L IVA negli scambi con l estero A cura di Stefano Garelli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L IVA negli scambi con l estero A cura di Stefano Garelli"

Transcript

1 L IVA negli scambi con l estero A cura di Stefano Garelli BHR Treviso Hotel, 18 novembre

2 L IVA NEGLI SCAMBI CON L ESTERO ARGOMENTI lavorazioni extra UE: analisi degli adempimen7 ed eventuale regolarizzazione di operazioni pregresse; immissione in libera pra7ca in Italia con introduzione in deposito Iva; immissione in libera pra7ca in altro Stato membro di beni provenien7 da Paesi terzi, des7na7 a proseguire verso l Italia o altri Sta7 membri; rappresentanza fiscale, iden7ficazione direba, stabile organizzazione e stabilimento; operazioni acve effebuate in altri Sta7 membri: applicazione del reverse charge e diribo al rimborso dell IVA subita; contrac di consignment stock e call off stock; magazzini di consegna all estero; stampi e abrezzature; cessioni con installazione e montaggio 2

3 LAVORAZIONI EXTRA UE: ANALISI DEGLI ADEMPIMENTI ED EVENTUALE REGOLARIZZAZIONE DI OPERAZIONI PREGRESSE 3

4 REGIME DEL PERFEZIONAMENTO PASSIVO (reimportazione di merci comunitarie inviate in Paese extra Ue in temporanea per lavorazione, trasformazione e riparazione) La Circolare n. 37/E del 29 luglio 2011, a pp. 65 e 66 afferma che: A tale riguardo, la scrivente ri<ene opportuno che l IVA sulla lavorazione venga corrisposta dal commiaente al momento di effeauazione della prestazione di lavorazione tramite emissione di autofaaura ovvero integrazione della faaura del fornitore estero (cfr. circ. n. 12 del 2010, par. 3.2).] Al fine di evitare effej distorsivi, la scrivente ri<ene che il commiaente che, anteriormente alla reimportazione, avrà già applicato l IVA sulla lavorazione al momento di effeauazione della prestazione di lavorazione tramite emissione di autofaaura ovvero integrazione della faaura del fornitore estero al momento della reimportazione, potrà documentalmente dimostrare l avvenuto adempimento e, in tal caso, dall IVA calcolata in dogana dovrà essere soaraaa l imposta già assolta per effeao del predeao meccanismo di autofaaurazione della prestazione di lavorazione. In tal modo, viene scongiurata anche la possibilità che, in caso di mancato rientro del bene nel Paese, l imposta sul servizio in ques?one non venga assolta. Diversamente, nel caso in cui l avvenuto assolvimento dell IVA non possa essere dimostrato, si è del parere che possa con<nuare ad essere applicata la procedura finora seguita che prevede la liquidazione e l assolvimento dell IVA in dogana, all aao della reimportazione. Per le prestazioni di lavorazione territorialmente rilevan< in Italia, quindi, dovrà in ogni caso essere emessa l autofaaura da parte del commiaente nazionale, che in luogo dell applicazione dell IVA indicherà la dizione IVA assolta in dogana con documento doganale n. XY. 4

5 REGIME DEL PERFEZIONAMENTO PASSIVO E ALTRE OPERAZIONI Nota Dogane n del 7 sehembre 2011 La Nota delle Dogane afferma che la describa procedura è idonea a risolvere il problema di una eventuale doppia imposizione anche con riferimento ad altre operazioni di natura doganale: merce acquistata presso uno Stato non comunitario, soboposta ad operazione di lavorazione/trasformazione in territorio extra UE, e solo successivamente importata nella Comunità; esportazione defini7va della merce al fine di una lavorazione/ trasformazione in territorio extra UE, senza trasferimento della proprietà, sulla scorta di una lista valorizzata ovvero di un documento di trasporto o di consegna operazione non valida ai fini dell art. 8 del D.P.R. n. 633/72 e successiva importazione nella Comunità. 5

6 LAVORAZIONI EXTRA UE Esempio n. 1 materia prima inviata in Paese extra Ue in lavorazione con adozione procedura TPP Traffico di Perfezionamento Passivo emissione autofahura precedente all importazione L operazione si svolge come segue: L impresa italiana invia la materia prima in Paese extra Ue dichiarandola per il TPP in base a fabura pro forma; L impresa extra Ue esegue la lavorazione, invia i prodoc fini7 (prodoc compensatori) in Italia ed emebe fabura nei confron7 dell impresa italiana per il compenso di lavorazione; L impresa italiana riceve la fabura estera e (al più tardi, entro le ore del giorno di pagamento della stessa) emebe autofabura con Iva; I prodoc compensatori arrivano in Italia e vengono dichiara7 per la reimportazione, con esibizione della fabura pro forma di invio, della fabura rela7va al compenso di lavorazione e dell autofabura emessa dall impresa italiana; Viene calcolata l Iva dovuta (casella 47 del DAU codice tributo 405) e da questa viene sobraba l Iva risultante dall autofabura (casella 47 del DAU codice tributo 407 Imposta sul valore aggiunto non dovuta perché assolta ai sensi dell art. 7 ter, comma 1, lea. a), del D.P.R. 26 oaobre 1972, n. 633, da detrarre dal tributo 405 ); nella casella 44 del DAU devono essere indica7 gli estremi dell autofabura presentata in dogana che abesta l avvenuto assolvimento dell IVA sulla prestazione di lavorazione. 6

7 LAVORAZIONI EXTRA UE Esempio n. 2 come esempio n. 1 ma emissione autofahura successiva all importazione L operazione si svolge come segue: In sede di presentazione della dichiarazione di reimportazione: Viene liquidata l Iva dovuta; Oppure, viene presentata dichiarazione d intento; Riguardo alla prestazione di lavorazione viene emessa l autofabura, annotando in luogo dell applicazione dell IVA: Nel caso ordinario: IVA assolta in dogana con documento doganale n. XY ; Nel caso di presentazione di dichiarazione d intento: IVA assolta in dogana con documento doganale n. XY imposta non applicata come da nostra dichiarazione d intento n... del.., annotata sull apposito registro in data.. 7

8 LAVORAZIONE EXTRA UE E ALTRE SITUAZIONI Una procedura analoga a quella indicata nei due esempi in precedenza riporta7, deve essere applicata nel caso di: invio di beni in Paese extra Ue per riparazione in TPP; invio di beni in Paese extra Ue per lavorazione o per riparazione, in esportazione defini7va (in base a lista valorizzata ); acquisto di materie prime in Paese extra Ue con loro lavorazione in Paese extra Ue e successiva importazione in Italia; compartecipazione al costo di stampi e abrezzature corrisposto a fornitori di Paese extra Ue u7lizza7 per la fabbricazione di prodoc da importare in Italia; etc. 8

9 LAVORAZIONI EXTRA UE Esempio n. 3 materia prima esportata, in TPP o in defini?va (con mantenimento della proprietà della stessa) e con reimportazione / importazione dei prodot fini? in altro Paese Ue SVOLGIMENTO DELL OPERAZIONE In tale evenienza è opportuno: verificare l orientamento della Dogana di entrata; oppure organizzare l operazione (compreso il pagamento della prestazione di lavorazione) in modo da emebere l autofabura, senza applicazione dell imposta, solo dopo aver sdoganato i prodoc fini7. 9

10 LAVORAZIONI EXTRA UE Comportamen? ante Circolare n. 37/E del 29 luglio 2011 Nella pubblicazione: Territorialità e rimborsi Iva, monografie 2010, supplemento di PRATICA FISCALE n. 19 del 10 maggio 2010, IPSOA, Mario Spera e Rosa Rita Scalese, affermano che: In mancanza di una norma esplicita che preveda la detassazione del corrispejvo della lavorazione all aao della reintroduzione del bene in Italia, la diaa italiana dovrà dichiarare in dogana, esibendo idonea documentazione (ad esempio, autofaaura emessa), che l Iva è già stata assolta aaraverso il meccanismo del reverse charge. La stessa situazione si crea nel caso di acquisto di un bene in un Paese terzo, che la diaa italiana prima della importazione fa assoggeaare a lavorazione. L assolvimento dell imposta sulla lavorazione con il meccanismo del reverse charge impone la detassazione per la corrispondente parte di valore del bene all importazione. Le argomentazioni a sostegno di tale comportamento sono riportate nella stessa pubblicazione pp

11 LAVORAZIONI EXTRA UE Comportamen? ante Circolare n. 37/E del 29 luglio 2011 Nella pubblicazione: Iva estero, Il Sole 24 Ore, Milano, 2011, Renato Portale, a p , afferma che: TuAavia qualora all aao dell importazione nel valore in dogana fosse ripresa anche la quota rela<va alla lavorazione effeauata sul bene, si verrebbe a creare un fenomeno di doppia imposizione non compa<bile con il sistema dell Iva. Si renderà, perciò, necessario depurare dal valore del bene la parte rela<va alla prestazione, già assoggeaata ad imposta, eventualmente dando prova al momento dell importazione dell avvenuta tassazione, pur se effeauata mediante il meccanismo del reverse charge. Al fine di evitare tale effeao distorsivo, si ri<ene che nel caso specifico il commiaente possa indicare nella faaura (che dovrà emeaere con riferimento al servizio ricevuto dal soggeao extra Ue) che l operazione non è soggeaa ad imposta ai sensi dell ar<colo 144 della DireJva 2006/112/CE, in base alla quale gli Sta< membri esentano le prestazioni di servizi connesse con l importazione di beni e il cui valore è compreso nella base imponibile, conformemente all ar<colo 86, paragrafo 1, leaera b). 11

12 LAVORAZIONI EXTRA UE Comportamen? ante Circolare n. 37/E del 29 luglio 2011 Sul piano praqco, nell assenza assoluta di danno per l Erario, ove ante Circolare: l impresa italiana abbia assolto l IVA in dogana e, per prudenza, abbia emesso autofabura con IVA: è da ritenere che, nell assenza assoluta di chiarimen7, il comportamento adobato (detrazione dell Iva duplicata) debba essere considerato correbo; l impresa italiana abbia assolto l IVA in dogana ed abbia emesso autofabura senza applicazione dell Iva: considerato che tale comportamento era suggerito da autorevole dobrina e che è stato fabo proprio dall Agenzia delle Entrate, esso è da ritenere correbo; l impresa italiana abbia assolto l IVA in dogana ma non abbia emesso autofabura: per il 2011 si potrebbe espletare la procedura del ravvedimento operoso di cui all ar7colo 13 del D.Lgs. n. 472/1997, con pagamento della sanzione prevista dall ar7colo 6, commi 2 e 4, del D.Lgs. n. 471/1997 (1/8 di 516 euro per ogni autofabura non emessa). Per il periodo d imposta 2010 il termine è ormai scaduto (la sanzione eventualmente applicabile è di 516 euro per ogni autofabura omessa). 12

13 IMMISSIONE IN LIBERA PRATICA IN ITALIA CON INTRODUZIONE IN DEPOSITO IVA 13

14 IMMISSIONE IN LIBERA PRATICA IN ITALIA CON INTRODUZIONE IN DEPOSITO IVA Situazione ante modifiche 2011 La procedura era la seguente: Acquisto merce in Paese extra Ue; Arrivo della merce presso dogana italiana; Dichiarazione di immissione in libera pra7ca per introduzione in deposito Iva; Emissione della bolleba di immissione in libera pra7ca e presentazione della garanzia (salvo casi di esonero dalla stessa); Introduzione della merce in deposito Iva, con presa in carico da parte del depositario; Annotazione su copia della bolleba degli estremi della presa in carico e res7tuzione della stessa alla dogana presso la quale era stata presentata la dichiarazione in libera pra7ca; Svincolo della garanzia. 14

15 IMMISSIONE IN LIBERA PRATICA IN ITALIA CON INTRODUZIONE IN DEPOSITO IVA In base a quanto previsto: dall ar7colo 7, comma 2, lebera cc), del decreto legge 13 maggio 2011, n. 70, conver7to, con modificazioni, dalla legge 12 luglio 2011, n. 106; dalle Note dell Agenzia delle Dogane: Prot. n /RU del 20 luglio 2011; Prot. n /RU del 7 sebembre 2011; Prot. n /RU del 5 obobre 2011; Prot. n del 4 novembre 2011; si è proceduto, tra il resto, a modificare la procedura rela7va alla ges7one della garanzia prescriba per le operazioni di introduzione della merce nel deposito Iva, prevedendo che la stessa possa essere svincolata solo ad avvenuta estrazione della merce dal deposito Iva. 15

16 IMMISSIONE IN LIBERA PRATICA IN ITALIA CON INTRODUZIONE IN DEPOSITO IVA Le istruzioni dell Agenzia delle dogane precisano che: La garanzia può essere prestata dall importatore, dal dichiarante o da un terzo; non sono tenuti ad assolvere a detto obbligo i titolari di certi<icazione attestante lo status di Operatore Economico Autorizzato (AEO), certi6icato ai sensi dell art. 14 bis del Regolamento (CEE) n. 2454/1993 ed i soggetti titolari dell esonero dal prestare garanzia di cui all art. 90 del D.P.R. n. 43/1973 (TULD); È prevista una procedura sempli6icata per ottenere l esonero dal prestare garanzia (cfr. Prot. n del 4 novembre 2011). 16

17 IMMISSIONE IN LIBERA PRATICA CON INTRODUZIONE IN DEPOSITO IVA Nuova procedura La procedura è la seguente: Acquisto merce in Paese extra Ue; Arrivo della merce presso dogana italiana; Dichiarazione di immissione in libera pra7ca per introduzione in deposito Iva; Emissione della bolleba di immissione in libera pra7ca e presentazione della garanzia (salvo casi di esonero dalla stessa); Introduzione della merce in deposito Iva, con presa in carico da parte del depositario; Annotazione su copia della bolleba degli estremi della presa in carico e res7tuzione della stessa alla dogana presso la quale era stata presentata la dichiarazione in libera pra7ca; Al momento dell estrazione il soggebo che procede all estrazione (depositante iniziale o depositante successivo) deve produrre: 1. copia dell autofavura ovvero, in caso di esportazione o di cessione intracomunitaria, copia della favura, integrata con gli estremi della registrazione nei libri contabili ovvero, in alternaqva a tale integrazione, corredata da copia del registro di cui agli arqcoli 23/24 e 25 del D.P.R. 633/1972 da cui risulq l avvenuta registrazione delle suddeve favure; 2. dichiarazione sosqtuqva dell avo di notorietà, con allegata la copia di un documento di idenqtà, rilasciata ai sensi degli arv. 19 e 47 D.P.R. n. 445 del 28 dicembre 2000 e avestante la conformità all originale e l effe`va registrazione nei libri contabili dell autofavura o della favura. Il depositario provvede a trasmebere tale documentazione al competente ufficio delle dogane. Alla presentazione della documentazione suddeba, l ufficio delle dogane provvede a svincolare la garanzia prestata per una singola operazione; in caso di prestazione di una garanzia globale, l importo corrispondente all I.V.A. viene riaccreditato e ciò equivale, ovviamente, allo svincolo. 17

18 IMMISSIONE IN LIBERA PRATICA IN ALTRO STATO MEMBRO DI BENI PROVENIENTI DA PAESI TERZI, DESTINATI A PROSEGUIRE VERSO L ITALIA O ALTRI STATI MEMBRI 18

19 IMMISSIONE IN LIBERA PRATICA IN ALTRO PAESE UE CON INVIO DELLA MERCE IN PAESE DIVERSO DA QUELLO DI IMMISSIONE IN LIBERA PRATICA La dire`va del 25 giugno 2009 n.2009/69/ce prevede che l immissione in libera pra7ca di beni des7na7 ad essere trasferi7 in uno Stato dell Unione europea diverso da quello di importazione potrà avvenire senza pagamento dell Iva se ricorrono alcune condizioni. L Iva potrà non essere corrisposta allo Stato membro di importazione se l importatore avrà fornito a tale Stato membro tre informazioni: il numero di iden7ficazione Iva che gli è stato abribuito nello Stato membro di importazione oppure quello abribuito al suo rappresentante fiscale debitore d imposta; il numero d iden7ficazione Iva dell acquirente cui i beni sono cedu7, abribuito in un altro Stato membro o il numero di iden7ficazione Iva che gli è stato abribuito nello Stato membro di arrivo della spedizione o del trasporto quando i beni sono soggec a un trasferimento; la prova che i beni importa7 siano des7na7 ad essere spedi7 o trasporta7 a par7re dallo Stato membro di importazione verso un altro Stato membro. 19

20 IMMISSIONE IN LIBERA PRATICA IN ALTRO PAESE UE CON INVIO DELLA MERCE IN PAESE DIVERSO DA QUELLO DI IMMISSIONE IN LIBERA PRATICA Tali novità sono finalizzate a rispondere in modo efficace al fenomeno dell evasione fiscale connessa all importazione ed alla parziale modifica della precedente direcva n.2006/112/ce, che affidava alla discrezionalità degli Sta7 membri l individuazione delle condizioni al ricorrere delle quali veniva concessa l esenzione dall Iva delle importazioni di beni, des7na7 ad essere cedu7 o trasferi7 ad un soggebo passivo in un altro Stato membro. Le disposizioni della direcva del 25 giugno 2009 n.2009/69/ce sono entrate in vigore il 24 luglio 2009 e le rela7ve disposizioni di recepimento avrebbero dovuto essere adobate entro il 1 gennaio In merito alla norma7va italiana, dovrà essere modificato l art. 67 del D.P.R. 633/72, che regola la facspecie in esame, tubavia tale modifica avrà nel nostro Paese carabere formale, poiché in Italia la prassi dell Amministrazione finanziaria era già orientata nel senso di riconoscere la facoltà di provvedere all immissione in libera pra7ca di beni des7na7 alla cessione o al trasferimento in un altro Stato dell Unione, solo previa iden7ficazione o nomina di un rappresentante fiscale. 20

21 IMMISSIONE IN LIBERA PRATICA IN ITALIA Renato Portale, Imposta sul valore aggiunto, Milano, 2011, p afferma che: Beni in libera pra?ca des?na? in altri Sta? comunitari Se i beni introdot in Italia in libera pra7ca, sono des7na7 a proseguire tal quali verso un altro Stato membro della Comunita`, l IVA non e` riscossa dalla dogana, qualora, i soggec interessa7, siano in grado di fornire la prova della successiva uscita dei beni dal territorio nazionale. Il significato del termine tal quali si trova all ar7colo 84, comma 3 del citato Codice doganale comunitario n. 2913/92 del 1992, il quale afferma che sono tali le merci che non hanno subito nessuna operazione di perfezionamento o di trasformazione. Per realizzare una introduzione in libera pra7ca, con sospensione del pagamento dell imposta, e` necessario: che si trac di operazioni effebuate da soggec in Italia con il numero di par7ta IVA (7tolari di acvita` o rappresentan7 fiscali); che nel modulo D.A.U./imp gli importatori dichiarino che i beni sono des7na7 ad essere successivamente cedu7 ad un soggebo iden7ficato ai fini IVA in un altro Stato membro e spedi7 fuori del territorio italiano; che l Ufficio doganale accec la dichiarazione d importazione, liquidi oltre i diric doganali, anche l IVA, ma non la riscuota acquisendo idonea garanzia ai sensi dell ar7colo 164 del Regolamento 13 febbraio 1986, n. 65 ( daziato sospeso ) e abestando sulla bolleba che la merce fruisce della sospensione del pagamento dell IVA. 21

22 IMMISSIONE IN LIBERA PRATICA IN ITALIA Se la merce resta in Italia, ovvero non si fornisce la dimostrazione che la stessa e` stata inviata in un altro Stato membro ove un operatore di quel Paese abbia assoggebato ad imposta l acquisto intracomunitario, la dogana italiana incamera la garanzia come corresponsione dell imposta all importazione. Nel modello INTRA 1 bis rela<vo al periodo in cui e` stata eseguita la cessione, l importatore dei beni in libera pra7ca deve indicare tale operazione dis7ntamente rispebo alle altre cessioni intracomunitarie des7nate allo stesso cliente, per consen7re il successivo appuramento, e con l annotazione, alla fine dell elenco, degli estremi delle bollebe d importazione (dogana di emissione, data e numero di registrazione). La dogana che riceve l elenco INTRA 1 bis deve rilasciare una copia conforme all interessato che deve esibirla per l appuramento della bolleba emessa in sospensione di IVA (Risoluzione ministeriale n. 723/D del 22 luglio 1993). 22

23 IMMISSIONE IN LIBERA PRATICA IN ALTRO PAESE UE CON INVIO DELLA MERCE IN ITALIA Esempio: Impresa italiana acquista beni da una società USA. I beni vengono fat giungere, via nave, a RoHerdam (Paesi Bassi), dove, mediante l u?lizzo di un rappresentante fiscale leggero (ad esempio: casa di spedizioni olandese), vengono immessi in libera pra?ca con assolvimento del dazio, se previsto. Cfr. nota del 23 febbraio 1999, n. 493/V/SD del Dipar?mento delle Dogane. L operazione doganale in Olanda viene eseguita: a nome dell acquirente italiano, citando la par7ta IVA olandese e gli estremi del rappresentante IVA olandese; sulla base della fabura di vendita emessa dall impresa USA a carico dell impresa italiana, determinando il valore della merce resa franco fron7era comunitaria. La dogana olandese rilascia al rappresentante IVA il Modello IM/ 0 o IM/4, intestato all'impresa italiana, par7ta Iva olandese. La merce prosegue verso l Italia in cessione intracomunitaria. Il rappresentante Iva olandese emebe fabura (ai soli fini Iva) senza imposta a carico dell impresa italiana. L impresa italiana: annota in contabilità generale la fabura emessa dall impresa USA sull impresa italiana; espleta la procedura acquis7 intracomunitari: numera, integra con Iva e annota sul registro fabure emesse e sul registro acquis7, nonché in contabilità generale (provvedendo ad eliminare le duplicazioni di par7te con opportuni con7 transitori) la fabura emessa dal rappresentante Iva Se il rappresentante Iva, come spesso avviene, non emebe fabura in capo all impresa italiana, questa deve acvare la procedura di autofaburazione di cui all ar7colo 46, comma 5, Dl n. 331/

24 IMMISSIONE IN LIBERA PRATICA IN ALTRO PAESE UE CON INVIO DELLA MERCE IN ALTRO PAESE UE Come caso precedente, ma con merce venduta, dall impresa italiana, a impresa francese e inviata direhamente in Francia L operazione in argomento NON può essere struburata come operazione di triangolazione comunitaria (nota del Ministero delle finanze del 24 agosto 1998, citata da Renato Portale, Imposta sul valore aggiunto, Il Sole 24 Ore, Milano, 2011, p ). L impresa italiana, in tale situazione, normalmente opera come segue: Il rappresentante IVA olandese emebe fabura (ai soli fini Iva) senza imposta a carico dell impresa francese, specificando che tale documento viene emesso in quanto rappresentante leggero ( globale ) della società italiana e presenta il modello Intrastat nei confron7 di tale impresa (francese); a tale scopo l impresa italiana deve fornire al proprio rappresentante fiscale olandese gli estremi del cliente francese compreso il suo numero iden7fica7vo TVA; La società italiana, al fine di ges7re il rapporto sobo il profilo commerciale, emebe fabura fuori campo Iva, ar7colo 7 bis, comma 1, del Dpr n. 633/1972, a carico del cliente francese. L operazione in argomento NON concorre a formare il plafond. 24

25 IMMISSIONE IN LIBERA PRATICA IN ALTRO PAESE UE CON INVIO DELLA MERCE IN ITALIA PER ASSEMBLAGGIO Impresa italiana NON acquista, ma riceve beni in conto assemblaggio. Esaminiamo due diverse ipotesi sulla base dei seguen7 termini di resa: Resa DAP (es: DAP RoBerdam o DAP Italia) Resa DDP (es: DDP RoBerdam o DDP Italia) 25

26 IMPRESA ITALIANA CHE RICEVE I BENI DA PAESE EXTRA UE PER LAVORAZIONE RESA DAP ROTTERDAM O DAP ITALIA (beni che restano di proprietà del soggeho estero) Regime di importazione temporanea (TPA) Da dis7nguere tra: DAP RoVerdam Essendo il primo ufficio doganale di entrata in Olanda, sarebbe più complicato per l importatore italiano presentare la richiesta di TPA a tale ufficio. In questo caso conviene aprire a RoBerdam un regime di transito esterno con documento T1 ed espletare le pra7che d importazione temporanea in Italia. DAP Italia A RoBerdam si apre un regime di transito con documento T1 e l importazione temporanea viene perfezionata in Italia. 26

27 IMPRESA ITALIANA CHE RICEVE I BENI DA PAESE EXTRA UE PER LAVORAZIONE RESA DDP ROTTERDAM O DDP ITALIA (beni che restano di proprietà del soggeho estero) Regime di importazione temporanea (TPA) DDP RoVerdam o DDP Italia Il termine di resa DDP è incompa7bile con un regime d importazione temporanea, considerato che con questa clausola tube le operazioni d importazione sono a carico del venditore, laddove le pra7che per un regime di TPA devono essere presentate dall importatore italiano. 27

28 POSSIBILITA DI DICHIARARE LA MERCE PER L IMMISSIONE IN LIBERA PRATICA PRESSO DOGANA DI ALTRO PAESE UE DA PARTE DI IMPRESA ITALIANA NON PROPRIETARIA DELLA STESSA CON SUCCESSIVA CESSIONE INTRACOMUNITARIA Mentre, secondo la giurisprudenza e la prassi italiana, non sussiste dubbio sul favo che sia possibile dichiarare la merce per l importazione pur non essendo proprietari della stessa e detrarre la relaqva imposta, non altrevanto sicura è la possibilità da parte del non proprietario delle merci di porre in essere cessioni intracomunitarie / acquisq intracomunitari. Riguardo alla possibilità per il non proprietario delle merci di presentare la dichiarazione doganale e di detrarre la rela7va Iva la Risoluzione n. 96 dell 11 maggio 2007 afferma che:. con riguardo al diribo alla detrazione d'imposta assolta in dogana, con sentenza n del 22 febbraio 2001 (dep. il 23 maggio 2001), la Corte di Cassazione ha chiarito che "...tuc i soggec cui compete la qualità di debitori dell'iva in relazione ad operazioni d'importazione hanno, in astrabo, il diribo di detrazione del tributo pagato, purché ricorrano le ulteriori condizioni per la nascita di tale diribo, e principalmente l'impiego del bene importato per l'esercizio dell'impresa e per il compimento di operazioni soggebe ad Iva, ovvero, secondo l'espressione corrente nella prassi italiana, l'inerenza all'esercizio dell'impresa". In defini7va, la proprietà dei beni importa7 non è condizione necessaria per obenere la detrazione dell'iva pagata, bensì occorre che i beni o servizi acquisi7 presen7no un nesso immediato e direbo con l'oggebo dell'acvità d'impresa, ossia siano ad essa ineren7.. 28

29 POSSIBILITA DI DICHIARARE LA MERCE PER L IMMISSIONE IN LIBERA PRATICA PRESSO DOGANA DI ALTRO PAESE UE DA PARTE DI IMPRESA ITALIANA NON PROPRIETARIA DELLA STESSA CON SUCCESSIVA CESSIONE INTRACOMUNITARIA Riguardo alla cessione intracomunitaria / acquisto intracomunitario, pos7 in essere da un soggebo non proprietario, è opportuno osservare che l operazione considerata: NON rientra tra le cessioni intracomunitarie 7piche e tra gli acquis7 intracomunitari 7pici, mancando il trasferimento del potere di disporre di un bene materiale come proprietario ; Al più l operazione in argomento potrebbe rientrare nell ambito delle operazioni intracomunitarie assimilate. Riguardo a tali ul7me operazioni la DireCva 2006/112/CE del 28 novembre 2006 : all ar7colo 17 afferma che: 1. È assimilato ad una cessione di beni effebuata a 7tolo oneroso il trasferimento da parte di un soggebo passivo di un bene della sua impresa a des7nazione di un altro Stato membro. Cos7tuisce "trasferimento a des7nazione di un altro Stato membro" qualsiasi spedizione o trasporto di un bene mobile materiale effebuato dal soggebo passivo o per suo conto, fuori dal territorio dello Stato membro in cui si trova il bene, ma nella Comunità, per le esigenze della sua impresa. ( ). 29

30 POSSIBILITA DI DICHIARARE LA MERCE PER L IMMISSIONE IN LIBERA PRATICA PRESSO DOGANA DI ALTRO PAESE UE DA PARTE DI IMPRESA ITALIANA NON PROPRIETARIO DELLA STESSA CON SUCCESSIVA CESSIONE INTRACOMUNITARIA All ar7colo 21 afferma che: È assimilata ad un acquisto intracomunitario di beni effebuato a 7tolo oneroso la des7nazione da parte di un soggebo passivo alle esigenze della propria impresa di un bene spedito o trasportato, dal soggebo passivo o per suo conto, a par7re da un altro Stato membro all'interno del quale il bene è stato prodobo, estrabo, trasformato, acquistato, acquisito ai sensi dell'ar7colo 2, paragrafo 1, lebera b), o importato dal soggebo passivo nell'ambito della sua impresa in quest'ul7mo Stato membro.. Disposizioni analoghe sono debate: Dall ar7colo 41, comma 2, lebera c), del Dl n. 331/1993; Dall ar7colo 38, comma 3, lebera b), del Dl n. 331/1993. Mancando chiarimen7 ufficiali in ordine all ammissibilità delle operazioni in argomento, è opportuno adobare comportamen7 al massimo della prudenza opera7va. 30

31 IMPRESA ITALIANA CHE RICEVE I BENI DA PAESE EXTRA UE PER LAVORAZIONE RESA DAP ROTTERDAM O DAP ITALIA (beni che restano di proprietà del soggeho estero) Regime di immissione in libera praqca / importazione definiqva 1) DAP RoVerdam Esistono dubbi in ordine alla possibilità da parte dell impresa italiana (NON proprietaria dei beni) di dichiarare i beni per l immissione in libera pra7ca in altro Paese Ue e di trasferirli in Italia in cessione intracomunitaria (assimilata). 2a) DAP Italia L impresa italiana dichiara i beni per l importazione defini7va in Italia con assolvimento dei dazi e dell IVA. 2b) DAP Italia Anche con questo termine di resa può avere luogo l immissione in libera pra7ca in Olanda, in questo caso si opera come al punto 1). Sussistono tubavia gli stessi dubbi opera7vi indica7 al punto 1). 31

32 IMPRESA ITALIANA CHE RICEVE I BENI DA PAESE EXTRA UE PER LAVORAZIONE RESA DDP ROTTERDAM O DDP ITALIA (beni che restano di proprietà del soggeho estero) Regime d importazione definiqva 1) DDP RoVerdam Il commibente extra UE deve perfezionare l importazione in Olanda (a proprio nome), assolvendo sia i dazi sia l IVA olandese. L impresa italiana traberà l operazione come beni provenien7 da altro Stato membro in conto lavorazione/assemblaggio (annotazione nel registro art. 50 comma 5, DL 331/93, presentazione Intra ai fini sta7s7ci). 2) DDP Italia Il commibente extra Ue dovrebbe iden7ficarsi ai fini dell Iva italiana. In tal modo i beni potrebbero giungere in Italia o con modello T1 (con conseguente dichiarazione per l importazione defini7va in Italia a mezzo della posizione Iva italiana) o in acquisto intracomunitario (previa immissione in libera pra7ca in altro Paese Ue. L acquisto intracomunitario verrebbe effebuato da parte della posizione Iva italiana del soggebo estero. L impresa italiana, a questo punto, riceverebbe dei beni già nazionalizza7 e procederebbe a svolgere le operazioni successive secondo le modalità ordinarie. 32

33 RAPPRESENTANZA FISCALE, IDENTIFICAZIONE DIRETTA, STABILE ORGANIZZAZIONE E STABILIMENTO 33

34 RAPPRESENTANZA FISCALE, IDENTIFICAZIONE DIRETTA, STABILE ORGANIZZAZIONE E STABILIMENTO Nel momento in cui un impresa italiana decide di operare in un Paese estero con una presenza in loco essa deve previamente verificare se tale presenza realizzi o meno la facspecie della stabile organizzazione: ai fini dell Iva (e/o di altra imposta sugli scambi nel caso in cui nel Paese considerato non sia in vigore un imposta del 7po Iva); e/o delle imposte sui reddi7. 34

35 STABILE ORGANIZZAZIONE Esempio n. 1 Francia Impresa italiana acquista un terreno in Francia, realizza un complesso di villebe a schiera, cede le singole villebe a compratori francesi o di altri Paesi (ad esempio, italiani). La norma7va e la prassi francesi prevedono che nel caso in cui un impresa svolge un ciclo completo di acvità essa realizza un acvità rilevante ai fini delle imposte francesi, con produzione di reddito in Francia. L impresa italiana, di conseguenza, NON può limitarsi ad aprire una posizione Iva in Francia, ma deve registrarsi in modo pieno ai fini delle imposte francesi come soggebo estero dotato di stabile organizzazione in Francia. Essa, ai fini della fiscalità francese, dovrà comportarsi come una qualunque impresa francese, emebendo fabure con Tva, presentando la dichiarazione dei reddi7 e della Tva, etc. 35

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa Prot. 2009/ Roma, 24 marzo 2015 OGGETTO: Descrizione OGGETTO: Depositi IVA Indice 1. Premessa... 3 2. Depositi IVA - definizione... 4 Agenzia delle Entrate

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export La documentazione contabile delle operazioni di import/export Importazioni - Esportazioni Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export Importazioni GRUPPO DI LAVORO OPERAZIONI DOGANALI

Dettagli

DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO

DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO L articolo 35, comma 5, D.L. n. 223/2006 ha aggiunto il seguente comma all articolo 17, D.P.R. n. 633/72: Le disposizioni di cui al comma precedente si applicano anche alle

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

I VA CORSO BASE. a) operazioni nel campo IVA

I VA CORSO BASE. a) operazioni nel campo IVA a) operazioni nel campo IVA Si tratta delle operazioni nelle quali sono presenti tutti i presupposti di applicazione dell imposta, e cioè: presupposto soggettivo = esercizio di impresa, arte o professione;

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA Periodico quindicinale FE n. 02 7 marzo 2012 COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA ABSTRACT Il crescente utilizzo del web ha contribuito alla diffusione dell e-commerce quale mezzo alternativo

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 Premessa rmativa Entro il 28 febbraio 2013 i soggetti pasvi IVA devo presentare telematicamente il Modello per la comunicazione dati

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012)

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) Condividere la conoscenza è un modo per raggiungere l immortalità (Tensin

Dettagli

I TERMINI DI RESA DELLE MERCI (INCOTERMS)

I TERMINI DI RESA DELLE MERCI (INCOTERMS) I TERMINI DI RESA DELLE MERCI (INCOTERMS) Stefano Linares, Linares Associates PLLC - questo testo è inteso esclusivamente per uso personale e non per una distribuzione commerciale. Eventuali copie dovranno

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Devi fare una fattura elettronica alla PA? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt PA Lextel

Devi fare una fattura elettronica alla PA? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt PA Lextel Devi fare una fattura elettronica alla PA? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt PA Lextel FATTURAZIONE ELETTRONICA Fa# PA è il servizio online di fa/urazione ele/ronica semplice e sicuro

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n.

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n. Circolare n. 31/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 dicembre 2014 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. PREMESSA... 5 CAPITOLO I:

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

Casi in cui l autorità doganale può rinunciare alla presentazione del D.V.1

Casi in cui l autorità doganale può rinunciare alla presentazione del D.V.1 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL D.V.1 Di cosa si tratta Il modello D.V.1 è un particolare stampato da allegare alla dichiarazione doganale, nel quale vanno dichiarati gli elementi relativi al valore in dogana

Dettagli

SWIM. SKF World-class Invoice Matching. fatture e documenti di consegna. Rev 04

SWIM. SKF World-class Invoice Matching. fatture e documenti di consegna. Rev 04 SWIM SKF World-class Invoice Matching Specifiche SKF per fatture e documenti di consegna Rev 04 Indice 1 Scopo...3 2 Introduzione...3 3 Dati contenuti in fattura...3 4 Dati obbligatori richiesti in una

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Seminario nell ambito del corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Università degli Studi di Bergamo Seminario nell ambito del corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Università degli Studi di Bergamo Seminario nell ambito del corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Bergamo, 6 maggio 2013 GLI ADEMPIMENTI DOGANALI NEL COMMERCIO INTERNAZIONALE Dott.ssa

Dettagli

CIRCOLARE N. 25/E. OGGETTO: EXPO MILANO 2015 Ulteriori chiarimenti - Risposte a quesiti in materia fiscale (Frequently Asked Questions FAQ)

CIRCOLARE N. 25/E. OGGETTO: EXPO MILANO 2015 Ulteriori chiarimenti - Risposte a quesiti in materia fiscale (Frequently Asked Questions FAQ) CIRCOLARE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 7 luglio 2015 OGGETTO: EXPO MILANO 2015 Ulteriori chiarimenti - Risposte a quesiti in materia fiscale (Frequently Asked Questions FAQ) 2 1. PREMESSA...

Dettagli

Ultimo aggiornamento: luglio 2008. TAXUD/1619/08 rev. 2.1 ORIENTAMENTI DAU. Pagina 1

Ultimo aggiornamento: luglio 2008. TAXUD/1619/08 rev. 2.1 ORIENTAMENTI DAU. Pagina 1 TAXUD/1619/08 rev. 2.1 ORIENTAMENTI DAU Pagina 1 ELENCO DELLE ABBREVIAZIONI E DEGLI ACRONIMI UTILIZZATI NEGLI ORIENTAMENTI DAU ACP CDC CCIP NC DG TAXUD CE UE EUR.1 Gruppo di Stati dell Africa, dei Caraibi

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 27 marzo 2015

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 27 marzo 2015 CIRCOLARE N. 14/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 marzo 2015 OGGETTO: Reverse charge Estensione a nuove fattispecie nel settore edile, energetico, nonché alle cessioni di pallets recuperati ai cicli

Dettagli

Gestione Servizi Doganali

Gestione Servizi Doganali Gestione Servizi Doganali GESTIONE SERVIZI DOGANALI Background La gestione delle attività dogali di import/export o transito richiede da sempre figure specializzate all interno delle aziende in grado di

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 giugno 2014 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto -

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica Prot. n. 18978/RU IL DIRETTORE DELL AGENZIA di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica VISTA la direttiva 2006/112/CE del Consiglio, del 28

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Prassi dell imposta sul valore aggiunto (IVA) negli scambi commerciali con l UE

Prassi dell imposta sul valore aggiunto (IVA) negli scambi commerciali con l UE Prassi dell imposta sul valore aggiunto (IVA) negli scambi commerciali con l UE Osec Stampfenbachstrasse 85, Postfach 2407, CH-8021 Zürich, Telefon 0844 811 812, Fax 0844 811 813, contact@osec.ch, www.osec.ch

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Dr. Rag. D Antuono Emilio

Dr. Rag. D Antuono Emilio Aggiornato al 26/02/2013 Copyright Riproduzione Riservata IL REVERSE CHARGE IN EDILIZIA L Art. 1 comma 44 della legge n. 296/2006 ha introdotto nel nostro sistema il meccanismo del REVERSE CHARGE o INVERSIONE

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015 CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 aprile 2015 OGGETTO: Operazioni effettuate nei confronti di pubbliche amministrazioni: cd. scissione dei pagamenti. Articolo 1, commi 629, lettere

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A)

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A) D.L. 22.06.2012 n. 83, in vigore dal 26.06.2012 IMMOBILI ABITATIVI - La disciplina delle cessioni di fabbricati abitativi Con riferimento al regime delle cessioni la novella sostituisce il n. 8-bis dell

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 6/E Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa 1.1 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti interpretativi relativi a quesiti posti in occasione degli eventi Videoforum

Dettagli

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura adottate dall'associazione olandese Grossisti di Prodotti di Floricoltura ( Vereniging van Groothandelaren in Bloemkwekerijproducten

Dettagli

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 1 marzo 2007 OGGETTO: Decreto legge n. 223 del 4 luglio 2006 e successive modifiche Revisione del regime fiscale delle cessioni

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare Vademecum operativo Marzo 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 Abitazioni... 4 1.1 Cessioni... 4 1.1.1 Esercizio dell opzione

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

HELP 03 RIMBORSI SPESE

HELP 03 RIMBORSI SPESE a cura di Flavio Chistè RIMBORSI SPESE RIMBORSI SPESE Nella gestione ordinaria degli enti non commerciali accade spesso che vengano erogate delle somme ai collaboratori, ai professionisti e ai dipendenti

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

L imposta sul valore aggiunto

L imposta sul valore aggiunto Università degli Studi di Roma 3 Facoltà di Giurisprudenza L imposta sul valore aggiunto Dispense ad uso degli studenti del corso di Diritto Tributario Indice IL SISTEMA DELL IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO...

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti Suite Contabile Fiscale 08 novembre 2013 Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti 1) Domanda: Come posso verificare i codici fiscali errati delle anagrafiche

Dettagli

Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni

Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni Studio Associato Servizi Professionali Integrati Member Crowe Horwath International Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni Abstract Le fatture emesse mediante

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA 1 NOTE DI VARIAZIONE IVA (art. 26 del DPR n. 633/1972) Obbligatorie Facoltative Si tratta delle variazioni in aumento

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

HELP 05. a cura di Flavio Chistè. Help Federcircoli n. 5 pag. 1/5

HELP 05. a cura di Flavio Chistè. Help Federcircoli n. 5 pag. 1/5 a cura di Flavio Chistè RESPONSABILITA' CIVILE DEGLI ENTI NON COMMERCIALI E DEI RAPPRESENTANTI LEGALI L'istituto del ravvedimento operoso, introdotto dall'articolo 13 del D.Lgs. 472/97, consente ai contribuenti,

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

Dicembre 2010. Conto 3. Guida pratica alla Fattura.

Dicembre 2010. Conto 3. Guida pratica alla Fattura. Dicembre 200 Conto 3. Guida pratica alla Fattura. La guida pratica alla lettura della fattura contiene informazioni utili sulle principali voci presenti sul conto telefonico. Gentile Cliente, nel ringraziarla

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

FISCALI. con il cd. decreto «salva Italia» (D.L. 6

FISCALI. con il cd. decreto «salva Italia» (D.L. 6 Guida ai NOVITÀ CIRCOLAZIONE del CONTANTE: LIMITAZIONI NAZIONALI e COMUNITARIE Analisi della circolazione del contante alla luce degli interventi chiarificatori offerti dal Mef, dall Agenzia delle Entrate,

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1

Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1 Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1 In merito alla nuova circolare del Sottosegretariato per il Commercio Estero del Primo Ministero della Repubblica di Turchia, la 2009/21, (pubblicata nella

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

Documento. 10 Novembre 2011

Documento. 10 Novembre 2011 Documento 10 Novembre 2011 Rimborso della Tassa di concessione governativa sull utilizzo dei telefoni cellulari: un quadro d insieme delle interpretazioni in essere e sulle possibili soluzioni operative

Dettagli

RISOLUZIONE N. 15/E. Roma, 12 febbraio 2015

RISOLUZIONE N. 15/E. Roma, 12 febbraio 2015 Direzione b Centrale Servizi ai Contribuenti RISOLUZIONE N. 15/E Roma, 12 febbraio 2015 OGGETTO: Istituzione dei codici tributo per il versamento, mediante i modelli F24 ed F24 Enti pubblici, dell IVA

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

Una guida per diportisti e operatori. nautica& FISCO REGIONE LIGURIA. a cura di: Agenzia delle Entrate Direzione Regionale Liguria Regione Liguria

Una guida per diportisti e operatori. nautica& FISCO REGIONE LIGURIA. a cura di: Agenzia delle Entrate Direzione Regionale Liguria Regione Liguria Una guida per diportisti e operatori REGIONE LIGURIA nautica& FISCO a cura di: Agenzia delle Entrate Direzione Regionale Liguria Regione Liguria UCINA nautica& FISCO Una guida per diportisti e operatori

Dettagli

Attuazione e applicazione del Regolamento REACH: sfide e prospettive

Attuazione e applicazione del Regolamento REACH: sfide e prospettive Attuazione e applicazione del Regolamento REACH: sfide e prospettive Aspetti critici e rimedi Avv. Giovanni Indirli Senior attorney +32 2 5515961 gindirli@mayerbrown.com 21 Maggio 2010 Mayer Brown is a

Dettagli

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti CIRCOLARE N. 40/E Direzione Centrale Normativa Roma, 8 ottobre 2012 OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti Premessa

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

Capitolo I - Campo di applicazione della Convenzione

Capitolo I - Campo di applicazione della Convenzione CONVENZIONE TRA LA REPUBBLICA D'ITALIA ED IL REGNO DI THAILANDIA PER EVITARE LE DOPPIE IMPOSIZIONI E PREVENIRE LE EVASIONI FISCALI IN MATERIA DI IMPOSTE SUL REDDITO 1. Il Governo della Repubblica d'italia

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli