Chiave di campo per il riconoscimento delle specie più comuni di funghi agenti di carie su piante in piedi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Chiave di campo per il riconoscimento delle specie più comuni di funghi agenti di carie su piante in piedi"

Transcript

1 Chiave di campo per il riconoscimento delle specie più comuni di funghi agenti di carie su piante in piedi Paolo GONTHIER e Giovanni NICOLOTTI Università di Torino, Dipartimento di Valorizzazione e Protezione delle Risorse Agroforestali - Patologia Vegetale Abstract A field key to species is presented for the most important and widespread European wood-rotting basidiomycetes on standing trees. Sixty four fungal taxa belonging to Agaricales, Hymenochaetales, Polyporales, and Russulales are included in the key, that was mostly based on macroscopic features of the basidiomata. The key allows for easy recognition of wood decay fungi in the field. Introduzione I funghi agenti di carie svolgono un importante ruolo ecologico negli ecosistemi forestali in quanto, come decompositori della sostanza organica, partecipano ai processi di ricircolo del carbonio e dell azoto. Essi degradano ceppaie, residui legnosi e anche legname in opera. Molti di questi funghi sono in grado di attaccare anche piante vive, potendosi comportare sia come agenti di marciume radicale o cancri sia come agenti di carie di alburno o durame. Le carie ed i marciumi radicali sono particolarmente importanti per gli alberi con funzione ornamentale in contesti urbani e nei parchi poiché possono determinare l instabilità delle piante con gravi conseguenze. Fatta eccezione per pochi ascomiceti (Ustulina, Xylaria, Chaetomium), tutti i funghi agenti di carie del legno sono basidiomiceti appartenenti agli ordini Agaricales, Hymenochaetales, Polyporales e Russulales [10]. Chiavi di riconoscimento dicotomiche sono disponibili per le Aphyllophorales lignivore europee [3], o per gruppi specifici all interno delle Aphyllophorales, come ad esempio le Corticiaceae e le Polyporaceae senso lato [2, 6]. Queste chiavi di riconoscimento analitiche si basano sulle caratteristiche macroscopiche del basidioma ma soprattutto sugli aspetti microscopici relativi ad esempio al sistema ifale, alle spore, alle strutture imeniali, oltreché sulla reazione delle strutture fungine a particolari sostanze. Tutto questo ovviamente sta ad indicare che l identificazione dei funghi richiede micologi specializzati ed equipaggiati con strutture da laboratorio ma soprattutto che l identificazione difficilmente può andare a buon fine con la sola osservazione in campo. Chiavi d identificazione delle Polyporaceae sono disponibili sulla rete (http://biologi.uio.no/bot/ascomycetes/norskepores_key.htm) o su appositi software [1]. Inoltre, schede di descrizione di funghi agenti di carie su piante in piedi, spesso corredate da chiavi semplificate per il loro riconoscimento, sono fornite assieme a manuali di campo di patologia delle piante urbane o di valutazione della stabilità delle piante [9, 11]. Queste chiavi semplificate, tuttavia, permettono di giungere a livello di genere oppure sono basate su caratteristiche ecologiche dei funghi, come la preferenza d ospite, cosa abbastanza aleatoria in quanto soltanto pochissimi funghi cariogeni sono caratterizzati da una spiccata preferenza d ospite [12]. Per contro, esistono svariate buone ragioni che imporrebbero, anche nell arboricoltura urbana e nel VTA un identificazione accurata dei funghi che si possono riscontrare su piante in piedi. Questo perchè il comportamento degli agenti di carie, in termini di aggressività, può variare considerevolmente anche tra specie appartenenti allo stesso genere [14]. Una corretta diagnosi può aiutare a formulare una corretta prognosi, ad impostare adeguate strategie di contenimento e a definire, con maggior cognizione, i tempi di ricontrollo dell albero e quindi la classe di rischio in cui deve essere inserito. É importante inoltre ricordare che l identificazione dei funghi a livello specifico molto spesso è resa difficile dalla corrispondenza di molti caratteri morfologici tra specie diverse e dal cambiamento di questi caratteri a seconda della fase di accrescimento del fungo. Questo lavoro propone una chiave di campo per l identificazione a livello specifico dei più importanti e diffusi basidiomiceti agenti di carie e marciume radicale su piante in piedi, basata sulle sole caratteristiche macroscopiche dei basidiomi. Una versione in inglese della chiave è oggetto di un altra pubblicazione [7]. Materiali e metodi I funghi da includere nella chiave di riconoscimento sono stati scelti sulla base della loro frequenza e/o pericolosità su alberi in piedi [2, 3, 11, 12, 13]. Per la costruzione della chiave sono stati scelti solamente i caratteri evidenti da osservazioni macroscopiche dei basidiomi o dal loro sezionamento oppure il colore della massa di spore che a maturità il fungo lascia cadere. I caratteri selezionati sono: presenza, assenza e punto d inserzione del gambo o stipite (es. laterale o centrale), la forma del basidioma (a mensola, resupinato, applanato, ungulato), il tipo di imenoforo (liscio, con pori o lamelle) e il suo colore, la forma dei pori e, in generale, le caratteristiche della superficie sterile, l odore e il colore della carne del basidioma o contesto (osservato anche attraverso sezioni longitudinali del corpo fruttifero). 1

2 Ciascuna specie fungina scelta è stata descritta sulla base dei summenzionati caratteri confrontando attentamente le descrizioni disponibili in letteratura [2, 3, 4, 5, 9, 11] e campioni freschi d erbario. La chiave di riconoscimento è stata affidata a 8 studenti universitari del Corso di Laurea in Scienze Forestali e Ambientali che hanno svolto un importante attività di monitoraggio su alberate. Dopo l identificazione in campo, i basidiomi venivano raccolti e sottoposti, in laboratorio, ad un identificazione con chiavi micologiche analitiche. La chiave veniva considerata validata se, per ciascuna specie o taxon fungino, il numero dei basidiomi identificati correttamente sul totale dei basidiomi raccolti superava il 70% (rapporto di validazione superiore a 0,7). Risultati Nella chiave d identificazione, riportata in tabella 2, sono stati inclusi i 64 taxa fungini elencati in tabella 1. I basidiomi raccolti in campo per la validazione della chiave appartenevano a 55 dei 64 taxa. Per ciascun taxon sono stati raccolti 2-3 basidiomi per un totale di 992 casi di studio (124 basidiomi x 8 operatori addetti all identificazione). L identificazione con la chiave di campo era corretta in 893 casi di studio (rapporto di validazione = 0,9). I risultati della validazione sono riassunti in tabella 1. Discussione L elenco delle specie contemplate dalla chiave include, oltre a funghi strettamente saprofiti agenti di carie, anche patogeni radicali (Armillaria spp., Heterobasidion spp., Inonotus dryadeus, Ganoderma adspersum), patogeni dei rami (Chondrostereum purpureum, Phellinus pini, Inonotus hispidus), e funghi associati al fusto e ai contrafforti radicali (Climacocystis borealis e Perenniporia fraxinea). La chiave proposta, che è valida per campioni freschi, considera ben 17 famiglie appartenenti a tutti e 4 gli ordini di basidiomiceti cariogeni, Agaricales comprese. In generale questo rappresenta un grosso vantaggio per l utilizzatore finale le cui conoscenze micologiche potrebbero non consentirgli la distinzione dei basidiomi a livello di ordine o famiglia, come di norma viene richiesto, a priori, dalle chiavi di identificazione analitiche. Tra tutte le specie contemplate dalla chiave, Ganoderma adspersum è stato quello con il rapporto di validazione più basso (0,708), in quanto spesso è stato confuso con G. applanatum. A giustificazione di questa sovrapposizione vi è il fatto che tra le specie esistono pochi caratteri morfologici e genetici distintivi [3, 8]. Tuttavia nel contesto della valutazione del rischio sul verde urbano, questa confusione può considerarsi accettabile in quanto funghi egualmente pericolosi per la stabilità degli alberi [11]. Occorre puntualizzare che la chiave non riporta la descrizione delle specie trattate e che l utilizzatore, per fare una determinazione accurata, dovrebbe consultare monografie per verificare non solo la descrizione della specie determinata ma anche di eventuali specie che potrebbero essere con essa confuse, deducibili dalla tabella 1. La chiave proposta può avere una sua validità pratica per gli arboricoltori e i forestali che si apprestano ad effettuare una diagnosi in campo o un V.T.A. ma non potrà mai sostituirsi a chiavi micologiche analitiche. Bibliografia [1] Adaskaveg J.E., Dunlap M.R., Gilbertson R.L., Butler E.E., Development of a computerized, synoptic key for polyporoid, wood-rotting fungi of North-America, Mycotaxon 52 (1994) [2] Bernicchia A., Polyporaceae s.l., Candusso edn., Alassio, Italy, [3] Breitenbach J., Kränzlin F., Champignons de Suisse, champignons sans lames, Tome II, Mykologia edn., Luzern, Switzerland, [4] Breitenbach J., Kränzlin F., Champignons de Suisse, bolets et champignons à lames, Tome III, Mykologia edn., Luzern, Switzerland, [5] Breitenbach J., Kränzlin F., Champignons de Suisse, champignons à lames, Tome IV, Mykologia edn., Luzern, Switzerland, [6] Hjortstam K., Larsson K.H., Ryvarden, L., The Corticiaceae of North Europe. Vol. 1, Fungiflora, Oslo, Norway, [7] Gonthier P., Nicolotti G., A field key to identify common wood decay fungal species on standing trees, Arboriculture and Urban Forestry, Vol. 33(6) (in stampa). [8] Guglielmo F., A molecular approach for the detection and early identification of wood rotting fungi as useful tool in tree stability assessment, Ph.D. thesis, University of Florence, Florence, Italy, 2005, pp [9] Intini M., Panconesi A., Parrini C., Malattie delle alberature in ambiente urbano, CNR-IPAF edn., Florence, Italy, [10] Kirk P.M., Cannon P.F., David J.C., Stalpers J., Ainsworth and Bisby s Dictionary of the Fungi. 9th edn., CAB International, Wallingford, UK, [11] Lonsdale D., Principles of tree hazard assessment and management, Forestry Commission, London, UK, pp. 388, [12] Nicolotti G., Pecollo D., Gonthier P., Ecologia e grado di preferenza d ospite dei funghi agenti di carie, I parte. Il Verde Editoriale, Milano, Acer 1/04 (2004) [13] Nicolotti G., Pecollo D., Gonthier P., Ecologia e grado di preferenza d ospite dei funghi agenti di carie, II parte. Il Verde Editoriale, Milano, Acer 2/04 (2004) [14] Schwarze F.W.M.R., Baum S., Mechanisms of reaction zone penetration by decay fungi in wood of beech (Fagus Sylvatica), New Phytol. 146 (2000)

3 Tabella 1 Chiave delle specie Tra parentesi le dimensioni (cm) del basidioma. * e ** indicano rispettivamente la dimensione complessiva di basidiomi multipli e lo sbalzo del pileo dei basidiomi con margine superiore ripiegato (da Gonthier e Nicolotti, 2007). 1. basidioma stipitato 1.1. stipite laterale, da rudimentale a distinto imenoforo poroide, con pori rotondi e di piccolo diametro superficie sterile lucida, laccata, crostosa, rossastra, con zonature concentriche su conifere Ganoderma carnosum (4-20) su latifoglie Ganoderma lucidum (3-10) superficie sterile lucida ma senza zonature concentriche superficie sterile glabra con crosta rossastra Ganoderma resinaceum (15-50) superficie sterile ispida; pileo di consistenza gelatinosa o carnosa Fistulina hepatica (7-20) ( ) imenoforo poroide, con pori ampi, irregolari, per lo più allungati Polyporus squamosus (<50-60) imenoforo lamellato Pleurotus ostreatus (4-20) 1.2. stipite centrale stipite con anello; imenoforo lamellato spore in massa (impronta) chiare; pileo umbonato; superficie sterile con o senza squame Armillaria spp. (3-13) spore in massa (impronta) brune lamelle dapprima biancastre, poi brunastre; pileo non umbonato Agrocybe cylindracea (3-12) lamelle dapprima giallo zolfo, poi verdastre; ampio ambone talvolta presente sul pileo Hypholoma fasciculare (2-6) stipite senza anello; imenoforo da poroide a lamellato imenoforo poroide, con pori rotondi e di piccolo diametro Polyporus ciliatus (<6-8) ( ) imenoforo poroide, con pori esagonali o da angolosi ad allungati superficie sterile con piccole squame Polyporus arcularius (<3-5) superficie sterile senza squame Polyporus brumalis (<5-8) imenoforo lamellato Hypholoma fasciculare (2-6) 2. ( ) basidiomi con una base comune, con stipite ripetutamente ramificato, o imbricato, raramente pseudostipitato; imenoforo poroide 2.1. superficie sterile da gialla a rosata, da giallastra ad aranciata; imenoforo giallo zolfo; odore sgradevole Laetiporus sulphureus (10-30) 2.2. basidioma con altre caratteristiche stipite biancastro con base spessa; superficie sterile grigio-nocciola Griphola frondosa (40-50* / 5-10) ( ) stipiti corti e tozzi originati da una base comune; superficie sterile bruna o bruno-rossiccia Meripilus giganteus (<100* / 10-30) stipite (pseudostipite) corto e tozzo, ricoperto di pori decorrenti; superfice sterile bruna, rugosa e tomentosa Phaeolus schweinitzii (<30) 3. basidioma sessile o resupinato 3.1. imenoforo da liscio ad irregolarmente ondulato o verrucoso; basidioma resupinato o con margine superiore leggermente ripiegato basidioma resupinato, sottile, bruno e tenace, generalmente con margini biancastri spesso sfrangiati Coniophora puteana (cm o dm) basidioma con margine superiore leggermente ripiegato, resupinato esclusivamente quando cresce sul lato inferiore di rami o tronchi posti orizzontalmente; margini del basidioma non sfrangiati imenoforo che si colora di rosso sangue quando scalfito su conifere Stereum sanguinolentum (<15 / <1.5**) su latifoglie Stereum rugosum (<15 / <2-3**) imenoforo che non si colora o che si colora ma non in rosso quando scalfito imenoforo grigio-giallastro che si colora di giallo quando scalfito Stereum subtomentosum (3-7) imenoforo che non si colora in seguito a sfregamento imenoforo violetto o da bruno a lilla; linea nera visibile al taglio nel contesto in prossimità del tomento Chondrostereum purpureum (cm o dm / 2-4**) imenoforo da grigiastro a giallastro; linea gialla visibile al taglio nel contesto in prossimità del tomento Stereum hirsutum (cm o dm / 0.5-3**) 3.2. ( ) imenoforo poroide, con pori allungati, sinuosi, da dedaloidi a lamellati; basidioma resupinato, con margine superiore ripiegato o pileato pileo a forma di conchiglia; superficie sterile irsuta, ispida, grigiastra; imenoforo lamellato con sfumature rosate Schizophyllum commune (1-4) basidioma con altre caratteristiche su conifere; incluso legno in opera basidioma tenace, di consistenza legnosa o coriacea imenoforo lamellato, con lamelle brune Gloeophyllum sepiarium Gloeophyllum abietinum (2-5) imenoforo poroide, con pori da regolari ad allungati basidioma con intenso odore di anice Gloeophyllum odoratum (5-20) basidioma senza odore di anice Phellinus pini (15-20) Gloeophyllum trabeum (raro) (3-8) basidioma di consistenza carnosa; imenoforo poroide con pori angolosi Phaeolus schweinitzii (<30) 3

4 su latifoglie basidioma di consistenza carnosa; imenoforo poroide con pori angolosi Phaeolus schweinitzii (<30) basidioma di consistenza dura, legnosa o suberosa imenoforo poroide, con pori da sinuosi a dedaloidi pileo ed imenoforo color crema, grigiastri o giallo-brunastri; su Quercus spp. Daedalea quercina (<15-20) ( ) superficie sterile irsuta, bruno-grigia, o verde quando sono presenti alghe epifite; imenoforo grigiastro che non muta di colore quando scalfito; contesto duplice con i due strati separati da una sottile linea scura Cerrena unicolor (10-15 / 0.5**) ( ) superficie sterile tomentosa di colore da cremea a bruna, generalmente azonata; imenoforo grigio, che inscurisce quando scalfito; lo strato di tubuli è separato dal contesto da una sottile ma ben visibile linea scura Bjerkandera adusta (2-6) ( ) superficie sterile concentricamente zonata, di color bruno fino a nerastro; imenoforo da ocraceo a bruno che inscurisce quando scalfito; strato nero presente nel contesto in prossimità del tomento Datronia mollis (cm o dm/ <1.5**) ( ) basidioma di color crema fino a bruno-giallastro; su Quercus spp. e Betulla spp. Lenzites betulina (<8-10) superficie sterile tomentosa, di colore da cremeo ad ocraceo, o verde quando sono presenti alghe epifite; imenoforo di color cremeo; margine del pileo ottuso Trametes gibbosa (10-15) ( ) imenoforo lamellato superficie sterile con colorazione da bruna a rosso-brunastra, glabra Daedaleopsis confragosa (5-15) superficie sterile con colorazione da cremea fino a bruno-giallastra, irsuta, tomentosa Lenzites betulina (<8-10) imenoforo poroide, con pori a sezione da rotonda ad allungata, stirata superficie sterile concentricamente zonata, di color bruno fino a nerastro; imenoforo da ocraceo a bruno che inscurisce quando scalfito; contesto di color bruno con uno strato nero in prossimità del tomento Datronia mollis (cm o dm/ <1.5**) ( ) contesto di colore da bruno rossastro a bruno cannella Gloeophyllum trabeum (raro) (3-8) ( ) superficie sterile irsuta, bruno-grigia, o verde quando sono presenti alghe epifite; imenoforo grigiastro che non muta di colore quando scalfito; contesto di color crema o bruno, duplice, con i due strati separati da una sottile linea scura Cerrena unicolor (10-15 / 0.5**) ( ) superficie sterile tomentosa di colore da cremeo a bruno, generalmente azonata; imenoforo grigio, che inscurisce quando scalfito; contesto di colore da biancastro a grigiastro; lo strato di tubuli è separato dal contesto da una sottile ma ben visibile linea scura Bjerkandera adusta (2-6) superficie sterile tomentosa, di colore da cremeo ad ocraceo, o verde quando sono presenti alghe epifite; imenoforo di color cremeo; contesto di color bianco; margine del pileo ottuso Trametes gibbosa (10-15) 3.3. imenoforo poroide, con pori rotondi o arrotondati; basidiomi resupinati o pileati imenoforo di color bianco o crema basidioma pileato o con margine superiore ripiegato, su conifere superficie sterile concentricamente solcata, di color grigio, bruno, nerastro o rosso porpora, ricoperta da uno strato resinoso che diventa appiccicoso quando a contatto di una fiamma; margine del pileo ottuso Fomitopsis pinicola (<30-40) ( ) basidioma applanato o con margine superiore ripiegato; superficie sterile di color bruno tabacco; margine del pileo acuto Heterobasidion annosum (3-35) ( ) superficie sterile lucida, laccata, crostosa, rossastra; margine del pileo acuto Ganoderma carnosum (4-20) Ganoderma valesiacum (6-10) ( ) superficie sterile di colore da bianco a bruno, lievemente tomentosa; basidioma che si inscurisce assumendo una colorazione rossastra quando scalfito Postia fragilis (cm o dm) ( ) superficie sterile con colorazione da grigiastra a blu, lievemente irsuta; basidioma che si inscurisce assumendo una colorazione blu scura quando toccato o scalfito Postia caesia (2-4) superficie sterile biancastra, irsuta Climacocystis borealis (<10) ( ) basidioma pileato o con margine superiore ripiegato, su latifoglie superficie sterile di color bruno tabacco o lucida, laccata, rossastra superficie sterile di color bruno tabacco basidioma applanato; superficie sterile concentricamente zonata e ricoperta da una dura cuticola; polvere bruna, che rappresenta la massa di spore, spesso presente sul pileo e nelle vicinanze del basidioma; imenoforo che inscurisce quando toccato, spesso provvisto di protuberanze (galle di insetti); gli strati di tubuli sono separati da sottili strati di contesto Ganoderma applanatum (40-60) basidioma applanato; superficie sterile solcata, tubercolata, zonata, ricoperta da una dura crosta, difficile da scalfire con le unghie; imenoforo che inscurisce quando toccato; gli strati di tubuli non sono separati da contesto Ganoderma adspersum (40-50) superficie sterile laccata, rossastra Ganoderma resinaceum (15-50) ( ) superficie sterile lievemente irsuta, di colore da grigiastro a blu, che inscurisce se toccata; basidioma applanato o con margine superiore ripiegato Postia caesia (2-4) ( ) superficie sterile vellutata, di colore da ocraceo a cremeo; basidioma applanato o con margine superiore ripiegato (poco frequente) Antrodiella semisupina (0.5-2 / **) ( ) superficie sterile di colore da cremeo a bruno, con cuticola papiracea che spesso si sfalda; su Betula spp. Piptoporus betulinus (<20-25) ( ) superficie sterile di colore da grigiastro a brunastro, concentricamente zonata; contesto separato dal tomento da un sottile strato nero superficie sterile irsuta Trametes hirsuta (<10) superficie sterile vellutata, talvolta di colore verde e/o blu per la presenza di alghe epifite Trametes versicolor (<10) superficie sterile di color crema ocraceo con sfumature grigiastre, solcata; margine del pileo ispessito; imenoforo con sfumature rosate Rigidoporus ulmarius (<20-30) basidioma resupinato, su conifere e/o latifoglie imenoforo che inscurisce diventando rossastro o brunastro quando toccato o scalfito; su conifere Postia fragilis (cm o dm) imenoforo che non muta di colore quando scalfito strato di tubuli di consistenza cartilaginea, moderatamente spesso (2-3 mm circa); odore poco intenso; su latifoglie, raramente su conifere Antrodiella semisupina (0.5-2 / **) ( ) strato di tubuli di consistenza non cartilaginea, spesso da 1 a 6 mm; debole odore di anice; su latifoglie, raramente su conifere Trametes hirsuta (<10) 4

5 strato di tubuli di consistenza non cartilaginea, spesso da 3 a 6 mm; intenso odore di fungo; su conifere, raramente su latifoglie Heterobasidion annosum (3-35) ( ) imenoforo di color grigio o grigiastro basidioma pileato imenoforo che inscurisce se toccato o scalfito pileo ungulato; superficie sterile di colore da grigio a bruno, glabra, con un crosta dura e spessa Fomes fomentarius (<30-40) pileo di varia forma, ma non ungulato basidioma con ampia superficie di attacco al substrato; superficie sterile glabra, tubercolata, ricoperta da una evidente crosta, di colore da grigio ocraceo a nero; imenoforo con sfumature rosate Perenniporia fraxinea (30-40) ( ) superficie sterile tomentosa di colore da cremeo a bruno; contesto di colore da biancastro a grigio; lo strato di tubuli è separato dal contesto da una sottile ma ben visibile linea scura Bjerkandera adusta (2-6) superficie sterile tomentosa, nodulare, di colore da giallo bruno a bruno fulvo; margine del pileo sottile, giallastro; imenoforo con sfumature brune e ricoperto da una pruina grigio argentea Inonotus radiatus (5-10) imenoforo che non inscurisce se toccato o scalfito pileo ungulato; superficie sterile di colore da grigio a bruno, glabra, con una crosta dura e spessa Fomes fomentarius (<30-40) pileo applanato o con superficie superiore ripiegata; superficie sterile irsuta, bruno-grigia, o verde quando sono presenti alghe epifite; contesto di color cremeo o bruno, duplice, con i due strati separati da una sottile linea scura Cerrena unicolor (10-15 / 0.5**) basidioma resupinato imenoforo che inscurisce se toccato o scalfito Bjerkandera adusta (2-6) imenoforo che non muta di colore se toccato o scalfito Cerrena unicolor (10-15 / 0.5**) ( ) imenoforo, margini del pileo e superficie sterile di colore da rosso arancio a rosso Pycnoporus cinnabarinus (<10-15) ( ) imenoforo di colore da rosa a rosa bruno; superficie sterile di color crema ocraceo con sfumature grigiastre, solcata; margine del pileo ispessito Rigidoporus ulmarius (<20-30) imenoforo di colore da bruno cannella a bruno tabacco generalmente su conifera basidioma pileato, con pileo da rudimentale a distinto superficie sterile rugosa, concentricamente zonata, talvolta rimosa, solcata, di color bruno; generalmente su Abies Phellinus hartigii (<30) ( ) superficie sterile solcata, zonata, radialmente rimosa, di color bruno rossiccio; assenza di una linea nera nel contesto in prossimità del tomento; generalmente su Pinus Phellinus pini (15-20) superficie sterile irsuta, tomentosa, zonata, solcata, di colore bruno; sottile linea nera presente in prossimità del tomento; generalmente su Picea e Pinus Phellinus chrysoloma (cm o dm) basidioma resupinato imenoforo con pori rotondi e di piccolo diametro; generalmente su Abies Phellinus hartigii (<30) imenoforo con pori da angolosi a sinuosi; generalmente su Picea e Pinus Phellinus chrysoloma (cm o dm) generalmente su latifoglia pileo ungulato basidioma di consistenza legnosa; superficie sterile nodulosa, zonata, solcata di color bruno rossiccio; margine del pileo ampio, arrotondato, di color giallo bruno Phellinus robustus (10-20) ( ) basidioma di consistenza legnosa; superficie sterile crostosa, solcata, di colore da grigio a grigio bruno; margine del pileo sottile, di color grigio Phellinus ignarius (10-15) ( ) superficie sterile solcata, rimosa, di colore bruno, grigiastro o nerastro Phellinus tuberculosus (cm o dm) superficie sterile glabra o vellutata, zonata, di colore da bruno ambrato a bruno rugginoso; margine del pileo sottile, di colore più chiaro della superficie sterile Inonotus dryophylus (10-15) ( ) basidioma applanato basidioma di consistenza coriacea, suberosa o legnosa superficie sterile tomentosa, zonata, solcata, di colore bruno margini del pileo ampi, ottusi, rotondeggianti, ondulati, di colore bruno cannella Phellinus torulosus (<40-50) margini del pileo acuti, ondulati, bruni Phylloporia ribis (15-20) superficie sterile azonata, solcata, tomentosa, di colore da bruno a nerastro; imenoforo di colore da giallo bruno a bruno, su cui possono formarsi gocce di liquido brunastro Inonotus dryadeus (30-50) basidioma di consistenza da spugnosa a carnosa superficie sterile tomentosa ma non irsuta, azonata, solcata, di colore da bruno a nerastro; imenoforo di colore da giallo bruno a bruno, su cui possono formarsi gocce di liquido brunastro Inonotus dryadeus (30-50) superficie sterile ispida, irsuta, di colore bruno, bruno scuro fino a nerastro; imenoforo di colore da giallo a bruno fulvo, su cui possono formarsi gocce di liquido trasparente Inonotus hispidus (30-50) basidioma resupinato, noduloso o pulvinato basidioma noduloso o pulvinato; superficie sterile, se presente, rudimentale, solcata, rimosa, di colore da grigiastro a nerastro Phellinus pomaceus (cm o dm) ( ) basidioma pulvinato; superficie sterile, se presente, ispida, irsuta, di colore da rosso bruno a bruno scuro Inonotus hispidus (30-50) ( ) basidioma da resupinato a pulvinato, talvolta rimoso, spesso fuso con altri basidiomi; imenoforo color bruno cannella con pori rotondi; margine del pileo sottile, tomentoso, di color brunastro Phellinus punctatus (20-40) basidioma resupinato, noduloso; imenoforo di color bruno cannella con pori angolosi; margine del pileo sottile ma distinto, di colore giallastro Phellinus hastifer (8-10) 5

6 Tabella 2 - Elenco dei taxa fungini e risultati della validazione della chiave Taxa fungini casi di studio (n.) 1 Identificazioni corrette (n., rapporto di validazione) Taxon più frequente nelle identificazioni non corrette (frequenza) Taxa fungini casi di studio (n.) 1 Identificazioni corrette (n., rapporto di validazione) Taxon più frequente nelle identificazioni non corrette (frequenza) Agrocybe cylindracea (DC.) Gillet (0,937) H. fasciculare (0,063) Lenzites betulina (L.) Fr (0,812) D. confragosa (0,012) Antrodiella semisupina (Berk. & M.A. Curtis) Ryvarden Meripilus giganteus (Pers.) P. Karst (0,812) G. frondosa (0,012) Armillaria spp (0,937) P. ostreatus (0,063) Perenniporia fraxinea (Bull.) Ryvarden (0,812) G. adspersum, G. resinaceum, R. ulmarius (0,063) Bjerkandera adusta (Willd.) P. Karst (0,812) C. unicolor (0,125) Phaeolus schweinitzii (Fr.) Pat (0,938) M. giganteus (0,062) Cerrena unicolor (Bull.) Murrill (0,875) B. adusta (0,063) Phellinus chrysoloma (Fr.) Donk Chondrostereum purpureum (Pers.) Pouzar (0,875) S. rugosum (0,063) Phellinus hartigii (Allesch. & Schnabl) Pat (0,875) P. pini (0,125) Climacocystis borealis (Fr.) Kotl. & Pouzar (1,000) - Phellinus igniarius (L.) Quél (0,875) F. fomentarius, P. robustus (0,062) Coniophora puteana (Schumach.) P. Karst (0,750) S. rugosum (0,063) Phellinus pini (Brot.) Bondartsev & Singer (0,875) P. chrysoloma (0,125) Daedalea quercina (L.) Pers (0,917) D. confragosa (0,083) Phellinus pomaceus (Pers.) Maire (0,812) P. punctatus (0,188) Daedaleopsis confragosa (Bolton) J. Schröt (0,937) L. betulina (0,063) Phellinus punctatus (Fr.) Pilát (0,917) P. pomaceus (0,083) Datronia mollis (Sommerf.) Donk Phellinus robustus (P. Karst.) Bourdot & Galzin Fistulina hepatica (Schaeff.) With (1,000) - Phellinus torulosus (Pers.) Bourdot & Galzin Fomes fomentarius (L.) J.J. Kickx (0,917) F. pinicola, P. igniarius (0,042) (0,875) P. igniarius (0,125) (0,875) P. ribis (0,083) Phylloporia ribis (Schumach.) Ryvarden (0,812) P. torulosus (0,125) Fomitopsis pinicola (Sw.) P. Karst (1,000) - Piptoporus betulinus (Bull.) P. Karst (1,000) - Ganoderma adspersum (Schulzer) Donk (0,708) G. applanatum (0,250) Pleurotus ostreatus (Jacq.) P. Kumm (0,937) A. cylindracea (0,063) Ganoderma applanatum (Pers.) Pat (0,750) G. adspersum (0,250) Polyporus arcularius Rostk (0,875) P. brumalis (0,125) Ganoderma carnosum Pat (1,000) - Polyporus brumalis (Pers.) Fr (0,812) P. auricularius (0,125) Ganoderma lucidum (Curtis) P. Karst (0,937) G. resinaceum (0,063) Polyporus ciliatus Fr (0,875) P. auricularius, P. brumalis (0,063) Ganoderma resinaceum Boud (0,917) G. adpersum, G. lucidum (0,042) Polyporus squamosus (Huds.) Fr (1,000) - Ganoderma valesiacum Boud Postia caesia (Schrad.) P. Karst Gloeophyllum abietinum (Bull.) P. Karst. or G. sepiarium (Wulfen) P. Karst (0,906) G. trabeum (0,063) Postia fragilis (Fr.) Jülich Gloeophyllum odoratum (Wulfen) Imazeki (0,812) G. abietinum (0,125) Pycnoporus cinnabarinus (Jacq.) Fr (0,937) D. confragosa (0,063) Gloeophyllum trabeum (Pers.) Murrill Rigidoporus ulmarius (Sowerby) Imazeki (0,875) P. fraxinea (0,125) Grifola frondosa (Dicks.) Gray (1,000) - Schizophyllum commune Fr (1,000) - Heterobasidion spp (0,958) G. valesiacum (0,042) Stereum hirsutum (Willd.) Pers (0,875) S. subtomentosum (0,083) Hypholoma fasciculare (Huds.) P. Kumm Stereum rugosum Pers (0,875) C. purpureum (0,125) Inonotus dryadeus (Pers.) Murrill (0,937) I. hispidus (0,062) Stereum sanguinolentum (Alb. & Schwein.) Fr (1,000) - Inonotus dryophilus (Berk.) Murrill (0,937) G. valesiacum (0,062) Stereum subtomentosum Pouzar (0,875) S. rugosum (0,125) Inonotus hastifer Pouzar (0,812) P. punctatus (0,125) Trametes gibbosa (Pers.) Fr (0,937) B. adusta (0,063) Inonotus hispidus (Bull.) P. Karst (0,875) I. dryadeus (0,083) Trametes hirsuta (Wulfen) Pilát (1,000) - Inonotus radiatus (Sowerby) P. Karst Trametes versicolor (L.) Lloyd (0,875) T. hirsuta (0,083) Laetiporus sulphureus (Bull.) Murrill (1,000) - total (0,900) 1) Un caso di studio indica una identificazione. Il numero di casi di studio è dato dal prodotto tra il numero dei basidiomi e il numero di studenti che li ha identificati 6

Le specie di funghi commestibili più comuni

Le specie di funghi commestibili più comuni Le specie di funghi commestibili più comuni Macrolepiota procera Mazza di tamburo Cappello: da 10 a 25 cm di diametro, dapprima ovoidale, quasi sferico, poi piano umbonato al centro, con margine sfrangiato;

Dettagli

Clitopilus prunulus (Scop.: Fr.) P. Kummer

Clitopilus prunulus (Scop.: Fr.) P. Kummer La risorsa FUNGO in Alta Valle del Vara Clitopilus prunulus (Scop.: Fr.) P. Kummer Famiglia: Entolomataceae Sinonimi: Clitopilus orcella (Bull.) P. Kumm.; Agaricus orcella Bull. Etimologia: dal gr. kleitús,

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Struttura della foglia

Struttura della foglia Struttura della foglia La struttura delle foglie varia per grandezza e forma apice nervatura lamina fogliare base stipole picciolo Forma della lamina fogliare a squama ad ago lineare ellittica ovale lanceolata

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

IL MONDO DELLE PIANTE

IL MONDO DELLE PIANTE PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute IL MONDO DELLE PIANTE 2010 Realizzato dall Istruttore Educativo: Colella Anna 1 INDICE Classificazione delle piante pag. 3 Le parti della pianta

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

A COSA SERVONO LE FOGLIE?

A COSA SERVONO LE FOGLIE? A COSA SERVONO LE FOGLIE? Le foglie fabbricano il cibo della pianta, trasformando aria e acqua in glucosio (zucchero). Una foglia è formata da: Di solito la foglia è formata LAMINA da una parte appiattita

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

ECO PLA Form Futura Opaco 1240 Kg/m³ 210 C 40 / 80 mm/s 0,75 Kg ± 2% Premium PLA Form Futura Semi trasparente 1250 Kg/m³ 180 C - 200 C -- 1 Kg ± 2%

ECO PLA Form Futura Opaco 1240 Kg/m³ 210 C 40 / 80 mm/s 0,75 Kg ± 2% Premium PLA Form Futura Semi trasparente 1250 Kg/m³ 180 C - 200 C -- 1 Kg ± 2% Materiale Venduto da Trasparenza Densità (21.5 ) Temperatura di fusione Velocita' consigliata Bobina (peso netto) ECO PLA Opaco 1240 Kg/m³ 210 C 40 / 80 mm/s 0,75 Kg ± 2% Premium PLA Semi trasparente 1250

Dettagli

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Francesco Comiti, Daniela Campana Libera Università di Bolzano Sustainable use of biomass in South

Dettagli

Applicazione del gel. Con lo spazzolino per unghie rimuovere dall unghia e dalla pelle circostante la polvere di limatura.

Applicazione del gel. Con lo spazzolino per unghie rimuovere dall unghia e dalla pelle circostante la polvere di limatura. Nelle figure seguenti illustriamo la tecnica di applicazione dei nostri gel con l'uso della tip. Da questa dimostrazione si può apprezzare come il Gel System sia semplice e veloce da usare, in quanto non

Dettagli

INTERVENTI POST SISMA TECNICHE DI PREVENZIONE E SICUREZZA

INTERVENTI POST SISMA TECNICHE DI PREVENZIONE E SICUREZZA INTERVENTI POST SISMA TECNICHE DI PREVENZIONE E SICUREZZA OPERE PROVVISIONALI CRITERI GENERALI Le opere di pronto intervento hanno lo scopo di garantire condizioni di sicurezza nelle strutture oggetto

Dettagli

I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point

I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point P. Bonanni*, F.Fornasier*, A. De Marco * ISPRA, ENEA Carico critico Stima quantitativa dell esposizione ad uno o più inquinanti

Dettagli

La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un

La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un COME FUNZIONA UN ALBERO di Mario Carminati e Massimo Ranghetti La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un albero è che si tratta di un essere vivente, proprio come noi. È un fatto scontato, certo,

Dettagli

I LICHENI. Loro presenza nel giardino della nostra scuola. Scuola secondaria di primo grado di Sedegliano

I LICHENI. Loro presenza nel giardino della nostra scuola. Scuola secondaria di primo grado di Sedegliano I LICHENI Loro presenza nel giardino della nostra scuola Scuola secondaria di primo grado di Sedegliano Anno scolastico 2008/2009 Presentazione I licheni, organismi vegetali risultanti dalla simbiosi tra

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE FINSTRAL Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE 2 Oscuramento e protezione visiva nel rispetto della tradizione Le persiane, oltre al loro ruolo principale di elemento

Dettagli

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO ifesa delle oreste Dryocosmus kuriphilus Yat su matsu Hymenoptera Cynipidae Cos è il Cinipide galligeno del castagno? L imenottero cinipide Dryocosmus kuriphilus Yatsumatsu

Dettagli

Prodotti tecnicamente evoluti

Prodotti tecnicamente evoluti Tavoli&sedie Prodotti tecnicamente evoluti Tavoli & Sedie La collezione Point tavoli & sedie realizzata per Mondo Convenienza raggruppa una famiglia di prodotti adatti per la casa, spazi per l ufficio

Dettagli

WP5: LiDAR and Forest Accessibility Evaluation LiDAR e valutazione dell accessibilità dei popolamenti forestali

WP5: LiDAR and Forest Accessibility Evaluation LiDAR e valutazione dell accessibilità dei popolamenti forestali WP5: LiDAR and Forest Accessibility Evaluation LiDAR e valutazione dell accessibilità dei popolamenti forestali Marco Pellegrini Dipartimento TESAF Università degli Studi di Padova marco.pellegrini@unipd.it

Dettagli

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane Agrofarmaco biologico per la prevenzione delle malattie fungine del terreno TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane NOVITà TELLUS: la nuova risorsa per una crescita vigorosa TELLUS

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

Innesti e Tecniche di Riproduzione

Innesti e Tecniche di Riproduzione Data inizio: 7-11-2011 Alberi da frutto Innesti e Tecniche di Riproduzione Sommario Perché innestiamo? 1 Innesto a Spacco 2 Innesto a Corona 3 Innesto a Triangolo 4 Innesti a Occhio 5 Innesto a Spacco

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME

IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME - CEREA, VERONA IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME DALL AGNELLO F.LLI & C. s.n.c. di Dall Agnello Luigi Via Muselle, 377-37050 ISOLA RIZZA (VR) Tel. +39 045 6970644 - +39 045 7135697 - Fax +39 045

Dettagli

Costruire una pila in classe

Costruire una pila in classe Costruire una pila in classe Angela Turricchia, Grazia Zini e Leopoldo Benacchio Considerazioni iniziali Attualmente, numerosi giocattoli utilizzano delle pile. I bambini hanno l abitudine di acquistarle,

Dettagli

PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE. Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio

PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE. Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio 1 Ambito della ricerca Nella primavera 2009 l Unità di Ricerca

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Earthlearningidea - http://www.earthlearningidea.com/ E o non è un fossile? Discussione a proposito di che cosa è un fossile e che cosa non lo è

Earthlearningidea - http://www.earthlearningidea.com/ E o non è un fossile? Discussione a proposito di che cosa è un fossile e che cosa non lo è Earthlearningidea - http://www.earthlearningidea.com/ E o non è un fossile? Discussione a proposito di che cosa è un fossile e che cosa non lo è Questa attività pratica può essere realizzata con immagini

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O Il Centro della Innovazione Nato inizialmente per ospitare alcune attività didattiche dell Università di Torino, il complesso polifunzionale di Via

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Sistema Silancolor Plus. Protezione e decorazione delle murature. Ciclo di finitura resistente alla crescita di alghe e muffe

Sistema Silancolor Plus. Protezione e decorazione delle murature. Ciclo di finitura resistente alla crescita di alghe e muffe Sistema Silancolor Plus Protezione e decorazione delle murature Ciclo di finitura resistente alla crescita di alghe e muffe Sistema Silancolor Plus Ciclo di finitura resistente alla crescita di alghe e

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP)

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Art. 1 La Denominazione di Origine Protetta Castelmagno è riservata esclusivamente al formaggio che risponde

Dettagli

Extatosoma tiaratum. Generalità

Extatosoma tiaratum. Generalità Extatosoma tiaratum Tassonomia Dominio: Eukaryota Regno: Animalia Sottoregno: Eumetazoa Ramo: Bilateria Phylum: Arthropoda Subphylum: Tracheata Superclasse: Hexapoda Classe: Insecta Sottoclasse: Pterygota

Dettagli

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE Nell ultima notte di osservazione abbiamo visto bellissime immagini della Galassia, delle sue stelle e delle nubi di gas che la compongono.

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI?

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? Buona Caccia e Buon Volo, giovani amici di Eureka! Siete tra gli eletti che hanno deciso di passare al livello successivo: site pronti? Questo mese vi proponiamo

Dettagli

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare CHE COS'È L'HACCP? Hazard Analysis and Critical Control Points è il sistema di analisi dei rischi e di controllo dei punti critici di contaminazione per le aziende alimentari. Al fine di garantire la completa

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain

HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain Communiqué de presse Octobre 2013 HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain Minimal e asimmetrici, due tavoli firmati Mjiila in HI-MACS Il design, è l arte di progettare degli oggetti per

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette )

Regolamento Nazionale Specialità POOL 8-15 ( Buche Strette ) Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette ) SCOPO DEL GIOCO : Questa specialità viene giocata con 15 bilie numerate, dalla n 1 alla n 15 e una bilia bianca (battente). Un giocatore dovrà

Dettagli

ma quanto è antico quest osso?

ma quanto è antico quest osso? ATTIVITÀ: ma quanto è antico quest osso? LIVELLO SCOLARE: primo biennio della scuola secondaria di secondo grado PREREQUISITI: lettura e costruzione di grafici, concetti di base di statistica modello atomico,

Dettagli

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI?

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? Dopo la fecondazione il fiore appassisce e i petali cadono. L ovulo fecondato si trasforma in SEME, mentre l ovario si ingrossa e si trasforma in FRUTTO. Il SEME ha il compito

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici.

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici. IL FERRO Fe 1 Il ferro è un metallo di colore bianco grigiastro lucente che fonde a 1530 C. E uno dei metalli più diffusi e abbondanti sulla terra e certamente il più importante ed usato: navi, automobili,

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Laminati Zoom nei formati porta. Il giusto decoro con le giuste dimensioni

Laminati Zoom nei formati porta. Il giusto decoro con le giuste dimensioni Laminati Zoom nei formati porta Il giusto decoro con le giuste dimensioni 2012 2016 www.egger.com/zoom 02 Laminati ZOOM nei formati porta Nella collezione ZOOM troverete 90 diversi decori con le stesse

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

Pescare a mosca in Val d Ultimo. Merano

Pescare a mosca in Val d Ultimo. Merano Pescare a mosca in Val d Ultimo Merano Finalmente le vacanze ed il tempo per rilassarsi e staccare la spina. Cosa c è di più allettante di riprendere la canna da pesca e, in un tiepido giorno d estate,

Dettagli

E.P. VIT s.r.l. 004 02 048 025 ZB FINITURA LUNGHEZZA DIAMETRO MATERIALE TIPOLOGIA PRODOTTO

E.P. VIT s.r.l. 004 02 048 025 ZB FINITURA LUNGHEZZA DIAMETRO MATERIALE TIPOLOGIA PRODOTTO LISTINO PREZZI E.P. VIT s.r.l. opera da oltre un decennio nel mercato della commercializzazione di VITERIA, BULLONERIA E SISTEMI DI FISSAGGIO MECCANICI. L azienda si pone quale obiettivo l offerta di prodotti

Dettagli

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne DESCRIZIONE DI-CLASS è un sistema composito a base resina caratterizzato da elevata flessibilità di intervento ed

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

Informambiente. via Vlacovich, 4 35126 Padova. Tel. 049 8022488. Fax. 049 8022492 IL PARCO CHE VORREI

Informambiente. via Vlacovich, 4 35126 Padova. Tel. 049 8022488. Fax. 049 8022492 IL PARCO CHE VORREI Informambiente via Vlacovich, 4 35126 Padova Tel. 049 8022488 Fax. 049 8022492 IL PARCO CHE VORREI progetto di coinvolgimento attivo dei bambini nella riqualificazione del verde urbano SCHEDE DEGLI ALBERI

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

Gel Tip Overlay bianco e rosa Regole, istruzioni per i giudici e criteri

Gel Tip Overlay bianco e rosa Regole, istruzioni per i giudici e criteri Gel Tip Overlay bianco e rosa Regole, istruzioni per i giudici e criteri 1 Regole 3 ore per completare 2 mani. Queste sono unghie da competizione quadrate tradizionali. Alle unghie devono essere applicati

Dettagli

SOL terra Marco Zanuso Jr, Christophe Mathieu 2014

SOL terra Marco Zanuso Jr, Christophe Mathieu 2014 SOL terra Marco Zanuso Jr, Christophe Mathieu 2014 MADE IN ITALY SOL - Marco Zanuso Jr, Christophe Mathieu 2013 Sol è un sistema basato interamente sull interpretazione di innovativi principi di calcolo

Dettagli

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE L esperienza e la passione per l ingegneria sono determinanti per la definizione della nostra politica di prodotto,

Dettagli

Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni. di Ilaria Moroni

Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni. di Ilaria Moroni : criteri e indicazioni di Ilaria Moroni Ultimo aggiornamento: giugno 2010 A) Sistema classico (autore-titolo) nel corpo del testo: es. frase citata da un libro ¹ [N nota in apice] in nota a piè di pag.:

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

Stud-EVO Designer Pino Montalti

Stud-EVO Designer Pino Montalti Designer Pino Montalti È l evoluzione di un prodotto che era già presente a catalogo. Un diffusore per arredo urbano realizzato in materiali pregiati e caratterizzato dal grado di protezione elevato e

Dettagli

CATALOGO DEI PRODOTTI. Dall orto alla tavola

CATALOGO DEI PRODOTTI. Dall orto alla tavola CATALOGO DEI PRODOTTI Dall orto alla tavola Tutti i prodotti della nostra gamma sono senza coloranti nè conservanti, per preservare la vera natura delle pregiate materie prime utilizzate nella lavorazione

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

REOXTHENE TECHNOLOGY

REOXTHENE TECHNOLOGY REOXTHENE Patented REOXTHENE TECHNOLOGY MEMBRANE IMPERMEABILIZZANTI DALLA TECNOLOGIA RIVOLUZIONARIA INNOVATIVO COMPOUND BITUME POLIMERO INCREDIBILE LEGGEREZZA (fino a 4 mm = 38 kg) MAGGIORI PRESTAZIONI

Dettagli

www.mpmsrl.com pavimentazioni sine materiali protettivi milano

www.mpmsrl.com pavimentazioni sine materiali protettivi milano www.mpmsrl.com pavimentazioni re sine materiali protettivi milano Tradizione, esperienza, innovazione tecnologica. Da oltre 50 anni MPM materiali protettivi milano s.r.l opera nel settore dell edilizia

Dettagli

Calettatori per attrito SIT-LOCK

Calettatori per attrito SIT-LOCK Calettatori per attrito INDICE Calettatori per attrito Pag. Vantaggi e prestazioni dei 107 Procedura di calcolo dei calettatori 107 Gamma disponibile dei calettatori Calettatori 1 - Non autocentranti 108-109

Dettagli

DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI

DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI scopo del lavoro: Confronto tra oli EVO addizionati con estratti di capperi campionati

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

Svolgimento della prova

Svolgimento della prova Svolgimento della prova D1. Il seguente grafico rappresenta la distribuzione dei lavoratori precari in Italia suddivisi per età nell anno 2012. a. Quanti sono in totale i precari? A. Circa due milioni

Dettagli

CORALLO: COME SI LAVORA

CORALLO: COME SI LAVORA CORALLO: COME SI LAVORA di Giuseppe Rajola Edizioni vesuvioweb La lavorazione del corallo si divide in due differenti grosse famiglie: il liscio e l inciso. Cosa si intende per liscio? La lavorazione del

Dettagli

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Art. 1 La zona di provenienza del latte destinato alla trasformazione del formaggio Pecorino Romano comprende l intero territorio delle regioni della

Dettagli

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013 Consultazione Pubblica per l istituzione dell Anagrafe Nazionale Nominativa dei Professori e dei Ricercatori e delle Pubblicazioni Scientifiche (ANPRePS) Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza

Dettagli

Corso ECM di formazione per gli operatori addetti alla gestione del Sistema Informativo sulle Malattie Professionali (Malprof )

Corso ECM di formazione per gli operatori addetti alla gestione del Sistema Informativo sulle Malattie Professionali (Malprof ) Centro nazionale per r la Prevenzione e il Controllo delle Malattie Conferenza dei Presidenti delle Regioni e delle Province Autonome Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro Dipartimento

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

IL NUOVO VOLTO DELL EURO. Scopri la nuova banconota da 10. www.nuove-banconote-euro.eu www.euro.ecb.europa.eu

IL NUOVO VOLTO DELL EURO. Scopri la nuova banconota da 10. www.nuove-banconote-euro.eu www.euro.ecb.europa.eu IL NUOVO VOLTO DELL EURO Scopri la nuova banconota da 10 www.euro.ecb.europa.eu LA SERIE EUROPA : CARATTERISTICHE DI SICUREZZA Facili da controllare e difficili da falsificare Le nuove banconote da 5 e

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

16 Tronchetti - esercizi per busto. 17 Sbarre per potenziamento. 21 Tronchetti per tonificazione

16 Tronchetti - esercizi per busto. 17 Sbarre per potenziamento. 21 Tronchetti per tonificazione Riscaldamento Anello Anello Anello 1 2 3 1 25 2 24 23 22 3 4 21 20 5 6 7 18 8 9 10 15 11 12 13 14 19 17 16 Defaticamento 1 2 3 4 Piattaforme per stiramento arti inferiori Twister per tonificazione busto

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

ΕΡΓ. ΓΕΩΡΓΙΚΗΣ ΜΗΧΑΝΟΛΟΓΙΑΣ TEL.: (+30210)5294040 FAX: (+301)5294032 ΚΑΘ. Ν. ΣΥΓΡΙΜΗΣ email:ns@aua.gr, www.aua.gr/ns

ΕΡΓ. ΓΕΩΡΓΙΚΗΣ ΜΗΧΑΝΟΛΟΓΙΑΣ TEL.: (+30210)5294040 FAX: (+301)5294032 ΚΑΘ. Ν. ΣΥΓΡΙΜΗΣ email:ns@aua.gr, www.aua.gr/ns ORTICOLE IN SERRA Preparazione del terreno Trapianto Post-Trapianto Inizio accrescimento vegetativo Accrescimento vegetativo Fioritura Allegagione Ingrossamento bacche frutti Invaiatura Maturazione Obiettivo/Problema

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

Acustica con una Bic e uno smartphone

Acustica con una Bic e uno smartphone 1 Acustica con una Bic e uno smartphone L. Galante #, 1, A. M. Lombardi*, 2 # LSS G. Bruno, Torino, Italy. * ITCS Primo Levi, Bollate (MI), Italy. Abstract. A smartphone, with its integrated sensors and

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

Scatole da incasso. Scatole da incasso per pareti in muratura - CARATTERISTICHE TECNICHE

Scatole da incasso. Scatole da incasso per pareti in muratura - CARATTERISTICHE TECNICHE Scatole da incasso Scatole da incasso per pareti in muratura - CARATTERISTICHE TECNICHE Principali caratteristiche tecnopolimero ad alta resistenza e indeformabilità temperatura durante l installazione

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO

L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO Fabrizio Battista, Federica Gaiotti, Davide Mosetti, Gilberto Bragato, Diego Tomasi CRA-VIT CENTRO DI RICERCA

Dettagli

Oggetto SEZIONE O «ONDE. Muscoli. ciliare. Cornea. Retina. Nervo ottico. Umore acqueo. A Figura 1. Gli elementi fondamentali dell'occhio

Oggetto SEZIONE O «ONDE. Muscoli. ciliare. Cornea. Retina. Nervo ottico. Umore acqueo. A Figura 1. Gli elementi fondamentali dell'occhio SEZIONE O «ONDE Cornea Umore acqueo Muscolo ciliare Retina Nervo ottico A Figura 1. Gli elementi fondamentali dell'occhio umano. La luce entra nell'occhio attraverso la cornea e il cristallino. Viene fecalizzata

Dettagli