Denti in salute Informazioni e consigli per la prevenzione della carie dentale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Denti in salute Informazioni e consigli per la prevenzione della carie dentale"

Transcript

1 AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA Ufficio Educazione Sanitaria Via dei Toscani, MANTOVA fax Denti in salute Informazioni e consigli per la prevenzione della carie dentale Mantova, agosto 2005

2 Indice Introduzione Impariamo come sono fatti i denti Cos è la carie Come prevenire la carie Impariamo a lavarci i denti... 7 Abitudini alimentari sane... 8 Il fluoro Il controllo periodico dei denti Per saperne di più Il presente fascicolo è stato curato da Maria Cristina Baratta* Lorenzo Tartarotti* Fiorella Talassi** * Ufficio Educazione Sanitaria ** Servizio Medicina Preventiva nelle Comunità 2

3 Introduzione La carie dentale non è forse tra le malattie più gravi tra quelle che colpiscono l uomo, ma è di certo la malattia più diffusa nel mondo. La sua frequenza varia da paese a paese, in rapporto a diversi fattori di natura etnici, ambientali, alimentari, ecc..: si può tuttavia affermare che nessuna popolazione ne è al riparo. Essa rappresenta l infezione cronica più comune in età pediatrica negli Stati Uniti, con una prevalenza di oltre il 40% all età di 6 anni e di oltre l 85% all età di 17 anni. Per quanto riguarda l Italia, il Ministero della Sanità nel 1986 ha divulgato i risultati di una indagine campionaria da cui emergeva come nel nostro paese fossero colpiti dalla carie il 71,8% dei bambini all età di sette anni, l 85,2% dei quattordicenni ed oltre il 97% della popolazione adulta. In passato, dunque, quando la dieta dei nostri avi era molto più povera, la carie era assai meno diffusa rispetto ad oggi. Ciò ovviamente non significa che essa fosse del tutto assente: segni di carie sono stati rilevati persino nelle mummie egizie ed addirittura sui denti (ormai fossili) dell uomo di Neanderthal, un antico progenitore dell uomo attuale definitivamente scomparso da circa trentacinquemila anni. Nei codici fatti incidere su pietra dal re babilonese Hammurabi (2.250 a.c.) già si trovano consigli per lenire il dolore provocato dalla carie. Gli Etruschi, rinomati in tutto il mondo allora conosciuto per la loro abilità nel lavorare qualsiasi metallo (ma specialmente l'oro ed il rame), ci hanno lasciato reperti di protesi dentarie di fattura talmente sofisticata da stupire anche i moderni odontotecnici e dentisti. Ed anche i modi di prevenire la carie e di garantire l igiene orale rappresentano un argomento dibattuto ormai da secoli un po in tutte le civiltà. Documenti cinesi del XVI secolo, ad esempio, testimoniano già di uno spazzolino fatto con setole vere, disposte ad angolo retto rispetto al manico. Il filosofo greco Aristotele consigliava ad Alessandro Magno, suo illustre discepolo: «non appena alzato, devi lavarti le mani, la bocca, il naso e gli occhi. Dopo di ciò lavati i denti con una pezzuola di lino un po ruvida». Anche i Romani, inoltre, si pulivano e poi lucidavano i denti con una pezza di stoffa, che pare fosse più morbida. Un testo Indù del I secolo d. C. documenta poi un terzo metodo di igiene dentaria, consigliando a tal fine la masticazione di alcuni legni e quindi l ingestione di foglie della pianta del pepe per eliminare l alito cattivo. Più o meno lo stesso sistema era usato dai Turchi, che masticavano speciali radici, mentre altri popoli preferivano ad esse alcune scorze aromatiche (l uso della salvia, ad esempio, era molto diffuso). 3

4 Impariamo come sono fatti i denti La bocca è una parte molto importante del nostro corpo. Ci serve per mangiare, per comunicare con gli altri ed ha un valore anche dal punto di vista estetico, perchè la bocca è spesso la prima cosa che notiamo in una persona. Ma soprattutto attraverso la bocca, ed in particolare per mezzo dei denti, possiamo tagliare, sminuzzare e triturare il cibo e mescolarlo alla saliva, ricca di sostanze utili alla digestione (enzimi), facendo così in modo che esso giunga nel nostro stomaco nelle condizioni ideali per poter essere più facilmente digerito. Poter mangiare cibi di varia consistenza vuol dire nutrirsi in modo equilibrato. I denti presenti nella nostra bocca sono diversi l uno dall altro ed ogni dente ha una propria precisa funzione: gli incisivi i canini i premolari i molari afferrano e strappano il lacerano il cibo cibo tagliano il cibo in piccoli pezzi frantumano il cibo e lo macinano I denti servono anche per poter parlare correttamente: senza denti non riusciremmo ad articolare correttamente circa la metà dei suoni del nostro alfabeto (come ad esempio le consonanti D F L N), rendendo quasi incomprensibile il discorso. Nel corso della vita ogni persona sviluppa due dentizioni: la prima è detta dentizione da latte (o decidua) mentre la seconda viene definita dentizione permanente. I denti da latte sono chiamati così per il loro colore bianco lattescente e perché compaiono in un età in cui il bambino si nutre ancora del latte materno. In realtà la formazione dei denti inizia sin dalla gravidanza, ed alla nascita tutti i dentini sono già formati all interno della mandibola e della mascella, anche se inizieranno a spuntare solo alcuni mesi più tardi. I denti da latte non servono solo per la masticazione. In prospettiva, servono anche a mantenere gli spazi per la successiva dentatura permanente. Sono chiamati anche «denti decidui» proprio perché destinati in seguito a cadere e ad essere sostituiti dai denti permanenti. I denti da latte iniziano a spuntare dalle gengive intorno al sesto mese di vita: questa è, tuttavia, una indicazione di massima, poiché in alcuni bambini questo momento può essere anticipato o posticipato di qualche mese. Di solito all età di due anni e mezzo la dentatura decidua è completa. Essa è formata complessivamente da 20 denti (otto incisivi, quattro canini ed otto molari). 4

5 I denti permanenti cominciano a spuntare intorno all età di sei anni. Nel periodo compreso tra i sei ed i dodici anni di età, ventotto denti permanenti (8 incisivi, 4 canini, 8 premolari e 8 molari) rimpiazzeranno gradualmente la precedente dentatura decidua. A questo punto mancano solo quattro denti (i terzi molari, detti anche «denti del giudizio») per completare la dentatura di un adulto con 32 denti. Essi in genere compaiono nel secondo decennio di vita o all inizio del terzo, anche se in qualche caso può accadere che i denti del giudizio non spuntino affatto per tutta la vita. Quando un dente permanente è pronto ad erompere, le radici del dente deciduo si riducono permettendogli di cadere spontaneamente. A questo punto il dente permanente ha spazio per muoversi verso il posto che deve occupare. I denti sono elementi duri, che hanno grandezza e forme diverse. Nell uomo i denti sono formati da una porzione visibile dall esterno (detta corona) e da una parte nascosta dalla gengiva (detta radice) che scende in profondità fino ad impiantarsi nell osso della mascella e della mandibola. I denti sono formati principalmente da una sostanza fortemente mineralizzata di colore giallastro detta dentina, costituita per circa il 70-80% da sali di fosfato e fluoruro di calcio. A livello della corona, cioè nella parte esterna visibile del dente, la dentina è rivestita dallo smalto, uno strato estremamente compatto di colore bianco, formato per oltre il 90% da sali minerali. La radice del dente, formata anch essa di dentina, è infissa in un apposito alloggiamento, detto alveolo osseo, presente nell osso della mandibola (per la dentatura inferiore) e della mascella (per la dentatura superiore). Al di sotto della dentina, nella parte più interna del dente, è racchiusa una cavità riempita da tessuto connettivo detto polpa. La polpa è attraversata da vasi sanguigni e da nervi che penetrano nella radice attraverso il canale radicolare. Cos è la carie Anche i denti si possono ammalare e le malattie della bocca sono numerose e dovute a cause diverse. La più diffusa e conosciuta è senza dubbio la carie dentaria. Essa consiste in una progressiva corrosione della superficie del dente, con la formazione di una cavità che piano piano penetra in profondità fino a raggiungere le zone più interne del dente (polpa). La carie è la patologia oggi più diffusa in assoluto fra la popolazione umana di tutto il nostro pianeta, anche se con andamenti diversi a seconda del grado di sviluppo delle nazioni prese in 5

6 esame. Essa, infatti, tende a colpire le diverse popolazioni in misura proporzionale al loro livello di ricchezza ed industrializzazione, poiché da ciò dipende anche la quantità di zuccheri presenti nel regime alimentare. Va tuttavia considerato che la sua diffusione torna ad attenuarsi proprio nelle nazioni più ricche in assoluto. Non esiste pieno consenso sulle cause di questo decremento della carie nei paesi industrializzati. Numerosi esperti ritengono che esso possa attribuirsi alla maggiore diffusione tra la popolazione dei paesi più ricchi di corrette abitudini di igiene orale e di appositi programmi di prevenzione (compresa la fluorazione delle acque negli acquedotti). La prevalenza della carie, di contro, va aumentando rapidamente nei Paesi in via di sviluppo, dove vive l 80% dei bambini del mondo. A determinare questo incremento, concorre probabilmente, l associazione tra lo stato di malnutrizione e la recente diffusione di cibi e bevande zuccherate (queste ultime di produzione industriale), insieme ad una inadeguata igiene orale. La carie dentaria non ha un unica causa. Perché essa si formi è necessaria l interazione tra diversi fattori. Anzitutto è necessario che, fra le diverse centinaia di specie di microbi che normalmente ospitiamo nella nostra bocca, siano presenti alcuni particolari tipi di batteri, i quali possono proliferare in misura maggiore o minore a seconda del tipo di cibi con cui ci nutriamo. In particolare la presenza di zucchero negli alimenti favorisce l aumento dell acidità all interno della bocca e con esso lo sviluppo dei batteri cariogeni. Questi ultimi sono in grado di sciogliere le sostanze minerali di cui è composta la superficie esterna del dente, iniziando così la sua lenta corrosione. La gravità dei sintomi della carie dipende, ovviamente, dallo stato di avanzamento di questo processo di corrosione del dente. Se il processo è nella fase iniziale il danno sarà solo superficiale e risulterà distrutta solamente la parte esterna del dente. In questo stadio la carie non dà alcun fastidio; tutt al più in alcuni casi si potrà avvertire una maggiore sensibilità del dente mangiando cibi molto caldi o molto freddi. A mano a mano che la carie penetra più in profondità all interno del dente, esso diventa sempre più sensibile e dolente. Quando la carie raggiunge la polpa dentaria, ricca di terminazioni nervose e vasi sanguigni, il dolore può divenire fortissimo: rimanendo scoperta, la polpa infatti viene a diretto contatto con germi, residui di cibo, sbalzi di temperatura ecc..., finendo con l infiammarsi ed infettarsi. 6

7 Come prevenire la carie E possibile contrastare l insorgenza della carie agendo su alcuni dei numerosi fattori che la favoriscono: in particolare attraverso quattro strumenti: la pulizia regolare dei denti, l acquisizione di corrette abitudini alimentari, l utilizzo del fluoro, il controllo periodico dei denti. Impariamo a lavarci i denti Una corretta igiene orale è di fondamentale importanza per evitare la formazione di carie e per la rimozione della placca batterica dalla superficie dei denti. In considerazione di ciò, la pulizia dei denti deve essere esercitata fin dalla prima infanzia e deve essere praticata per tutta la vita. L azione meccanica di pulizia esercitata dallo spazzolino e dal filo interdentale, usati regolarmente ed in modo appropriato, consente di conservare in modo sano denti e tessuti di sostegno. La cosa migliore è lavarsi i denti dopo ogni pasto per almeno due minuti. La pulizia va fatta con particolare cura la sera, in quanto durante la notte eventuali residui alimentari possono essere trasformati in acido dai batteri presenti nella placca. I denti vanno lavati tenendo la bocca semiaperta e pulendoli a gruppi di 2-3 per volta, sia sulla faccia anteriore del dente che su quella posteriore, in modo da togliere dappertutto gli eventuali residui alimentari. Il movimento dello spazzolino deve essere in senso verticale, andando dalla gengiva verso i denti. Bisogna pulire bene i solchi gengivali tra dente e dente, introducendovi le setole dello spazzolino e compiendo delle leggere vibrazioni. L azione dello spazzolino viene aiutata dal dentifricio che è composto da polvere abrasiva, acqua o glicerina, detergenti schiumogeni ed essenze profumate. Il fluoro è contenuto nella maggior parte dei dentifrici. Lo spazzolino da denti deve avere il manico diritto, una testina abbastanza piccola in modo da raggiungere facilmente ogni parte della bocca, e setole sintetiche. Le setole devono essere corte e rade, disposte a ciuffi, integre, di pari lunghezza e perfettamente dritte. Non appena perdono queste caratteristiche, quando cioè le setole appaiono piegate e deformate (in genere dopo due mesi circa di uso regolare), occorre sostituire lo spazzolino con uno nuovo. L uso del filo interdentale è un valido aiuto per la pulizia degli spazi esistenti tra un dente e l altro, inaccessibili allo spazzolino. Il filo interdentale si inserisce tra due denti, lo si spinge fino a toccare la gengiva, poi si tira verso l esterno facendolo aderire bene alla parete di uno dei denti. L azione di strofinamento esercitata stacca la placca batterica dal dente e un successivo risciacquo la eliminerà dalla bocca. La manovra va ripetuta due volte per ogni interstizio. 7

8 Ovviamente, ogni volta che cambiamo spazio interdentale, la parte di filo utilizzata deve essere sostituita con una pulita. Intorno ai anni il bambino, adeguatamente istruito dall odontoiatra, può incominciare ad usare il filo interdentale per pulire gli spazi tra dente e dente. Abitudini alimentari sane Come abbiamo già detto, lo sviluppo della carie dipende anche dalla quantità di zuccheri presenti nel nostro regime alimentare. Gli zuccheri (detti anche glucidi) forniscono il carburante al nostro organismo, che li utilizza in particolare per: - rifornire rapidamente di energia i muscoli quando si compie uno sforzo intenso, quando si corre, ecc..; - far lavorare il cuore, il cervello, il fegato, e altri organi; - riscaldare il corpo per mantenerlo ad una temperatura costante. Gli zuccheri che introduciamo nel nostro organismo attraverso il cibo si dividono in due sottofamiglie: gli zuccheri semplici e gli zuccheri complessi, quelli cioè formati dall unione di più zuccheri semplici. Zuccheri semplici sono: - il glucosio, il fruttosio e il galattosio, che si trovano nella frutta e nel miele; - il saccarosio, che è il comune zucchero da tavola; - il maltosio, che è lo zucchero dell orzo; - il lattosio, che deve il suo nome al fatto che si trova nel latte. Zuccheri complessi sono: - l amido, che si trova nei semi vegetali e nei tuberi. Di amido sono ricchi i legumi, le castagne, le patate, i cereali e i loro derivati, cioè il pane, la polenta, ecc - le cellulose, che compongono la fibra vegetale: si trovano nelle foglie, nei fusti delle piante, nei semi, nella frutta. - il glicogeno, che è l unico zucchero di origine animale, e viene prodotto anche dal nostro fegato. Sono gli zuccheri semplici quelli che rivestono un ruolo fondamentale nella formazione della carie. Essi infatti fermentano, cioè vengono trasformati in acidi da alcuni tipi di batteri normalmente presenti nel cavo orale, producendo così un innalzamento del livello di acidità della bocca, generalmente neutro. La superficie dello smalto dei denti, che è composta principalmente di sali minerali, in ambiente acido comincia lentamente a sciogliersi. Va ricordato che il rapporto esistente fra quantità di zucchero ingerito e potenzialità cariogena non è proporzionalmente diretto: ciò che conta è la frequenza con cui si fa consumo di zuccheri. Ogni volta che ci nutriamo di alimenti che contengono zuccheri si determina un repentino innalzamento del livello di acidità presente nella bocca, acidità che permane per circa mezz ora. 8

9 Molto importante è anche la consistenza degli alimenti zuccherini ingeriti. Infatti, risultano maggiormente dannosi gli alimenti molto viscosi (appicicaticci), come marmellata, miele, caramelle o cioccolato, i cui residui aderiscono ai denti, aumentando così il tempo della loro permanenza nel cavo orale. Vi sono alcuni alimenti, invece, che contribuiscono a contrastare la formazione della carie: ad esempio i cibi integrali (cereali e derivati) e quelli ricchi di fibra (frutta, verdura, germogli, legumi e semi): oltre a non attaccarsi ai denti, esercitano anche un azione abrasiva che libera la superficie del dente dai residui dei cibi più molli e dalla placca eventualmente accumulata. Questi alimenti, oltre ad essere più ricchi di minerali, in genere richiedono anche una masticazione più prolungata e quindi favoriscono una salivazione maggiore. La saliva, infatti, svolge un azione positiva neutralizzando gli acidi, fornendo i minerali per la remineralizzazione e contribuendo a pulire più velocemente la bocca dal cibo. Il fluoro Il fluoro è una sostanza in grado di aumentare la resistenza dei denti all attacco della carie. Esso infatti si incorpora nello smalto rinforzandone la struttura, inibisce la trasformazione degli zuccheri in acidi, riduce la solubilità dello smalto e ne facilita la remineralizzazione. Il fluoro è un minerale largamente diffuso in natura. Può essere assunto attraverso l acqua potabile, ma si trova anche nel the e nel pesce azzurro, nel latte, nelle uova, negli spinaci e nelle mele. Il fabbisogno di un adulto è di circa un milligrammo di fluoro al giorno. Ma in realtà la quantità di fluoro che riusciamo a ricavare dagli alimenti è molto più bassa: una normale alimentazione ci fornisce appena 0,01-0,05 milligrammi di fluoro al giorno. Per ottenere dal solo cibo tutto il fluoro di cui il nostro organismo ha bisogno dovremmo mangiare ogni giorno all incirca sei etti di formaggio, oppure un chilo di riso, oppure cinque litri di latte. Poche aree geografiche in Italia hanno sufficiente fluoro naturale nelle loro acque potabili, ad esempio le zone intorno al Vesuvio e all Etna. In Lombardia, invece, il livello di fluoro naturalmente presente nell acqua del rubinetto (meno di 0,3 milligrammi/litro) è insufficiente per prevenire le carie. La fluoroprofilassi consiste nella prevenzione della carie dentaria attraverso la somministrazione di apposite compresse di fluoro. Prima di assumere il fluoro in compresse, tuttavia, si dovrebbe controllare la quantità di fluoro già presente nell acqua utilizzata per l alimentazione, così da evitare eventuali eccessi di fluoro (anch essi dannosi). Il dosaggio deve perciò essere suggerito dal pediatra o dall odontoiatra. Se realizzata durante il periodo di mineralizzazione dei denti, che termina a 12 anni, la fluoroprofilassi contribuisce alla formazione di uno smalto maggiormente resistente agli acidi prodotti dai batteri. Trascorsa tale età, questo tipo di trattamento non è più in grado di fare in modo che il fluoro raggiunga lo smalto. L uso locale del fluoro (ad esempio mediante dentifrici fluorati o colluttori al fluoro) risulta invece efficace a qualsiasi età. 9

10 I dentifrici per gli adulti contengono una concentrazione massima di fluoro di circa 1500 ppm (parti per milione), mentre in quelli per i bambini la concentrazione è da tre a sei volte inferiore. Ciò in considerazione della necessità di evitare eventuali intossicazioni da fluoro, legate alla facilità con cui i bambini deglutiscono il dentifricio durante la pulizia dei denti. Il controllo periodico dei denti La pulizia dei denti, se effettuata con cura e regolarità, riduce sensibilmente il rischio che i nostri denti vengano colpiti dalla carie, ma non elimina del tutto questa eventualità. E buona norma, quindi, iniziare sin da piccoli a recarsi, almeno una o due volte all anno dal dentista per effettuare un controllo precauzionale. L esame della superficie esterna dei denti eseguita dal dentista non impedisce la formazione della carie, ma consente di individuare precocemente le eventuali piccole lesioni già nei primi stadi, quando l intervento dell odontoiatra è facile e non doloroso. Attraverso una terapia precoce, quindi, è possibile evitare lesioni di maggiore gravità, che porterebbero alla progressiva distruzione del dente. Quando spuntano i primi molari permanenti (intorno ai sei anni di età) può essere consigliabile far eseguire anche la sigillatura dei solchi dentari. Si tratta di una procedura indolore e veloce, eseguita nello studio dentistico. Essa consiste nell applicare della resina (una pellicola protettiva) sui solchi profondi dei denti permanenti, in particolare dei primi molari. Sono essi infatti i denti a più elevato rischio di sviluppare la carie, in quanto le superfici dei molari hanno solchi profondi, più difficilmente raggiungibili dallo spazzolino, al cui interno la placca batterica può insediarsi ed agire indisturbata. L integrità delle sigillature va controllata periodicamente, anche se in genere esse durano alcuni anni. La sigillatura dei molari aiuta a prevenire la carie ma non sostituisce la pulizia dei denti, la quale deve continuare ad essere praticata con regolarità. 10

11 Per saperne di più Per coloro che intendessero approfondire ulteriormente l'argomento dell igiene orale nei suoi aspetti preventivi ed educativi vengono offerte qui di seguito le indicazioni relative ad alcuni riferimenti bibliografici, oltre a sussidi audiovisivi e altri strumenti didattici. Tutti i materiali elencati sono disponibili per eventuali consultazioni e prestiti presso il Centro di Documentazione in Educazione Sanitaria dell' (Via dei Toscani, Mantova Libri AUTORI VARI, La prevenzione e l'assistenza odontoiatrica nei distretti dell'azienda provinciale per i servizi sanitari, Azienda Sanitaria Provinciale per i Servizi Sanitari, Trento, AUTORI VARI, Educazione alimentare ed igiene orale. Una esperienza nella scuola tra realtà, fantasia e gioco, ASL 6 Friuli Occidentale, Pordenone, AUTORI VARI, Prevenzione e promozione della salute orale. Linee guida, Società Italiana di Odontoiatria Infantile, Milano, MINISTERO DELLA SANITÀ, La prevenzione della carie dentale. Relazione per il Consiglio Sanitario Nazionale, Ministero della Sanità, Roma, ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITÀ, Methodes et programmes de prevention des affections bucco-dentaires, Organizzazione Mondiale della Sanità, Ginevra, ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITÀ, Prototype action-oriented school health curriculum. Teacher's resource book: units 1-5, Organizzazione Mondiale della Sanità, Ginevra, STROHMENGER L., Prevenzione in odontoiatria pediatrica, Masson, Milano, TATTA A., Progetto regionale di educazione alla prevenzione dentale, Cres Molise, Campobasso, ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITÀ, Surveillance et evaluation de la santé buccodentaire. Organizzazione Mondiale della Sanità, Ginevra, Video VHS Come difendere i denti. Cipielle, Vicenza, (20 min.). La prevenzione dentale in video, Mentadent-Andi, Milano, 1994 (10 min.). Esplorando il corpo umano: la pelle, la bocca e i denti. De Agostini junior, Novara, 1988 (60 min.). 11 Previeni la carie. Ridi bene mangi meglio. Regione Lazio, Roma, 1990 (20 min.). E' meglio prevenire che trapanare. Mip, Parma, 0, (18 min).

12 Kit didattici e giochi educativi Prevenzione della carie, Centro Sperimentale per l'educazione Sanitaria Regione Umbria, Perugia, 1985 [diapositive per scuola media inferiore] Il gioco del dentino, Centro Regionale per l educazione sanitaria Molise, Campobasso, 1988 [gioco didattico per il secondo ciclo scuola elementare] I denti, un bene prezioso. Regione Lombardia, Milano, 2005 [kit didattico per le scuole dell infanzia] Viaggio nel paese del sorriso. Gioco didattico per la profilassi anticarie, Zyma, Saronno,

13 13

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE La bocca o cavità orale (Fig. 1) è il primo tratto dell apparato digerente. È un organo cavo, di forma ovoide

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING)

LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING) LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING) Cosa bisogna sapere prima di decidere di fare lo sbiancamento dei denti? In inglese viene definito:dental bleaching 1. L'igiene orale correttamente eseguita

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

in:joy Qualità eccellente, se la rana è presente. in:joy: il nuovo composito per rivestimento estetico.

in:joy Qualità eccellente, se la rana è presente. in:joy: il nuovo composito per rivestimento estetico. Qualità eccellente, se la rana è presente. in:joy: il nuovo composito per rivestimento estetico. è un nuovo composito fotopolimerizzabile per rivestimenti estetici di alta qualità. E adatto per la polimerizzazione

Dettagli

Dott. Mauro Rota Medico Chirurgo Iscritto all Albo dei Medici e Chirurghi

Dott. Mauro Rota Medico Chirurgo Iscritto all Albo dei Medici e Chirurghi Dott. Mauro Rota Medico Chirurgo Iscritto all Albo dei Medici e Chirurghi STUDIO MEDICO DENTISTICO ROTA - Ripa - 20800 - BASIGLIO (MI) Tel: 02 90753222 Fax: 02 90753222 E-mail:maurorota2002@libero.it P.IVA

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'acqua è il principale costituente del nostro corpo. Alla nascita il 90% del nostro peso è composto di acqua: nell'adulto è circa il 75% e nelle persone anziane circa il 50%; quindi

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

La corretta alimentazione

La corretta alimentazione La corretta alimentazione www.salute.gov.it 2 Tutta la comunità scientifica è d accordo sul fatto che esista uno stretto legame tra una corretta alimentazione e una vita in buona salute. Per mantenersi

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Le professioni nello studio medico dentistico

Le professioni nello studio medico dentistico Le professioni nello studio medico dentistico L assistente dentale AFC L assistente di profilassi La segretaria odontoiatrica L igienista dentale SSS L assistente dentale AFC Requisiti Buona formazione

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

Gli organismi viventi

Gli organismi viventi Gli organismi viventi Gli organismi viventi Quali caratteristiche contraddistinguono i viventi? È facile distinguere un organismo vivente da un oggetto non vivente? Gli organismi viventi Tutti gli organismi

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A.

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A. Alessandro Acocella comunque ci sono solo studi con un follow-up follow up non ancora elevato e comunque i casi vanno accuratamente selezionati evitando parafunzioni e ricordando che gli impianti corti

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

La semplicità è la vera innovazione

La semplicità è la vera innovazione La semplicità è la vera innovazione Vi siete mai sentiti frustrati dalla complessità di certe cose? Un unico strumento NiTi per il trattamento canalare utilizzabile nella maggior parte dei casi Efficacia

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo?

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo? www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi Alcol: ma quanto

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

TOASTER. Istruzioni per l uso

TOASTER. Istruzioni per l uso TOASTER Istruzioni per l uso 5 4 3 1 6 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO 1) Manopola temporizzatore 2) Tasto Stop 3) Leva di accensione 4) Bocche di caricamento 5) Pinze per toast 6) Raccoglibriciole estraibile

Dettagli

La Temperatura degli Alimenti

La Temperatura degli Alimenti La Temperatura degli Alimenti L'ATP è la regolamentazione per i trasporti frigoriferi refrigerati a temperatura controllata di alimenti deperibili destinati all'alimentazione umana. A.T.P. = Accord Transport

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni )

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa

Dettagli

HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain

HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain Communiqué de presse Octobre 2013 HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain Minimal e asimmetrici, due tavoli firmati Mjiila in HI-MACS Il design, è l arte di progettare degli oggetti per

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME 1 PREMESSA Questa unità didattica è stata realizzata per bambini stranieri di livello linguistico A2 che frequentano la classe IV della Scuola Primaria.

Dettagli

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena TUTTO IL MATERIALE CHE È ENTRATO IN CONTATTO CON LE COLONIE AMMALATE DEVE ESSER DISTRUTTO

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

una boccata d ossigeno

una boccata d ossigeno Offrite al vostro motore una boccata d ossigeno Il vostro Concessionario di zona è un professionista su cui potete fare affidamento! Per la vostra massima tranquillità affidatevi alla manutenzione del

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale I Leader nella Tecnologia dell'agitazione Agitatori ad Entrata Laterale Soluzione completa per Agitatori Laterali Lightnin e' leader mondiale nel campo dell'agitazione. Plenty e' il leader di mercato per

Dettagli

ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA.

ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA. ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA. ALPHA ORIENT ALPHA ORIENT Il colore è ovunque, basta saperlo cercare. Finitura altamente decorativa

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

Gioco sensoriale stagionale

Gioco sensoriale stagionale Obiettivi Conoscere la frutta e la verdura di stagione grazie all aiuto dei cinque sensi. Allenare l utilizzo isolato dei sensi Età Da 7 anni Luogo In classe Timo Ullmann/WWF Svizzera Il gioco sensoriale

Dettagli