Convegno ABI Basilea 3 evento DIPO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Convegno ABI Basilea 3 evento DIPO"

Transcript

1 Claudio Ruffini Presidente e Amministratore Delegato Augeos Convegno ABI Basilea 3 evento DIPO Marco Carelli Responsabile Servizio Risk Management e Pianificazione Strategica Federazione BCC Piemonte, Valle d Aosta e Liguria Roma, 27 giugno 2012

2 Intervento a Dipo 2009 KRI and Data Quality An innovative Key Risk Indicator for the Operational Risk : the Data Quality Methodology and tools to identify and manage Key Risk Indicators on data quality

3 Sintesi dell intervento 2009 Illustrare la metodologia e gli strumenti informatici di supporto per utilizzare efficacemente le informazioni di correlazione tra le misure di qualità dei dati e gli eventi dannosi in una organizzazione complessa. Analisi di serie storiche di eventi dannosi Misure della qualità di dati Analisi delle possibili correlazioni tra misure di qualità dei dati e rischi operativi Sonde e soglie che possano darmi dei segnali predittivi di Rischio utilizzando BT4Risk Cruscotti operativi Strumenti per la gestione delle azioni di mitigazione al rischio

4 Intervento a DIPO 2010 From Operational Risk Assessment to Operational Risk Management Metodologia per passare da semplici cruscotti operativi che forniscono dati ad utilizzo di questi dati per migliorare la governace della banca (Uso di indicatori predittivi, adozione di controlli temporanei, condivisione informazioni tra uffici, gestione dei piani di azione,...)

5 Dipo 2012 Oggi vi ho portato una esperienza concreta dove sono state applicate una parte delle metodologie descritte Gli istituti aderenti alla Federazione delle banche di Credito Cooperativo del Piemonte, Liguria e Valle d Aosta

6 Agenda 1. Il Sistema del Credito Cooperativo 2. La Federazione Piemonte, Valle d Aosta e Liguria e il Servizio Risk Management e Pianificazione Strategica 3. La normativa di riferimento 4. Il progetto di Operational Risk Management di FederPiemonte 5. Loss data collection: approccio metodologico 6. Valutazione aree di vulnerabilità: strumenti di analisi e gestione 7. Il progetto di ORM di FederPiemonte: stato dell arte e nuovo approccio

7 La realtà nazionale Il Sistema del Credito Cooperativo Le Banche di Credito Cooperativo in Italia al 31/12/2011 (In termini di numerosità) Fonte Federcasse

8 La struttura sul territorio Il Sistema del Credito Cooperativo

9 La realtà del Nord-Ovest La Federazione Piemonte, Valle d Aosta e Liguria 10 B.C.C. Associate 219 sportelli +1,9% nel soci +7,8% nel dipendenti +1,2% nel

10 Il Servizio Risk Management e Pianificazione strategica La Federazione Piemonte, Valle d Aosta e Liguria Servizio Revisione Servizio Risk Management e Pianificazione Strategica Servizio Legale Servizio Internal Audit Internal Capital Adequacy Assessment Process (ICAAP) Pianificazione strategica Operational Risk Management

11 Le Banche aderenti al progetto Operational Risk Management La Federazione Piemonte, Valle d Aosta e Liguria

12 La Circolare 263/06 La normativa di riferimento

13 La Circolare 263/06 La normativa di riferimento

14 Allegato alla lettera di proroga della scadenza ICAAP di marzo 2010 La normativa di riferimento

15 Tassonomia dei rischi Circolare 263/06 La normativa di riferimento Circolare 263/06 Titolo II - Capitolo 5 Allegato C

16 Tassonomia dei rischi - CRD La normativa di riferimento

17 Obiettivi del progetto Il progetto di ORM di FederPiemonte creare un database delle perdite operative della Banca; agevolare la gestione dei rischi operativi tramite interventi di mitigazione per intervenire sulle aree che hanno manifestato vulnerabilità; tracciare le attività relative ai rischi operativi all interno di un unica applicazione (Loss Data Collection, Interventi, Controlli, Key Risk Indicators, Report, Self-Assessment); diffondere la cultura della gestione dei rischi operativi, coinvolgendo figure differenti all interno della Banca; instaurare l abitudine alla gestione del rischio operativo ex-ante (anche tramite il modulo di Self-Assessment); aggregare i dati degli eventi di perdita delle Banche utenti, in modo da avere maggiori elementi per l analisi

18 Strumento utilizzato Il progetto di ORM di FederPiemonte Applicazione per l Operational Risk Management sviluppata da Consente: il censimento degli eventi di perdita operativa per la creazione di un database; l assegnazione ad altri utenti di interventi per mitigare l esposizione al rischio tramite l attività di utenti dal profilo differenziato; di gestire controlli e Key Risk Indicators associati agli eventi di perdita; l estrazione di report per l analisi dei dati aggregati per processo, categorie di rischio, unità di rischio, secondo i criteri imposteti dall utente

19 Approccio metodologico MATRICE RISCHI/PROCESSI Loss data collection A ciascuno di essi dovranno essere associati gli eventi di perdita censiti

20 Approccio metodologico Loss data collection MATRICE RISCHI/PROCESSI PROCESSI MERCATO SERVIZI BANCARI TIPICI (FILIALI) Pianificazione e organizzazione Gestione del risparmio Gestione finanza retail Gestione del credito Operatività di Filiale Servizi di banca virtuale FINANZA Pianificazione e organizzazione Proprietà Tesoreria Finanza retail Gestione amministrativa UNITA' DI RISCHIO Commerciale Filiali Filiali Filiali Filiali Sistemi di pagamento Finanza Finanza proprietà Finanza tesoreria Negoziazione terzi Amministrazione titoli PROCESSI GOVERNO PIANIFICAZIONE STRATEGICA Definizione del sistema di pianificazione strategica Pianificazione strategica (effettuazione previsioni pluriennali) BUDGETING E CONTROLLO DI GESTIONE Definizione del sistema budgeting Budgeting (effettuazione previsini annuali) Controllo di gestione Produzione delle informazioni periodiche GESTIONE CONTROLLI INTERNI Definizione del sistema dei controlli interni Verifica dell'adeguatezza del sistema dei controlli interni Verifica della regolarità dell'operatività Reportistica ICAAP - RISK MANAGEMENT Icaap - Individuazione dei rischi Icaap - misurazione-valutazione dei rischi Icaap - Determinazione capitale interno complessivo Icaap - Autovalutazione adeguatezza patrimoniale Risk Management Ispettorato Reportistica GESTIONE COMPLIANCE Pianificazione ed organizzazione Analisi delle fonti normative di riferimento Identificazione e valutazione dei rischi Individuazione delle azioni di mitigazione Monitoraggio Reportistica GESTIONE SOCI Soci MERCATO MARKETING STRATEGICO Analisi del mercato e sua segmentazione Definizione caratteristiche prodotti, servizi e canali distributivi Selezione partner commerciali e gestione delle relazioni SVILUPPO DEL MERCATO Definizione del piano commerciale Relazioni con la clientela e campagne commerciali Analisi dei risultati SERVIZI BANCARI TIPICI (FILIALI) Pianificazione e organizzazione Gestione del risparmio Gestione finanza retail Gestione del credito Operatività di Filiale Servizi di banca virtuale FINANZA Pianificazione e organizzazione Proprietà Tesoreria Finanza retail Gestione amministrativa CREDITO Pianificazione e organizzazione Concessione e revisione Monitoraggio Gestione del contenzioso TESORERIA ENTI Pianificazione e organizzazione Gestione commerciale Gestione ordinaria INCASSI E PAGAMENTI Pianificazione e organizzazione Gestione ordinaria ESTERO Pianificazione e organizzazione Gestione ordinaria Tesoreria estero SUPPORTO ORGANIZZAZIONE Definizione dell'assetto organizzativo Gestione dei processi aziendali Gestione della normativa interna SUPPORTO E CONSULENZA LEGALE Consulenza legale Supporto legale operativo SISTEMI INFORMATIVI Gestione degli accessi Gestione degli allineamenti Gestione errori, anomalie e miglioramenti Gestione della sicurezza Gestione dell'infrastruttura locale Gestione e monitoraggio del Sistema Informativo GESTIONE CONTINUITA' OPERATIVA Definizione delle strategia di continuità operativa Gestione della continuità operativa GESTIONE RISORSE UMANE Pianificazione e gestione risorse umane Amministrazione del personale CONTABILITA' BILANCIO E SEGNALAZIONI Organizzazione dei processi di produzione dell'informativa Consolidamento dati in CO.GE. Produzione e gestione bilancio e segnalazioni di vigilanza Dichiarazioni fiscali GESTIONE DELLE INFRASTRUTTURE E DELLE SPESE Pianificazione e organizzazione Selezione fornitore / autorizzazione Acquisizione (ordine e ricevimento) Contabilizzazione e pagamento Gestione GESTIONE DELLE RELAZIONI ESTERNE Relazioni di tipo istituzionale Relazioni con la comunità locale GESTIONE CONTANTI E VALORI Gestione cassa centrale Gestione falsi e fuori corso Direzione generale Pianificazione strategica Direzione generale Budget e controllo di gestione Budget e controllo di gestione Budget e controllo di gestione Consiglio di Amministrazione Internal audit Internal audit Internal audit Risk Management Risk Management Risk Management Risk Management Risk Management Ispettorato Risk Management Compliance officer Compliance officer Compliance officer Compliance officer Compliance officer Compliance officer Pianificazione strategica Commerciale Commerciale Commerciale Commerciale Commerciale Commerciale Filiali Filiali Filiali Filiali Sistemi di pagamento Finanza Finanza proprietà Finanza tesoreria Negoziazione terzi Amministrazione titoli Credito Fidi Controllo andamentale del credito Contenzioso Organizzazione Commerciale Tesoreria enti Sistemi di pagamento Sistemi di pagamento Estero Estero Estero Direzione generale Organizzazione Organizzazione Legale Legale Organizzazione Information Technology Information Technology Information Technology Information Technology Information Technology Organizzazione Organizzazione Gestione risorse umane Amministrazione del personale Amministrazione Contabilità generale Contabilità generale Contabilità generale Organizzazione Organizzazione Economato Contabilità generale Economato Direzione generale Direzione generale Sistemi di pagamento Sistemi di pagamento Segreteria soci RISCHI A Frode interna A1 Attività non autorizzata A1.1 Omissione dolosa (intenzionale) di registrazione delle transazioni X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X Violazione dolosa (intenzionale) di direttive autorizzative di processi interni (con perdita monetaria) X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X A1.3 Valutazioni di mercato intenzionalmente errate X X X X X X X X X X X X X X A1.4 Violazione dolosa di direttive nel rapporto con fornitori X X X X X X X A2 Furto e frode A2.1 Furto, estorsione, appropriazione indebita, sottrazione di beni X X X X X X X X X X X X X X X X X A2.2 Falsificazione, contraffazione, manipolazione assegni X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X A2.3 Distruzione dolosa di beni o documenti X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X A2.4 Appropriazione di conti, usurpazione di identità, sottrazione di informazioni X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X A2.5 Corruzione/tangenti X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X Altre azioni fraudolente e dolose (evasione fiscale, insider trading a titolo personale, contrabbando) X X B Frode esterna B1 Furto e frode B1.1 Furto da parte di esterni, rapina X X X X X B1.2 Frode del cliente: contraffazione, falsificazione, manipolazione assegni X X X X X X X X X X X X X X X X X X B1.3 Frode di fornitori: contraffazione, falsificazione X X X X X X B2 Sicurezza dei sistemi B2.1 Violazione/alterazione di sistemi o processi informatici X X X X C Rapporto di impiego e sicurezza sul lavoro C1 Rapporto di impiego Retribuzioni, indennità, questioni relative alla cessazione del rapporto di impiego X X X C1.2 Attività sindacali X X X C2 Sicurezza sul lavoro C2.1 Responsabilità civile (cadute e simili) X X X C2.2 Eventi relativi alla salute e alla sicurezza dei dipendenti X X X C3 Discriminazioni/condizioni non paritarie C3.1 Discriminazioni, diffamazioni, molestie, mobbing X X X D Clientela, prodotti e pratiche di business D1 Adeguatezza, informativa e rapporti fiduciari Violazione delle disposizioni legislative che regolano gli obblighi di informativa nei confronti dei clienti, la normativa sui consumatori - X X X X X X X X X X X X X X D1.2 Violazione delle disposizioni legislative che regolano la PRIVACY X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X Strategie di vendita aggressive, violazioni di vincoli fiduciari - Violazioni X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X della normativa MIFID D2 Prassi di business o di mercato improprie D2.1 Violazione delle disposizioni legislative che regolano l'antiriciclaggio X X X X X X X X X X X X X D2.2 Violazione delle disposizioni legislative che regolano l'usura X X X X X X X X X X X D2.3 Violazione delle disposizioni legislative che regolano la CAI X X X X X X Prassi di negoziazione o di mercato improprie (market abuse, antitrust, insider trading per conto dell'azienda) X X X X X X X X X X D2.5 Attività non autorizzate X X X X D2.6 Violazione di clausole contrattuali con il cliente X X X X X X X X X X X X X X X D3 Difetti nella produzione D3.1 Errato sviluppo di prodotti/servizi X X X X D4 Selezioni, "sponsorizzazioni" e limiti di esposizione D4.1 Mancata/inadeguata analisi dei bisogni del cliente X X X X X X X X X D4.2 Superamento dei limiti di esposizione del cliente X X X X X X D5 Attività di consulenza D5.1 Controversie riguardo alle attività di consulenza X X X E Danni a beni materiali E1 Catastrofi ed altri eventi esterni E1.1 Perdite dovute a catastrofi naturali X X X X X E1.2 Perdite per atti umani di origine esterna (terrorismo, vandalismo) X X X X F Interruzioni dell'operatività e disfunzioni dei sistemi informatici F1 Sistemi Interruzioni dell'operatività per guasti a sistemi hardware, software, X X X X X telecomunicazioni Interruzioni dell'operatività per interruzioni/guasti nell'erogazione di servizi X X X X di utilità F1.3 Disfunzioni dei sistemi informatici X X X X X X G Esecuzione, consegna e gestione dei processi G1 Avvio, esecuzione e completamento delle transazioni Errori di inserimento, manutenzione, acquisizione dei dati, negligenze nella X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X tenuta della base dati G1.2 Errori di natura contabile X X X X X X X X X X X X X X G1.3 Difetti di comunicazione (tra uffici interni) X X Mancato rispetto di scadenze o altre responsabilità, negligenze X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X nell'esecuzione di altre mansioni G1.5 Inadeguate strutture o processi organizzativi interni X X X X X X X X X X X X X X X G1.6 Negligenze nella gestione delle garanzie X X X X X G1.7 Disfunzioni di modelli o sistemi X X X X X X X X G2 Monitoraggio e reporting G2.1 Inadempienze negli obblighi di reporting interno X X X X X X X X G2.2 Inaccurate segnalazioni agli Organi di Vigilanza X X X X G3 Acquisizione della clientela e relativa tenuta della documentazione G3.1 Assenza di autorizzazioni o di manleve del cliente X X X X X X X X X X X X G3.2 Assenza o incompletezza della documentazione legale X X X X X X X X X X X X G4 Gestione dei conti della clientela G4.1 Accesso non autorizzato ai conti X X X X X X X X X X X G4.2 Perdite o danni ai beni del cliente dovuti a negligenza X X G5 Controparti commerciali Inadempienze o controversie nei rapporti con controparti commerciali X X X X X X X X X diverse da clienti/fornitori G6 Venditori e fornitori Anomalie nella prestazione del servizio e divario di performance (SLA) da parte del fornitore/outsourcer RISCHI X X X X X X X X X G6.2 Violazione accordi contrattuali con i fornitori X X X X G6.3 Controversie con venditori X A Frode interna A1 Attività non autorizzata A1.1 Omissione dolosa (intenzionale) di registrazione delle transazioni X X X X X X X X A1.2 Violazione dolosa (intenzionale) di direttive autorizzative di processi interni X X X X X X X X (con perdita monetaria) A1.3 Valutazioni di mercato intenzionalmente errate X X X A1.4 Violazione dolosa di direttive nel rapporto con fornitori A1.2 A2.6 C1.1 D1.1 D1.3 D2.4 F1.1 F1.2 G1.1 G1.4 G5.1 G6.1 UNITA' DI RISCHIO Estratto della matrice

21 Approccio metodologico RELAZIONI TRA ELEMENTI Loss data collection PROCESSI RISCHI NEI PROCESSI UNITA DI RISCHIO RISCHI UTENTI

22 Approccio metodologico Loss data collection PROFILI UTENTI BANCA X Risk Manager (e staff) Resp. unità di rischio (e staff) Utente eventi di perdita Risk Manager di Gruppo BANCA Y Risk Manager (e staff) Resp. unità di rischio (e staff) BANCA Z Risk Manager (e staff) Resp. unità di rischio (e staff) Utente eventi di perdita Responsabile area/ufficio Utente eventi di perdita Responsabile filiale

23 Approccio metodologico Loss data collection Data evento successiva a Date censite: evento individuazione censimento contabilizzazione EVENTI CENSITI Soglia minima pari a 0 Perdite lorde con registrazione recuperi Importi censiti: perdita stimata perdita massima potenziale recuperi perdita finale guadagni mancati Recuperi da: assicurazione riserve guadagni altre coperture Ante registrazione contabile Aggiornamento post contabilizzazione: data registrazione conto contabile

24 Strumenti di analisi REPORT Singola banca Sintesi eventi di perdita Esempio (Dati fittizi) Valutazione aree di vulnerabilità Criterio di aggregazione Dati salienti relativi agli eventi censiti

25 Strumenti di analisi Valutazione aree di vulnerabilità REPORT Singola banca Sintesi eventi di perdita per categorie di processo e rischio Esempio (Dati fittizi) Gerarchia dei processi (I e II livello) Tassonomia dei rischi (I e II livello)

26 Strumenti di gestione Valutazione aree di vulnerabilità INTERVENTI Esempio (Utenti e dati fittizi) Definizione ed assegnazione dell intervento Registrazione delle modalità di esecuzione Associazione tra rischi, assessment ed eventi di perdita associati (l intervento può essere assegnato anche dalle schede dell evento di perdita e del rischio)

27 Strumenti di gestione KRI Esempio (Dati fittizi) Scheda di definizione dell indicatore Valutazione aree di vulnerabilità Registrazione delle misurazioni periodiche dell indicatore Visualizzazione grafica della misurazione più recente nella scheda del rischio

28 Strumenti di gestione CONTROLLI Esempio (Dati fittizi) Valutazione aree di vulnerabilità Indicazione del rischio oggetto del controllo Elenco controlli in essere nella scheda del rischio Scheda di definizione del controllo instaurato

29 Strumenti di analisi e gestione Valutazione aree di vulnerabilità ASSESSMENT Esempio (Dati fittizi) Estratto della scheda di valutazione del rischio Estratto del prospetto di sintesi dei rischi valutati

30 Stato dell arte Il progetto di ORM di FederPiemonte 16 Banche aderenti al progetto Progetto avviato a inizio 2011 Controlli più efficaci Interventi di mitigazione Circa 500 utenti abilitati Figure professionali coinvolte: - Risk Manager - Responsabili aree/uffici Rischi operativi più frequenti Processi più esposti a rischio operativo Self assessment Statistiche sulle perdite operative Monitoraggio KRI

31 Nuovo approccio al progetto ORM Il progetto di ORM di FederPiemonte Funzione ORM FederPiemonte (supporto e supervisione) Database consortile Funzione ORM FederPiemonte (ruolo attivo)

32 Conclusioni... Riprendiamo qualche concetto

33 Una citazione... «Esiste un nesso tra la qualità della governance e la performance di una Banca» Fabio Bernasconi di Banca d Italia

34 Per una buona governance è necessario avere una strumentazione adeguata per una completa e aggiornata conoscenza dei propri rischi e delle leve per poter agire

35 Per una buona governance Migliore gestione dei Rischi operativi = Migliore efficacia dell azione della banca = Migliore Performance L idea chiave è che il monitoraggio dei rischi operativi permette a chi gestisce il business di controllare meglio il raggiungimento degli obiettivi aziendali

36 La gestione delle 3 C Controllo Condivisi one Criteri per decisione

37 Condivisione L Operational Risk Manager deve essere sempre più un facilitatatore che insieme ai diversi Risk Owner (i Process Owner del rischio) sparsi nell organizzazione della Banca analizza e gestisce i rischi. Le responsabilità delle valutazioni dei rischi sono dunque Condivise Sono Condivisi i piani di azione per la mitigazione degli stessi. Processo di Condivisione di informazioni, decisioni assunte per step successivi in work flow definiti

38 Criteri per la decisione Criteri oggettivi, condivisi e ponderati per la scelta dei piani di azione o per la esplicita non-azione in relazione al costo/beneficio dell azione di mitigazione Occasione per analizzare con Criterio (cioè in maniera critica) i processi e i controlli di una organizzazione o di parte di essa Trasparenza e ricostruibilità dei Criteri di decisione anche a distanza di tempo o in occasione di audit

39 Controlli Attività di Controlli e check specifici per monitorare che vengano eseguiti i controlli permanenti sui principali rischi individuati Individuazione di Controlli ad hoc che scattano su trigger specifici: Eventi Superamento di soglie di KRI Controllo sulla corretta esecuzione dei piani di azione

40 Cosa bolle in pentola Sistema dei controlli Enterprise Risk Management KRI Operational Risk Compliance Risk Credit Risk Market risk Liquidity Risk

41 Claudio Ruffini Presidente e Amministratore Delegato Augeos Via Pavia, 11/B Rivoli Marco Carelli Responsabile Servizio Risk Management e Pianificazione Strategica Federazione BCC Piemonte, Valle d Aosta e Liguria Via Genova, 11/A Cuneo

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Andrea Piazzetta Risk Manager Gruppo Banca Popolare di Vicenza Vicenza, 18 settembre 2009 Gruppo Banca Popolare di Vicenza Contesto regolamentare

Dettagli

L approccio alla gestione integrata dei processi e dei controlli in BPB

L approccio alla gestione integrata dei processi e dei controlli in BPB L approccio alla gestione integrata dei processi e dei controlli in BPB Milano, 23 Maggio 2013 Franco Nardulli Resp. Linea Risorse Organizzative 1 AGENDA 1 Il Gruppo Banca Popolare di Bari 2 Il Progetto

Dettagli

La gestione del rischio legale, reputazionale e strategico

La gestione del rischio legale, reputazionale e strategico LA GESTIONE DEI RISCHI OPERATIVI E DEGLI ALTRI RISCHI La gestione del rischio legale, reputazionale e strategico Nicola d Auria TMF Compliance (Italy) 26 giugno 2012 - Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013 Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi Firenze, 28 Febbraio 2013 Indice ß Introduzione ß Assetti Organizzativi ß Sistema dei Controlli Interni ß Risk Governance ß Conclusioni

Dettagli

Riflessioni sull evoluzione degli approcci alla gestione dei rischi operativi

Riflessioni sull evoluzione degli approcci alla gestione dei rischi operativi Riflessioni sull evoluzione degli approcci alla gestione dei rischi operativi PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Sommario Premessa

Dettagli

Retail Store Audit. Milano, 21 novembre 2012

Retail Store Audit. Milano, 21 novembre 2012 . Milano, 21 novembre 2012 Agenda Presentazione risultati Survey Modalità operative e leading practices Tavola Rotonda Presentazione risultati Survey. - 2 - La Survey Obiettivo: La ricerca condotta da

Dettagli

Assessment degli Operational Risk. Assessment. Progetto Basilea 2. Agenda. Area Controlli Interni Corporate Center - Gruppo MPS

Assessment degli Operational Risk. Assessment. Progetto Basilea 2. Agenda. Area Controlli Interni Corporate Center - Gruppo MPS Progetto Basilea 2 Area Controlli Interni Corporate Center - Gruppo MPS degli Operational Risk 2003 Firm Name/Legal Entity Agenda Il nuovo contesto di vigilanza: novità ed impatti Analisi Qualitativa 1

Dettagli

ASSICURAZIONI GENERALI. Il sistema della gestione dei rischi. Conferenza Governare i rischi per crescere nell economia globale

ASSICURAZIONI GENERALI. Il sistema della gestione dei rischi. Conferenza Governare i rischi per crescere nell economia globale ASSICURAZIONI GENERALI Il sistema della gestione dei rischi Conferenza Governare i rischi per crescere nell economia globale - ROMA, 10 giugno 2008 - INDICE Il modello ERM di Generali e punti di interazione

Dettagli

La gestione del processo di compliance applicato ai servizi di investimento. - Roma, 12 novembre 2010 -

La gestione del processo di compliance applicato ai servizi di investimento. - Roma, 12 novembre 2010 - La gestione del processo di compliance applicato ai servizi di investimento - Roma, 12 novembre 2010 - 2 Agenda Attività di Bancoposta Compliance in Bancoposta L applicazione ai servizi di investimento

Dettagli

Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari. Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004

Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari. Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004 Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari Giovanni Ciccone Stefania De Maria 080 5274824 Marketing Strategico Sistemi Informativi Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004

Dettagli

LA COMPLIANCE FISCALE NELLE BANCHE: IMPATTO SUI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

LA COMPLIANCE FISCALE NELLE BANCHE: IMPATTO SUI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Focus on LA COMPLIANCE FISCALE NELLE BANCHE: IMPATTO SUI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Aprile 2016 www.lascalaw.com www.iusletter.com Milano Roma Torino Bologna Firenze Ancona Vicenza

Dettagli

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende QUALITA UNINDUSTRIA INNOVAZIONE METODO UMIQ Il metodo UMIQ Unindustria Bologna Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende Obiettivi del corso Fornire

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 Sintesi del documento pubblicato ai sensi del Titolo IV della Circolare 263/06 della Banca d Italia L Informativa al pubblico adempie all obbligo

Dettagli

Sistema dei Controlli interni Gestione coordinata delle aree di miglioramento

Sistema dei Controlli interni Gestione coordinata delle aree di miglioramento Sistema dei Controlli interni Gestione coordinata delle aree di miglioramento Stefano Moni Resp. Servizio Validazione e Monitoraggio Convegno ABI - Basilea 3 Roma, 16-17 Giugno 2014 INDICE 1. INTRODUZIONE

Dettagli

Economia delle aziende di assicurazione

Economia delle aziende di assicurazione Economia delle aziende di assicurazione Modello dei processi in una azienda di assicurazione Rappresentazione dei macroprocessi e dei processi aziendali Università di Macerata - P. Cioni 1 Indice Vista

Dettagli

La gestione integrata dei rischi

La gestione integrata dei rischi La gestione integrata dei rischi senza l espresso consenso di LABET Srl. 1 di 59 1/57 Indice 1. La valutazione dei controlli 1.1 Costruzione della matrice ruoli e responsabilità: righe e colonne 1.2 Le

Dettagli

Come si dovrà concentrare l impegno dell audit

Come si dovrà concentrare l impegno dell audit Come si dovrà concentrare l impegno dell audit Carolyn Dittmeier Convegno Nazionale Associazione Italiana Information Systems Auditors 19 maggio 20005 1 AGENDA L importanza della cultura aziendale sulle

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

Direzione Centrale Sistemi Informativi

Direzione Centrale Sistemi Informativi Direzione Centrale Sistemi Informativi Missione Contribuire, in coerenza con le strategie e gli obiettivi aziendali, alla definizione della strategia ICT del Gruppo, con proposta al Chief Operating Officer

Dettagli

IAS nei sistemi bancari: la visione Banksiel

IAS nei sistemi bancari: la visione Banksiel Fondo Interbancario: IAS nei sistemi bancari: la visione Banksiel Indice Gli impegni normativi Gli impatti L approccio Banksiel Le soluzioni Banksiel Case study 2 Gli impegni normativi 3 Gli impegni normativi

Dettagli

Il sistema di condivisione delle informazioni sulle abitudini di pagamento

Il sistema di condivisione delle informazioni sulle abitudini di pagamento Il sistema di condivisione delle informazioni sulle abitudini di pagamento Alcune Premesse Un terzo delle risorse delle imprese servono per finanziare i clienti attraverso il credito commerciale. Quando

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1. Premessa

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1. Premessa INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

Corso di Sistemi Informativi per gli Intermediari Finanziari

Corso di Sistemi Informativi per gli Intermediari Finanziari Corso di Sistemi Informativi per gli Intermediari Finanziari BASILEA 2 E IL RISCHIO OPERATIVO Verona, 24 Novembre 2008 1 COMITATO DI BASILEA Nel 1974 nasce, per iniziativa dei paesi più industrializzati

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010 (documento redatto in ottemperanza del Titolo IV, Capitolo 1 delle Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche, circolare Banca d Italia

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 Rev. 1-20/10/2010 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA 1. Sistema di governance organizzativa L assetto organizzativo, amministrativo e contabile

Dettagli

Il Governo Societario nelle Banche di Credito Cooperativo: attualità e prospettive

Il Governo Societario nelle Banche di Credito Cooperativo: attualità e prospettive Il Governo Societario nelle Banche di Credito Cooperativo: attualità e prospettive Il modello di sistema dei controlli interni per il Credito Cooperativo Giuseppe Zaghini, Rischi e Controlli - Ufficio

Dettagli

Esternalizzazione della Funzione Compliance

Esternalizzazione della Funzione Compliance Esternalizzazione della Funzione Compliance Supporto professionale agli intermediari oggetto della normativa di Banca d Italia in materia di rischio di non conformità Maggio 2012 Labet S.r.l. Confidenziale

Dettagli

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile ESSERE O APPARIRE Le assicurazioni nell immaginario giovanile Agenda_ INTRODUZIONE AL SETTORE ASSICURATIVO La Compagnia di Assicurazioni Il ciclo produttivo Chi gestisce tutto questo Le opportunità di

Dettagli

L auto-valutazione dell ICAAP alla prova dei fatti: dalla teoria alla pratica

L auto-valutazione dell ICAAP alla prova dei fatti: dalla teoria alla pratica L auto-valutazione dell ICAAP alla prova dei fatti: dalla teoria alla pratica Fabio Salis Roma, 4 Giugno 2009 Agenda Cosa vi avevamo raccontato... Le funzioni aziendali coinvolte nel processo ICAAP Il

Dettagli

e dei costi della logistica, su sportelli, filiali e uffici di direzione.

e dei costi della logistica, su sportelli, filiali e uffici di direzione. Sistemi di monitoraggio e controllo dei processi Sistemi di monitoraggio e controllo dei processi e dei costi della logistica, su sportelli, filiali e uffici di direzione. Interventi di Business Value

Dettagli

Il controllo a distanza di reti commerciali e bancarie L esperienza di Banca Fideuram

Il controllo a distanza di reti commerciali e bancarie L esperienza di Banca Fideuram Il controllo a distanza di reti commerciali e bancarie L esperienza di Banca Fideuram Pierluigi Cipolloni Responsabile Direzione Audit Convegno Nazionale AIEA Livorno, 24 maggio 2007 Indice Internal Auditing:

Dettagli

Operational Risk vs Advanced IT RISK

Operational Risk vs Advanced IT RISK Operational Risk vs Advanced IT RISK Claudio Ruffini 24 Giugno 2015 L evoluzione normativa in tema di sicurezza informatica Disposizioni di vigilanza prudenziale di Banca d Italia in materia di sistema

Dettagli

Funzionigramma delle Direzioni Regionali della Divisione Banca dei Territori

Funzionigramma delle Direzioni Regionali della Divisione Banca dei Territori gramma delle Direzioni Regionali della Divisione Banca dei Territori Luglio 2010 INDICE ORGANIGRAMMA...3 FUNZIONIGRAMMA...5 DIRETTORE REGIONALE...6 COORDINAMENTO MARKETING E STRATEGIE TERRITORIALI...6

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma Il Risk Management Integrato in eni Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato 1 Ottobre 2014, Roma Indice - Sviluppo del Modello RMI - Governance e Policy - Processo e Strumenti

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEGLI EVENTI DI PERDITA Metodologia DIPO

CLASSIFICAZIONE DEGLI EVENTI DI PERDITA Metodologia DIPO CLASSIFICAZIONE DEGLI EVENTI DI PERDITA Metodologia DIPO La proposta DIPO, maturata a partire da quella del Comitato di Basilea, si articola: in una premessa generale richiamo al dominio DIPO in un albero

Dettagli

Informazioni Aziendali: Il processo di valutazione dei Rischi Operativi legati all Information Technology

Informazioni Aziendali: Il processo di valutazione dei Rischi Operativi legati all Information Technology Informazioni Aziendali: Il processo di valutazione dei Rischi Operativi legati all Information Technology Davide Lizzio CISA CRISC Venezia Mestre, 26 Ottobre 2012 Informazioni Aziendali: Il processo di

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Rendimento del capitale investito e costo delle risorse finanziarie. Cenni funzionali sui principi legislativi e ragionieristici del bilancio

Rendimento del capitale investito e costo delle risorse finanziarie. Cenni funzionali sui principi legislativi e ragionieristici del bilancio Le Novità del Credito: corso di aggiornamento Obiettivi Fornire una visione sistematica e completa dell'operatività creditizia, aggiornata alle piu recenti novita (I.A.S., riforma societaria, riforma diritto

Dettagli

Compliance Risk nell evoluzione dei servizi di investimento: natura, strumenti di controllo e aspetti organizzativi

Compliance Risk nell evoluzione dei servizi di investimento: natura, strumenti di controllo e aspetti organizzativi Compliance Risk nell evoluzione dei servizi di investimento: natura, strumenti di controllo e aspetti organizzativi 2007 SDA Bocconi School of Management Copyright SDA Bocconi Premessa La Normativa di

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management in banca: la view di una banca di piccole/ medie dimensioni. Iris Pennisi Federcasse

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management in banca: la view di una banca di piccole/ medie dimensioni. Iris Pennisi Federcasse Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management in banca: la view di una banca di piccole/ medie dimensioni Roma, 9 aprile 205 Iris Pennisi Federcasse Una premessa di metodo: «trasformare un vincolo

Dettagli

CONFORMIS IN FINANCE S.R.L Via Carroccio, 16 20123 Milano P.IVA/C.F. 07620150966

CONFORMIS IN FINANCE S.R.L Via Carroccio, 16 20123 Milano P.IVA/C.F. 07620150966 CONFORMIS IN FINANCE S.R.L Via Carroccio, 16 20123 Milano P.IVA/C.F. 07620150966 Tel: 0287186784 Fax: 0287161185 info@conformisinfinance.it pec@pec.conformisinfinance.it www.conformisinfinance.it Obiettivi

Dettagli

Allegati al documento: Politiche per la Gestione della Liquidità e Contingency Funding Plan (CFP)

Allegati al documento: Politiche per la Gestione della Liquidità e Contingency Funding Plan (CFP) Versione 2 Allegati al documento: Politiche per la Gestione della Liquidità e Contingency Funding Plan (CFP) Banca di Credito Cooperativo dei Comuni Cilentani Approvate con delibera del C.d.A. del 21 aprile

Dettagli

GESTIONE E CONTROLLO DEL RISCHIO FISCALE L architettura formativa di ABIFormazione

GESTIONE E CONTROLLO DEL RISCHIO FISCALE L architettura formativa di ABIFormazione PERCORSO FORMATIVO Modulo 1 12-14 maggio 2014 Modulo 2 3-5 giugno 2014 PERCORSO DI APPROFONDIMENTO 12-13 giugno 2014 23-24 giugno 2014 GESTIONE E CONTROLLO DEL RISCHIO FISCALE L architettura formativa

Dettagli

Il Sistema dei Controlli nel Gruppo Bancario Iccrea. Aggiornato al 13/11/2013

Il Sistema dei Controlli nel Gruppo Bancario Iccrea. Aggiornato al 13/11/2013 Il Sistema dei Controlli nel Gruppo Bancario Iccrea Aggiornato al 13/11/2013 1 Il sistema dei controlli adottato da Iccrea Holding Le attività, i processi, l assetto organizzativo, la gestione del rischio,

Dettagli

BANCA MEDIOLANUM S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO

BANCA MEDIOLANUM S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO BANCA MEDIOLANUM S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO 2009 Sommario 3 PREMESSA 4 INTRODUZIONE 4 1. Obiettivi 4 2. Articolazione del documento 6 1. REQUISITO INFORMATIVO GENERALE 6 1.1. Il sistema dei controlli

Dettagli

Il Risk Management Integrato in eni

Il Risk Management Integrato in eni Il Risk Integrato in eni Maria Clotilde Tondini Vice President Risk Integrato 5 Marzo 015, Milano Indice - Il Modello eni - 1 Il Modello eni Le fasi di sviluppo L avvio e l attuazione del Modello di Risk

Dettagli

Funzionigramma delle Direzioni di Area della Divisione Banca dei Territori

Funzionigramma delle Direzioni di Area della Divisione Banca dei Territori gramma delle Direzioni di Area della Divisione Banca dei Territori Luglio 2010 Indice ORGANIGRAMMA...3 FUNZIONIGRAMMA...5 DIRETTORE DI AREA...6 CREDITI...6 CONTROLLI...7 PERSONALE...8 COORDINATORE DI MERCATO

Dettagli

Integrazione sicurezza fisica e logica: strategie e benefici per la banca

Integrazione sicurezza fisica e logica: strategie e benefici per la banca Integrazione sicurezza fisica e logica: strategie e benefici per la banca Ing. Roberto Lorini Executive Vice President VP Tech Convegno ABI Banche e Sicurezza 2009 Roma, 9 giugno 2009 Agenda Gli orientamenti

Dettagli

normativa Gianfranco Torriero Direttore Centrale Area Centro Studi e Ricerche ABI

normativa Gianfranco Torriero Direttore Centrale Area Centro Studi e Ricerche ABI L esperienza ABI nell analisi di impatto economico della normativa Gianfranco Torriero Direttore Centrale Area Centro Studi e Ricerche ABI Convegno Il ruolo del Consiglio di Amministrazione nel governo

Dettagli

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008 FERCREDIT spa Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Pag. 1/12 Premessa La Circolare della Banca d Italia n. 216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007 al capitolo V ha introdotto

Dettagli

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONARI

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONARI POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONARI Delibera del Consiglio di Amministrazione del 20/12/2010 integrata con delibera del 18/11/2011 Redatto da: Direzione Operativa

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Titolo IV della Circolare Banca d Italia n. 263 del 27/12/2006 (c.d. Terzo pilastro di Basilea 2)

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Titolo IV della Circolare Banca d Italia n. 263 del 27/12/2006 (c.d. Terzo pilastro di Basilea 2) INFORMATIVA AL PUBBLICO Ai sensi del Titolo IV della Circolare Banca d Italia n. 263 del 27/12/2006 (c.d. Terzo pilastro di Basilea 2) Aprile 2009 INTRODUZIONE La normativa emanata dalla Banca d Italia

Dettagli

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29 00.romaneNadotti:Layout 1 25-09-2009 15:15 Pagina vi Gli Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore In questo volume... Il sito xiii xiv xvi xvii xxiii PARTE I Concetti fondamentali Capitolo 1 Il sistema

Dettagli

Conferimento Ramo d azienda. Siena, 6 maggio 2014

Conferimento Ramo d azienda. Siena, 6 maggio 2014 Conferimento Ramo d azienda Siena, 6 maggio 2014 2014 Widiba. All rights reserved. Gruppo MPS 1 Il mercato italiano è fortemente influenzato dalla digital evolution e dai nuovi modelli relazionali Da banca

Dettagli

Il governo dei processi in Intesa Sanpaolo

Il governo dei processi in Intesa Sanpaolo Il governo dei processi in Intesa Sanpaolo Alberto Lugano Servizio Processi ed Efficienza Direzione Personale e Organizzazione Intesa Sanpaolo Group Services Milano, 16 giugno 2015 Il percorso di evoluzione

Dettagli

BASILEA 2 III PILASTRO. Informativa al pubblico.

BASILEA 2 III PILASTRO. Informativa al pubblico. BASILEA 2 III PILASTRO Informativa al pubblico. Situazione al 31 dicembre 2012 Sommario PREMESSA... 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 4 TAVOLA 2 - AMBITO DI APPLICAZIONE... 22 TAVOLA 3 - COMPOSIZIONE

Dettagli

Mappa dei rischi elaborata sulla base dell analisi del contesto e della valutazione dell ambiente di controllo

Mappa dei rischi elaborata sulla base dell analisi del contesto e della valutazione dell ambiente di controllo sulla base dell analisi del contesto e della valutazione dell ambiente di Pag. di NUMERO EDIZIONE DATA MOTIVAZIONE 6/09/204 Adozione ALLEGATO Mappa dei rischi ALLEGATO Mappa dei rischi elaborata sulla

Dettagli

BANCA MEDIOLANUM S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO

BANCA MEDIOLANUM S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO BANCA MEDIOLANUM S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO 2011 Sommario 3 PREMESSA 4 INTRODUZIONE 4 1. Obiettivi 4 2. Articolazione del documento 6 1. REQUISITO INFORMATIVO GENERALE 6 1.1. Il sistema dei controlli

Dettagli

Il sistema di governo dell ICT: ambiti di evoluzione del ruolo di COBIT in Enel

Il sistema di governo dell ICT: ambiti di evoluzione del ruolo di COBIT in Enel Il sistema di governo dell ICT: ambiti di evoluzione del ruolo di COBIT in Enel Mario Casodi ICT Governance / epm Convegno Nazionale AIEA Pisa, 21 maggio 2009 INDICE Introduzione Gestione della mappa dei

Dettagli

INTERNAL AUDIT & COMPLIANCE

INTERNAL AUDIT & COMPLIANCE GOVERNANCE & COMPLIANCE A.A. 2014-2015 INTERNAL AUDIT & COMPLIANCE Prof. Alberto Nobolo Governance & compliance 1 Internal auditing Attività indipendente e obiettiva di assurance e consulenza finalizzata

Dettagli

ALLEGATO C AREE DI ATTIVITA A RISCHIO REATO, REATI ASSOCIABILI E PRESIDI ORGANIZZATIVI

ALLEGATO C AREE DI ATTIVITA A RISCHIO REATO, REATI ASSOCIABILI E PRESIDI ORGANIZZATIVI Realizzazione di programmi di formazione e di servizi a favore del personale finanziati con contributi pubblici Area di attività a rischio diretto con riferimento ai Corruzione pubblica 1 Truffa in danno

Dettagli

Zerouno Executive Dinner

Zerouno Executive Dinner Zerouno Executive Dinner Business e IT per la competitività Annamaria Di Ruscio diruscio@netconsulting.it Milano,18 novembre 2010 Cambia il ruolo dell azienda e dell IT 18 novembre 2010 Slide 1 La New

Dettagli

Il rischio operativo in Basilea II: una nuova sfida per le banche

Il rischio operativo in Basilea II: una nuova sfida per le banche Laurea Specialistica in Analisi, Consulenza e Gestione Finanziaria Facoltà di Economia Marco Biagi Il rischio operativo in Basilea II: una nuova sfida per le banche Relatore: Prof.ssa Torricelli Costanza

Dettagli

FLASH REPORT. Il nuovo Intermediario Finanziario Unico. Giugno 2015

FLASH REPORT. Il nuovo Intermediario Finanziario Unico. Giugno 2015 FLASH REPORT Il nuovo Intermediario Finanziario Unico Giugno 2015 Il 4 settembre 2010 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il D.Lgs. 141 del 13 agosto 2010, attuativo della Direttiva comunitaria n.

Dettagli

Equita SIM S.p.A. pubblica la presente Informativa al Pubblico sul proprio sito internet www.equitasim.it

Equita SIM S.p.A. pubblica la presente Informativa al Pubblico sul proprio sito internet www.equitasim.it INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2012 Introduzione Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo III, Capitolo 1), del 24 ottobre 2007, introduce

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Carate Brianza. Informativa al Pubblico (Basilea II) Situazione al 31 dicembre 2013

Banca di Credito Cooperativo di Carate Brianza. Informativa al Pubblico (Basilea II) Situazione al 31 dicembre 2013 Banca di Credito Cooperativo di Carate Brianza Informativa al Pubblico (Basilea II) Situazione al 31 dicembre 2013 Sommario Tavola 1 - Requisito informativo generale...5 Informativa qualitativa...5 Tavola

Dettagli

Questionario Costi 2012 a livello individuale

Questionario Costi 2012 a livello individuale Attività prevalenti / Linee di business (evidenziare il peso relativo: totale = 100) trading asset management finanza personale banca commerciale e-banking, e-finance banca d'investimento credito al consumo

Dettagli

26 e 27 giugno. Direttore Scientifico Prof. Andrea Resti

26 e 27 giugno. Direttore Scientifico Prof. Andrea Resti 26 e 27 giugno Direttore Scientifico Prof. Andrea Resti 1 SCHEMA DI SINTESI MARTEDÌ 23 MATTINA (9.15 13.00) SESSIONE PLENARIA DI APERTURA SUPERVISIONE E RISCHI: DENTRO LA VIGILANZA UNICA Giovanni Sabatini,

Dettagli

Internal audit e compliance

Internal audit e compliance CORSO DI CORPORATE GOVERNANCE A.A.2012-2013 Internal audit e compliance Prof. Alberto Nobolo 1 Internal auditing Attività indipendente e obiettiva di assurance e consulenza finalizzata al miglioramento

Dettagli

I comportamenti illeciti nelle aziende: la prevenzione delle frodi

I comportamenti illeciti nelle aziende: la prevenzione delle frodi I comportamenti illeciti nelle aziende: la prevenzione delle frodi Antonio La Mattina Prevenire le frodi a danno dell azienda: il Fraud Risk Assessment Roma, 31 gennaio 2013 Fraud Management: ambiti di

Dettagli

Indice. Presentazione, di Paolo Mottura e Sergio Paci

Indice. Presentazione, di Paolo Mottura e Sergio Paci Indice Presentazione, di Paolo Mottura e Sergio Paci Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione, di Paolo Mottura e Sergio Paci I modelli dell intermediazione bancaria. Premessa.2 Il modello

Dettagli

Implementare un sistema di analisi e gestione del rischio rende efficace e concreto il modello 231

Implementare un sistema di analisi e gestione del rischio rende efficace e concreto il modello 231 RISK MANAGEMENT & BUSINESS CONTINUITY Il Risk Management a supporto dell O.d.V. Implementare un sistema di analisi e gestione del rischio rende efficace e concreto il modello 231 PER L ORGANISMO DI VIGILANZA

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Processo ICAAP

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Processo ICAAP INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/214 Processo ICAAP BANCA DI CREDITO COOPERATIVO CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI ERCHIE Delibera del Consiglio di Amministrazione del 9/6/215 INDICE Sommario

Dettagli

AGENDA QUADRO NORMATIVO RISCHIO DI COMPLIANCE FUNZIONE DI COMPLIANCE NEL SCI COMPETENZE E METODOLOGIE REQUISITI RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI

AGENDA QUADRO NORMATIVO RISCHIO DI COMPLIANCE FUNZIONE DI COMPLIANCE NEL SCI COMPETENZE E METODOLOGIE REQUISITI RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI MASTER AMLP 1 AGENDA QUADRO NORMATIVO RISCHIO DI COMPLIANCE FUNZIONE DI COMPLIANCE NEL SCI COMPETENZE E METODOLOGIE REQUISITI RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI 2 QUADRO NORMATIVO 3 QUADRO NORMATIVO 4 QUADRO

Dettagli

Simgenia SIM BASILEA 2 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL REGOLAMENTO BANCA D ITALIA DEL 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1

Simgenia SIM BASILEA 2 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL REGOLAMENTO BANCA D ITALIA DEL 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Simgenia SIM BASILEA 2 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL REGOLAMENTO BANCA D ITALIA DEL 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Consiglio di Amministrazione del 14 aprile 2015 1 INTRODUZIONE

Dettagli

Associazione Comunità IL GABBIANO ONLUS

Associazione Comunità IL GABBIANO ONLUS Associazione Comunità IL GABBIANO ONLUS Sede Legale: Loc.Cascina Castagna, 4-26854 Pieve Fissiraga (LO) Cod.Fisc. 07124640157 Uff. Amministrativi: Via Bonfadini, 11-23100 Sondrio - 0342-200844 Fax 0342-216702

Dettagli

Le sette posizioni più richieste nel centro-sud Italia e il confronto con l Europa.

Le sette posizioni più richieste nel centro-sud Italia e il confronto con l Europa. Le sette posizioni più richieste nel centro-sud Italia e il confronto con l Europa. Interim & specialized recruitment www.pagepersonnel.it Page Personnel Italia SpA Chi siamo Page Personnel è leader europeo

Dettagli

D.Lgs. 231/01 & Internal Auditing

D.Lgs. 231/01 & Internal Auditing D.Lgs. 231/01 & Internal Auditing Corso di Audit & Governance Dipartimento di Scienze Aziendali. Economiche e Metodi Quantitativi UNIBG 16 dicembre 2015 Cosa e la 231 Normativa in materia di Responsabilita

Dettagli

ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI APRILE 2012

ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI APRILE 2012 ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI APRILE 2012 Punto 5) Politiche di remunerazione e di incentivazione. All art. 18 4 comma, lo Statuto prevede che l Assemblea Ordinaria approvi, secondo i criteri previsti dalle

Dettagli

Progetto DAP Database delle Abitudini di Pagamento

Progetto DAP Database delle Abitudini di Pagamento Progetto DAP Database delle Abitudini di Pagamento Antonio De Martini Presidente Associazione Italiana per il Factoring (Assifact) Milano, 23 giugno 2009 Indice Le informazioni sulle abitudini di pagamento

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2013

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2013 TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2013 1 PREMESSA... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 4 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 29 TAVOLA 3 COMPOSIZIONE

Dettagli

Relazioni fra gli organi di controllo in ambito finanziario

Relazioni fra gli organi di controllo in ambito finanziario UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTA DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA BIENNALE PERCORSO AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO CORSO CORPORATE GOVERNANCE E CONTROLLO INTERNO PERIODO: II SEMESTRE DOCENTI: LUIGI MIGLIAVACCA,

Dettagli

Affianchiamo l imprenditore ed i suoi collaboratori nella gestione della complessità nella quale l azienda quotidianamente si muove

Affianchiamo l imprenditore ed i suoi collaboratori nella gestione della complessità nella quale l azienda quotidianamente si muove Dr. Mario Venturini Professionista operante in conformità alla Legge n. 4 del 14 /01/2013 Certified Management Consultant - Socio qualificato APCO-CMC n 2003/0042 Affianchiamo l imprenditore ed i suoi

Dettagli

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 Agenda Il contesto di mercato La centralità del Pricing Come sfruttare le potenzialità

Dettagli

Il modello ERM come strumento trasversale per la gestione dei rischi e le sue implicazioni operative e gestionali. Roma, 6 giugno 2013 1

Il modello ERM come strumento trasversale per la gestione dei rischi e le sue implicazioni operative e gestionali. Roma, 6 giugno 2013 1 Il modello ERM come strumento trasversale per la gestione dei rischi e le sue implicazioni operative e gestionali Roma, 6 giugno 2013 1 Fondata nel 1972 142 soci 50 associati Fatturato complessivo dei

Dettagli

ENTERPRISE RISK MANAGEMENT IL PUNTO DI VISTA DI SAS

ENTERPRISE RISK MANAGEMENT IL PUNTO DI VISTA DI SAS ENTERPRISE RISK MANAGEMENT IL PUNTO DI VISTA DI SAS MILANO, 16 GENNAIO 2014 Expected Revenue from Business Line XXX Expected Revenue from Business Line XXX Result at 1% Target Expected Result ENTERPRISE

Dettagli

Il procedimento di autorizzazione

Il procedimento di autorizzazione Dipartimento Vigilanza Bancaria e Finanziaria Il procedimento di autorizzazione Roma, 1 luglio 2015 Agostino Di Febo Servizio Costituzioni e gestione delle crisi Divisione Costituzioni banche e intermediari

Dettagli

Osservatorio D.Lgs.231

Osservatorio D.Lgs.231 Osservatorio D.Lgs.231 Benchmark D.Lgs. 231/01 nei diversi settori economici bancario assicurativo manifatturiero utilities telecomunicazioni/media aprile 2006 Osservatorio D.Lgs.231 Benchmark D.Lgs.231/01

Dettagli

Basilea II - Terzo Pilastro Informativa al Pubblico

Basilea II - Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Trae origine dalla Cassa di Risparmio di Savigliano fondata nel 1858 Basilea II - Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Data Riferimento 31/12/2012 Aggiornamento 2013 Sede Legale: 12038 Savigliano Piazza

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE COME STRUMENTO MANAGERIALE PER LA COMPLIANCE AZIENDALE. Massimo Tronci Università di Roma La Sapienza

I SISTEMI DI GESTIONE COME STRUMENTO MANAGERIALE PER LA COMPLIANCE AZIENDALE. Massimo Tronci Università di Roma La Sapienza I SISTEMI DI GESTIONE COME STRUMENTO MANAGERIALE PER LA COMPLIANCE AZIENDALE Massimo Tronci Università di Roma La Sapienza Confindustria - Bari, 30 settembre 2008 Questa presentazione Il contesto di riferimento

Dettagli

PRASSI DI RIFERIMENTO UNI/PdR 10.4:2014

PRASSI DI RIFERIMENTO UNI/PdR 10.4:2014 PRASSI DI RIFERIMENTO UNI/PdR 10.4:2014 Profili professionali presenti nelle banche commerciali - Requisiti di conoscenza, capacità e competenza - Area Finanza Banking sector job profiles - Knowledge,

Dettagli

Informativa al Pubblico Terzo Pilastro di Basilea 3 sulla situazione al 31/12/2014

Informativa al Pubblico Terzo Pilastro di Basilea 3 sulla situazione al 31/12/2014 Informativa al Pubblico Terzo Pilastro di Basilea 3 sulla situazione al 31/12/2014 La nostra banca è differente INDICE PREMESSA - NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO... 2 TAVOLA 1 - OBIETTIVI

Dettagli

Requisiti patrimoniali sul rischio operativo

Requisiti patrimoniali sul rischio operativo Requisiti patrimoniali sul rischio operativo Slides tratte da: Andrea Resti Andrea Sironi Rischio e valore nelle banche Misura, regolamentazione, gestione Egea, 2008 AGENDA Il requisito patrimoniale sul

Dettagli

III Pilastro INFORMATIVA AL PUBBLICO

III Pilastro INFORMATIVA AL PUBBLICO III Pilastro INFORMATIVA AL PUBBLICO Sommario PREMESSA... 2 TAVOLA 1 - OBIETTIVI E POLITICHE DI GESTIONE DEL RISCHIO... 4 TAVOLA 1bis - SISTEMI DI GOVERNANCE... 24 TAVOLA 2 - AMBITO DI APPLICAZIONE (ART.

Dettagli

Chi Siamo. Esperienza Ricerca Forte impronta quantitativa Condivisione dei bisogni Soluzioni tailored made

Chi Siamo. Esperienza Ricerca Forte impronta quantitativa Condivisione dei bisogni Soluzioni tailored made Chi Siamo Metodia nasce a Siena nel 2004 da un gruppo di consulenti e ricercatori, professionisti in discipline statistiche ed economiche, già impegnati da diversi anni in collaborazioni con l Università

Dettagli

DESCRIZIONE DELLE COMPETENZE DEGLI UFFICI

DESCRIZIONE DELLE COMPETENZE DEGLI UFFICI DESCRIZIONE DELLE COMPETENZE DEGLI UFFICI DIREZIONE GENERALE INFORMATION TECHNOLOGY SEGRETERIA GENERALE E RISORSE UMANE COMUNICAZIONE AUDIT INTERNO DIREZIONE SERVIZI AGLI ISCRITTI DIREZIONE PATRIMONIO

Dettagli