GENNAIO 2008 SALDI: bene l anticipazione ma sarebbe ora di liberalizzarli CLASS ACTION Outlet: paradisi dello shopping

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "www.federconsumatori.it GENNAIO 2008 SALDI: bene l anticipazione ma sarebbe ora di liberalizzarli CLASS ACTION Outlet: paradisi dello shopping"

Transcript

1 GENNAIO 2008 MENSILE DELLA FEDERCONSUMATORI - FEDERAZIONE NAZIONALE DI CONSUMATORI E UTENTI - ROBINO BVIA IPALESTRO, NROMA - TEL /63 SALDI: bene l anticipazione ma sarebbe ora di liberalizzarli Outlet: paradisi dello shopping CLASS ACTION Prezzi e tariffe Consuntivo e Previsioni

2 SOMMARIO SALDI: bene l anticipazione ma sarebbe ora di liberalizzarli definitivamente. Vi saranno più famiglie che acquisteranno. Rosario Trefiletti... pag. 3 Class Action Rosario Trefiletti... pag. 4 Class Action - Ex Finanziaria 2008 Documenti... pag. 5 Class Action Scheda Tecnica Vanna Pizzi... pag. 7 Outlet: paradisi dello shopping Tiziana Danese... pag. 9 Prezzie e Tariffe Consuntivo e previsioni Federconsumatori... pag. 10 Numero Mensile della Federconsumatori Federazione nazionale consumatori e utenti Direttore responsabile Rosario Trefiletti Responsabile di Redazione Tiziana Danese A questo numero hanno collaborato: Rosario Trefiletti, Tiziana Danese, Vanna Pizzi Redazione - Via Palestro, Roma - Tel Proprietà Federconsumatori Reg. Trib. di Roma n. 421 del 28/6/90 Finito di stampare nel Gennaio 2008 Grafica: BOS Grafica s.a.s. Via Salvatore Lo Bianco, Roma Stampa: Duemme Grafica Via della maglianella 71 - Roma Stampato su carta riciclata NUMERI UTILI gennaio SOS TURISTA Tel Fax ALLARME CIARLATANI SPORTELLO AGROALIMENTARE Piazzale Redecocca, 1 Tel. 059/ Fax. 059/ L ASSOCIAZIONE è un Ente di Promozione Sociale convenzionata con la CGIL: collabora con le Istituzioni Comunitarie (Commissione Servizio Politica dei Consumatori; Parlamento Europeo; Comitato Economico e Sociale). ISCRIZIONE Il tesseramento avviene su base territoriale presso le sedi dell organizzazione. SERVIZI Centro di assistenza e consulenza ai consumatori in tutti i maggiori centri urbani ed in alcuni centri minori, servizio giuridico legislativo pubblicazione del mensile Robin.

3 SALDI: bene l anticipazione ma sarebbe ora di liberalizzarli definitivamente. Vi saranno più famiglie che acquisteranno. Ecco inoltre qualche buon consiglio di Rosario Trefiletti È partita la stagione dei saldi, con largo anticipo tanto da farci ridire a quando il loro superamento definitivo. Dal nostro osservatorio si evince che vi sarà una ripresa rispetto ai disastrosi risultati degli anni passati, anche se vi sarà ancora cautela e prudenza ed infatti. Ciò è dovuto al fatto che molte famiglie non hanno comprato a Natale a causa del loro basso potere di acquisto ed hanno appositamente aspettato il periodo dei saldi. Rispetto allo scorso anno le famiglie coinvolte, che non riteniamo raggiungeranno le percentuali del 64% come oggi sostiene Confcommercio, saranno circa il 57 % pari a 13 milioni 250. Ognuna di loro spenderà una cifra pari a 373 euro (143 euro procapite) per una spesa complessiva di 4 miliardi 932 milioni di euro. Ma oltre alla riflessione per cui sembra sia giunto il momento di superare definitivamente i saldi, liberalizzandoli, si dovrebbe giungere anche alla conclusione che i cittadini sono invogliati ad acquistare a prezzi ragionevoli e che quindi oltre ad intervenire doverosamente per sostegni al reddito fisso attraverso soluzioni contrattuali e fiscali sono anche necessari interventi sui prezzi, naturalmente diminuendoli. Ecco, inoltre, alcune regole per orientarsi negli acquisti dei prodotti in saldo: 1 non fatevi prendere dalla frenesia dell acquisto, girate per più negozi, confrontate i prezzi e comunque orientatevi verso beni o prodotti che vi servono veramente. 2 servitevi preferibilmente nei negozi di fiducia, possibilmente acquistate prodotti e beni di cui eravate a conoscenza del prezzo in modo da poter valutare la convenienza dell acquisto 3 diffidate dalle vetrine interamente coperte dai manifesti e che non vi consentono di vedere la merce, ed inoltre diffidate di sconti eccessivi pari o superiori al 60% 4 sappiate che le vendite devono essere realmente di fine stagione. Quelle di risulta o di magazzino non possono essere mescolate con i prodotti in saldo ma vendute separatamente. 5 ricordate che su ogni prodotto è obbligatorio il cartellino indicante il vecchio prezzo, quello nuovo e il valore in percentuale dello sconto in modo ben leggibile. 6 ricordate che non vi è l obbligo di far provare i capi ciò e rimesso alla discrezionalità del negoziante ma il consiglio è comunque quello di diffidare, nel caso dei capi di abbigliamento, di quelli che possono essere solo guardati e non provati. 7 il pagamento può essere fatto anche con carte di credito o bancomat. Di ciò vi è di obbligo da parte del commerciante che sia in possesso del POS. 8 conservate sempre lo scontrino quale prova di acquisto che in caso di merce fallata o merce non conforme obbliga il commerciante alla sostituzione o al rimborso di quanto pagato in base alle nuove normative di legge. 9 per qualsiasi problema relativamente a fregature nella vendita, protestate immediatamente o denunciate ai vigili urbani o all ufficio comunale per il commercio o in caso di timidezza rivolgetevi ad una associazione dei consumatori. 3gennaio 2008

4 Class Action di Rosario Trefiletti gennaio L'anno che si è appena concluso vede alcune novità di assoluto rilievo, fra le quali la realizzazione di provvedimenti in diversi settori della nostra economia al fine di modernizzarli e migliorarne il rapporto con il cittadino, pensiamo al settore delle TLC o quello dei farmaci che hanno già consegnato risposte positive ai cittadini nonchè quella rilevantissima, di avere introdotto nel nostro ordinamento giudiziario la Class Action, strumento formidabile ed essenziale per la difesa dei diritti dei consumatori da un mercato caratterizzato spesso da torbidità ed ingannevolezze. Ma a queste lodevoli ed importanti novità si è accompagnata una situazione socio economica pessima sotto il profilo di prezzi, tariffe e potere d'acquisto delle famiglie. Dopo gli anni dal 2002 al 2006 che hanno taglieggiato fortemente le famiglie italiane, il 2007 ha portato a compimento una situazione oramai resa insopportabile che sta procurando forti cadute sui consumi delle famiglie consolidandone un peggioramento della qualità della loro vita. Purtroppo, anche le previsioni, relative al 2008 non sono allo stato positive in tema di prezzi e tariffe. Senza interventi importanti e molto determinanti sul fronte sia delle offerte di beni e servizi e sia su quello fondamentale della domanda, condizione necessaria a far riacquistare capacità di acquisto delle famiglie attraverso un aumento delle loro disponibilità economiche, non si va da nessuna parte. Per meglio specificare, sul lato dell'offerta bisogna oltre che continuare con maggiore determinazione i processi di modernizzazione iniziati con i provvedimenti Bersani, intervenire su tre questioni che hanno maggiormente inciso in negativo sulle famiglie. La prima questione riguarda la filiera agroalimentare in cui sono lievitati del 15-20% i prezzi soprattutto quelli di prima necessità e di largo consumo: pane, pasta, latte ecc. Qui è necessario oltre che controllare e sconfiggere fenomeni speculativi, renderla più efficiente, con minori passaggi e quindi meno costosa, anche attraverso metodi di vendita diretta e accompagnata da maggior trasparenza e conoscenza. L'altra questione è relativa al settore energetico che tra costi diretti e indiretti può ricaricare sulle famiglie una spesa annua di circa 800 euro di cui circa 400 euro per luce, gas, riscaldamento e benzina. Si rende necessario un serio piano energetico concertato con la Comunità Europea basato sul risparmio, fonti alternative e sull'accelerazione della costruzione di gasdotti e rigasificatori e, nello specifico del settore petrolifero, con una maggiore attenzione alle manovre speculative, al carico fiscale dei prodotti ed inoltre realizzarne l'allargamento della vendita nella grande distribuzione. La terza grande questione è quella dei servizi finanziari. Non si tratta solo dei costi delle polizze assicurative o quelli dei servizi bancari, già tra i più elevati al mondo, bensì di intervenire su quello che il contesto internazionale e quello nazionale (aumento del tasso di sconto BCE, crisi dei mutui americani ecc.) ha scaricato sulle famiglie che avevano contratto mutui a tasso variabile. Tre miliardi e duecento milioni di famiglie hanno avuto nell'ultimo biennio un incremento mensile delle rate di circa Euro, esborso impraticabile che ha messo da solo sul lastrico oltre un milione di mutuatari. Qui bene ha fatto la finanziaria 2008, che ribadendo alcune norme della Bersani sulla portabilità dei mutui, è anche intervenuta per agevolare le famiglie colpite. Ma ben altro bisognerebbe fare, su uno dei settori ancora assai impermeabile alle esigenze dei cittadini e che impone sempre e comunque davanti a tutto e tutti, solo le proprie esigenze di profittabilità. Sul lato della domanda infine, si rende ora-

5 mai non più rinviabile un intervento di ricostituzione di un maggiore potere d'acquisto, soprattutto di quello dei percettori di reddito fisso, lavoratori e pensionati. Da un lato facilitando la conclusione di rinnovi contrattuali aperti, dall'altro diminuendo e di molto il relativo carico fiscale. Manovra fondamentale per riportare ad equità quella nefasta redistribuzione del reddito che nel 2002, complice il governo di allora, nell'ambito del passaggio Lira- Euro tolse 60 miliardi di euro a reddito fisso, attraverso arrotondamenti ed aumenti speculativi, portandoli verso altre categorie economiche. Ed inoltre per ridare fiato ad un mercato asfittico che ha per altro una forte necessità di investire in qualità delle produzioni nei confronti di una sempre più complessa competizione internazionale. Class Action - Ex Finanziaria 2008 Documenti Dopo l'articolo 140 del codice del consumo, di cui al decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206, è inserito il seguente: «Art. 140-bis. - (Azione collettiva risarcitoria) Le associazioni di cui al comma 1 dell'articolo 139 e gli altri soggetti di cui al comma 2 del presente articolo sono legittimati ad agire a tutela degli interessi collettivi dei consumatori e degli utenti richiedendo al tribunale del luogo in cui ha sede l'impresa l'accertamento del diritto al risarcimento del danno e alla restituzione delle somme spettanti ai singoli consumatori o utenti nell'ambito di rapporti giuridici relativi a contratti stipulati ai sensi dell'articolo 1342 del codice civile, ovvero in conseguenza di atti illeciti extracontrattuali, di pratiche commerciali scorrette o di comportamenti anticoncorrenziali, quando sono lesi i diritti di una pluralità di consumatori o di utenti. 2. Sono legittimati ad agire ai sensi del comma 1 anche associazioni e comitati che sono adeguatamente rappresentativi degli interessi collettivi fatti valere. I consumatori o utenti che intendono avvalersi della tutela prevista dal presente articolo devono comunicare per iscritto al proponente la propria adesione all'azione collettiva. L'adesione può essere comunicata, anche nel giudizio di appello, fino all'udienza di precisazione delle conclusioni. Nel giudizio promosso ai sensi del comma 1 è sempre ammesso l'intervento dei singoli consumatori o utenti per proporre domande aventi il medesimo oggetto. L'esercizio dell'azione collettiva di cui al comma 1 o, se successiva, l'adesione all'azione collettiva, produce gli effetti interruttivi della prescrizione ai sensi dell'articolo 2945 del codice civile. 3. Alla prima udienza il tribunale, sentite le parti, e assunte quando occorre sommarie informazioni, pronuncia sull'ammissibilità della domanda, con ordinanza reclamabile davanti alla corte di appello, che pronuncia in camera di consiglio. La domanda è dichiarata inammissibile quando è manifestamente infondata, quando sussiste un conflitto di interessi, ovvero quando il giudice non ravvisa l'esistenza di un interesse collettivo suscettibile di adeguata tutela ai sensi del presente articolo. Il giudice può differire la pronuncia sull'ammissibilità della domanda quando sul medesimo oggetto è in corso un'istruttoria davanti ad un'autorità indipendente. Se ritiene ammissibile la domanda il giudice dispone, a cura di chi ha proposto l'azione collettiva, che venga data idonea pubblicità dei contenuti dell'azione proposta e dà i provvedimenti per la prosecuzione del giudizio. 4. Se accoglie la domanda, il giudice determina i criteri in base ai quali liquidare la somma da corrispondere o da restituire ai singoli consumatori o utenti che hanno aderito all'azione collettiva o che sono intervenuti nel giudizio. Se possibile allo stato degli atti, il giudice determina la somma minima da corrispondere a ciascun consumatore o utente. Nei sessanta giorni successivi alla notificazione della sentenza, l'impresa propone il pagamento di una somma, con atto sottoscritto, comunicato a ciascun avente diritto e depositato in cancelleria. La proposta in qualsiasi forma accettata dal consumatore o utente costituisce titolo esecutivo. 5gennaio 2008

6 5. La sentenza che definisce il giudizio promosso ai sensi del comma 1 fa stato anche nei confronti dei consumatori e utenti che hanno aderito all'azione collettiva. È fatta salva l'azione individuale dei consumatori o utenti che non aderiscono all'azione collettiva, o non intervengono nel giudizio promosso ai sensi del comma Se l'impresa non comunica la proposta entro il termine di cui al comma 4 o non vi è stata accettazione nel termine di sessanta giorni dalla comunicazione della stessa, il presidente del tribunale competente ai sensi del comma 1 costituisce un'unica camera di conciliazione per la determinazione delle somme da corrispondere o da restituire ai consumatori o utenti che hanno aderito all'azione collettiva o sono intervenuti ai sensi del comma 2 e che ne fanno domanda. La camera di conciliazione è composta da un avvocato indicato dai soggetti che hanno proposto l'azione collettiva e da un avvocato indicato dall'impresa convenuta ed è presieduta da un avvocato nominato dal presidente del tribunale tra gli iscritti all'albo speciale per le giurisdizioni superiori. La camera di conciliazione quantifica, con verbale sottoscritto dal presidente, i modi, i termini e l'ammontare da corrispondere ai singoli consumatori o utenti. Il verbale di conciliazione costituisce titolo esecutivo. In alternativa, su concorde richiesta del promotore dell'azione collettiva e dell'impresa convenuta, il presidente del tribunale dispone che la composizione non contenziosa abbia luogo presso uno degli organismi di conciliazione di cui all'articolo 38 del decreto legislativo 17 gennaio 2003, n. 5, e successive modificazioni, operante presso il comune in cui ha sede il tribunale. Si applicano, in quanto compatibili, le disposizioni degli articoli 39 e 40 del citato decreto legislativo 17 gennaio 2003, n. 5, e successive modificazioni» Le disposizioni di cui ai commi da 445 e 449 diventano efficaci decorsi centottanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge All'articolo 50-bis, primo comma, del codice di procedura civile, dopo il numero 7) è aggiunto il seguente: (7-bis) nelle cause di cui all'articolo 140-bis del codice del consumo, di cui al decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206» Al codice del consumo, di cui al decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206, la rubrica del titolo II della parte V è sostituita dalla seguente: «Accesso alla giustizia». 6 gennaio 2008

7 Class Action Scheda Tecnica di Vanna Pizzi I l 21 dicembre 2007 il Senato ha approvato definitivamente il testo della Legge Finanziaria 2008 che quindi è legge dal primo gennaio La stessa contiene una lunga serie di misure, tra cui, l introduzione nel nostro ordinamento della notissima AZIONE DI CLASSE. Con tale istituto si è finalmente inserita anche in Italia l azione collettiva risarcitoria a tutela degli interessi dei consumatori. La stessa Legge Finanziaria al comma 445 definisce la Class Action quale nuovo strumento generale di tutela nel quadro delle misure nazionali volte alla disciplina dei diritti dei consumatori e degli utenti, conformemente ai principi stabiliti dalla normativa comunitaria volti ad innalzare i livelli di tutela. Rinviando ai successivi 446, 447, 448 e 449 per l istituzione e la disciplina dell'azione collettiva risarcitoria a tutela dei consumatori. Or bene il comma 446 stabilisce che dopo l'articolo 140 del Codice del Consumo, di cui al decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206, è inserito il novello art. 140-bis denominato Azione collettiva risarcitoria. Chi sono i soggetti legittimati ad agire in giudizio. Al fine di tutelare degli interessi collettivi dei consumatori e degli utenti, e quindi ad instaurare Class Action, sono legittimati ad agire in giudizio,: - Le Associazioni di cui al comma 1 dell'articolo 139 del Codice del Consumo, ovvero le Associazioni dei Consumatori e degli Utenti rappresentative a livello nazionale, iscritte nell apposito elenco presso il Ministero delle Attività Produttive. - Gli altri soggetti di cui al comma 2 del presente articolo, ovvero associazioni e comitati che sono adeguatamente rappresentativi degli interessi collettivi fatti valere. Dove si instaura l azione di classe La legge ha stabilito un Foro di competenza esclusivo individuato presso il Tribunale del luogo in cui ha la sede l'impresa. Quando si instaura l azione collettiva risarcitoria. Quando uno dei soggetti legittimati ritenga che: - siano stati lesi i diritti di una pluralità di consumatori o di utenti; nell'ambito: - o di rapporti giuridici relativi a contratti stipulati mediante moduli o formulari; - ovvero in conseguenza di atti illeciti extracontrattuali, - di pratiche commerciali scorrette o di comportamenti anticoncorrenziali. Come si instaura l azione di classe L Associazione dovrà richiedere al Giudice competente, l'accertamento del diritto al risarcimento del danno e alla restituzione delle somme spettanti ai singoli consumatori o utenti. I singoli consumatori o utenti I singoli consumatori o utenti che intenderanno avvalersi della tutela prevista dalla Class Action non sono assolutamente esclusi, infatti è previsto che sarà sempre ammesso il loro intervento al fine di proporre domande aventi il medesimo oggetto. Essi però dovranno attivarsi: - comunicando per iscritto all associazione proponente la propria adesione all'azione collettiva. L'adesione potrà essere comunicata, anche nel giudizio di Appello, fino all'udienza di precisazione delle conclusioni. Effetti dell adesione nei confronti dei consumatori o utenti L'adesione all'azione collettiva, produce gli effetti interruttivi della prescrizione, quindi a seguito dell interruzione inizia a decorrere un nuovo periodo di prescrizione, che può essere di dieci o cinque anni a seconda che in giudizio si faccia valere una responsabilità contrattuale o extracontrattuale. Procedimento avanti al Tribunale Nella prima udienza il Giudice del Tribunale svolge un preventivo giudizio di ammissibilità o meno della domanda. Conclude tale giudizio pronunciando 7gennaio 2008

8 gennaio un ordinanza che a sua volta è reclamabile davanti alla Corte di Appello. Quali sono i presupposti per dichiararsi inammissibile la Class Action Il Giudice, emana l ordinanza con cui dichiarata inammissibile l azione collettiva, quando essa è: - manifestamente infondata, - quando sussiste un conflitto di interessi, - ovvero quando il giudice non ravvisa l'esistenza di un interesse collettivo suscettibile di adeguata tutela ai sensi del presente articolo. Il giudice può differire la pronuncia sull'ammissibilità della domanda, quando sul medesimo oggetto è in corso un'istruttoria davanti ad un'autorità indipendente. Qualora il giudice ritenga ammissibile l azione di classe Il Giudice dispone che venga data idonea pubblicità dei contenuti dell'azione proposta a cura di chi ha proposto l'azione collettiva, inoltre dà i provvedimenti per la prosecuzione del giudizio. In caso di accoglimento della Azione collettiva risarcitoria. Il giudice se accoglie la domanda, determina con sentenza: - i criteri in base ai quali liquidare la somma da corrispondere o da restituire ai singoli consumatori o utenti che hanno aderito all'azione collettiva o che sono intervenuti nel giudizio. - Se possibile, allo stato degli atti, il giudice determina la somma minima da corrispondere a ciascun consumatore o utente. Effetti della sentenza nei confronti dei consumatori La sentenza, che definisce l azione collettiva risarcitoria, fa stato anche nei confronti dei consumatori e utenti che hanno aderito all'azione collettiva. È invece fatta salva l'azione individuale dei consumatori o utenti che non hanno aderito all'azione collettiva, o non intervengono nel giudizio promosso con l azione collettiva risarcitoria. Gli stessi potranno quindi instaurare un proprio giudizio al fine di far riconoscere le proprie ragioni e richieste. L impresa L'impresa, nei sessanta giorni successivi alla notificazione della sentenza, propone il pagamento di una somma, con atto sottoscritto, comunicato a ciascun avente diritto e depositato in cancelleria. La proposta in qualsiasi forma accettata dal consumatore o utente costituisce titolo esecutivo. Quando il Presidente del Tribunale decide di costituire un'unica Camera di Conciliazione Se l'impresa invece non comunica la proposta entro il termine ovvero non vi è stata accettazione da parte dei consumatori, nel termine di sessanta giorni dalla comunicazione della stessa, il Presidente del Tribunale competente, costituisce un'unica Camera di Conciliazione per la determinazione delle somme da corrispondere o da restituire ai consumatori o utenti che hanno aderito all'azione collettiva o sono intervenuti e che ne fanno domanda. Composizione della Camera di Conciliazione La Camera di Conciliazione è composta da: - un avvocato indicato dai soggetti che hanno proposto l'azione collettiva; - da un avvocato indicato dall'impresa convenuta; - un avvocato nominato dal Presidente del Tribunale tra gli iscritti all'albo speciale per le giurisdizioni superiori che la presiede. Compiti della Camera di Conciliazione La Camera di Conciliazione quantifica, con verbale sottoscritto dal Presidente: - modi, termini e l'ammontare; da corrispondere ai singoli consumatori o utenti. Il verbale di conciliazione costituisce titolo esecutivo. Alternative alla Camera di Conciliazione In alternativa alla Camera di Conciliazione, su concorde richiesta del promotore dell'azione collettiva e dell'impresa convenuta, il Presidente del Tribunale dispone che la composizione non contenziosa abbia luogo presso uno degli organismi di conciliazione costituito da enti pubblici o privati, che diano garanzie di serietà ed efficienza, abilitati ed iscritti in un apposito registro tenuto presso il Ministero della giustizia ed operanti presso il comune in cui ha sede il Tribunale. In fine il comma 447 della Legge Finanziaria prevede una vacatio legis di centottanta giorni, dalla data di entrata in vigore della legge stessa ( ), dopo di che le azioni collettive potranno essere legittimamente proposte.

9 Outlet: paradisi dello shopping di Tiziana Danese M a cosa sono questi nuovi templi del commercio? Il modo per comprendere cosa sia in realtà un outlet è sicuramente quello di recarsi in uno dei tanti centri sparsi per l Italia. Questo fenomeno è nato negli Stati Uniti alla fine degli anni 70 ottenendo un vero successo negli anni 80. In Italia il primo è nato nel 2000, registrando un vero e proprio boom. Cittadelle del lusso e degli affari, veri e propri piccoli quartieri, paradisi dello shopping per i consumatori; con più di 100 negozi di grandi firme di abbigliamento, calzature, sport e accessori che attira ogni anno più di 3 milioni di persone e vanta un fatturato che cresce ogni anno del 20%. La gestione dell outlet, può essere affidata ad un operatore commerciale (trader) assumendo la forma di un franchising. È importante sapere che la commercializzazione è mantenuta sotto il forte controllo dei produttori. Nati per permettere alle aziende di marche griffate di smaltire e smerciare articoli che presentano difetti e rimanenze di stagioni passate, saltando due passaggi importanti: 1. quello del rappresentante; 2. quello del commerciante. Questo ha comportato il piacere di acquistare prodotti griffati scontati dal 30 al 70 % in un ottica di qualità e convenienza, rispetto alle cifre che vediamo nei negozi comuni. In pratica veri paradisi dello shopping dove i saldi iniziano il 1 gennaio e terminano il 31 dicembre, aperti al pubblico fino alle La caratteristica degli outlet è quella della accoglienza trasformati in veri e propri centri di relax. Offrono bar, ristoranti, parrucchieri con solarium e centri estetici ed una grande aerea di gioco per i piccoli consumatori. Ed ancora, vasti parcheggi gratuiti per far dimenticare al consumatore lo stress del traffico cittadino. Una formula di piacere tanto da diventare per i turisti, amanti dello shopping e del made in italy, come ad esempio i giapponesi, una tappa importante del proprio tour. É uno spazio unico e coinvolgente progettato in vari stili. Nel corso di questi ultimi anni si sono moltiplicate in tutte le regioni concentrandosi soprattutto al centro - nord dove il benessere e il potere d acquisto delle famiglie è maggiore rispetto alle regioni del sud. Detti mercati secondari, gli outlet rispondono a due necessità tipiche della nostra società: Risparmiare tempo; in un centro outlet si riesce a comprare tutto quello che serve per la famiglia (ed anche di più) senza dover girare da un negozio all altro. Ed inoltre sono spesso aperti la domenica, cosa importantissima per chi non riesce a fare shopping durante la settimana. 9gennaio 2008

10 10 Risparmiare soldi; i consumatori sono sempre più attenti al portafoglio e alla ricerca della migliore offerta e dei prezzi più bassi. La formula dell outlet è sempre di più apprezzata dagli italiani e per assicurare la piena tutela al consumatore, che si reca in queste cattedrali del consumo, Federconsumatori suggerisce alcuni consigli per distinguere il vero outlet: - sapere che la merce messa in vendita appartiene alle passate stagioni (massimo 12 mesi e quindi non sono proprio prodotti dell ultimo grido; - sapere che la merce messa in vendita può avere qualche difetto di produzione e che questa, quindi, deve essere segnalata; - sapere che più è alto lo sconto (es. 70%), più è probabile che si stia acquistando un articolo che appartiene a vecchie collezioni, spesso di alcuni anni e non di stagione; - sapere che per consentire al consumatore di valutare la convenienza dell acquisto, la legge stabilisce che la merce in vendita deve avere un cartellino su cui viene esposto sia il prezzo iniziale di vendita sia lo sconto che viene applicato; -sapere che, così come richiesto nei negozi tradizionali, in caso di sostituzioni, è obbligatorio conservare lo scontrino; - sapere che la merce acquistata può essere pagata con bancomat e carte di credito. DECRETO LEGISLATIVO 31 MARZO DEL 1998 N ART. 9 L apertura di detta struttura è soggetta ad autorizzazioni rilasciate dal comune competente per territorio. Detta richiesta è esaminata, entro 60 gg dal ricevimento della domanda, da una commissione di tre membri in rappresentanza della Regione, della Provincia e del Comune medesimo. gennaio 2008

11 Prezzi e Tariffe Consuntivo e previsioni CAROVITA: ADUSBEF E FEDERCONSUMATORI D ACCORDO CON PRESIDENTE PRODI! AUMENTI PAZZESCHI DI 994 EURO A FAMIGLIA 2007 (ESCLUSI MUTUI), DIVENTERANNO EURO CON PREVISIONI 2008, SENZA INTERVENTI INCISIVI A TUTELA REDDITI. LA STANGATA PREVISIONALE, FINO A MASSIMO DI EURO 2008, PUO ESSERE EVI- TATA, CON MISURE CALMIERATRICI, IN PRIMIS CONGELAMENTO RATE MUTUI E SAN- ZIONI DRASTICHE, COME SOSPENSIONE TEMPORANEA ESERCIZIO ATTIVITA. della Federconsumatori I l 2007, dopo le impennate dei prezzi e delle tariffe,la corsa del petrolio, la crisi dei sub-prime americani, le tensioni speculative su prezzi e tariffe ad ogni minimo pretesto (ultimo lo sciopero dei Tir), è un anno da dimenticare per le famiglie italiane che dovranno mettere in conto aumenti medi di 994 euro, che diventano euro per i 3,2 milioni di mutuatari indebitati a tasso variabile per i cattivi consigli delle banche,che hanno visto impennare le rate dei mutui di ben 42 euro al mese, 504 euro su base annua,per un prestito trentennale di euro. Le previsioni di spesa per le famiglie nel 2008, continuano ad essere preoccupanti con una stangata in arrivo, da un minimo di ad un massimo di euro su base annua (compresi i mutui), dopo i rincari registrati nel 2007 in ampi settori dei consumi, in primis generi alimentari e prodotti energetici,con un consuntivo di quasi euro (994 euro per la precisione): in due anni, le famiglie rischiano un salasso di euro! Aumenterà di tutto,dalla luce al gas,alla nettezza urbana,ai servizi bancari ed assicurativi,alle tariffe dei trasporti pubblici, autostradali, trasporto locale, con incrementi che potrebbero essere gestiti meglio con una sana politica di controllo rigoroso di prezzi e tariffe, maggiore concorrenza, sanzioni durissime verso i trasgressori che si fanno beffe delle leggi, in primis banche (non hanno applicato il decreto Bersani portabilità mutui e simmetria dei tassi) ed assicurazioni (nessun ribasso delle tariffe rc auto dopo la patente a punti, la diminuzione dei sinistri, l indennizzo diretto), ai quali deve essere ritirata la possibilità di esercitare l attività, con sospensione minima di 30 giorni. Le stime di Adusbef e Federconsumatori per il 2008, si basano su un nucleo famigliare abitante in un appartamento di 90 mq., che possiede una sola autovettura ed un solo conto corrente bancario e che ha un reddito annuo disponibile pari a euro. L aumento di spesa maggiore su base annua sarà per i generi alimentari,con un impatto pari a euro; seguita da riscaldamento ( euro); benzina e carburanti ( euro); gas (72-85); tariffe ferroviarie (65-75); luce (38-45 euro); rc auto (26-40 euro); nettezza urbana (30-40 euro); (servizi bancari (25-30); tariffe autostradali (24-30 euro); bolli auto moto, addizionali regionali (20-30 euro). Per le famiglie (3,2 milioni) che hanno contratto un mutuo a tasso variabile per precisa responsabilità delle banche, dal 1 gennaio 2008 ci saranno aumenti di rate pari a 550 euro su base annua,nel caso di un mutuo trentennale di euro; di ben euro l anno, nel caso peggiore di un mutuo trentennale di euro. Per questo, il Governo dovrebbe imporre,come sta facendo il ministro del Tesoro Usa Paulson, di trasformare i mutui a tasso variabile in mutui a tasso fisso, senza alcun onere per i consumatori, calcolato tra la media dei tassi fissi rilevati al giugno 2005 (4,60%) e la media dei tassi fissi registrati nel novembre 2007 (6,00%) ossia il tasso ragionevole del 5,30% fisso. Adusbef e Federconsumatori infine,pur apprezzando l introduzione di Mister Prezzi in finanziaria, chiedono che sia dotato di maggiori poteri sanzionatori (è possibile l ampliamento di tali misure nel decreto mille proroghe), compresi la sospensione licenza esercizio per trasgressori e speculatori. 11 gennaio 2008

12 Le nostre Sedi Regionali ABRUZZO PESCARA Via Ferrari, Pescara Tel. 085/ Fax 085/ Resp. Tino Di Cicco BASILICATA MATERA Via Nicola de Ruggeri, Matera Tel. 0835/ Fax 0835/ Resp. Giuseppe Cotugno CALABRIA CROTONE Via Pantusa, Crotone Tel. 0962/ Fax 0962/ Resp. Cinzia Mosella CAMPANIA NAPOLI Via Stazione Marittima Varco Angioino, Napoli Tel. 081/ Fax 081/ Resp. Benedetto Di Meglio LOMBARDIA MILANO Viale Zara, 7/ Milano Tel. 02/ Fax 02/ Resp. Giacinto Brighenti MARCHE ANCONA Via 1 Maggio, 142/a Ancona Tel. 071/ Fax 071/ Resp. Piero Chiacchiarini SARDEGNA SASSARI Via Rockfeller, Sassari Tel. 079/ Fax 079/ Resp. Giuseppe Lendini SICILIA PALERMO Via Roma, Palermo Tel. 091/ Fax 091/ Resp. Calogero Vizzini TOSCANA FIRENZE Via Nazionale, Firenze Tel. 055/ Fax 055/ Resp. Romeo Romei TRENTINO-ALTO ADIGE TRENTO Via Muredei, Trento Tel. 0461/ Fax 0461/ Resp. Pasquale De Matthaeis UMBRIA PERUGIA c/o Cgil - Via del Macello Bellocchio, Perugia Tel. 075/ Fax 075/ Resp. Alessandro Petruzzi EMILIA-ROMAGNA BOLOGNA Via Marconi, 69/c Bologna Tel. 051/ Fax 051/ Resp. Anna Naldi FRIULI-VENEZIA GIULIA PALMANOVA Borgo Aquileia, 3/b Palmanova (UD) Tel./Fax 0432/ Resp. Edo Billa LAZIO LAZIO - ROMA Via Goito, Roma tel. 06/ fax 06/ Resp. Claudio Paielli LIGURIA GENOVA Galleria Mazzini, 7/ Genova Tel. 010/ Fax 010/ Resp. Carmela Minniti MOLISE CAMPOBASSO Via Tommaso Mosca, Campobasso Tel. 0874/ Fax 0874/ Resp. Roberto Fanelli PIEMONTE TORINO Via Pedrotti, Torino Tel. 011/ Fax 011/ Resp. Giovanni Dei Giudici PUGLIA BARI Via Principe Amedeo, Bari Tel. 080/ Fax. 080/ Resp. Rosaria Foggeti VALLE D AOSTA AOSTA Via Binel, Aosta Tel. 0165/ Fax 0165/ Resp. Giuseppe Cariati VENETO MESTRE Via Peschiera, Mestre (VE) Tel. 041/ Fax 041/ Resp. Ermes Coletto

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

Premessa Se qualcosa non va con la tua banca e sussistano pertanto

Premessa Se qualcosa non va con la tua banca e sussistano pertanto Guida al Reclamo Indice Premessa 1 La fase del reclamo 3 Il ricorso all Arbitro Bancario Finanziario (ABF) 3 L Associazione Conciliatore BancarioFinanziario 7 L Ombudsman - Giurì bancario 7 La Mediazione

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

P.O.S. (POINT OF SALE)

P.O.S. (POINT OF SALE) P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04.

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04. P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCO DI SARDEGNA S.p.A. Società per Azioni con sede legale in Cagliari, viale Bonaria, 33 Sede Amministrativa, Domicilio Fiscale e Direzione Generale in

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante REGOLAMENTO FUI anni termici 2014-2016 Regolamento disciplinante le procedur re concorsuali per l individuazione dei fornitori i di ultima istanza di gass naturale per il periodo 1 ottobre 2014-30 settembre

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

GUIDA ALLE PENSIONI Per le lavoratrici agricole e del settore agroalimentare

GUIDA ALLE PENSIONI Per le lavoratrici agricole e del settore agroalimentare GUIDA ALLE PENSIONI Per le lavoratrici agricole e del settore agroalimentare Cara lavoratrice, negli ultimi due anni il sistema pensionistico italiano ha subìto pesanti interventi che hanno modificato,

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT

MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Abruzzo Azienda per il diritto agli studi universitari (Adsu) Viale dell Unità d Italia, 32 66013 Chieti scalo Tel. +39

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI PIEMONTE - VALLE D'AOSTA LIGURIA UNIONE COMMERCIO E TURISMO PROVINCIA DI 1 PF1335_PR418_av214_1 SAVONA ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI DELLA 2 PF1085_PR313_av214_1 PROVINCIA DI ALESSANDRIA ASCOM-BRA ASSOCIAZIONE

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - N. RS Anno 2009 N.7088 RGR Anno 1996 ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso n.7088

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

Altri Servizi. Guida all uso. www.accessogiustizia.it SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO

Altri Servizi. Guida all uso. www.accessogiustizia.it SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO Guida all uso www.accessogiustizia.it Altri Servizi SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO Lextel SpA L informazione al lavoro. Lextel mette l informazione al lavoro attraverso proprie soluzioni telematiche,

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3.

Art. 1. Art. 2. Art. 3. L. 20-3-1865 n. 2248. Legge sul contenzioso amministrativo (All. E) (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 aprile 1865. (2) Vedi, anche, la L. 6 dicembre 1971, n. 1034. (3) Con riferimento al presente

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

Alla c.a. attenzione della Redazione di: Report Via Teulada, 66 00195 Roma

Alla c.a. attenzione della Redazione di: Report Via Teulada, 66 00195 Roma Alla c.a. attenzione della Redazione di: Report Via Teulada, 66 0015 Roma Le gare bandite da Consip per le Convenzioni di Facility Management (FM2 e FM3) sono suddivise in 12 lotti geografici e le singole

Dettagli

Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti.

Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti. L. 14 gennaio 1994, n. 20 (1). (commento di giurisprudenza) Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti. (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 14 gennaio 1994, n. 10. 1. Azione

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Gli Stati firmatari della presente Convenzione, Profondamente convinti che l'interesse del minore sia

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE [STUDIO avv. Paola Ferrari ] info@studiolegaleferrari.it per Pronto Soccorso fimmg lombardia QUESITO: Mi è arrivata una notifica di violazione amministrativa

Dettagli

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO Gli Stati contraenti della presente convenzione, desiderosi di promuovere gli scambi e gli investimenti internazionali attraverso una migliore cooperazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 59 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE Approvato con D.G.P. in data 19.4.2012

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 A cura dell Avv. Laura Lunghi *** Nel corso del 2009, il Governo italiano ha continuato ad agire nell ambito di un azione concertata

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

GUIDA ALL ESTRATTO DI CONTO CORRENTE

GUIDA ALL ESTRATTO DI CONTO CORRENTE GUIDA ALL ESTRATTO DI CONTO CORRENTE Tutto quello che c è da sapere per comprendere meglio l estratto di conto corrente. In collaborazione con la Banca MPS e le Associazioni dei Consumatori: Acu Adiconsum

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli