte e Modalità di calcolo: Report Trenord Termini di consegna: entro un mese dalla conclusione di ciascun anno di vigenza del Contratto Frequentazione Conteggio dei viaggiatori saliti, discesi e presenti a bordo per ogni corsa e stazione/fermata. Rilievo effettuato almeno due volte l'anno, indicativamente a ottobre/novembre e luglio, con possibilità di concordare differenti periodi o rilievi aggiuntivi, anche per sottoinsiemi di treni, ad esempio in caso di modifiche significative al servizio.

117 Bollettino Ufficiale 117 Per ciascun periodo, il rilievo è effettuato per 9 giorni, con l'obiettivo di ottenere una settimana campione statisticamente significativa, cioè depurata da eventuali perturbazioni (scioperi, soppressioni, ecc.). Il rilievo fornito comprende 5 giorni lavorativi (lu-ve), due sabati e due domeniche, in modo da poter calcolare un dato medio con una minima rilevanza statistica. Per ogni corsa sono forniti i seguenti dati: giorno del rilievo, posti offerti programmati il giorno del rilievo, materiale rotabile, saliti, discesi per ogni stazione di fermata prevista. Sono inclusi tutti i treni oggetto del presente contratto di servizio. Trenord si fa parte attiva, su mandato della Regione, per poter disporre anche dei dati, nel medesimo formato, relativi a treni di Trenitalia che toccano una o più stazioni lombarde. Fonte e Modalità di calcolo: Conteggi a bordo, secondo la metodologia attualmente applicata da Trenord Termini di consegna: Trasmissione dei dati su file entro tre mesi dall effettuazione della campagna Reclami Report mensile sulla gestione dei reclami, da trasmettere su file entro la prima settimana del secondo mese successivo a quello di riferimento. La struttura di base del report mensile è specificata nella tabella seguente. Le parti potranno concordare l'adozione, in sua vece, della struttura del "Customer Database" aziendale, qualora questo mostri di rispondere adeguatamente alle esigenze di informazione della Regione. La struttura da seguire per la fornitura dei dati è riportata nella tabella sottostante. Codice Codice identificativo del reclamo Data segnalazione Data segnalazione da parte del cliente Data risposta Data risposta da parte di Trenord Tempo risposta Tempo di risposta da parte di Trenord Origine Indicare la modalità di ricezione reclamo (esempio , fax, ecc.) Treno Numero treno di riferimento Impianto Nome impianto di riferimento Direttrice Nome direttrice di riferimento Causale Indicare l motivo del reclamo (esempio ritardo, affollamento, altro, ecc.) Formato dei dati soggetto a possibili modifiche in funzione dei sistemi di gestione analisi di Trenord Fonte e Modalità di calcolo: Report Trenord Termini di consegna: mensilmente Report giornaliero Puntualità, soppressioni e anormalità del giorno precedente e della mattinata corrente (dato non consolidato). Fonte e Modalità di calcolo: Elaborazioni RL-Trenord Termini di consegna: giornaliera entro le ore 12:00 in tutti i giorni lavorativi Report puntualità giornaliera per direttrice Puntualità giornaliera standard A e standard I: I5 per ciascuna direttrice. Fonte e Modalità di calcolo: Elaborazioni RL-Trenord

118 118 Bollettino Ufficiale Termini di consegna: settimanale Customer Satisfaction Risultati delle indagini di customer satisfaction a cura dell azienda, relativa ai principali aspetti del servizio (affidabilità, ritardi, informazione, comfort, pulizia, sicurezza, integrazione modale ) Fonte e Modalità di calcolo: Indagini di customer, secondo la metodologia aziendale Termini di consegna: Trasmissione dei dati su file almeno due volte all anno Dati sulle stazioni L allegato contiene l elenco delle stazioni servite dai treni oggetto del Contratto, con indicazione dei servizi in esse garantiti da Trenord. Contenuto e struttura dati: Dati anagrafici Eventuale codice identificativo dell impianto Denominazione Indirizzo Comune nel cui territorio si trova l impianto Classificazione (stazione/fermata) Presenziata dal gestore di stazione (Sì, No) Presenza di comodati d uso (Sì, No) Accessibilità Stazione con servizio di assistenza per i viaggiatori con disabilità Parcheggi, con l indicazione del numero di posti per tipologia (auto, moto, bici, ecc.) Servizi ai viaggiatori Presenza di vari impianti per l'informazione ai viaggiatori (compresi monitor, teleindicatori, altoparlanti) Presenza di bacheche per l'affissione di avvisi Presenza di esercizi commerciali Formato dei dati soggetto a possibili modifiche in funzione dei sistemi di gestione analisi di Trenord Fonte: Trenord Termini di consegna: Entro 60 giorni dalla sottoscrizione su file e aggiornamento annuale entro il mese di gennaio Dati sui fattori di produzione dei servizi Parco rotabile Sono forniti i seguenti dati: Gruppo Matricola del mezzo Tipologia (locomotiva, automotrice, elettromotrice, rimorchiata, carrozza, carrozza pilota,...) Anno costruzione Ditta costruttrice Impianto di assegnazione Velocità massima (km/h) Potenza oraria (kw) * Potenza continuativa (kw) * Proprietà (Regione, Trenord, Trenitalia, FNM, Ferrovienord,...) Climatizzazione (sì/no)

119 Bollettino Ufficiale 119 Attrezzata per trasporto bici (sì/no) Impianto diffusione sonora (sì/no) Posti offerti (distinti per 1a e 2a classe) Attrezzata per disabili (sì/no) * solo materiale di trazione Formato dei dati soggetto a possibili modifiche da concordarsi, in funzione dei sistemi di gestione analisi di Trenord Fonte: Trenord Termini di consegna: alla sottoscrizione, con riferimento al 31 dicembre dell anno precedente, e consegna dell aggiornamento al termine di ogni anno, entro 30 giorni, sempre con riferimento al 31 dicembre.

120 120 Bollettino Ufficiale Tabella di riepilogo consistenza del parco rotabile, aggiornata al 31/12/2014: Tipo Rotabile Gruppo Automotrici Carrozze Carrozze semipilota DMU Elettromotrici EMU Locomotive Rimorchi per automotrici Rimorchi per elettromotrici Q.tà Totale Anno medio costr. Carrozze Doppio Piano Carrozze Medie distanze Carrozze Piano ribassato Carrozze Vivalto Coradia (CSA) ETR Coradia ETR GTW ATR GTW ATR Locomotive D Locomotive E Mat viaggiatori EA.750 e rim anni 80 Mezzi leggeri ALe Mezzi leggeri ALe Mezzi leggeri ALn Mezzi leggeri ATR Mezzi leggeri Flirt Mezzi leggeri Le Mezzi leggeri Le Mezzi leggeri Le Mezzi leggeri Le Mezzi leggeri Ln TAF TAF TSR TSR Q.ta totale Anno medio Età media al

121 Bollettino Ufficiale 121 Tabella di riepilogo consistenza unità di trazione per i mezzi a composizione bloccata, aggiornata al 31/12/2014: Gruppo Q.tà veicoli Treni risultanti (a composizione bloccata) Vivalto treni (5 composti da 7 vetture e 5 composti da 6 vetture) TAF treni composti da 4 vetture + 3 vetture singole TSR TSR composti da 3 vetture 40 TSR composti da 5 vetture 6 TSR composti da 6 vetture 8 vetture singole per un totale di 80 TSR ATR.115 (GTW 2/8) 24 8 treni composti da 2 vetture + 1 modulo di trazione ATR.125 (GTW 4/12) treni composti da 4 vetture + 2 moduli di trazione ATR.220 (Pesa) 6 2 treni composti da 3 vetture ETR.245 (CSA) treni composti da 5 vetture ETR.425 (Coradia) 20 4 treni composti da 5 vetture Consistenza e costo del personale Dati sulla consistenza (risorse equivalenti) del personale impiegato da Trenord per la produzione dei servizi oggetto del Contratto in ciascuno degli anni di vigenza del Contratto. I dati sono articolati per categoria e funzione (Esercizio, Manutenzione e Struttura). Nr. addetti medi (risorsa equivalente) Dirigenti Impiegati Personale officina materiale rotabile Macchinisti Personale di stazione, manovra, Capi Gestione Coordinatori personale trazione e viaggiante, Capi deposito Personale viaggiante Altri TOTALE Personale Esercizio Manutenzione Struttura Totale Costo totale addetti Diretti Indiretti Diretti Indiretti (comm.le e staff) Per categoria Per categoria Formato dei dati soggetto a possibili modifiche in funzione dei sistemi di gestione analisi di Trenord Fonte: Trenord Termini di consegna: Consegna entro un mese dalla conclusione di ciascun anno solare Turni del personale Turni di guida e di scorta, ore contrattuali di lavoro, di servizio e di guida/scorta del personale impiegato da Trenord per la produzione dei servizi oggetto del Contratto.

122 122 Bollettino Ufficiale Numero totale Macchinisti Numero totale Personale di Scorta Assegnati alla Direzione Regionale per ogni anno di vigenza Note contrattuale media presenti anno Turni di servizio puro totali condotta Turni di servizio puro totali scorta Turni di servizio puro totali Turni di servizio totali condotta Turni di servizio totali scorta Turni di servizio totali comprensivi dei riposi Totale ore effettive di guida Totale ore di servizio Macchinisti Totale ore contrattuali di lavoro Macchinisti Ore di guida/ore di servizio Ore di servizio/ore contrattuali di cui macchinista unico % impegno globale ore per mesi Ore effettive di scorta Ore di servizio Personale di Scorta Ore contrattuali di lavoro Personale di Scorta Ore effettive di Scorta/ore di servizio Ore di servizio/ore contrattuali impegno globale ore per mesi Formato dei dati soggetto a possibili modifiche in funzione dei sistemi di gestione analisi di Trenord Fonte: Trenord Termini di consegna: Consegna entro un mese dalla conclusione di ciascun anno solare Turni del materiale rotabile Secondo il formato attualmente utilizzato da Trenord. Fonte: Trenord Termini di consegna: Consegna alla sottoscrizione ed aggiornamento entro il 31 gennaio di ciascun anno solare (per i dati relativi all'orario entrato in vigore nel dicembre precedente) o in concomitanza con variazioni consistenti (es. riduzione delle composizioni nel periodo estivo) Dati economici Conti economici (bilancio gestionale e civilistico) Sono forniti il Conto economico CEE e il Conto economico riclassificato, secondo le tabelle che seguono. I Conti economici si riferiscono ai servizi oggetto del contratto e, dietro richiesta, possono essere forniti disaggregati, anche in modo parametrico, ad esempio per categoria di servizio

123 Bollettino Ufficiale 123 (regionali/interregionali), anche in base alle necessità degli eventuali monitoraggi del servizio svolti dal Ministero competente. In coerenza con l'art. 31 comma 10 del Contratto, rientrano tra i dati economici che Trenord è tenuta a elaborare anche i dati richiesti dall'osservatorio Nazionale sulle Politiche per il Trasporto Pubblico Locale (istituito dalla L 244/2007 art.1, c.300) e/o da altri organismi o gruppi di lavoro costituiti tra Stato e Regioni per analoga finalità (ad esempio gruppo di lavoro "Costi Standard") nonché i dati necessari all'applicativo di monitoraggio "Servizio di trasporto pubblico in Lombardia" di Regione (banca dati orari e contratti di servizio). In questi casi lo schema di riferimento e la modalità da utilizzare per la fornitura dei dati sarà quello definito a livello nazionale dall'osservatorio TPL e dagli altri gruppi di lavoro. Trenord, rispettando le scadenze definite, è tenuta a garantire la trasmissione dei richiesti all'osservatorio TPL e gruppi di lavoro, inviandone copia alla Regione. Tabella A CONTO ECONOMICO CEE ANNO 2 Valore della produzione Proventi del traffico Incrementi di immobilizzazioni per lavori interni Altri ricavi e proventi Contributi di esercizio Costi della produzione Acquisti di materie Acquisti di servizi Godimento di beni di terzi Costo del personale Differenza tra valore e costi della produzione Proventi ed oneri finanziari Proventi ed oneri straordinari IRAP Fabbisogno residuo Tabella B CONTO ECONOMICO RICLASSIFICATO ANNO Ricavi di vendita Proventi del traffico Contributi di esercizio Costo industriale del venduto Costi di manutenzione (al netto delle capitalizzazioni): - personale - acquisti di materie - acquisti di servizi - altri costi - ammortamento Costi di movimento: - personale di macchina 2 Al netto degli oneri finanziari.

124 124 Bollettino Ufficiale CONTO ECONOMICO RICLASSIFICATO ANNO - personale di scorta - personale di manovra - energia elettrica di trazione - energia diesel di trazione - pulizia - autoservizi sostitutivi - canone di accesso all infrastruttura - noleggio di materiale rotabile - ammortamento - altri costi di macchina - altri costi di manovra - altri costi di scorta Risultato lordo industriale Costi di struttura Costi di distribuzione: - personale - altri costi Altri costi di struttura: - personale - altri costi Altri proventi di esercizio Risultato operativo gestione caratteristica Proventi ed oneri finanziari Proventi ed oneri straordinari Fabbisogno complessivo 3 Fabbisogno residuo Fonte: Trenord Modalità di calcolo: RICAVI = Ricavi di esercizio + Gestione finanziaria e straordinaria RICAVI DI ESERCIZIO = Ricavi da traffico + altri proventi d esercizio (sono esclusi i proventi finanziari e straordinari e i contributi) RICAVI DA TRAFFICO = Ricavi tariffari treni regionali + ricavi tariffari treni interregionali + pubblicità e sanzioni ai viaggiatori + integrazioni tariffarie - sconti e abbuoni passivi - fondo svalutazione crediti per integrazione tariffarie COSTI TOTALI AZIENDALI = Costi operativi + gestione finanziaria e straordinaria COSTI OPERATIVI = Costi manutenzione + costi esercizio + costi struttura Termini di consegna preconsuntivo entro fine dicembre dell anno in corso consuntivo entro giugno dell anno seguente I termini sopraelencati potranno essere abbreviati in funzione delle esigenze dei Comitati di monitoraggio regionale e nazionale citati dal presente contratto. 3 Al netto di IRAP e dei costi capitalizzati per lavori interni sulle immobilizzazioni.

125 Bollettino Ufficiale Dati di vendita Numero di documenti di viaggio ed introiti certificati di competenza Trenord (titoli di viaggio a tariffa ferroviaria regionale e sovra regionale, ivi compresi gratuità, agevolazioni tariffarie, titoli commerciali) per ciascun anno di vigenza del Contratto, aggregati in base a quanto previsto dall apposito applicativo di monitoraggio regionale, per ciascun anno di vigenza del contratto. Laddove siano disponibili dati disaggregati per origine destinazione, tali dati sono forniti con le stesse scadenze in apposito DB e con formato da concordare tra le Parti. TITOLO DI VIAGGIO a tariffa ferroviaria Lombardia Corsa semplice 1ª classe Corsa semplice 2ª classe Abbonamenti settimanali 1ª classe Abbonamenti settimanali 2ª classe Abbonamenti mensili 1ª classe Abbonamenti mensili 2ª classe Abbonamenti annuali 1ª classe Abbonamenti annuali 2ª classe Altri ricavi da tariffa Ulteriori agevolazioni tariffarie (*) Quota Lombardia dei TITOLO DI VIAGGIO a tariffa sovraregionale Corsa semplice adulti 1ª classe Corsa semplice adulti 2ª classe Abbonamenti settimanali 1ª classe Abbonamenti settimanali 2ª classe Abbonamenti mensili 1ª classe Abbonamenti mensili 2ª classe Abbonamenti annuali 1ª classe Abbonamenti annuali 2ª classe Ulteriori agevolazioni tariffarie (*) Altri ricavi da tariffa Ricavi ( ) FASCIA CHILOMETRICA EMISSIONI INTROITI (lordo IVA) (per ciascuna fascia) (per ciascuna fascia) Totali Totali (per ciascuna fascia) (per ciascuna fascia) Totali (per ciascuna fascia) (per ciascuna fascia) Totali (per ciascuna fascia) (per ciascuna fascia) Totali FASCIA CHILOMETRICA EMISSIONI INTROITI (lordo IVA) (per ciascuna fascia) (per ciascuna fascia) Totali (per ciascuna fascia) (per ciascuna fascia) Totali (per ciascuna fascia) (per ciascuna fascia) Totali (per ciascuna fascia) (per ciascuna fascia) Totali Totali Totale generale INTROITI (netto IVA) INTROITI (netto IVA) Formato dei dati soggetto a possibili modifiche in funzione dei sistemi di gestione analisi di Trenord Fonte: Trenord Termini di consegna: entro due mesi dalla conclusione di ciascun anno di vigenza del Contratto. Trenord si impegna a sviluppare adeguati metodi di calcolo, anche d intesa tra le parti, per fornire i propri introiti tariffari suddivisi per direttrice/i e titolo di viaggio.

126 126 Bollettino Ufficiale Dati per il monitoraggio del contratto Scheda di chiusura E lo strumento di cui si avvalgono le parti per misurare e riepilogare i principali indicatori per la verifica dell adempimento degli impegni assunti nel Contratto e per il calcolo delle penali e dei premi. Viene preparata su supporto informatico Excel da un gruppo di lavoro bilaterale entro il sesto mese dalla data di termine di ciascun orario di servizio. La struttura ed il formato sono conformi alle schede già utilizzate negli anni precedenti Scheda servizi Servizio offerto - parametri fisici Percorrenze chilometriche di servizio effettivo (treni*km) Percorrenze chilometriche bus sostitutivi (bus*km) Passeggeri*km trasportati (viaggiatori*km) Numero delle corse Numero medio di carrozze per treno Posti*km offerti Numero medio di posti a sedere per treno Velocità commerciale (da orario) Anno di riferimento Per ogni anno di vigenza del contratto Servizio offerto - costi e ricavi Anno di riferimento Per ogni anno di vigenza del contratto Costo del servizio al netto dei costi di infrastruttura 4 5 Ricavi da traffico Altri ricavi e proventi Corrispettivi della Regione Costo del servizio a treno*km 6 Ricavo da traffico a treno*km Corrispettivo della Regione a treno*km Costo del servizio a passeggero*km Ricavo da traffico a passeggero*km Corrispettivo della Regione a passeggero*km Rapporto fra ricavi da traffico e costi operativi, al netto dei costi di infrastruttura Formato dei dati soggetto a possibili modifiche in funzione dei sistemi di gestione analisi di Trenord I dati si riferiscono ai servizi oggetto del contratto e, dietro richiesta, possono essere forniti disaggregati, anche in modo parametrico, ad esempio per categoria di servizio (regionali/interregionali), anche in base alle necessità degli 4 Il canone per l utilizzo delle infrastrutture ammonta, per l anno, a Euro 5 Costo al netto di IRAP, pari, per il a Euro. 6 L indicatore è calcolato rispetto al volume di offerta complessivo dato dalla somma dei treni*km e dei bus*km sostitutivi

127 Bollettino Ufficiale 127 eventuali monitoraggi del servizio svolti dal Ministero competente. Fonte: Trenord Termini di consegna: entro giugno dell anno successivo a quello di riferimento o in altra data stabilita in sede di Comitato Centrale di Monitoraggio R ilevazioni dirette Impostazione del sistema di monitoraggio Obiettivo della rilevazione è il monitoraggio di una serie di treni e stazioni rappresentativi delle direttrici del Servizio Ferroviario Regionale. Treni e stazioni oggetto del rilievo sono determinati curando la realizzazione di un campione rappresentativo, in modo da verificare la persistenza e la gravità delle situazioni critiche, nonché, in casi specifici, prestando attenzione a reclami e segnalazioni particolarmente significative ricevute dall utenza Soggetto deputato alla rilevazione La rilevazione della qualità erogata è affidata ad un soggetto esterno, risultato aggiudicatario di un'apposita gara, in quanto parte terza e perciò estranea al rapporto tra ente regolatore e gestori, al fine di garantire alle controparti una rilevazione oggettiva dei parametri individuati. Come Trenord ha scelto società esterne per la rilevazione della qualità percepita, allo stesso modo la Regione si avvale di un fornitore qualificato e con referenze ed esperienze nella rilevazione della qualità erogata. Le rilevazioni saranno effettuate da un gruppo di rilevatori incaricati ad hoc, organizzato e formato dal soggetto esterno incaricato. A garanzia della qualità del lavoro di indagine, il gruppo mensile di rilevatori dovrà essere formato da non meno di 4 persone, il più possibile costante, scelti di mese in mese da un gruppo, inizialmente formato e abilitato, costituito da non più di 30 persone per anno. Ciascun rilevatore non potrà effettuare più del 20% dei rilievi mensili sui treni. I rilevatori saranno muniti di un apposito tesserino di riconoscimento che ne autorizza l'attività nelle stazioni e sui treni. Trenord rilascerà idonei documenti autorizzativi per la circolazione sui treni e la presenza nelle stazioni per il personale incaricato a svolgere tali attività. Tali documenti autorizzativi potranno essere utilizzati dai rilevatori solo se accompagnati da lettera d'incarico della Regione Lombardia. La progettazione e realizzazione dell attività formativa dei rilevatori sarà gestita direttamente dalla impresa aggiudicataria, che ne curerà anche la docenza. I contenuti della formazione dovranno vertere sulle finalità, sugli strumenti (schede), metodologia, caratteristiche della rilevazione (tempi, turni) e dovranno essere somministrati in modo da chiarire ed analizzare tutti gli aspetti e parametri oggetto della rilevazione, in modo da garantire la massima oggettività, chiarezza, affidabilità e precisione della rilevazione. In particolare saranno presentate e spiegate in ogni minimo dettaglio le schede utilizzate per il rilievo e i punti in cui esse si articolano. L analisi delle schede sarà inoltre corredata dalla presentazione di fotografie esemplificative che rappresentino testimonianze delle più evidenti criticità, inequivocabilmente visibili ed oggettive riscontrate nei treni e nelle stazioni.

128 128 Bollettino Ufficiale Definizione del campione La Regione prevede di organizzare la campagna di rilevamento in trimestri suddivisi a loro volta in lotti mensili. Ai fini del computo delle penali, la base statistica è costituita dal totale dei rilievi nell anno. L'universo di riferimento è costituito da tutte le corse del Contratto, in qualunque fascia oraria e giorno della settimana, ciascuna assegnata ad un'unica direttrice. Nel corso di ogni trimestre verrà completato il rilievo del campione prefissato per ogni direttrice. Ogni trimestre saranno effettuati almeno 1150 rilievi sui treni oggetto del presente Contratto; per ogni direttrice il numero di treni da rilevare è indicato nella tabella 1. Tale numero è stato individuato in base alla classe di servizio e frequenza a cui appartiene ciascuna direttrice. Il numero di treni rilevato ciascun mese potrà variare. Questi rilievi saranno effettuati con la metodologia detta del "rilievo a terra", vale a dire prima della partenza del treno, in modo da escludere eventuali criticità che possano sorgere nel corso del viaggio. Ogni trimestre saranno inoltre effettuati almeno 300 rilievi secondo la metodologia del "rilievo a bordo" (cioè durante la corsa del treno); il numero di treni da rilevare per ciascuna direttrice sarà proporzionale al valore indicato nella tabella 1. La Regione Lombardia si riserva di indicare mensilmente fino a un massimo di 80 treni specifici su cui effettuare il rilievo. Gli altri saranno selezionati dall'impresa aggiudicataria della rilevazione, in modo da coprire statisticamente tutti i servizi svolti sulla direttrice, nei vari giorni e nelle varie fasce orarie, compatibilmente con le esigenze di predisposizione dei turni della rilevazione. Lo stesso treno non potrà essere rilevato più di due volte nello stesso anno per lo stesso tipo di giorno (feriale, sabato, festivo), secondo la metodologia del rilievo a terra. Lo stesso treno non potrà essere rilevato più di una volta nello stesso anno per lo stesso tipo di giorno (feriale, sabato, festivo), secondo la metodologia del rilievo a bordo. Tali limiti potranno essere superati solo nel caso in cui l'impresa aggiudicataria della rilevazione offra un maggior numero di rilevazioni, oppure nel caso il treno rientri negli 80 treni mensili segnalati dalla Regione. Nel corso dell'anno saranno effettuati almeno 240 rilievi sulle stazioni lombarde servite da treni oggetto del presente Contratto, relativamente agli standard di informazione, servizi offerti e pulizia e funzionalità degli ambienti. Di conseguenza in ogni trimestre saranno effettuati almeno 60 rilievi. Il numero di stazioni rilevato ciascun mese potrà oscillare intorno al valore medio. La definizione del campione di indagine dovrà essere effettuata dall'impresa aggiudicataria delle rilevazioni in modo da coprire statisticamente tutto il territorio regionale. La Regione Lombardia potrà inoltre indicare mensilmente fino a 6 stazioni specifiche su cui effettuare il rilievo. Il personale incaricato della Regione Lombardia potrà inoltre effettuare per proprio conto rilevazioni nelle stazioni, fino ad un massimo di 30 stazioni per trimestre. La stessa stazione non potrà essere rilevata più di una volta nello stesso anno. Tale limite potrà essere superato solo nel caso in cui l'impresa aggiudicataria della rilevazione offra un maggior numero di rilevazioni oppure nel caso la stazione rientri fra quelle segnalate o rilevate per proprio conto dalla Regione. La stessa stazione potrà essere rilevata in due tempi, qualora questo sia previsto dal Contratto per verificare se sia stato posto rimedio nei termini stabiliti a una criticità evidenziata. Tabella 1 - Direttrici del Servizio Ferroviario Regionale in Lombardia e campione trimestrale Cod Direttrice/Linea Corse Rilievi Terra Rilievi Bordo 1 Novara-Milano-Treviglio Saronno-Seregno-Milano-Albairate Domodossola-Gallarate-Milano

129 Bollettino Ufficiale 129 Cod Direttrice/Linea Corse Rilievi Terra Rilievi Bordo 4 P.to Ceresio-Varese-Gallarate-Milano Luino-Gallarate-Malpensa Chiasso-Como-Monza-Milano Tirano-Sondrio-Lecco-Milano Lecco-Molteno-Monza-Milano Chiavenna-Colico Lecco-Molteno-Como Lecco-Bergamo-Brescia Bergamo-Carnate-Milano Seregno-Carnate Bergamo-Treviglio Bergamo-Pioltello-Milano Cremona-Treviglio Verona-Brescia-Treviglio-Milano Brescia-Piadena-Parma Brescia-Cremona Mantova-Cremona-Lodi-Milano Piacenza-Lodi-Milano S13 Pavia-Milano Passante-Milano Bovisa Alessandria-Voghera-Pavia-Milano Stradella-Pavia-Milano Pavia-Codogno Alessandria-Mortara-Milano Mortara-Novara Pavia - Torreberetti - Alessandria Pavia-Mortara-Vercelli Voghera-Piacenza Laveno-Varese-Saronno-Milano Como-Saronno-Milano Novara-Saronno-Milano Asso-Seveso-Milano Brescia-Iseo-Edolo Malpensa-Milano S1 Saronno-Milano Passante-Lodi S3 Saronno-Milano Cadorna S2 Mariano Comense-Milano Passante-Milano Rogoredo S4 Camnago Lentate-Milano Cadorna Lecco-Carnate-Milano Porta Garibaldi Treviglio-Milano-Varese Totale Tabella 2 - Stazioni del Servizio Ferroviario Regionale in Lombardia e campione annuale Gestore Quadrante Presenziate Non_presenziate Campione annuale RFI Centro RFI Est RFI Nord RFI Ovest RFI S RFI Sud Tot RFI FERROVIENORD Centro FERROVIENORD Est

130 130 Bollettino Ufficiale Gestore Quadrante Presenziate Non_presenziate Campione annuale FERROVIENORD Nord FERROVIENORD Ovest FERROVIENORD S Tot FERROVIENORD Totale Oggetto della rilevazione I principali parametri di qualità oggetto delle rilevazione sulla qualità erogata sono: pulizia degli ambienti (locali interni, servizi igienici, sedute, ecc.) funzionamento delle porte (interne ed esterne) funzionalità degli impianti (riscaldamento/condizionamento, illuminazione, diffusione informazioni ) l informazione ai passeggeri, (presenza di quadri orari, mappe, tariffe, funzionamento di monitor, teleindicatori, ecc.), la possibilità di acquistare biglietti (apertura biglietteria, funzionamento emettitrici ) la pulizia degli ambienti interni ed esterni alla stazione. Per monitorare questi parametri sono state predisposte i seguenti modelli di schede per la rilevazione: scheda treno (rilevazione a terra e rilevazione a bordo), per monitorare la pulizia dei treni, la funzionalità e le informazioni a bordo scheda stazione, per monitorare la pulizia delle stazioni, i servizi e le informazioni disponibili al pubblico Le schede contengono almeno tutte le voci che sono necessarie per determinare le penali che il Contratto prevede di accertare tramite le rilevazioni della società aggiudicataria. Le schede potranno contenere ulteriori voci, non direttamente connesse a penali, che la Regione Lombardia intenda comunque monitorare, considerandole rilevanti per una misurazione della qualità del servizio offerto Criteri per la rilevazione e restituzione dei risultati Le criticità da rilevare attraverso le schede risponderanno al criterio della oggettività (ad esempio: porta chiusa non utilizzabile, riscaldamento spento) e della evidenza "visibile" sui treni e nelle stazioni (ad esempio pareti visibilmente sporche, servizi igienici non utilizzabili, arredi visibilmente danneggiati ), in modo da evitare il più possibile giudizi e valutazioni soggettive. I rilevatori avranno il compito di redigere le schede di rilevazione, secondo un programma dettagliato e prefissato, in termini di treni e stazioni da verificare. Ogni scheda di rilevazione sarà corredata da almeno una fotografia in formato digitale illustrante una delle anomalie eventualmente riscontrate nel corso del rilievo. Coordinatore della rilevazione e responsabile unico della attività dei rilevatori è la società aggiudicataria. Solo il coordinatore è autorizzato a comunicare direttamente con i rilevatori. Il personale incaricato della Regione Lombardia potrà inoltre effettuare per proprio conto rilevazioni nelle stazioni e sui treni. Nei giorni della rilevazione nelle stazioni e sui treni referenti della Regione Lombardia potranno seguire il regolare svolgimento delle rilevazioni, senza interferire in alcun modo con l'attività dei rilevatori.

131 Bollettino Ufficiale 131 ALLEGATO 12 Utilizzo e manutenzione del materiale rotabile Materiale rotabile per il servizio ferroviario regionale 1. Il materiale rotabile di proprietà della Regione Lombardia a seguito dei trasferimenti disposti con l Accordo di Programma sottoscritto in data 2 marzo 2000 tra Regione e Ministero dei Trasporti e della Navigazione, ai sensi dell art. 8 del D.Lgs. 422/97, è utilizzato da Trenord nel rispetto delle relative prescrizioni. Analogamente è utilizzato il materiale acquistato ai sensi della "Convenzione per l'acquisto, l'immissione in servizio e la gestione di materiale rotabile da utilizzare per servizi ferroviari di competenza della Regione Lombardia", sottoscritta tra Trenitalia e Regione il 29 giugno 2005 e relativa alle locomotive E.464. In particolare Trenord è responsabile della custodia, del mantenimento del materiale rotabile integro ed efficiente, dell'effettuazione della manutenzione e delle riparazioni, nonché della stipula di adeguata polizza assicurativa. 2. Il materiale rotabile di proprietà di FNM S.p.A., di Trenitalia o di altre società di noleggio è utilizzato dietro pagamento di un canone di noleggio; l'entità del rimborso da parte di Regione è precisata nel Contratto. In caso di materiale di nuova acquisizione, il pagamento da parte di Regione decorre dalla data di immissione in servizio dei nuovi rotabili. Le Parti possono definire che la copertura di tale rimborso sia assicurata da un mix tra corrispettivo e introiti tariffari. 3. Per il materiale rotabile di proprietà di Trenord, ogni costo gestionale, di manutenzione, di esercizio è incluso nel corrispettivo contrattuale e non è pertanto prevista alcuna ulteriore integrazione economica da parte di Regione. 4. Il materiale rotabile acquistato da Ferrovienord, in qualità di concessionaria della rete regionale, con risorse totalmente a carico di Regione Lombardia, è utilizzato da Trenord in regime di comodato, ai sensi della "Convenzione per acquisto e gestione di materiale rotabile per i servizi ferroviari regionali", sottoscritta il 18/1/2007 tra Ferrovienord e la Regione, e dei Decreti di immissione in servizio dei singoli treni, con cui sono assegnati dalla Regione all'impresa ferroviaria utilizzatrice. Trenord è tenuta a sottoscrivere un Contratto con Ferrovienord, in modo da disciplinare gli aspetti di custodia, assicurazione e manutenzione dei rotabili, ivi compresa la manutenzione ciclica di secondo livello. 5. Trenord ai fini di garantire la manutenzione di secondo livello, limitatamente ai treni di cui al comma 4, corrisponde a Ferrovienord un canone per i costi di manutenzione di secondo livello previsti dai piani di manutenzione. Il canone corrisposto relativo alla manutenzione di secondo livello potrà subire variazioni di anno in anno in funzione dei volumi di produzione realizzati dai convogli. Tale canone trova copertura all'interno del corrispettivo contrattuale. 6. L'ALLEGATO 11 precisa per ogni rotabile il regime di utilizzo, tra quelli elencati dai commi precedenti. 7. Gli oneri di manutenzione, riparazione, custodia e assicurazione sono integralmente a carico di Trenord, salvo differente previsione del Contratto d'uso, ove previsto. 8. L'eventuale dismissione di materiale rotabile viene programmata da Trenord tenendo in considerazione le esigenze di sviluppo del servizio e viene approvata con lettera di Regione. Gli eventuali proventi derivati dalla vendita sono accantonati in un conto di debito a favore della Regione, e sono quindi utilizzati per interventi di manutenzione e miglioramento della flotta.

132 132 Bollettino Ufficiale Immissione in servizio del materiale rotabile acquistato da Trenitalia in proprio o per conto della Regione Lombardia 1. Ai sensi della Convenzione per l'acquisto, l'immissione in servizio e la gestione di materiale rotabile da utilizzare per servizi ferroviari di competenza della Regione Lombardia, vengono immesse in servizio 37 locomotive E.464 (di cui 16 di proprietà della Regione Lombardia e 21 di proprietà di Trenitalia) nonché 5 treni a doppio piano "Vivalto" (di proprietà di Trenitalia), con la tempistica indicata nella stessa Convenzione. 2. Il materiale rotabile oggetto della Convenzione è aggiuntivo rispetto al parco circolante, come risultante dall'allegato 10 del Contratto di servizio vigente alla data della sottoscrizione della Convenzione. Il materiale è identificato dal numero di servizio (matricola) di ciascun rotabile e dalla corrispondente data di immissione in servizio, già trasmessi da Trenitalia alla Regione in attuazione della Convenzione. 3. Ogni rotabile, ivi compreso quello di proprietà di Trenitalia, porta la dicitura "Acquistato in accordo con la Regione Lombardia". 4. Trenord subentra a Trenitalia negli obblighi derivanti dalla Convenzione citata e richiamati nei punti che seguono Utilizzo del materiale rotabile oggetto della Convenzione 1. Le aree di utilizzo dei rotabili oggetto della Convenzione sono stabilite d'intesa tra la Regione e Trenord, in coerenza con le caratteristiche tecniche dei veicoli e gli eventuali limiti di circolabilità. I criteri guida per la scelta di tali aree sono rappresentati, per le locomotive, da situazioni di particolare criticità per guasti alla trazione e da esigenze di potenziamento del servizio. Per le carrozze, i criteri guida sono rappresentati dalle situazioni di affollamento e dallo sviluppo di nuovi servizi. 2. Sulla base delle aree di utilizzo individuate, Trenord propone alla Regione un prospetto dei turni, nel formato previsto dal Contratto, che indichi le corse effettuate con i rotabili in oggetto. 3. La sostituzione del materiale rotabile preesistente con i nuovi rotabili non deve portare a una diminuzione dei posti a sedere offerti sui treni critici e deve risultare coerente con i dati di frequentazione delle corse. 4. I turni dei rotabili sono soggetti a revisione almeno annuale, di norma in concomitanza con l'entrata in vigore del nuovo orario. A tal fine, Trenord provvede ad inviare alla Regione la proposta del nuovo prospetto dei turni, almeno 30 giorni prima del cambio di orario. Ogni eventuale variazione nell'area di utilizzo dei rotabili è stabilita d'intesa tra la Regione e Trenord. 5. Nel caso in cui si renda necessaria la modifica dei turni in corso d'orario, Trenord ne dà immediata comunicazione alla Regione, motivandone le ragioni Manutenzione del materiale rotabile oggetto della Convenzione 1. Trenord è l'unico responsabile del mantenimento del materiale rotabile integro ed efficiente. 2. E' a carico di Trenord l'effettuazione delle visite e degli interventi di manutenzione previsti dal programma di manutenzione dei rotabili, in conformità con le prescrizioni dell Organismo che ha attribuito il certificato di sicurezza e del costruttore, nonché di quanto d'altro si renda necessario per il mantenimento dell'integrità e dell'efficienza dei veicoli. 3. E consentito l affidamento della manutenzione a società terze, incluso il costruttore, in base ad un idoneo contratto (l eventuale contratto di manutenzione riguardante i rotabili di proprietà della Regione Lombardia deve essere preventivamente concordato con la stessa).

133 Bollettino Ufficiale Trenord può effettuare migliorie ai rotabili, previa autorizzazione della Regione per quelli di proprietà della stessa, con costi a proprio carico. 5. Qualora un rotabile debba essere distolto dall'esercizio per cause di forza maggiore, per un periodo superiore a quello attribuibile ai normali cicli di manutenzione, Trenord provvede a darne immediata comunicazione alla Regione. 6. Qualora, per cause di forza maggiore, si renda necessaria la sostituzione, temporanea o definitiva, di un rotabile con altro analogo, Trenord provvede a darne immediata comunicazione alla Regione, precisando il numero di servizio del rotabile sostituito e di quello subentrante. Per i rotabili di proprietà della Regione, la sostituzione deve essere approvata dalla stessa e formalizzata con apposito atto. 7. E' diritto della Regione effettuare, direttamente o tramite professionisti o società incaricate, visite di controllo ai rotabili di sua proprietà, anche senza preavviso, per l'accertamento delle loro condizioni di integrità ed efficienza. 8. Nei casi di accertata inidoneità del rotabile di proprietà della Regione, o di accertato mancato rispetto dei programmi di manutenzione, la Regione diffida Trenord ad adempiere entro 15 giorni. Trascorso inutilmente il termine, gli interventi di manutenzione correttivi od omessi sono commissionati dalla Regione, con pagamento a valere sulla prima rata utile del corrispettivo del Contratto. 9. I rotabili di proprietà della Regione devono essere coperti da polizze assicurative a carico di Trenord che prevedono le medesime condizioni e coperture di rischio previste per il materiale rotabile di proprietà di quest ultima secondo quanto pattuito all art. 4 comma 4 della Convenzione. Regione Lombardia e Trenord prima della consegna del materiale acquistato preciseranno le modalità assicurative dei rischi Riconsegna del materiale rotabile di proprietà della Regione 1. Al termine del periodo di cui all'art. 5 della Convenzione, la Regione, direttamente o attraverso professionisti o società terze incaricate, procede alla verifica individuale dei rotabili di proprietà della Regione stessa. Di ogni verifica è redatto un verbale, nel quale sono indicati gli eventuali interventi di ripristino necessari per riportare i rotabili nelle condizioni previste per la riconsegna. Nel caso in cui Trenord non intenda farsi carico degli interventi di ripristino, tali interventi sono disposti dalla Regione a valere sulla prima rata utile del corrispettivo Piano di manutenzione del materiale rotabile 1. Trenord esegue la manutenzione per le diverse tipologie di rotabili seguendo il rispettivo Piano di manutenzione ufficiale che definisce tutti gli interventi di manutenzione preventiva di 1 e di 2 livello con le rispettive periodicità di intervento. Inoltre, Trenord effettua tutti gli interventi di manutenzione correttiva che si rendono necessari Tabella riepilogativa dati manutentivi Descrizione Attività Piano di Manutenzione Tipologia attività Piano di Manutenzione Descrizione Attività FLOTTA Manutenzione primo livello Manutenzione secondo livello PROGRAMMATO Totale complessivo Formato dei dati soggetto a possibili modifiche in funzione dei sistemi di gestione analisi di Trenord Fonte: Trenord Termini di consegna: entro due mesi dalla conclusione di ciascun anno di vigenza del Contratto. CONSUNTIVO Totale complessivo

134 134 Bollettino Ufficiale ALLEGATO 13 Standard qualitativi e penalità Standard qualitativi Pulizia dei treni 1. La pulizia dei treni è verificata, per ciascuna corsa, mediante le rilevazioni e verifiche previste dal Contratto. In particolare le rilevazioni assegneranno a ciascun treno esaminato una delle classi di pulizia di cui al seguente schema: Fattori verificati Classe A Classe B Classe C Esterno treno (cassa e porte) 2 carrozze visibilmente sporche >2 carrozze visibilmente sporche >4 carrozze visibilmente sporche Locali interni (scompartimenti e spazi comuni) 1 carrozza con almeno un locale visibilmente sporco o con scritte 2 carrozze con almeno un locale visibilmente sporco o con scritte > 2 carrozze con almeno un locale visibilmente sporco o con scritte Servizi igienici 1 servizio visibilmente sporco (se almeno 3 nel treno sono agibili) 2 servizi visibilmente sporchi (1 se solo 2 nel treno sono agibili) > 2 servizi visibilmente sporchi (2 se solo 2 nel treno sono agibili) Arredi e dotazioni (sedili, finestrini, tende, cappelliere, tavolini, porte, portarifiuti) 2 carrozze con almeno un elemento visibilmente sporco o danneggiato 3 carrozze con almeno un elemento visibilmente sporco o danneggiato > 3 carrozze con almeno un elemento visibilmente sporco o danneggiato Ad una corsa viene assegnata la classe C se almeno uno dei fattori risulta in classe C; viene assegnata la classe B se nessuno dei fattori risulta in classe C e almeno uno risulta in classe B; nei casi restanti viene assegnata la classe A Efficienza dei rotabili 1. Il programma di esercizio deve essere effettuato con materiale rotabile che abbia le seguenti dotazioni, ritenute indispensabili ed essenziali: a) impianto di riscaldamento funzionante; b) impianto di climatizzazione funzionante (ove disponibile); c) porte di salita e intercomunicanti funzionanti; d) toilette accessibili e dotate di acqua corrente e materiale di consumo; e) illuminazione funzionante; f) diffusione di informazioni audio funzionante (ove presente); g) indicatori di destinazione frontali e laterali funzionanti (ove presenti). 2. La verifica del rispetto delle dotazioni essenziali dei rotabili, di cui al comma precedente, è svolta mediante le rilevazioni e verifiche previste dal Contratto. In particolare le rilevazioni assegneranno a ciascun treno esaminato una delle classi di efficienza di cui al seguente schema:

135 Bollettino Ufficiale 135 Numero di apparati non efficienti Apparati critici Classe A Classe B Classe C Riscaldamento (nonché condizionamento per i veicoli con finestrini sigillati) 0 1 >1 Porte di salita <=2 (non contigue) 3 oppure 2 contigue >3 oppure 3 di cui 2 contigue Toilette aperte e utilizzabili Impianto di illuminazione Diffusione di informazioni audio (ove esistente) Indicatori di destinazione frontali e laterali funzionanti (ove esistenti) <=2 (1 per i treni dotati al massimo di 2 toilette) 0 carrozze completamente buie (ore notturne e antelucane) 3 >3 (2 per i treni dotati al massimo di 2 toilette) 1 carrozze completamente buie (ore notturne e antelucane) >1 carrozze completamente buie (ore notturne e antelucane) 1 carrozza 2 carrozza >2 carrozza Tutti funzionanti Indicatore frontale non funzionante o tutti gli indicatori laterali di una fiancata non funzionanti - Ad un treno viene assegnata la classe C se almeno uno degli apparati risulta in classe C; viene assegnata la classe B se nessuno degli apparati risulta in classe C e almeno uno risulta in classe B; nei casi restanti viene assegnata la classe A Informazione 1. Il rispetto degli impegni assunti da Trenord riguardo all informazione ai viaggiatori nelle stazioni e fermate, anche impresenziate, è verificato, per ciascuna di esse, mediante le rilevazioni e verifiche previste dal Contratto. In particolare vengono definite "Principali" le seguenti informazioni: orario murale, elenco dei servizi minimi garantiti in caso di sciopero, variazioni programmate note in anticipo, estratto delle Condizioni di trasporto, tariffe in vigore e numeri di contatto con l azienda, mappa con l'indicazione della fermata dei bus sostitutivi, orario delle biglietterie ed esistenza e localizzazione dei punti vendita (ove previsti); vengono definite "Secondarie" tutte le altre informazioni previste in stazione ai sensi dell'art. 25 comma 1 del Contratto. Le rilevazioni assegneranno a ciascuna stazione e fermata una delle classi di informazioni di cui al seguente schema: Fattori verificati Classe A Classe B Classe C Informazioni Tutte le informazioni presenti Mancante almeno una delle informazioni secondarie e presenti tutte le informazioni principali Mancante almeno una delle informazioni principali

136 136 Bollettino Ufficiale Pulizia delle stazioni (solo rete RFI) 1. La pulizia delle stazioni e fermate è verificata, per ciascuna di esse, mediante le rilevazioni e verifiche previste dal Contratto. In particolare, le rilevazioni assegneranno a ciascuna stazione e fermata una delle classi di pulizia di cui al seguente schema: Fattori verificati Classe A Classe B Classe C Esterno del fabbricato Spazi di stazione (atrio, sala d attesa, banchine, sottopassi, ecc.) Arredi e dotazioni (sedili, panchine, porte, bacheche, rastrelliere, ecc.) Pulito Visibilmente sporco o danneggiato - Integri e puliti - Visibilmente sporchi o danneggiati (almeno un elemento verificato) Integri e puliti - Visibilmente sporchi o danneggiati (almeno un elemento verificato) Servizi igienici Puliti e utilizzabili - Visibilmente sporchi o danneggiati Ad una stazione o fermata viene assegnata la classe C se è verificata almeno una delle non conformità elencate in tabella in classe C; viene assegnata la classe B se non sono verificate le non conformità in classe C, ma è verificata almeno una di quelle in classe B; nei casi restanti viene assegnata la classe A Informazioni al pubblico sui treni Trenord riporta sugli indicatori dei treni, nelle forme compatibili con il materiale rotabile utilizzato (cartelli stampati o display luminosi), le indicazioni delle linee suburbane e progressivamente delle linee regionali secondo la nomenclatura contenuta nell'allegato Sistema sanzionatorio Pulizia dei treni 1. Trenord assicura la pulizia delle carrozze, all interno ed all esterno, nel rispetto degli standard minimi di pulizia e degli interventi, nonché provvedendo al mantenimento degli arredi e, ove necessario, alla sostituzione degli stessi 2. E dovuto da Trenord il pagamento di una penale, per ciascuna campagna di rilevazione, proporzionale al rapporto tra il numero di corse in classe B o rispettivamente C e il numero totale delle corse rilevate nella campagna. L importo della penale per la classe B viene calcolato moltiplicando il rapporto relativo alla classe B per il monte massimo di penali assegnato alla stessa classe, pari a annui, diviso il numero di campagne di rilevazione previste nell'anno. Analogamente l importo della penale per la classe C viene calcolato moltiplicando il rapporto relativo alla classe C per il monte massimo di penali assegnato alla stessa classe, pari a annui, diviso il numero di campagne di rilevazione previste nell'anno.

137 Bollettino Ufficiale Efficienza dei rotabili 1. Qualora Trenord non rispetti gli impegni assunti in termini di dotazioni essenziali dei rotabili, verrà erogata una penale, proporzionale al rapporto tra il numero di treni in classe B o rispettivamente C e il numero di treni totali rilevati nella campagna. L importo della penale per la classe B viene calcolato moltiplicando il rapporto relativo alla classe B per il monte massimo di penali assegnato alla stessa classe, pari a annui, diviso il numero di campagne di rilevazione previste nell'anno. Analogamente l importo della penale per la classe C viene calcolato moltiplicando il rapporto relativo alla classe C per il monte massimo di penali assegnato alla stessa classe, pari a annui, diviso il numero di campagne di rilevazione previste nell'anno Informazione E dovuto da Trenord il pagamento di una penale, per ciascuna campagna di rilevazione, proporzionale al rapporto tra il numero di stazioni in classe B o rispettivamente C e il numero totale delle stazioni rilevate nella campagna. L importo della penale per la classe B viene calcolato moltiplicando il rapporto relativo alla classe B per il monte massimo di penali assegnato alla stessa classe, pari a annui, diviso il numero di campagne di rilevazione previste nell'anno. Analogamente l importo della penale per la classe C viene calcolato moltiplicando il rapporto relativo alla classe C per il monte massimo di penali assegnato alla stessa classe, pari a annui, diviso il numero di campagne di rilevazione previste nell'anno. 2. In ogni caso Trenord dovrà ripristinare i supporti informativi che risultassero danneggiati o asportati per atti di vandalismo al più tardi entro 5 giorni lavorativi dalla segnalazione. Trenord si impegna ad evidenziare i treni ed i servizi offerti alle persona con disabilità e viaggiatori con bici al seguito nel proprio orario ufficiale Pulizia delle stazioni (solo rete RFI) E dovuto da Trenord il pagamento di una penale, per ciascuna campagna di rilevazione, proporzionale al rapporto tra il numero di stazioni in classe B o rispettivamente C e il numero totale delle stazioni rilevate nella campagna. L importo della penale per la classe B viene calcolato moltiplicando il rapporto relativo alla classe B per il monte massimo di penali assegnato alla stessa classe, pari a annui, diviso il numero di campagne di rilevazione previste nell'anno. Analogamente l importo della penale per la classe C viene calcolato moltiplicando il rapporto relativo alla classe C per il monte massimo di penali assegnato alla stessa classe, pari a annui, diviso il numero di campagne di rilevazione previste nell'anno Obiettivi di qualità Indicatori utilizzati: a) Puntualità media mensile ai cinque minuti per l'intera giornata (intera rete): viene calcolato sommando il numero di treni arrivati a destino con massimo 5 minuti di ritardo per tutti i giorni della settimana in rapporto alla quantità totale di treni circolati. b) Puntualità media mensile ai cinque minuti per la fascia di punta lunedì-venerdì (intera rete): viene calcolato sommando il numero di treni arrivati a destino con massimo 5 minuti di

138 138 Bollettino Ufficiale ritardo nelle sole fasce di punta (mattino , sera ) dal lunedì al venerdì in rapporto alla quantità totale di treni circolati. c) Ritardo Medio Ponderato: come indicato all'allegato d) Percentuale media di soppressioni/giorno (parziali e totali): si calcola sommando il numero di treni soppressi, sia totalmente sia parzialmente, nell arco della giornata, rapportandoli con la quantità totale di treni programmati da Programma di esercizio. Il calcolo degli indicatori precedenti è eseguito utilizzando parallelamente le due seguenti modalità: lo standard A - "esclusioni attive" (vengono pertanto considerati i treni i cui ritardi sono causati da Trenord, da altre IF o dai GI, non vengono invece considerati i treni in ritardo per cause di forza maggiore); il valore "percepito", senza esclusione di cause di forza maggiore (esclusioni inattive). Trenord si impegna a perseguire i seguenti obiettivi di qualità per ogni anno di vigenza contrattuale, riferiti allo Standard A: Indicatore dal 2018 Puntualità media mensile ai cinque minuti per l'intera 92,70 % 93,00 % 94,00 % 95,00% giornata (intera rete) Standard A (superiore o uguale a) Puntualità media mensile ai cinque minuti per la fascia 87,60 % 88,00 % 89,00 % 90,00 % di punta lunedì-venerdì (intera rete) Standard A (superiore o uguale a) Ritardo Medio Ponderato (intera rete) Standard A (inferiore o uguale a) 2,20 minuti 2,15 minuti 2,10 minuti 1,99 minuti Numero medio di soppressioni/giorno (parziali e totali, intera rete) Standard A (inferiore o uguale a) 11,75 corse 11,00 corse 10,50 corse 9,60 corse 1. Nel caso di raggiungimento di un solo obiettivo (ovvero neppure uno) di cui alla tabella precedente, è previsto che Regione Lombardia proceda ad aumentare le penali previste del 50%. Nel caso di raggiungimento di almeno 3 obiettivi su 4 viene riconosciuta a Trenord una riduzione delle penali pari al 50%. Maggiorazioni e riduzioni così calcolate non possono eccedere i euro. Gli importi riconosciuti ai viaggiatori come "bonus" non rientrano nel computo dell'incremento e della riduzione delle penali. Gli indicatori relativi allo standard percepito verranno elaborati e forniti da Trenord a Regione Lombardia ma non saranno oggetto di misurazione delle performance del presente Contratto ai fini del presente comma. 2. A decorrere dal 2018, per gli anni successivi, le Parti potranno concordare la ridefinizione dei valori relativi agli obiettivi di qualità fissati nella tabella precedente.

139 Bollettino Ufficiale 139 ALLEGATO 14 Condizioni di trasporto L'allegato è costituito dalle seguenti parti: CONDIZIONI DI TRASPORTO ALLEGATI Allegato 1 Allegato 2 Allegato 3 Allegato 4 Allegato 5 Allegato 6 Allegato 7 Allegato 8 Allegato 9 Allegato 10 Allegato 11 Punti di Contatto con TRENORD L accessibilità alle stazioni ed ai servizi per le persone con disabilità e o a ridotta mobilità Elenco delle stazioni di confine delle aree regionali ai fini tariffari Le stazioni ferroviarie appartenenti alle Aree di Integrazione tariffaria SITAM Le stazioni ferroviarie in ambito urbano di Milano Il Bonus previsto dal contratto di Trasporto con Regione Lombardia Le biglietterie del Servizio Ferroviario Regionale in Lombardia Tabella Riepilogativa Sanzioni Informazione ai viaggiatori L Indennità per ritardo Biglietti, Abbonamenti, Tessere e Tariffe

140 140 Bollettino Ufficiale ALLEGATO 15 Accessibilità e fruibilità del servizio da parte delle persone con disabilità Ambiti di intervento per migliorare le condizioni di accesso e fruibilità dei servizi ferroviari da parte delle persone con disabilità e ridotta mobilità: a) stazioni (ad es: modalità di accesso al fabbricato di stazione, binari, sottopassi, sale d attesa, criteri per la dotazione di rampe, ascensori o altro, connessioni con altri punti di fermata di trasporto pubblico/privato, dotazioni di sistemi di informazione al pubblico.) b) materiale rotabile (ad es: numero dei posti disponibili, distribuzione dei posti sulle carrozze, dislivello di accesso, dotazioni di sistemi di informazione al pubblico.) c) regole per l accesso al servizio (ad es: prenotazioni, accesso al servizio senza prenotazione, limiti di posti disponibili, acquisto del biglietto e controlli ) d) personale (ad es: formazione, presenziamento, mansioni del personale di bordo, mansioni del personale di stazione, mansioni del personale di vendita.) e) progettazione del servizio di trasporto e assistenza (ad es: criteri per l allocazione delle carrozze sulle linee, per l allocazione del personale nelle stazioni e sul treno, la definizione del servizio di assistenza ) f) informazione al pubblico (ad es: adeguatezza della segnaletica di stazione, funzionamento degli impianti di diffusione sonora in stazione e sul treno, funzionamento degli impianti di diffusione visiva in stazione e sul treno, accessibilità delle informazioni su canale internet e pubblicazione Orario Ufficiale ) g) rete di vendita (ad es: adeguatezza della rete di vendita, disponibilità di titoli di viaggio ) h) indicatori di accessibilità, fruibilità e qualità del servizio specifici per i passeggeri con disabilità e ridotta mobilità e relative modalità di monitoraggio, tempistica, divulgazione (ad es: accessibilità delle linee, informazioni a terra, informazione a bordo treno, servizio di assistenza, relazioni con la clientela )

141 Bollettino Ufficiale 141 ALLEGATO 16 Progetti di mobilità sostenibile CAR SHARING ECOLOGICO e-vai - Progetto operativo e di sviluppo Situazione attuale Al 31/1/2015 sono aperti e operativi n. 75 e-vai point in Lombardia, come da elenco sotto riportato. L individuazione delle località di attivazione delle nuove postazioni è stata effettuata privilegiando i capoluoghi di provincia, le istanze provenienti dal territorio ed in particolare dagli Enti Pubblici, le richieste provenienti dal mercato, identificate anche attraverso un analisi di mercato. Localizzazione Data attivazione Milano Stazione Cadorna 13 dicembre 2010 Varese Stazione Nord 29 gennaio 2011 Como lago 4 aprile 2011 Aeroporto Milano Malpensa 26 luglio 2011 Aeroporto Milano Linate Forlanini 28 luglio 2011 Pavia Stazione 12 dicembre 2011 Erba stazione 15 dicembre 2011 Lodi stazione 4 maggio 2012 Milano stazione Bovisa 26 giugno 2012 Legnano stazione 27 giugno 2012 Legnano via Girardelli 27 giugno 2012 Varese stazione Trenitalia 24 luglio 2012 Varese stazione Nord Casbeno 24 luglio 2012 Varese, altre 9 postazioni distribuite in città luglio 2012 Pavia Policlinico 12 ottobre 2012 Pavia Università 12 ottobre 2012 Travedona Monate Comune 20 ottobre 2012 Cuggiono Comune 10 novembre 2012 Cremona stazione 16 novembre 2012 Casalmaiocco comune 23 novembre 2012 Magenta Stazione 26 novembre 2012 Magenta Comune 26 novembre 2012 Maccagno Stazione/Comune 8 dicembre 2012 Alzate Brianza Comune 12 dicembre 2012 Mariano Comense Stazione 15 dicembre 2012 Mariano Comense Comune 15 dicembre 2012 Milano Centro Leoni 17 dicembre 2012 Cairate 13 aprile 2013 Laveno 27 aprile 2013 Giussano 7 giugno 2013 Vigevano (2 postazioni) 12 luglio 2013 Provincia di Milano - 4 postazioni 27 luglio 2013 Como via Pertinelli 11 novembre 2013 Sondrio Stazione FS 30 novembre 2013 Pavia, 2 postazioni 10 dicembre 2013 Tradate 3 gennaio 2014 Ternate, 3 postazioni 11 gennaio 2014 Bergamo, 3 postazioni 18 gennaio 2014 Saronno 18 marzo 2014 Novate 22 marzo 2014 Casorezzo 23 marzo 2014 Cesano Boscone, 3 postazioni 29 marzo 2014 Orio Center 28 marzo 2014

142 142 Bollettino Ufficiale Localizzazione Data attivazione Stazione Centrale e stazione Garibaldi 30 prile 2014 Legnano (TecnoCity) 1 giugno 2014 Abbiategrasso 12 giugno 2014 San vittore Olona (Hotel Poli) 23 giugno 2014 Tirano 31 luglio 2014 Rho Fiera, 2 postazioni 29 agosto 2014 Cesano Maderno, 1 postazione 25 settembre 2014 Morbegno 30 settembre 2014 Gallarate 30 ottobre 2014 Somma Lombardo (Hotel Hilton) 30 ottobre 2014 Milano Centrale (Hotel Michelangelo) 2 dicembre Obiettivi 2015 Nel 2014 sono state attivate 27 nuove postazioni. Nel 2015 si prevede di completare la rete di e-vai point con l apertura nei capoluoghi di provincia non ancora attivi. In particolare è stata prevista l attivazione di 3 punti a Mantova, 1 a Lecco, 4 a Brescia, 1 a Monza e 4 a Rho, location strategica in previsione di Expo Le nuove aperture previste sono comunque subordinate alle autorizzazioni rilasciate dall Ente locale. Ad oggi la flotta di e-vai è composta da 119 veicoli, così dettagliati: parco intermodale: 88 autoveicoli di cui 80 elettrici al 100% parco prepagato (destinato alle aziende per utilizzo in condivisione): 31 veicoli endotermici a basso impatto ambientale. Sotto il profilo operativo verrà consolidato il servizio attraverso il mantenimento in esercizio e il rinnovo dei mezzi adibiti a parco intermodale attualmente in esercizio, ovvero 88 autoveicoli di cui 80 elettrici al 100%. Nell arco degli ultimi tre anni, e-vai ha incrementato la flotta e visto di conseguenza crescere il livello degli iscritti al servizio, ponendosi come il più importante player presente sul mercato del car sharing elettrico. Al E-vai conta iscritti: si prevede, in considerazione del trend di crescita ormai consolidato, di raggiungere oltre iscritti entro la fine del E-vai per Expo 2015 La manifestazione ospiterà 145 paesi espositori, oltre eventi culturali, di musica e di spettacolo con l afflusso di oltre 20 milioni di visitatori. Il livello di accoglienza e di servizi che il territorio saprà offrire saranno un elemento determinante per il successo dell evento e la mobilità sostenibile si inserisce a pieno titolo come uno degli elementi di servizio che più corrisponde al tema dell Expo. In tale contesto il car sharing ecologico E-vai presenta degli elementi di forza e delle competenze distintive di particolare valore:

143 Bollettino Ufficiale 143 e-vai è l unico servizio di car sharing ecologico ed elettrico ad emissioni zero che permetterà di raggiungere il sito di Expo e gli aeroporti di Malpensa, Linate, Orio al Serio e le principali stazioni ferroviarie; e-vai offre una distribuzione capillare sul territorio lombardo con oltre 70 punti tra cui le più importanti città del gusto e della cultura del territorio lombardo; e-vai consente l utilizzo di un servizio integrato treno + auto elettrica, opportunità unica in termini di eco-sostenibilità rivolta a tutti gli attori coinvolti nell evento: visitatori, residenti, operatori, delegazioni e staff dell Expo; e-vai offre un servizio dedicato sia a coloro che vogliono raggiungere l area Expo in autonomia sia ai visitatori che intendono abbinare alla visita di Expo una gita o escursione in una località turistica della Lombardia. Si prevede quindi di incrementare la base consolidata di noleggi e di iscritti e di rafforzare e consolidare la Brand Awarness. Azioni di comunicazione Potenziamento delle web based activities per incrementare numero di noleggi e di iscritti: accordi con soggetti istituzionali per la promozione del servizio di car sharing ecologico e- vai; presenza su canali di comunicazione Expo: newsletter, virtual desk; sottoscrizione di accordi con operatori turistici attivi nell incoming: Associazione Albergatori, Consorzi, Network ed importanti gruppi alberghieri (Hotel Michelangelo Milano); accordo con punti IAT per distribuzione materiale promozionale; potenziamento attività ufficio stampa al fine di promuovere la conoscenza del servizio attraverso canali privilegiati legati a Expo ed alle realtà istituzionali presenti sul territorio Azioni commerciali Creazione offerta ad hoc (tariffa Expo) per favorire l utilizzo del servizio di car sharing da parte della aziende coinvolte in Expo. Collaborazione con i comuni per promuovere l utilizzo di e-vai per raggiungere la fiera. Stipula di accordi di co-marketing con stand di partners, hotel tour operator e Agenzie di Viaggi, operatori commerciali. Accordi con partner istituzionali Sono stati avviati importanti progetti di marketing territoriale con il Comune di Brescia, il Consorzio Brebemi, il comune di Busto Arsizio, il comune di Ispra e Easy jet.

144 144 Bollettino Ufficiale ALLEGATO 17 ALLEGATO Termini di consegna dati DOCUMENTO TERMINE DI CONSEGNA MODIFICHE ED AGGIORNAMENTI 1 Elenco direttrici e linee 1.1 Direttrici Sottoscrizione Ogni cambio orario 1.2 Direttrici e linee Sottoscrizione Ogni cambio orario 2 Programma di esercizio Sottoscrizione Ogni cambio orario e ogni VCO Programma di esercizio: fermate e orari Servizi garantiti in caso di sciopero Corrispettivo per servizi di trasporto ( Catalogo dei servizi acquistati ) e altre voci di corrispettivo Catalogo: corrispettivi unitari Catalogo: distribuzione percorrenza per Cluster velocità commerciale e posti offerti Corrispettivo: Catalogo dei servizi acquistati per Cluster velocità commerciale e posti offerti più altre voci di corrispettivo. Catalogo: servizi acquistati Sottoscrizione Sottoscrizione Sottoscrizione Sottoscrizione Sottoscrizione Sottoscrizione Ogni cambio orario e ogni VCO Ogni cambio orario e ogni VCO Ogni cambio orario e ogni VCO Ogni cambio orario e ogni VCO Ogni cambio orario e ogni VCO Ogni cambio orario e ogni VCO 6 Materiale rotabile Sottoscrizione Variazioni nel programma Piano di informazione, 7 comunicazione e marketing 7.1 Informazioni essenziali Sottoscrizione Variazioni nel programma ai viaggiatori Rete di vendita Sistema tariffario ed agevolazioni Nuovo sistema informativo a bordo treno Visibilità sul web dell'offerta Trenord Visibilità su prodotti cartacei dell'offerta Trenord Altre modalità di informazione alla clientela Sviluppo e miglioramento strumenti basilari Elenco delle biglietterie e relativi orari di apertura Altri punti della rete di vendita Piano sulla rete di vendita Sistema tariffario regionale, punto 4 servizi aeroportuali titoli di viaggio validi Entro sei mesi dalla sottoscrizione Entro sei mesi dalla sottoscrizione Entro sei mesi dalla sottoscrizione Sottoscrizione Sottoscrizione Sottoscrizione Sottoscrizione Entro 6 mesi dalla sottoscrizione Sottoscrizione Variazioni nel programma Variazioni nel programma 15 giorni prima di ogni variazione Semestrale Da aggiornare in funzione dell evoluzione del servizio

145 Bollettino Ufficiale 145 ALLEGATO DOCUMENTO 9.2 Tariffa sovraregionale Bonus ai viaggiatori Dati di esercizio, gestionali ed economici 10.4 Accesso ai treni Intercity, Frecciabianca e similari, punto 13 carta plus. Tariffe applicate da Trenord in Lombardia Elenco accordi commerciali, agevolazioni e integrazioni tariffarie esistenti al 31 dicembre con descrizione delle condizioni previste Ambito di applicazione ed entità del bonus TERMINE DI CONSEGNA Sottoscrizione Entro 1 mese dalla sottoscrizione Resoconto mensile dei rimborsi effettuati a titolo di sconto sugli abbonamenti annuali e degli abbonamenti mensili scontati venduti, entro il secondo mese dall ultima data utile per la richiesta di ciascun indennizzo Cause di ritardo e cause di soppressione Sottoscrizione Puntualità Affidabilità Soppressioni Ritardo medio ponderato Entro 20 giorni del mese successivo a quello di riferimento e comunque non oltre la fine del mese stesso Entro 20 giorni del mese successivo a quello di riferimento e comunque non oltre la fine del mese stesso Entro 20 giorni del mese successivo a quello di riferimento e comunque non oltre la fine del mese stesso Entro 20 giorni del mese successivo a quello di riferimento e comunque non oltre la fine del mese stesso Riserve e accudienze Report trimestrale Posti disponibili Entro 20 giorni del mese successivo a quello di riferimento e comunque non oltre la fine del mese stesso MODIFICHE ED AGGIORNAMENTI Aggiornamenti della tariffa di competenza di Trenitalia, unitamente ai livelli tariffari applicati nelle altre Regioni. Rendicontazione semestrale, versamento annuale della compensazione Aggiornamento al 31 dicembre di ogni anno e in caso di delibera regionale in funzione della comunicazione che Regione invierà a Trenord Ogni 6 mesi Comunicazione nel caso di modifica della classificazione

146 146 Bollettino Ufficiale ALLEGATO 12 Utilizzo e manutenzione del materiale rotabile DOCUMENTO Interventi di pulizia del materiale rotabile TERMINE DI CONSEGNA Report annuale entro un mese dalla conclusione di ciascun anno di vigenza del CdS Frequentazione Trasmissione dei dati entro tre mesi dall effettuazione della campagna Reclami Entro la 1ª settimana del 2 mese successivo a quello di riferimento Report giornaliero Giornaliera in tutti i giorni lavorativi Report puntualità giornaliera per Settimanale direttrice Customer Satisfaction Almeno due volte l anno Dati sulle stazioni Parco rotabile Consistenza e costo del personale Turni del personale Turni del materiale rotabile Conti economici (bilancio gestionale e civilistico) Dati di vendita Scheda di chiusura Scheda servizi Rilevazioni dirette sulla qualità del servizio offerto Tabella riepilogativa dati manutentivi Entro 60 giorni dalla sottoscrizione Sottoscrizione, con riferimento al 31 dicembre dell anno precedente Entro un mese dalla conclusione di ciascun anno solare Entro un mese dalla conclusione di ciascun anno solare Sottoscrizione Preconsuntivo entro dicembre dell anno in corso. Consuntivo entro giugno dell anno seguente Entro due mesi dalla conclusione di ciascun anno di vigenza del CdS Entro il sesto mese dalla data di termine di ciascun orario di servizio Entro giugno dell anno successivo a quello di riferimento o in altra data stabilita in sede di Comitato Centrale di Monitoraggio Sottoscrizione Sottoscrizione Entro due mesi dalla conclusione di ciascun anno di vigenza del Contratto MODIFICHE ED AGGIORNAMENTI Aggiornamento annuale entro il mese di gennaio Aggiornamento al termine di ogni anno, entro 30 giorni, sempre con riferimento al 31 dicembre Entro il (per i dati relativi all orario entrato in vigore nel dicembre precedente) o in concomitanza con variazioni consistenti

147 Bollettino Ufficiale 147 ALLEGATO 13 Standard qualitativi, penalità e premialità DOCUMENTO 13.1 Standard qualitativi TERMINE DI CONSEGNA Pulizia dei treni Sottoscrizione Efficienza dei rotabili Sottoscrizione Informazione Sottoscrizione Pulizia delle stazioni (solo rete RFI) Sottoscrizione Informazioni al pubblico sui treni Sottoscrizione 13.2 Sistema di penali e premi Sottoscrizione Pulizia dei treni Sottoscrizione Efficienza dei rotabili Sottoscrizione Informazione Sottoscrizione Pulizia delle stazioni (solo rete RFI) Sottoscrizione 13.3 Obiettivi di qualità Sottoscrizione 14 Condizioni di trasporto Sottoscrizione Accessibilità e fruibilità del 15 servizio da parte delle persone con disabilità Progetti di mobilità 16 sostenibile Sottoscrizione Sottoscrizione MODIFICHE ED AGGIORNAMENTI Eventuale ridefinizione a decorrere dal 2013, per gli anni successivi 1 mese prima dell'entrata in vigore di ogni variazione

148 148 Bollettino Ufficiale CONDIZIONI DI TRASPORTO SEZIONE 1: PREMESSE E CONTRATTO DI TRASPORTO Capitolo 1. Premesse e normativa di riferimento Art. 1 Premesse Art. 2 Definizioni Art. 3 Normativa applicabile al servizio di trasporto ferroviario passeggeri Art. 4 Contratto di Trasporto Art. 5 Servizio in caso di sciopero Capitolo 2. Informazioni ai passeggeri Art. 6 Le informazioni Art. 7 Informazioni prima del trasporto Art. 8 Informazioni durante il trasporto Art. 9 Informazioni dopo il trasporto Art. 10 Informazioni aggiuntive Capitolo 3. Titolo di viaggio Art. 11 Norme generali Art. 12 L ambito di utilizzo dei titoli di viaggio di Trenord Art. 13 Norme di utilizzo Art. 14 Incedibilità dei titoli di viaggio e divieti generali Art. 15 Controllo della regolarità dei titoli di viaggio Art. 16 Itinerari, Calcolo dei prezzi e applicazione delle tariffe Art. 17 Contenuto del titolo di viaggio Art. 18 Canali di vendita Art. 19 Modalità di pagamento Art. 20 Il rilascio della fattura Capitolo 4. Le modifiche ai titoli di viaggio Art. 21 La sostituzione del biglietto e dell abbonamento Art. 22 Il cambio classe Art. 23 La congiunzione e il prolungamento di percorso Art. 24 La modifica di itinerario Art. 25 La rinuncia ad una parte del viaggio Capitolo 5. Acquisto e convalida a bordo treno Art. 26 L acquisto a bordo treno Art. 27 Cambio classe a bordo treno Art. 28 Congiunzione e prolungamento di percorso a bordo treno Art. 29 La modifica di itinerario a bordo treno Art. 30 La convalida a bordo treno SEZIONE 2: TARIFFE E TITOLI DI VIAGGIO Capitolo 6. Titoli di viaggio Trenord Art. 31 Le Tariffe valide nell ambito del sistema tariffario regionale Art. 32 Condizioni tariffarie minime, agevolazioni e gratuità Art. 33 Le tipologie di titoli di viaggio Art. 34 Formato dei titoli di viaggio Art. 35 Validità dei titoli di viaggio Art. 36 Fermate intermedie Art. 37 Convalida dei titoli di viaggio Art. 38 Titoli di viaggio integrati Art. 39 Le tariffe ed i biglietti promozionali Art. 40 Titoli di viaggio sovra regionali Art. 41 Gli abbonamenti Frecciabianca e Intercity con estensione regionale Art. 42 La Carta Plus Lombardia: condizioni di utilizzo

149 Bollettino Ufficiale 149 SEZIONE 3: TIPOLOGIE DI TRASPORTO Capitolo 7. Il trasporto per le persone con disabilità e ridotta mobilità Art. 43 Diritto al trasporto Art. 44 Informazioni per il trasporto delle persone con disabilità e ridotta mobilità Art. 45 Accessibilità Art. 46 Assistenza nelle stazioni e a bordo Art. 47 Condizioni del servizio di assistenza Art. 48 Responsabilità per la sicurezza in viaggio delle persone con disabilità Art. 49 Le agevolazioni tariffarie previste Capitolo 8 Il trasporto per le persone che viaggiano in comitiva Art. 50 Come accedere al servizio di trasporto Art. 51 Le agevolazioni tariffarie previste Art. 52 La procedura di prenotazione Capitolo 9. Il trasporto per le persone che viaggiano con la biciclette Art. 53 Come accedere al servizio di trasporto Art. 54 Le tariffe previste Capitolo 10. Il trasporto per le persone che viaggiano con animali Art. 55 Come accedere al servizio di trasporto Art. 56 Le tariffe previste Capitolo 11. Il trasporto per le persone che viaggiano con bagagli e con passeggini e carrozzine Art. 57 Il trasporto per le persone che viaggiano con bagagli Art. 58 Il trasporto per le persone che viaggiano con passeggini e carrozzine SEZIONE 4: OBBLIGHI E RESPONSABILITÀ DI TRENORD E DEL PASSEGGERO Capitolo 12. Gli obblighi del passeggero Art. 59 Acquisizione delle informazioni sul servizio Art. 60 Comportamento dei passeggeri e del pubblico in genere nell ambito ferroviario ed in prossimità dello stesso Art. 61 Divieto di apertura di porte esterne e finestrini dei treni Art. 62 Dispositivi di emergenza Art. 63 Divieto di lanciare oggetti dai treni Art. 64 Persone escluse dalle stazioni o dai treni Art. 65 Divieto di fumo Art. 66 Divieto di danneggiare, deteriorare, insudiciare beni aziendali Art. 67 Divieto di portare armi da fuoco Art. 68 Denuncia di trasporto di merci pericolose e nocive Art. 69 Azioni contro TRENORD Capitolo 13. Gli obblighi e le responsabilità di TRENORD Art. 70 Responsabilità per ritardi, soppressioni, interruzioni di linea e mancate corrispondenze Art. 71 Responsabilità per il comportamento del personale ferroviario Art. 72 Responsabilità per inosservanza delle prescrizioni di polizia, dogana, sanità e simili Art. 73 Responsabilità per danno Art. 74 Accertamento sanitario dei danni alle persone Art. 75 Responsabilità in caso di incidenti nucleari Art. 76 Azioni legali Art. 77 Assicurazione SEZIONE 5: LE SANZIONI Capitolo 14. Le fattispecie previste. Art. 78 Titolo di viaggio non valido o passeggero sprovvisto di titolo di viaggio (Art. 46 L.R. n. 6/2012 s.m.i.) Art. 79 Viaggio in classe superiore Art. 80 Mancanza titolo di viaggio ai tornelli o alla stazione di discesa Art. 81 Accesso abusivo ai tornelli in entrata

150 150 Bollettino Ufficiale Art. 82 Art. 83 Art. 84 Art. 85 Art. 86 Art. 87 Art. 88 Art. 89 Art. 90 Art. 91 Art. 92 Art. 93 Abbonamenti compilati manualmente in modo irregolare Ravvedimento operoso solo per abbonati (Art. 46 L.R. n. 6/2012 s.m.i.) Reiterazione della sanzione (Art. 46 L.R. n. 6/2012 s.m.i.) Uso di biglietto ordinario, multicorsa giornaliero, plurigiornaliero o abbonamento settimanale alterato o contraffatto Uso di abbonamento mensile alterato o contraffatto Uso di abbonamento trimestrale alterato o contraffatto Uso di abbonamento annuale alterato o contraffatto Elusione della controlleria Uso di Titolo di viaggio intestato ad altra persona Modalità di pagamento differito delle sanzioni Scritti difensivi. Ordinanza di ingiunzione ed opposizione (Legge 24/11/1981 n.689) Adempimenti in materia di Privacy Capitolo 15. Ulteriori irregolarità Art. 94 Irregolarità nel trasporto delle biciclette Art. 95 Irregolarità tariffaria nel trasporto delle biciclette Art. 96 Irregolarità nel trasporto dei bagagli Art. 97 Irregolarità nel trasporto di animali Art.98 Irregolarità tariffarie nel trasporto di animali SEZIONE 6: RIMBORSI E DUPLICATI Capitolo 16. Rimborso per mancata effettuazione del viaggio per fatto imputabile a TRENORD o per ordine dell Autorità Pubblica Art. 99 Norme Generali Art. 100 Biglietti e Abbonamenti non utilizzati Capitolo 17. Rimborso per mancata effettuazione del viaggio Art. 101 Norme Generali Art. 102 Biglietti e abbonamenti non utilizzati Capitolo 18. Modalità del rimborso Art. 103 Come richiedere il rimborso Art. 104 Esclusione dal rimborso Art. 105 Furto, smarrimento, deterioramento Art. 106 Modalità di richiesta e rilascio di duplicati SEZIONE 7: LA GESTIONE DEGLI IMPREVISTI Art. 107 Art. 108 Assistenza Recupero degli oggetti smarriti a bordo treno Capitolo 19. L organizzazione dei servizi sostitutivi Art. 109 Gli autoservizi sostitutivi Capitolo 20. Indennità da ritardo previste dal Regolamento CE n. 1371/2007 Art. 110 Indennità ed itinerari alternativi Art. 111 Indennità per ritardo Art. 112 Casi di non riconoscibilità dell indennità Capitolo 21. Il Bonus previsto dal Contratto di Servizio con Regione Lombardia Art. 113 Definizione del Bonus Art. 114 Contenuto e modalità di erogazione del Bonus SEZIONE 8: PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI RECLAMI Art. 115 Art. 116 Art. 117 Reclamo a TRENORD Reclamo all Autorità di Regolazione dei Trasporti La procedura di Conciliazione

151 Bollettino Ufficiale 151 SEZIONE SPECIALE: SERVIZIO AEROPORTUALE MALPENSA EXPRESS Art. 118 Art. 119 Art. 120 Art. 121 Caratteristiche Generali Ammissione al trasporto per relazioni aeroportuali Calcolo dei prezzi Canali di vendita ALLEGATI Allegato 1 Allegato 2 Allegato 3 Allegato 4 Allegato 5 Allegato 6 Allegato 7 Allegato 8 Allegato 9 Allegato 10 Allegato 11 Punti di Contatto con TRENORD L accessibilità alle stazioni ed ai servizi per le persone con disabilità e o a ridotta mobilità Elenco delle stazioni di confine delle aree regionali ai fini tariffari Le stazioni ferroviarie appartenenti alle Aree di Integrazione tariffaria SITAM Le stazioni ferroviarie in ambito urbano di Milano Il Bonus previsto dal contratto di Trasporto con Regione Lombardia Le biglietterie del Servizio Ferroviario Regionale in Lombardia Tabella Riepilogativa Sanzioni Informazione ai viaggiatori L Indennità per ritardo Biglietti, Abbonamenti, Tessere e Tariffe SEZIONE 1: PREMESSE E CONTRATTO DI TRASPORTO CAPITOLO 1. PREMESSE E NORMATIVA DI RIFERIMENTO ART. 1 PREMESSE Le presenti Condizioni Generali di Trasporto disciplinano il servizio di trasporto ferroviario passeggeri effettuato da TRENORD sulla base del Contratto di Servizio stipulato con Regione Lombardia e così come disciplinato dalla Legge n. 6/2012. TRENORD è titolare di licenza nazionale passeggeri n. 02/N per l espletamento dei servizi di trasporto passeggeri per ferrovia aventi origine e destinazione nel territorio nazionale ai sensi dell art. 6 comma 1 dl cui al D.M. 2 febbraio 2011 n. 36. TRENORD è, inoltre, titolare della licenza n. 2 per l espletamento di servizi di passeggeri internazionali per ferrovia secondo quanto stabilito dal Decreto Legislativo 8 luglio 2003 n. 188 e successive modifiche. TRENORD è Impresa Ferroviaria in possesso dei Certificati di Sicurezza, parte A e parte B,rilasciati dall Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie (ANSF) e validi su rete RFI; dei Certificati di Sicurezza rilasciati per la circolazione su rete FERROVIENORD (Ramo Milano e Ramo Iseo) e del Certificato di sicurezza, parte B, valido su rete FFS fino alla stazione di Chiasso e rilasciato dall Ufficio Federale dei Trasporti Svizzero. ART 2 DEFINIZIONI Agente ferroviario: personale addetto al servizio pubblico di trasporto, munito di apposite abilitazioni, che svolge le proprie mansioni osservando le prescrizioni delle leggi, dei regolamenti e delle istruzioni in vigore. ATB: Automated Ticket Boarding, ovvero titolo di viaggio rilasciato tramite i sistemi di vendita di Trenitalia. Contratto di servizio: Contratto tra Regione Lombardia e Trenord che regola e affida la gestione di servizi pubblici ferroviari. IVOL : titolo di viaggio integrato Io viaggio Ovunque in Lombardia. IVOP : titolo di viaggio integrato Io viaggio Ovunque in Provincia. Personale addetto al controllo: personale Trenord di scorta al treno. PNR: passenger name record ovvero codice della prenotazione. Titolo di viaggio acquistato on line. SBME: Sistema di bigliettazione magnetico elettronico. STIR: Sistema Tariffario Integrato Regionale come da Regolamento Regionale della Lombardia del 10 Giugno 2014 nr. 4 Servizi Minimi di Trasporto o Treni garantiti: servizi ferroviari da effettuarsi anche nelle giornate di sciopero (come da L. 146/1990 e s.m.i.). Titolo di viaggio: contratto di trasporto che permette ai passeggeri di effettuare un viaggio a bordo dei servizi Trenord. Tessere di riconoscimento ferroviario: tessere elettroniche in accompagnamento ai titoli di viaggio STIR (in accompagnamento o funzionali al caricamento di abbonamenti/biglietti ) i cui layout sono unici e definiti a livello regionale. Rivenditore autorizzato, rivendita, Punto Vendita, PVT: esercizi commerciali quali a titolo esemplificativo edicole, bar, tabacchi nei quali è possibile acquistare titoli di viaggio Trenord. ART. 3 NORMATIVA APPLICABILE AL SERVIZIO DI TRASPORTO FERROVIARIO PASSEGGERI Il servizio di trasporto ferroviario passeggeri effettuato da TRENORD è altresì disciplinato: dalle disposizioni del Regolamento (CE) n. 1371/2007 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 23 ottobre 2007, relativo

152 152 Bollettino Ufficiale ai diritti ed agli obblighi dei passeggeri nel trasporto ferroviario ed il relativo D. lgs. 17 aprile 2014 n. 70; dalla Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità del artt.19 e 20 e relativa legge 3 marzo 2009 n. 18 di ratifica ed esecuzione; dal D.P.R. 11 luglio 1980 n. 753 e s.m.i.; dalle disposizioni del Codice Civile in materia di contratto di trasporto; dalle disposizioni del D. lgs. 6 settembre 2005 n. 206 (c.d. Codice del consumo) e s.m.i.; dalla legge n. 689/1981 e s.m.i.; dalle leggi in tema di disabilità (L n. 104, e s.m.i.); dalla Legge della Regione Lombardia: 4 aprile 2012 n. 06 e s.m.i.; dal Regolamento Regionale della Lombardia del 10 Giugno 2014 nr. 4; dal Contratto di Servizio sottoscritto con la Regione Lombardia consultabile sul sito di Regione Lombardia; dal Piano d Azione Regionale per le politiche in favore delle persone con disabilità, nonché la d.g.r. n. 9/983 del ; dal Regolamento dell Autorità di Regolazione Trasporti allegato alla Delibera del Consiglio del 4 luglio 2014 n. 52. Le presenti Condizioni Generali di Trasporto sono inderogabili e devono essere strettamente applicate in ogni loro parte. Tutti coloro, che, a qualsiasi titolo, utilizzano il servizio di trasporto erogato da TRENORD, sottostanno alle disposizioni contenute nelle presenti Condizioni Generali di Trasporto nonché alla normativa sopra richiamata. Nel caso di più trasporti combinati effettuati in parte per via ferroviaria ed in parte per via aerea, marittima o mediante qualsiasi altro mezzo ed in base a distinti contratti di trasporto, i singoli segmenti di viaggio si considereranno separati tra loro e ad ognuno di essi si applicherà la normativa in vigore per le diverse tipologie di trasporto. Le Condizioni Generali di Trasporto sono a disposizione per la consultazione presso le biglietterie Trenord e Trenitalia, nonché presso i punti vendita convenzionati, gli spazi di accoglienza My-link Point e sul sito internet di TRENORD (www.trenord.it). Le Condizioni Generali di Trasporto sono disponibili in estratto anche nelle stazioni e nelle fermate. ART. 4 CONTRATTO DI TRASPORTO Il Contratto di Trasporto disciplina il rapporto tra il passeggero e TRENORD al fine di regolare i diritti e doveri delle due Parti, relativamente all erogazione del servizio. Con il Contratto di Trasporto TRENORD s impegna a trasportare il passeggero dal luogo di partenza fino al luogo di destinazione. Il Contratto di Trasporto è formalizzato da uno o più titoli di viaggio emessi da TRENORD o da rivenditori autorizzati e consegnati al passeggero e fa fede, fino a prova contraria, della conclusione e del contenuto del contratto di trasporto. Il Contratto di Trasporto concluso ai sensi delle Condizioni Generali di Trasporto, di norma, è relativo all utilizzo del treno da parte del passeggero ed è rappresentato da un titolo di viaggio che legittima il medesimo ad usufruire del servizio ferroviario prescelto dal passeggero. Tuttavia l assenza, l irregolarità o la perdita del titolo di viaggio non esonera il passeggero dal rispetto integrale delle presenti Condizioni Generali di Trasporto. Ai fini dell applicazione dei diritti e degli obblighi dei passeggeri nel trasporto ferroviario, può essere considerato un unico viaggio quello effettuato con più treni/servizi successivi in forza di un unico titolo di viaggio. In tutti gli altri casi in cui il passeggero utilizza più treni/servizi ferroviari successivi, in virtù di differenti titoli di viaggio, i viaggi devono essere considerati distinti e separati tra loro ed ognuno è riconducibile ad un singolo contratto di trasporto. Eventuali indennità saranno riconosciute con riferimento ai singoli contratti di trasporto. ART. 5 SERVIZIO IN CASO DI SCIOPERO Nelle giornate di sciopero TRENORD assicura i servizi minimi di trasporto (o altrimenti definiti treni garantiti) individuati dagli accordi sindacali in materia e ritenuti idonei dalla Commissione di Garanzia per l attuazione della legge sullo sciopero nei servizi pubblici essenziali (Legge 146/1990 e s.m.i.). I suddetti servizi minimi garantiscono l erogazione del servizio ferroviario nelle fasce orarie garantite dei giorni feriali. In occasione di ogni cambio orario (dicembre) TRENORD dà comunicazione ai passeggeri, tramite il proprio sito internet e attraverso l orario ufficiale, dell elenco dei treni garantiti. Nel corso dell anno, ogni qual volta viene proclamato uno sciopero, nel rispetto della sopra citata legge, Trenord comunica ai passeggeri, almeno cinque giorni prima dell inizio dello stesso, attraverso avvisi cartacei pubblicati nelle stazioni e tramite il proprio sito internet, la durata e le modalità di attuazione dello sciopero con i dettagli dei servizi ferroviari erogati nel corso dello stesso; nonché le motivazioni dell astensione collettiva dal lavoro e le misure per la riattivazione del servizio al termine dell astensione dal lavoro. CAPITOLO 2. INFORMAZIONI AI PASSEGGERI ART. 6 LE INFORMAZIONI TRENORD garantisce l informazione sui servizi offerti oltre che nelle presenti Condizioni Generali di Trasporto, anche tramite le modalità di seguito elencate e meglio dettagliate nell Allegato 10: l Orario Ufficiale, che riporta l ora di partenza e di arrivo dei treni (e servizi automobilistici sostitutivi), il numero, il periodo di effettuazione, la categoria, la classe, le fermate, la possibilità di trasporto biciclette, la classificazione delle carrozze adibite al trasporto di persone con disabilità e a mobilità ridotta, l ammissione o meno di gruppi e comitive; eventuali indicazioni specifiche sulle stazioni di fermata; gli Avvisi al pubblico, che riportano le principali informazioni sul servizio e le eventuali modifiche anche temporanee; avvisi sonori e Digital Signage in stazione; il sito web (www.trenord.it e che racchiude tutte le informazioni relative al servizio di trasporto e riporta all interno della sezione My-Link l andamento in tempo reale del servizio ferroviario (comprensivo dei servizi automobilistici sostitutivi presenti nell orario ufficiale); l app che, oltre al motore orario, riporta anche l andamento dei treni in tempo reale; Twitter, con gli account delle direttrici per informazioni sullo stato della circolazione; gli uffici My-Link Point di Milano Cadorna, Milano Porta Garibaldi e Saronno che rappresentano, attraverso la propria articolazione territoriale, un punto di contatto diretto di informazione per i passeggeri; il Contact Center (a tariffa urbana) secondo gli orari indicati sul sito internet di TRENORD.

153 Bollettino Ufficiale 153 TRENORD garantisce l informazione sui servizi offerti anche in lingua inglese in base a quanto previsto dalle normative vigenti e dagli obblighi previsti dal Contratto di Servizio e come descritta ai successivi artt -7-8-e 9. Presso i punti informativi sopra riportati TRENORD fornirà ai passeggeri le notizie relative alle materie esplicitate negli articoli seguenti. ART. 7 INFORMAZIONI PRIMA DEL TRASPORTO Presso tutti i canali di vendita, come elencati nel successivo art. 18 e con il dettaglio esplicato all Allegato 9, è possibile consultare le informazioni relative ai seguenti punti: a. Condizioni Generali di Trasporto applicabili al Contratto di trasporto, che contengono al loro interno: accessibilità, condizioni di accesso e disponibilità a bordo di infrastrutture per le persone con disabilità e a ridotta mobilità; accessibilità e condizioni di accesso per le biciclette; condizioni di accesso per i viaggi in comitiva; condizioni di accesso per chi viaggia con animali e/o bagagli e/o passeggini e carrozzine; b. biglietti, abbonamenti, tariffe, distanze tra stazioni; c. modalità d acquisto e canali di vendita dei titoli di viaggio; d. orari e condizioni per il trasporto al prezzo più basso disponibile su tutti i canali di vendita; e. orari e condizioni per il trasporto più veloce solo presso le biglietterie Trenord; f. servizi offerti (servizi di prima e seconda classe, servizi a bordo, spazi per fumatori); g. interruzioni di linea, soppressione e/o modifica dei servizi, scioperi e ritardi; h. le mappe dei servizi ferroviari. TRENORD garantisce, inoltre, l informazione sui servizi offerti anche in lingua inglese. ART. 8 INFORMAZIONI DURANTE IL TRASPORTO Durante il viaggio TRENORD fornisce le seguenti informazioni: a. questioni relative alla sicurezza tecnica e dei passeggeri; b. prossime fermate; c. cause dei ritardi; d. modalità alternative per proseguire il viaggio; e. servizi a bordo; f. principali interscambi e coincidenze. ART. 9 INFORMAZIONI DOPO IL TRASPORTO Alla conclusione del viaggio TRENORD fornisce le informazioni relative ai seguenti punti: a. rimborsi, indennità di ritardo e bonus; b. procedure per il recupero degli oggetti e/o bagagli smarriti; c. procedure per la presentazione di reclami e scritti difensivi; d. procedure di conciliazione. ART. 10 INFORMAZIONI AGGIUNTIVE Nel caso di stazioni in cui la biglietteria, le rivendite di biglietti convenzionate e/o le emettitrici automatiche non siano presenti e funzionanti, TRENORD, nelle stazioni e attraverso le modalità elencate nel precedente art. 6, rende disponibili informazioni sulla biglietteria o rivendita di biglietti convenzionata più vicina e sulle modalità alternative di acquisto. Ugualmente nelle stazioni dove non è previsto il servizio di assistenza alle persone con disabilità o a mobilità ridotta vengono rese note le stazioni più vicine in cui tale servizio è presente. All atto della vendita dei titoli di viaggio sono fornite informazioni ai passeggeri in merito ai diritti e agli obblighi ai sensi del Regolamento (CE) n. 1371/2007, attraverso idonea comunicazione resa disponibile presso biglietterie e rivendite di biglietti convenzionate. TRENORD, informa il passeggero in stazione e a bordo treno, tramite mezzi idonei, in merito ai dati necessari per contattare l Autorità di Regolazione dei Trasporti di cui alla legge n. 214/2011 riguardo al rispetto dei diritti e dei doveri dei passeggeri. Fatte salve le disposizioni della direttiva 95/46/CE, TRENORD non fornisce informazioni di carattere personale su singole prenotazioni ad altre imprese ferroviarie o venditori di biglietti. CAPITOLO 3. TITOLI DI VIAGGIO ART. 11 NORME GENERALI Per essere ammesso al trasporto il passeggero deve munirsi preventivamente di un titolo di viaggio valido per il percorso, il servizio e, ove applicabile, la classe che intende utilizzare. Il passeggero deve acquistare il titolo di viaggio tramite i canali di vendita elencati al successivo art. 18, fatte salve le norme per l acquisto a bordo treno di cui al capitolo 5. Il titolo di viaggio riporta tutte le indicazioni necessarie a definire il contenuto del Contratto di Trasporto. Il titolo di viaggio non dà diritto al posto a sedere. È fatto divieto al passeggero di salire a bordo treno senza un valido titolo di viaggio dove siano presenti varchi d accesso alle stazioni funzionanti e presenziati da idoneo personale, elencate nell Allegato 5. In caso di varchi disabilitati o non presenziati valgono le norme generali sopra esposte. ART. 12 L AMBITO DI UTILIZZO DEI TITOLI DI VIAGGIO DI TRENORD I biglietti e gli abbonamenti emessi da Trenord (con Partita Iva Trenord) e da Trenitalia (per conto di Trenord con partita Iva Trenitalia)

154 154 Bollettino Ufficiale ad esclusione dei titoli di viaggio con origine o destinazione oltre i confini regionali, hanno validità all interno del sistema tariffario regionale e sono utilizzabili sui servizi di seguito riportati: 1. sui treni e sui servizi di TRENORD nell ambito del territorio della Regione Lombardia entro i confini tariffari descritti nell Allegato 3 delle presente Condizioni Generali di Trasporto; 2. sui treni regionali eserciti da Trenitalia all interno del territorio della Regione Lombardia, comprese le estensioni tariffarie di cui allegato 3. Sui treni eserciti da Trenitalia Divisione Passeggeri Nazionale ed Internazionale di tipologia Frecciabianca, ICN, IC e EC, solo se accompagnati da Carta Plus Lombardia come descritto all articolo 42. Per i titoli di viaggio validi sui treni di cui al punto 1 e 2 e che effettuano servizio sul territorio lombardo (comprese le estensioni tariffarie regionali), si applicano le sanzioni previste nelle presenti Condizioni Generali di Trasporto. A bordo dei treni regionali di cui al punto 2 per tutto quanto attiene alle caratteristiche commerciali ed ai servizi accessori valgono le Condizioni Generali di Trasporto di Trenitalia ART. 13 NORME DI UTILIZZO Il passeggero è tenuto a custodire il titolo di viaggio con la dovuta diligenza, adottando tutte le più opportune cautele per evitarne lo smarrimento ed il furto, ed a conservarlo per la durata del percorso sino all uscita dalla stazione di termine viaggio e/o fino al passaggio dai varchi di uscita, ove presenti. Il passeggero deve esibire, su richiesta del personale addetto al controllo, in prossimità della salita, a bordo del treno e fino all uscita dalla stazione ferroviaria il titolo di viaggio e gli eventuali documenti prescritti o che giustificano l eventuale riduzione di prezzo fruita. Nel caso di titolo di viaggio rilasciato in modalità Ticketless, il passeggero deve fornire il codice di prenotazione ricevuto al momento dell acquisto. Per i titoli di viaggio nominativi e per quelli per i quali la riduzione di prezzo applicata o la fruizione di altre forme di agevolazione impongano l identificazione dell avente titolo, è prescritta, su richiesta del personale addetto al controllo, l esibizione da parte del passeggero (anche per i minori di età) di un documento personale d identificazione valido o della tessera di riconoscimento ferroviaria, ove necessaria come descritto nel Vademecum Biglietti e Abbonamenti in allegato alle presenti Condizioni Generali di Trasporto. Nelle more dell emissione della tessera di riconoscimento di cui sopra, è possibile l accesso al servizio, acquistando l abbonamento sostitutivo a fronte dell esibizione della ricevuta di richiesta tessera rilasciata contestualmente all atto di presentazione della richiesta stessa. In caso contrario i trasgressori saranno regolarizzati secondo quanto previsto dalla successiva sezione dedicata alle sanzioni. Per i titoli di viaggio caricati su tessera elettronica il passeggero è tenuto a custodire ed esibire su richiesta del personale, oltre al documento di riconoscimento valido, anche lo scontrino di ricarica o in alternativa l di conferma. ART. 14 INCEDIBILITÀ DEI TITOLI DI VIAGGIO E DIVIETI GENERALI La cessione dei titoli di viaggio non nominativi è vietata dopo la convalida, a bordo del treno e nelle fasi di salita e discesa dal treno, fino all uscita della stazione. La cessione dei titoli di viaggio nominativi è sempre vietata. Il commercio dei titoli di viaggio non autorizzato da TRENORD è vietato e sarà perseguito a termini di legge. Il titolo di viaggio e i documenti personali di trasporto ceduti abusivamente o indebitamente acquistati od ottenuti decadono di validità, ai sensi dell art. 24 del DPR 753/1980. ART. 15 CONTROLLO DELLA REGOLARITÀ DEI TITOLI DI VIAGGIO TRENORD effettua il controllo dei titoli di viaggio a bordo dei treni e nell ambito delle stazioni, sia in ingresso che in uscita. Il controllo dei titoli di viaggio può avvenire a vista (titoli cartacei o magnetici) o tramite appositi dispositivi di verifica (tessere elettroniche, titoli acquistati in modalità con PNR identificativo). Nel caso in cui il titolo di viaggio non risulti valido, il passeggero verrà assoggettato alla normativa in vigore secondo quanto indicato nella sezione Sanzioni delle presenti Condizioni Generali di Trasporto. ART. 16 ITINERARI, CALCOLO DEI PREZZI E APPLICAZIONE DELLE TARIFFE I titoli di viaggio sono rilasciati, di norma, per la via chilometrica più breve congiungente la stazione di partenza con quella di destinazione richieste dal passeggero, a condizione che siano previste tra le soluzioni di viaggio offerte da TRENORD. Laddove possibile, il passeggero può richiedere il rilascio del titolo di viaggio per la via chilometrica più lunga, pagando la tariffa maggiore rispetto all itinerario prescelto e viaggiare indifferentemente sulla via più breve o su quella più lunga. Nel caso di interruzioni di linea, TRENORD può autorizzare l uso di un percorso alternativo alla stessa tariffa del viaggio originario, senza possibilità di effettuare fermate intermedie sul percorso deviato. TRENORD applica tariffe e determina i prezzi, a seguito di apposita Delibera Regionale, in funzione della distanza e del tipo di servizio offerto. Le distanze tra le stazioni dell itinerario del viaggio sono quelle riportate nella Tavola Unificata delle polimetriche delle distanze tra le stazioni per il calcolo delle tariffe (come da Decreto regionale). TRENORD stabilisce prezzi minimi per le singole tariffe valide nell ambito del sistema tariffario regionale: il minimo applicabile, sia per la 1ª che per la 2ª classe, è corrispondente al prezzo intero del primo scaglione chilometrico salvo diverse indicazioni previste dalla normativa regionale in vigore. Per singole relazioni e determinati servizi possono essere applicati prezzi differenziati, indipendentemente dalle distanze percorse dal passeggero. ART. 17 CONTENUTO DEL TITOLO DI VIAGGIO Sul titolo di viaggio sono, di norma, indicati: la ragione sociale e la partita IVA della Società emittente; la stazione di partenza e quella di arrivo per i biglietti origine/destinazione, le fasce chilometriche o aree di validità per le altre tipologie di titoli di viaggio; l itinerario, quando questo non segua la via più breve; la classe (ove non indicata, il biglietto si intende rilasciato per la 2ª tranne che per il titolo integrato IVOL giornaliero); il giorno della emissione, ad esclusione delle tipologie di biglietti che prendono validità dalla data di effettuazione della convalida;

155 Bollettino Ufficiale 155 l inizio e la durata della validità, quando richieste da norme particolari; il prezzo, o la fascia chilometrica corrispondente ad esso; gli elementi atti ad individuare il titolo di legittimazione ad eventuali condizioni di favore; gli elementi atti ad identificare il legittimo possessore, nel caso di biglietti nomi nativi; il Codice Biglietto [PNR] per i biglietti acquistati on-line; L Azienda ha facoltà di modificare le caratteristiche dei titoli di viaggio nonché di istituirne di nuovi, anche privi di alcune delle indicazioni precedentemente indicate. ART. 18 CANALI DI VENDITA La rete di vendita di Trenord si articola in diversi canali che vengono di seguito elencati e meglio dettagliati all Allegato 7. Canali di vendita diretti: biglietterie di stazione (elencate nell Allegato 7); emettitrici automatiche in modalità self-service; sito Internet e app di TRENORD; Canali di vendita indiretti: rivendite di biglietti convenzionate; agenzie di viaggio; sito Internet di Trenitalia in modalità sportelli bancomat abilitati (per i soli abbonamenti). Presso i suddetti canali il passeggero può acquistare titoli di viaggio per gli spostamenti da effettuarsi in ambito suburbano, regionale o sovra-regionale fra due o più regioni con un diverso livello di dettaglio consultabile sul sito internet oppure all allegato Biglietti, Abbonamenti Tessere e Tariffe sulle apposite tabelle di riepilogo. I canali di vendita, anche in relazione ai sistemi di emissione di cui sono dotati, possono subire limitazioni circa la tipologia/supporto dei titoli disponibili alla commercializzazione. Il passeggero può acquistare alcuni titoli di viaggio anche a bordo treno con le regole e le limitazioni riportate nelle presenti Condizioni Generali di Trasporto (Capitolo 5). In caso di biglietteria chiusa ed emettitrici automatiche non disponibili o non funzionanti, una stazione è considerata presenziata, ossia abilitata alla vendita di titoli di viaggio, se la rivendita di biglietti convenzionata, esterna alla stazione, è aperta e posizionata entro una distanza pari a 200 metri dalla stazione medesima. ART. 19 MODALITÀ DI PAGAMENTO L acquisto del titolo di viaggio e degli eventuali servizi accessori si perfeziona solo con il pagamento integrale, da parte del passeggero, dei relativi corrispettivi. Il corrispettivo del trasporto deve essere pagato in anticipo rispetto alla fruizione del servizio da parte del passeggero. Al momento dell acquisto del titolo di viaggio, il passeggero deve assicurarsi, sotto pena di decadenza di qualunque eventuale diritto, salvo quello al rimborso esercitabile ai sensi della Sezione 6, che esso corrisponda alla tariffa, alla tipologia, alla classe, al percorso e all itinerario richiesti, al nominativo, al numero delle persone indicate. Deve, inoltre, verificare che il prezzo pagato corrisponda a quello esposto sul titolo di viaggio e che nell eventuale cambio della moneta non vi siano stati errori. Il passeggero può provvedere al pagamento dei corrispettivi dovuti a TRENORD attraverso le seguenti modalità: a. Carte di credito e Carte prepagate circuiti Visa, Mastercard e Maestro; b. POS bancomat; c. Contanti, con i limiti quantitativi previsti dalle norme vigenti. Non tutti i canali di vendita TRENORD consentono l utilizzo indistinto di tutte le predette modalità di pagamento. L utilizzo di POS bancomat o contanti non consente la combinazione con altre modalità di pagamento (ad esempio Voucher prepagati). Non è possibile utilizzare per il medesimo acquisto: due diverse Carte di credito o due diverse Carte prepagate; Carta di credito + Carta prepagata. Per la modalità di acquisto dei titoli di viaggio on line sono previste le seguenti modalità di pagamento: Carta di credito [circuiti Visa, Mastercard e Maestro] Presso le rivendite di biglietti convenzionate le modalità di pagamento saranno quelle consentite da ciascuna di esse. ART. 20 IL RILASCIO DELLA FATTURA L emissione della fattura relativa ai titoli di viaggio avviene su esplicita richiesta del passeggero. TRENORD emette fattura secondo modalità differenziate in funzione del canale di vendita utilizzato dal Passeggero: a. se l acquisto è effettuato presso le biglietterie TRENORD e Trenitalia (Allegato 7) il rilascio della fattura avviene direttamente allo sportello al momento dell emissione del titolo di viaggio; b. se l acquisto è effettuato a bordo treno, in modalità o presso le emettitrici automatiche, il passeggero può richiedere la fattura entro 48 ore dall acquisto, inviando una mail all indirizzo con le seguenti informazioni: nome cognome codice fiscale (o equivalente) o P.IVA canale di acquisto nr biglietto - PNR

156 156 Bollettino Ufficiale tipo biglietto (adulti, ragazzi, anziani) tratta prezzo giorno di acquisto recapito telefonico e indirizzo mail. La fattura verrà recapitata via mail, entro 30 giorni, all indirizzo di posta elettronica indicato; c. se l acquisto di abbonamenti è effettuato on line sul sito TRENORD o presso i Bancomat abilitati, la richiesta di fatturazione può essere inoltrata a TRENORD dal passeggero, previa registrazione sul sito, tramite la pagina dedicata (link alla pagina di registrazione a partire dal giorno successivo a quello in cui è stata effettuata la transazione d acquisto ed entro 6 giorni da tale data. Per tutte le ulteriori modalità di acquisto non elencate non è possibile richiedere la fattura. CAPITOLO 4. LE MODIFICHE AI TITOLI DI VIAGGIO ART. 21 LA SOSTITUZIONE DEL BIGLIETTO O DELL ABBONAMENTO Il passeggero in possesso di biglietto o abbonamento, se non diversamente stabilito dalle singole tariffe o da disposizioni particolari, può richiedere, presso qualsiasi biglietteria, la sostituzione del biglietto o dell abbonamento non ancora utilizzato. La variazione può riguardare: la tariffa il numero delle persone l itinerario l origine o la destinazione del viaggio. Per i biglietti multicorsa la quota da considerare sarà pari alla differenza tra il prezzo di vendita e il prezzo dovuto per uno o più biglietti ordinari corrispondenti al numero di viaggi già utilizzati. Per gli abbonamenti annuali è previsto il solo rimborso come da artt. 100, 101 e 102. Nel caso in cui l importo del titolo di viaggio emesso in sostituzione sia uguale o superiore a quello del titolo da cambiare, TRENORD non applicherà trattenuta. Nel caso in cui l importo del titolo di viaggio emesso in sostituzione sia inferiore a quello del titolo da cambiare, TRENORD applicherà il 10% di trattenuta sulla quota residua non impegnata nell acquisto di nuovi titoli. ART. 22 IL CAMBIO CLASSE Il cambio classe dalla 2 alla 1a classe, per biglietti ordinari e per qualunque tratta, può essere preventivamente effettuato presso qualsiasi biglietteria o punto vendita e/o emettitrice automatica abilitati, pagando esclusivamente la differenza di prezzo fra le due classi, a tariffa competente, per il tratto richiesto. Nel caso di abbonamento, è consentito inoltre il cambio di classe per singoli viaggi dietro pagamento della differenza di prezzo fra le due classi calcolata in base ai prezzi della corrispondente tariffa del biglietto ordinario. Non è ammesso in nessun caso il cambio classe dei seguenti titoli di viaggio: biglietti e abbonamenti in modalità biglietti e abbonamenti a tariffa sovra-regionale con tagliandi autoadesivi; titoli di viaggio urbani. ART. 23 LA CONGIUNZIONE E IL PROLUNGAMENTO DI PERCORSO Il passeggero in possesso di titolo di viaggio valido può acquistare, presso qualsiasi biglietteria, emettitrice automatica e/o rivendita di biglietti convenzionata, un nuovo biglietto di congiunzione con origine da una qualsiasi stazione alla stazione di partenza o di prolungamento di percorso dalla stazione di destinazione ad altra qualsiasi stazione, tramite l emissione di un nuovo biglietto a tariffa competente per il per-corso eccedente anche se il treno non effettua fermate nelle stazioni di congiunzione. Non è mai consentita la richiesta di un biglietto di congiunzione e prolungamento per: biglietti e abbonamenti del sistema tariffario regionale acquistati in modalità Home Printing biglietti e abbonamenti a tariffa sovra-regionale a tagliandi adesivi titoli di viaggio urbani biglietto servizio aeroportuale Malpensa Express (di cui agli art delle presenti Condizioni Generali di Trasporto). ART. 24 LA MODIFICA DI ITINERARIO Il passeggero che intenda modificare l itinerario del suo titolo di viaggio potrà farne richiesta in biglietteria con le modalità previste dal precedente art. 21. ART. 25 LA RINUNCIA AD UNA PARTE DEL VIAGGIO Il passeggero, dopo aver convalidato il biglietto, può rinunciare a fruire dell intera tratta acquistata o decidere volontariamente di cominciare/terminare il viaggio in una stazione antecedente quella della destinazione indicata sul titolo stesso (o della fascia chilometrica acquistata) senza diritto ad alcun rimborso.

157 Bollettino Ufficiale 157 CAPITOLO 5. ACQUISTO E CONVALIDA A BORDO TRENO ART. 26 L ACQUISTO A BORDO TRENO È ammesso l acquisto a bordo dei treni, nel caso in cui un passeggero salga a bordo senza valido titolo di viaggio, da stazione: a. priva di qualsiasi canale di vendita; b. con biglietteria chiusa, con rivendite di biglietti convenzionate chiuse o aperte ma ad una distanza superiore ai 200 metri dalla stazione, ed emettitrici automatiche in modalità self-service non funzionanti. Nei casi di cui ai precedenti punti a) e b) il titolo di viaggio verrà emesso senza alcuna maggiorazione. È ammesso, inoltre, l acquisto a bordo dei treni, nel caso in cui un passeggero salga a bordo senza valido titolo di viaggio, da stazione: c. dotata di biglietteria o rivendite di biglietti convenzionate aperte ad una distanza entro i 200 metri dalla stazione; d. dotata di emettitrici automatiche in modalità self-service funzionanti. Nei casi di cui ai precedenti punti c) e d) il titolo di viaggio verrà maggiorato di un esazione suppletiva pari a 3 volte il prezzo del biglietto ordinario di classe e fascia minima in vigore. In tutti i suddetti casi il passeggero è obbligato a recarsi prontamente dal personale addetto al controllo per la regolarizzazione in quanto, diversamente, verrà sanzionato secondo quanto previsto dalla Sezione dedicata alle Sanzioni (Sezione 5). In mancanza di biglietteria aperta o emettitrice automatica non disponibile o non funzionante, una stazione viene considerata presenziata, ossia abilitata alla vendita di titoli di viaggio, se la rivendita di biglietti convenzionata esterna alla stazione è posizionata entro una distanza pari a 200 metri da essa. Non è ammesso l acquisto di biglietti sul treno nel caso in cui le stazioni siano dotate di varchi di accesso, funzionanti e presenziati da idoneo personale, elencati all Allegato 5. Nel caso di varchi di accesso non funzionanti o non presenziati la stazione è da considerarsi priva degli stessi. Nei casi possibili, sopra descritti, a bordo treno possono essere acquistati esclusivamente i seguenti titoli di viaggio validi per il trasporto ferroviario sul territorio regionale: biglietto ordinario; biglietto ordinario scontato del 50% (tariffa ragazzi); biglietto ordinario scontato del 20% (tariffa anziani); biglietto servizio aeroportuale Malpensa Express di corsa semplice e di andata e ritorno (di cui agli art delle presenti Condizioni Generali di Trasporto); biglietto per trasporto animali; biglietto per trasporto biciclette. Queste due ultime tipologie possono essere acquistate a bordo treno solo se il passeggero è in possesso di un titolo di viaggio per sé o se lo acquista contestualmente. Non è mai consentito l acquisto a bordo treno di: titoli di viaggio integrati con altri vettori di trasporto; titoli di viaggio urbani; abbonamenti e biglietti multicorsa; biglietti a tariffa comitiva Nel caso in cui il personale addetto al controllo non sia in grado di erogare il resto dell importo pagato dal passeggero quest ultimo dovrà recarsi in una biglietteria con apposita documentazione rilasciata dal personale stesso per il ritiro della somma dovuta. ART. 27 CAMBIO CLASSE A BORDO TRENO È ammesso l acquisto a bordo dei treni di un biglietto di cambio classe qualora il passeggero, già in possesso di un biglietto oppure di un abbonamento validi, salga a bordo da stazione: a. priva di qualsiasi canale di vendita; b. con biglietteria chiusa, con rivendite di biglietti convenzionate chiuse o aperte ma ad una distanza superiore ai 200 metri dalla stazione, ed emettitrici automatiche in modalità self-service non funzionanti. Nei casi di cui ai precedenti punti a) e b) il titolo di viaggio di cambio classe verrà emesso senza alcuna maggiorazione. È ammesso inoltre l acquisto a bordo dei treni di un biglietto di cambio classe, qualora il passeggero, già in possesso di un biglietto oppure di un abbonamento validi, salga a bordo da stazione: c. dotata di biglietteria o rivendite di biglietti convenzionate aperte ad una distanza entro i 200 metri dalla stazione; d. dotata di emettitrici automatiche in modalità self-service funzionanti. Nei casi di cui ai precedenti punti c) e d) il titolo di viaggio di cambio classe verrà maggiorato di un esazione suppletiva pari a 3 volte il prezzo del biglietto ordinario di corsa semplice di fascia e classe minima in vigore. In tutti i suddetti casi il passeggero è obbligato a recarsi prontamente dal personale addetto al controllo per la regolarizzazione in quanto, diversamente, verrà sanzionato secondo quanto previsto dalla Sezione dedicata alle Sanzioni (Sezione 5). L emissione del titolo di viaggio per cambio classe a bordo treno è consentita solo per tratti di linea aventi origine da stazioni nelle quali il treno effettua fermata per servizio passeggeri. Non è mai consentita la richiesta di un biglietto di cambio classe a bordo per le tratte urbane. ART. 28 LA CONGIUNZIONE E IL PROLUNGAMENTO DI PERCORSO A BORDO TRENO È ammesso l acquisto a bordo dei treni di un biglietto di congiunzione o prolunga- mento di percorso qualora il passeggero, già in possesso di un biglietto oppure di un abbonamento validi, salga a bordo da stazione: a. priva di qualsiasi canale di vendita; b. con biglietteria chiusa, con rivendite di biglietti convenzionate chiuse o aperte ma ad una distanza superiore ai 200 metri dalla stazione, ed emettitrici automatiche in modalità self-service non funzionanti. Nei casi di cui ai precedenti punti a) e b) il biglietto di congiunzione o prolungamento di percorso verrà emesso senza alcuna maggiorazione.

158 158 Bollettino Ufficiale È ammesso inoltre l acquisto a bordo dei treni di un biglietto di congiunzione o pro- lungamento di percorso, qualora il passeggero, già in possesso di un biglietto oppure di un abbonamento validi, salga a bordo da stazione: c. dotata di biglietteria o rivendite di biglietti convenzionate aperte ad una distanza entro i 200 metri dalla stazione; d. dotata di emettitrici automatiche in modalità self-service funzionanti Nei casi di cui ai precedenti punti c) e d) il biglietto di congiunzione o prolungamento di percorso verrà maggiorato di un esazione suppletiva pari a 3 volte il prezzo del biglietto ordinario di corsa semplice di fascia e classe minima in vigore. In tutti i suddetti casi il passeggero è obbligato a recarsi prontamente dal personale addetto al controllo per la regolarizzazione in quanto, diversamente, il passeggero trovato fuori itinerario verrà sanzionato secondo quanto previsto dalla Sezione dedicata alle Sanzioni (Sezione 5). La richiesta di un biglietto di congiunzione è consentita da una qualsiasi stazione alla stazione di partenza indicata sul titolo di viaggio e la richiesta di prolungamento è consentita dalla stazione di destinazione ad altra qualsiasi stazione, relativamente ai percorsi ferroviari nell ambito del sistema tariffario regionale, tramite l emissione di un nuovo biglietto a tariffa competente per il percorso eccedente. ART. 29 LA MODIFICA DI ITINERARIO A BORDO TRENO È ammesso l acquisto a bordo dei treni di un biglietto di modifica di itinerario qualora il passeggero, (già in possesso di biglietto o abbonamento validi) salga a bordo da stazione: a. priva di qualsiasi canale di vendita b. con biglietteria chiusa, rivendite di biglietti convenzionate chiuse o aperte ma ad una distanza superiore ai 200 metri dalla stazione, ed emettitrici automatiche in modalità self-service non funzionanti Nei casi di cui ai precedenti punti a) e b) il biglietto di modifica di itinerario verrà emesso senza alcuna maggiorazione. È ammesso inoltre l acquisto a bordo dei treni di un biglietto di modifica di itinerario, qualora il passeggero, già in possesso di un biglietto oppure di un abbonamento validi, salga a bordo da stazione: c. dotata di biglietteria o rivendite di biglietti convenzionate aperte ad una distanza entro i 200 metri dalla stazione; d. dotata di emettitrici automatiche in modalità self-service funzionanti Nei casi di cui ai precedenti punti c) e d) il biglietto di modifica di itinerario verrà maggiorato di un esazione suppletiva pari a 3 volte il prezzo del biglietto ordinario di corsa semplice di fascia e classe minima in vigore. In tutti i suddetti i casi il passeggero è obbligato a recarsi prontamente dal personale addetto al controllo per la regolarizzazione in quanto, diversamente, il passeggero trovato a percorrere la via più lunga qualora in possesso di un titolo di viaggio per l itinerario più breve, verrà sanzionato secondo quanto previsto dalla Sezione dedicata alle Sanzioni (Sezione 5). Nel caso in cui l itinerario richiesto sia pari o inferiore a quello riportato sul titolo in possesso del passeggero il personale addetto al controllo non emetterà alcuna modifica, nel caso in cui l itinerario richiesto dal passeggero sia di chilometraggio superiore, e generi un aumento di prezzo, rispetto al percorso in suo possesso, procederà all emissione del biglietto di modifica di itinerario, calcolato come differenza di chilometri tra la via più breve riportata sul titolo da modificare e la via più lunga richiesta. ART. 30 LA CONVALIDA A BORDO TRENO È ammessa la convalida a bordo treno nei seguenti casi: 1. qualora il passeggero sia salito da stazione con macchine convalidatrici non funzionanti o non presenti nella stazione di inizio del viaggio; 2. qualora il passeggero abbia acquistato un biglietto di congiunzione/prolungamento in formato magnetico, con stazione di origine diversa da quella della stazione di partenza, in quanto le convalidatrici non riconoscono una stazione di origine diversa da quella indicata sul titolo di viaggio e di conseguenza non sono in grado di annullare elettronicamente il titolo. Per la richiesta di convalida, (ad eccezione degli abbonamenti elettronici e dei titoli di viaggio emessi in modalità ed on line, nonché titoli a convalida manuale), il passeggero è tenuto a recarsi prontamente dal personale addetto al controllo, che provvederà all annullamento del biglietto. Non è mai ammessa la convalida a bordo treno se il passeggero è in possesso di titolo di viaggio a convalida manuale. Diversamente, il passeggero verrà regolarizzato secondo quanto previsto nella Sezione 5 dedicata alle Sanzioni. SEZIONE 2: TARIFFE E TITOLI DI VIAGGIO CAPITOLO 6. TITOLI DI VIAGGIO TRENORD ART. 31 LE TARIFFE VALIDE NELL AMBITO DEL SISTEMA TARIFFARIO REGIONALE TRENORD adotta le tariffe emanate da Regione Lombardia a seguito di apposita Delibera, in funzione della distanza tra le stazioni di origine e destinazione dell itinerario di viaggio richiesto, riportate nella Tavola Unificata delle polimetriche, pubblicata in seguito ad apposito Decreto regionale. Le specifiche relative alle varie tipologie di titoli di viaggio sono riportate in Allegato alle presenti Condizioni Generali di Trasporto (allegato 11 Biglietti, Abbonamenti. Tessere e Tariffe) ART. 32 CONDIZIONI TARIFFARIE MINIME, AGEVOLAZIONI E GRATUITÀ Fatte salvo le migliori condizioni previste da Io viaggio in famiglia i ragazzi con età dai 4 ai 14 anni non compiuti viaggiano a tariffa ordinaria scontata del 50%. I bambini di età inferiore ai 4 anni viaggiano gratuitamente. I biglietti sono acquistabili: presso le biglietterie di stazione e rivendite di biglietti convenzionate; presso le emettitrici automatiche in modalità self-service; in modalità sul sito a bordo treno, secondo le norme previste per i titoli di corsa semplice e riportate nelle presenti Condizioni Generali di Trasporto al precedente art. 26. Sulle tratte urbane di Milano esercitate da TRENORD un adulto in possesso di un titolo di viaggio valido può portare con sé gratuitamente:

159 Bollettino Ufficiale o più bambini fino a 5 anni compiuti; fino a 2 ragazzi tra i 6 ed i 10 anni compiuti. I bambini e i ragazzi devono essere muniti di un valido documento di riconoscimento comprovante l età, in assenza del quale saranno regolarizzati secondo quanto previsto dalla Sezione dedicata alle Sanzioni, (Sezione 5). Le donne di età superiore ai 60 anni e gli uomini di età superiore ai 65 anni possono acquistare biglietti a tariffa ordinaria scontata del 20% nel rispetto della tariffa minima esistente. I biglietti sono acquistabili: presso le biglietterie di stazione e presso le rivendite di biglietti convenzionate; presso le emettitrici automatiche in modalità self-service; in modalità sul sito a bordo treno, secondo le norme previste per i titoli di corsa semplice e riportate nelle presenti Condizioni Generali di Trasporto al precedente art. 26. Gli aventi diritto a queste riduzioni devono essere muniti di un valido documento di riconoscimento comprovante l età, in assenza del quale saranno regolarizzati secondo quanto previsto dalla Sezione dedicata alle Sanzioni. ART. 33 LE TIPOLOGIE DEI TITOLI DI VIAGGIO I titoli di viaggio ordinari sono i seguenti: biglietto ordinario (valido per un singolo viaggio); biglietto multicorsa (unico titolo che consente di effettuare un numero determinato di corse, non utilizzabile da più persone contemporaneamente); abbonamento (valido per un numero illimitato di viaggi da effettuarsi in un arco temporale predefinito che può essere giornaliero, plurigiornaliero, settimanale, mensile, trimestrale o annuale). ART. 34 FORMATO DEI TITOLI DI VIAGGIO I suddetti titoli di viaggio sono emessi su supporti e formati diversi, in base ai differenti sistemi di bigliettazione in uso presso il canale di vendita prescelto. Vengono elencati in seguito i principali formati di titoli di viaggio esistenti: Biglietti e abbonamenti cartacei; Biglietti e abbonamenti magnetici; Biglietti e abbonamenti caricati su tessera elettronica (Itinero, IoViaggio); Biglietti in modalità Biglietti in modalità mobile/sms (Ticketless). TRENORD ha inoltre facoltà di istituire ulteriori titoli di viaggio su supporti diversi. ART. 35 VALIDITÀ DEI TITOLI DI VIAGGIO I biglietti ordinari e i biglietti multicorsa soggetti a convalida non hanno scadenza se non validati, salvo quanto sotto riportato. I biglietti non soggetti a convalida (ad esempio biglietti in modalità hanno una validità definita dalle proprie caratteristiche commerciali. I biglietti ordinari e i singoli biglietti del titolo multicorsa, una volta convalidati, acquisiscono validità oraria a seconda del chilometraggio come di seguito specificato: da 0 a 50 km pari a 3 ore; da 51 a 200 Km pari a 6 ore; oltre i 200 km pari a 24 ore. Gli abbonamenti, indipendentemente dal formato nel quale vengono commercializzati hanno le seguenti validità: Settimanale: dal lunedì alla domenica; Mensile: mese solare (dal primo all ultimo giorno del mese di validità); Trimestrale: dal primo giorno del mese solare di inizio validità all ultimo giorno del terzo mese successivo; Annuale: dal primo giorno del mese solare di inizio validità all ultimo giorno del dodicesimo mese successivo. Ad ogni adeguamento tariffario, i titoli di viaggio acquistati precedentemente a detto adeguamento conservano validità fino a sessanta giorni successivi all entrata in vigore dello stesso. Decorso tale termine non possono essere utilizzati, salvo nei casi di abbonamento con validità residua. Periodi di utilizzazione diversi possono essere previsti dalle singole tariffe o da ulteriori disposizioni tariffarie. I biglietti /carnet/abbonamenti di prima classe danno diritto a viaggiare anche in seconda classe. E consentito l utilizzo di più titoli di viaggio a fascia chilometrica fino al raggiungimento della fascia chilometrica corrispondente all itinerario da percorrere. I titoli di viaggio non garantiscono il posto a sedere. ART. 36 FERMATE INTERMEDIE All interno del percorso previsto dal titolo di viaggio in possesso del passeggero e nell ambito della validità dello stesso, è consentita l effettuazione di un numero illimitato di fermate intermedie. Il passeggero che si trova in treno allo scadere della validità del titolo di viaggio può proseguire il viaggio già iniziato fino alla stazione di destinazione senza effettuare ulteriori fermate intermedie se non per cambio con il primo treno utile.

160 160 Bollettino Ufficiale ART. 37 CONVALIDA DEI TITOLI DI VIAGGIO I biglietti soggetti a convalida, devono essere obbligatoriamente convalidati all inizio del viaggio, prima della partenza del treno utilizzato (o del primo giorno di utilizzo nel caso di multicorse o abbonamenti), mediante le apposite macchine convalidatrici, a seconda del formato del titolo di viaggio in possesso del passeggero. I passeggeri in possesso di titoli di viaggio a convalida manuale sono sempre obbligati ad apporre data e ora, negli appositi spazi, prima dell utilizzo del titolo. Gli abbonamenti che riportano inizio e fine validità non necessitano di convalida salvo inserire le proprie generalità quando previsto. In caso di abbonamenti cartacei a fascia chilometrica, il passeggero dopo aver compilato l abbonamento, deve provvedere a convalidarlo al primo viaggio. Nel caso di acquisti di abbonamenti caricati su tessera elettronica vengono fornite ai passeggeri all atto dell acquisto tutte le informazioni necessarie per finalizzare il processo. di acquisto. È ammessa la convalida a bordo treno nei soli casi descritti dal precedente art. 30. ART. 38 TITOLI DI VIAGGIO INTEGRATI TRENORD adotta i titoli integrati deliberati da Regione Lombardia, previsti dai decreti e dai regolamenti vigenti. Nelle more dell attuazione di quanto disciplinato dal Regolamento Regionale nr 4 del 6/6/2014 che prevede un Sistema Integrato Tariffario Regionale articolato su più livelli Trenord ha ad oggi introdotto i seguenti Titoli Integrati: Io viaggio ovunque in Lombardia Io viaggio ovunque in Provincia Treno Città TRENORD, inoltre, effettua accordi con altre aziende di Trasporto Pubblico Locale per offrire titoli di viaggio integrati, al fine di agevolare e incentivare la fruizione delle diverse modalità di trasporto pubblico. Tutte le tipologie di titoli di viaggio sopra menzionate e le caratteristiche commerciali vengono definite nel dettaglio nell Allegato Biglietti e Abbonamenti nonché sul sito internet ART. 39 LE TARIFFE ED I BIGLIETTI PROMOZIONALI TRENORD può rilasciare biglietti speciali, a prezzi e condizioni agevolate, validi esclusivamente sulle tratte regionali di competenza, oppure integrati con altri vettori. TRENORD può altresì accordare facilitazioni di altro genere, ma non è obbligata, anche a parità di condizioni e di circostanze, ad estendere tali facilitazioni a tutti i richiedenti quando vi oppongano esigenze di servizio. I biglietti speciali non sono cumulabili con altre iniziative e scontistiche messe in atto da TRENORD. Non sono ammesse modifiche ai titoli di viaggio promozionali (biglietti e abbonamenti) e per i medesimi non sono ammessi rimborsi. ART. 40 TITOLI DI VIAGGIO SOVRA REGIONALI I titoli di viaggio a tariffa sovra regionale sono emessi nelle seguenti tipologie: biglietti di corsa semplice; abbonamenti mensili e annuali. Tali abbonamenti non beneficiano del bonus di cui all art I biglietti emessi con l applicazione di questa tariffa hanno validità di 6 ore dalla convalida per viaggi fino a 200 km e di 24 ore per viaggi di chilometraggio superiore. Per i suddetti titoli di viaggio si applicano le presenti Condizioni Generali di Trasporto, salvo per le norme non applicabili come esplicitato agli articoli dal 99 al 106 nonché agli articoli 113 e 114. Nelle presenti Condizioni Generali di Trasporto sono riportati i confini geografici ai fini dell applicazione della tariffa sovra-regionale (in Allegato 3). ART. 41 GLI ABBONAMENTI FRECCIABIANCA E INTERCITY CON ESTENSIONE REGIONALE I passeggeri che intendano effettuare viaggi sia sui treni nazionali che sui treni del trasporto regionale, possono acquistare abbonamenti mensili Frecciabianca e Intercity con estensione regionale, che consentono di effettuare nell ambito della loro validità e sulla relazione riportata sugli stessi, viaggi illimitati anche sui treni regionali Trenord, nell ambito dei confini tariffari della Regione Lombardia e per collega- menti da qualsiasi stazione della Regione Lombardia per destinazioni rientranti nei confini tariffari della Regione Emilia Romagna, Liguria, Veneto e Piemonte. Il prezzo di tali abbonamenti è pari a quello del relativo abbonamento Frecciabianca e Intercity incrementato del 5%. Agli abbonamenti con estensione regionale si applicano le medesime condizioni di utilizzo previste per gli abbonamenti Frecciabianca e Intercity a bordo dei treni di lunga percorrenza. A bordo dei treni regionali il passeggero dovrà attenersi alle norme delle presenti Condizioni Generali di Trasporto. ART. 42 LA CARTA PLUS LOMBARDIA:CONDIZIONI DI UTILIZZO La Carta Plus è una tessera di Trasporto che permette l utilizzo di servizi ferroviari di Lunga Percorrenza Trenitalia nonché di servizi regionali in 1a classe e del servizio Aeroportuale Malpensa, se utilizzata in abbinamento ad un abbonamento di viaggio valido. La Carta Plus Lombardia può avere validità mensile oppure annuale ed è rilasciata solo ai passeggeri residenti in Lombardia. La Carta suddetta deve essere sempre abbinata ai seguenti abbonamenti mensili od annuali validi per itinerari all interno dei confini tariffari, comprese le estensioni regionali: La Carta Plus Lombardia Mensile è utilizzabile in abbinamento ai titoli di viaggio integrati TrenoCittà ed Io Viaggio Ovunque in Lombardia mensile (IVOL mese); La Carta Plus Lombardia Annuale è utilizzabile in abbinamento agli abbonamenti Io Viaggio Ovunque Lombardia Anno (nonché Io Viaggio Ovunque in Lombardia Trimestre ) e alla Carta Regionale di Trasporto (CRT)/Io viaggio ovunque in Lombardia-agevolata (IVOL agevolata). Ambedue le suddette Carte (a validità mensile e a validità annuale) consentono di viaggiare in 2 classe sui treni di Trenitalia di tipologia Frecciabianca e Intercity senza la garanzia del posto, nonché in 1a classe dei treni regionali e sul collegamento aeroportuale Malpensa. La Carta Plus Lombardia se utilizzata in appoggio ad abbonamenti Io Viaggio Ovunque in Lombardia e/o ad abbonamenti caricati su tessera CRT/IVOL agevolata è rilasciata con validità limitata alla sola relazione dichiarata dal passeggero. Nel caso di abbonamento TrenoCittà, la relazione dichiarata dal passeggero deve coincidere con quella prevista dalla validità del titolo di viaggio in appoggio.

161 Bollettino Ufficiale 161 SEZIONE 3: TIPOLOGIE DI TRASPORTO CAPITOLO 7. IL TRASPORTO PER LE PERSONE CON DISABILITÀ E RIDOTTA MOBILITÀ ART. 43 DIRITTO AL TRASPORTO TRENORD applica norme di accesso e fruibilità non discriminatorie vigenti per il trasporto ferroviario regionale a favore delle persone con disabilità e di persone a mobilità ridotta ai sensi del Regolamento (CE) n. 1371/2007 Capo V. mantenendo una costante relazione con le associazioni che rappresentano le suddette persone. Il servizio ferroviario, nei suddetti casi, viene erogato senza costi aggiuntivi. ART. 44 INFORMAZIONI PER IL TRASPORTO DELLE PERSONE CON DISABILITÀ E RIDOTTA MOBILITÀ TRENORD garantisce l informazione su: accessibilità dei servizi ferroviari e condizioni di accesso ai treni (Allegato 2) servizi offerti a bordo e assistenza all uso delle dotazioni per il trasporto in sicurezza (postazioni attrezzate); possibilità di spostamenti con il treno sulle relazioni di viaggio previste dall orario ufficiale, nei limiti di accessibilità dei treni e delle stazioni; Su richiesta della persona con disabilità o a mobilità ridotta, TRENORD, in caso di mancata possibilità di trasporto o di richiesta di accompagnamento, invierà comunicazione per iscritto, entro 5 giorni, sulle ragioni dell adozione di tali decisioni. L elenco delle corse, linee e delle stazioni accessibili e la legenda relativa alle caratteristiche tecniche di accessibilità in autonomia o con assistenza, sono pubblicate nell Orario Ufficiale e nell apposita sezione informativa del sito internet dedicata alle persone con disabilità e/o a mobilità ridotta. Per le località in cui sono presenti barriere architettoniche e/o non sia previsto il servizio di assistenza vengono rese note le stazioni attrezzate più vicine. ART. 45 ACCESSIBILITÀ TRENORD garantisce l accessibilità al servizio ferroviario regionale. Le condizioni necessarie per consentire la fruibilità del servizio sono: l accessibilità al treno richiesto in termini di: a) idoneità delle stazioni di partenza, b) idoneità del treno c) idoneità della stazione di arrivo le condizioni di sicurezza per il trasporto delle persone con disabilità, secondo quanto previsto dall art. 25 del D.p.r. n. 503/1996. Anche in mancanza di personale di accompagnamento dedicato, Trenord compirà tutti gli sforzi ragionevoli per consentire alle persone con disabilità o a mobilità ridotta di avere accesso al trasporto ferroviario. Nelle stazioni con varchi elettronici i passeggeri con disabilità o a mobilità ridotta devono utilizzare il varco appositamente predisposto, generalmente ai lati dell atrio, convalidare il titolo di viaggio e accedervi quando sarà completamente aperto. ART. 46 ASSISTENZA NELLE STAZIONI E A BORDO TRENORD, ove possibile, fornisce assistenza prima, durante e dopo il viaggio e assicura l accessibilità ai treni alle persone con disabilità e/o a mobilità ridotta. La suddetta assistenza è erogata gratuitamente. In particolare, l assistenza prevede tutti gli sforzi ragionevoli effettuati qualora la gravità della disabilità o della riduzione di mobilità della persona in questione non le consenta di usufruire del servizio ferroviario in modo autonomo e sicuro. ART. 47 CONDIZIONI DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA Per usufruire del servizio di assistenza è necessario notificare la richiesta a TRENORD con almeno 48 ore di anticipo rispetto alla partenza del treno al numero verde ( che sarà attivo dal 1 luglio 2015 e comunicato sul sito Nei giorni feriali la notifica e la richiesta di informazioni sul servizio può essere effettuata anche via mail al seguente indirizzo: trenord.it. In assenza di notifica, TRENORD compie ogni ragionevole sforzo per fornire l assistenza necessaria alle persone con disabilità e o a mobilità ridotta per poter viaggiare. Per consentire alle persone con disabilità o a mobilità ridotta la fruibilità del trasporto ferroviario, TRENORD, in determinate condizioni, ovvero quando non vengano soddisfatte le condizioni di accesso previste dal precedente art. 45, può richiedere che lo stesso sia accompagnato da una persona in grado di fornirgli l assistenza necessaria. Nel caso di impossibilità del trasporto o nel caso in cui pervenga la richiesta di presenza di un accompagnatore, TRENORD fornisce la risposta scritta con le motivazioni entro le 24 ore successive alla richiesta. ART. 48 RESPONSABILITÀ PER LA SICUREZZA IN VIAGGIO DELLE PERSONE CON DISABILITÀ L accesso ai passeggeri con disabilità e a mobilità ridotta provvisti di sedia a rotelle è consentito in numero pari alle postazioni attrezzate per il trasporto, salvo eventuali altre limitazioni riguardanti la tratta percorsa. Se non sono previste postazioni attrezzate, è ammessa la presenza di un solo passeggero con disabilità e a mobilità ridotta provvisto di sedia a rotelle e/o accompagnatore a seguito. Il trasporto è comunque garantito tra due località attrezzate per l accesso autonomo o assistito. La presenza di un numero di passeggeri con disabilità e/o a mobilità ridotta provvisti di sedia a rotelle, superiore al numero delle postazioni attrezzate per treno, per esempio in caso di gruppi/comitive con accompagnatori è consentito solo a seguito di esplicita autorizzazione di TRENORD.

162 162 Bollettino Ufficiale ART. 49 LE AGEVOLAZIONI TARIFFARIE PREVISTE Sui servizi ferroviari Trenord, le persone con disabilità e/o a mobilità ridotta e i loro accompagnatori - dove previsti, possono usufruire della Carta Regionale dei Trasporti (CRT) dal 1 gennaio 2015 denominata IVOL agevolata, istituita e rilasciata ai passeggeri residenti in Lombardia dalla Regione, le cui informazioni di dettaglio sono reperibili sul sito internet della stessa. TRENORD riconosce valida per l acquisto di titoli del sistema tariffario regionale e per l accesso ai propri servizi anche la Carta Blu di Trenitalia, tessera gratuita nominativa, con validità non superiore ai 5 anni, riservata ai titolari dell indennità di accompagnamento (Legge n. 18/80 e successive modificazioni ed integrazioni) e ai titolari di indennità di comunicazione (Legge n. 381/1970) residenti in Italia. La Carta consente al titolare l acquisto di un unico biglietto al prezzo intero previsto per il treno utilizzato, valido per sé e per il proprio accompagnatore. Il biglietto deve essere esibito al personale addetto al controllo unitamente alla suddetta Carta e ad un documento di riconoscimento personale. I passeggeri disabili e/o a mobilità ridotta possono provvedere all acquisto, prolungo percorso e modifica di itinerario, nonché alla convalida del titolo di viaggio a bordo, per sé e/o per il proprio accompagnatore, senza sovrapprezzo e senza l obbligo di presentarsi al personale addetto al controllo. CAPITOLO 8. IL TRASPORTO PER LE PERSONE CHE VIAGGIANO IN COMITIVA ART. 50 COME ACCEDERE AL SERVIZIO DI TRASPORTO TRENORD concede condizioni tariffarie particolari a gruppi di almeno 10 persone che viaggiano insieme, sullo stesso percorso e nella medesima classe, esclusi i treni per i quali in Orario Ufficiale è indicata la nota di non ammissibilità. ART. 51 LE AGEVOLAZIONI TARIFFARIE PREVISTE Alle comitive si applica lo sconto del 20% sulle tariffe valide nell ambito del sistema tariffario regionale, nel rispetto della tariffa minima esistente. Le comitive formate da ragazzi con età fino ai 14 anni non compiuti fruiscono della tariffa ragazzi pari al 50% delle tariffe valide nell ambito del sistema tariffario regionale. Le riduzioni applicate alle tariffe non possono in nessun caso essere inferiori alla tariffa minima esistente. Non sono concesse gratuità, eccezione fatta per l accompagnatore della persona con disabilità o a mobilità ridotta (un accompagnatore per persona). I biglietti per comitive sono validi esclusivamente per viaggiare sui treni individuati in accordo con i richiedenti e seguono le stesse norme di utilizzo dei biglietti di corsa semplice indicate nelle presenti Condizioni Generali di Trasporto. ART. 52 LA PROCEDURA DI PRENOTAZIONE La richiesta di prenotazione del viaggio in comitiva deve avvenire almeno 5 giorni lavorativi (feriali) prima dell effettuazione del viaggio, tramite l apposito modulo richiesta comitive disponibile sul sito nell apposita sezione, che va compilato e inviato: 1. via FAX al numero via posta elettronica all indirizzo (tale indirizzo può essere altresì utilizzato per la richiesta di informazioni sul servizio). La prenotazione dà diritto all emissione di biglietti a tariffa agevolata per comitive, alle gratuità per gli accompagnatori di persone con disabilità, nonché all ammissione a bordo sui treni richiesti. A seguito della prenotazione effettuata, il referente della comitiva effettuerà il pagamento dei biglietti tramite bonifico bancario o direttamente presso la biglietteria concordata durante le operazioni di prenotazione. Il referente della comitiva è responsabile del contegno tenuto dai passeggeri, nonché del loro comportamento generale, ed è tenuto ad assicurarsi, tra l altro, che non vengano sporti dalle vetture bandiere, stendardi, cartelli e simili. L organizzatore della comitiva risponde in solido con i componenti della comitiva delle somme dovute a TRENORD in caso di erronea tassazione, di irregolarità, abusi e danni al materiale ferroviario ed agli impianti. Per i viaggi in comitiva, nel caso in cui, una volta confermata la prenotazione di un viaggio, venga proclamato uno sciopero o sia prevista una interruzione/limitazione del servizio per lavori sull infrastruttura, TRENORD contatterà il referente della comitiva per la riprogrammazione del viaggio o per il rimborso del prezzo totale dei titoli. Per quanto sopra non riportato si rimanda alla disciplina prevista dalle leggi in materia. CAPITOLO 9. IL TRASPORTO PER LE PERSONE CHE VIAGGIANO CON LA BICICLETTA ART. 53 COME ACCEDERE AL SERVIZIO DI TRASPORTO Sui treni e servizi di TRENORD nelle modalità espressamente indicate nell Orario Ufficiale è possibile trasportare le biciclette solo ed esclusivamente all interno dei vestiboli o negli appositi spazi laddove disponibili: Sui treni su cui non siano presenti specifiche vetture per il trasporto di biciclette, è possibile caricare un massimo di 5 biciclette per carrozza (una per passeggero e comunque di lunghezza non superiore a 2 metri). Nei casi di particolare affollamento (per ridotto numero di posti offerti, ritardi, soppressioni, eventi speciali) è facoltà del personale addetto al controllo limitare l accesso delle biciclette, anche nell ipotesi in cui il treno da orario ne preveda il trasporto. Il passeggero deve effettuare personalmente le operazioni di carico e scarico della biciclette ed è responsabile della custodia e degli eventuali danni causati alla propria ed alle altrui biciclette, al personale e al materiale di TRENORD, nonché a terzi. In occasione di giornate e manifestazioni particolari TRENORD si riserva di emanare specifiche deroghe al numero di biciclette e alle modalità di trasporto a bordo dei treni tramite apposita comunicazione al pubblico secondo le modalità previste all art. 6. Le biciclette al seguito del passeggero, se debitamente imballate o racchiuse nell apposita sacca o le biciclette pieghevoli che, chiuse o non chiuse, non superino le dimensioni di cm 80*110*40, ed occupino lo spazio di un comune bagaglio a mano, senza costituire intralcio per gli altri passeggeri, sono da considerarsi a tutti gli effetti come bagaglio a mano e non necessitano di supplemento di biglietto.

163 Bollettino Ufficiale 163 I gruppi di almeno 10 persone che intendono trasportare altrettante biciclette devono fare esplicita richiesta a TRENORD, nel rispetto della procedura prevista all art. 52 delle presenti Condizioni Generali di Trasporto. Senza l autorizzazione di TRENORD il trasporto delle biciclette per i gruppi non è ammesso. Il trasporto delle biciclette al seguito del passeggero non è ammesso per il servizio automobilistico sostitutivo presente nell orario ufficiale. Nell ipotesi in cui TRENORD predisponga un servizio sostitutivo, a fronte di una anormalità nella circolazione ferroviaria, il servizio non è garantito. Nelle stazioni con varchi elettronici i passeggeri con biciclette al seguito devono utilizzare il varco appositamente predisposto, generalmente ai lati dell atrio, convalidare il titolo di viaggio e accedervi quando sarà completamente aperto. ART. 54 LE TARIFFE PREVISTE Per il trasporto delle biciclette deve essere acquistato il biglietto supplemento biciclette, salvo promozioni in corso, utilizzabile su tutti i treni che effettuano servizi di trasporto nell ambito del sistema tariffario regionale e valido per un numero illimitato di corse, nelle 24 ore successive alla prima convalida. Il passeggero può utilizzare anche un abbonamento biciclette annuale dedicato, valido per un anno dall emissione ed utilizzabile per il trasporto della biciclette sui treni indicati da Orario Ufficiale che effettuano il servizio nell ambito del sistema tariffario regionale incluse le estensioni regionali. In alternativa al biglietto di supplemento, il passeggero, nel caso in cui riscontri un vantaggio potrà utilizzare per il trasporto della biciclette un biglietto a tariffa ordinaria di seconda classe avente le medesime caratteristiche del biglietto in proprio possesso. Nell ambito urbano ferroviario milanese per quanto attiene al trasporto biciclette valgono le Condizioni Generali di Trasporto del vettore urbano pertanto il passeggero con biciclette al seguito dovrà munirsi di solo titolo di viaggio urbano in quanto la biciclette è trasportata gratuitamente. CAPITOLO 13. IL TRASPORTO PER LE PERSONE CHE VIAGGIANO CON ANIMALI ART. 55 COME ACCEDERE AL SERVIZIO DI TRASPORTO È ammesso il trasporto gratuito di cani, gatti ed altri piccoli animali domestici in analogia a quanto disciplinato dall art del Codice Civile (massimo uno per persona), in 1ª e 2ª classe, custoditi nell apposito contenitore di dimensioni non superiori a cm 70x30x50 e tale da escludere lesioni o danni sia ai passeggeri che alle vetture. Il trasporto di un cane di qualsiasi taglia al guinzaglio è ammesso, previo pagamento della tariffa di riferimento, se l animale è provvisto di museruola e se in possesso del certificato di iscrizione all anagrafe canina. Il suddetto trasporto è ammesso sulla piattaforma con la sola esclusione delle fasce orarie dalle 7 alle 9.30 e dalle alle dei giorni feriali dal lunedì al venerdì quando il trasporto è vietato. Le fasce orarie non si applicano ai cani al seguito di passeggeri con carta d imbarco, su treni MXP diretti o provenienti dall aeroporto. I cani guida in accompagnamento ai passeggeri non vedenti viaggiano, senza le limitazioni di cui al presente articolo. In nessun caso gli animali ammessi nelle carrozze possono occupare posti destinati ai passeggeri e non possono quindi sostare sui sedili. Qualora rechino disturbo agli altri passeggeri l accompagnatore dell animale, su indicazione del personale addetto al controllo, è tenuto ad occupare altro posto eventualmente disponibile o a scendere dal treno. L accompagnatore dell animale ha l obbligo di provvedere alla sorveglianza ed è responsabile di tutti i danni eventualmente prodotti dall animale stesso. È vietato il trasporto di animali non domestici in analogia a quanto disciplinato dall art del Codice Civile. ART. 56 LE TARIFFE PREVISTE Per il trasporto dell animale il passeggero dovrà acquistare apposito biglietto a tariffa ordinaria di seconda classe scontata del 50% o a tariffa urbana qualora viaggi sui treni nell area urbana di Milano. I cani guida in accompagnamento ai passeggeri non vedenti viaggiano gratuitamente. CAPITOLO 10. IL TRASPORTO PER LE PERSONE CHE VIAGGIANO CON BAGAGLI E CON PASSEGGINI E CARROZZINE ART. 57 IL TRASPORTO PER LE PERSONE CHE VIAGGIANO CON BAGAGLI Il passeggero può portare con sé gratuitamente bagagli di dimensione non superiore a cm. 80x110x40, a condizione che non contengano sostanze maleodoranti, nocive o pericolose (ai sensi del Regolamento in materia di trasporti internazionali per ferrovia delle merci pericolose - RID - e delle leggi e regolamenti nazionali vigenti), che siano posti negli spazi messi a disposizione sul treno, che non rechino disturbo o danno agli altri passeggeri, che non ostacolino le attività di servizio del personale addetto al controllo e che non danneggino le vetture. Possono inoltre essere considerate bagaglio le sostanze e gli articoli confezionati per la vendita al dettaglio e destinati ad uso personale e/o domestico, per esigenze sanitarie o per attività sportive o di svago. Non sono ammessi al trasporto materiali o macchinari che possano prevedere nella loro struttura o durante il loro funzionamento sostanze pericolose. TRENORD non effettua il servizio di spedizione bagagli. ART. 58 IL TRASPORTO PER LE PERSONE CHE VIAGGIANO CON PASSEGGINI E CARROZZINE Il passeggero può portare con sé gratuitamente passeggini e carrozzine e deve collocarli in posizione tale da non creare intralcio agli altri passeggeri. Durante il viaggio è obbligatorio bloccare le ruote dei passeggini e delle carrozzine con i freni e provvedere alla loro custodia, per evitare spostamenti o cadute in caso di brusche frenate. Qualora il treno sia particolarmente affollato il passeggero deve chiudere il telaio del passeggino o della carrozzina e tenere in braccio o per mano il bambino. Nelle stazioni con varchi elettronici i passeggeri con carrozzine e passeggini devono utilizzare il varco appositamente predisposto, generalmente ai lati dell atrio, convalidare il titolo di viaggio e accedervi quando sarà completamente aperto.

164 164 Bollettino Ufficiale SEZIONE 4: OBBLIGHI E RESPONSABILITÀ DI TRENORD E DEL PASSEGGERO CAPITOLO 11. GLI OBBLIGHI DEL PASSEGGERO ART. 59 ACQUISIZIONE DELLE INFORMAZIONI SUL SERVIZIO Il passeggero, prima di acquistare il titolo di viaggio e in ogni caso prima di intraprendere il viaggio, deve informarsi sull esistenza di possibili variazioni e modifiche della circolazione secondo le modalità previste e descritte agli art. 6 e segg. delle presenti Condizioni Generali di Trasporto. Con riferimento agli scioperi del personale o delle società che gestiscono le reti ferroviarie oppure in relazione alle avverse condizioni atmosferiche il passeggero sarà considerato informato anche qualora le suddette circostanze siano state rese note tramite i canali informativi previsti dai precedenti art. 6 e segg. In particolare nei casi di sciopero l informazione deve avvenire nei modi e nelle forme previste dalla Legge n. 146/90 e s. m. i. ART. 60 COMPORTAMENTO DEI PASSEGGERI E DEL PUBBLICO IN GENERE NELL AMBITO FERROVIARIO ED IN PROSSIMITÀ DELLO STESSO Chiunque si serva del servizio ferroviario regionale deve: osservare ed uniformarsi alle avvertenze, inviti e disposizioni di TRENORD e del personale addetto, nonché a quanto previsto dal D.P.R. n. 753/1980, con riferimento alla regolarità amministrativa e funzionale, nonché all ordine e sicurezza dell esercizio; presentarsi sulla banchina di partenza del treno con adeguato anticipo rispetto all orario previsto di partenza; usare le precauzioni necessarie e vigilare, per quanto da lui dipenda, sulla sicurezza ed incolumità proprie, delle persone e degli animali che sono sotto la sua custodia, nonché sulla sicurezza delle proprie cose; durante l attesa dei treni in banchina, tenersi ad una distanza di sicurezza dai binari non inferiore a quanto segnalato dalle apposite linee gialle; astenersi dall aprire le porte, salire in treno o discenderne in caso di fermate in stazioni non risultanti dall orario ufficiale o di fermate fuori dalla stazione. I passeggeri in casi eccezionali potranno scendere dal treno soltanto se prescritto dal personale in accompagnamento al treno e seguendo comunque le disposizioni date da questi. È altresì vietato salire o scendere dal treno in movimento; evitare di servirsi dei servizi igienici durante la sosta dei treni nelle stazioni, né sostare nei passaggi di intercomunicazione dei treni; utilizzare i telefoni cellulari a bordo dei treni, solo se la suoneria del cellulare e il tono di voce non recano disturbo agli altri passeggeri; provvedere al pagamento di eventuali somme riferite all elevazione di sanzioni o relative alla regolarizzazione a bordo, se ammessa, richieste dal personale addetto al controllo; risarcire, senza pregiudizio delle pene comminate dalle leggi e dai decreti in vigore, tutti i danni che cagioni a TRENORD ed al suo personale e, se i danni sono arrecati a cose per la cui sostituzione o riparazione TRENORD abbia stabilito una tariffa, pagare l indennità in base ai prezzi della tariffa stessa. Salvo quanto previsto dalla Legge Regionale n. 6/2012 e s.m.i., nonché nei successivi articoli, i trasgressori sono soggetti alle sanzioni amministrative di cui al D.P.R. n.753/1980. s.m.i. TRENORD non risponde delle conseguenze derivanti dall inosservanza di quanto previsto nelle disposizioni di cui sopra. ART. 61 DIVIETO DI APERTURA DI PORTE ESTERNE E FINESTRINI DEI TRENI È vietato accedere agli spazi non adibiti al servizio passeggeri, salvo i casi ammessi da TRENORD. È vietato aprire le porte esterne dei veicoli e salire o discendere dagli stessi quando non sono completamente fermi, salire o discendere dalla parte opposta a quella stabilita per il servizio passeggeri o da aperture diverse da quelle destinate. (art. 25 DPR n. 753/1980 s.m.i.). I trasgressori delle suddette disposizioni sono soggetti ad una sanzione in misura ridotta, ai sensi dell art. 16 L. 689/1981, pari ad euro 16,67 se il pagamento avviene contestualmente od entro 60 giorni dalla data di notificazione della medesima. Decorso il suddetto termine senza che il pagamento sia stato effettuato si provvederà ad emettere ordinanza d ingiunzione con applicazione di una sanzione pari ad euro 50,00 oltre le spese di notifica. È vietato aprire i finestrini dei veicoli senza l assenso di tutti i passeggeri interessati. ART. 62 DISPOSITIVI DI EMERGENZA È vietato azionare, salvo in caso di grave ed incombente pericolo, i freni di emergenza, i segnali di allarme, i comandi per l apertura di emergenza delle porte, asportare estintori e/o martelletti frangi vetro e manomettere qualsiasi altro dispositivo di emergenza installato nei veicoli e come tale evidenziato (art. 26 DPR n. 753/1980 s.m.i.). I trasgressori sono soggetti al pagamento di una sanzione in misura ridotta, ai sensi dell art. 16 della L. 689/1981, pari ad euro 516,00 se il pagamento avviene contestualmente od entro 60 giorni dalla data di notificazione della medesima. Decorso il suddetto termine senza che il pagamento sia stato effettuato si provvederà ad emettere ordinanza d ingiunzione con applicazione di una sanzione pari ad euro 1549,00 oltre alle spese di notifica. ART. 63 DIVIETO DI LANCIARE OGGETTI DAI TRENI È vietato gettare dai veicoli qualsiasi oggetto (art. 27 DPR n. 753/1980 s.m.i.). I trasgressori della suddetta disposizione sono soggetti al pagamento di una sanzione in misura ridotta, ai sensi dell art. 16 della L. 689/1981, pari ad euro 16,67 se il pagamento avviene contestualmente od entro 60 giorni dalla data di notificazione della medesima. Decorso il suddetto termine senza che il pagamento sia stato effettuato si provvederà ad emettere ordinanza d ingiunzione con applicazione di una sanzione pari ad euro 50,00 oltre alle spese di notifica. Ove il fatto avvenga con il veicolo in movimento, i trasgressori sono puniti con l ammenda prevista da 25,00 Euro a 258,00 Euro o con l arresto fino a due mesi (art. 27 terzo comma D.P.R.753/1980). Fatta salva l eventuale responsabilità penale, i trasgressori rispondono altresì dei danni eventualmente arrecati a TRENORD o a terzi.

165 Bollettino Ufficiale 165 ART. 64 PERSONE ESCLUSE DALLE STAZIONI O DAI TRENI Alle persone non espressamente autorizzate dall Azienda è vietato svolgere nelle stazioni o sui treni l attività di venditore di beni e/o servizi (quali, a titolo non esaustivo, oggetti di qualunque tipo, promozione pubblicitaria, trasporto bagaglio del passeggero, effettuazione di sondaggi di opinione) o, di cantante, suonatore o simili e di fare raccolta di fondi a qualunque titolo (art. 30 DPR n. 753/1980 s.m.i.). I trasgressori sono allontanati dagli impianti previo ritiro, se del caso, del titolo di viaggio senza il diritto ad alcun rimborso e sono soggetti al pagamento di una sanzione in misura ridotta, ai sensi dell art. 16 L. 689/1981, pari ad euro 16,67 se il pagamento avviene contestualmente od entro 60 giorni dalla data di notificazione della medesima. Decorso il suddetto termine senza che il pagamento sia stato effettuato si provvederà ad emettere ordinanza d ingiunzione con applicazione di una sanzione pari ad euro 50,00 oltre alle spese di notifica. Ove l attività di vendita di beni avvenga, senza la prescritta autorizzazione della Società, con il concorso di più persone, i trasgressori sono soggetti ai sensi dell art. 30 comma 4 del DPR 753/1980 e s.m.i. ad una sanzione in misura ridotta, in applicazione dell art. 16 L. 689/1981, pari ad euro 516,00 se il pagamento avviene contestualmente od entro 60 giorni dalla data di notificazione della medesima. Decorso il suddetto termine senza che il pagamento sia stato effettuato si provvederà ad emettere ordinanza d ingiunzione con applicazione di una sanzione pari ad euro 1.549,00 oltre alle spese di notifica. È proibito, inoltre, viaggiare sui treni o accedere alle stazioni a chiunque: si trovi in stato di ubriachezza ovvero sotto effetto di sostanze psicotrope e stupefacenti; offenda la pubblica decenza; sia causa di scandalo o di disturbo agli altri passeggeri o non ottemperi le prescrizioni d ordine o di sicurezza del servizio. I trasgressori possono essere esclusi dai treni senza diritto ad alcun rimborso per il percorso ancora da effettuare, ovvero allontanati dalle stazioni; qualora i medesimi non ottemperino alle prescrizioni d ordine del personale addetto al controllo sono assoggettati ai sensi degli artt. 31 e 17 del DPR 753/1980 e s.m.i. ad una sanzione in misura ridotta, in applicazione dell art. 16 della L. 689/1981, pari ad euro 16,67 se il pagamento avviene contestualmente od entro 60 giorni dalla data di notificazione della medesima. Decorso il suddetto termine senza che il pagamento sia stato effettuato si provvederà ad emettere ordinanza d ingiunzione con applicazione di una sanzione pari ad euro 50,00 oltre alle spese di notifica. Le persone malate o ferite che possano arrecare danno agli altri passeggeri possono essere escluse dai treni e dai veicoli nonché dai locali delle stazioni, salvo il caso in cui il trasporto di queste persone possa avere luogo, prendendo posto, sotto custodia, in veicoli o compartimenti riservati. Fanno eccezione le persone di cui alla Legge 30 marzo 1971, n.118, gli invalidi per causa di guerra, di lavoro e di servizio, nonché i non vedenti o non udenti. È possibile proibire l utilizzo del servizio di trasporto alle persone che per età, condizioni fisiche o per manifesta incapacità ad utilizzare correttamente i servizi stessi, possano arrecare danno a sé o agli altri ovvero ai veicoli o agli impianti (art. 32D.P.R.753/1980 s.m.i.). ART. 65 DIVIETO DI FUMO Nelle aree di attesa, nei locali chiusi delle stazioni e in ogni luogo in cui sia espressamente indicato il divieto di fumare e sui veicoli ferroviari è vietato fumare, ai sensi dell art. 51 della L. 3/2003. I contravventori sono soggetti ad una sanzione in misura ridotta, ai sensi dell art. 16 L. 689/1981, pari ad euro 55,00 se il pagamento avviene contestualmente od entro 60 giorni dalla data di notificazione della medesima. Decorso il suddetto termine senza che il pagamento sia stato effettuato si provvederà ad emettere ordinanza d ingiunzione con applicazione di una sanzione pari ad euro 275,00 oltre alle spese di notifica. L importo minimo e massimo della sanzione è raddoppiato qualora la violazione sia commessa in presenza di una donna in evidente stato di gravidanza o in presenza di lattanti o bambini fino ai 12 anni. In tale caso l importo della sanzione in misura ridotta è pari ad euro 110,00 se il pagamento avviene contestualmente od entro 60 giorni dalla data di notificazione della medesima. Decorso il suddetto termine senza che il pagamento sia stato effettuato si provvederà ad emettere ordinanza d ingiunzione con applicazione di una sanzione pari ad euro 550,00 oltre alle spese di notifica. ART. 66 DIVIETO DI DANNEGGIARE, DETERIORARE, INSUDICIARE BENI AZIENDALI Chiunque danneggi, deteriori o insudici i veicoli, i locali o gli ambienti della ferrovia, nonché i loro arredi o accessori, è soggetto ai sensi dell art. 29 del DPR 753/1980 e s.m.i. ad una sanzione in misura ridotta, in applicazione dell art. 16 L. 689/1981, pari ad euro 16,67 se il pagamento avviene contestualmente od entro 60 giorni dalla data di notificazione della medesima. Decorso il suddetto termine senza che il pagamento sia stato effettuato si provvederà ad emettere ordinanza d ingiunzione con applicazione di una sanzione pari ad euro 50,00 oltre alle spese di notifica. In aggiunta alla suddetta sanzione si procederà alla richiesta del risarcimento del danno arrecato. La sanzione non si applica quando gli atti vengono compiuti da chi è colto da improvviso malore, fermo restando l obbligo del risarcimento dell eventuale danno arrecato (art. 29 D.P.R.753/1980 s.m.i.). ART. 67 DIVIETO DI PORTARE ARMI DA FUOCO È vietato portare con sé sui treni armi da fuoco cariche e non smontate. Le munizioni di dotazione devono essere tenute negli appositi contenitori e accuratamente custodite. Il divieto non è applicabile agli agenti della forza pubblica nonché agli addetti alla sorveglianza in ambito ferroviario (art. 33 DPR 753/1980 s.m.i.). I trasgressori sono soggetti ad una sanzione in misura ridotta, in applicazione dell art. 16 L. 689/1981, pari ad euro 77,33 se il pagamento avviene contestualmente od entro 60 giorni dalla data di notificazione della medesima. Decorso il suddetto termine senza che il pagamento sia stato effettuato si provvederà ad emettere ordinanza d ingiunzione con applicazione di una sanzione pari ad euro 232,00 oltre alle spese di notifica.

166 166 Bollettino Ufficiale ART. 68 DENUNCIA DI TRASPORTO DI MERCI PERICOLOSE E NOCIVE È vietato il trasporto di merci pericolose e nocive, definite tali dal Regolamento concernente il trasporto internazionale di merci pericolose per ferrovie (RID) di cui all Allegato 1 dell appendice C della Convenzione sui trasporti internazionali per ferrovia (COTIF), salvo regolare autorizzazione del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti ai sensi dell art. 35 del DPR 753/1980 s.m.i. Chiunque senza regolare autorizzazione, quando sia prescritta, trasporti o presenti al trasporto merci pericolose, ovvero non rispetti le condizioni imposte, a tutela della sicurezza, negli stessi provvedimenti di autorizzazione è punito con l ammenda da Euro a Euro e l arresto fino a sei mesi (art. 35 comma 8 del DPR.753/1980 s.m.i.). ART. 69 AZIONI CONTRO TRENORD Soltanto il passeggero in possesso di un titolo di viaggio valido ha diritto di avanzare contro Trenord azioni per le casistiche previste dalla normativa vigente. CAPITOLO 13. GLI OBBLIGHI E LE RESPONSABILITÀ DI TRENORD ART. 70 RESPONSABILITÀ PER RITARDI, SOPPRESSIONI, INTERRUZIONI DI LINEA E MANCATE CORRISPONDENZE La responsabilità per ritardi, soppressioni, interruzioni di linea e mancate corrispondenze è disciplinata dal Regolamento CE n. 1371/2007 recante: Diritti ed obblighi dei passeggeri nel trasporto ferroviario In particolare, ai sensi e alle condizioni di cui al citato Regolamento, il passeggero avrà diritto a rimborsi, itinerari alternativi, indennità per il prezzo del biglietto ed assistenza, siccome disciplinati negli articoli delle Sezioni 6 e 7 delle presenti Condizioni Generali. Maggiori dettagli sono riportati agli artt. 99 e seguenti. ART. 71 RESPONSABILITÀ PER IL COMPORTAMENTO DEL PERSONALE FERROVIARIO TRENORD non risponde dell operato del proprio personale e delle altre persone di cui si serve per eseguire il trasporto quando operino dietro richiesta del passeggero per prestazioni che non competono a TRENORD stessa o quando operino al di fuori delle mansioni loro attribuite dalla legge, dai regolamenti, da ordini di servizio ovvero da contratto di lavoro. ART. 72 RESPONSABILITÀ PER INOSSERVANZA DELLE PRESCRIZIONI DI POLIZIA, DOGANA, SANITÀ E SIMILI TRENORD non risponde delle conseguenze derivanti dall inosservanza, da parte del passeggero, delle prescrizioni degli Agenti ferroviari in materia di polizia, sicurezza e regolarità dell esercizio con particolare riferimento al DPR 753/1980, nonché quelle degli Agenti di polizia, dogana, sanità e simili. ART. 73 RESPONSABILITÀ PER DANNO 1) Ai bagagli e animali Le cose e gli animali ammessi al trasporto restano esclusivamente sotto la custodia del passeggero. TRENORD risponde nei casi di perdita totale o parziale o danni durante il viaggio a seguito di incidente se delle conseguenze dell incidente TRENORD stessa è tenuta a rispondere, ovvero nel caso in cui la perdita o danno sia dovuta a colpa di TRENORD. Agli effetti della responsabilità, TRENORD non risponde degli oggetti di valore eventualmente contenuti nei bagagli (ad esempio, numerario, carte valori, oggetti d arte e di antichità, oggetti preziosi ed assimilati). 2) Alle attrezzature mobili delle persone con disabilità TRENORD, risarcirà integralmente il valore pecuniario del danno riportato alle attrezzature per la mobilità o altre attrezzature specifiche per le persone con disabilità o a mobilità ridotta per propria responsabilità ai sensi dell art. 25 del Regolamento CE n. 1371/ ) Alle biciclette TRENORD non si assume responsabilità per la custodia delle biciclette caricate sul treno e non risponde per eventuali danni che venissero rilevati alle stesse per fatto ad essa non imputabile. TRENORD, nel caso in cui dall incidente a essa imputabile derivi la distruzione o lo smarrimento, della biciclette, corrisponde, su richiesta del passeggero un importo sino ad un massimo di 200,00 Euro a bicicletta, fatta salva la dimostrazione di un maggior danno. 4) Alle persone Se il passeggero subisce un danno alla propria persona causato da un incidente che sia in relazione con l esercizio ferroviario, TRE- NORD ne risponde ai sensi degli art. 11 e segg. del Regolamento (CE) 1371/2007, salvo gli esoneri di cui all art. 26 dell Allegato 1 del soprarichiamato Regolamento. Il passeggero deve far immediatamente constatare il danno, a seconda delle circostanze in cui lo stesso è avvenuto (a bordo o in stazione), al personale addetto al controllo. In caso di decesso o lesioni di un passeggero, TRENORD effettua, senza indugio e in ogni caso entro quindici giorni dall identificazione della persona fisica avente diritto al risarcimento, i pagamenti anticipati eventualmente necessari per soddisfare le immediate necessità economiche proporzionalmente al danno subito, ai sensi dell art. 13 del Reg. (CE) 1371/2007. Senza pregiudizio del precedente comma, un pagamento anticipato non è inferiore a ,00 Euro per passeggero in caso di decesso. Un pagamento anticipato non costituisce riconoscimento di responsabilità e può essere detratto da qualsiasi ulteriore importo dovuto sulla base del Regolamento sopracitato, ma non è retribuibile, salvo nei casi in cui il danno è dovuto a negligenza o errore del passeggero o quando il beneficiario del pagamento anticipato non è la persona avente diritto al risarcimento. ART. 74 ACCERTAMENTO SANITARIO DEI DANNI ALLE PERSONE Nel caso di danno alla persona del passeggero, constatato dagli Agenti ferroviari nel corso del trasporto, o in qualunque momento ad essi denunciato, TRENORD ha la facoltà di sottoporre il danneggiato ad un accertamento sanitario obiettivo in merito alla sussistenza ed entità delle lesioni apparenti. Il sanitario incaricato redige regolare referto, di cui il danneggiato può richiedere copia.

167 Bollettino Ufficiale 167 ART. 75 RESPONSABILITÀ IN CASO DI INCIDENTI NUCLEARI Per danni conseguenti ad un incidente nucleare, da qualunque causa determinato, si applicano le disposizioni di cui all art. 50 dell Allegato 1 richiamato dall art. 11 del Reg. (CE) N. 1371/2007 e dalla legge 31 dicembre 1962, n.1860 e del Decreto del Presidente della Repubblica 10 maggio 1975, n.519. ART. 76 AZIONI LEGALI 1) Termini e decorrenza della prescrizione delle azioni 1. Le azioni derivanti dal Contratto di Trasporto sono regolate dall art. 60 dell Allegato 1 richiamato dall art. 11 del Reg. (CE) N. 1371/2007. Pertanto, le azioni di risarcimento danni, fondate sulla responsabilità del trasportatore in caso di morte o di ferimento di passeggeri, si prescrivono: a. per il passeggero, in tre anni a decorrere dal giorno successivo a quello dell incidente; b. per gli altri aventi diritto, in tre anni a decorrere dal giorno successivo a quello del decesso del passeggero, purché questo termine non oltrepassi il limite di cinque anni a decorrere dal giorno successivo a quello dell incidente. 2. Le altre azioni originate dal Contratto di Trasporto si prescrivono in un anno. Tuttavia la prescrizione è di due anni se si tratta di un azione per un danno che derivi da un atto o da un omissione commessi o con l intento di provocare tale danno, o temerariamente e con la consapevolezza che un tale danno ne sarebbe probabilmente potuto derivare. 3. La prescrizione prevista al punto 2 decorre per l azione: a. d indennità per perdita totale, dal quattordicesimo giorno successivo alla scadenza del termine previsto all articolo 22, paragrafo 3 dell Allegato I al Reg. (CE) n. 1371/2007; b. d indennità per perdita parziale, avaria o ritardo nella riconsegna, dal giorno in cui la consegna è stata effettuata; c. in tutti gli altri casi concernenti il trasporto dei passeggeri: dal giorno di scadenza di validità del titolo di trasporto. Il giorno indicato come inizio della prescrizione non è mai compreso nel computo dei termini. 2) Contestazione della responsabilità Anche se TRENORD contesta la sua responsabilità in ordine alle lesioni fisiche causate ad un passeggero che ha trasportato, essa compie ogni ragionevole sforzo per prestare assistenza ad un passeggero che avvii un azione per risarcimento danni contro terzi. ART. 77 ASSICURAZIONE Nel rispetto della normativa in vigore ed in conformità con quanto disposto dall art.12 del Regolamento (CE) n. 1371/2007, TRENORD garantisce di essere adeguatamente assicurata, nonché di aver sottoscritto intese equivalenti ai fini della copertura delle responsabilità che le incombono in virtù del suddetto Regolamento. SEZIONE 5: LE SANZIONI CAPITOLO 14. LE FATTISPECIE PREVISTE ART. 78 TITOLO DI VIAGGIO NON VALIDO O PASSEGGERO SPROVVISTO DI TITOLO DI VIAGGIO (ART. 46 L.R. N. 6/2012 S.M.I.) Il passeggero che in corso di viaggio o in arrivo nelle stazioni, risulti essere: sprovvisto dei titoli di viaggio richiesti (compresa l impossibilità di esibire la prova dell acquisto del biglietto elettronico o il documento di identità o di riconoscimento che attesti la validità del titolo in caso di titoli nominativi non cedibili privi di foto); in possesso di un titolo di viaggio non convalidato o convalidato in modo irregolare, ovvero nei casi di pluritimbratura con date ed orari non coincidenti o dallo stesso convalidati manualmente; in possesso di un titolo di viaggio non sufficiente per lo spostamento effettuato; in possesso di un titolo di viaggio su una relazione non valida; in possesso di un titolo di viaggio scaduto di validità; in possesso di un titolo di viaggio recante riduzione non spettante; in possesso di un titolo di viaggio non compilato o compilato in modo irregolare; in possesso di un titolo di viaggio illeggibile per causa imputabile al passeggero; è assoggettato al pagamento di una sanzione pari a 100 volte il prezzo del biglietto ordinario di fascia e classe minima. Tale sanzione è applicata nella misura ridotta pari alla terza parte del massimo della sanzione prevista (Tariffa minima di 2 classe x 100/3) oltre al pagamento del biglietto ordinario così calcolato: a. dalla stazione di partenza a quella dichiarata dal passeggero e comunque non oltre la località di destinazione del treno; b. dalla stazione di partenza alla stazione immediatamente successiva a quella nella quale è stata accertata la violazione se il passeggero decide di scendere; c. dalla stazione di partenza a quella di destinazione del treno in caso di mancata dichiarazione. Nel caso in cui il personale sia in grado di accertare la stazione di salita del passeggero (visto salire), il prezzo del titolo di viaggio sarà calcolato a partire da quest ultima località. La suddetta sanzione, a cui vanno aggiunte le spese di procedimento, quantificate in base al Regolamento Regionale 10/06/2014 n. 4 art. 31 comma 7, si applica quando il pagamento avviene entro 60 giorni dalla notificazione della medesima. Ai sensi dell art. 14 della Legge n. 689/1981 la violazione, quando è possibile, deve essere contestata immediatamente al trasgressore, in caso contrario gli estremi della violazione debbono essere notificati all interessato residente in Italia entro il termine di novanta giorni dalla data dell accertamento.

168 168 Bollettino Ufficiale Se il passeggero paga entro 5 giorni dalla notificazione della sanzione o in caso di contestuale pagamento al personale addetto, la sanzione dovuta viene ulteriormente ridotta del trenta per cento (Tariffa minima di 2 cl x 100/3) 30%, oltre alle spese del procedimento e al pagamento del prezzo del biglietto calcolato secondo i criteri soprariportati. In caso di pagamento nelle mani del personale addetto al controllo, quest ultimo redigerà apposita quietanza rilasciandone una copia nelle mani del passeggero sanzionato in riscontro dell avvenuto pagamento. Ove il passeggero sanzionato non corrisponda il dovuto, ai fini dell elevazione del Verbale di Accertamento, lo stesso è tenuto a declinare le proprie generalità e comprovare le stesse con l esibizione di un documento di riconoscimento valido. In caso di mancata presentazione di idoneo documento di riconoscimento il personale addetto al controllo provvede a fare scendere dal treno il trasgressore, elevando la sanzione con l ausilio delle Forze dell Ordine. Viene garantita la prosecuzione del viaggio per i minori e le persone con disabilità e ridotta mobilità. Nel caso di mancato pagamento entro il termine di 60 giorni dalla notificazione della violazione, la sanzione ammonterà a 100 volte il prezzo del biglietto ordinario di fascia e classe minima oltre alle spese di procedimento e alle spese di notifica dell ordinanza di ingiunzione. L ordinanza di ingiunzione costituisce titolo esecutivo, conferendo la possibilità a TRENORD di provvedere coattivamente all incasso delle somme dovute e conseguente esecuzione forzata. Avverso l ordinanza di ingiunzione è ammessa opposizione nelle forme e nei modi previsti dalla Legge 689/81. Il passeggero regolarizzato per una delle casistiche sopraelencate, ed in possesso di un abbonamento ancora valido, sarà invitato dal personale addetto al controllo a provvedere alla regolarizzazione dell abbonamento stesso, affinché sia utilizzabile propriamente nell ambito della sua validità residua. ART. 79 VIAGGIO IN CLASSE SUPERIORE Il passeggero che risulti in possesso di un titolo di viaggio di classe inferiore a quella utilizzata, senza averne richiesto la regolarizzazione, è assoggettato al pagamento di una sanzione in misura pari alla metà di quella prevista per il caso in cui lo stesso sia sprovvisto di titolo di viaggio; per il resto si applica quanto previsto dal precedente art. 78 ad eccezione del prezzo del biglietto che sarà di importo pari alla differenza tra la seconda e la prima classe. ART. 80 MANCANZA DI TITOLO DI VIAGGIO AI TORNELLI O ALLA STAZIONE DI DISCESA Nel caso in cui la mancanza di valido titolo di viaggio venga accertata in uscita ai tornelli, ove presenti, oppure nell ambito della stazione di discesa, limitatamente alle banchine, il passeggero è assoggettato alle sanzioni di cui al precedente art. 78 ad eccezione del prezzo del biglietto che sarà sempre calcolato sull intero percorso, dalla stazione di origine corsa del treno dichiarata dal passeggero o, solo in caso di mancanza di tale dichiarazione, dalla stazione di origine corsa dell ultimo treno giunto in stazione. ART. 81 ACCESSO ABUSIVO AI TORNELLI IN ENTRATA Coloro che superano abusivamente in ingresso i tornelli installati nelle stazioni (es. scavalcando i tornelli, accodandosi ai passeggeri che validano il proprio titolo di viaggio etc.) sono assoggettati alla sanzione prevista dall art. 17 del DPR n. 753/1980. Pertanto ai suddetti trasgressori sarà applicata una sanzione in misura ridotta in applicazione dell art. 16 L.689/1981, pari ad euro 16,67 se il pagamento avviene contestualmente od entro 60 giorni dalla data di notificazione della sanzione medesima. Decorso il suddetto termine senza che il pagamento sia stato effettuato, si provvederà ad emettere ordinanza d ingiunzione con applicazione della sanzione pari ad euro 50,00 oltre alle spese di notifica. ART. 82 ABBONAMENTI COMPILATI MANUALMENTE IN MODO IRREGOLARE Nel caso di abbonamento compilato manualmente in modo irregolare, con indicazione di itinerario superiore al prezzo pagato per il titolo di viaggio esibito, il personale addetto al controllo rettificherà la tratta di competenza indicando il reale percorso coincidente con il chilometraggio del titolo in suo possesso, apponendo una propria sigla e il proprio numero di matricola, e assumerà i seguenti provvedimenti: se il passeggero viene trovato in località rientrante nella tratta corrispondente al prezzo pagato, effettuerà solamente la rettifica come sopra menzionata, fatto salvo che il passeggero voglia proseguire il viaggio oltre la destinazione limite. In tal caso, per la tratta non coperta, verrà considerato sprovvisto di titolo di viaggio e verranno applicate le sanzioni di cui al precedente art. 78; se il passeggero viene trovato in località eccedente il chilometraggio acquistato sarà sanzionato come sprovvisto di titolo di viaggio, secondo quanto previsto dall art. 78 delle presenti Condizioni Generali di Trasporto; Il personale addetto al controllo, in ogni caso, prenderà nota del numero del titolo di viaggio ed avrà l obbligo di consegnare un rapporto informativo agli uffici competenti per la valutazione di azioni diverse, penali e civili in caso di recidiva. Nel caso di abbonamento compilato manualmente in modo irregolare, con validità temporale incompatibile con la convalida effettuata e pertanto materialmente alterato, il personale addetto al controllo ritirerà l abbonamento ed il passeggero sarà sanzionato secondo quanto indicato al precedente art. 78. I casi sopradescritti non sono applicabili qualora il passeggero sia in possesso di titoli di viaggio integrati. In tali casi il passeggero dovrà essere considerato e regolarizzato semplicemente come sprovvisto, senza essere assoggettato al ritiro del titolo di viaggio. ART. 83 RAVVEDIMENTO OPEROSO PER ABBONATI (ART. 46 L.R. N.6/2012 S.M.I.) Il passeggero sprovvisto di abbonamento valido, che dichiari però di esserne in possesso, sarà assoggettato al pagamento di un biglietto ordinario di corsa semplice per la tratta coincidente con quella dell abbonamento (qualora il passeggero sia in possesso di un abbonamento intera rete o di area, il biglietto dovrà essere emesso per la tratta effettuata) e alla contestuale elevazione della sanzione come regolamentata al precedente art. 78, con esclusione del prezzo del biglietto qualora sia pagato direttamente a bordo treno. Nell ipotesi in cui il viaggiatore a bordo treno non sia in grado di pagare il prezzo del biglietto, il personale addetto al controllo emetterà il verbale di accertamento indicando sia l importo della sanzione sia l importo relativo al biglietto dovuto. Al momento della presentazione, presso una biglietteria TRENORD, dell abbonamento in corso di validità (con le modalità sotto riportate), si provvederà ad emettere il biglietto dovuto dietro corresponsione dell importo da parte del passeggero ( timbrato con la dicitura annullato per vietarne un utilizzo improprio) oltre che annullare la sanzione prevista dal verbale di accertamento. Se il passeggero entro 5 giorni dalla data di elevazione della sanzione si presenta presso:

169 Bollettino Ufficiale 169 gli uffici My Link Point; le biglietterie di stazione di TRENORD; dimostrando di possedere l abbonamento in corso di validità, per la tratta effettuata, dietro esibizione del titolo di viaggio in originale (accompagnato da un fotocopia del medesimo) non verrà assoggettato al pagamento della sanzione prevista nel verbale di accertamento che pertanto verrà annullato. La procedura di ravvedimento operoso non è attuabile nel caso in cui il passeggero rifiuti di ricevere e firmare il Verbale di accertamento della sanzione. Nel caso la sanzione sia rilasciata a passeggero minore di anni quattordici, il ravvedimento operoso sarà applicabile a decorrere dalla data di avvenuta notifica del verbale di accertamento all esercente la potestà genitoriale o ai tutori legali. Il ravvedimento operoso può essere esercitato esclusivamente presso le biglietterie Trenord o i My Link Point. ART. 84 REITERAZIONE DELLA SANZIONE (ART. 46 L.R. N. 6/2012 S.M.I.) In caso di reiterazione, entro 3 anni, delle violazioni di cui ai precedenti articoli da 78 a 83, la sanzione prevista è raddoppiata. ART. 85 USO DI BIGLIETTO ORDINARIO, MULTICORSA, GIORNALIERO, PLURIGIORNALIERO O ABBONAMENTO SETTIMANALE ALTERATO O CONTRAFFATTO Nel caso di uso di biglietto ordinario, biglietto multicorsa, giornaliero, plurigiornaliero o abbonamento settimanale alterato o contraffatto, il trasgressore sarà assoggettato al pagamento di una sanzione amministrativa nella misura ridotta pari ad euro 206,00, ai sensi dell art. 465 comma 1 c.p. come depenalizzato oltre ad una penale di euro 50,00 ai sensi dell art e segg. del Codice Civile tenuto conto del danno causato all Azienda oltre alle spese di procedimento, se il pagamento avviene entro e non oltre 60 giorni dalla notificazione della violazione. Decorso il termine di cui sopra senza che il pagamento sia stato effettuato verrà emessa a carico del soggetto sanzionato ordinanza d ingiunzione che prevede una sanzione amministrativa pari ad euro 619,00 ai sensi dell art. 465 comma 1 c.p., oltre ad una penale di euro 50,00 ai sensi dell art e segg. del Codice Civile tenuto conto del danno causato all Azienda, alle spese di procedimento e alle spese di notifica. I titoli di viaggio contraffatti o alterati verranno ritirati dal personale addetto al controllo e conservati da TRENORD per l esercizio delle azioni di tutela ritenute necessarie e anche al fine di valutare, a tutela dell utenza, la sussistenza della fattispecie di cui all art. 465 c.p. secondo comma. ART. 86 USO DI ABBONAMENTO MENSILE ALTERATO O CONTRAFFATTO Nel caso di uso di abbonamento mensile alterato o contraffatto, il trasgressore sarà assoggettato al pagamento di una sanzione amministrativa nella misura ridotta pari ad euro 206,00 ai sensi dell art. 465 comma 1 c.p. come depenalizzato, oltre ad una penale di euro 100,00 ai sensi dell art e segg. del Codice Civile tenuto conto del danno causato all Azienda oltre alle spese di procedimento, se il pagamento avviene entro e non oltre 60 giorni dalla notificazione della violazione. Decorso il termine di cui sopra senza che il pagamento sia stato effettuato, verrà emessa a carico del soggetto sanzionato ordinanza d ingiunzione, che prevede una sanzione amministrativa pari ad euro 619,00 nel caso di cui all art. 465 comma 1 c.p. come depenalizzato oltre ad una penale di euro 100,00 ai sensi dell art e segg. del Codice Civile, tenuto conto del danno causato all Azienda, oltre alle spese di procedimento e alle spese di notifica. I titoli di viaggio contraffatti o alterati verranno ritirati dal personale addetto al controllo e conservati da TRENORD per l esercizio delle azioni di tutela ritenute necessarie e anche al fine di valutare, a tutela dell utenza, la sussistenza della fattispecie di cui all art. 465 c.p secondo comma. ART. 87 USO DI ABBONAMENTO TRIMESTRALE ALTERATO O CONTRAFFATTO Nel caso di uso di abbonamento trimestrale alterato o contraffatto, il trasgressore sarà assoggettato al pagamento di una sanzione amministrativa nella misura ridotta pari ad euro 206,00 ai sensi dell art. 465 comma 1 c.p. come depenalizzato, oltre ad una penale di euro 300,00 ai sensi dell art.1382 e segg.. del Codice Civile tenuto conto del danno causato all Azienda, oltre alle spese di procedimento e alle spese di notifica, se il pagamento avviene entro e non oltre 60 giorni dalla notificazione della violazione. Decorso il termine di cui sopra senza che il pagamento sia stato effettuato verrà emessa a carico del soggetto sanzionato ordinanza d ingiunzione che prevede una sanzione amministrativa pari ad euro 619,00 ai sensi dell art. 465 comma 1 c.p. come depenalizzato oltre ad una penale di euro 300,00 ai sensi dell art e segg. del Codice Civile tenuto conto del danno causato all Azienda e alle spese di procedimento e alle spese di notifica. I titoli di viaggio contraffatti o alterati verranno ritirati dal personale addetto al controllo e conservati da TRENORD per l esercizio delle azioni di tutela ritenute necessarie, anche al fine di valutare, a tutela dell utenza, la sussistenza della fattispecie di cui all art. 465 c.p secondo comma. ART. 88 USO DI ABBONAMENTO ANNUALE ALTERATO O CONTRAFFATTO Nel caso di uso di abbonamento annuale alterato o contraffatto, il trasgressore sarà assoggettato al pagamento di una sanzione amministrativa nella misura ridotta pari ad euro 206,00 ai sensi dell art. 465 comma 1 c.p. come depenalizzato, oltre ad una penale di euro 800,00 ai sensi dell art e segg del Codice Civile, tenuto conto del danno causato all Azienda oltre alle spese di procedimento e alle spese di notifica, se il pagamento avviene entro e non oltre 60 giorni dalla notificazione della violazione. Decorso il termine di cui sopra, senza che il pagamento sia stato effettuato, verrà emessa a carico del soggetto sanzionato ordinanza d ingiunzione, che prevede una sanzione amministrativa pari ad euro 619,00 ai sensi dell art. 465 comma 1 c.p. come depenalizzato, oltre ad una penale di euro 800,00 ai sensi dell art e segg. del Codice Civile tenuto conto del danno causato all Azienda, oltre alle spese di procedimento e alle spese di notifica. I titoli di viaggio contraffatti o alterati verranno ritirati dal personale addetto al controllo e conservati da TRENORD per l esercizio delle azioni di tutela ritenute necessarie, anche al fine di valutare, a tutela dell utenza, la sussistenza della fattispecie di cui all art. 465 c.p secondo comma. ART. 89 ELUSIONE DELLA CONTROLLERIA Il passeggero che, sprovvisto di valido titolo di viaggio, al fine di sottrarsi ai controlli per l accertamento della regolarità del titolo di viaggio, eluda intenzionalmente la controlleria, è assoggettato ad una sanzione amministrativa pari a 100 volte il prezzo del biglietto

170 170 Bollettino Ufficiale ordinario di fascia e classe minima, nella misura ridotta pari alla terza parte del massimo della sanzione prevista (Tariffa minima di 2 classe x 100/3) oltre al pagamento del biglietto così calcolato: a. dalla stazione di partenza a quella dichiarata dal passeggero e comunque non oltre la località di destinazione del treno; b. dalla stazione di partenza alla stazione immediatamente successiva a quella nella quale è stata accertata la violazione se il passeggero decide di scendere; c. dalla stazione di partenza a quella di destinazione del treno in caso di mancata dichiarazione. La suddetta sanzione, a cui va aggiunta una penale di euro 50,00, ai sensi dell art.1382 e segg. del codice civile, tenuto conto del danno causato all Azienda oltre le spese di procedimento, si applica quando il pagamento avviene entro 60 giorni dalla notificazione della sanzione. Se il passeggero paga entro 5 giorni dalla notifica della sanzione ovvero direttamente al personale addetto al controllo, la sanzione dovuta viene ulteriormente ridotta del trenta per cento (Tariffa minima di 2 cl x 100/3) - 30% - a cui si aggiunge una penale di euro 35,00 ai sensi dell art e segg. del Codice Civile, tenuto conto del danno causato all Azienda oltre alle spese di procedimento e al pagamento del prezzo del biglietto calcolato secondi i criteri soprariportati. Decorsi i termini di cui sopra senza che il pagamento sia stato effettuato, verrà emessa ordinanza d ingiunzione, che prevede una sanzione pari a 100 volte il prezzo del biglietto ordinario di fascia e classe minima, oltre alle spese di procedimento e alle spese di notifica dell ordinanza d ingiunzione e ad una penale di euro 50,00 ai sensi dell art e segg. del codice civile tenuto conto del danno causato all Azienda. ART. 90 USO DI TITOLO DI VIAGGIO INTESTATO AD ALTRA PERSONA Il passeggero che viaggia con titolo di viaggio nominativo intestato ad altra persona, è assoggettato, ad una sanzione amministrativa pari a 100 volte il prezzo del biglietto ordinario di fascia e classe minima, nella misura ridotta pari alla terza parte del massimo della sanzione prevista (Tariffa minima di 2 classe x 100/3) oltre al pagamento del biglietto così calcolato: a. dalla stazione di partenza a quella dichiarata dal passeggero e comunque non oltre la località di destinazione del treno; b. dalla stazione di partenza alla stazione immediatamente successiva a quella nella quale è stata accertata la violazione se il passeggero decide di scendere; c. dalla stazione di partenza a quella di destinazione del treno in caso di mancata dichiarazione. La suddetta sanzione, a cui va aggiunta una penale di euro 50,00 ai sensi dell art.1382 e segg. del codice civile tenuto conto del danno causato all Azienda oltre alle spese di procedimento, si applica quando il pagamento avviene entro 60 giorni dalla notificazione della sanzione. Se il passeggero paga entro 5 giorni dalla notifica della sanzione ovvero direttamente nelle mani del personale addetto al controllo, la sanzione dovuta viene ulteriormente ridotta del trenta per cento (Tariffa minima di 2 cl x 100/3) - 30% - a cui si aggiunge una penale di euro 35,00 ai sensi dell art e segg. del codice civile, tenuto conto del danno causato all Azienda, oltre alle spese di procedimento e al pagamento del prezzo del biglietto calcolato secondi i criteri soprariportati. Decorsi i termini di cui sopra senza che il pagamento sia stato effettuato, verrà emessa ordinanza d ingiunzione, che prevede una sanzione pari a 100 volte il prezzo del biglietto ordinario di fascia e classe minima, oltre alle spese di procedimento e alle spese di notifica e ad una penale di euro 50,00 ai sensi dell art e segg. del codice civile tenuto conto del danno causato all Azienda. I titoli di viaggio utilizzati abusivamente dai passeggeri vengono ritirati dal personale incaricato del controllo e conservati da TRENORD per l esercizio delle azioni di tutela ritenute necessarie anche a favore dell utenza. ART. 91 MODALITÀ DI PAGAMENTO DIFFERITO DELLE SANZIONI Il pagamento differito della sanzione dovrà essere eseguito con versamento da effettuare a mezzo conto corrente postale o bancario intestato a Trenord, indicando espressamente nella causale il numero del verbale e la dicitura Irregolarità di viaggio, secondo i modelli consegnati o fatti pervenire al passeggero. ART. 92 SCRITTI DIFENSIVI. ORDINANZA DI INGIUNZIONE ED OPPOSIZIONE (LEGGE 24/11/1981 N.689) Entro 30 giorni dalla data di notificazione della violazione di cui ai precedenti articoli, il trasgressore può far pervenire a TRENORD scritti difensivi e documenti, a mezzo lettera raccomandata a/r, o tramite il seguente indirizzo a pena di irricevibilità, purché sulla busta inviata si apporti la dicitura Scritti difensivi-sanzioni in treno. Nello stesso termine di cui sopra, gli interessati possono chiedere a TRENORD di essere sentiti per un audizione personale. La presentazione di uno scritto difensivo o la richiesta audizione non hanno effetto sospensivo dei termini di pagamento della sanzione. TRENORD, sentiti eventualmente gli interessati, ove questi ne abbiano fatto richiesta, ed esaminati documenti inviati e gli argomenti esposti negli scritti difensivi, se ritiene fondato l accertamento effettuato dagli addetti alla controlleria, determinerà, con ordinanza motivata, la somma dovuta per la sanzione, ingiungendo il pagamento al soggetto sanzionato nonché alle persone solidalmente obbligate. Alla somma così stabilita andranno aggiunte le spese di procedimento e di notifica. Ove invece, a seguito di esame dei documenti o scritti difensivi del trasgressore, la sanzione risulti irregolare o di ammontare errato, verrà emesso provvedimento di archiviazione ovvero provvedimento correttivo. Nel caso di provvedimento di archiviazione nulla sarà dovuto da parte del soggetto sanzionato a TRENORD. Nel caso di provvedimento correttivo sarà dovuto l ammontare così come stabilito nel provvedimento medesimo. L ordinanza di ingiunzione costituisce titolo esecutivo conferendo la possibilità a TRENORD esercente, di provvedere coattivamente all incasso delle somme dovute e alla conseguente esecuzione forzata. Avverso l ordinanza di ingiunzione è ammessa opposizione nelle forme e nei modi previsti dalla Legge 689/81. ART. 93 ADEMPIMENTI IN MATERIA DI PRIVACY Il trattamento dei dati dei soggetti sottoposti al pagamento di sanzione amministrativa sarà effettuato in osservanza al D. lgs. 196/03 esclusivamente per le finalità previste dalla legge. Per le predette finalità e nel rispetto normativa sulla privacy, TRENORD può creare banche dati per la verifica della reiterazione delle violazioni amministrative Titolare del trattamento dei dati è Trenord srl mentre per l esercizio dei diritti di cui all art. 7 e segg. del Codice della Privacy responsabile del trattamento è il Direttore della Direzione Commerciale di Trenord.

171 Bollettino Ufficiale 171 CAPITOLO 15. ULTERIORI IRREGOLARITÀ ART. 94 IRREGOLARITÀ NEL TRASPORTO DELLE BICICLETTE Nel caso di violazione del precedente art. 53, il proprietario della bicicletta è assoggettato, ai sensi dell art. 17 del DPR 753/1980, ad una sanzione in misura ridotta, in applicazione dell art. 16 L. 689/1981, pari ad euro 16,67 se il pagamento avviene contestualmente od entro 60 giorni dalla data di notificazione della medesima. Decorso il suddetto termine senza che il pagamento sia stato effettuato si provvederà ad emettere ordinanza d ingiunzione con applicazione di una sanzione pari ad euro 50,00 oltre alle spese di notifica. Nel caso in cui il personale addetto al controllo impartisca prescrizioni diverse da quelle previste dalle presenti Condizioni Generali di Trasporto, per motivi di sicurezza o di regolarità dell esercizio e il passeggero non si si conformi ad esse, sarà applicabile la sanzione prevista dall art. 17 del DPR 753/1980 e il passeggero dovrà provvedere a scaricare la biciclette alla prima stazione di fermata. Pertanto in tal caso sarà applicabile una sanzione in misura ridotta, in applicazione dell art. 16 della L. 689/1981, pari ad euro 16,67, se il pagamento avviene contestualmente od entro 60 giorni dalla data di notificazione della medesima. Decorso il suddetto tale termine senza che il pagamento sia stato effettuato si provvederà ad emettere ordinanza ingiunzione con applicazione di una sanzione pari ad euro 50,00 oltre alle spese di notifica. ART. 95 IRREGOLARITÀ TARIFFARIA NEL TRASPORTO DELLE BICICLETTE In caso di violazione del precedente art. 54 il proprietario, sprovvisto di supplemento di biglietto previsto per il trasporto della bicicletta è assoggettato al pagamento di una sanzione pari a 30 volte il prezzo del biglietto ordinario di fascia e classe minima. Tale sanzione è applicata nella misura ridotta pari alla terza parte della sanzione prevista (tariffa minima di 2 classe per 30/3) oltre al pagamento della tariffa di cui all art. 54. La suddetta sanzione, a cui vanno aggiunte le spese di procedimento, si applica quando il pagamento avviene entro 60 giorni dalla notificazione della medesima. Se il passeggero paga entro 5 giorni dalla notificazione della sanzione o in caso di contestuale pagamento al personale addetto, la sanzione dovuta viene ulteriormente ridotta del trenta per cento (Tariffa minima di 2 classe x 30/3) 30%, oltre alle spese del procedimento e al pagamento della tariffa prevista. Nel caso di mancato pagamento entro il termine di 60 giorni dalla notificazione della violazione, la sanzione ammonterà a 30 volte il prezzo del biglietto ordinario di fascia e classe minima oltre alle spese di procedimento e alle spese di notifica dell ordinanza di ingiunzione. Se l irregolarità riguarda sia il biglietto del passeggero che il rispetto delle Condizioni Generali di Trasporto a riguardo delle modalità di trasporto della bicicletta, le sanzioni dovute si applicano per singola irregolarità. ART. 96 IRREGOLARITÀ NEL TRASPORTO DEI BAGAGLI Nel caso in cui il passeggero contravvenga alle indicazioni esposte all art. 57 delle presenti Condizioni Generali di Trasporto, il medesimo è assoggettato, ai sensi dell art. 17 del DPR 753/1980, ad una sanzione in misura ridotta, in applicazione dell art. 16 della L. 689/1981, pari ad euro 16,67 se il pagamento avviene contestualmente od entro 60 giorni dalla data di notificazione della medesima. Decorso il suddetto termine senza che il pagamento sia stato effettuato, si provvederà ad emettere ordinanza d ingiunzione con applica- zione di una sanzione pari ad euro 50,00 oltre alle spese di notifica. ART. 97 IRREGOLARITÀ NEL TRASPORTO DI ANIMALI Il passeggero che violi il precedente articolo 55 per ogni contenitore adibito al trasporto animali eccedente le dimensioni ammesse in franchigia è tenuto al pagamento, ai sensi dell art. 17 del DPR 753/1980 di una sanzione in misura ridotta, in applicazione dell art. 16 della L: 689/1981, pari ad euro 16,67 se il pagamento avviene contestualmente od entro 60 giorni dalla data di notificazione della medesima. Decorso il suddetto termine senza che il pagamento sia stato effettuato si provvederà ad emettere ordinanza d ingiunzione con applicazione di una sanzione prevista pari ad euro 50,00 oltre alle spese di notifica. Il suddetto passeggero è tenuto comunque a scendere alla prima stazione di fermata. ART. 98 IRREGOLARITA TARIFFARIE NEL TRASPORTO DI ANIMALI In caso di violazione del precedente articolo 56 il passeggero, sprovvisto del supplemento di biglietto previsto per il trasporto dell animale, è assoggettato al pagamento di una sanzione pari a 30 volte il prezzo del biglietto ordinario di fascia e classe minima. Tale sanzione è applicata, nella misura ridotta, pari alla terza parte della sanzione prevista (tariffa minima di 2 classe per 30/3), oltre al pagamento della tariffa di cui all art. 56. La suddetta sanzione, a cui vanno aggiunte le spese di procedimento, si applica quando il pagamento avviene entro 60 giorni dalla notificazione della medesima. Se il passeggero paga entro 5 giorni dalla notificazione della sanzione o in caso di contestuale pagamento al personale addetto, la sanzione dovuta viene ulteriormente ridotta del trenta per cento (Tariffa minima di 2 cl x 30/3) 30%, oltre alle spese del procedimento e al pagamento della tariffa prevista. Nel caso di mancato pagamento entro il termine di 60 giorni dalla notificazione della violazione, la sanzione ammonterà a 30 volte il prezzo del biglietto ordinario di fascia e classe minima oltre alle spese di procedimento e alle spese di notifica dell ordinanza di ingiunzione. Se l irregolarità riguarda sia il biglietto del passeggero che il rispetto delle Condizioni Generali di Trasporto a riguardo delle modalità di trasporto dell animale, le sanzioni dovute si applicano per singola irregolarità. SEZIONE 6: RIMBORSI E DUPLICATI CAPITOLO 16. RIMBORSO PER MANCATA EFFETTUAZIONE DEL VIAGGIO PER FATTO IMPUTABILE A TRENORD O PER ORDINE DELL AUTO- RITÀ PUBBLICA Il passeggero può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato emesso con partita iva TRENORD come di seguito specificato. ART 99 NORME GENERALI In caso di mancata effettuazione del viaggio a causa di:

172 172 Bollettino Ufficiale soppressione del treno o partenza ritardata di oltre 60 minuti; sciopero del personale (dalla dichiarazione dello sciopero stesso e entro le 48 ore lavorative successive al termine dello sciopero); ordine dell Autorità Pubblica; mancanza di disponibilità della classe di validità del biglietto; mancata autorizzazione del personale addetto al controllo all accesso a bordo della biciclette; mancata accessibilità di persone con disabilità o a mobilità ridotta secondo quanto previsto dal precedente art. 45. si effettua un rimborso integrale del biglietto in tutte le biglietterie TRENORD, anche nel caso in cui sia già stato convalidato. Nel caso di biglietto per il trasporto biciclette nonché per il trasporto di persone con disabilità o a mobilità ridotta, il rimborso è consentito solo previa annotazione del personale addetto al controllo della mancata fruizione del viaggio. Nel caso di biglietteria chiusa o assente, la richiesta deve essere presentata in forma scritta all Ufficio Rimborsi Trenord, allegando l originale del biglietto entro 72 ore dall evento che ha generato la richiesta di rimborso. ART. 100 BIGLIETTI E ABBONAMENTI NON UTILIZZATI Biglietto totalmente non utilizzato Il rimborso del biglietto avviene integralmente, anche se già convalidato. Il mancato utilizzo deve essere fatto constatare al personale di Trenord nel momento in cui si verifichi la circostanza che impedisca il viaggio. In caso di abbonamento caricato su tessera elettronica, seguire le procedure riportate al successivo art. 103 delle presenti Condizioni Generali di Trasporto nonché sul sito internet di Trenord nell apposita sezione dedicata ai rimborsi. Biglietto parzialmente non utilizzato a. per una parte del percorso il passeggero deve far constatare al personale di Trenord la mancata prosecuzione del viaggio all atto dell interruzione. In questo caso viene rimborsata la differenza tra il prezzo totale pagato e quello dovuto per il percorso effettuato; b. per viaggio in classe inferiore il passeggero ha diritto al rimborso integrale della differenza di prezzo tra le classi, per la mancanza di classe superiore su treni che da Orario Ufficiale la prevedano. La mancata utilizzazione deve essere annotata sul biglietto cartaceo dal personale addetto al controllo di TRENORD. In caso di per attestare la mancata utilizzazione è necessario farsi validare il biglietto a bordo del treno. In caso di abbonamento caricato su tessera elettronica, per attestare la mancata utilizzazione è necessario farsi validare la ricevuta di ricarica a bordo del treno. Biglietto multicorsa Nel caso di biglietti multicorsa parzialmente o totalmente non utilizzati sarà riconosciuto il rimborso relativo al valore del singolo viaggio con le medesime modalità soprariportate. Abbonamento settimanale L abbonamento settimanale totalmente non utilizzato per interruzione di linea di durata prevista pari alla durata dell abbonamento stesso, senza che sia stato previsto un servizio sostitutivo per il periodo di interruzione, viene rimborsato integralmente. Abbonamento mensile Nel caso di interruzione di linea di durata prevista superiore a 10 giorni (in assenza di un servizio sostitutivo) TRENORD autorizza, dietro riconsegna dell abbonamento durante il periodo di interruzione, il rimborso integrale di tanti trentesimi dell importo pagato quanti sono i giorni di validità residua dell abbonamento con decorrenza dal giorno di effettiva interruzione. In caso di abbonamento caricato su tessera elettronica, seguire le procedure riportate al successivo art. 103 delle presenti Condizioni Generali di Trasporto nonché sul sito internet di Trenord nell apposita sezione dedicata ai rimborsi. Abbonamento annuale Nel caso di interruzione di linea di durata prevista superiore a 10 giorni (in assenza di un servizio sostitutivo per il periodo di interruzione), TRENORD autorizza, dietro riconsegna dell abbonamento durante il periodo di interruzione, il rimborso integrale di tanti dodicesimi dell importo pagato quanti sono i mesi interi non utilizzati. Per la determinazione dei singoli periodi di validità mensile si fa riferimento alla data di inizio della validità dell abbonamento. In caso di abbonamento caricato su tessera elettronica, seguire le procedure riportate al successivo art. 103 delle presenti delle presenti Condizioni Generali di Trasporto nonché sul sito internet di Trenord nell apposita sezione dedicata ai rimborsi. CAPITOLO 17. RIMBORSO PER MANCATA EFFETTUAZIONE DEL VIAGGIO Il passeggero può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato emesso con partita iva TRENORD come di seguito specificato. ART. 101 NORME GENERALI È ammesso il rimborso dei titoli di viaggio normati dalle presenti Condizioni Generali di Trasporto, previa richiesta del passeggero e restituzione del titolo di viaggio. Nel caso in cui il passeggero decida di impiegare integralmente il rimborso nell acquisto di un altro titolo di viaggio non verrà applicata alcuna trattenuta. Trenord provvederà alla gestione dei presenti casi secondo quanto previsto dal precedente art. 21. I biglietti promozionali di cui all art. 39 non sono soggetti a rimborso. In caso di adeguamento tariffario, il rimborso dei titoli di viaggio non più utilizzabili è pari al 100% della tariffa o della quota residua nel caso dei biglietti multicorsa, ed è garantito per un periodo di tre mesi dalla data di cessazione di validità dei titoli stessi (si veda anche precedente art. 35). In alternativa, il passeggero, può scegliere di acquistare un titolo di viaggio differente.

173 Bollettino Ufficiale 173 ART. 102 BIGLIETTI E ABBONAMENTI NON UTILIZZATI 1) Biglietto totalmente non utilizzato È ammesso il rimborso del biglietto ordinario e giornaliero, laddove non obliterati o prima dell inizio della validità, in misura pari al 90% del prezzo di vendita oppure al 100% se il passeggero decide di impiegare integralmente il rimborso nell acquisto di un altro titolo di viaggio di importo pari o superiore. Nel caso di richiesta di rimborso di biglietti multicorsa la percentuale è riferita alla quota residua ovvero alla differenza tra il prezzo di vendita e il prezzo dovuto per uno o più biglietti ordinari per la medesima tratta del multicorsa, corrispondenti al numero di viaggi già utilizzati. Parimenti è possibile rimborsare il supplemento per i titoli di viaggio per il trasporto animale o biciclette, a condizione che sia presentato congiuntamente al titolo di viaggio del cliente, in quanto lo stesso è utilizzabile solo a fronte del possesso di un titolo di viaggio valido. La richiesta di rimborso dei titoli di viaggio potrà essere effettuata esclusivamente on line con un anticipo di almeno 72 ore sull ora di inizio di validità. 2) Biglietto utilizzato da un numero inferiore di persone (per viaggi in comitiva) Nel caso di rinuncia al viaggio di uno o più passeggeri della comitiva, certificato dal personale della biglietteria o di bordo il quale annoterà sul biglietto il numero di persone che non effettuano il viaggio, è ammesso il rimborso del 90% della quota di competenza per ciascun passeggero. 3) Viaggio in classe inferiore Il passeggero non ha diritto al rimborso nel caso in cui decida volontariamente di utilizzare la classe inferiore. 4) Abbonamenti settimanali e mensili non utilizzati È ammesso il rimborso degli abbonamenti settimanali e mensili, laddove non obliterati o prima dell inizio della validità, in misura pari al 90% del prezzo di vendita oppure in misura pari al 100% se il passeggero decide di impiegare integralmente il rimborso nell acquisto di un altro titolo di viaggio. Trenord si riserva la facoltà di procedere al rimborso dei soli abbonamenti mensili parzialmente utilizzati nei seguenti casi: malattia dell abbonato superiore a 15 giorni consecutivi, con certificato medico attestante lo stato di malattia; eventi eccezionali che impediscano all utente di fruire dell abbonamento per più di 15 giorni consecutivi, debitamente comprovati con una dichiarazione formale a TRENORD dell evento. La richiesta dovrà pervenire a TRENORD entro la validità dell abbonamento con allegato il titolo di viaggio in originale. Per i clienti in possesso di abbonamento caricato su tessera elettronica, non è necessario allegare il titolo di viaggio in originale, ma il passeggero dovrà completare i campi riportati nell apposita modulistica, come indicato sul sito internet Trenord nella specifica sezione. Il rimborso, calcolato dalla data di consegna dell abbonamento, sarà pari a tanti trentesimi dell importo pagato quanti sono i giorni di validità residua dello stesso abbonamento, con applicazione di una trattenuta del 10%. 5) Abbonamento annuale non utilizzato È ammesso il rimborso dell abbonamento annuale, in misura pari al 100% della differenza tra il prezzo di vendita ed il prezzo dovuto per uno o più abbonamenti mensili corrispondenti per il periodo di avvenuta utilizzazione, considerando le frazioni di mesi come mese intero. 6) Rimborso di abbonamento per errato acquisto È ammesso il rimborso, senza trattenute, per: l acquisto di due abbonamenti intestati alla stessa persona validi sulla stessa relazione e nello stesso periodo l erronea emissione di abbonamento da emettitrice automatica TRENORD in modalità self-service da parte del passeggero. l errata emissione di un titolo di viaggio da parte di una rivendita autorizzata Il passeggero, nei suddetti casi, deve presentare agli operatori TRENORD gli abbonamenti in originale entro 2 giorni dall evento. CAPITOLO 18. MODALITÀ DEL RIMBORSO ART. 103 COME CHIEDERE IL RIMBORSO La richiesta di rimborso può essere presentata da: effettuata tramite: il possessore del biglietto non nominativo; l intestatario del biglietto nominativo o da considerare tale per gli elementi in esso contenuti; per le comitive, l organizzatore del viaggio, il capo comitiva oppure, in caso di rimborso parziale, il singolo componente; i delegati dagli aventi diritto. apposito modulo, disponibile presso tutte le biglietterie, i My-link Point e il sito internet di TRENORD, corredata da titolo di viaggio in originale e documenti d identità dell avente diritto e dell eventuale delegato; richiesta scritta da inviarsi per posta anche a mezzo raccomandata a TRENORD all indirizzo riportato in Allegato 1 alle presenti Condizioni Generali di Trasporto, indicando, come causale, Richiesta di rimborso ; la spedizione della richiesta deve essere effettuata entro 72 ore dall evento che ha generato la richiesta di rimborso;

174 174 Bollettino Ufficiale presentata a: esclusivamente per i titoli di viaggio acquistati tramite siti internet e/o applicazioni web gestite da TRENORD, la richiesta può essere effettuata direttamente online, riportando il numero d ordine ed il relativo PNR. le biglietterie e i My-Link Point di TRENORD di cui all Allegato 7; l Ufficio Rimborsi Trenord. Per i possessori di titolo di viaggio caricato su tessera elettronica, il rimborso contestuale potrà avvenire soltanto presentando la richiesta presso i My Link Point abilitati, indicati sul sito internet Trenord. La biglietteria provvede direttamente al rimborso quando è in condizione di verificare le circostanze che giustificano la richiesta. In caso contrario procederà all inoltro della pratica all Ufficio Rimborsi Trenord. TRENORD invierà, entro 30 giorni dalla richiesta, comunicazione dell esito del rimborso al passeggero e le relative modalità di pagamento dell eventuale rimborso riconosciuto. Come viene effettuato il rimborso: in contanti presso la biglietteria o il My-link Point; bonifico bancario; ART. 104 ESCLUSIONE DAL RIMBORSO TRENORD può, a propria discrezione, non ammettere il rimborso dei biglietti per motivi di sicurezza, di politica antifrode o per ragioni di natura commerciale. In particolare non hanno diritto al rimborso: i biglietti (magnetici e cartacei) e gli abbonamenti cartacei (con esclusione dell abbonamento annuale) dichiarati smarriti, distrutti o rubati; i biglietti e gli abbonamenti a tariffa promozionale; i biglietti e gli abbonamenti a tariffa sovraregionale a tagliandi autoadesivi; i biglietti di corsa semplice e multicorsa a tariffa aeroportuale MXP (per fatto proprio del passeggero); Trenord rende note sul proprio sito internet le tipologie di titoli di viaggio per i quali non è ammesso il rimborso. ART. 105 FURTO, SMARRIMENTO, DETERIORAMENTO In caso di: Smarrimento, furto o deterioramento di biglietti, di abbonamenti cartacei settimanali o mensili, non spetta alcun rimborso o sostituzione. Smarrimento, furto o deterioramento dell abbonamento annuale ordinario cartaceo o dell abbonamento IVOL Anno o Trimestre, il passeggero può richiedere il rilascio del duplicato dell abbonamento per il periodo residuo di utilizzo preferibilmente presso la biglietteria che ha emesso in origine l abbonamento. Il costo dell operazione è determinato da TRENORD e comunicato tramite appositi Avvisi al Pubblico. Nessun rimborso spetta per i titoli di viaggio acquistati nel frattempo. Smarrimento, furto, distruzione, deterioramento per errato utilizzo della tessera elettronica con ivi ricaricato l abbonamento elettronico, il passeggero, previe le opportune verifiche da parte di TRENORD, potrà richiedere una nuova tessera presso gli uffici My-link Point o presso le biglietterie, che provvederanno ad emettere il duplicato con il residuo dell abbonamento in corso di validità. Il costo dell operazione è determinato da TRENORD e comunicato tramite appositi Avvisi al Pubblico, mentre nei casi di anomalie nel funzionamento della tessera elettronica nominativa per cause imputabili a Trenord, constatate dal passeggero al primo utilizzo, si procederà alla sua sostituzione gratuita. Nessun rimborso spetta per i titoli di viaggio acquistati nell attesa della nuova tessera. Smarrimento, furto o deterioramento di tessere elettroniche non nominative, nessun rimborso o sostituzione spetta per la tessera anonima ricaricata. Smarrimento, deterioramento, furto o mancata emissione da macchina emettitrice automatica in modalità self-service, smarrimento, deterioramento, o furto della ricevuta di ricarica dell abbonamento acquistato, il titolare della tessera elettronica deve rivolgersi agli uffici My-link Point o le biglietterie per il rilascio gratuito del duplicato della ricevuta, previo accertamento del regolare caricamento. In caso di furto, la richiesta di nuova tessera deve essere obbligatoriamente corredata da denuncia alla Pubblica Autorità. Negli altri casi (deterioramento, smarrimento e/o distruzione), la richiesta di nuova tessera deve essere corredata da autocertificazione attestante l accaduto ai sensi di legge. ART. 106 MODALITÀ DI RICHIESTA E RILASCIO DI DUPLICATI In caso di furto, smarrimento o distruzione del titolo di viaggio non è ammesso il rilascio di un duplicato ed il passeggero deve acquistare un nuovo titolo di viaggio con pagamento dell intera tariffa. L emissione del duplicato è prevista unicamente in caso di furto, smarrimento e deterioramento di titoli di viaggio nominativi ovvero abbonamenti caricati su tessera elettronica e abbonamenti annuali cartacei, È possibile effettuare la richiesta di duplicato della tessera elettronica presso tutte le biglietterie Trenord e presso tutti i My-link Point. Se richiesto in biglietteria, il duplicato della tessera verrà inviato al passeggero tramite posta entro 45 giorni dalla presentazione della domanda. Il costo dell operazione di emissione del duplicato degli abbonamenti è determinato da TRENORD e comunicato tramite appositi Avvisi al Pubblico nonché sul proprio sito internet. Nessun rimborso spetta per i titoli di viaggio acquistati nell attesa della nuova tessera. SEZIONE 7: LA GESTIONE DEGLI IMPREVISTI ART. 107 ASSISTENZA (ART. 18 Regolamento CE n. 1371/2007) In ottemperanza a quanto disciplinato dall articolo 18 del Regolamento CE 1371/2007 in caso di imprevisti Trenord mette in atto le seguenti procedure di assistenza.

175 Bollettino Ufficiale 175 In caso di ritardo del treno all arrivo o alla partenza, TRENORD informa i passeggeri della situazione e dell orario previsto di partenza e di arrivo non appena tale informazione è disponibile. In caso di ritardo di oltre 60 minuti, i passeggeri ricevono inoltre gratuitamente: pasti e bevande in quantità ragionevole in funzione dei tempi di attesa, se sono disponibili sul treno o nella stazione o possono essere ragionevolmente forniti; sistemazione in albergo o di altro tipo, e trasporto tra la stazione ferroviaria e la sistemazione, qualora risulti necessario e ove e allorché sia fisicamente possibile; se il treno è bloccato sui binari, il trasporto tra il treno e la stazione ferroviaria o il punto di partenza alternativo o destinazione finale, ove e allorché sia fisicamente possibile. Se il servizio ferroviario non può più essere proseguito, TRENORD garantisce ai passeggeri quanto prima possibile servizi di trasporto alternativi. Su richiesta del passeggero, TRENORD certifica sul biglietto, o sulla ricevuta di ricarica nel caso di titolo di viaggio caricato su tessera elettronica, il ritardo o la soppressione del treno che ha determinato l interruzione del viaggio acquistato. Per i possessori di titoli di viaggio caricati su tessere elettroniche, è possibile avanzare la richiesta secondo le modalità esplicitate sul sito internet. Ai fini dell applicazione dei paragrafi precedenti, TRENORD presta particolare attenzione alle esigenze delle persone con disabilità e delle persone a mobilità ridotta e dei loro accompagnatori. ART. 108 IL RECUPERO DEGLI OGGETTI SMARRITI A BORDO TRENO In caso di smarrimento di oggetti sul treno o nelle stazioni i passeggeri possono contattare TRENORD tramite il Contact-Center o gli uffici di My-link Point. TRENORD si attiva per riconsegnare gli oggetti rinvenuti al legittimo proprietario quando sia possibile la sua individuazione. Gli oggetti rinvenuti e mai reclamati sono conservati in deposito per 90 giorni, trascorsi i quali vengono destinati ad associazioni di beneficenza o distrutti se in cattivo stato. Gli oggetti deperibili, se non richiesti, vengono distrutti entro le 48 ore dal ritrovamento. CAPITOLO 19. L ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI SOSTITUTIVI ART. 109 GLI AUTOSERVIZI SOSTITUTIVI TRENORD può effettuare: autoservizi integrativi di collegamento fra due o più stazioni; autoservizi in sostituzione di servizi ferroviari per le linee o tratti di linee nel caso in cui l esercizio ferroviario sia interrotto o sospeso. Non sono comprese le corse automobilistiche effettuate sulla base di accordi di integrazione tariffaria con altri vettori. Gli autoservizi effettuano solo servizio di 2 classe e vi possono accedere i passeggeri con titolo di viaggio valido, compresi quelli gratuiti. Per l utilizzazione dei biglietti e relativa regolarizzazione si applica quanto previsto nelle specifiche sezioni delle presenti Condizioni Generali di Trasporto. Nel caso di sostituzione di servizi ferroviari con autoservizi è ammesso il trasporto di animali, ma non sono garantiti ulteriori servizi aggiuntivi (es.: trasporto biciclette). Per i rimborsi e gli indennizzi si applica quanto previsto nella specifica Sezione delle presenti Condizioni Generali di Trasporto (Sezione 6). CAPITOLO 20. INDENNITÀ DA RITARDO PREVISTE DAL REGOLAMENTO CE N. 1371/2007 ART. 110 INDENNITÀ ED ITINERARI ALTERNATIVI Secondo quanto previsto dall articolo 16 del Regolamento (CE) n.1371/2007, qualora sia ragionevolmente prevedibile che il ritardo del treno alla destinazione finale prevista dal contratto di trasporto sia superiore a 60 minuti, il passeggero può scegliere immediatamente tra: ottenere il rimborso integrale del biglietto, alle condizioni alle quali è stato acquistato, per la parte o le parti del viaggio non effettuate e per la parte o le parti già effettuate, qualora il viaggio non risulti più utile ai fini del programma originario di viaggio, oltre ad avere la possibilità, se del caso, di ritornare al punto di partenza non appena possibile. Il rimborso avviene a condizioni identiche a quelle previste per l indennità; proseguire il viaggio o seguire un itinerario alternativo, a Condizioni Generali di Trasporto simili, verso la destinazione finale non appena possibile. ART. 111 INDENNITÀ PER RITARDO a) Indennità per passeggeri in possesso di biglietto Fermo restando il diritto al trasporto, il passeggero può chiedere a TRENORD un indennità in caso di ritardo sia in partenza e sia a destinazione (rispetto alle località indicate sul biglietto) se non gli è stato rimborsato il biglietto secondo le regole riportate nella specifica sezione delle presenti Condizioni Generali di Trasporto. I risarcimenti in caso di ritardo sono fissati come segue: il 25% del prezzo del biglietto in caso di ritardo compreso tra 60 e 119 minuti; il 50% del prezzo del biglietto in caso di ritardo pari o superiore a 120 minuti. La richiesta di indennità può essere inoltrata a TRENORD, ai recapiti indicati in Allegato 1 alle presenti Condizioni Generali di Trasporto e specificando come causale Richiesta di Indennità da ritardo, esclusivamente per biglietti in cui è indicata l origine e la destinazione. Non saranno riconosciute indennità di importo inferiore a 4,00 Euro. Il risarcimento del prezzo del biglietto è effettuato entro un mese dalla presentazione della relativa domanda.

176 176 Bollettino Ufficiale b) Indennità per passeggeri in possesso di abbonamento Ai sensi del regolamento CE 1371/2007 Trenord applica l Art.17 del regolamento Indennità per il prezzo del biglietto. Nel caso in cui i passeggeri in possesso di un abbonamento siano costretti a subire un susseguirsi di ritardi e/o soppressioni riconducibili anche a cause non imputabili (forza maggiore) a Trenord, durante il periodo di validità dello stesso possono richiedere un indennizzo secondo le modalità indicate al precedente punto a). I criteri soglia previsti per l erogazione del suddetto indennizzo sono riportati nell Allegato 10 delle presenti Condizioni Generali di Trasporto. L indennizzo non è cumulabile con l eventuale Bonus previsto nell ambito del Contratto di Servizio con la Regione Lombardia. ART. 112 CASI DI NON RICONOSCIBILITÀ DELL INDENNITÀ Il passeggero non ha diritto all indennità nei seguenti casi: è informato del ritardo prima dell acquisto del biglietto ai sensi del precedente art. 59; il ritardo nell ora di arrivo prevista proseguendo il viaggio su un servizio diverso o in base a itinerario alternativo rimane inferiore a 60 minuti; il ritardo sia dovuto a cause imputabili al passeggero (a titolo meramente esemplificativo e non esaustivo, per inosservanza dei tempi di cambio dei treni o esclusione dal trasporto a causa del suo comportamento). CAPITOLO 21. IL BONUS DEL CONTRATTO DI SERVIZIO CON REGIONE LOMBARDIA ART. 113 DEFINIZIONE DEL BONUS TRENORD corrisponde ai passeggeri un bonus nei casi in cui non sia rispettato lo standard di qualità del servizio previsto, secondo un indicatore concordato e definito all interno del Contratto di Servizio con Regione Lombardia. Il bonus si applica agli abbonamenti ferroviari ordinari nonché agli abbonamenti integrati Io viaggio Treno- Città. Il bonus non si applica agli abbonamenti sovra regionali (art. 40). Sono esclusi gli abbonati i cui viaggi hanno origine e destinazione nelle tratte sulle quali è presente un elevato livello di servizio (frequenza) lungo tutto l arco della giornata e sui servizi dedicati. In Allegato 6 alle presenti Condizioni Generali di Trasporto sono riportate le regole di assegnazione degli abbonamenti alle direttrici. ART. 114 CONTENUTO E MODALITÀ DI EROGAZIONE DEL BONUS Per gli abbonamenti mensili il riconoscimento del bonus, per un dato mese e una determinata direttrice, dà diritto ad una riduzione (per Io Viaggio Treno-Città la riduzione è riconosciuta solo sulla tratta ferroviaria). Il bonus verrà erogato automaticamente nel terzo mese successivo a quello di riferimento, nel quale si è verificato il superamento dell indice di affidabilità fissato nel Contratto di Servizio. L indice (individuato in collaborazione con Regione Lombardia e le associazioni dei consumatori) è calcolato mensilmente e per ciascuna direttrice, rapportando i minuti di ritardo e i minuti delle corse soppresse alla durata prevista da orario di tutte le corse della direttrice. L indice prende in considerazione i treni con ritardo superiore a 5 minuti e i treni soppressi totalmente e non sostituiti con bus entro il tempo di ripristino di 60 minuti. Se tale indice supera un determinato valore preventivamente fissato, chiamato valore soglia, scatta il diritto al bonus per gli abbonati della direttrice. Più bonus non sono cumulabili per l acquisto di uno stesso abbonamento. Per gli abbonamenti annuali venduti a Tariffa Unica Regionale Lombardia, è possibile chiedere il rimborso di 1/12 del 10% del prezzo dell abbonamento per ciascun mese in cui la soglia è stata superata sulla direttrice utilizzata, fino ad un valore massimo annuo del 10% del prezzo dell abbonamento. Per gli abbonamenti ferroviari per cui il bonus non viene erogato in automatico, il passeggero, nell ipotesi in cui la direttrice a cui appartiene la propria relazione di viaggio abbia maturato per quel mese il diritto al bonus, può richiedere, finito il periodo di validità dell abbonamento, il rimborso della differenza di prezzo, senza che venga applicata alcuna trattenuta e senza alcun minimo, inviando l originale dell abbonamento. La richiesta, oltre che presentata presso le biglietterie e presso i My-link Point, può essere recapitata via posta a TRENORD, indicando, come causale, Richiesta di rimborso e facendo riferimento all indirizzo riportato in Allegato 1 alle presenti Condizioni Generali di Trasporto. Norme particolari possono essere previste per determinate tipologie di biglietti, per azioni di promozione o di fidelizzazione, in relazione ai canali di vendita o alle modalità di pagamento. SEZIONE 8: PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI RECLAMI ART. 115 RECLAMO A TRENORD Il passeggero può presentare reclami, in forma scritta: mediante il sito internet TRENORD nell apposita sezione dedicata ai reclami; compilando l apposito modulo presente presso le biglietterie di stazione o presso i MyLink Point di Milano Cadorna, Milano Garibaldi e Saronno. inviando una lettera, con causale Presentazione reclamo a: TRENORD Ufficio Reclami, Piazzale Cadorna 14, Milano. Entro 30 giorni TRENORD provvede a fornire risposta (esclusivamente in relazione ai propri servizi) o, se non è possibile entro tale data, ad informare il passeggero della diversa data.in ogni caso la risposta dovrà essere fornita entro tre mesi dalla data di ricezione del reclamo. ART. 116 RECLAMO ALL AUTORITÀ DI REGOLAZIONE DEI TRASPORTI Il passeggero può presentare un reclamo all Autorità di Regolazione dei Trasporti per le violazioni delle disposizioni del regolamento n. 1371/2007 relativo ai diritti e agli obblighi dei passeggeri nel trasporto ferroviario.

177 Bollettino Ufficiale 177 Il reclamo all Autorità è improcedibile qualora non sia già stato presentato un reclamo all impresa ferroviaria o qualora non siano inutilmente decorsi i termini di trenta giorni o, in casi giustificati, di tre mesi, previsti dalla procedura avviata a seguito del reclamo all impresa. Il reclamo deve essere presentato alternativamente: 1. a mezzo di raccomandata con avviso di ricevimento (Autorità di Regolazione dei Trasporti - Via Nizza, Torino) 2. via posta elettronica certificata al seguente indirizzo: Una volta entrato in funzione il SITE(sistema telematico per l invio e la gestione dei reclami all autorità dei trasporti) il reclamo dovrà essere inviato preferibilmente tramite il SITE medesimo. Il Regolamento sul procedimento sanzionatorio approvato dall Autorità di Regolazione dei Trasporti in data 4 luglio 2014 nonché il fac-simile del modulo di reclamo sono reperibili sul sito di TRENORD sotto la voce Reclami. ART. 117 LA PROCEDURA DI CONCILIAZIONE TRENORD, in coerenza con il perseguimento di obiettivi mirati all accrescimento della qualità dei servizi offerti al passeggero, anche attraverso l adozione di strumenti conciliativi che rendano più semplice la gestione delle eventuali controversie e nel rispetto di quanto previsto dal Regolamento Europeo 1371/2007, ha adottato, anche in collaborazione con le Associazioni dei Consumatori rappresentative a livello regionale, una procedura paritetica di conciliazione per la risoluzione extragiudiziale delle controversie che potranno insorgere tra TRENORD ed i passeggeri che utilizzeranno i propri servizi. La procedura e le eventuali modifiche sono resi noti sul sito internet della Società, sotto la voce Reclami. SEZIONE SPECIALE: SERVIZIO AEROPORTUALE MALPENSA EXPRESS ART. 118 CARATTERISTICHE GENERALI Il Servizio Malpensa Express è un servizio ferroviario dedicato che collega la città di Milano con l Aeroporto Internazionale di Malpensa. Il servizio dedicato si snoda lungo una direttrice che ha origine nelle stazioni di Milano Cadorna e Milano Centrale e termine nella stazione ferroviaria aeroportuale situata al Terminal 1. I treni Malpensa Express in partenza da Milano Cadorna, possono effettuare le fermate intermedie di Milano Nord Bovisa, Saronno e Busto Arsizio Nord; i treni in partenza da Milano Centrale le ulteriori fermate di Milano Porta Garibaldi, Rescaldina, Castellanza e Ferno- Lonate Pozzolo. Il treni del servizio dedicato Malpensa Express possono svolgere servizio aeroportuale o regionale a seconda dell utilizzo che ne viene fatto, come descritto in seguito: I passeggeri, provenienti o diretti all aeroporto, che vogliano usufruire del Servizio dedicato Malpensa Express per viaggi occasionali, devono munirsi di biglietti a Tariffa Speciale Malpensa Express. I passeggeri che utilizzano abitualmente i treni del Servizio dedicato Malpensa Express percorrendo l intera tratta aeroportuale, possono usufruire di abbonamenti ordinari a tariffa regionale o abbonamenti integrati di prima o seconda classe, qualora ammessa sul treno Malpensa Express prescelto. I passeggeri che utilizzano i treni del servizio aeroportuale tra due fermate intermedie sono ammessi a bordo dei Malpensa Express con titoli di viaggio a tariffa ordinaria o titoli integrati di prima o seconda classe. Per i passeggeri a bordo del Malpensa Express in possesso di titoli di viaggio a tariffa ordinaria o titoli integrati di prima o seconda classe, valgono le regole generali delle presenti Condizioni Generali di Trasporto di Trenord. Per i passeggeri a bordo del Malpensa Express in possesso di titoli di viaggio a tariffa dedicata Malpensa Express valgono le norme generali delle presenti Condizioni Generali di Trasporto oltre alle norme di utilizzo specifico riportate in seguito. ART. 119 AMMISSIONE AL TRASPORTO PER RELAZIONI AEROPORTUALI Per essere ammessi al trasporto sui treni Malpensa Express su relazioni aeroportuali, i passeggeri devono munirsi preventivamente dei seguenti titoli di viaggio a Tariffa Speciale Malpensa Express: Biglietti di Corsa Semplice Adulti / Ragazzi; Biglietti di Andata e Ritorno (o Doppia Corsa) Adulti / Ragazzi; Biglietto multicorsa 6 viaggi; Malpensa Family. I passeggeri che usufruiscono abitualmente del servizio dedicato, da e per Malpensa, dovranno munirsi di abbonamenti Settimanali, Mensili, Annuali le cui tariffe sono consultabili sul sito Trenord e sul sito del Malpensa Express oppure munirsi degli abbonamenti integrati validi su tale tragitto. Il trasporto di biciclette, animali e bagagli al seguito del passeggero avviene con le norme previste dalle presenti Condizioni Generali di Trasporto salvo le eccezioni riportate in seguito. Il passeggero che, utilizzando il servizio aeroportuale, anche da stazioni intermedie, ma con Malpensa come origine o destinazione dello spostamento, ed in possesso di regolare titolo di viaggio nonché di carta di imbarco può: trasportare gratuitamente la biciclette al seguito; trasportare gratuitamente il proprio animale al seguito; trasportare i bagagli eccezionali, eccedenti le misure limite previste come da articolo 57 delle presenti Condizioni Generali di Trasporto. Come per i servizi di trasporto pubblico regionale, il passeggero che accede al servizio aeroportuale Malpensa Express è tenuto a conservare il titolo di viaggio per la durata del percorso e sino all impianto di termine del viaggio. Il biglietto deve essere esibito ad ogni richiesta del personale addetto al controllo. Il biglietto, una volta convalidato/iniziato l utilizzo, è incedibile. ART. 120 CALCOLO DEI PREZZI Le tariffe aeroportuali dedicate relative ai biglietti di corsa semplice e multicorsa con origine e destinazione l aerostazione di Malpen-

178 178 Bollettino Ufficiale sa, sono stabilite autonomamente dall Azienda. ART. 121 CANALI DI VENDITA I titoli di viaggio a Tariffa Speciale Malpensa express sono acquistabili tramite i seguenti canali di vendita: Sportelli dedicati Malpensa Express di Milano Cadorna e di Malpensa Aeroporto; Biglietterie Trenord e biglietterie Trenitalia; Rivenditori autorizzati (PVT Agenzie di Viaggio); Emettitrici automatiche in modalità self-service; Sito Malpensa Express Applicazione smartphone; Sito Internet Trenord Sito Internet Trenitalia; Altre modalità individuate da Trenord per far fronte a specifiche esigenze di servizio o particolari operazioni commerciali (vettori aerei, tour operator, agenzie turistiche.

179 Bollettino Ufficiale 179 CONDIZIONI DI TRASPORTO - ALLEGATI Allegato 1 Punti di Contatto con TRENORD Sito internet: per tutte le informazioni relative all Azienda e al servizio ferroviario Twitter: per informazioni in tempo reale sulla circolazione dei treni sulla singola linea dal lunedì al venerdì: dalle 6.30 alle Servizio Mobile: per seguire il percorso del treno interessato direttamente dal telefono cellulare mobile.mylink.it; Servizio per la richiesta di informazioni commerciali (biglietti, abbonamenti, tessere, costi, orari) My- Contact Center ( a tariffa urbana) attivo nei seguenti orari: dal lunedì al venerdì: dalle 7.00 alle 21.00; sabato, domenica e festivi: dalle 8.00 alle per le procedure di prenotazione connesse alla organizzazione dei viaggi per le comitive e per le persone con disabilità. My-Link Point: uffici di assistenza e informazioni alla clientela My Link Point Milano Cadorna dal lunedì al venerdì: dalle 7.00 alle sabato, domenica e festivi: dalle 8.00 alle My Link Point Milano Porta Garibaldi dal lunedì al venerdì: dalle 6.45 alle sabato, domenica e festivi: dalle 8.00 alle My Link Point Saronno dal lunedì al venerdì: dalle 7.00 alle sabato e domenica chiuso Altri indirizzi mail utili: - - Per comunicazioni scritte da inoltrare a TRENORD: TRENORD Piazza Cadorna, MILANO In base alla casistica di interesse specificare la causale corrispondente di seguito indicata. PRATICA Rimborso Indennizzo Vertenze Reclamo CAUSALE Richiesta di rimborso Richiesta di indennizzo Scritti difensivi - Sanzioni in treno Presentazione reclamo

180 180 Bollettino Ufficiale Allegato 2 L accessibilità alle stazioni, treni e servizi per le persone a ridotta mobilità Di seguito l elenco delle stazioni accessibili sulla rete FerrovieNord e su quella RFI, e si evidenziano le specifiche caratteristiche di ciascuna. LEGENDA AU AS NA Accesso autonomo ai binari Accesso assistito con personale di servizio ai binari Stazione non accessibile STAZIONE ACCESSIBILITÀ ALLA ASCENSORI O RAMPE STAZIONE AROSIO FERROVIENORD AS BARASSO FERROVIENORD AS BERGAMO RFI AS BOLLATE CENTRO FERROVIENORD AU solo su binari di corsa relativi SI alla linee S BOVISIO MASCAGO FERROVIENORD AU BRESCIA RFI AS BUSTO ARSIZIO FERROVIENORD AU SI CANZO ASSO FERROVIENORD AS CASTANO PRIMO FERROVIENORD AS CASTELLANZA FERROVIENORD AU SI CESANO MADERNO FERROVIENORD Possibile accesso assistito solo su binario 1. Accesso su binario 2 solo per passeggeri con disabilità provvisti di sedia a rotelle pieghevole e/o accompagnatore a seguito. CISLAGO FERROVIENORD AS CITTIGLIO FERROVIENORD AS COCQUIO T. FERROVIENORD AS COMO NORD BORGHI FERROVIENORD AS COMO NORD CAMERLATA FERROVIENORD AS COMO NORD LAGO FERROVIENORD AS COMO S. GIOVANNI RFI AS SI CORMANO-CUSANO M FERROVIENORD AU SI CREMONA RFI AS ERBA FERROVIENORD AS FERNO FERROVIENORD AU SI FINO MORNASCO FERROVIENORD AS GALLARATE RFI AS GALLIATE FERROVIENORD AS GARBAGNATE MILANESE*** FERROVIENORD Accesso assistito su tutti i binari, ma non accessibilità al binario 5 GRANDATE B. FERROVIENORD AS INVERIGO FERROVIENORD AS LAVENO MOMBELLO. FN. FERROVIENORD AS LECCO RFI AS SI LODI RFI AS LOMAZZO FERROVIENORD AS MALNATE FERROVIENORD AS

181 Bollettino Ufficiale 181 STAZIONE ACCESSIBILITÀ ALLA ASCENSORI O RAMPE STAZIONE MALPENSA FERROVIENORD AU SI MANTOVA RFI AS MARIANO COMENSE FERROVIENORD AU SI MEDA FERROVIENORD AS MERONE FERROVIENORD AS MILANO CENTRALE RFI AS SI MILANO DATEO RFI AU SI MILANO GARIBALDI PASSANTE RFI AU SI MILANO LANCETTI RFI AU SI MILANO NORD AFFORI FERROVIENORD AU SI MILANO NORD BOVISA FERROVIENORD AU SI MILANO NORD BRUZZANO FERROVIENORD Possibile accesso assistito solo su binario 1. Accesso su binario 2 solo per passeggeri con disabilità provvisti di sedia a rotelle pieghevole e/o accompagnatore a seguito. MILANO NORD CADORNA FERROVIENORD AU NO MILANO NORD FERROVIENORD AU SI DOMODOSSOLA MILANO NORD QUARTO FERROVIENORD AU SI OGGIARO MILANO P.TA GARIBALDI RFI AS SI MILANO P.TA VENEZIA RFI AU SI MILANO RFI AU PORTA VITTORIA MILANO REPUBBLICA RFI AU SI MILANO VILLAPIZZONE RFI NA SI MOZZATE FERROVIENORD AS NOVARA FERROVIENORD AU SI NOVATE MILANESE FERROVIENORD AU solo su binari di corsa relativi SI alla linee S. PADERNO DUGNANO FERROVIENORD Possibile accesso assistito solo su binario 1. Accesso su binario 2 solo per passeggeri con disabilità provvisti di sedia a rotelle pieghevole e/o accompagnatore a seguito. PALAZZOLO MILANESE FERROVIENORD AU SI PAVIA RFI AS PIOLTELLO - LIMITO RFI AS (Servizio di assistenza limitato ai clienti che non necessitano di carrello elevatore). POGGIO RUSCO RFI AS RESCALDINA FERROVIENORD AU SI RHO RFI AS SI ROVELLASCA M. FERROVIENORD AS SARONNO FERROVIENORD AU SI SEVESO FERROVIENORD AS TRADATE FERROVIENORD AS TURBIGO FERROVIENORD AS VANZAGHELLO M. FERROVIENORD AU SI VAREDO FERROVIENORD AS VARESE CASBENO FERROVIENORD AS VARESE N. FERROVIENORD AS VENEGONO SUPERIORE FERROVIENORD AS VOGHERA RFI AS

182 182 Bollettino Ufficiale Nella tabella sottostante si riportano le linee i cui treni garantiscono l accesso al servizio alle persone con disabilità e/o mobilità ridotta. L elenco delle singole corse delle linee indicate (e relativo orario) è consultabile sull orario ufficiale, sito internet e secondo le modalità indicate al Capitolo 2. Num. Dir. DIRETTRICE Num. Linea Nome linea Elenco treni presenti in Quadro Note Orario nr. 1 Novara - Milano - Treviglio S6 11w 11 Comprende anche i treni limitati (S6/) 5 Luino - Gallarate - Malpensa R Comprende anche treni limitati Luino-Gallarate (R21/), Luino-Busto e Luino- Milano, i bus Luino - Gallarate 35 Malpensa - Milano R Malpensa - Milano XP Comprende anche i treni di sola 1 a classe Mxp-Saronno- Cadorna 35 Malpensa - Milano XP Saronno - Milano - Lodi S1 45-M13 45-M13 Mariano/Camnago - Seveso - Milano 37 S Comprende anche i treni Lodi-Seveso (S) e i treni Bovisa-Rogoredo (S2) 40 Treviglio - Milano - Varese S Alessandria - Pavia - Milano S Comprende anche i treni Milano Bovisa-Garbagnate Per tutte le altre linee, non riportate in tabella, è possibile desumere la presenza di carrozze attrezzate per il trasporto di passeggeri con disabilità e/o a mobilità ridotta dall Orario Ufficiale, sito internet e nelle modalità indicate al Capitolo 2. Si consiglia di contattare preventivamente, secondo le modalità descritte nell apposito capitolo 10 dedicato al trasporto delle persone con disabilità o PRM, il SERVIZIO DI ASSISTENZA TRENORD per verificare la disponibilità di treni e per una migliore organizzazione del viaggio.

183 Bollettino Ufficiale 183 Allegato 3 Elenco delle stazioni di confine delle aree regionali ai fini tariffari AREE REGIONALI AREE CONFINANTI LINEE DI TRANSITO STAZIONI DI CONFINE ESTENSIONE DEL CONFINE AI FINI TARIFFARI SVIZZERA Milano-Chiasso Como S. Giovanni Chiasso Tirano-Saint Moriz Tirano a Gallarate-Arona Sesto Calende Dormelletto; Arona Mortara-Alessandria Torreberetti Valenza Mortara-Vercelli Palestro PIEMONTE Mortara-Novara Albonese Borgo L.; Vespolate; Garbagna; Novara Voghera-Tortona Voghera Pontecurone; Tortona Rho-Novara Magenta Trecate; Novara Saronno-Novara Novara b Castel S.G.; Sarmato; Rottofreno; Broni-Piacenza Arena Po LOMBARDIA S.Nicolò; Piacenza Milano-Piacenza S. Stefano Lodigiano Piacenza Olmeneta-Castelvetro Cremona EMILIA Piadena-Parma Casalmaggiore(*) ROMAGNA Villanova di Reggiolo; Rolo- Mantova-Modena Gonzaga Reggiolo Novi-Fabbrico Nogara-Bologna Poggio Rusco Suzzara-Ferrara Suzzara c Brascia-Verona Desenzano del Garda Peschiera del Garda VENETO Mantova-Verona Roverbella Mozzecane; Villafranca di Verona Mantova-Nogara Castel d Ario Bonferraro; Nogara Nogara-Bologna Ostiglia(*) Novara - Luino Castelletto Ticino Sesto Calende (**) Arona - Gallarate Dormelletto (*) Vercelli - Mortara Vercelli PIEMONTE Novara - Mortara Borgo Lavezzaro(*) Alessandria-Mortara Valenza Tortona-Voghera Pontecurone (*) EMILIA ROMAGNA VENETO LOMBARDIA Novara-Rho Trecate (*) Castelvetro-Cremona Castelvetro Cremona Parma-Piadena Mezzani R. Casalmaggiore.- S.Giovanni C. Piadena Modena-Mantova Villanova di R. (*) Fidenza-Milano Piacenza Bologna-Nogara Mirandola Poggio Rusco Piacenza-Broni Castel S.G.(*) Verona-Mantova Mozzecane (*) Nogara-Mantova Bonferrato (*) Nogara-Bologna Roncanova Ostiglia - Revere - Poggio Rusco Verona-Brescia Peschiera del G. Stazioni per le quali sono validi i titoli di viaggio del sistema tariffario regionale negli spostamenti con origine/destinazione in Lombardia. a) Linea facente parte della rete delle ferrovie retiche per la quale si applicano le tariffe del sistema tariffario elvetico. b) Linea della rete regionale FNM per la quale si applicano le tariffe deliberate dalla Regione Lombardia anche nella tratta piemontese.

184 184 Bollettino Ufficiale c) Linea facente parte della rete regionale FER per la quale si applicano le tariffe deliberate dalla Regione Emilia Romagna anche per le tratte lombarde. (*) Per la tassazione dei viaggi che interessano i transiti asteriscati si applica quanto previsto al punto 4, a) delle NORME PER LA TASSAZIONE DEI VIAGGI REGIONALI. (**) Per i viaggi da Sesto Calende ad Arona e Dormelletto e viceversa, si applica le tariffe previste dal sistema tariffario regionale. Norme per la Tassazione dei Viaggi Regionali A. Le estensioni del confine ai fini tariffari, indicate nella colonna 4, sono applicabili ai soli viaggi che interessano le stazioni di confine delle linee di transito riportate nella colonna 3, su cui le estensioni stesse sono ubicate. B. Per viaggi fra due stazioni situate entro i confini (colonna 3), di una medesima area regionale (col. 1), su itinerari che interessano unicamente detta area, si applicano i prezzi della tariffa Regionale in essa in vigore. La medesima tariffa è applicabile anche nel caso in cui il solo collegamento esistente fra dette stazioni imponga l attraversamento di altre aree regionali. Si applica ugualmente la tariffa dell area regionale di appartenenza delle due sta- zioni nel caso in cui il chilometraggio dell itinerario richiesto dal passeggero, pur interessando anche altre aree regionali, non sia superiore di oltre 100 Km. a quello della via più breve congiungente le due stazioni. C. Casi particolari di tassazione: 1) Per i viaggi da una stazione elencata nella colonna 4 ad una qualsiasi stazione appartenente all area regionale indicata nella colonna 1, o viceversa, si applica la tariffa in vigore in quest ultima area. esempio: si applica la tariffa dell area regionale della Lombardia (colonna 1) peri viaggi da Novara (Piemonte) colonna 4, a Milano Centrale (Lombardia) colonna 1 via Magenta. 2) Per i viaggi fra due stazioni elencate nella colonna 4 appartenenti ad aree regionali diverse (colonna 2) ma situate sulle estensioni tariffarie della stessa area regionale indicata nella colonna n. 1, a condizione che il viaggio si sviluppi nel territorio di tale area attraverso entrambe le stazioni di confine (colonna 3) delle estensioni dei confini ai fini tariffari, si applica la tariffa in vigore in quest ultima area regionale. 1 esempio: si applica la tariffa dell area regionale Lombardia (colonna 1) per i viaggi da Nogara (Veneto) colonna 4 a Tortona (Piemonte) colonna 4 via Castel d A- rio - Voghera. 2 esempio: si applica la tariffa dell area regionale Veneto (colonna 1) per i viaggi da Ferrara (Emilia Rom.) col. 4 a Sacile (Friuli V.G.) col. 4 via Rovigo - Conegliano. 3) Per i viaggi fra stazioni elencate nella colonna 4, situate nella medesima area regionale (colonna 2), si applica la tariffa di quest ultima area. Andrà tuttavia adot- tata la tariffa dell area regionale indicata nella colonna 1 nel caso in cui il viaggio si sviluppi nel territorio di quest ultima area attraverso entrambe le stazioni di confine (colonna 3) delle estensioni dei confini ai fini tariffari. 1 esempio: da Novara (Piemonte) colonna 4 a Tortona (Piemonte) colonna 4, via Vercelli - Alessandria, si applica la tariffa dell area regionale Piemonte (colonna 2).2 esempio: da Novara (Piemonte) colonna 4 a Tortona (Piemonte) colonna 4, via Borgo Lavezzaro - Voghera, si applica la tariffa dell area regionale Lombardia (colonna 1).

185 Bollettino Ufficiale 185 In caso di autorizzazione al rilascio di abbonamento valido per seguire indifferente- mente due vie diverse la tassazione dovrà essere fatta: a) sulla percorrenza più lunga nel caso in cui le due vie prevedano l applicazione della medesima tariffa; b) sulla percorrenza che comporta l applicazione del prezzo più elevato nel caso in cui le due vie prevedano l applicazione di tariffe diverse. 4) Transiti asteriscati e stazioni di confine (colonna 3) a) Transiti asteriscati: per i viaggi da stazioni appartenenti all area regionale indicata nella colonna 1 ad altra appartenente all area confinante indicata nella colonna 2 che interessano i transiti asteriscati (colonna 3), la stazione di confine tariffario da considerare ai fini della tassazione è quella sottolineata indicata nella colonna 4 in corrispondenza della stessa linea dell area regionale confinante. esempio: da Rolo Novi F. (Emilia R.) a Mantova (Lombardia) attraverso il transito di confine regionale di Villanova di Reggiolo (*), si applica la tariffa della Lombardia poiché il confine da considerare per la tassazione é appunto Rolo Novi F. quale estensione del confine ai fini tariffari dell area regionale della Lombardia b) Stazioni di confine: per i viaggi da stazioni appartenenti ad un area regionale indicata nella colonna 2 ad una stazione di confine non asteriscata (colonna 3) di aree regionali limitrofe attraverso la linea di transito indicata, si applica la tariffa in vigore nell area indicata nella colonna 2 a condizione che la stazione di confine non asteriscata (colonna 3) costituisca una sua estensione del confine ai fini tariffari. Norme per la definizione dei confini geografici ai fini dell applicazione della tariffa regionale con applicazione sovra-regionale Per la determinazione dei confini geografici regionali al fine dell applicazione dei prezzi per viaggi fra due o più regioni sui treni regionali, le stazioni di confine sono quelle riportate nella seguente tabella. ALBONESE MOZZECANE PONTECURONE BONFERRARO OSTIGLIA SESTO CALENDE CASTEL S. GIOVANNI PALESTRO TERRANOVA MONFERRATO CREMONA PESCHIERA DEL GARDA TORREBERETTI GONZAGA-REGGIOLO PIACENZA TRECATE MEZZANI-RONDANI POGGIO RUSCO

186 186 Bollettino Ufficiale Allegato 4 Le stazioni ferroviarie ricomprese nelle Aree di Integrazione tariffaria SITAM SETTIMANALE INTEGRATO D AREA SITAM E LOCALITÀ APPARTENENTI AD OGNI AREA PICCOLA MEDIA GRANDE PLUS 1 Bollate Centro Arcore Abbiategrasso Besana Brianza Bollate Nord Biassono-Lesmo Albairate Busto Arsizio FN Cesano Boscone Borgolombardo Camnago-Lentate Busto Arsizio FS Cormano-Cusano M Bovisio Masciago Canegrate Calusco Corsico Buttafava Carate-Calò Cantù-Cermenate Caronno Pertusella Carnate-Usmate Carimate Novate Milanese Cesano Maderno Cassano d Adda Castano Primo (via Milano-Asso) Rho Fiera Milano Cesate Cernusco-Merate Castellanza S.Donato Milanese Corbetta-S. Stefano Ceriano Laghetto- Certosa di Pavia T. Groane Segrate Desio Ceriano Laghetto- Olgiate-Calco-Brivio Solaro Sesto S. Giovanni Gaggiano Cesano Maderno(via Saronno-Seregno) Paderno D Adda -Robbiate Garbagnate Cesano Maderno- Renate-Veduggio Groane Garbagnate Legnano Treviglio Parco Groane Locate Triulzi Lesmo Turbigo Lissone Lodi Vanzaghello Macherio-Canonica Macherio-Sovico Vigevano Melegnano Magenta Melzo Meda Monza Osnago Monza Sobborghi Parabiago Paderno Dugnano Pozzuolo Martesana Palazzolo Milanese Rescaldina Pieve Emanuele S. Zenone al Lambro Pioltello Saronno Sud Pregnana Milanese Saronno Rho Seregno S. Giuliano Milanese Seveso Trezzano sul Seveso-Baruccana Naviglio Varedo Tavazzano Vignate Trecella Villasanta Triuggio-Ponte Albiate Vittuone-Arluno Vanzago-Pogliano Villamaggiore Villa Raverio

187 Bollettino Ufficiale 187 Allegato 5 Le stazioni ferroviarie in ambito urbano di Milano Le stazioni ferroviarie nel territorio urbano del nodo di Milano sono le seguenti: Stazione Gestore Stazione dotata di varchi elettronici elettronici per l accesso. Milano Affori FERROVIENORD Presenti Milano Bovisa FERROVIENORD Presenti Milano Bruzzano FERROVIENORD Milano Cadorna FERROVIENORD Presenti Milano Centrale RFI Milano Certosa RFI Milano Dateo RFI Presenti Milano Domodossola FERROVIENORD Presenti Milano Greco-Pirelli RFI Milano Lambrate RFI Milano Lancetti RFI Presenti Milano Porta Garibaldi RFI Milano Porta Garibaldi Passante RFI Presenti Milano Porta Genova RFI Milano Porta Romana RFI Milano Porta Venezia RFI Presenti Milano Porta Vittoria RFI Presenti Milano Quarto Oggiaro FERROVIENORD Presenti Milano Repubblica RFI Presenti Milano Rogoredo RFI Milano Romolo RFI Milano S.Cristoforo RFI Milano Villapizzone RFI Presenti

188 188 Bollettino Ufficiale Allegato 6 Il Bonus previsto dal Contratto di Servizio con Regione Lombardia Ciascuna relazione ferroviaria è attribuita ad un unica direttrice. Per verificare se si ha diritto al bonus è necessario conoscere la direttrice alla quale è attribuito l abbonamento di cui si è in possesso. Di tale attribuzione deve essere informato l acquirente dell abbonamento. Le regole per l attribuzione degli abbonamenti alle direttrici, riportate di seguito, sono univoche e predefinite. Quando l abbonamento è valido per viaggi tra due stazioni (Origine e Destinazione, di seguito abbreviate in O/D) situate sulla stessa direttrice, esso è ovviamente associato a detta direttrice. Quando invece le O/D si trovano su direttrici diverse, o sono possibili più istradamenti, l abbonamento, per evidenti ragioni di chiarezza gestionale, viene attribuito ad una sola di esse. Nell effettuare tale attribuzione Trenord applica i criteri che seguono: - gli abbonamenti validi per viaggi tra O/D che interessano in successione più direttrici sono attribuiti a quella sulla quale viene effettuato il percorso più lungo. Ad esempio, l abbonamento Voghera-Rho, che interessa le direttrici Milano-Voghera e Varese- Milano - Treviglio, è attribuito alla direttrice Milano-Voghera; - gli abbonamenti validi per viaggi che è possibile effettuare su più istradamenti alternativi, appartenenti ciascuno ad una diversa direttrice (ad esempio Milano-Bergamo via Treviglio e via Carnate) sono attribuiti alla direttrice sulla quale viene effettuato il percorso più lungo; - gli abbonamenti validi su relazioni con origine o destinazione in una stazione di attestamento di linea suburbana sono assegnati alla direttrice che presenta il minor tempo di percorrenza, secondo quanto specificato nelle tabelle 1, 2 e 3; - gli abbonamenti validi per viaggi effettuati su tratte comuni a più direttrici (ad esempio Carnate- Milano, che è servita sia da treni della direttrice Milano-Carnate-Bergamo, sia della Milano-Lecco- Sondrio-Tirano) sono attribuiti alle direttrici indicate nella tabella 1. Tabella 1 - assegnazione alle direttrici per specifiche relazioni VIAGGI DALLE STAZIONI DA A DIRETTRICE ASSEGNATA Lecco/Carnate Usmate Monza/Milano 7 o 39 Tirano - Sondrio - Lecco Milano o Lecco Milano : v. tabella 3 Cassano a Vignate Milano/Rho 40 o 4 Treviglio - Milano Passante - Varese o Pto Ceresio - Varese - Gallarate - Milano : v. tabella 2 Treviglio (*) Milano 17 Verona-Brescia-Treviglio-Milano Varese Milano 40 o 4 Treviglio - Milano Passante - Varese o Pto Ceresio - Varese - Gallarate - Milano : v. tabella 2 Codogno a Secugnago Milano 21 Piacenza - Lodi - Milano Tavazzano a S. Donato Milanese Milano/Saronno 36 Saronno - Milano - Lodi Lodi (*) Milano 21 Piacenza-Lodi-Milano da Bressana Bottarone o Argine a Cava Pavia 23 Stradella - Pavia - Milano Manara da Bressana Bottarone o Argine a Cava Milano 23 Stradella - Pavia - Milano Manara Seregno a Lissone Milano 2 Seregno - Milano - Albairate Albairate (*) Milano 25 Alessandria - Mortara - Milano Gaggiano a Corsico Milano 2 Seregno - Milano - Albairate (*) le modifiche saranno operative dal mese di novembre Prima di tale data per Treviglio vale l assegnazione alla direttrice 40; per Lodi vale l assegnazione alla direttrice 36; per Albairate vale l assegnazione alla direttrice 2. L attribuzione delle coppie O/D alle direttrici è pubblicizzata da Trenord nelle biglietterie e punti vendita e con altre modalità efficaci.

189 Bollettino Ufficiale 189 Stazione di partenza Tabella 2 - assegnazione delle coppie O/D interessanti la linea S5 (Dir. 40) Stazione di arrivo Pto Ceresio, Bisuschio, Arcisate, Induno Varese Gazzada, Castronno, Albizzate, Cavaria Gallarate Busto FS, Legnano Canegrate, Parabiago, Vanzago Rho Milano Segrate, Pioltello Vignate, Melzo, Pozzuolo, Trecella, Cassano Pto Ceresio, Bisuschio, Arcisate, Dir 4 Dir 4 S5 Dir 4 Dir 4 S5 S5 Dir 4 S5 S5 S5 Induno Varese Dir 4 S5 Dir 4 Dir 4 S5 S5 Dir 4 S5 S5 S5 Gazzada, Castronno, Albizzate, S5 S5 S5 S5 S5 S5 S5 S5 S5 S5 S5 Cavaria Gallarate Dir 4 Dir 4 S5 S5 S5 S5 S5 S5 S5 S5 Busto FS, Legnano Dir 4 Dir 4 S5 S5 S5 S5 S5 S5 S5 S5 S5 Canegrate, Parabiago, S5 S5 S5 S5 S5 S5 S5 S5 S5 S5 S5 Vanzago Rho S5 S5 S5 S5 S5 S5 NO BONUS S5 S5 S5 Milano Dir 4 Dir 4 S5 S5 S5 S5 Segrate, Pioltello Vignate, Melzo, Pozzuolo, Trecella, Cassano NO BONUS S5 S5 S5 S5 S5 S5 S5 NO BONUS NO BONUS NO BONUS Treviglio (*) S5 Dir. 17 S5 S5 S5 S5 S5 S5 S5 S5 S5 S5 S5 Treviglio (*) S5 S5 S5 S5 S5 S5 S5 Dir. 17 S5 S5 (*) le modifiche saranno operative dal mese di novembre Prima di tale data per la relazione Treviglio Milano vale l assegnazione alla direttrice S5. S5 S5 Tabella 3 - assegnazione delle coppie O/D interessanti la linea S8 (Dir. 39) Stazione di arrivo Lecco Maggianico, Vercurago S. Girolamo, Calolziocorte Olginate, Airuno, Olgiate Calco LECCO Brivio, Cernusco Merate, Osnago, Carnate Usmate, Arcore Monza MILANO Stazione di arrivo LECCO S8 DIR 7 DIR 7 Lecco Maggianico, Vercurago S. Girolamo, Calolziocorte Olginate, Airuno, Olgiate Calco Brivio, Cernusco Merate, Osnago, Carnate Usmate, S8 S8 S8 Arcore NO Monza DIR 7 S8 BONUS NO MILANO DIR 7 S8 BONUS

190 190 Bollettino Ufficiale Tabella 4 - assegnazione delle coppie O/D interessanti la linea S8 (Dir. 39) Stazione di arrivo Lecco Maggianico, Vercurago S. Girolamo, Calolziocorte Olginate, Airuno, Olgiate Calco LECCO Brivio, Cernusco Merate, Osnago, Carnate Usmate, Arcore Monza MILANO Stazione di arrivo LECCO S8 DIR 7 DIR 7 Lecco Maggianico, Vercurago S. Girolamo, Calolziocorte Olginate, Airuno, Olgiate Calco Brivio, Cernusco Merate, Osnago, Carnate Usmate, S8 S8 S8 Arcore NO Monza DIR 7 S8 BONUS NO MILANO DIR 7 S8 BONUS

191 Bollettino Ufficiale 191 Allegato 7 Le biglietterie del Servizio Ferroviario Regionale in Lombardia TN: Biglietterie Trenord - TI: Biglietterie Trenitalia STAZIONE BIGLIETTERIA INDIRIZZO CAP COMUNE PROV Abbiategrasso TN Viale Felice Cavallotti Abbiategrasso MI Arcore TN Piazza Martiri della Libertà Arcore MB Bergamo TI Piazza Guglielmo Marconi Bergamo BG Bollate Centro TN Piazza Karl Marx Bollate MI Brescia FS TI Viale della Stazione Brescia BS Brescia FN TN Viale della Stazione Brescia BS Busto Arsizio TN Piazza Volontari della Libertà Busto Arsizio VA Busto Arsizio Nord TN Via Vincenzo Monti Busto Arsizio VA Calolziocorte Olginate TN Via Galli Calolziocorte LC Piazza Volontari della Libertà Canegrate TN Canegrate MI Carnate Usmate TN Via Roma Carnate MB Casalpusterlengo TN Piazza Guglielmo Marconi Casalpusterlengo LO Cernusco-Merate TN Piazza Giuseppe Mazzini Cernusco Lombardone LC Cesano Maderno TN Via Alessandro Volta Cesano Maderno MB Chiari TN Viale Guglielmo Marconi Chiari BS Chiavenna TN Piazza Caduti per la Libertà Chiavenna SO Codogno TN Piazza Luigi Cadorna Codogno LO Colico TN Piazza Roma Colico LC Como Nord Lago TN Largo Giacomo Leopardi Como CO Como S.Giovanni TI Piazza San Gottardo Como CO Cremona TN Via Dante Alighieri Cremona CR Desenzano TN Piazza Luigi Einaudi Desenzano del Garda BS Desio TI Viale Stazione Desio MB Edolo TN Piazza Battaglione Edolo Edolo BS Gallarate TN Piazza Papa Giovanni X XIII Gallarate VA Iseo TN Via Repubblica Iseo BS Lecco TI Piazza Lega Lombarda Lecco LC Legnano TN Piazza Butti Legnano MI Lodi TN Piazza Stazione Lodi LO Lomazzo Piazza Stazione Lomazzo CO TN Luino TN Piazza Guglielmo Marconi Luino VA Magenta TN Piazza Papa Giovanni X XIII Magenta MI Malnate TN Piazza Bianchi Luraschi Malnate VA Malpensa Aeroporto TN Aeroporto Terminal Ferno VA Mantova TN Piazza Don Eugenio Leoni Mantova MN Mariano Comense TN Piazza Armando Diaz Mariano Comense CO Malnate Piazza Bianchi Luraschi Malnate VA Melegnano Piazza X XV Aprile Melegnano MI

192 192 Bollettino Ufficiale STAZIONE BIGLIETTERIA INDIRIZZO CAP COMUNE PROV Milano Nord Bovisa TN Piazza Vittorio Alfieri Milano MI Milano Nord Cadorna TN Piazzale Luigi Cadorna Milano MI Milano Centrale TI Piazza Duca d'aosta Milano MI Milano Nord Domodossola TN Via Domodossola Milano MI Milano Lambrate TI Piazza Enrico Bottini Milano MI Milano Porta Garibaldi TI Piazza Sigmund Freud Milano MI Milano P. Garib. Passante TN Piazza Sigmund Freud Milano MI Milano Porta Genova TN Piazzale Porta Genova Milano MI Milano Rogoredo TI Via Giovanni Battista Cassinis Milano MI Monza TI Via Arosio Monza MB Morbegno TN Piazza Marco Enrico Bozzi Morbegno SO Mortara TN Piazza Guglielmo Marconi Mortara PV Novate Milanese TN Piazza Giovanni Testori Novate Milanese MI Ostiglia TN Piazza Dante Alighieri Ostiglia MN Paderno Dugnano TN Via IV Novembre Paderno Dugnano MI Parabiago TN Via Giacomo Matteotti Parabiago MI Pavia TI Piazza Stazione Pavia PV Poggio Rusco TN Via Trento Trieste Poggio Rusco MN Rho TN Piazza Libertà Rho MI Romano TN Piazza Stazione Romano di Lombardia BG Rovato TN Viale Lombardia Rovato BS Saronno TN Piazza Luigi Cadorna Saronno VA Seregno TN Piazza X XV Aprile Seregno MB Sesto Calende TN Piazza Stazione Sesto Calende VA Sesto S.Giovanni TN Piazza I Maggio Sesto San MI Giovanni Seveso TN Piazza Giuseppe Mazzini Seveso MB Sondrio TN Piazzale Giovanni Bertacchi Sondrio SO Stradella TN Piazzale Giacomo Matteotti Stradella PV Suzzara TN Piazza Giacomo Matteotti Suzzara MN Tirano TN Piazza Stazione Tirano SO Tradate TN Piazza Stazione Tradate VA Treviglio TN Piazza Giuseppe Verdi Treviglio BG Vanzago Pogliano TN Piazza X XV Aprile Vanzago MI Varese TN Piazza Trieste Varese VA Varese Nord TN Piazzale Trento Varese VA Vigevano TN Piazza IV Novembre Vigevano PV Voghera TI Piazzale Guglielmo Marconi Voghera PV Sul sito è possibile trovare la geo-localizzazione di tutte le stazioni ferroviarie della Lombardia, presso le quali è possibile accedere ai servizi ferroviari Trenord, anche qualora prive di biglietteria.

193 Bollettino Ufficiale 193 Allegato 8 Tabella Riepilogativa Sanzioni ACQUISTO A BORDO TRENO Art. 25 CGT Esanzione suppletiva 3 volte la tassa minima 2 cl SPROVVISTO DI TITOLO DI VIAGGIO A BORDO TRENO 4,20 4,20 + IL PREZZO DEL BIGLIETTO Modalità di pagamento Titolo di viaggio Sanzione L.R. 6/2012 Sanzione Art. 465 c.p. comma 1 Spese di procedimento entro 5 giorni (1) 32,50 10,00 42,50 + IL PREZZO DEL BIGLIETTO (1) entro 60 giorni (1) 46,50 10,00 56,50 + IL PREZZO DEL BIGLIETTO (1) Ordinanza ingiuzione 140,00 10,00 SPROVVISTO DI TITOLO DI VIAGGIO IN USCITA DAI TORNELLI Modalità di pagamento Titolo di viaggio Sanzione L.R. 6/2012 Sanzione Art. 465 c.p. comma 1 Spese di procedimento Totale importo da pagare * entro 5 giorni (2) 32,50 10,00 42,50 + IL PREZZO DEL BIGLIETTO (2) entro 60 giorni (2) 46,50 10,00 56,50 + IL PREZZO DEL BIGLIETTO (2) Ordinanza ingiuzione 140,00 10,00 ABBONAMENTO COMPILATO MANUALMENTE IN MODO IRREGOLARE* Errata Compilazione: Indicazione di percorso di prezzo superiore a quello acquistato (Es.: Fascia 30 km e percorso indicato manualmente 40Km)** Modalità di pagamento Titolo di viaggio Sanzione L.R. 6/2012 Sanzione Art. 465 c.p. comma 1 Spese di procedimento entro 5 giorni (3) 32,50 10,00 42,50 + IL PREZZO DEL BIGLIETTO (3) entro 60 giorni (3) 46,50 10,00 56,50 + IL PREZZO DEL BIGLIETTO (3) Ordinanza ingiuzione 140,00 10,00 Errata Compilazione: Indicazione di periodo di validità differente da convalida effettuata (Es.: Convalida Aprile e indicazione manuale Maggio)** Modalità di pagamento Titolo di viaggio Sanzione L.R. 6/2012 Sanzione Art. 465 c.p. comma 1 Spese di procedimento Totale importo da pagare * entro 5 giorni (4) 32,50 10,00 42,50 + IL PREZZO DEL BIGLIETTO (4) entro 60 giorni (4) 46,50 10,00 56,50 + IL PREZZO DEL BIGLIETTO (4) Ordinanza ingiuzione 140,00 10,00 RAVVEDIMENTO OPEROSO PER ABBONATI Modalità di pagamento Titolo di viaggio Sanzione L.R. 6/2012 Sanzione Art. 465 c.p. comma 1 Spese di procedimento Se presenta l abbonamento (5) Se non viene presentato l abbonamento in corso di validita Totale importo da pagare * Totale importo da pagare * IL PREZZO DEL BIGLIETTO (5) entro 5 giorni (5) 32,50 10,00 42,50 + IL PREZZO DEL BIGLIETTO (5) entro 60 giorni (5) 46,50 10,00 56,50 + IL PREZZO DEL BIGLIETTO (5) 150,00 150,00 Totale importo da pagare * 150,00 150,00 Ordinanza ingiuzione 140,00 10,00 150,00

194 194 Bollettino Ufficiale BIGLIETTO CARNET ABBONAMENTO SETTIMANALE ALTERATO O CONTRAFFATTO* Sanzione Art. 465 c.p. Spese di Modalità di pagamento Titolo di viaggio Sanzione L.R. 6/2012 Art 1382 e segg del c.c. comma 1 procedimento entro 60 giorni 50,00 206,00 10,00 Ordinanza ingiuzione 50,00 619,00 10,00 ABBONAMENTO MENSILE ALTERATO O CONTRAFFATTO* Sanzione Art. 465 c.p. Spese di Modalità di pagamento Titolo di viaggio Sanzione L.R. 6/2012 Art 1382 e segg del c.c. comma 1 procedimento entro 60 giorni 100,00 206,00 10,00 Ordinanza ingiuzione 100,00 619,00 10,00 ABBONAMENTO TRIMESTRALE ALTERATO O CONTRAFFATTO* Sanzione Art. 465 c.p. Spese di Modalità di pagamento Titolo di viaggio Sanzione L.R. 6/2012 Art 1382 e segg del c.c. comma 1 procedimento entro 60 giorni 300,00 206,00 10,00 Ordinanza ingiuzione 300,00 619,00 10,00 ABBONAMENTO ANNUALE ALTERATO O CONTRAFFATTO* Sanzione Art. 465 c.p. Spese di Modalità di pagamento Titolo di viaggio Sanzione L.R. 6/2012 Art 1382 e segg del c.c. comma 1 procedimento entro 60 giorni 800,00 206,00 10,00 Ordinanza ingiuzione 800,00 619,00 10,00 ELUSIONE DELLA CONTROLLERIA Modalità di pagamento Titolo di viaggio Sanzione L.R. 6/2012 Art 1382 e segg del c.c. Sanzione Art. 465 c.p. Spese di comma 1 procedimento Totale importo da pagare * entro 5 giorni (1) 32,50 35,00 10,00 77,50 + IL PREZZO DEL BIGLIETTO (1) entro 60 giorni (1) 46,50 50,00 10,00 106,50 + IL PREZZO DEL BIGLIETTO (1) Ordinanza ingiuzione 140,00 50,00 10,00 TITOLO DI VIAGGIO INTESTATO AD ALTRA PERSONA* Modalità di pagamento Titolo di viaggio Sanzione L.R. 6/2012 Art 1382 e segg del c.c. Sanzione Art. 465 c.p. Spese di comma 1 procedimento Totale importo da pagare * entro 5 giorni (1) 32,50 35,00 10,00 77,50 + IL PREZZO DEL BIGLIETTO (1) entro 60 giorni (1) 46,50 50,00 10,00 106,50 + IL PREZZO DEL BIGLIETTO (1) Ordinanza ingiuzione 140,00 50,00 10,00 Regolarizzazione non valida con le nuove CGT do Trenord ( Contratto TN-TI 2011) UTILIZZO DEI TITOLI DI VIAGGIO EMESSI DA UNA SOCIETÀ SUI TRENI DELL ALTRA (Circ. 47/2012) Totale importo da pagare * 266,00 CFT TI / Parte II Trasporto Nazionale / Capitolo IV p. 2 par. b Sovrapprezzo 8,00 8,00 + IL PREZZO DEL BIGLIETTO 679,00 Totale importo da pagare * 316,00 729,00 Totale importo da pagare * 516,00 929,00 Totale importo da pagare * 1.016, ,00 200,00 200,00

195 Bollettino Ufficiale 195 Allegato 9 Informazioni ai viaggiatori INFORMAZIONI CANALI Disponibilità al 31/12/2014] Orario In Stazione* [Singolo Treno] - Avvisi SI audio* - Monitor e teleindicatori di stazione* SI A bordo treno Cartaceo Online [Desktop] Mobile Telefono Social Orario Generale Stampa Ad ogni cambio orario Online Libretto orario Scaricabile [.Pdf] SI Sonoro e/o video - laddove supportato Coradia, TSR- [anche in inglese]. Contenuto: Treno in oggetto, fermate, orario, origine/destinazione. Tramite sistema Oboe e Pis [Vedi dettaglio tabella a.] SI Libretto orario. Contenuto: dettaglio treno e info commerciali. SI Motore orario. Contenuto: dettaglio treno e info commerciali [anche in inglese] SI Motore orario. Contenuto: dettaglio treno e info commerciali. Numero telefonico (tariffa urbana), aperto tutti i giorni come indicato su sito internet On demand [Twitter] attivo dal lunedì al venerdì Variazioni servizio al Stazione* Reti - Avvisi SI audio* [variazioni programmate e non programmate, ritardi e soppressioni] - Monitor e SI teleindicatori [variazioni programmate e non programmate, ritardi e soppressioni] di stazione* - Monitor SI Digital [se variazione programmata] Signage (nelle stazioni Ferrovienord) - Bacheche SI [se variazione programmata o sciopero, tramite Avvisi sulle bacheche di stazione o in biglietteria] Bordo treno SI Messaggio tramite Sistema Oboe direttamente dalla sala operativa. Online [Desktop] Mobile Si - Pagine direttrici; - sezione avvisi. [variazioni programmate e non programmate, ritardi e soppressioni] Si - Pagine direttrici; - sezione avvisi. [variazioni programmate e non programmate, ritardi e soppressioni]

196 196 Bollettino Ufficiale INFORMAZIONI CANALI Disponibilità al 31/12/2014] Social Twitter, account di direttrice [variazioni programmate e non programmate, ritardi e soppressioni] La rete e le stazioni Stazione Infrastruttura - Bacheche Mappa rete Bordo treno Mappa rete Stampa Libretto orario Online [Desktop] Mappe online,.pdf scaricabili. Elenco stazioni con direttrice di appartenenza, elenco e mappa biglietterie e rivendite autorizzate Mobile Mappa con l'indicazione della fermata dei bus sostitutivi Stazione - Monitor no Digital Signage (nelle stazioni Ferrovienord) - Bacheche Avviso Cartaceo Online [Desktop] Libretto orario Mappa con geolocalizzazione delle fermate..pdf scaricabili Estratto delle Condizioni di trasporto Stazione - Bacheche Sintesi Stampa per le biglietterie Online [Desktop] Vademecum integrale Integrale [.Pdf scaricabile] Tariffe e modalità di acquisto dei biglietti Servizi offerti alle persona con disabilità e viaggiatori con bici al seguito Stazione - Bacheche SI Biglietterie SI Rivendite SI esterne Stampa Vademecum Online Sezione tariffe + Vademecum scaricabile [Desktop] Stazione - Avvisi audio* Monitor e teleindicatori

197 Bollettino Ufficiale 197 INFORMAZIONI CANALI Disponibilità al 31/12/2014] di stazione* - Monitor Digital Signage (nelle stazioni Ferrovienord) - Bacheche* SI Biglietterie SI Bordo treno Indicazione posto riservato e posto prioritario Stampa Libretto orario con indicazione servizi dedicati Online [Desktop] Orario con indicazione treni accessibili [Pdf scaricabile].sezione con elenco stazioni accessibili. Avvisi al pubblico (cartacei/digitali) Nota: In inglese vengono prodotti gli avvisi di vasto interesse [cambio orario, scioperi] o relativi al servizio Malpensa Express. Stazione - Avvisi audio SI [selezione] - Monitor SI [selezione] Digital Signage (nelle stazioni Ferrovienord) - Bacheche SI Bordo treno Audio [Selezione] Online SI [Desktop] Mobile SI *A cura dei Gestori dell Infrastruttura (GI) [Vedi dettaglio informazione in stazione per canale tabella B.] A. Dettaglio informazioni a bordo treno [sistemi Oboe e Pis]

198 198 Bollettino Ufficiale A. DETTAGLIO INFORMAZIONI A BORDO TRENO Apparati oboe Apparati PIS Manuali dal CT Info generali Automatico alla registrazione del treno con sistema satellitare. Orari e fermate. Interscambi nelle fermate principali per treni RE. Italiano e inglese. Preimpostato e legato al numero del treno. Orari e fermate. Interscambi nelle stazioni principali. Italiano e inglese. In caso di non funzionamento degli apparati oboe e pis. Prevalentemente in italiano. Info ritardi Automatico con sistema satellitare di rilevazione del ritardo. Italiano e inglese. No In caso di non funzionamento degli apparati oboe e sempre per gli appartati pis. Prevalentemente in italiano. Info cancellazione improvvisa Impostato in real time direttamente da Sala Operativa. Solo in italiano. No In caso di non funzionamento degli apparati oboe e sempre per gli appartati pis. Prevalentemente in italiano. Info gravi anormalità Impostato in real time direttamente da Sala Operativa. Solo in italiano. No In caso di non funzionamento degli apparati oboe e sempre per gli appartati pis. Prevalentemente in italiano. Info commerciali Diffusione sonora programmato direttamente dalla funzione Informazione e Relazioni con la Clientela. Solo in italiano. Appendini su richiesta della funzione Marketing. Italiano e inglese (se previsto). Diffusione sonora No. Appendini su richiesta della funzione Marketing. Italiano e inglese (se previsto). No Info variazioni programmate Diffusione sonora programmato direttamente dalla funzione Informazione e Relazioni con la Clientela. Solo in italiano. No Su richiesta della funzione Informazione e Relazioni con la Clientela. Solo in italiano.

199 Bollettino Ufficiale 199 Info generali B. DETTAGLIO INFORMAZIONE IN STAZIONE PER CANALE Annunci sonori Preimpostati da GI secondo propri moduli comunicativi. Info su orari e destinazione. Prevalentemente in italiano, per servizi particolari (MXP) anche in inglese. Monitor Teleindicatori di stazione Preimpostati da GI secondo propri moduli comunicativi. Info su orari e destinazione. Italiano. - Monitor Digital Signage (nelle stazioni Ferrovienord) No Info ritardi Preimpostati da GI secondo propri moduli comunicativi. Prevalentemente in italiano, per servizi particolari (MXP) anche in inglese. Preimpostati da GI secondo propri moduli comunicativi. Italiano. No Info cancellazione improvvisa Impostato in real time direttamente da Sala Operativa di GI secondo propria organizzazione. Prevalentemente in italiano, per servizi particolari (MXP) anche in inglese. Preimpostati da GI secondo propri moduli comunicativi. Italiano No Info gravi anormalità Impostato in real time direttamente da Sala Operativa di GI secondo propria organizzazione. Prevalentemente in italiano, per servizi particolari (MXP) anche in inglese. Preimpostati da GI secondo propri moduli comunicativi. Italiano Su richiesta della funzione Informazione e Relazioni con la Clientela (per tramite della funzione Comunicazione Digital e Social) solo in alcune stazioni del GI-FN Info commerciali A cura dei GI, su richiesta della funzione Informazioni e Relazioni con la Clientela, secondo moduli comunicativi previsti dal GI (sonori e cartacei in bacheca)e in assenza di gravi criticità al servizio ferroviario. No Si Info variazioni programmate A cura dei GI, su richiesta della funzione Informazioni e Relazioni con la Clientela, secondo moduli comunicativi previsti dal GI (sonori e cartacei in bacheca) e in assenza di gravi criticità al servizio ferroviario. A cura dei GI, su richiesta della funzione Informazioni e Relazioni con la Clientela, secondo moduli comunicativi previsti dal GI e in assenza di gravi criticità al servizio ferroviario. Si

200 200 Bollettino Ufficiale Allegato10 Indennizzo Ai sensi del regolamento CE 1371/2007 Trenord applica l Art.17 comma 1 riconoscendo un indennizzo anche ai possessori di abbonamento. Il valore dell indennizzo di cui sopra è definito in relazione al prezzo dell abbonamento in possesso del passeggero e nel rispetto delle percentuali indicate dal suddetto regolamento e quindi rispettivamente il 25% e il 50% come indicato in tabella 1. Nello specifico, per gli abbonamenti mensili l'importo dell'indennizzo sarà definito calcolando il 25% o il 50% (rispettivamente a seconda dell'entità del ritardo) per un sessantesimo del prezzo dell'abbonamento e per un quattordicesimo in caso di abbonamenti settimanali. Gli indennizzi di cui sopra saranno riconosciuti a fronte di 12 eventi (3 per i settimanali) di ritardo e soppressione verificatisi nell'arco di vigenza dell'abbonamento e riferiti allo stesso servizio (lo stesso treno) utilizzato dal passeggero. I dodici eventi di ritardo e/o soppressioni totali dovranno essere riferiti ad un unico treno facente parte della medesima direttrice alla quale è attribuita l'origine - destinazione dell'abbonamento in possesso del passeggero. Di seguito si riporta la tabella esplicativa (Tabella 1) riportante i criteri soglia per il calcolo dell indennizzo spettante per ritardi e/o soppressioni totali (treno soppresso intero percorso e non sostituito con autobus). Tabella 1: Calcolo per indennità ritardo/soppressione totale Tipologia di abbonamento Prezzo del titolo N viaggi convenzionali Importo unitario indennizzo Mensile 60 /60 = u 25% (Soppressione totale/ritardo > 60 ) 50% (ritardo > 120 ) Soglia di rimborsabilità per abbonamento mensile = 12 treni al mese; u*25% = indennizzo u*50% = unitario indennizzo unitario Soglia di rimborsabilità per abbonamento settimanale = 3 treni a settimana Settimanale 14 /14 = u u*25% = indennizzo unitario u*50% = indennizzo unitario Non è previsto alcun indennizzo al di sotto dei 4 Euro. Il riconoscimento dell indennizzo non è cumulabile con l erogazione del bonus come da artt. 113 e 114 delle Condizioni Generali di Trasporto. Per i passeggeri in possesso di abbonamento annuale valgono le regole di riconoscimento (compresi i criteri soglia) definite per i passeggeri in possesso dell abbonamento mensile. Pertanto l indennizzo sarà riconosciuto per singole mensilità in cui si verificano gli eventi di soppressione e ritardo per i quali si avanza la richiesta di indennizzo. Il passeggero non ha diritto a risarcimenti se è informato del ritardo prima dell acquisto del biglietto o se il ritardo nell ora di arrivo prevista proseguendo il viaggio su un servizio diverso o in base a itinerario alternativo rimane inferiore a 60 minuti.

201 Bollettino Ufficiale 201 CONDIZIONI DI TRASPORTO - ALLEGATO 11 BIGLIETTI, ABBONAMENTI, TESSERE E TARIFFE BIGLIETTI, ABBONAMENTI, TESSERE E TARIFFE 2014 I

202 202 Bollettino Ufficiale BIGLIETTI, ABBONAMENTI, TESSERE E TARIFFE 1. BIGLIETTI 1.1 Biglietti ordinari 1.2 Biglietti multicorse (carnet) 1.3 Biglietti promozionali Free Time 1.4 Biglietti Malpensa Express 1.5 Supplementi 1.6 Agevolazioni 1.7 Tabella riassuntiva biglietti in vendita 1.8 Biglietti integrati e di altri operatori validi su Trenord 2. ABBONAMENTI 2.1 Abbonamenti ordinari 2.2 Supplementi 2.3 Agevolazioni 2.4 Tabella riassuntiva abbonamenti in vendita 2.5 Abbonamenti integrati e di altri operatori validi su Trenord 3. TESSERE ELETTRONICHE 3.1 Tessere elettroniche per abbonamenti 3.2 Tessere elettroniche per biglietti e carnet BIGLIETTI, ABBONAMENTI, TESSERE E TARIFFE

203 Bollettino Ufficiale BIGLIETTI 1.1 Biglietti ordinari BIGLIETTI, ABBONAMENTI, TESSERE E TARIFFE 2014 BIGLIETTI ORDINARI ORIGINE/DESTINAZIONE Biglietto valido per una corsa da un origine ad una destinazione Utilizzo: Unidirezionale, sulla tratta indicata Prezzo: In base alla distanza km tra origine e destinazione, esclusivamente di seconda classe Acquisto: Online sul sito internet Trenord Convalida: No Validità: Prima della convalida: senza scadenza Dopo la convalida: - 3 ore entro i 50 km - 6 ore tra i 51 km e i 200 km - 24 ore sopra i 200 km Biglietto online CARTACEO / MAGNETICO (da convalidare) Utilizzo: Bidirezionale, sulla tratta indicata, vale per un solo viaggio Prezzo: In base alla distanza km tra origine e destinazione e alla classe Acquisto: Biglietterie, rivendite, distributori automatici Convalida: Obbligatoria Validità: Prima della convalida: senza scadenza Dopo la convalida: - 3 ore entro i 50 km - 6 ore tra i 51 km e i 200 km - 24 ore sopra i 200 km SBME Carta securizzata ATB CARTACEO (a convalida manuale) Utilizzo: Bidirezionale, sulla tratta indicata Prezzo: In base alla distanza km tra origine e destinazione e alla classe Acquisto: Biglietterie e rivendite SBME Convalida: Obliterare e ove non possibile compilare con ora e data partenza negli appositi spazi Validità: Prima della convalida: senza scadenza Dopo la convalida: - 3 ore entro i 50 km - 6 ore tra i 51 km e i 200 km - 24 ore sopra i 200 km Carta securizzata BIGLIETTI, ABBONAMENTI, TESSERE E TARIFFE

204 204 Bollettino Ufficiale 1. BIGLIETTI 1.1 Biglietti ordinari ELETTRONICO Utilizzo: titoli di corsa semplice bidirezionali, sulla tratta caricata (ogni biglietto caricato consente di effettuare un unico viaggio); si possono caricare anche carnet Prezzo: In base alla distanza km tra origine e destinazione e alla classe Acquisto: Biglietterie e rivendite SBME (è possibile ricaricare esclusivamente percorsi su rete FN), Convalida: Obbligatoria Validità: Prima della convalida: senza scadenza Dopo la convalida: - 3 ore entro i 50 km - 6 ore tra i 51 km e i 200 km - 24 ore sopra i 200 km My Link Card anonima BIGLIETTI ORDINARI A FASCIA KM Biglietto valido per una corsa su qualsiasi tratta entro una distanza chilometrica prestabilita CARTACEO Utilizzo: Su qualsiasi tratta entro la distanza chilometrica indicata sul biglietto Prezzo: In base alla distanza km tra origine e destinazione, esclusivamente di seconda classe Acquisto: Biglietterie, rivendite Convalida: Obbligatoria Validità: Prima della convalida: senza scadenza Dopo la convalida: - 3 ore entro i 50 km - 6 ore tra i 51 km e i 200 km - 24 ore sopra i 200 km Biglietto cartaceo a serie fissa NOTE È ammessa la cumulabilità dei biglietti a fascia chilometrica fino ad un massimo di 200 chilometri. In questo caso devono essere convalidati tutti i biglietti da utilizzare prima della partenza. Qualsiasi biglietto Trenord che abbia come destinazione Milano (compresi i titoli a tariffa dedicata Malpensa Express) è utilizzabile all interno dell intera rete ferroviaria urbana di Milano. Sui Servizi Trenord sono validi anche i biglietti ordinari emessi da Trenitalia a tariffa sovra regionale (AS39), emessi per i viaggi su percorsi che attraversano più regioni. I biglietti a tariffa sovraregionale hanno validità di 6 ore entro i 200 km e 24 ore sopra i 200 km. BIGLIETTI, ABBONAMENTI, TESSERE E TARIFFE

205 Bollettino Ufficiale BIGLIETTI 1.2 Biglietti Multicorse BIGLIETTI PLURIGIORNALIERI IO VIAGGIO OVUNQUE IN LOMBARDIA Per utilizzare 1, 2, 3 o 7 giorni tutti i mezzi pubblici della Lombardia CARTACEO / MAGNETICO Utilizzo: Tutta la rete di trasporto pubblico locale della Regione Lombardia (comprese le estensioni tariffarie) Prezzo: tariffa fissa intera rete trasporto pubblico lombardo Acquisto: Biglietterie, rivendite Trenord, distributori automatici, di altre aziende di trasporto locale convenzionate Convalida: Obbligatoria Validità Prima della convalida: senza scadenza Dopo la convalida: la validità dipende dalla tipologia del biglietto, può essere di 1, 2, 3 o 7 giorni SBME Carta securizzata Biglietto cartaceo a serie fissa BIGLIETTI, ABBONAMENTI, TESSERE E TARIFFE

206 206 Bollettino Ufficiale 1. BIGLIETTI 1.2 Biglietto multicorse (carnet) BIGLIETTO MULTICORSE ORIGINE/DESTINAZIONE Per 10 viaggi da origine a destinazione lungo una tratta prestabilita MAGNETICO Utilizzo: Bidirezionale, sulla tratta indicata (vale per 10 viaggi) Prezzo: In base alla distanza km tra origine e destinazione e alla classe Acquisto: Biglietterie, distributori automatici Convalida: Obbligatoria Validità Prima della convalida: senza scadenza Dopo la convalida: - 3 ore entro i 50 km - 6 ore tra i 51 km e i 200 km - 24 ore sopra i 200 km ELETTRONICO Utilizzo: Bidirezionale, da origine a destinazione (ogni biglietto multicorse caricato consente di effettuare 10 viaggi) Prezzo: In base alla distanza km tra origine e destinazione e alla classe Acquisto: Biglietterie e rivendite SBME (è possibile ricaricare esclusivamente percorsi su rete FN); Convalida: Obbligatoria Validità Prima della convalida: senza scadenza Dopo la convalida: - 3 ore entro i 50 km - 6 ore tra i 51 km e i 200 km - 24 ore sopra i 200 km My Link Card anonima SBME CRS ad uso Trasporto BIGLIETTO MULTICORSE A FASCIA KM Per 10 viaggi su qualsiasi tratta entro una distanza chilometrica prestabilita CARTACEO Utilizzo: Su una tratta non superiore alla distanza chilometrica indicata (vale per 10 viaggi) Prezzo: In base alla distanza km tra origine e destinazione, esclusivamente di seconda classe Acquisto: Biglietterie Convalida: Obbligatoria Validità Prima della convalida: senza scadenza Dopo la convalida: - 3 ore entro i 50 km - 6 ore tra i 51 km e i 200 km - 24 ore sopra i 200 km Biglietto cartaceo a serie fissa NOTE Ogni biglietto multicorse è unico. I singoli biglietti del multicorsa sono validi per un viaggiatore e non è consentito l utilizzo contemporaneo di un multicorse da parte di più passeggeri contemporaneamente. Qualsiasi biglietto Trenord che abbia come destinazione Milano (compresi i titoli a tariffa dedicata Malpensa Express) è utilizzabile BIGLIETTI, ABBONAMENTI, TESSERE E TARIFFE

207 Bollettino Ufficiale BIGLIETTI all interno dell intera rete ferroviaria urbana di Milano Sui Servizi Trenord sono validi anche i biglietti ordinari emessi da Trenitalia a tariffa sovra regionale (AS39), emessi per i viaggi su percorsi che attraversano più regioni. I biglietti a tariffa sovraregionale hanno validità di 6 ore entro i 200 km e 24 ore sopra i 200 km. 1.3 Biglietti promozionali Free Time BIGLIETTI PROMOZIONALI FREE TIME Biglietti integrati speciali per il tempo libero Utilizzo: Sulla tratta relativa all offerta promozionale Acquisto: Online (www.trenord.it) Convalida: No Validità: Per la data indicata sul biglietto. Tramite apposita procedura online, è possibile modificare fino a 3 volte la data di utilizzo. Le modifiche sono effettuabili entro il giorno precedente la data riportata sul biglietto MAGNETICO Biglietto online Utilizzo: Sulla tratta relativa all offerta promozionale Acquisto: Biglietterie, distributori automatici * Convalida: Obbligatoria Validità: Prima della convalida: 60 giorni Dopo la convalida: in base alla tipologia dell offerta SBME BIGLIETTI, ABBONAMENTI, TESSERE E TARIFFE

208 208 Bollettino Ufficiale 1. BIGLIETTI NOTE I biglietti promozionali Free Time costituiti da titolo di viaggio e da una card, sono disponibili soltanto presso i My Link Point. 1.4 Biglietti Malpensa Express BIGLIETTI ORDINARI MALPENSA EXPRESS ORIGINE/DESTINAZIONE Biglietto valido per una corsa sui treni Malpensa Express da/per Malpensa Utilizzo: Unidirezionale, sulla tratta indicata Prezzo: Tariffa a mercato Acquisto: Online (su sito e su sito Trenord) Convalida: No Validità: Prima della convalida: senza scadenza Dopo la convalida: 3 ore ELETTRONICO Biglietto online Utilizzo: Bidirezionale, sulla tratta Milano-Malpensa (ogni biglietto caricato consente di effettuare un unico viaggio) Prezzo: Tariffa a mercato Acquisto: Biglietterie Trenord Convalida: Obbligatoria Validità: Prima della convalida: senza scadenza Dopo la convalida: 3 ore My Link Card anonima CARTACEO / MAGNETICO BIGLIETTI, ABBONAMENTI, TESSERE E TARIFFE

209 Bollettino Ufficiale BIGLIETTI Utilizzo: Bidirezionale, sulla tratta indicata, vale per un solo viaggio Prezzo: Tariffa a mercato Acquisto: Biglietterie, rivendite, distributori automatici, agenzie di viaggio convenzionate Convalida: Obbligatoria Validità: Prima della convalida: senza scadenza Dopo la convalida: 3 ore SBME Carta securizzata ATB 1.4 Biglietti Malpensa Express BIGLIETTO A/R MALPENSA EXPRESS Per viaggiare da Malpensa Aeroporto a Milano (o viceversa) andata e ritorno Utilizzo: Un viaggio di andata e ritorno sulla tratta Malpensa Aeroporto - Milano Prezzo: Tariffa a mercato Acquisto: Online (www.trenord.it) Convalida: No Validità: Il viaggio di andata può essere effettuato entro 3 ore dalla data e ora indicate sul biglietto, mentre quello di ritorno ha validità fino a fine servizio del giorno prescelto. Biglietto online CARTACEO / MAGNETICO BIGLIETTI, ABBONAMENTI, TESSERE E TARIFFE

210 210 Bollettino Ufficiale 1. BIGLIETTI Utilizzo: Un viaggio di andata e ritorno sulla tratta Malpensa Aeroporto Milano Prezzo: Tariffa a mercato Acquisto: Biglietterie, distributori automatici Convalida: Obbligatoria Validità: Prima della convalida: Non è acquistabile in prevendita è utilizzabile il solo giorno di acquisto. Dopo la convalida: il viaggio di andata ha validità 3 ore dalla convalida; il viaggio di ritorno deve essere effettuato entro fine servizio del giorno di andata. SBME Carta securizzata 1.4 Biglietti Malpensa Express BIGLIETTO MALPENSA EXPRESS MULTICORSA Per 6 viaggi da/per Malpensa lungo una tratta prestabilita MAGNETICO Utilizzo: Bidirezionale, sulla tratta indicata (vale solo per 6 viaggi) Prezzo: Tariffa a mercato Acquisto: Biglietterie, distributori automatici Convalida: Obbligatoria Validità Prima della convalida: senza scadenza Dopo la convalida: 3 ore (ogni corsa) SBME BIGLIETTO MALPENSA FAMILY Biglietto speciale per famiglie con 2 figli BIGLIETTI, ABBONAMENTI, TESSERE E TARIFFE

211 Bollettino Ufficiale BIGLIETTI MAGNETICO Utilizzo: Un viaggio sulla tratta Malpensa Aeroporto Milano per 2 adulti e 2 ragazzi (4-18 anni non compiuti) Prezzo: Tariffa promozionale Acquisto: Biglietterie, distributori automatici Convalida: Obbligatoria Validità Prima della convalida: senza scadenza Dopo la convalida: 3 ore SBME NOTE Qualsiasi biglietto Trenord che abbia come destinazione Milano (compresi i titoli a tariffa dedicata Malpensa Express) è utilizzabile all interno dell intera rete ferroviaria urbana di Milano. 1.5 Supplementi SUPPLEMENTO ANIMALI Per trasportare animali al seguito del viaggiatore sul treno Utilizzo: Sulla tratta e nella direzione indicate Prezzo: 50% del biglietto ordinario [per ogni animale] Acquisto: Online (www.trenord.it) Convalida: No Validità: Prima della convalida: senza scadenza Dopo la convalida: - 3 ore entro i 50 km - 6 ore tra i 51 km e i 200 km - 24 ore sopra i 200 km CARTACEO (da convalidare) Biglietto online BIGLIETTI, ABBONAMENTI, TESSERE E TARIFFE

212 212 Bollettino Ufficiale 1. BIGLIETTI Utilizzo: Bidirezionale; sulla tratta indicata, vale solo per un viaggio Prezzo: 50% del biglietto ordinario di [per ogni animale]. Acquisto: Biglietterie, rivendite, distributori automatici Convalida: Obbligatoria Validità: Prima della convalida: senza scadenza Dopo la convalida: - 3 ore entro i 50 km - 6 ore tra i 51 km e i 200 km - 24 ore sopra i 200 km CARTACEO (a convalida manuale) Utilizzo: sulla tratta e nella direzione indicate, vale solo per un viaggio Prezzo: 50% del biglietto ordinario [per ogni animale]. Acquisto: Biglietterie e rivendite SBME Convalida: Obliterare e ove non possibile compilare con ora e data partenza negli appositi spazi Validità: Prima della convalida: senza scadenza Dopo la convalida: - 3 ore entro i 50 km - 6 ore tra i 51 km e i 200 km - 24 ore sopra i 200 km SBME Carta securizzata Carta securizzata ATB NOTE Il trasporto di animali domestici di piccola taglia, custoditi in un contenitore di dimensioni non superiori a 70x30x50 cm è gratuito. Il trasporto dei cani è consentito solo se in possesso di museruola, guinzaglio, certificato di iscrizione all anagrafe canina. Ad esclusione dei cani guida per non vedenti, il trasporto di cani al guinzaglio è consentito, a pagamento, nei giorni feriali (lunedìvenerdì)tranne nelle fasce orarie: e , e nei giorni di sabato domenica e festivi, senza limiti orari. Per il trasporto dell animale sulle tratte urbane di Milano il viaggiatore dovrà acquistare un biglietto ordinario a tariffa urbana. BIGLIETTI, ABBONAMENTI, TESSERE E TARIFFE

213 Bollettino Ufficiale BIGLIETTI 1.6 Supplementi SUPPLEMENTO BICICLETTE Per trasportare la bicicletta sul treno Utilizzo: Su tutti i treni regionali e suburbani entro i confini tariffari della Lombardia Prezzo: Tariffa fissa intera rete Acquisto: Online (www.trenord.it) Convalida: No Validità: 24 ore dalla data indicata Biglietto online CARTACEO / MAGNETICO Utilizzo: Su tutti i treni regionali e suburbani entro i confini tariffari della Lombardia Prezzo: Tariffa fissa intera rete Acquisto: Biglietterie, rivendite, distributori automatici Convalida: Obbligatoria Validità: Prima della convalida: senza scadenza; Dopo la convalida: 24 ore SBME Carta securizzata ATB NOTE I treni con carrozze adibite al trasporto delle biciclette sono indicati nell orario ferroviario. Nei treni privi di spazi appositi è consentito trasportare fino a un massimo di 5 biciclette per carrozza purché ciò non pregiudichi il regolare servizio ferroviario. Nei casi di particolare affollamento è facoltà del personale di bordo limitare l accesso delle biciclette. Il supplemento bicicletta cartaceo è disponibile anche come abbonamento annuale. Il viaggiatore che lo consideri vantaggioso, può acquistare per il trasporto della propria bicicletta un biglietto ordinario di seconda classe per un percorso corrispondente a quello da lui effettuato. BIGLIETTI, ABBONAMENTI, TESSERE E TARIFFE

214 214 Bollettino Ufficiale 1. BIGLIETTI 1.6 Supplementi CAMBIO CLASSE Per viaggiare in prima classe dopo aver acquistato un titolo di viaggio di seconda CARTACEO / MAGNETICO (da convalidare) Utilizzo: sulla medesima tratta per la quale è stato precedentemente emesso il titolo di 2 classe Prezzo: Pari alla differenza tra le due classi (per abbonamenti cambio sul singolo viaggio) Acquisto: Biglietterie, rivendite, distributori automatici Convalida: Obbligatoria Validità: 60 giorni SBME Carta securizzata ATB CARTACEO (a convalida manuale) Utilizzo: sulla medesima tratta per la quale è stato precedentemente emesso il titolo di 2 classe Prezzo: Pari alla differenza tra le due classi (per abbonamenti cambio sul singolo viaggio) Acquisto: Biglietterie e rivendite SBME Convalida: Obliterare e ove non possibile compilare con ora e data partenza negli appositi spazi Validità: Prima della convalida: senza scadenza Dopo la convalida: - 3 ore entro i 50 km - 6 ore tra i 51 km e i 200 km - 24 ore sopra i 200 km Carta securizzata NOTE Il cambio classe non è consentito per i biglietti sovraregionali [con tagliandi autoadesivi], urbani. BIGLIETTI, ABBONAMENTI, TESSERE E TARIFFE

215 Bollettino Ufficiale BIGLIETTI 1.6 Agevolazioni AGEVOLAZIONE BAMBINI I bambini fino ai 4 anni non compiuti viaggiano gratuitamente AGEVOLAZIONE RAGAZZI I ragazzi dai 4 ai 14 anni non compiuti viaggiano a tariffa ordinaria valida nell ambito del sistema tariffario regionale scontata del 50%. AGEVOLAZIONE ANZIANI Le donne con più di 60 anni e gli uomini con più di 65 anni viaggiano a tariffa ordinaria valida nell ambito del sistema tariffario regionale scontata del 20% nel rispetto della tariffa minima esistente. AGEVOLAZIONE INVALIDI E PENSIONATI A BASSO REDDITO CRT (dal denominata IVOL AGEVOLATA ) Le persone con invalidità e pensionati a basso reddito possono richiedere a Regione Lombardia il rilascio di apposite agevolazioni tariffarie, che permettono di viaggiare su tutti i treni Trenord ad un prezzo agevolato. Per maggiori informazioni AGEVOLAZIONE IO VIAGGIO IN FAMIGLIA VIAGGI OCCASIONALI Con "Io Viaggio in Famiglia" i ragazzi fino a 14 anni (non compiuti) viaggiano gratis sui trasporti pubblici se accompagnati da un familiare adulto (genitore, nonno, zio, fratello/sorella) in possesso di un titolo di viaggio valido. Per aderire alla promozione è sufficiente seguire la procedura online all indirizzo stampare e portare con sé la tessera nominale di accompagnamento da mostrare in sede di controlleria. In alternativa la tessera nominale, o l autocertificazione, per poter usufruire dell agevolazione possono essere richieste presso i My Link Point o una biglietteria Trenord. AGEVOLAZIONE COMITIVE I gruppi di almeno 10 persone viaggiano a tariffa ordinaria valida nell ambito del sistema tariffario regionale scontata del 20% (adulti) nel rispetto della tariffa minima esistente o 50% (ragazzi 4-14 anni non compiuti) TARIFFA TILO La tariffa TILO è una tariffa transfrontaliera Ticino-Lombardia valida per viaggi origine/destinazione di corsa semplice o di andata e ritorno (adulti o ragazzi 6-16 anni) tra l Italia e la Svizzera, che interessa le linee Milano - Chiasso (lato Italia), Chiasso Bellinzona Airolo - Locarno (lato Svizzera) e Milano Malpensa Bellinzona. Alla tariffa, determinata dalla somma della quota Italiana e Svizzera, è applicata una riduzione Per le norme di utilizzo e di validità consultare il sito BIGLIETTI, ABBONAMENTI, TESSERE E TARIFFE

216 216 Bollettino Ufficiale 1. BIGLIETTI Tabella riassuntiva biglietti in vendita Biglietti di altri operatori validi sui servizi Trenord BIGLIETTI DI ALTRI OPERATORI VALIDI SUI SERVIZI TRENORD I seguenti titoli di viaggio validi sui servizi urbani di Milano hanno validità anche nelle tratte ferroviarie urbane - Biglietto ordinario urbani - BI4 urbano - Multicorsa ordinario urbano - Giornaliero urbano - Bigiornaliero urbano - Giornaliero cumulativo di area media giorni fieristici - Biglietto ordinario cumulativo - Giornaliero di area piccola, media e grande Per le norme di utilizzo e di validità consultare il sito Eventuali irregolarità saranno sanzionate secondo le norme del vettore sul quale è stata accertata l infrazione. 1.1 BIGLIETTI ORDINARI Origine/ Destinazione TIPOLOGIA VALIDITÀ PREZZO SUPPORTO CANALI VENDITA Prima della convalida: - senza scadenza Dopo la convalida: - 3 ore entro 50 km - 6 ore tra 51 km e 200 km - 24 ore sopra 200 km In ragione dell origine e della destinazione scelta, nonché del chilometraggio percorso BIGLIETTI, ABBONAMENTI, TESSERE E TARIFFE

217 Bollettino Ufficiale BIGLIETTI Tabella riassuntiva biglietti in vendita Cartaceo (da convalidare) Cartaceo (a convalida manuale) Prima della convalida: - senza scadenza Dopo la convalida: - 3 ore entro 50 km - 6 ore tra 51 km e 200 km - 24 ore sopra 200 km Prima della convalida: - senza scadenza Dopo la convalida: - 3 ore entro 50 km - 6 ore tra 51 km e 200 km - 24 ore sopra 200 km In ragione dell origine e della destinazione scelta, nonché del chilometraggio percorso In ragione dell origine e della destinazione scelta, nonché del chilometraggio percorso SBME ATB ETF ITACA Carta Securizzata ATB Carta securizzata Biglietterie Rivendite Distributori automatici Rivendite Fascia KM Elettronico 1.2 BIGLIETTI MULTICORSE Prima della convalida: senza scadenza Dopo la convalida: - 3 ore entro 50 km - 6 ore tra 51 km e 200 km - 24 ore sopra 200 km Prima della convalida: Fascia km - senza scadenza Dopo la convalida: - 3 ore entro 50 km - 6 ore tra 51 km e 200 km - 24 ore sopra 200 km In ragione My Link Card dell origine e anonima della destinazione scelta, nonché del chilometraggio Biglietto cartaceo a serie fissa Biglietterie e rivendite SBME Biglietterie Rivendite TIPOLOGIA VALIDITÀ PREZZO SUPPORTO CANALI VENDITA 1, 2, 3 o 7 giorni Prima della convalida: senza scadenza Dopo la convalida: 1, 2, 3 o 7 giorni, in base al titolo di viaggio acquistato Tariffa fissa per tutto il TPL in Lombardia SBME Carta securizzata Biglietto cartaceo a serie fissa Biglietterie Rivendite Distributori automatici Rivendite Trenord e di altre aziende di trasporto locale convenzionate BIGLIETTI, ABBONAMENTI, TESSERE E TARIFFE

218 218 Bollettino Ufficiale 1. BIGLIETTI Tabella riassuntiva biglietti in vendita 1.2 BIGLIETTO MULTICORSE (carnet) TIPOLOGIA VALIDITÀ PREZZO SUPPORTO CANALI DI Origine/ Destinazione Cartaceo Prima della convalida: senza scadenza Dopo la convalida: - 3 ore entro 50 km - 6 ore tra 51 km e 200 km - 24 ore sopra 200 km In ragione dell origine e della destinazione scelta, nonché del SBME Biglietter ie Distribut ori automati ci Fascia KM Elettronico 1.3 BIGLIETTI PROMOZIONALI Prima della convalida: - senza scadenza Dopo la convalida: - 3 ore entro 50 km - 6 ore tra 51 km e 200 km - 24 ore sopra 200 km Prima della convalida: - senza scadenza Dopo la convalida: - 3 ore entro 50 km - 6 ore tra 51 km e 200 km - 24 ore sopra 200 km In ragione dell origine e della destinazione scelta, nonché del chilometraggio percorso Fascia km My Link Card anonima CRS ad uso Trasporto Biglietto cartaceo a serie fissa Biglietterie e rivendite SBME Biglietterie TIPOLOGIA VALIDITÀ PREZZO SUPPORTO CANALI DI Free Time Per la data indicata sul biglietto Offerta commerciale Cartaceo Prima della convalida: 60 giorni Dopo la convalida: in base alla tipologia dell offerta 1.4 BIGLIETTI MALPENSA EXPRESS Offerta commerciale SBME Bigliette rie TIPOLOGIA VALIDITÀ PREZZO SUPPORTO CANALI DI VENDITA 3 ore da data/ora indicata sul biglietto Tariffa a mercato Biglietti ordinari Cartaceo Prima della convalida: - senza scadenza Dopo la convalida: Tariffa a mercato SBME ATB Carta Securizzata Biglietterie Rivendite Distributori automatici Agenzie di viaggio - 3 ore Andata/ritorno 3 ore da data/ora indicata sul biglietto Tariffa a mercato BIGLIETTI, ABBONAMENTI, TESSERE E TARIFFE

219 Bollettino Ufficiale BIGLIETTI Tabella riassuntiva biglietti in vendita Cartaceo Prima della convalida: - senza scadenza Dopo la convalida: Tariffa a mercato SBME Carta Securizzata Biglietterie Distributori automatici - Andata: 3 ore - Ritorno: fino a fine servizio del giorno di andata Multicorsa Cartaceo Prima della convalida: - senza scadenza Dopo la convalida: - 3 ore Tariffa a mercato SBME Biglietterie Distributori automatici Malpensa Family Cartaceo Prima della convalida: - senza scadenza Dopo la convalida: - 3 ore Tariffa promozionale SBME Biglietterie Distributori automatici 1.5 SUPPLEMENTI TIPOLOGIA VALIDITÀ PREZZO SUPPORTO CANALI DI VENDITA Prima della convalida: 50% costo del - senza scadenza biglietto ordinario Dopo la convalida: - 3 ore entro 50 km - 6 ore tra 51 km e 200 km - 24 ore sopra 200 km Supplemento Animali Cartaceo (da convalidare) Prima della convalida: - senza scadenza Dopo la convalida: - 3 ore entro 50 km - 6 ore tra 51 km e 200 km - 24 ore sopra 200 km 50% costo del biglietto ordinario SBME ATB Carta Securizzata Biglietterie Rivendite su rete RFI Distributori automatici Carteceo (a convalida manuale) Prima della convalida: - senza scadenza Dopo la convalida: - 3 ore entro 50 km - 6 ore tra 51 km e 200 km - 24 ore sopra 200 km 50% costo del biglietto ordinario Carta Securizzata Rivendite su rete FN Supplemento Bicicletta 24 ore da data/ora indicata sul biglietto 3 Cartaceo Dopo la convalida: 24 ore 3 SBME Biglietterie ATB Rivendite su rete RFI Carta Securizzata Distributori automatici Cambio classe Cartaceo (a convalida manuale) Prima della convalida: - senza scadenza Dopo la convalida: - 3 ore entro 50 km Differenza tra prima e seconda classe SBME ATB Biglietterie Bordo treno (con maggiorazione pari a ) - 6 ore tra 51 km e ore sopra 200 km BIGLIETTI, ABBONAMENTI, TESSERE E TARIFFE

220 220 Bollettino Ufficiale 1. BIGLIETTI Tabella riassuntiva biglietti in vendita Cartaceo (a convalida manuale) Prima della convalida: - senza scadenza Dopo la convalida: - 3 ore entro 50 km - 6 ore tra 51 km e ore sopra 200 km Differenza tra prima e seconda classe Carta Securizza ta Rivendite su rete FN BIGLIETTI, ABBONAMENTI, TESSERE E TARIFFE

221 Bollettino Ufficiale ABBONAMENTI 2.1 Abbonamenti ordiinarri ABBONAMENTI SETTIMANALI Per viaggiare da lunedì a domenica lungo una determinata tratta ferroviaria ELETTRONICO Utilizzo: Bidirezionale, sulla tratta caricata Prezzo: In base alla distanza km tra origine e destinazione e alla classe Acquisto: Biglietterie, rivendite, distributori automatici, Online, Bancomat (a partire dal giovedì della settimana precedente), home banking presso gli istituti di credito convenzionati (indicati sul sito internet Trenord) Convalida: Sì al primo utilizzo. Gli abbonamenti acquistati online devono essere attivati dal giorno successivo all acquisto entro massimo 3 giorni attraverso convalida tramite gli appositi tornelli predisposti Validità: Settimanale (lunedì-domenica) Documenti da esibire in caso di controllo: Tessera, scontrino di ricarica, di conferma ordine d acquisto Bonus ferroviario: No CARTACEO CRS ad uso Trasporto ITINERO Utilizzo: Bidirezionale, sulla tratta indicata Prezzo: In base alla distanza km tra origine e destinazione e alla classe Acquisto: Biglietterie, rivendite, distributori automatici. Gli abbonamenti a fascia km sono sempre acquistabili; gli abbonamenti o/d a partire dal giovedì precedente la settimana di validità (Carta securizzata) o dai 7 giorni prima dell inizio validità (ATB) Convalida: Obbligatoria per Fascia km; non obbligatoria per abbonamenti con indicato il periodo di inizio e fine validità Validità: Settimanale (lunedì-domenica) Documenti da esibire in caso di controllo: Tagliando di abbonamento (compilato con le indicazioni richieste a seconda della tipologia), unitamente a documento di riconoscimento (carta securizzata ATB, Fascia Km,) Bonus ferroviario: No On.line Trenitalia Carta securizzata Tagliando a serie fissa ATB NOTE Qualsiasi abbonamento con destinazione Milano è utilizzabile all interno dell intera rete ferroviaria urbana di Milano (compreso il percorso urbano sui treni Malpensa Express); Gli abbonamenti settimanali, mensili e annuali Trenord possono essere acquistati anche sul sito di TRENITALIA tramite Home Printing. Sono acquistabili con un anticipo di 7 giorni rispetto al periodo di validità. Non necessitano di convalida. BIGLIETTI, ABBONAMENTI, TESSERE E TARIFFE

222 222 Bollettino Ufficiale 2. ABBONAMENTI 2.1 Abbonamenti ordiinarri ABBONAMENTI MENSILI Per viaggiare tutti i giorni del mese lungo una determinata tratta ferroviaria ELETTRONICO Utilizzo: Bidirezionale, sulla tratta caricata Prezzo: In base alla distanza km tra origine e destinazione e alla classe Acquisto: Biglietterie, rivendite, distributori automatici, Online, Bancomat (a partire dal 22 del mese precedente) Convalida: Sì al primo utilizzo. Gli abbonamenti acquistati online devono essere attivati dal giorno successivo all acquisto entro massimo 5 giorni attraverso convalida tramite gli appositi tornelli predisposti Validità: Mensile (dal primo all ultimo giorno del mese solare) Documenti da esibire in caso di controllo: Tessera, scontrino ricarica Bonus ferroviario: Si CARTACEO CRS ad uso Trasporto ITINERO Utilizzo: Bidirezionale, sulla tratta indicata Prezzo: In base alla distanza km tra origine e destinazione e alla classe Acquisto: Biglietterie, rivendite, distributori automatici. Gli abbonamenti a fascia km sono sempre acquistabili; gli abbonamenti o/d a partire dal 22 del mese precedente quello di validità (Carta securizzata,) o da 7 giorni prima del mese di validità (ATB) Convalida: Obbligatoria per Fascia km; non obbligatoria per abbonamenti con indicato il periodo di inizio e fine validità Validità: Mensile (dal primo all ultimo giorno del mese solare) Documenti da esibire in caso di controllo: Tagliando di abbonamento (compilato con le indicazioni richieste a seconda della tipologia), unitamente a documento di riconoscimento (Carta securizzata) Bonus ferroviario: Si On.line Trenitalia Carta securizzata Tagliando a serie fissa ATB NOTE.Qualsiasi abbonamento con destinazione Milano è utilizzabile all interno dell intera rete ferroviaria urbana di Milano (compreso il percorso urbano sui treni Malpensa Express) Gli abbonamenti settimanali, mensili e annuali Trenord possono essere acquistati anche sul sito di TRENITALIA tramite Home Printing. Sono acquistabili con un anticipo di 7 giorni rispetto al periodo di validità. Non necessitano di convalida. BIGLIETTI, ABBONAMENTI, TESSERE E TARIFFE

223 Bollettino Ufficiale ABBONAMENTI 2.1 Abbonamenti ordiinarri ABBONAMENTI ANNUALI Per viaggiare 12 mesi lungo una determinata tratta ferroviaria ELETTRONICO Utilizzo: Bidirezionale, sulla tratta caricata Prezzo: In base alla distanza km tra origine e destinazione e alla classe Acquisto: Biglietterie, rivendite, distributori automatici, Online, Bancomat e home banking tramite gli istituti di credito convenzionati indicati sul sito Trenord Convalida: Sì al primo utilizzo. Gli abbonamenti acquistati online devono essere attivati dal giorno successivo all acquisto entro massimo 5 giorni attraverso convalida tramite gli appositi tornelli predisposti Validità: Dal primo giorno del 1 mese di validità all ultimo giorno del 12 mese Documenti da esibire in caso di controllo: Tessera, scontrino ricarica Bonus ferroviario: Si CRS ad uso Trasporto ITINERO CARTACEO Utilizzo: Bidirezionale, sulla tratta indicata Prezzo: In base alla distanza km tra origine e destinazione e alla classe Acquisto: Biglietterie e on.line su sito Convalida: Non obbligatoria per gli abbonamenti con indicato il periodo di inizio e fine validità. Validità: Annuale (dal primo giorno del 1 mese di validità all ultimo giorno del 12 mese) Documenti da esibire in caso di controllo: Tagliando di abbonamento unitamente a documento di riconoscimento (ATB) Bonus ferroviario: Si (al termine della validità) ATB NOTE Qualsiasi abbonamento con destinazione Milano è utilizzabile all interno dell intera rete ferroviaria urbana di Milano (compreso il percorso urbano sui treni Malpensa Express) Gli abbonamenti settimanali, mensili e annuali Trenord possono essere acquistati anche sul sito di TRENITALIA tramite Home Printing. Sono acquistabili con un anticipo di 7 giorni rispetto al periodo di validità. Non necessitano di convalida. BIGLIETTI, ABBONAMENTI, TESSERE E TARIFFE

224 224 Bollettino Ufficiale 2. ABBONAMENTI 2.5 Abbonamenti integrati e di altri operatori validi su Trenord ABBONAMENTI TRENOMILANO Per viaggiare in treno fino a Milano e utilizzare i mezzi pubblici urbani ATM ELETTRONICO Utilizzo: Tratta ferroviaria prescelta, sempre con destinazione Milano + tutti i mezzi pubblici urbani di ATM Prezzo: In base alla distanza km tra origine e destinazione, alla classe e al valore dell abbonamento urbano di riferimento Acquisto: Biglietterie, rivendite Trenord e ATM, distributori automatici, Online, Bancomat (a partire dal 22 del mese precedente) Convalida: Gli abbonamenti acquistati online devono essere attivati dal giorno successivo all acquisto entro massimo 5 giorni attraverso convalida tramite gli appositi tornelli predisposti Validità: Mensile (dal primo all ultimo giorno del mese solare) Documenti da esibire in caso di controllo: Tessera, scontrino ricarica Bonus ferroviario: Si CRS ad uso Trasporto ITINERO IO VIAGGIO CARTACEO Utilizzo: Tratta ferroviaria prescelta, sempre con destinazione Milano + tutti i mezzi pubblici urbani di ATM Prezzo: In base alla distanza km tra origine e destinazione, alla classe e al valore dell abbonamento urbano di riferimento Acquisto: Biglietterie, rivendite Trenord e ATM, distributori automatici Convalida: Obbligatoria per Fascia km; non obbligatoria per abbonamenti con indicato il periodo di inizio e fine validità. Validità: Mensile (dal primo all ultimo giorno del mese solare) Documenti da esibire in caso di controllo: Tagliando di abbonamento (compilato con le indicazioni richieste a seconda della tipologia), unitamente a documento di riconoscimento Bonus ferroviario: Si Tagliando a serie fissa NOTE Qualsiasi abbonamento con destinazione Milano è utilizzabile all interno dell intera rete ferroviaria urbana di Milano (compreso il percorso urbano sui treni Malpensa Express) BIGLIETTI, ABBONAMENTI, TESSERE E TARIFFE

225 Bollettino Ufficiale ABBONAMENTI 2.5 Abbonamenti integrati e di altri operatori validi su Trenord L abbonamento TrenoMilano è integrabile con la Carta Plus Lombardia per la tratta corrispondente all abbonamento. BIGLIETTI, ABBONAMENTI, TESSERE E TARIFFE

226 226 Bollettino Ufficiale 2. ABBONAMENTI 2.5 Abbonamenti integrati e di altri operatori validi su Trenord ABBONAMENTI TRENOCITTÀ Per raggiungere con Trenord un capoluogo e utilizzarne i mezzi pubblici urbani TRENOBERGAMO TRENOBRESCIA TRENOCOMO TRENOCREMONA TRENOLECCO TRENOLODI TRENOMANTOVA TRENOMONZA TRENOPAVIA TRENOSONDRIO TRENOVARESE ELETTRONICO Utilizzo: Tratta ferroviaria con destinazione il capoluogo di provincia prescelto + tutti i mezzi pubblici urbani del capoluogo stesso Prezzo: In base alla distanza km tra origine e destinazione, alla classe e al valore dell abbonamento urbano di riferimento (scontato del 30%) Acquisto: Biglietterie, rivendite, distributori automatici, Online, Bancomat (a partire dal 22 del mese precedente) Convalida: Gli abbonamenti acquistati online devono essere attivati dal giorno successivo all acquisto entro massimo 5 giorni attraverso convalida tramite gli appositi tornelli predisposti Validità: Mensile (dal primo all ultimo giorno del mese solare) Documenti da esibire in caso di controllo: Tessera, scontrino ricarica, Bonus ferroviario: Si CARTACEO / MAGNETICO Utilizzo: Tratta ferroviaria con destinazione il capoluogo di provincia prescelto + tutti i mezzi pubblici urbani del capoluogo stesso Prezzo: In base alla distanza km tra origine e destinazione, alla classe e al valore dell abbonamento urbano di riferimento (scontato del 30%) Acquisto: Biglietterie Convalida: non obbligatoria per abbonamenti con indicato il periodo di inizio e fine validità. Validità: Mensile (dal primo all ultimo giorno del mese solare) Documenti da esibire in caso di controllo: Tagliando di abbonamento (compilato con le indicazioni richieste a seconda della tipologia), unitamente alla tessera IO VIAGGIO Bonus ferroviario: Si CRS ad uso Trasporto IO VIAGGIO ATB SBME NOTE; Qualsiasi abbonamento con destinazione Milano è utilizzabile all interno dell intera rete ferroviaria urbana di Milano (compreso il percorso urbano sui treni Malpensa Express) Gli abbonamenti TrenoCittà sono integrabili con la Carta Plus Lombardia per la tratta corrispondente all abbonamento. BIGLIETTI, ABBONAMENTI, TESSERE E TARIFFE

227 Bollettino Ufficiale ABBONAMENTI 2.5 Abbonamenti integrati e di altri operatori validi su Trenord ABBONAMENTI IO VIAGGIO OVUNQUE IN PROVINCIA Per utilizzare tutti i mezzi di trasporto pubblico all interno di una determinata provincia ELETTRONICO Utilizzo: Percorsi ferroviari con origine e destinazione del viaggio nella stessa provincia (anche se per il collegamento è necessario sconfinare in un altra provincia) + tutti i servizi di trasporto pubblico della provincia Prezzo: 3 livelli tariffari, in base alla provincia Acquisto: Biglietterie, distributori automatici, rivendite Trenord e di alcune aziende di trasporto locale Convalida: Sì al primo utilizzo Validità: Mensile (dal primo all ultimo giorno del mese solare) Documenti da esibire in caso di controllo: Tessera, scontrino ricarica. Bonus ferroviario: No CRS ad uso Trasporto IO VIAGGIO CARTACEO / MAGNETICO Utilizzo: Percorsi ferroviari con origine e destinazione del viaggio nella stessa provincia (anche se per il collegamento è necessario sconfinare in un altra provincia) + tutti i servizi di trasporto pubblico della provincia Prezzo: 3 livelli tariffari, in base alla provincia Acquisto: Biglietterie, distributori automatici rivendite delle aziende di trasporto locale Convalida: Obbligatoria per tagliando a serie fissa, no per abbonamenti con indicato il periodo di inizio e fine validità Validità: Mensile (dal primo all ultimo giorno del mese solare) Documenti da esibire in caso di controllo: Tagliando di abbonamento (compilato con le indicazioni richieste a seconda della tipologia), unitamente alla tessera Bonus ferroviario: No Tagliando a serie fissa ATB SBME NOTE Per le province di Milano e Monza Brianza, l abbonamento è unico e consente di spostarsi tra tutte le località sia in provincia di Milano che Monza Brianza, utilizzando tutti i servizi di trasporto pubblico locale. BIGLIETTI, ABBONAMENTI, TESSERE E TARIFFE

228 228 Bollettino Ufficiale 2. ABBONAMENTI 2.5 Abbonamenti integrati e di altri operatori validi su Trenord ABBONAMENTI IO VIAGGIO OVUNQUE IN LOMBARDIA Per utilizzare liberamente tutti i mezzi di trasporto pubblico della Lombardia ELETTRONICO Utilizzo: Tutta la rete di trasporto pubblico locale della Regione Lombardia (comprese le estensioni tariffarie) Prezzo: tariffa fissa intera rete trasporto pubblico lombardo Acquisto: Biglietterie, rivendite, distributori automatici Convalida: Sì al primo utilizzo Validità: - Mensile (dal primo all ultimo giorno del mese solare) - Trimestrale (dal primo giorno del 1 mese di validità all ultimo giorno del 3 mese) - Annuale (dal primo giorno del 1 mese di validità all ultimo giorno del 12 mese) Documenti da esibire in caso di controllo: Tessera, scontrino ricarica Bonus ferroviario: No CRS ad uso Trasporto IO VIAGGIO CARTACEO / MAGNETICO Utilizzo: Tutta la rete di trasporto pubblico locale della Regione Lombardia (comprese le estensioni tariffarie) Prezzo: tariffa fissa intera rete trasporto pubblico lombardo Acquisto: Biglietterie, rivendite delle aziende di trasporto locale, distributori automatici Convalida: Obbligatoria per tagliando a serie fissa, no per abbonamenti con indicato il periodo di inizio e fine validità Validità: - Mensile (dal primo all ultimo giorno del mese solare) - Trimestrale (dal primo giorno del 1 mese di validità all ultimo giorno del 3 mese) - Annuale (dal primo giorno del 1 mese di validità all ultimo giorno del 12 mese) Documenti da esibire in caso di controllo: Tagliando di abbonamento (compilato con le indicazioni richieste a seconda della tipologia), unitamente alla tessera IO VIAGGIO Bonus ferroviario: No Tagliando a serie fissa ATB SBME NOTE L abbonamento IO VIAGGIO OVUNQUE IN LOMBARDIA permette l accesso a bus urbani ed extraurbani, tram, filobus, metropolitane, treni suburbani e regionali di 2 classe, al servizio Malpensa Express (solo le corse Milano Centrale-Malpensa dove è presente la 2 classe, o in abbinamento a Carta Plus Lombardia per il servizio Malpensa Express di sola 1 classe), sui battelli del lago d Iseo, ai servizi a chiamata, funivie e funicolari di trasporto pubblico. Gli abbonamenti IO VIAGGIO OVUNQUE IN LOMBARDIA sono integrabili con la Carta Plus Lombardia per la tratta corrispondente all abbonamento. BIGLIETTI, ABBONAMENTI, TESSERE E TARIFFE

SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE FERROVIARIO SULLA RETE DI PROPRIETA DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE FERROVIARIO SULLA RETE DI PROPRIETA DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE FERROVIARIO SULLA RETE DI PROPRIETA DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA RELAZIONE D.L. 18.10.2012, N.179, ART.34, CO. 20 E 21, CONVERTITO CON MODIFICHE DALLA L. N.221/2012

Dettagli

PROFILO DEL GRUPPO Group overview

PROFILO DEL GRUPPO Group overview Group overview Lorem ipsum GRUPPO FNM. IL È TUTTO GRUPPO FNM FNM è il principale gruppo integrato nel trasporto e nella mobilità in Lombardia ed il più importante operatore non statale italiano nel settore.

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 462 del 24/10/2013

Delibera della Giunta Regionale n. 462 del 24/10/2013 Delibera della Giunta Regionale n. 462 del 24/10/2013 A.G.C. 14 Trasporti e viabilità Settore 1 Autolinee e Vie di comunicazione Oggetto dell'atto: APPROVAZIONE DEL DOCUMENTO DENOMINATO "PIANO DI RIPROGRAMMAZIONE

Dettagli

Applicazione pilota Regione Lombardia (Italia) Moduli di testo

Applicazione pilota Regione Lombardia (Italia) Moduli di testo ECORailS Energy efficiency and environmental criteria in the awarding of regional rail transport vehicles and services Applicazione pilota Regione Lombardia (Italia) Moduli di testo SCHEMA DI PROTOCOLLO

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 1º ottobre 2003, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo: Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge

Dettagli

Piano nazionale di edilizia abitativa

Piano nazionale di edilizia abitativa ALLEGATO Piano nazionale di edilizia abitativa Art. 1 (Linee d intervento) 1. Il piano è articolato in sei linee di intervento, di seguito indicate: a) costituzione di un sistema integrato nazionale e

Dettagli

N. REP. 710894 del 05/08/2015 DETERMINAZIONE N. 921/260 del 05/08/2015 Pag. 1/8

N. REP. 710894 del 05/08/2015 DETERMINAZIONE N. 921/260 del 05/08/2015 Pag. 1/8 N. REP. 710894 del 05/08/2015 DETERMINAZIONE N. 921/260 del 05/08/2015 Pag. 1/8 OGGETTO: Appalto del servizio di supporto tecnico specialistico relativo alle funzioni proprie del Comune di Macerata in

Dettagli

A relazione dell'assessore Bonino: Atteso che:

A relazione dell'assessore Bonino: Atteso che: REGIONE PIEMONTE BU28 14/07/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 27 giugno 2011, n. 16-2262 Affidamento a Trenitalia S.p.A. della gestione dei servizi ferroviari di interesse regionale per gli anni

Dettagli

Delibera n. 49/2015. VISTO il decreto legislativo 19 novembre 1997, n. 422 e s.m.i. ;

Delibera n. 49/2015. VISTO il decreto legislativo 19 novembre 1997, n. 422 e s.m.i. ; Delibera n. 49/2015 Misure regolatorie per la redazione dei bandi e delle convenzioni relativi alle gare per l assegnazione in esclusiva dei servizi di trasporto pubblico locale passeggeri e definizione

Dettagli

CONVENZIONE, EX ART. 30 TUEL D. LGS. N. 267/2000, TRA I COMUNI RICOMPRESI NELL AMBITO TERRITORIALE MASSA - CARRARA PER L ESPLETAMENTO DELLA

CONVENZIONE, EX ART. 30 TUEL D. LGS. N. 267/2000, TRA I COMUNI RICOMPRESI NELL AMBITO TERRITORIALE MASSA - CARRARA PER L ESPLETAMENTO DELLA CONVENZIONE, EX ART. 30 TUEL D. LGS. N. 267/2000, TRA I COMUNI RICOMPRESI NELL AMBITO TERRITORIALE MASSA - CARRARA PER L ESPLETAMENTO DELLA PROCEDURA RELATIVA ALL AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE 13/2015 Promossa dalla Giunta al Consiglio Comunale nella seduta del 5 febbraio 2015 OGGETTO: Realizzazione del Campus sportivo di Beata Giuliana. Affidamento della costruzione e gestione mediante concessione

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER IL FINANZIAMENTO DEI SERVIZI MINIMI E DEGLI INVESTIMENTI NEL SETTORE TRASPORTO PUBBLICO LOCALE PER IL TRIENNIO 2007/2009 TRA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER IL FINANZIAMENTO DEI SERVIZI MINIMI E DEGLI INVESTIMENTI NEL SETTORE TRASPORTO PUBBLICO LOCALE PER IL TRIENNIO 2007/2009 TRA ACCORDO DI PROGRAMMA PER IL FINANZIAMENTO DEI SERVIZI MINIMI E DEGLI INVESTIMENTI NEL SETTORE TRASPORTO PUBBLICO LOCALE PER IL TRIENNIO 2007/2009 TRA La Provincia di Torino, di seguito denominata Provincia,

Dettagli

Articolo 1. (Detassazione degli investimenti in impianti e macchinari)

Articolo 1. (Detassazione degli investimenti in impianti e macchinari) Articolo 1 (Detassazione degli investimenti in impianti e macchinari) 1. E escluso dall'imposizione sul reddito di impresa il 50 per cento del valore degli investimenti in nuovi macchinari e in nuove apparecchiature

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SUL TPL CONTRIBUTO DI REGIONE LOMBARDIA (D.G. INFRASTRUTTURE E MOBILITA )

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SUL TPL CONTRIBUTO DI REGIONE LOMBARDIA (D.G. INFRASTRUTTURE E MOBILITA ) DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SUL TPL CONTRIBUTO DI REGIONE LOMBARDIA (D.G. INFRASTRUTTURE E MOBILITA ) 1. GLI AMBITI DI SERVIZIO PUBBLICO Q 1.1.1 Si chiedono osservazioni motivate in ordine alla richiesta

Dettagli

Bando per lo sviluppo dei sistemi di bigliettazione elettronica interoperabili di trasporto pubblico locale in Regione Lombardia Sommario

Bando per lo sviluppo dei sistemi di bigliettazione elettronica interoperabili di trasporto pubblico locale in Regione Lombardia Sommario Bando per lo sviluppo dei sistemi di bigliettazione elettronica interoperabili di trasporto pubblico locale in Regione Lombardia Sommario 1. Obiettivi 2 2. Dotazione finanziaria 2 3. Soggetti beneficiari

Dettagli

SINTESI DEL QUADRO NORMATIVO VIGENTE IN MATERIA DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE

SINTESI DEL QUADRO NORMATIVO VIGENTE IN MATERIA DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE SINTESI DEL QUADRO NORMATIVO VIGENTE IN MATERIA DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE L EVOLUZIONE STORICA Successivamente alla entrata in vigore del D.lgs. 19 novembre 1997, n. 422, molteplici sono stati i provvedimenti

Dettagli

Allegato alla deliberazione di G.C. n. 128 dell 11 settembre 2013

Allegato alla deliberazione di G.C. n. 128 dell 11 settembre 2013 COMUNE DI MOGGIO UDINESE Provincia di Udine Rep. n. /13 ADDENDUM ALL ATTO AGGIUNTIVO E DI CHIARIMENTO DELLA CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI MOGGIO UDINESE E L AMGA AZIENDA MULTISERVIZI S.p.A., PER LA CONCESSIONE

Dettagli

SCHEMA CONTRATTO Di CONCESSIONE DEI SERVIZI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE E DEGLI IMPIANTI SEMAFORCI ALL INTERNO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI RHO (MI)

SCHEMA CONTRATTO Di CONCESSIONE DEI SERVIZI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE E DEGLI IMPIANTI SEMAFORCI ALL INTERNO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI RHO (MI) SCHEMA CONTRATTO Di CONCESSIONE DEI SERVIZI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE E DEGLI IMPIANTI SEMAFORCI ALL INTERNO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI RHO (MI) Tra il Comune di RHO (di seguito, Comune ), in persona

Dettagli

Delibera n. 50/02. L Autorità per l energia elettrica e il gas. Nella riunione del 26 marzo 2002, Premesso che:

Delibera n. 50/02. L Autorità per l energia elettrica e il gas. Nella riunione del 26 marzo 2002, Premesso che: Delibera n. 50/02 Condizioni per l erogazione del servizio di connessione alle reti elettriche con tensione nominale superiore ad 1 kv i cui gestori hanno obbligo di connessione di terzi. (pubblicata sul

Dettagli

Chiarimenti in merito alle modalità di transizione dalla delibera n. 224/00 alla delibera n. 28/06 Comunicato stampa

Chiarimenti in merito alle modalità di transizione dalla delibera n. 224/00 alla delibera n. 28/06 Comunicato stampa Pagina 1 di 13 Documenti collegati Chiarimenti in merito alle modalità di transizione dalla delibera n. 224/00 alla delibera n. 28/06 Comunicato stampa Pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data

Dettagli

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione;

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; 13-01 02 Servizio della pianificazione e programmazione dei sistemi di trasporto Determinazione PROT. N. 5022 REP. N. 198 DEL 24 APRILE 2014 Oggetto: Procedura di gara d appalto per gli oneri di servizio

Dettagli

SCHEMA TRA. parti della presente convenzione

SCHEMA TRA. parti della presente convenzione ALLEGATO 3 Ministero delle infrastrutture Cassa depositi e prestiti S.p.A. SCHEMA Convenzione per la gestione delle risorse destinate al finanziamento del Programma Straordinario di Edilizia Residenziale

Dettagli

ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6

ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6 SCHEMA DI ACCORDO Tra la PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE, l AGENZIA INTERREGIONALE PER IL FIUME

Dettagli

GRANDI HUB AEROPORTUALI -ALLACCIAMENTI FERROVIARI E STRADALI

GRANDI HUB AEROPORTUALI -ALLACCIAMENTI FERROVIARI E STRADALI GRANDI HUB AEROPORTUALI -ALLACCIAMENTI FERROVIARI E STRADALI Hub aeroportuale - allacciamenti metro Parma Sistema di trasporto rapido di massa a guida vincolata per la città di Parma SCHEDA N. 147 LOCALIZZAZIONE

Dettagli

CONVENZIONE, EX ART. 30 TUEL D. LGS. N. 267/2000, TRA I COMUNI RICOMPRESI NELL AMBITO TERRITORIALE BERGAMO 2 NORD EST AL

CONVENZIONE, EX ART. 30 TUEL D. LGS. N. 267/2000, TRA I COMUNI RICOMPRESI NELL AMBITO TERRITORIALE BERGAMO 2 NORD EST AL CONVENZIONE, EX ART. 30 TUEL D. LGS. N. 267/2000, TRA I COMUNI RICOMPRESI NELL AMBITO TERRITORIALE BERGAMO 2 NORD EST AL FINE DI DEMANDARE AL COMUNE DI LOVERE IL RUOLO DI STAZIONE APPALTANTE PER LA GESTIONE

Dettagli

ATTO SOSTITUTIVO DEL CONTRATTO DI SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NEL COMUNE DI PIOLTELLO

ATTO SOSTITUTIVO DEL CONTRATTO DI SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NEL COMUNE DI PIOLTELLO Allegato A ATTO SOSTITUTIVO DEL CONTRATTO DI SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NEL COMUNE DI PIOLTELLO Allegato A alla Delibera del Consiglio Comunale di conferimento della rete di distribuzione gas ATTO

Dettagli

REGOLAMENTO N. 23 DEL 9 MAGGIO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 23 DEL 9 MAGGIO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 23 DEL 9 MAGGIO 2008 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DEI PREMI E DELLE CONDIZIONI DI CONTRATTO NELL ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA PER I VEICOLI A MOTORE E NATANTI, DI

Dettagli

IL MINISTRO DELLE COMUNICAZIONI

IL MINISTRO DELLE COMUNICAZIONI IL MINISTRO DELLE COMUNICAZIONI Vista la legge 31 luglio 1997, n. 249; Visto il decreto-legge 23 gennaio 2001, n. 5, convertito, con modificazioni, dalla legge 20 marzo 2001, n. 66; Visto il decreto-legge

Dettagli

Codice dell Amministrazione digitale

Codice dell Amministrazione digitale Dlgs. 7 marzo 2005, n. 82 Codice dell Amministrazione digitale (Estratto relativo ai soli articoli riguardanti il Sistema pubblico di connettività) Capo VIII Sistema pubblico di connettività e rete internazionale

Dettagli

Commissario Unico delegato del Governo per Expo Milano 2015 Il Commissario Delegato

Commissario Unico delegato del Governo per Expo Milano 2015 Il Commissario Delegato Provvedimento Commissario Delegato Giovanni Confalonieri n. 3 del 22 dicembre 2014 Oggetto: Expo 2015 approvazione dello Schema di Convenzione Unica delia concessione e gestione della Linea 5 della Metropolitana

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISCIPLINA SANZIONATORIA DELLE VIOLAZIONI DELLE DISPOSIZIONI DEL REGOLAMENTO (UE) N. 2006/2004, RELATIVO

DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISCIPLINA SANZIONATORIA DELLE VIOLAZIONI DELLE DISPOSIZIONI DEL REGOLAMENTO (UE) N. 2006/2004, RELATIVO DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISCIPLINA SANZIONATORIA DELLE VIOLAZIONI DELLE DISPOSIZIONI DEL REGOLAMENTO (UE) N. 181/2011, CHE MODIFICA IL REGOLAMENTO (CE) N. 2006/2004, RELATIVO AI DIRITTI DEI PASSEGGERI

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera:

A relazione dell'assessore Cavallera: REGIONE PIEMONTE BU6 06/02/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 30 dicembre 2013, n. 23-6990 Definizione criteri e modalita' per la determinazione dei volumi di attivita' e dei tetti di spesa per

Dettagli

COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia

COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE E LA RIPARTIZIONE DEL FONDO INTERNO PER PROGETTAZIONE O ATTI DI PIANIFICAZIONE (Art.18, commi 1 e 2, Legge 11 febbraio 1994

Dettagli

Accesso equo e non discriminatorio alle infrastrutture ferroviarie: Misure di Regolazione aggregate per area di intervento (cluster)

Accesso equo e non discriminatorio alle infrastrutture ferroviarie: Misure di Regolazione aggregate per area di intervento (cluster) Documento per la stampa Allegato al Comunicato Stampa n. 45 del 5 novembre 2014 Accesso equo e non discriminatorio alle infrastrutture ferroviarie: Misure di Regolazione aggregate per area di intervento

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. MUTUO FINALIZZATO ASSISTITO DA GARANZIA FIDEIUSSORIA (Contratto Capitale 5) Aggiornamento del 1 aprile 2007

FOGLIO INFORMATIVO. MUTUO FINALIZZATO ASSISTITO DA GARANZIA FIDEIUSSORIA (Contratto Capitale 5) Aggiornamento del 1 aprile 2007 FOGLIO INFORMATIVO Mod.01/07 MUTUO FINALIZZATO ASSISTITO DA GARANZIA FIDEIUSSORIA (Contratto Capitale 5) Aggiornamento del 1 aprile 2007 Sezione 1 - Informazioni sull Intermediario finanziario Denominazione

Dettagli

Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile

Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile L. 18 giugno 2009, n. 69 1 e 2 Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile (Estratto relativo all Amministrazione digitale) Art. 24

Dettagli

Il sistema dei prezzi delle tracce. Chi paga quanto per l infrastruttura ferroviaria?

Il sistema dei prezzi delle tracce. Chi paga quanto per l infrastruttura ferroviaria? Il sistema dei prezzi delle tracce. Chi paga quanto per l infrastruttura ferroviaria? FFS Infrastruttura, luglio 2015 Il prezzo della traccia copre circa il 40 percento delle spese infrastrutturali. Mediante

Dettagli

REGIONE LAZIO GIUNTA REGIONALE STRUTTURA PROPONENTE. OGGETTO: Schema di deliberazione concernente: ASSESSORATO PROPONENTE DI CONCERTO

REGIONE LAZIO GIUNTA REGIONALE STRUTTURA PROPONENTE. OGGETTO: Schema di deliberazione concernente: ASSESSORATO PROPONENTE DI CONCERTO REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 418 04/08/2015 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 11972 DEL 28/07/2015 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: Area: TERRITORIO, URBANISTICA, MOBILITA E RIFIUTI Prot. n.

Dettagli

SISTEMI URBANI Accessibilità metropolitana Fiera di Milano Nodo d'interscambio AC/SFR/MM trasporto pubblico e privato su gomma SCHEDA N.

SISTEMI URBANI Accessibilità metropolitana Fiera di Milano Nodo d'interscambio AC/SFR/MM trasporto pubblico e privato su gomma SCHEDA N. SISTEMI URBANI Accessibilità metropolitana Fiera di Milano Nodo d'interscambio AC/SFR/MM trasporto pubblico e privato su gomma SCHEDA N. 91 LOCALIZZAZIONE CUP: TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO TITOLARE: B41I07000140005

Dettagli

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione;

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; DETERMINAZIONE PROT. N. 11827 REP N. 647 DEL 10.10.2013 Oggetto: Procedura di gara d appalto per gli oneri di servizio pubblico ai sensi dell art. 16 par. 9 e 10 e art. 17 del Regolamento (CE) 1008/2008.

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA per il miglioramento della mobilità ferroviaria regionale del Lazio. tra

PROTOCOLLO D INTESA per il miglioramento della mobilità ferroviaria regionale del Lazio. tra PROTOCOLLO D INTESA per il miglioramento della mobilità ferroviaria regionale del Lazio tra Regione Lazio e Trenitalia S.p.A e Rete Ferroviaria Italiana S.p.A Roma, 1 L anno, il giorno del mese di in Roma,

Dettagli

ALLEGATO 9 RAPPORTO ANNUALE SUI SERVIZI - MODALITA PER LA REALIZZAZIONE DEL MONITORAGGIO

ALLEGATO 9 RAPPORTO ANNUALE SUI SERVIZI - MODALITA PER LA REALIZZAZIONE DEL MONITORAGGIO ALLEGATO 9 RAPPORTO ANNUALE SUI SERVIZI - MODALITA PER LA REALIZZAZIONE DEL MONITORAGGIO Il presente allegato individua i contenuti che dovrà avere il Rapporto sui servizi, articolato in 2 parti principali:

Dettagli

Art. 160 bis del D.Lgs. 163/2006 Testo Unico dei Contratti Pubblici

Art. 160 bis del D.Lgs. 163/2006 Testo Unico dei Contratti Pubblici Francesco Pastore 1 Il leasing immobiliare pubblico è uno strumento messo a disposizione della Pubblica Amministrazione per la realizzazione, l acquisizione ed il completamento di opere pubbliche o di

Dettagli

Servizio di trasporto pubblico locale di linea nel territorio comunale

Servizio di trasporto pubblico locale di linea nel territorio comunale Comune di Monterotondo (RM) Servizio di trasporto pubblico locale di linea nel territorio comunale Relazione illustrativa delle ragioni e della sussistenza dei requisiti previsti per la forma di affidamento

Dettagli

R E L A Z I O N E. Dunque lo schema di decreto legislativo:

R E L A Z I O N E. Dunque lo schema di decreto legislativo: DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISCIPLINA SANZIONATORIA PER LE VIOLAZIONI DELLE DISPOSIZIONI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 1371/2007, RELATIVO AI DIRITTI E AGLI OBBLIGHI DEI PASSEGGERI NEL TRASPORTO FERROVIARIO.

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 14 aprile 2011

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 14 aprile 2011 CIRCOLARE N. 15/E Roma, 14 aprile 2011 Direzione Centrale Normativa Oggetto: Articolo 42, decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito con modificazioni dalla legge 30 luglio 2010, n. 122 Reti di imprese

Dettagli

LA CONFERENZA UNIFICATA

LA CONFERENZA UNIFICATA Intesa tra il Governo e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano e gli Enti locali sulla ripartizione del Fondo nazionale per le politiche giovanili di cui all art. 19, comma 2, del decreto legge

Dettagli

di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze,

di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze, di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze, VISTA la Legge 8 luglio 1986, n. 349 e s.m.i., Istituzione del Ministero dell Ambiente e norme in materia di danno ambientale ; VISTA la Legge

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE

BOLLETTINO UFFICIALE Anno XLIII N. 285 Iscritto nel registro Stampa del Tribunale di Milano (n. 656 del 21 dicembre 2010) Proprietario: Giunta Regionale della Lombardia Sede Direzione e redazione: p.zza Città di Lombardia,

Dettagli

UN NUOVO SERVIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE AUTOMOBILISTICO E MARITTIMO PER IL FRIULI VENEZIA GIULIA

UN NUOVO SERVIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE AUTOMOBILISTICO E MARITTIMO PER IL FRIULI VENEZIA GIULIA UN NUOVO SERVIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE AUTOMOBILISTICO E MARITTIMO PER IL FRIULI VENEZIA GIULIA [CONFERENZA STAMPA] Udine - 27 Ottobre 2014 Assessorato Infrastrutture, Mobilità, Pianificazione

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER IL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO

CAPITOLATO SPECIALE PER IL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE PER IL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO CIG 50773444D0 OGGETTO DELL'INCARICO L affidamento ha per oggetto lo svolgimento del servizio di brokeraggio assicurativo professionale,

Dettagli

Progetti e servizi per la mobilità regionale

Progetti e servizi per la mobilità regionale ECORailS Progetti e servizi per la mobilità regionale in Regione Lombardia Elena Foresti, Giorgio Stagni Brescia, 14.04.2011 1 Il trasporto regionale in Lombardia 1.920 km di linee con oltre 400 stazioni

Dettagli

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Piano Nazionale di edilizia abitativa Visto il decreto legge 25 giugno 2008, n 112 convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2008, n 133, recante

Dettagli

DELIBERA n. 35/2015. VISTA la Direttiva 2009/12/UE del Parlamento europeo e del Consiglio dell 11 marzo 2009 concernente i Diritti Aeroportuali;

DELIBERA n. 35/2015. VISTA la Direttiva 2009/12/UE del Parlamento europeo e del Consiglio dell 11 marzo 2009 concernente i Diritti Aeroportuali; DELIBERA n. 35/2015 Proposta di revisione dei Diritti Aeroportuali dell Aeroporto Amerigo Vespucci di Firenze per il periodo tariffario 2015-2018: conformità ai Modelli di Regolazione dei Diritti Aeroportuali

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA. FS SISTEMI URBANI S.r.l. RETE FERROVIARIA ITALIANA S.p.A. COMUNE DI SALERNO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO

PROTOCOLLO D INTESA TRA. FS SISTEMI URBANI S.r.l. RETE FERROVIARIA ITALIANA S.p.A. COMUNE DI SALERNO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO PROTOCOLLO D INTESA TRA FS SISTEMI URBANI S.r.l. RETE FERROVIARIA ITALIANA S.p.A. COMUNE DI SALERNO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO PER LA RIQUALIFICAZIONE DELL AREA DELLA STAZIONE FERROVIARIA E DELLO

Dettagli

Delibera n. 28/06 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Documenti collegati

Delibera n. 28/06 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Documenti collegati Documenti collegati Comunicato stampa Pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 13 febbraio 2006 Delibera n. 28/06 CONDIZIONI TECNICO-ECONOMICHE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO DELL ENERGIA

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA REGIONE PUGLIA, L ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO ED IL COMITATO OLIMPICO NAZIONALE ITALIANO

CONVENZIONE TRA LA REGIONE PUGLIA, L ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO ED IL COMITATO OLIMPICO NAZIONALE ITALIANO Regione Puglia Assessorato allo Sport Allegato A DGR n. del CONVENZIONE TRA LA REGIONE PUGLIA, L ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO ED IL COMITATO OLIMPICO NAZIONALE ITALIANO Con la presente scrittura privata

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. il Ministro per i rapporti con le Regioni e la Coesione territoriale. di concerto con

Il Ministro dello Sviluppo Economico. il Ministro per i rapporti con le Regioni e la Coesione territoriale. di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministro per i rapporti con le Regioni e la Coesione territoriale VISTO il decreto legislativo 23 maggio 2000, n. 164, recante norme comuni per il

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA PRESTAZIONE DEL NOLEGGIO A LUNGO TERMINE DI VEICOLI SENZA CONDUCENTE E DEI SERVIZI ACCESSORI (C.I.G.

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA PRESTAZIONE DEL NOLEGGIO A LUNGO TERMINE DI VEICOLI SENZA CONDUCENTE E DEI SERVIZI ACCESSORI (C.I.G. SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA PRESTAZIONE DEL NOLEGGIO A LUNGO TERMINE DI VEICOLI SENZA CONDUCENTE E DEI SERVIZI ACCESSORI (C.I.G. 5199718F05) TRA la società Deval S.p.A. a s.u. (partita IVA e codice fiscale

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE. della Regione Puglia. Leggi e Regolamenti regionali

REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE. della Regione Puglia. Leggi e Regolamenti regionali 2015.11. 02 13:21:48 +01'00' REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Puglia ANNO XLVI BARI, 2 NOVEMBRE 2015 Leggi e Regolamenti regionali n. 142 Il Bollettino Ufficiale della Regione Puglia

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. MISURA E MODALITÀ DI VERSAMENTO DEL CONTRIBUTO DOVUTO ALL AUTORITÀ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI PER L ANNO 2015 L AUTORITÀ NELLA sua riunione di Consiglio del 6 novembre 2014; VISTA

Dettagli

Testo integrato delle modalità e delle condizioni tecnico-economiche per lo scambio sul posto (TISP) L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Testo integrato delle modalità e delle condizioni tecnico-economiche per lo scambio sul posto (TISP) L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Deliberazione 3 giugno 2008 - ARG/elt 74/08 Testo integrato delle modalità e delle condizioni tecnico-economiche per lo scambio sul posto (TISP) L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Nella riunione

Dettagli

Delibera n. 64 del 31 luglio 2015

Delibera n. 64 del 31 luglio 2015 Delibera n. 64 del 31 luglio 2015 Avvio del procedimento per l adozione di provvedimenti sanzionatori riguardanti inottemperanze alle misure di regolazione 1.6.4, 3.6.1., 4.6.1, 5.6.1, 7.6.1, 11.6.1 e

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO

COMUNE DI ROSSANO VENETO COMUNE DI ROSSANO VENETO Piazza Marconi, 4-36028 ROSSANO VENETO (Vicenza) tel. 0424 547110-125 C.F. 00261630248 e-mail: llpp@comune.rossano.vi.it * * * * * * * * * * * Rep. Gen. n. 491 del 15/11/11 DETERMINAZIONE

Dettagli

LA QUESTIONE DELL INCREMENTO DEL CANONE DI

LA QUESTIONE DELL INCREMENTO DEL CANONE DI LA QUESTIONE DELL INCREMENTO DEL CANONE DI DISTRIBUZIONE (Avv. Daniela Anselmi) Milano, 21-22 novembre 2013 La disciplina del tema oggetto del presente contributo è contenuta innanzitutto al quarto comma

Dettagli

CONTRATTO DI COMODATO. L anno duemiladieci, il giorno del mese di. -la dottoressa Anna Paola Fois, nata a Sassari il giorno 27 gennaio 1953, la

CONTRATTO DI COMODATO. L anno duemiladieci, il giorno del mese di. -la dottoressa Anna Paola Fois, nata a Sassari il giorno 27 gennaio 1953, la CONTRATTO DI COMODATO L anno duemiladieci, il giorno del mese di in, sono comparsi: -la dottoressa Anna Paola Fois, nata a Sassari il giorno 27 gennaio 1953, la quale interviene al presente atto in nella

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO 2 febbraio 2011 Individuazione dei requisiti per il rilascio della licenza nazionale passeggeri per lo svolgimento di servizi ferroviari passeggeri

Dettagli

CORSO BASE LA REVISIONE NEGLI ENTI LOCALI

CORSO BASE LA REVISIONE NEGLI ENTI LOCALI CORSO BASE LA REVISIONE NEGLI ENTI LOCALI I CONTROLLI SULLA SPESA DEL PERSONALE QUARTA GIORNATA - 12 LUGLIO 2013 DEFINIZIONE Il Legislatore, pur prevedendo numerosi vincoli in materia di spesa per il personale,

Dettagli

RASSEGNA PERIODICA DI LEGISLAZIONE* novembre 2006

RASSEGNA PERIODICA DI LEGISLAZIONE* novembre 2006 RASSEGNA PERIODICA DI LEGISLAZIONE* novembre 2006 Comunicato n. 111/2006 Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri- 25 settembre 2006 Individuazione dell autorità centrale per la ricezione delle

Dettagli

FORNITURA BUONI PASTO. L anno 2012, il giorno del mese di, TRA

FORNITURA BUONI PASTO. L anno 2012, il giorno del mese di, TRA Contratto n. /2012 FORNITURA BUONI PASTO L anno 2012, il giorno del mese di, TRA.. con sede legale in vi., partita IVA, in persona del legale rappresentante., in seguito denominata Committente E con sede

Dettagli

Legge regionale 6/2012 Un nuovo sistema dei trasporti pubblici

Legge regionale 6/2012 Un nuovo sistema dei trasporti pubblici Legge regionale 6/2012 Un nuovo sistema dei trasporti pubblici EPF Conference 2014 Milan March 15th 2014 DG Infrastrutture e Mobilità www.trasporti.regione.lombardia.it 1 Legge regionale 6/2012 Con la

Dettagli

Roma, 24 aprile 2015. Il Ministro: GUIDI IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

Roma, 24 aprile 2015. Il Ministro: GUIDI IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 24 aprile 2015. Sostituzione del commissario liquidatore della «Opportunità del sagittario piccola società cooperativa a r.l.», in Frosinone. IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Visto il decreto

Dettagli

118 18 0 - DIREZIONE URBANISTICA, SUE E GRANDI PROGETTI - SETTORE URBANISTICA Proposta di Deliberazione N. 2013-DL-467 del 12/12/2013

118 18 0 - DIREZIONE URBANISTICA, SUE E GRANDI PROGETTI - SETTORE URBANISTICA Proposta di Deliberazione N. 2013-DL-467 del 12/12/2013 118 18 0 - DIREZIONE URBANISTICA, SUE E GRANDI PROGETTI - SETTORE URBANISTICA Proposta di Deliberazione N. 2013-DL-467 del 12/12/2013 ALLARGAMENTO DELL AMBITO TERRITORIALE DI RIFERIMENTO PER L ASSEGNAZIONE

Dettagli

Circolare N. 151 del 18 Novembre 2014

Circolare N. 151 del 18 Novembre 2014 Circolare N. 151 del 18 Novembre 2014 DL Sblocca Italia: le novita dopo la conversione in legge (DL n. 133/2014 convertito con legge n. 16/2014) Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA PROTOCOLLO DI INTESA TRA GRUPPO FERROVIE DELLO STATO E PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROTOCOLLO D INTESA L anno 2011, il giorno del mese di, il Servizio per la Protezione Civile della Provincia Autonoma

Dettagli

Osservazioni di Trenitalia S.p.A. Allegato A alla Delibera dell Autorità di Regolazione dei Trasporti n. 103 del 30 novembre 2015

Osservazioni di Trenitalia S.p.A. Allegato A alla Delibera dell Autorità di Regolazione dei Trasporti n. 103 del 30 novembre 2015 Osservazioni di Trenitalia S.p.A. Allegato A alla Delibera dell Autorità di Regolazione dei Trasporti n. 103 del 30 novembre 2015 Misure concernenti il contenuto minimo degli specifici diritti, anche di

Dettagli

Connessione con scambio sul posto

Connessione con scambio sul posto Connessione con scambio sul posto Che cosa è lo scambio sul posto Qualsiasi cliente che ha la titolarità o la disponibilità di un impianto fotovoltaico con potenza nominale minore o uguale a 20 KW può

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI REGIONE SICILIANA COMUNE DI TERMINI IMERESE

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI REGIONE SICILIANA COMUNE DI TERMINI IMERESE MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI REGIONE SICILIANA COMUNE DI TERMINI IMERESE ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI DI RICONVERSIONE E

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA E TECNICO FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO ANNO 2012

RELAZIONE ILLUSTRATIVA E TECNICO FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO ANNO 2012 AREA AMMINISTRATIVA Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06494991 Fax 0649499059 RELAZIONE ILLUSTRATIVA E TECNICO FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO ANNO 2012 Il decreto legislativo

Dettagli

ALLEGATO 5 Schema di Contratto

ALLEGATO 5 Schema di Contratto ALLEGATO 5 Schema di Contratto Allegato 5: Schema di contratto Pag. 1 SCHEMA DI CONTRATTO GARA A PROCEDURA APERTA, INDETTA AI SENSI DEL D. LGS. N. 163/06, PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE

Dettagli

Bozza ddl Interventi in materia di trasporto pubblico locale Versione 4

Bozza ddl Interventi in materia di trasporto pubblico locale Versione 4 Bozza ddl Interventi in materia di trasporto pubblico locale Versione 4 capo I Finalità della legge Art.1 (Finalità della legge) 1.La presente legge, nei limiti della competenza statale, dispone interventi

Dettagli

IL SERVIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO A MADRID

IL SERVIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO A MADRID IL SERVIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO A MADRID 1) I soggetti regolatori Comunidad de Madrid: in base all articolo 26.5 del suo Statuto, la Comunità Autonoma di Madrid ha pieni poteri normativi in materia di

Dettagli

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture)

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture) SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1425 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro dell economia e delle finanze (TREMONTI) di concerto col

Dettagli

D.L. N.397 DEL 6.11.2008: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale della Regione Liguria (Legge Finanziaria 2009)

D.L. N.397 DEL 6.11.2008: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale della Regione Liguria (Legge Finanziaria 2009) D.L. N.397 DEL 6.11.2008: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale della Regione Liguria (Legge Finanziaria 2009) Articolo 1 L articolo fissa in 150 milioni di euro il limite massimo

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE CIG 543712162F

CAPITOLATO SPECIALE CIG 543712162F CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI MENSA MEDIANTE BUONI PASTO ELETTRONICI IN FAVORE DEI DIPENDENTI DELLE SOCIETÀ DEL GRUPPO SALERNO ENERGIA CIG 543712162F Art. 1 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA DI INDIRIZZO E CONTROLLO SULLE SOCIETA CONTROLLATE E PARTECIPATE

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA DI INDIRIZZO E CONTROLLO SULLE SOCIETA CONTROLLATE E PARTECIPATE 95 REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA DI INDIRIZZO E CONTROLLO SULLE SOCIETA CONTROLLATE E PARTECIPATE APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N 84 Reg./21 Prop. Del. NELLA SEDUTA DEL 10/05/2011 Art.

Dettagli

CONTRATTO TIPO B ( Contratto )

CONTRATTO TIPO B ( Contratto ) CONTRATTO TIPO B ( Contratto ) TRA - Consorzio Recupero Vetro - CO.RE.VE. (di seguito Co.Re.Ve. ), P.I. n. 05648781002, con sede legale in Roma, Via Barberini 67 e sede operativa in Milano, P.za Giovanni

Dettagli

L anno 2016, il giorno quattordici del mese di marzo, il dott. Matteo Minchillo, Direttore Generale di Pugliapromozione:

L anno 2016, il giorno quattordici del mese di marzo, il dott. Matteo Minchillo, Direttore Generale di Pugliapromozione: Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 33 del 24-3-2016 15477 DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE PUGLIAPROMOZIONE 14 marzo 2016, n. 61 Procedura negoziata telematica ai sensi dell art. 125 commi

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze Visto l articolo 252-bis del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, come sostituito dall articolo 4, comma

Dettagli

Il giorno 13.05.2009 alle ore 09.00, presso la sede dell ARAN, ha avuto luogo l incontro tra: firmato

Il giorno 13.05.2009 alle ore 09.00, presso la sede dell ARAN, ha avuto luogo l incontro tra: firmato Contratto Collettivo nazionale di lavoro del personale non dirigente del comparto delle Istituzioni e degli Enti di Ricerca e Sperimentazione per il quadriennio normativo 2006-2009 ed il biennio economico

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Criteri per la concessione da parte del Dipartimento della Protezione Civile dei contributi per il finanziamento di progetti presentati dalle Organizzazioni di Volontariato di Protezione Civile nel triennio

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

RASSEGNA NORMATIVA RASSEGNA PERIODICA DI LEGISLAZIONE*

RASSEGNA NORMATIVA RASSEGNA PERIODICA DI LEGISLAZIONE* RASSEGNA NORMATIVA RASSEGNA PERIODICA DI LEGISLAZIONE* Luglio Agosto 2005 Comunicato n. 80/2005 Decreto-Legge 30 giugno 2005, n. 115 Disposizioni urgenti per assicurare la funzionalità di settori della

Dettagli

PROCEDURA PER LA DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE MONCLER S.P.A.

PROCEDURA PER LA DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE MONCLER S.P.A. PROCEDURA PER LA DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE MONCLER S.P.A. ARTICOLO 1 Ambito di applicazione 1.1 La presente Procedura (la Procedura ) è adottata da Moncler S.p.A. ( Moncler o la Società

Dettagli

Id. 02373340468/UCI1/20150305 CONVENZIONE TRA L AGENZIA DELLE ENTRATE COMUNE DI SILLANO GIUNCUGNANO

Id. 02373340468/UCI1/20150305 CONVENZIONE TRA L AGENZIA DELLE ENTRATE COMUNE DI SILLANO GIUNCUGNANO Id. 02373340468/UCI1/20150305 CONVENZIONE TRA L AGENZIA DELLE ENTRATE E COMUNE DI SILLANO GIUNCUGNANO 1 di 22 L Agenzia delle Entrate (di seguito denominata Agenzia o, congiuntamente a COMUNE DI SILLANO

Dettagli

PROCEDURA PER LA DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE OVS S.P.A.

PROCEDURA PER LA DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE OVS S.P.A. PROCEDURA PER LA DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE OVS S.P.A. Approvata dal Consiglio di Amministrazione di OVS S.p.A. in data 23 luglio 2014, in vigore dal 2 marzo 2015. ARTICOLO 1 Ambito

Dettagli

Addendum per l anno 2013 al PATTO PER IL TRASPORTO PUBBLICO REGIONALE E LOCALE IN EMILIA-ROMAGNA PER IL TRIENNIO 2011-2013

Addendum per l anno 2013 al PATTO PER IL TRASPORTO PUBBLICO REGIONALE E LOCALE IN EMILIA-ROMAGNA PER IL TRIENNIO 2011-2013 BOZZA 21/11/2012 Regione Emilia-Romagna Assessorato Programmazione Territoriale, Urbanistica, Reti di Infrastrutture Materiali e Immateriali Direzione Generale Reti Infrastrutturali, Logistica e Sistemi

Dettagli

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale LA GIUNTA REGIONALE

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale LA GIUNTA REGIONALE O GG E TTO : Prime linee operative per l'attuazione della DGR 1802/2013 - Approvazione convenzione con Fi.L.S.E spa ed impegno di spesa per 13.000.000,00 di euro N. 116 IN 04/02/2014 Richiamate: LA GIUNTA

Dettagli