Infezioni del feto e del neonato: uso e significato degli esami microbiologici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Infezioni del feto e del neonato: uso e significato degli esami microbiologici"

Transcript

1 Infezioni del feto e del neonato: uso e significato degli esami microbiologici A.C.O. SAN FILIPPO NERI DIPARTIMENTOMEDICINA DI LABORATORIO U.O.C. MICROBIOLOGIA E VIROLOGIA

2 A,come Adenovirus (enterici) Agenti: Mastadenovirus (Adenoviridae); DNA virus; >40 sierotipi Perché cercare Gli Adenovirus sono frequenti agenti di infezioni respiratorie, ma anche di diarree in età pediatrica Possono causare epidemie nosocomiali Quando cercare Negli episodi di diarrea acquosa In caso di outbreak di diarrea in reparto Nell ambito di un programma di controllo sistematico dei neonati Cosa cercare (Ag o Ab) Gli antigeni virali (test rapidi); soprattutto per i sottotipi A e F Gli acidi nucleici virali (PCR) Dove cercare Direttamente nel materiale fecale

3 A,come Adenovirus (enterici) Agenti: Mastadenovirus (Adenoviridae); DNA virus; >40 sierotipi Cosa vuol dire un esame positivo Infezione da parte di ceppi enterici Eliminazione fecale di ceppi non enterici Ha senso cercare? In funzione della epidemiologia di reparto/ospedale Cosa vuol dire un esame negativo Assenza di infezione E poi? Terapie di supporto N.B.: possibilità di diffusione nosocomiale

4 B,come B gr. β-emol. streptococchi il batterio (cocco Gram +) S.agalactiae Perché cercare Perché è associato a sepsi, polmoniti e meningiti neonatali Quando cercare Se la madre è risultata positiva all esame colturale durante la gravidanza (fino a 50% di carriers!) Nell ambito di un programma di controllo sistematico dei neonati Cosa cercare (Ag o Ab) Direttamente il batterio, mediante esame colturale Dove cercare Tampone faringeo Feci tampone rettale Tampone auricolare Tampone nasale

5 B,come B gr. β-emol. streptococchi il batterio (cocco Gram +) S.agalactiae Se l esame è positivo: Il neonato è colonizzato, in una o più sedi; non necessariamente è malato (0.5-1% dei neonati colonizzati sviluppa malattie) Ha senso cercare? Sì, considerato il livello di rischio (gravità delle malattie associate; diffusione del microrganismo) Se l esame è negativo: Il neonato non è stato colonizzato e, quindi, non presenta rischi specifici E poi? Trattamento antibiotico Ripetizioni degli esami colturali

6 C,come Candida Il fungo unicellulare (lievito) Candida albicans; altre specie del genere Candida Perché cercare Perché i miceti del genere Candida, in particolare C.albicans, sono temibili opportunisti associati a infezioni localizzate e sistemiche Quando cercare Se la madre è risultata positiva all esame colturale durante la gravidanza Nell ambito di un programma di controllo sistematico dei neonati (specialmente i nati pre-termine) Cosa cercare (Ag o Ab) Direttamente il microrganismo mediante esame colturale Ag (glucomannani) della parete fungina Dove cercare Sangue Dispositivi vascolari Urine Tamponi faringeo, oculare, auricolare

7 C,come Candida Il fungo unicellulare (lievito) Candida albicans; altre specie del genere Candida Se l esame è positivo: Siti sterili (sangue, devices vascolari), urine: probabile infezione sistemica Altri materiali biologici (tamponi auricolare, faringeo, ad es.): infezioni localizzate Ha senso cercare? Sì, considerato il livello di rischio N.B.: possibilità di diffusione nosocomiale Se l esame è negativo: Probabile assenza di infezione micetica N.B.: Candida è normalmente ricercata nei materiali materiali biologici critici indipendentemente dal quesito diagnostico o dalla richiesta del reparto E poi? Trattamento Ripetizioni degli esami colturali

8 C,come Perché cercare Perché è associata a due patologie rilevanti trasmesse durante il parto (congiuntivite da inclusi; polmonite interstiziale) Quando cercare Se la madre è risultata positiva durante la gravidanza Chlamydia il batterio intracellulare Chlamydia trachomatis Cosa cercare (Ag o Ab) Direttamente il DNA batterico (mediante P.C.R. o altra metodica biomolecolare) Dove cercare Tampone oculare Tracheospirato

9 C,come Cosa vuol dire un esame positivo Il microrganismo è presente nel sito di prelievo Probabile infezione attiva Ha senso cercare? In modo mirato, tra i neonati a rischio di esposizione Chlamydia Cosa vuol dire un esame negativo Il microrganismo non è stato trasmesso E poi? il batterio intracellulare Chlamydia trachomatis Trattamento antibiotico

10 C,come Citomegalovirus il beta herpes virus CMV (Herpesviridae); DNA virus Perché cercare Perché è responsabile della più frequente infezione congenita (1% dei nati vivi) CMV è multitarget; le patologie associate riguardano numerosi organi e tessuti (es., sindrome da inclusioni citomegaliche) Quando cercare Quando c è il sospetto di una infezione primaria o riattivazione verificatasi in gravidanza specialmente prima della 25 settimana Cosa cercare (Ag o Ab) Nella madre: sieroconversione IgG con o senza presenza di IgM; antigenuria; CMV DNA (PCR) Nel liquido amniotico: CMV DNA (PCR) Nel neonato: CMV IgM; CMV DNA (PCR) Dove cercare Sangue (Ig) Liquido amniotico, urine, tampone faringeo, liquor (PCR)

11 C,come Citomegalovirus il beta herpes virus CMV (Herpesviridae); DNA virus Cosa vuol dire un esame positivo Si è verificata la trasmissione materno-fetale del virus Infezione attiva; DANNI??? N.B.: 10% dei neonati infettati non manifesta segni alla nascita, ma manifesta sequele neurologiche nei mesi/anni seguenti Ha senso cercare? Sulla base dei dati sierologici materni (in particolare tenendo conto della presenza di IgG materne, che limitano la probabilità di passaggio transplacentare e le sequele) Cosa vuol dire un esame negativo Non si è verificata la trasmissione materno-fetale del virus E poi? Follow up clinico e strumentale N.B.: nelle urine il virus continua a essere presente per oltre 1 anno: RESERVOIR per la popolazione sieronegativa

12 E,come epatite B virus HBV (Hepadnavirus); DNA virus Perché cercare Perché la trasmissione materno-fetale è possibile (anche se rara) sia da madre con infezione acuta, sia da madre portatrice cronica Perché una quota elevata di neonati diviene portatore cronico Quando cercare Infezione acuta/cronica da HBV nella madre Cosa cercare (Ag o Ab) Nella madre: markers HBV; se i markers epatite indicano attività virale, HBV DNA (PCR) Nel neonato: HbeAg, HBcIgM; HBV DNA (PCR) Dove cercare Sangue

13 E,come epatite B virus HBV (Hepadnavirus); DNA virus HBsAg anti- HBc anti- HBs negative positive positive immune due natural infec tion HBsAg anti- HBc anti- HBs negative negative positive immune due to hepatitis B vac c ination HBV: alcuni quadri sierologici HBsAg positive anti- HBc positive ac utely IgM anti- positive infected anti- HBc HBs negative HBsAg positive anti- HBc positive c hronic ally IgM anti- negative infected anti- HBc HBs negative

14 E,come epatite B virus HBV (Hepadnavirus); DNA virus Cosa vuol dire un esame positivo Necessità di interpretare correttamente il profilo dei marcatori Alcuni parametri indicano attività virale: HBsAg, HBeAg, HBcIgM, HBV DNA Ha senso cercare? In funzione dei parametri virologici materni Cosa vuol dire un esame negativo Necessità di interpretare correttamente il profilo dei marcatori Assenza di infezione da HBV E poi? Immunizzazione passiva della madre (in gravidanza) Vaccinazione anticipata del neonato Follow up siero-virologico

15 E,come Perché cercare epatite C virus Perché la trasmissione materno-fetale è possibile anche se non frequente Perché la madre è contemporaneamente HIV positiva (aumento significativo del rischio di trasmissione!) Quando cercare Se la madre è positiva per HCV RNA Cosa cercare (Ag o Ab) HCV RNA (PCR); Dove cercare sangue Hepacirus (1 tipo); fam. Flaviviridae (RNA virus)

16 E,come epatite C virus Cosa vuol dire un esame positivo Trasmissione verticale del virus Infezione in atto Elevata probabilità di cronicizzazione Hepacirus (1 tipo); fam. Flaviviridae (RNA virus) Cosa vuol dire un esame negativo Mancata trasmissione del virus per via verticale Ha senso cercare? Solo in funzione dei parametri sierologici e virologici materni E poi? Necessità di monitoraggio virologico per documentare eventuale eliminazione o cronicizzazione del virus

17 G,come Perché cercare Germi comuni Perché possono essere associati a molteplici patologie (ad es. inf.urinarie, faringiti, otiti, inf.oculari) Perché possono essere diffusi dagli operatori sanitari stessi Agenti: Molte specie batteriche raggruppate principalmente tra Stafilococchi, Streptococchi, Enterococchi, Emofili, Enterobacteriaceae, Gram negativi non fermentanti) Cosa cercare (Ag o Ab) Direttamente i batteri, mediante differenti esami colturali Quando cercare Sulla base di indicazioni cliniche Nell ambito di un programma di controllo sistematico dei neonati Dove cercare Tamponi faringeo, oculare, auricolare Tracheospirato, aspirato naso faringeo urine

18 G,come Cosa vuol dire un esame positivo Infezione o colonizzazione in atto Ha senso cercare? Sì, data la criticità della popolazione interessata, lo stato immunitario immaturo, la possibilità di diffusione nosocomiale Germi comuni Cosa vuol dire un esame negativo Assenza di infezione / colonizzazione E poi? Agenti: Molte specie batteriche raggruppate principalmente tra Stafilococchi, Streptococchi, Enterococchi, Emofili, Enterobacteriaceae, Gram negativi non fermentanti) Trattamento antibiotico Ripetizioni degli esami colturali

19 G,come Gonococco Agenti: Il batterio (diplococco G.-) Neisseria gonorrhoae Perché cercare Perché causa congiuntiviti contratte durante il passaggio nel canale del parto Quando cercare Sulla base del sospetto clinico (inf.oculare) Se la madre è risultata positiva all esame colturale durante la gravidanza Cosa cercare (Ag o Ab) Direttamente il batterio, mediante esame colturale N.gonorrhoeae DNA (PCR) Dove cercare Tampone oculare

20 G,come Gonococco Agenti: Il batterio (diplococco G.-) Neisseria gonorrhoae Cosa vuol dire un esame positivo Presenza del batterio nel materiale biologico Probabile infezione in atto Ha senso cercare? Sì, data la gravità delle infezioni provocate Cosa vuol dire un esame negativo Assenza di infezione P.S.: il germe è normalmente ricercato nel t.oculare standard E poi? Terapia antibiotica

21 H,come HIV il virus HIV 1 e 2 (Retroviridae); RNA virus Perché cercare L infezione è letale la trasmissione verticale del virus è dimostrata Cosa cercare (Ag o Ab) HIV RNA HIV Ab (EIA + WB) Quando cercare Nati da madre sieropositiva per HIV Dove cercare Sangue P.S.: le terapie antivirali riducono la probabilità di trasmissione verticale

22 H,come HIV il virus HIV 1 e 2 (Retroviridae); RNA virus Cosa vuol dire un esame positivo 1. Infezione del neonato (HIV RNA+; HIV Ab+) 2. Presenza dei soli anticorpi materni (HIV RNA-; HIV Ab+) N.B.: necessità di monitoraggio Ha senso cercare? Nei neonati a rischio di esposizione Cosa vuol dire un esame negativo (HIV RNA) Mancata trasmissione materno-fetale del virus N.B.: necessità di monitoraggio E poi? Follow up virologico (RNA) e sierologico (Ab) fino a 3 anni Terapia antivirali

23 H,come Perché cercare Herpes virus Perché l infezione erpetica perinatale è disseminata e ad elevata mortalità Perché si riscontrano sequele neurologiche ed oculari (infez. Congenita + infez.perinatale) Quando cercare Se nella madre sono state rilevate lesioni cervico-vaginali prima del parto Se la madre è risultata positiva alla ricerca del virus (l herpes genitale è sostenuto, nell 80% dei casi da HSV2) Cosa cercare (Ag o Ab) Il DNA virale (PCR) il virus mediante coltura gli antigeni virali IgM anti HSV 1+2 Dove cercare Urine Tampone faringeo Tampone oculare Sangue (sierologia) L alfa-herpesvirus HSV 1 o HSV2 (Herpesviridae); DNA virus

24 H,come Herpes virus L alfa-herpesvirus HSV 1 o HSV2 (Herpesviridae); DNA virus Cosa vuol dire un esame positivo Il neonato è stato infettato da HSV Non è possibile prevedere il decorso clinico e le sequele dell infezione Ha senso cercare? In modo mirato, considerando la frequenza bassa di eliminazione asintomatica virale in donne con infezioni ricorrenti (1.4%) e il basso rischio di infezione per i neonati nati da tali madri (8%) Cosa vuol dire un esame negativo Il virus non è presente nel singolo materiale biologico E poi? Se sussiste un sospetto i controlli dovranno essere protratti per un anno Terapia antivirale

25 L,come Listeria Il batterio (bacillo Gram +) Listeria monocytogenes Perché cercare Perché la trasmissione maternofetale del batterio è causa di aborto e di una grave infezione disseminata nel neonato (granulomatosi infantisettica) Quando cercare Se la madre è risultata positiva all esame colturale durante la gravidanza Quando c è evidenza di batteriemia/sepsi Nell ambito di un programma di controllo sistematico dei neonati Cosa cercare (Ag o Ab) Direttamente il batterio, mediante esame colturale Ricerca antigeni batterici (liquor) Sieroconversione nella madre Dove cercare Sangue del neonato e della madre Tampone vaginale della madre Liquor del neonato Tamponi faringeo e auricolare del neonato

26 L,come Listeria Il batterio (bacillo Gram +) Listeria monocytogenes Cosa vuol dire un esame positivo Infezione in atto della madre e/o del neonato Ha senso cercare? Sì data la gravità della patologia associata Cosa vuol dire un esame negativo Assenza del patogeno nel materiale biologico usato Se sussiste sospetto clinico valutare test anticorpali nella madre e nel neonato E poi? Terapia antibiotica

27 M,come Micoplasmi (urogenitali) Batteri intracellulari fam.micoplasmataceae (Mycoplasma hominis; Ureaplasma urealitycum) Perché cercare Perché infettano / colonizzano frequentemente il tratto urogenitale femminile e si trasmettono frequentemente durante il parto Quando cercare Se la madre è risultata positiva durante la gravidanza Cosa cercare (Ag o Ab) Direttamente i microrganismi, mediante esame colturale (uso di brodi di arricchimento ureaarginina) Dove cercare Tampone faringeo Altri materiali?

28 M,come Cosa vuol dire un esame positivo Colonizzazione del neonato Trasmissione del microrganismo Infezione? Quali patologie? Ha senso cercare? In modo mirato, tra i nati da madri colonizzate/infettate Micoplasmi (urogenitali) Cosa vuol dire un esame negativo Assenza di colonizzazione / infezione E poi? Follow up clinico/microbiologico Terapie? Batteri intracellulari fam.micoplasmataceae (Mycoplasma hominis; Ureaplasma urealitycum) Sebbene i micoplasmi urogenitali siano riconosciuti agenti di patologie infiammatorie urogenitali, nonché di infezioni fetali, il loro ruolo nel causare patologie neonatali è meno definito

29 P,come Papilloma virus virus HPV (Papillomaviridae); DNA virus Perché cercare Perché esiste un rischio (comunque piuttosto basso: 0.1% di gravidanze con condilomatosi genitale) di trasmissione verticale e sviluppo di papillomatosi laringea nel neonato Quando cercare Se nella madre sono state riscontrate lesioni condilomatose Se la madre è risultata positiva per HPV (6 e 11, in particolare) Cosa cercare (Ag o Ab) Il DNA virale (PCR), effettuando successivamente la tipizzazione dei positivi Dove cercare Aspirato naso-faringeo Tampone faringeo

30 P,come Papilloma virus virus HPV (Papillomaviridae); DNA virus Cosa vuol dire un esame positivo Il virus è stato trasmesso al neonato (in genere ciò accade durante il parto, anche se esistono casi rari casi di infezione in utero) Non è prevedibile, né certo, lo sviluppo della papillomatosi laringea Ha senso cercare? In modo mirato, tra i nati in condizioni di rischio Cosa vuol dire un esame negativo Il virus non è stato trasmesso E poi? Follow up virologico tra i neonati con aspirato naso faringeo positivo (il controllo deve essere protratto nel tempo, dato il lungo periodo di latenza dell infezione

31 P,come Parvovirus Virus B19; fam.parvoviridae; DNA virus Perché cercare Perché la trasmissione materno-fetale è possibile Perché B19 è associato a danni cardiaci e grave anemia Quando cercare Quando c è l evidenza di una infezione primaria in gravidanza (sieroconversione in donna sieronegativa, ad es.) Sulla base di indicazioni cliniche (es.: megaloeritema nella madre) Cosa cercare (Ag o Ab) Nella madre: sieroconversione IgG; IgM; Antigeni virali circolanti; B19 DNA (PCR) Nel neonato: IgM; Ag virali; B19 DNA Dove cercare sangue

32 P,come Parvovirus Virus B19; fam.parvoviridae; DNA virus Cosa vuol dire un esame positivo Infezione in atto Trasmissione maternofetale del virus Ha senso cercare? In modo mirato, tra i nati da madri infettate in gravidanza Cosa vuol dire un esame negativo Assenza di infezione Mancata trasmissione del virus E poi? Follow up clinico Terapia trasfusionale

33 P,come Pseudomonas Il bacillo Gram P.aeruginosa Perché cercare Perché P.aeruginosa è un microrganismo ambientale, legato alla presenza di acqua, capace di agire come un temibile opportunista Quando cercare Sulla base di indicazioni cliniche Nell ambito di un programma di controllo sistematico dei neonati (in conseguenza del ripetersi degli isolamenti del batterio) Cosa cercare (Ag o Ab) Direttamente il batterio, mediante esame colturale Dove cercare urine, sangue, devices vascolari, materiali respiratori, tamponi auricolare, oculare (in questi materiali l batterio viene normalmente ricercato) Feci, tampone faringeo (colture di sorveglianza, ad hoc)

34 P,come Pseudomonas Il bacillo Gram P.aeruginosa Cosa vuol dire un esame positivo Infezione / colonizzazione da P.aeruginosa Ha senso cercare? Una ricerca attiva ha senso solo in caso di oubreak Cosa vuol dire un esame negativo Assenza di infezione / colonizzazione E poi? Follow up microbiologico Audit sulle procedure assistenziali standard Bonifica ambientale Terapie?

35 R,come Perché cercare Perché è diffusissimo e ubiquitario, con picchi in inverno e primavera Perché colpisce soprattutto i neonati, provocando affezioni respiratorie (es.:bronchioliti) anche fatali Quando cercare Durante la stagione di endemia (fine autunno-primavera) Nell ambito di un programma di controllo sistematico dei neonati N.B.: possibile diffusione nosocomiale! Respiratorio sinciziale virus Cosa cercare (Ag o Ab) RNA virale (PCR) Antigeni virali (EIA) Dove cercare pneumovirus RSV; (Paramyxoviridae); tipi A e B; RNA virus Aspirato naso-faringeo Tracheoaspirato Tampone faringeo; il virus, spesso, rimane localizzato nel sito di ingresso (epitelio apparato respiratorio superiore)

36 R,come Cosa vuol dire un esame positivo Infezione in atto; il test non è di ausilio nel valutare gravità e andamento dell infezione Respiratorio sinciziale virus pneumovirus RSV; (Paramyxoviridae); tipi A e B; RNA virus Cosa vuol dire un esame negativo Assenza di infezione P.S.: RSV colpisce anche gli adulti (RESERVOIR), provocando quello che viene comunemente chiamato raffreddore con febbre e non conferisce immunità duratura Ha senso cercare? Sì, in considerazione dell elevato livello di rischio ed endemia E poi? Somministrazione preventiva (aerosol) di Ab monoclonali antiglicoproteine (G e F) dell envelope virale

37 R,come Rosolia virus Rubivirus (1 tipo); fam. Flaviviridae (RNA virus) Perché cercare Perché il virus ha elevata capacità di superare la barriera placentare con effetti teratogeni Perché la quota di malformazioni (multi organo) può interessare oltre il 20% dei feti infettati Quando cercare Quando c è l evidenza di una infezione primaria verificatasi in gravidanza Cosa cercare (Ag o Ab) Nella madre: IgM; aumento significativo di IgG (sieroconversione); Rubivirus RNA (PCR) Nel neonato: IgM; Rubivirus RNA Dove cercare Sangue Liquido amniotico, annessi fetali (PCR) Urine, liquor (PCR)

38 R,come Rosolia virus Rubivirus (1 tipo); fam. Flaviviridae (RNA virus) Cosa vuol dire un esame positivo Si è verificata la trasmissione materno-fetale del virus 60-70% neonati sintomatici alla nascita; rosolia congenita (cataratta, sordità, malformazioni cardiache); 15% di mortalità 30-40% neonati inizialmente asintomatici Ha senso cercare? In modo mirato, tra i nati da madri infettate in gravidanza Cosa vuol dire un esame negativo Non si è verificata la trasmissione materno-fetale del virus E poi? Follow up clinico e strumentale N.B.: in molti materiali biologici del neonato il virus continua a essere presente per oltre 1 anno: RESERVOIR per la popolazione sieronegativa (Italia )

39 R,come Rotavirus Agenti: Rotavirus (Reoviridae): RNA virus comprendenti i gruppi antigenici A, B, C Perché cercare Sono tra i più frequenti agenti virali di diarrea nella fascia 0-6 anni Possono causare epidemie nosocomiali Quando cercare Negli episodi di diarrea acquosa In caso di outbreak di diarrea in reparto Nell ambito di un programma di controllo sistematico dei neonati Cosa cercare (Ag o Ab) Gli antigeni virali (test rapidi) Gli acidi nucleici virali (PCR) Dove cercare Direttamente nel materiale fecale

40 R,come Rotavirus Agenti: Rotavirus (Reoviridae): RNA virus comprendenti i gruppi antigenici A, B, C Cosa vuol dire un esame positivo Infezione virale in atto; possibilità di infezione asintomatica (l infezione è sintomatica principalmente nella fascia 6-24 mesi) Ha senso cercare? In funzione della epidemiologia di reparto/ospedale Cosa vuol dire un esame negativo Assenza di infezione E poi? Terapie di supporto N.B.: possibilità di diffusione nosocomiale

41 S,come Salmonella Il bacillo Gram- Salmonella; fam.enterobacteriaceae; numerosi sierotipi Perché cercare Come conseguenza delle vigenti disposizioni igieniche riguardanti il personale ostetrico e le figure presenti in sala parto ( tessera sanitaria ) Quando cercare Nell ambito di un programma di controllo sistematico dei neonati Cosa cercare (Ag o Ab) Direttamente il batterio, mediante esame colturale Dove cercare Feci, tampone rettale

42 S,come Salmonella Il bacillo Gram- Salmonella; fam.enterobacteriaceae; numerosi sierotipi Cosa vuol dire un esame positivo Infezione / colonizzazione da Salmonella Ha senso cercare? Fatte salve le problematiche legali, il controllo sistematico attuale desta qualche perplessità rispetto al rischio di trasmissione dell infezione Cosa vuol dire un esame negativo Assenza di infezione / colonizzazione E poi? Follow up microbiologico Uso di probiotici Terapie?

43 T,come Toxoplasma Il protozoo Toxoplasma gondii (coccidi) Perché cercare Perché è, comunque, un infezione diffusa in gravidanza (0,5-1% delle gestazioni) Perché le manifestazioni cliniche sono multiple, talvolta severe Quando cercare Quando c è l evidenza di una infezione (primaria ) verificatasi in gravidanza: sieroconversione in donna sieronegativa, ad es. Cosa cercare (Ag o Ab) IgM anti T.gondii T.gondii DNA (PCR) Dove cercare Sangue Liquido cefalorachidiano Biopsie tissutali

44 T,come Toxoplasma Il protozoo Toxoplasma gondii (coccidi) Cosa vuol dire un esame positivo Si è verificata la trasmissione materno-fetale del protozoo Non è valutabile la possibile evoluzione clinica dell infezione neonatale Ha senso cercare? In modo mirato, tra i nati da madri infettate N.B.: l infezione del neonato potrebbe essere sublinica; alcuni danni potrebbero manifestarsi tardivamente (corioretinite, ritardo psicomotorio, perdita dell udito) Cosa vuol dire un esame negativo Non si è verificata la trasmissione materno-fetale del protozoo E poi? Follow up clinico e strumentale Terapie P.S.: prolungata permanenza IgM sieriche

45 T,come Perché cercare Perché la lue congenita ha effetti devastanti sull organismo (Il trattamento con penicillina in gravidanza permette di controllare la trasmissione materno-fetale) Quando cercare Madre positiva per test sierologici treponemici Madre HIV positiva Treponema Cosa cercare (Ag o Ab) IgM anti T.pallidum (in fluorescenza FTA, mediante immunocattura EIA o WB) Dove cercare Sangue liquor Il batterio (Spirochetaceae) T.pallidum

46 T,come Treponema Il batterio (Spirochetaceae) T.pallidum Cosa vuol dire un esame positivo Probabile infezione in atto (necessità di completare / ripetere il profilo sierologico) Ha senso cercare? Nei neonati a rischio di esposizione Cosa vuol dire un esame negativo Assenza di infezione (necessità di completare / ripetere il profilo sierologico) E poi? Follow up clinico, radiologico, sierologico Terapia antibiotica

47 V,come Varicella virus Perché cercare Perché associata a manifestazioni diffuse e gravi (sindrome da varicella congenita) L alfa-herpesvirus VZV (herpesviridae); DNA virus Cosa cercare (Ag o Ab) Ricerca VZV IgM nel neonato Ricerca VZV DNA (PCR) Quando cercare Se durante la gravidanza la madre è stata colpita dall infezione primaria (varicella) o dalla riattivazione virale (zoster) Dove cercare Sangue Liquor

48 V,come Varicella virus L alfa-herpesvirus VZV (herpesviridae); DNA virus Cosa vuol dire un esame positivo Infezione in atto L esame non fornisce informazioni circa la possibile evoluzione clinica Cosa vuol dire un esame negativo Mancata trasmissione materno-fetale del virus N.B.: necessità di monitoraggio Ha senso cercare? In modo mirato, tra i nati da madri infettate E poi? Follow up clinico e strumentale Terapie antivirali P.S.: estrema contagiosità degli infetti; rischio diffusivo!

Rischio di infezione congenita e danno fetale dopo infezione materna a diverse età gestazionali

Rischio di infezione congenita e danno fetale dopo infezione materna a diverse età gestazionali 05-2_rosolia_CG_111109.ppt pag. 1 Rischio di infezione congenita e danno fetale dopo infezione materna a diverse età gestazionali Età gestazionale (settimane) Tasso di infezione congenita (%) Neonati infetti

Dettagli

INFEZIONI VIRALI A TRASMISSIONE MATERNO-FETALI

INFEZIONI VIRALI A TRASMISSIONE MATERNO-FETALI INFEZIONI VIRALI A TRASMISSIONE MATERNO-FETALI Alcune malattie infettive ad eziologia virale e andamento benigno nei soggetti immunocompetenti, se sono contratte durante la gravidanza, possono rappresentare

Dettagli

Patologia infettiva oculare coesistente

Patologia infettiva oculare coesistente Azienda Ospedaliera Pediatrica SANTOBONO PAUSILIPON ANNUNZIATA S.S.D. Centro di Riferimento Regionale per la Diagnosi ed il Trattamento della Retinopatia della Prematurità Direttore dott. Salvatore Capobianco

Dettagli

La conferma di laboratorio della rosolia

La conferma di laboratorio della rosolia La conferma di laboratorio della rosolia La risposta anticorpale all infezione post-natale da rosolia IgG Rash IgM Prodromi INCUBAZIONE 0 7 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 27 35 42 VIREMIA ESCREZIONE

Dettagli

Patologia infettiva oculare coesistente

Patologia infettiva oculare coesistente Azienda Ospedaliera Pediatrica SANTOBONO PAUSILIPON ANNUNZIATA S.S.D. Centro di Riferimento Regionale per la Diagnosi ed il Trattamento della Retinopatia della Prematurità Direttore dott. Salvatore Capobianco

Dettagli

PRE-GRAVIDANZA INFEZIONE DA CITOMEGALOVIRUS UMANO

PRE-GRAVIDANZA INFEZIONE DA CITOMEGALOVIRUS UMANO FIGURA 1 PRE-GRAVIDANZA IgG - IgM - IgG + IgM - Soggetto suscettibile all infezione primaria Soggetto immune (infezione pregressa) Referto commentato: : se in previsione di una gravidanza, consulti il

Dettagli

Funzione della struttura di riferimento regionale per la gestione delle infezioni in gravidanza

Funzione della struttura di riferimento regionale per la gestione delle infezioni in gravidanza CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE Funzione della struttura di riferimento regionale per la gestione delle infezioni in gravidanza Dott.ssa Nadia Gussetti U.O. Malattie

Dettagli

INFEZIONI DA CITOMEGALOVIRUS Epidemiologia

INFEZIONI DA CITOMEGALOVIRUS Epidemiologia INFEZIONI DA CITOMEGALOVIRUS Infezione primaria: Quasi sempre asintomatica Talora sindrome mononucleosica Riattivazione Nel soggetto normale Nei pazienti trapiantati Nei pazienti con infezione da HIV Infezione

Dettagli

Nota dell editore. Prefazione

Nota dell editore. Prefazione Autori Nota dell editore Prefazione XI XIII XV 1 Importanza dello studio della microbiologia 1 Cenni di epidemiologia 1 Le infezioni nosocomiali 5 I microrganismi e la microbiologia 7 Microrganismi endogeni

Dettagli

La rosolia nella donna in gravidanza

La rosolia nella donna in gravidanza La rosolia nella donna in gravidanza ROSOLIA Trasmissione materno-fetale Trasmissione transplacentare Nel corso della fase viremica con o senza manifestazioni cliniche L infezione fetale dopo reinfezione

Dettagli

Test di laboratorio nelle malattie epatiche e pancreatiche

Test di laboratorio nelle malattie epatiche e pancreatiche Parte 3a. Epatiti Test di laboratorio nelle malattie epatiche e pancreatiche Fiumicino, 16 aprile 2016 www.cos.it/mediter Dr. Ugo Montanari Epatiti: tests diagnostici - 1 Indicazioni cliniche Tipo di richiesta

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 novembre 2001, n.465 Regolamento che stabilisce le condizioni nelle quali è obbligatoria la vaccinazione antitubercolare, a norma dell'articolo 93, comma 2, della

Dettagli

Infezioni transplacentari, perinatali e neonatali

Infezioni transplacentari, perinatali e neonatali Infezioni transplacentari, perinatali e neonatali Dr. Gianluca Russo, Mingha Africa Onlus Introduzione La trasmissione di un infezione dalla madre al feto o al neonato può avvenire in corso di gravidanza,

Dettagli

CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE

CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE Padova 11 giugno 2007 Conferma di Laboratorio della Rosolia e Significato del Dosaggio degli Anticorpi Anna Piazza Giorgio Palù

Dettagli

Danila Bassetti, MD. Responsabile Struttura Semplice Sierologia Autoimmunità U.O. Microbiologia Virologia Ospedale S.

Danila Bassetti, MD. Responsabile Struttura Semplice Sierologia Autoimmunità U.O. Microbiologia Virologia Ospedale S. Il Laboratorio di SieroImmunologia e le urgenze infettive: la patologia materno fetale e gli incidenti professionali a rischio di infezioni emotrasmesse Danila Bassetti, MD Responsabile Struttura Semplice

Dettagli

Carta dei Servizi U.O.C. Laboratorio di Virologia Molecolare

Carta dei Servizi U.O.C. Laboratorio di Virologia Molecolare Carta dei Servizi U.O.C. Laboratorio di Virologia Molecolare Mission Il Policlinico Tor Vergata ha iniziato, dal 10 gennaio 2001, a costruire insieme con tutti i suoi professionisti l ospedale umano aperto

Dettagli

NOME: Citomegalovirus PATOLOGIA PROVOCATA. GENERE:Cytomegalovirus DECORSO CLINICO DELLA MALATTIA SOTTOFAMIGLIA: HERPESVIRUS UMANO TERAPIA

NOME: Citomegalovirus PATOLOGIA PROVOCATA. GENERE:Cytomegalovirus DECORSO CLINICO DELLA MALATTIA SOTTOFAMIGLIA: HERPESVIRUS UMANO TERAPIA Citomegalovirus NOME: Citomegalovirus PATOLOGIA PROVOCATA GENERE:Cytomegalovirus SOTTOFAMIGLIA: HERPESVIRUS UMANO DECORSO CLINICO DELLA MALATTIA TERAPIA DIMENSIONI: 25-35 MICRON DIAGNOSI SIMMETRIA: ICOSAEDRICA

Dettagli

metodo Denominazione del test regionale

metodo Denominazione del test regionale Denominazione del test Indagini microbiologiche Anaerobi ricerca 90.84.3 Materiale biologico 7 Colturale Anaerobi identificazione biochimica 90.84.2 Da coltura 3 Biochimico Antibiogramma anerobi 90.84.1

Dettagli

COLTURA STREPTOCOCCO BETA EMOLITICO (a livello vaginale, rettale, perianale, vagino-rettale)

COLTURA STREPTOCOCCO BETA EMOLITICO (a livello vaginale, rettale, perianale, vagino-rettale) analisi (complessa/semplice) Adenovirus anticorpi (Fissazione Complemento) ANALISI MUTAZIONI DNA fattori coagulazione (V, VR2, II, XIII, beta-fibrinogeno, PAI-1, Ag piastrinico, fattore genotipo MTHFR,

Dettagli

La rosolia nella donna in gravidanza

La rosolia nella donna in gravidanza La rosolia nella donna in gravidanza Carla Verrotti Piano Nazionale di eliminazione del morbillo e della Rosolia congenita. Corso ROSOLIA CONGENITA Parma 12 maggio 2007 D.M. 10 SETTEMBRE 1998 Aggiornamento

Dettagli

Infezione Congenita? Descrizione di un caso clinico. Servizio Sanitario Nazionale Azienda di Rilievo Nazionale Santobono Pausilipon

Infezione Congenita? Descrizione di un caso clinico. Servizio Sanitario Nazionale Azienda di Rilievo Nazionale Santobono Pausilipon Servizio Sanitario Nazionale Azienda di Rilievo Nazionale Santobono Pausilipon Descrizione di un caso clinico Infezione Congenita? Dott.ssa Nunzia Aragione U.O. Neonatologia-TIN A.O. Santobono-Pausilipon-Annunziata

Dettagli

Foglio di approfondimento Virus

Foglio di approfondimento Virus Foglio di approfondimento Virus VIRUS DELL INFLUENZA L influenza è una malattia virale acuta del tratto respiratorio causata da virus appartenenti alla famiglia Orthomyxoviridae, suddivisi in 3 generi

Dettagli

batteriologia - micologia

batteriologia - micologia A.C.O. SAN FILIPPO NERI U.O.C. MICROBIOLOGIA E VIROLOGIA PRESTAZIONI E TARIFFE analisi (complessa/semplice) RICHIESTA batteriologia - micologia Antibiogramma Kirby Bauer Antibiogramma MIC Antibiogramma

Dettagli

Settore Sierologia Laboratorio Unico AVR

Settore Sierologia Laboratorio Unico AVR Patrizia Billi 1 0547-394808 Settore Sierologia Laboratorio Unico AVR Dott.ssa Patrizia Billi 0547-394807 Dott.ssa Mara Della Strada Dott.ssa Simona Semprini Sara Bertozzi Bonetti Barbara Ceccarelli Manuela

Dettagli

batteriologia - micologia

batteriologia - micologia Antibiogramma Kirby Bauer batteriologia - micologia Antibiogramma MIC Antibiogramma micobatteri Antibiogramma lieviti Batteri identificazione biochimica (card, galleria) Lieviti identificazione biochimica

Dettagli

Allegato 04 Guida alla corretta effettuazione del prelievo e raccolta materiale biologico

Allegato 04 Guida alla corretta effettuazione del prelievo e raccolta materiale biologico egato 04 Pag. 1 di 8 del 20/09/2012 La finalità delle indagini microbiologiche è quella di diagnosticare le infezioni ed accertare i patogeni in causa, attraverso indagini dirette e /o colturali ( identificazione

Dettagli

Decreto Legge 10 settembre 1998

Decreto Legge 10 settembre 1998 Decreto Legge 10 settembre 1998 Protocolli di accesso ad esami di Laboratorio e di Diagnostica strumentale delle donne in stato di gravidanza ed a tutela della maternità (Gazzetta Ufficiale 20 ottobre

Dettagli

LA MENINGITE Sintomi e diagnosi

LA MENINGITE Sintomi e diagnosi LA MENINGITE La meningite è una infiammazione delle membrane che avvolgono il cervello e il midollo spinale (le meningi). La malattia generalmente è di origine infettiva e può essere virale o batterica.

Dettagli

Valutazione del test CMV IgM BLOT nella diagnosi della infezione da Cytomegalovirus in gravidanza. Gianna Mazzarelli

Valutazione del test CMV IgM BLOT nella diagnosi della infezione da Cytomegalovirus in gravidanza. Gianna Mazzarelli Valutazione del test CMV nella diagnosi della infezione da Cytomegalovirus in gravidanza Gianna Mazzarelli 21/10/2014 Citomegalovirus (CMV) Famiglia Herpesviridae Sottofamiglia β Herpesvirinae Tipica morfologia

Dettagli

La nuova epidemiologia delle Malattie a Trasmissione Sessuale (MTS). Oggi le Malattie a Trasmissione Sessuale (MTS) costituiscono un vasto gruppo di

La nuova epidemiologia delle Malattie a Trasmissione Sessuale (MTS). Oggi le Malattie a Trasmissione Sessuale (MTS) costituiscono un vasto gruppo di La nuova epidemiologia delle Malattie a Trasmissione Sessuale (MTS). Oggi le Malattie a Trasmissione Sessuale (MTS) costituiscono un vasto gruppo di malattie infettive molto diffuse e le cui cure assorbono

Dettagli

INFEZIONI DA MENINGOCOCCO: INFORMAZIONI PER I CITTADINI

INFEZIONI DA MENINGOCOCCO: INFORMAZIONI PER I CITTADINI INFEZIONI DA MENINGOCOCCO: INFORMAZIONI PER I CITTADINI S.I.S.P. - U.O.S. Epidemiologia e Profilassi Malattie Infettive Dr.ssa Andreina Ercole La meningite batterica Evento raro, nei paesi industrializzati,

Dettagli

Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili

Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili Materiale elaborato con la supervisione della dott.ssa Barbara Ricciardi dai partecipanti al corso di formazione per volontari Comunicare

Dettagli

La gestione di un caso di morbillo

La gestione di un caso di morbillo La gestione di un caso di morbillo Eziologia del morbillo L agente causale è un paramyxovirus (virus ad RNA) Il virus è rapidamente inattivato dal calore e dalla luce L uomo è l unico ospite Patogenesi

Dettagli

ESENZIONI PER GRAVIDANZA (D.M. 10.09.98)

ESENZIONI PER GRAVIDANZA (D.M. 10.09.98) IN FUNZIONE PRECONCEZIONALE 400 Prestazioni prescrivibili per la donna 89.01 ANAMNE E VALUTAZIONE, DEFINITE BREVI Storia e valutazione abbreviata, Visita successiva alla prima Consulenza ginecologica -

Dettagli

Malattie a trasmissione sessuale

Malattie a trasmissione sessuale Malattie a trasmissione sessuale 1 Definizione Sono infezioni che colpiscono sia gli organi genitali che altre parti del corpo e che si trasmettono mediante i rapporti sessuali con persone infette. 2 Inquadramento

Dettagli

WOMEN IN CHANGE Attualità e prospettive nella diagnostica di laboratorio LE INFEZIONI NELL ETA FERTILE ED IN MENOPAUSA Chiara Casolari Modena, 25-2727 marzo 2010 DONNE: FATTORI E CONDIZIONI CHE REGOLANO

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz INFEZIONI E GRAVIDANZA

www.fisiokinesiterapia.biz INFEZIONI E GRAVIDANZA www.fisiokinesiterapia.biz INFEZIONI E GRAVIDANZA 1. AGGRAVAMENTO DELLA MALATTIA INFETTIVA DOVUTO GRAVIDANZA INFEZIONI GRAVIDANZA 2. INFLUENZA DELLA MALATTIA INFETTIVA SULL EVOLUZIONE DELLA GRAVIDANZA

Dettagli

Scheda di notifica di caso di sindrome/infezione da rosolia congenita

Scheda di notifica di caso di sindrome/infezione da rosolia congenita Scheda di notifica di caso di sindrome/infezione da rosolia congenita (riservato al Ministero della Salute) Codice identificativo Regione Provincia Comune Sezione 1 - INFORMAZIONI ANAGRAFICHE del PAZIENTE

Dettagli

lezione 18 Pierpaolo Cavallo 1 Le infezioni a rischio di malformazioni in gravidanza: gli agenti del gruppo ToRCH GRUPPO O COMPLESSO TORCH

lezione 18 Pierpaolo Cavallo 1 Le infezioni a rischio di malformazioni in gravidanza: gli agenti del gruppo ToRCH GRUPPO O COMPLESSO TORCH UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SALERNO Corso di Igiene Curriculum Biologia Sanitaria Le infezioni a rischio di malformazioni in gravidanza: gli agenti del gruppo ToRCH Prof. P. Cavallo 1 GRUPPO O COMPLESSO

Dettagli

Versione aggiornata al 1 agosto 2003

Versione aggiornata al 1 agosto 2003 Versione aggiornata al 1 agosto 2003 PROTOCOLLO PER L UTILIZZO DI DONATORI POSITIVI PER GLI ANTICORPI DIRETTI CONTRO L ANTIGENE CORE (HBcAb-IgG) DEL VIRUS B DELL EPATITE (HBV) NEL TRAPIANTO DI FEGATO.

Dettagli

Laboratorio Aziendale di Microbiologia e Virologia (LMV) Elenco delle Analisi Pagina 1 di 6

Laboratorio Aziendale di Microbiologia e Virologia (LMV) Elenco delle Analisi Pagina 1 di 6 Laboratorio Aziendale di Microbiologia e Virologia (LMV) Elenco delle Analisi Pagina 1 di 6 DENOMINAZIONE ANALISI METODO MATERIALE CONTENITORE GG RITIROTARIFFA ADENOVIRUS - RICERCA DIRETTA IFA CAMPIONI

Dettagli

Raffaella Michieli Venezia

Raffaella Michieli Venezia Le malattie infettive in gravidanza: quando è indicato il Taglio Cesareo? Raffaella Michieli Venezia Trasmissione verticale delle infezioni in gravidanza Contagio intrauterino ( infezioni congenite) Contagio

Dettagli

ELENCO ESAMI DI BIOLOGIA MOLECOLARE VIROLOGIA MOLECOLARE. Ricerca qualitativa mediante PCR. Urine, liquido amniotico, siero, sangue in EDTA

ELENCO ESAMI DI BIOLOGIA MOLECOLARE VIROLOGIA MOLECOLARE. Ricerca qualitativa mediante PCR. Urine, liquido amniotico, siero, sangue in EDTA ELENCO ESAMI DI BIOLOGIA MOLECOLARE VIROLOGIA MOLECOLARE CMV QUALITATIVO Citomegalovirus Urine, liquido amniotico, siero, sangue in EDTA CMV QUANTITATIVO Citomegalovirus Ricerca quantitativa mediante Real-Time

Dettagli

PRESTAZIONI SPECIALISTICHE PER LA TUTELA DELLA MATERNITA RESPONSABILE, ESCLUSE DALLA PARTECIPAZIONE AL COSTO IN FUNZIONE PRECONCEZIONALE

PRESTAZIONI SPECIALISTICHE PER LA TUTELA DELLA MATERNITA RESPONSABILE, ESCLUSE DALLA PARTECIPAZIONE AL COSTO IN FUNZIONE PRECONCEZIONALE ALLEGATO A PRESTAZIONI SPECIALISTICHE PER LA TUTELA DELLA MATERNITA RESPONSABILE, ESCLUSE DALLA PARTECIPAZIONE AL COSTO IN FUNZIONE PRECONCEZIONALE 1. Prestazioni specialistiche per la donna 89.26.1 PRIMA

Dettagli

SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2011 -

SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2011 - SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2011 - Malattie infettive nell ASL di Brescia anno 2011- Pag. 1 MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2011 - I dati estratti dal

Dettagli

Dott. Vincenzo Pezzullo

Dott. Vincenzo Pezzullo Dott. Vincenzo Pezzullo Epatiti croniche ad eziologia virale Pozzuoli 1 ottobre 2011 HBV marcatori Antigeni Anticorpi HBsAg HBsAb o anti-hbs HBcAg HBcAb o anti-hbc IgM e IgG HBeAg HBeAb o anti-hbe HBV

Dettagli

Parvovirus in gravidanza

Parvovirus in gravidanza Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi D.A.I. Specialità Medico-Chirurgiche S.O.D. Malattie infettive e Tropicali C.R.R. Malattie Infettive in Gravidanza Parvovirus in gravidanza Beatrice Borchi - EZIOLOGIA

Dettagli

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT INFEZIONE DA HIV ED AIDS HIV 1 ed HIV 2 appartengono alla famiglia dei Retroviridae, genere lentovirus. L infezione da HIV provoca nell ospite una progressiva compromissione delle difese immunitarie, soprattutto

Dettagli

REGIONE CAMPANIA AZIENDA SANITARIA LOCALE NAPOLI 4 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO DI EPIDEMIOLOGIA PIAZZA S.GIOVANNI 80031 BRUSCIANO (NA) TEL.08173174254-5 FAX 081/3174226 Prot. n del /SEP Al Laboratorio

Dettagli

Ordinanza concernente le dichiarazioni di medici e laboratori

Ordinanza concernente le dichiarazioni di medici e laboratori Ordinanza concernente le dichiarazioni di medici e laboratori Modifica del 15 dicembre 2003 Il Dipartimento federale dell interno ordina: I L ordinanza del 13 gennaio 1999 1 concernente le dichiarazioni

Dettagli

La rosolia nella donna in gravidanza

La rosolia nella donna in gravidanza Corso di aggiornamento obbligatoria Arezzo, 16/06/2007 La rosolia nella donna in gravidanza Dott. Ario Joghtapour Specialista in Ginecologia e Ostetricia e Fisiopatologia della Riproduzione Dott. Francesco

Dettagli

Verranno inoltre effettuati: - HCV Ab - CMV IgG, - Toxoplasma IgG - EBV VCA-IgG, EBNA - HSV IgG - VZV IgG

Verranno inoltre effettuati: - HCV Ab - CMV IgG, - Toxoplasma IgG - EBV VCA-IgG, EBNA - HSV IgG - VZV IgG Versione approvata al 1marzo 2005 PROTOCOLLO PER L UTILIZZO DI DONATORI POSITIVI PER GLI ANTICORPI DIRETTI CONTRO L ANTIGENE CORE (HBcAb-IgG) DEL VIRUS B DELL EPATITE (HBV) NEL TRAPIANTO DI CUORE E/O POLMONE

Dettagli

16.30 17.00 Riepilogo della giornata Vengono sintetizzati a cura del tutor d Aula i messaggi chiave emersi nel corso della giornata

16.30 17.00 Riepilogo della giornata Vengono sintetizzati a cura del tutor d Aula i messaggi chiave emersi nel corso della giornata Lunedì 17 INTRODUZIONE AL CORSO E GENERALITA' 09.00 09.30 Introduzione al Corso Prof. Carosi (Brescia) Vengono illustrati gli obiettivi del Corso e le modalità didattiche utilizzate 09.30 10.00 Pre-test

Dettagli

Problematiche di Laboratorio nell applicazione del Protocollo regionale

Problematiche di Laboratorio nell applicazione del Protocollo regionale Problematiche di Laboratorio nell applicazione del Protocollo regionale UOC di Microbiologia e Virologia DAI di Patologia e Diagnostica AOUI di Verona MALATTIE TRASMESSE DA VETTORI E SORVEGLIANZA DELLE

Dettagli

Versione aggiornata al 1 marzo 2005

Versione aggiornata al 1 marzo 2005 Versione aggiornata al 1 marzo 2005 PROTOCOLLO PER L UTILIZZO DI DONATORI POSITIVI PER L ANTIGENE DI SUPERFICIE DEL VIRUS B DELL EPATITE (HBsAg +) NEL TRAPIANTO DI CUORE E/O POLMONE E/O RENE. Razionale

Dettagli

ESENZIONI PER GRAVIDANZA (D.M. 10.09.98)

ESENZIONI PER GRAVIDANZA (D.M. 10.09.98) IN FUNZIONE PRECONCEZIONALE 400 Prestazioni prescrivibili per la donna 89.26.2 VITA GINECOLOGICA DI CONTROLLO. Incluso: eventuale rimozione di dispositivo contraccettivo intrauterino, eventuale rimozione

Dettagli

www.bayes.it - Le analisi tradizionali - statistiche area microbiologia per gruppo - ver 1.0 Pagina 1 di 6

www.bayes.it - Le analisi tradizionali - statistiche area microbiologia per gruppo - ver 1.0 Pagina 1 di 6 sierologia virus VIRUS EPATITE C [HCV] ANTICORPI 3 5,66372 sierologia virus VIRUS EPATITE B [HBV] ANTIGENE HBsAg 4 5,61642 sierologia virus VIRUS IMMUNODEF. ACQUISITA [HIV 1-2] ANTICORPI 5 4,10649 sierologia

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE. LOTTO 1 Applicazioni di biologia molecolare per la diagnostica della Sepsi.

SPECIFICHE TECNICHE. LOTTO 1 Applicazioni di biologia molecolare per la diagnostica della Sepsi. 1 ALLEGATO A) SPECIFICHE TECNICHE LOTTO 1 Applicazioni di biologia molecolare per la diagnostica della Sepsi. Il sistema deve essere costituito da idonea strumentazione nuova di fabbrica, gruppo di continuità

Dettagli

Esami di qualificazione biologica su ogni donazione

Esami di qualificazione biologica su ogni donazione Esami di qualificazione biologica su ogni donazione HCV Ab, HCV-RNA (da giugno 2002) HIV 1-2 Ab, HIV1-RNA (da giugno 2008) HBsAg, HBV-DNA (da giugno 2008) Sierodiagnosi per la lue Decreto Ministro della

Dettagli

Tempi necessari alla esecuzione del. Vedi note NOME DELLA PRESTAZIONE. 10 Acanthamoeba, coltura

Tempi necessari alla esecuzione del. Vedi note NOME DELLA PRESTAZIONE. 10 Acanthamoeba, coltura Tempi necessari alla del test (gg) N.B. i tempi riportati si riferiscono ai tempi necessari non tanto all del test in se stesso, quanto al tempo complessivo necessario. In caso di richieste contenenti

Dettagli

Cenni sulle più comuni malattie dell infanzia

Cenni sulle più comuni malattie dell infanzia Cenni sulle più comuni malattie dell infanzia parotite epidemica Malattia virale acuta, sistemica, causata da un paramyxovirus che colpisce prevalentemente i bambini in età scolare. La principale manifestazione

Dettagli

Utenti esterni. 10 gg 10 gg S.A. IFIIgG o IFIIgM WB IgG o WB IgM

Utenti esterni. 10 gg 10 gg S.A. IFIIgG o IFIIgM WB IgG o WB IgM Prestazioni erogate Tempi massimi di risposta * Anticorpi anti Adenovirus 10 gg 10 gg S.A. EIA Anticorpi anti Ameba 10 gg 10 gg S.A. EP Anticorpi anti antigene δ 15 gg 15 gg S.A. EIA Anticorpi anti antigene

Dettagli

Risultati VEQ 2013. Sierologia 1 (HBV-HCV-HIV) Sierologia 3 (Lue)

Risultati VEQ 2013. Sierologia 1 (HBV-HCV-HIV) Sierologia 3 (Lue) Risultati VEQ 2013 Sierologia 1 (HBV-HCV-HIV) Sierologia 3 (Lue) F. Parri 21 ottobre 2014 Campione 1 HBV markers totale POSITIVO NEGATIVO HBsAg 384 379 5 anti HBs 315 28 287 anti HBc 282 278 4 anti HBc

Dettagli

VIRUS VARICELLA-ZOSTER (VZV, HHV-3) VARICELLA Epidemiologia. VARICELLA Clinica. VARICELLA Clinica. scaricato da www.sunhope.it

VIRUS VARICELLA-ZOSTER (VZV, HHV-3) VARICELLA Epidemiologia. VARICELLA Clinica. VARICELLA Clinica. scaricato da www.sunhope.it VIRUS -ZOSTER (VZV, HHV-3) = infezione primaria Febbre ed esantema vescicolare generalizzato Dopo l infezione primaria, l HHV-3 risale dalle lesioni cutanee lungo le fibre nervose sensitive GANGLI RADICI

Dettagli

05/06/2014. Tracheobronchite infettiva del cane Kennel cough

05/06/2014. Tracheobronchite infettiva del cane Kennel cough LA TOSSE DEI CANILI Tracheobronchite infettiva del cane Kennel cough DEFINIZIONE Malattia infettiva contagiosa ad andamento acuto del cane, caratterizzata da tosse e scolo oculo-nasale Malattia ad eziologia

Dettagli

Promozione delle vaccinazioni

Promozione delle vaccinazioni Promozione delle vaccinazioni Francesca Russo Servizio Sanità Pubblica e Screening Regione Veneto Formatore Azienda Ospedaliera: Dott.ssa Silvana Lauriola Vaccinazione Azione cardine della prevenzione

Dettagli

ALMA MATER STUDIORUM Università di Bologna Sede di Bologna

ALMA MATER STUDIORUM Università di Bologna Sede di Bologna ALMA MATER STUDIORUM Università di Bologna Sede di Bologna CORSO DI FORMAZIONE PERMANENTE IN Infezioni in Gravidanza e Perinatali Bologna, 1 5 dicembre 2008 in collaborazione con Università degli Studi

Dettagli

Sanità Pubblica. origine greca, che letteralmente significa «discorso riguardo alla popolazione»:

Sanità Pubblica. origine greca, che letteralmente significa «discorso riguardo alla popolazione»: Sanità Pubblica Definizione: Dal punto di vista etimologico, Epidemiologia è una parola composita (epi-demio-logia) di origine greca, che letteralmente significa «discorso riguardo alla popolazione»: Lo

Dettagli

Gianni Bona, Carla Guidi Università del Piemonte Orientale A. Avogadro Clinica Pediatrica di Novara

Gianni Bona, Carla Guidi Università del Piemonte Orientale A. Avogadro Clinica Pediatrica di Novara VACCINO ANTI MORBILLO, ROSOLIA, PAROTITE E VARICELLA Gianni Bona, Carla Guidi Università del Piemonte Orientale A. Avogadro Clinica Pediatrica di Novara Morbillo, parotite, rosolia e varicella sono patologie

Dettagli

Herpesviridae: Malattia nel cane - CaHV1

Herpesviridae: Malattia nel cane - CaHV1 Herpesviridae: Malattia nel cane - CaHV1 Eziologia CaHV1 Genoma DNA, lineare, doppia elica, simmetria icosaedrica 162 capsomeri Dimensioni 120-200 nm Colture cellule omologhe, testicolari, macrofagi replica

Dettagli

Vedi note. 10 Acanthamoeba, coltura. Tempi di

Vedi note. 10 Acanthamoeba, coltura. Tempi di Tempi di N.B. i tempi di risposta riportati si riferiscono ai tempi tecnici per l'esecuzione dell'indagine. In caso di richieste contenenti più esami, il tempo risultante è dato dall'esame più lungo 10

Dettagli

Valori di Riferimento degli esami eseguiti nell'u.o. Microbiologia

Valori di Riferimento degli esami eseguiti nell'u.o. Microbiologia Pagina 1 di 5 Ab anti Adenovirus IgG Anticorpi anti Adenovirus IgG Ab anti Adenovirus IgG : < 8.5 Ab anti Adenovirus IgM Anticorpi anti Adenovirus IgM Ab anti Adenovirus IgM : < 8.5 Ab anti Bartonella

Dettagli

IGRA nella diagnosi dell infezione da Toxoplasma gondii

IGRA nella diagnosi dell infezione da Toxoplasma gondii Network di Microbiologia e Virologia del Nord Est Incontro di Aggiornamento INTERFERON GAMMA RELEASE ASSAYS (IGRAs) NELLA DIAGNOSI E MONITORAGGIO DELLE MALATTIE INFETTIVE 19 aprile 2013 Sala Ferrari Incontri

Dettagli

Fino al 1970 era possibile fare solo una diagnosi. 1970. Blumberg identifica l antigene Australia nei

Fino al 1970 era possibile fare solo una diagnosi. 1970. Blumberg identifica l antigene Australia nei STORIA DELL IDENTIFICAZIONE DEI VIRUS CHE CAUSANO EPATITE 1 Fino al 1970 era possibile fare solo una diagnosi generica di epatite, pur essendo distinti due tipi sul piano epidemiologico. 1970. Blumberg

Dettagli

Esposizione accidentale a materiali biologici potenzialmente contaminati con agenti patogeni trasmissibili per via ematica

Esposizione accidentale a materiali biologici potenzialmente contaminati con agenti patogeni trasmissibili per via ematica S.S. Medico pagina 1 di 12 1. Titolo e descrizione sintetica... 1 2. Titolo... 1 3. Descrizione sintetica... 1 4. Responsabile della procedura... 1 5. Obiettivi... 2 6. Ambito di Applicazione... 2 7. Documenti

Dettagli

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI definizione Rischio da agenti biologici Si sviluppa in seguito all esposizione a microorganismi: BATTERI VIRUS PARASSITI .Le malattie infettive Il rapporto che l agente infettivo

Dettagli

Come e quando fare i test. Antonino Di Caro INMI

Come e quando fare i test. Antonino Di Caro INMI Come e quando fare i test Antonino Di Caro INMI Come e quando fare il test Antonino Di Caro, antonino.dicaro@inmi.it Maria Rosaria Capobianchi, maria.capobianchi@inmi.it Concetta Castilletti, concetta.castilletti@inmi.it

Dettagli

INCUBAZIONE ACUTA CONVALESC GUARIGIONE. HBsAg. Anti HBs. HBeAg HBV DNA. Infezione ALT. Anti Hbe. Infezione. Anti HBc IgM. Da Virus.

INCUBAZIONE ACUTA CONVALESC GUARIGIONE. HBsAg. Anti HBs. HBeAg HBV DNA. Infezione ALT. Anti Hbe. Infezione. Anti HBc IgM. Da Virus. PERIODO DI FASE INCUBAZIONE ACUTA CONVALESC GUARIGIONE HBsAg contemp poranea B + Virus Delta Infezione Da Virus solo da Virus B Infezione Anti HBs HBeAg HBV DNA Anti Hbe Anti HBc IgM Anti HBc IgG ALT Anti

Dettagli

Corso di Perfezionamento in Infezioni in gravidanza e perinatali

Corso di Perfezionamento in Infezioni in gravidanza e perinatali Corso di Perfezionamento in Infezioni in gravidanza e perinatali Destinatari: Medici di Base, Medici Infettivologi, Medici Neonatologi, Medici Ostetrici/Ginecologi, Medici Microbiologi, Laureati in Biotecnologie,

Dettagli

03/02/2013. Bartonella henselae Toxoplasma Campylobacter Cryptosporidium Salmonella Giardia Toxocara Coxiella. Dermatofiti

03/02/2013. Bartonella henselae Toxoplasma Campylobacter Cryptosporidium Salmonella Giardia Toxocara Coxiella. Dermatofiti Bambini e cuccioli Il gatto di casa e la futura mamma Dott.ssa Nadia Gussetti Azienda Ospedaliera Padova ZOONOSI MALATTIE TRASMISSIBILI DALL ANIMALE ALL UOMO PER CONTATTO DIRETTO O PER VIA INDIRETTA Padova,

Dettagli

Sabato 17 ottobre 2015 S. Beux, S. Monticone, G. Innocenzi, M. Zaffaroni, G. Bona

Sabato 17 ottobre 2015 S. Beux, S. Monticone, G. Innocenzi, M. Zaffaroni, G. Bona Sabato 17 ottobre 2015 S. Beux, S. Monticone, G. Innocenzi, M. Zaffaroni, G. Bona Clinica Pediatrica Università degli Studi di Novara A.O.U. Maggiore della Carità di Novara Nel Mondo: 130-150 milioni di

Dettagli

IL RUOLO DEL LABORATORIO DI RIFERIMENTO REGIONALE Anna Barbui S.C. Microbiologia e Virologia U Città della Salute e della Scienza di Torino

IL RUOLO DEL LABORATORIO DI RIFERIMENTO REGIONALE Anna Barbui S.C. Microbiologia e Virologia U Città della Salute e della Scienza di Torino IL RUOLO DEL LABORATORIO DI RIFERIMENTO REGIONALE Anna Barbui S.C. Microbiologia e Virologia U Città della Salute e della Scienza di Torino Torino 17 febbraio 2016 RISULTATI DI 11 ANNI DI ATTIVITÀ (2005-2015)

Dettagli

Una recrudescenza delle malattie sessualmente trasmesse?

Una recrudescenza delle malattie sessualmente trasmesse? Salute Maria Bruna Pasticci Una recrudescenza delle malattie sessualmente trasmesse? Con il termine di malattie sessualmente trasmesse (MST) o si definiscono tutte le patologie che possono essere acquisite

Dettagli

I RISULTATI DELL ATTIVITÀ DEL LABORATORIO DI RIFERIMENTO REGIONALE. Anna Barbui S.C. Microbiologia AOU San Giovanni Battista di Torino

I RISULTATI DELL ATTIVITÀ DEL LABORATORIO DI RIFERIMENTO REGIONALE. Anna Barbui S.C. Microbiologia AOU San Giovanni Battista di Torino I RISULTATI DELL ATTIVITÀ DEL LABORATORIO DI RIFERIMENTO REGIONALE Anna Barbui S.C. Microbiologia AOU San Giovanni Battista di Torino Sorveglianza delle malattie batteriche invasive Diagnosi di laboratorio

Dettagli

UNIVERSITA' degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia AA 2011-2012.

UNIVERSITA' degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia AA 2011-2012. UNIVERSITA' degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia AA 2011-2012 Mycoplasmataceae Genere Mycoplasma: circa 100 specie Mycoplasma pneumoniae ( agente

Dettagli

Le infezioni.neonatali. S. Di Fabio

Le infezioni.neonatali. S. Di Fabio Le infezioni.neonatali Dott.ssa S. Di Fabio U.O. di Neonatologia e T.I.N. - Chieti Le infezioni costituiscono un importante e vasto capitolo della patologia neonatale: Classificazione Elevata incidenza

Dettagli

Screening e trattamento dell infezione genitale da GBS in gravidanza

Screening e trattamento dell infezione genitale da GBS in gravidanza Le infezioni microbiologiche in Ostetricia e Ginecologia Bergamo, 27 Maggio 2011 Screening e trattamento dell infezione genitale da GBS in gravidanza Dr.ssa Stefania Rampello USS Area del parto - OORR

Dettagli

CONTROLLO LABORATORISTICO E STRUMENTALE DELLA GRAVIDANZA FISIOLOGICA

CONTROLLO LABORATORISTICO E STRUMENTALE DELLA GRAVIDANZA FISIOLOGICA Dipartimento di Scienze Ginecologiche, Ostetriche e della Riproduzione CONTROLLO LABORATORISTICO E STRUMENTALE DELLA GRAVIDANZA FISIOLOGICA Prof. Nicola Colacurci ESAMI DI LABORATORIO E STRUMENTALI NELLA

Dettagli

Introduzione ai Test di Avidità 3 Congresso NEWMICRO Padenghe sul Garda 20-22 Marzo 2013

Introduzione ai Test di Avidità 3 Congresso NEWMICRO Padenghe sul Garda 20-22 Marzo 2013 Introduzione ai Test di Avidità 3 Congresso NEWMICRO Padenghe sul Garda 20-22 Marzo 2013 Daniela Bernasconi Product Manager Infectious Disease Abbott Diagnostici Italia CMV e T. gondii Principali Differenze:

Dettagli

Allegato 2: Codici aggiunti alla Classificazione nazionale dei dispositivi medici approvata con Decreto del Ministero della salute 20 febbraio 2007

Allegato 2: Codici aggiunti alla Classificazione nazionale dei dispositivi medici approvata con Decreto del Ministero della salute 20 febbraio 2007 Allegato 2: Codici aggiunti alla Classificazione nazionale dei dispositivi medici approvata con Decreto del Ministero della salute 20 febbraio 2007 24-5-2010 22 A DISPOSITIVI DA SOMMINISTRAIONE, PRELIEVO

Dettagli

Facoltà di Medicina e Chirurgia Università di Genova ROSOLIA. prof. Oliviero E. Varnier

Facoltà di Medicina e Chirurgia Università di Genova ROSOLIA. prof. Oliviero E. Varnier Facoltà di Medicina e Chirurgia Università di Genova ROSOLIA prof. Oliviero E. Varnier WWW.MICROBIOLOGIA.UNIGE.IT Sezione di Microbiologia Dipartimento di Scienze Chirurgiche Diagnostiche Integrate (DISC)

Dettagli

LE MALATTIE INFETTIVE

LE MALATTIE INFETTIVE LE MALATTIE In base alla loro eziologia (cioè alle loro cause) le malattie possono essere distinte in e NON. Le malattie infettive sono causate da microrganismi, specialmente batteri e virus. Le malattie

Dettagli

MALATTIE A TRASMISSIONE SESSUALE (MTS)

MALATTIE A TRASMISSIONE SESSUALE (MTS) MALATTIE A TRASMISSIONE SESSUALE (MTS) COSA SONO? Sono malattie provocate da virus, batteri, parassiti o funghi; l infezione viene trasmessa attraverso i rapporti sessuali con persone malate o portatrici

Dettagli

Le infezioni a trasmissione materno fetale

Le infezioni a trasmissione materno fetale CORSO DI LAUREA MAGISTRALE SCIENZE DELLA NUTRIZIONE UMANA ANNO ACCADEMICO 2013-2014 Corso di Microbiologia Applicata Le infezioni a trasmissione materno fetale Dott.ssa Claudia Matteucci Dipartimento di

Dettagli

LA DIAGNOSTICA PRENATALE: dal Test Combinato alle ecografie di routine

LA DIAGNOSTICA PRENATALE: dal Test Combinato alle ecografie di routine LA DIAGNOSTICA PRENATALE: dal Test Combinato alle ecografie di routine ECOGRAFIA FETO NUMERO e VITALITA CORIONICITA AMBIENTE FETALE ACCRESCIMENTO MORFOLOGIA e FUNZIONALITA PLACENTA LOCALIZZAZIONE FUNZIONALITA

Dettagli

Infezione congenita da Citomegalovirus. 07 maggio 2011 Dott.ssa Laura Schneider

Infezione congenita da Citomegalovirus. 07 maggio 2011 Dott.ssa Laura Schneider Infezione congenita da Citomegalovirus 07 maggio 2011 Dott.ssa Laura Schneider Citomegalovirus Il CMV è la principale causa di infezione congenita nei paesi sviluppati incidenza 0,3-2% di tutti i nati

Dettagli

Che cos è l AIDS. Il virus H.I.V. è la causa dell immunodeficienza acquisita

Che cos è l AIDS. Il virus H.I.V. è la causa dell immunodeficienza acquisita HIV e AIDS Che cos è l AIDS L A.I.D.S. o S.I.D.A. è una sindrome da immunodeficienza acquisita. E una malattia del sistema immunitario che ne limita e riduce le funzioni. Le persone colpite sono più suscettibili

Dettagli

EPATITI EPATITE A EPATITE B EPATITE C EPATITE D EPATITE E

EPATITI EPATITE A EPATITE B EPATITE C EPATITE D EPATITE E EPATITI EPATITE A EPATITE B EPATITE C EPATITE D EPATITE E EPATITE B Il virus dell epatite B (Hbv) è un virus a Dna Resiste nell ambiente, ma è sensibile ai disinfettanti comuni (ipoclorito di sodio) EPATITE

Dettagli

1. COME FUNZIONA LA VACCINAZIONE E PERCHÉ BISOGNA VACCINARSI?

1. COME FUNZIONA LA VACCINAZIONE E PERCHÉ BISOGNA VACCINARSI? In un qualsiasi anno prima dell'uso esteso dei vaccini in Italia si registravano circa 3.000 casi di poliomielite, circa 12.000 di difterite, circa 700 casi di tetano, circa 60.000 casi di morbillo e 30.000

Dettagli

Corretta gestione della fattrice e dello stallone: come aumentare le probabilità di gravidanza

Corretta gestione della fattrice e dello stallone: come aumentare le probabilità di gravidanza Corretta gestione della fattrice e dello stallone: come aumentare le probabilità di gravidanza Michela Beccaglia DVM, PhD, Dipl. ECAR Libera Professionista, Lissone(MB) michela.beccaglia@libero.it 30 Ottobre

Dettagli