Convegno ABI Basilea 3 evento DIPO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Convegno ABI Basilea 3 evento DIPO"

Transcript

1 Claudio Ruffini Presidente e Amministratore Delegato Augeos Convegno ABI Basilea 3 evento DIPO Marco Carelli Responsabile Servizio Risk Management e Pianificazione Strategica Federazione BCC Piemonte, Valle d Aosta e Liguria Roma, 27 giugno 2012

2 Intervento a Dipo 2009 KRI and Data Quality An innovative Key Risk Indicator for the Operational Risk : the Data Quality Methodology and tools to identify and manage Key Risk Indicators on data quality

3 Sintesi dell intervento 2009 Illustrare la metodologia e gli strumenti informatici di supporto per utilizzare efficacemente le informazioni di correlazione tra le misure di qualità dei dati e gli eventi dannosi in una organizzazione complessa. Analisi di serie storiche di eventi dannosi Misure della qualità di dati Analisi delle possibili correlazioni tra misure di qualità dei dati e rischi operativi Sonde e soglie che possano darmi dei segnali predittivi di Rischio utilizzando BT4Risk Cruscotti operativi Strumenti per la gestione delle azioni di mitigazione al rischio

4 Intervento a DIPO 2010 From Operational Risk Assessment to Operational Risk Management Metodologia per passare da semplici cruscotti operativi che forniscono dati ad utilizzo di questi dati per migliorare la governace della banca (Uso di indicatori predittivi, adozione di controlli temporanei, condivisione informazioni tra uffici, gestione dei piani di azione,...)

5 Dipo 2012 Oggi vi ho portato una esperienza concreta dove sono state applicate una parte delle metodologie descritte Gli istituti aderenti alla Federazione delle banche di Credito Cooperativo del Piemonte, Liguria e Valle d Aosta

6 Agenda 1. Il Sistema del Credito Cooperativo 2. La Federazione Piemonte, Valle d Aosta e Liguria e il Servizio Risk Management e Pianificazione Strategica 3. La normativa di riferimento 4. Il progetto di Operational Risk Management di FederPiemonte 5. Loss data collection: approccio metodologico 6. Valutazione aree di vulnerabilità: strumenti di analisi e gestione 7. Il progetto di ORM di FederPiemonte: stato dell arte e nuovo approccio

7 La realtà nazionale Il Sistema del Credito Cooperativo Le Banche di Credito Cooperativo in Italia al 31/12/2011 (In termini di numerosità) Fonte Federcasse

8 La struttura sul territorio Il Sistema del Credito Cooperativo

9 La realtà del Nord-Ovest La Federazione Piemonte, Valle d Aosta e Liguria 10 B.C.C. Associate 219 sportelli +1,9% nel soci +7,8% nel dipendenti +1,2% nel

10 Il Servizio Risk Management e Pianificazione strategica La Federazione Piemonte, Valle d Aosta e Liguria Servizio Revisione Servizio Risk Management e Pianificazione Strategica Servizio Legale Servizio Internal Audit Internal Capital Adequacy Assessment Process (ICAAP) Pianificazione strategica Operational Risk Management

11 Le Banche aderenti al progetto Operational Risk Management La Federazione Piemonte, Valle d Aosta e Liguria

12 La Circolare 263/06 La normativa di riferimento

13 La Circolare 263/06 La normativa di riferimento

14 Allegato alla lettera di proroga della scadenza ICAAP di marzo 2010 La normativa di riferimento

15 Tassonomia dei rischi Circolare 263/06 La normativa di riferimento Circolare 263/06 Titolo II - Capitolo 5 Allegato C

16 Tassonomia dei rischi - CRD La normativa di riferimento

17 Obiettivi del progetto Il progetto di ORM di FederPiemonte creare un database delle perdite operative della Banca; agevolare la gestione dei rischi operativi tramite interventi di mitigazione per intervenire sulle aree che hanno manifestato vulnerabilità; tracciare le attività relative ai rischi operativi all interno di un unica applicazione (Loss Data Collection, Interventi, Controlli, Key Risk Indicators, Report, Self-Assessment); diffondere la cultura della gestione dei rischi operativi, coinvolgendo figure differenti all interno della Banca; instaurare l abitudine alla gestione del rischio operativo ex-ante (anche tramite il modulo di Self-Assessment); aggregare i dati degli eventi di perdita delle Banche utenti, in modo da avere maggiori elementi per l analisi

18 Strumento utilizzato Il progetto di ORM di FederPiemonte Applicazione per l Operational Risk Management sviluppata da Consente: il censimento degli eventi di perdita operativa per la creazione di un database; l assegnazione ad altri utenti di interventi per mitigare l esposizione al rischio tramite l attività di utenti dal profilo differenziato; di gestire controlli e Key Risk Indicators associati agli eventi di perdita; l estrazione di report per l analisi dei dati aggregati per processo, categorie di rischio, unità di rischio, secondo i criteri imposteti dall utente

19 Approccio metodologico MATRICE RISCHI/PROCESSI Loss data collection A ciascuno di essi dovranno essere associati gli eventi di perdita censiti

20 Approccio metodologico Loss data collection MATRICE RISCHI/PROCESSI PROCESSI MERCATO SERVIZI BANCARI TIPICI (FILIALI) Pianificazione e organizzazione Gestione del risparmio Gestione finanza retail Gestione del credito Operatività di Filiale Servizi di banca virtuale FINANZA Pianificazione e organizzazione Proprietà Tesoreria Finanza retail Gestione amministrativa UNITA' DI RISCHIO Commerciale Filiali Filiali Filiali Filiali Sistemi di pagamento Finanza Finanza proprietà Finanza tesoreria Negoziazione terzi Amministrazione titoli PROCESSI GOVERNO PIANIFICAZIONE STRATEGICA Definizione del sistema di pianificazione strategica Pianificazione strategica (effettuazione previsioni pluriennali) BUDGETING E CONTROLLO DI GESTIONE Definizione del sistema budgeting Budgeting (effettuazione previsini annuali) Controllo di gestione Produzione delle informazioni periodiche GESTIONE CONTROLLI INTERNI Definizione del sistema dei controlli interni Verifica dell'adeguatezza del sistema dei controlli interni Verifica della regolarità dell'operatività Reportistica ICAAP - RISK MANAGEMENT Icaap - Individuazione dei rischi Icaap - misurazione-valutazione dei rischi Icaap - Determinazione capitale interno complessivo Icaap - Autovalutazione adeguatezza patrimoniale Risk Management Ispettorato Reportistica GESTIONE COMPLIANCE Pianificazione ed organizzazione Analisi delle fonti normative di riferimento Identificazione e valutazione dei rischi Individuazione delle azioni di mitigazione Monitoraggio Reportistica GESTIONE SOCI Soci MERCATO MARKETING STRATEGICO Analisi del mercato e sua segmentazione Definizione caratteristiche prodotti, servizi e canali distributivi Selezione partner commerciali e gestione delle relazioni SVILUPPO DEL MERCATO Definizione del piano commerciale Relazioni con la clientela e campagne commerciali Analisi dei risultati SERVIZI BANCARI TIPICI (FILIALI) Pianificazione e organizzazione Gestione del risparmio Gestione finanza retail Gestione del credito Operatività di Filiale Servizi di banca virtuale FINANZA Pianificazione e organizzazione Proprietà Tesoreria Finanza retail Gestione amministrativa CREDITO Pianificazione e organizzazione Concessione e revisione Monitoraggio Gestione del contenzioso TESORERIA ENTI Pianificazione e organizzazione Gestione commerciale Gestione ordinaria INCASSI E PAGAMENTI Pianificazione e organizzazione Gestione ordinaria ESTERO Pianificazione e organizzazione Gestione ordinaria Tesoreria estero SUPPORTO ORGANIZZAZIONE Definizione dell'assetto organizzativo Gestione dei processi aziendali Gestione della normativa interna SUPPORTO E CONSULENZA LEGALE Consulenza legale Supporto legale operativo SISTEMI INFORMATIVI Gestione degli accessi Gestione degli allineamenti Gestione errori, anomalie e miglioramenti Gestione della sicurezza Gestione dell'infrastruttura locale Gestione e monitoraggio del Sistema Informativo GESTIONE CONTINUITA' OPERATIVA Definizione delle strategia di continuità operativa Gestione della continuità operativa GESTIONE RISORSE UMANE Pianificazione e gestione risorse umane Amministrazione del personale CONTABILITA' BILANCIO E SEGNALAZIONI Organizzazione dei processi di produzione dell'informativa Consolidamento dati in CO.GE. Produzione e gestione bilancio e segnalazioni di vigilanza Dichiarazioni fiscali GESTIONE DELLE INFRASTRUTTURE E DELLE SPESE Pianificazione e organizzazione Selezione fornitore / autorizzazione Acquisizione (ordine e ricevimento) Contabilizzazione e pagamento Gestione GESTIONE DELLE RELAZIONI ESTERNE Relazioni di tipo istituzionale Relazioni con la comunità locale GESTIONE CONTANTI E VALORI Gestione cassa centrale Gestione falsi e fuori corso Direzione generale Pianificazione strategica Direzione generale Budget e controllo di gestione Budget e controllo di gestione Budget e controllo di gestione Consiglio di Amministrazione Internal audit Internal audit Internal audit Risk Management Risk Management Risk Management Risk Management Risk Management Ispettorato Risk Management Compliance officer Compliance officer Compliance officer Compliance officer Compliance officer Compliance officer Pianificazione strategica Commerciale Commerciale Commerciale Commerciale Commerciale Commerciale Filiali Filiali Filiali Filiali Sistemi di pagamento Finanza Finanza proprietà Finanza tesoreria Negoziazione terzi Amministrazione titoli Credito Fidi Controllo andamentale del credito Contenzioso Organizzazione Commerciale Tesoreria enti Sistemi di pagamento Sistemi di pagamento Estero Estero Estero Direzione generale Organizzazione Organizzazione Legale Legale Organizzazione Information Technology Information Technology Information Technology Information Technology Information Technology Organizzazione Organizzazione Gestione risorse umane Amministrazione del personale Amministrazione Contabilità generale Contabilità generale Contabilità generale Organizzazione Organizzazione Economato Contabilità generale Economato Direzione generale Direzione generale Sistemi di pagamento Sistemi di pagamento Segreteria soci RISCHI A Frode interna A1 Attività non autorizzata A1.1 Omissione dolosa (intenzionale) di registrazione delle transazioni X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X Violazione dolosa (intenzionale) di direttive autorizzative di processi interni (con perdita monetaria) X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X A1.3 Valutazioni di mercato intenzionalmente errate X X X X X X X X X X X X X X A1.4 Violazione dolosa di direttive nel rapporto con fornitori X X X X X X X A2 Furto e frode A2.1 Furto, estorsione, appropriazione indebita, sottrazione di beni X X X X X X X X X X X X X X X X X A2.2 Falsificazione, contraffazione, manipolazione assegni X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X A2.3 Distruzione dolosa di beni o documenti X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X A2.4 Appropriazione di conti, usurpazione di identità, sottrazione di informazioni X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X A2.5 Corruzione/tangenti X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X Altre azioni fraudolente e dolose (evasione fiscale, insider trading a titolo personale, contrabbando) X X B Frode esterna B1 Furto e frode B1.1 Furto da parte di esterni, rapina X X X X X B1.2 Frode del cliente: contraffazione, falsificazione, manipolazione assegni X X X X X X X X X X X X X X X X X X B1.3 Frode di fornitori: contraffazione, falsificazione X X X X X X B2 Sicurezza dei sistemi B2.1 Violazione/alterazione di sistemi o processi informatici X X X X C Rapporto di impiego e sicurezza sul lavoro C1 Rapporto di impiego Retribuzioni, indennità, questioni relative alla cessazione del rapporto di impiego X X X C1.2 Attività sindacali X X X C2 Sicurezza sul lavoro C2.1 Responsabilità civile (cadute e simili) X X X C2.2 Eventi relativi alla salute e alla sicurezza dei dipendenti X X X C3 Discriminazioni/condizioni non paritarie C3.1 Discriminazioni, diffamazioni, molestie, mobbing X X X D Clientela, prodotti e pratiche di business D1 Adeguatezza, informativa e rapporti fiduciari Violazione delle disposizioni legislative che regolano gli obblighi di informativa nei confronti dei clienti, la normativa sui consumatori - X X X X X X X X X X X X X X D1.2 Violazione delle disposizioni legislative che regolano la PRIVACY X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X Strategie di vendita aggressive, violazioni di vincoli fiduciari - Violazioni X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X della normativa MIFID D2 Prassi di business o di mercato improprie D2.1 Violazione delle disposizioni legislative che regolano l'antiriciclaggio X X X X X X X X X X X X X D2.2 Violazione delle disposizioni legislative che regolano l'usura X X X X X X X X X X X D2.3 Violazione delle disposizioni legislative che regolano la CAI X X X X X X Prassi di negoziazione o di mercato improprie (market abuse, antitrust, insider trading per conto dell'azienda) X X X X X X X X X X D2.5 Attività non autorizzate X X X X D2.6 Violazione di clausole contrattuali con il cliente X X X X X X X X X X X X X X X D3 Difetti nella produzione D3.1 Errato sviluppo di prodotti/servizi X X X X D4 Selezioni, "sponsorizzazioni" e limiti di esposizione D4.1 Mancata/inadeguata analisi dei bisogni del cliente X X X X X X X X X D4.2 Superamento dei limiti di esposizione del cliente X X X X X X D5 Attività di consulenza D5.1 Controversie riguardo alle attività di consulenza X X X E Danni a beni materiali E1 Catastrofi ed altri eventi esterni E1.1 Perdite dovute a catastrofi naturali X X X X X E1.2 Perdite per atti umani di origine esterna (terrorismo, vandalismo) X X X X F Interruzioni dell'operatività e disfunzioni dei sistemi informatici F1 Sistemi Interruzioni dell'operatività per guasti a sistemi hardware, software, X X X X X telecomunicazioni Interruzioni dell'operatività per interruzioni/guasti nell'erogazione di servizi X X X X di utilità F1.3 Disfunzioni dei sistemi informatici X X X X X X G Esecuzione, consegna e gestione dei processi G1 Avvio, esecuzione e completamento delle transazioni Errori di inserimento, manutenzione, acquisizione dei dati, negligenze nella X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X tenuta della base dati G1.2 Errori di natura contabile X X X X X X X X X X X X X X G1.3 Difetti di comunicazione (tra uffici interni) X X Mancato rispetto di scadenze o altre responsabilità, negligenze X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X nell'esecuzione di altre mansioni G1.5 Inadeguate strutture o processi organizzativi interni X X X X X X X X X X X X X X X G1.6 Negligenze nella gestione delle garanzie X X X X X G1.7 Disfunzioni di modelli o sistemi X X X X X X X X G2 Monitoraggio e reporting G2.1 Inadempienze negli obblighi di reporting interno X X X X X X X X G2.2 Inaccurate segnalazioni agli Organi di Vigilanza X X X X G3 Acquisizione della clientela e relativa tenuta della documentazione G3.1 Assenza di autorizzazioni o di manleve del cliente X X X X X X X X X X X X G3.2 Assenza o incompletezza della documentazione legale X X X X X X X X X X X X G4 Gestione dei conti della clientela G4.1 Accesso non autorizzato ai conti X X X X X X X X X X X G4.2 Perdite o danni ai beni del cliente dovuti a negligenza X X G5 Controparti commerciali Inadempienze o controversie nei rapporti con controparti commerciali X X X X X X X X X diverse da clienti/fornitori G6 Venditori e fornitori Anomalie nella prestazione del servizio e divario di performance (SLA) da parte del fornitore/outsourcer RISCHI X X X X X X X X X G6.2 Violazione accordi contrattuali con i fornitori X X X X G6.3 Controversie con venditori X A Frode interna A1 Attività non autorizzata A1.1 Omissione dolosa (intenzionale) di registrazione delle transazioni X X X X X X X X A1.2 Violazione dolosa (intenzionale) di direttive autorizzative di processi interni X X X X X X X X (con perdita monetaria) A1.3 Valutazioni di mercato intenzionalmente errate X X X A1.4 Violazione dolosa di direttive nel rapporto con fornitori A1.2 A2.6 C1.1 D1.1 D1.3 D2.4 F1.1 F1.2 G1.1 G1.4 G5.1 G6.1 UNITA' DI RISCHIO Estratto della matrice

21 Approccio metodologico RELAZIONI TRA ELEMENTI Loss data collection PROCESSI RISCHI NEI PROCESSI UNITA DI RISCHIO RISCHI UTENTI

22 Approccio metodologico Loss data collection PROFILI UTENTI BANCA X Risk Manager (e staff) Resp. unità di rischio (e staff) Utente eventi di perdita Risk Manager di Gruppo BANCA Y Risk Manager (e staff) Resp. unità di rischio (e staff) BANCA Z Risk Manager (e staff) Resp. unità di rischio (e staff) Utente eventi di perdita Responsabile area/ufficio Utente eventi di perdita Responsabile filiale

23 Approccio metodologico Loss data collection Data evento successiva a Date censite: evento individuazione censimento contabilizzazione EVENTI CENSITI Soglia minima pari a 0 Perdite lorde con registrazione recuperi Importi censiti: perdita stimata perdita massima potenziale recuperi perdita finale guadagni mancati Recuperi da: assicurazione riserve guadagni altre coperture Ante registrazione contabile Aggiornamento post contabilizzazione: data registrazione conto contabile

24 Strumenti di analisi REPORT Singola banca Sintesi eventi di perdita Esempio (Dati fittizi) Valutazione aree di vulnerabilità Criterio di aggregazione Dati salienti relativi agli eventi censiti

25 Strumenti di analisi Valutazione aree di vulnerabilità REPORT Singola banca Sintesi eventi di perdita per categorie di processo e rischio Esempio (Dati fittizi) Gerarchia dei processi (I e II livello) Tassonomia dei rischi (I e II livello)

26 Strumenti di gestione Valutazione aree di vulnerabilità INTERVENTI Esempio (Utenti e dati fittizi) Definizione ed assegnazione dell intervento Registrazione delle modalità di esecuzione Associazione tra rischi, assessment ed eventi di perdita associati (l intervento può essere assegnato anche dalle schede dell evento di perdita e del rischio)

27 Strumenti di gestione KRI Esempio (Dati fittizi) Scheda di definizione dell indicatore Valutazione aree di vulnerabilità Registrazione delle misurazioni periodiche dell indicatore Visualizzazione grafica della misurazione più recente nella scheda del rischio

28 Strumenti di gestione CONTROLLI Esempio (Dati fittizi) Valutazione aree di vulnerabilità Indicazione del rischio oggetto del controllo Elenco controlli in essere nella scheda del rischio Scheda di definizione del controllo instaurato

29 Strumenti di analisi e gestione Valutazione aree di vulnerabilità ASSESSMENT Esempio (Dati fittizi) Estratto della scheda di valutazione del rischio Estratto del prospetto di sintesi dei rischi valutati

30 Stato dell arte Il progetto di ORM di FederPiemonte 16 Banche aderenti al progetto Progetto avviato a inizio 2011 Controlli più efficaci Interventi di mitigazione Circa 500 utenti abilitati Figure professionali coinvolte: - Risk Manager - Responsabili aree/uffici Rischi operativi più frequenti Processi più esposti a rischio operativo Self assessment Statistiche sulle perdite operative Monitoraggio KRI

31 Nuovo approccio al progetto ORM Il progetto di ORM di FederPiemonte Funzione ORM FederPiemonte (supporto e supervisione) Database consortile Funzione ORM FederPiemonte (ruolo attivo)

32 Conclusioni... Riprendiamo qualche concetto

33 Una citazione... «Esiste un nesso tra la qualità della governance e la performance di una Banca» Fabio Bernasconi di Banca d Italia

34 Per una buona governance è necessario avere una strumentazione adeguata per una completa e aggiornata conoscenza dei propri rischi e delle leve per poter agire

35 Per una buona governance Migliore gestione dei Rischi operativi = Migliore efficacia dell azione della banca = Migliore Performance L idea chiave è che il monitoraggio dei rischi operativi permette a chi gestisce il business di controllare meglio il raggiungimento degli obiettivi aziendali

36 La gestione delle 3 C Controllo Condivisi one Criteri per decisione

37 Condivisione L Operational Risk Manager deve essere sempre più un facilitatatore che insieme ai diversi Risk Owner (i Process Owner del rischio) sparsi nell organizzazione della Banca analizza e gestisce i rischi. Le responsabilità delle valutazioni dei rischi sono dunque Condivise Sono Condivisi i piani di azione per la mitigazione degli stessi. Processo di Condivisione di informazioni, decisioni assunte per step successivi in work flow definiti

38 Criteri per la decisione Criteri oggettivi, condivisi e ponderati per la scelta dei piani di azione o per la esplicita non-azione in relazione al costo/beneficio dell azione di mitigazione Occasione per analizzare con Criterio (cioè in maniera critica) i processi e i controlli di una organizzazione o di parte di essa Trasparenza e ricostruibilità dei Criteri di decisione anche a distanza di tempo o in occasione di audit

39 Controlli Attività di Controlli e check specifici per monitorare che vengano eseguiti i controlli permanenti sui principali rischi individuati Individuazione di Controlli ad hoc che scattano su trigger specifici: Eventi Superamento di soglie di KRI Controllo sulla corretta esecuzione dei piani di azione

40 Cosa bolle in pentola Sistema dei controlli Enterprise Risk Management KRI Operational Risk Compliance Risk Credit Risk Market risk Liquidity Risk

41 Claudio Ruffini Presidente e Amministratore Delegato Augeos Via Pavia, 11/B Rivoli Marco Carelli Responsabile Servizio Risk Management e Pianificazione Strategica Federazione BCC Piemonte, Valle d Aosta e Liguria Via Genova, 11/A Cuneo

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO)

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo Pilastro di Basileaa 2 SITUAZIONE AL 31/12/2 2014 PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) Il primo gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Kedrios propone un modello di outsourcing completo Il Gruppo SIA-SSB, attraverso Kedrios dispone di una consolidata tradizione di offerta di servizi di Outsourcing Amministrativo

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi Survey Risultati INDICE Pagina 1 Prefazione... 4 2 Premessa... 6 3 Informazioni generali...7 3.1 3.2 3.3 3.4 4 7 8 11 12 Organizzazione della funzione

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

La gestione del rischio. Vademecum a uso dei confidi

La gestione del rischio. Vademecum a uso dei confidi La gestione del rischio Vademecum a uso dei confidi 1 Il presente lavoro è stato curato dall ufficio studi e comunicazione del Consorzio camerale per il credito e la finanza, nell'ambito della collaborazione

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI, GESTIONE DEI RISCHI, COMPLIANCE ED ESTERNALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE,

Dettagli

WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. Identità e contatti del finanziatore/ intermediario del credito Finanziatore Indirizzo Telefono Email Fax Sito web Creditis Servizi Finanziari

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA ITALIA ALLEGATO III ELEMENTI SALIENTI DELLA PROPOSTA DI SI.GE.CO 2014 2020 SOMMARIO 1. Principi generali dei sistemi di gestione e controllo (FESR, FSE, FEAMP)... 3 1.1 Autorità di gestione... 3 1.1.1

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Relazione sulle Politiche di Remunerazione

Relazione sulle Politiche di Remunerazione SOCIETÀ CATTOLICA DI ASSICURAZIONE Società cooperativa con sede legale in Verona, Lungadige Cangrande n. 16 Capogruppo del Gruppo Cattolica Assicurazioni, iscritto all Albo dei Gruppi Assicurativi 019

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta Guardare oltre L idea 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta I nostri moduli non hanno altrettante combinazioni possibili, ma la soluzione è sempre una, PERSONALIZZATA

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge

Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge ( www.economia.unimi.it/lda/adamss ) Facoltàdi Scienze, Università degli Studi di Milano 10 febbraio 2006 Coordinatore: Davide La Torre (Professore

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012.

Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012. 3 Michael Page Salary Survey 2012 - Banking 4 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012. Michael Page, quale leader nella ricerca e selezione

Dettagli

Manuale del Credit Manager canali consumi fuori casa

Manuale del Credit Manager canali consumi fuori casa Sommario Presentazione Note di lettura OBIETTIVI E MODELLI DI GESTIONE Resistenza e possibilità del cambiamento Premessa Paradigma: la natura dell impresa Sistema informativo e sistema informatico Caccia

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL TAGES GROUP TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 TAGES CAPITAL Tages Holding S.p.A. Sede legale Corso Venezia 18-20121 Milano Iscrizione al Registro delle Imprese di

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

SALARY SURVEY 2015. Banking & Insurance. Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it. Banking & Insurance

SALARY SURVEY 2015. Banking & Insurance. Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it. Banking & Insurance SALARY SURVEY 2015 Banking & Insurance Banking & Insurance Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it Banking & Insurance Salary Survey 2015 Gentili clienti, abbiamo il piacere di

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 6 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 21

INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 6 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 21 PILLAR 3 Informativa al pubblico al 31/ /12/2010 INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 6 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 21 TAVOLA 3 COMPOSIZIONE DEL PATRIMONIO DI VIGILANZA...

Dettagli

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Etica: valore e concretezza L Etica non è valore astratto ma un modo concreto per proteggere l integrità dei mercati finanziari e rafforzare

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

P.O.S. (POINT OF SALE)

P.O.S. (POINT OF SALE) P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone pag. 1 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Introduzione alla Business Intelligence Un fattore critico per la competitività è trasformare la massa di dati prodotti

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina Roma, 18/10/2012 Francesco La Manno Borsa Italiana Il Codice di Autodisciplina 1999: Prima versione del Codice

Dettagli

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business Portfolio Management GUARDIAN Solutions The safe partner for your business Swiss-Rev si pone come società con un alto grado di specializzazione e flessibilità nell ambito di soluzioni software per il settore

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04.

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04. P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCO DI SARDEGNA S.p.A. Società per Azioni con sede legale in Cagliari, viale Bonaria, 33 Sede Amministrativa, Domicilio Fiscale e Direzione Generale in

Dettagli

Business Intelligence

Business Intelligence aggregazione dati Business Intelligence analytic applications query d a t a w a r e h o u s e aggregazione budget sales inquiry data mining Decision Support Systems MIS ERP data management Data Modeling

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

POSITION PAPER. Novembre 2012

POSITION PAPER. Novembre 2012 Position Paper in risposta alla procedura di consultazione della Banca d Italia Sistema dei controlli interni, sistema informativo e continuità operativa Novembre 2012 POSITION PAPER Sommario Premessa...6

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza

Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza X-Pay Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza Agenda CartaSi e l e-commerce Chi è CartaSi CartaSi nel mercato Card Not Present I vantaggi I vantaggi offerti da X-Pay I vantaggi offerti da

Dettagli

SER 1 S.p.A. CODICE ETICO ex D. Lgs. 231/2001

SER 1 S.p.A. CODICE ETICO ex D. Lgs. 231/2001 SER 1 S.p.A. CODICE ETICO ex D. Lgs. 231/2001 PREMESSA... 4 DISPOSIZIONI GENERALI... 5 Articolo 1... 5 Ambito di applicazione e Destinatari... 5 Articolo 2... 5 Comunicazione... 5 Articolo 3... 6 Responsabilità...

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO N. XVIII LEGGE DI CONFERMA DEL DECRETO N. XI DEL PRESIDENTE DEL GOVERNATORATO, RECANTE NORME IN MATERIA DI TRASPARENZA, VIGILANZA ED INFORMAZIONE FINANZIARIA, DELL 8 AGOSTO 2013 8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

Università di Macerata Facoltà di Economia

Università di Macerata Facoltà di Economia Materiale didattico per il corso di Internal Auditing Anno accademico 2011-2012 Università di Macerata Facoltà di Economia 1 Obiettivo della lezione Rischi: Classificazione (principali categorie) Rischi

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE tra FLO-CERT GMBH E RAGIONE SOCIALE DEL CLIENTE PARTI (1) FLO-CERT GmbH, società legalmente costituita e registrata a Bonn, Germania con il numero 12937, con sede legale in

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO In collaborazione con Sistema FAR ECHO 1 Sistema FAR ECHO Gestione intelligente delle informazioni energetiche di un edificio Tecnologie innovative e metodi di misura, contabilizzazione, monitoraggio e

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli