G. Spada. - S. Falchi

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "G. Spada. - S. Falchi"

Transcript

1 Bollo Malacologico I Milano I 15 I (11-12) I I novembre-dicembre 1979 G. Spada. - S. Falchi DATI SULLA DISTRIBUZIONE E L'HABITAT DI MACTRA GLAUCA BORN, 1778 IN ACQl1E SARDE Riassunto Gli autori danno notizie circa alcuni ritrovamenti di Mactra glauca BORN, 1778 avvenuti lungo le coste orientali e settentrionali della Sardegna. I dati qui riportati mettono in evidenza come la specie possa vivere in biotopi differenti con la sola caratteristica comune della sedimentazione grossolana. Summary The authors describe some findings of Mactra glauca BORN, 1778 that took piace along the eastern and northern Sardinia's coasts. The bere referred data mal5e evident the species Iives in difierent biotops having as oniy common characteristic a coarse sedimento Nel corso di ricerche compiute personalmente lungo le coste della Sardegna orientale e settentrionale nel 1976 e nel 1977, gli autori hanno rinvenuto 9 esemplari completi di Mactra glauca più 21 valve sciolte. Nonostante il fatto che anche gli esemplari completi fossero privi di mollusco, l'evidente freschezza dei reperti e la loro presenza su vasti fondali pianeggianti non percorsi da correnti, permettono di considerarli come sicuramente appartenenti alla malacofauna propria dei biotopi in cui sono stati trovati. Il primo rinvenimento è avvenuto il un miglio circa allargo di Capo Comino (Sardegna orientale). Il fondale, a 44 m di profondità, è costituito da ghiaia fine e da sabbia molto grossolana con «pralines» sparse di Melobesie calcaree. Tale sedimento, formato per lo più da granuli di quarzo derivati per erosione dalle rocce eruttive della costa, si estende senza sensibile inclinazione verso il largo, mentre è delimitato verso terra da una cospicua prateria di Posidonia oceanica. Un solo esemplare di Mactra glauca giaceva con le valve separate distanti meno di 1 m e la sua freschezza era manifestata dal fatto che il periostraco fibroso, di colore bruno chiaro ed esteso per circa 5 mm oltre il bordo della conchiglia, era ancora perfettamente intatto. Oltre a ciò l'ampiezza del fondale, quasi privo di inclinazione, e l'assenza di correnti di fondo comprovano che l'esemplare doveva vivere in loco. L'esterno delle valve ha colore di fondo beige con raggi bruno-violacei chiari. Istituto e Museo di Zoologia dell'università di Bologna. 295

2 Notevoli le dimensioni: 86 mm di altezza, 117 mm di lunghezza e 41 mm di spessore, che superano quelle del tipo di BORN (80 mm di altezza e 11 mm di lunghezza) e si avvicinano alle massime citate in letteratura da HIDALGO (1917): «Sino a 120 mm di lunghezza» (forse per esemplari atlantici). L'elenco della malacofauna rinvenuta durante l'esplorazione del fondale, durata circa 25', appare nella tabella A. Le caratteristiche del sedimento e della malacofauna, la presenza di Spatangus purpureus, di numerosi Astropecten aurantiacus, di Luidia ciliaris, e l'esistenza delle «pralines» di Melobesie tra il detrito di fondo, permettono di classificare agevolmente la biocenosi complessiva come appartenente ai fondi Detritici Costieri (DC secondo PÉRÈS e PICARD, 1964). Il secondo ritrovamento è avvenuto il a Porto Liscia (Palau, Sardegna settentrionale, piccola baia riparata dalle forti correnti costiere, ma aperta verso Nord. Il fondale è anche qui pressoché privo di inclinazione, ondulato dai tipici ripple-marks e posto a circa m di profondità. La sedimentazione è costituita per lo più da sabbie grossolane e da ghiaie fini. In tale situaziòne sono stati rinvenuti 8 esemplari completi, il maggiore dei quali misura 59,2 mm in altezza, 81 mm in lunghezza, 1,5 rom in spessore, più 21 valve sciolte, la maggiore delle quali nella tabella B. L'analisi della tipologia dei sedimenti e di detta malacofauna porta a ritenere che nella baia predomini una biocenosi a Sabbie grossolane e Ghiaie fini sotto l'influenza delle Correnti di Fondo (SGCF secondo PÉRÈS e PICARD, 1964). Tale biocenosi è evidenziata dall'abbondanza di Dosinia exoleta e di Capsella variegata, mentre tra i fattori fisici l'agitazione delle acque, connessa con l'esposizione verso Nord, della baia, incentiva probabilmente le correnti di fondo. Neverita ;osephina e Angulus planatus, ritenute specie caratteristiche esclusive di Sabbie Fini Ben Calibrate (SFBC secondo PÉRÈS e PICARD, 1964), dimostrano in questo caso sorprendenti possibilità di adattamento e lo stesso può dirsi per Lunatia guillemini e Thracia papyracea che solitamente prediligono sabbie fini con leggera copertura fangosa. Abbiamo volutamente sottolineato le caratteristiche biocenotiche differenti e la tipologia grossolana dei sedimenti osservati nelle zone di raccolta di Mactra glauca in Sardegna perché diversi Autori (HIDALGO, 1917: B.D.D., 1896; TEBBLE, 1966) segnalano questo bivalve solo in sedimenti sabbiosi o sabbioso-fangosi. Ciò non tanto per negare la veridicità di queste notazioni, ma per mettere in evidenza la grande adattabilità di questa specie ancora scarsamente conosciuta dal punto di vista ambientale. Rileviamo infine come le numerose segnalazioni di Mactra glauca nella fascia centrale del Tirreno citate da CARUS (1889): Tolone, Cannes, Nizza (DUBREUIL); Corsica (PAYRAUDEAU, RÉOUIEN), non riguardino alcuna località della Sardegna, né altri Autori, per quanto a nostra conoscenza, vi fanno cenno.?qh

3 I TABELLA A Malacofauna rinvenuta in località Capo Comino (Sardegna orientale), il , alla profondità di 44 m. Raccolta di tipo qualitativo. Abbreviazioni juv. (od anche j.) = esemplare in stadio giovanile. c = oltre al numero di esemplari ripprtato in tabella, vi erano in loco molti altri esenli:)1ari; tanti da far ritenere la sp. assai comune nel b!otopo. v = valve. Specie -N. esemplari viventi I viventi non Osservazioni Emarginula capuliformis Acmaea virginea Gibbula guttadauri Jujubinus montagui Vermetus cfr. spirintortus Calyptraea chinensis Neosimnia spella Hexaplex trunculus Fusinus cfr. rudis Mangelia attenuata Bela nebula Nucula turgida Pecten jacobaeus Aequipecten opercularis Flexopecten flexuosus Digitaria digitaria Laevicardium crassum Parvicardium papillosum Acanthocardia erinacea Dosinia exoleta Circomphalus casina Chione ovaia Clausinella fasciata Venerupis lucens Moerella donacina Angulus incarnatus Mactra glauca Corbula gibba Cochlodesma praetenue Chiton olivaceus.4canthochitona communis ljuv 2 c lc 2v Ijuv. Ij+j Sv 5juv. 4v 4+vc + 1+lv 2+ simile agli es. di poca profondità della stessa zona a colorazione bianca es: grande con periostraco * Cocblodesma (Bontaea) praetenue (PULTENEY, 1799) (fam. P e r i p 10m a t i d a e) è specie poco nota e segnalata solo raramente in Mediterraneo dubitativamente per alcune località. In una prossima nota si tratterà più diffusamente di questo raro bivalve. 297

4 ~ TABELLA Malacofauna rinvenuta in località P.to Liscia (Sardegna settentrionale) il , alla profondità di ffi. Raccolta di tipo qualitativo. B Specie Osservazioni Neverita josephina Lunatia poliana Lunatia guillemini Naticarius hebraeus Fusinus siracusanus Modiolus adriaticus Laevicardium crassum Callista chione Dosinia exoleta Venerupis lucens Capsella variegata Psammocola depressa Solecurtus strigillatus Angulus planatus Mactra glauca Thracia papyracea c v 8c 65c v 4 t davanti alla ~ tana di un polpo Abbreviazioni: vedere Tab. A. LEGENDA DEI A TAVOLA Fig. 1 - Esemplare di Mactra glauca BORN reperito al largo di Capo Camino (Sardegna orientale). Altezza mm 86, lunghezza mm 117, spessore mm 41. Fig. 2 - Lo stesso esemplare in veduta dorsale. Fig. - Cardine di una valva sinistra reperita a Porto Liscia (Palau, Sardegna settentrionale).

5

6 BIBLIOGRAFIA CONSULTATA BDD., Les Mollusques MavitJs du Roussillon, Parigi, Tomo Il, Fasc. XI, pp , lo tavv. " CARUS J.V., Prodromus' 'Faunas Mediterraneae..., Stoccarda, Vol. Il, Mollusca, pp HIDALGO J.G., Fauna Malacologica de Espafia, Portugal y las Baleares, Trah. Mus. Nac. Cien. Nat. (Serie zoologica), Madrid, pp PÉRÈS J.M. e PICARD J., Nouveau Manuel de Bionomie Benthique de la Méditerranée, Rec. Trav. Stato Mar. Endoume, N. 1, fasc. N. 47, pp. 18. TEBBLE N., British Bivalve Seashells, British Museum (Nat. Hist.), Londra, pp. 212, tavv. 12, figg Nota redazionale: Il Prof. Stefano CHIAPPE, di Cagliari, inviò all'u.m.i., in data , una nota relativa a ritrovamenti di Mactra glauca nelle acque di Palau, avvenuti negli anni 1975, 76, 77. In totale furono rinvenuti esemplari, di medie proporzioni, insieme ad altre specie in parte corrispondenti a quelle citate in tabella B. 00

Cochlodesma praetenue (Pulteney, 1799): nuovi ritrovamenti

Cochlodesma praetenue (Pulteney, 1799): nuovi ritrovamenti Quaderno di Studi e Notizie di Storia Naturale della Romagna Quad. Studi Nat. Romagna, 38: 27-31 (dicembre 2013) ISSN 1123-6787 Morena Tisselli, Piero Bazzocchi & Giancarlo Fuzzi Cochlodesma praetenue

Dettagli

IL GENERE FUSINUS in Mediterraneo. A cura di Pasquale Micali & Tisselli Morena

IL GENERE FUSINUS in Mediterraneo. A cura di Pasquale Micali & Tisselli Morena IL GENERE FUSINUS in Mediterraneo A cura di Pasquale Micali & Tisselli Morena DOCUMENTI FORLI 30/05/04 NOTA SUL GENERE Fusinus RIUNIONE DEL GRUPPO MALACOLOGICO ROMAGNOLO (FORLI'. 30/05/2004) A cura di:

Dettagli

Fondali oceanici. Fosse: profonde fino a 11.000m. Dove il fondale si consuma (subduzione)

Fondali oceanici. Fosse: profonde fino a 11.000m. Dove il fondale si consuma (subduzione) Piattaforma continentale Scarpata continentale Dorsali oceaniche Fondali oceanici Fosse oceaniche Fosse: profonde fino a 11.000m. Dove il fondale si consuma (subduzione) Piana abissale -6000m Piattaforma

Dettagli

Il Presidente del C.E.A. Dott. Stefano Lavra. Spett.le DIRETTORE DIDATTICO E PER CONOSCENZA DEL RESPONSABILE DEI PROGETTI E LABORATORI DIDATTICI

Il Presidente del C.E.A. Dott. Stefano Lavra. Spett.le DIRETTORE DIDATTICO E PER CONOSCENZA DEL RESPONSABILE DEI PROGETTI E LABORATORI DIDATTICI Spett.le DIRETTORE DIDATTICO E PER CONOSCENZA DEL RESPONSABILE DEI PROGETTI E LABORATORI DIDATTICI CENTRO EDUCAZIONE AMBIENTALE V.le Bue Marino n 1 Tel. 3460366858 E- mail : ceacalagonone@tiscali.it www.ceafocamonaca.it

Dettagli

Negli elenchi riportati di seguito le specie estinte sono precedute dal segno.

Negli elenchi riportati di seguito le specie estinte sono precedute dal segno. La località fossilifera di Le Conchiglie a Lagune di Sasso Marconi viene segnalata per la straordinaria abbondanza in resti fossili di molluschi pliocenici. Lo studio della malacofauna di questo eccezionale

Dettagli

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE Premessa (I) Le carte geologiche danno evidenza alla geologia di un territorio, illustrando in estrema sintesi la sostanza di cui questo è fatto. Esse vengono

Dettagli

Capitolo 2 - INQUADRAMENTO AREA DI STUDIO

Capitolo 2 - INQUADRAMENTO AREA DI STUDIO Capitolo 2 - INQUADRAMENTO AREA DI STUDIO 2.1 Ubicazione area di studio L area di studio è parte integrante della piattaforma continentale dell alto Adriatico ed è situata tra le foci del Po di Levante,

Dettagli

Naturalista sicil., S. IV, XXIX (1-2), 2005, pp

Naturalista sicil., S. IV, XXIX (1-2), 2005, pp Naturalista sicil., S. IV, XXIX (1-2), 2005, pp. 83-88 FRANCESCO BARTOLOTTA, VITTORIO EMANUELE ORLANDO & GIUSEPPE VIVIANO MALACOFAUNA DEL GOLFO DI CASTELLAMMARE (SICILIA NO) - II CONTRIBUTO (Mollusca Gastropoda

Dettagli

METE IN EUROPA E NEL MEDITERRANEO METE IN EUROPA E NEL MEDITERRANEO. Le immagini della spedizione in Sardegna sono di Alessio Mesiano

METE IN EUROPA E NEL MEDITERRANEO METE IN EUROPA E NEL MEDITERRANEO. Le immagini della spedizione in Sardegna sono di Alessio Mesiano 190 191 Le immagini della spedizione in Sardegna sono di Alessio Mesiano Le immagini delle pagine precedenti si riferiscono a viaggi in idrovolante, ciascuno dei quali ha una storia più o meno complessa.

Dettagli

Guida Semplice ai più comuni Molluschi Marini di Grado. Simple Guide to the most common Sea Molluscs of Grado

Guida Semplice ai più comuni Molluschi Marini di Grado. Simple Guide to the most common Sea Molluscs of Grado Guida Semplice ai più comuni Molluschi Marini di Grado Simple Guide to the most common Sea Molluscs of Grado Gilda Pianciamore member of the Team of the International Teaching Malacology Project versione

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 18_SML

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 18_SML a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (km) -Zoagli 0701001018 * Punta Punta Chiappe 29,6 * Il codice è costruito con i seguenti campi: Codice Istat Regione Liguria

Dettagli

Alcuni dati sui servizi educativi a favore dei minori stranieri

Alcuni dati sui servizi educativi a favore dei minori stranieri Città di Torino Divisione Servizi Educativi Settore Integrazione educativa Alcuni dati sui servizi educativi a favore dei minori stranieri a cura di Carla Bonino Gli interventi che la Divisione Servizi

Dettagli

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Le imprese comunicano e lo fanno utilizzando alcuni strumenti specifici. La comunicazione si distribuisce in maniera diversa tra imprese

Dettagli

LE MINERALIZZAZIONI SECONDARIE NELLA GROTTA DEL FUMO (ERUZIONE ETNEA DEL 1991/93)

LE MINERALIZZAZIONI SECONDARIE NELLA GROTTA DEL FUMO (ERUZIONE ETNEA DEL 1991/93) LE MINERALIZZAZIONI SECONDARIE NELLA GROTTA DEL FUMO (ERUZIONE ETNEA DEL 1991/93) Antonio Marino Centro Speleologico Etneo, via Cagliari 15-95127 Catania, Italia Riassunto La Grotta del Fumo, parte iniziale

Dettagli

Presentazione. L Italia è lo stato in cui viviamo. E divisa in regioni. Il Veneto è la nostra regione. Osserviamo le seguenti cartine:

Presentazione. L Italia è lo stato in cui viviamo. E divisa in regioni. Il Veneto è la nostra regione. Osserviamo le seguenti cartine: CONOSCERE IL NOSTRO TERRITORIO anno scolastico 2003-2004 classi terze A-B plesso Don Milani Presentazione L Italia è lo stato in cui viviamo. E divisa in regioni. Il Veneto è la nostra regione. Osserviamo

Dettagli

Informazioni generali: - Sardegna -

Informazioni generali: - Sardegna - Informazioni generali: - Sardegna - LE ORIGINI DEL NOME: Il nome deriva dall antico popolo che la abitava: i Sardi. Colonizzata dai Fenici, poi dai Greci, fu da questi ultimi chiamata Ienusa, perché nella

Dettagli

BOLCA La Pesciara di Bolca : uno dei siti paleontologici più famosi al mondo

BOLCA La Pesciara di Bolca : uno dei siti paleontologici più famosi al mondo BOLCA La Pesciara di Bolca : uno dei siti paleontologici più famosi al mondo Monti Lessini Comune di Vestenanova 1 Col nome di "Bolca" si intendono più località dell'eocene fra loro vicine, ma di età diverse.

Dettagli

La Luna appena formata era molto più vicina alla Terra dalla quale si è in seguito allontanata (tendenza che continua attualmente).

La Luna appena formata era molto più vicina alla Terra dalla quale si è in seguito allontanata (tendenza che continua attualmente). LA LUNA Si è formata agli inizi del sistema solare dallo scontro tra la PROTOTERRA e un corpo celeste delle dimensioni di Marte chiamato THEIA: il nucleo di Theia si fuse col nucleo della Terra ma il resto

Dettagli

Le Fanerogame del Mediterraneo

Le Fanerogame del Mediterraneo Le Fanerogame del Mediterraneo In Mediterraneo sono presenti cinque specie di fanerogame marine: Cymodocea nodosa (Zosteraceae) si trova soprattutto su sedimenti fini superficiali ed in acque salmastre.

Dettagli

Le diverse spaziature fra i caratteri "M" ed "E", "E" ed "F" della tiratura del Cairo e di Londra

Le diverse spaziature fra i caratteri M ed E, E ed F della tiratura del Cairo e di Londra Capitolo IV 99 Le diverse spaziature fra i caratteri "M" ed "E", "E" ed "F" della tiratura del Cairo e di Londra Nelle soprastampe del Cairo fra i caratteri ed i punti vi è '/4 di spazio tipografico in

Dettagli

EVOLUZIONE DELLA LINEA DI COSTA

EVOLUZIONE DELLA LINEA DI COSTA U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I C A T A N I A F A C O L T À D I I N G E G N E R I A C o r s o d i I D R A U L I C A M A R I T T I M A EVOLUZIONE DELLA LINEA DI COSTA Prof. Ing. Enrico FOTI&

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE AZIONE A1

PROGETTO PRELIMINARE AZIONE A1 PROGETTO PRELIMINARE AZIONE A1 LIFE+ POSEIDONE MISURE URGENTI DI CONSERVAZIONE DELLE PRATERIE DI POSIDONIA DEL LAZIO SETTENTRIONALE Studio Preliminare Ambientale Dicembre 2011 INDICE 1 INTRODUZIONE 2 2

Dettagli

Le domande rivolte a casa sono state le seguenti: conosci le tegnùe? cosa sono? dove sono? perché si chiamano così?

Le domande rivolte a casa sono state le seguenti: conosci le tegnùe? cosa sono? dove sono? perché si chiamano così? 4.1.2.3 Terza fase: cosa sono le tegnùe Dopo aver visto che con gli organismi che si trovano in spiaggia si era raggiunta, da parte di tutti, una buona familiarità, si è passati a chiedere cosa sapessero

Dettagli

La famiglia Veneridae nei mari italiani comprende 20 specie suddivise in 13 generi.

La famiglia Veneridae nei mari italiani comprende 20 specie suddivise in 13 generi. Molluschi Famiglia VENERIDAE La famiglia Veneridae nei mari italiani comprende 20 specie suddivise in 13 generi. Descrizione: Conchiglia generalmente robusta, struttura ovale più o meno allungata. La cerniera

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 03_SAN

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 03_SAN a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (km) 0700800803 Capo Sant Ampelio Capo Verde 31,2 * Il codice è costruito con i seguenti campi: Codice Istat Regione Liguria

Dettagli

I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA

I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA UNITA N 10 I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA Quali sono i fattori che influenzano il clima? Si chiamano fattori climatici le condizioni che producono variazioni negli elementi del clima. Molto importante

Dettagli

L IMMAGINE DELLA TERRA

L IMMAGINE DELLA TERRA L IMMAGINE DELLA TERRA 1 Capitolo 1 L orientamento e la misura del tempo Paralleli e meridiani La Terra ha, grossomodo, la forma di una sfera e dunque ha un centro dove si incontrano gli infiniti diametri.

Dettagli

SONDAGGIO ECOSEVEN / 3. L acqua che bevono gli italiani RS 03.11 Maggio 2011

SONDAGGIO ECOSEVEN / 3. L acqua che bevono gli italiani RS 03.11 Maggio 2011 SONDAGGIO ECOSEVEN / 3 L acqua che bevono gli italiani RS 03.11 Maggio 2011 NOTA INFORMATIVA Universo di riferimento Popolazione italiana, maschi e femmine, 18-60 anni, utenti domestici di internet (circa

Dettagli

Indicazioni per il turista sostenibile

Indicazioni per il turista sostenibile Direzione Generale per le Politiche per l Orientamento e la Formazione REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale Indicazioni per

Dettagli

AIRONE BIANCO MAGGIORE 90x150 cm. - Migratore, svernante. AIRONE CENERINO 95x185 cm. - Migratore, svernante, nidificante.

AIRONE BIANCO MAGGIORE 90x150 cm. - Migratore, svernante. AIRONE CENERINO 95x185 cm. - Migratore, svernante, nidificante. AIRONE BIANCOMAGGIORE 90x150 cm. - Migratore, svernante. Più grande degli altri ardeidi bianchi (dimensioni del cenerino) ha un caratteristico sopracciglio verdastro AIRONE CENERINO 95x185 cm. - Migratore,

Dettagli

Tubercolosi in età pediatrica. Considerazioni Dott. Giorgio Bracaglia

Tubercolosi in età pediatrica. Considerazioni Dott. Giorgio Bracaglia Tubercolosi in età pediatrica Considerazioni Dott. Giorgio Bracaglia Circolare Ministero della salute 23 Agosto 2011 Stiamo seguendo con la massima attenzione la vicenda del Gemelli ha dichiarato il Ministro

Dettagli

Bianca Francesca Berardi Classe 1^ Liceo Esposizione di Geostoria a.s. 2012-2013 AL CENTRO DEL MEDITERRANEO

Bianca Francesca Berardi Classe 1^ Liceo Esposizione di Geostoria a.s. 2012-2013 AL CENTRO DEL MEDITERRANEO Bianca Francesca Berardi Classe 1^ Liceo Esposizione di Geostoria a.s. 2012-2013 AL CENTRO DEL MEDITERRANEO LA POSIZIONE E IL MARE La POSIZIONE al centro del Mediterraneo e la forma peninsulare rendono

Dettagli

Problemi di simulazione della seconda prova di Scienze Esami di stato Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate 25 marzo 2015

Problemi di simulazione della seconda prova di Scienze Esami di stato Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate 25 marzo 2015 Incastri Studiando la Deriva dei Continenti, abbiamo appreso come Wegener, osservando le linee della costa occidentale africana e di quella orientale sudamericana, notò una corrispondenza quasi perfetta.

Dettagli

ATTI DEL MUSEO CIVICO DI STORIA NATURALE DI TRIESTE ISSN: 0365-1576

ATTI DEL MUSEO CIVICO DI STORIA NATURALE DI TRIESTE ISSN: 0365-1576 ATTI DEL MUSEO CIVICO DI STORIA NATURALE DI TRIESTE ISSN: 0365-1576 Atti Mus. civ. Stor. nat. Trieste STUDIO PRELIMINARE DI REPERTI OSSEI DI DINOSAURI DEL CARSO TRIESTINO TIZIANA BRAZZATTI (*) & RUGGERO

Dettagli

RISULTATI DELLE ANALISI CONDOTTE SU UN PRESUNTO FRAMMENTO DI METEORITE

RISULTATI DELLE ANALISI CONDOTTE SU UN PRESUNTO FRAMMENTO DI METEORITE RISULTATI DELLE ANALISI CONDOTTE SU UN PRESUNTO FRAMMENTO DI METEORITE In data 17/12/2012, all INGV di Palermo, è stato consegnato un oggetto rinvenuto nei giorni precedenti in località Brancaccio, a Palermo.

Dettagli

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA Indagini dirette Scavi per ricerche minerarie, energetiche e idriche; carotaggi Non si giunge oltre i 12 km di

Dettagli

Il leone funeriario in pietra calcarea rinvenuto all Aquila, nel cantiere di Porta Barete.

Il leone funeriario in pietra calcarea rinvenuto all Aquila, nel cantiere di Porta Barete. All Aquila, nuovo leone come i due ormai al Getty A Porta Barete, una statua calcarea simile ad altre rinvenute nella zona. Le sculture a Malibu e l'"atleta" di Fano. Il leone funeriario in pietra calcarea

Dettagli

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Dai dati di scavo è stato possibile ipotizzare quanto segue: Fase I: IX-X sec.

Dettagli

IL MARE E LE COSTE. 1. Parole per capire VOLUME 1 CAPITOLO 3. A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: mare...

IL MARE E LE COSTE. 1. Parole per capire VOLUME 1 CAPITOLO 3. A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: mare... VOLUME 1 CAPITOLO 3 IL MARE E LE COSTE MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: mare... onda... spiaggia... costa...

Dettagli

Cala Gavetta. Chiesa S.M.Maddalena

Cala Gavetta. Chiesa S.M.Maddalena L arcipelago di La Maddalena è costituito da sette isole principali e da una miriade di isolotti. La Maddalena,dove sorge l omonima cittadina, Caprera, Santo Stefano, Spargi, Budelli, Razzoli e Santa Maria.

Dettagli

Visita geologica al Parco delle Acque Minerali di Imola

Visita geologica al Parco delle Acque Minerali di Imola Visita geologica al Parco delle Acque Minerali di Imola Giovedì 24 ottobre alle 10:00 ci siamo recati al Parco delle Acque Minerali per studiarne la geologia. Quando siamo arrivati, un geologo ci ha accolto

Dettagli

Test UV-B sulle lampade

Test UV-B sulle lampade Test UV-B sulle lampade by Agostino Montalti grafici di Stefano Redaelli Lo scopo di questo articolo è di rilevare esclusivamente la quantità di raggi UV-B emessi dalle tante lampade in commercio, che

Dettagli

LA COMUNITA CINESE IN ITALIA. A cura di Federica Aurizi

LA COMUNITA CINESE IN ITALIA. A cura di Federica Aurizi LA COMUNITA CINESE IN ITALIA A cura di Federica Aurizi Acquisizione ed elaborazione dei dati riassunti nelle schede sono ricavati dalle seguenti fonti: Barbagli (a cura di), 1 Rapporto sugli immigrati

Dettagli

Il ruolo del Credito in Sardegna

Il ruolo del Credito in Sardegna Il ruolo del Credito in Sardegna Seminario del 16 luglio 2007 Vorrei circoscrivere il perimetro del mio intervento alle problematiche che coinvolgono il target di clientela di Artigiancassa. Noi infatti

Dettagli

LA DIVERSITÀ BIOLOGICA

LA DIVERSITÀ BIOLOGICA LA DIVERSITÀ BIOLOGICA Partiamo da noi Cosa conosco di questo argomento? Cosa si intende con biodiversità? Ma quante sono le specie viventi sul pianeta? ancora domande Come mai esistono tante diverse specie

Dettagli

STORIA GEOLOGICA D ITALIA

STORIA GEOLOGICA D ITALIA STORIA GEOLOGICA D ITALIA PERMIANO-TRIASSICO 300-250 Ma Il Triassico (250 Ma) che cominciò con una grande estinzione di massa, fu l epoca nella quale si avviarono i grandi cambiamenti geografici ed evolutivi

Dettagli

Correggio - Palazzo dei Principi

Correggio - Palazzo dei Principi CORREGGIO biblio Correggio - Palazzo dei Principi CORREGGIO La Biblioteca Comunale di Correggio si sviluppa sul piano terra ed il piano ammezzato del cinquecentesco Palazzo dei Principi recentemente restaurato.

Dettagli

Approfondimenti 1 - Informazioni generali

Approfondimenti 1 - Informazioni generali Approfondimenti 1 - Informazioni generali Principali caratteristiche morfologiche della conchiglia dei gasteropodi L animale completo apertura H labbro (o peristoma) ultimo giro capo D H = altezza piede

Dettagli

Fossili della collezione didattica Genere e specie Età Località N Inv. Collocazione Q uantità Note Abra nitida Pliocene 402 P14 11 * Acanthocardia

Fossili della collezione didattica Genere e specie Età Località N Inv. Collocazione Q uantità Note Abra nitida Pliocene 402 P14 11 * Acanthocardia Abra nitida Pliocene 402 P14 11 * Acanthocardia erinacea Pliocene Montefeltro 382 P10 2 * Acanthocardia multicostata (?) Miocene 383 P10 3 * Anadara darwini Miocene Tornano (FO)? 350 P7 1 * Anadara diluvii

Dettagli

La forma dei corsi d acqua

La forma dei corsi d acqua La forma dei corsi d acqua L acqua in movimento è in grado di trasportare corpi solidi anche di grosse dimensioni e di elevato peso specifico. All aumentare della velocità di scorrimento aumenta anche

Dettagli

Parte a luglio 2010 il monitoraggio di cetacei lungo i circa 700 chilometri della rotta dell autostrada del mare da Catania a Civitavecchia.

Parte a luglio 2010 il monitoraggio di cetacei lungo i circa 700 chilometri della rotta dell autostrada del mare da Catania a Civitavecchia. Parte a luglio 2010 il monitoraggio di cetacei lungo i circa 700 chilometri della rotta dell autostrada del mare da Catania a Civitavecchia. Ricercatori dell Associazione Ketos (http://www.ketos.sicily.it/)

Dettagli

... Le acque come risultato. "tettoniche" (le. riscaldamento LE COSTE. tra. rocce".

... Le acque come risultato. tettoniche (le. riscaldamento LE COSTE. tra. rocce. Cognome... Nome... Le acque marine modellano i litorali attraverso l azione delle correnti, delle maree e soprattutto delle onde; questa azione si manifestaa attraverso processi di erosione, trasporto

Dettagli

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA 2.0 Che cos è una Spiaggia Sergio G. Longhitano Dipartimento di Scienze

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo UNIVERSITA DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo ISTITUTO DI GEOLOGIA e CENTRO DI GEOBIOLOGIA SCAVO PALEONTOLOGICO IN LOCALITA LAGUNE DI SASSO MARCONI - LE CONCHIGLIE ZOOTECNIA-AGRITURISMO Rapporto Preliminare

Dettagli

Meeting 2012. Osservatorio Regionale Banche-Imprese di Economia e Finanza

Meeting 2012. Osservatorio Regionale Banche-Imprese di Economia e Finanza Meeting 2012 Osservatorio Regionale Banche-Imprese di Economia e Finanza Mezzogiorni d Europa e Mediterraneo nella bufera. I giovani, Nuovi Argonauti Intervento del Presidente del Consiglio Nazionale dell

Dettagli

L ARCIPELAGO DE LA MADDALENA: UN ANGOLO DI PARADISO NEL CUORE DEL MEDITERRANEO

L ARCIPELAGO DE LA MADDALENA: UN ANGOLO DI PARADISO NEL CUORE DEL MEDITERRANEO L ARCIPELAGO DE LA MADDALENA: UN ANGOLO DI PARADISO NEL CUORE DEL MEDITERRANEO L Arcipelago de La Maddalena, situato nella parte Nord Orientale della Sardegna, è formato da 7 isole principali (Maddalena,

Dettagli

Azienda acqua potabile Lumino Pag. 1

Azienda acqua potabile Lumino Pag. 1 Azienda acqua potabile Lumino Pag. 1 M.M. 10/2008 CONCERNENTE LA RICHIESTA DI UN CREDITO DI CHF 64'560.00 PER LA REALIZZAZIONE DI UN POZZO VERTICA- LE DI SONDAGGIO A MONTE DELLA SORGENTE IN VIA AI RONCHI.

Dettagli

RELAZIONE DI TIROCINIO

RELAZIONE DI TIROCINIO RELAZIONE DI TIROCINIO Modellistica di antenne a microstriscia DI Risso Stefano matr.2719995 Tutor accademico: Chiar.mo Prof. Gian Luigi Gragnani Svolto presso il Laboratorio di Elettromagnetismo Applicato

Dettagli

Questionario di Gradimento Seminario Il Questionario Insegnante e il Questionario Scuola: teorie, strumenti e risultati

Questionario di Gradimento Seminario Il Questionario Insegnante e il Questionario Scuola: teorie, strumenti e risultati Questionario di Gradimento Seminario Il Questionario Insegnante e il Questionario Scuola: teorie, strumenti e risultati Principali Evidenze e Risultati Sommario Introduzione... 3 Le principali caratteristiche

Dettagli

«Filosofia» Norme redazionali. Titolo paragrafo: Times New Roman, corpo 12, 2 righe vuote sopra, 1 riga vuota sotto, interlinea 1,5

«Filosofia» Norme redazionali. Titolo paragrafo: Times New Roman, corpo 12, 2 righe vuote sopra, 1 riga vuota sotto, interlinea 1,5 «Filosofia» Norme redazionali Regole generali Autore: Times New Roman, corpo 14, corsivo, interlinea 1,5 Titolo saggio: Times New Roman, corpo 14, grassetto, interlinea 1,5 Titolo paragrafo: Times New

Dettagli

Purtroppo l'ente Parco del Gargano e le Amministrazioni, se pur a conoscenza della nostra iniziativa, si sono totalmente disinteressate.

Purtroppo l'ente Parco del Gargano e le Amministrazioni, se pur a conoscenza della nostra iniziativa, si sono totalmente disinteressate. Isole Tremiti li, 02.10.2013 Comunicato Stampa Borsa di Studio MARE TREMITI 2013 > (LABORATORIO DEL MARE MARLINTREMITI) Grazie alle borse di studio messe a disposizione dal MARLINTREMITI, 4 studenti selezionati

Dettagli

La significatività PROVE DI SIGNIFICATIVITA PROVE DI SIGNIFICATIVITA PROVE DI SIGNIFICATIVITA

La significatività PROVE DI SIGNIFICATIVITA PROVE DI SIGNIFICATIVITA PROVE DI SIGNIFICATIVITA PROVE DI SIGNIFICATIVITA Tutti i test statistici di significatività assumono inizialmente la cosiddetta ipotesi zero (o ipotesi nulla) Quando si effettua il confronto fra due o più gruppi di dati, l'ipotesi

Dettagli

IDRAULICA APPLICATA - A. A. 2004-05 TABELLE. TAB. 1.1 - VALORI DELLA SCABREZZA SIGNIFICATIVA k s (mm) DA [HENDERSON, 1966]

IDRAULICA APPLICATA - A. A. 2004-05 TABELLE. TAB. 1.1 - VALORI DELLA SCABREZZA SIGNIFICATIVA k s (mm) DA [HENDERSON, 1966] TAB. 1.1 - VALORI DELLA SCABREZZA SIGNIFICATIVA k s (mm) DA [HENDERSON, 1966] TIPO DI SUPERFICIE NORMALE MASSIMO CALCESTRUZZO GETTATO IN OPERA SENZA IRREGOLARITÀ 0.15 RIVESTIMENTO CEMENTIZIO FINITO A MANO

Dettagli

La biodiversità: M A R E

La biodiversità: M A R E La biodiversità: IL M A R E PROGETTO A T L A N T E In collaborazione con la Blu Marine Service alcune classi dei tre ordini di scuola del nostro Istituto il 21/10/2010 si sono recate sulla spiaggia di

Dettagli

LE CONCHIGLIE. dell Area Marina Protetta Punta Campanella

LE CONCHIGLIE. dell Area Marina Protetta Punta Campanella LE CONCHIGLIE dell Area Marina Protetta Punta Campanella M I N I - G U I D E illustrazioni di: Claudio d Esposito testi: Antonella Ambrosio, Claudio d Esposito, Andrea Fienga hanno collaborato: Rosa Gargiulo,

Dettagli

Recupero, esame critico, omogeneizzazione ed analisi di serie storiche secolari italiane di dati meteorologici

Recupero, esame critico, omogeneizzazione ed analisi di serie storiche secolari italiane di dati meteorologici Recupero, esame critico, omogeneizzazione ed analisi di serie storiche secolari italiane di dati meteorologici M. Maugeri 1, M. Brunetti 2, L. Buffoni 3, F. Mangianti 4, F. Monti 1, T. Nanni 2, R. Pastorelli

Dettagli

"NATURA BRESCIANA, Ann. Mus. Civ. St. Nat. - Brescia, 16, pp. 52-56, 1979 CLAUDIO CHEMINI * ALCUNI REPERTI DI OPILIONI IN GROTTE DEL BRESCIANO

NATURA BRESCIANA, Ann. Mus. Civ. St. Nat. - Brescia, 16, pp. 52-56, 1979 CLAUDIO CHEMINI * ALCUNI REPERTI DI OPILIONI IN GROTTE DEL BRESCIANO "NATURA BRESCIANA, Ann. Mus. Civ. St. Nat. - Brescia, 16, pp. 52-56, 1979 CLAUDIO CHEMINI * ALCUNI REPERTI DI OPILIONI IN GROTTE DEL BRESCIANO (Arachnida, Opiliones) SOMMARIO - Viene fornito e brevemente

Dettagli

Rapporto di Riesame Iniziale 2013

Rapporto di Riesame Iniziale 2013 Rapporto di Riesame Iniziale 2013 Corso di laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica Classe LM33 Ingegneria Meccanica Università degli Studi di Cagliari Denominazione del Corso di Studio: Ingegneria Meccanica

Dettagli

2. Individuazione del bacino di appartenenza della Z.I. di Olbia

2. Individuazione del bacino di appartenenza della Z.I. di Olbia INTERCONNESSIONE DELLA Z.I. DI OLBIA COL PAI (PIANO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO - DL. 180 e Legge 267 del 3-08-1998) 1. Premessa La presente relazione si prefigge lo scopo di verificare le interconnessioni

Dettagli

28/05/2009. La luce e le sue illusioni ottiche

28/05/2009. La luce e le sue illusioni ottiche La luce e le sue illusioni ottiche Cosa si intende per raggio luminoso? Immagina di osservare ad una distanza abbastanza elevata una sorgente di luce... il fronte d onda potrà esser approssimato ad un

Dettagli

Analisi periodica dell accessibilità aerea. Executive Summary

Analisi periodica dell accessibilità aerea. Executive Summary Unioncamere Lombardia Certet Bocconi Analisi periodica dell accessibilità aerea n 29 Orario invernale 2010 Executive Summary INDICATORE DI ACCESSIBILITÀ INTERCONTINENTALE 2 INDICATORE DI PRESSIONE COMPETITIVA

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE

UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI ED ELIPORTUALI LECTURE 06 CARATTERISTICHE FISICHE DELLE

Dettagli

Facoltà di Scienze Corso di Laurea in Informatica ADEMPIMENTI PER LAUREANDI. Scadenze da rispettare per potersi laureare:

Facoltà di Scienze Corso di Laurea in Informatica ADEMPIMENTI PER LAUREANDI. Scadenze da rispettare per potersi laureare: ADEMPIMENTI PER LAUREANDI Scadenze da rispettare per potersi laureare: 1) Prima della consegna della domanda di laurea il laureando dovrà accedere al sito di AlmaLaurea (http://www.unica.it/almalaurea),

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Roma, 7 aprile 2009 REPLAT ANALIZZA IL MERCATO IMMOBILIARE ITALIANO DEL I TRIMESTRE 2009

COMUNICATO STAMPA Roma, 7 aprile 2009 REPLAT ANALIZZA IL MERCATO IMMOBILIARE ITALIANO DEL I TRIMESTRE 2009 COMUNICATO STAMPA Roma, 7 aprile 2009 REPLAT ANALIZZA IL MERCATO IMMOBILIARE ITALIANO DEL I TRIMESTRE 2009 TENGONO MILANO E ROMA GRAZIE ALLE ALTE RICHIESTE DI BILO E TRILOCALI CHE DA SOLI RAPPRESENTANO

Dettagli

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10 5.1 Introduzione Tra gli interventi finanziati dalla Regione Emilia Romagna per il 2004, ai fini della messa a punto di strumenti conoscitivi utili per

Dettagli

GIOVANNI PADOAN Presidente della Commissione di studio dei provvedimenti per la conservazione e difesa della laguna e della città di Venezia

GIOVANNI PADOAN Presidente della Commissione di studio dei provvedimenti per la conservazione e difesa della laguna e della città di Venezia QUALCHE CONSIDERAZIONE SU LIVELLI MARINI ECCEZIONALI MISURATI A PUNTA DELLA SALUTE - VENEZIA - E SULLE VARIAZIONI ALTIMETRICHE SUBITE DA QUEL MAREOGRAFO GIOVANNI PADOAN Presidente della Commissione di

Dettagli

È difficile immaginare un mondo senza soldi, vero? ( forse oggi un pò meno ) Prima che I soldi fossero inventati, la gente doveva acquisire il

È difficile immaginare un mondo senza soldi, vero? ( forse oggi un pò meno ) Prima che I soldi fossero inventati, la gente doveva acquisire il È difficile immaginare un mondo senza soldi, vero? ( forse oggi un pò meno ) Prima che I soldi fossero inventati, la gente doveva acquisire il necessario commerciando/scambiando delle cose Perchè la gente

Dettagli

Carmine D Amico. Dipartimento S.T.A.T., Università degli Studi del Molise, C.da Fonte Lappone - 86090 Pesche (Isernia) carmine.damico@unimol.

Carmine D Amico. Dipartimento S.T.A.T., Università degli Studi del Molise, C.da Fonte Lappone - 86090 Pesche (Isernia) carmine.damico@unimol. Geologica Romana 41 (2008), 13-18 I GASTEROPODI PLEISTOCENICI DI MONTE MARIO (ROMA) DELLA COLLEZIONE CERULLI-IRELLI, CONSERVATI NEL MUSEO DI PALEONTOLOGIA DELL UNIVERSITÀ LA SAPIENZA DI ROMA Carmine D

Dettagli

Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014

Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014 Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014 aprile 2015 Capo Dipartimento Programmazione: Direttore Settore Statistica: Redazione a cura di: Gianluigi Bovini Franco Chiarini Brigitta Guarasci L'uso

Dettagli

IL NON TOFET DI FAVIGNANA. Giovanni Mannino

IL NON TOFET DI FAVIGNANA. Giovanni Mannino IL NON TOFET DI FAVIGNANA Giovanni Mannino Il nome tofet lo troviamo per la prima volta nella Bibbia, nel libro del profeta Geremia (7,30; circa 600 a.c.) e ne viene spiegato il significato: Hanno costruito

Dettagli

COMUNE di SPINEA. Assessorato alla Protezione Civile

COMUNE di SPINEA. Assessorato alla Protezione Civile COMUNE di SPINEA Assessorato alla Protezione Civile INDICE 1. RISCHIO IDRAULICO... 3 1.1 Premessa... 3 1.2 Scenari di rischio idraulico... 4 1.2.1 Rischio idraulico da rete principale... 4 1.2.2. Rischio

Dettagli

FRANCOBOLLI PER GIORNALI

FRANCOBOLLI PER GIORNALI FRANCOBOLLI PER GIORNALI 1851 (1 gennaio) - 1856 TESTA DI MERCURIO Soggetto: testa di Mercurio senza indicazione del valore Stampa: tipografica Fogli: 100 x 4, normalmente distribuiti in fogli di 100.

Dettagli

9. La morena. Il fianco destro orografico della Val Martello (carta geologica 2) 8. Le strie glaciali

9. La morena. Il fianco destro orografico della Val Martello (carta geologica 2) 8. Le strie glaciali Il fianco destro orografico della Val Martello (carta geologica 2) 8. Le strie glaciali L azione erosiva del ghiacciaio, in senso stretto, viene indicata con il termine esarazione; una delle forme caratteristiche

Dettagli

ANALISI METEO-CLIMATICA SALENTINA: OTTOBRE 2010

ANALISI METEO-CLIMATICA SALENTINA: OTTOBRE 2010 Associazione MeteoNetwork Onlus - Sezione Puglia Via A. Cozza, 9 73100 Lecce www.meteonetwork.it/sezioni/regionali/puglia sezione@puglia.meteonetwork.it ANALISI METEO-CLIMATICA SALENTINA: OTTOBRE 2010

Dettagli

61 Ghiacciaio della Capra

61 Ghiacciaio della Capra IT4L01451010 61 Ghiacciaio della Capra Gruppo montuoso: Gran Paradiso, Alpi Graie, Alpi Occidentali Bacino idrografico: Lago Serrù, Orco, PO Comune: Ceresole Reale, Torino, Piemonte, Italia DOVE SI TROVA

Dettagli

ATLANTE DEI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO

ATLANTE DEI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO ATLANTE DEI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO Documento estratto dal Manuale interno di istruzione per la raccolta e la trasmissione di campioni per analisi di fibre: microscopia ottica ed elettronica. Contarp

Dettagli

Indica gli elementi naturali che caratterizzano i confini dell Europa a a. Sud:... b. Ovest:... c. Nord:... d. Est:...

Indica gli elementi naturali che caratterizzano i confini dell Europa a a. Sud:... b. Ovest:... c. Nord:... d. Est:... Unità 1 Nome... Classe... Data... Prima Osserva la carta dell Europa e prova a rispondere alle seguenti domande: perché appare strano definire l Europa come un continente a sé a differenza di quanto avviene,

Dettagli

Diritto.it. Il bene si può definire statico, il servizio si può definire dinamico.

Diritto.it. Il bene si può definire statico, il servizio si può definire dinamico. Prestazione di servizi e contratto di assicurazione: resoconto del convegno sull argomento e intervista al Prof. Gabriele Racugno Presidente dell AIDA Sardegna, Ordinario di Diritto Commerciale e Avvocato

Dettagli

PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DELLA NORMA UNI 11476

PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DELLA NORMA UNI 11476 PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DELLA NORMA UNI 11476 INDICE Data di aggiornamento: Articolo 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Giugno 2013 Articolo 3 CONDIZIONI GENERALI Articolo

Dettagli

Una malacofauna tirreniana dal sottosuolo di Livorno

Una malacofauna tirreniana dal sottosuolo di Livorno Boll. Malacol., 50: 142-149 (2, 30/11/2014) Una malacofauna tirreniana dal sottosuolo di Livorno Alessandro Ciampalini*, Maurizio Forli#(*), Andrea Guerrini*, Franco Sammartino* # Via Grocco 16, 59100

Dettagli

Guida Semplice ai più comuni Molluschi Marini di Anzio e Nettuno Simple Guide to the most common Sea Molluscs of Anzio and Nettuno

Guida Semplice ai più comuni Molluschi Marini di Anzio e Nettuno Simple Guide to the most common Sea Molluscs of Anzio and Nettuno Guida Semplice ai più comuni Molluschi Marini di Anzio e Nettuno Simple Guide to the most common Sea Molluscs of Anzio and Nettuno Raffaele Petrone Susanna Zanelli members of the Team of the International

Dettagli

PROGRAMMA DI ATTIVITÁ DI EDUCAZIONE AMBIENTALE DELL ISTITUTO DI BIOLOGIA E ECOLOGIA MARINA DI PIOMBINO

PROGRAMMA DI ATTIVITÁ DI EDUCAZIONE AMBIENTALE DELL ISTITUTO DI BIOLOGIA E ECOLOGIA MARINA DI PIOMBINO PROGRAMMA DI ATTIVITÁ DI EDUCAZIONE AMBIENTALE DELL ISTITUTO DI BIOLOGIA E ECOLOGIA MARINA DI PIOMBINO Introduzione L Istituto di Biologia e Ecologia Marina di Piombino è attivo ormai da molti anni sia

Dettagli

Fulvo di Borgogna (direttive d allevamento svizzere)

Fulvo di Borgogna (direttive d allevamento svizzere) Fulvo di Borgogna (direttive d allevamento svizzere) Redatto da: Urban Hamann Storia della razzahte Nascita relativamente sconosciuta Conigli selvatici giallo rossi furono incrociati con diverse razze

Dettagli

Rischio e Intervento Idrogeologico inondazioni, alluvioni e frane

Rischio e Intervento Idrogeologico inondazioni, alluvioni e frane Rischio e Intervento Idrogeologico inondazioni, alluvioni e frane Materiale tratto e adattato dalla presentazione di Massimiliano Bachis Protezione Civile Cesano Maderno Corso per Volontari Operativi Generici

Dettagli

I molluschi marini di Punta di Pioppeto (Isola di Procida - Campania)

I molluschi marini di Punta di Pioppeto (Isola di Procida - Campania) Boll. Malacol., 43 (1-8): 21-32 (2007) I molluschi marini di Punta di Pioppeto (Isola di Procida - Campania) Ottavio Soppelsa* 1 ( ), Fabio Crocetta* 2 & Giuseppe Fasulo # * Dip. delle Scienze Biologiche,

Dettagli

echinodermi Centrostephanus longispinus ( Filippi, 1845) regno animali fam. Diadematidae

echinodermi Centrostephanus longispinus ( Filippi, 1845) regno animali fam. Diadematidae echinodermi Centrostephanus longispinus ( Filippi, 1845) regno animali fam. Diadematidae Fonte immagine Foto R. Pronzato Questo elegante echinoderma è immediatamente riconoscibile per i lunghi e sottili

Dettagli

Repertorio dei beni storico ambientali 1

Repertorio dei beni storico ambientali 1 Repertorio dei beni storico ambientali 1 Indice Casate... 3 Oberga... 4 Pagliarolo... 5 Fontanelle... 6 Travaglino... 7 Oratorio di San Rocco... 8 Calvignano... 9 Castello... 10 Valle Cevino... 11 Repertorio

Dettagli

PROGETTO LS-OSA CORREZIONE QUESITO DI SCIENZE DELLA TERRA INCASTRI

PROGETTO LS-OSA CORREZIONE QUESITO DI SCIENZE DELLA TERRA INCASTRI PROGETTO LS-OSA CORREZIONE QUESITO DI SCIENZE DELLA TERRA INCASTRI INCASTRI Studiando la Deriva dei Continenti, abbiamo appreso come Wegener, osservando le linee della costa occidentale africana e di quella

Dettagli

www.evolutionmegalab.org/it evolutionmegalabitalia@unife.it

www.evolutionmegalab.org/it evolutionmegalabitalia@unife.it Alla cortese attenzione di: Docenti di Scienze Dirigenti Scolastici Responsabili dei Dipartimenti di Scienze Responsabili dei Laboratori Scientifici scolastici Oggetto: Invito a partecipare al progetto

Dettagli