Application of DIAGNOdent was a guide for removing carious dentin with Er:YAG laser

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Application of DIAGNOdent was a guide for removing carious dentin with Er:YAG laser"

Transcript

1 Application of DIAGNOdent was a guide for removing carious dentin with Er:YAG laser Kazuaki Yonemotoa,*, Toru Eguroa, Toru Maedab, Hisayoshi Tanakaa adepartment of Endodontics and Operative Dentistry, School of Dentistry at Tokyo, Nippon Dental University, Fujimi Chiyoda-ku Tokyo, JapanbDivision of General Dentistry, Nippon Dental University Dental Hospital, Fujimi Chiyoda-ku Tokyo, Japan Received 24 November 2004; received in revised form 25 June 2005; accepted 7 July 2005 KEYWORDS Er:YAG laser; Caries removal; Carious dentin; Guide of carious dentin removal; EPMA analysis; Microradiographic observation; SEM observation; DIAGNOdentw Summary Objectives: The purpose of this study was to investigate the DIAGNOdent w values applicable as a guide for removal of outer layer of carious dentin with Er:YAG laser. Methods: Carious dentin of human extracted molars was removed by bur with Caries Detectorw (Group 1: red stained dentin was left, Group 2: light pink stained dentin was left) and by Er:YAG laser with DIAGNOdentw value as a guide (30OGroup 3O21, 20OGroup 4O11, 10OGroup 5). The cavity floor dentin after removing carious dentin was examined using microradiograms, EPMA and SEM. Results: The cavity floor dentin of group 1,3 showed the decreases in the degree of X-ray absorption. In group 2,4 and 5, decrease of Ca, P were not observed. The decrease of Mg was observed on the more superficial part of the cavity floor for group 3 than for group 4. Conclusions: When carious dentin was removed using Er:YAG laser, the carious dentin outer layer was ideally removed with DIAGNOdentw values: DIAGNOdentw values: 11 20, could indicate the completion of outer layer removal of carious dentin with Er:YAG laser, but there are some problems that must be addressed before the clinical application. Q 2005 Elsevier Ltd. All rights reserved. L applicazione del DIAGNOdent si è rivelata una guida per la rimozione della dentina cariata con Laser Er:YAG Kazuaki Yonemotoa, *, Toru Eguroa, Toru Maedab, Hisayoshi Tanakaa Department of Endodontics and Operative Dentistry, School of Dentistry at Tokyo, Nippon Dental University, Fujimi Chiyoda-ku Tokyo, JapanbDivision of General Dentistry, Nippon Dental University Dental Hospital, Fujimi Chiyoda-ku Tokyo, Japan Received 24 November 2004; dott Cosimo Cigliola 204

2 ricevuto nella forma modificata il 25 giugno 2005; accettato il 7 luglio 2005 PAROLE CHIAVI: Laser Er:YAG; Rimozione della carie; Dentina cariata; Guida alla rimozione della dentina cariata; Analisi di EPMA; Osservazione Microradiografiche; Osservazione al SEM; DIAGNOdent Obiettivi sommari: Lo scopo era quello di studiare i valori del DIAGNOdent applicabili come guida per la rimozione dello strato esterno della dentina cariata con Laser Er:YAG. Metodi: La carie della dentina di molari umani estratti è stata rimossa con un Detector della carie (gruppo 1: macchia della dentina color rosso, gruppo 2: macchia della dentina rosa-chiaro) e da Laser Er:YAG con valore del DIAGNOdent come guida (30 Gruppo 3O21, 20 Gruppo 4O11, 10 Gruppo 5). Il pavimento della cavità dentinale dopo la rimozione della carie è stato esaminato usando la microradiografia, EPMA e SEM. Risultati: Il pavimento della cavità dentinale dei gruppi 1,3 hanno mostrato diminuzioni del grado di assorbimento dei raggi X. Nei gruppi 2,4 e 5, non è stata osservata diminuzione di Ca, P ed è stata osservata una diminuzione di Mg sulla parte più superficiale del pavimento della cavità nel gruppo 3 e nel gruppo 4. Conclusioni: la dentina cariata èstata rimossa con Il laser Er:YAG, lo strato esterno della dentina cariata è stata rimossa con valori del DIAGNOdent compresi tra: Questi valori del DIAGNOdent hanno potuto permettere la completa rimozione dello strato esterno della dentina cariata con Il laser Er:YAG, ma ci sono alcuni problemi che devono essere esaminati prima dell'applicazione clinica. Elsevier 2005 di Q srl. Tutti i diritti riservati. L ARTICLE dott Cosimo Cigliola 205

3 You Chan _ Chern-Hsiung Lai Bactericidal effects of different laser wavelengths on periodontopathic germs in photodynamic therapy Received: 29 November 2001 / Accepted: 18 June 2002_ 2003 Springer-Verlag London Limited Abstract This study was an attempt to clarify whether the bactericidal effects of photodynamic therapy (PDT) are wavelength or dose-dependent. We also attempted to create an optimised protocol for a lightbased bactericidal modality to eliminate periodontal pathogens. Cultures of Actinobacillus actinomycetemcomitans, Fusobacterium nucleatum, Porphromonas gingivalis, Prevotella intermedia, and Streptococcus sanguis, were exposed to a He-Ne laser (632.8 nm) with a 30 mw power output, a 100 mw diode laser at 665 nm, or a 100 mw diode laser at 830 nm, in the presence or absence of methylene blue (MB) as a photosensitiser. A control group was also used with exposure to MB alone without laser exposure. The cultures were analysed by viable counts. The results indicated that exposure to the 100 mw laser light could eliminate up to 40% of bacteria on average. In particular, the most effective killing occurred with exposure to laser light in combination with the MB photosensitiser. The results of kinetic studies indicated that the best PDT response rate was achieved with a 60 s (energy density 21.2 J/ cm2) exposure to the 665 nm wavelength diode laser in the presence photosensitiser. In this condition, approximately 95% of A. actinomycetemcomitans and F. nucleatum, and % of the black-pigmented bacteria (P. gingivalis and P. intermedia) and S. Sanguis were eliminated. These results showed that both wavelength and energy density are important factors, and that a low power laser of optimal wavelength and dosage, in combination with an appropriate photosensitiser, is a practical bactericidal modality. We concluded that using a diode laser of proper power and wavelength to deliver 60 s of irradiation could be a useful adjunct with mechanical debridement in the prevention of the re-colonisation of subgingival lesions by pathogenic microorganisms. Keywords Bactericidal Æ Diode laser Æ Methylene blue Æ Oral bacteria Æ Photodynamic therapy Effetti battericidi delle differenti lunghezze d'onda laser sui germi parodontopatici nella terapia fotodinamica Ricevuto: 29 novembre 2001/accettato: 18 giugno 2002 _ 2003 Springer-Verlag London Limited Estratto Questo studio è stato un tentativo per chiarire se gli effetti battericidi della terapia fotodinamica (PDT) dipendono dalla lunghezza d'onda o dalla dose. Inoltre abbiamo tentato di generare un protocollo ottimizzato per la luce in base alla modalità battericida per eliminare gli agenti patogeni parodontali. Colture di Actinobacillus actinomycetemcomitans, Fusobacterium Nucleatum, di Porphromonas gingivalis, Prevotella intermedia e lo streptococco sanguis, sono stati esposti al laser He-Ne ad una lunghezza d onda di (632.8 nm) con uscita di alimentazione di 30 mw, un laser al dott Cosimo Cigliola 206

4 diodo da 100 mw a 665 nm, un laser a diodo da 100 mw a 830 nm, in presenza o assenza di blu di metilene (MB) come fotosensibilizzante. Un gruppo di controllo inoltre è stato usato con esposizione solo al MB senza esposizione al laser. È stata effettuata la conta delle colture. I risultati hanno indicato che l'esposizione alla luce laser da 100 mw ha permesso di eliminare in media più del 40% dei batteri. In particolare, la maggior parte dell efficacia antibatterica si è verificata con esposizione alla luce laser congiuntamente al fotosensibilizzante MB. I risultati degli studi cinetici ha indicato che il tasso di risposta migliore di PDT è stato realizzato con 60 s (densità 21.2 J di energia cm 2 ) di esposizione al laser a diodo con lunghezza d'onda di 665 nm con il fotosensibilizzante. In questa circostanza, circa il 95% dei A. actinomycetemcomitans e del F. Nucleatum e % del neropigmentato i batteri (del P. gingivalis e del P. intermedia) e dello S. sanguis sono stati eliminati. Questi risultati hanno mostrato che la lunghezza d'onda e la densità di energia sono fattori importanti, e che un laser a bassa potenza con una lunghezza d'onda ottimale e dosaggio, in combinazione ad un fotosensibilizzante, è una pratica modalità battericida. Siamo giunti a conclusione che per mezzcon l utilizzo o di un laser a diodo di alimentazione adeguata e la lunghezza d'onda per trasportare 60 s di irradiazione ha potuto essere a aggiunta utile con il debridement meccanico in prevenzione della ricolonizzazione delle lesioni subgengivali dai microorganismi patogeni. parole chiavi: blu di Metilene; batteri orali; laser a diodo; terapia fotodinamica. dott Cosimo Cigliola 207

5 Lasers in Surgery and Medicine 35: (2004) Therapeutic Ratio Quantifies Laser Antisepsis: Ablation of Porphyromonas gingivalis With Dental Lasers David M. Harris, PhD 1,2* and Michael Yessik, PhD 3 1Bio-Medical Consultants, Inc., 4256 Heyer Avenue, Castro Valley, California 2Department of Preventive and Restorative Dental Sciences, University of California, San Francisco, California 3Incisive, LLC, Richmond, California Background and Objectives: It is established that both pulsed Nd:YAG (1,064 nm) and continuous diode (810 nm) dental lasers kill pathogenic bacteria (laser antisepsis), but a quantitative method for determining clinical dosimetry does not exist. The purpose of this study was to develop a method to quantify the efficacy of ablation of Porphyromonas gingivalis (Pg) in vitro for two different lasers. Study Design/Materials and Methods: The ablation thresholds for the two lasers were compared in the following manner. The energy density was measured as a function of distance from the output of the fiber-optic delivery system. Pg cultures were grown on blood agar plates under standard anaerobic conditions. Blood agar provides an approximation of gingival tissue for the wavelengths tested in having hemoglobin as a primary absorber. Single pulses of laser energy were delivered to Pg colonies and the energy density was increased until the appearance of a small plume was observed coincident with a laser pulse. The energy density at this point defines the ablation threshold. Ablation thresholds to a single pulse were determined for both Pg and for blood agar alone. Results: The large difference in ablation thresholds between the pigmented pathogen and the host matrix for pulsed-nd:yag represented a significant therapeutic ratio and Pg was ablated without visible effect on the blood agar. Near threshold the 810-nm diode laser destroyed both the pathogen and the gel. Conclusions: Clinically, the pulsed Nd:YAG may selectively destroy pigmented pathogens leaving the surrounding tissue intact. The 810-nm diode laser may not demonstrate this selectivity due to its greater absorption by hemoglobin and/or longer pulse duration. Lasers Surg. Med. 35: , _ 2004 Wiley-Liss, Inc. Key words: periodontitis; diode Nd:YAG dental laser; bacterial reduction; laser antisepsis; P. gingivalis Laser nella chirurgia e nella medicina 35: (2004) Rapporto terapeutico quantitativo del laser nell Antisepsi: Eradicazione del Porphyromonas gingivalis con i laser dentali. dott Cosimo Cigliola 208

6 David M. Harris, PhD 1,2* and Michael Yessik, PhD 3 1Bio-Medical Consultants, Inc., 4256 Heyer Avenue, Castro Valley, California 2Department of Preventive and Restorative Dental Sciences, University of California, San Francisco, California 3Incisive, LLC, Richmond, California Scopi e Obiettivi: È stato stabilito che entrambi i laser dentali, ND: YAG pulsato (1.064 nm) e il diodo continuo (810 nm) uccidono i batteri patogeni (antisepsi da laser), ma non esiste un metodo quantitativo per la determinazione della dosimetria clinica. Lo scopo di questo studio era di sviluppare un metodo per misurare l'efficacia nell eradicazione del Porphyromonas gingivalis (Pg) in vitro per azione di due differenti laser. Disegno/materiali e metodi di studio: sono state confrontate le soglie di eradicazione di due laser nel modo seguente. E stata misurata la densità di energia in funzione della distanza d'uscita del sistema di trasporto delle fibre ottiche. Le colture del PG si sono sviluppate sulle piastre con sangue di Agar in condizioni anaerobiche standard. Per le lunghezze d'onda esaminate il sangue di Agar fornisce un'approssimazione del tessuto gengivale poiché contiene emoglobina come assorbente primario. Le colonie del PG sono state sottoposte ad un singolo impulso di energia laser e la densità dell energia è aumentata fino alla comparsa di un piccolo alone contemporaneamente all impulso laser. La densità dell energia a questo punto definisce la soglia di eradicazione. Le soglie di eradicazione ad un singolo impulso sono state determinate sia per il PG che solo per il sangue di Agar. Risultati: La grande differenza delle soglie di eradicazione fra l'agente patogeno pigmentato e la matrice ospite per l impulso ND:YAG ha rappresentato un rapporto terapeutico significativo e il PG è stato rimosso senza effetto visibile sul sangue di Agar. Vicino alla soglia il laser al diodo da 810 nm ha distrutto entrambi, gli agente patogeni ed il gel. Conclusioni: Clinicamente, il ND:YAG pulsato può distruggere selettivamente gli agenti patogeni pigmentati lasciando il tessuto intatto. Il laser al diodo da 810 nm non può dimostrare questa selettività dovuta al relativo assorbimento maggiore verso l emoglobina e/o alla durata più lunga dell impulso. Laser Surg. Med. 35: , _ 2004 Wiley-Liss, Inc Parole chiave: periodontiti; diodo ND: YAG Laser dentale; riduzione batterica; laser antisepsi; P. Gingivalis. dott Cosimo Cigliola 209

7 Lasers in Surgery and Medicine 37: (2005) Clinical Efficacy of Semiconductor Laser Application as an Adjunct to Conventional Scaling and Root Planing Matthias Kreisler, DDS, PhD,* Haitham Al Haj, DDS, and Bernd d Hoedt, DDS, PhD Department of Oral Surgery, Johannes Gutenberg-University Mainz, Mainz, Germany Background and Objectives: The aim of the in vitro study was to examine the clinical efficacy of semiconductor laser periodontal pocket irradiation as an adjunct to conventional scaling and root planing. Materials and Methods: Twenty-two healthy patients with a need of periodontal treatment (15 women, 7 men, mean age 45.0_10.8 years) with at least four teeth in all quadrants, were included. All of them underwent a conventional periodontal treatment including scaling and root planing. Using a split mouth design, two randomly chosen quadrants (one upper and the corresponding lower one) were subsequently treated with an 809 nm GaAlAs laser operated at a power output of 1.0 Watt using a 0.6mm optical fiber. The teeth in the control quadrants were rinsed with saline. The clinical outcome was evaluated by means of plaque index (PI), gingival index (GI), bleeding on probing (BOP), sulcus fluid flow rate (SFFR), Periotest1 (PT), probing pocket depth (PPD), and clinical attachment loss (CAL) at baseline and at 3 months after treatment. A total of 492 teeth in both groups were evaluated and differences between the laser and the control teeth were analyzed using the Wilcoxon test (P<0.05). Results: Teeth treated with the laser revealed a signifi-cantly higher reduction in tooth mobility, pocket depth, and clinical attachment loss. Twelve percent of the teeth in the laser group showed an attachment gain of 3 mm or more, compared to 7% in the control group. An attachment gain of 2 3mmwas found in24%of the teeth in the laser group and 18% in the control group. No significant group differences, however, could be detected for the plaque index, gingival index, bleeding on probing, and the sulcus fluid flow rate. Conclusions: The higher reduction in tooth mobility and probing depths is probably not predominantly related to bacterial reduction in the periodontal pockets but to the de-epithelization of the periodontal pockets leading to an enhanced connective tissue attachment. The application of the diode laser in the treatment of inflammatory periodontitis at the irradiation parameters described above is a safe clinical procedure and can be recommended as an adjunct to conventional scaling and root planing. Lasers Surg. Med. 37: , _ 2005 Wiley-Liss, Inc. Key words: diode laser; scaling and root planing, Laser nella chirurgia e nella medicina 37: (2005) Efficacia clinica del semiconduttore laser irradiato nella tasca parodontale come aggiunta al convenzionale scaling e root planing Matthias Kreisler, DDS, PhD,* Haitham Al Haj, DDS, and Bernd d Hoedt, DDS, PhD Department of Oral Surgery, Johannes Gutenberg-University Mainz, Mainz, Germany dott Cosimo Cigliola 210

8 Obiettivi: Lo scopo dello studio in vitro era di esaminare l'efficacia clinica del semiconduttore laser irradiato nella tasca parodontale come aggiunta al convenzionale scaling e root planing. Materiali e metodi: nello studio erano compresi ventidue pazienti in buona salute con necessità di un trattamento parodontale (15 donne, 7 uomini, 45.0_10.8 anni di età media) con almeno quattro denti in tutti i quadranti. Tutti dovevano subire un trattamento parodontale convenzionale compreso scaling e root planing. Usando un disegno spaccato della bocca, sono stati scelti due quadranti a caso (uno superiore e il corrispondente antagonista) successivamente sono stati trattati con il laser al GaAlAs da 809 nm e un'uscita di alimentazione da 1.0 watt usando una fibra ottica da 0.6mm. I denti nei quadranti di controllo sono stati irrigati con soluzione salina. I risultati clinici sono stati valutati tramite indice di placca (PI), indice gengivale (GI), sanguinamento al sondaggio (Bop), portata del fluido sulculare (SFFR), Periotest1 (PT), profondità di sondaggio della tasca (PPD) e perdita di attacco clinico (CAL) come linea di base e a 3 mesi dopo il trattamento. Sono stati valutati un totale di 492 denti in entrambi i gruppi e le differenze fra il gruppo del laser e i denti di controllo sono stati analizzati usando la prova di Wilcoxon (P<0.05). Risultati: I denti trattati con il laser hanno evidenziato una significativa riduzione della mobilità dei denti, della profondità della tasca e perdita di attacco clinico. Il 12% dei denti nel gruppo del laser ha mostrato un guadagno dell attacco di 3 mm o più, in confronto al 7% del gruppo di controllo. Un guadagno di attacco di 2-3mm è stato trovato nel 24% dei denti nel gruppo del laser e il 18% nel gruppo di controllo. Nessuna differenza significativa del gruppo, tuttavia, è stata rilevata per quanto riguarda l'indice di placca, indice gengivale, sanguinando al sondaggio e la portata del fluido sulculare. Conclusioni: L'elevata riduzione della mobilità dentale e la riduzione della profondità probabilmente non è riconducibile principalmente alla riduzione batterica nelle tasche parodontali ma alla perdita di tessuto epiteliale delle tasche parodontali che conducono a un cambiamento di attacco del tessuto connettivo. L'applicazione del laser al diodo nel trattamento delle periodontiti infiammatorie con i parametri di irradiazione descritti precedentemente è una procedura clinica sicura e può essere suggerita come aggiunta al root planing e scaling. Laser Surg. Med. 37: , _ 2005 Wiley-Liss, Inc Parole chiave: laser al diodo; root planing e scaling. dott Cosimo Cigliola 211

9 Lasers in Surgery and Medicine 38:62 69 (2006) Bactericidal Effects of Diode Laser on Streptococcus mutans After Irradiation Through Different Thickness of Dentin Bor-Shiunn Lee, DDS, MS, PhD,1 Yueh-Wen Lin, DDS, MS,2 Jean-San Chia, DDS, MS, PhD,1 Tseng- Ting Hsieh, BDS,1 Min-Huey Chen, DDS, PhD,1 Chun-Pin Lin, DDS, MS, PhD,1 and Wan-Hong Lan, DDS, PhD 1* 1Graduate Institute of Clinical Dentistry, College of Medicine, National Taiwan University and National Taiwan University Hospital, Taipei, Taiwan 2Dental Department of Taipei Medical University Hospital, Taipei, Taiwan Background and Objectives: A reliable method to eradicate the bacteria of residual carious dentin has not yet been developed. The aim of this study was to evaluate the antibacterial effect of a diode laser on Streptococcus mutans through different thickness (500, 1,000, and 2,000 mm) of human dentin. The thermal effect of laser irradiation was also investigated. Study Design/Materials and Methods: Dentin specimens were inoculated with 2 ml of S. mutans on one side and irradiated by a diode laser on the other side with a power output ranging from 0.5 to 7W. The laser tip was swept with the whole irradiation area of 7 mm_3 mm at a speed of about 10 mm/second with a total irradiation time of 30 seconds. Cooling with distilled water (30 ml/minute) was applied simultaneously during laser irradiation. After laser irradiation, the bacteria was removed from the dentin surfaces and cultured for 48 hours at 37 C anaerobically to assess the colony forming units (CFU) per ml. The morphology of the lased bacteria and the temperature rise during laser irradiation were observed by scanning electron microscope (SEM) and measured by thermocouple, respectively. Results: The results revealed that 7Wof laser power could kill 97.7% of CFU through 500 mm thickness of dentin. However, the bactericidal efficiency was significantly reduced as the dentin thickness was increased. The morphological changes of lased bacteria ranged from less affected such as loss of their wall bands and existence of minicells to more severely degenerated, such as disintegration and fusion of cells with pores on the cell wall. Only the dentin specimens with a thickness of 500 mm exhibited a temperature rise greater than 5.5 C after receiving 5 or 7W of laser irradiation. Conclusions: A diode laser can eliminate the Streptococcus mutans of the residual carious dentin without inducing high pulpal temperature rise when the remaining dentin thickness is greater than 1 mm. Lasers Surg. Med. 38:62 69, _ 2006 Wiley-Liss, Inc. Key words: bactericidal effects; diode laser; streptococcus Mutans dott Cosimo Cigliola 212

10 Laser nella chirurgia e nella medicina 38:62-69 (2006) Effetti battericidi del laser al diodo dopo irradiazione sullo Streptococco Mutans con differente spessore della Dentina Bor-Shiunn Lee, DDS, MS, PhD,1 Yueh-Wen Lin, DDS, MS,2 Jean-San Chia, DDS, MS, PhD,1 Tseng- Ting Hsieh, BDS,1 Min-Huey Chen, DDS, PhD,1 Chun-Pin Lin, DDS, MS, PhD,1 and Wan-Hong Lan, DDS, PhD 1* 1Graduate Institute of Clinical Dentistry, College of Medicine, National Taiwan University and National Taiwan University Hospital, Taipei, Taiwan 2Dental Department of Taipei Medical University Hospital, Taipei, Taiwan Background ed obiettivi: attualmente non esiste un metodo attendibile per eradicare i batteri della dentina cariata residua. Lo scopo di questo studio era di valutare l'effetto antibatterico del laser al diodo sullo streptococco mutans (S. M.) diretto su spessori differenti (0,5 1 e 2 mm) di dentina umana. E stato studiato l'effetto termico del laser. Disegno/materiali e metodi di studio: Esemplari di Dentina sono stati inoculati con 2 ml S. Mutans in un punto e irradiato con un laser al diodo dall'altro lato con una potenza di uscita che varia da 0.5 a 7W. L intera area di irradiazione è stata trattata con una punta laser di 7 mm_3 mm ad una velocità di circa 10 mm/s per un tempo totale di irradiazione di 30 secondi. Durante l'irradiazione laser è stato applicato simultaneamente un raffreddamento ad acqua distillata (30 ml/min). Dopo l'irradiazione laser, i batteri sono stati rimossi dalla superficie della dentina e coltivati per 48 ore a 37 C in condizioni aerobiche per valutare le unità formanti colonie (CFU) per ml. La morfologia dei batteri irradiati e l'aumento di temperatura durante l'irradiazione laser è stata osservata, rispettivamente, al microscopio elettronico a scansione (SEM) e misurazione della termocoppia. Risultati: I risultati hanno rivelato che l'alimentazione laser a 7W potrebbe eliminare il 97.7% di CFU con 0,5 mm di spessore della dentina. Tuttavia, l'efficienza battericida si è sensibilmente ridotta quando è stato aumentato lo spessore della dentina. I cambiamenti morfologici dei batteri irradiati sono variati da effetti minimi, con perdita delle fasce della parete e l'esistenza di minicellule degenerate, a effetti più severi, come la disintegrazione e fusione dei pori della parete cellulare. Soltanto gli esemplari della dentina con uno spessore di 0,5mm hanno mostrato un aumento di temperatura maggiore di 5.5 C dopo essere stati sottoposti a irradiazioni laser a 5 o 7W. Conclusioni: IL laser a diodo può eliminare lo streptococco mutans nella dentina cariata residua senza indurre un aumento della temperatura pulpare quando lo spessore di dentina restante è maggiore di 1 mm. Laser Surg. Med. 38:62-69, _ 2006 Wiley-Liss, Inc Parole chiave: effetti battericidi; laser al diodo; streptococco mutans dott Cosimo Cigliola 213

11 Orhun Dörtbudak Lethal photosensitization for Robert Haas Decontamination of implant surfaces Thomas Bernhart Georg Mailath-Pokorny in the treatment of peri-implantitis Authors affiliation: Orhun Do rtbudak, Robert Haas, Thomas Bernhart, Georg Mailath-Pokorny, Department of Oral Surgery, School of Dentistry of the University of Vienna, Vienna, Austria Correspondence to: Orhun Dörtbudak Department of Oral Surgery, School of Dentistry of the University of Vienna, Währingerstr. 25a, A-1090 Vienna, Austria Tel: ¹¹ Fax: ¹¹ Date: Accepted 20 December 1999 To cite this article: Dörtbudak O, Haas R, Bernhart T, Mailath-Pokorny G. Lethal photosensitization for decontamination of implant surfaces in the treatment of peri-implantitis Clin. Oral Impl. Res. 12, 2001; Copyright C Munksgaard 2001 ISSN Key words: photosensitization, peri-implantitis, diode laser Abstract: Peri-implantitis is considered to be a multifactorial process involving bacterial contamination of the implant surface. A previous study demonstrated that a combination of toluidine blue O (100 mg/ml) and irradiation with a diode soft laser with a wavelength of 905 nm results in an elimination of Porphyromonas gingivalis (P. gingivalis), Prevotella intermedia (P. intermedia), and Actinobacillus actinomycetemcomitans (A. actinomycetemcomitans) on different implant surfaces (machined, plasma-flamesprayed, etched, hydroxyapatite-coated). The aim of this study was to examine the laser effect in vivo. In 15 patients with IMZ implants who showed clinical and radiographic signs of peri-implantitis, toluidine blue O was applied to the implant surface for 1 min and the surface was then irradiated with a diode soft laser with a wavelength of 690 nm for 60 s. Bacterial samples were taken before and after application of the dye and after lasing. The cultures were evaluated semiquantitatively for A. actinomycetemcomitans, P. gingivalis, and P. intermedia. It was found that the combined treatment reduced the bacterial counts by 2 log steps on average. The application of TBO and laser resulted in a significant reduction (P,0.0001) of the initial values in all 3 groups of bacteria. Complete elimination of bacteria was not achieved. Various methods for cleaning of implant surfaces have been described in order to treat failing implants. Among other things, citric acid, airpowder abrasive treatment, mechanical cleaning with curettes or scalers or the application of plasticcoated ultrasonic scalers are used (Lozada et al. 1990; Parham et al. 1989; Fox et al. 1990). The application of powder blasting devices is considered to be the most effective mechanical method (Dennison et al. 1994; Zablotsky et al. 1992a). However, some of the recommended cleaning methods have been reported to change or damage the surface properties of implants (Bergendal et dott Cosimo Cigliola 214

12 al. 1990; Koka et al. 1992; McCollum et al. 1992; Zablotsky et al. 1992b). Systemic administration of antibiotics during the phase of treatment is also thought to have a supporting effect (Mombelli & Lang 1992). A new technique for cleaning of infected implant surfaces in vivo is laser treatment. Effects of an Nd:YAG laser on titanium-spray-coated and hydroxyapatite-coated implant surfaces were examined in a study which revealed undesirable surface alterations and insufficient detoxification (Block et al. 1994). By using a soft laser instead of an Nd:YAG laser, an excellent effect was achieved in cleaning different implant surfaces (Pick & Colvard 1993). Many studies have demonstrated that lethal photosensitization of bacteria can be achieved in vitro (Wilson et al. 1993) without any change in solidus or damage to the treated surfaces. Experimental examinations have revealed that light from a Helium/Dörtbudak et al. Lethal photosensitization in peri-implantitis Neon laser (HE/Ne laser) or a Gallium- Arsenide-Laser (GaAlAs), in combination with appropriate photosensitizers, can achieve a significant reduction in the viability of both aerobics and anaerobics in a solution of subgingival plaque from patients with chronic periodontitis (Wilson et al. 1995; Haas et al. 1997). Especially toluidine blue O (TBO) has shown to be a highly effective photosensitizer (Dobson & Wilson 1992; Wilson et al. 1995). Dobson & Wilson (1992) demonstrated that bacteria associated with periodontal disease can be killed through photosensitization with TBO and irradiationwith ahe/ne soft laser. In an in vitro study, the bactericidal effect of lethal photosensitization was demonstrated on different implant surfaces and resulted in the elimination of all 3 tested bacteria (Haas et al. 1997). This study aimed to examine the effectiveness of lethal photosensitization in treating implant surfaces in vivo by evaluation of remaining levels of A. actinomycetemcomitans, P. gingivalis and P. intermedia. dott Cosimo Cigliola 215

13 Orhun Dörtbudak Lethal photosensitization for Robert Haas Decontaminazione della superfice implantare Thomas Bernhart Georg Mailath-Pokorny in the treatment of peri-implantitis Authors affiliation: Orhun Do rtbudak, Robert Haas, Thomas Bernhart, Georg Mailath-Pokorny, Department of Oral Surgery, School of Dentistry of the University of Vienna, Vienna, Austria Corrispondenza: Orhun Dörtbudak Department of Oral Surgery, School of Dentistry of the University of Vienna, Währingerstr. 25a, A-1090 Vienna, Austria Tel: ¹¹ Fax: ¹¹ Data: Accettato il 20 Decembre 1999 citazioni per questo articolo: Dörtbudak O, Haas R, Bernhart T, Mailath-Pokorny G. Lethal photosensitization for decontamination of implant surfaces in the treatment of peri-implantitis Clin. Oral Impl. Res. 12, 2001; Copyright C Munksgaard 2001 ISSN Parole chiave: fotosensibilizazione, perimplantiti, laser a diodo Riassunto: la periimplantite è considerata un processo multifattoriale che coinvolge la contaminazione batterica della superficie dell impianto. Uno studio precedente ha dimostrato che una combinazione di blu di toluidina TBO (100 mg/ml) ed irradiazione con un soft laser al diodo ad una lunghezza d'onda di 905 nm risultano efficaci nella eliminazione del Porphyromonas gingivalis (P. gingivalis), della Prevotella intermedia (P. intermedia) e dell Actinobacillus actinomycetemcomitans (A. actinomycetemcomitans) sulle diverse superfici di un impianto (lavorato, plasma-spruzzato a fuoco, inciso, rivestito con Idrossiapatite). Lo scopo di questo studio era di esaminare l effetto del laser in vivo. Su 15 pazienti con impianti IMZ che avevano mostrato i segni clinici e radiografici della periimplantite, è stato applicato il blu toluidina sulla superfice dell impianto per 1 minuto e la superficie allora è stata irradiata con un soft laser al diodo ad una lunghezza d'onda di 690 nm per 60s. i campioni batterici sono stati presi prima e dopo l'applicazione della tintura e dopo l irradiazione. Le colture sono state valutate semi-quantitativamente per l A. actinomycetemcomitans, il P. gingivalis del e il P. intermedia. È stato visto che il trattamento accoppiato ha ridotto il numero dei batteri dei ceppi in media di 2 punti. L'applicazione di TBO e del laser ha provocato una riduzione significativa (P, ) dei valori iniziali di tutti e 3 i gruppi di batteri. Non è stata raggiunta l'eradicazione completa dei batteri. Sono stati descritti vari metodi per la pulizia delle superfici degli impianti contaminati da dott Cosimo Cigliola 216

14 batteri. Tra le altre cose sono state usate, acido citrico, trattamento abrasivo con aria-polvere, pulizia meccanica con curettes o scalers o applicazione di scalers ultrasonici rivestiti in plastica (Lozada ed altri. 1990; Parham ed altri. 1989; Fox ed altri. 1990). L'applicazione di polvere per far saltare i dispositivi è considerato come il metodo meccanico più efficace (Dennison ed altri. 1994; Zablotsky ed altri. 1992a). Tuttavia, alcuni metodi di pulizia suggeriti sono stati segnalati essere in grado di modificare o danneggiare la superfice degli impianti (Bergendal ed altri. 1990; Koka ed altri. 1992; McCollum ed altri. 1992; Zablotsky ed altri. 1992b). Inoltre la somministrazione sistematica degli antibiotici durante la fase del trattamento si pensa abbia un effetto di sostegno (Mombelli & Lang 1992). Una nuova tecnica per la pulizia delle superfici dell impianto infetto è il trattamento con il laser in vivo. In uno studio sono stati esaminati gli effetti del Laser al ND:YAG sulle superfici dei impianti rivestiti in titanio e Idrossiapatite ha rivelato alterazioni indesiderabili e un insufficiente detossicazione delle superfici (Block ed altri. 1994). Utilizzando un laser soft anziché un laser al ND:YAG, è stato ottenuto un eccellente effetto di pulitura sulle differenti superfici di impianti (Pick & Colvard 1993). Molti studi hanno dimostrato che la fotosensibilizazione mortale dei batteri può essere realizzata in vitro (Wilson ed altri. 1993) senza cambiamenti della solidità o danneggiamenti del trattato superficiale. Esami sperimentali hanno rivelato che la luce da un Helium/ Dörtbudak ed altri. Fotosensibilizazione mortale nelle periimplantiti Laser al Neon (laser He/Ne) o Gallio Arseniuro-Laser (GaAlAs), in associazione con i fotosensibilizzanti adatti, possono realizzare una significativa riduzione della vitalità sia dei batteri aerobici che anaerobici in una soluzione di placca subgengivale da pazienti con parodontite cronica (Wilson ed altri. 1995; Haas ed altri. 1997). In particolare il blu di toluidina (TBO) si è rivelato un fotosensibilizzatore altamente efficace (Dobson & Wilson 1992; Wilson ed altri. 1995). Dobson & Wilson (1992) dimostrati che i batteri sono associati con la malattia parodontale può essere uccisa attraverso fotosensibilizzatore con TBO e irradiation con soft laser He/Ne. In uno studio in vitro, l'effetto battericida di il fotosensibilizzatore mortale è stato dimostrato sulle superfici differenti del implant e provocato l'eliminazione di tutti e 3 le esaminati batteri (Haas ed altri. 1997). Questo studio ha mirato ad esaminare l'efficacia di photosensitization mortale nel trattare implant superfici in vivo dalla valutazione di restante livelli dei actinomycetemcomitans del A., Gingivalis del P. e intermedia del P. Materials and methods A total of 15 consecutively treated patients (8 women and 7 men, with a mean age 43 years) with peri-implantitis around dental implants were included in this prospective study. The patients hadeither been treated with 1 or several implants. All patients were diagnosed as having periimplantitis with pockets deeper than 5mmand radiographical evidence of progressive bone loss (period of time: 12 months) around the implant. Only 1 implant per patient met these criteria. None of the patients had used antibiotics or had undergone other peri-implant treatment during the 3 months prior to sampling. All patients had been treated with plasma-spray-coated IMZA (Friatec Schütze, Germany) implants (7 maxillary implants and 8 mandibular implants, with a mean service time of 38 months). Surgical procedure Following elevation of a mucoperiosteal flap, the peri-implant dott Cosimo Cigliola 217

15 soft tissue was removed with a plastic scaler in order to expose the implant surface. The implant surface was then rinsed with physiologic. ICLE F. Krause, A. Braun, M. Frentzen The possibility of detecting subgingival calculus by laser-fluorescence in vitro Received: 20 June 2002 / Accepted: 20 June 2002 _ 2003 Springer-Verlag London Limited Abstract The aim of the present study was to investigate laser-fluorescence effects on the root surface. The possibility of detecting subgingival calculus should be evaluated to control complete calculus removal after scaling and root planing. Twenty freshly extracted human teeth, partially covered with calculus on the root surface, were fixed on a translation stage. The specimens were irradiated by light from a laser source (diode laser, <1 mw) with a wavelength of 655 nm using the Diagnodent _-system. To simulate the conditions in a periodontal pocket during the measurement procedure, the teeth were covered by a layer of physiological saline solution or blood in order to determine the influence of different inflammatory fluids. The root surface was scanned on a line of about 1 cm in steps of 0.5 mm. The start and end was marked by a notch. The results of the laser-fluorescence detection were compared to clinical and histological findings. Clinically apparent calculus on the root surface was always accompanied with a statistically significant increase of laser-fluorescence values ( p < 0.05). These values were not influenced by the different fluids ( p < 0.05). The laser-fluorescence values were reproducible ( p > 0.05). After scaling, when no debris remained at the root surface, laserfluorescence values decreased significantly ( p < 0.05). The histological findings supported the clinical results. In conclusion, the present study indicates that laser-fluorescence values on the root surface are strongly correlated to the presence of calculus. This fluorescence effect can basically be used to develop a new detecting system for subgingival calculus in periodontal pockets. Keywords Calculus Æ Diode laser Æ Laser-fluorescence Æ Subgingival scaling F. Krause, A. Braun, M. Frentzen Possibilità di rilevare un calcolo sottogengivale con il laser a fluorescenza in vitro Received: 20 June 2002 / Accepted: 20 June 2002 _ 2003 Springer-Verlag London Limited Abstract Lo scopo del presente studio era di studiare gli effetti del laser a fluorescenza sulla superficie radicolare. La possibilità di rilevare il calcolo sottogengivale dovrebbe essere valutata per controllare dopo il root planing e lo scaling. Venti denti umani estratti di recente, parzialmente coperti di calcoli sulla radice, sono stati fissati su una piastra di trasporto. Gli esemplari sono stati irradiati da una dott Cosimo Cigliola 218

16 fonte luminosa laser (laser al diodo, <1 mw) con una lunghezza d'onda di 655 nm usando il Diagnodent system. Per simulare le condizioni di una tasca parodontale durante la procedura di misurazione, i denti sono stati coperti da uno strato di soluzione fisiologica o amina per determinare l'influenza dei differenti liquidi infiammatori. La superfice radicolare era stata esplorata da una linea di circa 1 cm con un gradino di 0.5 millimetri. L'inizio e l'estremità sono stati contrassegnati da una tacca. I risultati della rilevazione del laser a fluorescenza sono stati confrontati clinicamente e istologicamente. Il calcolo presente sulla superficie della radice è stato accompagnato clinicamente sempre da un aumento statisticamente significativo dei valori del laser a fluorescenza (p < 0.05). Questi valori non sono stati influenzati dai differenti liquidi (p < 0.05). I valori del laser a fluorescenza erano riproducibili (p > 0.05). Dopo lo scaling, quando non ci sono rimasti residui sulla superficie radicolare, i valori del laser a fluorescenza sono diminuiti significativamente (p < 0.05). I risultati istologici hanno confutato i risultati clinici. In conclusione, il presente studio indica che i valori del laser a fluorescenza sulla superficie della radice sono correlati fortemente alla presenza del calcolo. L effetto della fluorescenza può essere usato come base per sviluppare un nuovo sistema di rilevazione del calcolo sottogengivale nelle tasche parodontali. parole chiavi: Scaling Sottogengivale, calcolo, laser al diodo, Laser a fluorescenza. dott Cosimo Cigliola 219

17 Low-Energy Diode Laser Irradiation Reduced Plasminogen Activator Activity in Human Periodontal Ligament Cells Yasuhito Ozawa, DDS, PhD,1 Noriyoshi Shimizu, DDS, PhD,1* and Yoshimitsu Abiko, DDS, PhD2 1Department of Orthodontics 2Department of Biochemistry, Nihon University School of Dentistry at Matsudo, Matsudo, Chiba 271, Japan Background and Objective: The plasminogen activator (PA)-plasmin proteolytic system is implicated in the degradation of the extracellular matrix in inflammation. Since human periodontal ligament (PDL) cells produced high PA activity in response to mechanical stress, excessive mechanical stress to PDL cells such as occlusal trauma may induce collagen breakdown through activation of the PA-plasmin system. As low-energy laser irradiation has anti-inflammatory effects, we examined the effects of low-energy laser irradiation on the PA-plasmin system in stretched PDL cells in vitro. Study Design/Materials and Methods: Human PDL cells obtained from healthy premolars were mechanically stretched and Ga-Al-As low-energy laser was irradiated (830nm, 3.95 to 7.90 J/cm2) to the stretched cells. Results: PDL cells showed a marked elevation in PA activity in response to stretching, which was significantly inhibited by a laser irradiation in a dose-dependent manner (55 86%, p < 0.001). This effect could involve transcriptional events of tissue type (t) PA gene. Conclusion: These results suggests that laser irradiation may reduce collagen breakdown around the PDL associated with traumatic occlusion. Lasers Surg. Med. 21: , Wiley-Liss, Inc. Key words: Ga-Al-As diode laser; mechanical stress; periodontal ligament; plasminogen activator-plasmin system L Irradiazione con laser a diodo a bassa energia riduce l Attività dell'attivatore Plasminogeno parodontale delle cellule umane del legamento Yasuhito Ozawa, DDS, PhD, 1 Noriyoshi Shimizu, DDS, PhD, 1* e Yoshimitsu Abiko, DDS, PhD2 1Department dell'ortognatodonzia 2Department di biochimica, scuola dell'università di Nihon di odontoiatria a Matsudo, Matsudo, Chiba 271, Giappone Background ed obiettivi: L'attivatore plasminogeno (PA)-plasmina del sistema proteolitico è implicato nella degradazione della matrice extracellulare nel processo infiammatorio. Le cellule del legamento parodontale umano (PDL) producono un alta attività di PA in risposta allo sforzo meccanico, un eccessivo sforzo meccanico al PDL quale il trauma occlusale può indurre le cellule del collageno la ripartizione con attivazione del sistema del PA-plasmina. L'irradiazione con un laser a bassa energia ha effetti antinfiammatori, noi abbiamo esaminato gli effetti delle irradiazioni con laser a bassa energia sul sistema della PA-plasmina in cellule allungate di PDL in vitro. dott Cosimo Cigliola 220

18 Disegno/materiali e metodi di studio: Cellule umane di PDL ottenute da premolari sani sono state allungate meccanicamente e irradiate con un laser a bassa energia Ga-Al-As (830nm, 3.95 a 7.90 J/cm 2 ). Risultati: Le cellule di PDL hanno mostrato una elevata attività di PA in risposta all'allungamento, che è stato inibito significativamente dall irradiazione del laser in un modo dose-dipendente (55-86%, p < 0.001). Questo effetto ha potuto coinvolgere gli eventi di trascrizione del tessuto di tipo(t) del gene PA. Conclusione: Questi risultati indicano che l'irradiazione col laser può ridurre la ripartizione del collageno intorno al PDL associato al trauma occlusale. Laser Surg. Med. 21: , Wiley-Liss 1997, Inc. Parole chiave: laser al diodo Ga-Al-As; stress meccanico; legamento parodontale; sistema attivatore-plasmina del plasminogeno dott Cosimo Cigliola 221

19 Application of DIAGNOdent as a guide for removing carious dentin with Er:YAG laser Kazuaki Yonemotoa,*, Toru Eguroa, Toru Maedab, Hisayoshi Tanakaa adepartment of Endodontics and Operative Dentistry, School of Dentistry at Tokyo, Nippon Dental University, Fujimi Chiyoda-ku Tokyo, Japan bdivision of General Dentistry, Nippon Dental University Dental Hospital, Fujimi Chiyoda-ku Tokyo, Japan Received 24 November 2004; received in revised form 25 June 2005; accepted 7 July 2005 KEYWORDS Er:YAG laser; Caries removal; Carious dentin; Guide of carious dentin removal; EPMA analysis; Microradiographic observation; SEM observation; DIAGNOdentw Summary Objectives: The purpose of this study was to investigate the DIAGNOdent values applicable as a guide for removal of outer layer of carious dentin with Er:YAG laser. Methods: Carious dentin of human extracted molars was removed by bur with Caries Detectorw (Group 1: red stained dentin was left, Group 2: light pink stained dentin was left) and by Er:YAG laser with DIAGNOdentw value as a guide (30OGroup 3O21, 20OGroup 4O11, 10OGroup 5). The cavity floor dentin after removing carious dentin was examined using microradiograms, EPMA and SEM. Results: The cavity floor dentin of group 1,3 showed the decreases in the degree of X-ray absorption. In group 2,4 and 5, decrease of Ca, P were not observed. The decrease of Mg was observed on the more superficial part of the cavity floor for group 3 than for group 4. Conclusions: When carious dentin was removed using Er:YAG laser, the carious dentin outer layer was ideally removed with DIAGNOdentw values: DIAGNOdentw values: 11 20, could indicate the completion of outer layer removal of carious dentin with Er:YAG laser, but there are some problems that must be addressed before the clinical application. Q 2005 Elsevier Ltd. All rights reserved. Applicazione del DIAGNOdent come guida per rimuovere la dentina cariata con Laser Er: YAG Kazuaki Yonemotoa, *, Toru Eguroa, Toru Maedab, Hisayoshi Tanakaa adepartment di Endodontics ed odontoiatria attiva, scuola di odontoiatria a università dentale di Tokyo, Giappone, Fujimi Chiyoda-ku Tokyo, Giappone bdivision di odontoiatria generale, ospedale dentale dell'università dentale del Giappone, Fujimi Chiyoda-ku Tokyo, Giappone 24 novembre 2004 ricevuto; ricevuto nella forma modificata il 25 giugno 2005; accettato il 7 luglio PAROLE CHIAVI Laser Er YAG; Rimozione della carie; Dentina cariata; Guida alla rimozione della dentina cariata; Analisi EPMA; osservazione Microradiografica; Osservazione SEM; DIAGNOdent. Obiettivi sommari: Lo scopo di questo studio era studiare i valori del DIAGNOdent applicabili come guida per la rimozione dello strato esterno della dentina cariata con Laser Er: YAG. dott Cosimo Cigliola 222

20 Metodi: la dentina cariata di molari umani estratti è stata rimossa per mezzo del Detector per la carie (gruppo 1: dentina macchiata di rosso, gruppo 2: dentina macchiata di rosa-chiaro) e da un Laser Er:YAG con valori del DIAGNOdent come guida (30 OGroup 3O21, 20 OGroup 4O11, 10 OGroup 5). la dentina del pavimento della cavità dopo la rimozione è stata esaminata usando la microradiografia, EPMA e SEM. Risultati: la dentina del pavimento della cavità del gruppo 1 e 3 ha mostrato le diminuzioni nel grado di assorbimento dei raggi X. Nei gruppi 2, 4 e 5, non è stata osservata ldiminuzione del Ca, P. Sulla parte più superficiale del pavimento della cavità del gruppo 3 e gruppo 4 è stata osservata una diminuzione di Mg. Conclusioni: Quando la dentina cariata è stata rimossa usando un Laser Er:YAG, lo strato esterno della dentina cariata è stato rimosso idealmente con valori del DIAGNOdent: tra Valori del DIAGNOdent: tra 11-20, hanno indicato il completamento della rimozione dello strato esterno della dentina cariata con il laser Er:YAG, ma ci sono alcuni problemi che devono essere risolti prima dell'applicazione clinica. Elsevier 2005 di Q srl. Tutti i diritti riservati. dott Cosimo Cigliola 223

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI CONSERVAZIONE DEL DENTE CON STRAUMANN EMDOGAIN Dal 5 al 15 % della popolazione soffre di gravi forme di parodontite, che possono portare alla caduta dei

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Le aree di incertezza nelle Cure Primarie: Quali sono le evidenze di efficacia dei probio-ci nelle patologie del tra9o gastrointes-nale? Edoardo Benede*o 1907

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA 2 La SINDROME DI BRUGADA è una malattia generalmente ereditaria, a trasmissione autosomica dominante, che coinvolge esclusivamente

Dettagli

Fig 8 Uso dello spazzolino interprossimale intorno Fig 9 Uso del filo spugnoso intorno ad Un impianto

Fig 8 Uso dello spazzolino interprossimale intorno Fig 9 Uso del filo spugnoso intorno ad Un impianto FASE TERAPEUTICA MOTIVAZIONE DEL PAZIENTE La collaborazione ed il grado di igiene orale diventano sempre meno efficaci con il passare del tempo ed è proprio per questo motivo che il rinforzo delle istruzioni

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica Congresso Nazionale Palermo 28/30 Ottobre 2010 Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Chirurgia generale e specialistica U.O.C. di Chirurgia

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Shih-Hao Huang, DDS, MS, PhD, From the *Department of Dentistry, School of Dentistry, National Yang-Ming University, Taipei, Taiwan;

Shih-Hao Huang, DDS, MS, PhD, From the *Department of Dentistry, School of Dentistry, National Yang-Ming University, Taipei, Taiwan; L effetto dell uso della diga di gomma sul tasso di sopravvivenza dei denti che ricevono il primo trattamento canalare: studio basato sull intera popolazione nazionale Po-Yen Lin, DDS, MS, MPH,* Yang Chi,

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Istruzioni per gli Autori Informazioni generali Aggiornamenti CIO è la rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi e pubblica articoli

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

I l Cotto Nobile Arrotat o

I l Cotto Nobile Arrotat o I l Cotto Nobile Arrotat o RAPPORTO DI PROVA N. 227338 Data: 25062007 Denominazione campione sottoposto a prova: NOBILE ARROTATO UNI EN ISO 105454:2000 del 30/06/2000 Piastrelle di ceramica. Determinazione

Dettagli

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 pag. 16 di 49 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 Identificare la zona dove sono poste le piazzole dove andremo a saldare il connettore. Le piazzole sono situate in tutte le centraline Bosch

Dettagli

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice Maccarone Maccarone Maccarone integra 10 LED POWER TOP alta efficienza, in tecnologia FULL COLOR che permette di raggiungere colori e sfumature ad alta definizione. Ogni singolo led full color di Maccarone

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

Il colore Mapei nel progetto. The Mapei colour in the project. Effetti Estetici Decorative Effects

Il colore Mapei nel progetto. The Mapei colour in the project. Effetti Estetici Decorative Effects Il colore Mapei nel progetto The Mapei colour in the project Effetti Estetici Decorative Effects Marmorino Marmorino Effetto Classico Marmorino Classical Effect Effetti Estetici Decorative Effects 3 Applicazione

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE AUDIZIONE PRESSO UFFICIO DI PRESIDENZA 7ª COMMISSIONE (Istruzione) SULL'AFFARE ASSEGNATO DISABILITÀ NELLA SCUOLA E CONTINUITÀ DIDATTICA DEGLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO (ATTO N. 304)

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

ACQUAVIVA. design Antonio Bongio. Marco Poletti. Vegni Design concept Roberto Niccolai engineering Antonio Bongio. Fabio Frattini ACQUAVIVA

ACQUAVIVA. design Antonio Bongio. Marco Poletti. Vegni Design concept Roberto Niccolai engineering Antonio Bongio. Fabio Frattini ACQUAVIVA design Antonio Bongio. Marco Poletti. Vegni Design concept Roberto Niccolai engineering Antonio Bongio. Fabio Frattini 56991/12 Bocca incasso da cm. 12 su piastra Built-in 12 cms. spout on plate 56991/18

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE La bocca o cavità orale (Fig. 1) è il primo tratto dell apparato digerente. È un organo cavo, di forma ovoide

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

ENERGY-EFFICIENT HOME VENTILATION SYSTEMS

ENERGY-EFFICIENT HOME VENTILATION SYSTEMS SISTEMI DI RECUPERO RESIDENZIALE HOME RECOVERY SYSTEMS RECUPERO DI CALORE AD ALTA EFFICIENZA HIGH EFFICIENCY HEAT RECOVERY VENTILAZIONE A BASSO CONSUMO LOW ENERGY VENTILATION SISTEMI DI RICAMBIO CONTROLLATO

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOTECH & S 8 SeccoTech & Secco Tecnologia al servizio della deumidificazione Technology at dehumidification's service Potenti ed armoniosi Seccotech

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C T H O R A F L Y Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C SOMMARIO GRUPPO C (SUMMARY C GROUP) 1/C II SISTEMI DI DRENAGGIO TORACICO COMPLETI

Dettagli

ACQUAVIVA. design Antonio Bongio. Marco Poletti. Vegni Design concept Roberto Niccolai engineering Antonio Bongio. Fabio Frattini

ACQUAVIVA. design Antonio Bongio. Marco Poletti. Vegni Design concept Roberto Niccolai engineering Antonio Bongio. Fabio Frattini A C Q U A V I V A ACQUAVIVA design Antonio Bongio. Marco Poletti. Vegni Design concept Roberto Niccolai engineering Antonio Bongio. Fabio Frattini 10 11 56991/12 Bocca incasso da cm. 12 su piastra. 12

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx. Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.com Avvertenza di Rischio: Il Margin Trading su forex e/o CFD comporta

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare?

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? Marica Carughi Servizio Farmaceutico Nutrizionale A.O Sant Anna Como Milano, 21 maggio 2014 WHAT EVIDENCE SAYS? LINEE GUIDA: SI Making the best

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOASCIUTT 16 SeccoAsciutto EL & SeccoAsciutto Thermo Piccolo e potente, deumidifica e asciuga Small and powerful, dehumidifies and dries Deumidificare

Dettagli

LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino

LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino Compagnia di San Paolo LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino Comunità Europea European Space Agency Attività extraveicolare sulla Stazione Spaziale

Dettagli

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D Present Perfect Affirmative Forma intera I have played we have played you have played you have played he has played

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA?

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA? HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE Cosa è l HTA? Marco Marchetti Unità di Valutazione delle Tecnologie Policlinico Universitario "Agostino Gemelli Università Cattolica del Sacro Cuore L Health

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Il problema: metalli pesanti nelle acque reflue In numerosi settori ed applicazioni

Dettagli

La semplicità è la vera innovazione

La semplicità è la vera innovazione La semplicità è la vera innovazione Vi siete mai sentiti frustrati dalla complessità di certe cose? Un unico strumento NiTi per il trattamento canalare utilizzabile nella maggior parte dei casi Efficacia

Dettagli

Nuovi denti umani dai livelli epigravettiani di Riparo Dalmeri (TN)

Nuovi denti umani dai livelli epigravettiani di Riparo Dalmeri (TN) Preistoria Alpina, 41 (2005): 245-250 Museo Tridentino di Scienze Naturali, Trento 2006 ISSN 0393-0157 Giuliano VILLA & Giacomo GIACOBINI * Laboratorio di Paleontologia Umana, Dipartimento di Anatomia,

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

SOL terra Marco Zanuso Jr, Christophe Mathieu 2014

SOL terra Marco Zanuso Jr, Christophe Mathieu 2014 SOL terra Marco Zanuso Jr, Christophe Mathieu 2014 MADE IN ITALY SOL - Marco Zanuso Jr, Christophe Mathieu 2013 Sol è un sistema basato interamente sull interpretazione di innovativi principi di calcolo

Dettagli

GETINGE DA VINCI SOLUTION

GETINGE DA VINCI SOLUTION GETINGE DA VINCI SOLUTION 2 GETINGE DA VINCI SOLUTION SOLUZIONE ALL AVANGUARDIA, VALIDATA E PREDISPOSTA PER LA CHIRURGIA ROBOTICA Da oltre un secolo, Getinge fornisce costantemente prodotti a elevate prestazioni

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

Synthesis and Reactivity of Silica-Grafted Iridium Pincer Complexes

Synthesis and Reactivity of Silica-Grafted Iridium Pincer Complexes DISS. T N. 21754 Synthesis and eactivity of lica-grafted idium incer Complexes A dissertation submitted to T ZUIC for the degree of DCT F SCINCS resented by MATIN IMLDI Dottore magistrale in Scienze Chimiche,

Dettagli

BGA REBALLING. Relatore: Francesco Di Maio. e-mail: fdimaio@bartoliniames.it 28/04/2009 1

BGA REBALLING. Relatore: Francesco Di Maio. e-mail: fdimaio@bartoliniames.it 28/04/2009 1 BGA REBALLING Relatore: Francesco Di Maio e-mail: fdimaio@bartoliniames.it 1 Di cosa parliamo...? TITOLO: BGA reballing. Quando il processo e' sotto controllo? ABSTRACT: Sulla traccia delle indicazioni

Dettagli

Invecchiamento accelerato e Solidità alla Luce

Invecchiamento accelerato e Solidità alla Luce Invecchiamento accelerato e Solidità alla Luce Guida ai Test di Prova I vostri prodotti resisteranno all esterno? Guida alle Prove Accelerate di Solidità alla Luce ed alle Intemperie I vostri prodotti

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min elettropiloti 0 mm 0 mm solenoids Elettropilota Solenoid valve 0 mm 00.44.0 ACCESSORI - ACCESSORIES 07.049.0 Connettore per elettropilota 0 mm con cavetto rosso/nero, lunghezza 400 mm - connector for 0

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Come si prepara una presentazione

Come si prepara una presentazione Analisi Critica della Letteratura Scientifica 1 Come si prepara una presentazione Perché? 2 Esperienza: Si vedono spesso presentazioni di scarsa qualità Evidenza: Un lavoro ottimo, presentato in modo pessimo,

Dettagli

Ragazzi vietnamiti: (VIET L ANIMA HCM USSH) CLASSE 5 C: (21 TORTELLINI) 1. Trần Yến Ngọc 2. Nguyễn Ngọc Bách Châu AUTORI PROGETTO:

Ragazzi vietnamiti: (VIET L ANIMA HCM USSH) CLASSE 5 C: (21 TORTELLINI) 1. Trần Yến Ngọc 2. Nguyễn Ngọc Bách Châu AUTORI PROGETTO: Due mondi, due culture, due storie che si incontrano per dare vita a qualcosa di unico: la scoperta di ciò che ci rende unici ma fratelli. Per andare insieme verso EXPO 2015 Tutt altra storia Il viaggio

Dettagli

Maggiore libertà, maggior controllo

Maggiore libertà, maggior controllo Maggiore libertà, maggior controllo Semplicità in implantologia con stabilità, resistenza e velocità Il nostro desiderio in Neoss è sempre stato di offrire ai professionisti del settore dentale una soluzione

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA?

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? OSSERVATORIO IT GOVERNANCE L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? A cura del Professor Marcello La Rosa, Direttore Accademico (corporate programs

Dettagli

Altre Informazioni / Other information

Altre Informazioni / Other information Altre Informazioni / Other information Oltre che in tutte le applicazioni chirurgiche dove il laser a diodo eccelle per la sua rapidità di esecuzione, nonchè emostasi, è possibile utilizzare il laser per

Dettagli

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 Per la richiesta di accredito alla singola gara, le

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Valutazione del rischio sanitario dovuto all esposizione della popolazione all inquinamento atmosferico in area urbana

Valutazione del rischio sanitario dovuto all esposizione della popolazione all inquinamento atmosferico in area urbana Valutazione del rischio sanitario dovuto all esposizione della popolazione all inquinamento atmosferico in area urbana Valeria Garbero vgarbero@golder.it Politecnico di Torino e Golder Associates, Natasa

Dettagli

DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI

DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI scopo del lavoro: Confronto tra oli EVO addizionati con estratti di capperi campionati

Dettagli

Official Announcement Codice Italia Academy

Official Announcement Codice Italia Academy a c a d e m y Official Announcement Codice Italia Academy INITIATIVES FOR THE BIENNALE ARTE 2015 PROMOTED BY THE MIBACT DIREZIONE GENERALE ARTE E ARCHITETTURA CONTEMPORANEE E PERIFERIE URBANE cured by

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

HIGH SPEED FIMER. HSF (High Speed Fimer)

HIGH SPEED FIMER. HSF (High Speed Fimer) HSF PROCESS HSF (High Speed Fimer) HIGH SPEED FIMER The development of Fimer HSF innovative process represent a revolution particularly on the welding process of low (and high) alloy steels as well as

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE L esperienza e la passione per l ingegneria sono determinanti per la definizione della nostra politica di prodotto,

Dettagli

LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING)

LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING) LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING) Cosa bisogna sapere prima di decidere di fare lo sbiancamento dei denti? In inglese viene definito:dental bleaching 1. L'igiene orale correttamente eseguita

Dettagli

Bringing innovation back Una soluzione completa per il settore posteriore

Bringing innovation back Una soluzione completa per il settore posteriore Bringing innovation back Una soluzione completa per il settore posteriore Progettati per l efficienza Alveoli estrattivi grandi, accessibilità limitata, difficoltà di rimozione del cemento in eccesso ed

Dettagli

R/GB-I/3 Esemplare n.1 per l'amministrazione fiscale italiana Sheet nr.1 for the Italian tax authorities

R/GB-I/3 Esemplare n.1 per l'amministrazione fiscale italiana Sheet nr.1 for the Italian tax authorities R/GB-I/3 Esemplare n.1 per l'amministrazione fiscale Sheet nr.1 for the Italian tax authorities DOMANDA DI RIMBORSO PARZIALE-APPLICATION FOR PARTIAL REFUND * applicata sui canoni pagati da residenti dell'italia

Dettagli

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT 9.00-11.00 I SESSIONE L essenziale di... in Anestesia Presidente: A. De Monte Udine Moderatori: F.E. Agrò Roma, Y. Leykin Pordenone 9.00 La gestione delle

Dettagli

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO Pag. 1/7 SOMMARIO 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI...2 3. MATERIALE NECESSARIO...3 4. MODALITA OPERATIVE...4 5. REGISTRAZIONE E ARCHIVIAZIONE...7 6. RESPONSABILITA...7

Dettagli

Service & Process Corel X5

Service & Process Corel X5 L A B Rollwasch mette a disposizione dei potenziali clienti, un test preliminare di finitura gratuito. Rollwasch offers to potential customers, a preliminary test of finish, free of charge. Calcolare la

Dettagli

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004 ! VERBI CHE TERMINANO IN... COME COSTRUIRE IL SIMPLE PAST ESEMPIO e aggiungere -d live - lived date - dated consonante + y 1 vocale + 1 consonante (ma non w o y) cambiare y in i, poi aggiungere -ed raddoppiare

Dettagli

Componenti per illuminazione LED. Components for LED lighting

Componenti per illuminazione LED. Components for LED lighting 2014 Componenti per illuminazione LED Components for LED lighting Legenda Scheda Prodotto Product sheet legend 1 6 3 7 4 10 5 2 8 9 13 11 15 14 12 16 1673/A 17 2P+T MORSETTO Corpo in poliammide Corpo serrafilo

Dettagli

CARATTERISTICHE GENERALI / GENERAL FEATURES

CARATTERISTICHE GENERALI / GENERAL FEATURES OPZIONI» otori i versioe flagia;» Coessioi laterali o posteriori;» Albero: cilidrico o scaalato;» Coessioi metriche o BSPP;» Altre caratteristiche speciali OPTIONS» Flage mout;» Side ad rear ports;» Shafts-

Dettagli