DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Promozione ed Educazione alla Salute (SPES) Progetto SORRIDI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Promozione ed Educazione alla Salute (SPES) Progetto SORRIDI"

Transcript

1 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Promozione ed Educazione alla Salute (SPES) Progetto SORRIDI Popolazione bersaglio: Bambini del terzo anno della scuola dell infanzia Febbraio 2015

2 Referenti del progetto: Dott. Celestino Piz: Direttore Dipartimento di Prevenzione Dr.ssa Blanca Ojeda Montes: referente Servizio Promozione Educazione alla Salute Dr.ssa Mariantonia Ferronato: referente di progetto Ha collaborato: Dott.sa Antiniska Maroso: statistico Obiettivi generali Ridurre l incidenza della carie e della malocclusione in età pediatrica Raccogliere dati epidemiologici sulla prevalenza della carie e delle malocclusioni nella popolazione pediatrica. Obiettivi specifici: Fornire strumenti utili alla prevenzione della carie dei bambini Orientare a corrette abitudini di igiene orale ed alimentare Informare sull influenza negativa delle abitudini viziate sullo sviluppo armonico della masticazione (succhiotto, biberon, ecc.) Orientare la popolazione interessata alle verifiche e alle cure necessarie. Nota: la relazione contiene alcune parti fornite dal Dott. Roberto Turra Responsabile del Servizio Epidemiologia Aziendale. 1

3 Sommario Introduzione... 3 Il nostro progetto... 5 Materiali e metodi... 6 Dati di sintesi... 8 Elaborazione dei questionari...11 DATI ANAGRAFICI...12 COMPORTAMENTI...13 STATO DELLA SALUTE ORALE

4 Introduzione La salute orale è una componente essenziale della salute globale dell individuo ed ha una importanza rilevante per la qualità della vita. L OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità), a livello europeo ha stabilito l obiettivo niente carie per il 90% dei bambini di 5-6 anni nel Per la realizzazione di questo obiettivo, l OMS raccomanda programmi di prevenzione rivolti ai bambini della scuola dell infanzia, età in cui la capacità di apprendimento di nuove abitudini è massima. Il D.G.R. n della Regione Veneto in materia di Livelli Essenziali di Assistenza chiede di orientare le prestazioni odontoiatriche dedicate all età evolutiva (0-16 anni) su obiettivi di prevenzione, per raggiungere l obiettivo niente carie per il 90% dei bambini di 5-6 anni entro il 2020, intercettando in tempo utile le malocclusioni a maggiore rischio e nel contempo fornendo dati epidemiologici sulla patologia orale. Relazione tra salute orale e salute generale Una buona salute orale migliora la capacità di un individuo di parlare, sorridere, odorare, gustare, toccare, masticare, deglutire e fare espressioni facciali per mostrare sentimenti ed emozioni. La salute dei nostri denti e della nostra bocca è collegata alla salute e al benessere generale in vari modi. La capacità di masticare ed inghiottire il cibo è essenziale per acquisire i nutrienti di cui abbiamo bisogno per una buona salute. Oltre all impatto sullo stato nutrizionale, una scarsa salute dentaria può influenzare negativamente la capacità di parlare e l autostima. Le malattie dei denti pongono carichi sia finanziari che sociali perché il trattamento è costoso e sia bambini che adulti possono sottrarre tempo alla scuola o al lavoro a causa del dolore dentario. E importante che la cura dentale inizi in giovane età. Cavità non curate nei bambini possono dar esito a dolore, infezione, diminuita attenzione in classe, assenteismo scolastico e bassa autostima. Programma per la salute orale dell OMS. Il Programma della salute Orale dell OMS opera con una prospettiva di arco della vita; attualmente i programmi comunitari per una migliore salute orale degli anziani e dei bambini hanno priorità elevata. Nel 1979 il WHO aveva identificato un importante obiettivo per la salute orale globale. Per l anno 2000 la media globale per la carie dentaria non doveva essere superiore a 3 DMFT a 12 anni d età. Nel 1983 la salute orale venne dichiarata parte della Strategia della Salute per tutti e nel 1989 il WHO appoggiò la promozione della salute orale come parte integrante della Salute per tutti per l anno Nel 1994 la Giornata per la Salute venne dedicata alla salute orale. 3

5 Nel 1981 WHO 1 e FDI 2 congiuntamente hanno formulato obiettivi di salute orale da raggiungere per l anno 2000: 1. 50% dei bambini di 5-6 anni liberi da carie dentaria; 2. media globale del DMFT a 12 anni non superiore a 3; 3. 85% della popolazione dovrebbe mantenere tutti i suoi denti all età di 18 anni; 4. una riduzione del 50% degli edentuli nel gruppo d età rispetto al livello del 1982; 5. una riduzione del 25% degli edentuli all età di 65 anni e più rispetto al livello del 1982; 6. l istituzione di un sistema di database per monitorare i cambiamenti nella salute orale. Gli obiettivi WHO/FDI per la salute orale per l anno 2000 hanno spinto gli Stati Membri ad allestire sistemi informativi sulla salute orale e ciò costituisce una sfida per la maggior parte dei paesi del mondo. L informazione ottenibile tramite un sistema informativo sanitario sulla salute orale può essere utilmente categorizzata nei seguenti sottosistemi collegati tra loro: sorveglianza epidemiologica; copertura del servizio fornito alla popolazione; documentazione e reportistica dei servizi; amministrazione e gestione delle risorse; qualità delle cure erogate; monitoraggio e valutazione di esito del programma di salute orale. Sistema di Sorveglianza della salute orale dell OMS Il WHO ha sviluppato un sistema di sorveglianza delle malattie orali molti anni fa, particolarmente in relazione alla carie nei bambini. La prima mappa globale con dati sull indice DMFT per i bambini di 12 anni venne presentato nel Per una sorveglianza efficace, l OMS suggerisce che vengano condotte regolarmente ogni 5 o 6 anni indagini cliniche nella stessa comunità o nello stesso contesto. La sorveglianza sostiene l azione di sanità pubblica collegando politiche e programmi sanitari ai dati. Programmi di sorveglianza ben condotti assicurano che i paesi abbiano l informazione necessaria per l azione immediata di controllo della malattia o per pianificare strategie di prevenzione della malattia e di eventi avversi alla salute in futuro. Le valutazioni strutturate dei sistemi di salute orale sono veramente necessarie e il Programma di Salute Orale WHO raccomanda un modello comprensivo dove vengono misurati input, processi, output ed esiti. 1 L'Organizzazione mondiale della sanità (OMS, o World Health Organization, WHO in inglese) è l agenzia specializzata dell'onu per la salute, fondata il 22 luglio 1946 ed entrata in vigore il 7 aprile 1948 ha sede a Ginevra. 2 FDI World Dental Federation, con sede a Parigi dal 1900 come Dentaire Fédération Internationale, è la principale organizzazione mondiale che rappresenta la professione odontoiatrica. 4

6 Modello di valutazione dei sistemi di salute orale Source: Dr. Poul Erik Petersen, World Health Organization Le informazioni generate dal sistema di sorveglianza vengono utilizzate per formulare obiettivi specifici dei programmi di prevenzione/promozione e per valutare il loro grado di raggiungimento. Esempi di obiettivi di Sanità Pubblica nell ambito della salute dentaria vengono riportati di seguito. L OMS europea ha stabilito l obiettivo niente carie per il 90% dei bambini di 5-6 anni nel Per la realizzazione di questo obiettivo l OMS raccomanda programmi di prevenzione rivolti ai bambini della scuola dell infanzia, età in cui la capacità di apprendimento di nuove abitudini è massima. Il D.G.R. n della Regione Veneto in materia di Livelli Essenziali di Assistenza chiede di orientare le prestazioni odontoiatriche dedicate all età evolutiva (0-16 anni) su obiettivi di prevenzione, per raggiungere il DMFT (Decay-Missing-Filling Tooth) 1,5/1,7 a 12 anni, intercettando in tempo utile le malocclusioni a maggiore rischio e nel contempo fornendo dati epidemiologici sulla patologia orale. Il nostro progetto Sorridi è uno dei progetti di promozione ed educazione alla salute per la scuola attuato da questa Azienda ULSS e presente nel Piano Strategico della Prevenzione e nei progetti della scuola. Tra gli obiettivi del progetto è compresa la riduzione della prevalenza della carie e della malocclusione in età pediatrica e la raccolta di dati epidemiologici sulla salute orale nella popolazione pediatrica. A tal fine il Servizio di Educazione e Promozione alla Salute dell Ulss n. 6 ha sviluppato un sistema di sorveglianza dello stato di salute dentaria dei bambini del terzo anno della scuola dell infanzia basato sulle visite di controllo dentistiche visite di controllo dei denti effettuate dalla Dott.sa Maria Antonia Ferronato. 5

7 Durante queste visite vengono raccolti, in un questionario appositamente predisposto, i dati anagrafici dei bambini e il loro stato di salute dentaria e, con l occasione, sono forniti alle famiglie consigli utili alla prevenzione della carie. I bambini oggetto dello studio vengono quindi orientati a corrette abitudini di igiene orale ed alimentare, informati sulla influenza negativa delle abitudini viziate (succhiotto, biberon ecc.), sullo sviluppo armonico della masticazione e orientati alle verifiche e alle cure necessarie. Inoltre all interno del progetto Sorridi è stato organizzato l accesso preferenziale ad un ambulatorio odontoiatrico dedicato ai bambini che durante la visita hanno manifestato il bisogno di cure particolari, gestito dallo stesso specialista che ha eseguito la visita a scuola. Su 100 inviti formulati nell anno 2013 /2014 i bambini presentatisi all ambulatorio negli orari riservati sono stati 35. Non siamo a conoscenza del numero di bambini che si son invece recati dal loro dentista. La nostra relazione, nel capitolo Risultati del questionario, descrive lo stato di salute dentaria di un campione di bambini visitati. Materiali e metodi Nel presente lavoro abbiamo indagato lo stato della salute orale in un campione di bambini dell ultimo anno della scuola dell infanzia (5-6 anni) in 14 comuni dell Ulss 06 Vicenza. Le scuole che hanno aderito al progetto SORRIDI nell anno scolastico 2013 / 2014 sono state 40 e sono stati visitati bambini. Questi costituiscono circa il 30% di tutti i bambini dell ultimo anno della scuola dell infanzia dell ULSS per l anno scolastico In stretti termini statistici, non sarebbe possibile estendere i riscontri di questa porzione della popolazione bersaglio a tutta la popolazione bersaglio dell Ulss. Tuttavia, non vi è un ragionevole motivo per pensare che la popolazione scolastica non indagata sia significativamente differente da quella indagata: infatti la mancata partecipazione all indagine è dovuta non al rifiuto dei genitori dei bambini, ma alla decisione di non partecipare delle direzioni scolastiche, basato su motivazioni organizzative delle scuole. La porzione di popolazione scolastica non partecipante non appartiene a comuni riconosciuti come deprivati o privilegiati rispetto alla popolazione scolastica partecipante e la mancata partecipazione per motivazioni organizzative delle scuole non costituisce un motivo di distorsione da selezione che priva i riscontri di validità esterna. Basandosi prudentemente su queste considerazioni extrastatistiche si può ragionevolmente concludere che i riscontri ottenuti possano valere per tutta la popolazione pediatrica dell Ulss del gruppo d età indagato, in quanto non compromessi da distorsione da selezione. 6

8 Prima di procedere all'indagine è stata richiesta l'autorizzazione ai genitori degli alunni. Per ogni bambino è stata compilata una scheda odontoiatrica personale contenente: informazioni anagrafiche (provenienza, sesso, età), comportamenti igienici (con che frequenza vengono lavati i denti, tipo di dentifricio usato, se si è andati dal dentista durante l ultimo anno, se si hanno abitudini scorrete es. biberon, succhiotto, succhia il dito) stato della salute orale (numero di denti decidui cariati, otturati o estratti, malocclusioni, indice di placca ed eventuale richiesta di cure esterne). Gli indici elaborati all'interno dello studio sono così definiti: Niente carie Caries Free : Indica la proporzione di soggetti senza carie rispetto al totale dei soggetti esaminati. dmft (decayed, missing, filled teeth): è la media dei denti decidui cariati, estratti per carie e otturati nei soggetti esaminati. L'esame clinico della cavità orale degli alunni è stato condotto presso le scuole dalla dott.sa Maria Antonia Ferronato con l'ausilio di una sorgente luminosa, uno specchietto ed uno specillo sterile. Metodi statistici: i dati raccolti sono stati elaborati utilizzando l applicativo EPI INFO. Sono stati utilizzati alcuni test per verificare l esistenza di relazioni tra variabili ed in particolare è stato utilizzato l odds ratio (OR) e il test della varianza (ANOVA). In epidemiologia, l'odds ratio (OR) è uno degli indicatori utilizzati per definire il rapporto di causa-effetto tra due fattori, per esempio tra un fattore di rischio (abitudini scorrette) e una malattia (presenza di carie). Il calcolo dell'odds ratio prevede il confronto tra le frequenze di comparsa dell'evento (ad esempio la carie) rispettivamente nei soggetti esposti e in quelli non esposti al fattore di rischio in studio. Esso è utilizzato negli studi retrospettivi, dove non è necessaria la raccolta dei dati nel tempo, infatti esso non calcola un andamento ed è, anzi, indipendente dal fattore durata. L analisi della varianza è un metodo sviluppato da Fisher, che è fondamentale per l interpretazione statistica di molti dati biologici ed è alla base di molti disegni sperimentali. L analisi della varianza (in inglese: Analysis of variance, abbreviata con l acronimo ANOVA) è utilizzata per testare le differenze tra medie campionarie e per fare questo si prendono in considerazione le rispettive varianze. Il principio che sta alla base di questo test è quello di stabilire se due o più medie campionarie possono derivare da popolazioni che hanno la stessa media parametrica. 7

9 Dati di sintesi 1 Dati anagrafici: sono stati visitati bambini in 40 scuole. Il 49% del campione è di genere femminile e il 51% maschile. Il 76% sono di cittadinanza italiana, il 10% provengono da paesi dell Est Europa, il 4,5% dal Nord Africa e il 3,9% da Paesi dell Oriente. 2 Comportamenti: Quasi tutti i bambini visitati dichiarano di lavarsi i denti tutti giorni (96%) e non si registra una differenza significativa tra i due generi. Il 70% dichiara di lavarsi i denti con dentifricio per bambini e il 26% usa un dentifricio standard. Il 38% dei bambini visitati dichiara di essere andato dal dentista nell ultimo anno, il 59% non è andato e il 3% non ha saputo rispondere. Il 15% dei bambini segue delle abitudini scorrette ed in particolare il 76% di questi usa ancora il biberon e/o il succhiotto e il 23% succhia il dito. 3 Stato di salute orale a. caries free: il 64% dei bambini visitati sono Caries Free [obiettivo dell OMS europea è fissato al 90% entro il 2020]. Risultano liberi da carie il 71% dei bambini italiani e il 43% dei bambini stranieri in particolare la percentuale più bassa di Caries Free è dei bambini provenienti dalla Cina, dall Est Europa e dal Nord Africa. Anche la scarsa igiene orale è legata alla comparsa della carie: il 66% dei bambini che si lavano i denti tutti i giorni sono senza carie contro un 41% dei bambini che non si lavano i denti tutti i giorni. Il genere e il tipo di dentifricio usato non sono legati alla presenza di carie. b. dmft: il valore di questo indice nei bambini visitati è pari a 1,5. Il valore del dmft calcolato è significativamente diverso a seconda della cittadinanza dei bambini: i bambini italiani hanno un indice pari a 1 mentre gli stranieri hanno un dmft pari a 3,2. In particolare i bambini di origine cinese hanno un indice pari a 7,6 e quelli provenienti dall Est Europa e dal Nord Africa pari a 3,4. Si registra una differenza significativa dell indice tra i bimbi che si lavano i denti tutti i giorni (1,4) e chi non si lava i denti tutti i giorni (2,7). Mentre non è significativamente differente l indice in relazione al tipo di dentifricio usato. 4 Malocclusione: quasi la metà (45%) dei bambini visitati ha una malocclusione non trattata, lo 0,6% ha una malocclusione in trattamento e il 54% non ha malocclusioni. La percentuale di malocclusioni presenti nei bambini italiani è significativamente più alta di quella dei bambini stranieri (51% per gli italiani e 31% per gli stranieri). Tra i bambini con abitudini scorrette la percentuale di malocclusioni è del 64% mentre tra i bambini senza abitudini scorrette la percentuale è pari al 43%. Il genere non è implicato nella presenza di malocclusioni. 5 Indice di placca: al 51% dei bambini visitati è stato riscontrato un indice di placca pari a 1 e il 44% pari a 2. Solo nell 1,2% dei bambini la placca è assente. Più della metà dei bambini (54%) che si lavano i denti tutti i giorni hanno un indice di placca basso (0 o 1), mentre tra i bambini che non lavano i denti tutti i giorni la percentuale di casi con indice di placca basso è del 14%. Non si evidenziano differenze significative tra l indice di placca e il tipo di dentifricio usato, le abitudini scorrette e l essere andato dal dentista nell ultimo anno. 8

10 Esiste una differenza significativa tra l indice dmft e l indice di placca: i bambini con indice di placca basso (0 1) hanno mediamente un numero di denti non sani pari a 0,7, mentre i bambini con indice di placca alto (2 3) hanno mediamente 2,5 denti non sani. Richiesta di ulteriori cure: il 10% dei bambini visitati sono stati invitati a prendere appuntamento per iniziare un trattamento specifico presso un ambulatorio odontoiatrico appositamente istituito. Su 100 bambini invitati 35 sono stati presi in carico dall ambulatorio negli orari riservati Proposte Visti i risultati dello studio percentuale dei Caries Free ancora molto bassa; maggiore incidenza della carie tra i bambini figli di immigrati; molti soggetti sani, o poco malati e una minoranza con un elevato numero di carie ( tante carie su è opportuno: pochi bambini) a) predisporre dei materiali informativi per la prevenzione (riprendendo anche le Indicazioni del Ministero della Salute riportate di seguito) tradotti in alcune lingue (inglese, arabo, cinese, serbo-croato per es.) da mettere a disposizione di chi si occupa del bambino nei primi anni di vita (sanitari e parenti). Le occasioni di contatto per distribuirli possono essere: o i corsi pre-parto per le gestanti; o le visite pediatriche in particolare in occasione dei bilanci di salute; o le prima visita a domicilio e le vaccinazioni (eseguite dalle Assistenti Sanitarie) o la frequenza all asilo nido. In questo modo si potrebbe realizzare un circolo virtuoso in grado di creare la necessaria pressione positiva per far adottare le necessarie abitudini preventive. b) informare il personale sanitario della facilitazione realizzata per le visite odontoiatriche ai bambini più piccoli. c) collegare questo progetto con I-denti-kit che si occupa dei bambini dal terzo anno della Scuola Primaria fino ai 12 anni e che ha come obiettivo generale: Fornire agli educatori, ai bambini e conseguentemente alle loro famiglie, le conoscenze teorico-pratiche necessarie per poter attuare comportamenti che influiscano positivamente sulla salute orale e quindi sulla salute globale dell individuo. La visita eseguita per questo progetto potrebbe essere utilizzata come monitoraggio dello stato di salute dei denti dei bambini già visitati a sei anni e raccogliere informazioni sul funzionamento del sistema sanitario in quest ambito. 9

11 Linee guida nazionali Riportiamo di seguito le Linee guida nazionali per la promozione della salute orale e la prevenzione delle patologie orali in età evolutiva - Aggiornamento 3 del Ministero della Salute, in quanto forniscono ulteriori indicazioni preventive. 1. La presenza anche di un solo elemento dentale, deciduo o permanente, cariato, curato o mancante per carie rappresenta un fattore di rischio per l insorgenza di nuove lesioni cariose. 2. L assunzione di bevande e cibi contenenti carboidrati semplici è sconsigliata fuori dai pasti principali; in particolare, l uso del succhiotto edulcorato e l uso non nutrizionale del biberon contenente bevande zuccherine devono essere fortemente sconsigliati. 3. Lo stato della salute orale di chi si occupa del bambino e lo stato socio-economico della famiglia influiscono sul suo rischio di sviluppare lesioni cariose. Forti evidenze hanno dimostrato che le madri rappresentano la fonte primaria per la colonizzazione di Streptococcus mutans dei loro figli (Douglass et al., 2008; Kagihara et al., 2009; CDAF, 2010; Seow, 2012). La presenza di alte concentrazioni di batteri cariogeni associate o meno a un elevata esperienza di carie nella madre influenzerà la precoce colonizzazione di tali batteri nel cavo orale del bambino. La protezione della futura dentatura del bambino inizia con l'inizio della gravidanza. L'obbiettivo di tutte le manovre di prevenzione non sarà tuttavia il bambino ma la madre. Infatti è SANANDO LE PATOLOGIE DENTALI della mamma che si realizza la prima e più importante manovra di prevenzione a favore del bambino. Quindi il primo intervento di prevenzione è la cura (prima o durante la gravidanza) di qualsiasi patologia dentale presente nella mamma, specie se sono presenti lesioni cariose attive. 4. Un insufficiente esposizione ai composti fluorati rappresenta un fattore di rischio per l insorgenza di lesioni cariose. 5. La fluoroprofilassi, intesa come prevenzione della carie attraverso l utilizzo del fluoro, rappresenta la pietra miliare della prevenzione della carie (Marinho et al., 2009c; Marinho, 2009d; AAPD, 2012) ed è necessaria per tutti gli individui (Twetman, 2008b; Marinho et al., 2009a; Twetman, 2009; EAPD, 2009; Tomba et al., 2009; Walsh et al., 2010). Dai 6 mesi ai 6 anni di età, la fluoroprofilassi può essere effettuata attraverso l uso di un dentifricio contenente almeno 1000 ppm di fluoro, 2 volte al giorno, in dose pea-size 6. È consigliato uno scrupoloso controllo dell assunzione di carboidrati fermentabili. 7. La somministrazione di integratori fluorati e l applicazione domiciliare di gel o collutori al fluoro è efficace nella prevenzione della carie

12 QUAL È LO STATO DELLA SALUTE DENTARIA NELLA POPOLAZIONE PEDIATRICA DELL ULSS 6 VICENZA? Rispondiamo con i dati dei questionari Durante l anno scolastico 2013 / 2014 hanno aderito al progetto 40 scuole e sono stati visitati bambini di 5-6 anni. Tabella 1: Numero totale di scuole che hanno aderito al progetto e numero totale di bambini visitati per comune. Totale Tot COMUNE scuole bambini ALTAVILLA VICENTINA 1 51 ARCUGNANO 1 18 CALDOGNO 1 38 CREAZZO 1 35 DUEVILLE ISOLA VICENTINA 2 77 LONGARE 1 12 MONTICELLO CONTE OTTO 1 26 NOVENTA VICENTINA 3 65 POJANA MAGGIORE 1 25 SANDRIGO 1 8 SOVIZZO 2 70 TORRI DI QUARTESOLO 1 44 VICENZA Totale Figura 1: Mappa dei comuni che hanno aderito al progetto. 11

13 DATI ANAGRAFICI Il campione di bambini visitati è rappresentato dal 49% da Femmine e dal 51% da Maschi. Tabella 2: Numero totale e distribuzione percentuale per genere. Genere Totale Percentuale F % M % Totale % Il 76% dei bambini visitati è italiano. Tabella 3: Numero totale e distribuzione percentuale per cittadinanza. CITTADINANZA Totale Percentuale ITALIANA % NON ITALIANA % Totale % Di seguito si riporta la distribuzione percentuale dei bambini visitati per provenienza geografica. Al 76% di bimbi italiani si aggiunge il 10% di bambini provenienti dai paesi dell Est Europa, il 4,5% dal Nord Africa e il 3,9% dai paesi orientali (Pakistan, India, Bangladesh, Filippine, ). Grafico 1: Distribuzione percentuale per provenienza geografica. 12

14 COMPORTAMENTI CON CHE FREQUENZA LAVA I DENTI? Il 96% dei bambini dichiara di lavarsi i denti tutti i giorni ed in particolare il 67% li lava due o più volte al giorno. Non si registra una differenza significativa tra maschi e femmine. Tabella 4: Numero tot di bambini e distribuzione percentuale per frequenza con cui si lavano i denti. Lava i denti Frequenza Percentuale Qualche volta alla settimana 29 2,9% Senza risposta 11 1,1% Tutti i giorni, due o più volte al giorno ,3% Tutti i giorni, una volta al giorno ,7% Totale ,0% Grafico 2: Distribuzione percentuale Qualche volta alla settimana Senza risposta Tutti i giorni, due o più volte al giorno 0% 20% 40% 60% 80% 3% 1% 67% Tutti i giorni, una volta al giorno 29% Femmine: il 96% delle femmine dichiara di lavarsi i denti tutti i giorni. Tabella 5: Numero tot di FEMMINE e distribuzione percentuale per frequenza con cui si lavano i denti. Lava i denti Frequenza Percentuale Qualche volta alla 15 3,0% settimana Senza risposta 3 0,6% Tutti i giorni, due o più ,5% volte al giorno Tutti i giorni, una volta al ,9% giorno Totale ,0% Grafico 3: Distribuzione percentuale FEMMINE Qualche volta alla settimana Senza risposta Tutti i giorni, due o più volte al giorno 0% 20% 40% 60% 80% 3% 0,60% 69% Tutti i giorni, una volta al giorno 28% 13

15 Maschi: il 96% dei maschi dichiara di lavarsi i denti tutti i giorni. Tabella 6: Numero tot di MASCHI e distribuzione percentuale per frequenza con cui si lavano i denti Lava i denti Frequenza Percentuale Qualche volta alla 14 2,8% settimana Senza risposta 8 1,6% Tutti i giorni, due o più ,1% volte al giorno Tutti i giorni, una volta al ,5% giorno Totale ,0% Grafico 4: Distribuzione percentuale MASCHI Qualche volta alla settimana Senza risposta Tutti i giorni, due o più volte al giorno 0% 20% 40% 60% 80% 3% 2% 66% Tutti i giorni, una volta al giorno 30% TIPO DI DENTIFRICIO USATO Il 95% dei bambini usa il dentifricio, l 1% non lo usa e il 3% non ha saputo rispondere. Tra quelli che hanno dichiarato di usare regolarmente il dentifricio, il 70% ne usa uno per bambini e il 25% usa un dentifricio standard. Tabella 7: Numero totale e distribuzione percentuale per tipo di dentifricio usato Grafico 5: Distribuzione percentuale per tipo di dentifricio usato Dentifricio Frequenza Percentuale Non usa il dentifricio 14 1,4% Senza risposta 33 3,3% Usa il dentifricio per ,7% bambini Usa il dentifricio ,6% standard Totale ,0% SEI ANDATO DAL DENTISTA NEGLI ULTIMI 12 MESI? Il 38% è andato dal dentista nell ultimo anno. Tabella 8: Numero totale e distribuzione percentuale dei bambini andati dal dentista Sei andato dal dentista Frequenza Percentuale negli ultimi 12 m NO ,2% Senza risposta 33 3,3% SI ,5% Totale ,0% 14

16 ABITUDINI SCORRETTE Il 15% dei bambini segue delle abitudini scorrette ed in particolare il 76% di questi usa ancora il biberon e/o il succhiotto e il 23% succhia il dito. Tabella 9: Numero totale e distribuzione percentuale dei bambini con abitudini scorrette. Abitudini scorrette Frequenza Percentuale NO % SI % Totale % Tabella 10: Elenco del tipo di abitudini scorrette. Abitudini scorrette Frequenza Percentuale Mangia unghie 1 0,6% Succhia il dito 35 22,7% Succhia la notte il lenzuolo 1 0,6% Usa il biberon ,2% Usa il biberon - succhia il dito 2 1,3% Usa il biberon - usa il succhiotto 2 1,3% Usa il biberon (fino a gennaio 2014) 1 0,6% Usa il succhiotto 10 6,5% Totale ,0% STATO DELLA SALUTE ORALE Sono stati calcolati due indicatori (Caries Free e dmft) descritti in Introduzione. Gli indici elaborati all'interno dello studio per valutare la salute orale dei bambini sono definiti a Pag. 7 nella sezione dedicata ai Materiali e Metodi. CARIES FREE (Niente Carie) A 6 anni 646 bambini su sono esenti da carie (64,4%). L OMS europea ha stabilito l obiettivo niente carie per il 90% dei bambini di 5-6 anni nel Tabella 11: Numero totale di bambini esenti da carie e calcolo dell indicatore Caries Free NIENTE CARIE Frequenza Percentuale No ,6% SI ,4% Totale ,0% 15

17 Di seguito è stata messa in relazione la malattia intesa come presenza di carie e il fattore di rischio rappresentato ad esempio da fattori anagrafici o comportamentali. L indicatore usato per verificare la presenza di relazione è l Odds Ratio 4. RELAZIONE TRA LA PERCENTUALE DI CARIES FREE E I DATI ANAGRAFICI Genere Non si evidenzia associazione tra il genere e niente carie. Sono liberi dalle carie il 64% delle femmine visitate e il 65% dei maschi. Tabella 12: Relazione tra Genere e salute dentaria NIENTE CARIE Genere F M TOTALE SI NO % Caries Free 63,6% 65,2% 64,4% TOTALE Grafico 6: Percentuale di caries free per genere Cittadinanza Sono liberi da carie il 71% di bambini italiani contro il 43% di quelli stranieri. (La cittadinanza può essere implicata nella comparsa della carie: OR 3,2 i.c. 2,4 4,3.) Tabella 13: Relazione tra cittadinanza e salute dentaria Cittadinanza NIENTE CARIE TOTALE Italiana Non italiana SI NO % Caries Free 71,0% 43,3% 64,4% TOTALE Grafico 7: Percentuale di caries free per cittadinanza 4 Per il dettaglio sul significato dell Odds Ratio (OR) si rimanda all introduzione sezione Materiali e Metodi. 16

18 Il Grafico 10 mostra la percentuale di Caries Free distinta per paese di provenienza. Vicino al paese di provenienza si riporta tra parentesi il numero di bambini visitati. Su 5 bambini cinesi visitati ad esempio, è risultato che solo 1 è Caries Free. Grafico 8: Percentuale di Caries Free per paese di provenienza RELAZIONE TRA LA PERCENTUALE DI CARIES FREE E I COMPORTAMENTI Lavare i denti Il 66% dei bambini che si lava i denti tutti i giorni è libero da carie contro una percentuale di Free Caries del 41% nei bambini che non lava i denti tutti i giorni. (La scarsa igiene orale può essere implicata nella comparsa della carie: O.R. 2,7 i.c. 1,3 5,7). Tabella 14: Relazione tra la frequenza con cui ci si lava i denti e salute dentaria Lavare i denti Tutti i Non tutti TOTALE NIENTE CARIE giorni i giorni SI NO % Caries Free 66% 41% 64,8% TOTALE * *11 casi non compilati Grafico 9: Percentuale di caries free per frequenza con cui ci si lava i denti 17

19 Tipo di dentifricio usato Il 67% dei bambini che usano un dentifricio per bambini è libero da carie contro una percentuale di Caries Free del 61% nei bambini che usano dentifrici standard o non usano dentifrici. Tabella 15: Relazione tra Tipo di dentifricio e salute dentaria Grafico 10: Percentuale di caries free per tipo di dentifricio Tipo di dentifricio Non usa Usa dent NIENTE CARIE dent bambini TOTALE bambini SI NO % Caries Free 61% 67% 65% TOTALE TIPOLOGIA DELLA DENTATURA DECIDUA - dmft (decay-missing-filling tooth) L altro indicatore elaborato nello studio è l'indice dmft (media dei denti decidui con patologia cariosa per soggetto). Su bambini visitati sono stati individuati dentini non sani e l indice dmft è risultato pari a 1,52. Si tratta nell 89% dei casi di denti cariati e nell 11% dei denti otturati. Tabella 16: Tabella riassuntiva della salute dentaria dei bambini visitati. Tipo di denti decidui Totale N di denti Cariati 1366 N di denti Otturati 162 N di denti Assenti 3 Totale denti non sani 1529 Totale Bambini visitati 1003 Indice dmft 1,52 Di seguito mostriamo la distribuzione percentuale dei bambini per numero di denti con patologia cariosa. L 11% dei bambini ha più della metà dei propri denti (>=10 denti) con patologie cariose. Il 23% dei bambini visitati ha 1 solo dente cariato, otturato o assente, e il 20% ne ha 2. QUINDI CI SONO TANTE CARIE SU POCHI BAMBINI 18

20 Grafico 11: Percentuale di bambini per numero di denti non sani (cariati, otturati o assenti) Di seguito vengono di volta in volta divisi i bambini visitati in 2 gruppi secondo fattori anagrafici o comportamentali e vengono confrontati i valori medi dell indice dmft ottenuti nei due gruppi. La significatività statistica della differenza è stata valutata applicando il test della varianza (ANOVA) descritto a Pag. 7 nella sezione dedicata ai Materiali e Metodi. INDICE dmft E DATI ANAGRAFICI Genere Non è presente alcuna differenza significativa degli indici di carie tra i due generi. Genere Bambini Totale denti non dmft Analisi statistica sani (test sulle medie) Femmine ,53 Differenza non Maschi ,52 Cittadinanza I bambini stranieri hanno un indice dmft di 3,2 contro un indice pari a 1 dei bambini italiani. significativa Cittadinanza Bambini Totale denti non dmft Analisi statistica sani (test sulle medie) Italiana Differenza Straniera ,2 significativa 19

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING)

LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING) LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING) Cosa bisogna sapere prima di decidere di fare lo sbiancamento dei denti? In inglese viene definito:dental bleaching 1. L'igiene orale correttamente eseguita

Dettagli

Le professioni nello studio medico dentistico

Le professioni nello studio medico dentistico Le professioni nello studio medico dentistico L assistente dentale AFC L assistente di profilassi La segretaria odontoiatrica L igienista dentale SSS L assistente dentale AFC Requisiti Buona formazione

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale Il territorio dell ASL 18 e 19 appartiene all area del Delta del Po di Polesine, dichiarata nel 1996

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori a cura del Comitato nazionale multisettoriale per l allattamento materno 1. Tutte le mamme hanno il latte Allattare al seno è un gesto naturale. Fin dall inizio del mondo, attraverso il proprio latte le

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 3 - Pag. 1 = 1

Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 3 - Pag. 1 = 1 Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 3 - Pag. 1 Capitolo 3. L'analisi della varianza. Il problema dei confronti multipli. La soluzione drastica di Bonferroni ed il test

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Accesso e capacità d uso elementare del Computer. Accesso a Internet. Conoscenza di base della Lingua Inglese

Accesso e capacità d uso elementare del Computer. Accesso a Internet. Conoscenza di base della Lingua Inglese Accesso e capacità d uso elementare del Computer Accesso a Internet Conoscenza di base della Lingua Inglese Casa/ famiglia Scuola Comunità Fattori genetici Psicosociali Altri fattori personali Norme e

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

Progetto La salute vien mangiando. 4 B Crolle

Progetto La salute vien mangiando. 4 B Crolle Progetto La salute vien mangiando 4 B Crolle Obiettivi, finalità Conoscere i cibi e le sostanze nutrienti che rispondono ai bisogni del nostro organismo. Valorizzare l'importanza di una corretta e sana

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA)

4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA) 4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA) L analisi della varianza è un metodo sviluppato da Fisher, che è fondamentale per l interpretazione statistica di molti dati biologici ed è alla

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Prova sul campo. Primavera 2014. OECD Organisation for Economic Cooperation and Development. Ministero della Pubblica Istruzione

Prova sul campo. Primavera 2014. OECD Organisation for Economic Cooperation and Development. Ministero della Pubblica Istruzione Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema Educativo di Istruzione e di Formazione OECD Organisation for Economic Cooperation and Development Prova sul campo

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals II Parte Verifica delle ipotesi (a) Agostino Accardo (accardo@units.it) Master in Ingegneria Clinica LM in Neuroscienze 2013-2014 e segg.

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

1a) Calcolare gli estremi dell intervallo di confidenza per µ al 90% in corrispondenza del campione osservato.

1a) Calcolare gli estremi dell intervallo di confidenza per µ al 90% in corrispondenza del campione osservato. Esercizio 1 Sia X 1,..., X un campione casuale estratto da una variabile aleatoria normale con media pari a µ e varianza pari a 1. Supponiamo che la media campionaria sia x = 2. 1a) Calcolare gli estremi

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS Protocollo d intesa tra Ministero della Giustizia Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza e Bambinisenzasbarre ONLUS IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA L'AUTORITÀ GARANTE PER L'INFANZIA E L ADOLESCENZA

Dettagli

Statistica. Lezione 6

Statistica. Lezione 6 Università degli Studi del Piemonte Orientale Corso di Laurea in Infermieristica Corso integrato in Scienze della Prevenzione e dei Servizi sanitari Statistica Lezione 6 a.a 011-01 Dott.ssa Daniela Ferrante

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Cà Dotta Le Vie del Fumo

Cà Dotta Le Vie del Fumo Cà Dotta Le Vie del Fumo Laboratorio di didattica multimediale per la Promozione della Salute Esperienze Sensazioni Conoscenze - Emozioni L ULSS n 4 Alto Vicentino, in collaborazione con la Regione Veneto

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA DI 75 ANNI PER SE SSO E CAUSE PRINCIPALI

1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA DI 75 ANNI PER SE SSO E CAUSE PRINCIPALI Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento della sanità e della socialità Ufficio del medico cantonale Servizio di promozione e di valutazione sanitaria 1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA

Dettagli

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta PROGRAMMA MINISAL Sottoprogetto ISS www.menosalepiusalute.it MINISAL-GIRCSI BUONE PRATICHE SULL'ALIMENTAZIONE: VALUTAZIONE DEL CONTENUTO DI SODIO, POTASSIO E IODIO NELLA DIETA DEGLI ITALIANI Consumo medio

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Università degli studi di Modena e Reggio Emilia I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Domati F., Maffei S., Kaleci S., Di Gregorio C., Pedroni M., Roncucci

Dettagli

MAMME LIBERE DAL FUMO

MAMME LIBERE DAL FUMO MAMME LIBERE DAL FUMO Il razionale Il fumo di tabacco è un problema di sanità pubblica rilevante per la donna, per la mamma, per il bambino; esistono evidenze scientifiche di azioni preventive efficaci;

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Piano Locale della Non Autosufficienza per la Residenzialità

Piano Locale della Non Autosufficienza per la Residenzialità Servizio Sanitario Nazionale - Regione Veneto AZIENDA ULSS N. 6 VICENZA Viale F. Rodolfi n. 37 36100 VICENZA COD. REGIONE 050 COD. U.L.SS. 006 COD.FISC. E P.IVA 02441500242 Conferenza dei Sindaci Azienda

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo.

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo. Regolamento G.L.I. Art. 1 Costituzione del G.L.I. (Gruppo di Lavoro per l Inclusione) Ai sensi della Direttiva Ministeriale del 27 dicembre 2012 (Strumenti d intervento per alunni con bisogni educativi

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007 A STATISTICA (A-K) a.a. 007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 007 STESS N.O. RD 00 GORU N.O. RD 006 ) La distribuzione del numero degli occupati (valori x 000) in una provincia

Dettagli

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Gli eventi organizzati in provincia di Trento che hanno al loro centro una proposta enogastronomica sono, nell arco dell anno, numerosi.

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

4. Confronto tra medie di tre o più campioni indipendenti

4. Confronto tra medie di tre o più campioni indipendenti BIOSTATISTICA 4. Confronto tra medie di tre o più campioni indipendenti Marta Blangiardo, Imperial College, London Department of Epidemiology and Public Health m.blangiardo@imperial.ac.uk MARTA BLANGIARDO

Dettagli