Tesina svolta dal diplomando Samuel Telch dell Istituto Tecnico Agrario di San Michele a/a, in relazione alla tesi di fine corso in Enologia.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tesina svolta dal diplomando Samuel Telch dell Istituto Tecnico Agrario di San Michele a/a, in relazione alla tesi di fine corso in Enologia."

Transcript

1 ISTITUTO AGRARIO DI SAN MICHELE ALL ADIGE Tesina svolta dal diplomando Samuel Telch dell Istituto Tecnico Agrario di San Michele a/a, in relazione alla tesi di fine corso in Enologia. Supervisione dell insegnante Marco Dal Rì e della co-responsabile del centro SafeCrop, Ilaria Pertot. Il diplomando è stato ospitato presso i laboratori di difesa dell Istituto Agrario Centro SafeCrop e coadiuvato nello sviluppo del lavoro sperimentale di ricerca dal personale del Centro SafeCrop.

2 Istituto Agrario di San Michele all Adige ISTITUTO TECNICO AGRARIO Con ordinamento speciale per la viticoltura e l enologia Scuola Paritaria con del. G.P del 31/08/2000 IL MAL DELL ESCA DELLA VITE Anno scolastico 2005/2006 Classe VI S Insegnante referente: Dalrì Marco Diplomando: Telch Samuel Telch Samuel 2

3 INDICE Introduzione al Mal dell Esca 4 Sintomatologia 5 malattia delle venature brune delle barbatelle 7 malattia di petri (o black goo ) 8 esca giovane 9 carie bianca 10 esca propria 11 Modificazioni indotte sulle caratteristiche dell uva da parte del mal dell esca 15 Funghi ritenuti responsabili 21 Interazione funghi-ospite 23 Diagnosi 25 I funghi in dettaglio 26 Fomitiporia mediterranea 26 Phaeomoniella chlamydospora (ex Phaeoacremonium chlamydosporum) e Phaeoacremonium aleophilum 27 Sistematica 28 Stereum hirsutum 28 Phaeoacremonium aleophilum 29 Phaeomoniella chlamydospor 29 Phellinus igniarius 29 Cenni di eziologia 30 Difesa 31 Il progetto di ricerca e sperimentazione sul mal dell esca a cui partecipa SafeCrop 33 Telch Samuel 3

4 Il progetto di monitoraggio della malattia attuato da SafeCrop 37 Materiali e metodi 37 monitoraggio delle spore 37 condizioni di crescita del fungo su piastra 40 riconoscimento dei funghi 41 evoluzione dei sintomi 42 incidenza in Trentino 42 Risultati e discussione 42 monitoraggio delle spore 42 evoluzione dei sintomi 43 incidenza in trentino 46 Ringraziamenti 47 Bibliografia 48 Telch Samuel 4

5 INTRODUZIONE AL MAL DELL ESCA Il Mal dell Esca è una fitopatia che interessa il sistema vascolare della vite originando perdite di prodotto sia dal punto di vista quantitativo che da quello qualitativo. La Malattia in questione, come ce né da prova la citazione di Plinio (29-79 d.c.), era conosciuta già al tempo degli antichi romani; ciò non toglie che fino a pochi anni fa, le conoscenze a riguardo erano assai limitate, come limitati erano pure i metodi di controllo e di lotta verso tale Malattia. Il nome Mal dell Esca deriva dal fatto che il legno delle piante colpite da tale sindrome veniva utilizzato per dare lo spunto iniziale (Esca) al fuoco. Il Mal dell Esca viene anche detto Mal dello spacco in quanto le alterazioni che si vengono a creare al livello del fusto della pianta portano spesso alla creazione di fessurazioni longitudinali sullo stesso (spacco). Una volta, all interno di queste spaccature, venivano inseriti dei ciotoli o piccoli sassi per permettere un asciugatura più veloce della ferita sia da parte dell aria che da parte del calore del sole che poteva così colpire direttamente la zona infetta. Era risaputo, infatti, che la Malattia era dovuta ad un attacco fungineo e quindi che era favorita dalle elevate umidità. L Esca, fino a qualche tempo fa, non veniva considerata una Malattia pericolosa in quanto responsabile degli attacchi alle sole viti vecchie. Negli ultimi anni si è invece visto estendere l attacco da parte di tale Malattia anche a piante giovani (meno di 3 anni), contemporaneamente ad una diffusione su più larga scala della suddetta fitopatia. Si è inoltre notato che in California, Repubblica Sudafricana, Australia e Nuova Zelanda, la Malattia di Petri (una delle varie forme in cui si manifesta il Mal dell Esca) si sta diffondendo molto rapidamente provocando ingenti danni negli impianti che hanno anche meno di 2 anni di età. In Italia fin ora si sono presentati solo sporadici casi di Malattia di Petri, anche se è stata rilevata la presenza dei funghi responsabili all interno del legno delle barbatelle. È ipotizzabile quindi che i funghi necessitino di particolari condizioni climatiche e/o fisiologiche per poter proseguire rapidamente il loro sviluppo; la mancata manifestazione della Malattia di Petri nelle barbatelle infette prevede comunque che in un futuro più o meno lontano la pianta possa manifestare i sintomi cronici o addirittura il colpo apoplettico determinati dall Esca. Premettendo che ancora oggi non si hanno notizie certe sull epidemiologia imputabile all insorgere del Mal dell Esca, si ritiene che esso sia il risultato di una sindrome complessa legata ad una successione di microorganismi. Telch Samuel 5

6 SINTOMATOLOGIA Il Mal dell Esca può determinare due forme sintomatologiche in base al decorso associato alla Malattia stessa: 1) Malattia con decorso acuto: si manifesta sottoforma di colpo apoplettico caratterizzato da un repentino avvizzimento di foglie e grappoli seguito nel giro di pochi giorni dalla morte della pianta. Spesso questo fatto accade in concomitanza delle elevate temperature e stress idrici caratteristici dei mesi di luglio e agosto. (vedi scheda sintomatologica). 2) Malattia con decorso cronico: in questo caso la pianta non viene portata direttamente alla morte, ma vede il manifestarsi dei classici sintomi dell Esca sulle proprie parti verdi. (vedi scheda sintomatologica). Sulle foglie i sintomi compaiono a partire dal periodo della fioritura e si protraggono fino al mese di settembre; si manifestano con ingiallimenti o arrossamenti (in funzione del colore della bacca) marginali ed internervali facendo assumere alla foglia stessa la classica colorazione tigrata (tiger stripes); le nervature principali ed i tessuti perinervali rimangono di colore verde, mentre le zone marginali della lamina fogliare presentano necrosi bruno-rossastre più o meno estese a seconda della fase di avanzamento sintomatico. Queste alterazioni a livello fogliare comportano una riduzione della capacità fotosintetica dell organo verde in esame; conseguentemente a ciò si riscontra una diminuzione dell accumulo di glucosio e fruttosio a livello delle bacche portate dallo stesso tralcio che presenta la sintomatologia fogliare dovuta all Esca. I grappoli all invaiatura manifestano invece macchie puntiformi bruno-violacee a livello delle bacche. La maculatura interessa solo la buccia del frutto e non si estende ai tessuti sottostanti. Il fenomeno è più o meno esteso alla totalità del grappolo a seconda della fase di avanzamento sintomatico. I sintomi su foglia e su grappolo non risultano direttamente derivanti dall entità di legno alterato o degradato, ma si ipotizza che i funghi responsabili dell Esca emettano delle fitotossine ad attività sistemica acropeta (xilematica); infatti, la sintomatologia derivante dall Esca si nota solo ad un livello del fusto più alto di quello in cui si trovano le prime infezioni funginee. I tralci vanno incontro ad un progressivo deperimento associato ad una perdita di turgore e quindi manifestano gli effetti tipici di un avvizzimento per carenza idrica. Il tralcio può inoltre presentare un ritardo nella lignificazione e le gemme dello stesso possono germogliare in ritardo e dar origine a germogli deboli che spesso crescono stentatamente. La zona del legno colpita dipende dal punto di penetrazione dei funghi e dal loro grado di diffusione all interno della pianta. I sintomi possono infatti interessare una sola parte di branca, un intera

7 branca o addirittura la totalità della pianta. In ogni caso, nella zona colpita, è possibile notare, in sezione trasversale, aree più o meno estese di tessuti presentanti imbrunimenti e zone di tessuto cariato; quest ultimo si presenta di consistenza farinosa, di colore giallastro. In prossimità della corteccia si possono verificare degli spacchi longitudinali che delimitano fessurazioni più o meno profonde nel fusto della pianta. Sempre in sezione trasversale è spesso possibile osservare, in corrispondenza delle aree imbrunite, la fuoriuscita di gocce di essudato scuro e denso. È possibile svolgere un ulteriore classificazione dei sintomi dovuti al Mal dell Esca in base alla forma in cui questa Malattia si manifesta (tratto da il Divulgatore n ): - Venature brune ovvero strie necrotiche, visibili dopo un taglio longitudinale delle barbatelle, che si estendono dall altezza del punto d innesto soprattutto in senso basipeto e da cui si isolano Phaeomoniella chlamydospora (Pch) e Phaeoacremonium spp. - Malattia di Petri, che si manifesta soprattutto attraverso scarsa vigoria delle piante, presenza nel legno di striature brune allungate longitudinalmente, fuoriuscita di gomme nere (per questo motivo la Malattia veniva inizialmente chiamata Black Goo ), anche con alterazioni clorotiche della foglia e in alcuni casi morte della pianta stessa. P. chlamydospora si ritiene il responsabile di questa forma, peraltro non frequente nei vigneti italiani. - Esca giovane: l infezione ha origine da ferite ed è caratterizzata da una pressoché totale assenza di carie del legno e, in taluni casi, anche da tipici sintomi fogliari. Specie di Phaeoacremoium e P. chlamydospora possono essere isolati dal tessuto legnoso. - Esca classica, la più nota, in cui P. chlamydospora, Phaeoacremonium spp. e Fomitiporia mediterranea sono responsabili di necrosi bruna e carie bianca; i sintomi fogliari assumono il caratteristico aspetto tigrato. Telch Samuel 7

8 Malattia delle venature brune delle barbatelle (tratto da La Malattia MAL DELL ESCA DELLA VITE (descrizione della Malattia sulla base delle conoscenze attuali) GIUSEPPE SURICO con la collaborazione di Laura Mugnai e Guido Marchi Dipartimento di Biotecnologie Agrarie, Sezione di Patologia vegetale, Università di Firenze) Foto tratte da: esca.html Questa Malattia non si manifesta normalmente con una precisa sintomatologia esterna: in effetti, la barbatella può presentare un aspetto del tutto normale. Se invece essa viene sezionata, longitudinalmente o trasversalmente, si possono notare diverse alterazioni. Quella più evidente, in sezione longitudinale, è rappresentata dalla presenza di striature isolate o raggruppate a formare una fascia bruno-nera che parte talvolta dal punto d innesto e si allunga verso l alto e verso il basso fino a raggiungere, spesso, l estremità inferiore; più frequentemente, tali striature partono dal basso e si allungano verso l alto. La formazione di striature è accompagnata dalla presenza nei vasi di una gomma bruna. La sezione trasversale della barbatella mostra la presenza di punteggiature nere nella Telch Samuel 8

9 forma di un anello pressoché continuo intorno al midollo centrale oppure sparse sulla superficie di taglio. Dai vasi corrispondenti ai puntini neri fuoriesce spesso un essudato gommoso di colore nerastro. Malattia di Petri (o Black goo ) Foto tratta da: esca.html Foto tratta da: grapes.msu.edu/esca.htm QuickTime e un decompressore TIFF (LZW) sono necessari per visualizzare quest'immagine. Questa Malattia, causata da Pch, è stata segnalata per la prima volta in epoca moderna (seconda metà degli anni 90) negli Stati Uniti, in giovani viti innestate (in qualche caso anche prima dell impianto) e poi anche in viti madri portainnesto più vecchie in Australia, Nuova Zelanda e Francia. Alla Malattia è stato dato inizialmente il nome di Black goo perché il sintomo più caratteristico era costituito dalla fuoriuscita di un materiale gommoso scuro, quasi catramoso, dai vasi legnosi tagliati trasversalmente. Si è poi scoperto che quest alterazione era stata già segnalata in Italia, nel 1912, dal fitopatologo italiano Lionello Petri. Per questo motivo la Malattia è stata ridenominata Malattia di Petri. Questa Malattia può dunque colpire viti molto giovani, già a partire dal primo anno di età, e si manifesta normalmente con uno sviluppo stentato di tutta la pianta o di alcune sue parti. Altri sintomi segnalati sono un blocco completo dello sviluppo, clorosi moderata del fogliame, perdita di produzione, graduale declino del vigore e della produttività. In qualche caso l esito finale della Malattia è la morte della pianta. In altri casi la pianta continua a vegetare, ma la malattia si evolve in anni successivi in Esca giovane e/o, dopo l eventuale insediamento di F. mediterranea (Fomed), in Esca propria. Per quanto riguarda i sintomi interni si possono osservare: un midollo centrale Telch Samuel 9

10 scuro, la presenza di un anello nero attorno al midollo, oppure di macchie nere diffuse o disposte a mezzaluna nel legno del tronco (incluso il portinnesto) e dei tralci, la fuoriuscita dai vasi sezionati trasversalmente di gocciole di un liquido gommoso scuro le quali, seccandosi, lasciano una crosticina catramosa sulla superficie di taglio. La Malattia di Petri può insorgere in campo o costituire l evoluzione della Malattia delle venature brune delle barbatelle. Black goo (Foto: Lorenza Michelon) Esca giovane Si tratta in questo caso di una tracheomicosi che interessa giovani piante di vite, di 3-4 o più anni, le quali presentano, esternamente, i tipici sintomi fogliari dell Esca e, internamente, le già descritte striature colonizzate da Pch e, talvolta, anche da Phaeoacremoium aleophilum (Pal). E opinione diffusa che l Esca giovane rappresenti l evoluzione della Malattia delle venature brune delle barbatelle o quella della Malattia di Petri quando questa non ha esiti esiziali per le giovani piante di vite. L Esca giovane può comunque insorgere anche in campo nel caso di infezioni su materiale di partenza sano. Telch Samuel 10

11 Carie bianca Sintomo su legno di Muller Thurgau ( Foto: Lorenza Michelon) Quando le piante di vite sono invase da Fomed si ha lo sviluppo della carie bianca. Il marciume del legno causato da questo fungo è così chiamato (carie bianca), poiché è decomposta soprattutto la lignina (che è di colore scuro) e solo parzialmente la cellulosa (di colore chiaro) cosicchè il legno è trasformato in una massa spugnosa, friabile di colore bianco-giallastro. Nel caso specifico della vite è stata inizialmente avanzata l ipotesi che il processo di carie potesse seguire il modello CODIT con Pch e Pal funzionanti come funghi precursori di Fomed. Successivamente, numerose prove d infezione hanno potuto attribuire a Pch, Pal e Fomed un ruolo di patogeni primari, e cioè la capacità di causare Malattia da soli, senza l aiuto reciproco o di altri microrganismi. Inoltre, prove di inoculazione artificiale hanno dimostrato che nella pianta i tre funghi agiscono fra loro come competitori o addirittura come antagonisti. In particolare, Pch e Pal competono per il substrato, ma non sono antagonisti fra loro; Pch è rallentato dalla presenza di Fomed; Pal è invece capace di rallentare la crescita di Fomed e di proteggere Pch dall azione inibitrice di Fomed. Questi risultati hanno anche confermato l ipotesi che l Esca propria (= Mal dell Esca) è da considerarsi non tanto una Malattia complessa (causata cioè da funghi diversi presenti contemporaneamente nello stesso ambiente e agenti in combinazione o in successione) quanto un complesso di Malattie, essendo il risultato del concorso o della sovrapposizione di distinte Malattie, eventualmente presenti anche in punti diversi della stessa pianta: una tracheomicosi (Pch e/o Pal) e un marciume del legno (Fomed). Naturalmente è perfettamente Telch Samuel 11

12 plausibile che Fomed, allorquando si insedia per ultimo (e questa sembra essere la situazione più comune in natura), possa avvantaggiarsi dell azione fitopatogena svolta in precedenza da Pch e/o da Pal. Esca propria Questa sindrome si verifica allorquando, come prima accennato, si sovrappongono nella stessa pianta gli effetti della presenza di tutti e tre i principali funghi che si ritiene siano associati all Esca: Pch, Pal e Fomed. I sintomi sono distinti in cronici e in acuti, interni ed esterni. I sintomi interni, sia della forma cronica sia di quella acuta, riguardano soprattutto il legno del tronco e consistono essenzialmente nella sua trasformazione, lenta ma progressiva, in una massa spugnosa e friabile (carie). In sezione trasversale l area cariata è delimitata da una linea scura più o meno spessa che separa i tessuti alterati da quelli sani. La carie spesso parte da una ferita di potatura e si estende nel legno, verso l alto e verso il basso, fino ad interessare larghi settori del cilindro centrale (fig. 1). Fig. 1 Fig. 2 (Foto: Lorenza Michelon) In alcuni casi la carie raggiunge anche la superficie esterna causando la formazione di fratture lungo il tronco ( Mal dello spacco ). Generalmente la carie non interessa le radici e interessa solo raramente il portinnesto. Normalmente essa è preceduta o accompagnata da altri tipi di alterazioni: striature scure longitudinali (macchie scure in sezione trasversale), isolate o riunite in gruppi, intorno ad una cerchia annuale di legno o in prossimità del midollo, e aree di colore rosato o brune variamente localizzate nel cilindro centrale o al margine dei tessuti necrotizzati o cariati (fig. 2). Telch Samuel 12

13 Fig. 3: sintomo su Muller Thurgau Fig. 4: sintomo su Cabernet Sauvignon Fig. 5: sintomo su Schiava Sulle foglie delle piante colpite dall Esca compaiono macchie leggermente decolorate o clorotiche, rotondeggianti o irregolarmente circolari, localizzate fra le nervature o lungo i margini della foglia. Gradualmente le macchie si espandono e confluiscono fra loro, infine necrotizzano, almeno in parte. A completa evoluzione la foglia assume, nei casi più tipici, un aspetto tigrato con ampie aree cloro-necrotiche e solo una stretta banda verde lungo le nervature principali (Fig. 3, FIg. 4, Fig. 5). Sugli acini, specialmente di uve da tavola, compaiono talvolta (questo sintomo è più comune nel Sud dell Italia e in alcuni Paesi all estero) delle piccole aree di colore marrone scuro o violetto più o meno intenso. Le macchie sono di solito più abbondanti all estremità distale dell acino, ma possono anche essere distribuite irregolarmente su tutta la superficie dell acino o formare bande longitudinali. In questi ultimi casi possono comparire fratture superficiali che aprono la via ad agenti di marciumi secondari. In California i sintomi sugli acini sono molto più comuni degli stessi sintomi fogliari e per questo il Mal dell Esca ha preso il nome di Black measles. Telch Samuel 13

14 Sintomo su grappolo di Chardonnay (Foto: Lorenza Michelon) Infine, le viti colpite dalla Malattia possono mostrare, già a partire dal mese di giugno, improvvisi avvizzimenti (forma acuta della Malattia) di tutta o di parte della chioma (apoplessia). Talvolta queste piante riprendono a vegetare nella stessa stagione o in quella successiva; più spesso, l apoplessia è sinonimo di morte della pianta. Telch Samuel 14

15 Sopra: Colonizzazione schematica del tronco di una pianta di vite affetta dal mal dell'esca. Si notano diverse alterazioni del legno tipiche della malattia: BN, necrosi bruna; BRW, legno bruno rosso; AP, porzioni di midollo alterato; BS, strie nere; DP, midollo degradato; BL, linea nera di reazione che circonda la zona cariata; DW, legno con carie bianca; frecce, ferite di potatura (pubblicato su Plant Disease, 1999) (Tratto da:www.fi.cnr.it/ r&f/n22/dossier11.htm) Il manifestarsi dei sintomi è caratterizzato da un elevata variabilità all interno delle varie fasi vegetative; è inoltre possibile che i sintomi si manifestino in modo rilevante in alcune annate, Telch Samuel 15

16 mentre in altre rimangano limitati a deboli espressioni non andando così ad infierire sugli aspetti quali-quantitativi della produzione. La latenza della Malattia all interno della pianta caratterizzata dalla mancata manifestazione dei sintomi, sembra non essere riconducibile al grado di avanzamento della condizione patologica dell Esca, ma bensì all andamento climatico-agronomico dell annata. MODIFICAZIONI INDOTTE SULLE CARATTERISTICHE DELL UVA DA PARTE DEL MAL DELL ESCA La vinificazione di uve parzialmente colpite da mal dell'esca, un tempo eventualità rara, potrebbe rivelarsi sempre più probabile. La forma patologica cronica inoltre, a differenza della forma acuta che conduce ad una repentina morte della pianta, permette la sopravvivenza dell'ospite per 5 o più anni durante i quali la pianta manifesta i sintomi, ma, almeno per i primi anni, è in grado di produrre in maniera soddisfacente. "Phragmites", uno Studio Tecnico Agronomico con sede a Copparo in provincia di Ferrara, e nato per offrire consulenze nei settori Agricoltura, Ambiente e Tecnologie Alimentari, ha effettuato uno studio per valutare, in via preliminare, le modificazioni indotte dal mal dell'esca sulla composizione dei succhi provenienti da uve soggette all'attacco fungino e di valutarne le attitudini alla vinificazione. La prima differenza che è possibile notare a livello di composizione della bacca di una vite colpita da Esca, è una diminuzione nell accumulo di glucosio e fruttosio rispetto ad una bacca di una pianta sana. Ciò deriva molto probabilmente dal fatto che una buona quota di superficie fogliare si è vista venire meno a causa degli ingiallimenti/arrossamenti e necrosi dovuti all infezione funginea. Per quanto riguarda la composizione acidica dei mosti ottenuti da bacche colpite da Mal dell Esca, sembra che non ci siano rilevanti differenze rispetto ai valori derivanti da uve sane; fa eccezione il contenuto in acido Malico, che risulta minore nelle bacche colpite dalla fitopatia in questione (la responsabilità di questo fatto è probabilmente imputabile all inibizione del ciclo respiratorio). (Vedi Fig. 1). Telch Samuel 16

17 L attacco fungineo determina anche la liberazione di enzimi ad azione ossidativa sui polifenoli; conseguentemente a ciò si formano chinoni fitotossici che inibiscono il ciclo respiratorio (Geoffrion, 1971; Egger, 1988). La componente polifenolica e la frazione di acidi fenolici risulta essere maggiore nelle bacche colpite dal Mal dell Esca; questo fatto potrebbe essere imputabile alla reazione della pianta all attacco fungineo. (Vedi Fig. 2). Si verifica anche un anomalia nel trasporto e nella dislocazione delle sostanze nutritive provenienti dall apparato radicale, con la conseguente diminuzione di sodio, rame e magnesio a livello di composizione della bacca. L anomalia in questione si sostiene sia causata dalla compromissione del tessuto vascolare da parte del fungo e dall alterazione della permeabilità citoplasmatica (Contesini, 1996). Anche il potassio risulta essere in quantità inferiore nelle bacche colpite da Esca, ed essendo un elemento che interviene in parecchie vie metaboliche, oltre che garante del corretto funzionamento della selettività e della permeabilità della membrana (Goidanich, 1964), si capisce che la sua scarsa disponibilità sia complice di molte delle anomalie causate a livello di composizione della bacca dal Mal dell Esca. (Vedi Fig. 3). Telch Samuel 17

18 Telch Samuel 18

19 Il contenuto in amminoacidi emerge essere maggiore nelle uve colpite, conseguenza forse dell azione funginea sul metabolismo proteico o all aumento dell attività proteolitica a seguito della presenza di enzimi funginei. In particolare, il tenore in valina, isoleucina, leucina, tirosina, fenilalanina e glutammina è statisticamente più elevato nelle uve colpite che non in quelle sane. Sulla scorta di quanto appena detto e considerato che amminoacidi quali fenilalanina, valina, leucina ed isoleucina costituiscono la base chimica per la sintesi di alcol feniletilico, isobutanolo, 3-metil-1-butanolo e 2-metil-1- butanolo rispettivamente, è ipotizzabile una certa influenza sulle caratteristiche sensoriali del vino, ottenuto dal mosto proveniente da uve colpite. (Vedi Fig. 4). Si riportano di seguito i risultati di una prova effettuata nel 1996 su un appezzamento di Trebbiano romagnolo, situato nel comune di Faenza (RA), per quanto riguarda la modificazione della composizione dell uva nel caso essa sia derivante da piante infette da Mal dell Esca. Telch Samuel 19

20 Caratteristiche del vigneto preso in considerazione: Cultivar Trebbiano romagnolo Impianto del vigneto 1978 Superficie 2.5 Ha Altitudine 120 m Esposizione Sud-Est Sistema di allevamento Guyot Distanze di piantagione 1.50 x 4.00 Portainnesto Kober 5 BB Comparsa infezione 1992 Grado di infezione 20% Qui di seguito sono riportate le modalità di analisi adottate. A maturazione commerciale sono stati raccolti acini da piante sane e da piante colpite. Le modalità di prelievo degli acini sono state quelle descritte da Amati et al., (1994) prelevando, per ogni coppia sana/colpita adiacente, lo stesso numero di bacche. Allo scopo di rendere il più rappresentativo possibile il prelievo, sono stati raccolti acini da diverse zone del tralcio, di diversa esposizione, provenienti dalla punta, dal centro e dalle ali del grappolo. Il materiale, provvisto di picciolo, è stato posto in barattoli a chiusura ermetica, pesato e conservato a -15 C fino al momento dell'analisi. I succhi destinati alla determinazione delle sostanze polifenoliche sono stati ottenuti tramite omogeneizzazione delle bacche, private del picciolo e dei vinaccioli, mediante un omogeneizzatore da laboratorio del tipo Silverson, operando sotto battente di azoto e utilizzando una soluzione al 33% v/v di metanolo in acqua, aggiunta di 400 mg/l di SO2. Per le altre determinazioni si è fatto ricorso all'omogeneizzato in acqua distillata. Ogni prova è stata effettuata in triplo, partendo da tre barattoli diversi, centrifugando a 2400 g per 15 minuti. Le analisi chimiche, effettuate in triplo, relative ai macrocomponenti sono state eseguite come riportato in precedenti note (Pallotta et al., 1994; Pallotta et al., 1995). Gli amminoacidi sono stati quantificati come riportato da Buiatti et al., (1989). Telch Samuel 20

21 RISULTATI Sana Colpita Glucosio g/kg 69 64* Fruttosio g/kg 82 77* Glucosio/Fruttosio 0,84 0,83 Ceneri g/kg 3,65 3,28 Alcalinità ceneri meq/kg 49,2 40,2* Acidità totale g/kg 8,3 8,4 Acido tartarico g/kg 7,1 7,2 Acido Malico g/kg 2,9 2,2* Acido citrico g/kg 0,135 0,133 Acido succinico g/kg 0,206 0,187 Polifenoli totali mg/kg ** Acidi fenolici mg/kg 35 42* K mg/kg ** Ca mg/kg Mg mg/kg 92 60** Na mg/kg 13 8 Fe mg/kg tracce tracce Cu mg/kg 3,2 2,6* Alanina mg/kg 24,2 21,9 Valina mg/kg 14,2 22,1* Treonina mg/kg 19,8 22,1 Glicine mg/kg 2,1 2,1 Isoleucina mg/kg 10,2 19,0* Prolina mg/kg 73,6 85,5 Leucina mg/kg 15,2 29,1 Serina mg/kg 10,9 14,2 D,L-Gaba mg/kg 82,9 112,1* Idrossiprolina mg/kg 12,8 11,0 Metionina mg/kg 8,0 8,1 Asparagina+Acido aspartico mg/kg 27,3 36,6 Telch Samuel 21

22 Fenilalanina mg/kg 12,7 27,8* Glutamina+Acido mg/kg 94,1 153,9* glutammie Tiroxina mg/kg 0,6 1,5* Lisina mg/kg 1,5 2,3 Composizione delle uve (medie di 3 determinazioni). Valori identificati con asterischi (* e **) sono significativamente diversi per p=0,05 e p=0,01. Conclusioni della prova Malgrado la ridotta casistica e con la limitazione derivante dallo studio di un solo vitigno, dai risultati esposti è possibile trarre alcune interessanti considerazioni. Il quadro delle modificazioni indotte dal mal dell'esca sulla composizione del mosto d'uva è riferibile ad un rallentamento delle funzioni fotosintetiche e di accumulo, probabilmente a causa dell'alterazione della funzionalità vascolare e quindi di trasporto delle sostanze minerali, conseguenti all'attacco fungino. Le tesi colpite si mostrano meno ricche in zuccheri mentre non evidenziano variazioni sostanziali della frazione acidica e dei valori di acidità. Negli acini colpiti il metabolismo proteico, alterato a causa dell'infezione fungina, ha condotto ad un accumulo di amminoacidi. L'ampia riduzione della superficie fogliare e le alterazioni vascolari conducono, complessivamente, a variazioni di tipo quantitativo dei parametri compositivi, con riduzioni di produttività che progressivamente si risolvono nella morte della pianta. Proprio questa caratteristica distingue il mal dell'esca dalle altre patologie del vigneto e rendono necessaria la lotta al patogeno che, al momento, non può che essere di tipo preventivo. FUNGHI RITENUTI RESPONSABILI Dalle ultime ricerche si è giunti ad ipotizzare che il Mal dell Esca deriva da una successione di attacchi funginei suddivisibile in due momenti distinti: 1) In un primo momento si verifica l azione dei funghi responsabili della tracheomicosi tra i quali si identificano P. chlamydospora (Pch, ex Phaeoacremonium chlamydosporum), P. aleophilum e specie congeneri come angustius, inflatipes, mortoniae, parasiticum, viticola oltre a Cephalosporium spp., Eutypa lata e Phialophora parasitica. Telch Samuel 22

23 2) In un secondo momento entrano in azione i funghi responsabili della carie bianca del legno tra i quali si identificano F. mediterranea o Fomed (una volta si pensava che la responsabile fosse invece Fomitoria punctata) e Stereum hirsutum. Si può notare anche l instaurarsi di una certa competizione trofica tra le varie specie funginee per la colonizzazione del substrato legnoso. I funghi imputati nella patogenesi in questione liberano all interno della pianta un ampia varietà di sostanze, tra le quali: -enzimi degradatori del legno; -composti attivatori di reazioni difensive da parte della vite; -fitotossine: tra queste sono stati individuati pullulani (particolari polisaccaridi) e composti aromatici (scitalone, isosclerone) coinvolti nella sintesi delle melanine. Queste sostanze sono risultate le responsabili dei caratteristici sintomi fogliari determinati da un infezione da Esca. È stato constatato che P. chlamydospora e P. aleophilum durante il loro ciclo biologico danno luogo ad una fase di sporulazione che comporta una diffusione del fungo per via aerea nell ambiente circostante. Questa sporulazione sembra che sia distribuita più o meno omogeneamente su tutto l arco dell anno (periodo invernale compreso).le spore possono finire su una ferita aperta del fusto di una pianta di vite e nelle condizioni adeguate dare origine ad un infezione. Quest ultima sembra che avvenga preferibilmente in periodi piovosi o comunque caratterizzati da un elevata umidità relativa e temperature abbastanza calde (caratteri tipici della stagione estiva). La sporulazione di P. aleophilum è invece collocabile nel periodo corrispondente alla fase vegetativa della vite; si evince da ciò che la principale via di penetrazione di tale fungo non è ricollegabile alle ferite dovute a tagli di potatura invernale, ma piuttosto alle escoriazioni provocate sulle varie parti della pianta da eventuali interventi a verde eseguiti meccanicamente oppure da eventi climatici estremi come lo potrebbe essere una grandinata. La penetrazione del fungo avviene per mezzo dell emissione di ife che vanno ad occupare il tessuto legnoso. L infezione procede poi con la degradazione enzimatica della lignina contemporaneamente all emissione di sostanze che ostacolano la respirazione cellulare e la produzione di ormoni (auxine) e proteine (Egger, 1988). L azione degradativa sembra interessare maggiormente i tessuti xilematici, che assumono conseguentemente a tale attività una colorazione brunastra e una consistenza spugnosa; spesso il tessuto in esame può essere ostruito dalle secrezioni gommose del patogeno (Ponti, 1987). Telch Samuel 23

Il mal dell esca aggredisce anche le viti giovani

Il mal dell esca aggredisce anche le viti giovani 54 Terra e Vita [ SPECIALE DIFESA VITE ] n. 14/2008 Il mal dell esca aggredisce anche le viti giovani [ DI GIUSEPPE FRANCESCO SPORTELLI ] Ritenuta per lungo tempo un esclusiva dei vigneti vecchi, il mal

Dettagli

Corso di Laurea in Viticoltura ed Enologia. Tesi di Laurea

Corso di Laurea in Viticoltura ed Enologia. Tesi di Laurea Università degli Studi di Udine Facoltà di Agraria Università degli Studi di Trento Facoltà di Ingegneria Istituto Agrario di San Michele all Adige Corso di Laurea in Viticoltura ed Enologia Tesi di Laurea

Dettagli

Aggiornamenti sulla carie dell actinidia. Di Marco S., Osti F. & Neri L.

Aggiornamenti sulla carie dell actinidia. Di Marco S., Osti F. & Neri L. Aggiornamenti sulla carie dell actinidia Di Marco S., Osti F. & Neri L. CNR IBIMET - Via Gobetti 101, Bologna Segnalazioni della malattia Prima segnalazione: anni 90 in impianti della Romagna ITALIA GRECIA

Dettagli

Le malattie del legno

Le malattie del legno Le malattie del legno della vite di origine fungina A cura di: Salvatorica Serra Dipartimento di Protezione delle Piante - Università di Sassari Renzo Peretto Dipartimento Produzioni Vegetali - Agenzia

Dettagli

I funghi hanno la funzione di decomporre le sostanze morte e così consentono alla sostanza organica di mettersi in circolo nel terreno.

I funghi hanno la funzione di decomporre le sostanze morte e così consentono alla sostanza organica di mettersi in circolo nel terreno. I funghi hanno la funzione di decomporre le sostanze morte e così consentono alla sostanza organica di mettersi in circolo nel terreno. L eccesso di piogge (forze lunari) in presenza di calore, aumenta

Dettagli

RISPOSTA VARIETALE DELLA VITE AL MAL DELL ESCA

RISPOSTA VARIETALE DELLA VITE AL MAL DELL ESCA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Dipartimento Territorio e Sistemi agro-forestali Corso di laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie RISPOSTA VARIETALE DELLA VITE AL MAL DELL ESCA Relatore Prof. Francesco

Dettagli

Alcune malattie fungine dell olivo

Alcune malattie fungine dell olivo Alcune malattie fungine dell olivo Massimo Pilotti CRA- Centro di Ricerca per la Patologia Vegetale ROMA Malattia fungina nota già nel dopoguerra nelle zone di coltivazione meridionali. Segnalazioni del

Dettagli

Funghi lignicoli e carie del legno

Funghi lignicoli e carie del legno Funghi lignicoli e carie del legno Grottammare 2013 Valentin Lobis 39012 Merano (BZ) www.studiolobis.it La dinamica del marciume Tracheomicosi Marciume nella corteccia e nell alburno Marciume nel durame

Dettagli

( Da Marcuzzo, modificata )

( Da Marcuzzo, modificata ) ( Da Marcuzzo, modificata ) Curva cumulata N P K ( foglie, grappoli e germogli ) Macroeleme nti (Da Porro) Elemento N P K Ca Mg Funzioni fisiologiche per la Vite ( da Fregoni, rielaborata) Elemento che

Dettagli

Il legno nero una malattia in espansione nei vigneti dell Alto Adige

Il legno nero una malattia in espansione nei vigneti dell Alto Adige Il legno nero una malattia in espansione nei vigneti dell Alto Adige Negli ultimi anni in numerosi vigneti della Bassa Atesina e della Val d Isarco sono state ripetutamente osservate viti con vistosi accartocciamenti

Dettagli

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento dossier FRUMENTO 2 I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento Aumentare la resa del frumento, e contemporaneamente anche la qualità, è possibile solo con una concimazione azotata continua

Dettagli

REGIONE LAZIO DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA SERVIZIO FITOSANITARIO REGIONALE VAIOLATURA DELLE DRUPACEE O SHARKA

REGIONE LAZIO DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA SERVIZIO FITOSANITARIO REGIONALE VAIOLATURA DELLE DRUPACEE O SHARKA REGIONE LAZIO DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA SERVIZIO FITOSANITARIO REGIONALE VAIOLATURA DELLE DRUPACEE O SHARKA La sharka o vaiolatura delle drupacee è una grave malattia provocata da un virus, Plum

Dettagli

Caratteristiche dei vitigni e riconoscimento delle uve. - caratteristiche botaniche della specie Vitis vinifera

Caratteristiche dei vitigni e riconoscimento delle uve. - caratteristiche botaniche della specie Vitis vinifera Modulo n. 1 Caratteristiche dei vitigni e riconoscimento delle uve - caratteristiche botaniche della specie Vitis vinifera Durata in ore 20 - fasi fenologiche della vite, dalla gemma al grappolo maturo

Dettagli

Confronto gestione del vigneto convenzionale, biologica e biodinamica: alcuni risultati dopo 3 anni di prove

Confronto gestione del vigneto convenzionale, biologica e biodinamica: alcuni risultati dopo 3 anni di prove Confronto gestione del vigneto convenzionale, biologica e biodinamica: alcuni risultati dopo 3 anni di prove Mescalchin Enzo Unità Agricoltura Biologica Fondazione Edmund Mach S. Michele all Adige Parcelle

Dettagli

2.1.2 Arboricoltura da legno con specie di pregio e cicli produttivi medio lunghi. RISPOSTE ALLA POTATURA DI SPECIE DI PREGIO NOCE E CILIEGIO

2.1.2 Arboricoltura da legno con specie di pregio e cicli produttivi medio lunghi. RISPOSTE ALLA POTATURA DI SPECIE DI PREGIO NOCE E CILIEGIO 2.1.2 Arboricoltura da legno con specie di pregio e cicli produttivi medio lunghi. RISPOSTE ALLA POTATURA DI SPECIE DI PREGIO NOCE E CILIEGIO Responsabile: Mario Pividori - Dip. TESAF (UNIPD) 049 8272711

Dettagli

Concimazione post-raccolta di frutteto e vigneto: un investimento per la qualità dei frutti e dei vini

Concimazione post-raccolta di frutteto e vigneto: un investimento per la qualità dei frutti e dei vini Concimazione post-raccolta di frutteto e vigneto: un investimento per la qualità dei frutti e dei vini Scegliere concimi di elevata qualità ed efficienza La concimazione del vigneto e del frutteto riveste

Dettagli

IL RISO n 2 del 16 luglio 2015 BRUSONE DEL RISO: PRESENZA, MONITORAGGIO E DIFESA IN LOMBARDIA

IL RISO n 2 del 16 luglio 2015 BRUSONE DEL RISO: PRESENZA, MONITORAGGIO E DIFESA IN LOMBARDIA IL RISO n 2 del 16 luglio 2015 BRUSONE DEL RISO: PRESENZA, MONITORAGGIO E DIFESA IN LOMBARDIA Il brusone è la più dannosa malattia fungina del riso a livello mondiale ed è causata da un fungo ascomicete

Dettagli

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE?

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? Elisa Angelini elisa.angelini@entecra.it C.R.A. Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) Foto P. Marcuzzo Foto G. Rama UN PO DI

Dettagli

GUIDA ALL INTERPRETAZIONE AGRONOMICA DELL ANALISI CHIMICA DEL SUOLO

GUIDA ALL INTERPRETAZIONE AGRONOMICA DELL ANALISI CHIMICA DEL SUOLO DIPARTIMENTO AGRICOLTURA, PROTEZIONE CIVILE E TURISMO Settore Servizi alle Imprese Agricole GUIDA ALL INTERPRETAZIONE AGRONOMICA DELL ANALISI CHIMICA DEL SUOLO Laboratorio Regionale Analisi Terreni e Produzioni

Dettagli

Diffusione della malattia.

Diffusione della malattia. IL VIRUS DEL MOSAICO COMUNE DEL FRUMENTO Angelo Sarti, ASTRA Innovazione e Sviluppo U.O. Mario Neri Imola (BO) angelo.sarti@astrainnovazione.it Coception Rubies-Autonnell, Dista Area di Patologia Vegetale

Dettagli

FISIOLOGIA VEGETALE. Il suolo e la nutrizione minerale

FISIOLOGIA VEGETALE. Il suolo e la nutrizione minerale FISIOLOGIA VEGETALE Il suolo e la nutrizione minerale Il suolo è costituito da una frazione inorganica e da una frazione organica frazione inorganica è preponderante e deriva dalla frammentazione della

Dettagli

RISOLUZIONE VITI-OENO 1/2005

RISOLUZIONE VITI-OENO 1/2005 CODICE DI BUONE PRATICHE VITIVINICOLE PER LIMITARE AL MASSIMO LA PRESENZA DI OCRATOSSINA A NEI PRODOTTI DERIVATI DALLA VITE Considerando la Risoluzione CST 1/2002 che fissa il tasso limite di ocratossina

Dettagli

Amminoacidi e Proteine

Amminoacidi e Proteine Amminoacidi e Proteine Struttura generale di un α-amminoacido R = catena laterale AMMINOACIDI (AA) CELLULARI Gli amminoacidi presenti nella cellula possono essere il prodotto di idrolisi delle proteine

Dettagli

Bollettino Agrometeorologico Viticoltura

Bollettino Agrometeorologico Viticoltura Bollettini e schede del Manuale di Viticoltura del CVP su: www.centrovitivinicoloprovinciale.it - BOLLETTINO N 29 del 1/9/ Per la Valcamonica consultare l apposito Bollettino. Prossima emissione: Giovedì

Dettagli

L occhio di pavone dell olivo

L occhio di pavone dell olivo L occhio di pavone dell olivo Spilocea oleagina (Cast.) Hugh Ordine: Hyphales Famiglia: Dematiaceae Fungo MITOSPORICO, a colonizzazione sub-cuticolare evade dal tessuto mediante conidiofori unicellulari,

Dettagli

Diffusione Xylella fastidiosa: EVITARE INUTILI ALLARMISMI!!!

Diffusione Xylella fastidiosa: EVITARE INUTILI ALLARMISMI!!! Diffusione Xylella fastidiosa: EVITARE INUTILI ALLARMISMI!!! Stiamo purtroppo assistendo al diffondersi di un inutile quanto infondato ed incauto allarmismo, dovuto all ipotetica presenza nel comprensorio

Dettagli

Il progetto AGRO.FREE: la tutela della filiera vivaistica da agrobatterio Elisa Angelini

Il progetto AGRO.FREE: la tutela della filiera vivaistica da agrobatterio Elisa Angelini Il progetto AGRO.FREE: la tutela della filiera vivaistica da agrobatterio Elisa Angelini CRA-VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura, Conegliano (TV) Progetto di ricerca finanziato dalla Regione Veneto

Dettagli

S MAP Notizie SINTOMI DEGLI SCOPAZZI DEL MELO. Scopazzi del melo - Apple proliferation. Anno 1 Numero 2 Octobre 2006

S MAP Notizie SINTOMI DEGLI SCOPAZZI DEL MELO. Scopazzi del melo - Apple proliferation. Anno 1 Numero 2 Octobre 2006 S MAP Notizie Scopazzi del melo - Apple proliferation Anno 1 Numero 2 Octobre 2006 Sommario Istituto Agrario di San Michele Centro Sperimentale Via E. Mach 1 38010 San Michele all Adige (TN) SINTOMI DEGLI

Dettagli

NEBBIOLO GENOMICS: genomica strutturale-funzionale su aspetti patologici e qualitativi

NEBBIOLO GENOMICS: genomica strutturale-funzionale su aspetti patologici e qualitativi NEBBIOLO GENOMICS: genomica strutturale-funzionale su aspetti patologici e qualitativi Il gruppo di ricerca è costituto da 2 enti pubblici ed un partner operativo: Istituto di Virologia Vegetale del Consiglio

Dettagli

IL PROFILO DEL SUOLO

IL PROFILO DEL SUOLO Cognome... Nome... IL PROFILO DEL SUOLO Se scaviamo una buca abbastanza profonda in un terreno, osserviamo che la parete tagliata presenta una successione di strati, di diverso colore e struttura, che

Dettagli

4- PIANTA DELL OLIVO

4- PIANTA DELL OLIVO 4- PIANTA DELL OLIVO CICLO BIOLOGICO: L'olivo appartiene alla famiglia delle Oleaceae. La pianta comincia a fruttificare verso il 3º-4º anno, inizia la piena produttività verso il 9º-10º anno; la maturità

Dettagli

Verifica di diverse strategie di fertirrigazione biologica sulla CV Pink Lady

Verifica di diverse strategie di fertirrigazione biologica sulla CV Pink Lady Verifica di diverse strategie di fertirrigazione biologica sulla CV Pink Lady Pinna Massimo ( ) -Gamba Ursula ( ) -Spagnolo Sandra ( ) ( ) CRAB-Centro di Riferimento per l Agricoltura Biologica della Provincia

Dettagli

Il Divulgatore n 1/2009 ACTINIDIA Le avversità da controllare in campo

Il Divulgatore n 1/2009 ACTINIDIA Le avversità da controllare in campo Il Divulgatore n 1/2009 ACTINIDIA Le avversità da controllare in campo Fra le coltura frutticole l actinidia è una delle meno suscettibili agli attacchi di fitofagi e patogeni. Alcune malattie, però, come

Dettagli

Piante certificate: necessità e vantaggi

Piante certificate: necessità e vantaggi Département fédéral de l'économie DFE Station de recherche Agroscope Changins-Wädenswil ACW Piante certificate: necessità e vantaggi 30 novembre 2012 Certificazione Basi legali 1. Ordinanza federale (RS

Dettagli

PROGRAMMA MANUTENZIONE GIARDINO

PROGRAMMA MANUTENZIONE GIARDINO Operazioni PREPARAZIONE DEL TERRENO Il terreno ideale da giardino è quello con tessitura argillosa-sabbiosa, friabile. Se il terreno dovesse essere pesante e compatto bisognerà correggerlo incorporando

Dettagli

LA POTATURA DELLE PIANTE ORNAMENTALI

LA POTATURA DELLE PIANTE ORNAMENTALI LA POTATURA DELLE PIANTE ORNAMENTALI la potatura in sintesi (Testo ispirato al decalogo delle potature della Scuola di Agraria del Parco di Monza, modificato e integrato) a cura di GIOVANNI NALIN TRA ERRATE

Dettagli

E o v l o u l z u i z o i n o e n d l e l l e l e p a p t a o t l o o l g o i g e i d l e l k i k w i i w : i

E o v l o u l z u i z o i n o e n d l e l l e l e p a p t a o t l o o l g o i g e i d l e l k i k w i i w : i Evoluzione delle patologie del kiwi: situazione al 2015 Tosi Lorenzo Di cosa parleremo oggi 1. PSA, situazione 2015 e ultimi aggiornamenti 2. Carie del legno 3. Moria del kiwi 1. Cancro batterico PSA (Pseudomonas

Dettagli

VIROSI DEL PEPERONE E DEL POMODORO

VIROSI DEL PEPERONE E DEL POMODORO VIROSI DEL PEPERONE E DEL POMODORO I virus che più comunemente colpiscono queste colture, e che negli ultimi anni hanno causato gravi perdite di prodotto commerciale, sono il virus del mosaico del cetriolo

Dettagli

Centro Studi Malattie degli Alberi

Centro Studi Malattie degli Alberi In questo numero: Patologia vegetale: le malattie della radice in vaso Chimica agraria: i terricci e la concimazione Periodico scientifico del settore florovivaistico a cura della redazione tecnica di

Dettagli

2.2.5. Macerazione Fig. 61: Vino rosso opzioni per la lavorazione delle uve. 2.2.7. Chiarifiche e Stabilizzazioni

2.2.5. Macerazione Fig. 61: Vino rosso opzioni per la lavorazione delle uve. 2.2.7. Chiarifiche e Stabilizzazioni 2.2.3. Processo di vinificazione 2.2.4. Fermentazione 2.2.5. Macerazione Fig. 61: Vino rosso opzioni per la lavorazione delle uve La stato di salute delle uve, unitamente alla oscenza delle caratteristiche

Dettagli

Xylella fastidiosa (Wells et al.)

Xylella fastidiosa (Wells et al.) SERVIZIO FITOSANITARIO REGIONALE SISTEMATICA E DIFFUSIONE Xylella fastidiosa (Wells et al.) Xylella fastidiosa (XF) Welles et al. (1987) è un batterio gram-negativo non sporigeno appartenente alla famiglia

Dettagli

La Septoriosi del frumento

La Septoriosi del frumento La Septoriosi del frumento Angelo Sarti, ASTRA Innovazione e Sviluppo U.O. Mario Neri Imola (BO) angelo.sarti@astrainnovazione.it La Septoriosi del frumento è una malattia comunemente presente nei nostri

Dettagli

LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO

LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO LA CAPITOZZATURA Per capitozzatura si intende il taglio della parte apicale del fusto e di grossi rami la capitozzatura NON E UNA TECNICA DI POTATURA ma UN DANNEGGIAMENTO

Dettagli

Botrite e Sclerotinia: due crittogame delle orticole Raito (Salerno), 19 settembre 2013

Botrite e Sclerotinia: due crittogame delle orticole Raito (Salerno), 19 settembre 2013 Botrite e Sclerotinia: due crittogame delle orticole Raito (Salerno), 19 settembre 2013 Dott.ssa Flavia Grazia Tropiano Servizio Fitosanitario Regione Campania Le orticole in Campania in cifre Nel 2012

Dettagli

MALATTIE DEL TAPPETO ERBOSO

MALATTIE DEL TAPPETO ERBOSO SOLUZIONI PROFESSIONALI PER LA GESTIONE DEL PRATO MALATTIE DEL TAPPETO ERBOSO Marciume Rosa Invernale (Microdochium nivale) Malattia tipica della stagione invernale SINTOMI Si manifesta al principio con

Dettagli

Appunti del modulo di tecnologia enologica

Appunti del modulo di tecnologia enologica Appunti del modulo di tecnologia enologica Difetti ed alterazioni ZEPPA G. Università degli Studi di Torino Alterazioni dei vini (meglio prevenire che curare.!!) Zeppa G. Università degli Studi di Torino

Dettagli

La sostanza organica

La sostanza organica La sostanza organica La frazione solida di un suolo comprende anche la componente organica. Il contenuto di sostanza organica in un suolo è molto variabile, in genere nell intervallo 0.5-10 %, (5% in media).

Dettagli

Rinnovo del patentino Modulo agronomico

Rinnovo del patentino Modulo agronomico nforma.fito. Strumenti di supporto per la diffusione delle informazioni sull uso sostenibile dei prodotti fitosanitari Rinnovo del patentino Modulo agronomico Lotte obbligatorie Pier Paolo Bortolotti Roberta

Dettagli

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987)

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Prima regola: oltre un certo carico produttivo per ceppo la qualità diminuisce ( ) Fittezza in relazione

Dettagli

Le avversità delle piante ornamentali

Le avversità delle piante ornamentali Seminario Grottammare (AP) Le avversità delle piante ornamentali La gestione delle avversità in ambito urbano Luigi Delloste Per avversità ambientale si intende qualsiasi evento, sia di origine climatica

Dettagli

IASMA Notizie OIDIO DELLA VITE VITICOLTURA

IASMA Notizie OIDIO DELLA VITE VITICOLTURA IASMA Notizie VITICOLTURA Notiziario tecnico del Centro per l Assistenza Tecnica della Fondazione Edmund Mach - Istituto Agrario di S. Michele all Adige 5 maggio 2008 n. 4 IASMA Notizie - n. 2 - Anno VII

Dettagli

Come intervenire in cantina sul prodotto al fine di determinare determinate caratteristiche e/o eliminarne difetti. Anna Piotti

Come intervenire in cantina sul prodotto al fine di determinare determinate caratteristiche e/o eliminarne difetti. Anna Piotti Come intervenire in cantina sul prodotto al fine di determinare determinate caratteristiche e/o eliminarne difetti Anna Piotti Partire da un uva di qualità e sana Utilizzare ragionevolmente la solforosa

Dettagli

cellulosa polimero lineare di D(+)glucosio in legame β(1 4) costituisce circa il 30% del peso delle pareti primarie struttura a microfibrille

cellulosa polimero lineare di D(+)glucosio in legame β(1 4) costituisce circa il 30% del peso delle pareti primarie struttura a microfibrille cellulosa polimero lineare di D(+)glucosio in legame β(1 4) costituisce circa il 30% del peso delle pareti primarie struttura a microfibrille il grado di cristallizzazione e polimerizzazione è più elevato

Dettagli

CAMPIONAMENTO DEL SUOLO

CAMPIONAMENTO DEL SUOLO CAMPINAMENT DEL SUL Metodo Nei tre anni di durata del progetto è stato effettuato un solo campionamento del suolo da tutte le 6 AdS di Livello IIA-B, esattamente tra la fine di Maggio e Giugno 1996. Il

Dettagli

-Glucosio e fruttosio. -Saccarosio. -Zuccheri minori. -Le sostanze pectiche. -I polisaccaridi esocellulari dei microrganismi

-Glucosio e fruttosio. -Saccarosio. -Zuccheri minori. -Le sostanze pectiche. -I polisaccaridi esocellulari dei microrganismi I CARBOIDRATI DEL MOSTO E DEL VINO -Glucosio e fruttosio -Saccarosio -Zuccheri minori -Le sostanze pectiche -I polisaccaridi esocellulari dei microrganismi Prof. - Vincenzo Leo - Chimica enologica - ITA

Dettagli

RISOLUZIONE ECO 3/2004 LIVELLO DI BASE RICHIESTO PER IL CONFERIMENTO DI DIPLOMA AI PROFESSIONISTI COINVOLTI NELLE PRATICHE ENOLOGICHE

RISOLUZIONE ECO 3/2004 LIVELLO DI BASE RICHIESTO PER IL CONFERIMENTO DI DIPLOMA AI PROFESSIONISTI COINVOLTI NELLE PRATICHE ENOLOGICHE LIVELLO DI BASE RICHIESTO PER IL CONFERIMENTO DI DIPLOMA AI PROFESSIONISTI COINVOLTI NELLE PRATICHE ENOLOGICHE L ASSEMBLEA GENERALE, su proposta della Commissione III «Economia», sulla base dei lavori

Dettagli

MICRODOCHIUM NIVALIS TYPHULA INCARNATA LAETISARIA FUCIFORMIS (FILO ROSSO)

MICRODOCHIUM NIVALIS TYPHULA INCARNATA LAETISARIA FUCIFORMIS (FILO ROSSO) MICRODOCHIUM NIVALIS Dopo un prolungato periodo di condizioni atmosferiche fredde e umide si possono formare macchie circolari depresse di circa 5 cm. O inferiori che cambiano rapidamente di colore dal

Dettagli

Dott. M. Stella Grando, Christian Cainelli, Claudia Bisognin Redazione Dott. Wolfgang Jarausch Dott. Claudio Ioriatti. Foto: Mauro Varner

Dott. M. Stella Grando, Christian Cainelli, Claudia Bisognin Redazione Dott. Wolfgang Jarausch Dott. Claudio Ioriatti. Foto: Mauro Varner S MAP Notizie Scopazzi del melo - Apple proliferation Anno 2 Numero 1 Gennaio 2007 Sommario Istituto Agrario di San Michele Centro Sperimentale Via E. Mach 1 38010 San Michele all Adige (TN) Applicazioni

Dettagli

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE Un esempio di misure di ossigeno e ph in acque contenenti piante acquatiche (alla luce e al buio) Misura (con un ossimetro) dell ossigeno disciolto all inizio di un

Dettagli

SCIENZE La Vita. Le muffe. Lab11. Fare esperimenti

SCIENZE La Vita. Le muffe. Lab11. Fare esperimenti SCIENZE La Vita Ti sarà capitato di trovare un po di muffa in un vasetto di marmellata o su un limone in frigorifero, o di considerare, con golosità o perplessità a seconda che ti piaccia o no, le chiazze

Dettagli

Perché è importante l analisi del terreno?

Perché è importante l analisi del terreno? Perché è importante l analisi del terreno? Indice 1. Terreno e piante, uniti per la vita 2. Le proprietà fisiche del terreno 3. La composizione chimica del terreno 4. L analisi del terreno 1. Terreno e

Dettagli

Metabolismo degli aminoacidi

Metabolismo degli aminoacidi Metabolismo degli aminoacidi Quando gli aminoacidi provenienti dalla digestione gastrica e intestinale, non vengono utilizzati per la costruzione di nuove proteine vengono demoliti Transaminazione Per

Dettagli

Periodo di potature? Fate attenzione...

Periodo di potature? Fate attenzione... Periodo di potature? Fate attenzione... Gli alberi non sono tutti uguali e non si potano tutti allo stesso modo o con la stessa frequenza. La potatura delle specie arboree viene, infatti, effettuata per

Dettagli

INFORMAZIONI PER L ORDINE

INFORMAZIONI PER L ORDINE HI 83748 Acido tartarico, specifico per analisi enologiche L acido tartarico è caratteristico dell uva. Il suo contenuto è variabile e tende ad essere più basso nelle regioni meridionali dove le temperature

Dettagli

Newsletter frumento tenero e duro Newsletter n 4 2015 Piacenza, 8 aprile

Newsletter frumento tenero e duro Newsletter n 4 2015 Piacenza, 8 aprile Newsletter frumento tenero e duro Newsletter n 4 2015 Piacenza, 8 aprile Gentile utente, grano.net e granoduro.net sono servizi web interattivi sviluppati da Horta e nati con la funzione di fornire supporti

Dettagli

Mi450 - Fotometro. per la determinazione del COLORE e dei FENOLI TOTALI nel vino

Mi450 - Fotometro. per la determinazione del COLORE e dei FENOLI TOTALI nel vino Mi450 - Fotometro per la determinazione del COLORE e dei FENOLI TOTALI nel vino L Mi450 è un fotometro di facile utilizzo per la determinazione del colore e dei fenoli totali nel vino. La determinazione

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

RISOLUZIONE OIV-OENO 462-2014. CODICE DI BUONE PRATICHE VITIVINICOLE PER EVITARE O LIMITARE LA CONTAMINAZIONE DA BRETTANOMYCES spp.

RISOLUZIONE OIV-OENO 462-2014. CODICE DI BUONE PRATICHE VITIVINICOLE PER EVITARE O LIMITARE LA CONTAMINAZIONE DA BRETTANOMYCES spp. RISOLUZIONE OIV-OENO 462-2014 CODICE DI BUONE PRATICHE VITIVINICOLE PER EVITARE O LIMITARE LA CONTAMINAZIONE DA BRETTANOMYCES spp. L ASSEMBLEA GENERALE, Considerate le azioni del Piano strategico OIV 2009-2012

Dettagli

RICCADONA OSCAR DANIELE Centro Forniture Giardinaggio

RICCADONA OSCAR DANIELE Centro Forniture Giardinaggio RICCADONA OSCAR DANIELE Centro Forniture Giardinaggio Via Volpare 104/B - 37069 Villafranca di Verona (VR) IT tel. / fax (+39) 045 6300192 - cell. (+39) 348 0069434 website: www.riccadona.it e-mail: info@riccadona.it

Dettagli

RISOLUZIONE OIV-VITI 469-2012

RISOLUZIONE OIV-VITI 469-2012 RISOLUZIONE OIV-VITI 469-2012 GUIDA OIV PER L APPLICAZIONE DEL STEMA HACCP (HAZARD ANALYS AND CRITICAL CONTROL POINTS - Analisi del rischio e dei punti critici di controllo) IN VITICOLTURA L ASSEMBLEA

Dettagli

4x4x4=4 3 =64 codoni. 20 aminoacidi

4x4x4=4 3 =64 codoni. 20 aminoacidi 4x4x4=4 3 =64 codoni 20 aminoacidi 1 Le 20 diverse catene laterali (gruppo R) che costituiscono gli aminoacidi si differenziano considerevolmente per dimensioni, volume e per le loro caratteristiche fisico-chimiche,

Dettagli

Il mal dell'esca della vite

Il mal dell'esca della vite Il mal dell'esca della vite Categories : Anno 2007, N. 43-1 settembre 2007 di Lorenza Michelon, Chiara Pellegrini e Ilaria Pertot Le pubblicazioni divulgative del Centro SafeCrop Il Centro SafeCrop dell

Dettagli

L azoto organico nel suolo, le forme e la sua gestione

L azoto organico nel suolo, le forme e la sua gestione TECNICA L azoto organico nel suolo, le forme e la sua gestione Solo conoscendo le frazioni e le trasformazioni dell azoto organico nel terreno è possibile risparmiare, rispettare l ambiente e nutrire al

Dettagli

Oggetto: patrimonio arboreo Parco Biblioteca di via Cavour - Legnano

Oggetto: patrimonio arboreo Parco Biblioteca di via Cavour - Legnano PAOLO ALLEVA AGRONOMO PAESAGGISTA Spett.le AMGA Service Via per Busto Arsizio n. 53 20025 Legnano (Mi) Legnano, 04.08.2011 Oggetto: patrimonio arboreo Parco Biblioteca di via Cavour - Legnano Sulla base

Dettagli

SPERIMENTAZIONE DI TECNOLOGIE DI BIORISANAMENTO

SPERIMENTAZIONE DI TECNOLOGIE DI BIORISANAMENTO SPERIMENTAZIONE DI TECNOLOGIE DI BIORISANAMENTO SARA BORIN DIPARTIMENTO DI SCIENZE PER GLI ALIMENTI, LA NUTRIZIONE E L AMBIENTE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO Sara.borin@unimi.it GRUPPO DI MICROBIOLOGIA

Dettagli

Assessorato Agricoltura e Foreste Regione Siciliana Valorizzazione dei vitigni autoctoni siciliani

Assessorato Agricoltura e Foreste Regione Siciliana Valorizzazione dei vitigni autoctoni siciliani Valorizzazione dei vitigni autoctoni siciliani Agrocllimatollogia e viticolltura Studi di vocazionallità territorialle e zonazioni dii Anttoniino Drrago Assessorato Agriicolltura e Foreste Regiione Siiciilliiana

Dettagli

Prove di contenimento di Pseudomonas syringae pv. actinidiae. Prove su Zespri Gold nel Lazio Primo biennio di studio

Prove di contenimento di Pseudomonas syringae pv. actinidiae. Prove su Zespri Gold nel Lazio Primo biennio di studio Prove di contenimento di Pseudomonas syringae pv. actinidiae. Prove su Zespri Gold nel Lazio Primo biennio di studio Apofruit stabilimento di Aprilia Fabio Marocchi, Marco Mastroleo, Stefano Simeoni C.R.A.

Dettagli

Incremento delle rese e della produttività del suolo. Migliore infiltrazione dell acqua

Incremento delle rese e della produttività del suolo. Migliore infiltrazione dell acqua ACIDO CARBOSSILICO CARBOSOIL PROMOTORE DELLA RADICAZIONE E DELLO SVILUPPO DELLE PIANTE A BASE DI ACIDI CARBOSSILICI STIMOLA LA DIVISIONE CELLULARE PRODUCE LA FORMAZIONE DI GERMOGLI RALLENTA L INVECCHIAMENTO

Dettagli

4 Analisi del suolo e interpretazione dei risultati

4 Analisi del suolo e interpretazione dei risultati 4 Analisi del suolo e interpretazione dei risultati DBC 2009 19 Preparazione dei campioni Parametro da analizzare (elemento nutritivo o caratteristica del suolo) Mezzo / metodo d estrazione Rapporto tra

Dettagli

CONSERVAZIONE DEGLI ALBERI TUTELATI: ASPETTI FITOSANITARI. Nicoletta Vai Servizio Fitosanitario

CONSERVAZIONE DEGLI ALBERI TUTELATI: ASPETTI FITOSANITARI. Nicoletta Vai Servizio Fitosanitario CONSERVAZIONE DEGLI ALBERI TUTELATI: ASPETTI FITOSANITARI Nicoletta Vai Servizio Fitosanitario Di cosa parleremo Perché il Servizio Fitosanitario? Alberi monumentali: i fondamentali Conservazione: cosa

Dettagli

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Informazioni per i genitori A cosa serve lo screening neonatale Questa pubblicazione serve ad illustrare perché è così importante

Dettagli

Miglioramenti morfologici con le reti foto-selettive

Miglioramenti morfologici con le reti foto-selettive Miglioramenti morfologici con le reti foto-selettive L influenza sull ambientamento dei portinnesti di ciliegio da coltivazione in vitro con l utilizzo di reti colorate valutata in una prova effettuata

Dettagli

PROTEINA GREGGIA (P.G.)

PROTEINA GREGGIA (P.G.) PROTEINA GREGGIA (P.G.) Il contenuto proteico di un alimento è valutato dal suo tenore in azoto, determinato con il metodo Kjeldahl modificato. Il metodo Kjeldahl valuta la maggior parte dell azoto presente

Dettagli

La Signora Ines Tondini & Uva del Tundé. Azienda Agrituristica L Azdora. Via Vangaticcio 14 (RA); 0544/497669 335/6683087

La Signora Ines Tondini & Uva del Tundé. Azienda Agrituristica L Azdora. Via Vangaticcio 14 (RA); 0544/497669 335/6683087 La Signora Ines Tondini & Uva del Tundé Azienda Agrituristica L Azdora Via Vangaticcio 14 (RA); 0544/497669 335/6683087 Vitigno Uva del Tundè Genere/specie: vite da uva rossa per vinificazione, appartenente

Dettagli

La Potatura della vite

La Potatura della vite La Potatura della vite Lezione 2/3 Relatore: Dott. Agronomo Marco Tonni Si ringraziano per i materiali didattici e per la collaborazione i Dott. Agr. Luigi Reghenzi, Fabio Sorgiacomo, Pierluigi Donna 19/12/2012

Dettagli

Recupero conservazione e valorizzazione del germoplasma viticolo veronese

Recupero conservazione e valorizzazione del germoplasma viticolo veronese Recupero conservazione e valorizzazione del germoplasma viticolo veronese Introduzione La conservazione, lo studio e la valorizzazione della biodiversità nella Provincia di Verona non sono un attività

Dettagli

RISOLUZIONE OIV-OENO 487-2013 REVISIONE DELLA MONOGRAFIA SULLA MISURA DELL ATTIVITÀ DELLA CINNAMIL ESTERASI NEI PREPARATI ENZIMATICI (OIV-OENO 6-2007)

RISOLUZIONE OIV-OENO 487-2013 REVISIONE DELLA MONOGRAFIA SULLA MISURA DELL ATTIVITÀ DELLA CINNAMIL ESTERASI NEI PREPARATI ENZIMATICI (OIV-OENO 6-2007) RISOLUZIONE OIV-OENO 487-2013 REVISIONE DELLA MONOGRAFIA SULLA MISURA DELL ATTIVITÀ DELLA CINNAMIL ESTERASI NEI PREPARATI ENZIMATICI (OIV-OENO 6-2007) L ASSEMBLEA GENERALE, Visto l articolo 2, paragrafo

Dettagli

IL LATTE. Le femmine dei mammiferi cominciano a produrre latte al termine della gravidanza in seguito a stimoli neuroendocrini.

IL LATTE. Le femmine dei mammiferi cominciano a produrre latte al termine della gravidanza in seguito a stimoli neuroendocrini. IL LATTE DEFINIZIONE GENERALE Per latte alimentare si intende il prodotto ottenuto dalla mungitura regolare, ininterrotta e completa di animali in buono stato di salute e di nutrizione. Le femmine dei

Dettagli

La nutrizione e il metabolismo

La nutrizione e il metabolismo La nutrizione e il metabolismo 1. Le sostanze nutritive, o nutrienti 2. Definizione di metabolismo 3. Il metabolismo dei carboidrati 4. Il metabolismo dei lipidi 1 L apparato respiratorio 5. Il metabolismo

Dettagli

RISOLUZIONE OIV-OENO 439-2012

RISOLUZIONE OIV-OENO 439-2012 RISOLUZIONE OIV-OENO 439-2012 PRATICHE ENOLOGICHE SPECIFICHE PER I VINI AROMATIZZATI, LE BEVANDE A BASE DI PRODOTTI VITIVINICOLI E LE BEVANDE A BASE DI VINO L'ASSEMBLEA GENERALE CONSIDERATA la risoluzione

Dettagli

ITIS Marconi - Padova Esame di Stato 2011/2012. Tesina sperimentale NEURAMINIDASI E FARMACI ANTI-INFLUENZALI

ITIS Marconi - Padova Esame di Stato 2011/2012. Tesina sperimentale NEURAMINIDASI E FARMACI ANTI-INFLUENZALI ITIS Marconi - Padova Esame di Stato 2011/2012 Tesina sperimentale NEURAMINIDASI E FARMAI ANTI-INFLUENZALI andidato: Marcello Dolano 5 I Relatore: prof. Mauro Tonellato NEURAMINIDASI E FARMAI ANTI-INFLUENZALI

Dettagli

Principali avversità e fisiopatie del pomodoro da industria

Principali avversità e fisiopatie del pomodoro da industria Principali avversità e fisiopatie del pomodoro da industria Edizione 2014 Insetti e acari Avversità Biologia e Sintomatologia Danni Elateridi Agriotes spp. Svernano come larva in differenti stadi o adulti

Dettagli

unità C2. Le trasformazioni energetiche nelle cellule

unità C2. Le trasformazioni energetiche nelle cellule unità 2. Le trasformazioni energetiche nelle cellule Il trasporto nelle cellule avviene senza consumo di energia con consumo di energia trasporto passivo trasporto attivo attraverso il doppio strato fosfolipidico

Dettagli

Esperienza 5: la colorazione di Gram

Esperienza 5: la colorazione di Gram Esperienza 5: la colorazione di Gram I batteri possono essere raggruppati in due categorie secondo il metodo della colorazione Gram. Questa tecnica è stata sviluppata nel 1884 da Hans Christian Gram, un

Dettagli

OROLOGICO 04/0 /08/2015 /2015 SEGRETERIA TELEFONICA 0364/324077 : 1 MELO 2 VITE 4 PICCOLI FRUTTI

OROLOGICO 04/0 /08/2015 /2015 SEGRETERIA TELEFONICA 0364/324077 : 1 MELO 2 VITE 4 PICCOLI FRUTTI BOLLETTINO AGROMETEOR OROLOGICO OLOGICO N 31 del 04/0 /08/2015 /2015 www.saporidivallecamonica.it uff.agricoltura@cmvallecamonica.bs.it SEGRETERIA TELEFONICA 0364/324077 : 1 MELO 2 VITE 4 PICCOLI FRUTTI

Dettagli

Sonicaid. Lactate Pro TM

Sonicaid. Lactate Pro TM Sonicaid Lactate Pro TM 1.IL PRODOTTO IN BREVE 1.I Descrizione Il Lactate Pro è un dispositivo che rileva la concentrazione di lattato nel sangue, per la sua precisione, praticità ed economia di esercizio

Dettagli

Il taglio nella potatura dell olivo

Il taglio nella potatura dell olivo Il taglio nella potatura dell olivo 27 10 2014 Slupatura è l intervento di cura sul tronco, contro la malattia chiamata CARIE o LUPA provocata da diversi tipi di funghi tra cui il FOMES FULVUS, il FOMES

Dettagli

Le piante. Sulla terra esistono vari tipi di piante: legnose ed erbacee a seconda delle dimensioni e della forma del fusto.

Le piante. Sulla terra esistono vari tipi di piante: legnose ed erbacee a seconda delle dimensioni e della forma del fusto. di Gaia Brancati Le piante Sulla terra esistono vari tipi di piante: legnose ed erbacee a seconda delle dimensioni e della forma del fusto. Il fusto Il fusto tende a crescere verso l alto. Quando esso

Dettagli

progettazione di edifici con strutture portanti in legno 21 ottobre 2011 durabilità 1 arch. m.sc. andrea zanchetta

progettazione di edifici con strutture portanti in legno 21 ottobre 2011 durabilità 1 arch. m.sc. andrea zanchetta durabilità 1 Il legno è un materiale durabile? Sala del maggior consiglio, Palazzo Ducale Venezia XVI secolo principi generali Il legno è un materiale durabile? Analisi capriate di copertura Palazzo Ducale

Dettagli