GOVERNANCE & COMUNICAZIONE D IMPRESA COMUNICAZIONE INTERNA IV LEZIONE. Claudio Bonasia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GOVERNANCE & COMUNICAZIONE D IMPRESA COMUNICAZIONE INTERNA IV LEZIONE. Claudio Bonasia"

Transcript

1 GOVERNANCE & COMUNICAZIONE D IMPRESA IL PROCESSO DI COMUNICAZIONE INTERNA IV LEZIONE Claudio Bonasia

2 LA COMUNICAZIONE INTERNA -PUNTI FONDAMENTALI- Fare breccia (CI chiara, semplice, trasparente, d impatto, accattivante); deve adattarsi a popolazioni, momenti storici, modelli organizzativi diversi; formare l individuo affinché dia valore alla CI; coerenza tra comunicazione formale, seminformale e informale; la cultura aziendale fornisce il contesto per la CI; segmentazione e personalizzazione; ricerca continua di integrazione e coerenza con altre leve aziendali; edutainment; la intranet non può sostituire il ruolo del management nella CI; monitoraggio, misurazione e feedback; mai abbastanza(quantità e qualità); CI per celebrare.

3 LA COMUNICAZIONE INTERNA -PUNTI FONDAMENTALI- Orientamento strategico: per raggiungere gli obiettivi strategici dell azienda c è bisogno che tutti li conoscano, li accettino e che siano impegnati nel perseguirli. Integrità e integrazione: la comunicazione deve essere credibile ed integrare le voci formali, informali e semiinformali. Dignità e rispetto: le organizzazioni che si fondano su questi principi hanno un committment interno superiore ai competitor. Flusso di informazioni strategiche: richiede l utilizzo di adeguate tecnologie e il coinvolgimento - collaborazione 3 di tutti i collaboratori.

4 LA COMUNICAZIONE INTERNA -PUNTI FONDAMENTALI- Chiarezza e potenza dei messaggi: poche parole, ma ricche di significato; linguaggio informale. Orientamento verso l esterno: i lavoratori devono essere a conoscenza degli obiettivi, ma anche delle motivazioni che hanno portato a queste strategie. Ruoli e responsabilità: ogni ruolo ha determinate responsabilità relative alla comunicazione, che prevedono quale informazione deve essere comunicata, a chi, come, quando e perché. Ascoltare ed essere presenti: l ascolto è fondamentale nella comunicazione. Richiede umiltà e volontà di imparare. 4

5 LA COMUNICAZIONE INTERNA -PUNTI FONDAMENTALI- Training e supporto: le Organizzazioni devono garantire a tutti i lavoratori capacità, strumenti e supporto per gestire correttamente il processo di comunicazione. Strutture e processi: devono essere chiaramente definiti e attuati. sistemi di misurazione: la misura del processo di comunicazione è data dalla consapevolezza, dalla comprensione, dal committment dell Organizzazione nel raggiungimento degli obiettivi aziendali. miglioramento continuo: la continua ricerca della strada migliore comporta un investimento con ritorni molto diluiti 5 nel tempo.

6 LA COMUNICAZIONE INTERNA -E IL KNOW HOW- La comunicazione interna serve per diffondere conoscenze all interno dell Organizzazione. Atalfine: deve essere collegata ai sistemi di Knowledge Management; deve avvalersi della formazione come utile strumento.

7 LA COMUNICAZIONE INTERNA -E LA COMUNICAZIONE ESTERNA- La qualità della comunicazione interna condiziona la qualità della comunicazione esterna; la comunicazione esterna raggiunge anche i pubblici interni. Bisogna coordinare i due livelli in una prospettiva integrata e globale.

8 LA COMUNICAZIONE INTERNA -E IL CHANGE MANAGEMENT- L attività di comunicazione deve essere trasversale al processo di change management. La comunicazione deve essere gestita proattivamente, definendo in anticipo temi, messaggi ed informazioni, e deve iniziare prima del processo di cambiamento, per anticipare ed evitare la formazione di posizioni difensive.

9 LA COMUNICAZIONE INTERNA -I SOGGETTI- Chi ha la responsabilità dei progetti di comunicazione interna? In genere La Direzione Risorse Umane; La Direzione Relazioni Esterne; Il vertice dell organizzazione.

10 LA COMUNICAZIONE INTERNA -I PUBBLICI- Diversi livelli di personale dirigenti e top management quadri impiegati operai le famiglie dei dipendenti ipensionati Bisogna definire i confini fra interno ed esterno: fornitori, finanziatori, sponsor, collaboratori e consulenti, ecc.

11 LA COMUNICAZIONE INTERNA -I CANALInew media riunioni di lavoro formazione canali stampa aziendale convention intranet circolari interne

12 GLI STRUMENTI House Organ; Newsletter; Bacheche e Infopoint; Cartellonistica; Intranet; Rassegna Stampa; Posta elettronica; Audiovisivi, TV aziendale, Radio; Passaparola organizzato; Codici di comportamento; e altri documenti; Merchandising; Meeting(one to one, di ufficio, di reparto, generali); Convention, Eventi Sociali;

13 LA COMUNICAZIONE INTERNA - STRUMENTI Tradizionali Bacheche, per garantire l ufficialità e la capillarità della diffusione dei contenuti. High-touch One to one, meeting periodici, convention, etc, per valorizzare la interazione diretta fra le persone. High-tech Intranet (e mailing elettronico), per diffondere rapidamente i contenuti.

14 GLI STRUMENTI -GLI HOUSE ORGAN- Strumento classico e molto diffuso di norma diretto a tutta l organizzazione, (ma può anche rivolgersi a pubblici esterni) periodicità rarefatta: mensile o bimestrale (a volte anche semestrale) spesso allegato alla busta paga

15 GLI STRUMENTI -GLI HOUSE ORGAN: OBIETTIVI- Dare notorietà ai fatti aziendali fare capire le ragioni delle scelte dell organizzazione fare conoscere l organizzazione e il funzionamento dell ente informare sul contesto dare voce ai protagonisti dell organizzazione

16 GLI STRUMENTI -LA NEWSLETTER- Strumento più flessibile rispetto all house organ con periodicità più frequente informa con notizie brevi e di attualità è di solito rivolta a segmenti settoriali dell organizzazione

17 GLI STRUMENTI TRADIZIONALI Importanza degli spazi per definire la prossemica; uso della cartellonistica (es. un cartellone che spiega la Mission e la Vision dell organizzazione); uso di bacheche/infopoint.

18 INTRANET Strategia di comunicazione interna Persone/gerarchia Eventi Intranet Media Processi Intranet può potenzialmente sostituire (in parte) i tradizionali strumenti di comunicazione interna.

19 INTRANET -DEFINIZIONE- L Intranet è il tool aziendale capace di raccogliere ed organizzare gli strumenti per la gestione delle relazioni interne ed esterne all Azienda, fornendo al collaboratore una vista personalizzata sui contenuti.

20 INTRANET Piattaforma di servizio (sportello risorse umane, prenotazione sale riunioni, acquisti, modulistica, e- learning,ecc ); canale di comunicazione(bollettini, informazioni, ecc ); gestione documenti(indicizzazione e organizzazione); community(forum, chat); lavoro di gruppo(groupware); supporto alle attività (sales force automation, gestione flussi magazzini, ecc.).

21 INTRANET -GLI USI EMERGENTI- Keep people in touch (tenere unite persone distanti, mantenere costanza di relazioni anche in assenza di riunioni); Facilitate training(interactive training& distance training); Knowledge sharing (Intranet come struttura del KM e, in particolare, del ciclo delle best practices); Automate routine tasks(intranet come luogo in cui le persone trovano facilmente tutto ciò di cui hanno bisogno, ad es. l acquisto di biglietti aerei o oggetti d ufficio); Provide easy access to information (soprattutto attraverso una efficiente home page); Cut overhead costs (attraverso la riduzione delle transazioni interne e dei meri diffusori di informazioni, format ); Organize and communicate- data (integrazione con databases, strumenti gestionali, balanced scorecard ).

22 INTRANET -processo di gestionei criteri di selezione delle informazioni/contenuti rilevanti; la certificazione e/o l iter di validazione delle informazioni/contenuto; la/le modalità di rilascio delle informazioni/contenuti nel sito; il grado di rispondenza e di coerenza di quanto pubblicato con gli obiettivi generali della Intranet; il feedback ed il monitoraggio di essa.

23 INTRANET -FATTORI DI SUCCESSO- Sponsorship e Internal Committment; persone coinvolte, motivate e dedicate; Project Management realizzativo; focalizzazione sui bisogni del Cliente Interno; adeguato supporto tecnologico; piano di lancio della Intranet.

24 INTRANET -vantaggi e beneficirapidità di diffusione delle informazioni di business, gestionali, di aggiornamento scientifico; riduzione significativa dei costi di formazione, informazione, gestione dei processi e della comunicazione aziendale; facilitazione di scambio e diffusione del knowhow; collegamento in real-time sulle informazioni gestionali e di servizio interno alle persone, alle funzioni, ai gruppi di lavoro e di progetto, alle BU.

25 INTRANET -caratteristiche- Coerente con l Organizzazione con l immagine dell Azienda Semplice e funzionale nell interfaccia grafica nella navigazione e fruizione nei contenuti Affidabile e sicura È l Azienda virtuale, ma soprattutto é l Azienda Personalizzabile

26 INTRANET PERSONALIZZABILE -perché?- Migliora la produttività L abilitazione ai diversi contenuti è legata agli obiettivi ed interessi professionali dell individuo. I contenuti di interesse sono immediatamente reperiti e non affannosamente ricercati su rete locale o Internet i contenuti sono più attendibili Diminuiscono i costi ciascun contenuto può essere verificato, stimolato e quindi ottimizzato o eliminato in quanto insufficiente, 26 inconsistente o ridondante

27 INTRANET PERSONALIZZABILE -come- La corretta personalizzazione è un traguardo, non un punto di partenza, che si raggiunge facendo leva su: adattabilità all evoluzione del mercato; impatto graduale e misurabileper l azienda, per gli attori e per i processi coinvolti; investimenti graduali nel tempo; crea partecipazione e fidelizzazionenei collaboratori.

28 Web Content Manager INTRANET -I RUOLI- Chief Content Manager Web Publisher Intranet Development Team

29 INTRANET -IL WEB CONTENT MANAGER- È nominatodallafunzioneo BU é membrodell IntranetDevelopment Team assicura l alimentazione del Sito assegnato nel rispetto del mandato assegnatogli sollecitala Funzioneo BU a fornire contenuti, dati ed informazioni utili ai Clienti Interni coordina la pubblicazione dei contenutisulsitocollaborandocon i/il Web Publisher 29

30 INTRANET -IL CHIEF CONTENT MANAGER- Assicura che i contributi strategici della Intranet siano allineati con gli obiettivi coordina le attività dell Intranet Development Team aggiorna periodicamente l Information and Learning Technologies sull evoluzione di Intranet e sui risultati dei monitoraggi propone nuove iniziative di supporto e sviluppo della Intranet si coordina con l IS/IT per i monitoraggi e survey on-line verifica l allineamento della Intranet con le policy internazionali

31 INTRANET -IL WEB PUBLISHER- ÈinternoallaFunzioneoBU si coordina con il Web Content Editor per la pubblicazione dei contenuti sul Sito trasforma i contenuti in pagine web é opportunamente formato alla gestione autonoma dei supporti informatici alla pubblicazione 31

32 emana, aggiorna e diffonde le linee guida, le politiche e le procedure in tema di utilizzo e pubblicazioni su Intranet supporta il Web Content Editors attraverso il coordinamento di un processo formativo dedicato INTRANET -L INTRANET DEVELOPMENT TEAMassicura che i siti siano caratterizzati da efficacia comunicazionale e dinamicità delle informazioni verifica il grado di interesse dimostrato dagli utenti per le singole pubblicazioni verifica il grado di soddisfazione generale degli utenti Intranet con periodiche survey verifica l allineamento dei contenuti e delle modalità di presentazione con gli obiettivi, la pertinenza e la correttezza dei dati gestionali relativi alle risorse umane e dei dati gestionali, di misurazione del business, destinati alla pubblicazione in rete

33 GLI STRUMENTI -LA RASSEGNA STAMPA- Raccoglie una selezione degli articoli che parlano dell organizzazione e/o interessano l organizzazione Strumento di diffusione di conoscenze ma anche senso di identità Diversi sistemi di diffusione: cartacea o elettronica Curata in genere dall Ufficio Stampa negli enti pubblici

34 GLI STRUMENTI -LA POSTA ELETTRONICA- Potente strumento organizzativo: riunisce i pregi della comunicazione scritta (la strutturazione e permanenza) e orale (l informalità), ma anche i difetti; diverse modalità di utilizzo: uno a uno, unoamolti,moltiamolti; la posta elettronica non sostituisce necessariamente le classiche lettere cartacee ai dipendenti e collaboratori.

35 GLI STRUMENTI -GLI AUDIOVISIVI- Uso della TV aziendale e o di audiovisivi in formato giornalistico. Per esempio l uso da parte di Ford Motor Company di notiziari della durata di cinque minuti, diffusi a flusso continuo (ma anche video di formazione e supporto alle riunioni). In Ferrari viene diffuso un TG aziendale nell intervallo di pranzo

36 GLI STRUMENTI -LA RADIO- Necessità di raggiungere personale escluso dalla intranet; per esempio Coop Adriatica ha studiato un sistema di notiziari radiofonici da diffondere nei supermercati prima dell apertura al pubblico per i dipendenti.

37 GLI STRUMENTI -I CODICI DI COMPORTAMENTO- I codici di comportamento formalizzano una serie di principi di comportamento del personale Possono variare a seconda del profilo organizzativo (es. Datalogic ha il manuale del dipendente e quello del capo) Possono diventare veri e propri manuali Un caso particolare: il codice etico

38 GLI STRUMENTI -IL PASSAPAROLA ORGANIZZATO- Il passaparola è una dinamica tipica dei rapporti informali. È possibile organizzarlo per accelerare la diffusione delle informazioni nell organizzazione. Per esempio FIAT AUTO utilizzò la figura dei diffusori, scelti più per caratteristiche relazionali che gerarchiche, per comunicare sui nuovi prodotti e cambiamenti organizzativi e strategici.

39 GLI STRUMENTI -LA COMUNICAZIONE INTERPERSONALE- Incontri e colloqui tra pari e tra capo e collaboratore (ad es. feedback, valutazione, ecc.); incontri formali e informali di staff, ai vari livelli (ufficio, reparto, Direzione, ecc.).

40 GLI STRUMENTI -LA CONVENTION - Evento aziendale incontro attentamente orchestrato di tutto il personale(o settore) Dimensione spettacolare dell evento presenza dei vertici obiettivo: condividere/celebrare i risultati avuti e gli obiettivi futuri, energizzando le persone e l organizzazione

41 GLI STRUMENTI -ALTRE PUBBLICAZIONI/DOCUMENTI- Manuali operativi Manuale di stile Fact Book/bilancio Welcome book L organigramma Circolari e ordini di servizio Position paper/white paper Reportistica e progetti Memo e minute L importanza della comunicazione scritta per le organizzazioni

42 GLI STRUMENTI Personalizzazione e declinazione del logo aziendale su: -IL MERCHANDISING- spille; porta biglietti da visita; tazze; calendari; ecc

43 GLI STRUMENTI -GLI EVENTI SOCIALI- Organizzazione di eventi conviviali per il personale con il fine di promuovere la socializzazione e i rapporti informali Spesso organizzati in ricorrenze speciali e con il coinvolgimento delle famiglie Importanza degli anniversari Open day: aprirsi alla comunità Viaggi e incentive

44 GLI STRUMENTI -I CIRCOLI AZIENDALI- Strumento di promozione dell immagine Strumento di promozione dell immagine interna e del senso di appartenenza, ma anche mezzo per fornire ai dipendenti benefit, tramite convenzioni o altro.

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

L evoluzione del marketing, nell ultimo decennio, ha investito i seguenti ambiti:

L evoluzione del marketing, nell ultimo decennio, ha investito i seguenti ambiti: L evoluzione del marketing, nell ultimo decennio, ha investito i seguenti ambiti: Enfasi sulla crescente globalizzazione del contesto competitivo (Think global act local) Segmentazione e personalizzazione

Dettagli

Conoscere, condividere, cambiare

Conoscere, condividere, cambiare Conoscere, condividere, cambiare Idee per una intranet 2.0 alla biblioteca di Milano Bicocca Bonaria Biancu e Ilaria Moroni I siti web negli archivi e nelle biblioteche A.I.B. e A.N.A.I. Sezione Friuli

Dettagli

LA COMUNICAZIONE INTERNA AZIENDALE

LA COMUNICAZIONE INTERNA AZIENDALE LA COMUNICAZIONE INTERNA AZIENDALE (Dott. Paolo Cardoso, Dott.ssa Roberta De Florio, Dott.ssa Eliana Lavilla) 1.1 Caratteristiche generali Comunicare all interno di un organizzazione non è più un atto

Dettagli

Il Sistema Integrato di Gestione della Conoscenza dell Agenzia

Il Sistema Integrato di Gestione della Conoscenza dell Agenzia Il Sistema Integrato di Gestione della Conoscenza dell Agenzia Roma, 15 aprile 2003 (ver. 1.0) Indice IL CONTESTO DI RIFERIMENTO DELL AGENZIA CRITICITA ED ESIGENZE DELL AGENZIA I PROGETTI AVVIATI IL MOADEM

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

LA COMUNICAZIONE ESTERNA

LA COMUNICAZIONE ESTERNA LEZIONE COMUNICAZIONE E MARKETING PROF.SSA CARMENCITA GUACCI Indice 1 LA COMUNICAZIONE ESTERNA --------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 IL MARKETING NELLA

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SITO WEB AZIENDALE

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SITO WEB AZIENDALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 6 FRIULI OCCIDENTALE 33170 Pordenone - Via Vecchia Ceramica, 1 - C.P. 232 Tel. 0434/369111 - Fax. 0434/523011 - C.F. / P. Iva 01278420938 PEC: Ass6PN.protgen@certsanita.fvg.it

Dettagli

I valori distintivi della nostra offerta di BPO:

I valori distintivi della nostra offerta di BPO: Business Process Outsourcing Partner 3M Software è il partner di nuova generazione, per la progettazione e la gestione di attività di Business Process Outsourcing, che offre un servizio completo e professionale.

Dettagli

Studio Staff R.U. S.r.l. Consulenti di Direzione REFERENZE AREA FORMAZIONE Nell ambito della propria strategia di crescita, lo Studio Staff R.U. ha da sempre riservato un ruolo importante alle attivitàdi

Dettagli

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare Creating Your Future Impostazione e Linee Guida Obiettivi Questo documento illustra l approccio

Dettagli

Siscotel 2002 A.C. Vigevano e Lomellina. Vigevano - 19/02/2007. Siscotel 2002 A.C. Vigevano e Lomellina

Siscotel 2002 A.C. Vigevano e Lomellina. Vigevano - 19/02/2007. Siscotel 2002 A.C. Vigevano e Lomellina Vigevano - 19/02/2007 1 Cos è un CMS I CMS sono sistemi software che consentono di creare e gestire un sito web direttamente dal Browser, in modo semplice ed immediato. Caratteristica dei CMS è quella

Dettagli

IL PROGETTO QUALITA TOTALE 2007-2013

IL PROGETTO QUALITA TOTALE 2007-2013 UNIONE EUROPEA IL PROGETTO QUALITA TOTALE 2007-2013 Sentirsi protagonisti per il successo del progetto MODULO II Strumenti e iniziative per lo sviluppo del progetto 16 luglio 2009 Indice Il percorso nell

Dettagli

Knowledge Management

Knowledge Management [ ] IL K-BLOG Cosa è il KM Il Knowledge Management (Gestione della Conoscenza) indica la creazione, la raccolta e la classificazione delle informazioni, provenienti da varie fonti, che vengono distribuite

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

I protagonisti PROTAGONISTI della settimana saranno le stesse aziende aderenti.

I protagonisti PROTAGONISTI della settimana saranno le stesse aziende aderenti. 11 15 Giugno 2012 T&CW La mission La settimana della formazione e della consulenza è un evento collettivo, con cadenza annuale, diffuso su tutto il territorio di Roma e del Lazio. L idea nasce dall esigenza

Dettagli

Mappare e pesare le posizioni Valutare le prestazioni Analizzare il grado di copertura del ruolo

Mappare e pesare le posizioni Valutare le prestazioni Analizzare il grado di copertura del ruolo Mappare e pesare le posizioni Valutare le prestazioni Analizzare il grado di copertura del ruolo LA METODOLOGIA La metodologia OD&M per valutare le risorse umane La metodologia OD&M per valutare le risorse

Dettagli

STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI

STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI 2014 AGENZIA SPAZIALE ITALIANA 23 GENNAIO 2014 STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI 2014 PN-PIF-2014-002, Revisione A Pagina 1 INDICE Premessa 2 1. Standard di Qualità 3 2. Rapporti

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Il Progetto «Freschi e Freschissimi» : una sfida (vinta) di Change Management. 04 giugno2015

Il Progetto «Freschi e Freschissimi» : una sfida (vinta) di Change Management. 04 giugno2015 Il Progetto «Freschi e Freschissimi» : una sfida (vinta) di Change Management 04 giugno2015 La COOP : Il Distretto Nord Ovest Il Sistema Coop si presenta come un insieme articolato di Cooperative e Consorzi

Dettagli

Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3

Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3 Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3 Competenze Materie Competenze associate C1 C2 SENSIBILIZZAZIONE DEI GRUPPI DI INTERESSE ORGANIZZAZIONE DI CONGRESSI, SEMINARI, MEETING, CONVENTION,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMUNICAZIONE PUBBLICA E L INFORMAZIONE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMUNICAZIONE PUBBLICA E L INFORMAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMUNICAZIONE PUBBLICA E L INFORMAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 - Principi generali 1. Il Comune di Sarezzo, con il presente documento, disciplina le attività di informazione

Dettagli

QUADRO AC DI COMPETENZE Versione riveduta Giugno 2012

QUADRO AC DI COMPETENZE Versione riveduta Giugno 2012 QUADRO AC DI COMPETENZE Versione riveduta Giugno 2012 Competenze di coaching per Tutti i Coach 1. Rispettare le linee guida etiche, legali e professionali 2. Stabilire il contratto di coaching e gli obiettivi

Dettagli

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6 Pag. 1 di 6 L Informedica è una giovane società fondata nel 2004 che opera nel settore dell'information Technology per il settore medicale. Negli ultimi anni attraverso il continuo monitoraggio delle tecnologie

Dettagli

Il Nuovo Portale Istituzionale della Provincia di Lecce

Il Nuovo Portale Istituzionale della Provincia di Lecce PROVINCIA DI LECCE SERVIZIO INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE SERVIZIO INNOVAZIONE TECNOLOGICA Il Nuovo Portale Istituzionale della Provincia di Lecce Il nuovo portale istituzionale, che oggi presentiamo, è

Dettagli

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività Pag. 24 / 69 2 2.1 SCOPO Formalizzare e rendere noti a tutte le parti interessate, i valori ed i principi che ispirano il modello EcoFesta Puglia a partire dalla sua ideazione. 2.2 PRINCIPI Il sistema

Dettagli

nuove dimensioni della performance aziendale: la Balanced Scorecard

nuove dimensioni della performance aziendale: la Balanced Scorecard nuove dimensioni della performance aziendale: la Balanced Scorecard Prospettiva conoscenza e competenze Prospettiva dei processi Prospettiva dei clienti Prospettiva economico finanziaria le relazioni causa-effetto

Dettagli

Corso di Alta Formazione Comunicazione per l innovazione della Pubblica Amministrazione

Corso di Alta Formazione Comunicazione per l innovazione della Pubblica Amministrazione Corso di Alta Formazione Comunicazione per l innovazione della Pubblica Amministrazione I contenuti La comunicazione organizzativa leva del cambiamento (I sessione) - L articolazione delle strutture nelle

Dettagli

CHI SIAMO. BeOn è una società di consulenza italiana ad alta specializzazione in ambito di valutazione, sviluppo e formazione delle risorse umane.

CHI SIAMO. BeOn è una società di consulenza italiana ad alta specializzazione in ambito di valutazione, sviluppo e formazione delle risorse umane. www.beon-dp.com Operiamo in ambito di: Sviluppo Assessment e development Center Valutazione e feedback a 360 Formazione Coaching CHI SIAMO BeOn è una società di consulenza italiana ad alta specializzazione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA CITTA DI ORBASSANO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012 2014 Indice Premessa pag. 3 1. Riferimenti normativi pag. 3 2. Finalità del Programma pag. 3 3 Il sito istituzionale del

Dettagli

ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE

ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE http://www.sinedi.com ARTICOLO 9 FEBBRAIO 2007 ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE La formulazione della strategia aziendale rappresenta un momento estremamente importante per tutte

Dettagli

Acquisti online nel business travel: il survey di Procurement Channel

Acquisti online nel business travel: il survey di Procurement Channel Acquisti online nel business travel: il survey di Procurement Channel Sebastiano Missineo AD Procurement Channel e AD Strateghia Online e Travel Management Company: competitor o alleati? Carlson Wagonlit

Dettagli

FORMAZIONE DI MANTENIMENTO IVASS ANNO 2013

FORMAZIONE DI MANTENIMENTO IVASS ANNO 2013 1. PROGETTO FORMATIVO FORMAZIONE DI MANTENIMENTO IVASS ANNO 2013 Si tratta di un iniziativa formativa svolta in ottemperanza ai disposti del Regolamento Isvap n 5 del 16 ottobre 2006, focalizzata su: mantenimento

Dettagli

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile ESSERE O APPARIRE Le assicurazioni nell immaginario giovanile Agenda_ INTRODUZIONE AL SETTORE ASSICURATIVO La Compagnia di Assicurazioni Il ciclo produttivo Chi gestisce tutto questo Le opportunità di

Dettagli

2) Entro Novembre. 6) Entro Marzo 2004

2) Entro Novembre. 6) Entro Marzo 2004 Documento di programmazione del progetto denominato: Realizzazione della seconda fase di sviluppo di intranet: Dall Intranet istituzionale all Intranet per la gestione e condivisione delle conoscenze.

Dettagli

GET TO THE POINT. Si distingue per la flessibilità e la rapidità con le quali affronta le richieste del cliente.

GET TO THE POINT. Si distingue per la flessibilità e la rapidità con le quali affronta le richieste del cliente. GET TO THE POINT GET TO THE POINT Mesa-lab si affaccia nel mondo della comunicazione nel 1994. Cresce fino a diventare una new media agency in grado di affrontare autonomamente ogni esigenza nel campo

Dettagli

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Riflessioni di Luciano Perego (prima parte) CARATTERISTICHE DELLA MODALITÀ TRADIZIONALE PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO

Dettagli

DESCRIZIONE PROGETTI NEL DETTAGLIO

DESCRIZIONE PROGETTI NEL DETTAGLIO DESCRIZIONE PROGETTI NEL DETTAGLIO Sviluppo di un modello organizzativo DESCRIZIONE CLIENTE: società toscana specializzata nell edilizia con una forte focalizzazione su innovazione e investimenti in ricerca

Dettagli

COMUNE DI VIGONZA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE

COMUNE DI VIGONZA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE COMUNE DI VIGONZA Provincia di Padova REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE Approvato con delibera di C.C. n. 22 del 12.03.2012 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

Questionario popolazione aziendale

Questionario popolazione aziendale Questionario popolazione aziendale Caro Collega, immagina di trovare sullo schermo di un tuo Pc alcune informazioni fondamentali per il tuo lavoro, di avere a disposizione i dati relativi, ad esempio,

Dettagli

VEDERE OLTRE IL SOFTWARE

VEDERE OLTRE IL SOFTWARE VEDERE OLTRE IL SOFTWARE Società CHI SIAMO Fondata nel 2004 come azienda, Vision One srl nasce nel 1997 come divisione R&D di una software house del settore gestionale già in attività da oltre 10 anni.

Dettagli

L outsourcing nei processi di Marketing & Sales

L outsourcing nei processi di Marketing & Sales L outsourcing nei processi di Marketing & Sales Eventi & Congressi Milano 18 novembre 2010 Copyright 2010 CWT CWT nel settore Healthcare Con un esperienza più che trentennale, CWT affianca alle attività

Dettagli

Evento di Apertura 11/6 dalle 15 alle 18. 1 Modulo: efficacia personale 12-13/06. 2 Modulo: analisi di mercato e posizionamento aziendale 17-18/07

Evento di Apertura 11/6 dalle 15 alle 18. 1 Modulo: efficacia personale 12-13/06. 2 Modulo: analisi di mercato e posizionamento aziendale 17-18/07 Training partners Calendario Modulo Data Evento di Apertura 11/6 dalle 15 alle 18 1 Modulo: efficacia personale 12-13/06 2 Modulo: analisi di mercato e posizionamento aziendale 17-18/07 3 Modulo: marketing

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

persone impresa Servizi di Consulenza Direzionale Gestione delle Risorse Umane e Organizzazione di Impresa

persone impresa Servizi di Consulenza Direzionale Gestione delle Risorse Umane e Organizzazione di Impresa Servizi di Consulenza Direzionale Gestione delle Risorse Umane e Organizzazione di Impresa perché PersoneImpresa Persone e Impresa è il consulente direzionale cui imprenditori e direttori si rivolgono

Dettagli

Gruppo Helvetia. La politica di gestione delle risorse umane

Gruppo Helvetia. La politica di gestione delle risorse umane Gruppo Helvetia La politica di gestione delle risorse umane Cari colleghi Anche la nostra politica di gestione delle risorse umane è basata sulla dichiarazione contenuta nella nostra mission «Primi per

Dettagli

METODO_ SOLUZIONI_ DIALOGO_ MANAGEMENT_ COMPETENZE_ ASSISTENZA_ SERVIZI_ MISSION_ TECNOLOGIE_

METODO_ SOLUZIONI_ DIALOGO_ MANAGEMENT_ COMPETENZE_ ASSISTENZA_ SERVIZI_ MISSION_ TECNOLOGIE_ DIALOGO_ METODO_ SOLUZIONI_ COMPETENZE_ MISSION_ TECNOLOGIE_ ASSISTENZA_ MANAGEMENT_ SERVIZI_ GEWIN La combinazione di professionalità e know how tecnologico per la gestione aziendale_ L efficienza per

Dettagli

Quando soffia il vento del cambiamento, gli uni costruiscono muri, gli altri mulini a vento. Proverbio cinese

Quando soffia il vento del cambiamento, gli uni costruiscono muri, gli altri mulini a vento. Proverbio cinese Quando soffia il vento del cambiamento, gli uni costruiscono muri, gli altri mulini a vento Proverbio cinese Cogito ERGO sum Cartesio solutions s.r.l. è una società che vuole essere al servizio delle Aziende

Dettagli

DIVISIONE ORGANIZATIONAL NETWORK MANAGEMENT

DIVISIONE ORGANIZATIONAL NETWORK MANAGEMENT DIVISIONE ORGANIZATIONAL NETWORK MANAGEMENT COVECO SRL - R.I. di UD 02640890303 Cap. Soc. 15.000 i.v. - C.F. E P.I. 02640890303 LAVORARE SULL ORGANIZZAZIONE OGGI Quante volte ci siamo ritrovati a progettare

Dettagli

TEMA DELL OPERAZIONE... 3 IL SOGGETTO PROPONENTE... 4 LE AREE TEMATICHE DI INTERVENTO... 4 FINALITÀ E OBIETTIVI GENERALI... 7

TEMA DELL OPERAZIONE... 3 IL SOGGETTO PROPONENTE... 4 LE AREE TEMATICHE DI INTERVENTO... 4 FINALITÀ E OBIETTIVI GENERALI... 7 DOCUMENTO PROGRAMMATICO PER LA FORMAZIONE CONTINUA L AIM E LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE INDICE TEMA DELL OPERAZIONE... 3 IL SOGGETTO PROPONENTE... 4 LE AREE TEMATICHE DI INTERVENTO... 4 Area Trasversale:

Dettagli

Per un integrazione del sapere Politiche e processi per ottimizzare fonti, competenze e risorse della formazione

Per un integrazione del sapere Politiche e processi per ottimizzare fonti, competenze e risorse della formazione Daniela Dodero Alessandro Broglio Susanna Mazzeschi Maggio 2007 Per un integrazione del sapere Politiche e processi per ottimizzare fonti, competenze e risorse della formazione INDICE La comprensione del

Dettagli

Comunicare una consultazione online

Comunicare una consultazione online Comunicare una consultazione online Questo materiale didattico è stato realizzato da Formez PA nel Progetto PerformancePA, Ambito A Linea 1, in convenzione con il Dipartimento della Funzione Pubblica,

Dettagli

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 1 Tecnologie dell informazione e controllo 2 Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale IT e coordinamento esterno IT e

Dettagli

White paper. APRE TOSCANA (http://www.apretoscana.org)

White paper. APRE TOSCANA (http://www.apretoscana.org) White paper APRE TOSCANA (http://www.apretoscana.org) APRE è un ente privato di ricerca non profit sostenuto da oltre cento Soci Sostenitori e Ordinari provenienti da Università e Organizzazioni private

Dettagli

IL LABORATORIO CIVICO

IL LABORATORIO CIVICO IL LABORATORIO CIVICO UNO STRUMENTO MODERNO E FUNZIONALE PER LA PARTECIPAZIONE DELLA CITTADINANZA ALLA GOVERNANCE LOCALE PRESENTAZIONE PROGETTO LABORATORIO CIVICO Mission Il Laboratorio civico è uno strumento

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE PIANO DI COMUNICAZIONE La legge regionale n. 5/2009 e il Piano Regionale della Salute 2011-2013 promuovono la centralità del cittadino e il suo coinvolgimento nei processi di miglioramento dei Servizi

Dettagli

Enterprise Social Network. Creare community aziendali

Enterprise Social Network. Creare community aziendali Enterprise Social Network Creare community aziendali COLLABORATION 2.0 CHE COSA È NU+ è la soluzione Yooplus di collaboration finalizzata a creare le condizioni per sviluppare una elevata capacità di team

Dettagli

Convegno CMMC, Internet Expò 19 gennaio 2002, Milano. We@bank

Convegno CMMC, Internet Expò 19 gennaio 2002, Milano. We@bank Flavia COSTI Direttore Customer Support Team flavia.costi@weservice.it Convegno CMMC, Internet Expò 19 gennaio 2002, Milano 1 il Brand We@bank We@bank è l iniziativa online creata da Banca Popolare di

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Temporary Manager Short master per il ruolo di T.M.

Temporary Manager Short master per il ruolo di T.M. Sistema di qualità conforme allo standard ISO 9001:2008 certificato n 9175.AMB3 Autorizzazione Ministero del Lavoro n 13/I/0015692/03.04 per Ricerca e Selezione del Personale Autorizzazione Ministero del

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7 Il progetto di quotazione in borsa Pagina 1 di 7 PREMESSA Il documento che segue è stato realizzato avendo quali destinatari privilegiati la Direzione Generale o il responsabile Amministrazione e Finanza.

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Mission. Filosofia di intervento. Soluzioni. Approccio al Training. Catalogo Training. Modello di Training. Targetizzazione.

Mission. Filosofia di intervento. Soluzioni. Approccio al Training. Catalogo Training. Modello di Training. Targetizzazione. Mission Filosofia di intervento Soluzioni Management Consulting Training & HR Development Approccio al Training Catalogo Training Modello di Training Targetizzazione Contatti 2 MISSION Future People offre

Dettagli

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE : L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE Definizioni Per lo sviluppo di un impresa sono necessarie sia le abilità dell imprenditore che quelle dei manager * Le abilità imprenditoriali sono

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE DEL PROGETTO

PIANO DI COMUNICAZIONE DEL PROGETTO PIANO DI COMUNICAZIONE DEL PROGETTO 1 PIANO DI COMUNICAZIONE DEL PROGETTO SICOMAR Indice 1. Obiettivi del Piano di comunicazione... 4 2. Il Target della comunicazione... 6 3. La strategia di comunicazione...

Dettagli

MEDIA INNOVATION & CHANGE

MEDIA INNOVATION & CHANGE MEDIA INNOVATION & CHANGE MEDIA E DIGITAL COMMUNICATION Programma di sviluppo continuo dell innovazione MEDIA INNOVATION & CHANGE COMUNICAZIONE E CONFUSIONE COMUNICARE OGGI SIGNIFICA POTER SFRUTTARE OPPORTUNITÀ

Dettagli

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza.

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Il punto di forza di Integra è uno staff qualificato e competente che ne fa un punto di riferimento credibile ed affidabile per

Dettagli

Il sito istituzionale: novità e prospettive

Il sito istituzionale: novità e prospettive Il sito istituzionale: novità e prospettive Forum PA 2010 Roma, 17 maggio 2010 Roma, 17 maggio 2010 Inps Sempre più vicini a te Roma, 17 maggio 2010 2 Continua l impegno per essere sempre più vicini alle

Dettagli

PRODOTTI E SERVIZI TECNOLOGICI PER SEMPLIFICARE ED INCREMENTARE IL BUSINESS AZIENDALE

PRODOTTI E SERVIZI TECNOLOGICI PER SEMPLIFICARE ED INCREMENTARE IL BUSINESS AZIENDALE PRODOTTI E SERVIZI TECNOLOGICI PER SEMPLIFICARE ED INCREMENTARE IL BUSINESS AZIENDALE Kattura è un gruppo di liberi professionisti uniti per offrire un servizio a 360 verso le piccole e medie realtà italiane.

Dettagli

CONSULENZA MARKETING E COMUNICAZIONE. www.comunicoon.it

CONSULENZA MARKETING E COMUNICAZIONE. www.comunicoon.it CONSULENZA MARKETING E COMUNICAZIONE CHI SIAMO Comunicoon è un agenzia di Marketing & Comunicazione che supporta le aziende nel raggiungimento degli obiettivi di Business Comunicoon è un Agenzia di Comunicazione

Dettagli

Zerouno Executive Dinner

Zerouno Executive Dinner Zerouno Executive Dinner Business e IT per la competitività Annamaria Di Ruscio diruscio@netconsulting.it Milano,18 novembre 2010 Cambia il ruolo dell azienda e dell IT 18 novembre 2010 Slide 1 La New

Dettagli

Hotel Federico II di Jesi,, Ancona. 06 luglio 2005

Hotel Federico II di Jesi,, Ancona. 06 luglio 2005 Hotel Federico II di Jesi,, Ancona. 06 luglio 2005 Dino Petrone Elica Group i dati del Gruppo Elica Dati Gruppo Elica > Fatturato Gruppo Elica 2004 Aggregato 413 milioni di Euro 2300 dipendenti i dati

Dettagli

IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO

IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO PERCORSO FORMATIVO PART TIME E MODULARE IN COLLABORAZIONE CON MAGGIO LUGLIO 2016 CUOA Business

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE BIENNIO 2015/2016 PREMESSA

PIANO DI COMUNICAZIONE BIENNIO 2015/2016 PREMESSA PIANO DI COMUNICAZIONE BIENNIO 2015/2016 PREMESSA Il Piano di comunicazione 2015/2016 riassume i principali impegni comunicativi che l Ente prevede di attuare con riferimento agli indirizzi programmatici

Dettagli

Agenzia di design e comunicazione

Agenzia di design e comunicazione Agenzia di design e comunicazione Carrara Communication è un agenzia creativa specializzata nella creazione, sviluppo e gestione dell immagine aziendale, con sede a Quartino. 1 Qual é IL SEGRETO della

Dettagli

Liberi di fare la differenza.

Liberi di fare la differenza. Liberi di fare la differenza. 4 l azienda il profilo Consulenza, a pieno titolo. Valori & Finanza Investimenti è una SIM (Società di Intermediazione Mobiliare) indipendente che opera secondo un modello

Dettagli

Marketing relazionale. Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006

Marketing relazionale. Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006 Marketing relazionale Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006 1. Gli obiettivi Gli obiettivi della presentazione sono volti a definire: 1. I presupposti del marketing relazionale 2. Le caratteristiche principali

Dettagli

Cyber Security Architecture in Sogei

Cyber Security Architecture in Sogei Cyber Security Architecture in Sogei P. Schintu 20 Maggio 2015 Cybersecurity Sogei S.p.A. Summit - Sede - Legale Roma, Via 20 M. maggio Carucci n. 2015 99-00143 Roma 1 SOGEI, infrastruttura IT critica

Dettagli

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere MultiPiani si occupa dal 1994 di Comunicazione e Marketing strategico, rivolgendosi

Dettagli

Proposta di moduli formativi per lo sviluppo della funzione formazione nelle P.A.

Proposta di moduli formativi per lo sviluppo della funzione formazione nelle P.A. sviluppiamo le competenze! Progetto Una rete per la formazione di qualità RFQ 2014 Proposta di moduli formativi per lo sviluppo della funzione formazione nelle P.A. Roma, 3 marzo 2014 1 I moduli aree di

Dettagli

1. FINALITÀ E DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE E FUNZIONALI

1. FINALITÀ E DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE E FUNZIONALI 1. FINALITÀ E DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE E FUNZIONALI Per implementare una piattaforma di e-learning occorre considerare diversi aspetti organizzativi, gestionali e tecnici legati essenzialmente

Dettagli

UN NOSTRO PROFESSIONISTA SI RICONOSCE...

UN NOSTRO PROFESSIONISTA SI RICONOSCE... UN NOSTRO PROFESSIONISTA SI RICONOSCE... consulman Il gruppo Consulman nasce nel 1991 dall aggregazione di professionisti provenienti da qualificate esperienze nell ambito del management, della consulenza

Dettagli

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1 Milano Sharing City Le sfide globali contemporanee possono, se ben gestite, determinare lo sviluppo di importanti processi di innovazione in grado di portare benessere e crescita economica diffusa. In

Dettagli

La gestione delle Risorse umane. Gp.Studios Via del Cavone 7, 47100 Forlì tel e fax 0543 84099 www.gpstudios.it info@gpstudios.it

La gestione delle Risorse umane. Gp.Studios Via del Cavone 7, 47100 Forlì tel e fax 0543 84099 www.gpstudios.it info@gpstudios.it La gestione delle Risorse umane La Gestione delle risorse umane In un mondo in continua evoluzione dove l organizzazione, le tecnologie e le competenze si sviluppano con velocitàcrescente, per far si che

Dettagli

Comitato di Sorveglianza

Comitato di Sorveglianza REGIONE LAZIO ASSESSORATO ALL AGRICOLTURA, CACCIA E PESCA DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA E SVILUPPO RURALE, CACCIA E PESCA PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE (PSR) DEL LAZIO 2007/2013 IN ATTUAZIONE DEL REGOLAMENTO

Dettagli

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI Il mantenimento delle relazioni con i clienti finali e il processo mediante il quale il fornitore soddisfa nel tempo le esigenze del cliente definite di comune

Dettagli

OSSERVATORIO ECO-MEDIA

OSSERVATORIO ECO-MEDIA OSSERVATORIO ECO-MEDIA Indice Scenario Istituzione e Missione Organizzazione Attività Ricerca teorica Monitoraggio Divulgazione e promozione Iniziative editoriali Credits Scenario I temi dell ambiente

Dettagli

INPS sempre piu OnLine : dare valori ai numeri, dare numeri ai valori. pag. 1

INPS sempre piu OnLine : dare valori ai numeri, dare numeri ai valori. pag. 1 Case history INPS Telecom Italia INPS sempre piu OnLine : dare valori ai numeri, dare numeri ai valori pag. 1 Case history INPS Telecom Italia Introduzione pag. 2 Case history INPS Telecom Italia Introduzione

Dettagli

CODICE ETICO ASVI - SCHOOL FOR MANAGEMENT & SOCIAL CHANGE

CODICE ETICO ASVI - SCHOOL FOR MANAGEMENT & SOCIAL CHANGE CODICE ETICO di ASVI - SCHOOL FOR MANAGEMENT & SOCIAL CHANGE INDICE 1. Definizione della Vision di ASVI, School for Management & Social Change 2. Definizione della Mission di ASVI, School for Management

Dettagli

SOCIAL NETWORK MARKETING

SOCIAL NETWORK MARKETING SOCIAL NETWORK MARKETING Il social network marketing si pone come ultima evoluzione del web marketing, presentandosi come una forma di promozione virale che sfrutta sapientemente tutti gli aggregatori

Dettagli

Social media management Social Media Strategy Proff. Giovanni Ciofalo, Stefano Epifani a.a. 2014/2015

Social media management Social Media Strategy Proff. Giovanni Ciofalo, Stefano Epifani a.a. 2014/2015 Social media management Social Media Strategy Proff. Giovanni Ciofalo, Stefano Epifani a.a. 2014/2015 IL PIANO DI COMUNICAZIONE prima di cominciare 3 4 Le fasi 1. Pianificazione 1.1 Strategica 1.2 Operativa

Dettagli

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore)

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) FOCUS: IL POSSIBILE CO-MARKETING Il focus intende coinvolgere i presidenti delle cooperative nell analisi di un possibile co-marketing. Raccogliere

Dettagli

ALLEGATO 1 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE

ALLEGATO 1 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE ALLEGATO 1 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE INDICE Direttore di Filiale... 3 Modulo Famiglie... 4 Coordinatore Famiglie... 4 Assistente alla Clientela... 5 Gestore Famiglie... 6 Ausiliario... 7 Modulo Personal

Dettagli

Riflessioni sulla e-leadership

Riflessioni sulla e-leadership PIANO NAZIONALE PER LA CULTURA, LA FORMAZIONE E LE COMPETENZE DIGITALI Riflessioni sulla e-leadership (a cura di Franco Patini e Clementina Marinoni) Nella sua più completa espressione l e-leader è una

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

L e-learning come strumento aziendale

L e-learning come strumento aziendale L e-learning come strumento aziendale Presentiamoci Serena Martini Associato a Joomla! Lombardia dal 2012 facebook: https://www.facebook.com/luna76mi linkedin: https://it.linkedin.com/in/serenamartini

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli