SISTEMA DI FISSAGGIO EDILFIX

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SISTEMA DI FISSAGGIO EDILFIX"

Transcript

1 SISTEM I ISSGGIO EILIX Il itema i fiaggio EILIX offre una oluzione rapia e veratile a ogni problema i ancoraggio tra elementi i calcetruzzo, quali: pannelli/travi, parapetti/olette, ecc. e in carpenteria metallica come, a eempio, nel montaggio i controoffitti e caffalature opee. Il itema è cotituito a: - profili in lamiera piegata a freo - bulloni - acceori i completamento Profili con pieino I profili EILIX, formati a freo econo le norme UNI EN e UNI EN 10143, e realizzati in acciaio S23JR econo EN , vengono forniti zincati enzimir con rivetimento minimo i 20 μm (UNI EN 10142), in barre a 3 metri oppure in pezzoni a 2-37, cm. La gaa ei profili EILIX comprene i eguenti moelli: LE 1 a pagina 6, LE 2 a pagina 8, LE 3 a pagina 10. I profili EILIX ono iponibili nelle verioni inicate a lato. PROILI Profili aolati con facette a inerire I profili con pieino facilitano la mea in opera perché evitano l inerimento e la piegatura ella facetta. L interae tra i pieini o le aole varia a 12, cm fino a 2 cm. Per la mea in opera el profilo aolato i inericono le facette, ul oro el profilo, che ucceivamente aranno piegate. VVERTENZ: al momento ella piegatura ella facetta occorre evitare qualiai anneggiamento ell aola. I bulloni, realizzati in acciaio clae 4.6 UNI EN 2022 e completi i ai clae 8 UNI EN 2022 ono tati appoitamente tuiati per realizzare un accoppiamento corretto ai profili EILIX. I bulloni ono tati calcolati con un coefficiente i icurezza k 3. Non ono aee operazioni i alatura. L impiego i bulloni e ai iveri a quelli forniti a CHRYSO ITLI potrebbe procurare nei profili tenioni non previte e, i coneguenza, invalare le garanzie inicate. BULLONI I bulloni, zincati con rivetimento elettrolitico, vengono forniti completi i ai e ronelle. I bulloni poono eere forniti con ronelle elatiche Grower o ronelle larghe. richieta, poono eere forniti bulloni, ai e ronelle zincati a calo. Bullone con teta a ancora a utilizzare con i profili tipo LE 1 (pagina 6), LE 2 (pagina 8) e LE 3 (pagina 10). 4

2 T BIONETTE TEST NCOR Sono iponibili i eguenti tipi i baionette (pagina 12). Baionetta licia con teta a ancora per Profili LE 1 e LE 2 Baionetta zigrinata con teta a ancora per Profili LE 1 e LE 2 CCESSORI I COMPLETMENTO BIONETT LUNGHEZZ VRIBILE La baionetta a lunghezza variabile (pagina 13) conente i ottenere ivere lunghezze. Può eere accoppiata ai Profili LE 1, LE 2 e LE 3. PISTRINE NTISLITTMENTO ati tecnici a pagina 13. PISTRINE PER ISSGGIO PNNELLI ati tecnici a pagina 13. SCTOLE I NCORGGIO SCOMPRS PISTRE NGOLRI ati tecnici a pagina 14. SISTEM I SOSTEGNO TIPO LEM ati tecnici alle pagine 16 e 17. ati tecnici alle pagine 18 e 19. TIPO LE 10 TIPO LE

3 TIPO LE 1 I profili EILIX LE 1, formati a freo e realizzati in acciaio S23JR, vengono forniti zincati a calo tipo enzimir con rivetimento minimo i 20 μm, in barre a 3 metri oppure in pezzoni a Per evitare infiltrazioni i cl o boiacca, i profili EILIX vengono forniti con riempimento i facile rimozione in fae i montaggio. PROILO EILIX Tipo LE 1 Tipo LE 1 P Carico maimo aiibile Rck 30 N/² /m /m Materiali S23JR S23JR Pao ancoraggi 12, cm 9, 11,0 38,0 10,0 12,0 40,0 Pao ancoraggi 2,0 cm 8, 10,0 34,0 9, 11,0 38,0 Tipo ancoraggio acetta 400 x 20 x 1, Chioo h = 0, Ø = 8. rea ella ezione cm² 2,37 2,43 Peo con ancoraggio kg/m: 2,4 2,06 Per la efinizione ei carichi ono tati utilizzati i bulloni T M16. Il carico maimo aiibile a littamento è i 2,. I ati relativi ai carichi aiibili ono tati eterminati conierano un coefficiente i icurezza k 3. Nella eterminazione ei valori, i ono inoltre conierati, come forze i taglio, tutti gli forzi che agicono con un angolazione 10 ripetto alla uperficie el calcetruzzo mentre, per forze i trazione aiibili, ono tati conierati gli forzi agenti con un angolo 10 ripetto alla perpenicolare ella uperfice i calcetruzzo. Non ono conentiti carichi obliqui applicati con inclinazioni uperiori. 6

4 BULLONI E CCESSORI PER PROILO LE 1 Per il profilo EILIX tipo LE 1 occorre utilizzare oltanto i bulloni con teta a ancora, che ono iponibili nelle lunghezze riportate nella relativa tabella. I bulloni poono eere introotti in ogni punto el profilo e, una volta ruotati i 90, i bloccano in poizione corretta. Tutti i bulloni ono i clae 4.6. L etremità ei bulloni preenta una calanatura che permette i verificare il poizionamento ella teta all interno el profilo. Lunghezze iponibili Bullone con teta a ancora Ø Carico aiibile a trazone Copia torcente conigliata Nm M 14 1,3 0 M 16 20,9 60 BULLONI NORM UNI EN 2022 CRTTERISTICHE IMENSIONLI EGLI CCESSORI I RONELLE RONELLE GROWER RONELLE LRGHE Ø e S m h M , , M 16 27, , I NORM UNI EN 2022 CLSSE 8 UNI EN ISO RONELLE NORM UNI 692 CLSSE 4.8 RONELLE ELSTICHE GROWER NORM UNI 171 RONELLE LRGHE NORM UNI CLSSE 4.8 ISTNZE MINIME I BORI E INTERSSI Lo peore minimo ell elemento è in funzione ella lunghezza ell ancoraggio più il ricoprimento. Per il profilo LE 1 le itanze minime ai bori e interai ono: a: 8 cm b: 20 cm : 20 cm Gli interai e le itanze minime ai bori opra riportati i applicano per calcetruzzo armato con Rck 30 N/². Per calcetruzzo non armato, gli interai evono eere aumentati el 30%. Carichi aiibili riotti per itanze ai bori riotte I carichi aiibili riotti per itanze ai bori riotte, riportati nella tabella a lato, vengono applicati per calcetruzzo armato con Rck 30 N/² enza conierare armature aggiuntive. CRICO b/2 (cm) per carico concent b/2 (cm) per carico a taglio rmatura aggiuntiva neccearia per itanze ai bori riotte. Meiante armatura aggiuntiva, le itanze minime ai bori opra inicate poono eere iminuite enza riurre i carichi aiibili. Per iminuire, a eempio, la itanza ai bori fino a cm in un pannello peo 10 cm, occorre preveere l armautra aggiuntiva come illutrato a lato. In queto moo, i carichi i trazione vengono tramei meiante l armatura tea. Per ulteriori oluzioni, conultare il notro ufficio tecnico. 4 p+3 a > p - Ø = 6 L rmatura in e B 44K 7

5 TIPO LE 2 I profili EILIX LE 2, formati a freo e realizzati in acciaio S23JR, vengono forniti zincati a calo tipo enzimir con rivetimento minimo i 20 μm, in barre a 3 metri oppure in pezzoni a Per evitare infiltrazioni i cl o boiacca, i profili EILIX vengono forniti con riempimento i facile rimozione in fae i montaggio. PROILO EILIX Tipo LE 2 Tipo LE 2 P Carico maimo aiibile Rck 30 N/² /m /m Materiali S23JR S23JR Pao ancoraggi 12, cm 11, 14,0 46,0 12,0 14,0 48,0 Pao ancoraggi 2 cm 11,0 12,0 44,0 11,0 12,0 44,0 Tipo ancoraggio acetta 400 x 20 x 1, Chioo h = 1, Ø = 10. rea ella ezione cm² 2,68 2,68 Peo con ancoraggio kg/m: 2,70 2,32 Per la efinizione ei carichi ono tati utilizzati i bulloni T M16. Il carico maimo aiibile a littamento è i 2,. I ati relativi ai carichi aiibili ono tati eterminati conierano un coefficiente i icurezza k 3. Nella eterminazione ei valori, i ono inoltre conierati, come forze i taglio, tutti gli forzi che agicono con un angolazione 10 ripetto alla uperficie el calcetruzzo mentre, per forze i trazione aiibili, ono tati conierati gli forzi agenti con un angolo 10 ripetto alla perpenicolare ella uperfice i calcetruzzo. Non ono conentiti carichi obliqui applicati con inclinazioni uperiori. 8

6 BULLONI E CCESSORI PER PROILO LE 2 Per il profilo EILIX tipo LE 2 occorre utilizzare oltanto i bulloni con teta a ancora, che ono iponibili nelle lunghezze riportate nella relativa tabella. I bulloni poono eere introotti in ogni punto el profilo e, una volta ruotati i 90, i bloccano in poizione corretta. Tutti i bulloni ono i clae 4.6. L etremità ei bulloni preenta una calanatura che permette i verificare il poizionamento ella teta all interno el profilo. Lunghezze iponibili Bullone con teta a ancora Ø Carico aiibile a trazone Copia torcente conigliata Nm M 14 1,3 0 M 16 20,9 60 BULLONI NORM UNI EN 2022 CRTTERISTICHE IMENSIONLI EGLI CCESSORI I RONELLE RONELLE GROWER RONELLE LRGHE Ø e S m h M , , M 16 27, , I NORM UNI EN 2022 CLSSE 8 UNI EN ISO RONELLE NORM UNI 692 CLSSE 4.8 RONELLE ELSTICHE GROWER NORM UNI 171 RONELLE LRGHE NORM UNI CLSSE 4.8 ISTNZE MINIME I BORI E INTERSSI Lo peore minimo ell elemento è in funzione ella lunghezza ell ancoraggio più il ricoprimento. Per il profilo LE 2 le itanze minime ai bori e interai ono: a: 12 cm b: 30 cm : 26 cm Gli interai e le itanze minime ai bori opra riportati i applicano per calcetruzzo armato con Rck 30 N/². Per calcetruzzo non armato, gli interai evono eere aumentati el 30%. Carichi aiibili riotti per itanze ai bori riotte I carichi aiibili riotti per itanze ai bori riotte, riportati nella tabella a lato, vengono applicati per calcetruzzo armato con Rck 30 N/² enza conierare armature aggiuntive. CRICO b/2 (cm) per carico concent b/2 (cm) per carico a taglio rmatura aggiuntiva neccearia per itanze ai bori riotte. Meiante armatura aggiuntiva, le itanze minime ai bori opra inicate poono eere iminuite enza riurre i carichi aiibili. Per iminuire, a eempio, la itanza ai bori fino a cm in un pannello peo 10 cm, occorre preveere l armautra aggiuntiva come illutrato a lato. In queto moo, i carichi i trazione vengono tramei meiante l armatura tea. Per ulteriori oluzioni, conultare il notro ufficio tecnico. 4 p+3 a > p - Ø = 8 L rmatura in e B 44K 9

7 TIPO LE 3 I profili EILIX LE 3, formati a freo e realizzati in acciaio S23JR, vengono forniti zincati a calo tipo enzimir con rivetimento minimo i 20 μm, in barre a 3 metri oppure in pezzoni a Per evitare infiltrazioni i cl o boiacca, i profili EILIX vengono forniti con riempimento i facile rimozione in fae i montaggio. PROILO EILIX , 23 13, Tipo LE 3 P Carico maimo aiibile Rck 30 N/² /m Materiali S23JRG2 Pao ancoraggi 12, cm 1,0 18,0 60,0 Pao ancoraggi 2 cm 12, 1,0 0,0 Tipo ancoraggio Chioo h = 3, Ø = 10 rea ella ezione cm² 3,72 Peo con ancoraggio kg/m: 2,9 Per la efinizione ei carichi ono tati utilizzati i bulloni T M16. Il carico maimo aiibile a littamento è i 2,. I ati relativi ai carichi aiibili ono tati eterminati conierano un coefficiente i icurezza k 3. Nella eterminazione ei valori, i ono inoltre conierati, come forze i taglio, tutti gli forzi che agicono con un angolazione 10 ripetto alla uperficie el calcetruzzo mentre, per forze i trazione aiibili, ono tati conierati gli forzi agenti con un angolo 10 ripetto alla perpenicolare ella uperfice i calcetruzzo. Non ono conentiti carichi obliqui applicati con inclinazioni uperiori. 10

8 BULLONI E CCESSORI PER PROILO LE 3 Per il profilo EILIX tipo LE 3 occorre utilizzare oltanto i bulloni con teta a ancora, che ono iponibili nelle lunghezze riportate nella relativa tabella. I bulloni poono eere introotti in ogni punto el profilo e, una volta ruotati i 90, i bloccano in poizione corretta. Tutti i bulloni ono i clae 4.6. L etremità ei bulloni preenta una calanatura che permette i verificare il poizionamento ella teta all interno el profilo. Lunghezze iponibili Bullone con teta a ancora Ø Carico aiibile a trazone Copia torcente conigliata Nm M 16 20,9 60 BULLONI NORM UNI EN 2022 CRTTERISTICHE IMENSIONLI EGLI CCESSORI I RONELLE RONELLE GROWER RONELLE LRGHE Ø e S m h M 16 27, , I NORM UNI EN 2022 CLSSE 8 UNI EN ISO RONELLE NORM UNI 692 CLSSE 4.8 RONELLE ELSTICHE GROWER NORM UNI 171 RONELLE LRGHE NORM UNI CLSSE 4.8 ISTNZE MINIME I BORI E INTERSSI Lo peore minimo ell elemento è in funzione ella lunghezza ell ancoraggio più il ricoprimento. Per il profilo LE 3 le itanze minime ai bori e interai ono: a: 1 cm b: 36 cm : 30 cm Gli interai e le itanze minime ai bori opra riportati i applicano per calcetruzzo armato con Rck 30 N/². Per calcetruzzo non armato, gli interai evono eere aumentati el 30%. Carichi aiibili riotti per itanze ai bori riotte I carichi aiibili riotti per itanze ai bori riotte, riportati nella tabella a lato, vengono applicati per calcetruzzo armato con Rck 30 N/² enza conierare armature aggiuntive. CRICO b/2 (cm) per carico concent b/2 (cm) per carico a taglio rmatura aggiuntiva neccearia per itanze ai bori riotte. Meiante armatura aggiuntiva, le itanze minime ai bori opra inicate poono eere iminuite enza riurre i carichi aiibili. Per iminuire, a eempio, la itanza ai bori fino a cm in un pannello peo 10 cm, occorre preveere l armautra aggiuntiva come illutrato a lato. In queto moo, i carichi i trazione vengono tramei meiante l armatura tea. Per ulteriori oluzioni, conultare il notro ufficio tecnico. 4 p+3 a > p - Ø = 10 L rmatura in e B 44K 11

FORZE DI ATTRITO. a cura di Gianfranco Metelli

FORZE DI ATTRITO. a cura di Gianfranco Metelli ORZE DI ATTRITO a cura i Gianfranco Metelli L attrito è una forza che i eercita tra ue corpi poti a contatto e che, in generale, i oppone al loro moto reciproco. Una forza i attrito è, per eempio, quella

Dettagli

BOZZA. Lezione n. 20. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tensioni normali

BOZZA. Lezione n. 20. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tensioni normali Lezione n. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tenioni normali Determinazione elle configurazioni i rottura per la ezione Una volta introotti i legami cotitutivi, è poibile eterminare

Dettagli

SISTEMA DI FISSAGGIO E SOSTEGNO EDILFIX

SISTEMA DI FISSAGGIO E SOSTEGNO EDILFIX SISTEMA DI FISSAGGIO E SOSTEGNO Il sistema di fissaggio e sostegno offre una soluzione rapida e versatile ad ogni problema di ancoraggio tra elementi prefabbricati in calcestruzzo e carpenteria metallica.

Dettagli

Il progetto allo SLU per la flessione semplice e composta

Il progetto allo SLU per la flessione semplice e composta Il progetto allo SLU per la leione emplie e ompota Nomenlatura σ R h y.n. σ 0,8y b σ T /0 Ipotei i bae onervazione elle ezioni piane La eormazione in ogni punto ella ezione è proporzionale alla itanza

Dettagli

Il grigliato Keller, nelle realizzazioni di piani di lavoro, offre il più elevato rapporto tra carico sopportabile e peso proprio, oltre ad una

Il grigliato Keller, nelle realizzazioni di piani di lavoro, offre il più elevato rapporto tra carico sopportabile e peso proprio, oltre ad una Il grigliato Keller, nelle realizzazioni di piani di lavoro, offre il più elevato rapporto tra carico opportabile e peo proprio, oltre ad una elevata permeabilità alla luce e all aria. Tali caratteritice

Dettagli

2. In un mercato concorrenziale senza intervento pubblico non si ha perdita di benessere sociale netto.

2. In un mercato concorrenziale senza intervento pubblico non si ha perdita di benessere sociale netto. Beanko & Breautigam Microeconomia Manuale elle oluzioni Capitolo 10 Mercati concorrenziali: applicazioni Soluzioni elle Domane i ripao 1. In corriponenza ell equilibrio i lungo perioo, un mercato concorrenziale

Dettagli

Esempio 1 Si consideri la sezione di un solaio latero-cementizio (1 m) di caratteristiche geometriche:

Esempio 1 Si consideri la sezione di un solaio latero-cementizio (1 m) di caratteristiche geometriche: Si riporta di eguito la rioluzione di alni eercizi riguardanti il calcolo del momento reitente e del dominio di preoleione di ezioni in cemento armato. In tutte le applicazioni ucceive i è utilizzato per

Dettagli

Cap. 4 Mercati finanziari

Cap. 4 Mercati finanziari Cap. 4 ercati finanziari Tao interee (i): importante per invetimenti e celte i conumo intertemporali. Noi iamo intereati principalmente ai primi. Come i etermina i? Attori: Banca Centrale (BC), banche,

Dettagli

Sezioni in c.a. La flessione composta. Catania, 16 marzo 2004 Marco Muratore

Sezioni in c.a. La flessione composta. Catania, 16 marzo 2004 Marco Muratore Sezioni in c.a. La fleione compota Catania, 16 marzo 004 arco uratore Per chi non c era 1. Compreione: verifica Tenioni ammiibili α cd Ac f 1.5 f yd A 0.7 σ ( A max c c n A ) Riultati comparabili per il

Dettagli

BASCULANTI ACCIAIO E LEGNO

BASCULANTI ACCIAIO E LEGNO BASCULANTI ACCIAIO E LEGNO INDICE BASCULANTI IN ACCIAIO BASCULANTI IN LEGNO WIND 6 4 16 STAR WIND 8 4 16 SKY BASE SUPERWIND 5 17 SKY PLUS NON DEBORDANTE 5 17 SKY 8 PERSONALIZZAZIONI 6 18 ESTETICHE SPECIALI

Dettagli

STAFFE ROTANTI. Programma generale. Pressione d esercizio fino a 500 bar. A semplice e doppio effetto. 7 differenti tipi di corpo

STAFFE ROTANTI. Programma generale. Pressione d esercizio fino a 500 bar. A semplice e doppio effetto. 7 differenti tipi di corpo Programma generale STAFFE ROTANTI Preione d eercizio fino a A emplice e doppio effetto 7 differenti tipi di corpo Forza di bloccaggio maima da 0,6 a 41 kn Cora di bloccaggio maima da 7 a 50 mm Sicurezza

Dettagli

Le ipotesi di base che si utilizzano sono le stesse quattro già viste con riferimento al caso della flessione semplice e cioè:

Le ipotesi di base che si utilizzano sono le stesse quattro già viste con riferimento al caso della flessione semplice e cioè: LEZIONI N 44 E 45 CALCOLO A ROTTURA DELLA SEZIONE PRESSOINFLESSA PROBLEMI DI VERIFICA La procedura di verifica dei pilatri di c.a., ottopoti a forzo normale e momento flettente, è baata ulla cotruzione

Dettagli

ALU STAFFE IN ALLUMINIO SENZA FORI

ALU STAFFE IN ALLUMINIO SENZA FORI ALU STAFFE IN ALLUMINIO SENZA FORI Giunzione a compara in lega di alluminio per utilizzo in ambienti interni ed eterni (cl. di erv. 2) Preforata con ditanze ottimizzate per giunzioni ia u legno (chiodi

Dettagli

Facoltà di Ingegneria Prova scritta di Fisica I 13 Febbraio 2006 Compito A

Facoltà di Ingegneria Prova scritta di Fisica I 13 Febbraio 2006 Compito A Facoltà di Ingegneria Prova critta di Fiica I 13 Febbraio 6 Copito A Eercizio n.1 Un blocco, aiilabile ad un punto ateriale di aa, partendo da fero, civola da un altezza h lungo un piano inclinato cabro

Dettagli

6 Lezione. STATI LIMITE: Esempi di progetto/verifica

6 Lezione. STATI LIMITE: Esempi di progetto/verifica 6 Lezione STATI LIMITE: Eempi di progetto/veriica SLU Applicazioni Progetto della ezione in c.a. PROBLEMA N. 1 40 Determinare: 1) Il valore dell armatura bilanciata. ) Il momento ultimo a leione emplice

Dettagli

HBT-ISOL AG Postfach 5620 Bremgarten 2

HBT-ISOL AG Postfach 5620 Bremgarten 2 Moulo i orinazione ISOTREPP, pagina 33 Manufatto: Inirizzo i consegna: Ingegnere: Architetto: Costruttore: Cellulare capomastro: Data i consegna: Fax: 0 48 4 8 Compilato a: Elenco materiali n.: Progetto

Dettagli

6) Stati di cedimento 6.1) Introduzione all analisi delle costruzioni in muratura nel loro stato attuale

6) Stati di cedimento 6.1) Introduzione all analisi delle costruzioni in muratura nel loro stato attuale 6) tati di cedimento 6.1) Introduzione all analii delle cotruzioni in muratura nel loro tato attuale Nel conteto del modello di materiale rigido non reitente a trazione, la valutazione delle capacità portanti

Dettagli

Lamiere grecate semplici in acciaio e alluminio

Lamiere grecate semplici in acciaio e alluminio Capitolo 1 Lamiere grecate emplici in acciaio e alluminio Sommario: 1.1 Generalità 1.1.1 Norme di riferimento 1.1. Tipologie, materiali e campi di applicazione 1.1.3 Definizione della ezione efficace 1.

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO MURO SI SOSTEGNO H. 2 M

RELAZIONE DI CALCOLO MURO SI SOSTEGNO H. 2 M RELAZIONE DI CALCOLO MURO SI SOSTEGNO H. M 1. PREMESSA Oggetto della preente relazione è il dimenionamento e la verifica di un muro di otegno controterra in c.a. relativo al progetto: S.R. 34 BRIANTEA

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Il problema Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Docenti: M. Goldwurm, S. Aguzzoli Appello del 5 Aprile 005 Progetto Recinti Conegna entro il Aprile 005 Si tudia la reitenza di alcune pecie di piante

Dettagli

CENTRO LIBRI AREA RISERVATA: ISTRUZIONI PERL USO

CENTRO LIBRI AREA RISERVATA: ISTRUZIONI PERL USO CENTRO LIBRI AREA RISERVATA: ISTRUZIONI PERL USO 1. IL TUO PROFILO 2. RICERCA A CATALOGO SEMPLICE 3. RICERCA A CATALOGO AVANZATA 4. I RISULTATI DELLA RICERCA 5. PROMOZIONI IN CORSO E OFFERTE IN ESCLUSIVA

Dettagli

Le caratteristiche di questi campi sono:

Le caratteristiche di questi campi sono: CEENTO RTO PPLICZIONI SULL FLESSIONE RETT SEPLICE Le poiili conigurazioni eormate che i hanno nella leione (emplice o compota) ono compree nei campi i rottura, 3, 4, che ono iniviuati alla poizione ell'ae

Dettagli

Stato limite ultimo di sezioni in c.a. soggette. SLU per sezioni rettangolari in c.a. con. determinazione del campo di rottura

Stato limite ultimo di sezioni in c.a. soggette. SLU per sezioni rettangolari in c.a. con. determinazione del campo di rottura Univerità degli Studi di Roma Tre Coro di Progetto di trutture - A/A 2008-0909 Stato limite ultimo di ezioni in c.a. oggette a preoleione SLU per ezioni rettangolari in c.a. con doppia armatura determinazione

Dettagli

SISTEMA DI SOLLEVAMENTO DEHA KKT 07-IT EDILIZIA

SISTEMA DI SOLLEVAMENTO DEHA KKT 07-IT EDILIZIA SISTEMA DI SOLLEVAMENTO DEHA KKT 07-IT EDILIZIA Informazioni sul prootto Il chioo i sollevamento DEHA a testa sferica è annegato nel calcestruzzo con una guaina che viene successivamente rimossa. Il sollemento

Dettagli

Diagramma circolare di un motore asincrono trifase

Diagramma circolare di un motore asincrono trifase Diagramma circolare di un motore aincrono trifae l diagramma circolare è un diagramma che permette di leggere tutte le grandezze del motore aincrono trifae (potenza rea, perdite nel ferro, coppia motrice,

Dettagli

6.5. La compressione

6.5. La compressione 6.5. La comreione rofondimenti 6.5.1. I materiali iotroi Mentre alcuni materiali (come l acciaio) hanno un uguale comortamento a trazione e a comreione (ono cioè «materiali iotroi») altri (come le ghie,

Dettagli

Fig. 1 Sezione della colonna composta

Fig. 1 Sezione della colonna composta Eeritazione n.4 Utilizzando il Metodo Semplifiato, i trai il dominio di reitenza in preofleione (M,N) allo Stato Limite Ultimo della olonna ompota aiaio-aletruzzo la ui ezione retta è riportata in figura:

Dettagli

Direzione e Depositi:

Direzione e Depositi: Sede Legale e Uffici: Via P. Rondoni,1 20146 Milano Tel. 0039 02 42 41 421 Fax 0039 02 47 71 93 72 E-mail: ventemilano@icamtui.com Direzione e Depoiti: Via Marziana, 21 27020 Parona Lomellina (PV) Tel.

Dettagli

Corso di Microonde II

Corso di Microonde II POITECNICO DI MIANO Coro di Microonde II ezi n. 3: Generalità ugli amplificatori ineari Coro di aurea pecialitica in Ingegneria delle Telecomunicazi Circuiti attivi a microonde (Amplificatori) V in Z g

Dettagli

Lezione 9. Equilibrio del mercato finanziario e tasso d interesse

Lezione 9. Equilibrio del mercato finanziario e tasso d interesse Lezione 9. Equilibrio el mercato finanziario e tao interee Ipotei: Il itema finanziario: la truttura ei mercati (a) eite un unico mercato ei titoli (); (b) la anca centrale crea ecluivamente attravero

Dettagli

Lezione 12. Regolatori PID

Lezione 12. Regolatori PID Lezione 1 Regolatori PD Legge di controllo PD Conideriamo un regolatore che eercita un azione di controllo dipendente dall errore attravero la eguente legge: t ut = K et K e d K de t P + τ τ+ D. dt La

Dettagli

Università di Firenze Corso di Laurea in Ingegneria per l'ambiente e il Territorio. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI

Università di Firenze Corso di Laurea in Ingegneria per l'ambiente e il Territorio. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Univerità di Firenze Coro di Laurea in Ingegneria per l'ambiente e il Territorio Coro di TECNICA DELLE COSTRUZIONI APPUNTI DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI ( prof. Gianno Bartoli e prof. Maurizio Orlando)

Dettagli

NIROFLEX NFX 7.101. Descrizione del sistema. La famiglia del NIROFLEX. Applicazioni. La tubazione. Construzione. Tecnologia delle connessioni

NIROFLEX NFX 7.101. Descrizione del sistema. La famiglia del NIROFLEX. Applicazioni. La tubazione. Construzione. Tecnologia delle connessioni Decrizione del itema 7.101 La famiglia del NIROFLEX Il NIROFLEX è un itama di tubazioni corrugate con profilo a pirale, aventi parete ingola e realizzate in acciaio inox. I punti chiavi della cotruzione

Dettagli

SERS (surface enhanced raman scattering)

SERS (surface enhanced raman scattering) a pettrocopia aman tradizionale SS (urface enhanced raman cattering) a pettrocopia aman è una tecnica di indagine uperficiale che i baa ul principio di eccitazione dei livelli energetici della materia.

Dettagli

corso di formazione ed aggiornamento

corso di formazione ed aggiornamento coro di ormazione ed aggiornamento NUOVE NORME TECNICHE IN ZONA SISMICA di cui all ordinanza n. 374 del P.C.M. del 0.03.003 pubblicata ulla Gazzetta Uiciale in data 08.05.003 ARGOMENTO DELLA LEZIONE: LA

Dettagli

Ancoraggi speciali. Esempio di posa

Ancoraggi speciali. Esempio di posa Cemento Legno S H PRODUCTION Esempio di posa La staffa CL studiata per risolvere tutti i problemi legati al fissaggio di travi con sistema a scomparsa alla base in cemento, la vasta disponibilità di La

Dettagli

BASCULANTI IN ACCIAIO ELEGANCE

BASCULANTI IN ACCIAIO ELEGANCE BASCULANTI IN ACCIAIO ELEGANCE ELEGANCE Il facino dell eleganza INDICE CLASSIC-V 4-5 14 NON DEBORDANTE CLASSIC-O 6-7 14 SERRATURA A TRE PUNTI DI CHIUSURA 15 SERRATURE BLINDATE ELETTROMOTORIZZATE DOUBLE

Dettagli

PALI RASTREMATI DRITTI

PALI RASTREMATI DRITTI 13 PALI RASTREMATI RITTI calibratura Ø 30 20 Salatura circonferenziale 2 1 10 CARATTERISTICHE TECNICHE I notri pali ratremati ono cotruiti con tubi alati longituinalmente a inuzione, realizzati in lamiera

Dettagli

Sedili per Macchine Industriali e Carrelli Elevatori

Sedili per Macchine Industriali e Carrelli Elevatori Sedili per Macchine Indutriali e Carrelli Elevatori La gamma di edili KAB Seating a bao profilo con openione meccanica o pneumatica ono adatti alle eguenti applicazioni: Carrelli elevatori Spazzatrici

Dettagli

3. Catene di Misura e Funzioni di Trasferimento

3. Catene di Misura e Funzioni di Trasferimento 3.. Generalità 3. Catene di Miura e Funzioni di Traferimento 3.. Generalità Il egnale che rappreenta la grandezza da miurare viene trattato in modo da poter eprimere quet ultima con uno o più valori numerici

Dettagli

Prova di verifica parziale N. 1 20 Ott 2008

Prova di verifica parziale N. 1 20 Ott 2008 Prova di verifica parziale N. 1 20 Ott 2008 Eercizio 1 Nel uo tato naturale un campione di terreno umido di volume pari a 0.01 m 3 ha un peo di 18 kg. Lo teo campione eiccato in tufa ha un peo di 15.6

Dettagli

SUPPORTI PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI. support systems for Photovoltaic installation

SUPPORTI PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI. support systems for Photovoltaic installation SUORTI ER IMIANTI FOTOVOTAII upport ytem for hotovoltaic intallation INDIE Sitemi di upporto per impianti fotovoltaici \ INDEX Support ytem for photovoltaic intallation Triangoli per uperfici piane inclinati

Dettagli

2. LA DIFFUSIONE - CONCETTI BASE

2. LA DIFFUSIONE - CONCETTI BASE LA DIFFUSIONE . LA DIFFUSIONE - CONCETTI BASE Molte reazioni e molti procei di rilevante importanza nel trattamento dei materiali i baano ul traporto di maa. Queto traporto può avvenire o all interno di

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2003

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2003 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 003 Il candidato riolva uno dei due problemi e 5 dei 0 queiti in cui i articola il quetionario. PROLEMA Si conideri un tetraedro regolare T di vertici

Dettagli

Note su alcuni principi fondamentali di macroeconomia Versione parziale e provvisoria. Claudio Sardoni Sapienza Università di Roma

Note su alcuni principi fondamentali di macroeconomia Versione parziale e provvisoria. Claudio Sardoni Sapienza Università di Roma Note u alcuni principi fondamentali di macroeconomia Verione parziale e provvioria Claudio Sardoni Sapienza Univerità di Roma Anno accademico 2010-2011 ii Indice Premea v I Il breve periodo 1 1 Il fluo

Dettagli

BASCULANTI IN LEGNO ISOLMANT NORMAL PLUS NORMAL BASIC 12-16

BASCULANTI IN LEGNO ISOLMANT NORMAL PLUS NORMAL BASIC 12-16 BASCULANTI IN LEGNO NORMAL PLUS NORMAL BASIC 12-16 PORTE DA GARAGE made in Italy PRESTIGE L ineguagliabile bellezza del legno INDICE 6-7 24 VERNICIATURA NORMAL PLUS NORMAL BASIC 12-16 8-9 10-11 12-13 25

Dettagli

ACCIAIO ACCIAIO INOX A2 AISI 304 INOX A4 AISI 316 247 A4 00200 247 A4 00300 247 A4 00400

ACCIAIO ACCIAIO INOX A2 AISI 304 INOX A4 AISI 316 247 A4 00200 247 A4 00300 247 A4 00400 Ronelle Ronelle piane Uni Realizzazione : Ufficio Pubblicità Interno ella Meccanocar c MECCANOCAR.r.l. a norma ella legge ul iritto autore, é vietata la riprouzione anche parziale con qualiai metoo: elettronico,meccanico,

Dettagli

Brevi itruzioni Verione 1.0 Dicembre 2002 ITALIANO ISTRUZIONI DI SICUREZZA AVVERTENZA: Per ridurre il richio di coa elettrica, non rimuovere il coperchio (o il pannello poteriore). All'interno non ono

Dettagli

Rivestimenti delle barre. Descrizione 6-1 Guaine di protezione in PVC - Tagliato in senso longitudinale - PVC Split 6-2

Rivestimenti delle barre. Descrizione 6-1 Guaine di protezione in PVC - Tagliato in senso longitudinale - PVC Split 6-2 6-1 Guaine i protezione in PVC - Tagliato in senso longituinale - PVC Split 6-2 Guaine i protezione in PVC - Cuscino 6-3 Guaine i protezione in PVC - A stella 6-4 Guaine i protezione in PVC - Pieno 6-5

Dettagli

SPECIALISTI DELL AUTOMOTIVE

SPECIALISTI DELL AUTOMOTIVE 80_84_147do5 d Pagina 80 o di MILA MOLINARI i e SPECIALISTI DELL AUTOMOTIVE Eperti nella lavorazione di prototipi e particolari detinati al ettore automobilitico, CMG Cofeva da oltre 30 anni opera nel

Dettagli

tubi in polietilene Sistemi integrali per trasporto ed il trattamento dei fluidi

tubi in polietilene Sistemi integrali per trasporto ed il trattamento dei fluidi 1/2 tubi in polietilene Sitemi integrali per traporto ed il trattamento dei fluidi tubi in polietilene Gamma dei tubi in polietilene inch 3/8" 1/2" 3/4" 1" 11/4" 11/2" 2" 21/2" 3" 4" 4" 5" 6" 6" 8" 8"

Dettagli

22 - Il principio dei lavori virtuali

22 - Il principio dei lavori virtuali - Il principio dei lavori virtuali ü [.a. 0-0 : ultima reviione 5 aprile 0] Eempio n. Si conideri il portale di Figura, emplicemente ipertatico. Si vuole applicare il principio dei lavori virtuali per

Dettagli

ERRORE STATICO. G (s) H(s) Y(s) E(s) X (s) YRET(s)

ERRORE STATICO. G (s) H(s) Y(s) E(s) X (s) YRET(s) Preciione a regime: errore tatico ERRORE STATICO Alimentazione di potenza E() YRET() G() Y() H() Per errore tatico i intende lo cotamento, a regime, della variabile controllata Y() dal valore deiderato.

Dettagli

LEZIONI N 35 E 36 ANALISI ALLO STATO LIMITE ULTIMO DELLA SEZIONE INFLESSA

LEZIONI N 35 E 36 ANALISI ALLO STATO LIMITE ULTIMO DELLA SEZIONE INFLESSA LEZIONI N 35 E 36 ANALISI ALLO STATO LIMITE ULTIMO DELLA SEZIONE INFLESSA Nel cao delle ezioni inflee di cemento armato, la verifica di icurezza allo tato limite ultimo di reitenza conite nel controllare

Dettagli

Resistenza a sforzo normale e flessione (elementi monodimensionali) [ ]

Resistenza a sforzo normale e flessione (elementi monodimensionali) [ ] 41 1. Calcolo dell armatura longitudinale delle travi in funzione delle azioni riultanti dall analii; 2. Calcolo dell armatura a taglio delle travi in funzione del taglio dovuto ai momenti reitenti delle

Dettagli

Trasformata di Laplace ESEMPI DI MODELLIZZAZIONE

Trasformata di Laplace ESEMPI DI MODELLIZZAZIONE Traformata di Laplace ESEMPI DI MODELLIZZAZIONE Introduzione La traformata di Laplace i utilizza nel momento in cui è tata individuata la funzione di traferimento La F.d.T è una equazione differenziale

Dettagli

CANALI A TRAVERSINO E ACCESSORI. guide brace channels and accessories

CANALI A TRAVERSINO E ACCESSORI. guide brace channels and accessories ANAI A TRAVERSINO E AESSORI guide brace channel and acceorie anale a traverino Guide brace channel pag. 97 Fermo per coperchio ap lock pag. 99 urva in dicea 45 45 down ward bend joint pag. 103 operchio

Dettagli

Le molle. M. Guagliano

Le molle. M. Guagliano Le molle M. Guagliano Introuzione Le molle sono organi meccanici che hanno la proprietà i eformarsi molto sotto carico, ma rimaneno nel campo elastico el materiale i cui sono costituite, ovvero non accumulano

Dettagli

Componenti combinatori speciali. Componenti speciali. Sommario. Sommario. M. Favalli

Componenti combinatori speciali. Componenti speciali. Sommario. Sommario. M. Favalli Sommario Componenti combinatori peciali M. Favalli ngineering Department in Ferrara 2 Analii e intei ei circuiti igitali / Componenti peciali Sommario Analii e intei ei circuiti igitali 2 / Si é ecritto

Dettagli

SCHEDA TECNICA TRABATTELLO PROFESSIONAL

SCHEDA TECNICA TRABATTELLO PROFESSIONAL GARANZIA TRABATTELLI E SCALE DI QUALITA' BAGNATICA (BG) - via delle Groane, 13 - tel. 035/681104 - fax 035/681034 SCHEDA TECNICA TRABATTELLO PROFESSIONAL Trabattello professionale in acciaio FE360 zincato

Dettagli

Ing. Mariagrazia Dotoli Controlli Automatici NO (9 CFU) Antitrasformata di Laplace PROCEDIMENTI DI ANTITRASFORMAZIONE

Ing. Mariagrazia Dotoli Controlli Automatici NO (9 CFU) Antitrasformata di Laplace PROCEDIMENTI DI ANTITRASFORMAZIONE PROCEDIMENTI DI ANTITRASFORMAZIONE L'operazione di paaggio invero dal dominio della frequenza complea al dominio del tempo F() f(t) è detta antitraformata o traformazione invera di Laplace. Data una funzione

Dettagli

Statica del corpo rigido: esercizi svolti dai compitini degli anni precedenti

Statica del corpo rigido: esercizi svolti dai compitini degli anni precedenti Statica de corpo riido: eercizi voti dai compitini dei anni precedenti II COMPITIO 00 003 Un ae di eno orizzontae omoenea, di maa M0 k e unhezza L m, è appoiata u due cavaetti. L ae pore di 60 cm otre

Dettagli

Nessun, altra risparmia più acqua. Nessun, altra è così veloce. speedmatic: la nuova generazione di lavastoviglie Siemens.

Nessun, altra risparmia più acqua. Nessun, altra è così veloce. speedmatic: la nuova generazione di lavastoviglie Siemens. Neun, altra riparmia più acqua. Neun, altra è coì veloce. peedmatic: la nuova generazione di lavatoviglie Siemen. NOVITA MONDIALE peedmatic. La nuova generazione di lavatoviglie. The future moving in.

Dettagli

ELETTRONICA ANALOGICA INDUSTRIALE PARTE 4. Retroazione

ELETTRONICA ANALOGICA INDUSTRIALE PARTE 4. Retroazione Retroazione Eetto della retroazione ul guadagno Riduzione della ditorione Impedenze di ingreo e di ucita Reti di retroazione Ripota in requenza Eetto della retroazione ui poli Margini di guadagno e di

Dettagli

ds i Scopri i nostri servizi di screening,diagnosi, rieducazione e doposcuola

ds i Scopri i nostri servizi di screening,diagnosi, rieducazione e doposcuola i LE SS ia Scopri i notri ervizi i creening,iagnoi, rieucazione e opocuola I Diturbi Specifici i Apprenimento nei Centri SOS ileia Coa ono I Diturbi Specifici ell'apprenimento (DSA) ono ifunzioni neurobiologiche,

Dettagli

STAMPE DI QUALITÀ PROFESSIONALE IN UFFICIO PER IL TUO BUSINESS

STAMPE DI QUALITÀ PROFESSIONALE IN UFFICIO PER IL TUO BUSINESS STAMPE DI QUALITÀ PROFESSIONALE IN UFFICIO PER IL TUO BUSINESS www.brother.it VI PRESENTIAMO LA NUOVA GAMMA LASER MONOCROMATICA COMPATTA STAMPE DI QUALITÀ PROFESSIONALE IN UFFICIO Brother a che le attività

Dettagli

Progetto di una struttura multipiano

Progetto di una struttura multipiano UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI II MODULO Progetto di una truttura multipiano ANALISI STRUTTURALE STATICA DI

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico-Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico-Tecnologico Progetto Brocca Eame di tato 00 ESAME D STATO D LCEO SCENTFCO 00 ndirizzo Scientifico-Tecnologico rogetto Brocca Tema di: FSCA tracrizione del teto e redazione oluzione di Quintino d Annibale Secondo tema L'etto oule

Dettagli

Tubi in Polietilene PE 100 RC Catalogo

Tubi in Polietilene PE 100 RC Catalogo in Polietilene PE 100 RC Catalogo PER ACQUA POTABILE, ACQUE REFLUE E GAS Gruppo Wavin Il Gruppo Wavin in Europa è uno ei aggiori prouttori i itei i tubi platici etinati ai ercati ell Eilizia e elle Public

Dettagli

Target standard per sensori di prossimità induttivi. Target. 1mm

Target standard per sensori di prossimità induttivi. Target. 1mm ensori i prossimità inuttivi Introuzione Principi i funzionamento ei sensori i prossimità inuttivi Bobina Oscillatore Circuito i attivazione Circuito elettrico i uscita I sensori i prossimità inuttivi

Dettagli

Trasformazioni Elementari 2D

Trasformazioni Elementari 2D Traformazioni Elementari 2D Le traformazioni affini ono operazioni di ROTAZIONE, TRASLAZIONE e SCALATURA che permettono di modificare l oggetto 2D o 3D. Una traformazione è definita da una matrice T. Applicare

Dettagli

envenuti Portoncini in PVC Porte, finestre e persiane

envenuti Portoncini in PVC Porte, finestre e persiane envenuti Portoncini in PVC Porte, finetre e periane caa dolce caa FidateVi della notra eperienza. L'ingreo è importante, poiché rappre enta in qualche modo il Votro biglietto da viita. Il portoncino è

Dettagli

Strumenti della Teoria dei Giochi per l Informatica A.A. 2009/10. Lecture 11: 13-14 Maggio 2010. Meccanismi per la Condivisione dei Costi

Strumenti della Teoria dei Giochi per l Informatica A.A. 2009/10. Lecture 11: 13-14 Maggio 2010. Meccanismi per la Condivisione dei Costi Strumenti della Teoria dei Giochi per l Informatica A.A. 2009/0 Lecture : 3-4 Maggio 200 Meccanimi per la Condiviione dei Coti Docente Paolo Penna Note redatte da: Paolo Penna Primo Eempio Vogliamo vendere

Dettagli

Capitolo IV L n-polo

Capitolo IV L n-polo Capitolo IV L n-polo Abbiamo oervato che una qualiai rete, vita da due nodi, diventa, a tutti gli effetti eterni, un bipolo unico e queto è in qualche miura ovvio e abbiamo anche motrato come cotruire

Dettagli

PROGETTO E VERIFICA DI STRUTTURE IN C.A.: SOLUZIONI

PROGETTO E VERIFICA DI STRUTTURE IN C.A.: SOLUZIONI Laurea in Ingegneria Civile PROGETTO E VERIFICA DI STRUTTURE IN C.A.: SOLUZIONI 1) Con riferimento alla truttura in c.a. rappreentata in figura, ollecitata da un carico uniformemente ripartito il cui valore

Dettagli

Profilati in alluminio, sezioni

Profilati in alluminio, sezioni Profilati in alluminio, sezioni Caratteristiche e tolleranze Tipo di lega: EN AW 6060 T6 Trattamento superficiale: Ossidazione anodica 10-15 µm Tolleranze generali: UNI EN 12020-2 Quote generali per tutti

Dettagli

Barriere paramassi rigide ed elastiche

Barriere paramassi rigide ed elastiche GeoStru Sotware www.geostru.com Barriere paramassi rigie e elastiche Le barriere paramassi a rete sono generalmente composte a una struttura intercettazione, a una struttura i sostegno, a una struttura

Dettagli

Linea sistemi di tubazioni/ linea raccorderia Acciaio

Linea sistemi di tubazioni/ linea raccorderia Acciaio Prestabo IT / Catalogo 0 Con riserva i moifiche. Linea sistemi i tubazioni/ linea raccoreria Acciaio F Sistema a pressare con raccori a pressare e tubi i acciaio al carbonio non legato.0308 (E3), secono

Dettagli

SISTEMA DI SOLLEVAMENTO SCH

SISTEMA DI SOLLEVAMENTO SCH SISTEMA DI SOLLEVAMENTO Il sistema di sollevamento, certificato TÜV, è costituio dai seguenti elementi base: - boccole con barra ondulata - golfari - tappi A seconda del tipo d impiego al quale sono destinati,

Dettagli

Prot. N 1223/C14 Montegalda, 18 Giugno 2014

Prot. N 1223/C14 Montegalda, 18 Giugno 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G. Toaldo di MONTEGALDA Via Cattaneo 51 3 6 0 4 7 M O N T E G A L D A ( V i c e n z a ) 0444 636064 fax 0444 737054 Codice ficale 80015890249 Codice Itituto VIIC826007 Sito

Dettagli

Esercitazione di Meccanica dei fluidi con Fondamenti di Ingegneria Chimica. Scambio di materia (II)

Esercitazione di Meccanica dei fluidi con Fondamenti di Ingegneria Chimica. Scambio di materia (II) Eercitazione di Meccanica dei fluidi con Fondaenti di Ingegneria hiica Eercitazione 5 Gennaio 3 Scabio di ateria (II) Eercizio Evaporazione di acqua da una picina Stiare la perdita giornaliera di acqua

Dettagli

Reologia 4.3. 4.3.1 Introduzione. con ġ ed è anche detto velocità di deformazione di taglio. La relazione

Reologia 4.3. 4.3.1 Introduzione. con ġ ed è anche detto velocità di deformazione di taglio. La relazione 4. Reologia 4.. Introduzione La reologia è una delle poche branche della cienza alla quale i poa attribuire una ben precia data di nacita, il 9 aprile 99, giorno in cui, a Columbu in Ohio, fu fondata la

Dettagli

TUBO/GIUNTO FRACASSO. Caratteristiche. Punti di forza. Diametro esterno. 48,30 mm

TUBO/GIUNTO FRACASSO. Caratteristiche. Punti di forza. Diametro esterno. 48,30 mm Punti di forza Notevole facilità di montaggio e smontaggio per la semplicità dei collegamenti e il numero limitato degli elementi Numero pressoché infinito di soluzioni sviluppabili in funzione della struttura

Dettagli

1 Generalità sui sistemi di controllo

1 Generalità sui sistemi di controllo 1 Generalità ui itemi di controllo Col termine proceo nell impiantitica chimica i intende un inieme di operazioni eeguite u una certa quantità di materia allo copo di modificarne in tutto o in parte alcune

Dettagli

Obiettivi in Alta Definizione e gestione delle Aberrazioni Cromatiche 1 parte

Obiettivi in Alta Definizione e gestione delle Aberrazioni Cromatiche 1 parte HD ACADEMY a cura dell Ing. Sergio Brighel* Obiettivi in Alta Definizione e getione delle Aberrazioni Cromatiche 1 parte Il fenomeno delle aberrazioni cromatiche è tra le caue più importanti di decadimento

Dettagli

MATERIALI PIEZOELETTRICI (piezo = pressione)

MATERIALI PIEZOELETTRICI (piezo = pressione) MATERIALI PIEZOELETTRICI (piezo = preione) La piezoelettriità è la proprietà manifetata a aluni ritalli i ariari elettriamente e vengono eformati o olleitati meaniamente (effetto piezoelettrio iretto).

Dettagli

Commutare, comandare e comunicare è facile con ea y

Commutare, comandare e comunicare è facile con ea y Building Automation Indutrial Automation Sytem Informazioni di prodotto Commutare, comandare e comunicare è facile con ea y Relè di comando eay400, 600, 800 Bildgröe 210 x 118,5 mm 222 Logo 17 x 17 mm

Dettagli

La popolazione di gatti urbani sul territorio del Comune di Firenze

La popolazione di gatti urbani sul territorio del Comune di Firenze Relazione di Teoria dei Sitemi La popolazione di gatti urbani ul territorio del Comune di Firenze Modelli per lo tudio ed il controllo Docente: Aleandro Caavola Studenti: Leonardo Profeti, Manfredi Toraldo,

Dettagli

ESAME VISIVO E SPESSIMETRIA

ESAME VISIVO E SPESSIMETRIA PROCEDURA SPERIENTALE DI VERIFICA DELLE ATTREZZATURE A PRESSIONE Diegno di linee guida e trumenti operativi Edizione 2012 Pubblicazione realizzata da INAIL Settore Ricerca, Certificazione e Verifica Dipartimento

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEL COMMISSARIATO E DEI SERVIZI GENERALI I Reparto - 3 a Divisione

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEL COMMISSARIATO E DEI SERVIZI GENERALI I Reparto - 3 a Divisione MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEL COMMISSARIATO E DEI SERVIZI GENERALI I Reparto - 3 a Divisione S.T. 174/U.I. Di reg.ne - Class. CAS Diramazione disp. n. 3/ 32496 del 30/05/2000 SPECIFICHE

Dettagli

Capitolo. Il comportamento dei sistemi di controllo in regime permanente. 6.1 Classificazione dei sistemi di controllo. 6.2 Errore statico: generalità

Capitolo. Il comportamento dei sistemi di controllo in regime permanente. 6.1 Classificazione dei sistemi di controllo. 6.2 Errore statico: generalità Capitolo 6 Il comportamento dei itemi di controllo in regime permanente 6. Claificazione dei itemi di controllo 6. Errore tatico: generalità 6. Calcolo dell errore a regime 6.4 Eercizi - Errori a regime

Dettagli

d y d u + u y des C(s) F(s) Esercizio 1 Si consideri lo schema di controllo riportato in figura:

d y d u + u y des C(s) F(s) Esercizio 1 Si consideri lo schema di controllo riportato in figura: Eercizio Si conideri lo chema di controllo riportato in figura: y de e C() d u u F() d y y Applicando le regole di algebra dei blocchi, calcolare le eguenti funzioni di traferimento: y() a) W y,dy() =

Dettagli

Definizione delle specifiche per un sistema di controllo a retroazione unitaria

Definizione delle specifiche per un sistema di controllo a retroazione unitaria Definizione delle pecifiche per un itema di controllo a retroazione unitaria Obiettivi del controllo Il itema di controllo deve eere progettato in modo da garantire un buon ineguimento dei egnali di riferimento

Dettagli

POS SOLUZIONI DI STAMPA

POS SOLUZIONI DI STAMPA Altre brochure pecialitiche ui prodotti Star: Soluzioni Star per il ettore accoglienza e ritorazione Soluzioni Star per chiochi POS SOLUZIONI DI STAMPA VENDITA AL DETTAGLIO ACCOGLIENZA/RISTORAZIONE CHIOSCHI

Dettagli

Criteri di dimensionamento per cilindri e servocilindri

Criteri di dimensionamento per cilindri e servocilindri www.atos.com Tabella -2/I Criteri i imensionamento per cilinri e servocilinri SWC Cyliners esigner SWC è un ottimo software per la progettazione veloce e efficace ei Cilinri e Servocilinri Atos, isponibile

Dettagli

LA GESTIONE DELLO STRESS

LA GESTIONE DELLO STRESS LA GESTIONE DELLO STRESS Stre è enza alcun dubbio una delle parole più uate (o abuate) nel mondo, almeno in quello occidentale. Vi ono molti ignificati dati a queto termine, alcuni ne ottolineano primariamente

Dettagli

ABBANDONI DA PARTE DEL PRIVATO REGIME SPECIALE

ABBANDONI DA PARTE DEL PRIVATO REGIME SPECIALE Allegato1. Illeciti ambientali quadro di confronto tra itema anzionatorio ordinario e traordinario Art.192 del DLg. N.152/2006diciplina il divieto di abbandono da parte del privato - Abbandono o depoito

Dettagli

Cinematica: soluzioni. Scheda 4. Ripetizioni Cagliari di Manuele Atzeni - 3497702002 - info@ripetizionicagliari.it

Cinematica: soluzioni. Scheda 4. Ripetizioni Cagliari di Manuele Atzeni - 3497702002 - info@ripetizionicagliari.it Cinematica: oluzioni Problema di: Cinematica - C0015ban Teto [C0015ban] Eercizi banali di Cinematica: 1. Moto rettilineo uniforme (a) Quanto pazio percorre in un tempo t = 70 un oggetto che i muove con

Dettagli

INDICAZIONI PER IL DIMENSIONAMENTO DI PARETI PORTANTI A SETTI DI TIPO ARGISOL REDATTO DALLO STUDIO D INGEGNERIA TRIVINI DI MANTOVA

INDICAZIONI PER IL DIMENSIONAMENTO DI PARETI PORTANTI A SETTI DI TIPO ARGISOL REDATTO DALLO STUDIO D INGEGNERIA TRIVINI DI MANTOVA INDICAZIONI PER IL DIMENSIONAMENTO DI PARETI PORTANTI A SETTI DI TIPO ARGISOL REDATTO DALLO STUDIO D INGEGNERIA TRIVINI DI MANTOVA Le pareti portanti tipo Argiol ono realizzate mediante il getto in opera

Dettagli

Messa a punto avanzata più semplice utilizzando Funzione Load Observer

Messa a punto avanzata più semplice utilizzando Funzione Load Observer Mea a punto avanzata più emplice utilizzando Funzione Load Oberver EMEA Speed & Poition CE Team AUL 34 Copyright 0 Rockwell Automation, Inc. All right reerved. Co è l inerzia? Tutti comprendiamo il concetto

Dettagli