Chiave di campo per il riconoscimento delle specie più comuni di funghi agenti di carie su piante in piedi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Chiave di campo per il riconoscimento delle specie più comuni di funghi agenti di carie su piante in piedi"

Transcript

1 Chiave di campo per il riconoscimento delle specie più comuni di funghi agenti di carie su piante in piedi Paolo GONTHIER e Giovanni NICOLOTTI Università di Torino, Dipartimento di Valorizzazione e Protezione delle Risorse Agroforestali - Patologia Vegetale Abstract A field key to species is presented for the most important and widespread European wood-rotting basidiomycetes on standing trees. Sixty four fungal taxa belonging to Agaricales, Hymenochaetales, Polyporales, and Russulales are included in the key, that was mostly based on macroscopic features of the basidiomata. The key allows for easy recognition of wood decay fungi in the field. Introduzione I funghi agenti di carie svolgono un importante ruolo ecologico negli ecosistemi forestali in quanto, come decompositori della sostanza organica, partecipano ai processi di ricircolo del carbonio e dell azoto. Essi degradano ceppaie, residui legnosi e anche legname in opera. Molti di questi funghi sono in grado di attaccare anche piante vive, potendosi comportare sia come agenti di marciume radicale o cancri sia come agenti di carie di alburno o durame. Le carie ed i marciumi radicali sono particolarmente importanti per gli alberi con funzione ornamentale in contesti urbani e nei parchi poiché possono determinare l instabilità delle piante con gravi conseguenze. Fatta eccezione per pochi ascomiceti (Ustulina, Xylaria, Chaetomium), tutti i funghi agenti di carie del legno sono basidiomiceti appartenenti agli ordini Agaricales, Hymenochaetales, Polyporales e Russulales [10]. Chiavi di riconoscimento dicotomiche sono disponibili per le Aphyllophorales lignivore europee [3], o per gruppi specifici all interno delle Aphyllophorales, come ad esempio le Corticiaceae e le Polyporaceae senso lato [2, 6]. Queste chiavi di riconoscimento analitiche si basano sulle caratteristiche macroscopiche del basidioma ma soprattutto sugli aspetti microscopici relativi ad esempio al sistema ifale, alle spore, alle strutture imeniali, oltreché sulla reazione delle strutture fungine a particolari sostanze. Tutto questo ovviamente sta ad indicare che l identificazione dei funghi richiede micologi specializzati ed equipaggiati con strutture da laboratorio ma soprattutto che l identificazione difficilmente può andare a buon fine con la sola osservazione in campo. Chiavi d identificazione delle Polyporaceae sono disponibili sulla rete (http://biologi.uio.no/bot/ascomycetes/norskepores_key.htm) o su appositi software [1]. Inoltre, schede di descrizione di funghi agenti di carie su piante in piedi, spesso corredate da chiavi semplificate per il loro riconoscimento, sono fornite assieme a manuali di campo di patologia delle piante urbane o di valutazione della stabilità delle piante [9, 11]. Queste chiavi semplificate, tuttavia, permettono di giungere a livello di genere oppure sono basate su caratteristiche ecologiche dei funghi, come la preferenza d ospite, cosa abbastanza aleatoria in quanto soltanto pochissimi funghi cariogeni sono caratterizzati da una spiccata preferenza d ospite [12]. Per contro, esistono svariate buone ragioni che imporrebbero, anche nell arboricoltura urbana e nel VTA un identificazione accurata dei funghi che si possono riscontrare su piante in piedi. Questo perchè il comportamento degli agenti di carie, in termini di aggressività, può variare considerevolmente anche tra specie appartenenti allo stesso genere [14]. Una corretta diagnosi può aiutare a formulare una corretta prognosi, ad impostare adeguate strategie di contenimento e a definire, con maggior cognizione, i tempi di ricontrollo dell albero e quindi la classe di rischio in cui deve essere inserito. É importante inoltre ricordare che l identificazione dei funghi a livello specifico molto spesso è resa difficile dalla corrispondenza di molti caratteri morfologici tra specie diverse e dal cambiamento di questi caratteri a seconda della fase di accrescimento del fungo. Questo lavoro propone una chiave di campo per l identificazione a livello specifico dei più importanti e diffusi basidiomiceti agenti di carie e marciume radicale su piante in piedi, basata sulle sole caratteristiche macroscopiche dei basidiomi. Una versione in inglese della chiave è oggetto di un altra pubblicazione [7]. Materiali e metodi I funghi da includere nella chiave di riconoscimento sono stati scelti sulla base della loro frequenza e/o pericolosità su alberi in piedi [2, 3, 11, 12, 13]. Per la costruzione della chiave sono stati scelti solamente i caratteri evidenti da osservazioni macroscopiche dei basidiomi o dal loro sezionamento oppure il colore della massa di spore che a maturità il fungo lascia cadere. I caratteri selezionati sono: presenza, assenza e punto d inserzione del gambo o stipite (es. laterale o centrale), la forma del basidioma (a mensola, resupinato, applanato, ungulato), il tipo di imenoforo (liscio, con pori o lamelle) e il suo colore, la forma dei pori e, in generale, le caratteristiche della superficie sterile, l odore e il colore della carne del basidioma o contesto (osservato anche attraverso sezioni longitudinali del corpo fruttifero). 1

2 Ciascuna specie fungina scelta è stata descritta sulla base dei summenzionati caratteri confrontando attentamente le descrizioni disponibili in letteratura [2, 3, 4, 5, 9, 11] e campioni freschi d erbario. La chiave di riconoscimento è stata affidata a 8 studenti universitari del Corso di Laurea in Scienze Forestali e Ambientali che hanno svolto un importante attività di monitoraggio su alberate. Dopo l identificazione in campo, i basidiomi venivano raccolti e sottoposti, in laboratorio, ad un identificazione con chiavi micologiche analitiche. La chiave veniva considerata validata se, per ciascuna specie o taxon fungino, il numero dei basidiomi identificati correttamente sul totale dei basidiomi raccolti superava il 70% (rapporto di validazione superiore a 0,7). Risultati Nella chiave d identificazione, riportata in tabella 2, sono stati inclusi i 64 taxa fungini elencati in tabella 1. I basidiomi raccolti in campo per la validazione della chiave appartenevano a 55 dei 64 taxa. Per ciascun taxon sono stati raccolti 2-3 basidiomi per un totale di 992 casi di studio (124 basidiomi x 8 operatori addetti all identificazione). L identificazione con la chiave di campo era corretta in 893 casi di studio (rapporto di validazione = 0,9). I risultati della validazione sono riassunti in tabella 1. Discussione L elenco delle specie contemplate dalla chiave include, oltre a funghi strettamente saprofiti agenti di carie, anche patogeni radicali (Armillaria spp., Heterobasidion spp., Inonotus dryadeus, Ganoderma adspersum), patogeni dei rami (Chondrostereum purpureum, Phellinus pini, Inonotus hispidus), e funghi associati al fusto e ai contrafforti radicali (Climacocystis borealis e Perenniporia fraxinea). La chiave proposta, che è valida per campioni freschi, considera ben 17 famiglie appartenenti a tutti e 4 gli ordini di basidiomiceti cariogeni, Agaricales comprese. In generale questo rappresenta un grosso vantaggio per l utilizzatore finale le cui conoscenze micologiche potrebbero non consentirgli la distinzione dei basidiomi a livello di ordine o famiglia, come di norma viene richiesto, a priori, dalle chiavi di identificazione analitiche. Tra tutte le specie contemplate dalla chiave, Ganoderma adspersum è stato quello con il rapporto di validazione più basso (0,708), in quanto spesso è stato confuso con G. applanatum. A giustificazione di questa sovrapposizione vi è il fatto che tra le specie esistono pochi caratteri morfologici e genetici distintivi [3, 8]. Tuttavia nel contesto della valutazione del rischio sul verde urbano, questa confusione può considerarsi accettabile in quanto funghi egualmente pericolosi per la stabilità degli alberi [11]. Occorre puntualizzare che la chiave non riporta la descrizione delle specie trattate e che l utilizzatore, per fare una determinazione accurata, dovrebbe consultare monografie per verificare non solo la descrizione della specie determinata ma anche di eventuali specie che potrebbero essere con essa confuse, deducibili dalla tabella 1. La chiave proposta può avere una sua validità pratica per gli arboricoltori e i forestali che si apprestano ad effettuare una diagnosi in campo o un V.T.A. ma non potrà mai sostituirsi a chiavi micologiche analitiche. Bibliografia [1] Adaskaveg J.E., Dunlap M.R., Gilbertson R.L., Butler E.E., Development of a computerized, synoptic key for polyporoid, wood-rotting fungi of North-America, Mycotaxon 52 (1994) [2] Bernicchia A., Polyporaceae s.l., Candusso edn., Alassio, Italy, [3] Breitenbach J., Kränzlin F., Champignons de Suisse, champignons sans lames, Tome II, Mykologia edn., Luzern, Switzerland, [4] Breitenbach J., Kränzlin F., Champignons de Suisse, bolets et champignons à lames, Tome III, Mykologia edn., Luzern, Switzerland, [5] Breitenbach J., Kränzlin F., Champignons de Suisse, champignons à lames, Tome IV, Mykologia edn., Luzern, Switzerland, [6] Hjortstam K., Larsson K.H., Ryvarden, L., The Corticiaceae of North Europe. Vol. 1, Fungiflora, Oslo, Norway, [7] Gonthier P., Nicolotti G., A field key to identify common wood decay fungal species on standing trees, Arboriculture and Urban Forestry, Vol. 33(6) (in stampa). [8] Guglielmo F., A molecular approach for the detection and early identification of wood rotting fungi as useful tool in tree stability assessment, Ph.D. thesis, University of Florence, Florence, Italy, 2005, pp [9] Intini M., Panconesi A., Parrini C., Malattie delle alberature in ambiente urbano, CNR-IPAF edn., Florence, Italy, [10] Kirk P.M., Cannon P.F., David J.C., Stalpers J., Ainsworth and Bisby s Dictionary of the Fungi. 9th edn., CAB International, Wallingford, UK, [11] Lonsdale D., Principles of tree hazard assessment and management, Forestry Commission, London, UK, pp. 388, [12] Nicolotti G., Pecollo D., Gonthier P., Ecologia e grado di preferenza d ospite dei funghi agenti di carie, I parte. Il Verde Editoriale, Milano, Acer 1/04 (2004) [13] Nicolotti G., Pecollo D., Gonthier P., Ecologia e grado di preferenza d ospite dei funghi agenti di carie, II parte. Il Verde Editoriale, Milano, Acer 2/04 (2004) [14] Schwarze F.W.M.R., Baum S., Mechanisms of reaction zone penetration by decay fungi in wood of beech (Fagus Sylvatica), New Phytol. 146 (2000)

3 Tabella 1 Chiave delle specie Tra parentesi le dimensioni (cm) del basidioma. * e ** indicano rispettivamente la dimensione complessiva di basidiomi multipli e lo sbalzo del pileo dei basidiomi con margine superiore ripiegato (da Gonthier e Nicolotti, 2007). 1. basidioma stipitato 1.1. stipite laterale, da rudimentale a distinto imenoforo poroide, con pori rotondi e di piccolo diametro superficie sterile lucida, laccata, crostosa, rossastra, con zonature concentriche su conifere Ganoderma carnosum (4-20) su latifoglie Ganoderma lucidum (3-10) superficie sterile lucida ma senza zonature concentriche superficie sterile glabra con crosta rossastra Ganoderma resinaceum (15-50) superficie sterile ispida; pileo di consistenza gelatinosa o carnosa Fistulina hepatica (7-20) ( ) imenoforo poroide, con pori ampi, irregolari, per lo più allungati Polyporus squamosus (<50-60) imenoforo lamellato Pleurotus ostreatus (4-20) 1.2. stipite centrale stipite con anello; imenoforo lamellato spore in massa (impronta) chiare; pileo umbonato; superficie sterile con o senza squame Armillaria spp. (3-13) spore in massa (impronta) brune lamelle dapprima biancastre, poi brunastre; pileo non umbonato Agrocybe cylindracea (3-12) lamelle dapprima giallo zolfo, poi verdastre; ampio ambone talvolta presente sul pileo Hypholoma fasciculare (2-6) stipite senza anello; imenoforo da poroide a lamellato imenoforo poroide, con pori rotondi e di piccolo diametro Polyporus ciliatus (<6-8) ( ) imenoforo poroide, con pori esagonali o da angolosi ad allungati superficie sterile con piccole squame Polyporus arcularius (<3-5) superficie sterile senza squame Polyporus brumalis (<5-8) imenoforo lamellato Hypholoma fasciculare (2-6) 2. ( ) basidiomi con una base comune, con stipite ripetutamente ramificato, o imbricato, raramente pseudostipitato; imenoforo poroide 2.1. superficie sterile da gialla a rosata, da giallastra ad aranciata; imenoforo giallo zolfo; odore sgradevole Laetiporus sulphureus (10-30) 2.2. basidioma con altre caratteristiche stipite biancastro con base spessa; superficie sterile grigio-nocciola Griphola frondosa (40-50* / 5-10) ( ) stipiti corti e tozzi originati da una base comune; superficie sterile bruna o bruno-rossiccia Meripilus giganteus (<100* / 10-30) stipite (pseudostipite) corto e tozzo, ricoperto di pori decorrenti; superfice sterile bruna, rugosa e tomentosa Phaeolus schweinitzii (<30) 3. basidioma sessile o resupinato 3.1. imenoforo da liscio ad irregolarmente ondulato o verrucoso; basidioma resupinato o con margine superiore leggermente ripiegato basidioma resupinato, sottile, bruno e tenace, generalmente con margini biancastri spesso sfrangiati Coniophora puteana (cm o dm) basidioma con margine superiore leggermente ripiegato, resupinato esclusivamente quando cresce sul lato inferiore di rami o tronchi posti orizzontalmente; margini del basidioma non sfrangiati imenoforo che si colora di rosso sangue quando scalfito su conifere Stereum sanguinolentum (<15 / <1.5**) su latifoglie Stereum rugosum (<15 / <2-3**) imenoforo che non si colora o che si colora ma non in rosso quando scalfito imenoforo grigio-giallastro che si colora di giallo quando scalfito Stereum subtomentosum (3-7) imenoforo che non si colora in seguito a sfregamento imenoforo violetto o da bruno a lilla; linea nera visibile al taglio nel contesto in prossimità del tomento Chondrostereum purpureum (cm o dm / 2-4**) imenoforo da grigiastro a giallastro; linea gialla visibile al taglio nel contesto in prossimità del tomento Stereum hirsutum (cm o dm / 0.5-3**) 3.2. ( ) imenoforo poroide, con pori allungati, sinuosi, da dedaloidi a lamellati; basidioma resupinato, con margine superiore ripiegato o pileato pileo a forma di conchiglia; superficie sterile irsuta, ispida, grigiastra; imenoforo lamellato con sfumature rosate Schizophyllum commune (1-4) basidioma con altre caratteristiche su conifere; incluso legno in opera basidioma tenace, di consistenza legnosa o coriacea imenoforo lamellato, con lamelle brune Gloeophyllum sepiarium Gloeophyllum abietinum (2-5) imenoforo poroide, con pori da regolari ad allungati basidioma con intenso odore di anice Gloeophyllum odoratum (5-20) basidioma senza odore di anice Phellinus pini (15-20) Gloeophyllum trabeum (raro) (3-8) basidioma di consistenza carnosa; imenoforo poroide con pori angolosi Phaeolus schweinitzii (<30) 3

4 su latifoglie basidioma di consistenza carnosa; imenoforo poroide con pori angolosi Phaeolus schweinitzii (<30) basidioma di consistenza dura, legnosa o suberosa imenoforo poroide, con pori da sinuosi a dedaloidi pileo ed imenoforo color crema, grigiastri o giallo-brunastri; su Quercus spp. Daedalea quercina (<15-20) ( ) superficie sterile irsuta, bruno-grigia, o verde quando sono presenti alghe epifite; imenoforo grigiastro che non muta di colore quando scalfito; contesto duplice con i due strati separati da una sottile linea scura Cerrena unicolor (10-15 / 0.5**) ( ) superficie sterile tomentosa di colore da cremea a bruna, generalmente azonata; imenoforo grigio, che inscurisce quando scalfito; lo strato di tubuli è separato dal contesto da una sottile ma ben visibile linea scura Bjerkandera adusta (2-6) ( ) superficie sterile concentricamente zonata, di color bruno fino a nerastro; imenoforo da ocraceo a bruno che inscurisce quando scalfito; strato nero presente nel contesto in prossimità del tomento Datronia mollis (cm o dm/ <1.5**) ( ) basidioma di color crema fino a bruno-giallastro; su Quercus spp. e Betulla spp. Lenzites betulina (<8-10) superficie sterile tomentosa, di colore da cremeo ad ocraceo, o verde quando sono presenti alghe epifite; imenoforo di color cremeo; margine del pileo ottuso Trametes gibbosa (10-15) ( ) imenoforo lamellato superficie sterile con colorazione da bruna a rosso-brunastra, glabra Daedaleopsis confragosa (5-15) superficie sterile con colorazione da cremea fino a bruno-giallastra, irsuta, tomentosa Lenzites betulina (<8-10) imenoforo poroide, con pori a sezione da rotonda ad allungata, stirata superficie sterile concentricamente zonata, di color bruno fino a nerastro; imenoforo da ocraceo a bruno che inscurisce quando scalfito; contesto di color bruno con uno strato nero in prossimità del tomento Datronia mollis (cm o dm/ <1.5**) ( ) contesto di colore da bruno rossastro a bruno cannella Gloeophyllum trabeum (raro) (3-8) ( ) superficie sterile irsuta, bruno-grigia, o verde quando sono presenti alghe epifite; imenoforo grigiastro che non muta di colore quando scalfito; contesto di color crema o bruno, duplice, con i due strati separati da una sottile linea scura Cerrena unicolor (10-15 / 0.5**) ( ) superficie sterile tomentosa di colore da cremeo a bruno, generalmente azonata; imenoforo grigio, che inscurisce quando scalfito; contesto di colore da biancastro a grigiastro; lo strato di tubuli è separato dal contesto da una sottile ma ben visibile linea scura Bjerkandera adusta (2-6) superficie sterile tomentosa, di colore da cremeo ad ocraceo, o verde quando sono presenti alghe epifite; imenoforo di color cremeo; contesto di color bianco; margine del pileo ottuso Trametes gibbosa (10-15) 3.3. imenoforo poroide, con pori rotondi o arrotondati; basidiomi resupinati o pileati imenoforo di color bianco o crema basidioma pileato o con margine superiore ripiegato, su conifere superficie sterile concentricamente solcata, di color grigio, bruno, nerastro o rosso porpora, ricoperta da uno strato resinoso che diventa appiccicoso quando a contatto di una fiamma; margine del pileo ottuso Fomitopsis pinicola (<30-40) ( ) basidioma applanato o con margine superiore ripiegato; superficie sterile di color bruno tabacco; margine del pileo acuto Heterobasidion annosum (3-35) ( ) superficie sterile lucida, laccata, crostosa, rossastra; margine del pileo acuto Ganoderma carnosum (4-20) Ganoderma valesiacum (6-10) ( ) superficie sterile di colore da bianco a bruno, lievemente tomentosa; basidioma che si inscurisce assumendo una colorazione rossastra quando scalfito Postia fragilis (cm o dm) ( ) superficie sterile con colorazione da grigiastra a blu, lievemente irsuta; basidioma che si inscurisce assumendo una colorazione blu scura quando toccato o scalfito Postia caesia (2-4) superficie sterile biancastra, irsuta Climacocystis borealis (<10) ( ) basidioma pileato o con margine superiore ripiegato, su latifoglie superficie sterile di color bruno tabacco o lucida, laccata, rossastra superficie sterile di color bruno tabacco basidioma applanato; superficie sterile concentricamente zonata e ricoperta da una dura cuticola; polvere bruna, che rappresenta la massa di spore, spesso presente sul pileo e nelle vicinanze del basidioma; imenoforo che inscurisce quando toccato, spesso provvisto di protuberanze (galle di insetti); gli strati di tubuli sono separati da sottili strati di contesto Ganoderma applanatum (40-60) basidioma applanato; superficie sterile solcata, tubercolata, zonata, ricoperta da una dura crosta, difficile da scalfire con le unghie; imenoforo che inscurisce quando toccato; gli strati di tubuli non sono separati da contesto Ganoderma adspersum (40-50) superficie sterile laccata, rossastra Ganoderma resinaceum (15-50) ( ) superficie sterile lievemente irsuta, di colore da grigiastro a blu, che inscurisce se toccata; basidioma applanato o con margine superiore ripiegato Postia caesia (2-4) ( ) superficie sterile vellutata, di colore da ocraceo a cremeo; basidioma applanato o con margine superiore ripiegato (poco frequente) Antrodiella semisupina (0.5-2 / **) ( ) superficie sterile di colore da cremeo a bruno, con cuticola papiracea che spesso si sfalda; su Betula spp. Piptoporus betulinus (<20-25) ( ) superficie sterile di colore da grigiastro a brunastro, concentricamente zonata; contesto separato dal tomento da un sottile strato nero superficie sterile irsuta Trametes hirsuta (<10) superficie sterile vellutata, talvolta di colore verde e/o blu per la presenza di alghe epifite Trametes versicolor (<10) superficie sterile di color crema ocraceo con sfumature grigiastre, solcata; margine del pileo ispessito; imenoforo con sfumature rosate Rigidoporus ulmarius (<20-30) basidioma resupinato, su conifere e/o latifoglie imenoforo che inscurisce diventando rossastro o brunastro quando toccato o scalfito; su conifere Postia fragilis (cm o dm) imenoforo che non muta di colore quando scalfito strato di tubuli di consistenza cartilaginea, moderatamente spesso (2-3 mm circa); odore poco intenso; su latifoglie, raramente su conifere Antrodiella semisupina (0.5-2 / **) ( ) strato di tubuli di consistenza non cartilaginea, spesso da 1 a 6 mm; debole odore di anice; su latifoglie, raramente su conifere Trametes hirsuta (<10) 4

5 strato di tubuli di consistenza non cartilaginea, spesso da 3 a 6 mm; intenso odore di fungo; su conifere, raramente su latifoglie Heterobasidion annosum (3-35) ( ) imenoforo di color grigio o grigiastro basidioma pileato imenoforo che inscurisce se toccato o scalfito pileo ungulato; superficie sterile di colore da grigio a bruno, glabra, con un crosta dura e spessa Fomes fomentarius (<30-40) pileo di varia forma, ma non ungulato basidioma con ampia superficie di attacco al substrato; superficie sterile glabra, tubercolata, ricoperta da una evidente crosta, di colore da grigio ocraceo a nero; imenoforo con sfumature rosate Perenniporia fraxinea (30-40) ( ) superficie sterile tomentosa di colore da cremeo a bruno; contesto di colore da biancastro a grigio; lo strato di tubuli è separato dal contesto da una sottile ma ben visibile linea scura Bjerkandera adusta (2-6) superficie sterile tomentosa, nodulare, di colore da giallo bruno a bruno fulvo; margine del pileo sottile, giallastro; imenoforo con sfumature brune e ricoperto da una pruina grigio argentea Inonotus radiatus (5-10) imenoforo che non inscurisce se toccato o scalfito pileo ungulato; superficie sterile di colore da grigio a bruno, glabra, con una crosta dura e spessa Fomes fomentarius (<30-40) pileo applanato o con superficie superiore ripiegata; superficie sterile irsuta, bruno-grigia, o verde quando sono presenti alghe epifite; contesto di color cremeo o bruno, duplice, con i due strati separati da una sottile linea scura Cerrena unicolor (10-15 / 0.5**) basidioma resupinato imenoforo che inscurisce se toccato o scalfito Bjerkandera adusta (2-6) imenoforo che non muta di colore se toccato o scalfito Cerrena unicolor (10-15 / 0.5**) ( ) imenoforo, margini del pileo e superficie sterile di colore da rosso arancio a rosso Pycnoporus cinnabarinus (<10-15) ( ) imenoforo di colore da rosa a rosa bruno; superficie sterile di color crema ocraceo con sfumature grigiastre, solcata; margine del pileo ispessito Rigidoporus ulmarius (<20-30) imenoforo di colore da bruno cannella a bruno tabacco generalmente su conifera basidioma pileato, con pileo da rudimentale a distinto superficie sterile rugosa, concentricamente zonata, talvolta rimosa, solcata, di color bruno; generalmente su Abies Phellinus hartigii (<30) ( ) superficie sterile solcata, zonata, radialmente rimosa, di color bruno rossiccio; assenza di una linea nera nel contesto in prossimità del tomento; generalmente su Pinus Phellinus pini (15-20) superficie sterile irsuta, tomentosa, zonata, solcata, di colore bruno; sottile linea nera presente in prossimità del tomento; generalmente su Picea e Pinus Phellinus chrysoloma (cm o dm) basidioma resupinato imenoforo con pori rotondi e di piccolo diametro; generalmente su Abies Phellinus hartigii (<30) imenoforo con pori da angolosi a sinuosi; generalmente su Picea e Pinus Phellinus chrysoloma (cm o dm) generalmente su latifoglia pileo ungulato basidioma di consistenza legnosa; superficie sterile nodulosa, zonata, solcata di color bruno rossiccio; margine del pileo ampio, arrotondato, di color giallo bruno Phellinus robustus (10-20) ( ) basidioma di consistenza legnosa; superficie sterile crostosa, solcata, di colore da grigio a grigio bruno; margine del pileo sottile, di color grigio Phellinus ignarius (10-15) ( ) superficie sterile solcata, rimosa, di colore bruno, grigiastro o nerastro Phellinus tuberculosus (cm o dm) superficie sterile glabra o vellutata, zonata, di colore da bruno ambrato a bruno rugginoso; margine del pileo sottile, di colore più chiaro della superficie sterile Inonotus dryophylus (10-15) ( ) basidioma applanato basidioma di consistenza coriacea, suberosa o legnosa superficie sterile tomentosa, zonata, solcata, di colore bruno margini del pileo ampi, ottusi, rotondeggianti, ondulati, di colore bruno cannella Phellinus torulosus (<40-50) margini del pileo acuti, ondulati, bruni Phylloporia ribis (15-20) superficie sterile azonata, solcata, tomentosa, di colore da bruno a nerastro; imenoforo di colore da giallo bruno a bruno, su cui possono formarsi gocce di liquido brunastro Inonotus dryadeus (30-50) basidioma di consistenza da spugnosa a carnosa superficie sterile tomentosa ma non irsuta, azonata, solcata, di colore da bruno a nerastro; imenoforo di colore da giallo bruno a bruno, su cui possono formarsi gocce di liquido brunastro Inonotus dryadeus (30-50) superficie sterile ispida, irsuta, di colore bruno, bruno scuro fino a nerastro; imenoforo di colore da giallo a bruno fulvo, su cui possono formarsi gocce di liquido trasparente Inonotus hispidus (30-50) basidioma resupinato, noduloso o pulvinato basidioma noduloso o pulvinato; superficie sterile, se presente, rudimentale, solcata, rimosa, di colore da grigiastro a nerastro Phellinus pomaceus (cm o dm) ( ) basidioma pulvinato; superficie sterile, se presente, ispida, irsuta, di colore da rosso bruno a bruno scuro Inonotus hispidus (30-50) ( ) basidioma da resupinato a pulvinato, talvolta rimoso, spesso fuso con altri basidiomi; imenoforo color bruno cannella con pori rotondi; margine del pileo sottile, tomentoso, di color brunastro Phellinus punctatus (20-40) basidioma resupinato, noduloso; imenoforo di color bruno cannella con pori angolosi; margine del pileo sottile ma distinto, di colore giallastro Phellinus hastifer (8-10) 5

6 Tabella 2 - Elenco dei taxa fungini e risultati della validazione della chiave Taxa fungini casi di studio (n.) 1 Identificazioni corrette (n., rapporto di validazione) Taxon più frequente nelle identificazioni non corrette (frequenza) Taxa fungini casi di studio (n.) 1 Identificazioni corrette (n., rapporto di validazione) Taxon più frequente nelle identificazioni non corrette (frequenza) Agrocybe cylindracea (DC.) Gillet (0,937) H. fasciculare (0,063) Lenzites betulina (L.) Fr (0,812) D. confragosa (0,012) Antrodiella semisupina (Berk. & M.A. Curtis) Ryvarden Meripilus giganteus (Pers.) P. Karst (0,812) G. frondosa (0,012) Armillaria spp (0,937) P. ostreatus (0,063) Perenniporia fraxinea (Bull.) Ryvarden (0,812) G. adspersum, G. resinaceum, R. ulmarius (0,063) Bjerkandera adusta (Willd.) P. Karst (0,812) C. unicolor (0,125) Phaeolus schweinitzii (Fr.) Pat (0,938) M. giganteus (0,062) Cerrena unicolor (Bull.) Murrill (0,875) B. adusta (0,063) Phellinus chrysoloma (Fr.) Donk Chondrostereum purpureum (Pers.) Pouzar (0,875) S. rugosum (0,063) Phellinus hartigii (Allesch. & Schnabl) Pat (0,875) P. pini (0,125) Climacocystis borealis (Fr.) Kotl. & Pouzar (1,000) - Phellinus igniarius (L.) Quél (0,875) F. fomentarius, P. robustus (0,062) Coniophora puteana (Schumach.) P. Karst (0,750) S. rugosum (0,063) Phellinus pini (Brot.) Bondartsev & Singer (0,875) P. chrysoloma (0,125) Daedalea quercina (L.) Pers (0,917) D. confragosa (0,083) Phellinus pomaceus (Pers.) Maire (0,812) P. punctatus (0,188) Daedaleopsis confragosa (Bolton) J. Schröt (0,937) L. betulina (0,063) Phellinus punctatus (Fr.) Pilát (0,917) P. pomaceus (0,083) Datronia mollis (Sommerf.) Donk Phellinus robustus (P. Karst.) Bourdot & Galzin Fistulina hepatica (Schaeff.) With (1,000) - Phellinus torulosus (Pers.) Bourdot & Galzin Fomes fomentarius (L.) J.J. Kickx (0,917) F. pinicola, P. igniarius (0,042) (0,875) P. igniarius (0,125) (0,875) P. ribis (0,083) Phylloporia ribis (Schumach.) Ryvarden (0,812) P. torulosus (0,125) Fomitopsis pinicola (Sw.) P. Karst (1,000) - Piptoporus betulinus (Bull.) P. Karst (1,000) - Ganoderma adspersum (Schulzer) Donk (0,708) G. applanatum (0,250) Pleurotus ostreatus (Jacq.) P. Kumm (0,937) A. cylindracea (0,063) Ganoderma applanatum (Pers.) Pat (0,750) G. adspersum (0,250) Polyporus arcularius Rostk (0,875) P. brumalis (0,125) Ganoderma carnosum Pat (1,000) - Polyporus brumalis (Pers.) Fr (0,812) P. auricularius (0,125) Ganoderma lucidum (Curtis) P. Karst (0,937) G. resinaceum (0,063) Polyporus ciliatus Fr (0,875) P. auricularius, P. brumalis (0,063) Ganoderma resinaceum Boud (0,917) G. adpersum, G. lucidum (0,042) Polyporus squamosus (Huds.) Fr (1,000) - Ganoderma valesiacum Boud Postia caesia (Schrad.) P. Karst Gloeophyllum abietinum (Bull.) P. Karst. or G. sepiarium (Wulfen) P. Karst (0,906) G. trabeum (0,063) Postia fragilis (Fr.) Jülich Gloeophyllum odoratum (Wulfen) Imazeki (0,812) G. abietinum (0,125) Pycnoporus cinnabarinus (Jacq.) Fr (0,937) D. confragosa (0,063) Gloeophyllum trabeum (Pers.) Murrill Rigidoporus ulmarius (Sowerby) Imazeki (0,875) P. fraxinea (0,125) Grifola frondosa (Dicks.) Gray (1,000) - Schizophyllum commune Fr (1,000) - Heterobasidion spp (0,958) G. valesiacum (0,042) Stereum hirsutum (Willd.) Pers (0,875) S. subtomentosum (0,083) Hypholoma fasciculare (Huds.) P. Kumm Stereum rugosum Pers (0,875) C. purpureum (0,125) Inonotus dryadeus (Pers.) Murrill (0,937) I. hispidus (0,062) Stereum sanguinolentum (Alb. & Schwein.) Fr (1,000) - Inonotus dryophilus (Berk.) Murrill (0,937) G. valesiacum (0,062) Stereum subtomentosum Pouzar (0,875) S. rugosum (0,125) Inonotus hastifer Pouzar (0,812) P. punctatus (0,125) Trametes gibbosa (Pers.) Fr (0,937) B. adusta (0,063) Inonotus hispidus (Bull.) P. Karst (0,875) I. dryadeus (0,083) Trametes hirsuta (Wulfen) Pilát (1,000) - Inonotus radiatus (Sowerby) P. Karst Trametes versicolor (L.) Lloyd (0,875) T. hirsuta (0,083) Laetiporus sulphureus (Bull.) Murrill (1,000) - total (0,900) 1) Un caso di studio indica una identificazione. Il numero di casi di studio è dato dal prodotto tra il numero dei basidiomi e il numero di studenti che li ha identificati 6

The definitive version is available at: La versione definitiva è disponibile alla URL: [inserire URL sito editoriale]

The definitive version is available at: La versione definitiva è disponibile alla URL: [inserire URL sito editoriale] This is an author version of the contribution published on: Questa è la versione dell autore dell opera: [Gonthier P., Il Castagno, Edagricole, 2014, pagg. 163-167] The definitive version is available

Dettagli

Tecniche di potatura per una corretta cura degli alberi

Tecniche di potatura per una corretta cura degli alberi Tecniche di potatura per una corretta cura degli alberi Workshop teorico - pratico per i giardinieri del Comune di Merano Merano 23.03.2006 Copyright: Dr. Valentin Lobis - www.studiolobis.it Le fasi principali

Dettagli

LA BIOLOGIA MOLECOLARE APPLICATA ALLA VALUTAZIONE DI STABILITÀ DEGLI ALBERI

LA BIOLOGIA MOLECOLARE APPLICATA ALLA VALUTAZIONE DI STABILITÀ DEGLI ALBERI LA BIOLOGIA MOLECOLARE APPLICATA ALLA VALUTAZIONE DI STABILITÀ DEGLI ALBERI Giovanni Nicolotti e Paolo Gonthier Università degli Studi di Torino Dipartimento di Valorizzazione e Protezione delle Risorse

Dettagli

Funghi lignicoli e carie del legno

Funghi lignicoli e carie del legno Funghi lignicoli e carie del legno Grottammare 2013 Valentin Lobis 39012 Merano (BZ) www.studiolobis.it La dinamica del marciume Tracheomicosi Marciume nella corteccia e nell alburno Marciume nel durame

Dettagli

Leccinum lepidum (Bouchet ex Essette) Quadr.

Leccinum lepidum (Bouchet ex Essette) Quadr. La risorsa FUNGO in Alta Valle del Vara Leccinum lepidum (Bouchet ex Essette) Quadr. Famiglia: Boletaceae Sinonimi: Leccinum crocipodium var. lepidum (H. Bouchet ex Essette) Bon Etimologia: Leccinum (cfr.

Dettagli

Un mondo di soluzioni...

Un mondo di soluzioni... Un mondo di soluzioni... LIGNUM HYDROMIL! test d invecchiamento accelerato! test di resistenza ai funghi A cura del laboratorio di ricerca e sviluppo di HDG - Edizione Maggio 2007 RESISTENZA ALL'INVECCHIAMENTO

Dettagli

Le specie di funghi commestibili più comuni

Le specie di funghi commestibili più comuni Le specie di funghi commestibili più comuni Macrolepiota procera Mazza di tamburo Cappello: da 10 a 25 cm di diametro, dapprima ovoidale, quasi sferico, poi piano umbonato al centro, con margine sfrangiato;

Dettagli

AMANITA MALLEATA Piane. AMANITA VAGINATA (Bull.: Fr.) Vittadini

AMANITA MALLEATA Piane. AMANITA VAGINATA (Bull.: Fr.) Vittadini Osvaldo e Rosario Tagliavini AMANITA MALLEATA Piane Cresce, isolata, d estate, sotto latifoglie. Specie non molto comune. Cappello largo 6-12 cm, inizialmente campanulato, poi appianato, segnato da caratteristiche

Dettagli

Clitopilus prunulus (Scop.: Fr.) P. Kummer

Clitopilus prunulus (Scop.: Fr.) P. Kummer La risorsa FUNGO in Alta Valle del Vara Clitopilus prunulus (Scop.: Fr.) P. Kummer Famiglia: Entolomataceae Sinonimi: Clitopilus orcella (Bull.) P. Kumm.; Agaricus orcella Bull. Etimologia: dal gr. kleitús,

Dettagli

Abete Famiglia: PINACEE Genere: ABIES bianco Abies alba Silver fir Caratteristiche morfologiche In Basilicata Utilizzo principale Aspetti botanici

Abete Famiglia: PINACEE Genere: ABIES bianco Abies alba Silver fir Caratteristiche morfologiche In Basilicata Utilizzo principale Aspetti botanici SCHEDE DESCRITTIVE Abete bianco Famiglia: PINACEE Genere: ABIES Abies alba Silver fir Caratteristiche morfologiche Grande albero, alto anche 40-50 metri e con diametro sino a 3 metri, con fusto dritto

Dettagli

I Funghi Porcini. caratteristiche morfologiche e organolettiche simili. E' il più conosciuto ed apprezzato

I Funghi Porcini. caratteristiche morfologiche e organolettiche simili. E' il più conosciuto ed apprezzato I Funghi Porcini Porcino è il nome comune di alcune specie di funghi del genere Boletus, aventi caratteristiche morfologiche e organolettiche simili. E' il più conosciuto ed apprezzato tra i funghi commestibili,

Dettagli

SISTEMATICA DEI PRINCIPALI GENERI DELLA FAMIGLIA BOLETACAE

SISTEMATICA DEI PRINCIPALI GENERI DELLA FAMIGLIA BOLETACAE SISTEMATICA DEI PRINCIPALI GENERI DELLA FAMIGLIA BOLETACAE CLASSSIFICAZIONE SISTEMATICA FAMIGLIA BOLETACEAE Funghi carnosi, a gambo e cappello, con imenoforo costituito da tubuli, facilmente separabile

Dettagli

I boleti sotto l albero della luce

I boleti sotto l albero della luce HIC SUNT MYCOTA Micologia e funghi dei boschi alpini I boleti sotto l albero della luce 93 Alcune Boletaceae dei nostri lariceti MARCO FLORIANI Gruppo Micologico «G. Bresadola» di Trento Fig. 1 - Boletus

Dettagli

Standard Europeo COCINCINA NANA

Standard Europeo COCINCINA NANA Standard Europeo COCINCINA NANA Origine : Cina. Importata in Europa nel 1886. Aspetto generale : Piccolo pollo, basso di portamento, con corpo largo,raccolto,con portamento verso l avanti. Piumaggio molto

Dettagli

REGIONE LAZIO Direzione Regionale Agricoltura Area Servizi Tecnici e Scientifici, Servizio Fitosanitario Regionale

REGIONE LAZIO Direzione Regionale Agricoltura Area Servizi Tecnici e Scientifici, Servizio Fitosanitario Regionale REGIONE LAZIO Direzione Regionale Agricoltura Area Servizi Tecnici e Scientifici, Servizio Fitosanitario Regionale Anopllophora spp Cerambiiciide o Tarllo asiiattiico Foto 1. Femmina di Anoplophora Gli

Dettagli

PATOLOGIA FORESTALE. CORSO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO BAUSINVE 2010 Biotici: Principali categorie di fattori avversi: Patologia vegetale

PATOLOGIA FORESTALE. CORSO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO BAUSINVE 2010 Biotici: Principali categorie di fattori avversi: Patologia vegetale Principali categorie di fattori avversi: CORSO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO BAUSINVE 2010 Biotici: Patologia vegetale Abiotici: funghi stress termici batteri stress idrici fitoplasmi carenza/eccesso di

Dettagli

BOLETUS FRAGRANS Vittadini. BOLETUS APPENDICULATUS Schaeffer

BOLETUS FRAGRANS Vittadini. BOLETUS APPENDICULATUS Schaeffer Osvaldo e Rosario Tagliavini BOLETUS FRAGRANS Vittadini Cresce, anche cespitoso, da luglio a ottobre, nei boschi di querce. Specie non molto comune. Cappello largo 5-15 cm, ocra-caffelatte, leggermente

Dettagli

Catalogo dei microhabitat degli alberi. Elenco di riferimento da campo

Catalogo dei microhabitat degli alberi. Elenco di riferimento da campo Catalogo dei microhabitat degli alberi Elenco di riferimento da campo Questo catalogo è disponibile online: integrateplus.org Citazione consigliata: Kraus, D., Bütler, R., Krumm, F., Lachat, T., Larrieu,

Dettagli

Astraeus hygrometricus (Pers.: Pers.) Morgan

Astraeus hygrometricus (Pers.: Pers.) Morgan Astraeus hygrometricus (Pers.: Pers.) Morgan Famiglia: Astraeaceae Sinonimi: Geastrum hygrometricum Pers. ; Lycoperdon stellatus Scop. Etimologia: Asterios in gr. significa stellato, termine riferito alla

Dettagli

Estratto dell intervento in Commissione Ecologia del giorno 23.06.08 Il verde pubblico di Mariano Comense: censimento, monitoraggio, manutenzione

Estratto dell intervento in Commissione Ecologia del giorno 23.06.08 Il verde pubblico di Mariano Comense: censimento, monitoraggio, manutenzione Valutazione delle condizioni vegetative, fitosanitarie e strutturali dell esemplare di Faggio, Fagus sylvatica, radicato all interno di Parco Porta Spinola, nel Comune di Mariano Comense (CO) Estratto

Dettagli

Populus nigra L. e Populus alba L. (Pioppo nero e pioppo bianco)

Populus nigra L. e Populus alba L. (Pioppo nero e pioppo bianco) SALICACEE Nella famiglia delle Salicacee fanno parte piante per lo più legnose distribuite nelle zone temperate dell'emisfero boreale. Nella flora italiana la famiglia è rappresentata da due generi, Populus

Dettagli

CHIOMA E PORTAMENTO FOGLIE FIORI FRUTTI FRUTTI FLORA ESOTICA

CHIOMA E PORTAMENTO FOGLIE FIORI FRUTTI FRUTTI FLORA ESOTICA ALBERI I GRANDEZZA (anomala poiché gymnospermae) GINKO BILOBA Ginko biloba FLORA ESOTICA 25-30 m 10 m Eretto nelle piante maschili, espanso nelle femminili Primaverile, poco significativa Carnosi, ovoidali

Dettagli

LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO

LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO LA CAPITOZZATURA Per capitozzatura si intende il taglio della parte apicale del fusto e di grossi rami la capitozzatura NON E UNA TECNICA DI POTATURA ma UN DANNEGGIAMENTO

Dettagli

Studio, progettazione grafica e impaginazione Rosa Domina Enrico Palmisano. AUSL di Bologna Dipartimento di Sanità Pubblica

Studio, progettazione grafica e impaginazione Rosa Domina Enrico Palmisano. AUSL di Bologna Dipartimento di Sanità Pubblica AUSL di Bologna Dipartimento di Sanità Pubblica Direttore: Dott. Fausto Francia U.O. Igiene Alimenti e Nutrizione Direttore: Dott.ssa Emilia Guberti Ispettorato Micologico Direttore: Dott.ssa Luciana Prete

Dettagli

Associazione Lombarda Avicoltori www.ala-avicoltori.it info@ala-avicoltori.it MOROSETA

Associazione Lombarda Avicoltori www.ala-avicoltori.it info@ala-avicoltori.it MOROSETA MOROSETA I GENERALITA Origine: Asia dell'est, probabilmente la Cina. Per alcuni ricercatori è stata selezionata in Giappone, secondo altri è originaria dell' Africa del Sud. Nei trattati letterari è menzionata

Dettagli

Tipologie significative per le strutture in legno naturale e legno lamellare

Tipologie significative per le strutture in legno naturale e legno lamellare ASPETTI AMBIENTALI DEL LEGNO Fornitura e deposito in cantiere I blocchi di legno massiccio, ma anche quelli in legno lamellare vengono trasportati con normali autocarri, dato il loro peso contenuto, e

Dettagli

Fulvo di Borgogna (direttive d allevamento svizzere)

Fulvo di Borgogna (direttive d allevamento svizzere) Fulvo di Borgogna (direttive d allevamento svizzere) Redatto da: Urban Hamann Storia della razzahte Nascita relativamente sconosciuta Conigli selvatici giallo rossi furono incrociati con diverse razze

Dettagli

PERIZIA FITOPATOLOGICA STRUTTURALE N 12 alberi (Celtis australis) Via Roma Camposanto (Modena) CIG Z490FD98D3

PERIZIA FITOPATOLOGICA STRUTTURALE N 12 alberi (Celtis australis) Via Roma Camposanto (Modena) CIG Z490FD98D3 PERIZIA FITOPATOLOGICA STRUTTURALE N 12 alberi (Celtis australis) Via Roma Camposanto (Modena) CIG Z490FD98D3 Committente: Comune di Camposanto Via F. Baracca n 11 Camposanto (Modena) Dott. Agr. Riccardo

Dettagli

MILLEFIORI VENETA O MILLEFIORI DI LONIGO BOZZA DI STANDARD

MILLEFIORI VENETA O MILLEFIORI DI LONIGO BOZZA DI STANDARD I GENERALITÀ Origine MILLEFIORI VENETA O MILLEFIORI DI LONIGO BOZZA DI STANDARD Razza Veneta, selezionata dall'allevatore Luca Rizzini alla fine del XX secolo a partire da esemplari di polli di tipologia

Dettagli

C1202. Riferimento commessa: giugno 2013. ing. Michele D Alessandro Direzione tecnica. Viale Lombardia 5 20131 Milano

C1202. Riferimento commessa: giugno 2013. ing. Michele D Alessandro Direzione tecnica. Viale Lombardia 5 20131 Milano Riferimento commessa: Viale Lombardia 5 20131 Milano Tel. 02.70632650/60 fax 02.2361564 citra@citrasrl.it www.citrasrl.it C1202 giugno 2013 REV prof. arch. Giorgio Goggi Responsabile tecnico-scientifico

Dettagli

MICRODOCHIUM NIVALIS TYPHULA INCARNATA LAETISARIA FUCIFORMIS (FILO ROSSO)

MICRODOCHIUM NIVALIS TYPHULA INCARNATA LAETISARIA FUCIFORMIS (FILO ROSSO) MICRODOCHIUM NIVALIS Dopo un prolungato periodo di condizioni atmosferiche fredde e umide si possono formare macchie circolari depresse di circa 5 cm. O inferiori che cambiano rapidamente di colore dal

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

Giordano L., Gonthier P. DISAFA Università degli Studi di Torino Largo Paolo Braccini, 2 10095 Grugliasco (TO) paolo.gonthier@unito.

Giordano L., Gonthier P. DISAFA Università degli Studi di Torino Largo Paolo Braccini, 2 10095 Grugliasco (TO) paolo.gonthier@unito. Kretzschmaria deusta: un patogeno nascosto ARBOR 2-2015 Giordano L., Gonthier P. DISAFA Università degli Studi di Torino Largo Paolo Braccini, 2 10095 Grugliasco (TO) paolo.gonthier@unito.it 10 Kretzschmaria

Dettagli

Scuola Secondaria di Primo Grado G.F. da Tolmezzo. CORSO DI TECNOLOGIA Studio dei materiali IL LEGNO

Scuola Secondaria di Primo Grado G.F. da Tolmezzo. CORSO DI TECNOLOGIA Studio dei materiali IL LEGNO Scuola Secondaria di Primo Grado G.F. da Tolmezzo CORSO DI TECNOLOGIA Studio dei materiali IL LEGNO IL LEGNO E uno dei materiali più antichi ed ha rappresentato per l uomo il modo di risolvere, per molti

Dettagli

specie legnose e colori

specie legnose e colori 1 PINO (Pinus sylvestris) È un legno che garantisce un ottimo rapporto qualità/prezzo. Lavoranti in Legno si approvvigiona direttamente dal nord Europa e più precisamente dalla Scandinavia, dove si trovano

Dettagli

SCHEDE DESCRITTIVE DI ALCUNI FUNGHI DIFFUSI IN CAMPANIA

SCHEDE DESCRITTIVE DI ALCUNI FUNGHI DIFFUSI IN CAMPANIA SCHEDE DESCRITTIVE DI ALCUNI FUNGHI DIFFUSI IN CAMPANIA a cura dell Ufficio Forestazione dell Area Agricoltura Provincia di Napoli Si ringrazia il Micologo Dott. Camillo Iavarone per la gentile collaborazione

Dettagli

CENSIMENTO DEGLI ALBERI MONUMENTALI

CENSIMENTO DEGLI ALBERI MONUMENTALI ASSESSORATO ALLA TUTELA AMBIENTALE SETTORE ECOLOGIA ED ENERGIA REGIONE LOMBARDIA CENSIMENTO DEGLI ALBERI MONUMENTALI DISPENSA N. 2 GUIDA AL RICONOSCIMENTO DI ALBERI, FOGLIE, FUNGHI PATOGENI A cura di:

Dettagli

ARBORICOLTURA DA LEGNO LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ASSORTIMENTI LEGNOSI

ARBORICOLTURA DA LEGNO LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ASSORTIMENTI LEGNOSI ARBORICOLTURA DA LEGNO LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ASSORTIMENTI LEGNOSI LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ASSORTIMENTI LEGNOSI L arboricoltura da legno ha come primo scopo la produzione di assortimenti di pregio utilizzati

Dettagli

Progetto 1334.11 dagu - Comune Della Spezia

Progetto 1334.11 dagu - Comune Della Spezia Progetto 133.11 dagu - Comune Della Spezia Spett.le COMUNE DELLA SPEZIA Dipartimento II Servizi Tecnici e Opere Pubbliche Progettazione e Manutenzione Aree Verdi Alla cortese attenzione di: Agr. Andrea

Dettagli

Questionario d esame incluso nella metodologia messa a punto dalla Regione Veneto

Questionario d esame incluso nella metodologia messa a punto dalla Regione Veneto Questionario d esame incluso nella metodologia messa a punto dalla Regione Veneto Le domande che seguono sono state elaborate da un omitato tecnico scientifico, costituito da esperti delle ssociazioni

Dettagli

Aiuto per l identificazione dei tarli asiatici

Aiuto per l identificazione dei tarli asiatici Aiuto per l identificazione dei tarli asiatici Caratteristiche, sintomi di infestazione e possibilità di confusione con altre specie Istituto federale di ricerca per la foresta, la neve e il paesaggio

Dettagli

QUIZ per il conseguimento dell abilitazione alla ricerca e raccolta dei TARTUFI

QUIZ per il conseguimento dell abilitazione alla ricerca e raccolta dei TARTUFI QUIZ per il conseguimento dell abilitazione alla ricerca e raccolta dei TARTUFI 1) Cos è il tartufo? a) E il frutto di un fungo ipogeo cioè che si sviluppa sotto terra. b) E un tubero, come la patata.

Dettagli

Holz Building studio di ingegneria bioedilizia strutture e case in legno

Holz Building studio di ingegneria bioedilizia strutture e case in legno La Holz Building nasce da uno studio di ingegneria che da diversi anni coltiva l interesse per la bioedilizia, specializzatosi in particolar modo nella progettazione e produzione di strutture e case in

Dettagli

Regolamento per la disciplina igienica della produzione e del commercio del caffè e dei suoi derivati

Regolamento per la disciplina igienica della produzione e del commercio del caffè e dei suoi derivati D.P.R. 16 febbraio 1973, n. 470. Regolamento per la disciplina igienica della produzione e del commercio del caffè e dei suoi derivati (pubbl. in Gazz. Uff. n. 204 dell 8 agosto 1973). IL PRESIDENTE DELLA

Dettagli

STRUTTURA DELLE ROSETTE INDICE. Pagina Contenuto. Perno stabile. 04 Struttura delle rosette. Superficie stabile. 06 Gamma dei prodotti

STRUTTURA DELLE ROSETTE INDICE. Pagina Contenuto. Perno stabile. 04 Struttura delle rosette. Superficie stabile. 06 Gamma dei prodotti by STRUTTURA DELLE ROSETTE INDICE Pagina Contenuto Superficie stabile Perno stabile 04 Struttura delle rosette Ponticelli orizzontali e verticali Diversi diametri del foro 06 Gamma dei prodotti 08 Rosette

Dettagli

Occhio al Fungo. Saper riconoscere e raccogliere i funghi

Occhio al Fungo. Saper riconoscere e raccogliere i funghi Occhio al Fungo Saper riconoscere e raccogliere i funghi Occhio al Fungo Saper riconoscere e raccogliere i funghi Qualche informazione... Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna Dipartimento di Sanità

Dettagli

LE CONCHIGLIE. dell Area Marina Protetta Punta Campanella

LE CONCHIGLIE. dell Area Marina Protetta Punta Campanella LE CONCHIGLIE dell Area Marina Protetta Punta Campanella M I N I - G U I D E illustrazioni di: Claudio d Esposito testi: Antonella Ambrosio, Claudio d Esposito, Andrea Fienga hanno collaborato: Rosa Gargiulo,

Dettagli

POTATURA DEL PLATANO A SENIGALLIA

POTATURA DEL PLATANO A SENIGALLIA POTATURA DEL PLATANO A SENIGALLIA Gruppo di lavoro Davide Neri (prof. Arboricoltura Università Politecnica delle Marche) Alberto Minelli (prof. Parchi e giardini Università di Bologna) Stefano Api (geometra

Dettagli

Anomalie ungueali. Anomalie di forma

Anomalie ungueali. Anomalie di forma Le anomalie ungueali riguardano tutte le alterazioni che avvengono a livello della lamina ungueale e si distinguono in diversi gruppi, a seconda del parametro preso in considerazione: anomalie di forma;

Dettagli

MINISTERO DELLA SANITÀ Decreto 29 novembre 1996, n. 686.

MINISTERO DELLA SANITÀ Decreto 29 novembre 1996, n. 686. MINISTERO DELLA SANITÀ Decreto 29 novembre 1996, n. 686. Regolamento concernente criteri e modalità per il rilascio dell'attestato di micologo. (Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.11 del 15 gennaio

Dettagli

Il legno (cenni di Tecnologia del legno)

Il legno (cenni di Tecnologia del legno) Il legno (cenni di Tecnologia del legno) Struttura Equilibrio igroscopico Variazioni dimensionali Anisotropia, deformazioni Umidità Del legno Di risalita Ambientale Residua Da infiltrazione Piani di posa

Dettagli

Figura 1: A sinistra Quercia / A destra Abete rosso

Figura 1: A sinistra Quercia / A destra Abete rosso INTRODUZIONE IL LEGNO COME MATERIALE DA COSTRUZIONE Caratteristiche e struttura del legno Nel comparto edilizio le opere in legno possono impiegare non solo componenti, prodotti o semilavorati in legno

Dettagli

CORSO DI CARATTERI COSTRUTTIVI DELL EDILIZIA STORICA

CORSO DI CARATTERI COSTRUTTIVI DELL EDILIZIA STORICA CORSO DI CARATTERI COSTRUTTIVI DELL EDILIZIA STORICA AA 2008-2009 Arch. Elisa Adorni Legno LEGNO: materiale con caratteristiche molto variabili a seconda delle specie arboree Fattori climatici e morfologia

Dettagli

La raccolta dei funghi tra passione, rispetto per l ambiente e sicurezza

La raccolta dei funghi tra passione, rispetto per l ambiente e sicurezza Assessorato Agricoltura La raccolta dei funghi tra passione, rispetto per l ambiente e sicurezza a cura di Emmanuele Roca LA RACCOLTA DEI FUNGHI TRA PASSIONE, RISPETTO PER L AMBIENTE E SICUREZZA. Proprietà

Dettagli

LE PRINCIPALI MALATTIE DEI PINI

LE PRINCIPALI MALATTIE DEI PINI LE PRINCIPALI MALATTIE DEI PINI ifesa delle oreste Le principali malattie dei pini In Toscana i pini sono rappresentati da diverse specie che, senza contare i boschi misti, coprono una superficie prossima

Dettagli

Bassa incidenza di trasformazione maligna dei nevi

Bassa incidenza di trasformazione maligna dei nevi NEVI E MELANOMA DEL BAMBINO : Bassa incidenza di trasformazione maligna dei nevi STORIA CLINICA I NEVI MELANOCITARI COMPAIONO NELLA PRIMA INFANZIA E IL LORO NUMERO COMPLESSIVO CRESCE CON IL CRESCERE DELL

Dettagli

Legno strutturale Classificazione a vista dei legnami secondo la resistenza meccanica Parte 3: Travi Uso Fiume e Uso Trieste

Legno strutturale Classificazione a vista dei legnami secondo la resistenza meccanica Parte 3: Travi Uso Fiume e Uso Trieste NORMA ITALIANA Legno strutturale Classificazione a vista dei legnami secondo la resistenza meccanica Parte 3: Travi Uso Fiume e Uso Trieste UNI 11035-3 OTTOBRE 2010 Structural timber Visual strength grading

Dettagli

I Funghi delle Madonne

I Funghi delle Madonne I Funghi delle Madonne Presentazione a cura di P.Bonomo PRATAIOLI LEPIOTE AMANITE e VOLVARIE BOLETI CANTARELLI ed IDNI CLAVARIE e RAMARIE COPRINI CORTINARI ed INOCIBI ENTOLOMI IGROFORI PLEUROTI VESCE LATTARI

Dettagli

CONSERVAZIONE DEGLI ALBERI TUTELATI: ASPETTI FITOSANITARI. Nicoletta Vai Servizio Fitosanitario

CONSERVAZIONE DEGLI ALBERI TUTELATI: ASPETTI FITOSANITARI. Nicoletta Vai Servizio Fitosanitario CONSERVAZIONE DEGLI ALBERI TUTELATI: ASPETTI FITOSANITARI Nicoletta Vai Servizio Fitosanitario Di cosa parleremo Perché il Servizio Fitosanitario? Alberi monumentali: i fondamentali Conservazione: cosa

Dettagli

I NEMICI DEL LEGNO I NEMICI DEL LEGNO...1. I FUNGHI...2 Funghi da carie del legno...2 Funghi da colorazione del legno...3

I NEMICI DEL LEGNO I NEMICI DEL LEGNO...1. I FUNGHI...2 Funghi da carie del legno...2 Funghi da colorazione del legno...3 I NEMICI DEL LEGNO SOMMARIO I NEMICI DEL LEGNO...1 I FUNGHI...2 Funghi da carie del legno...2 Funghi da colorazione del legno...3 GLI INSETTI...4 Coleotteri...4 Isotteri (Termiti)...5 GLI ORGANISMI MARINI...6

Dettagli

Conoscere il legno. Essenze e cause di degrado.

Conoscere il legno. Essenze e cause di degrado. Dicembre 2007 EDILIZIA PROFESSIONALE Conoscere il legno. Essenze e cause di degrado. SigmaKalon Univer S.p.a. Via Monte Rosa, 7 28010 Cavallirio (NO) Tel. (0163) 806 611 Fax (0163) 806 696 info@sigmakalon.it

Dettagli

Il Divulgatore N.3/ 2003 La qualità del verde Alberi nel paesaggio rurale e urbano"

Il Divulgatore N.3/ 2003 La qualità del verde Alberi nel paesaggio rurale e urbano Il Divulgatore N.3/ 2003 La qualità del verde Alberi nel paesaggio rurale e urbano" Giganti feriti Il rischio di schianto o di rottura è un problema da considerare attentamente negli alberi monumentali,

Dettagli

La natura in autunno Le foglie cambiano colore e cadono

La natura in autunno Le foglie cambiano colore e cadono La natura in autunno Le foglie cambiano colore e cadono L autunno è una stagione con caratteristiche sue proprie, non è soltanto un periodo di passaggio tra le calde giornate estive e i primi geli invernali.

Dettagli

CAMPIONAMENTO DEL SUOLO

CAMPIONAMENTO DEL SUOLO CAMPINAMENT DEL SUL Metodo Nei tre anni di durata del progetto è stato effettuato un solo campionamento del suolo da tutte le 6 AdS di Livello IIA-B, esattamente tra la fine di Maggio e Giugno 1996. Il

Dettagli

04/05/2015 1. CARATTERISTICHE FISICHE. Caratteristiche fisiche del legno

04/05/2015 1. CARATTERISTICHE FISICHE. Caratteristiche fisiche del legno Caratteristiche fisiche del legno Il legno per le costruzioni si ricava dalla parte interna dei grossi fusti degli alberi. È un materiale con una struttura complessa, non omogenea e anisotropa (sottoposto

Dettagli

ILEX AQUIFOLIUM L. Agrifoglio; Pungitopo maggiore; Alloro spinoso FAMIGLIA AQUIFOLIACEAE

ILEX AQUIFOLIUM L. Agrifoglio; Pungitopo maggiore; Alloro spinoso FAMIGLIA AQUIFOLIACEAE ILEX AQUIFOLIUM L. Agrifoglio; Pungitopo maggiore; Alloro spinoso FAMIGLIA AQUIFOLIACEAE Si presenta come arbusto sempreverde con portamento cespuglioso o come albero, a tronco diritto e corteccia di colore

Dettagli

Esercitazione Funghi e Vegetali simbionti (Licheni)

Esercitazione Funghi e Vegetali simbionti (Licheni) Esercitazione Funghi e Vegetali simbionti (Licheni) Lab. Botanica Sistematica applicata 2010/2011 - Dott.ssa V. Savo I funghi sono organismi: eterotrofi: sono privi di cloroplasti, non possono compiere

Dettagli

La valutazione della fertilità del terreno attraverso l osservazione: utilità della Prova della Vanga. Luca Conte - Agroecologo

La valutazione della fertilità del terreno attraverso l osservazione: utilità della Prova della Vanga. Luca Conte - Agroecologo La valutazione della fertilità del terreno attraverso l osservazione: utilità della Prova della Vanga Luca Conte - Agroecologo La valutazione della fertilità del terreno attraverso l osservazione: la Prova

Dettagli

Corso di Tecnologie delle Costruzioni Civili

Corso di Tecnologie delle Costruzioni Civili Università di Pisa Dipartimento di Ingegneria dell'energia, dei Sistemi, del Territorio e delle Costruzioni DESTEC Corso di Tecnologie delle Costruzioni Civili Linda Giresini 8 Novembre 2012 Legno: origine

Dettagli

Specie legnose e colori

Specie legnose e colori Pino Il legno di pino utilizzato dalla falegnameria Cortese è ricco di resina e unto al tatto. In questa conifera il limite tra gli anelli annuali è chiaramente riconoscibile per la chiara differenza nello

Dettagli

1. TACCHINO ERMELLINATO DI ROVIGO

1. TACCHINO ERMELLINATO DI ROVIGO 1. TACCHINO ERMELLINATO DI ROVIGO AREA DI ORIGINE: Regione Veneto. TIPO ED INDIRIZZO PRODUTTIVO: Tacchino rustico di taglia media, precoce e a rapido impennamento. Ottimo pascolatore,si presta molto bene

Dettagli

ALLA SCOPERTA DEL GLUTINE DAL CHICCO AL PANE

ALLA SCOPERTA DEL GLUTINE DAL CHICCO AL PANE Istituto Comprensivo Europa di Faenza - Scuola Media Europa - Classe 1ª C Docente coordinatore: Pia Molinari ALLA SCOPERTA DEL GLUTINE DAL CHICCO AL PANE 205 ISOLAMENTO DEL GLUTINE RELAZIONE DELL ESPERIMENTO

Dettagli

Spett.Le Municipio di Palermo Settore Verde e arredo Urbano Servizio Gestione e Manutenzione Verde e A.U. Viale Diana Casa natura - Palermo

Spett.Le Municipio di Palermo Settore Verde e arredo Urbano Servizio Gestione e Manutenzione Verde e A.U. Viale Diana Casa natura - Palermo Spett.Le Municipio di Palermo Settore Verde e arredo Urbano Servizio Gestione e Manutenzione Verde e A.U. Viale Diana Casa natura - Palermo All Assessore alla Vivibilità, Verde, Reti telematiche e Innovazione,

Dettagli

CENNI SOPRA ALCUNE ALGHE

CENNI SOPRA ALCUNE ALGHE CENNI SOPRA ALCUNE ALGHE DELL'OCEANO INDIANO 1. Dictyota Atomaria Hauck n. sp. T&-V- X. Da una radice quasi conica esce una fronda membranacea, lunga 15 a 45 cent., a base cuneiforme, che si divide dicotomicamente.

Dettagli

Cancro della pelle. Cause. Sintomi. Diagnosi. Terapia. Prognosi. Informazioni a cura della Lega svizzera contro il cancro

Cancro della pelle. Cause. Sintomi. Diagnosi. Terapia. Prognosi. Informazioni a cura della Lega svizzera contro il cancro Cancro della pelle Cause Sintomi Diagnosi Terapia Prognosi Informazioni a cura della Lega svizzera contro il cancro Cancro della pelle I tumori maligni cutanei sono di diversa forma. Particolarmente frequente

Dettagli

Contributo alla conoscenza dei Macromiceti dell Emilia-Romagna. XXIII. Famiglia Coprinaceae - Parte terza*

Contributo alla conoscenza dei Macromiceti dell Emilia-Romagna. XXIII. Famiglia Coprinaceae - Parte terza* BOLLETTINO DEL GRUPPO MICOLOGICO G. BRESADOLA NUOVA SERIE BGMB 48 (2): 7-22; 2005 Contributo alla conoscenza dei Macromiceti dell Emilia-Romagna. XXIII. Famiglia Coprinaceae - Parte terza* Giovanni Consiglio

Dettagli

Censimento delle alberature poste nel Parco del Bersagliere e nel Parco dei Pinguini nel comune di Cassano d Adda

Censimento delle alberature poste nel Parco del Bersagliere e nel Parco dei Pinguini nel comune di Cassano d Adda Prog. 00 564 10 Comune di Cassano d Adda Censimento delle alberature poste nel Parco del Bersagliere e nel nel comune di Cassano d Adda 7 maggio 2010 da Maggio 10 Dendrotec srl via S.Fruttuoso,2 Tel. 02

Dettagli

4. Le tipologie di humus in siti a vegetazione spontanea

4. Le tipologie di humus in siti a vegetazione spontanea 121 4. Le tipologie di humus in siti a vegetazione spontanea Le esigenze di studio unitario della sostanza organica nel suolo sono state perseguite attraverso l introduzione del concetto di forma di humus

Dettagli

Il taglio nella potatura dell olivo

Il taglio nella potatura dell olivo Il taglio nella potatura dell olivo 27 10 2014 Slupatura è l intervento di cura sul tronco, contro la malattia chiamata CARIE o LUPA provocata da diversi tipi di funghi tra cui il FOMES FULVUS, il FOMES

Dettagli

progettazione di edifici con strutture portanti in legno 21 ottobre 2011 durabilità 1 arch. m.sc. andrea zanchetta

progettazione di edifici con strutture portanti in legno 21 ottobre 2011 durabilità 1 arch. m.sc. andrea zanchetta durabilità 1 Il legno è un materiale durabile? Sala del maggior consiglio, Palazzo Ducale Venezia XVI secolo principi generali Il legno è un materiale durabile? Analisi capriate di copertura Palazzo Ducale

Dettagli

La valutazione della stabilità degli alberi

La valutazione della stabilità degli alberi La valutazione della stabilità degli alberi Qualsiasi costruzione meccanica è leggera quanto possibile e salda quanto necessario quando subisce un carico equilibrato, cioè quando tutti i punti della sua

Dettagli

Oggetto: patrimonio arboreo Parco Biblioteca di via Cavour - Legnano

Oggetto: patrimonio arboreo Parco Biblioteca di via Cavour - Legnano PAOLO ALLEVA AGRONOMO PAESAGGISTA Spett.le AMGA Service Via per Busto Arsizio n. 53 20025 Legnano (Mi) Legnano, 04.08.2011 Oggetto: patrimonio arboreo Parco Biblioteca di via Cavour - Legnano Sulla base

Dettagli

Intervento comprensivo di ogni onere, macchina operatrice, attrezzatura, terreno vegetale o : esemplari di altezza da 6 m a 12 m 154,562 20,09 134,47

Intervento comprensivo di ogni onere, macchina operatrice, attrezzatura, terreno vegetale o : esemplari di altezza da 6 m a 12 m 154,562 20,09 134,47 descrizione ribasso % costo unitario n. Abbattimento di alberi adulti a chioma espansa in parchi e giardini. Intervento comprensivo di ogni onere, macchina operatrice, attrezzatura, raccolta e conferimento

Dettagli

Un viaggio tra le essenze, attraverso i colori, i profumi ed i caratteri del legno.

Un viaggio tra le essenze, attraverso i colori, i profumi ed i caratteri del legno. Un viaggio tra le essenze, attraverso i colori, i profumi ed i caratteri del legno. 2STRATI Acero Canadese 08 Afrormosia 09 Cabreuva Incenso 10 Doussiè Africa 12 Iroko 14 Merbau 15 Noce Nazionale Europeo

Dettagli

Scritto da erredomani Martedì 21 Maggio 2013 17:11 - Ultimo aggiornamento Sabato 25 Maggio 2013 15:05

Scritto da erredomani Martedì 21 Maggio 2013 17:11 - Ultimo aggiornamento Sabato 25 Maggio 2013 15:05 I tipi di fibre [1] riscontrabili in atmosfera si dividono in due grandi categorie quelle Naturali e quelle Sintetiche (artificiali). Entrambe queste categorie sono a loro volte distinguibili in organiche

Dettagli

Sessione d esame di certificazione per European Tree Technician

Sessione d esame di certificazione per European Tree Technician Sessione d esame di certificazione per European Tree Technician (aggiornato al 18/12/2011) INDICE 1 Definizione e Curriculum dello European Tree Technician 1.1 Definizione di Tree Technician 1.2 Curriculum

Dettagli

Scopri la tua Prakriti/ Test Ayurvedico

Scopri la tua Prakriti/ Test Ayurvedico Scopri la tua Prakriti/ Test Ayurvedico STRUTTURA FISICA V - Molto alto o molto basso, esile, ossuto P - Corporatura media K - Grosso, massiccio, struttura ampia PESO V - Leggero, con ossa sporgenti, variazioni

Dettagli

COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO

COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO SCOPO DEGLI INCONTRI Fornire informazioni sulle modalità operative per la realizzazione del compostaggio domestico Fornire indicazioni sulle

Dettagli

BONDEX I DANNI PER IL LEGNO Nemici del legno Raggi - UV il legno diventa grigio. Usura, Inquinamento e temperature Umidità il carico dell umidità provoca lo scaturire e dimiminuire del legno e porta alla

Dettagli

Istituto Comprensivo di Gaiarine (TV) Scuola Primaria di Gaiarine Progetto Regione Veneto A Scuola nei Parchi -Classe 4^A- Anno Scolastico 2013-2014

Istituto Comprensivo di Gaiarine (TV) Scuola Primaria di Gaiarine Progetto Regione Veneto A Scuola nei Parchi -Classe 4^A- Anno Scolastico 2013-2014 Istituto Comprensivo di Gaiarine (TV) Scuola Primaria di Gaiarine Progetto Regione Veneto A Scuola nei Parchi -Classe 4^A- Anno Scolastico 2013-2014 OSSERVIAMO E IMPARIAMO A RICONOSCERE I FIORI DEL CANSIGLIO

Dettagli

Degradamento del legno. Sabrina Palanti CNR IVALSA

Degradamento del legno. Sabrina Palanti CNR IVALSA Degradamento del legno Sabrina Palanti CNR IVALSA Definizione di durabilità naturale del legno La durabilità naturale di una specie legnosa è definita come la sua resistenza intrinseca agli attacchi da

Dettagli

Approfondimenti 1 - Informazioni generali

Approfondimenti 1 - Informazioni generali Approfondimenti 1 - Informazioni generali Principali caratteristiche morfologiche della conchiglia dei gasteropodi L animale completo apertura H labbro (o peristoma) ultimo giro capo D H = altezza piede

Dettagli

Pisa, 10 giugno 2013. Alla c.a. Arch. Cinzia Forsi. Servizio Tecnico Comune di Calcinaia Sede

Pisa, 10 giugno 2013. Alla c.a. Arch. Cinzia Forsi. Servizio Tecnico Comune di Calcinaia Sede DESTEC UNIVERSITÀ DI PISA Prof. Agr. Fabrizio Cinelli Docente di Strutture Verdi e Paesaggio Dipartimento di Ingegneria dell Energia, dei Sistemi, del Territorio e delle Costruzioni Civili Largo L. Lazzarino

Dettagli

I minerali. Alunno: Astarita Vittorio - Classe: 1 a E. Durezza (scala di Mohs) 7,5-8 Verde, azzurro, giallo, rosa, rosso, arancio, incolore, blu

I minerali. Alunno: Astarita Vittorio - Classe: 1 a E. Durezza (scala di Mohs) 7,5-8 Verde, azzurro, giallo, rosa, rosso, arancio, incolore, blu I minerali Alunno: Astarita Vittorio - Classe: 1 a E N. Nome minerale 1 Classe mineralogica Quarzo Silicati SiO 2 Composizione chimica Abito cristallino Prismatico esagonale Durezza (scala di Mohs) Colore

Dettagli

Parquet per esterno Il prodotto, la posa e la nuova norma UNI 11538-1

Parquet per esterno Il prodotto, la posa e la nuova norma UNI 11538-1 Parquet per esterno Il prodotto, la posa e la nuova norma UNI 11538-1 ing. Rita D Alessandro ufficio normative EdilegnoArredo A.I.P.P.L. dr. Stefano Berti CNR IVALSA 2 Soluzioni architettoniche moderne

Dettagli

COMPOSITE. ARPA Servizio IdroMeteoClima Area Agrometeorologia e Territorio

COMPOSITE. ARPA Servizio IdroMeteoClima Area Agrometeorologia e Territorio COMPOSITE Quella delle Composite è una delle famiglie più ricche di generi e specie. Sono diffuse in tutto il mondo e si adattano a tutti gli ambienti, sono prevalentemente piante erbacee, ma non mancano

Dettagli

PATOLOGIA FORESTALE MALATTIE DELLA CHIOMA DELLE LATIFOGLIE

PATOLOGIA FORESTALE MALATTIE DELLA CHIOMA DELLE LATIFOGLIE MALATTIE DELLA CHIOMA CORSO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO BAUSINVE 2010 PATOLOGIA FORESTALE III In questa vasta categoria sono comprese le malattie che colpiscono le foglie, i getti dell anno in corso

Dettagli

Via Emilia Ponente, 56 (cortile interno) - 40133 - Bologna Tel. 051.382.412 (lunedì sera) - e-mail: pcazzoli@libero.it

Via Emilia Ponente, 56 (cortile interno) - 40133 - Bologna Tel. 051.382.412 (lunedì sera) - e-mail: pcazzoli@libero.it Redazione: P. Cazzoli - G. Consiglio - W. Zuntini Sede Via Emilia Ponente, 56 (cortile interno) - 40133 - Bologna Tel. 051.382.412 (lunedì sera) - e-mail: pcazzoli@libero.it Pleurotus ostreatus (Jacq.

Dettagli

(Avvisi) ALTRI ATTI COMMISSIONE EUROPEA

(Avvisi) ALTRI ATTI COMMISSIONE EUROPEA C 122/4 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 25.4.2014 V (Avvisi) ALTRI ATTI COMMISSIONE EUROPEA Pubblicazione di una domanda di modifica ai sensi dell articolo 50, paragrafo 2, lettera a), del regolamento

Dettagli

CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011. Il legno. Ing. Emanuele Zamperini

CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011. Il legno. Ing. Emanuele Zamperini CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 Il legno IL LEGNO COME MATERIALE STRUTTURALE (1) PREMESSA: Il legno è un materiale: - di origine biologica; - disponibile in natura in elementi

Dettagli