Stefano Sangalli Agosto 2006

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Stefano Sangalli Agosto 2006"

Transcript

1 myasterisk Stefano Sangalli Agosto 2006 Asterisk è un applicativo che trasforma un computer con sistema operativo Linux, in standard telefonico IP (o centralino telefonico). I termini utilizzati di sovente, per qualificare Asterisk, sono IPBX i IPPBX o, a volte,pabx su IP. Asterisk è stato sviluppato da Mark Spencer della Digium, Inc. È un software libero e open source, e propone tutte le funzionalità di un PBX classico. Per realizzare la connessione di Asterisk con la rete di telefonia pubblica, per esempio via ISDN, sono disponibili diverse possibilità, come delle schede per connessione primaria, o di base, prodotte dalla stessa Digium, o dei modem tradizionali. Scarica la VERSIONE PDF di questo documento. Contents 1 Premessa: i protocolli utilizzati Il protocollo SIP (Session Initiation Protocol) Esempio di un messaggio SIP I messaggi più frequenti Architettura di una rete SIP Schema di chiamata tra User Agent Il protocollo RTP (Real-time Transport Protocol) Il protocollo IAX (Inter Asterisk Exchange) Proprietà di base La creazione di IAX Gli obiettivi di IAX Il protocollo H DUNDI (Distributed Universal Number Discovery) Installazione Installazione asterisk base Installazione asterisk-oh Aggiungere file wav Aggiungere file mp I componenti di Asterisk I moduli: modules.conf I canali

2 CONTENTS Il Dialplan Formato del dialplan Sezione general Sezione globals Contexts ed extensions Come si usa un context Configurazione sip.conf Asterisk come SIP client disallow = all allow = <codec> allowexternalinvites = yes no allowguest = yes no Autocreatepeer = yes no autodomain = yes no bindaddr = IP Address bindport = Number callerid = <string> canreinvite=yes canreinvite = update yes no (global setting) checkmwi = Number compactheaders = yes no context = <contextname> defaultexpirey= Number dtmfmode = inband info rfc domain = domains dumphistory = yes no externip = IP Address or a hostname externhost = hostname.tld externrefresh = Number Loading Asterisk APPENDICE A VoIP Provider

3 1. Premessa: i protocolli utilizzati Dati forniti dal provider: Outgoing settings: Incoming settings Register string I CODEC Applications Dial APPENDICE B freepbx I moduli Base I moduli CID e Number Management I moduli Config TrixBox capitolo Premessa: i protocolli utilizzati 1.1 Il protocollo SIP (Session Initiation Protocol) Il protocollo SIP (Session Initiation Protocol) instaura, modifica e rilascia una sessione. Esso trova applicazione non solo nella telefonia su IP e nei servizi telefonici supplementari, ma anche nella videocomunicazione, nei giochi interattivi, nella messaggistica istantanea. Il protocollo è stato sviluppato a partire dal 1999 (Request for Comment 2543 e 3261) per iniziativa di IETF e fa parte della Internet Multimedia Conferencing Suite. Il protocollo SIP ha fondamentalmente le seguenti funzioni: Invitare gli utenti a partecipare ad una sessione: o localizzare gli utenti o acquisire le preferenze degli utenti o negoziare le capabilities o trasportare una descrizione della sessione Instaurare le connessioni di sessione Gestire eventuali modifiche dei parametri di sessione Rilasciare le parti Cancellare la sessione in qualunque momento si desideri. SIP è un protocollo text-based, orientato al Web, simile ad HTTP, con una struttura client-server. Per instaurare una sessione, avviene un three-way handshaking (concettualmente simile a quello che avviene con il protocollo TCP). Alcune delle caratteristiche importanti del protocollo SIP: è impiegabile sia in contesti client-server sia in contesti peer to peer.

4 1. Premessa: i protocolli utilizzati 4 è facilmente estendibile e programmabile lavora sia con server stateless sia con server stateful. e indipendente dal protocollo di trasporto. Un messaggio SIP è una richiesta o una risposta; una sequenza di una richiesta e una o più risposte è detta transazione: una transazione è identificabile da un transaction-id, un identificativo che ne specifica la sorgente, la destinazione e il numero di sequenza. Il protocollo SIP supporta la mobilità ed è dialog-oriented: un dialogo è una relazione persistente tra entità paritetiche che si scambiano richieste e risposte in un contesto comune Esempio di un messaggio SIP Gli utenti SIP sono risorse identificabili o localizzabili mediante URI o URL che contengano informazioni sul dominio, sul nome-utente, sull host o il numero col quale l utente partecipa alla sessione. Gli indirizzi sono stile . Esempi fittizi possono ad esempio essere: Un messaggio SIP è costituito da un intestazione e da un corpo (rispettivamente detti header e body). A titolo esemplificativo, consideriamo il seguente messaggio di Invite, in cui header e body sono separati da una riga vuota: INVITE SIP/2.0 Via: SIP/2.0/UDP From: tag = 4711 //identifica l originatore della richiesta To: Michele //identifica la destinazione logica di una richiesta Call-Id: //è un valore costante che identifica l invito Cseq: 49 Invite //ordina le transazioni (..la prossima richiesta avrà Cseq=50) Content-Length: 117 //il body consiste in 117 byte Content-Type: application /sdp //tipo di media descritto secondo il protocollo [[SDP]] Subject: felicitazioni! //l oggetto del messaggio Contact: //l indirizzo al quale si desidera ricevere richieste transport = udp //specifica il protocollo di trasporto, nell esempio [[User Datagram Protocol UDP]] v = 0 //indica la versione in uso o = jack IN IP //l owner della risorsa con un ID di sessione c = IN IP //tipo di rete, la versione del protocollo IP e l IP stesso t = 0 0 //tempo di start e di stop m = audio 4754 RTP/AVP 0 //tipo di media, num. di porto, protocollo di trasporto e formato a = rtpmap: 0 PCMU/8000 //attributi audio\video.. se ce ne fossero s = festa //subject della sessione

5 1. Premessa: i protocolli utilizzati I messaggi più frequenti Altri messaggi SIP frequenti sono: Register: messaggi inviato da uno User Agent quando vuole registrare presso un Registrar Server il proprio punto di ancoraggio alla rete. Bye: utilizzato per porre fine ad un dialogo SIP Cancel: per terminare un dialogo se la sessione non ha ancora avuto inizio. Invite: già discusso in precedenza, serve ad invitare un utente a partecipare ad una sessione. Ack: è un messaggio di riscontro Trying e Ringing: messaggi provvisori;mantengono i parametri della richiesta a cui rispondono. Subscribe e Notify: utilizzati per E-Presence Architettura di una rete SIP Le entità essenziali di una rete SIP sono: SIP User Agent: Schema di chiamata tra User Agents Ingrandisci Schema di chiamata tra User Agents è un end-point e può fungere da client o da server; i due ruoli sono dinamici, nel senso che nel corso di una sessione un client può fungere da server e viceversa. Quando funge da client, dà inizio alla transazione originando richieste. Quando funge da server, ascolta le richieste e le soddisfa, se possibile. Uno User Agent è in sostanza una macchina a stati, che evolve in dipendenza di messaggi SIP, e registra informazioni rilevanti del dialogo. Il dialogo ha inizio quando si risponde positivamente al messaggio di Invite e termina con un messaggio di Bye Registrar Server: è un server dedicato o collocato in un proxy. Quando un utente è iscritto ad un dominio, invia un messaggio di registrazione del suo attuale punto di ancoraggio alla rete ad un Registrar Server. Proxy Server: è un server intermedio; può rispondere direttamente alle richieste oppure ruotarle ad un client, ad un server o ad un ulteriore proxy. Un proxy server analizza i parametri di instradamento dei messaggi e nasconde la reale posizione del destinatario del messaggio - essendo quest ultimo indirizzabile con un nome convenzionale del dominio di appartenenza. I proxy possono essere stateless o stateful. Quando uno User Agent invia sistematicamente le proprie richieste ad un proxy vicino (di default) allora il proxy viene detto Outbound-Proxy. Viceversa, un Inbound-Proxy è un proxy che instrada le chiamate entranti in un dominio. Infine un Forking-Proxy può instradare una stessa richiesta in parallelo o in sequenza a più destinazioni. Redirect Server: reinstrada le richieste SIP consentendo al chiamante di contattare un set alternativo di URIs. Location Server: è un database contentente informazioni sull utente, come il profilo, l indirizzo IP, l URL.

6 1. Premessa: i protocolli utilizzati Schema di chiamata tra User Agent UAC : User Agent Client UAS : User Agent Server Calling party Proxy Called party UAC -----INVITE v UAC UAC UAS UAC -----INVITE-----> UAS UAS ^ BYE Il protocollo RTP (Real-time Transport Protocol) L RTP o Real-time Transport Protocol è un protocollo di trasporto per applicazioni in tempo reale. Questo protocollo permette distribuzione di servizi che necessitano di trasferimento in tempo reale, come l interattività audio e video. Fra questi servizi si trovano anche: l identificazione del payload type il sequence numbering il timestamping il monitoring. È stato sviluppato da un gruppo di ricerca noto come Audio-Video Transport Working Group, facente capo alla IETF (Internet Engineering Task Force). Il corrispondente RFC è stato pubblicato nel RTP doveva inizialmente essere un protocollo multicast, ma viene più spesso impiegato in applicazioni unicast. È basato sul protocollo UDP e viene usato in congiunzione con RTCP (RTP Control Protocol). Rappresenta una delle tecnologie fondamentali nell industria della telefonia su IP. Solitamente le applicazioni pongono l RTP sopra l UDP per le operazioni di multiplexing e checksum, anche se può essere usato con altri protocolli di rete e trasporto sottostanti. I numeri di sequenza (sequence numbers) che troviamo nel protocollo RTP permettono all utente che riceve i dati di ricostruire la sequenza dei pacchetti del mittente. Le conferenze multicast multimediali non sono però la sua unica capacità, anche se è stato implementato per questo. Ad esempio, trovano posto in questo protocollo la memorizzazione di un flusso dati continuo, le simulazioni interattive distribuite, le misurazioni e i controlli

7 1. Premessa: i protocolli utilizzati Il protocollo IAX (Inter Asterisk Exchange) IAX è un acronimo che sta per Inter Asterisk Xchange. Si usa per abilitare connessioni VoIP tra i server Asterisk e tra server e client che utilizzano lo stesso protocollo. IAX ora è comunemente indicato come IAX2, la seconda versione del protocollo IAX. Il protocollo originale IAX è obsoleto ed è disapprovato in funzione di IAX Proprietà di base IAX2 è un protocollo robusto e completo rimanendo al contempo semplice. È indipendente dal codec e dal numero di flussi quindi può essere usato in teoria per il trasporto di qualunque tipo di dato (questa caratteristica diventerà utile quando il videotelefono diventerà comune. IAX2 utilizza un singolo flusso dati UDP (di solito sulla porta 4569) per comunicare tra i due sistemi sia per il controllo che per i dati. Il traffico voce è trasmesso in banda rendendo più semplice per l IAX2 l attraversamento di un firewall e più probabile che lavori dietro una rete con NAT (il protocollo SIP invece utilizza un flusso fuori banda RTP per il trasporto delle informazioni). Il protocollo IAX2 supporta il trunking per trasportare su un singolo collegamento dati e segnali per più canali. Quando è attivo il trunking più chiamate sono unite in un singolo insieme di pacchetti quindi un singolo datagramma IP può trasportare informazioni relative a più chiamate riducendo l effettivo overhead senza creare ritardi addizionali. Questo è un vantaggio notevole per gli utilizzatori del VoIP dove le intestazioni IP occupano una grossa percentuale della larghezza di banda La creazione di IAX Il protocollo IAX2 fu creato da Mark Spencer per Asterisk per il segnale VoIP. Il protocollo crea delle sessioni interne e queste sessioni possono utilizzare qualunque codec per la trasmissione della voce. Il protocollo Inter- Asterisk Exchange essenzialmente fornisce il controllo e la trasmissione del flusso di dati su reti IP. IAX è estremamente flessibile e e può essere utilizzato per ogni tipo di flussi di dati, compreso il video anche se è stato progettato soprattutto per il controllo delle chiamate vocali sulle reti IP. Il progetto del protocollo IAX fu basato su vari standard di controllo e trasmissione tra cui il Session Initiation Protocol (SIP, che è il più comune), Media Gateway Control Protocol (MGCP) e Real-time Transfer Protocol (RTP) Gli obiettivi di IAX Il principale obiettivo del protocollo IAX fu quello di minimizzare la larghezza di banda necessaria per la trasmissione dell informazione prestando particolare attenzione al controllo, alle chiamate vocali individuali e al supporto nativo per l utilizzo trasparente su reti con NAT. La struttura di base del protocollo IAX permette di miscelare i segnali e più flussi di dati su un singolo flusso UDP tra due computer. Lo IAX è un protocollo binario ed è organizzato in modo da minimizzare l overhead in particolare riguardo i flussi voce. 1.4 Il protocollo H323 H.323 is an umbrella recommendation from the ITU-T, that defines the protocols to provide audio-visual communication sessions on any packet network. It is currently implemented by various Internet real-time applications such as NetMeeting and Ekiga (the latter using the OpenH323 implementation). It is a part of

8 2. Installazione 8 the H.32x series of protocols which also address communications over ISDN, PSTN or SS7. H.323 is commonly used in Voice over IP (VoIP, Internet Telephony, or IP Telephony) and IP-based videoconferencing. 1.5 DUNDI (Distributed Universal Number Discovery) DUNDi\u2122 is a peer-to-peer system for locating Internet gateways to telephony services. Unlike traditional centralized services (such as the remarkably simple and concise ENUM standard), DUNDi is fullydistributed with no centralized authority whatsoever. DUNDi is not itself a Voice-over IP signaling or media protocol. Instead, it publishes routes which are in turn accessed via industry standard protocols such as IAX\u2122, SIP and H.323. DUNDi Core Members DUNDi Whitepaper General Peering Agreement DUNDi Internet Draft DUNDi Best Practices DUNDi Press Release DUNDi Mailing List DUNDi can be used within an enterprise to create a fully-federated PBX with no central point of failure, and the ability to arbitrarily add new extensions, gateways and other resources to a trusted web of communication servers, where any adds, moves, changes, failures or new routes are automatically absorbed within the cloud with no additional configuration. An Internet Draft of the DUNDi protocol can be found here. DUNDi can also be used across the entire Internet to form a common E.164 web of trust permitting service providers to make real phone numbers available on the Internet. This permits true toll bypass with no subscription charges, no publication of information. An acceptable use policy prevents VoIP spam calls. DUNDi replaces the usual the role of an entity (like Verisign is in the DNS world) with a common agreement which establishes a base standard for the quality and use of the network. By removing the need for an artificial monopoly, DUNDi also removes any artificially high lower-bound on the cost of sharing telephony services through this network. The document which regulates the E.164 context is the Digium General Peering Agreement, (GPA\u2122). Essentially, the GPA permits parties to peer under a specific set of guidelines, for example only publishing routes for valid phone numbers, and honoring acceptable use policies for routes. The full text of the GPA is available here. An implementation of DUNDi already exists in Asterisk\u2122, The Open Source PBX. Asterisk may be freely downloaded and distributed under the terms of the GNU General Public License (GPL) 2 Installazione 2.1 Installazione asterisk base # tar -zxvf /zip/asterisk/asterisk-x.tar.gz -C /usr/src/ # cd /usr/src/asterisk-x/ # make clean # make # make install # make samples # make config # make webvmail

9 2. Installazione 9 # make progdocs # make mpg123 # tar -zxvf /zip/asterisk/asterisk-sounds-y.tar.gz -C /usr/src/ # cd asterisk-sounds-y/ # make install # tar -zxvf /zip/asterisk/asterisk-addons-z.tar.gz -C /usr/src/ # cd asterisk-addons-z/ # make # make install 2.2 Installazione asterisk-oh323 Prima di installare il pacchetto asterisk-h323 è necessario predisporre correttamente i pacchetti PWLib e OpenH323, quindi: scaricare le ultime versioni stabili da di PWLib e OpenH323. Iniziamo installando PWLib: # tar -zxvf pwlib_x.tar.gz -C /usr/src # cd /usr/src/pwlib_x #./configure # make A questo punto è necessario impostare le variabili d ambiente relative alle directory dove sono stati installati i sorgenti di PWLib e (dove saranno) OpenH323: # PWLIBDIR=/usr/src/pwlib # export PWLIBDIR # OPENH323DIR=/usr/src/openh323 # export OPENH323DIR # LD_LIBRARY_PATH=$PWLIBDIR/lib:$OPENH323DIR/lib # export LD_LIBRARY_PATH Proseguiamo l installazione di OpenH323: # tar -zxvf openh323_x.tar.gz -C /usr/src # cd /usr/src/openh323 #./configure # make opt A questo punto è possibile scaricare da l ultima versione stabile di asterisk-h323 (0.6.6 testata su FC2): # tar -zxvf asterisk-oh323-x.tar.gz -C /usr/src # cd /usr/src/asterisk-0h323-x.tar.gz

10 3. I componenti di Asterisk 10 Impostare la variabile d ambiente LD LIBRARY PATH aggiungendo: # PWLIBDIR=/usr/src/pwlib # export PWLIBDIR # OPENH323DIR=/usr/src/openh323 # export OPENH323DIR # OH323WRAPLIBDIR=/usr/local/lib # export OH323WRAPLIBDIR # LD_LIBRARY_PATH=$PWLIBDIR/lib:$OPENH323DIR/lib:$OH323WRAPLIBDIR # export LD_LIBRARY_PATH 2.3 Aggiungere file wav Per aggiungere nuovi file audio è possibile convertire file.wav in.gsm, e posizionarli nella directory opportuna (di default /var/lib/asterisk/sound/), con il seguente comando: # sox foo.wav -r 8000 foo.gsm resample -ql N.B. I file wav devono avere un formato di 16 bit e una frequenza di campionamento di 8000 Hz. 2.4 Aggiungere file mp3 I file mp3 DEVONO avere una frequenza di campionamento a 8KHz e DEVONO essere MONO. Per convertire altri formati: lame -q -p --mp3input -a --preset 8 in.mp3 8kout.mp3 3 I componenti di Asterisk 3.1 I moduli: modules.conf Asterisk, al suo avvio, carica un gruppo di moduli che permettono di utilizzare differenti applicazioni. Si può scegliere quali moduli devono essere caricati con il file modules.conf. [modifica] 3.2 I canali Asterisk identifica i tipi d interfaccia sui quali si può telefonare con il termine canal, canale. Un canale può essere, per esempio, l interfaccia ISDN (che si chiama canale CAPI) o l interfaccia Ethernet per il VoIP. Ogni protocollo VoIP ha un canale diverso, quindi se si vuole telefonare con SIP o H.323, bisogna configurare un canale SIP e un canale H.323. La configurazione dei canali è fatta con dei file di configurazione *.conf, che si trovano nella directory /etc/asterisk.

11 3. I componenti di Asterisk Il Dialplan Il dialplan (ovvero piano di chiamata ) è la parte più interessante della configurazione di Asterisk, ed anche quella che richiede più tempo. Nel dialplan si definisce cosa deve fare il PBX quando riceve una chiamata su uno dei canali. 3.4 Formato del dialplan Il file /etc/asterisk/extensions.conf contiene il dialplan di Asterisk, cioè un flusso di esecuzione per tutte le sue operazioni. Il dialplan controlla come le chiamate entranti e uscenti sono trattate e instradate. È qui che si configura il comportamento di tutte le connessioni che attraversano il PBX. Il contenuto del file extensions.conf è organizzato in sezioni, che possono essere per delle configurazioni statiche e per delle definizioni, o per delle componenti eseguibili del dialplan, che si chiamano contesti o contexts. Le sezioni general e globals e i nomi dei contesti sono interamente definiti dall amministratore. Un tipo speciale di contesti sono le macro, che sono delle procedure riutilizzabili d esecuzione, simili a un linguaggio di programmazione. 3.5 Sezione general In questa sezione si può definire qualche opzione generale che concerne l uso della funzione save dialplan, che serve a salvare il dialplan se quest ultimo è modificato in fase d esecuzione da dei comandi di Asterisk. [modifica] 3.6 Sezione globals Nella sezione [globals] si definiscono le variabili globali per il dialplan. In pratica, le variabili globali di Asterisk non sono impiegate come variabili ma come costanti. Abitualmente sono impiegate per avere un solo posto nel dialplan dove si possono indicare i valori che si potrebbero voler cambiare per cambiare delle configurazioni del PBX. 3.7 Contexts ed extensions La parte principale e più interessante del dialplan è costituita dai contexts. I contexts sono degli insiemi di extensions (estensioni). Ogni estensione può essere costituita da più linee di istruzione, che Asterisk eseguirà se un certa condizione è soddisfatta. 3.8 Come si usa un context Ogni chiamata che giunge ad Asterisk è attribuita ad un context. L appartenenza di una chiamata ad un contesto può dipendere dal canale dal quale arriva, dall ora, dal numero chiamante ed altre differenti possibilità.

12 4. Configurazione 12 4 Configurazione I file di configurazione vengono posizionati di default nella cartella /etc/asterisk, che contiene i seguenti file: adsi.conf adtranvofr.conf agents.conf alarmreceiver.conf alsa.conf asterisk.conf cdr.conf cdr_custom.conf cdr_manager.conf cdr_mysql.conf cdr_odbc.conf cdr_pgsql.conf cdr_tds.conf codecs.conf dnsmgr.conf dundi.conf enum.conf extconfig.conf extensions.conf features.conf festival.conf iax.conf iaxprov.conf indications.conf logger.conf manager.conf: AMI- Asterisk Manager Interface meetme.conf mgcp.conf misdn.conf modem.conf modules.conf musiconhold.conf osp.conf oss.conf phone.conf privacy.conf queues.conf res_config_odbc.conf res_mysql.conf res_odbc.conf rpt.conf rtp.conf sip.conf

13 4. Configurazione 13 sip_notify.conf skinny.conf voic .conf vpb.conf zapata.conf 4.1 sip.conf Asterisk come SIP client Per registrare Asterisk presso un SIP provider, inserire questa definizione nel file sip.conf: register => oppure register => Se invece vogliamo che Asterisk funzioni come SIP server, dobbiamo creare tanti canali quanti ne vogliamo, come nell esempio successivo: [clienttest] type=friend callerid="stefano Sangalli" <1000> username=clienttest host=dynamic secret=******** regcontext=clienttest-internal regexten=2001 dtmfmode=rfc2833 insecure=very canreinvite=yes nat=yes qualify=yes context=clienttest-sipphone pickupgroup=1 callgroup=1 Di seguito analizziamo singolarmente tutti i parametri che possiamo definire all interno del file sip.conf disallow = all Disabilita tutti i codec. Pulisce tutto prima di abilitare i codec desiderati nell ordine giusto.

14 4. Configurazione allow = <codec> Abilita i codec nell ordine di preferenza (Usa DISALLOW=ALL per primo, prima di abilitare i codecs nell ordine desiderato) all g723 - G gsm - GSM ulaw - u-law alaw - a-law g726 - G adpcm - ADPCM slin - SLIN lpc10 - LPC10 g729 - G.729 speex - SPEEX ilbc - ILBC allowexternalinvites = yes no Abilita/Disabilita INVITE e REFER a domini non locali. Di Default=yes (Nuovo dalla versione 1.2.x) allowguest = yes no Abilita o rifiuta le guest call. Di default è a si. (Può essere settato a osp se asterisk è stato compilato con il supporto OSP) (Nuovo dalla versione 1.2.x) Autocreatepeer = yes no Se settato a yes, chiunque può loggarsi come peer (senza il check delle credenziali; comodo per operazioni con SER). Di default è no autodomain = yes no Abilita/disabilita la capacità di Asterisk di aggiungere hostnames e indirizzi IP locali alla lista di dominio. Di default è no. (Nuovo dalla versione 1.2.x) bindaddr = IP Address L inidirizzo IP sulla quale restare in ascolto. Di Default è (Tutte le interfacce di rete)

15 4. Configurazione bindport = Number Porta UDP sulla quale restare in ascolto. Di default è la callerid = <string> Questa informazione è utilizzata quando nessun altra è disponibile. Di default è Asterisk canreinvite=yes Crea una sorta di peer to peer, con non pochi problemi di natting però nel caso non ci sia una VPN canreinvite = update yes no (global setting) Permette una sorta di peer to peer della voce dopo la segnalazione, ma è necessaria una VPN per un corretto funzionamento checkmwi = Number Frequenza globale (in secondi) di controllo della mailbox. Di default è 10 secondi compactheaders = yes no Indica ad Asterisk se deve inviare o non headers SIP compatti. Di default è no context = <contextname> Questo è il contesto di default da utilizzare nel caso una terminazione ne sia sprovvista. Il contesto nella sezione di una terminazione è utilizzato per dirigere una chiamata alla destinazione richiesta. Il corpo del contesto è allocato nel file extensions.conf defaultexpirey= Number Duranta in secondi di default per le registrazioni, sia entranti che uscenti. Di defualt è 120 secondi dtmfmode = inband info rfc2833 (Global setting) Modalità di invio dei toni dtmf. Di default è rfc domain = domains Lista di domini alla quale Asterisk risponde, separati da virgola.

16 4. Configurazione dumphistory = yes no Abilita il salvataggio delle transazioni SIP per LOG DEBUG. Di Default è no externip = IP Address or a hostname Indirizzo da presentare quando siamo dietro a NAT. Se abbiamo un hostname associato ad un indirizzo dinamico, usare externhost externhost = hostname.tld (Nuovo in Asterisk 1.2.x) externrefresh = Number Specifica ogni quanto un DNS ricarichi il valore contenuto in externhost. Di default è 10 secondi. (Nuovo in Asterisk 1.2.x). 4.2 Loading Asterisk Esistono 3 modi per lanciare Asterisk: 1. /usr/sbin/asterisk /etc/rc.d/init.d/asterisk /usr/sbin/safe asterisk... Digitando: /usr/sbin/asterisk -h vedremo a video i possibili parametri per lanciare il file binario: Asterisk , Copyright (C) , Digium, Inc. and others. Usage: asterisk [OPTIONS] Valid Options: -V Display version number and exit -C <configfile> Use an alternate configuration file

17 5. APPENDICE A 17 -G <group> Run as a group other than the caller -U <user> Run as a user other than the caller -c Provide console CLI -d Enable extra debugging -f Do not fork -g Dump core in case of a crash -h This help screen -i Initialize crypto keys at startup -n Disable console colorization -p Run as pseudo-realtime thread -q Quiet mode (suppress output) -r Connect to Asterisk on this machine -R Connect to Asterisk, and attempt to reconnect if disconnected -t Record soundfiles in /var/tmp and move them where they belong after they are done. -T Display the time in [Mmm dd hh:mm:ss] format for each line of output to the CLI. -v Increase verbosity (multiple v s = more verbose) -x <cmd> Execute command <cmd> (only valid with -r) Quindi, lanciando il comando # asterisk -vvvvgc //v indica il livello di debugging) ci si connetterà ad Asterisk con una console per comandi CLI. 5 APPENDICE A 5.1 VoIP Provider Scegliamo Skypho (http://www.skypho.net/) in quanto provvede gratuitamente all attivazione del servizio e quindi al rilascio del numero telefonico Dati forniti dal provider: Login Password 939JM.TY Dominio voip.eutelia.it Sip Proxy Server voip.eutelia.it Sip Proxy Socket 5060 Stun Server stun.voip.eutelia.it Stun Server Socket 3478 Di seguito riportiamo la configurazione del trunk SIP che sia andrà a creare verso il provider scelto:

18 5. APPENDICE A Outgoing settings: fromuser= host=voip.eutalia.it secret=939jm.ty type=friend user= username= Incoming settings context=from-pstn fromuser= host=voip.eutalia.it insecure=very secret=939jm.ty type=friend user= username= Register string 5.2 I CODEC xx CODEC Kbps FRAME LENGTH FRAME PACKET G.729 A 8 10ms G ms G.711 A-law 64k 64 1ms G.711 A-law 64k 64 1ms xx 5.3 Applications Con il comando

19 6. APPENDICE B 19 CLI> show applications vengono elencate le applicazioni disponibili Dial [Synopsis] Place a call and connect to the current channel [Description] Dial(Technology/resource[&Tech2/resource2...][ timeout][ options][ URL]): This application will place calls to one or more specified channels. As soon as one of the requested channels answers, the originating channel will be answered, if it has no These two channels will then be active in a bridged call. All other channels that were requested will th Unless there is a timeout specified, the Dial application will wait indefinitely until one of the called the user hangs up, or if all of the called channels are busy or unavailable. Dialplan executing will con channels can be called, or if the timeout expires. This application sets the following channel variables upon completion: DIALEDTIME - This is the time from dialing a channel until when it is disconnected. ANSWEREDTIME - This is the amount of time for actual call. DIALSTATUS - This is the status of the call: CHANUNAVAIL CONGESTION NOANSWER BUSY ANSWER CAN DONTCALL TORTURE For the Privacy and Screening Modes, the DIALSTATUS variable will be set to DONTCAL if the called party chooses to send the calling party to the Go Away script. The DIALSTATUS variable w TORTURE if the called party wants to send the caller to the torture script. This application will re Options: A(x) - Play an announcement to the called party, using x as the file. C - Reset 6 APPENDICE B 6.1 freepbx freepbx è I moduli Base Core Feature Codes Voice Mail I moduli CID e Number Management Black List

20 6. APPENDICE B 20 CID Lookup PB Directory PhoneBook SpeedDial I moduli Config PHPAGI Config 6.2 TrixBox capitolo 1

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE Mediatrix 2102 ATA Guida all installazione EUTELIAVOIP Rev1-0 pag.2 INDICE SERVIZIO EUTELIAVOIP...3 COMPONENTI PRESENTI NELLA SCATOLA DEL MEDIATRIX 2102...3 COLLEGAMENTO

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 7

Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Il protocollo Programma della lezione file transfer protocol descrizione architetturale descrizione

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY Interfaccia Full Ascii Con questa interfaccia è possibile inviare i dati al Server utilizzando solo caratteri Ascii rappresentabili e solo i valori che cambiano tra un sms e l altro, mantenendo la connessione

Dettagli

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Tobia Castaldi Alessandro Amirante Lorenzo Miniero Simon Pietro Romano Giorgio Ventre 02/10/2009 GARR 2009 "Network

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

Web Conferencing and Collaboration tool

Web Conferencing and Collaboration tool Web Conferencing and Collaboration tool La piattaforma Meetecho Piattaforma di Web Conferencing e Collaborazione on line in tempo reale Caratteristiche generali Soluzione client-server progettata per essere

Dettagli

Sistema VOIP ALL PARTNERS. Architettura di net working sviluppata da All Partners. Su piattaforma Asterix

Sistema VOIP ALL PARTNERS. Architettura di net working sviluppata da All Partners. Su piattaforma Asterix Sistema VOIP ALL PARTNERS Architettura di net working sviluppata da All Partners Su piattaforma Asterix PBX- SIP Compliant Piattaforma dedicata -No parti mobili -No sistema operativo terze parti -No PC

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

Voice Over IP NAT Traversal

Voice Over IP NAT Traversal Voice Over IP Traversal Giorgio Zoppi zoppi@cli.di.unipi.it Tecnologie di Convergenza su IP a.a.2005/2006 VoIP Traversal 1 57 Tecnologie di Convergenza su IP Che cosa è il (Network Address Translation?

Dettagli

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads.

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads. MailStore Proxy Con MailStore Proxy, il server proxy di MailStore, è possibile archiviare i messaggi in modo automatico al momento dell invio/ricezione. I pro e i contro di questa procedura vengono esaminati

Dettagli

SOHO IP-PBX - ETERNITY NE La nuova generazione di IP-PBX per le piccole imprese

SOHO IP-PBX - ETERNITY NE La nuova generazione di IP-PBX per le piccole imprese SOHO IP-PBX - NE 1 NE Oggi, per competere, anche le piccole imprese devono dotarsi di sistemi di telecomunicazione evoluti, che riducano i costi telefonici, accrescano produttività e qualità del servizio.

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Web Conferencing Open Source

Web Conferencing Open Source Web Conferencing Open Source A cura di Giuseppe Maugeri g.maugeri@bembughi.org 1 Cos è BigBlueButton? Sistema di Web Conferencing Open Source Basato su più di quattordici componenti Open-Source. Fornisce

Dettagli

Modulo 11. Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice

Modulo 11. Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice Pagina 1 di 14 Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice servizi del livello trasporto multiplexing/demultiplexing trasporto senza connesione: UDP principi del trasferimento dati affidabile trasporto

Dettagli

Adattatore telefonico Cisco SPA 112 a due porte

Adattatore telefonico Cisco SPA 112 a due porte Data Sheet Adattatore telefonico Cisco SPA 112 a due porte VoIP (Voice over IP) conveniente e ricco di funzionalità Caratteristiche Qualità vocale e funzionalità telefoniche e fax associate al servizio

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette.

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1 UBUNTU SERVER Installazione e configurazione di Ubuntu Server M. Cesa 1 Ubuntu Server Scaricare la versione deisiderata dalla pagina ufficiale http://www.ubuntu.com/getubuntu/download-server Selezioniare

Dettagli

Funzioni nuove e modificate

Funzioni nuove e modificate Gigaset S675 IP, S685 IP, C470 IP, C475 IP: Funzioni nuove e modificate Questo documento integra il manuale di istruzioni dei telefoni VoIP Gigaset: Gigaset C470 IP, Gigaset C475 IP, Gigaset S675 IP e

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito, semplice da utilizzare e fornisce

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+...

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+... Setup delle ConnessioniTCP Una connessione TCP viene instaurata con le seguenti fasi, che formano il Three-Way Handshake (perchè formato da almeno 3 pacchetti trasmessi): 1) il server si predispone ad

Dettagli

SOHO IP-PBX - ETERNITY GE IP-PBX per mobilità senza confini e connettività universale

SOHO IP-PBX - ETERNITY GE IP-PBX per mobilità senza confini e connettività universale SOHO IP-PBX - ETERNITY GE 1 ETERNITY GE è un sistema di comunicazione avanzato e flessibile, che offre servizi e funzionalità utili alle grandi imprese, in linea con le loro richieste. La sua affidabile

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi I semestre 03/04 Inidirizzi IP e Nomi di Dominio Domain Name System Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato Un protocollo è un insieme di regole che permettono di trovare uno standard di comunicazione tra diversi computer attraverso la rete. Quando due o più computer comunicano tra di loro si scambiano una serie

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Dal VoIP alle Unified Communications. Giuseppe Tetti

Dal VoIP alle Unified Communications. Giuseppe Tetti Dal VoIP alle Unified Communications Giuseppe Tetti Commutazione di circuito vs commutazione di pacchetto PSTN IP Scenario a commutazione di circuito Il piano di controllo e il piano dei dati sono unificati

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

Appunti di Antonio Bernardo

Appunti di Antonio Bernardo Internet Appunti di Antonio Bernardo Cos è Internet Internet può essere vista come una rete logica di enorme complessità, appoggiata a strutture fisiche e collegamenti di vario tipo (fibre ottiche, cavi

Dettagli

I name server DNS. DNS: Domain Name System. Esempio di DNS. DNS: Root name server. DNS: queries ripetute

I name server DNS. DNS: Domain Name System. Esempio di DNS. DNS: Root name server. DNS: queries ripetute DNS: Domain Name System I name DNS Persone: identificatori: CF, nome, Numero di Passaporto Host e router Internet: Indirizzo IP ( bit) - usato per instradare i pacchetti nome, per es., massimotto.diiie.unisa.it

Dettagli

Cisco SPA 122 ATA con router

Cisco SPA 122 ATA con router Data Sheet Cisco SPA 122 ATA con router Servizio VoIP (Voice over IP) conveniente e ricco di funzionalità Caratteristiche Qualità vocale e funzionalità telefoniche e fax associate al servizio VoIP (Voice

Dettagli

Manuale installazione KNOS

Manuale installazione KNOS Manuale installazione KNOS 1. PREREQUISITI... 3 1.1 PIATTAFORME CLIENT... 3 1.2 PIATTAFORME SERVER... 3 1.3 PIATTAFORME DATABASE... 3 1.4 ALTRE APPLICAZIONI LATO SERVER... 3 1.5 ALTRE APPLICAZIONI LATO

Dettagli

Manuale di installazione e d uso

Manuale di installazione e d uso Manuale di installazione e d uso 1 Indice Installazione del POS pag. 2 Funzionalità di Base - POS Sagem - Accesso Operatore pag. 2 - Leggere una Card/braccialetto Cliente con il lettore di prossimità TeliumPass

Dettagli

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Introduzione I destinatari di questa guida sono gli amministratori di sistema che configurano IBM SPSS Modeler Entity Analytics (EA) in modo

Dettagli

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Questa guida riporta i passi relativi all'installazione ed all'utilizzo dell'app "RxCamLink" per il collegamento remoto in mobilità a sistemi TVCC basati

Dettagli

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor NetMonitor Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor Cos è NetMonitor? NetMonitor è un piccolo software per il monitoraggio dei dispositivi in rete. Permette di avere una panoramica sui dispositivi

Dettagli

RefWorks Guida all utente Versione 4.0

RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Accesso a RefWorks per utenti registrati RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Dalla pagina web www.refworks.com/refworks Inserire il proprio username (indirizzo e-mail) e password NB: Agli utenti remoti

Dettagli

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux DNS (Domain Name System) Gruppo Linux Luca Sozio Matteo Giordano Vincenzo Sgaramella Enrico Palmerini DNS (Domain Name System) Ci sono due modi per identificare un host nella rete: - Attraverso un hostname

Dettagli

GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS

GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS Page 1 of 6 GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS 1) Impossibile inviare il messaggio. Uno dei destinatari non è stato accettato dal server. L'indirizzo di posta elettronica non accettato è "user@dominio altro

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Livello applicazione: Protocollo DNS

Livello applicazione: Protocollo DNS Livello applicazione: Protocollo DNS Gaia Maselli Queste slide sono un adattamento delle slide fornite dal libro di testo e pertanto protette da copyright. All material copyright 1996-2007 J.F Kurose and

Dettagli

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti 1 Web conferencing software Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti Arpa Piemonte 2 Che cosa è Big Blue Button? Free, open source, web conferencing software Semplice ed immediato ( Just push

Dettagli

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail Configurare un programma di posta con l account PEC di Il Titolare di una nuova casella PEC può accedere al sistema sia tramite Web (Webmail i ), sia configurando il proprio account ii nel programma di

Dettagli

V11. Release 1. New Devices. New Features. More Flexibility.

V11. Release 1. New Devices. New Features. More Flexibility. V11 Release 1 New Devices. New Features. Highlights dell innovaphone PBX Versione 11 Release 1 (11r1) Con il software Versione 11 dell innovaphone PBX la soluzione di telefonia IP e Unified Communications

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Microsoft Innovation Center Roma Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Il MIC Roma Cos è Uno dei risultati dei protocolli di intesa tra il Ministero della Pubblica Amministrazione e l

Dettagli

IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP

IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP Reti di Calcolatori IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 6-1 Applicazioni di Rete Domain Name System (DNS) Simple Network Manag. Protocol (SNMP) Posta elettronica

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET Programmi Outlook Express Internet Explorer 72 DNS Poiché riferirsi a una risorsa (sia essa un host oppure l'indirizzo di posta elettronica di un utente) utilizzando un

Dettagli

Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source

Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source Data: Ottobre 2012 Firewall pfsense Mail Server Zimbra Centralino Telefonico Asterisk e FreePBX Fax Server centralizzato Hylafax ed Avantfax

Dettagli

2 Requisiti di sistema 4 2.1 Requisiti software 4 2.2 Requisiti hardware 5 2.3 Software antivirus e di backup 5 2.4 Impostazioni del firewall 5

2 Requisiti di sistema 4 2.1 Requisiti software 4 2.2 Requisiti hardware 5 2.3 Software antivirus e di backup 5 2.4 Impostazioni del firewall 5 Guida introduttiva Rivedere i requisiti di sistema e seguire i facili passaggi della presente guida per distribuire e provare con successo GFI FaxMaker. Le informazioni e il contenuto del presente documento

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

Lezione n 1! Introduzione"

Lezione n 1! Introduzione Lezione n 1! Introduzione" Corso sui linguaggi del web" Fondamentali del web" Fondamentali di una gestione FTP" Nomenclatura di base del linguaggio del web" Come funziona la rete internet?" Connessione"

Dettagli

Meetecho s.r.l. Web Conferencing and Collaboration tools. Guida all installazione e all uso di Meetecho beta

Meetecho s.r.l. Web Conferencing and Collaboration tools. Guida all installazione e all uso di Meetecho beta Web Conferencing and Collaboration tools Passo 1: registrazione presso il sito Accedere al sito www.meetecho.com e registrarsi tramite l apposito form presente nella sezione Reserved Area. In fase di registrazione

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione SEGNALAZIONE Segnalazione e sistemi di segnalazione Segnalazione Messaggi tra elementi di una rete a commutazione di circuito (apparecchi di utente e centrali o fra le varie centrali) che permettono la

Dettagli

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Inter Process Communication Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Introduzione Più processi o thread Concorrono alla relaizzazione di una funzione applicativa Devono poter realizzare Sincronizzazione

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Windows Compatibilità

Windows Compatibilità Che novità? Windows Compatibilità CODESOFT 2014 é compatibile con Windows 8.1 e Windows Server 2012 R2 CODESOFT 2014 Compatibilità sistemi operativi: Windows 8 / Windows 8.1 Windows Server 2012 / Windows

Dettagli

Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze. Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1

Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze. Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1 Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1 Utilizzare Dev-C++ Tutti i programmi che seranno realizzati richiedono progetti separati

Dettagli

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice Maccarone Maccarone Maccarone integra 10 LED POWER TOP alta efficienza, in tecnologia FULL COLOR che permette di raggiungere colori e sfumature ad alta definizione. Ogni singolo led full color di Maccarone

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa Cosa è MPLS MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa L idea di base consiste nell associare a ciascun pacchetto un breve identificativo

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

Principali caratteristiche piattaforma web smsmobile.it

Principali caratteristiche piattaforma web smsmobile.it SmsMobile.it Principali caratteristiche piattaforma web smsmobile.it Istruzioni Backoffice Post get http VERSION 2.1 Smsmobile by Cinevision srl Via Paisiello 15/ a 70015 Noci ( Bari ) tel.080 497 30 66

Dettagli

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte)

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 10 CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) WEB SERVER PROXY FIREWALL Strumenti di controllo della rete I contenuti di questo documento, salvo diversa indicazione, sono rilasciati

Dettagli

Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT

Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT Il Titolare di una nuova casella PEC può accedere al sistema sia tramite Web (Webmail i ), sia configurando il proprio account

Dettagli

Imola Prontuario di configurazioni di base

Imola Prontuario di configurazioni di base Imola Prontuario di configurazioni di base vers. 1.3 1.0 24/01/2011 MDG: Primo rilascio 1.1. 31/01/2011 VLL: Fix su peso rotte 1.2 07/02/2011 VLL: snmp, radius, banner 1.3 20/04/2011 VLL: Autenticazione

Dettagli

Introduzione a MySQL

Introduzione a MySQL Introduzione a MySQL Cinzia Cappiello Alessandro Raffio Politecnico di Milano Prima di iniziare qualche dettaglio su MySQL MySQL è un sistema di gestione di basi di dati relazionali (RDBMS) composto da

Dettagli

Zabbix 4 Dummies. Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it

Zabbix 4 Dummies. Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it Zabbix 4 Dummies Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it Relatore Nome: Biografia: Dimitri Bellini Decennale esperienza su sistemi operativi UX based, Storage Area Network, Array Management e tutto

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

DNS cache poisoning e Bind

DNS cache poisoning e Bind ICT Security n. 19, Gennaio 2004 p. 1 di 5 DNS cache poisoning e Bind Il Domain Name System è fondamentale per l'accesso a internet in quanto risolve i nomi degli host nei corrispondenti numeri IP. Se

Dettagli

R.Focardi Laboratorio di Ingegneria del Software 6. 1

R.Focardi Laboratorio di Ingegneria del Software 6. 1 Networking Java permette comunicazioni in rete basate sul concetto di socket, che permette di vedere la comunicazione in termini di flusso (stream), in modo analogo all input-output di file, usando Stream

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

Istruzioni per l uso Guida software

Istruzioni per l uso Guida software Istruzioni per l uso Guida software Leggere subito Manuali per questa stampante...8 Preparazione per la stampa Installazione rapida...9 Conferma del metodo di connessione...11 Connessione di rete...11

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Alb@conference GO e Web Tools

Alb@conference GO e Web Tools Alb@conference GO e Web Tools Crea riunioni virtuali sempre più efficaci Strumenti Web di Alb@conference GO Guida Utente Avanzata Alb@conference GO Per partecipare ad un audioconferenza online con Alb@conference

Dettagli