Camera Commercio Torino 22 maggio 2013 A cura di Stefano Garelli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Camera Commercio Torino 22 maggio 2013 A cura di Stefano Garelli"

Transcript

1 NUOVE REGOLE IVA NEI RAPPORTI CON L'ESTERO LE NOVITÀ INTRODOTTE CON L'ADOZIONE DELLA DIRETTIVA 2010/45/UE Camera Commercio Torino 22 maggio 2013 A cura di Stefano Garelli 1

2 NUOVE REGOLE IVA NEI RAPPORTI CON L ESTERO Analisi delle modifiche apportate dalla nuova normakva Principali temi tradae: Nuovo quadro di riferimento e principali modifiche Momento di effeduazione delle operazioni Obbligo di emissione delle fadure apve Nuovi casi di fadura differita e/o riepilogaeva Contenuto e indicazioni da riportare in fadura Operazioni in valuta estera e cambi di riferimento Volume d affari e Plafond FaDura cartacea e fadura eledronica Termini di emissione e di registrazione delle fadure emesse AutofaDurazione e integrazione delle fadure ricevute Termini di registrazione delle fadure integrate e delle autofadure FaDura semplificata Tenuta e conservazione registri e documene AspeP sanzionatori Entrata in vigore delle nuove norme 2

3 NUOVE REGOLE IVA NEI RAPPORTI CON L ESTERO RisvolK delle nuove regole riguardo alle comunicazioni Intrastat, black list ed elenchi clienk/fornitori Ripasso regole di comportamento in tema di servizi generici Servizi in deroga: evoluzione della normakva e della prassi in materia Analisi delle implicazioni su alcune operazioni Kpiche: Servizi di trasporto, intermediazione, lavorazione, riparazione Riaddebito di servizi 3

4 NUOVE REGOLE IVA NEI RAPPORTI CON L ESTERO ANALISI DELLE MODIFICHE APPORTATE DALLA NUOVA NORMATIVA 4

5 NUOVO QUADRO DI RIFERIMENTO E PRINCIPALI MODIFICHE DireSva 2010/45/UE Principali modifiche recate alla DireSva 2006/112/CE: Inclusione della movimentazione intracomunitaria di beni per perizia tra le operazioni che NON cosktuiscono cessione / acquisto intracomunitario (modifica arecolo 17); possono essere semplicemente gesete con il registro di carico /scarico di cui all arecolo 243 della DirePva; Previsione di una norma di semplificazione per le cessioni conknuakve di beni (modifica arecolo 64): Le cessioni conknuakve di beni su un periodo superiore ad un mese di calendario, spedie o trasportae in uno Stato membro diverso da quello in cui la spedizione o il trasporto dei beni inizia e cedue in esenzione IVA o trasferie in esenzione IVA in un altro Stato membro da un soggedo passivo ai fini della sua apvità, conformemente alle condizioni fissate all'arecolo 138, si considerano effeduate alla scadenza di ogni mese di calendario fintanto che non si ponga fine alla cessione.. 5

6 NUOVO QUADRO DI RIFERIMENTO E PRINCIPALI MODIFICHE DireSva 2010/45/UE Previsione dell obbligo di fawurazione a fine anno solare per le prestazioni conknuakve di servizi generici per le quali non sono previse accone / pagamene in corso d opera (modifica arecolo 64): Le prestazioni di servizi per le quali l'iva è dovuta dal desenatario dei servizi in conformità all'arecolo 196, effeduate in modo conenuaevo nell'arco di un periodo superiore ad un anno e che non comportano versamene di accone o pagamene nel medesimo periodo, si considerano effeduate alla scadenza di ogni anno civile, fintanto che non si ponga fine alla prestazione dei servizi.. 6

7 NUOVO QUADRO DI RIFERIMENTO E PRINCIPALI MODIFICHE DireSva 2010/45/UE Fissazione di un termine preciso per l emissione delle fawure relakve alle cessioni intracomunitarie di beni e ai servizi generici (modifica arecolo 67): Quando, alle condizioni di cui all'arecolo 138, i beni spedie o trasportae in uno Stato membro diverso da quello di partenza della spedizione o del trasporto sono cedue in esenzione IVA oppure quando i beni sono trasferie in esenzione IVA in un altro Stato membro da un soggedo passivo ai fini della sua apvità, l'imposta diventa esigibile al momento dell'emissione della fadura o alla scadenza del termine di cui all'arecolo 222, primo comma, se nessuna fadura è stata emessa entro tale termine.. L arkcolo 222 della DireSva 2006/112/CE (come sosktuito dalla DireSva 2010/45/ UE) afferma che: Per le cessioni di beni effewuate alle condizioni previste dall'arkcolo 138 o per le prestazioni di servizi per le quali l'imposta è dovuta dal desknatario dei beni o dei servizi a norma dell'arkcolo 196, la fawura è emessa entro il quindicesimo giorno del mese successivo a quello in cui si è verificato il fawo generatore dell'imposta. Per le altre cessioni di beni o prestazioni di servizi gli StaK membri possono imporre ai sogges passivi dei termini per l'emissione delle fawure.. 7

8 NUOVO QUADRO DI RIFERIMENTO E PRINCIPALI MODIFICHE DireSva 2010/45/UE AcquisK intracomunitari di beni: unificazione del momento imposikvo alla partenza dei beni fissazione di un termine preciso riguardo all esigibilità dell imposta (modifica arecolo 69): Nei casi di acquise intracomunitari di beni, l'iva diventa esigibile al momento dell'emissione della fadura o alla scadenza del termine di cui all'arecolo 222, primo comma, se nessuna fadura è stata emessa entro tale data.. NB: Al riguardo è stato osservato (P. Centore, Il nuovo momento imposievo delle operazioni intracomunitarie, Corriere Tributario, n. 2/2013) che, secondo la DirePva,. l applicazione dell Iva nel territorio di desenazione a cura del cessionario deve avvenire entro il giorno 15 del mese successivo a quello in cui il bene è stato spedito, e non entro il quindicesimo giorno del mese successivo a quello di ricevimento della fadura, come invece stabilito dal Legislatore italiano. 8

9 NUOVO QUADRO DI RIFERIMENTO E PRINCIPALI MODIFICHE DireSva 2010/45/UE Introduzione dell Iva per cassa ( cash accouneng ) (introduzione dell arecolo 167 bis); Previsione della possibilità per gli StaK membri, riguardo alle operazioni in valuta diversa dall euro, di acceware il cambio BCE (modifica arecolo 91); Equiparazione della fawura elewronica a quella cartacea, semplificazione delle modalità di emissione (modifica /sosetuzione arecolo 217 e arecoli da 232 a 237); Individuazione del Paese cui spewa deware le regole in tema di fawurazione (introduzione arecolo 219 bis); Fissazione delle indicazioni da menzionare in fawura (modifica arecolo 226); Previsione della fawura semplificata (introduzione dell arecolo 226 ter) 9

10 NUOVO QUADRO DI RIFERIMENTO E PRINCIPALI MODIFICHE DocumenK di base DocumenK ukli per l analisi della direpva: Documento COM (2009) 20 def. del 28 gennaio 2009 Comunicazione della Commissione al Consiglio Sviluppi tecnologici nel sedore della fadurazione eledronica e misure intese a semplificare, modernizzare e armonizzare ulteriormente le norme in materia di fadurazione dell'iva; Explanatory notes on VAT invoicing rules (Note esplicakve sulle regole di fawurazione), del 5 odobre La documentazione sopra indicata è reperibile sul sito dell Unione Europea. 10

11 NUOVO QUADRO DI RIFERIMENTO E PRINCIPALI MODIFICHE DocumenK di base hwp://ec.europa.eu/taxakon_customs/taxakon/vat/traders/invoicing_rules/index_en.htm 11

12 NUOVO QUADRO DI RIFERIMENTO E PRINCIPALI MODIFICHE DocumenK di base Circolare n. 12/E del 3 maggio 2013 commento alle disposizioni recate dalla legge di stabilità 2013 legge n. 228/2012; Circolare n. 16/E del 21 maggio 2013 Iva, prestazioni di servizi momento di ulemazione queseoni parecolari apnene al sedore delle telecomunicazioni. 12

13 MOMENTO DI EFFETTUAZIONE DELLE OPERAZIONI modifiche recate dalla Legge n. 228/2012 L arkcolo 39 del Dl n. 331/1993 afferma che: 1. Le cessioni intracomunitarie e gli acquisk intracomunitari di beni si considerano effewuak all'awo dell'inizio del trasporto o della spedizione al cessionario o a terzi per suo conto, rispesvamente, dal territorio dello Stato o dal territorio dello Stato membro di provenienza. TuDavia se gli effep traslaevi o cosetuevi si producono in un momento successivo alla consegna, le operazioni si considerano effeduate nel momento in cui si producono tali effep e comunque dopo il decorso di un anno dalla consegna. ParimenE nel caso di beni trasferie in dipendenza di contrap esematori e simili, l'operazione si considera effeduata all'ado della loro rivendita a terzi o del prelievo da parte del ricevente ovvero, se i beni non sono resetuie anteriormente, alla scadenza del termine paduito dalle pare e in ogni caso dopo il decorso di un anno dal ricevimento. Le disposizioni di cui al secondo e al terzo periodo operano a condizione che siano osservae gli adempimene di cui all'arecolo 50, comma Se anteriormente al verificarsi dell'evento indicato nel comma 1 e' stata emessa la fadura relaeva ad un'operazione intracomunitaria la medesima si considera effeduata, limitatamente all'importo fadurato, alla data della fadura. 3. Le cessioni ed i trasferimenk di beni, di cui all'arkcolo 41, comma 1, lewera a), e comma 2, lewere b) e c), e gli acquisk intracomunitari di cui all'arkcolo 38, commi 2 e 3, se effewuak in modo conknuakvo nell'arco di un periodo superiore ad un mese solare, si considerano effewuak al termine di ciascun mese.. 13

14 MOMENTO DI EFFETTUAZIONE DELLE OPERAZIONI modifiche recate dalla Legge n. 228/2012 ArKcolo 41 del Dl n. 331/1993: 1. CosEtuiscono cessioni non imponibili: a) le cessioni a Etolo oneroso di beni, trasportae o spedie nel territorio di altro Stato membro, dal cedente o dall'acquirente, o da terzi per loro conto, nei confrone di cessionari soggep di imposta o di ene, associazioni ed altre organizzazioni indicate nell'arecolo 4, quarto comma, del decreto del Presidente della Repubblica 26 odobre 1972, n. 633, non soggep passivi d'imposta; i beni possono essere sodopose per conto del cessionario, ad opera del cedente stesso o di terzi, a lavorazione, trasformazione, assiemaggio o adadamento ad altri beni. La disposizione non si applica per le cessioni di beni, diversi dai prodop soggep ad accisa, nei confrone dei soggep indicae nell'arecolo 38, comma 5, ledera c), del presente decreto, i quali, esonerae dall'applicazione dell'imposta sugli acquise intracomunitari effeduae nel proprio Stato membro, non abbiano optato per l'applicazione della stessa; le cessioni dei prodop soggep ad accisa sono non imponibili se il trasporto o spedizione degli stessi sono eseguie in conformità degli arecoli 6 e 8 del presente decreto; ( ) 2. Sono assimilate alle cessioni di cui al comma 1, ledera a): ( ) b) le cessioni a Etolo oneroso di mezzi di trasporto nuovi di cui all'arecolo 38, comma 4, trasportae o spedie in altro Stato membro dai cedene o dagli acquirene, ovvero per loro conto, anche se non effeduate nell'esercizio di imprese, are e professioni e anche se l'acquirente non e' soggedo passivo d'imposta; c) l'invio di beni nel territorio di altro Stato membro, mediante trasporto o spedizione a cura del soggedo passivo nel territorio dello Stato, o da terzi per suo conto, in base ad un Etolo diverso da quelli indicae nel successivo comma 3 di beni ivi esistene. 14

15 MOMENTO DI EFFETTUAZIONE DELLE OPERAZIONI modifiche recate dalla Legge n. 228/2012 ArKcolo 38 del Dl n. 331/1993: ( ) 2. CosEtuiscono acquise intracomunitari le acquisizioni, derivane da ap a Etolo oneroso, della proprietà di beni o di altro dirido reale di godimento sugli stessi, spedie o trasportae nel territorio dello Stato da altro Stato membro dal cedente, nella qualità di soggedo passivo d'imposta, ovvero dall'acquirente o da terzi per loro conto. 3. CosEtuiscono inoltre acquise intracomunitari: a) (ledera soppressa); b) la introduzione nel territorio dello Stato da parte o per conto di un soggedo passivo d'imposta di beni proveniene da altro Stato membro. La disposizione si applica anche nel caso di desenazione nel territorio dello Stato, per finalità rientrane nell'esercizio dell'impresa, di beni proveniene da altra impresa esercitata dallo stesso soggedo in altro Stato membro; c) gli acquise di cui al comma 2 da parte di ene, associazioni ed altre organizzazioni di cui all'arecolo 4, quarto comma, del decreto del Presidente della Repubblica 26 odobre 1972, n. 633, non soggep passivi d'imposta; d) l'introduzione nel territorio dello Stato da parte o per conto dei soggep indicae nella ledera c) di beni dagli stessi in precedenza importae in altro Stato membro; e) gli acquise a Etolo oneroso di mezzi di trasporto nuovi trasportae o spedie da altro Stato membro, anche se il cedente non e' soggedo d'imposta ed anche se non effeduae nell'esercizio di imprese, are e professioni. 15

16 MOMENTO DI EFFETTUAZIONE DELLE OPERAZIONI modifiche recate dalla legge n. 228/2012 E stato sosktuito l arkcolo 39 del Dl n. 331/1993 aduale Etolazione: EffeWuazione delle cessioni e degli acquisk intracomunitari ; sino al 31 dicembre 2012 la norma era così Etolata: effewuazione dell acquisto intracomunitario. Cfr. Circolare n. 12/E del 3 maggio 2013, capitolo IV, paragrafo 7.2. Vengono previste le seguene modifiche: viene unificato il momento di effewuazione delle cessioni e degli acquise intracomunitari (momento di inizio trasporto / spedizione); tale mutamento, come meglio si vedrà nel seguito rileva sodo due profili: momento in riferimento al quale occorre ricercare il tasso di cambio applicabile alle operazioni in valuta; momento a parere dal quale conteggiare il termine entro il quale occorre ricevere la fadura del fornitore estero. 16

17 MOMENTO DI EFFETTUAZIONE DELLE OPERAZIONI modifiche recate dalla legge n. 228/2012 viene stabilito che il pagamento / incasso ankcipato totale o parziale del prezzo (ad esempio: accone) NON cosetuisce più momento di effeduazione dell operazione; di conseguenza NON comporta più l obbligo di ricevere /emedere fadura; resta, invece, la possibilità di emissione anecipata della fadura; Viene previsto che le cessioni intracomunitarie di beni / acquise intracomunitari di beni, se effewuak in modo conknuakvo nell arco di un periodo superiore ad un mese solare, si considerano effeduae al termine di ciascun mese. 17

18 MOMENTO DI EFFETTUAZIONE DELLE OPERAZIONI modifiche recate dalla legge n. 228/2012 Nel caso di esistenza di clausola idonea a spostare in avank il momento del trasferimento della proprietà della merce, occorre fare riferimento a tale ulemo momento, con il limite dell anno. Si trada, ad esempio, delle seguene situazioni: Spedizione / Ricevimento di merce con clausola di gradimento o in prova o in visione; Spedizione / Ricevimento di merce in base a contrado di consignment stock o di call off stock; Etc. Resta inteso che le merci spedite/ ricevute a tale Etolo devono essere annotate sull apposito registro di carico / scarico di cui all arkcolo 50, comma 5, del Dl n. 331/

19 MOMENTO DI EFFETTUAZIONE DELLE OPERAZIONI correlak risvolk in tema di fawurazione e registrazione L arkcolo 46 del Dl n. 331/1993 afferma che: 2. Per le cessioni intracomunitarie di cui all'arkcolo 41, e' emessa fawura a norma dell'arkcolo 21 del decreto del Presidente della Repubblica 26 owobre 1972, n. 633, entro il giorno 15 del mese successivo a quello di effewuazione dell'operazione, con l'indicazione, in luogo dell'ammontare dell'imposta, che si trawa di operazione non imponibile e con l'eventuale specificazione della relakva norma comunitaria o nazionale. (.) 5. Il cessionario di un acquisto intracomunitario di cui all'arkcolo 38, commi 2 e 3, lewere b) e c), che non ha ricevuto la relakva fawura entro il secondo mese successivo a quello di effewuazione dell'operazione, deve emewere entro il giorno 15 del terzo mese successivo a quello di effewuazione dell'operazione stessa la fawura di cui al comma 1, in unico esemplare; se ha ricevuto una fawura indicante un corrispesvo inferiore a quello reale deve emewere fawura integrakva entro il giorno 15 del mese successivo alla registrazione della fawura originaria. 19

20 MOMENTO DI EFFETTUAZIONE DELLE OPERAZIONI correlak risvolk in tema di fawurazione e registrazione L arkcolo 47 del Dl n. 331/1993 Registrazione delle operazioni intracomunitarie afferma che: 1. Le fawure relakve agli acquisk intracomunitari di cui all'arkcolo 38, commi 2 e 3, lewera b), previa integrazione a norma dell'arkcolo 46, comma 1, sono annotate diskntamente, entro il giorno 15 del mese successivo a quello di ricezione della fawura, e con riferimento al mese precedente, nel registro di cui all'arkcolo 23 del decreto del Presidente della Repubblica 26 owobre 1972, n. 633, secondo l'ordine della numerazione, con l'indicazione anche del corrispesvo delle operazioni espresso in valuta estera. Le fawure di cui all'arkcolo 46, comma 5, sono annotate entro il termine di emissione e con riferimento al mese precedente. Ai fini dell'esercizio del diriwo alla detrazione dell'imposta, le fawure sono annotate diskntamente anche nel registro di cui all'arkcolo 25 del predewo decreto. ( ) 3. I soggep di cui all'arecolo 4, quarto comma, del decreto del Presidente della Repubblica 26 odobre 1972, n. 633, non soggep passivi d'imposta, annotano le fadure di cui al comma 1, previa loro progressiva numerazione ed entro gli stessi termini indicae al comma 1, in apposito registro, tenuto e conservato a norma dell'arecolo 39 dello stesso decreto n. 633 del Le fawure relakve alle cessioni intracomunitarie di cui all'arkcolo 46, comma 2, sono annotate diskntamente nel registro di cui all'arkcolo 23 del decreto del Presidente della Repubblica 26 owobre 1972, n. 633, secondo l'ordine della numerazione ed entro il termine di emissione, con riferimento al mese di effewuazione dell'operazione. Cfr. Circolare n. 12/E del 3 maggio 2013, capitolo IV, paragrafi e

21 MOMENTO DI EFFETTUAZIONE DELLE OPERAZIONI modifiche recate dalla legge n. 228/2012 ESEMPIO fawura ankcipata Impresa di altro Paese Ue, nel mese di maggio 2013 emede fadura anecipata nei confrone di impresa italiana. Tale fadura viene ricevuta nello stesso mese di maggio La merce viene spedita dal fornitore di altro Paese Ue all impresa italiana nel mese di luglio SVOLGIMENTO L impresa italiana, ricevuta la fadura estera deve: numerarla e integrarla con Iva; annotarla sul registro fadure emesse e sul registro acquise entro il giorno 15 del mese successivo (entro il 15 giugno), ma con riferimento al mese precedente (maggio). L impresa italiana, in base a quanto previsto dall arecolo 50, comma 7, del Dl n. 331/1993, entro il 25 agosto 2013 presenta il modello Intra acquise relaevo al mese di luglio

22 MOMENTO DI EFFETTUAZIONE DELLE OPERAZIONI modifiche recate dalla legge n. 228/2012 ESEMPIO fornitura conknuakva ultramensile Impresa italiana ha sepulato un contrado di consignment stock con impresa francese. L impresa italiana: annota la merce ricevuta sull apposito registro di carico / scarico di cui all arecolo 50, comma 5, del Dl n. 331/1993; comunica mensilmente gli avvenue prelievi all impresa francese. L impresa francese, entro il 15 del mese successivo a ogni mese solare di riferimento, emede fadura nei confrone dell impresa italiana per i prelievi eseguie nel mese precedente. La fadura emessa dall impresa francese viene ricevuta nel mese di emissione della stessa. Esempio: la fadura relaeva ai prelievi eseguik nel mese di maggio 2013, emessa entro il 15 giugno, viene ricevuta nel mese di giugno

23 MOMENTO DI EFFETTUAZIONE DELLE OPERAZIONI modifiche recate dalla legge n. 228/2012 SVOLGIMENTO TraDandosi di una fornitura conenuaeva, l impresa italiana è abilitata ad applicare la disposizione contenuta nell arecolo 39, comma 3, del Dl n. 331/1993:.. gli acquisk intracomunitari di cui all'arkcolo 38, commi 2 e 3, se effewuak in modo conknuakvo nell'arco di un periodo superiore ad un mese solare, si considerano effewuak al termine di ciascun mese.. E quindi possibile raggruppare i prelievi eseguik in uno stesso mese solare. L impresa italiana deve numerare e integrare con Iva la fadura emessa dall impresa francese e la deve annotare sul registro fadure emesse e sul registro acquise entro il 15 del mese successivo (a quello di ricevimento) e con riferimento al mese precedente (e, quindi, con riferimento al mese di ricevimento della fadura). Secondo le ipotesi poste nell esempio, l impresa italiana deve eseguire l annotazione sul registro fadure emesse e sul registro acquise entro il 15 luglio 2013, ma con riferimento al mese di giugno 2013; il modello Intra acquise deve essere presentato entro il 25 luglio 2013 (con riferimento al mese di giugno). 23

24 OBBLIGO DI EMISSIONE DELLE FATTURE ATTIVE Operazioni territoriali L arkcolo 21 del Dpr n. 633/1972, prevede l obbligo di emissione della fadura riguardo alle seguene operazioni: Operazioni imponibili (comma 1); Operazioni non imponibili, esenk o non soggewe (comma 6); 6. La fadura è emessa anche per le Epologie di operazioni sodoelencate e conkene, in luogo dell'ammontare dell'imposta, le seguenk annotazioni con l'eventuale indicazione della relakva norma comunitaria o nazionale: a) cessioni relaeve a beni in transito o depositae in luoghi soggep a vigilanza doganale, non soggede all'imposta a norma dell'arecolo 7 bis comma 1, con l'annotazione «operazione non soggeda»; b) operazioni non imponibili di cui agli arecoli 8, 8 bis, 9 e 38 quater, con l'annotazione «operazione non imponibile»; c) operazioni esene di cui all'arecolo 10, eccedo quelle indicate al n. 6), con l'annotazione «operazione esente»; d) operazioni soggede al regime del margine previsto dal decreto legge 23 febbraio 1995, n. 41, convereto, con modificazioni, dalla legge 22 marzo 1995, n. 85, con l'annotazione, a seconda dei casi, «regime del margine beni usae», «regime del margine oggep d'arte» o «regime del margine oggep di anequariato o da collezione»; e) operazioni effeduate dalle agenzie di viaggio e turismo soggede al regime del margine previsto dall'arecolo 74 ter, con l'annotazione «regime del margine agenzie di viaggio.»; 24

25 OBBLIGO DI EMISSIONE DELLE FATTURE ATTIVE Operazioni extraterritoriali Operazioni extraterritoriali (comma 6 bis). 6 bis. I soggep passivi stabilie nel territorio dello Stato emedono la fadura anche per le Epologie di operazioni sodo elencate quando non sono soggewe all'imposta ai sensi degli arecoli da 7 a 7 sep.es e indicano, in luogo dell'ammontare dell'imposta, le seguene annotazioni con l'eventuale specificazione della relaeva norma comunitaria o nazionale: a) cessioni di beni e prestazioni di servizi, diverse da quelle di cui all'arecolo 10, nn. da 1) a 4) e 9), effewuate nei confronk di un soggewo passivo che è debitore dell'imposta in un altro Stato membro dell'unione europea, con l'annotazione «inversione contabile»; b) cessioni di beni e prestazioni di servizi che si considerano effeduate fuori dell'unione europea, con l'annotazione "operazione non soggewa». Cfr. Circolare n. 12/E del 3 maggio 2013, capitolo IV, paragrafo 3. 25

26 OBBLIGO DI EMISSIONE DELLE FATTURE ATTIVE Operazioni extraterritoriali Riguardo alle operazioni di cui al comma 6 bis, lewera a), occorre quindi disenguere tra: Operazioni per le quali il cliente / commiwente estero, soggewo passivo d imposta, è debitore dell imposta nel Paese estero: obbligo di emissione fadura con indicazione di inversione contabile (o reverse charge ) ed eventuale specificazione della relaeva norma comunitaria o nazionale; è, ad esempio, il caso delle prestazioni di servizi generici (arecolo 7 ter nei rappore B2B); Operazioni per le quali il cliente / commiwente estero NON è debitore dell imposta nel Paese estero: l impresa italiana deve aprire una posizione Iva nel Paese estero ed assolvere ai relaevi obblighi Iva; l operazione in queseone non è fiscalmente rilevante in Italia; è, ad esempio, il caso di servizi immobiliari svole a favore di consumatori finali in altro Paese Ue. 26

27 OBBLIGO DI EMISSIONE DELLE FATTURE ATTIVE Reverse charge: DireSva 2006/112/CE Mentre nel caso di servizi generici, nei rappore B2B, l arkcolo 196 della DirePva 2006/112/CE (come sosetuito dalla DirePva 2008/8/CE) prevede la regola del Paese del commidente. Nel caso delle altre operazioni (cessioni interne di beni e prestazioni di servizi in deroga), l arkcolo 194 della DirePva sopra citata lascia ai singoli Paesi Ue decidere il tradamento Iva delle stesse. 27

28 OBBLIGO DI EMISSIONE DELLE FATTURE ATTIVE Reverse charge: DireSva 2006/112/CE ArKcolo 196 L IVA è dovuta dai soggep passivi o dalle persone giuridiche che non sono soggep passivi ideneficate ai fini dell IVA a cui è reso un servizio ai sensi dell arecolo 44(*), se il servizio è reso da un soggedo passivo non stabilito nel territorio di tale Stato membro Nota (*) servizio generico (B2B); come da arecolo 7 ter del Dpr n. 633/

29 OBBLIGO DI EMISSIONE DELLE FATTURE ATTIVE Reverse charge: DireSva 2006/112/CE ArKcolo Se la cessione di beni o la prestazione di servizi imponibile è effeduata da un soggedo passivo non stabilito nello Stato membro in cui è dovuta l'iva, gli StaE membri possono prevedere che il debitore dell'imposta sia il desenatario della cessione di beni o della prestazione di servizi. 2. Gli StaE membri determinano le condizioni di applicazione del paragrafo 1. 29

30 OBBLIGO DI EMISSIONE DELLE FATTURE ATTIVE Operazioni extraterritoriali Paese che dewa le regole di fawurazione ArKcolo 219 bis della DireSva 2006/112/CE FaP salvi gli arecoli da 244 a 248, si applicano le disposizioni seguene. 1) La fadurazione è soggeda alle norme applicabili nello Stato membro in cui si considera effeduata la cessione di beni o la prestazione di servizi, conformemente alle disposizioni del Etolo V. 2) In deroga al punto 1, la fadurazione è soggeda alle norme applicabili nello Stato membro in cui il fornitore/prestatore ha stabilito la sede della propria apvità economica o dispone di una stabile organizzazione a parere dalla quale la cessione/prestazione viene effeduata o, in mancanza di tale sede o di tale stabile organizzazione, nello Stato membro del suo domicilio o della sua residenza abituale, quando: a) il fornitore/prestatore non è stabilito nello Stato membro in cui si considera effeduata la cessione di beni o la prestazione di servizi, conformemente alle disposizioni del Etolo V, o la sua stabile organizzazione non interviene nella cessione o nella prestazione ai sensi dell'arecolo 192 bis, e il debitore dell'iva è l'acquirente dei beni o il desenatario dei servizi. TuDavia, quando l'acquirente/ desenatario emede la fadura (autofadurazione) si applica il punto 1. b) la cessione di beni o la prestazione di servizi non si considera effeduata nella Comunità conformemente alle disposizioni del Etolo V."; 30

31 OBBLIGO DI EMISSIONE DELLE FATTURE ATTIVE Operazioni extraterritoriali Paese che dewa le regole di fawurazione L arkcolo 219 bis della DireSva 2006/112/CE, intrododo dalla DirePva 2010/45/UE, prevede quanto segue: 1) REGOLA BASE: Le regole vengono dedate dal Paese in cui l operazione si considera effeduata; 2) DEROGA: Le regole vengono dedate dal Paese di stabilimento del fornitore / prestatore: a) Se quese NON è stabilito nel Paese in cui viene effeduata l operazione (o se stabilito in tale Paese mediante stabile organizzazione, questa non partecipa all operazione) e il debitore dell Iva è l acquirente dei beni o il desenatario dei servizi; nel caso, tudavia, di delega della fadurazione al cliente ( self billing ), vale la regola n. 1); b) Oppure, se l operazione si considera effeduata fuori del territorio Ue. 31

32 OBBLIGO DI EMISSIONE DELLE FATTURE ATTIVE Paese che dewa le regole di fawurazione Esempi Impresa italiana, non stabilita in Francia, svolge un lavoro su un immobile in Francia. La prestazione (servizio immobiliare) si considera effeduata in Francia. In base a quanto previsto dall arecolo 219 bis: Se il lavoro viene svolto a favore di impresa francese (o altro soggedo ideneficato ai fini Iva in Francia): si applica la deroga 2 a) in quanto il commidente è debitore dell imposta. Le regole sulla fadurazione vengono dedate dall Italia. Viene emessa fadura arecolo 7 quater, ledera a), Dpr n. 633/1972 inversione contabile; Se il lavoro viene svolto a favore di un consumatore finale (o di altro soggedo NON ideneficato ai fini Iva in Francia): si applica la regola generale. Le regole sulla fadurazione vengono dedate dalla Francia. L impresa italiana deve aprire una posizione Iva in Francia e deve emedere fadura tramite tale posizione Iva. Tale fadura, ai fini italiani, viene registrata solo in contabilità generale. 32

33 OBBLIGO DI EMISSIONE DELLE FATTURE ATTIVE REVERSE CHARGE INTERNO NEI 27 PAESI UE Cessioni di beni Le Tabelle che seguono hanno per oggedo il tradamento Iva previsto dai 27 Paesi Ue in relazione alle cessioni di beni che, in considerazione delle regole di territorialità vigene nei singoli Paesi, si considerano effeduate all'interno dei Paesi stessi (cessioni interne). Ci si intende riferire, ad esempio, alle seguene situazioni operakve: acquisto di beni in un Paese Ue e vendita all'interno dello stesso Paese Ue; fornitura di beni con installazione e montaggio da parte del fornitore o per suo conto; com'è noto, l'arkcolo 36 della diresva 2006/112/CE del 28 novembre 2006 e successive modifiche, afferma che tali operazioni si considerano effewuate nel Paese in cui avviene l'installazione o il montaggio; cessioni di beni (provenienk dal Paese del cedente) in occasione di fiere e altre manifestazioni similari o di tentata vendita. Riguardo alle operazioni in argomento l'arkcolo 194 della DirePva 2006/112/CE del 28 novembre 2006 stabilisce che se la cessione dei beni è posta in essere da un soggedo passivo non stabilito nel Paese Ue in cui l'operazione si considera effeduata (e nella quale è quindi dovuta l'iva), gli StaE membri possono prevedere che il debitore dell'imposta sia il desenatario della cessione di beni. 33

34 OBBLIGO DI EMISSIONE DELLE FATTURE ATTIVE REVERSE CHARGE INTERNO NEI 27 PAESI UE Cessioni di beni I singoli Paesi Ue, in relazione alle operazioni in argomento, sono quindi liberi di stabilire: che il soggedo debitore dell'imposta sia il cessionario, prevedendo che lo stesso debba essere un soggedo stabilito nel Paese della cessione o semplicemente ideneficato ai fini Iva in tale Paese (si trada dell'isetuto del cd. "reverse charge interno ; cd. tax shiping ); o che il soggedo debitore dell'imposta sia il cedente, con conseguente obbligo da parte dello stesso di richiedere un numero ideneficaevo Iva in tale Paese (a mezzo di ideneficazione direda o con rappresentante fiscale). La regola del cedente viene senz'altro adodata nel caso in cui il cessionario non sia un soggedo passivo d'imposta (si trap cioè di un consumatore finale). Nel seguito ci si limita a prendere in esame i rappore tra operatori economici. Si ricorda che per soggewo stabilito si intende un soggedo che ha la propria sede o possiede una propria stabile organizzazione nel Paese interessato, mentre per soggewo idenkficato si intende un soggedo in possesso di un numero ideneficaevo Iva. 34

NUOVE REGOLE IVA NEI RAPPORTI CON L'ESTERO LE NOVITÀ INTRODOTTE CON L'ADOZIONE DELLA DIRETTIVA 2010/45/UE

NUOVE REGOLE IVA NEI RAPPORTI CON L'ESTERO LE NOVITÀ INTRODOTTE CON L'ADOZIONE DELLA DIRETTIVA 2010/45/UE NUOVE REGOLE IVA NEI RAPPORTI CON L'ESTERO LE NOVITÀ INTRODOTTE CON L'ADOZIONE DELLA DIRETTIVA 2010/45/UE Camera Commercio Cuneo Sede di Alba 8 luglio 2013 A cura di Stefano Garelli 1 NUOVE REGOLE IVA

Dettagli

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE (D.L. 30 agosto 1993, n.331 convertito con L. 29/10/1993 n 427)

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE (D.L. 30 agosto 1993, n.331 convertito con L. 29/10/1993 n 427) OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE (D.L. 30 agosto 1993, n.331 convertito con L. 29/10/1993 n 427) DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE Art.43 Base imponibile ed aliquota 1. Per gli acquisti intracomunitari di

Dettagli

Intrastat e Black List. DOT COM Ordine dei Do.ori Commercialis4 e degli Esper4 Contabili di Torino Torino, 16 aprile 2013 A cura di Stefano Garelli

Intrastat e Black List. DOT COM Ordine dei Do.ori Commercialis4 e degli Esper4 Contabili di Torino Torino, 16 aprile 2013 A cura di Stefano Garelli Intrastat e Black List DOT COM Ordine dei Do.ori Commercialis4 e degli Esper4 Contabili di Torino Torino, 16 aprile 2013 A cura di Stefano Garelli 1 INTRASTAT E BLACK LIST Argomen3: Novità in tema di fa.urazione

Dettagli

Operazioni intracomunitarie: nuove regole

Operazioni intracomunitarie: nuove regole Numero 24/2013 Pagina 1 di 14 Operazioni intracomunitarie: nuove regole Numero : 24/2013 Gruppo : Oggetto : IVA OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE Norme e prassi : ART. 39, DL 331/93; ART. 47, DL 331/93; ART.

Dettagli

Intrastat e Black List

Intrastat e Black List Intrastat e Black List DOT COM - Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Cuneo Torino, 05 febbraio 2013 A cura di Stefano Garelli 1 INTRASTAT E BLACK LIST Argomenti: Novità in tema

Dettagli

Studio Commercialisti Associati

Studio Commercialisti Associati Revisore Contabile AI SIGNORI CLIENTI LORO SEDI Circolare Studio N. 1 / 2013 del 10/01/2013 Oggetto: le novità inerenti l I.V.A. e la fatturazione a decorrere dal 01/01/2013 Numerose sono le novità in

Dettagli

Territorialità servizi IVA 2010

Territorialità servizi IVA 2010 Territorialità servizi IVA 2010 Ordine dottori commercialisti, Milano 6 Ottobre 2010 Le direttive europee di modifica dell IVA: dal 1/1/2010 1. Direttiva 2008/8/CE: nuovi criteri della territorialità nei

Dettagli

LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013. Esemplificando, le novità possono essere ricondotte alle seguenti fattispecie: Contenuto.

LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013. Esemplificando, le novità possono essere ricondotte alle seguenti fattispecie: Contenuto. LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013 La legge 24/12/2012 n. 228, pubblicata nella G.U. 29/12/2012 N. 312, supplemento ordinario n. 212 (legge di stabilità), ha recepito nell ordinamento nazionale le misure

Dettagli

IVA: Chiarimenti Circolare dell'agenzia delle Entrate del 3 maggio 2013, n. 12/E

IVA: Chiarimenti Circolare dell'agenzia delle Entrate del 3 maggio 2013, n. 12/E Prot. 94/2013 Milano, 23-05-2013 Circolare n. 50/2013 AREA: Circolari, Fiscale IVA: Chiarimenti Circolare dell'agenzia delle Entrate del 3 maggio 2013, n. 12/E L Agenzia delle Entrate fornisce i primi

Dettagli

FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI ATTIVE

FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI ATTIVE Ravenna, 3 Gennaio 2013 Circolare n. 1/13 OGGETTO: NOVITA IVA DAL 1 GENNAIO 2013 Nella Gazzetta Ufficiale n. 302 del 29/12/2012 è stata pubblicata la Finanziaria 2013 (Legge n. 228 del 24/12/2012), c.d.

Dettagli

Novità in tema di fatturazione dall 1.01.2013

Novità in tema di fatturazione dall 1.01.2013 Ai Gentili Clienti Novità in tema di fatturazione dall 1.01.2013 1 La L. 24.12.2012, n. 228 (legge di Stabilità 2013) ha introdotto novità in materia di fatturazione da applicare su tutte le operazioni

Dettagli

NOVITA 2013 - IVA Legge di stabilità 2013 (L. n. 228 del 24.12.12, GU 29.12.12), in cui è stato trasfuso l art. 1 del DL 216/2012

NOVITA 2013 - IVA Legge di stabilità 2013 (L. n. 228 del 24.12.12, GU 29.12.12), in cui è stato trasfuso l art. 1 del DL 216/2012 Milano, 2 gennaio 2013 NOVITA 2013 - IVA Legge di stabilità 2013 (L. n. 228 del 24.12.12, GU 29.12.12), in cui è stato trasfuso l art. 1 del DL 216/2012 EMISSIONE FATTURE La legge di stabilità ha modificato

Dettagli

LE NUOVE REGOLE PER LA FATTURAZIONE

LE NUOVE REGOLE PER LA FATTURAZIONE Periodico quindicinale FE n. 18 29 dicembre 2012 ABSTRACT LE NUOVE REGOLE PER LA FATTURAZIONE Con la Direttiva 2010/45/UE, la Commissione Europea ha inteso semplificare le procedure di fatturazione e conservazione

Dettagli

NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335. pagina 1 di 30

NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335. pagina 1 di 30 NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335 pagina 1 di 30 DPR 633/72 Art. 4 7 10 13 16 17 Argomento Enti pubblici e pubblica autorità (adeguamento sentenze Corte UE) D.L. 179/2012

Dettagli

Novità in materia di Iva

Novità in materia di Iva Dr. Anton Pichler Dr. Walter Steinmair Dr. Helmuth Knoll Sparkassenstraße 18 Via Cassa di Risparmio I-39100 Bozen Bolzano T 0471.306.411 F 0471.976.462 E info@interconsult.bz.it I www.interconsult.bz.it

Dettagli

IVA INTRACOMUNITARIA

IVA INTRACOMUNITARIA IVA INTRACOMUNITARIA D.L. 30 Agosto 1993, n. 331 Convertito dalla Legge 29 Ottobre 1993, n. 427 Dlgs. 11 Febbraio 2010, n. 18 G.U. 19 Febbraio 2010, n. 41 25 ottobre 2010 L ACQUISTO INTRACOMUNITARIO Gli

Dettagli

IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione e di operazioni intracomunitarie

IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione e di operazioni intracomunitarie ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 42 31 DICEMBRE 2012 IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione

Dettagli

OBBLIGHI FATTURAZIONE, CONTENUTO, MODALITA,TERMINI DELLA FATTURAZIONE

OBBLIGHI FATTURAZIONE, CONTENUTO, MODALITA,TERMINI DELLA FATTURAZIONE Circolare n. 14 - pagina 1 di 11 Circolare n. 14 del 20 dicembre 2012 A tutti i Clienti Loro sedi Nuove disposizioni in materia di fatturazione Riferimenti normativi: Decreto Legge n. 216 del 11 dicembre

Dettagli

Nuove regole di fatturazione

Nuove regole di fatturazione Ufficio Studi Nuove regole di fatturazione Dal 1 gennaio 2013 sono in vigore in Italia le nuove regole di fatturazione previste nella Direttiva 2010/45/UE del Consiglio UE del 13/7/2010, così come introdotte

Dettagli

INFORMATIVA N. 1/2013. LEGGE DI STABILITA 2013 Novità in materia di fatturazione

INFORMATIVA N. 1/2013. LEGGE DI STABILITA 2013 Novità in materia di fatturazione STUDIO RENZO GORINI DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE COMO 8.1.2013 22100 COMO - VIA ROVELLI, 40 TEL. 031.27.20.13 E mail: segreteria@studiogorini.it FAX 031.27.33.84 INFORMATIVA N. 1/2013 LEGGE

Dettagli

IVA MODIFICA DEI TERMINI DI FATTURAZIONE

IVA MODIFICA DEI TERMINI DI FATTURAZIONE OGGETTO: Circolare 3.2013 Seregno, 8 gennaio 2013 IVA MODIFICA DEI TERMINI DI FATTURAZIONE Alle operazioni (cessioni di beni e/o prestazione di servizi) effettuate a partire dal primo gennaio 2013 risulteranno

Dettagli

Network for Value. A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi. Informatore n 1 del 11 gennaio 2013. Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013

Network for Value. A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi. Informatore n 1 del 11 gennaio 2013. Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi Informatore n 1 del 11 gennaio 2013 Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 PREMESSA Al fine di recepire il contenuto della direttiva 2010/45/UE, la L. 24.12.2012

Dettagli

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI Varese, 19 dicembre 2012 NOVITÀ IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 DECRETO LEGGE 216/2012 ( SALVA INFRAZIONI ) Si segnalano le novità in materia di iva che entreranno

Dettagli

NUOVE REGOLE IVA NEI RAPPORTI CON L'ESTERO LE NOVITÀ INTRODOTTE CON L'ADOZIONE DELLA DIRETTIVA 2010/45/UE

NUOVE REGOLE IVA NEI RAPPORTI CON L'ESTERO LE NOVITÀ INTRODOTTE CON L'ADOZIONE DELLA DIRETTIVA 2010/45/UE NUOVE REGOLE IVA NEI RAPPORTI CON L'ESTERO LE NOVITÀ INTRODOTTE CON L'ADOZIONE DELLA DIRETTIVA 2010/45/UE Camera Commercio di Cuneo Sede di Alba 8 luglio 2013 A cura di Stefano Garelli 1 NUOVE REGOLE IVA

Dettagli

7 febbraio 2014. Quesiti. pagina 1 di 27. Renato Portale dottore commercialista

7 febbraio 2014. Quesiti. pagina 1 di 27. Renato Portale dottore commercialista Quesiti pagina 1 di 27 Caso prospettato Un imprenditore va all'estero per eseguire dei lavori e sostiene spese per vitto. e alloggio. Gli viene emessa fattura con IVA per quelle UE e senza IVA per quelle

Dettagli

Legge di stabilità 2013 Novità in materia di fatturazione

Legge di stabilità 2013 Novità in materia di fatturazione Legge di stabilità 2013 Novità in materia di fatturazione Al fine di recepire il contenuto della direttiva 2010/45/UE, la L. 24.12.2012 n. 228 (legge di stabilità 2013) introduce numerose novità in materia

Dettagli

LA NUOVA FATTURA e le altre modifiche alla disciplina dell IVA

LA NUOVA FATTURA e le altre modifiche alla disciplina dell IVA e le altre modifiche alla disciplina dell IVA Art. 1, commi 324-335, Legge 24 dicembre 2012, n. 228 (recepimento direttiva 2010/45/Ue del 13 luglio 2010) a cura di Franco Ricca 1 Nazionalità della fattura

Dettagli

Le novità IVA 2013 la Direttiva 2010/45/UE

Le novità IVA 2013 la Direttiva 2010/45/UE O C S E 1 Le novità IVA 2013 la Direttiva 2010/45/UE Francesco Campanile Dirigente Ministero Economia e Finanze Revisore dei conti CNSD Dottore commercialista Docente di Diritto Tributario internazionale

Dettagli

il soggetto che effettua la cessione del bene o la prestazione del servizio

il soggetto che effettua la cessione del bene o la prestazione del servizio La legge di stabilità emanata lo scorso dicembre, ha recepito la normativa UE in materia di armonizzazione in materia di IVA a livello comunitario. Tra le varie innovazioni, è stato riscritto l art. 21

Dettagli

Circolare n. 1. del 4 gennaio 2013 INDICE. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di fatturazione

Circolare n. 1. del 4 gennaio 2013 INDICE. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di fatturazione Circolare n. 1 del 4 gennaio 2013 Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di fatturazione INDICE 1 Premessa... 2 2 Nuovi obblighi di fatturazione... 2 2.1 Operazioni nei confronti di soggetti passivi

Dettagli

Iva nelle operazioni con l estero

Iva nelle operazioni con l estero Genova, 5 febbraio 2015 Iva nelle operazioni con l estero Dott.ssa Carla Bellieni Dott. Fabrizio Moscatelli 1 La territorialità delle operazioni L'IVA si applica sulle operazioni che soddisfano tre requisiti

Dettagli

A tutti i Sigg.ri Clienti loro sede LE NOVITA 2013 SULLE REGOLE DI FATTURAZIONE

A tutti i Sigg.ri Clienti loro sede LE NOVITA 2013 SULLE REGOLE DI FATTURAZIONE A tutti i Sigg.ri Clienti loro sede Castelfranco Veneto, 7 gennaio 2013 Oggetto: circolare informativa. LE NOVITA 2013 SULLE REGOLE DI FATTURAZIONE Segnaliamo a tutti i Sigg.ri Clienti che, a decorrere

Dettagli

VAT PACKAGE: autofatture, controlli e sanzioni

VAT PACKAGE: autofatture, controlli e sanzioni VAT PACKAGE: autofatture, controlli e sanzioni Ordine dei Dottori Commercialisti Milano, 6 Ottobre 2010 Autofatture (art. 17 del DPR 26 ottobre 1972, n. 633) Si estendono i caso di autofattura: Reverse

Dettagli

Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi

Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi OGGETTO: Novità 2013 nei rapporti internazionali Gentile cliente, Il decreto salva-infrazioni che ha recepito la Direttiva 2010/45/

Dettagli

MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners

MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners ragionieri commercialisti economisti d impresa valdagno (vi) via l. festari,15 tel. 0445/406758/408999 - fax 0445/408485 dueville (vi) - via g. rossi, 26 tel. 0444/591846

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

semp mp ilf i i f cat ca a

semp mp ilf i i f cat ca a È il documento fondamentale per la certificazione delle operazioni commerciali e generalmente deve essere emessa dal soggetto che effettua la cessione del bene o la prestazione di servizio. Ha lo scopo

Dettagli

11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre

11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre Primo Corso Base di Contabilità Bilancio e Diritto Tributario 2011 11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre Territorialità art.

Dettagli

Oggetto: Circolare n. 1/2013 del 17 gennaio 2013

Oggetto: Circolare n. 1/2013 del 17 gennaio 2013 DOTT. ANDREA ALBERGHINI DOTT. ALFREDO ODDONE DOTT. FEDERICO BENNI DOTT. DARIO CURTI DOTT. CLAUDIO MARCANTOGNINI DOTT. PIETRO BUFANO Bologna, 17 gennaio 2013 Oggetto: Circolare n. 1/2013 del 17 gennaio

Dettagli

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ Circolare informativa per la clientela n. 3/2013 del 31 gennaio 2013 FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ In questa Circolare 1. Normativa Iva nazionale Novità

Dettagli

BONELLI BERNARDI AGOSTINO E ASSOCIATI. Ai signori Clienti Loro indirizzi LEGGE DI STABILITÀ 2013 - NOVITÀ IN MATERIA DI FATTURAZIONE

BONELLI BERNARDI AGOSTINO E ASSOCIATI. Ai signori Clienti Loro indirizzi LEGGE DI STABILITÀ 2013 - NOVITÀ IN MATERIA DI FATTURAZIONE Fulvio Bonelli Lucia Bernardi Rosetta Agostino Rossana Cirigliano Anna Quai Torino, lì 9 gennaio 2013 Ai signori Clienti Loro indirizzi Circolare n. 1/2013 LEGGE DI STABILITÀ 2013 - NOVITÀ IN MATERIA DI

Dettagli

Novità più rilevanti (1) parità di trattamento tra fattura cartacea e fattura elettronica libera scelta sull autenticità dell origine, l integrità del contenuto e la leggibilità della fatture (facilita

Dettagli

Il Presidente della Repubblica

Il Presidente della Repubblica Il Presidente della Repubblica Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione; Vista la direttiva 2006/112/CE del Consiglio, del 28 novembre 2006, relativa al sistema comune d imposta sul valore aggiunto;

Dettagli

STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO

STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO SETTORE TRIBUTARIO Dott.Comm. CARLO GARZIA Dott.Comm. ALESSANDRA NITTI Dott. STEFANO BARELLI Dott. SIMONE BOTTI SETTORE LEGALE Avvocato MARCO IMPELLUSO Avvocato ROBERTA SARA

Dettagli

NUOVE REGOLE PER LA REGISTRAZIONE DEI SERVIZI INTRA UE" (LEGGE N. 217/2011 IN VIGORE DAL 16/1/2012/COMUNITARIA 2010)

NUOVE REGOLE PER LA REGISTRAZIONE DEI SERVIZI INTRA UE (LEGGE N. 217/2011 IN VIGORE DAL 16/1/2012/COMUNITARIA 2010) CIRCOLARE NR. 3/2012 MATERIA: OGGETTO: IVA NUOVE REGOLE PER LA REGISTRAZIONE DEI SERVIZI INTRA UE" (LEGGE N. 217/2011 IN VIGORE DAL 16/1/2012/COMUNITARIA 2010) CONTENUTO Dal 17 marzo saranno in vigore

Dettagli

PACCHETTO IVA 2008 (Vat package 2008)

PACCHETTO IVA 2008 (Vat package 2008) PACCHETTO IVA 2008 (Vat package 2008) Dir. 2008/8 Servizi Dir. 2008/9 Rimborsi non residenti Dir. 2008/117 Intrastat Entrata in vigore: 1 gennaio 2010 ( in progress 1 gennaio 2011 2013 e 2015 per alcuni

Dettagli

Milano, 30 Marzo 2010

Milano, 30 Marzo 2010 Milano, 30 Marzo 2010 Circolare 2/2010 Gentile cliente, trasmettiamo la seguente circolare riguardo alle nuove regole dei modelli intracee da presentare a partire dal 01 Gennaio 2010. A) NOVITÀ NELL INVIO

Dettagli

NUOVA TERRITORIALITÀ IVA DAL 2010. Forlì, 26 febbraio 2010

NUOVA TERRITORIALITÀ IVA DAL 2010. Forlì, 26 febbraio 2010 NUOVA TERRITORIALITÀ IVA DAL 2010 Forlì, 26 febbraio 2010 La situazione normativa ad oggi Forlì 26 febbraio 2010 3 STATO DELLA NORMATIVA - Direttiva 2008/8CE del 12 febbraio 2008 (territorialità) - Direttiva

Dettagli

Informativa per la clientela di studio

Informativa per la clientela di studio Informativa per la clientela di studio N. 01 del 08.01.2013 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Le nuove regole IVA dal 2013 Gentile Cliente, la presente per comunicarle che la Legge di stabilità 2013

Dettagli

LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME

LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME Circolare N. 72 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 15 ottobre 2010 LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME Le nuove regole concernenti la territorialità IVA delle prestazioni di servizi,

Dettagli

LE NOVITA IVA 2013. Studio Del Nevo srl

LE NOVITA IVA 2013. Studio Del Nevo srl LE NOVITA IVA 2013 Studio Del Nevo srl FONTE NORMATIVA Recepimento della Direttiva 2010/45/UE Obiettivi: Standardizzare ed uniformare i 27 Paesi della UE in ambito fiscale Ridurre i costi amministrativi

Dettagli

Riunione Clienti. in programma presso lo Studio Corno, a Lissone, il giorno. lunedì 28 gennaio p.v. alle ore 17.

Riunione Clienti. in programma presso lo Studio Corno, a Lissone, il giorno. lunedì 28 gennaio p.v. alle ore 17. Lissone, 8 gennaio 2013 Circolare n 1 / 2013 Ai signori clienti loro sedi Oggetto: Legge di stabilità 2013 Gentile Cliente, il Parlamento ha approvato il testo della Legge di Stabilità 2013 con la Legge

Dettagli

4.2. BENI IMMOBILI E MOBILI: PRIMO COMMA (PRIMA PARTE)

4.2. BENI IMMOBILI E MOBILI: PRIMO COMMA (PRIMA PARTE) 4.1. PREMESSA L art. 7-bis è stato inserito dall art. 1, comma 1, lettera c) del D.Lgs. 11 febbraio 2010, n. 18, in vigore dal 20 febbraio 2010. Ai sensi del successivo art. 5, comma 1, la disposizione

Dettagli

I.V.A. CHIARIMENTI NOVITA NORMATIVE E TABELLE SINOTTICHE DI FACILE CONSULATAZIONE

I.V.A. CHIARIMENTI NOVITA NORMATIVE E TABELLE SINOTTICHE DI FACILE CONSULATAZIONE A tutti i Signori Clienti loro sedi Saronno, 07 Febbraio 2013 I.V.A. CHIARIMENTI NOVITA NORMATIVE E TABELLE SINOTTICHE DI FACILE CONSULATAZIONE Argomento nr. 1) OPERAZIONI CON L ESTERO: MOMENTO DI EFFETTUAZIONE

Dettagli

Oggetto: NOVITA IVA 2013

Oggetto: NOVITA IVA 2013 Bassano del Grappa, 04 Marzo 2013 Circolare n. 07/2013 Oggetto: NOVITA IVA 2013 Con l intento di uniformare gli adempimenti in ambito comunitario, la Legge di Stabilità 2013 ha introdotto dal 1 gennaio

Dettagli

21 gennaio 2013. Gentili Signore ed Egregi Signori,

21 gennaio 2013. Gentili Signore ed Egregi Signori, = Circolare n. 2/2013 21 gennaio 2013 Gentili Signore ed Egregi Signori, con la presente circolare abbiamo il desiderio di informarvi sulle numerose novità e modifiche in materia di imposta sul valore

Dettagli

IL CONTENUTO DELLA NUOVA FATTURA

IL CONTENUTO DELLA NUOVA FATTURA PREMESSA La Legge di stabilità 2013 (L. 228 del 24/12/2012, pubblicata in G. U. il 29/12/2012) ha modificato la disciplina IVA introducendo nuove regole in merito al contenuto della nuova fattura, alla

Dettagli

CIRCOLARE N 1 DEL 18.01.2013

CIRCOLARE N 1 DEL 18.01.2013 S T U D I O B U R L O N E C R I S A D o t t o r i C o m m e r c i a l i s t i e R e v i s o r i c o n t a b i l i CIRCOLARE N 1 DEL 18.01.2013 RITARDI NEI PAGAMENTI - TRANSAZIONI COMMERCIALI D.LGS. N.

Dettagli

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE CESSIONI ACQUISTI NON IMPONIBILI IMPONIBILI CESSIONI INTRACOMUNITARIE Costituiscono cessioni intracomunitarie: le cessioni a titolo oneroso di beni,

Dettagli

Legge comunitaria 2010: le novità in ambito Iva dal 17 marzo 2012

Legge comunitaria 2010: le novità in ambito Iva dal 17 marzo 2012 CIRCOLARE A.F. N. 40 del 16 Marzo 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Legge comunitaria 2010: le novità in ambito Iva dal 17 marzo 2012 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla delle novità

Dettagli

CONVEGNO La nuova normativa in materia IVA intracomunitaria e gli adempimenti Intrastat. Confcommercio, 14 aprile 2010

CONVEGNO La nuova normativa in materia IVA intracomunitaria e gli adempimenti Intrastat. Confcommercio, 14 aprile 2010 CONVEGNO La nuova normativa in materia IVA intracomunitaria e gli adempimenti Intrastat Confcommercio, 14 aprile 2010 L art. 7 del DPR n. 633 del 1972 è stato sostituito dal 1 gennaio 2010 dal D.Lgs. n.18

Dettagli

Novità in materia di Intrastat, Comunicazioni Black List, Manovra Estiva 2010. Accenni Teorici Casi Pratici. 20 settembre 2010

Novità in materia di Intrastat, Comunicazioni Black List, Manovra Estiva 2010. Accenni Teorici Casi Pratici. 20 settembre 2010 Novità in materia di Intrastat, Comunicazioni Black List, Manovra Estiva 2010 Accenni Teorici Casi Pratici 20 settembre 2010 AGENDA 1. Elenchi Intrastat 2. Elenchi Intrastat: casi pratici 3. Comunicazioni

Dettagli

La nuova disciplina dell IVA per cassa si applica alle operazioni effettuate dall 1.12.2012.

La nuova disciplina dell IVA per cassa si applica alle operazioni effettuate dall 1.12.2012. Circolare n. 2/2013 Versamento dell IVA dopo la riscossione del corrispettivo (c.d. IVA per cassa ) - Nuova disciplina - Esercizio, durata e revoca dell opzione 1 Premessa Come anticipato nella circolare

Dettagli

FISCALITA' D'IMPRESA N.

FISCALITA' D'IMPRESA N. OCSE LE NOVITA' 2013 LE DICHIARAZIONI INTRASTAT E LE NOVITA' IVA 2013 1 LE DICHIARAZIONI INTRASTAT 2013 Le novità fiscali, entrate in vigore dal 1 gennaio 2013, intervenute a seguito del recepimento della

Dettagli

ART. 7 BIS TERRITORIALITÀ - CESSIONI DI BENI Il criterio fondamentale nella determinazione della territorialità relativamente alle cessioni di beni è

ART. 7 BIS TERRITORIALITÀ - CESSIONI DI BENI Il criterio fondamentale nella determinazione della territorialità relativamente alle cessioni di beni è ART. 7 BIS TERRITORIALITÀ - CESSIONI DI BENI Il criterio fondamentale nella determinazione della territorialità relativamente alle cessioni di beni è il luogo d esistenza fisica dei beni stessi, vale a

Dettagli

Tempistica della fatturazione delle operazioni transfrontaliere

Tempistica della fatturazione delle operazioni transfrontaliere Gentile Lettore, La ringraziamo per aver utilizzato i nostri servizi per il Suo aggiornamento professionale. Quando abbiamo pensato a strutturare ed organizzare gli strumenti di cui Lei oggi è fruitore,

Dettagli

PLAFOND IVA 2015 GESTIONE COMPLETA DEL PLAFOND IVA E DI TUTTI GLI ADEMPIMENTI PER L ESPORTATORE ABITUALE E IL FORNITORE

PLAFOND IVA 2015 GESTIONE COMPLETA DEL PLAFOND IVA E DI TUTTI GLI ADEMPIMENTI PER L ESPORTATORE ABITUALE E IL FORNITORE PLAFOND IVA 2015 GESTIONE COMPLETA DEL PLAFOND IVA E DI TUTTI GLI ADEMPIMENTI PER L ESPORTATORE ABITUALE E IL FORNITORE COSA C'E' IN QUESTO E-BOOK 03 Settembre 2015 Questo e-book si propone come aiuto

Dettagli

RIPRODUZIONE VIETATA

RIPRODUZIONE VIETATA AVVOCATI E COMMERCIALISTI ASSOCIATI Bari Bologna Brescia Cagliari Firenze Lecco Milano Padova Roma Torino http://www.lslex.com Circolare Monotematica Novità fatturazione 2013 Data: 11 gennaio 2013 Indice

Dettagli

Quale documentazione attesta la vendita on line

Quale documentazione attesta la vendita on line Conferenza organizzata dall Associazione ICT Dott.Com Quale documentazione attesta la vendita on line Direzione Regionale del Piemonte a cura di Sandra Migliaccio Ufficio Fiscalità Generale 1 22 novembre

Dettagli

DECORRENZA 1 gennaio 2010

DECORRENZA 1 gennaio 2010 Novità IVA Dott. Giovanni Amendola g.amendola@devitoeassociati.com Studio de Vito & Associati LEGALE E TRIBUTARIO SOMMARIO Modifica principio territorialità delle prestazioni di servizi Nuova modalità

Dettagli

COSTITUZIONE ED UTILIZZO DEL PLAFOND

COSTITUZIONE ED UTILIZZO DEL PLAFOND Circolare N. 51 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 10 luglio 2009 COSTITUZIONE ED UTILIZZO DEL PLAFOND Al sussistere di determinate condizioni, i soggetti che operano abitualmente con l estero

Dettagli

Roma, 05 agosto 2008 QUESITO

Roma, 05 agosto 2008 QUESITO RISOLUZIONE N. 346/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 05 agosto 2008 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 ALFA ITALIA S.p.A. Articolo 19 del

Dettagli

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE CESSIONI ACQUISTI NON IMPONIBILI IMPONIBILI CESSIONI INTRACOMUNITARIE Costituiscono cessioni intracomunitarie: le cessioni a titolo oneroso di beni,

Dettagli

C i r c o l a r e d e l 1 3 a p r i l e 2 0 1 2 P a g. 1 di 6

C i r c o l a r e d e l 1 3 a p r i l e 2 0 1 2 P a g. 1 di 6 C i r c o l a r e d e l 1 3 a p r i l e 2 0 1 2 P a g. 1 di 6 Circolare numero 10/2012 Oggetto Contenuto Legge Comunitaria 2010 (L. 15.12.2011 n. 217) - Novità in materia di IVA La L. 15.12.2011 n. 217

Dettagli

STUDIO PICCINELLI DEL PICO PARDI & PARTNERS DOTTORI COMMERCIALISTI

STUDIO PICCINELLI DEL PICO PARDI & PARTNERS DOTTORI COMMERCIALISTI Circolare n.1/2013 Milano e Roma, Gennaio 2013 LEGGE DI STABILITA 2013 A) Principali novità in materia I.V.A. - operazioni intracomunitarie e con l estero; B) Rivalutazione delle partecipazioni in società

Dettagli

Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce

Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce 2014-01-02 19:54:35 Il presente lavoro è tratto dalle guide: Imprese ed e-commerce. Marketing, aspetti legali e fiscali. e Il commercio elettronico

Dettagli

TERRITORIALITA IVA NELLE PRESTAZIONI DI SERVIZI. A cura di Gianfranco Costa Aggiornata al 28/2/2014

TERRITORIALITA IVA NELLE PRESTAZIONI DI SERVIZI. A cura di Gianfranco Costa Aggiornata al 28/2/2014 TERRITORIALITA IVA NELLE PRESTAZIONI DI SERVIZI A cura di Gianfranco Costa Aggiornata al 28/2/2014 Argomento Slide Momento di rilevanza operazioni INTRA 7 Integrazione della fattura 15 Rimborsi trimestrali

Dettagli

I SERVIZI GENERICI RICEVUTI DA OPERATORI NON RESIDENTI

I SERVIZI GENERICI RICEVUTI DA OPERATORI NON RESIDENTI Circolare n. 05 del 21 febbraio 2011 A tutti i Clienti Loro sedi I SERVIZI GENERICI RICEVUTI DA OPERATORI NON RESIDENTI Come noto, dal 2010, sono state introdotte rilevanti novità in materia di territorialità

Dettagli

Nuove regole per la territorialità dei servizi. Dott. Paola Sivori Strada Borghetti Cavo e Associati paola.sivori@sbcassociati.it

Nuove regole per la territorialità dei servizi. Dott. Paola Sivori Strada Borghetti Cavo e Associati paola.sivori@sbcassociati.it Nuove regole per la territorialità dei servizi Dott. Paola Sivori Strada Borghetti Cavo e Associati paola.sivori@sbcassociati.it NORMATIVA COMUNITARIA direttiva 2008/8/CE: territorialitàdei servizi; intrastat

Dettagli

CIRCOLARE N.1 2010 LE NUOVE REGOLE IVA SULLA TASSAZIONE DEI SERVIZI NEI RAPPORTI CON L ESTERO : LA DIRETTIVA 8/08

CIRCOLARE N.1 2010 LE NUOVE REGOLE IVA SULLA TASSAZIONE DEI SERVIZI NEI RAPPORTI CON L ESTERO : LA DIRETTIVA 8/08 CIRCOLARE N.1 2010 LE NUOVE REGOLE IVA SULLA TASSAZIONE DEI SERVIZI NEI RAPPORTI CON L ESTERO : LA DIRETTIVA 8/08 Con la presente, si intende dare un informativa di massima sulla nuova normativa che dal

Dettagli

RIVOLUZIONE IVA NEI SERVIZI CON L ESTERO

RIVOLUZIONE IVA NEI SERVIZI CON L ESTERO Circolare N. 05 Area: PROFESSIONAL Periodico quindicinale 4 marzo 2010 RIVOLUZIONE IVA NEI SERVIZI CON L ESTERO La Direttiva comunitaria n. 2008/8/CE (c.d. Direttiva Servizi ) ha profondamente modificato

Dettagli

www.lex24.ilsole24ore.com

www.lex24.ilsole24ore.com www.lex24.ilsole24ore.com La Settimana Fiscale 11.1.2013 - n. 1 - pag.29 FATTURAZIONE - NUOVE REGOLE DAL 2013 di Pantoni Gioacchino, Sabbatini Claudio QUADRO NORMATIVO Il D.L. 11.12.2012, n. 216 ha recepito

Dettagli

CIRCOLARE N. 44/E. Roma, 26 novembre 2012

CIRCOLARE N. 44/E. Roma, 26 novembre 2012 CIRCOLARE N. 44/E Direzione Centrale Normativa Roma, 26 novembre 2012 OGGETTO: Liquidazione dell IVA secondo la contabilità di cassa, cd. Cash accounting Articolo 32-bis del d.l. 22 giugno 2012, n. 83,

Dettagli

«LE REGOLE IVA NEGLI SCAMBI INTRACOMUNITARI E LA COMPILAZIONE DEI MODELLI INTRASTAT»

«LE REGOLE IVA NEGLI SCAMBI INTRACOMUNITARI E LA COMPILAZIONE DEI MODELLI INTRASTAT» «LE REGOLE IVA NEGLI SCAMBI INTRACOMUNITARI E LA COMPILAZIONE DEI MODELLI INTRASTAT» 10-12-18 Marzo 2015 - ore 13,45 sala Turismo Relatore: Giovanni Montesanto esperto doganale Art. 13, comma 4 DPR 633/72

Dettagli

CONFETRA. Le nuove regole IVA sulla territorialità dei servizi di trasporto. Cesare Rossi Agenzia Entrate Direzione Centrale Normativa Ufficio IVA

CONFETRA. Le nuove regole IVA sulla territorialità dei servizi di trasporto. Cesare Rossi Agenzia Entrate Direzione Centrale Normativa Ufficio IVA CONFETRA Le nuove regole IVA sulla territorialità dei servizi di trasporto Cesare Rossi Agenzia Entrate Direzione Centrale Normativa Ufficio IVA 1 Roma, 15 marzo 2010 1 Norme e prassi: evoluzione Direttiva

Dettagli

NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE E REGISTRAZIONE PREVISTE DA - Dir UE 2010/45

NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE E REGISTRAZIONE PREVISTE DA - Dir UE 2010/45 NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE E REGISTRAZIONE PREVISTE DA - Dir UE 2010/45 Dr. Maurizio Bottoni Dr. Stefano Lecchi Dr. Norberto Villa Milano, C.so Venezia 47 3 Febbraio 2013 STUDIO ASSOCIATO Sede Legale:

Dettagli

News di approfondimento. OGGETTO: Lo spesometro: dati 2012 da inviare entro il 12/21 novembre 2013

News di approfondimento. OGGETTO: Lo spesometro: dati 2012 da inviare entro il 12/21 novembre 2013 News di approfondimento N. 25 16 Ottobre 13 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Lo spesometro: dati 2012 da inviare entro il 12/21 novembre 2013 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

LE OPERAZIONI CON I PAESI UE. Dott.ssa Nadia Gentina

LE OPERAZIONI CON I PAESI UE. Dott.ssa Nadia Gentina Dott.ssa Nadia Gentina SERVIZI GENERICI SERVIZI «SPOT» Ultimazione servizio: la ricezione della può considerarsi prova dell avvenuta ultimazione, salvo prova contraria (circ. 35/E/2012); acconto: è rilevante;

Dettagli

I MODELLI INTRA. Modelli INTRA 2010: novità

I MODELLI INTRA. Modelli INTRA 2010: novità I MODELLI INTRA Bologna, 2 Ottobre 2014 D.ssa Nadia Gentina Modelli INTRA 2010: novità La disciplina comunitaria relativa alle dichiarazioni Intrastat è stata recentemente aggiornata dalle direttive: 2008/8/CE

Dettagli

C i r c o l a r e d e l 14 g e n n a i o 2 0 1 3 P a g. 1 di 12

C i r c o l a r e d e l 14 g e n n a i o 2 0 1 3 P a g. 1 di 12 C i r c o l a r e d e l 14 g e n n a i o 2 0 1 3 P a g. 1 di 12 Circolare Numero 5/2013 Oggetto NOVITA IN MATERIA DI IVA - LEGGE DI STABILITA 2013 (LEGGE N. 228 DEL 24 DICEMBRE 2012 c.d. Finanziaria 2013

Dettagli

Modello Iva 2014: esempi di compilazione

Modello Iva 2014: esempi di compilazione Numero 35/2014 Pagina 1 di 7 Modello Iva 2014: esempi di compilazione Numero : 35/2014 Gruppo : IVA Oggetto : DICHIARAZIONE IVA Norme e prassi : Istruzioni e modello Iva 2014; NOSTRA CDG N. 14/2014. Sintesi

Dettagli

CESSIONI DI GASED ENERGIA ELETTRICA

CESSIONI DI GASED ENERGIA ELETTRICA 1 di 6 23/01/2015 20:26 CESSIONI DI GASED ENERGIA ELETTRICA L'IVA, 4 / 2006, p. 25 Territorialità CESSIONI DI GASED ENERGIA ELETTRICA Committeri Gian Marco;Pallaria Gianfranco Soggetti interessati Acquirenti

Dettagli

Dott. Marco Baccani 20121 Milano - Via Bigli, 2 Dott. Salvatore Fiorenza Tel. (+39) 02 764214.1 Dott. Ferdinando Ramponi Fax (+39) 02 764214.

Dott. Marco Baccani 20121 Milano - Via Bigli, 2 Dott. Salvatore Fiorenza Tel. (+39) 02 764214.1 Dott. Ferdinando Ramponi Fax (+39) 02 764214. Dott. Marco Baccani 20121 Milano - Via Bigli, 2 Dott. Salvatore Fiorenza Tel. (+39) 02 764214.1 Dott. Ferdinando Ramponi Fax (+39) 02 764214.61 Dott. Massimo Rho Dott. Federico Baccani Dott. Stefano Ramponi

Dettagli

Oggetto: ELENCHI RIEPILOGATIVI INTRASTAT - DAL 2010 OBBLIGO ESTESO ALLE PRESTAZIONI INTRACOMUNITARIE DI SERVIZI

Oggetto: ELENCHI RIEPILOGATIVI INTRASTAT - DAL 2010 OBBLIGO ESTESO ALLE PRESTAZIONI INTRACOMUNITARIE DI SERVIZI Oggetto: ELENCHI RIEPILOGATIVI INTRASTAT - DAL 2010 OBBLIGO ESTESO ALLE PRESTAZIONI INTRACOMUNITARIE DI SERVIZI L applicazione - a partire dal 1 gennaio 2010 - de lle nuove regole riguardanti la territorialità

Dettagli

Sommario ACQUISTI COMUNITARI CAMPIONI, OMAGGI E CESSIONI GRATUITE. Ipsoa - Iva, intrastat, dogane. Casi pratici e soluzioni

Sommario ACQUISTI COMUNITARI CAMPIONI, OMAGGI E CESSIONI GRATUITE. Ipsoa - Iva, intrastat, dogane. Casi pratici e soluzioni ACQUISTI COMUNITARI 1. Acquisto di oli pag. 16 2. Acquisto privato in Regno Unito pag. 17 3. Acquisto da fornitore extra-ue con rappresentante fiscale pag. 17 4. Momento di effettuazione dell operazione

Dettagli

SPESOMETRO. Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimento Agenzia Entrate 2.8.2013, n. 94908. Dott.ssa Silvia Ferraro Torino, 23 ottobre 2013

SPESOMETRO. Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimento Agenzia Entrate 2.8.2013, n. 94908. Dott.ssa Silvia Ferraro Torino, 23 ottobre 2013 SPESOMETRO Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimento Agenzia Entrate 2.8.2013, n. 94908 Dott.ssa Silvia Ferraro Torino, 23 ottobre 2013 INDICE Inquadramento normativo Analisi del modello di comunicazione Casi

Dettagli

NUOVE REGOLE E MODALITA DI TRASMISSIONE DEI MODELLI INTRASTAT

NUOVE REGOLE E MODALITA DI TRASMISSIONE DEI MODELLI INTRASTAT NUOVE REGOLE E MODALITA DI TRASMISSIONE DEI MODELLI INTRASTAT EMISSIONE DELLA FATTURA PER I SERVIZI EXTRATERRITORIALI - MODALITA D INTEGRAZIONE DELLE FATTURE ESTERE PER I SERVIZI GENERICI RESI AD OPERATORI

Dettagli

ASSOCIAZIONE ICT DOTT. COM I L R A P P R E S E N T A N T E F I S C A L E D E L S O G G E T T O N O N R E S I D E N T E.

ASSOCIAZIONE ICT DOTT. COM I L R A P P R E S E N T A N T E F I S C A L E D E L S O G G E T T O N O N R E S I D E N T E. ASSOCIAZIONE ICT DOTT. COM I L R A P P R E S E N T A N T E F I S C A L E D E L S O G G E T T O N O N R E S I D E N T E A c u r a d i : Giovanni Scagnelli Dottore Commercialista Associazione IC T Dott.C

Dettagli

CIRCOLARE N. 2 ATTENZIONE, ALTRE NOVITA SULLE FATTURE FATTURE IVA DA RINUMERARE

CIRCOLARE N. 2 ATTENZIONE, ALTRE NOVITA SULLE FATTURE FATTURE IVA DA RINUMERARE CIRCOLARE N. 2 ATTENZIONE, ALTRE NOVITA SULLE FATTURE FATTURE IVA DA RINUMERARE Altro elemento che deve essere contenuto nella fattura è il numero di partita Iva del cliente o del committente; in caso

Dettagli

Comunicazione Dati Iva relativa al 2009

Comunicazione Dati Iva relativa al 2009 PERIODICO INFORMATIVO N. 08/2010 Comunicazione Dati Iva relativa al 2009 Come di consueto entro la fine del mese di febbraio va presentata, esclusivamente in via telematica, la Comunicazione dati IVA.

Dettagli