Modeling and Testing of Web Services

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Modeling and Testing of Web Services"

Transcript

1 Modeling and Testing of Web Services Andrea Polini Dipartimento di Matematica ed Informatica Università degli Studi di Camerino (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

2 Sommario 1 Informazioni Generali 2 Modeling Interacting Web Services 3 Testing of Web Services (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

3 Sommario Informazioni Generali 1 Informazioni Generali 2 Modeling Interacting Web Services 3 Testing of Web Services (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

4 Informazioni Generali Service Oriented Architecture in una slide (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

5 Web Services in una slide Informazioni Generali (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

6 Informazioni Generali Possiamo già testare qualcosa? Interoperabilità è uno dei principali fattori di rischio nell integrazione di servizi distribuiti. Specifiche particolarmente complesse (XML, SOAP, UDDI, WSDL) che contengono informazioni correlate. Diversi modi di definire le stesse cose all interno dei messaggi SOAP e strutture WSDL, UDDI possono creare problemi Come è possibile ridurre la probabilità di errore? (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

7 Informazioni Generali Possiamo già testare qualcosa? Interoperabilità è uno dei principali fattori di rischio nell integrazione di servizi distribuiti. Specifiche particolarmente complesse (XML, SOAP, UDDI, WSDL) che contengono informazioni correlate. Diversi modi di definire le stesse cose all interno dei messaggi SOAP e strutture WSDL, UDDI possono creare problemi Come è possibile ridurre la probabilità di errore? (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

8 Informazioni Generali Possiamo già testare qualcosa? Interoperabilità è uno dei principali fattori di rischio nell integrazione di servizi distribuiti. Specifiche particolarmente complesse (XML, SOAP, UDDI, WSDL) che contengono informazioni correlate. Diversi modi di definire le stesse cose all interno dei messaggi SOAP e strutture WSDL, UDDI possono creare problemi Come è possibile ridurre la probabilità di errore? (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

9 Informazioni Generali Possiamo già testare qualcosa? Interoperabilità è uno dei principali fattori di rischio nell integrazione di servizi distribuiti. Specifiche particolarmente complesse (XML, SOAP, UDDI, WSDL) che contengono informazioni correlate. Diversi modi di definire le stesse cose all interno dei messaggi SOAP e strutture WSDL, UDDI possono creare problemi Come è possibile ridurre la probabilità di errore? (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

10 Informazioni Generali WS Interoperability (WS-I) Initiative WS-I (http://www.ws-i.org) è un organizzazione no profit che cerca di fornire delle linee guida per ridurre il rischio di mancata interoperabilità. Come? Definizione di restrizioni sull uso delle varie specifiche. (Ha rilasciato quello che viene chiamato il Basic Profile) R1124: An INSTANCE MUST use a 2xx HTTP status code on a response message that indicates the successful outcome of a HTTP request. R2003: A DESCRIPTION MUST use the XML Schema import statement only within the xsd:schema element of the types section (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

11 Informazioni Generali WS Interoperability (WS-I) Initiative WS-I (http://www.ws-i.org) è un organizzazione no profit che cerca di fornire delle linee guida per ridurre il rischio di mancata interoperabilità. Come? Definizione di restrizioni sull uso delle varie specifiche. (Ha rilasciato quello che viene chiamato il Basic Profile) R1124: An INSTANCE MUST use a 2xx HTTP status code on a response message that indicates the successful outcome of a HTTP request. R2003: A DESCRIPTION MUST use the XML Schema import statement only within the xsd:schema element of the types section (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

12 Informazioni Generali WS Interoperability (WS-I) Initiative WS-I (http://www.ws-i.org) è un organizzazione no profit che cerca di fornire delle linee guida per ridurre il rischio di mancata interoperabilità. Come? Definizione di restrizioni sull uso delle varie specifiche. (Ha rilasciato quello che viene chiamato il Basic Profile) R1124: An INSTANCE MUST use a 2xx HTTP status code on a response message that indicates the successful outcome of a HTTP request. R2003: A DESCRIPTION MUST use the XML Schema import statement only within the xsd:schema element of the types section (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

13 WS-I example Informazioni Generali R1011: An ENVELOPE MUST NOT have any element children of soap:envelope following the soap:body element. (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

14 Informazioni Generali On WS-I testing and monitoring WS-I ha sviluppato un architettura che permette di monitorare i messaggi scambiati tra servizi e di verificare conformità con le specifiche del basic profile. Come il Testing può essere utile? testing può essere usato per far generare una serie di messaggi all applicazione in modo da poter verificare la conformita alle regole del profilo per buona parte testing del SOAP container (i.e. Axis) e dei servizi di infrastruttura (UDDI). Focus su servizi al livello applicativo! (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

15 Informazioni Generali On WS-I testing and monitoring WS-I ha sviluppato un architettura che permette di monitorare i messaggi scambiati tra servizi e di verificare conformità con le specifiche del basic profile. Come il Testing può essere utile? testing può essere usato per far generare una serie di messaggi all applicazione in modo da poter verificare la conformita alle regole del profilo per buona parte testing del SOAP container (i.e. Axis) e dei servizi di infrastruttura (UDDI). Focus su servizi al livello applicativo! (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

16 Informazioni Generali On WS-I testing and monitoring WS-I ha sviluppato un architettura che permette di monitorare i messaggi scambiati tra servizi e di verificare conformità con le specifiche del basic profile. Come il Testing può essere utile? testing può essere usato per far generare una serie di messaggi all applicazione in modo da poter verificare la conformita alle regole del profilo per buona parte testing del SOAP container (i.e. Axis) e dei servizi di infrastruttura (UDDI). Focus su servizi al livello applicativo! (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

17 Informazioni Generali On WS-I testing and monitoring WS-I ha sviluppato un architettura che permette di monitorare i messaggi scambiati tra servizi e di verificare conformità con le specifiche del basic profile. Come il Testing può essere utile? testing può essere usato per far generare una serie di messaggi all applicazione in modo da poter verificare la conformita alle regole del profilo per buona parte testing del SOAP container (i.e. Axis) e dei servizi di infrastruttura (UDDI). Focus su servizi al livello applicativo! (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

18 Sommario Modeling Interacting Web Services 1 Informazioni Generali 2 Modeling Interacting Web Services 3 Testing of Web Services (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

19 Orchestration Modeling Interacting Web Services Controllo centralizzato (orchestratore) (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

20 Orchestration Modeling Interacting Web Services Controllo centralizzato (orchestratore) (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

21 Choreographies Modeling Interacting Web Services Nessun punto di centralizzazione (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

22 Choreographies Modeling Interacting Web Services Nessun punto di centralizzazione (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

23 Modeling Interacting Web Services Orchestration vs. Choreography (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

24 Modeling Interacting Web Services WS-BPEL BPEL è uno standard per la definizione di orchestrazioni rilasciato da OASIS (WS-BPEL 2.0, 11 Aprile 2007) Una specifica BPEL (concreta) fornisce il punto di vista di un singolo servizio che compone altri servizi e.g. il semaforo è un orchestratore che compone molti servizi guidatore al fine di fornire un area condivisa in cui non avvengono incidenti il cui accesso è equo e non si incorre in situazioni di deadlock. Specifica BPEL può essere facilmente modellata e derivata da diagrammi di attività Certamente un orchestratore può essere definito utilizzando il linguaggio Java (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

25 Modeling Interacting Web Services WS-BPEL BPEL è uno standard per la definizione di orchestrazioni rilasciato da OASIS (WS-BPEL 2.0, 11 Aprile 2007) Una specifica BPEL (concreta) fornisce il punto di vista di un singolo servizio che compone altri servizi e.g. il semaforo è un orchestratore che compone molti servizi guidatore al fine di fornire un area condivisa in cui non avvengono incidenti il cui accesso è equo e non si incorre in situazioni di deadlock. Specifica BPEL può essere facilmente modellata e derivata da diagrammi di attività Certamente un orchestratore può essere definito utilizzando il linguaggio Java (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

26 Modeling Interacting Web Services WS-BPEL BPEL è uno standard per la definizione di orchestrazioni rilasciato da OASIS (WS-BPEL 2.0, 11 Aprile 2007) Una specifica BPEL (concreta) fornisce il punto di vista di un singolo servizio che compone altri servizi e.g. il semaforo è un orchestratore che compone molti servizi guidatore al fine di fornire un area condivisa in cui non avvengono incidenti il cui accesso è equo e non si incorre in situazioni di deadlock. Specifica BPEL può essere facilmente modellata e derivata da diagrammi di attività Certamente un orchestratore può essere definito utilizzando il linguaggio Java (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

27 Modeling Interacting Web Services WS-BPEL BPEL è uno standard per la definizione di orchestrazioni rilasciato da OASIS (WS-BPEL 2.0, 11 Aprile 2007) Una specifica BPEL (concreta) fornisce il punto di vista di un singolo servizio che compone altri servizi e.g. il semaforo è un orchestratore che compone molti servizi guidatore al fine di fornire un area condivisa in cui non avvengono incidenti il cui accesso è equo e non si incorre in situazioni di deadlock. Specifica BPEL può essere facilmente modellata e derivata da diagrammi di attività Certamente un orchestratore può essere definito utilizzando il linguaggio Java (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

28 Modeling Interacting Web Services Testing BPEL Cosa può essere interessante testare? Attenzione non ha senso utilizzare tecniche di MBT a partire da BPEL Certamente può essere interessante testare il BPEL rispetto ad altre specifiche funzionali applicando tecniche di tipo white-box...ovviamente necessario derivare stubs per i servizi orchestrati particolarmente interessante sembra essere la possibilità di utilizzare il BPEL per derivare casi di test per i partecipanti all orchestrazione in molti casi servizi da comporre scoperti solo a run-time dunque fase di testing diventa difficile e si deve optare per soluzioni di monitoring/analisi/recovery (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

29 Modeling Interacting Web Services Testing BPEL Cosa può essere interessante testare? Attenzione non ha senso utilizzare tecniche di MBT a partire da BPEL Certamente può essere interessante testare il BPEL rispetto ad altre specifiche funzionali applicando tecniche di tipo white-box...ovviamente necessario derivare stubs per i servizi orchestrati particolarmente interessante sembra essere la possibilità di utilizzare il BPEL per derivare casi di test per i partecipanti all orchestrazione in molti casi servizi da comporre scoperti solo a run-time dunque fase di testing diventa difficile e si deve optare per soluzioni di monitoring/analisi/recovery (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

30 Modeling Interacting Web Services Testing BPEL Cosa può essere interessante testare? Attenzione non ha senso utilizzare tecniche di MBT a partire da BPEL Certamente può essere interessante testare il BPEL rispetto ad altre specifiche funzionali applicando tecniche di tipo white-box...ovviamente necessario derivare stubs per i servizi orchestrati particolarmente interessante sembra essere la possibilità di utilizzare il BPEL per derivare casi di test per i partecipanti all orchestrazione in molti casi servizi da comporre scoperti solo a run-time dunque fase di testing diventa difficile e si deve optare per soluzioni di monitoring/analisi/recovery (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

31 Modeling Interacting Web Services Testing BPEL Cosa può essere interessante testare? Attenzione non ha senso utilizzare tecniche di MBT a partire da BPEL Certamente può essere interessante testare il BPEL rispetto ad altre specifiche funzionali applicando tecniche di tipo white-box...ovviamente necessario derivare stubs per i servizi orchestrati particolarmente interessante sembra essere la possibilità di utilizzare il BPEL per derivare casi di test per i partecipanti all orchestrazione in molti casi servizi da comporre scoperti solo a run-time dunque fase di testing diventa difficile e si deve optare per soluzioni di monitoring/analisi/recovery (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

32 Modeling Interacting Web Services Testing BPEL Cosa può essere interessante testare? Attenzione non ha senso utilizzare tecniche di MBT a partire da BPEL Certamente può essere interessante testare il BPEL rispetto ad altre specifiche funzionali applicando tecniche di tipo white-box...ovviamente necessario derivare stubs per i servizi orchestrati particolarmente interessante sembra essere la possibilità di utilizzare il BPEL per derivare casi di test per i partecipanti all orchestrazione in molti casi servizi da comporre scoperti solo a run-time dunque fase di testing diventa difficile e si deve optare per soluzioni di monitoring/analisi/recovery (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

33 Modeling Interacting Web Services Cosa descrive una coreografia Collaborazione di un insieme di servizi al fine di raggiungere uno scopo comune Standard proposto: WS-CDL dal W3C Non è chiaro se diventerà lo standard di fatto per la descrizione di coreografie semantica del linguaggio data tramite estensione del pi-calculus concetti fondamentali del linguaggio: Partecipanti Ruoli Relazioni Canali Variabili Eccezioni Attività (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

34 Modeling Interacting Web Services Cosa descrive una coreografia Collaborazione di un insieme di servizi al fine di raggiungere uno scopo comune Standard proposto: WS-CDL dal W3C Non è chiaro se diventerà lo standard di fatto per la descrizione di coreografie semantica del linguaggio data tramite estensione del pi-calculus concetti fondamentali del linguaggio: Partecipanti Ruoli Relazioni Canali Variabili Eccezioni Attività (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

35 Modeling Interacting Web Services Cosa descrive una coreografia Collaborazione di un insieme di servizi al fine di raggiungere uno scopo comune Standard proposto: WS-CDL dal W3C Non è chiaro se diventerà lo standard di fatto per la descrizione di coreografie semantica del linguaggio data tramite estensione del pi-calculus concetti fondamentali del linguaggio: Partecipanti Ruoli Relazioni Canali Variabili Eccezioni Attività (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

36 Modeling Interacting Web Services Cosa descrive una coreografia Collaborazione di un insieme di servizi al fine di raggiungere uno scopo comune Standard proposto: WS-CDL dal W3C Non è chiaro se diventerà lo standard di fatto per la descrizione di coreografie semantica del linguaggio data tramite estensione del pi-calculus concetti fondamentali del linguaggio: Partecipanti Ruoli Relazioni Canali Variabili Eccezioni Attività (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

37 Modeling Interacting Web Services Cosa descrive una coreografia Collaborazione di un insieme di servizi al fine di raggiungere uno scopo comune Standard proposto: WS-CDL dal W3C Non è chiaro se diventerà lo standard di fatto per la descrizione di coreografie semantica del linguaggio data tramite estensione del pi-calculus concetti fondamentali del linguaggio: Partecipanti Ruoli Relazioni Canali Variabili Eccezioni Attività (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

38 Modeling Interacting Web Services Choreography example (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

39 Modeling Interacting Web Services Testing nel mondo delle coreografie La specifica di una coreografia sembra essere particolarmente adatta all applicazione di metodologie di MBT in particolare per verificare che un servizio possa svolgere un dato ruolo. Anche in questo caso necessità di derivare stubs. Forse semplificata da un più semplice approviggionamento data da different modello di business implicato da coreografie. Attenzione poter svolgere un ruolo implica due aspetti fondamentali: servizi offerti servizi richiesti complicazione deriva dalla possibilità che un servizio sia attivo contemporaneamente in più coreografie (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

40 Modeling Interacting Web Services Testing nel mondo delle coreografie La specifica di una coreografia sembra essere particolarmente adatta all applicazione di metodologie di MBT in particolare per verificare che un servizio possa svolgere un dato ruolo. Anche in questo caso necessità di derivare stubs. Forse semplificata da un più semplice approviggionamento data da different modello di business implicato da coreografie. Attenzione poter svolgere un ruolo implica due aspetti fondamentali: servizi offerti servizi richiesti complicazione deriva dalla possibilità che un servizio sia attivo contemporaneamente in più coreografie (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

41 Modeling Interacting Web Services Testing nel mondo delle coreografie La specifica di una coreografia sembra essere particolarmente adatta all applicazione di metodologie di MBT in particolare per verificare che un servizio possa svolgere un dato ruolo. Anche in questo caso necessità di derivare stubs. Forse semplificata da un più semplice approviggionamento data da different modello di business implicato da coreografie. Attenzione poter svolgere un ruolo implica due aspetti fondamentali: servizi offerti servizi richiesti complicazione deriva dalla possibilità che un servizio sia attivo contemporaneamente in più coreografie (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

42 Ontologie Modeling Interacting Web Services (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

43 Modeling Interacting Web Services OWL-S OWL-S descrive un ontologia per la descrizione di Web Service Specifica del W3C A cose serve? Discovery automatico di servizi Invocazione automatica di servizi Composizione ed interazione automatica di servizi Specifica si compone di tre elementi principali: profile: informazioni per la fase di discovery process: informazioni riguardanti il comportamento grounding: come accedere al servizio (binding) (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

44 Modeling Interacting Web Services OWL-S OWL-S descrive un ontologia per la descrizione di Web Service Specifica del W3C A cose serve? Discovery automatico di servizi Invocazione automatica di servizi Composizione ed interazione automatica di servizi Specifica si compone di tre elementi principali: profile: informazioni per la fase di discovery process: informazioni riguardanti il comportamento grounding: come accedere al servizio (binding) (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

45 Modeling Interacting Web Services OWL-S OWL-S descrive un ontologia per la descrizione di Web Service Specifica del W3C A cose serve? Discovery automatico di servizi Invocazione automatica di servizi Composizione ed interazione automatica di servizi Specifica si compone di tre elementi principali: profile: informazioni per la fase di discovery process: informazioni riguardanti il comportamento grounding: come accedere al servizio (binding) (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

46 Modeling Interacting Web Services OWL-S OWL-S descrive un ontologia per la descrizione di Web Service Specifica del W3C A cose serve? Discovery automatico di servizi Invocazione automatica di servizi Composizione ed interazione automatica di servizi Specifica si compone di tre elementi principali: profile: informazioni per la fase di discovery process: informazioni riguardanti il comportamento grounding: come accedere al servizio (binding) (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

47 Modeling Interacting Web Services Testing da specifiche ontologiche?? (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

48 Modeling Interacting Web Services Testing da specifiche ontologiche?? (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

49 Sommario Testing of Web Services 1 Informazioni Generali 2 Modeling Interacting Web Services 3 Testing of Web Services (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

50 Testing of Web Services Rilevanza dell argomento In un documento della commissione europea intitolato The service engineering area: An overview of its current status and a vision of its future (July 2005) si legge: The area of testing services and their specifications has until now received limited attention from the research community. Of course, there are several tool vendors who sell powerful testing workbenches and some of these have been extended to cover web service testing. The scientific challenge that we face is to move from simple structural testing to semantic testing where we make use of semantic and QoS information in the service specification to identify test sets and create tools that can generate and execute these tests (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

51 Testing of Web Services WS e le sfide per la fase di testing Distribuzione e controllo dei servizi che costituiscono l applicazione da parte di più organizzazioni Discovery e binding di servizi (spesso sviluppati e controllati da terzi) solo a run-time Dinamismo a run-time ovvero i binding e implementazione dei servizi può cambiare a run-time Possibilità che i servizi utilizzino risorse stateful Fondamentale rilevanza assunta da QoS... (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

52 Testing of Web Services WS e le sfide per la fase di testing Distribuzione e controllo dei servizi che costituiscono l applicazione da parte di più organizzazioni Discovery e binding di servizi (spesso sviluppati e controllati da terzi) solo a run-time Dinamismo a run-time ovvero i binding e implementazione dei servizi può cambiare a run-time Possibilità che i servizi utilizzino risorse stateful Fondamentale rilevanza assunta da QoS... (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

53 Testing of Web Services WS e le sfide per la fase di testing Distribuzione e controllo dei servizi che costituiscono l applicazione da parte di più organizzazioni Discovery e binding di servizi (spesso sviluppati e controllati da terzi) solo a run-time Dinamismo a run-time ovvero i binding e implementazione dei servizi può cambiare a run-time Possibilità che i servizi utilizzino risorse stateful Fondamentale rilevanza assunta da QoS... (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

54 Testing of Web Services WS e le sfide per la fase di testing Distribuzione e controllo dei servizi che costituiscono l applicazione da parte di più organizzazioni Discovery e binding di servizi (spesso sviluppati e controllati da terzi) solo a run-time Dinamismo a run-time ovvero i binding e implementazione dei servizi può cambiare a run-time Possibilità che i servizi utilizzino risorse stateful Fondamentale rilevanza assunta da QoS... (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

55 Testing of Web Services WS e le sfide per la fase di testing Distribuzione e controllo dei servizi che costituiscono l applicazione da parte di più organizzazioni Discovery e binding di servizi (spesso sviluppati e controllati da terzi) solo a run-time Dinamismo a run-time ovvero i binding e implementazione dei servizi può cambiare a run-time Possibilità che i servizi utilizzino risorse stateful Fondamentale rilevanza assunta da QoS... (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

56 Testing of Web Services Opportunità Specifiche formali adatte alla derivazione automatica di casi di test più spesso disponibili e definite secondo formati standard e computer readable Nuovi punti di controllo in cui poter inserire attività di testing e di verifica. Formati aperti e standard per messaggi e descrizioni Messaggi SOAP Descrizioni WSDL Strutture dati via formati XML schema... Distribuzione pluri-organizzativa e carenza di trust reciproca (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

57 Testing of Web Services Opportunità Specifiche formali adatte alla derivazione automatica di casi di test più spesso disponibili e definite secondo formati standard e computer readable Nuovi punti di controllo in cui poter inserire attività di testing e di verifica. Formati aperti e standard per messaggi e descrizioni Messaggi SOAP Descrizioni WSDL Strutture dati via formati XML schema... Distribuzione pluri-organizzativa e carenza di trust reciproca (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

58 Testing of Web Services Opportunità Specifiche formali adatte alla derivazione automatica di casi di test più spesso disponibili e definite secondo formati standard e computer readable Nuovi punti di controllo in cui poter inserire attività di testing e di verifica. Formati aperti e standard per messaggi e descrizioni Messaggi SOAP Descrizioni WSDL Strutture dati via formati XML schema... Distribuzione pluri-organizzativa e carenza di trust reciproca (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

59 Testing of Web Services Opportunità Specifiche formali adatte alla derivazione automatica di casi di test più spesso disponibili e definite secondo formati standard e computer readable Nuovi punti di controllo in cui poter inserire attività di testing e di verifica. Formati aperti e standard per messaggi e descrizioni Messaggi SOAP Descrizioni WSDL Strutture dati via formati XML schema... Distribuzione pluri-organizzativa e carenza di trust reciproca (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

60 Testing of Web Services Attori del testing Sviluppatori Provider (due casi distinti) Orchestratori Enti di certificazione Directory e Discovery service providers Choreography Agency (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

61 Fasi del Testing Testing of Web Services (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

62 Approcci proposti Testing of Web Services Heckel R., Lohmann M. Towards contract-based testing of web services In Proc. TACOS, pages , Electr. Notes Theor. Comput. Sci ogni operazione esposta dichiara pre- e post- condizioni tecniche di contract-based testing associate alla richiesta di dichiarazione di metodi getter per aumentare testabilità contratti publicati ed usati per discovery e binding L approccio sembra non essere poi specifico di SOA (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

63 Approcci proposti Testing of Web Services Heckel R., Lohmann M. Towards contract-based testing of web services In Proc. TACOS, pages , Electr. Notes Theor. Comput. Sci ogni operazione esposta dichiara pre- e post- condizioni tecniche di contract-based testing associate alla richiesta di dichiarazione di metodi getter per aumentare testabilità contratti publicati ed usati per discovery e binding L approccio sembra non essere poi specifico di SOA (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

64 Testing of Web Services Automatic SOAP generation Under development (in collaboration with Bartolini Cesare, Bertolino Antonia, Marchetti Eda) Formato XML dei messaggi permette manipolazione e creazione automatica dei messaggi Descrizione di formato di interfaccia e parametri in XML permette generazione automatica di istanze di dati Uso di un tool chiamato TAXI che applica CP e boundary analysis per generazione automatica di istanze XML a partire da schemi XML. e.g. <choice> (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

65 Testing of Web Services Automatic SOAP generation Offutt e Xu (Generating Test Cases for Web Services Using Data Perturbation - TAVWEB04) Fanno recording di messaggi scambiati durante esecuzione normale tra servizi. Tali messaggi vengono poi mutati con valori di boundary per definire comportamento Schiefendeker and Stepien (Automated Testing of XML/SOAP based Web Services) hanno definito un mapping di XML schema su TTCN3 in questo caso l idea è di poter riutilizzare la mole di tool disponibili per questo linguaggio. (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

66 Testing of Web Services Automatic SOAP generation - issue Principale problema con questi approcci riguarda la generazione dell oracolo che non può essere facilmente generato in modo automatico (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

67 Testing of Web Services testing e verifica statica Molti approcci che si trovano in letteratura e che utilizzano la parola testing si riconducono in realtà a tecniche di verifica statica (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

68 Testing of Web Services Audizione di servizi (in collaborazione con Bertolino Antonia) Obiettivo è creare un directory service con servizi trustable il directory è aumentato con funzionalità di test si suppone che servizio sia descritto o comunque riferisca anche da specifica comportamentale (implementazione esistente usa SSM) l idea originaria è quella di un audizione per una coreografia verifiche effettuare uso di altri servizi e rispondenza alla specifica per l interfaccia (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

69 Testing of Web Services Audizione di servizi (in collaborazione con Bertolino Antonia) Obiettivo è creare un directory service con servizi trustable il directory è aumentato con funzionalità di test si suppone che servizio sia descritto o comunque riferisca anche da specifica comportamentale (implementazione esistente usa SSM) l idea originaria è quella di un audizione per una coreografia verifiche effettuare uso di altri servizi e rispondenza alla specifica per l interfaccia (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

70 Testing of Web Services Audizione di servizi (in collaborazione con Bertolino Antonia) Obiettivo è creare un directory service con servizi trustable il directory è aumentato con funzionalità di test si suppone che servizio sia descritto o comunque riferisca anche da specifica comportamentale (implementazione esistente usa SSM) l idea originaria è quella di un audizione per una coreografia verifiche effettuare uso di altri servizi e rispondenza alla specifica per l interfaccia (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

71 Testing of Web Services Audizione di servizi (in collaborazione con Bertolino Antonia) Obiettivo è creare un directory service con servizi trustable il directory è aumentato con funzionalità di test si suppone che servizio sia descritto o comunque riferisca anche da specifica comportamentale (implementazione esistente usa SSM) l idea originaria è quella di un audizione per una coreografia verifiche effettuare uso di altri servizi e rispondenza alla specifica per l interfaccia (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

72 Testing of Web Services Audizione di servizi (in collaborazione con Bertolino Antonia) Obiettivo è creare un directory service con servizi trustable il directory è aumentato con funzionalità di test si suppone che servizio sia descritto o comunque riferisca anche da specifica comportamentale (implementazione esistente usa SSM) l idea originaria è quella di un audizione per una coreografia verifiche effettuare uso di altri servizi e rispondenza alla specifica per l interfaccia (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

73 Audizione di servizi Testing of Web Services (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

74 Audizione di servizi Testing of Web Services (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

75 Audizione di servizi Testing of Web Services (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

76 Audizione di servizi Testing of Web Services (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

77 Audizione di servizi Testing of Web Services (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

78 Audizione di servizi Testing of Web Services (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

79 Audizione di servizi Testing of Web Services (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

80 Audizione di servizi Testing of Web Services (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

81 Audizione di servizi Testing of Web Services (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

82 Testing of Web Services Audition assunzioni e questioni aperte Prevede ambiente collaborativo Servizi under registration devono essere a conoscenza del fatto che saranno testati il registro è unico o altrimenti devono essere previsti meccanismi di collaborazione tra i registri la verifica di coreografia è parziale comunicazioni con registro contengono identità del mittente (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

83 Testing of Web Services Audition assunzioni e questioni aperte Prevede ambiente collaborativo Servizi under registration devono essere a conoscenza del fatto che saranno testati il registro è unico o altrimenti devono essere previsti meccanismi di collaborazione tra i registri la verifica di coreografia è parziale comunicazioni con registro contengono identità del mittente (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

84 Testing of Web Services Audition assunzioni e questioni aperte Prevede ambiente collaborativo Servizi under registration devono essere a conoscenza del fatto che saranno testati il registro è unico o altrimenti devono essere previsti meccanismi di collaborazione tra i registri la verifica di coreografia è parziale comunicazioni con registro contengono identità del mittente (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

85 Testing of Web Services Audition assunzioni e questioni aperte Prevede ambiente collaborativo Servizi under registration devono essere a conoscenza del fatto che saranno testati il registro è unico o altrimenti devono essere previsti meccanismi di collaborazione tra i registri la verifica di coreografia è parziale comunicazioni con registro contengono identità del mittente (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

86 Testing of Web Services Audition assunzioni e questioni aperte Prevede ambiente collaborativo Servizi under registration devono essere a conoscenza del fatto che saranno testati il registro è unico o altrimenti devono essere previsti meccanismi di collaborazione tra i registri la verifica di coreografia è parziale comunicazioni con registro contengono identità del mittente (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

87 Testing of Web Services Audition assunzioni e questioni aperte Prevede ambiente collaborativo Servizi under registration devono essere a conoscenza del fatto che saranno testati il registro è unico o altrimenti devono essere previsti meccanismi di collaborazione tra i registri la verifica di coreografia è parziale comunicazioni con registro contengono identità del mittente (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

88 Approcci a run-time Testing of Web Services Si basano sul monitoring ed analisi dei risultati: Li, Han, Jin definiscono linguaggio per esprimere vincoli sulle interazioni accettate. Definiscono poi architettura di monitoring che aggiungendo handler nel SOAP container permette di loggare le invocazioni. Le proprietà definibili dal linguaggio: Pattern Based Specification and Validation of Web Services Interaction Properties, International Conference on Service Oriented Computing 2005 (ICSOC2005) (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

89 BPEL monitoring Testing of Web Services Lavoro di Baresi, Bianculli, Ghezzi, Guinea che prevede di aggiungere delle specifiche di pre e post condizioni a invocazioni di partner di processo BPEL. Linguaggio per la specifica di formule logiche del primo ordine WS-CoL che viene inserito all interno dei costrutti BPEL. Viene poi definito meccanismo di ricompilazione del engine BPEL per l interpretazione e valutazione run-time dei costrutti. (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

90 Testing of Web Services Grazie per l attenzione (Andrea Polini) Modeling and Testing of Web Services L Aquila, 28 Maggio / 46

Introduzione ai Web Services Alberto Polzonetti

Introduzione ai Web Services Alberto Polzonetti PROGRAMMAZIONE di RETE A.A. 2003-2004 Corso di laurea in INFORMATICA Introduzione ai Web Services alberto.polzonetti@unicam.it Introduzione al problema della comunicazione fra applicazioni 2 1 Il Problema

Dettagli

Survey sui Framework per Testing di Sistemi Basati su Web Services

Survey sui Framework per Testing di Sistemi Basati su Web Services Survey sui Framework per Testing di Sistemi Basati su Web Services Severoni Francesco Facoltà di Scienze Dipartimento di Informatica Università degli Studi - L Aquila 67100 L Aquila, Italia Argomenti Trattati

Dettagli

Web Service Architecture

Web Service Architecture Giuseppe Della Penna Università degli Studi di L Aquila dellapenna@di.univaq.it http://dellapenna.univaq.it Engineering IgTechnology Info92 Maggioli Informatica Micron Technology Neta Nous Informatica

Dettagli

Interoperabilità e cooperazione applicativa tra sistemi informativi

Interoperabilità e cooperazione applicativa tra sistemi informativi Interoperabilità e cooperazione applicativa tra sistemi informativi Michele Ruta Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Politecnico di Bari 1di 29 Indice Introduzione ai Port Community

Dettagli

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO Standard tecnici Gli standard tecnici di riferimento adottati sono conformi alle specifiche e alle raccomandazioni emanate dai principali

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Prospetto Informativo on-line Standard tecnici del sistema informativo per l invio telematico del Prospetto Informativo Documento: UNIPI.StandardTecnici Revisione

Dettagli

Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security con token SAML

Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security con token SAML Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security

Dettagli

simplesoad SOA/BPO ARCHITECT

simplesoad SOA/BPO ARCHITECT SIMPLE ENGINEERING simplesoad SOA/BPO ARCHITECT TRAINING CYCLE SHEET SIMPLESOAD_SA_COURSE_SHEET_IT_2007032701 SIMPLE ENGINEERING 2007 - ALL RIGHTS RESERVED. SIMPLE ENGINEERING IS AN INDEPENDENT EUROPEAN

Dettagli

Composizione e Coreografia di Web Services

Composizione e Coreografia di Web Services Composizione e Coreografia di Web Services Giusy Di Lorenzo Composizione Lo scopo della composizione è quello di comporre servizi esistenti al fine di definire un nuovo servizio a valore aggiunto Richiesta

Dettagli

Web Services. Scoperta del servizio UDDI. Descrizione del servizio WSDL. Accesso al servizio SOAP XML. Starto di comunicazione HTTP

Web Services. Scoperta del servizio UDDI. Descrizione del servizio WSDL. Accesso al servizio SOAP XML. Starto di comunicazione HTTP Web Services I web services servono a rendere interoperabili le applicazioni e favoriscono la loro integrazione. I servizi web sono applicazioni software che possono essere scoperte, descritte e usate

Dettagli

automation using workflow technology and web services Vassilacopoulos Med. Inform. (September 2003) vol. 28, no. 3,

automation using workflow technology and web services Vassilacopoulos Med. Inform. (September 2003) vol. 28, no. 3, Emergency healthcare process automation using workflow technology and web services M. Poulymenopoulou, F. Malamateniou, G. Vassilacopoulos Med. Inform. (September 2003) vol. 28, no. 3, 195 207 Processo

Dettagli

1 Vincenzo de Stefano SAP e Servizi Web http://desvino.altervista.org

1 Vincenzo de Stefano SAP e Servizi Web http://desvino.altervista.org 1 Vincenzo de Stefano SAP e Servizi Web http://desvino.altervista.org Prefazione. Da Hello World a Hello World Wide Web. Hello World è la prima frase stampata a video dal primo programma di esempio scritto

Dettagli

Course Objectives (I)

Course Objectives (I) Objectives After completing this lesson, you should be able to: Identify the course objectives Discuss the course agenda and topics Grasp the concept of service contract Course Objectives (I) After completing

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

Un introduzione ai Web service

Un introduzione ai Web service Un introduzione ai Web service Valeria Cardellini Università di Roma Tor Vergata Definizione di Web service Definizione fornita del W3C http://www.w3.org/tr/ws-arch/ A Web service is a software system

Dettagli

Service Oriented Architectures (SOA)

Service Oriented Architectures (SOA) Facoltà di Ingegneria dell Informazione Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Facoltà di Ingegneria dei Sistemi Laurea Magistrale in Ingegneria Biomedica Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dettagli

Processi BPEL. Obiettivi

Processi BPEL. Obiettivi Università degli studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Processi BPEL Corso di Sistemi Distribuiti Stefano Iannucci Anno accademico 2009/10 Email: sd@chmod.it Obiettivi Esercitazione pratica su:

Dettagli

Appendice D. D. Web Services

Appendice D. D. Web Services D. D.1 : cosa sono I cosiddetti sono diventati uno degli argomenti più attuali nel panorama dello sviluppo in ambiente Internet. Posti al centro delle più recenti strategie di aziende del calibro di IBM,

Dettagli

SOA e Web Service SISTEMI INFORMATIVI MODULO II. Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014

SOA e Web Service SISTEMI INFORMATIVI MODULO II. Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014 SISTEMI INFORMATIVI MODULO II SOA e Web Service Figure tratte dal testo di riferimento, Copyright

Dettagli

Università degli studi di Ferrara. Sviluppo di un Web Service per la classificazione del suolo e sua integrazione sul Portale SSE

Università degli studi di Ferrara. Sviluppo di un Web Service per la classificazione del suolo e sua integrazione sul Portale SSE Università degli studi di Ferrara Facoltà di scienze MM.FF.NN. Corso di Laurea Specialistica in Informatica Sviluppo di un Web Service per la classificazione del suolo e sua integrazione sul Portale SSE

Dettagli

UNA PIATTAFORMA DI SERVIZI AVANZATA A SUPPORTO DI DISTRETTI COOPERATIVI: IL PROGETTO DISCoRSO

UNA PIATTAFORMA DI SERVIZI AVANZATA A SUPPORTO DI DISTRETTI COOPERATIVI: IL PROGETTO DISCoRSO UNA PIATTAFORMA DI SERVIZI AVANZATA A SUPPORTO DI DISTRETTI COOPERATIVI: IL PROGETTO DISCoRSO Danilo Ardagna a, Luciano Baresi a, Sara Comai a, Marco Comuzzi a, Barbara Pernici a, Massimiliano Pianciamone

Dettagli

Java Enterprise Edi.on. Gabriele Tolomei DAIS Università Ca Foscari Venezia

Java Enterprise Edi.on. Gabriele Tolomei DAIS Università Ca Foscari Venezia Java Enterprise Edi.on Gabriele Tolomei DAIS Università Ca Foscari Venezia Java Web Services Web Services: SOAP vs. RESTful 2 diversi.pi di Web Services I Web Services SOAP sono quelli classici Si basano

Dettagli

(Service o Oriented Architecture)

(Service o Oriented Architecture) L Parliamo di SOA (Service o Oriented Architecture) Antonio Pintus, Marco Marongiu 1 Chi siamo Antonio Pintus è laureato in Informatica e studente di Dottorato di Ricerca in Informatica con argomenti relativi

Dettagli

Introduzione ad Architetture Orientate ai Servizi e Web Service

Introduzione ad Architetture Orientate ai Servizi e Web Service Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Introduzione ad Architetture Orientate ai Servizi e Web Service Corso di Sistemi Distribuiti Stefano Iannucci iannucci@ing.uniroma2.it Anno

Dettagli

Service Oriented Architecture what and why? QuickTime and a decompressor are needed to see this picture.

Service Oriented Architecture what and why? QuickTime and a decompressor are needed to see this picture. Service Oriented Architecture what and why? Service Oriented Architecture : architettura In quanto architettura, non è soltanto un insieme di nuove tecnologie, ma un insieme di componenti, di modelli e

Dettagli

Presentazione di Cedac Software

Presentazione di Cedac Software Agenda Presentazione di Cedac Software SOA ed ESB Analisi di un caso studio Esempi Q&A Presentazione di Cedac Software 1 2 Presentazione di Cedac Software S.r.l. Divisione Software Azienda nata nel 1994

Dettagli

7. Architetture Software

7. Architetture Software 7. Architetture Software progettare la struttura Andrea Polini Ingegneria del Software Corso di Laurea in Informatica (Ingegneria del Software) 7. Architetture Software 1 / 20 Scopo della fase di design

Dettagli

Java Web Services. Uso di Eclipse e Apache Axis

Java Web Services. Uso di Eclipse e Apache Axis Java Web Services Uso di Eclipse e Apache Axis 1 Gli strumenti utili per iniziare Axis (Web Service tool) Eclipse (IDE di sviluppo) Tomcat (servlet/jsp container) N.B. Eclipse e Tomcat possono essere sostituiti

Dettagli

Definizione di Web service (2) Un introduzione ai Web service. Caratteristiche dei Web service. Valeria Cardellini Università di Roma Tor Vergata

Definizione di Web service (2) Un introduzione ai Web service. Caratteristiche dei Web service. Valeria Cardellini Università di Roma Tor Vergata Definizione di Web service Definizione fornita del W3C http://www.w3.org/tr/ws-arch/ Un introduzione ai Web service Valeria Cardellini Università di Roma Tor Vergata A Web service is a software system

Dettagli

Definizione e realizzazione di un modello architetturale per la gestione della transazionalità in processi di business distribuiti. Edoardo Di Lorenzo

Definizione e realizzazione di un modello architetturale per la gestione della transazionalità in processi di business distribuiti. Edoardo Di Lorenzo Definizione e realizzazione di un modello architetturale per la gestione della transazionalità in processi di business distribuiti 29 marzo 2006 Edoardo Di Lorenzo Relatore: Marco Pistore Web Services

Dettagli

Modelli per la descrizione di protocolli

Modelli per la descrizione di protocolli POLITECNICO DI MILANO Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Modelli per la descrizione di protocolli asincroni basati sull usouso di servizi Web Relatore: Prof. Stefano Ceri Correlatori: Ing. Marco

Dettagli

La Roadmap dello sviluppo per System i5: dalle Applicazioni Legacy alla SOA

La Roadmap dello sviluppo per System i5: dalle Applicazioni Legacy alla SOA IBM System i5 La Roadmap dello sviluppo per System i5: dalle Applicazioni Legacy alla SOA Massimo Marasco System i Technical Sales Support massimo_marasco@it.ibm.com Oriented Architecture (SOA) Servizio

Dettagli

Verifica del codice con Interpretazione Astratta

Verifica del codice con Interpretazione Astratta Verifica del codice con Interpretazione Astratta Daniele Grasso grasso@dsi.unifi.it grasso.dan@gmail.com Università di Firenze, D.S.I., Firenze, Italy December 15, 2009 D.Grasso (Università di Firenze)

Dettagli

ECOSISTEMA DI UN REGISTRO DI COLLABORAZIONE:

ECOSISTEMA DI UN REGISTRO DI COLLABORAZIONE: ECOSISTEMA DI UN REGISTRO DI COLLABORAZIONE: Il sistema di modellazione di schemi e componenti Alfredo Scopece Consulente di Informatica Maggio 2005 Sintesi Il Registro di Collaborazione è un servizio

Dettagli

Introduzione a Service Oriented Architecture e Web Service

Introduzione a Service Oriented Architecture e Web Service Università degli Studi di Roma Tor Vergata Dipartimento di Ingegneria Civile e Ingegneria Informatica Introduzione a Service Oriented Architecture e Web Service Corso di Sistemi Distribuiti e Cloud Computing

Dettagli

Avvio AURA. Seminario sui web services. S. Dall'Olio P. Todoran CSI-Piemonte - Direzione Salute. Torino 5 agosto, 9 e 15 settembre

Avvio AURA. Seminario sui web services. S. Dall'Olio P. Todoran CSI-Piemonte - Direzione Salute. Torino 5 agosto, 9 e 15 settembre Avvio AURA Seminario sui web services S. Dall'Olio P. Todoran CSI-Piemonte - Direzione Salute Obiettivo dell'incontro AURA: Integrazione a servizi agevolare l'avvio di AURA per tutte le ASR entro i tempi

Dettagli

Laboratorio di RETI DI CALCOLATORI

Laboratorio di RETI DI CALCOLATORI Laboratorio di RETI DI CALCOLATORI A.A. 2009-2010 I WEB SERVICES Carlo Mastroianni Laboratorio di Reti di Calcolatori - Orario lunedì, 11:30-13:30, aula 40B mercoledì, 10:00-11:30, laboratorio settimo

Dettagli

Web services. 25/01/10 Web services

Web services. 25/01/10 Web services Web services Tecnologia per il computing distribuito standard W3C non dissimile da RMI, CORBA, EJB... Relazione con il Web Websites for humans, Web Services for software :-) un Web service ha un indirizzo

Dettagli

JBoss ESB Un caso d'uso italiano: La Porta di Dominio per la Cooperazione Applicativa

JBoss ESB Un caso d'uso italiano: La Porta di Dominio per la Cooperazione Applicativa JBoss ESB Un caso d'uso italiano: La Porta di Dominio per la Cooperazione Applicativa Andrea Leoncini JBoss Stefano Linguerri - Pro-netics Agenda JBoss ESB le SOA e la Porta di Dominio Le specifiche CNIPA

Dettagli

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE UFFICIO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE E STATISTICA Via V. Verrastro, n. 4 85100 Potenza tel

Dettagli

Architettura Connettore Alfresco Share

Architettura Connettore Alfresco Share Direzione Sistemi Informativi Portale e Orientamento Allegato n. 2 al Capitolato Tecnico Indice Architettura Connettore Alfresco Share 1. Architettura del Connettore... 3 1.1 Componente ESB... 4 1.2 COMPONENTE

Dettagli

Informatica Applicata 3.3 OWL. Antonella Poggi. Anno Accademico 2012-2013 DIPARTIMENTO DI SCIENZE DOCUMENTARIE LINGUISTICO FILOLOGICHE E GEOGRAFICHE

Informatica Applicata 3.3 OWL. Antonella Poggi. Anno Accademico 2012-2013 DIPARTIMENTO DI SCIENZE DOCUMENTARIE LINGUISTICO FILOLOGICHE E GEOGRAFICHE Informatica Applicata 3.3 OWL Antonella Poggi Anno Accademico 2012-2013 DIPARTIMENTO DI SCIENZE DOCUMENTARIE LINGUISTICO FILOLOGICHE E GEOGRAFICHE The Semantic Web Tower Antonella Poggi Pagina 2 Le ontologie

Dettagli

Modello Workflow - WIDE

Modello Workflow - WIDE Modello Workflow - WIDE Prof.ssa Gentile a.a. 2011-2012 Modello Wide Workflow on an Intelligent and Distributed database Environment Descrive processi come insiemi di attività tra loro collegate da vincoli

Dettagli

Allegato 1 CIG 58703795FF PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO

Allegato 1 CIG 58703795FF PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO SOMMARIO 1 Oggetto della Fornitura... 3 2 Composizione della Fornitura... 3 2.1 Piattaforma

Dettagli

Introduzione al Semantic Web

Introduzione al Semantic Web Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014 Giuseppe Loseto Dal Web al Semantic Web 2 Dal Web al Semantic Web: Motivazioni Il Web dovrebbe

Dettagli

Implementazione di un. linguaggio di base. per servizi web

Implementazione di un. linguaggio di base. per servizi web Università degli Studi di Firenze FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Tesi di Laurea in Informatica Implementazione di un linguaggio di base per servizi web Relatore: Prof. Rosario Pugliese

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE DI UN MODULO HTTPS IN JOLIE PER L ORCHESTRAZIONE DI SERVIZI

IMPLEMENTAZIONE DI UN MODULO HTTPS IN JOLIE PER L ORCHESTRAZIONE DI SERVIZI Alma Mater Studiorum Università di Bologna FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IMPLEMENTAZIONE DI UN MODULO HTTPS IN JOLIE PER L ORCHESTRAZIONE DI SERVIZI

Dettagli

Informatica: Evoluzione dei Linguaggi di Specifica e Programmazione. Informatica: Evoluzione dei Linguaggi di Specifica e Programmazione

Informatica: Evoluzione dei Linguaggi di Specifica e Programmazione. Informatica: Evoluzione dei Linguaggi di Specifica e Programmazione Informatica: Evoluzione dei Linguaggi di Specifica e Programmazione Ugo Montanari Dipartimento di Informatica, Università di Pisa 0 Roadmap Perchè i linguaggi? Che cosa sono i linguaggi? Esempio: i numeri

Dettagli

POR Calabria FSE 2007/2013 Asse II Occupabilità Obiettivo operativo D1

POR Calabria FSE 2007/2013 Asse II Occupabilità Obiettivo operativo D1 Allegato n. 2 al Capitolato speciale d appalto. ENTE PUBBLICO ECONOMICO STRUMENTALE DELLA REGIONE CALABRIA POR Calabria FSE 2007/2013 Asse II Occupabilità Obiettivo operativo D1 Procedura aperta sotto

Dettagli

12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP)

12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP) 12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP) Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica,

Dettagli

Analisi e sperimentazione della piattaforma Web Service Notification nell ambito del controllo del traffico aereo

Analisi e sperimentazione della piattaforma Web Service Notification nell ambito del controllo del traffico aereo tesi di laurea Analisi e sperimentazione della piattaforma Web Service Notification Anno Accademico 2006/2007 relatore Ch.mo prof. Domenico Cotroneo Correlatore Ing. Christiancarmine Esposito candidato

Dettagli

Università di Pisa Polo Sistemi Logistici Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici. Informatica per la Logistica. Lezioni

Università di Pisa Polo Sistemi Logistici Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici. Informatica per la Logistica. Lezioni Università di Pisa Polo Sistemi Logistici Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici Le grandi e complesse organizzazioni aziendali sono la manifestazione tangibile della tecnologia avanzata, più delle

Dettagli

Web Services e Grid Services. OGSA e WSRF. Sommario. Page 1

Web Services e Grid Services. OGSA e WSRF. Sommario. Page 1 Sommario Web Services e Grid Services OGSA e WSRF SOA Grid: Evoluzione OGSA - Open Grid Services Architecture WSRF Web Services Resource Framework Web services Servizi stateless Gestione dello stato Grid

Dettagli

Web Services e Grid Services. OGSA e WSRF

Web Services e Grid Services. OGSA e WSRF Web Services e Grid Services OGSA e WSRF Sommario SOA Grid: Evoluzione OGSA - Open Grid Services Architecture WSRF Web Services Resource Framework Web services Servizi stateless Gestione dello stato Grid

Dettagli

COME FARE PER. ARMONIZZARE IL SITO COL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DELL ENTE

COME FARE PER. ARMONIZZARE IL SITO COL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DELL ENTE COME FARE PER. ARMONIZZARE IL SITO COL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DELL ENTE Flavia Marzano marzano@cibernet.it 10/05/2004 ARPA Club Forum PA 2004 Contenuti Cenni normativi Sistema di gestione documentale:

Dettagli

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO MOSSOTTI

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO MOSSOTTI CLASSE III INDIRIZZO S.I.A. UdA n. 1 Titolo: conoscenze di base Conoscenza delle caratteristiche dell informatica e degli strumenti utilizzati Informatica e sistemi di elaborazione Conoscenza delle caratteristiche

Dettagli

Web Services Security

Web Services Security Web Services Security Introduzione ai Web Services Davide Marrone Sommario Cosa sono i web services Architettura dei web services XML-RPC SOAP (Simple Object Access Protocol) WSDL (Web Services Description

Dettagli

Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL)

Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL) Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL) Corso di Sistemi Distribuiti Stefano

Dettagli

Master sull Interoperabilità nella Pubblica Amministrazione e nelle Imprese

Master sull Interoperabilità nella Pubblica Amministrazione e nelle Imprese Il Master di secondo livello in "Interoperabilità per la Pubblica Amministrazione e le Imprese" mira a formare professionisti di sistemi di e-government in grado di gestirne aspetti tecnologici, normativi,

Dettagli

Università degli Studi di Milano 16 gennaio 2007. Dipartimento Informatica e Comunicazione aula Beta

Università degli Studi di Milano 16 gennaio 2007. Dipartimento Informatica e Comunicazione aula Beta Università degli Studi di Milano 16 gennaio 2007 Dipartimento Informatica e Comunicazione aula Beta DICo: seminario 16/01/07 Reply Reply è una società di Consulenza, System Integration, Application Management

Dettagli

MAX DOLGICER SOI. (Service Oriented Integration) CONCETTI, TECNOLOGIE E BEST PRACTICES

MAX DOLGICER SOI. (Service Oriented Integration) CONCETTI, TECNOLOGIE E BEST PRACTICES LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA MAX DOLGICER SOI (Service Oriented Integration) CONCETTI, TECNOLOGIE E BEST PRACTICES ROMA 27-29 MAGGIO 2009 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it

Dettagli

Modellazione dei dati in UML

Modellazione dei dati in UML Corso di Basi di Dati e Sistemi Informativi Modellazione dei dati in UML Angelo Montanari Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli Studi di Udine Introduzione UML (Unified Modeling Language):

Dettagli

Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni.

Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni. <Task AP3> Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni AP3-Documento Descrittivo degli Accordi di Servizio Versione AP3-specificaADSv1.2.1.doc Pag. 1

Dettagli

Verso la creazione di un prototipo di sportello unico marittimo (direttiva 65/2010/UE)

Verso la creazione di un prototipo di sportello unico marittimo (direttiva 65/2010/UE) Verso la creazione di un prototipo di sportello unico marittimo (direttiva 65/2010/UE) Mario Mega Dirigente Autorità Portuale di Bari ROMA, 9 Aprile 2014 project partners CONTESTO Con la DIRETTIVA 2010/65/UE

Dettagli

Integrazione di Sistemi Informativi Sanitari attraverso l uso di Middleware Web Services

Integrazione di Sistemi Informativi Sanitari attraverso l uso di Middleware Web Services Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto di Calcolo e Reti ad Alte Prestazioni Integrazione di Sistemi Informativi Sanitari attraverso l uso di Middleware Web Services I. Marra M. Ciampi RT-ICAR-NA-06-04

Dettagli

Rappresentazione della Conoscenza. Lezione 10. Rappresentazione della conoscenza, D. Nardi, 2004, Lezione 10 0

Rappresentazione della Conoscenza. Lezione 10. Rappresentazione della conoscenza, D. Nardi, 2004, Lezione 10 0 Rappresentazione della Conoscenza Lezione 10 Rappresentazione della conoscenza, D. Nardi, 2004, Lezione 10 0 Sistemi ed applicazioni Sistemi di rappresentazione della conoscenza basati su logiche descrittive.

Dettagli

Ontologie per l Informazione Geografica: prospettive e implementazione

Ontologie per l Informazione Geografica: prospettive e implementazione Ontologie per l Informazione Geografica: prospettive e implementazione Conferenza AM-FM Roma, 21-22 settembre 2006 Roberto Fresco Roberto della Maggiore Indice GIS sul Web: problematiche Semantic Web in

Dettagli

Una Architettura Open Service per la Gestione del Rischio Ambientale: il progetto ORCHESTRA

Una Architettura Open Service per la Gestione del Rischio Ambientale: il progetto ORCHESTRA Una Architettura Open Service per la Gestione del Rischio Ambientale: il progetto ORCHESTRA Olga RENDA (*), John FAVARO (**), Thomas USLÄNDER (***), Ralf DENZER (****) (*) Intecs S.p.A., Pisa, Italy, Tel.

Dettagli

UniRoma2 - Ingegneria del Software 1 1

UniRoma2 - Ingegneria del Software 1 1 Object Oriented Analysis - OOA La fase di OOA definisce, secondo un approccio ad oggetti, COSA un prodotto software deve fare (mentre la fase di OOD definisce, sempre secondo un approccio ad oggetti, COME

Dettagli

RMI Remote Method Invocation

RMI Remote Method Invocation RMI Remote Method Invocation [Pagina intenzionalmente vuota] (1 12 2004) slide 4:1/18 (p.106) Un applicazione RMI è un applicazione distribuita ad oggetti. Applicazione RMI tipica, strutturata in: server:

Dettagli

Progetti per l interoperabilità dei sistemi per l e Procurement. Relatore: dott. Giovanni Paolo Selitto

Progetti per l interoperabilità dei sistemi per l e Procurement. Relatore: dott. Giovanni Paolo Selitto l e Procurement Relatore: dott. Giovanni Paolo Selitto Agenda di Lisbona, 2000 Piano d azione del Consiglio Europeo per l economia dell Unione dal 2000 al 2010 Obiettivo: rendere l Europa "the most competitive

Dettagli

Le nuove soluzioni in risposta alle esigenze delle imprese

Le nuove soluzioni in risposta alle esigenze delle imprese Le nuove soluzioni in risposta alle esigenze delle imprese Giuseppe Troncone Partner, Business Consulting Service Financial Services Sector Leader IBM Italia Il Modello competitivo del mercato Corporate

Dettagli

Accordi. Tecnologie di cooperazione. Cooperazione fra Amministrazioni

Accordi. Tecnologie di cooperazione. Cooperazione fra Amministrazioni Alcune considerazioni nell ambito di un sistema di cooperazione informatico che preveda lo scambio di dati tra due o più organizzazioni. Quando parliamo di un sistema di cooperazione informatico ci riferiamo

Dettagli

Web Services con Axis Delia Di Giorgio Anna Celada 1 marzo 2005

Web Services con Axis Delia Di Giorgio Anna Celada 1 marzo 2005 Sommario Web Services con Axis Delia Di Giorgio Anna Celada 1 marzo 2005 Introduzione.................................................................................. 1 SOAP........................................................................................

Dettagli

fornitore di servizi utente all interazione tra utenti e sistemi

fornitore di servizi utente all interazione tra utenti e sistemi WEB SERVICES Successo del Web Negli anni passati il Web ha avuto un enorme successo principalmente per due motivi: Semplicità: Ubiquità Per un fornitore di servizi è semplice raggiungere un numero molto

Dettagli

Soluzioni informatiche per l'efficacia dei processi bancari

Soluzioni informatiche per l'efficacia dei processi bancari Soluzioni informatiche per l'efficacia dei processi bancari Michele Vaccaro Presale Manager Content Management & Archiving EMC Software Italy 1 Agenda BPM secondo EMC Case study: processo Origination BPM

Dettagli

Candidato: Luca Russo Docente: Prof. Raffaele Montella. 27 Marzo 2013

Candidato: Luca Russo Docente: Prof. Raffaele Montella. 27 Marzo 2013 e di e di Candidato: Luca Russo Docente: Corso di laurea in Informatica Applicata Facoltá di Scienze e Tecnologie Programmazione su Reti 27 Marzo 2013 Traccia d esame Sviluppare multitier con disaccoppiamento

Dettagli

Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica. Ingegneria del Software. La fase di Analisi

Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica. Ingegneria del Software. La fase di Analisi Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Ingegneria del Software La fase di Analisi Giulio Destri Ing. del software: Analisi - 1 Scopo del modulo Definire

Dettagli

Progettazione: Tecnologie e ambienti di sviluppo

Progettazione: Tecnologie e ambienti di sviluppo Contratto per l acquisizione di servizi di Assistenza specialistica per la gestione e l evoluzione del patrimonio software della Regione Basilicata. Repertorio n. 11016 del 25/09/2009 Progettazione: Tecnologie

Dettagli

Progettazione di interfacce web indipendenti dal dispositivo

Progettazione di interfacce web indipendenti dal dispositivo Progettazione di interfacce web indipendenti dal dispositivo Candidato Izzo Giovanni, Matr. 41/1305 Relatore Prof. Porfirio Tramontana 1 Panoramica su contesto ed obiettivi Il contesto della tesi è legato

Dettagli

Sistemi Operativi. Lez. 13: primitive per la concorrenza monitor e messaggi

Sistemi Operativi. Lez. 13: primitive per la concorrenza monitor e messaggi Sistemi Operativi Lez. 13: primitive per la concorrenza monitor e messaggi Osservazioni I semafori sono strumenti particolarmente potenti poiché consentono di risolvere ogni problema di sincronizzazione

Dettagli

Punto della Situazione. Dipartimento di Informatica e Comunicazione Università degli Studi di Milano e-mail: cazzola@dico.unimi.it

Punto della Situazione. Dipartimento di Informatica e Comunicazione Università degli Studi di Milano e-mail: cazzola@dico.unimi.it Punto della Situazione Dipartimento di Informatica e Comunicazione Università degli Studi di e-mail: cazzola@dico.unimi.it Slide 1 of 8 EOS-DUE: Informazioni Generali. L (responsabile), Lorenzo Capra e

Dettagli

Framework. Impianti Informatici. Web application - tecnologie

Framework. Impianti Informatici. Web application - tecnologie Framework Web application - tecnologie Web Application: tecnologie 2 Java-based (J2EE) Sviluppata inizialmente da Sun Cross-platform e open source Gestire direttamente le funzionalità dell applicazione

Dettagli

A A Design Tool to Develop Agent-Based Workflow Management Systems

A A Design Tool to Develop Agent-Based Workflow Management Systems Università degli Studi di Genova Facoltà di Ingegneria DIST - Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Telematica A A Design Tool to Develop Agent-Based Workflow Management Systems Marco Repetto, Massimo

Dettagli

Agenda. Seminario. Cedac Software - Hardware. Cedac Software S.r.l.

Agenda. Seminario. Cedac Software - Hardware. Cedac Software S.r.l. Seminario Architetture SOA in ambito bancario: Tecnologia ed applicazioni Agenda Cedac Software ed il suo Business SOA e Web Services Realizzazione di un Caso di Studio Nuove tecnologie WS-* Q&A Cedac

Dettagli

Classificazione dei Web Services

Classificazione dei Web Services Web Services Programmazione in ambienti distribuiti Anno 2004-2005 Claudio Zunino Classificazione dei Web Services Interattiva il client è umano ed utilizza tipicamente un web browser Sviluppati usando

Dettagli

MODEL-VIEW-CONTROLLER PROBLEMA

MODEL-VIEW-CONTROLLER PROBLEMA MODEL VIEW CONTROLLER DESIGN PATTERN MODEL-VIEW-CONTROLLER INGEGNERIA DEL SOFTWARE Università degli Studi di Padova Dipartimento di Matematica Corso di Laurea in Informatica, A.A. 2013 2014 rcardin@math.unipd.it

Dettagli

Principi dell ingegneria del software Relazioni fra

Principi dell ingegneria del software Relazioni fra Sommario Principi dell ingegneria del software Leggere Cap. 3 Ghezzi et al. Principi dell ingegneria del software Relazioni fra Principi Metodi e tecniche Metodologie Strumenti Descrizione dei principi

Dettagli

Enterprise @pplication Integration Software S.r.l.

Enterprise @pplication Integration Software S.r.l. SAP rel.1.0 : SAP State: Final Date: 03-27-200 Enterprise @pplication Integration Software S.r.l. Sede legale: Via Cola di Rienzo 212-00192 Rome - Italy Tel. +39.06.6864226 Sede operativa: viale Regina

Dettagli

Estrattore Semantico di Ontologie da DB Relazionali. Luca Macagnino

Estrattore Semantico di Ontologie da DB Relazionali. Luca Macagnino Estrattore Semantico di Ontologie da DB Relazionali Luca Macagnino 1 Obiettivi Estrarre un ontologia da una sorgente di dati relazionale, al fine di rendere disponibili e dotate di semantica le informazioni

Dettagli

Casi di studio sulla migrazione di applicazioni web verso servizi REST Anno Accademico 2008/2009

Casi di studio sulla migrazione di applicazioni web verso servizi REST Anno Accademico 2008/2009 tesi di laurea Casi di studio sulla migrazione di applicazioni web verso servizi REST Anno Accademico 2008/2009 relatore Ch.mo prof. Porfirio Tramontana candidato Marco Chimenti Matr. 534/1940 OBBIETTIVI

Dettagli

Server-side Programming: Java servlets Parte II

Server-side Programming: Java servlets Parte II Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria delle Telecomunicazioni Corso di Reti di Applicazioni Telematiche a.a. 2009-2010 Server-side Programming:

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Eccellenza in Business Process Management edizione 2010 Con il patrocinio e la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica dell Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Sistema Informativo. Funzione ICT in Azienda

Sistema Informativo. Funzione ICT in Azienda Definizione: Sistema Informativo Insieme di persone, macchine, applicazioni software e procedure (anche cartacee) che permettono ad un impresa di disporre delle informazioni necessarie alla realizzazione

Dettagli

Progetto SIRPE De-materializzazione delle prescrizioni. Servizi personalizzati della CIL

Progetto SIRPE De-materializzazione delle prescrizioni. Servizi personalizzati della CIL Pag. 1 di 17 Progetto SIRPE De-materializzazione personalizzati CIL per la cooperazione Versione 1.0 INDICE Pag. 2 di 17 1 INTRODUZIONE 4 1.1 Scopo del documento 4 1.2 Riferimenti 4 2 GENERALITÀ 4 2.1

Dettagli

Componenti Web: client-side e server-side

Componenti Web: client-side e server-side Componenti Web: client-side e server-side side Attività di applicazioni web Applicazioni web: un insieme di componenti che interagiscono attraverso una rete (geografica) Sono applicazioni distribuite logicamente

Dettagli

Visione Generale. Versione 1.0 del 25/08/2009

Visione Generale. Versione 1.0 del 25/08/2009 Visione Generale Versione 1.0 del 25/08/2009 Sommario 1 Premessa... 4 2 Le componenti applicative... 6 2.1 Porta di dominio... 7 2.2 Infrastrutture per la cooperazione... 9 2.2.1 Registro degli Accordi

Dettagli

Organizzazioni nel Grid Computing

Organizzazioni nel Grid Computing Il ruolo delle Organizzazioni nel Grid Computing Un primo sguardo a Globus - Parte 5 Organizzazioni di Grid Computing Panoramica sui prodotti software Primo sguardo a Globus Dott. Marcello CASTELLANO La

Dettagli

SWIM v2 Design Document

SWIM v2 Design Document PROGETTO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE 2 SWIM v2 DD Design Document Matteo Danelli Daniel Cantoni 22 Dicembre 2012 1 Indice Progettazione concettuale Modello ER Entità e relazioni nel dettaglio User Feedback

Dettagli