LA VÈRA STÖRIA (?!) D HALLOWEEN E D OGNISSANT

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA VÈRA STÖRIA (?!) D HALLOWEEN E D OGNISSANT"

Transcript

1 FERMÈMÀS UN ZÌC! Tanti lumìtt, tutt sbàrluscènt, strò intasò e tanta gent: l è dumà nuembàr,sì, l è bel,ta dà emuzìon ma, porca miseria, che cünfusìon! I casètt da Natòl tègnan tuta la via, te giri i öcc e te vedi na strìa. Mèza vedrìna, cun züch l è aduböa, e un pora da pén in luminò nà la ströa. na pigna da òv e cülòmb,dasùra dal scafòl, speciàn cal pasa in svelta ul Natòl. A so no se dìgh a la mè neùdìna, quand la ma dìs: che festa è domani mattina? I ropp du la Gésa, cul prüfàn, sa miscìan su e l agenzia la ta prupòn un viag cunvéniènt,sa sì in dù. Sù,su, in svelta a duèm cumprà, se sèmpar in temp, dumàn,a pagà, anca se a Gènòr sarèm tucc senza laurà! No, son mènga nasùa al temp du la guéra, ma quel ca g avevi a mi ma bastava: ul prufum da la pulenta e la stüa ca l andava, dù cùlur da piturà, tacöa a la machinèta, dua la me mama l era drè laurà. Dumà a la Madòna,cun tutt i fiurìtt, sa tirava fora ul prèsépi, cun un pora da lumìtt, e quel dì, dopu la benedizìon, al sa verdea quel scatulòn. Gh era sempar na quei bala da vedàr,in fond schèpöa, un pora da pastùr e quela statuìna, che l an pasò, te le menga truöa. Ul presepi però a duèm anca mò fa, e alura, prepàras,mèt su na sciarpìna, nàl büsch duèm andà, par fà la mugnìna! cèrt ca le bèl, hèm fai un bel laurà. Le munanca da nàs però ul Bambèn, nascondal lì dadrè dul pèn! E incò ta vori dunà, cara Rebecca, un po da prufùm da quei temp là. Ma nonna, come sei vecchia! Al so, però ven chì un mumentèn e sta chi sòta al pèn..te senti nò l udùr cal gà ul mandarèn? ma te se sicura da sta ben? Po, guarda lì, ul növ almanàch, par piasè, te a giràl pìan pìan, quasi da stràch, e sciuscià dì, par dì, tuti i bei ropp, serenamènt, cun chi ta vor ben. Ma, ma raccomandi, senza cur, adasi adasi, piàn pianèn

2 Traduzione FERMIAMOCI UN MOMENTO! Tante luci, tutte luminose,strade intasate e tanta gente: è solo novembre, sì è bello, ti dà emozione ma porca miseria, che confusione! Le casette di natale riempiono la via, giri gli occhi e vedi una strega. Mezza vetrina è addobbata con zucche e un paio di alberi sono illuminati nella strada. Un mucchio di uova e colombe, sopra lo scaffale, aspettano che passi in fretta il Natale. Non so cosa dire alla mia nipotina quando mi chiede che festa è domani mattina? Le cose di Chiesa col profano si mischiano e l agenzia ti propone un viaggio conveniente,se siete in due. Su, su in fretta, dobbiamo comprare, sei sempre in tempo domani a pagare, anche se a Gennaio saremo tutti senza lavoro! No, non sono nata al tempo della guerra, ma quello che avevo a me bastava: il profumo della polenta e la stufa che andava, due colori per dipingere,vicino alla macchinetta dove la mia mamma lavorava. Solo al giorno della Madonna, con tutti i bambini si tirava fuori il presepio e qualche lumicino, e quel giorno, dopo la benedizione, si apriva quello scatolone: C era sempre qualche palla di vetro, in fondo, rotta, un paio di pastori e quella statuina, che l anno scorso non l avevi trovata. Il presepe, però, dobbiamo ancora farlo, e allora, preparati, metti una sciarpina, nel bosco dobbiamo andare, per prendere il muschio! Certo che è bello, abbiamo fatto un bel lavoro, non è ancora nato Gesù Bambino, nascondilo dai, dietro al pino! E oggi ti voglio donare, cara Rebecca, un po di profumo di quei tempi là Ma nonna, come sei vecchia! Lo so, però vieni qui un momentino e sta qui sotto al pino...non senti l odore che ha il mandarino? ma sei sicura di star bene? Poi guarda lì il nuovo almanacco, per piacere, devi girarlo piano piano, quasi da persona stanca, e succhiare, giorno per giorno, tutte le belle cose, serenamente, con chi ti vuole bene. Ma, mi raccomando, adagio, adagio, piano pianino..

3 LA VÈRA STÖRIA (?!) D HALLOWEEN E D OGNISSANT Sù in Paradìs, a duì savé che da gent cun l aurèola ghe ne su tanta e tucc sa guardàn e sa saludàn cun sùris e cun grand riverenza. Han sentù, un dì, che giò su la tera, par menga laura, sul tacuèn han metò su na quei festa in pù. G han dumandò alura al San Pèdar(quel cal vèrd la porta e che la sèra) se quel c han sentù l era propri vera. Sì, l è vera, San Martèn, i fan baldoria, i mangìan e bèun ul ven, intant, tì, te se chi a fa i traslòch, te sudi, te sposti e te se pien da gnòcc! E ti, Santa Cecilia, che par tutt l an, te söni sti strùment, tà servìss un dì par ripusà i man. ul fiöd e la ment! O adestrò ul luff, o fai cantà pasarìtt e üsei al dìs San Francesco, e g ho insegnò ul mesteè anca ai mè fradei Son bon nanca pù da mirà al cör! disperò ul San Valentino al vùsa: sa vò innanz inscì, pù nesòn al sa spùsa! E violtar, Sant Minùr al ciama ul San Pèdar, ca sì là in un cantòn, levèas su, in pè, ca duèm fa ribellìon! Sentù ul gibilè e tantu rumur i vègnan tücc ciamò na la cà dul Signur. V ho sentì sacramentà, par tutt i fèst che su la tèra in drè fa. invece violtar a duì laura dal prim gènòr a la fen du l an: Be, piantèla lì da bàt la fiàca e da menà ul türón, va dò ul permès, stanöcc, da fa un festòn Andì a too lumìtt sbarluscènt e ciamè tanta gent, bìndéi da ragnèr tra na niüla e l öltra e tra negàr minìtt, meteè na quei zuca,cun dì lantérnìtt, Ciapè anca i biscòtt e un quei bumbunén, g he sèmpar in gir un quei fiürèn. Al fò par fa girà anca l ecünomia e va dò ul permès d invidà na quei strìa. Ma la nuita la finiss menga chi. finì la festa, San Pèdar, ciava l ürcc, sera sù l antipört, che sta gent la vöri lasala durmì. Na giurnöa speciòl dumàn va vöri regala, un dì intèr par pudè ripusà, inscì che tücc i oman va dèan santificà.

4 TRADUZIONE LA VERA STORIA(?!) DI HALLOWEEN E DI OGNISSANTI Sù in Paradiso, dovete sapere, che di gente con l aureola ce né su tanta e tutti si guardano e si salutano con sorrisi e con grande riverenza. Hanno sentito, un giorno, che giù sulla terra, per non lavorare, sul calendario hanno inserito qualche festa in più. Hanno chiesto allora a San Pietro(quello che apre la porta e che la chiude) se quello che hanno sentito era proprio vero. Sì, è vero, San Martino, fanno baldoria, mangiano e bevono il vino, intanto tu, sei qui a fare i traslochi, sudi, sposti le cose e sei pieno di lividi! E tu, Santa Cecilia, che per tutto l anno, suoni gli strumenti, ti serve un giorno per riposare le mani, il fiato e la mente.! Ho addestrato i lupi, ho fatto cantare passerotti e uccellini dice San Francesco e ho insegnato il mestriere ai miei fratelli Non sono più capace di mirare al cuore, disperato San Valentino grida: Se vado avanti così, più nessuno si sposa! E voi, Santi Minori, chiama San Pietro che siete là, in un angolo, alzatevi,sù, in piedi, che dobbiamo ribellarci! Sentito il vociare e tanto rumore, vengono tutti chiamati nella casa del Signore. Vi ho sentito brontolare per tutte le feste che sulla terra stanno facendo, invece voi dovete lavorare, dal primo gennaio alla fine dell anno. Smettetela di essere così mosci e continuare con questa storia, vi dò il permesso, stanotte, di fare una grande festa. Andate a comprare lumini brillanti e chiamate tanta gente, nastri di ragnatele tra una nuvola e l altra e tra gatti neri mettete qualche zucca illuminata. Prendete anche biscotti e qualche dolcetto, c è sempre in giro qualche bambino. Lo faccio per far girare anche l economia e Vi dò il permesso d invitare qualche strega. Ma la novita non finisce qui.. Finito la festa, San Pietro, chiudi a chiave la porta, chiudi il portone, che questa gente la voglio lasciar dormire. Una giornata speciale domani, vi voglio regalare, tutto il giorno per poter riposare, così che tutti gli uomini vi devono santificare!

5 N URAZION PAR NATÒL UNA PREGHIERA PER NATALE N urazìon par Natòl Una preghiera per Natale par i vècc e i malò per i vecchi e gli ammalati e par i nóni e i neùdìtt per i nonni e i nipotini quela pusè speciòl. quella più speciale. Par i mam e i papà Per le mamme e i papà anche anca na benedizìon par stà insèma una benedizione per stare insieme e dògh ai fiò na sana educazìon. e dare ai figli una sana educazione. N urazion par Natòl Una preghiera per Natale par chi l è in gir a cumprà per chi e in giro a comperare e par chi al g ha nanca e per chi non ha neanche i danè par mangià, i soldi per mangiare. par tucc i fürest e i vù cumprà Per tutti gli stranieri e vù cumprà e i person ca cüran i tò, e le badanti che curano i tuoi parchè tì, te anda a scià. Parenti, perché devi andare a sciare. Urazìon pusè granda par chi l è sù a cumandà, magiüranza e üpusizìon: cà la mücan da risià! Par chi,su e giò, teme un matt, al cùr tutt ul dì, ai giulai e ai tanti ciaparàtt. Una preghiera più grande per chi ci comanda, maggioranza e opposizione: che la smettano di litigare! Per chi, come un matto, corre tutto il giorno,ai perdenti e ai tanti fannulloni. N urazion par Natòl, Una preghiera per Natale al so persunòl, a la redazìon al suo personale, alla redazione e a Lù, sciur Diretùr, e a Lei, signor Direttore, par fa lèg dumà ropp bèi per far leggere solo cose belle ai vostàr letùr. ai vostri lettori. N urazìon par mì Una preghiera per me, ma la vori riservà, me la voglio riservare parchè a g ho in mènt perchè ho in mente tanti bei ropp, anca mo da fà tante cose belle,, ancora da fare e sopratutt,par i tant gènt e soprattutto,per le tante persone ca g ha varò da supurtà! che dovrò sopportare!

6 I öcc dü la mè vita (la mè mama) E sì, mi tà guardi, dü smàcc cèlest, in una fàcia scarnìa, in fìss, quasi asent, e ta guardi,ma, purtròpp le mì, ca son present. Te giri i öcc, so nò sa tè guardi, ne sa tè pènsi, ma, ma mì, ma fèrmi un zìc e ma vègnan in mént, bastava guardài chi öcc lì: à la matìna,vìv, lùminús, cün tanta vöia da fà e la bèléza dùl dì d afruntà. Quand eran stràch, tei sfreghèi un po, pö, giò, su la machìneta, a laurà, anca mò. Quand, pö,andava stòrt un quei cös e nà quei làcrima la segnèa ül nös, capìum nonch fiϋrìtt, ma tì, te ma disèvi: in stài i mϋschìtt! E nei dì cà g avevi un po da malincϋnìa, tì, ti me guardàvi e ti ciapèa i me màn : sù, sù, ca l è bèll ul tò dumàn! Incö te sè chì, ti sa mòi nò, i tò öcc in gelò,ma sémpar bón. Perdònam però,sa ma vègn un zìc da magón parchè,come tücc i dì, mì al sò,sa ma vòran dì!

7 Traduzione: Gli occhi della mia vita(la mia mamma) E sì, io ti guardo due macchie celesti,in una faccia scarna. Sono fissi, quasi assenti,io ti guardo,ma purtroppo, sono io,che sono presente. Giri gli occhi,non so cosa guardi, ne cosa pensi, ma, ma io,mi fermo un momento e mi vengono in mente: bastava guardare quegl occhi lì : alla mattina vivi, luminosi, con tanta voglia di fare e la bellezza del giorno da affrontare! Quando erano stanchi, li sfregavi un po, poi giù, sulla macchina da cucire a lavorare,ancora un po. Quando poi andava storto qualche cosa e qualche lacrima seguiva il naso capivamo noi bambini Ma tu mi dicevi: sono stati i moscerini! E nei giorni che avevo un po di malinconia, tu mi guardavi e prendevi le mie mani: su, su, che e bello il tuo domani! Oggi sei qui e non ti muovi, i tuoi occhi sono gelati, ma sempre buoni. Perdonami, però,se mi viene un po di magone Perché, come tutti i giorni, io lo so,cosa mi vogliono dire!

8 NA PIANTA SPECIÖL Gh,è là, in fond al viöl na pianta grösa, impunènt, un po speciöl. Ül sò nòm scèntìfic l è ÜLMUGA (üliv-muron-üga) e cün tutt ül sò verd la rìnfrèsca e ul tó südúr da paèsan al süga. Quand te pàsi da lì, dipènd da düa te vègni, te podi vide, tra i sò fràsch, tüta la früta ca tà cúnvegn. La stà tra Varès e Mìlan e precisament a Cardàn, ma, fasi in svelta, sà vìdèla vurì gh è ül törl àsiatìc ca le dre fala muri. Traduzione: C è, in fondo al viale Una pianta grossa, imponente, un po speciale; Il suo nome scientifico è OLMUGA (Ulivo, Gelso,Vite) Con il suo verde rinfresca E il tuo sudore di paesano asciuga. Quando passi di lì, dipende da dove vieni, puoi vedere tra le sue foglie, tutta la frutta che ti conviene E tra Varese e Milano E precisamente a Cardano, ma fate in fretta, se volete vederla, c è il tarlo asiatico che sta facendola morire.

9 Te lè trüoa la pianta speciòl? Ti, ca te lègiù, in stò giürnòl L esistenza dü la pianta speciòl E te la cerchi là in fònd al viòl dü paròl tà vori dì, pero stà bèn a sentì: sà te vori ciamà bjgatt o càvalèr quei cà mangìan i fràsch dal mùron, va bè, ma par piase, ròmp nò i maròn! L impurtant,al dì d incòo, l è preservài e curài, sa te pò, e insegnògh ai tò fiöeu,a rispètài, fìn che ghè ne ammò! Mücàla però da cürr ìnnànz e indre, da barbuta e da rìncürr i dane. Fèrmàs un zìc E guärda un po in gìr, gh è tanti bei ròpp che ül mònd al tà po üfrì. Guärda però cün umilta, tutt quèl ca l è visèn a la tò cà: piant, fiour,pra, ognun cul so aspett; a tì e a tucc i fürèst, par piësè, và dùmandi dùmà, d àvegh rispètt.

10 Traduzione: A te che hai letto su questo giornale l esistenza della pianta speciale e la cerchi in fondo al viale, ti voglio dire due parole, però stammi a sentire: Se vuoi chiamare bjgatt o cavaller I bruchi che mangiano le foglie del gelso, va bene, però, non rompere più di tanto. L importante oggi e preservarli e curarli, se puoi, e insegnare ai tuoi figli a rispettarli,almeno un po. Smettila di correre avanti e indietro, di brontolare e di rincorrere i soldi. Fermati un momento e guarda un po in giro, ci sono tante belle cose che il mondo può offrirti. Guarda però con umilta tutto quello che ti sta vicino : piante, fiori, prati, ognuno col suo aspetto. A te, e a tutti gli stranieri, chiedo solo di avere rispetto.

11 Ul dilemma dul dialett Sciur Diretur, a gh o un dilemma, sàl ma vüta un po a capì, forse stasìra a riesi a durmì! Son na nona, menga tant vègia e ma troi chì a pensà se e che dialett ai mè neùd o da fògh po imparà. I parlèan in cà mea ul dialett da Cardàn, la me mama e ul me papa : I mè noni e i lùr parènt i disèan àltar vücabùl e mi spèss a capii nient. O spusò un sardagnò (anzi sörd, se nò al sà ùfènd) e in cà soa o imparò a capì e rispetà, a la fen, ul so parlà. Gh o dù gènàr, vün d ürigìn calabrès e quel öltar l e pugliès(e fin chì le già un casèn). L e vera in nasù tucc e dù a Galarà, cüme istèss la me neùda, cal sò no, se un maruchèn o n albànes a la fèn la spusera. Ul pusè piscinèn, ca lè àpena nasù, la purtera a ca, na cinèsa o vüna dal Perù? A gh ò tantu da laura se a vöri po impara e capi tucc quei ca gìran, nà la mè cà. In tusscoss a gh è ul sò ben e ul sò möl, intant a scrivi cùl me bel dialett su stò giürnòl, parche l è nei prüèrbi e nà la memòria ca la stà la mürol: Le mei pèrd un queicòss, che ritrüàss cün nagöot!

12 Traduzione: IL DILEMMA DEL DIALETTO Signor Direttore, ho un dilemma: se mi aiuta un pò a capire forse stasera riesco a dormire. Sono una nonna non troppo vecchia E mi trovo a pensare se e che dialetto ai miei nipoti dovrò far imparare. Parlavano a casa mia il dialetto di Cardano la mia mamma e il mio papà, i miei nonni e i loro parenti dicevano altre parole e io spesso non capivo niente. Ho sposato un sardegnolo(anzi sardo se no si offende) e in casa sua ho imparato a capire e rispettare alla fine il suo parlare. Ho due generi, uno di origine calabrese e l altro pugliese(e fin quì e gia un casino) E vero, sono nati tutti e due a Gallarate, come pure mia nipote che, non so, se un marocchino o un albanese alla fine la sposera. Il più piccolino che è appena nato, portera a casa una cinese o una del Perù? Ho tanto da lavorare Se vorrò capire tutti quelli che frequenteranno la mia casa. In tutto c è il bene ed il male; scrivo perciò su questo giornale ancora nel mio bel dialetto, perche infine la morale sta nei proverbi e nella memoria: meglio perdere qualcosa che ritrovarsi con niente!

13 URAZION Un ürazìon par ti, ca te sè piscinèn, ta dò ul me amùr, t afìdi al Signùr. Un ürazion par ti ca te inizi la scöla e che gl insegnàment tà rèndan serèn e cùntent Un ürazion par ti ca te se drè spüsàss e te giùri d adèss da purtògh rìspett Un ürazion par ti ca ti tegni ul fiö par màn e tèl guidi vers ul sò dùman Un ürazion par ti, che ul dùman te ghe lè no e che te vusi al Signür tutt ul tò dùlur Un ürazion par ti ca te se senza laura e che par fà crèss i tò fiö, te se nò me fà Un ürazion par ti, par la tò vita gremöa, cun un scüsòn, sa te vöri, te podi strascìala e fan vüna nöa. Un ürazion par ti, quand la vita l è andàia e cun l ùltim respìr, te ma guàrdi e te sè pront par ul pàradìs.

14 Traduzione PREGHIERA Una preghiera per te, che sei appena nato, ti dò il mio amore, t affido al Signore. Una preghiera per te, che inizi la scuola e che gli insegnamenti ti rendano felice e contento. Una preghiera per te che ti stai sposando e che giuri, da subito, di portarle rispetto. Una preghiera per te che tieni tuo figlio per mano e lo guidi verso il suo domani. Una preghiera per te che il domani non ce l hai e che urli al Signore tutto il tuo dolore. Una preghiera per te che sei senza lavoro e per crescere i tuoi figli non sai come fare. Una preghiera per te per la tua vita bruciata se vuoi,con un colpo, puoi stracciarla e farne una nuova. Una preghiera per te quando la tua vita e finita e con l ultimo respiro, mi guardi e sei pronto per il Paradiso.

15 UL FRANZÓN Cun la me manina al sicur, tra la man dul me papà, sèm rivò tacò al purtòn, dua a ga stà ul so amìs Franzòn. Dù o trì can in sémpar in gir in da caccia e senz oltar senza ul petigrì. Là, in fond a la campagna tanti àrni par ul mèl e lu, le là, cun la so tüta, un capelásc cuèrt da rèd Vegn chì, tüsetìna, mo ta fò vidè dua la sta l ape regina A savevi no, che par fa un zìc da mèl, gh era in sci tantu da laurà. Purta chì, Emilia, un cügiarèn, ga fò sagià ul mèl a sto bambèn! Ti, Franzòn, lasa lì quel laurà, han verdù la càcia e dumàn duèm andà. Ho preparò la cartùciéra, cun i cartùcc gia tücc pasò, i stivöi e ul fusìl, bei lustrò, in già pront par vèss usò. Pasa tì, dumàn matìna, ma spècia ul Valerio e ul Lino, propri in fònd a la stradina, Mi, quest ann ma son ingegnò, par ul me can, o metu su un bel àss su la biciclèta, al porti pù, quand le stràch in spalèta! Bràu, Ermano, to lo sèmpar dì, cul cervél pien d idée, tì ti duei fa l ìngegnèr; menga a sta chi, a laurà e sgubà da la sìra a la matìna, par i tò fiö e la Giusepìna! Te ghè rasòn, caro Franzòn, sa gh avevum, un quei milìon, sérum chi no a sapà ul frument e ul furmantòn!

16 Ul paès l è drè murì? No,no,ul paès l è mènga mort! la ma dìs na dona,su l ürc da cà. I mort i a tröa là, pusè innanz, dua gh è ul campusànt! A turni indrè, mi speranzùsa, tra stradìn e mür vècc, ca ma cugnùsan a memória, fin da quand s eri na tùsa. Un quódar da la Sacra Famiglia sul mür l è pitüròa, cun culùr un pò sbiadì e la fàcia dul Bambèn, un po smagiòa; l è lì, dasùra d un pürtòn mèz rót e un po rütond. La discesa a gradòn da sass, cà la porta a la vègia posterìa, l è quatòa par un po cun rampicànt e cun l erba ca la bisìa. La piàza l è sveglia e sempàr bèla,sota al su, però gh è in gir nisòn, anca se in già dès ur. Dumà na dona, cul bursèn in man la pasa e a fadìga la fà un para da gradòn, senza guardà in gir, par menga ciapà sù, un quei scarpuscìon. Trì curidùr a fan l ultima salìa,la pusè sudòa e sa fèrman, dumà un mumènt, a quela funtana cun l acqua ciòra e gelòa. I basèi de la gésa, amìs di nostar giügh e di nostar lacrìm,quand a burlèum giò, in chì, chi spècian na quei güta da gelato e che un quei fiò i a cunsùman anca mo un po. I campàn a sònan l ura de la Messa, chissà se un quei von al va lì ammò a pregà! A pìzi na candìla,par dògh cumpagnìa a quel óltra, vègnan innànz dù vècc e sa sètan giò, visèn a la pórta. A fò un altar gir, e a vedi tanti cadenàsc chi sèran i purtón. A ripensi a quel che quéla dona la mà dì: ul paès l è menga mórt, ma mi, mà vult indrè e cun un zìc da magòn,prima d andà via, disi pör paès, te se menga mórt, ma te se drè fà na longa agünia.

17 Il paese sta morendo? TRADUZIONE No,no, il paese non è morto! mi dice una donna sull uscio di casa, i morti li trova là, più avanti, dove c è il camposanto! Torno indietro, speranzosa, tra stradine e muri vecchi che mi conoscono a memoria, fin da quando ero bambina. Un quadro della Sacra Famiglia è dipinta sul muro, con colori un pò sbiaditi, e la faccia del Bambino, un po macchiata; è lì, sopra ad un portone, mezzo rotto e un po rotondo. La discesa a gradoni di sassi, che porta alla vecchia posteria, e coperta per un po, con dei rampicanti e con ortiche. La piazza e sveglia e sempre bella,sotto il sole, però non c è in giro nessuno, anche se sono già le dieci. Solo una donna, col portamonete in mano, passa e, a fatica, scende un paio di gradoni, senza guardare in giro, per non inciampare. Tre corridori fanno l ultima salita,la più sudata e si fermano, solo un momento, a quella fontana con l acqua chiara e gelata. I gradini della chiesa, amici dei nostri giochi e delle nostre lacrime quando cadevamo, sono qui che aspettano qualche goccia di gelato e che qualche bambino li consumi ancora un po. Le campane suonano l ora della Messa, chissà se qualcuno va ancora lì a pregare! Accendo una candela, così fa compagnia all unica che è accesa. Entrano due anziani e si siedono vicino alla porta. Faccio un altro giro e vedo tanti catenacci che chiudono i portoni. Ripenso a quella donna che mi ha detto: Il paese non e morto! Mi giro e con un pizzico di magone,prima di andare via, dico povero paese,non sei morto,ma stai facendo una lunga agonia!

18 Un vècc curtil Un grand curtìl, cun i sàss pestò, gabièt da cünìli e pulè, ognun ul sò. Ogni porta da ingrèss, cui ténd par ul sù, nanca una istèsa,una rüssa,una giolda e una blö. Un para da cèss nascundù,cun dì vòs tacò su; fiür culurò e prüfumò, par fa sentì nò l udùr. Na gabìa da usèi tacò sul mùr e i minìtt ch in in gir e che guardan in su. Du töùl da sàss visèn a la rèd e na quei cadrèga par pudè ripusass. Biciclètt,balòn,püpó, bugètt in giügh da tùcc da fiò e da tusanètt, guardò sèmpar da quei vòn tacò visèn a l ürcc. Gh è sèmpar na quei nóna par dógh un öcc ai bagài, ca le lì pronta a vüsà o a dàt un tòc da pantranvai. L è sempar ul pusè grand cal riempìss ul bagnèn par mèt na barchèta e fa giugà ul piscinèn. Nal grand curtìl serà su dal cancèl, sa giüga tucc insema, ma senza fa bùrdel. Sa giüga duma cun tanta fantasia, ma tutt quel ca fasèum, al gh à incò, par mì, un sentùr da rispètt e da grand poesia.

19 Traduzione Un vecchio cortile Un grande cortile a sassi, gabbie di conigli, pollai, ognuno il suo. Ogni porta d ingresso, con le tende per il sole, neanche una uguale, una rossa, una gialla e una blu. Un paio di gabinetti nascosti, con dei vasi appesi, fiori colorati e profumati, per non far sentire l odore. Una gabbia di uccelli appesa al muro e i gatti che sono in giro e che guardano in su. Due tavoli di pietra vicino alla rete e qualche sedia per riposarsi. Biciclette,palloni,bambole, biglie sono giochi di tutti, di bambini e bambine, guardate sempre da qualcuno vicino alla porta di casa. C è sempre qualche nonna per dare un occhio ai bambini, che è pronta a sgridare o a darti un pezzo di pantranvai. E sempre il più grande che riempie la bacinella per mettere una barchetta e far giocare il più piccolino. Nel grande cortile, chiuso dal cancello, si gioca tutti insieme, senza fare bordello Si gioca solo con tanta fantasia, ma tutto quello che facevamo, ha oggi, per me, un senso di rispetto e di grande poesia. A seguito dello scritto di VITA VISSUTA (Ul puppurot, el minit e la pita) di Angelo Luini dell , preciso la traduzione dialettale (del gallaratese): gatto/gattino: minén, miscén o gatén gatti/gattini: minìtt, miscìtt o gatìtt Minìtt sono detti anche i germogli pelosi primaverili di un arbusto della famiglia dei salici che troviamo nelle nostra brughiera.

20 la storia dul Viva La Gènt da Cardàn Gh era un sciur,tanti an fa, ca l era stuf da vidè giruvagà quei quatar tùsan e la pensò ben, da metai lì a cantà. L era l an sessantòtt, l an du la rivoluziòn e quei quatar tùsan, sù a l esìli, han cuminciò a strimpelà na quei canzòn. Dopu ch em vist ul Viva la Gent americàn ul Sandro la pensò ben da furmà un bel grùp anca chì a Cardàn. Par andà fora da cà,l era na bèla manèra, truàs, cantà,andèum propri vulentèra. Nal curs di an,se comprò strùment, ghe vegnù dentar fiou, tùsan e un bel po da gènt; microfun nov, tanti lùs e na grand batterìa, a vìdè stì fiou ta vegnèa par forza l alegrìa. Han girò da chì e da là e in tucc stì an stranier e italian an fai cantà. Cun tantu amur han purtò in gir realtà, speranza e alleviò un quei dùlur. Han cantò, dentàr chi,propri in tanti e quei quàtar tùsan,adess ch in innànz cui an, a guardàn,cun un zìc da magòn, un lùr fiou o un lùr neud cal canta quala stessa canzòn. Sperèm dumà che ul Sandro al stia bèn par purta inanz sta storia e cuntinuà a faà dul bel. L è no nustalgìa quel c ho scriù, l è testimonianza di mument san e seren c ho vissù. L è propri par quel che sto grùp chi, dopu tanti ann, l è sempàr vìv e l è anca mo chì. Se tucc guardàssim, la gent ca gh emm visèn,cun umilta e favur, ga sarìa na quei risioa in meno e un po pusè d amur. E anca violtàr, quand i pensier in brut e i ropp dul dì, in tanti da afrunta, alura, alura verdè la buca, e insèma a nonch,incuminceè a cantà. Jvana Piotti Dejana

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE:

RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE: RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE: La frase la maestra scrive sulla lavagna Chiara una foto ai bambini fa Una torta prepara la mamma al cioccolato Giocano con la corda i ragazzi

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais)

BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais) BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais) Quando la notte scende giu devo mi fidare Mi fidare su sta luce se ci sei E se ci sei tu in

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

Ti voglio bene, mamma

Ti voglio bene, mamma F E S T A della... Ti voglio bene, mamma! Dettato Ti voglio bene mamma, quando mi sveglio e vedo il tuo viso che mi sorride. Ti voglio bene mamma, quando pranziamo insieme e poi mi aiuti a fare i compiti.

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SC. 2007-08 IL BARATTO GRUPPO ANNI 4 INS: AIOLFI ANNA L ACQUISTO

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SC. 2007-08 IL BARATTO GRUPPO ANNI 4 INS: AIOLFI ANNA L ACQUISTO SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SC. 2007-08 IL BARATTO GRUPPO ANNI 4 INS: AIOLFI ANNA L ACQUISTO DIVISI IN TRE PICCOLI GRUPPI I BAMBINI OSSERVANO E COMMENTANO L IMMAGINE A.Ajello -A.S.

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Prove per l accertamento del livello conoscenza della lingua italiana L2

Prove per l accertamento del livello conoscenza della lingua italiana L2 Prove per l accertamento del livello conoscenza della lingua italiana L2 PRELIVELLO A1 6-8 anni PROVA N.1 Collega la parola al disegno PROVA N.2 Unisci l immagine alla parola Punteggio massimo 20 punti:

Dettagli

Canzoni popolari. Melissa Jacobacci. 3 scuola elementare. Chiara Caverzasio e Renata Verzaroli. 4 a scuola elementare

Canzoni popolari. Melissa Jacobacci. 3 scuola elementare. Chiara Caverzasio e Renata Verzaroli. 4 a scuola elementare Canzoni popolari Melissa Jacobacci Chiara Caverzasio e Renata Verzaroli 3 scuola elementare 4 a scuola elementare ALLA MATTINA C È IL CAFFE Alla mattina c è il caffè, ma senza zucchero, ma senza zucchero;

Dettagli

Ratto al ballo. AESS Archivio di Etnografia e Storia Sociale

Ratto al ballo. AESS Archivio di Etnografia e Storia Sociale Ratto al ballo Esecuzione di Eva Tagliani Colleri (PV), 1984 registrazione di Aurelio Citelli e Giuliano Grasso Maggio 2005 Temi/Aspetti 3 Personaggi 5 Luoghi 7 Storia 9 Trascrizione fonetica 11 Esercizi

Dettagli

Preghiere a Maria. - Santa Madre aiuta il mio compagno a trovarmi lavoro, proteggilo.

Preghiere a Maria. - Santa Madre aiuta il mio compagno a trovarmi lavoro, proteggilo. Preghiere a Maria - Santa Madre aiuta il mio compagno a trovarmi lavoro, proteggilo. - Santa Maria intercedi per noi, tu sai grazie! Cuore immacolato di Maria rifugio delle anime. - Cara Mamma aiutami

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

I NOSTRI PICCOLI POETI

I NOSTRI PICCOLI POETI I NOSTRI PICCOLI POETI POESIE SULLA MAMMA Insegnante Fortunata Chiaro CLASSE IV D Anno scolastico 2009-2010 Mamma sei bella come una stella Oh! Mammina sei bellina Come una stellina. Sei dolcina Come una

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Edizioni il Molo www.edizioniilmolo.it info@edizioniilmolo.it. A tutti i bambini che diverranno amici di Natalino

Edizioni il Molo www.edizioniilmolo.it info@edizioniilmolo.it. A tutti i bambini che diverranno amici di Natalino Edizioni il Molo www.edizioniilmolo.it info@edizioniilmolo.it A tutti i bambini che diverranno amici di Natalino Prima Edizione Edizioni il Molo, 2014 Via Bertacca, 207-55054 Massarosa (LU) Tel e Fax 0584.93107

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana

Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana Via Aurelia, 796-00165 Roma - Italia www.caritasitaliana.it Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana PRIMA SETTIMANA di Avvento

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

PRESENTAZIONE INDICE

PRESENTAZIONE INDICE PRESENTAZIONE Quest anno noi ragazzi di prima C, con l aiuto dell insegnante di Lettere, abbiamo deciso di comporre alcune brevi poesie per creare un atmosfera natalizia dolce e festosa. Oltre a rallegrarvi

Dettagli

Giovani poeti crescono.

Giovani poeti crescono. Giovani poeti crescono. L amicizia Passa un aereo Passa un treno Ma cosa si portano sul loro sentiero? E un qualcosa di luminoso Sarà la notte che fugge via o forse solo la vita mia?. Ora ho capito che

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

CONTIAMO MOLTO AUGURA TANTISSIMI AUGURI DI BUON NATALE ANCHE A TUTTI VOI ^_^

CONTIAMO MOLTO AUGURA TANTISSIMI AUGURI DI BUON NATALE ANCHE A TUTTI VOI ^_^ FRASI DI NATALE - BELLE FRASI DI AUGURI DI NATALE Scegli le migliori Frasi di Natale per fare tanti Auguri di Buon Natale Prepara il tuo sorriso migliore, a Natale tutti vogliono essere felici. Regala

Dettagli

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi Concorso Nazionale di poesia città di Foligno Sezione Ragazzi LA VITA La vita è come un libro illustrato Dal quale spesso rimani affascinato A tal punto che resteresti incollato E vorresti sfogliarla tutta

Dettagli

POESIE SULLA FAMIGLIA

POESIE SULLA FAMIGLIA I S T I T U T O S. T E R E S A D I G E S Ù Scuola Primaria POESIE SULLA FAMIGLIA A CURA DEI BAMBINI DELLA QUARTA PRIMARIA a.s. 2010/2011 via Ardea, 16-00183 Roma www.stjroma.it La gratitudine va a mamma

Dettagli

Margherita: Ma...chi sei? dove siamo? da dove veniamo? cosa facciamo? perchè c è la vita? resteremo qui per sempre?...

Margherita: Ma...chi sei? dove siamo? da dove veniamo? cosa facciamo? perchè c è la vita? resteremo qui per sempre?... Dialoghi. 1. Margherita: Ma...chi sei? dove siamo? da dove veniamo? cosa facciamo? perchè c è la vita? resteremo qui per sempre?... Francesco: Eh Oh... pian pian pian quante domande mariassignòre... Comisiemo

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

SPETTACOLO DI NATALE 2014

SPETTACOLO DI NATALE 2014 Sabato 20 Dicembre 2014 SPETTACOLO DI NATALE 2014 TUTTO IL MONDO FESTEGGIA IL NATALE Carissime famiglie, mamme, papà, fratelli, sorelle, nonni, zii Benvenuti a tutti! Eccoci anche quest anno alle porte

Dettagli

POESIA DEI BAMBINI. Guarda con stupore, un dono da dio, contando le ore, chiusa nel buio, sola soletta con un berretto, dove pareva scomparsa,

POESIA DEI BAMBINI. Guarda con stupore, un dono da dio, contando le ore, chiusa nel buio, sola soletta con un berretto, dove pareva scomparsa, POESIA DEI BAMBINI Guarda con stupore, un dono da dio, contando le ore, chiusa nel buio, sola soletta con un berretto, dove pareva scomparsa, una bambinetta tanto magra, e soddisfatta, senza una famiglia,

Dettagli

LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI. Maggio-Giugno

LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI. Maggio-Giugno LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI Maggio-Giugno Le campane nel campanile suonano a festa. E risorto Gesù E Pasqua senti come suonano allegre! ascoltiamole Queste suonano forte! Maestra perchè

Dettagli

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato.

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Traccia Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Per la preghiera: impariamo il canto per la celebrazione del perdono recitiamo insieme il Confesso e l Atto di dolore

Dettagli

"Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli

Fratello Lupo Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Fratello Lupo - 2003 n.2 "Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Caro Fra Beppe, ti ringrazio della lettera che mi hai scritto, e come vedi ti do mie notizie. Io qui sto lavorando

Dettagli

Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia. GESU rimani sempre in mezzo a noi, Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di

Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia. GESU rimani sempre in mezzo a noi, Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia GESU rimani sempre in mezzo a noi, per aiutarci a volerci bene, come TU vuoi a tutti noi. Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di 12 Iniziamo

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore. ... stanno arrivando... cosa????... le vacanze!!! Inserto N. 2 2008 Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

1 Premio sez. Poesia. C era una volta.

1 Premio sez. Poesia. C era una volta. 1 Premio sez. Poesia C era una volta. C era una volta una bimba adorabile ben educata e un sorriso invidiabile. Nulla le mancava, tutto poteva, una vita da sogno conduceva. C era una volta un bimbo adorabile

Dettagli

"UN NATALE MAGICO" Farsa in Musica per Bambini di Oreste De Santis

UN NATALE MAGICO Farsa in Musica per Bambini di Oreste De Santis "UN NATALE MAGICO" Farsa in Musica per Bambini di Oreste De Santis *** Attenzione è possibile acquistare il cd musicale ( 20 ) con le canzoni con voce e le basi musicali direttamente dall autore scrivi

Dettagli

Giulia Loscocco. Hao Zhaou

Giulia Loscocco. Hao Zhaou Giulia Loscocco dolce e morbida è piccina piccina e ha il cappello rosso. È sempre triste e certe volte felice. è fatta per essere abitata. La cosa che mi piace di più è il materasso della mia camera.

Dettagli

Diario di ventun giorni

Diario di ventun giorni Diario di ventun giorni Tutti i giorni Al mattino appena ti svegli: Ringrazia per essere vivo/a e per la nuova giornata positiva che stai per vivere. Immagina la giornata e i vari impegni. Alzati e, mentre

Dettagli

MA COSA SARA QUELLO STRANO BIDONE? VIAGGIO AVVENTUROSO NEL MONDO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA A CISTERNA D ASTI 1 19 NOVEMBRE 2010

MA COSA SARA QUELLO STRANO BIDONE? VIAGGIO AVVENTUROSO NEL MONDO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA A CISTERNA D ASTI 1 19 NOVEMBRE 2010 MA COSA SARA QUELLO STRANO BIDONE? VIAGGIO AVVENTUROSO NEL MONDO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA A CISTERNA D ASTI 1 19 NOVEMBRE 2010 Il cantoniere di Cisterna, Roberto Massocco, ci ha portato un bel bidone

Dettagli

Al mare. Al mare. Al mare

Al mare. Al mare. Al mare domani al mare andrò e tanti bagni io farò Poi la crema spalmerò così la pelle non brucerò e se il sole brucia un po' sotto l'ombrellone io starò Ludovica Belmonte 3^C Oggi ho deciso di viaggiare e andare

Dettagli

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania Cara Arianna, ciao, io sono Federica D.L. e abito a Latina e frequento la scuola elementare dell IC Don

Dettagli

LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA

LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA C A N I D A S S I S T E N Z A F I D E S LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA r Mirjam Spinnler e Bayou Caro Bayou, che cosa farei senza di te? Con te la mia vita è più semplice, allegra e colorata.

Dettagli

CERCHIO Tutti dicono che sono grasso, che non muovo neanche un passo. Se mi metti in cima a un sasso, vengo giù con grande spasso. Sono ciccio, un bombolone, gonfio, bonzo, un panettone, ma non perdo mai

Dettagli

Dark alice in wonderland

Dark alice in wonderland Dark alice in wonderland Laura D Agostino DARK ALICE IN WONDERLAND racconto Ad Elisa, Ciasky, Ary e al mio Bianconiglio Per aver sempre creduto in me TUTTE LE CANZONI FINISCONO MA E UN BUON MOTIVO PER

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

I piccoli poeti della 5^ A Scuola Primaria

I piccoli poeti della 5^ A Scuola Primaria I piccoli poeti della 5^ A Scuola Primaria ins. Antonietta Scarcella Il Natale. Ogni anno arriva il Natale E noi bambini felici siamo. Tutti contenti per i doni che riceviamo, Anche gli adulti sono contenti,

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

POESIE DAL CUORE. Concorso "Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco

POESIE DAL CUORE. Concorso Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco POESIE DAL CUORE Concorso "Don Bosco 2012 Prendimi per mano... Don Bosco di Matteo Melis, 3 a A (primo classificato) Proprio tu sei l amico più importante PeR ragazzi come me PiEno di ideali, desideri

Dettagli

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere Luigi Broggini In fondo al Corso poesie Le Lettere Paesaggio romano con leone di pietra, 1932. Se qualcuno chiede di me digli che abito sul Corso dove i giorni sono ugualmente felici e le ragazze più belle.

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

HA - A. Domani andrò pranzo dalla zia, invece stasera resterò casa. cena perchè la mamma preparato la torta per dolce.

HA - A. Domani andrò pranzo dalla zia, invece stasera resterò casa. cena perchè la mamma preparato la torta per dolce. HA - A Ricorda: HA verbo indica possedere, agire o sentire A preposizione risponde alle domande A chi? A fare cosa? Dove? Come? Quando? Completa le frasi con HA oppure con A Domani andrò pranzo dalla zia,

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

Conversazione semi-libera

Conversazione semi-libera Titolo del file: ML05_080212.doc Pseudonimo: DAVID Partecipanti: ML05 DAVID, ML Laurence Data di registrazione: Attività svolte: conversazioni semi-libera; storia per immagini sul pesce; storia per immagini

Dettagli

Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù. Poesia della mia prima elementare

Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù. Poesia della mia prima elementare Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù Poesia della mia prima elementare Sebbene faccio la classe prima Non mi è difficile parlare in rima, teco l augurio che il cuor mi detta

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Unità III Gli animali

Unità III Gli animali Unità III Gli animali Contenuti - Fattoria - Zoo - Numeri Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Roberto racconta L Orsoroberto si presenta e racconta ai bambini un poco di sé. L Orsoroberto ama mangiare il miele,

Dettagli

Donato Panza LA VOCE DELLA LUNA

Donato Panza LA VOCE DELLA LUNA La voce della luna Donato Panza LA VOCE DELLA LUNA Poesie Con questo libro ci sarebbero tanti da ringraziare, ma mi limito solo a ringraziare tutti coloro che mi vogliono bene, e un ringraziamento speciale

Dettagli

Corso d italiano L2 a cura di Paola Sguazza

Corso d italiano L2 a cura di Paola Sguazza Corso d italiano L2 a cura di Paola Sguazza elementare 1 Presentarsi Ciao! Mi chiamo John e sono senegalese. Il mio Paese è il Senegal. Il Senegal è uno Stato dell Africa. Ho 17 anni e vivo in Italia,

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

festa per la famiglia o famiglia per la festa?

festa per la famiglia o famiglia per la festa? Natale: festa per la famiglia o famiglia per la festa? Inserto N. 4 2010 Bè provo un po a spiegarmi: ogni anno mi viene un certo nervosino perchè mi sembra che tutti: la tv, internet, gli amici, le pubblicità

Dettagli

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre!

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre! 1 Oleggio, 11/5/2014 IV DOMENICA DI PASQUA - ANNO A Letture: Atti 2, 14.36-41 Salmo 23 (22) 1 Pietro 2, 20-25 Vangelo: Giovanni 10, 1-10 Il Pastore Bello NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO

UNITA DI APPRENDIMENTO UNITA DI APPRENDIMENTO Io racconto, tu mi ascolti. Noi ci conosciamo Istituto comprensivo n.8 ( Fe ) SCUOLA PRIMARIA DI BAURA Classe seconda Ins: Anna Maria Faggioli, Marcello Gumina, Stefania Guiducci.

Dettagli

Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti

Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti Va bene diventare cameriere però, mangiare tutto quel cibo e bere prima, durante e dopo il pasto è esagerato! Per fortuna che

Dettagli

FLEPY E L ACQUA. Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia

FLEPY E L ACQUA. Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia FLEPY E L ACQUA Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia A G E N Z I A P E R L A P R O T E Z I O N E D E L L A M B I E N T E E P E R I S E R V I Z I T

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO

POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO FAMIGLIA Famiglia è un insieme di persone che riescono a scaldarti il cuore; ti aiutano a passare i momenti peggiori, sanno sempre che fare, sanno

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

http://www.sprachkurse-hochschule.de

http://www.sprachkurse-hochschule.de Lingua: Italiana Livello: A1/A2 1. Buongiorno, sono Sandra, sono di Monaco. (a) Buongiorno, sono Sandra, sono da Monaco. Buongiorno, sono Sandra, sono in Monaco. 2. Mia sorella chiama Kerstin. (a) Mia

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ Proprietà letteraria riservata 2012 Screenpress Edizioni - Trapani ISBN 978-88-96571-42-2 È vietata la riproduzione, anche parziale, con qualsiasi mezzo effettuata

Dettagli

SALVIAMO LA TERRA INQUINAMENTO AMBIENTALE. Scuola dell Infanzia Paritaria San Giuseppe - Portegrandi a.s. 2013

SALVIAMO LA TERRA INQUINAMENTO AMBIENTALE. Scuola dell Infanzia Paritaria San Giuseppe - Portegrandi a.s. 2013 Scuola dell Infanzia Paritaria San Giuseppe - Portegrandi a.s. 2013 Insegnanti : Sartorel Vania e Serena Costantini Con la collaborazione audio e video di alcuni genitori SALVIAMO LA TERRA CORO : la terra

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

Incredibile Romantica. Dimentichiamoci Questa Città

Incredibile Romantica. Dimentichiamoci Questa Città Siamo Solo Noi Siamo solo noi che andiamo a letto la mattina presto e ci svegliamo con il mal di testa che non abbiamo vita regolare che non ci sappiamo limitare che non abbiamo più rispetto per niente

Dettagli

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO 6. ABITO A 7. QUESTA E LA MIA FAMIGLIA: 1 8. A CASA

Dettagli

DAL SEME ALLA PIANTA

DAL SEME ALLA PIANTA SCHEDA N 3 DAL SEME ALLA PIANTA Un altra esperienza di semina in classe potrà essere effettuata a piccoli gruppi. Ogni gruppo sarà responsabile della crescita di alcuni semi, diversi o uguali. Es. 1 gruppo:

Dettagli

Ehi!! PSSS, dopo i doni i doveri!!! Ma non ti preoccupare presto arriverà la mia amica Befana e saranno di nuovo doni. BUON LAVORO

Ehi!! PSSS, dopo i doni i doveri!!! Ma non ti preoccupare presto arriverà la mia amica Befana e saranno di nuovo doni. BUON LAVORO Ehi!! PSSS, dopo i doni i doveri!!! Ma non ti preoccupare presto arriverà la mia amica Befana e saranno di nuovo doni. BUON LAVORO Per avere un ricordo stupendo di questo tuo Natale ricordati di fare il

Dettagli

La Gazzetta di Emmaus

La Gazzetta di Emmaus E D I T O R E E M M A U S S P A A N N O 2 N U M E R O 3 3 Ad Emmaus si canta che è una bellezza S O M M A R I O In Prima 1 Caro amico 2 ti scrivo Eventi 3 Articolo 4 Fashion Lavelli 5 LA SETTIMANA SCORSA

Dettagli