Professionisti, tecnici e imprese Gruppo Editoriale Esselibri - Simone. sistemi editoriali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Professionisti, tecnici e imprese Gruppo Editoriale Esselibri - Simone. sistemi editoriali"

Transcript

1

2 Copyright 2005 Esselibri S.p.A. Via F. Russo, 33/D Napoli Azienda con sistema qualità certificato ISO 14001: 2003 Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale e con qualsiasi mezzo senza l autorizzazione scritta dell editore. Per citazioni e illustrazioni di competenza altrui, riprodotte in questo libro, l editore è a disposizione degli aventi diritto. L editore provvederà, altresì, alle opportune correzioni nel caso di errori e/o omissioni a seguito della segnalazione degli interessati. Prima edizione: giugno 2005 I25 - Basilea 2 ISBN Ristampe Questo volume è stato stampato presso: Grafitalia Via Censi dell Arco, 22 - Cercola (NA) Se sistemi editoriali Professionisti, tecnici e imprese Gruppo Editoriale Esselibri - Simone Coordinamento redazionale: Ciro Iacone Redazione: Angelo Battagli, Ciro Iacone Progetto grafico: Novalis Concept Design Per conoscere le nostre novità editoriali consulta il sito internet:

3 Premessa Numerosi cambiamenti stanno interessando le società italiane: accordi internazionali e riforme normative interne incidono profondamente sull assetto finanziario e contabile delle stesse. In particolare, il nuovo accordo di Basilea sul capitale delle banche noto come Basilea 2 influendo sulla politica di concessione del credito da parte degli istituti bancari, è destinato a conferire una veste diversa al rapporto tra banche ed aziende. Sono previsti, infatti, nuovi criteri di accesso ai finanziamenti che si basano su un sistema di rating, che consiste nel classificare le imprese secondo la probabilità di insolvenza e, conseguentemente, attribuire alle stesse il corrispondente livello di rischio. Tale livello di rischio è, pertanto, determinante, giacché quanto più elevato è il suo valore, tanto minore è l importo del credito ottenibile e tanto maggiore è il relativo costo. Sorge, dunque, la necessità di dotare le società di una struttura finanziaria e patrimoniale che permetta di raggiungere un rating ottimale, cercando, soprattutto, di incrementare i mezzi propri e di ridurre quelli di terzi. Seppur l Accordo di Basilea 2 produrrà effetti a partire dal , è importante che sin da ora si provveda a valutare e ad apportare gli opportuni cambiamenti per conseguire questo obiettivo. Un valido supporto al predetto scopo è, sicuramente, costituito dai molteplici strumenti che la riforma del diritto societario ha previsto per le società di capitali al fine di facilitare il reperimento di risorse finanziarie. In specie, nuove tipologie di azioni e strumenti finanziari dotati di particolari caratteristiche nonché il conferimento di qualsiasi elemento suscettibile di valutazione economica e l emissione di titoli di debito rappresentano alcune delle innovazioni che caratterizzano, rispettivamente, la disciplina della società per azioni e della società a responsabilità limitata. In questo contesto un ruolo chiave spetta al consulente dell azienda e al direttore finanziario, i quali possono fornire agli imprenditori le informazioni necessarie in merito ai suddetti cambiamenti, consigliare le strategie e gli interventi da adottare per migliorare il rating e dotare gli stessi di una capacità di previsione economica e di stima dei rischi. In tale logica, inoltre, il professionista costituisce il giusto interlocutore tra le società e gli istituti di credito. In virtù di una siffatta collaborazione, orientarsi in questo periodo di intensi cambiamenti sarà più facile per l imprenditore.

4

5 1. Basilea 2 e le imprese: primi elementi di conoscenza per una gestione finanziaria consapevole a cura di Francesco Zen 1.1 Premessa Il Nuovo Accordo di Basilea, sin dalla data della pubblicazione del primo documento di consultazione avvenuta nel giugno del 1999, è al centro di un ampio dibattito che coinvolge banche, imprese, Autorità di Vigilanza ed economisti di rilevanza internazionale. Nel riaffermare le esigenze del sistema bancario e finanziario di una maggiore stabilità ed efficienza, le innovazioni proposte da tale Accordo comportano significativi mutamenti nella struttura operativa delle banche, nei loro rapporti con i clienti e con le Autorità di Vigilanza, le cui conseguenze non paiono ancora completamente e chiaramente determinate. In particolare, gli aspetti di analisi di maggiore significato si concentrano sui potenziali cambiamenti che dovrebbero interessare il rapporto bancaimpresa, cercando anzitutto di comprendere se effettivamente le banche dovranno rispettare maggiori requisiti patrimoniali e, conseguentemente, se tale vincolo si tradurrà, nel rapporto con le imprese, in un aggravio delle condizioni di finanziamento. A questo fine, si è condotta una prima indagine qualitativa per valutare l impatto del Nuovo Accordo sull economia del Veneto, regione per certi versi paradigmatica delle realtà produttiva nazionale, rivolgendo un questionario alle principali banche presenti sul territorio. Si è cercato in tal modo di favorire un processo di crescita della trasparenza informativa all interno della quale le imprese possono condurre con consapevolezza le proprie valutazioni in ordine alle gestione finanziaria dell attività. Il lavoro si compone di 4 parti. Il paragrafo successivo illustra la disciplina attualmente in vigore, evidenziando le principali caratteristiche e i limiti che hanno portato a una sua significativa revisione. Il paragrafo 3 presenta i più rilevanti profili del Nuovo Accordo, in particolare le innovazioni la cui influenza appare maggiore sulla relazione tra la banca e l impresa. Nel paragrafo 4 è condotto un approfondimento sui requisiti patrimoniali a fronte delle diverse tipologie di esposizioni nei confronti delle

6 BASILEA 2 imprese al fine di valutare la portata delle novità introdotte e la soglia di indifferenza tra l attuale e la nuova disciplina. Nel paragrafo 5 si illustra l indagine effettuata e i principali risultati cui si è giunti. 1.2 Basilea 1: una rivoluzione riuscita Prima di effettuare un analisi delle innovazioni introdotte dal Nuovo Accordo, appare utile richiamare le caratteristiche del precedente Accordo e gli aspetti che hanno reso indispensabile una rivisitazione della normativa. L Accordo del 1988 è stato stipulato in un periodo in cui le strategie delle banche erano concentrate sulla crescita dimensionale e sull incremento delle proprie quote di mercato, piuttosto che su una politica di miglioramento dell efficienza e di valorizzazione del capitale. In questo contesto, il Comitato di Basilea si poneva come obiettivi: incrementare la copertura dei rischi e la capitalizzazione del sistema bancario, così da vincolare l espansione dell attività; indurre le banche a un allocazione efficiente del capitale in funzione del rischio di credito. Per raggiungere tali scopi venne fissato un ammontare minimo di Patrimonio di Vigilanza (PV) da detenere a fronte del rischio di credito associato al portafoglio clienti di ciascuna banca. Il capitale assorbito dal rischio di credito è dato dalla sommatoria di tutti gli impieghi (per cassa e fuori bilancio), moltiplicati per coefficienti che ponderano le esposizioni in relazione al grado di rischio proprio di ciascuna di esse. Il vincolo di solidità patrimoniale così imposto è riassumibile nella seguente formula 1 : PV attivo ponderato per il rischio 8% Tale accordo prevede inoltre una distinzione delle ponderazioni da assegnare alle attività in relazione alla natura delle controparti debitrici, al rischio paese e alla tipologia delle garanzie ricevute. Con riferimento alle operazio- 1 A questo riguardo va ricordato che attualmente le banche sono soggette a un requisito patrimoniale minimo complessivo costituito dalla somma dei seguenti requisiti patrimoniali: 1) requisito patrimoniale minimo a fronte del rischio di controparte per il portafoglio immobilizzato; 2) requisito patrimoniale minimo a fronte dei rischi di mercato; 3) requisito per gli immobili assunti per recupero crediti; 4) requisito patrimoniale per le partecipazioni assunte per recupero crediti. Ne segue pertanto che la dotazione patrimoniale minima necessaria per soddisfare i vincoli regolamentari risulta essere superiore rispetto a quella prevista dal solo rischio di credito. Per una visione complessiva della vigilanza regolamentare in cui rileva il ruolo del patrimonio di vigilanza, si veda BANCA D ITALIA, Istruzioni di vigilanza, Titolo IV. 6

7 1. BASILEA 2 E LE IMPRESE: PRIMI ELEMENTI DI CONOSCENZA PER UNA GESTIONE FINANZIARIA... ni fuori bilancio, le quali si compongono di garanzie rilasciate e impegni e di contratti derivati, il valore delle attività è determinato attraverso il calcolo dell equivalente creditizio. Esso si ottiene moltiplicando il valore nominale delle singole operazioni per un fattore di conversione che tiene conto della probabilità che, a fronte dell operazione, si determini un esposizione creditizia per cassa di cui viene stimata l entità. Per quanto riguarda la ponderazione del rischio associato alle esposizioni verso le differenti controparti, vige il seguente schema semplificato: A. Esposizioni B. Ponderazioni Crediti verso governi e banche centrali 0% Crediti verso enti pubblici e banche 20% Crediti ipotecari 50% Crediti verso imprese private 100% Partecipazioni verso imprese non finanziarie con risultati di bilancio negativi negli ultimi due esercizi 200% Il principale limite di tale approccio consiste nella mancanza di una suddivisione delle esposizioni sulla base della rischiosità effettiva del singolo affidatario. Ciò dà origine a fenomeni di cherry picking, cioè di scelte opportunistiche fondate sull arbitraggio normativo che favoriscono l assunzione di più elevati livelli di rischio a parità di copertura patrimoniale richiesta. Ulteriori limiti sono dati: da una considerazione solo marginale o comunque eccessivamente limitata delle esposizioni assistite da garanzie, sia in termini di tipologie di garanzie riconosciute che in termini di ricorso a forme di mitigazione del rischio maggiormente sofisticate 2 ; dal mancato riconoscimento della diversificazione del portafoglio come fattore correttivo del rischio, quando in realtà essa svolge un ruolo fondamentale soprattutto nelle banche che operano prevalentemente nell area retail; dalla scarsa rilevanza attribuita alla struttura per scadenza nelle varie tipologie di crediti concessi. Pur considerando i limiti qui richiamati, è ragionevole sostenere che la disciplina regolamentare introdotta nel 1988 abbia conseguito significativi risul- 2 A tale riguardo va segnalato che fin dal 2000 la Banca d Italia ha emanato regole prudenziali per il riconoscimento di forme avanzate di mitigazione del rischio di credito quali i derivati di credito e le operazioni di cartolarizzazione. Sul punto si veda BANCA D ITALIA, Bollettino di Vigilanza, n. 3/2000, n. 7/2000, n. 12/2001 e 2/

8 BASILEA 2 tati sia in termini di rafforzamento del sistema bancario internazionale e di sviluppo organico tra dimensione, risorse e rischi assunti, sia in termini di consapevolezza da parte degli operatori dell importanza della gestione del rischio, in particolare del rischio di credito. È altresì necessario rilevare come le attuali tecniche gestionali in larga misura si discostino da un approccio eccessivamente semplicistico quale quello oggi applicato e risulti, pertanto, del tutto opportuno integrare gli strumenti di vigilanza con sistemi di misurazione del rischio più accurati e in grado di meglio rappresentare l operatività quotidiana delle banche, in particolare di quelle più avanzate ed efficienti. 1.3 Basilea 2: una necessaria evoluzione Il Nuovo Accordo di Basilea rappresenta la conseguenza di un naturale processo evolutivo del sistema di vigilanza prudenziale sulle banche; in esso si riafferma la centralità del patrimonio quale variabile decisiva delle principali scelte operative aziendali. L Accordo di Basilea, introdotto nel 1988 e attualmente applicato al sistema bancario dei principali Paesi industrializzati, è stato oggetto di interventi di modifica nel corso degli ultimi anni, al fine di adeguare la normativa alle nuove caratteristiche del sistema bancario e finanziario mondiale. Il primo e più significativo di tali interventi è rinvenibile nell Emendamento, pubblicato nel 1996 e finalizzato a introdurre una regolamentazione sul calcolo del rischio di mercato a fianco di quella già esistente sulla misurazione del rischio di credito la quale, almeno nelle sue linee essenziali, è rimasta largamente inalterata rispetto alle versione originale. A partire da quel momento, il Comitato di Basilea si è impegnato in un attività di rinnovo della normativa sul rischio di credito fino a giungere alla prima versione del Nuovo Accordo, pubblicata nel gennaio del Con la collaborazione delle principali banche internazionali e delle Autorità di Vigilanza dei Paesi partecipanti al Comitato, si è provveduto a modificare più volte gli aspetti che avrebbero potuto ostacolare la corretta operatività del sistema bancario. Il lavoro di revisione è attualmente terminato e ha condotto al suo definitivo rilascio nel giugno del Basilea 2 estende la portata del suo intervento rispetto al precedente accordo, adottando un approccio ampio al tema del controllo del rischio nel quale più soggetti sono coinvolti: l intermediario, l Organo di Vigilanza, il mercato. La solidità e l efficienza di una banca è quindi il risultato non solo di un me- 3 Cfr. Basel Committee on Banking Supervision, International Convergence of Capital Measurement and Capital Standards. A Revised Framework, Basel, June,

9 1. BASILEA 2 E LE IMPRESE: PRIMI ELEMENTI DI CONOSCENZA PER UNA GESTIONE FINANZIARIA... ro rispetto di un vincolo quantitativo, ma anche della valutazione positiva di tutti coloro che maggiormente sono interessati alle vicende di tale soggetto e che potenzialmente sono in grado di valutarne le competenze e le capacità. Sulla base di questa impostazione che allarga i confini delle responsabilità ma anche delle opportunità, il Nuovo Accordo affronta tre aree di intervento (pilastri). 1. Primo pilastro Requisiti patrimoniali minimi complessivi a fronte dei rischi di credito, di mercato e operativo. 2. Secondo pilastro Processo di controllo prudenziale in cui si indicano i principi chiave che devono informare un efficace vigilanza bancaria. 3. Terzo pilastro Disciplina di mercato nella quale si introducono i requisiti di informativa al pubblico per le banche che utilizzano il Nuovo Accordo. Si tratta di disposizioni strettamente connesse le quali richiedono un applicazione congiunta delle norme in esse contenute; in particolare, gli ultimi due pilastri svolgono un ruolo di supporto, atto a rafforzare l efficacia dell applicazione dei requisiti patrimoniali minimi. In termini di innovazioni, non vi è dubbio che sia il primo pilastro ad attirare la maggiore attenzione sia a causa della significatività del loro contenuto che delle problematiche derivanti dall applicazione. In particolare, esse determinano una modifica della composizione dell attivo ponderato per il rischio, definiscono nuovi metodi per la misurazione del rischio di credito, introducono il requisito patrimoniale a fronte del rischio operativo. Limitandosi a esporre in maniera sintetica le nuove modalità di calcolo del coefficiente di solvibilità, va anzitutto ricordato che esso rientra all interno di un requisito patrimoniale complessivo la cui formula prevede: PV ( ) + 12, 5 PVrm + PVro TPArc 8% dove: PVrm = patrimonio di vigilanza detenuto a fronte del rischio di mercato PVro = patrimonio di vigilanza detenuto a fronte del rischio operativo TPArc = totale attivo ponderato soggetto a rischio di credito In via generale, il principale elemento di novità del Nuovo Accordo consiste nella introduzione dello strumento del rating quale meccanismo mediante il quale individuare e definire i livelli di solvibilità delle controparti creditizie, così da associare a ciascuno di essi un coefficiente di ponderazione maggior- 9

10 BASILEA 2 Dal 2007, quindi, tali esposizioni risulteranno suddivise in cinque classi cui corrispondono cinque pesi diversi che riflettono il giudizio di rating esterno. L assenza di rating assegna una ponderazione del 100%, pari alla ponderazione che viene attualmente attribuita a tutti i crediti verso le imprese. Al fine di considerare la riduzione del rischio di credito idiosincratico che si genera all interno di un portafoglio di esposizioni numericamente rilevanti e di ammontare contenuto, il Nuovo Accordo prevede che sotto particolari condizioni esse possano essere soggette a una ponderazione pari a 75%. Viene in tal modo introdotta la categoria dei Crediti inclusi nel portafoglio al dettaglio regolamentare (Retail) i quali devono rispettare le seguenti quattro condizioni: criterio della destinazione: esposizione nei confronti di una o più persone fisiche, ovvero di una impresa di piccole dimensioni; criterio della tipologia: crediti e linee di credito rotativi (tra cui carte di credito e scoperti di conto), prestiti personali e contratti di leasing con vincolo di durata (ad. es.: finanziamenti rateali, mutui per l acquisito o il leasing di autoveicoli, prestiti agli studenti, crediti al consumo), facilitazioni e aperture di credito a favore di piccole imprese. I titoli (come obbligazioni e azioni), quotati o meno in mercati ufficiali, sono espressamente esclusi da questa categoria. I mutui ipotecari sono esclusi nella misura in cui sono ammessi al trattamento riservato ai crediti garantiti da ipoteca su immobili residenziali; criterio del frazionamento: l Autorità di Vigilanza deve assicurarsi che il portafoglio retail regolamentare sia diversificato in misura sufficiente a ridurne i rischi, giustificando una ponderazione del 75%. Un modo per conmente congruente con i livelli di rischio sottostanti. L assegnazione del rating può avvenire da parte di organismi accreditati esterni alla banca ovvero da parte della banca medesima. Vengono così a delinearsi due modalità di misurazione del rischio di credito: l approccio standard (Standardised Approach SA) e l approccio basato sui rating interni (Internal Ratings-Based Approach IRB). Di seguito si delineano le principali caratteristiche dei due approcci. Il metodo standard risulta essere assai affine ai criteri attualmente previsti dalla disciplina di vigilanza e con riferimento all esposizione creditizia verso le imprese prevede la seguente articolazione: Rating S&P da AAA a AA- da A+ a A- da BBB+ a BB- < BB- unrated Imprese private 20% 50% 100% 150% 100% 10

11 1. BASILEA 2 E LE IMPRESE: PRIMI ELEMENTI DI CONOSCENZA PER UNA GESTIONE FINANZIARIA... seguire questo risultato potrebbe consistere nel fissare un limite quantitativo, in base al quale l esposizione aggregata verso un unica controparte non possa superare lo 0,2% del portafoglio retail complessivo; criterio dell esposizione unitaria massima consentita: l esposizione massima aggregata nei confronti di una singola controparte non può eccedere la soglia massima di 1 milione di Euro in termini assoluti. Nell ipotesi di un credito scaduto da più di 90 giorni, la quota non garantita, al netto di accantonamenti specifici subirà una ponderazione pari a: 150% se gli accantonamenti specifici sono inferiori al 20% dell ammontare in essere del prestito; 100% se gli accantonamenti specifici sono pari almeno al 20% dell ammontare in essere del prestito; 100% se gli accantonamenti specifici sono pari almeno al 50% dell ammontare in essere del prestito, ma con facoltà discrezionale dell Autorità di Vigilanza di ridurre la ponderazione al 50%. Come già indicato, accanto al metodo standard, il Nuovo Accordo prevede la possibilità di suddividere le esposizioni creditizie in maniera assai più dettagliata facendo ricorso a sistemi di rating interno. Sotto particolari condizioni e requisiti di trasparenza, le banche possono, infatti, essere autorizzate dalle Autorità di Vigilanza a utilizzare proprie stime interne con riferimento alle diverse componenti di rischio al fine di determinare il requisito patrimoniale relativo a ciascuna esposizione 4. Tali variabili di rischio sono costituite da: probabilità di inadempienza (probability of default PD); perdita in caso di insolvenza (loss given default LGD); esposizione al momento dell inadempienza (exposure at default EAD); durata effettiva (maturity M). L Accordo prevede due sistemi di rating interno: il metodo di base e il metodo avanzato. Il primo prevede, come regola generale, che le banche forniscano le proprie stime della PD e si basino su stime regolamentari per le altre componenti di rischio. Diversamente nel metodo avanzato, le banche fanno ricorso a proprie stime per tutte le variabili indicate, pur all interno di linee guida indicate dalla disciplina. In entrambi i casi, le banche devono sempre 4 Sui principali aspetti riguardanti la progettazione, l implementazione e la manutenzione di un sistema di rating interno si veda ampiamente DE LAURENTIS G., Rating interni e credit risk management. L evoluzione dei processi di affidamento bancari, Roma, Bancaria Editrice, Affinché tali sistemi possano essere riconosciuti per il calcolo del capitale minimo di vigilanza, l Accordo definisce precisi requisiti di carattere metodologico e operativo. Per una sintetica esposizione di tali requisiti, si veda PALOMBINI E., I rating interni nella nuova regolamentazione sul capitale, in DE LAURENTIS G., SAITA F., SIRONI A. (a cura di), Rating interni e controllo del rischio di credito. Esperienze, problemi, soluzioni, Bancaria Editrice, Roma, 2004, pp

12 BASILEA 2 impiegare le funzioni di ponderazione del rischio predisposte allo scopo di calcolare i requisiti patrimoniali. Limitando l analisi alla disciplina che riguarda le esposizioni verso le imprese, di seguito si riportano le funzioni previste dall Accordo. Anzitutto, si determina un fattore di correlazione (R): 50 PD R = PD 50 quindi un fattore di aggiustamento per la scadenza (b): ( ) b = ln( PD) mediante questi valori si determina il fattore del requisito di capitale (K): R 1 K = LGD Φ ( 1 R) Φ ( PD) + Φ 1 R b 1 + ( M 2. 5) b Infine si calcola l attività ponderata per il rischio (RWA): RWA = K EAD A quest ultimo valore si applicherà il coefficiente dell 8% con cui determinare l ammontare del patrimonio di vigilanza di cui la banca deve disporre con riferimento a quella esposizione. Il requisito patrimoniale complessivo è, pertanto semplicemente la somma dei singoli valori di capitale calcolati per ciascuna esposizione. Nell ambito del metodo basato sul rating interno è previsto, inoltre, un aggiustamento nel calcolo del requisito patrimoniale a fronte di imprese di piccola e media dimensione, cioè di imprese aventi un fatturato inferiore a 50 milioni di euro. Per avvantaggiare queste imprese è prevista, infatti, una riduzione del fattore di correlazione: al fattore R prima indicato viene sottratta una quantità che dipende dal fatturato (S): 1 2 ( ) PD LGD S

13 1. BASILEA 2 E LE IMPRESE: PRIMI ELEMENTI DI CONOSCENZA PER UNA GESTIONE FINANZIARIA... Il nuovo R diventa: 50 PD R = PD 50 ( ) S. 45 In tal modo, quanto più il fatturato è basso (vicino a 5 milioni) tanto maggiore è l effetto di riduzione del coefficiente e quindi lo sconto sul patrimonio di vigilanza da impegnare 5. Infine, anche nell ambito dell approccio basato sui rating interni è prevista la categoria delle esposizioni al dettaglio (retail exposures) alla quale possono essere ricondotti i prestiti di ridotto ammontare (1 milione di euro) nei confronti di piccole imprese, sempre che la gestione di tali attività avvenga da parte della banca su base aggregata. In questo caso, il processo di calcolo del requisito patrimoniale prevede le seguenti formule: 35 PD R = PD R K = LGD Φ 1 ( 1 R) Φ ( PD) + Φ 1 R RWA = K EAD All interno dell approccio standard è trattata anche la questione delle garanzie riconoscibili come strumenti di riduzione del rischio. Tra essi vengono individuate le garanzie reali (collateral), le garanzie personali (guarantees), i derivati di credito, gli accordi di compensazione di posizioni in bilancio. In via generale, si può affermare che la nuova disciplina amplia il novero delle garanzie riconosciute favorendo, in tal modo, una maggiore aderenza con l operatività della banca in tema di governo del rischio di credito. Con riferimento alle garanzie reali, la banca può scegliere tra il metodo semplificato in cui, analogamente all Accordo del 1988, la ponderazione di rischio della garanzia reale sostituisce quella della controparte per la porzione garantita dell esposizione sottostante, e il metodo integrale, il quale consente una più ampia compensazione tra collateral ed esposizione, riducendo di fatto l ammontare di quest ultima nella misura corrispondente al valore attri- 1 ( 0.999) PD LGD 5 In presenza di un fatturato inferiore, il valore considerato è 5 milioni di euro. 13

14 BASILEA 2 buito alla garanzia reale. Qualora la banca scelga di utilizzare il metodo basato sui rating interni, essa dovrà adottare il metodo integrale. Affinché la garanzia reale possa fornire una protezione, non deve sussistere una rilevante correlazione positiva fra la qualità creditizia della controparte e il valore della garanzia. Di seguito si delineano i principali profili delle due metodologie Metodo semplificato La ponderazione per il rischio dello strumento prestato a garanzia totale o parziale dell esposizione sostituisce quella della controparte. Una garanzia reale è riconosciuta se viene prestata per almeno tutta la durata dell esposizione e rivalutata marking-to-market con una frequenza minima di sei mesi. La ponderazione della parte garantita sarà soggetta a una soglia minima del 20%, salvo i casi di depositi in contanti, titoli emessi dalla banca e depositati presso la stessa e titoli pubblici con ponderazione pari allo 0%. Alla parte restante del credito dovrà essere assegnata una ponderazione commisurata alla controparte Metodo integrale Mediante l impiego di scarti prudenziali, le banche sono tenute ad aggiustare sia l ammontare dell esposizione verso la controparte sia il valore della relativa garanzia ricevuta per tener conto di future oscillazioni nel valore di entrambi, originate da movimenti dei prezzi di mercato. Salva l ipotesi che uno dei due elementi sia costituito da contante, l ammontare dell esposizione corretto per la volatilità sarà superiore a quello dell esposizione stessa mentre per il collateral sarà inferiore. Quando l ammontare corretto dell esposizione è superiore al valore corretto della garanzia, le banche dovranno calcolare l attività ponderata per il rischio come differenza tra i due importi moltiplicata per la ponderazione di rischio della controparte. In linea di massima, le banche potranno calcolare gli scarti in due modi: basandosi sui livelli fissi indicati dal Comitato (scarti prudenziali standard), oppure sulle stime interne della volatilità dei prezzi di mercato (scarti stimati). Una banca potrà optare per uno dei due sistemi di calcolo indipendentemente dalla scelta operata fra metodo standard e metodo IRB di base per la misurazione del rischio di credito. Tuttavia, le banche che decidono di impiegare gli scarti stimati dovranno applicarli all intera gamma di strumenti ammissibili a tale tipo di calcolo. 14

15 1. BASILEA 2 E LE IMPRESE: PRIMI ELEMENTI DI CONOSCENZA PER UNA GESTIONE FINANZIARIA... Nell ambito di una transazione assistita da garanzia reale, l ammontare dell esposizione al netto dei coefficienti di riduzione del rischio sarà, pertanto, calcolato nel modo seguente: ( ) ( ) { } * E = max 0, E 1 + He C 1 Hc Hfx dove: E* = valore dell esposizione al netto della riduzione del rischio E = valore corrente dell esposizione He = scarto commisurato all esposizione C = valore corrente della garanzia ricevuta Hc = scarto commisurato alla garanzia Hfx = scarto a fronte del disallineamento valutario tra garanzia ed esposizione Conseguentemente, nel metodo standard, moltiplicando l ammontare dell esposizione al netto della riduzione del rischio per la ponderazione della controparte si otterrà l ammontare dell attività ponderata per il rischio relativa alla transazione garantita. Le garanzie finanziarie considerate idonee sono: depositi in contante presso la banca esposta al rischio di controparte, compresi certificati di deposito o strumenti assimilabili emessi dalla banca creditrice; oro; titoli di debito dotati di rating esterno; titoli di debito emessi da banche non dotati di rating e quotati in mercati ufficiali; azioni comprese in uno dei principali indici di borsa; certificati trasferibili di organismi di investimento collettivo in valori mobiliari e quote di fondi comuni. Oltre agli strumenti elencati, nel metodo integrale sono idonei al riconoscimento anche le azioni quotate in mercati ufficiali e i certificati di investimento/quote di fondi comuni che comprendono tali azioni. Se la protezione del credito mediante garanzia personale o derivato su credito è diretta, esplicita, irrevocabile e incondizionata, le autorità di vigilanza possono consentire alle banche di tener conto di tale protezione nel calcolo dei requisiti patrimoniali. Analogamente all Accordo del 1988, si applica il metodo della sostituzione. Pertanto, ai fini della riduzione dei requisiti patrimoniali saranno ammesse sol- 15

16 BASILEA 2 tanto le garanzie personali emesse o le protezioni fornite da entità cui è assegnata una ponderazione di rischio inferiore a quella della controparte, in quanto alla quota protetta dell esposizione è attribuita la ponderazione del garante o del fornitore della protezione, mentre la quota non coperta mantiene la ponderazione di rischio del debitore principale. I requisiti operativi prevedono, quindi, che una garanzia personale/derivato su crediti debba rappresentare un credito diretto verso il fornitore della protezione e riferirsi esplicitamente a una specifica esposizione o a un pool di esposizioni 6, così che l entità della copertura sia chiaramente definita e incontrovertibile. La copertura deve essere irrevocabile: non sono ammesse clausole contrattuali che consentano al fornitore della protezione di annullare unilateralmente la copertura del credito o che aumentino il costo effettivo di quest ultima a seguito di un deterioramento della qualità creditizia dell esposizione garantita. Inoltre, la garanzia non deve essere soggetta a condizione: non sono consentite clausole contrattuali che evitino al fornitore della protezione l obbligo a effettuare tempestivamente i pagamenti dovuti nel caso in cui la controparte originaria non abbia adempiuto all obbligazione prevista dal contratto. Per quanto riguarda i derivati di credito, saranno ammessi a fini patrimoniali solo credit default swap e total return swap. Con riferimento ai soggetti riconosciuti come garanti, la disciplina prevede che essi possano essere: governi, ESP (enti del settore pubblico), banche e società di intermediazione mobiliare con ponderazione di rischio inferiore a quella della controparte; altre entità con rating pari o superiore ad A-. È compresa la protezione del credito fornita da società capogruppo, filiazioni e affiliate con una ponderazione di rischio inferiore a quella dell obbligato. Nell ambito della misurazione del rischio di credito mediante rating interni, il riconoscimento delle garanzie e dei derivati di credito prevedono modalità più complesse basate sulla stima della PD e/o della LGD del garante alle quali si accompagna un più ampio riconoscimento di soggetti garanti. 1.4 L impatto del Nuovo Accordo sulle imprese: le soglie di indifferenza Come accennato in premessa, uno degli aspetti che maggiormente rileva nella relazione tra la banca e l impresa è costituito dalle conseguenze che si pos- 6 Questa previsione consente di considerare ammissibili le garanzie collettive quali quelle fornite dagli organismi di garanzia fidi (Confidi). 16

17 Indice generale Premessa... Pag Basilea 2 e le imprese: primi elementi di conoscenza per una gestione finanziaria consapevole a cura di Francesco Zen 1.1 Premessa...» Basilea 1: una rivoluzione riuscita...» Basilea 2: una necessaria evoluzione...» Metodo semplificato...» Metodo integrale...» L impatto del Nuovo Accordo sulle imprese: le soglie di indifferenza...» La scelta delle banche: una prima indagine nella regione del Veneto...» Perché nasce Basilea a cura di Ornella Nohles 2.1 Premessa...» I contributi del comitato di Basilea...» Le direttive comunitarie in materia bancaria...» I principi che emergono dal sistema normativo della CEE..» Basilea 2 : i tre pilastri...» 36 Note Bibliografiche...» L affermazione dei principi contabili internazionali in Europa a cura di Chiara Saccon 3.1 Il processo di affermazione degli IAS/IFRS in Europa...» Le finalità e il contenuto del Regolamento comunitario...» Il riconoscimento legale dei principi contabili internazionali» Il processo di valutazione dei principi internazionali...» Le scelte del legislatore nazionale...» Le novità dei principi contabili internazionali nel Framework» 54

18 BASILEA 2 4. Le nuove fonti di finanziamento delle società di capitali a cura di Renato Bogoni 4.1 Premessa... Pag Raccolta di capitale e nuove tipologie di azioni...» Le azioni privilegiate...» Le azioni correlate...» Le azioni con voto limitato...» I nuovi conferimenti al capitale della società a responsabilità limitata...» Obbligazioni, titoli assimilati e titoli di debito...» I titoli di debito nella società a responsabilità limitata...» Gli strumenti finanziari...» Le tipologie dell apporto...» I diritti patrimoniali ed amministrativi...» Organo emittente e limiti quantitativi...» Strumenti finanziari assegnati ai dipendenti della società...» Strumenti finanziari di partecipazione all affare oggetto di patrimoni destinati...» I finanziamenti dei soci...» Finanziamento soci e società per azioni...» Sviluppo di un modello di analisi a cura di Eros De March e Massimo Motta 5.1 Premessa...» Le nuove esigenze informative delle banche...» L istruttoria bancaria...» Il modello di analisi...» Classificazione dei modelli di analisi...» Il modello di analisi adottato...» I dati di partenza per lo sviluppo delle analisi quantitative.» Valutazione delle imprese in contabilità semplificata...» L analisi qualitativa...» Il business plan e lo sviluppo dei budget...» La Parte Descrittiva...» La Parte Numerica...» La riclassificazione dello stato patrimoniale e del conto economico e l analisi dei margini finanziari...»

19 INDICE GENERALE La riclassificazione dello stato patrimoniale... Pag I margini finanziari...» Conto economico dettagliato riclassificato a margine di contribuzione...» Analisi per indici...» Principali Indicatori Patrimoniali Economici Finanziari...» Analisi per flussi...» Il giudizio sulla situazione finanziaria aziendale...» Metodologie di valutazione e attribuzione del merito creditizio...» Metodologia di controllo prevista dalla l. 488/ » Metodologia di controllo prevista dal Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese...» Metodologia di controllo prevista da Veneto sviluppo per la valutazione di affidamento...» Considerazioni sui metodi di valutazione del merito creditizio...» Conclusioni...» 151 Appendice Questionario su Basilea 2...»

20

Estratto distribuito da Biblet

Estratto distribuito da Biblet UNGDC Estratto distribuito da Biblet C e n t r o S t u d i U N G D C GDC3 (I25) AA.VV. Basilea 2 Analisi di bilancio, rating aziendale, merito creditizio, finanza agevolata Gli strumenti finanziari nel

Dettagli

Corso di Finanza aziendale

Corso di Finanza aziendale Basilea II Corso di Finanza aziendale Elementi del nuovo accordo di Basilea Basilea II? Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla

Dettagli

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO La banca che accorda la concessione di un credito deve effettuare una preventiva valutazione della qualità/affidabilità del cliente nonché quantificare la qualità/rischiosità

Dettagli

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI Massimo Pacella Dottore Commercialista Revisore Contabile Relazione Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo I CONFIDI alleati delle PMI Premessa Il 26 giugno

Dettagli

Da più parti si sente dire e si legge che con Basilea 2 non serviranno più le garanzie o che esse avranno un ruolo ridotto.

Da più parti si sente dire e si legge che con Basilea 2 non serviranno più le garanzie o che esse avranno un ruolo ridotto. -omissis- 1.7 Il ruolo delle garanzie Da più parti si sente dire e si legge che con Basilea 2 non serviranno più le garanzie o che esse avranno un ruolo ridotto. Riteniamo che queste affermazioni nascano

Dettagli

Vademecum Accordi di Basilea. Basilea 1 (Accordi in vigore dal 1998)

Vademecum Accordi di Basilea. Basilea 1 (Accordi in vigore dal 1998) Vademecum Accordi di Basilea Basilea 1 (Accordi in vigore dal 1998) Patrimonio di vigilanza per il rischio: 8% dell attivo ponderato [max rischio ponderazione = 100%] Classificazione delle attività rischiose

Dettagli

Basilea 2: Cosa devono fare le banche adesso. Le nuove istruzioni di vigilanza e i processi implementativi in atto. Convegno ABI

Basilea 2: Cosa devono fare le banche adesso. Le nuove istruzioni di vigilanza e i processi implementativi in atto. Convegno ABI Basilea 2: banche adesso. Le nuove istruzioni di vigilanza e i processi implementativi in atto. Convegno ABI Antonio Renzi e Katia Mastrodomenico Banca d Italiad, 1 BASILEA 2 TECNICHE DI RIDUZIONE DEL

Dettagli

Verso Basilea 2 Minacce in vista per le PMI?

Verso Basilea 2 Minacce in vista per le PMI? Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa Verso Basilea 2 Minacce in vista per le PMI? relazione di Eugenio Pavarani Dipartimento di Economia Università di Parma Collecchio,

Dettagli

Rischi di credito: approccio di vigilanza

Rischi di credito: approccio di vigilanza Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Rischi di credito: approccio di vigilanza Corso di Risk Management Milano, 5 Marzo 2008 Misurazione assorbimenti patrimoniali Basilea I Ai pesi si

Dettagli

Lezione 1. Uniformità sistema creditizio. Basilea 1. Basilea 2, fattori di ponderazione, il concetto di rating

Lezione 1. Uniformità sistema creditizio. Basilea 1. Basilea 2, fattori di ponderazione, il concetto di rating Lezione 1 Basilea 2, fattori di ponderazione, il concetto di rating Uniformità sistema creditizio Il Comitato di Basilea fu istituito nel 1974 tra i governatori delle Banche Centrali del G10. Obiettivo

Dettagli

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Il Comitato di Basilea Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi

Dettagli

SECONDA PARTE (Rischio di Credito)

SECONDA PARTE (Rischio di Credito) SECONDA PARTE (Rischio di Credito) RISCHIO DI CREDITO LOSS GIVEN DEFAULT Valutazione del rischio che mi serve per determinare il capitale di vigilanza avviene attraverso la determinazione di queste quattro

Dettagli

Basilea II; la costruzione di un modello di autodiagnosi dell impresa

Basilea II; la costruzione di un modello di autodiagnosi dell impresa Basilea II; la costruzione di un modello di autodiagnosi dell impresa Agenda Basilea II: alcune considerazioni e conseguenze I 4 valori dell analisi dinamica I cambiamenti per la banca STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL

Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL Giacomo Morri Antonio Mazza Capitolo 6 GLI ACCORDI DI BASILEA E I FINANZIAMENTI IMMOBILIARI STRUTTURATI Il Nuovo Accordo Obiettivi

Dettagli

REGOLAMENTO N. 32 DELL 11 GIUGNO 2009

REGOLAMENTO N. 32 DELL 11 GIUGNO 2009 REGOLAMENTO N. 32 DELL 11 GIUGNO 2009 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLE POLIZZE CON PRESTAZIONI DIRETTAMENTE COLLEGATE AD UN INDICE AZIONARIO O ALTRO VALORE DI RIFERIMENTO DI CUI ALL ARTICOLO 41,

Dettagli

Le strategie delle piccole banche nel nuovo quadro regolamentare di Basilea 2

Le strategie delle piccole banche nel nuovo quadro regolamentare di Basilea 2 Le strategie delle piccole banche nel nuovo quadro regolamentare di Basilea 2 Roberto Di Salvo Federcasse VIII Convention ABI Roma, 29-30 novembre 2004 La filosofia di Basilea2 In linea generale, il Nuovo

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016

Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016 Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016 POLITICA DEI PRESTITI La valutazione dei fidi il controllo dei crediti concessi il recupero dei crediti problematici

Dettagli

BASILEA 2. La struttura generale dell accordo LE TAPPE PRINCIPALI

BASILEA 2. La struttura generale dell accordo LE TAPPE PRINCIPALI BASILEA 2 La struttura generale dell accordo Monica Malta LE TAPPE PRINCIPALI 1974 nasce il Comitato di Basilea dei Paesi del G10 1988 stipula dell accordo "Basilea 1 1996 modifica dell accordo 2001 1

Dettagli

La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II

La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II Massimo Buongiorno Convegno ARGI Milano, 27 ottobre 2004 Perché Basilea II, esisteva un Basilea I? Nel 1988 il Comitato di Basilea stabilisce una quota

Dettagli

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi più industrializzati. Il Comitato non legifera, formula

Dettagli

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 L attività creditizia: introduzione I prestiti costituiscono la principale voce dell attivo patrimoniale

Dettagli

HYPO ALPE-ADRIA-BANK

HYPO ALPE-ADRIA-BANK HYPO ALPE-ADRIA-BANK INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo pilastro di Basilea 3 Al 31 dicembre 2014 (Circ. n. 285 del 17 dicembre 2013) 1 Informativa al pubblico Dal 1 gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

Il contesto economico abruzzese ed il rapporto banca-impresa alla luce del nuovo accordo di Basilea

Il contesto economico abruzzese ed il rapporto banca-impresa alla luce del nuovo accordo di Basilea SPIN OFF: un impresa possibile Fondi per iniziative e attività culturali e sociali degli studenti Ud A (Decreto Rettorale n. 307 del 23.01.2006, ai sensi della Legge n. 429 del 3 agosto 1985 e al D.M.

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

L APPLICAZIONE DI BASILEA 2 NEL SISTEMA DELLE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO

L APPLICAZIONE DI BASILEA 2 NEL SISTEMA DELLE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO L APPLICAZIONE DI BASILEA 2 NEL SISTEMA DELLE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO Juan Lopez Funzione Studi - FEDERCASSE Battipaglia, 17 maggio 2006 Indice della presentazione Il Credito Cooperativo L approccio

Dettagli

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche INTERVENTI L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche di MAURIZIO CALELLO È arrivato a conclusione dopo un lungo e intenso lavoro il nuovo accordo internazionale sui requisiti patrimoniali

Dettagli

BASILEA 2 IL CONTENUTO DEL NUOVO ACCORDO SULL'ADEGUATEZZA PATRIMONIALE DELLE BANCHE La nuova regolamentazione sull'adeguatezza patrimoniale delle banche persegue l'obiettivo di promuovere la stabilità

Dettagli

Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari

Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari Modena, 4 ottobre 2008 Michele Campanardi Vice Direttore Divisione Corporate michele.campanardi@bper.it

Dettagli

Tavola 1 Requisito informativo generale

Tavola 1 Requisito informativo generale Tavola 1 Requisito informativo generale (a) Il Consiglio di Amministrazione di Finlabo SIM. (di seguito anche la SIM o la Società ), ha definito le politiche di gestione dei rischi all interno delle quali

Dettagli

FINDOMESTIC GRUPPO TERZO PILASTRO BASILEA 2

FINDOMESTIC GRUPPO TERZO PILASTRO BASILEA 2 FINDOMESTIC GRUPPO TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31 DICEMBRE 2011 Indice Introduzione... 2 Tavola 3 - Composizione del patrimonio di vigilanza... 4 Tavola 4 - Adeguatezza patrimoniale...

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

Le regole di Basilea II per il credito immobiliare

Le regole di Basilea II per il credito immobiliare Le regole di Basilea II per il credito immobiliare Convegno ABI Credito alle Famiglie 2008 Mario Marangoni Banca d Italia Roma, 10 giugno 2008 1 Le regole di Basilea II per il credito immobiliare L impatto

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 Sintesi del documento pubblicato ai sensi del Titolo IV della Circolare 263/06 della Banca d Italia L Informativa al pubblico adempie all obbligo

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 2 al 31 dicembre 2009 Le disposizioni emanate dalla Banca d Italia in applicazione della normativa europea in materia di Convergenza internazionale della

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI TITOLO IV Capitolo 5 RISCHIO DI CREDITO - METODO STANDARDIZZATO Sezione I Disciplina applicabile TITOLO IV- Capitolo 5 RISCHIO DI CREDITO METODO STANDARDIZZATO SEZIONE I DISCIPLINA APPLICABILE Gli intermediari

Dettagli

GLI ELEMENTI ANDAMENTALI DEL RATING AZIENDALE

GLI ELEMENTI ANDAMENTALI DEL RATING AZIENDALE in collaborazione con: Promem Sud Est S.p.A. Società per la Promozione dei Mercati Mobiliari Sud Est S.p.A. GLI ELEMENTI ANDAMENTALI DEL RATING AZIENDALE a cura del Dott. Aurelio Valente Amministratore

Dettagli

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA NORMATIVA E AFFARI GENERALI Divisione Normativa DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE Il presente documento fornisce uno schema di disposizioni

Dettagli

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee.

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Lezione 16. Effetti asimmetrici nel meccanismo di trasmissione La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Il processo di trasmissione è condizionato da: 1. struttura

Dettagli

Lezione 3. Ricordiamo i concetti... Esposizione al rischio. Il rating interno e il sistema delle garanzie

Lezione 3. Ricordiamo i concetti... Esposizione al rischio. Il rating interno e il sistema delle garanzie Lezione 3 Il rating interno e il sistema delle garanzie Ricordiamo i concetti... Il modo con cui si combinano: Probabilità di inadempienza (PD) Perdita in caso di inadempienza (LGD) Esposizione all inadempienza

Dettagli

FINDOMESTIC GRUPPO. Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale

FINDOMESTIC GRUPPO. Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale FINDOMESTIC GRUPPO Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale Aggiornamento al 31 dicembre 2013 * * * Terzo Pilastro dell accordo di

Dettagli

Lezione 2. Il rating. Il rating. Sistemi di rating, il rating esterno

Lezione 2. Il rating. Il rating. Sistemi di rating, il rating esterno Lezione 2 Sistemi di rating, il rating esterno Il rating Il modo con cui si combinano: Probabilità di inadempienza (PD) Perdita in caso di inadempienza (LGD) Esposizione all inadempienza (LGD) Scadenza

Dettagli

Disponibilità liquide

Disponibilità liquide OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Disponibilità liquide Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO INDICE Art. 1 Ambito di applicazione TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 Finalità del processo di gestione del patrimonio Art. 3 Fondo stabilizzazione erogazioni

Dettagli

ING Lease (Italia) S.p.A. Informativa al pubblico Pillar III 31/12/2013

ING Lease (Italia) S.p.A. Informativa al pubblico Pillar III 31/12/2013 ING Lease (Italia) S.p.A. Informativa al pubblico Pillar III INTRODUZIONE La disciplina di Basilea II è una iniziativa internazionale in base alla quale gli istituti finanziari dei Paesi aderenti vengono

Dettagli

IL RAPPORTO BANCA - IMPRESA ALLA LUCE DI BASILEA 2

IL RAPPORTO BANCA - IMPRESA ALLA LUCE DI BASILEA 2 COLLANA FINANZAEDIRITTO Camillo Marcolini IL RAPPORTO BANCA - IMPRESA ALLA LUCE DI BASILEA 2 AGGIORNATO ALLA FINANZIARIA 2008 Camillo Marcolini Il rapporto banca impresa alla luce di Basilea 2 Editore

Dettagli

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012 PREMESSA La Circolare 216 di Banca d Italia del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, al Capitolo V, al fine di rafforzare la disciplina prudenziale per gli Intermediari Finanziari iscritti

Dettagli

ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo. Via del Quirinale, 21 00187 Roma. Roma, 15 giugno 2012

ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo. Via del Quirinale, 21 00187 Roma. Roma, 15 giugno 2012 ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo Via del Quirinale, 21 00187 Roma Roma, 15 giugno 2012 Commenti dell associazione Chief Risk Officer Forum Italia (CROFI)

Dettagli

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia sfef7_volait@0091-0096#3b_layout 1 13/03/12 09.04 Pagina 91 91 Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia di FABRIZIO VEDANA Il provvedimento con il quale la Banca d Italia,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione Ambito di applicazione 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 - Finalità del processo di gestione del patrimonio

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

4. Cosa può essere oggetto di conferimento nella s.p.a.? Disciplina dei conferimenti in denaro e dei conferimenti di beni in natura o crediti.

4. Cosa può essere oggetto di conferimento nella s.p.a.? Disciplina dei conferimenti in denaro e dei conferimenti di beni in natura o crediti. Le società di capitali 89 anche se non iscritte, vengono ad esistenza pur assumendo la condizione di società irregolari. In particolare, la società in nome collettivo non registrata è irregolare per tutto

Dettagli

Corso di CB & F. Basilea II. Basilea II. Ci limitiamo a considerare soltanto un sotto-insieme dell Accordo: il rischio di credito

Corso di CB & F. Basilea II. Basilea II. Ci limitiamo a considerare soltanto un sotto-insieme dell Accordo: il rischio di credito Corso di CB & F Elementi dell Accordo di Basilea (rischio di credito) Basilea II Si tratta della revisione del complesso di norme regolamentari internazionali che dal 1988 sono imposte alle banche dalle

Dettagli

Indice. Presentazione, di Roberto Ruozi. pag. xiii

Indice. Presentazione, di Roberto Ruozi. pag. xiii Presentazione, di Roberto Ruozi 1 L attività bancaria 1.1 Una definizione di banca 1.2 Le origini del sistema bancario moderno 1.3 L evoluzione del sistema creditizio nel quadro europeo: concorrenza e

Dettagli

Corso di Finanza Aziendale

Corso di Finanza Aziendale Corso di Finanza Aziendale Elementi del Nuovo Accordo di Basilea Basilea II Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla rispettive

Dettagli

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO RELATIVO ALL OFFERTA IN OPZIONE AGLI AZIONISTI E ALL AMMISSIONE A QUOTAZIONE SUL MERCATO TELEMATICO AZIONARIO ORGANIZZATO E GESTITO DA BORSA ITALIANA S.P.A. DI AZIONI ORDINARIE

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014 Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale La nuova normativa di vigilanza prudenziale si basa, in linea con

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Gli intermediari finanziari: banche Intermediazione finanziaria, tipologie di intermediari e imperfezioni di mercato (Fonte: Corigliano, 2004, Intermediazione

Dettagli

III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014

III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014 1 Premessa Le disposizioni contenute nella Circolare della Banca d Italia n.216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, Capitolo V - Vigilanza

Dettagli

GLI EFFETTI DELLA LOSS GIVEN DEFAULT SUL COSTO DEL CREDITO XXIII CONVEGNO RIDEFINIZIONE PROSPETTICA DEL RISCHIO BENE 18 OTTOBRE 2012

GLI EFFETTI DELLA LOSS GIVEN DEFAULT SUL COSTO DEL CREDITO XXIII CONVEGNO RIDEFINIZIONE PROSPETTICA DEL RISCHIO BENE 18 OTTOBRE 2012 GLI EFFETTI DELLA LOSS GIVEN DEFAULT SUL COSTO DEL CREDITO XXIII CONVEGNO RIDEFINIZIONE PROSPETTICA DEL RISCHIO BENE 18 OTTOBRE 2012 LOSS GIVEN DEFAULT Alcune definizioni della LGD: E la misura del rischio

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2011

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2011 TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2011 La disciplina prudenziale per gli intermediari finanziari iscritti nell elenco speciale di cui all art. 107 TUB (Intermediari ex

Dettagli

OSSERVAZIONI PRINCIPALI

OSSERVAZIONI PRINCIPALI Roma, 3 novembre 2011 OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO CONSULTAZIONE SULLO SCHEMA DI REGOLAMENTO MINISTERIALE DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 7-BIS, COMMA 2, DEL DECRETO LEGISLATIVO 5 DICEMBRE 2005, N. 252, RECANTE

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione, denominata

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

www.onetimeconsulting.it www..it

www.onetimeconsulting.it www..it www.onetimeconsulting.it www..it Comune di Fossalta di Piave Basilea 2 Basilea 2 - Indice 1. Il Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria 2. Perché Basilea? 3. I principi base di Basilea 1 e 2 4. Il

Dettagli

La funzione di controllo dei rischi di II livello, un approccio metodologico sul rischio di credito con focus sul controllo andamentale.

La funzione di controllo dei rischi di II livello, un approccio metodologico sul rischio di credito con focus sul controllo andamentale. La funzione di controllo dei rischi di II livello, un approccio metodologico sul rischio di credito con focus sul controllo andamentale. 1 Rischio di credito: Il Framework Logico di Riferimento Rischio

Dettagli

La gestione commerciale del rating Da sentenza a strumento di miglioramento della relazione con il cliente

La gestione commerciale del rating Da sentenza a strumento di miglioramento della relazione con il cliente La gestione commerciale del rating Da sentenza a strumento di miglioramento della relazione con il cliente Dott. Antonio Muto Vice Direttore Generale Banca di Roma 23 gennaio 2007 Agenda Basilea II e la

Dettagli

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE Un decalogo per l impresa ODCEC Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Macerata e Camerino Confidi Macerata Società Cooperativa per Azioni Possiamo

Dettagli

Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese

Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese Giordano Villa Managing Director Chief Credit Officer Italy 31 st May 2011 La quantità di impieghi che le banche possono erogare dipende

Dettagli

Policy di pricing dei Prestiti Obbligazionari

Policy di pricing dei Prestiti Obbligazionari Policy di pricing dei Prestiti Obbligazionari Versione settembre 2012 La Comunicazione Consob 9019104 del 2 marzo 2009 ha imposto la necessità per le banche di definire un approccio che consenta di individuare

Dettagli

Le imprese edili bresciane e la sfida del rating. Cinzia Dabrassi Prandi Università degli studi di Brescia Facoltà di Economia

Le imprese edili bresciane e la sfida del rating. Cinzia Dabrassi Prandi Università degli studi di Brescia Facoltà di Economia Le imprese edili bresciane e la sfida del rating Cinzia Dabrassi Prandi Università degli studi di Brescia Facoltà di Economia La sfida per le imprese edili Valorizzare i punti di forza delle imprese edili

Dettagli

A volte il risultato della revisione è l'attribuzione di un rating peggiorativo, che può portare alla revoca in tronco degli affidamenti!

A volte il risultato della revisione è l'attribuzione di un rating peggiorativo, che può portare alla revoca in tronco degli affidamenti! Accade spesso che la banca vada a visitare l azienda solo quando deve acquisirne la relazione o, successivamente, per collocare nuovi prodotti o chiedere maggiori flussi di lavoro o relazioni indotte,

Dettagli

I prestiti (parte I) Dott. Giovanni Liccardo 15 marzo 2011 giovanni.liccardo@uniroma2.it

I prestiti (parte I) Dott. Giovanni Liccardo 15 marzo 2011 giovanni.liccardo@uniroma2.it I prestiti (parte I) Dott. Giovanni Liccardo 15 marzo 2011 giovanni.liccardo@uniroma2.it L attività creditizia: introduzione I prestiti costituiscono la principale voce dell attivo patrimoniale della banca

Dettagli

Ruolo delle Obbligazioni Bancarie Garantite nella strategia di raccolta di Intesa Sanpaolo

Ruolo delle Obbligazioni Bancarie Garantite nella strategia di raccolta di Intesa Sanpaolo Ruolo delle Obbligazioni Bancarie Garantite nella strategia di raccolta di Intesa Sanpaolo Roma, Giugno 2007 Indice Introduzione Uso del CB: il merito di credito di partenza Uso del CB: entità/qualità

Dettagli

Cos'è. Questi servizi riguardano:

Cos'è. Questi servizi riguardano: UBI FACTOR Cos'è Il factoring è una combinazione di servizi finanziari e di gestione del credito che consentono ad una società di rafforzare sotto il profilo qualitativo e di valorizzare sotto quello finanziario

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

Audizione dell IVASS. Commissioni Riunite 10 a Commissione permanente (Industria, commercio, turismo)

Audizione dell IVASS. Commissioni Riunite 10 a Commissione permanente (Industria, commercio, turismo) Conversione in legge del decreto-legge 24 giugno 2014, n. 91, recante disposizioni urgenti per il settore agricolo, la tutela ambientale e l'efficientamento energetico dell'edilizia scolastica e universitaria,

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE SEZIONE I

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE SEZIONE I VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA, NORMATIVA E AFFARI GENERALI (843) DIVISIONE NORMATIVA (015) N. 501981 del 17-05-2007 DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE

Dettagli

LEZIONE 10 GENNAIO 2014

LEZIONE 10 GENNAIO 2014 LEZIONE 10 GENNAIO 2014 SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA> Come noto, è un ente dotato di personalità giuridica che rientra nel novero delle società di capitali. La riforma ha portato un integrale revisione

Dettagli

Corso di Finanza aziendale

Corso di Finanza aziendale Corso di Finanza aziendale Elementi del nuovo accordo di Basilea Basilea II Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla rispettive

Dettagli

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 Verso un utilizzo più strategico imparando dall esperienza maturata Roberto D Auria Mario Guido Gruppo di lavoro Competitività Roma, 28 ottobre 2013 L esperienza

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39

Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39 Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39 Corso di Principi Contabili e Informativa Finanziaria Prof.ssa Sabrina Pucci Facoltà di Economia Università degli Studi Roma Tre a.a. 2004-2005 prof.ssa Sabrina

Dettagli

Versione in vigore per le seguenti banche del Gruppo Intesa Sanpaolo

Versione in vigore per le seguenti banche del Gruppo Intesa Sanpaolo Versione in vigore per le seguenti banche del Gruppo Intesa Sanpaolo Intesa Sanpaolo S.p.A. Banco di Napoli S.p.A. Cassa di Risparmio del Veneto S.p.A. Banca CR Firenze S.p.A. Cassa di Risparmio in Bologna

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COS È UN OBIETTIVO... 3 IL CONTROLLO DI GESTIONE...

Dettagli

Il valore della garanzia Confidi per la mitigazione del rischio di credito

Il valore della garanzia Confidi per la mitigazione del rischio di credito Il valore della garanzia Confidi per la mitigazione del rischio di credito Convegno ABI Basilea 3 Roma, 20 giugno 2011 1 Premessa - Il perimetro di gioco - Quale valore? Contabile? Commerciale? Ragioniamo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio di Indirizzo nella seduta del 14 febbraio 2014 1 SOMMARIO AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 3 1. PRINCIPI GENERALI Pag. 3 1.1. Finalità del

Dettagli

Organismo Italiano di Contabilità Approvato Comitato Esecutivo in data 25 giugno 2003 00187 Roma, Via Poli 29 Tel. 06/6976681 Fax: 06/69766830

Organismo Italiano di Contabilità Approvato Comitato Esecutivo in data 25 giugno 2003 00187 Roma, Via Poli 29 Tel. 06/6976681 Fax: 06/69766830 L APPLICAZIONE IN ITALIA DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI E LA RIFORMA DELLA DISCIPLINA DEL BILANCIO INTERVENTI LEGISLATIVI RELATIVI ALLA DISCIPLINA DEL BILANCIO IN CONSIDERAZIONE DEL D.LGS. 17 GENNAIO

Dettagli

Regolamento d investimento della Fondazione collettiva Perspectiva per la previdenza professionale. Edizione gennaio 2015

Regolamento d investimento della Fondazione collettiva Perspectiva per la previdenza professionale. Edizione gennaio 2015 Regolamento d investimento della Fondazione collettiva Perspectiva per la previdenza professionale Edizione gennaio 2015 2 Regolamento d investimento della Fondazione collettiva Perspectiva per la previdenza

Dettagli

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA BASILEA 2 TERZO PILASTRO Informativa al pubblico Anno 2010 INDICE Premessa Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale Tavola 2 - Rischio di credito: informazioni generali Tavola

Dettagli

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof.

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof. L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) 1 I contratti bancari fanno parte della più ampia categoria dei CONTRATTI FINANZIARI ossia quei contratti che si caratterizzano

Dettagli

Indice Presentazione Il bilancio bancario. Evoluzione e rivoluzione nell informativa La normativa di riferimento e gli schemi del bilancio bancario

Indice Presentazione Il bilancio bancario. Evoluzione e rivoluzione nell informativa La normativa di riferimento e gli schemi del bilancio bancario Indice Presentazione di Michele Rutigliano 1 Il bilancio bancario. Evoluzione e rivoluzione nell informativa 1 di Giuseppe Ceriani e Beatrice Frazza 1.1 Gli interventi del legislatore in tema di contenuto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA Approvato dal Collegio di Indirizzo In data 21 dicembre 2015 AMBITO DI APPLICAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli

Il rischio di credito

Il rischio di credito Il rischio di credito Componenti e modalità di gestione secondo Basilea 2 1 Il rischio di credito le diverse accezioni Tipologia Rischio di insolvenza Rischio di migrazione Rischio di spread Rischio di

Dettagli

Corso di Finanza Aziendale

Corso di Finanza Aziendale Corso di Finanza Aziendale Elementi del Nuovo Accordo di Basilea Basilea 2 - PMI e Retail Il documento pubblicato nel gennaio 2001 non prevedeva un trattamento delle PMI differenziato rispetto al portafoglio

Dettagli

La gestione del rischio di interesse e di mercato. Giuseppe Squeo

La gestione del rischio di interesse e di mercato. Giuseppe Squeo La gestione del rischio di interesse e di mercato Giuseppe Squeo 1 Il rischio di interesse: modalità esposizione Le modalità di esposizione al rischio di interesse sono: rischio di riprezzamento, quando

Dettagli