informazioni generali programma

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "informazioni generali programma"

Transcript

1

2 informazioni generali Luogo: SANTA MARIA APPARENTE (centro polisportivo) Quota di partecipazione: 50,00 a squadra Giocatori: numero minimo 7 persone per squadra età dalla terza media Ogni squadra deve procurarsi: MAGLIETTE DEL COLORE DELLA COMUNITÀ NOME DI UN PIATTO TIPICO E CONOSCERNE LE CALORIE (ogni comunità diverso) IMMAGINE DEL PIATTO SCELTO (stampa a colori formato A5) UN ROTOLO DI CARTA STAGNOLA m 32 EVENTUALE CAMBIO VESTITI OMBRELLONI O GAZEBO CENA AL SACCO E MOLTE BIBITE programma Ore Ore Ore Ore Ore Ore RITROVO PRESENTAZIONE DELLE SQUADRE INIZIO GIOCHI CENA AL SACCO COCOMERATA GIOCO FINALE PREMIAZIONE "IL RE DELLA GRIGLIATA" PREMIAZIONE GIOCHI

3 regolamento dei giochi Questa edizione dei giochi è un'edizione speciale, la venticinquesima anche se la prima edizione risale a più di trent'anni fa!!! un pezzo di storia del nostro Movimento Diocesano. Per l'occasione si è scelto un tema stra-ordinario come il CIBO. STRAORDINARIO come la cucina dei grandi chef o delle nostre mamme e nonne, come gli acquisti responsabili, critici e solidali, come le contraddizioni del nostro mondo: c è ancora chi muore per fame e chi per troppo cibo! ORDINARIO come la cucina quotidiana delle nostre mamme e nonne, come la spesa senza troppe riflessioni, come il benessere che deriva da una corretta alimentazione, come la fame nel mondo! Il tema è stato ispirato dall'expo 2015 di Milano che ha come slogan "Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita" e noi siamo chiamati a nutrire questo nostro pianeta con un cibo particolare: come dice il GEN ROSSO "La RICETTA DELL'UNITÀ, vero cibo per salvare l'umanità". Ecco come è nato EXPO FOOD GAME - XXV GIOCHI PER UN MONDO NUOVO Ci faremo una scorpacciata di cibo dopo aver fatto la spesa, mangiato il riso, bevuto un buon vino e fatto attenzione alle carie, ci si prepara per la grande abbuffata finale con la spaghettata! I quattro GIOCHI INIZIALI, che si svolgono in manches da 4/5 squadre ognuna, assegnano da 1 a 10 punti in base alla classifica del gioco con il seguente ordine: 10 punti al 1 8 punti al 2 6 punti al 3 5 punti al 4 4 punti al 5 3 punti al 6 2 punti al 7 1 punto all'8 E' possibile giocare il JOLLY (piatto tipico) durante la prima fase dei giochi iniziali. Il jolly fa raddoppiare il punteggio ottenuto nel gioco. Nel GIOCO FINALE tutte le squadre giocano contemporaneamente e saranno più o meno avvantaggiate in base alla classifica parziale dopo i giochi iniziali. Chi vince il gioco finale vince la XXV edizione dei giochi!!! Buon divertimento!!!

4 PRIMO GIOCO la risaia GIOCATORI: 7 3 "selezionatori" di riso (con racchetta) 1 "mondina" bendata 1 suggeritore 1 "sushiman" (trasportatore della spugna tramite 2 bacchette giganti) 1 "raccoglitore" di riso TEMPO MASSIMO: 5 minuti MATERIALI: 5 bacinelle per la partenza 100 spugne di diverso colore (20 per ogni squadra) 15 racchette (3 per ogni squadra) 1 piscina 5 cappelli da mondina 10 bacchette giganti / bastoni scope (2 per ogni squadra) 30 vasi per il punteggio, 3 grandi, 2 medi, 1 piccolo (6 per ogni squadra) Il gioco consiste nel passarsi una spugna per mezzo di una racchetta per poi gettarla nella piscina dove un concorrente bendato dovrà raccogliere la spugna del colore assegnato con l ausilio di un compagno a bordo piscina che gli darà dei comandi vocali. Una volta raccolta la spugna il concorrente bendato dovrà portarla al compagno a bordo piscina che con l ausilio di due bacchette dovrà inserire la spugna in una delle 5 ceste che a secondo della distanza hanno punteggio differente. Il raccoglitore può recuperare le spugne che sono cadute ai selezionatori e al sushiman però solo prima del tiro sui vasi e vanno riportate nelle bacinelle iniziali. Se la spugna cade prima di entrare o una volta uscita dalla piscina, è da considerarsi persa. Ogni squadra ha un massimo di 20 spugne quindi 20 tiri. Gioco a tempo con conteggio dei punti in base alle spugne inserite in ogni secchio con punteggio diverso in base alla distanza.

5 SECONDO GIOCO cantinavia GIOCATORI: di numero corrispondente alla squadra con minor concorrenti (minimo 7). TEMPO MASSIMO: fino alla fine della staffetta di tutti i giocatori e comunque entro un tempo massimo di 7 minuti MATERIALE: 5 stendini (1 per ogni squadra) 40 mollette (8 per ogni squadra) 40 spugne gialle o rosse (8 per ogni squadra) 32 elastici (8 per ogni squadra) 1 piscina 5 fasce di moquette 15 bancali (3 per ogni squadra) 5 tavole spessore 2cm (1 per ogni squadra) 5 bacinelle con rubinetto e/o tubo per scarico (1 per ogni squadra) 5 contenitori di raccolta da 5 litri (1 per ogni squadra) flessometro Il gioco si svolge in due manches. Un giocatore per ogni squadra si posiziona dentro la bacinella per la "piagitura". Gli altri giocatori di ogni squadra dovranno, a staffetta, prendere le 8 spugne appese nello stendino loro assegnato e fissarle a coppia, con gli elastici, che gli vengono consegnati, rispettivamente sui polsi e sulle caviglie. Passando scalzi sulla moquette devono entrare in piscina e inzuppare le spugne che portano addosso. Escono dalla piscina e consegnano le spugne al giocatore addetto alla "pigiatura" che deve essere in piedi dentro ad una bacinella posta sopra dei bancali inclinati e fornita di rubinetto che permette di riempire un boccione. Una volta spremute le spugne il giocatore che le ha portate deve riprenderle riappenderle allo stendino. Poi parte il giocatore successivo già munito di elastici. Le spugne che eventualmente ogni giocatore può perdere durante il percorso di andata possono essere raccolte dallo stesso giocatore solamente nel percorso di ritorno allo stendino. Il gioco si conclude quando tutti i giocatori della squadra hanno fatto il percorso. Vince la squadra che ha prodotto più "vino" riempiendo di più il contenitore, gli altri a scalare. Viene misurato il livello di acqua nei boccioni di vetro.

6 TERZO GIOCO occhio alle calorie GIOCATORI: 7 2 "pelapatate" 2 trasportatori 3 "acchiappa pietanze" TEMPO MASSIMO: 10/15 minuti MATERIALE: patate 1 contenitore grande per le patate da pelare 10 pelapatate (2 per ogni squadra) 10 paia di guanti (2 per ogni squadra) 10 pezzi di spago lunghi 3 m (totale 30 m) (2 per ogni squadra) 5 cassette di plastica (1 per ogni squadra) 5 contenitori piccoli (1 per ogni squadra) 1 contenitore grande per le patate pelate 15 fogli di gomma/cartoncino per le pietanze 15 stampe di pietanze velcro parete di velcro gonfiabile moquette Il gioco si svolge in due manches. Due giocatori per ogni squadra dovranno prendere, da un contenitore comune, una patata ciascuno e recarsi alla propria postazione dove dovranno accuratamente pelare la propria patata e consegnarla ad altri due giocatori che, reggendo la patata con due spaghi, dovranno portarla dentro un altro contenitore. Se la patata cade dovranno ricominciare il percorso. Le patate dovranno essere barattate per fare la spesa cioè per prendere delle pietanze. Ogni pietanza corrisponde ad un valore di patate (da 1 a 3). In una parete di velcro sono appese le pietanze di diverse calorie suddivise in tre fasce di valore: la più alta vale una patata, la seconda due patate e la più bassa tre patate. Il giocatore "acchiappa pietanze" dovrà decidere quante patate barattare per andare a prendere la pietanza desiderata. Dovrà attendere il proprio turno e poi ha a disposizione un solo salto per poter prendere la pietanza del valore delle patate barattate. Una volta presa la pietanza, il saltatore deve portarla alla propria squadra e lascia il turno al successivo "acchiappa pietanze" per un altro baratto e salto.

7 Se viene presa una pietanza con un valore superiore alle patate barattate, l arbitro la riappende e la squadra ha perso le patate barattate. Ogni squadra deve cercare di avvicinarsi il più possibile ad un totale di calorie. Le calorie sono indicate dietro ogni pietanza. È possibile sostituire una pietanza aspettando il proprio turno di salto per riappendere quella che si vuole restituire e poi riacquistare tramite le patate quella che si vuole tentare di prendere. In questo caso il giocatore avrà due salti a disposizione uno per riappendere e l'altro per "acchiappare". Ogni squadra può avere massimo 3 pietanze. Vince chi si avvicina di più a calorie (in eccesso o in difetto) e gli altri a scalare.

8 QUARTO GIOCO igiene orale GIOCATORI: 7 3 giocatori "dente" 2 giocatori "carie" 2 giocatori "fluoro" TEMPO MASSIMO: 7 minuti MATERIALE: 40 m di tnt (4m per ogni squadra) spago 10 occhialini (1 per ogni squadra) 10 sacchi di immondizia per le carie tempere 10 cerchietti con carta velina 10 pistola ad acqua Tutte le squadre giocano contemporaneamente. Ogni squadra ha a disposizione: un dente formato da tre persone legate di spalle e fasciate con tnt, una carie formata da due giocatori di cui uno bendata e legati di spalle, e due "fluori" spara acqua che con una pistola ad acqua dovranno colpire le carie. Il gioco si svolge in uno spazio delimitato dove le carie dovranno inseguire e colpire i denti avversari per eliminarli. Il giocatore bendato della carie avrà le mani sporche di tempera colorata e dovrà colpire i denti avversari. Sulla testa del giocatore non bendato della carie ci sarà un cerchietto con della carta velina. I giocatori "fluoro" dovranno colpire e bucare con la pistola ad acqua la carta velina che varrà la possibilità di avere una carie in più. Le "carie" non possono attaccare due volte lo stesso dente. I giocatori "denti" quando verranno colpiti da 3 colori diversi di carie sono eliminati. Il dente ha la possibilità di avere una carie in più se il "fluoro" la propria squadra ha colpito la "carie" di una squadra avversaria. Vincerà la squadra dell ultimo dente eliminato. In base al turno di eliminazione.

9 GIOCATORI: 7 2 streccia spaghetti 2 portatori di spaghetti 1 forchetta 1 cucchiaio 1 giocatore "domopak" TEMPO MASSIMO: non c'è MATERIALE: 145m di corda 10 vestiti da forchetta 10 vestiti da cucchiaio carta argentata GIOCO FINALE la spaghettata Tutte le squadre giocano contemporaneamente. Il gioco è diviso in 3 parti. Prima parte: Ogni squadra ha 2 giocatori che tengono gli estremi di due corde lunghe da 10m a 20m con la differenza tra una corda e l'altra in base al punteggio delle prove precedenti. Queste corde sono intrecciate al centro. Lo scopo è riuscire a slegare la corda dalle altre e portarla nella seconda parte del gioco. I giocatori possono muoversi in qualsiasi direzione per poter slegare la corda ma non devono mai lasciarne l'estremità. Seconda parte: Altri 2 concorrenti della squadra prenderanno la corda alle sue estremità e dovranno portarla nella terza parte del gioco affrontando delle difficoltà nel percorso. La corda non deve mai toccare terra, se avviene si riparte dall'inizio della seconda parte. Terza parte: Nella terza zona ci saranno altri 2 membri della squadra, uno vestito da cucchiaio e l'altro da forchetta. Al via il giocatore "domopak" deve avvolgere il cucchiaio e il coltello completamente con il domopak. La terza fase del gioco ha inizio quando lo "spaghetto" di ogni squadra è stato legato alla forchetta da un'estremità, l'altra estremità andrà tenuta dal cucchiaio. Da qui parte l'ultima prova: la forchetta deve arrotolare su se stessa la corda ruotando cosi da avvicinarsi al cucchiaio. Il gioco finisce quando la forchetta è arrivata attaccata al cucchiaio. Se la corda tocca terra la forchetta deve fermarsi e attendere che il cucchiaio faccia "una settimana" di Laurenzia. La classifica finale dei giochi sarà in base all'ordine di arrivo delle forchette ai cucchiai.

Grande gioco. Cerimonia iniziale

Grande gioco. Cerimonia iniziale Grande gioco Regolamento Il numero degli stand è pari a quello degli educatori e le squadre sono una in meno rispetto agli stand (ciò per essere sicuri che ci sia sempre un gioco libero). I ragazzi scelgono

Dettagli

GIOCHI MINIBASKET. 1) Il gioco dei nomi. 2) Il gambero

GIOCHI MINIBASKET. 1) Il gioco dei nomi. 2) Il gambero GIOCHI MINIBASKET Questi giochi sono stati tratti da alcuni libri e talvolta modificati per adattarli al nostro gioco. Adatti per diverse età. Buon lavoro. 1) Il gioco dei nomi Obiettivi: conoscere i compagni,

Dettagli

GIOCHI GREST 2011. OVERY ~ Scelte a Colori Giochi Grest 2011 G.A.S. - 1 -

GIOCHI GREST 2011. OVERY ~ Scelte a Colori Giochi Grest 2011 G.A.S. - 1 - GIOCHI GREST 2011 LUNEDI 20 GIUGNO 2011 Obiettivo: favorire lo sviluppo delle abilità e creare una coesione all interno della squadra gioco a stand -percorso con i birilli. Terminato il percorso i bambini

Dettagli

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Regole per 10 una S a n a Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio. Una volta che l

Dettagli

Programma giochi 14 novembre 1999. Viaggio in cina

Programma giochi 14 novembre 1999. Viaggio in cina Programma giochi 14 novembre 1999 Viaggio in cina La muraglia cinese (1) Pallone Questo gioco serve per fare le squadre. Tutti i giocatori si piazzeranno nella posizione B1. Un animatore si piazzerà invece

Dettagli

SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO ANNO 2012 2013 FASE PROVINCIALE 2 GIUGNO 2013

SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO ANNO 2012 2013 FASE PROVINCIALE 2 GIUGNO 2013 SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO ANNO 2012 2013 FASE PROVINCIALE 2 GIUGNO 2013 TEMA DELLA MANIFESTAZIONE CALCIARE PER SEGNARE INDICAZIONI GENERALI Si ricorda che la manifestazione è una festa regionale/provinciale

Dettagli

Milano Movimento Gioco Sport 2007-2008

Milano Movimento Gioco Sport 2007-2008 Milano Movimento Gioco Sport 2007-2008 1 1^- 2^ ELEMENTARE Il percorso ginnico individuale Giocatori: Tutti gli alunni si mettono in fila ed uno alla volta eseguono il percorso tracciato Campo di gioco:

Dettagli

un nuovo modo di fare calcio

un nuovo modo di fare calcio un nuovo modo di fare calcio I Piccoli Amici Si parte da qui! E l inizio del percorso calcistico, un inizio che di anno in anno viene sempre più anticipato. Un momento in cui è essenziale gettare le basi

Dettagli

curatore: Marco Barla

curatore: Marco Barla ad utilizzo degli Istruttori della PGS Tam Tam curatore: Marco Barla Ottobre 2000 Indicazioni generali L attività proposta deve conseguire l obiettivo di dare una educazione sportiva ai bambini, di sviluppare

Dettagli

Presentazioni pratiche integrate del modello culturale di riferimento

Presentazioni pratiche integrate del modello culturale di riferimento 2012 Federazione Italiana Pallacanestro SGMS Presentazioni pratiche integrate del modello culturale di riferimento A cura di Maurizio Cremonini - Tecnico Federale Settore Giovanile Minibasket Scuola 0

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE

REGOLAMENTO GENERALE REGOLAMENTO GENERALE Il palio delle contrade consiste nel disputare giochi e tornei con la finalità di coinvolgere varie fasce di età e alla portata di tutti. Le contrade sono denominate: BUCANEVE, VIOLA,

Dettagli

SCHEDE GIOCHI SCUOLA DELL INFANZIA

SCHEDE GIOCHI SCUOLA DELL INFANZIA SCHEDE GIOCHI SCUOLA DELL INFANZIA (A cura di Paolo Ligas) SCHEDA N 1 Percorso 3/4 Pallavolando Il primo giocatore di ogni squadra al Via parte esegue 2 rotolamenti su un materassino, salta l ostacolo,

Dettagli

G I O C H I DI Q U A R T I E R E A S Q U A D R E

G I O C H I DI Q U A R T I E R E A S Q U A D R E Parrocchie: S.S. Simone e Giuda Apostoli S. Giovanni Evangelista G I O C H I DI Q U A R T I E R E A S Q U A D R E 2 0 0 5 R E G O L A M E N T O 1. Alla chiusura delle iscrizioni, il giudice arbitro procede

Dettagli

Un mondo da Favola laboratorio sul tema della sostenibilità

Un mondo da Favola laboratorio sul tema della sostenibilità Un mondo da Favola laboratorio sul tema della sostenibilità Obiettivi del laboratorio Il percorso Il percorso in breve Questo progetto sarà occasione per far comprendere ai bambini che cosa significa il

Dettagli

www.coolfoodplanet.org www.efad.org coolf et.org www.eufic.org

www.coolfoodplanet.org www.efad.org coolf et.org www.eufic.org g olf or w. coo n lf o o d p l a et. g or co w w et. ww w.efa d.o.eufic.org w ww rg Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio.

Dettagli

Indice dei giochi all interno dell appartamento o della classe per bambini dai 4 ai 6 anni:

Indice dei giochi all interno dell appartamento o della classe per bambini dai 4 ai 6 anni: Indice dei giochi all interno dell appartamento o della classe per bambini dai 4 ai 6 anni: L audio dei canti mimati è sul DVD Vestiamo la festa della Casa Editrice Mimep-Docete di Pessano (MI) 1. Giochi

Dettagli

SCUOLA CALCIO HELLAS VERONA STAGIONE 2012/13 Categoria pulcini 2003/04

SCUOLA CALCIO HELLAS VERONA STAGIONE 2012/13 Categoria pulcini 2003/04 SCUOLA CALCIO HELLAS VERONA STAGIONE 2012/13 Categoria pulcini 2003/04 Mesociclo: settembre/ottobre Obiettivo motorio/coordinativo: sviluppo cap. oculo-manuale, oculo-podale, di anticipazione e scelta

Dettagli

Istituto Comprensivo di Gavorrano Scuola dell Infanzia GIANNI RODARI Scarlino Scalo sez. C

Istituto Comprensivo di Gavorrano Scuola dell Infanzia GIANNI RODARI Scarlino Scalo sez. C Istituto Comprensivo di Gavorrano Scuola dell Infanzia GIANNI RODARI Scarlino Scalo sez. C L obiettivo generale del progetto è quello di potenziare la capacità di osservazione dei bambini per avvicinarli

Dettagli

10 Lezioni di Minibasket

10 Lezioni di Minibasket 10 Lezioni di Minibasket LEZIONE N. 1 FASE INIZIALE 001. Esercizi e giochi di trattamento della palla sul posto e in movimento ad elevata intensità di esecuzione. 002. SPRINT: i bambini palleggiano per

Dettagli

Training Guide JSS - Juventus Primi Calci 2-3 Anno

Training Guide JSS - Juventus Primi Calci 2-3 Anno JSS Coach Comito Date N Players 10 Where Torino Conduzione N TG 53 Conduzione veloce verso Sec Conduzione con cambi di direzione Giochi individuali con mani e piedi in uno spazio delimitato. Lanci e prese.

Dettagli

GLI ELFI DI BABBO NATALE

GLI ELFI DI BABBO NATALE Gruppo Animatori Salesiani www.gascornedo.it info@gascornedo.it GLI ELFI DI BABBO NATALE Gioco in Oratorio Genere: a stand Ambienti: sia in interno che in esterno Età: bambini delle elementari/medie AMBIENTAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PALIO DEI BORGHI 2015 Edizione 14.05.15

REGOLAMENTO GENERALE PALIO DEI BORGHI 2015 Edizione 14.05.15 REGOLAMENTO GENERALE PALIO DEI BORGHI 2015 Edizione 14.05.15 L intero svolgimento del Palio dovrà essere ispirato alle regole di sportività e solidarietà, nel contesto di una sana competizione, il cui

Dettagli

di Andrea Monteverdi

di Andrea Monteverdi di Andrea Monteverdi PULCINI Stagione sportiva 2005/2006 Saranno effettuati due allenamenti al campo dove si cureranno gli obiettivi tecnico-tattici, e un allenamento in palestra dove sarà curato in particolar

Dettagli

Scopo del gioco. Preparazione PRIMA PARTE

Scopo del gioco. Preparazione PRIMA PARTE Scopo del gioco Riuscire a salvare il Re di Francia Luigi XIII (se si è moschettieri del re) oppure riuscire a rapirlo (se si appartiene alla schiera delle guardie di Richelieu). Preparazione I ragazzi

Dettagli

DALL ESPERIENZA DI OKKIO ALLE PENNE! L IDEA DI IMPARARE GIOCANDO

DALL ESPERIENZA DI OKKIO ALLE PENNE! L IDEA DI IMPARARE GIOCANDO ASL CN1 SIAN Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione I.C. Papa Giovanni XXIII IL GIOCO ALIMENTARE DALL ESPERIENZA DI OKKIO ALLE PENNE! L IDEA DI IMPARARE GIOCANDO Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione 1

Dettagli

Fantavolando. www.fantavolando

Fantavolando. www.fantavolando Fantavolando www.fantavolando LABORATORIO DI EDUCAZIONE MUSICALE IL MAGO MUSICO MOTIVAZIONE: I bambini si avvicinano con entusiasmo alla musica fin da piccoli, la musica è un linguaggio che li coinvolge

Dettagli

NUOVA VITA PER LA PLASTICA

NUOVA VITA PER LA PLASTICA NUOVA VITA PER LA PLASTICA Le mille vite degli oggetti LIVELLO Scuola primaria di primo grado (secondo ciclo) Scuola secondaria di primo grado AREA DISCIPLINARE Scienze, Educazione tecnologica DURATA Preparazione:

Dettagli

GIOCHI. Picchio: trottolino di legno che si avvolgeva con una funicella e si lanciava per farlo prillare.

GIOCHI. Picchio: trottolino di legno che si avvolgeva con una funicella e si lanciava per farlo prillare. GIOCHI Bríccla Sctríźźk Consisteva nello: 1 spargere su una superficie piana cinque sassolini di fiume arrotondati, bríccl, prenderne una a piacere, lanciarla in aria, raccoglierne una a terra e contemporaneamente

Dettagli

ORGANIZZATO DAL COMITATO REGIONALE A.S.C. IN COLLABORAZIONE CON A.S.D. COMITATO CAAMSARDEGNA Muravera(Ca), 25-27 Settembre 2015.

ORGANIZZATO DAL COMITATO REGIONALE A.S.C. IN COLLABORAZIONE CON A.S.D. COMITATO CAAMSARDEGNA Muravera(Ca), 25-27 Settembre 2015. VOLLEY MISTA SPORT CAAM SARDEGNA 2015 TROFEO NAZIONALE/REGIONALE A.S.C. ORGANIZZATO DAL COMITATO REGIONALE A.S.C. IN COLLABORAZIONE CON A.S.D. COMITATO CAAMSARDEGNA Muravera(Ca), 25-27 Settembre 2015 Costi

Dettagli

Il Pollino dei sapori: il bianco e la rossa sfidano la creatività degli aspiranti chef del futuro.

Il Pollino dei sapori: il bianco e la rossa sfidano la creatività degli aspiranti chef del futuro. Il Pollino dei sapori: il bianco e la rossa sfidano la creatività degli aspiranti chef del futuro. Concorso Gastronomico Nazionale sulla Melanzana Rossa ed i Fagioli Bianchi di Rotonda DOP Presentazione

Dettagli

Federazione Italiana Pallavolo. Video-Check. Regolamento. Settore Nazionale Ufficiali di Gara

Federazione Italiana Pallavolo. Video-Check. Regolamento. Settore Nazionale Ufficiali di Gara Federazione Italiana Pallavolo Video-Check Regolamento Settore Nazionale Ufficiali di Gara 2015-2016 Regolamento 1. Il presente regolamento descrive, per la stagione 2015/16, il procedimento di richiesta

Dettagli

Training Guide JSS - Juventus Primi Calci 2-3 Anno

Training Guide JSS - Juventus Primi Calci 2-3 Anno JSS Coach Muscella Date N Players 10 Where Torino Goals Tec Training Guide JSS - Juventus 2-3 Anno Conduzione Age Range 2 Anno N TG 31 Goals Tactic Concetto di fase offensiva Goals Tec Sec Project JSS

Dettagli

Riduco. Riciclo. Recupero. Riutilizzo. Provincia di Campobasso Assessorato all Ambiente

Riduco. Riciclo. Recupero. Riutilizzo. Provincia di Campobasso Assessorato all Ambiente Riduco Riciclo Recupero Riutilizzo Provincia di Campobasso Assessorato all Ambiente Quaderno di nato a il scuola classe sez. Cari ragazzi, questo quaderno che state leggendo, scritto e realizzato per voi

Dettagli

FLEPY E L ACQUA. Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia

FLEPY E L ACQUA. Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia FLEPY E L ACQUA Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia A G E N Z I A P E R L A P R O T E Z I O N E D E L L A M B I E N T E E P E R I S E R V I Z I T

Dettagli

1 CIRCOLO DIDATTICO DI ISCHIA

1 CIRCOLO DIDATTICO DI ISCHIA 1 CIRCOLO DIDATTICO DI ISCHIA PROGETTO GIOCO SPORT FINALITA Il Progetto Gioco-Sport intende rendere evidente e far comprendere il valore altamente educativo delle attività sportive, individuali e collettive

Dettagli

La tensione superficiale dà l'impressione che l'acqua abbia una sorte di pelle elastica e sottile.

La tensione superficiale dà l'impressione che l'acqua abbia una sorte di pelle elastica e sottile. LA TENSIONE SUPERFICIALE Osserviamo l acqua che sgocciola da un rubinetto chiuso male. Ogni goccia che si forma rimane attaccata al rubinetto per un istante, prima di cedere alla gravità e di cadere in

Dettagli

il Dribbling MAINI DANIELE Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 Lezione ideata da

il Dribbling MAINI DANIELE Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 Lezione ideata da Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 il Dribbling Lezione ideata da MAINI DANIELE Si ringraziano Gli Esordienti dell U.S.D. BORGONOVESE In collaborazione con BERNINI GIANNI RATAZZI

Dettagli

GIOCHI PER BAMBINI ADATTATI AL CALCIO

GIOCHI PER BAMBINI ADATTATI AL CALCIO GICHI PER BAMBINI ADATTATI AL CALCI MAG LIBER: un bambino è il mago deve rincorrere e toccare i suoi compagni, quando vieni preso ti devi fermare mantenendo una posizione decisa dall istruttore. Se un

Dettagli

Come allenare la Categoria Pulcini con giochi tratti dalla tradizione popolare.

Come allenare la Categoria Pulcini con giochi tratti dalla tradizione popolare. articolo N.37 GENNAIO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI

Dettagli

INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08. Intervista

INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08. Intervista Allegato 11 INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08 Proponi ai nonni e ai genitori la seguente intervista Intervista 1. Con che cosa giocavi? 2. Chi ti comprava i giochi? 3. Ne

Dettagli

Prima esercitazione... Percorso coordinativo

Prima esercitazione... Percorso coordinativo Prima esercitazione.... Percorso coordinativo Alla partenza, il bambino dovrà prendere un cinesino posto vicino, passare sotto l ostacolo strisciando al suolo, correre tra i coni, inserire il cinesino

Dettagli

PULCINI. Programma MILAN LAB

PULCINI. Programma MILAN LAB PULCINI Programma MILAN LAB SEDUTA DI ALLENAMENTO PULCINI 40% SCHEMI MOTORI DI BASE CAPACITÀ MOTORIE 60% CAPACITÀ COORDINATIVE 50% 10% CAPACITÀ CONDIZIONALI Rapidità BASSO GRADO DI DIFFICOLTÀ MEDIO GRADO

Dettagli

Goriziana Campionato romagnolo a squadre serie A / B Anno 2014-2015

Goriziana Campionato romagnolo a squadre serie A / B Anno 2014-2015 F.I.Bi.S. ROMAGNA ASD Piazza Tre Martiri 17/18 Castiglione di Cervia (RA) www.fibisromagna.it - infomail: fibis@fibisromagna.it - telefax 0544 952423 Goriziana Campionato romagnolo a squadre serie A /

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06. Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06. Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06 Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA Il progetto sulla Terza Dimensione Queste attività si

Dettagli

Guida alla corretta divisione dei rifiuti

Guida alla corretta divisione dei rifiuti Guida alla corretta divisione dei rifiuti Guida alla corretta divisione dei rifiuti Cosa fare con i rifiuti? La lettiera per gatti va eliminata nel cassonetto biologico? Si possono gettare i resti di carta

Dettagli

Lista per l'esecuzione della fornitura di detersivi, materiale carta e vario ad uso scolastico periodo settembre 2008 - giugno 2009

Lista per l'esecuzione della fornitura di detersivi, materiale carta e vario ad uso scolastico periodo settembre 2008 - giugno 2009 Lista per l'esecuzione della fornitura di detersivi, materiale carta e vario ad uso scolastico periodo settembre 2008 - giugno 2009 materiale da fornire quantità presunta prezzo unitario Totale 1 Alcool

Dettagli

SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO STAGIONE 2012/2013 FINALE REGIONALE 2 GIUGNO 2013 LENO (BS)

SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO STAGIONE 2012/2013 FINALE REGIONALE 2 GIUGNO 2013 LENO (BS) SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO STAGIONE 2012/2013 FINALE REGIONALE 2 GIUGNO 2013 LENO (BS) TEMA DELLA MANIFESTAZIONE CALCIARE PER SEGNARE PREMESSA Si ricorda che la manifestazione è una festa a carattere

Dettagli

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO I primi Giochi Easy : Il Palleggio ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO Insalata Mista. (stimolare l abitudine all utilizzo del palleggio) Dal palleggio in libertà tuttocampo dei bambini, dividere il campo in

Dettagli

Il taccuino dell esploratore

Il taccuino dell esploratore Il taccuino dell esploratore a cura di ORESTE GALLO (per gli scout: Lupo Tenace) UNDICESIMA CHIACCHIERATA CUCINARE ALLA TRAPPER All inizio del 800 solo pochi bianchi percorrevano le grandi praterie e le

Dettagli

GIOCA LA BIBBIA. Titolo Materiale descrizione 1. ABRAMO Foglietti con i disegni

GIOCA LA BIBBIA. Titolo Materiale descrizione 1. ABRAMO Foglietti con i disegni Questi 10 giochi sono stati pensati per una festa di inizio di un anno catechistico, oppure per alcune ore di giochi in oratorio per i gruppi del catechismo, e prevede la partecipazione di un massimo di

Dettagli

di Svetlana Prodan Classe 3A Scuola media Colombo a.s. 2010-2011

di Svetlana Prodan Classe 3A Scuola media Colombo a.s. 2010-2011 di Svetlana Prodan Classe 3A Scuola media Colombo a.s. 2010-2011 Schema di una relazione Titolo Scopo dell esperimento Materiale occorrente Previsione di ciò che succede Istruzioni o descrizioni Osservazioni

Dettagli

Autore: Maurizio Bruni Sito proponente: Alleniamo.com MESE DI SETTEMBRE 2007 CATEGORIA ESORDIENTI 1995. Allenatore Maurizio Bruni

Autore: Maurizio Bruni Sito proponente: Alleniamo.com MESE DI SETTEMBRE 2007 CATEGORIA ESORDIENTI 1995. Allenatore Maurizio Bruni Autore: Maurizio Bruni Sito proponente: Alleniamo.com MESE DI SETTEMBRE 2007 CATEGORIA ESORDIENTI 1995 Allenatore Maurizio Bruni MESE DI SETTEMBRE OBIETTIVI TECNICI Palleggio individuale Conduzione della

Dettagli

SODASOLVAY. Detergente ecologico multiuso

SODASOLVAY. Detergente ecologico multiuso SODASOLVAY Detergente ecologico multiuso PROPRIETÀ DETERGE, RINFRESCA e NEUTRALIZZA gli odori; SGRASSA efficacemente; non fa SCHIUMA; è CONVENIENTE; non contiene TENSIOATTIVI, FOSFORO, COLORANTI e PROFUMI.

Dettagli

= 1.000 litri + SI RISPARMIA

= 1.000 litri + SI RISPARMIA Acqua SI CONSUMA + SI RISPARMIA lavare i piatti igiene personale consumo giornaliero pro capite di acqua potabile i consumi contrassegnati con potrebbero essere sostituiti con acqua piovana altri utilizzi

Dettagli

Disponiamo inoltre di vari articoli personalizzabili. Per qualsiasi informazione o preventivo interpellateci.

Disponiamo inoltre di vari articoli personalizzabili. Per qualsiasi informazione o preventivo interpellateci. Articoli Promozionali ART. PREZZO CADAUNO EURO 71053 GREMBIULE BIANCO CON PETTORINA 70x83 2,50 71054 BUSTA CUCINA UOMO 1,50 71055 CUFFIA RETE DONNA 2,00 71052 GREMBIULE BAR 2,30 71057 MAGLIETTA BIANCA

Dettagli

vari contenitori di capacità 1 l tarati un litro d acqua dentro una bacinella

vari contenitori di capacità 1 l tarati un litro d acqua dentro una bacinella di Beatrice MATERIALI: vari contenitori di capacità 1 l tarati un litro d acqua dentro una bacinella Verso l acqua della bacinella in vari contenitori. La travaso ogni volta. OSSERVAZIONI: L acqua nel

Dettagli

CAMPIONATO AMATORIALE RUGBY UNION CAR

CAMPIONATO AMATORIALE RUGBY UNION CAR CAMPIONATO AMATORIALE RUGBY UNION CAR Regolamento stagione sportiva 2014/15 1. Iscrizione al torneo: Ogni squadra, visto e approvato quanto scritto sotto, deve formalizzare la propria iscrizione entro

Dettagli

NUOTO NORME DI ATTUAZIONE E REGOLAMENTO TECNICO

NUOTO NORME DI ATTUAZIONE E REGOLAMENTO TECNICO NUOTO NORME DI ATTUAZIONE E REGOLAMENTO TECNICO Stagione Sportiva 2003/2004 Modalità di partecipazione: I prerequisiti per poter partecipare alle gare di nuoto per Disabili Intellettivi e Relazionali sono

Dettagli

Didattica della fisica e della biologia 2009-2010. Acqua: pasticciamento, gocce e bolle. E. Giordano

Didattica della fisica e della biologia 2009-2010. Acqua: pasticciamento, gocce e bolle. E. Giordano Didattica della fisica e della biologia 2009-2010 Acqua: pasticciamento, gocce e bolle E. Giordano Pasticciamento Il topo d acqua (K. Grahame, The wind in the willows) Un tempo molto più lungo di quello

Dettagli

REGOLAMENTO MONOPOLY QUALIFICAZIONI REGIONALI 2014

REGOLAMENTO MONOPOLY QUALIFICAZIONI REGIONALI 2014 REGOLAMENTO MONOPOLY QUALIFICAZIONI REGIONALI 2014 SCOPO DEL GIOCO Essere il giocatore più ricco al termine di una partita a tempo o l ultimo concorrente in gioco dopo che tutti gli altri sono finiti in

Dettagli

REGOLAMENTO ORGANICO DI PARTECIPAZIONE AL 1 CAMPIONATO INTERPROVINCIALE DI BILIARDO BOCCETTE A SQUADRE E.N.D.A.S.-A.B.I.S.

REGOLAMENTO ORGANICO DI PARTECIPAZIONE AL 1 CAMPIONATO INTERPROVINCIALE DI BILIARDO BOCCETTE A SQUADRE E.N.D.A.S.-A.B.I.S. A.B.I.S Ravenna ENDAS EMILIA ROMAGNA ASSOCIAZIONE BILIARDO ITALIANA SPORTIVA Sede - Via Salita, 2-48018 Faenza (RA) Sede operativa di Fusignano Tel.-Segr.-Fax 0545.288059 C.F. e P.IVA 02028560395 e-mail:

Dettagli

Ne forniamo alcuni esempi.

Ne forniamo alcuni esempi. Con il termine coordinamento oculo-manuale si intende la capacità di far funzionare insieme la percezione visiva e l azione delle mani per eseguire compiti di diversa complessità. Per sviluppare questa

Dettagli

Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto

Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto IN LABORATORIO 8 Maggio 26 Istruzioni per l allestimento della prova Materiale riservato per i docenti LA DENSITÀ DELL OLIO Presentazione

Dettagli

PARTITE A TEMA. Introduzione

PARTITE A TEMA. Introduzione PARTITE A TEMA Introduzione Per partita a tema o anche gioco a tema s intende un confronto tra due o più squadre che, all interno di una sessione di allenamento, devono rispettare un vincolo, una restrizione

Dettagli

OFFBALL. Linea Dodge Line Dodge UN NUOVO GIOCO DI SQUADRA

OFFBALL. Linea Dodge Line Dodge UN NUOVO GIOCO DI SQUADRA OFFBALL UN NUOVO GIOCO DI SQUADRA Il 16 Febbraio 2013 è stata fondata la Federazione Offball al fine di divulgare questo nuovo sport di squadra nato dalla collaborazione di Nelly Vasta e Giuseppe Raiti.

Dettagli

Proposte di attività per fare movimento in famiglia divertendosi!

Proposte di attività per fare movimento in famiglia divertendosi! Proposte di attività per fare movimento in famiglia divertendosi! Mantenere la mobilità Migliorare la destrezza Rinforzare la muscolatura Più volte alla settimana Stimolare il sistema cardiocircolatorio

Dettagli

Cari bambini, Mi chiamo x02 e arrivo da Ecopolis, un pianeta lontano anni luce. A causa di un guasto alla mia astronave sono atterrato sulla terra.

Cari bambini, Mi chiamo x02 e arrivo da Ecopolis, un pianeta lontano anni luce. A causa di un guasto alla mia astronave sono atterrato sulla terra. Cari bambini, Mi chiamo x02 e arrivo da Ecopolis, un pianeta lontano anni luce. A causa di un guasto alla mia astronave sono atterrato sulla terra. Che puzza extragalattica c è qui!. Il mio mondo è bello,

Dettagli

LAVORO DELL ANNO PRECEDENTE. Successione cardinale Tanti/pochi LAVORO DI QUEST ANNO

LAVORO DELL ANNO PRECEDENTE. Successione cardinale Tanti/pochi LAVORO DI QUEST ANNO BAMBINI DI 4 ANNI LAVORO DELL ANNO PRECEDENTE Confronto tra quantità Successione cardinale Tanti/pochi LAVORO DI QUEST ANNO Le varie funzioni del numero : per quantificare per misurare per.. Dall indagine

Dettagli

INTRODUZIONE Sport cinofili in acqua (SCIA) FIDASC Cinowork SCIA Small Large Velocità, Slalom, Ricupero, Tuffi

INTRODUZIONE Sport cinofili in acqua (SCIA) FIDASC Cinowork SCIA Small Large Velocità, Slalom, Ricupero, Tuffi INTRODUZIONE Sport cinofili in acqua (SCIA) (nuoto ecc.) della FIDASC è una specialità agonistica della disciplina Cinowork il cui fine è quello di far avvicinare le masse ad una attività sportiva che

Dettagli

GIOCHI DI OSSERVAZIONE

GIOCHI DI OSSERVAZIONE IL FARFARACCIO GIOCHI DI OSSERVAZIONE ("Un gioco al giorno - volume secondo" - Ed. ElleDiCi) Se per un erborista è importante conoscere l aspetto e gli usi di ogni erba, altrettanto lo è sapere dove trovarla.

Dettagli

Consiglio della settimana 33/2011 a scuola. Un arbitro in ciascun giocatore

Consiglio della settimana 33/2011 a scuola. Un arbitro in ciascun giocatore A scuola Consiglio della settimana 33/2011 a scuola Un arbitro in ciascun giocatore Che ne dite di iniziare il nuovo anno scolastico con un torneo di calcio speciale per far incontrare le classi, gli alunni

Dettagli

Comitato Regionale Toscano

Comitato Regionale Toscano Comitato Regionale Toscano Calendario e Regolamento stagione invernale 2015/2016 CATEGORIA CAMPIONATI ASSOLUTI REGIONALI INVERNALI 5/6 Dicembre 2015 Livorno (piscina La Bastia) Sabato 5/12 pomeriggio 200SL

Dettagli

CARTE. Regolamento Belote. Regole del gioco: Determinazione del seme di briscola (Belote classico):

CARTE. Regolamento Belote. Regole del gioco: Determinazione del seme di briscola (Belote classico): CARTE aggiornato al 25/06/2014 Entrambe le gare di carte si svolgeranno presso il salone Polivalente di Pinasca. Entrambe le gare saranno giocate da giocatori in coppia, la coppia può essere diversa nelle

Dettagli

REGOLAMENTO REV 2015.06

REGOLAMENTO REV 2015.06 REV 2015.06 REGOLAMENTO Indice 1 L asta iniziale... 3 1.1 Il metodo: il DRAFT... 3 1.2 L ordine di chiamata... 3 2 La Formula... 4 2.1 I partecipanti e il nome del Team... 4 2.2 Il calendario... 4 2.3

Dettagli

TEAM BUILDING VIVI LA FATTORIA

TEAM BUILDING VIVI LA FATTORIA TEAM BUILDING VIVI LA FATTORIA Il team building Vivi la Fattoria prende spunto dalla giornata reale dei nostri fattori e prevede alcune attività che si possono definire esperienziali e ludiche allo stesso

Dettagli

Una guida per aiutarvi a gestire il catetere e le sacche di drenaggio

Una guida per aiutarvi a gestire il catetere e le sacche di drenaggio Una guida per aiutarvi a gestire il catetere e le sacche di drenaggio Un catetere può migliorare la vostra salute e qualità di vita. Siccome sappiamo che potrebbe richiedere un bel po di adattamento, abbiamo

Dettagli

Il sottoscritto... nato a... il in qualità di. e quindi di legale rappresentante della ditta... con sede legale in... C.A.P... via... N tel.. Fax...

Il sottoscritto... nato a... il in qualità di. e quindi di legale rappresentante della ditta... con sede legale in... C.A.P... via... N tel.. Fax... Offerta Economica Spett.le A.S.P. Città di Siena Via Campansi, 18 53100 Siena Oggetto: PROCEDURA NEGOZIALE CONCORSUALE PER LA FORNITURA BIENNALE DI MATERIALE E PREPARATI PROFESSIONALI PER PULIZIE E PRODOTTI

Dettagli

Scopa. Scopone. Il Torneo. Il Gioco

Scopa. Scopone. Il Torneo. Il Gioco Scopa Il Torneo Il toreo di scopa viene solitamente organizzato in incontri ad eliminazione diretta due contro due (va quindi utilizzato il tabellone ad eliminazione diretta). Non è consentito parlare

Dettagli

REGOLAMENTO PERCORSO A TEMPO e PALLONCINO

REGOLAMENTO PERCORSO A TEMPO e PALLONCINO REGOLAMENTO PERCORSO A TEMPO e PALLONCINO CLASSI DI ETA - GRADO Samurai 5-6-7 anni Da gialla a marrone Bambini 8-9 anni Da gialla a marrone Ragazzi 10-11 anni Da gialla a marrone ASPETTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. RENDA POLISTENA

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. RENDA POLISTENA 6^ GARA INTERNAZIONALE DELLA RISTORAZIONE Competizione inserita nel Programma Nazionale di Valorizzazione delle Eccellenze del Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca (decreto 8 novembre 2011).

Dettagli

I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno

I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno Kangourou Italia Gara del 21 marzo 2002 Categoria Cadet Per studenti di terza media e prima superiore Regole: La prova è individuale. Ogni tipo di calcolatrice è vietato Vi è una sola risposta esatta per

Dettagli

Regole del gioco UNO CONTENUTO DELLA CONFEZIONE: 108 Carte così distribuite: 19 Carte di colore Rosso che vanno dallo 0 al 9

Regole del gioco UNO CONTENUTO DELLA CONFEZIONE: 108 Carte così distribuite: 19 Carte di colore Rosso che vanno dallo 0 al 9 Regole del gioco UNO CONTENUTO DELLA CONFEZIONE: 108 Carte così distribuite: 19 Carte di colore Rosso che vanno dallo 0 al 9 19 Carte di colore Blu che vanno dallo 0 al 9 19 Carte di colore Giallo che

Dettagli

Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette )

Regolamento Nazionale Specialità POOL 8-15 ( Buche Strette ) Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette ) SCOPO DEL GIOCO : Questa specialità viene giocata con 15 bilie numerate, dalla n 1 alla n 15 e una bilia bianca (battente). Un giocatore dovrà

Dettagli

BlackJack. regole del gioco

BlackJack. regole del gioco BlackJack regole del gioco Il gioco viene aperto dalle parole del croupier Fate il vostro gioco. I giocatori devono effettuare le proprie puntate sui vari Box. Il croupier annuncia Nulla va più, dopo questo

Dettagli

Le 4 fasi della dieta Dukan

Le 4 fasi della dieta Dukan Assistente Virtuale Le 4 fasi della dieta Dukan 1 L'introduzione alla Dieta Dukan: la Bibbia di chi vuole dimagrire Menu tipo della Dukan per la prima e la seconda settimana Fase 1 : Attacco La dieta Dukan

Dettagli

Torneodelvenerdì CUP 2015 REGOLAMENTO

Torneodelvenerdì CUP 2015 REGOLAMENTO Torneodelvenerdì CUP 2015 REGOLAMENTO GENERALITA' Il Torneodelvenerdì nasce nel 2009 per iniziativa di alcuni ragazzi desiderosi di creare un appuntamento calcistico settimanale per la propria squadra

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIALE FANTACALCIO. Stagione 2014/2015

REGOLAMENTO UFFICIALE FANTACALCIO. Stagione 2014/2015 REGOLAMENTO UFFICIALE FANTACALCIO Stagione 2014/2015 1. Ogni squadra deve avere un numero minimo di 24 giocatori sempre presente in organico. Per evitare turbative o danneggiamenti d asta, ogni squadra,

Dettagli

Africana. Componenti di gioco. 1 tabellone con la mappa dell Africa. 2 libri. 30 carte avventura. (15 con il bordo bianco, 15 con il bordo marrone)

Africana. Componenti di gioco. 1 tabellone con la mappa dell Africa. 2 libri. 30 carte avventura. (15 con il bordo bianco, 15 con il bordo marrone) Africana Componenti di gioco 1 tabellone con la mappa dell Africa 2 libri 30 carte avventura (15 con il bordo bianco, 15 con il bordo marrone) 34 carte spedizione (con sul dorso A, B e C) 10 carte assistenti

Dettagli

COMPITO AUTENTICO PROGETTO: DIRITTO AL GIOCO

COMPITO AUTENTICO PROGETTO: DIRITTO AL GIOCO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE DI UBOLDO (VA) COMPITO AUTENTICO SEZIONE STELLE INS. PEDRELLI PATRIZIA TIROCINANTE GALLEANI ILARIA BREVE DESCRIZIONE DEL PROGETTO DIRITTO AL GIOCO : Questo lavoro dal tema

Dettagli

DOSSIER DELLE ATTIVITA : IL LABORATORIO LA MATITA FOTOGRAFICA

DOSSIER DELLE ATTIVITA : IL LABORATORIO LA MATITA FOTOGRAFICA DOSSIER DELLE ATTIVITA : IL LABORATORIO LA MATITA FOTOGRAFICA Tenuto da Florian Reischauer ed Elena Capra per La Casa di Ibrahima, Keur Massar, Senegal Durata dal 16 Febbraio all 8 Marzo 2012 Partendo

Dettagli

Venerdì Piano di lavoro dettagliato: situazione comunicativa - ricapitolazione delle competenze acquisite e transfer

Venerdì Piano di lavoro dettagliato: situazione comunicativa - ricapitolazione delle competenze acquisite e transfer Documentazione insegnante Venerdì Piano di lavoro dettagliato: situazione comunicativa - ricapitolazione delle competenze acquisite e transfer MATTINA In aula: banchi disposti a isole da 4 6 allievi (a

Dettagli

Il Minibasket e la preparazione atletica: obiettivi comuni per il miglioramento delle capacità del bambino

Il Minibasket e la preparazione atletica: obiettivi comuni per il miglioramento delle capacità del bambino Il Minibasket e la preparazione atletica: obiettivi comuni per il miglioramento delle capacità del bambino Il ruolo dell istruttore nel Minibasket è di fondamentale importanza in quanto deve migliorare

Dettagli

PROGETTO DI ANIMAZIONE MUSICALE IL MAGO MUSICO

PROGETTO DI ANIMAZIONE MUSICALE IL MAGO MUSICO SCUOLA DELL INFANZAI MUSSI SEZIONE BLU Anno scol. 2012-2013 PROGETTO DI ANIMAZIONE MUSICALE IL MAGO MUSICO MOTIVAZIONE: I bambini si avvicinano con entusiasmo alla musica fin da piccoli, la musica è un

Dettagli

Io a casa faccio la raccolta differenziata però non la faccio io ma la fanno mia mamma e mia sorella. Tutte le mattine del sabato e della domenica

Io a casa faccio la raccolta differenziata però non la faccio io ma la fanno mia mamma e mia sorella. Tutte le mattine del sabato e della domenica Io a casa faccio la raccolta differenziata però non la faccio io ma la fanno mia mamma e mia sorella. Tutte le mattine del sabato e della domenica guardano cosa c è dentro al bidone poi prendono le bottiglie

Dettagli

Regolamento CAMPIONATO e COPPA THE BEST TWENTY 2014-2015:

Regolamento CAMPIONATO e COPPA THE BEST TWENTY 2014-2015: Regolamento CAMPIONATO e COPPA THE BEST TWENTY 2014-2015: 1. Il THE BEST TWENTY comprende un CAMPIONATO e una COPPA. Il campionato è un torneo composto da 20 CONCORRENTI, con la durata di 80 giornate (la

Dettagli

REALIZZAZZIONE DI UN BULLONE CERAMICO

REALIZZAZZIONE DI UN BULLONE CERAMICO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI LECCE FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA DEI MATERIALI CORSO DI MATERIALI CERAMICI I A.A. 2002/2003 Prof. A. LICCIULLI REALIZZAZZIONE DI UN BULLONE CERAMICO realizzato

Dettagli

Laboratorio: Mani Creative UNITA D APPRENDIMENTO esperienza realizzata con i bambini di 4 anni

Laboratorio: Mani Creative UNITA D APPRENDIMENTO esperienza realizzata con i bambini di 4 anni Scuola dell Infanzia Maria Bambina Ist.Canossiano Laboratorio: Mani Creative UNITA D APPRENDIMENTO esperienza realizzata con i bambini di 4 anni Mani creative dal 14 Gennaio al 12 Aprile Dal 14 gennaio

Dettagli

CAMPIONATO ITALIANO DI SOCIETÀ SERIE B 2015. Specialità Volo

CAMPIONATO ITALIANO DI SOCIETÀ SERIE B 2015. Specialità Volo CAMPIONATO ITALIANO DI SOCIETÀ SERIE B 2015 Specialità Volo 1. PREMESSA Al Campionato di Società di Serie B potranno partecipare tutte le Società aventi diritto, rispettando le norme del presente Regolamento.

Dettagli

Sviluppo abilità relazionali attraverso giochi motori di cooperazione nelle Scuola Second. II. Specializzato: Perotto Carla Maria

Sviluppo abilità relazionali attraverso giochi motori di cooperazione nelle Scuola Second. II. Specializzato: Perotto Carla Maria SIS Piemonte SCUOLA INTERATENEO DI SPECIALIZZAZIONE DEGLI INSEGNATI DELLA SCUOLA SECONDARIA Università degli studi di Torino Politecnico di Torino Università degli Studi A. Avogadro Sviluppo abilità relazionali

Dettagli

Calamite Poli magnetici Forza magnetica. A cura del responsabile del laboratorio di scienze Ins. Cristina Andrini

Calamite Poli magnetici Forza magnetica. A cura del responsabile del laboratorio di scienze Ins. Cristina Andrini Calamite Poli magnetici Forza magnetica A cura del responsabile del laboratorio di scienze Ins. Cristina Andrini Chi resiste all attrazione? Cosa serve? Oggetti di materiali diversi: vetro, legno, plastica,

Dettagli