Tesina svolta dal diplomando Samuel Telch dell Istituto Tecnico Agrario di San Michele a/a, in relazione alla tesi di fine corso in Enologia.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tesina svolta dal diplomando Samuel Telch dell Istituto Tecnico Agrario di San Michele a/a, in relazione alla tesi di fine corso in Enologia."

Transcript

1 ISTITUTO AGRARIO DI SAN MICHELE ALL ADIGE Tesina svolta dal diplomando Samuel Telch dell Istituto Tecnico Agrario di San Michele a/a, in relazione alla tesi di fine corso in Enologia. Supervisione dell insegnante Marco Dal Rì e della co-responsabile del centro SafeCrop, Ilaria Pertot. Il diplomando è stato ospitato presso i laboratori di difesa dell Istituto Agrario Centro SafeCrop e coadiuvato nello sviluppo del lavoro sperimentale di ricerca dal personale del Centro SafeCrop.

2 Istituto Agrario di San Michele all Adige ISTITUTO TECNICO AGRARIO Con ordinamento speciale per la viticoltura e l enologia Scuola Paritaria con del. G.P del 31/08/2000 IL MAL DELL ESCA DELLA VITE Anno scolastico 2005/2006 Classe VI S Insegnante referente: Dalrì Marco Diplomando: Telch Samuel Telch Samuel 2

3 INDICE Introduzione al Mal dell Esca 4 Sintomatologia 5 malattia delle venature brune delle barbatelle 7 malattia di petri (o black goo ) 8 esca giovane 9 carie bianca 10 esca propria 11 Modificazioni indotte sulle caratteristiche dell uva da parte del mal dell esca 15 Funghi ritenuti responsabili 21 Interazione funghi-ospite 23 Diagnosi 25 I funghi in dettaglio 26 Fomitiporia mediterranea 26 Phaeomoniella chlamydospora (ex Phaeoacremonium chlamydosporum) e Phaeoacremonium aleophilum 27 Sistematica 28 Stereum hirsutum 28 Phaeoacremonium aleophilum 29 Phaeomoniella chlamydospor 29 Phellinus igniarius 29 Cenni di eziologia 30 Difesa 31 Il progetto di ricerca e sperimentazione sul mal dell esca a cui partecipa SafeCrop 33 Telch Samuel 3

4 Il progetto di monitoraggio della malattia attuato da SafeCrop 37 Materiali e metodi 37 monitoraggio delle spore 37 condizioni di crescita del fungo su piastra 40 riconoscimento dei funghi 41 evoluzione dei sintomi 42 incidenza in Trentino 42 Risultati e discussione 42 monitoraggio delle spore 42 evoluzione dei sintomi 43 incidenza in trentino 46 Ringraziamenti 47 Bibliografia 48 Telch Samuel 4

5 INTRODUZIONE AL MAL DELL ESCA Il Mal dell Esca è una fitopatia che interessa il sistema vascolare della vite originando perdite di prodotto sia dal punto di vista quantitativo che da quello qualitativo. La Malattia in questione, come ce né da prova la citazione di Plinio (29-79 d.c.), era conosciuta già al tempo degli antichi romani; ciò non toglie che fino a pochi anni fa, le conoscenze a riguardo erano assai limitate, come limitati erano pure i metodi di controllo e di lotta verso tale Malattia. Il nome Mal dell Esca deriva dal fatto che il legno delle piante colpite da tale sindrome veniva utilizzato per dare lo spunto iniziale (Esca) al fuoco. Il Mal dell Esca viene anche detto Mal dello spacco in quanto le alterazioni che si vengono a creare al livello del fusto della pianta portano spesso alla creazione di fessurazioni longitudinali sullo stesso (spacco). Una volta, all interno di queste spaccature, venivano inseriti dei ciotoli o piccoli sassi per permettere un asciugatura più veloce della ferita sia da parte dell aria che da parte del calore del sole che poteva così colpire direttamente la zona infetta. Era risaputo, infatti, che la Malattia era dovuta ad un attacco fungineo e quindi che era favorita dalle elevate umidità. L Esca, fino a qualche tempo fa, non veniva considerata una Malattia pericolosa in quanto responsabile degli attacchi alle sole viti vecchie. Negli ultimi anni si è invece visto estendere l attacco da parte di tale Malattia anche a piante giovani (meno di 3 anni), contemporaneamente ad una diffusione su più larga scala della suddetta fitopatia. Si è inoltre notato che in California, Repubblica Sudafricana, Australia e Nuova Zelanda, la Malattia di Petri (una delle varie forme in cui si manifesta il Mal dell Esca) si sta diffondendo molto rapidamente provocando ingenti danni negli impianti che hanno anche meno di 2 anni di età. In Italia fin ora si sono presentati solo sporadici casi di Malattia di Petri, anche se è stata rilevata la presenza dei funghi responsabili all interno del legno delle barbatelle. È ipotizzabile quindi che i funghi necessitino di particolari condizioni climatiche e/o fisiologiche per poter proseguire rapidamente il loro sviluppo; la mancata manifestazione della Malattia di Petri nelle barbatelle infette prevede comunque che in un futuro più o meno lontano la pianta possa manifestare i sintomi cronici o addirittura il colpo apoplettico determinati dall Esca. Premettendo che ancora oggi non si hanno notizie certe sull epidemiologia imputabile all insorgere del Mal dell Esca, si ritiene che esso sia il risultato di una sindrome complessa legata ad una successione di microorganismi. Telch Samuel 5

6 SINTOMATOLOGIA Il Mal dell Esca può determinare due forme sintomatologiche in base al decorso associato alla Malattia stessa: 1) Malattia con decorso acuto: si manifesta sottoforma di colpo apoplettico caratterizzato da un repentino avvizzimento di foglie e grappoli seguito nel giro di pochi giorni dalla morte della pianta. Spesso questo fatto accade in concomitanza delle elevate temperature e stress idrici caratteristici dei mesi di luglio e agosto. (vedi scheda sintomatologica). 2) Malattia con decorso cronico: in questo caso la pianta non viene portata direttamente alla morte, ma vede il manifestarsi dei classici sintomi dell Esca sulle proprie parti verdi. (vedi scheda sintomatologica). Sulle foglie i sintomi compaiono a partire dal periodo della fioritura e si protraggono fino al mese di settembre; si manifestano con ingiallimenti o arrossamenti (in funzione del colore della bacca) marginali ed internervali facendo assumere alla foglia stessa la classica colorazione tigrata (tiger stripes); le nervature principali ed i tessuti perinervali rimangono di colore verde, mentre le zone marginali della lamina fogliare presentano necrosi bruno-rossastre più o meno estese a seconda della fase di avanzamento sintomatico. Queste alterazioni a livello fogliare comportano una riduzione della capacità fotosintetica dell organo verde in esame; conseguentemente a ciò si riscontra una diminuzione dell accumulo di glucosio e fruttosio a livello delle bacche portate dallo stesso tralcio che presenta la sintomatologia fogliare dovuta all Esca. I grappoli all invaiatura manifestano invece macchie puntiformi bruno-violacee a livello delle bacche. La maculatura interessa solo la buccia del frutto e non si estende ai tessuti sottostanti. Il fenomeno è più o meno esteso alla totalità del grappolo a seconda della fase di avanzamento sintomatico. I sintomi su foglia e su grappolo non risultano direttamente derivanti dall entità di legno alterato o degradato, ma si ipotizza che i funghi responsabili dell Esca emettano delle fitotossine ad attività sistemica acropeta (xilematica); infatti, la sintomatologia derivante dall Esca si nota solo ad un livello del fusto più alto di quello in cui si trovano le prime infezioni funginee. I tralci vanno incontro ad un progressivo deperimento associato ad una perdita di turgore e quindi manifestano gli effetti tipici di un avvizzimento per carenza idrica. Il tralcio può inoltre presentare un ritardo nella lignificazione e le gemme dello stesso possono germogliare in ritardo e dar origine a germogli deboli che spesso crescono stentatamente. La zona del legno colpita dipende dal punto di penetrazione dei funghi e dal loro grado di diffusione all interno della pianta. I sintomi possono infatti interessare una sola parte di branca, un intera

7 branca o addirittura la totalità della pianta. In ogni caso, nella zona colpita, è possibile notare, in sezione trasversale, aree più o meno estese di tessuti presentanti imbrunimenti e zone di tessuto cariato; quest ultimo si presenta di consistenza farinosa, di colore giallastro. In prossimità della corteccia si possono verificare degli spacchi longitudinali che delimitano fessurazioni più o meno profonde nel fusto della pianta. Sempre in sezione trasversale è spesso possibile osservare, in corrispondenza delle aree imbrunite, la fuoriuscita di gocce di essudato scuro e denso. È possibile svolgere un ulteriore classificazione dei sintomi dovuti al Mal dell Esca in base alla forma in cui questa Malattia si manifesta (tratto da il Divulgatore n ): - Venature brune ovvero strie necrotiche, visibili dopo un taglio longitudinale delle barbatelle, che si estendono dall altezza del punto d innesto soprattutto in senso basipeto e da cui si isolano Phaeomoniella chlamydospora (Pch) e Phaeoacremonium spp. - Malattia di Petri, che si manifesta soprattutto attraverso scarsa vigoria delle piante, presenza nel legno di striature brune allungate longitudinalmente, fuoriuscita di gomme nere (per questo motivo la Malattia veniva inizialmente chiamata Black Goo ), anche con alterazioni clorotiche della foglia e in alcuni casi morte della pianta stessa. P. chlamydospora si ritiene il responsabile di questa forma, peraltro non frequente nei vigneti italiani. - Esca giovane: l infezione ha origine da ferite ed è caratterizzata da una pressoché totale assenza di carie del legno e, in taluni casi, anche da tipici sintomi fogliari. Specie di Phaeoacremoium e P. chlamydospora possono essere isolati dal tessuto legnoso. - Esca classica, la più nota, in cui P. chlamydospora, Phaeoacremonium spp. e Fomitiporia mediterranea sono responsabili di necrosi bruna e carie bianca; i sintomi fogliari assumono il caratteristico aspetto tigrato. Telch Samuel 7

8 Malattia delle venature brune delle barbatelle (tratto da La Malattia MAL DELL ESCA DELLA VITE (descrizione della Malattia sulla base delle conoscenze attuali) GIUSEPPE SURICO con la collaborazione di Laura Mugnai e Guido Marchi Dipartimento di Biotecnologie Agrarie, Sezione di Patologia vegetale, Università di Firenze) Foto tratte da: esca.html Questa Malattia non si manifesta normalmente con una precisa sintomatologia esterna: in effetti, la barbatella può presentare un aspetto del tutto normale. Se invece essa viene sezionata, longitudinalmente o trasversalmente, si possono notare diverse alterazioni. Quella più evidente, in sezione longitudinale, è rappresentata dalla presenza di striature isolate o raggruppate a formare una fascia bruno-nera che parte talvolta dal punto d innesto e si allunga verso l alto e verso il basso fino a raggiungere, spesso, l estremità inferiore; più frequentemente, tali striature partono dal basso e si allungano verso l alto. La formazione di striature è accompagnata dalla presenza nei vasi di una gomma bruna. La sezione trasversale della barbatella mostra la presenza di punteggiature nere nella Telch Samuel 8

9 forma di un anello pressoché continuo intorno al midollo centrale oppure sparse sulla superficie di taglio. Dai vasi corrispondenti ai puntini neri fuoriesce spesso un essudato gommoso di colore nerastro. Malattia di Petri (o Black goo ) Foto tratta da: esca.html Foto tratta da: grapes.msu.edu/esca.htm QuickTime e un decompressore TIFF (LZW) sono necessari per visualizzare quest'immagine. Questa Malattia, causata da Pch, è stata segnalata per la prima volta in epoca moderna (seconda metà degli anni 90) negli Stati Uniti, in giovani viti innestate (in qualche caso anche prima dell impianto) e poi anche in viti madri portainnesto più vecchie in Australia, Nuova Zelanda e Francia. Alla Malattia è stato dato inizialmente il nome di Black goo perché il sintomo più caratteristico era costituito dalla fuoriuscita di un materiale gommoso scuro, quasi catramoso, dai vasi legnosi tagliati trasversalmente. Si è poi scoperto che quest alterazione era stata già segnalata in Italia, nel 1912, dal fitopatologo italiano Lionello Petri. Per questo motivo la Malattia è stata ridenominata Malattia di Petri. Questa Malattia può dunque colpire viti molto giovani, già a partire dal primo anno di età, e si manifesta normalmente con uno sviluppo stentato di tutta la pianta o di alcune sue parti. Altri sintomi segnalati sono un blocco completo dello sviluppo, clorosi moderata del fogliame, perdita di produzione, graduale declino del vigore e della produttività. In qualche caso l esito finale della Malattia è la morte della pianta. In altri casi la pianta continua a vegetare, ma la malattia si evolve in anni successivi in Esca giovane e/o, dopo l eventuale insediamento di F. mediterranea (Fomed), in Esca propria. Per quanto riguarda i sintomi interni si possono osservare: un midollo centrale Telch Samuel 9

10 scuro, la presenza di un anello nero attorno al midollo, oppure di macchie nere diffuse o disposte a mezzaluna nel legno del tronco (incluso il portinnesto) e dei tralci, la fuoriuscita dai vasi sezionati trasversalmente di gocciole di un liquido gommoso scuro le quali, seccandosi, lasciano una crosticina catramosa sulla superficie di taglio. La Malattia di Petri può insorgere in campo o costituire l evoluzione della Malattia delle venature brune delle barbatelle. Black goo (Foto: Lorenza Michelon) Esca giovane Si tratta in questo caso di una tracheomicosi che interessa giovani piante di vite, di 3-4 o più anni, le quali presentano, esternamente, i tipici sintomi fogliari dell Esca e, internamente, le già descritte striature colonizzate da Pch e, talvolta, anche da Phaeoacremoium aleophilum (Pal). E opinione diffusa che l Esca giovane rappresenti l evoluzione della Malattia delle venature brune delle barbatelle o quella della Malattia di Petri quando questa non ha esiti esiziali per le giovani piante di vite. L Esca giovane può comunque insorgere anche in campo nel caso di infezioni su materiale di partenza sano. Telch Samuel 10

11 Carie bianca Sintomo su legno di Muller Thurgau ( Foto: Lorenza Michelon) Quando le piante di vite sono invase da Fomed si ha lo sviluppo della carie bianca. Il marciume del legno causato da questo fungo è così chiamato (carie bianca), poiché è decomposta soprattutto la lignina (che è di colore scuro) e solo parzialmente la cellulosa (di colore chiaro) cosicchè il legno è trasformato in una massa spugnosa, friabile di colore bianco-giallastro. Nel caso specifico della vite è stata inizialmente avanzata l ipotesi che il processo di carie potesse seguire il modello CODIT con Pch e Pal funzionanti come funghi precursori di Fomed. Successivamente, numerose prove d infezione hanno potuto attribuire a Pch, Pal e Fomed un ruolo di patogeni primari, e cioè la capacità di causare Malattia da soli, senza l aiuto reciproco o di altri microrganismi. Inoltre, prove di inoculazione artificiale hanno dimostrato che nella pianta i tre funghi agiscono fra loro come competitori o addirittura come antagonisti. In particolare, Pch e Pal competono per il substrato, ma non sono antagonisti fra loro; Pch è rallentato dalla presenza di Fomed; Pal è invece capace di rallentare la crescita di Fomed e di proteggere Pch dall azione inibitrice di Fomed. Questi risultati hanno anche confermato l ipotesi che l Esca propria (= Mal dell Esca) è da considerarsi non tanto una Malattia complessa (causata cioè da funghi diversi presenti contemporaneamente nello stesso ambiente e agenti in combinazione o in successione) quanto un complesso di Malattie, essendo il risultato del concorso o della sovrapposizione di distinte Malattie, eventualmente presenti anche in punti diversi della stessa pianta: una tracheomicosi (Pch e/o Pal) e un marciume del legno (Fomed). Naturalmente è perfettamente Telch Samuel 11

12 plausibile che Fomed, allorquando si insedia per ultimo (e questa sembra essere la situazione più comune in natura), possa avvantaggiarsi dell azione fitopatogena svolta in precedenza da Pch e/o da Pal. Esca propria Questa sindrome si verifica allorquando, come prima accennato, si sovrappongono nella stessa pianta gli effetti della presenza di tutti e tre i principali funghi che si ritiene siano associati all Esca: Pch, Pal e Fomed. I sintomi sono distinti in cronici e in acuti, interni ed esterni. I sintomi interni, sia della forma cronica sia di quella acuta, riguardano soprattutto il legno del tronco e consistono essenzialmente nella sua trasformazione, lenta ma progressiva, in una massa spugnosa e friabile (carie). In sezione trasversale l area cariata è delimitata da una linea scura più o meno spessa che separa i tessuti alterati da quelli sani. La carie spesso parte da una ferita di potatura e si estende nel legno, verso l alto e verso il basso, fino ad interessare larghi settori del cilindro centrale (fig. 1). Fig. 1 Fig. 2 (Foto: Lorenza Michelon) In alcuni casi la carie raggiunge anche la superficie esterna causando la formazione di fratture lungo il tronco ( Mal dello spacco ). Generalmente la carie non interessa le radici e interessa solo raramente il portinnesto. Normalmente essa è preceduta o accompagnata da altri tipi di alterazioni: striature scure longitudinali (macchie scure in sezione trasversale), isolate o riunite in gruppi, intorno ad una cerchia annuale di legno o in prossimità del midollo, e aree di colore rosato o brune variamente localizzate nel cilindro centrale o al margine dei tessuti necrotizzati o cariati (fig. 2). Telch Samuel 12

13 Fig. 3: sintomo su Muller Thurgau Fig. 4: sintomo su Cabernet Sauvignon Fig. 5: sintomo su Schiava Sulle foglie delle piante colpite dall Esca compaiono macchie leggermente decolorate o clorotiche, rotondeggianti o irregolarmente circolari, localizzate fra le nervature o lungo i margini della foglia. Gradualmente le macchie si espandono e confluiscono fra loro, infine necrotizzano, almeno in parte. A completa evoluzione la foglia assume, nei casi più tipici, un aspetto tigrato con ampie aree cloro-necrotiche e solo una stretta banda verde lungo le nervature principali (Fig. 3, FIg. 4, Fig. 5). Sugli acini, specialmente di uve da tavola, compaiono talvolta (questo sintomo è più comune nel Sud dell Italia e in alcuni Paesi all estero) delle piccole aree di colore marrone scuro o violetto più o meno intenso. Le macchie sono di solito più abbondanti all estremità distale dell acino, ma possono anche essere distribuite irregolarmente su tutta la superficie dell acino o formare bande longitudinali. In questi ultimi casi possono comparire fratture superficiali che aprono la via ad agenti di marciumi secondari. In California i sintomi sugli acini sono molto più comuni degli stessi sintomi fogliari e per questo il Mal dell Esca ha preso il nome di Black measles. Telch Samuel 13

14 Sintomo su grappolo di Chardonnay (Foto: Lorenza Michelon) Infine, le viti colpite dalla Malattia possono mostrare, già a partire dal mese di giugno, improvvisi avvizzimenti (forma acuta della Malattia) di tutta o di parte della chioma (apoplessia). Talvolta queste piante riprendono a vegetare nella stessa stagione o in quella successiva; più spesso, l apoplessia è sinonimo di morte della pianta. Telch Samuel 14

15 Sopra: Colonizzazione schematica del tronco di una pianta di vite affetta dal mal dell'esca. Si notano diverse alterazioni del legno tipiche della malattia: BN, necrosi bruna; BRW, legno bruno rosso; AP, porzioni di midollo alterato; BS, strie nere; DP, midollo degradato; BL, linea nera di reazione che circonda la zona cariata; DW, legno con carie bianca; frecce, ferite di potatura (pubblicato su Plant Disease, 1999) (Tratto da:www.fi.cnr.it/ r&f/n22/dossier11.htm) Il manifestarsi dei sintomi è caratterizzato da un elevata variabilità all interno delle varie fasi vegetative; è inoltre possibile che i sintomi si manifestino in modo rilevante in alcune annate, Telch Samuel 15

16 mentre in altre rimangano limitati a deboli espressioni non andando così ad infierire sugli aspetti quali-quantitativi della produzione. La latenza della Malattia all interno della pianta caratterizzata dalla mancata manifestazione dei sintomi, sembra non essere riconducibile al grado di avanzamento della condizione patologica dell Esca, ma bensì all andamento climatico-agronomico dell annata. MODIFICAZIONI INDOTTE SULLE CARATTERISTICHE DELL UVA DA PARTE DEL MAL DELL ESCA La vinificazione di uve parzialmente colpite da mal dell'esca, un tempo eventualità rara, potrebbe rivelarsi sempre più probabile. La forma patologica cronica inoltre, a differenza della forma acuta che conduce ad una repentina morte della pianta, permette la sopravvivenza dell'ospite per 5 o più anni durante i quali la pianta manifesta i sintomi, ma, almeno per i primi anni, è in grado di produrre in maniera soddisfacente. "Phragmites", uno Studio Tecnico Agronomico con sede a Copparo in provincia di Ferrara, e nato per offrire consulenze nei settori Agricoltura, Ambiente e Tecnologie Alimentari, ha effettuato uno studio per valutare, in via preliminare, le modificazioni indotte dal mal dell'esca sulla composizione dei succhi provenienti da uve soggette all'attacco fungino e di valutarne le attitudini alla vinificazione. La prima differenza che è possibile notare a livello di composizione della bacca di una vite colpita da Esca, è una diminuzione nell accumulo di glucosio e fruttosio rispetto ad una bacca di una pianta sana. Ciò deriva molto probabilmente dal fatto che una buona quota di superficie fogliare si è vista venire meno a causa degli ingiallimenti/arrossamenti e necrosi dovuti all infezione funginea. Per quanto riguarda la composizione acidica dei mosti ottenuti da bacche colpite da Mal dell Esca, sembra che non ci siano rilevanti differenze rispetto ai valori derivanti da uve sane; fa eccezione il contenuto in acido Malico, che risulta minore nelle bacche colpite dalla fitopatia in questione (la responsabilità di questo fatto è probabilmente imputabile all inibizione del ciclo respiratorio). (Vedi Fig. 1). Telch Samuel 16

17 L attacco fungineo determina anche la liberazione di enzimi ad azione ossidativa sui polifenoli; conseguentemente a ciò si formano chinoni fitotossici che inibiscono il ciclo respiratorio (Geoffrion, 1971; Egger, 1988). La componente polifenolica e la frazione di acidi fenolici risulta essere maggiore nelle bacche colpite dal Mal dell Esca; questo fatto potrebbe essere imputabile alla reazione della pianta all attacco fungineo. (Vedi Fig. 2). Si verifica anche un anomalia nel trasporto e nella dislocazione delle sostanze nutritive provenienti dall apparato radicale, con la conseguente diminuzione di sodio, rame e magnesio a livello di composizione della bacca. L anomalia in questione si sostiene sia causata dalla compromissione del tessuto vascolare da parte del fungo e dall alterazione della permeabilità citoplasmatica (Contesini, 1996). Anche il potassio risulta essere in quantità inferiore nelle bacche colpite da Esca, ed essendo un elemento che interviene in parecchie vie metaboliche, oltre che garante del corretto funzionamento della selettività e della permeabilità della membrana (Goidanich, 1964), si capisce che la sua scarsa disponibilità sia complice di molte delle anomalie causate a livello di composizione della bacca dal Mal dell Esca. (Vedi Fig. 3). Telch Samuel 17

18 Telch Samuel 18

19 Il contenuto in amminoacidi emerge essere maggiore nelle uve colpite, conseguenza forse dell azione funginea sul metabolismo proteico o all aumento dell attività proteolitica a seguito della presenza di enzimi funginei. In particolare, il tenore in valina, isoleucina, leucina, tirosina, fenilalanina e glutammina è statisticamente più elevato nelle uve colpite che non in quelle sane. Sulla scorta di quanto appena detto e considerato che amminoacidi quali fenilalanina, valina, leucina ed isoleucina costituiscono la base chimica per la sintesi di alcol feniletilico, isobutanolo, 3-metil-1-butanolo e 2-metil-1- butanolo rispettivamente, è ipotizzabile una certa influenza sulle caratteristiche sensoriali del vino, ottenuto dal mosto proveniente da uve colpite. (Vedi Fig. 4). Si riportano di seguito i risultati di una prova effettuata nel 1996 su un appezzamento di Trebbiano romagnolo, situato nel comune di Faenza (RA), per quanto riguarda la modificazione della composizione dell uva nel caso essa sia derivante da piante infette da Mal dell Esca. Telch Samuel 19

20 Caratteristiche del vigneto preso in considerazione: Cultivar Trebbiano romagnolo Impianto del vigneto 1978 Superficie 2.5 Ha Altitudine 120 m Esposizione Sud-Est Sistema di allevamento Guyot Distanze di piantagione 1.50 x 4.00 Portainnesto Kober 5 BB Comparsa infezione 1992 Grado di infezione 20% Qui di seguito sono riportate le modalità di analisi adottate. A maturazione commerciale sono stati raccolti acini da piante sane e da piante colpite. Le modalità di prelievo degli acini sono state quelle descritte da Amati et al., (1994) prelevando, per ogni coppia sana/colpita adiacente, lo stesso numero di bacche. Allo scopo di rendere il più rappresentativo possibile il prelievo, sono stati raccolti acini da diverse zone del tralcio, di diversa esposizione, provenienti dalla punta, dal centro e dalle ali del grappolo. Il materiale, provvisto di picciolo, è stato posto in barattoli a chiusura ermetica, pesato e conservato a -15 C fino al momento dell'analisi. I succhi destinati alla determinazione delle sostanze polifenoliche sono stati ottenuti tramite omogeneizzazione delle bacche, private del picciolo e dei vinaccioli, mediante un omogeneizzatore da laboratorio del tipo Silverson, operando sotto battente di azoto e utilizzando una soluzione al 33% v/v di metanolo in acqua, aggiunta di 400 mg/l di SO2. Per le altre determinazioni si è fatto ricorso all'omogeneizzato in acqua distillata. Ogni prova è stata effettuata in triplo, partendo da tre barattoli diversi, centrifugando a 2400 g per 15 minuti. Le analisi chimiche, effettuate in triplo, relative ai macrocomponenti sono state eseguite come riportato in precedenti note (Pallotta et al., 1994; Pallotta et al., 1995). Gli amminoacidi sono stati quantificati come riportato da Buiatti et al., (1989). Telch Samuel 20

21 RISULTATI Sana Colpita Glucosio g/kg 69 64* Fruttosio g/kg 82 77* Glucosio/Fruttosio 0,84 0,83 Ceneri g/kg 3,65 3,28 Alcalinità ceneri meq/kg 49,2 40,2* Acidità totale g/kg 8,3 8,4 Acido tartarico g/kg 7,1 7,2 Acido Malico g/kg 2,9 2,2* Acido citrico g/kg 0,135 0,133 Acido succinico g/kg 0,206 0,187 Polifenoli totali mg/kg ** Acidi fenolici mg/kg 35 42* K mg/kg ** Ca mg/kg Mg mg/kg 92 60** Na mg/kg 13 8 Fe mg/kg tracce tracce Cu mg/kg 3,2 2,6* Alanina mg/kg 24,2 21,9 Valina mg/kg 14,2 22,1* Treonina mg/kg 19,8 22,1 Glicine mg/kg 2,1 2,1 Isoleucina mg/kg 10,2 19,0* Prolina mg/kg 73,6 85,5 Leucina mg/kg 15,2 29,1 Serina mg/kg 10,9 14,2 D,L-Gaba mg/kg 82,9 112,1* Idrossiprolina mg/kg 12,8 11,0 Metionina mg/kg 8,0 8,1 Asparagina+Acido aspartico mg/kg 27,3 36,6 Telch Samuel 21

22 Fenilalanina mg/kg 12,7 27,8* Glutamina+Acido mg/kg 94,1 153,9* glutammie Tiroxina mg/kg 0,6 1,5* Lisina mg/kg 1,5 2,3 Composizione delle uve (medie di 3 determinazioni). Valori identificati con asterischi (* e **) sono significativamente diversi per p=0,05 e p=0,01. Conclusioni della prova Malgrado la ridotta casistica e con la limitazione derivante dallo studio di un solo vitigno, dai risultati esposti è possibile trarre alcune interessanti considerazioni. Il quadro delle modificazioni indotte dal mal dell'esca sulla composizione del mosto d'uva è riferibile ad un rallentamento delle funzioni fotosintetiche e di accumulo, probabilmente a causa dell'alterazione della funzionalità vascolare e quindi di trasporto delle sostanze minerali, conseguenti all'attacco fungino. Le tesi colpite si mostrano meno ricche in zuccheri mentre non evidenziano variazioni sostanziali della frazione acidica e dei valori di acidità. Negli acini colpiti il metabolismo proteico, alterato a causa dell'infezione fungina, ha condotto ad un accumulo di amminoacidi. L'ampia riduzione della superficie fogliare e le alterazioni vascolari conducono, complessivamente, a variazioni di tipo quantitativo dei parametri compositivi, con riduzioni di produttività che progressivamente si risolvono nella morte della pianta. Proprio questa caratteristica distingue il mal dell'esca dalle altre patologie del vigneto e rendono necessaria la lotta al patogeno che, al momento, non può che essere di tipo preventivo. FUNGHI RITENUTI RESPONSABILI Dalle ultime ricerche si è giunti ad ipotizzare che il Mal dell Esca deriva da una successione di attacchi funginei suddivisibile in due momenti distinti: 1) In un primo momento si verifica l azione dei funghi responsabili della tracheomicosi tra i quali si identificano P. chlamydospora (Pch, ex Phaeoacremonium chlamydosporum), P. aleophilum e specie congeneri come angustius, inflatipes, mortoniae, parasiticum, viticola oltre a Cephalosporium spp., Eutypa lata e Phialophora parasitica. Telch Samuel 22

23 2) In un secondo momento entrano in azione i funghi responsabili della carie bianca del legno tra i quali si identificano F. mediterranea o Fomed (una volta si pensava che la responsabile fosse invece Fomitoria punctata) e Stereum hirsutum. Si può notare anche l instaurarsi di una certa competizione trofica tra le varie specie funginee per la colonizzazione del substrato legnoso. I funghi imputati nella patogenesi in questione liberano all interno della pianta un ampia varietà di sostanze, tra le quali: -enzimi degradatori del legno; -composti attivatori di reazioni difensive da parte della vite; -fitotossine: tra queste sono stati individuati pullulani (particolari polisaccaridi) e composti aromatici (scitalone, isosclerone) coinvolti nella sintesi delle melanine. Queste sostanze sono risultate le responsabili dei caratteristici sintomi fogliari determinati da un infezione da Esca. È stato constatato che P. chlamydospora e P. aleophilum durante il loro ciclo biologico danno luogo ad una fase di sporulazione che comporta una diffusione del fungo per via aerea nell ambiente circostante. Questa sporulazione sembra che sia distribuita più o meno omogeneamente su tutto l arco dell anno (periodo invernale compreso).le spore possono finire su una ferita aperta del fusto di una pianta di vite e nelle condizioni adeguate dare origine ad un infezione. Quest ultima sembra che avvenga preferibilmente in periodi piovosi o comunque caratterizzati da un elevata umidità relativa e temperature abbastanza calde (caratteri tipici della stagione estiva). La sporulazione di P. aleophilum è invece collocabile nel periodo corrispondente alla fase vegetativa della vite; si evince da ciò che la principale via di penetrazione di tale fungo non è ricollegabile alle ferite dovute a tagli di potatura invernale, ma piuttosto alle escoriazioni provocate sulle varie parti della pianta da eventuali interventi a verde eseguiti meccanicamente oppure da eventi climatici estremi come lo potrebbe essere una grandinata. La penetrazione del fungo avviene per mezzo dell emissione di ife che vanno ad occupare il tessuto legnoso. L infezione procede poi con la degradazione enzimatica della lignina contemporaneamente all emissione di sostanze che ostacolano la respirazione cellulare e la produzione di ormoni (auxine) e proteine (Egger, 1988). L azione degradativa sembra interessare maggiormente i tessuti xilematici, che assumono conseguentemente a tale attività una colorazione brunastra e una consistenza spugnosa; spesso il tessuto in esame può essere ostruito dalle secrezioni gommose del patogeno (Ponti, 1987). Telch Samuel 23

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE?

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? Elisa Angelini elisa.angelini@entecra.it C.R.A. Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) Foto P. Marcuzzo Foto G. Rama UN PO DI

Dettagli

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987)

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Prima regola: oltre un certo carico produttivo per ceppo la qualità diminuisce ( ) Fittezza in relazione

Dettagli

MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO

MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO Le prospettive del vivaismo viticolo europeo MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO Elisa Angelini CRA VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) 1. Giallumi (Flavescenza dorata e Legno nero):

Dettagli

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus L AVANZAMENTO DELLA RICERCA SULLA RESISTENZA ALLA FLAVESCENZA DORATA Elisa Angelini CRA-VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura, Conegliano (TV) DUE GIALLUMI IMPORTANTI IN EUROPA ED ITALIA Flavescenza

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Innesti e Tecniche di Riproduzione

Innesti e Tecniche di Riproduzione Data inizio: 7-11-2011 Alberi da frutto Innesti e Tecniche di Riproduzione Sommario Perché innestiamo? 1 Innesto a Spacco 2 Innesto a Corona 3 Innesto a Triangolo 4 Innesti a Occhio 5 Innesto a Spacco

Dettagli

NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT

NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT 2 NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT di Umberto Malossini Le schede ISMA - AVIT 3001 da Goldtraminer, B. ISMA - AVIT 513 da Pinot grigio, G.

Dettagli

L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO

L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO Fabrizio Battista, Federica Gaiotti, Davide Mosetti, Gilberto Bragato, Diego Tomasi CRA-VIT CENTRO DI RICERCA

Dettagli

ΕΡΓ. ΓΕΩΡΓΙΚΗΣ ΜΗΧΑΝΟΛΟΓΙΑΣ TEL.: (+30210)5294040 FAX: (+301)5294032 ΚΑΘ. Ν. ΣΥΓΡΙΜΗΣ email:ns@aua.gr, www.aua.gr/ns

ΕΡΓ. ΓΕΩΡΓΙΚΗΣ ΜΗΧΑΝΟΛΟΓΙΑΣ TEL.: (+30210)5294040 FAX: (+301)5294032 ΚΑΘ. Ν. ΣΥΓΡΙΜΗΣ email:ns@aua.gr, www.aua.gr/ns ORTICOLE IN SERRA Preparazione del terreno Trapianto Post-Trapianto Inizio accrescimento vegetativo Accrescimento vegetativo Fioritura Allegagione Ingrossamento bacche frutti Invaiatura Maturazione Obiettivo/Problema

Dettagli

Fitopro s.r.l. - Milano. Servizio Fitosanitario Regionaledel Veneto - Bovolino di Buttapietra (VR)

Fitopro s.r.l. - Milano. Servizio Fitosanitario Regionaledel Veneto - Bovolino di Buttapietra (VR) LOTTA ANTIPERONOSPORICA SU VITE IN REGIME DI AGRICOLTURA BIOLOGICA: CONFRONTO TRA STRATEGIA A PROTEZIONE CONTINUA E STRATEGIA SUPPORTATA DAL MODELLO EPI. VENETO, BIENNIO 2007/2008 M. Buccini 1, G. Rho

Dettagli

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4 Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura melo, pero, kiwi schede colturali - volume 4 I prodotti che AGM fabbrica con destinazione speciale per frutteti, sono stati testati

Dettagli

Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso

Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso SAGGI ANALITICI SU ALIMENTI CONTENENTI CARBOIDRATI OBIETTIVI Fase 1: Dimostrare, mediante l uso del distillato di Fehling, se

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un

La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un COME FUNZIONA UN ALBERO di Mario Carminati e Massimo Ranghetti La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un albero è che si tratta di un essere vivente, proprio come noi. È un fatto scontato, certo,

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «EMILIA» O «DELL'EMILIA»

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «EMILIA» O «DELL'EMILIA» DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «EMILIA» O «DELL'EMILIA» Art. 1. La indicazione geografica tipica «Emilia» o «dell'emilia» accompagnata o meno dalle specificazioni

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO ifesa delle oreste Dryocosmus kuriphilus Yat su matsu Hymenoptera Cynipidae Cos è il Cinipide galligeno del castagno? L imenottero cinipide Dryocosmus kuriphilus Yatsumatsu

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

Danni insoliti da tripidi sul frutto melo

Danni insoliti da tripidi sul frutto melo Danni insoliti da tripidi sul frutto melo L osservazione e lo studio di sintomi su piante o frutti fa parte delle attività della Sezione Difesa delle Piante presso il Centro per la Sperimentazione Agraria

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Situazione e gestione della resistenza ai fungicidi antioidici

Situazione e gestione della resistenza ai fungicidi antioidici M. COLLINA Centro di Fitofarmacia Dipartimento di Scienze Agrarie Situazione e gestione della resistenza ai fungicidi antioidici Incontro tecnico Vite: Problemi fitosanitari e strategie di difesa 27 febbraio,

Dettagli

Diversità tra i viventi

Diversità tra i viventi Diversità tra i viventi PROPRIETÀ della VITA La CELLULA CLASSIFICAZIONE dei VIVENTI Presentazione sintetica Alunni OIRM Torino Tutti i viventi possiedono delle caratteristiche comuni Ciascun vivente nasce,

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Affidabilità senza condizioni

Affidabilità senza condizioni NOVITÀ Affidabilità senza condizioni Pergado: fungicida antiperonosporico per la vite Mandipropamid, una molecola dalle caratteristiche innovative Mandipropamid, molecola originale della ricerca Syngenta,

Dettagli

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM il nuovo modo di bere Abruzzo Abruzzo DOP Tullum Tullum è il riconoscimento ai produttori di Tollo, cittadina in provincia di Chieti, che vedono premiata la vocazione di un

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

A COSA SERVONO LE FOGLIE?

A COSA SERVONO LE FOGLIE? A COSA SERVONO LE FOGLIE? Le foglie fabbricano il cibo della pianta, trasformando aria e acqua in glucosio (zucchero). Una foglia è formata da: Di solito la foglia è formata LAMINA da una parte appiattita

Dettagli

Schede tecniche LA SOURCE

Schede tecniche LA SOURCE Schede tecniche LA SOURCE s.a.s di Celi Stefano & C. Società Agricola - C.F. e P. IVA 01054500077 Loc. Bussan Dessous, 1-11010 Saint-Pierre (AO) - Cell: 335.6613179 - info@lasource.it Documento scaricato

Dettagli

PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE. Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio

PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE. Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio 1 Ambito della ricerca Nella primavera 2009 l Unità di Ricerca

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara

Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara VitiMeteo-Plasmopara consente di affinare la lotta contro la peronospora, senza tralasciare gli episodi d infezioni importanti e permette di evitare dei

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

IL MONDO DELLE PIANTE

IL MONDO DELLE PIANTE PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute IL MONDO DELLE PIANTE 2010 Realizzato dall Istruttore Educativo: Colella Anna 1 INDICE Classificazione delle piante pag. 3 Le parti della pianta

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.sipcamitalia.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai

Dettagli

IASMA Notizie DIFESA ESTIVA DELL OLIVO

IASMA Notizie DIFESA ESTIVA DELL OLIVO IASMA Notizie OLIVICOLTURA Notiziario tecnico del Centro Trasferimento Tecnologico della Fondazione Edmund Mach - Istituto Agrario di S. Michele all Adige 24 giugno 2011 n. 2 IASMA Notizie n. 28 - Anno

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

1. Quando si devono potare le rose? 2. Come disporre i rami delle rose rampicanti? 3. Qual è il periodo migliore per piantare una rosa?

1. Quando si devono potare le rose? 2. Come disporre i rami delle rose rampicanti? 3. Qual è il periodo migliore per piantare una rosa? 1. Quando si devono potare le rose? a) I Rosai rampicanti e arbustivi: non si potano in quanto fioriscono sui rami (sarmenti) dell anno precedente; se potiamo, la produzione di fiori viene ridotta a circa

Dettagli

Laore. Riconoscimento e lotta alle principali avversità del pomodoro da mensa in coltura protetta. guida illustrata

Laore. Riconoscimento e lotta alle principali avversità del pomodoro da mensa in coltura protetta. guida illustrata Laore Agenzia regionale per lo sviluppo in agricoltura Riconoscimento e lotta alle principali avversità del pomodoro da mensa in coltura protetta guida illustrata Riconoscimento e lotta alle principali

Dettagli

APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO

APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO SEMINARIO TECNICO ALBICOCCHE DI QUALITA :tecniche agronomiche, innovazione varietale e strategie di mercato APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO Sala Consiliare Comune di Scanzano

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI D.M. 14-7-2000 Modificazione al disciplinare di produzione dei vini ad indicazione geografica tipica «delle Venezie». Pubblicato nella Gazz. Uff. 29 luglio

Dettagli

Struttura della foglia

Struttura della foglia Struttura della foglia La struttura delle foglie varia per grandezza e forma apice nervatura lamina fogliare base stipole picciolo Forma della lamina fogliare a squama ad ago lineare ellittica ovale lanceolata

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli 1 E1-ALCOLI CIMICA OGANICA ALCOLI Formula generale Desinenza -olo Gli alcoli Gli alcoli sono, dopo gli idrocarburi, i composti organici più comuni, che è possibile considerare come derivati dagli alcani

Dettagli

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP I mitocondri sono gli organuli responsabili della produzione di energia necessaria alla cellula per crescere e riprodursi. Queste reazioni, che nel loro insieme costituiscono il processo di "respirazione

Dettagli

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane Agrofarmaco biologico per la prevenzione delle malattie fungine del terreno TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane NOVITà TELLUS: la nuova risorsa per una crescita vigorosa TELLUS

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

GIALLUMI DELLA VITE: aggiornamenti tecnici

GIALLUMI DELLA VITE: aggiornamenti tecnici FEASR Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Misura 111B Informazione e diffusione della conoscenza GIALLUMI DELLA VITE: aggiornamenti tecnici Piero Attilio Bianco DI.S.A.A - C.I.R.I.V.E. CENTRO INTERDIPARTIMENTALE

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO Studio di tecniche innovative per la razionalizzazione dell uso di fertilizzanti abbinato alla razionalizzazione della risorsa idrica PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ

Dettagli

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

SCELTA DELLA VARIETA

SCELTA DELLA VARIETA 6. Scelte genetiche: le varietà e i portinnesti 6.1. Le varietà SCELTA DELLA VARIETA La scelta della varietà è in funzione di: tipo di terreno clima obiettivo produttivo o enologico sensibilità alle malattie

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

POTATURA DELLA VITE QUANTE GEMME LASCIARE NEL 2014

POTATURA DELLA VITE QUANTE GEMME LASCIARE NEL 2014 C.E.C.A.T. Castelfranco V.to COMUNICATO TECNICO n 1/2014 (9-01-2014) PROGETTO VITE POTATURA DELLA VITE QUANTE GEMME LASCIARE NEL 2014 Per ottenere dal vigneto il risultato migliore intermini di qualità

Dettagli

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI I. SCARONI, G. CASTELLARI, D. PANNIELLO, A. SANTOLINI, D. FOSCOLI, E. RONCARATI, P. CASALI ARPA EMILIA-ROMAGNA SEZ. RAVENNA Il destino e gli effetti dei PCB nell ambiente sono

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Il Pinot grigio. di Emanuele Tosi 1, Giovanni Tezza 2, Carlo Bletzo 3. Centro per la Sperimentazione in Vitivinicoltura, Provincia di Verona 2

Il Pinot grigio. di Emanuele Tosi 1, Giovanni Tezza 2, Carlo Bletzo 3. Centro per la Sperimentazione in Vitivinicoltura, Provincia di Verona 2 Il Pinot grigio di Emanuele Tosi 1, Giovanni Tezza 2, Carlo Bletzo 3 1 Centro per la Sperimentazione in Vitivinicoltura, Provincia di Verona 2 Cantine dei Colli Berici - Lonigo 3 Libero professionista

Dettagli

Biochar, fattori che influenzano la sua qualità ammendante

Biochar, fattori che influenzano la sua qualità ammendante ANALISI DELL UNIVERSITÀ DI TORINO SU BIOCHAR OTTENUTO DA DIVERSE MATRICI Biochar, fattori che influenzano la sua qualità ammendante di L. Petruzzelli, R. Subedi, C. Bertora, E. Remogna, C. Grignani Dal

Dettagli

DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI

DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI scopo del lavoro: Confronto tra oli EVO addizionati con estratti di capperi campionati

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Treschietto a confronto con altre varietà"

Treschietto a confronto con altre varietà "Caratteristiche sensoriali della cipolla di Treschietto a confronto con altre varietà" di Castellari Lorena ASTRA Innovazione e Sviluppo Agenzia per la Sperimentazione Tecnologica e la Ricerca Agroambientale

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali:

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali: Gli enzimi Nel metabolismo energetico le cellule producono notevoli quantità di CO 2 che deve essere eliminata con l apparato respiratorio. Il trasferimento della CO 2 dalle cellule al sangue e da esso

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO CENTRO NIVO METEOROLOGICO ARPA BORMIO I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO Corso 2 A- AINEVA Guide Alpine della Lombardia Bormio 25-29 gennaio 2010 A cura di Flavio Berbenni MARCATO FORTE

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli