ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2007 RELAZIONE SULLA GESTIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2007 RELAZIONE SULLA GESTIONE"

Transcript

1 ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2007 RELAZIONE SULLA GESTIONE Signori Aderenti, Il Pensione aperto Zurich Contribution è stato, come noto, istituito dal Consiglio di Amministrazione di Minerva Vita S.p.A. (oggi Zurich Investments Life S.p.A. ) in data 22 ottobre 1998 ed è stato iscritto nell apposito Albo tenuto presso la Commissione di Vigilanza sui fondi pensione (COVIP) in data 7 ottobre 1998 al n. 37. Il primo deposito del Prospetto Informativo del fondo presso l Archivio-Prospetti della CONSOB è avvenuto in data 11 marzo 1999 al numero 4474 e l effettivo inizio dell esercizio dell attività è avvenuto il 7 aprile In data 21 dicembre 2006 è stata presentata istanza presso la COVIP volta ad ottenere l approvazione del nuovo Regolamento di Pensione Aperto ZURICH CONTRIBUTION secondo gli adeguamenti previsti in ottemperanza al D. Lgs. n.252/2005. In data 13 marzo 2007 la COVIP ha presentato richiesta di chiarimenti e di modifiche, con comunicazione prot. N a mezzo raccomandata, In data 27 marzo 2007 è stata fornita integrazione all istanza presentata in data 21 dicembre 2006 a seguito delle richieste di chiarimenti e di modifica da parte di COVIP. In data 11 maggio 2007 la COVIP ha approvato il nuovo Regolamento di Pensione Aperto ZURICH CONTRIBUTION con comunicazione prot. N a mezzo raccomandata. Valutazione dell andamento della gestione previdenziale L attività di raccolta delle adesioni è avvenuta per il tramite prevalente degli Agenti. I risultati conseguiti in termini di raccolta sono sintetizzati nella tabella che segue: Adesioni raccolte e contributi versati Nuove adesioni raccolte nel 2007 Contributi versati nel 2007 Commissioni a carico degli Aderenti incassate nel 2007 Contributi investiti nel , , ,16 Le preferenze accordate dagli Aderenti alle diverse linee di investimento sono risultate le seguenti: 1

2 Adesioni raccolte e patrimonio netto per linea di investimento Linea di investimento Nuove adesioni raccolte nel 2007 Nuove adesioni raccolte nel 2007 (%) Adesioni in essere al 31/12/2007 Adesioni in essere al 31/12/2007 (%) Ammontare netto del patrimonio al 31/12/2007 Dinamica ,00% ,13% Conservativa 82 15,16% ,27% Garantita ,84% ,60% Totale ,00% ,00% Nei dati sopra riportati sono comprese le adesioni effettuate su base collettiva per un totale di ,64 euro di contribuzioni. Le 8 uscite osservate nel 2007 per riscatto dell Aderente, per un importo pari a ,82 euro, sono state liquidate agli aventi diritto. I 8 trasferimenti osservati nel 2007, per un importo pari a ,73 euro, sono stati liquidati. I dati sopra riportati non considerano le uscite per operazioni di switch. Descrizione della politica di gestione seguita Nell esercizio 2007 la politica degli investimenti può essere schematizzata nel modo seguente. o o o Per la linea Garantita è generalmente prevalso l acquisto di titoli obbligazionari emessi dallo Stato italiano denominati in Euro, a cedola variabile (CCT) e a cedola fissa (BTP). In aggiunta a singoli titoli di Stato italiani, per maggiore diversificazione ed in coerenza con quanto previsto dal Prospetto Informativo, sono stati effettuati investimenti in titoli obbligazionari in Euro emessi da emittenti sovranazionali (quali ad esempio la BEI) e stati impiegati alcuni ETF obbligazionari area Euro quotati sulla Borsa di Milano, aventi come sottostanti i titoli governativi ed i titoli governativi inflation-linked area Euro. Per la linea gli investimenti sono stati impostati verso titoli di natura monetaria (BOT), titoli obbligazionari emessi dallo Stato italiano denominati in Euro (BTP e CCT) ed in valute diverse dall Euro e verso titoli obbligazionari emessi da Enti Sovranazionali denominati in Euro ed in valute diverse dall Euro. In aggiunta a singoli titoli di Stato, per maggiore diversificazione ed in coerenza con quanto previsto dal Prospetto Informativo, sono stati impiegati alcuni ETF aventi come sottostanti titoli governativi area Euro, titoli governativi inflation-linked area Euro, titoli obbligazionari area Dollaro, titoli obbligazionari area Sterlina. Per la linea Dinamica sono state selezionate le seguenti tipologie di strumenti finanziari: titoli obbligazionari emessi dallo Stato italiano denominati in Euro (in particolare, BTP) o in valute estere, titoli obbligazionari emessi da Stati appartenenti all Unione europea diversi dall Italia e denominati in Euro, titoli emessi da Enti sovranazionali denominati in Euro o in valute diverse dall Euro, titoli azionari italiani, ETF armonizzati negoziati prevalentemente sulla Borsa di Milano appartenenti a molteplici categorie (titoli obbligazionari governativi 2

3 area Euro, titoli obbligazionari governativi inflation-linked area Euro, titoli obbligazionari area Dollaro, azionari area Euro, azionari Europa, azionari USA e/o Nord America, azionari Giappone, azionari Asia escluso il Giappone). Nel valutare le performances ottenute nel corso del 2007, vanno tenute presenti le seguenti considerazioni specifiche delle singole linee. o Tutte le linee hanno una massa patrimoniale gestita che permette alla gestione finanziaria di costruire portafogli pienamente efficienti se si utilizzano non solo singoli titoli, ma anche ETF, che consentono di raggiungere un livello di diversificazione compatibile con una prudente gestione del rischio rispetto al benchmark. o Per la linea Garantita la durata media finanziaria del portafoglio si è attestata a fine anno intorno ai 2 anni, valore inferiore rispetto alla durata media finanziaria del benchmark. Nel corso dell anno non sono mancati, tuttavia, alcuni scostamenti rispetto al valore segnalato, al fine di attuare modifiche tattiche della durata media finanziaria del portafoglio per trarre opportunità derivanti dal movimento della curva dei tassi di interesse. Si segnala che nel primo semestre dell anno i rendimenti dei titoli governativi hanno generalmente subito un movimento al rialzo (sospinti dall ottimismo sulla crescita economica e dalle manovre restrittive di politica monetaria attuate dalla Banca centrale europea), mentre nella seconda parte dell anno gli stessi rendimenti hanno mostrato un movimento al ribasso, in risposta alla già citata crisi dei mutui sub-prime. o Per la linea e relativamente al comparto obbligazionario estero, si segnala che l apprezzamento dell Euro nei confronti delle principali valute estere ha contribuito negativamente alla performance complessiva della linea. La durata media finanziaria del comparto obbligazionario Euro è stata generalmente mantenuta lievemente inferiore alla durata media finanziaria del benchmark. Gli scostamenti di duration comunque assunti sono stati decisi al fine di attuare modifiche tattiche della durata media finanziaria del portafoglio per trarre opportunità derivanti dal movimento della curva dei tassi di interesse. o Per la linea Dinamica si segnala che le posizioni detenute in azioni italiane sono risultate in soprappeso rispetto al benchmark. Più in generale, il comparto azionario ha contribuito positivamente alla performance soltanto nei primi mesi dell anno, cioè prima dello scoppio della crisi finanziaria innescata dalle note vicende che hanno riguardato i mutui americani di tipo sub-prime. Per quanto riguarda gli investimenti denominato in valute diverse dall Euro ed il comparto obbligazionario Euro, valgono gli stessi commenti già riportati per le altre linee. 3

4 ANNO 2007 DINAMICA CONSERVATIVA GARANTITA Rendimento della linea al netto degli oneri a carico del 1,79% 0,14% 1,42% Rendimento della linea al lordo degli oneri a carico del 2,60% 0,47% 1,75% BIENNIO DINAMICA CONSERVATIVA GARANTITA Rendimento della linea al netto degli oneri a carico del 8,72% -2,74% 1,05% Rendimento della linea al lordo degli oneri a carico del 10,23% -2,30% 3,70% INTERO PERIODO DI EFFETTIVA ATTIVITA DINAMICA CONSERVATIVA GARANTITA Rendimento della linea al netto degli oneri a carico del 24,15% 10,48% 17,29% Rendimento della linea al lordo degli oneri a carico del 30,98% 15,32% 22,00% L effetto degli oneri di negoziazione sulle performances è stato praticamente nullo. Qui di seguito si riportano i risultati raggiunti dai benchmarks nel corso dell anno 2007 e nel corso del biennio : ANNO 2007 DINAMICA CONSERVATIVA GARANTITA Rendimento del benchmark 4,28% 1,42% 2,98% BIENNIO DINAMICA CONSERVATIVA GARANTITA Rendimento del benchmark 16,02% -0,66% 4,17% INTERO PERIODO DI EFFETTIVA ATTIVITA DINAMICA CONSERVATIVA GARANTITA Rendimento del benchmark 47,68% 28,08% 30,10% Allo scopo di permettere una sintetica valutazione della rischiosità degli investimenti, si riportano le deviazioni standard dei risultati raggiunti dalle linee di investimento e dai benchmarks nel corso del biennio e nel corso del solo anno 2007: Deviazione standard della performance dei Benchmarks da inizio attività a dicembre 2007 Deviazione standard della performance netta delle linee di investimento da inizio attività a dicembre 2007 Deviazione standard della performance dei Benchmarks da gennaio 2006 a dicembre 2007 Deviazione standard della performance netta delle linee di investimento da gennaio 2006 a dicembre 2007 Deviazione standard della performance dei Benchmarks da gennaio a dicembre 2007 Deviazione standard della performance netta delle linee di investimento da gennaio a dicembre 2007 DINAMICA CONSERVATIVA GARANTITA 9,32% 3,33% 0,91% 9,72% 6,56% 2,35% 5,45% 2,97% 1,48% 4,81% 2,58% 1,36% 5,65% 2,82% 1,41% 4,41% 2,09% 0,89% 4

5 La deviazione standard di una serie di valori, come noto, misura il loro scostamento dal valor medio rilevato nel periodo di osservazione e nel caso in questione consente quindi di avere una indicazione sulla variabilità dei rendimenti: più alta è la deviazione standard, maggiore risulta essere la variabilità dei valori, e dunque la rischiosità. Il confronto della deviazione standard tra le diverse linee di investimento permette quindi di valutarne, anche in termini quantitativi, il diverso profilo di rischio. La linea Garantita offre comunque una garanzia di rendimento minimo che annulla la rischiosità legata ad eventuali andamenti negativi delle performances che fossero concomitanti con il verificarsi del diritto alla garanzia, e cioè in caso di prestazione pensionistica, di morte o di invalidità. Il confronto, per la stessa linea, tra la deviazione standard della performance della linea e la deviazione standard della performance del relativo benchmark permette di comparare il livello di rischiosità assunto dalla Società con quello medio di quella tipologia di investimenti. Valutazione dell andamento della gestione amministrativa Le procedure di raccolta delle adesioni e di gestione amministrativa delle stesse hanno confermato, anche nel corso dell anno 2007, un buon grado di affidabilità. I costi complessivamente sostenuti dagli Aderenti nel corso del 2007, direttamente od indirettamente, sono riassunti nelle tabelle che seguono: Oneri direttamente a carico dell Aderente Tipologia Importo pro capite Importo complessivo Incidenza sui contributi complessivi Commissione una tantum 51,65 euro per adesioni ,85 1,482% individuali Importo ridotto per adesioni collettive Commissione di riscatto 51,65 Euro 413,20 0,045% Commissione di trasferimento 51,65 Euro 413,20 0,045% Totale ,25 5

6 Oneri a carico del fondo (indirettamente a carico dell Aderente) Tipologia Commissione di gestione (al lordo dello storno commissioni rebates) Commissioni di negoziazione Totale Importo percentuale annuo Importo complessivo Incidenza sul patrimonio medio 1,40 % per la linea Dinamica 1,30 % per la linea 1,35 % per la linea Garantita Non predeterminabile ,91 euro per la linea Dinamica ,90 euro per la linea ,49 euro per la linea Garantita 1,41 % per la linea Dinamica 1,30 % per la linea 1,35 % per la linea Garantita 0 euro per tutte le linee 0 % per tutte le linee ,91 euro per la linea Dinamica ,90 euro per la linea ,49 euro per la linea Garantita 1,41 % per la linea Dinamica 1,30 % per la linea 1,35 % per la linea Garantita Le commissioni di gestione sono considerate al lordo delle commissioni di gestione gravanti sugli OICR sottostanti ai comparti e retrocesse alle linee come da seguente dettaglio: Linea Dinamica Linea Conservativa 462 Linea Garantita 642 Oneri fiscali sostenuti dal nell anno 2007 Oneri fiscali DINAMICA CONSERVATIVA GARANTITA Conflitti di interesse ,27-145, ,62 Si conferma che mai sono sussistite condizioni tali da determinare distorsioni nella gestione efficiente delle risorse o modalità di gestione delle risorse stesse non conformi all esclusivo interesse degli Aderenti. Fatti di rilievo avvenuti dopo la chiusura dell esercizio. Non si registrano fatti di rilievo avvenuti dopo la chiusura dell esercizio. Evoluzione prevedibile della gestione Lo scenario macroeconomico del 2008 e l andamento dei mercati finanziari dipenderanno molto dall evolvere degli eventi che hanno determinato la pesante crisi finanziaria innescatasi durante l estate del Di seguito si cerca di sintetizzare quanto è avvenuto durante il 2007 e come ciò potrebbe condizionare i risultati della gestione finanziaria nel

7 Nel 2007 l economia mondiale ha conosciuto una fase di rallentamento rispetto all anno precedente e rispetto alle aspettative che i mercati finanziari incorporavano ad inizio anno. Il PIL degli Stati Uniti è cresciuto del 2,5%, manifestando un rallentamento rispetto al 2006 (+2,9%), concretizzatosi soprattutto nell ultima fase dell anno. Come è noto, la fase di rallentamento è stata innescata dalla contrazione del mercato immobiliare e dalla crisi dei mutui sub-prime. Per l anno 2008 gli analisti sono abbastanza unanimi nel prevedere che possa proseguire una fase di rallentamento dell economia; lo scenario di recessione vera e propria è indicato con una probabilità di circa il 50%. I mercati azionari hanno incorporato queste previsioni di rallentamento del ciclo economico durante la seconda parte del 2007 ed il risultato è stato una contrazione dei prezzi delle azioni, accentuatasi poi nelle prime settimane del La Borsa di New York ha chiuso il 2007 su valori molto prossimi a quelli di inizio anno (+3,5% l indice S&P 500 valutato in dollari), ma mostrando un deciso incremento della volatilità, a testimonianza dell incertezza espressa dal mercato sul futuro andamento dell economia americana. La Federal Riserve ha affrontato la situazione di rallentamento dell economia agendo con decisione sulla leva dei tassi ufficiali, che, a partire da settembre 2007, sono passati dal 5,25% al 4,25% in tre tagli. La discesa dei tassi ufficiali è proseguita anche nel primo mese del 2008 ed in modo ancora più aggressivo; a fine gennaio, infatti, la Federal Riserve ha portato il tasso ufficiale al 3,00%. Da fine estate 2007 in avanti, la Fed è stata, quindi, più tollerante verso i rischi di inflazione per prediligere una politica monetaria volta a stimolare la crescita e a frenare la crisi di liquidità generatasi sui mercati finanziari a seguito della già citata crisi dei mutui sub-prime. L inflazione resta, in ogni caso, un insidia per l economia americana, dal momento che l aumento dei prezzi al consumo ha raggiunto il ritmo del 4,1% a fine 2007 (l inflazione era di poco sopra al 3% nel 2006). Fra le principali cause dell accelerazione dell inflazione è possibile individuare il forte rialzo dei prezzi delle materie prime, sia energia sia generi alimentari. Sui mercati obbligazionari, conseguentemente, nella seconda metà del 2007 si è determinata una situazione in cui i rendimenti degli investimenti privi di rischio con scadenze breve scendevano molto (sulla scia delle aspettative di ribassi dei tassi da parte della Fed), mentre non altrettanto marcatamente scendevano i rendimenti degli investimenti a lungo termine (sulla scia del manifestarsi di timori per l inflazione).questa situazione, nota in gergo come irripidimento della curva, si è manifestata anche nelle prime settimane del La crisi di liquidità e di fiducia innescata dalla paura che un sempre maggior numero di istituzioni finanziarie potessero essere colpite da perdite derivanti da investimenti in cartolarizzazioni di mutui sub-prime ha inoltre determinato un allargamento degli spread delle obbligazioni corporate (rispetto ai titoli di Stato considerati privi di rischio), penalizzando chi investe in questi strumenti. I mercati obbligazionari (quelli americani, ma anche quelli europei) hanno, quindi, iniziato il 2008 con forti preoccupazioni sul lato corporate e con una fuga verso investimenti caratterizzati da minor rischio di credito e maggior grado di liquidità. La riduzione dei tassi americani, unitamente ai segnali di rallentamento dell economia USA, ha determinato un forte deprezzamento del Dollaro USA sui mercati dei cambi. Rispetto all Euro, il cambio USD/EUR è passato da 1,319 di inizio 2007 ad 1,458 di fine anno e ciò ha penalizzato fortemente un investitore europeo che avesse detenuto attività finanziarie denominate il Dollari. Si segnala che il deprezzamento del Dollaro verso l Euro non si è fermato neppure nelle prime fasi del Il rallentamento dell economia ha colpito anche il Giappone, che ha visto la crescita del PIL fermarsi al 2,0%, rispetto al 2,4% del La crescita dei prezzi al consumo si è nuovamente azzerata, costringendo la Banca centrale a non alzare i tassi, come invece sarebbe stato 7

8 auspicabile per ristabilire condizioni monetarie più fisiologiche. Lo Yen ha assunto la funzione di termometro della crisi dei mercati, in quanto nelle fasi di maggior turbolenza il cambio tende ad apprezzarsi sia verso il Dollaro USA sia verso l Euro, mentre nelle fasi di relativa tranquillità la stessa valuta tende a deprezzarsi, a causa, rispettivamente, dello smontamento o della messa in opera di operazioni di cosiddetto carry trade. L indice TOPIX della Borsa di Tokyo ha perso più del 12% (in valuta locale) nel corso del 2007, dato il timore degli investitori circa la possibilità che la crisi dell economia americana (innescata dalla questione dei mutui sub-prime) possa avere ripercussioni negative anche sull economia del Giappone e di tutta l Asia. In Europa, l economia del Regno Unito ha ricalcato abbastanza fedelmente l andamento dell economia americana, soprattutto per quanto riguarda la contrazione del mercato immobiliare. La Bank of England, tuttavia, è stata meno attiva sia della Federal Reserve sia della Banca Centrale Europea per contrastare la crisi di liquidità generatasi sui mercati finanziari in estate, creando qualche difficoltà alle banche inglesi in sede di rifinanziamento delle proprie posizioni. Emblematico è stato il caso di Northern Rock, precipitata in forti difficoltà finanziarie, prima che le autorità monetarie intervenissero per allentare le condizioni di accesso al credito. Sulla scia del rallentamento dell economia e delle previsioni di ribasso dei tassi, la Sterlina ha iniziato una fase di debolezza. Anche la performance del mercato azionario ha ricalcato abbastanza fedelmente quanto accaduto negli Stati Uniti e l indice FTSE 100 ha terminato il 2007 con una variazione pari a +3,8% (in valuta locale). Nell area della moneta unica, i Paesi decisamente più coinvolti dalla crisi del settore immobiliare sono stati la Spagna e l Irlanda, mentre in Germania, Francia ed Italia si è assistito ad un rallentamento decisamente meno preoccupante dei prezzi delle proprietà immobiliari. La variazione del PIL dell Eurozona nel 2007 si è attestata a +2,2%. L inflazione a dicembre ha espresso un tasso di crescita del 3,1%, decisamente in rialzo rispetto al 2,1% di dodici mesi precedenti. Sebbene anche nell area euro non manchino segnali di rallentamento dell economia, la BCE non ha provveduto ad abbassare il tasso di riferimento (fermo al 4% da giugno 2007), nonostante le mosse della Federal Reserve e nonostante le richieste del mondo finanziario e politico. Ad inizio 2008, molti analisti prevedono un taglio dei tassi ufficiali da parte della BCE nella primavera estate 2008, ma ciò sarà inevitabilmente condizionato dai segnali che arriveranno dall andamento dell inflazione, dal momento che la BCE ha il compito prioritario di combattere gli aumenti troppo elevati dei prezzi. Sebbene i tassi ufficiali non siano stati abbassati, va comunque dato atto alla stessa BCE di essere intervenuta in modo molto deciso durante la già citata recente crisi dei mercati finanziari, immettendo forti quantitativi di liquidità per cercare di raffreddare il forte aumento dei tassi interbancari spinti all insù dall avversione al rischio che cresceva nelle fasi più acute delle turbolenze innescate dal fenomeno sub-prime. La crisi di liquidità sul mercato interbancario si è comunque rivelata molto forte e non facilmente risolvibile, come testimoniato dal brusco innalzamento dell Euribor, la cui quotazione, si è costantemente mantenuta su valori estremamente elevati, se valutati nel contesto del livello assunto dagli altri tassi di interesse, a partire da luglio E probabile che anche nel 2008 gli investitori dovranno convivere con questa situazione di scarsa liquidità sul mercato interbancario. Per quanto riguarda l economia italiana, la crescita del PIL nel 2007 è stata pari a +1,5%, quindi inferiore (come purtroppo da molti anni a questa parte) alla media dell area Euro. Il rischio principale per l Italia è che il possibile rallentamento generalizzato dell economia mondiale ed 8

9 europea possa determinare un rallentamento ancora più marcato dell economia italiana nel Una situazione di scarsa crescita economica potrebbe determinare un aggravio nel Bilancio pubblico (a causa delle minori entrate fiscali), dopo i buoni risultati sui conti pubblici ottenuti nel 2006 e 2007 durante la fase di ripresa economica. Un eventuale andamento negativo dei conti dello Stato si ripercuoterebbe negativamente sul valore relativo dei titoli di Stato italiani, rispetto ai titoli di Stato dei Paesi dell area Euro tradizionalmente considerati più stabili da un punto di vista finanziario (ad esempio la Germania). Nel corso del 2007 le Borse dell area Euro hanno registrato un andamento complessivamente migliore rispetto alla Borsa italiana (DJ Eurostoxx 50 +6,8% rispetto alla perdita di quasi il 7% fatta registrare dall indice S&P/MIB), a causa di fattori più squisitamente finanziari piuttosto che economici. All interno dell indice di Borsa italiano sono, infatti, maggiormente rappresentate le istituzioni finanziarie (principalmente banche ed assicurazioni), società che hanno risentito più di altre delle conseguenze della crisi finanziaria che giungeva dagli Stati Uniti. 9

ZED OMNIFUND RENDICONTO 2007 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ZED OMNIFUND RENDICONTO 2007 RELAZIONE SULLA GESTIONE ZED OMNIFUND RENDICONTO 2007 RELAZIONE SULLA GESTIONE Signori Aderenti, ZED OMNIFUND fondo pensione aperto (già DB OMNIFUND fondo pensione aperto ) è stato, come noto, istituito dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE Il Fondo Pensione aperto Zurich Contribution è stato, come noto, istituito dal Consiglio di Amministrazione di Minerva Vita S.p.A. (oggi Zurich

Dettagli

Fondo pensione aperto ZURICH CONTRIBUTION

Fondo pensione aperto ZURICH CONTRIBUTION Zurich Investments Life S.p.A. Fondo pensione aperto ZURICH CONTRIBUTION INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE (Dati aggiornati al 31.12.2007) Alla gestione delle risorse provvede la Zurich Investments

Dettagli

ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2008 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2008 RELAZIONE SULLA GESTIONE ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2008 RELAZIONE SULLA GESTIONE Signori Aderenti, Il Fondo Pensione aperto Zurich Contribution è stato, come noto, istituito dal Consiglio di Amministrazione di Minerva Vita

Dettagli

ZED OMNIFUND RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ZED OMNIFUND RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE ZED OMNIFUND RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE ZED OMNIFUND fondo pensione aperto (già DB OMNIFUND fondo pensione aperto ) è stato, come noto, istituito dal Consiglio di Amministrazione di DB Vita

Dettagli

ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2010 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2010 RELAZIONE SULLA GESTIONE ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2010 RELAZIONE SULLA GESTIONE Signori Aderenti, Il Fondo Pensione aperto Zurich Contribution è stato, come noto, istituito dal Consiglio di Amministrazione di Minerva Vita

Dettagli

ZED OMNIFUND fondo pensione aperto

ZED OMNIFUND fondo pensione aperto Zurich Investments Life S.p.A. ZED OMNIFUND fondo pensione aperto INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE (Dati aggiornati al 31.12.2014) Alla gestione delle risorse provvede la Zurich Investments Life

Dettagli

Fondo pensione aperto ZURICH CONTRIBUTION

Fondo pensione aperto ZURICH CONTRIBUTION Zurich Investments Life S.p.A. Fondo pensione aperto ZURICH CONTRIBUTION INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE (Dati aggiornati al 31.12.2009) Alla gestione delle risorse provvede la Zurich Investments

Dettagli

ZED OMNIFUND fondo pensione aperto

ZED OMNIFUND fondo pensione aperto Zurich Investments Life S.p.A. ZED OMNIFUND fondo pensione aperto INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE (Dati aggiornati al 31.12.2014) Alla gestione delle risorse provvede la Zurich Investments Life

Dettagli

ZED OMNIFUND fondo pensione aperto

ZED OMNIFUND fondo pensione aperto Zurich Life Insurance Italia S.p.A. ZED OMNIFUND fondo pensione aperto INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE (Dati aggiornati al 31.12.2013) Alla gestione delle risorse provvede la Zurich Life Insurance

Dettagli

ZED OMNIFUND RENDICONTO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ZED OMNIFUND RENDICONTO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE ZED OMNIFUND RENDICONTO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE Signori Aderenti, ZED OMNIFUND fondo pensione aperto (già DB OMNIFUND fondo pensione aperto ) è stato, come noto, istituito dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

ZED OMNIFUND RENDICONTO 2009 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ZED OMNIFUND RENDICONTO 2009 RELAZIONE SULLA GESTIONE ZED OMNIFUND RENDICONTO 2009 RELAZIONE SULLA GESTIONE Signori Aderenti, ZED OMNIFUND fondo pensione aperto (già DB OMNIFUND fondo pensione aperto ) è stato, come noto, istituito dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO

MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 86 MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il 29 giugno

Dettagli

Schroder ISF EURO Short Term Bond

Schroder ISF EURO Short Term Bond Pagina 1 Indice Review su mercato e fondo pag. 2 Il mercato Il fondo Cosa ci aspettiamo dal mercato e dal fondo pag. 3 Uno sguardo al mercato Le scelte strategiche I risultati di pag. 4 Descrizione del

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE FONDO PENSIONE APERTO CARIGE INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE I dati e le informazioni riportati sono aggiornati al 31 dicembre 2006. 1 di 8 La SGR è dotata di una funzione di Risk Management

Dettagli

Piano Economico Finanziario 2008. Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007

Piano Economico Finanziario 2008. Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007 Piano Economico Finanziario 2008 e previsioni anni 2009 e 2010 Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007 Indice Scenario & Previsioni PIANO ANNUALE 2008 1Fonti di finanziamento 2Impieghi 3Ricavi 4Costi

Dettagli

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Fondo comune di investimento mobiliare aperto di diritto italiano armonizzato alla Direttiva 2009/65/CE INDICE Considerazioni Generali - Commento Macroeconomico...

Dettagli

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 98 MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il semestre

Dettagli

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds Relazione Semestrale al 30.06.2014 Fondo ADVAM Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 2.200.000 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA

Dettagli

Relazione Semestrale al 30.06.2012. Fondo Federico Re

Relazione Semestrale al 30.06.2012. Fondo Federico Re Relazione Semestrale al 30.06.2012 Fondo Federico Re Gesti-Re SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 1.500.000 i.v. Codice Fiscale, Partita

Dettagli

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La congiuntura economica Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income Angelo Drusiani Banca Albertini Syz & C. SpA - Milano

Dettagli

SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE

SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE Hanno contribuito alla realizzazione della pubblicazione: Andrea Conti - Responsabile Strategia Eurizon Capital SGR; Luca Mezzomo - Responsabile

Dettagli

MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA

MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 80 MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti,

Dettagli

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 CASSA DI PREVIDENZA - FONDO PENSIONE PER I DIPENDENTI DELLA RAI E DELLE ALTRE SOCIETÀ DEL GRUPPO RAI - CRAIPI Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 SETTEMBRE 2012 Studio Olivieri

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 30/04/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

8a+ Investimenti Sgr. Latemar

8a+ Investimenti Sgr. Latemar 8a+ Investimenti Sgr Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Latemar RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007 Sede Legale: Varese, Piazza Monte Grappa 4 Tel 0332-251411 Telefax 0332-251400 Capitale

Dettagli

FULL OPTION ED. 2009

FULL OPTION ED. 2009 Offerta al pubblico di FULL OPTION ED. 2009 Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked SCHEDA SINTETICA INFORMAZIONI SPECIFICHE Euroquota Aggressiva a premio periodico limitato (Mod. VM2SSISEA138-0414

Dettagli

Note sulla gestione del fondo.

Note sulla gestione del fondo. FONDO PENSIONE DIPENDENTI GIOCHI AMERICANI Sede in Saint Vincent Via Italo Mus - presso Casino de la Vallée Codice fiscale n. 90006620075 RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI IN ACCOMPAGNAMENTO AL BILANCIO DELL'ESERCIZIO

Dettagli

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog Asset allocation: settembre 2015 /blog Come sono andati i mercati? Il rallentamento della Cina, la crisi in Grecia, il crollo delle materie prime e la moderata crescita dell economia americana hanno sollevato

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 8 agosto 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 1. QUADRO MACROECONOMICO INTERNAZIONALE Negli ultimi mesi del 2011 si è verificato un peggioramento delle prospettive di crescita nelle principali economie

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART 1 Denominazione CNP UniCredit Vita al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti degli Aderenti, in base a quanto stabilito dal Regolamento e dalle

Dettagli

Sara Multistrategy PIP

Sara Multistrategy PIP Società del Gruppo Sara Sara Multistrategy PIP Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo - Fondo Pensione Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 5072 (art. 13 del decreto legislativo

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE Offerta pubblica di quote dei Fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano armonizzati e non armonizzati

Dettagli

Offerta al pubblico di RAIFFPLANET. Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked. Raiffplanet Aggressiva a premio unico

Offerta al pubblico di RAIFFPLANET. Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked. Raiffplanet Aggressiva a premio unico Offerta al pubblico di RAIFFPLANET Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked SCHEDA SINTETICA INFORMAZIONI SPECIFICHE Raiffplanet Aggressiva a premio unico (Mod. V70SSISRA137-0415) Pagina 1

Dettagli

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds Relazione Semestrale al 30.06.2013 Fondo ADVAM Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 1.903.000 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA

Dettagli

NOTA FINANZIARIA. 31 marzo 2014 (weekly) I MERCATI FINANZIARI NELLA SCORSA SETTIMANA

NOTA FINANZIARIA. 31 marzo 2014 (weekly) I MERCATI FINANZIARI NELLA SCORSA SETTIMANA I MERCATI FINANZIARI NELLA SCORSA SETTIMANA MERCATO MONETARIO E MERCATO OBBLIGAZIONARIO La scorsa settimana ha visto un andamento differenziato dei tassi tra area euro ed area dollaro: se infatti quelli

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 4 OTTOBRE 2015 Il commercio mondiale risente del rallentamento dei paesi emergenti, ma allo stesso tempo evidenzia una sostanziale tenuta delle sue dinamiche di fondo.

Dettagli

ZURICH CONTRIBUTION Sede in Milano - Via Benigno Crespi, 23 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 37 del 09/12/1998

ZURICH CONTRIBUTION Sede in Milano - Via Benigno Crespi, 23 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 37 del 09/12/1998 ZURICH CONTRIBUTION Sede in Milano - Via Benigno Crespi, 23 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 37 del 09/12/1998 STATO PATRIMONIALE AL 31.12.2011 - COMPARTO "LINEA CONSERVATIVA" ESERCIZIO IN CORSO 31.12.2011

Dettagli

Snam e i mercati finanziari

Snam e i mercati finanziari Snam e i mercati finanziari Nel corso del 2012 i mercati finanziari europei hanno registrato rialzi generalizzati, sebbene in un contesto di elevata volatilità. Nella prima parte dell anno le quotazioni

Dettagli

FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO DI DIRITTO ITALIANO CATEGORIA:

FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO DI DIRITTO ITALIANO CATEGORIA: Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Largo della Fontanella di Borghese, 19-00186 Roma Iscritta al n. 99 dell Albo delle SGR tenuto dalla Banca d Italia AGORA INCOME FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE Elaborazione del 29//29 Pagina 1 Questa nota ha finalità puramente informative e

Dettagli

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Art. 1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, la Compagnia

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 8 agosto A cura dell

Dettagli

FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO DI DIRITTO ITALIANO CATEGORIA:

FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO DI DIRITTO ITALIANO CATEGORIA: Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Largo della Fontanella di Borghese, 19-00186 Roma Iscritta al n. 99 dell Albo delle SGR tenuto dalla Banca d Italia AGORA INCOME FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

KAIROS PARTNERS SGR S.p.A.

KAIROS PARTNERS SGR S.p.A. KAIROS PARTNERS SGR S.p.A. Relazione Semestrale al 30.06.2015 FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO Kairos Income Kairos Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via San Prospero 2, 20121 Milano Tel 02.777181

Dettagli

ZURICH CONTRIBUTION Sede in Milano - Piazza Carlo Erba 6 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 37 del 09/12/1998

ZURICH CONTRIBUTION Sede in Milano - Piazza Carlo Erba 6 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 37 del 09/12/1998 ZURICH CONTRIBUTION Sede in Milano - Piazza Carlo Erba 6 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 37 del 09/12/1998 STATO PATRIMONIALE AL 31.12.2007 - LINEA CONSERVATIVA ESERCIZIO IN CORSO 31.12.2007 ESERCIZIO

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

ZED OMNIFUND fondo pensione aperto

ZED OMNIFUND fondo pensione aperto Zurich Life Insurance Italia S.p.A. ZED OMNIFUND fondo pensione aperto SCHEDA SINTETICA La presente Scheda Sintetica costituisce parte integrante della Nota Informativa. Essa è redatta al fine di facilitare

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE Elaborazione del 30/0/2009 Pagina 1 Questa nota ha finalità puramente informative

Dettagli

Fondo Pensione Gruppo Intesa Sanpaolo

Fondo Pensione Gruppo Intesa Sanpaolo Call center: 02.30329329 dalle 8.30 alle 17.00 dal lunedì al venerdì (tenere a portata di mano il codice iscritto) http://www.fondopensionegruppointesasanpaolo.it Newsletter n. 1 2015 IN QUESTO NUMERO

Dettagli

ZURICH CONTRIBUTION Sede in Milano - Piazza Carlo Erba 6 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 37 del 09/12/1998

ZURICH CONTRIBUTION Sede in Milano - Piazza Carlo Erba 6 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 37 del 09/12/1998 ZURICH CONTRIBUTION Sede in Milano - Piazza Carlo Erba 6 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 37 del 09/12/1998 STATO PATRIMONIALE AL 31.12.2006 - LINEA GARANTITA ESERCIZIO IN CORSO 31.12.2006 ESERCIZIO PRECEDENTE

Dettagli

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi Nel 200 si prevede che la ricchezza finanziaria delle famiglie in Europa centro-orientale raggiungerà i 1 miliardi di euro, sostenuta da una forte crescita economica e da migliorate condizioni del mercato

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO "ZED OMNIFUND" Sede in Milano - Piazza Carlo Erba 6 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 39 del 09/12/1998

FONDO PENSIONE APERTO ZED OMNIFUND Sede in Milano - Piazza Carlo Erba 6 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 39 del 09/12/1998 FONDO PENSIONE APERTO "ZED OMNIFUND" Sede in Milano - Piazza Carlo Erba 6 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 39 del 09/12/1998 STATO PATRIMONIALE AL 31.12.2006 - LINEA GARANTITA ESERCIZIO IN CORSO 31.12.2006

Dettagli

CoStrUirE Un patrimonio mese dopo mese ControLLando il rischio Con nord ESt fund

CoStrUirE Un patrimonio mese dopo mese ControLLando il rischio Con nord ESt fund CoStrUirE Un patrimonio mese dopo mese ControLLando il rischio Con nord ESt fund piano di accumulo gennaio 100 febbraio 50 marzo 150 agosto 50 aprile 15o maggio 100 LUgLio 100 giugno 50 La SoLUzionE per

Dettagli

1 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2012

1 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2012 Gestione patrimoniale e finanziaria Investimenti e disponibilità Operatività 2012 Gruppo Unipol perimetro ante acquisizione Premafin Durante il 2012 le politiche di investimento hanno perseguito, in un

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 31/03/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

2014 RAPPORTO SUL LEASING

2014 RAPPORTO SUL LEASING RAPPORTO SUL LEASING INDICE PREMESSA Leasing motore dell economia I numeri che contano di più 1. ll leasing nell attuale contesto economico di riferimento 1.1 Le dinamiche di PIL e investimenti Focus:

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 2 LUGLIO 2015 Il momento del commercio mondiale segna un miglioramento ad aprile 2015, ma i volumi delle importazioni e delle esportazioni sembrano muoversi in direzioni

Dettagli

RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015 ASSET DYNAMIC. Fondo Comune di Investimento Aperto destinato alla Generalità del Pubblico

RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015 ASSET DYNAMIC. Fondo Comune di Investimento Aperto destinato alla Generalità del Pubblico RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015 ASSET DYNAMIC Fondo Comune di Investimento Aperto destinato alla Generalità del Pubblico ASSET SG S.p.A. A SOCIO UNICO Via Tre Settembre, 210 47891 Dogana R.S.M.

Dettagli

ZURICH CONTRIBUTION Sede in Milano - Via Benigno Crespi, 23 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 37 del 09/12/1998

ZURICH CONTRIBUTION Sede in Milano - Via Benigno Crespi, 23 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 37 del 09/12/1998 ZURICH CONTRIBUTION Sede in Milano - Via Benigno Crespi, 23 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 37 del 09/12/1998 STATO PATRIMONIALE AL 31.12.2009 - COMPARTO "LINEA CONSERVATIVA" ESERCIZIO IN CORSO 31.12.2009

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

AZIMUT SGR SpA PARTE I DEL PROSPETTO INFORMATIVO CARATTERISTICHE DEI FONDI E MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE

AZIMUT SGR SpA PARTE I DEL PROSPETTO INFORMATIVO CARATTERISTICHE DEI FONDI E MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE AZIMUT SGR SpA AZIMUT GARANZIA AZIMUT REDDITO EURO AZIMUT REDDITO USA AZIMUT TREND TASSI AZIMUT SOLIDITY AZIMUT SCUDO AZIMUT BILANCIATO AZIMUT STRATEGIC TREND AZIMUT TREND AMERICA AZIMUT TREND EUROPA AZIMUT

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO PENSPLAN PLURIFONDS

FONDO PENSIONE APERTO PENSPLAN PLURIFONDS Allegato al Bilancio ITAS VITA S.p.A. FONDO PENSIONE APERTO PENSPLAN PLURIFONDS RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI SULLA GESTIONE DEL FONDO Situazione del Fondo al 31/12/2014 Il Fondo Pensione Aperto PensPlan

Dettagli

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43 RAPPORTO BANCHE SOMMARIO E CONCLUSIONI 3 LA CONGIUNTURA BANCARIA IN EUROPA 7 L attivo bancario 8 Gli impieghi 8 I crediti deteriorati 14 I titoli in portafoglio 17 Le azioni e partecipazioni 19 Le passività

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 7 luglio A cura dell

Dettagli

Codice della proposta di investimento e del fondo interno: QF

Codice della proposta di investimento e del fondo interno: QF Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

in qualità di Emittente, Offerente e Responsabile del collocamento PROSPETTO DI BASE

in qualità di Emittente, Offerente e Responsabile del collocamento PROSPETTO DI BASE Sede legale in Torino, Via Gramsci, n. 7 Capitale sociale: Euro 156.209.463,00 interamente versato Registro delle imprese di Torino e codice fiscale n. 02751170016 Appartenente al Gruppo Bancario Veneto

Dettagli

A) Scheda identificativa

A) Scheda identificativa Pioneer Fondi Italia Regolamento Unico di Gestione dei Fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati appartenenti al Sistema Pioneer Fondi Italia Valido a decorrere dal 01 marzo 2009 Il presente

Dettagli

AGORA VALORE PROTETTO

AGORA VALORE PROTETTO Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Largo della Fontanella di Borghese, 19-00186 Roma Iscritta al n. 99 dell Albo delle SGR tenuto dalla Banca d Italia AGORA VALORE PROTETTO FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO

Dettagli

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che persegue l'obiettivo di ottimizzare il rendimento del Fondo in un orizzonte temporale

Dettagli

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE Offerta pubblica di quote dei Fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano armonizzati e non armonizzati

Dettagli

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015 Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015 Euro/dollaro Le dinamiche divergenti delle politiche monetarie di FED e BCE hanno portato nei primi

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE: CRISI FINANZIARIA?

MERCATO IMMOBILIARE: CRISI FINANZIARIA? MERCATO IMMOBILIARE: CRISI FINANZIARIA? MILANO, 24 Giugno 2008 La crisi Immobiliare in Europa - Lorenzo Greppi CRISI IMMOBILIARE E PARAMETRI DI RISCHIO La crisi internazionale ha avuto pesanti riflessi

Dettagli

DOCUMENTO SUL MULTICOMPARTO

DOCUMENTO SUL MULTICOMPARTO DOCUMENTO SUL MULTICOMPARTO Aggiornamento: giugno 2013 1 Dalla sua origine nel 1987 e fino al 31 dicembre 2008 il Fondo ha adottato un modello di gestione basato su una convenzione assicurativa, gestita

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ

IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ IV.1 SENSITIVITÀ ALLA CRESCITA ECONOMICA La sensitività della finanza pubblica italiana alla crescita economica è valutata simulando il comportamento dell indebitamento netto

Dettagli

Pioneer Fondi Italia. Valido a decorrere dal 2 maggio 2012.

Pioneer Fondi Italia. Valido a decorrere dal 2 maggio 2012. Pioneer Fondi Italia Regolamento Unico di Gestione dei Fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati appartenenti al Sistema Pioneer Fondi Italia Valido a decorrere dal 2 maggio 2012. . A)

Dettagli

Pioneer Fondi Italia. Valido a decorrere dal 2 Luglio 2012.

Pioneer Fondi Italia. Valido a decorrere dal 2 Luglio 2012. Pioneer Fondi Italia Regolamento Unico di Gestione dei Fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati appartenenti al Sistema Pioneer Fondi Italia Valido a decorrere dal 2 Luglio 2012. . A)

Dettagli

View. Fideuram Investimenti. 9 giugno 2015. Scenario macroeconomico. Mercati Azionari. Mercati Obbligazionari

View. Fideuram Investimenti. 9 giugno 2015. Scenario macroeconomico. Mercati Azionari. Mercati Obbligazionari 9 giugno 2015 View Fideuram Investimenti Scenario macroeconomico Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 5 I dati diffusi nelle ultime settimane mostrano che

Dettagli

TAXBENEFIT NEW Piano Individuale Pensionistico di tipo Assicurativo - Fondo Pensione

TAXBENEFIT NEW Piano Individuale Pensionistico di tipo Assicurativo - Fondo Pensione 1/16 TAXBENEFIT NEW Piano Individuale Pensionistico di tipo Assicurativo - Fondo Pensione SEZIONE III - INFORMAZIONI SULL AAMENTO DELLA GESTIONE valida dal 26 aprile 2010 Dati aggiornati al 31 dicembre

Dettagli

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE Regolamento di Gestione dei Fondi Comuni di Investimento armonizzati appartenenti al sistema UBI Pramerica UBI Pramerica

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

SCENARIO 2009 PICCOLE E MEDIE IMPRESE MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 2 SEMESTRE. Vicini a voi.

SCENARIO 2009 PICCOLE E MEDIE IMPRESE MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 2 SEMESTRE. Vicini a voi. SCENARIO 2009 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 2 SEMESTRE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Vicini a voi. Hanno contribuito alla realizzazione della pubblicazione: Andrea Conti, Responsabile Strategia Eurizon

Dettagli

Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni

Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS INCOME 360 1

Dettagli

Il Rapporto sulla Stabilità Finanziaria. Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia. Università Bocconi, 18 Novembre 2014

Il Rapporto sulla Stabilità Finanziaria. Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia. Università Bocconi, 18 Novembre 2014 Il Rapporto sulla Stabilità Finanziaria Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia Università Bocconi, 18 Novembre 2014 Indice o La congiuntura o Il mercato immobiliare o I mercati finanziari

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS E AZIONARIO EUROPA

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS E AZIONARIO EUROPA REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO Il presente Regolamento è composto dall'allegato al Regolamento del Fondo interno e dai seguenti articoli specifici per il Fondo interno. 1 - PROFILI DI RISCHIO DEL FONDO

Dettagli

Comitato Investimenti 11.1.2016

Comitato Investimenti 11.1.2016 Comitato Investimenti 11.1.2016 1 SNAPSHOT Il 2016 non dovrebbe presentare delle sorprese nell'euro-zona, con ciò il Comitato Investimenti intende un rialzo dei rendimenti, perché l'inflazione è modesta

Dettagli

Offerta al pubblico di RAIFFPLANET. Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI

Offerta al pubblico di RAIFFPLANET. Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI Offerta al pubblico di RAIFFPLANET Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI Raiffplanet Prudente Raiffplanet Equilibrata Raiffplanet Aggressiva (Mod. V 70REGFI-0311

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 3 marzo A cura dell

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE Elaborazione del 3// Pagina 1 Questa nota ha finalità puramente informative e riflette

Dettagli

Fonditalia Core MERCATO CARATTERISTICHE. Azionario. Obbligazionario. Valute. Strategia del prodotto

Fonditalia Core MERCATO CARATTERISTICHE. Azionario. Obbligazionario. Valute. Strategia del prodotto 29 Settembre 2015 Fonditalia Core MERCATO Azionario Da metà aprile gli indici azionari hanno corretto al ribasso dopo il rialzo di inizio anno (prima a causa dell acuirsi della crisi greca, poi per via

Dettagli

Morning Call 15 APRILE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Le nuove stime del Fondo Monetario Internazionale, Pil Italia 2015 a +0,5%, +1,1% nel 2016

Morning Call 15 APRILE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Le nuove stime del Fondo Monetario Internazionale, Pil Italia 2015 a +0,5%, +1,1% nel 2016 Morning Call 15 APRILE 2015 Sotto i riflettori Irs a 5 anni: andamento I temi del giorno Le nuove stime del Fondo Monetario Internazionale, Pil Italia 2015 a +0,5%, +1,1% nel 2016 Pil della Cina nel primo

Dettagli