DATI AL 31/12/2008. Report

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DATI AL 31/12/2008. Report"

Transcript

1 Rilevazione coordinata dei dati in possesso delle Regioni e Province autonome su bambini e adolescenti fuori dalla famiglia in affidamento familiare (a singoli, famiglie e parenti) o accolti nei servizi residenziali nella propria regione. DATI AL 31/12/2008 Report FEBBRAIO

2 Bambini e adolescenti fuori famiglia : dimensione e caratteristiche del fenomeno al 31 dicembre 2008 Introduzione Il Centro nazionale di documentazione e analisi per l infanzia e l adolescenza ha provveduto, per il secondo anno consecutivo e in stretto accordo con le Regioni e Province autonome, a raccogliere informazioni circa i bambini e gli adolescenti fuori dalla famiglia. Ciò è stato compiuto attraverso una rilevazione coordinata annuale dei dati in possesso di Regioni e Province autonome, relativamente ad un set minimo di informazioni riguardanti bambini e adolescenti in affidamento familiare (a singoli, famiglie e parenti) o accolti nei servizi residenziali, che ne indaghi la dimensione quantitativa e le caratteristiche principali. Data l esistenza di differenti normative regionali, trattandosi di una materia di competenza concorrente stato-regione, l omogeneità dei dati raccolti è stata garantita attraverso l utilizzo di un glossario per la condivisione delle definizioni sia per l affidamento a singoli, famiglie e parenti 1 che per i servizi residenziali facendo perno sulla classificazione individuata nel Nomenclatore Interregionale degli Interventi e dei Servizi Sociali 2. I numeri dei bambini e dei ragazzi fuori famiglia In base alla rilevazione effettuata, i bambini e gli adolescenti fuori dalla famiglia alla data del 31 dicembre 2008, in affidamento familiare o accolti nei servizi residenziali, ammontano a I minorenni fuori dalla famiglia risultano composti da bambini e adolescenti in affidamento familiare, e da bambini e adolescenti accolti nei servizi residenziali: la ripartizione fra affidati e accolti nei servizi residenziali è, quindi, di sostanziale parità tra le due forme di accoglienza a seguito dell allontanamento dalla famiglia di origine (cfr. Tavola 1.1). In precedenza, alla data del 31 dicembre 2007, i minorenni in affidamento familiare ammontavano a , mentre quelli accolti nei servizi residenziali a , per un valore complessivo di minorenni. Rispetto a tale anno, quindi, i bambini e ragazzi in affidamento familiare sono diminuiti, registrando un calo del 9,5%; al contrario, i minorenni accolti nei servizi residenziali sono pressoché stazionari, essendo diminuiti solo dello 0,6%. Complessivamente, rispetto al 2007 i minorenni fuori dalla famiglia sono diminuiti del 5,2%; tale decremento è imputabile, per intero, alla sola riduzione di casi del numero di minorenni in affidamento familiare. Ampliando l orizzonte temporale, gli unici dati disponibili e precedenti all avvio della presente attività di monitoraggio derivano da due indagini realizzate dal Centro nazionale, l una per i bambini in affidamento familiare, al 1999, e l altra per i bambini presenti nei servizi residenziali per minorenni al Nel 1999, i minorenni in affidamento familiare erano pari a , mentre quelli accolti nei servizi residenziali nel 1998 ammontavano a Prendendo a riferimento questi dati il trend nel tempo del fenomeno dei fuori famiglia assume nuovi significati. Per quanto 1 Per affidamento a singoli, famiglie e parenti si intende l affidamento residenziale per almeno 5 notti alla settimana, escluso i periodi di interruzione previsti nel progetto di affidamento, disposto dai servizi locali e reso esecutivo dal Tribunale per i minorenni o dal Giudice tutelare. 2 Presentato nel Seminario Gruppo Politiche Sociali, Fiuggi, il 19 e 20 maggio 2009 a cura del Coordinamento Tecnico Interregionale per le Politiche Sociali e del CISIS Gruppo di lavoro Politiche Sociali. 3 Dato stimato sulla base delle informazioni fornite dalle Regioni e Province autonome. Vedi la tavola 1.1 per le singole specifiche regionali/provinciali. 4 Dato stimato sulla base delle informazioni fornite dalle Regioni e Province autonome e di precedenti rilevazioni per Regioni che non abbiano fornito i dati richiesti. 2

3 riguarda i bambini e i ragazzi in affidamento familiare, dal 1999 al 2007 il numero di casi cresce notevolmente, con un aumento del 64,7% - pari ad un incremento annuale 5 dell 8% -, mentre segna una battuta di arresto con una diminuzione del 9,5% fra il 2007 ed il Il trend delineato può essere verosimilmente spiegato considerando che i dati della prima rilevazione, al 1999, sono precedenti alla promulgazione della legge 149/ che ha promosso l affidamento familiare come forma preferenziale di intervento nei confronti del minore temporaneamente privo di un ambiente familiare idoneo, legge che ha senz altro dato un impulso alla pratica dell affidamento familiare in particolare nei primi anni successivi all entrata in vigore, con una sensibile crescita nel numero di affidamenti. In seguito, però, il trend può aver seguito un evoluzione più variabile 7 e in taluni casi fa segnare una fase di stallo e comunque di perdita di vigore dell impulso iniziale. In ogni caso, parlare di trend decrescente appare prematuro, data la disponibilità di dati riguardanti due soli anni consecutivi. Con la prossima attività di monitoraggio, è plausibile ricercare nuove evidenze confermative del trend in atto sul tema degli affidamenti familiari. Per quanto riguarda i minorenni accolti nei servizi residenziali, invece, il trend lungo l arco del decennio appare di sostanziale stazionarietà; le differenze riscontrate negli anni per cui sono disponibili i dati sono, infatti, trascurabili e inferiori a variazioni di un punto percentuale. Nonostante ciò, non si può escludere che nei vari anni siano intervenuti aumenti o diminuzioni nel numero di minorenni accolti nei servizi residenziali, che solo lungo il decennio appaiono stazionari. Nell arco di questo decennio, la legge 149/01 ha inciso anche in materia di accoglienza nei servizi residenziali per minorenni, prevedendo il superamento del ricovero in Istituti per minori entro il 31 dicembre Al 31 dicembre 1999, gli istituti per minori ammontavano a 475 strutture per bambini accolti 8 ; tale processo di de-istituzionalizzazione, che poteva dirsi già avviato l anno precedente all avvento della legge (nel quale il numero di strutture era già sceso a 359 unità), al 31 marzo 2009 poteva dirsi formalmente concluso, contando 3 sole strutture con 15 minorenni presenti sul territorio nazionale 9. Tale superamento è avvenuto, quindi, oltre che attraverso l affidamento familiare, anche grazie all inserimento in comunità di tipo familiare cosa che ha determinato di fatto il mantenimento del numero di bambini accolti nei servizi residenziali per minorenni pressoché costanti rispetto a quelli immediatamente precedenti l entrata in vigore della norma. In termini relativi, i bambini e i ragazzi fuori dalla famiglia al 31 dicembre 2008 sono pari a 3 minorenni per residenti di 0-17 anni. Tale tasso è ripartito equamente fra bambini in affidamento familiare e bambini accolti in struttura, essendo entrambi i tassi pari a 1,5 minorenni per residenti di 0-17 anni. A livello regionale, i tassi più bassi si riscontrano in due regioni del Nord (Lombardia e Veneto) quanto in tre regioni del Sud (Molise, Campania e Basilicata); analogamente, tassi superiori a 3,5 bambini e ragazzi fuori famiglia per residenti di 0-17 anni si riscontrano al Nord (Piemonte, Trentino-Alto Adige, Liguria), al Centro (Toscana) e al Sud (Puglia). La variabilità dei tassi regionali appare, quindi, sufficientemente ripartita entro le varie aree geografiche, mostrando alti e bassi valori sia al Nord, sia al Centro, sia al Sud. Volendo, però, identificare un area territoriale in cui il fenomeno sembra essere maggiormente concentrato, il Centro Italia presenta tassi di bambini e ragazzi fuori famiglia in ciascuna regione sistematicamente superiore alla media nazionale. 5 Tasso di crescita aritmetico. 6 Legge 28 marzo 2001, n. 149, "Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori», nonché al titolo VIII del libro primo del codice civile". 7 I dati sugli affidamenti dei bambini e ragazzi di 0-21 anni relativi alla Regione Toscana negli anni avvalorano, ad esempio, questa ipotesi: il numero di affidamenti familiari è, infatti, diminuito nel 2001 (rispetto all anno precedente), poi è cresciuto di anno in anno fino al A partire dal 2006, si è verificata, invece, un alternanza annuale fra incremento/decremento nel numero di affidamenti familiari. 8 Fonte: Istat (2003). 9 Fonte: Centro nazionale di documentazione e analisi per l infanzia e l adolescenza. 3

4 Figura 1 Bambini e adolescenti fuori famiglia per residenti di 0-17 anni Al 31/12/2008 Bambini e adolescenti fuori famiglia per residenti di 0-17 anni > 3.50 (5) da 3.30 a 3.50 (4) da 2.50 a 3.29 (6) < 2.50 (5) Per quanto riguarda il rapporto sussistente fra le due forme di accoglienza a seguito dell allontanamento dal nucleo familiare l affidamento e l accoglienza nei servizi residenziali -, la legge 149/01 privilegia l affidamento familiare rispetto all accoglienza in struttura, che deve esser considerata misura residuale. Ciò detto il numero di bambini in affidamento familiare ogni accolto nei servizi residenziali risulta, quindi, un utile indicatore per verificare questa previsione legislativa. A livello nazionale, il numero di bambini in affidamento ogni accolto nei servizi residenziali è pari a 1 - come sottolineato in precedenza, al 31 dicembre 2008 si verifica la sostanziale coincidenza del ricorso all affidamento familiare e all accoglienza nei servizi residenziali -. Al contrario di quanto accade per il precedente indicatore (bambini e adolescenti fuori famiglia per residenti di 0-17 anni), le tre ripartizioni geografiche mostrano nel caso del rapporto tra affidamenti e accoglienze nei servizi delle sensibili differenze. I valori più elevati, superiori a 1,2 bambini in affidamento ogni bambino accolto nei servizi, si riscontrano, infatti, al Nord, in Piemonte, Valle d Aosta, Lombardia, Liguria ed Emilia Romagna; e al Centro, in Toscana. A queste, fra le regioni aventi un valore superiore a quello medio nazionale si aggiunge solo la Sardegna. Di conseguenza, solo sette regioni hanno almeno un bambino in affidamento per ogni accolto nei servizi; tutte le restanti presentano più bambini accolti nei servizi residenziali di quanti siano in affidamento. Secondo tale suddivisione, il Nord è l area con la maggiore prevalenza di affidamento familiare rispetto all accoglienza nei servizi, dove cinque regioni su otto hanno più bambini in affidamento di 4

5 quanti siano accolti nei servizi residenziali. Al Centro, invece, la situazione è polarizzata fra i due estremi, con la Toscana che ha fra i tassi più elevati a livello nazionale, e le Marche e il Lazio che li hanno fra i più bassi. Al Sud, infine, il ricorso all accoglienza nei servizi residenziali resta tuttora più diffuso rispetto alla forma di affidamento familiare, è questa infatti la ripartizione territoriale in cui si registrano i valori regionali più bassi, ad eccezione della Sardegna che come già segnalato ha un numero di bambini in affidamento familiare maggiore di quelli accolti nei servizi residenziali. Figura 2 Minorenni di 0-17 anni in affidamento familiare ogni bambino e ragazzo di 0-17 anni accolto nei servizi residenziali Al 31/12/2008 Affidamenti ogni accolto nei servizi servizi residenziali di 0-17 anni > 1.50 (4) 1.00 a 1.50 (3) 0.75 a 0.99 (4) 0.60 a 0.74 (5) < 0.60 (4) Le caratteristiche dei bambini e dei ragazzi L attività di monitoraggio condotta dal Centro nazionale in collaborazione con le Regioni e Province autonome ha previsto la possibilità di raccogliere altre informazioni sui minorenni in affidamento familiare o accolti nei servizi residenziali al 31 dicembre In particolare, le caratteristiche di seguito tratteggiate riguardano la cittadinanza, il genere e la classe d età. Per quanto riguarda la cittadinanza, fra i bambini e ragazzi in affidamento familiare, il 16,4% di loro sono stranieri, pari a Di questi bambini e ragazzi stranieri, circa uno su quattro è un 10 Dato mancante degli stranieri in affidamento familiare in Abruzzo, Calabria e Sardegna. 5

6 minore straniero non accompagnato (MSNA) (cfr. Tavole 2.3 e 2.4). Dei bambini e ragazzi accolti nei servizi residenziali, invece, la percentuale di stranieri è pressoché doppia rispetto a quella dell affidamento, pari al 32,4% per un totale di stranieri 11 ; doppia è anche la percentuale di MSNA fra i minorenni stranieri accolti nei servizi residenziali, che ammontano a (cfr. Tavole 3.3 e 3.4). Gli stranieri e i minorenni stranieri non accompagnati, ripartiti tra affidati e accolti nei servizi residenziali in relazione al totale degli affidati/accolti, sono, quindi, proporzionalmente diversamente rappresentati. Si può dunque concludere che la forma di accoglienza attivata a seguito dell allontanamento dal nucleo familiare dipende in misura sostanziale dalla cittadinanza del minore, come si può notare in Figura 3. Fra i bambini italiani, la forma di accoglienza dell affidamento familiare è quella prevalente, e riguarda il 52,9% dei bambini e ragazzi fuori dalla famiglia. Fra i minorenni stranieri, e ancor più fra i MSNA, la forma prevalente è l accoglienza nei servizi residenziali. Circa un bambino straniero su tre, e un MSNA su cinque sono in affidamento familiare, a fronte di un bambino italiano su due. Rispetto allo scorso anno, l affidamento familiare degli italiani è lievemente diminuito a livello percentuale: al 31 dicembre 2007, infatti, tale forma di accoglienza è prevista per il 54,6% dei minorenni italiani. Al contrario, l affidamento familiare fra i MSNA è notevolmente aumentato: nel 2007, infatti, esso riguardava solo il 6,5% di essi. Infine, nei due anni di rilevazione la ripartizione degli stranieri tra affidati e accolti è rimasta pressoché immutata. Per quanto riguarda i minorenni di cittadinanza italiana, la previsione legislativa di favorire l affidamento familiare risulta, quindi, verificata a livello nazionale, cosa che non può dirsi per quanto attiene ai bambini e ragazzi stranieri. Figura 3 Percentuale di bambini e ragazzi di 0-17 anni in affidamento familiare e nei servizi residenziali secondo la cittadinanza Al 31/12/ ,0 80,0 60,0 47,1 63,4 78,5 40,0 20,0 52,9 36,6 21,5 0,0 italiani stranieri MSNA % in affidamento % nei servizi residenziali Per quanto riguarda il genere, l affidamento familiare rivela una sostanziale parità a livello percentuale, col 48% di bambine affidate al 31 dicembre 2008, così come lo scorso anno. Al contrario, fra gli accolti nei servizi residenziali, la disparità fra i due generi appare più accentuata: la proporzione di bambine e ragazze accolte, infatti, si attesta al 40%, calando di 5 punti percentuali rispetto ai dati del precedente monitoraggio. Infine, la distribuzione per età mostra una prevalenza di minorenni in età pre-adolescenziale e adolescenziale fra quelli in affidamento residenziale, ripartiti pressoché in uguale misura nelle tre classi d età interessate (6-10 anni, anni e, infine, anni). I bambini con meno di 6 anni 11 Dato mancante degli stranieri accolti nei servizi residenziali in provincia di Trento, Calabria e Sicilia. 6

7 costituiscono il 15% del totale degli affidati (cfr. Tavola 2.1). Tale distribuzione per età ripresenta, nelle medesime proporzioni, quanto evidenziato lo scorso anno, confermando che il trauma dell allontanamento dal nucleo familiare di origine tende a riguardare, soprattutto, i bambini più grandi. Per i minorenni accolti nei servizi residenziali, la distribuzione dei bambini e ragazzi fra le varie fasce d età evidenzia una crescita di incidenza progressiva al crescere dell età, passando dal 6,8% dei bambini della classe 0-2 anni al 39,7% della classe anni. Rispetto alla distribuzione per classi d età riscontrata nell affidamento familiare, la differenza sostanziale si registra, quindi, nell elevata proporzione dell ultima classe d età. Fra i bambini e ragazzi affidati, 2,7 minorenni su 10 hanno fra i 15 e i 17 anni; fra quelli accolti nei servizi residenziali, invece, i 15-17enni sono ben 4 su 10. Una quota rilevante di questa concentrazione degli accolti nei servizi residenziali nell ultima fascia d età è sicuramente da attribuirsi ai minorenni stranieri non accompagnati, che in larga parte sono destinati verso questa forma di sistemazione e hanno, nella maggioranza dei casi, 16 e 17 anni (cfr. Tavola 3.1). Così come per l'affidamento familiare, anche la distribuzione per classi d età degli accolti nei servizi residenziali al 31 dicembre 2008 ricalca quanto riscontrato lo scorso anno. Per quanto riguarda la forma di accoglienza a seguito dell allontanamento dal nucleo familiare adottato in base alla classe d età, nelle tre fasce d età centrali, ossia dai 3 ai 14 anni, la maggior parte dei minorenni si trova in affidamento familiare; per i bambini di 0-2 anni ed i ragazzi di anni, invece, circa il 43% dei bambini è in affidamento, mentre il 57% è accolto nei servizi residenziali. Per i bambini con meno di 3 anni, una plausibile motivazione sta nel fatto che i bambini più piccoli tendono ad essere preferibilmente accolti nei servizi assieme alle loro madri, laddove non si trovino in stato di abbandono; nel caso degli adolescenti di anni, invece, la preponderanza per l accoglienza nei servizi residenziali deriva dalla sovra-rappresentazione dei minorenni stranieri e dei minori stranieri non accompagnati in questa classe d età, già evidenziata in precedenza. Figura 4 Percentuale di bambini e ragazzi di 0-17 anni in affidamento familiare e nei servizi residenziali secondo la classe d età Al 31/12/ ,0 80,0 56,8 37,2 35,5 41,6 56,4 60,0 40,0 20,0 43,2 62,8 64,5 58,4 43,6 0,0 0-2 anni 3-5 anni 6-10 anni anni anni % in affidamento % nei servizi residenziali In definitiva guardando alle caratteristiche dei bambini allontanati dalla propria famiglia e accolti in affidamento familiare si può concludere che: a) nell affidamento familiare si riscontra una prevalenza di adolescenti prossimi alla maggiore età, equamente distribuiti tra bambine e bambini, 7

8 con una quota crescente di stranieri, un perfetto equilibrio numerico tra affidamento intra-familiare ed etero-familiare, una fortissima prevalenza dell affidamento giudiziale sul consensuale, e una quota preponderante di durate dell affidamento superiori ai due anni sebbene la percentuale degli affidi oltre i due anni sia in diminuzione negli anni; b) nell accoglienza nei servizi residenziali prevalgono ancor più nettamente gli adolescenti prossimi alla maggior età della fascia anni e aumenta l incidenza della componente maschile, fenomeni dovuti in massima misura alla fortissima crescita dell incidenza di accoglienza dei minori stranieri, caratterizzata a sua volta da una alta incidenza di minori stranieri non accompagnati. 8

DIREZIONE GENERALE PER L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI RAPPORTO FINALE

DIREZIONE GENERALE PER L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI RAPPORTO FINALE DIREZIONE GENERALE PER L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI 26 AFFIDAMENTI FAMILIARI E COLLOCAMENTI IN COMUNITA AL 31/12/2011 RAPPORTO FINALE In linea con le precedenti edizioni, il presente report sui

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI. Rapporto finale

DIREZIONE GENERALE PER L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI. Rapporto finale DIREZIONE GENERALE PER L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI 31 AFFIDAMENTI FAMILIARI E COLLOCAMENTI IN COMUNITA AL 31.12.2012 Rapporto finale 1 Rilevazione coordinata dei dati in possesso delle Regioni

Dettagli

9. Assistenza ospedaliera

9. Assistenza ospedaliera 9. Assistenza ospedaliera Keystone LaPresse Assistenza ospedaliera 9.1. Assistenza ospedaliera per acuti e lungodegenti Il sistema SSN si avvale per l assistenza ospedaliera di 1.410 Istituti di ricovero

Dettagli

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia 2 ottobre 2015 1. Programmazione attuativa (dati al 1 ottobre 2015) Le risorse finanziarie del Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani

Dettagli

IL MATRIMONIO IN ITALIA DATI ISTAT RELATIVI ALL ANNO 2011

IL MATRIMONIO IN ITALIA DATI ISTAT RELATIVI ALL ANNO 2011 IL MATRIMONIO IN ITALIA DATI ISTAT RELATIVI ALL ANNO 2011 Nel 2011 sono stati celebrati in Italia 204.830 matrimoni (3,4 ogni 1.000 abitanti), 12.870 in meno rispetto al 2010. La tendenza alla diminuzione,

Dettagli

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA novembre 04 Introduzione In base ai dati dell VIII Censimento su Industria e Servizi dell ISTAT è stata condotta un analisi dell occupazione femminile nelle

Dettagli

Capitolo 4 La mortalità per tumori

Capitolo 4 La mortalità per tumori Capitolo 4 La mortalità per tumori Introduzione I tumori causano circa un terzo dei decessi tra i residenti nella regione Veneto. ei maschi il numero di decessi per tumore è superiore a quello per disturbi

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

I PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI

I PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI 14 dicembre 2012 Al 31 dicembre 2010 I PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI In Italia i presidi residenziali socio-assistenziali e socio-sanitari attivi il 31 dicembre 2010 sono 12.808

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

L'interesse e la tutela del minore tra processo ed evoluzione sociale. PROF. DANIELE PETROSINO Bari 06/04/2009

L'interesse e la tutela del minore tra processo ed evoluzione sociale. PROF. DANIELE PETROSINO Bari 06/04/2009 L'interesse e la tutela del minore tra processo ed evoluzione sociale PROF. DANIELE PETROSINO Bari 06/04/2009 I Principi Art. 1. 1. Il minore ha diritto di crescere ed essere educato nell ambito della

Dettagli

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro 4 agosto 2014 L Istat diffonde i dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni relativi agli spostamenti pendolari

Dettagli

BAMBINI FUORI DALLA FAMIGLIA DI ORIGINE. Dimensione, caratteristiche, sistemi di raccolta dati.

BAMBINI FUORI DALLA FAMIGLIA DI ORIGINE. Dimensione, caratteristiche, sistemi di raccolta dati. BAMBINI FUORI DALLA FAMIGLIA DI ORIGINE Dimensione, caratteristiche, sistemi di raccolta dati. 9 1 Questo Quaderno dà conto del monitoraggio sui minorenni fuori dalla famiglia di origine che il Ministero

Dettagli

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 2012 4. GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 4. FLUSSI DEI REDDITI DERIVANTI DALLE LOCAZIONI DEI FABBRICATI E FLUSSI INTERTERRITORIALI 4.1 ASPETTI GENERALI In questo capitolo si presentano i dati sui canoni di

Dettagli

SERVIZI E INTERVENTI SOCIALI PER BAMBINI, RAGAZZI E FAMIGLIE

SERVIZI E INTERVENTI SOCIALI PER BAMBINI, RAGAZZI E FAMIGLIE SERVIZI E INTERVENTI SOCIALI PER BAMBINI, RAGAZZI E FAMIGLIE Rapporto sui dati delle Zone sociosanitarie/società della salute della Regione Toscana Anni 2007-2009 GENNAIO 2011 INDICE Nota metodologica

Dettagli

Il 38% delle strutture residenziali per anziani sono a gestione pubblica, il 58% a gestione privata ed il rimanente 4% a gestione mista.

Il 38% delle strutture residenziali per anziani sono a gestione pubblica, il 58% a gestione privata ed il rimanente 4% a gestione mista. In sensibile crescita la domanda di servizi assistenziali da parte degli anziani: in 8 anni il numero degli anziani ospiti dei presidi assistenziali è cresciuto di quasi il 30%. Gli ospiti anziani cui

Dettagli

imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia-

imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia- DANIELE NICOLAI 1 Focus Introduzione imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia- e di recessione in Europa ma il nostro Paese

Dettagli

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato Premessa Corso-concorso ordinario L età dei vincitori La presenza femminile Corso-concorso riservato L età dei vincitori La presenza femminile Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

Dettagli

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Sintesi L incidenza e la mortalità per il tumore del polmone stimate in nel periodo 197-215 mostrano andamenti differenti tra uomini e donne:

Dettagli

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia 30 ottobre 2015 1. Programmazione attuativa (dati al 29 ottobre 2015) Le risorse finanziarie del Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006 Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione Numeri del Sud Indicatori regionali del QCS 2-26 Bollettino statistico a cura dell'unità di Valutazione degli

Dettagli

... e i pagamenti delle imprese ... G e n n a i o 2 0 1 413

... e i pagamenti delle imprese ... G e n n a i o 2 0 1 413 ...... Osservatorio sui protesti...... G e n n a i o 2 0 1 4 Osservatorio sui protesti In calo i mancati pagamenti e i gravi ritardi delle imprese... Sintesi dei risultati Nel terzo trimestre del i dati

Dettagli

La prevenzione dei tumori femminili in Italia: il ricorso a pap test e mammografia Anni 2004-2005

La prevenzione dei tumori femminili in Italia: il ricorso a pap test e mammografia Anni 2004-2005 4 dicembre 2006 La prevenzione dei tumori femminili in Italia: il ricorso a pap test e mammografia Anni 2004-2005 Ufficio della comunicazione Tel. 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel.

Dettagli

I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008

I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008 I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008 I Costi Sociali degli Incidenti Stradali La stima dei costi sociali intende quantificare il danno economico subito dalla società, e conseguentemente dal

Dettagli

Tutte le pensioni in Lombardia e nelle altre regioni:

Tutte le pensioni in Lombardia e nelle altre regioni: 1 Tutte le pensioni in Lombardia e nelle altre regioni: quante sono, a chi vanno, quanto rendono Rilevazioni sui trattamenti pensionistici condotta dall Istituto nazionale di statistica in collaborazione

Dettagli

Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati

Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati Tabella 4: Numero di aziende che utilizzano il fondo regionale ogni dieci aziende che si avvalgano del regime assicurativo Area N.ro ogni 10 aziende Nord-Ovest

Dettagli

4. I figli nelle separazioni e nei divorzi

4. I figli nelle separazioni e nei divorzi 4. I figli nelle separazioni e nei divorzi Fonte: ISTAT Matrimoni, separazioni e divorzi. Anno 1993. Edizione 1995 121 Matrimoni, separazioni e divorzi. Anno 1994. Edizione 1996 Matrimoni, separazioni

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA Contributo di Laura Chies Esperta dell Agenzia e Dises - Università di Trieste e di Chiara Donati e Ilaria Silvestri Servizio statistica e affari

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

IL PROGRAMMA INCORAGGIA L APPRENDISTATO FINALIZZATO ALLA FORMAZIONE E ALL INSERIMENTO DEI GIOVANI NEL MONDO DEL LAVORO

IL PROGRAMMA INCORAGGIA L APPRENDISTATO FINALIZZATO ALLA FORMAZIONE E ALL INSERIMENTO DEI GIOVANI NEL MONDO DEL LAVORO Roma, 10 Luglio 2015 I giovani presi in carico sono 380 mila. A oltre 128 mila è stata proposta almeno una misura I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 666 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA

Dettagli

Il REPORT. I giovani Neet registrati

Il REPORT. I giovani Neet registrati Roma, 7 Novembre 2014 L adesione al programma da parte dei giovani continua. Al 6 novembre 2014 1 si sono registrati a Garanzia Giovani 283.317 giovani, di questi il 52% (146.983 giovani) lo ha fatto attraverso

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

Misura dell Appropriatezza

Misura dell Appropriatezza Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Misura dell Appropriatezza I ricoveri in Italia per DRG a rischio di inappropriatezza Allegato 2C DPCM Lea Descrizione del trend nel periodo 2001-2003 Appendice

Dettagli

Corse e scommesse iippiiche nell mese dii Luglliio 201111

Corse e scommesse iippiiche nell mese dii Luglliio 201111 Corse e scommesse iippiiche nell mese dii Luglliio 21111 Il mese di Luglio ha visto in attività 3 ippodromi: 1 hanno ospitato corse al e 2 corse al. Le giornate disputate sono state in totale 18, rispettivamente

Dettagli

Capitolo 8 La mortalità per diabete mellito

Capitolo 8 La mortalità per diabete mellito Capitolo 8 La mortalità per diabete mellito Introduzione el 27 il diabete mellito ha causato 1.92 decessi (2,5% del totale) (tabella 8.1). Complessivamente il diabete causa il decesso in età avanzata:

Dettagli

IL PROGRAMMA SOSTIENE I GIOVANI INTERESSATI ALL AUTOIMPIEGO E ALL AUTOIMPRENDITORIALITÀ

IL PROGRAMMA SOSTIENE I GIOVANI INTERESSATI ALL AUTOIMPIEGO E ALL AUTOIMPRENDITORIALITÀ Roma, 26 Giugno 2015 I giovani Neet registrati al Programma Garanzia Giovani sono 641.412, quasi 12 mila in più rispetto alla scorsa settimana SONO OLTRE 361 MILA I GIOVANI PRESI IN CARICO E A QUASI 119

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

Quaderni DELLA RICERCA SOCIALE BAMBINE E BAMBINI TEMPORANEAMENTE FUORI DALLA FAMIGLIA DI ORIGINE. Sintesi delle prime risultanze

Quaderni DELLA RICERCA SOCIALE BAMBINE E BAMBINI TEMPORANEAMENTE FUORI DALLA FAMIGLIA DI ORIGINE. Sintesi delle prime risultanze Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione Generale per l inclusione e le politiche sociali Quaderni DELLA RICERCA SOCIALE 19 BAMBINE E BAMBINI TEMPORANEAMENTE FUORI DALLA FAMIGLIA DI ORIGINE

Dettagli

In Toscana diminuiscono adozioni e minori affidati a famiglie e strutture

In Toscana diminuiscono adozioni e minori affidati a famiglie e strutture In Toscana diminuiscono adozioni e minori affidati a famiglie e strutture FIRENZE Diminuisce il numero dei bambini e ragazzi in strutture di accoglienza e in afidameno familiare, così come le adozioni

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

FIDUCIA DEI CONSUMATORI

FIDUCIA DEI CONSUMATORI 23 Dicembre 213 Dicembre 213 FIDUCIA DEI CONSUMATORI A dicembre l indice del clima di fiducia dei consumatori in base 25= diminuisce a 96,2 da 98,2 del mese di novembre. Migliorano i giudizi sulla componente

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Rapporto nazionale sull utilizzo

Dettagli

Lavoro occasionale Di tipo accessorio

Lavoro occasionale Di tipo accessorio Lavoro occasionale Di tipo accessorio PRIMO TRIMESTRE/ 211 Lavoro occasionale di tipo accessorio I trim 211 gennaio 212 Il Report è stato realizzato da Giorgio Plazzi e Chiara Cristini, ricercatori dell

Dettagli

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA 11 maggio 2011 Anno 2010 LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA Nel 2010 il 46,8% della popolazione di 6 anni e più (26 milioni e 448 mila persone) dichiara di aver letto, per motivi non strettamente scolastici

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006 24 novembre 2008 La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006 L Istat diffonde i risultati delle rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo intra-muros (R&S) in Italia, riferiti alle imprese, alle istituzioni pubbliche

Dettagli

Il REPORT GARANZIA GIOVANI IN ITALIA E IN EUROPA. Roma, 26 Marzo 2015

Il REPORT GARANZIA GIOVANI IN ITALIA E IN EUROPA. Roma, 26 Marzo 2015 Roma, 26 Marzo 2015 I giovani avviati ad una misura prevista dal Programma Garanzia Giovani sono 49.190, un valore in crescita, nell ultimo mese, del 43,1%. Con la Toscana e la Basilicata continua la presentazione

Dettagli

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità a.s.2014/2015. (novembre 2015)

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità a.s.2014/2015. (novembre 2015) L integrazione scolastica degli alunni con disabilità a.s.2014/2015 (novembre 2015) La presente pubblicazione fa riferimento ai dati aggiornati al 17 settembre 2015. I dati elaborati e qui pubblicati sono

Dettagli

Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005

Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005 9 dicembre 2008 Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005 Con l indagine multiscopo Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari l Istat raccoglie informazioni

Dettagli

CAPITOLO 2 GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

CAPITOLO 2 GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI CAPITOLO 2 - LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 2.1 LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI Nel presente capitolo sono illustrati i dati riguardanti la gestione dei rifiuti speciali sul territorio nazionale negli

Dettagli

McDONALD S E L ITALIA

McDONALD S E L ITALIA McDONALD S E L ITALIA Da una ricerca di SDA Bocconi sull impatto occupazionale di McDonald s Italia 2012-2015 1.24 McDONALD S E L ITALIA: IL NOSTRO PRESENTE Questo rapporto, frutto di una ricerca condotta

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

STUDIO SUGLI INCENDI IN ITALIA DAL 2007 AL 2010. Dirigente Superiore Dott. Ing. Maurizio D ADDATO

STUDIO SUGLI INCENDI IN ITALIA DAL 2007 AL 2010. Dirigente Superiore Dott. Ing. Maurizio D ADDATO STUDIO SUGLI INCENDI IN ITALIA DAL 2007 AL 2010 Dirigente Superiore Dott. Ing. Maurizio D ADDATO La ricerca sviluppata ha preso in esame tutte le segnalazioni pervenute al Centro Operativo Nazionale del

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

L attività dei confidi

L attività dei confidi L attività dei confidi Un analisi sui dati della Centrale dei rischi Valerio Vacca Banca d Italia febbraio 214 1 Di cosa parleremo Il contributo dei confidi ail accesso al credito delle pmi La struttura

Dettagli

TABELLA 5.15. LE STRUTTURE SCOLASTICHE IN ITALIA: STOCK, UNITÀ LOCALI, ADDETTI

TABELLA 5.15. LE STRUTTURE SCOLASTICHE IN ITALIA: STOCK, UNITÀ LOCALI, ADDETTI 5.3 Il patrimonio scolastico e ospedaliero nelle aree di rischio Tra gli edifici esposti al rischio naturale rientrano alcune strutture, come le scuole e gli ospedali, che hanno una particolare importanza

Dettagli

L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse

L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse di Giancarlo Dosi L utilità dei dispositivi di sicurezza L utilità del casco e delle cinture di sicurezza è ormai fuori discussione.

Dettagli

Statistiche in breve

Statistiche in breve Statistiche in breve A cura del Coordinamento Generale Statistico Attuariale Aprile 2015 Anno 2015 vigenti all 1.1.2015 e liquidate nel 2014 erogate dall Inps 1 Le Gestioni Le pensioni vigenti all 1.1.2015

Dettagli

X RAPPORTO SULL'APPRENDISTATO Ministero del Lavoro Isfol (scheda di sintesi)

X RAPPORTO SULL'APPRENDISTATO Ministero del Lavoro Isfol (scheda di sintesi) X RAPPORTO SULL'APPRENDISTATO Ministero del Lavoro Isfol (scheda di sintesi) Presentazione X Rapporto di monitoraggio sullo stato di avanzamento dell apprendistato, appuntamento annuale dell Isfol, che

Dettagli

I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti: i dati epidemiologici recenti come base per le prospettive future

I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti: i dati epidemiologici recenti come base per le prospettive future 8 maggio 2008 I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti: i dati epidemiologici recenti come base per le prospettive future Il volume I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti presentato oggi,

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

OPEN - Fondazione Nord Est Febbraio 2013

OPEN - Fondazione Nord Est Febbraio 2013 A7. FECONDITÀ, NUZIALITÀ E DIVORZIALITÀ Diminuisce il tasso di fertilità dopo la crescita degli ultimi anni A livello nazionale il tasso di fecondità totale (numero medio di figli per donna in età feconda)

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE ANALISI E DELLE PREVISIONI

AGGIORNAMENTO DELLE ANALISI E DELLE PREVISIONI AGGIORNAMENTO DELLE ANALISI E DELLE PREVISIONI DEI CONSUMI DELLE FAMIGLIE NELLE REGIONI ITALIANE MARIANO BELLA LIVIA PATRIGNANI UFFICIO STUDI 9 AGOSTO 2010 L aggiornamento delle previsioni sull andamento

Dettagli

Le esportazioni delle regioni italiane

Le esportazioni delle regioni italiane 17 marzo 2004 Le esportazioni delle regioni italiane Anno 2003 Nel 2003 il valore delle esportazioni italiane ha registrato una flessione del 4 per cento rispetto al 2002. Dal punto di vista territoriale,

Dettagli

La produzione di uva e di vino Anno 2005

La produzione di uva e di vino Anno 2005 La produzione di uva e di vino Anno 2005 31 Gennaio 2006 L Istat diffonde i principali risultati 1 della produzione di uva e di vino in Italia, con riferimento all anno 2005. Essi derivano da stime effettuate

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione. Marzo 2008

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione. Marzo 2008 Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Marzo 2008 Il Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di Paesi Terzi (2007 2013) 11/04/2011 Flussi migratori ed il contesto

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Le famiglie povere nelle regioni italiane. Aspetti oggettivi e soggettivi

Dettagli

Il mercato IT nelle regioni italiane

Il mercato IT nelle regioni italiane RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni nelle regioni italiane a cura di Assinform Premessa e obiettivi del contributo Il presente contributo contiene la seconda edizione del Rapporto sull IT nelle

Dettagli

LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE

LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE VISTA la legge 11 febbraio 1994, n. 109, recante Legge quadro in materia di lavori pubblici, nel testo aggiornato pubblicato nel supplemento

Dettagli

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene.

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene. EDIZIONE osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca

Dettagli

Le biblioteche degli enti territoriali. (anno 2012)

Le biblioteche degli enti territoriali. (anno 2012) Le biblioteche degli enti territoriali (anno 2012) Roma, 11 luglio 2013 L indagine Promossa dal Centro per il Libro e la Lettura e dall Associazione Italiana Biblioteche, in collaborazione con ANCI e ISTAT,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità L integrazione scolastica degli alunni con disabilità dati statistici A.S. 2012/2013 (ottobre 2013) La presente pubblicazione fa riferimento ai dati aggiornati a ottobre 2013. I dati elaborati e qui pubblicati

Dettagli

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti 4 agosto 2003 Telefono e cellulare: comportamenti emergenti La crescente diffusione del telefono cellulare nella vita quotidiana della popolazione ha determinato cambiamenti profondi sia nel numero sia

Dettagli

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 746 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA SCORSA SETTIMANA

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 746 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA SCORSA SETTIMANA Roma, 11 Settembre 2015 I giovani presi in carico sono 441.589. A quasi 159 mila è stata proposta almeno una misura. Il Ministro Poletti ha dato il via al progetto Crescere in Digitale durante la conferenza

Dettagli

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità La spesa sociale dei Comuni Nel 2012 (ultimo dato disponibile) i Comuni italiani, singoli o associati, hanno speso per interventi e servizi sociali sui

Dettagli

Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano?

Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano? Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano? Il quadro attuale (e uno sguardo al futuro) Federica Laudisa La dimensione sociale degli studi in Europa e in Italia: quali risposte alle nuove domande?

Dettagli

L offerta comunale di asili nido e altri servizi socio-educativi per la prima infanzia

L offerta comunale di asili nido e altri servizi socio-educativi per la prima infanzia 14 giugno 2010 L offerta comunale di asili nido e altri servizi socio-educativi per la prima infanzia Anno scolastico 2008/2009 L Istat diffonde i principali risultati della rilevazione rapida relativa

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA

EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA Ufficio Stampa EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA TURISMO ESTERO, CONFESERCENTI- REF: GLI STRANIERI CONTINUANO A SCEGLIERE L ITALIA, MA CONOSCONO POCO IL SUD: PREFERITO IL CENTRO-

Dettagli

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere 20 aprile 2007 La italiana, i dialetti e le lingue straniere Anno 2006 Le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana delle famiglie.

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE SUI CASI INCIDENTI DI DIABETE MELLITO TIPO I INFANTILE-GIOVANILE

RAPPORTO ANNUALE SUI CASI INCIDENTI DI DIABETE MELLITO TIPO I INFANTILE-GIOVANILE RAPPORTO ANNUALE SUI CASI INCIDENTI DI DIABETE MELLITO TIPO I INFANTILE-GIOVANILE Dati Ridi (0-29 anni) Anno 2013 Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa Trento giugno 2014 A cura di Silvano Piffer

Dettagli

Rilevazione sui benefici per i disabili nelle pubbliche amministrazioni. Rapporto di sintesi. Ottobre 2009

Rilevazione sui benefici per i disabili nelle pubbliche amministrazioni. Rapporto di sintesi. Ottobre 2009 Rilevazione sui benefici per i disabili nelle pubbliche amministrazioni Rapporto di sintesi Ottobre 2009 1 La rilevazione è stata realizzata dal Formez. Il questionario è stato predisposto con la collaborazione

Dettagli

Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti

Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti Cod. ISTAT INT 00009 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti Titolare: Dipartimento

Dettagli

VI Rapporto sulla Sicurezza Stradale 1 in Puglia 1 semestre 2012

VI Rapporto sulla Sicurezza Stradale 1 in Puglia 1 semestre 2012 VI Rapporto sulla Sicurezza Stradale 1 in Puglia semestre 2012 I primi dati del 2012 Nel primo semestre 2012 sono stati rilevati 5.919 incidenti stradali che hanno provocato 121 vittime e lesioni a 9.553

Dettagli

Indice delle tavole statistiche su cd-rom

Indice delle tavole statistiche su cd-rom Indice delle tavole statistiche su cd-rom Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e Tavola 2 Beneficiari

Dettagli

Indice delle tavole statistiche su cd-rom

Indice delle tavole statistiche su cd-rom Indice delle tavole statistiche su cd-rom Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e Tavola 2 Beneficiari

Dettagli

Le organizzazioni di volontariato in Italia

Le organizzazioni di volontariato in Italia SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 5 Settori Pubblica amministrazione - Sanità e previdenza Le organizzazioni di volontariato in Italia Anno 2001 Informazioni n. 27-2005

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare di concerto con Ministero dell ambiente e della tutela del territorio

Dettagli

Indagine sui presidi residenziali socio-assistenziali e socio-sanitari

Indagine sui presidi residenziali socio-assistenziali e socio-sanitari Indagine sui presidi residenziali socio-assistenziali e socio-sanitari Caratteristiche generali dell'indagine L indagine sui Presidi residenziali socio assistenziali e socio-sanitari, prevista dal Programma

Dettagli

IRVAPP ISTITUTO PER LA RICERCA VALUTATIVA SULLE POLITICHE PUBBLICHE FONDAZIONE BRUNO KESSLER. Garanzia Giovani in Trentino

IRVAPP ISTITUTO PER LA RICERCA VALUTATIVA SULLE POLITICHE PUBBLICHE FONDAZIONE BRUNO KESSLER. Garanzia Giovani in Trentino FONDAZIONE BRUNO KESSLER IRVAPP ISTITUTO PER LA RICERCA VALUTATIVA SULLE POLITICHE PUBBLICHE Garanzia Giovani in Trentino Rapporto di monitoraggio 2015 1 Aprile 2014 - Giugno 2015 FBK-IRVAPP in collaborazione

Dettagli

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI 14 Maggio 2015 Anno 2013 I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI Nel 2013 le entrate complessive accertate delle amministrazioni provinciali sono pari a 10.363 milioni di euro, in diminuzione

Dettagli

INDICATORI DEMOGRAFICI

INDICATORI DEMOGRAFICI 27 gennaio 2012 INDICATORI DEMOGRAFICI Stime per l anno 2011 Sono 556 mila i bambini nati nel 2011, seimila in meno rispetto al 2010. Il numero di persone morte nell anno è pari a 592 mila, quattromila

Dettagli

La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano

La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano Roma, 8 maggio 2014 www.lavoro.gov.it www.integrazionemigranti.gov.it www.italialavoro.it Indice: 1. Presenza e caratteristiche socio-demografiche della

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli