DOP IGP STG ITALIANI IN STALLO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOP IGP STG ITALIANI IN STALLO"

Transcript

1 RAPPORTO QUALIVITA 2010 Comunicato Stampa - Riassunto Generale DOP IGP STG ITALIANI IN STALLO Produzione, export e fatturato in leggero calo, nonostante cresca il numero delle registrazioni *Dati al 31 ottobre nuove produzioni italiane registrate nel corso del 2010, in crescita soprattutto ortofrutticoli e cereali. L Italia ha il 22%dei prodotti certificati in Europa Con 216 produzioni certificate, l Italia resta la nazione europea con il maggior numero di produzioni registrate 1milione e 792 tonnellate la quantità prodotta nel a indicazione geografica 5,2 miliardi di euro, il fatturato complessivo nel alla produzione 9,9 miliardi di euro, il fatturato complessivo nel al consumo le aziende agricole e gli allevamenti le strutture di trasformazione artigianali e industriali Commenti I dati dell Osservatorio Qualivita evidenziano la necessità di avere strumenti che rendano più forti i consorzi di tutela. Per il prossimo 8 dicembre, stiamo aspettando importanti novità legislative dal Pacchetto Qualità del Commissario europeo Dacian Ciolos commenta Paolo De Castro, Presidente della Commissione Agricoltura e Sviluppo Rurale del Parlamento Europeo. Ci aspettiamo soprattutto quelle linee direttive relative alle DOP, IGP, STG che finalmente daranno più forza alle organizzazioni dei produttori e all intero sistema della qualità. I dati produttivi evidenziano uno stallo di fatturato e di produzione che ha come causa la crisi economica ma anche inefficienze strutturali del sistema. Nonostante i primi dati del 2010 siano in ripresa, permane la necessità di voltare pagina commenta Mauro Rosati, direttore dell Osservatorio Qualivita Se questo settore vuole diventare adulto deve cambiare; non è solo una questione di normative, ma soprattutto di organizzazione delle imprese perché di esempi buoni ce ne sono anche ora, nonostante il contesto legislativo sia ancora poco efficiente. Appena il 12% dei volumi prodotti viene collocato all estero è un po poco per degli Alfieri del Made in Italy - evidenzia Alberto Mattiacci, Consulente scientifico dell Osservatorio Qualivita- forse occorrerebbe qualche sforzo in più, per costruire nel pubblico la percezione di plusvalore che un prodotto certificato possiede. FONDAZIONE QUALIVITA -P.za Matteotti , Siena Tel Fax Mail

2 Le denominazioni europee ed italiane Il paniere delle DOP, IGP e STG europee ed extra-europee nel 2010 (al ) è cresciuto di 81 unità, di cui 27 prodotti DOP, 47 prodotti IGP, 7 prodotti STG, raggiungendo così un totale di 974 produzioni registrate a livello comunitario. Ancora una volta l Italia si è dimostrata leader nel settore, con 22 nuovi prodotti registrati, 12 DOP, 9 IGP e 1 STG, raggiungendo così un totale di 216 produzioni. Il 2010 vede anche una riconferma della Spagna con 14 nuove produzioni registrate, seguita da Germania e Francia con 10 prodotti. Il 2010 si apre con la registrazione della Pizza Napoletana STG, che potrà essere prodotta nell'intero territorio dell'unione Europea, adottando il disciplinare di produzione registrato. Sempre nei primi mesi dell anno, hanno finalmente ottenuto l Indicazione Geografica Protetta i Ricciarelli di Siena, dopo un iter iniziato nel 2004 passato attraverso continui ricorsi legali. I Ricciarelli di Siena IGP sono il primo prodotto dolciario italiano ad avere ottenuto l ambito riconoscimento europeo. In ambito europeo è importante segnalare la registrazione del primo prodotto proveniente dalla Lituania, si tratta dello Skilandis STG, un prodotto a base di carne suina e bovina, magra, semimagra o grassa, unita a lardo suino, aglio, sale e spezie, insaccata in involucro naturale. Al Belgio invece, spetta il primato di aver registrato a livello europeo la prima pianta ornamentale, la Gentse Azalea IGP, appartenente alla varietà Azalea Indica o Rhododendron Simsii, che viene prodotta nella zona delle Fiandre Orientali. In ambito extraeuropeo, dopo il Café de Columbia IGP del 2008, arriva il primo prodotto registrato dalla Cina: si tratta della pasta alimentare Longkou Fen Si IGP, piccoli spaghetti (vermicelli) di amido secco ricavato da fagiolini verdi e piselli. Sono inoltre ben 9 i prodotti cinesi in attesa di una registrazione comunitaria. Analisi economica I risultati dell analisi sui valori del mostrano le produzioni italiane DOP IGP STG come una realtà economica importante, anche se evidenziano un leggero calo rispetto al 2008 nonostante il crescente numero dei prodotti registrati. I dati principali del : una produzione certificata di 1 milione e 792 tonnellate; un fatturato complessivo alla produzione pari a 5,2 miliardi di euro; un fatturato complessivo pari a 9,9 miliardi di euro ; un fatturato export di 1,4 miliardi di euro. La quantità di prodotto certificata diminuisce del 1,8%. I prodotti ortofrutticoli continuano ad essere il comparto che certifica i maggiori volumi di produzione (il 62,8% del totale), dato che, ovviamente, si spiega con la natura merceologica del prodotto. FONDAZIONE QUALIVITA -P.za Matteotti , Siena Tel Fax Mail

3 Anche i dati relativi al fatturato alla produzione mostrano un calo del 2,2% rispetto al Questo non fa altro che evidenziare ancora di più la forbice fra il sell in (fatturato alla produzione) e il sell out (fatturato al consumo), in aumento rispetto al Le gerarchie fra le varie produzioni registrate cambiano quando si passa dall'analisi delle quantità a quelle dei valori (fatturato). Questa seconda chiave interpretativa, infatti, rovescia letteralmente le posizioni, facendo emergere l'importanza dei manufatti - formaggi e carni lavorate a discapito dei frutti della terra. Relativamente alle esportazioni, nonostante tutti i valori registrati siano costantemente positivi negli anni e in crescita continua, sembra esserci ancora molto da fare. È quasi paradossale, infatti, che i prodotti riconosciuti come alfieri del Made in Italy vadano sui mercati internazionali per poco più del 12% dei loro volumi complessivi. Per quanto riguarda il valore dell export viene registrato un calo del 4,6% rispetto al 2008, dovuto essenzialmente al comparto dei formaggi e dei prodotti a base di carne. Consolidato e "normale" lo stato della distribuzione dei prodotti: importante presenza del moderno attraverso la grande distribuzione, sebbene - soprattutto nelle zone di produzione la distribuzione tradizionale sia ancora molto forte, sia nella forma del dettaglio che della vendita diretta; ancora asfittica, sebbene in lieve crescita, la distribuzione attraverso Hotel-Restaurant-Café (HoReCa). Classifica Qualivita Nel Rapporto 2010, come nelle precedenti edizioni, la nuova Classifica Qualivita dei prodotti DOP e IGP italiani, ottenuta attraverso la metodologia standard utilizzata dai ricercatori nella messa a punto di "classifiche" o "benchmark", vede al primo posto il Parmigiano-Reggiano DOP. FONDAZIONE QUALIVITA -P.za Matteotti , Siena Tel Fax Mail

4 FILE: CS. RIASSUNTO GENERALE RAPPORTO 2010 OK FONDAZIONE QUALIVITA -P.za Matteotti , Siena Tel Fax Mail

5 RAPPORTO QUALIVITA 2010 Comunicato stampa La Classifica Qualivita LA NUOVA CLASSIFICA QUALIVITA 2010 DELL ITALIA DELLE DENOMINAZIONI Parmigiano Reggiano DOP primo, Grana Padano DOP secondo, Olio Toscano IGP terzo, nella Top 15 Qualivita dei prodotti DOP e IGP italiani. La classifica Qualivita ha lo scopo di proporre un modello a cui guardare per migliorare il complesso delle produzioni italiane. Ogni classifica viene stilata secondo parametri multipli, la cui efficacia è testata preventivamente attraverso un panel. Il Parmigiano-Reggiano DOP quest anno guida la TOP 15 di Qualivita dei prodotti DOP e IGP italiani grazie ad un ottima performance registrata su tutte le variabili considerate, seguito da Grana Padano DOP in risalita rispetto all anno precedente e l Olio extravergine di oliva Toscano IGP che conferma come l anno scorso un ottima posizione, considerando le performance economiche. Entrano nella Top 15 altri due formaggi: Mozzarella di Bufala Campana DOP e Taleggio DOP, anche qui a premiare soprattutto le variabili economiche. La metodologia utilizzata per la costruzione dei Top 15 prodotti è quella ormai consolidata ed utilizzata dai ricercatori a tutti i livelli nella messa a punto di "classifiche" o "benchmark". Le graduatorie "semplici" sono state realizzate per 5 diversi fattori ritenuti i più interessanti in termini di loro "potere esplicativo": fatturato alla produzione, fatturato al consumo, fatturato da export, percentuale di esportazioni (in termini produttivi) e di utilizzo della GDO. Rispetto all analisi territoriale, ipotizzando uno stretto rapporto tra il numero di produzioni certificate e la qualità della vita di un territorio, il Rapporto Qualivita presenta l elenco delle 10 regioni e delle 10 province per numero di produzioni registrate, mettendole a confronto con la classifica annuale de Il Sole 24 Ore sulla Qualità della Vita nelle province italiane (anno ). Ecco di seguito le Regioni e le Province con il più alto numero di prodotti registrati. Regioni: Veneto, Emilia Romagna, Lombardia, Toscana, Sicilia, Lazio, Campania, Piemonte, Puglia, Calabria. Province: Bologna, Cuneo, Padova, Treviso, Verona, Bergamo Ferrara, Salerno, Brescia, Forlì-Cesena, Lecco, Ravenna, Roma, Viterbo. Fondazione Qualivita - P.za Matteotti , Siena Tel Fax Mail qualivita.it qualigeo.eu

6 FILE : CS. CLASSIFICA QUALIVITA 2010 OK Fondazione Qualivita - P.za Matteotti , Siena Tel Fax Mail qualivita.it qualigeo.eu

7 RAPPORTO QUALIVITA 2010 Comunicato stampa La comunicazione NASCE L AGROPIRATERIA TELEMATICA 109 profili, fans per le denominazioni italiane su FB Parmigiano-Reggiano DOP il più presente nel mondo WEB 2.0 Aumenta la comunicazione sui media classici, soprattutto in TV La Fondazione Qualivita, continuando a seguire la propria missione di servizio al mondo delle produzioni certificate, con quest edizione affronta una prima esplorazione sul mondo della comunicazione. In particolare lo sguardo si è soffermato su un area di grande sviluppo nel più ampio quadro della comunicazione di marketing: l online communication, che in questi ultimi mesi ha registrato uno sviluppo considerevole. Il mondo della comunicazione e del marketing è notevolmente cambiato in questi mesi, con il mondo WEB 2.0 commenta Mauro Rosati, direttore dell Osservatorio Qualivita Le denominazioni italiane possono avere una grande opportunità con i nuovi media perché permettono di comunicare meglio quel valore aggiuntivo che possiedono, ma in internet nascono anche molte distorsioni informative; alcuni siti e certi risultati dei motori di ricerca non sempre riportano informazioni corrette sui prodotti: succede perciò che nel mondo WEB la parola Parmesan Cheese sia più ricorrente della denominazione Parmigiano Reggiano. Semplificando, questo equivale a dire, alla lunga, che il vero parmigiano è quello chiamato appunto Parmesan Cheese. La nuova agropirateria telematica è un fenomeno che dovremo attentamente studiare e monitorare. Sono, anche questi, dei nodi da sciogliere per portare queste produzioni dalla tradizione al futuro: è tempo di Matrix, perché le denominazioni non possono essere un fortino all antica, ma devono diventare una corazza, anche digitale ; è il messaggio culturale che vuole lanciare la Fondazione Qualivita. Esplorando la TV Nelle TV nazionali per esempio è importante sottolineare come siamo passati dai soli 45 minuti de La domenica degli agricoltori, trasmissione del 1957, ai circa 330 minuti (5 ore) di tempo dedicate a programmi sull alimentazione e sull ambiente in onda ogni domenica, sulle principali emittenti televisive nazionali pubbliche e private. Settimanalmente siamo a circa 20 ore complessive di TV, che vanno da programmi di servizio vero e proprio come Occhio alla Spesa su Rai Uno, a rubriche sui TG. Di notevole impatto anche i canali monotematici sul satellite come Alice e Gambero Rosso Channel. Importanti anche gli ascolti : quasi Linea Verde Rai Uno, circa Prova del Cuoco ed Occhio alla Spesa di Rai Uno e di Mela Verde su Rete 4. Esplorando la STAMPA Per quanto riguarda il mondo della stampa, il crescente numero delle riviste specializzate è testimonianza di vitalità; c è da sottolineare la maggior frequenza, nelle testate dei più importanti quotidiani nazionali, di rubriche ed inserti dedicati al mondo del cibo. Nelle 70 testate giornalistiche italiane a diffusione nazionale che la Fondazione Qualivita giornalmente esamina per la propria rassegna stampa, sono circa 4500 gli articoli, nei primi 10 mesi del 2010, relativi al Fondazione Qualivita - P.za Matteotti , Siena Tel Fax Mail qualivita.it qualigeo.eu

8 settore agroalimentare di qualità; circa il 25% riguarda direttamente i prodotti DOP IGP STG italiani. Esplorando il WEB 2.0 Il numero totale dei profili presenti su Facebook censiti con una denominazione italiana DOP, IGP sono 109, fra ufficiali ed ufficiosi, con circa fan o amici. Nella Top 10 di Facebook, all interno della quale vengono classificati i prodotti con il maggior numero di contatti sulla pagina del Consorzio, si trovano ai primi posti il Prosciutto di Parma DOP ( contatti), quello di San Daniele DOP (10.547), e il Parmigiano-Reggiano DOP (15.453). Il comparto maggiormente presente è quello dei formaggi (con 34 prodotti), seguito dai prodotti ortofrutticoli (31), dai prodotti a base di carne (24), altro (12) e oli e grassi (8). I profili ufficiali gestiti direttamente dai Consorzi di Tutela sono 30, i restanti 79,invece, sono stati ideati da appassionati o aziende private. Le modalità e gli scopi per cui vengono realizzate pagine o gruppi sono variegate; ne riportiamo alcuni a titolo di esempio: S.o.s. salviamo il Cappero I.G.P. di Pantelleria, Gli amici della Melanzana Rossa di Rotonda, Veneratori dell originale Coppa Piacentina Dop, ecc. La nostra analisi ha interessato anche i motori di ricerca (Google) in quanto mezzo fondamentale per trovare informazioni sul web. La maggior parte degli italiani ricorre a questo strumento per valutare l acquisto di prodotti non fanno eccezione le DOP e le IGP. La rilevanza di questo tipo di ricerca è evidenziata dal fatto che il consumatore viene spesso influenzato dai feedback di altri utenti. Con circa immagini su Flickr, più di contatti su Facebook, un canale personale di Youtube ParmigianoReggianoIT e risultati su Google il Parmigiano-Reggiano DOP si afferma come la denominazione più presente nel mondo WEB 2.0. Nonostante questa Fondazione Qualivita - P.za Matteotti , Siena Tel Fax Mail qualivita.it qualigeo.eu

9 importante presenza in numeri, contatti e pagine, la parola Parmesan Cheese che vanta una numero maggiore diffusione in internet come si evince dalla seguente tabella. Questo problema, che coinvolge anche altre denominazioni di successo, che noi definiamo agropirateria telematica, oltre a contribuire a disorientare il consumatore, penalizza in termini economici le aziende italiane. Non solo parmesan, ma anche parmesao, reggianito, parma ham, cambozola. Sono solo alcuni esempi del fenomeno italian sounding che oramai spopola anche sulla rete. In allegato si riporta una tabella con alcuni dati delle imitazioni più diffuse sul web. Anche le applicazioni per Iphone e Ipad sono un prodotto di divulgazione molto importante per il settore agroalimentare. Grande sviluppo nel 2010 per le applicazioni che riguardano l enogastronomia, guide dei ristoranti e dei vini e mete turistiche che contribuiscono alla promozione delle produzioni italiane, hanno avuto un grande sviluppo; se ne contano in italiano circa 30. Uno dei casi di maggiore successo lo registrano la Guida Ristoranti e la Guida Vini del Gruppo Espresso con rispettivamente e applicazioni scaricate nel /2010. Questo fenomeno ci racconta Enzo Vizzari direttore delle Guide dell Espresso non ha eroso il mercato tradizionale delle guide cartacee perché i due prodotti possono convivere, i fruitori sono diversi e diverse le funzioni d uso. FILE : CS. LA COMUNICAZIOE RAPPORTO 2010 OK Fondazione Qualivita - P.za Matteotti , Siena Tel Fax Mail qualivita.it qualigeo.eu

10 RAPPORTO QUALIVITA 2010 Comunicato Stampa Commenti e valori economici STALLO PER MADE IN ITALY CERTIFICATO Produzione, export e fatturato in leggero calo. Non basta più la sola maestria, occorrono investimenti ed organizzazione Una base produttiva di circa 130 mila aziende; un volume prodotto pari a quasi due milioni di tonnellate; un fatturato al consumo di 10 miliardi di euro; leader mondiale del comparto per numero di produzioni certificate (216, di cui 134 DOP, 80 IGP, 2 STG): con questi numeri il sistema delle produzioni agroalimentari di qualità certificata si presenta al volgere del primo decennio del XXI secolo. Un sistema d eccellenza, una base produttiva ampia, che impiega i talenti e l amore per la terra di centinaia di migliaia di famiglie; prodotti conosciuti in tutto il mondo e struttura portante della Dieta Mediterranea così Mauro Rosati, Direttore della Fondazione Qualivita punto di riferimento europeo delle produzioni certificate- presenta il comparto. Parmigiano Reggiano, Grana Padano, Pecorino Romano per stare ai formaggi- Prosciutto di Parma e San Daniele, Speck dell Alto Adige, Mortadella di Bologna per stare alle carni lavorate- Mela dell Alto Adige e della Val di Non per l ortofrutta- sono tutti alfieri di un agroalimentare di qualità accessibile, per tutti, non intellettualistico protagonista di dissertazioni colte, ma amico delle tavole da imbandire giorno per giorno, sostiene ancora Rosati, non senza un leggero filo di polemica verso certe fughe in avanti, invero un po radicalchic, di alcuni. Tutto rose e fiori, dunque? Il Rapporto 2010 dell Osservatorio Qualivita fornisce, oltre ad una completa e seria fotografia statistica del comparto, alcuni stimoli di riflessione, che focalizzano l attenzione anche su alcune zone d ombra di questo quadro (apparentemente) roseo. La Dolce Vita è finita, è tempo di Matrix s intitola, infatti, il Rapporto, sostenendo la tesi che nello scenario della (nuova)globalizzazione, a fare successo di mercato, sia il valore complessivo dell offerta e non il solo prodotto, per quanto di qualità elevata (e certificata). Una sfida, questa, che richiede un cambiamento culturale importante. Non è più tempo dell improvvisazione quotidiana, dell approccio felliniano al mestiere un po geniale, un po artigianale, comunque molto destrutturato sostiene il professor Alberto Mattiacci, Direttore del CITTA della Sapienza, referente scientifico dell Osservatorio Qualivita- Guardando al quadro complessivo sorge, inesorabile, il sospetto che occorra qualcosa di più della sola maestria di prodotto per fare e dare un futuro di successo a queste produzioni, giusto orgoglio del Made in Italy. Vediamo quali dati alimentano queste perplessità: appena il 12% dei volumi prodotti viene collocato all estero un po poco per degli Alfieri del Made in Italy, chiosa Mattiacci- un investimento in comunicazione che, aggregato, cuba appena 30 milioni di euro - forse occorrerebbe qualche sforzo in più, per costruire nel pubblico la percezione di plusvalore che un prodotto certificato possiede - una canalizzazione, nell aggregato, ancora fortemente FONDAZIONE QUALIVITA - P.za Matteotti , Siena Tel Fax Mail

11 legata al tradizionale e dotata di un debole potere contrattuale verso i partner di filiera conclude Mattiacci. Comparto dei prodotti a base di carne Il ruolo primario di questa categoria di prodotti, nel paniere d offerta delle produzioni agroalimentari certificate, è ormai un dato strutturale e acquisito. I valori generati e movimentati sia nel mercato domestico che all estero sono importanti, la notorietà e rinomanza qualitativa di certe produzioni è elevatissima e diffusa, la presenza distributiva piuttosto sensibile e solida. Purtroppo, però, da qualche anno si assiste a fenomeni di distorsione competitiva che nel potrebbero aver portato ad un calo della quantità prodotta del 4% ( tonnellate), che fino al 2008 risultava in crescita. Questa risulta essere una problematica diffusa tra molte produzioni di eccellenza Prosciutto di Parma DOP (-6%), il Prosciutto di San Daniele DOP (-8%) Speck dell Alto Adige IGP (-12%). Mentre si rileva un trend positivo della Bresaola della Valtellina IGP (+14%) che si riattesta ai livelli del 2007, del Prosciutto Toscano DOP (+7%), Prosciutto di Norcia IGP (+14%). I fatturati - sia alla produzione (1.803 ML di ) che al consumo (3.639 ML ) sono rispettivamente scesi del 1% e in aumento del 3%. Benché molti dei prodotti del comparto siano considerati delle eccellenze italiane, purtroppo il mercato anche quest anno in termini di suddivisione per destinazione, nazionale ed estera è da considerarsi come prettamente interno: solo il 7% dei volumi prodotti viene esportato con un valore che si aggira sui 391 ML di. Nel non hanno produzione certificata Ciauscolo IGP e Crudo di Cuneo DOP in quanto nuove registrazioni. Per il Prosciutto di Carpegna DOP non è stato fornito nessun dato dagli organismi preposti. Formaggi Il comparto dei formaggi riveste sempre, insieme a quello dei prodotti a base di carne, un ruolo fondamentale nel portafoglio delle produzioni certificate, non solo per i valori economici che è in grado di esprimere ma anche per la reputazione e rilevanza nel più generale comparto del Made in Italy. Come già evidenziato nella scorsa edizione, negli ultimi anni si è purtroppo registrato qualche momento di crisi. I dati relativi alle quantità prodotte ( tonnellate) mostrano un trend leggermente decrescente (-2%), frutto del combinarsi di diversi trend specifici: dalla leggera flessione del Grana Padano DOP (-3%), del Parmigiano- Reggiano DOP (-2%) e del Gorgonzola DOP (-2%) all aumento della Mozzarella di Bufala Campana DOP (+6%) e del Montasio DOP (+5%). Le rilevazioni del Rapporto 2010 evidenziano una crescita della forbice tra il fatturato alla produzione (2.910 ML ) e quello al consumo (5.355 ML ). Il comparto dei formaggi appare ancora prevalentemente concentrato sulla commercializzazione domestica che assorbe l 88% della produzione. I valori assoluti dell export rimangono comunque del massimo interesse, dato che si assestano intorno agli 824 ML di. Per l anno gli organismi di riferimento non hanno fornito i dati relativi ai seguenti prodotti: Monte Veronese DOP, Murazzano DOP e Spressa delle Giudicarie DOP. I dati invece non sono disponibili per il Formaggio di Fossa di Sogliano DOP in quanto nuova registrazione. Oli e grassi I dati relativi al mostrano, per il comparto degli oli, una situazione sostanzialmente simile a quella degli anni precedenti: ottimi asset di mercato reputazione e immagine non trasformati in un reale e concreto vantaggio commerciale. La produzione certificata (8.530 tonnellate) ha subito un calo del 10%, dovuto a problemi principalmente climatici. I dati disaggregati palesano come quasi tutti gli oli abbiano avuto un calo produttivo. Scendono particolarmente gli oli Canino DOP, Lucca DOP e Lametia DOP (-50%), Monti Iblei DOP (-44%), Umbria DOP (-32%) e Toscano IGP (-29%). Anche i fatturati alla produzione (64 ML di ) e al consumo (90 ML di ) sono in generale scesi: rispettivamente - 17% e -15%. La propensione all export è molto alta (23% della produzione totale) ma i valori rimangono FONDAZIONE QUALIVITA - P.za Matteotti , Siena Tel Fax Mail

12 ancora bassi, rispetto alle potenzialità: 22 ML di.gli organismi di riferimento non hanno fornito nessun dato per i seguenti oli: Cilento DOP, Colline Salernitane DOP, Dauno DOP, Penisola Sorrentina DOP, Sardegna DOP, Tergeste DOP, Terra d Otranto DOP e Terre Taratine DOP. Ortofrutticoli e cereali Il comparto ortofrutticolo e cerealicolo continua ad essere quello maggiormente mutato in termini di numerosità e varietà delle produzioni certificate. Uno sguardo generale alla composizione del comparto ortofrutticolo evidenzia che anche nel la produzione di mele certificate (anche se con una flessione del 18% per la Mela Val di Non DOP) ha rappresentato, in termini quantitativi, la quota di gran lunga più importante, coprendo da sola la quasi totalità dell intera produzione ortofrutticola certificata DOP e IGP ( tonnellate). Importanti incrementi di volume prodotto hanno interessato la produzione della Clementina di Calabria IGP (+99%). Delle produzioni non in tabella si evidenzia la crescita del Ficodindia dell Etna DOP (+ 670%) e del Riso di Baraggia Biellese e Vercellese DOP (+335%).La forbice tra i due fatturati alla produzione (354 ML ) e al consumo (801 ML ) continua ad essere importante, anche se si assiste ad un calo per entrambi del 5%. Il problema del differenziale dei prezzi tra sell in e sell out è sempre stato - per tutti i comparti, ma particolarmente per il settore ortofrutticolo - evidenziato come problematico dalle associazioni di categoria dei produttori ma anche da quelle dei consumatori, che risentono, a livello di prezzo pagato, di aumenti - secondo alcuni eccessivi - dovuti alla filiera. Per motivi legati sia alla difficoltà di conservazione che a norme igieniche che riguardano l export soprattutto verso i paesi extra europei il mercato dei prodotti ortofrutticoli è prevalentemente interno. Infatti, a non esportare sono più della metà delle produzioni certificate. L export del comparto vale comunque circa 126 ML. Nel non è stata certificata nessuna produzione per la Castagna del Monte Amiata IGP, la Castagna di Valleranno DOP, il Cipollotto Nocerino DOP, le Clementine del Golfo di Taranto IGP, il Marrone di Roccadaspide IGP e la Pera Mantovana IGP. Non hanno certificato produzione perché nuove registrazioni : Aglio Bianco Palesano DOP, Amarene Brusche di Modena IGP, Insalata di Lusia IGP e il Riso del Delta del Po IGP. Non sono stati comunicati i dati relativi alle denominazioni: Arancia del Gargano IGP, Basilico Genovese DOP, Carota dell Altopiano del Fucino IGP, Fagiolo di Lamon della Vallata Bellunese IGP, Fico Bianco del Cilento DOP, Limone di Sorrento IGP, Limone Femminnello del Gargano IGP, Marrone del Mugello IGP, Peperone di Senise IGP e il Radicchio di Chioggia IGP. Altri Produzione Non hanno certificato produzione le seguenti denominazioni : Acciughe Sotto Sale del Mare Ligure IGP, la Tinca Gobba Dorata del Pianalto di Poirino DOP, la Coppia Ferrarese IGP e il Pane di Matera IGP. Gli organismi di riferimento del Miele della Lunigiana DOP, dello Zafferano dell Aquila DOP e del Bergamotto di Reggio Calabria DOP non hanno fornito nessun dato richiesto. I dati, invece, non sono stati disponibili per l Aceto Balsamico di Modena IGP, lo Zafferano di Sardegna DOP, la Pagnotta del Dittaino DOP in quanto questi prodotti sono stati registrati nell anno. FONDAZIONE QUALIVITA - P.za Matteotti , Siena Tel Fax Mail

13 FILE CS. COMMENTI E VALORI ECONOMICI RAPPORTO 2010 OK FONDAZIONE QUALIVITA - P.za Matteotti , Siena Tel Fax Mail

14 Osservatorio Qualivita Sintesi Rapporto 2010 sulle produzioni agroalimentari italiane DOP IGP STG Con il patrocinio di In collaborazione con Associazione Italiana Consorzi Indicazioni Geografiche

15 Le denominazioni registrate in Europa e nel mondo Ripartizione per comparti Ripartizione per Paesi Fonte: Osservatorio Qualivita - Rapporto 2010 Dati aggiornati al Fonte: Osservatorio Qualivita - Rapporto 2010 Dati aggiornati al Numerosità delle denominazioni per classificazione Prodotti Europei ed extra-europei 2010* Var * Prodotti Italiani 2010* Var * DOP DOP IGP IGP STG STG Totale Complessivo Totale Complessivo Fonte: Osservatorio Qualivita - Rapporto 2010 * dati aggiornati al Le denominazioni registrate in Italia Numerosità per classe Classe DOP IGP STG Classe 1.1. Carni fresche Totale Complessivo Classe 1.2. Prodotti a base di carne Classe 1.3. Formaggi Classe 1.4. Altri prodotti di origine animale Classe 1.5. Oli e grassi Classe 1.6. Ortofrutticoli e cereali Classe 1.7. Pesci e molluschi Classe 1.8. Altri prodotti dell allegato I del trattato (spezie, ecc.) Classe 2.4. Prodotti di panetteria, pasticceria, confetteria o biscotteria Classe 3.2. Oli essenziali Totale Complessivo Fonte: Osservatorio Qualivita - Rapporto 2010 * dati aggiornati al Numerosità per regione Regione DOP IGP Totale Complessivo Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia-Romagna Friuli-Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto-Adige Umbria Valle d'aosta 4-4 Veneto Fonte: Osservatorio Qualivita - Rapporto 2010 * dati aggiornati al

16 Analisi Socio-Economica - dati generali e dati per comparto Aziende ** var % tendenza alla Produzione (Ml ) var ,2% al Consumo (Ml ) Produzione (Tonnellate) Volume Export 12% % Export (Ml ) GDO (Main Trader) 43% = 43% 2008 var % var ,8% var % var ,6% var % tendenza = tendenza tendenza = tendenza = tendenza = tendenza 2008 Formaggi var Tendenza Aziende ** % alla Produzione (Ml ) al Consumo (Ml ) Produzione (Tonnellate) % = % % Volume Export 12% 15% -3% Export (Ml ) 2008 Prodotti a base di carne % = GDO (Main Trader) 41% 42% -1% = var Tendenza Aziende ** % = alla Produzione (Ml ) al Consumo (Ml ) Produzione (Tonnellate) % = % % Volume Export 7% 8% -1% Export (Ml ) % GDO (Main Trader) 56% 58% -2% = Oli e grassi 2008 var Tendenza Aziende ** % alla Produzione (Ml ) al Consumo (Ml ) Produzione (Tonnellate) % = % % Volume Export 23% 25% -2% Export (Ml ) Vendita Diretta (Main Trader) % = 40% 39% 1% = 2008 Ortofrutticoli e cereali var Tendenza Aziende ** % = alla Produzione (Ml ) al Consumo (Ml ) Produzione (Tonnellate) % % % Volume Export 10% 12% -2% = Export (Ml ) % = GDO (Main Trader) 47% 51% -4% Fonte: Osservatorio Qualivita - Rapporto 2010 * dati aggiornati al **Per dare una rappresentazione il più possibile veritiera della struttura aziendale di ciascun comparto ed evidenziare nel quadro generale il numero di quanti partecipano a vario titolo alla filiera, la nostra rilevazione esclude che la medesima ragione sociale possa produrre prodotti per denominazioni differenti (ad esempio, un azienda di allevamento che produce carne da macello per vari prodotti a base di carne). Per questa ragione il totale delle aziende DOP può risultare superiore al totale delle aziende agricole e di allevamento rilevate dall Istat.

17 La classifica Qualivita I primi 15 prodotti 15 CLASSIFICATO 1 CLASSIFICATO Taleggio DOP Parmigiano-Reggiano DOP 2 CLASSIFICATO Grana Padano DOP 13 CLASSIFICATO 3 CLASSIFICATO Mela Val di Non DOP Olio Extravergine di Oliva Toscano IGP Pecorino Sardo DOP 4 CLASSIFICATO Pecorino Romano DOP 12 CLASSIFICATO 5 CLASSIFICATO Mozzarella di Bufala Campana DOP Prosciutto di Parma DOP 11 CLASSIFICATO 6 CLASSIFICATO Mela Alto Adige IGP Gorgonzola DOP 10 CLASSIFICATO Bresaola della Valtellina IGP 8 CLASSIFICATO 9 CLASSIFICATO posizione finale in graduatoria Prodotto media delle posizioni nelle singole graduatorie produzione (Ml ) consumo (Ml ) export (Ml ) % Mercato estero % Distribuzione moderna 1 (3) Parmigiano-Reggiano DOP 11, % 66% PR, RE, MO, BO, MN 2 (8) Grana Padano DOP % 60%* BO, FE, FC, PC, RA, RN, BZ, TN, BL, PD, RO, TV, VE, VR, VI, BG, BS, CO, CR, LC, LO, MN, MI, MB, PV, SO, VA, AL, AS, BI, CN, NO, TO, VB, VC 3 (2) Olio Extravergine di Oliva Toscano IGP 14, % 80% AR, FI, GR, LI, LU, MC, PI, PT, PO, SI 4 (5) Pecorino Romano DOP % 62% GR, CA, CI, NU, OG, OT, OR, SS, FR, LT, RI, RM, VT 5 (3) Prosciutto di Parma DOP 15, % 60% PR 6 (4) Gorgonzola DOP 17, % 61% BG, BS, CO, LC, LO, MI, PV, VA, BI, CN, VC, NO, AL 7 (1) Speck dell'alto Adige IGP 17, % 65% BZ 8 (6) Prosciutto di San Daniele DOP 18, * 14% 65% UD Province Mortadella Bologna IGP 20, * 7% 80% Trento e tutte le province di EmiliaRomagna, Lazio, Lombardia, Veneto, Toscana, Piemonte e Marche 10 (11) Bresaola della Valtellina IGP 21, * 46* 12% 65% SO 11 (10) Mela Alto Adige IGP/ Südtiroler Apfel g.g.a. 22,4 150* 221* 99* 45% 40% BZ 12 (n.c.) Mozzarella di Bufala Campana DOP % 47% SA, NA, CE, FG, LT, FR RM 13 (13) Mela Val di Non DOP 28, % 30% TN 13 (12) Pecorino Sardo DOP 28, * 10% 80% CA, CI, NU, OG, OT, OR, SS Taleggio DOP 29, % 52% BG, BS, CO, CR, LC, LO, MI, PV, TV, NO 15 (n.c.) Speck dell Alto Adige IGP Prosciutto di San Daniele DOP Mortadella Bologna IGP 9 (9) 7 CLASSIFICATO Fonte: Osservatorio Qualivita - Rapporto 2010 * Dato stimato Tra parentesi il posizionamento dell anno precedente. La metodologia utilizzata è quella consolidata della messa a punto di graduatorie semplici che sono state realizzate per: fatturato alla produzione, fatturato al consumo, fatturato da export, percentuale di esportazioni (in termini produttivi) e di utilizzo della GDO. Il valore media delle posizioni nelle singole graduatorie si riferisce proprio alla media aritmetica delle posizioni ottenute da ciascun prodotto nelle singole graduatorie. punteggio medio da 46 a 50 punteggio medio da 41 a 45 punteggio medio da 36 a 40 punteggio medio da 31 a 35 punteggio medio da 26 a 30 punteggio medio da 21 a 25 punteggio medio da 16 a 20 punteggio medio da 11 a 15 punteggio medio da 6 a 10 punteggio medio da 1 a 5 Spighe Qualivita

Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007

Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007 Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007 Ismea Direzione Mercati e Risk management e.deruvo@ismea.it (06 85568460) 1 Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007 1. I riconoscimenti Alla fine di

Dettagli

Incremento dell export agroalimentare: importante valorizzare i prodotti DOP e IGP

Incremento dell export agroalimentare: importante valorizzare i prodotti DOP e IGP Incremento dell export agroalimentare: importante valorizzare i prodotti e IGP Fra gli obiettivi del Governo a sostegno dell economia e dell occupazione, c è l incremento, entro il 2020, dell export agroalimentare

Dettagli

Gli Uffici delle Dogane. Province di competenza

Gli Uffici delle Dogane. Province di competenza ti trovi in: Home - Agenzia - Uffici - Indirizzi e Organigramma periferico - Uffici Dogane Gli Uffici delle Dogane Gli Uffici delle Dogane Regione Abruzzo Basilicata Campania Dogane Avezzano Pescara Potenza

Dettagli

ELENCO DELLE SPECIALITÀ ITALIANE RICONOSCIUTE CON MARCHI DI TIPICITÀ EUROPEI

ELENCO DELLE SPECIALITÀ ITALIANE RICONOSCIUTE CON MARCHI DI TIPICITÀ EUROPEI ELENCO DELLE SPECIALITÀ ITALIANE RICONOSCIUTE CON MARCHI DI TIPICITÀ EUROPEI PRODOTTO 1. Abbacchio Romano IGP 2. Acciughe Sotto Sale del Mar Ligure IGP 3. Aceto Balsamico di Modena IGP 4. Aceto Balsamico

Dettagli

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG)

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) EMAA 13/14 XII / 1 DO e IG protette da cosa? Il Regolamento

Dettagli

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG)

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) EMAA 14/15 XII / 1 DO e IG protette da cosa? Il Regolamento

Dettagli

CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA

CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA Area di Agrigento (Sicilia) AG CDL CATANIA Alessandria (Piemonte) AL CDL MILANO Ancona (Marche) AN CDL PADOVA Aosta (Valle d'aosta) AO CDL MILANO Arezzo (Toscana) AR CDL ROMA

Dettagli

rassegnastampa link alla rassegna stampa coldiretti completa http://www.coldiretti.it

rassegnastampa link alla rassegna stampa coldiretti completa http://www.coldiretti.it Coldiretti TORINO rassegnastampa 19 febbraio 2014 quotidiani indice coldiretti coldiretti news Commercio estero, Coldiretti, agroalimentare record, +5% export regione e provincia rassegna stampa coldiretti

Dettagli

I PRODOTTI AGROALIMENTARI DI QUALITÀ

I PRODOTTI AGROALIMENTARI DI QUALITÀ 18 settembre 2014 Anno 2013 I PRODOTTI AGROALIMENTARI DI QUALITÀ L Italia si conferma il primo Paese per numero di riconoscimenti Dop, Igp e Stg conferiti dall Unione europea (Ue). I prodotti agroalimentari

Dettagli

TRADIZIONE & CULTURA

TRADIZIONE & CULTURA PALATIPICO MODENA TRADIZIONE & CULTURA Le Produzioni Agroalimentari Modenesi D.O.P. e I.G.P. Corso 30560 MARKETING STRATEGICO Laurea in Economia e marketing nel sistema agro-industriale Facoltà di Agraria

Dettagli

L INDAGINE ISMEA 2010 SUI PRODOTTI DOP E IGP: PRODUZIONI, FATTURATO, CONSUMI, EXPORT. Salone del Gusto Lingotto Fiere

L INDAGINE ISMEA 2010 SUI PRODOTTI DOP E IGP: PRODUZIONI, FATTURATO, CONSUMI, EXPORT. Salone del Gusto Lingotto Fiere L INDAGINE ISMEA 2010 SUI PRODOTTI DOP E IGP: PRODUZIONI, FATTURATO, CONSUMI, EXPORT Salone del Gusto Lingotto Fiere 24 ottobre 2010 Introduzione L Ismea, da numerosi anni, attraverso l Osservatorio sui

Dettagli

agroalimentare I trimestre 2014

agroalimentare I trimestre 2014 AGRItrend Evoluzione e cifre sull agro-alimentare La bilancia commerciale agroalimentare I trimestre 2014 A 8 LA BILANCIA COMMERCIALE AGROALIMENTARE A differenza di quanto riscontrato nel corso del 2013,

Dettagli

Alimentazione naturale

Alimentazione naturale B Alimentazione naturale Secondo i dati dell ISMEA (Osservatorio del mercato dei prodotti biologici), in un anno di crisi come il 2010 i consumi di prodotti ortofrutticoli biologici hanno avuto un andamento

Dettagli

PRODOTTI TIPICI E MADE IN ITALY: MERCATO, OPPORTUNITA, PROSPETIVE

PRODOTTI TIPICI E MADE IN ITALY: MERCATO, OPPORTUNITA, PROSPETIVE Bolzano, 29 maggio 2015 PRODOTTI TIPICI E MADE IN ITALY: MERCATO, OPPORTUNITA, PROSPETIVE DENIS PANTINI Direttore Area Agroalimentare Nomisma spa I TEMI DI APPROFONDIMENTO Il Made in Italy Dop e Igp :

Dettagli

Totale posti Comuni 600.823 577.441 6.240 29.622 21.880

Totale posti Comuni 600.823 577.441 6.240 29.622 21.880 Copia di contingenti nomine docenti 2015 - tabella aliquot GRADO ISTRUZIONE contingenti per nomine sui posti vacanti e disponibili in O.D. 2015/16 titolari esubero vacanze su 2015/16 al 16 provinciale

Dettagli

Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015).

Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015). Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015). L agricoltura biologica nel mondo ha registrato negli ultimi venti anni un trend

Dettagli

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA 2015 Cooperazione agroalimentare La cooperativa è un associazione autonoma di persone unite volontariamente per soddisfare le loro aspirazioni e bisogni economici,

Dettagli

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica Centro Studi Il Report IL SENTIMENT DELLE IMPRESE ASSOCIATE RIFERITO ALLE DINAMICHE DEL CREDITO NEL TERRITORIO PROVINCIALE ANCE SALERNO: RISCHIO USURA SEMPRE ELEVATO Sebbene il trend risulti in diminuzione

Dettagli

TUTELA LA TUA PASSIONE TUTELA DELLA BICICLETTA

TUTELA LA TUA PASSIONE TUTELA DELLA BICICLETTA TUTELA LA TUA PASSIONE TUTELA DELLA BICICLETTA Siamo fermamente convinti che redigere un preciso quadro di riferimento, attestante le coperture Assicurative di un Cliente, consenta allo stesso di potersi

Dettagli

UNA VISIONE D INSIEME DEL SISTEMA SCOLASTICO

UNA VISIONE D INSIEME DEL SISTEMA SCOLASTICO UNA VISIONE D INSIEME DEL SISTEMA SCOLASTICO - 49 - 3.1 INTRODUZIONE Volendo descrivere le province utilizzando contemporaneamente gli indicatori relativi alle diverse tematiche analizzate prima in modo

Dettagli

GUIDA ALL AGRICOLTURA NELLA PROVINCIA DI TRAPANI

GUIDA ALL AGRICOLTURA NELLA PROVINCIA DI TRAPANI GUIDA ALL AGRICOLTURA NELLA PROVINCIA DI TRAPANI L AGRICOLTURA NELLA PROVINCIA DI TRAPANI COLTIVAZIONI AGRARIE... 4 VITE E VINO... 5 Uva da vino... 6 Vino... 7 INDICE CEREALI... 8 Frumento duro... 9 Avena...

Dettagli

"Il Controllo per gli Oli D.O.P. Dott. Franco Spada Presidente ARPO Emilia-Romagna

Il Controllo per gli Oli D.O.P. Dott. Franco Spada Presidente ARPO Emilia-Romagna "Il Controllo per gli Oli D.O.P. Dott. Franco Spada Presidente ARPO Emilia-Romagna Dati ARPO 2003-Agecontrol 2005: superficie agricola olivetata 0,33% della SAU totale della regione 3500 ha circa 700000

Dettagli

IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI

IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI Dario Focarelli Direttore Generale ANIA Milano, 12 marzo 2013 «LA RESPONSABILITÀ CIVILE AUTOMOBILISTICA STRATEGIA, INNOVAZIONE

Dettagli

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2014

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2014 ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2014 A CURA DELL AREA PROFESSIONALE STATISTICA A.G. FEBBRAIO 2015 ANDAMENTO MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA

Dettagli

Annuario 231. Per i professionisti che si occupano di D.Lgs. 231/2001 Per le aziende in cerca di professionisti

Annuario 231. Per i professionisti che si occupano di D.Lgs. 231/2001 Per le aziende in cerca di professionisti Per i professionisti che si occupano di D.Lgs. 231/2001 Per le aziende in cerca di professionisti Perché? Le recenti azioni giudiziarie hanno indotto nelle aziende la necessità di dotarsi di un modello

Dettagli

NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta

NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta Silvia ZUCCONI Coordinatore Area Agroalimentare NOMISMA > SUPERFICI BIO SUPERFICI BIOLOGICHE (milioni di

Dettagli

MIA BioCatering Rimini, 16 febbraio 2009 Il futuro del catering bio

MIA BioCatering Rimini, 16 febbraio 2009 Il futuro del catering bio MIA BioCatering Rimini, 16 febbraio 2009 Il futuro del catering bio Evoluzione e trend della ristorazione biologica nelle scuole Rosa Maria Bertino (Bio Bank) 791 mense bio nelle scuole italiane Secondo

Dettagli

POSTI DISPONIBILI SCUOLA ELEMENTARE

POSTI DISPONIBILI SCUOLA ELEMENTARE POSTI DISPONIBILI SCUOLA ELEMENTARE Regione Provincia Prov O.D.98/99 Titolari 98/99 posti docenti Domande di cessazione 1/9/99 Abruzzo Chieti CH 1.618 1.615 3 0 48 Abruzzo L'Aquila AQ 1.374 1.374 0 0 57

Dettagli

ELENCO EMITTENTI TV. Dati di Ascolto. Posizione Telecomando. Concessionaria di Pubblicità GRUPPO TELEVISIVO ITALIANO SRL

ELENCO EMITTENTI TV. Dati di Ascolto. Posizione Telecomando. Concessionaria di Pubblicità GRUPPO TELEVISIVO ITALIANO SRL GRUPPO TELEVISIVO ITALIANO SRL Tel. 02 36524933 - Fax. 02 36526402 www.gtimedia.it - N ROC 18928 gtimedia@gtimedia.it Concessionaria di Pubblicità ELENCO EMITTENTI TV Dati di Ascolto Posizione Telecomando

Dettagli

ATLANTE DEI PRODOTTI DOP E IGP DEL VENETO. www.veneto.to

ATLANTE DEI PRODOTTI DOP E IGP DEL VENETO. www.veneto.to ATLANTE DEI PRODOTTI DOP E IGP DEL VENETO www.veneto.to Iniziativa finanziata dal Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Organismo responsabile dell informazione: Veneto Agricoltura Autorità

Dettagli

Proposta per una strategia di promozione dei prodotti agricoli lucani

Proposta per una strategia di promozione dei prodotti agricoli lucani DIPARTIMENTO POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI Viale Vincenzo Verrastro, 10-85100 Potenza ass_agricoltura@regione.basilicata.it tel. 0971668710 fax 0971668731 L ASSESSORE Potenza lì 05/05/2014 MATERA 2019

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

ELENCO DELLE PROVINCE DELLA REPUBBLICA ITALIANA SUDDIVISE PER REGIONI

ELENCO DELLE PROVINCE DELLA REPUBBLICA ITALIANA SUDDIVISE PER REGIONI ELENCO DELLE PROVINCE DELLA REPUBBLICA ITALIANA SUDDIVISE PER REGIONI Abruzzo Provincia dell'aquila (108 comuni) AQ Provincia di Chieti (104 comuni) CH Provincia di Pescara (46 comuni) PE Provincia di

Dettagli

Report sui prodotti DOP e IGP della Valtellina 2010

Report sui prodotti DOP e IGP della Valtellina 2010 Report sui prodotti DOP e IGP della Valtellina 2010 D i s t r e t t o A g r o a l i m e n t a r e d i Q u a l i t à d e l l a V a l t e l l i n a Report sui dati di produzione e fatturato al consumo dei

Dettagli

PRODOTTI DOP E IGP: PRESENTE, FUTURO, FATTORE DI COMPETITIVITA

PRODOTTI DOP E IGP: PRESENTE, FUTURO, FATTORE DI COMPETITIVITA Accademia dei Georgofili Firenze, 2 dicembre 2014 PRODOTTI DOP E IGP: PRESENTE, FUTURO, FATTORE DI COMPETITIVITA PAOLO DE CASTRO Commissione Agricoltura e Sviluppo Rurale del Parlamento Europeo LA CRESCITA

Dettagli

Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010

Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010 Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010 Ed. settembre 2013 Agenda Obiettivo della statistica Oggetto della statistica Grado di partecipazione Alcuni confronti con la statistica precedente

Dettagli

I dati della ricerca

I dati della ricerca Relazioni con i Media Tel. 02/8515.5288/5224 Comunicati www.mi.camcom.it I dati della ricerca Il mercato fotovoltaico in Europa e nel mondo. È l Europa il mercato di sbocco principale per il fotovoltaico,

Dettagli

REGIONE TOSCANA Angela Crescenzi Settore Produzioni agricole vegetali

REGIONE TOSCANA Angela Crescenzi Settore Produzioni agricole vegetali INCONTRO TECNICO SULLE INDICAZIONI GEOGRAFICHE DEI PRODOTTI AGRICOLI La situazione delle Indicazioni Geografiche in Toscana e ruolo della Regione Toscana nel sostegno e nello sviluppo delle IG dei prodotti

Dettagli

Causali Consulenti del Lavoro

Causali Consulenti del Lavoro Causali Consulenti del Lavoro Codice Descrizione Codice posizione Tipo inizio periodo riferimento AG00 AL00 AN00 AO00 AP00 AQ00 AR00 provinciale di Agrigento provinciale di Alessandria provinciale di Ancona

Dettagli

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export Roberto Monducci Istituto nazionale di statistica Direttore del Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche

Dettagli

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Imprese straniere in aumento. Su 6.061.960 imprese operanti in Italia nel 2013, 497.080

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

Criteri per l integrazione l fotovoltaici

Criteri per l integrazione l fotovoltaici Criteri per l integrazione l degli impianti fotovoltaici Gerardo Montanino Direttore Operativo Energy Forum - Bressanone, 9 dicembre 2008 www.gsel.it 2 Indice Il Conto Energia Bilancio del Conto Energia

Dettagli

64 I.T.S. Lombardia 7 Veneto Piemonte. Emilia Romagna Liguria. Toscana. Marche 3. Abruzzo Lazio 4. Molise 1. Basilicata. Sardegna. Calabria.

64 I.T.S. Lombardia 7 Veneto Piemonte. Emilia Romagna Liguria. Toscana. Marche 3. Abruzzo Lazio 4. Molise 1. Basilicata. Sardegna. Calabria. Lombardia 7 Veneto Piemonte 6 3 Emilia Romagna Liguria 4 Toscana 3 7 Umbria Friuli V. Giulia Marche 3 Abruzzo Lazio 4 7 Molise 64 I.T.S. 3 Sardegna 3 Basilicata Calabria 4 Sicilia 5 Gli ITS in Abruzzo

Dettagli

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Euler Hermes Italia Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Aggiornamento 3 Trimestre 2013 Il Report si basa sul monitoraggio giornaliero dei pagamenti

Dettagli

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013 Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive summary Febbraio 2013 1 Finalità dell Osservatorio 3 Contenuto e metodologia dell indagine 3 Composizione del campione

Dettagli

Il divieto di coltivare alcuni OGM danneggia l ambiente

Il divieto di coltivare alcuni OGM danneggia l ambiente Il divieto di coltivare alcuni OGM danneggia l ambiente Roberto Defez Istituto di Genetica e Biofisica del CNR, Napoli Sviluppo sost-edibile Roma, 9 ottobre 2013 Gli Ogm li vende chi li combatte Ecco

Dettagli

TUSCIA WEB. 11 aprile 2012. Cronaca - Olivicoltori Vetralla e del Consorzio valori e Sapori della Tuscia al forum dell'agricoltura di Piacenza

TUSCIA WEB. 11 aprile 2012. Cronaca - Olivicoltori Vetralla e del Consorzio valori e Sapori della Tuscia al forum dell'agricoltura di Piacenza TUSCIA WEB 11 aprile 2012 Cronaca - Olivicoltori Vetralla e del Consorzio valori e Sapori della Tuscia al forum dell'agricoltura di Piacenza Due cooperative viterbesi al Qui da noi - Due cooperative viterbesi

Dettagli

2 L ANALISI DEI COMMERCIANTI E DEI PRODUTTORI OPERANTI NEI MERCATI AGROALIMENTARI (Luca Lanini, Simona Barbieri, Simona Bertozzi, Renzo Rossetto)

2 L ANALISI DEI COMMERCIANTI E DEI PRODUTTORI OPERANTI NEI MERCATI AGROALIMENTARI (Luca Lanini, Simona Barbieri, Simona Bertozzi, Renzo Rossetto) 2 L ANALISI DEI COMMERCIANTI E DEI PRODUTTORI OPERANTI NEI MERCATI AGROALIMENTARI (Luca Lanini, Simona Barbieri, Simona Bertozzi, Renzo Rossetto) 2.1 GLI OPERATORI COINVOLTI NELL INDAGINE Sono stati intervistati

Dettagli

IL Network per l agricoltura

IL Network per l agricoltura IL Network per l agricoltura Image Line in tre parole Comunicazione: è importante divulgare le innovazioni e le notizie che riguardano il settore primario agli operatori professionali che ne fanno parte.

Dettagli

Osservatorio Nazionale. Le prestazioni EBITEMP per i lavoratori in somministrazione nel 2009

Osservatorio Nazionale. Le prestazioni EBITEMP per i lavoratori in somministrazione nel 2009 Le prestazioni EBITEMP per i lavoratori in somministrazione nel 2009 Marzo 2010 Le prestazioni EBITEMP per i lavoratori in somministrazione nel 2009 I prestiti personali Le prestazioni in caso di infortunio

Dettagli

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE Scendono del 50% le richieste per l edilizia residenziale, -30% per quella non residenziale. Tengono gli immobili destinati all agricoltura (-12,9%),

Dettagli

CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA

CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA Area di Agrigento (Sicilia) AG CDL CATANIA Alessandria (Piemonte) AL CDL MILANO Ancona (Marche) AN CDL PADOVA Aosta (Valle d'aosta) AO CDL MILANO Arezzo (Toscana) AR CDL ROMA

Dettagli

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA Bologna, 12 settembre 2008 Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità Denis Pantini Coordinatore di Area Agricoltura e Industria alimentare

Dettagli

BIO IN CIFRE 2014. Bologna, 6.9.2014 - Francesco Giardina

BIO IN CIFRE 2014. Bologna, 6.9.2014 - Francesco Giardina Bologna, 6.9.2014 - Francesco Giardina Andamento di operatori e superfici in Italia 1990-2013 Biologico in Italia al 31/12/2013 n. operatori: 52.383 SAU: 1.317.177 ha 1993-2013: dati MiPAAF; elaborazioni:

Dettagli

La ricchezza (vera) delle regioni

La ricchezza (vera) delle regioni La ricchezza (vera) delle regioni La ricchezza (vera) delle regioni Anna Villa Nell'ottava edizione del Rapporto Quars, la classifica del benessere sostenibile. In testa il Trentino Alto Adige, scendono

Dettagli

Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma

Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma Progetto promosso da: Con il patrocinio di: OSSERVATORIO SANA 2015 OSSERVATORIO SANA 2015 a cura di OBIETTIVI

Dettagli

LA STRUTTURAZIONE ATTUALE DELLE IMPRESE DEL VINO ITALIANO PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE

LA STRUTTURAZIONE ATTUALE DELLE IMPRESE DEL VINO ITALIANO PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE 6 novembre 2015 LA STRUTTURAZIONE ATTUALE DELLE IMPRESE DEL VINO ITALIANO PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DENIS PANTINI Direttore Area Agroalimentare Nomisma Responsabile Wine Monitor Outline Evoluzione dei

Dettagli

Personale ATA. tot. Nazionale

Personale ATA. tot. Nazionale Personale ATA Profilo Nomine DM - Direttore Serv. Amm. 216 AA - Ass. Amministrativi 2.103 AT - Ass. Tecnici 790 CS - Coll. Scolastici 6.949 CO - Cuochi 87 CR - Add. Az. Agrarie 81 GA - Guardarobieri 49

Dettagli

IL VALORE DEI COMPRENSORI LAPIDEI ITALIANI PER L ECONOMIA NAZIONALE.

IL VALORE DEI COMPRENSORI LAPIDEI ITALIANI PER L ECONOMIA NAZIONALE. IL VALORE DEI COMPRENSORI LAPIDEI ITALIANI PER L ECONOMIA NAZIONALE. IL SALDO COMMERCIALE A cura di: Manuela Gussoni Ufficio studi IMM 21 maggio 2014 In un contesto di sostanziale stazionarietà dell export

Dettagli

MERCATI E CONSUMI DEI VINI E DEI PRODOTTI ALIMENTARI DOP/IGP: SCENARIO E TENDENZE EVOLUTIVE. DENIS PANTINI Direttore Area Agroalimentare

MERCATI E CONSUMI DEI VINI E DEI PRODOTTI ALIMENTARI DOP/IGP: SCENARIO E TENDENZE EVOLUTIVE. DENIS PANTINI Direttore Area Agroalimentare 11 ottobre 2014 MERCATI E CONSUMI DEI VINI E DEI PRODOTTI ALIMENTARI DOP/IGP: SCENARIO E TENDENZE EVOLUTIVE DENIS PANTINI Direttore Area Agroalimentare I TEMI DI APPROFONDIMENTO Vini e prodotti alimentari

Dettagli

AGRICOLTURA BIOLOGICA IN CIFRE AL 31/12/2011

AGRICOLTURA BIOLOGICA IN CIFRE AL 31/12/2011 AGRICOLTURA BIOLOGICA IN CIFRE AL 31/12/ Dalla prima analisi dei dati forniti al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali dagli Organismi di Controllo (OdC) operanti in Italia al 31 dicembre

Dettagli

La macellazione. in Italia nel 2001 N O T I Z I A R I O. Supplemento al numero 13/2002. a cura di Giuseppe Messina

La macellazione. in Italia nel 2001 N O T I Z I A R I O. Supplemento al numero 13/2002. a cura di Giuseppe Messina N O T I Z I A R I O Supplemento al numero 13/2002 La macellazione in Italia nel 2001 a cura di Giuseppe Messina UNIONE IMPORTATORI ESPORTATORI INDUSTRIALI COMMISSIONARI GROSSISTI INGRASSATORI MACELLATORI

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene.

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene. EDIZIONE osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca

Dettagli

Innovare il modello di servizio per la clientela Small Business

Innovare il modello di servizio per la clientela Small Business Innovare il modello di servizio per la clientela Small Business Nicola Generani Responsabile Direzione Marketing Retail - Private Convegno Dimensione Cliente 200 Roma, 26/03/200 Contenuti Overview Gruppo

Dettagli

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Il contesto internazionale dei prodotti a marchio distintivo

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Il contesto internazionale dei prodotti a marchio distintivo DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA Bologna, 12 settembre 2008 Il contesto internazionale dei prodotti a marchio distintivo Maurizio Esposito MIPAAF Dipartimento Politiche di Sviluppo Le produzioni con marchio

Dettagli

OSSERVATORIO SANA 2015

OSSERVATORIO SANA 2015 Progetto promosso da: Progetto realizzato da: Progetto realizzato con il patrocinio di: OSSERVATORIO SANA 2015 A CURA DI NOMISMA L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO La filiera biologica italiana

Dettagli

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa.

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa. Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane 12 edizione 60 anni Artigiancassa Abstract SOMMARIO Descrizione sintetica dei risultati del Rapporto 3 Finanziamenti

Dettagli

AREA PROCESSI FORMATIVI - SETTORE OFFERTA FORMATIVA UFFICIO OFFERTA FORMATIVA CORSI DI I E II LIVELLO, ANS

AREA PROCESSI FORMATIVI - SETTORE OFFERTA FORMATIVA UFFICIO OFFERTA FORMATIVA CORSI DI I E II LIVELLO, ANS Dati Scuola di Lingue e Letterature Pagina 1 di 6 Dati Scuola di Lingue e Letterature AQ L'Aquila n. 1 CH Chieti n. PE Pescara n. 2 TE Teramo n. 5 ABRUZZI Totale 8 MT Matera n. 2 PZ Potenza n. 1 BASILICATA

Dettagli

-5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano.

-5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano. -5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano., 43 anni, 27 ore di lavoro a settimana per un totale di 35 dichiarate con

Dettagli

Certificazione dei prodotti agricoli: le esperienze del mondo produttivo. A cura del dott. Franco Parola

Certificazione dei prodotti agricoli: le esperienze del mondo produttivo. A cura del dott. Franco Parola Certificazione dei prodotti agricoli: le esperienze del mondo produttivo A cura del dott. Franco Parola Tracciabilità - Rintracciabilità Lotti - Filiera Dal campo alla tavola La filiera è l insieme di

Dettagli

Analisi economica del settore agricolo

Analisi economica del settore agricolo LE FILIERE BIOLOGICHE IN LOMBARDIA Analisi economica del settore agricolo Alessandro Banterle Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano

Dettagli

L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI

L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI Maggio 211 Pubblicazione realizzata con il contributo FEASR (Fondo europeo per l'agricoltura e lo sviluppo rurale) nell'ambito delle attività

Dettagli

CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA

CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA Area di Competenza Sigla CDL di Agrigento (Sicilia) AG CDL CATANIA Alessandria (Piemonte) AL CDL TORINO Ancona (Marche) AN CDL MODENA Aosta (Valle d'aosta) AO CDL TORINO Arezzo

Dettagli

Sul podio vini, dolci e pasta

Sul podio vini, dolci e pasta I DODICI «CAMPIONI» DEL MADE IN ITALY Sul podio vini, dolci e pasta Nelle schede accanto sono riportati i valori dell export di alcuni prodotti italiani, selezionati per valore delle esportazioni nel mondo.

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

I numeri degli Istituti Tecnici Superiori

I numeri degli Istituti Tecnici Superiori I numeri degli Istituti Tecnici Superiori Al 4 aprile 04 64 ITS 40 percorsi attivati circa 5000 corsisti 73 corsi sono già conclusi 300 già diplomati 4,5% femmine Su 4 diplomati di n. 68 corsi censiti

Dettagli

6 dicembre 2013 Sala Poggioli Viale della Fiera, 8 - Bologna

6 dicembre 2013 Sala Poggioli Viale della Fiera, 8 - Bologna a 6 dicembre 2013 Sala Poggioli Viale della Fiera, 8 - Bologna IL PROGRAMMA DELLA GIORNATA Ore 9,00 Registrazione dei partecipanti Ore 9,30 Saluti e apertura lavori ØTiberio Rabboni Assessore all Agricoltura

Dettagli

1 settimana Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì

1 settimana Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì I menù proposti da EURORISTORAZIONE per la ristorazione scolastica sono strutturati in 4 settimane, che si ripetono ciclicamente e stagionalmente (menù estivo/menù autunnale/menù invernale) per le scuole

Dettagli

Strategie di internazionalizzazione nei mercati tradizionali ed emergenti

Strategie di internazionalizzazione nei mercati tradizionali ed emergenti Strategie di internazionalizzazione nei mercati tradizionali ed emergenti Tiziano Bursi Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Convegno Competitività e internazionalizzazione Camera di Commercio

Dettagli

SISTEMA PUGLIA. Il settore agroalimentare pugliese

SISTEMA PUGLIA. Il settore agroalimentare pugliese SISTEMA PUGLIA Il settore agroalimentare pugliese Le aziende agricole presenti nella regione Puglia sono 352.510, pari al 13,59% delle aziende agricole presenti in tutta Italia. La regione è la seconda

Dettagli

Alimentare: il consumo dei prodotti Doc e Igp sfida la crisi

Alimentare: il consumo dei prodotti Doc e Igp sfida la crisi Alimentare: il consumo dei prodotti Doc e Igp sfida la crisi Gli italiani si affidano sempre più al raziocinio e sempre meno all istinto per i loro acquisti. La difficile congiuntura economica sta cambiando

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Le famiglie povere nelle regioni italiane. Aspetti oggettivi e soggettivi

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

il mercato dei prodotti agroalimentari in B R A S I L E

il mercato dei prodotti agroalimentari in B R A S I L E (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) il mercato dei prodotti agroalimentari in B R A S I L E 1 B r a s i l e G i a p p o n e A u s t r a l i a S t a t i U n i t i S v i z z e r a F r a n c i a

Dettagli

Il Presidente del Consiglio dei Ministri

Il Presidente del Consiglio dei Ministri Il Presidente del Consiglio dei Ministri Vista la direttiva 2008/98/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 19 novembre 2008 relativa ai rifiuti e che abroga alcune direttive; Visto il decreto legislativo

Dettagli

N 309 del 18 gennaio 2014

N 309 del 18 gennaio 2014 N 309 del 18 gennaio 2014 Il mercato nazionale dei prodotti lattiero caseari Prezzi settimanali di alcuni prodotti lattiero-caseari in Italia ( / kg) 13 dic. sett. precedente 4 sett. prima 1 anno prima

Dettagli

Costi di produzione e redditività del mais

Costi di produzione e redditività del mais SEMINARIO Bologna il 3 dicembre 2012 Costi di produzione e redditività del mais Quanto costa produrre latte e mais in emilia-romagna? La competitività di queste filiere Renato Canestrale, Valeria Altamura

Dettagli

IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE FUTURE

IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE FUTURE IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E DENIS PANTINI Direttore Area Agricoltura e Industria Alimentare Nomisma spa PROSPETTIVE FUTURE I temi di approfondimento I consumi

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

La produzione di uva e di vino Anno 2005

La produzione di uva e di vino Anno 2005 La produzione di uva e di vino Anno 2005 31 Gennaio 2006 L Istat diffonde i principali risultati 1 della produzione di uva e di vino in Italia, con riferimento all anno 2005. Essi derivano da stime effettuate

Dettagli

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2013

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2013 ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2013 A CURA DELL AREA PROFESSIONALE STATISTICA A.G. GENNAIO 2014 ANDAMENTO MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA

Dettagli

La povertà in Italia nel 2009

La povertà in Italia nel 2009 15 luglio 2010 Anno 2009 La povertà in Italia nel 2009 L'Istituto nazionale di statistica comunica i dati relativi alla povertà relativa e assoluta delle famiglie residenti in Italia, sulla base delle

Dettagli

non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica

non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica I prodotti dell agricoltura biologica non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica due prodotti assolutamente identici possono essere l uno il risultato del metodo di produzione

Dettagli

ALLEGATO _B_ Dgr n. 199 del 12/02/2008 Pagina 200 di 218

ALLEGATO _B_ Dgr n. 199 del 12/02/2008 Pagina 200 di 218 ALLEGATO _B_ Dgr n. 199 del 12/02/2008 Pagina 200 di 218 MISURA : 132- PARTECIPAZIONE A SISTEMI DI QUALITÀ ALIMENTARE 1. DESCRIZIONE DELLA MISURA/SOTTOMISURA/AZIONE 1.1- Descrizione generale La misura

Dettagli

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA N 4/2011 I trim. 2011 Direzione Affari Economici e Centro Studi IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA INDICE I MUTUI PER NUOVI INVESTIMENTI IN COSTRUZIONI --------------------------------------------------------

Dettagli

Le imprese a Bologna nel 2014. Marzo 2015

Le imprese a Bologna nel 2014. Marzo 2015 Le imprese a Bologna nel 2014 Marzo 2015 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Stefano Venuti e Paola Ventura Le elaborazioni sono

Dettagli

COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE RELATORE: GEN.B. COSIMO PICCINNO

COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE RELATORE: GEN.B. COSIMO PICCINNO COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE RELATORE: GEN.B. COSIMO PICCINNO ATTIVITA PRELIMINARI GRUPPO DI LAVORO Dott. Pietro COMBA Istituto Superiore di Sanità Cap. Pietro DELLA PORTA Carabinieri

Dettagli