PIANO LOCALE DELLA NON AUTOSUFFICIENZA PER LA RESIDENZIALITA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO LOCALE DELLA NON AUTOSUFFICIENZA PER LA RESIDENZIALITA"

Transcript

1 PIANO LOCALE DELLA NON AUTOSUFFICIENZA PER LA RESIDENZIALITA L invecchiamento della popolazione rappresenta una dei fenomeni più importanti che riguardano la popolazione dell intera Regione Veneto e del Polesine in particolare. In questo quadro socio demografico la Regione persegue gli obiettivi di promuovere il benessere della persona e di sostenere la permanenza a domicilio e di riservare l accoglienza residenziale alle persone non altrimenti assistibili, garantendo qualità ed appropriatezza degli interventi. In questa ottica si rende necessario avere una visione globale dei bisogni e delle risposte da adottare, all interno di un quadro unitario di programmazione degli interventi sia di tipo domiciliare che residenziale. Per tale motivo la Regione ha elaborato una serie di linee guida per la predisposizione del Piano locale per la Non Autosufficienza che comprende sia la parte domiciliare che quella residenziale. Per quanto riguarda questo ultimo aspetto due sono gli orientamenti strategici che vengono perseguiti e precisamente : la centralità del cittadino ed il diritto alla libera scelta; la programmazione territoriale delle risorse. Per garantire la libera scelta si rende necessario la presa in carico globale della persona e la qualificazione dell intero sistema della residenzialità. Analisi del fenomeno della non autosufficienza nel contesto territoriale dell Az. ULSS 19 Negli ultimi anni si è assistito ad un radicale cambiamento demografico della nostra società, con progressivo aumento della vita media dei cittadini, e conseguentemente dei problemi di salute, con prevalenza delle malattie croniche degenerative e neoplastiche ed altre condizioni di fragilità. Contemporaneamente, sotto la spinta della esigenza di compatibilità economica e ottimizzazione delle risorse, si è reso necessario implementare alcuni aspetti di qualità dell assistenza come appropriatezza e governo clinico, e ciò ha comportato un progressivo spostamento del baricentro dell assistenza sanitaria dell Ospedale verso il Territorio. tale processo si colloca in una più ampia riorganizzazione tuttora in corso della rete dei posti letto complessivamente offerti a livello regionale con riduzione di quelli ospedalieri ed un potenziamento delle strutture residenziali di tipo territoriale e dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI). 1

2 Il cambiamento demografico ha determinato la presenza nelle strutture residenziali territoriali di pazienti fragili con bisogni assistenziali pesanti, un tempo accolti, in maniera inappropriata, nella rete ospedaliera. Per sostenere tale cambiamento la Regione Veneto, a far tempo dagli anni 80, ha adottato provvedimenti, normativi e finanziari, riguardanti l assistenza residenziale dei pazienti fragili non autosufficienti affidata alle cure primarie. Bisogna infine considerare che le ultime previsioni ISTAT del 2006 prevedono come la vita media degli italiani passi, entro il 2050, da 77,4 a 83,6 anni per i maschi (con un incremento di + 6,2 anni), e da 83,3 a 88,8 anni per le femmine (con un incremento di +5,5 anni). Poiché la condizione di fragilità si integra sempre col contesto familiare, il sistema assistenziale prevede una duplice modalità di risposta: Residenziale, quando il supporto familiare è inadeguato o assente; Domiciliare, quando il sistema famiglia è presente ed è in grado di soddisfare ai bisogni se adeguatamente supportato dai professionisti delle cure primarie. Il sistema della residenzialità nell Ulss 19 La 6 Case di riposo di Adria, Ariano, Corbola, Taglio di Po, Porto Viro e Papozze sono convenzionate con la Az. ULSS 19 per l assistenza agli ospiti non autosufficienti come da tabella allegata, assistiti da 12 Medici di medicina generale convenzionati. Ogni nuovo ospite entra dopo la valutazione da parte dell UVMD (Unità valutava multidimensionale distrettuale) effettuata mediante lo strumento della scheda regionale SVAMA, che ne consente l inserimento nella graduatoria unica nell ULSS 19. A partire dal 1997 è stata attivata presso ogni residenza l Unità Operativa interna (U.O.I.) per la valutazione multidimensionale degli ospiti all ingresso. ogni sei mesi viene effettuata la rivalutazione di ciascun paziente, e viene verificata l efficacia del programma assistenziale, mediante la rilevazione di un sistema di indicatori per la valutazione ed il monitoraggio continuo della qualità assistenziale, che consente di mettere a confronto i risultati ottenuti in ognuna delle cinque strutture con quelli ottenuti nelle altre case di riposo e negli anni precedenti dal 1997 ad oggi. Analogo monitoraggio viene effettuato sulla popolazione anziana assistita a domicilio, per un confronto epidemiologico fra i due gruppi di popolazione. E interessante, per esempio, notare la prevalenza della demenza senile nelle Case di riposo riguarda circa il 50% degli ospiti mentre a domicilio interessa solo il 12% degli assistiti; per contro le piaghe da decubito fra gli ospiti hanno raggiunto nel

3 una prevalenza bassa (7%), inferiore a quella rilevata a domicilio, a conferma della qualità dell accudimento che viene prestato agli ospiti delle strutture residenziali. L età media degli ospiti nelle strutture residenziali è di 83 anni,prevale il sesso femminile per il 76%, sono in aumento continuo i pazienti con problemi cognitivi. Per quanto riguarda il consumo di farmaci, le principali voci di spesa sono rappresentate dai farmaci neurolettici per la cura dei problemi comportamentali nella demenza, ed i prodotti per la medicazione e la prevenzione dei decubiti. l ingresso in struttura è avvenuto nel 2006 dopo un tempo medio di attesa di 64 giorni, per ospiti con una età media già all ingresso di 83 anni, provenienti principalmente dai Comuni sede delle strutture residenziali, ed in percentuali bassissime dai quattro Comuni che ne sono privi (Pettorazza, Porto Tolle, Rosolina, Loreo): in questi Comuni è molto più elevata la percentuale di residenti deceduti presso il proprio domicilio, che risultano in proporzione inversa ai deceduti presso le Case di riposo. per contro nei Comuni che ospitano le Case di riposo (per esempio a Corbola sono deceduti 13% a domicilio e 20% in Case di riposo) è molto più elevata la percentuale di residenti deceduti in struttura. Il turn over degli ospiti è stato del 28,86% nell anno, con una permanenza media di 3 anni e 4 mesi. Obiettivi primari Due sono le direttrici principali che dovranno guidare le scelte nel prossimo biennio: 1) ulteriore miglioramento degli standard qualitativi delle strutture, adeguando quelle più vetuste ai requisiti richiesti, anche in vista dell imminente processo di accreditamento delle strutture. 2) Diversificazione della risposta assistenziale ai bisogni dei pazienti più fragili dando inizio alla creazione di strutture semiresidenziali diurne per anziani non autosufficienti, centri Alzheimer, letti per gli stati vegetativi permanenti, ospedali di comunità (intermediate hospital), letti riservati al sollievo per l accoglienza temporanea di assistiti a domicilio. Lo spostamento della proposta assistenziale dall ospedale alla Casa di riposo incontra però alcuni punti di criticità su cui sarà necessario, per il futuro immediato, un maggior impegno di tutte la professionalità e le competenze operanti nel territorio. Tali criticità comprendono le resistenze da parte dei familiari nell accettazione al trattamento in residenza protetta invece che a livello ospedaliero, legate sia ai maggiori carichi per la famiglia nell accoglimento in casa di riposo, sia al riferimento preferenziale all ospedale come storica tradizione e fiducia consolidata. 3

4 Il raccordo tra il sistema della domiciliarità e quello della residenzialità. Sostanzialmente tre possono essere le proposte migliorative nel mettere in contatto due sistemi che necessariamente non devono essere antitetici gli uni agli altri ma integrativi. 1) usufruire delle strutture della residenzialità per attività che determinano un miglioramento nell assistenza domiciliare. Esempi si possono intravedere nell utilizzo di strutture, convenientemente attrezzate per la rieducazione, esistenti nelle Case di riposo ad attuale esclusivo utilizzo degli ospiti. Cruciale sarà il fattore umano data la difficoltà nella richiesta di figure professionali (fisiokinesi e masso terapisti). Altro esempio la creazione di punti prelievo all interno delle Case di Riposo cui facciano riferimento anziani della zona, trasportati il giorno del prelievo dal proprio domicilio usufruendo di progetti ad hoc con coinvolgimento del terzo settore. tra l altro, questo consentirebbe all assistenza domiciliare infermieristica di indirizzare la propria opera su interventi domiciliari a maggiore complessità. 2) Migliorare il coordinamento di figure professionali che già operano sia nella strutture residenziali che nel territorio. Ad esempio i Dirigenti medici del DSS che fungono anche da coordinatori nelle Case di riposo, ed ancora i MMG che operano sia nella medicina primaria territoriale che all interno delle case di riposo stesse. Sede naturale di queste esperienze integrative l UVMD che, lungi da essere una sede di un ufficio amministrativo del Distretto, deve costituire un metodo di lavoro adatto all integrazione delle diverse figure professionali, di volta in volta convocate per discutere dei percorsi delle singole situazioni complesse. 3) sviluppare nuovi spazi nelle Case di riposo per l accoglienza temporanea (realtà oggi insufficientemente attuata e non ancora sufficientemente considerata) come strumento appropriato per un raccordo ed un sostegno fra servizi della domiciliarità e della residenzialità. infatti famiglie che pur si fanno carico, convenientemente supportate da operatori, di situazioni molto complesse (dal punto di vista sanitario, sociale, organizzativo, ecc..) possono e debbono trovare momenti di sollievo in tali strutture. Ciò incentiva effettivamente la famiglia a continuare a farsi carico di tali situazioni. Sistema di accesso ai servizi residenziali Il sistema di accesso ai servizi residenziali nell ambito dell azienda ULSS 19 segue gli indirizzi emanati dalla Regione Veneto con la delibera 3632 del 13/12/2002 residenzialità a favore delle persone anziane, criteri di mobilità ed i successivi atti di indirizzo in materia. E stato pertanto già nel marzo 2003 istituito il registro unico della residenzialità (RUR) ed adottato il regolamento che disciplina l accesso sia alle strutture 4

5 residenziali operanti nel territorio dell Az. ULSS che quelle operanti in ambito regionale ed extraregionale. Tali strumenti operativi vengono costantemente aggiornati in armonia con le indicazioni regionali di cui l ultima espressione sono le delibere 456 e 457 del febbraio Procedura di ammissione ai trattamenti di residenzialità le domande di accesso presentate dai residenti presso le strutture residenziali, i Comuni o il Distretto vengono valutate in sede di U.V.M.D. mediante la S.V.A.M.A.. tale valutazione determina sia il livello di intensità del trattamento residenziale, attualmente distinto in ridotta o media, che l ordine di inserimento nel registro unico della residenzialità, all uopo istituito e che contiene tutte le informazioni previste dalle disposizioni Regionali. il registro unico della residenzialità rappresenta lo strumento informatico- operativo per la gestione delle impegnative di residenzialità che sono il titolo riconosciuto agli anziani non autosufficienti per la copertura della retta sanitaria al momento dell ingresso nella struttura protetta mentre la retta alberghiera è a carico dell interessato. Il numero delle quote (impegnative) è determinato annualmente dalla regione, e per l anno 2007 è di n. 427, di cui n. 379 di intensità di I livello e n. 48 di intensità di II livello. L attuale sistema prevede, oltre agli interessi ordinari, anche gli inserimenti temporanei per quei soggetti o famiglie che hanno bisogno di un periodo limitato (fino a 3 mesi) di inserimento in struttura protetta prima del ritorno al proprio domicilio, e ne assegna la priorità nella graduatoria unica determinata in base alla valutazione della UVMD, in modo da creare un ulteriore collegamento con il sistema della domiciliarità. tuttavia la percentuale delle impegnative destinate a tale scopo non può superare contemporaneamente il 2,5% delle impegnative assegnate all Az. ULSS. L emissione dell impegnativa di residenzialità da parte della Direzione del Distretto avviene nel momento in cui questa si è resa disponibile e nel contempo vi è la disponibilità di posto letto nel centro servizio scelto dal primo in graduatoria. Il registro unico della residenzialità viene aggiornato costantemente in seguito alla valutazione da parte dell UVMD di nuove domande di accoglimento nelle strutture residenziali, nonché in base agli ingressi nelle strutture qualora vengano rese disponibili le impegnative. La graduatoria unica viene con cadenza mensile trasmessa a tutti i centri di servizio dislocati nel territorio dell Azienda ULSS 19. E importante sottolineare il fatto che titolare dell impegnativa è il cittadino, che la può utilizzare nella struttura che meglio risponde alle sue esigenze anche fuori dal territorio aziendale. 5

6 Articolazione del Sistema di offerta esistente dei servizi Con DGR 457 del la Regione, oltre a fornire le linee di indirizzo per la predisposizione del presente Piano, ha altresì aggiornato la dotazione territoriale in relazione al dato demografico riferito al Accanto al numero della impegnative di 427, viene assegnato un numero di postiletto autorizzabili/accreditabili avente un 10% in più rispetto alle impegnative. Il motivo di questo numero di posti letto maggiore delle impegnative è appunto quello di permettere al cittadino di poter esercitare il diritto della libera scelta, arrivando ad una dotazione di posti- letto complessiva per il territorio pari a 470, che allo stato attuale risultano essere distribuiti nei Centri di Servizio come da tabella allegata. RECETTIVITA ANZIANI CENTRI DI SERVIZIO Territorio ULSS 19 Struttura Non auto Auto Altro Adria 123 I livello 72 4 SVP 24 II livello Papozze 48 I livello 45 Ariano 32 I livello 31 Pol.(CIASS) Corbola (CIASS) 67 I livello II livello Taglio di Po 48 I livello (CIASS) Porto Viro- Villa Tamerici 75 I livello 8 20 (handicap) 15(ex psichiatrici) 6

7 CENTRO SERVIZI ANZIANI ADRIA Decreto del Direttore Generale n. 99 del 16/03/2006 n. 392 del 22/11/2006 n. 363 del 03/11/2006 Decreto del Dirigente Regionale della Direzione per i Servizi Sociali n. 37 del 07/02/2007 Posti Letto Posti letto per ospiti non autosufficienti : 147 Posti letto per ospiti autosufficienti: 72 Posti letto SVP : 4 OPERA PIA F.BOTTONI PAPOZZE Decreto del Direttore Generale n. 391 del 21/11/2006 Decreto del Dirigente Regionale della Direzione dei Servizi Sociali n.36 del 07/02/2007 Posti Letto Posti letto per ospiti non autosufficienti: 48 Posti letto per ospiti autosufficienti: 45 (esistenti) 7

8 CASA DI RIPOSO ARIANO NEL POLESINE CIASS Autorizzazione del Presidente della Giunta Regionale Repertorio n. 31-RO- 04 del 14/06/1994 (non è indicato il numero di posti) Posti Letto Posti letto per ospiti non autosufficienti: 32 Posti letto per ospiti autosufficienti: 31 (rilevati in sopralluogo) VILLA AGOPIAN CORBOLA - CIASS Autorizzazione del Presidente della Giunta Regionale Repertorio n. 31-RO-02 del 15/03/1990 Posti Letto Posti letto per ospiti non autosufficienti: 67 I livello 24 II livello Posti letto per ospiti autosufficienti: 14 (rilevati in sede di sopralluogo) 8

9 CASA DI RIPOSO DI TAGLIO DI PO- CIASS MADONNA DEL VAIOLO Decreto del Direttore Generale n. 59 del 04/02/2002 n. 51 del 17/02/2006 n. 18 del 19/01/2007 Posti Letto Posti letto per ospiti non autosufficienti: 48 I livello Posti letto per ospiti autosufficienti: 0 RES. ASS. VILLA TAMERICI PORTO VIRO Decreto del Direttore Generale n. 249 del 19/06/2000 n. 348 del 31/08/2001 n. 261 del 04/07/2003 n. 360 del 07/10/2003 n. 357 del 31/10/2006 Posti letto: Posti letto per ospiti non autosufficienti: 75 I livello Posti letto per ospiti autosufficienti: 0 9

10 Articolazione della programmazione futura In linea con quanto previsto dalla DGR 457/07 relativamente ai posti autorizzabili/accreditabili si rappresenta di seguito lo sviluppo della programmazione della residenzialità che tiene conto dei limiti indicati dalla DGR succitata. Struttura Non auto Auto Altro Adria 123 I livello 72 4 SVP 24 II livello Papozze 48 I livello 45 Ariano 37 I livello 24 Pol.(CIASS) Corbola (CIASS) 90 I livello II livello Taglio di Po 48 I livello (CIASS) Porto Viro- Villa Tamerici 75 I livello 8 20 (handicap) 15 (ex psichiatrici) Risultano pervenute dal Comune di Rosolina e dal Comune di Porto Tolle due distinte richieste di attivazione di strutture a carattere polivalente per anziani auto e non autosufficienti. Tali progetti vengono allegati al presente Piano, Per entrambi si accoglie la proposta che andrà inserita nella futura programmazione regionale dei posti letto e delle impegnative di residenzialità. Fermo restando che in base alla DGR 457/07 le impegnative di residenzialità risultano essere in numero di 427 e che i posti letto eccedenti vanno utilizzati per favorire il principio di libera scelta del cittadino, si prevede che, oltre le 427 impegnative, possano essere utilizzati posti letto aggiuntivi previo specifico accordo con le strutture per un accoglimento per tempi brevi di ricovero secondo modalità definite con apposito protocollo e con progetto individuale. Risultano pervenute inoltre dai Centri di Servizio del territorio numerose richieste di attivazione di posti letto per soggetti affetti da Alzheimer, indice di una patologia in continuo aumento all interno delle strutture e di un conseguente bisogno di risposta specifica. 10

11 Considerato che allo stato attuale non risulta possibile attivare nuclei S.A.P.A, la risposta che tali pazienti ricevono risulta poco adeguata perché effettuata nella migliore delle ipotesi all interno dei nuclei RSA oppure richiede lo spostamento della persona al di fuori del territorio. Appare quindi utile attivare una sezione ad alta protezione Alzheimer (S.A.P.A) nel contesto del territorio dell Azienda ULSS 19, procedendo pertanto ad inoltrare apposita richiesta in ambito di programmazione regionale. Centro Diurno Socio-Sanitario Ai fini della programmazione inserita nel Piano Locale per la Residenzialità, uno degli aspetti sicuramente importanti nel supporto alla famiglia è rappresentato dal Centro Diurno Socio - Sanitario. L assistenza nel Centro Diurno Socio- Sanitario per anziani non autosufficienti svolge un ruolo importante e strategico nella integrazione delle politiche territoriali a favore degli anziani poiché concorre a mantenere la persona nel proprio ambiente familiare e sociale. Considerata la mancanza di una struttura di questo tipo nel territorio e la sua particolare rilevanza nell evitare interventi di istituzionalizzazione precoce e/o di ricoveri ospedalieri inappropriati della persona anziana non autosufficiente, si ritiene importante la realizzazione di un Centro Diurno Socio-Sanitario che permetta di favorire la permanenza a domicilio della persona attraverso l erogazione di prestazioni sanitarie e riabilitative atte a mantenere le condizioni di autonomia e di rallentamento del processo di decadimento fisico e psichico. Tale struttura può essere assegnata alla Opera Pia Franceso Bottoni di Papozze. 11

I servizi per anziani non autosufficienti

I servizi per anziani non autosufficienti I servizi per anziani non autosufficienti Giuliano Marangoni Il trend demografico dell invecchiamento della popolazione ha come diretta conseguenza un aumento delle prestazioni sanitarie e socio sanitarie

Dettagli

Guide per i cittadini

Guide per i cittadini PIANO DI ZONA AREA ANZIANI Guida per i cittadini - Anno 2011 Guide per i cittadini S c h e d e P r o g e t t i Interventi Giovinale Nino Sassi Una giornata particolare INDICE Interventi di accesso, consulenza

Dettagli

L esperienza dell ULSS 16 del Veneto nella Continuità Assistenziale

L esperienza dell ULSS 16 del Veneto nella Continuità Assistenziale L esperienza dell ULSS 16 del Veneto nella Continuità Assistenziale dott. Daniele Donato ULSS 16 Padova Regione Veneto 27 giugno 2008 - Precenicco Premesse-1 Transizione Demografica Maschi Italia 2005

Dettagli

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 TARGET persone non autosufficienti di norma anziani, con esiti di patologie fisici, psichici, sensoriali e misti non curabili a domicilio MISSION

Dettagli

Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi

Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi Dott. Fortunato Rao, Direttore Generale Azienda ULSS 16, Regione del Veneto DECRETO LEGISLATIVO 6

Dettagli

Regione del Veneto. Azienda ULSS 2 Feltre REGOLAMENTO AZIENDALE. Criteri di accesso ai servizi residenziali per persone anziane non autosufficienti.

Regione del Veneto. Azienda ULSS 2 Feltre REGOLAMENTO AZIENDALE. Criteri di accesso ai servizi residenziali per persone anziane non autosufficienti. Regione del Veneto Azienda ULSS 2 Feltre REGOLAMENTO AZIENDALE Criteri di accesso ai servizi residenziali per persone anziane non autosufficienti. Art. 1 La libertà di scelta Il presente regolamento disciplina,

Dettagli

CRITERI DI GESTIONE DEL R.U.R. (Registro Unico di Residenzialità)

CRITERI DI GESTIONE DEL R.U.R. (Registro Unico di Residenzialità) Regione del Veneto AZIENDA U.L.S.S. N. 16 PADOVA REGOLAMENTO AZIENDALE CRITERI DI GESTIONE DEL R.U.R. (Registro Unico di Residenzialità) PREMESSA Con deliberazione n. 3632 del 13 dicembre 2002 Residenzialità

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE Adottato con delibera G. C. n. 108 del 24.2.2005 Articolo 1 - L INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

Guide per i cittadini

Guide per i cittadini PIANO DI ZONA AREA DISABILI Guida per i cittadini - Anno 2011 Guide per i cittadini S c h e d e P r o g e t t i Interventi Massimo Pisu Abbiamo una gran voglia di far festa INDICE Interventi di accesso,

Dettagli

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. 42/11 DEL 4.10.2006 PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO 1 - Introduzione Il programma Ritornare a casa è finalizzato

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO E RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 17 del 22.3.1999 Comune di Cusano Milanino CENTRO DIURNO INTEGRATO REGOLAMENTO

Dettagli

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Il quadro Istituzionale organizzativo in Regione Veneto Dirigente Regionale Servizi Sociali dott. Mario Modolo

Dettagli

Come a Casa. Residenzialità leggera: esperienze, progetti e sperimentazioni. Dott.ssa Maria Assunta Pintus

Come a Casa. Residenzialità leggera: esperienze, progetti e sperimentazioni. Dott.ssa Maria Assunta Pintus Come a Casa Residenzialità leggera: esperienze, progetti e sperimentazioni Dott.ssa Maria Assunta Pintus Bologna 14 novembre 2012 La Regione Autonoma della Sardegna 377 Comuni 8 Province 8 ASL 1 Azienda

Dettagli

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI Regione del Veneto Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO DISTRETTO SOCIO SANITARIO OSPEDALE DI COMUNITA VALDAGNO CARTA DEI SERVIZI 1 Presentazione dell Ospedale di Comunità: L Ospedale

Dettagli

NUOVE STRUTTURE DI CURE INTERMEDIE E RIORGANIZZAZIONE DEI POSTI LETTO DI TEMPORANEITA

NUOVE STRUTTURE DI CURE INTERMEDIE E RIORGANIZZAZIONE DEI POSTI LETTO DI TEMPORANEITA NUOVE STRUTTURE DI CURE INTERMEDIE E RIORGANIZZAZIONE DEI POSTI LETTO DI TEMPORANEITA Dr. Mario Marin Responsabile S.D.D. Residenzialità Extraospedaliera Progetto riordino temporaneità Nell ambito delle

Dettagli

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA IL SERVIZIO ADI NEL TERRITORIO DELL ISOLA BERGAMASCA Coord. Sanitario Dott.ssa Porrati Luisa Infermiera CeAD

Dettagli

I.S.R.A.A. ISTITUTO PER SERVIZI DI RICOVERO E ASSISTENZA AGLI ANZIANI ENTE PUBBLICO - I.P.A.B. - Decreto Regione Veneto n.

I.S.R.A.A. ISTITUTO PER SERVIZI DI RICOVERO E ASSISTENZA AGLI ANZIANI ENTE PUBBLICO - I.P.A.B. - Decreto Regione Veneto n. I.S.R.A.A. ISTITUTO PER SERVIZI DI RICOVERO E ASSISTENZA AGLI ANZIANI ENTE PUBBLICO - I.P.A.B. - Decreto Regione Veneto n. 43 del 09/01/1991 REGOLAMENTO PER L ACCOGLIENZA ED IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.)

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) Disposizioni per la prevenzione e la cura dell Alzheimer e di altre malattie neurodegenerative legate all invecchiamento e per il sostegno delle

Dettagli

L ASSISTENZA SOCIO-SANITARIA ALLE PERSONE ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI

L ASSISTENZA SOCIO-SANITARIA ALLE PERSONE ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI giunta regionale 8^ legislatura pag. 1/1 ALLEGATO A L ASSISTENZA SOCIO-SANITARIA ALLE PERSONE ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI L invecchiamento la popolazione rappresenta uno dei grandi progressi la nostra

Dettagli

Progetto ANZIANI domiciliarità e non autosufficienza

Progetto ANZIANI domiciliarità e non autosufficienza Progetto ANZIANI domiciliarità e non autosufficienza Allegato A MODALITÀ DI UTILIZZO DEL FONDO PER LE NON AUTOSUFFICIENZE E DEL FONDO FINALIZZATO ALLA PERMANENZA O RITORNO IN FAMIGLIA DI PERSONE PARZIALMENTE

Dettagli

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione Perchè L A.S.L. deve farsi carico dei costi sanitari derivanti dagli interventi assistenziali rivolti ad anziani non autosufficienti, pertanto si avvale della Commissione per avere una valutazione tecnica

Dettagli

I servizi sociali per gli anziani nella Regione Lazio

I servizi sociali per gli anziani nella Regione Lazio I servizi sociali per gli anziani nella Regione Lazio Premessa Progressivo aumento del numero degli anziani ripensamento dell assistenza Integrazione dell assistenza sanitaria e dei servizi alla persona

Dettagli

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Lecco 27 Febbraio 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI

Dettagli

UNITA ORGANIZZATIVA RESIDENZIALITÀ TERRITORIALE

UNITA ORGANIZZATIVA RESIDENZIALITÀ TERRITORIALE UNITA ORGANIZZATIVA RESIDENZIALITÀ TERRITORIALE PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA L Unità organizzativa Residenzialità Territoriale garantisce agli utenti ed ai suoi famigliari un servizio sul percorso per

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE REGISTRO UNICO DELLA RESIDENZIALITÀ (R.U.R.) Deliberazione n. 240 del 20.04.2007

REGOLAMENTO DI GESTIONE REGISTRO UNICO DELLA RESIDENZIALITÀ (R.U.R.) Deliberazione n. 240 del 20.04.2007 REGOLAMENTO DI GESTIONE REGISTRO UNICO DELLA RESIDENZIALITÀ (R.U.R.) Deliberazione n. 240 del 20.04.2007 PREMESSA CRITERI DI ACCESSO AI SERVIZI RESIDENZIALI PER PERSONE ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI Con

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 323 del 03/07/2012

Delibera della Giunta Regionale n. 323 del 03/07/2012 Delibera della Giunta Regionale n. 323 del 03/07/2012 A.G.C. 20 Assistenza Sanitaria Settore 3 Interventi a favore di fasce socio-sanitarie particolarmente 'deboli' Oggetto dell'atto: "ADOZIONE DELLA SCHEDA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI ACCESSO E FUNZIONAMENTO DEI RICOVERI IN REGIME TEMPORANEO PRESSO LA RSA N. IOTTI DI MONTERONI D ARBIA FINALITA DELLA STRUTTURA

REGOLAMENTO COMUNALE DI ACCESSO E FUNZIONAMENTO DEI RICOVERI IN REGIME TEMPORANEO PRESSO LA RSA N. IOTTI DI MONTERONI D ARBIA FINALITA DELLA STRUTTURA ALLEGATO A) Modificato con le determinazioni del C.C. n. 53 del 30.09.2013 REGOLAMENTO COMUNALE DI ACCESSO E FUNZIONAMENTO DEI RICOVERI IN REGIME TEMPORANEO PRESSO LA RSA N. IOTTI DI MONTERONI D ARBIA

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 25-02-2010 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 25-02-2010 REGIONE PUGLIA LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 25-02-2010 REGIONE PUGLIA Istituzione del fondo regionale per il sostegno delle persone non autosufficienti e loro nuclei familiari Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA

Dettagli

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Milano, 01 Marzo 2014 La domanda Gli anziani

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

Sportello informativo - Distretto di Ostiglia 800 379177 cead.distretto.ostiglia@aslmn.it

Sportello informativo - Distretto di Ostiglia 800 379177 cead.distretto.ostiglia@aslmn.it Hai un familiare anziano o con disabilità gravissima che assisti a domicilio e ritieni di avere bisogno di essere sostenuto / aiutato? Regione Lombardia mette a disposizione dei servizi per aiutarti nel

Dettagli

A.P.S.P. "S. Spirito - Fondazione Montel"

A.P.S.P. S. Spirito - Fondazione Montel La tutela della non autosufficienza in provincia di Trento Quadro normativo di riferimento: L.P. 12/07/1991 n. 14 L.P. 28/05/1998 n. 6 L.P. 24/07/2012 n. 15 Direttive Provinciali in materia di R.S.A. Contenuti:

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H INDICE Articolo 1- Ambito di applicazione... 3 Articolo 2- Fonti normative... 3 Articolo 3- Definizione... 3 Articolo 4- Obiettivi e finalità del Distretto...

Dettagli

La gestione integrata delle cure primarie nell Azienda ULSS 16 di Padova: Il Progetto Anziano

La gestione integrata delle cure primarie nell Azienda ULSS 16 di Padova: Il Progetto Anziano La gestione integrata delle cure primarie nell Azienda ULSS 16 di Padova: Il Progetto Anziano Dr. Fortunato Rao Azienda ULSS 16 Padova Regione Veneto La popolazione dell ULSS 16 398.445 abitanti residenti

Dettagli

COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI ANZIANI E DISABILI PRESSO STRUTTURE PROTETTE

COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI ANZIANI E DISABILI PRESSO STRUTTURE PROTETTE COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI ANZIANI E DISABILI PRESSO STRUTTURE PROTETTE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n.63 del 21.12.2010 ART. 1 OGGETTO Il presente

Dettagli

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 Cure Domiciliari Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 DEFINIZIONE DELLE CURE DOMICILIARI Le cure domiciliari consistono in trattamenti medici, infermieristici, riabilitativi, prestati da personale

Dettagli

DOMANDA. DPCS 2015 Analisi di Contesto. Assistenza programmata al domicilio (ADI)

DOMANDA. DPCS 2015 Analisi di Contesto. Assistenza programmata al domicilio (ADI) Assistenza programmata al domicilio (ADI) Le Cure domiciliari hanno assunto una valenza sempre più strategica a causa dell aumento dell aspettativa di vita e del concomitante incremento della patologia

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Sede legale: via Valverde n.42-37122 Verona - tel. 045/8075511 Fax 045/8075640Cod. Fiscale e P. IVA 02573090236 Dipartimento delle Unità Organizzative della Direzione dei Servizi

Dettagli

BUONO SOCIALE. Via Turati 2/b - 22036 Erba (C0) - P. IVA 02984610135 - Tel. 031 6474525 - Fax 031 6474539 - ufficiodipiano@consorzioerbese.

BUONO SOCIALE. Via Turati 2/b - 22036 Erba (C0) - P. IVA 02984610135 - Tel. 031 6474525 - Fax 031 6474539 - ufficiodipiano@consorzioerbese. BUONO SOCIALE CRITERI E MODALITA PER LA CONCESSIONE DEL BUONO SOCIALE A FAVORE DI PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI ASSISTITE A DOMICILIO DAI FAMILIARI O CON ASSISTENZA INFORMALE Art. 1 Finalità: Il buono sociale

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014

Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014 Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014 Lezione 8 Interventi socio assistenziali nell anziano Docenti: Claudia Onofri Ivana Palumbieri L invecchiamento

Dettagli

Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA

Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA PREMESSA La Malattia di Alzheimer (MA) rappresenta un problema sanitario e sociale di primaria importanza

Dettagli

III COMMISSIONE TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011

III COMMISSIONE TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011 III COMMISSIONE TESTO UNIFICATO DELLE PROPOSTE DI LEGGE NN. 117, 127 TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011 SERVIZIO PER L'ASSISTENZA GIURIDICO-LEGISLATIVA IN MATERIA DI ATTIVITÀ SOCIALI

Dettagli

PIATTAFORMA DEI SINDACATI PENSIONATI SPI-CGIL, FNP-CISL, UILP-UIL DELLA LOMBARDIA SULLA NON AUTOSUFFICIENZA

PIATTAFORMA DEI SINDACATI PENSIONATI SPI-CGIL, FNP-CISL, UILP-UIL DELLA LOMBARDIA SULLA NON AUTOSUFFICIENZA PIATTAFORMA DEI SINDACATI PENSIONATI SPI-CGIL, FNP-CISL, UILP-UIL DELLA LOMBARDIA SULLA NON AUTOSUFFICIENZA Con l allungamento della vita, l età media e le condizioni fisiche e psichiche le caratteristiche

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

Città di Adrano Città di Biancavilla Città di Santa Maria di Licodia ASP 3 Comune Capofila

Città di Adrano Città di Biancavilla Città di Santa Maria di Licodia ASP 3 Comune Capofila Città di Adrano Città di Biancavilla Città di Santa Maria di Licodia ASP 3 Comune Capofila 1 DISTRETTO SOCIO SANITARIO D12 Adrano Biancavilla S.M. Licodia ASP 3 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Art. 1

Dettagli

la riabilitazione dopo ictus e frattura di femore La riabilitazione in RSA

la riabilitazione dopo ictus e frattura di femore La riabilitazione in RSA auditorium di s. apollonia, firenze 17 aprile 2012 la riabilitazione dopo ictus e frattura di femore La riabilitazione in RSA Sandra Moretti Bruna Lombardi U.O. Recupero e Rieducazione Funzionale Azienda

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE N. 96

PROPOSTA DI LEGGE N. 96 presentata dai consiglieri Sibau, Ziberna 1 il 26 maggio 2015

Dettagli

1 - Gestione del flusso delle domande ammesse al trattamento di residenzialità

1 - Gestione del flusso delle domande ammesse al trattamento di residenzialità REGOLAMENTO DI GESTIONE REGISTRO UNICO DELLA RESIDENZIALITA Azienda Sanitaria ULSS n. 3 Bassano del Grappa (allegato alla deliberazione n. 349 del 23/4/2007) Gestione delle domande ammesse al trattamento

Dettagli

PROTOCOLLO DI DIMISSIONI PROTETTE CONTINUITA ASSISTENZIALE TRA

PROTOCOLLO DI DIMISSIONI PROTETTE CONTINUITA ASSISTENZIALE TRA PROTOCOLLO DI DIMISSIONI PROTETTE TRA SERVIZIO POLITICHE SOCIALI E ABITATIVE COMUNITA DELLA VAL DI NON AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI DISTRETTO SANITARIO OVEST STRUTTURA OSPEDALIERA CONTESTO

Dettagli

Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura.

Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura. 07 Febbraio 2014 Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura. Corrado Carabellese Le misure Gli interventi di cui sopra saranno garantiti attraverso le seguenti misure: Buono

Dettagli

INDICATORI PER LE CURE PALLIATIVE

INDICATORI PER LE CURE PALLIATIVE giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1608 del 17 giugno 2008 pag. 1/13 Regione del Veneto Direzione Piani e Programmi Socio Sanitari Osservatorio regionale per le cure palliative e la

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE ASSEGNO CURA ANZIANI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE ASSEGNO CURA ANZIANI COMUNE DI CENTO COMUNE CAPOFILA GESTIONALE SERVIZI SOCIO ASSISTENZIALI ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTO FERRARESE REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE ASSEGNO CURA ANZIANI 1 ai sensi della delibera G. R. 26 luglio

Dettagli

ISTITUTO ASSISTENZA ANZIANI ULSS 20

ISTITUTO ASSISTENZA ANZIANI ULSS 20 PROGETTO POSTI SOLLIEVO ISTITUTO ASSISTENZA ANZIANI ULSS 20 Responsabile del progetto: dott.ssa Pia Poppini -ULSS 20 Responsabile gestione operativa Istituto Assistenza Anziani: Dott.Roberto De Mori Referente

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELLA FORMAZIONE CONTINUA PER L INTEGRAZONE SOCIO SANITARIA E LA CONTINUITA DEI PROCESSI ASSISTENZIALI, RIFERITE AGLI ANZIANI

PROGRAMMAZIONE DELLA FORMAZIONE CONTINUA PER L INTEGRAZONE SOCIO SANITARIA E LA CONTINUITA DEI PROCESSI ASSISTENZIALI, RIFERITE AGLI ANZIANI Allegato parte integrante Programmazione della formazione ASSESSORATO ALLA SALUTE E POLITICHE SOCIALI Organizzazione e Qualità delle sanitarie Ufficio formazione e sviluppo delle risorse umane PROGRAMMAZIONE

Dettagli

COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO. Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO

COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO. Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 11 del 22.03.2006 Pubblicato dal 11.04.2006 al 26.04.2006

Dettagli

I processi, l impegno e i risultati dell équipe infermieristica dell ASL 8 di Cagliari

I processi, l impegno e i risultati dell équipe infermieristica dell ASL 8 di Cagliari I processi, l impegno e i risultati dell équipe infermieristica dell ASL 8 di Cagliari Roma, 13 Maggio 2011 Prime esperienze DGR 11/15 del 22.02.1999 istituisce l ADI nelle ASL della Sardegna Il 01/07/1999

Dettagli

CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE E PER L ACCOGLIENZA DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN CENTRO DIURNO

CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE E PER L ACCOGLIENZA DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN CENTRO DIURNO Comune di Padova CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE E PER L ACCOGLIENZA DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN CENTRO DIURNO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.

Dettagli

A.D.I. A.D.I. CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI. Fondazione Molina ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

A.D.I. A.D.I. CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI. Fondazione Molina ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI Fondazione Molina A.D.I. ONLUS - Varese Indice delle sezioni: La storia La Fondazione Molina A.D.I. Principi fondamentali Obiettivi del servizio Accesso al servizio

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA SOCIO SANITARIA (S.A.D.I.S.)

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA SOCIO SANITARIA (S.A.D.I.S.) REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA SOCIO SANITARIA (S.A.D.I.S.) Approvato con delibera del Commissario Straordinario n.14del 26/02/2010 PREMESSA L'A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata)

Dettagli

LA COMPLESSITA' DELL'AGIRE PROFESSIONALE NEI SERVIZI PER ADULTI E ANZIANI. Thiene, 2 aprile 2014

LA COMPLESSITA' DELL'AGIRE PROFESSIONALE NEI SERVIZI PER ADULTI E ANZIANI. Thiene, 2 aprile 2014 LA COMPLESSITA' DELL'AGIRE PROFESSIONALE NEI SERVIZI PER ADULTI E ANZIANI Thiene, 2 aprile 2014 IL COMUNE Elisa Fontana ADULTI e ANZIANI domanda di intervento sociale Assistente Sociale Distretto (DSS)

Dettagli

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PREMESSA Il presente bando disciplina l erogazione di buoni sociali finanziati attraverso Fondo Non Autosufficienze (FNA). Il Buono Sociale si

Dettagli

Dott.ssa MG Bonavina DIRETTORE GENERALE

Dott.ssa MG Bonavina DIRETTORE GENERALE Dott.ssa MG Bonavina DIRETTORE GENERALE IL SISTEMA SANITARIO: un sistema adattativo complesso Un sistema complesso adattativo è un insieme di agenti individuali che hanno libertà di agire in modi non sempre

Dettagli

PROPOSTA PER UN MODELLO INTEGRATO DI PUA DISTRETTUALE

PROPOSTA PER UN MODELLO INTEGRATO DI PUA DISTRETTUALE COMUNE DI CARBONIA PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Distretto Sociosanitario di Carbonia ALLEGATO 1 PROPOSTA PER UN MODELLO INTEGRATO DI PUA DISTRETTUALE IL SISTEMA INTEGRATO PRESA IN CARICO - VALUTAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 Il Centro Diurno Assistenziale è una Struttura semiresidenziale socio assistenziale e sanitaria che assiste,

Dettagli

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA Definire la domanda di salute della popolazione anziani in Italia è un tema chiave da affrontare, specie in un paese come il nostro che invecchia sempre di più e che destina più della metà delle sue risorse

Dettagli

INSERIMENTO IN STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI

INSERIMENTO IN STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI INSERIMENTO IN STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI Descrizione Gli anziani non autosufficienti che non possono essere più assistiti nel proprio ambiente di vita e familiare e che non necessitano di un ricovero

Dettagli

RESIDENZIALITA E ANZIANI

RESIDENZIALITA E ANZIANI Residenzialità Solidale e Amministrazioni di Sostegno RESIDENZIALITA E ANZIANI Dott. Lorenzo Sampietro Demografia in pillole La Liguria è la Regione che ha la più alta percentuale di anziani 26,8% con

Dettagli

FORUM P.A. SANITA' 2001

FORUM P.A. SANITA' 2001 FORUM P.A. SANITA' 2001 Azienda Sanitaria Locale della provincia di Como Direzione Sanitaria, Dipartimento Attività Socio Sanitarie Integrate (A.S.S.I.) Dipartimento Servizi Sanitari di Base, Staff Educazione

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE Il presente documento, presentato in V commissione in occasione dell audizione del 23 settembre, si compone di due parti: Introduzione e

Dettagli

I Servizi per Anziani di ASP Città di Bologna

I Servizi per Anziani di ASP Città di Bologna I Servizi per Anziani di ASP Città di Bologna 1 Gestione delle CRA (Casa Residenza Anziani) Gestione di ricoveri temporanei di sollievo per famiglie che assistono un anziano al domicilio Gestione dei CD

Dettagli

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale «Da RSA a centro di servizi: una sfida da vincere» OSSERVATORIO SETTORIALE SULLE RSA 7 CONVEGNO ANNUALE RSA aperte al territorio nella prospettiva di Regione Lombardia Direzione Generale Famiglia, Solidarietà

Dettagli

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali - 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE Capo I Finalità e disposizioni generali Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 (Finalità) (Definizioni) (Pianificazione regionale) (Campagne di informazione)

Dettagli

L innovazione dei servizi per la cura delle malattie croniche

L innovazione dei servizi per la cura delle malattie croniche Cooperativa Sociale Nòmos onlus Bagno a Ripoli, 2011 Convegno L evoluzione dei bisogni degli anziani: Le risposte dei servizi alle esigenze emergenti L innovazione dei servizi per la cura delle malattie

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 22.03.2006 Pubblicato

Dettagli

WORKSHOP BEST PRACTICE E INNOVAZIONE NELLE RSA: ESPERIENZE A CONFRONTO 3 Edizione

WORKSHOP BEST PRACTICE E INNOVAZIONE NELLE RSA: ESPERIENZE A CONFRONTO 3 Edizione FONDAZIONE BELLARIA WORKSHOP BEST PRACTICE E INNOVAZIONE NELLE RSA: ESPERIENZE A CONFRONTO 3 Edizione RSA E CReG: UN NUOVO MODELLO DI INTEGRAZIONE DEI SERVIZI TERRITORIALI Castellanza, 24 marzo 2015 a

Dettagli

Regione Toscana/ANCI e le rappresentanze dei Gestori delle RSA

Regione Toscana/ANCI e le rappresentanze dei Gestori delle RSA Allegato n. 2 Protocollo di intesa tra: Regione Toscana/ANCI e le rappresentanze dei Gestori delle RSA Regione Toscana e OO.SS. VISTO il documento elaborato dalla Direzione Generale del Diritto alla Salute

Dettagli

Problemi ancora aperti nella gestione del malato di Alzheimer

Problemi ancora aperti nella gestione del malato di Alzheimer Giornate Mediche Fiorentine Firenze, 2 3 dicembre 2011 Problemi ancora aperti nella gestione del malato di Alzheimer Manlio Matera Associazione Italiana Malattia di Alzheimer Atti di indirizzo della Regione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE di SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. _45 DEL _19/4/2004 Pag. N. 1 INDICE Art.

Dettagli

PROPOSTA DI PROGETTO

PROPOSTA DI PROGETTO PROPOSTA DI PROGETTO IL NETWORK SANITARIO E SOCIO SANITARIO PER LE PERSONE AFFETTE DA DEMENZA: SVILUPPO DI UN MODELO DI COLLABORAZIONE PERMANENTE TRA CENTRO DI DECADIMENTO COGNITIVO MEDICO DI MEDICINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 33/32. Istituzione della rete di cure palliative della d

DELIBERAZIONE N. 33/32. Istituzione della rete di cure palliative della d 32 Oggetto: Istituzione della rete di cure palliative della d Regione Sardegna. L Assessore dell'igiene e Sanità e dell'assistenza Sociale ricorda che la legge 15 marzo 2010, n. 38, tutela il diritto del

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009 Servizi Socio-Sanitari AZIENDA ULSS N. 22 Bussolengo (VR) Unità Complessa Disabilità Direttore Dott. Gabriele Bezzan Funzionario Dott.ssa Liliana Menegoi Segreteria

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Sociali e Famiglia;

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Sociali e Famiglia; Oggetto: Piano di utilizzazione annuale 2011 degli stanziamenti per il sistema integrato regionale di interventi e servizi sociali. Approvazione documento concernente Linee guida ai Comuni per l utilizzazione

Dettagli

L ESPERIENZA DELLE DIMISSIONI PROTETTE A MONZA

L ESPERIENZA DELLE DIMISSIONI PROTETTE A MONZA L ESPERIENZA DELLE DIMISSIONI PROTETTE A MONZA Milano 14 giugno 2012 Giornata di studio Re.SSPO Ordine AA.SS. Lombardia Comune di Monza Settore Servizi Sociali - Ufficio Anziani Cosa abbiamoevidenziato

Dettagli

Visto l art. 13, della L.R. 8.04.1997, n. 10 ai sensi del quale le Aziende per i servizi sanitari della Regione sono autorizzate a concedere

Visto l art. 13, della L.R. 8.04.1997, n. 10 ai sensi del quale le Aziende per i servizi sanitari della Regione sono autorizzate a concedere Visto l art. 13, della L.R. 8.04.1997, n. 10 ai sensi del quale le Aziende per i servizi sanitari della Regione sono autorizzate a concedere contributi a favore degli ospiti non autosufficienti accolti

Dettagli

La RSA,... rappresentata dal Legale Rappresentante con sede in SI STIPULA E SI CONVIENE QUANTO SEGUE

La RSA,... rappresentata dal Legale Rappresentante con sede in SI STIPULA E SI CONVIENE QUANTO SEGUE ATTO DI CONVENZIONE CON LA RSA.. L anno 2009 e questo dì del mese di nella sede dell INPDAP Direzione Centrale Welfare e Strutture Sociali, Largo Jose Maria Escriva de Balaguer, 11 00142 Roma TRA INPDAP

Dettagli

CASA DI RICOVERO MUZAN Malo (VI) N. 41 di Reg. VERBALE

CASA DI RICOVERO MUZAN Malo (VI) N. 41 di Reg. VERBALE CASA DI RICOVERO MUZAN Malo (VI) N. 41 di Reg. VERBALE di DELIBERAZIONE del CONSIGLIO di AMMINISTRAZIONE In data 28.11.2013 presso la sede dell Ente, si è riunito il Consiglio di Amministrazione previa

Dettagli

Premessa Riferimenti normativi Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria

Premessa Riferimenti normativi Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria PAGINA 1 DI 5 ALLEGATO A Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria e prestazioni sanitarie a rilevanza sociale della Società della Salute Zona Pisana Premessa La Società della Salute Zona

Dettagli

L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO

L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO Mario Caputi Ilernando Meoli Dipartimento di Scienze Cardiotoraciche e Respiratorie: Sezione di Malattie, Fisiopatologia e Riabilitazione

Dettagli

Si riportano alcune indicazioni generali sui principali interventi. Per informazioni potete rivolgervi alle sedi territoriali Cgil o Spi.

Si riportano alcune indicazioni generali sui principali interventi. Per informazioni potete rivolgervi alle sedi territoriali Cgil o Spi. Aiuti alle persone e alle famiglie in condizioni di fragilità - Misure concordate tra sindacato e Regione Lombardia.( a cura dipartimento welfare SPI Lombardia) Cgil, Cisl e Uil con i sindacati dei pensionati

Dettagli

SOFTWARE per la gestione degli ospiti. Cartella Utente WEB

SOFTWARE per la gestione degli ospiti. Cartella Utente WEB SOFTWARE per la gestione degli ospiti Cartella Utente WEB MODULO RENDICONTAZIONI SOSIA Le SOSIA ( Scheda di osservazione intermedia assistenza) è stata creata solo per la Regione Lombardia nel 2003, rivista

Dettagli

NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA

NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA Legge regionale 11 novembre 2011, n. 24 (BUR n. 85/2011) [sommario] [RTF] Art. 1 - Finalità. 1. La Regione

Dettagli

AZIENDA ULSS 18 ROVIGO REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI RESIDENZIALI PER PERSONE ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI

AZIENDA ULSS 18 ROVIGO REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI RESIDENZIALI PER PERSONE ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI AZIENDA ULSS 18 ROVIGO REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI RESIDENZIALI PER PERSONE ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI Il presente regolamento, che disciplina l accesso ai servizi residenziali per le persone

Dettagli

Genera Soc. Coop. Soc. Onlus. Centro Diurno Integrato SDB REGOLAMENTO INTERNO

Genera Soc. Coop. Soc. Onlus. Centro Diurno Integrato SDB REGOLAMENTO INTERNO REGOLAMENTO INTERNO Centro Diurno Integrato SDB Edizione Novembre 2015 1 Premessa Il di Via Bicetti de Buttinoni 15 a Milano è una struttura sociosanitaria semiresidenziale che accoglie persone affette

Dettagli

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Allegato A alla Delib.G.R. n. 45/18 del 21.12.2010 CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Per la predisposizione e valutazione dei Piani Personalizzati di sostegno relativi

Dettagli

Sarà premura, dell Associazione, di fornire le informazioni necessarie per accedere a tali fondi, non appena in possesso delle informazioni necessarie

Sarà premura, dell Associazione, di fornire le informazioni necessarie per accedere a tali fondi, non appena in possesso delle informazioni necessarie La Regione Lombardia in data 06 agosto 2008 con D.G.R.n. 8/7915 ha pubblicato il decreto relativamente a Determinazione in ordine al miglioramento quali-quantitativo dell assistenza garantita a persone

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA : Modello Operativo di Integrazione tra Azienda Sanitaria e Comune

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA : Modello Operativo di Integrazione tra Azienda Sanitaria e Comune ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA : Modello Operativo di Integrazione tra Azienda Sanitaria e Comune Incremento età anagrafica Incremento dei bisogni sanitari Situazione della Campania a) indice di invecchiamento

Dettagli

QUESITI ATTUAZIONE DGR 2942 del 19/12/2014 06.03.2015

QUESITI ATTUAZIONE DGR 2942 del 19/12/2014 06.03.2015 QUESITI ATTUAZIONE DGR 2942 del 19/12/2014 06.03.2015 QUESITO RISPOSTA RISPOSTE AI QUESITI GENERALI E' possibile a seguito di rivalutazione modificare il Si certo livello di intensità e il voucher nel

Dettagli