Regione Puglia. Realizzazione del Portale di Marketing Territoriale della Valle d Itria e relativi servizi professionali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Regione Puglia. Realizzazione del Portale di Marketing Territoriale della Valle d Itria Itri@MKTG e relativi servizi professionali"

Transcript

1 !"#$$$#%!&!"'"!&#(!'#%) '!#'#"!&!""""!&+#'#,,!!"'##-!#$#.!--#%"#/ #'"''!%#!"! #!0

2 Misura 6.2 Azione C) Società dell Informazione Progetto: Realizzazione del Portale di Marketing Territoriale della Valle d Itria e relativi servizi professionali Elaborazione: Maggio 2007 Ufficio Unico del PIT n. 5 Project Manager PIT n. 5 Avv. Giuseppe Salvatore Alemanno Progetto redatto dall Assistenza Tecnica

3 !!! '#'")!''

4 S O M M A R I O 0. PREMESSE FINALITÀ ED OBIETTIVI DEL CONVENZIONI TECNICHE E DESCRITTIVE OGGETTO ED ARCHITETTURA DEL PORTALE DI MARKETING TERRITORIALE (PMT) GLI UTENTI DEL PORTALE PMT I PRINCIPALI CASI D USO DEL PORTALE PMT OBIETTIVI DELLA SESSIONE SERVIZI: ESSERE IMPRESA OBIETTIVI DELLA SESSIONE SERVIZI: RISORSE DEL TERRITORIO - COMUNICARE PER ATTRARRE OBIETTIVI DELLA SESSIONE SERVIZI: GESTIRE IL TERRITORIO REQUISITI GENERALI REQUISITI FUNZIONALI DEI SERVIZI TRASVERSALI REQUISITI FUNZIONALI DEI SERVIZI TEMATICI E DEI RELATIVI CONTENUTI DIGITALI REQUISITI DI USABILITÀ E DI ACCESSIBILITÀ REQUISITI TECNICI RELATIVI AI CONTENUTI DIGITALI E ALLA NAVIGAZIONE REQUISITI TIPOGRAFICI E DI RENDERING DEL WEB REQUISITI TECNICI PER L IMPLEMENTAZIONE DI PMT ELEMENTI HARDWARE, SOFTWARE E SERVIZI PROFESSIONALI RICHIESTI SERVER, ALTRE STRUMENTAZIONI HARDWARE ED INFRASTRUTTURE IMMATERIALI SOFTWARE SISTEMA DI GESTIONE DEL PORTALE ED INTERFACCE BASE DI CONOSCENZA PER IL MARKETING TERRITORIALE SISTEMA WEB GIS WORKFLOW MANAGEMENT SYSTEM (WMS) SISTEMA DI DATA MINING ED INFORMATION RETRIEVAL SISTEMA DI CONTENT MANAGEMENT SISTEMA PER LA GESTIONE DEI CONTENUTI 2D-3D SERVIZI PROFESSIONALI CARICAMENTO ED AGGIORNAMENTO DEI CONTENUTI DIGITALI PROTEZIONE DEI DATI E SICUREZZA PROPRIETÀ DEI DATI SITE PREPARATION SERVIZIO DI START-UP: FORNITURA, INSTALLAZIONE, CONFIGURATION MANAGEMENT, AVVIAMENTO E ADDESTRAMENTO GARANZIA, ASSISTENZA E MANUTENZIONE SERVIZIO DI CONDUZIONE OPERATIVA STATI DI AVANZAMENTO LAVORI E COLLAUDI SERVIZI DI COMUNICAZIONE INTEGRATA LICENZE SOFTWARE Progetto: Pagina 4 di 64

5 0. PREMESSE 0.1 FINALITÀ ED OBIETTIVI DEL Il principale obiettivo del presente Capitolato Tecnico è quello di favorire la realizzazione di un sistema che possa dotare gli attori e gli stakeholders, costituiti da pubblica amministrazione, imprese e cittadini, di uno strumento di governo e conoscenza del territorio per finalizzare le azioni di promozione e sviluppo, attraverso le tecnologie dell informazione e della comunicazione. Per raggiungere tale scopo, il presente capitolato prevede la realizzazione del Portale web del marketing territoriale del PIT n. 5 Valle d Itria, finalizzato all erogazione dei seguenti servizi on line: Servizi trasversali fruibili da ogni sessione del Portale, mirati allo scambio informativo nella comunità di pratica, attraverso chat, forum, news, sondaggi ed all uso di funzioni generali, come il motore di ricerca, la tracciabilità della navigazione on line, ecc. Sessione Servizi: Essere Impresa, mirati alla rappresentazione e descrizione informativa di tutte le imprese del territorio, di cui dovrà essere eseguita la raccolta e la memorizzazione dei dati, integrandoli o mutuandoli, eventualmente, anche da altri sistemi esterni. Sessione Servizi: Risorse del territorio - comunicare per attrarre, mirati a far emergere le potenzialità del territorio per renderlo attrattivo verso nuovi investimenti ed attività economiche e per supportare il processo di sviluppo territoriale. Sessione Servizi: Gestire il territorio. per fornire gli strumenti avanzati di conoscenza del territorio mirati alla pianificazione ed al governo dei processi di sviluppo utilizzabili dalle pubbliche amministrazioni. La filosofia alla base della realizzazione del Portale è quella illustrata nel Progetto Esecutivo che segue il Progetto Definitivo in cui si rimarcano gli aspetti dottrinali del marketing territoriale e l importanza delle funzioni innovative della comunicazione on line, al fine di dimostrare come il Portale WEB qui richiesto possa essere conforme alle necessità informative e di promozione territoriale. Il ruolo funzionale del Portale del Marketing Territoriale progettato trova dunque fondamento sia in uno scenario di sviluppo locale, sia in tutte le azioni orientate a sviluppare il grado di attrattività dell area geografica, grazie al valore aggiunto che il Portale fornirà per la sua capacità di aggregare e di rappresentare le informazioni che meglio connotano l identità del territorio nel suo complesso. Dunque, il Portale deve essere inteso come: strumento innovativo di comunicazione per le decisioni in materia di politiche di marketing territoriale da parte delle amministrazioni del PIT5 e degli altri enti che sono coinvolti nei processi di gestione dello sviluppo locale e regionale; strumento per la promozione e l attrattività di nuovi investimenti e di attività imprenditoriali, da parte delle imprese, degli altri soggetti economici e dei professionisti; strumento di conoscenza delle possibilità di sviluppo, dell identità culturale e di vocazione economica locale ed internazionale, da parte dei cittadini, oltre che degli altri soggetti prima indicati. Progetto: Pagina 5 di 64

6 Le tecnologie dell informazione e della comunicazione dovranno essere il veicolo attraverso il quale realizzare i processi di interazione sempre più attiva tra amministrazioni pubbliche, cittadini ed imprese, favorendo in tal modo la diffusione dei concetti che oggi sono alla base della cosiddetta Società dell Informazione, che con i suoi strumenti favorisce la partecipazione dei cittadino e delle imprese al governo del proprio territorio in una forma democratica e paritetica. Strumenti principali attraverso cui gli attori e gli stakeholders del Portale potranno esercitare il proprio diritto di accesso alle informazioni sono i servizi on line che lo stesso Portale dovrà mettere loro a disposizione. Tali servizi sono stati concepiti per innalzare il livello di partecipazione e di interazione virtuale per far conoscere il territorio promovendone le peculiarità attuali e le potenzialità di sviluppo futuro. Oltre all attivazione dei servizi on line, per raggiungere gli scopi appena indicati, il Portale web dovrà integrarsi con altri Portali e siti web favorendo l interscambio dei dati e la cooperazione tra più istituzioni. 0.2 CONVENZIONI TECNICHE E DESCRITTIVE Con riferimento al linguaggio di rappresentazione standard denominato UML (Unified Modeling Language), di cui in questo progetto sono stati ritagliati specifici elementi, i Casi d Uso descrivono cosa il sistema informatico realizza, quali sono le funzionalità, tutti i possibili modi di utilizzo del sistema. In altri termini, ogni Caso d Uso modella il dialogo tra attore (umano o altro artefatto) e sistema informatico. Ogni Caso d Uso è iniziato da un attore in un dialogo che viene realizzato attraverso l interfaccia o lo scambio di messaggi o dati con il sistema. E riportato il Modello dei Casi d Uso che illustra con sintesi grafica quali funzionalità ed operazioni il sistema PMT realizza, utilizzando la seguente simbologia: l Attore (stilizzato da un omino O p e ra t o re T e c sa m ), è l utente che è deputato all uso delle funzionalità proprie del Caso d Uso. l attore può assumere diversi ruoli, potendosi riferire indifferentemente o contemporaneamente a molti ruoli-utente Elaborare Preventivo Il Caso d Uso (rappresentato da un ovale ), che identifica cosa il sistema è deputato a fare attraverso l attivazione da parte dell Attore. L obiettivo funzionale del Caso d Uso è denotato dal suo stesso nome, posto in didascalia. Le successive analisi permetteranno di descrivere in maniera completa il flusso di eventi racchiusi nel Caso d Uso stesso. Le frecce ( ), che indicano l associazione tra Attore e Caso d Uso, ossia la partecipazione dell Attore in un Caso d Uso. Esse servono a capire chi attiva un Caso d Uso. Quando la freccia è applicata all Attore, essa identifica una specializzazione del ruolo. Inoltre, le frecce possono rappresentare le scomposizioni funzionali in operazioni più elementari. In tal modi si possono creare gerarchie di funzionali. Progetto: Pagina 6 di 64

7 1. OGGETTO ED ARCHITETTURA DEL PORTALE DI MARKETING TERRITORIALE (PMT) In questo Capitolo si delineano le caratteristiche relative all articolazione degli elementi fondamentali di cui dovrà essere costituito il Portale PMT (Portale del Marketing Territoriale). Lo scopo quindi di questa descrizione è quello di illustrare l architettura generale del Portale, che dovrà essere articolato nelle Sessioni corrispondenti alle tipologie di Servizi. In particolare, la strutturazione del Portale dovrà prevedere: Servizi trasversali per lo sviluppo della net community, delle utilities, e dei servizi che veicolano informazioni di carattere generale ed utilizzabili, per la maggior parte, anche nelle altre Sessioni; Sezioni Tematiche: Sessione Servizi: Essere Impresa; Sessione Servizi: Risorse del territorio - comunicare per attrarre; Sessione Servizi: Gestire il territorio. La strutturazione in Sessioni del PMT prevede una ulteriore articolazione in classi di servizi, ognuna dedicata a domini di informazioni specifiche per diverse esigenze di navigabilità e diverse tipologie di utenti. Tra i servizi appartenenti alle classi prima elencate, dovranno essere previsti quelli di tipologia riservata, il cui accesso dovrà essere regolato da meccanismi di autorizzazione. Il sistema dovrà essere adeguato a tutte le normative in materia di accessibilità e riservatezza dei dati personali trattati, nonché agli standard per la sicurezza delle informazioni. Inoltre, per il solo Comune di Putignano è prevista la realizzazione di N.6 punti di accesso pubblico ad Internet, denominati WEB POINT, al fine di rafforzare, in quel territorio, la possibilità di accesso alle nuove tecnologie della comunicazione web da parte della popolazione. 1.1 GLI UTENTI DEL PORTALE PMT Gli utenti del Portale PMT sono distinti in attori e in stakeholders. L attore è il soggetto che utilizza direttamente le funzionalità di PMT ed effettua le operazioni per portare a termine un flusso di richieste (informative o di servizi). L attore ha uno o più ruoli, corrispondenti alle funzioni svolte o al grado di operatività. Queste caratteristiche determinano i permessi di accesso al sistema. Lo stakeholder è un utente generico che è interessato al funzionamento del Portale per motivi non riconducibili all uso diretto delle funzioni operative, quanto, invece, ai risultati che esse producono, alla tipologia di informazioni, alle possibilità di integrazioni, interscambio di dati, interoperabilità e cooperazione applicativa. Si riporta una tabella che in sintesi descrive le diverse tipologie di attori e di stakeholders previsti per il Portale PMT, di cui il proponente dovrà tener conto nella realizzazione dell artefatto informatico: Progetto: Pagina 7 di 64

8 Gli Attori di PMT Attore Utente occasionale non registrato nel sistema Utente interessato a specifici domini informativi Utente privato registrato nel sistema Utente pubblico registrato nel sistema Breve Descrizione E colui, cittadino o impresa, che naviga, anche occasionalmente, nel sistema PMT, senza avere uno scopo preciso. Tuttavia, egli può essere attratto, mentre naviga, da determinate aree o sezioni del Portale che lo potrebbero indurre ad approfondimenti. E colui, cittadino o impresa, che accede al Portale per una specifica ricerca di informazioni o servizi. Accede al sistema per espressa volontà di navigare nel Portale. Le principali specializzazioni sono: studioso, spinto da specifici interessi di approfondimento culturale e di ricerca nel campo della promozione del territorio, dello sviluppo e dell economia, capace di utilizzare ed apprezzare forme di rappresentazione evolute dei dettagli; interessato, spinto da singoli interessi, finalizzati alla conoscenza sugli insediamenti produttivi e delle attività economiche; Professionisti, che intrattengono rapporti con la P.A. (ingegneri, architetti, commercialisti, consulenti aziendali, ecc.); impresa, interessata a sezioni informative e servizi per la promozione ed il proprio sviluppo E l utente cittadino-impresa - Professionisti che, spinto da specifici interessi, vuole mantenere nel tempo una relazione con il sistema e, pertanto, si registra per: accedere ad aree riservate; stabilire una comunicazione sicura con la P.A. accedere a newsletter; partecipare a forum e ad altri servizi di community; scaricare materiale messo a disposizione dal Portale; accedere in generale a servizi riservati, per la fruizione dei quali è necessaria l autenticazione e la autorizzazione. Di questa categoria fanno parte anche soggetti appartenenti ad associazioni ed altre organizzazioni private, di parti sociali e di imprese. E l utente della P.A. o appartenente ad altre istituzioni pubbliche che, spinto da specifici interessi, si registra come utente per: accedere ad aree riservate; riversare contenuti digitali di interesse per il territorio; scambiare documentazione amministrativa tra Comuni; partecipare a forum e ad altri servizi di community scaricare materiale messo a disposizione del Portale; gestire in generale servizi riservati, per la fruizione dei quali è necessaria l autenticazione e la autorizzazione. Di questa categoria fanno parte sia i soggetti pubblici interessati all aggregazione del PIT5, sia di altri enti od organizzazioni pubbliche che hanno interesse diretto ai servizi di PMT. Progetto: Pagina 8 di 64

9 Attore Utente amministratore del sistema Altri sistemi Web based Breve Descrizione E l utente che accede al sistema con permessi di massima grado, in quanto è colui che è autorizzato ad eseguire le seguenti categorie di operazioni: web master del Portale-gestione sistemistica; web content manager-gestione dei contenuti. Sono gli artefatti info-telematici che potranno integrarsi con PMT, attraverso web services e la cooperazione applicativa, sia da subito, sia nel prossimo futuro (ad esempio, Itria2NET, Portale Sistema Puglia, Siti istituzionali dei Comuni dell Aggregazione, altri siti) Stakeholder Stazione Appaltante e Comuni del PIT5 Amministrazioni locali comunali, provinciali e regionali Associazioni, enti economici e non Organizzazioni di categoria e parti sociali Scuole ed altre agenzie formative Alcuni tra gli Stakeholders principali di PMT Descrizione Sono i soggetti e gli enti decisori che potranno valutare i risultati dell operazione del Progetto Inoltre, potranno identificare strategie di possibili integrazioni con altri progetti in corso o che si svolgeranno nel futuro Costituiscono altri referenti pubblici che potranno valutare i risultati dell utilizzo del Portale per impostare future politiche di sviluppo e di cooperazione, basate sulla diffusione dell ICT, soprattutto in materia di servizi innovativi alle imprese e di promozione e sviluppo del territorio Costituiscono i referenti per possibili espansioni di PMT, sia per quanto riguarda i contenuti digitali, sia per quanto attiene nuovi servizi Sono i soggetti che si avvantaggiano delle promozioni del territorio fatte attraverso PMT ed altri sistemi ad esso collegabili Sono i soggetti che potranno fruire delle possibilità di incremento della conoscenza attraverso le nuove forme di rappresentazione, al fine di impostare percorsi formativi basati sulla conoscenza del proprio territorio e sull impostazione di nuove forme di marketing e comunicazione digitale per le imprese Dalla descrizione degli attori e degli stakeholders si evince che una caratteristica che non deve essere trascurata nella realizzazione del sistema è il meccanismo di autenticazione ed autorizzazione, il quale, concepito come attributo specifico del profilo utente, consente diversi livelli di accessibilità a PMT. In questo senso, si intende preservare la riservatezza di alcuni dati rappresentati e trasmessi tramite l infrastruttura info-telematica di PMT, soprattutto quando essi riguardano informazioni sensibili. Un meccanismo di sicurezza e riservatezza a protezione dei dati personali deve essere adottato anche quando le informazioni sono raccolte e trasmesse tramite appositi form collegabili al data base. Quindi, quando l attore utilizzerà dati personali, di privati e di imprese, dovrà essere garantita l applicazione di ogni prescrizione in materia di protezione dei dati, in ottemperanza al decreto legislativo N. 196/2003 (comunemente conosciuto come decreto della privacy). Progetto: Pagina 9 di 64

10 Inoltre, qualunque attore utilizzerà lo stesso punto di ingresso al Portale (home page), ma potrà successivamente utilizzare contesti tecnologici diversi, soprattutto quelli riguardanti i modelli di rappresentazione dei contenuti digitali e dei servizi erogati nelle varie Sessioni in cui sarà articolato il Portale. Inoltre, la tipologia di utente pubblico e registrato dovrà avere la possibilità di utilizzare il Portale come interfaccia di una extranet per scambiare documentazione istituzionale tra Comuni o altri Enti, ricorrendo, eventualmente, anche ai meccanismi di interscambio attraverso la cooperazione applicativa e meccanismi di certificazione. Inoltre, particolare cura dovrà essere posta nell integrazione con il Portale Itria2NET ed il Portale Sud-Est Barese On Line. Infine, caratteristica strettamente legata sia all architettura del Portale PMT, sia alle tipologie di Attori, dovrà essere la suddivisione in due categorie delle informazioni e dei servizi, in modo da coprire diverse esigenze di uso degli stessi: A. Area Riservata, accessibile solo con meccanismi di identificazione ed autorizzazione; B. Area Pubblica, accessibile liberamente. 1.2 I PRINCIPALI CASI D USO DEL PORTALE PMT In questo capitolo è descritto il modello generale dei casi d uso del Portale PMT, per evidenziare i punti di ingresso e di uscita dei flussi informativi e dei servizi attivabili dagli attori del sistema. Funzionalità Generali (Sezioni Tematiche e Servizi Trasversali) «extends» Attore PMT «extends» Portale Itria2NET «extends» +attiva portale Accedere a PMT «extends» Portale Sistema Puglia -Utilizza -Utilizza -Utilizza Attivare Servizi Trasversali Attivare Essere Impresa Attivare Risorse del territorio Siti Comunali PIT5 Altri Siti -Utilizza Attivare Gestire Territorio Progetto: Pagina 10 di 64

11 Il precedente modello illustra il caso d uso generale del Portale PMT, centrato sulle operazioni di: Attivare le funzionalità previste (Sezioni Tematiche e Servizi Trasversali), attraverso appositi link con accesso controllato o libero; Utilizzare le funzioni specifiche. Il modello precedente è centrato sull operazione di accesso al Portale PMT tramite l home page per attivare successivamente i Servizi Trasversali e le Sessioni tematiche in cui si articola l artefatto informatico. Il Portale PMT potrà comprendere meccanismi di link o di interscambio con altri artefatti informatici, la cui applicazione interessano i Comuni tra quelli del PIT5, come ad esempio: Siti Comunali, Portale Itra2NET, Portale Sistema Puglia, Portale Sud-Est Barese On Line. L accesso alla home page di PMT potrà essere eseguito da qualunque punto della mappa del Portale, compreso dalle pagine delle singole Sezioni, dalle quali, attraverso meccanismi di tracciabilità dei percorsi e di link, si dovrà consentire il ritorno indietro diretto. I Servizi Trasversali devono essere utilizzabili indipendentemente dal posizionamento in una delle tre Sezioni Tematiche. Nel precedente modello di caso d uso l home page del Portale PMT costituisce il punto di entrata alle interfacce di presentazione iniziali dalle quali dovrà essere possibile attivare sia la visualizzazione delle informazioni generali sia l uso dei servizi trasversali, le cui caratteristiche tecnologiche e funzionali saranno valide anche per tutte le altre Sezioni o saranno utilizzate in maniera specifica attraverso la home page di interfaccia principale del Portale, che dovrà prevedere, attraverso opportuni link, l accesso controllato o libero per la navigazione nei servizi di back-end (elaborazioni non interattive) e di front-end (elaborazioni interattive). I principali servizi di back-end sono riconducibili all utilizzo trasversale del CMS (Content Management System Gestore dei Contenuti) e delle funzionalità di manipolazione del data-base per la gestione dinamica delle informazioni e dei servizi disponibili nelle Sessioni Tematiche. L utente amministratore del CMS e della gestione data base dovrà essere un attore autorizzato, al quale il sistema dovrà consentire di assegnare un proprio identificativo di autenticazione ed autorizzazione. Nelle prossime figure sono sintetizzate le principali funzioni ed i principali servizi che dovranno essere attivabili attraverso le Sezioni Tematiche. Progetto: Pagina 11 di 64

12 Caso d Uso: Servizi Essere Impresa Gestire anagrafiche imprese Gestire insediamenti produttivi -Utilizza Attore PMT Essere Impresa -Fruisce gestire bacheca elettronica Conoscere le opportunità locali -Gestisce -Utilizza Usare CMS / DB Utente Amministratore PMT Conoscere le opportunità di internazionalizzazione fruire di formazione - FAD Progetto: Pagina 12 di 64

13 Caso d Uso: Servizi Risorse del Territorio: comunicare per attrarre Scoprire il territorio Utilizzare il SIT Approfondire Conoscenza territorio -Utilizza Attore PMT Risorse territorio: comunicare per attrarre -Fruisce Utilizzare mappe tematiche Rilevare i Centri di eccellenza -Gestisce Usare CMS / DB -Utilizza Utente Amministratore PMT Utilizzare Guida Interattiva Visualizzare notiziario Elaborare statistiche e grafici Progetto: Pagina 13 di 64

14 Caso d Uso: Gestire il Territorio Effettuare Report on line Elaborare analisi statistiche Rilevare attori per la promozione Attore PMT -Utilizza Gestire il territorio Rilevare Agenzia per l'integrazione -Fruisce Identificare terreni Zone Insediamento utilizzare strumenti comunicazione -Gestisce Usare CMS / DB -Utilizza Utente Amministratore PMT Attuare audit del territorio Effettuare la georeferenziazione Aggiornare fatti esperenziali Progetto: Pagina 14 di 64

15 1.3 OBIETTIVI DELLA SESSIONE SERVIZI: ESSERE IMPRESA Questa classe di servizi si potrà integrare con quelli del Portale Sistema Puglia, in quanto quest ultimo progetto ha previsto uno specifico dominio informativo sulle imprese e potrà, pertanto, contare sull interoperabilità informativa grazie agli schemi dei flussi informativi XML ed all adozione di opportuni web services, oltre al riuso di alcuni componenti. In caso di riuso del CMS, dovrà essere il Proponente a definire ogni modalità di applicazione al PMT Le informazioni da implementare nel PMT sono tutte quelle riguardanti le imprese del territorio. Per tale motivo, potranno essere acquisite le categorie merceologiche eventualmente già in uso nel Portale Sistema Puglia, codificate secondo i codici ISTAT ATECO 91, sottoponendole, tuttavia, sia ad una attenta analisi sulla loro completezza rispetto alla globalità dei dati necessari a rappresentare il tessuto delle imprese per tutti i settori merceologici presenti nel territorio, sia alle conseguenti integrazioni per creare una base dati completa ed accurata. Pertanto si renderà necessario generare il data base del PMT con le informazioni specifiche di tutti i settori produttivi e merceologici caratterizzanti il territorio del PIT5. Questa classe di servizi dovrà consentire di erogare le informazioni rispetto: alle imprese non rientranti nei codici ISTAT indicati nel progetto preliminare del portale Sistema Puglia; alle aree ASI e PIP della Provincia di Bari, censite da FINPUGLIA (che è il soggetto realizzatore del Sistema Puglia) al fine di attivare le interazioni con le imprese interessate, perché le aziende e le società possano trasmettere per via telematica tutti i moduli e le comunicazioni richieste dalle normative e dai regolamenti per lo svolgimento delle loro attività e accedere a tutte le informazioni disponibili sul sistema delle imprese; all attività di internazionalizzazione, per le quali si dovrà realizzare una rete virtuale tra le associazioni che gestiscono le informazioni del settore, al fine di renderle disponibili, attraverso il PMT, all intera comunità web. Tale rete virtuale, basata su web, dovrà essere regolata da eventuali protocolli di intesa da sottoscrivere tra le associazioni di categoria regionali, locali e le amministrazioni del PIT5 con la finalizzazione della messa in rete di informazioni e servizi specifici attinenti le principali necessità delle imprese (es. fiscalità relativa ai paesi esteri con cui si intrattengono rapporti ). Il Proponente dovrà supportare il processo di protocollazione e di interscambio di dati per realizzare la rete virtuale. Tale patrimonio informativo dovrà essere integrato e fare riferimento agli strumenti di programmazione che hanno interessato ed interesseranno il territorio di riferimento, con particolare attenzione allo sviluppo della Società dell Informazione, ai patti territoriali, ai programmi integrati territoriali e settoriali nonché ad altre iniziative di sviluppo locale. I principali attori-destinatari di questa tipologia di servizi sono le imprese. 1.4 OBIETTIVI DELLA SESSIONE SERVIZI: RISORSE DEL TERRITORIO - COMUNICARE PER ATTRARRE Questa classe dei servizi mira a gestire l informazione per renderla fruibile ai soggetti interessati riguardo ai differenti fattori che rendono particolarmente attrattivo il territorio e, in particolare, per alcune tipologie di imprese che, più di altre, avrebbero l interesse ad insediarvi i propri siti produttivi, come quelle dei settori abbigliamento, agro-alimentare e turistico, che caratterizzano più di altri il territorio PIT5. Progetto: Pagina 15 di 64

16 Attrattività ed internazionalizzazione sono aspetti distinti, ma che dovranno essere entrambi rilevanti per le informazioni che il Portale dovrà gestire. Infatti, i servizi del PMT dovranno essere concepiti, oltre che come elementi attrattori del territorio, anche come specifici ed utili strumenti di conoscenza e di facilitazione dei processi di internazionalizzazione delle imprese: in generale le imprese dovranno fruire di una apposita sezione nella quale dovranno essere descritte le informazioni di interesse, quali: mappe tematiche sulle produzioni del territorio; servizi presenti sul territorio per gli investitori; network di investitori esteri; attori pubblici e privati del processo di internazionalizzazione a cui rivolgersi per facilitare contatti, comunicazioni, adempimenti, circolazione dell informazione; infrastrutture esistenti nel territorio (vie di comunicazione stradale, area, ferroviaria, portuale, impianti tecnologici di servizi alle imprese, reti telematiche). I servizi informativi on line specificatamente orientati a quanto detto in precedenza, dovranno trovare, nell ambito del PMT, uno spazio web identificato in modo da costituire un riferimento certo per tutti gli attori che vogliano, non solo conoscere le risorse disponibili o utilizzabili sul territorio, ma anche interagire con gli altri attori per poter risolvere le problematiche più comuni alle attività da svolgere (pratiche amministrative, autorizzazioni, richieste su lottizzazioni, analisi delle produzioni e dei mercati di sbocco, partnership, sistema bancario, ecc.). Pertanto, l insieme dei servizi on line di questa classe del PMT dovranno rendere possibile la classificazione, la registrazione e l organizzazione delle informazioni su quelle caratteristiche dell'area maggiormente significative che possano fungere da discriminanti nella creazione di macrosegmenti, tipici della zona del PIT5: i settori di attività presenti nel territorio; le funzioni svolte dalle imprese presenti nell'area; la modalità di investimento scelte dalle imprese per operare nell'area; l'origine geografica delle aziende; la dimensione delle imprese. Questa categoria di servizi dovrà fornire, in maniera innovativa: la possibilità per professionisti ed imprese di inoltrare le richieste di accesso a porzioni delle cartografie e relativi tematismi con i dati necessari per poter espletare attività tecniche, attivando i relativi flussi informativi per autorizzazioni, variazioni, pratiche tecniche, ecc. di avere dati sugli insediamenti produttivi operativi o disponibili in maniera georeferenziata, oltre che alfanumerica; un supporto informativo on line per i soggetti che intrattengono rapporti di natura economica con l ente locale per poter visualizzare estratti conto sulle loro situazioni contabili, al fine di facilitare i rapporti tra amministrazione pubblica e imprese. I servizi on-line, facendo leva sia sulla base di conoscenza del sistema delle imprese e produttivo del territorio, sia sulle tecnologie di navigazione ed interazione, devono essere predisposti per consentire di vedere virtualmente il territorio come fattore produttivo. In questo senso, le varie possibilità di classificare le informazioni devono consentire all utente che ne abbia interesse, di generarsi un personale studio di marketing del territorio attraverso l aggregazione di svariate tipologie dati, mentre, ai soggetti locali ed alle pubbliche amministrazioni del PIT5 devono consentire di trovare informazioni per migliorare la propria capacità di lettura dei fenomeni del territorio per gestirne la promozione e lo sviluppo. A tale scopo, questa sessione di servizi dovrà utilizzare fortemente sistemi di data warehouse e meccanismi di data mining e data retrieval. I principali attori-destinatari di questa tipologia di servizi sono le imprese e le pubbliche amministrazioni. Progetto: Pagina 16 di 64

17 1.5 OBIETTIVI DELLA SESSIONE SERVIZI: GESTIRE IL TERRITORIO Questa classe di sevizi deve consentire agli enti decisori delle politiche territoriali di fruire di strumenti on-line per comprendere le dinamiche economiche, produttive e sociali per meglio orientare le scelte in tema di marketing del territorio e favorire lo sviluppo di nuove opportunità rispetto alle peculiarità delle risorse che lo caratterizzano. L obiettivo di questa classe di servizi on line dovrà essere quindi quello di costruire degli spazi di informazione e confronto per la comunità di pratiche che opera sui temi dello sviluppo locale attraverso un networking tra gli attori istituzionali dello sviluppo, con l obiettivo di contribuire a superare il limite di un approccio bottom-up, costituito dalla difficoltà di modellizzare le esperienze e quindi la trasferibilità ad altri contesti e localismi. Tra le principali modalità di erogazione e fruizione di questi servizi on-line che fanno leva sulla gestione delle informazioni orientate alla promozione del territorio, dovranno essere implementatele seguenti facilities: raccogliere e monitorare in maniera strutturata le esperienze promosse dalle autonomie locali disegnando una mappa delle soluzioni di sviluppo e delle politiche di promozione del territorio dare visibilità alle iniziative di sviluppo territoriale attraverso la costruzione di una rete stabile e aperta a tutti gli attori che si occupano di sviluppo locale favorire un confronto sui percorsi e sulle direzioni possibili di crescita economica, attraverso il benchmarking e, in generale, il confronto delle diverse esperienze mettere a fuoco il ruolo delle autonomie locali quali agenti di sviluppo locale e delineare i diversi modelli di approccio allo sviluppo del territorio offrire informazione, percorsi di assistenza e consulenza, ambiti di discussione specialistici sulla progettazione di interventi di sviluppo, in particolare con il fine di assistere gli imprenditori per la realizzazione di un progetto di investimento ed insediamento di attività nel territorio, con le informazioni qualificate su costo del lavoro, costo e qualità della vita, le infrastrutture esistenti sul territorio, settori merceologici, ecc.; le informazioni complete e aggiornate su tutte le possibilità di incentivi e agevolazioni regionali, nazionali e comunitari a sostegno del progetto; selezione delle migliori opportunità localizzative (individuazione di aree ed edifici per uso industriale, commerciale e terziario sia in vendita sia in affitto); le informazioni sui servizi strategici, quali l'assistenza legale, fiscale, economico-finanziaria tecnologica; studi di fattibilità; di assistenza post-insediamento. Per l importanza e la strategicità delle informazioni da trattare, il sistema deve prevedere meccanismi per la sicurezza logica e l accesso controllato. I principali attori-destinatari di questa tipologia di servizi sono pubbliche amministrazioni. Progetto: Pagina 17 di 64

18 2. REQUISITI GENERALI La realizzazione del portale e dei servizi on line dovrà conformarsi ai principi della psicologia cognitiva e dell apprendimento per raggiungere i massimi livelli di usabilità degli stessi. Ciò significa che l utente dovrà essere messo in grado di navigare nel Portale in maniera intuitiva, facile ed efficace per raggiungere i propri scopi di conoscenza. Questa prerogativa diventa particolarmente importante data la quantità di informazioni trattabili. Il link, che costituisce il meccanismo principale di navigazione, dovrà essere affiancato da meccanismi di ricerca semantica delle informazioni, da meccanismi metaforici (come ad esempio, l uso di icone per attivare determinati tipi di servizi on line), da interfacce di simulazione ( per analizzare situazioni basate su domande tipo: cosa succede se.. ), da form fill (utili per scegliere opzioni o introdurre dati). Tutti questi meccanismi di manipolazione diretta dell informazione dovranno orientare l utente all uso consapevole del portale attraverso l interfaccia; le stesse modalità di interazione gli consentiranno di assumere un comportamento da esploratore, facilitando l intereresse a scoprire aree informative, ad usare servizi invogliando quindi, all uso del portale poiché esso stesso risulterà attrattivo per le sue esigenze. Per migliorare il livello di soddisfazione del navigatore, si chiede al Proponente di predisporre una sperimentazione d uso di interfacce adattative. Lo stesso meccanismo delle interfacce adattative consentirà di organizzare le informazioni in modo che esse possano essere fruite su livelli diversificati di dettaglio e di tipo di rappresentazione. Infatti, l utente, mentre naviga ed utilizza i servizi resi disponibili dal portale, dovrà poter: scegliere di approfondire alcune tematiche, attivando link verso appropriate schede statiche di testo e di immagine; scegliere di ricercare informazioni o tematiche più complesse, attivando una ricerca semantica che porterà dinamicamente a scoprire nuovi fatti o a creare nuove aree di conoscenza del territorio; scegliere di visualizzare informazioni cartografiche e da queste, attivare link a tematismi su aree di produzione, su schede informative su aziende, amministrazioni, servizi sul territorio, ecc.; scegliere di attivare una visita virtuale di tipo tridimensionale per entrare nella realtà del territorio in cui sta concentrando la sua attenzione, e scoprire dettagli sui luoghi, sugli edifici, sugli opifici e su altre strutture nelle quali potrà crearsi un percorso di visita personalizzato; scegliere di integrare più modalità di rappresentazione delle informazioni, per poter effettuare confronti, fruire dell informazione sotto più profili contemporaneamente. Tali possibilità dovranno essere rese operative mentre l utente fruisce dei servizi on line con i quali, quindi, egli potrà non solo ricevere gli output da lui desiderati, ma anche organizzarli secondo diverse esigenze di approfondimento o di conoscenza. Per le precedenti motivazioni, l implementazione di PMT si dovrà basare sul paradigma del usercentered design, privilegiando così tutti gli elementi di usabilità, poiché si ritiene che proprio questa caratteristica potrà rendere particolarmente attrattivo il portale, condizione, questa, per decretarne il successo. L usabilità dovrà essere focalizzata sui contenuti informativi di interesse per gli scopi del marketing territoriale e quindi, particolare cura dovrà essere posta sulla loro organizzazione e sui servizi on line che renderanno possibile fruire del patrimonio informativo che si andrà a costituire, anche integrando dati da altri sistemi in altre contesti (in particolare Sistema Puglia). Progetto: Pagina 18 di 64

19 I contenuti informativi specifici dovranno riguardare principalmente gli insediamenti produttivi esistenti nel territorio del PIT5, siano essi ubicati in zone di insediamento industriale, zone PIP, zone ASI, ecc.., sia che essi siano ubicati altrove, anche nei centri abitati, come sovente si manifesta per talune tipologie di laboratori artigianali o di attività produttive. Tali informazioni sulle specificità locali dovranno essere rappresentare un completamento ed una integrazione dei domini informativi previsti dal Sistema Puglia, soprattutto poiché PMT dovrà prevedere l inserimento di categorie produttive ivi non comprese. Per l acquisizione delle informazioni si dovranno utilizzare le seguenti principali fonti degli enti locali territoriali ed altre amministrazioni detentrici dei dati rilevanti ai fini del popolamento del PMT: Uffici Statistici; Uffici tecnici; Uffici per lo sviluppo del territorio; Uffici per le attività produttive; Associazioni imprese, Università, oltre altre fonti, pubbliche e private, alla cui ricerca dovrà attivamente contribuire il soggetto Proponente. Al fine di fornire uno scenario su cui il Proponente dovrà basare la propria soluzione architetturale e delineare le caratteristiche funzionali e tecnologiche per la realizzazione dell artefatto informatico, si descrivono nei successivi paragrafi i principali requisiti che devono intendersi, comunque, come livello minimo per raggiungere gli obiettivi del presente progetto REQUISITI FUNZIONALI DEI SERVIZI TRASVERSALI I requisiti funzionali qui illustrati si riferiscono alla Piattaforma di base del Portale, il quale costituisce l artefatto informatico con il quale l Attore accede a tutte le Sezioni dello stesso, sia in Aree Riservate che Pubbliche. Il Portale PMT è costituito da pagine di navigazione il cui punto di entrata è una unica home page, che dovrà essere accessibile tramite il dominio e tutte le altre estensioni possibili di dominio (ad esempio:.net;.com;.org, ecc). Tale dominio dovrà essere messo a disposizione dal Proponente. Principale strumento di realizzazione del Portale deve essere un adeguato Content Management System che il Proponente dovrà mettere a disposizione dei Comuni del PIT5, anche ricorrendo al riuso di quello previsto dal Portale regionale Sistema Puglia, o di altri sistemi, semprechè le specifiche di questi siano conformi ai requisiti di del presente Portale. Il CMS dovrà essere concepito per rendere autonomi gli addetti dei singoli Comuni per produrre aggiornamenti e variazioni ai contenuti digitali. Dal Modello dei casi d uso, riportato precedentemente, si evince che l infrastruttura di base del Portale deve realizzare almeno i seguenti servizi e funzioni di accesso alle informazioni: Servizi di back-end servizi di content management (CMS), da utilizzare in modo riservato con sistema di sicurezza; lo strumento di CMS potrà eventualmente basarsi su piattaforma open-source, che garantisca le seguenti funzionalità minime: inserimento dei contenuti con editor interno. Il software comprenderà un editor di semplicissimo utilizzo che consente l inserimento e la formattazione di testo, immagini, tabelle, collegamenti a sezioni interne o a pagine esterne al sito, collegamenti a file e riferimenti ai record relativi agli oggetti database (moduli) installati; possibilità di editing delle informazioni con sistema visuale WYSIWYG: il sistema di editing dovrà essere accessibile da una stazione di lavoro dotata di browser standard, senza necessità di software aggiuntivi. Dovranno esistere opportune funzionalità di protezione delle funzionalità di editing delle pagine ed amministrazione del portale da accessi indesiderati; Progetto: Pagina 19 di 64

20 possibilità di upload di documenti e di inserimento immagini nel testo; i riferimenti (hyperlink) a documenti nel repository devono potere essere inseriti senza riferimenti assoluti al path di appartenenza; possibilità di generazione automatica mappa del sito; possibilità di gestione automatica dei percorsi a briciole di pane (Breadcrumb Trail); esistenza di livelli di autorizzazione per la messa on-line delle informazioni: devono essere supportati almeno due livelli (autore editore); possibilità di variare la strutturazione ad albero del sito nonché il layout grafico delle pagine; possibilità di impostare data/ora di scadenza di certe informazioni, con eliminazione automatica dalla versione visibile del sito; mantenimento della versione storica delle pagine variate, con possibilità di rendere nuovamente visibili contenuti precedentemente archiviati; versione stampabile delle pagine; gestione del flusso redazionale: il processo di autorizzazione gerarchico delle informazioni inserite prima della pubblicazione; gestione di ogni singolo utente: ogni utente deve poter essere gestito dall amministratore che in ogni momento deve poter bloccare l accesso al software. profilazione degli utenti e dei gruppi di utenti che accedono a servizi privati, come nel caso di accesso all extranet da parte del personale degli Enti Comunali per lo scambio di documentazione o di altri soggetti, quali alcune categorie di professionisti che intrattengono rapporti di lavoro con gli Enti; creazione delle sezioni e gestione del contenuto: inserimento delle nuove sezioni editandone il contenuto con l editor e stabilendo quali dati pubblicare tra quelli derivanti dai moduli installati; Esportazione XML disponibilità di moduli di servizio precostruiti. Il CMS renderà disponibili all installazione ed all uso in tempo reale moduli quali news, catalogo prodotti, area download di sezione; supporto Multicanale; Inoltre, é richiesta: la possibilità di creazione di news feeder (in standard XML 1.0) per la creazione di sorgenti RSS 2.0 (Really Simple Syndication) utilizzabile dai cittadini mediante un normale news reader; dovranno cioè essere definibili quali aree del sito dovranno andare ad alimentare il feeder XML, e questo dovrà avvenire in automatico, senza nessuna operazione aggiuntiva da parte del manutentore del sito; servizi di security, con almeno funzioni di amministrazione di sistema, profilazione, gestione DB, web master, assistenza, configuration management, upgrading; servizi di integrazione, con funzioni di cooperazione applicativa, web service e di ricerca avanzata; servizio di gestione on line della trasmissione di documentazione con sistema di certificazione della firma e/o posta certificata. Servizi di front-end Questi servizi devono riguardare: Servizi di Community, per favorire l incontro e lo scambio virtuale di conoscenza basata sull appartenenza al territorio e finalizzata alla sua promozione. E la sezione della web community che deve esplicitare e rendere direttamente fruibili i servizi di forum, faq (frequently asked questions), bacheca, sondaggi, newsletter, che permettono la comunicazione bidirezionale con i navigatori del Portale. Data la natura del Portale, il servizio di forum e di bacheca devono essere moderati. I messaggi vengono controllati e pubblicati soltanto dopo la lettura da parte del servizio preposto alla redazione dei contenuti del Portale. Progetto: Pagina 20 di 64

ALL. C AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125, COMMI 10 E 11, DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. DELLA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN

ALL. C AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125, COMMI 10 E 11, DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. DELLA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN ALL. C AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125, COMMI 10 E 11, DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. DELLA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN PORTALE WEB NELL AMBITO DELLA MISURA 2.6. DEL POI ENERGIA FESR 2007 2013

Dettagli

La soluzione web per Georeferenziare

La soluzione web per Georeferenziare La soluzione web per Georeferenziare contenuti e flussi di lavoro Georeferenzia qualsiasi contenuto Ideale per ogni tipo di workflow Semplifica gli iter aziendali Potenzialità ed applicazioni illimitate

Dettagli

CMS Open Source Evento Open Source Asolo Golf Club - 29 giugno 2005

CMS Open Source Evento Open Source Asolo Golf Club - 29 giugno 2005 CMS Open Source Evento Open Source Asolo Golf Club - 29 giugno 2005 Fabio Bottega (f.bottega@tecnoteca.it) I punti focali: CMS = comunicazione Gli attori coinvolti Scelta di un CMS Open Source CMS di riferimento

Dettagli

e-ntra: Enterprise CMS

e-ntra: Enterprise CMS Realizzazione di Siti e Portali Conformi alle normative vigenti e direttive W3C Legge 4/2004 Legge Stanca W3C (XHTML 1.1) CSS 2.1 WAI (AAA) Normative CNIPA altre normative Codice dell amministrazione digitale

Dettagli

PROGETTO: SVILUPPO PIATTAFORME ICT INTERATTIVE SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE GESTIONE AMBIENTALE E DEL TERRITORIO

PROGETTO: SVILUPPO PIATTAFORME ICT INTERATTIVE SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE GESTIONE AMBIENTALE E DEL TERRITORIO Associazione dei Comuni del Comprensorio TRIGNO-SINELLO PROGETTO: SVILUPPO PIATTAFORME ICT INTERATTIVE SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE GESTIONE AMBIENTALE E DEL TERRITORIO RELAZIONE TECNICA E CRONOPROGRAMMA

Dettagli

DATAWAREHOUSE DEVELOPER / DATAMINER

DATAWAREHOUSE DEVELOPER / DATAMINER DATAWAREHOUSE DEVELOPER / DATAMINER 2.4 Finalità e motivazioni dell'intervento: Dopo i finanziamenti a sostegno del progetto e attraverso l integrazione e la diversificazione produttiva, il PIT Tavoliere

Dettagli

REPORT GRUPPO DI LAVORO III

REPORT GRUPPO DI LAVORO III REPORT GRUPPO DI LAVORO III Piattaforma web Network per la RCS per la gestione dei flussi informativi ed organizzazione Centrale di produzione coordinata e permanente delle pillole informative del SSR

Dettagli

ART. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO

ART. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO EDISU PIEMONTE COTTIMO FIDUCIARIO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE, INSTALLAZIONE E GESTIONE DEL SITO WEB ISTITUZIONALE DELL EDISU PIEMONTE CIG [3650361530] CAPITOLATO TECNICO

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO PER LA COSTRUZIONE, GESTIONE E MANUTENZIONE SITO WEB ISTITUZIONALE DELL UNIONE DEI COMUNI DELL APPENNINO BOLOGNESE.

CAPITOLATO TECNICO PER LA COSTRUZIONE, GESTIONE E MANUTENZIONE SITO WEB ISTITUZIONALE DELL UNIONE DEI COMUNI DELL APPENNINO BOLOGNESE. CAPITOLATO TECNICO PER LA COSTRUZIONE, GESTIONE E MANUTENZIONE SITO WEB ISTITUZIONALE DELL UNIONE DEI COMUNI DELL APPENNINO BOLOGNESE. Articolo 1 Oggetto dell appalto 1. L appalto ha per oggetto la progettazione,

Dettagli

LA SOLUZIONE PER LA GESTIONE DINAMICA DELLE INFORMAZIONI IN UN PORTALE

LA SOLUZIONE PER LA GESTIONE DINAMICA DELLE INFORMAZIONI IN UN PORTALE LA SOLUZIONE PER LA GESTIONE DINAMICA DELLE INFORMAZIONI IN UN PORTALE WEBVISION APPARTIENE ALLA FAMIGLIA DEI CONTENT MANAGEMENT SYSTEM PER LA GESTIONE DINAMICA DELLE INFORMAZIONI E DEL LORO LAYOUT ALL

Dettagli

ComunWeb. verso l Agenda Digitale. locale, nazionale, europea. pratiche e tecnologie per la gestione del territorio

ComunWeb. verso l Agenda Digitale. locale, nazionale, europea. pratiche e tecnologie per la gestione del territorio verso l Agenda Digitale locale, nazionale, europea ComunWeb pratiche e tecnologie per la gestione del territorio! multi-canalità e nuovi servizi per Cittadini ed Enti Locali contesto: chi è coinvolto Comunità

Dettagli

ReVision document History Data Versione Descrizione Autore 11/06/2009 0.1 Scheda di presentazione Pasquale Curcio

ReVision document History Data Versione Descrizione Autore 11/06/2009 0.1 Scheda di presentazione Pasquale Curcio Presentare il proprio Ente su Internet ed esporre i propri servizi: Perché scegliere la soluzione Valido CMS BresciaGov Versione 1.0 ReVision document History Data Versione Descrizione Autore 11/06/2009

Dettagli

Content Development e Open Source Pierluigi Boda Università La Sapienza di Roma

Content Development e Open Source Pierluigi Boda Università La Sapienza di Roma Content Development e Open Source Università La Sapienza di Roma Contenuti: Cos è il content management Aspetti critici nello sviluppo dei CMS Opzioni tecnologiche per il CM Peculiarità dell opzione open

Dettagli

CAPO I: OGGETTO ED AMMONTARE DELL'APPALTO, DESCRIZIONE, STRUTTURA E REQUISITI DEL PRODOTTO Art. 1 Oggetto dell appalto Oggetto del presente appalto è la realizzazione della Intranet dell Amministrazione

Dettagli

LA PROFESSIONE DEL WEB DESIGNER

LA PROFESSIONE DEL WEB DESIGNER LA PROFESSIONE DEL WEB DESIGNER Lezione 1 1 Web Design Lafiguracentralenelprogettodiunsitowebèilwebdesigner:eglisioccupadell'aspetto visivo e del coinvolgimento emotivo di siti Web business to business

Dettagli

:: RNDT. repertorio nazionale dei dati territoriali. 22 maggio 2007 FORUM PA 2007 1

:: RNDT. repertorio nazionale dei dati territoriali. 22 maggio 2007 FORUM PA 2007 1 :: RNDT repertorio nazionale dei dati territoriali 22 maggio 2007 FORUM PA 2007 1 I dati territoriali della Pubblica Amministrazione 22 maggio 2007 FORUM PA 2007 2 Codice dell Amministrazione Digitale

Dettagli

P R O D O T T I P E R L A P U B B L I C A A M M I N I S T R A Z I O N E C U B E G I S S O L U Z I O N E P E R L A G E S T I O N E E I L C O N T R O L

P R O D O T T I P E R L A P U B B L I C A A M M I N I S T R A Z I O N E C U B E G I S S O L U Z I O N E P E R L A G E S T I O N E E I L C O N T R O L P R O D O T T I P E R L A P U B B L I C A A M M I N I S T R A Z I O N E C U B E G I S S O L U Z I O N E P E R L A G E S T I O N E E I L C O N T R O L L O D E L T E R R I T O R I O I N D I C E 5 S O

Dettagli

Strumenti E learning. Presentazione tecnica

Strumenti E learning. Presentazione tecnica Strumenti E learning Presentazione tecnica Luglio 2008 Grazie all esperienza del proprio management e alla propria struttura tecnologica, InterAteneo è riuscito a creare un sistema di integrazione, tra

Dettagli

Nello schema seguente vengono illustrate le applicazioni realizzate all'atto del primo impianto del sistema e le loro mutue relazioni.

Nello schema seguente vengono illustrate le applicazioni realizzate all'atto del primo impianto del sistema e le loro mutue relazioni. Situazione attuale applicativi web. Applicativi Web Applicativi di base Nello schema seguente vengono illustrate le applicazioni realizzate all'atto del primo impianto del sistema e le loro mutue relazioni.

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER: TECNICO DELLE ATTIVITA' DI PROGETTAZIONE, SVILUPPO E AGGIORNAMENTO DI SITI WEB

CORSO DI FORMAZIONE PER: TECNICO DELLE ATTIVITA' DI PROGETTAZIONE, SVILUPPO E AGGIORNAMENTO DI SITI WEB Avviso Pubblico PROV-BR 02/2013 PO FSE 2007/2013 ASSE II OCCUPABILITA' Formazione per Inserimento-Reinserimento Lavorativo Approvato con D.D. n.85 del 24/01/2014, pubblicata sul BURP n. 17 del 06/02/2014

Dettagli

Knowledge Management

Knowledge Management [ ] IL K-BLOG Cosa è il KM Il Knowledge Management (Gestione della Conoscenza) indica la creazione, la raccolta e la classificazione delle informazioni, provenienti da varie fonti, che vengono distribuite

Dettagli

Il sistema documentario nella Intranet della Regione Marche

Il sistema documentario nella Intranet della Regione Marche Seminario di studio: Dai sistemi documentali al knowledge management Un opportunità per la Pubblica Amministrazione Gestione documentale e knowledge management Roma, 15 aprile 2003 MAURO ERCOLI BEATRICE

Dettagli

Allegato B Specifiche richieste per il Portale Web del Comune di Modugno

Allegato B Specifiche richieste per il Portale Web del Comune di Modugno Allegato B Specifiche richieste per il Portale Web del Comune di Modugno Articolo 1 - Oggetto della fornitura 1. La fornitura ha per oggetto la progettazione, realizzazione e manutenzione del sito web

Dettagli

Piattaforma integrata gestione portafoglio assicurativo. Caratteristiche principali

Piattaforma integrata gestione portafoglio assicurativo. Caratteristiche principali Piattaforma integrata gestione portafoglio assicurativo Caratteristiche principali INDICE 1. CARATTERISTICHE PRODOTTO... 3 1.1. DESCRIZIONE DELLA SOLUZIONE... 3 1.2. ARCHITETTURA APPLICATIVA... 6 1.2.1.

Dettagli

I N F I N I T Y P R O J E C T SAFETY SOLUTION

I N F I N I T Y P R O J E C T SAFETY SOLUTION I N F I N I T Y P R O J E C T SAFETY SOLUTION SAFETY SOLUTION I VANTAGGI GI Base dati unica ed integrata La base dati unica a tutti gli applicativi della suite HR Zucchetti è una caratteristica che nessun

Dettagli

ordine degli ingegneri della provincia di bari

ordine degli ingegneri della provincia di bari Prot. n. 1945 Bari, 04.06.2014 Oggetto: AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI OFFERTE TECNICHE MIGLIORATIVE PER LA REALIZZAZIONE DEL PORTALE INTERNET DELL ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BARI

Dettagli

Formazione sistema editoriale CMS

Formazione sistema editoriale CMS Ufficio Società dell'informazione Nome del Progetto Acronimo del Progetto Formazione sistema editoriale CMS Documento Data di stesura Maggio 2010 Versione 1.2 Sommario 1 Scopo... 3 2 Campo di applicazione...

Dettagli

1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA

1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA 1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA La Regione Siciliana ha intrapreso nell'ultimo decennio un percorso di modernizzazione che ha come frontiera la creazione della Società dell Informazione, ovvero

Dettagli

Ingegneria del Software Interattivo. - I siti web - Un breve glossario. Un breve glossario (cont.) Parte sesta: I siti web. 1.

Ingegneria del Software Interattivo. - I siti web - Un breve glossario. Un breve glossario (cont.) Parte sesta: I siti web. 1. Parte sesta: I siti web Ingegneria del Software Interattivo - I siti web - Docente: Daniela Fogli 1. I siti web Nel Contesto Riferimenti: Brajnik, Umano G., Toppano, E. Creare siti web multimediali, Pearson,

Dettagli

SOMMARIO. www.trustonline.org. 1. Introduzione 3. 2. Caratteristiche generali della piattaforma 3. 2.1. Amministrazione degli utenti 5

SOMMARIO. www.trustonline.org. 1. Introduzione 3. 2. Caratteristiche generali della piattaforma 3. 2.1. Amministrazione degli utenti 5 www.trustonline.org SOMMARIO 1. Introduzione 3 2. Caratteristiche generali della piattaforma 3 2.1. Amministrazione degli utenti 5 2.2. Caricamento dei corsi 5 2.3. Publishing 6 2.4. Navigazione del corso

Dettagli

LA PIATTAFORMA COMOL L E-LEARNING CENTER PER LE AZIENDE

LA PIATTAFORMA COMOL L E-LEARNING CENTER PER LE AZIENDE LA PIATTAFORMA COMOL L E-LEARNING CENTER PER LE AZIENDE Edutech Vi Offre Un Ambiente Dedicato Per La Formazione A Distanza Cosa vi offre EduTech EduTech, grazie alla collaborazione con il Dipartimento

Dettagli

LA SOLUZIONE MODULARE ESPANDIBILE PER LA CREAZIONE E GESTIONE DI SITI INTERNET. Documentazione

LA SOLUZIONE MODULARE ESPANDIBILE PER LA CREAZIONE E GESTIONE DI SITI INTERNET. Documentazione LA SOLUZIONE MODULARE ESPANDIBILE PER LA CREAZIONE E GESTIONE DI SITI INTERNET Documentazione INTRODUZIONE IMPORTANZA DEL SITO WEB Tramite il sito web sarai facilmente raggiungibile da ogni parte del mondo

Dettagli

EGOV.COMUNE.VENEZIA.IT il portale dei servizi del Comune di Venezia

EGOV.COMUNE.VENEZIA.IT il portale dei servizi del Comune di Venezia Portali EGOV.COMUNE.VENEZIA.IT il portale dei servizi del Comune di Venezia L ESIGENZA Nel quadro delle politiche di e-government e per migliorare i servizi ai cittadini, molte amministrazioni locali hanno

Dettagli

Sistema Web-Gis per la segnalazione dei fenomeni di dissesto idrogeologico

Sistema Web-Gis per la segnalazione dei fenomeni di dissesto idrogeologico Sistema Web-Gis per la segnalazione dei fenomeni di dissesto idrogeologico Il progetto si pone l obiettivo di rilanciare la manutenzione diffusa del territorio montano attraverso l analisi delle basi informatiche

Dettagli

Ingegneria del Software Interattivo. - I siti web - Un breve glossario. Un breve glossario (cont.) Parte sesta: I siti web. 1.

Ingegneria del Software Interattivo. - I siti web - Un breve glossario. Un breve glossario (cont.) Parte sesta: I siti web. 1. Parte sesta: I siti web Ingegneria del Software Interattivo - I siti web - Docente: Daniela Fogli 1. I siti web Nel Contesto Riferimenti: Brajnik, Umano G., Toppano, E. Creare siti web multimediali, Pearson,

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE I Cap.7 Cloud

Dettagli

SCHEDA TECNICA CMS SIMPLIT ASMENET 2.0

SCHEDA TECNICA CMS SIMPLIT ASMENET 2.0 SCHEDA TECNICA CMS SIMPLIT ASMENET 2.0 Denominazione CMS SIMPLIT ASMENET 2.0 Amministrazione Asmenet Campania scarl Note e considerazioni sul riuso L aggiornamento dei siti internet è una criticità molto

Dettagli

PRESENTAZIONE SERVIZI P.M.I.

PRESENTAZIONE SERVIZI P.M.I. PRESENTAZIONE SERVIZI P.M.I. Profilo La Società Hermes nasce nel 2010 per portare sul mercato le esperienze maturate da un team di specialisti e ricercatori informatici che hanno operato per anni come

Dettagli

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn Presentazione Piattaforma ilearn 1 Sommario 1. Introduzione alla Piattaforma Hiteco ilearn...3 1.1. Che cos è...3 1.2. A chi è rivolta...4 1.3. Vantaggi nell utilizzo...4 2. Caratteristiche della Piattaforma

Dettagli

Indice. 01. Presentazione generale. 02. Team. 03. Presenza in rete 1. Siti Web dinamici 2. Web writing e SEO copywriting 3. Business Community

Indice. 01. Presentazione generale. 02. Team. 03. Presenza in rete 1. Siti Web dinamici 2. Web writing e SEO copywriting 3. Business Community Indice 01. Presentazione generale 02. Team 03. Presenza in rete 1. Siti Web dinamici 2. Web writing e SEO copywriting 3. Business Community 04. E-learning 1. Learning Object 2. Piattaforme LMS 3. Business

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE

TECNICO SUPERIORE PER IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA

Dettagli

L aspetto digital della Smart City: il Geoportale del Comune di Genova

L aspetto digital della Smart City: il Geoportale del Comune di Genova n. 4-2014 L aspetto digital della Smart City: il Geoportale del Comune di Genova Rosanna Garassino, Danilo Bertini, Marco D Orazi Sommario: 1. Introduzione 2. Un po di storia 3. Il DB Oggetti 4. Il Catasto

Dettagli

RIPARTIRE DALLA SOSTENIBILITA - per una nuova generazione dei Piani Territoriali di Coordinamento delle Province

RIPARTIRE DALLA SOSTENIBILITA - per una nuova generazione dei Piani Territoriali di Coordinamento delle Province Le tecniche operative solitamente applicate in questa fase sono l intervista diretta a testimoni privilegiati (telefonica e/o verbale), e la ricerca con l ausilio di internet. I testimoni privilegiati

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Progetto SITR - IDT

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Progetto SITR - IDT DELLA SARDEGNA Progetto SITR - IDT Obiettivi del progetto SITR Scopo dell iniziativa è: realizzare un ambiente nel quale gli attori possano cooperare tra loro ed interagire con la tecnologia alfine di

Dettagli

Corso di Alta Formazione Comunicazione per l innovazione della Pubblica Amministrazione

Corso di Alta Formazione Comunicazione per l innovazione della Pubblica Amministrazione Corso di Alta Formazione Comunicazione per l innovazione della Pubblica Amministrazione I contenuti La comunicazione organizzativa leva del cambiamento (I sessione) - L articolazione delle strutture nelle

Dettagli

CMDBuild Significato di una soluzione open source per la gestione del CMDB

CMDBuild Significato di una soluzione open source per la gestione del CMDB ITIL e PMBOK Service management and project management a confronto CMDBuild Significato di una soluzione open source per la gestione del CMDB Firenze 1 luglio 2009 Il sistema CMDBuild è una applicazione

Dettagli

Le funzionalità principali della piattaforma

Le funzionalità principali della piattaforma Istituto di Scienza e Tecnologie dell'informazione A Faedo (ISTI) - Laboratorio di domotica Quimby: Le funzionalità principali della piattaforma Dario Russo (dario.russo@isti.cnr.it) Obiettivi del progetto

Dettagli

Analisi funzionale della Business Intelligence

Analisi funzionale della Business Intelligence Realizzazione di un sistema informatico on-line bilingue di gestione, monitoraggio, rendicontazione e controllo del Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Francia Marittimo finanziato dal

Dettagli

Caratteristiche per la valutazione di un sistema wcm

Caratteristiche per la valutazione di un sistema wcm Caratteristiche per la valutazione di un sistema wcm Note per la compilazione Indicare se la caratteristica richiesta sia presente o meno, ovvero se sia integrabile/sviluppabile e con che tipo di intervento

Dettagli

Portali interattivi per l efficienza aziendale

Portali interattivi per l efficienza aziendale Portali interattivi per l efficienza aziendale Il contesto Aumento esponenziale dei dati e delle informazioni da gestire Difficoltà nel cercare informazioni Difficoltà nel prendere decisioni Web 2.0 e

Dettagli

Modello per la progettazione di un percorso formativo. A cura di Novella Caterina

Modello per la progettazione di un percorso formativo. A cura di Novella Caterina A cura di Novella Caterina 1 RACCOLTA DELLE INFORMAZIONI 1.1 Premessa di scenario 1.2 Finalità 1.3 Destinatari del corso 1.4 Obiettivi 1.5 Target di riferimento 1.6 Referenti di progetto manager (Pm) si

Dettagli

Moka. Ing. Giovanni Ciardi Servizio Sistemi Informativi Geografici. Moka: come cambiera la diffusione dei dati e servizi della Regione Emilia-Romagna

Moka. Ing. Giovanni Ciardi Servizio Sistemi Informativi Geografici. Moka: come cambiera la diffusione dei dati e servizi della Regione Emilia-Romagna Moka Ing. Giovanni Ciardi Servizio Sistemi Informativi Geografici Moka: come cambiera la diffusione dei dati e servizi della Regione Emilia-Romagna Cos è Moka? Moka è CMS (Content Management System) GIS.

Dettagli

Strumenti per il supporto alla formazione a distanza e la didattica

Strumenti per il supporto alla formazione a distanza e la didattica Sommario Strumenti per il supporto alla formazione a distanza e la didattica Introduzione al portale SSIS infofactory - Laboratorio di Intelligenza Artificiale - Univ. degli Studi di Udine 3-4 Dicembre

Dettagli

www.culturaitalia.it CULTURAITALIA UN PATRIMONIO DA ESPLORARE Ministero per i beni e le attività culturali

www.culturaitalia.it CULTURAITALIA UN PATRIMONIO DA ESPLORARE Ministero per i beni e le attività culturali www.culturaitalia.it CULTURAITALIA UN PATRIMONIO DA ESPLORARE CulturaItalia Presentazione del Portale della Cultura italiana 2 CulturaItalia CulturaItalia è il primo portale in Italia ad offrire un punto

Dettagli

intranet solutions www.goinfoteam.it THE INTEGRATION OF INFORMATION, DESIGN AND TECHNOLOGY

intranet solutions www.goinfoteam.it THE INTEGRATION OF INFORMATION, DESIGN AND TECHNOLOGY solutions THE INTEGRATION OF INFORMATION, DESIGN AND TECHNOLOGY www.goinfoteam.it Lo scopo del progetto è quello di dotare l azienda di una piattaforma di collaborazione che sia flessibile e personalizzabile.

Dettagli

SPECIFICHE TECNICO-FUNZIONALI FORNITURA SOFTWARE APPLICATIVO PROTOCOLLO ATTI E RILEVAZIONE PRESENZE

SPECIFICHE TECNICO-FUNZIONALI FORNITURA SOFTWARE APPLICATIVO PROTOCOLLO ATTI E RILEVAZIONE PRESENZE SPECIFICHE TECNICO-FUNZIONALI FORNITURA SOFTWARE APPLICATIVO PROTOCOLLO ATTI E RILEVAZIONE PRESENZE 1. IL SOFTWARE APPLICATIVO PROGETTOENTE 1.1 Linee guida generali: Un software aperto che Vi accompagna

Dettagli

Riprogettazione del sito web del Consiglio regionale dell Umbria.

Riprogettazione del sito web del Consiglio regionale dell Umbria. Riprogettazione del sito web del Consiglio regionale dell Umbria. La necessità di riprogettare il sito web del Consiglio regionale dell Umbria nasce dall ormai sempre più evidente inadeguatezza dell attuale

Dettagli

INFOPOINT COMUNALE: Descrizione Caratteristiche del Software e del DB relazionale.

INFOPOINT COMUNALE: Descrizione Caratteristiche del Software e del DB relazionale. INFOPOINT COMUNALE: Descrizione Caratteristiche del Software e del DB relazionale. Per agevolare e potenziare la gestione delle informazioni di un organizzazione, azienda, ente pubblico si ricorre generalmente

Dettagli

Tilde WCM. Data. Moduli base. Versione 1.0. 29 Settembre 2011. giovedì 29 settembre 11

Tilde WCM. Data. Moduli base. Versione 1.0. 29 Settembre 2011. giovedì 29 settembre 11 Tilde WCM Moduli base Versione 1.0 29 Settembre 2011 Data IL CMS TILDE Il CMS o Content Management System, è lo strumento maggiormente utilizzato in qualsiasi progetto web. Ormai viene attivato su qualsiasi

Dettagli

Fondo FINTER per l innovazione delle imprese del terziario (commercio - sistema fieristico e servizi - turismo)

Fondo FINTER per l innovazione delle imprese del terziario (commercio - sistema fieristico e servizi - turismo) Fondo FINTER per l innovazione delle imprese del terziario (commercio - sistema fieristico e servizi - turismo) TIPOLOGIA DELLE PROPOSTE PROGETTUALI La misura di agevolazione promuove e ammette tipologie

Dettagli

Gara per la realizzazione del Sistema Informativo di Supporto alla Gestione degli Appalti Pubblici - SISGAP -

Gara per la realizzazione del Sistema Informativo di Supporto alla Gestione degli Appalti Pubblici - SISGAP - UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUPBLICA ITALIANA Via Cosenza 1/G - 88100 CATANZARO LIDO POR CALABRIA FESR 2007-2013 Linea di Intervento 1.2.2.2 Azioni per la realizzazione/potenziamento del sistema

Dettagli

Provincia dell Aquila Settore E government Informatica Provveditorato e Patrimonio PROGETTO DI MARKETING TERRITORIALE PROGETTO ESECUTIVO

Provincia dell Aquila Settore E government Informatica Provveditorato e Patrimonio PROGETTO DI MARKETING TERRITORIALE PROGETTO ESECUTIVO Provincia dell Aquila Settore E government Informatica Provveditorato e Patrimonio PROGETTO DI MARKETING TERRITORIALE PROGETTO ESECUTIVO finanziato nell ambito dell ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO SVILUPPO

Dettagli

Lo strumento: dalla filosofia di Moodle, ai suoi aspetti tecnico/pratici Bologna, 27 marzo 2014

Lo strumento: dalla filosofia di Moodle, ai suoi aspetti tecnico/pratici Bologna, 27 marzo 2014 Lo strumento: dalla filosofia di Moodle, ai suoi aspetti tecnico/pratici Bologna, 27 marzo 2014 Le piattaforme Il concetto di ambiente di apprendimento riconduce storicamente a termini quali formazione

Dettagli

Lavoro per TE. Gennaio 2015

Lavoro per TE. Gennaio 2015 Lavoro per TE Gennaio 2015 INDICE LOS STRUMENTO PER LO SVULUPPO INTEGRATO DEI SERVIZI LAVORO PER TE IL PORTALE LAVORO PER TE I SERVIZI 1 LO STRUMENTO PER LO SVILUPPO INTEGRATO DEI SERVIZI LAVORO PER TE

Dettagli

Riprogettazione del sito web del Consiglio regionale dell Umbria

Riprogettazione del sito web del Consiglio regionale dell Umbria Riprogettazione del sito web del Consiglio regionale dell Umbria Andrea Giottoli Consiglio regionale dell Umbria, Piazza Italia 2, 06100 - Perugia giottoli.andrea@crumbria.it 2 Andrea Giottoli Introduzione

Dettagli

MEDICO DEL LAVORO. Effettua le visite mediche; redige la cartella sanitaria e di rischio; rilascia le idoneità allo svolgimento delle mansioni.

MEDICO DEL LAVORO. Effettua le visite mediche; redige la cartella sanitaria e di rischio; rilascia le idoneità allo svolgimento delle mansioni. SAFETYSOLUTION RSSP Con SAFETY SOLUTION Zucchetti le persone preposte alla sicurezza dispongono di tutte le informazioni necessarie a verificare la corretta gestione dei processi aziendali impostati per

Dettagli

Ministerial NEtwoRk for Valorising Activities in digitisation. Museo & Web CMS Una piattaforma open source per la gestione di siti web accessibili

Ministerial NEtwoRk for Valorising Activities in digitisation. Museo & Web CMS Una piattaforma open source per la gestione di siti web accessibili Ministerial NEtwoRk for Valorising Activities in digitisation Museo & Web CMS Una piattaforma open source per la gestione di siti web accessibili Il passo successivo: Museo & Web CMS Piattaforma opensource

Dettagli

Vision. highlights. la soddisfazione di ampliare i confini dell azienda. Un portale che fa!

Vision. highlights. la soddisfazione di ampliare i confini dell azienda. Un portale che fa! la soddisfazione di ampliare i confini dell azienda Un portale che fa! Il portale aziendale è un luogo di lavoro. Gemino è un Portal Application ricco di contenuti applicativi pronti all uso! highlights

Dettagli

SERVIZI INFORMATIVI INTEGRATI PER LA GESTIONE DEL TERRITORIO (PR5SIT) DELLA REGIONE CALABRIA

SERVIZI INFORMATIVI INTEGRATI PER LA GESTIONE DEL TERRITORIO (PR5SIT) DELLA REGIONE CALABRIA SERVIZI INFORMATIVI INTEGRATI PER LA GESTIONE DEL TERRITORIO (PR5SIT) DELLA REGIONE CALABRIA Tonino CARACCIOLO (*), Vincenzo MARRA (*), Domenico MODAFFARI (*), Francesco NAPOLETANO (**), Alfredo PELLICANO

Dettagli

La soluzione informatica per il business on line. Software per la gestione del crm e dei contenuti del tuo sito web

La soluzione informatica per il business on line. Software per la gestione del crm e dei contenuti del tuo sito web La soluzione informatica per il business on line Software per la gestione del crm e dei contenuti del tuo sito web Oggi gestire il proprio sito web, dare risposte veloci agli utenti, aggiornare frequentemente

Dettagli

Fruibilità dell Informazione Ambientale

Fruibilità dell Informazione Ambientale Fruibilità dell Informazione Ambientale Nicoletta Sannio, Mariano Casula Regione Autonoma della Sardegna, Assessorato della Difesa Ambiente, Sevizio S.A.V.I Abstract Il Sistema Informativo Regionale Ambientale

Dettagli

EIPASS Web. Programma analitico d esame. ver. 3.0

EIPASS Web. Programma analitico d esame. ver. 3.0 EIPASS Web Programma analitico d esame ver. 3.0 Pagina 2 di 21 Premessa Questa pubblicazione, riservata ai Candidati agli esami per il conseguimento del titolo EIPASS nel profilo di riferimento, intende

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA SETTORE ORIENTAMENTO - Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA SETTORE ORIENTAMENTO - Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio FACOLTÀ DI SCIENZE MM.FF.NN. COMO Scienze e Tecnologie dell Informazione Corso di laurea triennale - Classe n. 26 Scienze e tecnologie informatiche Caratteristiche e obiettivi del corso Il corso di Laurea

Dettagli

Comunità virtuale IRDAT fvg Guida utente

Comunità virtuale IRDAT fvg Guida utente Comunità virtuale IRDAT fvg Guida utente Community_IRDATfvg_ManualeUtente_Vers._1.1 1 INDICE 2. La Comunità virtuale IRDAT fvg...3 3. I servizi della Comunità...3 4. La struttura della Comunità...4 5.

Dettagli

Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area

Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area Il Marketing territoriale Il territorio, sia esso una città, un area urbana, un area turistica

Dettagli

Web Internet Intranet. Social Network Facebook Youtube Flickr

Web Internet Intranet. Social Network Facebook Youtube Flickr Web Internet Intranet LA REDAZIONE Progetta, gestisce, coordina Banca dati informativa DB Rete Civica, DB manifestazioni Social Network Facebook Youtube Flickr Altri canali informativi Sms Newsletter Televideo

Dettagli

Guida all uso di Innovatori PA

Guida all uso di Innovatori PA Guida all uso di Innovatori PA Innovatori PA La rete per l innovazione nella Pubblica Amministrazione Italiana Sommario Sommario... 2 Cos è una comunità di pratica... 3 Creazione della comunità... 3 Gestione

Dettagli

09 L Informatica nel mondo del lavoro. Dott.ssa Ramona Congiu

09 L Informatica nel mondo del lavoro. Dott.ssa Ramona Congiu 09 L Informatica nel mondo del lavoro Dott.ssa Ramona Congiu 1 L informatica in azienda Al giorno d oggi la quantità di informazioni in circolazione è talmente vasta che senza il supporto delle tecnologie

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS www.btoweb.it L unione tra il know-how gestionale e organizzativo maturato in oltre 12 anni di consulenza e l esperienza nell ambito dell informatizzazione dei processi ha consentito a Sinergest lo sviluppo

Dettagli

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Relazione Attività Di Progetto

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Relazione Attività Di Progetto CST Area di Taranto Assemblea dei Sindaci 19.09.2008 Relazione Attività Di Progetto Uno degli obiettivi del progetto CST Area di TARANTO è stato quello di garantire la diffusione dei servizi innovativi

Dettagli

Il supporto formativo alla Direttiva INSPIRE nell ambito del progetto BRISEIDE

Il supporto formativo alla Direttiva INSPIRE nell ambito del progetto BRISEIDE Il supporto formativo alla Direttiva INSPIRE nell ambito del progetto BRISEIDE Giorgio Saio, Emanuele Roccatagliata, Roderic Molina G.I.S.I.G., Genova Sommario Il lavoro proposto presenta un caso concreto

Dettagli

Prot: Del: Allegato Capitolato Tecnico. Sistema GAIA. Sistema informativo di governo dell Ambiente e flussi informativi ambientali verso gli utenti

Prot: Del: Allegato Capitolato Tecnico. Sistema GAIA. Sistema informativo di governo dell Ambiente e flussi informativi ambientali verso gli utenti REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO TERRITORIO ED AMBIENTE Via Ugo La Malfa, 169 Palermo Prot: Del: Allegato Capitolato Tecnico Sistema GAIA Sistema informativo di governo dell Ambiente e

Dettagli

[Type text] L evoluzione delle associazioni di categoria

[Type text] L evoluzione delle associazioni di categoria La suite a supporto dell Associazione di Categoria che si rinnova Afea srl Via Montefiorino / 8 05100 / Terni Tel +39.0744.20631 Fax +39.0744.206311 www.afea.eu info@afea.eu L evoluzione delle associazioni

Dettagli

UN SISTEMA INFORMATIVO GEOGRAFICO FEDERATO PER IL GRAFO DELLA RETE STRADALE LOMBARDA

UN SISTEMA INFORMATIVO GEOGRAFICO FEDERATO PER IL GRAFO DELLA RETE STRADALE LOMBARDA UN SISTEMA INFORMATIVO GEOGRAFICO FEDERATO PER IL GRAFO DELLA RETE STRADALE LOMBARDA Lucia RATTI (*), Emanuela COMETTI (**) (*) Regione Lombardia, DG Infrastrutture e Mobilità, via Taramelli 12, 20124

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015 (ai sensi dell art. 11 del decreto Legislativo 27 ottobre 2009, n. 150/2009) Premessa Il Liceo M. Gioia di Piacenza realizza le proprie finalità

Dettagli

COMUNICAZIONE ITALIANA

COMUNICAZIONE ITALIANA COMUNICAZIONE ITALIANA Il Business Social Media che comunica su carta, interagisce su internet, decide di persona. Edizioni Servizi Eventi COMUNICAZIONE ITALIANA Il Business Social Media che comunica su

Dettagli

Permettere l aggiornamento delle fonti dati in modalità schedulata, automatica o semiautomatica

Permettere l aggiornamento delle fonti dati in modalità schedulata, automatica o semiautomatica Flussi di Aggiornameno Obiettivi Architetturali Strategici: Scalabilità amministrativa del sistema, unica istanza / n Comuni Permettere l aggiornamento delle fonti dati in modalità schedulata, automatica

Dettagli

Intervento cofinanziato dall U.E. F.E.S.R. sul P.O. Regione Puglia 2007-2013 Asse I Linea 1.1 Aiuti agli investimenti in ricerca per le PMI

Intervento cofinanziato dall U.E. F.E.S.R. sul P.O. Regione Puglia 2007-2013 Asse I Linea 1.1 Aiuti agli investimenti in ricerca per le PMI Oil & Gas Business Application Suite Intervento cofinanziato dall U.E. F.E.S.R. sul P.O. Regione Puglia 2007-2013 Asse I Linea 1.1 Aiuti agli investimenti in ricerca per le PMI Il progetto Il bando Nell

Dettagli

Le competenze. Esplora S.r.l. persegue la propria mission integrando due macro aree di esperienze e professionalità:

Le competenze. Esplora S.r.l. persegue la propria mission integrando due macro aree di esperienze e professionalità: La società Esplora S.r.l. è una società di diritto italiano e sedi a Roma, Siena, Milano e Catania che opera nei settori del project management internazionale, per il governo di progetti complessi e in

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ANZIO V Via Goldoni, 12-00042 ANZIO (RM) 06/9873230 fax 06/9873230 rmic8c600p@istruzione.it-

Dettagli

Carta dei Servizi per lo Studente. a.a. 2014/2015

Carta dei Servizi per lo Studente. a.a. 2014/2015 Carta dei Servizi per lo Studente a.a. 2014/2015 INDICE ART. 1 PRINCIPI GENERALI E FINALITÀ... 3 ART. 2 CONTRATTO CON GLI STUDENTI... 3 ART. 3 TUTELA DEI DATI PERSONALI... 3 ART. 4 MATERIALE DIDATTICO...

Dettagli

LMS ERUDIO. E-learning Formazione a distanza. www.sgslweb.it SISTEMI. 20 febbraio 2014 Autore: L.albanese. powered by

LMS ERUDIO. E-learning Formazione a distanza. www.sgslweb.it SISTEMI. 20 febbraio 2014 Autore: L.albanese. powered by LMS ERUDIO E-learning Formazione a distanza powered by SISTEMI 0 febbraio 01 Autore: L.albanese www.sgslweb.it Che cos è l E- Learning? L' e-learning sfrutta le potenzialità rese disponibili da Internet

Dettagli

SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE VISTA D INSIEME SISTEMA INFORMATIVO REGIONE PIEMONTE SUI VAR - 41

SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE VISTA D INSIEME SISTEMA INFORMATIVO REGIONE PIEMONTE SUI VAR - 41 Pag. 1 di 10 SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE VISTA D INSIEME agosto 2010 Pag. 2 di 10 SOMMARIO 1. SCOPO DEL DOCUMENTO...3 2. INQUADRAMENTO...3 3. LO USER GROUP SPORTELLO UNICO...4 4. IL SOFTWARE PER

Dettagli

2010 Antonio Musarra s Blog. Sessione introduttiva sui CMS (versione 1.0 16/03/2010)

2010 Antonio Musarra s Blog. Sessione introduttiva sui CMS (versione 1.0 16/03/2010) 2010 Antonio Musarra s Blog 1 Sessione introduttiva sui CMS (versione 1.0 16/03/2010) CMS Content Management System 2 Un Content Management System, in acronimo CMS, letteralmente "sistema di gestione dei

Dettagli

Ricca - Divisione I.T.

Ricca - Divisione I.T. Ricca - Divisione I.T. Information Technology & Security Partner Profilo B.U. e Offerta Servizi Ricca Divisione I.T. Information Technology & Security Partner La Mission La nostra missione è divenire il

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale MACRO DESCRIZIONE DEL PROGETTO In Italia l utilizzo integrato di tecnologie informatiche e telematiche nel mondo dei trasporti ha consentito, nel corso degli ultimi anni, di sviluppare sistemi per il monitoraggio

Dettagli

Progetto Suoni della Memoria. Buone Pratiche. Programma Enti Locali Innovazione di Sistema

Progetto Suoni della Memoria. Buone Pratiche. Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto Suoni della Memoria Scheda per la disseminazione e il riuso delle soluzioni tecnologiche e organizzative

Dettagli

ARTI Agenzia Regionale per la Tecnologia e l Innovazione

ARTI Agenzia Regionale per la Tecnologia e l Innovazione ARTI Agenzia Regionale per la Tecnologia e l Innovazione Modello Organizzativo e Dotazione Organica Allegato 1 All Atto Aziendale di Organizzazione e Funzionamento Art. 11 1 1. La missione dell ARTI L

Dettagli

Linee di indirizzo Tecnologie nella didattica e nella scuola Tavolo 3 - Tecnologie

Linee di indirizzo Tecnologie nella didattica e nella scuola Tavolo 3 - Tecnologie Prot. MIUR AOODRLO R.U. 1817 del 31/01/2013 Linee di indirizzo Tecnologie nella didattica e nella scuola Tavolo 3 - Tecnologie Dentro il cambiamento L introduzione delle tecnologie e la transizione al

Dettagli