Complicanze Vs Fallimenti Nei Casi Protesici Su Pilastri Naturali: Aspetti Biologici E Biomeccanici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Complicanze Vs Fallimenti Nei Casi Protesici Su Pilastri Naturali: Aspetti Biologici E Biomeccanici"

Transcript

1 Complicanze Vs Fallimenti Nei Casi Protesici Su Pilastri Naturali: Aspetti Biologici E Biomeccanici Obiettivi della realazione Definire complicanze e fallimenti in protesi. Identificare i parametri clinici di valutazione. Identificare i fattori di rischio. Valutare l applicabilità dei dati della letteratura nella pratica clinica. E possibile utilizzare il trattamento basato sull evidenza scientifica in protesi? Pjetursson.Lang (2008) Prosthetic treatment planning on the basic of scientific evidence. J.oral Rheab 35: (suppl.i) Non esistono studi controllati randomizzati( RCT) in protesi Per identificare (80%povver- 5% significance level) una differenza clinicamente rilevante al fallimento annuale uno studio a due braccia necessita di:-1060 pazienti follow-up di 5 anni oppure oppure > 500 pazienti follow-up per 10. Il relatore spiega che per identificare una differenza clinicamente significativa fra due terapie avremmo bisogno di uno studio su oltre 1000 pazienti seguiti per 5 anni oppure 500 pazienti seguiti per 10 anni. L' evidenza scientifica piu alta è legata alle revisioni sistematiche della letteratura le quali nella ricerca in protesi fissa hanno dei limiti Limiti e bias delle revisioni sistematiche Innanzitutto per quanto riguarda le revisioni sistematiche ci sono delle delle difficoltà a raccogliere i dati. Sono analisi retrospettive risentono dei criteri di impostazione della revisione stessa Eterogeneità dei dati Studi prospettici VS studi retrospettici Differenze di parametri di valutazione

2 La qualità dei dati Studi osservazionali Follow-up brevi Scarsità di dati individuali La quantità di dati Mancanza di studi RCT Elevati drop out Il relatore continua sottolineando come un altro fattore di confusione sia quello della mancanza di consenso generale sulla definizione di cosa sia un fallimento, un insuccesso, un successo o una complicanza. Sono state prese le definizioni date dal consensus del Zollner, Belser ( 2007 ) Factor influencing survival of reconstructions. Consensus report of working group 2. Clin. Oral. Impl. Res. ( suppl. 3 ) Successo FDP che rimane immodificata e che non ha richiesto alcun intervento durante il periodo di osservazione. Successo riferito al complesso abutment - reconstruction Sopravvivenza FDPche è presente in situ a prescindere dalle condizioni in cui versa. In questo riguardo alla sopravvivenza del complesso abutment - reconstruction Dobbiamo distinguere in sopravvivenza della protesi ( reconstruction )che può essere ancora in situ con o senza modifiche e sopravvivenza del pilastro ( abutment ) Il relatore continua con una analisi dei dati di 5 metanalisi Scurria et al (1998) Creugers et al (1999) Creugers, Kreulen (2003) Tan et al (2004) Pjetursson et al (2007) La sopravvivenza a 5 anni è del 90-92% a 10 anni del 74-75% Il relatore analizza gli studi osservazionali che sono serviti per costruire queste metanalisi. Karlsson ( 1986 ) Lindquist e Karlsson ( 1989 ) Valderaugh (1993 ) Valderaugh e Jokstad ( 1997 )

3 Goodacre ( 2003 ) Walton ( 2003 ) De Baker et. all. (2008 ) Possiamo notare che: Il follow up è molto ampio anni Ci sono varie tipologie di FPDs es. molte sono in oro resina, altre in metallo ceramica Alcuni studi sono realizzati in ambito universitario altri in ambito privato Travate lunghe confrontate con travate brevi e travate con cantilever Il dato cumulativo di questi studi da un range molto ampio: Spravvivenza a 20 anni che va dal 66 al 83 % Il relatore sottolinea coma questo dato così ampio non ci aiuta a capire come funzionano queste protesi nel tempo. Il dato di letteratura più aggiornato deriva dalla revisione sistematica di Pjetursson del 2007 Pjetursson Et Al (2007): Comparison of survival rates of tooth supported fixed dental proteses (FDPs) and implantsupported FDPs and single crowns (SCs). Clin Oral Impl. Res (suppl.3) Successo: FDP convenzionale che rimane immodificata e che non ha richiesto alcun intrevento durante il periodo di osservazione STUDI FOLLOW-UP FDP numbers NUMBERS OF COMPLICATIO NS ESTIMATED SUCCES RATE 5 YEARS Walton years % Libby years % Fayyad al Raffe years % Reichen- Graden years %

4 Total Summary Estimate (95% ci) Polled data ( %) Il successo cumulativo per FDPs convenzionale a 5 anni è del 84,3 % Successo: FPD CANTILEVER CHE RIMANE IMMODIFICATA E CHE NON HA RICHIESTO ALCUN INTERVENTO DURANTE IL PERIODO DI OSSERVAZIONE. STUDI FOLLOW-UP FDP numbers NUNBERS OF COMPLICATION S ESTIMATED SUCCES RATE 5 YEARS Hammerle (2000) 7.4 Years % Decok (1996) % Carlson (1996) % Palmquist (1993) Rudtz- Joerdensen (1990) Reichen- Graden (1989) Total summary estimate (95% ci) n.a % % % ( ) Il successo cumulativo per FDPs con cantilever a 5 anni è del 79,4% Classicamente le complicanze in FDPs sono classificate in: Complicanze biologiche e Tecniche

5 Complicanze biologiche Carie Endodontiche Parodontali Complicanze tecniche Frattura del moncone Perdita di ritenzione Frattura del rivestimento Frattura della struttura Frattura del pilastro ricostruito Il relatore sottolinea come questa classificazione sia molto schematica e spesso vi è sovrapposizione tra cause biologiche e tecniche. Complicanze biologiche Carie Endodontiche Parodontali Analizzando sempre i dati della revisione sistematica di Pjetursson del 2007 Pjetursson Et Al (2007): Comparison of survival rates of tooth supported fixed dental proteses (FDPs) and implantsupported FDPs and single crowns (SCs). Clin Oral Impl. Res (suppl.3) Sopravvivenza FDPs convenzionali a 5 anni 93, 8% Sopravvivenza FDPs convenzionali a 10 anni 89, 2% Le complicanze biologiche erano: Endodontiche nel 6, 1 % Carie nel 4, 8 % Parodontali 0.4% Analizzando invece i dati della revisione sistematica di Pjetursson del 2007 su FDPs con cantilever Sopravvivenza FDPs con cantilever a 5 anni 91, 4% Sopravvivenza FDPs con cantilever a 10 anni 80, 3% Le complicanze biologiche erano: Endodontiche nel 17,9 % Carie nel 4, 7 % Parodontali 0.5%

6 l relatore sottolinea come l' unico dato che si discosti sia quello endodontico per il resto sia FDPs convenzionali che FDPs con cantilever hanno le stesse percentuali di complicanze biologiche.se però questo dato lo affiniamo ulteriormente eliminando due studi. Owall et all Int. J. Prosthod. Carlsson e Yontchev ( 1996 ) J. Oral. Rehabl. Che includono due riabilitazioni cross arch sostenute da due canini in mandibola vediamo come il dato della complicanza endodontica diventa del 5, 4 % molto simile al dato della protesi convenzionale che è del 6,1 %. Analizzarre i dati e fare diagnosi delle varie complicanze presenta quindi delle difficoltà. Il relatore continua analizzando un' altra complicanza biologica: la carie. La diagnosi sia clinica che radigrafica di carie è molto difficile da fare su elementi protesizzati. Le radiografie non migliorano la diagnosi di carie secondaria nel caso di denti con restauri Zoellner et al (2002) secondary caries in crowned teeth: correlation of clinical and radiografic findigs J Prosthetic Dentistry 88:314-9 Il relatore sottolinea un dato di estrema importanza. Con margini protesici aperti o imprecisi l' incidenza di carie è molto più elevata infatti vediamo nella tabella sottostante come su pilastri protesici con corone con margini accettabili vi sia una incidenza di carie secondaria del 24,9 % mentre su pilastri protesici con corone con margini inaccettabili vi sia una incidenza di carie secondaria del 60,6%. Questo dato clinicamente assume un enorme valore e impone al clinico una accurata ricerca dell' adattamento marginale dei manufatti protesici durante la prova delle mesostrutture sia utilizzando materiali tradizionali quali la metallo ceramica ma anche con i nuovi materiali quali l' ossido di zirconio ( zirconia) Zoellner et al (2002) Table VII.correlation of quality of crown margins to number of carius abutment teeth Crown Margins Acceptable Not Acceptable Total

7 Total Caries free Secondary caries N Secondaries caries % 24.9% 60.6% 31% Carie e perdita di ritenzione Carie e perdita di ritenzione sono distinte come complicanze le une tra le cause biologiche l' altra tra le cause meccaniche in realtà sono strettamente collegate tra di loro. Goodacre (2003) int.j.prost: Carie primo caso di fallimento in protesi fissa. Lindquist,Karlsson (1998) int.j.prost: Carieè secondaria alla perdita di ritenzione. Incidenza della carie su pilastri FDPs Valderaugh al % a 5 anni Pjetursson et al % a 5 anni Karlsson % a 5 anni Hammerle et al % a 10 anni Goodacre et al % a 15 anni Libby et al % a 15 anni L' incidenza della carie sui pilastri FDPs è molto variabile e questo dipende dalla selezione del pziente dalla modalità in cui è eseguita la protesi dal progrmma di mantenimento L' incidenza di carie aumenta comunque nel tempo Fallimento FPDs per carie De Bacher % Pjetursson et al % Tan t al % Holm et al % Sundh e Olman %

8 Decock et al % Valderaugh % Il dato cresce sempre nel tempo Featherstone in un lavoro pubblicato on line nel Settembre 2010 analizza ia fattori din rischi per carie in pazienti trattati con FDPs Featherstone D.B. et All. Early view Sept Fattori di rischio per la carie: anamestici Pregressa cariorecettività Nessun controllo per + di 6 mesi Limitata esposizione a fluorazione Spazzolamento meno di una volta a l giorno Riduzione flusso salivare Frequenti spuntini tra i pasti Stili di vita Basso status socio-economico Basso livello educativo Fattori di rischio per carie: clinici Elevati Str. Mutans et Lactobacillus Scarso flusso salivare (< 0,07 ml a minuto) Elevato numero di restauri Elevato indice di placca Recessioni Restauri incongrui ( margini aperti)

9 Protesi fisse Protesi rimovibili Accentuata morfologia dentale Complicanze endodontiche Wu Shemesh, Wesselink (2009) Limitation of previously published systematic reviews evaluating the outcome of endodontic treatment. Int. Endod.J.42:8; La dignosi sovrastima il successo endodontico L'Assenza di radiotrasparenza periapicale è considerate un successo. La radiografia convenzionale non è in grado di diagnosticare correttamente la presenza di lesioni peri-apicali. Spesso estrazioni e ritrattamenti sono esclusi dall analisi dei dati. Elevato drop-out degli studi (>50%) Recentemente di l' introduzione di tecniche quali la CONE BEAM computed tomography ( CBCT ) ha facilitato la diagnosi di lesioni apicali. Diagnosi endodontica radiologica Reit,Hollander (2007) Radiographic evolution of Endodontic Therapy and the influence of observer varation. European Journal of Oral Sciences, 91: Questo studio confronta la diagnosi radiologica di 3 radiologi con 3 endodontisti e si è visto che solo nel 37% dei casi vi era accordo diagnostico di periapice normale tra endodontisti e radiologi 3 Radiologici 3 Endodontisti 199 Canali Trattati

10 Caratteristica Valutata Grado di Accordo Aumento dello spazio parodontale 6% Insufficienza. cura canalare 12% Adeguata cura canalare 25% Presenza di lesione periapicale 27% Area periapicale normale 37% La variabilità di risultti tra gli studi clinici e radiografici, in terapia endodontica, può essere in parte spiegata dalla difficoltà nel definire e utilizzare criteri omogenei di diagnosi radiologica periapicale. La variabilità dei risultati in terapia endodontica è dovuta alla difficoltà della diagnosi periapicale. Cause di fallimento endodontiche: Ikbal et al. (2003) A retrospective analysis of factors associated wich the periapical status of restored endodontically terated teeth Int J Prosth Chugal et al. ( 2007 ) Endodontic treatment outcome: effect of the permanent restoration. Oral Surg Oral Med Oral Pathal Oral Endod 104: Aquilino e Caplan ( 2002)Relationship between crown placement and the survival of endodontically treated teeth. JProsth Dent 87; Lesione periapicale iniziale Qualità dell otturazione scanalare Quantità di tessuto dentale coronale residuo Qualità del perno e/o ricostruzione Qualità del fit della corona

11 In PDFs la complicanza endodontica più frequente è la perdita di vitalità dell elemento pilastro. Jokstad e Mjor ( 96) Pjetursson ( 2007) Tan K. et al ( 2004) Palmquist e Swartz ( 93) Karlsson (86) Bergehnoltz (84) Il relatore si sofferma ad analizzare alcune pubblicazioni riguardanti le complicanze endodontiche in pilastri di FDPs. Una revisione sistematica di Tan del 2004 che indica come L' incidenza a 10 anni della perdita di vitalità di pilastri protesici sia intorno sia del 10%. Tan K. et al ( 2004): Clin Oral Impl Res 15: De Backer et al (2008) evidenzia come: 3 unit FDPs con almeno un pilastro RCT falliscono 3 volte di più rispetto a FDPs con pilastri vitali. Da 17.6% a 39.6%. Aquilino e Caplan ( 2002): Denti trattati endodonticamente senza copertura falliscono 6 volte di più rispetto a denti coperti con corona. Pjetursson et al (2007): Che indica come il trattamento endodontico rappresenti una cospicua fonte di complicanze per la protesi. 5 year rates failure per endo: 6.1%, FDPs 17.9% cantilever FDPs Da cosa dipende allora la scelta di devitalizzare o meno? Dipende dalla scelta della preparazione protesica. Preparazione radicolare Anatomia e posizione dentale Dente sano o rfacimento protesico Il relatore conclude l' analisi delle complicanze endodontiche citando la revisione sistematica di Tan del 2004 Tan K. et al ( 2004): Clin Oral Impl Res 15: che indica come L' incidenza a 10 anni della perdita di vitalità di pilastri protesici sia intorno sia del 10%.e come le fratture radicolari incidano in circa il 2.1 % in pilastri trattati endodonticamente.

12 La raccomandazione è che procedure protesiche, procedure endodontiche e procedure parodontali devono concorrere al controllo dei fattori di rischio. Valutazione parodontale Sondaggio parodontale Registro indici di placca Radiografie endorali Valutazione parodontale Papapanou P.N. et L. (1990 ) Periodontal treatment needs assessed by the use of clinical and radiographic criteria. Comm Dent Oral E pidemiol 18: Il ralatore cita uno studio di Papapanou del 1990 dove si evidenzia che se si individua come limite della soglia del trattamento parodontale 4 mm o più di sondaggio verranno trattati il 98 % dei pazienti e un terzo dei siti in quei pazienti. Se prendiamo come limite della soglia del trattamento 6mm o più tratteramo molti meno pazienti all' incirca il 54%. Complicanze parodontali in protesi Dobbiamo valutare due situazioni Paziente parodontopatico dove valutiamo l' effetto della malattia parodontale sulla protesi. Scarsa compliance Parodontite aggressiva Lulic et al. (2007)Clin Oral Impl Res 18 ( suppl 1 ): Paziente parodontalmente sano dove valutiamo l' effetto del restauro sul tessuto parodontale. Errata esecuzione della terapia o una violazione dell' attacco sovracrestale. Tan K. et al ( 2004): Clin Oral Impl Res 15: Il relatore cita la revisione sistematica della letteratura sulle complicanze parodontali in protesi pubblicata da Pjetursson nel che da come dato di complicanze solo il 0,4%. Questo dato deriva dal fatto che la maggior parte degli studi in protesi escludono i pazienti parodontopatici. Il relatore riferisce come l' unico lavoro pubblicato su pazienti pardontopatici sia quello di Lulic del 2007 che è una metanalisi di 5 studi condotti in Svezia dal gruppo di Lindhe e Nyman che presentano casi limite con protesi sostenuta da pochissimi pilastri e spesso con cantilever molto lunghi. Tali studi, condotti in ambiente universitario con protocolli estremamente controllati, sono stati molto importanti ed hanno dimostrato come pilastri con supporto parodontale estremamente ridotto potessero supportare una FDPs. Lulic et al 2007 Clin Oral Impl 18 ( suppl 1):

13 Di venta però molto difficile applicare questi rigidi protocolli in clinica Il dato sorprendente è che se vengono paragonati i dati della sopravvivenza della protesi a 10 anni. Lulic et al.( 2007 ) FDPs in pazienti parodontopatici e con cantiliver fallimento a 10 anni solo del 3.6% Pjetursson et al. (2004 )FDPs con cantilever in pazienti sani fallimento a10 anni del 18.2%. Tan K. et al ( 2004): FDPs convenzionale in pazienti sani fallimento a10 anni del 10.9 % Secondo il relatore il dato si spiega tenendo conto che i lavori complessi descritti da Lulic condotti in Svezia sono una prova di efficacia ( efficacy ) cioè la capacità di una tecnica di dare un risultato positivo in un ambiente molto controllato. Mentre i lavori di Pjetursson et al riguardano la cosi detta effectivess cioe la capacità di una tecnica di dare effeetti positivi in una popolazione più ampia e meno controllata. Procedure protesiche, procedure endodontiche e procedure chirurgiche parodontali devono concorrere a ottenere un bilanciamento nella gestione della complicanza e nel controllo dei fattori di rischio. Protesi nei pazienti parodontali Risk managment Diagnosi Errata diagnosi es. non distinìguendo tra parodontite aggressiva e parodontite cronica comporta un aumento del ridìschio Livello paziente OR per estrazione Diagnosi iniziale 2.4 Agressiva Vs Cronica Eickholtz et al. ( 2008 ) Tooth loss after active periodontal therapy, I: patiente-related factors for risk, prognosis and quality of autocome.j Clin Periodontal Controllo dell' infezione a Se lasciamo tasche prima della finalizzione aumentiamo il rischio Livello dente OR per estrazione PPD = 5 mm 7.7 PPD= 6 mm 11.0 PPD= 7 mm 64.2

14 Matuliene et al ( 2008) Influence of residual prockets on progression of periodontitis and tooth loss: Result after II years of maintenance. J Clin Periodontal 35:12-19 Anatomia dentale sfavorevole Se non trattiamo le forcazioni aumentiamo il rischio Forcazione OR per estrazione No Forca 1.0 Forcazione 20.0 Forcazione trattata 7.0 Carnevale G. et al. (2007) Long Term effects of supportive therapy in periodontal patient treated with fiber retention osseous resective surgery.iii tooth extrations during active and supportive therapy. J Clin Periodontal 34: Terapia di mantenimento Terapia di supporto regolare porta ad una riduzione delle complicanze Riduzione di carie e di parodontite ricorrente Axelson et al (2004): the long term effect of a plaque control program on tooth mortality caries and periodontal disease in adults.j clinical Periodontology 31: Se non viene fatta una terapia di supporto regolare abbiamo un' alta incidenza di complicanze si passa da un fallimento parodontale su pilastri protesici del 0,4 % q livelli molto più alti come dimostarno questi due lavori Ikai et al. (2010) a rectrospettive study of fixed dental prostheses without regular maintenance. J Prosth Res (early View sept 2010) Fayyad,AL Rafee (1997) Faillure of dental bridges IV: Effect of Supporting periodontal ligament J Oral Rehabil 24: Dott. Paolo Manicone Il Dott. Manicone inizia la sua relazione parlando delle complicanze tecniche Frattura del moncone Perdita di ritenzione Frattura del rivestimento Frattura della struttura Frattura del pilastro ricostruito Complicanze tecniche

15 Il relatore riferendosi alla metanalisi di Pjetursson de 2007 illustra un'altra classificazione delle complicanze tecniche che adotta un criterio strutturale riferito a problemi legati al coinvolgimento singolo o associa to delle tre componenti dell' unità protesica. Pjetursson Et Al (2007): Comparison of survival rates of tooth supported fixed dental proteses (FDP 5) end implant-supported PDP3 and single crowns (SC5). Clin Oral Impl. Res (suppl.3) Classificazione delle complicanze tecniche seguendo un criterio strutturale riguardo le tre componenti dell' unità protesica Pilastro Cemento Restauro Complicanze tecniche Pjetursson et al. (2007) Conventional FDPs A 5 anni sopravvivenza del 93.8 % Frattura del pilastro 1% Perdita di ritenzione 3.3 % Frattura dei materiali 1.6% Conventional FDPs A 10 anni sopravvivenza del 89,2% Cantilever FDPs a 5 anni sopravvivenza del 91,4 % Frattura del pilastro 1.2 % Perdita di ritenzione 8.4 % Frattura dei materiali 3 % Cantilever FDPs a 10 anni sopravvivenza del 80.3 % Il dato significativo è la differenza tra i due gruppi per quanto riguarda la perdita di ritenzione a 5 anni, Conventional FDPs 3.3 % Cantilever FDPs 8.4% Messi a confronto i due gruppi si evidenzia disomogeneità nelle tipologie dei restauri. Oro resina 45 % 54% Metallo ceramica 6% 17% Ceramica integrale 0% Non era specificato il tipo di restauro nel 38% 40% dei casi Fratture radicolari. Fratture coronali. Perdite di ritenzione del perno. Fallimenti del Pilastro protesico

16 1. fratture radicolari verticali Costituiscono la complicanza più difficile da trattare e da affrontare. In base ai dati forniti dagli autori citati i denti devitalizzati che necessitano di estrazione per frattura verticale vanno dall' 8%( Zadik 2008) al 11% (Fuss,1999) Dati secondo il relatore sottostimati per diagnosi incompleta o errata. Fuss Z. Lusting J. Tamse A (1999) Prevalence of vertical root fractures in extracted endodontically treated teeth. Int Endod. J; 33: Zadik Y, Sandler V,Bechor R Salehrabi R. (2008) Analysis of factor related to extraction of endodontically treated teeth: Oral Surg Oral Med Oral Pathal Oral Radiol Endod; 106: 31-5 Complicanze e o fallimenti sono correlate al tipo di elemento dentale coinvolto nella frattura. Una delle cause principali di frattura è dovuta in primis dall' utilizzo perni-endo canalari fusi a causa dell' effetto cuneo. Fattori critici legati al perno che possono determinare l'aumento di incidenza di fratture verticali. Disegno del perno Effetto ferula Carico occlusale Altra causa di frattura verticale può essere iatrogena es. dovuta a compattazione della guttaperca durante procedure endodontiche. Nel caso in esame il relatore sottolinea come vi sia stato fallimento del restauro protesico precedente a causa della frattura verticale ma si sia potuto recuperare il pilastro protesico pluriradicolato con una rizectomia. 2. Fratture coronali Dente vitale Dente non vitale Evento traumatico Distacco struttura dentale residua Distacco materiale da restauro Effetto combinato Fattori critici per le fratture coronali Presenza o assenza effetto ferula Estensione della frattura Quantità di struttura dentale residua

17 3 Perdita ritenzione del perno in assenza di frattura radicolare Fattori critici per perdita ritenzione del perno Disegno del perno Cementazione inadeguata Carie secondarie Mancanza di Effetto ferula Carico occlusale La complicanza può essere reversibile con possibiltà di mantenere il pilastro o irreversibile con perdita del pilastro protesico. il relatore sottolinea come la gestione della complicanza è correlata al grado di coinvolgimento del pilastro protesico. Cemento Perdita di ritenzione Questa complicanza interessa l' interfaccia del cemento nei suoi aspetti microstrutturali e biomeccanici. La revisione sistematica della letteratura fatta da Edehoff nel 2007 su 125 articoli aveva lo Scopo di definire l impatto del tipo di cemento e delle modalità di cementazione sulla longevità di differenti tipi di FPDs. Edehoff D. et al (2007) Clin Oral Impl Res.2007;18(suppl.3) : Molto importanti per l' asdesione risultavano Le Caratteristiche del restauro Le Proprietà dei cementi Alcune Covariabili cliniche quali il tipo di preparazione, il materiali del buildig up, le condizioni del campo operatorio. Il relatore continua analizzando gli aspetti microstrutturali e biomeccanici che coinvolgono l' adesione del cemento e individuando i fattori critici che la caratterizzano. Fattori critici Aspetti microstrutturali dell' adesione Uniformità dell interfaccia Riduzione della concentrazione degli stress meccanici Controllo dei fattori esterni sull integrità della interfaccia

18 Eick JD. Johnson LN. Fromer JR. Neuman AW (1972). Surface topografhy: its Influence on wetting and adhesion in a dental adhesive system. J Dent Res ; 51: Aspetti biomeccanici dell' adesione Fattori critici Ritenzione micromeccanica La forma di resistenza ( capacità del clinico ) I quali hanno un effetto sulla distribuzione degli stress a livello dell' interfaccia del cemento Wiskott HW. (1999) Compressive and tensile zones in the cement interface of full crown : A tecnical note on the concept of resistance J Prosthodont;8:80-91 I restauri di tipo adesivo sono il gruppo tra le varie soluzioni protesiche di cementazione che hanno la più alta incidenza di decementazione come complicanza o fallimento. Sailer 2007 La distribuzione dei carichi è determinante infatti nei settori posteriori vi è un amento della decementazione di circa dell' 8%. rispetto ai settori anteriori dove i carichi occlusali sono minori Perdita della ritenzione: Cause Fit marginale impreciso Dissoluzione del cemento Preparazione inadeguata Mobilità del pilastro Covariabili cliniche Occlusione Design preparazione Controllo umidità Materiale build up Struttura dentale residua Ruvidità superficie Posizione margine Posizione dentale E possibile conoscere il processo sequenziale degli eventi per classificare le complicanze e i fallimenti? Si: se possiamo controllare la situazione clinica iniziale No: se il contributo è multifratturale e l evento si è gia verificato.

19 Effetto combinato della perdita della ritenzione. Cause biomeccaniche: frattura e mobilita del pilastro. Cause biologiche: preparazione inadeguata e/o carie secondaria. Cause merceologica: dissoluzione del cemento,fit marginale impreciso. Selezione dei materiali Aspetti biomeccanici Fallimento meccanico Complicanze del Restauto Selezione del materiale Fattori investigati negli studi clinici Tipologia dei materiali Condizioni occlusali Posizione del restauro Design protesico Fattori responsabili fallimento biomeccanico Studi in vitro Proprietà dei materiali Condizioni di carico Limiti strutturali Design protesico Natura multifattoriale della performance protesica Non esiste un singolo test che possa predire che un restauro possa avere un tempo di durata ne un tempo di fallimento. Il relatore continua analizzando una metanalisi dl 2007 Anusavice KJ, Kakar K, Ferree N. (2007) Which mechanical and phisical testing methods are relevant for precicting the clinical performance of ceramic-based dental prostheses? Clin. Oral.Impl.Res 18(Suppl.3), Revisione sistematica su 193 studi clinici di cui ne individua 13 il cui scopo è determinare le relazioni potenziali tra dati biomeccanici ottenuti in vitro e performance clinica di FDPs ceramizzate. Fallimento meccanico crack chipping Fallimento adesione Frattura strutturale Frattura interfaccia

20 Conclusioni Non esiste alcun test in vitro eseguito singolarmente che possa predire la performance clinica di questi restauri. Questo implica la natura probablistica del fallimento clinico di protesi in metallo ceramica o in ceramica integrale a causa della variabilità dei parametri clinici e della necessità di metodi standardizzati di valutazione. Relazione tra successo e complicanze I fattori responsabili delle complicanze sono di due tipi: Legati alle procedure cliniche Legati alle procedure realizzative Materiali Design protesici Effetti del processo termico Porosità Parametri clinici Adesione ritenzione Fattori critici Esperienza sull operatore Protocolli di lavorazione Profilo di rischio del paziente ( compliance, cariorecettività) Dobbiamo inserire anche il concetto di Covariabilità : che riguarda i parametri da considerare negli studi inclusi nelle metanalisi, pooled data. Ad easempio nella metallo ceramica abbiamo fattori legati: All' operatore: progetto protesico, preparazione pilastri Alle procedure di laboratorio, progetto sulla struttura metallica, Interfaccia ceramicametallo Cause tecniche: Delaminazione del rivestimento ceramico Mancata compensazione stress da contrazione Microfratture intrinseche Framework inadeguato Vuoti nella ceramica

21 Cause cliniche : Traumi Parafunzioni non compensate Preparazione inadeguata Occlusione instabile Ozcam M. (2003) Fracture reasons in ceramic-fused-to-metal restorations. J Oral Rehabil: 30:265-9 Zirconia Per le complicanze con FDPs in zirconia si ha un con follow-up medio da 5-7 anni: Chipping 10-15% Delaminazione Frattura frameork 3% Sono le complicanze che si riscontrano più frequentemente utilizzando la zirconia. come mesostruttura per FPDs Sono follow up molto bassi a circa 36 mesi Variabilità delle soluzioni protesiche ( corone singole, ponti a 3 o 5 unità) Ozkur R ( 2010) J. Prostodont; 19: Al Arnleh B. J. Ora.l Rheabil; 37: Metallo ceramica vs All ceramica FDPs Il dott Landi conclude sottolineando come molti fattori concorrano per determinare la longevità di un restauro Fattori legati al paziente: suscettibilità individuale e compliance Fattori clinico operativi: abilità del clinico e criteri di scelta Fattori tecnico realizzativi: abilità del tecnico e scelta dei materiali Di grande importanza rimane il valore strategico nella scelta del clinico. Conclusioni La complicanza aumenta il rischio del fallimento La Progressione di complicanze e fallimenti non segue un modello lineare L interpretazione dei dati della letteratura deve essere confrontata con l esperienza clinica attuale in relazione alla selezione di materiali. A causa della complessività delle variabili da controllare e della difficoltà a seguire gli studi clinici randomizzati protesici, nella terapia protesica, i dati della letteratura possono dare degli orientamenti terapeutici generali non danno quindi certezza sull esito del restauro.

Shih-Hao Huang, DDS, MS, PhD, From the *Department of Dentistry, School of Dentistry, National Yang-Ming University, Taipei, Taiwan;

Shih-Hao Huang, DDS, MS, PhD, From the *Department of Dentistry, School of Dentistry, National Yang-Ming University, Taipei, Taiwan; L effetto dell uso della diga di gomma sul tasso di sopravvivenza dei denti che ricevono il primo trattamento canalare: studio basato sull intera popolazione nazionale Po-Yen Lin, DDS, MS, MPH,* Yang Chi,

Dettagli

Dott. Mauro Rota Medico Chirurgo Iscritto all Albo dei Medici e Chirurghi

Dott. Mauro Rota Medico Chirurgo Iscritto all Albo dei Medici e Chirurghi Dott. Mauro Rota Medico Chirurgo Iscritto all Albo dei Medici e Chirurghi STUDIO MEDICO DENTISTICO ROTA - Ripa - 20800 - BASIGLIO (MI) Tel: 02 90753222 Fax: 02 90753222 E-mail:maurorota2002@libero.it P.IVA

Dettagli

Bringing innovation back Una soluzione completa per il settore posteriore

Bringing innovation back Una soluzione completa per il settore posteriore Bringing innovation back Una soluzione completa per il settore posteriore Progettati per l efficienza Alveoli estrattivi grandi, accessibilità limitata, difficoltà di rimozione del cemento in eccesso ed

Dettagli

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI CONSERVAZIONE DEL DENTE CON STRAUMANN EMDOGAIN Dal 5 al 15 % della popolazione soffre di gravi forme di parodontite, che possono portare alla caduta dei

Dettagli

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A.

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A. Alessandro Acocella comunque ci sono solo studi con un follow-up follow up non ancora elevato e comunque i casi vanno accuratamente selezionati evitando parafunzioni e ricordando che gli impianti corti

Dettagli

LA MIGLIORE PERFORMANCE IN T UTTE LE CIRCOSTANZE

LA MIGLIORE PERFORMANCE IN T UTTE LE CIRCOSTANZE LA MIGLIORE PERFORMANCE IN T UTTE LE CIRCOSTANZE ProTaper Universal è la nuova versione di strumenti endodontici NiTi più famosi nel mondo + Più facile una sola sequenza operativa per ogni tipo di canale

Dettagli

Le linee guida evidence based

Le linee guida evidence based Le linee guida evidence based Linee guida: definizione Raccomandazioni di comportamento clinico, prodotte attraverso un processo sistematico, allo scopo di assistere medici e pazienti nel decidere quali

Dettagli

La risoluzione di uno dei più comuni incidenti in Endodonzia: la frattura di uno strumento

La risoluzione di uno dei più comuni incidenti in Endodonzia: la frattura di uno strumento L INFORMATORE ENDODONTICO Estratto dal Vol. 8 n 4, 2005 La risoluzione di uno dei più comuni incidenti in Endodonzia: la frattura di uno strumento STEVEN J. COHEN, DDS GARY D. GLASSMANN, DDS RICHARD E.

Dettagli

Dall impronta convenzionale all impronta ottica digitale

Dall impronta convenzionale all impronta ottica digitale Dall impronta convenzionale all impronta ottica digitale Evoluzioni tecniche del linguaggio nel ripristino protesico del cavo orale Autori_R. Pascetta* & R. Scaringi**, Italia *Odontotecnico in Chieti;

Dettagli

Un legame stabile. Oliver Brix. Oliver Brix - Eris for E2 - Special Edition

Un legame stabile. Oliver Brix. Oliver Brix - Eris for E2 - Special Edition Oliver Brix Un legame stabile file:///c /infodental.it/articoli/oliver%20brix/art1/art1.html (1 of 17)28/07/2006 16.11.35 Dal 1998 esiste il sistema di ceramica a termopressione IPS Empress 2 per la realizzazione

Dettagli

Corsi p e r O d o n t o i a t r i

Corsi p e r O d o n t o i a t r i corsi accreditati ECM Corsi p e r O d o n t o i a t r i 2015 20 marzo Approccio Razionale alla Terapia Implantare dalla pianificazione del caso alla realizzazione protesica 22 maggio Rialzo del Pavimento

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE La bocca o cavità orale (Fig. 1) è il primo tratto dell apparato digerente. È un organo cavo, di forma ovoide

Dettagli

PRESTAZIONI ODONTOIATRICHE FORMA DIRETTA CERTIFICATO DEFINITIVO PRESTAZIONI ODONTOIATRICHE

PRESTAZIONI ODONTOIATRICHE FORMA DIRETTA CERTIFICATO DEFINITIVO PRESTAZIONI ODONTOIATRICHE Allegato 5 FONDO ASSISTENZA SANITARIA DIRIGENTI AZIENDE FASDAC COMMERCIALI Via Eleonora Duse, 14/16-00197 Roma PRESTAZIONI ODONTOIATRICHE FORMA DIRETTA Spazio per l etichetta con il codice a barre (a cura

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Le professioni nello studio medico dentistico

Le professioni nello studio medico dentistico Le professioni nello studio medico dentistico L assistente dentale AFC L assistente di profilassi La segretaria odontoiatrica L igienista dentale SSS L assistente dentale AFC Requisiti Buona formazione

Dettagli

Un offerta di materiali e una gamma di applicazioni di prim ordine. Straumann CARES CADCAM

Un offerta di materiali e una gamma di applicazioni di prim ordine. Straumann CARES CADCAM Un offerta di materiali e una gamma di applicazioni di prim ordine Straumann CARES CADCAM INDICE Offerta di materiali di prim ordine 2 Panoramica applicazioni 6 Caratteristiche e vantaggi Resina nanoceramica

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

in:joy Qualità eccellente, se la rana è presente. in:joy: il nuovo composito per rivestimento estetico.

in:joy Qualità eccellente, se la rana è presente. in:joy: il nuovo composito per rivestimento estetico. Qualità eccellente, se la rana è presente. in:joy: il nuovo composito per rivestimento estetico. è un nuovo composito fotopolimerizzabile per rivestimenti estetici di alta qualità. E adatto per la polimerizzazione

Dettagli

La semplicità è la vera innovazione

La semplicità è la vera innovazione La semplicità è la vera innovazione Vi siete mai sentiti frustrati dalla complessità di certe cose? Un unico strumento NiTi per il trattamento canalare utilizzabile nella maggior parte dei casi Efficacia

Dettagli

Oggi l odontoiatra si confronta con pazienti informati

Oggi l odontoiatra si confronta con pazienti informati Protesi removibile ancorata su barra con utilizzo di attacchi calcinabili micro Introduzione Carlo Borromeo Oggi l odontoiatra si confronta con pazienti informati che sempre più spesso arrivano con richieste

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

Milano 2015. RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA.indd 1. Giovedì, Giovedì, RIPARLIAMO DI. Milano 2015

Milano 2015. RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA.indd 1. Giovedì, Giovedì, RIPARLIAMO DI. Milano 2015 Giovedì, Giovedì, RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA 26 marzo - 16 aprile - 7 maggio 18 giugno - 9 luglio - 24 settembre 8 ottobre - 19 novembre Relatori Dr. Alessandro Ceccherini,

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE 1 GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE Ing. Enrico Perfler Eudax s.r.l. Milano, 23 Gennaio 2014 Indice 2 Il concetto di rischio nei dispositivi medici

Dettagli

La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza

La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza Fiammengo P., Coscia A., De Donno V., Tulisso S., Maula S., Bianco M., Dall Aglio M., Farinasso D., Alessi D., Foco L., Costa L. Mentre la

Dettagli

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati Raffaella Michieli 1, Antonella Toselli 2 1 Responsabile Area Salute Donna SIMG; 2 Area Osteomioarticolare SIMG Focus on Terapia a lungo termine con i bisfosfonati L osteoporosi è un difetto sistemico

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate STUDI DI FASE III Sperimentazioni Cliniche Controllate (Controlled Clinical Trials, Randomized C.T.s ) SCOPO: Valutazione dell efficacia del trattamento sperimentale EFFICACIA: Miglioramento della prognosi

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011 PROGRAMMA DEL CORSO: L'OCCHIO VEDE CIO' CHE L'OCCHIO CONOSCE: DAL NORMALE AL PATOLOGICO NELL'APPARATO LOCOMOTORE - APPLICAZIONE CLINICA DELLA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DOCENTE : Dott. Nicola Gandolfo RESPONSABILE

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Microchirurgia apicale Parte I: Preparazione del paziente. Incisione e sollevamento atraumatico del lembo

Microchirurgia apicale Parte I: Preparazione del paziente. Incisione e sollevamento atraumatico del lembo L INFORMATORE ENDODONTICO Estratto dal Vol. 2 n 4, 1998 Microchirurgia apicale Parte I: Preparazione del paziente. Incisione e sollevamento atraumatico del lembo JOHN J. STROPKO, DDS IL TRIDENTE EDIZIONI

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

VITA ENAMIC. Corone su impianti Istruzioni di impiego. VITA shade, VITA made. VITA Farbkommunikation. VITA Farbkommunikation. VITA Presa del colore

VITA ENAMIC. Corone su impianti Istruzioni di impiego. VITA shade, VITA made. VITA Farbkommunikation. VITA Farbkommunikation. VITA Presa del colore VITA ENAMIC Corone su impianti Istruzioni di impiego VITA Farbkommunikation VITA Farbkommunikation VITA Presa del colore VITA Comunicazione del colore VITA Riproduzione del colore VITA Controllo del colore

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I)

ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I) ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I) ESEMPIO 1 (continua): La costruzione del modello di Cox viene effettuata tramite un unico comando. Poiché il modello contiene una covariata categoriale

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

Maggiore libertà, maggior controllo

Maggiore libertà, maggior controllo Maggiore libertà, maggior controllo Semplicità in implantologia con stabilità, resistenza e velocità Il nostro desiderio in Neoss è sempre stato di offrire ai professionisti del settore dentale una soluzione

Dettagli

14. Controlli non distruttivi

14. Controlli non distruttivi 14.1. Generalità 14. Controlli non distruttivi La moderna progettazione meccanica, basata sempre più sull uso di accurati codici di calcolo e su una accurata conoscenza delle caratteristiche del materiale

Dettagli

Technical Bulletin. Vertise Flow. Compositi / Vertise Flow. Your practice is our inspiration. L evoluzione della Tecnologia Adesiva

Technical Bulletin. Vertise Flow. Compositi / Vertise Flow. Your practice is our inspiration. L evoluzione della Tecnologia Adesiva Bullettin_Vertise_ITA 2.3.21 6:55 Pagina 1 Compositi / Vertise Technical Bulletin L evoluzione della Tecnologia Adesiva 195s Buonocore scopre che è possible ottenere con successo l adesione sullo smalto

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Tecnica chirurgica. Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli.

Tecnica chirurgica. Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli. Tecnica chirurgica Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli. Sommario Indicazioni e controindicazioni 3 Impianti 4 Strumenti 4 Piano

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

Nuovi concetti nelle meccaniche del trattamento ortodontico secondo McLaughlin-Bennet-Trevisi

Nuovi concetti nelle meccaniche del trattamento ortodontico secondo McLaughlin-Bennet-Trevisi In english please En español, por favor Original Article Published on 09-10-98 Nuovi concetti nelle meccaniche del trattamento ortodontico secondo McLaughlin-Bennet-Trevisi Arturo Fortini MD, DDS Massimo

Dettagli

Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli.

Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli. Università degli Studi di Verona Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli. M.Ventola, M.Magnani, L.Pecoraro, B.Ficial, E. Bonafiglia,

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Color Coding System* TipT B ipbook ook Italiano

Color Coding System* TipT B ipbook ook Italiano Color Coding System * Tip TipBook Book Italiano 2 acteongroup.com Introduzione Satelec produce generatori di ultrasuoni da più di 40 anni ed ha sviluppato il primo generatore piezoelettrico per il mercato

Dettagli

Analogic transfer system comunication & aesthetic digital smile design (ADSD)

Analogic transfer system comunication & aesthetic digital smile design (ADSD) Analogic transfer system comunication & aesthetic digital smile design (ADSD) Autore_Valerio Bini, Italia Fig. 1_Smile designer e face aesthetic medical team. _Introduzione È oggi possibile stare al passo

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di L ecografia delle anche: una review Giuseppe Atti Centro Marino Ortolani per la diagnosi e la terapia precoce della Lussazione Congenita delle Anche Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara email:

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Università degli studi di Modena e Reggio Emilia I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Domati F., Maffei S., Kaleci S., Di Gregorio C., Pedroni M., Roncucci

Dettagli

LINEE GUIDA NAZIONALI PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE ORALE E LA PREVENZIONE DELLE PATOLOGIE ORALI IN ETA ADULTA.

LINEE GUIDA NAZIONALI PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE ORALE E LA PREVENZIONE DELLE PATOLOGIE ORALI IN ETA ADULTA. MINISTERO DELLA SALUTE LINEE GUIDA NAZIONALI PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE ORALE E LA PREVENZIONE DELLE PATOLOGIE ORALI IN ETA ADULTA. DICEMBRE 2009 Linee guida nazionali per la promozione della salute

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

PARASSITOSI CAUSATA DA UN INSETTO. che si nutre di sangue, il Pediculus humanus capitis, comunemente chiamato. pidocchio

PARASSITOSI CAUSATA DA UN INSETTO. che si nutre di sangue, il Pediculus humanus capitis, comunemente chiamato. pidocchio PEDICULOSI DEL CAPO PARASSITOSI CAUSATA DA UN INSETTO che si nutre di sangue, il Pediculus humanus capitis, comunemente chiamato pidocchio IL PIDOCCHIO è importante sapere che Non è vettore di malattie

Dettagli

Edema maculare diabetico e trattamento laser

Edema maculare diabetico e trattamento laser Edema maculare diabetico e trattamento laser Diabetic macular edema and laser treatment Del Re A, Frattolillo A Centro Oculistico Del Re - Salerno Dr. Annibale Del Re e Dr. A. Frattolillo 18 RIASSUNTO

Dettagli

Placca a maglia LCP ad angolo variabile 2.4/2.7. Parte del sistema LCP ad angolo variabile per avampiede/ mesopiede 2.4/2.7.

Placca a maglia LCP ad angolo variabile 2.4/2.7. Parte del sistema LCP ad angolo variabile per avampiede/ mesopiede 2.4/2.7. Placca a maglia LCP ad angolo variabile 2.4/2.7. Parte del sistema LCP ad angolo variabile per avampiede/ mesopiede 2.4/2.7. Tecnica chirurgica La pubblicazione non è prevista per la distribuzione negli

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A.

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A. 22 IL CONTROLLO DELLA QUALITA DEL CALCESTRUZZO IN OPERA S e i risultati del controllo di accettazione dovessero non soddisfare una delle disuguaglianze definite dal tipo di controllo prescelto (A o B)

Dettagli

Ore lezione, tirocinio, ricerca OS401 BAS1A-BIO

Ore lezione, tirocinio, ricerca OS401 BAS1A-BIO modulo & componenti ANNO 1 - LIVELLO 4 - YEAR 1BSc Scienze di base/mediche 1A: BIOSCIENZE Codice OS401 BAS1A-BIO Ore lezione, tirocinio, ricerca Ore di apprendimento Crediti UK 164 300 30 15 Crediti ECTS

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI IL POSIZIONAMENTO DEI BRACKET NELL UTILIZZO DELL APPARECCHIATURA PRE-INFORMATA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI IL POSIZIONAMENTO DEI BRACKET NELL UTILIZZO DELL APPARECCHIATURA PRE-INFORMATA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN ORTOGNATODONZIA Direttore: Prof. Vincenzo Piras IL POSIZIONAMENTO DEI BRACKET NELL UTILIZZO DELL APPARECCHIATURA

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY

EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY THE FUTURE IS CLOSER Il primo motore di tutte le nostre attività è la piena consapevolezza che il colore è

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals II Parte Verifica delle ipotesi (a) Agostino Accardo (accardo@units.it) Master in Ingegneria Clinica LM in Neuroscienze 2013-2014 e segg.

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

informazioni paziente it Che cos'è un trattamento ortodontico? Informazioni per il paziente che lo inizia

informazioni paziente it Che cos'è un trattamento ortodontico? Informazioni per il paziente che lo inizia informazioni paziente it Che cos'è un trattamento ortodontico? Informazioni per il paziente che lo inizia Buon giorno, prima di affrontare un trattamento ortodontico, desideriamo darle alcune informazioni

Dettagli