VALLETTA. Xam. Scaricato da

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VALLETTA. Xam. Scaricato da www.sunhope.it"

Transcript

1 1 VALLETTA 1. ERUZIONE DENTARIA (pg.2) 2. ANATOMIA DEI DENTI E DEL PARODONTO (pg.4) 3. PATOLOGIA DELL'ERUZIONE (pg.8) 4. ANOMALI DENTARIE (pg.13) 5. LA CARIE DENTARIA (pg.18) 6. PULPOPATIE E PARODONTITI APICALI (pg.22) 7. ASCESSI E FLEMMONI PERIMANDIBOLARI E PERIMASCELLARI (pg OSTEOMIELITI DEI MASCELLARI (pg.29) 9. SINUSITI DEI MASCELLARI (pg. 32) 10. LA MALATTIA PARODONTALE (pg.36) 11. CISTI DI ORIGINE DENTARIA (pg.47) 12. AMELOBLASTOMA (pg.49) 13. ODONTOMA (pg.51) 14. PRECANCEROSI ORALI (pg.53) 15. TUMORI DELLA CAVITA' ORALE E DELLE GHIANDOLE SALIVARI (pg.59) 16. OSTEODISPLASIE (pg.62) 17. PATOLOGIA E CLINICA DELL'ARTICOLAZIONE TEMPORO MANDIBOLARE (pg.67) 18. PATOLOGIA DELLE GHIANDOLE SALIVARI (pg.74) 19. DISMORIFISMI CRANIO FACCIALI E MALOCCLUSIONI (pg.79) 20. SCHISI (pg.81) 21. LE NEVRALGIE DEL TRIGEMINO (pg.83) Scaricato da Xam

2 2 ERUZIONE DENTARIA La dentizione umana termina con l eruzione del terzo molare. Stadi: dalla nascita alla dentatura decidua completa primo periodo di stasi primo periodo di permuta secondo periodo di stasi secondo periodo di permuta dentatura permanente DALLA NASCITA ALLA DENTATURA DECIDUA COMPLETA (0 30 mesi +/ 6 mesi) eruzione in sequenza di: incisivo centrale (I) incisivo laterale (II) primo molare (IV) canino (III) secondo molare (V) I denti dell arcata inferiore erompono in anticipo rispetto a quelli dell arcata superiore. I germi dentari di tutti gli elementi decidui e il germe del primo molare permanente sono presenti alla nascita all interno dei mascellari. Quando la dentatura decidua è completa, la crescita dei mascellari compensa in eccesso l affollamento dei germi presente alla nascita, tanto che i bambini intorno ai 3 anni mostrano una dentatura diastemata con spazi fra un dente e l altro. PRIMO PERIODO DI STASI (3 5 anni +/ 7 mesi) continua lo sviluppo endoosseo dei germi dei permanenti. Piano terminale: rapporto tra le superfici distali o posteriori dei secondi molari superiori e inferiori in un bambino in primo periodo di stasi. 3 evenienze: piano terminale lineare: le due superfici distali sup e in sono sullo stesso piano verticale gradino mesiale: la superficie distale del molare inf è mesiale o anteriore rispetto a quella del sup gradino distale: la superficie del molare inf è distale rispetto a quella del sup PRIMO PERIODO DI PERMUTA (6 8 anni +/ 9 mesi) eruzione in sequenza di: primi molari permanenti incisivi centrali e laterali I denti dell arcata inferiore erompono prima di quelli dell arcata superiore. Nelle femmine

3 3 erompono tutti più precocemente. SECONDO PERIODO DI STASI (9 10 anni +/ 12 mesi) dura circa 1 anno è mezzo. Durata variabile tra soggetti diversi. completa eruzione degli incisivi permanenti permuta dei posteriori SECONDO PERIODO DI PERMUTA (10 12 anni +/ 12 mesi) eruzione dei: canini premolari secondi molari permanenti DENTATURA PERMANENTE COMPLETA (17 21 anni) eruzione del terzo molare tra i 18 e 25 anni MOVIMENTI ERUTTIVI Pre eruttivi Eruttivi Post eruttivi Pre eruttivi Movimenti preparatori destinati a collocare i denti in posizione più favorevole ai successivi movimenti eruttivi in direzione occlusale Eruttivi I denti migrano dall interno dei mascellari fino al piano occlusale. 4 possibili meccanismi: progressivo sviluppo delle radici pressione vascolare deposizione e riassorbimento selettivo del tessuto osseo che circonda il dente trascinamento del dente in direzione occlusale da parte delle cellule o delle fibre del legamento parodontale o di entrambe Post eruttivi Compiuti dal dente dopo che esso ha raggiunto la sua posizione funzionale sul piano occlusale. Compensano la crescita dei mascellari, la continua usura occlusale e l usura interprossimale. La corretta eruzione dei denti permanenti è direttamente collegata alla perdita dei decidui corrispondenti. La pressione del dente permanente in eruzione determina il riassorbimento radicolare del dente deciduo ad opera degli odontoclasti.

4 4 ANATOMIA DEI DENTI E DEL PARODONTO ANATOMIA DEI DENTI Funzioni denti: Triturazione degli alimenti Articolazione della parola Mantenimento dell estetica facciale Componenti: corona colletto (punto di passaggio,restringimento) radice La radice è contenuta in una cavità ossea detta alveolo e fissata a questa tramire il legamento alveolo dentario che va dal cemento alla parete interna dell alveolo o cortex alveolaris. Il colore della corona è: bianco azzurro nei decidui bianco tendente al giallo nei permanenti (per usura dello smalto e per aumentata mineralizzazione della dentina) In condizioni fisiologiche il margine gengivale è situato all altezza del colletto del dente. In condizioni patologiche: gengiva ipertrofica colletto posto più in basso gengiva in recessione colletto posto più in alto Corona clinica: parte di struttura dentaria posta al di sopra del margine gengivale in gengiva in recessione. Radice Mono o pluriradicolati Cavo pulpare che si estende dalla corona all estremità apicale della radice dove la polpa si continua attraverso il forame apicale,col fascio vascolo nervoso del dente. Il cavo pulpare è delimitato dalla dentina. La dentina è presente sia nella corona rivestita da smalto,che nella radice rivestita da cemento. Il cavo pulpare si suddivide in camera pulpare a livello della corona e in canale radicolare a livello delle radici. CLASSIFICAZIONE E FORMULA DENTARIA Dentatura decidua: 20 denti (10 per arcata) 8 incisivi 4 canini 8 molari Dentatura permanente: 32 denti (16 per arcata) 8 incisivi

5 5 4 canini 8 premolari 12 molari Nelle formule dentarie si utilizzano i numeri romani per i denti decidui e i numeri arabi per i permanenti. Il segno + indica i denti del mascellare superiore, il quelli della mandibola. Se i segni + o precedono il numero (es. 6) indicano i denti della metà sinistra delle due arcate Se i segni + o seguono il numero (es. 6 +) indicano i denti della metà destra delle due arcate. I singoli denti possono anche essere indicati con un angolo retto in cui è inscritto il numero. Il sistema internazionali F.D.I. Si parte dai denti superiori di destra il cui simbolo numerico da 1 (incisivo centrale) ad 8 (terzo molare) per i permanenti viene preceduto dal numero 1 (quindi da 11 a 18). Si continua in senso orario: superiori di destra: preceduti da 1 superiori di sinistra: preceduti da 2 inferiori di sinistra: preceduti da 3 inferiori di destra: preceduti da 4 Per i denti decidui: sup dx: 5 sup sx: 6 inf sx: 7 inf dx: 8 DENTI DECIDUI Più piccoli dei corrispondenti permanenti e con morfologia lievemente differente Colore bianco bluastro Ispessimento dello smalto al colletto DENTI PERMANENTI Incisivi (8 in tutto, 4 per arcata) 2 centrali 2 laterali I centrali sup hanno volume maggiore dei laterali Le radici degli incisivi sup sono tondeggianti,quelle degli inferiori sono appiattite in senso mesiodistale. Canini (4 in tutto, 2 per arcata) Monoradicolari con radice molto sviluppata Corona a forma di tronco di cono Premolari (8 in tutto, 4 per arcata)

6 Denti con radice unica ad eccezione del primo premolare superiore che nel 55% dei casi ne ha due. Molari (12 in tutto, 6 per arcata) Denti policuspidati, a larga superficie masticatoria. Poliradicolati con 2 radici per gli infer e 3 per i sup Il volume decresce dal primo al terzo molare. DISPOSIZIONE DEI DENTI Sono disposti l uno a contatto del successivo Arcata dentaria superiore (mascellare): forma di mezza ellisse Diametro trasversale (dalla cuspide disto vestibolare del terzo molare di un lato a quella del terzo molare controlaterale) di mm Arcata dentaria inferiore (mandibolare): forma di paraboloide Diametro trasversale di mm Essendo l ampiezza dell arcata sup maggiore i denti sup chiudono all esterno ed in basso rispetto agli inferiori. 6 ANATOMIA DEL PARODONTO Da parà = intorno, odontos = dente Costituito da i tessuti di supporto del dente: patodonto di superficie: gengiva parodonto di superficie: osso (cortex) alveolare legamento parodontale cemento GENGIVA Mucosa che ricopre il processo alveolare ed il colletto dei denti. Gengiva libera o marginale: dal margine gengivale alla base del solco gengivale fisiologico. Circonda,senza essere adesa, il dente con il quale forma il solco gengivale fisiologico Gengiva aderente: dalla base del solco gengivale fisiologico alla giunzione muco gengivale; aderisce al cemento del colletto ed all osso alveolare sottostante senza interposizione di uno strato adiposo. Costituita da epitelio pluristratificato cheratinizzato. Solco gengivale fisiologico: Spazio virtuale che separa il dente dalla gengiva marginale o libera. Profondità pari all altezza della gengiva marginale (circa 0,5 2 mm) CEMENTO Apparato di attacco del dente all osso alveolare(insieme alle fibre parodontali) Tessuto mesenchimale calcificato che ricopre la superficie radicolare dei denti nel quale si inseriscono le fibre parodontali.

7 Cemento: acellulare: si forma con la radice,all atto dell eruzione,e la riveste completamente. Costituito da cementoblasti periferici alla sostanza calcificata. Cellulare: di forma dopo l eruzione del dente al di sopra di quello acellulare. Costituito da cementoblasti che vi restano inglobati e assumono aspetto di cementociti. Afibrillare: Ricopre lo smalto cervicale. Contiene collagene non fibrillare Il cemento,come l osso alveolare, è attraversato dalle fibre collagene del legamento parodontale che assumono l aspetto di fibre di Sharpey calcificate che costituiscono il sistema delle fibre estrinseche del cemento attraversandolo obliquamente. Le fibre intrinseche del cemento sono prodotte dai cementoblasti, sono parallele all asse lungo del dente e si incrociano con le prime. Il cemento è caratterizzato da una deposizione continua nel corso degli anni che ne aumenta lo spessore (non và incontro a riassorbimento) LEGAMENTO PARODONTALE Và dal cemento alla cortex alveolaris 4 gruppi di fibre che vanno dal cemento cervicale alla cortex alveolaris: dall alto in basso orizzontali oblique dal basso in alto periapicali a disposizione raggiata Tali fibre hanno decorso ondulato per assicurare al dente la sua mobilità fisiologica. Innervazione legamento: dolorifico,tattile,presso rio,propriocettivo. OSSO ALVEOLARE Costituito da: Corticale esterna Osso spugnoso intermedio Corticale interna (cortex alveolaris) La lamina dura è perforata da numerosi canali di Volkmann, attraverso i quali i vasi e i nervi passano dall osso al legamento parodontale. 7

8 8 PATOLOGIA DELL ERUZIONE Anomali del tempo di eruzione Inclusioni dentarie Disodontiasi del terzo molare ANOMALIE DEL TEMPO DI ERUZIONE Disinclusione in cavità orale di un elemento dentario in epoca non fisiologica (precoce o ritardata) Fattori causali locali: Formazione iniziale del germe precoce o tardiva Sviluppo del germe rapido o lento rispetto al fisiologico Situazione del germe dentario rispetto al futuro piano occlusale (profonda o superficiale) Fattori causali generali: Turbe endocrine e vitaminiche che interferiscono con lo sviluppo dei tessuti mineralizzati dell organismo. Se un elemento dentario erompe sull arcata alcuni anni dopo il limite massimo fisiologico consentito per la sua eruzione, tale elemento dentario, in questo lasso di tempo, va considerato come incluso. Soltanto ad eruzione avvenuta esiste la constatazione di un eruzione ritardata. INCLUSIONI DENTARIE Inclusione patologica:mancata eruzione in cavità orale di un elemento dentario oltre i limiti di tempo per la sua fisiologica eruzione. Inclusione fisiologica: normale ritenzione nei mascellari di un elemento dentario prima dell epoca fisiologica della sua eruzione nel cavo orale. Osservazione clinica: assenza di un dente sull arcata dentaria sia in inclusione patologica che fisiologica. RX Inclusione patologica: dente incluso completamente sviluppato Inclusione fisiologica: sviluppata e calcificata solo la corona (che fisiologicamente si organizza prima che inizi l eruzione) Può interessare sia i denti decidui, che i permanenti e i soprannumerari. Completa 1. Endoossea: dente completamente incluso nelle ossa mascellari 2. Osteo mucosa: dente che supera in parte il limite alveolare e viene ricoperto dai tessuti molli Incompleta: il dente presenta in cavità orale una parte della sua corona. Inoltre possiamo distinguere in:

9 9 Totalmente incluso: il sacco pericoronario del dente non comunica con la cavità orale Parzialmente incluso: il sacco pericoronario, non più integro, presenta una comunicazione col cavo orale. Eziopatogenesi Cause legate al germe dentario: Germi situati in punti lontani dalla sede di eruzione (forze eruttive insufficienti per percorrere il cammino fino in superficie) Germi che non si trovano nella direzione della loro eruzione (gubernaculum dentis e/o iter dentis orientato in maniera anomala) Flogosi e degenerazione del sacco pericoronario Ferite del follicolo Fusione di due o più germi dentari Cause legate al dente Anomalie di volume in eccesso dell elemento dentario (macrodontia) impedita la normale disinclusione Anomala posizione che il dente può assumere nel suo cammino eruttivo (frequente per terzo molare inferiore e canino superiore) Anomalie radicolari: non rendono utilizzabile nella direzione giusta la spinta radicolare Fusione delle radici di due denti vicini (rara) Fusione del dente con le ossa circostanti (rara) Cause legate a tessuti ed organi vicini al dente incluso Persistenza sull arcata dentaria dei corrispondenti elementi decidui oltre il periodo fisiologico di permuta Mancanza di spazio per malposizione dei denti vicini già erotti Estrazione dei decidui Presenza di neoformazioni dure lungo l iter eruttivo Cause di ordine generale Fattori ereditari Anomalie costituzionali Disturbi dello sviluppo Disturbi della nutrizione con ripercussione sul sistema scheletrico Rachitismo Alcune disendocrinopatie Dispostosi cleido craniale QUADRO CLINICO Elementi dentari che più frequentemente vanno incontro in inclusione (in ordine decrescente): Terzo molare inferiore Terzo molare superiore

10 10 Canino superiore Secondo premolare inferiore Restano quindi più facilmente inclusi gli ultimi denti di ogni gruppo o meglio gli ultimi denti ad erompere in ciascun settore L inclusione pura di un elemento dentario in assenza assoluta di qualsiasi complicanza non è da considerarsi una malattia vera e propria. (portatori asintomatici di inclusione) Complicanze delle inclusioni dentarie: complicanze meccaniche: i denti inclusi possono provocare malposizione dei denti già erotti con conseguenti di astemi,rotazioni e versioni. o Malposizioni primitive: la calcificazione del dente incluso è avvenuta prima o dell eruzione dei denti vicini Malposizioni secondarie: la calcificazione del dente incluso è avvenuta dopo che i denti vicini hanno occupato sull arcata una posizione normale. La pressione esercitata da un elemento dentario incluso sulle radici o sul colletto dei denti vicini può provocare rizalisi,ulcerazioni da decubito con carie secondaria. Complicanze nervose: disturbi a distanza di origine riflessa su plesso cervicale,brachiale,intercostali,precordiali (il trigemino è altamente reflessogeno, sintomatologia nevralgica del territorio della II o III branca del trigemino (rara), dolore localizzato alla sede dell inclusione (raro) Complicanze infettive: pericoronarite o infiammazione del sacco pericoronario. Può avvenire per via ematogena o per trauma che lede il sacco. Germi presenti nel cavo orale. Possono dar luogo ad ascessi,flemmoni,sinusiti mascellari ecc. Complicanze generali: l elemento incluso può rappresentare un focus per una sindrome focale a distanza con varie manifestazioni Complicanze displastiche: cisti follicolari DIAGNOSI esame obiettivo: assenza di un elemento dentario rx (diagnosi definitiva) TERAPIA Varie scelte operative: non intervenire in assenza di complicanze, controlli periodici rimuovere e autotrapiantare il dente incluso qualora esista sull arcata uno spazio sufficiente rimuovere il dente incluso recuperare funzionalmente il dente incluso DISODONTIASI DEL TERZO MOLARE Eruzione dentaria anomala che causa patologia infiammatoria del sacco pericoronario. La pericoronarite accompagna quasi costantemente l eruzione del terzo molare (eccezionale per gli

11 11 altri denti) L eruzione del terzo molare inferiore avviene quasi costantemente in maniera anomala (disodontiasi) principalmente per l insufficienza dello spazio dove esso deve erompere. Ciò non avviene per il terzo molare superiore in quanto il dente potrà sfruttare la tuberosità mascellare come spazio per allocarsi. Può anche verificarsi l evenienza in cui il terzo molare in posizione anomala, non erompa affatto (rimanendo incluso) Il germe dentario che dà origine al terzo molare si forma o dal gubernaculum dentis del germe del secondo molare posteriormente ad esso, o da una proliferazione molto posteriore della lamina dentaria primitiva. Ciò posiziona il germe del terzo molare obliquamente a livello dell angolo mandibolare con l asse maggiore perpendicolare (e non parallelo) all asse maggiore del secondo molare. Il terzo molare si forma e si calcifica guidando lo sviluppo della mandibola (in cui è incluso) verso l alto e all indietro. Il dente erompe lungo una linea curva a concavità postero superiore,detta di raddrizzamento di Capdepont: in questo modo la corona del terzo molare tende a riflettersi contro la corona del secondo molare e poi a raddrizzarsi per proseguire la sua eruzione fino ad arrivare al normale piano di occlusione. Durante questo tragitto il dente solleva e perfora la mucosa gengivale che ricopre la superficie triturante e che va incontro ad infiammazione e infezione da garmi orali. Vi sono anche casi in cui il dente non subisce il movimento di raddrizzamento o tale movimento è insufficiente. In tal caso potremo avere posizioni anomale quali (spesso sono forme miste): mesio versione (più frequente): corona in avanti e radici indietro disto versione : radici avanti e corona indietro linguo versione : corona la faccia linguale vestibolo versione: corona verso il vestibolo COMPLICANZE Pericoronarite e sue complicanze pericoronarite congestiva semplice: dolore in regione retromolare inasprito da masticazione.edema e arrossamento della mucosa. pericoronarite suppurativa:dolore più intenso irradiato all orecchio, serramento delle mascelle per contrattura antalgica del massetere e pterigoideo interno. Disfagia e difficoltà nella masticazione.possibile raccolta ascessuale sottomucosa. Complicanze a carico dei tessuti cellulari sottocutaneo e sottomucoso evoluzione della pericoronarite con pus che scolla gli spazi sottomucosi e diffonde agli spazi vicini(spazio tra massetere e angolo della mandibola, ascessi peritonsillari, sottotonsillari, nel pilastro anteriore del faringe, tra buccinatore e faccia esterna del corpo della mandibola) creando una tumefazione localizzata. Dolore irradiato all orecchio,serramento dei mascellari,linfadenite sottomascellare. Comprimendo la tumefazione si fa percorrere il pus lungo il cammino inverso rispetto a quello compiuto all atto della migrazione questo fuoriuscirà dal cappuccio mucoso che ricopre il terzo molare in disodontiasi.

12 Complicanze a carico della mucosa Gengivite ulcero membranosa o neuro trofica Monolaterale e omolaterale al dente in disodontiasi Le turbe trofiche della mucosa gengivale di natura riflessa per irritazione della componente vegetativa della III branca del trigemino, prodotte dal terzo molare in disodontiasi, causano deficit trofici e zone di minor resistenza che facilitano l impianto di flora fuso spirillare responsabile della gengivite ulcero membranosa. 12

13 13 ANOMALIE DENTARIE Ogni alterazione dell aspetto esterno, della struttura interna o della topografia di uno o più denti decidui o permanenti,derivante da un disturbo che può essere geneticamente determinato,congenito o acquisito. Tipi di anomalie: Di numero in eccesso o difetto Di forma e volume Di sede e posizione Di sviluppo e struttura Fattori che possono intervenire durante l odontogenesi ad alterare il normale sviluppo dentario: 1. fattori di ordine generale: ereditarietà costituzione agenti chimici malattie infettive fattori endocrini e/o dismetabolici terapia radiante 2. fattori di ordine locale traumi sui denti decidui interventi chirurgici sui mascellari processi infettivi distrettuali disarmonie dento basali, squilibri muscolari ed abitudini viziate ANOMALIE DI NUMERO Anomalie di numero in eccesso(iperdontie o polidontie) Vanno distinte dagli aumenti apparenti in cui la abnorme permanenza di uno o più decidui accanto ai corrispondenti permanenti, simuli l aumento numerico Denti supplementari: ripetono la forma e la funzione del dente contiguo Denti soprannumerari: risultano atipici, più piccoli e rudimentali. Sono classificati in: o Mesiodens: tra i due incisivi centrali superiori o Paramolare: nella regione dei molari o Distomolare: posteriormente al terzo molare Prediligono la mascella superiore Diagnosticata con esame clinico e radiografia che mette in evidenza anche gli eventuali denti inclusi Disostosi cleido cranica: malattia ereditaria autosomica dominante con iperodontia eclatante di permanenti associata a: ipoplasia di una o entrambe le clavicole ritardo di ossificazione delle suture craniche con abnorme crescita del neurocranio Terapia chirurgica (eliminazione elementi in soprannumero) Anomalie di numero in difetto

14 14 a) anodontia: assenza di tutti gli elementi dentari distinta in: i. agenodontia: assenza di tutti i decidui ii. ablastodontia: assenza di tutti i permanenti b) oligodontia: presenza di un numero di denti minore della metà del numero normale (<10 per i decidui e <16 per i permanenti) c) ipodontia: deficit di elementi dentari superiore alla metà del numero normale. Distinta in: i. atelegenodontia: decidui tra 10 e 20 ii. ateleblastodontia: permanenti tra 16 e 32 Etiologia evoluzione della razza: denti che vanno scomparendo per adeguare le arcate ai diametri delle osso mascellari. Ereditarietà Disendocrinie: carenze ormonali tiroidee ed ipofisarie Distruzione del germe (traumi, osteomielite, chirurgia ecc.) Diagnosi Rx distingue agenesia di un elemento dentario dalla sua inclusione Displasia ectodermica : anomalie di alcuni organi o apparati di derivazione ectodermica (cute ed annessi, denti, sistema nervoso).. Due forme: 1. displasia ectodermica anidrotica (D.E.A.) (rara, X linked recessiva) sintomi costanti: assenza o marcata ipoplasia delle ghiandole sudoripare,sebacee e lacrimali capelli chiari,radi (fino all alopecia), sottili e fragili ciglia e sopracciglia numericamente ridotte oligogeno oligoblastodontia con frequenti anomalie di forma dei denti (aspetto conico) naso a sella cute sottile,asciutta, pallida,creste e pliche assenti o scarse bozze frontali sporgenti aspetto vecchieggiante (per le alterazioni sopraelencate) sintomi incostanti: rinite atrofica, ipossia raucedine (da atrofia della mucosa laringea) ritardo mentale deficienza immunitaria porpora vascolare distrofia ungueale eczema, dermatite atopica assenza delle ghiandole mammarie 2. displasia ectodermica idropica (DEI) (più frequente, autosomica dominante): distrofia ungueale capelli radi e sottili

15 15 ipercheratosi palmare lievi anomalie dentarie mancanza di anomalie delle ghiandole sudoripare ANOMALIE DI SEDE Mancanza dei normali rapporti topografici che un elemento dentario ha con la sua sede abituale Eziopatogenesi probabili: anomala posizione originaria del germe dentario mancanza di spazio in arcata per deciduo che permane oltre i limiti fisiologici di permuta perdita precoce di un deciduo con perdita di spazio per il permanente corrispondente difettoso rapporto proporzionale tra la porzione ossea basale e la porzione dento alveolare delle ossa mascellari (disarmonia dento basale) Tipi di anomalie di sede Ectopia: l elemento dentario è situato vicino alla sede abituale, in posizione vestibolare,linguale o palatina. Trasposizione: due denti contigui invertono in modo reciproco la loro posizione (frequente per i canini superiori con i primi premolari o con gli incisivi laterali) Eterotropia: elemento eterotopico situato in sede lontana da quella abituale. Se al di fuori del cavo orale si parlerà di migrazione. ANOMALIE DI POSIZIONE Presenza di elementi dentari che, pur occupando la propria sede abituale, si collocano in arcata con deviazioni assiali dirette nelle tre direzioni dello spazio. Versione: inclinazione di un dente verso il lato vestibolare o palatino, in avanti (mesioversione) o indietro (disto versione) Inversione: posizione del dente invertita (radice verso cresta alveolare e corona verso porzione ossea basale). Si accompagna costantemente ad inclusione. Rotazione: ruota lungo il suo asse longitudinale Intrusione:la corona del dente si presenta su di un piano più basso rispetto al piano occlusale Estrusione: il margine coronale è situato più in alto rispetto al piano occlusale (spesso per mancanza dell elemento dentario antagonista sull arcata opposta) ANOMALIE DI FORMA Possono essere a carico: della corona (cuspidi accessorie,forma conica o tubercolata) delle radici (anomale per numero,forma e dimensioni) dell endodonto ANOMALIE DI VOLUME Gigantismo (macrodontia)

16 16 Taurodontismo : dente con corona ampia, radici brevi, camera pulpare estesa, senza il fisiologico restringimento, fino all apice radicolare) Nanismo (microdontia) ANOMALIE DI SVILUPPO Perla dello smalto: piccola escrescenza tondeggiante, in prossimità del colletto vicino la giunzione smalto cementizia. Tessuto smalto. Fusione:fusione di due denti. Anomalia da coalescenza:date da stretto contatto tra germi. Può interessare tutto il dente,solo le corone,o solo le radici (in tal caso concrescenza) Geminazione: suddivisione incompleta del germe dentario. Anomalia da schizogenesi: il dente normale è unito ad una sua propaggine costituita da un soprannumerario o supplementare. Concrescenza:fusione delle radici per noxa intervenute tardivamente. Anomalia da coalescenza Dens in dente (dente invaginato): sviluppo di una parte di dente all interno di una altro dente.classificato in coronale,radicolare o corono radicolare in base alla porzione di dente che occupa. ANOMALIE DI STRUTTURA Risultato di disturbi che hanno coinvolto l elemento dentario durante le fasi di mineralizzazione, con conseguente anomalia del tessuto smalto, del tessuto dentinale o di entrambi. Sono causati da: Carenze vitaminiche Alterazioni ormonali Malattie esantematiche (morbillo,varicella) Tossicosi esogene Fattori genetici Classificazione Anomalie dello smalto: o Ipoplasie parziali semplici o Ipoplasie parziali complesse o Ipoplasie generalizzate Anomalie della dentina Fluorosi Colorazioni da tetracicline Smalto opaco Ipoplasie da radioterapia Ipoplasie parziali semplici Conseguenza di disturbi di mineralizzazione della matrice adamantina intervenuti per periodi relativamente limitati. Cupoliformi: piccoli avvallamenti rotondi od ovali di profondità variabile Lineari: sottili solchi paralleli al margine incisale

17 17 A bande: derivano dalla confluenza di più solchi o più depressioni cupoliformi A nappo: interessano il margine libero del dente Ipoplasie parziali complesse Anatomia coronale alterata in modo marcato Dente di Hutchinson: incisura semilunare del margine incisale dell incisivo. Aspetto moriforme o a bottone della superficie occlusale del primo molare. Dente di Turner: dente dismorfico e ridotto, ammassi di tessuto cementizio acellulare in zone coronali prive di smalto Ipoplasie generalizzate Amelogenesi imperfetta:alterata fase di formazione e mineralizzazione dello smalto. Lesioni aplastiche ipoplasiche ed ipocalcifiche di dentatura decidua e permanente. Denti giallo bruni,aspetto irregolare. Ereditaria autosomica dominante ANOMALIE DELLA DENTINA Dentinogenesi imperfetta: denti di colore marrone, corone rimpicciolite per sfaldamento dello smalto non sorretto da dentina integra. Autosomica dominante. Colpisce sia decidui che permanenti. FLUOROSI Causata da assunzioni di fluoro a concentrazioni superiori a 1,5/2 ppm (parti per milione) durante l istogenesi dei tessuti duri del dente, specie dei permanenti. Elementi discromici(macchie biancastre e marmorizzazioni che con l età virano verso il brunorossiccio) e con superficie screziata COLORAZIONE DA TETRACICLINE Pigmentazioni antiestetiche ed indelebili dei tessuti dentari. Sono bande giallo chiare o giallo brunastre. Causata da somministrazione di tetraciciline a dosi elevate alle donne nell ultimo trimestre di gravidanza o al bambino nei primi anni di vita. SMALTO OPACO Presenza di macchie opache o lattescenti di forma e grandezza variabile che sembrano collocarsi in posizione molto superficiale nello smalto. Colpiscono sia i permanenti che i decidui localizzandosi a uno o pochi elementi dentari. IPOPLASIE DA RADIOTERAPIA Erosioni giallo brunastre sulla parete vestibolare con progressivo avanzamento verso i tessuti profondi fino a creare crateri simil cariosi.

18 18 LA CARIE DENTARIA Processo patologico che provoca distruzione dei tessuti duri del dente. Elevatissima incidenza Rapida evoluzione Eziologia multifattoriale. Interazione tra: ospite suscettibile dieta ricca di carboidrati fermentabili microrganismi ad attività cariogena ETIOPATOGENESI Varie teorie: chimico parassitaria proteolitica proteolisi chelazione trofomicrobica Placca mucobatterica: sulla superficie dei denti. Sotto di essa i germi acidofili possono proliferare e produrre acido lattico. Funge da isolante per i germi dall ambiente orale. In pratica è un agglomerato di specie batteriche diverse riunite in una matrice organica. Se non asportata in poche ore diventa tenacemente aderente e si organizza fino a calcificarsi trasformandosi in tartaro. Teoria chimico parassitaria I lattobacilli e altri germi acidogeni della flora batterica fermentano i mono ed i disaccaridi presenti nei residui alimentari esistenti tra i denti formazione di acido lattico che decalcifica i tessuti duri del dente graduale distruzione di smalto e dentina migrazione della carica tossi infettiva lungo i canalicoli dentinali fino a pervenire alla camera pulpare pulpite Teoria proteolitica L attività proteolitica dei germi determinerebbe la dissoluzione della trama organica dello smalto e della dentina con crollo dell impalcatura minerale del dente. Tale azione proteolitica sarebbe favorita da un ambiente alcalino. Teoria proteolisi chelazione L attività proteolitica dei germi scinderebbe le proteine contenute nello smalto e nella dentina in aminoacidi capaci di sottrarre il calcio ai tessuti minerali del dente, conducendo alla formazione di composti organici di calcio solubili nella saliva. Tale processo è denominato chelazione. Teoria trofomicrobica Accanto a fattori locali chimico batterici, intervengono fattori generali(per via umorale o neurovegetativa) che determinano alterazioni strutturali degli odontoblasti e delle strutture smalto dentinali che ne riducono la resistenza ai fattori cariogeni.

19 FATTORI CAUSALI PREDISPONENTI Alimentazione Carboidrati fermentabili rapidamente nel cavo orale dai batteri acidogeni, quali monosaccaridi (glucosio,fruttosio,galattosio) e disaccaridi (saccarosio,maltosio,lattosio). Gli amidi sono innocui. La fermentazione di tali zuccheri causa un abbassamento del ph orale. L ingestione di zuccheri anche in piccole quantità ma frequente è più dannosa di un assunzione singola o sporadica anche di grandi quantità. Suscettibilità dell ospite Condizioni fisiologiche (gravidanza): variazioni ormonali causano variazioni del microcircolo con aumento della quota vascolare a carico delle mucose maggiore tendenza al sanguinamento gengivale la gravida riduce lo spazzolamento con conseguente aumento della placca. Inoltre nella saliva aumenta la quota mucosa a discapito della sierosa a ciò la rende meno efficiente nel difendere l ambiente. Stati patologici: 1. disendocrinie 2. malattie infettive 3. stati carenziali 4. tossicodipendenze 5. iposcialia (alterazione quantitativa della saliva) 6. danno da radioterapia Fattori costituzionali Longilinei per conformazione dei mascellari e affollamento degli elementi dentari igiene orale meno efficace Fattori ecologici acque potabili con oligoelementi tra cui il fluoro maggiore resistenza strutture dentarie Fattori razziali sesso (donne più colpite) età (primi decenni più colpiti) fattori immunitari (capacità difensive dell ospite) 19 FATTORI CASUALI DETERMINANTI stratificazione di macromolecole di derivazione salivare sull elemento dentario deterso attrazione e adesione di cocchi Gram +e aerobi o facoltativi (specie streptococco mutans,ma anche lactobacilli,neisserie e veillonelle) rapidamente irreversibile dopo alcuni giorni si ha viraggio verso una flora mista e filamentosa prevalentemente anaerobia (fusobacterium, actinomyces e bacterioides) Tali batteri sono parodontopatogei e causano frequentemente gengivite. Lo streptococco mutans ad opera delle sue glucosiltransferasi produce glucani che impediscono l accesso dei sistemi di difesa alla superficie dentaria ed al focolaio cariogeno e concentrano la diffusione degli acidi orali al focolaio Inoltre lo strepotococco converte il glucosio in acido lattico (mediante glicolisi) abbassando

20 rapidamente il ph orale(1 3 min) fino alla soglia critica di 5,5 Lesione iniziale: lo smalto viene demineralizzato dagli acidi prodotti dai batteri della placca Inoltre i microrganismi della placca posseggono enzimi capaci di fornire carboidrati fermentabili per la placca negli intervalli tra i pasti,ricavandoli dal fruttosio,dalla glicoproteine salivari e dai glucani solubili. In tal modo la placca sopravvive anche negli intervalli tra i pasti. nelle lesioni progressive i batteri invadono lo smalto alterato e la dentina penetrando attraverso i tubuli dentinali. I batteri proteolitici degradano le fibre collagene della matrice dentinale. 20 DIFESE IMMUNITARIE SPECIFICHE E ASPECIFICHE Difese aspecifiche Potere tampone della saliva (bicarbonato acido carbonico e fosfato) Macromolecole in saliva : lisozima,lattoferrina Difese specifiche Anticorpi (specie IgA secretoria e IgG) in saliva e fluido sulculare: inibiscono l aderenza di batterie virus sulla superficie dentaria e sulle mucose orali, attivano il complemento, potenziano la fagocitosi ANATOMIA PATOLOGICA Smalto Lesione conclamata: 4 stadi distinti dalla superficie alla profondità: zona di distruzione zona di invasione con smalto totalmente demineralizzato zona di invasione con smalto parzialmente demineralizzato smalto indenne Gli spazi demineralizzati vengono occupati da una sostanza amorfa proteica White spot e Brown spot Sono particolari tipi di lesioni dello smalto,clinicamente inapprezzabili,ma che consentono l accesso dei batteri alle zone sottostanti. Sullo smalto appaiono solo delle macchie bianche o brune al di sotto delle quali i batteri possono aver già raggiunto gli spazi amelo dentinali. Si possono quindi avere complicanze pulpari a dente apparentemente sano. Dentina Lesione conclamata: 4 stadi distinti dalla superficie alla profondità: zona di distruzione: tubuli totalmente scompaginati con massiccia invasione batterica e distruzione della dentina peritubulare ed intertubulare zona di invasione: invasione batterica intensa con impilamento di questi nel lume zona di sclerosi tubulare: processo di obliterazione dei tubuli dentinali da parte di cristalli di idrossiepatite su supporto organico. Tale obliterazione è temporanea. zona di dentina apparentemente indenne Complicanza: pulpite

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE La bocca o cavità orale (Fig. 1) è il primo tratto dell apparato digerente. È un organo cavo, di forma ovoide

Dettagli

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A.

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A. Alessandro Acocella comunque ci sono solo studi con un follow-up follow up non ancora elevato e comunque i casi vanno accuratamente selezionati evitando parafunzioni e ricordando che gli impianti corti

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Dott. Mauro Rota Medico Chirurgo Iscritto all Albo dei Medici e Chirurghi

Dott. Mauro Rota Medico Chirurgo Iscritto all Albo dei Medici e Chirurghi Dott. Mauro Rota Medico Chirurgo Iscritto all Albo dei Medici e Chirurghi STUDIO MEDICO DENTISTICO ROTA - Ripa - 20800 - BASIGLIO (MI) Tel: 02 90753222 Fax: 02 90753222 E-mail:maurorota2002@libero.it P.IVA

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia.

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. QUIZ TEM: Ulcere da decubito Quiz estratti dalla banca dati del sito e La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. 1) I germi responsabili di ulcere da pressione

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Nuovi concetti nelle meccaniche del trattamento ortodontico secondo McLaughlin-Bennet-Trevisi

Nuovi concetti nelle meccaniche del trattamento ortodontico secondo McLaughlin-Bennet-Trevisi In english please En español, por favor Original Article Published on 09-10-98 Nuovi concetti nelle meccaniche del trattamento ortodontico secondo McLaughlin-Bennet-Trevisi Arturo Fortini MD, DDS Massimo

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

PRESTAZIONI ODONTOIATRICHE FORMA DIRETTA CERTIFICATO DEFINITIVO PRESTAZIONI ODONTOIATRICHE

PRESTAZIONI ODONTOIATRICHE FORMA DIRETTA CERTIFICATO DEFINITIVO PRESTAZIONI ODONTOIATRICHE Allegato 5 FONDO ASSISTENZA SANITARIA DIRIGENTI AZIENDE FASDAC COMMERCIALI Via Eleonora Duse, 14/16-00197 Roma PRESTAZIONI ODONTOIATRICHE FORMA DIRETTA Spazio per l etichetta con il codice a barre (a cura

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING)

LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING) LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING) Cosa bisogna sapere prima di decidere di fare lo sbiancamento dei denti? In inglese viene definito:dental bleaching 1. L'igiene orale correttamente eseguita

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di L ecografia delle anche: una review Giuseppe Atti Centro Marino Ortolani per la diagnosi e la terapia precoce della Lussazione Congenita delle Anche Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara email:

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE PROIEZIONE STANDARD ANTERO- POSTERIORE Indicazioni: traumatologia, neoplasie, alterazioni flogistiche e degenerative delle articolazioni. Posizione del paziente:

Dettagli

Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la

Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la CEFALEE Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la cefalea rappresenta l'unico sintomo di malattia)

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

LA MIGLIORE PERFORMANCE IN T UTTE LE CIRCOSTANZE

LA MIGLIORE PERFORMANCE IN T UTTE LE CIRCOSTANZE LA MIGLIORE PERFORMANCE IN T UTTE LE CIRCOSTANZE ProTaper Universal è la nuova versione di strumenti endodontici NiTi più famosi nel mondo + Più facile una sola sequenza operativa per ogni tipo di canale

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI IL POSIZIONAMENTO DEI BRACKET NELL UTILIZZO DELL APPARECCHIATURA PRE-INFORMATA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI IL POSIZIONAMENTO DEI BRACKET NELL UTILIZZO DELL APPARECCHIATURA PRE-INFORMATA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN ORTOGNATODONZIA Direttore: Prof. Vincenzo Piras IL POSIZIONAMENTO DEI BRACKET NELL UTILIZZO DELL APPARECCHIATURA

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

Microchirurgia apicale Parte I: Preparazione del paziente. Incisione e sollevamento atraumatico del lembo

Microchirurgia apicale Parte I: Preparazione del paziente. Incisione e sollevamento atraumatico del lembo L INFORMATORE ENDODONTICO Estratto dal Vol. 2 n 4, 1998 Microchirurgia apicale Parte I: Preparazione del paziente. Incisione e sollevamento atraumatico del lembo JOHN J. STROPKO, DDS IL TRIDENTE EDIZIONI

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

La risoluzione di uno dei più comuni incidenti in Endodonzia: la frattura di uno strumento

La risoluzione di uno dei più comuni incidenti in Endodonzia: la frattura di uno strumento L INFORMATORE ENDODONTICO Estratto dal Vol. 8 n 4, 2005 La risoluzione di uno dei più comuni incidenti in Endodonzia: la frattura di uno strumento STEVEN J. COHEN, DDS GARY D. GLASSMANN, DDS RICHARD E.

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

Un legame stabile. Oliver Brix. Oliver Brix - Eris for E2 - Special Edition

Un legame stabile. Oliver Brix. Oliver Brix - Eris for E2 - Special Edition Oliver Brix Un legame stabile file:///c /infodental.it/articoli/oliver%20brix/art1/art1.html (1 of 17)28/07/2006 16.11.35 Dal 1998 esiste il sistema di ceramica a termopressione IPS Empress 2 per la realizzazione

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA)

SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA) SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA) Lo sviluppo embrionale è il processo che, per successive mitosi porta dallo zigote all'individuo completo. Lo sviluppo embrionale comprende in realtà vari aspetti, che

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Nuovi denti umani dai livelli epigravettiani di Riparo Dalmeri (TN)

Nuovi denti umani dai livelli epigravettiani di Riparo Dalmeri (TN) Preistoria Alpina, 41 (2005): 245-250 Museo Tridentino di Scienze Naturali, Trento 2006 ISSN 0393-0157 Giuliano VILLA & Giacomo GIACOBINI * Laboratorio di Paleontologia Umana, Dipartimento di Anatomia,

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. Il port. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo IEO pubblica

Dettagli

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile Le cause più frequenti nelle diverse fasce d età Le indicazioni sulle singole cause citate nel capitolo precedente si riferivano a tutte le persone affette da epilessia, senza tener conto dell età delle

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Oggi l odontoiatra si confronta con pazienti informati

Oggi l odontoiatra si confronta con pazienti informati Protesi removibile ancorata su barra con utilizzo di attacchi calcinabili micro Introduzione Carlo Borromeo Oggi l odontoiatra si confronta con pazienti informati che sempre più spesso arrivano con richieste

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso.

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso. 2. I difetti nei cristalli In un cristallo perfetto (o ideale) tutti gli atomi occuperebbero le corrette posizioni reticolari nella struttura cristallina. Un tale cristallo perfetto potrebbe esistere,

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

informazioni paziente it Che cos'è un trattamento ortodontico? Informazioni per il paziente che lo inizia

informazioni paziente it Che cos'è un trattamento ortodontico? Informazioni per il paziente che lo inizia informazioni paziente it Che cos'è un trattamento ortodontico? Informazioni per il paziente che lo inizia Buon giorno, prima di affrontare un trattamento ortodontico, desideriamo darle alcune informazioni

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Che cosa occorre sapere sull alopecia.

Che cosa occorre sapere sull alopecia. 01/ 2014 Sandoz Pharmaceuticals S.A. Suurstoffi 14 Casella postale 6343 Rotkreuz Tel. 0800 858 885 Fax 0800 858 888 www.generici.ch Che cosa occorre sapere sull alopecia. Struttura dei capelli 4 Ciclo

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

14. Controlli non distruttivi

14. Controlli non distruttivi 14.1. Generalità 14. Controlli non distruttivi La moderna progettazione meccanica, basata sempre più sull uso di accurati codici di calcolo e su una accurata conoscenza delle caratteristiche del materiale

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE 1. LE CELLULE COMUNICANO TRA LORO Le cellule vegetali comunicano attraverso i plasmodesmi. Dato lo spessore della parete cellulare, come possono interagire tra loro

Dettagli

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST?

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? Informazioni sui percorsi di approfondimento diagnostico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

Le professioni nello studio medico dentistico

Le professioni nello studio medico dentistico Le professioni nello studio medico dentistico L assistente dentale AFC L assistente di profilassi La segretaria odontoiatrica L igienista dentale SSS L assistente dentale AFC Requisiti Buona formazione

Dettagli

Il sistema immunitario

Il sistema immunitario QUADERNI SULLE IMMUNODEFICIENZE PRIMITIVE N. 2 Il sistema immunitario ASSOCIAZIONE IMMUNODEFICIENZE PRIMITIVE ONLUS Quaderni pubblicati da AIP ONLUS N.1 La sindrome di Wiskott Aldrich (WAS) N.2 Il sistema

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale.

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Sequenza di eventi patogenetici (seconda metà anni 70 seconda metà anni 90) IRC deficit di attivazione ridotta escrezione della vitamina D di

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli