LA VÈRA STÖRIA (?!) D HALLOWEEN E D OGNISSANT

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA VÈRA STÖRIA (?!) D HALLOWEEN E D OGNISSANT"

Transcript

1 FERMÈMÀS UN ZÌC! Tanti lumìtt, tutt sbàrluscènt, strò intasò e tanta gent: l è dumà nuembàr,sì, l è bel,ta dà emuzìon ma, porca miseria, che cünfusìon! I casètt da Natòl tègnan tuta la via, te giri i öcc e te vedi na strìa. Mèza vedrìna, cun züch l è aduböa, e un pora da pén in luminò nà la ströa. na pigna da òv e cülòmb,dasùra dal scafòl, speciàn cal pasa in svelta ul Natòl. A so no se dìgh a la mè neùdìna, quand la ma dìs: che festa è domani mattina? I ropp du la Gésa, cul prüfàn, sa miscìan su e l agenzia la ta prupòn un viag cunvéniènt,sa sì in dù. Sù,su, in svelta a duèm cumprà, se sèmpar in temp, dumàn,a pagà, anca se a Gènòr sarèm tucc senza laurà! No, son mènga nasùa al temp du la guéra, ma quel ca g avevi a mi ma bastava: ul prufum da la pulenta e la stüa ca l andava, dù cùlur da piturà, tacöa a la machinèta, dua la me mama l era drè laurà. Dumà a la Madòna,cun tutt i fiurìtt, sa tirava fora ul prèsépi, cun un pora da lumìtt, e quel dì, dopu la benedizìon, al sa verdea quel scatulòn. Gh era sempar na quei bala da vedàr,in fond schèpöa, un pora da pastùr e quela statuìna, che l an pasò, te le menga truöa. Ul presepi però a duèm anca mò fa, e alura, prepàras,mèt su na sciarpìna, nàl büsch duèm andà, par fà la mugnìna! cèrt ca le bèl, hèm fai un bel laurà. Le munanca da nàs però ul Bambèn, nascondal lì dadrè dul pèn! E incò ta vori dunà, cara Rebecca, un po da prufùm da quei temp là. Ma nonna, come sei vecchia! Al so, però ven chì un mumentèn e sta chi sòta al pèn..te senti nò l udùr cal gà ul mandarèn? ma te se sicura da sta ben? Po, guarda lì, ul növ almanàch, par piasè, te a giràl pìan pìan, quasi da stràch, e sciuscià dì, par dì, tuti i bei ropp, serenamènt, cun chi ta vor ben. Ma, ma raccomandi, senza cur, adasi adasi, piàn pianèn

2 Traduzione FERMIAMOCI UN MOMENTO! Tante luci, tutte luminose,strade intasate e tanta gente: è solo novembre, sì è bello, ti dà emozione ma porca miseria, che confusione! Le casette di natale riempiono la via, giri gli occhi e vedi una strega. Mezza vetrina è addobbata con zucche e un paio di alberi sono illuminati nella strada. Un mucchio di uova e colombe, sopra lo scaffale, aspettano che passi in fretta il Natale. Non so cosa dire alla mia nipotina quando mi chiede che festa è domani mattina? Le cose di Chiesa col profano si mischiano e l agenzia ti propone un viaggio conveniente,se siete in due. Su, su in fretta, dobbiamo comprare, sei sempre in tempo domani a pagare, anche se a Gennaio saremo tutti senza lavoro! No, non sono nata al tempo della guerra, ma quello che avevo a me bastava: il profumo della polenta e la stufa che andava, due colori per dipingere,vicino alla macchinetta dove la mia mamma lavorava. Solo al giorno della Madonna, con tutti i bambini si tirava fuori il presepio e qualche lumicino, e quel giorno, dopo la benedizione, si apriva quello scatolone: C era sempre qualche palla di vetro, in fondo, rotta, un paio di pastori e quella statuina, che l anno scorso non l avevi trovata. Il presepe, però, dobbiamo ancora farlo, e allora, preparati, metti una sciarpina, nel bosco dobbiamo andare, per prendere il muschio! Certo che è bello, abbiamo fatto un bel lavoro, non è ancora nato Gesù Bambino, nascondilo dai, dietro al pino! E oggi ti voglio donare, cara Rebecca, un po di profumo di quei tempi là Ma nonna, come sei vecchia! Lo so, però vieni qui un momentino e sta qui sotto al pino...non senti l odore che ha il mandarino? ma sei sicura di star bene? Poi guarda lì il nuovo almanacco, per piacere, devi girarlo piano piano, quasi da persona stanca, e succhiare, giorno per giorno, tutte le belle cose, serenamente, con chi ti vuole bene. Ma, mi raccomando, adagio, adagio, piano pianino..

3 LA VÈRA STÖRIA (?!) D HALLOWEEN E D OGNISSANT Sù in Paradìs, a duì savé che da gent cun l aurèola ghe ne su tanta e tucc sa guardàn e sa saludàn cun sùris e cun grand riverenza. Han sentù, un dì, che giò su la tera, par menga laura, sul tacuèn han metò su na quei festa in pù. G han dumandò alura al San Pèdar(quel cal vèrd la porta e che la sèra) se quel c han sentù l era propri vera. Sì, l è vera, San Martèn, i fan baldoria, i mangìan e bèun ul ven, intant, tì, te se chi a fa i traslòch, te sudi, te sposti e te se pien da gnòcc! E ti, Santa Cecilia, che par tutt l an, te söni sti strùment, tà servìss un dì par ripusà i man. ul fiöd e la ment! O adestrò ul luff, o fai cantà pasarìtt e üsei al dìs San Francesco, e g ho insegnò ul mesteè anca ai mè fradei Son bon nanca pù da mirà al cör! disperò ul San Valentino al vùsa: sa vò innanz inscì, pù nesòn al sa spùsa! E violtar, Sant Minùr al ciama ul San Pèdar, ca sì là in un cantòn, levèas su, in pè, ca duèm fa ribellìon! Sentù ul gibilè e tantu rumur i vègnan tücc ciamò na la cà dul Signur. V ho sentì sacramentà, par tutt i fèst che su la tèra in drè fa. invece violtar a duì laura dal prim gènòr a la fen du l an: Be, piantèla lì da bàt la fiàca e da menà ul türón, va dò ul permès, stanöcc, da fa un festòn Andì a too lumìtt sbarluscènt e ciamè tanta gent, bìndéi da ragnèr tra na niüla e l öltra e tra negàr minìtt, meteè na quei zuca,cun dì lantérnìtt, Ciapè anca i biscòtt e un quei bumbunén, g he sèmpar in gir un quei fiürèn. Al fò par fa girà anca l ecünomia e va dò ul permès d invidà na quei strìa. Ma la nuita la finiss menga chi. finì la festa, San Pèdar, ciava l ürcc, sera sù l antipört, che sta gent la vöri lasala durmì. Na giurnöa speciòl dumàn va vöri regala, un dì intèr par pudè ripusà, inscì che tücc i oman va dèan santificà.

4 TRADUZIONE LA VERA STORIA(?!) DI HALLOWEEN E DI OGNISSANTI Sù in Paradiso, dovete sapere, che di gente con l aureola ce né su tanta e tutti si guardano e si salutano con sorrisi e con grande riverenza. Hanno sentito, un giorno, che giù sulla terra, per non lavorare, sul calendario hanno inserito qualche festa in più. Hanno chiesto allora a San Pietro(quello che apre la porta e che la chiude) se quello che hanno sentito era proprio vero. Sì, è vero, San Martino, fanno baldoria, mangiano e bevono il vino, intanto tu, sei qui a fare i traslochi, sudi, sposti le cose e sei pieno di lividi! E tu, Santa Cecilia, che per tutto l anno, suoni gli strumenti, ti serve un giorno per riposare le mani, il fiato e la mente.! Ho addestrato i lupi, ho fatto cantare passerotti e uccellini dice San Francesco e ho insegnato il mestriere ai miei fratelli Non sono più capace di mirare al cuore, disperato San Valentino grida: Se vado avanti così, più nessuno si sposa! E voi, Santi Minori, chiama San Pietro che siete là, in un angolo, alzatevi,sù, in piedi, che dobbiamo ribellarci! Sentito il vociare e tanto rumore, vengono tutti chiamati nella casa del Signore. Vi ho sentito brontolare per tutte le feste che sulla terra stanno facendo, invece voi dovete lavorare, dal primo gennaio alla fine dell anno. Smettetela di essere così mosci e continuare con questa storia, vi dò il permesso, stanotte, di fare una grande festa. Andate a comprare lumini brillanti e chiamate tanta gente, nastri di ragnatele tra una nuvola e l altra e tra gatti neri mettete qualche zucca illuminata. Prendete anche biscotti e qualche dolcetto, c è sempre in giro qualche bambino. Lo faccio per far girare anche l economia e Vi dò il permesso d invitare qualche strega. Ma la novita non finisce qui.. Finito la festa, San Pietro, chiudi a chiave la porta, chiudi il portone, che questa gente la voglio lasciar dormire. Una giornata speciale domani, vi voglio regalare, tutto il giorno per poter riposare, così che tutti gli uomini vi devono santificare!

5 N URAZION PAR NATÒL UNA PREGHIERA PER NATALE N urazìon par Natòl Una preghiera per Natale par i vècc e i malò per i vecchi e gli ammalati e par i nóni e i neùdìtt per i nonni e i nipotini quela pusè speciòl. quella più speciale. Par i mam e i papà Per le mamme e i papà anche anca na benedizìon par stà insèma una benedizione per stare insieme e dògh ai fiò na sana educazìon. e dare ai figli una sana educazione. N urazion par Natòl Una preghiera per Natale par chi l è in gir a cumprà per chi e in giro a comperare e par chi al g ha nanca e per chi non ha neanche i danè par mangià, i soldi per mangiare. par tucc i fürest e i vù cumprà Per tutti gli stranieri e vù cumprà e i person ca cüran i tò, e le badanti che curano i tuoi parchè tì, te anda a scià. Parenti, perché devi andare a sciare. Urazìon pusè granda par chi l è sù a cumandà, magiüranza e üpusizìon: cà la mücan da risià! Par chi,su e giò, teme un matt, al cùr tutt ul dì, ai giulai e ai tanti ciaparàtt. Una preghiera più grande per chi ci comanda, maggioranza e opposizione: che la smettano di litigare! Per chi, come un matto, corre tutto il giorno,ai perdenti e ai tanti fannulloni. N urazion par Natòl, Una preghiera per Natale al so persunòl, a la redazìon al suo personale, alla redazione e a Lù, sciur Diretùr, e a Lei, signor Direttore, par fa lèg dumà ropp bèi per far leggere solo cose belle ai vostàr letùr. ai vostri lettori. N urazìon par mì Una preghiera per me, ma la vori riservà, me la voglio riservare parchè a g ho in mènt perchè ho in mente tanti bei ropp, anca mo da fà tante cose belle,, ancora da fare e sopratutt,par i tant gènt e soprattutto,per le tante persone ca g ha varò da supurtà! che dovrò sopportare!

6 I öcc dü la mè vita (la mè mama) E sì, mi tà guardi, dü smàcc cèlest, in una fàcia scarnìa, in fìss, quasi asent, e ta guardi,ma, purtròpp le mì, ca son present. Te giri i öcc, so nò sa tè guardi, ne sa tè pènsi, ma, ma mì, ma fèrmi un zìc e ma vègnan in mént, bastava guardài chi öcc lì: à la matìna,vìv, lùminús, cün tanta vöia da fà e la bèléza dùl dì d afruntà. Quand eran stràch, tei sfreghèi un po, pö, giò, su la machìneta, a laurà, anca mò. Quand, pö,andava stòrt un quei cös e nà quei làcrima la segnèa ül nös, capìum nonch fiϋrìtt, ma tì, te ma disèvi: in stài i mϋschìtt! E nei dì cà g avevi un po da malincϋnìa, tì, ti me guardàvi e ti ciapèa i me màn : sù, sù, ca l è bèll ul tò dumàn! Incö te sè chì, ti sa mòi nò, i tò öcc in gelò,ma sémpar bón. Perdònam però,sa ma vègn un zìc da magón parchè,come tücc i dì, mì al sò,sa ma vòran dì!

7 Traduzione: Gli occhi della mia vita(la mia mamma) E sì, io ti guardo due macchie celesti,in una faccia scarna. Sono fissi, quasi assenti,io ti guardo,ma purtroppo, sono io,che sono presente. Giri gli occhi,non so cosa guardi, ne cosa pensi, ma, ma io,mi fermo un momento e mi vengono in mente: bastava guardare quegl occhi lì : alla mattina vivi, luminosi, con tanta voglia di fare e la bellezza del giorno da affrontare! Quando erano stanchi, li sfregavi un po, poi giù, sulla macchina da cucire a lavorare,ancora un po. Quando poi andava storto qualche cosa e qualche lacrima seguiva il naso capivamo noi bambini Ma tu mi dicevi: sono stati i moscerini! E nei giorni che avevo un po di malinconia, tu mi guardavi e prendevi le mie mani: su, su, che e bello il tuo domani! Oggi sei qui e non ti muovi, i tuoi occhi sono gelati, ma sempre buoni. Perdonami, però,se mi viene un po di magone Perché, come tutti i giorni, io lo so,cosa mi vogliono dire!

8 NA PIANTA SPECIÖL Gh,è là, in fond al viöl na pianta grösa, impunènt, un po speciöl. Ül sò nòm scèntìfic l è ÜLMUGA (üliv-muron-üga) e cün tutt ül sò verd la rìnfrèsca e ul tó südúr da paèsan al süga. Quand te pàsi da lì, dipènd da düa te vègni, te podi vide, tra i sò fràsch, tüta la früta ca tà cúnvegn. La stà tra Varès e Mìlan e precisament a Cardàn, ma, fasi in svelta, sà vìdèla vurì gh è ül törl àsiatìc ca le dre fala muri. Traduzione: C è, in fondo al viale Una pianta grossa, imponente, un po speciale; Il suo nome scientifico è OLMUGA (Ulivo, Gelso,Vite) Con il suo verde rinfresca E il tuo sudore di paesano asciuga. Quando passi di lì, dipende da dove vieni, puoi vedere tra le sue foglie, tutta la frutta che ti conviene E tra Varese e Milano E precisamente a Cardano, ma fate in fretta, se volete vederla, c è il tarlo asiatico che sta facendola morire.

9 Te lè trüoa la pianta speciòl? Ti, ca te lègiù, in stò giürnòl L esistenza dü la pianta speciòl E te la cerchi là in fònd al viòl dü paròl tà vori dì, pero stà bèn a sentì: sà te vori ciamà bjgatt o càvalèr quei cà mangìan i fràsch dal mùron, va bè, ma par piase, ròmp nò i maròn! L impurtant,al dì d incòo, l è preservài e curài, sa te pò, e insegnògh ai tò fiöeu,a rispètài, fìn che ghè ne ammò! Mücàla però da cürr ìnnànz e indre, da barbuta e da rìncürr i dane. Fèrmàs un zìc E guärda un po in gìr, gh è tanti bei ròpp che ül mònd al tà po üfrì. Guärda però cün umilta, tutt quèl ca l è visèn a la tò cà: piant, fiour,pra, ognun cul so aspett; a tì e a tucc i fürèst, par piësè, và dùmandi dùmà, d àvegh rispètt.

10 Traduzione: A te che hai letto su questo giornale l esistenza della pianta speciale e la cerchi in fondo al viale, ti voglio dire due parole, però stammi a sentire: Se vuoi chiamare bjgatt o cavaller I bruchi che mangiano le foglie del gelso, va bene, però, non rompere più di tanto. L importante oggi e preservarli e curarli, se puoi, e insegnare ai tuoi figli a rispettarli,almeno un po. Smettila di correre avanti e indietro, di brontolare e di rincorrere i soldi. Fermati un momento e guarda un po in giro, ci sono tante belle cose che il mondo può offrirti. Guarda però con umilta tutto quello che ti sta vicino : piante, fiori, prati, ognuno col suo aspetto. A te, e a tutti gli stranieri, chiedo solo di avere rispetto.

11 Ul dilemma dul dialett Sciur Diretur, a gh o un dilemma, sàl ma vüta un po a capì, forse stasìra a riesi a durmì! Son na nona, menga tant vègia e ma troi chì a pensà se e che dialett ai mè neùd o da fògh po imparà. I parlèan in cà mea ul dialett da Cardàn, la me mama e ul me papa : I mè noni e i lùr parènt i disèan àltar vücabùl e mi spèss a capii nient. O spusò un sardagnò (anzi sörd, se nò al sà ùfènd) e in cà soa o imparò a capì e rispetà, a la fen, ul so parlà. Gh o dù gènàr, vün d ürigìn calabrès e quel öltar l e pugliès(e fin chì le già un casèn). L e vera in nasù tucc e dù a Galarà, cüme istèss la me neùda, cal sò no, se un maruchèn o n albànes a la fèn la spusera. Ul pusè piscinèn, ca lè àpena nasù, la purtera a ca, na cinèsa o vüna dal Perù? A gh ò tantu da laura se a vöri po impara e capi tucc quei ca gìran, nà la mè cà. In tusscoss a gh è ul sò ben e ul sò möl, intant a scrivi cùl me bel dialett su stò giürnòl, parche l è nei prüèrbi e nà la memòria ca la stà la mürol: Le mei pèrd un queicòss, che ritrüàss cün nagöot!

12 Traduzione: IL DILEMMA DEL DIALETTO Signor Direttore, ho un dilemma: se mi aiuta un pò a capire forse stasera riesco a dormire. Sono una nonna non troppo vecchia E mi trovo a pensare se e che dialetto ai miei nipoti dovrò far imparare. Parlavano a casa mia il dialetto di Cardano la mia mamma e il mio papà, i miei nonni e i loro parenti dicevano altre parole e io spesso non capivo niente. Ho sposato un sardegnolo(anzi sardo se no si offende) e in casa sua ho imparato a capire e rispettare alla fine il suo parlare. Ho due generi, uno di origine calabrese e l altro pugliese(e fin quì e gia un casino) E vero, sono nati tutti e due a Gallarate, come pure mia nipote che, non so, se un marocchino o un albanese alla fine la sposera. Il più piccolino che è appena nato, portera a casa una cinese o una del Perù? Ho tanto da lavorare Se vorrò capire tutti quelli che frequenteranno la mia casa. In tutto c è il bene ed il male; scrivo perciò su questo giornale ancora nel mio bel dialetto, perche infine la morale sta nei proverbi e nella memoria: meglio perdere qualcosa che ritrovarsi con niente!

13 URAZION Un ürazìon par ti, ca te sè piscinèn, ta dò ul me amùr, t afìdi al Signùr. Un ürazion par ti ca te inizi la scöla e che gl insegnàment tà rèndan serèn e cùntent Un ürazion par ti ca te se drè spüsàss e te giùri d adèss da purtògh rìspett Un ürazion par ti ca ti tegni ul fiö par màn e tèl guidi vers ul sò dùman Un ürazion par ti, che ul dùman te ghe lè no e che te vusi al Signür tutt ul tò dùlur Un ürazion par ti ca te se senza laura e che par fà crèss i tò fiö, te se nò me fà Un ürazion par ti, par la tò vita gremöa, cun un scüsòn, sa te vöri, te podi strascìala e fan vüna nöa. Un ürazion par ti, quand la vita l è andàia e cun l ùltim respìr, te ma guàrdi e te sè pront par ul pàradìs.

14 Traduzione PREGHIERA Una preghiera per te, che sei appena nato, ti dò il mio amore, t affido al Signore. Una preghiera per te, che inizi la scuola e che gli insegnamenti ti rendano felice e contento. Una preghiera per te che ti stai sposando e che giuri, da subito, di portarle rispetto. Una preghiera per te che tieni tuo figlio per mano e lo guidi verso il suo domani. Una preghiera per te che il domani non ce l hai e che urli al Signore tutto il tuo dolore. Una preghiera per te che sei senza lavoro e per crescere i tuoi figli non sai come fare. Una preghiera per te per la tua vita bruciata se vuoi,con un colpo, puoi stracciarla e farne una nuova. Una preghiera per te quando la tua vita e finita e con l ultimo respiro, mi guardi e sei pronto per il Paradiso.

15 UL FRANZÓN Cun la me manina al sicur, tra la man dul me papà, sèm rivò tacò al purtòn, dua a ga stà ul so amìs Franzòn. Dù o trì can in sémpar in gir in da caccia e senz oltar senza ul petigrì. Là, in fond a la campagna tanti àrni par ul mèl e lu, le là, cun la so tüta, un capelásc cuèrt da rèd Vegn chì, tüsetìna, mo ta fò vidè dua la sta l ape regina A savevi no, che par fa un zìc da mèl, gh era in sci tantu da laurà. Purta chì, Emilia, un cügiarèn, ga fò sagià ul mèl a sto bambèn! Ti, Franzòn, lasa lì quel laurà, han verdù la càcia e dumàn duèm andà. Ho preparò la cartùciéra, cun i cartùcc gia tücc pasò, i stivöi e ul fusìl, bei lustrò, in già pront par vèss usò. Pasa tì, dumàn matìna, ma spècia ul Valerio e ul Lino, propri in fònd a la stradina, Mi, quest ann ma son ingegnò, par ul me can, o metu su un bel àss su la biciclèta, al porti pù, quand le stràch in spalèta! Bràu, Ermano, to lo sèmpar dì, cul cervél pien d idée, tì ti duei fa l ìngegnèr; menga a sta chi, a laurà e sgubà da la sìra a la matìna, par i tò fiö e la Giusepìna! Te ghè rasòn, caro Franzòn, sa gh avevum, un quei milìon, sérum chi no a sapà ul frument e ul furmantòn!

16 Ul paès l è drè murì? No,no,ul paès l è mènga mort! la ma dìs na dona,su l ürc da cà. I mort i a tröa là, pusè innanz, dua gh è ul campusànt! A turni indrè, mi speranzùsa, tra stradìn e mür vècc, ca ma cugnùsan a memória, fin da quand s eri na tùsa. Un quódar da la Sacra Famiglia sul mür l è pitüròa, cun culùr un pò sbiadì e la fàcia dul Bambèn, un po smagiòa; l è lì, dasùra d un pürtòn mèz rót e un po rütond. La discesa a gradòn da sass, cà la porta a la vègia posterìa, l è quatòa par un po cun rampicànt e cun l erba ca la bisìa. La piàza l è sveglia e sempàr bèla,sota al su, però gh è in gir nisòn, anca se in già dès ur. Dumà na dona, cul bursèn in man la pasa e a fadìga la fà un para da gradòn, senza guardà in gir, par menga ciapà sù, un quei scarpuscìon. Trì curidùr a fan l ultima salìa,la pusè sudòa e sa fèrman, dumà un mumènt, a quela funtana cun l acqua ciòra e gelòa. I basèi de la gésa, amìs di nostar giügh e di nostar lacrìm,quand a burlèum giò, in chì, chi spècian na quei güta da gelato e che un quei fiò i a cunsùman anca mo un po. I campàn a sònan l ura de la Messa, chissà se un quei von al va lì ammò a pregà! A pìzi na candìla,par dògh cumpagnìa a quel óltra, vègnan innànz dù vècc e sa sètan giò, visèn a la pórta. A fò un altar gir, e a vedi tanti cadenàsc chi sèran i purtón. A ripensi a quel che quéla dona la mà dì: ul paès l è menga mórt, ma mi, mà vult indrè e cun un zìc da magòn,prima d andà via, disi pör paès, te se menga mórt, ma te se drè fà na longa agünia.

17 Il paese sta morendo? TRADUZIONE No,no, il paese non è morto! mi dice una donna sull uscio di casa, i morti li trova là, più avanti, dove c è il camposanto! Torno indietro, speranzosa, tra stradine e muri vecchi che mi conoscono a memoria, fin da quando ero bambina. Un quadro della Sacra Famiglia è dipinta sul muro, con colori un pò sbiaditi, e la faccia del Bambino, un po macchiata; è lì, sopra ad un portone, mezzo rotto e un po rotondo. La discesa a gradoni di sassi, che porta alla vecchia posteria, e coperta per un po, con dei rampicanti e con ortiche. La piazza e sveglia e sempre bella,sotto il sole, però non c è in giro nessuno, anche se sono già le dieci. Solo una donna, col portamonete in mano, passa e, a fatica, scende un paio di gradoni, senza guardare in giro, per non inciampare. Tre corridori fanno l ultima salita,la più sudata e si fermano, solo un momento, a quella fontana con l acqua chiara e gelata. I gradini della chiesa, amici dei nostri giochi e delle nostre lacrime quando cadevamo, sono qui che aspettano qualche goccia di gelato e che qualche bambino li consumi ancora un po. Le campane suonano l ora della Messa, chissà se qualcuno va ancora lì a pregare! Accendo una candela, così fa compagnia all unica che è accesa. Entrano due anziani e si siedono vicino alla porta. Faccio un altro giro e vedo tanti catenacci che chiudono i portoni. Ripenso a quella donna che mi ha detto: Il paese non e morto! Mi giro e con un pizzico di magone,prima di andare via, dico povero paese,non sei morto,ma stai facendo una lunga agonia!

18 Un vècc curtil Un grand curtìl, cun i sàss pestò, gabièt da cünìli e pulè, ognun ul sò. Ogni porta da ingrèss, cui ténd par ul sù, nanca una istèsa,una rüssa,una giolda e una blö. Un para da cèss nascundù,cun dì vòs tacò su; fiür culurò e prüfumò, par fa sentì nò l udùr. Na gabìa da usèi tacò sul mùr e i minìtt ch in in gir e che guardan in su. Du töùl da sàss visèn a la rèd e na quei cadrèga par pudè ripusass. Biciclètt,balòn,püpó, bugètt in giügh da tùcc da fiò e da tusanètt, guardò sèmpar da quei vòn tacò visèn a l ürcc. Gh è sèmpar na quei nóna par dógh un öcc ai bagài, ca le lì pronta a vüsà o a dàt un tòc da pantranvai. L è sempar ul pusè grand cal riempìss ul bagnèn par mèt na barchèta e fa giugà ul piscinèn. Nal grand curtìl serà su dal cancèl, sa giüga tucc insema, ma senza fa bùrdel. Sa giüga duma cun tanta fantasia, ma tutt quel ca fasèum, al gh à incò, par mì, un sentùr da rispètt e da grand poesia.

19 Traduzione Un vecchio cortile Un grande cortile a sassi, gabbie di conigli, pollai, ognuno il suo. Ogni porta d ingresso, con le tende per il sole, neanche una uguale, una rossa, una gialla e una blu. Un paio di gabinetti nascosti, con dei vasi appesi, fiori colorati e profumati, per non far sentire l odore. Una gabbia di uccelli appesa al muro e i gatti che sono in giro e che guardano in su. Due tavoli di pietra vicino alla rete e qualche sedia per riposarsi. Biciclette,palloni,bambole, biglie sono giochi di tutti, di bambini e bambine, guardate sempre da qualcuno vicino alla porta di casa. C è sempre qualche nonna per dare un occhio ai bambini, che è pronta a sgridare o a darti un pezzo di pantranvai. E sempre il più grande che riempie la bacinella per mettere una barchetta e far giocare il più piccolino. Nel grande cortile, chiuso dal cancello, si gioca tutti insieme, senza fare bordello Si gioca solo con tanta fantasia, ma tutto quello che facevamo, ha oggi, per me, un senso di rispetto e di grande poesia. A seguito dello scritto di VITA VISSUTA (Ul puppurot, el minit e la pita) di Angelo Luini dell , preciso la traduzione dialettale (del gallaratese): gatto/gattino: minén, miscén o gatén gatti/gattini: minìtt, miscìtt o gatìtt Minìtt sono detti anche i germogli pelosi primaverili di un arbusto della famiglia dei salici che troviamo nelle nostra brughiera.

20 la storia dul Viva La Gènt da Cardàn Gh era un sciur,tanti an fa, ca l era stuf da vidè giruvagà quei quatar tùsan e la pensò ben, da metai lì a cantà. L era l an sessantòtt, l an du la rivoluziòn e quei quatar tùsan, sù a l esìli, han cuminciò a strimpelà na quei canzòn. Dopu ch em vist ul Viva la Gent americàn ul Sandro la pensò ben da furmà un bel grùp anca chì a Cardàn. Par andà fora da cà,l era na bèla manèra, truàs, cantà,andèum propri vulentèra. Nal curs di an,se comprò strùment, ghe vegnù dentar fiou, tùsan e un bel po da gènt; microfun nov, tanti lùs e na grand batterìa, a vìdè stì fiou ta vegnèa par forza l alegrìa. Han girò da chì e da là e in tucc stì an stranier e italian an fai cantà. Cun tantu amur han purtò in gir realtà, speranza e alleviò un quei dùlur. Han cantò, dentàr chi,propri in tanti e quei quàtar tùsan,adess ch in innànz cui an, a guardàn,cun un zìc da magòn, un lùr fiou o un lùr neud cal canta quala stessa canzòn. Sperèm dumà che ul Sandro al stia bèn par purta inanz sta storia e cuntinuà a faà dul bel. L è no nustalgìa quel c ho scriù, l è testimonianza di mument san e seren c ho vissù. L è propri par quel che sto grùp chi, dopu tanti ann, l è sempàr vìv e l è anca mo chì. Se tucc guardàssim, la gent ca gh emm visèn,cun umilta e favur, ga sarìa na quei risioa in meno e un po pusè d amur. E anca violtàr, quand i pensier in brut e i ropp dul dì, in tanti da afrunta, alura, alura verdè la buca, e insèma a nonch,incuminceè a cantà. Jvana Piotti Dejana

Canzoni popolari. Melissa Jacobacci. 3 scuola elementare. Chiara Caverzasio e Renata Verzaroli. 4 a scuola elementare

Canzoni popolari. Melissa Jacobacci. 3 scuola elementare. Chiara Caverzasio e Renata Verzaroli. 4 a scuola elementare Canzoni popolari Melissa Jacobacci Chiara Caverzasio e Renata Verzaroli 3 scuola elementare 4 a scuola elementare ALLA MATTINA C È IL CAFFE Alla mattina c è il caffè, ma senza zucchero, ma senza zucchero;

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Campanile d Oro Edizione 2008. La pioeuva lè. Opera Prima Classificata. Autore: Giovanna Sommariva. Dialetto: Milanese

Campanile d Oro Edizione 2008. La pioeuva lè. Opera Prima Classificata. Autore: Giovanna Sommariva. Dialetto: Milanese Campanile d Oro Edizione 2008 Opera Prima Classificata Autore: Giovanna Sommariva Dialetto: Milanese La pioeuva lè La pioeuva l è canzon fluscent col ritornell de sò truscià l è el pes sui ramm gottent

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.)

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.) Attorno alla Rupe Attorno alla rupe orsù lupi andiam d'akela e Baloo or le voci ascoltiam del branco la forza in ciascun lupo sta del lupo la forza del branco sarà. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

Invece n da stu paes, come sempre, ston i solt casen, il centro è sempre pulito ed in periferia stie na latren.

Invece n da stu paes, come sempre, ston i solt casen, il centro è sempre pulito ed in periferia stie na latren. Cari lettori Oggi della pulizia del nostro paese vi voglio parlare, che per come funziona, troppo cara ce la fanno pagare. Pe quanda solt co senec ne fasce pagà de rummat, Putignan er a iess nu paes, splendente

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

LA STORIA DI GESU. Mentre si trovavano a Betlemme, Maria diede alla luce il bambino.

LA STORIA DI GESU. Mentre si trovavano a Betlemme, Maria diede alla luce il bambino. Lorenzo :ASTRO DEL CIEL, PARGOL DIVIN MITE AGNELLO REDENTOR Coro (2 VO.)TU CHE I VATI DA LUNGI SOGNAR TU CHE ANGELICHE VOCI NUNCIAR Lorenzo RIT: LUCE DONA ALLE MENTI PACE INFONDI NEL CUOR (BIS) Claudio

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen Modo di recitare il Santo Rosario Segno della Croce Credo Si annuncia il primo Mistero del giorno Padre Nostro Dieci Ave Maria Gloria Si continua fino a completare i 5 misteri del giorno Preghiera finale

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16 ALLA SCUOLA MATERNA Marzia: Buongiorno, sono venuta per iscrivere il mio bambino. Maestra: Buongiorno, signora. Io sono la maestra. Come si chiama il bambino. Marzia: Si chiama Renatino Ribeiro. Siamo

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Una libera pensatrice.

Una libera pensatrice. Passato prossimo/imperfetto 1 Leggi il testo e scegli il verbo corretto. Una libera pensatrice. In primavera, quando l aria si riscaldava/si è riscaldata e è diventata/diventava piacevole, noi bambini

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

PETROLINI E' QUELLA COSA CHE TI BURLA IN TON GARBATO POI TI DICE: TI HA PIACIATO? SE TI OFFENDI SE NE FREG. MA TUTTO QUEL CHE SONO

PETROLINI E' QUELLA COSA CHE TI BURLA IN TON GARBATO POI TI DICE: TI HA PIACIATO? SE TI OFFENDI SE NE FREG. MA TUTTO QUEL CHE SONO PTROINI ' QUA COSA CH TI BURA IN TON GARBATO POI TI DIC: TI HA PIACIATO? S TI OFFNDI S N FRG. MA TUTTO QU CH SONO NON POSSO DIR A DIR NON SON BUONO MI PRORO' A CANTAR. I barzelletta NADIA Due popolane

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse)

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) I PRONOMI PERSONALI PRONOMI PERSONALI SOGGETTO Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) Ella, esso, essa sono forme antiquate. Esso,

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen PREGHIERE DEL MATTINO Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Ti adoro Ti adoro, mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano e conservato in questa

Dettagli

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia Una voce oco a / Barbiere di Siviglia Andante 4 3 RÔ tr tr tr 4 3 RÔ & K r # Gioachino Rossini # n 6 # R R n # n R R R R # n 8 # R R n # R R n R R & & 12 r r r # # # R Una voce oco a qui nel cor mi ri

Dettagli

ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO

ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO Iniziamo il percorso ricordando agli alunni le motivazioni che hanno spinto gli uomini a creare sistemi di misurazione del tempo, come fatto già per l orologio. Facciamo

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

SCUOLA PARITARIA BEATA VERGINE DI LUORDES. Holy Christmas Night FESTA DI NATALE 2013/2014. Spiderman

SCUOLA PARITARIA BEATA VERGINE DI LUORDES. Holy Christmas Night FESTA DI NATALE 2013/2014. Spiderman SCUO PARITARIA BEATA VERGINE DI LUORDES Holy Christmas Night FESTA DI NATALE 2013/2014 Spiderman 22/12/2013 CANONE MARCIA DEI - DA LONTAN ARRIVANO T - MI 7 SU T CAMMELLI FIERI E DRAPPEGGIATI - DA LONTAN

Dettagli

MA LE STELLE QUANTE SONO

MA LE STELLE QUANTE SONO LIBRO IN ASSAGGIO MA LE STELLE QUANTE SONO DI GIULIA CARCASI Alice Una vecchia canzone diceva: Tu sai tutto sulla realtà del mercato e qui io ammetto di essere negato. Ma a inventare quel che non c è io

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli