I METODI DEL MIGLIORAMENTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I METODI DEL MIGLIORAMENTO"

Transcript

1 I METODI DEL MIGLIORAMENTO 1 Le macro-tipologie di intervento di miglioramento: Su base giornaliera: è un intervento che può essere applicato quando i processi rispondono agli obiettivi aziendali, ma possono essere migliorati con piccoli interventi che consentono di renderli più efficaci ed efficienti; Breakthrough: questo intervento comporta un cambiamento radicale che permette di realizzare un miglioramento delle prestazioni di uno o più processi. 2 La reingegnerizzazione del sistema: questo tipo di intervento si rende necessario quando l intero paradigma organizzativo non è più adeguato a garantire il conseguimento degli obiettivi strategici aziendali. Esso determina una vera e propria innovazione organizzativa. 3 1

2 La scelta della tipologia di intervento deriva da un analisi organizzativa che permetta di stabilire quale sia lo stato dei processi aziendali in un determinato momento. Il risultato della valutazione deve essere posto in relazione con gli obiettivi strategici che il management intende conseguire nel medio lungo termine e con il posizionamento dell impresa rispetto alla concorrenza. 4 Per ogni processo e sottoprocesso si valuta l impatto, cioè il contributo che esso offre al sistema organizzativo per il conseguimento dei risultati pianificati e la qualità, cioè i risultati di performance rilevabili attraverso gli indicatori di efficacia e di efficienza. E opportuno studiare queste informazioni anche in relazione al mercato nel quale si opera confrontando i propri risultati con quelli ottenuti dai propri concorrenti. 5 Il modello Lean E una filosofia manageriale che mira a minimizzare gli sprechi fino ad annullarli ed ha l obiettivo di creare valore utilizzando solo le risorse essenziali nell ottica del miglioramento continuo. La semplificazione delle procedure operative e l eliminazione delle attività inutili favoriscono il raggiungimento della qualità del prodotto e 6 2

3 consentono da un lato di aumentare il livello di soddisfazione del cliente, riducendo i reclami ed i tempi d attesa e dall altro di migliorare la soddisfazione delle risorse umane ottimizzando l utilizzo degli spazi di lavoro, riducendo il numero delle ore lavorate, di errori e rilavorazioni. Il modello Leansi diffonde in Giappone a partire dagli anni 50, con particolare riferimento al Toyota P. S. 7 Negli anni 90 il LeanThinkingè stato introdotto nel mondo occidentale. In particolare, il termine Lean Production è stato coniato da Womack e Jones. Nel 2004, il LeanService Summit di Amsterdam ne ha esteso ufficialmente l applicabilità anche al settore dei servizi. 8 Lean Organization Si parla di organizzazione snella nel momento in cui vi è l estensione di tutti i suddetti principi dall ambito produttivo a tutti i processi aziendali. La LeanOrganizationrisulta essere uno dei più efficaci modelli organizzativi per gestire un organizzazione e prevede che le attività vengano gestite secondo il flusso di creazione del valore per la caccia agli sprechi. 9 3

4 Implementare il Modello Lean I presupposti del modello Lean sono i seguenti: - Il cliente al primo posto; - La qualità del prodotto finale; - La gestione per processi; - L eccellenza delle prestazioni ed il miglioramento continuo; - Il coinvolgimento delle risorse umane. 10 Principi e fasi di un approccio di tipo Lean Definire il valore per il cliente; Identificare il flusso di creazione del valore. L organizzazione deve analizzare il flusso del processo, classificando le attività in tre principali tipologie: attività che creano valore per il cliente, attività che non creano valore per il cliente ma che non possono essere eliminate, attività che non creano valore per il cliente e che possono essere eliminate; 11 Far scorrere il flusso di valore, recuperando efficienza, ove possibile, attraverso l eliminazione di barriere tra management e livello operativi, di sovrastrutture organizzative e di attività burocratizzate; Permettere al cliente di tirare il processo (logica di tipo pull); Ricercare la perfezione: qualsiasi standard nel tempo, se non vengono effettuate azioni di miglioramento, tende a deteriorarsi generando sprechi. 12 4

5 Il concetto di spreco Il concetto di valore dal punto di vista dell organizzazione si riferisce al rapporto tra la prestazione erogata ed i costi sostenuti dalla stessa. Lo spreco è l impegno di risorse ed energie che non aggiunge valore all output finale e quindi al cliente. 13 I setti sprechi di Ohno 1) spreco per eccessiva produzione (realizzare prodotti non richiesti dai clienti, produrli in un periodo dell anno in cui non verranno utilizzati etc); 2) spreco dovuto alle scorte (scortedi sicurezza eccessive, macchine o attrezzature non utilizzate etc); 3) spreco per tempi di attesa (aspettare il completamento di un operazione prima di iniziare quella successiva, ritardi causati da materiali o attrezzature non disponibili etc); 14 4) spreco per movimenti (eccessivi movimenti tra due posizioni di lavoro etc.); 5) spreco per trasporti (prendere pezzi da edifici diversi per realizzare un certo prodotto etc.); 6) spreco per difettosità (rilavorazioni, sostituzioni di prodotti difettosi prima della spedizione o restituiti dai clienti, materie prime o semilavorati difettosi); 15 5

6 7) sprechi dovuti a processi inutilmente costosi (richiedere firme di approvazione multiple da persone la cui autorizzazione è superflua etc.). Questi sette sprechi sono tipicamente da ricondursi ad un modello produttivo manifatturiero, anche se possono essere ricondotti anche al settore dei servizi. 16 Il miglioramento rapido e concentrato Il modello dell organizzazione snella presenta un approccio di tipo concentrato che si compie nella settimana di miglioramento rapido. La settimana di miglioramento rapido consiste nello svolgimento di un progetto di miglioramento condotto da un gruppo di persone, composto dal personale appartenente all ambito di intervento e dalla direzione dell organizzazione sotto la guida di un coordinatore. 17 La settimana ha durata di cinque giornate dal lunedì al venerdì e l intervento si focalizza su un area ristretta di un azienda (detta ambito di intervento). Le principali fasi su cui si articola l intervento di miglioramento rapido e concentrato sono: - La verifica della fattibilità dell intervento; - La definizione dei risultati attesi; 18 6

7 - La preparazione; - La realizzazione, - La verifica e la standardizzazione: dopo circa un mese dal termine della settimana di miglioramento è previsto un follow-up effettuato dal team di miglioramento. Questa fase consente di individuare interventi correttivi dopo aver verificato eventuali gap tra quanto si è pianificato e quanto si è conseguito. 19 Il miglioramento su base giornaliera La metodologia del miglioramento su base giornaliera rappresenta un approccio metodologico che viene applicato ai processi ed ai sottoprocessi con un livello di qualità sufficiente ed un impatto significativo sul business aziendale. Tale metodo pone particolare attenzione sulla relazione tra cliente e fornitore interno. 20 Il Daily Routine Work (DRW) Il miglioramento su base giornaliera si può implementare attraverso la metodologia del DRW; esso può essere adottato sia per affrontare il miglioramento dei processi primari sia dei processi di supporto in quanto in ogni caso la qualità della fase a monte determina un condizionamento rispetto alla qualità dell output della fase a valle. 21 7

8 L impostazione metodologica La metodologia su base giornaliera DRW si fonda sullo sviluppo dei seguenti quattro moduli: 1) orientamento al processo (due fasi); 2) orientamento al cliente (due fasi); 3) orientamento al controllo (in tre fasi); 4) orientamento al miglioramento (tre fasi). 22 1) Orientamento al processo Questo primo modulo è diviso in due fasi. Esso prevede l analisi preliminare organizzativa per determinare il processo prioritario sul quale avviare l approccio metodologico. Fase 1: individuazione del processo prioritario. Vengono elencati tutti i processi e sottoprocessi realizzati dall organizzazione o da una parte di essa. Per ogni processo viene indicato fornitore, input, cliente ed output. 23 Deve essere esplicitato l ambito di attività. Ogni processo viene valutato in base ai seguenti fattori di valutazione: grado di soddisfazione del cliente, ciclicità del processo, governabilità del processo, carico di lavoro, ripercussioni in caso di errori, coerenza rispetto alle politiche aziendali. 24 8

9 Una volta individuato il processo prioritario è necessario descrivere graficamente il processo utilizzando la tecnica del diagramma di flusso. Fase 2: tale fase prevede di definire in modo condiviso le finalità del processo e permette di evidenziare quali sono le esigenze del cliente interno e/o esterno. 25 2) Orientamento al cliente Anche il secondo modulo prevede due fasi: l identificazione dei clienti e dei relativi bisogni e l identificazione degli indicatori di qualità. Fase 1: questa fase permette di valutare il processo in funzione delle reali esigenze del cliente. Una volta elencati i bisogni del cliente, essi devono essere gerarchizzati. 26 Fase 2: una volta individuati i bisogni prioritari, è necessario definire un sistema di indicatori attraverso il quale monitorare l efficacia del processo. Per costruire gli indicatori è necessario procedere nel modo seguente: - Identificare l output ed il cliente (ad es. la consegna di un documento); 27 9

10 - Identificare il bisogno (ad es. la rapidità); - Selezionare la caratteristica misurabile correlata al bisogno prioritario (ad es. il tempo di consegna); - Definire insieme al cliente la specifica, cioè il livello minimo accettabile come risultato del processo (ad es. 2 giorni); - Costruire l indicatore sintetico ( ad es. N. documenti consegnati in più di 2 giorni/ N. documenti consegnati). 28 3) Orientamento al controllo Questo modulo si articola in tre fasi: definizione degli obiettivi e dei limiti del controllo; progettazione del sistema di controllo; attuazione del sistema di controllo. Fase 1: gli indicatori individuati secondo i criteri sopra indicati permettono di effettuare una prima analisi circa lo stato di un determinato processo. A questo punto è possibile stabilire gli obiettivi del processo ed i limiti minimo e massimo che si ritengono accettabili come variazione dello stesso. 29 Fase 2: il sistema di controllo permette di verificare lo stato di avanzamento delle attività valutando i rischi intermedi. E necessario identificare gli indicatori di processo. Questi ultimi vengono costruiti ricercando la correlazione tra gli indicatori finali e le cause che lungo il flusso possono determinare situazioni negative. Le cause possono essere individuate attraverso il diagramma causa effetto

11 Indicatori di qualità ed Indicatori di processo Possiamo in sintesi affermare che gli indicatori di qualità misurano i risultati in termini di output di processo e sono strettamente correlati alla soddisfazione delle esigenze del cliente, mentre gli indicatori di processo misurano i risultati di fasi e di attività identificate come critiche per la realizzazione del risultato finale. 31 Fase 3: attuare il sistema di controllo richiede un processo di formazione del personale che deve essere messo in condizione di realizzare la logica del PDCA nell ambito dei processi interessati dall applicazione del DRW. 32 4) Orientamento al miglioramento Tale modulo si articola anch esso in tre fasi: verifica dei risultati, attuazione di azioni di miglioramento, standardizzazione dei risultati. Tali fasi rappresentano la piena applicazione della logica del PDCA

12 Il Benchmarking Il Benchmarkingè una metodologia del TQM che consente all organizzazione di attivare un processo di miglioramento continuo e stabilire un vantaggio competitivo attraverso il confronto con le best practices. Il Benchmarkingattraverso la ricerca e l implementazione di soluzioni e modalità che provengono dall ambiente esterno all organizzazione stessa, consente di rivitalizzare il processo di miglioramento continuo. 34 Il Benchmarkingpuò essere inoltre collegato al concetto miglioramento breakthrough. L obiettivo è quello di comprendere e valutare l attuale posizione di un organizzazione in relazione alle migliori prassi, e di individuare le aree e gli strumenti di miglioramento delle prestazioni. E un processo rigoroso e sistematico di identificazione, misurazione, analisi ed adattamento delle best practices. 35 I principi del Benchmarking Il successo di un operazione di benchmarkingsi basa su quattro principi: 1) la reciprocità: il rapporto che si instaura tra i due partner deve essere sincero e reciproco, basato sullo scambio proficuo e sulla condivisione di dati ed informazioni; 2) l analogia: la scelta del partner di benchmarking deve essere effettuata prendendo in considerazione processi simili e comparabili al fine di garantire uno scambio di conoscenze efficaci

13 3) la misurazione: il confronto tra le performance di due organizzazioni richiede di utilizzare strumenti e sistemi di misurazione omogenei; 4) la validità: il confronto deve avvenire su dati e fatti validi e affidabili e non su stime o ipotesi derivanti da sensazioni o esperienze soggettive. 37 Il Benchmarking e l analisi competitiva Il Benchmarkingnon si deve confondere con l analisi competitiva, che è uno studio del comportamento e dei risultati ottenuti dai concorrenti diretti dell organizzazione. L analisi competitiva è un analisi statica in quanto non fornisce indicazioni su trend futuri ed è svolta in modo unilaterale dall organizzazione. 38 Il Benchmarkingconsente di superare alcuni limiti dell analisi competitiva, ampliandone il campo di interesse. In particolare, esso viene svolto in modo non unilaterale, ma coinvolgendo anche il benchmark attraverso un accordo formale; esso va ad indagare i processi aziendali e le relative performance, i metodi e le soluzioni utilizzate anche da organizzazioni che appartengono ad altri settori di business

14 Le principali tipologie di Benchmarking Prendendo in considerazione le fonti di dati utilizzati negli studi di benchmarking, si possono individuare le seguenti tipologie: - Il benchmarking interno; - Il benchmarking funzionale; - Il benchmarking competitivo; - Il benchmarging generico. 40 Se si considera invece l approccio operativo degli studi benchmarkingsi possono individuare le seguenti tipologie: - Il benchmarking strategico; - Il benchmarking operativo; - Il benchmarkingdelle performance; - Il benchmarking delle percezioni. 41 Le fasi del benchmarking Le fasi del benchmarking sono: 1) La pianificazione; 2) La raccolta dei dati e delle informazioni; 3) L analisi; 4) Il miglioramento

15 Il Benchlearning A differenza del benchmarking, il benchlearning è uno strumento per lo sviluppo organizzativo basato su un processo di apprendimento dall esperienza effettuata da altre organizzazioni con cui confrontarsi. Questa tecnica, basata sulla condivisione della conoscenza e delle informazioni, è un modo efficace per introdurre il cambiamento organizzativo. 43 Il Quality Function Deployment Il QFD è una metodologia utilizzata per incrementare la soddisfazione del cliente attraverso la qualità del prodotto/servizio offerto. Esso consente di trasformare le esigenze del cliente in requisiti tecnici adeguati. Il QFD prevede le seguenti attività: ricerche di mercato innovazione, disegno del concetto, test del prototipo, realizzazione del prodotto finale e servizio post vendita. 44 Queste fasi vengono sviluppate attraverso team di persone con diverse competenze e che devono essere opportunamente formate. Il team QFD deve rispondere a tre domande che sono: 1) Chi sono i clienti di riferimento? (WHO) 2) Quali sono le loro esigenze? (WHAT) 3) Come soddisfare le esigenze dei clienti? (HOW) 45 15

16 Il CHI, i COSA e i COME possono essere rappresentati in una matrice del QFD che viene chiamata la casa della qualità ed è il principale modello di approccio al QFD. Ma come si costruisce la casa della qualità? La costruzione della casa della qualità inizia con le esigenze del cliente che sono individuate attraverso indagini di mercato che consentono di ascoltare la voce del cliente (WHATS). 46 I WHATS sono posizionati nel blocco sulla sinistra della matrice delle relazioni. Il team del QFD deve assegnare una priorità alle esigenze del cliente attraverso brainstorming, focus group e analisi del mercato potenziale. La casa della Qualità è strutturata in sei zone: 1) Individuazione delle esigenze del cliente; 2) Analisi della concorrenza; 47 3) Individuazione delle caratteristiche tecniche del prodotto; 4) Gerarchizzazione delle caratteristiche tecniche; 5) Creazione della Matrice delle relazioni; 6) Matrice delle correlazioni tra le caratteristiche

17 I vantaggi e gli svantaggi del QFD Il maggior beneficio portato da questo metodo è l incremento della soddisfazione del cliente e della sua fedeltà. Tra gli svantaggi si evidenzia che un efficace applicazione richiede lo sviluppo del lavoro di gruppo e la condivisione delle informazioni in quanto spesso viene visto come un carico di lavoro aggiuntivo rispetto alle attività quotidiane

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Sistemi produttivi Just In Time. Just-In-Time Systems (Lean Production)

Sistemi produttivi Just In Time. Just-In-Time Systems (Lean Production) Sistemi produttivi Just In Time Just-In-Time Systems (Lean Production) 1 Origini del JIT e della Produzione Snella Introdotto da Toyota Adottato da altre aziende giapponesi Introdotto successivamente nelle

Dettagli

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore)

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) FOCUS: IL POSSIBILE CO-MARKETING Il focus intende coinvolgere i presidenti delle cooperative nell analisi di un possibile co-marketing. Raccogliere

Dettagli

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA Caratteristiche generali 0 I R M 1 Leadership e coerenza degli obiettivi 2. Orientamento ai risultati I manager elaborano e formulano una chiara mission. Es.: I manager

Dettagli

Excellence Production System

Excellence Production System Workshop Project Management 2012 Beyond The Project Lean Manufacturing un nuovo modello per l eccelenza Excellence Production System Salerno 27 Gennaio 2012 Giovanni Tullio Scenario : Superare la crisi

Dettagli

LA MESSA IN EFFICIENZA DELL ORGANIZZAZION E CON IL METODO DELL ANALISI PER ATTIVITA

LA MESSA IN EFFICIENZA DELL ORGANIZZAZION E CON IL METODO DELL ANALISI PER ATTIVITA LA MESSA IN EFFICIENZA DELL ORGANIZZAZION E CON IL METODO DELL ANALISI PER ATTIVITA 1 Contenuti L azienda snella e la lean organization Cosa è l analisi per attività 2 Lean organization Per Lean organization

Dettagli

Qualità ed organizzazione: l orientamento al cliente. Le forme della qualità e gli strumenti per gestire la qualità di un organizzazione

Qualità ed organizzazione: l orientamento al cliente. Le forme della qualità e gli strumenti per gestire la qualità di un organizzazione : l orientamento al cliente Le forme della qualità e gli strumenti per gestire la qualità di un organizzazione Torino 21 aprile 2004 Carlo Colombino carlo.colombino@provincia.torino.it Gli ambiti della

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

LEAN ORGANIZATION: Introduzione ai Principi e Metodi dell Organizzazione Snella

LEAN ORGANIZATION: Introduzione ai Principi e Metodi dell Organizzazione Snella Introduzione ai Principi e Metodi dell Organizzazione Snella by Per avere ulteriori informazioni: Visita il nostro sito WWW.LEANNOVATOR.COM Contattaci a INFO@LEANNOVATOR.COM 1. Introduzione Il termine

Dettagli

improving performance Il miglioramento dei Processi Aziendali: Lean Thinking e Six Sigma Aldo Gallarà

improving performance Il miglioramento dei Processi Aziendali: Lean Thinking e Six Sigma Aldo Gallarà Il miglioramento dei Processi Aziendali: Lean Thinking e Six Sigma Aldo Gallarà Novara, 10 Luglio 2014 1 Paradigma tradizionale delle prestazioni Nel passato, le aziende credevano che un miglioramento

Dettagli

Verifica dei Risultati Analisi e Miglioramento della Qualità

Verifica dei Risultati Analisi e Miglioramento della Qualità Supporto ad azioni di miglioramento del sistema di gestione qualità di SerT e strutture accreditate per soggetti dipendenti da sostanze d abuso Verifica dei Risultati Analisi e Miglioramento della Qualità

Dettagli

Lean Office. 31 maggio 2013 Gianluca Spada (partner OPTA srl)

Lean Office. 31 maggio 2013 Gianluca Spada (partner OPTA srl) Lean Office 31 maggio 2013 Gianluca Spada (partner OPTA srl) 0 La società OPTA: il partner ideale per i tuoi progetti di miglioramento Dal 1996 OPTA affianca le aziende con interventi di consulenza organizzativa,

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

IL BENCHMARKING POSIZIONAMENTO DELL AZIENDA NELLO SPAZIO

IL BENCHMARKING POSIZIONAMENTO DELL AZIENDA NELLO SPAZIO IL BENCHMARKING POSIZIONAMENTO DELL AZIENDA NELLO SPAZIO IL BENCHMARKING: DEFINIZIONE PROCESSO CONTINUO DI MISURAZIONE DEI PRODOTTI- SERVIZI-PROCESSI ATTRAVERSO IL CONFRONTO CON I MIGLIORI CONCORRENTI

Dettagli

GESTIONE DELLA PRODUZIONE LEAN PRODUCTION E JIT

GESTIONE DELLA PRODUZIONE LEAN PRODUCTION E JIT GESTIONE DELLA PRODUZIONE LEAN PRODUCTION E JIT Corso di TECNOLOGIA, INNOVAZIONE, QUALITÀ Prof. Alessandro Ruggieri Prof. Enrico Mosconi A.A. 2012-2013 Oggetto della lezione Gestione della produzione Lean

Dettagli

Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1

Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1 Modulo 1 Parte 1 Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1 1.1.1.1 pag. 21 Quale, tra le affermazioni che seguono relative al concetto di qualità, è la più corretta? A. Il termine qualità

Dettagli

La reingegnerizzazione dei processi nella Pubblica Amministrazione

La reingegnerizzazione dei processi nella Pubblica Amministrazione La reingegnerizzazione dei processi nella Pubblica Amministrazione Dott.ssa Teresa Caltabiano Area della Ricerca Catania, 15 luglio 2011 Agenda Il contesto di riferimento Le organizzazioni I processi Il

Dettagli

Obiettivi conoscitivi

Obiettivi conoscitivi Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Strumenti avanzati di management accounting. Profili internazionali. Anno Accademico

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) Revisione Approvazione n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA QUALITA Il nostro progetto

Dettagli

Master Management Infermieristico per le Funzioni di Coordinamento

Master Management Infermieristico per le Funzioni di Coordinamento Università Tor Vergata di Roma Master Management Infermieristico per le Funzioni di Coordinamento Tivoli, 2011 Mario Gentili Università Tor Vergata di Roma Perché? Master Management Infermieristico per

Dettagli

Efficienza Produttiva. Il Piano d azione dell efficienza

Efficienza Produttiva. Il Piano d azione dell efficienza Efficienza Produttiva Il Piano d azione dell efficienza Nino Guidetti Direttore Commerciale Grandi Clienti Schneider Electric per eliminare le inefficienze La Lean Manufacturing è una strategia operativa,

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità. ! I modelli normativi. ! I modelli per l eccellenza

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità. ! I modelli normativi. ! I modelli per l eccellenza 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

R. De Pari. CO0142 rev. B 1

R. De Pari. CO0142 rev. B 1 R. De Pari CO0142 rev. B 1 VERIFICA ISPETTIVA PER LA QUALITÀ (O AUDIT DELLA QUALITÀ) - DEFINIZIONE Processo sistematico, indipendente e documentato per ottenere evidenze della Verifica Ispettiva e valutarle

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE COME STRUMENTO MANAGERIALE PER LA COMPLIANCE AZIENDALE. Massimo Tronci Università di Roma La Sapienza

I SISTEMI DI GESTIONE COME STRUMENTO MANAGERIALE PER LA COMPLIANCE AZIENDALE. Massimo Tronci Università di Roma La Sapienza I SISTEMI DI GESTIONE COME STRUMENTO MANAGERIALE PER LA COMPLIANCE AZIENDALE Massimo Tronci Università di Roma La Sapienza Confindustria - Bari, 30 settembre 2008 Questa presentazione Il contesto di riferimento

Dettagli

LA LEAN MANUFACTURING E TOYOTA. QualitiAmo La Qualità gratis sul web

LA LEAN MANUFACTURING E TOYOTA. QualitiAmo La Qualità gratis sul web LA LEAN MANUFACTURING E TOYOTA GLI SPRECHI DA EVITARE Quali erano gli sprechi che Toyota voleva evitare, applicando la Produzione snella? Essenzialmente 3: le perdite di tempo legate alle rilavorazioni

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SNELLA

ORGANIZZAZIONE SNELLA presenta ORGANIZZAZIONE SNELLA interventi semplici e rapidi -> maggior efficienza dei processi -> riduzione dei costi Pollenzo, 21 maggio 2014 Albergo dell Agenzia GIANLUCA BARALE Consulente in organizzazione

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE COME INTEGRAZIONE

L ORGANIZZAZIONE COME INTEGRAZIONE L ORGANIZZAZIONE COME INTEGRAZIONE L ORGANIZZAZIONE COME INTEGRAZIONE L ORGANIZZAZIONE COME INTEGRAZIONE L EVOLUZIONE DELLE STRUTTURE 1980 1990 2000 -.. L EVOLUZIONE DELLE STRUTTURE 1980 Fino agli anni

Dettagli

Approccio Sistemico all innovazione: il Sistema Lean Ripensare la sterilizzazione dei DM. Sfide organizzative e soluzioni innovative

Approccio Sistemico all innovazione: il Sistema Lean Ripensare la sterilizzazione dei DM. Sfide organizzative e soluzioni innovative Approccio Sistemico all innovazione: il Sistema Lean Ripensare la sterilizzazione dei DM. Sfide organizzative e soluzioni innovative Pisa, 6 febbraio 2015 Una filosofia industriale ispirata al Toyota Production

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

Strumenti per la progettazione, il controllo ed il miglioramento della Qualità

Strumenti per la progettazione, il controllo ed il miglioramento della Qualità Strumenti per la progettazione, il controllo ed il miglioramento della Qualità - Tecniche e Strumenti avanzati per la progettazione ed il miglioramento QFD, FMEA Prof. Marcantonio Catelani Facoltà di Ingegneria

Dettagli

Relatore: Valentina Vittucci. Gestione per Processi

Relatore: Valentina Vittucci. Gestione per Processi Relatore: Valentina Vittucci Gestione per Processi APPROCCIO PER PROCESSI BUSINESS PROCESS REENGINEERING GESTIONE PER PROCESSI DAILY ROUTINE WORK RIPROGETTARE L ORGANIZZAZIONE PER PROCESSI GESTIRE E MIGLIORARE

Dettagli

Misurazione, analisi e miglioramento

Misurazione, analisi e miglioramento Pagina 1 di 8 Manualle Qualliità Misurazione, analisi e miglioramento INDICE DELLE EDIZIONI.REVISIONI N DATA DESCRIZIONE Paragrafi variati Pagine variate 1.0 Prima emissione Tutti Tutte ELABORAZIONE VERIFICA

Dettagli

Forum Day Mantova, 1 Dicembre 2010 «

Forum Day Mantova, 1 Dicembre 2010 « Forum Day Mantova, 1 Dicembre 2010 «Iso 9001:2015 i «Kata del miglioramento» Gazoldo, 28 Novembre 2014 CRITICITA E NODI Problema 5 Aumento della turbolenza e contrazione dei tempi operativi 1- Impegno

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

Liberare Soluzioni per lo Sviluppo del Business

Liberare Soluzioni per lo Sviluppo del Business Liberare Soluzioni per lo Sviluppo del Business Consulenza Formazione Coaching Chi siamo Kairòs Solutions è una società di consulenza, formazione e coaching, protagonista in Italia nell applicazione del

Dettagli

LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE. C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1

LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE. C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1 LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1 LE NORME SERIE ISO 9000 Guidare e condurre con successo un'organizzazione richiede che questa sia

Dettagli

Lean Value Stream Analysis

Lean Value Stream Analysis Articolo a firma di: Valentina Palazzo Inspearit Consultant Lean Value Stream Analysis Complessità, rilavorazioni, variabilità delle attività, sovrallocazioni, colli di bottiglia e debito tecnico rappresentano

Dettagli

Piano di business preliminare

Piano di business preliminare Piano di business preliminare Sistema di valutazione di business idea e/o start-up innovative Piano di business preliminare DOCUMENTO DA RIEMPIRE A CURA DEL PROPONENTE Indice 1 Analisi tecnica del Prodotto/Servizio

Dettagli

www.leanfactoryschool.it catalogo corsi

www.leanfactoryschool.it catalogo corsi www.leanfactoryschool.it catalogo corsi Lean Factory School Gli obiettivi 99 Capire i principi e le tecniche Lean mettendoli in pratica, in modo coinvolgente 99 Lavorare in un ambiente produttivo reale,

Dettagli

Il miglioramento, il problem solving e gli strumenti per il lavoro di gruppo

Il miglioramento, il problem solving e gli strumenti per il lavoro di gruppo Il miglioramento, il problem solving e gli strumenti per il lavoro di gruppo UNIVERSITA DI PISA Università di Pisa Miglioramento continuo e Problem Solving 1 Indice Il miglioramento: i diversi approcci

Dettagli

APQP. Un sistema avanzato di gestione o una gabbia?

APQP. Un sistema avanzato di gestione o una gabbia? APQP () Un sistema avanzato di gestione o una gabbia? Torino, 16 aprile 2008 AFFIDABILITÀ & TECNOLOGIE A. Ciancio Plexus Management Systems Slide 1 - Page(s) Plexus Management Systems 2 edition 19 uffici

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base della Qualità

Modulo 1 Concetti di base della Qualità Syllabus rev. 1.04 Modulo 1 Concetti di base della Qualità Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 1, Concetti e approcci di base per la gestione della qualità in una organizzazione, e fornisce i fondamenti

Dettagli

Processi e Miglioramento IL PROCESSO AZIENDALE IL PROCESSO AZIENDALE 07/10/2013

Processi e Miglioramento IL PROCESSO AZIENDALE IL PROCESSO AZIENDALE 07/10/2013 Processi e Miglioramento - La gestione per processi - Il miglioramento - Le metodologie del miglioramento 1 L organizzazione di successo è quella vicina al cliente, cioè in grado di fornire elevate prestazioni

Dettagli

Appendice 2 Piano di business preliminare

Appendice 2 Piano di business preliminare Appendice 2 Piano di business preliminare Sistema di valutazione di business idea e/o start-up innovative Piano di business preliminare DOCUMENTO DA RIEMPIRE A CURA DEL PROPONENTE Indice 1 Analisi tecnica

Dettagli

La scelta di AMD e della sua Scuola di Formazione: un sistema certificato

La scelta di AMD e della sua Scuola di Formazione: un sistema certificato La scelta di AMD e della sua Scuola di Formazione: un sistema certificato Maria Rita Cavallo AMD FORMAZIONE Sistema Qualità Certificato UNI EN ISO9001/2008 1 Le parole chiave Sistema di gestione per la

Dettagli

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Logo azienda/università I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Ottimizzazione energetica nelle imprese e nelle istituzioni Labmeeting

Dettagli

Six Sigma Handbook Gli strumenti sei sigma per raggiungere obiettivi, organizzativi e di qualità, ad alto impatto economico con l ausilio di Excel

Six Sigma Handbook Gli strumenti sei sigma per raggiungere obiettivi, organizzativi e di qualità, ad alto impatto economico con l ausilio di Excel Six Sigma Handbook Gli strumenti sei sigma per raggiungere obiettivi, organizzativi e di qualità, ad alto impatto economico con l ausilio di Excel di Rinaldo Tartari Consulente Qualità e Affidabilità Excel

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

Il Modello europeo CAF

Il Modello europeo CAF Roma, 11 novembre 2011 Il Modello europeo CAF (Common Assessment Framework) Benedini Italo La visione dell Unione Europea sulla Qualità: un urgente bisogno di rinnovamento Tutte le organizzazioni, private

Dettagli

Fabbrica Futuro. Idee e strumenti per l impresa manifatturiera del domani LA RISPOSTA EVOLUTA DELLA CONSULENZA ALLA DINAMICITÀ DEL MERCATO.

Fabbrica Futuro. Idee e strumenti per l impresa manifatturiera del domani LA RISPOSTA EVOLUTA DELLA CONSULENZA ALLA DINAMICITÀ DEL MERCATO. Fabbrica Futuro Idee e strumenti per l impresa manifatturiera del domani 27 giugno 2013 WEGE LA RISPOSTA EVOLUTA DELLA CONSULENZA ALLA DINAMICITÀ DEL MERCATO. MCS, Q&O e PTM tre società di consulenza che,

Dettagli

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

Analisi dei flussi dei campioni ed ottimizzazione del sistema: metodi a confronto tra dubbi e certezze

Analisi dei flussi dei campioni ed ottimizzazione del sistema: metodi a confronto tra dubbi e certezze 4 Congresso Nazionale Federazione Italiana Tecnici di Laboratorio Analisi dei flussi dei campioni ed ottimizzazione del sistema: metodi a confronto tra dubbi e certezze Daniele Nigris nigris.daniele@aoud.sanita.fvg.it

Dettagli

Presentazione delle attività di consulenza relative a: LEAN WAREHOUSING

Presentazione delle attività di consulenza relative a: LEAN WAREHOUSING Presentazione delle attività di consulenza relative a: LEAN WAREHOUSING Via Durando, 38-20158 Milano Italy Tel +39 02 39 32 56 05 - Fax +39 02 39 32 56 00 www.simcoconsulting.it - E-mail c.cernuschi@simcoconsulting.it

Dettagli

PROBLEM DETECTION PROGRAM:

PROBLEM DETECTION PROGRAM: Pag.1 di 7 PROBLEM DETECTION PROGRAM: IL RUOLO ATTIVO DELLA BANCA PER CONOSCERE E FIDELIZZARE I CLIENTI Marina Mele - Luigi Riva In un settore che si caratterizza per elementi di forte dinamicità, fidelizzare

Dettagli

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi.

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. 5. Processi Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. Il criterio vuole approfondire come l azienda agrituristica

Dettagli

MODULO 1 EVOLUZIONE DEI PRINCIPI E DEGLI STRUMENTI PER FARE QUALITÀ 1970 - LA QUALITÀ COME SISTEMA. Prima parte:

MODULO 1 EVOLUZIONE DEI PRINCIPI E DEGLI STRUMENTI PER FARE QUALITÀ 1970 - LA QUALITÀ COME SISTEMA. Prima parte: MODULO 1 Prima parte: Concetti generali introduttivi. Soddisfazione del cliente. Gli 8 principi della Qualità. Seconda parte: I Sistemi di Gestione Normazione, Certificazione e Accreditamento 1 EVOLUZIONE

Dettagli

Lean Production. e approccio Just In Time CORSO DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE. Lean Production. Value stream e lotta agli sprechi

Lean Production. e approccio Just In Time CORSO DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE. Lean Production. Value stream e lotta agli sprechi Lean Production CORSO DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE Lean Production e approccio Just In Time! Insieme di attività integrate progettato per ottenere alti volumi produttivi pur utilizzando scorte

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base della Qualità

Modulo 1 Concetti di base della Qualità Syllabus rev. 1.03 Modulo 1 Concetti di base della Qualità Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 1, Concetti e approcci di base per la gestione della qualità in una organizzazione, e fornisce i fondamenti

Dettagli

NORME UNI EN ISO 9000 (ELEMENTI INTRODUTTIVI)

NORME UNI EN ISO 9000 (ELEMENTI INTRODUTTIVI) GIULIO SACCHETTI NORME UNI EN ISO 9000 (ELEMENTI INTRODUTTIVI) Sintesi della dispensa 1. LE NORME UNI EN ISO SERIE 9000 1.1 INTRODUZIONE A partire dalla seconda metà del 1900 si sono verificati eventi

Dettagli

Imprenditori con responsabilità diretta sul Responsabili Logistica e loro staff

Imprenditori con responsabilità diretta sul Responsabili Logistica e loro staff Il catalogo MANUFACTURING Si rivolge a: Responsabili Produzione e loro staff Imprenditori con responsabilità diretta sul Responsabili Logistica e loro staff processo produttivo Responsabili Manutenzione

Dettagli

Qualità è il grado in cui un insieme di caratteristiche intrinseche soddisfa i requisiti (UNI EN ISO 9000:2005)

Qualità è il grado in cui un insieme di caratteristiche intrinseche soddisfa i requisiti (UNI EN ISO 9000:2005) La Qualità secondo ISO Qualità è l insieme delle proprietà e delle caratteristiche di un prodotto o di un servizio che conferiscono ad esso la capacità di soddisfare esigenze espresse o implicite (UNI

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli

La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean :

La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean : Consulenza di Direzione Management Consulting Formazione Manageriale HR & Training Esperienza e Innovazione La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean : un passo chiave nel percorso

Dettagli

L approccio per processi è uno dei principi fondamentali per la gestione della qualità.

L approccio per processi è uno dei principi fondamentali per la gestione della qualità. Esempio 3: approfondimento gestione per processi Nell ambito di un organizzazione, l adozione di un sistema di processi, unitamente alla loro identificazione, interazione e gestione, è chiamata approccio

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale Macro descrizione del progetto Il progetto intende fornire alle amministrazioni locali gli strumenti per un ottimale governo dell erogazione dei servizi sui diversi canali e per la definizione di concrete

Dettagli

L approccio Lean. Investire sulle persone chiave individuare i champions e gli agenti del cambiamento

L approccio Lean. Investire sulle persone chiave individuare i champions e gli agenti del cambiamento Cosa si intende per L approccio Lean Investire sulle persone chiave individuare i champions e gli agenti del cambiamento Ottenere e usare il contributo di tutti a tutti i livelli Facciamolo e basta con

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

Requisito imprescindibile di ogni processo

Requisito imprescindibile di ogni processo La Qualità è LA QUALITA E Requisito imprescindibile di ogni processo Prodotti di Qualità sono generati da Macroprocessi (Innovation e Supply Chain) di Qualità Gestiti da Aziende Eccellenti Quality Management

Dettagli

La relazione cliente/fornitore dal punto di vista normativo: il cliente al centro dell evoluzione dalla norma attuale alla ISO 9001:2000 (VISION 2000)

La relazione cliente/fornitore dal punto di vista normativo: il cliente al centro dell evoluzione dalla norma attuale alla ISO 9001:2000 (VISION 2000) CAPITOLO 1 Mario Cislaghi AICQ-CI La relazione cliente/fornitore dal punto di vista normativo: il cliente al centro dell evoluzione dalla norma attuale alla ISO 9001:2000 (VISION 2000) IL CLIENTE AL CENTRO

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2009/2010 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE. I livelli del Progresso Tecnologico. Evoluzione dei Sistemi Produttivi. Fino al XVIII sec.

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE. I livelli del Progresso Tecnologico. Evoluzione dei Sistemi Produttivi. Fino al XVIII sec. GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE Prof.ssa Federica Murmura Anno Accademico 2009-2010 1 I livelli del Progresso Tecnologico Simondon (1958) distingue storicamente tre livelli dello sviluppo tecnologico, ognuno

Dettagli

Una necessità per aumentare Velocità Qualità Motivazione Flessibilità di un organizzazione moderna. SKF Car Business Unit

Una necessità per aumentare Velocità Qualità Motivazione Flessibilità di un organizzazione moderna. SKF Car Business Unit Una necessità per aumentare Velocità Qualità Motivazione Flessibilità di un organizzazione moderna 1 Un approccio difficile perchè Il Team conta più del singolo Utilizza risorse condivise E trasversale

Dettagli

La valutazione dell efficienza aziendale ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE

La valutazione dell efficienza aziendale ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE La valutazione dell efficienza aziendale EFFICIENZA E LA CAPACITA DI RENDIMENTO O L ATTITUDINE A SVOLGERE UNA DETERMINATA FUNZIONE. E MISURATA DAL RAPPORTO TRA I RISULTATI CONSEGUITI E LE RISORSE IMPIEGATE

Dettagli

ILSISTEMA INTEGRATO DI PRODUZIONE E MANUTENZIONE

ILSISTEMA INTEGRATO DI PRODUZIONE E MANUTENZIONE ILSISTEMA INTEGRATO DI PRODUZIONE E MANUTENZIONE L approccio al processo di manutenzione Per Sistema Integrato di Produzione e Manutenzione si intende un approccio operativo finalizzato al cambiamento

Dettagli

ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELL INNOVAZIONE

ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELL INNOVAZIONE COME GESTIRE I PROGETTI IN MODO PIÙ SEMPLICE, VELOCE E COLLABORATIVO? COME RENDERE LA PROGETTAZIONE E LO SVILUPPO DEI PRODOTTI PIÙ VELOCE ED EFFICIENTE? COME RIDURRE LA COMPLESSITÀ DEI PRODOTTI GARANTENDO

Dettagli

Introduzione. Capitolo 1

Introduzione. Capitolo 1 Capitolo 1 Introduzione Che cos è un azienda lean? Sono molte, al giorno d oggi, le imprese che stanno trasformandosi in azienda lean, convertendo i loro sistemi di produzione di massa ormai obsoleti in

Dettagli

Presentazione dell edizione italiana

Presentazione dell edizione italiana GR_00.qxd:GR_00 19-10-2009 11:59 Pagina v Indice IX XIX Presentazione dell edizione italiana Introduzione 3 1 L imperativo dei servizi e dei rapporti: il management nella concorrenza dei servizi Il ruolo

Dettagli

Assessorato allo Sviluppo Economico Direzione Cultura Turismo e Sport Servizio Promozione Economica e Turistica

Assessorato allo Sviluppo Economico Direzione Cultura Turismo e Sport Servizio Promozione Economica e Turistica Assessorato allo Sviluppo Economico Direzione Cultura Turismo e Sport Servizio Promozione Economica e Turistica ALLEGATO D.1 BANDO PUBBLICO APERTO RIVOLTO AD IMPRESE OPERANTI NEI SETTORI DELLE TECNOLOGIE

Dettagli

EVOLUZIONE DELLE INIZIATIVE PER LA QUALITA : L APPROCCIO SIX SIGMA

EVOLUZIONE DELLE INIZIATIVE PER LA QUALITA : L APPROCCIO SIX SIGMA http://www.sinedi.com ARTICOLO 3 LUGLIO 2006 EVOLUZIONE DELLE INIZIATIVE PER LA QUALITA : L APPROCCIO SIX SIGMA A partire dal 1980 sono state sviluppate diverse metodologie per la gestione della qualità

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Agenzia ICE. Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014

Agenzia ICE. Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014 Agenzia ICE Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014 Allegati: 1 Scheda standard di monitoraggio 2 Informazioni di sintesi 1 Allegato 1: Scheda standard di monitoraggio

Dettagli

Produzione. Durata e costi. A chi è indirizzato. Obiettivi

Produzione. Durata e costi. A chi è indirizzato. Obiettivi 34 P01 Il miglioramento rapido in produzione in ottica lean : il Quick Kaizen Approccio innovativo ispirato a principi e tecniche di Lean Production e TPS Il QuicK Kaizen è un approccio innovativo per

Dettagli

INSERIRE LOGO CLIENTE GRANDE SERVICE FACTORY. Un ufficio vero per apprendere dall esperienza

INSERIRE LOGO CLIENTE GRANDE SERVICE FACTORY. Un ufficio vero per apprendere dall esperienza INSERIRE LOGO CLIENTE GRANDE SERVICE FACTORY Un ufficio vero per apprendere dall esperienza Che cos e la Service Factory? La Service Factory è un laboratorio di formazione all interno del quale si apprende

Dettagli

Qui di seguito riportiamo un esempio per meglio comprendere gli obiettivi e finalità del Six Sigma:

Qui di seguito riportiamo un esempio per meglio comprendere gli obiettivi e finalità del Six Sigma: Un metodo per l analisi quantitativa di processi interni con l applicazione di una parte della metodologia 6 sigma S. Gorla (*), M. Maisano (**) (*) Responsabile Qualità e Certificazione Citroën Italia

Dettagli

LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA

LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Esercitazione del 11.11.2005 Dott.ssa Michela Ferri LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 4. SISTEMA

Dettagli

MODELLO DI BUSINESS PLAN

MODELLO DI BUSINESS PLAN Assessorato allo Sviluppo Economico Direzione Cultura Turismo e Sport Servizio Promozione Economica e Turistica Centro servizi di Ateneo per la valorizzazione dei risultati della ricerca e la gestione

Dettagli

Fabrizio Bianchi-Università Carlo Cattaneo LIUC. di più con meno

Fabrizio Bianchi-Università Carlo Cattaneo LIUC. di più con meno Fabrizio Bianchi-Università Carlo Cattaneo LIUC di più con meno Lean Lean Manufacturing Lean Production Lean Factory Fabbrica Snella Produzione Snella Fabbrica Integrata.. Toyota Production System (TPS)

Dettagli

Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2015

Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2015 Organismo Indipendente di Valutazione Sede, 03.04.2015 Pr. 88 PRESIDENTE Dott. Riccardo Maria Monti DIRETTORE GENERALE Dott. Roberto Luongo E,p.c.: Presidenza Direzione Generale Dott. Gianpaolo Bruno Dott.

Dettagli

ID e Operations. KPI produttivi e logistici con il supporto della identificazione automatica. Bologna, 15 Maggio 2012

ID e Operations. KPI produttivi e logistici con il supporto della identificazione automatica. Bologna, 15 Maggio 2012 ID e Operations KPI produttivi e logistici con il supporto della identificazione automatica Bologna, 15 Maggio 2012 Dott. Alessandro Pacelli Partner Opta Dott. Gianluca Spada Partner Opta Presentazione

Dettagli

Tecniche di Management per il Fundraising

Tecniche di Management per il Fundraising Tecniche di Management per il Fundraising GATEWAY TO LEARNING Il corso è inserito nel Catalogo Interregionale di Alta Formazione www.altaformazioneinrete.it Titolo del corso: Tecniche di Management per

Dettagli

COMUNE DI CESENA Piazza del Popolo, 10 47521 Cesena (FC) SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE

COMUNE DI CESENA Piazza del Popolo, 10 47521 Cesena (FC) SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE COMUNE DI CESENA Piazza del Popolo, 10 47521 Cesena (FC) SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 189 del 12/06/2012 Introduzione Il sistema

Dettagli

SAFETY & QUALITY FORUM 2010. Metodi e strumenti per il governo delle prestazioni aziendali 10-137 FQ001 Rev.0

SAFETY & QUALITY FORUM 2010. Metodi e strumenti per il governo delle prestazioni aziendali 10-137 FQ001 Rev.0 SAFETY & QUALITY FORUM 2010 1 Metodi e strumenti per il governo delle prestazioni aziendali 2 Le Tappe: 1987-1994 2000-2008 Le Tappe: 1987-1994 2000-2008 OGGETTO 1987 Sistema Qualità FORNITORE/ ORGANIZZAZIONE

Dettagli

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO L autovalutazione è una valutazione che fornisce un giudizio sull efficacia e sull efficienza dell Azienda e sul grado di

Dettagli

BUSINESS PLAN NATURAL...MENTE SCUOLA

BUSINESS PLAN NATURAL...MENTE SCUOLA NATURAL...MENTE SCUOLA BUSINESS PLAN Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia e per la Campania Direzione Generale Cosa è? Criteri di I livello

Dettagli

REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE

REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE SALESFORCE EFFECTIVENESS 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ DISPORRE DI PROCESSI COMMERCIALI PIÙ COMPETITIVI? Realizzare nel tempo una crescita

Dettagli

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITÀ NELLO STUDIO LEGALE OBIETTIVI Master Breve di formazione personalizzata Il Master

Dettagli