Protocollo diagnostico per Tilletia indica Mitra

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Protocollo diagnostico per Tilletia indica Mitra"

Transcript

1 Protocollo diagnostico per Tilletia indica Mitra A cura di: Luca Riccioni, Mauro Bragaloni Versione n. 1 del 15 febbraio

2 2

3 Descrizione della malattia Agente causale Tassonomia Tilletia indica Mitra Fungo: Basidiomycota: Ustilaginomycetes:Tilletiales Ceppi individuati Avversità Sinonimi Carie parziale del grano Neovossia indica (Mitra) Mundkur Introduzione Tilletia indica Mitra è agente della Carie parziale del grano La carie parziale (nota come Karnal bunt perché scoperta nel 1931 nella zona di Karnal, Haryàna, nell India del Nord), è una malattia della cariosside del grano, del triticale, e potenzialmente della segale e del farro. T. indica non è presente in Europa ed è considerato patogeno di quarantena per l Unione Europea (Dir. 2000/29/CE) e quindi anche per l Italia dal 1997, con Decreto del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali del 19 febbraio 1997 (Gazzetta Ufficiale, Serie Generale, n. 69 del 24 marzo 1997). Da la semente di grano, di triticale e di segale è soggetta a strette misure di controllo se importate da paesi dove il fungo è presente. Dall India la malattia si è diffusa prima nelle zone limitrofe del Pakistan, Afghanistan, Iran, Iraq e Nepal, per poi essere segnalata nel 1969 in Messico, nel 1996 in USA e nel 2001 in Sudafrica. Benché la malattia non comporti una riduzione apprezzabile della produzione in quanto le perdite sono stimate al massimo attorno all 1%, i danni economici maggiori sono dovuti alla riduzione della qualità del grano. Il fungo, infatti, produce trimetilammina, un composto chimico volatile, che conferisce al frumento infetto un odore ed un sapore di pesce marcio. È sufficiente un infezione del 3% delle cariossidi per rendere la granella non più adatta all alimentazione umana e un infezione del 6-9% per renderla inutilizzabile anche per l alimentazione del bestiame.. Sintomatologia Il sintomo sulle cariossidi è rappresentato dal così detto soro, massa nera e compatta di micelio del fungo che a maturità produce spore, dette teliospore, dando un aspetto polverulento al soro stesso. E denominata carie parziale perché generalmente soltanto una porzione della cariosside è attaccata (Foto 1). Se l ospite è molto suscettibile e le condizioni ambientali favorevoli, l intera cariosside sarà trasformata in soro, ma ciò accade raramente. Più comunemente il danno della cariosside è limitato ad un piccolo soro in prossimità dell ilo. 3

4 Foto 1. Cariossidi di grano con sintomi a diversi gradi di intensità di carie parziale. Morfologia Le teliospore (Foto 2) sono globose e/o subglobose, nere o castano scuro, a pareti spesse, del diametro di µm, costituite esternamente da un episporio echinulato, formato da numerose spine (caratteristiche per ciascuna delle diverse specie di Tilletia). Le teliospore costituiscono le strutture di sopravvivenza del fungo, potendo rimanere vitali in uno stato dormiente per diversi anni nel terreno, e rappresentano gli organi di diffusione e dispersione del fungo. Le teliospore vengono disperse nell ambiente soprattutto durante la raccolta del grano e possono diffondersi per centinaia di chilometri sia attraverso il vento sia attraverso i macchinari per la raccolta e il trasporto del grano. Bastano poche cariossidi infette per contaminare il raccolto ed il Foto 2. Teliospora di terreno. Le teliospore dormienti, una volta presenti nel terreno Tilletia indica all interno del seme infetto o libere, possono essere riportate in superficie con le normali lavorazioni agricole e, se si trovano ricoperte da non più di 1-2 mm di terra e in presenza di umidità e di temperature favorevoli, possono germinare e dare avvio al ciclo. Rischi di introduzione del patogeno in Europa Il rischio maggiore di introdurre T. indica è legato soprattutto all importazione di partite di cereali infette e/o contaminate provenienti da Paesi dove il patogeno è già presente. Per questa ragione i Servizi Fitosanitari dei paesi dell Unione Europea hanno messo in atto i possibili mezzi di difesa per evitare questa eventualità (Dir. 2000/29/CE e D.M. del 19/02/1997 di recepimento). Tali mezzi sono basati essenzialmente su attenti controlli, mediante specifiche analisi (Protocollo EPPO PM7/29 (2) (Anonymous, 2007), di tutte le partite commerciali di grano, segale e triticale dirette in Europa e provenienti dai Paesi in cui il patogeno è presente. Queste analisi servono a verificare la presenza di teliospore di T. indica, quindi, proprio l identificazione delle teliospore rappresenta la difficoltà principale. Le teliospore di T. indica sono molto simili nelle dimensioni e nel disegno dell episporio a quelle di altre specie di Tilletia che infettano altre graminacee, come T. horrida del riso e T. walkeri del loglio. Tale difficoltà aumenta se il campione di grano oggetto d analisi presenta un basso livello d infezione e/o contaminazione (presenza di 1-5 teliospore). Ricerche recentissime riguardanti la valutazione del rischio (Pest Risks Analisis, PRA) di un eventuale ingresso della malattia in Europa, a cui hanno partecipano diversi istituti Europei fra cui il Centro di Ricerca per la Patologia Vegetale di Roma (CRA-PAV), concludono che il fungo ha la capacità di stabilirsi in Europa e di causare enormi danni economici (Sansford et al., 2006). Il rischio di introduzione è, inoltre, confermato da tre intercettazioni su partite di grano messicano infetto da T. indica da parte di alcuni Servizi Fitosanitari Regionali. Il CRA-PAV è stato indicato dal MiPAAF come laboratorio di riferimento per i Servizi Fitosanitari Regionali (Circolare Ministeriale Prot del ) per l identificazione del fungo in partite di importazione. 4

5 Diagnosi Il metodo utilizzato fino a pochi anni fa consisteva nell analisi al microscopio ottico del sedimento ottenuto dal lavaggio di 400 semi e relativa centrifugazione, per ricercare la presenza delle teliospore del fungo. Poiché tale metodo, pur nella sua validità, presentava alcuni limiti, è stato validato, recentemente, un nuovo protocollo diagnostico molto più articolato (Protocollo EPPO PM7/29 (2)) che fornisce precise istruzioni per la diagnosi su basi morfologiche di T. indica, e un successivo diagramma di lavoro per l identificazione molecolare da DNA estratto da micelio ottenuto da spore germinate. Schematicamente i requisiti necessari per una diagnosi positiva sono: a. presenza nel campione analizzato di cariossidi con sintomi di carie parziale. In questo caso, dopo verifica che le spore contenute nel seme cariato abbiano i caratteri morfologici caratteristici di T. indica, si può dare il campione positivo, senza necessariamente raccomandare ulteriori analisi, poiché si ritiene sufficiente il requisito di cariosside con sintomi di carie parziale (T. indica è l unica delle tre specie di Tilletia con cui si può morfologicamente confondere che può causare sintomi su grano). b. presenza di numerose spore (>10). In questo caso si ritiene possibile identificare la specie con la sola DIAGNOSI MORFOLOGICA nel caso in cui TUTTI i caratteri morfologici chiave Tab. 4 del PM7/29 (misure, colore, aspetto dell ornamento dell episporio (strato superficiale) sono conformi ad una specie. Una eventuale analisi molecolare viene raccomandata in caso di dubbi nell identificazione. c. presenza nel campione analizzato di poche spore (< 10). In questo caso si ritiene che non sia possibile discriminare fra le specie Tilletia indica, T. walkeri e T. horrida facendo solo uso dei caratteri morfologici, quindi si raccomanda l uso della diagnosi molecolare da DNA estratto da micelio fungino. Il protocollo EPPO da la possibilità di utilizzare l analisi molecolare su DNA ottenuto da micelio, e fa riferimento a tre tecniche possibili disponibili in letteratura: 1) amplificazione diretta del DNA mitocondriale con l uso di primer specifici (Frederick et al., 2000); 2) amplificazione del DNA ribosomale e successivo taglio con enzimi di restrizione (Pimentel et al., 1998); 3) uso di sonde specifiche in Real Time PCR (Frederick et al., 2000). Le tecniche molecolari, dovendo essere applicate al micelio, richiedono la germinazione, evento non facile per le spore di T. indica che sono di tipo durevole e caratterizzate da un periodo di lunga dormienza. Poiché la germinazione delle spore è una fase critica del protocollo, come sopra spiegato, si è voluto mettere a punto un metodo capace di identificare il fungo da singole spore non germinate. E stato quindi testato e validato il metodo multiplex pubblicato da (Tan e Murray, 2006), e si è messo a punto un secondo metodo non in multiplex con primers specifici, e confrontato con il precedente. 5

6 Normativa fitosanitaria Decreto Ministeriale 31 gennaio 1996 dal titolo Misure di protezione contro l introduzione e la diffusione nel territorio della Repubblica italiana di organismi nocivi ai vegetali o ai prodotti vegetali e successive modifiche (D. M. 19 febbraio 1997) Circolare Ministero per le politiche agricole alimentari e forestali Prot del Bibliografia Agarwal, V.K., Verma, H.S. e Khetarpal, R.K. (1977) Occurrence of partial bunt on triticale, Plant Protection Bulletin 12: Mitra M., (1931) A new bunt on wheat in India, Annals of Applied Biology, 18: Sekhon K. S., Saxena A. K., Randhawa S. K. e Gill K.S., (1980) Effect of Karnal bunt disease on quality characteristics of wheat, Bulletin Grain Technology, 18: Joshi L.M., Singh D.V., Srivastava K.D., e Wilcoxson R.D., (1983) Karnal bunt: A minor disease that is now a threat to wheat, Botanical Review, 49: Nagarajan S., (1991) Epidemiology on Karnal bunt of wheat incited by Neovossia indica and an attempt to develop a disease prediction system. In: Technical Report Wheat-Program CIMMYT, Mexico, March, Anonymous, 2004 EPPO Standards PM 7/29 Diagnostic Protocol for Tilletia indica. Bulletin OEPP/EPPO 34: C. Sansford, R. Baker, J. Brennan, F. Ewert, B. Gioli, A. Inman, P. Kelly, A. Kinsella, V. Leth, H. Magnus, F. Miglietta, G. Murray, G. Peterson, A. Porta-Puglia, J. Porter, T. Rafoss, L. Riccioni, F. Thorne, M. Valvassori (2006). Risks associated with Tilletia indica, the newlylisted EU quarantine pathogen, the cause of Karnal bunt of wheat. EC Fifth Framework Project QLK pp Pimentel G, Carris LM, Levy L & Meyer R (1998) Genetic variability among isolates of Tilletia barclayana, T. indica and allied species. Mycologia 90, Frederick RD, Snyder KE, Tooley PW, Berthier-Schaad Y, Peterson GL, Bonde MR, Schaad NW & Knorr DA (2000) Identification and differentiation of Tilletia indica and T. walkeri using the polymerase chain reaction. Phytopathology 90, Tan Mk, Murray GM, A molecular protocol using quenched FRET probes for the quarantine surveillance of Tilletia indica, the causal agent of Karnal bunt of wheat. Mycol Res Feb;110(Pt 2):

7 Metodologie diagnostiche 7

8 Premessa Il protocollo diagnostico descritto è il prodotto dell attività effettuata nell ambito del Progetto Finalizzato ARON-ARNADIA, finanziato dal Ministero per le Politiche Agricole, Alimentari e Forestali. Il protocollo diagnostico fornisce le linee guida per la diagnosi e l identificazione del fungo Tilletia indica Mitra nei laboratori presenti sul territorio italiano preposti alla diagnosi degli organismi da quarantena. L uso di protocolli diagnostici armonizzati è alla base di un efficiente applicazione delle misure fitosanitarie e consente il confronto di risultati ottenuti da diversi laboratori in diverse circostanze. Le metodologie di laboratorio riportate nel protocollo riprendono il Protocollo EPPO PM7/29 (2) implementato in base all esperienza e alle nuove tecnologie e metodologie pubblicate recentemente, dopo una analisi della loro sensibilità, specificità, accuratezza, sensibilità analitica, ripetibilità e riproducibilità (ISO 16140:2003). Per la definizione di tali parametri le diverse metodologie di diagnosi sono state effettuate con reagenti, strumentazione dettagliatamente riportati. Ciò non comporta l esclusione dell uso di reagenti e strumentazioni alternative e la modifica di alcune procedure per meglio avvicinarsi agli standard di ogni singolo laboratorio, purché ciò venga adeguatamente validato. La definitiva validazione attraverso un ring test (riproducibilità) fra diversi laboratori è stata eseguita in collaborazione con: 1. CRA-PAV - Centro di Ricerca per la Patologia Vegetale, Via C.G. Bertero 22, Roma (Luca Riccioni Coordinatore del Gruppo, Mauro Bragaloni) 2. Laboratorio di Micologia del Servizio Fitosanitario della Regione Emilia Romagna, via Corticella, 133, Bologna. (Carla Montuschi, Baschieri Tiziana) 3. Laboratorio di Patologia Vegetale, Università degli Studi di Catania, Facoltà di Agraria., Dipartimento di Scienze delle Produzioni Agrarie e Alimentari (DISPA), Sezione Patologia Vegetale, Via S. Sofia, 100, Catania (Vittoria CATARA, Patrizia Bella) 4. Centro di Ricerca e Sperimentazione in Agricoltura Basile Caramia Via Cisternino 281, Locorotondo (BA) (Nicola TRISCIUZZI, Enza Dongiovanni). Le prove di validazioni sono riportate nell Allegato1. 8

9 FLUSSO DI LAVORO L identificazione di teliospore di T. indica all interno di un campione di grano di importazione viene effettuata secondo il seguente diagramma di lavoro: CAMPIONE DI SEME DI GRANO DI 50g WASHING TEST ESAME VISIVO A SECCO NESSUN SEME CARIATO E/O WASHING TEST NEGATIVO WASHING TEST POSITIVO SEME CARIATO NEGATIVO OSSERVAZIONE E CONTA DELLE SPORE Con almeno 10 spore Meno di 10 spore 1 3 ANALISI MORFOLOGICA 2 SE TUTTE LE CARATTERISTICHE MORFOLOGICHE COINCIDONO POSITIVO 2A GERMINAZIONE DELLE SPORE IN VITRO DA SPORE NON GERMINATE DIAGNOSI MOLECOLARE - Real Time PCR con sonde speciespecifiche in multiplex. Opp. - Real Time PCR con primer speciespecifici. 2B DIAGNOSI MOLECOLARE ( End Point PCR oppure Dual Labeled Probe Real Time PCR con primers specie-specifici) DIAGNOSI MOLECOLARE ( RFLP via PCR della regione ITS ) 9

10 In questo protocollo si riportano le procedure per l identificazione di T. indica attraverso il riconoscimento morfologico delle teliospore, ed eventuale verifica con metodo molecolare direttamente da spora (non germinata), punto 3 del flusso di lavoro. Per l applicazione delle metodiche molecolari su DNA estratto da micelio del fungo, ottenuto per germinazione delle spore, si rimanda direttamente al protocollo EPPO PM PM7/29 (2). Metodo diagnostico Metodo morfologico ( washing test ) Metodo Molecolare 1: RT-PCR con sonde specie-specifiche in multiplex Metodo Molecolare 2: RT- PCR con primer specie-specifici Componente riconosciuta Teliospora Porzione di DNA ribosomale Porzione di DNA mitocondriale 10

11 METODO di CAMPIONAMENTO 11

12 Campionamento In fase di preparazione 12

13 SAGGIO MORFOLOGICO WASHING TEST 13

14 PROTOCOLLO PER L ESTRAZIONE DI SPORE DI TILLETIA SPP. DA UN CAMPIONE DI SEMI DI GRANO (WASHING TEST) Il protocollo qui esposto è tratto dal protocollo EPPO PM29/7, ed è stato precedentemente validato attraverso un Ring test internazionale nell ambito del progetto EU DIAGPRO Project. Il saggio morfologico si basa sul reperimento delle teliospore mediante un filtraggio selettivo dell acqua di lavaggio di una parte del campione di grano in esame (50 g), e successiva osservazione al microscopio ottico del materiale che si ottiene per l eventuale identificazione attraverso i caratteri morfologici delle spore di Tilletia spp. presenti. Prima del washing test l intero campione in esame deve essere osservato a secco, possibilmente aiutandosi con una lente di ingrandimento, per la ricerca di cariossidi con carie parziale (EPPO PM29/7). In caso di esito negativo si deve seguire il successivo protocollo. Se invece vengono rinvenute cariossidi cariate si deve seguire il capitolo successivo Identificazione morfologica per il riconoscimento delle teliospore presenti per confermare l esito positivo. Materiale occorrente 1. Ipoclorito commerciale 2. Soluzione acquosa allo 0,01% di TWEEN 20, come detergente (10 µl di Tween 20 in 100 ml di acqua distillata sterile) 3. Navicelle (8x8 cm) per pesata 4. Bilancia 5. Una beuta da 250 ml 6. Due beute da 500ml 7. Un cilindro da 100 ml 8. Parafilm M 9. Agitatore 10. Filtro in nylon con pori di 53 µ di diametro, con un diametro esterno di 11 cm 11. Filtro in nylon con pori di 20 µ di diametro, con un diametro esterno di 4 cm 12. Imbuto da 13 cm di diametro 13. Una spruzzetta con acqua distillata e pipette pasteur da 3 ml 14. Pipettatrice da 100 µl e puntali sterili 15. Pipettatrice da 1000 µl e puntali sterili 16. Tubi falcon da 15 ml sterili 17. Centrifuga per falcon da 15 ml 18. Sacchetti per autoclave 19. Un contenitore da 500 ml sterilizzabile in autoclave (es. becker) 20. Vetrini portaoggetto (76x21 mm). Vetrini copri oggetto (18x18 mm) 21. Stereomicroscopio (x ingrandimenti) 22. Microscopio composto 14

15 PROCEDURA 1. Sterilizzare per minuti tutto l equipaggiamento necessario per eseguire il test, immergendo in una soluzione di ipoclorito di sodio all 1,5 % v/v (diluire 3 parti di candeggina commerciale al 6% circa di cloro attivo aggiungendo 7 parti di acqua di rubinetto) e sciacquare il tutto in acqua di rubinetto ed infine in acqua distillata. 1. Pesare 50 g di semi dal campione di 1 2 kg, rappresentativo della spedizione, per avere il campione da analizzare (sotto viene riportata la tabella che indica il numero di repliche da effettuare, a seconda del livello di contaminazione e del livello di confidenza richiesto). Tabella 1 Numero di repliche di sub-campioni da 50 g necessarie per individuare diversi livelli di contaminazione in funzione dei diversi livelli di confidenza, assumendo che le teliospore si distribuiscono in modo uniforme (Protocollo EPPO 29/7). Livello di contaminazione (n. di spore per 50 g) N. di repliche richieste in funzione del livello di confidenza (%) 99% 99.9% 99.99% Mettere il campione in una beuta da 250 ml, aggiungere 100 ml della soluzione contenente Tween 20 allo 0,01% e sigillare la beuta con parafilm. 4 Agitare per un tempo complessivo di 3 minuti la beuta da 250 ml con 350 oscillazioni al minuto o 200 rotazioni al minuto o a mano. 5 Versare il contenuto della beuta (semi e soluzione Tween 20) su un filtro di nylon con pori da 53 µ e 11 cm di diametro posto su di un imbuto sovrastante una beuta da 500 ml. 6 Risciacquare la beuta di 250 ml con acqua distillata mediante una spruzzetta e versare il contenuto sul filtro. 7 Ripetere per due volte il punto 6. 8 Usando una spruzzetta, risciacquare con cura tutta la semente posta sul filtro da 53 µ con acqua distillata fino ad ottenere un volume di circa ml. Rimuovere il filtro da 53 µ e risciacquare l imbuto con 2 aliquote di ml di acqua distillata che raggiungeranno il resto del contenuto della beuta da 500 ml. 9. Versare la sospensione così ottenuta su un filtro da 20 µ di nylon (diametro filtro 4 cm) posto su un imbuto sovrastante una seconda beuta da 500ml. Risciacquare la prima beuta da 500 ml due volte con acqua distillata, e versando anche questo sul filtro da 20 µ. 15

16 10 Inclinare il filtro di e risciacquare delicatamente la membrana e le pareti del filtro con acqua distillata, con una spruzzetta o una pipetta Pasteur. Rimuovere con acqua distillata il deposito sul filtro mediante una pipetta e porlo in un tubo da centrifuga da 15 ml. 11 Ripetere 10 finché il filtro non appare pulito. Se necessario esaminarlo sotto lo stereomicroscopio per verificare la presenza di spore residue. 12 Centrifugare la sospensione a 200g per 3 minuti. 13 Rimuovere il supernatante con la pipettatrice da 1000 µl, senza alterare il pellet (il supernatante dovrà essere successivamente sterilizzato). 14 Risospendere il pellet con 100 µl di acqua sterile. 15 Dispensare 20 µl dei 100 µl ottenuti (con pipette da 100 µl) sui vetrini portaoggetti e chiudere con coprioggetto da 18x18 mm, per permettere l osservazione al microscopio da 100 a 400 ingrandimenti. La preparazione dei vetrini deve avvenire uno alla volta, e l osservazione va fatta velocemente, poichè il vetrino tende a seccarsi (in tal caso è possibile aggiungere acqua per capillarità con la pipettatrice. Le caratteristiche di eventuali spore rilevate vanno osservate ad un ingrandimento di 400. Se nessuna spora viene rinvenuta allora il test è concluso poiché il washing test è da considerarsi negativo. Se invece vengono rinvenute teliospore si deve seguire il capitolo successivo per il riconoscimento morfologico. NB. Alla fine, tutto il materiale utilizzato deve essere trattato con varecchina e risciacquato con acqua, come descritto nel punto 1, per poter essere riutilizzato nuovamente. 16

17 IDENTIFICAZIONE MORFOLOGICA Se vengono rinvenute teliospore applicare lo schema diagnostico riportato qui di seguito registrando i caratteri morfologici (dimensioni, colore, ornamentazione) e, se possibile, effettuando e registrando foto al microscopio al fine di raggiungere l identificazione tassonomica. Table 2 Caratteristiche morfologiche di Tilletia indica, Tilletia walkeri and Tilletia horrida Caratteri Teliospore Tilletia indica 1 Tilletia walkeri 2 Tilletia horrida 3 Dimensione (range) m (61)(26 55( 64)) (23 45) 17 36(20 38( 41)) Dimensione (media) m * (40 44) (34 36) (28) Colore Ornamentazione dell episporio vista con messa a fuoco mediana (Hawksworth et al., 1995) Ornamentazione dell episporio vista con messa a fuco sulla superficie Da arancione pallido a prevalentemente scuro, da bruno rossastro fino a nero opaco. Episporio sollevato a formare punte diritte ed aguzze (occasionalmente ricurve) e, in alcuni casi, troncate ed in genere ricoperte di una guaina ialina con dimensioni variabili da m. Punte dell episporio molto ravvicinate a formare aree molto dense dove permangono isolate lasciando spazi liberi (densamente echinulate) oppure molto strette tra di loro da formare creste sollevate molto fini (finemente cerebriforme). Da debolmente giallo a prevalentemente scuro bruno rossastro (mai opaco). Episporio sollevato a formare punte coniche (occasionalmente ricurve) in molti casi tronche, delle dimensioni di 3 6 m, ricoperte da una guaina che va da trasparente-ialina a giallo-bruna. Episporio arrangiato in punte disposte in maniera lassa e quindi formanti creste con spazi molto larghi, incompletamente cerebriformi (fino a formazioni di tipo coralloide) oppure in aggregati molto spessi. Da debolmente giallo a prevalentemente marrone castano chiaro o scuro (semi-opaco). Episporio sollevato a formare punte diritte ed aguzze oppure ricurve, grandi m, che possono trasformarsi in scaglie tronche quando raggiungono la maturità, ricoperte da una guaina che può variare da ialina a colorata. Episporio a formare punte che appaiono come scaglie con forma poligonale (occasionalmente episporio con punte che formano creste cerebriformi oppure piccoli aggregati). 1 Dati degli Autori (A. J. Inman, K. J. D.Hughes and R. J. Bowyer, Central Science Laboratory, York (GB) OEPP/EPPO, Bulletin OEPP/EPPO Bulletin 34, ) 2 Based on: Castlebury & Carris (1999); Cunfer & Castlebury (1999); Milbrath et al. (1998); Castlebury (1998). 3 Riportata da alcuni autori come T. barclayana: Castlebury & Carris (1999); CMI Description no. 75 (1965); Durán (1987); Durán & Fischer (1961). Altri Autori l hanno indicata come T. horrida: Agarwal et al. (1990); Khanna & Payak (1968); Castlebury (1998). Castlebury & Carris (1999) hanno riportato una dimensioni delle spore più grandi (misura riportata tra parentesi) per teliospore che venivano riscaldate in overnight a 45 C immerse nella soluzione di Shear; Anche in Castlebury (1998) sono state riportate dimensioni delle spore molto più grandi.. * Dati ottenuti dagli Autori Milbrath et al. (1998) ottenuti da teliospore osservate in sospensione acquosa e rinvenute su Lolium (due isolati dall Oregon, USA). Dati degli Autori (A. J. Inman, K. J. D.Hughes and R. J. Bowyer, Central Science Laboratory, York (GB) OEPP/EPPO, Bulletin OEPP/EPPO Bulletin 34, ) ottenuti dall osservazione in acqua di teliospore originate da semi del genere Oryza (California, USA; Arkansas, USA); sebbene non sia riportato in letteratura, alcune teliospore potrebbero avere porzioni dell episporio sollevato a formare creste ma anche, contemporaneamente, formazioni appuntite individualmente separate. Letteratura citata: Agarwal R, Joshi LM & Singh DV (1990) Morphological differences between teliospores of Neovossia indica and N. horrida. Indian Phytopathology 43,

18 Castlebury LA (1998) Morphological characterisation of Tilletia indica and similar fungi. In: Bunts and Smuts of Wheat: an InternationalSymposium (Ed. Malik VS & Mathur DE), pp NAPPO, Ottawa (CA). Castlebury LA & Carris LM (1999) Tilletia walkeri, a new species on Lolium multiflorum and L. perenne. Mycologia 91, CMI (1965) Description of Pathogenic Fungi and Bacteria, no. 75. Tilletia barclayana. CAB International, Wallingford (GB). Cunfer BM & Castlebury LA (1999) Tilletia walkeri on annual ryegrass in wheat fields in the southeastern United States. Plant Disease 83, Durán R (1987) Ustilaginales of Mexico: Taxonomy, Symptomatology, Spore Germination and Basidial Cytology. Washington. State University, Seattle (US). Durán R & Fischer GW (1961) The Genus Tilletia. Washington. State University, Seattle (US). Khanna A & Payak MM (1968) Teliospore morphology of some smut fungi. II. Light microscopy. Mycologia 60, Milbrath GM, Pakdel R & Hilburn D (1998) Karnal bunt spores in ryegrass (Lolium spp.). In: Bunts and Smuts of Wheat: an International Symposium (Ed. Malik, VS & Mathur, DE), pp NAPPO, Ottawa (CA). 18

19 FOTO TELIOSPORE Immagini di spore di T. indica individuate in un campione di grano importato dal Messico. 19

20 Teliospore di T. walkerii 20

21 Teliospore di T.barclayana 21

22 Teliospore di T. indica 22

23 SAGGI MOLECOLARI su singola spora REAL-TIME PCR CON SONDE SPECIE- SPECIFICHE in reazione multiplex REAL TIME PCR CON PRIMER SPECIE- SPECIFICI in reazioni separate 23

24 METODO 1 Target rdna Sonde di Tan et al Cap. 1 METODO 2 Target mtdna Sonda di Frederick et al Cap. 2 ALLESTIMENTO DI STRUTTURE A SANDWICH CON VETRINI COPRIOGGETTI TAGLIATI Cap. 1.1 ALLESTIMENTO PROVETTA DA 0,2 l PER PCR Cap. 1.2 PCR DI ARRICCHIMENTO TARGET - rdna Cap. 1.2 PCR DI ARRICCHIMENTO TARGET mtdna Cap.2.1 DIAGNOSI MOLECOLARE ( Dual labelled Probe Real Time PCR con sonde specie-specifiche) Cap. 1.3 DIAGNOSI MOLECOLARE Dual Labeled Probe Real Time PCR con primers specie-specifici) Cap. 2.2 Diagramma di flusso delle fasi da seguire per ciascun metodo per l identificazione specifica di Tilletia indica e T. walkeri con 2 diverse metodiche di diagnosi molecolare in RealTime PCR (TaqMan), dove i campioni da analizzare sono rappresentati da singole teliosporespore. 24

25 METODO IDENTIFICAZIONE MOLECOLARE MEDIANTE REAL-TIME PCR CON SONDE SPECIE-SPECIFICHE (Tan et al., 2010 con alcune modifiche) La metodica consiste nel rilascio del DNA di una sola teliospora attraverso lo schiacciamento tra due pezzettini di vetro ( sandwich ), quindi da un arricchimento del DNA mediante una PCR con primer Tilletia specifici, e una multiplex Real-Time PCR per l identificazione della specie. Il metodo originariamente è stato messo a punto per il riconoscimento di 5 specie di Tilletia in una sola analisi, ma nel nostro caso il metodo verrà applicato per il riconoscimento di due specie: la specie target T. indica, e la specie no target T. walkerii, specie che più facilmente può essere confusa con T. indica nel riconoscimento morfologico. Pertanto in un unico tubo di reazione saranno presenti le due sonde Taqman, specie-specifiche, disegnate sul DNA ribosomale, e una coppia di primer non specie-specifiche. 1.1 Preparazione del sandwich 1) Prendere un vetrino coprioggetto da microscopia per preparare i pezzettini di vetro con i quali verranno schiacciate le teliospore a sandwich. Romperlo con una punta e selezionare i frammenti con dimensioni adeguate (1-3 x 1-3 mm). Può essere utile eseguire la scelta allo stereo microscopio utilizzando come sfondo carta millimetrata che farà da riferimento per il vaglio. 2) Preparare le soluzioni riportate nell Allegato al Metodo 1. 3) Prelevare le spore e deporle singolarmente su un frammento di vetrino di 1-3 mm. Questa fase può avvenire in qualsiasi modo si voglia operare, tenendo conto che è una fase molto delicata poichè si può perdere o distruggere la spora con facilità. Qui viene descritto un metodo: si consiglia di far scorrere il coprioggetto del vetrino lateralmente, osservando il tutto sotto uno stereoscopio, fino a liberare la spora dal coprioggetto. Assicurarsi che ci sia sufficente liquido tra vetrino e coprioggetto, altrimenti aggiungere acqua sterile con una pipetta. Prelevare la spora con un talloncino di carta da filtro tenuta con una pinzetta, previamente imbevuta in etanolo 95% e flambata al bunsen, e trasferirla sul frammento di vetrino di 1 3 mm scelto. Una piccola goccia di acqua sterile posta sul frammento può aiutare il trasferimento della spora dalla carta al vetrino (questa è la fase più delicata dove si rischia di perdere il campione pertanto bisogna porre molta attenzione nell esecuzione). Lasciare asciugare il frammento di vetro con la spora, coprire quindi con un altro frammento di vetro di dimensioni paragonabili al primo (fig. 1) e schiacciare facendo 25

26 pressione con l ago, controllando nel contempo la rottura del materiale in piccoli pezzi (fig. 2). A questo punto, facendo attenzione a non far slittare i due vetri sovrapposti, trasferire il sandwich nel fondo di una provetta 0,2 ml da PCR. In alternativa al talloncino si può utilizzate un pezzettino di agar-acqua (tenuto da una ansetta precedentemente sterilizzata) che, una volta catturata la spora, può essere direttamente poggiato nel frammento di vetrino. Fig. 1 - Sandwich già assemblato con la spora al centro (sullo sfondo è visibile della carta millimetrata). Fig.2 - Rottura della spora dopo aver fatto pressione sul vetrino con un ago da dissezione Fig. 3 - Rottura del sandwich prima dell incubazione in termociclatore 26

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena TUTTO IL MATERIALE CHE È ENTRATO IN CONTATTO CON LE COLONIE AMMALATE DEVE ESSER DISTRUTTO

Dettagli

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Il clonaggio molecolare è una delle basi dell ingegneria genetica. Esso consiste nell inserire un frammento di DNA (chiamato inserto) in un vettore appropriato

Dettagli

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti!

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! L innovazione ad un prezzo interessante Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! Exacta+Optech Labcenter SpA Via Bosco n.21 41030 San Prospero (MO) Italia Tel: 059-808101 Fax: 059-908556 Mail:

Dettagli

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO Pag. 1/7 SOMMARIO 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI...2 3. MATERIALE NECESSARIO...3 4. MODALITA OPERATIVE...4 5. REGISTRAZIONE E ARCHIVIAZIONE...7 6. RESPONSABILITA...7

Dettagli

Aptima HIV-1 Quant Dx Assay

Aptima HIV-1 Quant Dx Assay Aptima Aptima HIV-1 Quant Dx Assay Per uso diagnostico in vitro. Solo per l esportazione dagli USA. Informazioni generali................................................ 2 Utilizzo previsto................................................................

Dettagli

Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso

Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso SAGGI ANALITICI SU ALIMENTI CONTENENTI CARBOIDRATI OBIETTIVI Fase 1: Dimostrare, mediante l uso del distillato di Fehling, se

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE.

L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE. L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE. C. Sintoni C. Galli Servizio di Anatomia Patologica - Presidio Ospedaliero S. M. delle Croci - Ravenna Attualmente nel nostro

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE ASO S. Croce e Carle di Cuneo C.I.O. COMITATO INFEZIONI OSPEDALIERE DOCUMENTO DESCRITTIVO TITOLO CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE Data di emissione: 20 aprile 2004 revisione n

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

Messa a punto dell analisi della

Messa a punto dell analisi della SSMT Locarno 2012/2013 Lavoro di diploma per il corso di Tecnici in Analisi Biomediche Presso l Istituto Cantonale di Patologia di Locarno Messa a punto dell analisi della traslocazione RET/PTC Lavoro

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

SeroCP Quant IgA. Applicazioni. Introduzione - 2 -

SeroCP Quant IgA. Applicazioni. Introduzione - 2 - SeroCP Quant IgA I Applicazioni SeroCP Quant IgA è un Enzyme Linked Immunosorbent Assay (ELISA) per la determinazione semiquantitativa di anticorpi IgA specie specifici anti Chlamydia pneumoniae nel siero

Dettagli

Sopra ogni aspettativa

Sopra ogni aspettativa Sopra ogni aspettativa Pipette elettroniche Eppendorf Xplorer e Eppendorf Xplorer plus »Un modo intuitivo di lavorare.«chi dà il massimo ogni giorno, merita anche il massimo in termini di strumenti ed

Dettagli

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr Manuale d uso Rilevamento del parto www.medria.fr Grazie per la preferenza accordataci nell acquistare Vel Phone. Vi chiediamo di leggere attentamente il presente manuale di istruzioni per l uso, prima

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

1,25 (OH) 2 Vitamina D ELISA kit

1,25 (OH) 2 Vitamina D ELISA kit 1,25 (OH) 2 Vitamina D ELISA kit Per la determinazione in vitro della 1,25 (OH) 2 Vitamina D in plasma e siero Gültig ab/valid from 17.03.2008 +8 C IMM-K 2112 +2 C 48 1. APPLICAZIONE Il kit ELISA (Enzyme-Linked-Immuno-Sorbent-Assay)

Dettagli

La semplicità è la vera innovazione

La semplicità è la vera innovazione La semplicità è la vera innovazione Vi siete mai sentiti frustrati dalla complessità di certe cose? Un unico strumento NiTi per il trattamento canalare utilizzabile nella maggior parte dei casi Efficacia

Dettagli

La legislazione sui controlli relativi alla Varroa ed illustrazione sul sistema di monitoraggio per la morìa delle api

La legislazione sui controlli relativi alla Varroa ed illustrazione sul sistema di monitoraggio per la morìa delle api La legislazione sui controlli relativi alla Varroa ed illustrazione sul sistema di monitoraggio per la morìa delle api Dott Andrea Maroni Ponti Ufficio II Ministero della salute DGASAFV Malattie denunciabili

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

technostuk 2-12 09/13 127

technostuk 2-12 09/13 127 technostuk 2-12 09/13 127 TECHNOSTUK 2-12 Sigillante cementizio per fughe da 2 a 12 mm. La protezione attiva di Microshield System aiuta a prevenire la crescita di batteri, funghi e muffe, che possono

Dettagli

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE?

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? Elisa Angelini elisa.angelini@entecra.it C.R.A. Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) Foto P. Marcuzzo Foto G. Rama UN PO DI

Dettagli

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna AGGIORNAMENTI SUL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELL APICOLTURA Brisighella (RA) 13 settembre 2013 Evoluzione del controllo dell apicoltura

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Il gelato artigianale proprio come lo vuoi tu. E tanto altro ancora...

Il gelato artigianale proprio come lo vuoi tu. E tanto altro ancora... Impianti Carpigiani per Artigianale a Norme HACCP Tutte le macchine Carpigiani sono progettate e realizzate per rispettare appieno le norme internazionali di sicurezza ed igiene. Il Gelatiere professionista

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.sipcamitalia.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli

Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA

Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA IL PRESENTE TESTO E UNA SINTESI DEL TESTO COMPLETO EDITO DA LA MEDICINA BIOLOGICA, n.4, 2010, WWW.MEDIBIO.IT Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA Lo sviluppo

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

NORMATIVA INTERNAZIONALE PER LE MISURE FITOSANITARIE. Revisione dell'ispm 15

NORMATIVA INTERNAZIONALE PER LE MISURE FITOSANITARIE. Revisione dell'ispm 15 Consultazione tra i membri (procedura regolare) - giugno 2008 Bozza 1/7 NORMATIVA INTERNAZIONALE PER LE MISURE FITOSANITARIE Revisione dell'ispm 15 [PARAGRAFO 1] REGOLAMENTAZIONE DEL MATERIALE DA IMBALLAGGIO

Dettagli

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17)

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) FILTRI OLEODINAMICI Filtri sul ritorno con cartuccia avvitabile Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Corpo filtro Attacchi:

Dettagli

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane Agrofarmaco biologico per la prevenzione delle malattie fungine del terreno TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane NOVITà TELLUS: la nuova risorsa per una crescita vigorosa TELLUS

Dettagli

Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara

Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara VitiMeteo-Plasmopara consente di affinare la lotta contro la peronospora, senza tralasciare gli episodi d infezioni importanti e permette di evitare dei

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

GESTIONE PORT VENOSO

GESTIONE PORT VENOSO GESTIONE PORT VENOSO Il port è un catetere venoso centrale appartenente alla famiglia dei dispositivi totalmente impiantabili composto da una capsula impiantata sottocute e da un catetere introdotto in

Dettagli

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI?

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? Buona Caccia e Buon Volo, giovani amici di Eureka! Siete tra gli eletti che hanno deciso di passare al livello successivo: site pronti? Questo mese vi proponiamo

Dettagli

LE SOLUZIONI 1.molarità

LE SOLUZIONI 1.molarità LE SOLUZIONI 1.molarità Per mole (n) si intende una quantità espressa in grammi di sostanza che contiene N particelle, N atomi di un elemento o N molecole di un composto dove N corrisponde al numero di

Dettagli

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N GasMultiBloc Combinato per regolazione e sicurezza Servoregolatore di pressione MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-10-SE MBC-300-N MBC-700-N 7.01 Max. pressione di esercizio 3 mbar (36 kpa) forma compatta grande

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

I l Cotto Nobile Arrotat o

I l Cotto Nobile Arrotat o I l Cotto Nobile Arrotat o RAPPORTO DI PROVA N. 227338 Data: 25062007 Denominazione campione sottoposto a prova: NOBILE ARROTATO UNI EN ISO 105454:2000 del 30/06/2000 Piastrelle di ceramica. Determinazione

Dettagli

A prima vista: Dati tecnici microfonditrice MC 15. 44 cm. 40 cm. Perfettamente adatta per piccole fusioni e piccole serie. Minimo utilizzo di metallo

A prima vista: Dati tecnici microfonditrice MC 15. 44 cm. 40 cm. Perfettamente adatta per piccole fusioni e piccole serie. Minimo utilizzo di metallo A prima vista: Perfettamente adatta per piccole fusioni e piccole serie Minimo utilizzo di metallo Generatore ad induzione da 3,5 kw per un riscaldamento estremamente veloce e per raggiungere alte temperature

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni 3M Italia, Gennaio 2011 Bollettino Istruzioni Applicazione pellicole su vetro Bollettino Istruzioni 3M Italia Spa Via Norberto Bobbio, 21 20096 Pioltello (MI) Fax: 02 93664033 E-mail 3mitalyamd@mmm.com

Dettagli

Una nuova velocità. Velocizzate il vostro lavoro con Eppendorf Easypet 3 e le nuove pipette serologiche

Una nuova velocità. Velocizzate il vostro lavoro con Eppendorf Easypet 3 e le nuove pipette serologiche Una nuova velocità Velocizzate il vostro lavoro con Eppendorf Easypet 3 e le nuove pipette serologiche Scoprite la nuova dimensione del controllo Sperimentate la nuova dimensione del pipettaggio elettronico

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

Situazione e gestione della resistenza ai fungicidi antioidici

Situazione e gestione della resistenza ai fungicidi antioidici M. COLLINA Centro di Fitofarmacia Dipartimento di Scienze Agrarie Situazione e gestione della resistenza ai fungicidi antioidici Incontro tecnico Vite: Problemi fitosanitari e strategie di difesa 27 febbraio,

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile Per la terapia DOSSIER MASTITI di una mastite in atto il ricorso a tale test L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile riveste scarsa importanza. Ma fornisce preziosissime informazioni per le cure

Dettagli

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE Antisepsi - Asepsi ANTISEPSI: : mira a rallentare lo sviluppo dei germi (freddo) ASEPSI: consiste nell applicazione di una serie di norme atte a impedire che su un determinato

Dettagli

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae Benessere olistico del viso 100% natura sulla pelle 100% trattamento olistico 100% benessere del viso La natura restituisce......cio che il tempo sottrae BiO-REVITAL il Benessere Olistico del Viso La Natura

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA

Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA Acquistare una zucca fresca o già secca. Nel primo caso sarà opportuno comprarla in un periodo caldo per godere delle giornate

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Sommario Premessa Movimentazione Installazione Manutenzione Avvertenze 2 Premessa 3

Dettagli

Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente

Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente Produzione di formaggio di bufala a pasta semidura: studio della proteolisi Barbara La Gatta, Giusy Rusco, Aldo Di Luccia

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

INJEX - Iniezione senza ago

INJEX - Iniezione senza ago il sistema per le iniezioni senz ago INJEX - Iniezione senza ago Riempire le ampolle di INJEX dalla penna o dalla cartuccia dalle fiale con la penna Passo dopo Passo Per un iniezione senza ago il sistema

Dettagli

The Future Starts Now. Termometri portatili

The Future Starts Now. Termometri portatili Termometri portatili Temp 70 RTD Professional Datalogger, per sonde Pt100 RTD 0,01 C da -99,99 a +99,99 C 0,1 C da -200,0 a +999,9 C Temp 7 RTD Basic Per sonde Pt100 RTD 0,1 C da -99,9 a +199,9 C 1 C da

Dettagli

VET 30 6.1 03/2015-IT. Minilaparoscopia. per animali di peso inferiore ai 10 kg

VET 30 6.1 03/2015-IT. Minilaparoscopia. per animali di peso inferiore ai 10 kg VET 30 6.1 03/2015-IT Minilaparoscopia per animali di peso inferiore ai 10 kg Ristabilimento e guarigione più rapidi Un set di strumenti fondamentali per ogni veterinario operante in zoo, in laboratori

Dettagli

Relatore: per.agr. Roberto Nataloni Dlgs 150/2012 Art. 1 Oggetto Il presente decreto definisce le misure per un uso sostenibile dei pesticidi, che sono prodotti fitosanitari come definiti all articolo

Dettagli

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Protezione da Ebola Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Ed.Ottobre 2014 Il virus Ebola: la sua natura, come si diffonde, quanto è pericoloso L ebola è un virus appartenente alla

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

Fitopro s.r.l. - Milano. Servizio Fitosanitario Regionaledel Veneto - Bovolino di Buttapietra (VR)

Fitopro s.r.l. - Milano. Servizio Fitosanitario Regionaledel Veneto - Bovolino di Buttapietra (VR) LOTTA ANTIPERONOSPORICA SU VITE IN REGIME DI AGRICOLTURA BIOLOGICA: CONFRONTO TRA STRATEGIA A PROTEZIONE CONTINUA E STRATEGIA SUPPORTATA DAL MODELLO EPI. VENETO, BIENNIO 2007/2008 M. Buccini 1, G. Rho

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA (1) Dato il genotipo AaBb: quali sono i geni e quali gli alleli? Disegnate schematicamente questo genotipo con i geni concatenati

Dettagli

Astra Formedic S.r.l. - Via Piero Portaluppi, 15 20138 Milano Tel. 02.580011 Email: info.astraformedic@ademorigroup.it web : www.astraformedic.

Astra Formedic S.r.l. - Via Piero Portaluppi, 15 20138 Milano Tel. 02.580011 Email: info.astraformedic@ademorigroup.it web : www.astraformedic. Astra Formedic S.r.l. - Via Piero Portaluppi, 15 20138 Milano Tel. 02.580011 Email: info.astraformedic@ademorigroup.it web : www.astraformedic.it è un sistema integrato completo di tutti i moduli per eseguire

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

DETERMINAZIONE DI ESCHERICHIA COLI

DETERMINAZIONE DI ESCHERICHIA COLI Rapporti ISTISAN 2005 DETERMINAZIONE DI ESCHERICHIA COLI 0. Generalità e definizioni Escherichia coli è stato descritto per la prima volta nel 1885 da Theodor Escherich col nome di Bacterium coli. Il microrganismo,

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

ogni giorno in prima linea

ogni giorno in prima linea Servizio itosanitario Emilia-Romagna ogni giorno in prima linea proteggere le coltivazioni, le alberature, i parchi e le aree verdi dell'emilia-romagna da organismi nocivi fornire un supporto specialistico

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1.

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1. O2 - I PRISMI OTTICI S intende con prisma ottico un blocco di vetro ottico 8 limitato normalmente da superfici piane, di forma spesso prismatica. Un fascio di luce 9 può incidere su una o due delle sue

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Controllo della varroa in apicoltura biologica. Formiche e forbicine possono rimuovere gli acari dall inserto.

Controllo della varroa in apicoltura biologica. Formiche e forbicine possono rimuovere gli acari dall inserto. PROMEMORIA Controllo della varroa in apicoltura biologica In breve Mantenere la varroa sotto controllo continua a essere la principale sfida degli apicoltori. Il promemoria presenta due metodi diversi

Dettagli

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I)

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 Generalità 2 CONFIGURAZIONE PART-WINDING 2 CONFIGURAZIONE STELLA-TRIANGOLO 3 Isolamento del motore elettrico 5 Dispositivi di

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli