Appunti di Odonto (Sergio Alexandre Carnevale, AA 2010/11)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Appunti di Odonto (Sergio Alexandre Carnevale, AA 2010/11)"

Transcript

1 Appunti di Odonto (Sergio Alexandre Carnevale, AA 2010/11) 1. Carie (Prof. S.V.) Si tratta di una patologia a etiologia multifattoriale, anche correlata allo stato di sviluppo economico. Ha ruolo importante, comunque, la demineralizzazione dello smalto ad opera dei batteri. La lesione diventa dolente con il raggiungimento della polpa, con l'interessamento delle terminazioni nervose del dente. La carie può interessare lo smalto, la dentina, la polpa e può localizzarsi sulla corona o sul colletto. Al BiteWing (ossia la radiografia occlusale endorale, eseguita direttamente dall'odontoiatra) si presenta come immagine radiotrasparente, particolarmente utile in carie interprossimali difficili da identificare all'ispezione (spesso viene riferito lo strappamento del filo interdentale, che si lacera sui bordi della carie). La carie dello smalto inizia con la cosiddetta macchia bianca (white spot), una zona di demineralizzazione di aspetto gessoso: non trattandosi ancora di una soluzione di continuo dello smalto si può intervenire con applicazione topica di fluoruri (dentifricio, chewing-gum) che favorisce la rimineralizzazione dello smalto, oltre all'allontanamento di eventuali agenti cariogeni. La carie può esser classificata in superficiale (intaccante la dentina superficiale del solco occlusale del dente, asintomatica!), media (coinvolgimento di quasi tutto lo smalto di un elemento dentario ed interessamento esteso della dentina; la polpa rimane protetta dalla scarsa dentina residua, è iperemica, sensibile sia a stimoli chimici che masticatori, con dolore che recede al termine dell'insulto) e profonda (situazione che se non trattata evolve in pulpite, con presenza di infiltrato infiammatorio, dolore vivo e continuo che tipicamente ha picchi notturni per effetto della postura che favorisce l'afflusso di sangue). Talvolta la carie del colletto inizialmente risparmia lo smalto coronale, così come la carie della dentina può risparmiare gran parte dello smalto causando cavitazione del dente. Gli interventi consistono in restauri (un tempo in amalgama d'argento o piombo, ora in resine composite), intarsi (ovvero corone) onlay (apposti) o inlay (ancorati) in resine composite, porcellana oppure oro (possono coprire il dente parzialmente o in toto). 2. Estrazioni (Prof. S.V.) È indicata se il dente è anatomicamente alterato: per esempio con carie destruenti l'intera corona, in gravi paradontopatie (con mobilità dentale dovuta a perdita ossea e/o tasche profonde), paradontiti apicali (la parte più profonda della radice!) croniche non recuperabili con endodonzia, iperodonzia (denti soprannumerari che causa danno funzionale e estetico), denti decidui che resistono all'eruzione del dente permanente. La procedura inizia con anestesia locale, poi si pratica periotomia (taglio del legamento per scollare il dente dal paradonto con sindesmotomi o bisturi), presa con pinza, lussazione del dente (in senso rotatorio per estrarre radici coniche, in senso pendolare per estrarre radici multiple), distacco del legamento paradontale (che ancora profondamente il dente all'alveolo), avulsione dall'alveolo, curettage endosseo (abbondante, specie se si osserva ischemia marcata dovuta al vasocostrittore associato all'anestetico, che può causare alveolite secca, maggiormente in arcata superiore). Si può usare un materiale emostatico riassorbibile se il sanguinamento è maggiore di quanto atteso. L'estrazione chirurgica, invece, si avvale dell'uso di un lembo mucoperiosteo, demolendo una parte di tavolato osseo per estrarre direttamente dalla radice il dente. È indicato in caso di radici profonde (magari con rottura della corona!) non altrimenti eliminabili, specie se in vicinanza del seno mascellare o del canale mandibolare nei quali si potrebbe penetrare con la procedura con pinza; oppure se si corre il rischio di lesionare denti vicini (specie se questi sono ipercalcifici e quindi a rischio di rottura); o in ultimo se la radice da eliminare è il pilastro intermedio di un ponte che non si intende rimuovere. Il lembo (gengivale) avrà forma trapezoidale con base maggiore verso il vestibolo (assicurare vascolarizzazione! Buona finestra di accesso! Risparmio di altre strutture!). Si dice radice dentaria il residuo dentale senza corona (magari asportata in estrazione con pinza se c'è errato posizionamento delle branche della pinza stessa, o se viene usata una pinza

2 non adatta, ricordare che sono diverse per denti inferiori e superiori!, ma anche se la corona è stata demolita da una carie, se il dente è stato devitalizzato, oppure semplicemente per una questione di fragilità correlata all'età). La radice può essere recuperata con impianto, ma se ciò non è possibile l'asportazione chirurgica è raccomandata. Le radici possono presentare anomalie morfologiche (radici bifide, lunghe, fragili, a bacchetta, a clava). In ultima analisi l'estrazione può essere effettuata anche con leva, introdotta dall'alto se si agisce dal lato vestibolare o dal basso dal lato linguale. 3. Denti Inclusi (Prof. S.V.) Si tratta di denti non comparsi in arcata all'età opportuna, rimasti dentro (anche parzialmente) all'osso e coperti da gengiva. Vanno distinti denti inclusi (senza potere evolutivo, ossia con apice radicolare chiuso e legamento paradontale inattivo) da denti ritenuti (con ancora potenziale eruttivo!). Le cause possono essere genetiche (ipoplasia del mascellare), ambientali (una ipotesi: da aumento di cibi morbidi nella dieta), generiche (principalmente metaboliche, endocrine o infettive), locali (deficit di spazio da perdita precoce del dente deciduo o discrepanza dentoalveolare, oppure ostacoli meccanici come un dente soprannumerario, o ancora una malposizione primaria anche in seguito a traumi!). La ritenzione può essere parziale (se in dente sporge nel cavo orale ma non arriva alla linea occlusale) o totale (si distingue endossea da sottomucosa). Segni di presumibile inclusione sono: scomparsa di spazio in arcata, denti sovrannumerari, inclinazione del solco tra gli incisivi, presenza di bozze gengivali (reperto palpatorio!). Segni di inclusione conclamata: infiammazione (tumefazione dolente), trisma (per i denti del giudizio inferiori), nevralgie da compressione (specie del canino superiore sulla branca mascellare del trigemino). L'inclusione riguarda in ordine di frequenza il molari inferiori, quelli superiori, canini superiori, canino inferiore, premolari, incisivi. La classificazione di Pell-Gregory rende conto della posizione di inclusione del terzo molare (rispetto al margine anteriore della branca montante della mandibola: classe I se tutta la corona si trova anteriormente, classe II se la metà è sovrapposta alla branca montante, classe III se totalmente sovrapposta alla branca montante), quella di Thoma-Winter rende conto dell'inclinazione dell'asse del terzo molare rispetto al secondo (importante perchè in quella direzione si avrà il tragitto estrattivo : possono essere frequentemente mesio-inclinati e facili da estrarre, normo-inclinati ossia verticali, o raramente disto-inclinati e molto difficili da estrarre!). Inclusi ectopici invece sono denti dislocati un altre parti della mandibola (processo coronoide, porzione basale della branca orizzontale, angolo, processo condiloideo). La diagnosi in questo caso si conferma con RX endorale o panoramica. Ricoradare che per odontotomia si intende il taglio della porzione coronale del dente! 4. Paradontologia Per paradonto si intende l'insieme dei tessuti intorno agli elementi dentari. La parte più visibile è formata da gengiva e mucosa orale, in continuità tra loro ma diverse per consistenza e per colore (la prima dura e pallida, la seconda morbida e rosea). DA RIC ORDARE CHE IL PARADONTO SUPERFICIALE (formato da gengiva marginale, depressione gengivale, gengiva aderente, giunzione mucogengivale e mucosa orale/alveolare) DERIVA DAL FOGLIETTO ECTODERMICO, MENTRE IL PARADONTO PROFONDO (formato da cemento radicolare, legamento paradontale e osso alveolare) DA QUELLO MESODERMICO (TESSUTO MESENCHIMALE) PERCHÈ C'È UNA DOMANDA SUL COMPITO! Tra osso e mucosa si instaura una giunzione emidesmosomiale (!), con la formazione di un bordo esplorabile con una sonda millimetrata: una profondità di più di 2 mm, dolore, sanguinamento sono indicativi di paradontopatia (più o meno grave). La papilla interdentale invece è una zona di inspessimento connettivale del paradonto interdentale. Tipica malattia paradontale è il tartaro, formato per lo più da placca batterica. RICORDARE CHE ESISTE NEL BAMBINO UNA PLACCA SOPRAGENGIVALE (OSSIA AL BORDO TRA DENTE E GENGIVA) SOTTILE E MARRONCINA DA ACTINOMICETI, NON DOVUTA AD UNA SCARSA IGIENE (negli anni '80 inoltre sembrava addirittura che l'actinobacillus actinomycetemcomitans fosse l'unico

3 patogeno responsabile di paradontopatia di origine microbica. Tutto ciò venne smentito negli anni successivi!). Le paradontopatie sono però spesso espressione di perdita di tessuto e dell'osso. Le paradontopatie si possono cercare di prevenire con lo stile di vita. Fattori di rischio sono rappresentati da microbi, malattie funzionali, malattie endogene. I microbi tipici nelle paradontopatie superficiali sono Gram+ colonizzanti, mentre per quelle profonde è facile il riscontro di Gram-, anche più virulenti. Malattie funzionali sono date anche da difetti di forma dell'apparato fonatognatico in quanto anche una scorretta respirazione (es. respirazione orale porta a ogivalizzazione del palato, con abbassamento della lingua che a lungo andare sposta vestibolarmente i denti causando compressione alveolare), così come scoretta masticazione, scorretta deglutizione (es: deglutizione atipica o infantile con posizionamento della lingua tra i denti e non sul palato! La lingua ha 17 fasci muscolari e un solo punto di appoggio, ovvero l'inserzione! L'altro lo deve trovare appoggiandosi!), scorretta occlusione (perdita del riflesso di apertura con conseguente serramento statico delle arcate oppure bruxismo dinamico, che, oltre alle tipiche abrasioni dentali, specie nella donna può anche indurre emicrania muscolotensiva mattutina!). Serramento e bruxismo inoltre terrorizzano il dentista in quanto spesso scardinano le otturazioni e generano instabilità dentale generalizzata per eccesso di sollecitazione! Malattie endogene correlate a paradontopatia invece sono patologie che possono alterare il trofismo, come la microangiopatia diabetica. Ci sono inoltre FARMACI che possono indurre mucosite, con alterazioni paradontali. RICORDARE CHE IL TRATTAMENTO CORTISONICO SI ASSOCIA A MAGGIORE INCIDENZA DI PARADONTOSI IN QUANTO INDUCE IPERTROFIA E DISTROFIA OSSEA! La flogosi gengivale rende più simili gengiva e mucosa. Grande capitolo della patologia paradontale è formato da iper- e ipoplasia gengivale, con evidente sovvertimento della struttura normale. L'iperplasia può essere su base genetica o su base iatrogena, come in caso di impianti male eseguiti. RICORDARE CHE CI SONO FARMACI CHE INDUCONO IPERPLASIA GENGIVALE REVERSIBILE E NON. L'ipoplasia invece è spesso correlata a lesioni da spazzolino (dovute a spazzolamento energico e non corretto), con scopertura della radice, ma anche riferibile a danno funzionale con flessione del dente in occlusione, che determina danno prima allo smalto, poi al cemento radicolare, spesso interessando successivamente l'osso. Altre paradontopatie possono essere causate da frenuli particolarmente lunghi che tendono a staccare la gengiva dall'osso quando messi in tensione. In ultimo, ascessi gengivali possono essere espressione di paradontopatia profonda, come in caso di carie radicolare! La terapia del paradonto superficiale è affidata all'igienista dentale, quella del paradonto profondo al dentista in quanto l'approccio è chirurgico con apertura di lembi. Per l'iperplasia spesso la gengivectomia è l'unica terapia proponibile. La rimozione chirurgica di parte della gengiva viene poi medicata con un cemento chirurgico, a scopo protettivo (coprente!). Questa pasta era formata da una pasta base con aggiunta di antibiotici. La gengivectomia viene spesso associata a gengivoplastica, ovvero la creazione di veri e propri canali di scolo, scarificando con la lama del bisturi rivolta verso le corone dentali. Nelle forme familiari di iperplasia, l'intervento viene effettuato in età adulta. Frenulotomie sono indicate laddove il frenulo sia fonte di eccessiva trazione. L'ascesso gengivale viene invece drenato e successivamente si interviene sulla causa che l'ha provocato. Per l'ipoplasia si possono utilizzare innesti gengivali liberi, ossia prelievi di fibromucosa palatina impiantata direttamente sul periostio delle arcate dentarie tramite lembo. L'attecchimento di questi frammenti sul periostio è reso possibile dal fatto che questo tessuto (che si attiva durante la crescita o nei traumi) è riccamente vascolarizzato. [Anni fa, al posto di tessuto prelevato dal paziente, si usava la LYODURA, un preparato di dura madre umana liofilizzata, che una volta reidratata poteva essere usata come fibromucosa. Inoltre esisteva anche l'osteovit, una pasta di liofilizzato di osso bovino, per ricostruire l'osso delle arcate eventualmente danneggiato, mentre il dente disancorato veniva fissato con un ponte. Questi preparati sono stai tolti dal commercio per l'elevato rischio biologico!]

4 Epulide: si tratta di una lesione gengivale che ricorda l'iperplasia, ma che in realtà è una proliferazione connettivale in un unico focolaio localizzato tra gli incisivi superiori. È una lesione di non raro riscontro nella donna gravida, dove è parafisiologica e va incontro a regressione spontanea, mentre al di fuori di questo caso va considerata come una lesione anche precancerosa. La diagnosi è istologica e evidenzia alterazioni gigantocellulari del tessuto. In questo caso l'approccio non è la sola gengivotomia ma la resezione fino al legamento. 5. Pedodonzia (Prof. G.A.) Studia la patologia dentale nel bambino, eccettuando la branca ortognatodontica e l'ortopedia maxillo-facciale. Momenti della dentizione: proliferazione iniziale (in utero: comparsa in 4-5 settimana gestazionale di inspessimenti ectodermici dai quali origineranno di denti: qui eventuali noxae patogene di origine materna possono influenzare la formazione dei denti per quanto riguarda il numero!), istodifferenziazione, morfodifferenziazione, mineralizzazione, emergenza, eruzione, rizolisi (erosione della radice del dente deciduo da parte del dente permanente sottostante!). IMPORTANTE RICORDARE LA NOMENCLATURA DEI DENTI: Divisione della bocca in quattro quadranti, ognuno con 8 denti permanenti oppure 5 denti decidui. L'elemento dentale viene identificato con un numero dove la decina indica l'emiarcata d'appartenenza, mentre l'unità indica il dente. Il quadrante 1 è l'emiarcata superiore destra, il 2 l'emiarcata superiore sinistra, il 3 l'emiarcata inferiore sinistra, il 4 l'emiarcata inferiore destra (ricordarsi che si procede in senso orario, in pratica). Per la dentatura decidua si usa la stessa numerazione, ma con i numeri 5, 6,7 e 8 per indicare i quadranti rispettivamente 1,2,3 e 4. Gli elementi dentari permanenti invece sono: 1=incisivo centrale, 2=incisivo laterale, 3=canino, 4=1 premolare, 5=2 premolare, 6=1 molare, 7=2 molare, 8=3 molare o dente del giudizio. Per i decidui sono: 1=incisivo centrale, 2=incisivo laterale, 3=canino, 4=1 molare, 5=2 molare, in quanto mancano i premolari (ricordare che è quindi inutile la dizione premolare permanente, in quando non c'è nella dentatura decidua!). È importante inoltre sapere che un dente decicuo va ugualmente curato se danneggiato, perchè la sua presenza in buona salute determina un corretto cambio della dentatura: è quindi sbagliato pensare non lo curo, tanto deve cadere!. Per la dentatura decidua l'ordine di eruzione è spesso: incisivi centrali inferiori, incisivi centrali superiori, incisivi laterali, 1 molari (rimane quindi il buchetto ), canini, 2 molari. Questo evento avviene dai 6 ai 36 mesi di età (mentre l'eruzione de i denti permanenti tra i 6 e i 12 anni!). Per questi la sequenza è: 1 molari (che non hanno radice da erodere), incisivi centrali, incisivi laterali, 1 premolari, canini, 2 premolari, 2 molari. I 3 molari erompono tra i 18 ed i 25 anni, quindi non competono la pedodonzia. Un segno suggestivo da considerare è l'allungamento dei denti decidui: l'allungamento è il realtà apparente e dovuto spesso a fratture tra radici e corona del dente decicuo o a traumi. Utile esaminare anche le mani del bambino, poiché calli sul dorso del pollice possono suggerire che il bambino succhi il dito: questa abitudine se mantenuta può portare anche all'overbite (ossia lo sventagliamento degli incisivi in avanti con conseguente deformazione ossea, in quanto l'osso del bambino è facilmente deformabile) ed eventualmente al Crossbite (morso crociato). Nei bambini di 2-3 anni si possono anche vedere delle carie da ciuccio e da biberon : sono erosioni del colletto dei denti del gruppo frontale superiore dovute all'abuso da parte parentale di ciucci e biberon, ancor peggio se toccati nello zucchero o nel miele, per calmare il pianto notturno del bambino. Ci sono poi alterazioni di numero, forma o dimensioni dei denti decidui. A lezione sono state trattate solo quelle riguardanti il numero. Per ANODONZIA si intende la grave condizione di mancanza di tutti gli elementi dentari, spesso associata a malformazioni non compatibili con la vita o con malattie che spesso non consento la sopravvivenza del bambino fino all'adolescenza. Per OLIGODONZIA si intende la presenza di un esiguo numero di denti in arcata. Spesso si osserva in sindromi complesse.

5 Per IPODONZIA si intende la mancanza di 1-2 denti, e per alcuni autori anche fino a 4. Queste alterazioni (possibili anche per infezioni o anche semplicemente uno stato iperpiretico spinto della madre in gravidanza) se opportunamente trattate non danno problemi permanenti. L'assenza degli elementi dentari è in ordine di frequenza: 2 premolari inferiori, 2 premolari superiori, incisivi laterali superiori, 1 premolari superiori, 1 premolari inferiori. Gli altri denti sono raramente assenti. Per IPERODONZIA si intende la presenza di denti sovrannumerari in arcata, e si tratta di una situazione non troppo problematica da trattare. In ordine di frequenza si osservano: MESIODENS (un dente sovrannumerario posto tra gli incisivi centrali, più spesso inferiori, talvolta posto leggermente al di dietro di questi. Per migliorare l'occlusione, di norma l'arcata opposta tende a distalizzare gli incisivi centrali), duplicazione di un incisivo laterale superiore, duplicazione di un secondo premolare o la presenza di un quarto molare (elemento 9). L'ultimo può esser più problematico perchè spesso causa una pericoronite da mancanza di spazio in arcata. Le terapie per queste patologie sono: copertura dei danni dei denti decidui con capsule metalliche preformate che devono essere adattate dal dentista, mantenitori di spazio nel caso di denti mancanti (conservare lo spazio tra i decidui in attesa dell'eruzione del dente permanente oppure conservazione dello spazio tra denti permanenti in eruzione per una implantologia in titanio biocompatibile successiva), estrazioni dentarie. Anestesia: derivato dell'acido paraminobenzoico (es. carbocaina) in associazione con vasocostrittore (es. adrenalina, allo scopo di aumentare permanenza locale del farmaco e di ridurre i sanguinamenti durante e dopo la procedura), già formulati in tubofiale da 1,8 cc. Se la zona da anestetizzare è infetta o infiammata, si può procedere ad un'anestesia tronculare. Ripassare a grandi linee l'innervazione dei denti e della bocca sul testo! RICORDARE CHE L'ANESTESIA VIENE EFFETTUATA LOCALMENTE ALLA VELOCITÀ DI 1 ml IN SECONDI, PER NON CAUSARE DOLORE DA SCOLLAMENTO DELLE TERMINAZIONI NERVOSE DEL PARODONTO! C'È UNA DOMANDA SU QUESTO! Prima dell'iniezione può essere utile spiegare al bambino cosa si farà e magari premedicarlo con un gel anestetico. In ultimo: differenze tra denti decidui e denti permanenti. I primi sono più chiari, hanno diametro vestibolo-linguale (antero-posteriore) maggiore rispetto a quello mesio-distale (latero-laterale) (eccettuato il secondo molare deciduo che viene rimpiazzato da un secondo premolare che è è di 2-4 mm più stretto!), smalto e dentina sono meno rappresentati (polpa superficializzata), le superfici laterali dei denti sono totalmente a contatto l'una con l'altra. I permanenti hanno uno smalto più scuro, hanno dimensioni maggiori in senso mesio-distale, smalto e dentina sono ben rappresentati, il contatto è puntiforme in prossimità del piano occlusale. 6. Protesi Dentaria (Prof. P.P.) È la disciplina finalizzata al ripristino dell'integrità dell'arcata dentaria laddove manchi uno o più elementi (mancanza per carie destruente, trauma, paradontopatie, agenesia del dente). Si tratta di una tecnica indiretta, perchè tra la fase clinica e quella terapeutica c'è una fase intermedia di lavorazione della protesi in laboratorio. Rilevante l'apporto dell'igiene orale al miglioramento della salute del paradonto, ma nuovi problemi a riguardo sono causati da paradontopatie da debolezza, a causa dell'invecchiamento della popolazione in cura. Basti pensare che nel mondo occidentale la vita media è in continuo aumento (considerando che nel periodo l'incremento annuale della vita media si attestava su 1 ogni 20 anni trascorsi e nel periodo l'incremento è raddoppiato portandosi a 1 ogni 10, con una aspettativa di vita alla nascita stimata dall'istat nel 2000 in 75,6 anni per gli uomini ed 81,4 per le donne!). Le protesi dentarie possono essere classificate in: fisse (siano esse sostituenti di uno o più elementi), rimovibili parziali (uno o più elementi), rimovibili totali (tutti gli elementi di un'arcata). Le protesi rimovibili necessitano di una cura diversa, in quanto per assicurare la migliore igiene dei denti residui e della protesi stessa questa andrebbe rimossa ogni pulizia (considerare che queste protesi sono formate da elementi coronali e elementi di giunzione, e su ognuno di questi l'adesione della placca batterica è molto forte. Questo tipo di placca, diversa sia quantitativamente che

6 qualitativamente, è spesso causa del progredire di paradontopatie che aggravano la situazione iniziale, se non la si controlla con igiene adeguata! Gli elementi non coronali inoltre, essendo posizionati in prossimità dell'osso alveolare, possono danneggiarlo per microtraumi o compressione!). I vari tipi di protesi inoltre differiscono tra loro per il tipo di supporto che utilizzano: le protesi fisse usano un supporto totalmente dentale (viene collocata tra due denti in grado di funzionare come pilastri dell'protesi), le protesi rimovibili sono a supporto misto dentale-mucoso (in quanto spesso un dente che possa fornire supporto si trova solo lateralmente o mesialmente), le protesi rimovibili totali sono a supporto squisitamente mucoso (con tutti i problemi di microtraumatismo che ne possono conseguire). Le indicazioni alla protesizzazione sono in relazione all'area edentula, alla qualità del supporto paradontale ed eventualmente dei denti pilastro. Bisogna rapportare il guadagno che si ha da una protesizzazione al costo biologico della stessa, visto che la procedura andrà a creare un carico masticatorio maggiore sui denti pilastro, o a scaricarlo sul paradonto (RICORDARE CHE LA FORZA MASTICATORIA DI UNA PERSONA CON PROTESI TOTALE RIMOVIBILE È PARI AL 20-25% DI QUELLA DI UNA PERSONA SANA, DAL MOMENTO CHE IL TRAUMA SUL PARADONTO È DOLOROSO E LA PERSONA NON RIESCE A CARICARE NORMALMENTE!) o comunque prevederà una decorticazione del dente (a forma troncoconica, con conseguente perdita di smalto che esporrà il dente pilastro a una quantità di insulti) in caso di protesi fissa. Una protesi rimovibile può essere indicata sia in casi di edentulismo intercalare (ovvero con denti sani lateralmente e mesialmente) che distale (laddove un lato della protesi non poggia su nessun elemento). Per primo caso la tecnica si dice tooth borne (a sostegno dentale), nel secondo partial extension. Le funzioni di una protesi sono molteplici: oltre a servire come profilassi strutturale, migliora il comfort psicologico, ha valore estetico (migliore vita di relazione), ristabilisce la funzionalità fonatoria ottimale per le consonanti. Un cenno alla profilassi funzionale: è opportuno ricordare che un mascellare o una mandibola edentuli sono considerati portatori di una malattia cronica, in quanto l'assenza degli elementi dentari porta ad un rimodellamento osseo. Nel caso della mandibola, per esempio, potremmo avere l'abbattimento dei processi alveolari, la diminuzione dell'angolo goniaco, la deformazione dell'articolazione temporo-mandibolare, il progenismo. L'osso mascellare è ancor più sensibile agli insulti in caso di edentulia per la sua più marcata pneumatizzazione (che risulta in una diminuzione della densità rispetto ad altre ossa). Tutti i concetti sopra esposti sono stati rivoluzionati con l'avvento dell'implantoprotesi, che di fatto vicaria anche la radice del dente con l'impianto intraosseo di un supporto. Il primo uomo di scienza a dimostrare la validità dell'implantologia fu il Prof. Branemark, ortopedico e fisiatra svedese, negli anni '70. Branemark fissò inoltre quattro principi fondamentali per l'implantologia: 1. Preparazione del sito implantare con fresa a 2000 rpm (giri al minuto) 2. Uso del titanio come materiale per la radice artificiale 3. Messa a riposo dell'impianto 4. Non surriscaldamento osseo Questi principi sono ancora oggi validi (eccetto il terzo, visto lo sviluppo sempre maggiore della tecnica di impianto a carico immediato, comunque differente da quella utilizzata da Branemark. I punti 1 e 4 sono strettamente connessi, in quanto l'uso di una fresa a basso numero di giri permette una preparazione più fine del sito d'impianto, ed al contempo limita il danno osseo che specialmente in caso di frese a elevato numero di giri al minuto si configura in una termoosteonecrosi delle zone in prossimità dell'intervento Il titanio, invece, viene impiegato per la sua elevata inerzia biologica, in quanto si è osservato che pure in natura il metallo si trova in sottili lamine coperte da un fine strato di ossido di titanio (TiO2), che tende a non dare nessuna reazione immunitaria. La necessità di lasciare l'impianto a riposo, in ultimo, scaturiva dal fatto che la ferita ossea scavata

7 dall'odontoiatra si rimineralizza in giorni. Le radici d'impianto vengono lasciate coperte da mucosa per 4-6 mesi, per far sì che nessun movimento possa danneggiare il processo riparativo dell'osso e pregiudicare l'osteointegrazione del titanio. È inoltre opportuno ricordare che essendo gli impianti delle radici artificiali, questi possono essere utilizzati come pilastri per una protesizzazione! Negli ultimi tempi, grazie allo splintaggio (legatura a ponte rigida, in oro, tra più impianti o elementi dentari), le tecniche di implantologia a carico immediato (in ore dall'intervento) sono di comune impiego. Una differente tecnica detta one-step consiste nel posizionamento dell'impianto a carico ritardato ma senza che questo venga coperto da mucosa a fini protettivi. Va ricordato inoltre che per una corretta pratica implantologica l'osso deve essere di uno spessore di almeno mm, per consentire un attecchimento ottimale. Limiti della tecnica sono l'impossibilità di impiego nei pazienti occlusalmente attivi (bruxismo), paradontalmente sensibili e/o con scarsa disponibilità di osso (sia per qualità che quantità!), il costo economico della procedura non accessibile a tutti. Controindicazioni relative alla pratica implantologica sono: malattie autoimmuni, pazienti forti fumatori, diabetici (probabilmente accomunati da una microangiopatia sottostante che rende difficile il recupero osseo dopo l'intevento), pazienti poliartritici, psichiatrici, con una storia di tossicodipendenza. Una controindicazione assoluta che è bene ricordare è la gravidanza.

Numero Libretto sanitario Pediatrico. codice sanitario. cognome. nome. nato/a a. data di nascita. indirizzo. telefono. variazioni di indirizzo

Numero Libretto sanitario Pediatrico. codice sanitario. cognome. nome. nato/a a. data di nascita. indirizzo. telefono. variazioni di indirizzo Numero Libretto sanitario Pediatrico codice sanitario cognome nome nato/a a data di nascita indirizzo telefono variazioni di indirizzo Indicazioni generali sulle problematiche odontoiatriche dell età evolutiva

Dettagli

Descrizione prestazione

Descrizione prestazione Descrizione prestazione CONSERVATIVA Sigillatura (per ogni dente) Cavità di 5ª classe di BLACK Cavità di 1ª classe di BLACK Cavità di 2ª classe di BLACK Cavità di 3ª classe di BLACK Cavità di 4ª classe

Dettagli

CONSERVATIVA. - sigillatura (per ogni dente) - restauro cavità prima classe di Black. - restrauro cavità seconda classe di Black

CONSERVATIVA. - sigillatura (per ogni dente) - restauro cavità prima classe di Black. - restrauro cavità seconda classe di Black CONSERVATIVA - sigillatura (per ogni dente) - restauro cavità prima classe di Black - restrauro cavità seconda classe di Black - restauro cavità terza classe di Black - restauro cavità quarta classe di

Dettagli

NOMENCLATORE ODONTOIATRIA

NOMENCLATORE ODONTOIATRIA NOMENCLATORE ODONTOIATRIA VISITA SPECIALISTICA 70GN01 ANALISI GNATOLOGICA 70OR01 VISITA SPECIALISTICA ORTODONTICA COMPRENSIVA DI PIANO DI CURE 70VI01 PRIMA VISITA COMPRENSIVA DELLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA

Dettagli

Carta Servizi PROTESI DENTALE

Carta Servizi PROTESI DENTALE Dott. Antonio Calabrese Carta Servizi PROTESI DENTALE La Protesi Dentale è quella branca odontoiatrica che si occupa della sostituzione dei denti naturali andati persi. Se uno o più denti sono andati perduti

Dettagli

Dettagli della convenzione : sconto del 20% sul listino prezzi

Dettagli della convenzione : sconto del 20% sul listino prezzi STUDIO MEDICO DENTISTICO P.F. Dental S.a.s. di Faluci Angela e c Via Trilussa 13 20157 MILANO Partita IVA : 10984260157 Direttore Sanitario : Dott.ssa Sandra Pettineo iscritta all albo degli Odontoiatri

Dettagli

Vademecum informativo per il paziente ad esclusivo uso interno

Vademecum informativo per il paziente ad esclusivo uso interno Vademecum informativo per il paziente ad esclusivo uso interno Gentile paziente, siamo lieti di presentarle questo vademecum informativo, sperando Le possa essere di aiuto per una migliore conoscenza dei

Dettagli

NOMENCLATORE TAROFFARIO S.S.N. ODONTOSTOMATOLOGIA MAXILLO FACCIALLE dal sito: www.sanita.regione.lombardia.it

NOMENCLATORE TAROFFARIO S.S.N. ODONTOSTOMATOLOGIA MAXILLO FACCIALLE dal sito: www.sanita.regione.lombardia.it codice nota descr_prestaz breve DESCR_PRESTAZ_completa tariffa_euro in vigore da prenotazioni 1.1.2010 BS_n BS_M1 descr_bs_m1 CHIUSURA DI FISTOLA OROANTRALE; Chiusura di 22.71 P CHIUSURA DI FISTOLA OROANTRALE

Dettagli

Lo Studio Dentistico Sajjadi propone tariffe speciali per alcune categorie:

Lo Studio Dentistico Sajjadi propone tariffe speciali per alcune categorie: Lo Studio Dentistico Sajjadi propone tariffe speciali per alcune categorie: Forze dell Ordine Militari Studenti Pensionati Inoltre : STUDIO DENTISTICO Dott. Mirali Sajjadi Via F.P. Michetti, n 1 67100

Dettagli

DR. MARIO BUCCIARELLI MEDICO DENTISTA DANILO AVOLIO MEDICO DENTISTA

DR. MARIO BUCCIARELLI MEDICO DENTISTA DANILO AVOLIO MEDICO DENTISTA 1 DR. MARIO BUCCIARELLI MEDICO DENTISTA Denti e dentizioni DANILO AVOLIO MEDICO DENTISTA 2 A seconda della loro morfologia distinguiamo quattro tipi di denti: - Gli incisivi - I canini - I premolari -

Dettagli

ELENCO CURE DENTARIE NOMENCLATORE BASE

ELENCO CURE DENTARIE NOMENCLATORE BASE ELENCO CURE DENTARIE NOMENCLATORE BASE La garanzia copre le seguenti prestazioni: VISITE Visita unica o prima in ambulatorio Visita specialistica ANESTESIA Anestesia di superficie Anestesista locale o

Dettagli

F.A.Q. (Domande Frequenti)

F.A.Q. (Domande Frequenti) F.A.Q. (Domande Frequenti) 1) QUANTO COSTA UNA VISITA? La prima visita è gratuita; 2) OGNI QUANTO DOVREI FARE L'ABLAZIONE DEL TARTARO? La frequenza con cui è opportuno farsi controllare dipenda essenzialmente

Dettagli

Tariffario Odontoiatrico

Tariffario Odontoiatrico Tariffario Odontoiatrico Il presente tariffario riporta le prestazioni eseguibili in Odontoiatria. Le prestazioni elencate sono comprensive di tutti i materiali utilizzati sia chirurgici che protesici

Dettagli

NOMENCLATORE TARIFFARIO 2011

NOMENCLATORE TARIFFARIO 2011 GRUPPO R - PRESTAZIONI ODONTOIATRICHE SEZIONE DIAGNOSTICA IGIENE ORALE PARODONTOLOGIA Premessa specifica di branca: tutte le prestazioni sono comprensive dell'anestesia locale Premessa: la visita Odontoiatrica

Dettagli

Prestazioni erogabili solo conformemente alle specifiche indicazioni clinico diagnostiche (allegato 2

Prestazioni erogabili solo conformemente alle specifiche indicazioni clinico diagnostiche (allegato 2 ALLEGATO B Prestazioni erogabili solo conformemente alle specifiche indicazioni clinico diagnostiche (allegato 2 BRANCA CODICE DESCRIZIONE TARIFFA nomenclatore) NOTE 89.7 Visita 22,00 CHIUSURA DI FISTOLA

Dettagli

TARIFFARIO STUDIO DOTT. FABOZZI DESCRIZIONE DOCUMENTAZIONE. VISITA SPECIALISTICA GN0 1 ANALISI GNATOLOGICA Una volta 150,00

TARIFFARIO STUDIO DOTT. FABOZZI DESCRIZIONE DOCUMENTAZIONE. VISITA SPECIALISTICA GN0 1 ANALISI GNATOLOGICA Una volta 150,00 TARIFFARIO STUDIO DOTT. FABOZZI ID DESCRIZIONE DOCUMENTAZIONE TARIFFA VISITA SPECIALISTICA GN0 1 ANALISI GNATOLOGICA Una volta 150,00 OR01 VI 01 VISITA SPECIALISTICA ORTODONTICA COMPRENSIVA DI PIANO DI

Dettagli

Studio Dentistico Associato Dr.i Calcagnile Pasquale, Federica e Filippo

Studio Dentistico Associato Dr.i Calcagnile Pasquale, Federica e Filippo Studio Dentistico Associato Dr.i Calcagnile Pasquale, Federica e Filippo TARIFFARIO 2015 DIAGNOSI COSTO Visita 50,00 Modelli studio 30,00 Rx endorale 20,00 Ortopantomografia 50,00 Teleradiografia 60,00

Dettagli

IL DENTISTA DI COOPERAZIONE SALUTE NOMENCLATORE TARIFFARIO ODONTOIATRIA

IL DENTISTA DI COOPERAZIONE SALUTE NOMENCLATORE TARIFFARIO ODONTOIATRIA www.cooperazionesalute.it IL DENTISTA DI COOPERAZIONE SALUTE NOMENCLATORE TARIFFARIO ODONTOIATRIA Il Network Odontoiatrico di Cooperazione Salute è disponibile grazie alla collaborazione con Blue Assitance.

Dettagli

S E G R E T E R I A R E G I O N A L E S I C I L I A CONVENZIONE QUESTA SEGRETERIA HA STIPULATO UNA CONVENZIONE CON STUDIO DENTISTICO

S E G R E T E R I A R E G I O N A L E S I C I L I A CONVENZIONE QUESTA SEGRETERIA HA STIPULATO UNA CONVENZIONE CON STUDIO DENTISTICO S E G R E T E R I A R E G I O N A L E S I C I L I A CONVENZIONE QUESTA SEGRETERIA HA STIPULATO UNA CONVENZIONE CON STUDIO DENTISTICO Dott. Salvatore Tomarchio Viale M. Rapisardi, 310 -Catania Iscr. Albo

Dettagli

Igiene e cura dei denti

Igiene e cura dei denti Igiene e cura dei denti Capitolo 3 La salute della bocca La nostra bocca (cavo orale) è un sito anatomico riccamente abitato da microrganismi, che insieme formano un complesso e delicato ecosistema in

Dettagli

CENTRI ODONTOIATRICI CARTA DEI SERVIZI.

CENTRI ODONTOIATRICI CARTA DEI SERVIZI. CENTRI ODONTOIATRICI CARTA DEI SERVIZI. CARTA DEI SERVIZI MISSION. Doctor Dentist si propone di erogare PRESTAZIONI ODONTOIATRICHE di qualità e di attenta professionalità clinica, avvalendosi per questo

Dettagli

I traumi della bocca: l essenziale da sapere

I traumi della bocca: l essenziale da sapere I traumi della bocca: l essenziale da sapere 15 Convegno Pediatrico Congresso Nazionale di Pediatria Pratica Firenze, 12-13 Novembre 2010 Dr.ssa Laura Bartolozzi Epidemiologia La traumatologia oro-facciale

Dettagli

Tariffario 2014 da scontare del 20%

Tariffario 2014 da scontare del 20% Diagnostica Visita 50 GRATUITA Rx endorale 10 Igiene Orale Ablazione tartaro con Istruzione e motivazione all'igiene orale 60 Rimozione macchie con getto di bicarbonato 20 Levigatura radicolare (a quadrante)

Dettagli

PAS Percorsi Abilitanti Speciali DM 58/2013

PAS Percorsi Abilitanti Speciali DM 58/2013 PAS Percorsi Abilitanti Speciali DM 58/2013 Il docente di Laboratorio "Esercitazione in Odontotecnica concorre a far conseguire allo studente, al termine del periodo quinquennale di istruzione professionale

Dettagli

Sono passati oltre 50 anni dalle prime sperimentazioni scientifiche. http://www.dentistaitaliano.it/documents/formigginirisn.3-1947.

Sono passati oltre 50 anni dalle prime sperimentazioni scientifiche. http://www.dentistaitaliano.it/documents/formigginirisn.3-1947. Sono passati oltre 50 anni dalle prime sperimentazioni scientifiche. http://www.dentistaitaliano.it/documents/formigginirisn.3-1947.pdf La Nostra esperienza Implantologica risale al 1982 col Professor

Dettagli

ARTICLE IN PRESS. Ateneo Vita e Salute, Istituto Scientifico Universitario San Raffaele Milano; libero professionista in Milano. Fig.

ARTICLE IN PRESS. Ateneo Vita e Salute, Istituto Scientifico Universitario San Raffaele Milano; libero professionista in Milano. Fig. stepbystep Tecnica chirurgica Impianto post-estrattivo a carico immediato Q1 D.A. Di Stefano a, G. Greco, F. Giuzio a Ateneo Vita e Salute, Istituto Scientifico Universitario San Raffaele Milano; libero

Dettagli

LE DOMANDE PIU FREQUENTI AL VOSTRO DENTISTA:

LE DOMANDE PIU FREQUENTI AL VOSTRO DENTISTA: Lo sbiancamento Posso fare lo sbiancamento? Ci sono determinate situazioni in cui lo sbiancamento non è utile o non avrebbe un buon risultato oppure ha delle controindicazioni. E consigliabile eseguire

Dettagli

- All inizio, la carie può essere solo visibile, senza dare sintomi particolari. Man mano che la lesione cariosa progredisce fino a giungere alla

- All inizio, la carie può essere solo visibile, senza dare sintomi particolari. Man mano che la lesione cariosa progredisce fino a giungere alla LA CARIE La carie è una malattia degenerativa dei tessuti duri del dente (smalto dentina) e che origina dalla superficie e procede in profondità fino alla polpa dentale. CAUSE: Le cause della carie sono

Dettagli

Allegato A 1-. Prestazioni sanitarie assicurate e tariffe erogabili a tutti gli aventi

Allegato A 1-. Prestazioni sanitarie assicurate e tariffe erogabili a tutti gli aventi NOMENCLATORE TARIFFARIO DELLE PRESTAZIONI DELLA BRANCA DI ODONTOSTOMATOLOGIA Allegato A 1-. Prestazioni sanitarie assicurate e tariffe erogabili a tutti gli aventi diritto Codice nota Descrizione prestazione

Dettagli

PRESTAZIONI DI ASSISTENZA SPECIALISTICA AMBULATORIALE Estratto Nomenclatore Tariffario Regionale 22.71 CHIUSURA DI FISTOLA OROANTRALE 79,17

PRESTAZIONI DI ASSISTENZA SPECIALISTICA AMBULATORIALE Estratto Nomenclatore Tariffario Regionale 22.71 CHIUSURA DI FISTOLA OROANTRALE 79,17 PRESTAZIONI DI ASSISTENZA SPECIALISTICA AMBULATORIALE Estratto Nomenclatore Tariffario Regionale CODICE DESCRIZIONE TARIFFA Euro 22.71 CHIUSURA DI FISTOLA OROANTRALE 79,17 Chiusura di fistola del seno

Dettagli

CASI CLINICI. situazioni di grave atrofia ossea usando tecniche chirurgiche che sfruttano l anatomia

CASI CLINICI. situazioni di grave atrofia ossea usando tecniche chirurgiche che sfruttano l anatomia 73 CASI CLINICI Sono stati scelti tre casi clinici di riabilitazione impianto protesica postestrattiva. Due casi sono esempi didattici per dimostrare come spesso sia possibile risolvere situazioni di grave

Dettagli

NOMENCLATORE PRESTAZIONI ODONTOIATRICHE OPZIONE TOP

NOMENCLATORE PRESTAZIONI ODONTOIATRICHE OPZIONE TOP NOMENCLATORE PRESTAZIONI ODONTOIATRICHE OPZIONE TOP La garanzia copre le seguenti prestazioni: VISITE Visita unica o prima in ambulatorio Visita specialistica ANESTESIA Anestesia di superficie Anestesista

Dettagli

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE La bocca o cavità orale (Fig. 1) è il primo tratto dell apparato digerente. È un organo cavo, di forma ovoide

Dettagli

CODICE DESCRIZIONE TARIFFA IN

CODICE DESCRIZIONE TARIFFA IN NOMENCLATORE DELLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA ODONTOIATRICA Direttive 2009 LEGGE PROVINCIALE 22/2007 NOTE: * Quota indicativa se e in quanto dovuta rispetto al grado di coinvolgimento della competenza odontotecnica.

Dettagli

Sez. 4/1 PROTESI FISSA

Sez. 4/1 PROTESI FISSA Sez. 4/1 PROTESI FISSA La protesi fissa è un manufatto posizionato su denti preparati che una volta fissato può essere disinserito dall'odontoiatra mediante decementazione. E' definita protesi fisiologica

Dettagli

Guida all Igiene Dentale

Guida all Igiene Dentale Guida all Igiene Dentale Education Scuola & Lavoro srl Torino Tutti i diritti riservati I DENTI La bocca o cavità orale è il primo tratto dell apparato digerente. È un organo cavo, di forma ovoide con

Dettagli

Terapia chirurgica orale

Terapia chirurgica orale CHIRURGIA ORALE Studio Santoro Terapia chirurgica orale La chirurgia orale è quella branca dell Odontoiatria che si occupa di varie problematiche inerenti la necessità di avulsione di elementi dentari

Dettagli

IMPIANTI OSTEOINTEGRATI CON RIGENERAZIONE OSSEA GUIDATA CONSENSO INFORMATO

IMPIANTI OSTEOINTEGRATI CON RIGENERAZIONE OSSEA GUIDATA CONSENSO INFORMATO Storia IMPIANTI OSTEOINTEGRATI CON RIGENERAZIONE OSSEA GUIDATA CONSENSO INFORMATO Trenta anni fa, il chirurgo e ricercatore svedese Prof. P. I. Branemark, ha scoperto il fenomeno dell'osteointegrazione,

Dettagli

INDICE. 1. Storia dell odontoiatria restaurativa

INDICE. 1. Storia dell odontoiatria restaurativa IX INDICE 1. Storia dell odontoiatria restaurativa 2. Embriologia ed istologia 2.1. Cenni di embriologia 2.1.1. Embriologia dell organo dentale 2.1.2. Formazione dello smalto 2.1.3. Formazione della dentina

Dettagli

STUDIO ODONTOIATRICO DOTT. GIOVANNI BAIARDO - TARIFFARIO ODONTOIATRICO

STUDIO ODONTOIATRICO DOTT. GIOVANNI BAIARDO - TARIFFARIO ODONTOIATRICO STUDIO ODONTOIATRICO DOTT. GIOVANNI BAIARDO - TARIFFARIO ODONTOIATRICO DIAGNOSTICA CLINICA E RADIOLOGIA QUOTA EMPAM 13% TOTALE ARROTONDAMENTO VISITA ODONTOIATRICA Ogni seduta finalizzata a: riscontro della

Dettagli

Opuscolo informativo per i pazienti. I quattro pilastri della prevenzione

Opuscolo informativo per i pazienti. I quattro pilastri della prevenzione Opuscolo informativo per i pazienti I quattro pilastri della prevenzione La carie, le parodontiti e le erosioni La carie insorge quando la placca batterica, che aderisce sulla superficie dei denti, non

Dettagli

CENTRI ODONTOIATRICI CARTA DEI SERVIZI.

CENTRI ODONTOIATRICI CARTA DEI SERVIZI. CENTRI ODONTOIATRICI CARTA DEI SERVIZI. 15 settembre 2015 CARTA DEI SERVIZI MISSION. Doctor Dentist si propone di erogare PRESTAZIONI ODONTOIATRICHE di qualità e di attenta professionalità clinica, avvalendosi

Dettagli

TARIFFARIO STUDIO DENTISTICO DOTT.FEDERICO FIORINI

TARIFFARIO STUDIO DENTISTICO DOTT.FEDERICO FIORINI TARIFFARIO STUDIO DENTISTICO DOTT.FEDERICO FIORINI Recapiti dello studio: Via Pavia, 86-00161 Roma Telefono: 0644237094/ 3738858713 Email: centroodontoiatricofc@gmail.com A TUTTI I PAZIENTI CONVENZIONATI

Dettagli

TARIFFARIO AZIENDALE SOLVENTI DI ODONTOIATRIA

TARIFFARIO AZIENDALE SOLVENTI DI ODONTOIATRIA TARIFFARIO AZIENDALE SOLVENTI DI ODONTOIATRIA DIAGNOSTICA Euro VISITA 24 VISITA DI CONTROLLO 20 VISITA ODONTOIATRICA URGENTE 50 ALTRA RADIOGRAFIA ENDORALE (per ogni radiogramma aggiuntivo) 15 RADIOGRAFIA

Dettagli

RISPOSTE ALLE DOMANDE PIÙ COMUNI

RISPOSTE ALLE DOMANDE PIÙ COMUNI RISPOSTE ALLE DOMANDE PIÙ COMUNI Il dott. Dughiero sarà in ferie nelle prime tre settimane di Agosto. Sarà comunque possibile comunicare con lui utilizzando la linea diretta o al. BUONE VACANZE! 1 Che

Dettagli

Libretto Sanitario Odontoiatrico

Libretto Sanitario Odontoiatrico Libretto Sanitario Odontoiatrico PRESENTAZIONE Il Servizio sanitario nazionale ha tradizionalmente dedicato un impegno limitato alla salute del cavo orale e all assistenza odontoiatrica, nonostante siano

Dettagli

NOMENCLATORE ODONTOIATRICO

NOMENCLATORE ODONTOIATRICO NOMENCLATORE ODONTOIATRICO CALL CENTER FASCHIM (da cell. 06 45402009) dalle 8 alle 18 nei giorni feriali 33 Il Nomenclatore odontoiatrico riporta le prestazioni private ammesse a rimborso per l odontoiatria.

Dettagli

COME BISOGNA PULIRE I DENTI CON LO SPAZZOLINO

COME BISOGNA PULIRE I DENTI CON LO SPAZZOLINO COME BISOGNA PULIRE I DENTI CON LO SPAZZOLINO G G.R.IERFINO www.igieneorale.info PREMESSA IMPORTANTE Il fatto che alla verifica dal dentista si constati che le condizioni di salute dentale e parodontali

Dettagli

Dichiarazione di ricevuta informazione e consenso ad intervento di CHIRURGIA IMPLANTARE OSTEOINTEGRATA

Dichiarazione di ricevuta informazione e consenso ad intervento di CHIRURGIA IMPLANTARE OSTEOINTEGRATA Dott. Alberto Coccia Piazza Matteotti, 2 80053 Castellammare di Stabia (NA) www.albertococcia.it info@dentistacoccia.it Tel. 081.8712242 081.8711439 Dichiarazione di ricevuta informazione e consenso ad

Dettagli

NOMENCLATORE ODONTOIATRICO

NOMENCLATORE ODONTOIATRICO NOMENCLATORE ODONTOIATRICO DIAGNOSTICA IGIENE ORALE PARODONTOLOGIA CHIRURGIA ORALE CONSERVATIVA ENDODONZIA GNATOLOGIA ORTODONZIA RADIOLOGIA ODONTOIATRICA IMPLANTOLOGIA PROTESI 1 CALL CENTER FASCHIM 800

Dettagli

Oggetto: Estensione Garanzie del Piano Sanitario Integrativo delle Garanzie Base

Oggetto: Estensione Garanzie del Piano Sanitario Integrativo delle Garanzie Base Spett.le Cassa Nazionale del Notariato Via Flaminia, n. 160 00196 Roma alla cortese attenzione del Direttore dott. Danilo Lombardi Oggetto: Estensione Garanzie del Piano Sanitario Integrativo delle Garanzie

Dettagli

Modulo di richiesta di rimborso spese odontoiatriche

Modulo di richiesta di rimborso spese odontoiatriche Spazio riservato al Fondo MOD. RO PAG 1 DI 7 Spedire la documentazione allegata in copia, tramite Raccomandata A/R, a: c/o SDS (System Data Software s.r.l.) - Via Fiume Bianco 56-00144 Roma (RM) COMPILARE

Dettagli

Prof. Giampaolo Dott. Gabriele Dott. Beatrice

Prof. Giampaolo Dott. Gabriele Dott. Beatrice Prof. Giampaolo Dott. Gabriele Dott. Beatrice Lo Studio Caruso si avvale della professionalità di quattro Professionisti, specializzati nelle diverse discipline odontoiatriche. Prof. Giampaolo Caruso Dott.

Dettagli

Implantologia Dentale Osteointegrata

Implantologia Dentale Osteointegrata Implantologia Dentale Osteointegrata Dott.Guido Gandini Odontoiatra Via Zuretti,47/B 20125 Milano Via S.Martino,22 20035 Lissone Cell.+393920472663 Email guido.gandini@fastwebnet.it Che cosa si intende

Dettagli

Scheda Anamnestica Odontoiatrica

Scheda Anamnestica Odontoiatrica Scheda Anamnestica Odontoiatrica Da inviare in allegato al MODULO DI RICHIESTA RIMBORSO SPESE ODONTOIATRICHE compilato dal medico Odontoiatra e alla FATTURA dettagliata per costo e prestazioni. POLIZZA

Dettagli

Gengivite e parodontite

Gengivite e parodontite Gengivite e parodontite Opuscolo informativo per il paziente La malattia parodontale (chiamata anche parodontite, parodontosi, piorrea, parodontopatia) è una infezione batterica che colpisce il parodonto,

Dettagli

Ruolo dell alimentazione nello sviluppo dell apparato stomatognatico

Ruolo dell alimentazione nello sviluppo dell apparato stomatognatico Il bilancio di salute orale ortopedodontico Formazione dei pediatri di famiglia Termoli (CB), 1 dicembre 2007 Ruolo dell alimentazione nello sviluppo dell apparato stomatognatico CRESCITA rimodellamento

Dettagli

Controindicazioni. Ponte convenzionale

Controindicazioni. Ponte convenzionale Che cos'è l'implantologia dentale L'implantologia dentale consiste nell'inserimento nell'osso mascellare o mandibolare (privo di uno o più denti naturali) di pilastri artificiali che, una volta integrati

Dettagli

Una nuova forma implantare per ottimizzare il risultato estetico

Una nuova forma implantare per ottimizzare il risultato estetico Una nuova forma implantare per ottimizzare il risultato estetico L implantologia dentale osteointegrata è diventata in questo ultimo ventennio discriminante nella formulazione del Piano di Trattamento

Dettagli

Detartrasi con trattamento air-flow 35.oo Otturazioni dentali composito estetiche 60.oo. Visita e preventivo sono gratuiti continua

Detartrasi con trattamento air-flow 35.oo Otturazioni dentali composito estetiche 60.oo. Visita e preventivo sono gratuiti continua Lo Studio Medico Dentistico Cosma Dr. Marcello, mette a disposizione di tutti i tesserati FISMIC e loro familiari accesso agevolato alle cure odontoiatriche con sconto del 25% su tutte le specialistiche

Dettagli

Segreteria Nazionale Via Farini, 62-00186 Roma Tel. +39 06 48903773-48903734 335 7262435-335 7262863 Fax: +39 06 48903735

Segreteria Nazionale Via Farini, 62-00186 Roma Tel. +39 06 48903773-48903734 335 7262435-335 7262863 Fax: +39 06 48903735 Segreteria Nazionale Via Farini, 62-00186 Roma Tel. +39 06 48903773-48903734 335 7262435-335 7262863 Fax: +39 06 48903735 coisp@coisp.it www.coisp.it COISP COORDINAMENTO PER L INDIPENDENZA SINDACALE DELLE

Dettagli

Studio Associato di Odontoiatria Onorario

Studio Associato di Odontoiatria Onorario PARTE GENERALE Appuntamento saltato senza preavviso 30,00 Bite in resina 400,00 Cementazione 30,00 Molaggio selettivo 70,00 Radiografia bite-wing 30,00 Radiografia endorale 30,00 Rilievo impronte e modelli

Dettagli

L odontoiatria conservativa

L odontoiatria conservativa Gianfranco Politano L odontoiatria conservativa come ripariamo un dente cariato Una pubblicazione dello: L autore! Gianfranco Politano Laureato in odontoiatria e protesi dentale all universita di Modena

Dettagli

CHIRURGIA - ultimo aggiornamento 24/07/2008 Prestazione Descrizione Importo Assilt

CHIRURGIA - ultimo aggiornamento 24/07/2008 Prestazione Descrizione Importo Assilt Chirurgia CHIRURGIA - ultimo aggiornamento 24/07/2008 ODCO0001 ESTRAZIONE DI DENTE O RADICE 28,50 46,50 ODCO0003 ESTRAZIONE DI DENTE IN SOGGETTO SOTTOPOSTO A NARCOSI IN CIRCUITO (ESCLUSO COMP.ANESTESISTA)

Dettagli

CURE ODONTOIATRICHE Chirurgia e Parodontologia

CURE ODONTOIATRICHE Chirurgia e Parodontologia Chirurgia e Parodontologia APICECTOMIA (ESCLUSA CURA CANALARE) 86,00 Rx post cura ASPORTAZIONE CISTI 100,00 Incompatibile con estrazione Rx pre cura Foto intra operatorie ASPORTAZIONE EPULIDE 85,00 Foto

Dettagli

condizioni ideali per ottenere ricopertura radicolare completa non sono presenti. Questa linea,

condizioni ideali per ottenere ricopertura radicolare completa non sono presenti. Questa linea, Curriculum Prof. Giovanni Zucchelli Professore Associato di Parodontologia all Università di Bologna Socio Attivo della Società Italiana di Parodontologia, membro dell European Federation of Pariodontology

Dettagli

IMPLANTOLOGIA. In quali casi sono indicati gli Impianti? Nei casi in cui manchino uno o più denti, i requisiti necessari sono:

IMPLANTOLOGIA. In quali casi sono indicati gli Impianti? Nei casi in cui manchino uno o più denti, i requisiti necessari sono: IMPLANTOLOGIA L'implantologia è quella parte dell'odontoiatria che si occupa della sostituzione dei denti mancanti con gli impianti. Gli impianti possono essere adoperati per sostituire un singolo dente

Dettagli

Dott.ssa Gloria Funiciello

Dott.ssa Gloria Funiciello MANUALE PRATICO DI PREVENZIONE DENTALE PER TUTTA LA FAMIGLIA A Cura della Dott.ssa Gloria Funiciello Odontoiatra e Specialista in Ortodonzia e Gnatologia Quando un bel SORRISO vuol dire BUONA SALUTE! La

Dettagli

Specialista in odontoiatria e protesi dentaria ------------------------------- Implantologia avanzata - ortodonzia

Specialista in odontoiatria e protesi dentaria ------------------------------- Implantologia avanzata - ortodonzia Corvo dott.francesco MEDICO CHIRURGO Specialista in odontoiatria e protesi dentaria ------------------------------- Implantologia avanzata - ortodonzia STUDIO: VIA PODGORA, 24 UDINE TEL.0432-531523 Ai

Dettagli

INOLTRE SCONTO DEL 15 % DAL NOSTRO LISTINO. Possibilità di effettuare finanziamenti. Regalati un Sorriso a Tasso Zero.

INOLTRE SCONTO DEL 15 % DAL NOSTRO LISTINO. Possibilità di effettuare finanziamenti. Regalati un Sorriso a Tasso Zero. Studio di Odontoiatria Dott Colucci Cante Giuseppe Medico Chirurgo Odontoiatra Dott. Colucci Cante Giuseppe Odontoiatra Riceve in : Via Provinciale Mugnano Melito,15 (2Piano) 80018 Mugnano (NA) Contatti:

Dettagli

PRESTAZIONI SPECIALISTICHE ODONTOIATRICHE

PRESTAZIONI SPECIALISTICHE ODONTOIATRICHE AZIENDA UNITÀ LOCALE SOCIO SANITARIA N. 1 PRESTAZIONI SPECIALISTICHE ODONTOIATRICHE Definizione dei livelli essenziali di assistenza (LEA) Disposizioni applicative ai sensi della Deliberazione della Giunta

Dettagli

Un sorriso da salvare

Un sorriso da salvare R O T A R Y I N T E R N A T I O N A L Service Above Self He Profits Most Who Serves Best DISTRETTO 2110 SICILIA E MALTA - ROTARY CLUB COSTA GAIA Un sorriso da salvare Progetto prevenzione della carie dentale

Dettagli

dalla perdita alla riconquista

dalla perdita alla riconquista dalla perdita alla riconquista dei denti naturali TRAMITE L IMPLANTOLOGIA COME SI SVOLGE IL TRATTAMENTO E POSIZIONAMENTO DEGLI IMPIANTI? L INTERVENTO E DOLOROSO? L intervento si esegue in regime ambulatoriale

Dettagli

U.O.C. Prestazioni Sanitarie e Libera Professione

U.O.C. Prestazioni Sanitarie e Libera Professione AZIENDA UNITÀ LOCALE SOCIO SANITARIA N. 1 PRESTAZIONI SPECIALISTICHE ODONTOIATRICHE Definizione dei livelli essenziali di assistenza (LEA) Disposizioni applicative ai sensi della Deliberazione della Giunta

Dettagli

NOMENCLATORE DELLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA ODONTOIATRICA ai sensi della LEGGE PROVINCIALE 22/2007 CODICE DESCRIZIONE TARIFFA IN

NOMENCLATORE DELLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA ODONTOIATRICA ai sensi della LEGGE PROVINCIALE 22/2007 CODICE DESCRIZIONE TARIFFA IN ALLEGATO n. 3 NOMENCLATORE DELLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA ODONTOIATRICA ai sensi della LEGGE PROVINCIALE 22/2007 CODICE DESCRIZIONE TARIFFA IN DIAGNOSTICA CLINICA e RADIOLOGICA 89.71 VISITA ODONTOIATRICA

Dettagli

L impiantologia osteointegrata

L impiantologia osteointegrata L impiantologia osteointegrata Via Modena, 191/A 44122 Ferrara Italy Tel 0532771296 Cell 3483919876 www.hiluxsoluzionidentali.it - info.hilux@gmail.com CCIAA 36269 REA 131569 R.I. FE53469 INPS 18888681YK

Dettagli

Carta Servizi ODONTOIATRIA CONSERVATIVA

Carta Servizi ODONTOIATRIA CONSERVATIVA Dott.ssa Eva Pellegrini Carta Servizi ODONTOIATRIA CONSERVATIVA L integrità di un dente può essere compromessa da molte cause, tra cui le più comuni sono: carie, erosione/abrasione e traumi. La Conservativa

Dettagli

L approccio odontoiatrico al paziente affetto da Sindrome di Down

L approccio odontoiatrico al paziente affetto da Sindrome di Down L approccio odontoiatrico al paziente affetto da Sindrome di Down Dr Claudio Gallo Servizio di Odontoiatria di Comunità Azienda ULSS 14 Presidio Ospedaliero di Piove di Sacco (PD) Apparato stomatognatico

Dettagli

Antropologia dentaria

Antropologia dentaria Antropologia dentaria Perché studiare i denti? I denti come indicatori di: - aspetti genetici -fenomeni adattativi - dimorfismo sessuale - variabilità popolazionistica - stato di salute - dieta / stress

Dettagli

Nome... Cognome... Classe... Data...

Nome... Cognome... Classe... Data... Unità 1 - Gnatologia 01 È chiamata gnatologia: A la scienza che si occupa della fisiologia del sistema masticatorio, dei suoi disturbi funzionali e delle terapie necessarie alla loro eliminazione. B la

Dettagli

PRESTAZIONI ODONTOSTOMATOLOGICHE

PRESTAZIONI ODONTOSTOMATOLOGICHE PRESTAZIONI ODONTOSTOMATOLOGICHE Premesse generali Per prestazioni chirurgiche in sala operatoria, in regime di ricovero notturno, con analgesia profonda o anestesia generale, fare riferimento al Tariffario

Dettagli

LISTINO Cooperazione salute PIANO SANITARIO 240 FARSI PROSSIMO

LISTINO Cooperazione salute PIANO SANITARIO 240 FARSI PROSSIMO LISTINO Cooperazione salute PIANO SANITARIO FARSI PROSSIMO 01.01.2015 ODONTOIATRIA Visite, controlli e radiografie medicazione urgente 50,00 40,00 30,00 10,00 Prima visita (situazione clinica, individuazione

Dettagli

LE DOMANDE PIU FREQUENTI AL VOSTRO DENTISTA:

LE DOMANDE PIU FREQUENTI AL VOSTRO DENTISTA: LE DOMANDE PIU FREQUENTI AL VOSTRO DENTISTA: Lo sbiancamento Posso fare lo sbiancamento? Ci sono determinate situazioni in cui lo sbiancamento non è utile o non avrebbe un buon risultato oppure ha delle

Dettagli

Una bocca sana. ad ogni età

Una bocca sana. ad ogni età Una bocca sana ad ogni età La bocca e i denti Attraverso la bocca possiamo nutrirci e assaporare il cibo, parlare e comunicare, sorridere. Prendersi cura della bocca è importante, per tutta la durata della

Dettagli

Vocaboli utili parlando di denti:

Vocaboli utili parlando di denti: Simona Minozzi Divisione di Paleopatologia, Storia della Medicina e Bioetica Dipartimento di Oncologia, dei Trapianti e delle Nuove Tecnologie in Medicina Università di Pisa I denti rappresentano il tessuto

Dettagli

Metodo per la valutazione del rischio individuale in Parodontologia

Metodo per la valutazione del rischio individuale in Parodontologia Come può modificare il suo livello di rischio? Dalla corretta attuazione di procedure preventive e terapeutiche atte a diminuire il livello di rischio per la Parodontite deriva una migliore probabilità

Dettagli

CAP Località Prov. Recapito telefonico Altre coperture sanitarie NO SI Compagnia/Fondo/Cassa DATI BANCARI (OBBLIGATORI)

CAP Località Prov. Recapito telefonico Altre coperture sanitarie NO SI Compagnia/Fondo/Cassa DATI BANCARI (OBBLIGATORI) MODULO di DENUNCIA SPESE SANITARIE Da inviare a Blue Assistance Ufficio Liquidazione Danni - Corso Svizzera, 185 10149 Torino Per informazioni 800 185 026 dall estero +39 011 742 56 65 POLIZZA N Nominativo

Dettagli

Studio Medico Odontoiatrico " A.R.D. Dental " via Oderisi da Gubbio 170 a 00146 Roma tel. 065566498-0655307686 Fax e-mail: arddental @ libero.

Studio Medico Odontoiatrico  A.R.D. Dental  via Oderisi da Gubbio 170 a 00146 Roma tel. 065566498-0655307686 Fax e-mail: arddental @ libero. Studio Medico Odontoiatrico " A.R.D. Dental " via Oderisi da Gubbio 170 a 00146 Roma tel. 065566498-0655307686 Fax e-mail: arddental @ libero.it Dist.ma sig.ra Bruni Raffaella OGGETTO : CONFERMA CONVENZIONE

Dettagli

TARIFFARIO RIDOTTO PRESTAZIONI ODONTOIATICHE IN CONVENZIONE

TARIFFARIO RIDOTTO PRESTAZIONI ODONTOIATICHE IN CONVENZIONE TARIFFARIO RIDOTTO PRESTAZIONI ODONTOIATICHE IN CONVENZIONE DIAGNOSI Visita 80,00 La seduta comprende il riscontro della situazione clinica, acquisizione di elementi diagnostici (rx endorali, bite wings

Dettagli

CURE ODONTOIATRICHE CHIRURGIA E PARODONTOLOGIA Codice Descrizione Tariffa Casagit

CURE ODONTOIATRICHE CHIRURGIA E PARODONTOLOGIA Codice Descrizione Tariffa Casagit Tariffario - Profilo UNO CURE ODONTOIATRICHE CHIRURGIA E PARODONTOLOGIA '19020122 APICECTOMIA (ESCLUSA CURA CANALARE) 172,00 Rx post-cura '19020242 ASPORTAZIONE CISTI 200,00 Incompatibile con estrazione

Dettagli

Sterilizzazione Cure Conservative Endodonzia Perni e Ricostruzione Chirurgia Protesi Fissa Protesi Mobile Toronto Bridge Laboratorio Odontotecnico

Sterilizzazione Cure Conservative Endodonzia Perni e Ricostruzione Chirurgia Protesi Fissa Protesi Mobile Toronto Bridge Laboratorio Odontotecnico Sterilizzazione Cure Conservative Endodonzia Perni e Ricostruzione Chirurgia Protesi Fissa Protesi Mobile Toronto Bridge Laboratorio Odontotecnico Gli Ambulatori Odontoiatrici, come tutti gli ambienti

Dettagli

PROGRAMMA LEZIONI PEDODONZIA Dr Nannelli AA 2000-2001 LEZIONI CORSO PEDODONZIA

PROGRAMMA LEZIONI PEDODONZIA Dr Nannelli AA 2000-2001 LEZIONI CORSO PEDODONZIA PROGRAMMA LEZIONI PEDODONZIA Dr Nannelli AA 2000-2001 1 SEMESTRE LEZIONI mercoledì ore 9-12 ESERCITAZIONI giovedì mattina in reparto un gruppo per volta ore 9-10,30 e 10,30-12 in sala manichini in gruppi

Dettagli

che cos è l odontoiatria protesica?

che cos è l odontoiatria protesica? che cos è l odontoiatria protesica? L odontoiatria protesica è quella disciplina che si occupa di ristabilire e mantenere le funzioni orali e l aspetto estetico del paziente attraverso il restauro dei

Dettagli

BASTA POCO PER PRENDERSI CURA DELLA NOSTRA BOCCA. Ecco LE MOSSE VINCENTI

BASTA POCO PER PRENDERSI CURA DELLA NOSTRA BOCCA. Ecco LE MOSSE VINCENTI BASTA POCO PER PRENDERSI CURA DELLA NOSTRA BOCCA Ecco LE MOSSE VINCENTI LA BOCCA I punti nevralgici della masticazione La bocca è, in tutti gli animali, il luogo in cui avviene la prima parte della digestione,

Dettagli

DESCRIZIONE DEL METODO DIDATTICO

DESCRIZIONE DEL METODO DIDATTICO DESCRIZIONE DEL METODO DIDATTICO ESEMPIO DI SEQUENZE DI PREPARAZIONE DI LETTI RECETTORI PER INNESTI DI EPITELIO ESEGUITE SU TESSUTI DAI PARTECIPANTI AL CORSO CON LA GUIDA CONTINUA DEL DOCENTE: I TESTI

Dettagli

Sig.ra ------------------- PROGETTO PREVENZIONE 2011-2013

Sig.ra ------------------- PROGETTO PREVENZIONE 2011-2013 Sig.ra ------------------- PROGETTO PREVENZIONE 2011-2013 Il Progetto Prevenzione, un idea di CLD nata nel 2011 e curata dalla dott.ssa Sara Zambelli, si prefiggeva di comprendere quanto l igiene orale

Dettagli

OGGETTO: Tariffario di studio in Euro

OGGETTO: Tariffario di studio in Euro OGGETTO: Tariffario di studio in Euro Ablazione tartaro 70,00 Aggancio chirurgico canino 520,00 Aggancio chirurgico altro dente 520,00 Alcoolizzazione 80,00 Allungamento di corona 130,00 Analisi Arcus

Dettagli