CERTIFICAZIONE ROHS. aggiunta nella sezione tipi di certificazione

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CERTIFICAZIONE ROHS. aggiunta nella sezione tipi di certificazione"

Transcript

1 LaCertificazione CERTIFICAZIONE ROHS aggiunta nella sezione tipi di certificazione In un contesto dove l'evoluzione delle apparecchiature elettriche ed elettroniche presenta una crescita esponenziale, il legislatore ha deciso di tutelare i cittadini, attraverso la ricezione delle direttive europee relative alla riduzione dell'uso di sostanze pericolose nelle suddette apparecchiature. Risulta necessario un controllo a monte di detti prodotti, soprattutto in ragione della notevole presenza di questi apparecchi all'interno della case, e quindi a diretto contatto con bambini e nei luoghi di lavoro. È necessario tutelare e salvaguardare la salute degli utilizzatori di apparecchiature elettriche ed elettroniche e garantire la conformità a specifiche soglie, definite dalle direttive europee, attraverso un controllo constante dalle autorità preposte. Il D.lgs. n 151 del 25 luglio 2005 recepisce, in ambito nazionale, le direttive europee relative alla riduzione dell uso di sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche e allo smaltimento dei rifiuti. Tra queste vi è la direttiva 2002/95/CEE (approvata il 27 gennaio 2003 dal Parlamento Europeo e dal Consiglio dell Unione Europea), nota come direttiva RoHS (Restriction on Hazardous Substances), che prevede il divieto e le limitazioni di utilizzo di alcune sostanze, ritenute pericolose, nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche. Lo scopo di questa direttiva è dunque quello di limitare l uso di sostanze pericolose nelle apparecchiature al fine di contribuire alla protezione della salute, al recupero e alla sistemazione dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche nel rispetto dell ambiente. La direttiva limita l utilizzo di sei sostanze: Piombo (Pb) Mercurio (Hg) Cromo esavalente (Cr (VI)) Cadmio (Cd) Ritardanti di fiamma bifenili polibromurati (PBB) Ritardanti di fiamma eteri di difenile polibromurati (PBDE). L uso di queste sostanze nelle apparecchiature che rientrano nel campo di applicazione della direttiva è soggetto

2 LaCertificazione a restrizioni. La direttiva si applica alle apparecchiature elettriche ed elettroniche che dipendono per il corretto funzionamento da campi elettrici o elettromagnetici, e alle apparecchiature di generazione, trasferimento e misura di queste correnti e campi che rientrano in una delle categorie elencate nella direttiva e progettate per l uso con tensione nominale non superiore a 1000 volt per la corrente alternata e a 1500 volt per la corrente continua. La direttiva viene applicata alle seguenti apparecchiature: elettrodomestici grandi (come congelatori, lavatrici, lavapiatti, asciugabiancheria, forni elettrici e a microonde, condizionatori d aria); elettrodomestici piccoli (aspirapolvere, ferri da stiro, tostapane, friggitrici,ecc.); apparecchiature informatiche e di telecomunicazione (PC, notebook, stampanti, fotocopiatrici, fax, telefoni, cellulari, cordless,ecc.); elettronica di consumo (televisori, videocamere, videoregistratori, strumenti musicali,ecc.); apparecchi di illuminazione (comprese lampadine elettriche e lampadari di uso domestico) strumenti elettrici ed elettronici (fatta eccezione per le attrezzature industriali fisse di grandi dimensioni) giocattoli e attrezzature per lo sport e il tempo libero (videogames, slot machines, attrezzature sportive dotate di componenti elettrici ed elettroniche,ecc.); distributori automatici (di bevande calde, di bottiglie o lattine e tutte le apparecchiature che erogano automaticamente qualsiasi tipo di prodotto).

3 LaCertificazione La direttiva non si applica : alle attrezzature industriali fisse di grandi dimensioni (macchinari o sistemi costituiti da una combinazione di apparecchiature, sistemi o prodotti, ciascuno dei quali è destinato ad essere usato solo in applicazioni industriali fisse) ai pezzi di ricambio per la riparazione delle apparecchiature elettriche ed elettroniche (AEE) immesse sul mercato prima del 1 luglio 2006, e ai componenti sostitutivi di espansione delle capacità e/o di upgrade immesse sul mercato prima del 1 luglio 2006 al riutilizzo delle AEE immesse sul mercato prima del 1 luglio 2006 alle applicazioni specifiche di mercurio, piombo, cadmio e cromo esavalente. La direttiva non si applica : alle attrezzature industriali fisse di grandi dimensioni (macchinari o sistemi costituiti da una combinazione di apparecchiature, sistemi o prodotti, ciascuno dei quali è destinato ad essere usato solo in applicazioni industriali fisse) ai pezzi di ricambio per la riparazione delle apparecchiature elettriche ed elettroniche (AEE) immesse sul mercato prima del 1 luglio 2006, e ai componenti sostitutivi di espansione delle capacità e/o di upgrade immesse sul mercato prima del 1 luglio 2006 al riutilizzo delle AEE immesse sul mercato prima del 1 luglio 2006 alle applicazioni specifiche di mercurio, piombo, cadmio e cromo esavalente.

4 LaCertificazione I requisiti RoHS si applicano ai prodotti finiti, per cui nessun componente, o combinazione di componenti assemblati in modo da costituire un sottogruppo, può contenere una qualsiasi delle sostanze soggette a restrizione a livelli superiori ai limiti di concentrazione riportati dalla direttiva (i limiti di concentrazione non stati definiti in modo formale, ma si intendono pari allo 0,1 % in peso dei materiali omogenei per quanto riguarda il piombo, il mercurio, il cromo esavalente, i PBB e i PBDE, e lo 0,01 % in peso dei materiali omogenei per quanto riguarda il cadmio). Per quanto riguarda la definizione di materiale omogeneo, c è stata in passato una certa confusione, che è poi stata chiarita nella bozza di linee guida pubblicate dalla Commissione Europea. Per materiale omogeneo si intende una singola sostanza mentre i componenti, come i condensatori, i transistor e gli insiemi di semiconduttori non sono materiali, in quanto composti da numerosi materiali diversi. dei materiali omogenei per quanto riguarda il piombo, il mercurio, il cromo esavalente, i PBB e i PBDE, e lo 0,01 % in peso dei materiali omogenei per quanto riguarda il cadmio). Per quanto riguarda la definizione di materiale omogeneo, c è stata in passato una certa confusione, che è poi stata chiarita nella bozza di linee guida pubblicate dalla Commissione Europea. Per materiale omogeneo si intende una singola sostanza mentre i componenti, come i condensatori, i transistor e gli insiemi di semiconduttori non sono materiali, in quanto composti da numerosi materiali diversi. I produttori delle apparecchiature dovranno, dunque, adottare misure atte a garantire che nessuno dei componenti e dei materiali utilizzati nei loro prodotti contenga le sostanze soggette a restrizione. Per "produttore" si intende qualsiasi persona che, a prescindere dalla tecnica di vendita usata: costruisca e venda apparecchiature elettriche ed elettroniche con il proprio marchio rivenda con il proprio marchio apparecchiature prodotte da altri fornitori; oppure importi o esporti a livello professionale apparecchiature elettriche ed elettroniche in uno stato membro. Questa direttiva riguarda i costruttori, i rivenditori e gli importatori di materiale elettrico ed elettronico. Dal 1 luglio 2006 le nuove apparecchiature poste sul mercato non dovranno contenere piombo, mercurio, cadmio, cromo esavalente, difenile polibrominato (PBB) o etere di difenile polibrominato (PBDE). Sono comunque previste alcune esenzioni: Piombo In leghe di saldatura con punto di fusione alto Nei vetri CRT, nei tubi fluorescenti e nei componenti elettronici Nei componenti elettronici ceramici In alcune leghe di concentrazione ridotte Nelle leghe di saldatura dei server, degli array di storage e delle apparecchiature di storage e delle infrastrutture di rete di telecomunicazione Mercurio Nelle lampade fluorescenti e di altro tipo

5 LaCertificazione Cadmio Nei rivestimenti eccetto ove vietato dalla direttiva 91/338/CEE (direttiva sul cadmio) Cromo esavalente Negli impianti di raffreddamento in acciaio al carbonio per refrigeratori ad assorbimento. Le esenzioni saranno riviste come minimo ogni quattro anni. L elenco delle sostanze e dei materiali pericolosi può essere aumentato sulla base di fatti scientifici e di principi precauzionali. Le batterie non sono comprese nella direttiva e sono oggetto di una legislazione specifica. Il governo del Regno Unito ritiene che le apparecchiature militari debbano essere esenti, tuttavia non è prevista un esenzione specifica e per alcune attrezzature usate sui velivoli che rientrano nel campo di applicazione. La direttiva vieta, inoltre, molte altre sostanze, tra cui due ritardanti di fiamma PBDE: il pentabde e l ottabde. La vendita di queste sostanze è proibita dall agosto 2004 (ma la maggior parte degli altri ritardanti di fiamma bromurati si possono usare in tutta sicurezza). Per quanto riguarda le apparecchiature contenenti un elevato numero di materiali, non è economicamente fattibile testare tutti i materiali e componenti di ogni singolo apparecchio. Le aziende che intendono dichiarare la conformità dei propri prodotti alla direttiva in questione possono essere seguite da un ente terzo riconosciuto, che aiuta i produttori nell esecuzione di attività di test e monitoraggio delle supply chain, consentendo alle aziende di certificare in piena sicurezza la conformità dei propri prodotti con i requisiti stabiliti dalla normativa RoHS. Bisogna rivolgersi ai propri fornitori per sapere se i loro materiali, ricambi e componenti contengono una delle sostanze soggette a restrizione. I fornitori devono rilasciare una dichiarazione che è bene conservare, in quanto le autorità potrebbero consultarla nel caso di violazione della norma e i clienti potrebbero chiederla nel caso in cui necessitino di informazioni. In determinate situazioni è opportuno,inoltre, effettuare un analisi, per determinare se una sostanza soggetta a restrizione sia presente o meno. E il produttore dell apparecchiatura a decidere se la sua esecuzione sia necessaria o meno. La decisione dipende principalmente dal rapporto con il fornitore: l analisi sarà richiesta con minore frequenza per gli elementi acquistati da fornitori affermati e affidabili rispetto a quelli nuovi e sconosciuti. Deve, inoltre, essere eseguita solo sui materiali che presumibilmente contengono una sostanza soggetta a restrizione (eseguire l analisi su tutti i materiali risulta eccessivamente costoso). La decisione dipende principalmente dal rapporto con il fornitore: l analisi sarà richiesta con minore frequenza per gli elementi acquistati da fornitori affermati e affidabili rispetto a quelli nuovi e sconosciuti. Deve, inoltre, essere eseguita solo sui materiali che presumibilmente contengono una sostanza soggetta a restrizione (eseguire l analisi su tutti i materiali risulta eccessivamente costoso. I vantaggi dell'applicazione di suddetta normativa sono facilmente evidenti.

6 LaCertificazione È una normativa soprattutto a garanzia della salute dei cittadini; si cerca infatti di tutelare i consumatori, garantendo l'assenza di sostanze pericolose, a favore di una riduzione dei danni alla salute dovuti ad intossicazioni. In questo modo si può garantire la qualità delle apparecchiature elettriche ed elettroniche, riducendo inoltre gli scarti dovuti alle non conformità per la presenza di sostanze tossiche. Inoltre si migliora il clima aziendale, in quanto ai lavoratori vengono garantiti standard di sicurezza e salute. Si migliorano i rapporti con le istituzioni e con i tutti gli stakeholders.ed infine ci sarà un notevole ritorno di immagine per l'azienda. Articolo di Laura Marino

Gazzetta ufficiale dell'unione europea

Gazzetta ufficiale dell'unione europea L 37/19 DIRETTIVA 2002/95/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 27 gennaio 2003 sulla restrizione dell'uso di determinate sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche IL

Dettagli

Direttive Europee. Direttive Europee

Direttive Europee. Direttive Europee Direttive Europee Direttive Europee CAMPO DI APPLICAZIONE IN ACCORDO CON LE DIRETTIVE EUROPEE APPLICAZIONE DIRETTIVA 2011/65/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO SULLA RESTRIZIONE D USO DI DETERMINATE SOSTANZE PERICOLOSE

Dettagli

Comunità Europea (CE): Direttiva Comunità Europea 27/01/2003 N. 95/2002

Comunità Europea (CE): Direttiva Comunità Europea 27/01/2003 N. 95/2002 Legge Comunità Europea (CE): Direttiva Comunità Europea 27/01/2003 N. 95/2002 Direttiva 2002/95/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 27 gennaio 2003 sulla restrizione dell'uso di determinate sostanze

Dettagli

sulla restrizione dell uso di determinate sostanze elettroniche

sulla restrizione dell uso di determinate sostanze elettroniche La Nuova Direttiva RoHS (Direttiva 2011/65/UE) sulla restrizione dell uso di determinate sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche Mercoledì 11 aprile 2013 Evento organizzato

Dettagli

Domande e risposte sulle politiche comunitarie nel settore dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche

Domande e risposte sulle politiche comunitarie nel settore dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche MEMO/05/248 Bruxelles, 11 agosto 2005 Domande e risposte sulle politiche comunitarie nel settore dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche 1) Quali sono i problemi causati dai rifiuti di

Dettagli

Il sistema di recupero dei rifiuti elettrici ed elettronici Criticità e soluzioni. Milano, 28 giugno 2005

Il sistema di recupero dei rifiuti elettrici ed elettronici Criticità e soluzioni. Milano, 28 giugno 2005 Il sistema di recupero dei rifiuti elettrici ed elettronici Criticità e soluzioni Milano, 28 giugno 2005 IL RUOLO DEI PRODUTTORI E LE PROBLEMATICHE ANCORA APERTE Dr.ssa Daniela Capaccioli Responsabile

Dettagli

La normativa sui rifiuti di apparecchiature elettriche

La normativa sui rifiuti di apparecchiature elettriche La normativa sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) AIRI TUTORIAL MEETING TECNOLOGIE MODERNE ED EMERGENTI PER LE PMI Perché una regolamentazione La politica ambientale dell'unione

Dettagli

Lampade Compatte integrate Forma Compact Globo 10000 15. per luci soffuse e ombre meno marcate E27 2700 K 4000 K 6500 K

Lampade Compatte integrate Forma Compact Globo 10000 15. per luci soffuse e ombre meno marcate E27 2700 K 4000 K 6500 K Lampade Compatte integrate Forma Compact Globo 10000 15 Forma Compact Globo 10000 Lampade fluorescenti compatte ad amalgama con alimentatore Integrato. Compact Globo 10000 è disponibile nelle potenze 25

Dettagli

LA DIRETTIVA COMUNITARIA 2002/96 E LE NORME APPLICATIVE. Roberto Caggiano Federambiente Carpi, 27 maggio 2005

LA DIRETTIVA COMUNITARIA 2002/96 E LE NORME APPLICATIVE. Roberto Caggiano Federambiente Carpi, 27 maggio 2005 LA DIRETTIVA COMUNITARIA 2002/96 E LE NORME APPLICATIVE Roberto Caggiano Federambiente Carpi, 27 maggio 2005 Il Consiglio dei Ministri ha licenziato lo schema di Decreto legislativo di recepimento delle

Dettagli

Area Comunicazione R.A.E.E. cosa SONO. come SI RAccOLgONO. cosa diventano

Area Comunicazione R.A.E.E. cosa SONO. come SI RAccOLgONO. cosa diventano Area Comunicazione R.A.E.E cosa SONO come SI RAccOLgONO cosa diventano I R.A.E.E. QUALI SONO? I R.A.E.E. sono apparecchiature non funzionanti o di cui ci si vuole disfare, alimentate elettricamente o con

Dettagli

Istruzioni d'uso. A.D.J. Supply Europe B.V. Junostraat 2 6468 EW Kerkrade Paesi Bassi www.americandj.eu

Istruzioni d'uso. A.D.J. Supply Europe B.V. Junostraat 2 6468 EW Kerkrade Paesi Bassi www.americandj.eu Istruzioni d'uso A.D.J. Supply Europe B.V. Junostraat 2 6468 EW Kerkrade Paesi Bassi www.americandj.eu Indice INTRODUZIONE... 3 STATO DELLA BATTERIA... 3 RICARICA DELLA BATTERIA... 3 SPECIFICHE... 4 ROHS

Dettagli

L ECO CONTRIBUTO RAEE

L ECO CONTRIBUTO RAEE Circolare N. 86 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 7 dicembre 2007 L ECO CONTRIBUTO RAEE Come previsto dal D.Lgs 151/2005, in capo ai produttori di apparecchiature elettriche ed elettroniche sono

Dettagli

Esperienze di gestione RAEE sulla base del rapporto costi/benefici

Esperienze di gestione RAEE sulla base del rapporto costi/benefici Esperienze di gestione RAEE sulla base del rapporto costi/benefici -Esempio di classificazione delle apparecchiature da smaltire - Esempio di organizzazione del servizio di smaltimento - Costi del servizio

Dettagli

NORMATIVA RoHS. LA DIRETTIVA RoHS

NORMATIVA RoHS. LA DIRETTIVA RoHS Articolo in esclusiva per CQ Elettronica IW2BSF 2007 NORMATIVA RoHS Cerchiamo di capire la nuova normativa che interessera sia i produttori di apparecchiature elettriche ed elettroniche e I centri di assistenza

Dettagli

LISTINO PREZZI 2014 INFORMAZIONI SULLA RACCOLTA E SMALTIMENTO DEGLI APPARECCHI DI ILLUMINAZIONE E DELLE SORGENTI LUMINOSE A SCARICA

LISTINO PREZZI 2014 INFORMAZIONI SULLA RACCOLTA E SMALTIMENTO DEGLI APPARECCHI DI ILLUMINAZIONE E DELLE SORGENTI LUMINOSE A SCARICA ListinoPrezzi 2014 LISTINO PREZZI 2014 INFORMAZIONI SULLA RACCOLTA E SMALTIMENTO DEGLI APPARECCHI DI ILLUMINAZIONE E DELLE SORGENTI LUMINOSE A SCARICA Il contributo RAEE nella misura indicata dal consorzio,

Dettagli

Ambito e date di applicazione. 1 Mercurio in lampade fluorescenti ad attacco singolo (compatte)fino ad un massimo di (per tubo di scarica):

Ambito e date di applicazione. 1 Mercurio in lampade fluorescenti ad attacco singolo (compatte)fino ad un massimo di (per tubo di scarica): ALLEGATO 5 DEL DECRETO LEGISLATIVO 25/07/2005, N. 151 (aggiornato al decreto del Ministero dell ambiente 21/02/2013, pubblicato nella Gazzetta ufficiale 08/11/2013, n. 262) Applicazioni esentate dai requisiti

Dettagli

PRICE LIST FEBBRAIO 2008 FEBRUARY 2008

PRICE LIST FEBBRAIO 2008 FEBRUARY 2008 LISTINO PRICE LIST PREZZI FEBBRAIO 2008 FEBRUARY 2008 ESEDRA S.p.A Via Faentina,171 - Caldine - 50010 Fiesole (FI) - Tel. +39 055 5416001 - Fax +39 055 5040492 e-mail: esedra@esedralight.it - Capitale

Dettagli

Vecchi elettrodomestici, computer,

Vecchi elettrodomestici, computer, L aumento dei rifiuti elettronici nella società moderna Il massiccio uso della tecnologia moderna ha aperto nuove problematiche in materia di smaltimento dei rifiuti. Il quantitativo di RAEE complessivamente

Dettagli

L 251/30 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 25.9.2010

L 251/30 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 25.9.2010 L 251/30 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 25.9.2010 ALLEGATO «ALLEGATO Applicazioni esentate dal divieto di cui all articolo 4, paragrafo 1 1 Mercurio in lampade fluorescenti ad attacco singolo (compatte)

Dettagli

Eco-Design e RAEE: buone pratiche e prospettive. Workshop Eco-Design per Piccole e Medie Imprese del Settore Elettronico

Eco-Design e RAEE: buone pratiche e prospettive. Workshop Eco-Design per Piccole e Medie Imprese del Settore Elettronico Eco-Design e RAEE: buone pratiche e prospettive Workshop Eco-Design per Piccole e Medie Imprese del Settore Elettronico Milano, 18 maggio 2005 Amiat TBD: chi siamo Amiat TBD è una società del gruppo AMIAT

Dettagli

La nuova Direttiva RAEE II: campo di applicazione

La nuova Direttiva RAEE II: campo di applicazione RECUPERO E RICICLO DEI MODULI FOTOVOLTAICI A FINE VITA: IL PRINCIPIO DELLA RESPONSABILITÀ ESTESA DEI PRODUTTORI Fiera Milano 7 maggio 2014 Il D.Lgs 49/2014: analisi del campo di applicazione, esclusioni

Dettagli

CONOSCERE IN UN MERCATO SEMPRE PIÙ COMPETITIVO

CONOSCERE IN UN MERCATO SEMPRE PIÙ COMPETITIVO CONOSCERE GLI ATTI GIURIDICI DELL UNIONE EUROPEA NONCHÉ LE NORME E REGOLE TECNICHE DI PRODOTTO, PROCESSO E SISTEMA PER MIGLIORARE LA GESTIONE DELL IMPRESA IN UN MERCATO SEMPRE PIÙ COMPETITIVO Dott. Ing.

Dettagli

Elenco indicativo di AEE che rientrano nelle categorie dell'allegato I

Elenco indicativo di AEE che rientrano nelle categorie dell'allegato I ALLEGATO II Elenco indicativo di AEE che rientrano nelle categorie dell'allegato I 1. GRANDI ELETTRODOMESTICI 1.1 Grandi apparecchi di refrigerazione 1.2 Frigoriferi 1.3 Congelatori 1.4 Altri grandi elettrodomestici

Dettagli

RoHS Cina AGGIORNAMENTO Marcia 2011. www.element14.com

RoHS Cina AGGIORNAMENTO Marcia 2011. www.element14.com RoHS Cina AGGIORNAMENTO Marcia 2011 Dichiarazione Restrizione Ambito Imballaggio Differenze dalla direttiva RoHS Europea Primo catalogo RoHS2 Cina 1 RoHS in Cina Misure per l'amministrazione del controllo

Dettagli

ELENCO DIRETTIVE DEL NUOVO APPROCCIO CHE PREVEDONO L APPOSIZIONE DELLA MARCATURA CE

ELENCO DIRETTIVE DEL NUOVO APPROCCIO CHE PREVEDONO L APPOSIZIONE DELLA MARCATURA CE ELENCO DIRETTIVE DEL NUOVO APPROCCIO CHE PREVEDONO L APPOSIZIONE DELLA MARCATURA CE PREMESSA La parte IV Titolo I artt. da 102 a 113 del Codice del Consumo costituisce il recepimento nazionale della Direttiva

Dettagli

LE NUOVE DIRETTIVE WEEE E ROHS: Confronto tra le vecchie e nuove norme, recepimenti nazionali

LE NUOVE DIRETTIVE WEEE E ROHS: Confronto tra le vecchie e nuove norme, recepimenti nazionali LE NUOVE DIRETTIVE WEEE E ROHS: Confronto tra le vecchie e nuove norme, recepimenti nazionali Ing. Gabriele MUZIO (Responsabile Servizio Tecnico API Torino Contenuti La nuova Direttiva WEEE La nuova Direttiva

Dettagli

Il decreto legislativo di recepimento delle direttive 2002/95/CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE. Rosanna Laraia SERVIZIO RIFIUTI

Il decreto legislativo di recepimento delle direttive 2002/95/CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE. Rosanna Laraia SERVIZIO RIFIUTI Il decreto legislativo di recepimento delle direttive 2002/95/CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE Rosanna Laraia Il Consiglio dei Ministri n. 14 del 22 luglio 2005 ha approvato il D.Lgs. di recepimento delle

Dettagli

FRIGORIFERI E CONGELATORI

FRIGORIFERI E CONGELATORI MANUALE PER LE AZIENDE DI TRATTAMENTO DEL CDC RAEE FRIGORIFERI E CONGELATORI Cenni storici Frigoriferi e congelatori sono costituiti da una struttura in ferro e plastica, con pareti e porte. La carcassa

Dettagli

Allegato 1 A Elenco dei rifiuti appartenenti alla categoria RAEE DOMESTICI (articolo 2 comma 1del D. Lgs. 25 luglio 2005, n.

Allegato 1 A Elenco dei rifiuti appartenenti alla categoria RAEE DOMESTICI (articolo 2 comma 1del D. Lgs. 25 luglio 2005, n. Allegato 1 A Elenco dei rifiuti appartenenti alla categoria RAEE DOMESTICI (articolo 2 comma 1del D. Lgs. 25 luglio 2005, n. 151) CATEGORIE DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE RIENTRANTI NEL

Dettagli

STAMPANTI E MULTIFUNZIONI

STAMPANTI E MULTIFUNZIONI manuale per le aziende di trattamento del CdC RAEE STAMPANTI E MULTIFUNZIONI Cenni storici Le stampanti, ancor prima dei monitor, hanno rappresentato nell informatica l output dei dati elaborati da un

Dettagli

Direttiva RoHS 2002/95/CE. Ing. Paolo Gianoglio - IMQ

Direttiva RoHS 2002/95/CE. Ing. Paolo Gianoglio - IMQ Direttiva RoHS 2002/95/CE Ing. Paolo Gianoglio - IMQ L attività svolta: informazione e controllo La Direttiva RoHS (Restriction of the use of certain Hazardous Substances in Electrical and Electronical

Dettagli

LA DIRETTIVA 2012/19/UE DEL 4 LUGLIO 2012 sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche

LA DIRETTIVA 2012/19/UE DEL 4 LUGLIO 2012 sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche LA DIRETTIVA 2012/19/UE DEL 4 LUGLIO 2012 sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche Obiettivi e Destinatari «La presente direttiva è intesa a contribuire alla produzione e al consumo sostenibili

Dettagli

Direttiva RoHS e DLgs 151/2005

Direttiva RoHS e DLgs 151/2005 Direttiva RoHS e DLgs 151/2005 1 - PREMESSA La Comunità Europea ha emesso già a fine 2002 due direttive (la 2002/95/CE e la 2002/96/CE) con lo scopo di normare adeguatamente il settore delle apparecchiature

Dettagli

COME SMALTIRE I RIFIUTI URBANI, RAEE E PNEUMATICI

COME SMALTIRE I RIFIUTI URBANI, RAEE E PNEUMATICI COME SMALTIRE I RIFIUTI URBANI, RAEE E PNEUMATICI SOMMARIO Introduzione Scarti elettrici e pneumatici, ecco le regole per smaltirli 5 Progettazione e trattamenti: c è la nuova direttiva Ue di Marco Fabrizio

Dettagli

APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE. Gli obblighi dei Produttori I Sistemi Collettivi L iscrizione al Registro AEE

APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE. Gli obblighi dei Produttori I Sistemi Collettivi L iscrizione al Registro AEE APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE Gli obblighi dei Produttori I Sistemi Collettivi L iscrizione al Registro AEE D. Lgs. 151/2005 Normativa RAEE D. Lgs. 152/2006 Testo Unico Ambientale NORMATIVA

Dettagli

Commento al nuovo decreto RAEE

Commento al nuovo decreto RAEE Commento al nuovo decreto RAEE prof. Stefano Maglia La crescita esponenziale dei consumi di apparecchiature elettriche ed elettroniche degli ultimi anni e la sempre più rapida obsolescenza di questo genere

Dettagli

Istruzioni d'uso 11/08. A.D.J. Supply Europe B.V. Junostraat 2 6468 EW Kerkrade Paesi Bassi www.americandj.eu

Istruzioni d'uso 11/08. A.D.J. Supply Europe B.V. Junostraat 2 6468 EW Kerkrade Paesi Bassi www.americandj.eu Istruzioni d'uso 11/08 A.D.J. Supply Europe B.V. Junostraat 2 6468 EW Kerkrade Paesi Bassi www.americandj.eu Indice INTRODUZIONE... 3 ISTRUZIONI GENERALI... 3 CARATTERISTICHE... 3 FUNZIONAMENTO... 3 SOSTITUZIONE

Dettagli

Allegato 1A (articolo 2 comma 1) CATEGORIE DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE RIENTRANTI NEL CAMPO DI APPLICAZIONE DEL PRESENTE DECRETO 1.

Allegato 1A (articolo 2 comma 1) CATEGORIE DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE RIENTRANTI NEL CAMPO DI APPLICAZIONE DEL PRESENTE DECRETO 1. Allegato 1A (articolo 2 comma 1) CATEGORIE DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE RIENTRANTI NEL CAMPO DI APPLICAZIONE DEL PRESENTE DECRETO 1. Grandi elettrodomestici. 2. Piccoli elettrodomestici.

Dettagli

RAEE Mobile _ pag. 1 di 2

RAEE Mobile _ pag. 1 di 2 RAEE Mobile _ pag. 1 di 2 Refrigeratori e condizionatori 01 _ Apparecchiature per la refrigerazione e il condizionamento Frigoriferi; congelatori; apparecchi per il condizionamento Lavatrici e lavastoviglie

Dettagli

RAEE Mobile _ pag. 1 di 2

RAEE Mobile _ pag. 1 di 2 RAEE Mobile _ pag. 1 di 2 Refrigeratori e condizionatori 01 _ Apparecchiature per la refrigerazione e il condizionamento Frigoriferi; congelatori; apparecchi per il condizionamento Lavatrici e lavastoviglie

Dettagli

La nuova normativa sui RAEE desta subito alcune perplessità

La nuova normativa sui RAEE desta subito alcune perplessità La nuova normativa sui RAEE desta subito alcune perplessità Andrea Quaranta Il 29 luglio 2005 è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il D.Lgs. n. 151/2005, che ha recepito le direttive 2002/95/CE,

Dettagli

Le problematiche del trattamento adeguato dei RAEE

Le problematiche del trattamento adeguato dei RAEE Le problematiche del trattamento adeguato dei RAEE Fabrizio D Amico Presidente CdC RAEE Forum RAEE 2014 ACCORDO TRATTAMENTO L Accordo per la qualità del trattamento dei RAEE è stato siglato nell aprile

Dettagli

PRODOTTI PER IMPIANTI FRIGORIFERI INFORMAZIONI GENERALI

PRODOTTI PER IMPIANTI FRIGORIFERI INFORMAZIONI GENERALI PRODOTTI PER IMPIANTI FRIGORIFERI INFORMAZIONI GENERALI DALLA QUALITÀ, IL NATURALE SVILUPPO. Giunta al traguardo di cinquant anni di attività nel settore della componentistica per la refrigerazione e il

Dettagli

INTRODUZIONE IL NOSTRO IMPEGNO VERSO I CLIENTI

INTRODUZIONE IL NOSTRO IMPEGNO VERSO I CLIENTI OTTOBRE 2005 RoHS GUIDA ALLA LEGISLAZIONE E ALLA VERIFICA DELLA CONFORMITÀ>> Pag. 3 DIRETTIVA RoHS Pag. 6 IMPATTO DELLA DIRETTIVA RoHS CONTROLLA LA CONFORMITÀ SU RS ONLINE Pag. 7 COME CONSEGUIRE LA CONFORMITÀ

Dettagli

Raccolta dei Rifiuti elettrici ed elettronici (Raee): nuovi obblighi

Raccolta dei Rifiuti elettrici ed elettronici (Raee): nuovi obblighi PERIODICO INFORMATIVO N. 32/2010 Raccolta dei Rifiuti elettrici ed elettronici (Raee): nuovi obblighi Con il Decreto n. 65 dell 8 marzo 2010 pubblicato nella G.U. del 4 maggio 2010, sono state definite

Dettagli

E M A N A il seguente decreto legislativo:

E M A N A il seguente decreto legislativo: VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; VISTA la legge 6 agosto 2013, n. 96, recante delega al Governo per il recepimento delle direttive europee e l'attuazione di altri atti dell'unione europea

Dettagli

F.A.R.O. S.r.l. Oggetto: D. M. 25/11/2007 n 187, norma attuativa del D. Lgs. 151/05 sulla disciplina dei Rifiuti di

F.A.R.O. S.r.l. Oggetto: D. M. 25/11/2007 n 187, norma attuativa del D. Lgs. 151/05 sulla disciplina dei Rifiuti di F.A.R.O. S.r.l. Formazione - Antinfortunistica - Ricerche - Orientamenti Via Lavoratori Autobianchi, 1-20033 Desio (MI) Cod. Fisc. e P. IVA 02502170968 C.C.I.A.A. n.1482084 Telefono (0362) 306216 - Fax

Dettagli

DESCRIZIONE RIFIUTO SUL TOTEM. PUNTI Al Kg

DESCRIZIONE RIFIUTO SUL TOTEM. PUNTI Al Kg TABELLA A Allegato A Prog. TIPOLOGIA RIFIUTO CODICE CER DESCRIZIONE CER Limit. CDR : limitazione della tipologia di rifiuti conferibili al Centro di Raccolta rispetto alla tipologia descritta dal Codice

Dettagli

STUFA CERAMICA 2000 Watt. mod. SQ 134

STUFA CERAMICA 2000 Watt. mod. SQ 134 STUFA CERAMICA 2000 Watt mod. SQ 134 manuale d istruzioni European Standard Quality Consigliamo di leggere attentamente il presente manuale d istruzioni prima di procedere nell utilizzo dell apparecchio

Dettagli

L attuazione in Italia della Direttiva Pile e Accumulatori Quali oneri, scadenze e adempimenti a carico delle aziende

L attuazione in Italia della Direttiva Pile e Accumulatori Quali oneri, scadenze e adempimenti a carico delle aziende L attuazione in Italia della Direttiva Pile e Accumulatori Quali oneri, scadenze e adempimenti a carico delle aziende Inquadramento generale della normativa Evento URGC Remedia, 25 novembre 2010 Maurizio

Dettagli

Direttiva RAEE. di Gianfranco Ceresini

Direttiva RAEE. di Gianfranco Ceresini Direttiva RAEE Pubblicato il: 10/03/2004 Aggiornato al: 10/03/2004 di Gianfranco Ceresini La direttiva RAEE 2002/96/CE (modificata all articolo 9 dalla direttiva 2003/108/CE) sui rifiuti di apparecchiature

Dettagli

VALUTAZIONE DEI FLUSSI DI RIFIUTI IN PLASTICA IN ITALIA DERIVANTI DALLA DAL RICICLO DI ELETTRODOMESTICI

VALUTAZIONE DEI FLUSSI DI RIFIUTI IN PLASTICA IN ITALIA DERIVANTI DALLA DAL RICICLO DI ELETTRODOMESTICI Consorzio Nazionale per la Raccolta, il Riciclaggio, il Recupero dei Rifiuti di imballaggi in plastica PROGETTO: VALUTAZIONE DEI FLUSSI DI RIFIUTI IN PLASTICA IN ITALIA DERIVANTI DALLA DAL RICICLO DI ELETTRODOMESTICI

Dettagli

Gas Fluorurati. contribuiscono al cd. «effetto serra»

Gas Fluorurati. contribuiscono al cd. «effetto serra» Samantha Sapienza Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per lo Sviluppo Sostenibile, il Clima e l Energia www.minambiente.it Gas Fluorurati impatto zero sullo

Dettagli

Via Pirandello, 17-25020 FLERO (BS) tel. 030 3582490 - fax 030 3580842 - e-mail: ecologia@cerrotorre.it

Via Pirandello, 17-25020 FLERO (BS) tel. 030 3582490 - fax 030 3580842 - e-mail: ecologia@cerrotorre.it 1 Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche R.A.E.E. Gruppo R1 (frigoriferi) ------------- C.E.R. 20 01 23 Gruppo R2 (lavatrici, lavastoviglie, ecc..) C.E.R. 20 01 35 Gruppo R3 (televisioni

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

MANUALE PER LE AZIENDE DI TRATTAMENTO DEL CDC RAEE CONDIZIONATORI

MANUALE PER LE AZIENDE DI TRATTAMENTO DEL CDC RAEE CONDIZIONATORI MANUALE PER LE AZIENDE DI TRATTAMENTO DEL CDC RAEE CONDIZIONATORI Cenni storici Il climatizzatore nasce all inizio del secolo scorso, negli USA dagli studi dell ingegnere americano Willis Carrier il quale,

Dettagli

Introduzione le operazioni di trasporto dai punti vendita ai centri di raccolta comunali sono in determinati casi - a carico dei distributori

Introduzione le operazioni di trasporto dai punti vendita ai centri di raccolta comunali sono in determinati casi - a carico dei distributori Introduzione Dal 18 giugno gli acquirenti di elettrodomestici e materiale elettrico ed elettronico (dalla tv al phon, dal frigo al forno, dal telefonino al computer) potranno consegnare gratuitamente le

Dettagli

Manuale tecnico e legislativo RoHS Premier Farnell. Step-by-step Guide Guida passo per passo (versione 2)

Manuale tecnico e legislativo RoHS Premier Farnell. Step-by-step Guide Guida passo per passo (versione 2) Manuale tecnico e legislativo RoHS Premier Farnell Step-by-step Guide Guida passo per passo (versione 2) Manuale tecnico e legislativo RoHS Premier Farnell Step-by-step Guide Guida passo per passo (versione

Dettagli

R.A.E.E. Produzione e recupero delle apparecchiature elettriche ed elettroniche Ultime evoluzioni, indicazioni operative e di gestione

R.A.E.E. Produzione e recupero delle apparecchiature elettriche ed elettroniche Ultime evoluzioni, indicazioni operative e di gestione Seminario operativo R.A.E.E. Produzione e recupero delle apparecchiature elettriche ed elettroniche Ultime evoluzioni, indicazioni operative e di gestione Giovedì 14 giugno 2007 dalle ore 14,00 alle ore

Dettagli

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA I RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE (RAEE) ASPETTI TECNICO-GESTIONALI E AMBIENTALI

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA I RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE (RAEE) ASPETTI TECNICO-GESTIONALI E AMBIENTALI ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e dei Materiali TESI DI LAUREA In Valorizzazione

Dettagli

Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 9.1.2015 COM(2014) 750 final 2014/0359 (NLE) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa all accettazione dell emendamento del protocollo del 1998 della convenzione del

Dettagli

Direttiva 2002/96/CE (RAEE) - Obiettivi

Direttiva 2002/96/CE (RAEE) - Obiettivi Direttiva 2002/96/CE (RAEE) - Obiettivi PROMUOVERE LA PREVENZIONE DELLA PRODUZIONE DI RAEE, IL REIMPIEGO, IL RICICLAGGIO E ALTRE FORME DI RECUPERO IN MODO DA RIDURRE I RIFIUTI DA SMALTIRE; MIGLIORARE,

Dettagli

DIRETTIVA 97/23/CE PED PER LE ATTREZZATURE ED INSIEMI A PRESSIONE SEMINARIO INFORMATIVO DICEMBRE 2003

DIRETTIVA 97/23/CE PED PER LE ATTREZZATURE ED INSIEMI A PRESSIONE SEMINARIO INFORMATIVO DICEMBRE 2003 DIRETTIVA 97/23/CE PED PER LE ATTREZZATURE ED INSIEMI A PRESSIONE SEMINARIO INFORMATIVO DICEMBRE 2003 IL D.LGS 93 DEL 25.02.2000 E LA DIRETTIVA PED PER LE APPARECCHIATURE E GLI IMPIANTI A PRESSIONE LA

Dettagli

Introduzione al sistema italiano di gestione dei RAEE

Introduzione al sistema italiano di gestione dei RAEE Introduzione al sistema italiano di gestione dei RAEE 1/24 I - PREMESSA: I RAEE (1/3) I RAEE (rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche), secondo la normativa italiana in vigore, derivano da

Dettagli

Etichette Energetiche e utili consigli per la scelta e l uso degli elettrodomestici

Etichette Energetiche e utili consigli per la scelta e l uso degli elettrodomestici Etichette Energetiche e utili consigli per la scelta e l uso degli elettrodomestici Finalità etichettatura energetica La finalità dell etichettatura energetica degli elettrodomestici è quella di informare

Dettagli

Figura 1: requisiti CE per driver LED o alimentatori

Figura 1: requisiti CE per driver LED o alimentatori Prefazione: la marcatura CE di un apparecchio a LED prevede diversi requisiti, tra cui sicurezza, compatibilità elettromagnetica (EMC), RoHS ed Ecodesign (progettazione ecocompatibile). Sicurezza, EMC

Dettagli

Come faccio a riconoscere se un prodotto elettrico ed elettronico deve essere raccolto in maniera differenziata?

Come faccio a riconoscere se un prodotto elettrico ed elettronico deve essere raccolto in maniera differenziata? FAQ Che cosa sono i RAEE? RAEE è l acronimo di Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche. I RAEE sono i rifiuti che derivano da tutte le apparecchiature che dipendono, per un corretto funzionamento,

Dettagli

Impianti RAEE: quali autorizzazioni e quali adempimenti? Edoardo Saronni NICA Srl

Impianti RAEE: quali autorizzazioni e quali adempimenti? Edoardo Saronni NICA Srl Impianti RAEE: quali autorizzazioni e quali adempimenti? Edoardo Saronni NICA Srl D.Lgs. 25 luglio 2005 n.151 Il 13 agosto 2005 è entrato in vigore il D.Lgs. 25 luglio 2005 n.151, recante nuove regole

Dettagli

Progetto di Educazione Ambientale DAI COLORE AL GRIGIO

Progetto di Educazione Ambientale DAI COLORE AL GRIGIO Progetto di Educazione Ambientale DAI COLORE AL GRIGIO Cooperativa Sociale l Ulivo s.c.r.l. Via del Lavoro 25/h 40127 Bologna Tel 051 255934 Fax 051 255981 Codice Fiscale e Partita Iva : 03604680375 info@ulivo.coop

Dettagli

GUIDA OPERATIVA GESTIONE RAEE

GUIDA OPERATIVA GESTIONE RAEE GUIDA OPERATIVA GESTIONE RAEE PER I DISTRIBUTORI E GLI INSTALLATORI O I GESTORI DEI CENTRI DI ASSISTENZA TECNICA Applicazione del Decreto 8 marzo 2010, n. 65. Regolamento recante modalità semplificate

Dettagli

RAEE Professionali. Giugno 2007

RAEE Professionali. Giugno 2007 Giugno 2007 RAEE Professionali COPYRIGHT Le informazioni contenute in questo documento sono di proprietà di Consorzio Re.Media e rientrano nelle proprietà intellettuali del Consorzio stesso. E' fatto,

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO IPIA C.A. DALLA CHIESA OMEGNA PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO classi 4 e 5 TIEL TIM a.s. 2011/2012 PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO prof. Massimo M. Bonini COMPONENTI ELETTRICI

Dettagli

Influenza del Sunny Central sulla ricezione radio e TV

Influenza del Sunny Central sulla ricezione radio e TV Influenza del Sunny Central sulla ricezione radio e TV per tutti gli impianti solari dotati di SUNNY CENTRAL Contenuto Ogni apparecchio elettrico genera un campo elettromagnetico. Pertanto, gli inverter

Dettagli

LA GESTIONE DEI RAEE E L ATTIVITA DEL CONSORZIO. Torino 15/11/2007 - La gestione dei RAEE e l attività del consorzio

LA GESTIONE DEI RAEE E L ATTIVITA DEL CONSORZIO. Torino 15/11/2007 - La gestione dei RAEE e l attività del consorzio LA GESTIONE DEI RAEE E L ATTIVITA DEL CONSORZIO Indice Inquadramento normativo Campo di applicazione e principali definizioni Obblighi dei produttori, distributori e utilizzatori FAQ e principali criticità

Dettagli

Come preparare i RAEE B2B per il ritiro con ecor it. Prodotto da Consorzio ecor'it Tutti i diritti riservati

Come preparare i RAEE B2B per il ritiro con ecor it. Prodotto da Consorzio ecor'it Tutti i diritti riservati Come preparare i RAEE B2B per il ritiro con ecor it Vengono prodotti dei Rifiuti in ambito Abbiamo in azienda un certo numero di apparecchiature elettriche ed elettroniche, obsolete, rovinate, invendibili,

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) L 129/52 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 28.5.2010 REGOLAMENTO (UE) N. 461/2010 DELLA COMMISSIONE del 27 maggio 2010 relativo all applicazione dell articolo 101, paragrafo 3, del trattato sul funzionamento

Dettagli

PC DESKTOP 13 - Criteri di sostenibilità

PC DESKTOP 13 - Criteri di sostenibilità C DESKTO 13 - Criteri di sostenibilità 1. Oggetto dell iniziativa Fornitura in acquisto di C Desktop Compatti e C Desktop Fascia alta, delle componenti opzionali e dei servizi connessi. Tra i dispositivi

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI PER LA GESTIONE RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche)

INFORMAZIONI GENERALI PER LA GESTIONE RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) INFORMAZIONI GENERALI PER LA GESTIONE RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) RIG.ECO srl via dell artigianato 14 1di 9 INDICE 1. PREMESSA...1 2. DEFINIZIONI...3 3. SCOPO DEL DOCUMENTO...4

Dettagli

due LA SICUREZZA DEGLI APPARECCHI DOMESTICI CASA sicura GUIDA ALLA SICUREZZA NELL AMBIENTE DOMESTICO

due LA SICUREZZA DEGLI APPARECCHI DOMESTICI CASA sicura GUIDA ALLA SICUREZZA NELL AMBIENTE DOMESTICO due GUIDA ALLA SICUREZZA NELL AMBIENTE DOMESTICO CASA sicura LA SICUREZZA DEGLI APPARECCHI DOMESTICI Ministero delle Attività Produttive Direzione Generale Armonizzazione Mercati e Tutela Consumatori www.casasicura.info

Dettagli

WORKSHOP RAEE. La nuova normativa nazionale RAEE

WORKSHOP RAEE. La nuova normativa nazionale RAEE WORKSHOP RAEE La nuova normativa nazionale RAEE PV CYCLE 2014 INDICE La Direttiva europea RAEE Finalità, obbiettivi, scadenze e campo di applicazione La nuova normativa nazionale RAEE Introduzione e principali

Dettagli

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI SEZIONE REGIONALE PRESSO CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO ED AGRICOLTURA DI

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI SEZIONE REGIONALE PRESSO CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO ED AGRICOLTURA DI ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI SEZIONE REGIONALE PRESSO CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO ED AGRICOLTURA DI Marca da bollo Euro 16,00 Spazio Riservato all Ufficio: Prot. n. del Il sottoscritto

Dettagli

Aspetti normativi e regolamentari sul ciclo di vita delle batterie

Aspetti normativi e regolamentari sul ciclo di vita delle batterie Aspetti normativi e regolamentari sul ciclo di vita delle batterie Dott. Marco Ottaviani Coordinatore Area Ambiente ANIE-CSI Convegno Mercoledì 6 maggio 2009 Palazzo delle Stelline, Milano, C.so Magenta

Dettagli

Etichettatura energetica dei condizionatori d aria

Etichettatura energetica dei condizionatori d aria Etichettatura energetica dei condizionatori d aria Linee Guida per i rivenditori all applicazione della Direttiva 2002/31/CE per quanto riguarda l etichettatura indicante il consumo di energia dei condizionatori

Dettagli

UNA GESTIONE DEI RAEE ECCELLENTE DAL PUNTO DI VISTA AMBIENTALE ED EFFICIENTE DAL PUNTO DI VISTA ECONOMICO

UNA GESTIONE DEI RAEE ECCELLENTE DAL PUNTO DI VISTA AMBIENTALE ED EFFICIENTE DAL PUNTO DI VISTA ECONOMICO ECODOM UNA GESTIONE DEI RAEE ECCELLENTE DAL PUNTO DI VISTA AMBIENTALE ED EFFICIENTE DAL PUNTO DI VISTA ECONOMICO A. NORMATIVA DI RIFERIMENTO IL TEMA DEI RAEE (RIFIUTI DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE)

Dettagli

ECO-GUIDA AI PRODOTTI ELETTRONICI VERDI 16ma EDIZIONE Ottobre 2010

ECO-GUIDA AI PRODOTTI ELETTRONICI VERDI 16ma EDIZIONE Ottobre 2010 ECO-GUIDA AI PRODOTTI ELETTRONICI VERDI 16ma EDIZIONE Ottobre 2010 1. Nokia 7,5/10 Nokia rimane al primo posto con lo stesso punteggio della versione precedente. La sua migliore performance è sul piano

Dettagli

Nome della sostanza, del gruppo di sostanze o della miscela: Bromotrifluorometano Halon-1301. Numero CAS: 75-63-8

Nome della sostanza, del gruppo di sostanze o della miscela: Bromotrifluorometano Halon-1301. Numero CAS: 75-63-8 Nome della sostanza, del gruppo di sostanze o della miscela: Bromotrifluorometano Halon-1301 Numero CAS: 75-63-8 Sostanza controllat a - Potenziale di riduzione -Lesiva per lo dell'ozono strato di ozono

Dettagli

Di seguito si riassume brevemente le disposizioni e la tematica in esame:

Di seguito si riassume brevemente le disposizioni e la tematica in esame: = informativa n. 1 Gentili Signore ed Egregi Signori, in seguito forniamo alcune informazioni in riferimento alla direttiva UE sui rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche, entrata in vigore

Dettagli

LA NUOVA DIRETTIVA RAEE

LA NUOVA DIRETTIVA RAEE LA NUOVA DIRETTIVA RAEE E stata pubblicata, sulla Gazzetta Ufficiale dell'unione europea, la nuova Direttiva 2012/19/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 4 luglio 2012, sui rifiuti di apparecchiature

Dettagli

Il computer sostenibile

Il computer sostenibile Il computer sostenibile I computer sono ovunque; La magica e prefissa ai vari settori ci ha illuso che ogni attività possa diventare più efficiente, economica, immateriale, leggera, virtuale, in una parola:

Dettagli

Avv. Maurizio Iorio. Approvato dal Parlamento Europeo i testo di compromesso della Direttiva RAEE

Avv. Maurizio Iorio. Approvato dal Parlamento Europeo i testo di compromesso della Direttiva RAEE Milano, 20.12.2012 Approvato dal Parlamento Europeo i testo di compromesso della Direttiva RAEE La revisione della Direttiva è entrata da settembre 2011 nella fase di seconda lettura e, ad oggi, è assai

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 3736/08

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 3736/08 (RAEE): pc, server, video e altre periferiche. Pag. 1/8 Indice 1 Scopo e campo di applicazione... 2 2 Riferimenti... 2 3 Definizioni... 2 4 Modalità operative... 4 4.1 Diagramma di flusso gestione... 4

Dettagli

IN VIGORE DAL 01.01.2008 L ADDEBITO IN FATTURA DEL CONTRIBUTO RAEE NELLA VENDITA DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE

IN VIGORE DAL 01.01.2008 L ADDEBITO IN FATTURA DEL CONTRIBUTO RAEE NELLA VENDITA DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE Spett.le DITTA/ SOCIETÀ CIRCOLARE n. CF 06/2008 Come comunicato con la circolare CC 02/2006, Vi rinnoviamo la segnalazione che nella nuova veste del nostro sito internet www.studiosinergie.it, sono costantemente

Dettagli

Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4

Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4 Relazione di calcolo illuminotecnico Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4 PREMESSA Oggetto del seguente lavoro è il calcolo illuminotecnico da effettuarsi nel

Dettagli

La gestione dei Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE) da parte dei VENDITORI INSTALLATORI ASSISTENZA TECNICA

La gestione dei Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE) da parte dei VENDITORI INSTALLATORI ASSISTENZA TECNICA La gestione dei Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE) da parte dei VENDITORI INSTALLATORI ASSISTENZA TECNICA IL PROGETTO DELLA SEZIONE REGIONALE ALBO TOSCANA "Tesori da recuperaree

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE (RICICLERIA)

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE (RICICLERIA) Versione 1.0 18/10/2011 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE (RICICLERIA) (DOCUMENTO IN VIA DI APPROVAZIONE) Art. 1 OGGETTO Il presente regolamento, adottato ai sensi del D.lgs. 3 aprile

Dettagli

Green Public Procurement

Green Public Procurement Andrea Monsignori, Servizio Qualità dell Ambiente gestione rifiuti e attività estrattive Workshop: Procedure e opportunità del comprare verde Perugia, 24 Febbraio 2010 Green Public Procurement (Acquisti

Dettagli

1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE

1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE 1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE RIGUARDANO LA VENDITA DEI MACCHINARI? Pagina 1 di 18 Convegno fallimentare - 9 novembre

Dettagli

LE DIRETTIVE R.A.E.E. E V.F.U. E LORO MODALITA DI ATTUAZIONE

LE DIRETTIVE R.A.E.E. E V.F.U. E LORO MODALITA DI ATTUAZIONE Tecnologie di Recupero e Riciclo dei Materiali Alberto Simboli - a.a. 2013/14 7. LE DIRETTIVE R.A.E.E. E V.F.U. E LORO MODALITA DI ATTUAZIONE I VEICOLI FUORI USO 2 LA DIRETTIVA E.O.L- VEHICLES E LA SUA

Dettagli

I rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE): risorsa e pericolo

I rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE): risorsa e pericolo Alessandra Bonoli I rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE): risorsa e pericolo RAEE-DAY La gestione dei rifiuti informatici: l esperienza dell Ateneo di Bologna Bologna, 31 gennaio

Dettagli

CAVO STARTER CON PINZA PER BATTERIA. Indicatore luminoso : Prmere i l interruttore d accensione per verificare la capacità esistente

CAVO STARTER CON PINZA PER BATTERIA. Indicatore luminoso : Prmere i l interruttore d accensione per verificare la capacità esistente CP-05 Grazie per aver scelto il ns. Jump Starter. Vi preghiamo di seguire le indicazioni che vengono fornite in questo manuale per la Vs. sicurezza e di leggere tutte le istruzioni in esso contenute A.

Dettagli