Programma AGCOM ISBUL WP Infrastrutture di rete fissa NGAN

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Programma AGCOM ISBUL WP 1.1 - Infrastrutture di rete fissa NGAN"

Transcript

1 Programma AGCOM ISBUL WP Infrastrutture di rete fissa NGAN Autori: 15 novembre 2009 Maurizio Dècina (responsabile) RAPPORTO FINALE v. 1.0 Stefano Bregni, Rocco Casale, Goffredo Cerquozzi, Paolo Giacomazzi, Guido Maier, Riccardo Melen, Achille Pattavina

2 Riassunto Riassunto Questo documento è il Rapporto delle attività effettuate dal Politecnico di Milano nell ambito del programma di studio e ricerca "Infrastrutture e Servizi a Banda Larga e Ultralarga" (ISBUL) per il Work Package 1.1. Lo studio riguarda l infrastruttura della rete di accesso di nuova generazione (Next Generation Access Network, NGAN), ossia la sezione di accesso in fibra ottica delle reti NGN (Next Generation Network). Le NGN comprendono, inoltre, altre due sezioni di rete: la rete metropolitana (Metro Network) e la rete dorsale a lunga distanza (Backbone Network). La NGAN prevede l impiego di sistemi in fibra ottica sia nella attuale rete di giunzione (collegamenti SGU- SL tra Stadi di Gruppo e Stadi di Linea) che nella rete di distribuzione d utente. L infrastruttura NGAN realizzerà in modo integrato sia gli allacciamenti a banda ultralarga (almeno 30 Mbit/s) per l utenza residenziale e affari, con architetture del tipo FTTx (Fiber To The X), sia la connettività (mobile backhaul) tra le numerose stazioni radio necessarie per i sistemi wireless 3G/4G, tipicamente HSPA e LTE. Il corpo del documento è articolato nei seguenti cinque capitoli. Inoltre, due annessi presentano informazioni aggiuntive che completano la trattazione svolta nei capitoli precedenti. Capitolo 1: Introduzione Il documento è introdotto presentandone gli obiettivi e la sua articolazione in capitoli corrispondenti ai Task previsti nel progetto di ricerca. Capitolo 2: Architetture, tecnologie e scenari di sviluppo NGAN Viene inizialmente illustrata la situazione attuale della rete di accesso italiana per telecomunicazioni in rame (Telecom Italia) e in fibra ottica (Telecom Italia e Fastweb). E inoltre accennata la situazione delle altre reti di accesso realizzate da Enti Locali quali Comuni, Province e Regioni. Viene quindi fornita una panoramica sulle principali soluzioni tecnologiche di accesso a banda ultralarga, illustrando le architetture di distribuzione agli armadi, agli edifici e alle abitazioni (FTTC, FTTB e FTTH) e i sistemi di accesso passivi e punto-punto (GPON e P2P). E poi presentata una rassegna internazionale sulla diffusione degli accessi a banda larga e ultralarga e sui piani di sviluppo delle reti locali di accesso in fibra ottica nel mondo. La prima rassegna presenta la situazione nei principali Paesi in Europa (Gran Bretagna, Francia, Germania, 15 novembre RAPPORTO FINALE v. 1.0 Documento per uso interno al Programma AGCOM ISBUL ii

3 Riassunto Olanda e Spagna), Asia (Giappone e Corea del Sud) e Nord America (Stati Uniti). La seconda presenta i casi del Nord America (Stati Uniti), Estremo Oriente (Giappone, Corea del Sud e altri), Europa e Italia. Capitolo 3: Strategie di evoluzione e transizione verso la NGAN E effettuata un analisi delle strategie di evoluzione verso la NGAN con particolare riferimento al caso dell Europa. Innanzitutto, è discusso il problema di identificare l effettiva domanda di servizi a banda ultralarga (per quali applicazioni e fasce di clientela). Per quanto riguarda le strategie di sviluppo della rete, vengono illustrati i possibili scenari di migrazione verso l architettura obiettivo FTTx in specifiche aree, affrontando gli aspetti di sostituzione (replacement) e coesistenza (overlay) con le infrastrutture esistenti. E messo in evidenza il problema della copertura geografica delle nuove reti e del digital divide, relativamente in primo luogo agli attuali servizi a larga banda e in prospettiva ai servizi a banda ultralarga. Il processo di realizzazione della rete è discusso relativamente al numero di soggetti che realizzano la NGAN (per quanti Operatori può essere conveniente?) Per quanto riguarda le strategie di evoluzione dei servizi, vengono analizzati gli aspetti relativi alla sostituzione dei servizi convenzionali (telefonia, linee affittate CDN) e dei servizi a larga banda (unbundling, colocazione, bitstream) con servizi a banda ultralarga, tenendo conto che l evoluzione verso la NGAN comporta una riduzione dei siti di centrale (SL) nella rete di accesso. Il quadro evolutivo dei servizi è analizzato suddividendoli in servizi intermedi utilizzati internamente dall Operatore, servizi wholesale per altri Operatori, che comprendono il caso particolarmente significativo dei servizi di unbundling e colocazione, e servizi retail. Capitolo 4: Architetture delle reti e degli impianti NGAN Vengono valutati e confrontati i diversi scenari architetturali e impiantistici di tipo FTTx per la realizzazione della rete di accesso a banda ultralarga, mettendo in evidenza gli aspetti relativi al trasporto e interconnessione con la rete metropolitana. Si analizza il problema della realizzazione tramite NGAN del mobile backhaul per stazioni radio poste sia out-door che indoor, inclusa la possibile creazione di reti di femtocelle 3G/4G. Vengono innanzitutto discussi aspetti di progetto della rete, valutando le architetture di accesso alla rete locale in fibra ottica, in particolare FTTH P2P e GPON, nonché le reti di giunzione per stazioni radiomobili (mobile backhaul). E poi trattato il problema dell interconnessione tra NGN con qualità di servizio, con enfasi sui servizi IP multimediali. I possibili servizi di disaggregazione degli elementi di rete NGAN sono classificati come Rimedi Passivi (unbundling, condivisione delle infrastrutture) e Rimedi Attivi (servizi all ingrosso: wholesale bitstream). Per i rimedi passivi, si fa riferimento alla ripartizione tra rete di accesso ottica e infrastruttura di edificio (che comprende sia il tratto di adduzione con la rete di distribuzione sia il cablaggio ottico di edificio). Vengono affrontati i problemi di condivisione dei cavidotti e di condivisione delle infrastrutture di nuova posa. Per quanto riguarda i rimedi attivi, ossia i servizi bitstream, vengono individuate le innovazioni rispetto a quanto avviene negli accessi in rame con modalità del tipo best effort. Viene introdotto il bitstream NGAN con garanzie sulla qualità del servizio, includendo il caso di bitstream multipli erogati alla stessa interfaccia di rete con diverse garanzie di qualità, nonché l analisi di fattibilità in rete. Si descrivono inoltre le problematiche relative alla realizzazione del mobile backhaul tramite bitstream. 15 novembre RAPPORTO FINALE v. 1.0 Documento per uso interno al Programma AGCOM ISBUL iii

4 Riassunto Capitolo 5: Tecniche e soluzioni per lo sviluppo della rete Viene effettuata una rassegna tecnica sulle soluzioni per la posa dei cavi nella rete di accesso in fibra ottica, tenendo conto sia della possibile utilizzazione di infrastrutture esistenti, sia delle nuove tecnologie di scavo, posa e cablaggio. Vengono descritte le tecnologie di scavo, i cavidotti, i cavi e le tecnologie di giunzione. Tra le nuove tipologie di scavo sotterraneo sono evidenziate le nuove tecniche idi scavo in minitrincea e microtrincea e vengono descritte le tecnologie di posa a ridotto impatto ambientale. Si discutono poi i costi di installazione e il problema della tracciabilità delle infrastrutture sotterranee. Per l infrastruttura ottica di edificio vengono descritte le problematiche della realizzazione del tratto di adduzione, del cablaggio verticale e di quello orizzontale sui piani dell edificio per raggiungere le abitazioni. Si offre infine una panoramica sulla Normativa per la realizzazione delle infrastrutture di accesso (rilascio di permessi, regole di realizzazione degli impianti, diritti di utilizzo di altre infrastrutture) e di edificio (diritti di istallazione degli impianti) in Italia. Annesso A: Materiale di supporto al Capitolo 2 Sono riportati alcuni diagrammi aggiuntivi che completano la trattazione svolta nella Sezione Diffusione degli accessi a banda larga e ultralarga nel mondo. 15 novembre RAPPORTO FINALE v. 1.0 Documento per uso interno al Programma AGCOM ISBUL iv

5 Sommario Sommario Riassunto ii Sommario v Elenco degli acronimi viii 1 Introduzione Obiettivi del documento Organizzazione del WP 1.1 e articolazione in Task Piano del documento Architetture, tecnologie e scenari di sviluppo NGAN Le reti di accesso in Italia: situazione attuale La rete di accesso in rame di Telecom Italia Reti di accesso in fibra ottica La rete di accesso ottica di Telecom Italia La rete di accesso ottica di Fastweb Altre infrastrutture utilizzabili per l accesso Architetture di distribuzione della rete in fibra ottica Fiber to the Exchange (FTTE) Fiber to the Cabinet (FTTC) Fiber to the Building (FTTB) Fiber to the Home (FFTH) novembre RAPPORTO FINALE v. 1.0 Documento per uso interno al Programma AGCOM ISBUL v

6 Sommario 2.3 Sistemi di accesso per la rete in fibra ottica Elementi di rete Sistemi punto-punto (Point-to-Point, P2P) Active Remote Reti ottiche passive (Passive Optical Network, PON) Architetture Reti PON a divisione di tempo (TDM) Reti PON a divisione di lunghezza d onda (WDM) Un quadro d insieme sulle soluzioni esaminate Diffusione degli accessi a banda larga e ultralarga nel mondo Accesso a banda larga e ultralarga nel mondo Area asiatica Area nordamericana Area europea Conclusioni Rassegna internazionale di piani di sviluppo di reti locali di accesso in fibra ottica Situazione in Nord America Situazione nei Paesi dell Estremo Oriente Situazione in Europa Situazione in Italia Conclusioni Riferimenti Strategie di evoluzione e transizione verso la NGAN La domanda di servizi a banda ultralarga Strategie di sviluppo della rete L architettura obiettivo Overlay o sostituzione totale? Copertura geografica Il problema del digital divide Il processo di realizzazione della rete Evoluzione della rete e dei servizi Servizi intermedi Servizi wholesale Servizi bitstream Wholesale Line Rental (WLR) Linee affittate Servizi di unbundling e colocazione novembre RAPPORTO FINALE v. 1.0 Documento per uso interno al Programma AGCOM ISBUL vi

7 Sommario Servizi retail Riferimenti Architetture delle reti e degli impianti NGAN Aspetti di progetto di rete Confronto tra architetture di accesso Architetture FTTH di tipo P2P e GPON Cavidotti nella rete primaria Apparati di centrale Banda di accesso Disaggregazione degli elementi della rete di accesso Investimenti per realizzare la rete ottica di accesso Gestione della rete ottica di accesso Reti di accesso, reti metropolitane e reti dorsali (access, metro e backbone) Mobile backhaul: rete di giunzione per stazioni radiomobili Interconnessione e qualità di servizio I servizi IP multimediali nella NGN Il service layer e il transport layer nella NGN I requisiti dei servizi Caratteristiche e requisiti dei servizi VoIP Il servizio ECS voce nomadico Interconnessione tra NGN I servizi di interconnessione su SoIx e CoIx I requisiti generali dell interconnessione SoIx La Qualità del Servizio in SoIx Indirizzamento e routing dei servizi IP multimediali Rimedi Passivi Rete di accesso ottica Condivisione dei cavidotti esistenti Condivisione delle nuove infrastrutture di posa Punto di mutualizzazione delle reti in fibra ottica Infrastruttura ottica di edificio Mobile backhaul Rimedi Attivi Servizio bitstream a larga banda in Italia Servizio bitstream NGAN in Europa Bitstream NGAN con qualità del servizio Mobile backhaul e metro Ethernet Riferimenti novembre RAPPORTO FINALE v. 1.0 Documento per uso interno al Programma AGCOM ISBUL vii

8 Sommario 5 Tecniche e soluzioni impiantistiche per lo sviluppo della rete Componenti della rete ottica Cavi Giunti Terminazioni Infrastrutture e tecniche di posa dei cavi Infrastrutture tradizionali Tubazioni Tubi interrati Infrastrutture di nuova concezione Minitrincea Microtrincea Perforazione orizzontale guidata Installazione di minitubi in infrastrutture tradizionali Utilizzo di infrastrutture di altri servizi Tecniche di posa dei cavi Istallazione per trazione Istallazione per insufflaggio Posa aerea su edificio Valutazioni tecnico economiche sulle infrastrutture Cablaggio ottico di edificio Colonne montanti della rete in rame Cablaggio interno Cablaggio esterno Sviluppo della nuova rete ottica Nodi di raccolta (centrali) Rete di accesso Rete primaria Rete secondaria Cablaggio di edificio Norme per la realizzazione delle infrastrutture Tracciabilità della rete Riferimenti... 8 A Annesso: Materiale di supporto al Capitolo novembre RAPPORTO FINALE v. 1.0 Documento per uso interno al Programma AGCOM ISBUL viii

9 Elenco degli acronimi Elenco degli acronimi 10GbE...10 Gbit/s Gigabit Ethernet 10GEPON...10 Gbit/s EPON 10GPON...10 Gbit/s GPON 2G...Rete radiomobile di seconda generazione 3G...Rete radiomobile di terza generazione 4G...Rete radiomobile di quarta generazione ABR...Available Bit Rate ACR...Anonymous Call Rejection AdC...Area di Centrale ADM...Add-Drop Multiplexer ADSL...Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2...Asymmetric Digital Subscriber Line ver. 2 ADSL2+...Asymmetric Digital Subscriber Line ver. 2 plus AES...Advanced Encryption Standard AMR...Adaptive MultiRate AP...Access Point APON...ATM Passive Optical Network ARCEP...Autorité de Régulation des Communications Electroniques et des Postes ATM...Asynchronous Transfer Mode AWG...Arrayed Waveguide Grating BGF...Border Gateway Function BGP-4...Border Gateway Protocol ver. 4 BPON...Broadband Passive Optical Network BRA...Basic Rate Access BS...Base Station BTS...Base Transceiver Station CAC...Connection Admission Control CAPEX...CAPital Expenditure CaTV...Cable Television CBR...Constant Bit Rate CDN...Circuiti Diretti Numerici CDVT...Cell Delay Variation Tolerance 15 novembre RAPPORTO FINALE v. 1.0 Documento per uso interno al Programma AGCOM ISBUL ix

10 Elenco degli acronimi CEN...Carrier Ethernet Network CES...Circuit Emulation Service CIR...Committed Information Rate CLI...Calling Line Identification CMT...Comisión del Mercado de las Telecomunicaciones CO...Central Office CoIx...Connectivity-oriented Interconnection CoS...Class of Service CPE...Customer Premises Equipment CPS...Carrier Pre Selection C-VLAN...Customer VLAN CWDM...Coarse Wavelength Division Multiplexing DBU...Data Base Unico DF...Distribution Frame DNS...Domain Name System DoS...Denial of Service DRM...Digital Rights Management DSL...Digital Subscriber Loop DSLAM...Digital Subscriber Line Access Multiplexer DWDM...Dense Wavelength Division Multiplexing E1...Linea a 2048 kbit/s della gerarchia plesiocrona Europea (PDH) EALA...Ethernet Active Line Access ECS...Electronic Communication Service ECTA...European Competitive Telecommunications Association EIR...Excess Information Rate ENUM...Electronic NUMbers EPON...Ethernet Passive Optical Network ETSI...European Telecommunications Standard Institute EVCR...Enhanced Variable Rate Codec FCC...Federal Communication Commission FCF...Fibre Concentration Point FDD...Frequency Division Duplex FIT...Faults in Time FSR...Free Spectral Range FTTB...Fiber to the Building FTTC...Fiber to the Cabinet (anche FTTCab) FTTE...Fiber to the Exchange FTTF...Fiber to the Farm FTTH...Fiber to the Home FTTO...Fiber to the Office FTTx...Fiber to the x (generico, dove x indica il punto di terminazione della fibra) GbE...Gigabit Ethernet a 1 Gbit/s GE...Gigabit Ethernet GEA...Generic Ethernet Access GEM...GPON Encapsulation Method GPON...Gigabit-capable Passive Optical Network GPS...Global Positioning System HDPE...High Density Propylene Extrusion HGW...Home GateWay 15 novembre RAPPORTO FINALE v. 1.0 Documento per uso interno al Programma AGCOM ISBUL x

11 Elenco degli acronimi HSPA...High Speed Packet Access IEC...International Electrotechnical Commission IEEE...Institute of Electrical and Electronics Engineers IETF...Internet Engineering Task Force IGMP...Internet Group Management Protocol IP...Internet Protocol IPTV...Internet Protocol TeleVision IRU...Indefeasible Right of Use ISDN...Integrated Services Digital Network ISUP...Integrated Services User Part ITU-T...International Telecommunications Union - Telecommunications sector IWF...InterWorking Function KPN...Koninklijke PTT Nederland KT...Korea Telecom KCC...Korea Communications Commission LAN...Local Area Network LI...Lawful Interception LLU...Local Loop Unbundling (vedi anche ULL) LTE...Long-Term Evolution MBS...Maximum Burst Size MCID...Malicious Call IDentification MCR...Minimum Cell Rate MDF...Main Distribution Frame MEF...Metro Ethernet Forum MP-BGP...Multiprotocol Extensions for BGP-4 MPLS...Multi Protocol Label Switching MSO...Multiple system operator NANP...NGN Access Network Provider NAP...Neutral Access Point NCNP...NGN Core Network Provider NCP...NGN Connectivity Provider NGA...Next-Generation Access NGAN...Next-Generation Access Network NGN...Next-Generation Network NNI...Network-Network Interface NSP...NGN Service Provider NT...Network Termination OAM...Operation Administration and Management ODF...Optical Distribution Frame OECD...Organisation for Economic Co-operation and Development OFCOM...OFfice of COMmunications OLO...Other Licensed Operators OLT...Optical Line Termination ONT...Optical Network Termination ONU...Optical Network Unit OPEX...OPEration EXpenditure OPTA...Onafhankelijke Post en Telecommunicatie Autoriteit P2MP...Point To MultiPoint P2P...Point To Point 15 novembre RAPPORTO FINALE v. 1.0 Documento per uso interno al Programma AGCOM ISBUL xi

12 Elenco degli acronimi PATS...Publicly Available Telephone Service PBX...Primary Branch exchange PCR...Peak Cell Rate PDH...Plesiochronous Digital Hierarchy PIM-SSM...Protocol-Independent Multicast-Source Specific Multicast PLC...Planar Lightwave Circuit PLMN...Public Land Mobile Network PM...Punto di Mutualizzazione PON...Passive Optical Network POP...Point Of Presence POS...Point Of Sale POTS...Plain Old Telephony Service PRA...Primary Rate Access PRI...Punto di Raccordo Interno PSTN...Public Switched Telephone Network QoS...Quality of Service RACS...Resource and Admission Control Subsystem RAN...Radio Access Network RAN-BS...Radio Access Network-Base Station RAN-NC...Radio Access Network-Network Controller RNC...Radio Network Controller ROF...Radio Over Fiber RSOA...Reflective Semiconductor Optical Amplifier RTP...Regulirungbehörde für Telekommunikation und Post RTT...Round Trip Time SaaS...Software as a Service SAF...Sistema di Accesso Flessibile SBC...Session Border Controller SCR...Sustainable Cell Rate SDF...Sub-loop Distribution Frame SDH...Synchronous Digital Hierarchy SGT...Stadio di Gruppo di Transito SGU...Stadio di Gruppo Urbano SIP...Session Initiation Protocol SL...Stadio di Linea SLA...Service Level Agreement SLU...Sub Loop Unbundling SME...Small and Medium Enterprise SOHO...Small Office Home Office SoIx...Service-oriented Interconnection SONET...Synchronous Optical NETwork STB...Set Top Box S-VLAN...Service VLAN TDM...Time Division Multiplexing TDMA...Time Division Multiple Access TISPAN...Telecommunications and Internet converged Services and Protocols for Advanced Networking ToIP...Telephony over IP TTF...Telaio Terminazione Fibre 15 novembre RAPPORTO FINALE v. 1.0 Documento per uso interno al Programma AGCOM ISBUL xii

13 Elenco degli acronimi UE...Unione Europea ULL...Unbundling of the Local Loop UMTS...Universal Mobile Telecommunications System URI...Uniform Resource Identifier VBR...Variable Bit Rate VBR-rt...VBR real time VC...Virtual Circuit VDSL...Very high Speed Digital Subscriber Line VDSL2...Very high speed Digital Subscriber Line ver. 2 VLAN...Virtual LAN VoIN...Voice over INternet VoIP...Voice over IP VP...Virtual Path WDM...Wavelength Division Multiplexing WEAS...Wholesale Ethernet Access Service WiFi...Wireless Fidelity (rete wireless IEEE b) WiMAX...Worldwide Interoperability for Microwave Access WLR...Wholesale Line Rental xdsl...x-digital Subscriber Line (generico, dove x indica una specifica tecnologia) 15 novembre RAPPORTO FINALE v. 1.0 Documento per uso interno al Programma AGCOM ISBUL xiii

14 1. Introduzione 1 Introduzione 1.1 Obiettivi del documento Questo documento è il Rapporto delle attività effettuate dal Politecnico di Milano nell ambito del programma di studio e ricerca "Infrastrutture e Servizi a Banda Larga e Ultralarga" (ISBUL) per il Work Package 1.1. Lo studio riguarda l infrastruttura della rete di accesso di nuova generazione (Next Generation Access Network, NGAN), cioè la sezione di accesso in fibra ottica della Next Generation Network (NGN). Le NGN comprendono, inoltre, altre due sezioni di rete: la rete metropolitana (Metro Network) e la rete dorsale a lunga distanza (Backbone Network). La NGAN prevede l impiego di sistemi in fibra ottica sia nella attuale rete di giunzione (collegamenti SGU- SL tra Stadi di Gruppo e Stadi di Linea) che nella rete di distribuzione d utente. L infrastruttura NGAN realizzerà in modo integrato sia gli allacciamenti a banda ultralarga (almeno 30 Mbit/s), per l utenza residenziale e affari con architetture del tipo FTTx (Fiber To The x), sia la connettività (mobile backhaul) tra le numerose stazioni radio necessarie per i sistemi wireless 3G/4G, tipicamente HSPA e LTE. Il confine tra banda larga e banda ultralarga non è definito univocamente, ma è spesso indicato in 30 Mbit/s di velocità in downstream, da rete a utente, come sarà discusso in seguito. 1.2 Organizzazione del WP 1.1 e articolazione in Task Il sottoprogetto di ricerca WP 1.1 Infrastrutture di rete fissa NGAN è articolato nei seguenti quattro obiettivi (Task): Task Scenario di innovazione tecnologica e infrastrutturale. 15 novembre RAPPORTO FINALE v. 1.0 Documento per uso interno al Programma AGCOM ISBUL 1/1

15 1. Introduzione Principali obiettivi: analisi della rete di accesso italiana attuale in rame e fibra ottica; panoramica sulle soluzioni tecnologiche di accesso a banda ultralarga; rassegna sugli scenari internazionali di sviluppo delle reti a banda ultralarga. Task Scenari di evoluzione tecnologica verso la NGAN. Principali obiettivi: analisi delle strategie di sviluppo della NGAN e degli scenari di migrazione verso l architettura obiettivo FTTx; analisi degli aspetti di sostituzione e coesistenza delle infrastrutture e dei servizi esistenti. Task Architetture di rete e impiantistica. Principali obiettivi: analisi di scenari architetturali e impiantistici FTTx per la realizzazione della rete di accesso a banda ultralarga; analisi del problema della realizzazione tramite NGAN del mobile backhaul di stazioni radio; analisi di modelli di accesso alla rete locale in fibra ottica e dei possibili Rimedi Attivi e Passivi. Task Tecniche e soluzioni per lo sviluppo delle infrastrutture. Principali obiettivi: rassegna tecnica sulle soluzioni per la posa dei cavi in fibra ottica nella rete di accesso e nell infrastruttura di edificio; panoramica sulla Normativa per la realizzazione delle infrastrutture di accesso e di edificio. 1.3 Piano del documento Il documento illustra i risultati ottenuti nelle attività di studio articolate come sopra. I Capitoli 2, 3, 4 e 5 corrispondono grosso modo ai task sopra elencati. Capitolo 2: Architetture, tecnologie e scenari di sviluppo NGAN (Task 1.1.1). Situazione attuale della rete di accesso italiana per telecomunicazioni in rame e in fibra ottica. Panoramica sulle principali soluzioni tecnologiche di accesso a banda ultralarga (architetture di distribuzione FTTC, FTTB e FTTH, sistemi di accesso GPON e P2P). Rassegna internazionale sulla diffusione degli accessi a banda larga e ultralarga e sugli scenari di sviluppo delle infrastrutture d accesso a banda ultralarga nel mondo. Capitolo 3: Strategie di evoluzione e transizione verso la NGAN(Task 1.1.2). Analisi delle strategie di evoluzione verso la NGAN con particolare riferimento al caso dell Europa. Discussione del problema di identificare l effettiva domanda di servizi a banda ultralarga. Possibili scenari di migrazione della rete verso l architettura obiettivo FTTx in specifiche aree, affrontando gli aspetti di sostituzione (replacement) e coesistenza (overlay) con le infrastrutture esistenti e della copertura geografica delle nuove reti e del digital divide. Aspetti relativi alla sostituzione dei servizi convenzionali (telefonia, linee affittate CDN) e dei servizi a larga banda (unbundling, colocazione, bitstream) con servizi a banda ultralarga. Analisi del quadro evolutivo dei servizi distinguendo tra servizi intermedi (utilizzati internamente dall Operatore), servizi wholesale per altri Operatori (unbundling e colocazione) e servizi retail. Capitolo 4: Architetture delle reti e degli impianti NGAN (Task 1.1.3). Scenari architetturali e impiantistici FTTx per la realizzazione della rete di accesso a banda ultralarga (trasporto e interconnessione con la rete metropolitana). Aspetti di 15 novembre RAPPORTO FINALE v. 1.0 Documento per uso interno al Programma AGCOM ISBUL 2/2

16 1. Introduzione progetto della rete. Architetture di accesso alla rete locale in fibra ottica e di giunzione per stazioni radiomobili (mobile backhaul) incluse le femtocelle 3G/4G. Interconnessione tra NGN con qualità di servizio, con enfasi sui servizi IP multimediali. I possibili servizi di disaggregazione degli elementi di rete NGAN sono classificati come Rimedi Passivi (unbundling, condivisione delle infrastrutture) e Rimedi Attivi (servizi all ingrosso: wholesale bitstream). Capitolo 5: Tecniche e soluzioni impiantistiche per lo sviluppo della rete (Task 1.1.4). Rassegna tecnica delle soluzioni per la posa dei cavi nella rete di accesso in fibra ottica. Problemi di realizzazione del tratto di adduzione, del cablaggio verticale e di quello orizzontale sui piani dell edificio per raggiungere le abitazioni. Panoramica sulla Normativa italiana per la realizzazione delle infrastrutture di accesso e di edificio. Infine, l annesso presenta informazioni aggiuntive che completano la trattazione svolta nel Capitolo 2. Annesso A: Materiale di supporto al Capitolo 2. Diagrammi aggiuntivi che completano la trattazione svolta nella Sezione Diffusione degli accessi a banda larga e ultralarga nel mondo. 15 novembre RAPPORTO FINALE v. 1.0 Documento per uso interno al Programma AGCOM ISBUL 3/3

17 2 Architetture, tecnologie e scenari di sviluppo NGAN 2.1 Le reti di accesso in Italia: situazione attuale L attuale rete di accesso italiana per le telecomunicazioni è basata prevalentemente sull'infrastruttura di distribuzione in rame di Telecom Italia. Hanno inoltre rilievo le due reti di accesso in fibra ottica di Telecom Italia e Fastweb, estese anch esse al territorio nazionale. Esistono infine altre reti di accesso realizzate da Enti Locali quali Comuni, Province e Regioni La rete di accesso in rame di Telecom Italia L attuale rete di accesso in Italia è basata quasi esclusivamente sullo schema mostrato in Figura 2.1, che rappresenta la rete di Telecom Italia nel 2008 [1]. La rete di accesso è composta da Stadi di Linea (SL) (Central Office, CO) che sono connessi attraverso la rete di giunzione (backhaul) ai 628 Stadi di Gruppo Urbano (SGU). Negli Stadi di Linea sono presenti i permutatori metallici (o Main Distribution Frame, MDF) che consentono la connessione fisica dei doppini in rame verso gli utenti finali. La rete di accesso in rame si divide nelle due seguenti parti principali. La rete primaria, che connette i permutatori presenti in centrale agli armadi stradali (cabinet), che a loro volta contengono terminazioni di cavi più piccole (Subloop Distribution Frame, SDF). Attualmente gli armadi stradali sono circa La lunghezza della rete primaria varia dai 200 metri ai 3000 metri e solitamente è composta da cavi di grande capacità pressurizzati e installati in tubazioni sotterranee. 15 novembre RAPPORTO FINALE v. 1.0 Documento per uso interno al Programma AGCOM ISBUL 4/4

18 La rete secondaria, che connette gli armadi stradali (e quindi gli SDF) ai distributori (box) posti in prossimità degli edifici con una lunghezza che varia dai 100 ai 700 metri. Nella maggioranza dei casi, questa parte di rete è installata in trincea con i cavi direttamente interrati. I distributori sono costituiti da vari tipi di contenitori per la terminazione dei cavi (Distribution Frame, DF) a cui fanno capo alcune decine di doppini in rame. I DF possono essere interni agli edifici (circa 1,5 milioni) oppure esterni (circa 3,9 milioni). Nel caso di grandi edifici, il distributore interno ha una capacità di alcune decine di doppini ed è chiamato armadietto di distribuzione 1. Il collegamento interno all edificio connette gli armadietti di distribuzione con le borchie degli utenti finali. In totale, la rete di accesso in rame italiana è composta di circa 530 mila km di cavo per un totale di 110 milioni di km di doppini. E' interessante notare, in Figura 2.2, la distribuzione cumulativa della lunghezza della rete di accesso italiana rispetto ad altri Paesi: la rete italiana è mediamente la più corta. Questo consente una migliore utilizzazione della rete attuale per i segnali a banda larga di tipo xdsl Utenti Utenti SGU Rame Fibra SL MDF Rame Armadio SDF 1,5 mln DF (Box) Interno 3,9 mln DF (Box) Esterno pressurizzazione Rete di giunzione Rete di distribuzione primaria metri Rete di distribuzione secondaria metri Figura 2.1: Attuale rete di accesso in rame di Telecom Italia (2008) [1]. 1 Gli elementi di rete, permutatore, armadio e distributore, sono detti impianti di terminazione dei cavi e servono per varie funzioni tra le quali le più importanti sono: la permutazione (per il permutatore di centrale), l elasticità della rete (per l armadio, in cui ci sono più coppie secondarie e meno coppie primarie), la distribuzione delle coppie alle unità immobiliari (per il distributore). 15 novembre RAPPORTO FINALE v. 1.0 Documento per uso interno al Programma AGCOM ISBUL 5/5

19 Figura 2.2: Distribuzione cumulativa della lunghezza della rete di accesso in rame [1] Reti di accesso in fibra ottica In questa sezione, sono descritte le due reti ottiche di accesso attualmente in esercizio in Italia, realizzate rispettivamente da Telecom Italia e da Fastweb La rete di accesso ottica di Telecom Italia L attuale rete di accesso in fibra ottica di Telecom Italia è utilizzata per l accesso ai servizi a banda stretta e a banda larga sia di clienti residenziali, serviti da MUX ad alta capacità, sia di clienti affari e/o OLO (Other Licensed Operators) con apparati ad alta velocità come apparati Sistema Accesso Flessibile (ASF), ADM SDH e CPE Dati. L introduzione della fibra ottica in Rete di Accesso è stata avviata a partire dal 1985, secondo topologie sia ad anello che a stella (Figura 2.3), scelte caso per caso in base a specifiche valutazioni di convenienza economica. 15 novembre RAPPORTO FINALE v. 1.0 Documento per uso interno al Programma AGCOM ISBUL 6/6

20 Stella f.o. Centrale MPX 1 Clienti Affari MPX 1 Anello f.o. Clientela Residenziale Clienti Affari Clienti Affari Figura 2.3: Struttura della rete di accesso in fibra ottica di Telecom Italia. La rete di distribuzione in cavo a fibre ottiche si estende dal Telaio Terminazione Fibre (TTF), posto all interno dell edificio di centrale, fino alla terminazione nella sede ottica. Tale sede può coincidere con la sede del cliente affari o con un apparato trasmissivo di multiplazione (MPX) che collega via rame la clientela residenziale. In Figura 2.4, sono rappresentati i principali elementi della rete ottica in accesso, con evidenza della rete ottica primaria e della rete ottica secondaria. La rete ottica primaria si estende dal TTF, posto all interno dell edificio di centrale, fino al distributore ottico, nel quale avviene la connessione delle fibre del cavo primario, di maggiore potenzialità, con quelle dei cavi secondari, di minore potenzialità. La rete ottica secondaria si estende dal distributore all apparato di terminazione, che può essere un apparato MPX-1 od un SAF/ADM, presso il cliente finale: nel caso di terminazione su MPX-1, i clienti vengono raggiunti da una rete secondaria in rame, come mostrato in Figura 2.4, mentre nel caso di terminazione su apparato SAF o ADM, la rete secondaria ottica raggiunge la sede del cliente, sempre come mostrato in Figura 2.4. In Figura 2.5 e Figura 2.6, inoltre, sono mostrati due esempi di architettura ad anello SDH su fibra ottica, in rete di distribuzione rispettivamente per MPX-1 e SAF. 15 novembre RAPPORTO FINALE v. 1.0 Documento per uso interno al Programma AGCOM ISBUL 7/7

Programma AGCOM ISBUL WP 1.1 - Infrastrutture di rete fissa NGAN

Programma AGCOM ISBUL WP 1.1 - Infrastrutture di rete fissa NGAN Programma AGCOM ISBUL WP 1.1 - Infrastrutture di rete fissa NGAN Autori: 15 novembre 2009 Maurizio Dècina (responsabile) RAPPORTO FINALE v. 1.0 Stefano Bregni, Rocco Casale, Goffredo Cerquozzi, Paolo Giacomazzi,

Dettagli

Reti di accesso ottiche di nuova generazione (NGAN) Introduzione alle architetture e alle strategie di evoluzione

Reti di accesso ottiche di nuova generazione (NGAN) Introduzione alle architetture e alle strategie di evoluzione Reti di accesso ottiche di nuova generazione (NGAN) Introduzione alle architetture e alle strategie di evoluzione Politecnico di Milano Dip. di Elettronica e Informazione P.za Leonardo da Vinci 32, 20133

Dettagli

per Italia Digitale Versione 3.1 28 Ottobre 2010

per Italia Digitale Versione 3.1 28 Ottobre 2010 Infrastrutture a Banda Ultra Larga per Italia Digitale Tavolo Tecnico Operatori Governo per la condivisione del Modello di intervento per lo sviluppo dell Infrastruttura per le Reti di Accesso di Nuova

Dettagli

Offerta di Riferimento di Telecom Italia 2015. Servizio di Accesso NGAN. (Mercato 4)

Offerta di Riferimento di Telecom Italia 2015. Servizio di Accesso NGAN. (Mercato 4) Offerta di Riferimento di 2015 (Mercato 4) (sottoposta ad AGCom per approvazione) 31 ottobre 2014 1 / 23 INDICE 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 5 1.1 Normativa comunitaria... 5 1.2 Normativa nazionale...

Dettagli

LE RETI OTTICHE PASSIVE

LE RETI OTTICHE PASSIVE LE RETI OTTICHE PASSIVE Prof. Ing. Maurizio Casoni Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia INDICE La rete di accesso Le reti ottiche passive Gli Standard

Dettagli

Il Piano di Sviluppo di Telecom Italia

Il Piano di Sviluppo di Telecom Italia GRUPPO TELECOM ITALIA Il Piano di Sviluppo di Telecom Italia Focus sulla Qualità per il Cliente Finale Roma, 12 Giugno 2013 Telecom Italia/Technology GIUSEPPE ROBERTO OPILIO Sommario 1. Introduzione 2.

Dettagli

Rete a Banda Ultra Larga della città di Cremona (e comuni limitrofi) AEMCOM

Rete a Banda Ultra Larga della città di Cremona (e comuni limitrofi) AEMCOM Rete a Banda Ultra Larga della città di Cremona (e comuni limitrofi) AEMCOM - 1 1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO AEM Cremona e AEMCOM AEM di Cremona è una Società per Azioni posseduta interamente dal Comune

Dettagli

NGN2 e scorporo della rete

NGN2 e scorporo della rete NGN2 e scorporo della rete Il piano NGN2: driver principali Stato della rete Saturazione fisica: il rapporto tra il n delle linee broadband ed il n dei doppini in rame si sta approssimando al suo limite

Dettagli

Eventuali modalità di unbundling degli accessi in fibra COMITATO NGN ITALIA comitatongn@agcom.it

Eventuali modalità di unbundling degli accessi in fibra COMITATO NGN ITALIA comitatongn@agcom.it Allegato 2 alla Proposta non vincolante di Linee guida per la transizione verso le reti NGN Eventuali modalità di unbundling degli accessi in fibra COMITATO NGN ITALIA comitatongn@agcom.it Classificazione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Comunicazioni DIPARTIMENTO PER LE COMUNICAZIONI Un modello semplificato di costo per la rete di accesso passiva in fibra ottica NGAN Alessandro Paci

Dettagli

Metroweb Italia: un modello di business neutrale e non discriminatorio

Metroweb Italia: un modello di business neutrale e non discriminatorio Metroweb Italia: un modello di business neutrale e non discriminatorio Cablatura Metropolitana e Reti FTTH 11 evento TRATOS Pieve Santo Stefano (AR) - 3 Settembre 2015 Agenda Metroweb Italia: storia e

Dettagli

La Rete di Accesso in rame ed in fibra ottica

La Rete di Accesso in rame ed in fibra ottica La Rete di Accesso in rame ed in fibra ottica goffredo.cerquozzi@tin.it 31 gennaio 2008 Villa Mondragone Monte Porzio Catone RETE IN RAME Centrale borchia cavetto di raccordo armadio di distribuzione altri

Dettagli

Mezzi trasmissivi e livello fisico. Reti di Accesso. Reti di accesso

Mezzi trasmissivi e livello fisico. Reti di Accesso. Reti di accesso Reti di Accesso Reti di accesso Per arrivare all utenza residenziale ( ultimo miglio ), l ultima tratta di rete viene detta rete d accesso ( local loop in inglese) Tecnologie nelle reti di accesso: Plain

Dettagli

Reti ottiche di accesso

Reti ottiche di accesso Reti in Fibra Ottica Reti ottiche di accesso (ultimi aggiornamenti: Giugno 2012) By R. Gaudino Roberto Gaudino 1.1 Situazione ad oggi (2012) delle reti di accesso Si intende per rete di accesso la parte

Dettagli

Programma AGCOM ISBUL Sottoprogetto 1 Quadro Tecnico Infrstrutturale (QTI) Executive Summary

Programma AGCOM ISBUL Sottoprogetto 1 Quadro Tecnico Infrstrutturale (QTI) Executive Summary Programma AGCOM ISBUL Sottoprogetto 1 Quadro Tecnico Infrstrutturale (QTI) Executive Summary Marco Listanti (Università di Roma La Sapienza) (Coordinatore) Aldo Milan (AGCOM) (Coordinatore) Indice Indice

Dettagli

Velocità su una linea ADSL

Velocità su una linea ADSL Cosa è l ADSL? ADSL (Asymmetric Digital Subscriber Line) è una tecnologia per la trasmissione digitale di informazioni ad alta velocità sulle linee telefoniche esistenti (in Italia monopolio di Telecom

Dettagli

CITTÀ DI MODENA La Rete di Nuova Generazione di Telecom Italia

CITTÀ DI MODENA La Rete di Nuova Generazione di Telecom Italia GRUPPO TELECOM ITALIA OPEN ACCESS CITTÀ DI MODENA La Rete di Nuova Generazione di Telecom Italia Dotti Massimiliano Modena, 12 Febbario 2014 Technology Open Access Access Op Area 37 2 Come la Rivoluzione

Dettagli

NGN le reti per i servizi multimediali del futuro, dalle tecnologie di accesso al Data Center. Alberto Vetuli

NGN le reti per i servizi multimediali del futuro, dalle tecnologie di accesso al Data Center. Alberto Vetuli NGN le reti per i servizi multimediali del futuro, dalle tecnologie di accesso al Data Center Alberto Vetuli AZIENDE SANITARIE AO - ASL TELEMEDICINA PRIVATE CLOUD SCENARIO DI SERVIZI E RETI IN ITALIA

Dettagli

Le soluzioni per l accesso alle reti ad alta velocità

Le soluzioni per l accesso alle reti ad alta velocità Giornata di studio: Infrastrutture avanzate per reti ad alta velocità Modena, 5 Aprile 2006 Università di Modena e Reggio Emilia, Facoltà di Ingegneria Le soluzioni per l accesso alle reti ad alta velocità

Dettagli

L Aquila La nuova rete di TIM

L Aquila La nuova rete di TIM GRUPPO TELECOM ITALIA L Aquila, 22-23 Marzo 2016 Auditorium del Parco L Aquila La nuova rete di TIM Responsabile Creation Abruzzo e Molise La Nuova Rete de L Aquila Razionalizzazione dei Servizi Il progetto

Dettagli

La TV nelle Reti di Nuova Generazione (NGN)

La TV nelle Reti di Nuova Generazione (NGN) La TV nelle Reti di Nuova Generazione (NGN) Francesco Matera Responsabile Area Tecnologie per Reti NGN mat@fub.it ; +39 06 5480 2215 Fondazione Ugo Bordoni Wireless Multicast TV Urbino, 5 maggio 2010 Sommario

Dettagli

Una rete di telecomunicazioni è

Una rete di telecomunicazioni è La rete di telecomunicazioni a Venezia di GIOVANNI PITTINO Una rete di telecomunicazioni è costituita da una ragnatela di cavi di fili di rame o di vetro che, partendo da centri nodali nei quali è concentrata

Dettagli

NEW GENERATION NETWORK

NEW GENERATION NETWORK NEW GENERATION NETWORK STRATEGIE DI ACCESSO Nel campo delle telecomunicazioni è alle porte la rivoluzione NGN, ossia una nuova rete basata sempre più su sistemi informatici e ispirata totalmente alla filosofia

Dettagli

Corso di Sistemi di Telecomunicazione Ottici A. A. 2009/2010. Reti di accesso. Architettura di rete HFC FTTx

Corso di Sistemi di Telecomunicazione Ottici A. A. 2009/2010. Reti di accesso. Architettura di rete HFC FTTx Corso di Sistemi di Telecomunicazione Ottici Reti di accesso Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria delle Telecomunicazioni A.A. 2009/2010 Reti di accesso (1) Reti di accesso Architettura di rete

Dettagli

Fondazione Ugo Bordoni

Fondazione Ugo Bordoni La Reti Ottiche nella Fondazione Ugo Bordoni Francesco Matera Responsabile Area Tecnologie per Reti NGN Fondazione Ugo Bordoni mat@fub.it Fondazione Ugo Bordoni Tecnologie fotoniche per le comunicazioni

Dettagli

Banda larga per dare soluzione al Digital Divide e innovare il Paese

Banda larga per dare soluzione al Digital Divide e innovare il Paese Banda larga per dare soluzione al Digital Divide e innovare il Paese 14/02/2011 Fondamenti di informatica - Prof. Gregorio Cosentino 1 Servizio universale Acqua potabile Energia elettrica Telefono Servizio

Dettagli

Pianificazione e progetto di reti geografiche

Pianificazione e progetto di reti geografiche Pianificazione e progetto di reti geografiche 1 Architettura delle reti di telecomunicazioni e contesto infrastrutturale regionale 1 Indice Architettura delle reti di Telecomunicazioni Banda Larga nella

Dettagli

Evoluzione della rete Ethernet (II parte)

Evoluzione della rete Ethernet (II parte) Evoluzione della rete Ethernet (II parte) Argomenti della lezione Richiami sul funzionamento della rete Ethernet Fast Ethernet Gigabit Ethernet Implicazioni sul cablaggio 10Gb Ethernet 10 Gigabit Ethernet:

Dettagli

Soluzioni di replicabilità dei servizi legacy su rete NGN FTTH

Soluzioni di replicabilità dei servizi legacy su rete NGN FTTH GRUPPO TELECOM ITALIA Soluzioni di replicabilità dei servizi legacy su rete NGN FTTH Giovanni Picciano Wireline Access Engineering Total Replacement NGN e migrazione dei servizi legacy Nel caso di Total

Dettagli

Offerta di Riferimento. di Telecom Italia. Servizi trasmissivi a capacità dedicata

Offerta di Riferimento. di Telecom Italia. Servizi trasmissivi a capacità dedicata Offerta di Riferimento di 2011 (Circuiti Terminating, Flussi di Interconnessione e Raccordi Interni di Centrale) 29 ottobre 2010 INDICE 1 Normativa di riferimento...6 1.1 Normativa comunitaria... 6 1.2

Dettagli

Work package 1.4. Task. Documento. Versione 1.2. Data 04/12/2009. Autore/i

Work package 1.4. Task. Documento. Versione 1.2. Data 04/12/2009. Autore/i Next Generation Network: standard ITU-T ed ETSI ed aspetti di interconnessione e convergenza dei servizi (executive summary e raccomandazioni per future attività) Work package 1.4 Task Documento All Executive

Dettagli

Realizzazioni, progetti e strategie di Infratel sul territorio della regione Marche. Paolo Corda Responsabile Pianificazione Tecnica Infratel SpA

Realizzazioni, progetti e strategie di Infratel sul territorio della regione Marche. Paolo Corda Responsabile Pianificazione Tecnica Infratel SpA Realizzazioni, progetti e strategie di Infratel sul territorio della regione Marche Paolo Corda Responsabile Pianificazione Tecnica Infratel SpA La missione di Infratel Infratel Italia SpA Estendere le

Dettagli

Offerta di Riferimento di Telecom Italia 2015. Servizi di Accesso NGAN

Offerta di Riferimento di Telecom Italia 2015. Servizi di Accesso NGAN Offerta di Riferimento di 2015 Offerta di Riferimento di 2015 Infrastrutture di posa locali Tratte di adduzione Fibre ottiche primarie e secondarie Segmenti di terminazione in fibra ottica (Mercato 4)

Dettagli

Architettura di una rete di Telecomunicazione

Architettura di una rete di Telecomunicazione Marco Listanti Architettura di una rete di Telecomunicazione Struttura di una rete Rete di accesso Connette gli utenti terminali ai Nodi di Accesso (Access Node - AN) e fornisce la connettività necessaria

Dettagli

Rete di accesso. Reti di accesso

Rete di accesso. Reti di accesso Rete di accesso Gruppo Reti TLC nome.cognome@polito.it http://www.telematica.polito.it/ INTRODUZIONE ALLE RETI TELEMATICHE - 1 Reti di accesso Per arrivare all utenza residenziale ( ultimo miglio ), l

Dettagli

Cenni sulle principali tecnologie di rete. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it

Cenni sulle principali tecnologie di rete. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it Cenni sulle principali tecnologie di rete IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it Oltre la LAN Perché uscire? connessione di più edifici geograficamente lontani della stessa società connessione

Dettagli

Le componenti dell accesso

Le componenti dell accesso Le telecomunicazioni verso l anno 2020 Le componenti dell accesso Ing. Franco Grimaldi Giornata di approfondimento e di ricordi IN NOME DI FRANCESCO VALDONI Pontecchio Marconi 4 Dicembre 2012 Miliardi

Dettagli

Sviluppi della copertura WIMAX e servizi abilitabili

Sviluppi della copertura WIMAX e servizi abilitabili Sviluppi della copertura WIMAX e servizi abilitabili Una estesa e moderna rete in Fibra Ottica Retelit è l operatore indipendente leader nel mercato wholesale grazie a Una rete costruita lungo le strade

Dettagli

Unbundling e xdsl. Mario Baldi

Unbundling e xdsl. Mario Baldi Unbundling e xdsl Mario Baldi Politecnico di Torino Dipartimento di Automatica e Informatica mario.baldi[at]polito.it http://staff.polito.it/mario.baldi Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze

Dettagli

Accesso a larga banda. Accesso a larga banda (xdsl)

Accesso a larga banda. Accesso a larga banda (xdsl) Accesso a larga banda (xdsl) Accesso a larga banda (xdsl) xdsl = diverse tecniche di trasmissione numerica su doppino telefonico DSL = Digital Subscriber Line (Linea d Utente Numerica) Un sistema xdsl

Dettagli

OFFERTA DI RIFERIMENTO DI TELECOM ITALIA. Servizi Bitstream NGA, servizio VULA e relativi servizi accessori (MERCATO 5)

OFFERTA DI RIFERIMENTO DI TELECOM ITALIA. Servizi Bitstream NGA, servizio VULA e relativi servizi accessori (MERCATO 5) OFFERTA DI RIFERIMENTO DI TELECOM ITALIA 2013 Servizi Bitstream NGA, servizio VULA e relativi servizi accessori (MERCATO 5) (sottoposta ad approvazione di AGCom) 23 Novembre 2012 Pagina Intenzionalmente

Dettagli

Fibra ottica: stato della diffusione e costo delle offerte dei principali operatori. Indice p. 1. Introduzione p. 2

Fibra ottica: stato della diffusione e costo delle offerte dei principali operatori. Indice p. 1. Introduzione p. 2 Indice: Indice p. 1 Introduzione p. 2 Le città raggiunte dalla fibra p. 2 L ampliamento delle rete p. 5 Le tariffe per internet in Fibra p. 6 Conclusioni p. 7 1 Introduzione: Il nuovo studio di SosTariffe.it

Dettagli

Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati

Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati XVI LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI 4) Intervento pubblico europeo. La possibilità che l Europa, mediante la costituzione di un fondo per le

Dettagli

Il progetto METRO-CORE Stefano Giordano Gruppo di Ricerca Reti di Telecomunicazioni Dipartimento di Ingegneria della Informazione Università di Pisa

Il progetto METRO-CORE Stefano Giordano Gruppo di Ricerca Reti di Telecomunicazioni Dipartimento di Ingegneria della Informazione Università di Pisa Il progetto METRO-CORE Stefano Giordano Gruppo di Ricerca Reti di Telecomunicazioni Dipartimento di Ingegneria della Informazione Università di Pisa 27 Marzo 2001 Auditorium Centro Studi Cassa di Risparmio

Dettagli

Inoltre si è detto che le reti vengono tradizionalmente classificate in base alla distanza:

Inoltre si è detto che le reti vengono tradizionalmente classificate in base alla distanza: Pagina 1 di 5 Topologie WAN Reti di reti Nel modulo 5 si è discusso delle topologie di rete e si è affermato che una rete di telecomunicazioni può essere rappresentata con un grafo, ossia una struttura

Dettagli

DELIBERA N. 9/13/CIR

DELIBERA N. 9/13/CIR DELIBERA N. 9/13/CIR APPROVAZIONE DELL OFFERTA DI RIFERIMENTO DI TELECOM ITALIA PER L ANNO 2012 RELATIVA AI SERVIZI DI ACCESSO NGAN (INFRASTRUTTURE DI POSA LOCALI, TRATTE DI ADDUZIONE, FIBRE OTTICHE PRIMARIE

Dettagli

Infratel: dalla fase di start - up..

Infratel: dalla fase di start - up.. INFRASTRUTTURE DI RETE PER IL MEZZOGIORNO Il piano Infratel Salvatore Lombardo Resp Infrastrutturazione RETE Catania 19 Maggio 2006 1 Infratel: dalla fase di start - up.. 13 Novembre 2003 22 Dicembre 2003

Dettagli

Pianificazione e progetto di reti geografiche

Pianificazione e progetto di reti geografiche Pianificazione e progetto di reti geografiche 1 e contesto infrastrutturale regionale 1 2 Modello della rete Architettura delle reti ditelecomunicazioni 3 4 Principali segmenti di rete Rete di accesso

Dettagli

b.dataline INTERCONNETTI LE SEDI DELLA TUA AZIENDA

b.dataline INTERCONNETTI LE SEDI DELLA TUA AZIENDA b.dataline INTERCONNETTI LE SEDI DELLA TUA AZIENDA DESCRIZIONE DEL SERVIZIO CARATTERISTICHE TECNICHE 2015 PAGINA 2 DI 10 DATA PRIVATE NETWORK INTRODUZIONE GENERALE Brennercom Data Private Network costituisce

Dettagli

BANDA LARGA. Lepida, R3 e WiMAX per lo sviluppo del territorio Parma 17 ottobre 2005

BANDA LARGA. Lepida, R3 e WiMAX per lo sviluppo del territorio Parma 17 ottobre 2005 BANDA LARGA Lepida, R3 e WiMAX per lo sviluppo del territorio Parma 17 ottobre 2005 SELEX Communications SELEX Communications S.p.A., società del gruppo Finmeccanica, con oltre 100 anni di esperienza è

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 3

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 3 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II Lezione 3 Giovedì 12-03-2015 Reti a commutazione di pacchetto datagram Le reti a commutazione

Dettagli

Larga banda: le innovazioni in Telecom Italia e nel mondo

Larga banda: le innovazioni in Telecom Italia e nel mondo TECNOLOGIE Larga banda: le innovazioni in Telecom Italia e nel mondo ANTONINO CICCARDI MARCO DE BORTOLI MARCO POLANO La crescita del mercato della larga banda e le richieste di maggiori velocità nel segmento

Dettagli

La copertura delle reti a Banda Larga dal Digital Divide alle reti NGAN Salvatore Lombardo. Novembre 2012

La copertura delle reti a Banda Larga dal Digital Divide alle reti NGAN Salvatore Lombardo. Novembre 2012 La copertura delle reti a Banda Larga dal Digital Divide alle reti NGAN Salvatore Lombardo Novembre 2012 Agenda Digitale Europea 2 La missione Estendere le opportunità di accesso alla banda larga, in tutte

Dettagli

L Offerta prevede l accesso alle proprie infrastrutture nelle seguenti porzioni di rete di accesso:

L Offerta prevede l accesso alle proprie infrastrutture nelle seguenti porzioni di rete di accesso: OFFERTA DI ACCESSO ALLE INFRASTRUTTURE FISICHE DELLA TRATTA DI ADDUZIONE E DEL SEGMENTO DI TERMINAZIONE DELLA RETE IN FIBRA OTTICA DI FASTWEB AI SENSI DELLA DELIBERA 538/13/CONS 2014 (15 APRILE 2014) 1.

Dettagli

ALLEGATO 1. Versione 2.0

ALLEGATO 1. Versione 2.0 ALLEGATO 1 LINEE GUIDA DI MIGRAZIONE VERSO RETI NGAN (TEMPI MINIMI DI PREAVVISO E MODALITA DI COMUNICAZIONE AGLI OPERATORI NELLA TRANSIZIONE ALLA RETE DI NUOVA GENERAZIONE) Versione 2.0 Emesso 16 Aprile

Dettagli

Topologia generica di rete a commutazione di circuito. Il livello fisico. Gerarchia della rete telefonica

Topologia generica di rete a commutazione di circuito. Il livello fisico. Gerarchia della rete telefonica Novembre 2003 Reti e Sistemi Telematici - 2 Topologia generica di rete a commutazione di circuito Il livello fisico Gruppo Reti TLC giancarlopirani@telecomitaliait http://wwwtelematicapolitoit/ A B X C

Dettagli

L'Italia nella rete del mondo digitale

L'Italia nella rete del mondo digitale L'Italia nella rete del mondo digitale di Silvello Betti* Circa 60 anni fa vennero avviate alcune delle più rilevanti operazioni di investimento pubblico e misto, pubblico-privato, per la realizzazione

Dettagli

Impianto multiservizio e regolamentazione simmetrica dell accesso

Impianto multiservizio e regolamentazione simmetrica dell accesso Impianto multiservizio e regolamentazione simmetrica dell accesso Umberto Iolli Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni Staff del Commissario Antonio Preto Bologna, 14 ottobre 2015 Sommario Focus

Dettagli

RETI DI TELECOMUNICAZIONI

RETI DI TELECOMUNICAZIONI Corso di Studi in Ing. delle Telecomunicazioni LAUREA in INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI RETI DI TELECOMUNICAZIONI Stefano Giordano Lezione n.17n Reti a collegamento diretto: soluzioni xdsl,, HFC, FTTB

Dettagli

Le reti e i servizi: il passato, il presente e il futuro. a cura HR Services (Gruppo Telecom Italia)

Le reti e i servizi: il passato, il presente e il futuro. a cura HR Services (Gruppo Telecom Italia) GRUPPO TELECOM ITALIA Il Digitale per lo sviluppo della mia Impresa Torino, 26 Novembre 2013 Le reti e i servizi: il passato, il presente e il futuro a cura HR Services (Gruppo Telecom Italia) Agenda Rete

Dettagli

Convergenza. 2013 anno della svolta decisiva. Giuseppe Tetti

Convergenza. 2013 anno della svolta decisiva. Giuseppe Tetti Convergenza 2013 anno della svolta decisiva Giuseppe Tetti Si sapeva già dal 2011 AGCOM Delibera 229/11/CONS Art. 4 Disposizioni finali e processo di migrazione all interconnessione IP 4...A partire dal

Dettagli

Architettura della tecnologia ADSL Tipologie delle tecnologie xdsl

Architettura della tecnologia ADSL Tipologie delle tecnologie xdsl Reti di Telecomunicazioni R. Bolla, L. Caviglione, F. Davoli Aspetti generali della tecnologia xdsl Architettura della tecnologia ADSL Tipologie delle tecnologie xdsl Il DSLAM 10.2 Genericamente le tecnologie

Dettagli

SCHEMA DI PROVVEDIMENTO

SCHEMA DI PROVVEDIMENTO Allegato B alla delibera n. 95/12/CIR SCHEMA DI PROVVEDIMENTO APPROVAZIONE DELL OFFERTA DI RIFERIMENTO DI TELECOM ITALIA PER L ANNO 2012 RELATIVA AI SERVIZI BITSTREAM NGA, SERVIZIO VULA E RELATIVI SERVIZI

Dettagli

Indice: Fibra ottica: stato della diffusione e costo delle offerte dei principali operatori. Indice p. 1. Introduzione p. 2

Indice: Fibra ottica: stato della diffusione e costo delle offerte dei principali operatori. Indice p. 1. Introduzione p. 2 Indice: Indice p. 1 Introduzione p. 2 Le città raggiunte dalla fibra p. 2 p. 5 Le tariffe per internet in Fibra p. 6 Conclusioni p. 7 1 www.giornaledellisola.it febbraio 2014 Introduzione: Il nuovo studio

Dettagli

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete INFORMATICA e COMUNICAZIONE DIGITALE Anno Accademico 2013-2014 Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale Introduzione ( parte II) Prof. Sebastiano Pizzutilo Dipartimento di Informatica

Dettagli

SISTEMI XDSL PER L ACCESSO A LARGA BANDA SU COPPIE SIMMETRICHE

SISTEMI XDSL PER L ACCESSO A LARGA BANDA SU COPPIE SIMMETRICHE SISTEMI XDSL PER L ACCESSO A LARGA BANDA SU COPPIE SIMMETRICHE L acronimo xdsl indica una famiglia di sistemi che consente di impiegare il doppino telefonico in rame per trasportare il traffico numerico

Dettagli

Reti locali LAN (Local Area Networks)

Reti locali LAN (Local Area Networks) Reti locali LAN (Local Area Networks) Una LAN è un sistema di comunicazione che permette ad apparecchiature indipendenti di comunicare tra di loro, entro un'area delimitata, utilizzando un canale fisico

Dettagli

I servizi Metro Ethernet

I servizi Metro Ethernet I servizi Metro Ethernet Attualmente i servizi Metro Ethernet stanno guadagnando una fetta di mercato sempre più considerevole, grazie ai loro attraenti benefits quali la facilità di utilizzo, economicità

Dettagli

RETE DI TRASPORTO OTTICA

RETE DI TRASPORTO OTTICA RETE DI TRASPORTO OTTICA I sistemi di trasmissione WDM furono introdotti inizialmente per aumentare la capacità dei collegamenti punto-punto; con l introduzione di altri dispositivi come l Optical Add

Dettagli

Patrimonio Immobiliare

Patrimonio Immobiliare Capitale Sociale: 324.000,00 i.v. Sede: Via del Casale Paoloni, 11-00133 Roma Soci: Federico Massimi Stefania Massimi Amministratore Unico: Stefania Massimi Direttore Tecnico: Federico Massimi Iscritta

Dettagli

Si tratta dell offerta di accesso ad Internet in FIBRA OTTICA di Rete-Tel costituita da circuiti portati fino alla sede del cliente.

Si tratta dell offerta di accesso ad Internet in FIBRA OTTICA di Rete-Tel costituita da circuiti portati fino alla sede del cliente. Servizio di accesso ad internet in FIBRA OTTICA - Informazioni Tecniche Si tratta dell offerta di accesso ad Internet in FIBRA OTTICA di Rete-Tel costituita da circuiti portati fino alla sede del cliente.

Dettagli

DigitalSubscriberLine(DSL)

DigitalSubscriberLine(DSL) DigitalSubscriberLine(DSL) 1 La famiglia di tecnologie, nota come DSL (DigitalSubscriberLine), è stata introdotta allo scopo di aumentare il ritmo binario sulle ordinarie linee d utente fino a valori dell

Dettagli

VueTel Italia. The new global voice and data carrier

VueTel Italia. The new global voice and data carrier VueTel Italia. The new global voice and data carrier Africa and Mediterranean area are now more connected to the rest of the world SERVIZI DI TELECOMUNICAZIONE WHOLESALE voce dati internet A wholesale

Dettagli

Semestre 1 Modulo 7 Tecnologie Ethernet

Semestre 1 Modulo 7 Tecnologie Ethernet Semestre 1 Modulo 7 Tecnologie Ethernet 7.1 Ethernet a 10 Mbps e 100 Mbps 7.1.1 Ethernet a 10 Mbps 10 base 2, 10 base 5, 10 base formano Legacy Ethernet. Le 4 caratterisiche comuni di Legacy sono: 1. timing

Dettagli

La banda larga nelle regioni italiane

La banda larga nelle regioni italiane La banda larga nelle regioni italiane a cura di Osservatorio Banda Larga, Between Il Consiglio europeo ad ottobre 2003 1 ha sottolineato l importanza di un rapido sviluppo di reti europee dei trasporti,

Dettagli

Connettività Domenica 19 Dicembre 2010 17:32 - Ultimo aggiornamento Lunedì 24 Novembre 2014 19:34

Connettività Domenica 19 Dicembre 2010 17:32 - Ultimo aggiornamento Lunedì 24 Novembre 2014 19:34 La Suite di servizi Origine.net può essere erogata su reti di telecomunicazioni in tecnolgia Wired e/o Wireless. In base alle esigenze del cliente ed alla disponibilità di risorse tecnologiche, Origine.net

Dettagli

ORDINE D ACQUISTO BENI e/o SERVIZI (OdA)

ORDINE D ACQUISTO BENI e/o SERVIZI (OdA) ORDINE D ACQUISTO BENI e/o SERVIZI (OdA) Spett.le - Codificazione Ordine d acquisto Num. Ordine CUP CIG Dati da riportare, obbligatoriamente, in fattura Descrizione fornitura Importo totale fornitura (al

Dettagli

3. Strategie di evoluzione e transizione verso la NGAN

3. Strategie di evoluzione e transizione verso la NGAN 3. Strategie di evoluzione e transizione verso la NGAN [16] Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, Delibera 718/08/CONS, Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n.302 del 29/12/2008. [17] OPTA:

Dettagli

Offerta di Riferimento. di Telecom Italia. Servizi bitstream. e relativi servizi accessori. (Mercato 5)

Offerta di Riferimento. di Telecom Italia. Servizi bitstream. e relativi servizi accessori. (Mercato 5) Offerta di Riferimento di 2014: Servizi bitstream Offerta di Riferimento di 2014 Servizi bitstream e relativi servizi accessori (Mercato 5) (sottoposta ad AGCom per approvazione) 31 ottobre 2013 Offerta

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

Roma, 26 maggio 2016. Gruppo Telecom Italia

Roma, 26 maggio 2016. Gruppo Telecom Italia Roma, 26 maggio 2016 Gruppo Telecom Italia Telecom Italia, l impresa italiana che investe di più in Italia ~3,9 Società quotate: investimenti in Italia, anno 2015 dati in miliardi di euro ~2,5 ~1,9 ~1,3

Dettagli

Rete a Larga Banda GRANDE MANTOVA Il progetto GRANDE MANTOVA Obbiettivi : affrontare insieme problematiche comuni per il bene del territorio e dei cittadini Temi : viabilità e mobilità, sicurezza, piani

Dettagli

Il Carrier Italiano della Banda Larga wired e wireless

Il Carrier Italiano della Banda Larga wired e wireless www.retelit.it Il Carrier Italiano della Banda Larga wired e wireless 12 Giugno 2008 1 Profilo Aziendale 4 Operatore di telecomunicazioni indipendente e neutrale, proprietario di una delle più estese reti

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. 69/14/CIR APPROVAZIONE DELL OFFERTA DI RIFERIMENTO DI TELECOM ITALIA PER L ANNO 2013 RELATIVA AI SERVIZI BITSTREAM NGA, SERVIZIO VULA E RELATIVI

Dettagli

Tecnologie per reti geografiche e protocolli di linea

Tecnologie per reti geografiche e protocolli di linea Tecnologie per reti geografiche e protocolli di linea Silvano Gai Pietro Nicoletti WAN-4-1 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slides)

Dettagli

Ermes, internet veloce per la regione Friuli Venezia Giulia

Ermes, internet veloce per la regione Friuli Venezia Giulia Ermes, internet veloce per la regione Friuli Venezia Giulia Amaro, venerdì 10 aprile 2015 David Licursi Direttore Divisione Telecomunicazioni INDICE TECNOLOGIE PER LA BANDA LARGA LA BANDA LARGA SUL TERRITORIO

Dettagli

Allegato 2 - "Matrici di relazione tra i servizi SPM all ingrosso e servizi al dettaglio"

Allegato 2 - Matrici di relazione tra i servizi SPM all ingrosso e servizi al dettaglio Allegato 2 - "Matrici di relazione tra i servizi SPM all ingrosso e servizi al dettaglio" Allegato 2 alla Delibera n. 678/11/CONS 1/21 Mercato 4 SPM di Accesso fonia all'ingrosso WHOLESALE che acquisiscono

Dettagli

Tecnologie e potenzialità della banda larga

Tecnologie e potenzialità della banda larga Tecnologie e potenzialità della banda larga Unione degli Industriali di Pordenone 1 febbraio 2010 Dip. di Ingegneria Elettrica Gestionale e Meccanica Università degli Studi di Udine Pier Luca Montessoro

Dettagli

Prefazione all edizione italiana

Prefazione all edizione italiana Sommario Prefazione all edizione italiana XIII Capitolo 1 Introduzione 1.1 Applicazioni delle reti di calcolatori 2 1.1.1 Applicazioni aziendali 3 1.1.2 Applicazioni domestiche 5 1.1.3 Utenti mobili 8

Dettagli

Progetto Esecutivo. Convenzione. Telefonia Fissa e Connettività IP 4. Provincia di Foggia. Progetto MyCluster

Progetto Esecutivo. Convenzione. Telefonia Fissa e Connettività IP 4. Provincia di Foggia. Progetto MyCluster Progetto Esecutivo Convenzione Telefonia Fissa e Connettività IP 4 Provincia di Foggia Progetto MyCluster Fastweb S.p.A. Convenzione Telefonia Fissa e Connettività IP 4 1 di 11 INDICE 1 INTRODUZIONE 3

Dettagli

Gli standard della famiglia EIA 568 Analisi dello standard

Gli standard della famiglia EIA 568 Analisi dello standard Reti di Telecomunicazioni R. Bolla, L. Caviglione, F. Davoli Introduzione Gli standard della famiglia EIA 568 Analisi dello standard 12.2 Lo standard analizzato è l EIA/TIA 568. È uno standard sviluppato

Dettagli

5. Internetworking L2/L3

5. Internetworking L2/L3 Università di Genova Facoltà di Ingegneria Reti di Telecomunicazioni e Telemedicina 1 5. Internetworking L2/L3 Prof. Raffaele Bolla dist! Sia l esistenza (almeno nella fase iniziale) di tecnologie diverse,

Dettagli

OFFERTA DI RIFERIMENTO DI TELECOM ITALIA 2011 SERVIZI DI ACCESSO DISAGGREGATO ALL INGROSSO ALLE RETI E SOTTORETI METALLICHE (MERCATO 4)

OFFERTA DI RIFERIMENTO DI TELECOM ITALIA 2011 SERVIZI DI ACCESSO DISAGGREGATO ALL INGROSSO ALLE RETI E SOTTORETI METALLICHE (MERCATO 4) OFFERTA DI RIFERIMENTO DI TELECOM ITALIA 2011 SERVIZI DI ACCESSO DISAGGREGATO ALL INGROSSO ALLE RETI E SOTTORETI METALLICHE (MERCATO 4) 29 OTTOBRE 2010 Tutti i diritti riservati Offerta di Riferimento

Dettagli

La classificazione delle reti

La classificazione delle reti La classificazione delle reti Introduzione Con il termine rete si intende un sistema che permette la condivisione di informazioni e risorse (sia hardware che software) tra diversi calcolatori. Il sistema

Dettagli

ALLEGATO A. Proposta di impegni

ALLEGATO A. Proposta di impegni ALLEGATO A Proposta di impegni Premesse Gli obiettivi I presenti impegni ( Impegni ) offerti da Telecom Italia S.p.A. ( Telecom ) sono volti a integrare e rafforzare le disposizioni della Delibera n. 152/02/CONS

Dettagli

Lo sviluppo della rete di accesso

Lo sviluppo della rete di accesso Modena, 16 maggio 2011 Università di Modena e Reggio Emilia, Facoltà di Ingegneria S.p.A. Obiettivo dell intervento Panoramica sullo stato dell arte delle tecnologie utilizzate in rete di accesso Presentare

Dettagli

Le reti di Telecomunicazioni

Le reti di Telecomunicazioni La rete fissa 1 Le reti di Telecomunicazioni Internet oggi TEX MSC PSTN/ISDN LEX Dslam BSC 2G/3G network RNC Per 100 inhabitants Global ICT developments, 2000-2010 100 90 80 70 60 Mobile cellular telephone

Dettagli

Identificazione ed analisi dei mercati dell accesso fisso DELIBERA 42/15/CONS

Identificazione ed analisi dei mercati dell accesso fisso DELIBERA 42/15/CONS Identificazione ed analisi dei mercati dell accesso fisso INTEGRAZIONE DELLA CONSULTAZIONE PUBBLICA Verso gli obiettivi dell Agenda Digitale Una regolazione pro concorrenza e pro investimenti Un set di

Dettagli