DOP IGP STG ITALIANI IN STALLO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOP IGP STG ITALIANI IN STALLO"

Transcript

1 RAPPORTO QUALIVITA 2010 Comunicato Stampa - Riassunto Generale DOP IGP STG ITALIANI IN STALLO Produzione, export e fatturato in leggero calo, nonostante cresca il numero delle registrazioni *Dati al 31 ottobre nuove produzioni italiane registrate nel corso del 2010, in crescita soprattutto ortofrutticoli e cereali. L Italia ha il 22%dei prodotti certificati in Europa Con 216 produzioni certificate, l Italia resta la nazione europea con il maggior numero di produzioni registrate 1milione e 792 tonnellate la quantità prodotta nel a indicazione geografica 5,2 miliardi di euro, il fatturato complessivo nel alla produzione 9,9 miliardi di euro, il fatturato complessivo nel al consumo le aziende agricole e gli allevamenti le strutture di trasformazione artigianali e industriali Commenti I dati dell Osservatorio Qualivita evidenziano la necessità di avere strumenti che rendano più forti i consorzi di tutela. Per il prossimo 8 dicembre, stiamo aspettando importanti novità legislative dal Pacchetto Qualità del Commissario europeo Dacian Ciolos commenta Paolo De Castro, Presidente della Commissione Agricoltura e Sviluppo Rurale del Parlamento Europeo. Ci aspettiamo soprattutto quelle linee direttive relative alle DOP, IGP, STG che finalmente daranno più forza alle organizzazioni dei produttori e all intero sistema della qualità. I dati produttivi evidenziano uno stallo di fatturato e di produzione che ha come causa la crisi economica ma anche inefficienze strutturali del sistema. Nonostante i primi dati del 2010 siano in ripresa, permane la necessità di voltare pagina commenta Mauro Rosati, direttore dell Osservatorio Qualivita Se questo settore vuole diventare adulto deve cambiare; non è solo una questione di normative, ma soprattutto di organizzazione delle imprese perché di esempi buoni ce ne sono anche ora, nonostante il contesto legislativo sia ancora poco efficiente. Appena il 12% dei volumi prodotti viene collocato all estero è un po poco per degli Alfieri del Made in Italy - evidenzia Alberto Mattiacci, Consulente scientifico dell Osservatorio Qualivita- forse occorrerebbe qualche sforzo in più, per costruire nel pubblico la percezione di plusvalore che un prodotto certificato possiede. FONDAZIONE QUALIVITA -P.za Matteotti , Siena Tel Fax Mail

2 Le denominazioni europee ed italiane Il paniere delle DOP, IGP e STG europee ed extra-europee nel 2010 (al ) è cresciuto di 81 unità, di cui 27 prodotti DOP, 47 prodotti IGP, 7 prodotti STG, raggiungendo così un totale di 974 produzioni registrate a livello comunitario. Ancora una volta l Italia si è dimostrata leader nel settore, con 22 nuovi prodotti registrati, 12 DOP, 9 IGP e 1 STG, raggiungendo così un totale di 216 produzioni. Il 2010 vede anche una riconferma della Spagna con 14 nuove produzioni registrate, seguita da Germania e Francia con 10 prodotti. Il 2010 si apre con la registrazione della Pizza Napoletana STG, che potrà essere prodotta nell'intero territorio dell'unione Europea, adottando il disciplinare di produzione registrato. Sempre nei primi mesi dell anno, hanno finalmente ottenuto l Indicazione Geografica Protetta i Ricciarelli di Siena, dopo un iter iniziato nel 2004 passato attraverso continui ricorsi legali. I Ricciarelli di Siena IGP sono il primo prodotto dolciario italiano ad avere ottenuto l ambito riconoscimento europeo. In ambito europeo è importante segnalare la registrazione del primo prodotto proveniente dalla Lituania, si tratta dello Skilandis STG, un prodotto a base di carne suina e bovina, magra, semimagra o grassa, unita a lardo suino, aglio, sale e spezie, insaccata in involucro naturale. Al Belgio invece, spetta il primato di aver registrato a livello europeo la prima pianta ornamentale, la Gentse Azalea IGP, appartenente alla varietà Azalea Indica o Rhododendron Simsii, che viene prodotta nella zona delle Fiandre Orientali. In ambito extraeuropeo, dopo il Café de Columbia IGP del 2008, arriva il primo prodotto registrato dalla Cina: si tratta della pasta alimentare Longkou Fen Si IGP, piccoli spaghetti (vermicelli) di amido secco ricavato da fagiolini verdi e piselli. Sono inoltre ben 9 i prodotti cinesi in attesa di una registrazione comunitaria. Analisi economica I risultati dell analisi sui valori del mostrano le produzioni italiane DOP IGP STG come una realtà economica importante, anche se evidenziano un leggero calo rispetto al 2008 nonostante il crescente numero dei prodotti registrati. I dati principali del : una produzione certificata di 1 milione e 792 tonnellate; un fatturato complessivo alla produzione pari a 5,2 miliardi di euro; un fatturato complessivo pari a 9,9 miliardi di euro ; un fatturato export di 1,4 miliardi di euro. La quantità di prodotto certificata diminuisce del 1,8%. I prodotti ortofrutticoli continuano ad essere il comparto che certifica i maggiori volumi di produzione (il 62,8% del totale), dato che, ovviamente, si spiega con la natura merceologica del prodotto. FONDAZIONE QUALIVITA -P.za Matteotti , Siena Tel Fax Mail

3 Anche i dati relativi al fatturato alla produzione mostrano un calo del 2,2% rispetto al Questo non fa altro che evidenziare ancora di più la forbice fra il sell in (fatturato alla produzione) e il sell out (fatturato al consumo), in aumento rispetto al Le gerarchie fra le varie produzioni registrate cambiano quando si passa dall'analisi delle quantità a quelle dei valori (fatturato). Questa seconda chiave interpretativa, infatti, rovescia letteralmente le posizioni, facendo emergere l'importanza dei manufatti - formaggi e carni lavorate a discapito dei frutti della terra. Relativamente alle esportazioni, nonostante tutti i valori registrati siano costantemente positivi negli anni e in crescita continua, sembra esserci ancora molto da fare. È quasi paradossale, infatti, che i prodotti riconosciuti come alfieri del Made in Italy vadano sui mercati internazionali per poco più del 12% dei loro volumi complessivi. Per quanto riguarda il valore dell export viene registrato un calo del 4,6% rispetto al 2008, dovuto essenzialmente al comparto dei formaggi e dei prodotti a base di carne. Consolidato e "normale" lo stato della distribuzione dei prodotti: importante presenza del moderno attraverso la grande distribuzione, sebbene - soprattutto nelle zone di produzione la distribuzione tradizionale sia ancora molto forte, sia nella forma del dettaglio che della vendita diretta; ancora asfittica, sebbene in lieve crescita, la distribuzione attraverso Hotel-Restaurant-Café (HoReCa). Classifica Qualivita Nel Rapporto 2010, come nelle precedenti edizioni, la nuova Classifica Qualivita dei prodotti DOP e IGP italiani, ottenuta attraverso la metodologia standard utilizzata dai ricercatori nella messa a punto di "classifiche" o "benchmark", vede al primo posto il Parmigiano-Reggiano DOP. FONDAZIONE QUALIVITA -P.za Matteotti , Siena Tel Fax Mail

4 FILE: CS. RIASSUNTO GENERALE RAPPORTO 2010 OK FONDAZIONE QUALIVITA -P.za Matteotti , Siena Tel Fax Mail

5 RAPPORTO QUALIVITA 2010 Comunicato stampa La Classifica Qualivita LA NUOVA CLASSIFICA QUALIVITA 2010 DELL ITALIA DELLE DENOMINAZIONI Parmigiano Reggiano DOP primo, Grana Padano DOP secondo, Olio Toscano IGP terzo, nella Top 15 Qualivita dei prodotti DOP e IGP italiani. La classifica Qualivita ha lo scopo di proporre un modello a cui guardare per migliorare il complesso delle produzioni italiane. Ogni classifica viene stilata secondo parametri multipli, la cui efficacia è testata preventivamente attraverso un panel. Il Parmigiano-Reggiano DOP quest anno guida la TOP 15 di Qualivita dei prodotti DOP e IGP italiani grazie ad un ottima performance registrata su tutte le variabili considerate, seguito da Grana Padano DOP in risalita rispetto all anno precedente e l Olio extravergine di oliva Toscano IGP che conferma come l anno scorso un ottima posizione, considerando le performance economiche. Entrano nella Top 15 altri due formaggi: Mozzarella di Bufala Campana DOP e Taleggio DOP, anche qui a premiare soprattutto le variabili economiche. La metodologia utilizzata per la costruzione dei Top 15 prodotti è quella ormai consolidata ed utilizzata dai ricercatori a tutti i livelli nella messa a punto di "classifiche" o "benchmark". Le graduatorie "semplici" sono state realizzate per 5 diversi fattori ritenuti i più interessanti in termini di loro "potere esplicativo": fatturato alla produzione, fatturato al consumo, fatturato da export, percentuale di esportazioni (in termini produttivi) e di utilizzo della GDO. Rispetto all analisi territoriale, ipotizzando uno stretto rapporto tra il numero di produzioni certificate e la qualità della vita di un territorio, il Rapporto Qualivita presenta l elenco delle 10 regioni e delle 10 province per numero di produzioni registrate, mettendole a confronto con la classifica annuale de Il Sole 24 Ore sulla Qualità della Vita nelle province italiane (anno ). Ecco di seguito le Regioni e le Province con il più alto numero di prodotti registrati. Regioni: Veneto, Emilia Romagna, Lombardia, Toscana, Sicilia, Lazio, Campania, Piemonte, Puglia, Calabria. Province: Bologna, Cuneo, Padova, Treviso, Verona, Bergamo Ferrara, Salerno, Brescia, Forlì-Cesena, Lecco, Ravenna, Roma, Viterbo. Fondazione Qualivita - P.za Matteotti , Siena Tel Fax Mail qualivita.it qualigeo.eu

6 FILE : CS. CLASSIFICA QUALIVITA 2010 OK Fondazione Qualivita - P.za Matteotti , Siena Tel Fax Mail qualivita.it qualigeo.eu

7 RAPPORTO QUALIVITA 2010 Comunicato stampa La comunicazione NASCE L AGROPIRATERIA TELEMATICA 109 profili, fans per le denominazioni italiane su FB Parmigiano-Reggiano DOP il più presente nel mondo WEB 2.0 Aumenta la comunicazione sui media classici, soprattutto in TV La Fondazione Qualivita, continuando a seguire la propria missione di servizio al mondo delle produzioni certificate, con quest edizione affronta una prima esplorazione sul mondo della comunicazione. In particolare lo sguardo si è soffermato su un area di grande sviluppo nel più ampio quadro della comunicazione di marketing: l online communication, che in questi ultimi mesi ha registrato uno sviluppo considerevole. Il mondo della comunicazione e del marketing è notevolmente cambiato in questi mesi, con il mondo WEB 2.0 commenta Mauro Rosati, direttore dell Osservatorio Qualivita Le denominazioni italiane possono avere una grande opportunità con i nuovi media perché permettono di comunicare meglio quel valore aggiuntivo che possiedono, ma in internet nascono anche molte distorsioni informative; alcuni siti e certi risultati dei motori di ricerca non sempre riportano informazioni corrette sui prodotti: succede perciò che nel mondo WEB la parola Parmesan Cheese sia più ricorrente della denominazione Parmigiano Reggiano. Semplificando, questo equivale a dire, alla lunga, che il vero parmigiano è quello chiamato appunto Parmesan Cheese. La nuova agropirateria telematica è un fenomeno che dovremo attentamente studiare e monitorare. Sono, anche questi, dei nodi da sciogliere per portare queste produzioni dalla tradizione al futuro: è tempo di Matrix, perché le denominazioni non possono essere un fortino all antica, ma devono diventare una corazza, anche digitale ; è il messaggio culturale che vuole lanciare la Fondazione Qualivita. Esplorando la TV Nelle TV nazionali per esempio è importante sottolineare come siamo passati dai soli 45 minuti de La domenica degli agricoltori, trasmissione del 1957, ai circa 330 minuti (5 ore) di tempo dedicate a programmi sull alimentazione e sull ambiente in onda ogni domenica, sulle principali emittenti televisive nazionali pubbliche e private. Settimanalmente siamo a circa 20 ore complessive di TV, che vanno da programmi di servizio vero e proprio come Occhio alla Spesa su Rai Uno, a rubriche sui TG. Di notevole impatto anche i canali monotematici sul satellite come Alice e Gambero Rosso Channel. Importanti anche gli ascolti : quasi Linea Verde Rai Uno, circa Prova del Cuoco ed Occhio alla Spesa di Rai Uno e di Mela Verde su Rete 4. Esplorando la STAMPA Per quanto riguarda il mondo della stampa, il crescente numero delle riviste specializzate è testimonianza di vitalità; c è da sottolineare la maggior frequenza, nelle testate dei più importanti quotidiani nazionali, di rubriche ed inserti dedicati al mondo del cibo. Nelle 70 testate giornalistiche italiane a diffusione nazionale che la Fondazione Qualivita giornalmente esamina per la propria rassegna stampa, sono circa 4500 gli articoli, nei primi 10 mesi del 2010, relativi al Fondazione Qualivita - P.za Matteotti , Siena Tel Fax Mail qualivita.it qualigeo.eu

8 settore agroalimentare di qualità; circa il 25% riguarda direttamente i prodotti DOP IGP STG italiani. Esplorando il WEB 2.0 Il numero totale dei profili presenti su Facebook censiti con una denominazione italiana DOP, IGP sono 109, fra ufficiali ed ufficiosi, con circa fan o amici. Nella Top 10 di Facebook, all interno della quale vengono classificati i prodotti con il maggior numero di contatti sulla pagina del Consorzio, si trovano ai primi posti il Prosciutto di Parma DOP ( contatti), quello di San Daniele DOP (10.547), e il Parmigiano-Reggiano DOP (15.453). Il comparto maggiormente presente è quello dei formaggi (con 34 prodotti), seguito dai prodotti ortofrutticoli (31), dai prodotti a base di carne (24), altro (12) e oli e grassi (8). I profili ufficiali gestiti direttamente dai Consorzi di Tutela sono 30, i restanti 79,invece, sono stati ideati da appassionati o aziende private. Le modalità e gli scopi per cui vengono realizzate pagine o gruppi sono variegate; ne riportiamo alcuni a titolo di esempio: S.o.s. salviamo il Cappero I.G.P. di Pantelleria, Gli amici della Melanzana Rossa di Rotonda, Veneratori dell originale Coppa Piacentina Dop, ecc. La nostra analisi ha interessato anche i motori di ricerca (Google) in quanto mezzo fondamentale per trovare informazioni sul web. La maggior parte degli italiani ricorre a questo strumento per valutare l acquisto di prodotti non fanno eccezione le DOP e le IGP. La rilevanza di questo tipo di ricerca è evidenziata dal fatto che il consumatore viene spesso influenzato dai feedback di altri utenti. Con circa immagini su Flickr, più di contatti su Facebook, un canale personale di Youtube ParmigianoReggianoIT e risultati su Google il Parmigiano-Reggiano DOP si afferma come la denominazione più presente nel mondo WEB 2.0. Nonostante questa Fondazione Qualivita - P.za Matteotti , Siena Tel Fax Mail qualivita.it qualigeo.eu

9 importante presenza in numeri, contatti e pagine, la parola Parmesan Cheese che vanta una numero maggiore diffusione in internet come si evince dalla seguente tabella. Questo problema, che coinvolge anche altre denominazioni di successo, che noi definiamo agropirateria telematica, oltre a contribuire a disorientare il consumatore, penalizza in termini economici le aziende italiane. Non solo parmesan, ma anche parmesao, reggianito, parma ham, cambozola. Sono solo alcuni esempi del fenomeno italian sounding che oramai spopola anche sulla rete. In allegato si riporta una tabella con alcuni dati delle imitazioni più diffuse sul web. Anche le applicazioni per Iphone e Ipad sono un prodotto di divulgazione molto importante per il settore agroalimentare. Grande sviluppo nel 2010 per le applicazioni che riguardano l enogastronomia, guide dei ristoranti e dei vini e mete turistiche che contribuiscono alla promozione delle produzioni italiane, hanno avuto un grande sviluppo; se ne contano in italiano circa 30. Uno dei casi di maggiore successo lo registrano la Guida Ristoranti e la Guida Vini del Gruppo Espresso con rispettivamente e applicazioni scaricate nel /2010. Questo fenomeno ci racconta Enzo Vizzari direttore delle Guide dell Espresso non ha eroso il mercato tradizionale delle guide cartacee perché i due prodotti possono convivere, i fruitori sono diversi e diverse le funzioni d uso. FILE : CS. LA COMUNICAZIOE RAPPORTO 2010 OK Fondazione Qualivita - P.za Matteotti , Siena Tel Fax Mail qualivita.it qualigeo.eu

10 RAPPORTO QUALIVITA 2010 Comunicato Stampa Commenti e valori economici STALLO PER MADE IN ITALY CERTIFICATO Produzione, export e fatturato in leggero calo. Non basta più la sola maestria, occorrono investimenti ed organizzazione Una base produttiva di circa 130 mila aziende; un volume prodotto pari a quasi due milioni di tonnellate; un fatturato al consumo di 10 miliardi di euro; leader mondiale del comparto per numero di produzioni certificate (216, di cui 134 DOP, 80 IGP, 2 STG): con questi numeri il sistema delle produzioni agroalimentari di qualità certificata si presenta al volgere del primo decennio del XXI secolo. Un sistema d eccellenza, una base produttiva ampia, che impiega i talenti e l amore per la terra di centinaia di migliaia di famiglie; prodotti conosciuti in tutto il mondo e struttura portante della Dieta Mediterranea così Mauro Rosati, Direttore della Fondazione Qualivita punto di riferimento europeo delle produzioni certificate- presenta il comparto. Parmigiano Reggiano, Grana Padano, Pecorino Romano per stare ai formaggi- Prosciutto di Parma e San Daniele, Speck dell Alto Adige, Mortadella di Bologna per stare alle carni lavorate- Mela dell Alto Adige e della Val di Non per l ortofrutta- sono tutti alfieri di un agroalimentare di qualità accessibile, per tutti, non intellettualistico protagonista di dissertazioni colte, ma amico delle tavole da imbandire giorno per giorno, sostiene ancora Rosati, non senza un leggero filo di polemica verso certe fughe in avanti, invero un po radicalchic, di alcuni. Tutto rose e fiori, dunque? Il Rapporto 2010 dell Osservatorio Qualivita fornisce, oltre ad una completa e seria fotografia statistica del comparto, alcuni stimoli di riflessione, che focalizzano l attenzione anche su alcune zone d ombra di questo quadro (apparentemente) roseo. La Dolce Vita è finita, è tempo di Matrix s intitola, infatti, il Rapporto, sostenendo la tesi che nello scenario della (nuova)globalizzazione, a fare successo di mercato, sia il valore complessivo dell offerta e non il solo prodotto, per quanto di qualità elevata (e certificata). Una sfida, questa, che richiede un cambiamento culturale importante. Non è più tempo dell improvvisazione quotidiana, dell approccio felliniano al mestiere un po geniale, un po artigianale, comunque molto destrutturato sostiene il professor Alberto Mattiacci, Direttore del CITTA della Sapienza, referente scientifico dell Osservatorio Qualivita- Guardando al quadro complessivo sorge, inesorabile, il sospetto che occorra qualcosa di più della sola maestria di prodotto per fare e dare un futuro di successo a queste produzioni, giusto orgoglio del Made in Italy. Vediamo quali dati alimentano queste perplessità: appena il 12% dei volumi prodotti viene collocato all estero un po poco per degli Alfieri del Made in Italy, chiosa Mattiacci- un investimento in comunicazione che, aggregato, cuba appena 30 milioni di euro - forse occorrerebbe qualche sforzo in più, per costruire nel pubblico la percezione di plusvalore che un prodotto certificato possiede - una canalizzazione, nell aggregato, ancora fortemente FONDAZIONE QUALIVITA - P.za Matteotti , Siena Tel Fax Mail

11 legata al tradizionale e dotata di un debole potere contrattuale verso i partner di filiera conclude Mattiacci. Comparto dei prodotti a base di carne Il ruolo primario di questa categoria di prodotti, nel paniere d offerta delle produzioni agroalimentari certificate, è ormai un dato strutturale e acquisito. I valori generati e movimentati sia nel mercato domestico che all estero sono importanti, la notorietà e rinomanza qualitativa di certe produzioni è elevatissima e diffusa, la presenza distributiva piuttosto sensibile e solida. Purtroppo, però, da qualche anno si assiste a fenomeni di distorsione competitiva che nel potrebbero aver portato ad un calo della quantità prodotta del 4% ( tonnellate), che fino al 2008 risultava in crescita. Questa risulta essere una problematica diffusa tra molte produzioni di eccellenza Prosciutto di Parma DOP (-6%), il Prosciutto di San Daniele DOP (-8%) Speck dell Alto Adige IGP (-12%). Mentre si rileva un trend positivo della Bresaola della Valtellina IGP (+14%) che si riattesta ai livelli del 2007, del Prosciutto Toscano DOP (+7%), Prosciutto di Norcia IGP (+14%). I fatturati - sia alla produzione (1.803 ML di ) che al consumo (3.639 ML ) sono rispettivamente scesi del 1% e in aumento del 3%. Benché molti dei prodotti del comparto siano considerati delle eccellenze italiane, purtroppo il mercato anche quest anno in termini di suddivisione per destinazione, nazionale ed estera è da considerarsi come prettamente interno: solo il 7% dei volumi prodotti viene esportato con un valore che si aggira sui 391 ML di. Nel non hanno produzione certificata Ciauscolo IGP e Crudo di Cuneo DOP in quanto nuove registrazioni. Per il Prosciutto di Carpegna DOP non è stato fornito nessun dato dagli organismi preposti. Formaggi Il comparto dei formaggi riveste sempre, insieme a quello dei prodotti a base di carne, un ruolo fondamentale nel portafoglio delle produzioni certificate, non solo per i valori economici che è in grado di esprimere ma anche per la reputazione e rilevanza nel più generale comparto del Made in Italy. Come già evidenziato nella scorsa edizione, negli ultimi anni si è purtroppo registrato qualche momento di crisi. I dati relativi alle quantità prodotte ( tonnellate) mostrano un trend leggermente decrescente (-2%), frutto del combinarsi di diversi trend specifici: dalla leggera flessione del Grana Padano DOP (-3%), del Parmigiano- Reggiano DOP (-2%) e del Gorgonzola DOP (-2%) all aumento della Mozzarella di Bufala Campana DOP (+6%) e del Montasio DOP (+5%). Le rilevazioni del Rapporto 2010 evidenziano una crescita della forbice tra il fatturato alla produzione (2.910 ML ) e quello al consumo (5.355 ML ). Il comparto dei formaggi appare ancora prevalentemente concentrato sulla commercializzazione domestica che assorbe l 88% della produzione. I valori assoluti dell export rimangono comunque del massimo interesse, dato che si assestano intorno agli 824 ML di. Per l anno gli organismi di riferimento non hanno fornito i dati relativi ai seguenti prodotti: Monte Veronese DOP, Murazzano DOP e Spressa delle Giudicarie DOP. I dati invece non sono disponibili per il Formaggio di Fossa di Sogliano DOP in quanto nuova registrazione. Oli e grassi I dati relativi al mostrano, per il comparto degli oli, una situazione sostanzialmente simile a quella degli anni precedenti: ottimi asset di mercato reputazione e immagine non trasformati in un reale e concreto vantaggio commerciale. La produzione certificata (8.530 tonnellate) ha subito un calo del 10%, dovuto a problemi principalmente climatici. I dati disaggregati palesano come quasi tutti gli oli abbiano avuto un calo produttivo. Scendono particolarmente gli oli Canino DOP, Lucca DOP e Lametia DOP (-50%), Monti Iblei DOP (-44%), Umbria DOP (-32%) e Toscano IGP (-29%). Anche i fatturati alla produzione (64 ML di ) e al consumo (90 ML di ) sono in generale scesi: rispettivamente - 17% e -15%. La propensione all export è molto alta (23% della produzione totale) ma i valori rimangono FONDAZIONE QUALIVITA - P.za Matteotti , Siena Tel Fax Mail

12 ancora bassi, rispetto alle potenzialità: 22 ML di.gli organismi di riferimento non hanno fornito nessun dato per i seguenti oli: Cilento DOP, Colline Salernitane DOP, Dauno DOP, Penisola Sorrentina DOP, Sardegna DOP, Tergeste DOP, Terra d Otranto DOP e Terre Taratine DOP. Ortofrutticoli e cereali Il comparto ortofrutticolo e cerealicolo continua ad essere quello maggiormente mutato in termini di numerosità e varietà delle produzioni certificate. Uno sguardo generale alla composizione del comparto ortofrutticolo evidenzia che anche nel la produzione di mele certificate (anche se con una flessione del 18% per la Mela Val di Non DOP) ha rappresentato, in termini quantitativi, la quota di gran lunga più importante, coprendo da sola la quasi totalità dell intera produzione ortofrutticola certificata DOP e IGP ( tonnellate). Importanti incrementi di volume prodotto hanno interessato la produzione della Clementina di Calabria IGP (+99%). Delle produzioni non in tabella si evidenzia la crescita del Ficodindia dell Etna DOP (+ 670%) e del Riso di Baraggia Biellese e Vercellese DOP (+335%).La forbice tra i due fatturati alla produzione (354 ML ) e al consumo (801 ML ) continua ad essere importante, anche se si assiste ad un calo per entrambi del 5%. Il problema del differenziale dei prezzi tra sell in e sell out è sempre stato - per tutti i comparti, ma particolarmente per il settore ortofrutticolo - evidenziato come problematico dalle associazioni di categoria dei produttori ma anche da quelle dei consumatori, che risentono, a livello di prezzo pagato, di aumenti - secondo alcuni eccessivi - dovuti alla filiera. Per motivi legati sia alla difficoltà di conservazione che a norme igieniche che riguardano l export soprattutto verso i paesi extra europei il mercato dei prodotti ortofrutticoli è prevalentemente interno. Infatti, a non esportare sono più della metà delle produzioni certificate. L export del comparto vale comunque circa 126 ML. Nel non è stata certificata nessuna produzione per la Castagna del Monte Amiata IGP, la Castagna di Valleranno DOP, il Cipollotto Nocerino DOP, le Clementine del Golfo di Taranto IGP, il Marrone di Roccadaspide IGP e la Pera Mantovana IGP. Non hanno certificato produzione perché nuove registrazioni : Aglio Bianco Palesano DOP, Amarene Brusche di Modena IGP, Insalata di Lusia IGP e il Riso del Delta del Po IGP. Non sono stati comunicati i dati relativi alle denominazioni: Arancia del Gargano IGP, Basilico Genovese DOP, Carota dell Altopiano del Fucino IGP, Fagiolo di Lamon della Vallata Bellunese IGP, Fico Bianco del Cilento DOP, Limone di Sorrento IGP, Limone Femminnello del Gargano IGP, Marrone del Mugello IGP, Peperone di Senise IGP e il Radicchio di Chioggia IGP. Altri Produzione Non hanno certificato produzione le seguenti denominazioni : Acciughe Sotto Sale del Mare Ligure IGP, la Tinca Gobba Dorata del Pianalto di Poirino DOP, la Coppia Ferrarese IGP e il Pane di Matera IGP. Gli organismi di riferimento del Miele della Lunigiana DOP, dello Zafferano dell Aquila DOP e del Bergamotto di Reggio Calabria DOP non hanno fornito nessun dato richiesto. I dati, invece, non sono stati disponibili per l Aceto Balsamico di Modena IGP, lo Zafferano di Sardegna DOP, la Pagnotta del Dittaino DOP in quanto questi prodotti sono stati registrati nell anno. FONDAZIONE QUALIVITA - P.za Matteotti , Siena Tel Fax Mail

13 FILE CS. COMMENTI E VALORI ECONOMICI RAPPORTO 2010 OK FONDAZIONE QUALIVITA - P.za Matteotti , Siena Tel Fax Mail

14 Osservatorio Qualivita Sintesi Rapporto 2010 sulle produzioni agroalimentari italiane DOP IGP STG Con il patrocinio di In collaborazione con Associazione Italiana Consorzi Indicazioni Geografiche

15 Le denominazioni registrate in Europa e nel mondo Ripartizione per comparti Ripartizione per Paesi Fonte: Osservatorio Qualivita - Rapporto 2010 Dati aggiornati al Fonte: Osservatorio Qualivita - Rapporto 2010 Dati aggiornati al Numerosità delle denominazioni per classificazione Prodotti Europei ed extra-europei 2010* Var * Prodotti Italiani 2010* Var * DOP DOP IGP IGP STG STG Totale Complessivo Totale Complessivo Fonte: Osservatorio Qualivita - Rapporto 2010 * dati aggiornati al Le denominazioni registrate in Italia Numerosità per classe Classe DOP IGP STG Classe 1.1. Carni fresche Totale Complessivo Classe 1.2. Prodotti a base di carne Classe 1.3. Formaggi Classe 1.4. Altri prodotti di origine animale Classe 1.5. Oli e grassi Classe 1.6. Ortofrutticoli e cereali Classe 1.7. Pesci e molluschi Classe 1.8. Altri prodotti dell allegato I del trattato (spezie, ecc.) Classe 2.4. Prodotti di panetteria, pasticceria, confetteria o biscotteria Classe 3.2. Oli essenziali Totale Complessivo Fonte: Osservatorio Qualivita - Rapporto 2010 * dati aggiornati al Numerosità per regione Regione DOP IGP Totale Complessivo Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia-Romagna Friuli-Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto-Adige Umbria Valle d'aosta 4-4 Veneto Fonte: Osservatorio Qualivita - Rapporto 2010 * dati aggiornati al

16 Analisi Socio-Economica - dati generali e dati per comparto Aziende ** var % tendenza alla Produzione (Ml ) var ,2% al Consumo (Ml ) Produzione (Tonnellate) Volume Export 12% % Export (Ml ) GDO (Main Trader) 43% = 43% 2008 var % var ,8% var % var ,6% var % tendenza = tendenza tendenza = tendenza = tendenza = tendenza 2008 Formaggi var Tendenza Aziende ** % alla Produzione (Ml ) al Consumo (Ml ) Produzione (Tonnellate) % = % % Volume Export 12% 15% -3% Export (Ml ) 2008 Prodotti a base di carne % = GDO (Main Trader) 41% 42% -1% = var Tendenza Aziende ** % = alla Produzione (Ml ) al Consumo (Ml ) Produzione (Tonnellate) % = % % Volume Export 7% 8% -1% Export (Ml ) % GDO (Main Trader) 56% 58% -2% = Oli e grassi 2008 var Tendenza Aziende ** % alla Produzione (Ml ) al Consumo (Ml ) Produzione (Tonnellate) % = % % Volume Export 23% 25% -2% Export (Ml ) Vendita Diretta (Main Trader) % = 40% 39% 1% = 2008 Ortofrutticoli e cereali var Tendenza Aziende ** % = alla Produzione (Ml ) al Consumo (Ml ) Produzione (Tonnellate) % % % Volume Export 10% 12% -2% = Export (Ml ) % = GDO (Main Trader) 47% 51% -4% Fonte: Osservatorio Qualivita - Rapporto 2010 * dati aggiornati al **Per dare una rappresentazione il più possibile veritiera della struttura aziendale di ciascun comparto ed evidenziare nel quadro generale il numero di quanti partecipano a vario titolo alla filiera, la nostra rilevazione esclude che la medesima ragione sociale possa produrre prodotti per denominazioni differenti (ad esempio, un azienda di allevamento che produce carne da macello per vari prodotti a base di carne). Per questa ragione il totale delle aziende DOP può risultare superiore al totale delle aziende agricole e di allevamento rilevate dall Istat.

17 La classifica Qualivita I primi 15 prodotti 15 CLASSIFICATO 1 CLASSIFICATO Taleggio DOP Parmigiano-Reggiano DOP 2 CLASSIFICATO Grana Padano DOP 13 CLASSIFICATO 3 CLASSIFICATO Mela Val di Non DOP Olio Extravergine di Oliva Toscano IGP Pecorino Sardo DOP 4 CLASSIFICATO Pecorino Romano DOP 12 CLASSIFICATO 5 CLASSIFICATO Mozzarella di Bufala Campana DOP Prosciutto di Parma DOP 11 CLASSIFICATO 6 CLASSIFICATO Mela Alto Adige IGP Gorgonzola DOP 10 CLASSIFICATO Bresaola della Valtellina IGP 8 CLASSIFICATO 9 CLASSIFICATO posizione finale in graduatoria Prodotto media delle posizioni nelle singole graduatorie produzione (Ml ) consumo (Ml ) export (Ml ) % Mercato estero % Distribuzione moderna 1 (3) Parmigiano-Reggiano DOP 11, % 66% PR, RE, MO, BO, MN 2 (8) Grana Padano DOP % 60%* BO, FE, FC, PC, RA, RN, BZ, TN, BL, PD, RO, TV, VE, VR, VI, BG, BS, CO, CR, LC, LO, MN, MI, MB, PV, SO, VA, AL, AS, BI, CN, NO, TO, VB, VC 3 (2) Olio Extravergine di Oliva Toscano IGP 14, % 80% AR, FI, GR, LI, LU, MC, PI, PT, PO, SI 4 (5) Pecorino Romano DOP % 62% GR, CA, CI, NU, OG, OT, OR, SS, FR, LT, RI, RM, VT 5 (3) Prosciutto di Parma DOP 15, % 60% PR 6 (4) Gorgonzola DOP 17, % 61% BG, BS, CO, LC, LO, MI, PV, VA, BI, CN, VC, NO, AL 7 (1) Speck dell'alto Adige IGP 17, % 65% BZ 8 (6) Prosciutto di San Daniele DOP 18, * 14% 65% UD Province Mortadella Bologna IGP 20, * 7% 80% Trento e tutte le province di EmiliaRomagna, Lazio, Lombardia, Veneto, Toscana, Piemonte e Marche 10 (11) Bresaola della Valtellina IGP 21, * 46* 12% 65% SO 11 (10) Mela Alto Adige IGP/ Südtiroler Apfel g.g.a. 22,4 150* 221* 99* 45% 40% BZ 12 (n.c.) Mozzarella di Bufala Campana DOP % 47% SA, NA, CE, FG, LT, FR RM 13 (13) Mela Val di Non DOP 28, % 30% TN 13 (12) Pecorino Sardo DOP 28, * 10% 80% CA, CI, NU, OG, OT, OR, SS Taleggio DOP 29, % 52% BG, BS, CO, CR, LC, LO, MI, PV, TV, NO 15 (n.c.) Speck dell Alto Adige IGP Prosciutto di San Daniele DOP Mortadella Bologna IGP 9 (9) 7 CLASSIFICATO Fonte: Osservatorio Qualivita - Rapporto 2010 * Dato stimato Tra parentesi il posizionamento dell anno precedente. La metodologia utilizzata è quella consolidata della messa a punto di graduatorie semplici che sono state realizzate per: fatturato alla produzione, fatturato al consumo, fatturato da export, percentuale di esportazioni (in termini produttivi) e di utilizzo della GDO. Il valore media delle posizioni nelle singole graduatorie si riferisce proprio alla media aritmetica delle posizioni ottenute da ciascun prodotto nelle singole graduatorie. punteggio medio da 46 a 50 punteggio medio da 41 a 45 punteggio medio da 36 a 40 punteggio medio da 31 a 35 punteggio medio da 26 a 30 punteggio medio da 21 a 25 punteggio medio da 16 a 20 punteggio medio da 11 a 15 punteggio medio da 6 a 10 punteggio medio da 1 a 5 Spighe Qualivita

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG)

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) EMAA 13/14 XII / 1 DO e IG protette da cosa? Il Regolamento

Dettagli

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA Bologna, 12 settembre 2008 Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità Denis Pantini Coordinatore di Area Agricoltura e Industria alimentare

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

TENDENZE RECENTI DEL MERCATO DELLE DOP E IGP

TENDENZE RECENTI DEL MERCATO DELLE DOP E IGP TENDENZE RECENTI DEL MERCATO DELLE DOP E IGP Introduzione Il mercato dei prodotti Dop e Igp, pur contrassegnato da luci ed ombre, è in continua crescita negli ultimi anni sia come numero di denominazioni

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie PROGETTO PON SICUREZZA 27-213 Gli investimenti delle mafie SINTESI Progetto I beni sequestrati e confiscati alle organizzazioni criminali nelle regioni dell Obiettivo Convergenza: dalle strategie di investimento

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza AN001 Centro di Ateneo di Documentazione - Polo Villarey - Facoltà

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Mozzarella di Bufala Campana DOP Studio di mercato

Mozzarella di Bufala Campana DOP Studio di mercato Mozzarella di Bufala Campana DOP Studio di mercato edizione 2008 Mozzarella di Bufala Campana DOP Studio di Mercato Il presente studio sul mercato della Mozzarella di Bufala Campana DOP è stato realizzato

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

É tutto pronto... Scopri le nostre confezioni natalizie!

É tutto pronto... Scopri le nostre confezioni natalizie! É tutto pronto... Scopri le nostre confezioni natalizie! Family Trancio di Prosciutto 2 kg Trancio di Pancetta Arrotolata 600 gr Zampone 1 kg Lenticchie 500 gr Trentingrana 500 gr Mortadella 500 gr Pasta

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2014 SUL MERCATO DELLE CASE PER VACANZA 1 AGOSTO 2014 SINTESI PER LA STAMPA

OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2014 SUL MERCATO DELLE CASE PER VACANZA 1 AGOSTO 2014 SINTESI PER LA STAMPA OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2014 SUL MERCATO DELLE CASE PER VACANZA 1 AGOSTO 2014 SINTESI PER LA STAMPA L Osservatorio Nazionale Immobiliare Turistico 2014 di FIMAA-Confcommercio (Federazione

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

QUALITà IN LOMBARDIA: DOP IGP E PRODOTTI DI MONTAGNA

QUALITà IN LOMBARDIA: DOP IGP E PRODOTTI DI MONTAGNA QUALITà IN LOMBARDIA: DOP IGP E PRODOTTI DI MONTAGNA I T A L I A N O EXPO 2015 I marchi DOP e IGP sono marchi di qualità che vengono assegnati dalla Commissione Europea. I requisiti per il riconoscimento

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI PIEMONTE - VALLE D'AOSTA LIGURIA UNIONE COMMERCIO E TURISMO PROVINCIA DI 1 PF1335_PR418_av214_1 SAVONA ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI DELLA 2 PF1085_PR313_av214_1 PROVINCIA DI ALESSANDRIA ASCOM-BRA ASSOCIAZIONE

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Settembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Marche Termine

Dettagli

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Irepa Informa Anno 2 Numero 2 2 Trimestre Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Le dinamiche congiunturali del secondo trimestre Nel secondo trimestre, i principali indicatori congiunturali

Dettagli

L INDICE LA PREMESSA. Testo: Agostino Macrì Disegni: Arianna Buzzi LA PREMESSA 1 AMBIENTE E PRODUZIONI ALIMENTARI 3 LA TRASFORMAZIONE DEGLI ALIMENTI 5

L INDICE LA PREMESSA. Testo: Agostino Macrì Disegni: Arianna Buzzi LA PREMESSA 1 AMBIENTE E PRODUZIONI ALIMENTARI 3 LA TRASFORMAZIONE DEGLI ALIMENTI 5 LA PREMESSA L INDICE LA PREMESSA 1 AMBIENTE E PRODUZIONI ALIMENTARI 3 LA TRASFORMAZIONE DEGLI ALIMENTI 5 INIZIATIVE DELL UNIONE EUROPEA 6 TUTELA DELLE PRODUZIONI ALIMENTARI TRADIZIONALI 7 SITUAZIONE ITALIANA

Dettagli

Protagonista dello sviluppo locale

Protagonista dello sviluppo locale Bic Umbria Protagonista dello sviluppo locale Sviluppo Italia Bic Umbria promuove, accelera e diffonde lo sviluppo produttivo e imprenditoriale nella regione. È controllata da Sviluppo Italia, l Agenzia

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Abruzzo Azienda per il diritto agli studi universitari (Adsu) Viale dell Unità d Italia, 32 66013 Chieti scalo Tel. +39

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Caciocavallo Silano DOP Studio di mercato

Caciocavallo Silano DOP Studio di mercato Caciocavallo Silano DOP Studio di mercato Edizione 2010 con il supporto tecnico-scientifico di Caciocavallo Silano DOP Studio di mercato Il presente studio sul mercato del caciocavallo silano DOP è stato

Dettagli

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION The Italian Think Tank UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION Vision propone un nuovo modello di ranking multi-dimensionale che mette a confronto le università italiane sulla base di cinque parametri

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Guida ai prodotti DOP, IGT, etc. Proposta per la realizzazione di una App

Guida ai prodotti DOP, IGT, etc. Proposta per la realizzazione di una App Guida ai prodotti DOP, IGT, etc Proposta per la realizzazione di una App Introduzione Abbiamo iniziato a ragionare per voi così Abbiamo immaginato una App che possa essere utilizzata come guida nella scelta

Dettagli

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39 Qualità dei servizi internet da postazione fissa - Delibere n. 131/06/CSP, 244/08/CSP e 400/10/CONS Anno riferimento: 2014 Periodo rilevazione dei dati: 2 SEM. X Per. Denominazione incatore Tempo attivazione

Dettagli

Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011

Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011 www.autotrasportionline.com Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011 01/set/2009-30/set/2011 Rispetto a: Sito Visualizzazioni di pagina uniche 30.000 30.000 15.000 15.000 0 0 1

Dettagli

La nuova OCM ortofrutta e la sua applicazione in Italia

La nuova OCM ortofrutta e la sua applicazione in Italia FORUM INTERNAZIONALE DELL AGRICOLTURA E DELL ALIMENTAZIONE POLITICHE EUROPEE SVILUPPO TERRITORIALE MERCATI La nuova OCM ortofrutta e la sua applicazione in Italia Gabriele Canali Working paper n. 4 Luglio

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

APPENDICE A. DATI CLIMATICI

APPENDICE A. DATI CLIMATICI APPENDICE A. DATI CLIMATICI A.1 Temperature esterne invernali di progetto UNI 5364 Torino -8 Reggio Emilia -5 Alessandria -8 Ancona -2 Asti -8 Ascoli Piceno -2 Cuneo -10 Macerata -2 Alta valle cuneese

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

2. Le scuole con elevate percentuali di studenti stranieri

2. Le scuole con elevate percentuali di studenti stranieri 2. Le scuole con elevate percentuali di studenti stranieri 2.1 La concentrazione degli alunni con cittadinanza non italiana in specifiche scuole e nei differenti ordini e gradi scolastici Dall analisi

Dettagli

www.vdgmagazine.it TENDENZE Il turismo sostenibile Pausa-pranzo: è tornata la schiscetta PERSONAGGI Paolo De Castro Iginio Massari Gianfranco Vissani

www.vdgmagazine.it TENDENZE Il turismo sostenibile Pausa-pranzo: è tornata la schiscetta PERSONAGGI Paolo De Castro Iginio Massari Gianfranco Vissani 30024 9 772039 887006 MARZO 2013 - EURO 4,90 www.vdgmagazine.it VDG MAGAZINE VIAGGI DEL GUSTO ANNO 3 N.24 MENSILE Poste Italiane S.p.A. Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004

Dettagli

Le idee di Expo verso la Carta di Milano, Report tavolo tematico 11. La sfida alle indicazioni geografiche. Contributo n 38

Le idee di Expo verso la Carta di Milano, Report tavolo tematico 11. La sfida alle indicazioni geografiche. Contributo n 38 Le idee di Expo verso la Carta di Milano, Report tavolo tematico 11 La sfida alle indicazioni geografiche Contributo n 38 LE IDEE DI EXPO 2015 VERSO LA CARTA DI MILANO Milano, 7 febbraio 2015 TAVOLO N

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi)

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) 1 settimana MENU D Tabella asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) petti di pollo al latte piselli e macedonia di al limone e biscotti risotto giallo involtini di tacchino cavolfiore fresca minestrina di piselli

Dettagli

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante REGOLAMENTO FUI anni termici 2014-2016 Regolamento disciplinante le procedur re concorsuali per l individuazione dei fornitori i di ultima istanza di gass naturale per il periodo 1 ottobre 2014-30 settembre

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

> MANGIARE E BERE IN ITALIA

> MANGIARE E BERE IN ITALIA Percorso 3 > MANGIARE E BERE IN ITALIA Guarda questi piatti della cucina italiana. Secondo te, di quali parti d Italia sono tipici? Ogni regione d Italia ha i suoi piatti tipici. Spesso quando pensiamo

Dettagli

Società Agricola: Emon Agri

Società Agricola: Emon Agri Società Agricola: Emon Agri INTERVISTA AD UN AGRICOLTORE DELLA SOCIETA' AGRICOLA: Sul vostro logo c'è scritto che attuate una coltivazione virtuosa, ci può dire cosa si intende? Ci spiega: Per coltivazione

Dettagli

ogni giorno in prima linea

ogni giorno in prima linea Servizio itosanitario Emilia-Romagna ogni giorno in prima linea proteggere le coltivazioni, le alberature, i parchi e le aree verdi dell'emilia-romagna da organismi nocivi fornire un supporto specialistico

Dettagli

VI Rapporto su enti locali e terzo settore

VI Rapporto su enti locali e terzo settore COORDINAMENTO Michele Mangano VI Rapporto su enti locali e terzo settore A cura di Francesco Montemurro, con la collaborazione di Giulio Mancini IRES Lucia Morosini Roma, marzo 2013 2 Indice 1. PREMESSA...

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

PROVINCIA DI AGRIGENTO

PROVINCIA DI AGRIGENTO PROVINCIA DI AGRIGENTO CEREALI LEGUMINOSE DA GRANELLA OLEAGINOSE FORAGGERE ELENCO COLTURE Rese e prezzi medi (triennio 2009/2011) Prezzo medio /q. Resa media q./ha Prezzo medio ottenuto nell'anno 2012

Dettagli

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE Chiusura editoriale: 16 marzo 2015 Per informazioni: germana.dellepiane@liguriaricerche.it LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 LIGURIA RICERCHE SpA Via XX Settembre,

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

Famiglie e lavoro. Rapporto annuale 2014

Famiglie e lavoro. Rapporto annuale 2014 Famiglie e lavoro Rapporto annuale 2014 Famiglie e lavoro Rapporto annuale 2014 Il presente rapporto è frutto di un lavoro di ricerca dello Staff SSRMdL di Italia Lavoro, coordinato da Maurizio Sorcioni,

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

TEST INGEGNERIA 2014

TEST INGEGNERIA 2014 scienze www.cisiaonline.it TEST INGEGNERIA 2014 Ing. Giuseppe Forte Direttore Tecnico CISIA Roma, 1 ottobre 2014, Assemblea CopI DATI CISIA - MARZO, SETTEMBRE 2014 test erogati al 15 settmebre CARTACEI

Dettagli

GIUSEPPE VADALÀ: ALIMENTI E AMBIENTE, COME GARANTIRNE LA SICUREZZA

GIUSEPPE VADALÀ: ALIMENTI E AMBIENTE, COME GARANTIRNE LA SICUREZZA GIUSEPPE VADALÀ: ALIMENTI E AMBIENTE, COME GARANTIRNE LA SICUREZZA a cura di ANNA MARIA CIUFFA Giuseppe Vadalà, responsabile della Divisione Sicurezza Agroalimentare e Agroambientale del Corpo forestale

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO 18/01/2014 Rapporto morti bianche triennio 2011/12/13

OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO 18/01/2014 Rapporto morti bianche triennio 2011/12/13 OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO 18/01/2014 Rapporto morti bianche triennio 2011/12/13 ANALISI COMPARATIVA DATI 2011-2012-2013 ANALISI DATI AGGREGATI 2011-2012- 2013 ANDAMENTO INFORTUNI NEL QUADRIENNIO

Dettagli

Regioni, province e grandi comuni

Regioni, province e grandi comuni SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 4 Settore Popolazione Tavole di mortalità della popolazione italiana Regioni, province e grandi comuni Anno 2000 Informazioni n. 28-2004

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

CARNE BOVINA Analisi della filiera

CARNE BOVINA Analisi della filiera CARNE BOVINA Analisi della filiera Gennaio 2006 STRUTTURA DELLA FILIERA CARNE Flussi, attività e nodi critici La zootecnia è un settore chiave per l agricoltura italiana VALORE DELLA PRODUZIONE AGRICOLA

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

La tutela della Denominazione d Origine Protetta Parmigiano Reggiano in ambito internazionale: l azione sul campo.

La tutela della Denominazione d Origine Protetta Parmigiano Reggiano in ambito internazionale: l azione sul campo. La tutela della Denominazione d Origine Protetta Parmigiano Reggiano in ambito internazionale: l azione sul campo. Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Progetto di tutela e rafforzamento

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli