TE Sviluppi tecnologici nelle telecomunicazioni: presente e futuro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TE-071-01. Sviluppi tecnologici nelle telecomunicazioni: presente e futuro"

Transcript

1 TE Sviluppi tecnologici nelle telecomunicazioni: presente e futuro Alessandro Puiatti Docente e ricercatore SUPSI DTI 1

2 Contenuti Telefonia mobile: dalla storia ai giorni nostri Trasmissione dati: eliminiamo il cavo VoIP: le telefonate via internet TV digitale Cosa ci riserva il futuro? 2

3 Telefonia mobile: dalla storia ai giorni nostri 3

4 Storia Già nel 1924, Bell Labs testavano i radio telefoni mobili (from 4

5 Storia La storia della telefonia mobile pubblica incomincia negli anni '40 Il 28 luglio 1945 fu progettato su carta il primo sistema cellulare Il 17 giugno 1946 in Saint Louis la AT&T e la western Bell resero operativo MTS (Mobile Telephone Service) Motorola sviluppò la parte radio Bell System si occupò dell'installazione 150MHz, 6 canali, 60kHz di banda ciascuno 5

6 Storia Fuori degli USA lo sviluppo della telefonia mobile procedeva lentamente Nel 1949 il primo sistema nazionale di telefonia radio pubblica (in Olanda) Nel 1951 Automatic Mobile Telephone system (MTA) in Stockholm e Göteborg (totalmente operativo nel 1956) Nel 1952 il Giappone riguadagna l'indipendenza e la NTT (Nippon Telephone and Telegraph) incomincia la ricerca sulla telefonia mobile 6

7 Storia Tra gli anni 50 e 70: nascono in diversi paesi europei dei servizi di telefonia mobile nascono Ericsson e Nokia negli USA vengono ampliati o migliorati i sistemi esistenti le compagnie telefoniche ed i produttori hanno ormai ben chiara l'idea della telefonia cellulare arrivano i transistor a dare man forte allo sviluppo dei dispositivi mobili 7

8 Storia Tra gli anni 70 ed 80 in USA, nord Europa e Giappone si incrementa la ricerca Agli inizi degli anni '80 negli USA il sistema Advance Mobile Phone Service (AMPS) diventa operativo -> prima generazione di sitemi cellulari banda di frequenze nel range degli 850 MHz due range: 20 MHz in Uplink e 20MHz in Downlink un totale di 1'332 canali ( ) di 30 khz prodotto da Motorola, E.F. Johnson e Oki 8

9 Storia AMPS il primo sistema cellulare 9

10 Storia AMPS il primo sistema cellulare 10

11 Storia Sistema TDMA IS-136 (IS-54) Per incrementare il numero di utenti nel'93 viene aggiunto il sistema TDMA (Time division Multiple Access) 6 time slots, ognuno di 6,67 ms Un canale full-rate fatto da due slot equidistanti (1 e 4, 2 e 5, 3 e 6) 3 utenti per canale o 6 nel caso di low-bit-rate della codifica audio 11

12 Sistema TDMA (IS-54 a IS-136) 12

13 Storia - GSM Nel 1982, 26 compagnie telefoniche europee iniziano la definizione del GSM ( Group Special Mobile adesso Global System for Mobile Communications) Sistema completamente digitale, non retro compatibile, nella banda dei 900 MHz Il primo sistema GSM viene sviluppato nel '91 in 18 paesi europei Nel '93 altri 9 paesi europei più Australia, Hong Kong, gran parte dell'asia, Sud America ed ora anche USA 13

14 Sistema GSM 14

15 Storia

16 Storia - CDMA Un nuovo sistema di codifica dei canali CDMA (Code Division Multiple Access) Viene adottato da due nuovi sistemi nel Nord America: cdmaone e PCS (Personal Communication System) Consente di avere più utenti su uno stesso canale Utilizza un codice pseudo random che viene associato ad ogni connessione 16

17 CDMA - Codifica CDMA = Code Division Multiple Access 17

18 CDMA - Decodifica 18

19 CDMA 19

20 GSM Network Overview Access Network: Base Station Subsystem Core Network: GSM CS network HLR BSC BTS Mobile VLR EIR AuC SS7 Station MSC PSTN BTS Um Abis A 20

21 GSM Base Station Subsystem BTS: Base Transceiver Station BSC: Base Station Controller 21

22 GSM - Mobile Switching Center Ogni MSC copre diverse celle BTS BTS BTS BTS BTS BTS BTS BSC BSC MSC 22

23 GSM Altri elemnti della rete HLR: Home Location Register VLR: Visitor Location Register EIR: Equipment Identity Register AuC: Authentication Center 23

24 GSM Public Land Mobile Network BTS BTS BTS BTS BTS BTS BTS BTS BTS BSC BTS BTS BSC BTS BTS BSC MSC BTS BSC MSC PSTN 24

25 GPRS General Packet Radio Services Bit rate da 9,6 a 76,8 kbps Necessità di interconnessione con reti: GSM PSTN (Public Switched Telephone Network) ISDN (Integrated Service Digital Network) PDN (Packet Data Network - Internet) 25

26 GPRS Network Overview Gateway GPRS Support Node (GGSN): interfaccia tra rete GPRS ed qualsiasi altra rete 26

27 GPRS Network Overview Serving GPRS Support Node (SGSN): fornisce i servizi GPRS ad una MS nella rete a cui è associata 27

28 Cellular Networks Must Change Expand to accommodate rapid market subscriber growth Evolve to satisfy the increasing demand for information anytime, anywhere North America Europe Japan Pacific Rim Rest of World Mobile Subscribers Source: Ovum; Analysis; Merrill Lynch; ADL 1995 December Source: IDC and Dataquest 2005

29 Changing Traffic Mix Data Growth 300% Relative Traffic Transition & Convergence 150 Voice Growth 5% Data over Circuits Time Source: Vint Cerf, MCI Lucent Technologies Proprietary December 2000 Voice over Packets

30 What Does this Mean? Operators want to add more services to gain more revenue more services means data! Operators want to cause stickiness to their network Users want high rates = at least 56 Kbps today, >300 Kbps tomorrow Adding bandwidth to the circuit-switched network is expensive ($$$$$), much more than for packet-switched networks ($) Today s frequencies and modulation do not support these rates well December 2000

31 What Does this Mean? GPRS will solve these problems, right? WRONG! December 2000

32 Telefonia mobile 3G (Third Generation) Deve supportare i seguenti bit-rate: 144 kbps per utilizzo a velocità sostenuta (auto) almeno 384 kbps per utilizzo in movimento (a piedi) circa 2048 Mbps in utilizzo stazionario Deve supportare: voce, audio ad alta qualità, video telefonia, filmati, video streaming, giochi interattivi accesso ad Internet veloce trasferimento di file di dimensioni sostenute 32

33 UMTS Universal Mobile Communication System MPE: RNC: RNS: 33 Multimedia Processing System Radio Network Controller Radio Network Subsystem

34 UMTS - Specifiche UTRA: Universal Terrestrial Radio Access 34

35 Dual, Tri, Quad Band? 850 MHz (USA) 900 MHz (Europa e gran parte del mondo) ( MHz Tx; MHz Rx) 1800 MHz (Europa e gran parte del mondo) ( MHz Tx; MHz Rx) ( MHz Tx; MHz Rx) 1900 MHz (USA e Canada) ( MHz Tx; MHz Rx) 35

36 Telefono Satellitare Copertura estesa all'intero pianeta Necessità di una visibilità diretta del satellite Costi elevati 36

37 Trasmissione dati: eliminiamo il cavo 37

38 Un po' di sigle WAN: Wide Area Network MAN: Metropolitan Area Network LAN: PAN: Personal Area Network BAN: Body Area Network Local Area Network Mettendoci una W davanti diventa Wireless (WLAN = Wireless Local Area Network) 38

39 Bluetooth Nasce dalla Ericsson PAN 39

40 Bluetooth Livello fisico FHSS: Frequency Hop Spread Spectrum Banda 2.4 GHz 79 canali max 760 kbps Freq. F4 4 2 F3 3 F2 F1 1 T1 T2 T3 40 T4 Tempo

41 Bluetooth Tipologia di rete Master, Slave, Parked Più nodi in rete costituiscono una Piconet Un rete è costituita da: S 1 Master M da 1 a massimo 7 Slave fino a 255 Parked P S S P 41

42 Bluetooth - Scatternet Più Piconet fanno una Scatternet Un nodo può essere Master solo in una rete S M S S M P S S S P S S P P M S S S 42

43 WLAN Wireless Local Area Network Le sigle più note: IEEE ; Banda 2.4 GHz max 2 Mbps IEEE b; Banda 2.4 GHz max 11 Mbps IEEE g; Banda 2.4 GHz max 54 Mbps IEEE a; Banda 5 GHz max 54 Mbps WiFi 43

44 WLAN Gli elementi della rete Access Point (AP) punto di accesso e di gestione della rete Station nodo della rete I nodi comunicano tra loro attraverso l'ap La velocità di trasmissione diminuisce con l'aumentare della distanza D B 50m 100m AP A C 44

45 WLAN Livello fisico Direct Sequence Spread Spectrum (DSSS) US X X X X X X X X X X X Canada X X X X X X X X X X X Europe (except FR & SP) X X X X X X X X X X X France X X Spain X X X X 14 Japan X Channels allowed in the World 45

46 WLAN - DSSS Correlation Spread Noise Correlation Spread Noise 46

47 WLAN - Configurazione ESSID (Extended Service Set Identifier) Canale IP (se non presente il DHCP) Sicurezza (WEP, WPA, WPA2...) 47

48 WLAN - Configurazione Ogni rete deve avere un nome (ESSID) diverso Se le reti sono sovrapposte o vicine conviene avere canali distanti (es ) N M 50m AP 100m AP3 L 50m AP 100m AP1 48 Q I D P B 50m AP 100m AP2 A C O F G H E

49 WLAN Canali vicini Due canali vicini interferiscono tra loro 22 MHz Power 0 dbr - 30 dbr Frequency Ch1 Ch10 Ch GHz 5 MHz 49 Ch GHz

50 WLAN Canali distanti Meglio se i canali sono sufficientemente distanti tra loro 30 MHz Power 0 dbr - 30 dbr Frequency Ch1 Ch GHz Ch GHz 50

51 WLAN Connessione di casa Internet ADSL Access Point BSS STA LAN STA3 51

52 WLAN Connessione in ufficio 802.x LAN Internet Distribution System Access Point BSS STA LAN STA3 52

53 WLAN Connessione di più reti WLAN1 802.x LAN STA1 BSS1 STA1 BSS1 Portal Access Point Access Point Distribution System Access Point ESS Router Access Point BSS2 BSS2 STA2 STA2 WLAN STA LAN STA3 53

54 IEEE Ad-Hoc Network IBSSID (Independent Basic Service Set ID) Canale Indirizzi IP ad hoc network STA1 Sicurezza (WEP, WPA...) STA3 IBSS1 STA2 IBSS2 STA5 STA4 ad hoc network 54

55 Connessione di una rete Ad-Hoc a internet 802.x LAN Internet IBSS STA2 ad hoc network STA3 55

56 Più reti Ad-Hoc connesse tra loro e ad Internet STA3 IBSS1 STA1 routing IBSS2 STA2 LAN Internet STA2 ad hoc network 56 STA3

57 VoIP: le telefonate via internet 57

58 VoIP Internet esiste da circa venti anni La rete telefonica fissa e mobile consentono la trasmissione dati e la connessione con internet La digitalizzazione e la compressione dell'audio ormai non è più una novità I costi di connessione internet sono flat Ma allora perché non telefonare tramite internet? Voice over IP (Internet Protocol) 58

59 VoIP I protocolli usati sono: proprietari, ad esempio Skype standard, tra cui ((( SIP (Session Initiation Protocol) H.323 Internet Rete GSM/GPRS/UMTS Fissa VoIP Provider 59

60 VoIP VoIP Provider Commerciali AT&T CallVantage Broadvoice Clearwire Cox Communications Engin (Australia) FaktorTel (Australia) italkbb Jajah Lingo Mediacom Net2Phone Primus Canada Qwest 60 Sipgate (Germany, Austria, UK) SIPphone Skype SunRocket Telio (Norway) Tesco (UK) Time Warner Verizon VoiceWing VoicePulse Voip.com VoipBuster Vonage Voxbone Wengo Yahoo! Messenger

61 TV Digitale 61

62 TV Digitale Digital Video Broadcasting (DVB) Standard definito dal progetto DVB Iniziato nel 1993 Definisce due categorie di specifiche: Specifiche di livello logico Specifiche di livello fisico 62

63 DVB Specifiche di livello logico Definiscono le specifiche per la costruzione del flusso digitale televisivo (Transport Stream TS) Le caratteristiche del TS non dipendono dal mezzo fisico utilizzato per la trasmissione 63

64 DVB Specifiche di livello logico Formati di compressione A/V Aggregazione di servizi Formati dei dati Segnalazione dei servizi Incapsulamento di dati generici non A/V e di protocolli non DVB Realizzazione e distribuzione di applicazioni interattive 64

65 DVB Creazione di un canale TV Componente principale di un flusso TV digitale è quella audiovisiva Formato di compressione MPEG-2 (Moving People Expert Group) Compressione da 216Mbps (PAL Phase Alternate Line) a 4/6Mbps con MPEG-2 Compressione audio di tipo MPEG-1 layer II o MP2 65

66 DVB Creazione di un canale TV Encoder MPEG-2 ES PES PCR- Elementary Stream Packetized Elementary Stream Program Clock Reference 66 Figura presa da DTTlab -

67 DVB Creazione di un canale TV Sequenza di pacchettizzazione Figura presa da DTTlab - ES PES - Elementary Stream Packetized Elementary Stream 67

68 DVB Creazione di un canale TV I pacchetti sono di 188 byte: 4 byte di Header 184 byte di Payload Figura presa da DTTlab - Header - Adaptation Field Payload - Descrive il contenuto del pacchetto e contiene il PID (Packet Identifier) Si adatta al fine di avere sempre 188 bytes Contenuto audio o video del pacchetto 68

69 DVB Creazione di un canale TV Il PID definisce il tipo di flusso elementare: video (la maggior parte del flusso) audio (intervallati nel flusso video) dati (intervallati anch'essi, più rari, descrivono la struttura dello stream) A volte Adaptation Field contiene PCR (si evita un PID dedicato) 69

70 DVB Creazione di un flusso multiprogramma Su un singolo canale UHF un flusso di 25Mbps -> max 6 canali TV a 4Mbps 2 2 n n Figura presa da DTTlab - SPTS Single Program Transport Stream MPTS - Multi Program Transport Stream 70

71 DVB - Flussi di dati Le sezioni; mappano stream di dati all'interno dei TS ( appl. interattive, dati IP...) Figura presa da DTTlab - 71

72 DVB Segnalazione dei servizi Al TS multicanale, (multiservizio) si aggiunge l informazione che descrive la struttura Il ricevitore identifica e ricostruisce gli stream elementari che compongono il TS. Vengono iniettate nel TS un set di tabelle informative con cadenza ciclica Ogni tabella viene trasmessa all interno di uno stream dati con un determinato PID. 72

73 DVB Segnalazione dei servizi Le tabelle principali sono trasmesse su PID riservati -> il ricevitore sa sempre dove poterle recuperare. Le tabelle fondamentali che compongono la DVB-SI sono: PAT: Program Association Table PMT: Program Map Table NIT: Network Information Table SDT: Service Description Table EIT: Event Information Table 73

74 DVB Segnalazione dei servizi (PAT) La PAT elenca il numero di canali TV o servizi presenti nel Transport Stream Sempre trasmessa con PID 0 Program Association Table Program number PID

75 DVB Segnalazione dei servizi (PMT) La PMT elenca gli stream elementari che compongono un dato canale o servizio specificando per ogni flusso il PID Viene trasmessa con PID arbitrario definito in PAT Program Map Table (prog. 13) PID per Program Clock Reference = 726 PID per video = 726 PID per audio (italiano) = 57 PID per audio (inglese) = 60 PID per sottotitoli =

76 DVB Segnalazione dei servizi (NIT) La NIT da informazioni sul Network che sta trasmettendo: nome, parametri di modulazione etc... Trasmessa su PID 16 Network Information Table Network Name: TSI1 Freq: 834 MHz, FEC 2/3, FFM 8K TS id Network id Original Network id 76

77 DVB Segnalazione dei servizi (SDT) La SDT contiene informazioni descrittive per ogni servizio: canale TV, fornitore del servizio. Trasmessa su PID 17 Service Description Table Service id (coincide con il Program number nella PAT Service Name = TSI1 Flag che indicano la presenza di EIT per il servizio Service id Service Name = TSI2 Flag che indicano la presenza di EIT per il servizio 77

78 DVB Segnalazione dei servizi (EIT) La EIT descrive la programmazione di un canale (evento corrente / prossimo evento) Event Information Table Event id (identifica univocamente l'evento nel TS) Start Time Durata Descrizione evento Event id (identifica univocamente l'evento nel TS) Start Time Durata Descrizione evento 78

79 DVB Sintonizzazione di un canale Figura presa da DTTlab - MHP Multimedia Home Platform 79

80 DVB Specifiche di livello fisico DVB ha definito uno standard specifico per ogni canale fisico di trasmissione sul quale è possibile irradiare un Transport Stream di servizi TV Definisce: forme di modulazione del segnale i meccanismi di protezione e correzione d'errore 80

81 DVB Specifiche di livello fisico DVB-S DVB-T DVB-C DVB-H variante DVB-T ottimizzato per dispositivi portatili in mobilità 81

82 DVB-S DVB-S: il primo a diventare operativo Figura presa da DTTlab - 82

83 DVB-S Ricezione con antenna parabolica a puntamento fisso cammino ottico sempre garantito Figura presa da DTTlab - 83

84 DVB-S Esempio di copertura dei satelliti che trasmetto canali TV in lingua italiana Figura presa da DTTlab - 84

85 DVB-T Rilasciato nel 1997 Trasmette il TS sulle stesse frequenze riservate alle trasmissioni TV analogiche (VHF/UHF) Su un canale TV analogico trasmette 5/6 canali TV digitali 85

86 DVB-T Ricezione con normali antenne TV anche in assenza di cammino ottico Figura presa da DTTlab - 86

87 DVB-T vs TV Analogica 87

88 DVB-T vs TV Analogica 88

89 DVB-S vs DVB-T 89

90 DVB-S vs DVB-T 90

91 Cosa ci riserva il futuro? 91

92 Cosa ci riserva il futuro? On the Road using your PDA you present and electronic tickets; airport waiting lounge equipped with Bluetooth technology Internet ports. In the Office your PDA automatically synchronizes with your desktop PC to transfer files, s and schedule information In the Car as your enter a national park, a map of the park appear on your display and your personal electronic tour guide is downloaded to your vehicle In the Home upon arriving to your home the door unlocks, the entry light turns on and the the heat is adjusted to your pre-set preferences 92 *from

93 Cosa sta succedendo oggi? Le Telecom Company forniscono servizi: telefonici, internet, multimediali (IPTV) Le compagnie che forniscono TV via cavo forniscono anche: internet, telefonia digitale Le compagnie di distribuzione dell'energia (AIL) vogliono fornire servizi integrati: energia, connessione a internet, connessione mobile UMTS 93

94 Cosa ci riserva il futuro? Una maggiore diffusione della DVB-T 94

95 Cosa ci riserva il futuro? La diffusione della DVB-H Un incremento nell'utilizzo del VoIP Telefonia mobile di quarta generazione La casa interattiva? La IPTV? 95

96 Cosa ci riserva il futuro? WiMax 96

97 Cosa ci riserva il futuro? Ubiquitous computing: la possibilità di essere connessi ad internet in ogni momento in ogni luogo alcune soluzioni proprietarie (Swisscom, Orange...) soluzioni a livello network (Mobile IP, Mobile TCP) soluzioni a livello applicativo (WiOptimo) 97

98 Cosa ci riserva il futuro? - molto futuro Il Progetto HAGGLE e l'opportunistic Networking la connettività non è garantita non è detto che il mio messaggio arrivi a destinazione posso usare nodi intermedi per raggiungere la destinazione quando trovo la connessione spedisco 98

99 Riferimenti bibliografici ellular/cell_hist.html M.R. Karim and M. Sarraf, W-CDMA and cdma2000 for 3G Mobile Networks ; McGraw-Hill Samuel C. Yang, 3G CDMA2000 Wireless System Engineering, Artech House, Inc. Bluetooth SIG, Specification of the Bluetooth System - Version 1.1B, Specification Volume 1 & 2, February DTT lab, Tutorial: La TV digitale Maury Wright, WiMAX Wireless Broadband 99

Dispensa del Corso Comunicazioni Wireless

Dispensa del Corso Comunicazioni Wireless UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA ELETTRICA, GESTIONALE E MECCANICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA ELETTRICA, GESTIONALE E MECCANICA Dispensa del Corso

Dettagli

2 Architettura logica

2 Architettura logica 2 Architettura logica Come accennato precedentemente, il GPRS è stato progettato in modo da riutilizzare il più possibile gli elementi delle reti GSM esistenti; in particolare, per le chiamate vocali o

Dettagli

GPRS: General Packet Radio Service

GPRS: General Packet Radio Service GPRS: General Packet Radio Service Sommario Introduzione Architettura di rete Tecnologia radio Procedure Introduzione Introduzione Internet: trasmissione dati rappresenta una grossa parte del traffico

Dettagli

L ambiente mobile. Ing. Gianfranco Pontevolpe. Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Programma

L ambiente mobile. Ing. Gianfranco Pontevolpe. Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Programma L ambiente mobile Ing. Gianfranco Pontevolpe Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Programma I sistemi cellulari Lo standard GSM I problemi di sicurezza del GSM Lo standard

Dettagli

Digitale Terrestre Televisivo (DTT):

Digitale Terrestre Televisivo (DTT): Digitale Terrestre Televisivo (DTT): infrastruttura per il trasporto wireless della rete IP tecnologia per l accesso capillare alle applicazioni telematiche Roberto.Borri@csp.it Giovanni.Ballocca@csp.it

Dettagli

Glossario Wireless Network

Glossario Wireless Network Glossario Wireless Network 802.11 Lo standard IEEE per la connettivita wireless a 1 o 2 Mbps nella banda 2.4 GHz 802.11 a Lo standard IEEE per la connettivita wireless a 54 Mbps nella banda 5 GHz 802.11

Dettagli

Seminari Eucip, Esercizio e Supporto di Sistemi Informativi

Seminari Eucip, Esercizio e Supporto di Sistemi Informativi Seminari Eucip, Esercizio e Supporto di Sistemi Informativi Sistemi di Mobili e Dipartimento di Informtica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Communicare Principi Trasporto Segnale Basato su

Dettagli

Standard delle reti wireless

Standard delle reti wireless Standard delle reti wireless Pubblicati dalla IEEE, 802 LAN-MAN standards committee. ISO OSI 7-layer model Application Presentation Session Transport Network Data Link Physical IEEE 802 standards Logical

Dettagli

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria dell Informazione. Reti Radiomobili. Prof. Antonio Capone

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria dell Informazione. Reti Radiomobili. Prof. Antonio Capone Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione Reti Radiomobili Prof. Antonio Capone Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione 1 - Introduzione al corso Reti Radiomobili

Dettagli

Corso di RETI E SISTEMI DISTRIBUITI

Corso di RETI E SISTEMI DISTRIBUITI Corso di RETI E SISTEMI DISTRIBUITI Prof : Stefano Bistarelli Seminario : RETI CELLULARI (2 / 3 / 4 G) THANKS TO Sara Di Matteo SOMMARIO: Introduzione 1G (TACS) Architettura della rete cellulare Tecniche

Dettagli

GSM Global System for Mobile communications. Architettura di rete

GSM Global System for Mobile communications. Architettura di rete GSM Global System for Mobile communications Architettura di rete Architettura GSM (1/2) MS SIM MS: Mobile Station SIM: Subscriber Identity Module ME: Mobile Equipment BSS OMC OSS NMC NSS OSS: Operation

Dettagli

Una panoramica su GSM, GPRS, EDGE e UMTS

Una panoramica su GSM, GPRS, EDGE e UMTS Una panoramica su GSM, GPRS, EDGE e UMTS Luca D Antonio Roma, 7/12/2006 0 Sistemi radiomobili Connettono utenti mobili ad utenti mobili e/o fissi utilizzando la risorsa radio, indipendentemente dalla posizione

Dettagli

Capitolo 6 Wireless e reti mobili

Capitolo 6 Wireless e reti mobili Capitolo 6 Wireless e reti mobili Reti di calcolatori e Internet: Un approccio topdown 4 a edizione Jim Kurose, Keith Ross All material copyright 1996 2007 J.F Kurose and K.W. Ross, All Rights Reserved

Dettagli

Reti di elaboratori. Reti di elaboratori. Reti di elaboratori INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042)

Reti di elaboratori. Reti di elaboratori. Reti di elaboratori INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Reti di elaboratori Rete di calcolatori: insieme di dispositivi interconnessi Modello distribuito INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Funzioni delle reti: comunicazione condivisione di

Dettagli

Qos in Wireless Network

Qos in Wireless Network Qos in Wireless Network Parte 8 Domenico Massimo Parrucci Condello isti information science Facoltàand di Scienze technology e Tecnologie institute 1/number 1 Applicazioni Sistema fonia classico Nuovi

Dettagli

Tecnologie GPRS/EDGE e Servizio Push-To-Talk

Tecnologie GPRS/EDGE e Servizio Push-To-Talk Tecnologie GPRS/EDGE e Servizio Push-To-Talk Ing. Vittorio BELOTTI Pavia, 29 Gennaio 2004 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI ELETTRONICA 1 / 61 Sommario Attività della

Dettagli

150 Piazze Wi-Fi. Unidata S.p.A. Una iniziativa Unidata e Wired

150 Piazze Wi-Fi. Unidata S.p.A. Una iniziativa Unidata e Wired Allegato 4 all Accordo di adesione alla fase sperimentale del progetto "150 Piazze Wi-Fi" relativo alla fornitura a titolo di comodato gratuito di apparecchiature hardware e correlato software di gestione

Dettagli

3.3 - GPRS-EDGE. Architetture e Protocolli per Reti Wireless - R. Bolla 1. Università di Genova Facoltà di Ingegneria. dist. Prof.

3.3 - GPRS-EDGE. Architetture e Protocolli per Reti Wireless - R. Bolla 1. Università di Genova Facoltà di Ingegneria. dist. Prof. Università di Genova Facoltà di Ingegneria 3. Reti Radio-mobili Cellulari 3.3 GPRS-EDGE Prof. Raffaele Bolla Architetture e Protocolli per Reti Wireless dist La trasmissione dati su reti radio mobili cellulari

Dettagli

Wireless LAN. Scritto da BigDaD

Wireless LAN. Scritto da BigDaD Una Wireless local area network, WLAN, è un sistema di comunicazione flessibile e implementabile nella sua estensione, o alternativo, ad una rete fissa (wired LAN). In una W-LAN viene utilizzata una tecnologia

Dettagli

Tecniche di Comunicazione Multimediale

Tecniche di Comunicazione Multimediale Tecniche di Comunicazione Multimediale Standard di Comunicazione Multimediale Le applicazioni multimediali richiedono l uso congiunto di diversi tipi di media che devono essere integrati per la rappresentazione.

Dettagli

Quarta Lezione Le reti Mobili

Quarta Lezione Le reti Mobili Le reti Mobili Università aperta 13 feb 13 Quarta Lezione Le reti Mobili Federico Marcheselli 1 Argomenti del Corso: sistemi di comunicazione: schema a blocchi schema a blocchi di una corretta comunicazione

Dettagli

Tecnologie Radio Cellulari. Reti Cellulari. Forma e Dimensione delle Celle. Organizzazione di una Rete Cellulare

Tecnologie Radio Cellulari. Reti Cellulari. Forma e Dimensione delle Celle. Organizzazione di una Rete Cellulare I semestre 04/05 Tecnologie Radio Cellulari Reti Cellulari Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE "G. MARCONI" Via Milano n. 51-56025 PONTEDERA (PI)

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G. MARCONI Via Milano n. 51-56025 PONTEDERA (PI) ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE CLASSE: DISCIPLINA: Telecomunicazioni- pag. 1 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2014/2015 - CLASSE: DISCIPLINA: Monte ore annuo

Dettagli

Reti di calcolatori: Introduzione

Reti di calcolatori: Introduzione Reti di calcolatori: Introduzione Vittorio Maniezzo Università di Bologna Reti di computer e Internet Rete: sistema di collegamento di più computer mediante una singola tecnologia di trasmissione Internet:

Dettagli

Centraline di conversione

Centraline di conversione Centraline per la transmodulazione modulare RACK DTV Rack: una soluzione veramente flessibile La centrale di testa modulare è basata su un mobile rack da 19 che viene fornito completo di scheda madre.

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 102 Sommario della

Dettagli

Informatica. Prof. M. Colajanni Università di Modena Reggio Emilia

Informatica. Prof. M. Colajanni Università di Modena Reggio Emilia Informatica Prof. M. Colajanni Università di Modena Reggio Emilia PARTE 3 - COMUNICAZIONI INFORMATICHE (Internet) Importanza delle comunicazioni Tutti vogliono comunicare Oggi un computer che non è in

Dettagli

Garr Ws05 1. PREMESSA V01

Garr Ws05 1. PREMESSA V01 DIGITALE TERRESTRE TELEVISIVO (DTT): INFRASTRUTTURA PER IL TRASPORTO WIRELESS DELLA RETE IP E TECNOLOGIA PER L ACCESSO CAPILLARE ALLE APPLICAZIONI TELEMATICHE 1. PREMESSA La digitalizzazione del mezzo

Dettagli

System Integrator Training. Vodafone Station Overview. Milano, Giugno 2008

System Integrator Training. Vodafone Station Overview. Milano, Giugno 2008 System Integrator Training Vodafone Station Overview Milano, Giugno 2008 Agenda Il servizio DSL secondo Vodafone Architettura High level della rete DSL Vodafone Vodafone Station: Overview Interfacce Funzionalità

Dettagli

GSM: Global System for Mobile communications

GSM: Global System for Mobile communications GSM: Global System for Mobile communications Sommario Introduzione Architettura di rete Tecnologia radio Canali GSM Procedure Introduzione Introduzione GSM è il primo standard di comunicazione cellulare

Dettagli

CARATTERISTICHE COMUNI A ETACS E GSM

CARATTERISTICHE COMUNI A ETACS E GSM Page 1 of 10 CENNI STORICI Il primo sistema telefonico radiomobile della storia nacque negli USA nel 1964 e funzionava nella gamma di frequenza dei 160/450 MHz con soli 23 canali bidirezionali. Nel nostro

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria dell Informazione. Reti Radiomobili. Prof. Antonio Capone 9 GPRS

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria dell Informazione. Reti Radiomobili. Prof. Antonio Capone 9 GPRS Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione Reti Radiomobili Prof. Antonio Capone 9 GPRS GPRS (General( Packet Radio Service) Accesso a INTERNET always ON Il GPRS è un servizio dati a

Dettagli

fmtvdigitalbroadcasting

fmtvdigitalbroadcasting fmtvdigitalbroadcasting EVOLUZIONE DELLA TV SITUAZIONE DEL MERCATO: PRIMA Mercati separati e verticali LA SITUAZIONE DEL MERCATO: ADESSO CONVERGENZA DIGITALE: nuovi mercati orizzontali, con molteplici

Dettagli

5 Architettura protocollare

5 Architettura protocollare 5 Architettura protocollare L architettura protocollare del GPRS è basata sul principio della stratificazione dei protocolli, in accordo col modello ISO/OSI; lo standard GPRS distingue due tipi di piani

Dettagli

Principi fondamentali

Principi fondamentali Principi fondamentali Elementi di base Definizione di rete di calcolatori Tipologia di connessioni Architettura di rete Prestazioni di una rete di calcolatori Conclusioni 1 1 Bit e Byte BIT = BInary digit

Dettagli

Commercio elettronico mobile e pervasive computing

Commercio elettronico mobile e pervasive computing Commercio elettronico mobile e pervasive computing Dr. Stefano Burigat Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine www.dimi.uniud.it/burigat stefano.burigat@uniud.it Mobile commerce mobile

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Giovedì 22-05-2014 1 Reti wireless Una

Dettagli

Sistemi Di Elaborazione Dell informazione

Sistemi Di Elaborazione Dell informazione Sistemi Di Elaborazione Dell informazione Dott. Antonio Calanducci Lezione III: Reti di calcolatori Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Anno accademico 2009/2010 Reti di calcolatori Una rete

Dettagli

Sistemi a larga banda (Broadband)

Sistemi a larga banda (Broadband) 61 Sistemi a larga banda (Broadband) Le applicazioni informatiche e i servizi multimediali (musica, film, manifestazioni sportive) offerti sulla grande rete Internet e attraverso la televisione digitale

Dettagli

Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL ADSL2+ Browser Un browser Client Un client

Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL ADSL2+ Browser Un browser Client Un client Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL è una tecnica di trasmissione dati che permette l accesso a Internet fino a 8 Mbps in downstream ed 1 Mbps

Dettagli

Internet. Presentato da N. Her(d)man & Picci. Fabrizia Scorzoni. Illustrazioni di Valentina Bandera

Internet. Presentato da N. Her(d)man & Picci. Fabrizia Scorzoni. Illustrazioni di Valentina Bandera Internet Presentato da N. Her(d)man & Picci Fabrizia Scorzoni Illustrazioni di Valentina Bandera Titolo: Internet Autore: Fabrizia Scorzoni Illustrazioni: Valentina Bandera Self-publishing Prima edizione

Dettagli

Capitolo 6: sommario. Comunicazioni Wireless Caratteristiche canali Wireless, IEEE 802.11 wireless LANs ( wi-fi ) Cellular Internet Access

Capitolo 6: sommario. Comunicazioni Wireless Caratteristiche canali Wireless, IEEE 802.11 wireless LANs ( wi-fi ) Cellular Internet Access 6: Wireless and Mobile 6-1 Capitolo 6: sommario Comunicazioni Wireless Caratteristiche canali Wireless, CDMA IEEE 802.11 wireless LANs ( wi-fi ) Cellular Internet Access architettura standard (es. GSM)

Dettagli

Introduzione a Internet

Introduzione a Internet Contenuti Architettura di Internet Principi di interconnessione e trasmissione World Wide Web Posta elettronica Motori di ricerca Tecnologie delle reti di calcolatori Servizi Internet (come funzionano

Dettagli

WLAN 802.11. Local Area Network (LAN)

WLAN 802.11. Local Area Network (LAN) WLAN 802.11 1 Local Area Network (LAN) Ethernet Server Hub Internet 2 1 Wireless Local Area Network (WLAN) Ethernet Server Access Point Internet 3 Perchè le Wireless LAN Riduzione costi di manutenzione

Dettagli

Corso di: Abilità informatiche

Corso di: Abilità informatiche Corso di: Abilità informatiche Prof. Giovanni ARDUINI Lezione n.4 Anno Accademico 2008/2009 Abilità informatiche - Prof. G.Arduini 1 Le Reti di Computer Tecniche di commutazione La commutazione di circuito

Dettagli

La compressione del segnale video. Digital Video Broadcasting

La compressione del segnale video. Digital Video Broadcasting La compressione del segnale video Digital Video Broadcasting 1 Compressione del segnale video Letecnichedicompressionepossonoesserelossless (senza perdita) o lossy (con perdita). Lo scopo delle tecniche

Dettagli

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti Locali Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti di Calcolatori una rete di calcolatori è costituita da due o più calcolatori autonomi

Dettagli

Sistema di diffusione Audio/Video su streaming.

Sistema di diffusione Audio/Video su streaming. 1 Sistema di diffusione Audio/Video su streaming. IL Progetto. Il progetto illustrato nel seguito prevede mediante la tecnologia di streaming la diffusione di audio/video su misura del cliente al 100%,

Dettagli

La telefonia cellulare. Piccola presentazione di approfondimento

La telefonia cellulare. Piccola presentazione di approfondimento La telefonia cellulare Piccola presentazione di approfondimento Introduzione Oggigiorno, i telefoni cellulari sono diffusissimi e godono della massima popolarità. Molte persone, tuttavia, non conoscono

Dettagli

WiFi: Connessione senza fili. di Andreas Zoeschg

WiFi: Connessione senza fili. di Andreas Zoeschg WiFi: Connessione senza fili di Andreas Zoeschg Introduzione Le tecnologie wireless risultano particolarmente adatte qualora sia necessario supportare la mobilità dei dispositivi utenti o per il deployment

Dettagli

G. Pettarin ECDL Modulo 7: Internet 5. Cos è Internet

G. Pettarin ECDL Modulo 7: Internet 5. Cos è Internet G. Pettarin ECDL Modulo 7: Internet 5 Cos è Internet Che cosa è Internet ormai è noto a tutti. Internet è la rete a livello mondiale che mette a disposizione degli utenti collegati informazioni, file,

Dettagli

Comunicazioni via Satellite

Comunicazioni via Satellite Comunicazioni via Satellite Tratto da wikipedia Il famoso scrittore di fantascienza Arthur C. Clarke (autore di 2001: Odissea nello spazio) viene notoriamente indicato come l'ideatore dei sistemi satellitari

Dettagli

Studio e sviluppo di un applicazione MHP per la realizzazione di una guida tv (EPG) evoluta

Studio e sviluppo di un applicazione MHP per la realizzazione di una guida tv (EPG) evoluta Studio e sviluppo di un applicazione MHP per la realizzazione di una guida tv (EPG) evoluta Tesi di laurea di Relatori: Prof. Alessandro Piva Dr. Roberto Caldelli Ing. Rudy Becarelli Dr. Paolo Mazzanti

Dettagli

Appunti di telecomunicazione

Appunti di telecomunicazione Servizio radiomobile GSM Cenni storici Il primo sistema telefonico radiomobile della storia nacque negli USA nel 1964 e funzionava nella gamma di frequenza dei 160/450 MHz con soli 23 canali bidirezionali.

Dettagli

Panasonic. KX-TDA Hybrid IP -PBX Systems Informazioni di base per connessioni Voice Over IP

Panasonic. KX-TDA Hybrid IP -PBX Systems Informazioni di base per connessioni Voice Over IP Panasonic PIT-BC-PBX Panasonic KX-TDA Hybrid IP -PBX Systems Informazioni di base per connessioni Voice Over IP Centrali Telefoniche KX-TDA 15/30/100/200 Informazione Tecnica N 021 Panasonic Italia S.p.A.

Dettagli

Le Reti Cellulari. Ing. Daniele Tarchi. Telematica nei Sistemi di trasporto - L08 1

Le Reti Cellulari. Ing. Daniele Tarchi. Telematica nei Sistemi di trasporto - L08 1 Le Reti Cellulari Ing. Daniele Tarchi Telematica nei Sistemi di trasporto - L08 1 Sistemi cellulari Nei primi sistemi radiomobili ogni terminale di utente operava trasmettendo su un certo intervallo di

Dettagli

GSM - parte III. Argomenti della lezione. EIR, AuC, OMC Aree Pila protocollare

GSM - parte III. Argomenti della lezione. EIR, AuC, OMC Aree Pila protocollare Argomenti della lezione GSM - parte III EIR, AuC, OMC Aree Pila protocollare Architettura del GSM Registro di È una base dati il cui uso è a discrezione dell operatore Contiene l identificativo e le caratteristiche

Dettagli

Cenni sulle principali tecnologie di rete. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it

Cenni sulle principali tecnologie di rete. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it Cenni sulle principali tecnologie di rete IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it Oltre la LAN Perché uscire? connessione di più edifici geograficamente lontani della stessa società connessione

Dettagli

RETI GEOGRAFICHE Introduzione alle reti geografiche Trasmissione dati su linea telefonica analogica. Lenee dedicate Reti a commutazione di pacchetto

RETI GEOGRAFICHE Introduzione alle reti geografiche Trasmissione dati su linea telefonica analogica. Lenee dedicate Reti a commutazione di pacchetto 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 RETI GEOGRAFICHE Introduzione alle reti geografiche Trasmissione dati su linea telefonica analogica ISDN ADSL RAS Lenee dedicate Reti a commutazione di pacchetto ATM Reti wireless

Dettagli

Rete di accesso. Reti di accesso

Rete di accesso. Reti di accesso Rete di accesso Gruppo Reti TLC nome.cognome@polito.it http://www.telematica.polito.it/ INTRODUZIONE ALLE RETI TELEMATICHE - 1 Reti di accesso Per arrivare all utenza residenziale ( ultimo miglio ), l

Dettagli

Tendenze dei servizi di telefonia mobile

Tendenze dei servizi di telefonia mobile Estratto del seminario: Internet mobile: tecnologie e servizi Università di Siena 28 Marzo 2003 Ing. Bernardo Marzucchi Multimedia Messaging Service UMTS Tendenze dei servizi di telefonia mobile Multimedia

Dettagli

Le Reti (gli approfondimenti a lezione)

Le Reti (gli approfondimenti a lezione) Le Reti (gli approfondimenti a lezione) Per migliorare la produttività gli utenti collegano i computer tra di loro formando delle reti al fine di condividere risorse hardware e software. 1 Una rete di

Dettagli

Materiali per il Modulo 1 E.C.D.L.

Materiali per il Modulo 1 E.C.D.L. Materiali per il Modulo 1 E.C.D.L. Queste due sigle indicano LAN Local Area Network Si tratta di un certo numero di Computer (decine centinaia) o periferici connessi fra loro mediante cavi UTP, coassiali

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Martedì 26-05-2015 1 Confronto tra switch

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

CORSO EDA Informatica di base. Introduzione alle reti informatiche Internet e Web

CORSO EDA Informatica di base. Introduzione alle reti informatiche Internet e Web CORSO EDA Informatica di base Introduzione alle reti informatiche Internet e Web Rete di computer Una rete informatica è un insieme di computer e dispositivi periferici collegati tra di loro. Il collegamento

Dettagli

Scopi e classificazioni

Scopi e classificazioni Reti di calcolatori Scopi e classificazioni Samuel Rota Bulò DAIS Università Ca Foscari di Venezia Classificazione reti R1.1 Reti Nozione di rete, molto diffusa in diversi contesti Ogni rete corrisponde

Dettagli

Docenti: Dott. Franco Mazzenga, Dott.ssa. Ernestina Cianca a.a. 2009-2010

Docenti: Dott. Franco Mazzenga, Dott.ssa. Ernestina Cianca a.a. 2009-2010 Tecniche avanzate di trasmissione Docenti: Dott. Franco Mazzenga, Dott.ssa. Ernestina Cianca a.a. 2009-2010 1 Informazioni Docente di questa parte del corso: Dott.ssa Ernestina Cianca Email: cianca@ing.uniroma2.it

Dettagli

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete INFORMATICA e COMUNICAZIONE DIGITALE Anno Accademico 2013-2014 Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale Introduzione ( parte II) Prof. Sebastiano Pizzutilo Dipartimento di Informatica

Dettagli

Wireless LAN IEEE 802.11

Wireless LAN IEEE 802.11 Reti non cablate Wireless LAN IEEE 802.11 Eliminazione del cablaggio Riduzione costi infrastrutturali Reti temporanee Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi@polito.it staff.polito.it/mario.baldi

Dettagli

WIRELESS: TECNICHE DI COMUNICAZIONE

WIRELESS: TECNICHE DI COMUNICAZIONE Autore: Classe: Michele Naso QUINTA INFORMATICA (5IA) Anno scolastico: 2003/2004 Scuola: Itis Euganeo WIRELESS: TECNICHE DI COMUNICAZIONE Dispensa Il presente lavoro vuole mostrare le tecniche di codifica

Dettagli

I protocolli wireless della famiglia IEEE 802

I protocolli wireless della famiglia IEEE 802 I protocolli wireless della famiglia IEEE 802 Davide Quaglia Reti di Calcolatori - Ethernet e 802.X 1 Problemi delle wireless LAN Interferenza e caduta di potenza del segnale Alta probabilità che il frame

Dettagli

Indice generale. Introduzione...xiii. Nota del revisore...xvii. Introduzione alle reti...1. Introduzione alle reti wireless...11

Indice generale. Introduzione...xiii. Nota del revisore...xvii. Introduzione alle reti...1. Introduzione alle reti wireless...11 Introduzione...xiii Nota del revisore...xvii Capitolo 1 Capitolo 2 Introduzione alle reti...1 Trasferimento di dati... 2 Bit e byte... 2 Controllo di errore... 3 Handshaking... 3 Trovare la destinazione...

Dettagli

Internet e il World Wide Web. Informatica Generale -- Rossano Gaeta 30

Internet e il World Wide Web. Informatica Generale -- Rossano Gaeta 30 Internet e il World Wide Web 30 Tecnologia delle Telecomunicazioni Uso di dispositivi e sistemi elettromagnetici per effettuare la comunicazione a lunghe distanze (telefoni, televisione, radio, etc) Comunicazione

Dettagli

Indirizzi in Internet

Indirizzi in Internet Contenuti Architettura di Internet Principi di interconnessione e trasmissione World Wide Web Posta elettronica Motori di ricerca Tecnologie delle reti di calcolatori Servizi Internet (come funzionano

Dettagli

Le Reti Telematiche. Informatica. Tipi di comunicazione. Reti telematiche. Modulazione di frequenza. Analogico - digitale.

Le Reti Telematiche. Informatica. Tipi di comunicazione. Reti telematiche. Modulazione di frequenza. Analogico - digitale. Informatica Lezione 5a e World Wide Web Insieme di cavi, protocolli, apparati di rete che collegano tra loro distinti i cavi trasportano fisicamente le informazioni opportunamente codificate dedicati/condivisi

Dettagli

CNR AREA della RICERCA di BOLOGNA MDBAT: 000-AX

CNR AREA della RICERCA di BOLOGNA MDBAT: 000-AX CNR AREA della RICERCA di BOLOGNA MDBAT: 000-AX Versione : 1.0 Data: 05/11/2006 LIM: Line Interface Module. E il centralino telefonico. Su questo sono fisicamente collegati gli apparecchi telefonici

Dettagli

LA MIGRAZIONE DAI SISTEMI CELLULARI 2G AI SISTEMI 3G

LA MIGRAZIONE DAI SISTEMI CELLULARI 2G AI SISTEMI 3G LA MIGRAZIONE DAI SISTEMI CELLULARI 2G AI SISTEMI 3G C. Carciofi Fondazione Ugo Bordoni Via Celestini 1 - Villa Griffone Pontecchio Marconi Bologna tel: 051 846854 fax: 051 845758 ccarciofi@deis.unibo.it

Dettagli

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA Obiettivo Richiamare quello che non si può non sapere Fare alcune precisazioni terminologiche IL COMPUTER La struttura, i componenti

Dettagli

0. Introduzione al corso

0. Introduzione al corso 1 INFO-COM Dpt. Dipartimento di Scienza e Tecnica dell Informazione e della Comunicazione Università degli Studi di Roma La Sapienza 0. Introduzione al corso TELECOMUNICAZIONI per Ingegneria Informatica

Dettagli

Si introdurranno poi le topologie delle reti di calcolatori per capire meglio come gli apparati vengono interconnessi e secondo quali standard.

Si introdurranno poi le topologie delle reti di calcolatori per capire meglio come gli apparati vengono interconnessi e secondo quali standard. Pagina 1 di 8 Installare e configurare componenti hardware di rete Topologie di rete In questo approfondimento si daranno alcune specifiche tecniche per l'installazione e la configurazione hardware dei

Dettagli

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Modulo 7 - La comunicazione wireless

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Modulo 7 - La comunicazione wireless CdS in INFORMATICA e COMUNICAZIONE DIGITALE Anno Accademico 2013-2014 Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale Modulo 7 - La comunicazione wireless Prof. Sebastiano Pizzutilo Dipartimento

Dettagli

Bluetooth. Scritto da Savy.uhf

Bluetooth. Scritto da Savy.uhf Lo scopo principale della nascita della tecnologia bluetooth risiede nella capacità di far dialogare e interagire fra loro dispositivi diversi (telefoni, stampanti, notebook, PDA, impianti Hi-Fi, tv,computer,

Dettagli

CAPITOLO 3 EVOLUZIONE DEI SISTEMI CELLULARI DAL TACS ALL UMTS

CAPITOLO 3 EVOLUZIONE DEI SISTEMI CELLULARI DAL TACS ALL UMTS CAPITOLO 3 EVOLUZIONE DEI SISTEMI CELLULARI DAL TACS ALL UMTS 3.1 EVOLUZIONE DEI SISTEMI CELLULARI Nel campo della comunicazione wireless si individuano successive generazioni di sistemi che si distinguono

Dettagli

LTE Long Term Evolution Late To Evolve

LTE Long Term Evolution Late To Evolve LTE Long Term Evolution Late To Evolve 0 Overview della tecnologia 1 Driver del 4G: la domanda di banda del mobile 2 LTE (3GPP Rel.8): ingredienti tecnologici del 4G Architettura Evoluta (E-UTRAN) di tipo

Dettagli

Glossario GLOSSARIO MOBILITY. Bussola. d Impresa Orizzontarsi per decidere

Glossario GLOSSARIO MOBILITY. Bussola. d Impresa Orizzontarsi per decidere Glossario GLOSSARIO MOBILITY Bussola d Impresa Orizzontarsi per decidere Dispositivo che funziona come un antenna trasmettente /ricevente tra una rete Wireless e una rete di tipo tradizionale. Tecnologia

Dettagli

Fondamenti di reti WAN

Fondamenti di reti WAN Indice generale Fondamenti di reti WAN...... Definizione:... Fondamenti di reti WAN Il termine Public Switched Telephone Network (PSTN) è riferito al servizio offerto dalla ditta telefonica per connettere

Dettagli

Guido Salerno Aletta. Direttore Generale Fondazione Ugo Bordoni

Guido Salerno Aletta. Direttore Generale Fondazione Ugo Bordoni Dalla televisione digitale di prima generazione alla Ip-TV Guido Salerno Aletta Direttore Generale Fondazione Ugo Bordoni Il passaggio al digitale nella telefonia mobile e nella televisione inizia dal

Dettagli

Laboratorio di Informatica. Le reti telematiche e Internet

Laboratorio di Informatica. Le reti telematiche e Internet Le reti telematiche e Internet Lezione 6 1 Insieme di cavi, protocolli, apparati di rete che collegano tra loro computer distinti i cavi trasportano fisicamente le informazioni opportunamente codificate

Dettagli

Le soluzioni per l accesso alle reti ad alta velocità

Le soluzioni per l accesso alle reti ad alta velocità Giornata di studio: Infrastrutture avanzate per reti ad alta velocità Modena, 5 Aprile 2006 Università di Modena e Reggio Emilia, Facoltà di Ingegneria Le soluzioni per l accesso alle reti ad alta velocità

Dettagli

Wireless LAN IEEE 802.11

Wireless LAN IEEE 802.11 Reti non cablate Wireless LAN IEEE 802.11 Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi[at]polito.it staff.polito.it/mario.baldi WLAN - 1 M. Baldi: si veda pagina 2 Nota di Copyright Questo insieme di

Dettagli

Introduzione. Introduzione.

Introduzione. Introduzione. Indice Indice. Indice. Introduzione Nel campo dell Informatica, delle Telecomunicazioni e delle Radiocomunicazioni la comunicazione senza aiuto di fili e cablaggio (in inglese definito come wireless) [1]

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA DI SAN GIUSEPPE JATO Programma Operativo Nazionale Fondo Sociale Europeo - Competenze per lo sviluppo

DIREZIONE DIDATTICA DI SAN GIUSEPPE JATO Programma Operativo Nazionale Fondo Sociale Europeo - Competenze per lo sviluppo DIREZIONE DIDATTICA DI SAN GIUSEPPE JATO Programma Operativo Nazionale Fondo Sociale Europeo - Competenze per lo sviluppo Alla base del concetto di rete informatica c è quello di condivisione delle risorse.

Dettagli

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI PARTE 1 INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI Parte 1 Modulo 1: Introduzione alle reti Perché le reti tra computer? Collegamenti remoti a mainframe (< anni 70) Informatica distribuita vs informatica monolitica

Dettagli

GSM - GSM - parte IV

GSM - GSM - parte IV GSM - parte IV Argomenti della lezione Il livello fisico dell interfaccia radio (Um) Frequenze assegnate al GSM (Europa) GSM primario downlink GSM primario uplink GSM esteso downlink GSM esteso uplink

Dettagli

Ordinanza sulla sorveglianza della corrispondenza postale e del traffico delle telecomunicazioni (OSCPT)

Ordinanza sulla sorveglianza della corrispondenza postale e del traffico delle telecomunicazioni (OSCPT) Ordinanza sulla sorveglianza della corrispondenza postale e del traffico delle telecomunicazioni (OSCPT) Modifica del 2012 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 31 ottobre 2001 1 sulla

Dettagli

2 - Canali e Multiplazione

2 - Canali e Multiplazione Università degli studi di Bergamo Università degli studi di Bergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Metodi Matematici Reti di Calcolatori prof. F. Martignon 2 - Canali e Multiplazione 1

Dettagli

Reti informatiche 08/03/2005

Reti informatiche 08/03/2005 Reti informatiche LAN, WAN Le reti per la trasmissione dei dati RETI LOCALI LAN - LOCAL AREA NETWORK RETI GEOGRAFICHE WAN - WIDE AREA NETWORK MAN (Metropolitan Area Network) Le reti per la trasmissione

Dettagli